Sei sulla pagina 1di 15

www.kristallmensch.

net
KRISTALLMENSCH – SEMINARIO 2007
ESSERE UN INSEGNANTE
Saint Germain
Sabine Wolf

Lezione 2
Il respiro planetario
Apocalisse e processo corpo di luce –
Le chiuse del corpo umano

OSCURO è Spirito divino. Diventa oscurità se non può fluire liberamente.


LUCE è Spirito divino. Diventa orrore se non può fluire liberamente.

Non si tratta della scelta OSCURO o LUCE, ma del libero fluire o del RISTAGNO.
Non è L’OSCURO che deve essere rilasciato, ma la SEPARAZIONE tra l’oscuro e la
luce.

L’OSCURO e LA LUCE creano insieme


il CRISTALLO dello Spirito sulla Terra –
DENTRO TE.

!"#$%&"'(' )'
Il respiro planetario
La svolta dei tempi è un tema che verrà trattato in tutte le lezioni. Qui lo tratteremo nel
modo anatomico, spirito-anatomico. Un aspetto essenziale per capire cosa c’era nei
tempi e nelle esperienze passate, consiste nel RESPIRO PLANETARIO. Prima di
spiegarvelo, vi presentiamo L’ORGANO e LA MECCANICA.
QUALCOSA si sta muovendo tra cielo e terra, tra cosmo e pianeta, tra luce e oscuro, tra
Spirito e corpo – TRA TE E DIO. Questo QUALCOSA ha tante facce, tante nature,
tante direzioni e tante intenzioni.
QUALCOSA si muove dallo spazio dell’unità nello spazio della dualità.... QUALCOSA
si muove tra lo spazio dell’ indegnità e della dignità. Che cos’è.... un essere?....
spirito?....forse un respiro?

Il filo Argenteo
Esiste un filo spirituale che parte dalla vostra sorgente
originaria – il cosmo, il cuore di Dio, come sempre
vogliate chiamarlo, - fino al chakra della corona del
vostro corpo. Questo sta nella zona della fontanella, e si
chiama giustamente: sorgente e fontana – perché
l’energia vitale cosmica che entra dall’alto dalla
sorgente cosmica, genera una continua fontana
energetica. Visto dalla visuale spirituale – durante
questi anni oscuri – avevi sempre una piccola corona
d’oro e d’argento sopra la testa, non importa cosa stavi
facendo.

Tramite questo filo ombelicale affluisce dalle contrade spirituali l’energia specifica che
sta alla base della tua vita spirituale-animale-corporea. Questa energia non ha una
caratteristica, non ha forza ma potenziale. Il filo d’argento continua dal tuo chakra
corona fino al cuore, da lì attraversa il chakra della radice dentro la terra. Un filo
spirituale, un QUALCOSA, va dal cuore del PADRE PENSANTE CIELO, nel cuore
della MADRE TERRA EMOTIVA – attraverso il TUO CUORE.
1° Esercizio

La volontà del cuore


Devi fare QUALCOSA con questa energia, formarla in modo che diventi una FORZA.
Scorre attraverso il tuo CUORE, perché lì risiede il trasformatore, quel bottone che devi
premere per trasformare in forza quest’energia. Nel tuo cuore però regna la dualità. Il
ventricolo destro riceve L’OSCURO dal basso e lo guida verso l’alto. Il ventricolo
sinistro riceve LA LUCE dall’alto e la guida verso il basso.

!"#$%&"'(' ('
La tua forza di volontà e lo stato del tuo cuore
trasformano questo QUALCOSA in QUALCOS’ALTRO -
in efficace energia vitale.

Un cuore amorevole e dolce, LO trasforma in un fluido curativo.


Un cuore pauroso e chiuso, LO trasforma in esalazioni grigie tremolanti.
Un cuore passionale e odioso, LO trasforma in oscurità incandescente.
Un cuore passionale e gioioso, LO trasforma in un dorato flusso di luce.
Un cuore impietrito LO trasforma in un freddo di ghiaccio.
Un cuore che ama incondizionatamente LO trasforma in materia spirituale cristallina.

Tutte queste efficaci forze vitali fluiscono attraverso i vostri chakra della radice e il
chakra dei piedi nella terra – nel cuore di madre Terra.

