Sei sulla pagina 1di 70

guida tecnica

edizione n.6 2005


© Kamel khalfi

50
TERRACOTTA E ARCHITETTURA

guida tecnica

> Soluzioni per facciate in terracotta

R E E FA
TU C
C
R
E

IA
P
CO

TE

TERRACOTTA
51
TERRACOTTA E

facciate ventilate

facciate ventilate / guida tecnica


edizione n.6 2005

52
ARCHITETTURA

Sotto la terracotta la ricerca tecnologica...


I sistemi di ancoraggio sono attentamente studiati per
proteggere e durare nel tempo.
Oggi si sta riscoprendo l'importanza delle caratteristiche
di rispetto dell'ambiente della terracotta. La sua validità
in termini di isolamento termico, di facilità di posa e
l’aspetto estetico aprono nuovi orizzonti all'inventiva
architettonica, che si arricchisce dei colori e delle
finiture originali dei prodotti Terreal.

> I vantaggi della facciata ventilata 54

in terracotta

> Tavola sinottica della gamma 56

> Tuile de bardage 58

> Zephir® 68

> Boreal® 78

> Maestral® 88

> Piterak® 100

> Frangisole 112

> Autan®
> Harmattan®
> Zonda®
> Shamal®
www.terrealfacade.com
Kamel Khalfi
©

53
I VANTAGGI
della facciata ventilata in terracotta
perché utilizzare
un sistema di facciata ventilata?
> Per ottenere una buona protezione della facciata > Per evitare il fenomeno della condensazione.
e delle opere murarie.
> Per migliorare l'acustica della facciata.
> Per evitare gli sbalzi termici (e diminuire la fissu-
razione nelle opere murarie). > Per facilitare lo svolgimento dei lavori di ristrut-
turazione evitando il passaggio all'interno dell'e-
> Per ottenere un miglior isolamento dell'edificio dificio (abitanti più tranquilli, senza nessun biso-
(facciata ventilata => isolamento dall'esterno). gno di trasferirli altrove).

> Per ridurre i ponti termici (risparmio energetico). > Per aumentare la superficie netta complessiva
attraverso l’isolamento esterno.
> Per aumentare il comfort durante l'estate (iner-
zia più elevata, temperature più basse). > Per aumentare le possibilità di creazione archi-
tettonica (varietà dei materiali, formati, colori).
> Per migliorare la tenuta all’acqua della facciata
(la lama d'aria ostacola il passaggio dell'acqua e
la ventilazione costante dell'edificio assicura il
mantenimento di condizioni ottimali - "L'acqua è
il nemico dell'edificio").

Eliminazione dei ponti termici

Riduzione dell'emissione di gas serra


Minore perdita di calore e consumo di energia

Più spazio a disposizione


Una maggiore superficie abitabile e ottimizzazione dei costi di costruzione

Molteplici possibilità di espressione architettonica


Ricchezza estetica, in grado di rispondere alle esigenze regionali e tecniche

Comfort durante l'estate


Protezione dell'edificio contro il surriscaldamento solare

Livello di comfort più elevato.


Sfruttamento dell'inerzia termica dell'edificio: caldo d'inverno e fresco d'estate

Maggiore impermeabilità della facciata


Protezione della struttura dagli sbalzi termici e dalla pioggia

facciate ventilate / guida tecnica


edizione n.6 2005

54
perché utilizzare
la terracotta nella facciata ventilata?
Ecco alcune caratteristiche
della facciata ventilata in terracotta.

Estetica e originalità: Tecnicità e semplicità:

> Una facciata viva, ogni giorno diversa (luce, > Isolamento termico del materiale;
umidità, insolazione, sfumature dei prodotti);
> Assorbimento acustico naturale del materiale;
> Messa in opera moderna e contemporanea di
un materiale tradizionale, la terracotta; > Assorbimento solare del materiale;

> Un materiale caldo, facile da abbinare con gli > Resistenza agli urti e agli sbalzi termici;
altri materiali (vetro, metallo, legno, ecc.);
> Facilità di posa.
> Estetica e originalità, i colori non perdono
vivacità col passare del tempo;
Facile da mantenere e resistente:
> Una grande scelta di colori che va oltre le tinte
tradizionali della terracotta; > Materiale naturale, riciclabile al 100%;

> Un'ampia scelta di superfici: lisce, sabbiate, > Materiale longevo e resistente;
rigate, striate;
> Facilità di manutenzione, la facciata
> Tinte naturali, resistenti ai raggi UV. si pulisce da sè;

> Evita i fenomeni di condensazione;

> Materiale resistente al gelo (resistenza misurata


secondo le principali norme internazionali:
EN ISO 529.2 Metodo C, ASTM grado 1);

> Materiale incombustibile;

> Facilità di sostituzione.

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

55
TAVOLA SINOTTICA DELLA GAMMA
FACCIATE VENTILATE
DIMENSIONI INTERASSE PESO DEL
TIPOLOGIA PRODOTTO A x L x Sp (x larg) DI POSA A x L PRODOTTO COLORI
mm mm Kg

240 x 300 x 14 250 x 305 2.80 Rosso - Rosa Tavel


Tuile de bardage
240 x 380 x 14 250 x 385 3.50 Ocra - Tabacco - Bruno

Rosso arancio - Grigio perla


300 x 300 x 15 305 x 305 3.00
Zéphir® Rosa - Bruno Cioccolato
300 x 605 x 15 305 x 610 6.00
Champagne - Ebano

Rosso arancio - Grigio perla


400 x 605 x 70 410 x 610 14.80
Boreal® Rosa - Bruno Cioccolato
400 x 900 x 70 410 x 905 22.00
Champagne - Ebano

1540 a 1550
200 x 1520* x 70 x 210 23.90
Rosso arancio - Grigio perla
300 x 1520 x 70 x 310 35.80
Rosa - Bruno Cioccolato
Maestral® 200 x 1520 x 40 x 210 19.80
Champagne - Ebano
300 x 1520 x 40 x 310 29.00
410 x 1520 x 40 x 420 38.00

1530 a 1540 Rosso arancio - Grigio perla


217 x 1520* x 40 x 200 16.50
Piterak® Rosa - Bruno Cioccolato
267 x 1520 x 40 x 250 21.20
Champagne - Ebano

Rosso arancio - Rosso


1.20 Rosa Tavel - Ocra
Autan® 53 x 280 x 50 -
Tabacco - Bruno

Rosso arancio - Rosso


1.42 Rosa Tavel - Ocra
Harmattan® 30 x 300 x 41 x 86 -
Tabacco - Bruno

Rosso arancio - Rosso


4.00 Rosa Tavel - Ocra
Zonda® 60 x 330 x 150 -
Tabacco - Bruno

140 x 840 x 46 200 x 900 6.00 Rosso arancio - Rosa


140 x 1290 x 46 200 x 1350 9.20 Champagne
Shamal®
200 x 840 x 46 300 x 900 8.40 Bruno Cioccolato
200 x 1290 x 46 300 x 1350 12.90 Ebano - Grigio perla

* 1.520 mm è la lunghezza massima del prodotto.


Per altre lunghezze vi preghiamo di contattarci
Rosso

Rosso arancio

Rosa Tavel

Rosa

Ocra

Champagne

Grigio perla

Tabacco

Bruno

Bruno Cioccolato

Ebano

edizione n.6 2005

56
PRODOTTO
TESSITURE GAMMA GIUNTI MONOPELLE / ESEMPIO
ORIZZONTALI DOPPIA PELLE DI FINITURA

liscio Facciate
sovrapposti monopelle
sabbiato ventilate

liscio Facciate
aperti monopelle
sabbiato, striato ventilate

liscio Facciate
aperti doppia pelle
sabbiato ventilate

liscio
Facciate aperti
sabbiato doppia pelle
ventilate
striato

liscio
Facciate
sabbiato sovrapposti doppia pelle
ventilate
rigato

liscio Frangisole - -
sabbiato

liscio Frangisole - -
sabbiato

liscio Frangisole - -
sabbiato

liscio
Frangisole - -
sabbiato

www.terrealfacade.com

57
Camera di Commercio e Industria, Châlons-sur-Saône, Francia

facciate ventilate / guida tecnica


edizione n.6 2005

58
TUILE DE BARDAGE

CARATTERISTICHE TECNICHE La Tuile de bardage è un prodotto per facciata ventilata di tipo


monopelle di facile ed economica installazione (con un sistema
La Tuile de bardage dispone di un dossier tecnico leggero che poggia su guide orizzontali)
realizzato da Terreal riguardante le caratteristiche del I giunti orizzontali sovrapposti offrono una migliore tenuta alla
prodotto e della posa in opera. Gli elementi che pioggia. Con due finiture e cinque colori ad impasto la Tuile de
costituiscono il sistema di Tuile de bardage sono bardage ha il miglior rapporto qualità/prezzo.
conformi alle norme NF P 13.304 e EN ISO 539.2 -
Metodo C.
• Resistenza agli urti Q3 (norme P 08.301 e P 08.302)
• Resistenza al vento in depressione in valori
ponderati per un interasse dei montanti di 600
mm: 1500 Pascal
Le guide di sostegno 2/4 sono:
- realizzate in lega di alluminio (resistenti alla
corrosione, per uso all'esterno) (schema 16)
- disponibili su richiesta in acciaio

DESCRIZIONE

Lastra di cotto con una sezione specificamente


studiata per una posa semplificata, realizzata
mediante sospensione e agganciata tramite profili
in laterizio, appositamente trafilati in continuo sul
retro della lastra. Il profilo superiore assicura la
rigidità della struttura. La Tuile de bardage offre
una parete ventilata in cotto con superficie piana e
giunti orizzontali smussati dello spessore di 10mm
(schema 1).

CAMPI D’IMPIEGO

Costituiscono un rivestimento protettivo per le


facciate di edifici nuovi o preesistenti. Vi sono 2 Schema 1
sistemi di posa:
• Posa diretta (rivestimento senza isolamento) Peso Interasse
Prodotto Dimensioni (mm) Codice Quantità unitario Peso al di posa
Le lastre sono posate su guide 2/4 direttamente A x L x Sp x R (kg) mq (kg) (mm)
su muratura impermeabilizzata o parete in
240 x 300 x 14 TDB01 13,3/m2 2,8 37,0 250 x 305
calcestruzzo, consentendo la realizzazione di Tuile de bardage
240 x 380 x 14 TDB02 10,3/m2 3,5 37,0 250 x 385
murature di tipo III (schema 2).
Tuile bardage 244 x150 x 40 x150 TDBA11 4/ml 3,4 13,6/ml 250
• Posa a fissaggio indiretto (con isolante) d’angolo
Le lastre sono posate su guide 2/4 fissate su una Graffaggio d’angolo - T9707 8/ml 0,04 0,32/ml 250
sottostruttura che comprende l'isolante termico, e destra e sinistra
sono fissate al muro consentendo la realizzazione Guida 2/4 40 x 3000 x 20 TDB30 4,2ml/m2 1,65 2,31 250
di muri di tipo XIII (schema 3). in aluminio
Guida 2/4 40 x 3000 x 20 TDB40 4,2ml/m2 1,65 2,31 250
in acciaio

A = altezza L = lunghezza Sp = spessore


Tempo di posa: 40 min. al mq. (nella parte standard del lavoro)
Tempo di posa aperture e aggetti: 60 min. al ml.

www.terrealfacade.com

59
TUILE DE BARDAGE

POSA IN OPERA
G
La posa in opera del sistema di Tuile de bardage
fissaggio con deve essere conforme alle prescrizioni di Terreal.
viti a testa piatta Le lastre sono posate a file orizzontali con giunti
allineati o sfalsati.

adesivo tipo
I profili di attacco superiori sono progettati per

interasse di posa 250 ± 3 mm


Sikaflex Pro 11 FC applicare le tavelle alle guide metalliche 2/4.
Le guide sono distanziate di 25cm (valore medio
teorico) e fissate alla struttura portante o alla
lama d'aria

sottostruttura in caso di costruzione di una


parete ventilata (fissaggio indiretto). Il profilo
inferiore delle lastre si incastra nella parte
G superiore della tavella sottostante.
I giunti verticali, allineati o sfalsati, vengono
fissaggio con distanziati di 5mm (per consentire movimenti
viti a testa piatta
strutturali, eventuali sostituzioni e migliorare la
ventilazione). Il tempo richiesto per l'installazione
-1
G = gioco (per i movimenti strutturali) = 2+1 mm di una parte standard della parete è stimato in 40
min/mq. (schemi 2 e 3).
P O S A D I R E T TA S U M U R AT U R A

Schema 2 Questo tipo di rivestimento può essere applicato


sia su un muro tradizionale, che su una struttura
di sostegno. La messa in opera della
sottostruttura in lega di alluminio o in legno deve
montante metallico
essere conforme alle Prescrizioni Tecniche del
G
Capitolato del CSTB n. 3316 febbraio 2001
e successiva modifica n. 3422 (struttura in legno)
fissaggio con e n. 3194 febbraio 2000 (struttura metallica).
viti a testa piatta

