Sei sulla pagina 1di 11

Fusibili

Caratteristiche generali
Introduzione

Limitazione della corrente di corto circuito (seguito)


Esempio:
Si desidera limitare una corrente di corto circuito di 100 kA eff. utilizzando un fusibile 630 A gG.

Il compito di un fusibile quello di interrompere un circuito elettrico


quando questi soggetto ad una corrente di guasto.
Inoltre, il fusibile ha il vantaggio di limitare considerevolmante le
correnti di guasto (vedere esempio qui sotto).

La corrente eff. presunta di 100 kA eff. conduce ad una corrente di


cresta presunta di: 100 x 2,2 = 220 kA.

La caratteristica essenziale del fusibile quella di essere un dispositivo


di protezione affidabile, semplice ed economico.
Le caratteristiche tecniche del fusibile da tenere in considerazione
per una scelta ottimale sono:
tempo di prearco
Tempo necessario ad una corrente per portare alla fusione, e
successivamente allo stato di vapore, lelemento fusibile.
Il tempo di prearco indipendente dalla tensione della rete.
tempo darco
Periodo compreso tra listante in cui appare larco e la sua estinzione
totale (corrente nulla). Il tempo di arco dipende dalla corrente della
rete, ma per i tempi di fusione totale > 40 ms trascurabile rispetto
al tempo di prearco.
tempo di fusione totale
Somma dei tempi di prearco e di arco.
potere di apertura
Valore della corrente di corto circuito presunta che il fusibile in
grado di interrompere ad una tensione di impiego specifica.
sollecitazione termica

I dt

o
Valore dellintegrale della corrente di interruzione nellunit di tempo
di fusione totale espressa in A2s (Ampere quadrato al secondo).

Fusibile gG
630 A

Tp.

Limitazione della corrente di corto circuito


I due parametri da prendere in considerazione per la limitare la
corrente di corto circuito sono:
la corrente di cresta realmente raggiunta nel circuito da proteggere
la corrente efficace presunta, che si svilupperebbe se il circuito
fosse privo di fusibile.

100 kA eff. presunti

50 kA di picco

220 kA di picco presunti

e = energia termica specifica o integrale di Joule:

Il fusibile infatti limita la corrente di picco a 50 kA, che rappresenta il


23 % del suo valore presunto (vedere figura 2), provocando in tal
modo una riduzione degli sforzi elettrodinamici al 5 % del valore
senza fusibile riduzione quindi del 95%- (vedere figura 3) e una
diminuzione della sollecitazione termica limitata al 2,1 % del suo
valore (vedere figura 4).

Ta.

Tt. = 0,005s

0,02s

Nota: vi la limitazione della corrente di corto circuito solo se


tprearco < 5 ms (rete a 50 Hz).

Per conoscere la corrente di picco, che pu realmente svilupparsi


nel circuito elettrico protetto da un fusibile, bisogna:
calcolare la corrente di corto circuito efficace massima (vedere
pagina T.22)
riportare questa corrente sul diagramma di limitazione e leggere il
valore di picco in funzione del calibro del fusibile che protegge il circuito.

CATEC 37A I

Il diagramma di limitazione indica la corrispondenza tra questi due


parametri (vedere pagine T.46 e T.48).

Fig. 2: limitazione della corrente di picco

I
2 20

Corrente
di picco
reale

220 kA. di picco presunti

50 kA di picco

Icc eff
presunta

1 Tempo di prearco
2 Tempo di arco
1 + 2 Tempo totale di fusione

Fig. 1: limitazione della corrente di corto circuito

Catalogo generale SOCOMEC

50 kA di picco

220 kA di picco presunti

Fig. 3: limitazione degli sforzi


elettrodinamici proporzionale al
quadrato della corrente

Questo documento non contrattuale. SOCOMEC si riserva di apportare modifiche


per aggiornamenti tecnologici o normativi. 2006-2007

CATEC 38B I

CATEC 36A I

CATEC 39A I

k A.

di p

icco

50

ti
sun
pre

kA .

di p

icco

50 kA. di picco

Corrente
di picco
presunta

Tt. = 0,005s

0,02 s

Fig. 4: limitazione della sollecitazione


termica x x t

T. 43

Guida tecnica

Fusibili
Scelta di un fusibile gG o aM
Caratteristiche del circuito
La scelta di una protezione con fusibile deve essere fatta in funzione
di 3 parametri:
le caratteristiche della rete
le regole di installazione
le caratteristiche del circuito in questione.
I calcoli che seguono sono forniti a titolo indicativo, consultarci per
maggiori dettagli o usi particolari.

