Sei sulla pagina 1di 170

Indice generale

INTRODUZIONE.......................................................................................................................5
PARTE 1: ELEMENTI BASE .............................................................................................................7
REGOLE GENERALI:...............................................................................................................9
SCRITTURA E PRONUNCIA:................................................................................................11
NOMI, PRONOMI, PARTICELLE E ARTICOLAZIONI.......................................................12
PRONOMI PERSONALI E PARTICELLE PRONOMINALI.......................................12
PRONOMI E AGGETTIVI POSSESSIVI......................................................................17
CONGIUNZIONI E ARTICOLAZIONI DI FRASI.......................................................19
INDICATIVI E INDEFINITI..........................................................................................19
RELATIVI:......................................................................................................................19
INCLUSIVI, ESCLUSIVI E COMPARATIVI:..............................................................20
CAUSATIVI:...................................................................................................................20
VERBI AUSILIARI..................................................................................................................23
VERBO AVERE INFINITO (A AVEA).......................................................................23
VERBO AVERE PASSATO.........................................................................................23
VERBO AVERE FUTURO..........................................................................................23
VERBO ESSERE INFINITO (A FI)............................................................................24
VERBO ESSERE PASSATO.......................................................................................24
VERBO ESSERE FUTURO........................................................................................24
FORMAZIONE DELLE PERSONE........................................................................................25
ALTRI VERBI IMPORTANTI.................................................................................................30
FRASARIO ELEMENTARE....................................................................................................34
SALUTI E CONVENEVOLI:.........................................................................................34
PRESENTAZIONI:.........................................................................................................35
INDENTIFICARE E DESCRIVERE:.............................................................................35
PARTE 2: IMPARIAMO AD ESPRIMERCI ....................................................................................37
INTERAZIONI: LA FORMA CONGIUNTIVA......................................................................39
ESPRIMERE DOVERE, VOLERE, POTERE...............................................................39
ESPRIMERE NECESSITA'............................................................................................40
VOLERE, DESIDERARE E AVER VOGLIA................................................................41
NUMERI ORDINALI E CARDINALI ...................................................................................42
NUMERI CARDINALI:.................................................................................................42
NUMERI ORDINALI:....................................................................................................43
FRAZIONARI, DECIMALI E DISTRIBUTIVI:...........................................................45
GEOGRAFIA E RIFERIMENTI IN SPAZI E AMBIENTI:....................................................45
POSIZIONI:.....................................................................................................................45
AGGETTIVI E PRONOMI DIMOSTRATIVI:..............................................................47
INDICAZIONI TEMPORALI..................................................................................................49
INDICAZIONI DI FREQUENZA:.................................................................................51
ORARI GIORNI MESI STAGIONI CLIMA...........................................................................53
ORARI ............................................................................................................................53
GIORNI ..........................................................................................................................53
MESI ...............................................................................................................................54
STAGIONI.......................................................................................................................54
CLIMA............................................................................................................................54

1
COLORI E QUALITA' DI OGGETTI......................................................................................55
CARATTERISTICHE DEGLI OGGETTI:.....................................................................56
PARTE 3: ELEMENTI AVANZATI...................................................................................................57
ELEMENTI AVANZATI DI GRAMMATICA.........................................................................59
IL DATIVO......................................................................................................................60
IL GENITIVO..................................................................................................................67
PARLARE PER RIFERIMENTI.....................................................................................71
LA FORMA RIFLESSIVA..............................................................................................74
CARATTERIZZAZIONE DEL COMPLEMENTO OGGETTO CON PE.................75
PRONOMI, COMPLEMENTO DI TERMINE E COMPLEMENTO OGGETTO........78
PARLARE AL CONDIZIONALE..................................................................................85
COINVOLGERE ALTRE PERSONE NEL DISCORSO...............................................86
COSTRUIAMO FRASI COMPLESSE..........................................................................88
PARTE 4: IL MONDO INTORNO....................................................................................................94
LA CASA APPARTAMENTO (casa - locuina)....................................................................98
IL SALOTTO (camera de zi).........................................................................................100
ALTRI OGGETTI DA SALOTTO................................................................................101
LA CAMERA DA LETTO (dormitorul).......................................................................102
IN CUCINA LA TAVOLA (buctrie - masa)............................................................104
ALTRI ARTICOLI DA CUCINA / SALA DA PRANZO.............................................105
DENTRO IL FRIGO.....................................................................................................105
TIPI DI FRUTTA:.........................................................................................................105
IL BAGNO (baia).........................................................................................................106
ALTRI ARTICOLI DA BAGNO:..................................................................................107
ALL' APERTO...............................................................................................................108
LE PULIZIE DI CASA.................................................................................................109
AL LAVORO (la munc)........................................................................................................110
UFFICIO (birou):...........................................................................................................112
ALTRI OGGETTI D' UFFICIO.....................................................................................113
USCIRE LA SERA IN CITTA' (S iei seara in ora)...........................................................114
AL CINEMA (la cinematograf).....................................................................................116
ALTRI TERMINI DA CINEMA ..................................................................................117
IN DISCOTECA (la discotec)......................................................................................118
ALTRI TERMINI DA DISCOTECA:...........................................................................119
AL RISTORANTE (la restaurant).................................................................................120
ALTRI TERMINI DA RISTORANTE:.........................................................................121
FARE COMPERE (A face cumprturi).................................................................................122
AL CENTRO COMMERCIALE (La un magazin).......................................................124
AL MARKET (La un market).......................................................................................126
ALTRI ALIMENTI:.......................................................................................................127
PARTE 5: APPROFONDIMENTI...................................................................................................128
PARTE 6: IL ROMENO VERO.......................................................................................................138
LE CANZONI.........................................................................................................................142
TESTI VARI UNELE TEXTE.............................................................................................162
BARZELLETE BANCURI.................................................................................................167
COMUNICARE IN ROMENO: Mandare una email.............................................................169
Frasi introduttive ...........................................................................................................169
Corpo del testo...............................................................................................................170
2
Saluti e chiusure.............................................................................................................171
COMUNICARE IN ROMENO: Chattare e mandare SMS....................................................173
Messaggi e frasi veloci da chat e SMS..........................................................................173

3
4
INTRODUZIONE

Viviamo in una societ di scambio culturale, ove le


frontiere sono aperte e i popoli si muovono, portando di
Paese in Paese bagagli culturali che rappresentano un
arrichimento. L' apprendimento delle lingue sempre stato
una questione di cultura personale, ma anche, spesso, di
crescita professionale. Nella societ moderna dunque imparare
le lingue quanto mai importante per via delle possibilit
che queste possono offrire sia nella vita di tutti i giorni
sia nel campo lavorativo. In Italia attualmente la comunit
romena la pi numerosa in assoluto tra quelle estere, e va
sempre espandendosi e radicandosi, interagendo e integrandosi
nel nostro Paese in maniera uniforme. Credo di non peccare di
imprudenza o distacco dalla realt nell' ipotizzare che tra
qualche anno (forse cinque, forse dieci), lo stato italiano
dovr valutare seriamente l' idea di insegnare il romeno
nelle scuole, perch se vero che i figli dei romeni
immigrati in Italia saranno 'romeni italiani' che cresceranno
parlando la lingua italiana, altrettanto vero che gli
italiani sentiranno maggiore bisogno di interagire con i
romeni che condivideranno il paese con loro. Di fatto, in
Italia esistono gi numerose facolt universitarie in cui
possibile apprendere la lingua romena, e a Roma presente
addirittura una sede dell' Accademia di Romania.

In questa ottica e per questo motivo nasce questo piccolo


ed umile manuale dedicato agli appassionati o a chi volesse
anche solo per curiosit personale apprendere la lingua
romena, un manuale che non pretende assolutamente di essere
un libro di testo per le scuole, n una grammatica romena
vera e propria, ma semplicemente una 'bella copia' degli
appunti e del diario di apprendimento di un italiano che ha
voluto imparare la lingua romena. Il manuale perci

5
articolato secondo un criterio completamente diverso da
quello classico utilizzato nei libri scolastici: d poco
risalto alle noiose regole grammaticali e in generale alla
forma, per concentrarsi su tutti quegli aspetti utili a
mettere il lettore in condizione di esprimersi da subito con
un interlocutore romeno. Il manuale utilizza pi la nozione
di Concetto che quella di Regola, mettendo il lettore in
condizioni di CAPIRE, e non solo IMPARARE.

Tutto il manuale infatti orientato verso una filosofia


che si pu riassumere nella frase: Comunicare subito,
perci da subito imparerete le persone, i verbi essenziali,
frasi immediate e pratiche utilizzate VERAMENTE nella vita
reale, nonch avverbi e congiunzioni essenziali per creare
frasi via via pi complesse e complete. Anche l' insegnamento
di regole grammaticali e delle declinazioni, quando
affrontato, viene presentato qui sempre in forma discorsiva e
con numerosi esempi dall' applicazione pratica. Nel libro
sono presenti numerose simulazioni di dialogo che possono
servire in situazioni che nella vita reale tendono a
verificarsi ricorrentemente, ma sono presenti anche brani di
tipo descrittivo, questo perch nella vita reale ci capita
sempre, costantemente, di dover descrivere qualcosa in
maniera articolata, che si tratti di una esperienza passata,
di una foto, di un sentimento o stato d' animo, di un luogo,
etc.
Troverete inoltre una lunga sezione dedicata al romeno
nelle attivit giornaliere, che vi insegner in modo pratico
ad esprimervi in ambiente lavorativo, ad ordinare in un
ristorante, a descrivere un appartamento, a socializzare in
un locale notturno etc. Non ultimo, quello che credo sia il
punto di forza di questo manuale, nato interamente dalle
mille domande che l' autore si trovato a dover porre ai
madrelingua: una sezione che spiega il corretto utilizzo di
alcuni termini, le differenze applicative tra termini che
esprimono concetti simili, e alcune costruzioni o utilizzi
particolari di nozioni gi viste.

Buona lettura, allora, e buon apprendimento!

6
PARTE 1: ELEMENTI BASE

7
8
REGOLE GENERALI:

1) Il romeno ha 5 casi linguistici:

Nominativo (soggetto della frase)


Accusativo (complemento oggetto nella frase)
Dativo (destinatario di una azione)
Genitivo (proprietario / possessivo)
Vocativo (oggetto di un richiamo o esortazione)

Tutti i nomi vengono declinati a seconda del caso tramite


aggiunte e/o modifiche della parte finale, in alcuni rari
casi si ha anche una modifica di altre parti del termine. Le
declinazioni possono cambiare anche a seconda del genere
(maschile, neutro o femminile) e della presenza o meno della
articolazione del nome:

Esempi:

RAGAZZA (nominativo non articolato): Fat


LA RAGAZZA (nominativo articolato): Fata
ALLA RAGAZZA (dativo articolato): Fetei
DELLA RAGAZZA (genitivo articolato): Fetei
RAGAZZA! (vocativo): Fato!

UOMO (nominativo non articolato): Brbat


L' UOMO (nominativo articolato): Brbatul
ALL' UOMO (dativo articolato): Brbatului
DELL' UOMO (genitivo articolato): Brbatului
UOMO! (vocativo): Brbatule!

Nota: di regola il nominativo uguale all' accusativo, e il


dativo uguale al genitivo

Vivo qui da una settimana (accusativo non articolato): Eu


locuiesc aici de o sptmn
Luigi arriver la settimana prossima (complemento di
tempo espresso come nome articolato): Luigi va ajunge
sptmna viitoare
Vado a parigi in settimana (nel corso della settimana:
genitivo articolato): Merg la Paris n cursul sptmnii

9
2) L' articolazione di un nome terminante in - determina la
modifica (sia grafica che sonora) di questa terminazione.

Esempi:

Fat (ragazza) Fata (la ragazza)


Dat (volta) Data (la volta)
Mas (tavolo) Masa (il tavolo)
Sptmn (settimana) Sptmna (la settimana)

3) I termini con funzione dimostrativa subiscono modifiche a


seconda che si comportino da aggettivi o pronomi. Tutti
quelli terminanti in - vengono utilizzati in presenza di
un nome, cambiando in -a quando il nome non presente.
L' aggettivo 'acest' (questo) si trasforma in 'acesta' in
assenza del nome (cio quando agisce da pronome) o quando
lo segue.
Esempi:

Chi questo? = Cine este acesta?


Mi piace questo letto = mi place acest pat
Voglio comprare questo letto = Vreau s cumpr patul
acesta
Di chi questo libro? = A cui este aceast carte? (*)
Non voglio quella, voglio questa = Nu vreau pe aceea, o
vreau pe aceasta
Chi sono questi? = Cine sunt acetia?

Questo argomento verr comunque trattato in dettaglio nella


parte 2, al capitolo Aggettivi e pronomi dimostrativi.

Nota:
Il libro in romeno femminile

10
SCRITTURA E PRONUNCIA:

La lingua romena ha alcuni caratteri speciali:

: si pronuncia come un incrocio tra la A e la E ma pi


chiuse, molto simile al suono della vocale nell' inglese
BUT (esempi: M C - Fat);
: si pronuncia come un incrocio tra una U e una I ma
gutturale, quasi con gola strozzata, va imparato
ascoltandolo. Questa forma grafica, la A con un triangolo
a punta in alto, si utilizza solo ALL' INTERNO di una
parola (esempi: a rmne ru - cuvnt);
: si pronuncia come la lettera vista sopra, ma
graficamente si utilizza attualmente solo AD INIZIO E A
FINE PAROLA (esempi: a nvaa n a hotr). Alcune
persone, in genere over 40, che hanno imparato la lingua
nel vecchio sistema scolastico romeno utilizzano questa
forma grafica anche all' interno di una parola tranne che
nei monosillabi, quindi gli esempi visti per la vengono
scritti: a rmne ru cuvnt.
: si pronuncia come la SH inglese (esempi: i aa
rou)
: si pronuncia come la Z dura in 'terzo' (esempi: i
easta faa)

alcune lettere comuni agli altri alfabeti hanno pronunce


particolari che seguono queste regole:

la 'E' iniziale si pronuncia sempre IE (es: Eu = Ieu)


la 'I' finale non viene mai pronunciata intera e scandita
ma solo accennata
la 'S' si pronuncia sempre dura come in 'sole'
la 'Z' si pronuncia come 'S' morbida per esempio dell'
italiano 'asino'. Si tratta di un suono spurio che bene
imparare all' ascolto.

11
NOMI, PRONOMI, PARTICELLE E ARTICOLAZIONI

La parte principale del discorso sempre composta da


soggetto, verbo e complemento, perci anche nel percorso di
apprendimento queste sono le prime cose da imparare.

PRONOMI PERSONALI E PARTICELLE PRONOMINALI


Dativo / genitivo (3a
Nominativo Accusativo pers)
PRIMA SINGOLARE
IO ME A ME MI (A ME)
Eu M / Mine Mie mi / Mi- / -mi
SECONDA SINGOLARE
TU TE A TE TI (A TE)
Tu Te / Tine Tie i / i- / -i
TERZA SINGOLARE MASCHILE
LUI SE / LUI A LUI GLI (A LUI)
El El / SE/ l / -l / l- Lui i / - / -i
TERZA SINGOLARE FEMMINILE
LEI SE / LEI A LEI LE (A LEI)
Ea Ea / SE/ O / -o / O- -ei / Lui i / - / -i
PRIMA PLURALE
NOI CE / NOI A NOI CI (A NOI)
Noi Ne / Noi Nou Ne
SECONDA PLURALE
VOI VE / VOI A VOI VI (A VOI)
Voi V / Voi Vou V
TERZA PLURALE MASCHILE
LORO SE / LORO A LORO GLI (A LORO)
Ei Se / i / -i / i- Lor Le / Le- / -le
TERZA PLURALE FEMMINILE
LORO SE / LORO A LORO GLI (A LORO)
Ei / Ele Se / Le Lor Le / Le- / -le

12
La tabella riassuntiva di seguito mostra i pronomi e le
particelle personali nei 4 casi principali.
Vediamo di seguito una serie di esempi alle varie persone:

1a pers. Singolare:
Io cammino (nominativo) : Eu merg
Io vado a casa (accusativo riflessivo: porto me) : Eu m
duc acas
Tu mi porti a casa (accusativo: porti me) : Tu m aduci
acas
Vieni con me? (accusativo) : Vii cu mine?
A me non (mi) piace la birra (dativo) : Mie nu mi place
berea / Mie nu-mi place berea

2a pers. Singolare:
Tu cammini (nominativo) : Tu mergi
Tu vai a casa (accusativo riflessivo: porti te) : Tu te
duci acas
Io ti porto a casa (accusativo: porto te) : Eu te duc
acas
Vengo con te (accusativo) : Vin cu tine
A te non (ti) piace la birra (dativo) : Tie nu i place
berea / Tie nu-i place berea

3a pers. Singolare maschile:


Lui cammina (nominativo) : El merge
Lui va a casa (accusativo riflessivo: porta se) : El se
duce acas
Io lo porto a casa (accusativo: porto lui) : Eu l duc
acas
Vado con lui (accusativo) : Merg cu el
A lui non (gli) piace la birra (dativo) : Lui nu i place
berea / Lui nu-i place berea
Mi piace la casa di Marco (genitivo) : mi place casa lui

13
Marco (*1)

3a pers. Singolare femminile:


Lei cammina (nominativo) : Ea merge
Lei va a casa (accusativo riflessivo: porta se) : Ea se
duce acas
Io la porto a casa (accusativo: porto lei) : Eu o duc
acas
Vado con lei (accusativo) : Merg cu ea
A lei non (le) piace la birra (dativo) : Ei nu i place
berea / Ei nu-i place berea
Mi piace la casa di Marta (genitivo) : mi place casa
Martei (*2)

1a pers. Plurale:
Noi camminiamo (nominativo) : Noi mergem
Noi andiamo a casa (accusativo riflessivo: portiamo
noi) : Noi ne ducem acas
Voi ci portate a casa (accusativo: portate noi) : Voi ne
ducei acas
Venite con noi? (accusativo) : Venii cu noi?
A noi non (ci) piace la birra (dativo) : Nou nu ne place
berea

2a pers. Plurale:
Voi camminate (nominativo) : Voi mergei
Voi andate a casa (accusativo riflessivo: portate voi) :
Voi v ducei acas
Noi vi portiamo a casa (accusativo: portiamo voi) : Noi
v ducem acas
Veniamo con voi (accusativo) : Venim cu voi
A voi non (vi) piace la birra (dativo) : Vou nu v place
berea

3a pers. Plurale Maschile:


Loro camminano (nominativo) : Ei merg
Loro vanno a casa (accusativo riflessivo: portano loro) :
14
Ei se duc acas
Noi li portiamo a casa (accusativo: portiamo loro) : Noi
i ducem acas
Andiamo con loro (accusativo) : Mergem cu ei
A loro non (gli) piace la birra (dativo) : Lor nu le
place berea
Mi piace la loro casa (genitivo) : mi place casa lor
(*3)(*4)

3a pers. Plurale Femminile:


Loro camminano (nominativo) : Ele merg
Loro vanno a casa (accusativo riflessivo: portano loro) :
Ele se duc acas
Noi le portiamo a casa (accusativo: portiamo loro) : Noi
le ducem acas
Andiamo con loro (accusativo) : Mergem cu ele
A loro non (gli) piace la birra (dativo) : Lor nu le
place berea
Mi piace la loro casa (genitivo) : mi place casa lor
(*3)(*4)

Note:
(*1) Il genitivo maschile LUI si usa davanti al complemento
oggetto solo quando questo un nome proprio. In tutti gli
altri casi il LUI si attacca al complemento oggetto.
Esempi:

Mi piace la cuccia del cane: mi place cuca cinelui


La porta dell' ufficio aperta: Ua biroului este
deschis

(*2) Il genitivo femminile -EI si attacca alla fine dei nomi


propri 'tipicamente femminili', cio che finiscono in -A, e
alla fine dei nomi di oggetti. Quando un nome proprio non
'tipicamente femminile' si utlizza LUI davanti al nome tranne
nel caso dei nomi che finiscono con -CA che fanno il genitivo
e il dativo in -CI

15
Esempi:

Questa la casa di Marta : Aceasta este locuina Martei


Questa la casa di Rodica : Aceasta este locuina
Rodici
Questa la casa di Carmen : Aceasta este locuina lui
Carmen
Il tetto della casa rosso: Acoperiul casei este rou
Il colore della corona giallo: Culoarea coroanei este
galben

(*3) In questo caso nella frase non abbiamo 2 nomi propri


quindi si usa il genitivo plurale LOR. Se nella frase compare
la pluralit espressa per con 2 o pi nomi propri, il
genitivo viene espresso con LUI anche in caso di nomi
femminili.
Esempi:

Mi piace il loro appartamento: mi place apartamentul lor


Mi piace l' appartamento di John e Marta: mi place
apartamentul lui John i Marta
Mi piace l' appartamento di Marta e Rodica : mi place
apartamentul lui Marta i Rodica

(*4) Come per LUI che si attacca alla fine del complemento
oggetto per nomi di animali, oggetti inanimati etc, anche LOR
si attacca alla fine del complemento oggetto quando questo
rappresentato da simili nomi al plurale.
Esempi:

La cuccia dei cani rossa : Cuca cinilor este roie


Prendi la borsa dei bambini: Ia geanta copiilor

Noterete che nella tabella proposta abbiamo tralasciato la


funzione riflessiva della 3a persona, cio il dativo che
'agisce su se stessi'. La forma riflessiva sar trattata
nella parte 3.

16
PRONOMI E AGGETTIVI POSSESSIVI
La tabella seguente mostra i pronomi e gli aggettivi
possessivi in romeno.

PRIMA SINGOLARE
(IL) MIO (LA) MIA (I) MIEI (LE) MIE
(Al) meu (A) mea (Ai) mei (Ale) mele
SECONDA SINGOLARE
(IL) TUO (LA) TUA (I) TUOI (LE) TUE
(Al) tu (A) ta (Ai) ti (Ale) tale
TERZA SINGOLARE MASCHILE
(IL) SUO (LA) SUA (I) SUOI (LE) SUE
(Al) su (A) Sa (Ai) si (Ale) sale
TERZA SINGOLARE FEMMINILE
(IL) SUO (LA) SUA (I) SUOI (LE) SUE
(Al) su (A) Sa (Ai) si (Ale) sale
PRIMA PLURALE
(IL) NOSTRO (LA) NOSTRA (I) NOSTRI (LE) NOSTRE
(Al) nostru (A) noastr (Ai) notri (Ale) noastre
SECONDA PLURALE
(IL) VOSTRO (LA) VOSTRA (I) VOSTRI (LE) VOSTRE
(Al) vostru (A) voastr (Ai) votri (Ale) voastre
TERZA PLURALE MASCHILE
(IL) LORO (LA) LORO (I) LORO (LE) LORO
(Al) lor (A) lor (Ai) lor (Ale) lor
TERZA PLURALE FEMMINILE
(IL) LORO (LA) LORO (I) LORO (LE) LORO
(Al) lor (A) lor (Ai) lor (Ale) lor

La terza persona singolare ha in realt due serie di pronomi


possessivi. Quella riportata nella tabella sopra
invariabile rispetto al genere (maschile o femminile). Qui
sotto riportata invece la forma variabile:

TERZA SINGOLARE MASCHILE


(IL) SUO (LA) SUA (I) SUOI (LE) SUE
(Al) lui (A) lui (Ai) lui (Ale) lui
TERZA SINGOLARE FEMMINILE
(IL) SUO (LA) SUA (I) SUOI (LE) SUE
(Al) ei (A) ei (Ai) ei (Ale) ei

17
Nota: 'Meu', 'Tu' etc. rappresentano il possessivo al
soggetto e in italiano si traducono sia in 'mio tuo etc.'
sia in 'il mio il tuo etc'. Si distinguono da 'Al meu
al tu etc' perch quest' ultima serie risponde a una
domanda o esigenza specifica di propriet o di
identificazione, esplicita o implicita. In italiano questa
differenza meno visibile, per capire bene il concetto pi
facile fare un paragone con la lingua inglese:

Meu / mea / mei / mele = My


Al meu / a mea / ai mei / ale mele = Mine
Tu / ta / ti / tale = Your
Al tu / a ta / ai ti / ale tale = Yours

e cos via...