L’interasse massimo delle guide 2/4 deve essere


di 60cm (questo interasse deve essere confermato
adesivo tipo con un test di trazione condotto in loco seguendo
Sikaflex Pro 11 FC
interasse di posa 250 ± 3 mm

la procedura CSTB n.1661). Nel caso di


realizzazione di parete ventilata con isolante
lama d'aria

integrato (tipo XIII) è necessario lasciare una lama


d’aria di almeno 2cm tra l’isolamento non idrofilo
e la guida 2/4. La scelta dell’ancoraggio deve
tenere conto del test di trazione svolto in cantiere
G (procedura CSTB n.1661)

fissaggio con
viti a testa piatta

-1
G = gioco (per i movimenti strutturali) = 2+1 mm

P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA C O N I S O L A N T E
Schema 3

edizione n.6 2005

60
PUNTI SINGOLARI

• Dettagli della parte inferiore: parte iniziale


montante
Sotto il rivestimento riportato dovrà essere metallico
applicata una soglia metallica perforata che fissaggio con viti
fissaggio con viti a testa piatta
consenta la ventilazione della lama d'aria. Nella a testa piatta
parte inferiore si raccomanda di iniziare la posa con

interasse mm 103 ± 3
mastice tipo

interasse mm 203 ± 3
una lastra intera. Tuttavia, in funzione del Sikaflex Pro 11 FC mastice tipo
lastra tagliata Sikaflex Pro 11 FC
tracciamento, è possibile partire con una lastra fissaggio con viti
frazionata. (schemi 4 e 5). a testa piatta
lastra intera
H
fissaggio con viti
• Dettagli della parte superiore: parte finale a testa piatta
Nella parte superiore la Tuile de bardage deve H = in funzione dell'uso H Soglia inferiore
di protezione
essere protetta da una guarnizione di tenuta per la perforata
inclinazione 3%
copertura. L'ultimo elemento Tuile de bardage può
essere intero o frazionato a seconda del H = in funzione dell'uso

tracciamento. L'aggancio si effettua fissando la P O S A D I R E T TA P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA


dettaglio della parte iniziale con lastra tagliata dettaglio della parte iniziale con lastra intera
Tuile de bardage sul profilato di supporto tramite le
Schema 4 Schema 5
barrette di aggancio superiori, o intermedie, nel
caso di Tuile de bardage frazionati (schemi 6 e 7).

parte da tagliare
fissaggio con viti
a testa piatta

mastice tipo
Sikaflex Pro 11 FC

interasse mm 250 ± 3
lastra tagliata
interasse guide

montante metallico
mm 152 ± 3

mastice tipo
© Prince Cladding

Sikaflex Pro 11 FC
fissaggio con viti
a testa piatta

Residenze collettive Dedemsvaartweg, L’Aia, Olanda


Progetto: Marlier Rohmer
P O S A D I R E T TA P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
dettaglio della parte finale con lastra tagliata dettaglio della parte finale con lastra intera

Schema 6 Schema 7

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

61
TUILE DE BARDAGE
4

diametro 6 mm schiuma in polietilene


reticolato
PUNTI SINGOLARI

acciaio
X5CrNi18-10 24,4
• Angoli
Gli angoli convessi possono essere realizzati
utilizzo per angoli (vedi schema 10) utilizzando l’elemento d'angolo in terracotta Terreal
(24,2 x 15 x 4 x 15 cm) tramite graffaggi d'angolo
DÉTAIL 2 15
in acciaio inox forniti da Terreal. In alternativa, gli
VISTA FRONTALE VISTA DA SINISTRA
angoli convessi possono essere realizzati utilizzando
ELEMENTO D’ANGOLO IN TERRACOTTA E ATTACCO D’ANGOLO DESTRO/SINISTRO PER ELEMENTO D’ANGOLO
profili in metallo o PVC posizionati in modo da
ricoprire l'angolo convesso formato dall'incontro tra
Schema 8
le due tegole.
facciata
facciata Gli angoli concavi sono realizzati mettendo a
montante metallico
angolo dell'edificio Tuile de bardage contatto i due elementi in ceramica
Tuile de bardage
angolo dell'edificio A A (vedere gli schemi 8, 9, 10, 11 e 12).
squadra di fissaggio
da posizionare a quinconce
A A montante metallico
tassello • Trattamento delle aperture
elemento d'angolo
elemento d'angolo
in terra cotta guida 2/4 montante staffa in terra cotta > Aperture (vedere lo schema 15)
metallico di fissaggio
guida 2/4 staffa di fissaggio
dimensioni in cm
Il collegamento può essere effettuato in base allo
stesso principio utilizzato per il trattamento degli
montante metallico
elemento d'angolo
angoli convessi.
elemento 2 viti autofilettanti > Architravi
per graffaggio
d'angolo
Le Tuile de bardage sono inizialmente posate
6
6
graffaggio
seguendo lo stesso procedimento usato per le
attacco
Tuile nella parte inferiore (iniziale).
parete portante
parete portante
> Davanzali
dimensioni in mm
dimensioni in mm
Possono essere realizzati con una lastra speciale
P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
Terreal in muratura (parascale 30 x 30 cm con
P O S A D I R E T TA
particolare dell’angolo con elemento particolare dell’angolo con elemento frontalino) o con un rivestimento metallico,
d’angolo in terracotta d’angolo in terracotta obbligatorio nel caso di parete ventilata
Schema 9 Schema 10 (vedere gli schemi 13 e 14).
ANGOLO CONVESSO
montante metallico
profilo angolare in PVC profilo angolare in PVC
montante metallico
staffa di fissaggio
staffa di fissaggio montante metallico

fissaggio sulla
parte piana superiore
squadra di fissaggio
da posizionare
a quinconce

montante
metallico
squadra
fissaggio sulla fissaggio sulla di fissaggio
parte piana da posizionare
parte piana superiore a quinconce
superiore giunto aperto
di 5 mm
giunto aperto di 5 mm

aggetto max 15 cm aggetto max 10 cm aggetto max 15 cm


aggetto max 10 cm
guida / fissaggio
guida / fissaggio lastra / guida lastra / guida

P O S A D I R E T TA P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
angolo convesso / angolo concavo angolo convesso / angolo concavo

S c h e m a 11 Schema 12

Complesso scolastico Arthur Rimbaud, Tolosa, Francia

edizione n.6 2005

62
PUNTI SINGOLARI giunto realizzato con
adesivo tra montante e soglia
• Accessori vari (non forniti da Terreal)
minimo 25 mm
> Profili metallici o in PVC per la realizzazione di
guarnizioni e finiture varie.
> Bulloni, viti e prodotti simili, tasselli di fissaggio.
> Isolante termico, mastice.
> Squadre di fissaggio.
> Montanti in legno o metallo.
fissaggio con viti
soglia in terracotta a testa piatta

lastra tagliata secondo gli schemi 4 e 6

P O S A D I R E T TA
dettaglio di aperture: terracotta soglia

Schema 13

giunto realizzato con


adesivo tra montante e soglia

minimo 25 mm

Camera di Commercio e Industria, Châlons-sur-Saône, Francia

VISTA DALL'ALTO soglia in terracotta montante metallico


lunghezza = 3 m
fissaggio con viti
a testa piatta
luce Ø ø6 mm x 15 - interasse 102
lastra tagliata secondo gli schemi 4 e 6

P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
dettaglio di aperture: terracotta soglia

Schema 14
asse di piegatura

SEZIONE DELLO SPIGOLO


fori Ø 6 mm - interasse 400

SEZIONE

24
fissaggio sulla
parte piana superiore
40

31
tolleranze : ± 2mm
adesivo spigolo U 20 x 40
dimensioni in mm
P O S A D I R E T TA
GUIDE DI FISSAGGIO dettaglio di aperture: sezione dello spigolo

Schema 16 Schema 15

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

63
GUIDA ALLA POSA DELLA
TUILE DE BARDAGE

Con l'aiuto di un laser o di una livel- Segnare l’interasse prescelto per i Regolare la verticalità dei profili.
la, tracciare l'orizzontale che serve da profili. Servirsi quindi delle squadre
punto di riferimento iniziale per la per realizzare la perforazione neces-
posa dei profili. Il punto di partenza è saria alla sistemazione dei tasselli
determinato seguendo il piano di (calcolare il distanziamento delle
tracciamento. squadre).

La verticalità dei profili intermedi


deve essere regolata per ultima.

Le squadre vengono posizionate sulla Posizionare e regolare la verticalità


griglia. dei profili alle estremità del muro e
fissare i profili sulle squadre.

Fissare le guide ai profili in funzione Posizionare le Tuile de bardage sulle Il muro è terminato.
dell'interasse (teorico: 250 mm). Si guide orizzontali dopo aver applica-
consiglia di usare una dima per velo- to due punti di mastice tipo Sikaflex
cizzare la posa. pro 11 FC nella gola della barretta
inferiore della Tuile de bardage.

edizione n.6 2005

64
sostituzione di un elemento rotto

Completare la rottura della Tuile de bar- Per la sostituzione è necessario ridur-


dage così da poter separare l'elemento re di circa 7 mm la parte superiore
in parti distinte. Rimuovere quindi le della Tuile.
parti dal supporto.

Utilizzare una smerigliatrice angolare Posizionare la Tuile inserendo prima di La sostituzione è terminata.
per tagliare la parte della Tuile che tutto la parte superiore dell'elemento.
deve essere rimossa. (Prima di installare La parte inferiore deve appoggiarsi
la Tuile, aggiungere un cordone di sugli elementi sottostanti.
mastice tipo Sikaflex Pro 11 FC nella gola
della barretta inferiore della Tuile e sulla
parte superiore).

metodi
trama T = larghezza L + Rivestimento specifico
Elemento angolare giunto verticale Gv (zinco, alluminio, telai di finestre, ecc.)
con graffaggio Guida invisibile ai bordi della superficie coperta
nella parte superiore larghezza L
(rigetto d'acqua nella parte superiore)
Giunto verticale Gv

di tracciamento Angoli convessi:


- 1/ elemento
angolare
Guida installata sulla
barretta intermedia
(tenere almeno
2 barrette per elemento)
Giunto orizzontale Jh

Trattamento
di un angolo:
taglio verticale
giunto orizzontale Go
= altezza reale H +

Giunti allineati
Interasse I

altezza H

Altezza
reale H

o
Giunti incrociati
larghezza reale L

Angoli Angoli
convessi: concavi:
2/ rivestimento elementi
specifico di giuntura
con taglio
dritto
Elemento in terracotta Taglio verticale Interasse dei montanti verticali
Guida in alluminio di un elemento (struttura principale): Taglio orizzontale
Rivestimento specifico Rivestimento specifico in funzione della resistenza di un elemento
Guida invisibile al vento (tenere almeno
Struttura principale (zinco, alluminio, ecc.) Guida installata
nella parte e agli urti richiesta 2 barrette per elemento)
(metallica o in legno) ai bordi della superficie coperta: sulla barretta
inferiore
uso eventuale di reti o lamiere intermedia
forate anti roditori

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

65
Residence di edilizia sociale, Villeneuve d’Ascq, Francia
Progetti : Escudié et Fermont - Prodotto : Zephir®

© Daniel Osso

facciate ventilate / guida tecnica Tribunale d’Asnières, Parigi, Francia


Progetto : Edeikins - Prodotto : Tuile de bardage

edizione n.6 2005

66
Periodico de Terrassa, Spagna
Progetto : Jan Baca - Prodotto: Maestral®

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

67
Aeroporte Internazionale de Pau-Pyrénées, Pau, Francia
Progetto : Camborde-Lamaison

Zéphir ®, vento dolce e piacevole,


caldo e secco, che soffia da sud-ovest,
scendendo lungo le valli alpine, provoca
un improvviso aumento delle temperature
anche fino a 20°C. Nome generico dato
a venti simili in altre regioni.

© Michel Dulherm

facciate ventilate / guida tecnica


edizione n.6 2005

68
ZÉPHIR®

CARATTERISTICHE TECNICHE Lo Zephir® è un sistema di rivestimento monopelle la cui legge-


rezza lo rende di facile ed economica installazione (con un siste-
Gli elementi Zephir® sono conformi alle ma leggero che poggia su guide orizzontali) I giunti aperti con-
Dichiarazione di Tradizionalità del Centro Scientifico sentono la ventilazione della facciata e un bilanciamento delle
e Tecnico per le costruzioni CSTB n. 2/02- 971. pressioni.
Perfettamente ingelivi rispettano inoltre le norme Lo Zephir® può essere abbinato al Phoniceram® (per applicazio-
NF P 13.304 e EN ISO 539.2 – Metodo C. ni acustiche). È disponibile in tre finiture e sei colori diversi ad
Sono resistenti agli urti fino a Q3, secondo la posa impasto.
in opera dei prodotti, (secondo le norme P 08.301
e P 08.302) e la resistenza al vento in depressione,
in condizioni normali per valori ponderati, è:
> per un interasse di 600mm di 1115 Pascal
> per un interasse di 900mm di 740 Pascal
Il fissaggio diretto di Zephir® è soggetto alle
specifiche tecniche di Terreal, riguardanti le
caratteristiche tecniche del prodotto e la posa in
opera.
Le guide in lega di alluminio AMS (Alluminio,
Magnesio, Silicio) resistono alla corrosione per un
utilizzo all’esterno. (schema 13)

DESCRIZIONE

Questo rivestimento murale in terracotta risulta


particolarmente sicuro per il sistema di fissaggio.
Le lastre presentano sul retro 4 profilature (dettagli
in foto) che permettono di sospenderle a guide in
alluminio fissate con tasselli alla parete o a una
sottostruttura ancorata alla muratura portante.
La guida a doppio binario sostiene per metà la
lastra superiore e per metà quella inferiore.
(schema 1)

CAMPI D’IMPIEGO Schema 1

Vi sono 2 sistemi di posa:


