Sei sulla pagina 1di 50

soluzioni per

costruzioni
innovative.

diario tecnico 2012

XLAM =
VERSATILIT

Metropol Parasol, Sevilla (SP)


KERTO
EDILIZIA SOSTENIBILE > PROGETTAZIONE > COSTRUZIONE > DESIGN
DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 1

STRUTTURE IL LEGNO. ATTRAVERSO LA STORIA


Edifici in legno molto sviluppati anche in altezza esistono da centinaia di anni. 1400 anni fa delle pagode
altissime furono costruite in legno fino a 19 piani e resistono ancora ai giorni nostri in ambienti ad alto
rischio sismico e clima umido. Molti paesi del mondo hanno costruito negli anni edifici in legno molto alti inclusi
alcuni esempi qui in Italia con palazzi fino a 15 piani. In tutto il mondo possiamo osservare strutture in legno massiccio
che esistono da centinaia di anni.
Nel 2008, the Stadthaus Project a Londra ha dato nuovo impeto alla continua innovazione per gli edifici in legno
massiccio, come si pu vedere in molti progetti attuali che prevedono palazzi in legno fino a 30 piani. Nel 2011 stato
completato a Siviglia il Metropol Parasol, tuttora una delle strutture il legno pi grandi del mondo nata dallidea
dellArchitetto Jurgen Mayer-Hermann. Il suo complesso completamento stato reso possibile solamente dalluso di
un materiale versatile come il KERTO.

www.costruzioniciam.it

Horyu-ji Temple
Architect: N/A
Date of completion: 603-1603
Location: Nara, Japan
Building type: Temple
Design: 5 Storey pagoda (32.25 Metres / 122 Feet)
Structure: Central wooden pillar; timber; Japanese joinery

Urnes stavkirke Stave Church


Architect: N/A
Date of completion: 1130
Location: Norway
Building type: Medieval Church
Design: 1 Storey
Structure: ; Heavy Timber; Post and Beam

Stadthaus, 24 Murray Grove


Architect: Waugh Thistleton Architects
Date of completion: 2008 Realized
Location: 24 Murray Grove, Hackney, London
Building type: Residential
Design: Nine storey timber tower
Structure: KLH cross-laminated timber panel
system

Metropol Parasol, Seville


Architect: jurgen Mayer-Hermann
Date of completion: April 2011
Location: La Encarnacion square, Seville
Building type: Public structure
Structure: Hybrid laminated wood KERTO
and reinforced concrete slabs

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 2

CAMPI DI UTILIZZO
LA VERSATILIT DEI NOSTRI SISTEMI INTEGRATI
ABITAZIONI CIVILI
Nella scelta dei sistemi costruttivi abbiamo conto della libert creativa di
progettisti e committenti, ovviamente senza trascurare lelevato comfort
abitativo. I nostri edifici sono progettati per raggiungere eccellente
isolamento acustico, elevato isolamento termico e accumulo di calore,
come anche un ottimale clima interno. Grazie alla realizzazione
individuale dei componenti, gli elementi possono essere utilizzati per le
pi differenti forme costruttive, senza porre limiti alla fantasia dei
progettisti e dei committenti.

SCUOLE E ASILI
Ogni bambino ha bisogno di un ambiente il pi possibile naturale e che
soddisfi le sue esigenze tattili e sensoriali. La responsabilit verso le
generazioni future si dimostra quindi anche con la scelta del materiale
edilizio: edilizia ecocompatibile con materie prime rinnovabili.
Se l'ambiente soddisfa le esigenze dei bambini in termini di aria, vita,
calore e sicurezza, se i locali svariatamente configurati favoriscono la
loro creativit, se non vengono disturbati dal chiasso e dalla confusione
degli altri, allora i bambini si sentiranno al sicuro e potranno sviluppare
completamente le loro capacit.
COSTRUZIONI COMMERCIALI
Soprattutto nella costruzione di edifici commerciali, lobbiettivo quello
di combinare tempi minimi di costruzione con la libert estetica.
indispensabile un sistema costruttivo flessibile per garantire lutilizzo
in breve tempo e la veloce integrazione dei cicli aziendali.
A differenza delle costruzioni tradizionali, i nostri sistemi non sono legati
a moduli o dimensioni prestabilite. I vantaggi degli elementi costruttivi
vengono soprattutto alla luce nelle grandi applicazioni. Sono infatti le
soluzioni intelligenti a ridurre notevolmente i costi.
COSTRUZIONI INDUSTRIALI
Gli elementi per le costruzioni industriali devono offrire soluzioni
economiche e allo stesso tempo unapplicazione semplice e funzionale.
Ampi elementi, come per esempio gli elementi nervati e scatolari,
hanno un'elevata portata e sono ottimali per solai e coperture. Senza
puntellature portanti e pareti intermedie, si pu raggiungere una luce di
15 metri per i solai e di 23 metri per le coperture.
Una tale capacit viene richiesta soprattutto nelle costruzioni industriali,
che sono pertanto il campo di applicazione ottimale per questi
elementi.
CONSULENZA > PROGETTAZIONE
DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 3

Strong-Tie connectors
Many Simpson Strong-Tie connectors
have been designed and tested for use
with specific types and sizes of nails.
The specified quantity, type and size
LA
FLESSIBILIT
of nail
must be installed in the correct
holes
the connector to achieve
DELonLEGNO
published loads. Other factors such
as nail material and finish are also
fastener selection
Ilimportant.
legno Incorrect
permette
ad
or installation can compromise
connector performance
and could
Architetti
e Designer
lead to failure.

di creare strutture che


Simpson Strong-Tie does not offer
lavorano
in armonia
all of these nails,
see page 17 for
more
information.
con il paesaggio che
ci circonda ed
adattandosi ad ogni
ambiente permette di
ottenere coesione tra
ledificio e lambiente
circostante.

Buildings tha
greenhouse
efficiency gu
Protection A
www.energ
Buildings
greenhou
efficienc
0.148"
0.131"Buildings
tha
Protectio
Set an energy performance goal
greenhouse
www.en
Review case studies that demonstrate enhanced
ener
efficiency
gu
Protection
A
Allocate sufficient funds for an integrated design
proc
www.energ
0.162"
0.131"
0.25"

Building Design Guidance Chec


1

2
3
3
3

SET GOAL

Building Design Guidance Che

SET GOAL
Set an energy performance goal
!
!
EFFICIENZATEAM
ASSEMBLE
Review! caseDESIGN
studies
that demonstrate enhanced ener
0.148"

Building Design Guidance Che


Building
Design
Guidance
Che
SET GOAL
!

0.148"
!

!Select aENERGETICA:
Nails areLE
drawnTAPPE
to scale DI UNA
multi-disciplinary
team
Nail diameter
no coating.
sufficient
fundsassumes
for
an
integrated design pro
!Allocate
PROGETTAZIONE
VINCENTE

See technical
bulletin T-NAILGUIDE
Adopt an integrated
design
approachfor
more information. (See page 191)
1. STABILIRE
LOBBIETTIVO
: Stabilire
Il legno un
Educate the
project team on
goals, costs, and benefit
Set
an
energy
performance
goal e
lobbiettivo di efficienza energetica
materiale sensoriale
NAIL DESIGN INFORMATION
rivedere
i casecase
study
che ne
dimostrano
la enhanced e
Review
studies
that
demonstrate
da toccare,
valorizzazione.
Select
aenergy
multi-disciplinary
team
In some cases
it is desirable to install Simpson Strong-Tie face mount joist hangers and
straight
with nails
that are
a different
type
size
respirare
e sentire
Set
an straps
performance
goal
Allocate
sufficient
funds
for
anorintegrated
design p
than what is called out in the load table. In these cases these reduction factors must be applied to the allowable loads listed for the connector.
per apprezzarne il
2. SCEGLIERE
IL TEAM
Affidarsi
ad un team
Adopt
integrated
approach
Reviewancase
studies:design
that
demonstrate
enhanced ene
Load Adjustment Factors for Optional Nails
multidisciplinare,
adottare
un
approccio
di addresses
Conduct
a
comprehensive
charrette
that
ar
calore
e
lorigine
Used with Face Mount Hangers and Straight Straps
Educate
the
project
team
on
goals,
costs,
and
benefit
Allocate
sufficient
funds
for
an
integrated
design
pro
disegno
integrato
ed
indirizzare
il
progetto
in
naturale.
environmental
issues
Allowable Load Adjustment
Factor
termini di obbiettivi, costi e benefici.
Catalog Nail
Replacement
Face Mount Hangers
Straight Straps
Identify
synergies between design concepts and energ
Essendo
un(0.162"x3")
materiale 10dx1 (0.148"x1")
: Affrontare le tematiche
Select
team
0.64 3. PRE-DESIGN
0.84 a multi-disciplinary
16d common
Develop scope
of work, project
budget, and schedule
architettoniche,
energetiche
ed
ambientali.
incredibilmente
10d common (0.148"x3")
0.84
0.84 an integrated design approach
16d common (0.162"x3")
Adopt
Identificare
tra progettazione
edthat addresses a
versatile pu lavorare 12d common (0.148"x3")
Conduct
amulti-disciplinary
comprehensive
charrette
Select
asinergie
team
0.84
0.84
16d common (0.162"x3")
16d sinker (0.148"x3")
Educate
the
project
team
on
goals,
costs, and bene
efficienza
energetica.
Sviluppare
gli
obbiettivi
esteticamente con
environmental
issues
1.00
1.00 an
16d common (0.162"x3")
16dx2 (N16) (0.162"x2")
Adopt
integrated
design
approach
di
progetto,
il
budget
e
le
tempistiche
molti altri materiali da
10d common (0.148"x3")
Identify
synergies between
concepts
and
ener
Double
shear
nailing
Buildings
Educate
ondesign
goals,
costs, and
benefit
12d common (0.148"x3")
0.77 4. SCHEMATIC-DESIGN
1.00 the project team
costruzione
ed esiste 10dx1 (0.148"x1")
: Analizzare
i fattori
should use full length
Analyze
the
site
and
building
orientation
with
energy
16d sinker (0.148"x3")
greenhou
common nails
Develop
scope
of work,
project
budget,
and(SEDI)
schedule
ambientali
e Statement
le possibilit
di
orientamento.
una vasta gamma di
Include
offeatures
Energy
Design
Intent
10d common (0.148"x3")
efficiency
Use
natural
shading
to
reduce
cooling
load
0.64
1.00la necessit di schermature solari e
10dx1 (0.148"x1")
Analizzare
sinker (0.148"x3")
olii,16d
colori
e vernici
Specify
design
team
participation
during
construction
Protectio
Conduct
a comprehensive
charrette
addresses
lesposizione
alla
luce naturale.
(0.148"x3") di
Consider
daylighting
to reduce
electricalthat
lighting
requi
che10d
cicommon
permettono
1.00
1.00
16d sinker (0.148"x3")
12d common (0.148"x3")
www.ene
Include
approval
process
for
change
orders
to
method
environmental
issues
conferirgli
un
load
0.85 5. SVILUPPO
1.00 DEL PROGETTO : Definire il
8d common (0.131"x2")
8dx1 (0.131"x1")
Conduct
a
comprehensive
charrette
that
addresses
a
Encourage
building
owner
toobbiettivi
hold
parties
accounta
carattere
unico.
progetto
per
raggiungere
gliwith
Identify
synergies
between
design
concepts
and en
10d common (0.148"x3")
0.83
0.83
8d common (0.131"x2")
Review
energy
strategies
an all
energy
expert
Analyze
the
site
and
building
orientation
with
energy
environmental
issues
energetici,
preparare
lameeting
documentazione
Scegliendo
una
Seek
incentives
for
theconcepts
energy
performance
1. Allowable load adjustment factors shown in the table are based on calculated reduction factors and are
applicable
for scope
Develop
of
work,
project
budget,
and schedu
Begin
energy
analysis
of design
Use
natural
shading
features
to
reduce
cooling
relativa
alla
certificazione
energetica,
all
face
mount
hangers
and
straight
straps
throughout
this
catalog,
except
as
noted
in
the
footnotes
below.
finitura naturale, in
Identify
synergies
between
design
concepts
andload
ener
Include
design
team's
summaries
of
energy-efficient
2. Some products have been tested specifically with alternate fasteners and have allowable load adjustment factors or
Right-size
mechanical
systems
based
on
anticipated
p
raccogliere
la
documentazione
tecnica
utile
reduced capacities published on the specific product page which may differ from the values calculatedConsider
using this table.daylighting to reduce electrical lighting requ
seguito
Develop
scope
of
work,
project
budget,
and
schedule
Select
qualified
manufacturers
3. This table does not apply to hangers modified per the Hanger Options described on pages 181-183,
or
steel
thicker
than
10
gauge.
alle fasi
di installazione.
Compare
estimated energyShorter
use nails
to design target
allinvecchiamento
edor 16dx2" nails may not be substituted for joist nails in double-shear
4. Unless noted otherwise, 10dx1"
hangers
load
(i.e. LUS, MUS, HUS, HHUS, HGUS). For applications involving pneumatic nails, refer to specific tool manufacturer
Place
the
"Designed
To
Earn
The
ENERGY
STAR" gra
may
not
be
used
as
: Definire
il ruolo dei
allatechnical
maturazione
bulletins. Refer to del
technical bulletin T-PNEUMATIC (see page 191 for details). 6. COSTRUZIONE
Make
adjustments
and integrate
energy
performance
double
shear
nails
Review
energy
strategies
with
an
energy
expert
5. Do not substitute 10dx1" nails for face nails on slope and skew combinations or skewed only LSU and
LSSU.
Include
Statement
of
Energy
Design
Intent
betterininfase
Target
Finder ed analizzare (SEDI)
progettisti
costruttiva
legno,
il installed
suo colore
6. For straps
over sheathing use a 2" long nail minimum.
Analyze
the
site
andottenimento
building
with energ
7. Where noted, use 0.80 for 10 ga, 11 ga, and 12 ga products when using SPF lumber.
Begin energy
of
designorientation
concepts
leventuale
possibilit
di
di
Specify
designanalysis
team
participation
during construction
diventa
piuseintenso
8. Where noted,
0.92 for 10 ga, 11 ga, and 12 ga products when using SPF lumber.
Useinnatural
shading
features
to reduce
cooling
loap
incentivi
base
alla
performance
energetica
Right-size
mechanical
systems
based
on anticipated
creando un effetto
Include
process
for change
orders
to energy
method
Analyze
the
site
and
building
orientation
with
Set anapproval
energy
performance
goal
raggiungibile.
Includere
istruzioni
precise
sugli
Consider
daylighting
to reduce
electrical
lighting
visivo ancora pi
Compare
estimated
energy
design
target
Encourage
building
owner
hold
all
parties
accounta
Use
natural
shading
features
totoreduce
cooling
loadre
Review
case
studies
thatletouse
demonstrate
enhanced
e
obbiettivi
da raggiungere
per
diverse
spettacolare.
Refine
the
project
toand
achieve
the energy
energy performance
performance
load
Make
adjustments
integrate
squadre
di
lavoro
e
selezionare
fornitori
Seek
incentives
for
meeting
thean
energy
performance
Consider
daylighting
to reduce
electrical
lighting
requg
Allocate
sufficient
funds
for
integrated
design
Specify
detailed
commissioning
activities
in
project
Prepare
energy
performance
specification
forexpert
construcp
affidabili.
Review
energy
strategies
with
an
energy
Include
design team's
summaries
of energy-efficient f
load
Seek separate
funding
and
hire specialists
Assemble
resources
that
explain
installation,
operatio
7. VERIFICA
:
Documentare
la
resa
effettiva
Begin qualified
energy
analysis
ofwith
design
concepts
Select
manufacturers
Review
energy
strategies
an
energy
expert
Include
the
commissioning
firm
as
part
of
the
design
delledificio
paragonata
allintento
progettuale
Right-size
mechanical
systems
based
on
anticipate
Place
the
ToofEarn
Theconcepts
ENERGY
STAR" gra
PROGETTARE
Begin
energy
analysis
design
Communicate
your energy
performance
goal
e compilare
la"Designed
documentazione
necessaria
Refine
project
to achieve
the
energy
Compare
estimated
energy
use
to design
target p
allottenimento
della Finder
certificazione
energetica
better
inthe
Target
Right-size
mechanical
systems
based
on performance
anticipated
Encourage
energy-use
tracking
over
time
IN LEGNO
Select
a
multi-disciplinary
team
desiderata.
Prepare
energy performance
specification
for
constru
Make adjustments
and integrate
energytarget
performan
Compare
to design
Adopt anestimated
integratedenergy
designuseapproach
Assemble
resourcesand
thatintegrate
explain installation,
operatio
Make adjustments
energy
performance
team
onPAG.
goals,
DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT Educate

