Sei sulla pagina 1di 43

Universit degli studi di Napoli

Federico II
FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA
DIPARTIMENTO DI PATOLOGIA E SANITA ANIMALE
Scuola di specializzazione in patologia e tecnologia delle specie avicole, del coniglio e della selvaggina

LE MALATTIE ACUTE E
CRONICHE IN OMEOPATIA
APPLICAZIONI PRATICHE IN MEDICINA
VETERINARIA

Dott.ssa M.D.DAngelo

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


Secondo la teoria di S.Hahnemann
la malattia una perturbazione
dell Energia Vitale.
Nei paragrafi 12 e 13 dellOrganon H. ci spiega che
la malattia una disritmia dell Energia Vitale,
che si esprime mediante i sintomi;
questi sono parte delle manifestazioni dinamiche
che il nostro organismo compie per ristabilire
lequilibrio energetico , ovvero la condizione di
assenza di malattia.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


Secondo H. un organismo ammala quando
lEnergia Vitale perturbata dallazione dinamica
di qualche agente patogeno.
LEnergia vitale immateriale ed invisibile, proprio
come la forza che spinge un pezzo di ferro verso
una calamita.
Tra i due oggetti, infatti, non
possibile osservare alcun flusso
energetico, ma questo flusso esiste ed
in grado di provocare degli effetti
visibili.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


Allo stesso modo lagente eziologico, di qualunque
natura esso sia, in grado di provocare leffetto
sintomo.
Nel successivo paragrafo 12 H. ci
chiarisce ancora una volta limportanza
appunto dei sintomi: essi sono la
malattia in quanto sono espressione
dellEnergia Vitale perturbata.
Scomparendo i sintomi, scompare con essi la
malattia.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


La malattia quindi
sempre considerata come
unentit non separata
dallorganismo, bens una
manifestazione visibile del
fluire della sua Energia Vitale
( 13 e 14).

Nei paragrafi 72, 73 e quelli seguenti H.


suddivide le malattie secondo le diverse
modalit di insorgenza, durata ed esito,
dividendole in malattie acute e croniche.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


Per la medicina allopatica la malattia acuta
caratterizzata da 3 fasi:
 fase prodromica
 fase conclamata o evolutiva
 fase defervescenza della malattia, oppure
lexitus del malato.
H. aggiunse a questa definizione una sua
classificazione suddividendo le malattie
acute in 6 classi:

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


1.
2.
3.
4.
5.
6.

MALATTIE ACUTE PROPRIAMENTE DETTE O


INFETTIVE
MALATTIE ACUTE COLLETTIVE SPORADICHE
MALATTIE ACUTE COLLETTIVE EPIDEMICHE
MALATTIE ACUTE INDIVIDUALI DA TRAUMI
MALATTIE ACUTE INDIVIDUALI DA
INDISPOSIZIONE
MALATTIE ACUTE DA INASPRIMENTO DEL
SOTTOFODO CRONICO

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


1) MALATTIE ACUTE PROPRIAMENTE
DETTE O INFETTIVE
Colpiscono un individuo una sola volta nel
corso della sua vita.
Malattie infettive provocate da
agenti eziologici di natura
infettiva, e che si manifestano
sempre con le stesse modalit.
Per colpire un soggetto l agente infettivo
deve trovare un pabulum, (substrato) su
cui attecchire, che poi rappresentato dal
terreno miasmatico dellindividuo.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


Il terreno composto dallinsieme degli
strati Fisico, Emozionale e Mentale,
nonch dal suo patrimonio miasmatico
ereditato dai genitori;
Il terreno corrisponde
all'Energia Vitale di un soggetto;
in base alla qualit dell'energia di cui
dotato un individuo, questo terreno
agevoler di sviluppo per un dato agente
patogeno, piuttosto che per un altro.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


Lagente infettivo quindi,
secondo la teoria omeopatica, solo
concausa, poich riesce ad
esprimere la sua morbillit solo
quando lEnergia Vitale di un
individuo in sintonia con quella
dellagente eziologico stesso.
Alcuni esempi di queste patologie sono il cimurro o
la parvovirosi del cane, la coronavirosi o la FIV
del gatto, il vaiolo, il morbillo...