• Posa diretta (rivestimento senza isolamento) Dimensioni (mm) Codice Peso Peso al Interasse
Prodotto A x L x Sp Quantità unitario mq di posa
Le lastre sono posate su guide fissate direttamente (kg) (kg) (mm)
alla parete in calcestruzzo o in muratura 300 x 300 x 15 AC01 10,8/m2 3 32 305 x 305
Zéphir *
consentendo la realizzazione di murature di tipo III 300 x 605 x 15 AC02 5,4/m2 6 32 305 x 610
(schema 2). Guida
di alluminio 40 x 3000 x 20 AC30 3,5ml/m2 1,5 1,75 305

• Posa a fissaggio indiretto (con isolante)* Guida 53 x 3000 x 20 AC40 3,5ml/m2 1,9 2,21 316
extra larga
Le lastre sono posate su guide che loro volta
vengono fissate ad un’ossatura che comprende A = altezza L = lunghezza Sp = spessore
l'isolamento termico, e sono fissate al muro Tempo di posa: 40 min. al mq. (nella parte standard del lavoro)
Tempo di posa per punti particolari: 60 min. al ml.
consentendo la realizzazione di muri di tipo XIII
(schema 3).

www.terrealfacade.com

* Dichiarazione di Tradizionalità del CSTB n. 2/02- 971


69
ZÉPHIR®

POSA IN OPERA

G
La posa in opera del sistema di rivestimento
-1 mm
5 +2 mm
Zephir® dev'essere fatta secondo le Dichiarazione
di Tradizionalità del CSTB.
La posa è orizzontale, dal basso verso l’alto con un
lama d'aria attraverso i giunti verticali tra le lastre

interasse teorico di 30,5cm (interasse di


(indicazioni dettagliate sul pallet)
interasse di posa mm 305 teorico

installazione suggerito sul pallet). Le guide devono


essere fissate ad una ossatura portante nell’ipotesi
adesivo tipo
di utilizzo con l'interposizione di materiale isolante,
300

Sikaflex Pro 11 FC
rispettando uno spazio di 1-2cm tra i terminali
delle guide della stessa riga.
L’interasse massimo dei montanti è di 90cm
(Questa distanza deve essere confermata da un test
griglia
di carico in cantiere, secondo la norma n.1661 del
fissaggio con viti CSTB). Le lastre, sospese, saranno fissate sulla guida
a testa piatta giunti verticali
5 ±1.5 mm
di alluminio da due punti di adesivo Sikaflex 11FC
14 22 dimensioni in mm
da porre sul profilo inferiore.
36 G : giunti di dilatazione I giunti orizzontali allineati e verticali, allineati o
= 2mm ± 1mm
sfalsati di 5mm, vengono lasciati liberi, per
P O S A D I R E T TA S U M U R ATA accentuare la definizione delle linee e consentire i
Schema 2
movimenti strutturali senza correre rischi di
compressione del rivestimento.
Tracciando preventivamente una griglia sulla
muratura si limita o si annulla la necessità di taglio
montante metallico
20 mm dei pezzi. Il tempo di posa per la parete piana si
G
-1 mm
5 +2 mm
stima in 40 minuti al mq. Se dovessero rendersi
necessarie delle regolazioni è possibile eseguirle in
loco con un flessibile.
lama d'aria attraverso i giunti verticali tra le lastre

I La posa in opera di sottostrutture in legno o


metalliche dovranno rispettare le regole previste
(indicazioni dettagliate sul pallet)
interasse di posa mm 305 teorico

nel quaderno CSTB n. 3316 del febbraio 2001 e


300

adesivo tipo successiva modifica n. 3422 (struttura in legno) e


Sikaflex Pro 11 FC
lama d'aria n. 3194 del febbraio 2000 (struttura metallica).

In caso di rottura accidentale di una lastra, il pezzo


griglia rotto non cadrà : la parte superiore resterà appesa
e la parte inferiore, fissata con adesivo, resterà
fissaggio con viti
giunti verticali
incollata alla guida.
a testa piatta
5±1.5 mm La sostituzione di un solo pezzo è semplice, ogni
14 22 G : giunti di dilatazione pannello resta indipendente, ma è impossibile
= 2 ± 1mm dimensioni in mm
36 20 togliere un pezzo intero.
I : giunto orizzontale La scelta del fissaggio deve tenere conto dei
-1 mm
=5 +2 mm
risultati del test di carico eseguiti in cantiere,
P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA C O N I S O L A N T E
secondo la norma CSTB n. 1661, comma 211, del
Schema 3 Luglio 1980.

edizione n.6 2005

70
PUNTI SINGOLARI

• Isolamento termico esterno


Quando si lavora su una struttura con
interposizione di uno strato isolante, bisogna
lasciare uno spazio di almeno 2cm che permetta la

interasse di posa : 276 o 174 o 57 mm


interasse di posa : 276 o 174 o 57 mm
ventilazione tra l’isolante e la guida di alluminio, fissaggio con viti
fissaggio con viti a testa piatta
per assicurare la rispondenza alle prescrizioni per i a testa piatta
muri di tipo XIII. montante metallico

• Dettagli della parte inferiore: parte iniziale lastra intera o


tagliata a misura
lastra intera o
tagliata a misura
Sotto il rivestimento riportato dovrà essere mastice tipo mastice tipo
Sikaflex Pro 11 FC Sikaflex Pro 11 FC
applicata una soglia metallica perforata che
H = altezza da H = altezza da profilo forato
consenta la ventilazione della lama d'aria. Nella determinare determinare e fissato ai
caso per caso travetti della struttura
parte inferiore si raccomanda di iniziare la posa caso per caso
con uno Zephir® intero. Tuttavia, in funzione del
tracciamento, è possibile partire con uno Zephir®
frazionato. (schemi 4 e 5). P O S A D I R E T TA P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
dettaglio della parte iniziale dettaglio della parte iniziale

• Dettagli della parte superiore: parte finale Schema 4 Schema 5


Nella parte superiore il sistema Zephir® deve
essere protetta da una guarnizione di tenuta
per la copertura. L'ultimo elemento Zephir® può
essere intero o frazionato a seconda del
tracciamento. L'aggancio si effettua fissando
lo Zephir® sul profilato di supporto tramite le mastice

barrette di aggancio superiori, o intermedie,


nel caso di Zephir® frazionati (schemi 6 e 7). scossalina in
scossalina in lamiera di protezione
lamiera di protezione
interasse di posa = 219 o 103 mm

fissaggio con

interasse di posa = 276 mm


fissaggio con viti a testa piatta
viti a testa piatta
montante metallico

mastice tipo mastice tipo


Sikaflex Pro 11 FC Sikaflex Pro 11 FC

P O S A D I R E T TA P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
dettaglio della parte finale con lastra tagliata dettaglio della parte finale con lastra intera

Schema 6 Schema 7

Liceo Paul Langevin, Toulon , Francia


Progetto: Serge Hérisson

> Soluzioni per facciate in terracotta

71
ZÉPHIR®

aggetto massimo 10 cm tra tavella e guida aggetto massimo 10 cm tra tavella e guida
fissaggio con viti a testa piatta fissaggio con viti PUNTI SINGOLARI
a testa piatta

• Angoli
La posa degli angoli convessi si effettua tramite
assemblaggio di due Zephir®. Questo tipo di assem-
blaggio necessita di un taglio in cantiere delle bar-
rette di aggancio su circa 2 cm dello Zephir® di
copertura. Al livello della copertura deve essere pre-
disposto un giunto di 2 mm. Per evitare le vibrazio-
ni dovute al vento al livello dell'angolo è necessario
montante metallico vite tasselli applicare due punti di mastice Sikaflex 11 FC nella
parte superiore e in quella inferiore del giunto di
P O S A D I R E T TA P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
copertura. Gli angoli sono trattati utilizzando un
dettaglio di angolo convesso dettaglio di angolo convesso profilo in lamiera o pvc a copertura dello spigolo
Schema 8 Schema 9 ottenuto dalla giunzione di 2 lastre. (schemi 8 e 9).
• Trattamento delle aperture
montante metallico
Di norma il trattamento delle giunzioni fra gli
Zephir® e gli infissi è garantito da strutture metal-
liche fissate sulla muratura o ai montanti della
fissaggio con viti struttura secondaria che ricoprono o sporgono dal
a testa piatta
fissaggio con viti
profilo degli Zephir®.
giunto aperto
a testa piatta di 5 mm > Spigoli
profilo di
giunto aperto sostegno Un profilo ad U 20x40, fissato sui spigoli, acco-
di 5 mm
profilo di glie la lastra tagliata inserita senza i profili
sostegno
posteriori e attaccata con adesivo tipo sikaflex
pro 11 FC. (schema 16)
> Architravi
Gli Zéphir® sono inizialmente posati seguendo
aggetto max. di 15 cm tra guida e appoggio
lo stesso procedimento usato per gli Zéphir®
aggetto max. di 15 cm tra guida e appoggio nella parte inferiore (iniziale).
> Davanzali
P O S A D I R E T TA P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA I davanzali si possono risolvere con un sistema
dettaglio di angolo concavo dettaglio di angolo concavo metallico nel caso della parete ventilata con iso-
Schema 10 S c h e m a 11 lante, o con una lastra speciale Terreal
(30x30cm) (schemi 14 e 15)

ANGOLO CONCAVO ANGOLO CONVESSO

taglio

T R ATA M I E N TO D E L O S Á N G U L O S
lavorazione delle tavelle per la costruzione di angoli
Impianto di depurazione di Neuville en Ferrain, Francia
Schema 12
Progetto : Avant-Propos

edizione n.6 2005

72
PUNTI SINGOLARI giunti realizzati
con adesivo tra la
• Accessori vari (non forniti da Terreal) soglia e i montanti
> Profili metallici o in PVC per la realizzazione di
minimo 25 mm
guarnizioni e finiture varie.
> Bulloni, viti e prodotti simili, tasselli di fissaggio.
> Isolante termico, mastice.
> Squadre di fissaggio.
> Montanti in legno o metallo.
fissaggio con viti
a testa piatta

P O S A D I R E T TA
dettaglio di aperture: collegamento con davanzale fissato con adesivo

Schema 14

rialzo della soglia

minimo 25 mm
© Kamel Khalfi

lama d'aria tra montante metallico


i travetti
Edificio Crystal Défense, Nanterre, Francia
Progetto : Chaix et Morel Associés
P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
dettaglio di aperture: soglia in metallo

Schema 15

27
11 8
22

36

facciata
spigolo
dimensioni in mm U 20 x 40 mm

P O S A D I R E T TA
GUIDA IN ALUMINIO dettaglio di aperture: sezione dello spigolo

Schema 13 Schema 16

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

73
GUIDA ALLA POSA DELLO
ZÉPHIR®

Con l'aiuto di un laser o di una livel- Segnare l’interasse prescelto per i Regolare la verticalità dei profili.
la, tracciare l'orizzontale che serve da profili. Servirsi quindi delle squadre
punto di riferimento iniziale per la per realizzare la perforazione neces-
posa dei profili. Il punto di partenza è saria alla sistemazione dei tasselli
determinato seguendo il piano di (calcolare il distanziamento delle
tracciamento. squadre).

La verticalità dei profili intermedi


deve essere regolata per ultima.

Le squadre vengono posizionate sulla Posizionare e regolare la verticalità


griglia. dei profili alle estremità del muro e
fissare i profili sulle squadre.

Fissare le guide ai profili in funzione Posizionare gli Zéphir® sulle guide Il muro è terminato.
dell'interasse (teorico: 305 mm). Si orizzontali dopo aver applicato due
consiglia di usare una dima per velo- punti di mastice tipo Sikaflex pro 11
cizzare la posa. FC nella gola della barretta inferiore
dello Zéphir®.

edizione n.6 2005

74
sostituzione di un elemento rotto.

Completare la rottura dello Zéphir® Per la sostituzione è necessario ridur- Utilizzare una smerigliatrice angola-
così da poter separare l'elemento in re di circa 4 mm la parte superiore re per tagliare la parte dello Zéphir®
due parti distinte. Rimuovere quindi dello Zéphir®. che deve essere rimossa.
le parti dal supporto.

