Sei sulla pagina 1di 75

1.

Inizia il viaggio attraverso il cosmo


Il cosmo tutto ci che esiste, che sia mai esistito e che esister sempre. La consultazione del cosmo ci emoziona. Un brivido ci percorre, la paragoniamo a quella vaga emozione come un ricordo remoto di precipitare da una grande altezza, ci rendiamo conto di inoltrarci nel pi grande dei misteri. Le dimensioni e l'et del cosmo sono al di l della comune comprensione umana, sperduta in un luogo compreso tra l'immensit e l'eternit c' il nostro minuscolo pianeta, la Terra. Per la prima volta l'umanit ha il potere di decidere il destino del suo pianeta e di se stessa. La nostra un'era di grandi pericoli, per la nostra specie giovane, curiosa, intraprendente, piena di buone promesse. Negli ultimi millenni siamo stati capaci di portare a compimento le scoperte pi sorprendenti ed inattese, sia riguardo al cosmo che al pianeta nel quale viviamo. Sono convinto che il nostro futuro dipenda, soprattutto, da quanto saremo capaci di capire questo cosmo, nel quale galleggiamo cos come un granello di pulviscolo viene gi dal cielo. Adesso comincia per noi un viaggio attraverso il cosmo, correremo incontro a galassie, a soli, a pianeti, vedremo varie forme di vita cominciare il nuovo ciclo, evolversi e perire; mondi di ghiaccio e stelle simili al diamante, atomi grandi come il sistema solare, interi universi pi piccoli di un atomo, ma sar anche la storia del nostro pianeta, delle piante e degli animali che lo dividono con noi. Inoltre, sar la storia dell'umanit, di come essa riuscita ad arrivare all'attuale conoscenza del cosmo, di come il cosmo ha plasmato la sua evoluzione, la sua cultura e di quale potr essere il suo destino. Noi vogliamo seguire la verit ovunque essa ci conduca, ma per trovare la verit occorrono sia fantasia che rigore. Non avremo paura di azzardare ipotesi, ma staremo molto attenti a distinguere le ipotesi dai fatti. Il cosmo sovrabbonda di entit affascinanti in rapporti squisitamente intrecciati tra loro che hanno per sfondo il grandioso meccanismo della natura. La superficie della Terra la spiaggia dell'oceano cosmico, su questa spiaggia abbiamo imparato quasi tutto quello che sappiamo, per di recente ci siamo spinti un po' nell'acqua, diciamo fino alle caviglie, e l'acqua ci sembra invitante. Qualche parte in noi ci ricorda che di l che proveniamo e agognamo tornarci, e possiamo perch il cosmo anche dentro di noi; noi siamo fatti della stessa materia delle stelle, noi siamo un mezzo per il cosmo di conoscere se stesso. Ci accingiamo ad esplorare il cosmo su un astronave della fantasia, non vincolati dai comuni limiti di dimensioni e di velocit, guidati dalla musica unica delle armonie cosmiche. Arriveremo dovunque nello spazio e nel tempo. Perfetta come un fiocco di neve, organica come un seme di dente di leone, la nostra astronave ci porter in un sonno di sogni, fatti di realt.

Comincia il viaggio. Davanti a noi c' il cosmo nelle sue immense proporzioni. Ormai siamo lontani dalle spiagge della Terra, siamo nelle piaghe dell'oceano cosmico, non segnate su alcuna carta. Sparse sulle onde dello spazio come spume di mare, vi sono innumerevoli striature di fucine, alcune delle quali composte da centinaia di miliardi di soli; sono le galassie che vagano senza fine nel grande buio cosmico. Su questa astronave della fantasia, ci troviamo a met strada dal limite dell'universo conosciuto.

Nel nostro primo viaggio attraverso il cosmo, cominciamo l'esplorazione dell'universo scoperto fino ad ora dalla scienza. Dalle profondit dello spazio non possibile neanche individuare il gruppo delle galassie del quale fa parte la nostra Via Lattea, e tantomeno individuare il Sole e la Terra. Siamo nel regno delle galassie, a otto miliardi di anni luce da casa. Ma dovunque arriviamo, i modelli della natura sono sempre gli stessi, come la forma a spirale delle galassie. Le leggi fisiche sono le stesse dappertutto, da un capo all'altro del cosmo. Noi siamo appena all'inizio della comprensione di queste leggi, perch l'universo ci nasconde ancora molti misteri. Vicino al centro di un gruppo di galassie, si trova, talvolta, una galassia ellittica vagante composta da migliaia di miliardi di soli. Nel regno delle galassie, le nostre normali unit di misura della distanza non ci bastano pi, ci occorre un'unit di misura molto pi grande, l'anno luce. Equivale alla distanza percorsa dalla luce in un anno, circa diecimila miliardi di chilometri. Non una misura di tempo, ma di distanze enormi. Nell'ammasso di Ercole, ogni galassia dista dall'altra milioni di anni luce, vale a dire che per andare da una galassia all'altra la luce impiega milioni di anni. Come le stelle, i pianeti e le creature viventi, le galassie nascono, vivono e muoiono. Hanno tutta una loro storia molto movimentata. Il loro nucleo pu esplodere generando luce ed onde radio, enormi getti di energia e un fragore terribile in tutto il cosmo. Qualunque astro che si trovasse nelle vicinanze sarebbe incenerito. C' da chiedersi quanti pianeti e quante civilt siano state distrutti in questo modo. Nell'ammasso di Pegaso c' una galassia a forma di anello, ci che rimane della collisione tra altre due galassie, uno splash nell'immenso stagno cosmico. Ogni galassia pu esplodere e scontrarsi con un'altra, cos come possono esplodere le singole stelle che la costituiscono. Nell'esplosione di una supernova, c' una stella che supera in splendore il resto della propria galassia. Ora, vedremo ci che i nostri astronomi chiamano "Gruppo Locale". Su un'estensione di tre milioni di anni luce comprende qualcosa come venti galassie, un arcipelago poco denso e tipico nell'immensit dell'oceano cosmico. Siamo solo a due milioni di anni luce dalla Terra. Incontriamo una grande galassia in Andromeda, un ciclone fatto di stelle, gas e pulviscolo. Appena lo superiamo, vediamo una delle sue piccole galassie satellite. Il nucleo in una galassia e le stelle che la compongono, sono tenuti insieme dalla forza di gravit. M31 circondata da centinaia di ammassi globulari, ci avviciniamo ad uno di essi. Ogni ammasso orbita intorno alla massa centrale della galassia e pu essere composto anche da un milione di singole stelle. Ogni ammasso globulare come uno sciame di api tenute insieme dalla gravit e ogni ape un sole. Per andare dall'ammasso di Pegaso al Gruppo Locale, dominato da due grandi galassie a spirale, abbiamo impiegato duecento milioni di anni. Superata la M31, troviamo un'altra galassia molto simile, con due braccia a spirale che compiono un giro completo ogni duecentocinquanta milioni di anni. Ed ecco la nostra Via Lattea. E' la galassia familiare per noi terrestri. Tra le braccia a spirale della costellazione del Cigno noi esseri umani abbiamo sviluppato la nostra consapevolezza e, fino a una certa misura, la nostra comprensione. Concentrati nello splendore del suo nucleo e sparsi lungo le sue spirali, vi sono quattrocento miliardi di soli. Per andare da una sua estremit ad un'altra, la luce impiega centomila anni. In questa galassia, vi sono stelle, mondi e, forse, un enorme variet di forme di vita, di esseri intelligenti e di civilt orbitanti nello spazio.

Sparsi tra le stelle della Via Lattea ci sono i resti di una supernova, quanto rimane di una colossale esplosione stellare. I filamenti di gas luminoso sono gli strati esterni visibili di una stella che si autodistrutta. Il gas si diffonde restituendo allo spazio materia stellare. Nel cuore della massa gassosa ci sono i resti della stella originaria, costituiti da un frammento denso e concentrato di materia chiamato pulsar, un faro naturale, un sole che compie un giro completo due volte al secondo. Le pulsar hanno un ritmo cos regolare che la prima che fu scoperta venne scambiata per un segnale di intelligenza extraterrestre. Enormi fari per astronavi che viaggiano per anni luce attraverso le stelle. Forse queste intelligenze extraterrestri e queste astronavi esisteranno, ma le pulsar non sono state create dall'uomo. Anzi, le pulsar ci ricordano tristemente che niente dura in eterno e che anche le stelle muoiono. Continuiamo ad avanzare nello spazio inoltrandoci per migliaia di anni luce verso il fondo della galassia. Miliardi di fornaci nucleari trasformano la materia in luce stellare; alcune stelle sono inconsistenti come bolle di sapone, altre sono centinaia di miliardi di volte pi dense del piombo. Le stelle pi calde sono destinate a morire giovani, le grandi stelle rosse sono tra le pi vecchie e si pu escludere che facciano parte di sistemi con pianeti abitati. Invece, le stelle nane e gialle, come il nostro Sole, sono di mezza et e sono di gran lunga le pi comuni. Normalmente, fanno parte di un sistema planetario e, su pianeti di questo tipo, incontriamo per la prima volta, durante il nostro viaggio, insolite forme di materia, ghiaccio, roccia, aria e acqua. Nella galassia della Via Lattea possono esserci molti mondi nei quali la materia si evoluta. Viene spontanea una domanda: gli esseri di questi mondi saranno molto diversi da noi? Che aspetto avranno? Che tipo di politica, di tecnologia, di musica, di religione avranno? Oppure, la loro cultura sar tale che noi non riusciamo a immaginarla? Sono esseri pericolosi o no? Tra le molti nubi di gas interstellare ce n' una che si chiama nebulosa di Orione, che dista solo 1.500 anni luce dalla Terra. Tre stelle molto lucenti formano la cosiddetta cintura di Orione. La nebulosa, vista dalla Terra, appare come una macchia di luce, la stella al centro della spada di Orione. In realt, non si tratta di una stella, ma di un qualcosa completamente diverso, una nube che nasconde uno dei tanti segreti della natura. Ed eccoci arrivare ad una incubatrice stellare: un posto dove nascono le stelle. Il gas e il pulviscolo si condensano per gravit finch la loro temperatura arriva a un punto tale che cominciano a brillare, nubi di questo tipo indicano la nascita di stelle, cos come altre testimoniano la loro morte. E cosa avviene delle stelle dopo che si sono condensate all'interno delle nubi interstellari? L'ammasso delle Pleiadi un gruppo di stelle molto giovani, pensate che hanno solo 50 milioni di anni. Queste stelle sono ancora circondate da ciuffi nebulosi, costituiti dal gas da cui si sono formate. Esistono delle nubi sospese tra le stelle che sembrano macchie di inchiostro, sono formate da fini polveri di roccia, materia organica e ghiaccio. Al loro interno, alcune stelle ruotano su se stesse, nei pressi un mondo di ghiaccio che evapora e che forma come delle lunghe code di comete spinte indietro dai venti stellari. Nere nubi distanti anni e anni luce vagano tra le stelle, sono piene di molecole organiche; i materiali da costruzione per la vita sono dovunque, si producono facilmente. Quanti sono i mondi su cui queste complesse molecole si sono unite, formando le premesse di quello che noi chiamiamo la vita. Molti astri fanno parte di sistemi con due, tre o pi soli tenuti insieme dalla gravit. Ogni sistema separato da quelli vicini da anni luce.

Adesso, ci avviciniamo ad una comune stella nana, gialla circondata da un sistema di nove pianeti, di dozzine di lune, migliaia di asteroidi e miliardi di comete, la famiglia del nostro Sole. A sole 4 ore luce dalla Terra, c' il pianeta Nettuno con Tritone, il suo satellite gigante. Ambedue, sono tuttora avvolti dal pi profondo mistero. Anche nella immediata periferia del nostro Sistema Solare noi esseri umani siamo ai primi passi nell'esplorazione cosmica. Appena un secolo fa, ignoravamo perfino l'esistenza del pianeta Plutone e la sua luna, Caronte, stata scoperta solo nel 1978. Gli anelli di Urano sono stati individuati nel 1977; ci sono ancora dei nuovi mondi ancora da scoprire perfino cos vicino a casa nostra. Saturno un gigantesco nonno allo stato gassoso, se esiste una superficie solida deve trovarsi al di sotto delle nubi che vediamo; Saturno, con i suoi anelli formati da miliardi di polveri orbitanti. A questo punto, siamo distanti dalla Terra solo 80 minuti luce, una sciocchezza come mezzo miliardo di chilometri. Il pianeta pi grande del nostro Sistema Solare Giove, sulla sua faccia nascosta enormi lampi di luce illuminano le nubi. E questo fenomeno fu rivelato, per la prima volta, dalla sonda Voyager nel 1979. All'interno dell'orbita di Giove c' un'infinit di frammenti di mondi che si sono frantumati, sono gli asteroidi. I banchi e le secche formate dagli asteroidi segnano i confini del regno dei pianeti pi grandi. Ora stiamo entrando nei bassi fondali del nostro Sistema Solare, qui troviamo mondi dall'atmosfera rarefatta e dalle superfici solide, pianeti in tutto simili alla Terra con zone e paesaggi che aspettano solo di essere esplorate. Ecco Marte. Nel 1976, dopo un viaggio di un anno, due sonde automatiche lanciate dalla Terra scesero su queste lande extraterrestri. Su Marte c' un vulcano grande quanto l'Arizona ed alto quasi tre volte l'Everest, lo abbiamo chiamato il monte Olimpo. Marte un mondo pieno di cose meravigliose e sorprendenti. Vi sono valli anticamente percorse da fiumi e violente tempeste di sabbia, provocate da venti che soffiano alla met della velocit del suono, circa 600 Km/h. La superficie del pianeta solcata da un immenso canyon lungo 50000 Km, stato chiamato Valles Marineris, le Valli dei Mariner, dal nome delle sonde che vennero ad esplorare Marte dalla Terra. In questo nostro primo viaggio cosmico, l'esplorazione di Marte, degli altri pianeti, stelle e delle galassie stata rapida e superficiale. Ci sono centinaia di miliardi di galassie e miliardi di miliardi di astri, perch dovremmo pensare che questo piccolo pianeta (Terra) sia l'unico a essere abitato? A me sembra molto pi probabile che il cosmo sia pieno, in ogni sua parte, di vita intelligente. Ma fino ad oggi, ogni forma di vita, ogni essere cosciente, ogni civilt della quale siamo a conoscenza, sono quaggi sulla Terra. Siamo arrivati sul pianeta Terra con i suoi cieli di azoto azzurro, con i suoi mari e i suoi oceani, le sue buie foreste, i suoi morbidi prati, un mondo indubbiamente straripante di vita. E per quel che sappiamo sul cosmo , almeno per il momento, unico, l'unico sul quale ci risulta con certezza che la materia del cosmo diventata viva e cosciente. Ce ne sono parecchi di mondi cos sparsi nello spazio, ma il nostro studio su di essi inizia da questo con l'esame delle conquiste che l'intelligenza degli uomini e delle donne della nostra specie ha raggiunto a caro prezzo attraverso milioni di anni.

Un tempo, il nostro piccolo pianeta ci sembrava immenso ed era l'unico mondo che potevamo esplorare. Le sue dimensioni reali furono ricavate per la prima volta in un modo molto semplice ed ingegnoso da un uomo che visse in Egitto nel III secolo a.C. Ad Alessandria d'Egitto, nei suoi tempi d'oro, visse un uomo eccezionale che si chiamava Eratostene. Uno dei suoi contemporanei lo soprannomin beta, la seconda lettera dell'alfabeto greco, perch lui diceva "Eratostene era il secondo uomo al mondo in ogni campo". Ma oggi appare chiaro che per le sue qualit Eratostene dovesse chiamarsi alpha: si occup di astronomia, di storia, di geografia, di filosofia, poesia, critica teatrale e di matematica. Inoltre fu il bibliotecario della grande biblioteca alessandrina e un giorno, mentre nella sua biblioteca consultava una raccolta di papiri, fece una scoperta curiosa e fondamentale. Lesse che molto a sud, al posto di frontiera di Siene, l'attuale Assuan, nel giorno pi

lungo dell'anno si notava un fenomeno unico. Il 21 giugno l'ombra delle colonne o di qualunque oggetto verticale si accorciava sempre pi con l'avvicinarsi del mezzogiorno. Inoltre, i raggi del Sole riuscivano a colpire ed illuminare le pareti interne di un profondo pozzo, che negli altri giorni dell'anno rimanevano in ombra. Infine, a mezzogiorno preciso le colonne non facevano pi ombra e il Sole si rifletteva direttamente nell'acqua del pozzo. In quel momento, il Sole era sulla verticale esatta del posto, allo zenit. Si trattava di un fenomeno che, forse altri, avrebbero, facilmente, ignorato; colonne, ombre, sole riflesso nel pozzo, la posizione del Sole, sono fenomeni che abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni, quale importanza particolare potevano avere. Per, Eratostene era uno scienziato e la sua osservazione di questi fatti quotidiani cambi il mondo, in un senso rifece il mondo perch Eratostene ebbe l'intuito geniale di voler compiere un esperimento, di voler provare nei fatti se anche vicino ad Alessandria, un palo non aveva la sua ombra quando il Sole era a mezzogiorno del 21 giugno. E il risultato fu che faceva ombra! Una persona pi superficiale avrebbe detto che le osservazioni a Siene erano sbagliate, ma sarebbe stata una conclusione quantomeno semplicistica: che ragioni c'erano di inventarsi fenomeni del genere? Perci Eratostene si chiese come poteva accadere che, nello stesso momento, un palo a Siene non produceva ombra e un palo ad Alessandria, 800 Km pi a nord, produceva un'ombra molto definita. Prendiamo una mappa dell'antico Egitto (ripetiamo l'esperimento di Eratostene) e sistemiamo due modellini di obelischi, uno ad Alessandria e l'altro a Siene. Ora, se in una certa posizione, nessuno dei due obelischi produce ombra, niente del tutto, il motivo perfettamente evidente, considerando che la mappa piatta. E anche quando l'ombra a Siene ha una certa lunghezza e l'ombra ad Alessandria ha la stessa lunghezza perfettamente logico: sempre perch la mappa piatta. Ma, allora come pu essere, si chiese Eratostene, che nello stesso istante a Siene l'ombra non c', mentre ad Alessandria cos al lungata ed evidente. L'unica risposta possibile fu che la superficie della Terra era curva, inoltre scopr che pi la superficie era curva pi grande era la differenza tra la lunghezza delle ombre. Il Sole talmente lontano dalla Terra che i suoi raggi quando la colpiscono sono paralleli, e gli obelischi, che hanno angoli diversi rispetto ad essi, creeranno ombre di lunghezza diversa e, in base a questa differenza nella lunghezza delle ombre, stabil che la distanza tra Alessandria e Siene era pressapoco di 7 gradi lungo la superficie terrestre. In altre parole, se immaginiamo che questi obelischi si estendano direttamente gi fino al centro della Terra, nel punto di intersezione formerebbero un angolo di 7 gradi. Noi sappiamo che 7 gradi sono circa 1/50 della circonferenza terrestre che di 360 gradi. Eratostene conosceva la distanza che divideva Alessandria da Siene, sapeva che era di 800 Km. Come? Perch aveva ingaggiato apposta un uomo per misurare la distanza ed aver modo cos di sviluppare i calcoli dei quali stiamo parlando. Ora, 800 Km moltiplicato 50 fa esattamente 40.000 Km, e perci questa doveva essere la circonferenza della Terra, la distanza da percorrere per fare un giro della Terra. E la scoperta era giusta. Gli unici strumenti di Eratostene erano pali, occhi, piedi e la luce, pi un grande interesse per la sperimentazione. Con quei soli strumenti, egli riusc a calcolare la circonferenza della Terra con grande precisione, con un errore percentuale minimo. E' un ottimo risultato considerando che fu ottenuto 2200 anni fa. Gli scienziati dell'antichit compirono i primi importantissimi passi verso la comprensione dei rapporti dell'umanit con il cosmo, prima che le loro grandi civilt tramontassero. Ma, dopo l'era dell'oscurantismo, inizi ovunque lentamente la riscoperta delle opere di questi studiosi. Si ebbe cos il Rinascimento. Quando nel XV secolo l'Europa cominci finalmente a risvegliarsi dal suo lungo letargo durato tanto tempo, si dedic alla scoperta di strumenti, di libri e, anche, del pensiero. Nel 1600, la teoria, a lungo dimenticata, di Aristarco fu riscoperta. Giovanni Keplero costru un modello del Sistema Solare per capire il movimento dei pianeti e il senso di rotazione del cielo. E di notte sognava di poter andare sulla Luna. I suoi principali mezzi di studio erano i calcoli matematici della biblioteca alessandrina e un irremovibile rispetto per i fatti concreti, per quanto inquietanti essi potessero essere.

La storia di Keplero e degli scienziati che vennero dopo di lui fanno anch'esse parte del nostro viaggio. Settant'anni pi tardi, la teoria di Aristarco e di Copernico sul Sole come centro dell'Universo, veniva accettata in quasi tutta l'Europa. Si diffuse la convinzione che i pianeti erano dei mondi governati dalle leggi della natura, e quindi la speculazione scientifica si rivolse al movimento degli astri. Il senso rotatorio del cielo fu imitato dai fabbricanti di orologi sulla Terra; la possibilit di sapere e mantenere l'ora precisa permise lunghi viaggi per mare, a scopo di esplorazione e scoperte di nuove terre. Questa l'epoca in cui la cultura e l'informazione riacquistano il loro valore. Duecentocinquant'anni pi tardi la Terra era stata esplorata tutta; l'interesse si rivolge, ora, ai pianeti e alle stelle. Si scopre che le galassie sono enormi aggregati di astri, isole nell'Universo distanti milioni di anni luce. Nel 1920 gli astronomi cominciano a calcolare la velocit di movimento delle galassie pi lontane. Ci si accorge che le galassie si allontanano velocemente l'una dall'altra. Quello che lascia pi attoniti che l'Universo continua ad estendersi. Si comincia a dare una dimensione vera alle misure del tempo e dello spazio. Il lungo sforzo collettivo della scienza ci ha rivelato che l'Universo ha un'et di 15 miliardi di anni, calcolando come data di nascita il Big Bang, l'enorme esplosione che diede vita al cosmo. Il calendario cosmico comprime la storia locale dell'Universo in un unico anno. Quindi, se l'Universo nato il primo gennaio, la Via Lattea si formata nel primo di maggio, gli altri sistemi planetari possono essersi formati in giugno, luglio e agosto. Il nostro Sole e la Terra verso la met di settembre, la vita nasce subito dopo. Tutto quello che l'uomo ha fatto da quando esiste compreso nel giorno 31 dicembre. Il Big Bang compreso nel primo decimo di secondo del primo dell'anno, 15 miliardi di anni dopo siamo nel tempo presente, l'ultimo decimo di secondo del 31 dicembre. Ogni mese cosmico dura 1.250 milioni di anni e ogni giorno rappresenta 40 milioni di anni, ogni secondo sta per 500 secondi circa della nostra storia. La nostra nascita cos recente che gli eventi conosciuti della storia umana occupano solamente gli ultimissimi secondi dell'ultimo minuto del 31 dicembre cosmico. Tuttavia, alcuni eventi vitali per la razza umana sono cominciati alcuni minuti prima. I primi umanoidi fecero la loro apparizione verso le 22.30 del 31 dicembre; e col passare dei minuti cosmici, ognuno dei quali durava 30.000 dei nostri anni, noi iniziavamo il difficile viaggio verso la comprensione del nostro ambiente e di noi stessi. Alle 23.32 l'uomo ha scoperto il fuoco; 23.59 e 20 secondi siamo alla fine dell'ultimo giorno dell'anno cosmico, undicesima ora, cinquantanovesimo minuto, ventesimo secondo, comincia la familiarit con piante e animali; 23.59 e 35 secondi, le comunit agricole gi organizzate si trasformano nelle prime citt. Noi esseri umani siamo apparsi sul calendario cosmico cos di recente che tutta la nostra storia, come ho gi detto, occupa solo gli ultimissimi secondi dell'ultimo minuto del 31 dicembre. Noi terrestri ci siamo appena affacciati sul grande oceano dello spazio e del tempo dal quale siamo nati. Siamo l'eredit di 15 miliardi di anni di evoluzione cosmica; possiamo scegliere, progredire ed arrivare a conoscere l'universo che ci ha creati, o gettare via il retaggio di 15 miliardi di anni avviandoci all'autodistruzione. Quello che accadr nel primo decimo di secondo del prossimo anno cosmico dipender dall'uso che faremo, fin da adesso, della nostra intelligenza e della nostra conoscenza del cosmo.

2. La vita nello spazio


Una domanda che molti si pongono se al di fuori dalla Terra esista la vita. Ci sar vita su quegli innumerevoli pianeti che orbitano intorno ad altri soli simili al nostro? Eventuali esseri di altri mondi potrebbero somigliarci? Potrebbero essere diversi addirittura in modo sorprendente. Di che materia sarebbero fatti? La natura della vita sulla nostra Terra e l'interrogativo circa la vita al di fuori di essa sono due aspetti della stessa domanda. La domanda : cosa rappresentiamo nel cosmo? Sulla Terra qualsiasi materia vivente formata da molecole organiche, una complessa costruzione microscopica incentrata su atomi di carbonio. Anche nel grande buio tra una stella e l'altra ci sono molecole organiche, racchiuse in immense nubi di gas e polveri. All'interno di queste nubi ci sono gruppi di mondi in via di formazione. Le loro superfici sono, con molta probabilit, ricoperte da molecole organiche. Queste molecole quasi certamente non sono materia vivente, anche se sono l'essenza della vita. Nell'ambiente adatto, potrebbero sfociare in forme di vita. La materia organica abbonda in tutto il cosmo, perch prodotta dovunque dagli stessi processi chimici. Forse, dandole il tempo necessario la vita nascerebbe e si evolverebbe, inevitabilmente, su ogni mondo dall'ambiente adatto. Ci saranno certamente dei pianeti troppo ostili alla nascita della vita; su altri, invece, pu darsi che essa nasca o che non riesca mai ad evolversi oltre le sue forme pi semplici. Altre ancora potrebbero, addirittura, essersi evolute in forme di intelligenza o civilt pi progredite della nostra. Sul nostro pianeta tutte le forme di vita sono strettamente collegate tra loro. Hanno in comune la stessa chimica organica e materiale ereditario. Di conseguenza i nostri biologi hanno dei limiti ben precisi, come tappa di studio hanno un'unica biologia, un unico tema nella musica della vita.

