Sei sulla pagina 1di 70

Associazione Erich Fromm

Un Nuovo Umanesimo al servizio dellUomo

Dalla parte dell Uomo


Rivista Trimestrale
giugno 2010

n 2

Direttore: Paolo Cardoso


Direttore responsabile: Maurizio Gori
Comitato di Redazione: Paolo Cardoso
Maurizio Gori
Lucia Mattesini
Maddalena Poneti

Registrazione presso il Tribunale di Firenze n. 5756 del 18.02.2010


Viale Cialdini 19 - 50137 - Firenze -- info@erichfrommfirenze.org - 055670494 3389381870

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

EDITORIALE

Questo numero dedicato specialmente ai problemi delladolescenza.


Le trasformazioni del nostro mondo sono troppo veloci. Le generazioni sono sempre pi
diverse tra loro.
La tecnologia, i computer, i moderni mezzi di comunicazione creano modi e linguaggi di
comunicazioni sempre pi nuovi che tracciano confini sempre pi netti tra le generazioni e
la comunicazione diviene sempre pi stringata e difficile.
Linsicurezza dovuta alla situazione politica ed economica mondiale, la volatilit del
mercato finanziario ha pesanti ripercussioni sulla sicurezza economica delle famiglie.
Le nuove povert emergenti, derivate dalla perdita del posto di lavoro e dal livello sociale
acquisito, si ripercuotono pesantemente sui giovani.
Tutto ci ha portato alla nascita od alla crescita di patologie adolescenziali sinora
sconosciute o limitate.
Basta pensare alla dipendenza da computer e da internet o allarrivo anche nei paesi
occidentali di patologie come lhikikomori (vedi articolo) che sembravano limitate al solo
Giappone.
Dobbiamo vedere tutto ci come un problema complesso. Dobbiamo analizzarlo da tutti i
punti di vista, psicologico, morale, sociale filosofico perch vi sono trasformazioni epocali
in corso legate al progresso tecnologico., ma al contrario del passato, dove queste
trasformazioni erano lente, oggi sono velocissimi e non ci danno il tempo per fare analisi
approfondite.
La complessit, come ci ha insegnato Morin esige risposte articolate e se pensiamo di
aver trovato delle risposte semplici allora queste saranno sicuramente sbagliate.
Ci aspettano sfide enormi che solo se affronteremo i problemi insieme potremo superarli e
solo se metteremo al centro luomo e non il progresso e la tecnologia riusciremo a trovare
le risposte.
Il Presidente

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


In questo numero troverete un articolo di un po di tempo fa, scritto a pi mani, sul
fenomeno Hikikomori. Vi invito a leggerlo. Ho creato anche un blog :
http://blog.libero.it/Hikikomoriitalia/
Noi stiamo riprendendo lo studio dellhikikomori anche in vista di un convegno che stiamo
organizzando sulle nuove dipendenze dal gioco e dal computer. Anche in Europa si
incominciano ad avere casi simili allHikikomori.
Chi fosse interessato pu scrivermi alla mail presidente@erichfromfirenze.org o pu dare il
suo contributo con un post sul blog.
Grazie
Il Presidente

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

SOMMARIO

LA TECNICA PSICOTERAPEUTICA DELLINCONTRO DIRETTO DI ERICH FROMM E LA SUA


INTERPRETAZIONE BIOFILA DA PARTE DI ROMANO BIANCOLI ........................................... 6
LA VALUTAZIONE DEI SERVIZI PER LA PERSONA CON DISABILITA INTELLETTIVA ........11
1.

Introduzione ..........................................................................................................................................................11

RISULTATI DEI SERVIZI ...............................................................................................................................................13


RISULTATI INDIVIDUALI...............................................................................................................................................13
2.

Evoluzione del concetto di qualit della vita .....................................................................................................14

3.

Utilit dellapplicazione del concetto alla disabilit intellettiva.......................................................................17

4.

Valutazioni di qualit di vita nelle persone con disabilit intellettiva.............................................................18

RICERCA ESPLORATIVA SULLE STRATEGIE DI ACCULTURAZIONE DEGLI IMMIGRATI


NELLA PROVINCIA DI PISA ........................................................................................................21
1.

Limmigrazione in Italia........................................................................................................................................21

2.

Presupposti teorici e obiettivi della ricerca .......................................................................................................22

3.

Partecipanti ...........................................................................................................................................................23
1.2
Grafici riassuntivi............................................................................................................................................24

4.

Strumenti e metodologia .....................................................................................................................................26

5.

Risultati e conclusioni .........................................................................................................................................26

6.

Bibliografia e sitografia........................................................................................................................................27

VERSO UN APPROCCIO MULTIDIMENSIONALE INTEGRATO: LA PROSPETTIVA


EVOLUTIVA ..................................................................................................................................28
1.

Abstract .................................................................................................................................................................28
1.2
Background....................................................................................................................................................28
1.2
Metodi ............................................................................................................................................................28
1.3 Risultati .................................................................................................................................................................28
1.4
Conclusioni ....................................................................................................................................................28

2.

Introduzione ..........................................................................................................................................................29

3.

Obiettivo ................................................................................................................................................................32

4.

Partecipanti ...........................................................................................................................................................32

5.

Procedura e strumenti .........................................................................................................................................32

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


6.

Metodi di analisi dei dati ......................................................................................................................................33

7.

Risultati .................................................................................................................................................................33

8.

Analisi dei dati ......................................................................................................................................................35

9.

Conclusione ..........................................................................................................................................................38

10.

Riferimenti bibliografici ...................................................................................................................................39

KABBALAH TRA CONSAPEVOLEZZA E STILE DI VITA...........................................................42


IL LIBRO DI ALICE .......................................................................................................................44
RIFLESSIONI SUL FILM-DOCUMENTARIO: FRANK GEHRY. CREATORE DI SOGNI DI S.
POLLACK......................................................................................................................................46
---------------------------------INSERTO SUL FENOMENO HIKIKOMORI--------------------------------------

ANALISI DELLA PATOLOGIA DEI RAGAZZI GIAPPONESI HIKIKOMORI DAL PUNTO DI


VISTA OCCIDENTALE .................................................................................................................54
1.

Alcune considerazioni storiche e sociologiche sul Giappone ........................................................................54

2.

Una descrizione della patologia hikikomori...................................................................................................55

3.

Analisi delle possibili cause del fenomeno hikikomori ................................................................................57


1.2
La societ giapponese e il suo sistema deducazione ..................................................................................57
1.2
Lambiente scolastico ....................................................................................................................................60

4.

Conclusioni ...........................................................................................................................................................65

5.

Bibliografia ............................................................................................................................................................67

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

La tecnica psicoterapeutica dellincontro diretto di Erich Fromm e la sua


interpretazione biofila da parte di Romano Biancoli
Rainer Funk

Nella sua ultima lettera, Romano Biancoli mi parl della sua malattia, dei gravi sintomi dovuti alla
chemioterapia, della sua percezione della vita in quel momento. Scrisse: Per me questo gi un
periodo di vita vissuto, pieno nei suoi limiti materiali, con amici ed interessi culturali. E poi sto
sperimentando un modo di essere che prima ignoravo.
Il modo in cui Romano affrontava la sua malattia mi ricord una risposta di Erich Fromm. Dopo il
terzo infarto da lui subito nel 1978, gli chiesi se a quel punto non fosse spaventato di ritrovarsi
faccia a faccia con la morte. Mi rispose con voce ferma e decisa: Guarda, ho vissuto una vita
piena e posso dire con il salmista di essere pieno di vita, e us la parola tedesca satt, che
significa sazio. Ho vissuto la mia vita con una tale ricchezza da non sentire il bisogno di
tenermela stretta, ma posso lasciarla andare.
Il modo biofilo in cui sia Erich Fromm che Romano Biancoli hanno risposto al problema della
propria morte evidenzia il loro atteggiamento verso la vita. Immagino che entrambi abbiano avuto
a che fare con influenze avvelenanti sin dallinizio della vita, ma sono riusciti a superare quelle
devitalizzazioni minacciose rinforzando il loro amore per la vita e concentrandolo (in particolare
nella pratica terapeutica) su ci che vivo.
Sebbene, per quanto io sappia, Romano Biancoli non abbia mai incontrato Erich Fromm di
persona, e non abbia quindi potuto sperimentare come Fromm praticasse la biofilia, ne fu un
praticante perfetto. Sono convinto che Biancoli abbia avuto una profonda intuizione, ossia abbia
capito che i concetti della modalit dellessere e della biofilia possono essere apprezzati appieno
solamente nella pratica, dando cio voce a quelle tendenze, spesso nascoste, che lottano per la
vita.
Le opere di Fromm proponevano infatti una cura contro quelle intossicazioni di cui Romano
soffriva come tutti noi, per motivi personali e soprattutto sociali. Fu proprio per questo che, dalla
met degli anni Ottanta in poi, sent il bisogno di trasmettere limpatto della sua pratica di biofilia e
di tradurre questi vissuti nella sua pratica terapeutica. In tutta onest, in quegli anni in Italia
nessuno meglio di Romano Biancoli seppe trasmettere questi vissuti biofili, o scrivere delle
psicodinamiche della biofilia e della loro importanza nellapproccio con i pazienti.
Abbiamo potuto vedere questa sua evoluzione non solo nella sua organizzazione dell Istituto
Erich Fromm di Bologna, ma anche con le sue pubblicazioni. Cito soli alcuni dei titoli che
mostrano il suo progresso. Nel 1991 intervenne ad un workshop a Verbania con The Being Mode
in the Hour of Psychoanalysis (La modalit dellessere nellora psicoanalitica). Poco dopo aver
scoperto Groddeck e le conferenze tenute da Fromm al William Alanson White Institute nel 1959,
pubblic La correlazione center-to-center in analisi. Al nostro convegno congiunto tenuto ad
Ascona, in Svizzera, nel 1997, parl di Lidea di uomo intero. Un altro suo intervento si
intitolava Il sogno tra qui-e-ora e l-e-allora, mentre una delle sue ultime pubblicazioni si
concentrava su La ricerca dellidentit nella modalit dellessere. La cosa pi sorprendente
rimane quanto Romano abbia colto la tecnica dellapproccio diretto di Fromm, quasi fosse stato
formato da lui in persona a lungo.
Voglio darvi unidea di questa relazione frommiana con il paziente traendo spunto dal mio primo
incontro con Fromm nel 1972 e da alcune descrizioni fornite da lui stesso, che potete trovare nelle
conferenze del 1959, pubblicate in italiano da Mondadori con il titolo Linconscio e la prassi
analitica nel volume Anima e societ.
6

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


Voglio iniziare con lapproccio diretto dimostrato da Fromm durante il nostro primo incontro,
quando andai a trovarlo per discutere con lui di alcuni miei dubbi a proposito della mia tesi di
laurea sul carattere sociale, la religione e letica.
Fromm mi guard in modo cos diretto che i miei tentativi di fare conversazione cessarono subito
e qualsiasi comportamento di ruolo divenne superfluo. Ci eravamo incontrati di persona solo
qualche minuto prima, ma si era gi instaurata una relazione di fiducia ed intimit. Non mi era pi
possibile evitare i problemi ai quali mi ero avvicinato cautamente. Gli occhi di Fromm, circondati
dalle rughe, che mi fissavano cos intensamente, riuscirono in qualche modo ad avviare una
conversazione che plac le mie ansie e mi permise di concentrarmi completamente.
I miei dubbi iniziali sulla tesi di laurea passarono in secondo piano. Fromm volle sapere della mia
situazione professionale, del perch fossi cos interessato al suo pensiero, in particolare alletica.
Le sue domande volevano svelare le mie preoccupazioni e i miei interessi pi profondi. Fromm
voleva comprendere il mio essere interiore, se e cosa amassi, odiassi, tenessi in gran conto,
cercassi, valutassi criticamente, rifiutassi, cosa mi piacesse, incoraggiasse, stimolasse e facesse
arrabbiare, cosa mi eccitasse, mi rendesse nervoso, mi spaventasse o mi facesse sentire
colpevole. Lo interessavano i miei sentimenti, i miei bisogni, le mie passioni ed i miei interessi.
Linteressamento di Fromm aveva come scopo di entrare in contatto con i miei sentimenti e le mie
tendenze interiori, in modo da considerarli portatori di energia e non ostacoli. Sebbene le forze
emotive non fossero lusinghiere e impedissero di pensare ed agire in modo razionale, individuarle
e comprenderle era di cruciale importanza. Solo in questo modo potevano essere individuati
unintensa gelosia o un paralizzante senso di inferiorit, cos da rilasciare quellenergia trattenuta
in vista di un atteggiamento razionale e amorevole.
Fromm, con le sue domande, voleva mettersi in contatto con il mio mondo interiore, le mie
tendenze razionali ed irrazionali, latenti e manifeste. Per raggiungere questo scopo, usava il
contatto visivo. Tutti abbiamo imparato ad esprimere i nostri ambiti pi interiori con lo sguardo,
siano essi emozioni, sentimenti, bisogni o reazioni.
Il modo in cui mi guardava, parlava con me e focalizzava la conversazione, tuttavia, aveva
qualcosa di molto peculiare. Nonostante fosse molto diretto, quasi duro, nello scoprire la mia
anima, non mi sentii affatto interrogato, messo allangolo, giudicato, smascherato o esposto. Capii
subito che con me si stava rapportando in modo piacevole, con comprensione ed affetto, senza
che io mi sentissi in dovere di giustificarmi o nascondermi. Cercava di entrare in contatto con me
e, con sincero interesse, mi fece capire che non cera motivo di temere il proprio mondo interiore.
Un senso di solidariet e gentilezza traboccava da ogni parola e da ogni sguardo.
Questo tipo di incontro umano fu per me il primo del suo genere. Questo modo di parlare, di
essere con laltro, di avventurarsi in quel mondo di sentimenti che si trova dietro i nostri pensieri,
sempre rassicurato da uno sguardo amorevole dellaltro, rendevano chiacchiere o tentativi di
nascondersi completamente superflui.
Pi o meno ventanni dopo, in qualit di suo esecutore letterario, stavo preparando alcuni dei
mano scritti inediti di Fromm per la pubblicazione, quando mi imbattei per la prima volta negli
scritti delle conferenze che aveva tenuto, come gi detto, al William Alanson White Institute di
New York nel 1959. E l descriveva proprio il suo vissuto di solidariet:
Il senso di solidariet una delle esperienze terapeutiche pi importanti che possiamo far vivere
al paziente, perch in quei momenti il paziente non si sente pi isolato. In ogni nevrosi, o in
qualsiasi malattia che il paziente possa avere, il senso di isolamento, che egli ne sia cosciente o
meno, il problema cruciale delle sue sofferenze. Nellistante in cui egli intuisce che io le
condivido con lui e posso dire: Tu sei questo, e lo dico in un modo che non n gentile n

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


sgradevole, si verifica una vera liberazione dal suo isolamento. Ci dovuto al fatto che unaltra
persona dice Tu sei questo, gli sta vicina, vive con lui1.
Quello che Fromm afferma sulla relazione terapeutica in generale era vero anche per lui.
Qualsiasi tipo di relazione dovrebbe basarsi su un approccio diretto, un incontro faccia a faccia. Il
volto di una persona rivela il suo mondo interiore. Un incontro faccia a faccia va ben oltre la
superficie, rendendo possibile una relazionalit centrale tra due soggetti. Laltro non pi una
cosa estranea, l fuori, che io osservo, ma mi si presenta nella sua pienezza, e io mi presento a
lui totalmente, e allora non c pi possibilit di sfuggire2.
Lincontro diretto facilita lentrata in contatto con i sentimenti e le passioni dellaltro, in modo da
poterlo sentire come persona completa. Fromm riteneva che questo tipo di incontro diretto con
laltro avesse una caratteristica decisiva, ovvero che Chi riesce a vedere veramente una
persona ha smesso di giudicare3, sempre a patto di vedere quella persona nella sua interezza.
Nonostante che, nel vivere e nel difendere la nostra esistenza, siamo spesso obbligati a giudicare
ci che vogliamo e ci a cui ci opponiamo, tuttavia, in un incontro diretto, dobbiamo trattenerci
dal giudicare, se davvero vogliamo vedere laltra persona,. Chiunque noi siamo, a questo punto
cessa il senso di colpa, perch sentiamo che io sono questo4.
Ecco una descrizione dellincontro diretto: Chi pu vedere se stesso o gli altri nella loro
pienezza, non per questo giudica, perch totalmente conquistato da questo sentimento, da
questa esperienza: Tu sei questo, e anche da questaltro sentimento: Chi potrebbe ancora
giudicare?. In realt non si arriva nemmeno allidea di porsi questa domanda, perch quando io
provo veramente questa esperienza dellaltro, provo lesperienza di me stesso. Dico: Cos, tu sei
questo, e in qualche modo sento molto chiaramente: E anchio sono questo!5.
Quanto un incontro diretto con il s sia cruciale e quali conseguenze possa avere sono due
fenomeni che ho avuto la possibilit di vedere in Fromm stesso. Non passava giorno che non
provasse a mettere in pratica questo tipo di incontro con se stesso. Di solito si riservava unora in
tarda mattinata per i suoi esercizi. Si trattava di esercizi fisici e contemplativi, che ha poi
descritto in Da avere a essere6 come pratiche che promuovono lattenzione e la percezione di s,
esercizi di consapevolezza sensoriale, Tai-Chi, oltre allautoanalisi. Si concentrava sui movimenti
del corpo, sulla respirazione, cercando di svuotare la mente e meditare. Si sforzava inoltre di
percepire quello che risuonava emotivamente in lui e lo preoccupava mentalmente: un senso di
disagio che si protraeva dopo unintervista, ad esempio, o limpulso di scrivere una lettera al
direttore di The New York Times. Cercava di decifrare i messaggi dei sogni che ricordava dalla
notte prima, in modo da confrontarsi con le proprie tendenze, fantasie, forze emotive e conflitti
inconsci.
Gli effetti di questi esercizi alla ricerca dellincontro diretto con s erano lampanti, non solo per
Fromm ma anche per coloro che gli stavano attorno. Lesempio che mi ha colpito di pi fu la
relazione di apertura che Fromm tenne ad un convegno a Locarno-Muralto nel maggio 1975.
Nelle settimane precedenti, Fromm si era rotto un braccio, evento che metteva in dubbio la sua
presenza al convegno. Alla fine improvvis un discorso di due ore su Il significato della
1

Fromm, E., Dealing with the Unconscious in Psychotherapeutic Practice (3 Lectures 1959), in: International Forum of
Psychoanalysis, Vol. 9 (No. 3-4, October 2000) pp. 167-186, p. 178
2
Fromm, E., Linconscio e la prassi psicoanalitica in: Anima e societ, Milano (Arnoldo Mondadori Editore) 1993, pp. 91-143,
p. 123
3
Ivi, p. 121.
4
Ivi, p. 174.
5
Ivi, p. 178.
6
Erich Fromm, Da avere a essere. Tutti gli scritti esclusi da Avere o essere?, Milano (Arnoldo Mondadori Editore: Oscar Saggi
233) 1991.