Prima di installare lo Zéphir®, Posizionare dello Zéphir® inserendo


aggiungere un cordone di mastice prima di tutto la parte superiore del-
tipo Sikaflex Pro 11 FC nella gola l'elemento. La parte inferiore deve
della barretta inferiore dello Zéphir® poggiare sugli elementi sottostanti.
e sulla parte superiore. La sostituzione è terminata.
metodi
di tracciamento Guida sfalsata nella
parte superiore in
modo da non essere visibile
trama T = larghezza L +
giunto verticale Gv
larghezza L
Rivestimento specifico
(zinco, alluminio, telai di finestre, ecc.)
ai bordi della superficie coperta
(rigetto d'acqua nella
parte superiore)
Giunto verticale Gv

Aggiunta di una guida Guida installata


intermedia per aumentare sulla barretta più
la resistenza al vento vicina al taglio
e agli urti (tenere almeno
2 barrette per elemento)
Giunto orizzontale Go

Trattamento di un angolo:
taglio orizzontale o
taglio verticale
giunto orizzontale Go
= altezza reale H +
Interasse I

Altezza
reale H
altezza H

Giunti allineati
o
Giunti incrociati
larghezza reale L

Angoli convessi:
1/ elementi di giuntura Angoli
in sezione dritta con taglio concavi:
delle barrette elementi di
2/ elementi di giuntura smussati giuntura
3/ rivestimento metallico con taglio
dritto
Interasse dei montanti verticali
Elemento in terracotta Taglio verticale (struttura principale): in funzione Taglio orizzontale di un
Guida in alluminio di un elemento della resistenza elemento sotto una barretta
Rivestimento specifico Guida sfalsata
Rivestimento specifico Guida installata al vento e agli urti richiesta (tenere almeno 2 barrette
(zinco, alluminio, ecc.) nella parte inferiore
Struttura principale sulla barretta per prodotto)
ai bordi della superficie in modo da non più vicina al taglio
(metallica o in legno)
coperta: uso eventuale di essere visibile
anti-roditori standard

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

75
Uffici di rue de Verdun a Suresnes, Francia
Progetto: Palissad - Prodotto : Zephir®

facciate ventilate / guida tecnica Palestra El Sorall, Mataro, Spagna


Prodotto : Maestral®

edizione n.6 2005

76
Edificio Crystal Defense, Nanterre, Francia
Progetto : Chaix et Morel Associés – Prodotto: Zephir®

© Kamel Khalfi

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

77
Centro direzionale Asnières, Parigi, Francia
Progetto : Brochet

Boreal®, vento che soffia


a nord dell'equatore.

facciate ventilate / guida tecnica


edizione n.6 2005

78
BOREAL®

DESCRIZIONE Boreal è un rivestimento a doppia pelle.Il sistema di ancoraggio su


guide in alluminio è semplice ed economico con giunti aperti per
Gli elementi che costituiscono il sistema di Boreal® permettere una migliore ventilazione e un bilanciamento delle
sono conformi alle dossier tecnico realizzato da Terreal pressioni. Nelle facciate è possibile abbinarlo con Phonbric® (per
riguardante le caratteristiche del prodotto e della posa applicazioni acustiche.
in opera . Rivestimento murale costituito da una lastra Viene prodotto con due finiture e sei colori ad impasto.
in cotto fissata meccanicamente mediante guide 4/6
in alluminio secondo le seguenti modalità:
• Posa diretta (rivestimento senza isolamento)
Le lastre sono posate su guide 2/4 direttamente su
muratura impermeabilizzata o parete in
calcestruzzo, consentendo la realizzazione di
murature di tipo III (schema 3).
• Posa a fissaggio indiretto (con isolante)
Le lastre sono posate su guide 2/4 fissate su una
sottostruttura che comprende l'isolante termico, e
sono fissate al muro consentendo la realizzazione
di muri di tipo XIII (schema 4).

* *Il retro dei prodotti è fornito di profili che consentono il fissaggio su


guide metalliche 4/6 poste orizzontalmente rispetto alla facciata
(schema 2)

PROPRIETÀ

• Boreal®
È un prodotto ingelivo, che possiede un eccellente
comportamento agli urti (secondo le norme ANFOR
NF P 08.301 e 08.302). È facilmente sostituibile in
caso di rottura accidentale.
La parete ventilata e il rivestimento Boreal® possono
essere utilizzati anche per edifici con altezza
superiore a 45 m.
Il materiale risponde alla normativa NF P 13.304 e EN
ISO 539.2– Metodo C e ad una serie di test effettuati
direttamente nei laboratori Terreal:
> resistenza al vento in pressione e depressione Schema 1
superiore a 1500 Pascal e
> resistenza dei profili di cotto al vento in
depressione. Dimensioni (mm) Codice Peso del Peso al Interasse
Prodotto A x L x Sp Quantità prodotto mq di posa
(kg) (kg) (mm)
• Guide (schema 1)
400 x 605 x 70 A01 4/m2 14,8 59,2 410 x 610
> Le guide di montaggio 4/6 Boreal *
400 x 900 x 70 A02 2,7/m2 22 59,2 410 x 905
rispondo alle caratteristiche tecniche previste dal Guida 4/6 65 x 3000 x 40 A30 2,6ml/m2 4,7 4,1 410
fornitore al fine di garantire la sicurezza del prodotto, in aluminio
oltre ad essere testate nei laboratori Terreal: A = altezza L = lunghezza Sp = spessore
- controllo di qualità in ricezione del prodotto Tempo di posa: 40 minuti al mq (sulla facciata piana).
- prove di resistenza alle deformazioni per carichi
verticali e frontali. * la quantità indicate in tabella si riferiscono ad un giunto orizzontale di 10 mm
e di un giunto verticale di 5 mm.

www.terrealfacade.com

79
BOREAL®

PROPRIETÀ (segue)
Boreal
> Per i punti particolari
giunto di regolazione
G=2 +- 1mm Per i punti particolari (piede e terminale della
giunto orizzontale
I=10 -+ 12 mm
muratura) le guide vengono fissate in modo da
mm
sorreggere il pezzo utilizzando i suoi profili intermedi
(schemi 5, 6, 7 e 8).
dimensioni in mm

CAMPI D’IMPIEGO
SISTEMA DI ANCORAGGIO
Rivestimento ceramico che non richiede
Schema 2
manutenzione.
La parete ventilata con il rivestimento Boreal® si
forma previa realizzazione di una sottostruttura in
giunto di regolazione legno trattato o in profili di lega di alluminio o di
G =2+- 1 mm G
profili in acciaio.
giunto verticale
(tra le lastre)
L’interposizione di un pannello isolante tra i
= 6 +1 mm
-2 mm montanti e la formazione di una lama di
lama ventilata attraverso i giunti aperti

ventilazione di almeno 2 cm permettono di


(indicazioni dettagliate sul pallet)
interasse di posa 410 mm teorico

mastice tipo
ottenere un ottimo funzionamento del sistema.
400

Sikaflex
Pro 11 FC
Boreal® può essere utilizzato anche con
applicazione diretta su muro sia ai piani alti, che a
piano terra per l’eccellente comportamento agli urti.
G Si può combinare con Phonbric® per la
-1 mm
giunto orizzontale =10 +2 mm realizzazione di barriere antirumore.
fissaggio con viti
a testa piatta
POSA IN OPERA
54 40
dimensioni in mm
94
La posa in opera del sistema Boreal® deve essere
P O S A D I R E T TA S U M U R ATA
conforme alle prescrizioni di Terreal.
Schema 3 Previo tracciamento della griglia corrispondente
all’interasse degli elementi si traccia il
posizionamento dei montanti con un interasse
giunto di regolazione montante metallico non superiore a 150 cm. L’interasse di posa delle
G =2+- 1 mm G
lastre Boreal® è di 41cm (valore teorico), il
giunto verticale fissaggio delle guide sui supporti di sostegno o
(tra le lastre)
= 6 +1 mm
-2 mm sulle pareti portanti deve riferirsi alle seguenti
lama ventilata attraverso i giunti aperti

regole:
(indicazioni dettagliate sul pallet)
interasse di posa 410 mm teorico

mastice tipo > CSTB n. 1661 del 21 luglio 1980: Prove di


400

Sikaflex
Pro 11 FC strappo e scelta del fissaggio da adottare.
> CSTB n, 3316 del febbraio 2001: Regole per la
posa in opera delle strutture in legno.
G > CSTB n. 3194 del febbraio 2000: Regole per la
giunto orizzontale =10 posa in opera delle strutture metalliche.

Il montaggio delle Boreal® sarà effettuato per


54 40
dimensioni in mm sospensione del profilo di cotto retrostante sul
94
profilato in alluminio 4/6 nella parte alta, nella
parte bassa è previsto un gioco di regolazione.
P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA C O N I S O L A N T E
(schemi 3 e 4).
Schema 4

edizione n.6 2005

80
Questo sistema permette di montare la facciata da
qualunque lato senza necessità di iniziare da un
punto obbligato.
Un punto di adesivo Sikaflex 11FC è da prevedere
tra il profilo inferiore in cotto del rivestimento e la
Mastice tipo Mastice tipo
parte superiore del profilo in alluminio. I giunti Sikaflex Sikaflex

10 mm
Pro 11 FC Pro 11 FC
verticali di 5 mm e i giunti orizzontali di 10 mm appoggio 4 appoggio 4
sono lasciati liberi. Il tempo di posa, nella parte montante

soluzione 1 : interasse
delle guide = 173 mm
con lastra tagliata
soluzione 1 : interasse
delle guide = 173 mm
con lastra tagliata

soluzione 2 : interasse delle guide 4/6 = 303 mm


metallico

soluzione 2 : interasse delle guide 4/6 = 303 mm


standard, è di 40 min/mq. La sostituzione di
qualsiasi pezzo è realizzabile indipendentemente appoggio 3 appoggio 3
dagli altri.
guida 4/6

con lastra intera o tagliata


guida 4/6
La sostituzione del Boreal® può essere effettuata con lastra intera o tagliata

facilmente e indipendentemente dagli altri


appoggio 2 appoggio 2
prodotti.

profilo
PUNTI SINGOLARI appoggio 1 forato antiratti appoggio 1

H = altezza H = altezza
da determinare da determinare
Il rivestimento Boreal® è dotato di profili in cotto secondo necessità secondo necessità
dimensioni in mm
dimensioni in mm
intermedi per appoggi con sottomisure in
partenza e nei terminali. (schemi 5, 6, 7, 8 e 15)
La lastra Boreal® si può tagliare con disco P O S A D I R E T TA P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
diamantato in cantiere, il taglio minimo è di dettaglio della parte iniziale dettaglio della parte iniziale

12 cm. Schema 5 Schema 6

• Dettagli della parte inferiore: parte iniziale


Nella parte bassa iniziale della facciata ventilata
dovrà essere applicata una soglia metallica
perforata che consenta la ventilazione della lama
d'aria. Nella parte inferiore si raccomanda di con lastra intera con lastra intera
dettaglio della squadre di fissaggio dettaglio della
iniziare la posa con una lastra intera. Tuttavia, in scossalina della scossalina scossalina superiore
superiore
funzione del tracciamento, è possibile partire con appoggio 4 appoggio 4
una lastra frazionata. (schemi 5 e 6). Boreal Boreal
montante metallico
269,4 269,4
• Dettagli della parte superiore: parte finale Mastice tipo
Sikaflex appoggio 3
Mastice tipo
appoggio 3
Sikaflex
Nella parte superiore il sistema Boreal® deve essere Pro 11 FC Pro 11 FC
soluzione 2 : interasse delle guide 4/6 = 237.5 mm

soluzione 2 : interasse delle guide 4/6 = 237.5 mm

guida 4/6 guida 4/6


protetto da una guarnizione di tenuta per la
copertura. L'ultimo elemento Boreal® può essere 139
soluzione 1 : interasse delle guide =

soluzione 1 : interasse delle guide =

139
una misura superiore a 269.4 mm

una misura superiore a 269.4 mm

appoggio 2
107 mm con lastra tagliata da

appoggio 2
intero o frazionato a seconda del tracciamento.
107 mm con lastra tagliata da
con lastra intera o tagliata ad

con lastra intera o tagliata ad

L'aggancio si effettua fissando il Boreal® sul profilo


139 a 269.4 mm

139 a 269.4 mm

di supporto tramite le barrette di aggancio appoggio 1 appoggio 1


superiori, o intermedie, nel caso di Boreal®
frazionati (schemi 7 e 8). dimensioni in mm dimensioni in mm

lama d'aria di ventlazione : minimo 20 mm lama d'aria di ventilazione : minimo 20 mm

P O S A D I R E T TA P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
dettaglio della parte finale dettaglio della parte finale

Schema 7 Schema 8

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

81
BOREAL®

PUNTI SINGOLARI

• Angoli
montante metallico
angolare in PVC Gli angoli convessi sono trattati utilizzando un
profilo in lamiera o pvc a copertura dello spigolo
angolare in PVC ottenuto dalla giunzione di 2 lastre.
(schemi 9 e 10).
staffa di
staffa di fissaggio
fissaggio montante • Trattamento delle aperture
montante
> Spigoli e architravi
montante Le spallette delle aperture e i davanzali devono
metallico
fissaggio della essere realizzati in lamiera preverniciata o in
guida 4/6 di
supporto lastra fissaggio della alluminio.
Boreal guida 4/6 di
supporto lastra Nell’potesi di costruzione di una parete ventilata
Boreal
possono essere adottati per le aperture anche
contorni prefabbricati. (schema 15)
> Davanzali
P O S A D I R E T TA P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA I davanzali si possono risolvere con un sistema
dettaglio di angolo convesso dettaglio di angolo convesso
metallico (schemi 13 e 14).
Schema 9 Schema 10

fissaggio
fissaggio della guida 4/6 della guida 4/6
di supporto montanti
di supporto lastra Boreal
lastra Boreal metallico

giunto 5 mm giunto 5 mm

aggetto max 15 cm aggetto max. 10 cm


dalla guida 4/6 al fissaggio dalla lastra alla guida 4/6

P O S A D I R E T TA P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
dettaglio di angolo concavo dettaglio di angolo concavo

S c h e m a 11 Schema 12

Ufficio del Turismo, La Bastide de Sérou, Francia


Progetto : François Murillo Architecte

edizione n.6 2005

82
PUNTI SINGOLARI Boreal intero
o tagliato
Mastice tipo
• Accessori vari (non forniti da Terreal) G
Sikaflex
Pro 11 FC
> Profili metallici o in PVC per la realizzazione di guida 4/6

soluzione 2 : interasse delle


con lastra intera o tagliata
delle guide 4/6 = 107 mm
guarnizioni e finiture varie.

guide 4/6 = 237.5 mm


soluzione 1 : interasse

da 139 a 269.4 mm
G
> Bulloni, viti e prodotti simili, tasselli di fissaggio.

con lastra tagliata


> Isolante termico, mastice.
G
> Squadre di fissaggio.
> Montanti in legno o metallo.
giunto di regolazione
G=2

P O S A D I R E T TA
dettaglio di angolo convesso

Schema 13

25 mm min.
appoggio 4

Boreal

269,4
soluzione 2 : interasse delle guide 4/6 = 237.5 mm

Mastice tipo
Sikaflex appoggio 3
Pro 11 FC
guida 4/6
soluzione 1 : interasse delle guide =
una misura superiore a 269.4 mm

139
107 mm con lastra tagliata da
con lastra intera o tagliata ad

appoggio 2
139 a 269.4 mm

appoggio 1
Centro direzionale Asnières, Francia
Progetto : Brochet
dimensioni in mm

P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
dettaglio di aperture: sezione dello spigolo

Schema 14

giunto di regolazione
G=2

appoggio 4
con lastra o tagliata a misura
delle guide 4/6 = 303.5 mm

delle guide 4/6 = 173 mm

appoggio 3
soluzione 1 : interasse

soluzione 2 : interasse
con lastra tagliata

guida 4/6

appoggio 2

Boreal intero o tagliato

Voltino
profilo di chiusura sotto voltino inclinato del 3%

P O S A D I R E T TA
dettaglio di aperture: sezione dello architrave

Schema 15

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

83
GUIDA ALLA POSA DELLO
BOREAL®

Con l'aiuto di un laser o di una livel- Segnare l’interrasse prescelto per i Regolare la verticalità dei profili.
la, tracciare l'orizzontale che serve da profili. Servirsi quindi delle squadre
punto di riferimento iniziale per la per realizzare la perforazione neces-
posa dei profili. Il punto di partenza è saria alla sistemazione dei tasselli
determinato seguendo il piano di (calcolare il distanziamento delle
tracciamento. squadre).