Un cuore illuminato lascia tracce: un “sentiero illuminato”. Rancore e dubbio generano


la “Via Crucis“. Però, non lasciatevi ingannare! Il dolore è neutrale, non lascia né tracce
di luce né di oscurità. Non dovete tenerlo stretto, se lo trasformate in aggressione o
depressione genera la via crucis. Se lasciate fluire il dolore, se lo esprimete, si trasforma
in amore e tranquillità e il vostro percorso s’illuminerà. Il dolore è una coscienza divina,
un’intelligenza spirituale che cambia QUALCOSA in QUALCOS’ALTRO, se lo
permettete.
La via crucis di Gesù fu piena di dolori, tormenti e agonie, però il suo cammino ormai
splende da millenni, perché il SUO CUORE amò gli umani immensamente.
2° Esercizio

Il respiro del cuore


Il respiro vitale cosmico si cristallizza nel vostro cuore, prendendosi le emozioni attuali,
riversandole come forza efficace nella Terra. Se siete consapevoli o no, se lo volete o
no, voi fate fluire sempre la forza del cuore, indipendentemente dalla sua qualità. Il
respiro cosmico scorre dal pianeta e attraverso voi nella terra. Per 288.000 anni della
nostra storia – lo Spirito, VOSTRO SPIRITO, ha fatto un solo espiro verso la terra.
Questo vi regalò la vita – fino al vostro cuore, lì voi prendeste le decisioni e formaste il
mondo e la terra. Così fu deciso.
Per 288.000 anni la terra nella sua evoluzione dipendeva da voi e dalla vostra saggezza.
Lei doveva ingerire tutto quello che voi sentivate e decidevate, quello che voi espiravate
ed emettevate nel suo terreno. Lei inghiottì TUTTO – e alla fine del tempo si sentì così
male, come voi stessi non vi sentivate in nessuna delle vostre vite. Infatti, gli veniva da
vomitare. Sapete anche perché, se conoscete la vostra eredità atlantica. Nonostante tutto,
vi ama immensamente e vuole continuare il cammino insieme a voi.
3° Esercizio

!"#$%&"'(' ('
Spirale della vita
La spirale della vostra vita va dal cosmo giù nel terreno e di nuovo su, senza cambiare
mai la direzione. Genera il vostro mandala della vita, che consiste in numerosi cerchi
sovrapposti. La vostra anima attraversa i cerchi, che consistono di due elementi:
L’ESSENZA di LUCE spirituale discendente e L’ESSENZA OSCURA terrena
ascendente. La LUCE contiene tutte le legittimità cosmiche, le vostre intenzioni e la
matrice spirituale. L’OSCURO contiene tutte le decisioni ed esperienze terrene come
ombre, forme e motivi.
Ogni vita incarnata adempie il vostro mandala, creando dettagli e complessità sempre
più fini. Dalla nostra visuale i vostri mandala sono di una bellezza straordinaria. In
questi tempi tanti dei vostri mandala incominciano a cristallizzarsi.
4° Esercizio

Il respiro
La vostra essenza consiste in tre esseri: il corpo, l’anima e lo spirito. Queste sono tre
diverse vedute, intenzioni, percezioni e mondi, che si evolvono in tre cicli diversi.
Naturalmente avete anche tre diverse vie respiratorie. Il vostro respiro contiene energie
fisiche, psichiche e spirituali. Dipende quale via respiratoria usate, l’una o l’altra forma
energetica possono fluire e agire nel vostro corpo.

Il respiro del corpo


La via respiratoria corporea va dalla vostra faringe attraverso i bronchi e i polmoni nel
cuore. La mistura aria-gas fluisce con l’ispirazione nel ventricolo sinistro, attraversa le
arterie ed entra nelle vostre cellule, gli organi e la circolazione funzionale. Questa
mistura alimenta il vostro corpo con sostanze e gas vitali. L’espiro trasporta le scorie

!"#$%&"'(' *'
fuori dal vostro corpo, attraverso le vene al ventricolo destro. Attraverso i polmoni e i
bronchi rilascia sostanze ed energie usate. Il respiro corporeo tiene in vita il corpo,
nutrendolo e smaltendo i rifiuti. Niente meno e niente di più.