Come sono nate la prima volta le molecole organiche? Come ha fatto la vita ad evolversi sino a produrre esseri sofisticati e complessi come noi, capaci di indagare nel mistero del nostro stesso intimo? Voglio raccontarvi una storia, una piccola frase musicale nel grande concerto della vita sulla Terra. Nel corso della sua storia il Giappone fu governato, nel XII sec., da un clan di guerrieri chiamati Eiti. Il capo simbolico degli Eiti, che era anche imperatore del Giappone, era un bambino di sette anni di nome Ant, la sua tutrice era la nonna. I guerrieri Eiti si impegnarono in una lunga e sanguinosa guerra contro un altro clan. Tutti e due i clan rivendicavano un maggiore diritto ereditario al trono imperiale. Lo scontro decisivo avvenne a Katmur nel mar del Giappone il 24 aprile del 1185. Gli Eiti, inferiori per numero e capacit guerriere, furono decimati; sconfitti senza possibilit di rivincita, gli Eiti sopravvissuti si gettarono in mare e morirono annegati. La nonna dell'imperatore disse che n il nipote e n lei si sarebbero fatti catturare, quello che avvenne dopo descritto nel libro "La storia degli Eiti". Il piccolo imperatore chiese alla nonna "Ora dove mi porti", lei si volt verso il re-bambino e gli disse "Il nostro regno nelle profondit dell'oceano", mentre le lacrime le scorrevano gi per le guance e lo consol. Accecato dalle lacrime, il rebambino un le sue piccole splendide manine in segno di preghiera. Prima si volse a oriente per salutare un dio e poi a occidente per recitare una preghiera. La nonna, dopo averlo preso tra le braccia, si lanci in mare con il nipotino e tutti e due scomparvero sotto le onde. La distruzione dei guerrieri Eiti segn, anche, la fine del clan dopo 30 anni di dominio e la sua completa scomparsa dalla storia. Solo 43 componenti del clan sopravvissero alla sconfitta, tutte donne. Queste ex cortigiane e dame di compagnia della corte imperiale furono ridotte a vendere fiori e favori, anche di altro tipo, ai

pescatori che vivevano nella zona dove si era svolta la battaglia. Queste donne, con figli che avevano avuti dai pescatori, istituirono una cerimonia annuale per ricordare la battaglia. E, ancora oggi, il 24 aprile di ogni anno i loro discendenti si recano in processione al tempio di Atama, all'interno del quale c' il mausoleo dedicato ad Ant, l'imperatore di sette anni morto annegato. L si svolge, anche, una cerimonia commemorativa della vita e della morte dei guerrieri Eiti. Ma, questa storia ha uno strano seguito. Oggi, i pescatori del luogo sostengono che i guerrieri Eit vagano sul fondo del mare sotto forma di granchi. Infatti, si trovano dei granchi che hanno strani pinne sul dorso, impronte che fanno pensare a un viso umano con l'espressione aggressiva. I granchi quando vengono pescati, poi vengono rimessi in mare, in ricordo dei tragici avvenimenti e la battaglia tra i due clan. Questa leggenda solleva un problema affascinante, come pu accadere che il viso di un guerriero sia scolpito sul guscio di un granchio giapponese? La risposta potrebbe essere che questa faccia opera degli uomini; ma come? Insieme ad altre caratteristiche, l'immagine che appare come il viso di un uomo scolpito sul dorso di questi granchi, ereditata. Ma anche tra i granchi come tra gli uomini ci sono linee ereditarie. Ora supponiamo che, per un caso qualsiasi, tra i pi lontani antenati di questi granchi ce ne fosse uno che assomigliava appena un pochino a un viso umano. Cos, molto prima della battaglia, ai pescatori potrebbe aver fatto impressione mangiare un granchio che somigliava a un uomo. Ed ecco che con il passare degli anni, si cre un processo di selezione, cio se c'era un granchio con un guscio dall'aspetto normale gli uomini lo mangiavano; per, se ricordava vagamente l'aspetto umano allora veniva buttato in mare. Con il passare delle generazioni, i granchi con una immagine sul dorso che somigliava alla faccia di un samurai potevano sopravvivere pi degli altri. Finch dopo secoli, il dorso non somigliava pi a una faccia normale, neanche a una faccia giapponese, ma alla faccia di un guerriero samurai. Tutto questo non ha niente a che fare con quello che i granchi possono volere, la selezione un fenomeno indotto dall'esterno. Questo processo si chiama selezione naturale. Gli uomini per migliaia di anni hanno deliberatamente selezionato i tipi di piante e animali che dovevano vivere. Siamo circondati da animali domestici, prodotti vegetali. Da dove provengono questi animali? Vivevano gi nel loro attuale aspetto allo stato selvaggio e un po' alla volta hanno preferito una vita meno libera, ma meno dura, nelle fattorie? No. Essi sono, per una buona parte, un prodotto dell'uomo. L'essenza della selezione artificiale per un cavallo o una mucca o qualsiasi altra cosa questa: l'ereditariet di molte caratteristiche che portano a una specie unica. Gli uomini incoraggiano la riproduzione di alcune specie e scoraggiano la riproduzione di altre. La specie selezionata a favore finisce con l'aumentare, la specie selezionata a sfavore diminuisce e pu anche estinguersi. Ma se la selezione artificiale provoca simili mutamenti solo in poche migliaia di anni, cosa produce la selezione naturale che lavora da miliardi di anni? La risposta in tutta la bellezza e la diversificazione del mondo biologico. Che la vita si sia evoluta attraverso i millenni evidente. L'analisi dei fossili ci indica, senza ombra di dubbio, che le creature enormi, un tempo presenti, ora sono scomparse completamente. Oggi sono molto pi le specie che si sono estinte di quelle che esistono. Esse sono degli esperimenti completati dell'evoluzione. I primi ominidi che apparvero sulla Terra seicento milioni di anni fa, ci restarono per 200 milioni di anni e ora sono spariti tutti. Che il meccanismo dell'evoluzione sia nella selezione naturale fu la grande scoperta di Charles Darwin. Ecco come funziona. La natura prolifica, nascono molte pi creature di quante non abbiano la possibilit di sopravvivere. Cos quelle specie che sono, per un capriccio, meno adatte a vivere non sopravvivono o quanto meno sono poco prolifiche. Ora le mutazioni, gli improvvisi cambiamenti nell'ereditariet diventano stabili, si trasmettono, l'ambiente seleziona quei mutamenti occasionali che favoriscono la sopravvivenza e la conseguente serie di

cambiamenti nella struttura degli esseri viventi l'origine delle nuove specie. Per comprendere il passaggio delle ere cosmiche, abbiamo compresso tutto il tempo in un anno cosmico, che ha per inizio il primo gennaio, la grande esplosione o Big Bang. Nel calendario cosmico ogni mese corrisponde a poco pi di un miliardo di anni, la Terra si formata quando l'anno cosmico era arrivato a 2/3; la nostra conoscenza della storia della vita molto recente, ed compresa solo negli ultimi secondi del 31 dicembre. Nei suoi dettagli, la storia della vita sulla Terra , probabilmente, unica in tutta la Galassia della Via Lattea. La vita sulla Terra nata nel settembre dell'anno cosmico, quando il nostro mondo, ancora turbato e sconvolto dalla sua violenta origine, somigliava un p alla nostra Luna. La Terra ha un'et di circa 4 miliardi e mezzo di anni, per il calendario cosmico essa si formata da condensazioni di gas interstellare e pulviscolo, intorno al 14 settembre. Noi sappiamo dall'analisi dei fossili, che la vita si originata dopo questo tempo, diciamo verso il 25 settembre, probabilmente nell'aria o negli oceani dell'era primordiale. Le prime forme di vita non avevano niente di cos complesso come gli organismi unicellulari che sono gi forme di vita molto sofisticate. I primi embrioni di vita sulla Terra erano estremamente pi semplici e si produssero a livello molecolare. In quell'era primordiale i fulmini e i raggi ultravioletti del Sole scomposero e frantumarono le molecole semplici sature di idrogeno che erano nell'atmosfera e i frammenti di queste molecole cominciarono a ricomporsi spontaneamente formando, in questo modo, altre molecole molto pi complesse. I prodotti di questa chimica primordiale si dissolsero negli oceani formando una sorta di liquido organico di complessit gradualmente crescente. Finch un giorno, unicamente per caso, venne fuori una molecola capace di riprodurre copie di se stessa utilizzando come materiale le altre molecole presenti nel liquido. Questa molecola fu l'antenata del DNA. Il DNA la molecola principale della vita sulla Terra, formata da 4 diverse parti molecolari chiamate nucleotidi, i quali costituiscono le quattro lettere del codice genetico, il linguaggio dell'ereditariet. Ognuno di questi nucleotidi, che sono i pioli della scala del DNA, hanno colore diverso. Le istruzioni che essi diramano variano per ogni organismo, ecco perch gli organismi sono diversi tra loro. Le mutazioni sono dei cambiamenti dei nucleotidi, una specie di disobbedienza delle leggi genetiche, molte mutazioni comportano delle assurdit genetiche, come c' da aspettarsi perch avvengono senza ordine e non influiscono sulla generazione successiva. Ma alcune anche se poche, sia pure per caso, hanno molto pi senso delle istruzioni originarie. Quattro miliardi di anni fa gli antenati del DNA si contendevano i materiali molecolari da costruzione che abbandonavano le copie grezze di se stesse. Non esistevano predatori, la materia vitale era ovunque, cos gli oceani e i laghi erano per quelle molecole un giardino dell'Eden; con la riproduzione, le mutazioni e la selezione naturale l'evoluzione delle molecole viventi era gi in fase avanzata. Alcune variet di molecole, con funzioni specifiche, finirono con l'unirsi formando un agglomerato, la prima cellula. Nel frattempo, l'evoluzione delle piante aveva progredito, perch esse erano in grado di utilizzare la luce del Sole per creare il proprio materiale. Alcune piante unicellulari si unirono formando i primi organismi multicellulari. Altrettanto importante fu l'invenzione, realizzata ai primi di novembre, del sesso. Il primo dicembre, le piante verdi avevano liberato nell'atmosfera grosse quantit di ossigeno e di azoto. Poi improvvisamente, il 15 dicembre ci fu un enorme proliferazione di nuove forme di vita. Sappiamo dall'esame dei fossili, che la vita nacque subito dopo la formazione della Terra, il che fa pensare che

l'origine della vita potrebbe essere un inevitabile processo chimico su infiniti pianeti simili alla Terra sparsi per il cosmo. Ma sulla Terra in circa 4 miliardi di anni, la vita non ha progredito oltre le alghe, quindi pu darsi che le forme di vita pi complicate siano, anche, pi difficili ad evolversi. Se questo vero, i pianeti della Galassia potrebbero essere pieni di microorganismi, mentre i vegetali e gli esseri pensanti potrebbero essere pi rari. Il 18 dicembre c'erano grandi quantit di trilobiti, che si nutrivano sul fondo degli oceani. I primi vertebrati apparvero il 19 dicembre, le piante cominciarono a diffondersi il 20 dicembre; i primi insetti alati cominciarono a svolazzare il 22 dicembre. E in questa stessa data apparvero i primi anfibi, creature capaci di vivere sia sulla terra che nell'acqua. I diretti progenitori dell'uomo cominciavano a lasciarsi alle spalle gli oceani. I primi alberi e i primi rettili nacquero il 23 dicembre, erano due sorprendenti forme di evoluzione. Noi uomini discendiamo da alcuni di questi rettili. I dinosauri fecero la loro apparizione la vigilia di Natale (24 dicembre); ce ne erano diversi tipi, la Terra era soltanto loro. Molti dinosauri camminavano eretti ed erano dotati di una certa intelligenza. Ignorati dai dinosauri, fecero la loro prima comparsa delle nuove creature, i cui figli nascevano gi formati e indifesi, erano i primi mammiferi, che apparvero il 26 dicembre. Il giorno seguente nacquero i primi uccelli. Ma la Terra era ancora dominio incontrastato dei dinosauri, poi, all'improvviso su tutto il pianeta, i dinosauri si estinsero. Le cause sono rimaste ignote. I dinosauri si estinsero nel periodo in cui apparve il primo fiore. Il 30 dicembre comparvero le prime creature che avevano un aspetto vagamente umano, caratterizzate da un ben visibile aumento della grandezza del cervello. Infine, la sera del 31 dicembre nacquero le prime vere creature umane. Tutta la storia umana documentata occupa soltanto gli ultimi 10 secondi dell'anno cosmico.

Diamo un'occhiata pi da vicino ai nostri antenati. Un semplice fenomeno chimico port ad uno dei momenti pi grandi della storia del nostro pianeta. In quel liquido organico primordiale c'erano molti tipi di molecole, alcune di esse erano, da un lato, attratte dall'acqua e invece respinte, dall'altro. Questo fatto le port ad unirsi, e a formare un sottile guscio sferico, come una bolla di sapone. Dentro questa bolla gli antenati del DNA trovarono una sede e nacque la prima cellula. Ci sono volute centinaia di milioni di anni perch le piante pi piccole si evolvessero e sprigionassero ossigeno. Batteri in grado di respirare ossigeno impiegarono pi di un altro miliardo di anni per completare l'evoluzione. Da un nucleo vuoto, si svilupp una cellula con un nucleo all'interno. Alcune di queste forme simili all'ameba, produssero a un certo punto le piante. Altre, produssero delle colonie che avevano all'interno e all'esterno cellule che espletarono funzioni diverse. Il tutto divenne un polipo, che filtrava il proprio cibo dall'acqua e che sviluppava dei piccoli tentacoli per incanalare il cibo in una specie di bocca primordiale. Da questo nostro umile antenato derivarono altri animali dalla pelle spinosa e corazzata, dotati di organi interni, compresa una nostra cugina la stella marina. Ma noi non deriviamo dalla stella marina. Circa 550 milioni di anni fa gli organi che filtravano il cibo svilupparono delle fessure branchiali; un ramo evolutivo produsse alcuni rettili marini, un altro ramo produsse delle creature che, allo stato di larve, nuotavano liberamente. Ma una volta cresciute rimanevano ancorate saldamente al punto della terra. Alcune presero una forma cilindrica, ma altre mantennero la forma di larve per

tutto il ciclo vitale, mantenendo la libert di nuotare anche da adulti sviluppando una specie di spina dorsale. I nostri antenati, 500 milioni di anni fa, erano pesci senza mandibole che filtravano il nutrimento dall'acqua. Naturalmente questi pesciolini svilupparono gli occhi e le mandibole. I pesci cominciarono a mangiare altri pesci, sopravviveva chi era pi veloce a nuotare. Avendo ora delle mandibole per mangiare, i pesci cominciarono a usare le branchie per respirare l'ossigeno dall'acqua. E cos si arrivati ai pesci attuali. In estate, laghi e paludi si prosciugavano, cos alcuni pesci svilupparono una sorta di polmone primitivo per respirare aria fino all'arrivo delle piogge. Il loro cervello aumentava di grandezza. Se le piogge non arrivavano, diventava necessario trascinarsi fino alla palude pi vicina. Fu un momento molto importante dell'evoluzione. Nacquero i primi anfibi con la coda, ancora, da pesce. Gli anfibi, come i pesci, depositavano le uova in acqua, dove erano facile preda. Ma si comincia allora una nuova splendida innovazione: l'uovo dal guscio duro che veniva depositato a terra, dove non c'erano ancora predatori. I rettili e le tartarughe risalgono a quei giorni. Molti rettili che nascevano sulla terra, non tornarono mai pi in acqua; alcuni di essi divennero dinosauri. Un ramo dei dinosauri svilupp peli e piume, adatto a voli brevi; oggigiorno, gli unici discendenti dei dinosauri sono gli uccelli. I grandi dinosauri si evolvettero lungo un altro ramo, alcuni divennero i pi grandi carnivori mai vissuti. Ma 65 milioni di anni fa morirono tutti misteriosamente. Nel frattempo i predecessori dei dinosauri si stavano anch'essi evolvendo in un'altra direzione: animali pi piccoli e feroci, con i piccoli che crescevano nel corpo della madre. Dopo la scomparsa dei dinosauri, si svilupparono molte forme derivate diverse. I piccoli nati dei marsupiali e dei mammiferi, in genere, erano molto immaturi al momento della nascita. Bisognava insegnargli a sopravvivere. Il cervello aument ancora di grandezza. L'antenato di tutti i mammiferi fu una specie di topo-ragno. Un gruppo prese a vivere sugli alberi, sviluppando doti come l'agilit, la visione stereoscopica, cervello ancora pi grande e interesse per l'ambiente circostante. Alcuni divennero gli attuali babbuini, ma non era la linea che port all'uomo. Le grandi scimmie e l'uomo hanno degli antenati in comune abbastanza recenti, non si trovano grandi differenze tra di loro. Al contrario dello scimpanz, gli antenati dell'uomo camminano eretti con le mani libere per difendersi, lavorare, conoscere. Poi progredirono ancora. Cominciarono a parlare. Molti rami collaterali della famiglia umana si sono estinti negli ultimi milioni di anni, noi, invece, siamo sopravvissuti. C' un filo ininterrotto che parte dalle prime cellule, di cui parlavamo, e arriva a noi. Possiamo rappresentare, graficamente, l'evoluzione come una perenne ramificazione di un tronco originale, dove ogni ramo viene potato e sfrondato dalla selezione naturale. L'uomo deriva da un solo ramo del tronco, ma ora influenza tutti i rami dell'albero, vecchi di 4 miliardi di anni. La razza umana si evoluta sugli alberi e attorno a essi, l'uomo ha un'affinit naturale con gli alberi. Gli alberi producono la fotosintesi, assorbono la luce del Sole. Ci sono talmente tante piante sulla Terra, che uno pericolosamente indotto a considerarle come cose banali o a perdere di vista la complessit dell'efficienza della loro struttura. Le piante si servono dei carboidrati, che producono, come fonte di energia per continuare il loro ciclo vegetale. E gli animali, compreso l'uomo sono dei parassiti delle piante. Mangiando le piante e i loro frutti, noi combiniamo i carboidrati con l'ossigeno, che dissolviamo nel sangue attraverso la respirazione. Da questa reazione chimica, noi ricaviamo l'energia che ci fa muovere. In questo processo, noi espiriamo biossido di carbonio o anidride carbonica, che le piante poi usano per produrre altri carboidrati. Tutto il ciclo viene reso attivo dalla luce del Sole. Ma l'anidride carbonica

sarebbe presente nell'aria anche senza gli animali, noi abbiamo bisogno delle piante molto pi di quanto esse non ne abbiano di noi. Tra gli organismi che vivono sulla Terra, ci sono molte affinit di tipo familiare, alcune sono molto evidenti, come ad esempio il ritorno periodico del numero 5. Gli uomini hanno 5 espressioni principali del corpo: una testa, due braccia, due gambe. E cos le anatre, anche se le funzioni delle loro estensioni non sono proprio le stesse. Invece, un polipo o un centopiedi hanno una struttura diversa, una creatura di un altro pianeta potrebbe essere addirittura ancora pi diversa. Queste affinit familiari continuano su un piano molto pi profondo, quando arriviamo alle basi molecolari della vita. Esistono decine di miliardi di specie differenti di molecole organiche e tuttavia, soltanto una cinquantina di esse vengono usate per i meccanismi essenziali della vita. Se esaminiamo la vera essenza della vita sulla Terra, cio le proteine che controllano la chimica delle cellule, la spirale o elica degli acidi nucleici portatori dell'informazione ereditaria, vediamo che queste molecole sono assolutamente identiche in tutte le piante e gli animali del nostro pianeta. Ma come mai c' una somiglianza cos sorprendente, a livello molecolare, tra noi esseri umani e tutti gli altri esseri viventi sulla Terra? La spiegazione pi consueta che noi tutti sulla Terra siamo discendenti di una unica comune causa, che ha dato origine alla vita 4 miliardi di anni fa. Ora, come ha fatto la molecola della vita a nascere? In un laboratorio dell'Universit di Cornell, misceliamo gas e acqua uguali a quelli della Terra primordiale, aggiungiamo energia e vediamo se riusciamo a far nascere la vita. Ma com'era fatta l'atmosfera primordiale? Se facciamo l'esperimento con l'aria come oggi, l'esperimento destinato a fallire. Perch l'esperimento con l'aria di oggi non riesce? Perch l'aria di oggi contiene ossigeno molecolare, ma l'ossigeno prodotto dalle piante ed ovvio che prima che nascesse la vita le piante non esistevano. Quindi non dobbiamo usare ossigeno nell'esperimento perch nell'atmosfera primordiale non ce ne era. Questo fatto assolutamente logico, perch il cosmo composto soprattutto da idrogeno che divora l'ossigeno. La bassa gravit della Terra ha fatto s che la maggior parte del nostro idrogeno, qual era alle origini, si sia volatilizzato nel cosmo. Ma 4 miliardi di anni fa la nostra atmosfera era satura di gas ricchi di idrogeno, metano, ammoniaca, vapor d'acqua. E sono questi i gas da usare per l'esperimento. Questo esperimento fu compiuto per la prima volta da Stanley Miller nel 1950. Dopo aver compiuto l'esperimento, l'interno della provetta si ricopre di striature di uno strano pigmento marrone, un ricco campionario di molecole organiche complesse, tra cui il materiale da costruzione delle proteine e degli acidi nucleici. Questi acidi nucleici sono in grado di creare copie identiche di se stessi. Per c' ancora una grande quantit di cose da capire circa l'origine della vita, compresa l'origine del codice genetico. L'uomo lavora a questo esperimento solo da 30 anni, la natura ha cominciato 4 miliardi di anni fa. C' da dire che i gas di cui ci siamo serviti per l'esperimento e le fonti di energia usate sono assolutamente comuni a tutto il cosmo. Quindi sono reazioni chimiche simili a queste che devono aver dato vita alla materia organica nello spazio interstellare e agli amminoacidi nei meteoriti. Reazioni chimiche come queste devono esserci state su miliardi di altri mondi nella Galassia della Via Lattea. Le molecole della vita riempiono il cosmo. Ora, quali caratteristiche pu avere la vita altrove? Anche se la sua chimica molecolare fosse identica a quella della vita sulla Terra, il che molto improbabile, essa non potrebbe essere uguale o molto simile nella forma agli organismi pi comuni sulla Terra. La casualit, che una caratteristica del processo di evoluzione, deve creare altrove delle creature completamente diverse da quelle che noi conosciamo.

La biologia pi simile alla storia che non alla fisica. Per capire il presente bisogna conoscere il passato. Nella biologia non esistono teorie profetiche cos come non ne esistono nella storia, e il motivo lo stesso. Tutte e due le materie sono ancora troppo difficili per noi, per riusciremo a capire molto meglio noi stessi se riusciremo a capire quello che ci circonda. Lo studio di un solo elemento della vita extraterrestre, per quanto minimo, d alla biologia orizzonti meno limitati.