La verticalità dei profili intermedi


deve essere regolata per ultima.

Le squadre vengono posizionate sulla Posizionare e regolare la verticalità


griglia. dei profili alle estremità del muro e
fissare i profili sulle squadre.

Fissare le guide ai profili in funzione Posizionare gli Boreal® sulle guide Il muro è terminato.
dell'interasse (teorico: 410 mm). Si orizzontali dopo aver applicato due
consiglia di usare una dima per velo- punti di mastice tipo Sikaflex pro 11
cizzare la posa. FC nella gola della barretta inferiore
dello Boreal®.

edizione n.6 2005

84
sostituzione di un elemento rotto

Completare la rottura dello Boreal® Per la sostituzione è necessario ridur- Utilizzare una smerigliatrice angola-
così da poter separare l'elemento in re di circa 4 mm la parte superiore re per tagliare la parte dello Boreal®
due parti distinte. Rimuovere quindi dello Boreal®. che deve essere rimossa.
le parti dal supporto.

Prima di installare il Boreal®, aggiun- Posizionare lo Boreal® inserendo La sostituzione è terminata.


gere un cordone di mastice tipo prima di tutto la parte superiore del-
Sikaflex Pro 11 FC nella gola della l'elemento. La parte inferiore deve
barretta inferiore dello Boreal® e poggiare sugli elementi sottostanti.
sulla parte superiore. Rivestimento specifico
Nella parte superiore: trama T = larghezza L +

metodi
(zinco, alluminio, telai di finestre, ecc.)
guida sfalsata sulla seconda giunto verticale Gv ai bordi della superficie coperta
barretta in modo da larghezza L (rigetto d'acqua nella
non essere visibile
Giunto verticale Gv parte superiore)

di tracciamento Guida installata


sulla barretta più
vicina al taglio
(tenere almeno
2 barrette per elemento)
Giunto orizzontale Go

Trattamento
di un angolo:
taglio
giunto orizzontale Go
= altezza reale H +

verticale
Interasse I

altezza H

Altezza
reale H

Giunti allineati
o
Giunti incrociati
larghezza reale L

Angoli convessi:
rivestimento Angoli
specifico concavi:
elementi
di giuntura
con taglio
Interasse dei montanti verticali
Taglio verticale Taglio orizzontale di dritto
(struttura principale):
Elemento in terracotta di un elemento Rivestimento specifico in funzione della resistenza un elemento sotto una barretta
Guida sfalsata Guida installata (tenere almeno 2 barrette
Guida in alluminio (zinco, alluminio, ecc.) al vento e agli urti richiesta
sulla terza barretta sulla barretta per prodotto)
Rivestimento specifico ai bordi della superficie in modo da non
Struttura principale più vicina
coperta: uso eventuale essere visibile
(metallica o in legno) al taglio
di anti-roditori standard

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

85
CRC Residential, Koweit City, Koweit
Progetto : Keo International Consultants - Prodotto: Zephir®

© Bader Qabazard

facciate ventilate / guida tecnica


edizione n.6 2005

86
Hoogheemraadschap, Leider, Olanda
Progetto : Jan Brouwer - Prodotto: Maestral®

Sala per concerti TOTEM, Pamplona, Spagna www.terrealfacade.com

Progetto : Enrique Munguira - Prodotto: Piterak®

87
Ospedale di Charleville-Mézières, Francia
Progetto : Atelier PAC

Maestral®, Maestrale è il vento di


Nord-ovest ,freddo, secco, a raffiche che
proviene dalla valle del Rodano e si estende in
regime di alta pressione nel golfo di Genova.
Allontana le nubi, rinfresca e pulisce l’aria, e può
soffiare fino a 9 giorni consecutivi. Nome che
viene dal latino “magistralis“ o dal provenzale
“maitre“.

facciate ventilate / guida tecnica


edizione n.6 2005

88
MAESTRAL®

DESCRIZIONE Maestral® è il primo rivestimento per parete ventilata di grande


lunghezza, raggiunge infatti i 152 cm. Prodotto in doppia pelle
Rivestimento murale di grandi dimensioni, fissato
ed in due spessori è classificato Q4 (alta resistenza agli urti).
meccanicamente con graffaggio inox X5CrNi18-10
I giunti aperti permettono una migliore ventilazione della parete
(1.4301) come segue:
ventilata, il giunto con un bordo leggermente curvo migliora il
• Posa diretta (rivestimento senza isolamento)
ritmo estetico della facciata. Il Maestral® può inoltre essere abbi-
fissaggio come rivestimento direttamente su
nato alla lastra acustica. Viene fornito in tre tessiture e in sei colo-
muratura o calcestruzzo per mezzo di un
ri ad impasto.
montante speciale. (schemi 3 e 5)
• Posa a fissaggio indiretto (con isolante)*
fissaggio a parete ventilata previa realizzazione di
una sottostruttura in legno o in lega di alluminio
e interposizione di pannello isolante non idrofilo.
(schemi 4 e 6)
Questo sistema è oggetto del controllo ATEC CSTB
n°2/02-920 per il Maestral® da 7 cm e n°2/03-1038
per il Maestral® da 4 cm. Il Maestral® può essere
posato anche in verticale.

PROPRIETÀ

• Maestral®
Il rivestimento Maestral risponde alle norme NF P
13.304 e EN ISO 539.2 – Metodo C e la produzione è
controllata dal CSTB nel quadro della certificazione
rilasciata.
Il materiale, non gelivo, possiede ottimo
comportamento agli urti, sia di corpi duri, che di
corpi molli (è classificato Q4 secondo i prodotti,
secondo le norme AFNOR P 08.301 e P 08.302)
Il sistema di ancoraggio delle lastre Maestral è stato
studiato appositamente per la sostituzione dei Schema 1 NÚMERO DI GRAFFAGGI
singoli pezzi in qualunque punto della facciata. Peso del Peso al Graffaggio Graffaggio
Prodotto Dimensioni (mm) Codice Qantità prodotto mq Interrasse di corrente destro d’angolo
Le performance alle spinte del vento in pressione e A x L x Sp x R (kg) (kg) posa (mm) (id. Sinistra) destro/sinistro
depressione, con valori maggiori di 1120 Pascal, 210 x 1540
permettono di ottenere coefficienti di sicurezza 200 x1520 x 70 BAR01 3,1/m2 23,9 74 3,1/m2 -
a 1550
sufficienti per utilizzarlo in edifici superiori a 45 m. 300 x1520 x 70 BAR02 2,1/m2 35,8 75
310 x 1540
2,1/m2 -
a 1550
Standard* 210 x 1540
Maestral 200 x1520 x 40 MAE03 3,1/m 2
19,8 61 3,1/m 2
-
a 1550
310 x 1540
300 x1520 x 40 MAE01 2,1/m 2
29 61 2,1/m 2
-
a 1550
420 x 1540
410 x1520 x 40 MAE02 1,6/m2 38 61 1,6/m2 -
a 1550
205 x 170 x 70 x 170 BARA11 4,8/ml 4,4 21/ml 210 - 9,6/ml
305 x 170 x 70 x 170 BARA12 3,3/ml 6,6 22/ml 310 - 6,6/ml
Angolo 925 x 170 x 70 x 170 BARA13 1,1/ml 20 22/ml 930 - 2,2/ml
Maestral
Per altre profili (inclusi i profili d’angolo) vi preghiamo di contattarci.
925 x 170 x 40 x 170 MAEA11 1,1/ml 17 18,7/ml 930 - 2,2/ml
Le quantità indicate in tabella si riferiscono ad un giunto orizzontale
1255 x170 x 40 x 170 MAEA12 0,8/ml 23 18,4/ml 1260 - 1,6/ml
tra lastre Maestral di 1cm e di un giunto verticale di 2 cm
Per il giunto d’angolo il valore è di 0,5 cm
Profilo corrente M7 140 x 3000 x 106 BAR30 0,65ml/m2 6,14 1,45 1540 a 1550 - -
Valori analoghi per qualsiasi tipo di finitura. per rivestimento

Profilo corrente M7 83 x 3000 x 145 BAR40 0,65ml/m2 6,02 1,42 1540 a 1550 - -
* 1520 mm è la lunghezza massima del prodotto. per parete ventilata
Per altre lunghezze vi preghiamo di contattarci.
Profilo corrente M4 144 x 3000 x 76 M04P1 0,65ml/m2 5,76 1,27 1540 a 1550 - -
per rivestimento

Profilo corrente M4 83 x 3000 x 115 M04P3 0,65ml/m2 5,31 1,17 1540 a 1550 - -
per parete ventilata

89
MAESTRAL®

Maestral 7x20 Maestral 7x30 Maestral d'angolo

70 PROPRIETÀ (segue)

lunghezza massima mm 1255


70 r = 50 170 170

40
205
70
Il Maestral® Terreal risponde ai seguenti standard:
170

170
200

r=5
300

> dilatazione all’umidità (NF P 13.304)


70 > resistenza alle efflorescenze (NF P 13.304)
40 > resistenza agli urti (NF P 13.304)
Maestral 4 x 20
Maestral 4 x 41 > resistenza al gelo (EN ISO 539.2 Metodo C)
Maestral 4 x 30
152
0 520
0 40 m1
152 am
m
ima
m
40 mm ssim ass
ma
ssim
a
zza
ma zza
m • Graffaggi per l’ancoraggio degli elementi
410
za ghe ghe
ez lun lun
Maestral® sono:
300

lungh
200

- 3 per il Maestral da 7 cm di spessore


- 3 per il Maestral da 4 cm di spessore
C A R AT T E R I S T I C H E - 3 comuni ai due
Schema 2 Per ogni modello Maestral ci sono:
1- graffaggio basso destro/sinistro
2- graffaggio standard sinistro
vite autofilettante
3- graffaggio standard destro
graffaggio corrente
4- graffaggio alto sinistro
graffaggio
5- graffaggio alto destro
6- graffaggio d’angolo destro/sinistro
tassello di fissaggio
Maestral
I graffaggi sono costruiti in acciaio inox
X5CrNi18-10 (1.4301), sono inalterabili nel tempo
graffaggio
e vengono forniti completi di schiuma a cellule
profilo
chiuse per bloccare e ammortizzare il cotto
durante il fissaggio.
La schiuma ha anche lo scopo di ammortizzatore
acustico e di antivibrante (schemi 11 e 18).
Maestral 7 : 106 mm
Maestral 4 : 76 mm
• Profili
P O S A D I R E T TA S U M U R ATA
sezione verticale I profili verticali di sostegno in lega di alluminio
Schema 3 AGS 6060 T5 di spessore 25/10 vengono forniti
sia per la parete piana, che per il supporto di
elementi d’angolo. (schema 19)
posa = 10 mm
giunto di

CAMPI D’IMPIEGO

Rivestimento ceramico che non richiede


200 o 300 o 410 mm

tasselli per fissaggio


della staffa alla
manutenzione.
struttura portante
2 fissaggi
Maestral fissato meccanicamente alla parete
portante per mezzo di un montante con sezione
staffa di fissaggio a T o Ω permette di realizzare una parete
al montante
posa = 10 mm

metallico verticale ventilata previa interposizione fra i montanti di


giunto di

montante verticale
con sezione a T
un pannello isolante non idrofilo.
Maestral può essere anche impiegato per
decorazioni o arredo d’interni.
Maestral 7 : 145 mm
Maestral 4 : 115 mm

P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA C O N I S O L A N T E
sezione verticale

Schema 4

edizione n.6 2005

90
distanziatore metallico
POSA IN OPERA

Si esegue il tracciamento di una griglia per il viti autofilettanti

Meastral 7 : 106 mm
inox 5,5 x 19

Maestral 4 : 76 mm
successivo posizionamento dei montanti
verticali (schemi 3 e 4).
La messa in opera delle strutture verticali di
sostegno e del loro fissaggio deve rispettare
le norme previste dal quaderno tecnico CSTB n. montante verticale