Esempi:

Mio padre professore: Tatl meu este profesor


Di chi questo telefono? E' (il) mio: Al cui este acest
telefon? Este al meu
Mia madre professoressa: Mama mea este profesoar
Di chi questa lettera? E' la mia: A cui este aceast
scrisoare? Este a mea
Questi sono i miei genitori: Acetia sunt prinii mei
Di chi sono i CD? Sono i miei: Ale cui sunt CD-urile?
Sunt ale mele
Loro sono mie sorelle: Ele sunt surorile mele
Di chi sono le scarpe? Sono le mie: Ai cui sunt pantofii?
Sunt ai mei
Ti serve il tuo libro o vuoi il mio? No, voglio il mio!:
i trebuie cartea ta sau o vrei pe a mea? Nu, o vreau pe
a mea.
Mi piacciono i suoi occhi (di lei): mi plac ochii ei

Nota: molti nomi che in italiano sono neutri al singolare e


maschili al plurale, in romeno sono neutri al singolare e
femminili al plurale. I CD appartengono a questo genere
quindi: Il CD = CD-ul ma I CD = CD-urile

18
CONGIUNZIONI E ARTICOLAZIONI DI FRASI
E / Anche: i
Con: Cu
Senza: Fr
Che: C
Per: Pentru
Se: Dac
Anche se: Chiar dac
Ma: Dar
Ma: ns
Bens: Ci
Soltanto: Doar / Numai
Solo ci che...: Doar cel/ceea ce...
O / Oppure: Sau
Neanche / Nemmeno: Nici / Nici macar
Almeno: Macar
Quanto / quanta / quanti / quante: Ct / cta / ci / cte
Come: Cum (nelle domande)/ Ca (nelle frasi e paragoni)(*1)

INDICATIVI E INDEFINITI
Chi?: Cine?
Cosa?: Ce? (*2)
Qualcosa: Ceva
Qualcosaltro: Altceva
Niente: Nimic
Qualcuno / Qualcuna: Cineva
Qualcunaltro: Altcineva
Nessuno / Nessuna: Niciun / Nicio
Nessuno: Nimeni
Alcuni / Alcune: Unii / Unele / Niste
Qualche: Vreo / Cteva
Gli altri: Ceilali

RELATIVI:
Di chi?: A / Al / Ai / Ale cui?
Il quale colui: Care
Del quale / dei quali: De care
Al quale / Alla quale: Cruia / Creia
Tra i quali / tra le quali: Printre care
Degli altri: Celorlali
Circa / a riguardo di: Despre
19
INCLUSIVI, ESCLUSIVI E COMPARATIVI:
Sia... che: Att... ct i
N... n: Nici... nici
O o: Sau... sau / Ori ori
Tanto... quanto: Pe ct...(de)... pe att... (de)...
Cos tanto: Aa de mult
Tra (in mezzo a): ntre / Dintre / Printre
Invece di / Anzi che: n loc s
Pi / Meno di...: Mai / Mai puin dect

CAUSATIVI:
Perch?: De ce?
Perch: Pentru c / Deoarece / Fiindc / Cci
Per: C s
Siccome: Dar cum
Quindi / Perci: Deci / Asadar / De aceea
Sebbene: Dei
Con tutto che: Cu toate c
Tuttavia: Totui
Nonostante: n ciuda
Allora: Atunci

QUANTITA:
Un po: Un pic Ct Cta Ci - Cte
Poco: Puin
Abbastanza: Suficient (de) / Destul (de)
Piuttosto: Ct de ct / Cam
Molto: Mult / Foarte
Troppo: Prea / Cam mult
Cos tanto: Aa de mult

Esempi:

Spero che migliori (spero che migliorer una


situazione): Sper c situaia se va mbuntai
Perch non vieni?: De ce nu vii?
Perch non ho tempo: Pentru c nu am timp
Io vado a scuola perci imparo: Eu merg la coal deci
nv
Non so se mi ama: Nu tiu dac m iubete
Sei bella come sempre: Eti frumoas ca ntotdeauna

20
Con tutto che ha avuto fame non ha mangiato: Cu toate c
I-a fost foame nu a mncat (*3)
Conosci qualcuno qui?: Cunoti pe cineva aici?
Qui non conosco nessuno (nessuna): Nu cunosc pe nimeni
aici
Desidera ancora qualcosa?: Mai dorii ceva?
Non voglio altro: Nu mai doresc nimic
Qualcuno desidera ancora del caff (del caff)?: Mai
dorete cineva cafea (o cafea)?
No, nessun altro: Nu, nimeni altcineva
Non mi piace n la pizza n la pasta: Nu mi place nici
pizza nici paste
Studio per passare l' esame: Studiez c s reuesc la
examen
Alex ha vissuto sia a Roma che a Sassari: Alex a trit
att n Roma ct i n Sassari
Io parlo sia lo spagnolo sia l' inglese: Eu vorbesc att
spaniola ct i engleza
Lui viene o alle otto o alle dieci: El vine (sau) la ora
opt sau la ora zece
Ho avuto fame tuttavia non ho mangiato: Mi-a fost foame
totui nu am mncat (*3)
Gli altri erano al parco: Ceilali erau n parc
A lui piaceva troppo bere: i placea prea mult s bea
Qualcuno tra voi mi pu aiutare?: Cineva dintre voi poate
s m ajute? (*4)
Ho letto molti libri tra i quali l' Odissea: Am citit
multe cri printre care 'Odissea'
Non parliamo nemmeno (Neanche parliamo): Nici macar nu
vorbim
Non mi interessa il parere degli altri: Nu m intereseaz
prerea celorali
Tu non eri qui perci ho deciso il meglio per me: Nu erai
aici de aceea am decis ce este mai bine pentru mine
Tanto buono quanto bello: Pe ct este de bun pe att
este de frumos
Anzi che mangiare patate fritte, meglio una insalata: n
loc s mnnci cartofii prjii, mai bine o salat
Mangio una insalata, ne vuoi un po'?: Mnnc o salat,
vrei cta?
Ion pi alto di me: Ion este mai nalt dect mine

21
Note:
1) Per dire 'come vuoi' si usa per 'cum vrei'

2) Il termine 'Ce' si usa in vari modi, per esempio come


'che' nel senso di 'che cosa', oppure nel senso di
'ci che', oppure ancora come 'il quale'; in questo
ultimo caso assume il valore di 'chi'. Vediamo gli
esempi:

Non so che fare!: Nu tiu ce s fac!


Non capisco ci che dici: Nu neleg ce spui
I ricordi che sono rimasti: Amintiri ce au rmas
Che uomo intelligente sei!: Ce brbat inteligent eti!
Questo per chi (= coloro i quali) verr stasera: Acesta
este pentru cei ce vor veni desear

3) In questa costruzione, per descrivere uno stato


personale come fame, sete, paura, freddo, caldo etc.) si usa
il dativo al posto del nominativo, come negli esempi:

Mi-a fost foame = (Io) Ho avuto fame


mi era foame = (Io) Avevo fame
Mi-e foame = (Io) Ho fame
I-a fost sete = (Lui) Ha avuto sete
i era frig = (Lui) Aveva freddo
I-e team = (Lui) Ha paura

4) 'Qualcuno' qui viene tradotto con l' apposito


'Cineva', ma si possono usare anche 'Careva' e 'Oricare' che
esprimono meglio il significato legato al 'qualche' cio l'
indeterminazione quantitativa (Careva dintre voi...)

22
VERBI AUSILIARI
Viste le persone del nominativo, i pronomi, e una lunga serie
di articolazioni di frasi, ora possiamo studiare i verbi pi
comuni partendo dagli ausiliari, che possiamo considerare i
verbi principali.

VERBO AVERE INFINITO (A AVEA)


Io ho: Eu am
Tu hai: Tu ai
Lui / Lei ha: El / Ea are
Noi abbiamo: Noi avem
Voi avete: Voi avei
Loro hanno: Ei / Ele au

VERBO AVERE PASSATO


Io avevo: Eu aveam
Tu avevi: Tu avei
Lui / Lei aveva: El / Ea avea
Noi avevamo: Noi aveam
Voi avevate: Voi aveai
Loro avevano: Ei / Ele aveau

Io ho avuto: Eu am avut
Tu hai avuto: Tu ai avut
Lui / Lei ha avuto: El / Ea a avut
Noi abbiamo avuto: Noi am avut
Voi avete avuto: Voi ai avut
Loro hanno avuto: Ei / Ele au avut

VERBO AVERE FUTURO


Io avr: Eu voi avea
Tu avrai: Tu vei avea
Lui avr: El va avea
Lei avr: Ea va avea
Noi avremo: Noi vom avea
Voi avrete: Voi vei avea
Loro avranno: Ei / Ele vor avea

23
Nota:
la forma di cortesia il Voi anzi che il Lei:

Ha una macchina? = Avete una macchina? = Avei o main?

VERBO ESSERE INFINITO (A FI)


Io sono: Eu sunt
Tu sei: Tu eti
Lui / Lei : El / Ea este
Noi siamo: Noi suntem
Voi siete: Voi suntei
Loro sono: Ei / Ele sunt

VERBO ESSERE PASSATO


Io ero: Eu eram
Tu eri: Tu erai
Lui / Lei era: El / Ea era
Noi eravamo: Noi eram
Voi eravate: Voi erai
Loro erano: Ei / Ele erau

Io sono stato: Eu am fost


Tu sei stato: Tu ai fost
Lui / Lei stato/a: El / Ea a fost
Noi siamo stait: Noi am fost
Voi siete stati: Voi ai fost
Loro sono stati: Ei / Ele au fost

VERBO ESSERE FUTURO


Io sar: Eu voi fi
Tu sarai: Tu vei fi
Lui / Lei sar: El / Ea va fi
Noi saremo: Noi vom fi
Voi sarete: Voi vei fi
Loro saranno: Ei / Ele vor fi

24
Nota: il futuro per tutti i verbi si pu formare in due
maniere:

1) la coniugazione di A VREA + infinito del verbo


2) O s + declinazione del verbo alla persona coinvolta
Noi andremo al cinema:

(Noi) vom merge la cinematograf


O s mergem la cinematograf

Non so se lei verr:

Nu tiu dac ea o s vin


Nu tiu dac ea va veni

Esiste in realt un terzo modo di fare il futuro, chiamato


'viitor popolar', che utilizza il verbo essere. Viene
comunemente usato nel parlato ma solo in alcune persone del
discorso:

Am s m uit la un film

FORMAZIONE DELLE PERSONE


Come si coniugano i verbi?
La domanda viene naturale quando incontriamo l' infinito di
un verbo che non conosciamo, e dobbiamo coniugarlo alle varie
persone in un discorso.
Non c' una regola fissa, anche se il romeno ha 4
declinazioni. In questo manuale per non seguiremo le 4
declinazioni standard ma un tipo di raggrupamento statistico
il quale si presta a una pi facile memorizzazione. In linea
di massima possiamo raggruppare EMPIRICAMENTE la maggior
parte dei verbi romeni sotto 4 categorie, ovviamente notando
e imparando di volta in volta eventuali eccezioni, alcune
delle quali vengono qui sotto indicate.

1) finale in -E senza accento tonico: le persone si


coniugano direttamente dalla radice del verbo in questo
modo:

25
prima sing: radice pura
seconda sing: radice + i (in alcuni verbi si ha una
modifica nella radice, es: 'a spune' 'tu spu + i')
terza sing: radice + e
prima plur: radice + em (a volte im)
seconda plur: radice + ei
terza plur: radice pura

fanno parte di questa categoria verbi come:

DIRE: a spune (spun, spui, spune, spunem, spunei, spun)


PORRE: a pune (pun, pui, pune,punem, punei, pun)
PORTARE: a aduce (aduc, aduci, aduce, aducem, aducei, aduc)
ANDARE: a se duce (m duc, te duci, se duce, ne ducem, v
ducei, se duc)
SPEGNERE: a stinge (sting, stingi, stinge, stingem, stingei,
sting)
RIMANERE: a rmne (rmn, rmi, rmne, rmnem, rmnei,
rmn)
CREDERE: a crede (cred, crezi, crede, credem, credei, cred)

Nota:
i verbi che finiscoo con -DE alla seconda persona singolare
prendono il terminativo -ZI (es: aprinzi = tu accendi)

2) finale in -I con accento tonico: le persone aggiungono


alla radice i finali:

prima sing: radice + esc


seconda sing: radice + eti
terza sing: radice + ete
prima plur: radice + im
seconda plur: radice + ii
terza plur: radice + esc

fanno parte di questa categoria verbi come:

DESIDERARE: a dori (doresc, doreti, dorete, dorim, dorii,


doresc)
ABITARE: a locui (locuiesc, locuieti, locuiete, locuim,
locuii, locuiesc)
AMARE: a iubi (iubesc, iubeti, iubete, iubim, iubii,

26
iubesc)
PARLARE: a vorbi (vorbesc, vorbeti, vorbete, vorbim,
vorbii, vorbesc)
PENSARE: a gndi (gndesc, gndeti, gndete, gndim,
gndii, gndesc)
FESTEGGIARE: a srbatori (srbatoresc, srbatoreti,
srbatorete, srbatorim, srbatorii, srbatoresc)
SORRIDERE: a zmbi (zmbesc, zmbeti, zmbete, zmbim,
zmbii, zmbesc)
SCHERZARE: a glumi (glumesc, glumeti, glumete, glumim,
glumii, glumesc)
INDOVINARE: a ghici (ghicesc, ghiceti, ghicete, ghicim,
ghicii, ghicesc)

fanno eccezione (in alcune o tutte le persone) verbi come:


VENIRE: a veni (vin, vii, vine, venim, venii, vin)

3) finale in -A con accento tonico: si divide in 2


sottocategorie:

3a) le persone si formano dalla radice pi i finali:

prima sing: radice + ez


seconda sing: radice + ezi
terza sing: radice + az /eaz
prima plur: radice + am / m / em
seconda plur: radice + ai
terza plur: radice + az / eaz

fanno parte di questa sottocategoria verbi come:

LAVORARE: a lucra (lucrez, lucrezi, lucreaz, lucrm,


lucrai, lucraz)
SCOMMETTERE: a paria (pariez, pariezi, pariaz, pariem,
pariai, pariaz)
DISTURBARE: a deranja (deranjez, deranjezi, deranjeaz,
deramjm, deranjai, deranjeaz)
FUMARE: a fuma (fumez, fumezi, fumeaz, fumm, fumai,
fumeaz)
INNERVOSIRE: a enerva (enervez, enervezi, enerveaz, enervm,
enervai, enerveaz)

27
3b) i verbi si comportano in quasi tutte le persone come
la categoria 1 e hanno i finali:

prima sing: radice


seconda sing: radice + i
terza sing: radice +
prima plur: radice + m
seconda plur: radice + ai
terza plur: radice +

in questa sottocategoria spesso la radice subisce delle


variazioni in alcune persone. Fanno parte di questa
sottocategoria verbi come:

CANTARE: a cnta (cnt, cnti, cnt, cntm, cntai, cnt)


MANGIARE: a mnca (mnnc, mnnci, mnnc, mncm, mncai,
mnnc)
GRIDARE: a striga (strig, strigi, strig, strigm, strigai,
strig)
IMPARARE: a nva (nv, nvei, nva, nvm, nvai,
nv)
FAR ADIRARE: a supra (supr, superi, supra, suprm,
suprti, supr)

4) finale in -EA: questa categoria particolare: i verbi si


comportano diversamente a seconda che siano monosillabi o
polisillabi.

Nel caso dei monosillabi la radice costituita dal verbo


all' infinito senza la A finale ed seguita nelle persone
dai finali:

prima sing: radice + au


seconda sing: radice + i
terza sing: radice + a
prima plur: radice + m
seconda plur: radice + i
terza plur: radice + au

fanno parte di questa serie verbi come:

28
BERE: a bea (beau, bei, bea, bem, bei, beau)
VOLERE: a vrea (vreau, vrei, vrea, vrem, vrei, vor)

Nel caso della serie dei polisillabi (che di gran lunga


pi numerosa) la radice composta dal verbo all' infinito
senza la EA finale, ed seguita nelle persone dai finali:

prima sing: radice


seconda sing: radice + i
terza sing: radice + e
prima plur: radice + em
seconda plur: radice + ei
terza plur: radice

In questa serie alcuni verbi possono subire delle variazioni


all' interno della radice. Fanno parte di questa serie verbi
come:

POTERE: a putea (pot, poi, poate, putem, putei, pot)


CREDERE: a credea (cred, crezi, crede, credem, credei, cred)
SEMBRARE: a parea (par, pari, pare, prem, prei, par)
VEDERE: a vedea (vd, vezi, vede, vedem, vedei, vd)

29
ALTRI VERBI IMPORTANTI

PARLARE (a vorbi passato: vorbit):


Io parlo: Eu vorbesc
Tu parli: Tu vorbeti
Lui / Lei parla: El / Ea vorbete
Noi parliamo: Noi vorbim
Voi parlate: Voi vorbii
Loro parlano: Ei / Ele vorbesc

ANDARE (a merge passato: mers):


Io vado: Eu merg
Tu vai: Tu mergi
Lui / Lei va: El / Ea merge
Noi andiamo: Noi mergem
Voi andate: Voi mergei
Loro vanno: Ei / Ele merg

PORTARE (a duce passato: dus):


Io porto: Eu duc
Tu porti: Tu duci
Lui / Lei porta: El / Ea duce
Noi portiamo: Noi ducem
Voi portate: Voi ducei
Loro portano: Ei / Ele duc

Nota: 'a duce' significa 'portare' ma viene usato anche come


'andare' aggiungendo l' accusativo della persona prima del
verbo, assumendo il significato di 'portare se stessi da
qualche parte'

Io vado a casa = Io porto me a casa: M duc acas


Noi andiamo in ufficio = Noi portiamo noi in ufficio: Ne
ducem la birou
Dove vai? = Dove ti porti?: Unde te duci?

SAPERE (a ti passato: tiut):


Io so: Eu tiu
Tu sai: Tu tii
Lui / Lei sa: El / Ea tie
Noi sappiamo: Noi tim
Voi sapete: Voi tii
Loro sanno: Ei / Ele tiu

30
VOLERE (a vrea passato: vrut):
Io voglio: Eu vreau
Tu vuoi: Tu vrei
Lui / Lei vuole: El / Ea vrea
Noi vogliamo: Noi vrem
Voi volete: Voi vrei
Loro vogliono: Ei / Ele vor

Il verbo A VREA ha due comportamenti a seconda che venga


usato come verbo 'Volere' o come ausiliare per la creazione
del futuro. Si tratta comunque dello stesso verbo, che ha in
comune tra le due 'versioni' la terza persona plurale che fa
in entrambi i casi VOR.

POTERE (a putea passato: putut):


Io posso: Eu pot
Tu puoi: Tu poti
Lui / Lei pu: El / Ea poate
Noi possiamo: Noi putem
Voi potete: Voi putei
Loro possono: Ei / Ele pot

MANGIARE (a mnca passato: mncat):


Io mangio: Eu mnnc
Tu mangi: Tu mnnci
Lui / Lei mangia: El / Ea mnnc
Noi mangiamo: Noi mncm
Voi mangiate: Voi mncai
Loro mangiano: Ei / Ele mnnc

VENIRE (a veni passato: venit):


Io vengo: Eu vin
Tu vieni: Tu vii
Lui / Lei viene: El / Ea vine
Noi veniamo: Noi venim
Voi venite: Voi venii
Essi vengono: Ei / Ele vin

BERE (a bea passato: but):


Io bevo: Eu beau
Tu bevi: Tu bei
Lui / Lei beve: El / Ea bea
Noi beviamo: Noi bem
Voi bevete: Voi bei
Loro bevono: Ei / Ele beau
31
VIVERE ABITARE (a locui passato: locuit):
Io abito: Eu locuiesc
Tu abiti: Tu locuieti
Lui / Lei abita: El / Ea locuiete
Noi abitiamo: Noi locuim
Voi abitate: Voi locuii
Loro abitano: Ei / Ele locuiesc

LAVORARE (a lucra passato: lucrat):


Io lavoro: Eu lucrez
Tu lavori: Tu lucrezi
Lui / Lei lavora: El / Ea lucreaz
Noi lavoriamo: Noi lucrm
Voi lavorate: Voi lucrai
Loro lavorano: Ei / Ele lucreaz

DIRE (a spune passato: spus):


Io dico: Eu spun
Tu dici: Tu spui
Lui / Lei dice: El / Ea spune
Noi diciamo: Noi spunem
Voi dite: Voi spunei
Loro dicono: Ei / Ele spun

DIRE (a zice passato: zis):


Io dico: Eu zic
Tu dici: Tu zici
Lui / Lei dice: El / Ea zice
Noi diciamo: Ne zicem
Voi dite: Voi zicei
Loro dicono: Ei / Ele zic

ACCENDERE (a aprinde passato: aprins)


Io accendo: Eu aprind
Tu accend: Tu aprinzi
Lui / Lei accende: El / Ea aprinde
Noi accendiamo: Noi aprindem
Voi accendete: Voi aprindei
Loro accendono: Ei aprind

32
SPEGNERE: (a stinge passato: stins)
Io spengo: Eu sting
Tu spegni: Tu stingi
Lui / Lei spegne: El / Ea stinge
Noi spegniamo: Noi stingem
Voi spegnete: Voi stingei
Loro spengono: Ei sting

RIMANERE: (a rmne passato: rmas)


Io rimango: Eu rmn
Tu rimani: Tu rmi
Lui / Lei rimane: El / Ea rmne
Noi rimaniamo: Noi rmnem
Voi rimanete: Voi rmnei
Loro rimangono: Ei rmn

PARTIRE / ANDAR VIA (a pleca passato: plecat)


Io parto: Eu plec
Tu parti: Tu pleci
Lui / Lei parte: El / Ea pleac
Noi partiamo: Ne plecm
Voi partite: Voi pleci
Loro partono: Ei / Ele plec

33
FRASARIO ELEMENTARE

SALUTI E CONVENEVOLI:
Ciao: Salut
Baci!: Pup! / Sarut!
I miei omaggi! = Sarut mn (*1)
Buongiorno: Bun ziua / Bun dimineaa
'giorno! = nea! (*2)
Buonasera: Bun seara
Buonanotte: Noapte bun
Buon apetito: Poft bun
Buon fine settimana: Bun sfrit de sptmn / Un weekend
plcut
Altrettanto!: La fel! / i tie (formale: i dumneavoastra)
A presto: Pe curnd
Ti auguro una buona giornata: i doresc o zi bun
Ci vediamo domani: Ne vedem mine
Ci vediamo presto: Ne vedem n curnd
(Ne) parliamo un' altra volta: Vorbim altdat
Arrivederci: La revedere
Grazie: Mulumesc
Grazie mille: Mulumesc mult / Mulumesc frumos
Prego: Cu placere
Di niente: Pentru nimic
Come stai?: Ce mai faci? Cum i merge?
Come va? Che si dice?: Care-i treab?
Come ti trovi qui (informale)?: Cum i place aici? / Cum te
simi aici?
Come si trova qui (formale)?: Cum v place aici? / Cum va
simtei aici?
Dove alloggi / Dove alloggia?: Unde stai? Unde stai?
Quanto ti trattieni (informale)?: Ct mai stai? (rmi)
Quanto si trattiene (formale)?: Ct mai stai? (rmnei)
Che fai di bello?: Ce mai faci?
Venite (informale) alla festa stasera?: Venii la petrecere
n aceast sear?
Stasera c' una festa, venite anche voi?: n seara asta
(Desear) este o petrecere, venii i voi?
Siediti, prego: Aaza-te, te rog
Fai come a casa tua: Face-te comod / Simi-te ca acas!

34
PRESENTAZIONI:
Mi chiamo Alex: M numesc Alex / M cheam Alex
E tu come ti chiami? i pe tine, cum te cheam?
Lui un mio amico, si chiama Luigi (il suo nome
Luigi): El este prietenul meu / El este un prieten de ai
mei, numele lui este Luigi
Lei la mia amica, si chiama Anna (il suo nome Anna):
Ea este prietena mea / Ea este o prietena de ale mele,
numele ei este Anna
Molto piacere: Incntat
Piacere di conoscerti: M bucur s te cunosc
Piacere mio / Altrettanto: Placerea este a mea / Asemenea
Lei chi ? E' una tua amica?: Cine este ea? Este o
prietena a ta?
Questa una sua amica (forma di cortesia)?: Aceasta este
o prieten a dumneavoastr?
Permettimi di presentarti mia sorella: Permite-mi s i-o
prezint pe sora mea
Mi permetta di presentarle mia sorella: Permitei-mi s
vi-o prezint pe sora mea
Mi permetta di presentarle il sig. Rossi: Permitei-mi s
vi-l prezint pe domnul Rossi

INDENTIFICARE E DESCRIVERE:
Lui il mio amico ed uno studente: El este prietenul
meu i este student
Lei Anna, segretaria e lavora a scuola: Aceasta este
Anna, Ea este secretar i lucreaz n coal
Mio padre era professore, mia madre era professoressa:
Tatl meu era profesor, mama mea era profesoar
Questa la mia macchina, vecchia ma funziona bene:
Aceasta este maina mea, este veche dar funcioneaz bine
Che macchina hai? Di che colore (essa)?: Ce main ai?
Ce culoare are?