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


psicoanalisi per il futuro7. Quando successivamente gli chiesi dove avesse trovato la
concentrazione e lenergia necessaria, mi rispose, in modo tuttaltro che pretenzioso: Beh,
stamattina ho fatto gli esercizi per il doppio del tempo. Una persona che pratica lincontro diretto
con se stessa pu trarne energia per lincontro con altre persone, facendosi assorbire da un
argomento o da unaltra persona. per vero anche il contrario.
Una persona che pratica lincontro diretto con gli altri fa delle esperienze che facilitano lincontro
con laltro e con lo sconosciuto allinterno di se stessa.
Lespressione del volto di Fromm rendeva palese che lui era esperto in entrambe le cose, e
pertanto capace di essere con se stesso e con gli altri. Dopo la sua morte, trovai tutta una serie di
fotografie scattate con una tecnologia innovativa (un meccanismo riavvolgente a batteria), la
quale permetteva di ottenere diversi scatti a distanza di pochi secondi luno dallaltro. Sulla
pellicola dei negativi cera una fotografia nella quale Fromm aveva gli occhi chiusi, seguita da
unaltra dove guardava direttamente nellobiettivo. Fromm avr probabilmente chiuso gli occhi per
un mezzo secondo durante questi scatti in sequenza, ed stato ripreso proprio in quellazione. Ad
unanalisi pi attenta, la fotografia ritrae un volto completamente concentrato sul proprio s
interiore, un volto immerso nella propria interiorit. Nella fotografia successiva, quella con gli occhi
ben aperti, si ha limpressione che Fromm concentri completamente la propria attenzione
sullosservatore. Nella prima completamente con se stesso, nella seconda con laltro.
Le fotografie dimostrano quanto Fromm abbia praticato lincontro diretto, per riuscire ad essere
con se stesso e con laltro. Dimostrano inoltre limportanza di questa pratica per la realizzazione
delluomo e dellesistenza sociale. Indipendentemente dal tipo di relazione in cui si compie
lincontro diretto o faccia a faccia, sia essa con gli altri, nel lavoro accademico o scientifico, in
compiti artistici o terapeutici, nel contatto con la natura o con i nostri poteri interiori, lincontro
diretto rilascia sempre energie per incontri diretti in altri ambiti.
Lesperienza derivata dalla pratica dellincontro diretto ha ispirato Fromm a sviluppare il concetto
di orientamento produttivo del carattere, biofilia e modalit dellessere dellesistenza. Come
scrive Fromm in Psicoanalisi dellamore8, La persona che ama la vita pienamente attratta dal
processo vitale e dalla crescita in qualsiasi ambito. Ho scoperto che riportare alla mente gli effetti
degli incontri faccia a faccia con lui mi sono stati di grande aiuto per comprendere pienamente i
suoi concetti di produttivit, ragione ed amore come poteri propri, biofilia o modalit
dellessere dellesistenza.
Che Fromm fosse portato per gli incontri faccia a faccia spiega anche il successo avuto dalle sue
opere, soprattutto per coloro che hanno difficolt a comprendere testi concettuali e teorie astratte.
Una volta Fromm confess di non essere assolutamente portato per il pensiero astratto. Riusciva
a pensare solo quei pensieri che erano collegati a cose sperimentabili. Proprio per questo Fromm
cerc di attuare un incontro diretto anche nellaffrontare i problemi e gli argomenti delle sue opere.
Tuttavia, prima di iniziare a scrivere, si sforzava di trovare un collegamento mentale ma anche
emotivo con quello che era gi stato scritto sullargomento. Riteneva estremamente importante il
poter mettersi in relazione con quello che leggeva, quando sfogliava fonti primarie. Con alcuni
autori questo succedeva praticamente sempre. In particolare, Sigmund Freud e Karl Marx, Baruch
Spinoza e Meister Eckhart. Con altri, invece, accadeva raramente, come ad esempio con Hegel,
Heidegger, Adorno e la maggior parte dei sociologi.
Quando finalmente si metteva a scrivere, Fromm di solito scriveva tutte le idee che aveva
sullargomento in una volta sola. Il giorno dopo, poi, rileggeva quello che aveva scritto e iniziava
7

Erich Fromm, Il significato della psicoanalisi per il futuro, in: Anima e societ, Milano (Arnoldo Mondadori Editore) 1993, pp.
145-175.
8
Erich Fromm, Psicoanalisi dellamore. Necrofilia e biofilia
nelluomo, Roma (Paperbacks saggi 159, Newton
Compton Editori) 1985, p. 61.

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


da capo se sentiva di non aver espresso quello che voleva. Continuava a provarci fino a sentirsi
tuttuno con largomento. Fromm cercava lincontro diretto anche mentre scriveva, con gli
argomenti, le idee, i concetti. La copia scritta a mano non veniva consegnata alla segretaria, in
modo che essa potesse batterla a macchina, finch non sentiva di aver espresso correttamente la
propria opinione.
Molti dei lettori di Fromm si sono sentiti coinvolti e capaci di avere un dialogo interiore con quanto
leggevano nelle sue opere proprio perch i suoi scritti derivavano da un incontro interiorizzato e
diretto con le opere di altri scrittori, e non da processi di pensiero astratti.
Fu cos anche per Romano Biancoli, il quale non solo lesse le opere di Fromm, ma cerc anche di
praticare lincontro diretto mettendo in pratica i suoi insegnamenti.
Fromm visse e sent quello che disse e scrisse. Linsegnamento e la vita erano strettamente legati
sia nelle sue opere che in lui, proprio perch entrambi richiedevano la pratica dellincontro diretto.
Questa leredit che Fromm ha lasciato a tutti coloro che lavorano nel campo della terapia. Ed
anche leredit di Romano Biancoli.

10

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

LA VALUTAZIONE DEI SERVIZI PER LA PERSONA


CON DISABILITA INTELLETTIVA
Il presente draft stato elaborato dal dr. Giampaolo La Malfa e dal dr. Stefano Lassi. Ha carattere
riservato. Ogni utilizzazione deve essere preventivamente autorizzata dagli autori

1. Introduzione
La Disabilit Intellettiva (DI) una condizione caratterizzata da un quoziente intellettivo
significativamente ridotto, da una capacit adattativa anch'essa significativamente ridotta e da
un'insorgenza prima dei 18 anni di vita.
L'algoritmo teorico generalmente seguito, pone la persona con le sue caratteristiche di
funzionamento e i bisogni di supporto in varie aree (vulnerabilit) -cognitiva, adattativa, di
partecipazione, di salute- in rapporto con il contesto (ambiente) nel quale vive. L'ambiente pu
svolgere un'azione positiva, fornendo i supporti per sostenere i bisogni della persona, oppure
un'azione negativa.
Il rapporto tra la vulnerabilit e l'ambiente di centrale importanza nel lavoro con la DI. Da un lato,
infatti, ci rende conto delle possibili complicazioni di salute (fisica e psicologica) che questi
pazienti possono presentare e ci indirizza verso una corretta valutazione, diagnosi e trattamento.
Da un altro punto di vista, tale rapporto ci di guida nel proposito di incrementare l'identit di
questi soggetti, la loro reale partecipazione al lavoro e all'abitare. Tale percorso ha, come fine
ultimo, la promozione della Qualit di Vita della persona.
I servizi per la persona con Disabilit Intellettiva
In passato si riteneva che i bisogni di salute delle persone con DI potessero essere
adeguatamente soddisfatti dai servizi generali per la salute. L'esperienza ha ampiamente
dimostrato che questo non accade e oggi generalmente riconosciuta la necessit di servizi
specialistici. Attualmente viene dibattuto lo stile dei servizi offerti. Schematicamente quattro sono
i principali modelli, nati da circostanze e filosofie differenti.
A gruppi di lavoro specialistici
B gruppi di lavoro specialistici integrati nei servizi generali
C piccoli servizi specialistici locali, con i loro accessi facilitati
D servizi specialistici complessi regionali o subregionali
11

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


Per l'organizzazione dei servizi per le persone con DI, appare realisticamente utile l'applicazione
del matrix model. Tale modello prevede una griglia di valutazione dellimput, dello svolgimento e
delloutput a differenti livelli (personale, di comunit,nazionale).
Occorre a nostro avviso integrare questa griglia valutativa generale, con un end-point forte,
condiviso, che riteniamo essere rappresentato dal concetto di Qualit di Vita. (QoL)
La QoL un concetto complesso, che implica aspetti oggettivi e soggettivi. In sintesi il rapporto
tra interesse,opportunit, soddisfazione e potere decisionale.
Per quanto riguarda la programmazione dei servizi per la persona con DI, la sfida rappresentata
dal concetto di QoL data, in ultima analisi, dalla credenza che tale concetto sia:
-

realistico

un concreto obbiettivo per tutte le persone, compreso quelle con DI

Tre sono attualmente i principi forti su cui si basa l'approccio tipo QoL :
I. si andata via via affermando l'importanza degli aspetti psicologici e sociali nella percezione del
benessere, inclusi i fattori correlati al supporto e all'integrazione sociale, ai rapporti interpersonali,
alla autonomia/indipendenza, alle aspirazioni/aspettative e ai valori pi generali, riguardanti la
famiglia, il lavoro, la vita.
II. La DI e i cambiamenti ad essa connessi sono condizioni che influenzano la capacit della
persona nel fare scelte autodeterminate e di vivere pienamente la vita. Per questi individui, vivere
una vita ordinaria, richiede supporti che vanno oltre quelli necessari alle altre persone della stessa
et. Fornire questi supporti la principale funzione dei programmi educativi, di salute e umani. In
questo caso il concetto di QoL di grande aiuto.
III. Gli individui con DI spesso sperimentano problemi riguardanti la partecipazione nella societ.
Ci significa che queste persone e le loro famiglie corrono il rischio di essere escluse da molte
situazioni e opportunit che sono normalmente accessibili per gli altri.
Predittori della Qualit di Vita
Un tema molto importante il rilevamento di fattori predittivi di una buona QoL, in quanto possono
essere ipoteticamente utilizzati nella valutazione dei servizi. Schematicamente i predittori fino ad
ora individuati sono raggruppabili in tre aree.
A Caratteristiche personali

astato di salute
aindice di comportamento adattativo
aindicatori di comportamenti maladattativi/di sfida
B- Caratteristiche ambientali
12

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

asupporto sociale ricevuto


atipo di setting residenziale
anumero di attivit casalinghe cui il soggetto partecipa
aguadagni
aattivit integrate
C Caratteristiche degli assistenti

alivello di stress dei lavoratori


asoddisfazione nel lavorare con i clienti
asoddisfazione del lavoro
-

Valutazione dei risultati

Come importante ottenere elementi predittivi, altrettanto importante la valutazione dei risultati
(outcome). I risultati possono essere suddivisi in risultati a breve termine (6 mesi 1 anno) e a
lungo termine (molti anni). Si dovrebbe poi distinguere i risultati dei servizi e quelli del cliente.
RISULTATI DEI SERVIZI
A Valutazione della prestazione
a1 efficacia (raggiungimento degli obiettivi)
a2 efficienza (sostenibilit dei costi del servizio e dei supporti)
a3 stabilit (continuit dello staff, finanziamenti)
B Apprezzamento del cliente
b1 accesso al servizio*
b2 soddisfazione dell'utente
b3 competenza dello staff
b4 collegamento tra servizi e supporti
b5 effettivo adeguamento del servizio al modello
RISULTATI INDIVIDUALI
A- valutazione funzionale
a1 benessere fisico (stato di salute, indicatori di benessere)
a2 benessere materiale (impiego, abitazione, educazione)
13

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


a3 stato clinico (cambiamento/riduzione dei sintomi)
a4 attivit giornaliere (a casa/fuori casa)
B Apprezzamento individuale
b1 benessere emozionale
b2- sviluppo personale
b3 autodeterminazione
b4 relazioni interpersonali
b5 inclusione sociale
Le prospettive
Due sono gli argomenti attualmente in grande evoluzione. Il primo riguarda il progressivo
affermarsi del concetto di qualit dei programmi sulla base della soddisfazione dei clienti e dei
loro risultati personali. Il secondo lo sviluppo di nuovi modelli di intervento e di servizi fondati sul
concetto di QoL.
2. Evoluzione del concetto di qualit della vita
E sostenibile che lazione del medico e di ogni altro operatore sanitario sia costantemente
sottesa, in modo pi o meno consapevole, da uno propensione ad aiutare le persone ad essere
soddisfatte della propria vita. E anche ipotizzabile che tale propensione sia antica quanto le
prime forme di intervento. Eppure la teorizzazione della Qualit di vita (QdV) come concetto
fondamentale per la pratica sanitaria estremamente recente e siamo ancora lontani da una reale
e diffusa applicazione.
Lorigine del concetto di QdV forse identificabile nella definizione di salute data
dallOrganizzazione Mondiale della Sanit nel 1948 (WHO, 1948): uno stato di completo
benessere fisico, mentale e sociale, e non semplicemente assenza di malattia o di infermit, ma
lespressione stata usata per la prima volta in una rivista medica, solo nel 1966 da Elkinton
(Elkinton, 1966).
Allinizio gli sforzi di attuazione sono stati limitati e solo sporadici protocolli di valutazione di
programmi di intervento socio-comunitario includevano domande tese ad elicitare il vissuto
soggettivo degli utenti (Fairweather et al., 1969; Test e Stein, 1977). Negli anni 80 il concetto ha
vissuto un fortunato periodo di revisione e sviluppo, soprattutto negli Stati Uniti, dove con una
certa frequenza venivano seguiti percorsi applicativi (Lehman et al., 1982, 1983; Baker e
Intagliata, 1982; Bigelow et al., 1982) e dove, in occasione della produzione del Patient Outcome
14

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


Research Act, la QdV venne obbligatoriamente inclusa nei protocolli di ricerca come misura di
esito degli interventi (Congresso degli Stati Uniti, 1989).
Di fatto la QdV diventata un ambito significativo della ricerca medica solo dalla seconda met
degli anni 90. A fronte di una ricchezza di produzione in riferimento alle patologie organiche,
specialmente cardiopatie e neoplasie, solo pochi sono stati gli studi effettuati sui pazienti con
problemi psichiatrici. La maggior parte di questi ha avuto come oggetto i disturbi psichici implicanti
una maggiore compromissione del funzionamento, dove la valutazione presentava pi difficolt
(Martin, 1995 ; De Girolamo, 2001, Bertelli, 2002). I risultati sono stati sorprendenti: contro tutte le
probabilit e le valutazioni esterne, le autovalutazioni di pazienti con gravi disabilit indicavano
unelevata QdV.
Questo paradosso della disabilit ha trovato possibili spiegazioni nel cambiamento del metro di
giudizio dei pazienti gravi rispetto alla propria vita, nello sviluppo di meccanismi di adattamento,
rassegnazione e di coping rispetto alla negativit degli eventi, nella disponibilit di un consistente
supporto sociale e nei limiti delle metodologie di studio utilizzate. Questo paradosso ha sollevato e
solleva un ampio dibattito sulla discrepanza fra valutazioni di QdV condotte dagli stessi valutandi
e da altre persone, ovvero tra auto ed etero valutazione, tra approccio soggettivo e oggettivo.
Negli ultimi 5 anni la letteratura sulla QdV ha avuto un incremento straordinario e oggi il concetto
sembra porsi al crocevia di tutte le strategie di intervento nei vari settori della medicina in generale
e della psichiatria in particolare. Sono stati prodotti numerosi strumenti di valutazione per tutti i
settori di applicazione: statistiche demografiche, QdV legata alla salute, valutazione di gruppi
specifici di soggetti o di settori professionali, QdV della singola persona e indicizzazione
economica.
Contrariamente allapparente semplicit, legata alla banalizzazione del suo uso frequente,
lespressione QdV pu dunque esprimere una molteplicit di significati, tanto da risultare
impossibile parlarne senza una precisazione di senso specifico.
Nellambito generale delle comunicazioni di massa il concetto di QdV viene continuamente
omologato a quello di vita di qualit, in riferimento ad un ideale universale di eccellenza negli
ambiti pi materiali e commercializzabili : oggetti posseduti, carriera lavorativa, ambienti
frequentati, vacanze, performance fisiche, ecc. Spesso viene addirittura usata come sinonimo di
felicit (Veenhoven, 2001).
In ambito medico la QdV deve invece essere considerata come una modalit di approccio al
sistema paziente-persona. Qui vengono generalmente distinti due metodi principali, uno oggettivo
e laltro soggettivo. La dimensione oggettiva della QdV di una persona corrisponde alle condizioni
15