Caratteristiche della rete


La tensione
Un fusibile non pu mai essere utilizzato ad una tensione efficace
superiore alla sua tensione nominale. A tensioni inferiori funziona
senza problemi.
La frequenza
f < 5 Hz: si considera che la tensione di impiego (Ue) equivalente
ad una tensione continua e Ue = U di picco
5 f < 48 Hz:

Ue ku x Un
f (in Hz)
ku

5
0,55

10
0,65

20
0,78

30
0,87

40
0,94

ku: coefficente di declassamento della tesione dovuto alla frequenza.


48 f < 1000 Hz: nessun declassamento in tensione.
Corrente di corto circuito
Dopo avere determinato la corrente di corto circuito, bisogna verificare che il suo valore sia inferiore al potere di apertura del fusibile:
100 kA eff. per le taglie 14 x 51, 22 x 58, T00, T0, T1, T2, T3, T4, T4A
50 kA eff. per le taglie 10,3 x 38.

Limite dutilizzo dei fusibili in funzione della temperatura ambiente


(ta) nelle vicinanze dellapparecchio.

Ith u In x Kt
Ith u: corrente termica duso: corrente termica massima che lapparecchio tollera
per 8 ore in condizioni particolari
In: calibro del fusibile
Kt: coefficiente fornito dalla tabella sottostante.

Kt
Fusibile gG
ta

40
45
50
55
60
65
70

Fusibile aM

SULLA BASE
SULL
SULLA BASE
SULL
FUSIBILE
APPARECCHIATURA
FUSIBILE
APPARECCHIATURA

1
1
0,93
0,90
0,86
0,83
0,80

1
0,95
0,90
0,86
0,83
0,79
0,76

1
1
0,95
0,93
0,90
0,86
0,84

1
1
0,95
0,90
0,86
0,83
0,80

Se il fusibile installato in una cassetta ventilata, bisogna moltiplicare i valori di Kt per Kv.
Kv = 1 + 0,05 V
Velocit dellaria V < 5 m/sec.
Kv = 1,25
Velocit dellaria V 5 m/sec.
Esempio: un fusibile gG montato su una base portafusibile installato in una cassetta ventilata
temperatura nella cassetta: 60 C
velocit dellaria: 2 m/sec.
Kv = 1 + 0,05 x 2 = 1,1
Kt = 1,1 x 0,86 = 0,95.

Regole di installazione
Uso di un fusibile sul neutro.
Vedere pagina T.40.
Schema dei collegamenti a terra
Seguento il regime di neutro, i fusibili avranno generalmente una o
due funzioni di protezione:
contro le sovracorrenti: A
contro i contatti indiretti: B

T. 44

SCHEMI

PROTEZIONI

TT
IT
TNC
TNS

A
A+B
A+B
A+B

Questo documento non contrattuale. SOCOMEC si riserva di apportare modifiche


per aggiornamenti tecnologici o normativi. 2006-2007

Catalogo generale SOCOMEC

Guida tecnica

Fusibili

Scelta di un fusibile gG o aM (seguito)


Caratteristiche del circuito (seguito)
A monte di una batteria di condensatori
Il calibro del fusibile deve essere superiore o uguale al doppio della
corrente nominale della batteria di condensatori (c).

In 2 c
CATEC 118A

Precauzione dutilizzo per altitudini > 2000 m


Nessun declassamento della corrente
Il potere di apertura limitato. Consultarci
Declassamento di taglia consigliato.
A monte di un trasformatore di separazione
Linserimento o il distacco completo di un carico su un trasformatore, o linserzione dello stesso a vuoto, provoca una sovracconte
di valore rilevante. Occorre quindi utilizzare un fusibile di tipo aM al
primario, pi adatto a tollerare sovraccarichi ripetuti. Il circuito sul
secondario sar protetto dai fusibili di tipo gG.