3194 del febbraio 2000. 30 mm


Sulle ali del montante a T o ⍀ della sottostruttura di produce anche un semi-montante
per la realizzazione di voltini
vengono fissate con viti autofilettanti i
P O S A D I R E T TA
graffaggi destri e sinistri per l’ancoraggio delle sezione orizzontale
lastre Maestral®. Schema 5
Il limite esterno del gambo della T o ⍀ deve
sporgere dal filo della facciata in cotto
tassello meccanico
(schemi 5 e 6 ) per fare da punto di ruscellamento
dell’acqua sulla facciata.
In alternativa, il montaggio su strutture in legno staffa di fissaggio
dotate di un profilo coprigiunto è possibile a con sistema
di regolazione
condizione di essere conforme al capitolato del lamina d'aria : 20 mm
CSTB n° 3316 del febbraio 2001 e successiva
viti autofilettanti
modifica n° 3422. inox 5,5 x 19

La scelta dei tasselli deve essere fatta secondo le montante in


G lega di alluminio
regole indicate dal quaderno tecnico CSTB n. 1661 graffagio
30 mm
edizione 211 del luglio/agosto 1980. G = 10 a 15 mm circa
La parete ventilata si formerà previa posa di un P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
sezione orizzontale
pannello di materiale isolante non idrofilo
tra i montanti con la creazione di una lama d’aria Schema 6
continua minima di 2 cm tra la faccia
posteriore del Maestral® e lo strato isolante.
Per consentire le sostituzioni di lastre Maestral® è
necessario lasciare un giunto verticale di 1,5 – 1 cm
tra l’asse centrale del montante e il cotto.
(schemi 5 e 6)

Liceo Bertholet, Annecy, Francia


Progetto : Wolff

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

91
MAESTRAL®

PUNTI SINGOLARI

• Dettagli della parte inferiore: parte iniziale


Nella parte inferiore è necessario iniziare con un
Maestral
profilo metallico a forma di squadra perforato,
fissato alla parete verticale al fine di proteggere i
montante
con sezione a T Maestral vari elementi costitutivi del rivestimento (isolante,
schiuma, ecc...) e consentire il deflusso dell'acqua
grazie a un'inclinazione della parte inferiore di
almeno il 3%. L'installazione delle lastre della prima
graffaggio basso
graffaggio basso fila viene realizzata mediante un graffaggio basso
iniziale (schemi 7, 8 e 18).
Maestral 7 : 145 mm
Maestral 7 : 106 mm
Maestral 4 : 76 mm Maestral 4 : 115 mm • Dettagli della parte superiore: parte finale
Nella parte superiore il rivestimento deve essere
protetto da una guarnizione di tenuta.
P O S A D I R E T TA P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
dettaglio della parte iniziale dettaglio della parte iniziale L'installazione dell'ultima fila di lastre di
Schema 7 Schema 8 rivestimento, intere (o tagliate), è realizzata con
graffaggi alti destra / sinistra (schemi 9, 10 e 18)

graffaggio alto graffaggio alto

Maestral
montante
con sezione a T Maestral

Maestral 7 : 106 mm Maestral 7 : 145 mm


Maestral 4 : 76 mm Maestral 4 : 115 mm

P O S A D I R E T TA P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
dettaglio della parte finale dettaglio della parte finale

Schema 9 Schema 10
© Mathieu Ducaroy

France Télécom, Marsiglia, Francia


Progetto : Michel Nizri

edizione n.6 2005

92
1,5

PUNTI SINGOLARI
13 14 1,5

• Angoli

55
Gli angoli convessi vengono realizzati con i seguen-

30
ti elementi: schiuma in polietilene
reticolato a cellule
> lastre d'angolo Maestral®; chiuse
> graffaggi d'angolo. (schemi 11, 12 e 13)

30
VISTA DI FRONTE VISTA DA SINISTRA
dimensioni in mm
GRAFFAGGIO DESTRO/SINISTRO INOX X5CRNI18-10 (1.4301) PER FISSAGGIO ANGOLO MAESTRAL®

S c h e m a 11

graffagio
corrente sinistro
20 mm
© Thierry Ravassod

graffaggio d'angolo
destro o sinistro

La Cité Internationale – Edificio “Arts et Serres”, Lione, Francia


Progetto : RPBW 20 mm
montante graffaggio
con sezione a T corrente destro

P O S A I N O P E R A D I R E C TA
sezione orizzontale sull’angolo Maestral®

Schema 12

staffa di fissaggio
con regolazione

graffagio
corrente sinistro
20 mm

graffaggio d'angolo
destro o sinistro

20 mm
montante con sezione a T graffaggio
corrente destro

Scuola professionale di Morsang s/Orge, Francia


P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
Progetto : Pierre Lombard sezione orizzontale sull’angolo Maestral®

Schema 13

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

93
MAESTRAL®

punto di fissaggio profilo in alluminio fissato punto di fissaggio


profilo in alluminio fissato sotto gli infissi
sotto gli infissi PUNTI SINGOLARI

2 fissaggi min. • Trattamento delle aperture


> Spigoli e architrave
Di norma, il trattamento delle giunzioni delle
lastre / telai è garantito da strutture metalliche
graffaggio alto graffaggio alto fissate sui montanti che ricoprono o sporgono
Maestral Maestral dal profilo delle lastre (schemi 16 e 17).
profilo BAR 30 profilo BAR 40 > Davanzali
I davanzali si possono risolvere con un sistema
metallico (schemi 14 e 15).
P O S A D I R E T TA P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
dettaglio di aperture: sezione della soglia dettaglio di aperture: sezione della soglia

Schema 14 Schema 15

telaio che si appoggia


sul profilato

supporto apertura

montante verticale

Maestral

graffaggio corrente destra da 10 a 15 mm maximum

P O S A D I R E T TA
dettaglio di aperture: sezione dello spigolo

Schema 16

squadra che assicura la tenuta telaio che si appoggia


della struttura metallica sul profilato

supporto apertura

montante verticale
© Kamel Khalfi

Maestral
graffaggio corrente destra da 10 a 15 mm maximum
Suite Hôtel, Porte de la Chapelle, Parigi, Francia
P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
dettaglio di aperture: sezione dello spigolo Progetto : Di Fiore

Schema 17

edizione n.6 2005

94
1/ graffaggio alto sinistro 2/ graffaggio alto destro 3/ graffagio corrente sinistro
2 fori Ø 6 26 2 fori Ø 6 26 2 fori Ø 6
PUNTI SINGOLARI

70

70

100
56
• Accessori vari (non forniti da Terreal) 65
56
65 56,5 26
65
> Profili metallici o in PVC per la realizzazione di
guarnizioni e finiture varie.
> Bulloni, viti e prodotti simili, tasselli di fissaggio. 4/ graffaggio corrente destro
2 fori Ø 6 5/ graffaggio basso destro o sinistro
> Isolante termico, mastice.
> Squadre di fissaggio.

44
100
> Montanti in legno o metallo 65
56,5 26
> Profilo coprigiunto 65

dimensioni in mm

GRAFFAGGIO DI FISSAGGIO MAESTRAL®

Schema 18

144
30 3 78 3 30 70
3
3 M04P1
16

16
M04P2
3
76

76
2 38 2

60
60

7 7

43
83
40 3
40 3 40 60 3 52
60 3 52

115

M04P4
115

M04P3

7
7

126 15.5 3 45 3 15.5


61.5 3 61.5
45
3 52

M04P6
3
108
115

M04P5
2
60

45˚
60

22
© Kamel Khalfi

7
37.5 37.5
45
39 3 42 3 39 82

Cassa di deposito e spedizioni, Quai d’Austerlitz, Parigi, Francia


Progetto : P. Virnot, B. Michel, Quatre Plus Architecture PROFILI MAESTRAL® 4

Schema 19

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

95
GUIDA ALLA POSA DELLO
MAESTRAL®

Con l'aiuto di un laser o di una livel- Segnare l’interasse dei profili in fun-
la, tracciare l'orizzontale che serve da zione del giunto verticale desiderato.
punto di riferimento iniziale per la La verticalità viene eventualmente
posa dei profili. Il punto di partenza è regolata per evitare la deformazione
determinato seguendo il piano di del profilo di sostegno.
tracciamento.

La sistemazione dei graffaggi di par- Sistemare i graffaggi correnti destra Fissare i graffaggi all'anima del pro-
tenza deve essere compiuta partendo e sinistra sul Maestral® e posizionare filo con le viti autofilettanti rispet-
dal punto inferiore del profilo loca- gli elementi sui graffaggi inferiori. tando l'interasse di posa (210 mm,
lizzato sul riferimento orizzontale (2 310 mm o 420 mm).
viti autofilettanti per graffaggio).

Ripetere l'operazione precedente fino Posizionare i graffaggi alti per l'ulti- Posizionare il Maestral® con il giunto
all'altezza desiderata: posizionare mo Maestral®. Spostare l'elemento di verticale desiderato.
quindi i graffaggi correnti sul lato per fissare il graffaggio visibile,
Maestral®, metterlo in posa sui graf- quindi eseguire la stessa operazione
faggi bassi e fissare un graffaggio per l'altro graffaggio alto.
dopo l'altro.

edizione n.6 2005

96
sostituzione di un elemento rotto.

Completare la rottura dello Spostare da un lato l'elemento supe- Posizionare i graffaggi correnti sul
Maestral® così da poter separare l'e- riore in modo da poter accedere alle Maestral® sostitutivo. Sistemare l'e-
lemento in due parti distinte. Non viti del graffaggio e poterlo smontare. lemento inserendo prima di tutto la
resta che far scorrere ogni parte fuori Effettuare la stessa operazione dall'al- parte superiore dello Maestral® fino
dal proprio sostegno (graffaggio). tro lato e recuperare i graffaggi. a contatto con l'elemento sovrastan-
Posizionare i graffaggi sul Maestral® te, quindi spingere verso il muro ed
sostitutivo. esercitare una pressione verso il
basso per completare il posiziona-
mento sul fondo del graffaggio.
Spostare l'elemento di lato per fissa-
re il graffaggio visibile, quindi ese-
guire la stessa operazione per il graf-
faggio del lato opposto.

La sostituzione è terminata.

metodi Profilati verticali Rivestimento specifico


trama T = larghezza L + (zinco, alluminio, telai di finestre, ecc.)
per rivestimento
giunto verticale Go ai bordi della superficie coperta
con o senza
isolamento larghezza L (rigetto d'acqua nella

di tracciamento
parte superiore)
Giunto verticale Gv

Grapa alta
izquierda derecha
Graffaggio
dell'angolo
ritagliato Interasse I
Giunto orizzontale Go
altezza H

= altezza
Graffaggio reale H +
d'angolo giunto
orizzontale
Go
Graffaggio corrente
sinistro destro Elementi ritagliati
unicamente nel senso
verticale (o orizzontalmente
Angoli con posa verticale)
convessi:
Maestral
d'angolo
Angoli
concavi:
Altezza
reale H

elementi
di giuntura
larghezza reale L
con taglio
dritto

Elemento in terracotta Rivestimento specifico


Graffaggio (zinco, alluminio, ecc.) Graffaggio inferiore (simmetrico)
Profilato in alluminio
dell'angolo ai bordi della superficie coperta:
Rivestimento specifico
ritagliato uso eventuale di anti-roditori standard

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

97
Cassa di deposito e spedizioni, Quai d’Austerlitz, Parigi, Francia
Progetto : P. Virnot, B. Michel, Quatre Plus Architecture - Prodotto : Maestral®

© Kamel Khalfi

facciate ventilate / guida tecnica


edizione n.6 2005

98
Laboratorio interregionale di Oullins, Francia
Progetto : Jacques Ferrier Architecte - Prodotto : Maestral® * posa non prevista nella certificazione CSTB Maestral

© Jacques Ferrier Architecte


© Daniel Osso

Edificio “l’Artois”, Magazzini Generali di Parigi, Francia www.terrealfacade.com

Progetto : Chaix et Morel Associés - Prodotto: Maestral®

99
Galleria d’Arte Oldham, Manchester, Inghilterra
Progetti : Pringle Richards Sharratt

Piterak® , è un vento che


si sviluppa sui fianchi della calotta
glaciale della Groelandia.

