Sei sulla pagina 1di 80

LOMEOPATIA

a fumetti
Dr. Mario Paolo Samuele Gozzelino

OMEOPATA
SARA
LEI!!!

MA CERTO!!!

Tutto quello
che avreste voluto sapere
sullOmeopatia
e non avete mai osato chiedere

Mario Paolo Samuele Gozzelino, nato a


Costigliole dAsti l8 settembre 53,
laureato in medicina nel 1978, si occupa
di Omeopatia dai primi anni 80, ritiene
sia lunica opportunit per restituire alla
medicina ed al rapporto medico-paziente
quella dignit che tutti avvertono essersi
affievolita con il progresso della
scienza, che se da un lato ha portato a
risultati tecnici ineccepibili nel settore
diagnostico, dallaltro ha frammentato
luomo nelle varie specialit, perdendo di
vista la globalit, lolismo, la condizione
di non scindibilit dellunit uomo: la
visione omeopatica recupera questa
condizione dimostrando lesistenza di
unaltra via per raggiungere lo stato di
benessere.
Autore del volume: Materia medica
essenziale in patologie acute edito dal
Centro Melanie - 2000

Dedicato a tutti
i liberi pensatori.

Autore: Dr Mario Paolo Samuele Gozzelino


Ideazione grafica e disegni: Roberta Ieraci
Opera realizzata dal Centro Melanie o.n.l.u.s.
Coordinata da Laura Lanzetti

Premessa

Questo libro destinato a tutti coloro che

vogliono sapere qualcosa di pi sullOmeopatia e si trovano


nella difficile posizione di chi non si accontenta dei depliants
delle farmacie e non hanno tempo, n voglia, di andare a
leggersi un poderoso trattato. Pertanto vuole essere un modo
leggero per introdursi al mondo dellOmeopatia, un
mondo che da qualche anno molti cominciano ad esplorare,
non a seguito delle pressioni pubblicitarie, ma perch la
gente stessa ad essere stufa della medicina tradizionale,
tecnicamente perfetta, a cui per sfuggito un aspetto
importante: luomo non una macchina divisibile nei suoi
singoli organi, un insieme di energia e corpo che si
muovono in contemporaneit.
LOmeopatia una metodica clinica e terapeutica che brilla
di luce propria, non un optional della medicina ufficiale.
Curarsi con lOmeopatia e farlo bene, richiede una mentalit
diversa da quella allopatica-soppressiva della delega del
sintomo al medico: Dottore, le lascio qui il mio stomaco,
che non funziona, vengo a riprenderlo quando funzioner,
bens basata sulla partecipazione attiva al mantenimento
dinamico del proprio stato di salute, aiutando il medico
omeopata nellosservare i vari fenomeni, nel descrivere i
sintomi con le modalit di peggioramento e di
miglioramento, notando e annotando le modificazioni
avvenute dopo la somministrazione del rimedio ecc
Medicina complessa lOmeopatia, ripara dallinquinamento
farmaceutico, protegge la salute fisica e mentale, non d
dipendenza
farmacologia,
consente
comunque
la
salvaguardia della propria dignit umana; perch per
lomeopata esistono i malati e non le malattie.

______________________________

Indice___________________

Di cosa parlo in questo libro:


Introduzione.....................................................Pag. 5
Capitolo I

Storia dellOmeopatia
dallantica Grecia ai giorni nostri ....................Pag. 9

Capitolo II

Il perch della medicina omeopatica ovvero


che differenza c tra medicina omeopatica
e medicina allopatica .......................................Pag. 21

Capitolo III Le costituzioni ovvero lo studio


morfologico dellindividuo ..............................Pag. 26
Capitolo IV Omeopatia e psicosomatica .............................Pag. 33
Capitolo V

La tipologia sensibile
I tipi sensibili ad un rimedio omeopatico
si assomigliano tra loro ..................................Pag. 38

Capitolo VI Linterazione omeopata-paziente


Voi cercate un bravo medico,
io cerco dei bravi pazienti................................Pag. 50
Capitolo VII I rimedi omeopatici da portarsi in viaggio ...Pag. 53
Conclusioni ed avvertenze ...............................Pag. 77
_______________________________________________________

Introduzione

LEOM
LEOOOM

LOMEOPATIA
TUTTI I
A
M ALI PORTA
VIA

LEOM
NEANCHE QUI!

HOP!
AH! SIETE
VOI
SAPETE
E MEGLIO
ESSERE
PRUDENTI!

INDOVINO?!
VOLETE
GUARDARE LE
FOTO DEL
MIO ULTIMO
VIAGGIO?

EHI!
COSA
VI PORTA
FINO
QUI?!

O, VOLETE CHE VI MOSTRI


LA MIA ABILITA NEL
MIMETISMO?!

COME?
MI
CHIEDETE
DI
ACCOMPAGNARVI
IN UN
VIAGGIO
ALLA
SCOPERTA
DELL
OMEOPATIA?

UHM
FATEMI
RIFLETTERE

MA CERTO!
SI PARTE!!!

LEOM, SI AFFRETTA
A CERCARE LA SUA
COMPAGNA
DI AVVENTURE

FOLI
FOOOLI

SONO
QUI!
LEOM!

CHE DIRE?
E GENIALE!!!

OH! E SOLO LA MIA STRATEGIA


SEGRETA CONTRO I
PREDATORI!

FOLI E MOLTO SIMILE ALLE FOGLIE,


QUINDI LE SONO INDISPENSABILI
PER SOPRAVVIVERE,
MA SE FOLI FOSSE
SU UN FOGLIO BIANCO LE
SERVIREBBE
UN TALE ASPETTO?

BEH! PIU O MENO E QUESTO


IL PRINCIPIO
DI
SIMILITUDINE

VOLETE SAPERE

SU CUI SI BASA LOMEOPATIA.

CHI FU IL PRIMO
AD AVERE
UNA TALE INTUIZIONE?

SEGUITECI!

CAPITOLO

PRIMO

STORIA DELLOMEOPATIA DALLANTICA


GRECIA AI GIORNI NOSTRI.

IN GRECIA
Come tutte le cose
importanti
lOmeopatia ha
origini molto
antiche: nasce
con il Padre
della medicina:
Ippocrate.

Questo grande medico greco scopr che


La stessa cosa not
la Cantaride, usata come afrodisiaco per
per lElleboro bianco che,
uso topico poteva procurare, in chi
procurando disturbi intestinali
eccedeva nelluso, una cistite
emorragica per
cui per la legge
a chi ne faceva uso, poteva
dei simili
guarire certe
poteva curare
coliti.
certe cistiti
in chi ne
era
affetto.

Pertanto Ippocrate disse che esistevano due grandi leggi in


medicina: una, la legge dei simili (che doveva essere usata per far
reagire un organismo ancora reattivo) ed unaltra la legge dei
contrari (che doveva essere utilizzata per aiutare un organismo
meno pronto a difendersi). Pensate quale modernit nel pensiero del
genio, il cui giuramento viene oggi pronunciato da tutti i medici.
Disse poi anche che il primo dovere del medico era di
non nuocere!!!, se pensate anche a questo comandamento capirete
e converrete con me, che spesso oggi la medicina ha smarrito
almeno in parte il senso della sua missione.

10

NEI SECOLI BUI

MACROCOSMO
e
MICROCOSMO

Nel Medioevo il grande medico


Paracelso rielabor la legge dei simili
estendendola a tutta la natura
facendo una correlazione tra
Macrocosmo e Microcosmo.