Tabella B:
calibro dei fusibili per batteria di condensatori sotto 400 V

A monte di un motore
La protezione contro i sovraccarichi dei motori generalmente assicurata da un rel termico. La protezione dei conduttori dalimentazione
del motore assicurata dai fusibili aM o gG. La tabella A indica i calibri dei fusibili da associare al rel termico in funzione della potenza
del motore.

MOTORE

Kw

Ch

500 V tri

In A

Kw

Ch

CALITAGLIA
CALIBRO CONSIGLIATO
BRI CONSIGLIATA DELLINTERRUTTORE
CON FUSIBILE
ASSOCIATO

In A

7,5

10

15,5

11

15

18,4

20

10 x 38
o 14 x 51

11

15

22

15

20

23

25

10 x 38
o 14 x 51

15

20

30

18,5

25

28,5

40

14 x 51

18,5

25

37

25

34

39,4

40

14 x 51

22

30

44

30

40

45

63

22 x 58

25

34

51

40

54

60

63

22 x 58

30

40

60

45

60

65

80

22 x 58

37

50

72

51

70

75

100

22 x 58

45

60

85

63

109

89

100

22 x 58

55

75

105

80

110

112

125

T 00

75

100

138

110

150

156

160

T0

90

125

170

132

180

187

200

T1

110

150

205

160

220

220

250

T1

132

180

245

220

300

310

315

T2

160

218

300

315

T2

200

270

370

400

T2

250

340

360

250

340

475

335

450

472

500

T3

315

430

584

450

610

608

630

T3

400

550

750

500

680

680

800

T4

Catalogo generale SOCOMEC

10
32

75
200

20
63

30
80

100
250

40
125

50
160

125
400

60
200
150
400

Collegamento in parallelo
Il collegamento in parallelo dei fusibili possibile solo tra due fusibili
della stessa taglia e dello stesso calibro (mente non mai possibile
il collegamento in serie).
Ithe
Ithe

Ithe = Ithe x 2
Icc di picco limitata totale = Icc di picco limitata x 1,59
i 2 t totale = i 2 t x 2,52

Tabella A: protezione dei motori tramite i fusibili aM

400 V tri

Capacit in kvar
Fusibile gG in A

5
20

CATEC 119A

Nota:
La corrente nominale di un motore varia da un costruttore allaltro.
I valori della tabella A sono forniti a titolo indicativo
I fusibili aM sono da preferirsi ai fusibili gG per questa applicazione
In caso di avviamenti frequenti o difficili (avviamento diretto > 7 In per
pi di 2 sec. o avviamento > 4 In per pi di 10 sec.), si consiglia di
prendere un calibro superiore a quello indicato nella tabella. Tuttavia
bisogna assicurarsi del coordinamento dellassociazione del fusibile con il contattore (vedere pagina T.51)
In caso di fusione di un fusibile aM, si consiglia di sostituire i fusibili anche delle due altre fasi.

Capacit in kvar
Fusibile gG in A

FUSERBLOC
32 A CD

FUSERBLOC
50 A
FUSERBLOC
100 A
o
125 A

FUSERBLOC
160 A
FUSERBLOC
250 A
FUSERBLOC
400 A

i 2 t: energia specifica del fusibile

Utilizzo in corrente continua


In corrente continua, il tempo di prearco identico al tempo di prearco
in corrente alternata. Le caratteristiche tempo/corrente e il diagramma
di limitazione restano validi per luso dei fusibili in corrente continua.
Invece, il tempo darco nettamente pi alto in continua perch non si
beneficia del passaggio a zero della tensione.
Lenergia termica da assorbire sar molto pi elevata che in corrente
alternata. Per mantenere una sollecitazione termica equivalente al fusibile, bisogna limitare la sua tensione duso.
TENSIONE MASSIMA
IN ALTERNATA

IN CONTINUA

400 V
500 V
690 V

260 V
350 V
450 V

Si consiglia di usare fusibili di una taglia superiore alla taglia abituale,


mantenendo il calibro invariato; le dimensioni 10 x 38 e 14 x 51 sono
riservate ai circuiti 12 A. In caso di circuiti fortemente induttivi, si
raccomanda di mettere due fusibili collegati in serie sul polo positivo.
I fusibili di tipo aM sono inutilizzabili in corrente continua.
Utilizzo del fusibile di tipo gG cilindrico.