3. Linformazione
La vita sulla Terra molto pi bella e molto pi complessa di qualunque mondo senza vita. Il nostro pianeta ingentilito dalla vita e una delle qualit che contraddistingue la vita la sua complessit sviluppatasi lentamente in 4 miliardi di anni di selezione naturale. Si pu descrivere in un solo paragrafo e in modo dettagliato come si forma una roccia, ma per descrivere la struttura base di un albero o di un filo d'erba o di un animale monocellulare occorrono volumi e volumi. Costruire una cosa vivente e semplicemente descriverla richiede una quantit enorme di informazioni. L'unit di misura dell'informazione un qualcosa chiamato bit, una risposta precisa, si o no, a una sola interrogazione altrettanto precisa. Cos per precisare se l'interruttore della luce acceso o spento basta un solo bit, per precisare qualcosa di pi complesso ci vogliono pi bit. C' un gioco molto noto, detto delle venti domande, che dimostrano come bastino 20 bit per definire un concetto anche grande. Per esempio, ho in mano qualcosa, cosa sar? una cosa viva? Si, e gi siamo a un bit. un animale? No, siamo a due bit. una cosa che si vede? Si. Cresce nella terra? Si. una pianta coltivata? No. Bene, con solo cinque bit abbiamo fatto dei progressi sostanziali per capire di che si tratti, un dente di leone. Nella nostra esplorazione del cosmo il primo passo da fare quello di porre le domande giuste. Poi, non con venti domande, ma con miliardi, ricaveremo lentamente dalla complessit dell'universo l'ordine su cui esso poggia. Nel grande buio cosmico ci sono innumerevoli stelle e pianeti, alcuni dei quali nei pressi del nostro Sistema Solare. Sebbene non ne abbiamo ancora la certezza, gli stessi processi evolutivi che sulla Terra hanno portato all'origine della vita e dell'intelligenza potrebbero essersi sviluppati in tutto il cosmo. Potrebbero esserci milioni di mondi solo nella Galassia della Via Lattea, in questo momento potrebbero essere gi abitati da esseri intelligenti. Sarebbe una meraviglia sapere qualcosa sull'intelligenza non umana. Che possiamo saperne? Vediamo come possiamo descrivere le forme di vita che ci sono sulla Terra, come se fossimo degli osservatori esterni. un mondo coperto, per la maggior parte da un liquido, un mare profondo chilometri e chilometri e che brulica di forme di vita. Vi sono intere comunit di esseri trasparenti, vi sono gruppi di creature che comunicano tra di loro cambiando la forma del corpo; vi sono esseri che emettono luce propria; vi sono fiori famelici che divorano chi passa vicino; vi sono alberi che gesticolano. Questi sono solo alcuni di quegli esseri che abitano la Terra. Sono esseri saturi d'informazioni, ognuno ha il proprio repertorio di comportamenti necessari ad assicurargli la sopravvivenza. Le creature pi grandi della Terra sono le grandi balene. Sono gli animali pi grossi sul nostro pianeta, di gran lunga pi grossi anche dei dinosauri. I loro antenati erano carnivori, mammiferi, che 70 milioni di anni fa migrarono dalla terra verso le acque. Abbiamo in comune molte cose con loro, tutte le caratteristiche dei mammiferi. Le balene hanno sviluppato, nel tempo, una capacit di comunicare con il suono. Alcuni suoni delle balene vengono definiti canti, ma in realt noi ignoriamo il loro significato. Essi coprono, per frequenza, una banda molto vasta di suoni gi fino a frequenze ben al di sotto dei suoni pi bassi percepiti dall'uomo. Un canto tipico di balena pu durare, forse, un quarto d'ora e il pi lungo pi o meno una mezz'ora. Di tanto in tanto, gruppi di balene lasciano il mare invernale nel mezzo di un canto, torneranno sei mesi dopo e riprenderanno il canto, esattamente, dal punto dove lo avevano interrotto, con ritmo identico. Le balene hanno un'ottima memoria. Ci sono delle volte che le balene tornano dopo un'assenza di tre mesi e la musica non pi la stessa, si sente un canto diverso. Molto spesso, i

compagni del gruppo emettono lo stesso canto insieme, per una sorta di mutuo consenso la musica cambia un po alla volta e in modo prevedibile. L'andamento molto complesso dei canti delle balene talvolta viene ripetuto con esattezza. Se immaginiamo che i canti delle balene siano eseguiti in un linguaggio tonale, allora il numero dei bit di informazioni in un solo canto circa lo stesso dei bit di informazione dell'Iliade o dell'Odissea. Cosa possono avere da dire o da cantare balene e delfini? Non hanno organi con cui manipolare, non possono realizzare grandi opere di ingegneria, come noi. Il grande pericolo per le balene l'uomo. Per il 99,99% della storia delle balene, negli oceani non sono esistiti esseri umani. In quel lungo periodo le balene svilupparono il loro straordinario sistema di comunicazione. Alcune balene emettono suoni molto forti a una frequenza di 20 Hertz. Un Hertz l'unit di frequenza del suono e rappresenta un'onda sonora che penetra nell'orecchio ogni secondo. Il biologo americano Roger Pein ha calcolato che a queste frequenze c' nelle zone profonde dell'oceano un canale sonoro attraverso il quale le balene possono comunicare da qualunque parte del mondo. Durante la loro storia le balene hanno creato una rete di comunicazione attraverso tutto il globo. Il calcolo sul raggio delle comunicazioni tra le balene presuppone che gli oceani siano calmi. Le balene che comunicano tra loro attraverso gli oceani devono aver incontrato difficolt sempre maggiori perch sono state inventate navi, velieri che emettono, per diversi motivi, anche loro frequenze di 20 Hertz, quindi la distanza con cui un tempo potevano comunicare deve essersi ridotta sempre pi. Duecento anni orsono, una distanza tipo a cui certe balene potevano comunicare era pressapoco di 10.000 chilometri, oggi nelle stesse condizioni la distanza corrispondente forse di qualche centinaio di chilometri. Abbiamo isolato tra loro le balene e abbiamo fatto di peggio perch continua ad esistere, ancora oggi, il traffico di corpi delle balene morte. Ci sono uomini che cacciano e massacrano indiscriminatamente le balene e sfruttano i prodotti per farne altri (per esempio, cibo per cane o rossetto per labbra). Molte nazioni hanno capito che uccidere le balene mostruoso, ma il traffico continua specialmente da parte del Giappone, della Norvegia e dell'Unione Sovietica.

Noi usiamo il termine mostro per definire un animale diverso da noi, un animale terrificante. Ma chi in questo caso? Le balene che vogliono solo cantare o l'uomo, che si organizza per cacciarle, per distruggerle? Per sopravvivere una balena deve conoscere certi comportamenti, questa conoscenza conservata in due modi principali, nei suoi geni e nel suo cervello enorme. Possiamo immaginare i geni e il cervello di una balena come una specie di biblioteca addetta al suo corpo. L'informazione genetica, quella contenuta nel DNA, riguarda come allevare un figlio, ecc.; l'informazione contenuta nel cervello, cio l'informazione acquisita, riguarda cose come, chi mia madre, ecc. La biblioteca genetica di tutti gli esseri viventi sulla Terra costituita dal DNA. L'unica funzione di questa molecola, molto complessa, quella di riprodurre l'informazione genetica. Se voi arrivaste da un mondo diverso dal nostro, non sareste in grado di identificare una balena o una persona con il gioco delle venti domande, con venti bit soltanto, ci servirebbe un gioco dei dieci miliardi di domande. Sulla Terra ogni organismo contiene come sua eredit una biblioteca portatile e pi informazioni avete, pi cose potete fare. L'organismo pi semplice, un virus, ha bisogno soltanto di tutti e diecimila bit, equivalenti alla quantit di informazioni che sono in una pagina di un libro medio. Sono tutte le istruzioni che il virus ha bisogno per infettare altri organismi e per riprodursi. Il batterio si serve, grosso modo, di milioni di bit di informazioni, perch lavorano molto pi dei virus, perch non sono dei parassiti. E che dire di un'ameba monocellulare? Sono anch'esse microscopiche, ma nel regno degli esseri

monocellulari sono dei giganti, sono le balene del mondo dei microbi. Ognuna contiene, nel proprio DNA, circa 40 milioni di bit, l'equivalente di circa otto volumi, composto ognuno di 500 pagine. Questo il numero di informazioni necessari a fare un'ameba. E che dire di una balena o di un essere umano? La risposta che, in questo caso, i bit sono qualcosa come 5 miliardi, e tutte queste informazioni, contenute nel nucleo delle nostre cellule, riempirebbero un migliaio di volumi. Pensate un po', in ciascuna delle centinaia di miliardi di cellule del nostro corpo c' contenuta un'intera biblioteca di istruzioni su come costruire ogni parte di noi. Immaginiamo di trovarci in una grande biblioteca, tutti i volumi dovrebbero contenere tutto ci che il mio corpo sa fare, senza che nessuno gliel'abbia insegnato. Le informazioni pi antiche sono scritte in modo dettagliato, esauriente, attento, accurato; come si ride, come si starnuta, come si cammina, come si riconoscono delle forme, come ci si riproduce, come si digerisce una mela. Se fossero scritte nel linguaggio della chimica, come si presenterebbero le istruzioni per digerire lo zucchero di una mela? Vediamo. Il processo chimico interessato veicolo enzima anaerobico. Mangiare una mela pu sembrare una cosa molto semplice, ma non lo . Infatti, se io dovessi ricordarmi ed elaborare consapevolmente tutti i processi chimici necessari per ricavare energia dal cibo, probabilmente morirei di fame. Anche un batterio sa fare gli stessi processi chimici. I batteri, noi e altri esseri viventi, possediamo parecchie istruzioni genetiche simili. Le nostre biblioteche genetiche separate hanno molte cose in comune. La nostra presente tecnologia di uomini pu riprodurre, solo, una minuscola frazione di quella comunit radiochimica che il nostro corpo sembra elaborare cos agevolmente, n questo perch il DNA molto esperto. Ora, cosa accadrebbe se il compito che dovete svolgere fosse talmente complicato che neanche diversi miliardi di bit di informazioni sarebbero sufficienti? Allora neanche una biblioteca genetica di 1.000 volumi potrebbe essere sufficiente, ecco perch noi abbiamo il cervello. Come tutti gli altri organi, il cervello ha subto un'evoluzione aumentando, in milioni di anni, la sua complessit e il contenuto di informazioni. La sua struttura rispecchia tutti gli stadi attraverso i quali esso passato. Il cervello si sviluppato dall'interno all'esterno, nel profondo interno c' la parte pi antica, detta tronco cerebrale che tiene l le funzioni biologiche fondamentali, le quali comprendono certi ritmi vitali, come il battito cardiaco e la respirazione. Le funzioni superiori del cervello si sono evolute in tre stati successivi, almeno secondo un'indagine di un biologo americano. Sopra il tronco cerebrale c' il cosiddetto complesso "r", dove "r" sta per rettile; la sede dell'aggressivit, del senso del territorio e delle gerarchie sociali. Si svilupp alcune centinaia milioni di anni fa nei nostri progenitori rettili. Intorno al complesso "r" c' il sistema limbico o cervello dei mammiferi, sviluppatosi solo decine di milioni di anni fa in certi antenati che erano gi dei mammiferi, ma non ancora primati, come le scimmie ad esempio. Il sistema limbico la fonte importante dei nostri umori ed emozioni. All'esterno del cervello c' la corteccia cerebrale, sviluppatasi solo milioni di anni fa nei nostri antenati che erano ormai dei primati. Nella corteccia cerebrale la materia viene trasformata in consapevolezza, regola la nostra vita quotidiana. Dietro la fronte abbiamo i lobi frontali della corteccia cerebrale, l, forse, che noi prevediamo gli avvenimenti o immaginiamo il futuro. All'interno della corteccia cerebrale c' la struttura microscopica del delfino. Il linguaggio del cervello non quello del DNA o dei geni, tutto quello che sappiamo codificato in cellule dette neuroni, minuscoli elementi codificatori, dove ogni collegamento rappresenta un bit di informazione. Quanti neuroni ci sono in ognuno di noi? Forse un numero paragonabile alle stelle della nostra Galassia. I neuroni hanno anche un loro suono. Il paesaggio della corteccia cerebrale

umana caratterizzato da solchi profondi, c' una spiegazione in questo fatto. Questi aumentano la superficie disponibile ad immagazzinare le informazioni, considerando lo spazio limitato all'interno del cranio. Il mondo del pensiero diviso, grosso modo, in due emisferi: quello di destra, che sovrintende soprattutto alla creativit, alla sensibilit, e quello di sinistra, che presiede al pensiero razionale, analitico e critico. un dialogo continuo tra i due emisferi del cervello, incanalato in un immenso pacco di fibre nervose, chiamato corpo calloso. Il contenuto di informazioni del cervello umano, espresso in bit, paragonabile al numero dei collegamenti tra i neuroni della corteccia cerebrale, vale a dire circa 100.000 miliardi di bit, cio 10 alla quattordicesima potenza (10^14). Dentro la testa di ognuno di noi c' una quantit di informazioni corrispondente a 20 milioni di volumi.

Ma all'incirca qualche decina di migliaia di anni fa, cominciammo a conoscere pi cose di quante il cervello potesse contenere. Cos imparammo ad accumulare enormi quantit di informazioni al di fuori del nostro corpo. Per quanto ne sappiamo, siamo l'unica specie esistente su questo pianeta ad aver inventato una memoria in comune fra tutti. Il magazzino di questa memoria si chiama biblioteca. Anche le biblioteche hanno avuto una loro evoluzione. La grande biblioteca di Assurbanipal, antico re di Assiria, era composta di migliaia di tavolette di argilla; la famosa biblioteca di Alessandria d'Egitto consisteva di quasi un milione di rotoli di papiro. Le grandi biblioteche moderne, come quella pubblica di New York, contengono qualcosa come 10 milioni di libri. Il che pi di 10 alla quattordicesima di bit di informazioni in parole, pi di 100.000 miliardi di bit, qualcosa come 10 alla quindicesima bit di informazioni. Ci vuol dire pi di 10.000 volte il numero totale dei bit di informazioni dei nostri geni, qualcosa come 10 volte il totale delle informazioni che sono nel nostro cervello. Ad esempio, anche se leggessi un libro alla settimana per tutta la durata della mia vita da adulto, vivendo una vita dalla durata media, arrivato alla fine, avrei letto appena qualche migliaio di libri. Ci d un ulteriore idea di quanto sia grande il numero di informazioni detto prima. A pensarci bene, un libro una cosa sorprendente. O lo si considera un prodotto degli alberi. Ma basta dargli un'occhiata e uno si trova nella mente di un'altra persona, magari di qualcuno che morto da diverse centinaia di anni. Un autore ci parla attraverso i millenni in modo chiaro e silenzioso, parla alla nostra mente, direttamente a noi. La scrittura , forse, la pi grande delle invenzioni dell'uomo, perch collega tra loro persone che non si conosceranno mai. Alcuni dei primi autori scrivevano su roccia e sulle pietre, la scrittura cuneiforme la progenitrice del moderno alfabeto occidentale. Fu inventata nel vicino Oriente pi o meno 5.000 anni or sono. A che scopo? Registrare i fatti, fatti riguardanti qualsiasi cosa. Per migliaia di anni la scrittura stata incisa, scolpita sulla pietra oppure graffita sulla cera o sulla corteccia o sul cuoio, ecc., comunque sempre in una sola copia alla volta. E, tranne per le iscrizioni sui monumenti, era destinata a una cerchia ristretta di lettori. Ma poi in Cina, tra il II e III sec. furono inventati la carta, l'inchiostro e la stampa, tutte invenzioni avvenute pi o meno insieme, che permisero la stampa e la distribuzione di molte copie della stessa opera. Ci vollero migliaia di anni perch l'importanza delle invenzioni cinesi fosse recepita nella

lontana e retrograda Europa. Subito prima dell'invenzione dei caratteri mobili, avvenuta intorno al 1450, in tutta l'Europa c'erano poche decine di migliaia di libri, ognuno dei quali manoscritto. Cinquant'anni pi tardi in Europa c'erano gi dieci milioni di libri stampati. All'improvviso si cominciarono a stampare libri in tutto il mondo. Sono passati 23 secoli dalla fondazione della biblioteca Alessandrina e da allora sono vissute e sono morte un centinaio di generazioni. Se la cultura fosse stata tramandata solo verbalmente, quanto sapremmo poco del nostro passato e come sarebbe lento, oggi, il nostro progredire. I libri ci consentono di viaggiare attraverso il tempo, di attingere alla saggezza dei nostri antenati. Una biblioteca ci collega direttamente con le intuizioni e le conoscenze delle menti e dei maestri pi grandi, su tutta la Terra e in tutta la storia dell'uomo. I libri sono i depositari del sapere della nostra specie e del nostro lungo viaggio attraverso l'evoluzione. Nell'antico Egitto, le biblioteche portavano sulle pareti queste parole: "nutrimento dell'anima". Perfino di notte, la citt, come il cervello, impegnata ad assimilare e distribuire informazioni; le informazioni la mantengono viva e le forniscono gli strumenti per adattarsi al mutare delle condizioni. Anche l'informazione di per se stessa si evolve, nutrita dalla libert di comunicazioni. Le unit dell'evoluzione biologica sono i geni, le unit dell'evoluzione strutturale sono le idee. Le idee vengono trasportate per tutta la Terra, mediante le comunicazioni, vengono selezionate da un analisi.

Negli ultimi millenni si andato verificando, sul pianeta Terra, un fenomeno straordinario: l'abbondanza di informazioni divenuto un fatto a portata di mano, quotidianamente. Il numero di bit a nostra disposizione aumentato in modo impressionante. Oggi i computer sono in grado di immagazzinare ed elaborare una quantit enorme di informazioni in un tempo estremamente rapido. La comunicazione diretta tra miliardi di esseri umani oggi possibile grazie ai computer e ai satelliti artificiali. Sta sorgendo la possibilit di una intelligenza globale che colleghi tutti i cervelli della Terra in una consapevolezza a livello planetario. In altri mondi pu darsi che esistano dei cervelli, perfino dei cervelli planetari, ma non esattamente simili ai nostri. Le mutazioni e la selezione naturale sono processi, fondamentalmente, casuali. Se la Terra ricominciasse daccapo la propria evoluzione, l'intelligenza, probabilmente, rinascerebbe, ma la rinascita di un qualcosa che somigliasse da vicino a un essere umano sarebbe improbabile. Su altri pianeti, con una diversa sequenza di processi casuali atti a diversificare le varie eredit e con l'ambiente diverso, atto a selezionare combinazioni particolari di geni, le possibilit di trovare esseri molto simili a noi devono essere quasi zero. Ma la possibilit di trovare altre forme di intelligenza non quasi zero. Altri cervelli potrebbero essersi sviluppati dall'interno, come il nostro, potrebbero avere elementi di comunicazioni analoghi ai nostri neuroni, ma con neuroni molto diversi. Potrebbero essere superconduttori, che lavorano a temperature molto basse, nel qual caso la velocit del loro pensiero potrebbe essere dieci milioni di volte superiore alla nostra. Oppure i loro neuroni potrebbero non essere in contatto chimico diretto uno con l'altro, potrebbero essere in comunicazione radio. Potrebbero esserci esseri con 10 alla ventesima neuroni. C' da chiedersi, quante cose possono sapere. Se riuscissimo a contattarli, troveremmo molto, nei loro cervelli, che sarebbe di enorme interesse per i nostri e viceversa. Penso che un'intelligenza extraterrestre, sia pure sorprendentemente pi sviluppata della nostra, avrebbe molta curiosit per noi, per quello che sappiamo, per come la pensiamo, per la storia della nostra evoluzione, per le prospettive del nostro futuro. Dentro a ogni cervello umano vanno,

continuamente, formandosi e dissolvendosi modelli di impulsi elettrochimici, che rispecchiano le nostre emozioni, le nostre idee, i nostri ricordi. Nell'agosto e nel settembre del 1977, vennero lanciate due sonde Voyager, per un viaggio storico nel Sistema Solare. La loro missione scientifica consiste nello studio dei grandi pianeti, prima Giove con i suoi satelliti e poi Saturno con il suo sistema di lune. Gli incontri ravvicinati con questi mondi enormi hanno accelerato la spinta delle sonde verso l'esterno del Sistema Solare, nel regno delle stelle, dove andranno vagando per sempre, dureranno per un miliardo di anni. Forse, in un futuro remoto, esseri di una civilt aliena intercetteranno le nostre navicelle e capiranno molte cose della nostra specie. Ma una macchina da sola non pu raccontare tanto, per questo abbiamo messo su ognuna di essa un disco, che ha inciso non solo le onde cerebrali di una donna della Terra, ma anche una antologia di musiche, di immagini e di suoni del nostro pianeta, compresi i saluti in 60 lingue umane e il linguaggio delle balene. Il disco d le istruzioni su come ascoltare i suoni e di vedere le immagini registrate, che comprendono anche delle istantanee. Coloro che riceveranno, se ci avverr, il messaggio delle sonde Voyager, capiranno in modo incompleto, nel migliore dei casi immagini e suoni. Tra le tante possibili interpretazioni il messaggio, fornir un dato certo, che noi siamo una specie dotata di speranza e perseveranza.

4. Il futuro dellumanit
Tutte le generazioni umane si sono sempre interrogate sulle origini e sul destino del cosmo. La nostra la prima generazione che abbia la possibilit concreta di trovare qualcuna delle risposte. In un modo o nell'altro, noi siamo collocati sull'orlo dell'eterno. "Chiamo a testimoni il cielo e la terra contro di te, e prima di te io ho creato la vita e la morte, la benedizione e la maledizione. Perci, scegli la vita che vuoi vivere e prosegui". Circa 200 anni fa, in una localit del Golfo dell'Alaska, due civilt, che non si erano mai conosciute, fecero il loro primo incontro. Da una parte il popolo dei Kinkit, che vivevano pi o meno come erano vissuti i loro antenati per migliaia di anni. Una popolazione nomade che si spostava spesso su canoe da un accampamento all'altro, catturando pesce, frutti di mare e vivendo di scambi con le trib vicine. Il creatore che essi adoravano era il dio-corvo, che raffiguravano come un uccello enorme dalle ali bianche. E un giorno di luglio del 1786, il dio-corvo apparve veramente. I primi che furono testimoni di questo fatto rimasero terrorizzati, per loro chi osava guardare il dio veniva tramutato in pietra. La realt era che dall'altro capo della Terra era arrivata una spedizione guidata dall'esploratore francese La Perousse. Si trattava del primo grande viaggio scientifico programmato del XVIII secolo, il suo scopo era di raccogliere attorno al mondo nuove conoscenze di geografia, di storia naturale e sulle popolazioni delle terre pi lontane. Ebbene i Kinkit credettero di vedere nel veliero dell'esploratore francese il dio-corvo. Per tra di loro ci fu chi os indagare pi a fondo, era un vecchio guerriero quasi cieco. Disse che la sua vita era ormai alla fine e per il bene di tutti, avrebbe avvicinato il grande corvo per chiedergli se aveva, veramente, intenzione di trasformare la sua gente in pietra. Il vecchio guerriero si mise a guardare a lungo il grande corvo e alla fine si accorse che non era un grande uccello inviato dal cielo, ma un prodotto del lavoro di altri uomini uguali a lui. Questo primo incontro si svolse in modo pacifico, gli uomini della spedizione di La Perousse avevano ricevuto ordini drastici di trattare con rispetto le popolazioni che avessero, eventualmente, incontrato. Una politica eccezionalmente civile per quei tempi e anche per quelli successivi. La Perousse e il guerriero Kinkit si scambiarono dei doni, poi la nave straniera salp e non torn pi. Non tutti gli incontri tra nazioni sono stati e sono cos pacifici. Prima del 1519 gli Aztechi del Messico non avevano mai visto un'arma da fuoco e anch'essi all'inizio, credettero che gli stranieri arrivati sulla loro terra provenissero dal cielo. Ma gli spagnoli agli ordini di Fernando Corts non erano vincolati dall'ordine di non usare la violenza. I conquistadores erano in cerca non di nuove conoscenze, ma di oro. Usarono la superiorit delle loro armi per saccheggiare ed uccidere. Nella loro follia cancellarono dalla faccia della terra una civilt. In nome della devozione, facendosi scudo della loro fede, gli spagnoli distrussero, completamente, una societ, che per arte, astronomia e architettura non aveva uguali in Europa. Noi condanniamo i conquistadores per la loro crudelt e cecit, per aver scelto la morte, e rendiamo onore a La Perousse e ai Kinkit per il loro coraggio e saggezza, per aver scelto la vita. una scelta che oggi si ripropone, solo che la societ attualmente in pericolo tutto il genere umano. Come i fabbricanti di miti ben sapevano, noi siamo tanto figli della terra che del cielo, da quando abitiamo questo pianeta abbiamo accumulato un bagaglio evolutivo pericoloso: la professione all'aggressivit, la sottomissione ai capi, l'ostilit verso i nuovi venuti, tutte cose che mettono a rischio la nostra sopravvivenza. Ma abbiamo anche acquisito la comprensione per gli altri, l'amore per i figli, il desiderio di imparare dalla storia e dall'esperienza una grande sublime appassionata intelligenza, sono elementi che ci consentono a continuare a sopravvivere e a prosperare. Quale sar il lato della nostra natura a prevalere? Non si pu dire. Ma nell'universo ci attende una prospettiva alla quale non si pu sfuggire. Ogni essere pensante teme la guerra nucleare, ma tutte le

nazioni a tecnologia progredita la progettano. In Germania stavano studiando la bomba all'inizio della seconda guerra mondiale, e quindi gli americani dovevano arrivare prima. Se gli americani l'avevano, dovevano averla anche i russi, poi gli inglesi, i francesi, i cinesi, gli indiani, i pakistani, sono molte le nazioni, ormai, a possedere armi atomiche. Sono di facile fabbricazione, il materiale fissile pu essere sottratto dai reattori nucleari, le armi nucleari sono diventate quasi un'attivit artigianale. Le bombe della seconda guerra mondiale erano chiamate "abbatti edifici", caricate con 20 tonnellate di tritolo distruggevano un isolato. Tutte le bombe sganciate sulle citt nella seconda guerra mondiale, ammontano a circa 2 milioni di tonnellate di tritolo, 2 megatoni. Oggi, 2 megatoni sono la potenza di una sola bomba termonucleare. Ma ne esistono decine di migliaia di armi nucleari, i missili e i bombardieri della Russia e degli Stati Uniti hanno le testate nucleari puntate su pi di 15.000 obiettivi gi designati. Sul pianeta non c' pi un luogo sicuro. L'energia contenuta in queste armi nucleari assomma a parecchio di pi di 10.000 megatoni, un'altra guerra mondiale ogni secondo per la durata di un pomeriggio. La bomba lanciata su Hiroshima uccise 70.000 persone, in una guerra nucleare totale, nel parossismo di una morte planetaria sulla Terra verrebbero lanciate l'equivalente di un milione di bombe come quella di Hiroshima. Ma in questa follia, non tutti resterebbero uccisi dall'esplosione, dalla tempesta di fuoco e dalle radiazioni immediate, ci sarebbero altre agonie: la perdita di persone care, schiere di persone ustionate, private della vista, mutilate, mancanza di assistenza medica, malanni, epidemie, radiazioni a lungo termine che avvelenerebbero il suolo e le acque, aumento dei tumori, arresto delle nascite, malformazioni nei bambini. l'impressione sconfortante di una civilt distrutta per niente, la coscienza che avremmo potuto evitarlo. Il cosiddetto equilibrio del terrore, patrocinato dagli Stati Uniti e dalla Russia, tiene come ostaggi tutti gli abitanti della Terra. Ogni contendente mette alla prova il limite di tolleranza dell'altro, come nel caso dei missili diretti a Cuba. L'equilibrio del terrore un equilibrio delicato, con margini molto piccoli per gli errori di calcolo. E il mondo continua ad impoverirsi spendendo mezzo miliardo di miliardi di dollari all'anno per prepararsi ad una guerra. Come faremmo a spiegare tutto questo ad un osservatore extraterrestre? Quali impressioni daremmo del nostro modo di gestire il pianeta Terra? Da una prospettiva extraterrestre, tutta la nostra civilt chiaramente sul punto di fallire nel punto pi importante della sua storia, preservare la vita e il benessere dei suoi cittadini e la futura abitabilit del pianeta. Ma se riusciamo a vivere con la probabilit crescente di una guerra nucleare, non dovremmo anche riuscire a cercare ad esplorare con convinzione ogni possibile mezzo per evitarla questa guerra? Non dovremmo considerare in ogni nazione la possibilit di grandi cambiamenti nei metodi tradizionali, una ristrutturazione dalle fondamenta delle istituzioni economiche, politiche, sociali e religiose?