Il respiro dell’Anima
La via respiratoria della vostra anima è un canale spirito-energetico, che attraversa il
vostro corpo verticalmente. Inizia dal chakra Alfa sopra la testa e finisce al chakra
Omega, sotto il coccige. Lo chiamiamo “il canale di Metatron”.
Il respiro dell’anima è un flusso extracorporeo e multidimensionale, che trasporta
l’energia cosmica nervina dall’alto verso il basso, e l’energia psichica dal basso verso
l’alto. Fluisce tra il vostro conscio superiore e il vostro subconscio, tra l’origine e i
residui delle vostre varie vite incarnate. Per questo il respiro dell’anima è perfettamente
adatto per trasformare attuali blocchi della vostra vita – perché questi sono sempre i
risultati di conflitti di vite passate.
Il vostro respiro dell’anima nutre, purifica e chiarisce il vostro mandala della vita.
Significa: che libera il vostro copro profondamente da ogni traccia del passato,
soprattutto da ogni malattia e blocchi vitali, da voti.
Non sottovalutate questo tema. I tre grandi voti della povertà, del commercio e del
guerriero hanno formato fissato e intrecciato i vostri corpi e le vostre vite per tre ere.
Questi riescono sempre e ancora a portarvi nei vecchi schemi di battaglia della vita,
della povertà e dei sacrifici. Il mistero del vostro respiro dell’anima redime l’oscuro del
vostro cammino.

Il respiro dello Spirito


Il vostro respiro spirituale unisce più esseri in se stesso. La sua via respiratoria è il
vostro corpo-luce, un canale di materia spirituale trascendente, che circonda il vostro
corpo. Mentre il respiro del corpo e dell’anima sono circuiti chiusi che servono
solamente a voi stessi, il canale respiratorio spirituale è aperto verso l’alto e verso il
basso ed è permeabile da tutte le parti. Perché serve a tutti gli altri esseri viventi.
Come nel canale respiratorio dell’anima, anche qui la luce indifferenziata fluisce verso
il basso e l’oscuro denso verso l’alto. Però, qui non si tratta dell’oscuro vostro, bensì
dell’oscuro del mondo, di tutti gli esseri della terra, senza eccezioni. Con il vostro
respiro spirituale, l’oscuro può immergersi nella luce cosmica, che non si divide in
nessuno spettro.
Il vostro respiro spirituale depura e pulisce in questo modo i flussi vitali di tutti gli
uomini, animali e terra. Depura profondamente questi spazi da tracce del passato, da
malattie e blocchi. Pulisce tutti i corpi dalle tracce delle ere oscure. Il mistero del vostro
respiro spirituale redime l’oscuro del mondo.
Contemporaneamente il vostro respiro spirituale è il bozzolo del vostro spirito divino
sulla terra e in un certo modo, il corpo del vostro Se divino. Il corpo-luce esiste in una
dimensione più alta – con la vostra intenzione è in grado di radicarsi ed esprimersi sulla
terra, dove s’intrometterà nelle vicende terrene e porterà cambiamenti e trasformazioni.

!"#$%&"'(' +'
Nel vostro corpo-luce potete attraversare veli e dimensioni, e potete tirare a voi flussi
grandiosi di luce cosmica e guidarli verso l’umanità e la terra. Contemporaneamente
pulsano onde dell’oscuro terreno verso il cosmo per trasformarsi. Se il vostro corpo-luce
è ancora instabile e stretto, vi farà male. Se invece è largo e stabile, non ve ne
accorgerete. Di questo tratteremo più tardi.

La scelta del respiro


Il vostro respiro è un’interconnessione forte tra il cosmo e la terra, tra spirito e corpo, tra
morte e vita. Sperimentatelo. Così questo strumento forte si attiverà, perché è stato
fermo dentro di voi per tanti millenni.
Adesso si pone la domanda, come puoi alternarti tra le diverse vie. È molto semplice:
Scegli la via respiratoria desiderata e permetti che fluisca. L’adattamento dell’energia e
delle dimensioni succede automaticamente. Già da sempre il tuo corpo si è allineato con
tutti i suoi meccanismi verso la tua volontà.
Dovete farlo CONSCIAMENTE, VOLERLO. Permettete a TUTTI i flussi di
attraversarvi liberamente e di fare il loro lavoro. Prendetevi tempo, siate rilassati e
concentratevi sul respiro. Incominciate a respirare delicatamente e profondamente –
però senza fatica. Sentitevi protetti nel vostro cuore. Rimanete concentrati su VOI
STESSI. Rilasciate il respiro a se stesso e lasciate che vi porti via.
5° Esercizio
La meditazione del respiro triplo