FUSERBLOC
630 A
FUSERBLOC
1250 A

TAGLIA DEL FUSIBILE


8,5 x 31,5
10,3 x 38 ; 14 x 51
22 x 58

VALORE DA NON SUPERARE


Corrente
Tensione
Vietato
12A DC
220V DC
100A DC
220V

Questo documento non contrattuale. SOCOMEC si riserva di apportare modifiche


per aggiornamenti tecnologici o normativi. 2006-2007

T. 45

Guida tecnica

Fusibili
Curve caratteristiche dei fusibili gG
Diagramma di limitazione delle correnti

1,5

100 kA cr.
6

1250

630

500

Valore della corrente kA di cresta

315
200

125

1,5

80

10 kA
8
6

1000

800
400
250
160
100
63

50

40

32

20

12

25
16

10

8
2

6
4

1,5

1 kA

2
8
6

Corrente nominale dei fusibili gG

5
4
3
2
1,5

100 A

1,5

CATEC 112 B I

T. 46

10 A

6
4

1,5
8

100 A

3
2

6
4

1,5
8

1 kA

3
2

6
4

1,5
8

3
2

10 kA

6
4

100 kA eff.

Corrente presunta in kA eff.

Questo documento non contrattuale. SOCOMEC si riserva di apportare modifiche


per aggiornamenti tecnologici o normativi. 2006-2007

Catalogo generale SOCOMEC

Guida tecnica

Fusibili

Curve caratteristiche dei fusibili gG (seguito)


Diagramma di limitazione delle sollecitazioni termiche
1250

1000

800
630
500
400
315
250
200
160
125

900
710
560
450
355
280
224

1
2
3
4
5

Corrente nominale dei fusibili gG

CATEC 110 A I

100

10

1-A2s prearco
per 0,01sec.
2-A2s totale 250V
2
3-A s totale 440V
4-A2s totale 550V
5-A2s totale 725V

80
63
50
40
32
25
20
16
12

102A2s
10

8
6

103A2s

1 a 10 A

As

4
2

1A

1,5 3 6 1,5 3 6 1,5 3 6 1,5 3 6 1,5 3 6 1,5 3 5


2 4 8 2 4 8 2 4 8 2 4 8 2 4
2 4

10 2

10 3

10 4

10 5

10 6

10 7 A2s
I2 t

224
280
355
450
560
710
900

Caratteristiche di funzionamento tempo/corrente

1000

8
10
12
16
20
25
32
40
50
63
80
100
125
160
200
250
315
400
500
630
800
1000
1250

4000
3000
2000
1500
800
600
400
300
200

In fusibili (A)

0,5

150

Tempo di prearco (sec.)

100
60
10
5
1

0,1

80

40
30
20
15
8
6
4
3
2
1,5

0,25

0,8
0,6
0,4
0,3
0,2
0,15
0,07
0,05
0,025
0,015

CATEC 111 A I

0,01

0,007
0,004

1,5

3
2

1A

Catalogo generale SOCOMEC

5
4

7
6 8

10 A

1,5

3
2

5
4

7
6 8

100 A

1,5

3
2

5
4

7
6 8

1,5

3
2

5
4

1 kA

Questo documento non contrattuale. SOCOMEC si riserva di apportare modifiche


per aggiornamenti tecnologici o normativi. 2006-2007

7
6 8

10 kA

1,5

3
2

5
4

7
6 8

100 kA eff.

T. 47

Guida tecnica

Fusibili
Curve caratteristiche dei fusibili aM
Diagramma di limitazione delle correnti

1, 5

100 kA cr.
1250

1000

800

630

500
400

5
315

250
200

100

80

1, 5

Valore della corrente (kA di cresta)

160

125

63

50

10 kA

40

32
8

20

12

25
16

10

3
4
2
2

1, 5

1 kA

1
8

6
5
4

Corrente nominale dei fusibili aM

3
2
1, 5

100 A

1, 5

CATEC 114 B I

T. 48

10 A

6
4

1, 5
8

100 A

3
2

6
4

1, 5
8

1 kA

3
2

6
4

1, 5
8

3
2

10 kA

6
4

100 kA eff.

Corrente presunta in kA eff.