Introdusse cio lidea che esistessero


delle Segnature: il Creatore avrebbe
dato ad ogni cosa esistente in natura
un colore, una forma, un profumo
proprio perch lUomo, essere
Centrale della Creazione, potesse
utilizzarle
trovandone
una
corrispondenza nel suo corpo. Ad
esempio la Chelidonia una pianta
che se spezzata secerne un liquido
giallastro, lo stesso colore della bile:
guarda caso la Chelidonia ha proprio
funzione di
coleretico, cio fa
sgorgare pi bile dalla colecisti,
risultando perci di utile impiego in
soggetti con discinesia biliare.

11

FINALMENTE LUI

Bisogna arrivare nella seconda met


del 700 per incontrare colui che diede alla
Omeopatia la dignit di scienza: Cristiano
Federico Samuele Hahnemann
(1755-1843).

Medico brillante e allavanguardia


cap presto che i metodi di cura
del suo tempo erano assurdi e
inadeguati e che spesso i medici
procuravano molti pi
guai ai pazienti che
non la malattia
stessa.

Verso i 35 anni ebbe una profonda


crisi professionale e abbandon la
professione medica.
Per sbarcare il lunario e poter
mantenere i suoi
figli si mise a
tradurre libri
sfruttando la
sua conoscenza
di ben sette
lingue.

12

Per caso, traducendo un libro


che trattava le virt della china nella cura
della malaria venne colpito
dallespressione la china produce sullo
stomaco uno stato di corroborazione,
pertanto rinforza chi ne fa uso e lo
protegge contro la malaria.
Al geniale medico tedesco questa sembr
una fandonia (una delle tante che
costellano il travagliato
cammino della medicina),

infatti
provando su se stesso
la corteccia di china
ebbe un senso di malessere
estremo tanto che corresse
laffermazione del trattato, che
stava traducendo, affermando
che la china agisce
contro la febbre malarica
perch in grado di indurre
nelluomo sano dei sintomi
simili a quelli della febbre
intermittente.

13

Questa la base della Omeopatia: i simili curano i simili cio: Un affezione


presente in un organismo vivente viene cancellata durevolmente da un affezione pi
forte, artificiale, che pur diversa per qualit, le assai simile nella sua manifestazione
ristabilendo lequilibrio dellenergia vitale presente nellorganismo.
Paragrafo 26 Organon.

Per dimostrare la legge


dei simili si sottopose a
sperimentazioni e prov anche
sui suoi famigliari e collaboratori le
varie sostanze tossiche allora
conosciute, ricavandone un insieme
di sintomi che con pazienza e
metodo annot in un testo
che chiam materia medica pura.
LOmeopatia perci ha una base sperimentale e si noti bene non sul
ratto o sullanimale da laboratorio, ma sullUomo.
Luomo sano veniva selezionato secondo un ben preciso protocollo ed i sintomi
sviluppati erano annotati tenendo conto, non solo del piano fisico, ma anche delle
alterazioni prodotte a livello mentale ed emozionale, elaborando le premesse per una
vera medicina olistica, cio globale che considera luomo non come una semplice
somma di organi, ma di un individuo dotato di corpo ed energia!!
Proseguendo la sperimentazione not che i soggetti sani sviluppavano sintomi anche
somministrando i rimedi a dosi diluite e dinamizzate.

14

Alla fine di queste sperimentazioni Hahnemann acquis un bagaglio terapeutico tale


che gli consent di curare in modo omeopatico i pazienti.
Il procedimento di cura era semplice: quando un soggetto lamentava dei sintomi
(fisici, emozionali, mentali) simili a quelli che si erano sviluppati nel corso della
sperimentazione sul soggetto sano, allora Hahnemann somministrava loro quel
rimedio che rappresentava il simillimum, ed otteneva una pronta guarigione del
soggetto.
Col passare degli anni Hahnemann diffuse lOmeopatia e cur con successo molte
persone, scrisse e riscrisse il libro destinato ai suoi discepoli Lorganon dellarte di
guarire in cui invitava i suoi allievi: Imitatemi ma imitatemi bene!.

IN SINTESI
come funziona LOmeopatia?
Lomeopatia consiste
nellapplicazione di un principio
semplice:
opporre
una Malattia Artificiale
ad
una Malattia Naturale
Due malattie simili non possono
coesistere nellorganismo.
Lartificiale pi forte, annulla la pi debole, poi
scompare a sua volta.
Per semplificare diremo che lOmeopatia si basa sul
principio del chiodo scaccia chiodo ovvero che il
rimedio malattia artificiale scaccia il chiodo della
malattia naturale, poi trattandosi di un chiodo
virtuale viene annientato facilmente col
risultato della salute!

15

LE MALATTIE
ACUTE

La malattia acuta facile da comprendere poich


di recente apparizione e turba lenergia vitale
del soggetto che prima godeva di buona salute.
Esistono sintomi comuni e sintomi
caratteristici
che ci indicano in che modo il
paziente sta
facendo la sua malattia.

SGABELLO DI HERING

Ogni rimedio coincidente con il quadro morboso riferito dal paziente deve
contenere almeno tre gambe dello sgabello:
DA QUANDO: ovvero leziologia o la causalit che nei casi acuti sovente
riferita in modo chiaro e spontaneo dal paziente nel corso del colloquio.
DOVE: ovvero la polarit di azione del rimedio (dove agisce).
SENSAZIONI: nel linguaggio comune definito come se che personalizza il
disturbo o il dolore (un dolore alla testa potr essere riferito come una morsa
o come un chiodo che trafigge o come qualcosa che brucia)
MODALITA: definite di peggioramento (<) o di miglioramento (>) che
indicano una soggettivit nel corso di una malattia acuta.
SINTOMO CONCOMITANTE: si tratta di un sintomo che esprime un
mutamento non in relazione alla patologia.
Quando il sintomo gerarchizzato si confronta con la materia medica e si
opera il vero OMEOS-PHATOS.
Diversamente si rischia di prescrivere rimedi omeopatici in modo allopatico e
di avere quasi certamente un insuccesso.
In Omeopatia non esistono RIMEDI FORTI e RIMEDI DEBOLI, ma solo rimedi
giusti o sbagliati.

16

LE MALATTIE
CRONICHE

Lintuizione pi geniale arriv dopo 30 anni di


professione, quando settantenne rivide tutti i suoi casi
trattati fino ad allora.
Molti suoi pazienti, pur curati bene e guariti per una determinata affezione, tendevano
a ricadere nella medesima dopo un po di tempo (recidiva), o presentavano episodi di
malattia o di malessere in altri distretti (alternanza).
Ipotizz dunque nel suo Trattato sulle malattie croniche lesistenza di tre
tendenze morbose di base, che accomunavano i suoi pazienti in tre categorie.
Alla base di queste tendenze pens (con il linguaggio dellepoca) che vi fosse un
contagio, un miasma che comportava una tendenza ad ammalare in un dato modo
anzich in un altro: diatesi.
Vi elencher ora le tre tendenze morbose di base:

MODELLO REATTIVO PSORICO


PSORA

F
M

Tossine

P
A

Andamento

Psora in greco significa scabbia e questi soggetti presentano delle malattie


della pelle pruriginose alternate a malattie interne (es:Eczema/Asma), una
periodicit dei sintomi (es: Allergie stagionali). Frequenti parassitosi
intestinali e convalescenze protratte.
Se il sistema dei filtri F funziona energeticamente bene le tossine
alimentari, elettrochimiche, morali passano.
Se il sistema intasato le vie vicarianti possono dirigersi alla pelle P o alle
mucose respiratorie M o alle articolazioni A.
Per risanare una psora occorre dunque un drenaggio dei filtri, la
diminuizione delle tossine e luso di un rimedio omeopatico antipsorico.