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


di vita come appaiono ad un osservatore esterno. La loro descrizione non pone particolari
problemi epistemologici. Diversamente la QdV soggettiva corrisponde alla percezione individuale
di soddisfazione rispetto allesistenza e non pu essere valutata che attraverso lopinione della
persona stessa.
I modelli teorici di QdV proposti per lambito socio-sanitario sono numerosi, ma quelli che hanno
avuto maggior fortuna sul piano esecutivo sono i seguenti tre: il modello della soddisfazione,
quello della funzionalit di ruolo e quello dell importanza/soddisfazione.
Il modello della soddisfazione, sviluppato da Lehman (Lehman et al., 1982) e dalla coppia Baker e
Intagliata (1982), si fonda sul cosiddetto gap di Calman [dal nome dellautore che lha descritto
(Katschnig, 2000)], sullidea cio che la soddisfazione rispetto alla vita sia proporzionata alla
riduzione del divario fra condizioni di vita attuali e desideri soggettivi. Il modello trova limiti
difficilmente superabili nelleccessiva soggettivit, nella mancata considerazione dei processi
psicologici di adattamento e rassegnazione, nella mancata attenzione alle opportunit di
sviluppare ambiti di interesse, interpretabili come predittori alla soddisfazione stessa.
Il modello della funzionalit di ruolo, proposto da Bigelow nel 1982, prende le mosse dalla teoria
dei bisogni di Maslow (1954) e sostiene che felicit e soddisfazione siano legate al
conseguimento delle condizioni sociali ed ambientali (ruolo) richieste per soddisfare i bisogni
umani di base. Tale modello, che contrariamente a quello della soddisfazione sostanzialmente
oggettivista, prevede una gerarchizzazione dei bisogni, soprattutto nel senso che la soddisfazione
dei bisogni psicologici superiori dipende dalla soddisfazione di quelli basilari. Sussistono forti
dubbi che siano realmente identificabili bisogni applicabili, in una precisa gerarchia, alla vita di
tutte le persone, soprattutto quando queste si trovino a vivere una condizione di disabilit da
malattia (Estroff, 1981). Il modello ha comunque il merito di aver introdotto la possibilit di
superare il limite della soggettivit dei riferimenti di valutazione della QdV ipotizzando parametri di
riferimento applicabili alla vita di tutte le persone.
Il modello dellimportanza/soddisfazione, elaborato da Becker nel 1993 (Becker et al, 1993), parte
dalla constatazione che per ciascuna persona difficilmente potr essere motivo di soddisfazione
una cosa che non interessa. Pertanto gli autori sostengono che siano definibili degli ambiti di vita
applicabili alla vita di tutte le persone e che la relazione tra la percezione individuale
dellimportanza attribuita a questi ambiti e la percezione individuale della soddisfazione provata
negli stessi costituisca il modo pi completo ed efficace di valutare la QdV. Il modello ha il pregio
di combinare riferimenti oggettivi e soggettivi di valutazione e di introdurre la considerazione delle
opportunit per lo sviluppo degli interessi. Rimane il limite della autenticit dellautovalutazione
16

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


rispetto agli eventuali succitati meccanismi di adattamento, rassegnazione e coping tipici della
psicologia umana, o rispetto a difetti di consapevolezza o di giudizio legati alla malattia.
Per superare le divergenze tra percezione soggettiva e valutazione esterna della QdV
dellindividuo, Zissi e Barry (Zissi et al., 1998) hanno proposto un modello di integrazione o
mediazione. Secondo questo modello la misura pi attendibile di QdV deriverebbe da un sistema
in cui, accanto allautovalutazione, avrebbero un ruolo significativo anche le valutazioni eseguite
da informatori-chiave come familiari, assistenti o operatori socio-sanitari molto vicini al paziente.
3. Utilit dellapplicazione del concetto alla disabilit intellettiva
Nonostante lampia diffusione teorica e la crescente considerazione nella ricerca, la QdV non
trova ancora applicazione alla pratica sanitaria. Oggi lintervento terapeutico ancora orientato
quasi esclusivamente alla restituzione di tutte le funzioni lese dalla malattia, senza grandi
considerazioni per la percezione individuale dello stato di benessere. Questa tendenza alla
normalizzazione invalsa tanto per le menomazioni fisiche quanto per le disfunzioni psicologiche
e il modo di vivere che ne deriva. Mentre relativamente facile pensare giusto restituire ad un
organo del corpo un equilibrio anatomo-funzionale simile a quello della maggior parte delle
persone, un po meno facile pensare terapeutico portare tutte le persone ad avere lo stesso
assetto psicologico, offrire gli stessi ambiti dinteresse e pretendere che abbiano, in questi ambiti,
la stessa vita di soddisfazione.
Nel caso specifico della Disabilit Intellettiva (DI), in cui presente unincapacit strutturale a
svolgere funzioni implicanti lintelligenza, lidea che lintervento terapeutico debba consistere in
uno sforzo alla restituzione di unintelligenza normale toglie addirittura senso allintervento stesso.
Ugualmente appare bizzarro considerare terapeutico cercare di condurre i portatori di DI a vivere
nel modo pi simile possibile a quello delle persone normodotate. Non un caso che spesso le
terapie offerte alle persone con DI siano approssimative, sintomatiche, contenitive o si trasformino
in interventi assistenziali, proprio perch limitate dalla nozione di irrecuperabilit rispetto ad un
procedere terapeutico che tende alla normalizzazione.
Se lesperire soddisfazione e gioia per la propria vita potesse esser considerato il principale
parametro di salute, come sostiene lapproccio sanitario a tipo QdV, allora lintervento terapeutico
dovrebbe tendere anzitutto a restituire tale esperienza, ridimensionando la convinzione che sia
impossibile farlo senza una dote psicofisica simile a quella della maggior parte delle persone.

17

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


Non crediamo che si possa interagire con i portatori di DI senza esser convinti che anche per loro
debba esser fatto il massimo sforzo per il miglioramento dellesistenza. Tale sforzo difficilmente
pu nascere dalla convinzione al perseguimento della normalizzazione ma molto pi facilmente
dallattenzione alla relazione tra interessi e soddisfazioni nella vita delle singole persone (Hatton,
1998).
Lintervento sulla QdV al tempo stesso un intervento sulla clinica che, in gran parte,
rappresentata da disfunzioni comportamentali in competenze e capacit mai valorizzate o
considerate impossibili dallambiente circostante il disabile. Tale scarsa valorizzazione e tale
giudizio di impossibilit dipendono spesso proprio dalla difficolt ad accettare come valida una
modalit di funzionamento diversa da quella normale.
Oltre a queste considerazioni al limite della filosofia e delletica professionale ci sono molti altri
motivi per cui il perseguimento della QdV si sta imponendo allattenzione degli operatori del
campo della DI. Alcuni sono lutilizzo di sempre pi sofisticate tecnologie biomediche e
riabilitative, laumento della sopravvivenza alla disabilit e della durata media di vita, lincremento
di cronicizzazioni e invalidit che ne derivano, i costi elevati dellassistenza sanitaria che
cinicamente richiedono, nella maggior parte dei paesi occidentali, valutazioni precise defficacia.
Impegnarsi a rispondere al bisogno di cura delle persone con DI significa anzitutto essere in grado
di misurare, con sufficiente approssimazione, la distanza che intercorre tra le aspettative
individuali nei diversi ambiti di vita e gli obiettivi terapeutici raggiungibili (La Malfa et al., 1998 a; La
Malfa et al., 1998 b). Nel caso di incompatibilit di interessi, tale sforzo dovrebbe anche
permettere di individuare e privilegiare gli ambiti dimportanza maggiore e quelli capaci di offrire
maggior soddisfazione.
4. Valutazioni di qualit di vita nelle persone con disabilit intellettiva
Il succitato problema della validit della valutazione della QdV pi che mai pressante quando si
fa riferimento alla persona con DI. Questa infatti presenta spesso gravi difficolt di comprensione
e di comunicazione dei propri vissuti (Schalock, 1996; Maes, 2000).
Per le valutazioni finora eseguite in ambito di DI lo strumento che ci sembrato pi utile stato il
Quality of Life Instrument Package, prodotto dal Centro per la Salute Pubblica dellUniversit di
Toronto (Brown, 1995; 1997). Il modello su cui si fonda il sistema di questionari, auto ed
eterosomministrati, quello dellimportanza/soddisfazione. Il gruppo di Toronto ha individuato tre
aree fondamentali nella vita di tutte le persone con e senza DI: Essere, Appartenere e Divenire.
18

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


Ciascuna di queste aree principali stata a sua volta suddivisa in tre sottoaree, come indicato
nella seguente tabella.
Le nove aree della vita del Quality of Life Instrument Package
Essere

Essere fisico
Essere psicologico
Essere spirituale

Appartenere

Appartenere fisico
Appartenere sociale
Appartenere alla comunit

Divenire

Divenire in senso pratico


Divenire nel tempo dedicato a s
Divenire come crescita

La sottoarea Essere Fisico si riferisce alla salute fisica, allalimentazione, alla forma fisica,
alligiene personale, al vestirsi, al curare il proprio aspetto, e simili. La sottoarea dellEssere
Psicologico si riferisce invece ad aspetti della vita interna come il controllo delle emozioni e dei
sentimenti, liniziativa, lautoaccettazione, lautostima, lindipendenza dallo stress e da eventuali
problemi psichiatrici. LEssere Spirituale inteso come l'avere valori personali, criteri di
giusto/sbagliato, buono/cattivo, cose per cui vivere o nelle quali aver fede, come il sentirsi in pace
con se stessi, lagire per altruismo, il festeggiare le ricorrenze o gli eventi particolari, tutto in un
modo che aggiunga significato alla vita. LAppartenere Fisico si riferisce al posto dove si vive, agli
oggetti che si possiedono e simili. LAppartenere sociale al sentirsi in accordo con il partner, con i
membri della famiglia, gli amici, allappartenere a gruppi sociali, culturali o d'interesse.
LAppartenere alla Comunit ha per oggetto il rapporto esistente tra un individuo e le risorse a
disposizione della maggior parte dei membri della comunit, p.e. avere accesso ad
un'educazione, ad un impiego, all'assistenza medica e sociale, agli avvenimenti ed agli spettacoli,
avere una pensione. La sottoarea del Divenire Pratico si riferisce alle abilit e attivit quotidiane,
come i lavori di casa, il lavoro retribuito, landare a scuola o seguire dei corsi, lattivit di
volontariato, le quotidiane routine per la cura di s, la gestione delle proprie pratiche burocratiche,
ecc. Il Divenire come Tempo Dedicato a S, comprende le cose che si fanno per divertimento o
per passione, p.e. giocare a ping-pong, andare a giro con gli amici, leggere, guardare la TV,
19

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


coltivare un hobby, andare al cinema. Infine il Divenire come Crescita, si riferisce alla capacit di
adattamento ai cambiamenti della vita ed alla capacit di migliorarsi, p.e. imparare cose nuove,
migliorare o mantenere le capacit fisiche e le relazioni con gli altri, risolvere problemi, tirar fuori
nuove idee.
Ognuna di queste aree viene valutata sotto quattro diversi profili, che sono linteresse, la
soddisfazione, la partecipazione decisionale e le opportunit. Il valore della QdV viene calcolato
primariamente sulla base della relazione tra interesse e soddisfazione, ma anche sul valore
attribuiti allinteresse. Una QdV massima scaturisce da altissimi valori di interesse e altissimi valori
di soddisfazione, ma in generale una discreta QdV pu anche derivare da tutte le condizioni di
buon equilibrio fra i valori dei due parametri. La peggiore QdV deriva invece dalle condizioni di
squilibrio, per esempio nel caso in cui si abbia grande interesse e scarsa soddisfazione, ma la
riduzione del punteggio dipende anche da bassi valori di interesse.

20

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

RICERCA ESPLORATIVA SULLE STRATEGIE DI ACCULTURAZIONE DEGLI


IMMIGRATI NELLA PROVINCIA DI PISA
Giulia Campatelli

1. Limmigrazione in Italia
Secondo i dati Istat aggiornati al 1 gennaio 2007 gli stranieri legalmente residenti in Italia sono
2.938.922 (1.473.073 maschi e 1.465.849 femmine) con un aumento rispetto allanno precedente
degli iscritti in anagrafe di 268.408 unit (+10,1%). NellUnione Europea lItalia si posiziona subito
dopo la Germania (7,3 milioni) e la Francia (3,5 milioni) mentre assieme alla Spagna si costituisce
lo Stato membro caratterizzato dai ritmi daumento pi consistenti.
Nel Dossier Statistico sullImmigrazione elaborato dalla Caritas (2005), lincidenza media sulla
popolazione viene stimata al 4,8%. Secondo recenti fonti Istat, allinizio del 2007 il rapporto tra i
sessi si conferma abbastanza equilibrato anche se permangono alcune differenze tra le diverse
comunit. Lanalisi dei permessi di soggiorno per anno dingresso, compiuta dallIstat, segnala che
oltre il 50% degli stranieri regolarmente presenti al 1 gennaio 2007 in Italia da almeno cinque
anni (il dato Caritas sale al 60%), e di questi il 26,2% da almeno dieci. I motivi del soggiorno
confermano un netto desiderio di inserimento stabile (9 immigrati su 10 sono in Italia per lavoro o
per ricongiungimento familiare).
Il livello di istruzione degli immigrati mediamente pi elevato di quello caratterizzante la
popolazione italiana: secondo i dati del quattordicesimo e ultimo censimento (2001) tra i residenti
stranieri i laureati sono il 12,1% (contro il 7,5% degli italiani); i diplomati il 27,8% (contro il 25,9%)
e gli individui in possesso di licenza media sono il 32,9% (contro il 30,1% italiano).
Nellambito lavorativo i dipendenti stranieri si inseriscono ancora ai livelli pi bassi segnalando
quindi una situazione di sotto-utilizzo delle loro competenze professionali: sono destinati sia a
mansioni pi gravose che a turni pi disagiati rispetto agli italiani e il 60% dei lavoratori subisce
atteggiamenti di discriminazione da parte dei colleghi (Ires 2005). I reparti che coinvolgono
maggiormente manodopera immigrata sono quello edile, il settore alberghiero e della ristorazione,
lagricoltura, il servizio operativo alle imprese, il commercio e il lavoro domestico e di assistenza
alle persone, con un grande protagonismo delle piccole aziende.
In questo articolo si riassumono i risultati dellindagine esplorativa in cui sono stati analizzati i
rapporti tra gruppi di immigrati culturalmente ed etnicamente differenti presenti nel territorio della
Provincia di Pisa. Il fine stato losservazione delle strategie di acculturazione (gli atteggiamenti e
21

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


i comportamenti messi in atto dagli immigrati nei confronti di italiani e immigrati non connazionali)
attraverso la somministrazione di una versione modificata del questionario IASm (Immigrant
Acculturation Scale modified) di Bourhis.

2. Presupposti teorici e obiettivi della ricerca


Con acculturazione (Berry [1]) si intende il processo duplice di cambiamento culturale e
psicologico che risulta dal contatto tra due o pi gruppi culturali e i loro membri individuali. Il
contatto pu assumere varie forme seguendo le pi svariate circostanze: migrazioni, periodi di
soggiorno (per turismo, studio, asilo politico...), colonizzazioni e persino invasioni militari.
In questo studio sono state considerate quattro strategie di acculturazione: marginalizzazione,
separazione, assimilazione, integrazione. La strategia di integrazione, definita anche lopzione
biculturale (La Fromboise et al. [2]), riflette il desiderio del mantenimento delle caratteristiche
dellidentit culturale originaria dellimmigrato e, allo stesso tempo, ladozione di alcune pratiche
culturali proprie della societ ospitante. Con assimilazione si intende labbandono della propria
cultura dorigine in favore delladozione dellidentit culturale della maggioranza ospitante (in
questo caso, italiana). La separazione la strategia caratterizzata dal desiderio di mantenere tutti
gli elementi centrali del proprio bagaglio culturale rifiutando qualsiasi scambio con membri della
societ ospitante. Infine la marginalizzazione caratterizza coloro che negano qualsiasi valore sia
alla propria cultura dappartenenza sia a quella della societ in cui si vengono a trovare.
Il modello teorico di riferimento di questo lavoro di indagine il Modello Interattivo di Bourhis,
Moise, Perrault, Sencal [3] che introduce limportanza dellinterazione tra politiche di integrazione
governative e strategie di acculturazione espresse dalla societ ospitante e dalla comunit
immigrata.
Le diverse strategie degli immigrati si combinano con quelle degli italiani con gli esiti sulla qualit
della convivenza mostrati nella tabella 1.
Obiettivo della presente indagine la verifica dellesito del processo di acculturazione, in termini di
strategie effettivamente adottate, nei partecipanti.
Occorre ricordare che la modalit di campionamento utilizzata nel presente lavoro non di tipo
probabilistico, pertanto i risultati sono puramente indicativi e non possono essere generalizzabili
alla popolazione immigrata nella provincia.

22

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

Societ

Comunit Immigrata:

ospitante:
(italiana)

Integrazione

Assimilazione

Separazione

Anomia

Individualismo

Integrazione

Consensuale

Conflittuale

Conflittuale

Problematico

Problematico

Assimilazione

Problematico

Consensuale

Conflittuale

Problematico

Problematico

Segregazione

Conflittuale

Conflittuale

Confittuale

Conflittuale

Conflittuale

Esclusionismo

Conflittuale

Conflittuale

Conflittuale

Conflittuale

Conflittuale

Individualismo

Problematico

Problematico

Problematico

Problematico

Consensuale

Tabella 1
Fonte: Bourhis R., Moise L., Perreault S. & Sencal S. [3]

3. Partecipanti
Hanno partecipato allindagine 90 soggetti immigrati in Italia e residenti nella provincia di Pisa,
appartenenti a entrambi i sessi e di et compresa tra i 20 anni e gli 82. Let media di 39, 4 anni
(con deviazione standard di 12,17; valore minimo=20, valore massimo=82). Lodds ratio (OR) per
gli uomini 52%. Lelenco delle nazioni di provenienza prevede 28 paesi diversi distribuiti in tutto
il mondo: Africa del Nord (comprendente Marocco, Algeria, Egitto), Africa Sub Sahariana
(comprendente Senegal, Guinea, Ghana, Togo, Guinea Equatoriale, Nigeria, Sudan, Etiopia,
Eritrea, Kenya), Area Balcanica (comprendente Albania, Macedonia, Serbia, ex - Yugoslavia,
Slovenia), Ucraina, Bulgaria, Romania, America Centro-Meridionale (Cuba, Colombia, Ecuador),
Filippine, Repubblica Popolare del Bangladesh, Repubblica Popolare Cinese, Federazione Russa.
Il reclutamento dei partecipanti avvenuto presso sportelli di orientamento comunali e provinciali,
associazioni sindacali, associazioni culturali, sportelli della questura e della Asl, negozi, abitazioni
private, strade e piazze di Pisa.