the project


4 costs, and bene

0.162"

ASSEMBLE DESIGN TEAM


PRE-DESIGN
ASSEMBLE DESIGN TEAM
7

C-2009 2008 SIMPSON STRONG-TIE COMPANY INC. PRINTED 12/08

ASSEMBLE
SET GOAL DESIGN TEAM
PRE-DESIGN

SCHEMATIC
DESIGN
CONSTRUCTION
& BID DOCUMENT
PRE-DESIGN
PRE-DESIGN
SCHEMATIC DESIGN
8

Building
Design
Guidance
Che
CONSTRUCTION & BID DOCUMENT

16

SCHEMATIC DESIGN
SCHEMATIC
SET GOAL DESIGN
DESIGN
DEVELOPMENT
COMMISSIONING
THE BUILDING

DESIGN
DEVELOPMENT
ASSEMBLE
DESIGN TEAM

COMMISSIONING
THE BUILDING
TRACKING, MEASUREMENT
& VER

I NOSTRI

PROGETTAZIONE E DESIGN
QUANDO LE IDEE PRENDONO FORMA

SERVIZI
Progettazione e
Costruzione di
Soluzioni in
Edilizia
Sostenibile

GARANZIE E SVILUPPO DEL PROGETTO


Sia per il progetto di un nuovo edificio che per un restauro,
il primo passo verso il colloquio con il professionista la stesura
di una relazione che includa informazioni base come la
destinazione, la dimensione e lo stile delledificio che si vuole
realizzare.
Un buon team di progettazione in grado di produrre
un progetto nei limiti di un budget prefissato,
personalizzato e su misura, che soddisfi le necessit del
cliente.

Progettazione e
Costruzione di
Edifici con
Tecnologia in
Legno lamellare
massiccio XLAM
Consulenza e
Sviluppo di
Progetti
Personalizzati per
il miglioramento
dellEfficienza
Energetica

Per realizzare una struttura con garanzia di durata a vita, il


nostro team di progettazione terr in considerazione fattori
specifici come limpatto del sole, del vento e della pioggia
sulledificio e le scelte di progettazione necessarie per far fronte a
queste forze in modo da proteggere la vostra casa. La possibilit
di una prefabbricazione parziale ci permette di garantire standard
qualitativi di eccellenza in tutte le componenti delledificio.
Un fattore fondamentale la necessit di ottenere
unottima impermeabilizzazione, per il raggiungimento della
quale bisogna tenere in considerazione la situazione delledificio
ed i diversi fattori climatici presenti, per esempio la latitudine e le
situazioni di forte vento e abbondanti precipitazioni che possono
rappresentare un fattore di stress per ledificio. Il vento pu
causare movimenti strutturali e pressioni che richiedono ulteriori
accorgimenti al fine di mantenere una corretta
impermeabilizzazione.
Inoltre, fattori come la fluttuazione delle temperature,
lumidit, la presenza di salsedine e lintensit dei raggi
ultravioletti sono da tenere in considerazione nellanalisi delle
dilatazioni, della resistenza e dellefficacia dei materiali edili per
effettuare una corretta scelta.
LItalia, come moltissime altre aree nel mondo, soggetta a
frequenti terremoti. I nostri edifici, grazie alle caratteristiche
intrinseche del legno lamellare incrociato, sono progettati
per dare massima resistenza alle sollecitazioni sismiche e
garantirvi un rifugio sicuro.

Progettazione di
Ambienti Interni
ed Esterni: Interior
e Landscape
Design
Consulenza per
lapplicazione di
principi di Edilizia
Sostenibile per gli
Enti Pubblici
Progettazione e
Realizzazione di
interventi di
Ampliamento e
Restauro

CONSULENZA > PROGETTAZIONE


DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 5

DIARIO TECNICO - C.I.A.M. COSTRUZIONI


(01) CONNESSIONE PARETE - PIATTAFORMA
1

(1) Parete in Xlam con spessore secondo le necessit


statiche

XLAM

(2) Staffa angolare per la trasmissione della tensione e


lancoraggio delle pareti secondo le necessit statiche
(3) Radice in quercia o larice completamente aderente
alla base

(4) Tasselli di ancoraggio alla piattaforma


(5) Piattaforma in CLS
(6) Protezione dallumidit di risalita, membrana
impermeabile

7
6

(7) Nastro di sigillatura, quando necessario

In questa fase molto importante assicurare una corretta


impermeabilizzazione della parete.

MATERIALI:

Base (Details)

LEGNO LAMELLARE INCROCIATO XLAM


spessore variabile

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 6

DIARIO TECNICO - C.I.A.M. COSTRUZIONI


(02) CONNESSIONE PARETE - PARETE INTERNA - SOLAIO

(1) Connessione tra pareti - vite di connessione


dallesterno
(2) Connessione tra pareti - vite di connessione
dallinterno
(3) Trasmissione della tensione di taglio attraverso le
giunzioni e gli ancoraggi delle pareti - es. staffe
angolari - tipo e distanza seccondo le necessit
statiche

(4) Connessione con viti tra solaio e pareti secondo le


necessit statiche.
In questa fase molto importante assicurare un corretto
allineamento delle pareti.

XL

AM

MATERIALI:
LEGNO LAMELLARE INCROCIATO XLAM

spessore variabile

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 7

DIARIO TECNICO - C.I.A.M. COSTRUZIONI


(03) CONNESSIONE PARETE - PARETE ESTERNA- SOLAIO
2

(1) Connessione angolo - vite di connessione agli angoli


della parete secondo le necessit statiche e per la
compressione dei nastri di giunzione
(2) Parete in Xlam con spessore secondo le necessit
statiche

(3) I nastri di giunzione devono essere installati su tutta la


superficie, in alternativa va installata una barriera al
vapore o un telo di tenuta al vento allesterno.

(4) Connessione solaio/parete con viti - tipo,


diametro e distanza secondo le necessit statiche 2
(5) Staffe angolari per una connessione statica efficace
tra parete e solaio. Tensione di taglio nella direzione
della parete.
In questa fase molto importante assicurare una
corretta tenuta allaria del sistema.

XLA

MATERIALI:
LEGNO LAMELLARE INCROCIATO XLAM

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 8

DIARIO TECNICO - C.I.A.M. COSTRUZIONI


(04) CONNESSIONE PARETE - PARETE

1
(1) Per angoli ridotti lefficacia delle connessioni a vite limitata,
possono essere necessarie misure particolari.
(2) Le viti trasferiscono la tensione di taglio solo nella direzione
delle giunzioni; bisogna tenere in considerazione le
dimensioni ridotte di appoggio

XLAM

(3) Bordi del pannello tagliati in


ogliquo possono essere
prodotti facilmente fino a
20 cm di lunghezza
(4) Distanza necessaria della
vite dai bordi
(5) Giunzioni a mezzo legno se
le tensioni di taglio devono
essere trasferite

XLAM
2

In questa fase molto importante


assicurare una corretta tenuta allaria del
sistema.
MATERIALI:
LEGNO LAMELLARE INCROCIATO XLAM
spessore variabile

Viti 8 x 200 mm
DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 9

DIARIO TECNICO - C.I.A.M. COSTRUZIONI


(05) CONNESSIONE PARETE - PARETE

In questa fase molto importante assicurare una


corretta tenuta allaria del sistema.
MATERIALI:
LEGNO LAMELLARE INCROCIATO XLAM
LVL KERTO Q

Viti

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 10

DIARIO TECNICO - C.I.A.M. COSTRUZIONI


(06) CONNESSIONE PARETE - TETTO

(1) Ancoraggio con viti che assorbono la tensione di


taglio
(2) Larea di contatto deve essere progettata in piano
nella direzione dei carichi maggiori
In questa fase molto importante assicurare un corretto
allineamento delle pareti.

XL

AM

MATERIALI:
LEGNO LAMELLARE INCROCIATO XLAM
spessore variabile

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 11

DIARIO
TECNICO
DIRECTION
IS - C.I.A.M. COSTRUZIONI
(07) CONNESSIONE TETTO - TETTO

2
3

(1) Direzione di carico principale del


pannello
(2) Taglio obliquo del pannello fino a
20 cm
(3) Connessione con viti a
trasmissione principalmente
longitudinale delle forze di taglio
(4) Forze trasversali
(7) Taglio obliquo del pannello fino a
20 cm

M
A
L

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 12

DIARIO TECNICO - C.I.A.M. COSTRUZIONI


(08) CONNESSIONE SOLAIO - SOLAIO
2

3
(1) Connessione per la trasmissione
della tensione nella direzione della
giunzione
(2) Installazione del nastro di
giunzione se necessaria la
tenuta allaria

(3) Listello coprigiunto in Kerto Q

XLAM

(4) Pannello in Xlam


(5) Tipo, diametro e distanza delle
connessioni a vite seconto le
necessit statiche

MATERIALI:
LEGNO LAMELLARE INCROCIATO XLAM
LVL KERTO Q

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 13

DIARIO TECNICO - C.I.A.M. COSTRUZIONI


(09) CONNESSIONE SOLAIO A TRAVI SOSPESE
1

XLA

d timber

uspender
(3) Connessione semplificata
(4) Forza di pressione e contatto di
pressione

XLA

(5) Forza di tensione lungo la vite

(6) Le viti devono esere avvitate nella


lamella trasversale

Connections with fully threaded or partially

5
3

XLAM

MATERIALI: 8

LEGNO LAMELLARE INCROCIATO XLAM

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 14

DIARIO TECNICO - C.I.A.M. COSTRUZIONI


(10) PARTICOLARI

XLAM
XL AM

8
4

5
6

(1) Fresature trasversali - possibili solo con


certe limitazioni in base alle esigenze
statiche
(2) Fresature verticali - solo nella direzione
della lamella esterna
(3) Distanza minima dal bordo 10 cm
(4) Fresature scatole per linstallazione
elettrica - distanza dal bordo da
calcolare in base alle esigenze statiche
della parete
(5) Fresature scatole per linstallazione
elettrica da pavimento
(6) Fresatura per il passaggio dei cavi a
pavimento
(7) Fresatura a lato della porta
(8) Fresature scatole per linstallazione
elettrica a lato della porta
MATERIALI:
LEGNO LAMELLARE INCROCIATO XLAM

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 15

DIARIO TECNICO - C.I.A.M. COSTRUZIONI


(11) STRATIGRAFIE

(4) il massetto
Piastrelle o listone
Lastra gessofibra
Massetto

solaio Xlam

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 16

KERTO RIPA
GRANDI LUCI PER GRANDI PROGETTI
CAMPI DI UTILIZZO
Gli elementi nervati e scatolari in Kerto si contraddistinguono soprattutto per le caratteristiche seguenti:
> copertura di grandi luci da ca. 10 metri (elementi nervati) a 15 metri (elementi scatolari) senza puntellature di
supporto
> rigidezza del fabbricato e assunzione dei carichi
orizzontali tramite effetto diaframma
> tetti ad ampio sbalzo e nel contempo snelli, che
possono sporgere in 2 direzioni
> tempi di montaggio brevi
> calpestabilit immediata di soffitti e solai, nessun
tempo di attesa o asciugatura
> AutorizzazioneeuropeaETA-07/0029
> ControllodellaqualitsecondolanormaDINISO9001
> CertificatoCEsecondolanormaEN14374

STRUTTURA
La struttura portante degli elementi nervati consiste di listelli allineati ed uniti tramite un pannello di rivestimento
superiore in Kerto-Q con funzione statica portante, mentre gli elementi scatolari sono composti anche da un pannello
di rivestimento inferiore in Kerto-Q.
Il pannello di rivestimento viene incollato stabilmente sulle nervature e ci aumenta in maniera sostanziale la rigidezza
dellelemento nervato che, grazie alle eccellenti propriet di rigidezza del compensato Kerto, in grado di assorbire
TM un design snello.
senza problemi le tensioni di flessione e di taglio e di avere comunque

Kerto-Ripa
MATERIALE

La struttura portante degli elementi nervati e scatolari viene realizzata interamente con compensato Kerto.
Per i pannelli di rivestimento superiore ed inferiore con funzione di briglia viene utilizzato Kerto-Q, che presenta
propriet di rigidezza ottimali per questo uso. Le nervature snelle sono in Kerto-S, il materiale ideale per applicazioni a
trave.
Le dimensioni degli elementi si possono adattare specifi- catamente al progetto. Possono raggiungere al massimo una
larghezza di 2,50 metri ed una lunghezza di 23,0 metri, mentre laltezza degli elementi standard varia da 200 a 500
millimetri.