Il respiro planetario

!"#$%&"'(' ,'
La somma di tutte le vie respiratorie degli umani forma il respiro planetario, un flusso di
energia elettromagnetica, respiro e spirito che fluisce in varietà infinite tra il cosmo e il
pianeta. In lui sono uniti tutti i sentimenti, le energie vitali e i residui degli umani, che
fluiscono su e giù come onde eterne.
Il respiro planetario si muove come il cosmo nel suo inizio e nel suo sviluppo.
Guardando le immagini della Via Lattea e delle galassie, troverete esattamente quel
movimento che conduce il vostro respiro corporeo, il vostro circuito sanguigno, il
sistema nervoso e tutti i sistemi fluenti vital-energetici del vostro corpo.
Il respiro planetario non fluisce linearmente su e giù, ma si muove danzando e girando. I
movimenti sono centrifughi – girando dal centro della terra fuori nel cosmo, così come
sono anche centripeti – girando dalle ampiezze del cosmo nel cuore della terra. È un
oceano ondeggiante e in parte schiumante del respiro. Ogni onda, ogni filo, ogni
QUALCOSA fluisce attraverso il vostro cuore, non si perde niente.
Parlando del respiro planetario non si tratta del cosmo o del pianeta ma solamente di
VOI. Il cosmo offre il gigante potenziale spirituale e la luce creativa, la terra offre il
gigante potenziale del corpo e dell’oscuro creativo. Questa corrente fluisce sempre
attraverso i vostri cuori e lì trasforma il suo stato di aggregazione.
Mentre questi giganti si scambiano nel respiro planetario, cambiando ogni tanto la
qualità del flusso, nascono sulla terra le diverse relazioni elettromagnetiche – le vostre
ere (le quali saranno trattate più avanti). Anche il vostro corpo è elettromagnetico,
perciò si adatta ai cambiamenti della terra e del cosmo. Proprio questo è la base tecnica
del vostro processo corpo-luce – e della vostra apocalisse.
Con ogni respiro ricevete le informazioni, la nutrizione e la forza dello spirito dei tempi
– dentro il vostro cuore. Se il vostro cuore è veramente aperto, allora siete sempre nel
flusso e nell’attualità.

Danza della vita dell’anima


Il respiro planetario fa lo stesso movimento della vostra anima nella sua danza vitale. Si
gira costantemente intorno allo spirito, mentre i vostri corpi si girano costantemente
intorno alla vostra anima: entra nel cuore per poi uscire nell’estremo limite delle
esperienze. La danza condusse la vostra anima sempre nei medesimi momenti –
rispettivamente sul prossimo piano di evoluzione. Si girò dal cuore all’estremo margine
del suo mondo, lì toccò i confini e ritornò al cuore. Qui regnò la quiete totale, anche se
fuori nel mondo fu tempesta. Anche lei fece parte della tempesta. Mentre giaceva nel
centro, le tracce dei suoi incontri con le altre anime vorticavano nella tempesta. Quando
la vostra anima toccò il margine estremo della sua vita, incontrò le proprie esperienze,
emanate in precedenza. Così le sembrò di essere scossa dalla vita, di essere espulsa.
Pensò di subire ingiustizie e di essere una vittima, senza ricordarsi delle cause che lei
stessa creò.

!"#$%&"'(' -'
7° Lezione

Tempeste dell’aria e della luce


Tempeste del dolore e della saggezza

Il respiro planetario ascendente, delle volte, si presenta sulla terra come tempesta o
addirittura come uragano. Nel suo cammino raccoglie le pene delle anime deboli, si
precipita da voi, deponendo nei vostri cuori il loro dolore e continua l’ascensione nel
cosmo. Infatti, in questo modo gli potete dare anche il vostro amore per NOI.
Il respiro cosmico discendente, delle volte si presenta sulla terra come tempesta cosmica
o addirittura galattica. Nel suo cammino raccoglie tutta l’attuale saggezza, forza e
nutrimento degli spazi cosmici, si precipita da voi, deponendo nei vostri cuori i suoi
regali e continua il suo cammino attraverso i cuori dei più deboli nella terra. Infatti, in
questo modo gli potete anche dare il vostro amore per i più deboli.
Se siete veramente aperti, significa: che lo siete, sia per la luce SIA per l’oscuro, allora
sentirete in questo tempo, quanto fanno male le espirazioni apocalittiche, e quanto vi
può scuotere l’espirazione del pianeta, che attraversa il vostro forte cuore illuminato. E
nel prossimo momento sentirete come le inspirazioni cristalline vi scuotono, vi
allargano, illuminano e immergono nella pace e nella felicità. Questa è l’inspirazione
della terra e dell’umanità che scorre attraverso i vostri forti cuori illuminati. Capirete
che il dolore terreno e l’amore cosmico sono UNO, perché non li potete più distinguere
nel vostro respiro.