Siamo arrivati a un punto in cui non ci possono pi esserci interessi particolari, le armi nucleari minacciano singolarmente tutti sulla Terra. I cambiamenti radicali della societ vengono qualche volta etichettati come poco pratici o contrari alla natura dell'uomo. Ma evidente che i cambiamenti radicali possono essere fatti, siamo circondati da esempi. Negli ultimi due secoli la schiavit, che veniva praticata da migliaia di anni, stata quasi completamente eliminata con un processo che ha visto impegnato tutto il mondo. Le donne, sistematicamente emarginate per dei millenni, stanno conquistando quei poteri politici ed economici tradizionalmente negati e alcune guerre di aggressione sono state fermate o abbreviate in conseguenza di un rifiuto opposto dalla popolazione del paese aggressore.

I soliti appelli ai princpi razziali, religiosi e di sesso e a un rabbioso fervore nazionalistico cominciano a non funzionare. Si sta sviluppando una nuova coscienza che guarda la Terra come a un'entit unica e che si rende conto che un'entit in guerra con se stessa condannata. Una delle grandi rivelazioni dell'era dell'esplorazione spaziale l'immagine della Terra delimitata e solitaria. Ma si tratta di una percezione antica. Nel III secolo a.C. uno scienziato greco di nome Eratostene che viveva in Egitto, calcol con molta precisione le dimensioni del nostro pianeta e ne tracci una mappa. Aristotele aveva sostenuto che l'umanit andava divisa in greci e tutti gli altri, che egli aveva definito barbari. E aveva affermato che i greci dovevano mantenersi razza pura, la sua idea era che fosse opportuno che i greci rendessero schiavi gli altri popoli. Ma Eratostene critic Aristotele per il suo razionalismo esasperato o cieco. Era convinto che in tutti i paesi ci fosse il buono e il cattivo. I conquistatori greci inventarono per gli egiziani un nuovo dio, che per aveva un'aria decisamente greca. Alessandro Magno fu ritratto nelle vesti di faraone per simboleggiare la parit degli egiziani, ma in realt i greci erano sicuri della propria superiorit. La critica di Eratostene non costitu, quindi, una sfida pericolosa ai pregiudizi imperanti; il mondo greco era imperfetto come il nostro. Ma i Tolomei, i re greci d'Egitto che succedettero ad Alessandro Magno, ebbero almeno il grande merito di incoraggiare la diffusione della conoscenza. Le idee predominanti sulla natura del cosmo furono messe in discussione e alcune di esse messe da parte. Furono avanzate idee nuove e si scopr che si accordavano meglio con i fatti. Nacquero teorie immaginose, accesi dibattiti, conclusioni brillanti, e il tesoro che deriv dalla ricerca umana fu raccolto e conservato per secoli. I Tolomei non si limitarono a collezionare l'antico sapere, essi incoraggiarono la ricerca scientifica dando cos vita a nuove conoscenze, i risultati furono eccezionali. Eratostene calcol con precisione le dimensioni della Terra, ne fece una mappa e lanci l'idea che poteva essere circumnavigata. Ipparco anticip la teoria che le stelle hanno anch'esse una nascita, si muovono molto lentamente nel corso dei secoli e alla fine si estinguono. Fu lui il primo a classificare la posizione e la magnitudine delle stelle allo scopo di stabilire se c'erano questi cambiamenti. Euclide fu autore di un libro di testo sulla geometria sul quale gli esseri umani hanno studiato per ben 23 secoli. Galeno scrisse opere fondamentali sulla terapia e sull'anatomia, che dominarono la medicina fino al Rinascimento. Sono soltanto alcuni esempi. Ci furono decine di grandi studiosi e si ebbero centinaia scoperte fondamentali. Alcune di queste scoperte continuano a essere attuali. Apollonio di Perge studi la parabola e l'ellisse, due curve che, oggi, sappiamo essere descritte da corpi che cadono in campi gravitazionali e da veicoli spaziali che viaggiano fra i pianeti. Erone di Alessandria invent la macchina a vapore e molti dispositivi meccanici e fu autore del primo testo mai scritto sui robot. Immaginate come sarebbe diverso il mondo se queste scoperte fossero state rese di pubblico dominio e sfruttate a beneficio di tutti. Alessandria era la citt pi grandiosa che il mondo occidentale abbia mai vista. La gente andava l per viverci, per commerciare, studiare; in certi giorni, il porto era, letteralmente, brulicante di mercanti, studiosi. Probabilmente l la parola cosmopolita acquist il suo vero significato, ossia di cittadino non solo di una nazione bens del cosmo. Pensate, essere cittadini del cosmo. Senza dubbio ad Alessandria vennero gettati i semi del nostro mondo moderno. Ma perch non misero radici, non fiorirono, perch, invece, l'occidente si addorment in un sonno durato secoli oscuri, finch Colombo, Copernico e i loro contemporanei riscoprirono il mondo della vita? Non c' una risposta semplice. Ma una cosa certa, non c' alcun documento in tutta la storia della biblioteca di Alessandria che dimostri che qualcuno degli scienziati che studiavano l, abbia seriamente messo in discussione un solo principio economico, religioso o politico della societ in cui essi vivevano. L'immobilit delle stelle fu messa in dubbio, l'ingiustizia della schiavit non lo fu mai. Scienza e studio, in generale, erano privilegi riservati a

pochi eletti. La numerosa popolazione della citt di Alessandria non aveva la pi vaga nozione delle grandi scoperte che venivano fatte. Come potevano? Le nuove conquiste non venivano n spiegate e n, tantomeno, diffuse. Il progresso andava a beneficio di pochi, la scienza non apparteneva agli altri. Le scoperte di meccanica, ad esempio nella tecnologia del vapore, venivano sfruttate, soprattutto, per perfezionare le armi o per incoraggiare le superstizioni. Non risulta che gli scienziati abbiano mai capito le enormi possibilit delle macchine, di liberare le persone da un lavoro ripetitivo e faticoso. Nell'antichit, le grandi conquiste dell'intelletto ebbero molto poche applicazioni pratiche. La scienza non riusc mai a catturare l'immaginazione delle moltitudini.

Abbiamo parlato della distruzione di mondi e della fine di civilt, ma c' anche un altro punto di vista dal quale valutare i comportamenti umani. Qualcosa come 15 miliardi di anni fa, il nostro universo nacque dall'esplosione pi immane di tutti i tempi. Poi l'universo si espanse, si raffredd e si oscur. L'energia si condens in materia, prevalentemente atomi di idrogeno. Questi atomi formarono delle nubi immense, in allontanamento l'una dall'altra, che in seguito diventarono le galassie. All'interno di queste galassie, nacque la prima generazione di stelle, bruciando l'energia nascosta nella materia e inondando il cosmo di luce. Gli atomi di idrogeno avevano creato i soli e la luce delle stelle. In quel tempo, non esistevano n i pianeti per ricevere la luce delle stelle n creature viventi per ammirare lo splendore del cielo. Ma nel profondo delle fornaci stellari, la fusione nucleare stava dando vita ad atomi pi pesanti, carbonio, ossigeno, silicio e ferro. Questi elementi, cenere lasciata dall'idrogeno, costituivano la materia primordiale da cui pi tardi sarebbero nati i pianeti e la vita. All'inizio, gli elementi pesanti erano prigionieri nel nucleo centrale delle stelle, ma le stelle di grande massa esaurirono presto il carburante e nel loro ultimo sussulto restituirono allo spazio la maggior parte della loro materia. Cos il gas interstellare si arricch di elementi pesanti. Nella nostra Galassia, la Via Lattea, la materia cosmica fu riciclata in nuove generazioni di stelle, ora ricche di atomi pesanti. E nel gelo dello spazio interstellare, grandi nubi turbolente vennero ammassate dalla gravit e agitate dalla luce delle stelle. Nel loro interno pi profondo, gli atomi pesanti si condensarono in grani di polvere di rocce e di ghiaccio e in molecole complesse a base di carbonio. Gli atomi di idrogeno avevano elaborato la materia della vita. In altre nubi, masse ancora pi grandi di gas e di polvere formarono successive generazioni di stelle. Appena nasceva una nuova stella, accanto ad essa si formavano piccoli condensati di materia, minuscole particelle di roccia e di metallo, di ghiaccio e di gas, che poi sarebbero diventati pianeti. E su questi mondi, come nelle nubi interstellari, si formarono le molecole organiche. In molti mondi queste molecole venivano distrutte dalla luce del Sole e ricombinate dai processi chimici. Finch un giorno nacque una molecola, che, per puro caso, riusc a duplicare se stessa. Via via che il tempo passava, l'autoriproduzione diventava sempre pi perfetta; le molecole che si duplicavano meglio delle altre producevano pi copie, la selezione naturale era iniziata. Si svilupparono meccanismi molecolari sempre pi complessi, era incominciata la vita. Gruppi di molecole organiche si svilupparono in organismi monocellulari, questi a loro volta produssero colonie multicellulari. Alcune parti si trasformarono in organi specifici, alcune colonie si stabilirono sui fondali marini, altre vagarono liberamente nelle acque. Si svilupparono gli occhi.

Esseri viventi si trasferirono sulla terra ferma. Per un certo periodo dominarono i rettili, ma poi cedettero il passo ad altre creature pi piccole, dal sangue caldo e dal cervello pi grande, che svilupparono agilit e curiosit sull'ambiente che li circondava. Impararono a servirsi del fuoco e del linguaggio. La materia stellare si era trasformata in consapevolezza. Noi siamo un modo, per il cosmo, di conoscere se stesso. Siamo creature del cosmo assetate, da sempre, di conoscere le nostre origini, di capire i nostri legami con l'universo. Come nato il tutto? Ogni civilt della Terra ha elaborato una propria risposta all'enigma posto dall'universo. Ogni civilt celebra a modo suo i frutti della vita e della natura. Ci sono molti modi diversi di essere creatura umana. Ma un visitatore extraterrestre osservando le differenze esistenti tra le societ umane, le troverebbe insignificanti in confronto alle somiglianze. Noi siamo una sola specie. La nostra vita, il nostro passato, il nostro futuro dipendono dal Sole, dalla Luna e dalle stelle. I nostri antenati sapevano che la loro sopravvivenza dipendeva dalla loro capacit di comprendere il cielo. Costruirono osservatori e calcolatori per prevedere il mutare delle stagioni attraverso il moto dei cieli. La scoperta che nell'universo c' un ordine, che in natura esistono delle leggi, il fondamento su cui poggia la scienza moderna. La nostra concezione del cosmo, tutta la scienza e la tecnologia moderna ci riportano agli interrogativi che le stelle pongono da sempre. Eppure, appena 400 anni fa, non avevamo idea di quale fosse il nostro posto nell'universo. La lunga strada che ha portato alla comprensione di questo fatto ha richiesto sia un irriducibile rispetto per la realt sia un grande amore per la matematica. Scrive Johannes Kepler: "Noi ci chiediamo qual lo scopo pratico del canto degli uccelli, perch il canto la loro gioia, visto che sono stati creati per cantare". Allo stesso modo, noi dovremmo chiederci come mai la mente umana si affatica a sondare il segreto degli uccelli. La variet dei fenomeni naturali talmente vasta proprio per fare in modo che alla mente umana non manchi mai di nutrimento sempre fresco. Ogni bambino di qualunque civilt e di qualunque et ha il diritto dal fatto di essere nato di riscoprire il cosmo partendo da zero. Quando questo accade, troviamo un profondo senso di stupore. I pi fortunati di noi trovano i maestri che indirizzano le nostre tendenze. Studiamo per imparare a distinguere i preconcetti dalla verit. Poi, quando riusciamo a decifrare i misteri del cosmo, scopriamo mondi nuovi. La scienza un'impresa collettiva che abbraccia molte civilt e crea un ponte tra le generazioni. In ogni epoca e talvolta nei luoghi pi impensati emerge chi, animato da una grande passione, vuol capire il mondo. Non c' modo di sapere prima da dove verr la prossima scoperta. Ci sono sogni che, all'inizio, sembrano irrealizzabili. Un tempo anche osservare un pianeta con un telescopio era un fatto meraviglioso. Ma poi abbiamo studiato i pianeti, abbiamo capito come si muovono nelle loro orbite e subito abbiamo progettato viaggi di esplorazione lontano dalla Terra e abbiamo mandato sonde automatiche a osservare pianeti e stelle. Noi esseri umani desideriamo ardentemente ricollegarci con le nostre origini. Cos abbiamo creato i miti. La scienza un altro modo per esprimere questo desiderio, anch'essa ci collega con le nostre origini e anch'essa ha i suoi miti e i suoi comandamenti. La sua unica verit sacra che non esistono verit sacre. Qualunque asserzione deve essere esaminata con spirito critico. Gli argomenti forniti da chi ha il potere non hanno valore, tutto ci che inconciliabile con la realt, anche se si tratta di una convinzione che ci appassiona, deve essere scartata o quantomeno riesaminata. La scienza non perfetta, spesso usata a sproposito, solo uno strumento. Ma lo strumento migliore che abbiamo, si corregge da sola, non immutabile, si pu applicare a tutto. Grazie ai

metodi scientifici abbiamo incominciato a esplorare il cosmo. Per la prima volta, le scoperte della scienza sono aperte a tutti. Noi esseri umani abbiamo posato i piedi su un altro mondo, in un luogo chiamato Mare della Tranquillit (Luna); una conquista sorprendente per delle creature, le cui prime impronte risalenti a 3,5 milioni di anni fa sono conservate nelle ceneri di un vulcano dell'Africa Orientale. Abbiamo fatto molta strada. Tutto ci che abbiamo visto pu sembrare la celebrazione di un mito, ma la descrizione dell'evoluzione del cosmo, cos come ce l'ha rivelata la scienza della nostra epoca. Mentre noi abbiamo cominciato, finalmente, a interrogarci sulle nostre origini.

5. Astronomia e astrologia
L'ammasso delle Pleiadi un insieme di giovani stelle che, secondo gli astronomi, sta uscendo ora dalla sua culla fatta di gas e di polveri. La nebulosa del Granchio un cimitero di stelle, dal quale i gas e le polveri vengono mandati nello spazio interstellare dove si disperdono. Al suo interno c' una pulsar che sta morendo. Tanto le Pleiadi che la nebulosa del Granchio fanno parte di una costellazione che tanto tempo fa gli astrologi chiamarono Taurus, il Toro. Ad essa attribuirono la capacit di influire sulla nostra vita quotidiana. Gli astronomi affermano che il pianeta Saturno un globo immenso fatto di idrogeno e di elio, e circondato da un anello largo 50.000 Km. Dicono anche che l'immensa macchia rossa sul pianeta Giove sia una tempesta gigantesca che infuria da un milione di anni. Ma gli astrologi affermano che i pianeti influenzano il carattere e il destino dell'uomo; Giove conferisce un tono regale e un animo gentile, Saturno ispirerebbe la diffidenza, il sospetto e la malvagit. Per gli astronomi Marte un mondo che aspetta di essere esplorato; invece gli astrologi vedono Marte come un guerriero, istigatore di discordie, violenza e distruzione. L'astronomia e l'astrologia non sono state sempre cos distinte tra loro; per gran parte della storia dell'umanit, l'una comprendeva anche l'altra. Ma arriv il momento in cui l'astronomia si liber dai vincoli dell'astrologia. Fu Keplero a ridimensionare il mito del cielo, scoprendo che il movimento del pianeta originato da una forza di natura fisica. Fu il primo astrofisico e l'ultimo astrologo in senso scientifico. Le motivazioni artificiose dell'astrologia furono scartate 300 anni fa, e nonostante questo l'astrologia viene presa sul serio ancora oggi da una gran quantit di persone. Infatti sono diffuse parecchie riviste di astrologia, in America, ogni giornale ha la sua rubrica di astrologia e quasi tutti pubblicano, almeno un articolo alla settimana sull'argomento. La gente porta medaglie e pendagli astrologici, prima di uscire controlla il proprio oroscopo del giorno. Persino il linguaggio conserva del significato astrologico, per esempio la parola disastro deriva dal greco ed composta dal prefisso "dis" e dalla parola "astro". Una delle malattie pi comuni, l'influenza, prende il nome dall'influsso che veniva attribuito alle stelle sulla salute. Alcune migliaia di anni fa nacque la convinzione che il movimento dei pianeti determinasse il destino di re, dinastie, imperi, ecc. Gli astrologi studiavano il movimento dei pianeti e poi si domandavano cosa era successo l'ultima volta che, ad esempio, Venere stava entrando nella costellazione del Capricorno. Forse, stavolta sarebbe successo qualcosa di simile, era matematico. Gli astrologi furono benvisti dai loro governi, molti Paesi consideravano reato capitale per coloro che non fossero, veramente, astrologi a leggere i fenomeni del cielo. Perch? Perch il modo migliore per far crollare un regime era predirne la caduta. In Cina, gli astrologi di corte che facevano previsioni poco gradite erano giustiziati, altri si limitavano a manipolare i fatti passati in modo da farli coincidere con quelli previsti da loro. L'astrologia si svilupp in una strana disciplina, un miscuglio di osservazioni molto attente, di matematica, di catalogazione, condite con idee confuse. Ma nonostante tutto, l'astrologia sopravvisse e prosper. Come mai? Perch l'astrologia finge di soddisfare la nostra brama di sentirci, personalmente, collegati con l'universo. L'astrologia induce a un fatalismo pericoloso perch se la nostra vita regolata da una serie di semafori celesti, a che serve tentare qualunque cambiamento?

Il fatto interessante delle previsioni astrologiche che non dicono cosa bisogna fare e che cosa succeder. Sono consapevolmente studiate per essere cos vaghe da potersi adattare a chiunque e oltretutto non vanno d'accordo tra loro. La validit dell'astrologia messa a dura prova nel caso di fratelli gemelli. Supponiamo che ci sono due gemelli nati nello stesso posto con una differenza di pochi minuti e al momento della nascita c'erano gli stessi pianeti e uno dei due muore. Se l'astrologia avesse una validit come potremmo avere destini cos profondamente diversi? Si d il caso che gli astrologi non riescano neanche a mettersi d'accordo sul significato di uno stesso oroscopo. Da attenti esami risultano incapaci di indovinare il carattere e il futuro delle persone, delle quali conoscono solo il luogo e la data di nascita. Ma come pu un pianeta influire sulla vita di un essere umano all'atto della nascita? Forse l'influenza gravitazionale del pianeta influisce? Ma nemmeno questa pu essere perch pi forte quella delle persone che sono vicine. Il desiderio di essere collegati al cosmo il riflesso di una profonda realt. Noi siamo collegati ad esso, ma non nel modo banale di cui l'astrologia ci assicura. Lo siamo nel pi profondo dei modi. Il nostro piccolo pianeta realmente sotto l'influenza di un astro, il Sole; ci riscalda, alimenta la vita ovunque essa si trovi. Ma il nostro Sole non che uno dei miliardi e miliardi di astri compresi nell'universo. E tutti quegli innumerevoli Soli obbediscono alle leggi naturali. Ma come fu scoperta l'esistenza di tali leggi? Se vivessimo su un pianeta dove niente mai cambia, non avremmo mai niente da fare, non ci sarebbe niente di nuovo da scoprire, non ci sarebbero stimoli per la scienza. Se, invece, vivessimo in un mondo imprevedibile, dove le cose cambiano in modo casuale e complicato, non saremmo capaci di fare scoperte e anche qui non avremmo stimoli per la scienza. Ma noi viviamo in un universo che una via di mezzo, dove le cose si cambiano, ma a secondo delle regole, dei modelli o come noi le chiamiamo, leggi della natura. Se lancio un pezzo di legno in aria, so che deve cadere a terra per forza; il Sole tramonta a ovest e sorge la mattina ad est, ecc.; in questo modo possibile fare delle scoperte, possiamo fare della scienza e con essa migliorare la nostra vita. L'uomo molto portato alla comprensione del mondo, lo sempre stato. Abbiamo imparato, presto, ad andare a caccia o ad accendere il fuoco, solo perch eravamo portati a scoprire le cose. C' stato un lungo periodo prima delle invenzioni attuali (la televisione, la radio, etc.) e gran parte dell'esistenza umana stata vissuta in quel periodo. E una volta raccolti attorno a un fuoco, in una notte senza luna, l'uomo ha guardato il cielo.

Di notte il cielo molto bello. Una delle costellazioni pi facili da riconoscere nell'emisfero nord, l'Orsa Maggiore. Gli americani la chiamano "The Big Ladle", il Grande Mestolo, i francesi hanno avuto un'idea simile, la chiamano la Casseruola. Nel Medioevo, la forma dell'Orsa Maggiore aveva suggerito l'idea di un aratro di legno. Gli antichi Cinesi avevano trovato una versione pi sofisticata, per loro quelle stelle trasportavano il Burocrate Celeste. I popoli europei videro in quel disegno un'altra figura, lo chiamarono il Gran Carro, una carrozza medievale. Ma altri popoli videro queste sette stelle come parte di una figura pi grande, la coda di un Orso enorme (i Greci e i primi americani). Ma indubbiamente l'interpretazione pi fantasiosa per il disegno creato da questo gruppo di stelle, fu quella data dagli antichi Egiziani. Essi immaginarono una lunga processione formata da un toro e da un uomo in posizione orizzontale, seguiti da un ippopotamo che portava un coccodrillo sulla schiena. C' una meravigliosa variet nelle figure che i vari popoli videro in questa costellazione, ma lo stesso vale anche per tutte le altre costellazioni. C' gente che pensa che queste cose esistano davvero in cielo, ma quelle figure siamo stati noi stesse a crearle. L'uomo era cacciatore, cos in cielo ha immaginato cacciatori, cani, giovani donne e

belve varie. Tutti gli aspetti della vita. Quando nel '700, i naviganti europei varcarono per la prima volta l'equatore immaginarono nei cieli del Sud tutte le cose legate al loro secolo, microscopi, telescopi, compassi, etc. Ma le stelle sono qualcosa di pi di semplici figure, per esempio le stelle sorgono sempre a est e tramontano sempre a ovest. Impiegano tutta la notte ad attraversare il cielo quando passano allo zenit. In ogni stagione ci sono costellazioni diverse, ma la stessa costellazione sorge sempre quando sorta l'anno precedente, non pu essere che sorge una costellazione diversa. C' regolarit, immutabilit e prevedibilit per quanto riguarda le stelle e questo, in un certo senso, rassicurante. Il ritorno del Sole dopo un eclisse totale, il suo sorgere al mattino dopo la sua inquietante assenza notturna, la riapparizione della Luna che va crescendo dopo la Luna Nuova, tutti questi fenomeni suggerirono ai nostri progenitori che la vita durasse al di l della notte. Lass nel cielo c'era la metafora dell'immortalit. Circa un migliaio di anni fa, nel Sud-Ovest dell'America, il popolo Anazaki costru un osservatorio astronomico di pietre per individuare il giorno pi lungo dell'anno (solstizio d'estate). L'alba di quel giorno era, certamente, un motivo di gioia, di festeggiamento della generosit del Sole. Questo osservatorio fu costruito in modo tale che i raggi del Sole penetrassero da una finestra e colpissero una particolare nicchia solo in quel giorno. Oggi un luogo abbandonato, il popolo Anazaki non esiste pi. Esso ha imparato a prevedere i cambiamenti di stagione, ma non i cambiamenti climatici e le siccit. I popoli antichi prestavano molto attenzione al Sole, alla Luna e alle stelle. Altre costruzioni, simili a quella degli Anazaki, si trovano in Cambogia, a Stonehenge (Inghilterra), in Egitto, in Messico e nelle grandi pianure del nord America. Allora come mai dei popoli di tutto il mondo si prendono questo grande disturbo per imparare cos'era l'astronomia? Perch prevedere le stagioni era, letteralmente, un problema di vita o di morte. L'uomo cacciava l'antilope o il bufalo per cui le migrazioni rifluivano e fluivano con le stagioni; i prodotti della terra erano maturi per essere colti in certi periodi e non in altri. Quando inventammo l'agricoltura dovemmo fare attenzione ad arare, seminare e mietere il raccolto solo nella stagione giusta. Le riunioni annuali di popoli nomadi, fatte a grande distanza tra loro, avvenivano in giorni prestabiliti. Certo alcune scoperte relative al calendario possono essere state casuali. Ma ci sono altre scoperte stupendamente volute. Oggi delle grandiose citt Anazaki restano solo dei ruderi che hanno resistito al tempo. Non lontano da queste antiche citt, in un luogo pressoch inaccessibile, c' un altro strumento che serve a segnalare il solstizio. Si tratta di tre lastroni di pietra volutamente disposti in un certo modo permettono a un sottile raggio di Sole, di colpire il centro di una spirale, scolpita su una pietra, solo a mezzogiorno del giorno pi lungo dell'anno. Quando i nostri antenati preistorici cominciarono a studiare il cielo dopo il tramonto, notarono che alcune stelle non avevano una posizione fissa rispetto al disegno costante formato dalle costellazioni. Cinque di esse si muovevano lentamente nel cielo in un senso, poi nel senso contrario e nuovamente nel senso di prima, furono chiamate pianeti, dal greco planete che significa errante. Subito i pianeti rappresentarono un profondo mistero. La prima spiegazione fu che si trattava di esseri viventi. Ma la vera spiegazione che i pianeti sono dei mondi e la Terra uno di essi e che girano attorno al Sole secondo delle leggi matematiche. Questa scoperta ha portato direttamente alla nostra civilt attuale. La fusione della fantasia e dell'osservazione astronomica ha dato come risultato la descrizione esatta del nostro Sistema Solare.