LONG-SPAN ENGINEERED
TIMBER SOLUTIONS

CONSULENZA > PROGETTAZIONE


DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 17

ordinated services within the floor zone. For


bw
n pannello
di rivestimento
cases where
increased acoustic performance is 2.500
DIARIOSystem
TECNICO
- C.I.A.M.
COSTRUZIONI
required,
The SoundBar
can
be added
ne statica
portante,
mentre
(12)
Strutture nervate e scatolari KERTO RIPA - SOLAIO
exceed
regulations.
osti to
anche
dabuilding
un pannello

hf

-Q.
Elemento nervato
suitable for
GROUND & INTERMEDIATE FLOORS
TAILS
KONSTRUKTIONSVARIANTEN
ate floors
incollato
stabilmente
pmaniera
to 9m. sostanziale la
833
hw

hf

hw

hf

ERLUTERUNG QUERSCHNITT UND SYSTEM

Kerto cover strip

RAUFE KERTO-KASTENELEMENT

can be added

bw

833

Optional Mets Wood SoundBar 57


acoustic deck shown.
2.500
Please contact
Mets
Wood for more information
DETAIL:
DACHDURCHBRUCH
KERTO-RIPPENELEMENT

52

1.8

Elemento nervato

eite e7costruttive trovano


tiche
Thermal insulation to
depth for sound
istanza tra le nervature required
and thermal isolation.

2.500
57

52
00

Rivestim
Kerto-Q
26 mm

bw

57

52

57

gk

26

hf

che,
grazie
w quick
and alle eccellenti
nsato Kerto,
modating
co- in grado
rnsioni
zone. For
di flessione e di
erformance
esign
snello.is

Nervatu
Kerto-S
57 mm

hf

hw

qk

Is

833

bw
2.500

ne con comportamento
pertura

pan
m sm
o 99
ta
p
inUo

uttura

e anche con elementi

gk

FLOOR PANEL DIMENSIONS

e del carico orizzontale


MAX SPAN L (mm)
tto diaframma
che agisce3MAX LIVE LOAD (kN/m4 )

qk

GRENZZUSTAND DER TRAGFHIGKEIT (ULS)

lS = 5,0 6,0 [m]

4000

230

siste5000
di
estimento
6000
te, mentre
7000
n pannello

ECKE KERTO-KASTENELEMENT

310
350

st.it

350

8000

500

9000

550

hf

bw

hw

gk,E

[mm]

[mm]

[mm]

[kN/m2]

230

200
240
57
350 300
360
27
45
350 400 524
450
450 450
600
Elemento scatolare

550
con isolante termico
e condutture
650 200

D (kN/m )
mente
4
nzialeNOTES:
la
27
75
EXAMPLE DEPTHS; OTHER DEPTHS POSSIBLE ON REQUEST.
230
57
BASED ON 2.5KN/M DEAD LOAD.
eccellenti
FOR OTHER CONDITIONS PLEASE CONTACT OUR TECHNICAL TEAM
35001205 883 835.
ON
57
n grado
52
4
ne e 350
di
57
5
2

450
550

Rivestimenti Kerto-Q
26 mm nervato
Elemento

Nervature 26 Kerto-S

Is

240
300
360
400
450
450
600

0,19
0,20
0,22
0,2457
0,25
0,26
52
4
10,28
.80
0
0,30

EIef,ULS 10

RM,k

[Nmm2]

[kNm]

11

12,9 + 0,68
29,08 + 0,66
1
20,4 + 1,13
39,11 + 0,96
Riv1
36,0 + 2,10
56,36 + 1,51
Ke1
57,5 + 3,45
76,11 + 2,15
26 2
(lS5)
(lS5)
75,4 + 4,58
90,58 + 2,63
2
57 + 6,24
2
102
110,08 + 3,28
Ne
134 + 8,21
131,12 + 3,98
Ke3
26
216 5+ 13,157
177,60 + 5,49
57 4
24
8,10 + 0,27 lsup
Aufnehmbare Auflagerkraft Rsup,k [kN] =26

0,23
18,4 + 1,07
45,15 + 1,23
0,25
29,0 + 1,73
60,47 + 1,72
0,28
51,1 + 3,06
86,78 + 2,58
0,30
81,5 + 4,83
116,88 + 3,54
(lS5)
(lS5)
0,32
107,0 + 6,26
138,96 + 4,23
Rivestimenti
0,34
145,0 + 8,34
168,78 + 5,13
Kerto-Q 201,00 + 6,06
0,37
191,0 + 10,70
Hinweise
26 mm 272,46 + 8,03
0,41 zur Bemessung
309,0 + 16,50
des Auflagers unter
Aufnehmbare Auflagerkraft Rsup,k [kN] = 13,50 + 0,45 lsup

2
METSAWOOD.DE/PRODUKTE/KERTO-RIPA
Nervature
1.81 bezogen4auf einen T-Querschnitt
00
57
26
Kerto-S
52
4
57 mm

ve trovano
650
rvature
DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT
enti nervati
e scatolari
10

METS WOOD

KERTO RIPA

PAG. 18

2
2
3
4
4
5
6
8

constructed with fewer columns and beams


creating greater design
flexibility.
DIARIO TECNICO - C.I.A.M. COSTRUZIONI
833

bw

2.500

bw

2.500

*Transportation costs to be considered for spans over 13.5m

hw

hf

hw

FLAT OR LOW PITCH ROOFS

Thermal insulation to
required depth

833

hf

Kerto-Q panel

bw

833

2.500

Roof covering to design


specification
rivestimento

bw

2.500

del tetto

ng,
g
to
e
ms

gk
g
qk
k

Is

GRENZZUSTAND DER TRAGFHIGKEIT (ULS)

MAX SPAN L (mm)


DETAIL: TRAUFE KERTO-KASTENELEMENT

mM
axax
188m
m

hf

bw

hw

gk,E

[mm]

[mm]

[mm]

[kN/m2]

lS = 5,0 6,0 [m]

struttura
Main frame
EIef,ULS 1011
principale

DETAILS KONSTRUKTIONSVARIANTEN

ROOF PANEL DIMENSIONS

qk

Ma
x 18
m

Is

Main frame

8000

Elemento scatolare

hf

n for
igned

ERLUTERUNG QUERSCHNITT UND SYSTEM

hf

(13) Strutture nervate e scatolari KERTO RIPA - COPERTURA

RM,k

[Nmm2]

[kNm]

200
0,32
42,3 + 7,0
93,36
240
0,33
60,0 + 9,7
112,43
0,35
93,0 + 14,5
142,59
2 300
MATERIALI:
360
0,36
135,0
+
20,4
174,64
DETAIL: DACHDURCHBRUCH KERTO-RIPPENELEMENT (l 5)
27
45
S
400
0,38
168,0 + 24,8 KERTO
197,04
LVL Microlamellare
450
0,39
216,0 + 31,0
226,20
DETAIL: FIRST KERTO-RIPPENELEMENT
450
0,40
271,0 + 37,8
256,66
600
0,43
404,0 + 53,5
321,47

MAX SNOW LOAD (kN/m )


0.6
1

230

230

9000

275

275

10000

310

310

12000

350

13000

410

14000

450

16000

550

18000

650

27

75

410
450

12

200
240
300
360
400
450
450
600

0,36
0,38
0,40
0,43
0,45
0,47
0,49
0,54

47,2
67,6
107,0
157,0
198,0
257,0
325,0
494,0

+
+
+
+
+
+
+
+

7,0
9,7
14,5
20,4
(lS5)
24,8
31,0
37,8
53,5

104,09
126,82
163,52
203,33
231,60
268,88
308,31
393,63

550

KERTO RIPA

650

NOTES:

EXAMPLE DEPTHS; OTHER DEPTHS POSSIBLE ON REQUEST.


DIARIO TECNICO
C.I.A.M. COSTRUZIONI
DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT
FLAT ROOF WIND
CONDITIONS
APPLIED.
DECKE
KERTO-KASTENELEMENT
FOR DETAIL:
OTHER
CONDITIONS
PLEASE CONTACT OUR TECHNICAL TEAM

+
+
+
+
+
+
+
+

14,16
16,60
20,23
23,83
(lS5)
26,21
29,17
32,10
37,90

Aufnehmbare Auflagerkraft Rsup,k [kN] = 8,82 + 0,29 lsup

Isolamento
a
500
intercapedine

14,28
16,75
20,46
24,14
(lS5)
26,59
29,63
32,67
38,69

Aufnehmbare Auflagerkraft Rsup,k [kN] = 6,30 + 0,21 lsup

bezogen auf einen I-Querschnitt

METS WOOD

+
+
+
+
+
+
+
+

PAG. 19

Campi di applicazione
Gli elementi nervati e scatolari in Kerto
si contraddistinguono soprattutto per le
caratteristiche seguenti:
> copertura di grandi luci da ca.
10 metri (elementi nervati) a
15 metri (elementi scatolari)
senza puntellature di supporto
> rigidezza del fabbricato e assunzione dei carichi orizzontali tramite
effetto diaframma
> tetti ad ampio sbalzo e nel
contempo snelli, che possono
sporgere in 2 direzioni

Elemento scatolare per tetto a sbalzo (campus a Monaco di Baviera)


Progettazione: Sai Baumanagement GmbH

> tempi di montaggio brevi


> calpestabilit immediata di soffitti
e solai, nessun tempo di attesa o
asciugatura
> integrazione di scale daccesso
o fori per tubazioni e impianti
> integrazione di lucernari a soffitto
> possibilit di evitare controsoffitti
aggiuntivi grazie a vista di buon
gusto estetico
> possibilit di adeguare gli elementi
secondo le necessit acustiche
individuali

Tettoia di elementi scatolari (Stoccarda, Hlderlinplatz)


Progettazione: Reichl Sassenscheidt + Partner

Elementi nervati (magazzino a Helsinki)

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 20

FACCIATA A MONTANTI E TRAVERSE KERTO CONCEPT,


DETTAGLI DI DIARIO
COSTRUZIONE.
TECNICO - C.I.A.M. COSTRUZIONI
(14) Facciata Montanti e Traverse KERTO CONCEPT

Montaggio parete
Rivestimento facciata esterno,
sezione verticale*

INFORMAZIONI TECNICHE SUI COMPONENTI DEL


Angolo interno *
SISTEMA A MONTANTI E TRAVERSE KERTO CONCEPT.
La facciata a montanti e traverse Kerto Concept offre una sperimentata tecnica di
sistema per il montaggio facile e veloce della vetratura e dei pannelli. Il profilo di base
con guaina interna assicura un fissaggio sicuro dei listelli desiderate nella canalina
continua per viti in alluminio.

Profilo di base con guaina interna, listello


con guaina esterna, listelli di copertura
Kerto nella versione clip, protetti in
modo duraturo grazie a un rivestimento
resistente agli agenti atmosferici e ai raggi UV

Zoccolo *
Collegamento finestra, sezione verticale*

Profilo base con guaina interna, listello


in alluminio con guaina esterna, viti in
acciaio inossidabile, listelli di copertura
in alluminio nella versione clip

Angolo esterno
su taglio obliquo*

* Esempi di sistema
che possono essere adattati nella pratica.

18

METS WOOD KERTO CONCEPT

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 21

XLAM 5 STRATI
PER LA TENUTA
ALLARIA

XLAM
PER PASSIONE
PARETE
LEGGERA
IMPIANTISTICA
IN KVH

COSTRUZIONE > XLAM


DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 22

COSTRUZIONE IN LEGNO MASSICCIO XLAM.


Lutilizzo del lamellare incrociato ci permette di realizzare costruzioni
avvalendoci di tecnologie quasi totalmente a secco, dalle finiture ai
massetti, e secondo il grado di prefabbricazione che desiderate.
In questo modo possiamo garantire la qualit delle nostre realizzazioni
unita alla velocit di montaggio.

LA RESISTENZA AL FUOCO.
Contrariamente a quanto si possa pensare, il legno lamellare che usiamo nei
nostri edifici offre un alto livello di protezione al fuoco.
Invece di prendere fuoco ed alimentare le fiamme, i nostri elementi in legno di
grandi dimensioni bruciano lentamente e carbonizzano in superficie. Questo strato
carbonizzato protegge il cuore dei pannelli in Xlam e contribuisce al valore
complessivo della resistenza al fuoco.
Il contributo degli elementi in lamellare alla velocit di propagazione delle fiamme
limitatissimo rispetto agli altri materiali presenti allinterno di una casa. La severit e
la velocit di propagazione di un incendio solo legati alla progettazione delledificio,
noi proponiamo rivestimenti interni ed esterni in classe zero in modo da minimizzare
ogni rischio.
La resistenza al fuoco complessiva molto importante nelle fasi successive allo
scatenarsi di un incendio in quanto fondamentale per evitare la propagazione del
fuoco o collassi strutturali che diventano laspetto pi pericoloso di un incendio. La
vostra casa progettata per essere un rifugio sicuro.

www.costruzioniciam.it
COSTRUZIONE > XLAM
DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 23

DIARIO TECNICO - C.I.A.M. COSTRUZIONI

Leno
X-Lam

(1) Pannello massiccio in lamellare incrociato


di abete XLAM

Materiale
Leno questo concetto sinonimo di grandi elementi costruttivi in
legno massiccio. Gli elementi da parete, solaio e copertura vengono
realizzati con lamelle di abete incollate disposte a croce e tagliate al
millimetro. A questo proposito la Finnforest Merk ha sviluppato e
brevettato uno speciale procedimento lavorativo che ha ricevuto il
premio ambiente per il risparmio di risorse naturali.