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


Queste malattie acute si esprimono con
manifestazioni simili in tutti gli individui,
ma non tutti rispondono alla terapia con
uno stesso rimedio poich, malgrado
lagente eziologico uguale, il terreno in
ogni individuo diverso, per cui ogni
soggetto manifesta dei sintomi peculiari e
diversi nelle modalit, che sono poi frutto
della diversa vibrazione dellEnergia Vitale.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE

Per questo motivo


somministreremo un rimedio
diverso anche in casi molto,
molto simili, basandoci su
modalit e piccole sfumature
della sintomatologia.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


2) MALATTIE ACUTE COLLETTIVE
SPORADICHE
Sono patologie che colpiscono gruppi di individui
tutti esposti ad uno stesso agente eziologico.
Lagente eziologico pu essere di tipo
meteorologico, tellurico, magnetico, climatico,
ma anche emotivo traumatico.
I sintomi di queste malattie sono legati a cause
esterne che li scatenano;

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


Ne sono esempio le coliche a frigore che
possono colpire pi cavalli ed insorgono in
seguito allesposizione di questi a vento
freddo,
oppure l agalassia che pu colpire greggi di
ruminanti a seguito del trauma emotivo
causato da un forte spavento, ad esempio
dopo un terremoto.
In entrambi i casi il rimedio da
somministrare sar Aconitum.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


3) MALATTIE ACUTE COLLETTIVE
EPIDEMICHE
Patologie che colpiscono un gran numero di
soggetti che vivono a stretto contatto tra loro;
possono essere scatenate da calamit naturali,
agenti infettivi ad elevata morbillit (ad es. il
virus dellinfluenza), brusche escursioni
termiche, etc., ed sono caratterizzate
dallandamento stagionale.
In questi casi difficile somministrare il
Simillimum ad ogni soggetto, come ad
esempio in grossi allevamenti
intensivi.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


Per questo motivo somministreremo due rimedi
correlati tra loro e che saranno in grado di
coprire la totalit dei sintomi di tutti i soggetti
colpiti: il primo rimedio curer il 60% dei
soggetti ed il secondo il 40%.
Lesempio tipico quello della gastroenterite
infettiva del cane: la maggior parte dei soggetti
risponde bene ad Arsenicum Album, mentre
unaltra grossa parte risponder a Natrum
Muriaticum, che un rimedio complementare e
correlato al primo.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


4) MALATTIE ACUTE INDIVIDUALI DA
TRAUMI
Nella nomenclatura omeopatica il trauma
un qualsiasi evento che riesce a provocare
una disritmia nellEnergia Vitale di un
individuo tale da far insorgere dei sintomi,
e quindi una malattia.
Abbiamo quindi traumi fisici, emozionali e
psichici, e tutti possono essere considerati
come fattori scatenanti un disequilibrio
dell Energia Vitale.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


Per quanto riguarda i traumi fisici, si
prendono in considerazione le lesioni
anatomo--patologiche (contusione,
anatomo
frattura, ustione, abrasione, etc.) ma
anche le caratteristiche fisiche di una
ferita( da taglio, da punta, da morso etc.);
poi si considera la sede anatomica
interessata,ad esempio traumi articolari,
connettivali, cranici, ed anche il tempo
trascorso dal momento del trauma.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


Per ognuna di queste caratteristiche si
somministra un rimedio diverso.
Per i traumi mentali, invece, si tiene
conto del sintomo eziologico, ovvero
lutto, spavento, abbandono,
delusione damore.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


5) MALATTIE ACUTE INDIVIDUALI DE
INDISPOSIZONE
Sono provocate da agenti esterni
temporanei, quali eccessi o
privazioni alimentari, assunzione
di sostanze tossiche, esposizione a
condizioni climatiche estreme,
stress da superlavoro, eventi scioccanti.
H. ne parla nel 73 definendole passeggeri
aggravamenti della Psora latente e che,
se non trattate tendono a guarire da sole
nel tempo.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


6) MALATTIE ACUTE DA
INASPRIMENTO DEL SOTTOFONDO
CRONICO
Sono malattie acute che si manifestano con
sintomi peculiari di un soggetto in base
alla sua predisposizione o diatesi.
H. chiama questa predisposizione
Psora, dalla parola ebraica Tsorat,
che significa difetto, o marchio;