Solo allora divenuta possibile la risposta alla domanda fondamentale, che sta alla radice della scienza moderna: cos' che fa muovere tutto? Migliaia di anni fa, una domanda simile non si sarebbe neanche posta, la teoria dominante allora era quella formulata da Tolomeo, un astronomo di Alessandria d'Egitto, era anche il pi eminente astrologo del suo tempo. Tolomeo sosteneva che la Terra era al centro dell'universo e che il Sole, la Luna e i pianeti ruotassero intorno alla Terra. l'idea che viene pi spontanea, la Terra appare ferma, immobile, mentre vediamo gli altri corpi celesti sorgere e tramontare ogni giorno. Ma allora come si spiega il movimento continuamente rotatorio dei pianeti? Questa teoria consentiva previsioni abbastanza precise sul moto planetario e sulla posizione di un certo pianeta ad un dato giorno. La teoria di Tolomeo, in realt, imped il progresso dell'astronomia per ben 1500 anni. Finalmente, nel 1543 una spiegazione completamente diversa del moto apparente dei pianeti fu gridata da un ecclesiastico di nome Niccol Copernico. L'aspetto pi ardito della sua teoria era che il Sole fosse al centro dell'universo, la Terra era un pianeta. La teoria copernicana convinceva quanto quella di Tolomeo, ma dava fastidio a troppa gente. La chiesa cattolica, poco dopo, inser l'opera di Copernico nella sua lista dei libri proibiti e Martin Lutero descrisse Copernico con queste parole: "Qui la gente d ascolto ad un astrologo dell'ultimo momento, questo folle vorrebbe rivoluzionare tutta la scienza astronomica". Il conseguente confronto tra le due visioni del cosmo, geocentrica ed eliocentrica, raggiunse il suo apice con le idee di un uomo che, come Tolomeo, era sia astronomo che astrologo. Quest'uomo visse in un periodo in cui lo spirito e la mente umana erano soggiogati e incatenati, in un periodo in cui si immaginava il cielo popolato di anime e di demoni e mosso da sfere di cristallo. La lotta maggiore e solitaria di questo uomo consistette nel far scoccare la scintilla della rivoluzione scientifica moderna, il suo nome era Johannes Kepler.

Johannes Kepler nacque in Germania nel 1571. Fu mandato al seminario protestante della cittadina di Maunbrown perch entrasse nella carriera ecclesiastica. Nel 1589, Kepler lasci il seminario per continuare gli studi presso la grande universit di Tubinga. Fu per lui una liberazione trovarsi in mezzo alle correnti intellettuali pi vive del suo tempo. Uno dei suoi insegnanti gli rivel le idee rivoluzionarie di Copernico; in questa comunit dotta e civile, Kepler si trov subito a suo agio. Dopo Tubinga Kepler non ricevette pi gli ordini religiosi, invece con sua grande sorpresa fu convocato a Graz in Austria e nominato professore di matematica alla Scuola Superiore, ma non aveva la stoffa dell'insegnante. A Graz al primo anno i suoi studenti si contavano sulle dita di una mano, il secondo anno non ne aveva affatto. Nel 1598 ci fu a Graz un'ondata di repressione provocata dall'arciduca, il quale voleva ristabilire la fede cattolica nella sua provincia e, secondo le sue stesse parole, "ridurre tutto il paese in un deserto piuttosto che avere per sudditi degli eretici". La scuola di Kepler fu chiusa, furono proibiti tutti quei libri considerati eretici. Chi rifiutava di abbracciare la religione cattolica veniva multato del 10% (dieci per cento) di tutti i suoi averi ed esiliato fino alla morte. Kepler scelse l'esilio. "L'ipocrisia non l'ho mai imparata, sono onesto quando si tratta di fede, per me non un gioco". Fu cos che si decise ad accettare l'invito di Tycho Brahe. Brahe, un nobile danese molto ricco, viveva sfarzosamente ed era stato da poco nominato matematico alla corte imperiale di Praga. Kepler part da Graz con la moglie e la figliastra ed affront il lungo e faticoso viaggio. Tycho manteneva uno stuolo di assistenti, parenti lontani e parassiti di ogni sorta. Kepler mal tollerava

quell'eterna baldoria. Era impaziente di conoscere i dati di Tycho, ma questi glieli portava con il contagocce. Tycho diceva a Kepler "non ho dato modo di partecipare ai suoi studi", si limitava durante un banchetto, e parlando anche di altre cose, a menzionare cos il passaggio, oggi i dati relativi all'apogeo del terzo pianeta, domani quelli di un altro. Kepler era totalmente inadatto a questi giochi. Disse: "La mia opinione su Tycho questa: un uomo estremamente ricco, ma non sa fare buon uso delle sue ricchezze. Tycho in grado di fare le migliori osservazioni astronomiche, ha tanti collaboratori, gli manca solo l'architetto che metta tutto questo a profitto". Effettivamente, Tycho era incapace di tradurre le sue osservazioni in una teoria coerente sul Sistema Solare. Tycho Brahe era il pi grande genio del suo tempo nell'osservazione astronomica e Kepler era il pi grande teorico. Nessuno dei due poteva raggiungere da solo la sintesi che ora sentivano vicina. La nascita della scienza moderna, che la fusione dell'osservazione e della teoria, tardava a causa della loro reciproca diffidenza; i due non facevano altro che litigare per poi riconciliarsi. Finch qualche mese dopo, Tycho mor per la sua facilit ad eccedere nel mangiare e nel bere. Kepler scrisse ad un amico: "L'ultima notte del suo pacato periodo, Tycho non ha fatto che ripetere continuamente queste parole come se stesse componendo dei versi. 'Fa che io non sia vissuto invano, fa che io non sia vissuto invano'.". E non vissuto invano. Finalmente, dopo la morte di Tycho, Kepler riusc ad ottenere i dati delle osservazioni astronomiche vincendo le resistenze della famiglia. Osservazioni riguardanti il moto apparente di Marte tra le costellazioni, ottenute attraverso un periodo di osservazioni di molti anni. I dati ricavati negli ultimi decenni prima dell'invenzione del telescopio, erano di gran lunga i pi precisi mai ottenuti fino a quel momento. Kepler si mise al lavoro con appassionata intensit per riuscire a interpretare le osservazioni di Tycho. Quanti erano, realmente, i movimenti della Terra e di Marte intorno al Sole per spiegare il moto apparente, cos come visto dalla Terra, del pianeta Marte? E perch proprio Marte? Perch Tycho Brahe aveva detto a Kepler che il moto apparente di Marte era il pi difficile da conciliare con un'orbita circolare. Dopo anni e anni di calcoli Kepler rifer di aver trovato i valori esatti di un'orbita circolare di Marte, che combaciava con dieci delle osservazioni di Tycho Brahe entro solo 2' (due minuti primi) d'arco. Ora, sappiamo che ci sono 60 primi in ogni grado di angolo e che ci sono 90 gradi dalla linea dell'orizzonte allo zenit. Perci due primi di arco sono un valore molto piccolo da misurare, specialmente senza un telescopio. Ma la gioia di Kepler per la sua scoperta, si trasform presto in un avvenimento, perch due ulteriori osservazioni di Tycho non collimavano con la sua orbita per ben 8 primi d'arco. Kepler scrive: "Se non fossi convinto di poter ignorare questi 8 minuti, avrei corretto la mia teoria adeguandola. Ma poich era inconcepibile ignorarli, quegli 8 minuti mi indicarono la strada per una completa rivoluzione dell'astronomia". La differenza esistente tra un'orbita circolare e una vera orbita di Marte poteva essere stabilita solo da misurazioni molto precise e da una coraggiosa accettazione della realt. Kepler era molto deluso al pensiero di dover abbandonare l'idea di un'orbita circolare. Tent di utilizzare orbite di tipo ovale, fece una quantit di calcoli, comp alcuni errori di aritmetica. E, mesi dopo, in preda alla disperazione, tent per la prima volta la formula di un'orbita ellittica, che combaci perfettamente con le osservazioni compiute da Tycho. In un'orbita ellittica il Sole non al centro, ma spostato, si trova in uno dei fuochi dell'ellisse. Quando un certo pianeta , nel punto della sua orbita, pi lontano dal Sole, si muove lentamente, avvicinandosi al punto pi vicino aumenta di velocit. Questo movimento spiega perch i pianeti sembrano sempre precipitare verso il Sole senza mai raggiungerlo.

La prima legge di Kepler sul moto dei pianeti molto semplice: "Le orbite descritte dai pianeti sono ellissi, di cui il Sole occupa uno dei fuochi". Muovendosi lungo la sua orbita il pianeta proietta in un dato periodo di tempo un'area immaginaria. Quando il pianeta lontano dal Sole quest'area lunga e sottile, quando vicino al Sole l'area corta e larga. Kepler scopr che, nonostante la diversit di forma, queste aree sono perfettamente equivalenti. Questo dato forn l'indicazione matematicamente esatta di come un pianeta cambia la sua velocit in rapporto alla sua distanza dal Sole. Ora, per la prima volta, gli astronomi erano in grado di prevedere con precisione la posizione di un pianeta in base a una legge molto semplice ed invariabile. La seconda legge di Kepler la seguente: "La retta ideale che unisce il pianeta al Sole descrive aree uguali in tempi uguali". Le prime due leggi di Kepler sul movimento dei pianeti possono sembrare un po astratte. D'accordo, i pianeti si muovono lungo un ellisse e muovendosi descrivono aree uguali in tempi uguali, e allora? Non sono cose facili da capire come il moto circolare, possiamo essere tentati di minimizzare, ma queste sono le leggi alle quali obbedisce anche il nostro pianeta. Noi ci muoviamo in armonia con le leggi della natura e Kepler fu il primo a scoprirlo. Molti anni dopo, Kepler elabor la sua terza e ultima legge sul moto dei pianeti. Una legge per stabilire una relazione tra i movimenti dei vari pianeti. Kepler scopr un rapporto matematico semplice tra la misura dell'orbita di un pianeta e la velocit media a cui esso viaggia attorno al Sole. Questa scoperta conferm la sua vecchia convinzione, che doveva esserci nel Sole una forza che guidava i pianeti. Una forza con pi effetto sui pianeti interni e veloci e con meno effetto sui pianeti esterni e lenti. In seguito, Isaac Newton stabil che quella era la forza di gravit rispondendo cos alla domanda fondamentale: cos' che fa muovere i pianeti? La terza legge di Kepler dice: "I quadrati dei tempi di rivoluzione siderale dei pianeti sono proporzionali ai cubi dei semiassi maggiori delle loro orbite". Cosa vuol dire questo? Vuol dire che quanto pi un pianeta lontano dal Sole tanto pi lentamente si muove. Kepler fu la prima persona nella storia della specie umana a capire correttamente e quantitativamente come avviene il moto dei pianeti e come funziona il Sistema Solare. L'uomo che aveva scoperto l'armonia del cosmo era stato destinato a vivere in tempi di grande discordia sulla Terra. Esattamente otto giorni dopo che Kepler aveva enunciato la sua terza legge si verific a Praga un incidente che diede inizio alla rovinosa guerra dei trent'anni. Kepler perse durante questa guerra, la moglie e il figlio a causa di un'epidemia diffusa dalla soldataglia. Il suo protettore fu deposto ed egli stesso fu scomunicato dalla chiesa luterana e per Kepler fu un'altra volta l'esilio. Il conflitto, sbandierato da tutti e due i contendenti come una guerra santa, era in realt la strumentalizzazione della bigotteria religiosa da parte di chi era avido di conflitti e di potere. Fu questa guerra a introdurre il saccheggio autorizzato per indurre i soldati a non disertare. Le popolazioni europee dovevano subire inermi perch i loro aratri e le loro falci venivano letteralmente forgiati in spade e lance. La devastazione e la follia imperversavano per il paese, sopraffacendo soprattutto i deboli.

Tra i tanti capri espiatori c'erano donne anziane e sole che venivano accusate di stregoneria. La madre di Kepler fu portata via in piena notte in un cesto per biancheria. Kepler dovette lottare ininterrottamente per 6 anni per salvarle la vita. Nella cittadina dove viveva Kepler, dal 1615 al 1629, vennero arrestate, torturate e uccise come streghe, ogni anno, una media di 3 donne e sempre con la stessa accusa. Inoltre, la madre di Kepler era una donna stizzosa, si lasciava andare a dispute che indispettivano i notabili locali e prendeva droghe. Il povero Kepler era convinto di avere egli stesso contribuito, involontariamente, all'arresto di sua madre. E lo pensava perch poco prima aveva scritto una delle prime opere di fantascienza, l'aveva intitolata Sognum, che vuol dire sogno. In questo libro, immaginava un viaggio sulla Luna con degli areatori spaziali, che dalla superficie lunare guardavano su per vedere ruotare lentamente sopra le loro teste il bel pianeta Terra. Uno degli argomenti per l'accusa di stregoneria era che nel suo libro Kepler si serviva delle arti magiche della madre per staccarsi dalla Terra. Formul delle ipotesi sulle montagne, sulle valli, sui crateri, sul clima e sui possibili abitanti della Luna. Prima di Kepler l'astronomia aveva pochi legami con la realt fisica. Con Kepler si afferm l'idea che a muovere i pianeti, nelle loro orbite, una forza fisica. Fu il primo a conciliare una fervida fantasia con dei calcoli precisi, e questo consent all'uomo di inoltrarsi nel cosmo. Con Kepler cambi tutto. Questa fusione di realt e sogni apr la via verso le stelle. Sin da ragazzo, Kepler era stato affascinato dalla visione dello splendore dell'universo, dall'armonia dei mondi, allo studio della quale dedic instancabilmente tutta la sua vita. In questo mondo Kepler non trov armonia, le sue tre leggi sul moto dei pianeti rappresentano un'autentica armonia dei mondi, ma per lui furono solamente un fatto casuale rispetto alla sua ricerca di un sistema cosmico basato sui solidi perfetti. Un sistema che, come risult in seguito, esisteva solo nella sua mente. L'opera di Kepler ci insegna che le leggi della scienza riguardano tutto in natura e che valgono tanto sulla Terra che nello spazio. E, infine, ci ha insegnato che pu esserci una rispondenza, un'armonia tra il nostro modo di vedere il mondo e il modo in cui esso va avanti. Quando Kepler si accorse che le sue convinzioni, a lungo accarezzate, non si accordavano con osservazioni e calcoli precisi accett la realt. Prefer la durezza della verit alle sue pi care illusioni, e questa la base della scienza.

6. Lesplorazione spaziale
Immaginiamo di essere dei viaggiatori provenienti dalle stelle e diretti al Sole. Ci troveremmo circondati da quattro immensi mondi gassosi e nuvolosi: Nettuno, il pianeta blu con Tritone la sua luna di ghiaccio, Urano con i suoi anelli scuri, fatti di materia organica, Saturno, il gioiello del Sistema Solare, all'interno dei suoi anelli concentrici composti da un miliardo di piccole lune di ghiaccio e, infine, Giove, il pianeta pi grande con le sue nubi multicolori. Oltre, ancora pi vicino al Sole, non si trovano pi pianeti giganti, ma corpi minori fatti di roccia e metalli e alcuni avvolti da un leggero strato d'aria. Uno di essi la Terra. I viaggi dell'uomo per l'esplorazione all'esterno del Sistema Solare si svolgono, almeno fino ad oggi, sotto il controllo di un solo centro in tutta la Terra, il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California. Fu qui che domenica 8 luglio 1979 iniziarono le operazioni per il passaggio ravvicinato della sonda Voyager II a Giove e alle sue lune. Il veicolo spaziale era stato istruito per l'esplorazione del sistema di Giove da una sequenza di istruzioni radiotrasmesse in precedenza ai suoi computer di bordo. I veicoli spaziali moderni che partono verso i pianeti, non hanno uomini a bordo, sono dei robot semiintelligenti. Gli occhi del Voyager sono due telecamere progettate di riprendere decine di migliaia di immagini all'esterno del Sistema Solare. Sono sistemate assieme ad altri strumenti su una apposita piattaforma che si orienta sui pianeti al loro passaggio. Il cervello del Voyager costituito da due computer integrati posti al centro della navicella. Comunica con la Terra mediante una grande antenna. Il Voyager porta con s un messaggio diretto a tutte le civilt extraterrestri che dovesse incontrare negli spazi interstellari. I Voyager, siccome viaggiano troppo lontani dal Sole, non possono basarsi sui suoi effetti, perci sono forniti di un piccolo impianto nucleare ben isolato dal resto della navicella. In queste missioni di tipo pionieristico molte cose possono andare storte, quindi nella sala di controllo della missione Voyager il personale era un poco nervoso. Giove circondato da uno strato di particelle cariche di energia molto potente, pericolose. Se il Voyager si avvicinasse troppo, le sue apparecchiature elettroniche si brucerebbero oppure lo scontro con un masso, anche piccolo tra gli anelli del pianeta, farebbe perdere alla navicella il controllo del suo assetto e l'antenna non capterebbe pi la Terra e i dati raccolti andrebbero perduti per sempre. Il Voyager I e il Voyager II furono lanciati nella tarda estate del 1977 a distanza di un mese l'uno dall'altro. Dopo molti allarmi e incertezze essi arrivarono con successo a distanza di tempo al sistema di Giove, dove eseguirono un ottimo lavoro fornendo le prime immagini ravvicinate del grande pianeta e delle sue quattro lune: Io, la pi interna, poi Europa, poi, allontanandosi da Giove, Ganimede e, infine, Callisto, la pi grande e la pi lontana. Quella missione costata all'umanit pochi spiccioli a testa. Il passaggio del Voyager nei pressi di Giove accelera il moto della navicella avvicinandola al pianeta Saturno e la gravit di Saturno la spinger, a sua volta, verso Urano e oltrepasser anche Nettuno, abbandonando il Sistema Solare diventando un veicolo spaziale interstellare destinato, in futuro, a vagare per sempre tra le stelle. E se in questo futuro prossimo o un lontano futuro, il Voyager dovesse incontrare degli esseri appartenenti a qualche altra civilt spaziale ha con s un messaggio, un disco in oro con le istruzioni per l'uso. Su questo disco c' inciso un campionario di immagini, suoni, saluti della Terra. Il disco porta inciso in inglese un breve saluto che dice: "Ai creatori di musica di tutti i mondi e di tutti i tempi, questi viaggi di esplorazioni e di scoperte sono i pi recenti di una lunga serie che ha caratterizzato e contraddistinto la specie umana".

Nel XV e XVI secolo per andare dalla Spagna alle Azzorre si impiegavano pi giorni, oggi con lo stesso tempo si attraversa quel piccolo canale che divide la Terra dalla Luna. Occorsero alcuni mesi per attraversare l'Oceano Atlantico per raggiungere quello che viene chiamato il Nuovo Mondo, le tre Americhe. Oggi con lo stesso tempo si attraversa il Sistema Solare interno e si raggiungono Marte e Venere. Nel XVII e XVIII secolo per andare dall'Olanda alla Cina, per esempio, ci volevano un anno o due, lo stesso tempo che oggi impiega la sonda Voyager per andare dalla Terra a Giove. In rapporto alle risorse di allora e di adesso, alla societ costava pi allora mandare una nave in Estremo Oriente che mandare oggi una nave spaziale sui pianeti. La passione per l'esplorazione alla radice dell'essere umano. Quest'impulso ad andare, scoprire, conoscere, ha trovato il modo di esprimersi in qualunque cultura. Nel VII secolo a.C. il continente africano fu circumnavigato dai Fenici su mandato del faraone d'Egitto. Le isole del Pacifico furono rese abitabili da esperti e coraggiosi navigatori provenienti dall'Indonesia; grandi flotte di navi salparono dai porti della Cina durante la dinastia Ming, dirette all'esplorazione dell'India e dell'Africa. Secoli pi tardi tre caravelle al comando di un navigatore italiano (Cristoforo Colombo) partirono dalla Spagna verso la scoperta delle Americhe. Successivamente una spedizione portoghese conduceva al termine con successo il periplo completo del nostro globo. Questi viaggiatori provenienti da culture diverse furono i primi esploratori planetari, hanno fatto di questo pianeta un unico punto nelle nostre esplorazioni di altri mondi. Noi seguiamo le loro orme, i nostri attuali veicoli spaziali sono i precursori, l'avanguardia nelle future spedizioni umane sui pianeti. L'uomo ha viaggiato in tutta la sua storia, noi abbiamo ancora molto da imparare dallo studio di quei grandi esploratori dell'ultimo secolo. Nel XVII secolo i cittadini della nuova Repubblica olandese intrapresero un'intensa attivit di esplorazione. Il problema chiave della navigazione era quello di determinare la longitudine, la latitudine era facile da stabilire, perch pi si andava a Sud pi le costellazioni del Sud si riuscivano a vedere. Ma la longitudine richiede un calcolo del tempo molto preciso, a bordo un orologio molto esatto viene mantenuto sull'ora del luogo di partenza, mentre il sorgere e il tramontare delle stelle danno l'ora locale e la differenza tra i due tempi dice quanto segna a Est o a Ovest. Il progresso tecnologico richiedeva il maggiore ampliamento possibile di cognizioni e cos l'Olanda divenne la prima nazione europea in materia di pubblicazione e di vendita di libri, di traduzioni di opere straniere e di pubblicazioni di scritti che allora erano stati censurati. Le avventure in terre esotiche e l'incontro con nuove culture fecero vacillare alcune certezze, divennero una sfida ai regnanti dominanti, dimostrarono che concezioni accettate per migliaia di anni potevano essere totalmente errate. In quell'epoca la Repubblica olandese era governata dal suo stesso popolo. Gli olandesi apprezzavano un certo benessere materiale, ma negli interni delle loro case i ritratti di una generazione intera di pittori indicavano sobriet e discrezione. I naviganti che facevano questi viaggi di esplorazione o di commercio, una volta tornati facevano conoscere a chi era restato le loro esperienze vissute. L'Olanda prosperava nella sua libert di pensiero. In Italia Galileo aveva annunciato l'esistenza di altri mondi e aveva avanzato l'ipotesi di vita intelligente al di fuori della Terra, ma fu costretto dalla chiesa cattolica a rinnegare le sue idee. In Olanda invece, l'astronomo Christian Huygens che sosteneva tutte e due le teorie fu ricoperto di onori. In Olanda vennero inventati i microscopi, l'inventore era un amico di Huygens (intorno al 1590). I primi microscopi nacquero da una rielaborazione delle lenti di ingrandimento usate dai mercanti di tessuti per esaminare le stoffe. Christian Huygens e il suo amico inventore del microscopio sono considerati i progenitori di gran parte della medicina moderna. Infatti con grande meraviglia l'amico di Huygens scopr che una goccia d'acqua racchiudeva un universo, quello dei

microbi, che egli descrisse come "animaletti". I due furono tra i primi ad individuare gli spermatozoi umani, fino allora mai visti. Huygens aveva dedotto dalle sue osservazioni al telescopio che Marte era un mondo anch'esso fondamentalmente abitato. "Che pianeta sprecato" diceva "se Marte fosse deserto". Il telescopio e il microscopio consentono all'osservazione dell'uomo di estendersi al regno del molto grande e del molto piccolo. Dal fatto che la luce passando attraverso una lente subiva una deviazione, Huygens anticip la teoria che la luce fosse un'onda. Costruiva delle lenti che montava, continuamente, su telescopi sempre pi grandi che andava costruendo, anche se ci mise parecchio prima di capire qual'era il loro giusto impiego. Huygens fu il primo a distinguere delle scanalature sulla superficie di Marte, fu anche il primo ad avanzare l'ipotesi che Venere era completamente ricoperto di nubi. Fu il primo a comprendere la struttura degli anelli di Saturno. Le scoperte da lui fatte con il telescopio basterebbero da sole ad assicurargli un posto nella storia delle conquiste dell'uomo. Fu Huygens a scoprire Titano, la luna pi grande di Saturno e a quanto sappiamo di tutto il Sistema Solare. Huygens rest affascinato dalle dimensioni enormi delle nubi di Giove. Gli astronomi hanno bisogno di orologi molto precisi per calcolare il moto della sfera celeste e Huygens invent una quantit di elementi per aumentare la precisione, da qui il nascere dell'orologio. Per meglio illustrare l'universo eliocentrico di Copernico costru degli apparecchi che riproducessero il movimento del Sistema Solare, da Mercurio a Saturno. Gli strumenti che costruiva li firmava Christian Huygens l'inventore. C' chi dice che in Olanda la teoria copernicana fosse accettata anche nella vita quotidiana e riconosciuta da tutti gli astronomi, eccetto "quelli" egli scrisse "che non riuscivano a capire ...". Attraverso l'oceano dello spazio, le stelle sono altri soli. Una congettura che Huygens condivideva senza riserve. Egli concluse che se il nostro sistema planetario costituito da un sole e da pianeti che gli girano intorno, anche gli altri soli dovevano avere dei pianeti che gli girassero intorno e che molti di questi pianeti potevano essere abitati. Gli olandesi chiamavano le loro navi vascelli volanti, le navicelle spaziali sono le loro dirette discendenti, sono vascelli spaziali in viaggio verso qualche stella e che lungo la strada esplorano qualcuno dei pianeti. Uno dei prodotti principali che arrivavano con quei velieri partiti per l'esplorazione e per il commercio, erano i racconti, racconti di terre sconosciute. Essi evocavano il senso del fantastico e stimolavano ad altre esplorazioni.