Z-9.1-501

Tale procedimento permette di realizzare elementi in legno massiccio


da 4,80 m x 20 m. Gli spessori variano da 50 a 300 mm e garantiscono
una conveniente sezione trasversale adatta a qualsiasi situazione di
sollecitazione.

Vantaggi
> Modalit costruttiva per pareti, solai e coperture che garantisce dettagli e collegamenti semplicissimi
> La costruzione riferita al progetto e limpiego di un materiale
solidissimo semplificano la progettazione ed il dimensionamento
> Le sezioni trasversali sottili permettono di aumentare del
15 % la superficie abitabile

Pannello di legno massiccio

> Lelevato grado di prefabbricazione e i grandi elementi perfettamente adattabili aumentano l'economicit e riducono
i tempi di costruzione
> I materiali pregiati e lassicurazione di qualit in tutte le fasi
della produzione assicurano lunga durata e mantenimento
del valore
> Limpiego di materie prime rinnovabili provenienti da foreste
certificate protegge attivamente l'ambiente e trattiene durevolmente la CO2.

Pareti esterne
Oltre alle propriet statiche degli elementi, gli esempi costruttivi
moderni richiedono ulteriori funzionalit. Per questo motivo, durante
lo sviluppo degli specialisti per pareti esterne KERTO in LENO sono
stati riuniti i requisiti delle categorie successive.
La parete si contraddistingue soprattutto per:
> maggiore sollecitabilit statica
> elementi costruttivi a diffusione aperta e a tenuta daria con
connessioni approntate per garantire il collegamento facile
e duraturo degli elementi
> fori di installazione prefabbricati per i cavi elettrici
KERTO in LENO collegamento ermetico dellangolo della
parete esterna

16

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 24

FF_System_DIN_ital_neu

16.09.2009

1:43 Uhr

Seite 17

DIARIO TECNICO - C.I.A.M. COSTRUZIONI

(1) Pannello massiccio in lamellare incrociato


di abete XLAM

Pareti interne e pareti divisorie


Che si cerchi protezione antincendio o isolamento acustico, le massicce pareti Leno sono
state appositamente concepite per edifici che
richiedono elevati requisiti. Non solo pongono
nuovi criteri nella fisica edilizia delle costruzioni in legno, ma sono nettamente superiori
in termini di facilit di montaggio, precisione e
ricavo di superficie abitabile rispetto agli altri
sistemi e tipi costruttivi.

Elementi da solaio
I solai Leno possono essere realizzati con lato
inferiore a vista o con controsoffitti. In entrambi i casi, si resta colpiti dalla loro eccellente
protezione contro i rumori.

Doppia parete divisoria

> Isolamento anticalpestio fino a


Ln,w 25 dB
> Isolamento del suono trasportato
dallaria fino a Rw 84 dB

Costruzioni speciali
Le speciali propriet del materiale Leno vengono alla luce anche in particolari campi di
applicazione. Con Leno, le ampie strutture a
due assi si lasciano dimensionare elegantemente proprio come i supporti in filigrana. Le
ampie e snelle sporgenze dall'elevata estetica
si lasciano realizzare facilmente con Leno.

Elementi di pannelli in legno massiccio Leno curvi

Architetto: Dipl.-Ing. (FH) Architekt Rico


Johanson, Monaco di Baviera (DE)

Per le applicazioni speciali possibile produrre pannelli stratificati specifici che in


questo modo presenteranno delle propriet
del materiale individuali. Oltre a ci, gli elementi possono essere realizzati di grande
misura o curvati. Con il preciso sistema robotizzato della Finnforest Merk, le possibilit
nella costruzione in legno diventano praticamente illimitate.

17

Pannelli Kerto con due curvature

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 25

DIARIO TECNICO - C.I.A.M. COSTRUZIONI

(2) Pannello massiccio in lamellare incrociato


Kerto in Leno
di abete XLAM e LVL - KERTO in LENO

Il sistema costruttivo Leno stato specificatamente ampliato con


Kerto in Leno per la parete esterna. La differenza con il classico
pannello di legno massiccio Leno nello strato centrale degli
elementi, costituito da un pannello di compensato multistrato
Kerto stabile e di grande superficie, mentre su entrambi i lati
vengono incollati strati di legno di conifera. Nella zona rivolta
verso linterno vengono realizzati gi in fabbrica i fori per gli
impianti, che permettono un'installazione rapida e semplice di
cavi e tubi. Rispetto alle qualit gi presenti nel sistema costruttivo Leno, Kerto in Leno si contraddistingue soprattutto per un
concetto intelligente della tenuta allaria: grazie allo strato
centrale in Kerto non ci sono giunzioni nella parete esterna,
creando cos un involucro dell'edificio aperto alla diffusione ma
nello stesso tempo sostanzialmente pi ermetico, con perdite
termiche nettamente minimizzate grazie a pochi giunti, semplici
e chiaramente definiti.

Struttura
> Struttura simmetrica a 3 strati, spessore 85 mm
> Strati di rivestimento 27 mm, abete selezionato e con
giunti longitudinali a pettine

> Strato centrale Kerto 31 mm


> Dimensione massima dellelemento 3,20 m x 12,00 m

Vantaggi
> Maggiore carico statico ammissibile grazie allo strato
centrale Kerto

> Elementi costruttivi aperti alla diffusione ed ermetici,


con collegamenti predisposti per ununione degli
elementi duratura e semplice

> Presenza dei fori per gli impianti elettrici

Pareti divisorie

14

La parete divisoria tra edifici LenoStrand GTW 2, prodotta con


pannelli di legno incollati di grande formato, presenta un valore
di attenuazione sonora fino a 75 dB, quindi molto superiore a
quello delle costruzioni tradizionali. Lo spessore totale solo di
353 mm. La GTW 2 si adatta perfettamente agli edifici in cui viene
richiesta una grande insonorizzazione e rispetta tutti i requisiti
di legge.
Le pareti divisorie Leno GTW 1 e GTW 3, oltre allelevato isolamento acustico, presentano anche uno spessore totale ottimizzato. Come materiale di base, in questo caso viene impiegato
Leno da lamelle di abete incollate ed incrociate. Tutte e tre le
costruzioni presentano elevate propriet di isolamento acustico
soprattutto nel campo delle basse frequenze ed il passaggio di

rumore percepito come vibrazioni particolarmente fastidiose


appartiene al passato. Questa sensazione soggettiva viene confermata dalle misurazioni: il diagramma a destra, che riporta un
confronto delle misurazioni di isolamento acustico di quattro tipi
diversi di pareti divisorie, illustra chiaramente le differenze (tanto
pi alta la curva di misurazione, tanto migliore lisolamento
acustico della parete).
Per facilitare ed accelerare il montaggio nel rispetto dei requisiti
di sicurezza antincendio sono stati sviluppati alcuni dettagli
particolarmente pratici. Infatti, le varie parti costruttive vengono
proposte, gi in fabbrica, con rivestimento in gessofibra e ci
permette di ridurre al minimo il lavoro richiesto in cantiere,
rispettando i requisiti REI 90 / REI 30.

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 26

Campi di applicazione speciali


Costruzioni a carico concentrato
In determinati campi di applicazione,Leno fa risaltare tutti i vantaggi del suo utilizzo. Infatti, con Leno le ampie strutture a due
assi si lasciano dimensionare elegantemente come supporti in
filigrana appoggiati a punti. Inoltre, Leno consente di realizzare
facilmente sporgenze snelle e ampie, anche nelle zone angolari.

Per gli impieghi speciali possono essere prodotte delle piastre


individuali rivestite.

Siamo a vostra completa disposizione per proporvi


soluzioni ottimali per lelaborazione del vostro progetto.

Flessione trasversale
Oltre a poter essere utilizzato come piastra, Leno anche sollecitabile come lastra. Ci consente di misurare e realizzare sem-

16

plicemente delle architravi lungo le grandi aperture oppure delle


lastre pareti sporgenti nellambito del sistema costruttivo.

Fonte: Roos Aldershoff Fotografie

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

Architetto: Drost & van Veen Architects

PAG. 27

Versioni
>
>
>
>

Incollamento
> Categoria di emissioni E1, resina melamminica

Elementi per pareti/solai/tetti


Pareti divisorie delledificio

Umidit del legno

Strutture portanti curve

> 10 2 %

Ponti

Deformazione
Lavorazione
>
>
>
>
>

> Nel piano pannello ~ 0,01% per ogni %


di variazione dellumidit del legno

Taglio in formati

> Verticalmente rispetto al piano pannello ~ 0,2%

Aperture, intercapedini

per ogni % di variazione dellumidit del legno

Fresature, configurazione del giunto

Peso

Tiranti di montaggio

> ca. 500 kg/m3

Lavorazioni e tagli speciali

Statica
VALORI IN SEZIONE VALORI DI SPESSORE STANDARD LENO
DENOMINAZIONE

NUMERO
DEGLI STRATI

LENO

STRUTTURA
SPESSORE
GRASSETTO = PARALLELO AGLI STRATI

PESO PROPRIO
g

Apieno

Wpieno

Ipieno

cm3

cm4

mm

mm

kN/m2

cm2

51

17-17-17

51

0,26

510

434

1105

61

17-27-17

61

0,31

610

620

1892

71

27-17-27

71

0,36

710

840

2983

81

27-27-27

81

0,41

810

1094

4429

85

17-17-17-17-17

85

0,43

850

1204

5118

KIL 85*

11

27-Kerto-27

85

0,43

850

1204

5118

93

33-27-33

93

0,47

930

1442

6703

95

17-17-27-17-17

95

0,48

950

1504

7145

99

33-33-33

99

0,50

990

1634

8086

105 Tipo 2

27-17-17-17-27

105

0,53

1050

1838

9647

115 Tipo 1

27-17-27-17-27

115

0,58

1150

2204

12674

125

27-27-17-27-27

125

0,63

1250

2604

16276

135

27-27-27-27-27

135

0,68

1350

3038

20503

147

33-27-27-27-33

147

0,74

1470

3602

26471

153 Tipo 1

33-27-33-27-33

153

0,77

1530

3902

29846

165

33-33-33-33-33

165

0,83

1650

4538

37434

174

33-27-27-27-27-33

174

0,87

1740

5046

43900

186

33-27-33-33-27-33

186

0,93

1860

5766

53624

189 Tipo 2

27-27-27-27-27-27-27

189

0,95

1890

5954

56261

201

27-33-27-27-27-33-27

201

1,01

2010

6734

67672

207 Tipo 1

27-33-27-33-27-33-27

207

1,04

2070

7142

73915

219

33-33-27-33-27-33-33

219

1,10

2190

7994

87529

231

33-33-33-33-33-33-33

231

1,16

2310

8894

102720

240

27-33-27-33-33-27-33-27

240

1,20

2400

9600

115200

252

33-33-27-33-33-27-33-33

252

1,26

2520

10584

133358

264

33-33-33-33-33-33-33-33

264

1,32

2640

11616

153331

273

33-33-27-27-33-27-27-33-33

273

1,37

2730

12422

169553

285

33-33-27-33-33-33-27-33-33

285

1,43

2850

13538

192909

297 Tipo 1

33-33-33-33-33-33-33-33-33

297

1,49

2970

14702

218317

* Si veda a pagina 14

I valori sono riferiti ad 1 metro di larghezza di pannello, sezioni ottimizzate per lo scarico del peso su un asse.
La realizzazione e il predimensionamento di sezioni trasversali, soprattutto per lo scarico del peso a due assi, possibile in qualsiasi momento.

