Sei sulla pagina 1di 129

Reiki e Visualizzazione

Guarigione di corpo, mente e spirito


Una guida per auto-curarsi con 18 meditazioni su 2 cd,
per problemi fisici, personali e di coppia

di Vivienne Rauber Decoppet


Traduzione: Antonio Cavagnini

Reiki e Visualizzazione

Introduzione ................................................................................................................................................................ 5

I. COSA IL LAVORO ENERGETICO PSICOCORPOREO..........................................6


II. MEDITAZIONI INTRODUTTIVE..................................................................................7
1. Visualizzare un desiderio ..................................................................................................................................... 7
2. Trovare la meta dellanima................................................................................................................................... 7
3. Ancorare la meta in tutto il corpo......................................................................................................................... 8
4. La Fata.................................................................................................................................................................. 9

III. BASE TEORICA ......................................................................................................10


1. Il corpo mi chiama Unit di corpo, mente, anima .......................................................................................... 10
ENERGIA .............................................................................................................................................................. 11
a) Sistema dei Chakra degli antichi indiani ................................................................................................. 11
Esercizio energetico con i chakra e il Reiki............................................................................................ 14
b) I corpi energetici ......................................................................................................................................... 15
Purificare i campi energetici e trovare un simbolo personale.............................................................. 18
c) Lenergia Reiki ............................................................................................................................................ 20
Reiki e campi energetici ............................................................................................................................ 21
PROCESSO DI CRESCITA .................................................................................................................................. 22
Sintomo ............................................................................................................................................................ 22
Significato de un sintomo............................................................................................................................... 22
Da dove viene questo sintomo?............................................................................................................... 23
I canali di percezione...................................................................................................................................... 24
2. Come posso ascoltare visualizzando i simboli del anima ? ............................................................................ 26
Visualizzare un sintomo ......................................................................................................................................... 26
3. Come posso capire cosa vuole dirmi il sintomo .................................................................................................. 27
4. Come posso guarire............................................................................................................................................... 30
a) Con la visualizzazione........................................................................................................................................ 30
b) Curare il bambino ferito ..................................................................................................................................... 30
Teoria................................................................................................................................................................ 31
Il caso duna paziente .................................................................................................................................... 32

IV. LAVORO CON LA VISUALIZZAZIONE ..................................................................34


Affermazioni .............................................................................................................................................................. 34
Visualizzare un ricordo positivo per trovare la tua affermazione........................................................................... 34
Teoria delle affermazioni ....................................................................................................................................... 36
Mettere le affermazioni in tutto il corpo........................................................................................................ 37
Sintomi corporei........................................................................................................................................................ 38
Visualizzare il sintomo, farne un film e ripetizione ............................................................................................... 38
A cosa serve lavorare con simboli? ........................................................................................................................ 39
Lavorare con un sintomo corporeo col Reiki ......................................................................................................... 40
Far entrare limmagine cambiata nel corpo............................................................................................................ 40
Ancorare limmagine cambiata col respiro parallelo.............................................................................................. 40
Il caso di Pierina.............................................................................................................................................. 41
Il caso di Agnes............................................................................................................................................... 42
Riassunto sintomi corporei ............................................................................................................................ 45
Problemi..................................................................................................................................................................... 46
Riportare un problema a un sintomo fisico ............................................................................................................ 46
Problema: Portare limmagine fuori....................................................................................................................... 46
Ancorare limmagine cambiata in tutto il corpo col Reiki .................................................................................... 47
2

Reiki e Visualizzazione

Problema e come sar diverso senza il problema ................................................................................................... 48


Problema, dove nel corpo, film ............................................................................................................................. 48
Problemi di coppia .................................................................................................................................................... 49
Purificare il campo energetico di coppia ................................................................................................................ 49
Purificare il campo energetico comune e ponte di luce.......................................................................................... 50
Esaminare il rapporto di coppia.............................................................................................................................. 51
Lavorare con un problema di coppia ...................................................................................................................... 52
Problema relazionale .............................................................................................................................................. 52
Il caso di Victoria............................................................................................................................................. 53
Il sistema familiare.................................................................................................................................................... 54
Disegnare la famiglia come animali ....................................................................................................................... 54
Il sistema familiare e il respiro parallelo ................................................................................................................ 55
Purificare il campo energetico personale ............................................................................................................... 55
Purificare il campo energetico familiare ................................................................................................................ 55
Esperienze di allievi ............................................................................................................................................... 56
Reiki e il sistema familiare..................................................................................................................................... 57
A cosa serve lavorare con il campo energetico familiare ....................................................................................... 57
Sogni........................................................................................................................................................................... 58
Teoria ..................................................................................................................................................................... 58
Storia dellinterpretazione dei sogni....................................................................................................................... 59
Lavorare con i sogni ............................................................................................................................................... 60
Continuare il sogno......................................................................................................................................... 60
Sogno, sensazione fisica, immagine, film ................................................................................................... 60
Sogno, sensazione fisica, immagine e porla fuori ..................................................................................... 61
Terapia Gestalt ....................................................................................................................................................... 62
Sogno ricorrente dellinfanzia ................................................................................................................................ 62
Il caso di Ricarda ............................................................................................................................................ 64
Subpersonalit........................................................................................................................................................... 66
Cambiare la subpersonalit di un sentimento sgradevole....................................................................................... 66
Riconosce la subpersonalit (adattato da Ferrucci) .................................................................................. 66
Scalare una montagna con la subpersonalit ............................................................................................ 67
Al centro di un giardino ammiriamo una rosa che si schiude................................................................... 68
Perch le subpersonalit cambiano?........................................................................................................... 68
Trasferire la nuova subpersonalit in tutto il corpo .................................................................................... 69
Trovare la subpersonalit in un punto del corpo .................................................................................................... 69
In che parte del corpo si trovano determinate subpersonalit................................................................................. 70
Gli stati dellIo in Analisi Transazionale ............................................................................................................ 73
Gli stati dellIo in Analisi Transazionale ............................................................................................................ 74
ego-gramma .................................................................................................................................................... 75
Scalare la montagna ...................................................................................................................................... 76
Portar fuori limmagine ................................................................................................................................... 76
Come sar differente...................................................................................................................................... 77
La memoria cellulare.............................................................................................................................................. 78
Reiki / bene / tutto il corpo ............................................................................................................................. 79
Riassunto del lavoro con la visualizzazione ............................................................................................................ 79
Spiegazioni di Milton Erickson .............................................................................................................................. 79
Spiegazione dell'efficacia del lavoro psicocorporeo ............................................................................................. 81
Riassunto del lavoro coi sintomi, problemi e sogni................................................................................................ 82
Un caso: 21 giorni di terapia psico-corporea col Reiki ......................................................................................... 84
Marco: cos avrebbe potuto migliorare il suo lavoro.............................................................................................. 95

IV. LAVORO COL BAMBINO FERITO INTERIORE.....................................................96


1. Ricordi dinfanzia ................................................................................................................................................. 96
Costellazione familiare........................................................................................................................................... 96
La fila dei fratelli.................................................................................................................................................... 98
3

Reiki e Visualizzazione

Il piano segreto della vita (lo script)....................................................................................................................... 99


Trova il tuo piano segreto della vita ........................................................................................................... 100
Esperienze dei miei allievi ........................................................................................................................... 102
Messaggi base (credenza negativa personale) ...................................................................................................... 103
2. Chakra per svegliare le qualit di vita non sviluppate .................................................................................... 106
Primo chakra - sicuro invece della paura .......................................................................................................... 108
Sicuro e amato invece della paura............................................................................................................ 109
Secondo chakra - gioia e creativit....................................................................................................................... 110
Puoi scoprire e giocare ................................................................................................................................ 110
Puoi amare e gioire della sessualit .......................................................................................................... 111
Terzo chakra Forza e potere invece di superadattato e impotente .................................................................... 113
Puoi essere te stesso ................................................................................................................................... 113
Questionario sulla rabbia ............................................................................................................................. 114
Rabbia, esercizio con il bambino ferito...................................................................................................... 115
Esercizio: quando sono arrabbiato............................................................................................................. 116
Si pu essere padroni dei propri sentimenti? ........................................................................................... 117
Riassunto del lavoro con la rabbia ............................................................................................................. 118
Lavoro con il bambino ferito interiore ................................................................................................................. 119
Regressione con un sentimento sgradevole .......................................................................................................... 121
Cosa fai volentieri? ....................................................................................................................................... 122
Parlare coi genitori........................................................................................................................................ 123
Voglio ma non posso.................................................................................................................................... 123
Reiki a distanza con un ricordo negativo.............................................................................................................. 126

MEDITAZIONE FINALE ..............................................................................................127


BIBLIOGRAFIA...........................................................................................................128
Indirizzi ................................................................................................................................................................ 128

CD 1

CD 2

1. Visualizzare un desiderio

1. Trovare la meta dell anima


2. Lavorare con un sintomo corporeo

2. Trovare il tuo simbolo personale

3. Far entrare limmagine cambiata nel corpo


3. 1 Chakra: Sicuro e amato invece della paura

4. Ancorare l'immagine cambiata col respiro


parallelo

4. 2 Chakra: Puoi scoprire e giocare

5. Lavorare con un problema: immagine

5. 2 Chakra: Puoi amare e gioire della


sessualit

6. Problema: portare l immagine fuori


7. Ancorare l immagine cambiata in tutto il corpo
con Reiki

6. 3 Chakra: Forza e potere invece di superadattato e impotente

8. Come sar diverso senza il problema


9. Purificare il campo relazionale e ponte di luce
10. Disegnare la famiglia come animali
11. Sistema familiare con Reiki
12. Lavorare con il sogno

Reiki e Visualizzazione

Introduzione
Questo libro stato scritto per chi gi stato iniziato al Reiki 2, per lavorare su se stessi con i simboli del
Reiki 2 e visualizzazioni sui nostri problemi e sintomi fisici.
Ma chi non ha fatto corsi di Reiki pu ugualmente lavorare con questo libro, utilizzando le visualizzazioni
e un simbolo personale che avremo modo di trovare pi avanti.
I simboli del Reiki sono stati utilizzati da tanta gente per entrare in contatto pi rapidamente e pi
profondamente con lEnergia Universale curativa: sono come autostrade che ci portano pi
direttamente a unIntelligenza superiore, alla Realidad come la chiama Tarozzi, allIntelligenza divina o
a Dio, come la chiamano i terapisti Reiki cristiani.
Lenergia Reiki unenergia intelligente, che sa meglio di noi e del terapista dove c bisogno di curare.
Nello stesso modo unenergia intelligente che sa trovare le visualizzazioni che possono aiutare a
giungere ad un cambiamento e ad una guarigione pi rapida.
Sono psicologa, ma da quando ho cominciato a lavorare con i problemi psichici e anche fisici delle mie
pazienti, non solo parlando, ma anche con il lavoro corporeo (Reiki o digitopressione) lasciando venire
delle immagini, i simboli dellanima, ci siamo meravigliati nel vedere come succedevano cambiamenti e
guarigioni come in una terapia segreta, molte volte senza che n io n il paziente capissimo il
significato delle immagini, la simbolizzazione dei loro problemi, immagini che non solo cambiavano
nella visualizzazione, ma producevano anche cambiamenti nella loro vita.
Da molti anni insegno la tecnica del Process Acupressure di Aminah Raheem (vedi il suo libro Ritorno
allanima, Macro Edizioni), del Jin Shin Do e la mia tecnica di lavoro energetico psico-corporeo in
Svizzera (dove vivo e opero), in Austria, in Sudamerica e in Italia, e ora anche il Reiki insieme alla
visualizzazione.
Tutti e tre sono una sintesi tra il lavoro energetico (agopressione, chakra, lavoro sui corpi energetici e
altro) e la psicologia moderna transpersonale. Insegno
agli psicologi,
perch imparino un trattamento dagopressione semplice e potente, sul corpo vestito, per arrivare pi
rapidamente al problema represso, e dopo aver riattivato il ricordo doloroso nel paziente e cambiato il
sistema di credenza, possano far s che questo lo ancori e integri pi rapidamente nella vita;
ai terapisti corporei,
perch imparino a gestire le emozioni e i ricordi dolorosi, a volte violenti, che possono riemergere durante
un trattamento corporeo, in modo che i pazienti possano liberarsene e non debbano reprimerli ancora di
pi. Per poterlo fare importante che il terapista stesso abbia lavorato sui propri traumi e sentito nel suo
corpo come potersene liberare;
a tutti
coloro che vogliono aiutare se stessi (forse spinti da un problema fisico o psichico) e fare un cammino di
crescita.
Specialmente per i non professionisti che vogliono cominciare un cammino di crescita, ho cercato di
trovare un metodo sempre pi facile da imparare, tanto per il lavoro energetico che per il processo.
Il Reiki un metodo energetico molto facile e molto potente che utilizzando le visualizzazioni di questo
libro pu portare ancor pi rapidamente a trasformazioni. Sono esercizi che si possono fare da soli (anche
con audiocassette) o che un terapista Reiki pu fare coi propri clienti.
Per terapisti Reiki che volessero imparare a gestire il processo di un cliente, organizzo corsi, cos come
per tutti coloro che vogliono essere iniziati al Reiki imparando allo stesso tempo il processo.
Per informazioni potete chiamare
Daniela Rossi (030.9965416),
Antonio Cavagnini (030.2306005) o me (0041-44-2623768).
5

Reiki e Visualizzazione

I. COSA IL LAVORO ENERGETICO


PSICOCORPOREO
Il lavoro energetico psico-corporeo una terapia energetica olistica molto semplice, ma molto
potente per lavorare su se stessi.
Avevo lavorato molti anni come psicologa e dopo aver appreso lagopressione Jin Shin Do e
altre terapie corporee, da Regenesis allo Zero Balancing, avevo utilizzato anche il solo lavoro
corporeo, senza psicologia. Quando per ho conosciuto il Process Acupressure di Aminah
Raheem (una sintesi di agopressione, psicologia e spiritualit) ho visto che i risultati nei
cambiamenti erano molto pi rapidi e profondi e da allora ho sempre combinato la psicologia
col lavoro corporeo.
Insegnavo Process Acupressure allestero e dato che non mi potevo recare pi duna volta
allanno in Sudamerica, cercavo metodi sempre pi facili per lavorare tanto con lenergia quanto
con la psicologia,
In questo modo nata la mia terapia psico-corporea, un lavoro energetico molto semplice (col
respiro parallelo o i raggi di luce) in combinazione con visualizzazioni (vedi Rinascere dal
cuore), concepita essenzialmente per lavorare su se stessi

per superare problemi

per capire i nostri sintomi e malattie e superare il problema che li ha creati

per compiere un cammino di crescita personale

Nel 1984 ero stata iniziata al Reiki, ma non lo utilizzavo, preferivo lagopressione. Solo quando
ho letto il libro di Dalberg che spiegava il Reiki e lo combinava con esercizi di psicoterapia
junghiana ho deciso di essere iniziata al Master di Reiki. Era il 1997. Utilizzando il Reiki su di
me, facendo gli esercizi psicocorporei di visualizzazione, ho compiuto grandi cambiamenti.
La terapia psico-corporea rimasta uguale come nel libro di Rinascere dal Cuore, ma invece di
utilizzare i raggi di luce, ho utilizzato i simboli del Reiki. Ho scoperto cos che un metodo
molto potente per lavorare sia con i clienti sia su se stessi.
Come lavorare?
La maggioranza degli esercizi energetici psicocorporei (Reiki in combinazione con
visualizzazioni) sono esercizi molto potenti che possono portare rapidamente a cambiamenti. Vi
consiglio di farne massimo uno al giorno, utilizzando i cd che accompagnano il libro e, per gli
esercizi non registrati, di riprodurli su audiocassetta con pause lunghe Dopo averlo fatto,
scrivete quello che vi successo in un diario corredandolo di disegni, colorati.
Dopo aver lavorato con la visualizzazione, vi consiglio di rimanere con la stessa immagine e il
Reiki per almeno una settimana, per approfondirlo, o lavorando solo con il Reiki prima di
affrontare un nuovo problema con la visualizzazione.
Ma gli esercizi introduttivi in questo capitolo e quelli sul primo cd si possono fare subito tutti.
Prima di spiegare la teoria, voglio fartelo sperimentare e trovare la tua meta.

Reiki e Visualizzazione

II. MEDITAZIONI INTRODUTTIVE


1. Visualizzare un desiderio
Farlo col CD, doppo aver iniziato con un breve autotrattamento di Reiki.
Chiudi gli occhi e immagina di stare in un bellissimo giardino. Guarda i colori, guarda quei
bellissimi fiori, sentine il profumo
Cammina un poco in quel bel giardino forse ci sono alberi da frutto, o fragole nellerba
Se vuoi, puoi cogliere un frutto e sederti in un bel posto per mangiarlo...
E immergiti ancora un po in questa bella natura, che fa crescere tutto per nutrirti
Immagina ora che dal tuo coccige sei unito alla terra come con un cordone ombelicale che ti
unisce alla sua energia nutritiva. Puoi sentire come inspiri questenergia nutritiva della Madre
Terra attraverso questo cordone e dal tuo coccige sale nella colonna vertebrale, vertebra per
vertebra. Inspira quellenergia nutritiva, ce n per tutti, e senti come sale, vertebra per vertebra
fino ad arrivare alla testa. E mentre questenergia nutritiva continua a entrare in te e sale nel
tuo corpo
ecco, guarda, comincia a piovere, una pioggia calda, molto gradevole, che cade sul tuo capo
ed entra, dal capo, dalle spalle e pulisce tutto il tuo corpo; una pioggia purificatrice che
attraversa il tuo corpo per finire poi nella terra.
Ascoltala per un po senti come questa pioggia purifica il tuo corpo
E chiediti ora cosa ti ha portato ad aprire questo libro o ascoltare questa registrazione

Avevi qualche speranza?


Qualche desiderio per te?
Cosa vorresti cambiasse nella tua vita?
Cosa vorresti di diverso?
Come ti piacerebbe divenisse?
Come potresti essere pi te stesso?

Lasciati tutto il tempo per scegliere un desiderio, per trovare una meta
E quando sai cos che ti piacerebbe cambiasse, fa venire unimmagine, unimmagine che
mostra come sar differente dopo e fa diventare questa immagine molto chiara, molto
colorata.
E quando lavrai vista sufficientemente da farne un disegno, esci dalla visualizzazione,
muovendo i piedi e le mani, facendo un grande respiro, stirandoti come quando al mattino ti
risvegli, ti alzi, e poi fa il disegno che hai visto, con i colori e scrivi cosa desideri in un diario.

Ti consiglio di mettere questo disegno in un posto dove lo vedi tutti i giorni, per ricordarlo al tuo
inconscio, cos che il tuo inconscio trovi un cammino per arrivarci, anche senza che tu ti renda
conto di come fa per giungervi.

2. Trovare la meta dellanima


Siediti, senti come sei comodo, appoggia i piedi per terra e senti come sono sostenuti dalla
terra, senti come tu sei sostenuto dalla terra, questa terra che ci nutre, che fa crescere tutto per
noi, la Madre Terra. Entra in contatto e immagina di avere tanti piccoli radici, come un albero,
7

Reiki e Visualizzazione

per poter assimilare il nutrimento, e fa salire questenergia nutritiva attraverso i piedi, le gambe,
il tronco, le braccia, il collo, su su fino alla testa. Ce n tanta, di questa energia nutritiva,
continua a salire dai piedi automaticamente al inspirare, mentre dal tuo capo, dal chakra di
corona, puoi salire fino a un punto in alto, molto in alto, dove tutti siamo uniti, dove possiamo
entrare in contatto con una energia pi alta, con una Intelligenza superiore e chiedere aiuto.
E puoi immaginare di prendere questenergia col simbolo di luce e riempire tutta la tua testa, il
collo, le spalle, le braccia e il tronco, le gambe e i piedi.
Disegna adesso il Cho Ku Rei davanti e dietro di te, come simbolo per entrare ancora pi in
contatto con lenergia universale, con questa Intelligenza superiore, e fa penetrare il Cho Ku Rei
nei nel tuo corpo e fallo diventare molto grande per riempire tutto il tuo corpo.
Disegna adesso il Sei He Ki davanti e dietro di te. La traduzione che mi piace di pi ritrovare
lo stato dellanima originario. Fa anche penetrare il Sei He Ki in tutto il tuo corpo e riempi di lui
ogni cellula chiedendo di ritrovare sempre di pi la meta dellanima originaria, di ritrovare i tuoi
potenziali cos da poter essere libero da tutte le restrizioni che ti sei fatto con i messaggi di
base negativi formatisi nellinfanzia, come risposta a traumi, per essere accettato e amato.
Chiedi di ritrovare la meta della tua anima.
Disegna ora lHon Sha Ze Sho Nen per entrare in contatto con i tuoi potenziali e vedere la tua
meta. Chiedi di vedere unimmagine.
E chiedi di vedere il prossimo passo da fare in questa direzione.
Lascia diventare limmagine molto chiara e colorata e disegna il Cho Ku Rei per dargli pi
forza.
Come sar differente la tua vita quando si sar compiuto il tuo desiderio o quando sarai
arrivato alla tua meta dellanima?...
Chiedi di vedere unimmagine...
E lasciala diventare molto chiara e colorata...
Disegnaci il Cho Ku Rei per dargli pi forza...
Forse ci sono anche parole che accompagnano limmagine...

3. Ancorare la meta in tutto il corpo


Guarda ancora questimmagine di come sar differente la tua vita quando si sar compiuto il
tuo desiderio o quando sarai arrivato alla tua meta dellanima.
Forse ci sono anche parole che accompagnano limmagine
Fa adesso un trattamento completo di Reiki e fa entrare limmagine nel tuo corpo, cos che ogni
cellula sia impregnata dellimmagine e ascolta le parole, se ci sono.
Ogni volta che muovi le mani, disegna mentalmente il Sei He Ki e il Cho Ku Rei e visualizza
limmagine in questa parte del corpo, di modo che si possa manifestare pi rapidamente nella
tua vita..

Reiki e Visualizzazione

4. La Fata
Inizia con un breve auto-trattamento di Reiki
E adesso puoi lasciare apparire una Fata.
La mia Fata ha un lungo vestito di seta, un lungo cappello con un velo; ha una bacchetta
magica e mi guarda con molta dolcezza. E la tua Fata com? Come ti guarda? Adesso la Fata
ti dice Esprimi un desiderio. Tu sai che le fate possono realizzare tutti i desideri. Non solo
possono donare cose materiali, ma possono donare anche delle capacit, dei talenti per te e
per altre persone. Cos possono cambiare le persone. Ora rifletti bene, hai sicuramente molti
desideri, quale vorresti realizzare? Quale talento, quale dono, cosa desideri ricevere?
E quando sai quale desiderio vorresti realizzare, dillo alla Fata. D esattamente cosa desideri
perch solo cos pu darti ci che desideri.
Quando gli hai detto chiaramente ci che desideri, lei ti risponde: E ora ti porto nel futuro. Il
tuo desiderio si realizzato. Ora guarda bene: come ? cambiato qualcosa? Come sei
diverso? Sono cambiate altre persone? Guarda bene E come ti senti adesso che il tuo
desiderio si realizzato? Va bene ci che hai desiderato? Quando lo sai, torna con la Fata al
momento in cui hai espresso il tuo desiderio. Lei ti domanda: Va bene il desiderio che volevi
vedere realizzato?. Se la risposta negativa, rifletti di nuovo e formula il tuo nuovo
desiderio.
E adesso la Fata ti dice: Sai che le fate hanno differenti modi di realizzare i desideri. Osserva
nei prossimi giorni, settimane, mesi, come realizzer il tuo desiderio. Potrebbe essere molto
rapidamente o molto lentamente, questo non te lo dir. Cerca comunque di vederlo e scoprirlo.
La Fata ti guarda ora con dolcezza e lentamente se ne va.
In caso che tu abbia una mentalit scientifica, forse desideri chiamare la Fata inconscio, il
quale ha ricevuto limmagine del tuo obiettivo e far di tutto per trasferirlo nella tua realt senza
che tu ti accorga di come lo fa. Nel caso in cui tu sia credente forse preferiresti dare alla fata il
nome di Dio o Il Divino in me, Forza Superiore o Intelligenza Superiore.
Quando sai che la Fata, linconscio, lintelligenza superiore, il S superiore, Dio ha sentito il tuo
desiderio e far di tutto per trasferirlo nella tua realt, puoi lentamente ritornare qui, muovendo
le braccia e i piedi, facendo un grande respiro, stirandoti come al risveglio mattutino; apri gli
occhi e scrivi nel tuo diario quello che hai chiesto alla Fata e fa un disegno della tua Fata.

Esprimere un desiderio alla Fata un esercizio per trovare la nostra meta segreta, perch
possono uscire desideri che non osiamo immaginare, desideri che pensiamo assolutamente
impossibili da realizzare per noi.
Immaginando la Fata, possiamo far rinascere la fiducia che possibile fare miracoli, che
possibile cambiare i nostri messaggi di base (come, per esempio, nessuno mi vuole bene, o
sono stupido, non mi danno mai quello che voglio, non sono ascoltato) che si sono formati
nella nostra infanzia.
Se vuoi rinforzare limmagine e ancorarla ancora di pi, puoi unire un trattamento completo di
Reiki e far penetrare limmagine in tutto il tuo corpo, come abbiamo fatto con la meta
dellanima, in modo che ogni cellula sia impregnata. Ogni volta che muovi le mani, disegna
mentalmente il Sei He Ki, puoi far penetrare limmagine in quella zona e rinforzarla disegnando
il Cho Ku Rei.
9

Reiki e Visualizzazione

10

III. BASE TEORICA


1. Il corpo mi chiama Unit di corpo, mente, anima
Non solo la base della nuova psicologia transpersonale, ma stata da sempre la sapienza di
tante antiche culture, filosofie, religioni e sistemi medici, come per esempio lagopuntura cinese
e la medicina ayurvedica dellIndia ed anche la filosofia del Reiki: Luomo ununit tra
corpo, mente e spirito.
Negli ultimi secoli questa sapienza caduta nelloblio, anche se in alcune vecchie palestre si pu
ancora vedere scritto: mens sana in corpore sano.
Nel 1930, il primo terapista corporeo moderno, W. Reich, ideatore della terapia corporea
analitica e allievo di Freud, riscopr questa sapienza e disse che tutta la nostra storia personale
con tutti i traumi registrata nel nostro corpo.

Esperimento paura
Fai ora questo esercizio per sperimentare lunit di corpo/mente/spirito:
Ricordati di qualcosa che ti ha fatto paura...
Rivivilo di nuovo
guardalo molto chiaramente davanti a te e ascolta come ti senti...
e ora percepisci il tuo corpo...
Sii consapevole delleffetto che questa emozione ha sul tuo corpo
come senti questa paura in qualche parte del tuo corpo?...
come la senti?...
Descrivilo in parole...

Forse senti un nodo alla gola, oppure il tuo stomaco si contrae, oppure le tue spalle si alzano.
Se per esempio quando abbiamo avuto paura alziamo sempre le spalle, con il tempo rimangono
alzate per proteggerci e si viene a creare una tensione muscolare, unarmatura muscolare come la
chiam Reich.

10

Reiki e Visualizzazione

11

ENERGIA

Luomo ununit tra corpo, mente e spirito.

Ci che li unisce lenergia.


Prima di parlare dellenergia Reiki, vi voglio parlare di due sistemi energetici che sono collegati
uno con laltro.

I chakra indiani e
I corpi energetici

a) Sistema dei Chakra degli antichi indiani


Secondo lantica tradizione dellIndia, siamo sani fisicamente e psichicamente contenti se
lenergia corre armoniosamente in tutto il nostro corpo.
Gli Indiani conoscono 7 centri energetici principali, i Chakra (ruote, come si traduce dal
sanscrito), vortici energetici che aspirano lenergia dallUniverso e la portano in tutto il corpo. I
diversi Chakra erano visti come passi del nostro sviluppo, la nostra crescita.
Mi sono resa conto che possiamo collegare lo sviluppo dei Chakra con le diverse fasi di
sviluppo infantile come le vede la psicologia occidentale. Lavorando coi Chakra i passi che
non si sono potuti compiere da bambino, si possono imparare pi rapidamente, come vedremo
pi avanti.
11

Reiki e Visualizzazione

12

(Disegno tratto da B. Brennan, Mani di luce): i sette chakra maggiori nei loro aspetti anteriori
e posteriori

Per sentire la qualit di questa energia fai il seguente esercizio proposto da Fritz Smith,
originatore della terapia corporea chiamata Zero Balancing nel suo libro Inner Bridges:
Immagina di stare in un bosco con tanti pini alti...
Chiudi gli occhi e senti...
Come ti senti?...
Dillo in parole...
unenergia che collega il sopra con il sotto, ci d una sensazione di collegamento con la terra e
luniverso, una sensazione dunit, una esperienza spirituale.

12

Reiki e Visualizzazione

13

Fritz Smith spiega la formazione dei Chakra, centri energetici che girano (Chakra = ruota in
sanscrito, indiano antico) nel seguente modo: come quando in un fiume si creano dei vortici dove
c una curva, cos in tutte le parti corporee rotonde si creano dei vortici energetici dallenergia
che dallalto scende verso il basso, creando i Chakra.

(Disegno tratto da Fritz Smith: Inner Bridges: i 7 chakra principali)


13

Reiki e Visualizzazione

14

Mi sono resa conto che anche i chakra possono essere messi in relazione alle fasi di sviluppo
psicologico e vedremo nel secondo volume della serie Rinascere dal cuore, Guarire il Bambino
interiore ferito attraverso i chakra che i passi dello sviluppo che non abbiamo potuto fare
nellinfanzia si possono recuperare lavorando coi chakra. Faremo degli esercizi energetici
psicocorporei coi chakra.
Se hai voglia di fare subito un esercizio per sperimentare i chakra, eccolo.

Esercizio energetico con i chakra e il Reiki


Se vuoi trovare lenergia dei chakra, fai questo esercizio registrandolo prima su unaudiocassetta.
Metti il palmo di una mano sul chakra di base e disegna mentalmente il Cho Ku Rei o il tuo
simbolo personal: puoi mettere il centro della tua mano sullosso pubico e ascoltare cosa senti;
c gente che sente come una pulsazione, o caldo, o un formicolio sul palmo
E laltra mano la puoi mettere allapice del capo, sul settimo chakra. Guarda se puoi poggiare la
mano o se stai meglio allontanando un poco la mano e disegna il Cho Ku Rei E senti
entrambi i chakra
Forse puoi anche sentire il loro collegamento, lungo la colonna vertebrale, e sentilo per un
paio di minuti,
Ora sposta le mani, una la metti sul secondo chakra, col palmo della mano sotto lombelico
cosicch la parte superiore lo sfiori e laltra mano la poni sulla fronte, sul chakra del Terzo
Occhio e disegna il Cho Ku Rei. Metti il centro della mano proprio sopra e ascolta di nuovo la
sensazione: se una pulsazione, calore, e se percepisci una mano pi che laltra; e ascolta
se senti il collegamento lungo la colonna vertebrale tra i due chakra. Lascia le mani nella
posizione ancora un paio di minuti
Sposta adesso, ancora una volta, le mani: una sul terzo chakra, 2-3 centimetri sopra
lombelico, e laltra sul collo e disegna mentalmente il Cho Ku Rei. E ascolta nuovamente cosa
senti, se la stessa sensazione nelle due mani, senti se c il collegamento lungo la
colonna vertebrale, e lascia ancora due minuti le mani su quei chakra.
Ora metti le due mani sul chakra del cuore, tra i due capezzoli e disegna il Cho Ku Rei, e
ascolta ancora la sensazione, per un paio di minuti.

14

Reiki e Visualizzazione

15

b) I corpi energetici
Secondo B. A. Brennan abbiamo 7 corpi energetici che si compenetrano e ognuno un po pi
grande del precedente e del corpo fisico. Per questo sono stati chiamati anche aura. Ogni
strato ha un aspetto differente e ogni strato ha la sua propria funzione.
Il primo corpo dopo il corpo fisico il corpo eterico, o corpo vitale, come lo chiamano i medici
tedeschi Banis che hanno inventato nel 1998 un apparecchio per misurare lenergia dei differenti
corpi energetici; quel corpo sta molto in connessione con il corpo fisico e i sentimenti fisici. Qui
si trovano anche, secondo molti autori, i meridiani che in unautopsia non possono essere trovati
in un corpo fisico.
Ogni corpo corrisponde a un chakra, guardandolo in modo semplificato, anche se ogni chakra
attraversa tutti i corpi energetici e armonizza lenergia tra di loro.
Il corpo eterico in connessione con il primo chakra, il chakra di base.
Il corpo emozionale corrisponde al secondo chakra.
Nel corpo emozionale vengono conservate tutte le nostre emozioni negative ripetute (racket
feeling, come le chiama lanalisi transazionale), cio tutte le nostre emozioni negative che si
ripetono spesso e che si sono create dai traumi dellinfanzia, come per esempio sentirsi soli o
sentirsi in colpa.
Il corpo mentale corrisponde al terzo chakra. Nel corpo mentale vengono ricordati tutti i nostri
messaggi base, cio tutte quelle conclusioni che abbiamo preso dalle esperienze dellinfanzia,
come per esempio: sono stupido, nessuno mi ama, ecc. che influiscono sul nostro
comportamento in un modo tale che questa credenza ci viene ripetutamente confermata.
Il quarto corpo, che corrisponde al chakra del cuore, stato chiamato corpo astrale o anche
corpo spirituale. in questo livello, che amiamo noi stessi, il nostro compagno, ma anche tutta
lumanit.
Secondo Barbara Brennan il quinto corpo, che corrisponde al chakra del
collo, il luogo dove ci uniamo a una volont pi alta, alla volont divina.
Il sesto corpo, che corrisponde al Terzo Occhio, , secondo Barbara Brennan, il posto
dellamore celeste, che vede tutto quello che vive come una manifestazione divina.
Il settimo corpo, che in connessione col chakra di Corona, il livello della consapevolezza
della nostra unione spirituale.
Come abbiamo visto, c un luogo specifico nei nostri corpi energetici - che compenetrano il
nostro corpo e quindi sembrano essere nel nostro corpo fisico -, un luogo per i sentimenti fisici,
le emozioni, i pensieri e i ricordi.

15

Reiki e Visualizzazione

Disegno tratto da B. Brennan, Mani di Luce: Il sistema dei sette strati del corpo aurico
16

16

Reiki e Visualizzazione

17

Purificare i campi energetici

Se vuoi fare un esercizio per portare in tutti i tuoi corpi energetici della tua aura un campo pi
forte, pi armonico e organizzato per purificare il tuo campo energetico, puoi fare il prossimo
esercizio, che aiuta a curarci e sentirci pi soddisfatti.
La fisica e veggente Barbara Brennan vede e disegna il corpo eterico, mentale e spirituale
strutturati, con linee blu per il corpo eterico (collegato al primo chakra) e il corpo spirituale
(collegato al chakra del collo) e con linee gialle per il corpo mentale (collegato al terzo chakra)
e il corpo spirituale (collegato al chakra di corona).
cos che io mi spiego leffetto curativo cos potente del lavoro dei raggi paralleli, perch pu
riorganizzare, ristrutturare i corpi energetici che sono stati disorganizzati dai nostri problemi e
dal nostro stress. Per questo raccomando di fare un semplice esercizio di respiro parallelo ogni
sera.
Questo esercizio di per se stesso molto curativo. Nel mio libro Rinascere dal cuore, nel
capitolo Lavoro coi simboli aggiungiamo al lavoro sui corpi energetici coi raggi di luce un
lavoro di visualizzazione. In connessione con visualizzazioni che nascono da un sintomo,
17

Reiki e Visualizzazione

18

sogno o problema, divengono esercizi molto potenti che come in una terapia segreta aiutano a
fare grandi cambiamenti.
Invece di lavorare coi simboli del Reiki come in questo libro, presento un lavoro energetico
psico-corporeo col respiro parallelo.
Da quando ho cominciato a lavorare con i miei pazienti con questi esercizi, ci siamo stupiti
entrambi dei cambiamenti che ne nascevano, senza che n loro n io sapessimo il perch e senza
dover tornare ai traumi dolorosi dellinfanzia.
Puoi sperimentare subito un esercizio sui corpi energetici.