Note:
1) il 'Sarut Mn' un saluto di omaggio che si traduce con
'bacio la mano', si utilizza con persone con le quali si
ha una confidenza e allo stesso tempo una forma di
35
rispetto, per esempio persone pi adulte o chi ci fa un
favore.

2) Il saluto 'nea' la forma breve e colloquiale di 'Bun


diminea', molto usato tra amici e comunemente tra
giovani, come in italiano spesso ci si saluta con
'sera... ' o 'giorno...'

Saluti come 'Bun ziua' o 'Bun seara' diventano auguri nelle


forme: 'O zi bun!' / 'S avei o zi bun'

36
PARTE 2: IMPARIAMO AD ESPRIMERCI

37
38
INTERAZIONI: LA FORMA CONGIUNTIVA

ESPRIMERE DOVERE, VOLERE, POTERE


Per esprimere il concetto DOVER FARE QUALCOSA si utilizza la
forma congiuntiva con il verbo semiausiliare A TREBUI nella
persona fissa TREBUIE seguita dal congiuntivo (s = che) e
dal verbo subordinato che esprime la necessit implicata,
coniugato alla persona coinvolta al tempo presente
indicativo.

(Il TREBUIE romeno corrisponde al IL FAUT francese e si


traduce propriamente con 'necessita', 'serve' o con '
necessario', dunque Trebuie s = E' necessario che Serve
che)

Io devo andare (E' necessario che io vado): Trebuie s


merg
Tu devi parlare: Trebuie s vorbeti
Lui deve sapere: Trebuie s ti (*)
Noi dobbiamo mangiare: Trebuie s mncm
Non dobbiamo partire adesso (Non necessario che
partiamo adesso): Nu trebuie s plecm acum

La costruzione di VOLERE e POTERE grammaticalmente la


stessa, si utilizza il congiuntivo, ma si coniuga alla
persona coinvolta anche il verbo principale A VREA / A PUTEA:

Io voglio andare a Bucarest: Vreau s merg la Bucureti


Lei vuole parlare con Marco: Ea vrea s vorbeasc (*) cu
Marco
Noi non possiamo mangiare: Nu putem s mncm
Possiamo vedere un film? Putem s ne uitm la un film?

Nota:
La terza persona quando espressa al congiuntivo subisce una
modifica in molti verbi, a seconda che la vocale principale
si trovi in mezzo o alla fine della parola:

1) In mezzo alla parola: e = ea / ea = e


2) A fine parola: e = / = e / ete = easc

esempi:
39
trebuie s mearg anzi che 'trebuie s merge'
trebuie s ntrebe anzi che 'trebuie s ntreab'
trebuie s vorbeasc anzi che 'trebuie s vorbete'

La forma al passato di Trebuie TREBUIA per tutte le persone


tranne la 3a plurale per la quale si utilizza TREBUIAU ma
solo quando non coinvolto un dativo:

Mi serviva una macchina: mi trebuia o main


Dovevo andare a lavoro: trebuia s m duc la munc
A loro serviva una macchina: lor le trebuia o main
Loro dovevano andare a lavoro: ei trebuiau s se duc la
munc

ESPRIMERE NECESSITA'
Per esprimere necessit o dovere per mancanza di qualcosa, si
usa il costrutto A AVEA NEVOIE (AVER BISOGNO) o
alternativamente la forma DATIVO + TREBUIE:

Esempi:

Mi serve una macchina: mi trebuie o main


Mi serve una macchina: am nevoie de o main
Ho necessit di acqua: am nevoie de ap

La forma 'dovere' e quella 'aver bisogno / necessit' possono


essere legate per esplicitare concetti:

devo bere: trebuie s beau


mi serve dell' acqua: mi trebuie ap (am nevoie de ap)
devo bere, quindi mi serve dell' acqua: trebuie s beau
deci mi trebuie ap (deci am nevoie de ap)

devo andare in ufficio: trebuie s merg la birou


mi serve una macchina: mi trebuie o main
devo andare in ufficio e mi serve una macchina: trebuie
s merg la birou i am nevoie de o main (i mi trebuie
o main)

40
VOLERE, DESIDERARE E AVER VOGLIA
Come in tutte le lingue anche in romeno esiste una differenza
tra VOLERE e DESIDERARE.
Il gi visto verbo A VREA indica un 'volere', mentre per
esprimere 'desiderio' di qualcosa si utilizza A DORI.
Notare la differenza nelle frasi:

Voglio partire: Vreau s plec


Desidero partire: Doresc s plec

Esiste ancora un' altra forma, l' utilizzo del condizionale,


che serve per formare la 'forma di cortesia':

Vorrei partire: A vrea s plec


Desidererei partire: A dori s plec

E' bene tenere sempre a mente la distinzione tra queste varie


forme, e impararne l' utilizzo nelle varie occasioni. Per
esempio la forma di cortesia condizionale molto usata in
situazioni come richieste di servizi o favori, quando si
ordina al ristorante, e generalmente in tutti quei casi in
cui ci si pone 'alla dipendenza' della persona con la quale
si interagisce.
Genericamente si pu assumere che la forma condizionale
molto adatta alla richiesta di favori.

Vuole qualcosa da vere? = Desidera qualcosa da bere? =


Dorii ceva s bei?
Si, grazie, vorrei un te al limone = Da, mulumesc, a
dori un ceai de lmie

Voglio andare al cinema = Vreau s merg la cinematograf


Desidero andare al cinema: Doresc s merg la cinematograf
Desidererei andare al cinema: A dori s merg la
cinematograf

IMPORTANTE:
Spesso, anche se non sempre, l' espressione di 'desiderio' al
condizionale coincide con un 'gusto' o con una 'voglia', e il
'Vorrei' coincide con un 'Mi piacerebbe' o con il 'Ho
voglia'. Anche in romeno questi concetti sono correlati,
quindi:

41
a dori s merg la cinematograf

si pu tradurre con:

Mi-ar placea s merg la cinematograf

e il:

A dori un ceai de lmie

pu diventare:

Am chef de un ceai de lmie

L' uso della forma am chef (ho voglia) comunque


ESCLUSIVAMENTE relegato a un ambiente informale (per esempio
tra amici).

L' uso delle forme e delle particelle condizionali sar


abbondantemente spiegato nella parte 3.

NUMERI ORDINALI E CARDINALI

NUMERI CARDINALI:
Uno / Una: Unu / O
Due: Doi / Dou
Tre: Trei
Quattro: Patru
Cinque: Cinci
Sei: ase
Sette: apte
Otto: Opt
Nove: Nou
Dieci: Zece
Undici: Unsprezece
Dodici: Doisprezece
Tredici: Treispresece
Quattordici: Paisprezece
Quindici: Cincisprezece
Sedici: aisprezece
Diciacsette: aptesprezece
42
Diciotto: Optsprezece
Diciannove: Nousprezece
Venti: Douzeci
Ventuno: Douzeci i unu
Ventidue: Douzeci i doi
Trenta: Treizici
Trentuno: Treizici i unu
Cento: O sut
Centouno: O sut unu (al femminile: O sut una)
Centodieci: O sut zece
Duecento: Dou sute
Mille: O mie

nella casa vive un uomo: n cas locuiete un brbat


nella casa vivono due uomini: n cas triesc doi brbai
nella casa vivono due donne: Dou femei triesc n cas

Note:
1) I numeri da venti in poi sono espressi in decine:
Venti = due decine = Dou-zeci
Trenta = tre decine = Trei-zeci
2) Per esprimere quantit con i numeri da 20 in su si
aggiunge DE:
Un' ora ha sessanta minuti: O or are aizeci de minute
La ci sono venti persone (due decine): Acolo sunt
douzeci de oameni
3) La formazione delle date avviene in questo modo:
Mille novecento settanta quattro: O mie nou sute
aptezeci i patru

NUMERI ORDINALI:
Il primo la prima: Primul prima
Il secondo la seconda: Al doilea a doua
Il terzo la terza: Al treilea a treia
Il quarto la quarta: Al patrulea a patra
Il quinto la quinta: Al cincilea a cincea
Il sesto la sesta: Al aselea a asea
Il settimo la settima: Al aptelea a aptea
L' ottavo la ottava: Al optulea a opta
Il nono la nona: Al noualea a noua
Il decimo la decima: Al zecelea - a zecea
43
L' undicesimo la undicesima: Al unsprezecelea a
unsprezecea
Il dodicesimo la dodicesima: Al doisprezecelea a
dousprezecea
Il ventesimo la ventesima: Al douzecilea a douzecea
Il ventiquattresimo la ventiquattresima: Al douzeci i
patrulea a douzeci i patra
Il centesimo: Al o sutlea
La centesima: A o sut / a suta
Il centounesimo: Al o sutlea unu / Al o sut unulea
La centounesima: A o sut una / A suta una
Il millesimo: Al mielea / Al o mielea
La millesima: A mia / A o mia

Nota:
I mesi e i giorni sono femminili quindi si usa 'la prima la
seconda' etc:

Il primo giorno il luned: Prima zi este Luni


Il quarto giorno il gioved: A patra zi este Joi
Lui il terzo figlio: El este al treilea copil
Lei la terza figlia: Ea este a treia fiic

Oltre a questi termini bisogna anche impararne un altro molto


importante ed utilizzato: nti.

nti significa letteralmente 'primo' e corrisponde al romeno


'prim / prim'. Si modifica a seconda del caso, del genere e
del numero, come segue: (SPEIGARE QUANDO SI USA)

Primo = nti
Il primo = ntiul
Prima = nti
La prima = ntia
I primi = ntii
Le prime = ntile
Del / Al primo = ntiului
Della / Alla prima = ntii
Dei / Ai primi = ntilor
Delle / Alle prime = ntilor

In romeno, nelle frasi interrogative utilizzate per


identificare il rango o il numero (ordinale) di qualcosa, al
contrario dell' italiano, non si usa il 'quale' ma il
'quanto' opportunamente declinato. I termini coinvolti sono
44
'A cta' (al femminile) e 'Al ctelea' (al maschile):

Quale treno prendi? = Al ctelea tren iei?


Prendo il terzo = Iau al treilea
Quale pagina stai leggendo? = A cta pagin citeti?
Leggo la venticinquesima = Citesc a douzeci i cincea

FRAZIONARI, DECIMALI E DISTRIBUTIVI:


I frazionari si formano aggiungendo il suffisso -IME al
numero cardinale; occasionalmente intervengono delle
modifiche in alcune radici:

un terzo = unu treime


un quarto = unu ptrime
tre quarti = trei ptrime
quattro ottavi = patru optime

I numeri decimali si esprimono come in italiano, utilizzando


il termine 'virgul':

4,5 = patru virgul cinci


10,8 = zeci virgul opt

I distributivi invece si formano utilizzando 'cte' tra la


ripetizione dei cardinali:

a due a due = doi cte doi / doua cte doua


a cinque a cinque = cinci cte cinci

GEOGRAFIA E RIFERIMENTI IN SPAZI E AMBIENTI:

POSIZIONI:
Qui: Aici
Li: Acolo
Su: Sus
Gi: Jos
Lass: Acolo sus
Laggi: Acolo jos
Oltre: Dincolo
Destra a destra: Dreapta n dreapta (*1)
45
Sinistra a sinistra: Stnga n stnga (*1)
Sopra: Pe
Sotto: Sub
Davanti a: n faa (a) (*1) (*2)
Affianco / vicino: Parte / lng (3) / aproape de
Nelle vicinanze: n apropiere
Dietro: n spatele
Vicino: Aproape
Lontano: Departe
Da qualche parte: Undeva
Da qualche altra parte: Altundeva
Da nessuna parte: Nicieri
Ovunque: Oriunde

Note:
1) Con la maggior parte degli avverbi il nome tiene il
dativo locativo:

- Davanti alla casa: n faa casei


- A destra del letto: n dreapta patului

2) 'n faa' tiene sempre dativo locativo, che quando


precede un nome non articolato segue la regola del
genitivo:

- Davanti a tutti: n faa toturor


- Davanti alla casa: n faa casei
Davanti a cento persone: n faa a o sut de persoane

3) Lng tiene l' accusativo, quindi:

- lungo la casa / di fianco alla casa: Lng casa

Per localizzare un oggetto in un luogo si usa il semplice


tempo presente del verbo essere, o alternativamente si
possono usare le forme se afl e 'este situat / situat'.
Nel parlato quotidiano, per, la forma 'se afl' utilizzata
generalmente per le persone e non per luoghi e oggetti:

- Il Brasile si trova in America centrale: Brazilia se afl


n America central / Brazilia este situat in America
central
- Li c un telvisore: Acolo este un televizor / Acolo se
afl un televizor
46
- Ion si trova davanti alla casa: Ion se afl in faa casei

Mentre per identificare la 'presenza' o 'disponibilit' di


qualcosa, il corrispondente dell' italiano C' ...
'Exist':

C' una cassaforte nella stanza?: Exist un seif n


camer?
C' una piscina nel centro sportivo?: Exist o piscin
n centrul sportiv?

Comunemente nel parlato la forma Exist poco utilizzata,


e relegata quasi sempre a concetti astratti.

AGGETTIVI E PRONOMI DIMOSTRATIVI:


Di seguito viene riportata la tabella che riassume le varie
forme degli aggettivi / pronomi dimostrativi romeni:

PRIMA DEL NOME DOPO IL NOME


NOMINATIVO DATIVO/GENITIVO NOMINATIVO DATIVO/GENITIVO
QUESTO QUESTO
acest acestui acesta acestuia
QUESTA QUESTA
aceast acestei aceasta acesteia
QUESTI QUESTI
aceti acestor acetia acestora
QUESTE QUESTE
aceste acestor acestea acestora
QUELLO QUELLO
acel acelui acela aceluia
QUELLA QUELLA
acea acelei aceea aceleia
QUELLI QUELLI
acei acelor aceia acelora
QUELLE QUELLE
acele acelor acelea acelora

47
Nota:
In romeno i dimostrativi cambiano a seconda che vengano
espressi prima del nome, o dopo o in sostituzione di esso.
Quando vengono utilizzati prima o dopo il nome hanno funzione
aggetivale, mentre se sono usati in sostituzione diventano
pronomi; quando il dimostrativo utilizzato dopo il nome,
quest' ultimo viene sempre articolato, mentre se il
dimostrativo sostituisce il nome, il pronome dimostrativo
ad essere articolato.
Ne vediamo l' utilizzo pratico nelle frasi qui sotto:

Questo libro mio: Aceast carte este a mea / Cartea


aceasta este a mea (*)
Di chi questo quaderno?: Al cui este acest caiet? / Al
cui este caietul acesta?
Posso mangiare quella banana? Pot s mnnc acea
banan? / Pot s mnnc banana aceea?
Questi sono gli allievi: Acetia sunt elevi
Questi allievi sono al liceo: Aceti elevi sunt la
liceu / Elevii acetia sunt la liceu
Mi serve quell' indirizzo: mi trebuie acea adres / mi
trebuie adresa aceea
Devo dare il libro a quelle ragazze: Trebuie s dau
cartea acelor fetele

(*) si ricordi che il libro in romeno femminile, quindi


'questa' e non 'questo'

48
INDICAZIONI TEMPORALI

Ancora: nc / mai
Non pi: Nu mai
Quando: Cnd
Gi: Deja
Ormai: De acum (*1)
Da quando?: De cnd?
Da.. a: De... la
A che ora... ?: La ce or... ?
Che ora ?: Ct este ora? / Ct este ceasul?
Finch / Fino a: Pn ce / Pn la
Adesso: Acum
Oggi: Azi / Astzi
Avantieri: Alaltieri
Ieri: Ieri
Domani: Mine
Dopodomani: Poimine
Un mese fa: Cu o lun n urm / Acum o lun (*2)
Tra un mese: ntr o lun / Peste o lun
Prossimo: Urmtor / Viitor (*3)
Prossima: Urmtoare / Viitoare (*3)
Scorso / Scorsa: Trecut / Trecut
La scorsa settimana / il mese scorso: Sptmna trecut /
Luna trecut
La prossima settimana / il mese prossimo: Sptmna
viitoare / Luna viitoare
La prossima volta: Data viitoare
In settimana (durante questa settimana): n cursul sptmnii
Alle sette: La ora apte
Prima che / Prima di: nainte s / nainte de
Dopo: Apoi
Dopo (che): Dup (ce)
Durante: n timpul (+ il nome al dativo)
Mentre: n timp ce
Appena: Tocmai / Abia / Imediat
Dall' inizio: De la nceput
Presto: Curnd / (Mai) devreme (*4)
Tardi: Trziu
Pi tardi: Mai trziu
Al momento / Li per li: Pe moment
A un certo momento: La un moment dat
Una volta (riferito a tempi passati): Cndva / Odat

49
Un' altra volta (indefinito): Altdat
La prima volta: Prima dat (*5)
Se mai: Dac vreodat
Quando mai...: Cnd vreodat...
Allo stesso tempo (con un concetto di 'contrasto'): Totodat
Allo stesso tempo (senza concetto di 'contrasto'): n acelai
timp

Note:
1) Il 'DE' in 'de acum' esprime il concetto di qualcosa di
finito al momento in cui si parla, es: 'de acum este prea
trziu' = 'Ormai troppo tardi'

2) In questo caso 'ACUM' di 'acum o lun' ha la stessa


funzione di 'de' nella nota 1: indica un momento preciso
che si colloca un mese da ADESSO, es: 'acum o lun am
cumprat o main nou' = 'un mese fa ho comprato una
macchina nuova'

3) La coppia 'Urmator / Urmatoare' si utilizza per oggetti e


persone, mentre la coppia 'Viitor / Viitoare' si usa per
espressioni temporali, come negli esempi:

- Il prossimo treno: Trenul urmtor


- La prossima macchina: Maina urmtoare
- L' anno prossimo: Anul viitor
- La prossima volta: Data viitoare

4) La differenza va imparata caso per caso, ecco alcuni


esempi:

- La mattina presto faccio colazione: Dimineaa devreme


fac micul dejun
- Stamattina, presto, sono andato in citt: n diminea
asta, mai devreme, m-am dus n ora
- Presto partir in vacanza: n curnd o s merg n
vacan
- A presto!: Pe curnd!
Prima o poi: Mai devreme sau mai trziu

5) 'Laprima volta' utilizza il termine 'Data' che


generico, ma quando si parla delle volte successive si
utilizza il termine 'Oar' con il numerale articolato:

50
- la seconda volta: a doua oar
la terza volta: a treia oar

Il plurale in questo utilizzo si fa con 'Ori':

- L' ho fatto due volte: Am facut-o dou ori

INDICAZIONI DI FREQUENZA:
Sempre: Totdeauna / ntotdeauna / Mereu
Una volta: O dat
Due volte: Doi ori
A volte / Qualche volta: Uneori / Cteodat
Ogni volta: De fiecare dat (cnd) / Oricnd (*)
Ogni giorno: n fiecare zi
Mai / non prima d' ora (in nessuna volta): Niciodat
Spesso: Deseori / Des
Raramente: Rar
Di solito: De obicei
Ogni tanto / Di tanto in tanto: Cnd i cnd / Din cnd n
cnd

Nota:
L' espressione 'De fiecare dat' indica ogni singola volta
che si verifica una condizione, mentre 'Oricnd' indica una
qualsiasi volta indefinita ed esprime il concetto di 'in
qualsiasi momento' o 'quandunque'. Si vede la differenza in
questi esempi:

Ogni volta che ti vedo mi innamoro: De fiecare dat cnd


te vd m ndragostesc
Puoi passare da me in qualsiasi momento: Poti s treci la
mine oricnd vrei

Di seguito vengono riportati numerosi esempi di applicazione


pratica delle particelle, degli avverbi, e delle espressioni
di tempo appena imparate:

A che ora arrivi? : La ce ora ajungi?


Arrivo alle otto: Ajung la opt
Da quando non fumi (pi)?: De cnd nu (mai) fumezi?
Io ho gi mangiato: Eu am mncat deja
La scorsa settimana sono stato al cinema: Sptmna
trecut am fost la cinema
51
Non devi mai essere scortese: Nu trebuie s fii
nepoliticos niciodat
Non ho ancora mangiato: Nu am mncat nc
Vengo dopo che ho mangiato: Vin dup ce am mncat
Gira a destra e poi rimani a sinistra: Ia-o la dreapt i
apoi rmi pe (partea) stng
Sei gi stato a Roma (una volta)?: Ai fost deja o dat la
Roma?
Non ci sono mai stato prima: Nu am mai fost niciodat
Aspetta finch lui torna: Atept pn se ntoarce
Aspetto che finisca il film (finch il film finisce):
Atept pn se termin filmul
Domani sabato: Mine este smbt
Ancora prima delle vacanze: nc de nainte de vacana
Chiudi la finestra prima di uscire: nchide geanul
nainte s iei
Lui parla al telefono mentre guida: El vorbete la
telefon n timp ce conduce
Sono appena stato all' universit: Tocmai ce am fost la
universitate
Mi sono alzato appena ha suonato la sveglia: M-am trezit
imediat ce a sunat ceasul detepttor
Io mangio raramente: Eu mnnc foarte rar
Fumo ogni tanto: Eu fumez cnd i cnd / Eu fumez
cteodat
Lui parla durante il film: El vorbete n timpul filmului
Al momento non ho saputo cosa fare: Pe moment nu am tiut
ce s fac
Se mai penserai a me: Dac vreodat o s te gndeti la
mine
Quando mai l' ho detto? Cnd vreodat am spus asta?
Lei mi piace ma allo stesso tempo mi spaventa: Ea mi
place dar totodat m sperie
Stamattina presto sono stato in ufficio: n dimenea
asta, mai devreme, am fost la birou
Quanto spesso mangi?: Ct de des mannci?
Mangio due volte al giorno: Mannc doi ori la zi

Note:
1) per esprimere 'continuare a fare qualcosa' si utilizza il
verbo dell' azione + 'mai departe' o 'n continuare'
2) per esprimere ripetizione o ripresa di qualcosa, si usa
'din nou' o 'iar'
52
Continuo a contare: Eu numr mai departe / Eu numr n
continuare
Continuo a mangiare: Eu mnnc mai departe
Oggi non lavoro, ma domani lavoro di nuovo: Azi nu
lucrez, dar mine lucrez din nou
Ho visto di nuovo quella ragazza: Am vzut iar fata aceea

ORARI GIORNI MESI STAGIONI CLIMA

ORARI
Che ora ?: Ct este ora? Ct este ceasul?
E' l' una: Este ora unu
Sono le quattro: Este ora patru
Dalle otto alle 12: De la ora opt pn la ora douasprazece
Mezzora: O jumtate de or
Sono le quattro e mezzo: Este ora patru i o jumtate

GIORNI
Questi sono i giorni della settimana: Acestea sunt zilele
sptmnii

Luned: Luni
Marted: Mari
Mercoled: Miercuri
Gioved: Joi
Venerd: Vineri
Sabato: Smbt
Domenica: Duminic

Il luned: Lunea
Il marted: Marea
Il mercoled: Miercurea
Il gioved: Joia
Il venerd: Vinerea
Il sabato: Smbta
La domenica: Duminica

Nota:
I giorni della settimana sono al femminile

53
Io lavoro dal luned al venerd: Eu lucrez de luni pn
vineri
Il sabato non lavoro: Smbta nu lucrez
La settimana ha sette giorni, ma io lavoro solo cinque
giorni: Sptmna are apte zile dar eu lucrez doar cinci
zile

MESI
Gennaio: Ianuarie
Febbraio: Februarie
Marzo: Martie
Aprilie: Aprilie
Maggio: Mai
Giugno: Iunie
Luglio: Iulie
Agosto: August
Settembre: Septembrie
Ottobre: Octombrie
Novembre: Noiembrie
Dicembre: Decembrie

STAGIONI
Autunno: Toamn
Inverno: Iarn
Primavera: Primvar
Estate: Var

CLIMA
Freddo: Rece / Frig
Caldo: Cald
Sereno: Senin
Nuvoloso: Noros
Soleggiato: nsorit
Piovoso: Ploios
Innevato: nzpezit
Pioggia / La pioggia: Ploaie / Ploaia
Neve / La neve: Zpad / Zpada
Nebbia / La nebbia: Cea / Ceaa
Sole / Il sole: Soare / Soarele
Nuvola / La nuvola / Nuvole: Nor / Norul / Nori

54
Come (oggi) il tempo?: Cum este (astazi) vremea?
Fa freddo: Este rece / Este frig
C' molto freddo: Este foarte rece / Este foarte frig
Fa caldo: Este cald
C' molto caldo: Este foarte cald
C' il sole: Bate soarele
Tira vento: Bate vntul
Oggi piove: Azi plou
Oggi nevica e fa freddo: Astzi ninge i este rece
L' inverno freddo e di solito piove: Iarna este rece i
de obicei plou
L' estate fa caldo e di solito soleggiato: Vara este
cald i de obicei este nsorit

COLORI E QUALITA' DI OGGETTI

1) Nero / Nera: Negru / Neagr


2) Bianco / Bianca: Alb / Alb
3) Grigio: Gri
4) Grigio chiaro: Gri deschis
5) Rosso scuro: Rou nchis
6) Marrone: Maro / Castaniu
7) Rosso / Rossa: Rou / Roie
8) Rosa: Roz
9) Arancione: Portocaliu / Portocalie
10)Giallo scuro: Galben nchis
11) Giallo / Gialla: Galben / Galben
12) Giallo chiaro: Galben deschis
13) Verde: Verde
14) Verde chiaro: Verde deschis
15) Blu: Albastru / Albastr

55
16) Azzurro: Albastru / Albastr
17) Viola: Purpuriu / Purpurie / Violet
18) Celeste: Albastru deschis / Azurin
19) Fucsia: Fucsie
20) Indaco: Indigo

Nota:
Nella descrizione di oggetti, il colore si declina a seconda
del genere maschile o femminile, mentre quando si risponde
alla domanda 'Di che colore ?' il colore al maschile:
La macchina rossa: Maina este roie
La neve bianca: Zpad este alb
Di che colore il cielo? Azzurro: Ce culoare are cerul?
Albastru
Di che colore la macchina? Rossa (Rosso): Ce culoare
are maina? Rou

CARATTERISTICHE DEGLI OGGETTI:


Lucido: Lucios
Opaco: Mat
Trasperente: Transparent
Lucente: Strlucitor
Striato: Striat
A quadri: n patrele
Liscio: Neted
Ruvido: Aspru
Duro: Dur / Tare
Molle: Moale
Morbido: Moale
Nuovo / Nuova: Nou / Nou
Vecchio / Vecchia: Vechi / Veche

56
PARTE 3: ELEMENTI AVANZATI

57
58
ELEMENTI AVANZATI DI GRAMMATICA

Nella prima parte abbiamo imparato in maniera pratica alcuni


elementi fondamentali di grammatica, passo essenziale per lo
studio di qualsiasi lingua. Imparare le particelle e i
pronomi personali e possessivi, nei vari casi di
declinazione, serve per imparare ad utilizzare le persone
giuste in un discorso. Non solo per esprimere frasi semplici
come 'Io vado a casa' (Eu m duc acas), ma anche per
costruire frasi complesse che coinvolgono persone diverse da
chi parla, azioni, indicazioni di interazione etc.
Consideriamo una frase di media complessit come: Vorrei
andare alla festa con lei, ma ancora non gliel' ho chiesto.