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 28

Statica
VALORI STATICI DI SPESSORE STANDARD LENO PER IL DIMENSIONAMENTO
SECONDO LAUTORIZZAZIONE DELLISPETTORATO EDILE NUMERO Z-9.1-501

Z-9.1-501

SOLLECITAZIONE COME PANNELLO DIN 1052: 1988-04


parallela alla direzione della fibra degli strati di copertura

DENOMINAZIONE
LENO
51
61
71
81
85
KIL 85*
93
95
99
105 Tipo 2
115 Tipo 1
125
135
147
153 Tipo 1
165
174
186
189 Tipo 2
201
207 Tipo 1
219
231
240
252
264
273
285
297 Tipo 1

perpendicolare alla direzione della fibra degli strati di

MODULO E

RIGIDEZZA

perm. B

perm. r

MODULO E

RIGIDEZZA

perm. B

perm. r

N/mm2

ExI
E+12 Nmm2

N/mm2

N/mm2

N/mm2

ExI
E+12 Nmm2

N/mm2

N/mm2

9,63
9,13
9,86
9,63
7,92
9,51
9,76
7,58
9,63
8,90
8,64
8,19
7,92
8,39
8,26
7,92
7,91
7,76
9,24
9,37
9,30
9,41
9,24
8,96
9,10
8,91
8,93
8,86
8,64

0,39
0,41
0,38
0,39
0,45
0,40
0,39
0,46
0,39
0,43
0,44
0,36
0,37
0,36
0,37
0,37
0,39
0,40
0,34
0,34
0,34
0,34
0,34
0,36
0,35
0,36
0,33
0,32
0,33

370
870
140
370
2080
450
240
2420
370
1100
1360
1810
2080
1610
1740
2080
2090
2240
760
630
700
590
760
1040
900
1090
1070
1140
1360

0,004
0,016
0,004
0,016
0,106
0,023
0,016
0,173
0,030
0,106
0,172
0,295
0,426
0,426
0,519
0,779
0,918
1,201
0,428
0,426
0,517
0,516
0,781
1,198
1,200
1,671
1,814
2,199
2,969

1,11
1,96
0,57
1,11
3,47
1,23
0,83
3,77
1,11
2,27
2,57
3,18
3,47
2,92
3,06
3,47
3,37
3,47
1,77
1,56
1,67
1,49
1,77
2,08
1,89
2,18
2,07
2,12
2,45

0,30
0,40
0,22
0,30
0,23
0,22
0,26
0,26
0,30
0,19
0,22
0,18
0,19
0,18
0,19
0,20
0,22
0,23
0,14
0,13
0,14
0,13
0,14
0,18
0,17
0,18
0,19
0,20
0,21

9630
9130
9860
9630
7920
9510
9760
7580
9630
8900
8640
8190
7920
8390
8260
7920
7910
7760
9240
9370
9300
9410
9240
8960
9100
8910
8930
8860
8640

0,106
0,173
0,294
0,426
0,405
0,487
0,654
0,542
0,779
0,859
1,095
1,333
1,624
2,221
2,465
2,965
3,473
4,161
5,198
6,341
6,874
8,236
9,491
10,322
12,136
13,662
15,141
17,092
18,863

* Si veda a pagina 14

VALORI STATICI DI KERTO IN LENO 85 MM PER IL DIMENSIONAMENTO SECONDO LAUTORIZZAZIONE DELLISPETTORATO EDILE NUMERO Z-9.1-501 (sollecitazione perpendicolare alla direzione della fibra degli strati esterni di copertura)
SOLLECITAZIONE COME LASTRA, KERTO IN LENO 85
DIN 1052: 1988-04

DIN 1052: 2008-12

PERPENDICOLARE ALLA DIREZIONE DELLA FIBRA DEGLI STRATI DI COPERTURA


MODULO E

MODULO G

perm. B

perm. r

Emean

Gmean

fm,k

fv,k

LENO

N/mm2

N/mm2

N/mm2

N/mm2

N/mm2

N/mm2

N/mm2

N/mm2

KIL 85

2735

201

3,83

0,57

2735

201

7,48

1,27

DENOMINAZIONE

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 29

VALORI STATICI DI SPESSORE STANDARD LENO PER IL DIMENSIONAMENTO


SECONDO LAUTORIZZAZIONE DELLISPETTORATO EDILE NUMERO Z-9.1-501
SOLLECITAZIONE COME PANNELLO DIN 1052: 2008-12
parallela alla direzione della fibra degli strati di copertura

DENOMINAZIONE
LENO
51
61
71
81
85
KIL 85*
93
95
99
105 Tipo 2
115 Tipo 1
125
135
147
153 Tipo 1
165
174
186
189 Tipo 2
201
207 Tipo 1
219
231
240
252
264
273
285
297 Tipo 1

perpendicolare alla direzione della fibra degli strati di copertura

Emean

RIGIDEZZA

fm,k

fv,k

Emean

RIGIDEZZA

fm,k

fv,k

N/mm2

ExI
Emean+12 Nmm2

N/mm2

N/mm2

N/mm2

ExI
Emean+12 Nmm2

N/mm2

N/mm2

23,11
21,93
23,67
23,11
19,00
22,84
23,41
18,20
23,11
21,36
20,73
19,66
19,00
20,16
19,83
19,00
18,98
18,63
22,19
22,49
22,32
22,58
22,19
21,49
21,84
21,38
21,43
21,25
20,75

0,92
0,97
0,89
0,92
1,05
0,93
0,91
1,10
0,92
0,99
1,02
0,85
0,87
0,84
0,85
0,87
0,90
0,93
0,79
0,78
0,79
0,78
0,79
0,84
0,82
0,83
0,76
0,76
0,77

410
950
150
410
2290
490
270
2660
410
1210
1500
1990
2290
1770
1910
2290
2300
2460
830
690
770
650
830
1150
990
1200
1180
1260
1490

0,005
0,018
0,004
0,018
0,117
0,025
0,018
0,190
0,033
0,117
0,190
0,324
0,470
0,469
0,570
0,857
1,010
1,319
0,467
0,467
0,569
0,569
0,853
1,325
1,320
1,840
2,001
2,431
3,253

2,67
4,68
1,37
2,68
8,33
2,93
2,03
9,04
2,68
5,44
6,17
7,64
8,33
7,01
7,33
8,33
8,08
8,32
4,23
3,74
4,00
3,57
4,23
5,02
4,54
5,24
4,98
5,12
5,85

0,67
0,89
0,48
0,67
0,55
0,67
0,58
0,62
0,67
0,45
0,51
0,42
0,46
0,42
0,44
0,46
0,51
0,54
0,33
0,31
0,32
0,31
0,33
0,42
0,40
0,41
0,45
0,48
0,48

10590
10050
10850
10590
8710
10470
10730
8340
10590
9790
9500
9010
8710
9230
9090
8710
8700
8540
10170
10310
10230
10350
10170
9850
10010
9800
9820
9740
9510

0,117
0,190
0,324
0,469
0,446
0,536
0,719
0,596
0,856
0,944
1,204
1,466
1,786
2,443
2,713
3,261
3,819
4,579
5,722
6,977
7,561
9,059
10,447
11,347
13,349
15,026
16,650
18,789
20,762

* Si veda pagina 14

COEFFICIENTI DI MODIFICAZIONE, DEFORMAZIONE, SICUREZZA PARZIALE


kmod
Classe delleffetto di carico

Categoria dutilizzo

Coefficiente di deformazione

NKL

Azione continua

0,60

0,60

kdef

0,60

0,80

Azione prolungata

0,70

0,70

Azione media

0,80

0,80

Azione breve

0,90

0,90

Azione estremamente breve

1,10

1,10

Coefficiente di sicurezza parziale del materiale

1,30

> I valori di rigidezza vengono

calcolati secondo E05 = _56 Emean

NOTE
> Nellautorizzazione dellispettorato non sono regolamentate le sezioni come tali, ma viene regolato il procedimento di calcolo per la misurazione di sezioni a piacere.
> Il calcolo della componente di flessione proveniente dalla deformazione tangenziale deve venire preso in considerazione solo a partire da un rapporto tra lunghezza e

spessore di componente L:D < 30. A tal riguardo deve venire utilizzato un modulo di elasticit tangenziale G = 60 N/mm2 su tutto lo spessore dellelemento.

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 30

Statica
Le seguenti tabelle servono per il predimensionamento di
elementi Leno per solai e tetti. Il carico viene considerato come
carico distribuito uniformemente sulla superficie perpendicolare
al piano dei pannelli, parallelo alla direzione degli strati di
CARICO
PERMANENTE gk

CAT.

A
1,0
C
A
1,5
C
A
2,0
C
A
2,5
C
A
3,0
C

CARICO
PERMANENTE gk

CAT.

A
1,0
C
A
1,5
C
A
2,0
C
A
2,5
C
A
3,0

CARICO
ACCIDENTALE qk
1,5
2,0
2,8
3,0
4,0
5,0
1,5
2,0
2,8
3,0
4,0
5,0
1,5
2,0
2,8
3,0
4,0
5,0
1,5
2,0
2,8
3,0
4,0
5,0
1,5
2,0
2,8
3,0
4,0
5,0

CARICO
ACCIDENTALE qk
1,5
2,0
2,8
3,0
4,0
5,0
1,5
2,0
2,8
3,0
4,0
5,0
1,5
2,0
2,8
3,0
4,0
5,0
1,5
2,0
2,8
3,0
4,0
5,0
1,5
2,0
2,8
3,0
4,0
5,0

copertura. Le prese di carico per le strutture del solaio e i carichi


mobili sono da applicare secondo le norme DIN 1055. Il peso
proprio di Leno gi considerato.

LUCE PER TRAVI AD UNA CAMPATA


3,0 m
71
85
95
99
85
81
95
99
105
85
95
105
115
93
95
105
115
95

3,5 m
95
93
115
125
95
99
105
115
125
135
105

4,5 m

105

125

115

135

135
153
135
115
125

125
135
125
115
125
135
115

153

125

153

153

153

7,0 m

174

186

201
165
174
186
201

186

153

201
186

174
153

153

165

186

174
186
153

201

201

207
186

174
186

201

174
165

201
207
186
201
219

201

186

219

201
219
231
201
219
231
240
201

201

219
201
207
219
231
201

165

135
153

186

174

186
201
165

153
135

6,5 m

186
201
174
186

174
165
174

135

6,0 m

165
174
186
165
174
186

165
174
186
201
153
165

165
125
135
153
135

5,5 m

153

135

153
115

153

165
174

165
125

5,0 m

165

153

115

99
115

4,0 m

219
231

207
219
231
252
201
207
219
231
240
252
219
231
240
252
264

LUCE PER TRAVI A DUE CAMPATE (l2 = 0,8 x l1 fino a l2 = l1)


3,0 m

3,5 m

4,0 m

71

95

105
115

85

93

95
95
93

81

99
105
93
95

81

85
95
81

115

93

115
125

95
105

153

115

125

135

125

125

125
135

6,0 m

153

135

153

115
125
135
153
115

153

153

165

165

186

201

174

201

219

201
219
231
240

165

165

201

201

219

219
231
252
201
207
219
231
240
252

174

153

186

153

165

186

105

125

153

115

135

125

153

201

207

207
219
231

165

186

201

165

186

201

174

201

219

201

186

201

165
174

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

174

186

153

125

165
186
201
207
165

174
186

135

115

165
174
186
201
219
231

135

165
174
186

153

153

7,0 m

174
186
201

153

135

6,5 m

135
153
165
174

125
135

95

93

5,5 m

125

105

93
105

5,0 m

135

125

95

85
95

105

105

93
81

115

93

95
81
85
81

115

105

85

85

4,5 m

219
231

PAG. 31

219
231
240
252
264

N
PARETE/MONTANTE
Sollecitazioni a controflessione, direzione
verticale strato di copertura, rif. a larghezza
della parete di 1 m.

Calcolo ai sensi della normativa


DIN 1052:2008-12

I VALORI DI CONTROFLESSIONE DELLE PARETI LENO


DENOMINAZIONE

RAGGI DI
INERZIA
i

SEZIONE
TRASVERSALE*
Anetta

LENO

cm

cm2

51

1,77

340

61
71

2,25
2,33

340
540

81
85

2,81
2,82

540
510

KIL 85*
93
95
99
105 Tipo 2
115 Tipo 1
125
135
147
153 Tipo 1
165
174
186
189 Tipo 2
201
207 Tipo 1
219

3,00
3,15
2,98
3,43
3,48
3,68
4,33
4,48
4,89
4,99
5,47
5,38
5,62
6,21
6,57
6,70
7,06

540
660
610
660
710
810
710
810
930
990
990
1200
1320
1350
1470
1530
1650

231
240

7,59
7,45

1650
1860

252

7,83

1980

264
273

8,30
9,02

1980
1860

285
297 Tipo 1

9,29
9,76

1980
1980

> Determinare la lunghezza libera di


>
>
>
>
>
>

inflessione lef
Scegliere dalla tabella il raggio dinerzia i
Calcolare la snellezza = lef /i
Determinare con dalla tabella il relativo
coefficiente di tensione critica kc
Calcolare il valore della resistenza alla
compressione fc,0,d utilizzare i valori di
resistenza per C24
Calcolare il valore della tensione c,0,d,
c,0,d = Nd /Anetto
Confronto di c,0,d e kc * fc,0,d

Esempio:
Parete 81 mm (Anetto = 54.000 mm2, h = 2,80 m,
carico verticale Nd = 80 kN/m)
Lunghezza libera di inflessione lef = 280 cm
Raggio dinerzia i = 2,81 cm
Snellezza = lef /i = 100
Coefficiente di tensione critica kc = 0,42
Resistenza alla compressione
fc,0,d = 0,9 * 21 / 1,3 = 14,5 N/mm2
Tensione c,0,d = 80.000/54.000 = 1,48 N/mm2

kc

0
10

1,00
1,00

1,00
1,00

20
30

1,00
1,00

1,00
0,98

40
50

1,03
1,11

0,96
0,92

60
70
80
90
100
110
120
130
140
150
160
170
180
190
200

1,25
1,45
1,75
2,22
2,74
3,32
3,95
4,63
5,37
6,17
7,02
7,92
8,88
9,89
10,96

0,85
0,74
0,61
0,50
0,42
0,35
0,30
0,25
0,22
0,19
0,17
0,15
0,14
0,12
0,11

Prova:
c,o,d
kc * fc,0,d

1,48
0,42 * 14,5

Elementi di architrave/supporto di tipo a trave

* Si veda a pagina 14

Lastre irrigidenti

DATI DI PRESSOFLESSIONE LENO

Per il dimensionamento della forza


orizzontale ammessa per gli elementi da parte adm. FH vale: adm.
FH = adm. x t* x b. A tal riguardo,
adm. la tensione di taglio amZ
messa (= 0,9 N/mm2 per legno
D
massiccio), t* la somma degli
spessori degli strati trasversali o di
quelli longitudinali (il valore minore determinante) e b = larghezza degli elementi. Oltre a
ci occorre provare lancoraggio degli elementi
da parete. Nel dimensionamento secondo
DIN 1052: 2008-12 si procede analogamente.

Per il dimensionamento vengono considerate esclusivamente le


lamelle che scorrono parallelamente alla direzione della forza
oppure alla direzione della dimensione di taglio. Nel caso di sollecitazione a flessione e inflessione vengono considerati esclusivamente gli strati di pannello che scorrono orizzontalmente. Per il
calcolo delle tensioni tangenziali viene utilizzato esclusivamente
t* = somma delle posizioni trasversali o assiali (il valore minore
determinante). Per queste rilevanti componenti di lamelle valgono
i valori del legno di conifera S 10 o C 24. Sopra le aperture intagliate possibile prevedere un determinato incastro (proposta: 25%).