Questo documento non contrattuale. SOCOMEC si riserva di apportare modifiche
per aggiornamenti tecnologici o normativi. 2006-2007

Catalogo generale SOCOMEC

Guida tecnica

Fusibili

Curve caratteristiche dei fusibili aM (seguito)


Diagramma di limitazione delle sollecitazioni termiche
1250

1000

800
630
500
400
315
250
200
160
125

1
2
3
4
5

Corrente nominale dei fusibili aM

100

10

1-A2s prearco
per 0,01sec.
2-A2s totale 250V
3-A2s totale 440V
4-A2s totale 550V
5-A2s totale 725V

80
63
50
40
32
25
20
16
12

102A2s

103A2s

1 10 A

101A2s

8
6
4
2

CATEC 115 A I

1A

1,5 3 6 1,5 3 6 1,5 3 6 1,5 3 6 1,5 3 6 1,5 3 5


2 4 8 2 4 8 2 4 8 2 4 8 2 4 8 2 4

10 2

10 3

10 4

10 5

10 6

10 7 A2s
I2 t

Tempo di prearco (sec.)

10

1
0,5
0,2
0,1

0,5

In fusibili (A)

100
60

4
6
8
10
12
16
20
25
32
40
50
63
80
100
125
160
200
250
315
400
500
630
800
1000
1250

Caratteristiche di funzionamento tempo/corrente

0,25

40
30
20
15
7
5
3
2
1,5

0,16

0,7
0,3
0,15
0,07
0,05
0,025
0,015

CATEC 113 A I

0,01

0,007
0,004

1,5

3
2

1A

Catalogo generale SOCOMEC

5
4

7
6 8

10 A

1,5

3
2

5
4

7
6 8

100 A

1,5

3
2

5
4

7
6 8

1,5

3
2

5
4

1 kA

Questo documento non contrattuale. SOCOMEC si riserva di apportare modifiche


per aggiornamenti tecnologici o normativi. 2006-2007

7
6 8

10 kA

1,5

3
2

5
4

7
6 8

100 kA eff.

T. 49

Guida tecnica

Fusibili
Scelta di un fusibile UR
Scelta del fusibile UR (seguito)
Questi fusibili detti ultra-rapidi assicurano la protezione contro le correnti
di corto circuito. Per come sono stati concepiti, il tempo di fusione molto
inferiore a quello dei fusibili gG o aM in presenza di forti corto circuiti.
Vengono usati generalmente nella protezione di semi-conduttori di
potenza (i2 t UR < i2 t del semi-conduttore da proteggere).
Il loro funzionamento in sovraccarico, I ~ 2 n, t 100 secondi, deve
essere evitato. Se necessario, la protezione contro i sovraccarichi
deve essere assicurata da un altro dispositivo.
La determinazione di un fusibile UR loggetto di una procedura rigorosa che, per certe applicazioni, pu essere molto complessa. Il
metodo sotto indicato costituisce un primo approccio semplificato.
Consultarci per qualsiasi applicazione particolare.

Correzione in funzione della temperatura ambiente


Il calibro di un fusibile UR fornito per una temperatura ambiente di
20 C.
La corrente massima di utilizzo Ib data da:

Ib = KTUR x (1 + 0,05 v) x In
In:
v:
KTUR:

corrente nominale del fusibile in A


velocit dellaria di raffreddamento in m/sec.
coefficente fornito dalla fig. 2 in funzione della temperatura
dellaria in prossimit del fusibile.

Scelta del fusibile UR


1,4

1,0
0,8

CATEC 33A

-20

20

40

60

80

Collegamento in serie
Sconsigliata quando la corrente di guasto insufficiente per far
fondere il fusibile in meno di 10 ms.

Kv = 0,6

0,5

0,3

Sovraccarico ciclico
Consultarci.

Kv

1,0

0,15

Perdite in Watt
Sono fornite nella sezione Apparecchiatura di apertura a bassa
tensione e corrispondono alla potenza dissipata alla corrente nominale.
Per luso ad una corrente Ib diversa da In, bisogna moltiplicare la
perdita in Watt per il coefficente Kp dato dalla figura qui sotto.