17

MODELLO REATTIVO SICOTICO


SICOSI

Tossina

escrescenza

Andamento

Dal greco Sucon che significa Fico, la tendenza delle persone


che sviluppano escrescenze verrucose o polipoidi e tendono alle
malattie ad andamento lento, progressivo, insidioso (es: Catarri
cronici, fibromi, verruche).
In tal caso la tossina tenta di uscire ma rientra nellorganismo
derivandone un incremento di tossine con poca escrezione
cutanea (fichi), ma molta ritenzione idrolipidica (cellulite,
obesit).

18

MODELLO REATTIVO LUETICO


LUE

Tossina

Andamento

Tipica di questa diatesi lo sviluppo di malattie caratterizzate da


irritazioni, ulcerazioni, sclerosi, distruzione dei tessuti.
La tossina guadagna la via duscita ma nelluscire ulcera e lacera
i tessuti.
Per riassumere il pensiero finale di Hahnemann: se applicando in modo
rigoroso la legge dei simili si possono guarire le malattie acute che si
presentano nel corso della vita del soggetto, questo non basta se si vuole
ottenere la guarigione definitiva, perch occorre tenere conto sia degli
antecedenti personali che famigliari, inquadrando i sintomi del momento
in una visione dinamica, cercando di contrastare per quanto possibile la
tendenza miasmatica con dei rimedi cosiddetti diatesici.
Per questo si dice che lOmeopatia cura il malato e non la malattia.
Hahnemann mor a Parigi allet di 88 anni lasciando a tutto il mondo
questa preziosa eredit.

19

LOMEOPATIA
OGGI
Il dopo Hahnemann ha portato al crearsi di
alcune correnti di pensiero che sono
riassumibili in tre gruppi:

In Germania diffuso il complessismo in


cui i rimedi sono uniti in associazioni fisse
in base allorganotropismo che li
accomuna (es: tutti i rimedi ad azione sullo
stomaco sono associati insieme in un unico
farmaco).

In Francia diffuso il pluralismo in cui i


rimedi vengono dati uno alla volta ma si
danno pi rimedi nella stessa giornata o
nella settimana in alternanza.

In Inghilterra diffuso lunicismo in cui


si d un unico rimedio scelto per il
paziente (il simillimum).

Occorre poi distinguere lunicismo Hahnemanniano (un rimedio per volta dato
sulla totalit dei sintomi), dallunicismo Kentista (dato sulla gerarchizzazione dei
sintomi psichici del soggetto).

20

CAPITOLO

SECONDO

IL PERCHE DELLA MEDICINA OMEOPATICA


OVVERO CHE DIFFERENZA C TRA MEDICINA
OMEOPATICA E MEDICINA ALLOPATICA.

21

La medicina Omeopatica una medicina energetica, cio agisce sullenergia vitale


del soggetto.
Luomo non la semplice somma degli organi che lo costituiscono perch altrimenti
non ci sarebbe differenza tra un vivo ed un morto, per comprendere ci che ci tiene in
vita e coordina il tutto dobbiamo chiamare in causa unenergia (per ora non
misurabile) che chiameremo energia vitale.
Tale sistema energetico si fa sentire quando ci troviamo in condizioni di aggressione
da parte dellambiente esterno perch sviluppa dei sintomi etichettati come malattie.
La malattia va vista come una corda di una chitarra scordata.
LOmeopatia riaccorda lo strumento.
LOmeopatia inoltre non divide luomo in compartimenti stagni, affidandolo a
specialisti in un dato settore del corpo umano, ma lo considera come una globalit nei
suoi tre livelli:

fisico-corpo materiale
emozionale-sensazioni
mente-razionale

Pertanto lOmeopatia valuta i sintomi in modo preciso e sempre in relazione alle


variazioni nei tre livelli.
Es: se mentre sto raccontando una barzelletta con degli amici in un momento in cui
sono allegro mi pestano un piede, intervengono le seguenti modificazioni nei tre
livelli:

Fisico: sensazione di dolore forte con bisogno di mettere il piede a bagno nellacqua
fredda.

Emozionale: rabbia nei confronti di chi ha pestato il piede.


Mente: ricordo ancora questa barzelletta, ma mi passano dalla mente tutte le altre
che volevo raccontare.
La medicina omeopatica agisce rinforzando lenergia vitale e non sopprimendola.
Per noi non esistono farmaci anti.
Cio non si agisce tappando la bocca allenergia vitale, ricacciandola da dove
venuta ma andando nella stessa direzione di questa, dandole una mano a riportare la
salute in quellindividuo.

22

Come nasce il rimedio omeopatico?


Nasce come sostanza madre del mondo
vegetale, minerale, animale; viene poi
sottoposto a diluizione e dinamizzazioni
successive fino al punto desiderato.

Hahnemann elabor
due tipi di diluizione:
quella decimale e
quella
centesimale
che vengono
abitualmente
indicate come
DH e CH.

METODO DI
HAHNEMANN

Vediamo come si
prepara una
diluizione
centesimale

...si deve disporre una serie di flaconi di vetro


e tappi di materiale inerte, tanti quanta
la diluizione che si vuole ottenere.
Nel primo flacone si mette
una parte della sostanza
base e 99 parti di
diluente,

23

si agita molto forte in senso


verticale almeno un centinaio di
volte e si ottiene la 1 CH, per fare
la 2 CH, si preleva una parte dalla
provetta 1 CH e si diluisce con
altre 99 parti di diluente, si agita
di nuovo cento volte e si procede
fino alla diluizione desiderata.

1 PARTE

AGITARE

AGITARE

1 PARTE

TINTURA
MADRE
99 PARTI
ALCOOL 70

1CH

99 PARTI
ALCOOL 70

2CH

Da notare che sovente in Omeopatia si parla indifferentemente di diluizione o


potenza che significano, a tutti gli effetti, la medesima cosa.
Con il sistema di diluizione di Korsakoff si usa
ununica provetta di vetro in cui si aggiunge la
tintura madre di partenza al diluente, quindi si agita per
un centinaio di volte e poi si svuota completamente
la provetta, resta adeso alle pareti un po di
liquido, a questo viene aggiunto nuovo diluente
e di nuovo agitato e poi di nuovo
svuotata la provetta fino alla
diluizione desiderata.
Le diluizioni Korsakoviane
vengono indicate con la
sigla K.
METODO DI
KORSAKOFF

1 PARTE

AGITARE

SVUOTARE

RIEMPIRE

AGITARE

TINTURA
MADRE
99 PARTI
ALCOOL 70

1K

99 PARTI
ALCOOL 70

2K

24

Fate attenzione perch non c equivalenza tra la scala CH e la


scala K.
Verso la fine della sua esistenza Hahnemann introdusse poi le
diluizioni 50 millesimali che vengono indicate come LM.
Il procedimento di preparazione delle 50 millesimali pi
complesso e comunque ottiene una forza dolce e sicura.
Hahnemann le defin: le mie creature pi perfette.
Alla fine di tali procedimenti di diluizione e di dinamizzazione, si
ottiene unenergia con cui vengono impregnati dei globuli o dei
granuli pronti ad essere somministrati a chi presenti in quel
momento i sintomi che tali sostanze hanno fatto apparire nel corso
delle sperimentazioni sulluomo sano.
Alcuni scienziati si accaniscono contro fenomeni non ancora
conosciuti, uno di questi proprio il rimedio omeopatico, che pur
possedendo dal punto di vista chimico solo tracce dellelemento
base da cui si partiti (e a diluizioni ancora pi alte neppure quelle)
agisce.
Il meccanismo dazione del rimedio omeopatico ancora oggi non
noto, esistono tuttavia delle ipotesi che meritano approfondimenti e
ricerche cliniche a difesa dellaccusa di somministrare solo placebo.