Carico isolato sulla superficie stretta


Come larghezza di appoggio, per lo scarico della forza, vengono considerate solo le lamelle che scorrono verticalmente; nel caso di una parete con spessore di 115 mm con direzione verticale dello strato di copertura, lo spessore totale 3 x 27 mm = 81 mm. Riferito a questa sezione
media, la tensione ammessa DII = 8,5 N/mm2 e fc,0,k = 21 N/mm2.

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 32

Giunto DIN 1052: 1988-04


Superficie
laterale

SOLLECITAZIONE AMMESSA DEI GIUNTI IN LENO


GIUNTO

SUPERFICI LATERALI

SUPERFICI STRETTE

Caviglie di speciale tipo costruttivo


Caviglie di immissione
(Sistema Appel)

DIN 1052-2, sezione 4.3,


Tab. 4, colonna 13

DIN 1052-2, sezione 4.3, Tab. 5

Caviglie forzate
(Sistema Bulldog o Geka)

DIN 1052-2, sezione 4.3,


Tab. 6 e 7, colonna 13

Omologato sistemi costruttivi

Caviglie a barra/perni

DIN 1052-2, sezione 5

Omologato sistemi costruttivi

DIN 1052-2, sezione 6 und 7,


Diametro min. dn = 4 mm

Omologato sistemi costruttivi

DIN 1052-2, sezione 6.3,


Diametro min. dn = 4 mm
per chiodi della categoria di
portata III, Calcolo con Bz = 2,5

Omologato sistemi costruttivi

DIN 1052-2, sezione 9


(Valori per la sollecitazione
in direzione della fibra)
Diametro min. dS = 4 mm

Ai sensi dellomologazione dellispettorato


edile in supporto alla direttiva DIN 1052-2,
sezione 9 (il calcolo viene effettuato indipendentemente, sia che venga avvitato legno
laterale o legno di testa )

Diametro min. dS = 4 mm

Diametro min. dS = 8 mm (nel legno di


testa il valore Bz-deve essere ridotto del 25%)

Chiodi
Recisione asse F
Estratto asse F

Viti per legno


Recisione asse F

Estratto F asse

a
ell
ed
on
ezi
Dir

to
tra
os
rim
p
,
ra
fib

Superficie stretta

Legno laterale

Legno di testa

DISTANZE TRA GIUNTI IN LENO


La direzione della fibra
degli strati di copertura
determinante
Caviglie di tipo speciale

Spinotti e bulloni calibrati


uno sotto laltro

Distanza dei chiodi parallela


alla direzione minima

Valgono le distanze minime tra le caviglie, le lunghezze dei legni sporgenti


per serie di caviglie e le dimensioni minime dei legni secondo la normativa
DIN 1052-2, sezione 4, tabella 4, 6 e 7, e relative colonne 10 e 12.

direzione fibra
direzione fibra

5d
5d

dal margine sollecitato

direzione fibra
direzione fibra

5d
5d

dal margine non sollecitato

direzione fibra
direzione fibra

3d
3d

Chiodi e viti
uno sotto laltro

direzione fibra
direzione fibra

non preforati
10 dn o 12 dn
5 dn

preforati
5 dn
5 dn

dal margine sollecitato

direzione fibra
direzione fibra

15 dn
7 dn o 10 dn

10 dn
5 dn

dal margine non sollecitato

direzione fibra
direzione fibra

7 dn o 10 dn
5 dn

5 dn
3 dn

> Con limpiego di viti per legno autofilettanti

10

Distanze minime
(indipendenti dalla
forza di direzione
della fibra)

da avvitare nelle superfici laterali possibile


ridurre a 42 mm le distanze minime dai margini
ammesse in conformit alle prescrizioni
dellispettorato.

> In caso di utilizzo di viti per legno nelle superfici strette di Leno valgono
le distanze relative ai raccordi a chiodo preforati o non preforati, eccetto che
per le viti fino a 12 mm di , la cui distanza minima pu essere ridotta fino
a 42 mm. Le viti fino a un di 8 mm possono essere utilizzate senza forare
preventivamente.

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 33

Giunto DIN 1052:2008-12


RESISTENZA DEI GIUNTI IN LENO
GIUNTO
Caviglie di tipo speciale
Caviglie di immissione
Caviglie ad anello e a disco
Tipo A1 e B1 (Appel)
Caviglie forzate
Caviglie a disco dentellate
Tipo C15 (Bulldog)
Caviglie a disco dentate
Tipo C1011 (Geka)
Caviglie a barra/perni
Chiodi
Taglio
Estrazione

Viti
Taglio

Estrazione

SUPERFICI LATERALI

SUPERFICI STRETTE

DIN 1052, 13.3.2 (2)

Solo Tipo A1: DIN 1052, 13.3.4 (4)

DIN 1052, 13.3.3 (2)

Solo Tipo C1: DIN 1052, 13.3.4 (7)

DIN 1052, 13.3.3 (2)

Solo Tipo C10: DIN 1052, 13.3.4 (7)

DIN 1052, 12.2.2 (1), 12.2.3 (4) 12.3 (8)

Omologato sistemi costruttivi

DIN 1052, 12.5.2 (4), 12.2.3 (4) 12.3 (8)


Diametro min. dn = 4 mm

Omologato sistemi costruttivi


Diametro min. dn = 4 mm

Come da autorizzazione Z-9.1-501: 3.3.3.3.,


Diametro min. dn = 4 mm, solo chiodi
speciali della classe di resistenza
3 possono essere considerati portanti

Omologato sistemi costruttivi


Diametro min. dn = 4 mm

Come da autorizzazione Z-9.1-501: 3.3.3.4.,


Diametro min. dn = 4 mm, applicare il
valore di capacit portante come per BFU

Come da autorizzazione Z-9.1-501: 3.3.3.4.


Diametro min. dn = 8 mm,
Ridurre capacit portante

DIN 1052, 12.8.2 (7),


Diametro min. dn = 4 mm

Come da autorizzazione Z-9.1-501: 3.3.3.4.


Diametro min. dn = 8 mm,
Ridurre parametro di estrazione

DISTANZE TRA GIUNTI IN LENO


DIREZIONE DELLA
FIBRATURA
Caviglie di tipo speciale
Caviglie a barra/perni
una sotto laltra

Valgono le distanze minime secondo DIN 1052 13.3.2 Tabella 18,


13.3.3 Tabella 20 e 21 e 13.3.4 Tabella 22
a1
a2

5d
5d

dal bordo sollecitato

a1,t
a2,t

5d
5d

dal bordo non sollecitato

a1,c
a2,c

3d
3d

a1
a2

non preforato
10 d o 12 d
5d

dal bordo sollecitato

a1,t
a2,t

12 d bzw. 15 d
7 d o 10 d

dal bordo non sollecitato

a1,c
a2,c

7 d o 10 d
5d

a1
a2

10 d o 12 d
5d

dal bordo sollecitato

a1,t
a2,t

42 mm1
42 mm1

dal bordo non sollecitato

a1,c
a2,c

42 mm1
42 mm1

Chiodi
uno sotto laltro

Viti
una sotto laltra

DISTANZE MINIME (indipendenti dallangolo tra la


direzione della forza e la direzione della fibratura)

Diametro viti 8, 10 o 12 mm;


E necessaria la preforatura con 0,7 per viti d = 10 o 12 mm

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

11

PAG. 34

Misura dellisolamento acustico R in dB

100

90

(d)
(a)

80

70

60

(c)
50

40
a) Parete divisoria in muratura
b) Parete divisoria in legno a telaio
c) Parete divisoria Leno GTW 2
d) Parete divisoria Leno GTW 1

30

(b)
20

63

125

250

500

4000
1000
2000
Frequenza f in Hz

Fonte: Holtz, F., Hessinger, J., Rabold A., et al.: INFORMATIONSDIENST HOLZ,
holzbau handbuch, R3/T3/F4, Schallschutz Wnde und Dcher,
Ed. Holzabsatzfonds u. DGfH, Bonn/Monaco 2004

Dati tecnici
GTW 1

GTW 2

GTW 3

Schema

Struttura della parete


da sinistra
verso destra

Cartongesso GKF
Leno
Fermacell
Strato d'aria
Fermacell
Leno
Cartongesso GKF

12,5 mm
81,0 mm
2 x 15,0 mm
100,0 mm
2 x 15,0 mm
81,0 mm
12,5 mm
347,0 mm

Cartongesso GKF
LenoStrand
Fermacell

12,5 mm
84,0 mm
2 x 15,0 mm

Cartongesso GKF
Leno
Fermacell

Strato d'aria, parz. isolato 100,0 mm

Strato d'aria

Fermacell

Fermacell

LenoStrand
Cartongesso GKF

84,0 mm
12,5 mm

40,0 mm
2 x 15,0 mm

Leno
Cartongesso GKF

353,0 mm

81,0 mm
12,5 mm

Sviluppo

Spessore totale

Isolamento acustico

Rw

Sicurezza antincendio

REI 90 dal lato giuntato della


parete divisoria

REI 90 dal lato giuntato della


parete divisoria

REI 90 dal lato giuntato della parete


parete divisoria

REI 30 dal lato interno

REI 30 dal lato interno

REI 30 dal lato interno

68 dB

Spessore totale

2 x 15,0 mm

12,5 mm
81,0 mm
2 x 15,0 mm

Rw

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

Spessore totale

75 dB

287,0 mm

Rw

65 dB

PAG. 35

15

Fisica edilizia
Isolamento termico

DATI TERMICI CARATTERISTICI

Leno ha il medesimo coefficiente di conduttivit termica = 0,13 W/mK del legno


massiccio in abete rosso. Lisolamento termico delle costruzioni in Leno possibile con tutti i materiali isolanti reperibili sul mercato (fibre morbide in legno,
fibre minerali, PS, PUR, canapa, ecc.). Il diagramma qui sotto mostra i valori di
conduttivit termica U di una parete esterna (85 mm) calcolati secondo la norma
DIN 4108 in funzione dello spessore dellisolamento di un sistema di isolamento
applicato su tutta la superficie.

Conduttivit termica specifica

Capacit termica specifica

c ~ 2,10

Densit

~ 500 kg/m3

0,13

W/mK
kJ/kgK

Esempio di struttura:
Pannello in cartongesso
Leno
Fibra di legno WLG 040
Facciata ventilata posteriormente

12,5 mm
85 mm
140 mm

Valori U Leno 85 mm
Isolamento con WLG 040 o WLG 035

Valori U in W/m2K

0,35
0,30
0,25
0,20

Valore U =
0,23 W/m2K

WLG 040
WLG 035

0,15
0,10
0,05
0,00
10

12

14

16

18

20

22

24

26

28

30

32

34

36

48

Spessore di isolamento in cm

140

85

12,5

Protezione dallumidit

DATI CARATTERISTICI PER


LA PROTEZIONE DALLUMIDIT

Leno ha una struttura permeabile e, in funzione dellumidit del legno, presenta


un coefficiente di diffusione di vapore acqueo = 4080. Nel caso di impiego di
un isolamento esterno e di un rivestimento della facciata in struttura permeabile, non sono necessari i fogli di barriera del vapore.

Coefficiente di resistenza alla


diffusione di vapore acqueo

Valore sD (85 mm)

sD 3,46,8 m

Valore sD (115 mm)

sD 4,69,2 m

Tenuta allaria

4080

Soluzioni per la tenuta allaria


in Internet o nel Service-CD

A partire da una configurazione di 5 strati, Leno funge da strato ermetico quindi


non sono necessarie ulteriori operazioni per la tenuta dellaria.
I raccordi di componenti (raccordo zoccolo, finestra, porte, raccordi dei giunti
ecc.) devono essere ermetizzati in conformit con le regole tecniche vigenti.
Presso la Finnforest Merk pu essere richiesto un prospetto per la tenuta
allaria con proposte di esecuzione per evitare punti di perdita.

Differenza pressione
50 Pa

Ventilatore

> www.finnforest.it

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

17

PAG. 36

Fisica edilizia
Protezione antincendio
I requisiti di protezione antincendio possono essere
soddisfatti adottando le misure seguenti:

DATI SULLA SICUREZZA ANTINCENDIO


Velocit di combustione

v = 0,7 mm/min

Durata di resistenza al fuoco

REI 30 / REI 60 / REI 90

> dimensionamento termico a caldo


secondo la normativa DIN 4102

> ulteriori strati di legno applicati

SPESSORE DEL RIVESTIMENTO SU LENO PER LA CLASSIFICAZIONE


DI RESISTENZA AL FUOCO

direttamente nel processo di


produzione, non necessari per
il dimensionamento a freddo

MATERIALE DI RIVESTIMENTO
applicato direttamente
o con sottostruttura

Elementi
costruttivi parete
85 mm

Elementi
costruttivi solaio
115 mm

Pannelli in cartongesso antincendio GKF

12,5

9,5

Pannelli in gessofibra (Fermacell)

10

10

REI 30

Pannelli in cartongesso antincendio GKF

20

15

Pannelli in gessofibra (Fermacell)

20

15

REI 90

Pannelli in cartongesso antincendio GKF

15 + 15

15 + 15

Pannelli in gessofibra (Fermacell)

15 + 15

15 + 15

> rivestimento, senza ulteriori


indicazioni

REI 30

I nostri esperti sono a disposizione per un calcolo


preliminare del vostro progetto.

SPESSORE DEL RIVESTIMENTO in mm

Protezione acustica
Grazie alle elevate sezioni trasversali, Leno possiede degli
ottimi valori di protezione acustica, sia per i solai che per
le pareti. Qui di seguito presentiamo alcuni esempi di

costruzioni gi collaudate, ma possibile richiedere alla


FinnForest Merk altri esempi di misure gia testate per la
protezione acustica.