Purificare i campi energetici e trovare un simbolo personale

Immagina di inspirare attraverso i piedi e fa salire quel respiro in molti canali paralleli attraverso
le gambe, il bacino, il tronco, le braccia, il collo e fa uscire il respiro attraverso il capo. Inspira
nuovamente dal capo e attraverso le spalle fa scendere il respiro in molti canali paralleli
attraverso il corpo fino a farlo uscire dai piedi. Continua a farlo ora inspirando dai piedi e
facendo salire il respiro nellinspirazione e nellespirare fa scendere il respiro. Se
preferisci, puoi anche sederti e continua a far passare i raggi di luce, o il respiro parallelo,
attraverso il tuo corpo, a modo tuo, inspiri espiri e senti come passano quei raggi di luce
attraverso il tuo corpo fisico (fallo per due minuti) inspiri espiri, inspiri espiri e senti
come passano i raggi energetici.
Alla prossima inspirazione, inspira raggi di luce blu e falli passare attraverso il corpo eterico
(il corpo vitale), quel corpo che si trova circa 5 centimetri esternamente al corpo fisico, ma che
anche lo compenetra.
18

Reiki e Visualizzazione

19

Inspira raggi blu ed espira raggi blu.


Inspira espira lascia passare quei raggi blu in molte linee parallele (Fallo per due minuti)
Alla prossima inspirazione, inspira raggi di luce di molti colori, i colori dellarcobaleno,
attraverso il tuo corpo emozionale, che si trova ancora un poco pi esterno, circa 7 cm, ma
compenetra il corpo fisico e il corpo vitale. Forse senti la tua emozione attuale
Inspiri raggi multicolori espiri raggi multicolori...
Mentre lo fai, ascolta le emozioni che senti in questo momento e inspira raggi di molti colori
ed espira attraverso la tua emozione. (Fallo per due minuti)
Alla prossima inspirazione, inspiri raggi di luce gialla attraverso il corpo mentale, che
ancora un poco pi esterno (circa 15 cm), ma che compenetra il corpo fisico, il vitale e
lemozionale. Inspiri raggi gialli espiri raggi gialli... Inspiri raggi gialli espiri raggi gialli
E forse ci sono dei pensieri: fa passare i raggi gialli attraverso i tuoi pensieri
(Fallo per due minuti)
Alla prossima inspirazione, inspira raggi di luce di molti colori e falli passare attraverso il
primo corpo spirituale, il corpo astrale, come lo chiama Barbara Brennan, che collegato con il
chakra del cuore, ancora pi esterno (circa 20 cm) e che compenetra tutti gli altri corpi. E senti
sempre di pi quell'Amore universale.
Inspira raggi multicolori ed espira Inspira ed espira, e senti quellAmore. (Fallo per due
minuti)
Alla prossima inspirazione, inspiri raggi di luce blu attraverso il prossimo corpo spirituale, che
collegato col chakra del collo ed ancora pi esterno (circa 50 cm) e compenetra tutti gli altri
corpi. Inspiri raggi blu... espiri raggi blu inspiri espiri (Fallo per due minuti)
Alla prossima inspirazione, inspira raggi di luce multicolore, dellarcobaleno, attraverso il
prossimo corpo spirituale, il corpo celestiale, collegato col chakra del terzo occhio, che si trova
a circa 70 cm dal nostro corpo fisico, ma lo compenetra.
Inspiri raggi multicolori ed espiri e senti lamore incondizionato e guarda la luce e lamore in
ogni cosa esistente. Inspiri espiri
Alla prossima inspirazione, inspira raggi di luce doro, come fili doro, e falli passare a circa un
metro da te, compenetrando anche te, fallo passare attraverso il prossimo corpo spirituale, il
corpo causale, collegato col chakra di corona e senti come sei in contatto con unIntelligenza
superiore senti come sei Uno
Inspiri i raggi doro e senti latmosfera di questo corpo spirituale. (Fallo per due minuti)
E senti latmosfera di questo corpo spirituale,
e chiedi di ricevere un simbolo, un simbolo che ti potr ricordare quel corpo spirituale, quel
contatto, questa unione con lIntelligenza superiore, quel sentimento di amore universale
Quel simbolo pu essere un cerchio, una croce, un fiore, o qualsiasi cosa
Ricevi il simbolo nelle tue mani
E metti adesso le tue mani sulla testa, facendo penetrare il tuo simbolo,

e metti le mani sul tuo collo facendo penetrare il tuo simbolo attraverso il collo
e metti le mani le mani e il simbolo nelle spalle
il tronco dove ne hai bisogno,
19

Reiki e Visualizzazione

20

la schiena
le gambe

i piedi
E puoi spegnere il registratore mettendo le mani in tutti i posti del tuo corpo dove senti tensione
o necessit di guarigione, disegnando mentalmente il tuo simbolo personale ogni volta che
sposti le mani.

c) Lenergia Reiki
Reiki in giapponese vuol dire energia universale. Hawayo Takata, che ha portato il Reiki nel
Nord America, dice: Esiste unenergia enorme e senza fine. universale, la sua fonte ultima il
Creatore una forza senza limiti. la fonte dellenergia che fa crescere le piante, volare gli
uccelli una fonte eterna, una lunghezza donda di grande potenza che pu rivitalizzare,
restaurare larmonia.
I tre livelli del Reiki corrispondono a un processo evolutivo: il primo livello corrisponde al
piano fisico, il secondo al piano mentale, il terzo al piano spirituale. un preciso lavoro di
crescita.
Lenergia Reiki armonizza tanto il sistema energetico dei chakra che i corpi energetici. Il Cho
Ku Rei agisce specialmente sul corpo fisico, il Sei He Ki sul corpo mentale e su quello
emozionale; il Dai Ko Mio sul corpo spirituale.
Negli esercizi proposti utilizzeremo i simboli del Reiki 2 per lavorare con le visualizzazioni che
sono simboli dellanima. Utilizzeremo il Cho Ku Rei non solo per trattare i sintomi, ma per
rinforzare, per sentire di pi le tensioni o i dolori nel corpo, in modo da poterli descrivere.
Il Sei He Ki, il simbolo mentale (che stato tradotto anche con ritornare alle origini) lo
utilizzeremo per fare uscire unimmagine, unespresisone simbolica del problema che c sotto
il sintomo.
Per entrare in contatto con lalleato che il sintomo vorrebbe essere, disegnamo lHon Sha Ze
Sho Nen su questimmagine dopo averla posta fuori dal corpo, e in generale questa si trasforma
in unimmagine pi positiva, che la simbolizzazione di quellalleato che vuol essere il sintomo.
Utilizzeremo il Sei He Ki per guarire i messaggi di base negativi dellinfanzia, cercando
laffermazione appropriata, e mettendola in tutto il corpo.
LHon Sha Ze Sho Nen lo utilizzeremo per trovare e guarire il bambino interiore ferito.
Ogni volta che hai voglia di farti un trattamento energetico, puoi visualizzare il tuo simbolo
personale, che ti ricorder pi facilmente il tuo collegamento con lIntelligenza superiore, con
lenergia universale, e dopo aver fatto il respiro coi raggi di luce paralleli, potrai metterti le mani
sulle zone doloranti o su tutto il corpo, cos come si fa nei trattamenti Reiki.
Questo libro con esercizi di visualizzazione stato concepito per lavorare con i simboli di Reiki
2, ma chi non stato iniziato al Reiki 2 o neppure al Reiki 1, pu fare gli esercizi di
visualizzazione utilizzando invece dei simboli di Reiki 2 un suo simbolo personale, per ricordare
il suo collegamento con lIntelligenza superiore.

20

Reiki e Visualizzazione

21

Reiki e campi energetici

Immagina che qualcuno disegni un grande Cho Ku Rei sulle tue spalle. Guardalo e
sentilo e fallo penetrare nel tuo corpo
e riempi poi tutte le tue cellule di questa energia universale; fa penetrare il Cho Ku Rei nella
testa, nelle spalle, le braccia e le mani, il tronco, le gambe e i piedi
E immagina che di nuovo qualcuno disegni un grande Cho Ku Rei un poco al di fuori delle tue
spalle, circa cinque centimetri pi fuori, sul tuo corpo eterico, il corpo vitale e fa penetrare
lenergia universale col Cho Ku Rei in tutto il tuo corpo vitale, che sta un poco fuori rispetto al
tuo corpo fisico, ma lo compenetra; e fa penetrare il Cho Ku Rei in tutti i tuoi sentimenti fisici
E immagina adesso che qualcuno disegni il Sei He Ki un po al di fuori delle tue spalle, 3-8
centimetri, sul tuo corpo emozionale
e fa penetrare lenergia universale in tutto il corpo emozionale che sta ancora un poco pi fuori
del tuo corpo fisico, ma che compenetra sia il corpo fisico, sia il corpo vitale.
Fa penetrare il Sei He Ki in tutte le tue emozioni. Se ne hai in questo momento, fa penetrare il
sei He Ki in questa emozione, ma anche in tutte le vecchie emozioni ricordate nel corpo
emotivo, che inconsciamente ti impediscono di crescere
E immagina adesso che qualcuno disegni il Sei He Ki ancora un po al di fuori delle tue spalle,
da 8 a 20 centimetri, nel tuo corpo mentale
E fa penetrare lenergia universale con il Sei He Ki in tutto il tuo corpo mentale, che sta ancora
un poco pi al di fuori del tuo corpo fisico, ma lo compenetra, come compenetra anche il corpo
vitale e quello emotivo.
Fa entrare il Sei He Ki in tutti i tuoi pensieri, tutti i vecchi pensieri ricordati nel corpo mentale,
tutti i vecchi messaggi base che ti impediscono inconsciamente di crescere
Se in questo momento ti viene un pensiero, disegnaci il Sei He Ki per riempirlo di energia
universale curativa
E immagina adesso che qualcuno disegni lHon Sha Ze Sho Nen ancora un poco pi fuori dalle
tue spalle, 15 o pi centimetri al di fuori, sul tuo corpo spirituale, che al di fuori degli altri
corpi energetici, ma li compenetra: il corpo mentale, il corpo emozionale, il corpo vitale e il corpo
fisico.
E fa penetrare lHon Sha Ze Sho Nen e fa che ti faccia sentire il tuo collegamento con
lenergia universale che ti faccia sentire il tuo corpo spirituale, che ti fa trovare lamore
universale che l.
Lasciati tutto il tempo per stare l.

21

Reiki e Visualizzazione

22

PROCESSO DI CRESCITA
Sintomo
Durante tutta la nostra vita siamo coinvolti in un processo di sviluppo. Per quanto riguarda il
corpo per tutti chiaro che ci troviamo in un continuo processo di crescita. Ci sviluppiamo da un
ovulo fecondato in un neonato, in un bambino, in un adulto e infine invecchiamo. Ci si svolge
secondo un programma contenuto nellembrione e dopo in tutte le cellule, il DNA - come lo
chiama la scienza -, in modo che da esso si sviluppi un determinato colore di capelli e occhi, una
determinata forma corporea e altezza.
Ma del fatto che tale programma di sviluppo esista anche a un livello interiore/superiore, a
un livello psichico e spirituale siamo meno consapevoli. Ma esiste un modo ben preciso di
vivere che corrisponde a noi personalmente che ci riempie, ci soddisfa e ci rende felici: ci che
possiamo chiamare il DNA psico-mentale, questa intelligenza interiore che ci spinge a
divenire noi stessi, che vuole farci tornare al nostro cammino originario, avvertendoci attraverso
sintomi e sogni quando questo processo psico-mentale si fermato, bloccato. il momento in
cui il nostro corpo che sogna ci avverte attraverso sogni e sintomi corporei, che qualcosa nel
nostro modo di vivere non corrisponde ai bisogni del nostro vero Essere e che questo qualche
cosa deve essere cambiato.
Quando ci allontaniamo dalla nostra via pensiamo spesso che sia lambiente in cui viviamo, la
famiglia, la societ, a impedirci di autorealizzarci. Quando per abbiamo visto e cambiato i
nostri messaggi base e i nostri modelli comportamentali limitanti che abbiamo assunto durante
linfanzia, ci rendiamo spesso conto con sorpresa che il nostro ambiente non ha niente contro i
nostri nuovi modelli comportamentali, quelli che ci corrispondono di pi.

Significato de un sintomo
Fai ora questo esercizio:
per quello che hai mangiato ieri?
lo interpreti come immagina di avere per esempio mal di stomaco. Che cosa fai:
prendi un farmaco contro il dolore o vai dal dottore o in farmacia per far passare questo dolore?
fai passare il dolore applicando qualche terapia alternativa: agopressione, omeopatia ecc...?
pensi sia la punizione un segnale che vuole dirti che qualcosa ti rimasto sullo stomaco; vuoi
sapere cosa ti vuole indicare, che cos che ti rimasto l e cosa potresti fare per cambiare
questa situazione?

La psicologia transpersonale, quanto la medicina cinese, crede che tutti i nostri sintomi
corporei vogliano comunicarci qualcosa, che hanno un ruolo dinformazione, che vogliono
farci notare che qualcosa nella nostra vita non come dovrebbe essere, che qualcosa deve
cambiare per farci diventare quello che siamo veramente e per essere pi felici.
22

Reiki e Visualizzazione

23

Detlefson fa lesempio della macchina nella quale il segnale che indica che non c pi olio
acceso. Si pu spegnere il segnale, ma la situazione non cambier molto perch nella macchina
mancher comunque lolio. Se non aggiungo lolio, la macchina rischia di non funzionare pi.
Allo stesso modo, la psicologia transpersonale vede ogni singolo sintomo come un segnale
dallarme che indica che qualcosa dovrebbe cambiare.
Avevo, per esempio, i sintomi seguenti: ho perso la mia agenda tre volte consecutivamente e
questo tutte le volte che dovevo trovare i dati per organizzare nuovi corsi. La perdevo sempre per
una settimana, ma non era grave perch attacco sempre il programma della settimana alla porta
del frigorifero. Per me era chiaro che questa agenda persa mi voleva dire che mi dovevo caricare
un po meno di impegni di lavoro. Poich non ho seguito questo consiglio, lho persa una quarta
volta e non lho pi ritrovata... ci provoc un vero caos, tre mesi pi tardi mi ritrovai con due
pazienti contemporaneamente davanti alla mia porta. Ricevetti delle lettere che mi chiedevano
come mai non mi ero presentata a tale riunione. Siccome non volevo ancora capire, lanno
seguente presi una sinusite che per tre mesi non mi permise di lavorare pi di tre ore al giorno,
dopo di che avevo dei terribili mal di testa che mi dicevano chiaramente lavora di meno.
Quando non avevo pi il mal di testa dimenticai naturalmente il messaggio e di nuovo, un anno
pi tardi, mi procurai una commozione cerebrale durante gli ultimi 5 minuti di pattinaggio sul
ghiaccio dellultimo giorno di una settimana di vacanze. Di nuovo per tre mesi potei lavorare
solo tre ore al giorno, dopo di che di nuovo avevo mal di testa. Fui cos costretta, di nuovo, a
lavorare di meno. Ma siccome non volevo ancora ascoltare lanno seguente mi fratturai la
gamba.
un esempio tipico che ben mostra il carattere avvisatore di un sintomo. Pu cominciare tutto
semplicemente con una tosse. Se non faccio attenzione pu diventare una polmonite che mi
obbliga a stare a letto. Se continuo a voler ignorare lavvertimento, ci mi pu portare ad una
malattia ancora pi grave.
questa la visione della medicina cinese e della psicologia transpersonale. Facendo lo sforzo di
capire il messaggio e di cambiare la mia vita in maniera adeguata, il sintomo diventa superfluo e
sparisce.

Da dove viene questo sintomo?


Come pu essere che io sviluppo un tale sintomo?
Poniti questa domanda:
credi che esista unintelligenza superiore? Una specie di istanza superiore in te o al di fuori di te
che ti dirige e ti guida...?
E in caso tu lo creda, come la chiami...?
Pensaci e scrivilo, prima di continuare a leggere.
Io chiamo questa istanza....

La prima esperienza che ho fatto in psicologia in questo campo stata durante la mia formazione
in ipnosi secondo Erickson. Egli ci insegna che quando siamo sotto ipnosi, cio in uno stato di
profondo rilassamento, tutti i nostri sistemi di credenza, tutti i modelli comportamentali che
abbiamo imparato, vengono aboliti. Noi entriamo allora in contatto con il nostro subconscio che
sa meglio di noi stessi cosa sia meglio per noi. per questo che possiamo lasciarci guidare da
23

Reiki e Visualizzazione

24

esso. Quando i nostri limiti cadono in questo stato modificato di coscienza, il subconscio pu
scegliere tra le nostre facolt profonde e le nostre forze interiori ci che meglio per noi.
Successivamente ho capito che ci che Erickson chiama subconscio, questa guida interiore,
quello che:
gli umanisti (Rogers) chiamano il nucleo interiore al quale ci dobbiamo avvicinare al fine di
lasciarci guidare;

Jung e la psicologia transpersonale lo chiamano il S;


le religioni orientali il S Superiore;
la religione cristiana il Divino in noi, lo Spirito Santo o Dio;
la fisica moderna il campo e
Arny Mindell il corpo che sogna (dreambody).

Arny Mindell ha definito questa forza, questa intelligenza superiore il corpo che sogna perch
questa intelligenza superiore vuole comunicarci, tramite i sogni e i sintomi fisici, il prossimo
passo da fare nel nostro sviluppo, o quello che dovremmo cambiare nel nostro modo di vivere.

I canali di percezione
Questa forza superiore, questa intelligenza superiore ci spinge verso i nostri obiettivi inconsci, ci
spinge a divenire ununit, divenire noi stessi.

Lo fa tramite i sogni (canale visuale)


tramite sintomi corporei (nel canale propriocettivo)
con problemi col mio partner (nel canale di relazione)
tramite unamica che mi consiglia (canale uditivo)
Il messaggio del corpo che sogna (dreambody) mi pu arrivare da tutti questi canali diversi:
forse faccio prima un sogno (canale visuale): non capisco (= limite = resistenza),
24

Reiki e Visualizzazione

25

una mia amica mi rimprovera (canale uditivo): non ascolto (= limite),


mi vengono dei dolori allo stomaco (canale propriocettivo): non capisco (= limite),
mio marito mi tradisce (canale relazionale): incomincio a capire e cambiare qualcosa.
Il corpo che sogna mi far arrivare i suoi messaggi attraverso i diversi canali di percezione fin
quando capisco, cambio qualcosa e con ci faccio il passo seguente.
Arny Mindell, originatore della psicologia orientata al processo ha ripreso lidea dei canali di
percezione della Programmazione Neurolinguistica di Bandler e Grinder e lha estesa. Abbiamo
diversi mezzi per percepire il mondo che ci circonda. Quando incontriamo una persona la
vediamo, ascoltiamo (udiamo) quello che ci dice, quando le diamo la mano sentiamo proprio
com. Forse facciamo qualche passo insieme, ci muoviamo insieme. Quando siamo insieme
percepiamo ugualmente noi stessi in questa relazione, anche quando siamo con altre persone nel
gruppo.
I canali di percezione sono i seguenti:
canale visuale
=
canale uditivo
=
canale propriocettivo =
canale cinestesico
canale di relazione
canale del mondo

vedere
ascoltare
sentire il corpo
=
muovere
=

canali combinati

Aminah Raheem ha aggiunto altri due canali,

canale dei sentimenti, cio rabbia, tristezza, gioia


canale spirituale.

Alcune persone percepiscono il mondo principalmente tramite la vista, altri tramite ludito e altri
ancora tramite il tocco. Lidentit viene di solito percepita dal canale pi occupato, nella cultura
occidentale il canale pi occupato il canale visuale ed eventualmente anche il canale uditivo.
Se desideri sapere quale di questi canali per te il pi importante, poniti questa domanda:
come sai che ti sei svegliato? Senti la sveglia? Apri gli occhi per vedere la tua camera? Senti
la coperta?
O ancora domandati come impari meglio: leggendo un libro (canale visuale), o quando
qualcuno ti spiega (canale uditivo) o impari meglio vivendolo con il corpo (canale propriocettivo)
o vivendolo attraverso il movimento (canale cinestetico)?
Oppure domandati: come sai che sei amato: devi sentir dirti ti amo (canale uditivo) o lo sai
guardando negli occhi il tuo partner (canale visuale) o lo senti quando ti prende nelle sue
braccia (canale propriocettivo)?

Il canale col quale percepiamo pi spesso il canale pi appropriato per cominciare una terapia.
Questo canale ugualmente appropriato alla fine di una terapia per integrare il tutto.
Il canale che utilizziamo di meno, con il quale siamo meno abituati a percepire il mondo, il
canale che ci porta nella sfera dellinconscio, verso i nostri obiettivi inconsci, per divenire ci
25

Reiki e Visualizzazione

26

che siamo veramente, accettare ed integrare le parti del nostro essere che non conosciamo
(positive e negative). I canali relativamente poco utilizzati sono: il canale propriocettivo (sentire
il corpo) e il canale cinestetico (movimento). Per questo molto utile lavorare sul corpo (nel
canale propriocettivo poco occupato) con agopressione, shiatsu, reiki, o come lo facciamo qui
lavorando sullaura coi raggi di luce) o nel canale cinestetico, col movimento e la danzaterapia,
perch si va pi rapidamente al messaggio nuovo.
Se vogliamo scoprire dove vuole portarci il nostro corpo che sogna, in quale direzione va il
nostro sviluppo, abbiamo la possibilit di seguire un sintomo corporeo, un dolore, di concentrarci
su di esso, di sentirlo. E molte volte, quando lo facciamo, vediamo spontaneamente immagini
simboliche che gi ci possono portare a una guarigione, come vedremo nel capitolo sui simboli.

2. Come posso ascoltare visualizzando i simboli del


anima ?
Per capirne la teoria, pi avanti, comincia a sperimentarlo facendo la prossima visualizzazione.

Visualizzare un sintomo
Scegli un sintomo: forse hai in questo momento un dolore o ne hai avuto uno negli ultimi giorni
o nelle ultime settimane. Nel caso che tu non ne avessi, cerca nel tuo corpo una parte che attira
la tua attenzione, per esempio laddove senti una tensione...
Una volta che hai scelto il sintomo concentrati su di esso, sentilo. Disegnaci il Cho Ku Rei.
Come senti il sintomo?...
Come fai a sapere di avere questo sintomo?...
Cerca di descriverlo...
Com questa sensazione o questo dolore?
Tira, duro, pizzica (come un ago, come un pugnale), prude. un dolore sordo, caldo o freddo,
addormentato, impedisce il movimento, irrigidisce?...
Quando puoi descriverlo esattamente, scrivilo.
Metti la mano dove senti il sintomo e disegnaci poi il Sei He Ki
E senti di nuovo questo dolore o questa sensazione. Lascia che questa sensazione diventi un
po pi forte, sinch puoi sopportarlo; resta con questo dolore e vedi se appare unimmagine.
Prendi la prima immagine che si presenta anche se non ha nessun significato...
Lasciala diventare chiara e precisa e guardala bene,...
lasciala diventare come un film... continua a vedere quello che succede
Guarda questo film fino a quando arriva alla fine. (ferma la registrazione e lasciati tutto il tempo)

26

Reiki e Visualizzazione

27

Poi disegna una o pi scene che ti hanno impressionato di pi di questa visualizzazione e scrivi
la storia.
Puoi anche trovarti un amico, unamica a cui raccontare la storia come fosse una fiaba,
cominciando: cera una volta (iniziando dalla prima immagine).
Penso avrai visto qualche immagine di un film che ti appare senza senso e non capisci come
utilizzare il tuo sintomo; ancor meno comprendi qual il messaggio del tuo sintomo, cosa vuole
che tu cambi. Forse per te sar enigmatico come certi sogni la notte. Ma nel mio studio ho potuto
osservare molte volte come i miei pazienti, dopo una visualizzazione, specie se accompagnata da
forti emozioni, abbiano cambiato molte cose nella loro vita, senza che loro sapessero perch.
Vedremo nel capitolo sui simboli, come si pu spiegare questo. Mi piace questa terapia segreta
con la quale non necessario rivivere i traumi dolorosi del passato.

3. Come posso capire cosa vuole dirmi il sintomo


Con la tecnica per guarire il bambino interiore ferito nellinfanzia
Spesso i sintomi vogliono indicarci il prossimo passo che dobbiamo fare nella vita per poter
vivere sempre di pi nel modo in cui ci corrisponde e ci soddisfa.
Ma per fare questo prossimo passo, per farlo veramente dobbiamo a volte liberarci dai
messaggi base e modelli comportamentali limitanti perch quello che ci impedisce di essere
noi stessi la programmazione che abbiamo ricevuto da bambini.
Quando il bambino nasce, ancora naturale e aperto, aperto allamore, spontaneo, libero,
mostra i suoi sentimenti quali quello damore, di collera, di paura; egli creativo e pronto ad
aiutare, pronto a divenire un membro utile della societ.
John Bradshaw lo chiama il bambino meraviglioso, il bambino che ancora capace di
meravigliarsi e di gioire. il bambino che ancora sa dov la propria origine e che, come dice
Aminah Raheem, vicino alla sua anima.
Questo bambino verr per influenzato nel tempo da esperienze traumatiche. Ad esempio: il
bambino nel suo letto, i genitori sono usciti o non lo sentono. Il bambino piange, piange,
piange... ma nessuno lo sente e lui ha paura di stare al buio. Dopo un po, stanco, smette di
piangere e si addormenta. Questo succede anche il giorno seguente ed il giorno successivo
ancora... ed egli comincia a pensare: Non sono importante, nessuno si occupa di me, sono solo,
nessuno mi ama.
Si viene cos a creare una ferita importante e la convinzione, la credenza, o il messaggio di base
non sono importante e non sono amato, accompagnato dal sentimento di solitudine. Questa
conclusione logica, appresa dallespe-rienza traumatica che il bambino ha vissuto, lo
accompagner per tutta la vita. Questa credenza: Non sono importante, nessuno mi ama,
nessuno si preoccupa di me, posso piangere quanto voglio tanto non viene nessuno influenzer
il suo comportamento futuro. Il bambino pi grande ed anche ladulto si dir: non serve a niente
far conoscere i miei bisogni, non interessano comunque a nessuno, nessuno mi dar quello di cui
ho bisogno. E poich questa persona non mostrer mai i suoi bisogni, gli altri non potranno
27

Reiki e Visualizzazione

28

conoscerli e la credenza di nuovo giustificata: non mi danno mai quello di cui ho bisogno, non
sono importante.
Esperienza
negativa:
Per esempio:
bambino di tre mesi
piange e nessuno viene

Conclusione
logica:

= immagine di me stesso
= messaggio base
non sono importante, nessuno mi
ama, i miei bisogni non vengono
comunque soddisfatti, non serve a
niente dire qualche cosa

Ci prova che ho ragione, che la
mia convinzione giusta

Atteggiamento:

Mi comporto come un topo


grigio.
Non faccio conoscere i miei
bisogni.

Reazione degli altri:


Non mi vedono

Noi terapisti corporei crediamo che questa ferita penetri nel corpo e nidifichi nelle cellule,
soprattutto nelle cellule muscolari o addirittura pi profondamente nelle cellule delle ossa o degli
organi interni o come abbiamo visto pi specificamente nel corpo mentale ed emozionale che
compenetrano il corpo fisico. Di conseguenza si pu guarire tramite una terapia corporea. In
questo caso quello che manca una madre che venda quando il bambino piange, e questo rimane
come un vuoto, una mancanza incisa nel corpo.
Esperienza traumatica
mancanza di una madre
affettuosa

Credenza (messaggio base):


Non sono importante.

Sentimento: solo e triste


Prendiamo il caso della mancanza di una madre affettuosa. Il trauma ha scavato un vuoto nel mio
corpo, un vuoto l dove mancava nel passato una madre affettuosa. Pu essere che in seguito la
madre sia stata presente ed affettuosa, ma il trauma pi forte ed il problema continua ad
esistere. Ci potrebbe essere accaduto allet di tre mesi, ma il sentimento non sono importante,
nessuno mi ama, posso piangere quanto voglio, tanto non viene nessuno sempre presente in
tutto il mio essere. Cos rimane la credenza, unintima credenza ovvero il messaggio di base. Ed
proprio in base ad esso che poi continuo a comportarmi. Dopo aver fatto lesperienza una volta
che piangere non serve a niente, penser di conseguenza che anche ci che dico non serve a
niente e con questo atteggiamento andr in giro nella vita come un piccolo topo grigio invisibile.
Questo atteggiamento e questa credenza sono ancorate nel mio corpo e fin quando non avr
rimpiazzato ci che manca, non mi liberer mai del trauma. Fin quando non avr trasformato
questa profonda credenza, continuer a non poter far conoscere i miei bisogni che pertanto non
verranno mai soddisfatti. Forse sono offesa perch mio marito, nonostante mi ami, non realizza
ci di cui ho bisogno che oltretutto si pu leggere chiaramente nel mio viso? Egli non intuisce
mai e quando glielo rinfaccio mi risponde sorpreso: ma tu non me lavevi detto! E cos non ho
detto niente perch un tempo imparai che non serve a niente dire ci di cui ho bisogno. E durante
tutta la mia vita i miei bisogni non saranno mai soddisfatti.
28

Reiki e Visualizzazione

29

In questo caso, dove mancata una madre affettuosa, utile ritornare nel passato, laddove
avvenuto il trauma e con limmaginazione ricreare la madre che mancata. Il nostro subconscio
non riesce a distinguere ci che realmente accaduto da ci invece che succede e si sente
nellimmaginazione. Cos si pu creare una madre affettuosa che riempie il vuoto nel
subconscio, ci cambier automaticamente il nostro messaggio di base (vedere Rinascere dal
cuore, il volume sullinfanzia).
A causa di questa ferita ho dovuto cercare dei metodi per farmi comunque notare ed ho forse
imparato che: Solo se sono brava e gentile posso essere amata e diventare importante. Oppure
essendo figlia maggiore potrei aver imparato: se mi occupo dei miei fratelli e delle mie sorelle
minori, se faccio in modo che tutti stiano bene, se aiuto tutti quelli che mi stanno intorno, allora
mi noteranno e diverr importante (ma solo a questo prezzo!). Oppure come figlia minore potrei
aver imparato che quando sono gentile, non protesto mai, non domando niente, allora mi amano
veramente... e cos diverr un bambino adattato che non dice mai quello che vuole. Il bambino
adattato pensa solo se... mi amano.
anche possibile che il bambino diventi un bambino ribelle che ha imparato che: solo se mi
ribello mi notano. Questo succede spesso quando il bambino maggiore e il secondo sono dei
bambini bravi: il terzo, per attirare lattenzione su di s, fa sempre storie per andare a dormire,
fa dei dispetti alla sorella pi piccola, d dei calci agli animali, diventa in effetti impossibile.
Sar naturalmente punito, ma questa attenzione negativa comunque meglio di non avere
nessuna attenzione.
Fino allet di circa 6 anni abbiamo delle credenze magiche. Per esempio, se mia madre morta
quando avevo 3 anni e prima mi dicevano sempre non fare rumore perch tua madre malata,
non parlare cos forte, non fare cos rumore quando giochi e ho continuato a farlo, penser, con
le mie credenze magiche di 3 anni, che mia madre morta perch ho fatto troppo rumore e non
ho ubbidito. Di conseguenza ho tirato forse le conclusioni che pericoloso per coloro che amo
quando mi diverto, gioco e faccio rumore. E da adulto ogni volta che mi diverto mi sento
colpevole senza sapere il perch.
Il bambino piccolo ancora molto egocentrico, pensa egocentricamente e crede che i suoi
pensieri siano magici. Se per esempio a 3 anni perdo il posto del figlio prediletto e questo posto
lo prende mia sorella che nasce e mia madre si occupa solo di lei, possibile che io abbia voglia
di mandarla al diavolo (reazione normale per un bambino di 3 anni). Se succede che la sorellina
ha un incidente, che deve andare allospedale o che addirittura muore, sar convinto che sono i
miei pensieri cattivi che lhanno uccisa. Con la mia mente di 3 anni posso concludere: non
posso avere dei pensieri negativi, ancor meno dire qualcosa di negativo, non posso mostrare la
mia rabbia n sentire rabbia o gelosia, altrimenti succeder qualcosa di grave o qualcuno
morir.
Quando da adulto noto inibizioni dellaggressivit forse utile ritornare allesperienza
traumatica per spiegare al bambino di 3 anni che lui non responsabile dellincidente di sua
sorella, che normale essere gelosi, che giusto dire: hei, ci sono anchio! Come adulti
giusto provare rabbia, la rabbia che ci aiuta ad ottenere ci che vogliamo.
Questi ricordi traumatici vengono registrati nel corpo inizialmente come tensioni che col tempo
diventano dolore, portandoci infine dal medico o da un terapista corporeo.
Come si lavora con questi ricordi traumatici lo vedremo nel terzo volume della serie Rinascere
dal cuore, ma lavoreremo anche col Reiki e il bambino interiore nellultimo capitolo di questo
libro.

29

Reiki e Visualizzazione

30

4. Come posso guarire


Abbiamo visto con lesempio della paura, che i nostri ricordi traumatici sono registrati nel nostro
corpo, prima come tensioni, pi tardi come dolori cos che andiamo a trovare un medico o un
terapista corporeo.
Le ferite psichiche si trasmettono e sono registrate nel nostro corpo fisico come tensioni
muscolari (le corazze muscolari, come le chiama W. Reich) o ancora pi profondamente nelle
ossa o negli organi. Per questo possiamo anche lavorarci con un terapista corporeo.
Come terapisti Reiki possiamo utilizzare la terapia psicocorporea per trattare un sintomo:
a) con la visualizzazione in modo simbolico come descritto per il sintomo;
b) con la regressione al passato e la tecnica di curare il bambino ferito.

a) Con la visualizzazione
Parto dalla teoria che il nostro sviluppo sia programmato nel Dna, nella prima cellula, e che
questo coinvolga non solo la crescita fisica, ma anche lo sviluppo psico-mentale. Quando mi
allontano da me stesso, un sintomo me lo ricorder (un sintomo fisico o psichico, o un
problema relazionale). Mi vuole avvertire che c qualcosa nella mia vita non mi conviene. Il
sintomo vuol essere un amico, un alleato.
Il prossimo capitolo tratta di come quando visualizziamo un sintomo o un problema
limmagine simbolica di questo si trasformi in qualcosa di positivo. Questo dimostra come
diviene un amico, nellalleato che vorrebbe essere. Quel cambio nellimmagine provoca come
in una terapia segreta anche un cambio nella vita quotidiana.

b) Curare il bambino ferito


In molte occasioni sufficiente lavorare con la visualizzazione, con immagini dellanima,
come se fosse una terapia segreta. Ma qualche volta necessario, e spesso succede
spontaneamente, ritornare alle ferite originarie del piccolo bambino, ritornare al trauma chiave,
quando sono nati i nostri messaggi base con un comportamento che voleva ottenere la massima
attenzione, il massimo amore, ma che ora, da adulto, non servono pi o ci condizionano.
molto efficace tornare al piccolo bambino ferito e cambiare la situazione nella visualizzazione
per introdurre nellinconscio qualcosa di nuovo, una madre affettuosa che mancava allora, per
esempio.
Troverai molte visualizzazioni col bambino ferito alla fine di questo libro nel capitolo Guarire il
bambino ferito interiore, Svegliare le qualit non sviluppate tra i chakra. Ma per avere una
piccola idea di cosa si tratta, fai adesso questa meditazione.
Stenditi comodo e lasciati il tempo necessario per tornare con i tuoi ricordi indietro fino alla tua
infanzia, fino a quando i tuoi ricordi ti mostrano il bambino piccolo e gli chiedi di mostrarti una
30

Reiki e Visualizzazione

31

ferita che non ancora guarita. Lascia che compaia unimmagine, un ricordo... e guarda bene
quel immagine. Osserva cosa era successo, ascolta cosa fu detto. Guarda come si sente il
bambino e poi chiedigli di che cosa ha bisogno. Digli che laiuterai a ricevere tutto quello di cui
ha bisogno. Pu darsi che abbia bisogno dessere preso in braccio. Pu darsi che abbia
bisogno del tuo aiuto per ricevere quello che vuole avere, e che tu parli con i genitori o con altri,
che lo difendi o che chiedi agli altri di fare qualcosa per lui, che tu lo protegga e che ti batta in
suo favore. Prenditi tutto il tempo e utilizza tutta la tua creativit per dare al tuo bambino quello
che vuole...