Due considerazioni devono far riflettere:


1) LOmeopatia agisce bene nei confronti dei
bambini anche molto piccoli e negli animali,
notoriamente poco suggestionabili.
2) Compito del ricercatore scientifico di porsi di
fronte ad un fenomeno con estrema umilt,
cercando di capire i fenomeni, senza negarli
aprioristicamente solo perch oggi non si possono
ancora spiegare.

25

CAPITOLO

TERZO

LE COSTITUZIONI OVVERO LO STUDIO


MORFOLOGICO DELL INDIVIDUO

26

LOmeopatia moderna una scienza aperta che si avvale


dei contributi di altre branche e le utilizza per una migliore
comprensione delluomo nella sua globalit.
Lo studio delle costituzioni applicato allOmeopatia ha
avuto il massimo sviluppo in Francia grazie a studiosi come
L.Vannier, H. Bernard, R. Zissu.

Definire una persona secondo la


sua costituzione vuol dire
osservarla.

Cio ricavare i dati morfologici


tipici dellindividuo in modo
da poterlo
classificare
in una
categoria.

Le costituzioni di
base in
Omeopatia sono
quattro

SULFURICA
CARBONICA
FOSFORICA
FLUORICA

27

Morfologia sulfurica
Allosservazione balza agli occhi larmonia dei lineamenti:
altezza e peso medi, colorito roseo-rosso, tono muscolare e
legamentoso regolare, denti ben allineati, aspetto complessivo di
buona salute.
il soggetto che Ippocrate chiam sanguigno con reazioni vitali
brillanti, domina in lui lottimismo, la voglia di fare, una disposizione
a godere dei piaceri della vita.
In lui tutto peggiora con il calore.
Tende ad ammalare di malattie della pelle, congestioni venose,
ipertensione arteriosa, emorroidi,
malattie del fegato.

28

Morfologia carbonica
Osservandolo notiamo un particolare sviluppo in larghezza.
Prevalgono i diametri trasversali: un brachitipo.
Il bambino carbonico un bel beb pacioccone con la faccia che
sembra di cera e con gli occhi azzurri.
Crescendo, si fa per dire, si allarga ma la statura rimane bassa, la
faccia rotonda, la pelle pallida, le mani sono tozze, i denti quadri, i
legamenti sono rigidi, il gesto deciso ma poco elegante.
Tende allobesit, alla ritenzione delle scorie, allautointossicazione
per cattivo smaltimento, alle dislipidemie, allindurimento dei tessuti.
Tutto peggiora con il freddo umido, mentalmente stabile,
realista, realizzatore, metodico ma
poco fantasioso.

29

Morfologia fosforica
Prevalgono in lui i diametri longitudinali, dunque laltezza: il bambino
cresce in fretta e resta magro anche da adulto.
Vedendolo camminare e muoversi possiamo apprezzare leleganza del
gesto.
Il viso triangolare, le dita sono allungate.
il soggetto che ha bisogno di continua energia perch brucia tutto
rapidamente, ha bisogno di aria pur essendo freddoloso.
Domina in lui il pensiero astratto; facile allentusiasmo per le cose
nuove si spegne con altrettanta facilit, non sopporta i lavori di lunga
durata, n i lavori metodici.
Spiritoso, acuto, romantico.
Tende ad essere carente di
minerali.

30

Morfologia fluorica
Non una morfologia indipendente, ma pu entrare come
variante pi o meno manifesta nelle tre precedenti.
Domina lasimmetria ed il dimorfismo.
I legamenti sono lassi, troppo elastici, i denti sono mal
posizionati, c tendenza alla scoliosi alle deformit ossee.
Ha tendenza ad ammalare di varici, di ulcere, di scoliosi
Di carattere particolare: pu essere un genio innovatore
spesso incompreso per
la bizzarria dei suoi
atteggiamenti.

31

Attenzione: questo modo di classificare pu trarre in inganno, ed essere


oltremodo sbagliato dire di un soggetto a morfologia carbonica che deve
essere per forza un metodico, perch nella natura leccezione trovare una
morfologia pura: noi tutti deriviamo da due genitori per cui avremo almeno
caratteristiche di entrambi, per cui pi produttivo parlare di soggetto a
prevalente morfologia carbonica, sulfurica, fosforica.
Lo studio delle costituzioni un modo per capire luomo nella sua
individualit e per lomeopata molto importante per metterlo sulla strada
del rimedio da somministrare, specie nel caso dei bambini: esistono cio dei
rimedi detti della serie carbonica, della serie fosforica, fluorica e sulfurica.

Lipotesi che sta alla base di questa


teoria omeopatico-costituzionale
che esista unalterazione del
metabolismo di questi sali
per cui

somministrando il rimedio
costituzionale si cerca di
portare lindividuo ad
un equilibrio
migliore.

32

CAPITOLO

QUARTO

OMEOPATIA E PSICOSOMATICA

33

NellOmeopatia ci occupiamo del linguaggio del corpo: i sintomi divengono


simboli per leggere il disagio del paziente.
Ogni deviazione dellequilibrio psichico comporta un disturbo del Piano fisico
che pu essere in fase iniziale un atteggiamento funzionale, per poi diventare
organico, cio pi profondamente radicato, vera malattia.
Una statistica evidenzia che tre pazienti su quattro si rivolgono al medico per un
disturbo etichettato dalla scienza ufficiale come psicosomatico.
Vi parler di come la scuola omeopatica Sud-americana dei Maestri Masi,
Paschero, Ortega interpreta in chiave psicosomatica le Diatesi Hahnemanniane
che abbiamo gi visto nel primo capitolo.
In questo tipo di interpretazione viene data preminente importanza
allalterazione del nucleo emozionale e ai conflitti psicologici interiori.
In tali scuole di stampo prettamente unicista viene indagato, in modo
preminente, lo psichismo del paziente.

Divertitevi ad
inquadrarvi nella
vostra diatesi.

34

PSORA
Lo psorico ha paura di vivere le proprie emozioni.
Emerge in tutta la sua storia una incapacit di dissipare lenergia
attraverso i canali ingorgati cronicamente, lincapacit di scariche
liberatorie, lincapacit per paura della propria debolezza ad
assumere un ruolo, la sfiducia nelle proprie capacit o la paura
di assumere in prima
persona la responsabilit
di una decisione che vive
come carica di sensi di
colpa.
Lalternanza e la
periodicit delle
manifestazioni sono un
esempio di non
raggiungimento
dellequilibrio e di ansia
esistenziale.

35

SICOSI
Il sicotico il soggetto irrigidito nelle sue posizioni,
sempre teso ad ipercompensarsi (obesit) con dei tratti
ossessivo-fobici, presenta un avversione per tutto ci che
nuovo in altre parole il sicotico tende sempre a
reprimere le proprie emozioni, tenendo tutto dentro
(in termini simbolici),
lenergia trattenuta si
materializza in
neo-formazioni
interne (fibromi) e
sulla pelle con
verruche, polipi
tutte manifestazioni
a carattere lento,
progressivo,
insidioso.