Che elementi grammaticali possiamo individuare in una frase


del genere? Elenchiamoli:

Io vorrei andare un condizionale presente alla prima


persona
alla festa un 'moto a luogo'
con lei un complemento di compagnia, in cui 'lei'
compare all' accusativo
ma ancora un complemento di tempo
non gliel' ho chiesto un passato in negazione che
coinvolge l' indicazione di un complemento oggetto non
esplicitato (l' azione di chiedere alla persona di cui si
parla di andare alla festa) al dativo, quel gliel' ho
che significa 'a lei'.

Finora abbiamo visto quasi tutti questi elementi almeno una


volta, senza soffermarci molto, imparandoli in modo naturale.
L' unico che ancora non abbiamo affrontato un elemento del
punto 5, cio parlare di qualcosa per riferimenti.

In questa sezione affronteremo in maniera pi dettagliata e


con tantissimi esempi gli elementi del discorso, il ch
servir anche come ripasso di italiano oltre che come
apprendimento del rumeno. Inizieremo dai casi Dativo e
Genitivo, passando poi all' indicare un' azione o un
complemento oggetto senza nominarli esplicitamente,
concludendo poi con la forma riflessiva, il condizionale e il
coinvolgimento di pi persone nel discorso.

59
IL DATIVO
Il dativo il caso linguistico che corrisponde al
complemento di termine e risponde alla domanda: A CHI?

Consideriamo le frasi:

io ti do
io do a lui
a lui non piace
a loro non serve

rispondono tutte alla domande: a chi?

Abbiamo gi visto nella tabella delle particelle pronominali


quali sono quelle da utilizzare per il dativo, ed eccole qui
riassunte:
Dativo
A ME MI (A ME)
Mie mi / Mi- / -mi

A TE TI (A TE)
Tie i / i- / -i

A LUI GLI (A LUI)


Lui i / - / -i

A LEI LE (A LEI)
-ei / Lui* i / - / -i

A NOI CI (A NOI)
Nou Ne

A VOI VI (A VOI)
Vou V

A LORO GLI (A LORO)


Lor Le / Le- / -le

L' asterisco nella cella del dativo della 3a singolare


femminile (a lei) indica una regola che abbiamo gi visto e
che qui ripassiamo: per i nomi propri femminili normalmente
60
si usa il suffisso -EI salvo nei casi in cui il nome non sia
tipicamente femminile, caso in cui si utilizza LUI prima del
nome, e nel caso in cui la finale sia -CA.

Identificare il dativo in una frase non sempre facile, per


riconoscerlo e sapere che bisogna usarlo spesso necessario
scomporre mentalmente la frase. Con la pratica questo
processo diventer naturale.
Un' altra difficolt che occasionalmente si trova nel
tradurre dall' italiano al romeno, che alcuni concetti che
in italiano coinvolgono un accusativo, in romeno si esprimono
col dativo, e viceversa. La pratica insegner a distinguere
questi casi in modo naturale senza nemmeno accorgersene, per
ora concentriamoci sul fare esercizio sul dativo, in tutte le
persone coinvolte.

Per farlo esamineremo lo stesso semplice concetto (offrire un


bicchiere di vino) esprimendolo in tutte le persone, verso
tutte le altre persone:

1a persona singolare verso le altre


Io ti do un bicchiere = Eu i dau un pahar de vin
Io le / gli do un bicchiere di vino: Eu i dau un pahar
de vin
Io vi do un bicchiere di vino: Eu v dau un pahar de vin
Io do loro un bicchiere di vino: Eu le dau un pahar de
vin

2a persona singolare verso e altre


Tu mi dai un bicchiere di vino: Tu mi dai un pahar de
vin
Tu le / gli dai un bicchiere di vino: Tu i dai un pahar
de vin
Tu ci dai un bicchiere di vino: Tu ne dai un pahar de vin
Tu dai loro un bicchiere di vino: Tu le dai un pahar de
vin

3a persona singolare verso le altre


Lui mi da un bicchiere di vino: El mi d un pahar de vin
Lui ti da un bicchiere di vino: El i d un pahar de vin
Lui ci da un bicchiere di vino: El ne d un pahar de vin
Lui vi da un bicchiere di vino: El v d un pahar de vin
Lui daloro un bicchiere di vino: El le d un pahar de vin

61
1a persona plurale verso le altre
Noi ti diamo un bicchiere di vino: Noi i dm un pahar
de vin
Noi le / gli diamo un bicchiere di vino: Noi i dm un
pahar de vn
Noi vi diamo un bicchiere di vino: Noi v dm un pahar de
vin
Noi diamo loro un bicchiere di vino: Noi le dm un pahar
de vin

2a persona plurale verso le altre


Voi mi date un bicchiere di vino: Voi mi dai un pahar
de vin
Voi gli / le date un bicchiere di vino: Voi i dai un
pahar de vin
Voi ci date un bicchiere di vino: Voi ne dai un pahar de
vin
Voi date loro un bicchiere di vino: Voi le dai un pahar
de vin

3a persona plurale verso le altre


Loro mi danno un bicchiere di vino: Ei mi dau un pahar
de vin
Loro ti danno un bicchiere di vino: Ei i dau un pahar
de vin
Loro gli / le danno un bicchiere di vino: Ei i dau un
pahar de vin
Loro ci danno un bicchiere di vino: Ei ne dau un pahar de
vin
Loro vi danno un bicchiere di vi: Ei v dau un pahar de
vin

Questa lunga serie di frasi ha mostrato l' applicazione delle


particelle pronominali dative nel contesto di una frase di
uso comune. Vediamo vari altri esempi di utilizzo calandoci
in situazioni reali.

1) Dare indicazioni su qualcosa o qualcuno in relazione a


voi:

- quella la ragazza che mi piace = Aceea este fata care


mi place

62
questo l' amico di cui ti ho parlato = Acesta este
prietenul despre care i-am vorbit

2) Ordinare da bere:

Pu portarmi un bicchiere di vino? = Putei s mi


aducei un pahar de vin?
Pu portarci delle salsicce? = Putei s ne aducei nite
crnai?

3) Dare indicazioni su persone o cose:

Al bambino non piace il pesce = Bebeluului nu i place


petele
A lui non piace la birra = Nu i place berea
Puoi dare il mangime al cane? = Poi s dai mncrea
cinelui?

Il dativo in queste frasi stato usato tramite le particelle


pronominali mi, i, i, etc, corrispondenti agli italiani
mi, ti, gli/le, etc all' interno di una frase, ma il dativo
esprime anche il concetto tonico di 'a me', 'a te', 'a lui',
etc... sono i pronomi presenti nella prima colonna della
tabella.

Le due forme possono essere unite in romeno, quindi per dire:

mi piace la birra

abbiamo due possibilit:

mi place berea (letteralmente: mi piace la birra)


Mie, mi place berea (letteralmente: A me, mi piace la
birra)

cos pure per dire:

a lui piace cantare

abbiamo le possibilit:

i place s cnte
Lui, i place s cnte
63
Al posto dei pronomi personali nella lingua corrente si usano
spesso sostantivi, e anche questi vanno declinati; abbiamo
gi visto due esempi in questa stessa pagina utilizzando come
sostantivo 'il bambino' e 'il cane' declinandoli al dativo.
Avrete notato che il sostantivo si declina tramite l'
aggiunta di LUI per il maschile singolare e LOR per il
maschile/femminile plurale.
Aggiungiamo che il femminile singolare si forma con EI, e
vediamo qualche esempio:

Ho dato un libro al vicino: Am dat o carte vecinului


Ho dato un libro alla vicina: Am dat o carte vecinei
Ho dato un libro ai vicini / alle vicine: Am dat o carte
vecinelor
Dai le ciabatte ai bambini: D pantofii copiilor
Al professore serve un quaderno: Profesorului i trebuie
un caiet

Nel caso si voglia esprimere il caso dativo utilizzando come


destinatario (complemento di termine) un sostantivo che non
deve essere articolato, per esempio perch deve rimanere
indeterminato (per quantit) o generico (non identificato per
qualit) si utilizza generalmente un altro tipo di
costruzione che mantiene il sostantivo al nominativo
facendolo precedere dalla particella LA:

La casa si apre solo agli amici: i deschide casa numai


la prieteni
Non urlare ai bambini!: Nu striga la copii!

Con l' utilizzo di LA il dativo viene utilizzato anche come


locativo, per esempio in frasi come:

Vai al diavolo (all' inferno): Du-te la dracu!


Alla fine della strada: la capatul drumului (*)

Nota: in questa frase non ci si faccia confondere dal '-lui'


finale, che non una espressione di dativo ma di genitivo,
significando 'della strada'.
In genere e da regola il dativo si pu esprimere con LA
quando la frase risponde a domande introdotte da avverbi
relativi come Cnd, Cum, Cine, Ce, Unde, Care, etc.
L' utilizzo del dativo visto all' inizio di questa pagina ci
introduce a un altro argomento: unire il dativo agli

64
aggettivi possessivi.

Come diventano le frasi:


am dat o carte vecinului
am dat o carte vecinei

se introduciamo l' aggettivo possessivo?


Per tutte le persone, tranne che per la terza singolare
femminile, l' aggettivo possessivo rimane quello solito (meu,
tu, su, notru...) mentre quando il dativo si applica a un
sostantivo singolare femminile alla terza persona si utilizza
l' aggettivo possessivo FEMMINILE PLURALE.
Vediamo degli esempi.

Introducendo il possessivo 'mio' nella frase:

am dat o carte vecinului

questa diventa:

am dat o carte vecinului meu

perch al maschile, invece la frase:

am dat o carte vecinei

diventa

am dat o carte vecinei mele

per dire ho dato un libro alla MIA vicina.

Chiariamo bene con qualche altro esempio:

Telefoni alla tua ragazza? = Telefonezi fetei tale?


Lui porta gli auguri alla sua famiglia = El aduce urri
familiei sale

Per finire questo capitolo sul dativo dobbiamo esaminare come


questo si applica agli interrogativi. Finora abbiamo imparato
ad esprimere il concetto di 'a chi' nelle affermazioni e
negazioni, cio in frasi che rispondono alla domanda 'a
chi?'.
65
Ma se dovessimo porre noi questo genere di domanda?
Dobbiamo imparare a utilizzare gli interrogativi ai quali si
risponde con un dativo. Non solo, dobbiamo anche imparare i
pronomi relativi da usare in domande e affermazioni.
Questi sono:

A chi = Cui
A cosa / A quale = La ce
A quale / Alla quale = Cruia / Creia
Ai quali / alle quali = Crora
A quanti / A quante = Ctor / A ci / A cte

Vediamoli in situazioni reali:

A chi hai detto che siamo stati a Roma? = Cui i-ai spus
c am fost n Roma?
A quale stazione sei sceso? = La ce stai ai cobort?
L' uomo al quale ho dato dell' acqua = Barbatul cruia i-
am dat ap
La ragazza alla quale ho detto di mangiare = Fata creia
i-am spus s mnnce
A quanti hai detto di venire? Ctor le-ai spus s vin?

Queste frasi mostrano la fusione in situazioni reali di


dialogo di tutti gli elementi di dativo visti nel capitolo: i
pronomi relativi e le particelle pronominali.

Per apprenderne bene l' utilizzo e perch venga naturale


usarli nel modo corretto bisogna scordarsi la regola italiana
del 'a me mi non si dice'. In romeno invece si parla proprio
in questo modo:

a me mi piace l' acqua (mie mi place apa)


al quale gli hai dato (cruia i-ai dat)
a quanti gli hai detto (ctor le-ai spus)
A lui/lei gli ho dato (Lui/Ei i-am dat)

66
IL GENITIVO
Per esprimere possesso o appartenenza si utilizza il caso
genitivo, che si esprime in romeno in maniera praticamente
uguale al dativo. Avrete notato infatti che nelle tabelle dei
pronomi, avverbi etc., abbiamo usato una sola casella per
dativo e genitivo. Impareremo in questa sezione ad esprimere
appartenenza e possesso, ma anche a distinguere i casi
genitivo e dativo in quelle situazioni in cui pu esserci
confusione.

Il genitivo risponde alla domanda 'DI CHI? - DI CHE COSA?' e


lo fa tramite 2 metodi:

la particella LUI davanti ai nomi,


postfissi -EI / -LUI / -LOR dopo i nomi

Nel caso vengano utilizzati aggettivi e pronomi dimostrativi


come 'questo questa quello' prima o in sostituzione del
nome, anche questi vengono declinati al genitivo.

Vediamo alcuni esempi pratici:


Il padre di Marta lavora troppo: Tatl Martei lucreaz
prea mult
Il padre di Ion lavora troppo: Tatl lui Ion lucreaz
prea mult
Devo pulire la cuccia del cane: Trebuie s cur cuca
cinelui
Devo pulire la cuccia dei cani: Trebuie s cur cuca
cinilor

Di norma si deve imparare una regoletta per sapere come


declinare i nomi, regola che abbiamo gi incontrato per il
dativo: davanti ai nomi propri di persona maschili e neutri
si utilizza la particella LUI prima del nome, per i
sostantivi di animali o cose maschili o neutri si usa il
suffisso -LUI attaccato al nome, per i nomi di persona e i
sostantivi di animali o cose femminili si usa il suffisso
-EI, per tutti i plurali si utilizza il suffisso -LOR.

Il genitivo cambia a seconda che un nome sia articolato o


meno, e a seconda che questo sia maschile / neutro o
femminile. I casi visti sopra si riferiscono a sostantivi
articolati (es: il cane i cani), ma nel caso di sostantivi
67
non articolati il genitivo ha un diverso comportamento:

1) nel caso di nomi maschili o neutri non articolati o


preceduti da un articolo indeterminativo o da un
aggettivo dimostrativo (per esempio: un uomo, un luogo,
questo uomo, questo luogo) ad essere declinato il
dimostrativo / articolo indeterminativo che lo
accompagna, es:

Questo uomo aspetta il treno: Acest om ateapt trenul


L' attesa di questo uomo estenuante: Ateptarea acestui
om este obositoare
Quel luogo brilla al sole: Acel loc strlucete la soare
La lucentezza di quel luogo acceccante: Strlucirea
acelui loc este orbitoare

2 ) Nel caso invece di nomi femminili si declinano sia il


dimostrativo sia il nome:

Quella strada ha una corsia piccola: Acea strad are o


band mic
La corsia di quella strada piccola: Banda acelei strzi
este mic

Come distinguere dativo e genitivo se questi sono espressi


tramite le stesse desinenze e gli stessi suffissi? In
generale la prima distinzione avviene automaticamente
cercando mentalmente il senso della frase che leggiamo o
sentiamo. Ma esistono casi in cui l' espressione del genitivo
cambia per essere distinta dal dativo.
Consideriamo ad esempio la frase:

Am dat o carte vecinului

A prima vista il significato pu essere:

ho dato un libro AL VICINO


ho dato un libro DEL VICINO

In realt il romeno ha una regola pratica che permette di


distinguere sia nella comprensione sia nell' utilizzo:

Ogni genitivo deve essere espresso, oltre che con la

68
declinazione dei nomi, pronomi e avverbi, anche tramite l'
uso di uno dei seguenti articoli possessivi: A, AL, AI, ALE.
Fa eccezione soltanto un caso, cio quando si verificano
entrabe queste condizioni:
il nome del possessore compare subito dopo l' oggetto
posseduto;
l' oggetto posseduto espresso tramite articolo
determinativo

La frase vista poco sopra quindi sicuramente al dativo,


perch il genitivo sarebbe:

Am dat o carte a vecinului

in quanto il nome (carte) non articolato (sarebbe


'cartea').

Facciamo altri esempi:

O carte vecinei = Un libro alla vicina (dativo)


O carte a vecinei = Un libro della vicina (genitivo)
Orice main familiei = Qualsiasi macchina alla famiglia
(dativo)
Orice main a familiei = Qualsiasi macchina della
famiglia (genitivo)
Acest drum biciclitilor = Questa strada ai ciclisti
(dativo)
Acest drum al biciclitilor = Questa strada dei ciclisti
(genitivo)

IMPORTANTE: Mentre in italiano gli articoli possessivi si


accordano al possessore, in romeno si accordano all' oggetto
posseduto. Nella frase:

un libro di Ion

dovremo usare l' articolo possessivo A che femminile


singolare perch si riferisce non a Ion ma al libro che in
romeno femminile:

o carte a lui Ion

Cos anche nella frase:

69
alcuni vestiti di Marta

dovremo usare l' articolo possessivo ALE plurale femminile


perch in romeno i vestiti sono femminili:

nite / unele rochii ale Martei: alcuni vestiti di Marta

Di seguito vediamo una lunga serie di frasi che ci insegnano


a memorizzare il caso genitivo romeno, applicandolo ad
articoli, pronomi, e nomi:

Una ruota della macchina deve essere riparata: O roat a


mainii trebuie s fie reparat
La ruota della macchina deve essere riparata: Roata
mainii trebuie s fie reparat
Mi piace il colore di quelle case: mi place culoarea
acelor case.
L' appartamento di Ion bellissimo: Apartamentul lui Ion
este foarte frumos
Stiamo discutendo del sesso degli angeli: Discutm despre
sexul ngerilor
La porta della camera rotta: Ua camerei este stricat
Lui ha dato una spiegazione delle origini dell' uomo: El
a dat o explicaie a originii omului.
Compro una casa dopo quella di Marta: Eu cumpr o cas
dup cea a Martei
Compro una casa dopo quella di Ion: Eu cumpr o cas dup
cea a lui Ion
L' astronomia studia le orbite dei pianeti: Astronomia
studiaz orbitele planetelor
Alcuni vestiti di Ion mi piacciono: mi plac unele haine
ale lui Ion.
Questi orecchini sono di Marta: Aceti cercei sunt ai
Martei
Il libro di Ion: Cartea este a lui Ion
Il quaderno di questo allievo: Caietul este al acestui
elev

Come per il dativo, anche al genitivo se vogliamo introdurre


l' aggettivo possessivo dobbiamo tenere conto che per la
terza singolare femminile si utilizza l' aggettivo possessivo
PLURALE FEMMINILE, come possiamo imparare da questi esempi:

70
Sei l' amore della mia vita = Eti dragostea vieii mele
Mangiamo nel giardino di casa mia = Mncm in gradina
casei mele
Mi piace il colore della tua macchina = mi place
culoarea mainii tale

Per chiudere il capitolo sul genitivo ci rimane soltanto di


imparare a porre le domande per le quali il genitivo viene
usato. Queste domande si pongono utilizzando il pronome CUI
preceduto dall' articolo possessivo che si accorda all'
oggetto posseduto. Vediamo gli esempi:

Di chi il libro? = A cui este cartea?


Di chi il computer? = Al cui este calcolatorul?
Di chi sono le figlie? = Ale cui sunt fiicele?
Di chi sono i bambini? = Ai cui sunt copiii?

PARLARE PER RIFERIMENTI


Nella prima parte, alla sezione 'presentazioni', abbiamo
proposto questa frase:

Permettimi di presentarti mia sorella: Permite-mi s i-o


prezint pe sor mea

Questa frase un ottimo esempio per affrontare un argomento


molto importante: il parlare di qualcosa per riferimenti,
minimizzando l' uso dei sostantivi.
Cosa intendiamo? Finora abbiamo imparato frasi come:

Hai letto il libro?


Non ho letto il libro
Ho comprato la macchina
Chiudi la porta

tutte frasi in cui utilizziamo come complemento oggetto un


sostantivo. Nel parlato per non si utilizzano sempre queste
forme, spesso anzi si parla delle cose riferendocisi senza
nominarle, specialmente se sono gi state nominate in frasi
precedenti. Esaminiamo queste frasi:

71
Hai letto il libro? No, non l' ho letto
Dovevi comprare una macchina nuova, l' hai fatto?
Dove mio figlio? L' ho portato a casa.

In romeno queste diventano:

Ai citit cartea? Nu, nu am citit-o


Trebuia s cumperi o main nou, ai facut-o?
Unde este copilul meu? L-am adus acas.

Questo modo di scrivere e parlare si avvale dell' utilizzo


dei pronomi personali clitici per formare il caso accusativo,
cio esprimere un complemento oggetto, infatti il costrutto
-O si utilizza per riferimenti a nomi / pronomi femminili
singolari e corrisponde al pronome personale italiano 'LA',
mentre i costrutti -L e L-, che sono l' abbreviazione di
'IL', equivalgono al pronome 'LO' e si utilizzano per nomi /
pronomi maschili e neutri singolari. Per tutti i plurali si
utilizzano i costrutti LE- e -LE che corrispondono ai
pronomi italiani LI LE.