© Philip Aschwin

facciate ventilate / guida tecnica


edizione n.6 2005

100
PITERAK®

DESCRIZIONE Piterak® è un rivestimento a doppia pelle per parete ventilata di


spessore 4 cm. I giunti orizzontali sono sovrapposti per una
Sistema di rivestimento di grandi dimensioni per migliore tenuta all’acqua. Il risultato finale di una facciata in
parete ventilata, a fissaggio meccanico mediante Piterak® è diversa da quella in Maestral® per la differente geo-
graffaggi in acciaio inox X5CrNi18-10 (1.4301) metria e per il tipo di giunti.
come segue: Si produce in tre tessiture e sei colori ad impasto.
• Posa diretta (rivestimento senza isolamento)
Fissaggio diretto come rivestimento su
muratura o su struttura in calcestruzzo per
mezzo di un montante speciale. (schemi 3 e 5)
• Posa a fissaggio indiretto (con isolante)
Fissaggio indiretto previa posa di una
sottostruttura e interposizione di un pannello
isolante non idrofilo. (schemi 4 e 6)
Riferimento: Certificazione CSTB N. 2/04-1071

PROPRIETÀ

• Piterak®
Gli elementi Piterak® corrispondono alle norme
NF P 13.304 e EN ISO 539.2 – Metodo C
Il prodotto, ingelivo, ha un buon comportamento
agli urti sia di corpo duro che di corpo molle,
secondo le norme AFNOR P 08301 e P 08302.
Il sistema di parete ventilata realizzato con lastre
Piterak® permette la sostituzione di un
qualsiasi pezzo sulla facciata senza alcuna
difficoltà.
Il comportamento al vento in pressione e
depressione, con valori maggiori di 1600 Pascal,
permette di utilizzare il prodotto anche per edifici Schema 1
di notevole altezza. NÚMERO DI GRAFFAGGI

Il Piterak® Terreal risponde positivamente alle Dimensioni in Peso del Peso al Interasse di Graffaggio corren- Graffaggi
te destra (id. alti
Prodotto (mm) Codice Quantità prodotto mq posa codice
seguenti prove: (A x L x Sp) (kg) (kg) (mm) Sinistra) codice P9902
P9901
> dilatazione all’umidità (NF P 13.304) 200 x 1530
Piterak 20* 217 x 1520 x 40 PIT01 3,3/m2 16,7 55 3,3/m2 1,3/ml
> assorbimento d’acqua (NF P 13.304) a 1540
> caratteristiche di aspetto e dimensioni (secondo 250 x 1530
Piterak 25* 267 x 1520 x 40 PIT02 2,6/m2 21,2 55 2,6/m2 1,3/ml
a 1540
le prescrizioni specifiche Terreal del 06/12/99) Piterak 20 200 x 1530
217 x 1520 x 40 PIT11 3,3/m2 16,5 54 3,3/m2 1,3/ml
> resistenza alle efflorescenze (NF P 13.304) angolo destro a 1540
> resistenza agli urti (NF P 13.304) Piterak 20 200 x 1530
angolo sinistro 217 x 1520 x 40 PIT12 3,3/m2 16,5 54 3,3/m2 1,3/ml
a 1540
> resistenza al gelo (EN ISO 539.2 – Metodo C) Piterak 25 250 x 1530
angolo destro 267 x 1520 x 40 PIT13 2,6/m2 21 54 2,6/m2 1,3/ml
a 1540
Piterak 25 250 x 1530
angolo sinistro 267 x 1520 x 40 PIT14 2,6/m2 21 54 2,6/m2 1,3/ml
a 1540
Profilo standard 146 x 3000 x 46 PIT30 0,65ml/m2 6,1 1,46 1530 a 1540 - -

Profilo d’angolo 69 x 3000 x 69 PIT40 0,33ml/m2 6,6 2,2 1530 a 1540 - -

A = altezza Sp = spessore L = lunghezza www.terrealfacade.com


Tempo di posa: 20 minuti al mq (facciata piana).
La quantità indicate in tabella si riferiscono ad un giunto orizzontale di 1,2 cm
e di un giunto verticale di 1 cm.
Valori analoghi per qualsiasi tipo di finitura.

* 1520 mm è la lunghezza massina del prodotto.


Per altre lunghezze vi preghiamo di contattarci 101
PITERAK®
Piterak 20 Piterak 25

• Graffaggi
I graffaggi sono realizzati in acciaio inox
X5CrNi18-10 e sono inalterabili nel tempo
(schema 18).
• Profili
217
188

I profili verticali in lega di alluminio costituiscono

267
238

i supporti sui quali fissare, con opportuni


graffaggi le lastre Piterak®, e inoltre permettono
di completare la tenuta all’acqua della facciata
con la loro sezione che asseconda il
40
ruscellamento.
40
Sono realizzati in lega 6060 R20 e sono di due
tipi: (schema 19)
dimensioni in mm
> profilo standard
P I T E R A K ® C A R AT T E R I S T I C H E
> profilo d’angolo
Schema 2

CAMPI D’IMPIEGO
Piterak 2 fissaggi min

tassello È un rivestimento ceramico che non richiede


manutenzione.
interasse 200 mm
o 250 mm

giunto 10-14 mm
staffa di fissaggio Il sistema a parete ventilata assicura una buona
tenuta all’acqua, pur essendo permeabile all’aria
profilo verticale (autoventilazione attraverso i giunti).
graffaggio standard Fissato meccanicamente ad un profilo speciale di
interasse 200 mm

sezione a U si possono realizzare sia


o 250 mm

rivestimenti ad applicazione diretta che sistemi a


viti autofilettanti
5,5 x 22 parete ventilata.
Piterak® è anche molto usato per il rivestimento
di interni e decorazioni.
P O S A D I R E T TA S U M U R AT U R A
sezione verticale

Schema 3

Piterak 2 fissaggi min

tassello
interasse 200 mm

giunto 10-14 mm
o 250 mm

staffa di fissaggio

profilo verticale
graffaggio standard
interasse 200 mm
o 250 mm

viti autofilettanti
5,5 x 22

P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA C O N I S O L A N T E
sezione verticale

Schema 4

edizione n.6 2005

102
POSA IN OPERA

La posa della sottostruttura deve rispettare le


regole CSTB n. 3194 del febbraio 2000.
Previo tracciamento della posizione dei montanti
verticali (schemi 3, 4, 5 e 6) si fissano alla
struttura portante le staffe con regolazione
verticale, mediante tasselli ad espansione
meccanica o di tipo chimico, ove necessario.
(conformemente alle prescrizioni CSTB n.1661) 91 mm

Successivamente si procede alla posa delle lastre


Piterak® mediante i graffaggi fissati alle ali
montanti con viti autofilettanti inox 18/8 delle 10 a 20 mm
dimensioni di 5,5 x 22. I graffaggi sono staffa di graffaggio tassello
distanziati tra loro di 20 o 25 cm. fissaggio profilo standard
verticale
Per la costruzione della parete ventilata si P O S A D I R E T TA S U M U R AT U R A
procede, prima della posa delle lastre, alla posa di sezione orrizontale

un pannello isolante non idrofilo posto tra i Schema 5


montanti e si lascia una lama d’aria minima di
2 cm per permettere la ventilazione.

I giunti orizzontali vanno da 10 a 14 mm in


funzione della distanza dei graffaggi
predeterminata.
Il giunto verticale può essere di 10 mm o 20 mm
se montato senza profilo e di 20 o 40 mm se
montato con il profilo verticale. (schemi 5 e 6).
91 mm

10 a 20 mm

staffa di profilo graffaggio tassello


fissaggio verticale standard

P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA C O N I S O L A N T E
sezione orrizontale

Schema 6

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

103
PITERAK®

PUNTI SINGOLARI

• Dettagli della parte inferiore: parte iniziale


Nella parte inferiore è necessario iniziare con un
profilato metallico a forma di squadra fissato alla
parete verticale al fine di proteggere i vari elementi
giunto giunto
costitutivi del rivestimento e consentire il deflusso

interasse 200 mm
10-14 mm 10-14 mm

o 250 mm
staffa staffa
dell'acqua, grazie a un'inclinazione della parte
di fissaggio di fissaggio inferiore di almeno il 3%. L'aggraffatura dei
tassello tassello Piterak® della prima fila si effettua utilizzando dei
profilo profilo graffaggi correnti. (schemi 7 e 8)
verticale verticale
graffaggio graffaggio • Dettagli della parte superiore: parte finale
standard standard
Nella parte superiore il Piterak® deve essere
protetto da una guarnizione di tenuta per la
copertura.
L'aggraffatura dell'ultima fila di Piterak® è
P O S A D I R E T TA P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
dettaglio della parte iniziale dettaglio della parte iniziale realizzata con graffaggio alto. (schemi 9 e 10)
Schema 7 Schema 8

graffaggio alto graffaggio


interasse 168 mm

alto
o 218 mm

staffa
di fissaggio staffa
di fissaggio
tassello
tassello
graffaggio
standard graffaggio
standard
giunto 10-14 mm giunto 10-14 mm
profilo profilo
verticale verticale
91 mm
91 mm

P O S A D I R E T TA P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
dettaglio della parte finale dettaglio della parte finale

Schema 9 Schema 10

Uffici Schipol, Amsterdam, Olanda

edizione n.6 2005

104
angolo Piterak destro 20 o 25

PUNTI SINGOLARI

40
• Angoli
Gli angoli convessi sono realizzati in stabilimento 1520
con taglio a 45° (si realizzano angoli destri e sinistri)
angolo Piterak sinistro 20 o 25
(schemi 11, 12 e 13).

40
1520

PA R T I C O L A R E D E L L’A N G O L O P I T E R A K ®

S c h e m a 11

staffa di fissaggio

Piterak ad angolo destro


20 o 25

profilo verticale
d'angolo
© Gérard Pétremand

giunto da
8 a 10 mm

Piterak ad angolo sinistro 20 o 25 tassello

Parcheggio di Genève/Plage, Svizzera P O S A D I R E T TA


Progetto : Cabinet Ortis Pa r t i c o l a r e d e l l ’ a n g o l o

Schema 12

staffa di fissaggio

Piterak ad angolo destro


20 o 25

profilo verticale
© Kamel Khalfi

d'angolo

giunto da
8 a 10 mm
Parc des Portes de Paris (Ed. 264),
tassello
Magazzini Generali di Parigi, Francia Piterak ad angolo sinistro 20 o 25
Progetti : Thurnauer et Aygalinc P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
Pa r t i c o l a r e d e l l ’ a n g o l o

Schema 13

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

105
PITERAK®

punto
punto di fissaggio PUNTI SINGOLARI
di fissaggio
guarnizione guarnizione
in alluminio in alluminio • Trattamento delle aperture
graffaggio alto graffaggio alto > Spigoli e architrave
interasse 168 mm

interasse 168 mm
o 215 mm

Di norma, il trattamento delle giunzioni delle

o 215 mm
squadra squadra
di fissaggio di fissaggio lastre / telai è garantito da strutture metalliche
tassello tassello fissate sui montanti che ricoprono o sporgono
graffaggio graffaggio dal profilo delle lastre. (schemi 16 e 17).
standard standard
giunto giunto
> Davanzali
10-14 mm 10-14 mm
profilo
I davanzali si possono risolvere con un sistema
profilo
verticale verticale metallico (schemi 14 e 15).
91 mm 91 mm

P O S A D I R E T TA P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
dettaglio di aperture: sezione della soglia dettaglio di aperture

Schema 14 Schema 15

tassello
telaio

tassello

staffa di fissaggio
40 mm max.

10 a 20 mm
Piterak 20 o 25 profilo standard graffaggio standard

supporto apertura
P O S A D I R E T TA
dettaglio di aperture: sezione dello spigolo

Schema 16

tassello
telaio

tassello
© Philip Aschwin

staffa di fissaggio
40 mm max.

10 a 20 mm
Galleria d’Arte Oldham, Manchester, Inghilterra
Piterak 20 o 25 profilo standard graffaggio standard
Progetti : Pringle Richards Sharratt
supporto apertura
P O S A D I PA R E T E V E N T I L ATA
dettaglio di aperture: sezione dello spigolo

Schema 17

edizione n.6 2005

106
PUNTI SINGOLARI GRAFFAGGIO STANDARD GRAFFAGGIO ALTO

• Accessori vari (non forniti da Terreal)


> Profili metallici o in PVC per la realizzazione di
guarnizioni e finiture varie.
> Bulloni, viti e prodotti simili, tasselli di fissaggio.
> Isolante termico, mastice.
> Squadre di fissaggio.

GRAFFAGGIO DI FISSAGGIO PITERAK®

Schema 18

PROFILO D'ANGOLO

PROFILO STANDARD
40

49
146 69

dimensioni in mm

PROFILI PITERAK®

Schema 19

© Gérard Pétremand

Parcheggio di Genève/Plage, Svizzera


Progetto : Cabinet Ortis

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

107
GUIDA ALLA POSA DELLO
PITERAK®

Con l'aiuto di un laser o di una livel- Segnare l’interasse dei profili in fun- Sistemare i profili alle estremità e
la, tracciare l'orizzontale che serve da zione del giunto verticale desiderato. regolare la verticalità.
punto di riferimento iniziale per la Servirsi quindi delle squadre per rea-
posa dei profili. Il punto di partenza è lizzare la perforazione e il successivo
determinato seguendo il piano di posizionamento dei tasselli. Le squa-
tracciamento. dre devono essere disposte a quin-
conce seguendo il tracciato del profi-
lo (calcolare l’interasse).

Regolare la verticalità dei profili Il posizionamento dei graffaggi di par- Una tracciatura dei profili ogni 10
intermedi. tenza deve essere compiuto partendo mm semplifica la messa in opera e
dal punto inferiore del profilo posizio- conserva l'omogeneità dei giunti
nato sul riferimento orizzontale (2 viti orizzontali.
autofilettanti per graffaggio).

Sistemare gli elementi. Fissare la parte superiore dell'ele- Il muro è terminato.


mento con il graffaggio alto per
mezzo di 2 viti autofilettanti.

edizione n.6 2005

108
sostituzione di un elemento rotto.

Completare la rottura dello Piterak® Controllare gli elementi inferiori e Controllare che la tracciatura sia cor-
così da poter separare l'elemento in superiori per accertarne lo stato. retta. Il taglio dell'elemento è neces-
due parti distinte. Non resta che far Individuare l'ubicazione dei graffaggi sario per riuscire a innestare la zona
scorrere ogni parte fuori dal proprio sui Piterak® posati. Quest'operazione tagliata dello Piterak® nel graffaggio
sostegno (graffaggio). permetterà di tracciare la zona di alto.
taglio sull'elemento sostitutivo. Eseguire l'operazione su ogni lato
dello Piterak.