Apocalisse e processo corpo-luce


Veramente si dovrebbe chiamare: respiro planetario-cosmico, perché l’uno non esiste
senza l’altro. Se il cosmo espira, il pianeta inspira e viceversa. L’inspirazione cosmica è
l’espirazione planetaria. Questo lo vivete come l’oscuro ascendente con onde di dolore e

!"#$%&"'(' .'
di choc, in situazioni di blocco, come malattie e sintomi – come una notte di temporale
così scura che fa perdere la speranza.
L’espiro cosmico, è l’inspiro planetario. Questo lo vivete come brividi che attraversano
il vostro corpo, come onde di ampiezza, sentimenti di felicità, di liberazione, di
sovranità – e come una splendente giornata nuova.
Immaginatevi il periodo tra il 1989 e il 2012 come una continua alternanza di notti di
tempeste e di giornate splendide – per tanto tempo con tendenza crescente. Rimanete
aperti e lasciate che questo cambiamento dei tempi, questa conclusione di un’era
immensamente lunga e scura, fluisca attraverso di voi.
Proprio con ciò, miei amati, ritroverete quell’equilibrio, che avete perso da millenni. I
respiri apocalittici vi scuotono e vi dolgono solamente affinché vi permettiate il lusso
del NO, della paura e del dubbio.
Più vi aprite più oscurità del mondo si può redimere tramite voi, e contemporaneamente
si rinforza la luce che vi penetra – veramente non avrete più dolori e problemi – anche
se altri in questi tempi saranno ancora scossi.
8° Esercizio

Immagine:
L’essere umano tra le sue barriere della consapevolezza,
scosso dal respiro planetario,
che fluisce tra il conscio e il subconscio, tra Alfa e Omega,
tra il guerriero luminoso e quello oscuro

!"#$%&"'(' /'
Le chiuse del corpo umano
„I vostri corpi sono come universi. I vostri organi sono i
pianeti e le stelle. I vostri sistemi fluenti sono le vie,
l’orbita e i raggi tra i pianeti, li uniscono e li fanno
diventare galassie. I vostri sentimenti sono esseri, che
vivono in questi universi, quegli esseri consci oscuri e
illuminati che vanno per la loro strada, facendo
un’esperienza propria.
I vostri pensieri sono quella nebbia e quelle nuvole di
temporale che nascondono e coprono di oscurità il
paesaggio, che v’impediscono di vedere gli altri e voi
stessi. La vostra pelle spirituale è lo scudo di protezione
e il velo delle dimensioni, che vi separa da Casa e
contemporaneamente vi protegge dalla luce forte della
vostra Patria.
Il vostro respiro è come il continuo fluire e
rumoreggiare delle onde e delle tempeste
elettromagnetiche nelle galassie – sia trasportatore di
notizie delicate, sia annientatore di mondi interi. E
infine le vostre morti sono porte, che vi portano nella
casa dell’Infinito da spazio a spazio.

Le chiavi per queste porte sono il dolore, il lutto e la pena che avete oltrepassato e
superato. Con loro aprite la porta e trovate il calice della vita – svuotato da voi - e
riempito di nuovo. Adesso tutte le porte vi si aprono, perché voi stessi siete diventati la
chiave. Io Sono con voi. Io Sono Cristo Emanuele“. (Ottobre 2004)

1) Le porte dell’ego
Il vostro corpo emozionale sta nella zona del vostro basso ventre. Qui ha chiuso e tenuto
stretto le energie di colpa, vergogna, paura e insufficienza, così come l’aggressione,
l’odio e l’invidia, raccolte per millenni. La porta energetica nel basso ventre era sempre
ben chiusa. Il vostro corpo mentale risiede invece nella testa. Lì salvaguarda i suoi
guerrieri del controllo, del rifiuto e della rappresaglia, anche la porta nella testa era
sempre ben chiusa.