I moderni viaggiatori nello spazio tornano anch'essi con dei racconti, racconti sui vari pianeti del nostro Sistema Solare. Racconti su Giove, che potrebbe contenere mille pianeti Terra, sul quale non esistono montagne, valli, vulcani o fiumi, solo un immenso oceano fatto di nubi di gas. Ma ci sono altre cose affascinanti riguardo a Giove. Giove formato soprattutto da idrogeno ed elio, esattamente come il Sole. Giove sarebbe potuto essere una stella, se fosse diventata una stella noi oggi vivremmo in un sistema stellare doppio con due soli. Parecchio al di sotto delle nubi di Giove, il peso degli strati stagnanti dell'atmosfera che sono in eccesso provocano una pressione molto superiore a qualunque altra riscontrata sulla Terra. La pressione cos forte che dagli atomi di idrogeno scaturiscono elementi di idrogeno metallico. Ma proprio nel nucleo centrale di Giove potrebbe esserci una massa di roccia di ferro. Con l'invio della sonda Voyager verso Giove, il pianeta gigante ha cambiato aspetto, si sa di pi.

Adesso seguono le impressioni di alcuni scienziati dei JPL del team Voyager. "Vedere le immagini ravvicinate di un mondo fino ad allora ignoto, ecco una delle sensazioni pi grandi nella vita di uno studioso. Le prime ore del mattino del 9 luglio 1979 sui monitor televisivi a tempo reale dei JPL cominciammo a sapere qualcosa di pi sulla luna di Giove, Europa...". Non si pu osservare la superficie di un pianeta cos diverso dal nostro senza chiedersi come nacque. Pi si impara sugli altri mondi, meglio si conosce il nostro. I velieri olandesi portavano mercanzie rare e pregiate dai mondi da loro esplorati. Le nostre sonde spaziali Voyager ci forniscono informazioni rare e pregiate che vengono elaborate dai computer. Le informazioni vengono raccolte, catalogate, analizzate e sviluppate. Da esse ricaviamo mappe di mondi extraterrestri. Come fa un immagine ad arrivare dell'esterno del Sistema Solare fino a noi? La luce solare che colpisce la luna Europa viene riflessa nello spazio e una parte di essa investe le telecamere del Voyager creando cos l'immagine, questa immagine viene trasmessa via radio attraverso un enorme distanza di miliardi di chilometri ad un radiotelescopio sulla Terra, in Australia diciamo. Il radiotelescopio comunica via satellite le informazioni ottenute ad una stazione nella California meridionale, da qui esse vengono ritrasmesse attraverso una serie di antenne a microonde a un computer del JPL, dove infine vengono sviluppate. La fotografia fatta, sostanzialmente, come un clich, cio composta da migliaia di gradazioni che poi insieme formano il disegno. Le informazioni che arrivano al centro spaziale, una volta sviluppate, vengono memorizzate su dischi magnetici. Il prodotto finale di tutti questi collegamenti una mappa ricca di informazioni. Il Voyager I prese delle fotografie buone degli altri tre satelliti galileiani di Giove, ma non di Europa. Fu deciso di lasciare al Voyager II l'incarico di prendere delle foto ravvicinate di Europa. A prima vista essa somiglia stranamente alla superficie di Marte con una rete di canali, che Percival Lowell aveva immaginato egli stesso sul pianeta Marte. Un incredibile intricata ragnatela di linee diritte e curve che s'incontrano. Le linee diritte sono dei solchi? Sono dei rilievi? C' un rapporto di qualche genere con la presenza terrestre? In che modo Europa illumina gli altri satelliti del sistema di Giove? Sono domande difficili, alle quali non siamo ancora in grado di dare una risposta. Adesso seguono delle spiegazioni di alcuni scienziati del team Voyager. "Che ne dite dell'idea di Jim, che siano geysers nelle depressioni?" "Geysers nelle depressioni? Beh, ci vorrebbe un meccanismo per generarli". (Quest'ultimo scienziato J. Soderblom addetto all'interpretazione delle immagini). "...sopra una crosta impenetrabile e sotto del liquido a pressione" "S, ma allora c' da chiedersi se esistono le condizioni per un'effervescenza..." (Quest'ultimo scienziato delegato al progetto). "Queste foto sono abbastanza ravvicinate per poter stabilire che non c' niente che si espande lateralmente". "Dov' l'immagine fortemente ravvicinata". "Era qui". "Ah eccola qui". Dopo le prime settimane da quando abbiamo ricevuto le immagini di Europa stavamo ancora discutendo. "Siamo quasi riusciti ad ottenere il massimo dell'ingrandimento per vedere i crateri". "A parte le altre ipotesi qui c' una serie di puntini molto piccoli...Tu credi che si tratti di fuoriuscita di gas, di soffioni, di solfatare, ..." "Non lo so. Ma ti mostro una cosa che ho appena scoperto. Guarda, qui." "Si vede una piccola apertura". "Esattamente. Per me soltanto un cratere da impatto".

"Non c' nessun cratere da impatto". "Ne abbiamo appena scoperto uno". L'elaborazione delle immagini effettuata dai computer ha rivelato su Europa diversi segni che sembrano crateri da impatto, ma i grandi crateri sono stati cancellati da qualcosa. L'elaborazione dei computer ha svolto un ruolo molto importante anche in una delle scoperte pi sorprendenti. Ha rivelato delle novit sul conto di un'altra luna accanto ad Europa, che si chiama Io. Anche dalla Terra si notava lo strano colore di Io. Poi il Voyager I si avvicin ad Io, si pensava che ci potessero essere dei vulcani ma non si poteva essere sicuri. Poi Linda Morabito, del settore navigazione della missione Voyager, ingrand con un computer una fotografia di Io per mettere in evidenza le stelle che si vedevano. Linda Morabito: "Quattro giorni dopo che il Voyager I aveva completato l'avvicinamento ad Io, stavo osservando una strana immagine. Si vedeva una strana protuberanza anonima che fuoriusciva dalla superficie di Io". Di che si trattava? Si pensava che si trattasse di un vulcano. Linda Morabito: "Quindi, arrivammo alla conclusione che quello che stavamo osservando era il segno di un vulcano, provocato da un eruzione". Il Voyager aveva scoperto il primo vulcano attivo al di fuori della Terra, poi scoprimmo che su Io ci sono molti vulcani, esistono almeno 9 fumate attive a intermittenza e decine di centinaia di vulcani spenti. Le fumate potrebbero lanciare zolfo ed altre sostanze lontano da Io e questo spiegherebbe le nubi di zolfo che circondano Giove. Lungo i fianchi dei vulcani scorrono veri fiumi di zolfo, probabilmente sono essi a dare ad Io quel colore particolare, forse i vulcani attingono da un enorme mare sotterraneo di zolfo liquido. Fino ad oggi nei nostri viaggi all'esterno del Sistema Solare, noi uomini siamo stati sulla Terra e abbiamo inviato dei computer in esplorazione al posto nostro. Forse un giorno andremo noi. Supponiamo per un momento, che come quei comandanti olandesi del XVII secolo, anche i computer a bordo dei Voyager tengano un giornale di bordo. Su quel giornale, una sintesi di quanto accaduto sia sul Voyager I che sul Voyager II, si vedrebbe una cosa del genere.

1 giorno. Dopo molte incertezze riguardo a provviste e strumenti, siamo decollati bene da Cape Canaveral per il nostro unico viaggio verso pianeti e stelle. 13 giorno. Abbiamo scattato la prima fotografia della Terra e della Luna insieme nello spazio, una bella coppia. 160 giorno. Difficolt nell'apertura del braccio che sostiene la piattaforma della sonda scientifica. Se non risolviamo il problema non potremo scattare molte delle fotografie in programma. 207 giorno. Risolto il problema del braccio. Ma ora c' un'avaria alla radiotrasmittente principale, se si guasta anche la radio di riserva sulla Terra non si sapr mai pi niente di noi. 215 giorno. Stiamo attraversando l'orbita di Marte ed entriamo nella fascia dei grandi asteroidi. 570 giorno. Riusciamo ad ottenere molti dettagli di Giove, cosa che neanche i pi potenti telescopi sulla Terra sono mai riusciti a fare. 640 giorno. Ora i disegni formati dalle nubi di Giove sono ben distinguibili e stupendi. Nessun pittore intrappolato sulla Terra ha mai immaginato un mondo cos strano e affascinante. Le nuvole bianche alte, fredde sono cristalli di ammoniaca. Non conosciamo

la natura delle nubi rosso scuro. Forse si tratta di macchie di fosforo o di zolfo o di molecole organiche complesse del tipo di quelle che quattro miliardi di anni fa originarono la vita sulla Terra. Che cos' quella Macchia Rossa? un'immensa colonna vorticosa di gas che si innalza al di sopra delle nubi, talmente grande che potrebbe contenere una mezza dozzina di pianeti come la Terra. Alcuni pensano che si tratti di un enorme ciclone cominciato un milione di anni fa. 650 giorno. L'incontro, un giorno di meraviglia. La navicella manovra in modo da permetterci di fotografare Callisto. Immagini della sorprendente superficie a reticolo di Ganimede. Un passaggio ravvicinato ad Europa. Una veduta ad Io con il suo vulcano. Superiamo senza danni le pericolose fasce di radiazioni e completiamo l'attraversamento nel piano dell'anello di Giove. Ora la nostra missione prevede l'esplorazione all'esterno del Sistema Solare.

Fra 10.000 anni il Voyager sar immerso nell'oceano delle stelle pi lontane. Oltrepassiamo Giove a 750 milioni di chilometri dal Sole, Saturno a un miliardo e mezzo, Urano a tre miliardi e Nettuno a quattro miliardi e mezzo di chilometri dal Sole. Saturno il primo pianeta ad essere intravisto nel telescopio da Galileo. Ma solo adesso cominciamo a penetrare nei suoi misteri pi profondi. Saturno il secondo pianeta per grandezza del Sistema Solare, come Giove ricoperto di nubi e compie una rotazione ogni 10 ore, ha un campo magnetico e una fascia di radiazioni molto deboli. Ha un sistema di anelli eccezionale e stupendo. Gli anelli sono formati da miliardi di piccole lune che girano intorno al pianeta con una propria orbita. La grande zona scura che divide gli anelli si chiama "Divisione di Cassini", dal nome del collega di Huygens che la scopr. Appena al di sotto del piano degli anelli vediamo un cielo tempestato di minuscole lune. Al di sopra degli anelli le lune si distinguono singolarmente. Sono corpi orbitanti di ghiaccio, taluni del diametro di un metro. Nelle zone pi recenti del sistema degli anelli, non c' stato ancora il tempo sufficiente perch gli urti e le collisioni arrotondassero gli orli di questi frammenti, di queste palle di neve. Poi incontriamo Titano, enorme luna di Saturno ricoperta di nubi. Fu scoperta da Christian Huygens ed la luna pi grande del Sistema Solare. Ha un'atmosfera pi densa di quella di Marte e uno spesso strato di nubi rosse, prodotte probabilmente da molecole organiche complesse, prodotte dai raggi ultravioletti del Sole e da altre fonti di energia esistenti nell'aria ricca di metano. Nessun veicolo spaziale terrestre mai penetrato tra queste nubi e ha mai potuto vedere da vicino la superficie di questo mondo affascinante. Potrebbero esserci vulcani, valli di ghiaccio e, solo un ipotesi, nascoste forme di vita molto diverse tra loro. Poi, allontanandoci da Titano, vediamo Saturno, una stupenda visione, che potr essere ammirata anche fra secoli dai nostri discendenti.

7. Nascita vita e morte delle stelle


Se volete preparare una torta di mele senza l'occorrente dovete prima inventare l'universo. Supponiamo che tagli una fetta della torta e adesso supponiamo di tagliare a met la fetta ottenuta, ora tagliamo ancora a met la fetta ottenuta e cos via. Quanto ancora dovremo proseguire a tagliare per ottenere il singolo atomo. La risposta : dovremo tagliare ancora circa 90 volte. Nel nostro caso il coltello non abbastanza affilato e la torta si sbriciola tutta. In ogni caso, un atomo troppo piccolo per essere visibile, per esiste un modo per riuscirci. All'universit di Cambridge, in Inghilterra, la natura dell'atomo fu capita per la prima volta. Fu fatto un sistema per sparare particelle di atomi addosso ad altri e si osservava come essi rimbalzavano. Un atomo circondato come da una specie di nube di elettroni. Gli elettroni sono caricati elettricamente e determinano le propriet chimiche dell'atomo. Ma nel profondo dell'interno dell'atomo, nascosto molto al di sotto della nube esterna di elettroni, c' il nucleo, composto principalmente di protoni e di neutroni. Gli atomi sono molto piccoli. Il pi della massa di un atomo nel nucleo, gli elettroni sono, per fare un paragone, solo pezzettini in movimento. Gli atomi sono pi che altro spazio vuoto, la materia composta principalmente dal nulla. Se noi immaginiamo di tagliare la torta di mele a fondo, oltre il singolo atomo, ci troviamo di fronte all'infinito del piccolissimo e se guardiamo in alto, al cielo notturno, ci troviamo di fronte all'infinito dell'immenso. Questi infiniti sono due tra le pi sconvolgenti delle idee umane, essi rappresentano una sequenza senza fine che continua ad andare non solo molto lontano, ma per sempre. Quando parliamo di un numero infinito, ci riferiamo ad una misura che pi grande di qualunque numero, cio qualsiasi numero voi abbiate in mente l'infinito pi grande. Sin dal tempo di Democrito, nel V sec. a.C., l'uomo non ha fatto che interrogarsi sull'esistenza dell'atomo. E negli ultimi 500 anni sono state portate argomentazioni persuasive, anche se indirette, sulla teoria che tutta la materia formata da atomi. Ma solo nella nostra epoca siamo riusciti a vederli veramente. Noi diamo per scontato che gli atomi esistono. Per ne esistono molte specie diverse. Sulla Terra ci sono 92 specie di atomi allo stato naturale distinti chimicamente. Si chiamano elementi chimici. In pratica, tutto quello che vediamo e conosciamo, tutte le bellezze della natura, sono costituiti da queste poche specie di atomi, collegati tra loro in armoniose combinazioni chimiche. Alla temperatura ambiente, molti elementi chimici sono allo stato solido, alcuni allo stato gassoso e altri allo stato liquido, come il bromo e il mercurio. Sono sistemati per ordine di complessit, per esempio, l'idrogeno, il pi semplice, l'elemento numero uno e l'uranio, il pi complesso, l'elemento numero 92. Alcuni di questi elementi ci sono molto familiari, per esempio il silicio, l'ossigeno, il magnesio, l'alluminio, il ferro, elementi che costituiscono la Terra. Ma ci sono anche l'idrogeno, il carbonio, l'azoto, l'ossigeno, il fosforo, lo zolfo, elementi che sono essenziali per la vita. Altri elementi ci sono assolutamente sconosciuti, per esempio l'erbio, il disprosio, ecc., elementi che non capita di incontrare tutti i giorni. Per grandi linee possiamo dire che gli elementi pi conosciuti sono anche gli elementi pi abbondanti; sulla Terra c' una gran quantit di ferro. Il fatto che l'atomo sia composto solo da tre tipi di particelle elementari, protoni, neutroni ed elettroni, una scoperta relativamente recente. Il neutrone fu scoperto solo nel 1932 all'universit di Cambridge, come l'elettrone e il protone. La chimica e la fisica moderna hanno ridotto la complessit del mondo impercettibile ad una semplicit sorprendente; 3 entit (elettrone, protone e neutrone) messe insieme formano essenzialmente tutte le cose. Il neutrone elettricamente neutro. Il protone ha una carica elettrica positiva e l'elettrone ha una carica elettrica negativa e dato che gli atomi sono tutti elettricamente neutri il numero di protoni che sono nel nucleo deve essere identico

a quello degli elettroni che sono fuori. I protoni e i neutroni insieme mantengono compatto il nucleo. Ora, la chimica di un atomo, la natura di un elemento chimico dipendono solo dal numero degli elettroni, che uguale al numero dei protoni e che si chiama numero atomico. La chimica soltanto numero, un'idea che sarebbe piaciuta molto a Pitagora. Se siete un atomo ed avete soltanto un protone siete idrogeno, con due protoni siete elio, con tre litio, con quattro berillio, con cinque boro, con sei carbonio, con sette azoto, con otto ossigeno e cos via fino ad arrivare ai 92 protoni, in tal caso si ha l'uranio. I protoni hanno una carica elettrica positiva ed essendo dello stesso segno si respingono. Allora come mai il nucleo si mantiene? Come mai le forze repulsive elettriche dei protoni non fanno esplodere il nucleo in frammenti? La risposta che in natura esiste un'altra forza che non l'elettricit n la gravit, la forza nucleare. Possiamo immaginarla come dei granchi con un braccio molto corto che entrano in azione quando i protoni e i neutroni si avvicinano troppo tra di loro. La forza nucleare riesce ad avere la meglio sulla repulsione elettrica dei protoni. L'atomo dell'elio formato da due protoni e da due elettroni ed molto stabile. Tre nuclei di elio tenuti insieme dalla forza nucleare formano il carbonio, quattro nuclei di elio formano l'ossigeno e cos via. Ogni volta che aggiungiamo o sottraiamo un protone e abbastanza neutroni, per tenere insieme il nucleo, noi formiamo un nuovo elemento chimico. Consideriamo il mercurio. Se proviamo a togliere un protone e tre neutroni dal mercurio lo trasformiamo in oro; il sogno degli antichi alchimisti. Al di l dell'elemento numero 92, l'uranio, esistono altri elementi che sulla Terra non si trovano allo stato naturale, ma che vengono ottenuti per sintesi dall'uomo e poi si disintegrano molto rapidamente. Uno di essi, l'elemento 94, stato chiamato plutonio ed una delle sostanze pi tossiche che si conoscano. Da dove vengono? Qual la provenienza degli elementi chimici naturali? C', forse, un'origine separata per ognuno di essi? Per, tutti gli elementi sono fatti delle stesse particelle semplici, l'universo fatto per il 99,9% di idrogeno ed elio, i due elementi pi semplici. In realt, l'elio stato individuato sul Sole prima di essere trovato sulla Terra. Potrebbero gli altri elementi chimici essersi in qualche modo sviluppati dall'idrogeno e dall'elio? Allo scopo di evitare la repulsione elettrica, i protoni e i neutroni devono essere molto vicini tra loro in modo che le forze nucleari entrino in azione. Questo accade solo alle temperature molto alte, alle quali le particelle si muovono cos veloci da non dar tempo alla repulsione elettrica di agire, temperature di decine di milioni di gradi. Temperature cos alte sono comuni in natura. Dove? All'interno delle stelle.

Gli atomi si formano all'interno delle stelle. Nella maggior parte delle stelle visibili, i nuclei di idrogeno si ammassano e formano nuclei di elio. Ogni volta che si forma un nucleo di elio, viene generato un fotone di luce. Questo il motivo per cui le stelle brillano. Le stelle nascono in immense nubi di gas di polvere, come la nebulosa di Orione, distante da noi 1.500 anni luce, parti della quale sono soggetti a collasso gravitazionale. Gli scontri tra gli atomi fanno salire la temperatura della nube finch all'interno di essa l'idrogeno comincia a fondersi in elio e la stella si accende. Le stelle nascono a gruppi, successivamente esse escono dal nucleo di infanzia per seguire il loro destino nella Via Lattea.

Le stelle giovani, come le Pleiadi, sono tuttora circondate da gas e da polveri. Ma alla fine, anch'esse andranno molto lontano dal luogo di nascita. Altrove ci sono stelle che si sono formate dalla stessa nube dalla quale si formato il Sole 5 miliardi di anni fa. Ma noi non sappiamo quali siano queste stelle. Le sorelle del Sole potrebbero trovarsi, per quello che ne sappiamo, all'altro capo della Galassia. Il Sole una stella molto vicina, una sfera incandescente fatta di gas, che brilla per il suo calore. La superficie ha una temperatura di 6000 gradi centigradi, all'interno la temperatura di 20 milioni di gradi. Ai raggi X riusciamo a vedere una parte del Sole che normalmente non visibile, la corona solare. Alla luce normale vediamo alcune zone pi fredde e pi scure, che sono le macchie solari. Sono associate a grandi ondate di gas, enormi nubi di fuoco, sono determinate dal campo magnetico del Sole. Le zone scure del Sole ai raggi X, sono varchi della corona solare attraverso i quali spuntano elettroni e protoni che vanno a far parte del vento solare. Tutta questa potenza in ebollizione guidata dall'interno del Sole, che trasforma ogni secondo 900 milioni di tonnellate di idrogeno in elio, come se fosse un enorme reattore nucleare a fusione. Le stelle nascono e muoiono per contrazione. Delle migliaia di stelle che vedete quando la sera guardate il cielo, ognuna indistintamente vive in un intervallo compreso tra due contrazioni, la contrazione iniziale di una nube interstellare fatta di gas come una stella e una contrazione finale della stella luminosa, sulla via del suo ultimo respiro. L'autogravit spinge le stelle a contrarsi, a meno che non intervengano altre forze. Il Sole un'immensa palla di idrogeno irradiante, i gas caldi al suo interno tendono a far gonfiare il Sole e l'autogravit, invece, tende a farlo contrarre. E lo stato attuale del Sole il punto di equilibrio tra queste due forze, tra l'autogravit e la fornace nucleare. Durante il lungo periodo compreso tra le due contrazioni le stelle brillano costantemente. Ma quando il carburante nucleare si esaurisce, l'interno si raffredda, la pressione non pi sufficiente a sostenere gli strati esterni e la contrazione originale si ripete. Le stelle muoiono in tre modi diversi. La loro sorte predestinata, tutto dipende dalla loro massa iniziale. Una stella tipica con una massa come quella del Sole comincer, ogni giorno, la sua contrazione finch la sua densit diventer molto alta, allora la contrazione verr fermata dalla reciproca repulsione degli elettroni superaffollati all'interno della stella. Una stella con una massa doppia di quella del Sole non si fermer per la pressione degli elettroni, ma continuer a comprimersi e a contrarsi finch entreranno in gioco delle forze nucleari che fermeranno il processo di contrazione della stella. Ma, in una stella con una massa tripla di quella del Sole neanche le forze nucleari fermano la contrazione, e queste stelle hanno un destino sorprendente. Continuano a contrarsi fino a svanire del tutto. Quindi ogni stella viene caratterizzata dalla quantit di forza che essa oppone all'autogravit. Una stella, che sostenuta dalla pressione del gas, una comune stella di tipo normale come il Sole. Una stella in contrazione, che sostenuta dalla forza degli elettroni, si chiama nana bianca, , per esempio, il Sole ridotto alla grandezza della Terra. Una stella in contrazione, che sostenuta dalle forze nucleari, chiamata stella di neutroni, , per esempio, il Sole ridotto alla grandezza di una citt. E una stella di una massa tale che nella contrazione finale svanisce completamente viene chiamata buco nero, , per esempio, il Sole che non ha alcuna dimensione. Ma lungo la via dei loro destini seppure diversi, tutte le stelle passano attraverso una specie di presagio di morte. Prima del suo collasso gravitazionale definitivo, la stella ha come un tremito, nel

suo ultimo anelito di vita si tramuta in una gigante rossa. Fra 5 miliardi di anni o di pi, sulla Terra ci sar un ultimo giorno. Poi il Sole comincer lentamente a cambiare e la Terra morir. Nel Sole c' una quantit di idrogeno determinata, quando esso si sar trasformato quasi tutto in elio, l'interno del Sole riprender la sua contrazione originaria, le altissime temperature del suo nucleo centrale faranno espandere la superficie esterna e la Terra diventer pian piano pi calda. Alla fine la vita si estinguer, i mari evaporeranno per ebollizione e la nostra atmosfera si dissolver nello spazio. Il Sole diventer una stella gigante rossa che riempir il cielo avviluppando e divorando i pianeti Mercurio e Venere e, molto probabilmente, anche la Terra. Il Sistema Solare interno verr a trovarsi all'interno del Sole stesso. Ma forse per quell'epoca i nostri discendenti si saranno trasferiti su qualche altro mondo. Nella sua agonia il Sole tenter a pulsare lentamente, a quel punto il suo nucleo centrale sar diventato talmente caldo da trasformare momentaneamente l'elio in carbonio. La cenere prodotta dalla fusione nucleare di oggi diventer il carburante che alimenter il Sole prossimo alla sua fine, durante lo stato di gigante rossa. Poi, il Sole disperder nello spazio grandi quantit della sua atmosfera esterna. Visto da un altro punto dello spazio, il nostro Sistema Solare somiglier ad una bolla di sapone che si espande, nel cui centro sar una nana bianca, cio il nucleo incandescente del Sole ormai in vista, avendo il Sole esaurito il suo carburante nucleare ed avviandosi a diventare lentamente una stella morta. La vita di una comune stella questa: nasce in una nube di gas, si sviluppa in un sole giallo, invecchia come gigante rossa e muore come nana bianca. Supponiamo di poter esaminare un campione del gas freddo e rarefatto proveniente dalle stelle. Vedremo che contiene, in grande preponderanza, idrogeno, un elemento vecchio quanto l'universo. Troveremmo anche carbonio, ossigeno e silicio, sono gli atomi che abbondano di pi nel cosmo, a parte l'idrogeno, e si formano pi facilmente nelle stelle. Ma troveremmo delle piccole quantit di elementi rari. Una stella con una massa superiore a 1,5 volte quella del Sole non pu diventare una nana bianca, essa, invece, porr fine alla propria vita facendosi esplodere in una gigantesca esplosione stellare, chiamata supernova. Nella zona della Galassia dove siamo noi non ci sono state esplosioni di supernovae, almeno alla rivelazione del telescopio, e il nostro Sole non diventer una supernova. La maggior parte dell'evoluzione di una stella richiede milioni di miliardi di anni, ma il processo di contrazione interna che fa scattare l'esplosione di una supernova richiede solo pochi secondi. All'improvviso, la stella diventa pi luminosa di tutte le altre stelle della galassia messe insieme. I frammenti fuoriusciti dall'esplosione viaggiano a grandi velocit. Singoli nuclei atomici, spinti ad altissime velocit dall'esplosione, diventano raggi cosmici. Questo un altro modo col quale le stelle restituiscono allo spazio elementi che esse stesse hanno sintetizzato. L'onda d'urto dei gas dell'esplosione arroventa il gas interstellare dando l'avvio alla formazione di un'altra generazione di stelle. Anche sotto questo aspetto le stelle sono come l'Araba Fenice: rinascono dalle proprie ceneri. In origine gli elementi pi pesanti si formavano nelle giganti rosse e supernovae e venivano proiettati nello spazio dove restavano disponibili per successive generazioni di stelle e pianeti. Il nostro Sole probabilmente una stella della terza generazione. Tutti gli elementi si formarono lontano migliaia di anni luce e miliardi di anni fa. Il nostro pianeta, la nostra societ e noi stessi siamo costruiti con materia stellare. Facciamo un esperimento. Andiamo in un tunnel di lava, una caverna scavata nella terra da un fiume di roccia liquefatta (lava magmatica) e portiamo un contatore Geyger ed abbiamo un pezzo di uranio allo stato grezzo. Ora, il contatore Geyger sensibile alle particelle ad alta carica elettrica, protoni, nuclei di elio, raggi gamma. Se lo avviciniamo al pezzo di uranio grezzo la quantit dei segnali indicanti la presenza di queste particelle aumenta moltissimo. Se mettiamo il pezzo di

uranio in un contenitore di piombo, la quantit di segnali diminuisce notevolmente, ma non cessano del tutto. Qual' la fonte di questi segnali residui? Ebbene, alcuni di essi provengono dalla radioattivit propria delle pareti della caverna, ma non si tratta solo di questa. Alcuni dei segnali che ci arrivano sono dovuti alle particelle ad alta energia che penetrano dalla volta della caverna (nel nostro caso), cio i raggi cosmici. Ogni secondo essi penetrano dappertutto, ma non fanno danni, per sono causa di alcune mutazioni e influenzano fortemente la vita sulla Terra. I raggi cosmici, specialmente i protoni, riescono a penetrare attraverso metri di roccia, quindi devono avere un'altissima energia e infatti essi viaggiano quasi alla velocit della luce. I raggi cosmici vengono prodotti duranti le esplosioni stellari e cominciano a viaggiare nello spazio. Nella galassia ci sono delle zone dove una stella di neutroni o una gigante rossa sono prigioniere di un reciproco abbraccio gravitazionale. La nube di materia della gigante rossa si avviluppa nel disco di materia che circonda il centro della stella di neutroni.