Il graffaggio alto sostituisce il graf- Sistemare l'elemento sostitutivo inse- verso il muro ed esercitare una pres-
faggio corrente. Posizionare il graf- rendo prima di tutto la parte superiore sione verso il basso per completare il
faggio alto seguendo il riferimento dello Piterak® fino al contatto con l'e- posizionamento sul fondo dei graf-
tracciato in precedenza oppure con- lemento sovrastante, quindi spingere faggi.
servare lo stesso gioco di posa misu-
rato con l'ausilio di uno spessore
posto sotto al graffaggio attuale.
trama T = larghezza L +
Rivestimento specifico

metodi
giunto verticale Go
(zinco, alluminio, telai di finestre, ecc.)
larghezza L ai bordi della superficie coperta
Giunto verticale Gv (rigetto d'acqua nella
parte superiore)

di tracciamento Graffaggio alto


Limite verticale
della superficie coperta:
profilato corrente
(o d'angolo) sfalsato

Interasse I
altezza H

= altezza
Giunto orizzontale Jh

reale H +
giunto
orizzontale
Go
Graffaggio corrente Prodotti
Angoli convessi: ritagliati
Piterak dell'angolo unicamente
di giuntura, nel senso orizzontale
sul
profilato d'angolo
Angoli
concavi:
Elemento in terracotta
elementi di
Profilato portante Rivestimento specifico
giuntura
Altezza
reale H

in alluminio (zinco, alluminio, ecc.)


con taglio dritto
Rivestimento specifico ai bordi della superficie coperta:
larghezza reale L
uso eventuale di
anti-roditori standard

Parte inferiore: graffaggio corrente


mascherato dall'elemento

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

109
Uffici Schipol, Amsterdam, Olanda
Prodotto : Piterak®

facciate ventilate / guida tecnica


edizione n.6 2005

110
Parc des Portes de Paris (Ed. 264),
Magazzini Generali di Parigi, Francia
Progetti : Thurnauer et Aygalinc - Prodotto : Piterak®

© Kamel Khalfi

www.terrealfacade.com

111
LINEA FRANGISOLE®

Terreal propone una gamma di frangisole molto interessante per formati e CARATTERISTICHE TECNICHE
dimensioni. Si articola su 4 formati dal piccolo Autan® al grande Shamal®. Y POSA IN OPERA
Che siano destinati alla decorazione o alla protezione solare i quattro modelli di
frangisole Terreal aprono delle prospettive d’impiego innovative. • Autan®
Di forma quadrata e di piccole dimensione è il
prodotto più economico della gamma.
AUTAN®
Viene utilizzato per le nuove costruzioni o nella
Autan®, è l’insieme dei venti marini che spirano da ristrutturazione e può essere posato anche per
sud-est nel bacino del mediterraneo. L’autan bianco è sola decorazione.
il vento caldo e secco che proviene dal massiccio cen- Viene fornito in due finiture e in cinque colori ad
trale e contrasta gli effetti della frescura marina. impasto.

Harmattan®, aliseo del nord-est secco e carico di sab- • Harmattan®


HARMATTAN®
bia proviene dal Sahara, soffia da dicembre a febbraio Di forma ovale e di piccole dimensioni viene
lungo la costa dell’Africa Occidentale. utilizzato per le nuove costruzioni e per
ristrutturazioni. Utilizzato come frangisole o
decorazione viene prodotto in due finiture e
cinque colori ad impasto.
ZONDA® Zonda®, è un vento che nasce sulle Ande tra l’Argentina
e l’Uruguay. • Zonda®
Di forma rettangolare si ispira ad un mattone
forato; di dimensioni superiori a quelle dei
precedenti, permette una lettura differente della
facciata. Viene prodotto in due finiture e in
Le caratteristiche fisco-chimiche dei frangisole Autan®, Harmattan® e Zonda® cinque colori ad impasto.
sono conformi alle norme NF P 13.304 per aspetto, resistenza al gelo, dimen-
sioni ed efflorescenza superficiale. • Shamal®
Lo Shamal® è un frangisole di grande lunghezza
con la forma di un’ala di aereo. Permette una
SHAMAL® 14
Shamal®, è un vento dell’Irak e del Golfo effettiva protezione solare e un buon isolamento
Persico che spira più forte nei pomeriggi termico dell’edificio. Ingelivo, lo Shamal rispetta
estivi rispetto al mattino. le norme NF P 13.304 e EN ISO 539.2 Metodo C.
È assente nelle altre stagioni dell’anno. Shamal® è proposto con un sistema di fissaggio
anticorrosione e presenta due superfici: liscia o
SHAMAL® 20
sabbiata e sei colori: rosso arancio, rosa,
champagne, grigio perla, bruno cioccolato ed
ebano.
Il sistema di posa permette la sostituzione del
singolo pezzo.
Dimensioni in mm Misure interne Peso del Peso Interasse
Prodotto A x L x Sp delle forature (mm) Codice Quantità prodotto al ml di posa
(kg) (kg) (mm) In occasione del salone Batimat del 2003, lo
Autan 53 x 280 x 50 23 x 23 AUT01 3,6/ml 1,2 4,3 - Shamal® ha vinto il Trofeo del Design.
Harmattan 30 x 300 x 41 x 86 23 x 23 HAR01 3,3/ml 1,42 4,7 -
Zonda 60 x 330 x 150 - ZON01 3,0/ml 4 12,0 -
46 x 840 x 140 28 x 24 et r = 12 SHA01 1,2/ml 6,0 7,2 900
Shamal 14
46 x 1290 x 140 28 x 24 et r = 12 SHA02 0,78/ml 9,2 7,2 1350
46 x 840 x 200 28 x 24 et r = 12 SHA03 1,2/ml 8,4 10,1 900
Shamal 20
46 x 1290 x 200 28 x 24 et r = 12 SHA04 0,78/ml 12,9 10,1 1350

A = altezza L = lunghezza Sp = spessore Larg = larghezza


* Per altre lunghezze vi preghiamo di contattarci

edizione n.6 2005

112
POSA IN OPERA DEI FRANGISOLE
AUTAN®, HARMATTAN® E ZONDA® AUTAN®
In un primo momento, gli elementi sono inseriti
in un tubo di metallo, con interposizione di
interfacce neoprene o stabilizzazione con
applicazione di mastice tipo Sikaflex pro 11 FC.
Successivamente, l'insieme è fissato su una
struttura verticale per mezzo di accessori di
fissaggio, o per mezzo di un sistema a
cremagliera.

I tubi accessori e la struttura devono essere


dimensionati in funzione dei carichi che devono
sopportare.
HARMATTAN®
Terreal non commercializza nessun tipo di
struttura standard.
© Khors et Ordonneaud

ZONDA®

Uffici Labège, Francia (Autan®)


Progetti : Khorsi et Ordonneaud

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

113
Edificio per la Transpac, Rennes, Francia (Autan®) Scuola doganale di Tourcoing, Francia (Harmattan®)
Progetto : Phiquepal d’Arusmont Progetto : Architecture Studio
© Arch. Piquepal d’Arusmont

© Kamel Khalfi
© Michel Dulherm

© Thierry Ravassod

Uffici, aeroporto di Tolosa-Blagnac, Francia (Zonda®) La Cité Internationale, Lione, Francia (Harmattan®)
Progetti : Cardete Huet Architectes Progetto : RPBW

edizione n.6 2005

114
SHAMAL®

POSA IN OPERA
SHAMAL® 14
Il sistema Shamal® si compone di un kit di fissaggio
e di montanti di supporto (sistema brevettato).
Il kit Shamal è costituito da:
> una lamella di terracotta di forma ovoidale con 4
superfici lisce. Sono proposti 2 formati (20 e 14 cm SHAMAL® 20
di larghezza), disponibili nei 6 colori della gamma
(rosso-arancio, champagne, rosa, marrone ciocco-
lato, ebano, grigio), con superficie liscia o sabbiata.
> un'armatura metallica che assicura la coesione del
kit, un dispositivo di trattenimento in caso di rot-
tura accidentale che consente di fissarla a una SHAMAL terracotta
struttura portante. L'armatura comprende le plati-
ne di fissaggio, le aste metalliche, le interfacce neo- > Shamal® 14
prene, i giunti di dilatazione e i dadi di serraggio. Design: il design del prodotto è protetto da un modello.
Lunghezza massima: 1290 mm (trama da 1.350 mm).
Il kit è pre-assemblato in fabbrica. Massa: 7 kg/ml.
Questo kit può essere messo in opera con diversi Colori: rosso-arancio, champagne, rosa, grigio perla, bruno cioccolato, ebano.
angoli di inclinazione ma rimane fisso dopo il mon- Superficie: liscia, sabbiata.
taggio (innesto sui montanti profili per mezzo di
almeno una vite autofilettante in acciaio inossidabi- > Shamal® 20
le su ognuna delle platine di fissaggio). Design: il design del prodotto è protetto da un modello.
Lunghezza massima: 1290 mm (trama da 1.350 mm).
KIT DI FISSAGGIO Massa: 10 kg/ml.
(Vedere lo schema 1 - kit di fissaggio) Colori: rosso-arancio, champagne, rosa, grigio perla, bruno cioccolato, ebano.
Le aste metalliche permettono di trattenere la ter- Superficie: liscia, sabbiata.
racotta in caso di rottura accidentale (caduta di
oggetti o di persone, atti di vandalismo, ecc.).

Le platine di fissaggio sono munite di una dentel-


Aste M8 inox A2
latura che consente di semplificare l'orientamento
delle lamelle di terracotta al momento della messa Interfacce neoprene
in opera. Sono possibili 4 orientamenti: 0°, 30°, 45°,
Platine di fissaggio
60°. in lega di alluminio
AS13
Anche le platine sono pre-forate. Questi fori per-
mettono di accogliere le viti di fissaggio. Giunto
di dilatazione

Dadi di serraggio in lega di alluminio


Taraudage M6 e foro esagonale di 5
K I T D I F I S S A G G I O S H A M A L E C A M P I O N E D I P R E S E N TA Z I O N E

Schema 1

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

115
SHAMAL®

MONTANTI DI SUPPORTO
(Vedere lo schema 2 - profilato)
I kit Shamal possono essere fissati su montanti in
lega di alluminio. Terreal propone un profilato di
supporto abbinato ad una maschera. Questi due
profili hanno una lunghezza di 2.995 mm.
Il profilato di supporto è munito di fori ogni 300
mm (10 fori/barra) o 200 mm (15 fori/barra),
che permettono di accogliere le platine dei kit
Shamal.

FISSAGGIO E VITI
(Vedere lo schema 3 - fissaggio)
Una volta inserito nei fori dei montanti di suppor-
to, il kit è orientato e quindi fissato al supporto per
P R O F I L ATO
mezzo di viti autofilettanti in acciaio inossidabile
Schema 2
(SFC Intec SN5/9-S-7504K – 5,5 x 19 o 22 mm TH8
o simili).
L'aggiunta della maschera profilata permette di
nascondere sia le viti, sia la parte posteriore della
platina di fissaggio.

Viti di fissaggio e visualizzazione del sistema dopo


il montaggio di SHAMAL 20 champagne.
Distanziamento dei frangisole 200 mm (cantiere
Castelnaudary, 08/04), trama da 115 cm.
(Vedere lo schema 4)

FISSAGGIO

Schema 3

CANTIERE DEI TEST A CASTELNAUDARY

Schema 4

edizione n.6 2005

116
TEST DELLE PRESTAZIONI
(CSTB NANTES maggio 2004)
I frangisole sono elementi di facciata singoli. Questi
prodotti possono infatti essere disposti in diverse
posizioni rispetto a un edificio (sfalsati rispetto alla
facciata, davanti a una vetrata, in un angolo, sulla
terrazza, ecc.).
Inoltre, i frangisole offrono una certa porosità all'a-
zione del vento, fattore che può provocare feno-
meni di turbolenza.
Al fine di valutare gli effetti del vento sul sistema
shamal, nel maggio 2004 è stata realizzata una
serie di test presso la galleria del vento Jules Verne
del CSTB di Nantes. Questi test sono stati realizza-
ti su un modello in scala 1.
La galleria del vento del CSTB è in grado di simula-
re venti di velocità variabile da 0 a 250 km/h (ciclo-
ne).
I risultati sperimentali mostrano che il sistema
SHAMAL resiste a venti con forza pari a 244 km/h
senza subire danni particolari, nelle condizioni più
sfavorevoli (senza muri o facciate dietro al frangi- MODELLO PER IL TEST
sole). (Vedere lo schema 5 – modello per il test). Schema 5

In occasione di questi test sono stati anche verifi-


cati il comportamento aereo-acustico del sistema
e la tenuta in caso di grandine.
Le misurazioni acustiche hanno mostrato che l'ef-
fetto del vento sul sistema SHAMAL non genera
rumore nella gamma di venti quotidiani (50km/h).
Il sistema SHAMAL non ha subito danni dopo un
rovescio di grandine violenta (caduta di pezzi di
ghiaccio spinti a una velocità di 65 km/h per una
durata di 7 minuti).
I risultati completi sono menzionati in un rapporto
del CSTB di NANTES (EN-CAPE 04-078 C - V0) e
possono essere consultati su richiesta a Terreal.

Riproduzione realistica di una facciata in frangisole Shamal®


(immagine di sintesi)

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

117
Uffici, aeroporto di Tolosa-Blagnac, Francia
Progetti : Cardete Huet Architectes – Prodotto : Zonda® rosso

edizione n.6 2005

118
© Michel Dulherm

> Soluzioni per facciate in terracotta www.terrealfacade.com

119