36

LUE
Il luetico ha unipertrofia delles che tende a
sfuggire al dominio del super io: il soggetto delle
esagerazioni, della
tendenza
autodistruttiva.
Nel luetico domina la

paura di essere
travolto dalla propria
potenzialit
emotiva.

37

CAPITOLO

QUINTO

LA TIPOLOGIA SENSIBILE I TIPI


SENSIBILI AD UN RIMEDIO
OMEOPATICO SI ASSOMIGLIANO TRA
LORO

38

Nel corso della sperimentazione con rimedi effettuata


sulluomo sano, alcuni soggetti hanno sviluppato un
numero di sintomi superiore rispetto agli altri, questi sono
i cosiddetti tipi sensibili al rimedio Omeopatico.

Questi soggetti si
assomigliano per alcune
caratteristiche:

nelle
tendenze
morbose;

nellaspetto
esteriore,
la
morfologia,
la
costituzione;

nel
temperamento,
nel modo di
comportarsi.

39

Gli Omeopati nel loro gergo chiamano il tipo sensibile ad una data
sostanza con il nome stesso della sostanza ad es: il tipo sensibile alla
somministrazione di Pulsatilla, cio che svilupper pi sintomi sul
piano mentale, emozionale e fisico verr chiamata tipo pulsatilla.

Arsenicum Album
Esteriormente la morfologia fosforica, eleganza estrema portamento
eretto, ricercato.
Tende ad ammalare di patologie di un certo rilievo (asma, ulcera,
ecc) ansioso, meticoloso, estremamente pignolo e spigoloso,
rimarca ogni cosa e puntualizza, tende a fare esami per rassicurarsi su
ogni patologia ipoteticamente possibile seppur remota, possiede
cartelle cliniche tenute in modo impeccabile.

40

Calcarea Carbonica
Richiama la morfologia carbonica con prevalenza dei diametri
trasversali, se bambino, paffuto e pallido con crescita regolare, lento
nelliniziare la deambulazione, nel mettere i denti, a scuola non sar,
mai il pi alto, ne il pi bravo della classe, tender ad avere un po di
pancetta, sar un tranquillo che andr sempre stimolato per avere un
risultato, indolente tender ad essere il tipo linfatico con ipertrofia
di adenoidi e tonsille. Le ragazzine avranno problemi per il grosso
seno sviluppatosi in anticipo rispetto alle coetanee, le mestruazioni
arriveranno un po in ritardo, saranno preoccupate della ciccia che
arriva presto ed difficile da smaltire anche per via di una sostanziale
pigrizia di base, da adulti vanno poi facilmente incontro a malattie
dislipidemiche e a malattie reumatiche, nel lavoro sono ottimi
esecutori ma cattivi ideatori. Sono dei soggetti freddolosi che tendono
alla stipsi, hanno molte paure.

41

Pulsatilla
Ragazzine timide, tipicamente con occhi azzurri e capelli biondi, dolci
e remissive, cercano la simpatia e lapprovazione per una loro
insicurezza di base, facilmente influenzate dalla simpatia degli altri,
facili al pianto di umore mutevole, instabili, cercano sempre uno
sguardo rassicurante o una parola dolce, amano la consolazione, sono
attratte dai dolci e dai gelati che non tollerano bene, la loro pelle
sottile si intravede il reticolo venoso sottostante, hanno spesso
cellulite, sono insicure perci gelose, si appoggiano volentieri, non
hanno mai sete, le loro mestruazioni sono scarse e a volte fanno
capricci, hanno secrezione giallastre sia nasali che vaginali.

42

Sepia
Laspetto esteriore riflette il loro animo: triste, facilmente vanno
incontro a stati di depressione con disinserimento, negano la loro
femminilit magari assumendo volentieri ruoli tipicamente mascolini,
in Sepia tutto cade, tutto gi lo stomaco abbassato come anche
lintestino, ad una certa et vanno incontro a prolasso uterino, spesso
sono soggette a vene varicose ed emorroidi hanno una stipsi ostinata
con feci caprine. Il loro carattere tuttaltro che docile, non
mandano a dire, spesso nelle fasi conclamate del loro malessere si
isolano e si disinteressano a tutto.
Sulla pelle, che ha un colorito giallognolo, vi sono delle macchie
cloasmi.

43

Lachesis
Tipicamente donna in menopausa o comunque accaldata, presenta
vampate di calore migliora con tutto ci che esce: dalle mestruazioni
ad un raffreddore che scarica, ad una bella chiacchierata con
unamica, il tipo lachesis ama molto parlare, far uscire delle cose,
raccontare incessantemente di se e del suo enturage; tendenzialmente
diffidente degli altri, dedica a volte il suo tempo ad opere di bene non
per reale amore del prossimo ma per poter avere contatti sociali.
Il volto appare congesto anche senza vampate di calore per la presenza
di couperose, non sopporta la costrizione e toglie anelli e calze che
stringono, per non parlare delle maglie dolce vita che non
metterebbe mai.

44

Phosphorus
Prototipo della costituzione fosforica, il tipo cresciuto in fretta,
dotato di estro e fantasia, stancabile, affamato di cose che lo
stuzzicano ma per niente innamorato della tavola, triste, romantico,
artista, si dedica agli altri e al sociale con lo slancio di un sognatore, a
lui possono confidare le cose, arguto nelle intuizioni, pronto nelle
battute, elegante nel gesto e nel portamento.
I bambini hanno spesso sanguinamento nasale.
Verso sera sono assaliti da tristezza ed ansia.

45

Thuya
Morfologicamente si incontra una tendenza allobesit di tipo
tronculare cio un tronco pi voluminoso delle gambe, la presenza di
verruche e di escrescenze polipoidi, una pelle grassa, una sudorazione
sul labbro superiore, una tendenza allossessivit (va a controllare se il
gas chiuso). Una rigidit di giudizio, delle sensazioni strane come
la paura che le proprie ossa siano di vetro, di avere qualcosa di vivo
nel ventre. La tendenza tipicamente Sicotica con peggioramento
netto in clima umido.
Sicotici non si nasce, si diventa: antibiotici a ripetizione, spesso dati a
sproposito di copertura come fossero ombrelli, vaccinazioni inutili e
ripetute, pomatine al cortisone date su ogni millimetro di pelle che
prude, cure ormonali date per aumentare la massa muscolare o
ritardare linvecchiamento, inquinamento, ricostituenti possono
instaurare lo stato sicotico con tendenza alla reazioni lente,
progressive, insidiose.

46

Natrum Muriaticum
Soggetto con tendenza ad avere dimagrimento specie nella parte alta
con bacino invece infiltrato di cellulite. Tipicamente adolescente
introverso, chiuso che spiccica si e no due parole, insicuro ma che non
chiede consolazione, anzi ama la solitudine, non tollera il sole, ha una
sete insaziabile ed un desiderio di cose salate, ama anche mangiare il
sale, alcuni piccoli segni si rilevano dallosservazione delle dita con
unghie e pellicine mangiucchiate e numerosi puntini bianchi. Va
facilmente incontro a raffreddori anche allergici e ad acne giovanile.

47

Sulfur
Modello che risponde bene alla morfologia sulfurica ed alla diatesi
psorica. Soggetto rosso che patisce il caldo, ama la buona tavola.
Ottimista, stenico, tendente allipertensione, alle malattie della pelle,
niente affatto stitico, bontempone e compagnone, con collere brevi,
ricerca lamicizia, filosofeggia a sproposito su tutto, emorroidi,
malattie del fegato legate ad abusi alimentari.
Iperteso con tendenza alle malattie del sangue.