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


Ogni individuo nasce con una predisposizione ad
ammalare di certe malattie,
e viceversa non ammaler mai di altre.
Allo stesso modo con il quale un soggetto eredita
dai genitori parte della sua la costituzione fisica,
cos erediter parte della sua diatesi.
Tuttavia la diatesi differente da individuo ad
individuo, anche, ad esempio, in due gemelli
omozigoti, ed influenzata anche da
fattori esterni.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


La diatesi modula l Energia
Vitale di un soggetto e fa si
che questo sia predisposto
ad ammalare di certe
malattie, ma soprattutto che esprima
sintomi peculiari; per questo anche in
patologie uguali tra loro dal punto di vista
allopatico, ad esempio due infiammazioni,
due organismi reagiranno in modo
diverso, producendo sintomi diversi.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


Ad esempio due soggetti affetti da
congiuntivite avranno dei sintomi in
comune come blefarospasmo, scolo
oculare, fotofobia;
ma indagando a fondo ci accorgeremo che
in un soggetto lo scolo oculare
escoriante, la congiuntiva molto
arrossata, il soggetto in questione
caloroso, ha concomitanti feci
diarroiche ed intensa sete di
bevande fredde

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


nellaltro soggetto lo scolo oculare sar purulento,
giallo ma non fetido e non escoriante, magari
quel soggetto non avr sete e si lamenter
continuamente cercando di attirare lattenzione
su di se, quasi a voler essere consolato

la congiuntivite del primo soggetto


risponder a Sulphur,
mentre quella del secondo a
Pulsatilla.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


Quindi il sottofondo cronico, o diatesi, o
Psora ci che ci fa fare la differenza tra
due individui, ed proprio quello che noi
dobbiamo allenarci a percepire con la
nostra sensibilit di terapeuti per poter
fare della buona omeopatia.
omeopatia.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE

MALATTIE CRONICHE
Nei paragrafi dal 74 al 78 ellOrganon,
H. ci parla delle malattie croniche.
Per la medicina allopatica la malattia
cronica caratterizzata da:
 fase prodromica con lenta insorgenza
 fase conclamata
 decorso progressivo o regressivo, ma
non dal declino totale.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


Per H. le malattie croniche vere sono
quelle provocate dalla
predisposizione, cio dal miasma che
ogni individuo possiede, e persistono
anche quando le abitudini di vita
sono salubri, accompagnando quindi
lindividuo per tutta la sua vita( 78).

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


Solo il rimedio omeopatico giusto, e
quindi il Simillimum, in grado di
intaccare questa predisposizione,
modificandola e liberando lindividuo
da queste patologie.
H. suddivise le malattie croniche in 3
classi:

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


1.
2.
3.

MALATTIE CRONICHE ARTIFICIALI


APPARENTI O IGIENICHE
MALATTIE CRONICHE ARTIFICIALI
MEDICAMENTOSE O IATROGENE
MALATTIE CRONICHE NATURALI O
MIASMATICHE

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


1) MALATTIE CRONICHE
ARTIFICIALI APPARENTI O
IGIENICHE
H. definisce questa classe di patologie
apparentiin quanto non sono proprie
della psora di un individuo, ma sono
provocate da abitudini igieniche
e di vita scorrette e protratte
nel tempo.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


Colpiscono individui quindi che vivono in
zone malsane, con climi estremi,
sottoposti a regimi alimentari
scorretti o a condizioni di stress
fisico e psichico costanti.
Queste malattie scompaiono da se
con un cambiamento di queste
abitudini sbagliate.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE

2) MALATTIE CRONICHE
MEDICAMENTOSE O
IATROGENE
H. ne parla nel 74 nel quale spiega
che sono conseguenza di cure
allopatiche protratte ed invasive,
definendole le infermit croniche pi

pietose ed incurabili.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


Sono infatti il risultato di ripetute
soppressioni che a lungo andare
alterano lEnergia Vitale in modo
inevitabile; durante queste terapie
soppressive, infatti, lorganismo cerca
di reagire producendo dei sintomi che nel
tempo porteranno alla comparsa di lesioni
anatomiche organiche permanenti.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


3) MALATTIE CRONICHE NATURALI O
MIASMATICHE
Sono la Psora, la Sicosi e la Sifilis.
La Psora rappresenta un ipofunzione sia su
un piano fisico che mentale e psichico e si
manifesta con sintomi solo funzionali.
La Sicosi( dal greco sikosis: tumore a forma di
fico), si manifesta con uniperproduzione ed
unipertrofia sui piani fisico e mentale e si
accompagna a produzione di tessuti, secrezioni,
neoformazioni.
La terza, o Sifilis, una disfunzione, cio una
tendenza dellorganismo allautodistruzione sul
piano fisico ed alla distruzione di ci che lo
circonda, sul piano mentale.

