Sei sulla pagina 1di 1

ennea-tipo 5

L’Eremita o Falso Saggio

Fissazione cognitiva. L’isolamento si esprime come tendenza a mantenere una distanza emotiva
dagli altri. Il Cinque avidamente protegge la sua privacy e non si fa coinvolgere: la sua timidezza
è in realtà una forma di indipendenza che si esprime come un “fare a meno di”. L’isolamento è
la sua difesa contro il coinvolgimento emotivo, che viene vissuto senza sofferenza e
minimizzando i propri bisogni. L’impegno e i bisogni dell’altro lo prosciugano. Suddivide i
doveri in scomparti. La sua torre d’avorio è il luogo dove può sentirsi saggio e distaccato da
tutto, immerso nella ricerca e nel sapere.
Passione dominante. La tendenza a trattenersi troppo, a restare freddi e distaccati dalle
emozioni esprime l’avarizia insita in questa tipologia: un senso di avarizia dei propri spazi e
delle proprie cose che per converso è alimentato da un bisogno intenso, avido e profondo − e per
questo rimosso − di affetto e calore.
Integrazione. I Cinque evoluti acquisiscono il dono della generosità; possono ricoprire
ottimamente posizioni decisionali, diventare intellettuali e ricercatori dei grandi sistemi che
governano l’uomo.
Personaggi o modelli. Il filosofo, Aristotele, l’alchimista, l’asceta, i monasteri e i mistici, i guru
indiani

ennea-tipo 6
Lo Scettico Leale

Fissazione cognitiva. Il Sei, nella sua caratteristica fobica, è timoroso, apprensivo e normativo,
costantemente roso dal dubbio sugli scopi altrui e dall’indecisione circa le proprie scelte. Tende,
infatti, a procrastinare perché − a differenza dell’Uno − ha paura di agire: esporsi comporta il
rischio di venire attaccati. Si sente sicuro nel gruppo che condivide i propri valori e il proprio
credo, diffidando chi ne è estraneo. Non è autoritario e si mette al secondo posto.
Il Sei controfobico reagisce alla paura attaccando. Sposa le cause perse, ed è il tipico avvocato
del diavolo. E’ ligio al dovere nei confronti di un’autorità impersonale, e crede da fanatico nel
senso di giustizia e di dovere.
Passione dominante. La paura e il sospetto dominano questa tipologia. Il Sei fobico è insicuro e
si sente perseguitato: cede se viene messo con le spalle al muro. Il Sei controfobico, di contro, si
sente continuamente minacciato e con le spalle al muro: reagisce con aggressività proiettando i
suoi dubbi con veemenza e sconsideratezza.
Integrazione. I Sei evoluti hanno sviluppato il coraggio in se stessi e la comprensione per gli
altri, per vivere la propria realtà senza temere di essere manipolati: sono ottimi giocatori di
squadra, soldati fedeli, amici fidati.
Personaggi o modelli. Sharlock Holmes, Amleto, l’avvocato del diavolo, Adolf Hitler, i
fondamentalisti e i fanatici, la sinistra e l’opposizione

www.nuovaformazione.com