Teoria
Lavorando col Reiki ci avvicineremo sempre pi a ricordi simili a quelli provati quando il
bambino si sentiva ferito. Freud e le terapie psicoanalitiche credevano che bastasse ricordare
tutto quanto era successo nellinfanzia, e di rivivere nuovamente i sentimenti perch ci si potesse
liberare di tutto (tramite questa catarsi / purificazione).
Aminah Raheem dice che non basta rivivere questi momenti terribili poich questesperienza
molte volte non fa altro che rafforzare il problema preesistente. Dove diamo la nostra energia
tutto diventa solo pi grande, come se di notte accendiamo una pila e vediamo solo dove la luce
pu arrivare. importante tornare indietro a questi momenti terribili, ma la cosa pi importante
non il rivivere il momento, ma il creare un qualcosa di nuovo: fare sperimentare al
bambino quello di cui avrebbe avuto bisogno in quella situazione, o dargli quello di cui ha
veramente bisogno. In questo modo nella nostra esperienza e nel nostro subconscio creiamo
qualcosa di nuovo. Il subconscio non distingue la realt da una esperienza profonda nella
visualizzazione. Possiamo quindi aggiungere nellinconscio qualcosa di nuovo, come per
esempio una madre affettuosa, che pu essere mancata un tempo.
Per i terapisti Reiki che volessero imparare a lavorare col bambino ferito dei loro clienti,
organizziamo corsi.
Impareremo a
1. Trovare il bambino ferito.
2. Cercare di capire di cosa ha bisogno.
3. Aiutarlo:
3a) farsi coraggio per dire da solo quello che vuole. Di alla mamma che sta cucinando per 5
fratellini che adesso hai bisogno dessere abbracciato. Incoraggiamo il cliente affinch lo dica,
quindi gli chiediamo: che espressione ha la mamma? Cosa dice? e se per esempio la mamma
non lo guarda, un po seccata oppure gli dice: Non lo vedi che non ho tempo? Mi chiedi
sempre molto! Sei un piagnucolone!, allora possiamo suggerire: Potresti aspettare un momento
pi favorevole? Per esempio quando la mamma ha finito di cucinare, potresti richiederglielo nel
pomeriggio. Se la risposta no! Adesso o mai pi! allora si vede che ci fu un momento nel
passato del cliente in cui decise non chieder mai pi laffetto! e allora proseguiamo
3b) Mostrandogli come si fa. Se il cliente non vuole chiedere lui stesso o non sa come fare, o
non si fida a chiedere, potremmo dire vuoi che ti faccia vedere come lo farei io? se lo
desidera, allora per esempio possiamo dire: Senti mamma, io so che ora non hai tempo, ma ho
31

Reiki e Visualizzazione

32

veramente bisogno di un brevissimo abbraccio. E molto importante per me!, e poi allargo le
braccia e gli chiedo: Vuoi provare questo abbraccio?, se il cliente mi risponde: no, tanto ha
gi detto che non ha tempo e che chiedo troppo, allora possiamo
3c) suggerire per esempio: vuoi che lo chieda io per te?: Hei mamma! non vedi com
importante per tuo figlio che labbracci proprio adesso? Altrimenti lui penser che non ha pi
senso chiedere per avere un po di tenerezza. Lui non capisce che adesso non il momento
adatto e se tu non labbracci ora, lui penser: tanto non vale la pena di chiedere tenerezza perch
nessuno me la da! Mamma capisci come importante? Non potresti abbracciarlo?. Se la
mamma non reagisce ancora, possiamo chiedere:
3d) Vuoi tu grande avvicinarti al tuo bambino piccolo e prenderlo in braccio, e dirgli:
Adesso ci sono io, mamma in questo momento non ha tempo, ma io lho sempre, puoi
chiedermi in ogni momento. Star sempre con te. Vuoi farlo?

Il caso duna paziente


Una paziente venne da me perch aveva forti dolori alla nuca.
Essa descrisse il dolore come un continuo tirare, essere in tensione e visualizz una montagna
molto ripida che voleva scalare, ma che non poteva perch era troppo ripida.
Nella seconda seduta si lamentava di nuovo di questo dolore alla nuca e si ricord che allet di 3
anni stata derisa da suo fratello di 6 anni quando voleva allacciarsi le scarpe da sola, dicendole:
Non provare, non sai farlo, e si disse interiormente: Non so fare niente.
Nella terza seduta parl di nuovo del dolore alla nuca e si ricord che quando aveva 7 anni la sua
maestra le fece fare una brutta figura davanti a tutta la classe facendo vedere a tutti che non
sapeva scrivere correttamente la o. In quel momento si disse definitivamente: Sono stupida.
Quando la paziente realizz di non avere pi 3 anni, di sapersi allacciare le scarpe anche da sola
e di saper scrivere la o correttamente, pot liberarsi della credenza, del messaggio base sono
stupida e pot dirsi: sono intelligente e posso imparare tutto quello che voglio.
In seguito intraprese gli studi per diventare insegnante, che da sempre voleva fare, ma non aveva
mai realizzato perch si riteneva troppo stupida.
Riassunto del lavoro con questa paziente

1. Lavoro con i simboli

montagna ripida che non pu scalare

32

Reiki e Visualizzazione

33

2. Lavoro con il bambino ferito


Primo ricordo:
a 3 anni: il fratello la deride
perch non sa allacciarsi le scarpe da sola
- messaggio base: Non sai fare niente
- comportamento: non osa fare niente
Secondo ricordo:
a 7 anni: la maestra le fa fare brutta figura davanti a tutta la classe perch non sa scrivere
correttamente la o
- messaggio base: sono stupida
- comportamento: non studia

3. Inserire il nuovo che allora mancava


1. Comprensione: Oggi non sono pi 3 anni pi stupida di mio fratello
2. Affermazione: Sono intelligente
3. Nuovo comportamento: Lei studia!!!

Con questa paziente abbiamo lavorato solo con il sintomo corporeo, il dolore alla nuca per il
quale era venuta. Prima abbiamo lavorato con i simboli e la visualizzazione per conoscere
meglio il messaggio del sintomo ed il passo successivo che deve fare la paziente. La montagna
ripida che non poteva scalare indicava simbolicamente molto, ma era necessario tornare al
bambino ferito per liberarsi del messaggio base e del modello comportamentale che le impediva
di fare il suo prossimo passo.
Solo dopo riusc a capire il simbolo della montagna ripida che voleva scalare, ma che non
poteva. Voleva diventare maestra, ma si riteneva troppo stupida per farlo. E solo alla fine era
riconoscente del suo sintomo, il dolore alla nuca, il quale le voleva indicare che non stava
vivendo nel modo che le corrispondeva di pi e la voleva spingere a fare il prossimo passo di
crescita per arrivare alla meta professionale desiderata.

33

Reiki e Visualizzazione

34

IV. Lavoro con la visualizzazione


La maggioranza degli esercizi energetici psicocorporei sue CD 2 (lavoro energetico) in
combinazione con visualizzazioni sono esercizi molto potenti che possono portare rapidamente a
cambiamenti. Vi consiglio di farne massimo uno al giorno, utilizzando i cd che accompagnano il
libro e, per gli esercizi non registrati, di riprodurli su audiocassetta con pause lunghe Dopo
averlo fatto, scrivete quello che vi successo in un diario corredandolo di disegni, colorati.
Dopo aver lavorato con la visualizzazione, vi consiglio di rimanere con la stessa immagine e il
respiro parallelo per almeno una settimana, per approfondirlo, o lavorando solo con il respiro
parallelo prima di affrontare un nuovo problema con la visualizzazione.
Ma gli esercizi introduttivi e quelli sul primo cd si possono fare subito tutti.

Affermazioni
Come abbiamo visto, il nostro script, il piano segreto della nostra vita si formato in
conseguenza delle nostre esperienze nei primi anni, allo scopo di ricevere pi attenzione e amore
possibile.
Se ho imparato che mi vogliono bene solo se sono una brava bambina che fa tutto quello che
vogliono i genitori, diventer una persona adattata che non dice mai (o forse nemmeno so) quello
che voglio davvero. Il mio messaggio base sar forse non sei importante e avr bisogno di
imparare che sono importante anchio, sono libera e amata e mi vogliono bene anche
quando chiedo quello che voglio. Questi permessi si possono chiamare affermazioni.
Lesercizio seguente concepito per trovare le affermazioni di cui ho bisogno in questo
momento per fare il prossimo passo nella mia crescita.

Visualizzare un ricordo positivo per trovare la tua affermazione


Ripeti ancora una volta lesercizio dei chakra col Reiki
Ritorna ora con il pensiero a un momento del tuo passato, a unesperienza dove ti sei sentito
particolarmente bene: pu essere sul lavoro o in qualunque altra situazione.
Lasciati il tempo perch vengano diverse situazioni, ma scegline una.
Dove sei? Cosa succede? Ascolta, ci sono altre persone che parlano? o senti altro? guarda
il tuo viso,. i tuoi occhi Ed entra dentro di te, e ascolta come ti senti lascia diventare
vivida la tua emozione il pi intensamente possibile...
Come puoi descrivere questa emozione con le parole, in uno o pi aggettivi:
sono...
Come ti senti nei confronti del tuo ambiente, delle persone che si trovano eventualmente
con te, o della natura che ti circonda?
Esprimilo in una o pi parole: sono...
34

Reiki e Visualizzazione

35

Senti adesso nel tuo corpo dove si trova questa emozione... quando lhai trovato mettivi sopra
la tua mano... ed esprimi questa sensazione corporea in una o pi parole: sono...
Senti le parole: sono... e... e... e....
Tu sai adesso che questa esperienza ti appartiene, lhai vissuta, e che puoi riviverla in qualsiasi
momento, quando ne hai voglia. Pi tu porterai la tua attenzione sulle tue esperienze positive e
le tue capacit, pi quei sentimenti positivi faranno parte della tua vita. come quando
illuminiamo con una torcia nelloscurit: esiste solo quello che illuminato.

Ti consiglio di ripetere quotidianamente le frasi che hai trovato come affermazione:

dopo un esercizio di rilassamento, lavorando coi raggi o coi chakra


quando ti alzi o vai a dormire
aspettando il bus
in macchina al semaforo rosso
altro...

Puoi sederti ogni giorno un quarto dora in un posto che ti piace, munito di foglio e matita, e
ripeterti le frasi o scriverle; scrivi inoltre ci che succede: i tuoi pensieri, le tue emozioni, le
sensazioni del tuo corpo.
Preferibilmente traccia due colonne: una per i pensieri che ti aiutano a progredire, laltra per
quelli che ti distraggono. Nel caso in cui ti lasci distrarre troppo dallesercizio prova con una
cassetta nella quale avrai pronunciato le tue affermazioni pi volte con una pausa tra loro,
preferibilmente dopo un esercizio di rilassamento o un trattamento di Reiki.
Puoi anche ancorare limmagine in tutto il tuo corpo con il cd 2.
Si trovano spesso delle affermazioni di questo genere:

sono aperta, dolce, calda


sono in armonia, faccio parte, sono unita
sono accettata, compresa
sono amata, amo
sono libera
sono calma e fiduciosa

Pi tardi, ad un altro livello, si trovano le seguenti affermazioni:

sono la luce
sono il fuoco, il sole
sono un raggio di luce chiaro e caldo

Nelle meditazioni con queste esperienze positive, i sentimenti, i ricordi e le sensazioni corporee
dei vecchi traumi vengono riattivati ed eliminati come in una microcatarsi.
Al contrario delle affermazioni che dovrebbero metterci in uno stato preciso desiderato, come
per esempio nel pensiero positivo o nel livello superiore del training autogeno, queste
affermazioni provengono da unesperienza intima e personale.
35

Reiki e Visualizzazione

36

per questo che sono pi convincenti e credibili. Sappiamo che possiamo essere in questo stato
perch labbiamo gi vissuto.
In pi queste affermazioni sono nate dallinconscio, il quale sa quali affermazioni sono per noi le
pi utili in questo momento.
Per me questo esercizio stato pionieristico. Questo esercizio andare in un posto dove ci si
sente bene un esercizio della psicosintesi che ho fatto spesso con gli allievi, fino a quando mi
venne lidea di domandare loro dove lo sentissero nel corpo. E con mia sorpresa il 95% degli
allievi indicarono un Chakra, un centro energetico.
Ci comprov che la nostra storia personale in stretta relazione con i nostri centri
energetici e che quindi si pu lavorare sullequilibrio energetico per risolvere i problemi
psichici.

Teoria delle affermazioni


Molti libri e terapisti Reiki consigliano agli allievi di lavorare con affermazioni. Questo in
generale accelera il processo di crescita, ma fa uscire ricordi dolorosi dellinfanzia con le
emozioni dolorose corrispondenti: paura, rabbia, tristezza, solitudine.
Abbiamo visto nella parte teorica che tutti abbiamo un piano di crescita psico-mentale, un Dna
psico-mentale, uno scopo dellanima. Se posso crescere secondo questo progetto psico-mentale,
sono soddisfatta, felice. Ma in conseguenza a danni, ed esperienze dellinfanzia, la crescita
naturale si pu essere bloccata e mi comporto conseguentemente ai messaggi di base, come, per
esempio, quello descritto prima: non sono importante, che mi impedisce di essere me stessa,
perch faccio tutto quello che vogliono gli altri pur di essere amata.
Laffermazione sei importante lavora nella direzione opposta di quel messaggio base negativo
Ma perch il mio inconscio possa crederlo, tutte le antiche esperienze che mi hanno fatto credere
che non sei importante devono essere eliminate. Questo succede in modo nascosto, segreto,
lavorando con le affermazioni, senza che io mi renda conto come. Talvolta appare un ricordo o
un sentimento sgradevole che svanisce subito.
Un giorno ha potuto osservare questo processo scrivendo la mia affermazione: sono libera e
amata per 10 volte. Dopo ogni frase scritta, aspettavo e scrivevo tutto quello che mi veniva in
mente. Comparivano diversi divieti dei miei genitori che mi facevano sentire non sono libero se
voglio essere amata.
I ricordi erano:
a 20 anni:
in Inghilterra volevo andar via dalla scuola dinglese per andare a lavorare in un
ospedale. I miei genitori presero il primo aereo per venire a dirmi che era una cosa che non avrei
potuto fare;
a 18 anni:

dopo una festa non mi lasciavano dormire a casa di una amica l vicino;

a 16 anni:

non mi lasciavano andare in America per un anno di interscambio;

a 10 anni:
non potevo andare al campeggio degli scout, ma dovevo accompagnare i miei
genitori in vacanza;
36

Reiki e Visualizzazione

a 8 anni:

37

non mi lasciavano tagliare corti i capelli.

Quello che mi ha colpito maggiormente dopo questo esercizio stato il vedere la mia scrittura:
era cambiata dalla mia scrittura attuale alla scrittura della pubert, prima, poi sempre pi indietro
fino alla scrittura della bambina di 8 anni, che appena sapeva scrivere. Potevo vedere come in
soli 15 minuti (tanto era durato lesercizio), avevo fatto una regressione tanto reale da trasferirsi
nella scrittura (mi faceva rivivere i ricordi di quando mi avevano obbligato a non essere libera, a
non fare quello che volevo per essere amata) per poterli allontanare e lasciare cos il posto alla
nuova affermazione sei libera e amata.
Quando lavoriamo con le affermazioni molto importante trovare quella giusta, quella che mi fa
compiere il prossimo passo nel mio cammino di crescita.
Le affermazioni cambiano quando sono state realizzate e non c pi bisogno di loro. Quando ho
iniziato a lavorare con le affermazioni, la prima che mi si presentata stata: sono aperta e
unita; quando, dopo due settimane, mi sono resa conto di non potermi aprire con tutti, venuta:
ho fiducia; ma quando mi sono accorta di lasciar guidare la mia macchina in montagna da tutti
gli altri, perch avevo paura di guidarla, laffermazione cambiata in ho fiducia in me Pi
tardi venuto: Sono un raggio di luce.

Mettere le affermazioni in tutto il corpo


Fa un autotrattamento Reiki intero e visualizza il ricordo di un momento quando sei stato molto
bene e ponilo in ogni parte del corpo, fa penetrare limmagine con le parole in ogni cellula, e ad
ogni spostamento delle mani fa il simbolo mentale, il Sei He Ki, in modo che quella
affermazione si possa manifestare pi rapidamente nella vita reale.
Ricorda adesso il posto dove sei andato quando ti sei sentito bene.
Dove sei cosa succede cosa senti guarda i tuoi occhi e dentro di te per capire come ti
senti, lascia diventare questo sentimento molto forte
E fallo sapere a tutto il tuo corpo:
Metti le mani sulla testa e fa penetrare limmagine in tutte le cellule e lasciagli ascoltare la tua
affermazione, le parole sono
Metti le mani e limmagine con le parole nel tuo collo e la nucae lasciaci penetrare limmagine
e le parole in modo che si possa manifestare pi rapidamente nella tua vita
Sposta le mani adesso sul tuo tronco, l dove ne hai bisogno e fa penetrare limmagine e
le parole nelle ossa, nelle scapole, la colonna vertebrale, le costole.., le ossa dello sterno..,
losso pubico, losso sacro, gli organi: i polmoni, il cuore, lo stomaco, il fegato, gli
intestini, tutto il bacino
Metti le mani sulle gambe e faci penetrare limmagine e le parole nei muscoli, le ossa,
e anche i piedi

37

Reiki e Visualizzazione

38

Sintomi corporei
Il dolore come qualcuno che bussa alla porta, un messaggio che ci indica che qualcosa non
come dovrebbe essere.
Come abbiamo gi visto nel capitolo precedente, il sintomo nasconde un messaggio, un obiettivo
e una saggezza profonda. Il sintomo il seme nel quale contenuto un processo importante e
utile. I sintomi spariscono quando abbiamo compreso il loro messaggio e viviamo in sintonia con
esso.
Con la prossima visualizzazione proviamo ad avvicinarci al messaggio facendo venire immagini
simboliche.

Visualizzare il sintomo, farne un film e ripetizione


Un metodo molto semplice di lavorare con un sintomo quello che hai gi fatto prima ( Come
posso capire cosa vuol dirmi il sintomo?). Forse vuoi farlo di nuovo
Inspiri dai piedi e porti il respiro su, attraverso molti canali paralleli; fallo uscire attraverso la
testa e portalo ancora pi su, fino al punto dove puoi entrare in contatto con una intelligenza
superiore, e disegna lHon Sha Ze Sho Nen. Senti l unione con questa intelligenza superiore
e forse vuoi chiedere aiuto per il tuo prossimo passo di crescita, chiedi di ritrovare la tua meta
dellanima e di riassimilare tutti i tuoi potenziali, liberandoti di tutte le restrizioni e i messaggi di
base. Senti quellenergia superiore, quellenergia universale e attirala al piano fisico col
simbolo di luce, raggi di luce che fai penetrare attraverso la testa e il chakra di corona e
lasciali fluire gi in tutto il corpo per riempire tutte le tue cellule Mentre la luce illumina tutto
il tuo corpo
Ricordati ora della tua meta dellanima
e dellimmagine di come sar differente
e ricordati di quello che hai chiesto alla fata
e dellimmagine di che cosa sar cambiato
E ricordati del momento nel quale ti sei sentito bene e delle tue affermazioni.
Hanno qualcosa in comune con la tua meta?
Ora scegli un sintomo corporeo, qualcosa che ti fa male. O se in questo momento ti senti
bene, cerca una tensione
Senti quella parte del corpo e disegnaci il Cho Ku Rei;
sentila finch la puoi descrivere e scrivilo.
Ritorna a sentirlo di nuovo e disegnaci il Sei He Ki.
Sentilo finch ti venga unimmagine, lasciala diventare chiara e colorata e lasciati tutto il tempo
per farne un film
Lo saprai quando sarai arrivato.

38

Reiki e Visualizzazione

39

A cosa serve lavorare con simboli?


La situazione attuale, la problematica, si fa visibile sotto forma di immagini simboliche.
Grazie alla visione di queste immagini dallesterno (esse si presentano come un film), la
resistenza a guardare i propri problemi diminuisce considerabilmente.
Il fatto di guardare i propri problemi (anche se si presentano sotto forma di immagini simboliche)
ha di per se un effetto terapeutico, esattamente come quando si sogna di notte. Si produce una
microcatarsi (una purificazione) o la realizzazione di un desiderio.
Le immagini provocano un lavoro interiore che seguito da un disegno o un dipinto pu essere
approfondito a un livello pre-verbale.
Vi pu anche essere la presa di coscienza, ma non assolutamente indispensabile perch la
visualizzazione abbia efficacia.
Le situazioni o gli animali che fanno paura possono essere osservati attentamente in modo che
poco a poco perdono il loro aspetto pauroso. A seguito di tale successo, si impara ad
abbandonare la tendenza ad evitare le cose che fanno paura e si capisce che vale la pena guardare
in faccia la paura.
Durante la visualizzazione si pu immaginare una nuova forma di comportamento, una prova di
risoluzione che in generale riportata automaticamente nel comportamento reale (agire in
prova).
Andando regolarmente a un posto dove si sentito bene, lo fa divenire un sentimento normale
che trover pi spazio nella vita di ogni giorno
Per terapisti di Reiki
Lavorare con i sintomi, e specificamente con la tecnica della visualizzazione ha tutti i vantaggi
menzionati prima, ma anche
Un terapista gentile ed empatico, che si astiene dal giudicare, permette al cliente di accettare
senza censura tutto ci che si presenta al suo occhio interiore, perch tutto Ok, tutto
permesso. Ci d al cliente la sensazione che tutto quello che pensa, sente e risente Ok, che lui
stesso Ok. Gi questo ha un effetto salutare.
Tramite lagopressione e la visualizzazione si arriva automaticamente a uno stato di profondo
rilassamento, nel cosiddetto stato alterato di coscienza (stato alfa, nel quale le onde cerebrali
sono rallentate) dove le emozioni vengono vissute in modo attutito, e altrettanto la paura di
essere messi a confronto con vecchi problemi o vecchie emozioni. Tali emozioni, come la paura,
la rabbia, la tristezza, sono prima percepite, poi rivissute, e infine scaricate (catarsi). Durante
questo stato alterato di coscienza si ricorda pi facilmente ci che stato dimenticato
(regressione). Le vecchie storie non risolte possono essere rivissute e finalmente risolte.
Si pu anche cambiare la storia personale prendendo una scena drammatica dellinfanzia e
trasformarla come lo si desidera. Per esempio: il bambino che stato lasciato solo non pi solo:
la sua mamma viene, lo prende in braccio e lo consola. Linconscio non distingue ci che
successo veramente da ci che si immaginato. Si pu cos programmare a livello inconscio una
madre affettuosa che mancata.
soprattutto procurando al cliente situazioni piacevoli, dove si sente bene, felice (per esempio
sdraiarsi sullerba e riscaldarsi al sole, mettere i piedi nel ruscello, fare ci che si vuole) che gli
39

Reiki e Visualizzazione

40

insegniamo a fare ci che desidera ed a godersela. Il cliente pu in seguito adottare questo


atteggiamento benevolo nei propri confronti e permettersi di godere la vita e fare ci che vuole.
Il terapista deve evitare di interpretare poich ci potrebbe dare la sensazione al cliente di essere
scoperto, radiografato, facendo accrescere le sue resistenze e le sue difese. Quando il cliente
stesso ad avere delle realizzazioni o delle interpretazioni, il terapista naturalmente lo ascolta con
interesse.

Lavorare con un sintomo corporeo col Reiki


Scegli un sintomo corporeo
o, se non ne hai, ricordati di un sintomo che hai avuto poco tempo fa
o aspetta che il tuo corpo ti faccia sentire una tensione
Mettici le mani dove lo senti e disegna il Cho Ku Rei
Com? Descrivi il sintomo Come fa male? (preme, tira, spinge, brucia?)
Disegnaci il Sei He Ki
e fa venire unimmagine, lasciala diventare molto chiara, colorata
E quando la vedi bene, togli le mani e porta limmagine fuori dal tuo corpo mettendola 1 metro
davanti a te, fuori di te...
E disegna sopra limmagine o visualizza, lHon Sha Ze Sho Nen per entrare in contatto con
lalleato che vorebbe essere il sintomo e che chiede di essere ascoltato
e guarda limmagine disegnandolo pi volte Molte volte cambia
Disegnaci il Sei He Ki
Lasciale tutto il tempo allimmagine per cambiare
Ferma il cd e continua disegnando i simboli di Reiki finche limmagine cambia. Se non
cambia oggi visualizza nuovamente limmagine nei giorni successivi e disegnaci il Sei He Ki
finch cambia, e disegna le due immagini, prima di continuare colla prossima meditazione.

Far entrare limmagine cambiata nel corpo


Guarda limmagine cambiata
E falla immergere in te
Mettila in quel posto dove hai portato fuori laltra immagine
E ancorala disegnando piu volte i simboli di Reiki

Ancorare limmagine cambiata col respiro parallelo


Comincia a fare il respiro parallelo.
Ricordati del simbolo ricevuto quando stavi nel campo spirituale e mettilo nelle tue mani.
Per qualche minuto fa passare i raggi di luce tra il
40

Reiki e Visualizzazione

41

- corpo eterico (vitale) con raggi di luce blu


- il corpo emozionale con raggi di luce arcobaleno
- il corpo mentale con raggi di luce gialli
- I corpi spirituali, prima blu,poi arcobaleno,dopo gialli
E metti limmagine di come sar differente senza il problema, nelle tue mani
Metti le mani e limmagine in ogni parte del corpo.

nella testa
nel collo
nelle spalle
nelle braccia
nel torace
nella schiena
nelle gambe
nei piedi.

Il caso di Pierina
Quando ho fatto questo esercizio per la prima volta con i pazienti, siamo rimasti molto
meravigliati al vedere i cambiamenti che sono usciti da questa visualizzazione.
Una paziente, Pierina, che era venuta per il mal di stomaco e per problemi col marito, ha visto un
mostro rosso nel suo stomaco. Quando lo ha portato fuori e ha disegnato il Sei He Ki, cambiato
in un gatto, che si avvicinato e si strusciato contro le sue gambe e quando lei si abbassata, le
ha leccato la mano. Ha messo quel gatto di nuovo nello stomaco.
La settimana dopo senza sapere il perch i rapporti con suo marito sono diventati pi teneri.
E non abbiamo mai saputo perch!
Si potrebbe fare linterpretazione. Il sintomo del mal di stomaco voleva mostrarle che doveva
cambiare qualcosa, e veniva limmagine simbolica del suo problema: un mostro, si potrebbe
interpretare che la paziente vedeva il marito come un mostro o che lei stessa si comportava come
un mostro nei suoi riguardi (ma con i pazienti non faccio mai uninterpretazione se non sono loro
che la fanno).
Ha fatto uscire dal suo corpo e dal suo campo quel mostro, mettendolo davanti a s e lo ha curato
con lHon Sha Ze Sho Nen, in modo che il mostro potesse cambiare ed essere un gattino
amichevole, che si struscia contro le gambe.
Nel rimettere nel corpo quel gatto, il cambiamento si pu manifestare anche nei sentimenti e nei
pensieri (nel corpo emotivo e mentale) e la paziente non vede pi n se stessa n il marito come
un mostro, ma come un essere simpatico che lecca la mano.
Immagino che la paziente si sar sentita pi leccata, pi apprezzata e amata e per questo ha
cambiato il suo comportamento. E senza accorgersene diventata pi tenera con suo marito, che
a sua volta ha mutato il proprio comportamento.

41

Reiki e Visualizzazione

42

Come si spiega leffetto curativo di questo caso?


Il sintomo, come abbiamo visto, un messaggio della nostra intelligenza interiore, del nostro
corpo che sogna, per avvertirci che ci siamo allontanati dal nostro cammino, dal nostro essere
noi stessi e che per ritornarci dobbiamo cambiare qualcosa nella nostra vita.
Limmagine che ci viene il simbolo del sintomo, il sintomo che vuole aiutarci a si trovare noi
stessi, le nostre potenzialit nascoste.
Ma in generale non vediamo il sintomo come amico, ci sentiamo invece vittime del sintomo e ne
soffriamo, non ci piace.
Mettendo il simbolo del sintomo davanti a noi, fuori dal nostro corpo e dal nostro campo
energetico, lo teniamo un poco a distanza.
Mettendoci il simbolo del contatto, lHon Sha Ze Sho Nen, possiamo entrare in contatto col
sintomo.
Disegnando il Sei He Ki (che si potrebbe tradurre come ritornare alle origini) il sintomo pu
cambiare e mostrarsi, simbolicamente, come lalleato, lamico che .
Quando rimettiamo il simbolo del sintomo trasformato in qualcosa di positivo, che ci piace, nel
nostro corpo, accettiamo, simbolicamente, il messaggio del simbolo che allora pu iniziare a fare
i cambiamenti nel subconscio. E questo si pu manifestare nel nostro comportamento cambiato.
Quando il messaggio del sintomo stato accettato (anche se solo con unimmagine simbolica
che non capiamo consciamente) e abbiamo cambiato quello che ci impediva di fare il nostro
cammino (anche se la trasformazione si fatta solo nella visualizzazione, senza che noi abbiamo
capito di cosa trattava quel simbolo), si possono cambiare inconsciamente i messaggi di base e di
conseguenza i comportamenti. E nel momento che il messaggio del sintomo stato seguito e
abbiamo cambiato quello che il sintomo voleva farci cambiare, questi diventa superfluo. Allora,
in generale, il sintomo sparisce.

Il caso di Agnes
Una mia allieva in Svizzera (che gi lavora come terapista e ha fatto molto lavoro personale) e
soffriva da tanto di emorroidi, ha lavorato su quel sintomo.
Gli allievi avevano come compito di lavorare ogni giorno sul suo sintomo con Cho Ku Rei prima
e in particolar modo con Sei He Ki dopo e di scrivere e disegnare quello che succedeva per
parlarne il mese successivo nel corso.
Durante la prima settimana Agnes visualizzava unimmagine ogni giorno. Scrive:
Sto partorendo. Il bambino preme contro lano, fa molto male, ho limpressione di essere divisa
in due parti l dov lano
Di nuovo sto partorendo. Ma adesso faccio nascere il bambino con me in piedi. Cos funziona,
cos il bambino pu nascere senza farmi troppo male.
Alla base delle ovaie sento un dolore molto forte. Si forma limmagine di un appendiabiti e mi
riporta alla scena di quando avevo 17 anni e un uomo mi dava dei colpi con questo in modo da
poter abusare sessualmente di me attraverso lano.
Dopo questa visualizzazione, aveva forti dolori alle emorroidi per tutto il giorno successivo.
Quando era successo a 17 anni cera sangue, ma non faceva cos male.
Questa lultima visualizzazione:
42

Reiki e Visualizzazione

43

Sento un dolore psichico, una forte tristezza nella colonna vertebrale. Piango. E nel mio ano
sento un lungo qualcosa con spine bianche. Brucia a fa molto male nellano.
Lo metto fuori, davanti a me e disegno il Sei He Ki. L brucia nelle fiamme e le spine bianche
esplodono. Rimane un forte dolore nellano.
Ma il giorno dopo sparito per sempre. E anche le emorroidi iniziano a guarire.
Nelle tre settimane fino al corso non visualizzava pi; solo lavorava col Reiki e il Cho Ku Rei.
Ho scelto questo caso perch uno dei pochi molto drammatici tanto in quello che visualizza
(ricordo di un abuso sessuale), come nelle emozioni e nel dolore fisico. Questa donna aveva gi
lavorato con terapia personale su questo abuso sessuale, e lo pensava superato. Ma era rimasto
nel corpo, nella memoria cellulare, quel dolore psico-fisico, creando le emorroidi.
Utilizzando il Reiki e la visualizzazione si potuto curare (nel simbolo del bambino che pu
nascere quando la madre sta in piedi, e con quel qualcosa nellano che bruciato mentre le spine
esplodevano).
Mesi dopo mi racconta che come risultato di questo, cambiato qualcosa nei suoi rapporti
sessuali. Si sente pi libera, ne gode di pi. Le emorroidi sono sparite.
Possiamo interpretare il caso di Agnes cos:
Labuso sessuale a 17 anni le aveva danneggiato la crescita sessuale normale. Aveva lavorato in
terapia sui suoi problemi sessuali e anche su questabuso. Ma era rimasto qualcosa e le emorroidi
le avevano voluto trasmette il messaggio che aveva ancora qualcosa da cambiare per essere se
stessa e gioire della sua sessualit.

Riassunto del lavoro con un sintomo


Un terapista di Reiki che vuole lavorare con un cliente lo pu fare nello stesso modo:
Scegliere il sintomo o un punto dolente:
Il terapista Reiki vi pone le mani visualizzando il Cho Ku Rei
1)

Sentire
Sentilo un poco
fare diventare pi forte = amplificare
(solo se non fa gi molto male)
Puoi sentirlo ancora di pi?
Riesci a sopportalo ancora un po'?
(se fa gi molto male)

2)

Descrivere
per esempio:
Com questa sensazione?,
come fa male?
preme, spinge
tira, strappa
schiaccia
pulsa, batte
prude, formicola
qualcosa si accumula
43

Reiki e Visualizzazione

punge (come un ago, un coltello)


penetra
brucia, caldo
freddo, gelido, congelato
cupo, insensibile
senza vita, morto
Il terapista Reiki visualizza il Sei He Ki.
3)

Sentire di nuovo
puoi sentire di nuovo questa sensazione?

4)

amplificare (soltanto se non fa gi male)


Puoi farlo diventare ancora pi forte?

5)

Visualizzare unimmagine
E ora lascia venire unimmagine
Cosa vedi?

6)

Da ci sviluppare un film

7)

Seguirlo fino ad arrivare alla soluzione, alla fine.

8)

Fare un disegno

Il terapista deve semplicemente ascoltare con interesse e accompagnare il cliente con un


compassionevole hm. Quando il cliente dice qualche cosa che ci sembra importante, il
terapista pu stimolarlo ad approfondire il tema ripetendo con empatia le due o tre parole pi
importanti. Quando il cliente si ferma e fa una lunga pausa, il terapista pu chiedere: Adesso
che cosa c?, per aiutarlo a continuare la sua storia. O pu chiedere:
come ti senti?, o
cosa vorresti fare?, o
cosa fai?.
Per i terapisti, e chiunque fosse interessato a imparare ad accompagnare con la tecnica di
visualizzazione, teniamo dei corsi. Vedere indirizzi alla fine del libro.

44

44

Reiki e Visualizzazione

Riassunto sintomi corporei


Versione 1: film
Sentire il sintomo, Cho Ku Rei

descriverlo, Sei He Ki

fare venire unimmagine

film

fare disegno
oppure

Versione 2: mettere fuori limmagine


Sentire il sintomo

disegnare il Cho Ku Rei

Descriverlo

Disegnare il Sei He Ki

Immagine

mettere fuori dal corpo e disegnare lHon Sha Ze Sho Nen e il Sei He Ki

Se cambia e piace, rimettere nel corpo, altrimenti ripetere giornalmente.

45

45

Reiki e Visualizzazione

46

Problemi
Anche tutti i nostri problemi sono registrati nel nostro corpo.
Come vedrai nel prossimo esercizio, possiamo riportare i nostri problemi, per esempio i problemi
di relazione, di lavoro, o sentimenti di solitudine, di depressione ecc. a un sintomo corporeo,
poich siamo ununit di corpo, mente e spirito. Vedremo che i nostri problemi allesterno, si
manifestano anche allinterno, nel nostro corpo. Anche i sentimenti di rabbia, paura, tristezza,
depressione si manifestano nel corpo fisico.

Riportare un problema a un sintomo fisico


Comincia col fare un trattamento di Reiki.
Porta il tuo pensiero a un tuo problema, che non vorresti pi.., un problema relazionale, un
problema di solitudine, una crisi personale, una crisi nel lavoro
Pensaci: qual e scrivilo.
E guarda ancora una volta quel problema, guarda esattamente quello che ...
Ricordati dellultima volta che lo hai avuto
Come comincia, come continua, come finisce
come ti fa sentire? triste, arrabbiato, solo, ti fa paura senti quel emozione
e che ti dici interiormente? Scrivilo, anche lemozzione
Senti di nuovo lemozione
e senti dove la senti nel tuo corpo...
Lo saprai perch senti una tensione o un dolore l,
prendi il primo posto che richiama la tua attenzione...
metti la mano sopra...
disegnaci il Cho Ku Rei
e ascolta quello che senti sotto la tua mano, spiegalo in parole...
com: punge, stringe, batte, caldo, ardente, freddo, gelato, morto, sordo... ascoltalo bene, e
spiegalo con le tue parole... e quando lo saprai, scrivilo
Chiudi di nuovo gli occhi, ascolta come ti fa sentire.
E disegnaci il Sei He Ki.
E fa venire un immagine, lasciala diventare molto chiara e colorata, cos da poterne fare un
disegno.
E fa il disegno

Problema: Portare limmagine fuori


Ricorda il tuo problema
Quello che ti dici interiormente
Senti come ti fa sentire
Dove lo senti nel corpo
46

Reiki e Visualizzazione

47

Ricorda limmagine falla diventare molto chiara, molto colorata


e porta limmagine fuori dal tuo corpo mettendola 1 2 me tri davanti a te, fuori di te...
E disegna sopra limmagine lHon Sha Ze Sho Nen per entrare in contatto con lalleato che
vorrebbe essere il sintomo
e guarda limmagine disegnandolo pi volte lHon Sha Ze Sho Nen Guarda si cambia
Disegnaci il Sei He Ki
Lasciale tutto il tempo allimmagine per cambiare
Ferma il cd e continua disegnando i simboli di Reiki finche limmagine cambia. Se non cambia
oggi visualizza nuovamente limmagine nei giorni successivi e disegnaci il Sei He Ki finch
cambia, e disegna le due immagini, prima di continuare colla prossima meditazione.