23

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

1.2 Grafici riassuntivi

Grafico 1

Figura 1 - Paesi di provenienza dei partecipanti

Grafico 2

24

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

Grafico 3

Grafico 4

Grafico 5

25

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


4. Strumenti e metodologia
E stato etero e auto-somministrato un questionario derivato dal questionario IAS (Immigrant
Acculturation Scale) di Bourhis [4], nella sua traduzione in italiano, indagante le strategie di
acculturazione con scala Likert a 7 punti. Lelaborazione dei dati avvenuta tramite i software
Excel e SPSS.
5. Risultati e conclusioni
Nellindagine emerge la preferenza per le strategie individualistica (M=5,11 con ds=1,01 su scala
Likert da 0 a 7 punti) e di separazione (M=5,08 con ds=1,27).

Grafico 6

La scelta delle strategie di acculturazione pu dipendere da molteplici fattori: la politica della


societ ospitante nei confronti degli immigrati (Berry, [5]), la distanza culturale dellimmigrato
rispetto alla cultura della societ ospitante (Berry [6]), le caratteristiche socio-demografiche e di
personalit quali genere, et, livello di autostima, strategie di coping (Kosic [7]).
Il modello di integrazione pisano appare peggiore rispetto ad altre citt in termini di precariet
abitativa e lavorativa, entrambe traducibili in minor sicurezza della persona e minore spinta
allintegrazione (Casarosa [8]). Anche la presente indagine sembra procedere in tal senso: la
totalit dei partecipanti

ha lamentato tali

problemi, collegandoli

a una conseguente

discriminazione e penalizzazione. La preferenza per la strategia di separazione (oltre a quella


dellindividualismo) potrebbe perci essere connessa (anche) ad una sorta di reazione degli
immigrati alle politiche restrittive della societ daccoglienza.
26

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


Emerge che i soggetti pi favorevoli alla strategia di acculturazione dellintegrazione siano essere
le donne (generalmente di et pi avanzata rispetto agli uomini, con maggiori contatti tra gli italiani
e una qualit di relazione con essi pi elevata), gli individui di et pi avanzata (che sembrano
riuscire a frequentare pi uniformemente tutti i gruppi sociali mostrando quella che sembra
unapertura

dellatteggiamento

verso

il

contatto

intergruppo

funzionale

alladattamento

socioculturale) e coloro che soggiornano in Italia da almeno 8 anni (in cui il pi lungo periodo di
soggiorno pare relazionarsi alle maggiori competenze interpersonali, alla migliore qualit delle
relazioni e ad un miglior grado di inserimento nella societ ospitante).
La presente ricerca mostra anche che con il passare del tempo trascorso in Italia sembra
verificarsi comunque un miglioramento dei livelli di adattamento socioculturale e psicologico degli
immigrati, indicando un miglior inserimento nella realt pisana.
6. Bibliografia e sitografia
[1] Berry, J. W. (1980). Acculturation as varieties of adaptation. In A.Padilla (Ed.), Acculturation,
theory, models and some new findings. Colorado, CO: Westview Press.
[2] La Fromboise, T., Coleman, H., Gerton, J. (1993). Psychological impact of biculturalism:
evidence and theory. Psychological bulletin, 114, 395 412.
[3] Bourhis R., Moise L., Perreault S., Sencal S. (1997). Towards an interactive acculturation
model: a social psychological approach. International Journal of psychology, 32, 369 386.
[4] Bourhis, R.Y., Barrette, G. (2004). Notes on Immigrant Acculturation Scale (IAS). Working
Paper, LECRI, Dpartement de Psychologie, Universit du Qubec Montral, Canada
[5] Berry J.W. (1992). Acculturation and adaptation in a new society. International Migration, 30,
6985.
[6] Berry, J. W. (1997). Immigration, acculturation and adaptation. Applied Psychology: An
International Review, 46, 5-68. Queens University, Ontario, Canada.
[7] Kosic, A. (2004). Acculturation strategies, coping process and acculturative stress. Scand J
Psychol. 2004 Sep;45(4):269-78.
[8] Casarosa M. (a cura di). (2005). Gli immigrati in provincia di Pisa / lavoro, qualit della vita.
Cittadinanza. Pacini Editore.
http://www.dossierimmigrazione.it/ Dossier Statistico dellImmigrazione 2007, Caritas Migrantes
http://www.istat.it Istat
27

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

VERSO UN APPROCCIO MULTIDIMENSIONALE INTEGRATO:


LA PROSPETTIVA EVOLUTIVA
Antonella Leccese, Giampaolo La Malfa
1. Abstract
1.2 Background
I progressi ottenuti nellultimo decennio nel campo delle neuroscienze ed in quello della biologia
molecolare hanno permesso una comprensione pi accurata dei disturbi psicopatologici e
comportamentali spesso associati alla Disabilit Intellettiva (DI). Ci ha consentito il superamento
dellaccettazione dei disturbi associati, spesso considerati come conseguenza del ritardo mentale,
verso una rivalutazione della Qualit della Vita dei soggetti coinvolti. La possibilit di
miglioramento si inserisce in un approccio multidimensionale, capace di apportare una maggiore
comprensione della patogenesi. Attraverso pi prospettive , infatti, possibile pervenire ad un
maggior rispetto per la complessit umana, in una prospettiva bio-psico-sociale, congiuntamente
a quella dello sviluppo.
Il fattore evolutivo il pi innovativo ed in stretta interrelazione con le altre dimensioni. Esso
permette di identificare i bisogni emotivi dei soggetti con DI, di comprendere la patogenesi e lo
sviluppo di comportamenti maladattivi attraverso la delineazione di fasi strutturali e funzionali,
ognuna delle quali rispecchia determinati livelli di sviluppo cognitivo, emotivo e sociale e
determinati bisogni di base, comportamenti e disfunzioni.
1.2 Metodi
E stato eseguito il confronto tra il livello di sviluppo emotivo emerso dallo Schema di Valutazione
dello Sviluppo Emozionale (SAED) ed il livello di ad adattivit allambiente, misurato con gli stessi
soggetti attraverso la Scala di Comportamento Adattivo (Vinaland), prestando una particolare
attenzione al Dominio Socializzazione di questultima.
1.3 Risultati
Dai dati ottenuti emerge una forte concordanza tra il livello delle capacit adattive, quindi cognitive
e sociali ed il livello di sviluppo emotivo, fino al punto di suggerire le medesime et psico-socioevolutive. I due strumenti sono si integrano vicendevolmente nel costituire un quadro armonico di
ciascun soggetto in esame.
1.4 Conclusioni
Malgrado la ristrettezza numerica del campione che ha caratterizzato il presente studio, i risultati
ottenuti permetterebbero di ipotizzare che il SAED possa essere utile per una maggiore
28

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


comprensione della patogenesi, conoscenza dei reali bisogni dellindividuo ed inquadramento dei
comportamenti del soggetto allinterno di una cornice di riferimento individualizzata, nel pieno
rispetto del soggetto valutato. Attraverso un approccio bio-psico-sociale e dello sviluppo
possibile favorire laccuratezza diagnostica, ai fini di una linea di trattamento pi adeguata,
lindividuazione di un ambiente capace di rispondere ai reali bisogni della persona ed un reale
miglioramento della Qualit della Vita dei soggetti con DI.
2. Introduzione
Le classiche categorie diagnostiche descrittive fenomenologiche, rappresentate dal Manuale
Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM) e dalla Classificazione Internazionale delle
Malattie (ICD), usate per la valutazione di individui con Disabilit Intellettiva (DI) considerano
principalmente il livello di sviluppo cognitivo, la capacit adattative del soggetto e let di
insorgenza del disturbo (prima dei 18 anni di vita).
Il Ritardo Mentale (RM), infatti, viene definito dal manuale ICD-10 come una condizione di
interrotto o incompleto sviluppo psichico, caratterizzata soprattutto da compromissione delle
abilit che si manifestano durante il periodo evolutivo e che contribuiscono al livello globale di
intelligenza, cio quelle cognitive linguistiche, motorie e sociali. (pag. 219). A tale condizione si
associa sempre una compromissione delle capacit di adattamento sociale.
Il DSM-IV definisce il RM come la via finale comune di diversi processi patologici, che agiscono
sul

sistema

nervoso

centrale,

ed

caratterizzato

da

un

funzionamento

intellettivo

significativamente sotto la media, da concomitanti deficit o compromissioni del funzionamento


adattivo, entrambi insorti prima dei 18 anni.
A causa della difficolt nella formulazione diagnostica, in passato i disturbi psicopatologici presenti
nei soggetti con DI sono stati considerati ineluttabile conseguenza del deficit intellettivo e trattati
come se tali disturbi rivestissero unimportanza marginale ai fini della Qualit della Vita dei
soggetti interessati.
Per sopperire al disagio psico-sociale dei soggetti, si utilizzavano trattamenti psicofarmacologici,
spesso in modo aspecifico e ripetitivo, in particolare attraverso luso di antipsicotici e di
stabilizzanti dellumore. Spesso tale approccio terapeutico, purtroppo ancora oggi spesso
utilizzato, si rivela improprio e scarsamente efficace e mirato principalmente al controllo dei
comportamenti, socialmente ritenuti non normali o non consoni, senza comprendere i reali
bisogni degli individui, le motivazioni sottostanti e la percezione individuale del contesto di
riferimento.
29

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


Soltanto negli ultimi decenni i progressi scientifici ottenuti nel campo delle disabilit intellettive
hanno potuto dimostrare che la persona con ritardo mentale predisposta ad una vulnerabilit ai
disturbi psicopatologici pi elevata rispetto alla popolazione normale, con unincidenza superiore
al 40%..
Tali disturbi associati alle problematiche comportamentali da essi spesso provocate, ostacolano,
inoltre, i processi di integrazione sociale.
I progressi ottenuti nel campo delle neuroscienze e della biologia molecolare hanno contribuito ad
una maggiore comprensione dei processi sottostanti ai disturbi psichiatrici, migliorandone ed
integrandone la comprensione. Tali progressi hanno dimostrato come una maggiore accuratezza
diagnostica possa permettere una significativa riduzione dei dosaggi farmacologici utilizzati.
La complessit delle problematiche comportamentali e psichiatriche di questa popolazione, infatti
richiede unindagine completa della persona in esame. Ci implica lintroduzione di un approccio
multidimensionale: biologico, psicologico, sociale ed evolutivo o dello sviluppo al fine di superare
il riduzionismo biologico ed ottimizzare lidentificazione e la gestione dei disturbi mentali. Esso
prevede una collaborazione tra professionalit diverse per la valutazione diagnostica dellarea biopsico-sociale, integrata dallaspetto evolutivo: psichiatri, psicologi, pedagoghi, assistenti sociali,
infermieri, caregivers..
Attraverso un approccio multidimensionale possibile, infatti, integrare lintervento farmacologico
con quello psicoterapico e psico-sociale, in grado di valutare le diverse funzioni intellettive del
soggetto, le sue caratteristiche di personalit, le sue necessit emozionali, le sue vulnerabilit
psico-organiche ed il livello di adattamento, al fine di ricreare un ambiente con il quale il soggetto
possa relazionarsi adeguatamente.
La prospettiva dello sviluppo risultata essere innovativa e molto utile nella valutazione, nella
diagnosi e nel trattamento dei soggetti con DI.
Lo sviluppo emozionale e della personalit, infatti, giocano un ruolo importante nella genesi,
insorgenza e manifestazione del comportamento mal adattivo. Appare, pertanto, necessaria la
comprensione del significato del singolo comportamento, inquadrandolo allinterno dello specifico
periodo evolutivo.
Lassunto basilare risiede nel concetto secondo cui la differenziazione per stadi di sviluppo della
funzionalit del Sistema Nervoso Centrale e dei suoi cambiamenti qualitativi e strutturali riferita al
bambino medio, caratterizza anche i soggetti con DI e ne determina la tipologia di pensieri e di
emozioni, le modalit espressive, il comportamento, le modalit adattive allambiente di
riferimento e linterazione con lambiente.
30

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


Differenti stadi di sviluppo emotivi determinano differenti comportamenti adattativi e differenti
reazioni allo stress. Spesso i soggetti con DI, rispetto alla popolazione generale, hanno un livello
di sviluppo psico-sociale situato nelle fasi pi precoci della vita emotiva. Let emotiva rispecchia
spesso quella mentale, ma in alcuni casi la corrispondenza pu non essere riscontrata. In tale
ottica, il disturbo del comportamento si pu interpretare come risultante di una discrepanza tra il
livello dello sviluppo cognitivo rispetto allo sviluppo emozionale e dovuto al conflitto tra ci di cui il
soggetto necessita e ci che riceve dallambiente. In altri termini molti disturbi comportamentali
possono rientrare nella categoria dei comportamenti di sfida, cio una crisi tra il soggetto e il suo
ambiente, senza per questo rappresentare necessariamente un disturbo psichiatrico. In tal caso la
corretta comprensione del comportamento un passo preliminare ed indispensabile sia per una
corretta diagnosi, sia per un adeguato intervento terapeutico abilitativo.
A tale proposito, attraverso lintegrazione di diverse teorie dello sviluppo riferite alle fasi o stadi
che caratterizzano il percorso evolutivo del bambino medio, Dosen ha elaborato uno strumento
per la comprensione dello sviluppo emozionale denominato Schema di Valutazione dello Sviluppo
Emozionale (SAED), che permette di indagare la relazione tra la sfera emotiva e quella cognitivocomportamentale e di comprendere il livello attuale di sviluppo negli aspetti psicosociali proposti:
come la persona tratta il proprio corpo, interazione con il caregiver, interazione con i pari,
manipolazione di oggetti materiali, differenziazione affettiva, comunicazione verbale, ansia,
permanenza delloggetto, esperienza del S e regolazione dellaggressivit. Tali aspetti sono
risultati essere permanentemente presenti durante tutta la vita, presentando delle modificazioni
nelle modalit di risposta, di espressione e bisogni emozionali di base.
Lassunto teorico alla base della strumento postula la differenziazione evolutiva e strutturale in
cinque stadi di sviluppo emozionale.
La prima fase denominata adattamento, corrispondente al periodo intercorrente tra 0 e 6 mesi
e caratterizzata principalmente da una costante attenzione a stimoli interni, con la conseguente
regolazione delle necessit fisiologiche, ed a stimoli esterni, fisici ed umani. Una volta pienamente
raggiunta la prima, segue la seconda fase, chiamata Socializzazione, poich caratterizzata dallo
spostamento attentivo verso particolari persona con cui intraprendere una relazione unica. Il
soggetto ha una maggiore consapevolezza della propria corporeit ed assumono pregnanza le
relazioni sociali. Questultima fase corrisponde al periodo intercorrente tra i 6 ed i 18 mesi. Le altre
tre fasi saranno descritte in seguito. Esse sono state denominate dallautore come:
Individuazione, Identificazione e Consapevolezza della realt.

31

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


Il questionario viena compilato da professionisti esperti, attraverso losservazione del soggetto
valutato o attraverso unintervista strutturata ai suoi caregivers. Il profilo stadiale emerge dalla
corrispondente presenza o assenza degli elementi caratterizzanti la specifica fase . Ad ogni livello
di sviluppo evolutivo sono stati identificati caratteristici comportamenti, bisogni emozionali di base,
ed eventuali disturbi psicopatologici.
La psicopedagogia dello sviluppo psico-sociale pu migliorare le procedure diagnostiche in
quanto permette di comprendere levoluzione delle modalit di coping del soggetto, le sue
motivazioni e necessit emozionali. Lobiettivo primario dellintervento rivolto al miglioramento
della Qualit della Vita del paziente, ossia al benessere in tutte le sue aree di vita, e non soltanto
allestinzione della psicopatologia.
3. Obiettivo
Verificare se il concetto multidimensionale di capacit adattive, come comunemente utilizzate
come criterio diagnostico, presenti una relazione significativa con lo sviluppo emotivo.
4. Partecipanti
Il campione casuale costituito da 10 soggetti effetti da Trisomia 21 ed afferenti allAmbulatorio
per i bisogni di Salute Mentale nella DI del Dipartimento di Scienze Neurologiche e Psichiatriche
dellAzienda Ospedaliera di Careggi, Firenze.
5. Procedura e strumenti
Congiuntamente al SAED stata somministrata la Vineland (Scala di Comportamento Adattivo,
VABS) di cui disponibile adattamento e standardizzazione italiana (a cura di Balboni &
Pedrabissi, 2003). Molteplici indagini hanno accertato che la versione italiana contraddistinta da
ottime propriet psicometriche (ad es., Balboni, Pedrabissi, Molteni, & Villa, 2001).
La Scala Vineland un test normativo, di cui sono disponibili norme statistiche italiane che
consentono di convertire il punteggio grezzo conseguito dai soggetti in un punteggio ponderato
rispetto alla prestazione dei gruppi normativi italiani.
Essa si articola in 4 scale (Comunicazione, Abilit quotidiane, Socializzazione e Abilit motorie), a
loro volta costituite da 11 sottoscale. Ogni sottoscala a sua volta suddivisa in cluster (composti
da 2 a 8 item) elencati in ordine evolutivo crescente. Oltre alle scale possibile utilizzare la Scala
composta, che comprende tutte e quattro le scale del comportamento adattivo.

32

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


Nella presente indagine le risultanze del SAED sono state comparate con la Scala Vinaland, ossia
alla Scala Composta ed al Dominio Socializzazione.
6. Metodi di analisi dei dati
Al fine di poter confrontare i contenuti sottostanti alle due diverse Scale, i risultati ottenuti sono
stati dapprima trascritti sulla base del criterio sottostante la singola Scala (tab1.). In seguito
stata confrontata sia la fase dello sviluppo emozionale, sottesa al costrutto teorico di Dosen (tab.
2.), sia le et emerse (tab.3). La significativit della relazione tra i punteggi ottenuti stata
indagata attraverso il calcolo del chi quadro (2).
7. Risultati
Seppure con un numero limitato di soggetti, il confronto dei punteggi da loro conseguiti nelle Scale
Vineland, specifiche a determinate abilit adattive, con i punteggi ottenuti al SAED sembra
indicare una concordanza tra ognuna delle fasi dello sviluppo emozionale previste da Doesen con
le fasi dello sviluppo delle competenze adattive e sociali misurate dalla Scala Composta e dalla
Scala Socializzazione della Vineland.