Vediamone altri esempi:


Ion, ti ho portato il libro, prendilo: Ion, i-am adus
cartea, ia-o
Questo il quaderno che ho dato a Ion: Acesta este
caietul pe care i l-am dat lui Ion
Queste sono le domande che ho posto alla professoressa:
Acestea sunt ntrebrile pe care i le-am pus profesoarei

Finora abbiamo visto, nei casi al singolare, frasi in cui i


pronomi personali al dativo (che indica verso chi rivolta
l' azione) e i pronomi personali clitici (che indicano l'
aggetto che subisce l' azione) sono utilizzati in un tempo
passato.
In tutti questi casi abbiamo potuto notare che mentre in
italiano manteniamo la struttura della frase inalterata
rispetto al genere (maschile o femminile) dell' oggetto
coinvolto, in romeno il pronome dimostrativo viene
utilizzato:

prima del verbo e attaccato all' ausiliare, quando il


genere maschile (es: i l-am dat)
dopo il verbo ed attaccato ad esso quando il genere
femminile (es: i-am dat-o)
72
Quando invece l' azione espressa implica un tempo presente la
cosa cambia, e la frase romena diventa simile a quella
italiana, legando indipendentemente dal genere il pronome
personale clitico al pronome personale dativo.
Vediamo questi esempi:

Hai tu il mio libro? Quando me lo porti? Ai cartea mea?


Cnd mi-o aduci?
Se non hai letto il giornale te lo porto: Dac nu ai
citit ziarul i-l aduc
Non hai capito, te la spiego?: Nu ai neles, i-o
explic?
Ci dai la tua macchina? Si, ve la do: Ne dai maina ta?
Da, v-o dau (*)

Nota (*):
Alle persona 1a, 2a e 3a plurale le particelle pronominali
cambiano a seconda se si espliciti il complemento oggetto o
si utilizzi un pronome, e a seconda che si utilizzi il
maschile o femminile. Inoltre la 3a plurale femminile clitica
(che, ricordiamo, esprime chi subisce l' azione) non viene
unita al pronome personale con il solito trattino ma entrambi
i pronomi sono interi e staccati.
Ecco una tabella riassuntiva:

CI CE LO CE LA CE LI CE LE
Ne Ni-l Ne-o Ni-i Ni le
VE VE LO VE LA VE LI VE LE
V Vi-l V-o Vi-i Vi le
GLI (A LORO) GLIELO (LO... A LORO) GLIELA (LA...A LORO) GLIELI (LI... A LORO) GLIELE (LE... A LORO)
Le Li-l Le-o Li-i Li le

Vediamo qualche esempio:

Ci dai la macchina?: Ne dai maina?


Vi porto il caffe: V aduc cafeaua
Ce lo dai?: Ni-l dai?
Ce la dai?: Ne-o dai?
Ve la porto oggi: V-o aduc azi
Ve lo porto oggi: Vi-l aduc azi
Ecco il giornale, glielo porti (lo porti a loro) per
favore?: Ziarul este aici, li-l aduci, te rog?
Hanno capito la barzelletta? No? Gliela spiegate (la
spiegate a loro)?: Au neles gluma? Nu? Le-o explicai?

73
Hai i nostri libri? Ce li porti?: Ai crile noastre? Ni
le aduci?
Ho i vostri libri, ve li porto?: Am crile voastre? Vi
le aduc?

L' aver affrontato questo modo di parlare un passo


importantissimo perch ci introduce due altri argomenti
correlati e generalmente molto ostici: la forma riflessiva e
la caratterizzazione del complemento oggetto con la
particella PE.

LA FORMA RIFLESSIVA
In frasi come:

mi compro una macchina


se lo ricorda si ricorda

la costruzione posta in forma riflessiva, cio per


esprimere un' azione rivolta a se stessi, che pu coinvolgere
un accusativo (complemento oggetto) o un dativo (complemento
di termine).
In tutte le persone tranne la 3a la particella che esprime l'
identit del destinatario (che la persona stessa che compie
l' azione) il normale pronome personale al dativo o
accusativo (mi, i, ne, v / mine, tine, noi, voi), mentre
nella terza persona (sia singolare che plurale) abbiamo una
nuova serie di pronomi i (abbreviato in i- // -i //
-i-) per il dativo e Sine per l' accusativo.
Vediamo come si usano:

Rodica i amintete de mine = Rodica si ricorda di me


Ion i cumpar o carte nou = Ion si compra un libro
nuovo
Marika i Nicoleta i fac mncare = Marika e Nicoleta si
preparano da mangiare
Copii ii fac ru = I bambini si fanno male
Alex se face mncare pentru sine = Alex si prepara da
magiare per se
Oana are o parere negativ despre sine = Oana ha una idea
negativa di se

74
La forma riflessiva si utilizza in sostanza in 2 casi
principali:

1) esprimere un dativo in cui il soggetto il destinatario


stesso di una azione

Rodica i amintete = Rodica ricorda a se stessa

2) esprimere una reciprocit:

Rodica i Erika i au trimit vreo scrisori = Rodica ed


Erika si sono spedite delle lettere (l' un l' altra)

Come gli altri pronomi mi e i, anche i pu essere


abbreviato e collegato ad altre particelle:

Rodica nu-i face mncare


Oana nu i-a amintit s se fac mncare
Rodica a obinut cartea cumprndu-i-o

CARATTERIZZAZIONE DEL COMPLEMENTO OGGETTO CON PE


Abbiamo gi incontrato varie volte il complemento oggetto,
anche se non gli abbiamo dedicato una sezione apposita.
Sappiamo che per esprimere il complemento oggetto si
utilizzano i sostantivi al caso accusativo, e nella sezione
'parlare per riferimenti' abbiamo imparato ad esprimerlo
senza l' utilizzo dei sostantivi. Ci sono casi per che non
rientrano nelle descrizioni che abbiamo visto finora, casi
nei quali bisogna leggermente modificare la struttura della
frase introducendo una particella che in romeno ha un
molteplice significato.
Quando si compone una frase subordinata con avverbi come 'il
quale la quale i quali del quale' etc, il romeno
utilizza la particella PE che introduce un accusativo
FUNZIONALE/CARATTERIALE. Per capire bene consideriamo questa
frase:

questo il libro CHE ho dato a Ion: Acesta este cartea


PE CARE i-am dat-o lui Ion.

75
Il CHE della frase in italiano introduce la funzione /
carattere del libro: quella di essere stato dato a Ion, e in
romeno si esprime con PE CARE.
Allo stesso modo, nella frase vista in una precedente
sezione:

queste sono le domande CHE ho posto alla professoressa:


Acestea sunt ntrebrile PE CARE i le-am pus profesoarei

il CHE esprime la funzione (essere poste alla professoressa)


del complemento oggetto (le domande).
Vediamone ancora altri esempi per fissare il concetto e
ricordare una particolarit del romeno:

Questo l' amico che ho presentato a Rodica: Acesta este


prietenul PE CARE i l-am prezentat Rodici
Questa l' amica che ho presentato a Ion: Aceasta este
prietena PE CARE i-am prezentat-o lui Ion
Questo l' amico che ho presentato a Ion: Acesta este
prietenul PE CARE i l-am prezentat lui Ion
Questa l' amica che ho presentato a Rodica: Aceasta
este prietena PE CARE i-am prezentat-o Rodici

Cosa possiamo notare in queste 4 frasi? Rappresentano tutte e


4 le combinazioni possibili di una presentazione:

Un uomo presentato a una donna


Una donna presentata a un uomo
Un uomo presentato a un uomo
Una donna presentata a una donna

Questo esercizio ci servir tra poco per imparare ad usare


bene i pronomi personali e i complementi di termine e i
collegamenti con le persone coinvolte nella frase.
Ma terminiamo prima la parte riguardante il PE e il
complemento oggetto. La particella PE si utilizza anche in
altri casi:

davanti ai nomi propri di persona o animale


davanti ai nomi comuni di ogni tipo quando questi sono
anteposti al verbo da cui dipendono
davanti ai nomi comuni che esprimono relazione o
parentela

76
davanti ai pronomi dimostrativi in ogni caso

vediamo alcuni esempi di questi 3 casi:

domani vedo Ion = Mine l vd pe Ion


Ion domanda a Gheorge = Ion l ntreab pe Gheorge
lui amava il bambino = al bambino lui amava = Pe copil l
iubea
Ha chiesto alla madre = A ntrebat-o pe mam
Ho letto questo = Am citit pe acesta

Il secondo esempio mostra una forma di enfasi che pu essere


utilizzata in svariati casi. Alcuni esempi sono le frasi
seguenti:

Pe mine m cheam Alessandro = IO mi chiamo Alessandro


Pe tine te atept = E' TE che aspetto

Si osservi in quest' ultimo esempio il grado di enfasi sul


TE. Per capire bene il concetto espresso in questo utilizzo
dal PE confrontiamo le due frasi italiane:

Cosa fai?
Chi aspetti?

La differenza tra queste due che nella prima non sappiamo


cosa la persona a cui ci rivolgiamo stia facendo, mentre
nella seconda lo sappiamo ma vogliamo identificare chi l'
oggetto dell' attesa. Insomma 'enfatizziamo' il destinatario
dell' azione (l' aspettare). E' proprio in questo secondo
caso che utilizzamo il PE, sia nella domanda che nella
risposta.
Le due domande in romeno sarebbero:

Ce faci? / Pe cine atepti?

e le risposte:

Te atept / Pe tine te atept

77
PRONOMI, COMPLEMENTO DI TERMINE E COMPLEMENTO OGGETTO
Le due frasi:

domani vedo Ion = Mine l vd pe Ion


lui amava il bambino = Pe copil l iubea

ci sono utili anche per imparare un' altra nozione: finora


abbiamo visto le forme toniche -L, L-, e -O, legate ai
pronomi personali (es: i l-am dat) o ai verbi (am citit-o).

Ci sono casi in cui i concetti non si possono esprimere in


questo modo e bisogna utilizzare le forme estese IL e O, per
esempio:

Io la accompagno a casa = Eu o conduc acas


Io lo vedr domani = Eu o s l vd mine
Lui dice che la musica lo rilassa = El spune c muzica l
relaxeaz
Non voglio quella ciliegia, ma la puoi mangiare = Nu
vreau capuna aceea, dar tu poi s o mannci
Devi impararla! = Trebuie s o nvei!

Ora torniamo velocemente alle 4 frasi di presentazione ed


applicchiamo ad esse tutte le riflessioni che finora abbiamo
visto sul PE, sui pronomi personali, e sul complemento di
termine (il dativo).

Come abbiamo detto quelle frasi sono molto utili per imparare
ad utilizzare correttamente i pronomi, ma non solo... esse ci
mostrano come il modo di costruire le frasi romene,
sostanzialmente diverso da quello italiano, infranga la
regola non scritta che fin da piccoli ci viene insegnata, il
famoso a me mi non si dice. Per un italiano imparare questo
modo di esprimersi particolarmente ostico in principio,
quindi bene fissare con esempi chiari l' utilizzo delle
particelle pronominali e del complemento di termine, e il
corretto riferimento delle singole parti della frase alla
giusta persona coinvolta nelle azioni.
Lo schema di riferimento semplificato nella immagine qui di
seguito:

78
La prima frase mostra i-am che la forma contratta di i
am ed riferito a Ion, la persona 'destinataria' della
presentazione, e mostra anche prezentat-o in cui -o
riferito alla ragazza (Ea) che viene presentata.

La seconda frase inverte i ruoli: mostra la forma i l-am


nella quale i riferito a Nicoleta, la persona
destinataria della presentazione, e in cui l- la
contrazione di l riferito al ragazzo (El) che viene
presentato.

Facciamo un altro esempio, stavolta non con una frase


inventata ma con una frase presa dalla pagina Wiki su Mircea
Eliade, filosofo e storico romeno:

Acest lucru s-a manifestat n mai multe articole pe care le-


a scris pentru diferite publicaii

La frase si traduce:

Questo fatto si manifestato in sempre pi articoli che ha


scritto per diverse pubblicazioni

ma letteralmente sarebbe:

Questo fatto si manifestato in sempre pi articoli I QUALI


LI ha scritti per diverse pubblicazioni

Sia il PE CARE che il LE sono riferiti agli articoli, secondo


79
lo schema visto poco sopra, e che applichiamo graficamente su
questa frase:

Supponiamo che invece la frase sia:

Questo fatto si manifestato in sempre pi articoli che ha


dato al suo editore

lo schema di riferimento in questo caso coinvolgerebbe anche


il complemento di termine (l' editore) e quindi dovremmo
utilizzare una particella dativa che ci si rivolga. Essendo
una terza persona singolare la particella deve essere I che
corrisponde all' italiani GLI:

Acest lucru s-a manifestat n mai multe articole PE CARE I


LE-a dat lui editorul su (editorului su)

PARLARE AL CONDIZIONALE
Abbiamo gi visto tanti esempi di frasi al condizionale, per
esempio quando abbiamo affrontato il modo di esprimere
'volere desiderare - aver voglia'.
Ripassiamo alcune delle frasi che abbiamo gi visto:

Vorrei partire: A vrea s plec


Desidererei andare al cinema: A dori s merg la
cinematograf
Mi piacerebbe andare al cinema: Mi-ar placea s merg la
cinematograf

In queste frasi le particelle 'A' e 'Ar' indicano il


80
condizionale e precedono il verbo di espressione che si
utilizza all' infinito.
Qui di seguito sono riportate tutte le particelle del
condizionale:

PERSONA PARTICELLA
1a singolare: A
2a singolare: Ai
3a singolare: Ar
1a plurale: Am
2a plurale: Ai
3a plurale: Ar

Quindi per esempio per dire le frasi:

Loro vorrebbero andare al cinema


Lei berrebbe un te con limone
Tu andresti in citt

useremo:

Ei ar dori s mearg la cinematograf


Ea ar bea un ceai cu lamie
Tu ai merge n ora

COINVOLGERE ALTRE PERSONE NEL DISCORSO


In tutte le frasi viste finora l' azione svolta in accordo
alla persona usata al soggetto, per esempio:

io vorrei andare

significa letteralmente:

io vorrei che IO andassi

e la frase:

vorresti andare al cinema

significa letteralmente:
81
tu vorresti che TU andassi al cinema

In italiano infatti, nel parlato comune la persona coinvolta


stabilita di volta in volta dalla situazione, perch si
utilizza l' infinito per formulare la frase.
Per esempio la frase:

Vuoi andare al cinema?

pu significare che la persona a cui ci si rivolge pu andare


da sola o in compagnia; il contesto che ce lo comunica. Se
la frase detta, ad esempio, tra due persone che si sono
date appuntamento, implicito che ci vadano assieme... se
invece la domanda posta, per esempio, per chiedere le
intenzioni dell' interlocutore per il giorno dopo, si
presuppone che ci vada da solo.
In romeno, con l' utilizzo della coniugazione del verbo,
questa ambiguit viene a mancare. Il verbo principale (in
questo caso A MERGE = andare) si coniuga infatti sempre alla
persona o alle persone coinvolte nell' azione, e non a quella
a cui ci si rivolge, quando queste non coincidono.
La frase sopra quindi pu essere, a seconda del caso:

Vrei s mergi la cinematograf?


Vrei s mergem la cinematograf?

Se dovessimo usare frasi come come:

vorrei che tu andassi al cinema


vorrei che tu bevessi un te
loro vorrebbero che noi fossimo corretti

le forme corrispondenti sarebbero:

a dori s mergi la cinematograf


a dori s bei un ceai
ei ar dori s fim politicoi

Vediamo qualche altra frase per fissare questo concetto:

Mi piacerebbe che fossimo ancora bambini = Mi-ar plcea


nc s fim copii
Vuoi che andiamo al ristorante? = Vrei s mergem la
82
restaurant?
Voglio che veniate anche voi due = Vreau s venii i voi
doi

COSTRUIAMO FRASI COMPLESSE


Arrivati a questo punto abbiamo imparato gi una notevole
quantit di nozioni che ci permette di costruire vere e
proprie frasi complete, parti di discorso, e interagire in
modo quasi completo in pi o meno tutte le situazioni.
La cosa migliore da fare per rendercene conto riassumere le
nozioni imparate in lunghe frasi articolate, utilizzando
specialmente i vari tipi di congiunzione.

A questo scopo immaginiamo delle piccole situazioni di


dialogo o descrizione:

1) Raccontare a un amico immaginario cosa accaduto mentre


andavamo al lavoro:

Stamattina andavo al lavoro con l' autostrada ma era piena


di macchine, perci sono dovuto tornare indietro e prendere
la rotatoria vicino al centro commerciale.... non avrei mai
creduto di arrivare in ufficio prima del solito!

Questa frase tradotta in romeno :


n dimineaa acesta m-am dus la munc pe autostrada dar erau
prea multe maini, deci a trebuit s m ntorc i s iau
sensul giratoriu lng centrul comercial... n-a fi crezut
niciodat c o s ajung la birou mai devreme dect de
obicei.

Su questa traduzione possiamo notare alcune particolarit:

il con l' autostrada diventa in romeno pe autostrada


cio sull' autostrada. Il 'con' nella frase italiana,
che corrisponderebbe a 'prin' in romeno perch significa
'per mezzo di', viene sostituito dal 'su';
il non avrei creduto diventa in romeno nu a fi
crezut cio utilizza il condizionale del verbo essere
anzi che del verbo avere;
dopo una espressione condizionale al passato di questo

83
tipo (non avrei creduto) in italiano utilizziamo l'
infinito (di arrivare) mentre in romeno si utilizza il
futuro (o s ajung)

2) Dialogare con una persona riguardo a un acquisto:

Hey, ciao, come stai?


Bene grazie, tu? Dove vai?
Tutto bene. Sto andando al concessionario per vedere
delle auto usate.
Come mai? La tua non funziona? O solo vecchia?
E' molto vecchia, ormai ha gi 12 anni... vorrei una
macchina pi moderna.
Bene, allora buone compere. Ci vediamo presto..
Ciao, salutami la tua famiglia.

Traducendo in romeno:

Bun! Ce mai faci?


Bine, mulumesc, i tu? Unde te duci?
Tot bine. M duc la un vnztor s vd cteva maini
folosite.
Cum aa? A ta nu funcioneaz bine? Sau numai e veche?
A mea e prea veche, de acum are 12 ani... a dori o
main mai modern.
Bine, bune cumprturi atunci! Ne vedem n curnd...
Pa, fericitri pentru familia ta.

3)Descrivere a qualcuno il proprio lavoro:

Lavoro in una multinazionale come disegnatore tecnico. Il


lavoro mi piace ma lo stipendio non buono, e spesso sono
costretto a lavorare pi del dovuto... il lavoro consiste nel
preparare dei disegni con Autocad e poi creare un report con
Excel di tutte le apparecchiature presenti. Dopo, devo
spedire il report al mio capo, e se lui lo approva, posso
procedere agli acquisti del materiale.

Traducendo in romeno:

Eu lucrez ntr-o multinaional ca un designer. mi place


84
munca dar salariul nu este bun, i deseori trebuie s lucrez
mai mult dect de necesar... munca const n prepararea de
desene pe Autocad i apoi n prepararea unui report cu toate
mainele folosite. Dup aceea, trebuie s trimesc reportul la
eful meu, i dup aprobarea sa, pot s fac cumprturii
materialului

4) Parlare del pi e del meno

Ciao Ion come va?


Ciao, tutto bene e tu?
Tutto bene, ti ho telefonato stamattina; tuo padre mi ha
detto che eri in centro...
Si sono andato a comprare qualche CD, hai sentito l'
ultima canzone di Horia?
Si, bellissima! Mia sorella sia comprata il cd proprio
ieri!
E tu dove stai andando adesso? Hai tempo per una birra?
Si, volentieri, non ho nessun impegno. Dovevo pagare una
bolletta ma ho gi fatto.
Andiamo!

Ceau Ion, ce mai faci?


Bun!, pe mine tot bine i pe tine?
Tot frumos, i-am sunat n diminea; tatl tu m-a spus
c erai n centrul.
M-am dus s cumpr vreo CD-uri, ai deja auzit ultima
piez a lui Horia?
Da, superb! Sora mea i-a cumprat CD-ul ieri!
i tu? Unde te duci acum? Ai timp? Ne bem o bere?
Cu placere, nu am nimic de facut. Trebuia s platesc o
factur dar am deja facut-o.
Hai s mergem atunci!

Come si pu facilmente notare le frasi qui utilizzate sono


state tradotte quasi letteralmente dall' italiano al romeno
per mantenere la stessa sequenza di concetti e una quasi
totale corrispondenza parola per parola. Ci che ne risulta
per, se pur grammaticalmente corretto, non esattamente il
modo di esprimersi dei romeni. In sostanza, se utilizzate le
85
frasi cos come tradotte, un romeno quasi sicuramente si
accorger che siete stranieri e che avete 'tradotto
letteralmente', perch il modo di esprimersi romeno
diverso.
Esaminiamo quindi le stesse frasi come le scriverebbe un
romeno madrelingua, e poi analizziamo le differenze. Per
farlo serviamoci di una piccola tabella che confronta frase
per frase la versione 'letterale' da noi proposta con una pi
'realistica' dettata da un madrelingua.

LETTERALE REALISTICA
n dimineaa acesta m-am dus De diminea am plecat la
la munc pe autostrada dar munc, ns pe autostrada era
erau prea multe maini, deci a trafic deci a trebuit s m
trebuit s m ntorc i s iau ntorc i s fac sensul
sensul giratoriu lng centrul giratoriu de lng centrul
comercial... n-a fi crezut comercial... n-a fi crezut
niciodat c o s ajung la niciodat c o s ajung la
birou mai devreme dect de birou mai devreme dect de
obicei. obicei.
Bun! Ce mai faci?
Bine, mulumesc, i tu?
Unde te duci?
Tot bine. M duc la un
vnztor s vd cteva
maini folosite.
Cum aa? A ta nu
funcioneaz bine? Sau
numai e veche?
A mea e prea veche, de
acum are 12 ani... a
dori o main mai
modern.
Bine, bune cumprturi
atunci! Ne vedem n
curnd...
Pa, fericitri pentru
familia ta.

86
Eu lucrez ntr-o
multinational ca un designer.
mi place munca dar salariul
nu este bun, i deseori
trebuie s lucrez mai mult
dect de necesar... munca
const n prepararea de desene
pe Autocad i apoi n
prepararea unui report cu
toate mainele folosite. Dup
aceea, trebuie s trimesc
reportul la eful meu, i dup
aprobarea sa, pot s fac
cumprturii materialului

Ceau Ion, ce mai faci?


Bun!, pe mine tot bine
i pe tine?
Tot frumos, i-am sunat
n diminea; tatl tu
m-a spus c erai n
centrul.
M-am dus s cumpr vreo
CD-uri, ai deja auzit
ultima piez a lui Horia?
Da, superb! Sora mea i-a
cumprat CD-ul ieri!
i tu? Unde te duci acum?
Ai timp? Ne bem o bere?
Cu placere, nu am nimic
de facut. Trebuia s
platesc o factur dar am
deja facut-o.
Hai s mergem atunci!

Qui di seguito invece vengono riportate alcune 'conversazioni


tipo' in lingua romena corrente:

In negozio:
dai-mi un chil de portocale v rog...
n-avem deloc portocale, domnule, mi pare ru. Dar avem
banane la un pret foarte bun...
merg i bananele, v mulumesc; i patru ardei
costul total este 6 euro
87
mulumesc, la revedere

traduzione:
mi dia un chilo di arance per favore...
non abbiamo arance, signore, mi spiace. Per abbiamo le
banane ad un ottimo prezzo...
vada per le banane, grazie; e anche quattro peperoni
in tutto costano quattro euro
grazie, arrivederci

Chiacchere tra vicini:


Scuzai-m, cred c suntem vecini... nu locuii i
dumneavoastra (de) lng gara?
Ba da, avei dreptate, suntei domnule Rossi?
Sunt eu, i voi?
Pe mine m numesc Popa, stau chiar lng voi... ce
facei?
Pi m duc la pia, soia mea i-a uitat s cumpere
legumele...
i eu m duc acolo... am maina n apropiere, dorii o
cltorie?
Cu placere, v mulumesc...

traduzione:
mi scusi, credo che siamo vicini... non abita anche lei
vicino alla stazione?
Ma si, ha ragione, lei il signor Rossi?
Si (sono io), e lei?
Io mi chiamo Popa, sto proprio vicino a lei... che fa?
Mah, vado al market, mia moglie si dimenticata di
comprare la verdura...
anche io vado di la... ho la macchina qui vicino, vuole
un passaggio?
con piacere, la ringrazio...

88
PARTE 4: IL MONDO INTORNO

89
90
In questa quarta parte inizieremo a conoscere il romeno per
interagire nel mondo intorno a noi.
Vengono presentati i termini e le espressioni comuni relativi
alla casa, al lavoro, alle attivit sociali quali andare in
discoteca, interagire con persone in un locale notturno,
ordinare al ristorante etc.
Ma impareremo anche a prenotare un viaggio, prendere il treno
e il taxi, andare a passeggio ed orientarci in citt, dovendo
chiedere informazioni, e anche andare a pagare alle poste o
in banca. Impareremo ad esprimere emozioni, fare spese,
andare dal dottore e molto altro ancora.