Eg
0

100 200 300 400 500 600 660

Fig. 1: fattore di correzione Kv

Kv: coefficente di correzione di i 2 t


Eg: valore efficace della tensione dutilizzo

1,0
0,8
0,6
0,5
0,4

Fattore di potenza: la sollecitazione termica indicata nel capitolo


Apparecchiatura di apertura a bassa tensione data per un fattore
di potenza di 0,15 (cos del circuito di guasto). Per altri valori del
fattore di potenza, occorre moltiplicare il valore della sollecitazione
termica per il coefficente Ky.

Ky

-40

Collegamento in parallelo
Il collegamento in parallelo dei fusibili possibile tra due fusibili della
stessa taglia e dello stesso calibro. assicurata generalmente dal
costruttore (consultarci).
In caso di collegamento in parallelo, occorre controllare che la tensione
dutilizzo non sia superiore al 90 % della tensione nominale del fusibile.

1,5

FATTORE DI
POTENZA

0,6

Fig. 2: fattore di correzione KTUR

(i 2 t) V = Kv x (i 2 t) 660 V
Esempio: per U = 400 V
(i 2 t) 400 V = 0,6 x (i 2 t) 660 V

1,2

CATEC 34A

Sollecitazione termica
il primo parametro da prendere in considerazione prima del calibro.
Infatti i fusibili UR sono destinati alla protezione dei semi-conduttori. Il
limite di distruzione di questi ultimi data dalla sollecitazione termica
massima ammissibile. Affinch la protezione sia efficace, occorre che
la sollecitazione termica del fusibile sia inferiore almeno del 20 % circa
della sollecitazione termica di distruzione del semi-conduttore.
Esempio: un diodo 30A/400 V sopporta al massimo una sollecitazione termica di 610 A2 s. La sollecitazione termica massima del fusibile
UR associato sar di 610 20 % = 488 A2 s a 400 V.
Tensione
La sollecitazione termica data generalmente a 660 V. Lutilizzo ad
una tensione diversa d luogo ad una correzione:

0,1

kp

0,3
0,2

0,15 0,2 0,25 0,30 0,35 0,40 0,45 0,50

1,04 1,00 0,97 0,93 0,90 0,87 0,85 0,82 0,81

T. 50

CATEC 35A

0,1

Corrente nominale
Una volta determinata la sollecitazione termica massima del fusibile,
occorre tenere conto del valore della corrente nominale del circuito.
Esempio: nellesempio precedente, stata determinata la sollecitazione termica massima del fusibile UR: 488 A2 s a 400 V.
A 660 V, questo valore vale: 488/0,6 = 813 A2 s.
La corrente nel circuito di 20 A. Si dovr quindi utilizzare un fusibile
UR da 25 A con I2 t a 660 V paria 560 A2 s.

Ib
0,05

20

30

40

50

60

70

80

90 100%

Fig. 3: fattore di correzione Kp

Kp: coefficente di correzione delle perdite


Ib: valore eff. della corrente di carico in % della corrente nominale.

Questo documento non contrattuale. SOCOMEC si riserva di apportare modifiche


per aggiornamenti tecnologici o normativi. 2006-2007

Catalogo generale SOCOMEC

Guida tecnica

Fusibili

Selettivit
Selettivit tra fusibili

Selettivit tra fusibile e contattore

Selettivit fusibili tra alta, media e bassa tensione


Il funzionamento di un fusibile a bassa tensione non deve provocare
la fusione del fusibile in media o alta tensione installato al primario del
trasformatore.
Perch ci non accada occorre verificare che la parte inferiore della
curva del fusibile in media tensione non incontri in nessun punto la
parte superiore della curva del fusibile in bassa tensione prima del
limite di Icc max. di bassa tensione (vedere calcolo pagina T.23).

Il fusibile installato in a monte del contattore a cui viene associato


un rel termico.
t (s)

Curva di funzionamento del motore


Rel termico a caldo
Rel termico a freddo

1 Fusibile in media

Fusibili

tensione. Corrente
riportata al secondario

1
2

IBT = IHT x

UHT
UBT

2 Fusibile in bassa tensione

A
B

ICC max. (A) deve essere


inferiore all'incrocio (B)
delle 2 curve

Corrente

CATEC 29A I

CATEC 27A I

Ib

Ia

Fig. 3: selettivit tra fusibili e contattore

ICC max.
Fig. 1: selettivit tra fusibili in media e bassa tensione

Le curve dei fusibili associati al contattore devono passare tra i punti


A e B corrispondenti a:
Ia: limite del potere di apertura del contattore
Ib: corrente max. di spunto del motore.