33

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

TAB 1. Comparazione Scale SAED e Scala Composta e Socializzazione Vineland (mettere tutto
in mesi e anni)
PAZIENTE

ETA SAED

Et
FASE

Scala

Composta Et

Socializzazione

VABS

VABS

29 mesi

1 anno e 10 mesi

31 mesi

<1 anno e 6 mesi

30 mesi

2 anni e 7 mesi

30 mesi

<1 anno e 6 mesi

SAED
1.

Da 18 a 36
mesi

2.

Da 18 a 36
mesi

3.

Da 18 a 36
mesi

4.

Da 18 a 36
mesi

5.

Da 3 a 7 anni

5 anni e 6 mesi

3 anni e 11 mesi

6.

Da 3 a 7 anni

5 anni e 6 mesi

5 anni e 5 mesi

7.

Da 3 a 7 anni

6 anni e 6 mesi

6 anni e 5 mesi

8.

Da 3 a 7 anni

6 anni e 6 mesi

6 anni e 9 mesi

9.

Da 7 a 12

10 anni e 6 mesi

9 anni e 5 mesi

8 anni e 4 mesi

10 anni

anni
10.

Da 7 a 12
anni

I primi quattro soggetti presenti nella tabella 1 hanno evidenziato unet evolutiva compresa tra i
18 ed i 36 mesi, afferendo alla terza fase dello sviluppo emozionale. I soggetti hanno manifestato
unet approssimativamente simile anche nelle capacit adattive. Sulla base del costrutto teorico
sottostante lo strumento SAED, tale fase dello sviluppo emozionale chiamata Individuazione
ed caratterizzata dalluso del linguaggio e della parola io, nel tentativo di differenziarsi da altri e
di attirare lattenzione, dalla ricerca dellautonomia, la cui privazione provoca una forte ansia. Pu
essere, inoltre, presente distruttivit, irritabilit, irrequietezza, ostinazione e negativismo.
La concordanza stadiale SAED e VABS si evidenziata anche per i secondi quattro pazienti,
rinvenibili in unet compresa tra 3 e 7 anni ed ascrivibili nella quarta fase dello sviluppo
emozionale denominata Identificazione, che si realizza verso persone importanti, ed connotata
34

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


dalla formazione del super-io, dunque dallaccettazione delle regole di comportamento sociale di
altri importanti, dalla dipendenza verso questi ultimi, dal conflitto con lautorit, dalla paura di fallire
e da una fantasia esagerata presente sia nelle modalit ludiche che nella comunicazione verbale.
Gli ultimi due soggetti risultano avere unet, sia adattiva che emozionale, compresa tra i 7 ed i 12
anni. Questi sono collocabili nella quinta fase dello sviluppo emozionale, denominata
Consapevolezza della realt, caratterizzata da una forte socialit, quindi dalla capacit di creare
rapporti cooperativi e legami amicali, ma anche dallansia sociale e dalla paura del disprezzo.
La maturazione del super-ego incide sul controllo dellaggressivit e sulla differenziazione affettiva
facendo s che il soggetto provi senso di colpa, vergogna e senso di coscienza.
8. Analisi dei dati
Il confronto sulla base della fase di sviluppo emozionale corrispondente allet rilevata stato
compiuto collocando le et ottenute nella Scala Composta e nel Dominio Socializzazione della
Vineland.
Tab 2. Confronto tra fase SAED e relativa fase VABS per Scala Composta e Socializzazione
FASE
PAZIENTE

FASE

Scala

SAED

Comp
VABS

FASE
Soc.
VABS

10

Come possibile notare gi empiricamente, i dati nella maggior parte dei casi concordano.

35

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


Per una lettura pi agevole possibile notare dalla tabella a doppia entrata come siano
sovrapponibili le fasi previste da Dosen e quelle relative alla Scala Composta della VABS (tab.
2.1.).
Tab. 2.1. Tabella a doppia entrata: fase SAED e Scala Composta VABS
FASE S. Composta VABS
FASE

SAED
3

Totale

5
Totale

10

Per quanto riguarda il confronto tra la rispettiva fase del SAED ed il Dominio Socializzazione si
possono notare soltanto due casi discordanti, seppure la fase rilevata sia attigua a quella
riscontrata da Dosen (tab. 2.2.)
Tab. 2.2. Tabella a doppia entrata: fase SAED e Dominio Socializzazione VABS
FASE S. Composta VABS
FASE
SAED
3

Totale
4

5
Totale

4
2

10

Tab. 2.3. Chi quadro per Fase SAED e Scala


Composta VABS

Tab. 2.4. Chi quadro per Fase SAED e


Socializzazione VABS

Symmetric Measures

Symmetric Measures

Nominal by Nominal
Interval by Interval
Ordinal by Ordinal
N of Valid Cases

Contingency Coefficient
Pearson's R
Spearman Correlation

Value
,816
1,000
1,000
10

Asymp.
a
Std. Error
,000c
,000c

a. Not assuming the null hypothesis.


b. Using the asymptotic standard error assuming the null hypothesis.
c. Based on normal approximation.

Approx. Sig.
,000

Asymp.
a
b
Value Std. Error Approx. T Approx. Sig.
Nominal by Nominal
Contingency Coefficient ,816
,003
Interval by Interval Pearson's R
,943
,018
8,050
,000c
Ordinal by Ordinal Spearman Correlation ,973
,030
12,000
,000c
N of Valid Cases
10
a. Not assuming the null hypothesis.
b. Using the asymptotic standard error assuming the null hypothesis.
c. Based on normal approximation.

36

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

Nellesame categoriale stato possibile notare come i due test siano fortemente relati, con un
valore di correlazione di 1 per ci che concerne il legame tra SAED e la Scala Composta VABS
(tab. 2.3) e di .94 tra SAED ed il Dominio Socializzazione della Vineland. In entrambi i casi il livello
di significativit inferiore a .000c , pertanto possibile affermare che, malgrado le due Scale
siano diverse, misurano lo stesso costrutto.
Risultati analoghi sono emersi anche dal confronto tra lEt, corrispondente in anni (tab. 3).
Questa stata ottenuta calcolando il punto medio per ogni fase SAED ed approssimando per
difetto da 0 a 5 mesi e per eccesso da 6 a 11 le Et emerse dalla Scala Composta e dal Dominio
Socializzazione presente nella Vineland.
Tab 3. Confronto tra Et SAED e relativa Et VABS per Scala Composta e Socializzazione
PAZIENTE

Et
SAED

Et Scala
Comp.
VABS

Et Scala
Soc. VABS

11

10

10

Anche in questo caso il confronto stato eseguito attraverso il chi quadro(2), distinguendo i
punteggi ottenuti dai soggetti nella Scala Composta rispetto a quelli ottenuti nel Dominio
Socializzazione.

37

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

Tab. 2.3. Chi quadro per Et SAED e Scala


Composta VABS

Tab. 2.3. Chi quadro per Et SAED e


Socializzazione VABS

Symmetric Measures
Asymp.
a
b
Value Std. Error Approx. T Approx. Sig.
Nominal by NominalContingency Coefficient ,816
,029
Interval by Interval Pearson's R
,943
,030
8,033
,000c
Ordinal by Ordinal Spearman Correlation
,952
,021
8,764
,000c
N of Valid Cases
10
a. Not assuming the null hypothesis.

Symmetric Measures
Asymp.
a
b
Value Std. Error Approx. TApprox. Sig.
Nominal by Nominal
Contingency Coefficient,816
,130
Interval by IntervalPearson's R
,959
,025
9,543
,000c
Ordinal by OrdinalSpearman Correlation ,946
,025
8,232
,000c
N of Valid Cases
10
a. Not assuming the null hypothesis.

b. Using the asymptotic standard error assuming the null hypothesis.

b. Using the asymptotic standard error assuming the null hypothesis.

c. Based on normal approximation.

c. Based on normal approximation.

Nel confronto tra le Et emerse dalle due Scale possibile notare che il SAED non la ripetizione
della stessa prova, ma sono due strumenti diversi. Rispetto sia alla Scala Composta che al
Dominio Socializzazione emerso un valore di .94 per la prima e .96 per la Socializzazione con
una significativit di relazione inferiore a .000c. Dai risultati ottenuti, malgrado la ristrettezza del
campione , dunque, ipotizzabile con unelevata probabilit che i due test misurino lo stesso
costrutto poich non si riscontrano differenze significative nei valori ottenuti.
9. Conclusione
Malgrado i limiti costituiti dalla ristrettezza del campione, possibile affermare che la componente
dello sviluppo e della personalit, finora sottovalutate, rientrano nel concetto di adattamento.
Pertanto le capacit adattive sono dovute non solo alle abilit cognitive e sociali, ma anche a
quelle emotive ed evolutive. Essendo la personalit individuale data da molteplici fattori,
indispensabile considerare il ruolo che lo sviluppo gioca nella patogenesi delle patologie dei
soggetti con DI pertanto, anche i problemi incontrati dal soggetto dovrebbero essere trattati con
una tipologia di intervento integrato, che tenga conto delle componenti evolutive, emotivorelazionali, delle specifiche necessit e strutturazioni ad essi connessi.
La valutazione degli aspetti psicosociali e dello sviluppo mostra avere ampie concordanze con i
test comunemente utilizzati con soggetti intelletivamente disabili.
Essa permette una conoscenza pi approfondita del soggetto stesso, ossia del suo sviluppo
cognitivo, sociale, emozionale e della personalit, i suoi bisogni di base e le sue motivazioni.
Il comportamento dellindividuo, correlato ai fattori emersi, potr essere dotato di un nuovo
significato e connesso allinterno di un quadro concettuale pi ampio, pertanto anche la sua ad
attivit o maladattivit sar in funzione del livello di sviluppo bio-psico-socio- emozionale. Un

38

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


approccio integrato potr, inoltre, agevolare la comprensione dei meccanismi di insorgenza della
sintomatologia.
Una diagnosi psichiatrica corretta non pu prescindere dalla considerazione dei fattori evolutivi
attraverso cui si delineano gli aspetti psico-socio-emozionali e cognitivi che sincronicamente si
raggruppano tra loro nel delineare un determinato stadio evolutivo.
Lazione il comportamento risultante dalle necessit emozionali, che strutturano le motivazioni
individuali e ne determinano le attivit dirette allobiettivo e le interazioni ambientali.
Malgrado i risultati ottenuti dalla presente indagine siano analoghi a quelli emersi dalle ricerche di
molti autorevoli autori operanti nel campo della disabilit intellettiva e si sia evidenziata
limportanza della considerazione degli aspetti legati allo sviluppo evolutivo per una maggiore
accuratezza nella diagnosi e nel trattamento, spesso continuano ad essere usate unicamente le
classiche categorie diagnostiche descrittive fenomenologiche, legate principalmente al livello di
sviluppo cognitivo, senza integrare tale valutazione con le informazioni sulle caratteristiche
psicosociali e dello sviluppo.
10. Riferimenti bibliografici
[1] Balboni, G., Pedrabissi, L., Molteni, M. e Villa, S. (2001). Discriminant validity of the Vineland
Scales: Score profiles of individuals with mental retardation and a specific disorder. American
Journal on Mental Retardation, 106, 162-172.
[2] Doll, E.A. (1940). The social basis of mental diagnosis. Journal of Applied Psychology, 24,
160-169.
[3] Doll, E.A. (1941). The essentials of an inclusive concept of mental deficiency. American
Journal on Mental Deficiency, 46, 214-219.
[4] Doll, E.A. (1965). Vineland Social Maturity Scale. American Guidance Service, Circle Pines,
MN.
[5] Dosen A. (1983) Psychische stoornissen bij zwakzinnige kinderen. Swets en Zeitlinger, Lisse.
[6] Dosen A. (1990) Psychische en gedragsstoornissen bij zwakzinnigen. Boom, Amsterdam.
[7] Dosen A. (1997) Psychische Storungen bei geistig behinderten Menschen. Gustav Fischer,
Stuttgart.
[8] Dosen A. (2001) Developmental Dynamic Relationship Therapy: An approach to more severely
mentally retarded children. In: Treating Mental Illness and Behavior Disorders in Children and
Adults with Mental Retardation (eds. A. Dosen & K. Day) pp. 415-28. American Psychiatric Press,
Washington DC.
39

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

[9] Dosen A. (2004)The developmental psychiatric approach to aggressive behavior among


persons with intellectual disabilities. Mental Health Aspects of Developmental Disabilities. 7, 2, 5768.
[10] Dosen A. (2005 a) Applying the developmental perspective in the psychiatric assessment and
diagnosis of persons with intellectual disability: part I assessment. Journal

Intellectual

Disabilities Research. 49,1, 1-8.


[11] Dosen A. (2005 b) Applying the developmental perspective in the psychiatric assessment and
diagnosis of persons with intellectual disability: part II diagnosis. Journal Intellectual Disabilities
Research. 49, 1, 9-15.
[12] Dosen A. (2005 c) Psychische stoornissen gedragsproblemen en verstandelijke handicap.
Van Gorcum, Assen.
[13] Dosen A.& Day K. (2001) Treating Mental Illness and Behavior Disorders in Children and
Adults with Mental Retardation. American Psychiatric Press, Washington DC.
[14] Gabbard G.O. (2001) The fate of integrated treatment: Whatever happened to the
biopsychosocial psychiatrist? American Journal of Psychiatry, 158,12, 19561963.
[15] Gabbard G.O. (2005) Mind, brain, and personality disorders. American Journal of Psychiatry
162, 648-55.
[16] Gardner W.I.& Graeber-Whalen J. (1994) Use of behavioural therapies to enhance personal
competency : a multimodal diagnostic and intervention model. In: Mental Health in Mental
Retardation (ed. N. Bouras) pp. 205-223. Cambridge University Press, Cambridge.
[17] Giannini, M. (2002) Il comportamento adattivo. Bollettino di Psicologia Applicata, 238,
[18] Grossman, H.J. (1973). Manual on terminology and classification in mental retardation.
American Association on Mental Deficiency, Washington, DC.
[19] Grossman, H.J. (1977). Manual on terminology and classification in mental retardationRevised American Association on Mental Deficiency, Washington, DC.
[20] Harris J.C. (1998). Developmental neuropsychiatry, vol. I. Oxford University Press, Oxford.
[21] Hollins S. (2001) Psychotherapeutic methods. In: Treating Mental

Illness and Behavior

Disorders in Children and Adults with Mental Retardation (eds. A. Dosen & K.Day) pp. 27 -44,
American Psychiatric Press, Washington DC.
[22] Jacobson, J.W. e Mulick, J.A. (1996). Definition of mental retardation. Manual of diagnosis
and professional practice in mental retardation. American Psychological Association, Washington,
DC.
40

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


[23] Kay J. (2001) Integrated treatment: an overview. In: Integrated Treatment for Psychiatric
Disorders (ed. J. Kay) pp. 1-29. American Psychiatric Press, Washington DC.
[24] La Malfa, G. P., Cappelli, M. N., (3alassi, E, Linares, L., & Cabras, E L. (1991). L'intervento su
autonomia personage nel soggetto handicappato grave in un Centro Residenziale. Riabilitazione
Oggi,VIII, 6-9.
[25] Lowry M.A. (1998) Assessment and treatment of mood disorders in persons with
developmental disabilities. Journal of Developmental and Physical Disabilities 10, 387-406.
[26] Vonk J. & Egberts C. (1990) Counseling of mentally retarded children with emotional and
behavioral problems in a day care centre. In: Treatment of Mental Illness and Behavioral
Disorders in the Mentally Retarded pp. 201207 Logon, Leiden.