MALATTIE ACUTE E CRONICHE


Per ricordare i tre miasmi, li possiamo
associare a tre colori:
 PSORA:

BLU=>IPOFUNZIONE
BLU=>IPOFUNZIONE
 SICOSI: GIALLO
GIALLO=>IPERFUNZIONE
=>IPERFUNZIONE
 SIFILIS:
SIFILIS:ROSSO
ROSSO=>DISFUNZIONE
=>DISFUNZIONE

Esempi di malattie acute in medicina


veterinaria
Corizza Infettiva
una affezione delle vie respiratorie sostenuta da
due forme:
1. lieve detta semplice
2. grave detta infettiva cagionata da batteri
Entrambe favorite dai bruschi abbassamenti di
temperatura, da riscontri d'aria e da ristagno di
umidit; compaiono nella stagione autunnoautunnoinvernale ma non da escludersi anche una
forma estiva che si risolve facilmente

Esempi di malattie acute in medicina


veterinaria
Forma semplice:
andamento benigno
SINTOMI COMUNI:raffreddore
accompagnato da generale prostrazione,
tosse, starnuti ed abbondante scolo oculooculonasale bianco sporco che ostacola la
respirazione e che costituisce il maggiore
veicolo di contagio per gli altri pennuti,
cibo, bevanda e lettiera comprese.
Le galline riducono o cessano la deposizione
delle uova

Esempi di malattie acute in medicina


veterinaria
RIMEDI OMEOPATICI DA CONSIDERARE:
CONSIDERARE:


Cistus canadiensis: per rinite e sinusite aggravata

dallaria fredda, in inverno; secrezioni dense e


giallastre, attacchi di starnuti; debolezza generale.
 Pulsatilla: rinite con secrezioni verdastre, non
escorianti, agg. In ambienti caldocaldo-umidi.
 Sabadilla: corizza con accessi di starnuti e
secrezioni fluide escorianti, agg dal freddo
 Aconitum: tosse secca, non produttiva, che
insorge dopo esposizione a vento freddo

Esempi di malattie acute in medicina


veterinaria
Forma infettiva:
SINTOMI COMUNI: secrezione purulenta, la
respirazione difficile, il becco resta quasi sempre
aperto; uno od entrambi gli occhi sono
infiammati e molto gonfi, da rimanere
totalmente chiusi (congiuntivite catarrale),
tumefazione delle palpebre.
Possono, inoltre, verificarsi edemi sottocutanei
della faccia e degli orecchioni e feci diarroiche.

Esempi di malattie acute in medicina


veterinaria
RIMEDI OMEOPATICI DA CONSIDERARE:


Sulphur: sinusite e congiuntivite con scolo purulento,

escoriante; concomitanza di sintomi gastroenterici e


cutanei.
Kali iodatum: rinite e sinusite con secrezioni giallogialloverdastre, escorianti, agg. a freddo, correnti daria e
cambiamenti di temperatura improvvisi
Sticta Pulmonaria: rinite con catarro denso, biancastro
che ostruisce completamente le cavita nasali, starnuti,
secrezioni scarse che tendono a formare croste
Antimonium Tartaricum: rinite con congestione
polmonare e catarro, scarse secrezioni dense, giallastre,
agg. Dinverno con respiro difficoltoso.

Esempi di malattie acute in medicina


veterinaria
Somministrazione del rimedio:
Negli allevamenti si tende a somministrare
potenze medie (es.30ch), sciogliendo i
granuli o le gocce nellacqua di bevanda,
La posologia sar di
3 granuli
o 3 gocce/capo
b.i.d.

GRAZIE PER LATTENZIONE