Ogni sezione composta da una lista di termini e delle frasi


tipo di uso reale; in quelle sezioni in cui prevista un'
interazione verranno proposte non solo le frasi che 'dovremmo
usare' ma anche quelle che ci aspetteremmo di sentirci
rivolgere. Cos per esempio nella sezione del ristorante non
presentiamo solo le frasi che NOI useremmo per ordinare, ma
anche alcune di quelle che potremmo sentirci rivolgere da un
cameriere. Sarebbe inutile infatti imparare ad esprimerci per
ordinare la nostra cena se non siamo in grado di capire cosa
ci viene chiesto o risposto dal personale.

Alla fine di questa parte saremo in grado di districarci in


una vastissima gamma di situazioni reali, e pronti per
addentrarci nelle ultime sezioni.

91
92
LA CASA APPARTAMENTO (casa - locuina)

93
94
IL SALOTTO (camera de zi)

1) parete la parete una parete: perete peretele un


perete
2) televisore il televisore un televisore: televizor
televizorul un televizor
3) divano il divano un divano: canapea canapeaua o
canapea
4) pavimento il pavimento un pavimento: podea podeaua
o podea
5) tavolo il tavolo un tavolo: mas masa o mas
6) sedia la sedia una sedia: scaun scaunul un scaun
7) stereo lo stereo uno stereo: combin combina o
combin
8) quadro il quadro un quadro: tablou tabloul un
tablou
9) poltrona la poltrona una poltrona: fotoliu fotoliul
un fotoliu
10) finestra la finestra una finestra: fereastr

95
fereastra o fereastr

Il televisore davanti al divano: Televizorul este in


fa canapelei
La finestra chiusa: Fereastra este nchis
Li c' una poltrona: Acolo este un fotoliu
Vicino al tavolo ci sono quattro sedie: Lng mas sunt
patru scaune / Aproape de mas sunt patru scaune
Guardiamo un po' di TV? : Ne uitm televizorul puin?
Prego, accomodati sul divano : Fa-te comod pe canapea, te
rog

ALTRI OGGETTI DA SALOTTO


Lampadario il lampadario un lampadario: Lustr Lustra
O lustr
Lampada la lampada una lampada: Lamp lampa o lamp
Tappeto il tappeto un tappeto: Covor covorul un covor
Tenda la tenda una tenda: Perdea Perdeaua o perdea
Tetto il tetto un tetto: Acoperi acoperiul un
acoperi

Nota:
La lampada da comodino : Veioz

96
LA CAMERA DA LETTO (dormitorul)

1) armadio l' armadio un armadio: ifonier ifonierul


un ifonier
2) letto il letto un letto: pat patul un pat
3) cuscino il cuscino un cuscino: pern perna o
pern
4) lenzuolo il lenzuolo un lenzuolo: cearaf cearaful
o cearaf
5) specchio lo specchio uno specchio: oglind oglinda
o oglind
6) comodino il comodino un comodino: noptier noptiera
o noptier
7) vestaglia la vestaglia una vestaglia: Capot Capotul
Un capot

Il letto matrimoniale: Patul este dublu


Il comodino piccolo ed destra del letto: Noptiera
este mic i este n dreapta patului
97
Nella camera c' uno specchio: n dormitorul este o
oglind
L' armadio molto grande: ifonierul este foarte mare
Dobbiamo mettere in ordine la camera: Trebuie s strngem
camera / dormitorul
Il letto di legno: Patul este din lemn
Le lenzuola vanno cambiate: Cearafurile urmeaz s fie
schimbate

98
IN CUCINA LA TAVOLA (buctrie - masa)

1) Piatto il piatto un piatto: Farfurie Farfuria o


Farfurie
2) Tovaglia la tovaglia una tovaglia: Fa de mas -
faa de mas o fa de mas
3) Forchetta la forchetta una forchetta: Furculi
furculia o furculi
4) Bicchiere il bicchiere un bicchiere: Pahar Paharul
- un pahar
5) Coltello il coltello un coltello: Cuit cuitul
un cuit
6) Tovagliolo il tovagliolo un tovagliolo: erveel
erveelul un erveel

Sul tavolo ci sono cinque bicchieri: Pe mas sunt cinci


pahare
Il tovagliolo si trova sopra il piatto: erveelul se
afl pe farfurie
Sul tavolo non c' nessun cucchiaio: Pe mas nu este

99
nicio lingur
La tovaglia sporca, dobbiamo cambiarla: Faa de mas
este murdar, trebuie s o schimbm
Sul tavolo c' un bicchiere di vino: Pe mas este un
pahar de vin

ALTRI ARTICOLI DA CUCINA / SALA DA PRANZO


(le) Posate: Tacmuri[le]
(le) Stoviglie: Vase[le]
(il) Frigorifero: Frigider[ul]
(il) Freezer: Congelator[ul]
(il) Forno: Cuptor[ul]
(il) Fornello: Ochi de aragaz
(la) Macchina da caff: Cafetier [-a]

DENTRO IL FRIGO
(la) Frutta: Fructe[le]
(il) Pesce: Pete[le]
(la) Carne: Carne[a]
Acqua / L' acqua: Ap / Apa
(il) Vino: Vin[ul]
Ghiaccio / Il ghiaccio: Ghea / Gheaa
Insalata / L' insalata: Salat / Salata
Verdura / La verdura: Verdea / Verdeaa
Gelato / Il gelato: ngheat / ngheata

Nota:
Col termine Verdea si indicano verdure e condimenti come
sedano, cipollotto etc, mentre per indicare patate, peperoni,
etc si utilizza il generico LEGUME.

TIPI DI FRUTTA:
Banana / La banana: Banan / Banana
Mela / La mela: Mr / Mrul
Pera / La pera: Par / Para
Fragola / La fragola: Capun / Capuna
Ciliegia / La ciliegia: Cirea / Cireaa

100
IL BAGNO (baia)

1) Water il water un water: Closet Closetul Un


closet
2) Bidet il bidet un bidet: Bideu Bideul Un bideu
3) Lavatrice la lavatrice una lavatrice: Main de
splat - Maina de splat O main de splat
4) Lavandino il lavandino un lavandino: Chiuvet
Chiuveta O chiuvet
5) Doccia la doccia una doccia: Du Duul Un du

La lavatrice rotta: Maina de splat este stricat


Il bidet vicino al water: Bideul este aproape de
closetul
Il lavabo piccolo: Chiuveta este mic
Nel bagno c' una doccia ma non c' nessuna vasca: n
baia este un du dar nu este nicio cad
Mi faccio una doccia: Fac un du
Dove il mio spazzolino?!: Unde este periua mea de
dini?!
101
ALTRI ARTICOLI DA BAGNO:
Asciugamano l' asciugamano un asciugamano: Prosop
Prosopul Un prosop
Spazzolino lo spazzolino uno spazzolino: Periu de
dini Periuta de dinti O periu de dini
Dentifricio il dentifricio un tubetto di dentifricio:
Past de dini Pasta de dini O past de dini
Sapone il sapone una saponetta: Spun Spunul Un
spun
Accapatoio l' accapatoio un accapatoio: Capot
Capotul Un capot

102
ALL' APERTO

1) Casa / Abitazione (La casa / L' abitazione): Cas /


Locuin (Casa / Locuina)
2) (Il) Cielo: Cer[ul]
3) (La) Nuvola / (le) Nuvole: Nor[ul] / Nori[i]
4) Erba / Giardino (L' erba / Il giardino): Iarb / Grdin
(Iarba / Grdina)
5) (l') Albero / (gli) Alberi: Pom[ul] / Pomi[i]
6) Fiore (Il fiore) / (I) fiori: Floare (Floarea) /
Flori[le]
7) (il) Tetto: Acoperi[ul]
8) Pianta (la pianta) / (le) piante: Plant (Planta) /
Plante[le]

Vicino alla casa ci sono alcuni alberi: Lnga casa sunt


civa pomii
Mi piacciono le piante: mi plac plantele
Oggi il cielo sereno, possiamo mangiare in giardino:
Azi cerul este senin, putem s mncm n gradin
Sposta la macchina da davanti alla casa: Muta maina din
faa casei
103
Il tetto rotto, devo aggiustarlo: Acoperiul este
stricat, trebuie s-l ajustez

LE PULIZIE DI CASA

Il sabato puliamo l' appartamento: Smbta curm


locuinta
La domenica puliamo il giardino: Duminica curm gradina
Marta, io pulisco il bagno: Marta, eu cur baia
Pulisci tu il pavimento?: Curi podeaua?
Metto la biancheria nella lavatrice: Bag rufele n maina
de splat
Chi stende il bucato?: Cine ntinde rufele?
Chi annaffia i fiori?: Cine ud florile?
Per favore, lavi i piatti?: Spali vasele, te rog?
Ion, riordina la stanza dei bambini!: Ion, strnge camera
copiilor!

104
AL LAVORO (la munc)

105
106
UFFICIO (birou):

1) Mobile il mobile un mobile: Mobil Mobila O


mobil
2) Scrivania la scrivania una scrivania: Birou Biroul
Un birou
3) Computer il computer un computer: Calculator
Calculatorul Un calculator
4) Poltrona la poltrona una poltrona: Fotoliu Fotoliul
Un fotoliu
5) Armadio l' armadio un armadio: Dulap Dulapul Un
dulap
6) Cassettiera la cassettiera una cassettiera: Dulap cu
sertare Dulapul cu sertare Un dulap cu sertare

Il computer sulla scrivania: Calculatorul este pe birou


Nell' ufficio ci sono 3 poltrone: n birou sunt trei
scaune
La tastiera del computer bianca: Tastatura
calcolatorului este alb
107
Prendi i documenti dall' armadio, per favore: Ia
documentele din dulap, te rog
Mi serve un' altra cassettiera: Am nevoie de un alt dulap
cu sertare
Vorrei mandare un fax, dove posso farlo?: A dori s
expediez un fax, unde pot s fac?
Dove trovo la carta per la fotocopiatrice?: Unde pot s
gsesc hrtie pentru copiator/xerox?

ALTRI OGGETTI D' UFFICIO


Blocco per appunti: Agend
Calendario: Calendar
Portapenne: Suport pentru pixuri
Buca fogli: Perforator
Fotocopiatrice: Xerox
Stampante: Imprimant
Fax: Fax
Telefono: Telefon
Raccoglitore: Dosar
Spillatrice: Capsator

108
USCIRE LA SERA IN CITTA' (S iei seara in ora)

109
110
AL CINEMA (la cinematograf)

1) schermo lo schermo uno schermo:


2) poltrona la poltrona una poltrona:
3) fila la fila una fila:
4) cassa la cassa una cassa:

Andiamo al cinema?: Mergem la cinematograf?


Che film danno? E' bello?: Ce film ruleaz? Este bun?
Si, oggi danno un bel film: Da, azi ruleaz un film bun
Lo spettacolo inizia alle otto: Reprezentaia ncepe la
ora opt
Quanto costano i biglietti?: Ct cost biletele de
ntrare?
In che fila sono i nostri posti?:
Voglio sedermi dietro / davanti / in mezzo: Vreau s stau
n spate / n fa / la mijloc
Il film mi sembra emozionante, e a te?: Filmul mi se pare
captivant, i tie?

111
Mah, mi sembra noioso: Pi, mi se pare plictisitor
Il libro da cui tratto il film era migliore: Cartea
aferent filmului a fost mai bun

ALTRI TERMINI DA CINEMA


La maschera:
il biglietto di ingresso: biletul de ntrare
il chiosco: chiocul
i sottotitoli: subtitrari
la colonna sonora:
la prenotazione: rezervaia
la cassa:

112
IN DISCOTECA (la discotec)

1) pista la pista una pista: parchet pentru dans


parchetul pentru dans un parchet pentru dans
2) divanetto il divanetto un divanetto: canapea
canapeaua o canapea
3) proiettore il proiettore un proiettore: proiector
proiectorul un proiector
4) banco del DJ il banco del DJ un banco del DJ:
5) luce strobo la luce strobo una luce strobo: lumina
strobe lumina strobe o lumina strobe

Mi piace questa musica, ma un po' troppo forte: mi


place muzica aceasta, dar este un pic prea tare
Vieni spesso qui?: Eti adesea aici?
No, non ci sono mai stato, la prima volta: Nu, nu am
fost niciodata pe aici, este prima dat
Si, ci vengo spesso con i miei amici: Da, vin aici des cu
prieteni mei
113
Vuoi ballare?: Vrei s dansm?
No grazie, magari un' altra volta: Nu, mai bine altdat
Allora andiamo a bere qualcosa?: Ne bem ceva, atunci?
Si, volentieri: Da, cu placere
Questo DJ molto bravo!: Acest DJ e foarte tare!
Ti piacciono le canzoni?: ti plac cantecele?
Si, ma non capisco le parole: Da, dar nu neleg
cuvintele

ALTRI TERMINI DA DISCOTECA:


il priv: privatul
il bancone del bar: barul
il barman: barmanul
la zona fumatori: zona de fumat
spettacolo notturno: show de noapte

Discoteca Romena
Bombardier

Live Denisa

Sabato
26 Marzo

dalle ore 22.00

Ingresso euro 15.00

114
AL RISTORANTE (la restaurant)
CIBO (mncarea)

Antipasto: Aperitiv
Primi piatti: Feluri nti
Secondi piatti: Feluri doi
Contorno: Garnitur
Formaggi: Brnzeturi
Dessert: Desert

BEVANDE (beautori)
Birra chiara: Bere blond
Birra scura: Bere neagr
Vino bianco: Vin alb
Vino rosato: Vin roze
Vino rosso: Vin rou
Caff: Cafea
Amaro: Amar
Acqua naturale: Ap natural
Acqua gassata: Ap mineral

Cosa desiderate per contorno?: Ce dorii c i garnitur?


Vorremmo ordinare due primi e due secondi: Am dori s
comandm dou feluri nti si dou feluri doi
Qualcosa da bere?: Ceva de but?
Si, vorremmo una birra chiara e un vino rosso: Da, am
vrea o bere blond i un vin rou
Gradite un dessert?: Ai dori un desert?
No, ma vorremmo ordinare il caff e due amari: Nu, dar am
vrea s comandm o cafea i dou pahare de amar

115
Avete qualche specialit?: Avei vreo specialitate?
Vorremmo un misto di formaggi con contorno di patate e
insalata: Am vrea un mixt de brnzeturi cu garnitur de
cartofi i salat
Quest' acqua molto frizzante: Aceast ap este foarte
acidulat
Complimenti, il vino molto buono: Felicitri, vinul
este foarte bun!
Vorremo delle specialit tipiche: Am dori specialiti
tipice
Come la carne? E' di qualit?: Cum este carnea? De
calitatea?
Si signore, da noi trovate solo carne di qualit!: Da,
domnule, la noi gasii doar carne de calitatea!
Mi porta il conto, per favore?: M aducei factura, v
rog?

ALTRI TERMINI DA RISTORANTE:


(la) Prenotazione: Reservare[a]
(il) Tavolo: Mas(a)
(la) Carta dei vini: List(a) de vinurilor
(il) Conto: Cont(ul) / Nota de plat
(l') Ordinazione: Comand(a)
(il) Cuoco: Buctar[ul]
(il) Cameriere: Chelner[ul]

116
FARE COMPERE (A face cumprturi)

117
118
AL CENTRO COMMERCIALE (La un magazin)

Vuoi andare ad un centro commerciale?: Vrei s ne ducem


la un market?
Devo fare degli acquisti: Trebuie s fac cteva
cumprturi
Mi servono degli articoli da officio: penne, mobili,
buste e carte da lettere: Am nevoie de articolele de
birou: pixuri, mobilele, plicuri i hartie de scris
Dove sono i giocattoli?: Unde sunt jocurile?
Devo comprare una bambola per mia figlia: Trebuie s
cumpr o papu pentru fiic mea
C' una gioielleria in questo centro commerciale?:
Exist un magazin de bijoterii in marketul acesta?
Mi da quel bracciale?: mi dai acea brar?
Quanto costa quella borsa?: Ct cost geanta aceea?
Posso pagare con carta di credito?: Pot s pltesc cu
cardul de credit?
Stiamo cercando un negozio di articoli sportivi, dove lo
119
troviamo?: Cautm un magazin de articole sportive, unde
putem s-l gasim?
Andiamo alla macelleria: Mergem la maceleria
Cerchiamo la macelleria per comprare del salame: Cautm o
macelerie c s cumprm salam
C' una farmacia? Ci servono delle medicine: Exist o
farmacie? Avem nevoie de unele medicamente.
C' una pasticeria?: Exista o cofeterie?
Si, alla fine del corridoio, a destra: Da, este la
capatul coridorului, la dreapt

120
AL MARKET (La un market)

Buongiorno, mi servirebbe del pane: Bun ziua, mi-ar


trebui pine
E anche sei bracciole di maiale: i ase cotlete de porc
Vorrei mezzo chilo di pollo, due bottiglie di birra, e
del salame: A vrea o jumtate de chil de pui, dou
sticle de bere, i salam
Che condimenti avete?: Care conserve avei?
Quanto costa al chilo questo formaggio?: Ct cost un
chil de aceast brnz?
Avete anche frutta?: Avei i fruptele?
Che dolci avete? Sono freschi?: Care feluri de produse de
patiserie avei? Sunt proaspete?
Siete aperti anche di sabato?: Suntei deschisi i
smbt?
Fate consegne a domicilio?: Facei livrarile la
domiciliu?
Mi fa il conto, per favore?: M facei factura, v rog?
Vorrei pagare con carta di credito: A vrea s pltesc cu
cardul de credit

121
ALTRI ALIMENTI:
sottacceti: murturi
conserve: conserve
spezie: mirodenii
salsicce: crnai
pasticceria: produse de patiserie
petto di pollo: piept de pui
ali di pollo: aripi de pui
costine di maiale: costi de porc
bistecca: ceaf
braciola: cotlet
pancetta affumicata: costi afumat
fritti: prjituri

122
PARTE 5: APPROFONDIMENTI

123
124
In questa sezione affronteremo assieme alcuni approfondimenti
della lingua romena. Si tratta pi che altro di imparare le
differenze tra alcuni termini dal significato simile o
apparentemente intercambiabile, quando utilizzare un termine
piuttosto che un altro, la differenza tra alcuni termini, e
le regole di formazione di alcune parole. Vedremo anche una
serie di frasi idiomatiche e modi di dire, e l' utilizzo del
tempo supino (poco conosciuto in genere dagli italiani e
assente in molte lingue, ma utilizzatissimo nel romeno). L'
ottica con cui queste nozioni sono resentate duplice: da un
lato quella di risolvere i vari dubbi che a un italiano
possono venire al momento di formulare una frase in romeno;
dall' altro quella di fornire uno strumento per rendere un
italiano capace di interpretare correttamente un test romeno,
al di la della 'forma', e fino al concetto espresso. Come
vedremo, per esempio, 'Oricare' e 'Fiecare' significano
entrambi 'qualunque', ma esprimono due concetti diversi... l'
italiano che vuole padroneggiare il romeno dovr imparare la
differenza tra i due, il concetto espresso da ognuno, e
scegliere a seconda di cosa vuole comunicare il termine pi
adeguato, in questa e tante altre situazioni.

C / CCI
Entrambe hanno il significato di 'che', ma esiste una regola
base da tenere presente per il loro utilizzo: C usata da
sola non pu essere utilizzata nell' esplicazione di motivi.
In sostanza mentre Cci una congiunzione 'motivale', C
una congiunzione 'identificativa' e 'consequenziale'.
Essendo motivale, Cci non si pu utilizzare con PENTRU (per)
e con FIIND (essendo).
E' corretto l' utilizzo di CCI in frasi come:

Esti trist cci nu te pot ierta = Sei triste perch non


posso perdonarti
125
Eu i cunosc cci am trit cu ei = Li conosco perch ho
vissuto con loro

Cci equivalente a Fiindc e Pentru c.

C invece, essendo consequenziale, si utilizza in frasi in


cui un concetto la spiegazione / identificazione o
conseguenza di qualcosa, esempio:

mi zici c nu pot veni = Mi dici che non posso venire


tii c ele nu au mncat nc? = Sai che non hanno ancora
mangiato?

NICIUN / NICIO / NIMENI


Tutti e tre i termini significano 'nessuno', ma mentre Niciun
e Nicio indicano una 'assenza' o una 'specificazione di
qualit', Nimeni indica una 'identificazione negativa'.
Alcuni esempi di utilizzo:

Vicino alla casa non ci sono strade = Lng casa nu este


nicio strad (assenza)
Mia sorella non esce con nessun uomo = Sora mea nu
ntalnete niciun barbat (specificazione di qualit)
Non conosco nessuno = Nu cunosc pe nimeni
(identificazione negativa)
Nessuno va a lavorare = Nimeni nu merge la lucru
(identificazione negativa)

DE CINE / A CUI
Entrambi i modi di dire significano 'Di chi', ma A CUI
introduce un genitivo o un possesso e sottintende una
relazione, mentre DE CINE ha funzione indicativa /
identificativa.
Ecco due esempi:

Di chi il cane? = A cui e cinele? (possessivo)


Di chi hai paura? = De cine i-e fric? (identificazione)
Di chi hai desiderio? (nel senso: chi vorresti vedere?) =
De cine i-e dor? (identificazione)

126
CUM / CA
Abbiamo gi visto qualche esempio di utilizzo di questi due
termini, che significano entrambi 'Come'. Da regola empirica
CUM indica un 'modo', una 'maniera' o un 'mezzo', mentre CA
indica un 'paragone' o una 'somiglianza'. Ci sono delle
eccezioni nel parlato ma si pu tenere questa come regola
base.
Ecco degli esempi:

Come si chiama? = Cum se numete? (in che modo? con che


parola?)
Come vuoi! = Cum vrei! (nel modo in cui tu vuoi!)
Sei innocente come un bambino = Eti nevinovat ca un
bebelu (paragone)
Come sempre = Ca ntotdeauna (paragone)
I tuoi occhi sono come due diamanti = Ochii ti sunt ca
dou diamante (somiglianza)

IL DOPPIO SIGNIFICATO DI IAR


Generalmente si impara che IAR significa 'nuovamente', ed
effettivamente viene spesso usata con questo significato
inquanto avverbio di tempo. Ma IAR ha anche un altro
significato quando utilizzata come congiunzione, ed quello
di MA / MENTRE quando questo pu indicare una differenza di
concetti o introdurre una espressione avversativa (simile a
INVECE)
Vediamo esempi di questi utilizzi:

Vedo ancora quella ragazza = Eu vd iar fata aceea


Tu leggi, mentre (invece) io scrivo = Tu citeti iar eu
scriu

INSA / DAR / CI
Tutti e tre questi termini significano 'ma', e generalmente
DAR ed INSA sono equivalenti con funzione puramente
avversativa. CI invece ha il significato di MA quando questo
esprime il concetto di BENSI, mostrando quindi una funzione
avversativa e accrescitiva.

Vediamone l' utilizzo:

Non mi piace la musica, bens la scrittura: Nu m

127
intereseaz muzica, ci pictura
Non solo mi piace, ma lo amo = Nu numai mi place, ci l
iubesc pe el

VREODATA / NICIODATA
Entrambi hanno il significato di MAI, ma l' utilizzo dei due
differente. VREODATA relegato a:

un MAI con valore 'ipotetico' in cui si esprime una volta


indefinita in cui si potrebbe compiere un' azione o
verificare un evento
un MAI interrogativo con avverbio in chiave positiva
un concetto di 'prima o poi'

Vediamone gli esempi:

Se mai tu andassi a Bucarest... = Dac vreodat o s te


duci la Bucureti...
Sei mai stato a Bucarest? = Ai fost vreodat la
Bucureti?
Te voi uita, vreodat = Ti dimenticher, un giorno

NICIODATA invece indica il concetto di MAI assoluto, solo


nelle frasi affermative o negative ma mai interrogative.

Non sono mai stato a Roma = Nu am fost niciodat la Roma


Non ho mai visto quel film = Nu am vazut filmul acela
niciodat

I PREFISSI FIE- E ORI-


Sia FIE che ORI usati come prefissi hanno il generico
significato di 'Ogni', ma i due concetti espressi sono
sostanzialmente diversi:

FIE- esprime il concetto di 'ogni singolo', implicando una


generalit che somiglia a TUTTI

ORI- esprime il concetto di 'ogni ipotetico', implicando una


generalit che somiglia a QUALSIASI.