Ancorare limmagine cambiata in tutto il corpo col Reiki


Se limmagine cambiato in qualcosa di positivo, fai andare adesso questa immagine
cambiata in ogni parte del tuo corpo, con un trattamento di Reiki, disegnando il Sei Hei Ki e
il Cho Ku Rei ogni volta che sposti le mani,
comincia con la testa, metti le mani sulla testa e metti limmagine nel tuo cervello, guarda e
forse ci sono anche parole che vanno insieme allimmagine... Lascia ogni cellula ascoltare
le parole E fai andare limmagine in tutta la testa, nelle ossa della mandibola, in tutte le cellule
della tua testa...
E metti le mani sul collo e riempi tutto il collo con l immagine adesso, riempi ogni cellula con
questa immagine, e disegnaci il Sei He Ki, perch questo si possa manifestare pi rapidamente
nella tua vita... e lascia che ogni cellula ascolti quel nuovo messaggio...
Fai entrare quel immagine adesso nelle tue spalle... lascia che ogni cellula delle tue spalle
ascolti e veda quel nuovo messaggio... perch si possa cos manifestare nella tua vita...
Metti le mani e limmagine nelle tue braccia, porta quel messaggio nelle braccia e nelle mani...
Porta adesso il tuo messaggio, limmagine, le parole al torace e riempi tutto il torace: polmoni,
cuore, le ossa, le costole, lo sterno, la colonna vertebrale con quel immagine e fa che ogni
cellula conosca quel nuovo messaggio...
Porta adesso le mani e limmagine nella parte bassa del torace: nel fegato, vescicola biliare,
stomaco, milza, organi sessuali, piccolo intestino, grosso intestino, la colonna vertebrale e
losso del bacino, losso sacro, losso pubico... per aiutare le cellule ad assorbire il nuovo e
manifestarlo nella tua vita...
Porta quel immagine adesso nelle gambe, la parte superiore delle gambe, e riempi anche
quelle, tutti i muscoli, le ossa, e disegnaci il Cho Ku Rei e poi il Sei He Ki... per aiutare ogni
cellula a capire il nuovo e manifestarlo nella tua vita...
E porta quel messaggio adesso nella parte inferiore delle gambe: ginocchia, ossa del ginocchio
e della gamba inferiore, e tutti i muscoli, e lascia che ogni cellula veda il nuovo, lascia che senta
il nuovo, per far conoscere a ogni cellula il nuovo e cos manifestarlo nella vita di ogni giorno...
E porta questa immagine adesso nei tuoi piedi, in tutti queste ossa, tante ossa, che ci sono nei
piedi, riempi ogni cellula delle ossa di quellimmagine, e lascia che sentano il nuovo
messaggio... tutto il piede, e disegna il Cho Ku Rei, per assorbire cos quellimmagine, il nuovo
messaggio, in ogni cellula.
47

Reiki e Visualizzazione

48

E senti adesso il tuo corpo, tutto il tuo corpo, senti e vedi il nuovo messaggio, quella nuova
immagine in tutto il tuo corpo.
Continua a ancorare limmagine del futuro nelle parte che ne hanno ancora bisogno dopo di
aver spento il CD.

Problema e come sar diverso senza il problema


Comincia col fare un trattamento Reiki
Pensa adesso al tuo problema.
Guarda il tuo problema, sii molto cosciente del tuo problema
Ricordati quello che ti dici interiormente
Senti come ti fa sentire ti rende triste, o arrabbiato, o solo, o ti fa paura
Dove lo senti nel corpo e che senti? metti la mano sopra e disegna il lHon Sha Ze Sho
Nen
Chiediti: come sar la tua vita senza quel problema?
Come sar diversa quando non c pi...
e fa venire un immagine...
e lascia che questa immagine sia molto chiara, molto colorata...
Forse ci sono anche parole con limmagine
E quando vedi questa immagine, mettila davanti a te, un po a destra...
Nelle spiegazioni di immagini dicono che alla sinistra il passato, a destra il futuro.
E quando vedi questa immagine a destra, un po davanti a te, disegnaci il Cho Ku Rei in modo
che si possa manifestare al pi presto nella tua vita Immagina di fare un passo, adesso, nella
direzione dellimmagine, per entrare nell immagine e far immergere limmagine in te, in tutto il
tuo corpo, in ogni cellula
E ancorala in tutto il tuo corpo con uno dei due esercizi sul cd.

Problema, dove nel corpo, film


Ricorda ancora una volta il tuo problema
Ricorda come ti fa sentire lemozione
e dove lo senti nel tuo corpo mettici le mani sopra e disegna il Sei He Ki
Come lo puoi descrivere
e ricordati dellimmagine
guarda bene quel immagine e lasciala divenire molto chiara, molto colorata, e lascia che
E lasciati tutto e il tempo per vederlo e quando lhai visto,
fa uno o pi disegni di quello che ti ha colpito di pi e scrivi o racconta la storia come se fosse
una fiaba: cera una volta.

48

Reiki e Visualizzazione

49

Problemi di coppia
Nel capitolo sullenergia e sui campi energetici, abbiamo visto che esiste un campo energetico,
un campo sottile che non solo intorno a ogni persona, ma che la compenetra.
Ma esiste anche un campo comune per ogni coppia, per ogni famiglia, per ogni gruppo.
Possiamo sentire questo campo e lo chiamiamo atmosfera. Latmosfera che sentiamo entrando
in una casa, entrando in un gruppo, latmosfera che benevola o ostile, calda o fredda.
Quando il campo energetico comune di una coppia chiaro, forte e armonizzato, la crescita
di una delle due persone si trasferisce energeticamente anche sullaltra persona della
coppia.
Questo fenomeno si conosce nella psicoterapia. Una volta ho lavorato come cliente con unamica
terapista transazionale che era venuta a trovarmi, su un problema con mio figlio, che aveva 16
anni. Subito dopo la seduta, nella quale avevo sentito molta comprensione e molto amore per
mio figlio ribelle, nel passare davanti alla sua stanza lui mi ha chiamato per farmi vedere i suoi
compiti di scuola e parlarmi dei suoi problemi con quellinsegnante, cosa che non faceva mai.
Era come se lui avesse sentito la mia nuova comprensione per lui.
successo anche a molti pazienti e miei allievi, che dopo aver lavorato su un vecchio problema
con la loro mamma o il loro pap, coi quali non avevano pi contatti, qualche ora dopo venivano
chiamati da loro per telefono, come se avessero sentito la nuova disponibilit da parte dei figli.
Se vogliamo migliorare una relazione, possiamo cominciare con il purificare il campo energetico
comune, cos da renderlo pi forte e organizzato.

Purificare il campo energetico di coppia


Certo sarebbe bello avere un partner che sia daccordo nel fare questesercizio insieme. Allora
entrambi possono tenersi le mani e fare insieme il respiro parallelo coi raggi di luce, facendoli
passare attraverso entrambi, inspirando ed espirando insieme.
Ma non assolutamente necessario chiedere al partner di farlo insieme a voi, perch forse non
crede nel lavoro energetico, o lo trova ridicolo o non ha voglia di farlo.
Si pu semplicemente immaginare di stare vicino al partner e far passare i raggi attraverso
entrambi, attraverso il campo relazionale.
A me piace farlo a letto, quando mio marito mi tiene tra le braccia e si addormentato.

49

Reiki e Visualizzazione

50

Purificare il campo energetico comune e ponte di luce


Quando il campo energetico comune di una coppia chiaro, forte e armonizzato, la crescita
di una delle due persone si trasferisce energeticamente anche sullaltra persona della
coppia.
Comincia col far passare il respiro parallelo attraverso te,
attraverso il corpo vitale (eterico) con raggi blu
emozionale coi raggi multicolori dellarcobaleno
mentale con raggi gialli
spirituale con raggi blu / arcobaleno / gialli
Visualizza davanti a te la persona con cui vuoi avere una relazione migliore e fa passare il
respiro parallelo tutto intorno, e attraverso tutti e due, fallo passare attraverso
il corpo comune vitale con raggi blu
emozionale con i raggi multicolori dellarcobaleno
mentale con raggi gialli
spirituale con raggi blu / arcobaleno / gialli
Senti latmosfera del corpo spirituale comune
Immagina il tuo partner davanti a te e collega il tuo cuore col suo cuore attraverso un ponte
di luce, da cuore a cuore
Disegnando lHon Sha Ze Sho Nen fa un collegamento tra la tua anima e la sua anima
senti quella tua capacit di amare sul piano dellanima, senti quell energia chiara, potente,
quellamore profondo che vuole aiutare, ma non attaccato al risultato.
E da quel piano dellanima digli
Ti accetto cos come sei
Ti voglio bene
E chiedigli: Qual la cosa pi profonda, pi carina, pi bella che possa fare per te?
E ascolta.
Se hai portato parte della sua energia con te, se ti sei addossato i suoi problemi, tornaglieli
dicendo: Sono consapevole della tua saggezza e della forza del tuo S superiore per gestire la
tua vita. Solo la tua anima pu scegliere di crescere.
Se rimane energia di una lotta di potere tra voi nel tuo plesso solare, fa salire questa energia
nel tuo cuore disegnando il Sei He Ki.
E digli:
Ti voglio bene senza condizioni
Sei libero/a e sono libera/o anchio.
Senti ancora una volta quel ponte di luce tra i vostri cuori e abbraccia il tuo partner su quel
livello dellanima, abbraccia la sua essenza

un esercizio utile da fare anche con i nostri figli quando pensiamo che non sappiano gestire la
loro vita.

50

Reiki e Visualizzazione

51

Esaminare il rapporto di coppia


Se vuoi esaminare un poco il tuo rapporto di coppia, rispondi alle seguenti domande che sono
state elaborate da Ellyn Bader e Peter Pearson, analisti transazionali e terapeuti della coppia di
Menlopark, California. Fallo per iscritto.
l. Qual il problema?
2. Da quanto tempo siete insieme, in che forma (sposati, conviventi o fidanzati)?
3. Cosa vi ha attratti allinizio? Perch avete deciso di sposarvi o di vivere insieme?
Cosa che ti soddisfa di pi nella tua relazione?
4. Com stato linizio del vostro rapporto? Quanto tempo durata questa fase?
5. Qual stata la tua prima delusione? Cos accaduto e come lavete risolta?
6. Svolgi attivit per conto tuo a cui il tuo partner non partecipa? Se s, quanto spesso? Passi del
tempo con amici che non avete in comune? Questo origina conflitti allinterno del vostro
rapporto?
7. Quando ti senti pochissimo soddisfatto della vostra relazione?
8. Come e dove siete molto simili? Oppure molto diversi? Quali metodi avete elaborato per
abituarvi alle reciproche diversit o per trovare un compromesso?
9. Ti senti bene quando svolgi attivit da solo? Quanto? Ti senti bene quando il tuo partner
intraprende qualcosa senza di te? Quanto?
10. Fino a che punto ti senti sicuro di manifestare i tuoi pi intimi pensieri e sentimenti al tuo
partner? Come fai a chiedere lappoggio emotivo del tuo partner quando ti senti vulnerabile? Ti
aspetti di ottenerlo?
11. Il tuo partner direbbe che la tua reazione alla sua vulnerabilit emotiva? Come?
12. Fai qualcosa di concreto per alimentare la vostra relazione? E il tuo partner? Come?
13. Appoggi la crescita del tuo partner? Come? Fai un esempio. Appoggi la sua crescita anche
quando tu non sei daccordo? Come? Fai un esempio.
15. Credi che il tuo partner contribuisca alla relazione almeno per il 50%?
16. Avete obblighi comuni o progetti? Quali? Lavorate insieme? Se s, cosa fate?
17. Se il tuo matrimonio fosse unopera teatrale, un film o un libro, che titolo gli daresti? Come
finirebbe lopera teatrale o il libro?
18. Quali caratteristiche o tratti negativi del carattere sei pronto ad accettare nel tuo partner senza
lamentarti o cercare di cambiarlo?
Quando hai completato il questionario, fallo di nuovo, ma questa volta mettiti al posto del tuo
partner. Cio rispondi al questionario come pensi farebbe il tuo partner. Quando hai finito magari
avrai voglia di chiedere al tuo partner se quello che hai scritto corrisponde. Questo aiuta spesso
ad arrivare a interessanti confronti.
51

Reiki e Visualizzazione

52

Lavorare con un problema di coppia


Anche con il problema relazionale possiamo lavorare come prima con lenergia e la
visualizzazione.
Facendo un campo relazionale pi chiaro, pi forte e sano, possono cominciare a cambiare i
problemi.
Perch quando il campo relazionale sano, il cambiamento compiuto da una persona si trasmette
subito attraverso questo campo allaltra persona della coppia.
Perci possibile lavorare su problemi di coppia, lavorando anche solo su se stessi. Quando una
persona cambia, come un oggetto mosso che deve trovare un nuovo equilibrio, e cos anche
il partner forzato a cambiare.

Problema relazionale
Con un problema di coppia lavoriamo nello stesso modo che con altri problemi, riportandolo a
un sintomo.
Definisci il tuo problema relazionale in parole esatte
Che emozione ti d? Lasciala diventare forte
Dove la senti nel corpo?
Disegna il Cho Ku Rei.
Descrivi la sensazione corporea
Disegna il Sei He Ki.
Fa venire unimmagine.

A questo punto hai diverse possibilit.

Versione 1
Metti quellimmagine davanti a te e disegnaci lHon Sha Ze Sho Nen, guardando se cambia.
Se non cambia, lascia limmagine fuori e continua col trattamento Reiki.
E ripeti questo ogni giorno per 5 minuti: metti il Sei He Ki e lHon Sha Ze Sho Nen attraverso
limmagine davanti a te finch cambia. Forse sar necessaria una settimana o anche pi. Quando
si trasformato in qualcosa che ti piace, puoi rimetterla nel corpo trattarla col Sei He Ki e con il
Cho Ku Rei in modo che il cambiamento possa manifestarsi pi rapidamente anche nella realt
relazionale.

Versione 2
Lascia che limmagine divenga un film.

52

Reiki e Visualizzazione

53

Il caso di Victoria
Victoria, una mia allieva, aveva fatto il compito di lavorare due volte al giorno per un mese col
Reiki 2.
Un mese dopo, allincontro degli allievi, raccont che aveva avuto molti sogni e che di solito non
si ricordava i sogni; dopo due settimane aveva cominciato a sentirsi irritata, prima senza sapere
perch, dopo si rendeva conto che era arrabbiata con suo marito, prima senza capire il perch,
poi si resa conto che per la prima volta aveva il coraggio di guardare la loro relazione.
Avevano due figli e quattro nipoti in comune che vedevano spesso, ma quando erano in due, lei
si sentiva sola, si sentiva annoiata.
Si rese conto che era da sei mesi che il marito non lavorava pi e stava a casa e che da allora lei
era sempre stata un po ammalata, con mal di testa, sinusiti, era sempre esausta. Solo durante le
tre volte che era stata via da casa per una settimana, per lavoro o vacanza senza il marito, si era
sentita senza quellesaurimento e sana. Aveva notato che non parlavano pi di cose personali.
Lui non si interessava al lavoro che lei faceva. Lui non raccontava mai niente di s, di quello che
stava leggendo; leggeva molto, e ne parlava solo quando erano con amici.
Nel corso abbiamo fatto lesercizio del problema emozione dove si sente nel corpo immagine
portar fuori e disegnare i simboli. Victoria ha scelto il problema di non-relazione con suo
marito.
Sentiva rabbia e nel terzo chakra un formicolio, un blocco, un vuoto: visualizzava due tronchi di
alberi morti.

Nel metterli davanti a s e disegnare il Sei He Ki, non cambiavano per niente; li lasci fuori e
tratt il terzo chakra col Reiki cominciando a riempire il vuoto.
Per una settimana pass i due tronchi morti davanti a s col Reiki a distanza.
Non cambiavano per niente. Ma dopo la seconda settimana cominciarono a crescere dei rami da
entrambi i tronchi morti e dopo altri due giorni, tra i due tronchi cominci a crescere un piccolo
albero che diventava pi grande ogni volta che faceva il trattamento Reiki a distanza.

Nel frattempo Victoria aveva chiesto a suo marito di raccontargli ogni giorno quello che lui
leggeva, gli aveva detto che cos non andava pi bene per lei, che era annoiata con lui. Lui aveva
risposto che siccome lei non si interessava ai libri, non valeva la pena raccontarle niente. E non
cambi molto, se non che tutti e due avevano fatto sapere allaltro che erano offesi e irritati dal
disinteresse del partner.
Nel corso facemmo lesercizio Come sarebbe differente senza il problema. E lei vedeva come
suo marito parlava dei suoi problemi, dei denti che cadevano, della difficolt di essere
53

Reiki e Visualizzazione

54

pensionato e di trovare qualcosa di interessante per occupare tutto il giorno, e di altri problemi di
salute ed et.
Con sorpresa Victoria si resa conto di aver paura di confrontarsi coi problemi di suo marito e
che aveva ancora pi paura di doversi confrontare col problema che anche lei non era pi
giovane, e che con la sua attivit e il suo sport aveva provato a nascondersi da se stessa. E si rese
conto che a lei andava bene che il marito non parlasse mai di s.
A casa ripet lesercizio Come sar differente e vide unimmagine con suo marito pieno di
entusiasmo e di attivit che le chiedeva di intraprendere delle cose insieme, viaggi, uscite, vedere
esposizioni. E Victoria, che gi da sola aveva una vita molto attiva, non aveva pi tempo per fare
le sue cose e si stancava tantissimo a fare tutto.
Allora ha capito che inconsciamente era lei a non voler parlare intensamente con suo marito, che
era lei che non voleva che cambiasse niente nella loro relazione. Prendendo la responsabilit su
di s, cambi il sentimento verso suo marito, manifestando pi comprensione e tenerezza.

Il sistema familiare
Esiste anche un campo energetico intorno a ogni famiglia, che compenetra ogni membro della
stessa, un campo sottile come quello che esiste intorno a ogni persona e intorno a ogni coppia.
Siamo influenzati molto pi di quanto possiamo pensare da questo sistema familiare,
dallatmosfera familiare e dai messaggi base familiari, come ad esempio:

dei problemi familiari non si parla con nessuno


siamo una famiglia onorabile e gentile
Solo chi lavora duro arriva
Bisogna essere duri e forti etc.

Disegnare la famiglia come animali


Prendi un foglio grande e delle penne colorate e disegna la tua famiglia come se ognuno
fosse un animale diverso. Fallo spontaneamente, senza pensare molto.
Se sei sposato ed hai figli, disegna prima la tua famiglia attuale (comprendendo anche figli e
sposa di un eventuale matrimonio precedente, o i figli defunti, abortiti)
e poi disegna la tua famiglia di origine con tutti coloro che hanno vissuto nella tua casa o sono
stati molto importanti per te anche se non vivevano insieme a te. Come prima, unisci anche i
figli morti o abortiti e i figli di precedenti unioni.
Disegnalo prima di continuare a leggere.

54

Reiki e Visualizzazione

55

Guarda ora le figure del tuo disegno


Guarda ora le figure del tuo disegno, una dopo laltra.
Guarda chi pi grande e chi pi piccolo
guarda il carattere degli animali
guarda in che direzione guardano
chi sta insieme a chi; etc.
Lasciati un po di tempo per sentire e vedere quello che hai disegnato

Il sistema familiare e il respiro parallelo


Possiamo influenzare il campo energetico familiare nello stesso modo di come abbiamo fatto con
il campo energetico personale e di coppia.
Cominciamo con il purificare il campo energetico personale e continuiamo con il purificare il
campo energetico familiare.
Per purificare il campo energetico personale puoi utilizzare il cd, per farlo col campo energetico
familiare, ti consiglio di registrarlo con lunghe pause e poi utilizzare la registrazione, perch
pi facile.

Purificare il campo energetico personale


Fa il respiro parallelo nel modo che preferisci, attraverso

il tuo corpo fisico, e ogni volta andando pi allesterno


il tuo corpo vitale (eterico) con raggi blu
il tuo corpo emozionale, con i raggi multicolori dellarcobaleno
il tuo corpo mentale con raggi gialli
il tuo corpo spirituale con raggi blu, poi multicolori, poi gialli e senti latmosfera.

Purificare il campo energetico familiare


Decidi quale disegno familiare con gli animali ti colpisce di pi, la famiglia attuale o quella
dorigine (forse quella dove ci sono pi problemi) e la metti davanti a te, a terra o su una sedia e
fa passare il respiro parallelo attraverso il tuo disegno. Fa salire i raggi nutritivi dalla Madre
Terra allinspirazione e i raggi fortificanti del Sole allespirazione, per fare un campo energetico
pi organizzato, pi forte, pi sano
E fa passare il respiro parallelo pi fuori,
attraverso il corpo vitale (eterico) della famiglia con raggi blu, attraverso tutti i sintomi fisici
e le malattie e pi fuori
55

Reiki e Visualizzazione

56

attraverso il corpo emozionale familiare con raggi multicolori e senti latmosfera della
famiglia e pi fuori
attraverso il corpo mentale familiare con raggi gialli e ascolta i messaggi base della
famiglia e pi fuori
attraverso il corpo spirituale familiare con raggi blu, poi multicolori, poi gialli, e senti adesso
latmosfera
Continua a farlo. Forse ti vuoi includere e far passare i raggi anche attraverso il tuo corpo; fallo
con il colore che ti piace. Forse continui a vedere la famiglia come animali e facendo passare
i raggi, guarda se cambia qualcosa. Lasciati tempo sufficiente per vedere che cosa cambia.
Poi disegnalo e scrivilo.

Esperienze di allievi
Francesca scrive che col respiro parallelo tutti gli animali sono diventati pi forti e hanno
ripreso le giuste proporzioni (li aveva disegnati tutti della stessa grandezza), il cavallo (madre)
diventato grande come un cavallo, il coniglio (padre) diventato pi piccolo, come un coniglio,
e hanno cominciato a muoversi, il cavallo come lo fa un cavallo, il coniglio saltando come un
coniglio, ecc. Sono diventati se stessi.
Sonia invece scrive che nel corpo spirituale tutti gli animali sono cambiati, passando dalla
grandezza diseguale come li aveva disegnati, alla medesima dimensione, ad avere la stessa
grandezza e si sono messi in un cerchio per avere ognuno la stessa posizione.
Rachel: tutti gli animali, che allinizio erano diversi, sono divenuti tutti il medesimo animale:
prima sono diventati tutti lupi, poi tutti gatti e infine erano delle api dentro un grande corpo
emozionale.
Corinne si ricorda di sentire dire di te non sar mai niente nel corpo mentale e unatmosfera
molto fredda nel corpo emozionale. Ognuno era solo. Col respiro parallelo gli animali
diventavano vivi e cominciavano a muoversi:
la tartaruga (lei stessa) si gira sul dorso e ride
il leone (padre) si sdraia e si lecca la pelle
luccello (madre) comincia a volare battendo le ali
il cavallo (sorella) si alza sulle zampe posteriori e nitrisce, poi comincia a girare in cerchio.
Ma ogni animale rimane da solo.
Daria vede la sua famiglia seduta in salotto. Scrive: mia sorella, io e mia mamma ci alziamo e ci
abbracciamo. Alla fine ci raggiunge mio pap per abbracciarci.
Pi tardi entra anche il mio ragazzo e si siede vicino a mio padre. E dopo un poco il mio ragazzo
si alza e viene a darmi un bacio e si siede vicino a me e a mia madre. C molta armonia.
Margit vede i colori dei diversi campi energetici in modo diverso:
- il corpo eterico rosso
- il corpo emozionale giallo
- il corpo mentale bianco
- il corpo spirituale blu/rosa e giallo

56

Reiki e Visualizzazione

57

Il gatto (marito) cambia da blu per divenire rosso come il cane (lei) e si integra nel cane, diventa
parte del cane. Il cane adesso diventa un gatto grigio argenteo nelluniverso, che si sente unito
alla luna e alle stelle.
Chiara che non parla pi con sua madre da due anni e non lha invitata al suo matrimonio, vede
sua mamma come un piccolo topo che diventa un insetto sempre pi grande che si pone sopra
limmagine di tutti gli animali come una grande ombra.
Anna aveva difficolt a far passare i raggi energetici attraverso limmagine degli animali. Solo
alla fine, quando potevo prendere il mio colore preferito e decidere se volevo includere anche
me, ho visto una bella luce violetta che attraversava tutta la famiglia ed eravamo in una piramide
di luce violetta, in un cerchio, tutti insieme, in unit ( divorziata e ha due figlie ormai adulte che
non abitano pi con lei).

Reiki e il sistema familiare


Nello stesso modo in cui possiamo purificare il sistema familiare col respiro parallelo o coi raggi
di luce, possiamo farlo col Reiki.
Prendi adesso l'altro disegno col quale non hai ancora lavorato (quello della famiglia di origine o
quello della famiglia attuale).
Metti il tuo disegno della famiglia come animali davanti a te disegnaci, con la mano o
visualizzandolo, un grande Cho Ku Rei, fallo sopra tutta la famiglia, per aumentare lenergia,
fallo parecchie volte.
E disegnaci sopra il Sei He Ki che agisce sul campo energetico emotivo e mentale. Fallo
parecchie volte su tutto il disegno, poi fermati, chiudi gli occhi e guarda se qualcosa si
trasforma.
Disegna adesso lHon Sha Ze Sho Nen, per entrare in contatto con quello che potrebbe curare
il sistema familiare. Fallo parecchie volte e fermati, per guardare a occhi chiusi cosa succede
nellimmagine.
Se sei iniziato al Reiki 3, fai il Dai Ko Mio che pu entrare nel campo spirituale della famiglia.
Fallo parecchie volte e fermati per sentire, ascoltare, vedere cosa cambia nel tuo sistema
familiare.

A cosa serve lavorare con il campo energetico familiare


Penso che questi cambiamenti nella visualizzazione possono avere lo stesso effetto curativo
come succede nel lavoro col sistema familiare di Bert Hellinger, lo psicoterapeuta tedesco che
tiene corsi in tutto il mondo.
Per chi non conosce il suo lavoro: Hellinger chiede a un paziente di scegliere dal gruppo le
persone che faranno il pap, la mamma, le sorelle e i fratelli, lui stesso, anche i bambini morti o
abortiti, il coniuge e i figli di un matrimonio precedente. Dopo averli scelti, il paziente li prende
uno per uno e li conduce in un posto della stanza finch tutti sono al loro posto e si siede quindi
per vedere la situazione. Bert Hellinger chiede a ognuno come si sente in quel posto.
57

Reiki e Visualizzazione

58

sorprendente vedere e sperimentare come stando in quel luogo la persona si senta veramente
come doveva sentirsi quel familiare, senta emozioni, sintomi fisici, dolori, calco, freddo, voglia
di vomitare, senta quello che vorrebbe fare (andar via, avvicinarsi o allontanarsi da un altro
membro familiare) ecc.
Hellinger non parla di corpo energetico familiare ma lo chiama il campo di forza sapiente o
lanima sapiente che sovrasta e guida ognuno e trova delle soluzioni molto pi potenti di
quelle che possiamo pianificare. Cos spiega come persone che non sanno niente di questa
famiglia, sanno e sentono tutto quello che c in questo campo energetico familiare una volta
che ci sono entrati.
Il lavoro di Hellinger consiste nella maggior parte nel cambiare la posizione dei membri
finch ognuno si sente meglio. Alla fine fa tornare il paziente al posto della persona che lo
rappresentava e gli lascia sentire la nuova situazione. incredibile come dopo quel lavoro la
vita pu cambiare e anche malattie gravi (come il cancro) possano guarire.
Avevamo chiesto, allinizio del capitolo: a cosa serve lavorare con il campo energetico
familiare?
Col respiro parallelo attraverso tutti i corpi energetici, e i corpi spirituali, ma anche con il Reiki
possiamo entrare in sintonia con quello che Hellinger chiama il campo di forza sapiente o
lanima sapiente che sovrasta e guida ognuno e trova delle soluzioni molto pi potenti di quelle
che possiamo pianificare (Hellinger: Einsicht durch Verzicht Handeln aus Einsicht).

Sogni
Teoria
Ci sono diversi metodi di lavoro sui sogni che dipendono anche da quello che pensiamo
significhino.
Cosa significa per te un sogno? Come ti poni nei suoi confronti? Quale la tua visione della vita
in rapporto ai sogni? Scopri il tuo atteggiamento rispondendo in maniera spontanea alle seguenti
domande. Metti per iscritto la tua prima reazione:

- Una tua amica sogna che il suo bambino morto in un incendio ed spaventata a morte.
Domanda: c motivo di essere cos spaventata? Dalle un consiglio.

- Una paziente sogna di te. Avevi una luce doro intorno al capo ed eri molto saggio.
Domanda: dice qualcosa di giusto?

- La paziente sogna che tu, il terapista, le hai rubato i suoi 2 milioni.


Domanda: una proiezione? Vorrebbe rubare lei oppure lo ha gi fatto?
Oppure questo sogno ti dice qualcosa di vero sul vostro rapporto?

- Sogni di vincere alla lotteria


Domanda: compri un biglietto?
Ricordati adesso di un sogno che hai fatto. Mettilo per iscritto. Prendi coscienza del tuo
atteggiamento nei confronti dei sogni cercando ora di interpretare il tuo sogno alla luce dei
meccanismi mentali acquisiti.
58

Reiki e Visualizzazione

59

Storia dellinterpretazione dei sogni


Presso la maggior parte dei popoli antichi i sogni erano concepiti come messaggi, come
ambasciate e incarichi provenienti da istanze superiori, dagli dei.
Babilonesi / Assiri
Credevano che il diavolo e gli spiriti influenzassero i sogni. Avevano un dizionario dei simboli
onirici e del loro significato Per es. se si sognava di volare, ci indicava una sventura imminente.
Sognare di bere vino indicava una vita breve.
Per Egiziani e Greci, i sogni sono messaggi degli dei. Spesso prima di una grande impresa
oppure prima di unimportante occasione i greci digiunavano, poi andavano nel tempio,
dormivano l e il giorno dopo si facevano interpretare i sogni dai sacerdoti.
Cina
I cinesi credevano che i sogni portassero alla conoscenza di s, che mostrassero la via per seguire
il Tao. Si interrogava lI King per interpretare i sogni.
India
Il sonno e la veglia sono ununit mistica. Entrambi poi sono Maya, cio non reali e tuttavia
reali.
Freud
Freud, lautentico fondatore della psicologia moderna, diceva che il sogno la via regina per il
subconscio. Pensava che il sogno mostrasse i desideri e gli istinti repressi. Freud lavorava con i
sogni nel seguente modo: dopo aver raccontato il sogno, i pazienti dovevano procedere a libere
associazioni, cio dovevano dire tutto quello che veniva loro in mente a quel proposito. Freud
interpretava i simboli onirici prevalentemente dal punto di vista sessuale.
Jung
Anche per Jung il sogno aveva un significato centrale. Per lui il sogno era una forma di
compensazione dellunilateralit. Il sogno ha uno scopo. finale, vuole cio raggiungere
qualcosa, avviare qualcosa. Come Freud anche Jung lavorava tramite libere associazioni, in pi,
per, anche tramite lamplificazione: i terapisti junghiani, che si intendevano bene di miti,
paragonano i sogni ai miti con i quali questi mostrano determinate somiglianze, dando cos al
sogno un peso maggiore. Jung diceva, per esempio, che il fatto di sognare un padre aggressivo
a) pu rappresentare un problema reale con un padre aggressivo.
b) ma pu anche rappresentare me stesso, la mia stessa aggressivit di cui io forse non voglio
essere consapevole e che quindi reprimo.
Gestalt
La terapia Gestalt prende molto sul serio la teoria di Jung secondo la quale il contenuto di ogni
sogno ha a che fare con noi e dice che ogni parte del sogno, ogni figura nel sogno rappresenta
una parte della nostra personalit.
Process Oriented Psichology
Si spinge con queste teorie ancora pi in l, asserendo che ogni figura del sogno ha una propria
coscienza. Afferma che il sogno la rielaborazione di un cosiddetto limite (cio del fatto che la
nostra crescita ostacolata da qualcosa). Il limite produce i sogni e rappresenta cos il cosiddetto
processo secondario, cio il nuovo che verr.
Sogni che si sono interrotti in maniera insolita (sogni dai quali ci si sveglia spaventati)
simbolizzano un limite rigido. Per questo motivo il metodo di Leuner di continuare a sognare il
sogno rappresenta una buona tecnica per superare il limite.
59

Reiki e Visualizzazione

60

Lavorare con i sogni


Spesso da noi terapisti vengono pazienti che dopo averci raccontato un sogno vogliono sapere da
noi che cosa significa. Sono convinti che in quanto terapisti conosciamo di sicuro la relativa
interpretazione. Anche oggi esistono - come un tempo presso i babilonesi - libri per
linterpretazione dei sogni che possibile consultare: Torre e l si trova scritto per esempio:
bisogni sessuali, desideri sessuali. Considero tali libri pericolosi, poich non cos facile che
ogni sogno concernente una torre riguardi desideri sessuali.
Quando un paziente mi racconta un sogno, naturalmente in molti casi io mi sono gi fatta unidea
in proposito, immaginando quale comunicazione il sogno possa contenere. Ritengo tuttavia
inutile e persino pericoloso comunicare i miei pensieri cos, semplicemente, al paziente, poich
pu accadere che la mia interpretazione non sia centrata. E quandanche fosse corretta,
possibile che il paziente non sia pronto ad ascoltarla. E molto meglio lasciare che il paziente
scopra da solo quello che il sogno ha voluto dirgli. E per fare questo abbiamo le seguenti
possibilit che possiamo anche fare da soli:

Continuare il sogno
Considero significativo il fatto di continuare il sogno soprattutto quando questo si interrotto in
maniera brusca visto che ci siamo svegliati in preda allansia. Allora rivediamo il sogno ancora
una volta fino alla fine e lasciamo che limmagine continui a svilupparsi.

Sogno, sensazione fisica, immagine, film


Questo metodo molto semplice poich ci serviamo della stessa tecnica che abbiamo imparato
con il lavoro sui sintomi. Riportiamo il sogno a un sintomo fisico. Puoi provare questo metodo
su te stesso.
Ricorda un sogno della notte passata, recente o che hai fatto qualche tempo fa, un sogno che ti
ha colpito particolarmente. Scrivi questo sogno e cerca di ricordartelo bene...
Quando hai finito lascia tornare di nuovo questo sogno nella tua mente e rifletti sulla parte del
sogno o sul personaggio che ti ha colpito di pi...
Guarda quindi questa parte del sogno o questo personaggio con attenzione...
Come ti fa sentire? Che emozione ti d?
Senti in quale parte del tuo corpo senti questa emozione. Mettici le mani e disegna il Cho Ku
Rei.
Senti questa parte del tuo corpo, diventa chiaramente cosciente del modo in cui senti questa
parte del tuo corpo...
Lascia diventare pi forte questa sensazione, amplificala fino a che tu possa descriverla...
(come hai fatto prima con il sintomo).
Come senti questa parte del tuo corpo?...
Quando lhai descritta sentila di nuovo... Disegnaci il Sei He Ki.
e lascia venire unimmagine...

60

Reiki e Visualizzazione

61

la prima immagine che si presenta, (guardala chiaramente o fai diventare limmagine molto
chiara), a colori...
Guardala bene...
A partire da l lascia scorrere un film finch arriva alla fine.
Poi disegna una scena presa dalla tua visualizzazione.

In riassunto:
1. Descrivi il sogno molto precisamente o raccontalo a qualcuno.
2. Quale parte del sogno o quale personaggio ti ha impressionato di pi?
3. Visualizza di nuovo questa parte o questo personaggio.
4. Senti nel tuo corpo dove lo senti di pi. Mettici le mani e disegna il Cho Ku Rei.
5. Senti questa parte del tuo corpo, amplifica quello che senti finch lo puoi descrivere.
6. Descrivi quello che senti in questa parte del tuo corpo.
7. Sentilo di nuovo e disegnaci il Sei He Ki
8. Lascia venire un immagine di questa sensazione.
9. Lascia scorrere un film a partire da questa immagine finch arriva alla fine.
10. Disegna una scena importante di questa visualizzazione.