Infatti, in tempi passati le porte chiuse erano necessarie e vi davano riparo. Però, questi
tempi ormai sono passati e oggi le porte chiuse vi portano al più il mal di testa o un
dolore al basso ventre, impedendo che i vostri sistemi superiori di respiro possono agire.
Solamente l’apertura delle “chiuse” emozionali-mentali permette il libero fluire delle
correnti superiore.

!"#$%&"'(' 0'
Alfa e Omega
2) Le porte dell’anima
Mentre i chakra del corpo collegano il mondo terreno con il vostro interiore, i chakra
extracorporei collegano i sistemi solari con gli atomi delle vostre cellule. Il vostro
chakra Alfa risiede ca. 17 cm sopra la testa e ca. 5 cm dall’asse. Collega il vostro corpo
fisico con il corpo immortale spirituale nella quinta dimensione e con la vostra matrice
spirituale.
Il vostro chakra Omega risiede ca. 20 cm sotto il coccige e vi collega con la rete
olografica della vostra incarnazione, la struttura spirituale la quale rende possibile la
vostra vita riguardante l’evoluzione del corpo e l’organizzazione della vita.
Tra Alfa e Omega scorre un canale di luce, il flusso respiratorio dell’anima. Alfa e
Omega sono la porta dell’anima, tramite loro raggiungi altezze e profondità immense.
Anche loro nell’era dell’inverno erano chiuse, non perché li avete bloccati, ma era
necessario per la vostra evoluzione spirituale.

L’ottavo chakra e il chakra di base


3° la porta dello spirito
L’ottavo chakra si trova a ca. 20 cm sopra la vostra testa, è un portale spirituale verso il
cosmo, un punto di collegamento, un ricevitore e un trasformatore del vostro flusso
nervale cosmico. L’opposto è il chakra di base, a ca. 20 cm sotto i vostri piedi. Questa è
un portale spirituale verso la terra, un punto di collegamento, ricevitore e trasformatore
del flusso planetario.
Tra entrambi scorre “il canale di Metatron”, una colonna di luce, con pareti doppie, col
diametro di 20 cm all’esterno e 4 cm all’interno. Percorre il vostro corpo lungo l’asse.
Su questa colonna si trovano la vostra spina vertebrale, la linea del cuore, il filo
d’argento, i due bottoni della VITA e della MORTE.
Infatti, proprio QUÍ succede TUTTO quello che riguarda la vostra vita esteriore e
interiore. Guardiamo cosa significa questa combinazione per la vostra vita quotidiana.

!"#$%&"'(' ('
Il vostro ego apre le porte...
...oppure le tiene chiuse. Le tre camere della vostra vita corporea stanno l’una dentro
l’altra. La camera del corpo sta in quella dell’anima e questa sta nella camera dello
spirito. Ogni camera ha una porta al cosmo e una al pianeta. In ogni camera vive e regna
un essere. La chiave per ogni camera e ogni porta la tiene in mano un essere
sempliciotto: il vostro ego – uno che non vuole sapere niente di queste “cose moderne”.

Se questo piccolo sovrano e guardiano continua a rimanere con i sentimenti chiusi


(pancia) e i pensieri convulsivi (testa), tutte le porte rimarranno chiuse – e i vostri spazi
diventeranno veramente „camere dell’orrore“.
Se il vostro ego permette ai vostri sentimenti di fluire, se permette alle idee nuove e alle
scintille geniali di rientrare, le porte delle chiuse si apriranno e la corrente può iniziare a
fluire. L’ego ha libera volontà e lui prende le decisioni.
Finché tiene le porte chiuse (quadro A) deve accettare due conseguenze, che un giorno
lo convinceranno di aprirle almeno per un po’:
1. Nella sua chiusa si accumula tanta vecchia sporcizia, zavorra e melma, e con il tempo
produce un’enorme pressione dall’interno (quadro C). La luce che potrebbe redimerlo
passa oltre.
2. Il sostegno che arriva da fuori non può passare. Questo con il tempo produce
un’enorme pressione dall’esterno (quadro D). La luce che potrebbe redimerlo passa
solamente a gocce.