Tutte le stelle vivono in uno stato di tensione tra la forza che la sostiene e la gravit, la forza che tende a farla cadere. Se dovesse prevalere la gravit, ne conseguirebbe una sorta di follia stellare. Sulla Terra l'attrazione gravitazionale 1g, dove la g sta per gravit terrestre. Cosa succederebbe se aumentassimo o diminuissimo questa forza? Con gravit minore le cose diventano pi leggere, vicino a 0g il minimo movimento fa galleggiare e rotolare tutte le cose nell'aria. Se aumentiamo la gravit, tutto ripiomba sulla Terra. A gravit di 2 o 3g il caso di dire che ci si sente inchiodati a terra, si pesanti come il piombo. Alla gravit di migliaia di g, gli alberi diventano orizzontali e a centinaia di migliaia di g le rocce si sgretolano sotto il loro stesso peso. Fino a questi valori di gravit un raggio di luce non subirebbe alcun effetto e continuerebbe a irradiarsi in linea retta. Ma a un milione di g anche un raggio di luce subirebbe la gravit e comincerebbe a ripiegarsi su se stesso. Un luogo cos, dove la gravit talmente alta che neanche la luce pu irradiarsi si chiama buco nero, una stella che tiene prigioniera la sua stessa luce. I buchi neri furono concepiti come formulazioni teoriche intorno al 1783 (dallo scienziato francese Pierre Simon de Laplace). Oggi, forse c' una probabile candidata per buco nero, si tratta della stella Cygnus I che ha una compagna invisibile dalla massa notevole. Si scoperto che la compagna una sorgente molto intensa di raggi X ed stata chiamata Cygnus X-I. Si pensa che i raggi X siano generati dall'attrito del disco di materia che circonda e sta cadendo sul buco nero. La materia del disco sparisce lentamente nel buco nero. I buchi neri di grande massa, frutto della contrazione di miliardi di soli, potrebbero anche trovarsi al centro di altre galassie e produrre enormi fasci di radiazioni che si perdono nello spazio. Ad una certa densit piuttosto alta, la stella brilla ad intermittenza e svanisce dal nostro universo. Scivola via attraverso un'apertura da essa stessa prodotta verso la continuit spazio-tempo, un buco nero il posto dove una volta c'era una stella. Consideriamo una superficie piana a due dimensioni, con un reticolato, una specie di carta millimetrata. Immaginiamo di prendere una massa non molto grande, di farla cadere su questa superficie e di osservare come la superficie si distorce o fa delle pieghe formando la terza dimensione fisica. La gravit causa la curvatura dello spazio. Se una sfera si avvicina ad una distorsione stabile, le gira intorno come il pianeta gira intorno al suo sole. Secondo questa interpretazione, dovuta ad Einstein, la gravit produce una piega nel tessuto dello spazio. Lo spazio viene piegato dalla massa creando un ulteriore dimensione fisica. Maggiore la massa locale e

maggiore risulta la gravit locale, pi rilevante diventa la distorsione e la piega della curvatura delo spazio. Quindi, in base a questa analogia un buco nero una specie di pozzo senza fondo. Cosa accadrebbe a caderci dentro? Ammesso che si riuscisse a sopravvivere alle correnti gravitazionali e all'intenso flusso di radiazioni, si pu ammettere solo come ipotesi che, dopo essere precipitati in un buco nero, si potrebbe riemergere in un'altra parte dello spazio e del tempo. In questa visione lo spazio sarebbe un intreccio, un reticolato molto piccolo di tunnel, come quelli scavati dai vermi dentro una mela, d'obbligo aggiungere che questa un ipotesi mai dimostrata, si tratta soltanto di una speculazione affascinante. Se fosse vera, allora potrebbero anche esistere dei tunnel a gravit, una sorta di metropolitana interstellare o intergalattica che ci permetterebbe di andare da un capo all'altro dello spazio in un tempo molto minore del solito. Noi non possiamo creare dei buchi neri, la nostra tecnologia ancora troppo indietro. Ma, forse un giorno sar possibile viaggiare per centinaia di anni luce fino a tuffarci in un buco nero per poi riemergere in uno spazio e tempo diversi. Forse il cosmo infestato da buchi neri, ognuno dei quali ci conduce in un posto, forse esistono altre civilt con tecnologia enormemente pi avanzata della nostra. Un buco nero , forse, la porta che si apre su un altro universo completamente diverso dal nostro. La lenta metamorfosi delle stelle ci sembra un fenomeno molto distante dall'esperienza umana, eppure noi siamo legati molto intimamente ai loro cicli vitali. La materia che compone noi uomini venne a formarsi molto tempo fa, in qualche gigante rossa. "Un filo d'erba il frutto della dura giornata delle stelle". La formazione del Sistema Solare potrebbe essere stata avviata dall'esplosione di una supernova. I raggi ultravioletti del Sole penetrarono nell'atmosfera e generarono i fulmini, quest'energia fu la scintilla che diede origine alla vita. Le piante raccolgono la luce solare trasformandola in energia chimica. Noi uomini, come tutti gli altri animali, siamo parassiti delle piante. L'evoluzione della vita regolata dalle mutazioni, che sono causate in parte dalla radioattivit naturale e dai raggi cosmici. I nostri antenati adoravano il Sole e in questo erano tutt'altro che stupidi, pi che naturale adorare il Sole e le stelle, perch noi siamo i loro figli. Tutto intorno alla Via Lattea c' un alone di materia che comprende gli ammassi globulari, ognuno dei quali contiene fino a un milione di stelle. Al centro degli ammassi globulari e nel nucleo centrale della galassia potrebbero esserci buchi neri dalla massa enorme. Sulla Terra noi ammiriamo, e giustamente, il ritorno quotidiano del nostro unico Sole. Ma da un pianeta orbitante intorno a una stella facente parte di un ammasso globulare si assisterebbe ad un'alba ben pi grandiosa, non il sorgere di un sole, ma il sorgere di un'intera galassia, un'aurora creata da 400 miliardi di soli. Il sorgere della Via Lattea. Noi siamo fatti di atomi e di stelle, la nostra materia e la nostra forma sono determinati dal cosmo, di cui siamo fatti.

8. la nascita e il tipo di universo in cui viviamo


C' un'esperienza comune a tutti gli esseri umani, l'esperienza della nascita. Il ricordo che noi abbiamo della nostra nascita nel migliore dei casi misterioso e vago. Evoca il mistero di altre origini, per esempio quelle del cosmo. Che cosa c'era prima del nostro universo? Esistono confini al cosmo? Secondo la scienza attuale la storia dell'origine dell'universo comincia con un'esplosione che provoc l'espansione dello spazio. Circa 15 miliardi di anni fa, tutta la materia e l'energia che oggi formano l'universo visibile erano concentrati in uno spazio pi piccolo della testa di uno spillo. Il cosmo esplose in una deflagrazione di dimensioni inimmaginabili, il Big Bang. E la materia dell'universo assieme al tessuto dello spazio stesso cominciarono ad espandersi in tutte le direzioni, cos come fanno oggi. Man mano che il tempo passava, il cosmo si raffreddava finch alla normale luce visibile lo spazio divenne scuro, com' attualmente. Ma a quel punto cominciarono a formarsi piccole sacche di gas che diedero origine a strutture molto grosse, le galassie, di cui vediamo vari tipi, per esempio ci sono le galassie ellittiche, spirali, ecc. Studiare le loro origini, la loro evoluzione ci aiuta ad allargare la nostra comprensione fino ai confini pi remoti dell'universo. Le stelle sono disposte nelle galassie in molti modi diversi tra loro. Quando, per esempio, la faccia di una galassia a spirale rivolta verso di noi possiamo vedere i bracci lunghi con miliardi di stelle. Quando, in altri casi, la galassia si presenta lateralmente possiamo vedere le bande di polveri e gas, dove, probabilmente, si stanno formando altre stelle. Nelle galassie spirali barrate, il fiume di materia stellare passa per il centro della galassia collegandosi ai bracci a spirale. Le galassie ellittiche possono essere giganti oppure nane. Ci sono molte galassie dove si verificano esplosioni, collisioni e dove esistono nubi di gas e di stelle, veri ponti tra le galassie. Una galassia fatta di miliardi di soli tenuti insieme dalla gravit. L'evoluzione delle galassie regolata ovunque dalle stesse leggi fisiche. In alcuni casi i bracci a spirale si formano da soli. In altri casi, l'incontro gravitazionale ravvicinato tra due galassie provocher la formazione dei bracci a spirale. Ma quando una galassia incontra un'altra, attraversandola, difficile prevedere quello che ne uscir fuori. Ma la forma delle galassie pu modificarsi rapidamente. Lo scontro diretto di due galassie pu durare centinaia di milioni di anni. Quando una galassia piccola e densa si scontra con un'altra molto pi grande, pu risultare una delle galassie pi belle tra quelle irregolari, una galassia ad anello. A volte le galassie esplodono. Le quasar, distanti, probabilmente, miliardi di anni luce potrebbero essere un esplosione colossale di galassie. Ma non si sa precisamente. Le quasar sono ancora un mistero. Le galassie sono la dimostrazione dell'ordine che alla base dell'universo. Alcuni astronomi ritengono che le quasar siano l'effetto della caduta di milioni di stelle in un immenso buco nero nel nucleo della galassia. Qualcosa di simile ad un buco nero, qualcosa dotato di grande massa, di grande densit e molto piccolo. Le stelle della Via Lattea si muovono con grande irregolarit, il Sole impiega 350 milioni di anni per fare un giro intorno al nucleo della Galassia. Le fasce periferiche della Galassia hanno un moto di rivoluzione pi lento di quelle interne. Nelle zone di maggiore densit si formano le stelle giovani, calde e lucenti, cio quelle stelle che compongono i bracci a spirale. Queste stelle calde

brillano solo per dieci milioni di anni, pi o meno, e poi esplodono. Ma, appena una stella che compone la spirale esplode, dai suoi detriti si formano nuove stelle e la spirale mantiene la sua forma. Il Sole rientrato e uscito dai bracci a spirale durante le rivoluzioni che ha compiuto intorno alla Via Lattea; in questo periodo noi terrestri viviamo sull'orlo di un braccio a spirale.

La chiave della cosmologia, dello studio di tutto l'universo finisce con il rivelarsi con un'esperienza di vita quotidiana. Immaginate un oggetto in movimento, per esempio anche un'onda di luce o un'onda sonora. Quando l'oggetto ci passa vicini il suono che sentiamo cambia di tono, questo cambiamento di tonalit si chiama effetto Doppler. Per il guidatore della locomotiva, se stiamo considerando una locomotiva di treno, la tonalit risulter sempre uguale. Le cause di questo effetto saranno pi facili da capire idealizzando le onde sonore. La locomotiva ferma emette onde sonore a cerchi perfetti come quelli provocati da un sasso in uno stagno. Facciamo partire il treno. Durante la marcia le onde che si propagano in avanti si comprimono l'una addosso all'altra, mentre quelle che si propagano all'indietro si distanziano. Le onde pi compresse hanno una frequenza e una tonalit pi alta delle onde distanziate. La stessa cosa vale per le onde di luce. I colori stanno alla luce esattamente come le tonalit stanno al suono. Le onde di luce compresse tendono al blu, quelle pi distanti tra loro tendono al rosso. La velocit del treno ci consente di avvertire il cambiamento del suono, ma non quello della luce. Il treno dovrebbe andare ad una velocit maggiore. Ne consegue che l'effetto Doppler delle onde luminose la chiave del cosmo. La prova di questo fu fornita incredibilmente da una persona che non era andata oltre la terza media. Tra il 1910 e il 1920 era il costruttore, sul monte Wilson, del pi grande telescopio del mondo destinato ad osservare il cielo sopra Los Angeles. I pezzi pi grandi del telescopio dovettero essere portati a dorso di mulo in cima al monte per poi essere montati. C'era l un giovanotto di nome M.L. Humason , figlio un po' scapestrato di un banchiere californiano, per era un ragazzo intelligente. Quando, nel 1917, l'Osservatorio fu completato, egli fece in modo di restare lass come guardiano ed elettricista. Una sera, cos si racconta, l'assistente di notte dell'Osservatorio si ammal e Humason fu invitato a sostituirlo. Era un giocatore d'azzardo, noto per la sua avidit a poker e al tavolo dei dadi, ma qui scopr di avere un talento naturale nel maneggiare gli strumenti astronomici, divenne cos l'esperto del telescopio. Alla fine degli anni '20 Humason era in grado di effettuare da solo le osservazioni. Gli venne assegnato a sua volta un assistente. Un telescopio deve essere in grado di puntare con estrema precisione su una determinata regione del cielo e di mantenere quell'orientamento. Quello di monte Wilson uno strumento che pesa circa 65 tonnellate, ma deve muoversi con una precisione maggiore del pi preciso orologio da polso. Il generatore di elettricit deve funzionare senza variazioni. La cupola viene aperta alcune ore prima delle osservazioni per consentire alla temperatura esterna di livellarsi con quella interna. Quella sera Humason prepar, come sempre, le lastre fotografiche. Quelle osservazioni facevano parte di un programma che Humason, con il suo maestro l'astronomo Edwin Hubble, stavano svolgendo per calcolare l'effetto Doppler proveniente dalle galassie pi lontane allora conosciute. Ma le galassie pi lontane hanno una luce molto debole e quindi fotografarle, anche con i telescopi pi grandi del mondo, richiedeva tempi di esposizione molto lunghi, per questo le fotografie duravano tutta la notte e talvolta dovevano essere prolungate alle notti successive. Humason consegn all'assistente di notte le coordinate celesti della galassia prescelta. Durante la notte, lunga e fredda, provvedette

alle opportune correzioni del telescopio, in modo che seguisse con estrema precisione i movimenti della galassia. La luce della galassia era troppo debole per essere vista in diretta con il telescopio, per riusc a impressionare la lastra fotografica ricorrendo a tempi di esposizione molto lunghi. Per poter puntare il telescopio sulla galassia, si puntava sulla stella pi vicina alla galassia e poi si spostava il telescopio su una zona di cielo apparentemente vuota, nella quale durante tutta la notte la luce della galassia non visibile si accumuler impressionando la lastra fotografica. Il telescopio concentra la luce della galassia nello spettrometro, dal quale verr scomposta nell'arcobaleno di colori che la costituiscono. Lo spettro verr poi impresso sulla piccola lastra di vetro. Il telescopio anche se grande riesce a inquadrare solo una minuscola zona di cielo e, poich la Terra gira, l'immagine della galassia esce dal campo visivo del telescopio in qualche minuto. Humason dovette restare sveglio per seguire la galassia con i meccanismi delicati del telescopio che lo muovevano lentamente nella direzione opposta per compensare la rotazione della Terra. Si trattava di un lavoro molto difficile, di routine, noioso, ma, anche se non lo sapevano ancora, Hubble e Humason stavano meticolosamente costruendo la prova del Big Bang. Quella notte scoprirono che pi distante una galassia pi lo spettro di colori tende al rosso. E fu per questa tendenza al rosso dovuta all'effetto Doppler che le galassie pi lontane dovevano allontanarsi da noi. Al termine dell'osservazione Humason estrasse la lastra e facendo molta attenzione la port gi per svilupparla. Humason trov una tendenza al rosso in quasi tutte le galassie pi lontane, fenomeno paragonabile al cambio di tonalit in una locomotiva che si allontana. E pi distante da noi e pi rapidamente si allontana. Fu una scoperta grandiosa, ci provava la stessa espansione dell'universo. Humason e Hubble avevano scoperto il Big Bang. Le galassie pi vicine mostrano un effetto Doppler molto scarso, ma quando Humason fotograf lo spettro di galassie pi lontane trov che lo spettro era spostato verso il rosso; e quando prese in esame una galassia lontanissima, distante quattro miliardi di anni luce, trov che lo spettro era ancora pi spostato verso il rosso. Le accurate osservazioni di Humason rivelarono l'espansione dell'universo.

Quando discutono sulla possibile vastit della struttura del cosmo, gli astronomi, qualche volta, dicono che lo spazio curvo oppure che l'universo limitato e senza confini. Di cosa parleranno mai? Immaginiamo di essere perfettamente piatti. In questo modo, siamo fatti in larghezza e in lunghezza, ma in altezza zero assoluto. In questa situazione, noi abitanti del mondo piatto, conosciamo la destra e la sinistra, l'avanti e l'indietro, ma non sappiamo cosa siano l'alto e il basso. Ora, immaginiamo che nel nostro mondo piatto, volandoci sopra la testa, arrivi una strana creatura tridimensionale. Questa creatura a tre dimensioni, per esempio una mela, vede l'essere piatto, per esempio un quadrato, dall'aspetto attraente e simpatico, lo osserva mentre entra in casa e, in uno slancio di amicizia, decide di presentarsi. "Buongiorno" dice la creatura tridimensionale, "come va? Io sono un turista che viene dalla terza dimensione". Il povero quadrato si guarda intorno, per tutta la casa, ma non vede nessuno e per di pi ha come sentito un "buongiorno" dal suo interno, una voce dal di dentro. Allora comincia a preoccuparsi un po' del proprio stato mentale. La creatura tridimensionale non contenta di essere considerata un'aberrazione psicologica e quindi decide di scendere per

entrare realmente nel mondo piatto. Un essere tridimensionale nel mondo piatto esiste solo parzialmente, di lui visibile solo una sezione piana che lo attraversa, un suo spaccato. Come? Quando un essere tridimensionale tocca il suolo del mondo piatto di lui si vede solamente il punto di contatto con il terreno. Via via che la mela scivola sul piano si vedono apparire continuamente dal nulla delle figure, allora il quadrato conclude che diventato matto. Per la mela non appare molto soddisfatta di questa conclusione e, quindi, con un gesto non molto amichevole prende contatto con il quadrato dal di sotto e lo solleva senza tanti complimenti facendolo fluttuare al di sopra del paese piatto. All'inizio, il quadrato non si rende conto di quello che succede. Ma dopo un po' finisce con l'accorgersi che sta vedendo l'interno delle case, e quindi il paese piatto, soltanto che sta vedendo il paese piatto in una prospettiva fino a quel momento sconosciuta. Ora, il nostro essere piatto ridiscende lentamente verso il suolo e gli amici gli corrono intorno per parlargli. Dal loro punto di vista egli misteriosamente apparso dal nulla, non arrivato camminando. E gli chiedono: "Ma insomma, che cosa ti successo?" Il povero quadrato risponde: "Sono stato in un'altra misteriosa dimensione che si chiama sopra." Allora, gli amici gli danno delle pacche sulle spalle e gli chiedono: "Allora, dov' questa terza dimensione? Indicacela." Ma il povero quadrato non pu soddisfare la richiesta. Il fatto pi interessante in tutto questo l'altra dimensione e nasce lo spazio a tre dimensioni. Vogliamo parlare della quarta dimensione? Per cominciare prendiamo in esame un cubo. Possiamo immaginare di formarlo nel modo seguente: prendiamo un segmento di retta e lo eleviamo perpendicolarmente per una lunghezza pari a lui e si forma un quadrato. Muoviamo il quadrato perpendicolarmente per la stessa lunghezza e avremo un cubo. Ora, questo cubo, come naturale, forma un'ombra, che una figura piatta, a due dimensioni. Ci accorgiamo subito che nell'ombra di un oggetto tridimensionale la terza dimensione non raffigurata totalmente nella sua proiezione a due dimensioni, ma parte del prezzo che si paga per la perdita di una dimensione. Adesso, prendiamo il cubo, che un oggetto della terza dimensione e trasportiamolo in una quarta dimensione fisica, cio ad angolo retto rispetto alle tre dimensioni. Non posso dirvi quale sia la direzione, ma immaginate che esista una quarta dimensione fisica. In questo caso, potremmo generare un ipercubo a quattro dimensioni, chiamato anche tesseratto. Non possiamo vedere il tesseratto perch siamo prigionieri di tre dimensioni, per possiamo vedere l'ombra in tre dimensioni di un ipercubo a quattro dimensioni. L'ombra formata da due cubi concentrici con tutti i vertici uniti da linee. C' da dire che il vero tesseratto a quattro dimensioni avrebbe tutti i lati di uguale lunghezza e gli angoli tutti retti. Anche se non possiamo immaginare un mondo a quattro dimensioni, possiamo pensare che esiste senza difficolt. Ora, immaginate l'universo esattamente come il paese piatto, a due sole dimensioni. assolutamente piatto in qualunque direzione. E, all'insaputa dei suoi abitanti questo universo bidimensionale curvato in una terza dimensione fisica, forse in una sfera. Ma comunque un qualcosa totalmente al di fuori della loro conoscenza. Localmente, questo universo appare piatto, senza dubbio, ma se uno dei suoi abitanti piatti si fa una bella passeggiata lungo quella che gli sembra una linea retta finir con lo scoprire un grande mistero. Supponiamo di fissare un suo punto di partenza e che a questo punto si muova all'esplorazione del suo universo. Non torna mai indietro e non incontra mai un limite; egli non sa che il suo universo apparentemente piatto, in realt, curvo. Perch potrebbe essere curvo? Perch

in questo universo c' talmente tanta materia da curvare lo spazio chiudendolo su se stesso, ma sono cose che il nostro essere piatto non sa. Dopo aver camminato a lungo, scoprir di essere tornato al punto di partenza; deve esistere una terza dimensione. Il nostro essere piatto non riesce a concepire un terza dimensione, ma pu arrivarci per deduzione. Adesso, aumentate di una tutte le dimensioni di questa storia e avrete la situazione simile a quella che molti cosmologi sostengono che possa essere applicata a noi. Noi siamo esseri tridimensionali e vediamo il nostro universo come appiattito in tre dimensioni, ma pu darsi che sia curvato in una quarta. Possiamo parlare di una quarta dimensione fisica, ma non possiamo sperimentarla, nessuno pu indicarci la quarta dimensione. Ora, immaginiamo che questo universo si vada espandendo. Cosa succede? Diventiamo come un pallone a quattro dimensioni. Gli astronomi, in una sola galassia, considereranno che tutte le altre galassie si stanno allontanando dalla sua, pi lontane sono le altre galassie e pi velocemente sembrano muoversi. La scoperta di Humason e Hubble consiste proprio in questo. Sulla superficie di questo universo curvo non esistono n confini, n centro, l'universo pu essere un punto e al tempo stesso essere sconfinato. La tendenza al rosso delle galassie pi lontane indusse alcuni studiosi contemporanei di Humason a ritenere che noi eravamo al centro dell'universo in espansione e che il nostro posto nello spazio era in qualche modo privilegiato. Ma gli osservatori di qualunque galassia vedranno praticamente la stessa cosa, cio che tutte le galassie si stanno allontanando da loro. Se c' abbastanza materia per chiudere l'universo a causa della gravit, vuol dire che esso avvolto su se stesso come una sfera. Se non c' abbastanza materia per rinchiudere il cosmo, vuol dire che il nostro universo ha una forma aperta che si estende per sempre in tutte le direzioni. Questa dell'universo "a sella" solo una delle infinite ipotesi sulle specie possibili degli universi aperti. A differenza degli universi chiusi, come una sfera, gli universi aperti hanno per s una quantit infinita di spazio. Infatti se il nostro universo realmente finito moriremo all'interno di un buco nero. Tuttavia esiste una possibile via di fuga, un ipotetico tunnel attraverso la quarta dimensione. Possiamo trovare un tunnel del genere? Sopravviveremmo al viaggio? Potremmo riemergere in un altro spazio e in un altro tempo, forse in un altro universo. Ma noi non sappiamo ancora se l'universo aperto o chiuso, per di pi ci sono alcuni astronomi che dicono che la tendenza al rosso delle galassie lontane non sia dovuto all'effetto Doppler e che non credono molto alla teoria dell'universo in espansione, la teoria del Big Bang.