Su rete alimentata da UPS

CATEC 28A I

UPS

TIPO DI AVVIAMENTO

Ib(1)

TEMPI DI AVVIAMENTO(1)

Diretto
Stella triangolo
Da statore
Autotrasformatore
Da rotore

8 In
2,5 In
4,5 In
da 1,5 a 4 In
2,5 In

da 0,5 a 3 sec.
da 3 a 6 sec.
da 7 a 12 sec.
da 7 a 12 sec.
da 2,5 a 5 sec.

(1) valori medi che possono variare a seconda dei tipi di motori e di utilizzatori.
Fig. 2: rete alimentata da UPS

La selettivit dei dispositivi di protezione riveste una grande importanza sulle reti alimentate da UPS in cui lo scatto di una protezione
non deve generare nessuna perturbazione sul resto della rete.
La funzione di selettivit deve tenere in considerazione due particolarit di questo tipo di reti:
corrente debole di guasto (dellordine di 2 x In)
tempo di guasto massimo generalmente imposto in 10 ms.
Per rispettare questi criteri e assicurare una buona selettivit, occorre
che la corrente in ciascun ramo non superi i valori riportati nella tabella
sottostante.
PROTEZIONE A MEZZO DI

CORRENTE MAX. PER PARTENZA

Fusibile gG

In
6

Fusibile UR

In
3

Interruttori automatici
di piccola taglia

In
8

Catalogo generale SOCOMEC

La sollecitazione termica del fusibile deve essere inferiore a quella


sopportata dal contattore.
Tra i diversi calibri di fusibile possibili, scegliere il calibro maggiore
per minimizzare le perdite per dissipazione termica.

Questo documento non contrattuale. SOCOMEC si riserva di apportare modifiche


per aggiornamenti tecnologici o normativi. 2006-2007

T. 51

Guida tecnica

Fusibili
Selettivit (seguito)
Selettivit tra interruttore automatico e fusibile
il punto di incrocio B (vedere fig. 1) deve essere inferiore al potere
di ultima apertura pi piccolo di tutti gli interruttori automatici
Dopo il punto B, la sollecitazione termica totale del fusibile deve
essere inferiore alla sollecitazione termica di qualsiasi altro interruttore automatico a valle.
Interruttore automatico monte - fusibili a valle

Lassociazione di una protezione fusibile con altri dispositivi (interruttori


automatici, DIRIS CP) permette una selettivit quasi perfetta e costituisce una soluzione ottimale sul piano economico e della sicurezza.

La curva di fusione di prearco del fusibile deve situarsi al di sopra


del punto A (fig. 1)
La curva di fusione totale del fusibile deve tagliare la curva dellinterruttore automatico prima del valore Icc (potere di apertura)
dellinterruttore automatico
Dopo il punto di incrocio, la sollecitazione termica del fusibile deve
essere inferiore a quella dellinterruttore automatico
Le sollecitazioni termiche dellinterruttore automatico e del fusibile
devono sempre essere inferiori a quelle del cavo.
t

2
1

Interruttore
automatico

Fusibile

CATEC 26A

CATEC 27A

Fusibile a monte interruttore automatico a valle

I poteri di apertura di tutti i fusibili e dellinterruttore automatico devono


essere superiori alla corrente di corto circuito massima del circuito
La taratura della parte termica Ir dellinterruttore automatico deve
essere tale che: 1,05 Ir I1 + I2 + In
I1 + I2 + In: somma delle correnti in ogni lato protetto dal fusibile
La corrente di taratura Ir deve inoltre rispondere alla seguente condizione:

Ir Kd x In
In: calibro del fusibile del circuito pi caricato.
A

CATEC 24A I

Tabella A: valori di Kd (secondo IEC 269-2-1)

Fig. 1: selettivit fusibile/interruttore automatico

Kd

In 4
4 < In < 16
16 In

2,1
1,9
1,6

Esempio: lil circuito pi carico protetto da un fusibile gG di 100 A.