A B C D

Così l’ego non ha scampo, viene cotto nel suo stesso brodo – sotto pressione
dall’interno e dall’esterno, finché non ne può più e apre le porte. E proprio questo, miei
cari, è il vostro UNICO DRAMMA. Collettivamente succede così dal 1989, i vostri
spiriti divini intervengono e cercano di mettere amorevolmente sotto pressione “il
piccolo dentro di voi”, per fargli aprire le porte.

!"#$%&"'(' *'
Parliamo di voi spirituali: se i vostri corpi-luce si sono già sviluppati un po’, perché vi
siete avvicinati alla luce, allora è possibile che viviate dolori “inspiegabili” e onde di
oscurità per giorni, settimane e mesi. Perché questo? La spiegazione è semplice:
Il vostro corpo-luce è aperto per natura verso il “cielo” e verso “l’inferno”. Più brilla la
vostra luce, più oscurità può affluire dai dintorni, per redimersi con la vostra luce.
Perché la luce e l’oscurità si amano e si vogliono fondere.
Se il vostro ego spirituale dice: “Luce, si!“ e “Oscurità, no!”, si chiude la porta mentale
nella vostra testa che giudica, che controlla, e il flusso delle energie oscure rimane
bloccato qui, mentre da sotto continua ad affluire. In questo modo si accumuleranno le
energie, e voi soffrirete di mal di testa, di denti, tinnite, pressione al cuore, problemi
respiratori e centinaia di altri problemi.
Ora l’ego prova dolore, anche se si è aperto.....!
Si sente molto male, aveva ragione: il SENTIRE non porta altro che dolore!!
E così chiude anche la porta bassa, povero ego! L’oscuro entra lo stesso, perché le porte
chiudono solo dall’interno. Le energie oscure riescono a entrare dalla porta-emotiva
chiusa e solamente nella testa, prima di poter uscire, rimangono imprigionate dalla porta
chiusa.
La stessa cosa succede per la porta mentale nella testa. Anche DALL’ALTO arrivano
correnti di luce, anche loro scorrono attraverso la porta chiusa della testa e rimangono
imprigionate all’interno della porta chiusa del basso ventre – davanti all’uscita barricata.
Una direttiva di creazione per voi: se l’oscuro spirituale e la luce spirituale non possono
fluire liberamente, si crea prima energia, poi materia e – infine orrore e dolore. Poi
viene la morte che vi libera momentaneamente. Però, il compito rimane – e voi ritornate
per un’altra vita. Allora, perché non risolvere il problema subito, ORA E QUI?
9° Esercizio

Il bottone della morte e della vita


Se vi aprite VOLENTIERI all’OSCURO, questo avrà un effetto enorme sulle vostre
chiuse. Perché in mezzo alla camera del corpo si trova il bottone della MORTE e della
VITA. La vostra decisione e l’atteggiamento interno maturo: “ Io Sono la luce e
l’oscuro del mondo” disattiva per sempre il bottone della MORTE. Il bottone elettrico
della VITA diventa iperattivo.
Scintilla ed elettrizza tutto il vostro corpo magnetico e attiva le porte Alfa e Omega e
anche l’ottavo chakra e il chakra base, e tutti quanti sono spirito-elettrici.
Se siete arrivati a questo stato di corpo-luce, anche l’orrore più grande può fluire
attraverso voi e NON sentirete NIENT’ALTRO CHE FELICITÁ.
Perché?

!"#$%&"'(' +'
Semplicemente perché questa energia oscura si è trasformata in forza cristallina
illuminante nel vostro chakra base, attivo. Questa forza cristallina fluisce attraverso voi
e va in risonanza con il vostro cuore e con il bottone della VITA, e cristallizza così il
vostro Sé.
Questa luce trascendente, appena nata, vi apre nuovi spazi, mondi cosmici e galattici.
Infatti, questo è il compenso per quel lavoro che il vostro ego nella sua fase immatura
chiamerebbe: “Lavoro di merda che non mi riguarda”!
10° Esercizio