48

Silicea
Descritto come edificio che manca di sabbia o come spiga di grano
dallesile fusto si presenta come un bambino poco vitale, con bozze
frontali ampie, sudorazione diffusa delle mani e dei piedi, puntini
bianchi sulle unghie, linfonodi ai lati del collo, bambino che ha lunghe
assenze da scuola perch sempre malato, adolescente chiuso e timido,
bambino con uno scarso appetito insicuro ma testone, tenace.

49

CAPITOLO

SESTO

LINTERAZIONE OMEOPATA-PAZIENTE
VOI CERCATE UN BRAVO MEDICO, IO CERCO DEI BRAVI PAZIENTI
B. Jensen

50

Il lavoro dellomeopata non semplice come avrete intuito perch, come


vedremo in seguito, se relativamente semplice scegliere un rimedio per il
pronto soccorso, cio considerando le malattie acute, ben pi difficile
mettere insieme tutte le informazioni che arrivano dal paziente, dare loro
limportanza che meritano, (Gerarchizzazione dei sintomi), fare accordare
il quadro morfologico-tipologico con il temperamento che emerge durante
il colloquio con i sintomi presentati dal paziente, tenere conto dei sintomi
puri da quelli magari sviluppati in seguito a cure allopatiche soppressive,
di una reazione, ad un ambiente poco vivibile, sintomi che sono da
imputare ad abitudini voluttuarie che il paziente minimizza
Pertanto vi insegno
cosa deve fare un
buon paziente:

Dimenticare per un attimo tutto ci che ormai fa parte del


nostro comune modo di esprimerci che conseguenza del grado
di pseudo-cultura medica, direi del consumismo di bassa lega,
espressioni tipo: Ho la colite, ho la gastrite non hanno
nessun significato in Omeopatia, anche se la diagnosi vi stata
fatta dal luminare pi luminoso. Allomeopata interessano frasi
tipo:Ho la sensazione di una pietra proprio qui, subito dopo
aver mangiato che passa solo se bevo qualcosa di caldo.
Imparare ad osservarsi: oramai, sempre per lo sfrenato
consumo di anti, i pazienti si esprimono con frasi tipo
prendendo xxalgina mi passa subito, capite bene che non di
grosso aiuto vero?
Annotare le cose che provate durante un disturbo, questo di
grosso aiuto allomeopata ed anche a voi che guarirete con la
vostra energia vitale sollecitata dal rimedio omeopatico.
Un qualsiasi disturbo annotato con un:-dove,-sensazioni (come
se),-modalit meglio col caldo o col freddo, innervosendosi, a
riposo,- sintomo concomitante strano es.: quando ha prurito
non sopporta pi nessuno.

51

Non aspettatevi miracoli, il limite dellomeopata il limite del


paziente, se la vostra energia vitale forte, cio riesce a
reagire, otterrete guarigioni rapide, se vi rivolgete
allomeopatia dopo anni di soppressioni allopatiche, di
alimentazione squilibrata, di abusi di ogni genere, il tempo di
guarigione sar lungo.
Guardate con buon occhio piccoli peggioramenti del vostro
stato di salute dopo aver assunto il rimedio: segno che
lorganismo sta reagendo: non continuate a bloccare i sintomi:
lenergia vitale, quella che mantiene in armoniosa sincronia tutti
gli organi, si esprime sviluppando sintomi, sta allomeopata
coglierli per guidare il corpo verso la guarigione, sopprimendoli
si peggiora sicuramente la situazione.

Assumete bene i
rimedi, abitualmente
essi si presentano in
granuli o gocce che
vanno presi cos:

Non toccarli con le dita.


Metterli sotto la lingua dietro i denti e
lasciarli sciogliere lentamente; questo
perch la via pi rapida la via perlinguale,
non vanno deglutiti perch dato il grado di
diluizione verrebbe annullata lefficacia ad
opera dei succhi gastrici.
Occorre assumerli lontano dai pasti.
Non lavare i denti con dentifrici mentolati.
Non fumare per unora prima ed unora
dopo.
Non prendere caff nelle immediate
vicinanze del rimedio; poi buona norma
berne il meno possibile o sostituirlo con
caff decaffeinato o caff dorzo.
Non usare profumi prima o durante
lassunzione dei rimedi.
Non usare balsami contenenti canfora e
menta.
Decidendo di curarsi con lOmeopatia
sarebbe bene seguire una dieta adeguata
evitando gli eccessi alimentari ed il
consumo di alcolici.

52

CAPITOLO

SETTIMO

I RIMEDI OMEOPATICI DA
PORTARSI IN VIAGGIO

53

Per curarsi con lomeopatia necessario affidarsi a medici che abbiano


una conoscenza specifica acquisita in anni di studio.
Nelle affezioni acute, tuttavia potete sicuramente ricorrere ad alcuni rimedi
che bene avere in casa (o in valigia in caso di viaggi).
La somministrazione dei rimedi in fase acuta deve essere ravvicinata
poich nella malattia acuta il rimedio viene bruciato.

Si sente come
seuhmsi

Ehoggi sar una


giornata
piena!

EHI! COSA NE DITE DI


ACCOMPAGNARMI NEL
GIRO DELLE VISITE?
POTREBBE TORNARVI
UTILE!!

54

Piccolino apri bene


la bocca

..Uuh senza

dubbio acetone!

Nel sospetto di crisi acetonemica


occorre misurare la quantit di chetoni
presenti nelle urine con gli appositi
stiks del commercio, poi, dare da bere
acqua zuccherata e nessun altro cibo.
Il rimedio omeopatico Senna (in
Italia Cassia Angustifolia) 4CH tre
granuli ogni ora, distanziando poi la
somministrazione con il miglioramento
dei sintomi.
Dal giorno successivo si introdurranno
poi passati di verdura e succhi di frutta,
poi il riso in minestrone, niente latte,
formaggi e carne per tre giorni.

55

ASCESSO DENTARIO
Pap, pap
voglio anch io la
caramella!!!

In tal caso possono essere utili quattro


rimedi da alternare:
Chamomilla 30CH per dolori
intollerabili tre granuli ogni 30 minuti
Hypericum 15CH per le nevralgie
c.s.
Pyrogenium 7CH tre granuli al
mattino e alla sera, seguiti dopo ora
da
Hepar Sulfur 30CH tre granuli.

56

CISTITE

In tal caso vi consiglio il rimedio


ippocratico:
Cantharis 7CH tre granuli dopo ogni
minzione, inoltre riposo, astenersi dagli
alcolici e dalle spezie. In caso di cistite da
luna di miele il rimedio Arnica 5CH tre
granuli dopo ogni minzione.
Se invece brucia alla fine della minzione
meglio Mercurius Corrosivus 7CH tre
granuli dopo ogni minzione

57

CONGIUNTIVITE
Mamma, mamma mi
bruciano
gli occhi!!!

Apis mellifica 15CH tre granuli ogni 10


minuti.
Particolarmente utile nelle oftalmie da
neve quando si stati sulla neve senza
occhiali e si ha una sensazione di dolore
pungente migliorato al fresco e peggiorato al
calore.
Euphrasia 4CH tre granuli ogni ora in
caso di lacrimazione irritante con
miglioramento nelloscurit. LEuphrasia
anche disponibile in collirio.

58

CONTUSIONI
AAAH!!!