La corrente di taratura minima dellinterruttore a monte, che
permette di assicurare la selettivit con il fusibile, sar:
Ir 1,6 x 100 A = 160 A.
La sollecitazione termica del fusibile di calibro pi alto deve essere
inferiore alla sollecitazione termica limitata dallinterruttore automatico. Questa stessa deve essere inferiore alla sollecitazione
termica massima dei cavi
Valore minimo di taratura di Im (magnetica):
8 Kd Im 12 Kd
Kd fornito dalla tabella A.

CATEC 25A

Fusibili gG a monte interruttori automatici a valle

CALIBRO FUSIBILI gG (In) (A)

Il calibro del fusibile deve essere superiore alla somma delle correnti
degli interruttori automatici simultaneamente inseriti
La curva di fusione del fusibile deve essere al di sotto del punto
A (vedere fig. 1) dellinterruttore automatico ccn il calibro pi alto

T. 52

Questo documento non contrattuale. SOCOMEC si riserva di apportare modifiche


per aggiornamenti tecnologici o normativi. 2006-2007

Catalogo generale SOCOMEC

Guida tecnica

Fusibili

Selettivit (seguito)
Generalit

Selettivit tra fusibili

La selettivit delle protezioni assicurata quando, in caso di guasto


in un punto qualsiasi dellinstallazione, il dispositivo di protezione
(DP) situato direttamente a monte del guasto scatta senza provocare lapertura di altri dispositivi presenti nellimpianto. La selettivit
permette di avere continuit di utilizzo sul resto della rete.

Selettivit fusibili gG e aM
La selettivit totale assicurata dalla scelta dei fusibili nelle tabelle A
e B (secondo IEC 60 269-1 e 60 269-2-1).
Tuttavia, per alcune applicazioni, ci si potr limitare ad una selettivit parziale.
Tabella A
FUSIBILE A MONTE

DP1

DP3

DP4

DP5

CATEC 30A

DP2

gG

Fig. 1: un guasto nel punto A deve provocare lapertura del dispositivo di


protezione DP5 senza che ci sia lapertura degli altri DP

La selettivit totale assicurata quando le zone tempo/corrente


che caratterizzano i dispositivi di protezione non si sovrappongono.
t

CATEC 31A I

Zona tempo/corrente
del DP5
Zona tempo/corrente
del DP1

Corrente
Fig. 2: selettivit totale

La selettivit parziale consiste nel limitare la selettivit dei DP solamente in una parte della loro zona tempo/corrente. Nella misura in
cui la corrente di guasto inferiore al punto di incrocio delle curve,
ci si ritrova in un caso di selettivit totale.
t

1 Zona tempo/corrente
del DP5

2 Zona tempo/corrente

CATEC 32A I

del DP1

Tabella B
FUSIBILE A VALLE

gG
Calibri (A)
4
1
6
2
8
2
10
4
12
4
16
6
20
10
25
16
32
20
40
25
50
32
63
40
80
50
100
63
125
80
160
100
200
125
250
160
315
200
400
250
500
315
630
400
800
500
1000
630
1250
800

aM
1
2
2
2
2
4
6
8
10
12
16
20
25
32
40
63
80
125
125
160
200
250
315
400
500

FUSIBILE A MONTE

aM

FUSIBILE A VALLE

gG
Calibri (A)
4
4
6
6
8
8
10
10
12
4
16
16
20
20
25
25
32
32
40
32
50
40
63
50
80
63
100
80
125
100
160
125
200
160
250
160
315
200
400
250
500
315
630
400
800
500
1000
500
1250
630

aM
2
2
4
6
2
10
12
12
20
25
25
40
50
63
80
100
125
160
200
250
315
400
500
630
800

Selettivit fusibili gG / fusibili UR


gG a monte - UR a valle:
il tempo di prearco del fusibile UR deve essere inferiore alla met
del tempo di prearco del fusibile gG nella zona compresa tra 0,1
e 1 sec.
UR a monte - gG a valle:
il calibro del fusibile UR deve essere almeno uguale al triplo del
calibro del fusibile gG.

Corrente

Id max. Is
Fig. 3: selettivit parziale; la selettivit assicurata nel caso in cui la
corrente di guasto massima (Icc max.) dellinstallazione limitata a
Id max. e Id max. < Is

Catalogo generale SOCOMEC

Questo documento non contrattuale. SOCOMEC si riserva di apportare modifiche


per aggiornamenti tecnologici o normativi. 2006-2007

T. 53