Sogno, sensazione fisica, immagine e porla fuori


Pensa ancora una volta al tuo sogno, e guardalo ancora una volta...
E che parte o figura ti ha colpito di pi...
Guardala ancora una volta...
Come ti fa sentire, che emozione di d?
Dove, nel tuo corpo, lo senti?... Mettici le mani e disegna il Cho Ku Rei
E cos che senti l?...
Sentilo bene...
fino a poterlo mettere in parole... e disegna il Sei He Ki
E quando lo senti bene, fai venire unimmagine...
E guardala bene...
Togli le mani dal corpo e metti questa figura davanti a te, a un metro di distanza e disegna
lHon Sha Ze Sho Nen aspetta e guarda se limmagine si trasforma
E se limmagine davanti a te cambiata in qualcosa che ti piace, puoi metterla di nuovo nel
tuo corpo, dove cera il tuo sintomo, e metti nuovamene le mani e disegna il Cho Ku Rei...
E lasciati il tempo necessario, e quando sarai pronto, potrai tornare qua...
e fare un disegno...

61

Reiki e Visualizzazione

62

Terapia Gestalt
I terapisti Gestalt credono che ogni singola parte del sogno sia espressione di una parte della
propria personalit. Nella terapia Gestalt il paziente viene sollecitato a identificarsi con ogni
singola parte del suo sogno e di prendersene la responsabilit recitando ogni parte.
Per esempio. Un paziente sogna di trovarsi in un prato e di essere inseguito da un toro. Egli si
pu mettere in salvo allultimo momento saltando al di l di uno steccato. A questo punto si
chiede al paziente di recitare ogni parte del sogno.
Il paziente dir, per esempio:
Io sono il toro e ti inseguo. Non hai nessuna possibilit di sfuggirmi, non sei abbastanza forte
per oppormi resistenza.
Io sono lo steccato, ti proteggo, mi puoi usare, puoi scavalcarmi per metterti in salvo. Quando
sei da questa parte ti separo dal toro, ti proteggo dalla forza terrificante dellaggressione del
toro.
Io sono il prato, sono pieno di fiori, fiorisco e do la possibilit che su di me succeda tutto quello
che possibile.
Io sono io e sono inseguito. Ho paura. Mi posso per salvare allultimo minuto.
Puoi anche lavorare da solo cos.
Forse vuoi registrare quello che dici per riascoltarlo dopo.
1)
2)

prendi nota di tutte le figure del sogno


rappresentale tutte, una dopo laltra.

Nella maggior parte dei casi succede che ci si identifichi molto bene con alcune parti e per niente
con altre. Queste, per, sono per lo pi le parti pi interessanti, le parti represse.

Sogno ricorrente dellinfanzia


Sia la filosofia taoista sia la psicologia transpersonale sostengono la tesi per cui il sogno ci vuole
inviare una comunicazione, ci vuole comunicare la via da percorrere.
I sogni che ritornano continuamente - anche se in versioni diverse - hanno un significato
particolare. Se, comprendendo il loro messaggio, cambiamo qualcosa della nostra vita in
generale non ritornano pi.
La psicologia di Mindell si interessa in special modo dei sogni che da bambini abbiamo fatto pi
volte oppure di un solo sogno che per ci ha colpiti cos profondamente da ricordarcene ancora.
Per la psicologia process-orientata di Mindell, tali sogni rappresentano il mito della vita, il
nostro tema di vita, quello che in questa vita dovremo imparare.
Se anche tu hai avuto sogni di questo tipo, allora puoi fare il seguente esercizio:
1) metti per iscritto lintero sogno
2) disegna nel primo dei quadranti tutto il tuo sogno
3) continua a sognare il sogno, facendo i disegni da 2 a 5 e lascialo arrivare a una soluzione
nellultimo quadro
4) Rifletti: in quale quadro pensi di essere gi arrivato oggi?
62

Reiki e Visualizzazione

63

63

Reiki e Visualizzazione

64

Il caso di Ricarda
Una mia allieva, una donna di 40 anni, aveva visto tranquillamente in una visualizzazione con un
terapista come lei veniva mangiata da un leone fino ad arrivare ad essere uno scheletro.
Ma la notte successiva non aveva dormito bene. Al mattino si era alzata ancora stanca, non aveva
pi nessuna voglia di andare a lavorare, n di fare nientaltro; era depressa. A volte, nei giorni
successivi, si svegliava con la paura, e rivedeva limmagine di lei come scheletro e il leone che la
divorava.

Si ricord allora dellesercizio appreso nel corso e mise


limmagine davanti a s, disegnandoci il Sei He Ki. Mentre
faceva cos, limmagine divent un po pi piccola e la paura
diminu un poco. Lasci limmagine fuori. Fece lesercizio
ogni giorno per due settimane e ogni volta che lo faceva,
limmagine diventava pi piccola e cos anche la paura, fino a
sparire completamente dopo quindici giorni.
Quando limmagine spar, riprese a dormire di nuovo bene
come aveva fatto prima, amava di nuovo la vita e il lavoro.
Ma quello che la sorprendeva di pi era che aveva
incominciato a dire quello che voleva a sua madre, e a suo
marito, in modo amichevole, cos che loro non si offendevano
e spesso facevano ci che lei voleva. E ora si sente pi sicura.
Per capire quanto successo, potremmo interpretare il sogno
in questo modo (cosa che non faccio mai con i clienti.
Accontentiamoci di vedere che le cose nella vita cambiano.
Fare delle interpretazioni pu essere fuorviante, perch potrei
non interpretare correttamente la realt - ma i clienti lo
accetterebbero e anche se linterpretazione fosse giusta,
potrebbe spaventare il cliente che potrebbe in seguito avere
difficolt a visualizzare).
Come gi ho detto, tutte le figure che sogniamo (o che visualizziamo) sono una parte di noi, una
nostra subpersonalit.
Cos lo scheletro che veniva mangiato era lei. Era lei la vittima con cui si identificava nel sogno.
Ma era anche il leone che divorava lo scheletro. anche laggressore che mangia se stesso.
Poich dopo cambi e divenne pi sicura, inizi a dire quello che voleva, oso interpretare che lo
scheletro che veniva mangiato rappresentava la subpersonalit della bambina adattata e il leone
che lo mangiava un suo messaggio di base, come: Mi vogliono bene solo se faccio tutto quello
che gli altri vogliono; un messaggio col quale si obbligava a fare tutto ci che gli altri volevano.
Il sogno era la rappresentazione di quella bambina adattata che non osava essere se stessa e
chiedere quello che voleva per paura di non essere pi amata.
Facendo il trattamento di Reiki con il sei He Ki, il subconscio si pu rendere conto che il
messaggio di base che la bambina aveva imparato da piccola (mi vogliono bene solo se faccio
tutto quello che gli altri vogliono) e il comportamento della bambina adattata non erano pi
necessari ora che aveva 40 anni.
Cambi spontaneamente, si rese conto solo dopo che aveva iniziato a chiedere ci che voleva e
con sorpresa vide che suo marito non aveva assolutamente nulla in contrario al fatto che lei
dicesse quello che voleva: la amava ugualmente, o forse anche di pi, perch essendo se stessa
diventava ancora pi interessante.
64

Reiki e Visualizzazione

Riassunto di come lavorare coi propri sogni


1)

Raccontare un sogno  finire di sognarlo

2)

Che parte/figura ti ha colpito di pi?


Che emozione ti d?
Disegnaci il Cho Ku Rei
Dove nel corpo?
Disegnaci il Sei He Ki
Che sensazione fisica? 
Immagine  Film

3)

Che parte/figura ti ha colpito di pi?


Che emozione ti d?
Dove nel corpo?
Disegnaci il Cho Ku Rei
Che sensazione fisica?
Disegnaci il Sei He Ki
 immagine  mettila fuori e disegnaci il Sei He Ki
 se cambiata in positivo, portala di nuovo dentro il corpo e disegna il Cho Ku Rei
 se non cambia lasciala fuori e fa passare i raggi nel corpo senza limmagine

4)

Gestalt  giocare ogni figura del sogno

65

65

Reiki e Visualizzazione

66

Subpersonalit
Da bambini abbiamo sviluppato un sistema di meccanismi mentali in relazione alle nostre
esperienze di vita (messaggi base, per es. io non sono importante) decidendo di adottare un
certo comportamento (io sono bravo e obbediente, faccio tutto quello che gli altri vogliono
perch cos mi amano) che diventato un tratto tipico del nostro carattere. Cos, in determinate
situazioni, noi agiamo sempre allo stesso modo.
La psicosintesi di Assagioli ha coniato a questo proposito il concetto di subpersonalit,
affermando che durante linfanzia sviluppiamo queste subpersonalit come risposta alle richieste
che giungono o dalla nostra famiglia o dallambiente circostante.
Queste subpersonalit, come per es. la persona che si adatta a tutto, quella che protegge, quella
che incita, quella che sopravvive a tutto, luomo o la donna violenti, diventano parti della nostra
personalit. Spesso noi non siamo consapevoli della loro esistenza, mentre invece la nostra vita
viene da queste condizionata senza che ce ne accorgiamo.
Quando una subpersonalit, infatti, negativa, questa ci pu, nella vita quotidiana e
inconsciamente, danneggiare.
A volte queste parti sono obsolete. Sono state create nella prima infanzia per esigenze di
sopravvivenza, tuttavia al momento attuale non hanno senso. Per es. la ragazzina obbediente
oppure il bravo ragazzo che allet di 5 anni si erano formati in una famiglia nella quale si
veniva amati solo che si era bravi e obbedienti, per una donna o un uomo di 30 anni non hanno
pi nessun senso.
Piero Ferrucci, allievo di Assagioli, ha creato i tre esercizi seguenti (esposti nel suo libro
Crescere, ed. Astrolabio) che ci permettono di rintracciare queste subpersonalit, che io ho un
poco cambiato.
Come per tutte e altre visualizzazioni, vi consiglio di cominciare con un trattamento Reiki corto
e un bilanciamento dei Chakra.

Cambiare la subpersonalit di un sentimento sgradevole


Riconosce la subpersonalit (adattato da Ferrucci)
Scegli unemozione sgradevole che ritorna spesso accompagnata da pensieri negativi, come,
per esempio, la solitudine con il pensiero: nessuno vuole stare con me o la rabbia con mi
danno sempre la colpa o un senso di colpa quando giochi e ridi o di impotenza con non fanno
mai quello che voglio io.
O puoi anche scegliere un tuo comportamento che non ti piace, accompagnato forse da un
sentimento negativo o da pensieri negativi come, per esempio:
litighi spesso con tuo marito e ti senti sola, pensi che non sei importante per lui, che non ti
guarda e non ti ascolta, o
quando ti guarda un ragazzo, tu non lo guardi, o
hai paura di parlare in gruppo, o

66

Reiki e Visualizzazione

67

quando in gruppo devi metterti in coppia, aspetti finch non rimane una sola persona, che molte
volte non ti piace, o
Scegli unemozione sgradevole o un tuo problema e ascolta come ti fa sentire
Disegna il Cho Ku Rei.
Chiudi gli occhi e diventa completamente consapevole di questa emozione...
Senti dove si manifesta nel corpo, mettici la mano e disegnaci il Sei He Ki.
Lascia poi che nel tuo intimo si formi unimmagine che lo rappresenta: pu essere una donna,
un uomo, un animale, un folletto, un oggetto, tu stesso dietro una maschera, un mostro,
qualsiasi oggetto o persona che ti venga in mente. Non cercare di costruire limmagine
intenzionalmente. Permettile di formarsi e crescere da sola
Non appena limmagine o la figura ha preso forma, dalle abbastanza tempo perch si possa
rivelare a te... Entra poi in contatto con latmosfera che emana dalla figura...
Lascia che la figura parli ed esprima se stessa. Lasciale sufficiente spazio per parlare di s,
delle sue abitudini e delle sue esigenze... Se vuoi, puoi parlare con lei e farle delle domande. Ti
trovi di fronte a una subpersonalit che provvista di vita e intelligenza proprie.
Dalle un nome appropriato, che in seguito ti aiuter a identificarla: il Criticone, lArtista, il
Sapientone ecc. Le possibilit sono infinite e c davvero di che sbizzarrirsi...

Dopo questo esercizio puoi disegnare su un grande foglio quello che hai visto e scrivere il suo
nome.

Scalare una montagna con la subpersonalit


Adesso puoi passare ad un secondo esercizio e insieme alla tua subpersonalit scalare una
montagna.
Immagina di trovarti insieme alla subpersonalit in una valle. Insieme a lei osserva quello che vi
circonda. Guarda i fiori e le piante, gli alberi e una montagna. Lasciati il tempo per percepire le
tonalit della natura: il cinguettio degli uccelli, il fruscio delle foglie al vento, ecc.
Adesso comincia a scalare la montagna con la tua subpersonalit. Immagina il paesaggio
attraverso il quale cammini. Vai per prati, attraverso boschi, passa davanti a ripidi pendii, ti
arrampichi su per le rocce. Cerca di percepire la differenza di livello e di respirare laria che
diventa sempre pi pura e rinvigorente. Ascolta la pace delle cime montane.
Durante tutto il tragitto in salita rimani in contatto con la tua subpersonalit. Infatti possibile
che tu percepisca in lei dei cambiamenti, per esempio nel comportamento, nellespressione del
viso oppure nellabbigliamento, o addirittura una radicale metamorfosi.
Quando hai raggiunto la vetta, immagina che la luce del sole vi attraversi completamente e ti
riveli persino la vera essenza della tua subpersonalit. E assolutamente possibile per te speri
mentare ulteriori cambiamenti. E adesso d alla tua subpersonalit la possibilit di esprimersi
liberamente e di parlare con te.

Quando hai finito, puoi fare un disegno della tua subpersonalit e passare al terzo esercizio.
67

Reiki e Visualizzazione

68

Al centro di un giardino ammiriamo una rosa che si schiude


(Adattamento da Ferrucci)

E adesso immagina di stare insieme alla tua subpersonalit in un bel giardino pieno di fiori.
Guarda i fiori piantati in bellissime forme, che fioriscono. Senti il profumo e la freschezza
rivitalizzante dellaria. Ascolta il canto degli uccelli.
Cerca di percepirti insieme alla tua subpersonalit. Che aspetto ha adesso? Si trasformata
oppure ha le stesse sembianze di prima? Dalle il tempo e lo spazio per sperimentare il giardino
in tutta la sua atmosfera e farla agire su di lei.
Andate insieme al centro del giardino. L vedrete un cespuglio di rose con un bocciolo non
ancora dischiuso. Insieme alla tua subpersonalit osserva come il bocciolo comincia piano e
dolcemente ad aprirsi. Dapprima si aprono i sepali svelando il bocciolo interno; poi anche il
bocciolo comincia lentamente a dischiudere i petali finch non completamente fiorito.
Insieme alla tua subpersonalit odora il profumo che sale dalle rose. Lasciati inondare da
questo profumo.
Poi osserva la tua subpersonalit. Che aspetto ha adesso? E com ora il vostro rapporto?

Ora puoi disegnare nuovamente la tua subpersonalit. cambiata?

Perch le subpersonalit cambiano?


Magari tu stesso hai sperimentato che una figura spaventosa diventata pi piccola e
amichevole, e che questa figura che aborrivi diventata sempre pi simpatica.
Come mai successo questo?
Se ci ricordiamo che la subpersonalit si formata nellinfanzia, in relazione alla esperienza e
per ricevere pi riconoscimento, pi attenzione, pi amore possibile, capiamo meglio quanto
succede.
La subpersonalit non corrisponde alla nostra personalit, a quello che siamo davvero. Era
stato bloccato il nostro sviluppo psico-mentale e per compensazione abbiamo creato queste
subpersonalit, che sono degli alleati, degli amici. Volevano farci ricevere pi amore ed
attenzione possibili.
Ma ora sono diventati superflui, a volte persino dannosi.
Salire con la subpersonalit sulla montagna un simbolo per salire pi in alto, verso il sole,
verso la luce, verso la luminosit.
Allora non ci sorprende che la subpersonalit possa cambiare nella sua pi alta realt,
nellEssere che ci aiuta.
Allo stesso modo, entrare con la subpersonalit al centro di un bel giardino il simbolo per
trovare il nucleo, il vero essere della subpersonalit.
Osservare insieme alla subpersonalit una rosa che si schiude un simbolo per la
subpersonalit che dischiude e mostra la sua vera natura di nostra alleata.

68

Reiki e Visualizzazione

69

Trasferire la nuova subpersonalit in tutto il corpo


Se la figura si trasformata in maniera positiva, preparati ad un quarto esercizio: facendo un
trattamento di Reiki, trasferisci il messaggio, la qualit della subpersonalit che si trasformata
in senso nuovo e positivo in tutto il corpo, in ogni organo, in ogni cellula, disegnando ogni volta
che sposti le mani il Cho Ku Rei e il Sei He Ki o se sei un Master, il Dai Ko Mio.
Tieni le mani sul punto dove prima era la vecchia subpersonalit e riempilo con limmagine della
nuova...
Lascia che tutte le tue cellule siano impregnate dallenergia della nuova subpersonalit...
Senti la qualit di questa nuova subpersonalit e lascia che continuino a diffondersi per tutto il
tuo corpo, in ogni cellula, e metti le mani l:

sulla testa...
sul collo...
sulle spalle...
sulle braccia...
sul tronco...
sulle gambe...
sui piedi...

E aspetta finch ogni parte del tuo corpo non sia colma di questa nuova energia, di quello che
la nuova subpersonalit nella sua essenza archetipa, nella sua essenza pi vera, pi chiara.
possibile che in te adesso ci sia forza, sicurezza, luce o amore. Lasciati il tempo di riempire il
tuo corpo con limmagine e con questa energia nuova. E quando senti che il tuo corpo ne
stato completamente impregnato, allora lentamente puoi ritornare a te.

Trovare la subpersonalit in un punto del corpo


Wilhelm Reich, allievo di Freud e fondatore della prima moderna terapia corporea, affermava
che il nostro corpo conserva tutta la nostra storia nelle tensioni muscolari, nelle corazze
muscolari.
Quando lavoriamo su queste col Reiki, con agopressione o altra terapia corporea, o
semplicemente ci concentriamo su di loro, pu riaffiorare
a) il sentimento (per esempio paura) che imprigionato l dentro
b) il ricordo del trauma che ha provocato quella paura
oppure
c) emerge per esempio limmagine di una strega cattiva. Questa una geniale rielaborazione
interiore della paura. La paura stata simbolizzata, impersonificata nellimmagine esteriore
della strega cattiva. Questa per Assagioli una subpersonalit.
Qui noi lavoriamo con il punto c), la subpersonalit, e cerchiamo di riscattarla, poich essa
stessa si pu trasformare in un alleato e noi liberiamo allo stesso tempo la paura dal nostro
69

Reiki e Visualizzazione

70

corpo, affinch questa non debba rimanere rinchiusa l dentro. (Vedi anche Lavoro con il
sintomo)Cerca sul corpo un punto particolarmente contratto. Cerca nel tuo corpo finch la tua attenzione
non attratta da un determinato punto.
e rimani l con la tua attenzione
poggia sopra la tua mano e disegna il Cho Ku Rei
fa che quello che senti diventi pi forte, amplificalo
esprimi con le parole quello che provi
sentilo ancora un po e lascia che diventi un po pi forte e disegna il Sei He Ki
lascia che si crei una immagine
guardala bene: che atmosfera emana da lei?
lascia che parli, che si racconti, chi ? quali sono le sue abitudini? Ascoltala attentamente
forse vorresti chiederle qualcosa.
Continua il dialogo finch non sai abbastanza di lei
dalle un nome
disegnala o dipingila

In che parte del corpo si trovano determinate subpersonalit


Aminah Raheem (originatrice della Process Acupressure) afferma che spesso determinate
subpersonalit si trovano in determinate zone del corpo e che in questo modo noi possiamo
metterci in contatto con loro, vedere se sono appropriate alle richieste che ci pervengono oggi e,
se non lo sono, se anzi ci limitano e persino danneggiano, convincerle che non abbiamo pi
bisogno di loro, che possono continuare a svilupparsi e crescere, in modo da poter diventare
nostri alleati e di poterci aiutare in un modo nuovo.
Alcune teorie affermano che determinate parti del corpo conservano determinati problemi (e con
questi anche le subpersonalit) per es. la medicina cinese, Aminah Raheem. Altri pensano che
questo sia molto pericoloso e dicono che ogni problema pu essere ospitato dovunque allinterno
del corpo (per es. Arny Mindell).
Trovo che sia utile per il terapista conoscere le teorie che indicano quali subpersonalit vengono
spesso trovate in un posto particolare, in modo tale che nel trattare questi punti abbiamo nei
confronti della persona con cui lavoriamo una maggiore sensibilit e quindi ci accorgiamo pi
velocemente del possibile problema. Ma naturalmente importantissimo attenersi strettamente ai
processi che coinvolgono la paziente senza proiettare su di lei ci che non le appartiene.
Anchio penso che ogni problema e ogni subpersonalit si pu incontrare in qualsiasi parte del
corpo,, ma che specifiche subpersonalit si trovino spesso (ma non sempre) in parti specifiche
del corpo.
Infine vorrei presentarvi un disegno: prima la rappresentazione di come da esperienze
dellinfanzia sono nati divieti (messaggi di base) con i rispettivi punti dove questi sono stati poi
immagazzinati nel corpo, e poi, verso quali subpersonalit abbiamo rielaborato tali divieti.

70

Reiki e Visualizzazione

71

71

Reiki e Visualizzazione

72

72

Reiki e Visualizzazione

73

73

Reiki e Visualizzazione

74

Gli stati dellIo in Analisi Transazionale


Anche se lAnalisi Transazionale non parla di subpersonalit, gli stati dellIo dellA.T.
secondo Eric Berne possono anche essere considerati come subpersonalit o diverse possibilit
di sentire e di agire.
Secondo le situazioni ognuno di noi muta lo stato dellIo.
Una persona sana si trover pi spesso nello stato delladulto, del bambino libero, del genitore
nutritivo.

Per capire meglio questi stati vi racconto una piccola storia del:

Signor Belotti
Il signor Belotti stava lavorando col suo computer tranquillamente (stava nello stato delladulto)
quando viene il suo capo e butta gi un lavoro suo dicendo in modo molto critico: Signor
Belotti che ha scritto qua? E terribile, non si pu utilizzare, non si pu far vedere ai clienti.
Come mai ha potuto fare cos? (sta nello stato del genitore critico). Il signor Belotti, spaventato,
con voce flebile, dice: Non so, ho fatto del mio meglio, ma lo guardo subito e provo a
migliorarlo. Mi scusi (sta nello stato del bambino adattato).
Fortunatamente sono gi quasi le 17 e pu andarsene a casa. Prende la macchina e va forse
troppo veloce. Passa un semaforo rosso ( nello stato del bambino ribelle). Arriva a casa, entra in
cucina dove sua moglie sta preparando la cena e dice: Come mai non c ancora nulla di
74

Reiki e Visualizzazione

75

pronto?! Sai che ho sempre fame quando torno. Non mai pronto! (sta nel genitore critico). La
moglie che ha avuto una buona giornata, capisce subito che suo marito aveva avuto problemi sul
lavoro e invece di arrabbiarsi dice: Guarda, prendi un bicchiere di vino, meglio, guarda, l sotto
sta giocando tuo figlio con la palla; non vuoi andare a giocare un poco con lui? E subito pronto
(sta nel genitore nutritivo).
Il signor Belotti scende e comincia a giocare con suo figlio a palla. E molto arrabbiato e d calci
molto forti alla palla (sta nel bambino ribelle). Ma dopo un poco comincia a provare piacere e
gioia e gioca e ride insieme a suo figlio (sta nel bambino libero). La madre, che ha gi finito da
tempo di preparare la cena, guarda dalla finestra e vede come stanno giocando insieme e li lascia
giocare (sta nel genitore nutritivo).
Dopo un altro poco, il signor Belotti guarda in alto e chiama la moglie: Hai gi finito? (sta
nelladulto). La madre risponde di s, allora salgono e mangiano insieme. La madre chiede al
marito: successo qualcosa sul lavoro? (sta nelladulto). Il signor Belotti risponde: S, ti
racconter pi tardi, ora non ne ho voglia. (sta ancora nelladulto). E continuano a mangiare. Il
bambino racconta del gioco da basso, con il pap e tutti ridono (stanno nel bambino libero).

ego-gramma

75

Reiki e Visualizzazione

76

Prova a fare un disegno dei tuoi stati dellIo. Fallo spontaneamente, senza pensare molto,
dopo aver guardato lesempio di un possibile istogramma dellIo (ego-gramma).
Guarda ora il tuo ego-gramma. Ti piace? O vorresti cambiare qualcosa.
Disegna sopra il tuo ego-gramma, con un altro colore, lego-gramma che desideri.
Forse vuoi pi del bambino libero o delladulto, o del genitore nutritivo, e forse meno del
bambino adattato o del genitore critico
Disegna il tuo ego-gramma ideale.

E dopo questo puoi fare unaltra visualizzazione.

Scalare la montagna
pensa a una situazione del tuo stato dellIo che vorresti diminuire, una situazione dove sei
stato
un genitore critico o
un bambino adattato o
un bambino ribelle
Scegli lo stato dellIo e ricordati di una situazione cos. Guardala, ascolta come ti senti.
Disegna il Cho Ku Rei
Ascolta in che parte del corpo lo senti e disegna il Sei He Ki
Fa venire unimmagine
e con quella immagine, una tua subpersonalit, ripeti gli esercizi fatti.

Scala la montagna (vedi esercizio della subpersonalit)


Entri al centro di un bel giardino e osservi come si dischiude una bellissima rosa
Se la subpersonalit cambiata in qualcosa che ti piace, mettila in ogni cellula del tuo

corpo.

Portar fuori limmagine


Prendi unaltra situazione che non ti piaciuta, quando sei stato un bambino adattato o un
genitore critico.
Guarda la situazione.
Come ti fa sentire? Descrivi lemozione.
Dove la senti nel corpo?
76

Reiki e Visualizzazione

77

Disegnaci il Cho Ku Rei


Descrivi la sensazione fisica
Disegna il Sei He Ki
Fa venire unimmagine e mettila davanti a te.
Disegna lHon Sha Ze Sho Nen
Guarda se si trasforma
Continua e disegna il Sei He Ki e aspetta finch si trasforma.
Se si trasformata in qualcosa che ti piace, metti limmagine nuovamente nel corpo, altrimenti
la lasci fuori.
Continua col trattamento Reiki ancorando la nuova immagine in tutto il corpo.

Come sar differente


Prendi ancora unaltra situazione che non ti piaciuta, bambino adattato, o bambino ribelle o
genitore critico.
Guarda bene la situazione.
Come ti fa sentire? Descrivi lemozione.
Dove la senti nel corpo?
Disegnaci il Cho Ku Rei.
Descrivi la sensazione fisica.
Disegna il Sei He Ki.
Metti il ricordo davanti a te.
Metti limmagine davanti a te un po a sinistra e disegna lHon Sha Ze Sho Nen.
Osserva se cambia.
Disegnaci parecchie volte il Sei He Ki e guarda se cambia.
Pensa adesso come sar differente senza quel comportamento, disegna lHon Sha Ze Sho Nen
e fa venire unimmagine.
Mettila davanti a te a destra e disegnaci il Cho Ku Rei in modo che si possa manifestare pi
rapidamente nella tua vita.
Fa un passo in questa direzione cos da entrare in questa immagine e che questa immagine
impregni tutto il tuo corpo, e disegna il Cho Ku Rei, cos che si manifesti pi rapidamente nella
tua vita.
Fa un trattamento completo di Reiki ancorando limmagine futura in tutto il tuo corpo. Ogni
volta che sposti le mani disegna il Sei He Ki e/o il Cho Ku Rei, in modo che quellimmagine si
possa manifestare pi rapidamente nella tua vita.

77

Reiki e Visualizzazione

78

La memoria cellulare
Negli esercizi di Ferrucci, dopo Scalare la montagna, Schiudere la rosa, sono uscite nuove
subpersonalit, pi positive. Queste possono essere considerate come larchetipo di questa
subpersonalit, lalleato che ci permette di superare la vecchia subpersonalit che non ci serve
pi.
Come diceva gi Wilhelm Reich, tutti i nostri traumi sono ricordati nel corpo e cos sono anche
registrate i messaggi di base che sono nati in consecuencia ai traumi infantili, e le subpersonalit,
che sono una forma simbolica del comportamento che abbiamo scelto per ottenere la maggior
considerazione e il pi amore possibile.
Vorrei chiamare questo memoria cellulare, anche se forse un po pi complicato, se
consideriamo la teoria dei corpi energetici. Secondo questa teoria, i messaggi di base che
seguono i traumi sono ricordati nel corpo mentale e lemozione di ogni trauma nel corpo
emotivo; ma dato che questi corpi energetici compenetrano entrambi il nostro corpo fisico, e
quindi anche le nostre cellule, possiamo semplificare e parlare di memoria cellulare.
Cuando visualizziamo il nostro problema fisico o psichico, limmagine simboleggia la victima
che sentiamo di essere con i messaggi di base negativi e un emozzione sgradevole. Al metterci
energia coi simboli Reiki (o col respiro parallelo come insegno nel libro Rinascere dal Cuore),
limmagine si trasforma in qualcosa di pi positivo, simboleggiando lalleato che vuol essere il
problema, lamico che ci vuol impulsare a cambiare quello che ci impedisce a essere noi stessi e
seguire la nostra mata del anima. Limmagine trasformata simboleggia anche i messaggi di base
trasformati che cambiarano anche il nostro comportamento.
Poich le nostre subpersonalit sono ricordate nelle cellule, molto utile sovrapporre loro una
nuova subpersonalit positiva, che renda la vecchia inutile cos che possa uscire dal corpo, o
meglio ancora sostituire la vechia immagine con l immagine trasformata.
in questo modo che mi spiego perch cos potente il portare le immagini positive in tutto il
corpo. In questo modo i mutamenti avvengono pi rapidamente e vengono ancorati nel fisico
(vedere anche gli esercizi su Problemi  portare nel corpo e Subpersonalit  portare nel
corpo)
Nel prossimo esercizio (che gi abbiamo fatto in precedenza senza ancorarlo nel corpo), si
sviluppano nuovi messaggi base per curare le vecchie proibizioni.
Anche qui portiamo limmagine con i nuovi messaggi base in tutto il corpo per curare i vecchi
messaggi negativi nella memoria delle cellule.
Trovarai molti esercizi che indicano di portare la nuova immagine in tutto il corpo. Potrai
ancorar la nuova immagine con un autotrattamento di Reiki, visualizzandola nella parte
correspondiente del corpo ogni volta che cambi la posizzione dei mani, lasciando ogni cellula
ascoltare anche le parole, le nuove affermazzioni che accompagnano limmagine trasformata. In
tutti questi esercizi si sviluppano nuovi messaggi base per curare le vecchie proibizioni:
-

Ancorare la meta in tutto il corpo


Mettere le affermazzioni in tutto il corpo
Sintoma: Ancorare limmagine trasformata in tutto il corpo
Problema: Mettere limmagine trasformata in tutto il corpo
Senza problema: Ancorare limmagine futura in tutto il corpo
Trasferire la nuova subpersonalit in tutto il corpo
78

Reiki e Visualizzazione

79

Reiki / bene / tutto il corpo


Puoi adesso fare nuovamente la visualizzazione di un ricordo positivo e dopo averlo fatto, porre
la tua attenzione sulla sensazione nuova e positiva che senti e far andare limmagine e la nuova
affermazione in tutto il corpo.
Comincia a fare un trattamento Reiki
Ricorda adesso il posto dove sei andato quando ti sei sentito bene.
Dove sei cosa succede cosa senti guarda i tuoi occhi e dentro di te per capire come ti
senti, lascia diventare questo sentimento molto forte
E fallo sapere a tutto il tuo corpo, fa penetrare limmagine in tutte le cellule e lasciagli ascoltare
la tua affermazione, le parole sono mentre metti le mani e i simboli Cho Ku Rei e Sei He Ki
attraverso
il capo, il cervello, le ossa della mandibola
il collo, la nuca, le braccia
il tronco, le scapole, la colonna vertebrale, le costole, le ossa dello sterno, i polmoni, il cuore, lo
stomaco, il fegato, gli intestini, il bacino,
le gambe, i muscoli, le ossa, i piedi,
in modo che si possa manifestare pi rapidamente nella tua vita

Riassunto del lavoro con la visualizzazione


Quello che mi affascina col lavoro con i simboli della visualizzazione che la guarigione accade
in generale in modo inspiegabile per la coscienza. Non necessario rivivere i dolorosi traumi
infantili con tutte le loro sensazioni di paura, rabbia, dolore per risolverli. una terapia
segreta.

Spiegazioni di Milton Erickson


Vorrei citare alcuni passi di un mio articolo pubblicato sulla rivista di ipnosi Hypno nel 1984 e
nel volume degli Atti del congresso sullipnosi a Zurigo del 1986 Moderne
Suggestionsverfahren edito da Dihl/Miller, su Milton Erickson, il grande ipnoterapeuta
nordamericano, e il reframing (reinterpretare) di Bandler e Grinder, gli originatori della PNL
(Programmazione neurolinguistica).
Milton Erickson stato tra i primi ad aver spiegato perch sia curativo lavorare con un sintomo,
pur senza capirne il messaggio.
I suoi allievi, Bandler e Grinder scrivono
Quasi ogni psicoteologia che conosco d per scontata la necessita della coscienza per effettuare
un cambiamento e questo assurdo (Bandler e Grinder 1984, pag. 196)
79

Reiki e Visualizzazione

80

Sono convinti che quindi la guarigione pu avvenire in modo indolore poich nello stato
ipnotico, quando la coscienza arretra, ci sono a disposizione altre possibilit di scelta e viene
attivata lauto-guarigione.
Il lato positivo di uno stato di coscienza trasformata che la persona che vi si trova ha a
disposizione maggiori e del tutto diverse possibilit di scelta, rispetto al normale stato di
coscienza e in uno stato di coscienza trasformato non si ha la propria visione normale del
mondo e quindi si dispone di un numero infinito di possibilit
Bandler e Grinder hanno preso i fondamenti di questa forma di terapia da Erickson,
sviluppandoli ulteriormente. E unimportante scoperta di Erickson che un sintomo e il problema
che gli sta alla base pu essere trattato e portato a scomparire a livello inconscio.
Scrive in Ipnoterapia:
Questo caso pone interrogativi affascinanti riguardo alla possibilit della terapia ipnotica, che
si basa sullo sfruttamento del materiale creativo del cliente al posto della vecchia tradizione
ipnotica come forma di suggestione diretta. Costatiamo che possibile liberare il potenziale
creativo di un cliente in modo tale che un problema pu veramente essere risolto senza che n il
cliente n il terapista conoscano il perch, questo significa penetrare la dinamica della
guarigione (Erickson e Rossi 1981).
La moderna medicina psicosomatica fondamentalmente dellidea che i sintomi sono forme di
comunicazione. Come tali essi sono spesso segnali o indizi di problemi dello sviluppo che stanno
per assurgere ad uno stato di coscienza. Quello che i pazienti non possono ancora articolare in
modo chiaro sotto forma di visioni cognitive o emotive, trova espressione somatica nel sintomo.
Lidea di mettere semplicemente da parte il sintomo una enorme ipersemplificazione di ci
che una seria terapia ipnotica pretende di produrre. Il terapista ipnotico partecipa molto di pi ad
un pi ampio programma per favorire la riorganizzazione creativa della psicodinamica interiore
del paziente, cosa che incrementa la sua esperienza di vita e rende superflua la formazione del
sintomo (Erickson e Rossi 1981, pag. 186) .
Il significativo contributo di Erickson in questo campo la scoperta del fatto che il
comportamento sintomatico pu essere risolto direttamente a livello inconscio. Ci significa
che i sintomi possono essere rimossi lavorando con la psicodinamica di un cliente in modo
tale che la coscienza non sa perch il sintomo fisico scompare. In questo modo in maniere
apparentemente spontanea viene risolto anche i1 problema legato allo sviluppo, che ha nel
sintomo la sua espressione esteriore. Di solito i pazienti ne vengono piacevolmente sorpresi.
Dicono di non esser stati per niente consapevoli del fatto che il terapista ha lavorato con i loro
problemi sessuali, con quelli legati alla loro educazione o quantaltro.
Erickson si spiega lefficacia di una tale terapie segreta nel seguente modo:
I sintomi sono le manifestazioni dellemisfero cerebrale destro non dominante. Linconscio
si rivolge direttamente a questa met del cervello e risolve il problema l. La prese di
coscienza intellettuale che una funzione dellemisfero cerebrale sinistro o dominante non
necessaria.
Erickson dice ancora:
I pi recenti studi circa la funzione degli emisferi del cervello (Gazzaniga 1967 - Sperry 1968 Rossi 1977) sottolineano il fatto che lefficacia di questi approcci potrebbe basarsi sullazione
esercitata sulla met cerebrale destra non dominante. Mentre lemisfero sinistro o dominante in
primo luogo rielabora le comunicazioni verbali di carattere intellettuale o astratto,
lemisfero destro si adatta meglio alla rielaborazione di impressioni di natura otticospazia1e, cinestetica, figurativa o mitopoietica.