Cos FIECARE DAT significa 'Ogni singola volta' che qualcosa


128
si verifica. FIECINE indica ogni singolo individuo in un
contesto. D' altra parte ORICUM indica 'qualsiasi maniera o
modo' tra le tante a disposizione, e ORICND una 'qualsiasi
volta' ipotetica in cui una eventualit si possa verificare.
In italiano corrisponde a 'quandunque'. ORICINE quindi
indicher una 'qualsiasi persona' che possa compiere una
azione, in italiano corrisponde a 'chiunque'. ORICARE l'
italiano 'qualunque', ORICE corrisponde al 'qualunque cosa' e
ORIUNDE l' italiano 'ovunque'. Fissiamo i concetti con
degli esempi:

Lui un bravo ragazzo, parla con chiunque (= con


qualsiasi persona) : El este un baiat bun, vorbete cu
oricine
Deve essere fatto comunque (= in una maniera o nell'
altra) : Trebuie facut oricum
Andiamo al lavoro assieme ogni mattina (= tutte le
singole mattine) : Mergem mpreun la munc n fiecare
diminea

Ricordiamoci di questa distinzione di significato quando


dobbiamo mentalmente tradurre dall' italiano al romeno,
perch in italiano il 'chiunque' e il 'qualunque' valgono per
entrambi i contesti (uno tra tanti // ogni singolo) mentre in
romeno dovremo utilizzare il termine preposto allo scopo.
Ci vale ovviamente anche quando dobbiamo declinare al dativo
o genitivo, utilizzando ORICARUI / ORICAREI o FIECARUI /
FIECAREI:

Dammi il nome di tutti! (= di ogni singola persona) : D-


mi numele fiecarui!
Di chiunque sia, non devi prenderlo (= di qualsiasi
singola persona sia) : Oricaruia ar fi, trebuie sa nu-l
iei!

IL SUFFISSO -VA
Per esprimere una situazione generica indefinita si utilizza
il suffisso -VA, che esprime pi o meno lo stesso principio
del prefisso ORI, ma mentre ORI indica un 'qualsiasi' che pu
essere ripetuto, il suffisso -VA indica solo UNA ipotetica
situazione.

129
-VA si pu attacare a ogni genere di avverbio, avendo:

cineva / careva (una persona = qualcuno)


cndva (una volta = un giorno o l' altro)
cumva (in un modo = forse, probabilmente)
undeva (da qualche parte)

Esempi:
qualcuno ha bussato alla porta: A batut la ua cineva
un giorno (prima o poi) lo far: O sa-l fac cndva
Ti ho gi visto da qualche parte...: Te cunosc de undeva

DUCE / ADUCE
Conosciamo gi questi due verbi con il significato di
'portare', ma non abbiamo mai specificato la differenza che
intercorre tra i due. Il verbo DUCE esprime 'portare'
indicando un verso che si allontana da chi parla, mentre
ADUCE pu assumere il significato di 'riportare' e in ogni
caso esprime il concetto di un portare 'verso chi parla'.
Per capire bene questi concetti immaginiamo di parlare con un
amico per pianificare di andare al cinema, con questa frase:

se andiamo al cinema, mi devi portare l e poi


riaccompagnare a casa

Analizzandola geograficamente, nel momento in cui viene


detta, 'portare al cinema' indica un allontanamento dalla
posizione corrente, mentre 'riaccompagnare a casa' indica un
riavvicinamento.
Bene nel primo caso si user DUCE, mentre nel secondo caso si
user ADUCE:

dac ne ducem la cinema, trebuie s m duci acolo i apoi m


aduci acas

Capito il concetto, se per esempio dobbiamo dire a un amico

portami il libro che ti ho dato

siccome stiamo descrivendo un 'avvicinamento' a chi parla,


useremo ADUCE:
130
adu-mi cartea pe care i-am dat-o

se invece esprimiamo un allontanamento, per esempio in queste


frasi:

ti porto il libro
devo portare i bambini a scuola

useremo DUCE, ottenendo:

i duc cartea
trebuie s duc copiii la coala

NTRE, DINTRE E PRINTRE


Tutti questi tre termini significano tra, ma ognuno ha un
particolare utilizzo. ntre implica una collocazione statica
tra due o pi elementi, per esempio:

ci sono problemi tra noi: sunt probleme ntre noi


spostiamo il tavolo tra quelle due pareti: mutm masa
ntre cele dou perei

Dintre esprime un concetto di qualcosa collocato tra due o


pi elementi ma che 'idealmente' se ne separa per svolgere o
subire una azione, per esempio:

qualcuno tra voi mi aiuta?: cineva dintre voi m ajut?

Questa frase identifica una persona che chiede aiuto, un


gruppo di persone, dalle quali, idealmente, una si separa o
si distigue per aiutare.

Printre, dal canto suo, esprime un concetto di 'compagnia' e


indica un elemento 'compreso' tra altri. Vediamo l' esempio:

Ho letto molti libri tra i quali anche l' Odissea = Ho


letto molti libri compresa l' Odissea: Am citit multe
cri printre care i Odissea

131
132
PARTE 6: IL ROMENO VERO

133
134
Siamo arrivati finalmente alla parte conclusiva di questo
'manuale di apprendimento'. Siamo passati, attraverso le
varie parti, dall' apprendere i concetti base, al conoscere
le congiunzioni, gli avverbi, i riferimenti di spazio e
tempo, per poi conoscere quei particolari grammaticali che
nella nostra lingua diamo per scontati ma che, nell' imparare
una nuova lingua, risultano spesso noiosi ed avversi. Abbiamo
anche conosciuto le terminologie romene tipiche di vari
ambienti e di varie attivit e situazioni, per poi andare ad
approfondire nell' ultima parte alcune espressioni tipiche,
le differenze tra alcuni termini, e abbiamo imparato quando e
come utilizzare un termine rispetto a un altro.

Ma cosa l' apprendimento di una lingua quando questa si


limita a un manuale o a un libro? Una lingua imparata senza
calarsi mai all' interno del mondo dei madrelingua sar
sempre una lingua imparata a met.
Questo manuale non pu certo portarvi a soggiornare in
Romania per una full-immersion di una settimana, e non pu
certamente fornirvi un interlocutore romeno col quale
interagire in tempo reale.
Ma far una cosa altrettanto utile e forse pi divertente: vi
fornir decine di esempi di 'ROMENO VERO', cio di romeno
scritto e parlato dai romeni.
Come? Con testi di canzoni, con trascrizioni di telegiornali,
con articoli di giornale, con estratti di film, barzellete e
tanto altro.
Le trascrizioni con contenuto audio sono segnalate con una
(A) che indica che nel sito dedicato al libro presente il
video relativo.

Divertendovi imparerete le espressioni giovanili, le forme


discorsive che si utilizzano nel parlato e nello scritto

135
artistico, ascolterete madrelingua scandire le frasi in
maniera diversa tra loro, e allenerete l' orecchio a
riconoscere le stesse parole pronunciate con accento,
intonazione, velocit diverse e in situazioni differenti tra
loro.
Iniziamo dunque, perch credo che, come stato nel mio caso,
questa sar la parte pi divertente del vostro apprendimento.

136
LE CANZONI

In questa sezione vengono riportati testi di sei canzoni di


artisti romeni, scelte per la loro particolare utilit nel
percorso di apprendimento. Sono canzoni in cui la pronuncia,
il ritmo, la cadenza, e i vocaboli utilizzati sono ottimali
in quanto non troppo difficili per l' orecchio non molto
allenato ma allo stesso tempo molto 'reali' e rappresentative
del modo di esprimersi e di pronunciare dei romeni.

Tutte le canzoni sono riportate con i corretti caratteri


romeni comprensivi di diacritici, con traduzione a fronte, e
note esplicative.

LIVELLO BASE

Artista Canzone
Syabllo Lnga tine
Bambi Doare c ne am pierdut
Inna Oare
Tazy & Duda Te caut
DaOne & Mada A fost dragoste
Cristina Rus Prea trziu

137
SYABLLO Lnga tine (A)
Lnga tine am tot ce-mi doresc,
lnga tine pot s triesc,
langa tine pot s zmbesc,
s zmbesc...

Ochii ti sunt ca dou diamante


i-a privi n fiecare zi i noapte;
nu pot s stau fr tine
fr tine nu e bine, nu e bine.
Tu dai culoare, tu faci orice,
doar tu tii s-mi faci pline zilele;
lnga tine m regsesc
lnga tine am nvtt s iubesc

138
SYABLLO Al tuo fianco
Al tuo fianco ho tutto ci desidero,
al tuo fianco posso vivere,
al tuo fianco posso sorridere,
sorridee...

I tuoi occhi sono come due diamanti


potrei guardarli ogni giorno e ogni notte;
non posso stare senza di te,
senza di te non sta bene, non sta bene.
Tu dai colore, rendi tutto possibile,
solo tu sai riempire le mie giornate;
al tuo fianco mi ritrovo,
al tuo fianco ho imparato ad amare.

139
BAMBI Doare c ne-am pierdut (A)

Ma-neac aerul nu pot s-l mai respir. (1)


tiu prea bine... ne-am certat dar nc ne dorim;
i m-apas fiecare minut ce trece i nu-s om
N-am crezut c nici adio nu o s vrei s-mi spui (2)

Puteai s faci s nu m mai doar aa,


S nu-mi plng inima;
Puteai s faci s nu se termine aa:
Nu e vin mea!
Puteai s faci s n-aflu greeala ta,
Nu tii ct m-a durut;
Puteai s faci s nu pltim pentru ea... (3)
Doare c ne-am pierdut.

Frig mi e, nimic nu m poate ncalzi;


mi jur mie c n viaa nu voi mai iubi.
E grea uitarea doare singuratatea din vin ta,
tiu c-i pare rau dar n-am puterea de-a continua. (4)

Puteai s faci s nu m mai doar aa,


S nu-mi plng inima;
Puteai s faci s nu se termine aa:
Nu e vin mea!
Puteai s faci s n-aflu greeala ta,
Nu tii ct m-a durut;
Puteai s faci s nu pltim pentru ea...
Doare c ne-am pierdut.

i nu mai vreau s te mai ascult,


Chiar de-i doreti s vii napoi...
i nu mai vreau o clipa s uit,
Greeala ta te-a rupt de noi doi. (5)

140
BAMBI Fa male l' esserci persi

L' aria mi annega, non riesco pi a respirare. (1)


Lo so benissimo... abbiamo litigato ma ancora ci desideriamo;
e sento ogni minuto che passa e -----
Non credevo che mi avresti mai detto addio. (2)

Potevi far s che non mi dolesse cos,


che non mi piangesse il cuore;
potevi far s che non terminasse cos:
non colpa mia!
Potevi far s che non scoprissi i tuoi errori,
non sai quanto mi ha fatto male;
Potevi far si che non risentissimo a causa sua... (3)
Fa male l' esserci persi.

Mi sento fredda e niente mi pu scaldare;


giuro a me stessa che non amer pi.
E' difficile dimenticare di essere sola per colpa tua,
so che ti dispiace ma non posso continuare. (4)

Potevi far s che non mi dolesse cos,


che non mi piangesse il cuore;
potevi far s che non terminasse cos:
non colpa mia!
Potevi far s che non scoprissi i tuoi errori,
non sai quanto mi ha fatto male;
Potevi far si che non risentissimo a causa sua...
Fa male l' esserci persi.

E non voglio pi ascoltarti,


anche se tu volessi tornare...
e non voglio pi un momento da dimenticare,
il tuo sbaglio ci ha fatto rompere. (5)

1) 'Ma-neac' l' abbreviazione di 'ma neac'


2) In italiano usiamo 'che mi avresti detto' mentre in romeno si
usa generalmente 'che mi dirai'
3) 's nu pltim' letteralmente vuol dire 'che non paghiamo', in
questo caso 'che non paghiamo il prezzo' , 'che non ne
facessimo le spese'
4) 'nu am puterea de a continua' letteralmente 'non ho il
potere di continuare'
5) 'te-a rupt de noi doi' letteralmente 'ti ha rotto di noi due'
= 'ci ha fatti rompere' (la relazione)

141
INNA Oare (A)

M ntorc n timp de attea ori


Cnd eram noi doi,
Chiar dac tiu c ai uitat de noi.
Ai uitat de noi.
Ce trist e totul fr tine,
Cnd nu eti aici,
n gndul meu amintiri m fac s zbier, m fac s sper. (1)
Mai am o singur ntrebre

Oare? (oare) Oare tu ti cum doare ?


Doare (doare) cnd te privesc mereu
Oare? (oare) eti tu sau mi se pare
Oriunde vd chipul tu

Te-am ateptat attea nopi


Sufletul mi-e gol (2)
Poate nu vrei sau nu mai poi
S te ntorci acum
Ridic privirea ctre cer
Mai am un singur gnd
S te atept i inc sper
C te ntorci curnd
Mai am o singur ntrebare

Oare? (oare) Oare tu ti cum doare?


Doare (doare) cnd te privesc mereu
Oare? (oare) eti tu sau mi se pare
Oriunde vd chipul tu

142
INNA Davvero

Torno cos spesso indietro nel tempo


a quando eravamo 'noi due',
Anche se so che ti sei dimenticato di noi.
Ti sei dimenticato di noi.
Quant' triste tutto senza di te,
quando non sei qui,
In testa i ricordi mi fanno urlare, mi fanno sperare. (1)
Ho solo un' altra domanda:

Davvero? Davvero sai quanto fa male?


Fa sempre male quando ti vede.
Davvero sei tu o mi sembra soltanto?
Vedo ovunque la tua immagine.

Ti ho aspettato per tante notti,


la mia anima vuota (2)
forse non vuoi, o non puoi pi
ritornare adesso.
Rivolgo lo sguardo al cielo,
ho solo un' altro pensiero:
Aspettarti e ancora sperare
che tu ritorni presto
Ho solo un' altra domanda:

Davvero? Davvero sai quanto fa male?


Fa sempre male quando ti vede.
Davvero sei tu o mi sembra soltanto?
Vedo ovunque la tua immagine.

(1)n gndul meu = letteralmente nel mio pensiero


(2) Ricordiamo il modo espressivo con la costruzione 'Mi-e ' per
intendere 'Ho...' es: 'Mi-e foame' = 'Ho fame'. Qui
letteralmente sarebbe Ho l' anima vuota

143
TAZY feat. KAYE OWE Te caut (A)

Cnd nchid ochii,


Amintirile mi par att de vii,
Simt c eti aici cu mine,
Dar cnd i deschid realizez c...
E doar un vis.

Te caut dar nu te gasesc,


Incep s-mi amintesc c la tine m gndesc,
Timpul repede s-a scurs,
Clipe frumoase s-au dus,
Acum de mine te-ai ascuns...

Spune-mi unde s caut s te gasesc,


Dragostea ta nu o mai regasesc,
Mai ru greesc, m port prostesc,
M linistesc, nu vreau s pornesc un protest (nu!)
Pare grotesc.
M schimb din mers, i merg i iar m schimb
Cum timpu' trece, noi trecem prin timp
De acum nu m mai mint,
Trebuie s uit ce simt... ce simt... ce simt..
Nu simt nimic...nimic...
Dar acum tu vezi n mine doar un bun amic.
i tii c nu te voi uita...
Nu pot uita tot ce a fost cndva,
Au ramas amintiri bine pstrate n mintea mea.
i nu m deprim, te port n inima,
Acum cnd totul se termin cu o lacrim.

Te caut dar nu te gasesc,


Incep s-mi amintesc c la tine m gndesc,
Timpul repede s-a scurs,
Clipe frumoase s-au dus,
Acum de mine te-ai ascuns...

Vreau s tii c totul nu a fost n zdar,


O lun, dou, trei, un an sau doi,
Nici nu mai tiu dar uite c am ajuns exact
Unde nu vroiam s fiu
Ziua n care i voi spune,
Sufletul nu mai mi-e viu
Din tot ce credeam c e frumos,
Acum s-a spulberat:
144
TAZY feat. KAYE OWE Ti cerco

Quando chiudo gli occhi,


i ricordi mi sembrano talmente vivi,
sento che sei qui con me,
ma quando li riapro realizzo che...
solo un sogno.

Ti cerco ma non ti trovo,


inizio a ricordarmi che penso a te;
il tempo velocemente passato,
i bei momenti se ne son andati,
e ormai da me ti sei nascosta.

Dimmi dove cercare per trovarti,


il tuo amore non lo ritrovo pi,
sbaglio sempre pi (?), mi comporto da stupido,
mi calmo, non voglio inizire a litigare (no!)
sembra grotesco.
Invece vado avanti, e cambio
col passare del tempo, noi passiamo col tempo
ormai non m' importa pi,
devo dimenticare ci che sento... che sento... che sento...
Non sento niente... niente
Ma ora tu vedi in me soltanto un buon amico.
Sappi che non ti dimenticher,
non posso dimenticare ci che un tempo stato,
i ricordi son rimasti ben saldi nella mia mente.
E non mi deprimo, ti porto nel cuore
ora che tutto termina con una lacrima.

Ti cerco ma non ti trovo,


inizio a ricordarmi che penso a te;
il tempo velocemente passato,
i bei momenti se ne son andati,
e ormai da me ti sei nascosta.

Voglio che tu sappia che niente stato vano,


un mese, due un anno o due
non so pi ma guarda: sono arrivato proprio
dove non volevo essere,
il giorno in cui ti avrei detto
la mia anima non pi viva
Tutto ci che credevo bello
ora si rovinato:
145
Regrete, minciuni, amintiri ce au mai ramas.
Iar acum dac am s pun la tot stop,
O s regret o via, dar m ridic la loc.
Dup attea momente fericite,
Unde am ajuns acum?
Fiecare a luat-o pe alt drum.
O s-i las probabil o scrisoare,
Undeva lng un trandfir
i o raz de soare.
Probabil o s m uit non-stop la telefon,
Poate m vei sun,
Dar nu se aude dect ton,
Asa c-i spun: e o scrisoare de adio poate,
Sau e doar un semn c tu eti totul,
Nu ar fi o noutate.

Te caut dar nu te gasesc,


Incep s-mi amintesc c la tine m gndesc,
Timpul repede s-a scurs,
Clipe frumoase s-au dus,
Acum de mine te-a ascuns...

146
rimorsi, menzogne, ricordi rimasti.
Anche ora se devo fermarmi
rimpianger una vita ma mi rialzer.
Dopo tanti momenti felici
dove siamo arrivati?
Ognuno ha preso la sua strada.
Forse ti lascer una lettera,
da qualche parte vicino a una rosa
con un raggio si sole.
Probabilmente fisser il telefono,
forse mi chiamerai,
ma per ora non si sente nessun suono
perci ti dico: una lettera d' addio, forse,
o solo un segno che tu sei tutto,
non sarebbe una novit.

Ti cerco ma non ti trovo,


inizio a ricordarmi che penso a te;
il tempo velocemente passato,
i bei momenti se ne son andati,
e ormai da me ti sei nascosta.

147
DaOne feat. Mada: A fost dragoste (A)

Nu-i nimeni pe lume menit s sufere


Oare toata dragostea se ncheie prin durere?

mi aduc aminte, fata aia cuminte...


Fr prieteni pn' la mine (1)
Aa in minte fr dragoste,
Fr s' arate ce simte
Capabil s-arate attea sentimente curate
Acea dragoste de liceeni acel prim sarut
Acea plimbare de mn pe strad cum s uit,
Acea sclipire 'n ochii ei cand ne vedeam
i o 'mbrtisam, i o srutam
i 'i spuneam ce o mai iubeam. (1)
Vorbeam ore 'ntregi la telefon ce ciudat sun
Nu adormeam fr s-mi spun "Noapte Bun!"
M gndeam c ramnem pe veci mpreun
i artam rochii de mireas doar n glum.
Defapt aa simteam,
Defapt aa credeam,
Defapt noi ne jucam,
Defapt noi ne iubeam,
Da', tiu cum se spune eram doar 2 copii (1)
i destinul schimb lacrim (2)
Zi de zi.

A fost dragoste i m doare acum,


A fost dragoste... orict iubeti (3)
Suferi oricum!

Nu-i nimeni pe lume menit s sufere


Oare toata dragostea se ncheie prin durere?

Acum vd aceea femeie, numai e fata


De care m-am ndrgostit cndva,
Acum rochia de mireasa e luat deja
Doar c nunta nu-i cu mine e cu altcineva!
Sentimente uitate, doar amintiri lasate,
Destine schimbate ciudat ntersectate!
N-a putea regreta cndva c-am nceput (1)
S nva s iubesc, cu ea cndva demult!
Acum, numai suntem copii!
Acum vrem copii!
Nici macar nu vorbim, nici macar nu tii, (4)
148
DaOne feat. Mada: E' stato amore

Nessuno al mondo destinato a soffrire


davvero tutto l' amore finisce col dolore?

Mi ritorna in mente quella brava ragazza...


senza ragazzo prima di me,
senza amore, cosricordo...
senza mostrare ci che sente,
capace di mostrare ogni buon sentimento
quell' amore aliceale, quel primo bacio,
quel camminare per mano in strada, come dimenticare
quel flash nei suoi occhi quando ci vedevamo,
quando la abracciavo, quando la baciavo
e le dicevo che la amavo ancora.
Parlavamo ore intere al telefono, quanto sembra strano!
Non dormivo finch non mi diceva buona notte
ho sempre pensato saremmo rimasti assieme per sempre
guardavamo per scherzo gli abiti da sposa.
In effetti ci sentivamo,
in effetti ci credevamo,
in effetti giocavamo,
in effetti ci amavamo,
Ma so come si dice: eravamo due bambini
e il destino porta lacrime
giorno dopo giorno

E' stato amore e mi fa ancora male,


E' stato amore... in qualsiasi maniera ami,
soffri comunque!

Nessuno al mondo destinato a soffrire,


davvero tutto l' amre fiinsce col dolore?

Ora vedo quella donna, solo una ragazza,


della quale mi innamorai un tempo,
ora l' abito da sposa stato comprato
solo che le nozze non sono con me, son con qualcun altro!
Sentimenti dimenticati, solo i ricordi rimangono,
destini cambiati, stranamente intersecati!
Non potrei mai pentirmi di aver iniziato
ad imparare ad amare con lei tanto tempo fa!
Ora, siamo solo bambini,
ora vogliamo i bambini!
Nemmeno parliamo, nemmeno sai
149
C m bucur pentru tine vreau s fii fericit,
Ca nu-i port pic femeie, vreau s fii iubit!
tiu c merii, dar peste toate cele, (5)
Probabil eti dragostea vieii mele! (6)
Fata din trecut, femeia din prezent ,
Prezent n trecut, n prezent absent!

150
Che mi fa piacere per te e voglio che sia felice,
che non ti porto rancore, ragazza, voglio che sia amata!
So che meriti, ma sopra tutto ci,
probabilmente sei l' amore della mia vita:
la donna del passato, la donna del presente,
presente nel passato ma nel presente assente!

1) questa canzone utilizza un gran numero di abbreviazioni,


elisioni e giunzioni di parole per facilitare la pronuncia.
Si notino i casi di Da' anzi che Dar (ma), 'I anzi che i
(gli/le), N-a anzi che Nu a (condizionale prima persona al
negativo), C-am anzi che C am (che ho) e Pn' anzi che Pna.
2) Tradotto con 'il destino porta lacrime' in effetti in romeno
il senso 'il destino cambia le lacrime' quasi nel senso di
'rinnova'
3) Orict normalmente dal significato 'in qualunque quantit' in
questo caso in italiano corrisponde a 'comunque in
qualsiasi modo' o al pi colloquiale 'per quanto tu possa
amare'
4) Nici Macar si traduce con 'Nemmeno' dall' unione di Nici
(neanche) e Macar (almeno magari)
5) 'peste toate cele' tradotto con 'sopratutto' effettivamente
'sopra tutte quelle', riferito alle cose (al femminile) che
erano augurate nelle righe precedenti (a fi iubit, fericit)
6) abbiamo trovato questa regola il genitivo nel capitolo
dedicato: quando si esprime un genitivo riferito alla terza
persona singolare femminile (in questo caso 'la vita') si
utilizza l' aggettivo possessivo femminile PLURALE, quindi
non 'dragostea vieii mea' ma 'vieii mele'. Infatti in
questo caso il genitivo riferito alla vita (l' amore DELLA
vita mia), non al soggetto.