Pareti interne
IW (D) 8
Leno

RW
dB
W = 37 DB
81,0 mm

IW (D) 8
9

R
RW
52 DB
dB
W = 37

Piastre in cartongesso

2 x 12,5 mm

Guida elastica

27,0 mm

Leno

115,0 mm

Pannello in cartongesso

15,0 mm

Pareti esterne
AW (D) 7

R W = 49 dB

AW (D) 8

R W = 52 dB

Cassaforma

25,0 mm

Intonaco strutturale

Doppia listellatura

28,0 mm

Malta e rete

3,5 mm

Listellatura

28,0 mm

Lana minerale WLG 035

Fibra in legno morbida

18,0 mm

Leno

85,0 mm

Lana minerale WLG 035

140,0 mm

Pannello in cartongesso

15,0 mm

10,0 mm
120,0 mm

con struttura verticale


b = 60 mm interasse
e = 0,625 m

18

Leno

85,0 mm

Pannello in cartongesso

15,0 mm

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 37

Pareti divisorie
GTW (D) 1

R W = 68 dB

GTW (D) 2

R W = 75 dB

Pannello in cartongesso GKF

12,5 mm

Pannello in cartongesso GKF

12,5 mm

Leno

81,0 mm

LenoStrand

84,0 mm

30,0 mm

Fermacell 2 x 15 mm

30,0 mm

Isolamento MFP Tipo T

40,0 mm

Fermacell 2 x 15 mm
Strato daria

100,0 mm

Fermacell

30,0 mm

Camera daria

60,0 mm

Leno

81,0 mm

Fermacell

30,0 mm

Pannello in cartongesso GKF

12,5 mm

LenoStrand

84,0 mm

Pannello in cartongesso GKF

12,5 mm

Solai
DE (D) 1

R w = 53 dB L n,w = 61 dB

DE (D) 2

R w = 62 dB L n,w = 51 dB

Elemento di massetto

25,0 mm

Elemento di massetto

25,0 mm

Isolamento anticalpestio

20,0 mm

Isolamento anticalpestio

20,0 mm

Isover Akustic EP3


Leno

Isover Akustic EP3


135,0 mm

Gettata alveolare Fermacell


in massetto alveolare

60,0 mm

Carta kraft come protezione contro i fluidi


Leno

DE (D) 3

R w = 64 dB L n,w = 50 dB

Elemento di massetto Best


(incollato sul lato frontale)

20,0 mm

Carta kraft come strato divisorio


Isolamento anticalpestio

R w = 64 dB L n,w = 38 dB

Elemento di massetto Best


(incollato sul lato frontale)

20,0 mm

Carta kraft come strato divisorio


25,0 mm

Isover Akustic EP2


Gettata alveolare Fermacell

DE (D) 4

135,0 mm

Elemento di massetto Best

20,0 mm

(posato sullinterspazio)
60,0 mm

Isolamento anticalpestio

30,0 mm

in massetto alveolare

Isover Akustic EP1

Carta kraft come protezione contro i fluidi

Gettata alveolare Fermacell

Leno

in massetto alveolare

135,0 mm

60,0 mm

Carta kraft come protezione contro i fluidi


Leno

DE (D) 5

R w = 73 dB L n,w = 40 dB

Strato cemento

50,0 mm

Foglio in polietilene

50,0 mm
40,0 mm

Isover Akustic EP1


Gettata alveolare Fermacell

60,0 mm

in cartone alveolare
Leno

Strato cemento
Isolamento anticalpestio

40,0 mm

Isover Akustic EP1


Gettata alveolare Fermacell

R w = 84 dB L n,w = 25 dB

Foglio in polietilene separatore

separatore
Isolamento anticalpestio

DE (D) 7

135,0 mm

Leno
189,0 mm

60,0 mm

in cartone alveolare
189,0 mm

Fermacell GFP 2 x 15 mm

30,0 mm

Strato con isolamento

27,0 mm

acustico cavo SSP1


Fermacell GFP 2 x 15 mm

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

19

30,0 mm

PAG. 38

Scelta delle superfici


Tutela dellambiente / Assicurazione di qualit
Oltre alla superficie standard "Qualit Industriale", sono possibili anche varie superfici speciali.

STANDARD
Qualit
industriale

SUPERFICIE SPECIALE
Abete-Pannello
in legno massiccio

Abete-Pannello
multistrato

Superficie
industriale a vista

Superficie
Fermacell

Industriale
Da rivestire.

Le lamelle vengono selezionate esclusivamente in


base alla resistenza e non secondo criteri estetici,
quindi possono essere presenti colorazioni, nodi e
altre caratteristiche.

Superficie Industriale

Industriale a vista

Per elementi costruttivi a vista negli edifici


industriali o commerciali.
La lamina di rivestimento viene prodotta con lamelle selezionate, con giunzione a pettine e levigate,
da legno di abeti nordici. Le lamelle sono poste una
vicina all'altra senza incollaggio laterale e quindi
talvolta possono essere presenti piccole fughe.
Con queste caratteristiche si possono anche produrre elementi curvi.
Superficie Industriale a vista

A vista

Per elementi costruttivi a vista nelle abitazioni.


In sostituzione delle lamelle di rivestimento, viene
incollato un pannello in legno massiccio o multistrato del tipo abete, qualit A /B, cos si vede una
superficie senza fughe esteticamente pregiata.
Su richiesta si possono usare essenze di altro tipo,
come larice o douglasia.

Altre informazioni sono disponibili su:

22

Superficie A vista

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

> www.finnforest.it

PAG. 39

DIARIO TECNICO - C.I.A.M. COSTRUZIONI

KERTO-Q(3) LVL microlamellare KERTO Q


Kerto-Q pu essere impiegato come pannello o barra nelle pi differenti strutture portanti. In qualit di supporto per le
travi oppure come piastra rinforzante della soletta o del tetto, Kerto-Q permette di rinunciare alle calettature di rinforzo.
Permette sporgenze del tetto particolarmente sottili formando contemporaneamente lintradosso del soffitto e della
soletta. Con Kerto-Q anche i supporti di sgancio sono realizzabili economicamente. La fibratura dei singoli strati di
impiallacciatura si estende prevalentemente in senso longitudinale mentre in alcuni pannelli prosegue in direzione
trasversale (ca. 20%).
CAMPI DI APPLICAZIONE
Lastra parete e soletta rinforzati
Rivestimenti portanti del tetto e della soletta
Lastre acustiche e di copertura
Rivestimenti ponti
Travi e supporti soggetti a trazioni trasversali
Pannelli nodo
Piattaforme di deposito e lavoro

SEZIONI TRASVERSALI DI DEPOSITO


Sono possibili tutti i tagli di lunghezza e larghezza. Lunghezze privilegiate a partire da 1,82 m: Larghezza: 6, 12 m
Qualit: impiallacciature di rivestimento selezionate e
standard
Peso specifico k = 480 kg/m3
Autorizzazione numero Z-9.1-100
Strutturazione del pannello

VANTAGGI
Stabilit nella forma
Di grande formato
Semplice lavorazione
Pu sostenere elevati carichi

DIMENSIONI DI FORNITURA
Spessori: 21, 24, 27, 33, 39, 45, 51, 57, 63, 69 mm
Larghezza: 1,82 und 2,50 m (larghezza grezza)
Lunghezze: Larghezza 1,82 m, lunghezze di produzione
fino a 23,0 m, larghezza 2,50 m lunghezze di
produzione fino a 20,0 m, osservare le limitazioni di trasporto!

Simbolo di costruzione

212)

IIIII / IIIII

242)

IIIIII

27

IIIIIII

33

11

IIIIIIIII

39

13

IIIIIIIIII

45

15

IIIIIIIIIIII

51

17

IIIIIIIIIIIIII

57

19

IIIIIIIIIIIIIII

63

21

IIIIIIIIIIIIIIII

69

23

IIIIIIIIIIIIIIIIII

d = Spessore del pannello in mm m = quantit di tutte le impiallacciature


n = quantit delle impiallacciature in direzione longitudinale

Coefficienti caratteristici di resistenza e moduli E per Kerto-Q in N/mm2 (per DIN 1052: 2004)
" Sollecitazione delle lastre

! Sollecitazione del pannello


21 d 24

27 d 69

21 d 24

27 d 69

Flessione ll verso la fibra1)

f m,0,k

32

36

Flessione1)

f m,k

32

36

Flessione verso la fibra

f m,90,k

9,0 2)

9,0

Trazione ll verso la fibra

f t,0,k

20

Pressione verso la fibra

f c,90,k

2,0

Trazione verso la fibra

f t,90,k

Spinta

f v,k

1,5

Pressione ll verso la fibra

f c,0,k

Modulo di elasticit ll verso la fibra

E 0,mean

10 000

10 500

Pressione verso la fibra

f c,90,k

9,0

Modulo di elasticit verso la fibra

E 90,mean

1000 2)

2 500

Spinta

f v,k

4,8

Modulo di elasticit tangenziale

Gmean

Sganciamento

kn

Modulo di elasticit

E 0,mean

Modulo di elasticit tangenziale

Gmean

2)

Per d = 21 mm e la strutturazione dellimpiallacciatura I-III-I


possibile applicare fm,90,k = 16 N/mm2 ovvero E90,mean = 2500 N/mm2.

Altezza (H)

1)

27

16
10 000

10 500
500

I valori valgono per H 300 mm. Per H > 300 mm


i valori devono essere moltiplicati con
0,12
il coefficiente kH = (300) .
H

Indice di contrazione e rigonfiamento q in % per


modifica % dellumidit relativa del legno
nella superficie del pannello

20

Altezza (H)

500

27
6,0

II in direzione della fibra 0,01%


in direzione della fibra 0,03%

rispetto alla superficie del pannello

6 TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT


DIARIO

0,24%

PAG. 40

DIARIO TECNICO - C.I.A.M. COSTRUZIONI

KERTO-S

(3) LVL microlamellare KERTO S

Kerto-S pu essere impiegato come pannello o barra


nelle pi differenti strutture portanti. Nelle costruzioni
tradizionali offre infatti lottimale soluzione ai problemi.
Nelle strutture portanti complesse come per esempio
capannoni soggetti a sollecitazioni estreme, cupole, ponti,
come pure in costruzioni speciali, le caratteristiche di
Kerto creano delle possibilit costruttive completamente
nuove. La fibratura dei singoli strati di impiallacciatura
scorre esclusivamente in direzione longitudinale del
pannello.
Capannone con sistema Kerto con carroponte e tetto a due falde

CAMPI DI APPLICAZIONE
Travi
Costruzioni a graticcio
Costruzione di capannoni economici
Supporti fortemente sollecitati
Travi snelle, arcarecci e puntoni
Rinforzi per travi e arcarecci
Architravi di porte e finestre
Travi portanti e conduttrici
Tavoloni per impalcature
Supporti per cassaforma
Travi per capriate

DIMENSIONI DI FORNITURA
Spessori:
21, 27, 33, 39, 45, 51, 57, 63, 69, 75 mm
Larghezza: 1,82 und 2,50 m (Rohmae)
Lunghezze: Larghezza 1,82 m, lunghezze di produzione
fino a 23,0 m, larghezza 2,50 m lunghezze
di produzione fino a 20,0 m, osservare le
limitazioni di trasporto!
SEZIONI TRASVERSALI DI DEPOSITO
Sono possibili tutti i tagli di lunghezza e larghezza.
Lunghezze privilegiate a partire da una larghezza
di 1,82 m: 6, 12 m
Qualit:
Impiallacciature di rivestimento standard
Peso specifico reale k = 480 kg/m3
Autorizzazione numero Z-9.1-100

VANTAGGI
Snello e solido
Leggero
Semplice lavorazione

Coefficienti caratteristici di resistenza e moduli E per Kerto-S in N/mm2 (per DIN 1052: 2004)
" Sollecitazione delle lastre

! Sollecitazione del pannello


Flessione ll verso la fibra1)

f m,0,k

50

Flessione1)

f m,k

48

Flessione verso la fibra

f m,90,k

Trazione ll verso la fibra

f t,0,k

38

Pressione verso la fibra

f c,90,k

2,0

Trazione verso la fibra

f t,90,k

0,8

Spinta

f v,k

2,3

Pressione ll verso la fibra

f c,0,k

38

Modulo di elasticit

E 0,mean

13 800

Pressione verso la fibra

f c,90,k

6,0

E 90,mean

300

Spinta

f v,k

4,4

Gmean

500

Sganciamento

kn

6,0

Modulo di elasticit

E 0,mean

13 800

Modulo di elasticit tangenziale

Gmean

500

Modulo di elasticit tangenziale

1) I valori valgono per H 300 mm. Per H > 300 mm i valori devono
0,12
essere moltiplicati con il coefficiente kH = (300) .

Altezza (H)

Altezza (H)

Indice di contrazione e rigonfiamento q in % per


modifica % dellumidit relativa del legno
nella superficie del pannello

II in direzione della fibra 0,01%


in direzione della fibra 0,32%

rispetto alla superficie del pannello

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

0,24%

PAG. 41

DIARIO TECNICO - C.I.A.M. COSTRUZIONI

KERTO-T(3) LVL microlamellare KERTO T


Kerto-T pu essere impiegato come montante, supporto o traversa nella costruzione di telai in legno. Come legno
di sottofondo o di sostegno esso offre lideale soluzione per le costruzioni di pavimenti. La stabilit della sua forma
e lesattezza delle dimensioni offrono nella costruzione ecologica di telai in legno e negli edifici a pi piani una qualit
particolarmente elevata. La fibratura dei singoli strati di impiallacciatura scorre esclusivamente nella direzione longitudinale del pannello.
CAMPI DI APPLICAZIONE
Montanti/Supporti/Traverse nella costruzione di telai
in legno
Legni per la costruzione
Legno di sottofondo e di sostegno per pavimenti
Travetti

SEZIONI TRASVERSALI DI DEPOSITO


Spessori:
45, 75 mm
Larghezze: 75, 100, 120, 140, 160, 180, 200 mm
Lunghezza: 12 m
Qualitt:
Impiallacciature di rivestimento standard
Peso specifico reale ca. 460 kg/m3

VANTAGGI
Asciutto
Stabile nella forma
Senza deformazioni
Valori di resistenza e lavorabilit come le conifere della
classe di scelta S 13

Tensioni ammesse per i moduli E per Kerto-T in N/mm2


(come nelle conifere S 13 ai sensi della normativa DIN 1052-1: 1988)
Inflessione

DIMENSIONI DI FORNITURA
Spessori:
39, 45, 51, 57, 63, 69, 75 mm
Larghezze: 75 200 mm
Lunghezza: fino a 23,00 m
Osservare le limitazioni di trasporto!

adm. B ll

Trazione

parallela

adm. Z ll

Pressione

alla fibra

adm. D ll

11

Trazione

perpendicolare

adm. Z

0,05

Pressione

alla fibra

adm. D

2,0 (2,5)1)

adm.