80

Reiki e Visualizzazione

81

Poich lemisfero destro strettamente collegato ai processi emotivi, (Luria 1973; Galin 1974)
si affermata lidea che questo responsabile anche della formazione dei sintomi psicosomatici.
Questi sintomi sono la manifestazione verbale dellemisfero destro. Luso del linguaggio
mitopoietico pu essere un mezzo per comunicare direttamente con lemisfero destro nella
lingua che gli propria. Questo sta in opposizione al procedere psicoanalitico convenzionale di
tradurre il linguaggio corporeo dellemisfero destro dapprima nei modelli cognitivi astratti
dellemisfero sinistro, che poi dovr agire di nuovo in qualche modo sullemisfero destro per
trasformare il sintomo. Questo metodo funziona s a volte, ma complicato e necessita di molto
tempo. Troppo spesso il sintomo permane anche se il paziente ha sviluppato una comprensione
emotiva lodevole. Anche se la comprensione emotiva fosse al posto giusto nellemisfero sinistro,
tuttavia potrebbe rimanere tagliata fuori dalle cause della formazione del sintomo e dal suo
perdurare dellemisfero destro
Lavorare direttamente con linconscio potrebbe essere un mezzo di comunicazione diretta
con lemisfero destro o non dominante, che probabilmente responsabile dei sintomi
psicosomatici.
Quando visualizziamo siamo in uno stato molto rilassato (nel cervello si possono misurare le
onde , molto lente) e in questo stato alterato, quando la coscienza si attenua, ci sono a
disposizione maggiori e del tutto diverse possibilit di scelta rispetto al normale stato di
attenzione, si dispone di un numero infinito di possibilit, perch entriamo in contatto con
linconscio (come lo chiama Erickson), il nucleo sano del bambino, che non ancora
condizionato dai traumi. Quel nucleo sano ha ancora la possibilit di scelta tra tutte le
potenzialit del bambino prima del condizionamento. E quel nucleo sano sa scegliere meglio
della nostra coscienza quello che ci conviene maggiormente. Cos viene attivata
lautoguarigione

Spiegazione dell'efficacia del lavoro psicocorporeo


Col lavoro psicocorporeo arriviamo rapidamente a uno stato di coscienza alterato, tanto col
trattamento di Reiki quanto anche con la visualizzazione. In questo stato alterato, nel quale si
misurano le onde (alfa) molto lente nel cervello, possiamo entrare in contatto come dice
Eriksson - col "subconscio", il nucleo sano del bambino che non stato ancora condizionato a
causa di traumi infantili. In quel nucleo sano, in quel "subconscio" troviamo ancora tutti i
potenziali, molte possibilit di scelta. E quel nucleo sano, quel "subconscio" conosce meglio
della nostra stessa coscienza quale possibilit di scelta conviene meglio al nostro essere.

81

Reiki e Visualizzazione

82

Riassunto del lavoro coi sintomi, problemi e sogni


Possiamo lavorare tanto con tensioni, sintomi fisici, come con problemi di coppia o altri,
sentimenti sgradevoli e sogni secondo lo stesso schema, facile da imparare e da utilizzare anche
su se stessi col lavoro psico-energetico.
Ci prepariamo facendo un trattamento di Reiki e/o un bilanciamento dei chakra.
Tanto per i problemi, come per i sogni, la parte significativa del sogno, guardiamo come ci fanno
stare e dove lo sentiamo nel corpo fisico. In questo modo veniamo riportati al sintomo fisico.
Con tutti e tre la scelta tra

1)

Sintomo  Film
Sentire il sintomo, metterci la mano e disegnare il Cho Ku Rei
Descriverlo e disegnare il Sei He Ki
Far venire unimmagine
Un film
Fare un disegno

2)

Sintomo  portare fuori limmagine


Sentire il sintomo, disegnare il Cho Ku Rei
Descriverlo, metterci il Sei He Ki
Immagine
a) - mettere limmagine fuori
- disegnare lHon Sha Ze Sho Nen e il Sei He Ki
- se limmagine si trasformata, metterla nel corpo, altrimenti lasciarla fuori
- Ancorare l'immagine in tutto il corpo col Cho Ku Rei e /o il Sei He Ki (se sei
Master col Dai Ko Mio) o
b) - come sar diverso senza sintomo/ problema
- far venire unimmagine e metterla davanti a destra
- disegnare il Sei He Ki
- ancorare entrare limmagine in tutto il corpo col Cho Ku Rei e il Sei He Ki, i
Master col Dai Ko Mio

82

Reiki e Visualizzazione

Terapia partendo dal sintomo


Anche problemi e sogni sono riportati al sintomo corporeo
Problema raccontalo

Sogno, raccontalo
che parte ti ha colpito di pi?


Che emozione ti d?


Dove la senti nel corpo?


Cho Ku Rei
Descrivilo
Sei He Ki


Immagine
(simbolica o ricordo)


Portare fuori

Film, disegno

Hon Sha Ze Sho Nen


Sei He Ki
Se cambiata rimetterla nel corpo (per
lavorare di preferenza da solo)

(per lavorare di preferenza con terapista)

Come sar differente


senza problema?
Nuova immagine a destra


Ancorare in tutto il corpo

83

83

Reiki e Visualizzazione

84

Un caso: 21 giorni di terapia psico-corporea col Reiki


Un caso di un nuovo allievo iniziato al Reiki 1, ma che ha gi lavorato con il Process
Acupressure, la digitopressione e la visualizzazione. Mi scrive:
Ciao Vivienne,
questi sono i 21 autotrattamenti col Reiki che avevo il compito di fare. Non so se ho fatto tutto in
modo giusto, ho fatto un po come mi venuto.
Li ho fatti in 24 giorni invece di 21 perch ci sono stati 3 giorni (non tutti consecutivi) in cui ero
troppo stanco e non sono riuscito a fare lautotrattamento.
Spero vadano bene lo stesso.
E non ho ancora letto nessun libro di Reiki, ho preferito fare gli autotrattamenti con quello che
ricordavo del corso, un libro lo legger in futuro.
Ho sempre avuto qualche difficolt a concentrarmi e ad eseguire lesercizio con i raggi paralleli,
ma col simbolo personale lautotrattamento diventato pi facile.
Mi sembra che nel Reiki ci sia effettivamente unenergia molto forte che agisce a un livello
profondo (spirituale?).
Unenergia che non agisce tanto, e immediatamente, sui sintomi esteriori, ma che lavora
soprattutto al livello profondo delle cause emotive e spirituali.
Questi 21 autotrattamenti non mi hanno risolto i miei problemi di stomaco e altri sintomi, ma
viva in me limpressione di qualcosa che sta cambiando lentamente, qualcosa che alla radice
della mia vita e di me stesso. Forse il Reiki mi ha aiutato a percepire qualcosa di silenzioso ma
molto vitale.
A presto. Un grande abbraccio.
M.

Giornata 1
Trattamento dei chakra.Trattamento
Reiki con visualizzazione del sintomo:
dolore spalla destra, mancanza di forza,
impotenza
Immagine di un uovo scuro con un
leggero
alone
che
si
staglia
allorizzonte buio:
Porto limmagine fuori a sinistra e
mando il mio simbolo personale
Luovo diventa bianco e la luce illumina
lorizzonte:
Riporto limmagine nella spalla destra:
Sono forte e potente.

84

Reiki e Visualizzazione

85

Giornata 2

Meditazione coi raggi paralleli


C un blocco al collo, qualcosa che
immobilizza e stringe il collo.
Non posso esprimere liberamente le mie
emozioni
Immagine di una bomba che scoppia. Lo
scoppio della morte

Porto limmagine fuori a sinistra e mando il


mio simbolo
Limmagine si trasforma in un fungo: vitale,
pieno di forza e si espande liberamente
Lo scoppio della vita
Porto limmagine al collo: Posso esprimere
liberamente le mie emozioni

Giornata 3
Sintomo: dolore spalla, debolezza,
impossibilit di agire, perdita di forze
Non Posso farcela: Immagine di una
montagna che frana per unalluvione:

Porto limmagine fuori a sinistra e


mando il simbolo
Diventa una collina con bosco e
ruscello che scende ondeggiando,
armonioso e vitale

Porto limmagine alla spalla: Recupero la mia vitalit, posso


farcela
Come sarebbe la mia vita col cambiamento? Immagine di un
piccolo aereo:
Metto limmagine nella spalla: sono leggero e libero di agire

85

Reiki e Visualizzazione

86

Giornata 4

Sintomo: dolore alla spalla, mancanza di


forze, incapacit di affrontare la vita
Non posso farcela
Immagine di un uomo in canoa che scende
in acque pericolose:

Porto limmagine fuori a sinistra e mando il simbolo: La canoa in un lago tranquillo


Tutto in armonia e non ci sono
difficolt insuperabili
Porto limmagine alla spalla: Ho la
forza e la serenit di affrontare la
vita. Posso farcela

Giornata 5
Sintomo: dolore spalla, rigidit, mancanza di forze, di vitalit. Non
posso farcela
Immagine di un anello doro con dei buchi
porto limmagine fuori a sinistra e mando il simbolo
Immagine di una civetta con grandi occhi pieni di vita e
mobilissimi
Porto limmagine alla spalla: Ho la vitalit di una civetta che si
muove e vede anche nel buio. Posso farcela
(Dopo questo autotrattamento il dolore alla spalla quasi sparito
del tutto)

Giornata 6

Collegamento iniziale, trattamento coi raggi paralleli: Non


passano allo sterno, sento come un peso. Mi sento compresso,
imprigionato. Le mie emozioni sono imprigionate
Immagine di un cavallo in un piccolo recinto

Porto limmagine fuori a sinistra e ,mando il simbolo.


Il cavallo diventa bianco e rompe il recinto e se ne va
libero: Posso espandermi, posso esprimere liberamente
le mie emozioni
86

Reiki e Visualizzazione

87

Come sarebbe la mia vita col cambiamento?


Porto limmagine fuori a destra e mando il simbolo
Il cavallo bianco diventa il mitico unicorno,
maestoso, regale, magico
Riporto limmagine allo sterno
Posso esprimere le mie emozioni e sono in contatto
con la mia parte magica

Giornata 7
Meditazione coi raggi paralleli: Non
passano dal centro del petto
Mi sento debole, ho poca aria per
respirare. Ho poche forze perch non mi
nutro abbastanza di energia
Immagine di una gallinella che pascola
sola nella prateria
Porto limmagine fuori a sinistra e mando il
simbolo: La gallinella diventa unaquila che
dallalto del suo nido domina le praterie e le
montagne
Porto limmagine nel petto: Sono forte.
Posso respirare, sono nutrito dallenergia

Giornata 8
Immagine di una noce difficile da rompere: non posso nutrirmi
Non posso aprirmi
Porto limmagine fuori a destra e mando il simbolo
La noce si apre
Riporto limmagine nel petto
Posso nutrirmi, sono aperto

Giornata 9
Collegamento iniziale, trattamento dei chakra.
Meditazione coi raggi paralleli
Non passano allombelico: Sensazione di non
potermi espandere.
87

Reiki e Visualizzazione

88

Mi sento costretto, prigioniero


Immagine di un quadro con un lago immobile, come morto
Porto limmagine fuori a sinistra e
mando il simbolo
Limmagine del lago si strappa dal
quadro e dietro c una feritoia che
permette di vedere un lago vivo

Porto limmagine a destra:


Mi sento libero e vivo
Come sarebbe col cambiamento? Mando il simbolo
Immagine di un albero piegato dal vento
Si piega ma non si spezza
Forza ma anche fatica
Metto limmagine fuori a destra: Col simbolo diventa
lalbero di una barca a vela che il vento piega spingendola
velocemente verso la meta
Forza e aiuto esterno: Sono aiutato

Giornata 10
Collegamento iniziale e trattamento chakra
Meditazione coi raggi paralleli: Blocco sulle spalle. Non posso chinare il capo
Sensazione di isolamento, paura
Immagine di un astronauta con lo scafandro (tuta)

Porto limmagine fuori a sinistra col simbolo


Luomo si toglie lelmo
Riporto limmagine nel corpo. Posso muovere la testa, respirare
Posso comunicare. Non mi sento pi solo

Giornata 11
Sintomo: senso di costrizione al petto, respiro corto.
Sensazione come di essere prigioniero. Non posso
espandere il petto.
Non posso espandere manifestare le emozioni
Immagine di un elefante in gabbia sospeso su uno
strapiombo
Lelefante terrorizzato, impotente
88

Reiki e Visualizzazione

89

Porto limmagine fuori a sinistra e mando


il simbolo
Lelefante viene salvato da altri elefanti e
alla fine corre insieme a loro gridando e
manifestando la forza e la gioia

Porto limmagine dentro: Sono forte, libero e non sono solo

Giornata 12
Sintomo: stanchezza generale. Senso di
solitudine e tristezza al petto (cuore)
Immagine di una bottiglia vuota
abbandonata su una spiaggia deserta

Porto limmagine fuori a sinistra e mando il


simbolo
La bottiglia piena di vino su una tavola
imbandita
Porto limmagine dentro: Non sono solo e il
mio cuore pieno di emozioni vino che
posso esprimere e condividere

Giornata 13
Problema: mal di testa. Non mi permette di fare niente. Senso di impotenza
Non posso farcela
Immagine di un feto ( la posizione in cui mi metto quando ho mal di testa)

Porto limmagine fuori a sinistra e mando il simbolo: Il


feto si trasforma in un guerriero invincibile
Porto limmagine dentro: Sono forte. Posso mostrare la mia forza. Posso
farcela
Come sarebbe la mia vita col cambiamento? Mando il simbolo
Immagine di una sfera di fuoco

Forza allo stato puro. Purificazione.


Riporto limmagine dentro: Sono bruciato, purificato, spirito

89

Reiki e Visualizzazione

90

Giornata 14
Problema: mal di testa. Non posso pensare, concentrarmi. Non posso fare
niente
Un cerchio mi stringe la testa, non lascia circolare energia, non ho energia
Immagine;: un mazzo di fiori appassito in un vaso senza acqua

Porto limmagine fuori a sinistra e


mando il simbolo: Limmagine si
trasforma in un prato fiorito

Porto limmagine dentro, alla testa: Mi sento vivo, integro,


ho energia. Come sarebbe col cambiamento? Metto il
simbolo
Un bambino felice raccoglie fiori insieme a una giovane
donna sorridente
Sono amato, sono gioioso

Giornata 15
Sintomo: pesantezza allo stomaco. Mi sento solo. Ho
rabbia verso me stesso
Immagine di una tela tirata tra due punti

Porto limmagine fuori a sinistra e mando il simbolo:


Immagine di un fascio di luce bianca

Porto limmagine dentro: Mi sento pi leggero e non sono


pi solo
Come sarebbe col cambiamento? Mando il simbolo:
Una fonte di luce in alto che manda un fascio di luce in
basso verso un neonato
Sono nutrito e protetto dalla luce. Sono amato

Giornata 16
Problema allo stomaco. Debolezza, stanchezza, perdita
di energia
Mi sento impotente
Immagine di un albero curvato dal vento che resiste ma
perde tutti i frutti e le foglie
90

Reiki e Visualizzazione

91

Porto limmagine fuori a sinistra e mando il simbolo:


Lalbero si spacca in due e si apre un buco da cui spunta un
enorme germoglio con dentro un uovo
Porto dentro: Mi sento rinnovato. Grande potenza. Posso
farcela
Come sarebbe col cambiamento? Mando il
simbolo:
Luovo si staglia nellinfinito, bianchissimo e
con una grande aura, bianca, pura
La purezza dellorigine della luce. Purificazione, amore, potenza

Giornata 17
Problema allo stomaco (il giorno prima ho avuto mal di
testa per problemi digestivi)
Sensazione di qualcosa di immobile, di morto, qualcosa
che silenziosamente divora lo stomaco, che non si pu
fermare
Impotenza
Immagine di una grande voragine nera che divora tutto quello che si butta dentro
Porto limmagine fuori a sinistra e mando il simbolo
Limmagine si trasforma in un otre sferico di pelle
Metto limmagine nello stomaco: come se lo stomaco si risvegliasse,
ritrova la sua energia. Forza, posso farcela
Come sarebbe col cambiamento? Mando il
simbolo
Lotre si apre e dentro c unostrica con perla
Purezza. Integrit. Regalit

Giornata 18
Sintomo: spalle stanche. Mancanza di
forza, impotenza. Non posso farcela
Immagine di un piccolo uccello che non
pu volare e stando nel nido prende cibo
da una mano

Porto limmagine fuori a sinistra e mando il


simbolo
Luccellino diventa unaquila che vola
maestosa, altissima, la regina del cielo
91

Reiki e Visualizzazione

92

Porto limmagine dentro: Forza,


regalit. Posso farcela
Come sarebbe col cambiamento?

Mando il simbolo
Laquila vola direttamente verso il sole e si allontana sempre pi, dritta alla meta
Decisione e distacco: Sono forte e seguo la mia guida, la fonte di luce

Giornata 19
Sintomo: testa, nuca, fronte
Qualcosa che penetra nella testa, che non permette il collegamento tra
testa e corpo
Paura di perdere il controllo, di abbandonarmi
Immagine: maschera di stregone che tiene sotto controllo tutto
Porto limmagine
fuori a sinistra e mando il simbolo
La maschera si capovolge e diventa una
grande scodella a cui si abbeverano
insieme un leone e una gazzella

Porto limmagine
dentro: Posso
lasciarmi andare,
abbandonarmi.
Sono protetto
Come sarebbe col
cambiamento?

Mando il simbolo
Nellacqua della scodella emerge una figura umana, sono io
Rinascita nellequilibrio delle mie parti emotive ed istintive (da questa immagine sono poi partito
in un process)

Giornata 20

Sintomo: stomaco, pesantezza, stanchezza: Immagine di un fiore


reclinato, debole

92

Reiki e Visualizzazione

93

Porto limmagine fuori a sinistra e mando il simbolo


Il fiore diventa diritto e rigoglioso, con
germogli

Porto limmagine dentro: Sono forte, posso farcela


Come sarebbe col cambiamento? Mando il simbolo:
Immagine di un fiore altissimo con unaura bianca
Sono forte e gioioso

Giornata 21
Sintomo: spalla
indolenzita. Senso di
impotenza
Non posso fare le cose
che vorrei fare e quelle
che dovrei fare
Non posso volare via
dalle mie preoccupazioni,
dai miei schemi

Immagine di
unaquila ferita
a unala su una
pietra in mezzo
allacqua
Porto fuori a
sinistra e mando
il simbolo
Il sole guarisce lala e laquila vola di nuovo forte e veloce e pu andare molto in alto, lontano
dai condizionamenti della terra

93

Reiki e Visualizzazione

94

Porto limmagine dentro: Sono forte e libero


Come sarebbe col cambiamento? Mando il simbolo
Laquila sono io, ornato di piume come uno sciamano e posso andare
molto lontano, in altre dimensioni
Sono forte, libero dal passato e posso essere me stesso

Problema allo stomaco, debole, chiuso:


Non ho forza, non posso aprirmi
Immagine di un uomo raggomitolato in
posizione fetale in una grotta, con una
ferita alladdome

Porto fuori a sinistra e mando il simbolo:


Una luce bianca lo avvolge e gli guarisce
la ferita, gli permette di stare in piedi e
sentirsi forte
Porto limmagine dentro: Sono forte e
amato
Come sarebbe col cambiamento?
Luomo esce dalla grotta e va incontro a
un bambino che lo sta aspettando

Sono libero e ritrovo me stesso

Il futuro di Marco
Marco che agli 45 anni non era mai stato sposato ne in una relazione ha trovato poco dopo di
quel lavoro una ragazza, vedova, della sua et, e si sono sposati.

94

Reiki e Visualizzazione

95

Marco: cos avrebbe potuto migliorare il suo lavoro


Marco ha fatto un ottimo lavoro in questi 21 giorni.
Ma si vede chiaramente che avrebbe potuto fare un lavoro pi rapido se avesse lavorato pi
tempo con le affermazione positive delle sue visualizzazioni, di modo di ancorarle col Reiki in
tutto il corpo. In questo modo i nuovi messaggi di base sarebbero stati accettati e qualcosa
sarebbe cambiato nella vita di tutti i giorni: nel modo di sentirsi e nel modo di comportasi.
Allora i sintomi corporei sarebbero diventati superflui e avrebbero potuto sparire.
Si nota che il nuovo non era ancora integrato nellinconscio di Marco perch:
- ripete lo stesso sentimento di impotenza e non si sente libero
- il dolore dello stomaco rimane
- il dolore delle spalle se ne va, ma torna pi tardi
Marco avrebbe potuto rimanere con una delle nuove immagini, e guardarla tutti i giorni,
visualizzandola in ogni parte del corpo, facendo un trattamento di Reiki, mettendo gli mani e
visualizzando limmagine nel corpo, lasciando che ogni cellula ascoltasse la affermazione,
ancorandola col Sei He ki e il Chokurei
1. giorno: Un uovo bianco che illumina lorizzonte: Sono forte e poderoso
2. giorno: con un fungo forte e vitale che si espande liberamente: posso esprimere le mie
emozioni
5. giorno: una civetta che vede nel buio: S, ce la posso fare
6. giorno: con lunicorno: Sono in contatto con la mia parte magica
7. giorno: con laquila: Posso respirare
8. la noce che si apre: Sono aperto, mi posso nutrire
9. giorno: con la barca a vela: Sono aiutato
10. giorno: con gli elefanti: Sono forte, libre e accompagnato
13. giorno: col guerriero invincibile: sono forte e posso far vedere la mia forza
Fino qua si ripete lo stesso tema di mancanza di forza e di impotenza, tentando di guarirlo col
immagini di forza e libert.
Marco avrebbe potuto lavorare sul terzo chakra per rinforzare energeticamente la forza.
14. giorno: comincia un altro tema col raggio di luce sul neonato. Sono amato, la luce mi
nutre.
Comincia la guarigione del bambino ferito che non si sente amato, entrando in contatto
con lo spirituale.
16. giorno: con lalbero aperto e luovo bianchissimo che irradia purezza e dignit
18. giorno: con aquila: Sono forte, ho lo mio spazio e seguo la mia guida, la fonte della luce
21. giorno con luomo che esce dalla grota e il suo bambino lo aspetta: sono libero e ritrovo
me stesso.
Qui comincia un altro tema molto importante: incontrare il suo bambino interiore,
accettarlo com e amarlo, vuol dire: amare se stesso

95

Reiki e Visualizzazione

96

IV. LAVORO COL BAMBINO FERITO


INTERIORE

1. Ricordi dinfanzia
Come abbiamo gi visto nellintroduzione, noi ci sviluppiamo sia fisicamente che mentalmente,
emozionalmente e spiritualmente secondo il nostro proprio programma di sviluppo.
Per quanto riguarda il corpo sappiamo che ci sviluppiamo dallovulo fecondato al bambino e
alladulto secondo linformazione contenuta nel DNA, il quale si trova allinterno delle cellule.
Uno sviluppo corrispondente previsto anche a livello mentale e spirituale. Il quale per viene
spesso bloccato dalle diverse circostanze della vita, ma soprattutto dai messaggi base limitanti
che abbiamo assunto durante linfanzia e che ci impediscono di vivere completamente le nostre
potenzialit.
In seguito vogliamo conoscere meglio questi messaggi base e vogliamo cambiarli se questi ci
impediscono di condurre una vita pi soddisfacente e che ci riempie.

Costellazione familiare
Quando nasciamo e cresciamo, da piccoli, il nostro mondo costituito dalla famiglia, cio la
mamma, il pap, le sorelle, i fratelli, i nonni e le altre persone comprese in essa.
In famiglia impariamo com il mondo, se piacevole, pieno di amore o al contrario se ostile;
un luogo dove ognuno ha naturalmente il suo posto, dove ognuno lavora per il bene comune,
oppure un luogo dove si litiga per ottenere affetto, attenzione e considerazione e dove
necessario difendersi dalla concorrenza dei fratelli, un luogo di amore o di competizione.
Alfred Adler (1878 - 1937, allievo di Freud e fondatore della psicologia individuale) sostiene
che i fratelli dividono il mondo fra loro in modo che ognuno occupi il proprio
posto. Se, per esempio, il primo bambino sar molto intelligente, il secondo, inizialmente sar
motivato nel seguire lesempio del fratello maggiore; poich per pi giovane, e quindi di
qualche anno indietro rispetto al fratello maggiore, si dar per vinto. Egli trover presto
unalternativa per ricevere lattenzione e la lode dei genitori, ad esempio sviluppando lattitudine
in campo musicale.
Mio figlio, per esempio, era molto atletico e sportivo in quanto sapeva nuotare e pattinare molto
bene. Sua sorella di tre anni pi piccola si impegn ad essere brava come il fratello e ci riusc.
Allora il fratello le lasci il campo cominciando a sviluppare le sue qualit nel calcio e nel
tennis. Mia figlia non tent neanche una volta di competere col fratello nel gioco del pallone e
non gioc mai.

96

Reiki e Visualizzazione

97

Solo a ventanni si rese conto che non si trattava di una mancanza di talento come credeva, che
avrebbe giocato volentieri a tennis o a squash e che non cera ragione di evitare i giochi con la
palla solo perch il fratello maggiore era pi bravo di lei.
Se vuoi capire come era ripartito il mondo nella tua famiglia, fai un diagramma simile al
seguente:
 Madre

Padre
 Sorella (nome)
+3 anni
intelligente
bravo
allegro
tanti amici
carino
......
.....

Fratello (nome)
+ 2 anni
realizzato
agonista
sportivo
ribelle
combattente
pigro
voti bassi


io/ 0 anni

 Sorella (nome)
- 2 anni

musicista
timido
legge volentieri
introverso
.....
.....
.....

carino
viziato
si lascia aiutare
in tutto
si lusinga
......
......

Rifletti e inserisci le seguenti caratteristiche nel tuo diagramma.


Queste domande sono un estratto del questionario utilizzato per riconoscere il proprio stile di
vita ideato dal Prof. Rudolf Dreifuss, allievo di Adler e autore del libro pedagogico Children,
The Challenge (tradotto: Bambini, la sfida).
1. Chi era il pi intelligente? Chi il meno intelligente?
2. Chi lavorava di pi?
3. Chi aveva i voti migliori a scuola?
4. Chi aiutava di pi a casa?
5. Chi si adattava di pi?
6. Chi era il pi ribelle?
7. Chi cercava maggiormente di piacere?
8. Chi criticava di pi gli altri?
9. Chi aveva pi riguardo?
10. Chi era pi egoista?
11. Chi riusciva maggiormente a fare di testa sua?
12. Chi era il pi sensibile?
13. Chi aveva scatti dira?
14. Chi era il pi umorista?
15. Chi era il pi idealista?
16. Chi era il pi materialista?
17. Chi era il pi ambizioso?
18. Chi era il pi sportivo, il pi forte, il pi grande? Chi la pi bella?
19. Chi era il pi viziato? Da chi? Come?
97

Reiki e Visualizzazione

98

20. Chi era il pi castigato? Da chi? Come?


21. Chi aveva pi amici? Era un leader?
22. Da chi hai imparato di pi?
23. Quale dei tuoi fratelli pi diverso da te? In quale maniera?
24. Quale dei tuoi fratelli pi simile a te? In che maniera?
Descrivi qual era linterazione reciproca fra i fratelli:
1. Chi si occupava di chi?
2. Chi giocava con chi?
3. Chi era amico di chi?
4. Quali due fratelli bisticciavano di pi fra loro?
5. Chi era il preferito del pap?
6. Chi era il preferito dalla mamma?
7. Chi era pi simile al pap?
8. Chi era pi simile alla mamma?

La fila dei fratelli


Secondo Alfred Adler la costellazione (parola di Adler) familiare di massima importanza per il
bambino, in quanto il carattere del bambino in relazione al suo posto in fila, cio se il
primogenito, il medio, lultimo o lunico. Prima di continuare a leggere pensate come era la
vostra situazione quando eravate il/la pi grande, medio/a, piccolo/a o figlio/a unico/a. Cosa
caratterizzava la vostra posizione? Vi piaceva?
Spesso il primogenito ha imparato ad assumersi le responsabilit per gli altri, a badare loro o a
comandarli. Si prende sempre le responsabilit e le colpe quando qualcosa non va come doveva.
E abituato a precedere gli altri e potr sviluppare il pensiero: Sono importante solo quando
qualcuno ha bisogno di me, e sviluppa il sintomo di aiuto.
Il medio cerca un posto non occupato, vicino al primogenito. Ma anche dopo di lui ci sono altri
bambini che gli mettono il bastone tra le ruote e spesso ne conclude che: Io devo sempre
difendermi, nessuno mi regala mai niente.
Allultimo figlio, essendo il pi piccolo, vengono ripetute sempre le stesse frasi: Questo non lo
sai ancora fare. Lui reagir o con:
... e io invece vi dimostro che ci so fare, impegnandosi per tutta la vita;
oppure
... tanto non ce la faccio, dandosi per vinto e utilizzando la sua debolezza per essere servito
dagli altri.
98

Reiki e Visualizzazione

99

Il figlio unico spesso al centro dellattenzione, viene viziato ed abituato a farsi servire dagli
altri. Non ha mai imparato ad affermarsi, a convivere con un rivale e a dividere con gli altri. Pu
essere che sviluppi lidea che pericoloso litigare. Spesso nei rapporti umani si trova in
difficolt, combattuto fra lintimit e la distanza, specialmente se ha avuto una madre possessiva.
Tante volte la sua convinzione che ... non faccio parte del gruppo perch non ha mai
veramente imparato a giocare con gli altri bambini.
Adler afferma che lessere umano nasce come essere sociale. Ogni bambino ha il senso della
comunit, vuole appartenervi, vuole aiutare, essere utile e quindi trovare il suo posto nella
comunit. Appartenendovi ricevere la stima e lattenzione degli altri.
Solo quando la sua collaborazione non stimata, come ad esempio togliamo la tazza dalle mani
della bambina di due anni che ci voleva aiutare a portarla in cucina dicendole: no, questo non lo
sai ancora fare, egli sviluppa un complesso di inferiorit. Se il bambino non riesce a superarlo
con delle azioni coraggiose, cercher di ricevere lattenzione mediante azioni negative quali:
a) cercando di ricevere unattenzione continua (per esempio disturbando la mamma quando
sta telefonando o quando ha visite);
b) litigando spesso con i fratelli e gli altri bambini e coinvolgendo i genitori in prove che ne
mettano a dura prova la pazienza (esempio facendo i capricci ogni volta che giunta lora di
andare a letto).
c) Se il bambino ha limpressione che lattenzione ricevuta non basti, rinforzer la sua tattica
per ricevere attenzione in senso negativo: cominciando a vendicarsi, tormentando animali
e bambini pi piccoli, o distruggendo le cose che piacciono ai genitori;
d) allultimo livello, quando ha rinunciato a trovare lattenzione dei genitori rendendosi utile
o cercando di aiutare, il bambino si trova completamente disorientato, indifeso e
impacciato. Tutto quello che tocca si rompe, tutto quello che gli si chiede di fare va a
finire male.

Il piano segreto della vita (lo script)


Secondo le esperienze che abbiamo fatto da piccoli, ci siamo fatti un immagine di come siamo
noi stessi e di come il mondo ed abbiamo sviluppato un comportamento finalizzato ad ottenere
il massimo dellaffetto e dellattenzione.
Quindi dallesperienza infantile e dalle reazioni che abbiamo ricevuto dagli altri abbiamo
imparato:
a) com il mondo;
b) come sono io (messaggio base, credenza personale);
c) come devo comportarmi per essere amato/a e trovare stima ed attenzione.

99

Reiki e Visualizzazione

100

Adler lo ha soprannominato il piano segreto della vita secondo il quale cerchiamo di vivere,
anche se questo piano completamente inconscio. Lanalisi transazionale lo chiama lo script,
il copione della nostra vita. Dato che nella nostra infanzia, avendo elaborato noi stessi il nostro
script, abbiamo preso noi stessi la decisione subconscia di come comportarci in futuro,
possiamo anche cambiarla se questa non corrispondesse pi alle nostre esigenze attuali. Per
questa ragione pu essere utile conoscere il proprio script, al fine di renderci conto se certe
decisioni hanno bisogno di essere revisionate.
Per individuare il nostro piano di vita e la nostra immagine personale, che venuta a formarsi in
base alle nostre esperienze infantili, possiamo fare il seguente esercizio creato da Adler:

Trova il tuo piano segreto della vita


Trova il tuo piano segreto della vita. Comincia con il fare un esercizio coi chakra di tua scelta e
poi fai la seguente meditazione.
Ritorna nella tua memoria alla tua infanzia, e aspetta fin che ti viene un ricordo di quando eri
molto piccolo
e guarda cosa succede, guarda esattamente come comincia
come continua e come finisce
e guarda adesso il piccolo bambino, guarda i suoi occhi per indovinare come si sente e cosa
pensa dopo ci che accaduto
Sono importante, o al contrario, nessuno mi vede, sono buono, sono stupido, o sono
benvenuto, o invece tutto quello che faccio sbagliato
Guarda ancora una volta quel ricordo, mettilo davanti a te
e disegnaci il Sei He Ki
e guarda limmagine guarda se forse cambia qualcosa.
Disegnaci parecchie volte il Sei He Ki, e scrivilo.
Dopo comincia di nuovo con quellesercizio ripetendolo altre sei volte con altri ricordi
dellinfanzia
Adesso guarda i sette ricordi ancora una volta: c un filo rosso, un filo che li collega, qualcosa
di comune?
Qual il sentimento che si ripete? Ce n uno?
Si ripete quello che ti dice interiormente il tuo messaggio di base.
Trattando il ricordo col simbolo mentale, il Sei He Ki, si cambiato qualcosa nellimmagine? nel
sentimento? nei pensieri? in quello che ti sei detto interiormente? Scrivi tutto questo nella
tabella sopra

100

Reiki e Visualizzazione

Ricordi Qual la
Et
sensazione
principale

Cosa mi sono detto interiormente


(messaggio base = credenza
personale

101

101

Come cambiato

Reiki e Visualizzazione

102

Esperienze dei miei allievi


Roberto
Immagine 2 - Ho 5 anni e devo attraversare un bosco per andare allasilo. Lasilo sta nel mezzo
di alberi molto fitti e bui, ho molta paura di passare nel bosco. Il mio messaggio di base: sono
solo. Dopo averlo trattato col Reiki, il bosco diventa pi chiaro, gli alberi sono pi spaziati, pi
distanti tra loro e il cammino per andare allasilo pi largo. E su, dove c lasilo, c una
grande donna in vestiti bianchi e mi guarda e dice: sono qui per ??? e proteggerti. Mi d
sicurezza e il sentimento : non sono solo, sono accompagnato.
Immagine 5 - Ho 4-5 anni e devo andare dallortopedico; devo camminare sul pavimento molto
freddo sulla punta dei piedi, sui talloni, coi piedi in fuori, coi piedi in dentro, su un lato e
sullaltro. Da quando sono nato cammino con le dita dei piedi allinterno e devo portare un
plantare ortopedico e fare degli esercizi. Lo faccio e il messaggio di base : non sono perfetto, ho
una mancanza da quando sono nato. Dopo il trattamento, prima ho limpressione di essere
perfetto e mi sento forte, sto bene come sono e metto i miei pantaloni e adesso c mio padre, che
non cera prima, che mi prende in braccio. Mi sento amato.
Pietro
Immagine 1 - Ho tre anni e ho fatto pip nel mio letto, mi vergogno e ho paura che mi sgridino.
Dopo limmagine sparisce andando via in direzione a sinistra. Dopo anche tre altre immagini
delle sette.
Immagine 2 - Una zia che non conosco viene a visitarci, scappo sotto il tavolo e ho paura. Dopo
io da adulto vado a cercare quel bambino che ha tanta paura, sotto il tavolo, e lo prendo in
braccio: non pi spaventato e sente calore.
Francesco
Immagine 1 - Ho 10 anni, a scuola c un esame di matematica. Abbiamo ancora due minuti e
nellultimo momento scrivo al mio vicino e il maestro mi vede e vuole una spiegazione. Ho uno
choc e non posso dire nessuna parola. il maestro mi dice prendi le tue cose e va a casa. Tutti mi
guardano. Non devi pi venire a scuola. Allora vado a casa e non so come dirlo ai miei genitori.
Di sera il maestro sta davanti alla porta di casa e racconta tutto ai genitori e vuole che mi
puniscano. Quello che era il peggio della storia era di essere rimproverato davanti a tutta la
classe e la paura di quello che succeder dopo. Dopo il trattamento il maestro reagisce con
comprensione e devo solo ripetere lesame e vedo come dopo chiacchiero col mio vicino e siamo
contenti.
Immagine 2 - Come nella prima immagine avevo visto la scuola come qualcosa di pericoloso e
sono tornato l, ho girato la scuola ancora era un po pericolosa, ero tutto solo. Dopo cambiata
limmagine, ha suonato e tutti i bambini sono andati fuori dalla scuola in ricreazione e allora ero
di nuovo coi bambini a giocare.
Ursula
Ho 4 anni, sono a letto, dormo e mi sveglio per un temporale, ci sono lampi e tuoni e le tende si
gonfiano, perch la finestra aperta. Io chiamo ma non viene nessuno. Ho paura e mi proteggo
andando sotto le coperte. Dopo chiamo e viene la mamma, chiude la finestra, fa luce e mi prende
in braccio.
Nora
Ho 6 anni e gioco con molti bambini in una piscina da mio zio e mia zia. molto divertente, ma
ogni volta che facciamo troppo chiasso la zia viene e ci dice: dovete essere bravi bambini, Dio
vuol bene solo ai bravi bambini. Il mio messaggio di base: mi amano solo se sono buona e non
rido troppo e non faccio chiasso e non sono me stessa. Dopo, nuoto via ma a quella gente che mi
102

Reiki e Visualizzazione

103

sgrida, mi d restrizioni, sorrido e penso: prendo il buono da voi, ma adesso vado via, faccio il
mio cammino senza di voi. Non voglio pi questo amore condizionato sicura che in qualche
parte c amore senza alcuna condizione. La piscina diventa sempre pi grande e io continuo a
nuotare.
Susanna
Un minuto dopo la nascita sono senza protezione e ho disimparato tutto. Dopo posso cercare
protezione essere preso in braccio.
Angelica
Sono seduta con i miei fratelli al tavolo dove possono giocare solo in quattro. Non mi lasciano
giocare e da quello viene il messaggio di base: sono la ruota di scorta dellauto e mi sento triste e
isolata. Dopo, limmagine non cambia, ma il sentimento: non pi un problema che non posso
giocare, possono giocare solo in 4.
Seconda immagine I miei tre fratelli vogliono giocare con me. Ho come limpressione che gli
manchi qualcuno per giocare per essere in quattro. Reagisco e dico: non ho voglia di giocare,
lasciatemi in pace. Dopo mi fa piacere che mi chiedano di giocare con loro e dico: volentieri.
Ruth
Immagine 5 - notte, cerco i miei genitori in un campo di tende e non li trovo, sono disperata e
ho paura. Quando metto limmagine fuori non cambia niente, le altre 4 immagini brutte si
uniscono e girano in modo che se ne vede sempre solo una. Dopo lesercizio mi sento molto
male, molto sola e abbandonata. Dopo, quando trattiamo limmagine per la seconda volta,
cambia, viene la buona fata, unimmagine di luce mi prende per mano e mi porta alla mia tenda.
Mi sta vicino nel letto e rimane tutta la notte.
Cristina
Ho 5 anni e devo andare a letto, ma ho molta paura, perch sotto il mio letto c un coccodrillo
che mi vuol prendere e cos tutte le sere, per quello faccio sempre un grande salto e sparisco
sotto le coperte. Ho gi guardato parecchie volte sotto il letto con la mia mamma e ho visto che
non c un coccodrillo, ma il sentimento che un coccodrillo abita sotto il mio letto ancora qua.
Messaggio: sono sola, nessuno mi capisce. Dopo, cambia il messaggio: posso andare sola a letto,
sono molto orgogliosa, mi verrebbe da dire: vedete, ce la faccio.