Arnica Montana 5CH tre granuli ogni


ora.
Un consiglio per gli sportivi della
domenica: prima di partire per la
vostra performance prendete tre
granuli di Arnica 5 CH ed al ritorno tre
granuli di Rhus Toxicodendron 9CH,
avrete una piacevole serata e non vi
sentirete abbruttiti dalla inabituale
faticaccia.

59

CRAMPI MUSCOLARI
Ahia-ahi!
che male!

Al momento del crampo occorre fare un


movimento in direzione opposta; se il
crampo dovuto alla flessione occorre
estendere la gamba.
Il rimedio di tutti i crampi Cuprum 4CH
tre granuli ogni 15 minuti distanziando poi
la somministrazione con il miglioramento.

60

Se la diarrea provocata da cibo avariato, ad


esempio dopo una bella cenetta a base di pesce
fresco questa insorger la notte tra l1 e le 3 e
sar associata ad un tipico senso di malessere con
angoscia e paura per la propria sorte:
Arsenicum Album 7CH tre granuli dopo ogni
scarica.
Se la diarrea insorge a seguito di abuso alimentare
o dopo bagno freddo il rimedio sar:
Antimonium Crudum 5CH tre granuli dopo ogni
scarica.
Se la diarrea accompagnata da sudori freddi,
debolezza, ipotermia allora occorre:
Veratrum Album 9CH tre granuli ogni ora.
In ogni caso sempre reidratarsi bevendo molta
acqua o th o spremute di limone, tutto a
temperatura ambiente.

61

DOLORI REUMATICI
Ahi, Ahicon questo
dolore anche i lavori
di sempre diventano
impossibili!!!

Due rimedi vi mostrano che lOmeopatia


una medicina in cui occorre sapere
osservare:
Bryonia 5CH tre granuli 2/4 volte al d in
caso di dolore migliorato dallimmobilit
assoluta (al minimo movimento si sente
dolore).
Rhus Toxicodendron 9CH tre granuli 2/4
volte al d in caso di dolore migliorato dal
movimento lento e progressivo (stando
fermi si sta peggio).

62

EMORROIDI

Lachesis 7CH tre granuli 4/6 volte al d se le emorroidi


migliorano sanguinando.
Aesculus Hippocastanum 5CH tre granuli 4/6 volte al
d se le emorroidi danno un senso di peso a livello anale
irradiato allosso sacro e non sanguinano.
Aloe 4CH tre granuli 4/6 volte al d se le emorroidi sono
procidenti e c insicurezza sfinterale (gli autori francesi
dicono il signor macchiamutande).
Hamamelis 5CH in caso di emorroidi dolorose con
perdita di sangue nero.
In ogni caso bene evitare labuso di pomatine che
tolgono rapidamente il sintomo ma a lungo andare
peggiorano la situazione, poi bene tenere conto che le
emorroidi sono la spia rossa di un cruscotto che
segnala che c qualcosa che non va a livello del fegato,
dunque fatevi vedere dal vostro medico.

63

FEBBRE

Dimenticate lequazione febbre alta = malattia grave perch


sovente, specie nei bambini, lelevazione della temperatura
segno di buona risposta dellenergia vitale, cio del
sistema di difesa che mette in atto la migliore risposta
possibile in quel momento ad un dato stimolo morboso
(virus, batteri).
Daltro canto temperature molto alte (42 gradi) possono
dare lesioni cerebrali.
La temperatura non si abbassa con gli antibiotici!!!, la
cosiddetta copertura antibiotica non ha alcun significato
se non quello di complicare le cose, per cui occorre
rimanere calmi e cominciare ad adottare semplici
provvedimenti come ad es:
svestire il bambino evitando le correnti daria;
bagnarlo o avvolgerlo in un asciugamano usando acqua
che sia a due gradi in meno della temperatura del piccolo,
useremo pertanto acqua a 37 se il bimbo ha 39 ecc;
borsa di ghiaccio avvolta in un panno sulla testa ed arti:
dare da bere secondo la richiesta del bambino.

64

Nella febbre ad insorgenza


improvvisa

Aconitum Napellus 9CH: se la febbre inizia allimprovviso


dopo aver preso freddo secco, inizia con brividi, c ansia ed
agitazione, la pelle secca, non c sudorazione, c tanta sete
di acqua fredda, non ci sono localizzazioni (non mal di
gola). Utile allinizio della febbre.
Tre granuli sciolti in acqua da sorseggiare ogni 5 minuti,
allungando i tempi con il miglioramento.
Belladonna 7CH: se la febbre inizia allimprovviso e c
pelle sudata, sete non caratteristica, volto arrossato, calore
radiante (si sente calore avvicinandosi al malato), stato di
prostrazione, la luce d fastidio, vi sono delle manifestazioni
locali come ad es.: mal di gola con i classici segni di gonfiore,
rossore, calore e dolore, mani e piedi freddi.
Tre granuli sciolti in acqua da dare ogni cinque minuti
allungando i tempi con il miglioramento.
Apis Mellifica 15CH: la febbre insorge rapidamente, vi sono
dei dolori ad es.: di gola di tipo pungente, migliorati con il
freddo e peggiorati con il caldo, il paziente non ha sete,
domina la sensazione di gonfiore ad es.: della gola.
Tre granuli da sciogliere in acqua e da dare c.s.

65

Febbre ad insorgenza pi
lenta

Bryonia 5CH: la febbre inizia piano piano, vi


molto mal di testa peggiorato dal movimento. Il
paziente vuole stare immobile nel letto ed ha
molta sete di acqua fredda, suda molto, ha la
sensazione di avere la gola incartapecorita,
arida.
Rhus Toxicodendron 9CH: assieme alla febbre
vi sono dei dolori ai muscoli ed alle ossa che
migliorano solo se ci si muove in continuazione,
non si trova mai la posizione giusta nel letto, si
costretti a rigirarsi continuamente.
Ferrum Phosphoricum 5CH: nelle febbricole
che insorgono nellarco di alcune ore con dolore
acuto allorecchio e alla gola (talvolta con
sanguinamento nasale).

66

FERITE DA PUNTA
AAAHI!!!
CHE MALE!

Hypericum perforatum 15CH: se il


dolore procurato dalla puntura di
spillo
ha
caratteristiche
di
irradiazione in alto, la cosiddetta
"stilettata al cuore". Tre granuli ogni
ora.

67

FERITE DA TAGLIO
AAAHI!!!

Staghysagria 15CH: da usarsi anche dopo


le operazioni chirurgiche, tre granuli ogni
ora.
Calendula Officinalis T.M.: questo il
nostro disinfettante che va usato puro su
ogni ferita con un batuffolo di cotone,
applicando per toccature, favorisce anche
una buona cicatrizzazione delle ferite.

68

Nooo!!!e ora
cosa faccio!?!

Le cosiddette febbri sulle labbra sono per


alcuni soggetti appuntamenti precisi quando si
espongono al sole, quando si stancano, prima
delle mestruazioni, in tal caso una cura
omeopatica diatesica riesce a rinforzare il
sistema evitando le continue recidive. In tal
caso di Herpes, vi consiglio di usare:
Anas Barbarie 200K tre dosi, una dose al d
per tre d.
Poi guardare bene le vescicole:
Se il liquido chiaro: Rhus Toxicodendron
15CH tre granuli ogni dora,
Se il liquido giallo: Mezereum 15CH tre
granuli ogni dora,
Se vi sono bolle: Cantharis 30CH tre
granuli ogni dora.