41

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

KABBALAH TRA CONSAPEVOLEZZA E STILE DI VITA


Claudia Palermo
Un po per formazione, un po per esperienza di vita, gi mi ero accorta che non sono certo le
nostre qualit, i nostri talenti o la nostra parte buona a farci fare le esperienze pi intense, ad
omaggiarci degli insegnamenti che restano.
Fondamentali piuttosto le porte in faccia. A patto per che ognuno di noi si assuma la
responsabilit delle proprie azioni e ne trattenga, senza piangersi addosso, il messaggio che
quellesperienza porta con s.
Ho sempre pensato che i nostri tratti caratteriali meno nobili facessero capolino in un particolare
momento, in una data situazione, per dirci qualcosa. E ne sono tuttora convinta.
Come sono convinta che le persone spirituali non siano quelle che lasciano tutto per andare in
India sotto un albero a meditare , o che recitino il S. Rosario tutte le mattine,ma siano piuttosto
quelle che restano a lottare nella banalit del quotidiano, con le bollette da pagare, i bambini
che strillano, il tempo che non basta mai e il letto ancora da rifare.
Qualche anno fa, quando studiai Rudholph Steiner, ricordo pi di tutto fui colpita da un concetto
chiave: tutte le volte che soffri perch ti stai intestardendo su qualcosa.
Sar ..
In realt con gli anni non solo ho realizzato quanto fosse vero ma ho compreso che il processo di
trasformazione dellindividuo transita necessariamente da due stazioni: o la sofferenza o la
trasformazione spirituale.
Non esistono altre possibilit.
Certo avere fede aiuta. Ma cosa significa avere fede? E in chi riporla? Aver fede significa avere
fiducia e in chi riporla, innanzitutto in noi stessi.
Dio non ha mai creato la religione, piuttosto essa appartiene agli esseri umani, alla storia.
E questa invenzione non ha portato che guerre, odio, separazioni. Per quanto sia tragico
ammetterlo , stato versato pi sangue in nome della religione di quanto siano riusciti a fare tutte
le malattie e i crimini messi insieme (Yeuda Berg - I 72 nomi di Dio).
Quando si parla di sofferenza, non servono spiegazioni, ci si intende sempre.
Quando varchiamo la soglia della spiritualit ci si confonde un tantino. Spesso il fraintendimento si
genera proprio perch si associa spiritualit a religiosit e ci si perde in labirinti senza uscita.
La spiritualit vera trascende differenze geografiche, barriere e sistemi di credenze che da
sempre caratterizzano lUmanit.
La parola dordine incondizionatamente.
Si tratta sempre e comunque di una faccenda personale. E un percorso che inizia e non finisce.
Ho trovato conferma circa le mie convinzioni nello studio della Kabbalah.
Dicono che ci si arriva verso i quarantanni e cos a me successo.
Mi capitava di imbattermi in un articolo, in un libro, in qualcun che ne sapeva qualcosa e mossa
dalla curiosit ho cominciato a leggere dopodich ho preso contatti con il Kabbalah Centre di
Londra e Tel Aviv, volevo capire meglio.
Cos iniziato il mio viaggio di conoscenza e consapevolezza e mille e mille volte mi sono trovata
a dire, leggendo un testo o confrontandomi con la mia insegnante:E vero, lo sapevo gi!.
In effetti la Kabbalah non mi ha insegnato nulla che non sapessi gi, che non fosse gi dentro di
me, semplicemente mi aiuta ad attivare le mie risorse. Si tratta di uno strumento spirituale antico
quanto il mondo ma che non richiede nullaltro che azione per rendere accessibili i benefici che
rende.
Nella vita capire come funzionano le cose aiuta.
42

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


E allora forse affrontiamo anche meglio le prove che allimprovviso ci si materializzano davanti;
le sfide che ci visitano di tanto in tanto.
Nulla succede per caso. Qualsiasi evento, circostanza, esperienza o persona che capita nella
nostra vita ha un significato preciso.
Soprattutto quelle meno piacevoli. Qualcuno potrebbe pensare ad un atteggiamento zen, a un
gran self control. Niente affatto.
E il risultato derivato dalla consapevolezza che ci conferisce un miglior baricentro, che ci porta a
fare la cosa giusta nel momento pi opportuno.
Certo non sempre un viaggio in prima classe.
Occorre contattare le nostre paure, il nostro ego, il dubbio e molto ancora. Ma ne vale la pena.
Cambia la qualit della vita. Allimprovviso non mi arrabbio pi se qualcuno mi taglia la strada o
mi fa un torto, perch ne comprendo il significato.
I cabalisti dicono che nella vita non bisogna n subire n farsi giustizia. C una giustizia al di
sopra delle cose e delle persone che in grado di ripristinare gli equilibri, basta affidarsene.
Non voglio dire che la Kabbalah sia la chiave di lettura per definizione ma sicuramente una
filosofia di vita che ci rende migliori, pi consapevoli e in grado di apprezzare quello che la vita
stessa ci offre.
E se qualcuno la incontra buon viaggio!

43

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

IL LIBRO DI ALICE
Silvia Benedetti

Questo testo, destinato ad alunni delle scuole Elementari, nato in seguito alle campagne
dinformazione che si svolgono negli USA, per informare i bimbi rispetto ad alcune gravi patologie,
in questo caso parliamo di quelle cerebrovascolari.
Infatti, mettere a conoscenza i bimbi riguardo ai sintomi di tali malattie fa s che essi diventino i
primi soccorritori o che perlomeno allertino gli adulti.
Lictus una malattia invalidante, ma se essa curata entro le prime tre ore, possiamo ridurre i
deficit che possono addirittura essere nulli.
Questo testo, in veste gradevole e accattivante, racconta la storia di una bimba, ALICE, il cui
nonno ha difficolt a muovere le mani, le gambe e a parlare. La famiglia non sa quali iniziative
intraprendere e alla fine decide di chiamare il 118.
Questo intervento compiuto velocemente dal personale del 118, che telefonicamente informato,
dai familiari, rispetto ai sintomi, permette al nonno di giungere in ospedale con celerit e di
effettuare la trombolisi venosa. Questo fa s che il paziente non abbia deficit correlati allevento
ischemico.
Nelle pagine seguenti del libro sono elencati gli stili di vita sani per evitare altri attacchi.
Nelle ultime pagine, infine, sono presenti alcune indicazioni pratiche, vale a dire cosa osservare
rispetto ai sintomi.
Al termine ci sono alcuni giochi come cruciverba e scritte da colorare.
Nella penultima pagina c un questionario per i genitori ed uno per i bambini, formulato su scala
Likert, con tre variabili di risposta molto, abbastanza, poco.
Si chiede ai genitori se questo testo ha fornito informazioni utili, se ha colmato alcune loro lacune,
se hanno affrontato largomento con il loro bambino e qual il loro giudizio complessivo( ottimo,
buono, sufficiente).
Ai bimbi invece si chiede con le solite modalit della scala Likert (molto, abbastanza, poco) se gli
piaciuto il libro, se hanno imparato qualcosa di nuovo, se si sono spaventati, se ne hanno
parlato con gli amici.
Sono stati distribuiti nelle scuole pistoiesi 3465 testi, sono state rese 357 schede.
Sono stati analizzati i dati, con i seguenti risultati.

44

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


Alla prima domanda i genitori hanno risposto che il libro aveva fornito informazioni utili: il 37%
molto, il 50% abbastanza, 4% poco.
Alla seconda se aveva colmato delle lacune: molto il 40%, abbastanza 16%, poco 4%.
La successiva domanda chiedeva se avevano affrontato largomento con il loro bambino e hanno
risposto: 26% abbastanza, 44% molto, 24% poco, 6% non risponde.
Lultima chiedeva la formulazione di un giudizio complessivo: 23% ottimo, 37% buono, 4%
sufficiente, 4% non risponde.
Anche i bambini hanno risposto:
Alla prima se gli era piaciuto il testo: molto 66%, abbastanza 25%, poco 3%, non risponde 6%.
Gli stato chiesto inoltre se avevano imparato qualcosa di nuovo: molto 35%, abbastanza 23%,
poco 6%, non risponde 4%.
Era importante sondare se si erano spaventati e hanno risposto: molto 2%, abbastanza 12%,
poco 47%, 7% non risponde.
Lultima chiedeva se ne avevano parlato con gli amici: molto 8%, abbastanza 13%, poco 41%,
non risponde 6%.
Da questi dati possiamo fare alcune deduzioni soprattutto riguardo ai bimbi.
Sono stati disponibili ad apprendere, non si sono spaventati, hanno messo in comune i contenuti
che avevano appreso.
Lobbiettivo che ceravamo posti, in altre parole sensibilizzare i piccoli ed i loro genitori stato
conseguito.

45

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

RIFLESSIONI SUL FILM-DOCUMENTARIO:


FRANK GEHRY. CREATORE DI SOGNI di S. Pollack
Rachele Sughi
Qualche giorno fa ho avuto loccasione di riguardare, insieme ad un gruppo di miei studenti, il filmdocumentario Frank Gehry. Creatore di sogni. Il film, diretto da S. Pollack, parte del
programma del corso che tengo sulla Storia del design e dellarchitettura del 20-21secolo
perch lo ritengo particolarmente interessante soprattutto per chi fa, o far, il creativo di
professione.
Pollack, attraverso la sua telecamera, ed il suo punto di vista ( il punto di vista di chi non conosce
luniverso del fare architettura), riesce a farci entrare, insieme a lui, in questo pianeta
sconosciuto. E, insieme a lui, scopriamo non solo la straordinaria personalit di Frank Gehry, ma
anche un fare e progettare architetture quanto mai originale ed affascinante.

DISNEY CONCERT HALL, modello (2003)

46

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

Gli edifici di Gehry, infatti, non nascono sul foglio bianco, bens prendono forma tra le sue mani.
Come un vero e proprio artigiano di architetture, le sue mani creano forme, volumi, dai materiali
pi disparati: carta, cartone, plastica, legno, ecc. Mani che modellano, plasmano, fondono la
materia, che rinasce, e rivive quasi magicamente. Dai materiali pi semplici, ordinari, Gehry
capace di creare lo straordinario. E guardando i suoi edifici ti convinci proprio di questo: lessere
umano in grado di realizzare limpossibile.
Il Disney Concert Hall di Los Angeles, il museo Guggenheim di Bilbao, Ginger & Fred di Praga, il
Weisman Art Museum di Minneapolis, la Foundation Louis Vuitton pour la cration di Parigi (di
prossima costruzione), tutte queste opere architettoniche ci mostrano, e dimostrano, proprio
questo.

47

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

GINGER & FRED dancing house,


Praga (1992-95)

Il film-documentario d particolare rilievo ad una figura che ha svolto un ruolo fondamentale nella
vita dellarchitetto canadese: il dottor Milton Wexler.
Wexler stato psicoanalista di Gehry. Lo conosce da quasi 40 anni. E in questi 4 decenni, ha
visto e vissuto, da vero analista, le sue trasformazioni: il Gehry pieno di paure, insicurezze,
dubbi, frustrazioni, che prende lentamente fiducia nelle proprie capacit, prende consapevolezza
dei propri mezzi, comprende profondamente chi . Il risultato lincredibile potenziale creativo
che, proprio grazie alla terapia, riuscito a liberare. Una libert totale che si mostra infatti appieno
nei suoi edifici, fuori dal tempo e da ogni possibile categoria.

48

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

FREDERICK R. WEISMAN ART MUSEUM, Minneapolis (1993)

49

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

WALT DISNEY CONCERT HALL, Los Angeles (2003)

Milton Wexler spiega nel film che il momento pi importante per la carriera di Gehry, e per luomoGehry, stato il passaggio dall adolescenza a l et adulta. Wexler ricorda di Gehry, fin dalle
primissime sedute, un modo di fare, un approccio verso il prossimo, quasi infantile. Un
atteggiamento, spiega, che si ritrova, tipico, proprio nel bambino: la seduzione. Gehry, quando
ancora non era Gehry, aveva un grande bisogno di riconoscimenti, di lodi, un bisogno profondo di
essere accettato come essere umano e come artista. Un bisogno che abbiamo tutti, potremmo
definirlo primario. In Gehry, continua Wexler, questo aspetto era talmente forte che, quando si
relazionava con eventuali clienti, egli utilizzava inevitabilmente larma della seduzione per
riuscire a conquistarli. Proprio come il bambino che desidera ardentemente un giocattolo e arriva
a sedurre la madre o il padre pur di averlo, pur di possederlo, cos Gehry utilizzava lo stesso tipo
di meccanismo. In questo modo si lasciava andare ad atteggiamenti che in realt non facevano
50

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


parte del suo vero io. Si mostrava per quello che non era, pur di avere, possedere, loggetto del
suo desiderio: conquistare il cliente. Ma allora qual il problema ci potremmo domandare a
questo punto.
Il problema nasce quando questo meccanismo rimane arma primaria di conquista, anche in et
adulta. Lindividuo che non riuscito, attraverso leducazione, i rapporti interpersonali, ecc., a
crearsi un io forte, unautostima solida, avr difficolt in qualsiasi tipo di relazione. Avr sempre
bisogno di conquistare la fiducia, la stima degli altri per compensare la mancanza della propria. E
questo significa rimanere, per sempre, ad una fase infantile del vivere. Ad una fase, per, dove
lindividuo orientato unicamente verso se stesso, unicamente verso la soddisfazione del proprio
ego.
Questo, spiega ancora Wexler, col tempo, gli ha creato un crescente stato di frustrazione perch
non riusciva a mostrare ai clienti, ai colleghi, a se stesso, il vero Gehry. La psicoterapia lo ha
aiutato proprio in questo: a compiere il salto. Inizialmente un vero salto nel vuoto, perch
mostrare il proprio vero io, per la prima volta, significa sapere da dove si parte ma non sapere
dove si arriva. Io mostro a te per la prima volta chi sono, ma tu mi accetterai? Rimarrai comunque
accanto a me? O scapperai?
Il cambiamento, lo sappiamo, sempre accompagnato da uno stato emotivo di paura. La paura
del mutare delle cose insita nelluomo. E la paura del vuoto... Gehry, grazie a Wexler, riuscito
a fare il salto. Ha cominciato a mostrare ci che era e chi era: un essere umano, con i suoi lati
pi e meno belli, ma comunque un essere umano di valore. Un individuo come tutti gli altri con
una grandissima passione: creare edifici. Accettare di essere un architetto, accettare di avere un
grande talento, per Gehry stata, forse, la cosa pi difficile.
Una frase attribuita a Nelson Mandela dice: Noi non temiamo la nostra debolezza, ma la nostra
luce, la nostra grandezza.
Gehry ha mostrato e dimostrato di essere un grandissimo architetto, prima di tutto a se stesso. E
laccettare questo gli ha permesso di fare il passo successivo: mostrarlo agli altri. Senza pi
paure, con la solidit della ritrovata autostima.
Non cera pi bisogno, a questo punto, di sedurre i suoi clienti. Larma della seduzione lha
lasciata insieme ai giochi di quando era bambino.

51

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

FRANK GEHRY

52

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

INSERTO
SUL FENOMENO
HIKIKOMORI

53

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

ANALISI DELLA PATOLOGIA DEI RAGAZZI GIAPPONESI HIKIKOMORI


DAL PUNTO DI VISTA OCCIDENTALE
Paolo Cardoso, Livia Cornelia Bernardoni, Giulia Casanovi.
Con la collaborazione dellequipe del dott. Massimo Cecchi del SERT 2 di Firenze

1. Alcune considerazioni storiche e sociologiche sul Giappone


Prima di affrontare da un punto di vista psicologico la patologia dellhikikomori occorre fare alcune
riflessioni di natura storico-sociologica. Noi siamo abituati a studiare le patologie psicologiche del
mondo occidentale nel loro contesto di sviluppo storico ed in relazione con la nascita e
mutamento dei miti.
Levoluzione della coscienza e dei valori collettivi sono imprescindibili dallanalisi delle malattie
psicologiche.
La cultura occidentale e giapponese si sono sviluppate in contesti storici e sociali diversissimi e
questo ha prodotto, alla fine, una coscienza storica e morale lontanissime tra di loro.
In questa prospettiva storica noi pensiamo che pi significativo del cambiamento del periodo Meji,
sia stato quello avvenuto alla fine del secondo conflitto mondiale.
L vi fu un inserimento, a nostro giudizio, anche molto forzato degli Stati Uniti, di valori morali e
qualitativi assolutamente estranei al mondo culturale giapponese di allora, sino ad arrivare ad
ipotizzare, come hanno fatto i prof. Mizuno e Rizzoli, che tutta una generazione post-bellica, in
una massiccia identificazione con laggressore, si rivolse allAmerica.9
Vi fu limportazione e forse limposizione di valori, tradizioni, mode tipiche del mondo occidentale.
Molti giovani, anche per un normale rifiuto generazionale dei valori di quelle precedenti, vi si
uniformarono, cos come furono accettati dalla generazione che aveva fatto la guerra perch
travolta dai sentimenti di vergogna per la sconfitta e forse con una voglia di girare pagina su una
struttura civile e culturale troppo legata ad un Dai Nippon ormai scomparso.
Certo gioc anche molto la necessit di adottare stili di vita e di produzione per uniformarsi alle
logiche ed alle leggi di un mercato economico nuovo e diversissimo, ma che offriva grandi
possibilit di crescita al Giappone.

Masafumi M., Rizzoli A. (1995). Introduzione alla psichiatria giapponese. Quaderni italiani di psichiatria 14(5).

54

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


Il sogno di grandezza si poteva realizzare non con strumenti bellici, ma con la dedizione totale ed
assoluta al progresso tecnologico ed al mercato.
La frustrazione della sconfitta poteva essere superata attraverso uno sviluppo economico che
avrebbe portato il Giappone a divenire uno dei pi importanti produttori di tecnologie avanzate del
mondo.
Per far ci occorrevano giovani qualificatissimi da un punto di vista della preparazione
tecnologica. Ci impose durissimi criteri di selezione, prima a scuola e poi nel mondo del lavoro.
Ne fu profondamente modificato il modello familiare. Il babbo divenne persona sempre pi
assente nella vita familiare perch assorbito totalmente dal lavoro. Basta pensare al tempo
necessario per lo spostamento casa-lavoro-casa e le moltissime ore dedicate al lavoro per
rendersi conto che il tempo trascorso con la famiglia diveniva davvero poco e in ogni caso, a quel
punto, il genitore era stanco e poco disposto a dedicarsi ai problemi dei figli. Un altro fenomeno
interessante da valutare che in quel periodo aumentano i figli unici, novit rispetto a modelli
familiari dove nelle famiglie vi erano sempre diversi figli. Questo, infatti, il classico modello
familiare presente nelle civilt dove lattivit economica preminente quella contadina.
Tutto ci ha ingenerato un cambiamento profondo nel rapporto di amae tra la madre ed il figlio,
spesso unico, che alla fine diviene patologico, per un eccesso dattenzioni e daspettative.
I grandi sacrifici fatti dalle famiglie per dare ai figli la possibilit di accedere a scuole prestigiose e
lenorme sforzo richiesto ai ragazzi per dare buoni risultati scolastici ha finito per travolgere gli
anelli pi deboli.
Se si considera poi la storica diffidenza della cultura giapponese verso gli psichiatri e gli psicologi,
dovuta forse al fatto che chi vi faceva ricorso era visto da tutti solo come un matto, si capisce
perch il fenomeno, allinizio, sia stato forse sottovalutato e poco studiato.
Ci forse spiega lo strano approccio tenuto verso linsorgere di problemi psicologici negli
adolescenti, che scaturiranno poi in gravi patologie, almeno per noi occidentali, tutti gli sforzi
erano posti nel cambiare i comportamenti e gli interventi erano mirati sulla famiglia per far s che
il ragazzo potesse essere reinserito al meglio nel processo di studio.
2. Una descrizione della patologia hikikomori
Il termine Hikikomori, sindrome che colpisce ormai molti adolescenti giapponesi, stato
frequentemente tradotto con quello di social with-drawel (ritiro sociale).10
10

Adams R. (2004). Hikikomori / Otaku Japans Latest Outgroup.


http : //scholar.google.com/Hikikomori/Otaku Japans latest Outgroup.