Messaggi base (credenza negativa personale)


I coniugi Goulding, in qualit di importanti promotori dellanalisi transazionale, hanno formulato
con delle frasi semplici il comportamento che, basandosi sulle nostre prime esperienze di vita,
riteniamo pi adatto per fornirci laffetto e lattenzione desiderata. Chiamiamo queste frasi
Injunctions (messaggi base, impronte)
Le pi importanti sono le seguenti:
- non sei importante;
- non essere te stesso;
- non essere adulto (spesso al pi piccolo);
- non essere bambino (spesso al pi grande);
- non farcela;
103

Reiki e Visualizzazione

104

- non appartenerci;
- non venirmi vicino;
- non sentire (non devi arrabbiarti, non devi amare, non piangere, non avere paura);
- stai attento ...;
- non essere sano;
- non essere.
Kahler, un altro analista transazionale, ha aggiunto altre frasi che chiama frasi motrici o
incitamenti (counter injunctions). Spesso ci ricordiamo di queste frasi sentite ripetutamente. Mio
padre ad esempio quando avevo paura, specialmente nello sport, mi diceva spesso: Le cose
difficili fanno per noi, il che corrisponde alla frase motrice di Kahler impegnati.
Kahler individua 5 frasi motrici:
- s perfetto;
- sbrigati;
- sforzati, impegnati;
- accontentami (fallo per me);
- s forte.
1. Il primo permesso di cui ha bisogno un neonato quello di poter essere, di poter vivere,
di poter appartenere a questo mondo. Al pi tardi nel momento della nascita, il bambino
riceve dei messaggi (quasi sempre non verbali) dai suoi genitori che gli dicono se essi lo
vogliono con loro, quindi che un bambino desiderato. Ma se il bambino viene trascurato
affettivamente, lasciato senza attenzione, curato solo superficialmente, meccanicamente
oppure persino con disgusto, rabbia e disprezzo, allora al bambino viene negato il diritto di
vivere e quindi riceve limpronta: non essere. Il permesso fondamentale di vivere viene
ricevuto nel primo anno di vita, ma limpronta non essere pu essere trasmessa fino alla
pubert, ovvero fino a quando lio adulto non pienamente sviluppato. Possono essere frasi
quali: Vai via! Non farti pi vedere a casa mia! oppure Vorrei che tu non fossi mai nato
o Come starei bene senza di te, avrei potuto studiare invece di sposare quello stupido, non
avrei le vene varicose ecc.... Un bambino che sente messaggi simili o peggiori di questi, non
ha il permesso di vivere e perci diviene mancante della base psichica che egli necessita per
poter affrontare con successo i suoi problemi. Quando sar pi grande cercher, per esempio,
di difendersi o di litigare con altre persone, ma con la sua impronta di non essere cercher
spietatamente di provare a chi lo circonda che in realt non dovrebbe esistere. In terapia
perci essenziale cercare a fondo la mancanza del permesso di vivere, specialmente nelle
persone depresse, che faticano a cambiare con la terapia, che sono spesso coinvolte in
gravi incidenti o che soffrono di gravi malattie psicosomatiche (ulcere, pressione alta,
asma, infarti, ecc.) o che soffrono di tossicomania.
2. Col permesso di essere te stesso, un bambino di tre anni impara se maschio o
femmina, se ha gli occhi azzurri o neri e se giusto cos. Le bambine ricevono spesso un
impronta non essere tu, se sono nate al posto dellerede desiderato. Oppure un maschietto
che viene vestito e cresciuto da femmina, per esempio, perch ricorda troppo il marito col
quale si divorziato, riceve anche lui limpronta non essere tu. Persone alle quali vengono
negate le loro qualit, sviluppano velocemente dei meccanismi emotivi, istintivi come la
confusione (sono sempre cos confusa, distratta), senso dinferiorit, insicurezza o
depressioni, spesso presenti negli omosessuali o nei travestiti.

104

Reiki e Visualizzazione

105

3. Il permesso di poter vivere secondo la propria et non scontato che venga dato ad ogni
bambino. Genitori che non amano i neonati (cagano sempre) o che desiderano che i
bambini smettano di stargli sul borsello (ma che incomincino a badare a se stessi e pi
avanti anche ai genitori) danno al bambino un impronta non essere bambino. Da adulti
questi bambini spesso si lamentano di non avere avuto una vera infanzia, che non potevano
giocare e che oggi non sono in grado di gioire, di gustare le cose e che la gente li ritiene duri
e privi di umorismo (perch hanno negato la loro parte infantile). Altri bambini ricevono il
messaggio non essere adulto, perch i loro genitori non sopporterebbero la loro
indipendenza o temono che lascino la casa materna. In questo caso troveremo la gioia di
mamma trentenne, la cui madre le prepara ogni giorno i vestiti puliti (Anche se dovrebbe
sapere come vestirsi, so io cosa meglio per lui).
4. Ogni bambino ha bisogno del permesso di appoggiarsi emotivamente e fisicamente ad
altre persone (specialmente a quelle che gli stanno vicine). Ma se i genitori sono freddi e se il
contatto fisico gli spiacevole ritenuto invadente, i bambini sentono non venirmi troppo
vicino. Questo messaggio non verbale viene dato quando i genitori lavorano sodo tutto il
giorno e non sono quasi mai a casa. Spesso gli si fa anche capire bene che lavvicinarsi a
persone del proprio o dellaltro sesso pericoloso. Questo potrebbe essere il motivo per cui i
coniugi si lamentano dicendo Non sopporto quando lui/lei mi abbraccia sempre o viene nel
mio letto....
5. Ogni bambino ha bisogno del permesso di sentire quello che sente veramente: gioia,
tristezza, paura o rabbia. Se queste emozioni non vengono approvate il bambino impara a
sentire solo quello che ci si aspetta da lui, seguendo limpronta non sentire, sostituendo le
sue emozioni iniziali con dei meccanismi (trovate o trucchi) sentimentali (vedi capitolo
precedente).
6. Un bambino necessita del permesso di pensare a partire dal terzo mese di vita. Ogni
bambino per sua natura curioso e porge delle domande. Non rispondendogli in modo
ragionevole e disprezzando le sue azioni, reazioni e decisioni, gli si da limpronta non
pensare. Pi tardi riconosceremo queste impronte tramite espressioni del tipo non lo so
oppure oggi non riesco a pensare bene. Questi bambini ripetono spensieratamente tutto
quello che sentono, diventando vittime della pubblicit ed aderendo a movimenti in qualit di
seguaci, sono un pericolo per la democrazia.
7. Il permesso di avere successo necessario per ogni bambino essendo egli stesso in fase
di sviluppo. Il bambino pu ricevere limpronta non farcela qualora i genitori temano che
i loro bambino potrebbero essere pi fortunati di loro, perch con il successo del figlio
verrebbero a confrontare il loro fallimento. Limpronta pu essere estesa su tutta la linea di
vita (fallimento completo) o parziale (professione, sport, sesso, vita coniugale).
8. Il permesso di essere sano dovrebbe essere il pi naturale nelleducazione dei bambini.
Ma le madri troppo timorose corrono dal dottore per ogni piccolezza. Questo messaggio
non essere sano pu dare origine a delle persone ipocondriache le quali stanno male se
hanno un giorno nel quale non hanno sintomi (come il malato immaginario di Molire). Lo
stesso messaggio viene dato in relazione alla salute mentale con delle frasi ripetitive quali tu
sei scemo, matto, in te c qualcosa che non va o forzando i bambini verso comportamenti
altamente nevrotici.
Lelenco delle impronte potrebbe essere continuato, ma secondo le esperienze concrete gli otto
elencati sembrano essere i fondamentali. Di rado queste impronte negative vengono espresse
verbalmente, pi facilmente vengono manifestate mediante gesti, sguardi e soprattutto
tramite la mimica dei genitori.
105

Reiki e Visualizzazione

106

2. Chakra per svegliare le qualit di vita non

sviluppate
Per molto tempo lavorai come psicologa con tante tecniche diverse (AT, Gestalt, psicodramma,
psicosintesi, terapia comportamentale, motivi catatimici, ipnosi, PNL, psicologia orientata al
processo.
Nel 1986 incontrai Aminah Raheem (vedi anche Ritorno allanima). E poich durante un suo
corso io potevo frequentare solo due dei quattro giorni previsti dal corso, volevo scusarmi con
lei. Lei mi accolse a braccia aperte e con tanto amore, mi sentivo come il figlio perduto della
Bibbia e da quella sera sapevo che era la forma terapeutica che cercavo da sempre: la sintesi tra
la psicologia transpersonale ed il lavoro corporeo. Successivamente imparai diverse tecniche di
terapia corporea: lagopressione, il Reiki, il massaggio-Esalen, lo Zero Balancing, Regenesis, lo
Shiatsu e diventai anche insegnante di Jin Shin Do, di Process Acupressure e di Reiki.
Con il lavoro corporeo i miei pazienti arrivavano molto pi rapidamente ai traumi e potevano
integrare i nuovi modelli comportamentali nella loro vita quotidiana molto pi rapidamente.
In seguito feci una nuova scoperta e cio che le fasi di sviluppo della psicologia occidentale
corrispondono sia alle 5 fasi (elementi) della medicina cinese che alle fasi di sviluppo dei 7
Chakra indiani. Quando lavoriamo con lagopres-sione sui corrispondenti meridiani organici
degli elementi della medicina cinese (vedi Rinascere 2) o sui Chakra, possiamo recuperare le
qualit delle fasi di sviluppo dellinfanzia che ancora non sono stare sviluppate. I primi chakra
rispondono allo sviluppo dei primi anni, cio:
1 chakra = 1 anno: sentirsi amati, protetti, a casa, aver fiducia invece di sentirsi soli e avere
paura della fase simbolica
2 chakra = 2 anno: giocare, scoprire, poter godere (anche della sessualit) della fase di
descubrimiento e della fase edipale (1 anno)
3 chakra = 3 anno: essere autonomi, indipendenti invece di iper-adattamento
(vedi anche tabella sinottica dello sviluppo infantile alle pagine seguenti)
Da quando ho inserito nei miei corsi sui ricordi dinfanzia il lavoro energetico attraverso
lagopressione ed il lavoro sui Chakra, questi corsi vanno pi rapidamente in profondit
guarendo il bambino interiore ferito. Attraverso questo lavoro i messaggi base possono essere
modificati (p.e. invece di: sono stupida - solo perch mio fratello maggiore era 3 anni pi
intelligente di me, sono intelligente e posso imparare tutto quello che voglio) e di
conseguenza cambia anche il comportamento (ora posso finalmente p.e. incominciare i miei
studi).
Ho inserito in questo libro delle meditazioni influiscono insieme agli esercizi energetici sulle fasi
di sviluppo e aiutano a risvegliare le qualit delle fasi di sviluppo non ancora sviluppate.

106

Reiki e Visualizzazione

107

107

Reiki e Visualizzazione

108

Primo chakra - sicuro invece della paura


Teoria
La fiducia originaria, la fiducia che la vita ci porta quello che e bene per noi, il presupposto
per una vita pienamente realizzata. Guadagniamo la fiducia in noi stessi da bambini, se sentiamo
di essere i benvenuti in questo mondo, poich una madre amorevole presente per noi, ci d
amore e nutrimento, ci protegge quando siamo spaventati, fa in modo che non ci manchi nulla. In
questo modo sviluppiamo la fiducia originaria, la fiducia che il mondo ci porter quello di cui
abbiamo bisogno. Ci sentiamo amati ed accettati ed assumiamo lo stesso atteggiamento anche
nei confronti di noi stessi. Questo ci permette di avere in noi una sana fiducia.
Nel prossimo esercizio vogliamo attivare il primo chakra e la qualit di sicurezza e fiducia in una
visualizzazione.
Per molto tempo non ho colto nella maniera corretta il pronunciamento principale della bibbia:
ama il prossimo tuo come te stesso. Prima di poter amare gli altri infatti devo amare me
stesso. Solo nel momento in cui ho assimilato ed interiorizzato una quantit sufficiente di amore
posso amare anche gli altri, poich se la brocca vuota non vi nulla da mescere.
Nella famiglia moderna, ridotta nelle dimensioni rispetto ad un tempo, la mamma perlopi
sovraccarica di compiti e difficilmente pu essere la madre perfetta che pu permettersi di essere
completamente a disposizione del bambino. Nella famiglia patriarcale invece c'era sempre una
nonna od una zia o fratelli pi grandi, oppure una cameriera, che potevano colmare leventuale
lacuna. Per questo motivo ne deduco che oggi i disturbi pi frequenti e pi gravi sono legati al 1
chakra (la psicanalisi parla di disturbi narcisistici che hanno avuto origine nei primissimi anni di
vita).
Quello che mancato dunque nel caso di disturbi legati al 1 chakra stata una madre buona ed
amorevole, che protegge e d sicurezza e fiducia. Se il bambino non ha conosciuto questa figura
non ha potuto nemmeno interiorizzarne la figura. Il bambino che cresce, quindi, non ha proprio
idea di cosa significhi amarsi ed accettarsi.
Nella fase di trattamento di questi disturbi, sar dunque necessario inserire a livello dinconscio
quella figura di mamma amorevole che mancata.
In qualit di terapisti ci caleremo nel ruolo della madre buona ed accetteremo il cliente cos come
, mostrando apprezzamento per come fatto ed incentivandolo tutte le volte che possiamo.
Come terapisti Reiki, abbiamo una possibilit in pi rispetto agli psicologi, per far sentire al
paziente con il nostro tocco rispettoso e pieno damore, appoggiando le nostre mani sul suo
corpo, che lo accettiamo. In questo modo il cliente si sentir compreso, protetto ed accettato.
Saremo ancora molto pi efficaci se riusciremo, come afferma Aminah Raheem nel suo libro
Ritorno allanima (Macro edizioni), ad entrare in contatto con lanima, cio se riusciremo a
raggiungere un livello profondo, divino, nel quale la cliente si sentir protetta, amata, tuttuno
con unistanza superiore.
Per ognuno c un simbolo diverso (anche a seconda delle credenze, delle convinzioni personali).
Pu essere un raggio di luce, lapparire di una persona amata scomparsa, o di un animale che ti
protegge, una presenza benevola, una grotta in cui rifugiarsi e dove si ode un canto, il vedere un
angelo o limmagine di Dio. Non mai lo stesso, ma tutto porta a un sentimento di amore, di
pace, di unione, di sentirsi liberi e protetti e parte di un tutto.
108

Reiki e Visualizzazione

109

Sicuro e amato invece della paura


Ripeti ogni volta, prima di cominciare le meditazioni i diversi esercizi sui chakra che abbiamo
gi visto nella parte teorica.

Metti una mano sul chakra di base e disegnaci il Cho Ku Rei o il tuo simbolo personale e laltra
la metti sul secondo chakra e ci disegni il Cho Ku Rei o il simbolo personale. Senti lenergia e
armonizza i due chakra facendo andare da dove c pi energia a quello dove ce n meno,
attraverso la colonna vertebrale, fino a sentire uguale calore o pulsazione in tutti e due.
Rimani sul chakra di base e metti laltra mano sul terzo chakra, disegna il Cho Ku Rei sul terzo
chakra e ancora una volta sul chakra di base, e senti lenergia e armonizzala attraverso la
colonna vertebrale. Rimani ancora sul chakra di base e metti lalta sul chakra del cuore, senti
lenergia e portala da dove ce n di pi falla andare attraverso la colonna vertebrale a dove c
n di meno. Rimani sul chakra di base e metti laltra mano sul chakra del collo e disegnaci di
nuovo il Cho Ku Rei e armonizza i due chakra.
Rimani sul chakra di base e metti laltra mano sul terzo occhio, disegnando il Cho Ku Rei e
armonizzali di nuovo attraverso la colonna vertebrale. Rimani sul chakra di base disegnando il
Cho Ku Rei e metti laltra mano sul chakra di corona e disegna il Cho Ku Rei e fa la
connessione attraverso la colonna vertebrale per armonizzare i due chakra.
Per tutta la meditazione ora puoi rimanere con la mano sul primo chakra e disegnaci il Sei He
Ki.
Ed ora ritorna dal piccolo beb che eri una volta. Cerca la camera in cui dormivi quando eri un
beb. Cerca un momento in cui puoi stare da solo con il piccolo bambino e vai in questa
camera e guarda come li bambino sdraiato nel letto. Guarda come grazioso e bello. E se
vuoi puoi prenderlo in braccio e dirgli: Com bello che tu sei qui. Benvenuto sulla terra. Ti
voglio bene. Ti voglio bene cos come sei. Mi piace stare con te. Mi piace darti da mangiare,
cambiarti i pannolini, passare del tempo con te. Sar sempre con te. Non ti lascer mai. Tu fai
parte di noi.
Ed ora digli qualsiasi altra cosa che vorresti dirgli ... e digli ci che pensi che vorrebbe sentire ....
che ha bisogno di sentire..... Ed ora abbraccia forte il bambino. Senti il piccolo bambino, senti
come tu stesso diventi questo piccolo bambino. Senti come vieni tenuto in braccio dal tuo Io
grande. Senti come ti tiene forte. Senti attraverso le sue braccia il suo amore ed ascolta cosa ti
dice: E bello che tu sei qui. Benvenuto sulla terra. Adesso fai parte di noi. Ti voglio tanto bene.
Ti voglio bene cos come sei. Mi piace stare con te, mi piace darti da mangiare e cambiarti i
pannolini. Mi piace passare del tempo con te. Sar sempre con te, non ti lascer mai.
Ed ora ascolta cosaltro ti dice il tuo Io grande.... Ti protegger e bader io a te in modo che tu
possa essere al sicuro.
Ed ascolta cosaltro ti dice, il tuo Io grande..., cosaltro hai bisogno di sentire....
Ed ora senti di nuovo le braccia che ti tengono e ti proteggono. E poi ritorna pian, pianino il
tuo Io grande. Senti da Io grande nelle tue braccia il piccolo bambino e digli di nuovo: Ti voglio
bene mio piccolo tesoro. Ora ti metto nel letto, per ritorner presto. E basta che tu gridi o
piangi ed io vengo da te.
109

Reiki e Visualizzazione

110

Ed ora rimetti il piccolo bambino a letto e coprilo bene. Guarda ancora una volta come
sdraiato nel letto e poi puoi lentamente uscire dalla stanza, chiudere la porta e ritornare
lentamente nel qui ed ora, muovi i piedi e le mani, fai un grande respiro, stirati come al mattino,
a quando aprirai gli occhi sarai sveglio e presente..

Secondo chakra - gioia e creativit


Puoi scoprire e giocare
Comincia con un esercizio dei chakra che attiva specialmente il secondo chakra. Fa lo stesso
come col primo chakra ma invece di rimanere su quello, rimani sempre sul secondo chakra,
mentre tu cambi laltra mano dal primo al terzo, quarto, quinto, sesto e settimo. Ogni volta
disegni in entrambi i chakra il Cho Ku Rei e armonizzi lenergia facendo andare da dove ce n
di pi al chakra dove ce n di meno, attraverso la colonna vertebrale, rimanendo l con le mani
finch senti uguale calore o pulsazione o formicolio
Durante la prossima meditazione rimani con le mani sul secondo chakra e comincia disegnandoci
il Sei He Ki.
Comincia di nuovo con un esercizio coi chakra.
Immagina che allinspirare si apre un fiore rosso dal chakra di base e che si chiude di nuovo
allespirazione per diventare una piccola luce inspiri, e apri il fiore rosso, espiri.. fallo due
minuti.
Dopo vai al secondo chakra e allinspirazione apri un fiore di colore arancio che si chiude di
nuovo allespirazione per diventare una piccola luce fallo per due minuti.
Dopo vai al secondo chakra, dietro, e apri anche l un fiore arancio allinspirazione che si chiude
di nuovo allespirazione per diventare una piccola luce Fallo di nuovo per due minuti
Adesso apri allo stesso tempo davanti e dietro un fiore arancio nel secondo chakra davanti e
dietro
Durante la prossima meditazione rimani con le mani sul secondo chakra e comincia
disegnandoci il Sei He Ki.
Torna adesso al tuo piccolo bambino, al bambino di un anno e guarda cosa ha gi imparato
come sa muoversi e fare i primi passi e comincia a scoprire il mondo, quel bambino che
innamorato del mondo e vuole scoprire tutto. Guarda tutto quello che sa gi fare e gioisci col
bambino quando impara qualcosa di nuovo. Forse ti vuol fare vedere come fa a venire gi da
un piccolo muretto o come sa salire le scale. Osservalo e digli come ti fa piacere, digli: sono
molto orgoglioso di te, meraviglioso tutto quello che sai gi fare.
Lasciati far vedere ancora altre cose che sa fare e gioisci col bambino e digli: mi puoi fare
vedere tutto quello che gi sai fare. Puoi esplorare tutto, puoi toccare tutto. Io far attenzione, ti
protegger in modo che puoi scoprire il mondo. Mi fa piacere quando vai a trovare gli altri

110

Reiki e Visualizzazione

111

bambini per giocare, puoi giocare. Mi fa piacere vederti gioire con gli altri bambini e ridere e far
chiasso. E forse c altro che gli vuoi dire ancora.
Lascialo andare dagli altri bambini adesso, e osservalo, come gioca e ride con gli altri.

Puoi amare e gioire della sessualit


Metti il palmo di una mano sul chakra di base e disegna mentalmente il Cho Ku Rei (o il tuo
simbolo personale). Metti il centro della tua mano sullosso pubico e ascolta cosa senti; c
gente che sente come una pulsazione, o caldo, o un formicolio sul palmo
E laltra mano la puoi mettere allapice del capo, sul chakra di corona. Guarda se puoi poggiare
la mano o se stai meglio allontanandola un poco e disegna il Cho Ku Rei Senti entrambi i
chakra
Forse puoi anche sentire il loro collegamento, lungo la colonna vertebrale, e fa passare
lenergia di dove ce n di pi a dove ce n meno per armonizzarli,
Ora sposta le mani, una la metti sul secondo chakra, col palmo della mano sotto lombelico
cosicch la parte superiore lo sfiori e disegnaci il Cho Ku Rei e laltra mano la poni sulla
fronte, sul chakra del Terzo Occhio e disegna il Cho Ku Rei. Metti il centro della mano proprio
sopra e ascolta di nuovo la sensazione: se una pulsazione, calore, e se percepisci una
mano pi che laltra; e ascolta se senti il collegamento lungo la colonna vertebrale tra i due
chakra e armonizzali
Sposta adesso, ancora una volta, le mani: una sul terzo chakra, 2-3 centimetri sopra lombelico
e disegna il Cho Ku Rei, e laltra sul chakra del collo e disegna mentalmente il Cho Ku Rei. E
ascolta nuovamente cosa senti, se la stessa sensazione nelle due mani, senti se c il
collegamento lungo la colonna vertebrale e armonizzali
Ora metti le due mani sul chakra del cuore, tra i due capezzoli e disegna il Cho Ku Rei, e
ascolta ancora la sensazione
Metti una mano adesso sul secondo chakra, e disegnaci lHon Sha Ze Sho Nen per entrare in
contatto col piccolo bambino che eri una volta. Disegnaci anche il Sei He Ki (o il tuo simbolo
personale), e il ChoKu Rei e lascia la tua mano l durante tutta la meditazione.
E torna adesso al tuo piccolo bambino, al bambino di un anno, guardalo
e guarda cosa ha gi imparato, come sa muoversi e fare i primi passi, e comincia a
scoprire il mondo, quel bambino che innamorato del mondo e vuole scoprire tutto...
Guarda tutto quello che sa gi fare e gioisci col bambino quando impara qualcosa di nuovo...
Forse ti vuol fare vedere come fa a venire gi da un piccolo muretto o come sa salire le
scale Osservalo e digli come ti fa piacere, digli: sono molto orgoglioso di te,
meraviglioso tutto quello che sai gi fare Lascia che ti mostri ancora tutte le altre cose che sa
fare e gioisci col bambino Digli: Puoi esplorare tutto, puoi toccare tutto. Io far
attenzione, ti protegger in modo che potrai scoprire il mondo Mi fa piacere quando vai a

111

Reiki e Visualizzazione

112

trovare gli altri bambini per giocare, puoi giocare. Mi fa piacere vederti gioire con gli altri
bambini e ridere e far chiasso
E forse c altro che gli vuoi dire ancora Lascialo andare dagli altri bambini adesso, e
osservalo, come gioca e ride con loro
Puoi ritornare lentamente nel qui ed ora. Muovi i piedi e le mani, fai un grande respiro, stirati
come al mattino, e quando aprirai gli occhi sarai sveglio e presente.
Con la tua immaginazione torna indietro al bambino piccolo che sei stato una volta, che era
piena di gioia e di intraprendenza, pieno di creativit, il bambino di 4-6 anni Lo vedi?
Quando lo vedi immagina di creare un ponte di luce dal tuo cuore al suo cuore, e disegnaci il
Cho Ku Rei E attraverso quel ponte di luce mandagli il tuo amore Senti e vedi quel ponte
di luce e disegnaci lHon Sha Ze Sho Nen e il Sei He Ki. E chiedi ancora amore universale,
che si mescola al tuo amore, per poter amare il bambino completamente, per accettarlo
completamente cosi come
Prendi la sua mano e digli: Che bello che sei un bambino (una bambina). Che bello che
sei esattamente cos come sei Sei molto speciale e mi fa piacere che tu sia cosi Puoi
essere te stesso e far parte di noi Puoi avere i tuoi pensieri e le tue aspettative Mi fa
piacere vedere la tua vitalit e la tua creativit Mi fa piacere vederti giocare con altri
bambini Mi fa piacere vederti gioire. Mi fa piacere vederti gioiosa
completamente normale nella tua et scoprire il tuo corpo, scoprire i tuoi organi sessuali, sta
bene giocare al dottore, puoi gioire del tuo corpo, anche quando sarai pi grande Sta
bene gioire del tuo corpo e della sessualit Troverai un partner al quale ti potrai
abbandonare Puoi godere della sessualit e dellorgasmo, puoi godere della vita.
Adesso guarda ancora quel piccolo bel bambino Cosa gli vuoi dire ancora di pi? Cosa
pensi dovrebbe sentirsi dire? Diglielo! Guarda quel bel bambino vitale davanti a te e dagli
tutti i permessi di cui ha bisogno; digli ancora: ti voglio bene cos come sei bello che tu
stia qui ci sono quando hai bisogno di me
Senti ancora una volta quella connessione tra cuore e cuore, quel ponte di luce, il ponte
dell'anima...
C qualcosa che ti vuol dire il bambino? Ascolta
Prendilo in braccio per dirgli arrivederci
Puoi ritornare lentamente nel qui ed ora. Muovi i piedi e le mani, fai un grande respiro, stirati
come al mattino, e quando aprirai gli occhi sarai sveglio e presente..

112

Reiki e Visualizzazione

113

Terzo chakra Forza e potere invece di superadattato e


impotente
Puoi essere te stesso
Comincia di nuovo con lesercizio dei chakra.
Fa lo stesso esercizio di prima, aprendo un fiore e adesso ci aggiungi il terzo chakra e
allinspirazione si apre un fiore giallo, allespirazione si chiude e diventa una piccola luce gialla,
prima al terzo chakra davanti e poi a quello dietro. Dopo fa ancora laltro esercizio come prima,
lasciando una mano sempre sul terzo chakra e laltra va a tutti gli altri chakra, cominciando col
chakra di base:
Metti una mano sul terzo chakra e disegnaci il Cho Ku Rei (o il tuo simbolo personale) e
laltra la metti sul chakra di base e ci disegni il Cho Ku Rei. Senti lenergia e armonizza i
due chakra facendo andare lenergia da dove ce n di pi a quello dove ce n meno,
attraverso la colonna vertebrale, fino a sentire uguale calore o pulsazione in tutti e due.
Rimani sul terzo chakra e disegnaci il Cho Ku Rei (o il tuo simbolo personale) e laltra la metti
sul secondo chakra e ci disegni il Cho Ku Rei. Senti lenergia e armonizza i due chakra
Rimani sul terzo chakra e metti laltra mano sul chakra del cuore, disegna il Cho Ku Rei e
senti lenergia e armonizzala attraverso la colonna vertebrale
Rimani ancora sul terzo chakra e metti laltra mano sul chakra del collo, disegna il Cho Ku
Rei, senti lenergia e portala da dove ce n di pi attraverso la colonna vertebrale a dove
ce n di meno
Rimani sul terzo chakra e metti laltra mano sul terzo occhio, disegnando il Cho Ku Rei e
armonizzali di nuovo attraverso la colonna vertebrale
Rimani sul terzo chakra disegnando il Cho Ku Rei e metti laltra mano sul chakra di corona e
disegna il Cho Ku Rei e fa la connessione attraverso la colonna vertebrale per armonizzare i
due chakra.
Metti la mano sul terzo chakra e per tutta la meditazione ora puoi rimanere li. Disegnaci
lHon Sha Ze Sho Nen per entrare in contatto col piccolo bambino che eri una volta
Torna indietro adesso al piccolo bambino che ha 2-3 anni, il tempo della nascita psichica,
quando diventa una propria personalit,. con proprie idee e desideri.
La fase del distacco, la fase in cui imparare lautonomia, la fase quando la volont si sviluppa e
il bambino impara a dire quello che vuole e quello che non vuole, lLa fase quando impara a dire
di no.
Guarda adesso il tuo bambino di 2-3 anni Forse lo vuoi prendere per mano e dirgli mi fa
molto piacere vedere che ci sono gi molte cose che sai fare da solo, mi fa piacere vederti
113

Reiki e Visualizzazione

114

diventare autonomo, indipendente, mi fa piacere vederti diventare te stesso va bene che tu


prenda la responsabilit per te stesso. Puoi essere te stesso e puoi fare cos come vuoi tu ed
essere autonomo
Puoi dire No, puoi anche arrabbiarti. Ti voglio bene lo stesso e rimango con te. Fatti
mostrare adesso dal bambino qualcosa che vorrebbe fare ma che non lo lasciano o qualcosa
che deve fare ma non vuole e va da lui e aiutalo per ottenere quello che vuole. Forse devi
spiegare alla sua mamma o a qualcun altro che sta bene che il bambino faccia a modo suo, che
importante che diventi indipendente E non male essere ostinati quando dice una volta di
no, perch quello il passo di sviluppo normale della fase anale e guarda come puoi
convincere la mamma o altre persone, utilizza tutta la tua creativit, tutto il tuo sapere di adulto,
per aiutarlo come se fosse il tuo proprio bambino, affinch riceva quello che vuole.
E d adesso al bambino che lo aiuterai per essere se stesso sempre di pi. Digli: ti aiuto per
essere te stesso, ti aiuto per essere indipendente e autonomo in modo che tu possa prendere la
tua responsabilit per te stesso e far attenzione che ti vada bene con questo Senti adesso la
mano del tuo bambino, come la tieni nella tua mano
e diventa adesso tu stesso quel piccolo bambino di 2-3 anni e ascolta il tuo grande Io che ti
dice: Puoi essere te stesso, puoi essere indipendente e prendere la responsabilit per te
stesso, puoi dire quello che vuoi e quello che non vuoi, puoi anche dire di no, puoi arrabbiarti. Ti
voglio bene anche quando sei arrabbiato e rimango con te. E ascolta che altro ti dice ancora il
tuo grande Io, che altro bisogna ascoltare? Senti la mano del tuo grande Io che ti aiuta per
essere indipendente e te stesso
senti questa mano e diventa di nuovo quel grande Io che tiene il piccolo bambino per la mano.
Guarda ancora quel piccolo bambino con amore E puoi dirgli arrivederci adesso e dirgli che
tornerai e che ti pu venire a prendere sempre quando ha bisogno di te.
Lascia che il bambino vada a giocare con gli altri bimbi di nuovo e ritorna al momento di oggi.

Questionario sulla rabbia


(secondo Ellen Bader, California)
Il seguente questionario dovrebbe aiutarti a scoprire quello che da bambino hai imparato sulla
rabbia. Ti aiuter anche a capire quale oggi il tuo atteggiamento nei suoi confronti e ti faciliter
il compito di definire chiaramente come vorrai confrontarti in futuro con la rabbia ed in che
modo vuoi che il tuo partner esprima la propria collera.
1. La rabbia ... (definizione).
2. Come gestiva la sua rabbia tua madre quando eri piccolo? E come gestiva la tua?
3. Come gestiva la sua rabbia tuo padre quando eri piccolo? E come gestiva la tua?
(in caso di assenza del padre, i nonni, la domestica...)
114

Reiki e Visualizzazione

115

4. Cosa hai deciso da bambino? Come ti saresti rapportato alla rabbia in futuro?
5. Se oggi qualcosa ti fa arrabbiare cosa fai o cosa dici?
6. Come esprimi la tua rabbia nei confronti del partner?
7. Sei soddisfatto di questa tua modalit? Ottieni quello che vuoi?
8. Vorresti cambiare qualcosa? Cosa?
9. Conosci qualcuno che riesce ad esprimere la rabbia o la collera in modo tale da ottenere quello
che vuole senza che gli altri rimangano arrabbiati od offesi?
10. Vorresti fare anche tu cos? Se rispondi affermativamente, fai la seguente visualizzazione
11. Pensa ad una situazione in cui ti eri arrabbiato ed eri in collera... Cerca di immaginare molto
concretamente cosa farebbe questa persona... Mettiti adesso al suo posto, sei questa persona...
Ascolta quello che dici di diverso... Guarda come hai cambiato aspetto... Percepisci come ti senti
diverso... Oppure se vuoi fare in maniera diversa immaginati concretamente che aspetto hai,
come ti senti, quello che dici...
12. Vuoi fare cos anche in futuro?
O se vuoi farlo in altro modo, guarda anche quel modo, come lo fai...