0,9

Modulo di elasticit

E ll

10 500

Modulo di elasticit tangenziale

500

Spinta

1)

13

nellapplicazione di questi valori bisogna considerare improntature


di maggiori dimensioni dovute a fattori costruttivi.

Indice di contrazione e rigonfiamento q in % per


modifica % dellumidit relativa del legno
II in direzione della fibra 0,01%

nella superficie del pannello

in direzione della fibra 0,32%

rispetto alla superficie del pannello

0,24%

Montanti/Traverse nella costruzione di telai in legno

Casa realizzata con telai in legno

Legno compensatore e di sostegno per pavimenti

8 TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT


DIARIO

PAG. 42

DIARIO TECNICO - C.I.A.M. COSTRUZIONI

SCOPRI IL SISTEMA PER FACCIATE:


KERTO CONCEPT
Con il motto lintero pi della somma delle singole parti, il sistema per facciate
Kerto Concept inaugura una nuova dimensione relativa alle possibilit del design
per architetti e progettisti di facciate. I componenti del sistema Kerto Concept
si basano sulle apprezzate caratteristiche tecniche di Kerto-S e Kerto-Q, adottate
gi da diversi anni da architetti e ingegneri.

KERTOCONCEPT.DE

MASSIMA PRECISIONE,
ATTRAZIONE VISIVA,
ASPETTO NATURALE
E STRAORDINARIA
ESTETICA CLASSICA

KERTO CONCEPT METS WOOD

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 43

MONTANTI E TRAVERSE KERTO CONCEPT


Sperimenta ora i pilastri portanti a montanti e traverse Kerto Concept.
I componenti di sistema per la costruzione portante a montanti e traverse Kerto Concept
utilizzano gli enormi vantaggi di Kerto-S*. Poich Kerto-S si caratterizza per lelevata
capacit di carico unita al peso minimo e alle dimensioni sottilissime. In tal modo, si
aprono agli architetti e ai progettisti di facciate un numero quasi infinito di possibilit
per lideazione e la realizzazione dei loro progetti.
Lestetica naturale e affascinante offerta dallaspetto strutturale del LVL-micro lamellare
Kerto permette di creare negli spazi interni atmosfere di classe provviste di una tonalit
particolare. Inoltre, allesterno, la facciata con i listelli di rivestimento in alluminio o legno
si adatta perfettamente a tutte le esigenze di design.

METS WOOD KERTO CONCEPT

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 44

PRECISIONE FIN DALLINIZIO.

PROTEZIONE E BELLEZZA.

Lo speciale legno multistrato Kerto-S il materiale ideale per le costruzioni a montanti e traverse di Kerto Concept. Infatti, consente di lavorare con una percentuale di umidit molto bassa, pari al 9%. Pertanto,
tramite lapplicazione specializzata sono quasi del tutto escluse le deformazioni, le torsioni o le crepe. Le sezioni delle facciate a montanti e
traverse Kerto Concept sono snelle ed estremamente stabili nella forma,
con dimensioni da 50/60/70 mm in larghezza con
lunghezze standard a 6 e 12 m.

La facciata a montanti e traverse Kerto Concept pronta al meglio sia


per lapplicazione negli interni sia per gli esterni. In base alle esigenze
di utilizzo, la facciata Kerto Concept pu essere rifinita negli interni
con vernice protettiva ecologica. Inoltre, la facciata Kerto Concept pu
essere rifinita negli ambienti esterni con listelli di copertura in alluminio o legno. I profili in legno sono in seguito ricoperti con un ulteriore
strato protettivo trasparente e con una prima mano di vernice colorante. Questo strato di rivestimento mette in rilievo le strutture naturali
del legno e protegge il profilo in modo sostenibile, dando cos vita a
facciate che mantengono intatto il proprio fascino negli anni.
Noi garantiamo tutto questo.

KERTO-S LE CARATTERISTICHE TECNICHE.

I montanti e le traverse sono composti da Kerto-S. Grazie ai


elevati valori di resitenza, trazione, flessione e compressione,
nonch al modulo elastico i materiali in legno possono essere
sottoposti alle pi alte sollecitazioni. Kerto attenta ai valori della
sostenibilit e utilizza materiale ecologico; per questo motivo ha ottenuto
il sigillo PEFC per leconomia forestale, ecologica e sostenibile. Inoltre,
i materiali Kerto-S sono lavorati con collanti ecologici e resistenti
allacqua. In tal modo, lapplicazione perfettamente adatta anche per
luso negli ambienti interni.

OMOLOGAZIONE E CONTROLLO DI QUALIT.

Kerto omologato dallistituto tedesco di tecnica edilizia. La qualit viene monitorata costantemente, il management della qualit
conforme alla normativa DIN EN ISO 9001.

* ULTERIORI INFORMAZIONI SU KERTO SI TROVANO


AL SEGUENTE INDIRIZZO:
METSAWOOD.IT/PRODOTTI

KERTO CONCEPT

IL MONTAGGIO DEI MONTANTI E DELLE TRAVERSE KERTO CONCEPT

Atmosfera di classe per gli ambienti interni.

Negli ambienti interni rifinito con vernici ecologiche

KERTO CONCEPT METS WOOD

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 45

LA BASE PER UN IMPIEGO VARIABILE.

COMBINABILE IN MODO COMPLETO E UNIVERSALE.

I componenti slanciati e stabili della facciata a montanti e traverse


Kerto Concept sono forniti da Mets Wood come materiale grezzo,
oppure gi pronti per il montaggio. Sono disponibili nelle seguenti
dimensioni:

Mets Wood offre i sistemi e fornisce i componenti delle facciate in


combinazione con i sistemi di vetratura di diversi produttori, premontati
o come consegna compresa nellordine. Applicati in modo perfetto,
come richiede il rispettivo progetto. Il sistema comprende tutti i componenti necessari per il profilo della facciata:

 t larghezza 50/60/80 mm
 t profondit 120 300 mm (in gradazioni di 20 mm)
 t lunghezza 6.000/12.000 mm*

TOLLERANZE PER LEGNO LAMELLARE IN CONFORMIT


A DIN EN 390

Curvatura

0,5 mm/m

Contenuto di umidit media del

12%

Larghezza della sezione

50 b 80 mm

Tolleranza in larghezza

2 mm

Altezza della sezione

120 h 300 mm

Tolleranza altezza

+4 /-2 mm

Lunghezze barre

6.000/12.000 mm

Tolleranza lunghezza

0,1%

* Lunghezza standard Kerto-S come materia prima, altre lunghezze


disponibili su richiesta..








t Profilo di supporto Kerto-S


t Collegamento montanti traverse
t Profilo di base
t Guaina interna
t Guaina esterna
t Listello

FUNZIONE E DESIGN.

Per poter realizzare lesterno della facciata esattamente in base alla


rappresentazione architettonica, Kerto Concept offre listelli di copertura di varie forme e superfici:
 t Listello in alluminio con viti a vista in acciaio
 t Listello in alluminio con viti in acciaio e listelli di copertura in
alluminio nella versione profilo clip
 t Listelli di copertura Kerto che offrono una protezione duratura
grazie al rivestimento resistente agli agenti atmosferici e ai raggi UV
PANNELLI CON LESTETICA DEL LEGNO.

Il sistema di facciate Kerto Concept completato da pannelli di legno da


applicare sulle facciate a montanti e traverse (informazioni dettagliate si
trovano da pagina 14 e seguenti). I pannelli sono forniti da Mets Wood,
tagliati su misura e trattati in base alle indicazioni del progettista.
KERTOCONCEPT.DE

DESIGN INDIVIDUALE

AMBIENTI PROVVISTI DI CARATTERE

La facciata pu essere adattata alle indicazioni dei singoli progetti.

Con Kerto Concept si possono creare spazi moderni e luminosi.

KERTO CONCEPT METS WOOD

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 46

RIVESTIMENTO PER FACCIATE KERTO CONCEPT


Lasciati ispirare: Kerto Concept il rivestimento per facciate con lestetica duratura
del legno garantito a vita.
Il legno un materiale sostenibile, con la sua nota particolare molto versatile e apre
varie possibilit di combinazione al progettista di facciate. I componenti di sistema
Kerto Concept per il rivestimento delle facciate si basano sulla sperimentata tecnica di
Kerto-Q*.
I pannelli esterni, stabili nella forma ed estremamente resistenti, offrono allarchitetto,
al progettista di facciate e al committente della costruzione la sicurezza di una
superficie garantita che dura a vita e resiste agli agenti atmosferici. Un rivestimento
per facciate disponibile in una vasta gamma di colori, dove il fascino e il carattere
propri del legno rimangono invariati.

Kerto Concept
rivestito
in modo duraturo

Kerto Concept
impregnato in
autoclave
Sono possibili variazioni cromatiche dovute alla tecnica di stampa.

14

METS WOOD KERTO CONCEPT

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 47

KERTO-Q LE CARATTERISTICHE TECNICHE.

RESISTENZA E INVECCHIAMENTO NATURALE.

I pannelli del sistema Kerto Concept per facciate continue sono rifiniti
con i pannelli LVL-micro lamellare indeformabili Kerto-Q. Grazie al
grande formato dei pannelli, i rivestimenti per facciate Kerto Concept
sono facilmente adattabili alle esigenze individuali della rispettiva architettura. I pannelli sono disponibili negli spessori di 21 o 27 mm,
con dimensione massima dei pannelli di 1,82x 20,0 m. Grazie a questi
presupposti possibile far fronte a tutte le pi importanti necessit
della progettazione di facciate.

Limpregnazione in autoclave permette di utilizzare Kerto per il rivestimento della facciata nei progetti in cui sia importante sottolineare la
naturalit della superficie in legno. Grazie allimpregnazione, Kerto
protetto dai funghi e dagli insetti che rovinano il legno. Inoltre, limpregnazione impedisce che lumidit penetri nel rivestimento, permettendo una protezione dagli agenti atmosferici per molti anni.

ELEGANTE E PERFETTAMENTE PROTETTO.

Con la sua estetica particolare, il sistema Kerto protetto in modo


sostenibile dallinfluenza dannosa degli agenti atmosferici. I componenti di Kerto Concept per i rivestimenti delle facciate possono
essere forniti in due varianti: impregnati in autoclave, se si desidera
leffetto dato dallinvecchiamento naturale del legno; oppure ricoperti, per una superficie con garanzia sullaspetto estetico.

10 ANNI DI GARANZIA
IL RIVESTIMENTO DURATURO.

La durata garantita del rivestimento con il fascino naturale del materiale legnoso apre illimitate possibilit architettoniche. Oltre alla
bellezza della superficie in legno, il vantaggio leccezionale capacit
di diffusione. Grazie allalta resistenza ai raggi UV e alla luce, i toni
del legno non vengono intaccati e la venatura naturale del legno
stratificato rimane invariata. Garantito 10 anni. Tutto questo, noi
siamo in grado di garantirlo.

* ULTERIORI INFORMAZIONI SU KERTO SI TROVANO


AL SEGUENTE INDIRIZZO:
METSAWOOD.IT/PRODOTTI

RIVESTIMENTO DURATURO KERTO CONCEPT

IMPREGNAZIONE IN AUTOCLAVE KERTO CONCEPT

Il rivestimento duraturo garantisce che la facciata mantenga il


proprio carattere per molti anni.

Con limpregnazione in autoclave, Kerto Concept mostra il carattere


offerto dallinvecchiamento naturale del legno.

KERTO CONCEPT METS WOOD

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 48

15

COMBINABILE CON FACILIT E LOGICA.

VASTA SCELTA DI COLORI.

Gli elementi del sistema di rivestimento per facciate Kerto Concept


sono concepiti per limpiego universale. Il sistema prevede elementi di
fissaggio a vista ed elementi non visibili. Naturalmente, i pannelli
Kerto Concept possono essere utilizzati senza problemi anche con
sottostrutture per il fissaggio realizzate da altri produttori.

Sono disponibili dieci tonalit di colore affinch il rivestimento


corrisponda alle esigenze individuali del design. Inoltre, su richiesta,
sono disponibili altri colori. Ogni tonalit viene messa in risalto dal
rivestimento trasparente che sottolinea leffetto naturale della venatura
del legno.

PREDISPOSTI AL MEGLIO PER IL MONTAGGIO.

IL CARATTERE NATURALE DEL LEGNO.

I pannelli per facciate Kerto Concept sono forniti da Mets Wood


esattamente sulla base delle richieste, ovvero sono tagliati in modo
preciso, con i fori e le curvature necessari, o preparati tramite
lavorazioni particolari.

Limpregnazione in autoclave soddisfa il desiderio di mantenere il pi


possibile le caratteristiche naturali del legno della facciata. Quando il
legno nuovo, la venatura ha una tonalit verdastra. Con linvecchiamento e lazione degli agenti atmosferici laspetto cambia a causa del
processo di invecchiamento naturale del legno. La superficie singrigisce e pu screpolarsi, tuttavia la resistenza non viene compromessa.
KERTOCONCEPT.DE

FACCIATE CON CARATTERE

Le facciate Kerto Concept sottolineano il carattere individuale dellarchitettura, dagli edifici residenziali fino agli attraenti edifici amministrativi.

KERTO CONCEPT METS WOOD

DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 49

17

soluzioni per

costruzioni
innovative.

Sede Operativa :
via Peveragno 95
12012 Boves (CN)
ITALY
tel. +39 0171 380424
fax. +39 0171 389742

info@costruzioniciam.it
www.costruzioniciam.it

EDILIZIA SOSTENIBILE > PROGETTAZIONE > COSTRUZIONE > DESIGN


DIARIO TECNICO C.I.A.M. COSTRUZIONI DISEGNI KLH UK E METSAWOOD IT DATI METSAWOOD IT

PAG. 50