55

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


Molti dei giovani affetti da Hikikomori condividono alcuni aspetti patologici con chi soffre di taijinkyofu-sho. Questultima patologia consiste fondamentalmente nel mostrare un sentimento di
vergogna e forte timidezza alla presenza degli altri.11
Nellaprile del 2003 il governo giapponese ha reso pubblico un primo studio su tale fenomeno.
stato definito Hikikomori chiunque si sia completamente ritirato dalla societ per pi di 6 mesi. In
12 mesi (durata della ricerca) i casi segnalati dai servizi psichiatrici sono stati 6151 (40% tra i 16 e
i 25 anni 21% tra i 25 e i 30 8% chiusi in una stanza per 10 anni o pi).12
Dal punto di vista comportamentale si possono evidenziare una serie di atteggiamenti che
consistono prevalentemente nel negare qualsiasi tipo di contatto con la societ; tra questi risalta il
rifiuto della scuola. Decidere di non andare pi a scuola sembra essere il passo principale per
sprofondare nella patologia dellHikikomori. In effetti, sono in molti ad esibire un atteggiamento
davversione verso la scuola (school refusal syndrom).
Lassenza si prolunga per settimane o per mesi interi, il contatto con gli altri studenti appare
difficile in quanto fonte denorme disagio attribuibile probabilmente a capacit sociali poco
sviluppate.13
Un altro tipico comportamento quello di rinchiudersi nella propria camera. In seguito a ci,
spesso alterato il ritmo sonnoveglia e le attivit sono svolte durante la notte, mentre il giorno
utilizzato per dormire. Gli unici interessi divengono i videogame, la televisione e lutilizzo di
internet ed in particolare le chat-lines.
Chi affetto da Hikikomori si differenzia, per esempio, da chi soffre di Otaku (giovani che
condividono una comune ossessione verso persone famose od oggetti) per il modo dapproccio ai
media.
Mentre l otaku divora i media come una forma di sapere sul proprio oggetto dossessione e
come un modo per diventare parte di un gruppo, l Hikikomori usa invece i media come una
forma devasione dalla realt. Da una parte la televisione permette loro di avere notizie del mondo
senza essere osservati o controllati. Dallaltra i videogame rappresentano un passatempo che non
implica nessun coinvolgimento personale o interazione umana. Sebbene molti Hikikomori usino
11

Nakamura K. et al. (2002). The neurotic versus delusional subtype of taijin-kyofu-sho : Their DSM diagnoses.
Psychiatry and Clinical Neurosciences, 56, 595-601.

12

Watts J. (2002). Public health experts concerned about hikikomori. The Lancet, 359, 1131.

13

Letendre G. (1996-1997). Youth and Schooling in Japan: Competition with peers. Berkeley Journal of Sociology: A
critical Review, 41, 103-136.

56

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


internet per comunicare, anche in questo caso si tratta pur sempre di una forma di comunicazione
che non comporta nessun contatto umano reale.14
Si presuppone che luso diffuso e sproporzionato del computer e della televisione nel Giappone
post-moderno abbia contribuito in parte allaumento e allo stabilizzarsi di diverse patologie, come
l Hikikomori e il gi citato fenomeno dell Otaku.
Ultimamente alle persone affette da Hikikomori sono frequentemente associati episodi di
violenza adolescenziale. Ma gli psichiatri giapponesi affermano invece che la maggior parte di
questi giovani esibiscono semplicemente dei comportamenti anti-sociali, ma non sono violenti.15
Va sottolineato che la reazione della societ giapponese sicuramente influenzata dai media che
propongono unimmagine di queste persone come rappresentanti del pi inquieto ed enigmatico
gruppo di devianti. Di conseguenza si produce un innalzamento della paura del fenomeno che
causa nei genitori degli Hikikomori una grossa incertezza riguardo alle modalit pi idonee da
attuare nellinterazione con i propri figli.16

3. Analisi delle possibili cause del fenomeno hikikomori


1.2 La societ giapponese e il suo sistema deducazione
difficile definire con precisione le ragioni per le quali molti adolescenti soffrono di Hikikomori, ma
si pu riprendere il discorso iniziale sullanalisi storica della societ giapponese e dallimportanza
che ancora oggigiorno in Giappone riveste leducazione.
Un tempo, la tradizionale famiglia giapponese, raffigurata come famiglia allargata, era fortemente
inserita nel tessuto della comunit e assolveva oltre alle funzioni socio-economiche importanti
attivit religiose, essendo stata fonte deducazione alla moralit e spiritualit.
La recente modificazione demografica, lurbanizzazione e la trasformazione delle famiglie
allargate in nuclei di case ha portato a dei cambiamenti nelle relazioni intra-familiari. Inoltre, la
classe media (New Middle Class), cio persone che appartengono a singoli nuclei famigliari e che
vivono nelle citt, ad essere soggetta a sviluppare maggiori disagi di civilizzazione.
14

Adams R. (2004). Hikikomori / Otaku Japans Latest Out-Group.


http://scholar.google.com/Hikikomori/Otaku Japans latest Out-Group.

15

Masataka N. (2002). Early-Education-Development. Low Anger-Aggression and Anxiety Withdrawal Charateristic to


Preschoolers in Japanese Society with Hikikomori is Becoming a Major Social Problem, 13(2), 187-199.

16

Adams R. (2004). Hikikomori / Otaku Japans Latest Out-Group.


http://scholar.google.com/Hikikomori/Otaku Japans latest Out-Group.

57

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


Paragonato alla famiglia tradizionale, il nucleo familiare attuale rappresentato come libero dal
controllo di stato e comunitario ma il suo rafforzamento sociale risulta indebolito, ed pertanto
percepito come fragile e patologico soggetto a frequenti episodi di suicidio.
I valori tradizionali sono stati tuttavia accantonati anche dal processo doccidentalizzazione (Hightech

culture).

Questultimo

sembra

basarsi

principalmente

sul

comfort

materialistico,

sullindividualismo e su unaspirazione auto-centrata: lenfasi posta sul proprio successo e sulla


realizzazione dei desideri personali in opposizione al sacrificio di se stesso al fine di aumentare il
benessere della societ giapponese. in ogni caso presente una forte cultura giapponese del
gruppo che dovrebbe garantire stabilit economica e sociale.17
Per quanto concerne invece leducazione, si pu chiaramente individuare una concezione
moderna del bambino buono e del bambino cattivo che trova le sue origini nella cultura
tradizionale giapponese. Qui il bambino buono, chiamato sunao (obbediente, cooperativo e che
dimostra un comportamento di compliance), era associato a delle caratteristiche severe. Esso era
descritto come gradevole piuttosto che assertivo e aggressivo, pi passivo e dipendente invece
che autonomo e che partecipa ansiosamente alle attivit collettive. Ancora oggi, la cooperazione
sociale raffigurata dallindividuo sunao equivale ad un atto daffermazione del s. Il particolare
accrescimento psicologico che i giapponesi sperimentano durante le cooperazioni sociali, ben
noto: essi si sentono particolarmente vivi solo allinterno di un gruppo e il loro S si sente
fortemente appagato in compagnia di altri.
A partire dallimportanza psicologica, sociale ed economica del gruppo nella societ giapponese,
non sorprende che un bambino che non sunao sia visto come bambino cattivo, che rifiuta
larricchente vita del gruppo. Esso dunque considerato un fallito che non solo elude le attese
della societ ma anche quelle genitoriali.
Riassumendo sono due gli scopi fondamentali delleducazione.
Il primo scopo quello di produrre un bambino capace di eseguire i compiti (soprattutto scolastici)
ed correlato, dal punto di vista giapponese, al ruolo centrale delle qualit di perseveranza e
persistenza.
Di conseguenza, ci si pu aspettare che i bambini giapponesi che sono portati ad abbandonare
pi facilmente gli obiettivi o a fallire nel tentativo di realizzare i propri scopi, saranno etichettati
come devianti da parte dei compagni e degli adulti.
17

Lock M. (1991). Flawed Jewels and National Dis/Order: Narratives on Adolescent Dissent in Japan. The Journal of
Psychohistory, 18 (4), 507-531.

58

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


Il secondo scopo consiste invece nella realizzazione di un bambino capace di contribuire a
relazioni armoniose nel gruppo.
Diversi psicologi e sociologi giapponesi si sono pronunciati sui temi di devianza giovanile
individuando come cause del disagio linsufficiente indipendenza, la paura di rimanere indietro, la
trasformazione da bambino buono a bambino cattivo e lintensificata, spesso contorta, relazione
fra madre e figlio provocata dallassenza forzata del padre-lavoratore.
In effetti, il disagio degli adolescenti fonte di particolare preoccupazione a livello nazionale, visto
che essi rappresentano il futuro del paese.
Analizzeremo ora pi attentamente le dinamiche intra-familiari e in particolare le attese genitoriali.
Le qualit che i genitori giapponesi spesso si aspettano dai propri figli sono innanzi tutto
lautocontrollo delle emozioni, lobbedienza e lindipendenza. Tali abilit sono considerate la base
per poter realizzare il proprio successo.
I compiti fondamentali che i bambini devono assolvere consistono in primo luogo nella
padronanza del regime di base della vita di tutti i giorni, vale a dire saper curare la propria salute,
praticare la propria igiene e organizzare il proprio ambiente. In secondo luogo indispensabile
che il proprio figlio realizzi uneccellente carriera scolastica che gli permetta di ottenere uno status
professionale e sociale elevato, soddisfacendo cos lorgoglio genitoriale.
Da ci si deduce la presenza di una rilevante pressione psicologica che pu portare allo sviluppo
di dinamiche intra-familiari, controproducenti per la crescita emotiva e ladeguato raggiungimento
delle abilit cognitive e sociali del figlio.
Una madre giapponese poi incoraggiata, attraverso persistente pressione sociale (parenti,
amici, vicini di casa, insegnanti) a seguire uneducazione che la identifichi come la prima e pi
significativa figura responsabile della creazione di un bambino giapponese cooperativo e
compiacente.
Leccessivo attaccamento alla madre pu derivare da uno smisurato accrescimento da parte del
bambino di un sentimento particolare di dipendenza, conosciuto in Giappone con il termine di
amae. Il concetto di amae considerato la chiave daccesso per capire fino in fondo le
relazioni interpersonali giapponesi. La parola amae il sostantivo del verbo transitivo amaeru
che significa dipendere e presumere la benevolenza dellaltro.
Per esempio, il bambino che chiede con insistenza alla madre la preparazione di uno snack si
aspetta di essere servito subito affidandosi alla benevolenza materna. La madre giapponese,
anche se per ragionevoli motivi si mostrer contraria, preparer lo snack desiderato in modo da
59

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


indulgere ai bisogni di amaedel bambino. Cresciuti in unatmosfera di amae, i bambini
giapponesi imparano la gioia e la sicurezza di dipendere dallamore e dalla benevolenza altrui.18
La moderna madre giapponese sembra incontrare tuttavia una serie di difficolt per lo pi legate
allassenza della figura educativa paterna, alla frequenza da parte del figlio di un sistema
scolastico rigido e competitivo e ad un senso di solitudine marcato. Di conseguenza si assiste
soventemente ad un atteggiamento di protezione che tende a regolare in maniera eccessiva la
vita del proprio figlio spesso idealizzato e detentore di una serie daspettative.

1.2 Lambiente scolastico


Un altro aspetto fondamentale da considerare riguarda la forte competizione e le dinamiche ad
essa collegata che sinstaurano allinterno dellambiente scolastico.
Il bambino buono, ora in Giappone, il bravo studente, perch chi ottiene buoni risultati scolastici
volentieri indirizzato verso delle opportunit lavorative importanti. Comparato con altre nazioni il
passaggio dalla scuola al lavoro appare altamente basato sulla meritocrazia.19
Il presupposto per completare il curriculum scolastico con successo sembra correlato al precoce
processo della socializzazione, ed responsabilit della madre, che tenendo un atteggiamento
indulgente rispetto ai bisogni dei propri figli, fornisce la base per un loro comportamento
adeguato.20
Come accennato sopra, in Giappone i genitori enfatizzano limportanza dellempatia, degli obblighi
e di venire incontro alle attese altrui. I bambini giapponesi sono pertanto scoraggiati ad esprimere
i loro desideri, ma dipendono invece dagli altri per soddisfare i propri bisogni.
Questo tipo datteggiamento, radicato nella cultura giapponese, potrebbe essere messo in
correlazione con la gran difficolt che i giovani affetti da Hikikomori hanno nellesprimere la
propria vergogna, il loro senso dinadeguatezza, e limpossibilit di comunicare direttamente il
proprio disagio.21

18

Crystal D. (1994). Concepts of deviance in children and adolescents: The case on Japan. Deviant Behavior: An
Interdisciplinary Journal, 15, 241-266.

19

Op. cit.

20

Lock M. (1991). Flawed Jewels and National Dis/Order: Narratives on Adolescent Dissent in Japan. The Journal of
Psychohistory, 18 (4), 507-531.
21
Masataka N. (2002). Early-Education-Development. Low Anger-Aggression and Anxiety Withdrawal Charateristic
to Preschoolers in Japanese Society with Hikikomori is Becoming a Major Social Problem, 13(2), 187-199.

60

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


Il bambino cattivo, al contrario, individuato nello studente insufficiente e/o incapace di
raggiungere dei buoni risultati a scuola e che vede ridotta, danno in anno, la propria possibilit di
entrare in ununiversit prestigiosa. Lalto valore attribuito alla realizzazione degli obiettivi
scolastici porta tanti genitori giapponesi, e soprattutto le madri, ad attivarsi in ogni modo per
accrescere lopportunit dei loro figli ad intraprendere un percorso accademico eccellente.
Quando il desiderio di un tale figlio - modello non si avvera, il ragazzo considerato cattivo e
trova a sua volta numerosi, e qualche volta distruttivi, modi per resistere alle pressione dei
genitori.22
Storicamente parlando, il Giappone possiede un sistema di controllo scolastico altamente
centralizzato e repressivo, atto a reprimere eventuali conflitti presenti. Tuttavia oggigiorno si sono
verificate nelle scuole, dei singoli episodi di violenza, durante i quali i giovani sembrano rivestire
un ruolo principale nellattaccare in maniera aggressiva lordine prestabilito. Frequentemente il
modo di reagire alle pressioni dellambiente scolastico consiste nello sviluppo di forti sentimenti
anti-scolastici e nel rifiuto di partecipare alle attivit scolastiche.23
Ladattamento allambiente scolastico pertanto difficoltoso e, di solito, i giovani preferiscono
mettere in atto un forte controllo emotivo, smorzando cos le emozioni negative che sorgono
durante i conflitti interpersonali. Di conseguenza lo stress pu portare, sia al non fare il proprio
dovere, che ad un aumento costante della propria preoccupazione.
Si presume che la negazione del conflitto porti ad un minor bisogno di esprimere la propria
aggressivit e che tale tendenza interiore possa essere associata al fenomeno degli Hikikomori.
Probabilmente questa tendenza collegata alla precoce articolazione del senso duguaglianza fra
lio e gli altri, a partire dallo sviluppo del senso di essere un tuttuno nella specifica relazione fra
madre e bambino.24
I fenomeni del drop-out e della sindrome del school refusal sono stati evidenziati come i
problemi in questo periodo pi significativi. Questi studenti mancano dalla scuola per settimane o
mesi, esprimono un forte disagio, quando sono in compagnia daltri studenti e indicano la loro

22

Crystal D. (1994). Concepts of deviance in children and adolescents: The case on Japan. Deviant Behavior: An
Interdisciplinary Journal, 15, 241-266.

23

Letendre G. (1996-1997). Youth and Schooling in Japan: Competition with peers. Berkeley Journal of Sociology: A
critical Review, 41, 103-136.
24
Masataka N. (2002). Early-Education-Development. Low Anger-Aggression and Anxiety Withdrawal Charateristic
to Preschoolers in Japanese Society with Hikikomori is Becoming a Major Social Problem, 13(2), 187-199.

61

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


presenza come causa del proprio abbandono scolastico. E sostenuto che chi mette in atto
comportamenti di rifiuto verso la scuola, manchi spesso di capacit sociali adeguatamente
sviluppate. Lo stress avvertito dello studente in questione pu essere inoltre ricondotto alla sua
incapacit di gareggiare adeguatamente, tenendo testa alla competizione.25
Il contesto scolastico, come evidenziato, non ideale per tutti, c chi soggetto a subire delle
prepotenze o chi sta fuori e non fa parte del gruppo, rivelandosi in ambedue casi come
particolarmente vulnerabile. Il tema della prepotenza (Ijime) come forma daggressione sociale
sta innescando in Giappone una serie di preoccupazioni.
Nel passato la prepotenza consisteva in uno scontro "uno contro uno" nel quale il bambino
fisicamente pi dotato prendeva qualche oggetto o infliggeva un qualche comportamento
umiliante al bambino debole.
Oggigiorno la nuova prepotenza si realizza a partire da uno studente che non particolarmente
forte dal punto di vista fisico e ottiene solo dei risultati accademici che stanno nella media. Vi sono
varie forme di prepotenza, allinterno del mondo scolastico, oggi in Giappone.
Una di queste chiamata shikato, il fenomeno per il quale un gruppo di studenti decide di
ignorare e isolare un altro studente. In effetti, un quarto delle manifestazioni di prepotenza
riguardano varie forme desclusione e disolamento. In Giappone bisogna essere conforme alle
altre persone altrimenti si ha una sensazione di perdita, di vergogna e di disperazione. Tale
societ basata sulla collettivit e ci si sente completamente a proprio agio o vivi solo quando ci
si muove allinterno di un gruppo. Per questo le relazioni fra i vari membri sono essenziali per la
sopravvivenza sociale. Gli ostracismi caratteristici dello shikato e daltre forme di prepotenza
rappresentano dunque una crudele forma di punizione. A partire da questa prospettiva si pu
capire, come gli isolamenti imposti da parte dei compagni, possono, in alcune circostanze, portare
un bambino giapponese a suicidarsi.
E specificato da Maniwa26 che lesclusione, come lalienazione di un insider latto con il quale
un gruppo trasforma un suo membro in un alieno e lo etichetta perch lo definisce di natura
essenzialmente diversa dagli altri membri del gruppo. Lo stimolo che porta allesclusione spesso
molto banale, in pratica riguarda una differenza minima, e il brutale trattamento messo in atto
25

Letendre G. (1996-1997). Youth and Schooling in Japan: Competition with peers. Berkeley Journal of Sociology: A
critical Review, 41, 103-136.