Rabbia, esercizio con il bambino ferito


Come con tutte le meditazione che non sono sul cd, ti raccomando di provarle prima. Forse vuoi
anche mettere sui audiocassetta lesercizio dei chakra, specialmente il terzo chakra, come
labbiamo descritto prima
Ricordati dellultima volta che ti sei arrabbiato e ritorna cosciente alla situazione. Dove sei?...
Cosa succede?...
Come ti senti?...
Prendi consapevolezza della rabbia e concedile di diventare molto forte...
Ascolta e percepisci in quale punto del corpo senti questa rabbia...
Appoggiaci sopra la tua mano... e disegna il Cho Ku Rei
Con chi sei arrabbiato?...
E lascia che questa persona appaia davanti a te...
Guardala mentre sta davanti a te...
D ora a questa persona che sei arrabbiato e perch lo sei...
Puoi usare tutti gli insulti che vuoi, puoi anche essere volgare, se lo vuoi...
Fa uscire la tua rabbia completamente...
(non ti pu accadere nulla, poich la persona non reale)
Lasciati tempo sufficiente per dire veramente tutto ci che ti rende furioso, e cos, chiudere la
questione.
Quando hai finito puoi lasciar andare questa persona ed ascoltare di nuovo la tua rabbia...

115

Reiki e Visualizzazione

116

Appoggia la mano sul punto del corpo in cui percepisci questa rabbia... e disegna lHon Sha
Ze Sho Nen
e ritorna cos indietro nel tempo, lontano, fino alla tua infanzia, finch a quando non ti verr in
mente il ricordo di una situazione nella quale tu eri altrettanto arrabbiato, ed hai provato la
stessa sensazione fisica...
Aspetta che si formi unimmagine...
osservala bene...
Osserva quello che succede al bambino. possibile che al bambino sia impedito di fare
qualcosa che invece farebbe volentieri, oppure al contrario viene costretto a fare qualcosa che
non vorrebbe fare, o forse qualcuno lo rimprovera ingiustamente oppure lo punisce per
qualcosa che non ha fatto. Osserva quello che gli succede.
E va verso di lui e cerca di capire quello di cui avrebbe bisogno, e come potresti aiutarlo. Forse
vorrebbe solo sentirsi dire che va bene, anche quando rifiuta di fare qualcosa, che va bene
anche se dice di no...
Oppure vuole sentirsi dire che davvero stato trattato in maniera ingiusta...
Cerca di dare a questo bambino tutta la comprensione di cui ha bisogno...
Forse sarebbe necessario che si ribellasse. Dagli tutto lappoggio necessario affinch riesca a
farlo...
Digli che quello che vuole non sbagliato, che tutto a posto, digli che giusto difendersi...
Dagli tutto il sostegno necessario affinch ottenga quello che vorrebbe.
E se il bambino da solo non ci riesce vai tu come adulto a difenderlo; utilizza tutta la tua
creativit per ottenere per il tuo bambino quello che voleva.

Esercizio: quando sono arrabbiato


Senti la tua rabbia (oppure percepisci come ti senti strano). Ascolta bene questa sensazione,
permettile di amplificarsi.
Localizzala nel tuo corpo e descrivi la sensazione fisica e disegna il Cho Ku Rei.
Lascia che la rabbia si manifesti. Se senti che ti fa bene urla mentalmente, o anche ad alta voce
contro la persona che ti rende furioso.
Esprimi verbalmente quello che ti fa arrabbiare.
Disegna il Sei He Ki. Cerca di capire e di essere consapevole di ci che si nasconde dietro a
questa rabbia (spesso siamo arrabbiati perch non ci sentiamo presi sul serio, non considerati,
sottovalutati o rifiutati, perch altri vengono preferiti a noi, non otteniamo quello che vogliamo,
o dobbiamo fare qualcosa che non vogliamo).
Ascolta ancora la tua sensazione attentamente, appoggia la mano su quel punto del corpo in cui
la percepisci, disegna lHon Sha Ze Sho Nen ed insieme a lei procedi a ritroso verso la tua
infanzia, finch non ti imbatti in un ricordo. (Hai voglia di fare ora lesercizio per il bambino
ferito?

116

Reiki e Visualizzazione

117

Ritorna a ci che adesso ti ha fatto arrabbiare. Cerca di capire dove il problema. Cosa che
non vuoi pi? Mettilo per iscritto, in maniera molto chiara.
Immagina davanti a te la persona a cui vuoi dire queste cose. Digliele in modo chiaro, preciso,
ma gentile.
Metti per iscritto quello che hai in mente di dirle nella realt.
Glielo vuoi dire? Quando?

Si pu essere padroni dei propri sentimenti?


I sentimenti travolgono chiunque, non si pu disporre di essi, sfuggono totalmente al nostro
controllo, cos credevo una volta. Per nei corsi che frequentavo mi dicevano sempre che noi ci
creiamo i sentimenti da soli, che nessuno pu indurre in un altro un sentimento. Questo mi
appariva in effetti chiaro da un punto di vista razionale, tuttavia qualcosa dentro di me faticava a
crederlo, perch non posso farci niente se qualcuno mi fa arrabbiare.
Ad un certo punto per ho avuto la seguente esperienza che mi ha illuminata. Quando, dopo aver
sciato tutto il giorno, torno allappartamento in montagna mi piace immergermi nella vasca da
bagno a lungo prima che i bambini facciano la doccia (dopo la doccia non ci sarebbe stata acqua
sufficiente per un bagno di almeno due ore). Una volta dopo essere tornati a casa dopo aver
sciato, mio figlio, allora diciassettenne, mi disse in modo molto brusco ed aggressivo di voler
fare la doccia per primo. Io mi arrabbiai molto per la sua aggressivit e dopo un concitato
scambio di parole alla fine andai a fare il mio bagno. Dopo circa dieci minuti, mentre ancora
furiosa stavo immersa nel mio bagno, mi venne in mente una cosa: in effetti io avevo quello che
volevo, quindi avrei dovuto godere il mio bagno; chi invece aveva motivo di essere arrabbiato
era in effetti mio figlio.
La rabbia spar dun colpo. Mi sono goduta il mio bagno e mi sono anche ricordata delle parole:
nessuno pu indurti alcun sentimento. Dopo venti minuti di bagno, sono andata da mio figlio,
che sembrava ancora molto infuriato, e gli ho detto con suo immenso stupore che mi dispiaceva
di aver reagito cos bruscamente e che la prossima volta avremmo discusso tranquillamente la
questione in modo da accontentare tutti: se anche per me era importante fare un bagno caldo
subito dopo aver sciato per prevenire i crampi, avremmo trovato delle soluzioni alternative, come
per esempio che io usassi una vasca di occasione dopo cio che lui e la sorella a loro volta vi si
erano fatti la doccia.
Questa esperienza fu per me illuminante, perch avevo sperimentato che possibile decidere
della propria rabbia, che non sempre sfugge al nostro controllo (come invece avevo sperimentato
pi volte con gli attacchi dira di mio padre) ed improvvisamente ho incominciato a sentire
rabbia nei confronti di mio marito (che evidentemente prima avevo rimosso convinta che fosse
troppo pericolosa).
Il Dr. Leonard Schlegel, durante un corso sui sentimenti ricorrenti di analisi transazionale,
propose di rimanere per un po dentro al sentimento negativo, di decidere per ogni volta che vi
si ritorna quanto tempo si vuole rimanere immersi (per esempio 20 minuti). E quindi vedere se
bene uscirne oppure se ci si vuole concedere ancora 10 minuti.
Cominciai ad impiegare questa teoria ogni volta che provavo rabbia con mio marito (che prima
non provavo). Quando la sentivo sopraggiungere, mi ritiravo (invece di reagire e di urlare),
117

Reiki e Visualizzazione

118

lasciandomi 20 minuti di tempo per immergermici. A volte ho dovuto concedermi ancora 10


minuti prima che la mia rabbia sfiatasse fino al punto di poter pensare chiaramente. Alla fine
riuscivo ad intuire ci che mi aveva fatta arrabbiare (era quasi sempre la sensazione di non essere
stata considerata abbastanza) e quindi riflettevo su ci che non volevo pi e su ci che volevo al
posto di quello, comunicandolo mentalmente a mio marito. A quel punto cercavo di trovare il
momento pi opportuno per dirgli con calma quello che avevo pensato e, una volta trovatolo, gli
parlavo.
Mi sembra incredibilmente importante non reprimere la rabbia, perch un'energia possente che
vorrebbe causare dei cambiamenti e condurci ai princpi positivi di forza, potenza, vigore. In
comunit cristiane osservanti, ma anche negli ambienti della New-Age, la rabbia viene marchiata
come qualcosa di negativo, come il peccato, come qualcosa che si deve reprimere o rimuovere ad
ogni costo. Naturalmente mi sembra altrettanto importante che non si eserciti la rabbia tramite la
violenza fisica o laggressivit, che la rabbia non danneggi n me n gli altri, che anzi questa
energia eccessiva si possa equilibrare e quindi arrivare a trasformarsi in vitalit, forza ed
affermazione positiva. La parola aggressivit viene dal latino ad-gredere, andare in direzione di
qualcosa, una cosa positiva. come lenergia di Marte in astrologia, pu essere s attivit e
dinamismo ma anche aggressivit.

Riassunto del lavoro con la rabbia


molto liberatorio lavorare con la rabbia ??? su una purificazione. La rabbia pu uscire, pu
essere liberata dal corpo, ma anche molto importante aiutare il cliente a trovare e ricevere
quello che sta sotto la rabbia, che quello che la rabbia vorrebbe ottenere. La rabbia lultima
possibilit che ci vuole spingere per lottare per quello che vogliamo. La rabbia una forte
energia che si pu convertire in aggressione nel caso che non ci arriviamo. La parola aggressione
viene dal latino ad-gredere che vuol dire andare incontro a qualcosa. Per questo molto
importante sentire quello che c dietro la rabbia, quello che la rabbia vorrebbe davvero, quel
nuovo che manca e sperimentare quello nella visualizzazione. Cos nellinconscio si prova, si
ancora un nuovo modello, un nuovo esempio che si manifester anche nella realt.
Sentire la rabbia (permetterla o ok)
Dove nel corpo? Il terapista ci mette la mano, Cho Ku Rei. Descrivere il sentimento.
Rabbia contro chi?
Mettere persona davanti a s, descriverla
Esprimere la rabbia, dire alla persona quello che uno sente e quello che non si vuole pi,
sostenere il cliente: dillo pi forte, s, gridalo! Puoi essere a anche volgare.
Guardare come reagisce la persona, che dice?
Cosa vorresti davvero da questa persona? Diglielo, osservare la reazione della persona, sostenere
il cliente fino a quando arriva a ottenere quello che vuole.

118

Reiki e Visualizzazione

119

Lavoro con il bambino ferito interiore


Il lavoro con il bambino interiore una tecnica terapeutica molto diffusa in America. Forse vuoi
lavorare con il libro di John Bradshaw Come ritrovarsi:
E molto efficace tornare al bambino piccolo ferito e cambiare la situazione nella visualizzazione
vissuta e facendo cos mettere una nuova impronta nel subconscio, che non fa differenza tra il
vissuto nella realt e nella visualizzazione. Di conseguenza cambiano anche i messaggi base e il
comportamento.

Meditazione (Aminah Raheem)


Mettiti comodo e lasciati tutto il tempo che ti serve per ritornare con la memoria nella tua
infanzia. Aspetta finch non compari tu da bambino, in un periodo estremamente positivo, un
periodo in cui ti sei sentito particolarmente libero, in cui sei stato felice. Ricordati dei buoni amici
che avevi, o di qualcuno che ti voleva bene, che ti voleva molto bene. Ritorna indietro e trova
questo amore in un momento qualsiasi della tua vita, un momento in cui lo percepivi
chiaramente. Forse nelle braccia di tua nonna, nella natura, oppure mentre giocavi da solo. O
magari hai sperimentato lamore attraverso le favole. In qualsiasi posto tu possa averlo trovato
allora, ritrovalo anche adesso. Fa in modo che questa immagine e questa sensazione si
amplifichino ... e riempi il bambino con questo amore. Prendi le sue mani, piegati verso di lui e
guardalo negli occhi mentre gli dici: guarda sono qui e d'ora in poi rimarr con te. Da adesso in
avanti ti vorr sempre bene e capir sempre quello di cui hai bisogno.
Ci sono stati periodi, da bambino, in cui eri pieno di forza e di fantasia. Consapevolmente
ritorna a quel periodo e ritrova il bambino creativo, il bambino che pieno di forza. Lasciati
tempo perch emerga unimmagine e osservala ancora una volta ... Scivola dentro al bambino
e ascolta come si sente... e chiedigli di farti un regalo. Un regalo che nasca in quel momento, in
un momento in cui si sentiva cos forte e creativo.
Adesso chiedi al bambino di mostrarti quelle ferite che devono essere ancora guarite. Lascia
che si crei unimmagine, un ricordo ... e osserva bene quest'immagine. Osserva quello che
succedeva, ascolta quanto veniva detto ... guarda il bambino negli occhi per capire come si
sente ... e adesso va verso di lui e chiedigli di cosa ha bisogno. Digli che lo aiuterai ad ottenere
tutto quello di cui ha bisogno. Forse ha bisogno di essere preso tra le braccia. Forse ha bisogno
che tu lo aiuti ad ottenere quello che vorrebbe, che parli con gli altri per lui, che lo difendi, o che
chiedi agli altri di fare qualcosa per lui, che lo proteggi, che lotti per lui.
Guarda bene ci di cui ha bisogno, lascia che te lo dica e poi fallo. Sii creativo, audace e
temerario per lui. E quando il bambino ha ottenuto quello di cui ha bisogno allora promettigli che
d'ora in poi ti prenderai cura di lui e che verrai a trovarlo regolarmente. Magari vorrai concordare
la frequenza delle visite: ogni sera, una volta alla settimana? Poi prima di andare a letto ogni
sera potresti chiedergli: come stai? Come ti sei sentito oggi? Cos' andato bene oggi? Cosa ti
ha infastidito?
Quindi ti puoi dolcemente congedare.

119

Reiki e Visualizzazione

120

Teoria per terapisti


Lavorando col Reiki ci avvicineremo sempre pi a ricordi simili a quelli provati quando il
bambino si sentiva ferito. Ripeto una cosa che ho gi detto nella parte teorica, molto importante e
che ora capirai meglio. Freud e le terapie psicoanalitiche credevano che bastasse ricordare tutto
quanto era successo nellinfanzia, e di rivivere nuovamente i sentimenti perch ci si potesse
liberare di tutto (tramite questa catarsi / purificazione).
Aminah Raheem dice che non basta rivivere questi momenti terribili poich questesperienza
molte volte non fa altro che rafforzare i problema preesistente. Dove diamo la nostra energia
tutto diventa solo pi grande, come se di notte accendiamo una pila e vediamo solo dove la luce
pu arrivare. importante tornare indietro a questi momenti terribili, ma la cosa pi importante
non il rivivere il momento, ma il creare un qualcosa di nuovo: fare sperimentare al
bambino quello di cui avrebbe avuto bisogno in quella situazione, o dargli quello di cui ha
veramente bisogno. In questo modo nella nostra esperienza e nel nostro subconscio creiamo
qualcosa di nuovo. Il subconscio non distingue la realt da una esperienza profonda nella
visualizzazione. Possiamo quindi aggiungere allinconscio qualcosa di nuovo, come per esempio
una madre affettuosa, che pu essere mancata un tempo.
Per terapisti Reiki che volessero imparare a lavorare col bambino ferito dei loro clienti,
organizziamo corsi (vedi a fine libro).
Impareremo a:
1. Trovare il bambino ferito.
2. Cercare di capire di cosa ha bisogno.
3. Aiutarlo:
a farsi coraggio per dire da solo quello che vuole. Di alla mamma che sta cucinando per 5
fratellini che adesso hai bisogno dessere abbracciato. Incoraggiamo il cliente affinch lo dica,
quindi gli chiediamo: che espressione ha la mamma? Cosa dice? e se per esempio la mamma
non lo guarda, un po seccata oppure gli dice: Non lo vedi che non ho tempo? Mi chiedi
sempre molto! Sei un piagnucolone!, allora possiamo suggerire: Potresti aspettare un momento
pi favorevole? Per esempio quando la mamma ha finito di cucinare, potresti richiederglielo nel
pomeriggio. Se la risposta no! Adesso o mai pi! allora si vede che ci fu un momento nel
passato del cliente in cui decise non chieder mai pi laffetto! e allora proseguiamo
Mostrandogli come si fa. Se il cliente non vuole chiedere lui stesso o non sa come fare, o non si
fida a chiedere, potremmo dire vuoi che ti faccia vedere come lo farei io? se lo desidera,
allora per esempio possiamo dire: Senti mamma, io so che ora non hai tempo, ma ho veramente
bisogno di un brevissimo abbraccio. E molto importante per me!, e poi allargo le braccia e gli
chiedo: Vuoi provare questo abbraccio?, se il cliente mi risponde: no, tanto ha gi detto che
non ha tempo e che chiedo troppo, allora possiamo
suggerire per esempio: vuoi che lo chieda io per te?: Hei mamma! non vedi com
importante per tuo figlio che labbracci proprio adesso? Altrimenti lui penser che non ha pi
senso chiedere per avere un po di tenerezza. Lui non capisce che adesso non il momento
adatto e se tu non labbracci ora, lui penser: tanto non vale la pena di chiedere tenerezza perch
nessuno me la da! Mamma capisci come importante? Non potresti abbracciarlo?. Se la
mamma non reagisce ancora, possiamo chiedere:

120

Reiki e Visualizzazione

121

Vuoi tu grande avvicinarti al tuo bambino piccolo e prenderlo in braccio, e dirgli: Adesso ci
sono io, mamma in questo momento non ha tempo, ma io lho sempre, puoi chiedermi in ogni
momento. Star sempre con te. Vuoi farlo?
La sequenza di questi passaggi pu essere consigliata in quasi tutte le situazioni in cui il bambino
ha sperimentato una ferita. Per esempio, pu essere utile anche se il bambino si sente trattato
ingiustamente, o quando non vuole mangiare o fare qualcosa di preciso. Anche in questi
situazioni, noi, come terapisti possiamo dargli il coraggio per difendersi. Probabilmente pi
facile se diciamo al cliente che lui come uomo (o donna) adulto sa come pu difendere il
bambino. E gli chiediamo se quindi non pu farlo per il suo bambino interiore, come lo farebbe
per un proprio figlio, per esempio parlando con il maestro di scuola ingiusto. Se il cliente non
riesce e il maestro magari si arrabbia, allora possiamo chiedergli se vuole che lo facciamo noi per
lui. Diremmo al maestro: Quella volta ha usato dei metodi educativi che lei stesso ha imparato,
ma oggi si agisce diversamente. E riconosciuto che quando si loda un bambino si hanno dei
risultati migliori. Vede come il bambino stato reso ridicolo davanti a tutti perch la O era
troppo grossa? Lei potrebbe andare al posto del bambino e far vedere che questi tutte le O che
ha fatto erano corrette, e dire che questa O grande avrebbe dovuto essere come tutte le altre
O che ha scritto bene! Non vorrebbe anche lei per una volta fare cos? Con i nuovi metodi
educativi abbiamo molti successi!, e poi guardiamo come reagisce questo nuovo maestro.
Come terapisti abbiamo bisogno di tutte le nostre capacit creative per convincere le persone del
passato ad agire diversamente.

Regressione con un sentimento sgradevole


Se un cliente racconta di unemozione molto forte, oppure ha provato rabbia o tristezza, se si
sentito respinto, isolato e se questa emozione rimasta a lungo (e gli altri non possono
veramente capirlo) allora si pu supporre che questa situazione abbia inconsciamente risvegliato
vecchi traumi ed i relativi sentimenti (in analisi transazionale ci viene definito lelastico del
passato).

Per terapisti
Possiamo fare lo stesso lavoro con un cliente che racconta una situazione o un problema che lo
preoccupa da molto tempo.
Farsi raccontare la storia che provoca tante emozioni.
Farsi descrivere lemozione e localizzarla nel corpo.
Il terapista mette le mani sulla zona (tecnica del sandwich) e disegna il Sei He Ki.
Tornare nel passato con lemozione fino a quando appare il ricordo, disegna lHon Sha Ze Sho
Nen.
Tornare indietro 3-4 volte con lemozione fino alla situazione chiave, alla prima esperienza che
ha create limpronta.
Trovare i messaggi base = conclusioni del passato, come per esempio:
- sono stupido,
- sono poco interessante,
- non sono importante,
- sono solo,
- nessuno mi ama,
121

Reiki e Visualizzazione

122

- nessuno mi vuole,
- non posso fare quello che voglio, altrimenti ...
- non posso avere successo altrimenti....
- ecc.
Creare la nuova realt = lavoro con il bambino interiore ferito (Vedi avanti)
Sei He Ki e Cho Ku Rei.

Cosa fai volentieri?


Per diventare sempre pi se stesso, importante sapere chi siamo e fare di tutto per soddisfare i
nostri bisogni e desideri.
Chiudi gli occhi e cerca di capire cosa fai volentieri...
quello che ti diverte...
che ti fa piacere...
e quello che facevi prima volentieri...
E rifletti...
Ti concedi di fare quello che ti piace?...
In maniera sufficiente?...
Oppure vorresti concedertene di pi?...
Prendi coscienza del fatto che si pu offrire da bere solo se la brocca piena. Pensa alle parole
della bibbia: ama il prossimo tuo come te stesso! Solo se prima penso a me stesso, solo se prima
ho riempito la mia brocca sar poi in grado di dare agli altri, di essere disponibile nei confronti
degli altri, di amare gli altri.
Potresti occuparti un po pi di te stesso? (= guardare quello che ti va bene)...
Come?...
Come potresti viziarti?...
(oppure nel caso in cui questo ti sembri troppo: come potresti ricompensarti, quando hai aiutato
unaltra persona?)
Fa un accordo molto concreto con te stesso, per esempio:
Andare a fare il bagno se c bel tempo
Stare a prendere il solo se c bel tempo
Regalarti una volta a settimana un mazzo di fiori
Iscriverti ad un corso di ballo
Prenotare una settimana di ferie...
Come ti senti? Se senti rimorsi di coscienza oppure hai una sensazione spiacevole forse sarebbe
bene che ti procurassi il permesso prima di fare tutto questo. Prova quindi a fare il seguente
esercizio:

122

Reiki e Visualizzazione

123

Parlare coi genitori


Pensa ancora una volta al modo in cui potresti essere pi te stesso oppure come potresti godere
la vita pi concretamente.
Esprimi questa meta in una frase di senso compiuto: voglio... (godere della vita, andare in
vacanza dieci giorni, imparare a ballare, ecc.).
Ascolta se provi qualche sensazione fisica, esprimila con le parole.
Immaginati tuo padre. Comunicagli questo nuovo atteggiamento/la nuova meta. Come reagisce?
Cosa dice? Guardalo...
Immagina tua mamma... digli la tua meta: voglio... guardala... il suo viso... Come reagisce?...
Cosa dice?...
Immagina la Chiesa..., chi la rappresenta per te... Digli la tua meta...
Immagina la societ...
C qualcuno che ha qualcosa in contrario? Dapprima ascolta questa persona... poi parla con lei
finch non riesci a convincerla... e ti d il permesso.
Ascolta il tuo corpo. La sensazione di prima cambiata? (finch esiste un divieto presente
anche paura, che a sua volta si ripercuote sul corpo).
Rifletti su quali possono essere i passi da intraprendere concretamente, mettili per iscritto.
Vuoi accelerare tramite una affermazione quotidiana lottenimento del permesso? per esempio:
Posso provare piacere.
Posso essere felice del mio matrimonio.
Posso dare e ricevere affetto e sesso, nonch sentirmi soddisfatta allinterno del mio rapporto di
coppia.
Posso giocare.
Sono interessante ed attraente.
Mi merito di essere amata.
vedi Sonia Ray: La forza dellamore (in inglese I dese??? love)

Voglio ma non posso


Sicuramente ti sar successo di voler raggiungere una meta o cambiare qualcosa ma di non
riuscirci.
In tal caso, probabilmente, ci sono due parti che si contrastano. Una parte dice voglio, laltra
dice non voglio (non ce la faccio, non posso perch troppo pericoloso). Lanalisi
transazionale (AT) chiede di ripetere ad ogni cliente che dice non posso la stessa frase con
non voglio. Secondo questa branca della psicologia non esiste un non posso, bens
frequentemente un non voglio. La AT vuole che la si accetti, che ci si assuma la responsabilit
per quella parte di noi che non vuole.
Cerca qualcosa nella tua vita che vorresti perseguire ma che credi di non poter raggiungere;
prendi un foglio e traccia due colonne riempiendole con i tuoi argomenti, come per esempio
lesercizio seguente:
123

Reiki e Visualizzazione

124

Voglio (smettere di fumare)

Non voglio (non posso)

Motivazione:

Motivazione

1. essere un buon esempio per i bambini


2. salute, non avere pi tosse
3. non puzzo pi
4. meno rifiuto nella societ
5. .........

1. fumo volentieri
2. piacevole fumare con un bicchiere di vino
3. mi aiuta quando sono nervosa e stressata
4. ......

Visualizzazione: Voglio ma non posso.


Quando hai finito di scrivere riguarda ancora una volta la colonna a sinistra con i motivi voglio.
Poi metti via il foglio, chiudi gli occhi e rivedi la colonna nei tuoi ricordi...
Adesso guarda se puoi trovare nel tuo corpo questo io voglio...
Lascia che diventi forte finch senti una reazione nel tuo corpo...
Una volta percepita appoggiaci sopra la mano, cerca di sentire che sensazione ti provoca ed
esprimila a parole, disegnaci il Cho Ku Rei e...
Ora lascia comparire unimmagine che simbolizzi il tutto...
Accetta semplicemente quel che viene, anche se sembra non avere senso.
Prenditi tempo fino che non compare qualcosa. Quando limmagine sar presente, osservala
attentamente, lascia che diventi nitida, ancora pi chiara, colorata...
124

Reiki e Visualizzazione

125

Quando lavrai vista abbastanza chiaramente da poterla disegnare, apri gli occhi e prendi un
foglio grande, fai due colonne in modo che vi sia posto per due immagini. Sul lato sinistro
disegna questimmagine e con i colori.
Una volta terminato, guarda ancora una volta il foglio che hai scritto...
Rileggi la colonna non voglio, poi richiudi gli occhi e rileggi ancora una volta nei pensieri;
cerca di sentire il non voglio, cerca di sentire nel corpo e cerca di rinforzare questemozione
finch scopri dove si localizza nel corpo... e disegnaci il Cho Ku Rei.
Tocca quella parte con la mano e cerca di descrivere in parole la sensazione che provi...
Lascia ancora una volta comparire unimmagine che la simbolizzi...
Prendi ci che viene, lasciala diventare molto chiara, forte e colorata...
Dopo aver visto bene questimmagine la puoi disegnare sul lato destro del foglio.
Quando hai finito, guarda bene le due immagini prima di chiudere gli occhi...
Rivedi le immagine ad occhi chiusi e appoggia le mani sulle due parti del corpo che hai
sentito prima e disegnaci il Sei He Ki. Lascia che le due immagini entrino in contatto tra
loro. Magari in un dialogo. Osserva come esse entrano in contatto... e lascia che trovino
una soluzione... E se hanno trovato una soluzione, scrivila e disegnala per te stesso.

Se le due immagini entrano in dialogo e trovano una soluzione indica che la situazione volge al
positivo. Le due parti hanno fatto pace e il lato che non vuole non contraster pi laltro che
invece vuole.
Ad una cliente anoressica che pesava appena 33 kg suggerii sin dal primo incontro questo
esercizio. Le due immagini si misero in contatto e questo per me fu segno che il nostro lavoro
avrebbe avuto successo. Infatti, dopo sei mesi aument di 10 kg.

Per terapisti
Quando lavoriamo con un cliente facciamo la stessa cosa, mettiamo le nostre mani sui punti che
ci vengono indicati. Con unimmagine sola si possono tenere entrambe le mani nella posizione
del sandwich. Se vogliamo far entrare in dialogo le due diverse parti del corpo del cliente
mettiamo le mani sulle due parti creando mentalmente un collegamento energetico disegnandoci
anche il Sei He Ki. Se le due immagini non entrano in dialogo e restano separate tra loro e non
viene nemmeno cercato un dialogo o un avvicinamento nellimmagine, allora si pu supporre
che vi sia una profonda inibizione e che la parte che non pu in effetti non vuole, ha paura
perch quello a cui si aspira in qualche modo molto pericoloso.
In tal caso si potr:
tornare col sentimento e il sintomo corporeo al bambino ferito per cambiare la situazione
fare lesercizio: parlare coi genitori

125

Reiki e Visualizzazione

126

Reiki a distanza con un ricordo negativo


Inizi con ricordi traumatici dellinfanzia
comportamenti perch solo ricordare ??? nel corpo mentale siamo spesso ricordati
inconsciamente a questi traumi tra un elastico del passato, come lo chiama lanalisi
transazionale, ogni volta che succede qualche cosa di simile. Gli altri non capiscono quel
sentimento e trovano che non adattata. Quando cadiamo in uno di quei sentimenti preferiti
negativi, un sentimento che non conosciamo, un sentimento che si ripete spesso e dal quale non
possiamo uscire per molto tempo, possiamo trattarlo con il Sei He Ki a distanza, quello ???
Teniamo limmagine della situazione con il sentimento tra le nostre mani e ci disegnammo lHon
Sha Ze Sho Nen e dopo pi volte il Sei He Ki. Se ripetiamo quel trattamento durante parecchi
giorni, vedremo forse come cambia limmagine della situazione o il sentimento. Pu darsi che
arriviamo fino al ricordo chiave dellinfanzia e vediamo quando lo trattiamo col Sei He Ki,
come cambia. Con quello cambia anche il sentimento che laccompagnava e il messaggio di base
che si far vedere anche in un completamento cambiato.
Ricordati di un sentimento negativo che conosci bene, nel quale cadi spesso e quando lo
senti, impieghi molto tempo, forse due o tre ore o forse mezza giornata o addirittura una intera,
finch vada via. Gli altri non capiscono cosa ti succede e credono che esageri. Quel sentimento
potrebbe essere il sentimento di sentirti solo col pensiero che lo accompagna. Nessuno mi vuol
bene, come nessuno vuole stare con me o un sentimento di rabbia o tristezza o rassegnazione,
col pensiero accompagnante: posso fare quello che voglio, sbagliato. O: mi danno sempre la
colpa.
Cerca il tuo sentimento negativo pi comune e i pensieri che lo accompagnano. Guarda una
situazione, quando hai avuto quel sentimento, poco tempo fa. E porta adesso
quellimmagine col sentimento tra le tue due mani come lo fai col Reiki a distanza e disegnaci
lHon Sha Ze Sho Nen. Disegnaci anche il Sei He Ki parecchie volte e osserva se cambia
qualcosa, se cambia limmagine o il sentimento o i pensieri che lo accompagnano. Ripetilo ogni
giorno, finch arrivi allesperienza chiave e finch cambia qualcosa.

126

Reiki e Visualizzazione

Meditazione finale
-

Inizia a fare il respiro parallelo

e ricordati della tua meta

e di quello che hai chiesto alla Fata

e dove ti sei sentito bene, le affermazioni

Ricordati del tuo sintomo, e di come cambia

e ricorda limmagine di un tuo problema, e come cambia, e come sar differente


quando quel problema non ci sar pi.

Guarda ancora una volta la tua subpersonalit, come cambia sulla montagna e nel
giardino

Quale stato dell'Io cambiato? Come?

E guarda cosaltro era importante nel tuo percorso di crescita

Vedi un collegamento, un filo rosso in tutto questo?

Si gi realizzato qualcosa nella tua vita?

Come vuoi continuare a lavorare su te stesso? Quali saranno i prossimi passi da


fare

Vuoi promettersi di fare uno specifico esercizio regolarmente

Vuoi vedere la prossima meta

Forse vuoi fare questo esercizio scrivendo

127

127

Reiki e Visualizzazione

Bibliografia
Bandler Richard/ Grinder John: Frogs into Princes, Real People Press 1979
Berne Eric: Games People Play 1964
Bradshaw John: Homecoming, Bantam Books 1990, Come ritrovarsi
Brennan Barbara: Mani di Luce, Longanesi Milano 1989
Dethlefsen Thorwald: Schicksal als Chance. Goldmann Verlag 1980
Dethlefsen Thorwald/ Dahlke Rdiger: Krankheit als Weg, Bertelsmann Verlag 1983
Erickson Milton/ Rossi Ernest: Hypnotherapy , Irvington Publishing 1979
Ferrucci Piero: Crescere, Astrolabio 1981

Hellinger Bert: Familien- Stellen mit Kranken, Carl Auer Verlag 1995
Hellinger Bert: Finden was wirkt, Therapeutische Briefe, Ksel Verlag 1993
Hellinger Bert: Anerkennen was ist, Gesprche ber Verstrickung und Lsung, Ksel 1996
Hellinger Bert: Was in Familien krank macht, 3 Videos, Carl Auer Verlag 1999
Hellinger Bert: Einsicht durch Verzicht, Audio- Kassette , Carl Auer Verlag 1999
Mindell Arnold: Working on Yourself Alone, Arkana 1990
Mindell Arnold: Rivers Way, Arkana
Raheem Amina, Soul Return,, Aslan Publ.1987, Ritorno al Anima
Rauber Vivienne in Diehl Bernhard/ Miller T. Hrsg: Moderne Suggestionsverfahren, Springer
Verlag, S. 461 ff
Rauber Vivienne in Hypnos Nr.2, Fachzeitschrift fr Hypnose, St. Gallen 1984, S. 8-16
Rogoll Rdiger: Nimm dich wie du bist, Einfhrung in die Transaktionsanalyse, Herder 1976
Smith Fritz Fredrick: Inner Bridges, Humanics New Age 1986

Indirizzi
Per oganizzare corsi e formazzione in italiano, francese, tedesco, inglese o spagnolo:
Vivienne Rauber- Decoppet
Susenbergstr. 11, CH 8044 Zrich, Schweiz
Tel: 0041 1 262 37 68, Fax 0041 1 262 67 07,
www.vivienne-rauber.com
e-mail: vivienne.rauber@freesurf.ch
Per corsi in italiano contactare anche:
Antonio Cavagnini, Brescia , antoniocavagnini@giunchi.com, www.i-giunchi..mrw.it
Daniela Rossi, Brescia, danielarossi@giunchi.com

128

128

Reiki e Visualizzazione

129

Reiki e Visualizzazione
Guarigione di corpo, mente e spirito
Una guida per la terapia personale con 18 meditazioni su 2 cd
La terapia energetica psico-corporea e u metodo di autoguarigione molto efficace per trattare i
problemi personali, i conflitti di coppia o malattie e sintomi fisici. E' una sintesi del lavoro
energetico con Reiki e di un metodo psicologico (la visualizzazione del problema).
Applicando una tecnica innovativa che consiste nel portare fuori dal corpo l'immagine simbolica
che rappresenta il problema e nel disegnare i simboli di Reiki su questa immagine, la stessa pu
trasformarsi in una immagine pi positiva. Allora si porta questa nuova immagine con un
trattamento di Reiki in tutto il corpo, in tutte le cellule, producendo cos a livello del subconscio
un cambio nei messaggi base e, conseguentemente, nei nostri comportamenti, giungendo cos a
risolvere i problemi.
Nella sua parte teorica, il libro spiega come questa potente "terapia segreta" lavora con i simboli
della nostra anima e come - senza che si debba sentire quello che accade nel nostro subconscio possano avvenire sorprendenti miglioramenti.

Vivienne Rauber-Decoppet e psicologa e Maestra Reiki. Lavora nel


proprio studio in Zurigo, Svizzera, e conduce corsi di Agopressione e
Terapia energetica psico-corporea (una tecnica da lei stessa sviluppata)
a Svizzera, Italia, Ecuador, Repubblica Dominicana, Spagna e Austria.

129