69

INDIGESTIONE

Da abuso alimentare: in tal caso la lingua spessa,


saburrale, ricoperta da una patina biancastra
uniforme, pu esserci vomito e diarrea:
Antimonium Crudum 5CH tre granuli tre volte
al d.
Da eccessi alcolici: la lingua patinosa in fondo e
pulita alla punta, vi possono essere nausea,
vomito, rigurgiti acidi:
Nux Vomica 9CH tre granuli ogni volta che si
avverte nausea.
Pu essere usato come preventivo delle cene in cui
si prevede un eccessivo assaggio di vini.
Nel vomito in cui la lingua per pulita, senza
patina ma vi salivazione molto intensa con
diarrea verdastra:
Ipeca 9CH tre granuli ogni ora distanziando
con il miglioramento.

70

MAL DAUTO

Coccolus Indicus 30CH: nausea, vomito,


testa che gira, senso di debolezza, lodore
dei profumi d fastidio, miglioramento se
coricati al caldo, tre granuli alla sera prima,
tre granuli ora prima della partenza, tre
granuli salendo in auto.
Tabacum 30CH: nausea e vomito con
pallore, vertigini, ci si sente mancare e si
chiede di stare allaria fresca con gli occhi
chiusi, stessa posologia del precedente.
Petroleum 30CH : nausea e vomito che
migliorano se si ha lo stomaco pieno
(sbocconcellando crackers durante i
viaggi).

71

Punture d'insetto

Ledum Palustre 4CH: per quei soggetti


dolci, che piacciono alle zanzare e che
pi di altri vanno per questo mal volentieri
in campeggio, tre granuli verso sera ogni
ora.
Apis Mellifica 15CH: in caso di dolore
pungente migliorato dal fresco con edema
della parte punta, tre granuli ogni dora.

72

OTITE ACUTA

Chamomilla 30CH: prezioso rimedio di


dolori intollerabili utile anche nei neonati
che strillano.
Ferrum Phosphoricum 5CH: tre granuli
ogni ora in fase iniziale.
Capsicum 4CH: tre granuli ogni ora.
Belladonna 7CH: tre granuli ogni ora.
Kali Muriaticum 7CH: stura la tuba di
Eustachio togliendo la sensazione di essere
in un casco integrale per cui i suoni
sembrano provenire da lontano.

73

SCOTTATURE
Ooh!!... che
dormita!

Apis Mellifica 15CH: in caso di edema,


della pelle roseo-rossastra, con dolori
pungenti migliorati dal fresco o con
applicazioni fredde, peggiorate al caldo: tre
granuli ogni dora.
Belladonna 15CH: in caso di ustione pi
importante con pelle che emana calore
(calore radiante a distanza) con presenza di
gonfiore, rossore e dolore, tre granuli ogni
ora.

74

RAFFREDDORE

Rame Oligoelemento: 1 fialetta tre volte al


d (sub-linguale).
Allium Cepa 15CH: in caso di starnuti a
ripetizione,
scolo
nasale
irritante,
lacrimazione non irritante, miglioramento
in un ambiente fresco o uscendo fuori,
peggioramento al caldo o avvicinandosi a
fonti di calore.
Euphrasia 4CH: in caso di lacrimazione
irritante e secrezione nasale dolce.
Pulsatilla 5CH: secrezione giallastra con
perdita dellodorato.

75

Naturalmente le situazioni
patologiche che possono rovinarvi
una vacanza sono molte

in tal caso vi consiglio, in assenza


di un medico omeopata a portata di
telefono, di consultare un
farmacista che venda prodotti
omeopatici

spesso si tratta di un
esperto del settore
che potr darvi utili
consigli.

Nota:
la potenza o diluizione dei
rimedi che ho indicato in
questo capitolo scelta in base
alla mia esperienza, ricordate
sempre che nellomeopatia
molto pi importante dare
il rimedio simile che
preoccuparsi della potenza:
se si tratta del rimedio
giusto agir comunque anche a
potenze differenti da quella
ottimale.
76

CONCLUSIONI ED AVVERTENZE
Oh no! Siamo arrivati alla
fine del nostro viaggio!

Spero che vi sia piaciuto, ma attenzione


perch lOmeopatia infestata da gatti e
volpi oltremodo pericolosi.

Diffidate:
1
Dai praticoni non laureati in medicina che possono
anche conoscere bene lOmeopatia, ma non
altrettanto bene la medicina e quindi non
diagnosticare malattie curabili solo con la chirurgia o
lausilio della medicina allopatica.

Da coloro che
confondono lOmeopatia
con lerboristeria.

Da coloro che vi danno il


rimedio omeopatico
esclusivamente
osservando liride.

4
Da alcuni istituti di medicina
naturale, manipolazione,
riflessologia ecc ecc
che usano spesso il termine
omeopatico su procedure che
di omeopatico non hanno
nulla, solo perch la moda
vuole cos.

5
Di certi dietologi che spacciano le loro
bombe anfetaminiche per medicine
omeopatiche, solo perch assieme ai pi
potenti anoressizzanti associano alcune erbe
diluite con la scritta CH!!

77

6
Da coloro che promettono miracoli con lOmeopatia: il limite
dellOmeopatia il limite del paziente stesso, per cui ci che
cambia la potenzialit di reazione al rimedio, possono
guarire pazienti affetti da gravi malattie dotati per di
unenergia vitale ancora buona, al contrario rimanere con i
loro problemi pazienti con patologie pi lievi, perch il loro
sistema di difesa stato attaccato per anni
da soppressioni inopportune.

8
7
Dai medici che criticano
lOmeopatia solo
perch alluniversit ne
hanno sentito parlare
male, ma non ne
conoscono n le basi n
la profondit.

Da chi disconosce la
medicina dellevidenza
credendo solo al principio
della sperimentazione con
randomizzazione in
doppio cieco.
La medicina omeopatica
guarisce quel malato con
quella malattia
(personalizzazione del
rimedio).

9
Da coloro che vi dicono che per
curarsi con lOmeopatia bisogna
diventare vegetariani, digiunare
ogni tanto o coltivare pratiche
mistiche di meditazione; luomo
nellOmeopatia viene rispettato nei
suoi stili abituali di vita, chiaro che
il medico consiglier di evitare
abusi di ogni tipo ecc

10
DallOmeopatia fatta esclusivamente su
computer con domande pre-stampate a cui il
paziente deve rispondere anche da casa;
molte cose importanti nella prescrizione del
rimedio emergono proprio dal colloquio tra
medico e paziente; le cose non scritte a volte
sono pi importanti di quelle scritte.

78

BIBLIOGRAFIA
1. Allen H. C. Keynotes and characteristics with comparisons of
some of the leading remedies of the materia medica. Ed. Thorson
Ltd., 1978.
2. Beucci B. Trattato di terapia Omeopatica. Ed. Siderea, Roma
1983.
3. Duprat H. Trait de matire mdicale homopathique. Ed. J. B.
Baillire, Issoudun, France, 1985.
4. Hahnemann C.F.S. Lorganon dellarte
VI^ Edizione, RED Edizioni, Milano, 2002.

del

guarire.

5. Hering C. The Guiding Symptoms of our Materia Medica. Ed. B.


Jain Publishers Pvt. Ltd, 1986.
6. Roberts H.A. Sensazioni "come se" repertorio di sintomi
soggettivi. Ed. Nuova IPSA, Palermo, 1997.
7. Vannier L., Poirier J. Prcis de matire mdicale homopathique.
G. Doin & Cie Editeurs, Paris, 1948.