26

Maniwa M. (1990). Nihonteki shudan no shakaigaku (The Sociology of Japanese Groups). Tokyo: Kawadeshobo.

62

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


suggerisce che chi lo compie de-umanizza la vittima. Proprio a causa di questa deumanizzazione lindividuo isolato percepisce se stesso come degradato o in precinto di perdersi.
Ne consegue che lesclusione dal gruppo equivale alla pena di morte.
Riassumendo, lidentit scolastica cos persuasiva, sia in termini daccettazione dei compagni
sia in termini davanzamento sociale, che quelli che si trovano fuori dal sistema non hanno nessun
luogo dove vivere.27
Anche il fenomeno dellHikikomori pone un quesito che nasce dalle generali problematiche del
sistema educativo giapponese, che sembra proprio il suo catalizzatore maggiore. A partire
dallasilo gli insegnanti organizzano i bambini in piccoli gruppi (kumi). Ogni gruppo rester
insieme fino al raggiungimento del diploma. Tutte le attivit come mangiare, studiare e giocare
sono svolti allinterno del proprio gruppo. Il sistema del kumi forma una forte base per un noi e
un loro. I bambini sviluppano un forte legame con il loro gruppo e non vogliono in nessun modo
essere tagliati fuori da esso. Di solito chi soffre di Hikikomori non pi accettato ed
frequentemente espulso dal gruppo (kumi), egli ha quindi scelto di ritirarsi o perch si sente
rifiutato o perch si sente un fallito.
Questi ragazzi rappresentano delle difficolt a socializzare con gli altri e a diventare un membro di
uno degli in-group presenti sia nella scuola che allinterno dellAccademia. La prepotenza e
lisolamento sono normalmente le ragioni maggiori per cui decidono di lasciare la scuola. Un
sentimento di individualit, in opposizione al sentimento dellessere parte di un gruppo, pu
causare in loro la sensazione di essere diversi e per questo sbagliati. Credono inoltre di avere
deluso la societ o che la societ abbia deluso loro. La ragione vera del loro assentarsi dalla
scuola non dettato dalla considerazione che la scuola non li piace, ma dal fatto che non trovano
un posto per se stessi allinterno di essa. E inoltre affermato che essi sono poco efficienti, sia sul
piano accademico che su quello del sociale, e che si tratta spesso dadolescenti, anche se non
esclusivamente, che hanno seguito un processo di maturazione verso lessere adulto che si
differenzia dagli standard dalla cultura dominante.28
Sadatsugu Kudo, che gestisce un centro di ricovero per giovani afflitti da Hikikomori, fa notare
che il problema non sono le persone ritenute dei Hikikomori, ma pi che altro il Giappone. Kudo
27

Crystal D. (1994). Concepts of deviance in children and adolescents: The case on Japan. Deviant Behavior: An
Interdisciplinary Journal, 15, 241-266.

28

Adams R. (2004). Hikikomori / Otaku Japans Latest Out-Group.


http://scholar.google.com/Hikikomori/Otaku Japans latest Out-Group.

63

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


commenta che la pressione per tutti dessere uguali nella societ giapponese causa la percezione
dellesclusione per chi si comporta diversamente. E affermato da parte di molti esperti che i
giovani sofferenti di Hikikomori che si orientano verso la violenza non sono un numero
statisticamente indicativo. Molti di questi giovani esibiscono semplicemente dei comportamenti
anti-sociali, ma non sono violenti.29
Un approccio terapeutico giapponese: la Terapia Morita
Una delle terapie pi aderenti alla cultura giapponese quella elaborata dal Prof. Morita
Masatake, conosciuta come Terapia Morita.
Tale approccio terapeutico utilizzato per la cura delle nevrosi e si delinea nel modo seguente:
1. la selezione dei malati, essa elimina, infatti, gli isterici e gli psicopatici
2. condizioni di trattamento non ospedaliere in cui il paziente vive nel tentativo di
assimilarsi al suo psichiatra
3. una presa di coscienza dei sintomi
4. una terapia lavorativa
La terapia MORITA si articola in quattro fasi. Il principio pi importante l aru ga mama (vedere
e sentire le cose come sono in realt o meglio prendi la vita come viene) che rende attiva la
capacit di guarigione spontanea (vis medicatrix naturae). In effetti, un elemento fondamentale
della terapia MORITA unattitudine daccettazione che fa si che il paziente non produca sintomi
secondari nel tentativo di combattere i sintomi ossessivi primari. Lo stato di aru ga mama, che
lo scopo finale della terapia MORITA, raggiunto con le seguenti quattro fasi:
a. il malato tenuto a riposo a letto, totalmente isolato con la proibizione di
parlare, leggere, scrivere, fumare e cantare. Lo scopo di questa fase, molto dura per i
malati, di provocare unangoscia che evochi i fantasmi dellossessione. Essa dura da 4 a
7 giorni.
b. una seconda fase, della durata di una o due settimane, durante la quale,
permanendo lisolamento e la proibizione di parlare, il malato potr fare un lavoro leggero
(come il giardinaggio) e dovr leggere due volte al giorno dei passi di un classico (come il
Kojiki dellVIII secolo). In questo periodo il malato dovr tenere anche un diario che sar
letto dal medico. Vi sono tre ore dinsegnamento al giorno, durante le quali il malato si
limita ad ascoltare, senza interloquire, ci che dice il medico.
29

Lyons H.B. (2001). Hikikomori and Youth Crime. Crime & Justice International, 17(49), 9-10.

64

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


c. la terza fase caratterizzata dallimposizione al malato di lavori pesanti (taglio
della legna, trasporto di pietre).
d. la quarta fase (o terminale) dura una decina di giorni ed indirizzata a
reinserire il paziente nel suo mondo lavorativo, il lavoro meno pesante mentre la lettura
limitata a delle opere assai semplici, che non abbiano alcun contenuto filosofico.30

4. Conclusioni
Noi occidentali abbiamo avuto la fortuna di avere un Kant che ha fissato un principio etico
fondamentale ovvero che luomo va trattato sempre come un fine e mai come un mezzo. Certo
siamo ben lontani dal poter affermare che nel mondo occidentale ci sempre applicato, ma tutta
la struttura scolastica giapponese e anche quella sociale hanno come finalit ultima quella di
produrre degli individui perfettamente in grado di mantenere ai pi alti livelli competitivi la societ
economica e la qualit produttiva delle industrie giapponesi.
Per far ci si accentua al massimo la selezione e linserimento perfetto allinterno del gruppo di
lavoro a spese dellindividualismo.
Noi crediamo che in Giappone si innescato un processo sociale, in nome del massimo sviluppo
possibile i cui esiti non sono prevedibili.
Come dice Galimberti: Lo scenario dellimprevedibile, dischiuso dalla scienza e dalla tecnica,
non , infatti, imputabile, come nellantichit, ad un difetto di conoscenza, ma ad un eccesso del
nostro potere di fare, enormemente maggiore rispetto al nostro potere di prevedere e quindi di
valutare e giudicare.31
Galimberti ci avverte che lordine di grandezza di ci che letica vorrebbe ordinare cos
incommensurabile, che ogni teoria diviene inefficace.
Nello studiare lhikikomori ci siamo accorti delle incolmabili difficolt culturali ed etiche che ci
dividono dalla civilt giapponese e ci siamo domandati quali terapie suggerire.
Noi pensiamo che si dovrebbero sensibilizzare di pi gli insegnanti verso queste problematiche
per realizzare la massima prevenzione possibile.

30

Masafumi M., Rizzoli A. (1995). Introduzione alla Psichiatria Giapponese. Quaderni Italiani di Psichiatria, 14(5),
271-272.
31
Galimberti U. Letica che non basta. Donna di Repubblica, 23 luglio 2005.

65

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


Poi si dovrebbe incrementare la presenza degli psicologi nelle scuole, che attraverso incontri
individuali e di gruppo, possano individuare i ragazzi a maggior rischio e sostenerli. Cos come
andrebbe fatta una grande opera dinformazione sulle famiglie.
Si potrebbero pensare poi, per i ragazzi gi colpiti dall Hikikomori a gruppi di sostegno anche
attraverso le chat-line, sul tipo di quelli realizzati per gli interventi con gli alcolisti, ma pi di tutto
interventi di psicoterapia individuale, dove uno psicoterapeuta segua un singolo ragazzo per
tentare un reinserimento progressivo dello stesso, nel mondo della realt.
Termino con laugurio che ogni soluzione che sar adottata terr conto di ci Erich Fromm indica
nel suo libro Avere o essere, ovvero la necessit imprescindibile, per ogni civilt, di porre
sempre luomo, il singolo, con i propri interessi ed i suoi sogni, al centro dello sviluppo sociale.

66

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO

5. Bibliografia
[1] Adams R. (2004). Hikikomori / Otaku Japans Latest Out-Group.
http://scholar.google.com/Hikikomori/Otaku Japans latest Out-Group
[2] Adamson I. (2002). Dead-End Kids.
http://www.time.com/time/asia/magazine/article/0,13673,501020708-268235,00.html.
[3] Archangel (2004). Ragazzi Tartaruga.
http://www.letterealdirettore.it/forum/testo/topic/6211- 1.html
[4] Archivio Speakers Corner (2003). La mamma zelante.
http://digilander.libero.it/cupranet/speakers/2003/speakers73.html?
[5] BBC intervista (2004). Loser- BlogRockRadio.
http://loser.blog.tiscali.it/tell 1407263/.
[6] Caudill W. A., Schooler C. (1973). Child Behavior and Child Rearing in Japan and the United
States: An Interim Report. The Journal of Nervous and Mental Disease, 157, 323-338.
[7] Cardoso Paolo (a cura di) (2004) Paura di amare, paura di essere amati. Editrice Clinamen
[8] Conroy M., Hess R., Azuma H., & Kashiwagi K. (1980). Maternal Strategies For Regulating
Childrens Behavior. Japanese and American Families. Journal of Cross-Cultural Psychology, 11,
153-172.
[9] Crystal D. (1994). Concepts of deviance in children and adolescents: The case on Japan.
Deviant Behavior: An Interdisciplinary Journal, 15, 241-266.
[10] Di Maria F., Formica I. (2003). Hikikomori. Il male oscuro dei figli del Sol levante.
Psicopatologia dello sviluppo, 25, 18-25.
[11] Doi T. (1991). Anatomia della dipendenza. Uninterpretazione del comportamento sociale dei
giapponesi. Raffaello Cortina Editore.
[12] Filippini R. (2002). Missione e Annuncio nella Terra dei Mondiali.
http://www.saveriani.bs.it/Missionari giornale/arretrati/2002 08/giappone.htm
[13] Fogel A., Toda S., Kawai M. (1988). Mother-Infant Face-to-Face Interaction in Japan and the
United States: A Laboratory Comparison Using 3 Month-Old Infants. Developmental Psychology,
24, 398-406.
[14]

Forni

A.

(2003).

13/03/2003

Eremita

nella

propria

cameretta:Gli

Hikikomori.

http://dispenseronline.it/print.php?id=849 .
67

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


[15] Galimberti U. Letica che non basta. Donna di Repubblica, 23 luglio 2005.
[16] Hendry J. (1989). Understanding Japanese Society. Nissan Institute/Routledge Curzon
Japanese Studies Series. RoutledgeCurzon Taylor & Francis Group London And New York.
[17] Huus K. (2004). Japans chilling Internet suicide pacts. New trend highlights social problems,
mental health crisis.
http://www.msnbc.com/news/922190.asp?0cv=CB20&cp1=1
[18] Kary T. (2003). Total Eclipse of the Son.
http://health.yahoo.com/health/centers/anxiety/2550.html
[19] Kobayashi-Winata H., Power T. G. (1989). Child Rearing and Compliance. Japanese and
American Families in Houston. Journal of Cross-Cultural Psychology, 20, 333-356.
[20] Kumagawa Y. (2000). Hikikomori. Nera adolescenza.
http://www.stradanove.net/news/testi/novita-00b/nyuk0711000.html.
[21] Kybird J. (2002). Hikikomori phenomena.
http://www.linknet.com.au/adcnet/messages/151.html
[22] Japanese Mental Health Online Articles (2004). Hikikomori: The Social Withdrawal of People
in Japan.
http://www2.gol.com/users/andrew/hikikomori/hikikomori.html.
[23] Larimer T., Oniki Y. (2000). Hikikomori: Homicidal Teens of Japan.
http://www.wdog.com/rider/writing/hikikomori.htm
.[24] Letendre G. (1996-1997). Youth and Schooling in Japan: Competition with peers. Berkeley
Journal of Sociology: A critical Review, 41, 103-136.
[25] Lock M. (1991). Flawed Jewels and National Dis/Order: Narratives on Adolescent Dissent in
Japan. The Journal of Psychohistory, 18 (4), 507-531.
[26] Lyons H.B. (2001). Hikikomori and Youth Crime. Crime & Justice International, 17(49), 9-10.
[27] Maniwa M. (1990). Nihonteki shudan no shakaigaku (The Sociology of Japanese Groups).
Tokyo: Kawadeshobo.
[28] Masafumi M., Rizzoli A. (1995). Introduzione alla Psichiatria Giapponese. Quaderni Italiani di
Psichiatria, 14(5), 265-281.
[29] Masataka N. (2002). Early-Education-Development. Low Anger-Aggression and Anxiety
Withdrawal Charateristic to Preschoolers in Japanese Society with Hikikomori is Becoming a
Major Social Problem, 13(2), 187-199.
[29] McGill D. (2003). Henna Gaijin: Strange Foreigners: Collaboration With the Nakumuras, a
family of Japanese Family Psychologists. The Family Psychologist, 19 (3), 17-19.
68

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


[30] Martorella C. (2003). Wakamono. I paradossi della cultura giovanile giapponese.
http://www.nipponico.com/dizionario/w/wakamono.php
[31] Mizumo M. Rizzoli A. Introduzione alla psichiatria giapponese Quaderni Italiani di psichiatria
XIV,5,1995.
[32] Murakami R. (2000). Japans Lost Generation. In a world filled virtual reality, the countrys
youth cant deal with the real thing.
http://www.time.com/time/asia/magazine/2000/0501/japan.essaymurakami.html.
[33] Nakamura K. Case Illustration: Yoshi, 24 year-old male, A Case of Social Phobia with LongTerm Seclusion. Department of Psychiatry, Jikey University, Daisan Hospital, manoscritto inedito.
[34] Nakamura K. Extended Application and Technical Modification of Morita Therapy. Jikei
University, Daisan Hospital Department of Psychiatry 4-11-1, Izumi-honcho, Komae 201-8601,
Tokyo kei87@kt.rim.or.jp, manoscritto inedito.
[35] Nakamura K. et al. (2002). The neurotic versus delusional subtype of taijin-kyofu-sho : Their
DSM diagnoses. Psychiatry and Clinical Neurosciences, 56, 595-601.
[36] Narabayashi R. (2003). Helping families with Hikikomori. Seishin-Igaku-Clinical-Psychiatry,
45(3), 271-277.
[37] Nukaga M. (2003). Japanese Education in an Era of Internationalization: A Case Study of an
Emerging Multicultural Coexistence Model. International Journal of Japanese Sociology, 12, 7994.
[38]

Pio

DEmilia

(2004).

Amor

di

Patria

Alzabandiera

nelle

scuole

di

Tokyo.

http://www.didaweb.net/fuoriregistro/leggi.php?a=4800
[39] Pisu R. (2004). Attualit > Dal mondo. Oriente express Sindrome giapponese.
http://www.dweb.repubblica.it/archivio-d/2002/08/24/attualita/dalmondo/020gia31420.
[40] Rees P. (2004). Hikikomori violence.
http.//news.bbc.co.uk/2/hi/programmes/correspondent/2336883.stm
[41] Rees P. (2002). Japan: The Missing Million.
http://news.bbc.co.uk/2/hi/programmes/correspondent/2334893.stm
[42]

Rouge

H.

(2004).

Hikikomori.

Diario

di

bordo

di

un

isolatra

giapponese.

http.//hikikomori.clarence.com/
[43] Saito T. (2003). Individual treatment and therapy for Hikikomori cases. Seishin-IgakuClinical-Psychiatry, 45(3), 263-269.
[44] Shand N., Kosawa Y. (1985). Japanese and American Behavior Types at Three Months:
Infants and Infant-Mother Dyads. Infant Behavior and Development, 8, 225-240.
69

Associazione Erich Fromm Un nuovo Umanesimo al servizio delluomo

DALLA PARTE DELLUOMO


[45] Sugimoto Y. (2003). An Introduction to Japanese Society. Cambridge University Press.
[46] Takashi N. (1994). A Survey of Research on Moral Development in Japan. Cross-Cultural
Research, 28 (1), 40-57.
[47] Torre E. (2003). Il fenomeno Hikikomori Il disaggio giovanile nel terzo millennio.
http://www.ilcannochiale.it/concorso/documenti/dettaglio.asp?id_contributo=126&id_t
[48] Tsutomu Yamamoto (1992). Contemporary Social Problems in Japan: A Study of the Suicidi
and Depopulation Problems. International Journal of Japanese Sociology, 1, 19-33.
[49] Watts J. (2002). Public health experts concerned about hikikomori. The Lancet, 359, 1131.
[50] Wikipedia (2004). Hikikomori.
http://en.Wikipedia.org/wiki/Hikikomori
[51] Yu M. (2002). Gold Rush, Dead and Kids.
http:// www. time. com/asia/magazine/article/0,13673,501020708-268235,00.html
[52] Zielenziger M. (2002). Deep pessimism infecting many aspects of Japanese society.
http://www.realcities.com/mld/krwashington/4768129.htm

70