151
CRISTINA RUS Prea trziu (A)
A fost totul c-n poveti
Te uii la mine si mi zmbeti
Acum sunt sigur c vreau s pleci
Tu mi ceri s rmi
E trziu, chiar nu-nelegi
Nu mai vreau s-mi spui minciuni
Nu mai vreau s plngi acum
Abea atept s te vd plecnd
Tot ce am acum n gnd
E s las totul n trecut.

De ce mi spui c iubeti
Cnd tot ce faci e s raneti?
Nu te mai cred, e treaba mea...
Povestea e la final!

Prea trziu s-i ceri iertare


Prea trziu si tiu c doare...
Te doare, te doare, te doare!!!
Prea trziu s-i ceri iertare
Prea trziu si tiu ca doare...
Te doare, te doare, te doare!!!

Ai plecat la ea trziu
Acum sunt sigur nu vreau s tiu
Dac e ea, dac sunt eu..
Oricum va fi altcineva n locul nostru mereu...
Nu mai vreau s-mi spui minciuni
Nu mai vreau s plngi acum
Abea atept s te vd plecnd
Tot ce am acum n gnd
E s las totul n trecut.

Nu mai sunt cum eram


Acum zmbesc, atunci plngeam
Nu te mai cred, e treaba mea...
Povestea e la final!

152
CRISTINA RUS Troppo tardi
E' stato tutto come nelle favole,
mi guardi e mi sorridi,
ora sono sicura che voglio che tu vada via;
mi chiedi se puoi rimanere,
E' tardi, di certo non capisci,
non voglio che mi dica pi bugie
non voglio che tu ora pianga
non vedo l' ora che te ne vada,
tutto ci che ho in mente adesso
di lasciarmi tutto alle spalle.

Perch mi dici che mi ami,


quando tutto ci che fai far del male?
Non ti credo pi, son fatti miei...
la storia alla fine!

Troppo tardi perch tu chieda perdono


troppo tardi e so che fa male...
ti fa male, ti fa male, ti fa male!
Troppo tardi perch tu chieda perdono
troppo tardi e so che fa male...
ti fa male, ti fa male, ti fa male!

Te ne sei andata da lei troppo tardi,


ora son sicura di non voler sapere,
se a causa sua, o a causa mia..
ad ogni modo toccher a qualcun' altro; (*)
non voglio che mi dica pi bugie
non voglio che tu ora pianga
non vedo l' ora che te ne vada,
tutto ci che ho in mente adesso
di lasciarmi tutto alle spalle.

Non sono pi quella che ero,


ora sorrido, prima piangevo,
Non ti credo pi, sono fatti miei...
la storia alla fine!

(*) letteralmente: comunque ci sar qualcun altro al nostro


posto

153
DaONE FEAT. EWA ct de mult ranete dragostea (A)

Orice greeal o platete lacrim


a vrea s pot uita
ct ncredere am putut avea
ct de mult ranete dragostea

mi dai visele
mi dai dragostea
mi iei minile
doar tu te joci cu inima

te iubesc amore, ce stare?! ce putere


provocatoare de sentimente ce inima o cere
n durere c tu nu eti aici
s m strngi n brae c i-a fost dor s-mi zici
cu tristee cci nu te pot saruta
cu o durere n piept n locul unde-i inima
cu buzele uscate i o lacrim n ochii mei
ce cade pe o poz veche de a ei
A renuna la toate pentru c iubesc
Te rog Doamne iarta-m dac greesc
Dar cnd pun mn pe piept bate tare inima
Iar ea e doar n mintea mea
A devenit obsesie nu a fi vrut aa
a vrea s-mi deschid destinul iar unde e ea
eu s nu mai greesc s schimb clip
cnd am facut-o s plng... e vina mea!

cnd sunt nesigur mi ofer sigurana


am gasit-o pregatit s mi nchei viaa
nici o alt femeie nu m poate fermeca
dac am pierdut-o pe ea mi-a mai ramas sperana
c m poate ierta c mi va reda dragostea
c mi va reda sentimentul plect cu ea
se joac cu mintea mea i mi-ar putea place
daca tiu c pleac dar c se va ntoarce
dar simt c nu mai am ce am avut
dar simt c totul e pierdut
dar simt cerul ntunecat totul e adevrat
totul schimbat ce am cldit ruinat
peste obraz o ploaie de lacrim se vede
cd n genunchi Doamne cum am putut-o pierde
D-mi ocazia s-mi demonstrez sentimentele
cci doar ea mi poate da toate trairile
154
DaONE FEAT. EWA Quanto fa male l' amore

Ogni errore lo si paga in lacrime,


vorrei poter dimenticare
quanta fiducia ho potuto avere..
quanto fa male l' amore!

Mi dai sogni
mi dai amore
mi catturi la mente
giochi con il mio cuore

Ti amo, amore, in che stato d'animo?!, che potere


provocatore di sentimenti, che il cuore richiede
nel dolore perch tu non sei qui
per stringermi tra le braccia, ti mancato dirmi
con tristezza ch non posso baciarti
con un dolore nel petto dove si trova il cuore
con le labbra secche e una lacrima negli occhi
che cade su una sua vecchia foto;
rinuncerei a tutto perch amo,
ti prego, Dio, perdonami se sbaglio,
ma quando poggio la mano sul petto batte forte il cuore,
e lei ancoranella mia mente,
diventata una ossessione senza che lo volessi,
vorrei aprirmi il destino dove c' lei lei,
per non sbagliare pi e cambiare il momento
in cui l' ho fatta piagere... colpa mia!

Quando sono insicuro mi offre sicurezza,


l' ho trovata quando ero pronto a chiudere con la vita,
nessun' altra ragazza

155
156
TESTI VARI UNELE TEXTE

In questa sezione potrete leggere testi di varia natura, tra


i quali la trascrizione di un telegiornale romeno
(esattamente un telegiornale per i romeni in Italia,
trasmesso da una televisione regionale italiana), articoli
scientifici e letterari, alcune barzellette e altro ancora.
Gli articoli indicati con (A) il cui contenuto multimediale
sul sito, servono per abituare l' orecchio ma, essendo
forniti senza traduzione, possono servire anche a questo
fine.

TELEGIORNALE DI ROXANA IACOB (A)


Bun ziua, m numesc Roxana Iacob, i cu ocazia acestei
transmisiuni doresc s adresez un calduros salut tuturor
romnilor din itali.

Iar acum v nvit s urmrim mpreun principalele tiri al


acestei sptmnii

PREMIERA MEDICALA LA CLUJ


Profesorul Mihai Lucanu a realizat primul trnsplant de
rinichi ntre dou persoane cu grupe sanguine diferite.
Medicul, care s-a pregtit pentru aceast ntervenie timp de
dou luni, a folosit un aparat adus din Germani utilizat n
separarea celular.
Reuita de la Institutul de Transplant Renal din Cluj da
sperane i altor pacieni care ateapte disperi donatori
compatibili.

LINGVISTUL SI OMUL DE TELEVIZIUNE GEORGE PRUTEANU A MURIT


George Pruteanu a decedat la vrsta de eizeci i unu de ani
din cauz unui infart miocardic.
Nascut pe cinsprezece decembrie o mie nou sute patruzeci i
apte la Bucureti, a fost profesor universitar, politician,
jurnalist i critic literar. Iar ci o necunoscut, a devenit
n momentul in care a nceput s lucreze pentru TVR, cui
emisiune al zi unic de cinci minute: Doar o vorb, s-i
mai spun!. Pruteanu a ntrodus o lege prin care cerea c
toate textele publice, nclusiv reclamele n limbi straine s
fie traduse n limb romn.

157
ARTICOLO DA: DACIA MAGAZIN N74 FEBRUARIE 2012
Evoluia Limbilor

Din nevoia de a comunica ntre ei, oamenii au creat i


dezvoltat vorbirea. Ca s arate ceea ce (1) doreau s
transmit, la nceput, au folosit multe sunete, uneori
nsoite de gesturi, care sugerau aciunea sau obiectul la
care se referea informaia. Fiecare grup de sunete silab
sugera o informaie. Mai apoi (2), s-au asociat cteva
silabe, genernd cuvinte care artau mai precis informaia de
transmis.(3) Cu timpul, limbile au redus numrul de sunete
utilizate i au creat mereu cuvinte noi. Unele dintre acestea
i-au pierdut puterea de sugestie, ceea ce (4) a condus la
crearea de expresii mai lungi, astfel nct comunicarea s
devin (5) ampl, precis, mai uor de neles i s poat
(5) transmite exact informaia dorit.
Dac vom compara (6) textele scrise n mai multe limbi,
constatm c o aceeai informaie era exprimat n limbile
vechi folosind mai multe tipuri de sunete, dar mai puine
cuvinte dect n limbile moderne; cuvintele aveau neles
foarte sugestiv i precis, dar respectau reguli gramaticale
dificil de nsuit.

Traduzione:
Per necessit di comunicare tra loro, gli uomini hanno creato
e sviluppato il linguaggio. Per mostrare ci che desideravano
trasmettere, all' inizio, hanno utilizzato molti suoni, a
volte associate a gesti, che suggerivano l' azione o il
soggetto a cui si riferiva l' informazione. Ogni gruppo di
suoni sillaba suggeriva una informazione. Pi tardi,
hanno assocciato alcune sillabe, generando parole che
mostravano in modo pi preciso l' informazione da
trasmettere. Col tempo, le lingua hanno ridotto il numero di
suoni e hanno creato sempre nuove parole. Alcune di queste
hanno perso il potere espressivo, ci ha condotto alla
creazione di espressioni pi lunghe, di modo che la
comunicazione diventasse ampia, precisa, pi facile da
comprendere e che potesse trasmettere esattamente l'
informazione desiderata.
Se coparassimo testi scritti in diverse lingue, constateremmo
che la stessa informazione veniva espressa nelle lingue
vecchie utilizzando pi tipi di suoni, ma meno parole
rispetto alle lingue moderne; le parole avevano un
significato pi suggestivo e preciso, ma rispettavano regole
158
grammaticali pi difficili da assimilare.

NOTE:
1) il ca s viene utilizzato per esprimere il concetto di
per in questo caso 'per mostrare'. Questo modo
espressivo viene utilizzato generalmente come
corrispondente dell' italiano allo scopo di
2) letteralmente: Pi dopo
3) de trasmis il tempo supino di a trasmite. E' una
forma di passato che quando esprime una azione in
italiano si traduce all' infinito, in questo caso 'da
trasmettere'. Per esempio la macchina per scrivere (in
italiano comunemente detta 'da scrivere') si chiama
maina de scris
4) letteralmente questa che i italiano si traduce con
'ci'
5) in italiano in questo tipo di espressioni si usa il
condizionale, in romeno si utilizza la forma congiuntiva
con il verbo al presente indicativo
6) in questo caso in romeno si utilizza il futuro (vom
particella del futuro 1a persona plurale derivata dall'
ausiliare 'a vrea') mentre in italiano si utilizzerebbe
il condizionale. Letteralmente: 'se compareremo, se
confronteremo'

ARTICOLO DA: GAZETA ROMANEASCA 19 aprilie 2012


Transferul pensiei din Italia n Romnia

Sindicatul Cisl Fisascat din Roma a deschis anul trecut un


Birou pentru strini n via Cavour, 57, n special pentru
femei. Cele mai multe persoane (1) nregistrate sunt de
naionalitate romn. n cadrul (2) Cisl exist o instituie
de asisten, INAS care, printre altele, ofer consiliere
pentru transferul pensiei din Italia n Romnia.

"Doar n primele trei luni ale acestui an, pe ua biroului


(3) au intrat peste 60 de romnce. Pentru litigii, drepturi,
asigurri i locuri de munc", spune Iuliana Zahariuc,
responsabil al Biroului pentru strini al Federaiei
Teritoriale a muncitorilor din Comer, Turism i servicii
CISL - Roma. De serviciile biroului pot beneficia i femeile
care lucreaz la negru. Cotizaia este de 60 de euro pe an
159
pentru persoanele care lucreaz n curenie sau acord
asisten btrnilor i 100 de euro pentru cele care lucreaz
n turism sau comer.

Traduzione:

Il sindacato Cisl Fisascat di Roma ha aperto l' anno scorso


un ufficio per stranieri in via Cavour 57, specialmente per
donne. La maggioranza delle persone iscritte sono di
nazionalit romena. All' interno della Cisl esiste un
istituto di assistenza, INAS, il quale, tra altri, offre
consulenza per il trasferimento della pensione dall' Italia
alla Romania.

Nei soli primi tre mesi di questo anno, sono entrate in


ufficio oltre 60 romene. Per controversie, diritti,
assicurazioni e posti di lavoro dice Iuliana Zahariuc,
responsabile dell' Ufficio per gli stranieri della
Federazione Territoriale dei lavoratori nel Commercio,
Turismo, e Servizi della CISL di Roma. Dei servizi dell'
ufficio possono beneficiare anche le donne che lavorano in
nero. La quota di 60 euro all' anno per le persone che
lavorano nelle pulizie o che prestano assistenza agli anziani
e di 100 euro per quelle che lavorano nel turismo o nel
commercio.

NOTE:
1) letteralmente: quelle pi molte persone in italiano
corrisponde a 'la maggioranza / la maggior parte delle
persone'
2) letteralmente 'nel quadro' riferito all' organigramma,
quadro organizzativo, quindi figuratamente: all'
interno
3) letteralmente: sulla porta dell' ufficio

ARTICOLO DA WIKIPEDIA RO
Sarmizegetusa regia

Sarmizegetusa Regia, situat n satul Grditea Muncelului,


judeul Hunedoara, a fost capitala Daciei preromane.
Toponimul Sarmizegetusa a aprut n inscripiile antice i la
autorii antici i n alte variante. Nu se cunoate

160
pronunarea din limba dacic n mod cert i nici sensul
cuvntului. Att Constantin Daicoviciu, ct i Liviu
Mrghitan, prezint teoria profesorului Ioan I. Russu care
spune c numele este compus din dou elemente de baz: zermi
(stnc, nlime) i zeget (palisad, cetate).

Este cea mai mare dintre fortificaiile dacice. Aflat pe


vrful unei stnci, la 1.200 de metri nlime, fortreaa a
fost centrul strategic al sistemului defensiv dac din Munii
Ortiei, i cuprindea ase citadele. Fortreaa, un
patrulater alctuit din blocuri masive de piatr , a fost
construit pe cinci terase, pe o suprafa de aproximativ
30.000 m. Sarmizegetusa coninea deasemenea o zon sacr.
Printre cele mai importante i mari sanctuare circulare
dacice se afl i Calendarul Circular.

Traduzione:

Sarmizegetusa Regia, situata nel paesetto di Gradistea


Mnucelu, nel giudicato di Hunedoara, stata la capitale dei
Daci preromani.

Il toponimo Sarmizegetusa apparso in iscrizioni antiche e


tra autori antichi anche in altre varianti. Non si conosce in
modo certo la pronuncia in lingua dacica e nemmeno il
significato della parola. Sia Constantin Daicoviciu che Liviu
Marghitan presentarono la teoria del professor Ioan Russu il
quale sostiene che il nome sia composto di due elementi di
base: Zermi (altezza) e Zeget (palizzata).

E' la pi grande tra le fortificazioni dadiche. Situata su


una altura, a 1200 metri di altezza, la fortezza stata il
centro strategico del sistema difensivo daco dei Monti
Orastiei, e comprendeva sei cittadelle. La fortezza, un
quadrilatero costituito di blocchi massicci di pietra,
stata costruita su cinque terrazze, su una superficie di
approssimativamente 30.000 m2. Sarmizegetusa conteneva anche
una zona sacra. Tra i santuari circolari daci pi grandi e
importanti si trova anche il Calendario Circolare.

161
BARZELLETE BANCURI

N 1
Un client i ntreab avocatul:
Ct cerei pentru o consultaie?
100 de euro pentru trei ntrebri.
Nu este un pic cam scump?
Ba da? i care este a treia ntrebare?

Un cliente chiede all' avvocato:


Quanto chiede per un consulto?
100 euro per tre domande.
Non un po' caro?
Ah si? E quale la terza domanda?

NOTE:
il verbo a ntreba tiene il dativo riflessivo (ii)
anche nelle costruzioni del tipo A chiede a B
Nell' espressione Un pic cam il significato di 'cam'
(abbastanza) viene sopresso

N 2
nainte de culcare, copiii se uit sub pat s nu fie Bau
Bau.
nainte de culcare, Bau Bau se uit sub pat s nu fie
Chuck Norris.

Prima di dormire, i bambini guardano sotto il letto che


non ci sia il Bau Bau
Prima di dormire, il Bau Bau guarda sotto il letto che
non ci sia Chuck Norris

N 3
Soia, dimineaa, la micul dejun, l ceart pe so:
- Ia uite, vecinul nostru, toat noaptea face dragoste cu
vecina! Tu de ce nu faci?
Soul, linitit, citind ziarul, rspunde:
- Draga mea, pi cum a putea s fac, dac eu nici mcar
nu o cunosc?

162
La moglie, di mattina a colazione, litiga col marito:
guarda, il nostro vicino, per tutta la notte fa l'
amore con la vicina! E tu perch non fai altrettanto?
Il marito, calmo, leggendo il giornale risponde:
mia cara, ma come potrei farlo se nemmeno la conosco?

N 4
Se ntlnesc doi prieteni:
Salut amice! Ce faci?
Bine, uite m-am nsurat cu Maria!
Pi Maria nu e sora fostei tale soii??!
Ei i? n schimb nu trebuie s m acomodez cu alt
soacr!

Due amici si incontrano:


Ciao amico, come stai?
Bene, (guarda!) mi son sposato con Maria!
Ma Maria non la sorella della tua ex moglie?!
E allora? Almeno non devo sistemare un' altra suocera!

NOTE:
Si noti bene la successione: sora fostei tale soii.

Essa il risultato dell' unione di questi elementi:


1) la sorella = sora
2) ex moglie = fost soia
3) genitivo della 3a persona singolare femminile

Quando coinvolta la 3a persona femminile singolare al


dativo o genitivo, si utilizza il pronome/aggettivo
possessivo PLURALE, quindi in questo caso TALE e non TA.
La regola ci dice anche che quando il nome su cui applichiamo
il genitivo o dativo accompagnato da un aggettivo (in
questo caso ex = fost), mentre al maschile si declina solo
quest' ultimo, e non il nome, al femminile si declinano
entrambi.
Dunque il genitivo si applica sia a ex = fost ---> fostei,
sia a moglie = soia ---> soii.

n schimb in questo caso perde il suo significato di


in cambio e si traduce con 'Almeno In compenso'
Ei si? esprime il concetto di 'Quindi? / E allora?'

163
COMUNICARE IN ROMENO: Mandare una email

Italiano Romeno Utilizzo / Note

Frasi introduttive
Informale, inizio
classico di email
Caro John, Drag Andrei,
o lettera a un
amico

Informale,
Cara/o Mamma /
Drag Mam/Tat, destinato a
Babbo,
genitori

Informale ,
Drag unchiule
Caro zio Andrea, destinato a
Andrei,
parenti

Informale, saluto
Ciao Andrea, Drag Andrei,
iniziale

Molto informale,
Hey Andrea, Bun Andrei! per amici e
parenti

Molto informale,
Draga mea,/Dragul
Mia cara, Mio caro destinato a
meu,
persone care

Molto informale,
Iubitul meu, / destinato al
Carissimo/a,
Iubita mea, partner
(femminile)

164
Informale,
destinato al
Carissimo Andrea, Dragul meu Andrei,
partner
(maschile)

i mulumesc pentru
Grazie per l' e- Rispondendo a una
e-mail-ul pe care mi
mail. corrispondenza
l-ai trimis.

Mi-a fcut plcere


Mi ha fatto piacere Rispondendo a una
s primesc veti de
risentirti, corrispondenza
la tine.

mi pare foarte ru
Mi dispiace molto di
c nu i-am mai Rispondendo a una
non aver scritto da
scris de atta corrispondenza
tanto.
vreme.

E' passato molto A trecut foarte


tempo dall' ultima mult vreme de cnd Rispondendo a una
volta che abbiamo am vorbit ultima corrispondenza
parlato. dat.

Corpo del testo


Per comunicare o
Ti scrivo per
i scriu pentru a annunciare
annunciarti / dirti
te anuna c... qualcosa di
che
importante

Hai gi dei piani / i-ai fcut planuri Per invitare


programmi per? pentru...? qualcuno

Mii de mulumiri Per ringraziare


Ti ringrazio molto pentru qualcuno che ci
per l' invito / la .../invitaie/mprt ha invitati o
comunicazione di... irea faptului dato un annuncio
c....

165
Informale, per
Ti sono davvero i sunt profund
ringraziare
grato per avermi recunosctor pentru
qualcuno che ci
fatto sapere / faptul c m-ai
ha invitati o
invitato... anunat / invitat...
dato un annuncio
Formale, per
mi face o deosebit
Mi delizia annunciare
plcere s v anun
comunicare che qualcosa a un
c...
caro amico

Per manifestare
Mi ha deliziato Am aflat cu plcere
felicit in una
sapere che faptul c...
notizia

Din pcate m vd Formale, per


Mi dispiace
nevoit/nevoit s v comunicare brutte
informarvi che
anun c... notizie

Usato per
Mi dispiace sapere mi pare foarte ru
comunicare
che s aud faptul c...
dispiacere

A aprecia foarte Per invitare


Apprezzerei se
mult dac ai arunca qualcuno a
visitassi il mio
o privire pe noul visitare il
sito
meu site ... . proprio sito

Per favore Per chiedere l'


Te rog s m adaugi
aggiungimi al aggiunta a un
pe ... messenger.
messenger... Il mio servizio di
ID-ul meu este:
username : messaggistica

Saluti e chiusure
Transmite toat Per mandare il
Trasmetti tutto il
dragoste mea ... i proprio affetto a
mio amore a e di
spune-le c mi este qualcuno che ci
loro che mi mancano.
dor de ei / ele. manca

166
ti saluta con ... i transmite Mandare i saluti
affetto. toat dragostea. di qualcuno

Salut pe ...din Mandare i saluti


Saluta per me.
partea mea. a qualcuno

Per comunicare
Abia atept s
Spero di risentirti desiderio di
primesc rspunsul
presto rimanere in
tu.
contatto

Informale, quando
Scrivi / rispondi Scrie-mi napoi
si vuole ricevere
presto. curnd.
una risposta

Informale, per
Trimite-mi un
Fammi sapere chiedere una
rspuns cnd /
quando / se risposta in certe
dac... .
condizioni

Trimite-mi un Per chiedere


Fammi sapere quando
rspuns cnd ai aggiornamenti su
hai novit
noutai. qualcosa

Stammi bene / mi Avei / ai grij de


Augurio
stia bene. voi / tine!

Per salutare il
Ti voglio bene / ti
Te iubesc! partner / un caro
amo.
amico

I miei migliori
Toate cele bune, Augurio informale
auguri,

167
Con affetto, Cu drag, Saluto per amici

Cele mai calde


I migliori auguri, Formale, augurio
urri,

Informale,
Buone cose, Toate cele bune,
augurio

Informale, per il
Con amore / affetto, Cu toat dragostea, partner o amici
cari

COMUNICARE IN ROMENO: Chattare e mandare SMS

Italiano Romeno

Messaggi e frasi veloci da chat e SMS

Per come la vedo io Din punctul meu de vedere

Et, sesso, luogo? Vrst, sex, locaie

Al momento, ora Acum

Torno tra poco Revin mai trziu

Ci si vede Rmas-bun

168
Che tu ci creda o no Vrezi sau nu

BRB (be right back) Revin imediat

Portati le birre Adu-i berea de acas

Ci vediamo Ne vedem

Ci vediamo (ne parliamo)


Vorbim mai ncolo
pi avanti

Ti conosco? Te cunosc?

Fine del messaggio Sfritul mesajului

Per tua informazione Pentru informaia ta

Devo andare Trebuie s plec

Secondo me Dup prerea mea

Secondo il mio modesto


Dup umila mea prere
parere

Ti sono debitore i sunt dator

Scherzo! Scherzavo! Glumeam doar!

Pi tardi Mai trziu

LOL (risata) Rznd n hohote

169
Bada ai fatti tuoi Vezi-i de treab

Non ora Nu acum

Richiesta di discussione Cerere de discuie

Rispondi! Scrie napoi!

Ad essere onesti... C s-i spun drept

Grazie in anticipo Mulumesc n avans

Grazie Mersi

Per te Pentru tine

170