2007
L’apocalisse collettiva è l’oscuro dei millenni, che ascende dagli spazi vitali della terra
e dell’umanità – la liberazione della vostra FORZA D’AMORE collettiva della LUCE.
L’apocalisse individuale, sono le emozioni ristrette personali, pensieri e spazi che vi
mettono, prima o poi, sotto pressione, in modo che morite o vi aprite – la liberazione
della vostra FORZA DELL’AMORE verso VOI STESSI.
Il processo corpo-luce collettivo è la luce discendente dal cosmo alla terra e
all’umanità – l’arrivo della FORZA CREATIVA collettiva. Il processo corpo-luce
individuale consiste nell’apertura delle vostre emozioni, pensieri e spazi personali, che
vi dolgono per un certo periodo e infine vi rendono capaci di essere luce e redentore per
tante persone, così come Portali e Ponti tra mondi e cosmi – l’arrivo della vostra
STESSA FORZA CREATIVA.
Dal 1989 la luce ha incominciato ad ascendere e l’oscuro a discendere. Entrambe le
direzioni vi dolgono per un certo periodo, perché tutte e due trasformano il vostro corpo
fondamentalmente. L’ascendente oscuro genera “sintomi di karma” e la luce
discendente genera “sintomi di ascensione”. Non si differenziano tra loro
nell’espressione.
L’oscurità, la luce e i sintomi vi magnetizzano e vi comprimono finché le vostre stanze
rimangono chiuse. Vivrete “dolori mortali” e morirete. L’oscurità, la luce e i sintomi vi
elettrizzano e vi cristallizzano, finché le vostre stanze rimangono aperte. Vivrete “dolori
di nascita” e nascerete come nuovi.
La decisione sta a voi, l’anno 2007 è adatto per questo.
Questi bottoni famosi – per voi sono un mistero. Li tratteremo più tardi.
Per questa volta basta. Basta veramente? Infatti, È COSÌ.
Io Sono St. Germain.
Io Sono con voi.

!"#$$%&'(#&)%*&+%,#,#&-./#&+#/&0%*1&
1&%23453"' 67"83$' 3"83$' "' $2' &%834%' $&9$4$##%:$&3"4&"3' 59' 5234$;' 5<<$&=>?' 35&3$' 7@5&$' A%885&%'
787<47$4"'9$'67"83%'@53"4$52"'"'9"22"'B%834"'=%C&$#$%&$D'E$8A"3353"'$2'&%834%'9$4$33%'9F573%4"'
87$'3"83$'"'9$B72C53"2$'$&'3733%'$2'@%&9%'G'A"4'$2'H"&"'9$'3733$D'I853"'67"83%'@53"4$52"'A"4'$2'

!"#$%&"'(' ,'
B%834%' A$5="4"' "' 8B$27AA%' A"48%&52";' @5' 7853"2%' 5&=>";' A"4' $' B%834$' <$&$' A4%<"88$%&52$;' "'
=%&3$&753"'5'8B$27AA542$'8"=%&9%'$'B%834$'<$&$D'J%&%'8353$'<533$'A"4'67"83%D&
J3$5@%' =%8347"&9%' 25' &%8345' A5C$&5' 5&=>"' $&' 5234"' 2$&C7"' "' A"4' =$K' 83$5@%' ="4=5&9%'
A"48%&"'9$'@594"'2$&C75;'=%&'8"&8$H$2$3L'2$&C7$83$=5'A"4'2"'34597#$%&$D'J$5@%'C453$'A"4'%C&$'
$&9$=5#$%&"' "' =%&&"88$%&"D' M%$' &%&' =>$"9$5@%' 8%29$' A"4' $2' &%834%' 25B%4%;' @5' B"' 2%'
4"C52$5@%' 9$' =7%4"D' N>$' B7%2"' 954=$' 7&5' C453$<$=5#$%&"' <$&5&#$54$5;' A7K' <542%' 53345B"48%' $'
8"C7"&3$'=%&3$O'P"4'<5B%4"'$@@"33"3"'25'A54%25'QRSMTU1SMVWD'X1!!V'YETU1VD'

1&'JB$##"45O'' Z3%D'/+'G'*)+')-'G','J[1JJ'PSJ\'
1&'Y"4@5&$5O' Z3%O',]]]',+)*']]'^!UO'(./0*.-]'_%2`8H5&`'J""8"&'
1^TMO'RV--'(./0'*.-]',]]]',+)*']]'a'^1N:N%9"O'YVMSRVb')JVJ'
'

www.kristallmensch.net Sabine Wolf Hannover, il 27 gennaio 2007

Traduzione di Iris E'Lina


Attualizzazione e correzione: Bianca e Ornella, 25 maggio 2009

!"#$%&"'(' -'