Il moderno mito scientifico sulla creazione il Big Bang, la grande esplosione. Anticamente, molte civilt ritenevano che il mondo fosse vecchio solo di qualche generazione umana. Quasi nessuno aveva capito che il cosmo era ancora pi vecchio. Gli unici a capire furono gli Indiani. Pi di qualunque altra divinit, essi annotavano e valutavano i cicli della natura, il sorgere e il tramontare del Sole e delle stelle, le fasi della Luna, il trascorrere delle stagioni. Nel mese di gennaio si svolge in tutta l'India meridionale un'antichissima cerimonia, il festeggiamento della generosit della natura in occasione del raccolto annuale delle messi. Anche gli animali al lavoro hanno un giorno di festa. Per terra vengono composti disegni a colori vivaci per propiziarsi l'armonia e la buona sorte del nuovo anno. Per, non solo una festa del raccolto,

legata a una tradizione cosmologica molto pi profonda. una dimostrazione di gioia per il fatto che esistono i cicli della natura; ma come potrebbero verificarsi questi cicli se non ci fossero degli dei a volerli? La religione ind l'unica tra le grandi fedi del mondo a professare la credenza che il cosmo, nella sua totalit, passi attraverso un immenso numero di sue morti e di sue rinascite. Se vero che l'universo oscilla, che la moderna versione scientifica della cosmologia ind valida, allora sorgono interrogativi ancora pi strani. Alcuni scienziati si chiedono, considerando un universo che oscilla, cosa mai pu accadere durante il passaggio dalla contrazione all'espansione. Alcuni pensano che le leggi della natura a quel punto vengono rimescolate a caso, che il tipo di fisica e di chimica che abbiamo in questo universo rappresenta solo una delle infinite variet delle possibili leggi naturali. facile constatare che solo una variet, molto ristretta, delle leggi della natura va d'accordo con galassie, stelle, pianeti, vita e intelligenza. Se vero che le leggi di natura sono rimescolate cos a caso, allora solo per la pi straordinaria delle coincidenze che questa grossa slot machine cosmica abbia combinato, stavolta, un universo che sembra fatto per noi. Dunque viviamo in un universo che si espande per l'eternit oppure in uno dove c' materia concatenata di cicli senza fine? C' un modo di rispondere a questa domanda, non in modo mistico, ma un modo scientifico, facendo un accurato calcolo di tutta la materia che c' nell'universo oppure dirigendo l'osservazione all'estremo confine del cosmo stesso. I nostri telescopi sono in grado di captare le quasar pi lontane, distanti miliardi di anni luce e che si espandono assieme allo spazio. I nostri telescopi hanno individuato anche le radiazioni cosmiche del passato, ai tempi del Big Bang, raffreddatisi e tendenti al rosso. I radiotelescopi sono dotati di una sensibilit eccezionale, per esempio captano una quasar molto lontana e quindi molto debole, le cui radiazioni captate dai radiotelescopi hanno una potenza di circa un milionesimo di miliardesimo di watt. La quantit totale di energia ricevuta da tutti i radiotelescopi del pianeta Terra inferiore all'energia di un singolo fiocco di neve che tocchi il terreno. Quando captano le radiazioni cosmiche del passato, quando puntano le quasar, ecc., i radioastronomi hanno a che fare con delle quantit di energia quasi vicine allo zero. I nostri radiotelescopi sono un monumento all'ingegno umano. Essi raccolgono le deboli onde radio, le mettono a fuoco, le amplificano e poi le trasformano in immagini di nebulose, di galassie, di quasar. Se avessimo degli occhi che funzionino alla luce delle onde radio, sarebbero pi grandi delle ruote di una carrozza. Ogni volta che noi usiamo un nuovo tipo di luce per osservare il cosmo, apriamo una nuova porta alla nostra percezione. una costante indagine dell'uomo dentro i grandi interrogativi del cosmo. Un'altra importante scoperta stata fatta da alcuni satelliti lanciati in orbita per studiare il cielo ai raggi X. A quanto pare c' un'immensa nube di idrogeno estremamente caldo nello spazio tra alcune galassie. Ora, se questa materia intergalattica fosse sufficiente a chiudere il cosmo, vivremmo in un cosmo chiuso e oscillante. Ma c' un'altra ipotesi ancora pi ardita e affascinante, una delle pi ardite nel campo sia scientifico che religioso. Non assolutamente dimostrata, forse non lo sar mai. Il nostro universo, fino alla pi remota galassia, sarebbe un elettrone racchiuso in un universo di dimensioni tali, che non lo potremo mai vedere. E questo secondo universo sarebbe solo una particella semplice di un universo ancora pi grande e cos via.

9. Seti, la ricerca di civilt extraterrestri


Nell'immensit del cosmo devono esistere altre civilt molto pi antiche e progredite della nostra. Non pu darsi, quindi, che noi abbiamo ricevuto qualche visita? Non pu darsi che, ogni tanto, nei nostri cieli appaia qualche astronave extraterrestre? Non c' nulla di assurdo in questa ipotesi, nessuno sarebbe pi felice di me se arrivasse qualche visita; ma nella realt, successo? Quello che conta non ci che appare plausibile o ci a cui vogliamo credere, n quello che possono sostenere un paio di testimoni oculari, ma solo ci che sostenuto da prove inoppugnabili, valutate con rigore ed i fatti.

La denuncia di fatti eccezionali esige prove eccezionali.


dal 1947 che si susseguono centinaia di segnalazioni dei cosiddetti UFO, oggetti volanti non identificati; un argomento che, a mio parere, ha a che fare pi con la religione e la superstizione che non con la scienza. Esaminiamo uno dei racconti pi noti su un presunto incontro con esseri extraterrestri. Il 19 settembre 1961, due americani, marito e moglie, attraversavano in macchina il New Jersey diretti a casa. Tornavano da una vacanza in Canada e percorrevano una strada solitaria di notte tardi. (Ripeto, sull'accaduto abbiamo solo la loro versione dei fatti). Avevano visto, cos dichiararono, una strana luce che si muoveva nel cielo, quello che si definisce, appunto, un oggetto volante non identificato. Dopo un po', l'effetto di luce dell'UFO cambi, a un certo punto sembr che atterrasse. Si pos al centro della strada, impedendo ai due di proseguire. Essi dichiararono di aver visto avvicinarsi degli esseri privi di bocca e dall'aspetto non precisamente umano. A questo punto il racconto divenne ancora pi strano. I due dissero di non ricordare assolutamente nulla di quello che accadde nelle ore successive. Due anni e due mesi pi tardi, i due dichiararono, sotto ipnosi, che avevano visto atterrare un UFO. Poi erano stati catturati e portati a bordo dell'astronave. Questo il racconto di Betty e Barney Hill, praticamente tutti gli scienziati che lo hanno studiato si dimostrano scettici. Ma gli appassionati di UFO ritengono che il caso dei coniugi Hill sia un esempio classico di un incontro ravvicinato del terzo tipo. Perch? Cos' che rende questo racconto tanto speciale? Sull'astronave, Betty disse di aver notato un numero scritto con caratteri geroglifici sconosciuti e una strana vetrina dietro la quale pot vedere un insieme di punti luminosi uniti da linee; era, cos le dissero, una carta delle stelle, che indicava le rotte per i commerci interstellari. Poi i due furono liberati e poterono tornarsene a casa. Questo secondo il loro racconto. Quelli che ci credono trovano il racconto convincente o quantomeno plausibile, soprattutto a causa della carta stellare. Come mai c' qualcuno che la prende sul serio? Perch gli assertori degli UFO hanno una vera carta stellare che riguarda quindici stelle, vicine tra loro, compreso il nostro Sole, viste da un punto ben preciso e favorevole dello spazio. una carta che comprende alcune stelle catalogate per la prima volta molti anni dopo che Betty Hill si era ricordata di quello che aveva visto su quella astronave. Perci la carta descritta da lei esigeva la conoscenza di nozioni non ancora disponibili. C' indubbiamente una somiglianza tra le due carte, ma questo dovuto al fatto che le linee indicanti le rotte di navigazione sono state riportate dalla carta descritta da Betty Hill su quella vera. Se decidessimo di sostituire con un'altra serie di linee le linee di Betty, ci accorgeremmo che, da un momento all'altro, non esisterebbe pi alcuna somiglianza tra le due carte. Comunque, per fare una

prova pi obiettiva, se togliamo tutte le linee le due carte non si somigliano pi. Per c' da dire che le stelle sono state scelte apposta in un lungo elenco e anche il punto di osservazione dallo spazio stato deciso in modo che corrispondesse il pi possibile a quello descritto da Betty Hill. Quando si ha la possibilit di scegliere tra un gran numero di stelle viste da un qualunque punto dello spazio che si voglia, si pu sempre trovare un disegno che assomigli a quello che state cercando, anzi, mi sorprende che nessuno abbia trovato un gruppo di stelle che assomigliasse di pi a quello di Betty Hill. Lo psichiatra personale degli Hill ha definito il loro racconto come una specie di sogno, non c' nessuna prova a sostegno, l'argomento "carta stellare" non ha valore e tuttavia questo uno dei casi pi attendibili di incontri ravvicinati con gli UFO. Per quanto ne so, noi potremmo ricevere visite di civilt extraterrestri anche una ogni quindici giorni. Ma niente fa da supporto a questa splendida idea, le ipotesi eccezionali non sono mai sostenute da prove eccezionali. Esistono foto di UFO scattate anche di giorno. Alcune ricordano in modo sospetto cappelli o borchie di automobili lanciate in aria. Le fotografie si possono truccare facilmente. Le pi comuni sono di luci notturne non identificate, spesso si tratta di aerei. Molti oggetti volanti non identificati risultano essere poi un'altra cosa, come la luce riflessa di qualche pianeta o il rientro a terra di un satellite artificiale. A volte sono suggestioni psicologiche, a volte burle. Mai si sono avute prove fisiche indiscutibili con fotografie dettagliate in primo piano di un astronave extraterrestre o qualche piccolo congegno sconosciuto qui sulla Terra, mai niente. Ci sono racconti su queste cose, ma le cose in s concretamente mai. Tuttavia la ricerca di civilt extraterrestri rimane un fatto importante, malgrado la mancanza di prove sull'esistenza degli UFO. La maggior parte degli astronomi, ad esempio, considera la vita extraterrestre un argomento degno della massima attenzione, anche se con cautela. Personalmente trovo affascinante l'idea di scoprire un segno qualunque, anche una semplice scritta, capace di fornirci la chiave per capire una civilt extraterrestre a noi estranea. un richiamo che l'uomo ha sentito anche nel passato.

Nel 1801 il governatore di una provincia francese era anche un famoso fisico, Joseph Fourier. Durante un'ispezione alle scuole della sua provincia fu lui a scoprire un ragazzo eccezionale di quindici anni, Jean Francois Champollion. L'intelligenza precoce del ragazzo e la sua predisposizione alle lingue gli avevano gi fruttato l'attenzione ammirata degli studiosi d'Europa e anche Fourier ne rimase impressionato. La prima cosa che Champollion ebbe modo di notare in casa di Fourier determin il corso della sua vita. E consent di svelare i misteri di una civilt fino ad allora sconosciuta. Fourier, come molti altri scienziati, aveva preso parte da poco alla spedizione di Napoleone in Medio Oriente, ove era stato incaricato di catalogare i monumenti astronomici egiziani. Il ragazzo rimase affascinato dalla collezione di Fourier, gli antichi oggetti d'arte egiziana. In quel periodo la Francia era invasa da oggetti di quel genere, trafugati da Napoleone, e che suscitavano molto interesse tra gli studiosi e tra la gente comune. L'attenzione del ragazzo fu attirata, in particolare, da un reperto di geroglifici egiziani. "Cosa significano?", chiese. "Nessuno lo sa" fu la risposta di Fourier. In quello stesso istante, Champollion decise che egli sarebbe riuscito a capire quei segni, che nessuno sapeva leggere. Infatti egli divent un grande esperto di lingue e si dedic allo studio dei geroglifici. Quando Fourier

pubblic una narrazione illustrata della spedizione napoleonica in Egitto, il giovane Champollion si mise a studiarla vivamente. Agli occhi degli europei quelle immagini esotiche rivelavano una civilt totalmente estranea, un mondo di monumenti torreggianti e di nomi dal suono magico, Luxor, ecc. Ogni illustrazione era un enigma che il passato poneva al presente. Tra le altre c'era un'immagine di un qualcosa chiamato "stele di Rosetta". L'Egitto divenne la terra dei sogni di Champollion. Ma fu solo nel 1828, ventisette anni dopo la sua visita decisiva a casa di Fourier, che riusc ad approdare per la prima volta in Egitto. Come compagni di viaggio, Champollion noleggi al Cairo dei battelli e inizi una lenta inversione controcorrente risalendo il Nilo. Il viaggio dur molte settimane e Champollion annotava ogni particolare con estrema precisione. Champollion, da grande, era gi riuscito a decifrare alcuni geroglifici. Si trattava di una parola il cui significato era "ventagli sacri". Ora, Champollion compiva un pellegrinaggio verso lo scenario di quegli antichi misteri che egli era stato il primo a capire. Champollion annota: "La sera del 16 siamo finalmente arrivati a Tebe. Eravamo solo a un'ora di viaggio dal tempio. Potevamo resistere alla tentazione di proseguire? Lo chiedo al pi indifferente di voi mortali. Abbiamo deciso di cenare e di ripartire immediatamente. Abbiamo attraversato la zona da soli senza aiuti. Pensando che i templi fossero in linea retta dal nostro drappello, abbiamo camminato per un'ora e mezza senza trovare niente. Alla fine abbiamo incontrato un uomo che ci ha indicato la direzione giusta. E poi ha deciso di unirsi a noi, per grazia di Dio. Finalmente uno dei templi ci apparso davanti. Non tenter neanche di descrivere le sensazioni che il portico e, soprattutto, il colonnato hanno suscitato in noi. Siamo rimasti l due ore in estasi, correndo da uno all'altro di quegli enormi locali e cercando di leggere le iscrizioni esterne, alla luce della Luna". Fu certo in preda ad una grande emozione che Champollion entr nei posti pi segreti del tempio e pos gli occhi su quelle parole che avevano atteso pazientemente per mezzo milione di notti qualcuno che le decifrasse. Al fratello, Champollion scrisse per comunicargli la sua gioia nell'aver constatato che era vicino a leggere le iscrizioni su quelle pareti. Dopo aver seguito il corso del Nilo fino alla seconda cascata, disse: "Posso affermare con orgoglio che nella nostra lettera sull'alfabeto dei geroglifici non c' niente da modificare. Il nostro alfabeto giusto, si pu applicare con gli stessi risultati positivi, prima di tutto ai commenti egiziani dell'epoca romana e anche, fatto questo pi interessante, alle iscrizioni di tutti i templi, i palazzi e le tombe dell'epoca faraonica". Champollion era sopraffatto dalla grandiosit che lo circondava. In Europa siamo solo dei nani, nessuna nazione, antica o moderna, ha mai concepito l'arte e l'architettura in uno stile sublime, meraviglioso ed imponente come quello degli antichi egizi. La costruzione del grande tempio di Kasna, nell'alto Egitto, continu ininterrottamente per un periodo di oltre 2000 anni fino alla dinastia dei Tolomei. Fu in quel posto che Champollion scrisse: "La magnificenza faraonica mi apparsa in tutta la sua grandezza. Quello che ho visto fino ad oggi mi sembra piccolo e misero se paragonato alle creazioni colossali che mi circondano". Dovunque in Egitto, Champollion si rese conto che era in grado di leggere le scritture sui muri e sulle colonne e che la sua decifrazione di qualche anno prima era esatta. Ma come arrivato ad essa? Avevano tentato in molti di decifrare i geroglifici ed avevano fallito. Un gruppo di studiosi riteneva che si trattasse di immagini in codice, fatte soprattutto di uccelli in particolar modo. C'erano altri che avevano dedotto dai geroglifici che gli Egiziani erano dei colonizzatori venuti dalla Cina. C'era anche un tale che sosteneva di avere capito il significato della stele di Rosetta

dopo una semplice occhiata, disse che la rapidit della sua decifrazione gli aveva consentito di evitare gli errori sistematici che immancabilmente nascono da una riflessione troppo prolungata. Come accade, oggi, nella ricerca di intelligenze extraterrestri le incontrollate congetture di certi dilettanti finiscono per allontanare molti veri studiosi dal campo delle ricerche. Ma Champollion non si fece impressionare, non si fece neanche distrarre dalla teoria dei geroglifici come metafore illustrate. Seguendo le intuizioni di un brillante fisico inglese, Thomas Young procedette con questo metodo. L'originale della stele di Rosetta fu scoperto per caso nel 1799 da un soldato francese che lavorava alle fortificazioni di Rashi, una citt a sud-est del Nilo. La stele faceva parte di un antico tempio che era stato distrutto. Nella stele si vede chiaramente uno stesso identico testo in tre lingue diverse. In alto ci sono antichi geroglifici egizi; in mezzo, una scrittura geroglifica detta demotico e in basso il testo greco. Champollion ovviamente, sapeva leggere il greco antico, era un ottimo linguista, cos scopr che le iscrizioni su questa pietra erano state incise per confermare l'incoronazione di Tolomeo V nella primavera dell'anno 196 a.C. Il testo greco contiene molti riferimenti a Tolomeo. Pi o meno nella stessa posizione, nel testo in geroglifici, si vedono dei caratteri racchiusi in ovali. E Champollion pens che se significavano Tolomeo, allora i simboli geroglifici difficilmente erano ideogrammi o metafore, ma pi probabilmente si trattava di lettere o quantomeno di sillabe. Inoltre Champollion cont il numero di parole greche e il numero di geroglifici in quelli che riteneva, testi equivalenti e scopr che il numero dei simboli geroglifici era molto maggiore del numero delle parole greche. Fu un ulteriore conferma che i geroglifici sono soprattutto lettere e sillabe. Ma a quale geroglifico corrispondeva ciascuna lettera? Per fortuna Champollion aveva a disposizione una specie di seconda stele di Rosetta. Un obelisco trovato negli scavi del tempio di Pira che recava incisa un iscrizione in geroglifici che corrispondeva a un altro nome greco, cio Cleopatra. Mettendo a confronto i due geroglifici recanti l'uno il nome di Tolomeo e l'altro il nome di Cleopatra si scopre che ci sono alcuni geroglifici uguali, per esempio un quadrato che significa la lettera "t", il geroglifico rassomigliante a un leone la lettera "l", il geroglifico rassomigliante a un capestro la lettera "o", il geroglifico rassomigliante a un'aquila la lettera "a", e procedendo cos Champollion riusc ad abbinare ogni lettera a un geroglifico. Da notare che per la lettera "t" ci sono due simboli diversi, ma anche in inglese, per esempio, la lettera "f" si scrive "f" o "ph". Champollion scopr che i geroglifici sono, sostanzialmente, delle semplici cifre sostitutive. Ma nel testo c'era tanta altra roba. E leggendo tutta l'iscrizione abbiamo: "Tolomeo che vivr in eterno molto amato dal dio Ta". E alla fine del nome Cleopatra c' un abbreviazione che vuol dire "figlia di Iside". Ne risulta che gli oppositori di Champollion non avevano torto del tutto, alcuni dei geroglifici, ad esempio il simbolo "ank" che significa vita, sono realmente ideogrammi o crittografie. Ma il successo di Champollion rimane, i geroglifici sono essenzialmente lettere e sillabe. Vista da oggi, sembra una scoperta facile, ma ci sono volute centinaia di anni affinch qualcuno ci arrivasse. Per Champollion dovette essere una grande felicit aprire questo canale di comunicazione, a senso unico, con un'altra civilt. Consentire a una cultura, che era rimasta muta per millenni, di parlarci della sua storia.

Anche noi oggi siamo alla ricerca di messaggi da parte di qualche civilt antiche e sconosciute. Qualche civilt che ci viene tenuta nascosta, non dal tempo, ma dallo spazio. Oggi siamo alla ricerca di messaggi provenienti dalle stelle, finora non abbiamo trovato niente, ma siamo appena all'inizio.

Ma questi extraterrestri avranno una biologia diversa dalla nostra e diverse saranno la cultura e la lingua. Come faremo a capire i loro messaggi? Esiste una stele di Rosetta cosmica? Io credo di si. Tutte le possibili civilt tecnologiche del cosmo, per quanto diverse possano essere, devono avere in comune almeno una lingua, la lingua che si chiama scienza. Le leggi della natura sono le stesse dovunque. Tutti gli elementi chimici hanno delle caratteristiche uniche nel proprio spettro che sono identiche qui sulla Terra come su qualunque galassia. Gli spettri non ci indicano solo che in tutto l'universo esistono gli stessi elementi chimici, ma anche le leggi della meccanica quantistica governano gli atomi, dovunque. Gli esseri nati e cresciuti su qualunque mondo devono avere in comune le stesse leggi di natura. Galassie, lontane miliardi di anni luce, si sviluppano in forma a spirale proprio come la nostra Via Lattea perch le forze gravitazionali che lavorano sono le stesse. Questo vale anche per i pianeti. Su Giove ci sono sistemi di tempeste a spirale esattamente come avviene sulla Terra. Gli esseri intelligenti di qualunque mondo devono, prima o poi, capire le leggi della natura. Un giorno, forse prossimo, potrebbe arrivare sul nostro piccolo mondo un messaggio dalle profondit dello spazio, se vorremo essere in grado di capire dovremo capire prima la scienza. Sugli altri pianeti del nostro Sistema Solare sembra ormai accertato che non esistano civilt intelligenti e progredite. Infatti, se fossero arretrate rispetto a noi, anche di poco, diecimila anni diciamo, non potrebbero disporre di tecnologia avanzata. E se fossero, anche di poco, avanti a noi che stiamo gi esplorando il Sistema Solare, sarebbero gi venute sulla Terra. Per prendere contatto con altre civilt, la nostra tecnologia deve farsi sentire non solamente attraverso distanze interplanetarie, ma attraverso distanze interstellari. L'ideale sarebbe un metodo poco costoso, in modo da inviare e ricevere a basso costo una grande quantit di informazioni. Dovrebbe essere rapido per rendere possibile un dialogo interstellare, dovrebbe essere semplice in modo da poter essere capito da qualunque civilt tecnica a qualunque grado di sviluppo. Un metodo simile esiste e si chiama radioastronomia. Il pi grande radiotelescopio della Terra si trova ad Arecibo, situato in una valle isolata dell'isola di Portorico. Invia e riceve segnali radio, talmente grande e potente che potrebbe comunicare con un radiotelescopio uguale distante fino a 15.000 anni luce, cio met della distanza tra di noi e il centro della Via Lattea. L'osservatorio di Arecibo stato impiegato, sia pure saltuariamente, per la ricerca nello spazio di segnali da altri civilt e, solo una volta, per inviare un messaggio a un ammasso stellare molto lontano, M13. Ma ci sar poi qualcuno nello spazio col quale parlare? Con quattrocento miliardi di soli soltanto nella Via Lattea, mai possibile che il nostro Sole sia l'unico ad avere un pianeta abitato? Molti sorgenti radio del cosmo non hanno niente a che fare con la vita intelligente. Perci, come faremo a sapere che quello che riceviamo un messaggio? La civilt che lo trasmettesse potrebbe renderci il problema molto facile, se volesse. Immaginiamo di essere nel pieno di una ricerca sistematica e di radio osservazioni di tipo convenzionale e supponiamo che ogni giorno captiamo un segnale molto forte che va aumentando. Non un normale sibilo di fondo, ma una serie metodica di impulsi ben precisi. Per esempio 1, 2, 3, 5, 7, 11, 13 un segnale composto di numeri primi, divisibili solo per uno e per se stessi. Non esistono fenomeni naturali astrofisici che generano numeri primi, quindi dovremo concludere che qualcuno, appassionato di matematica elementare, ci stia dando il buongiorno. Sarebbe solo il primo espediente per attirare la nostra attenzione, il messaggio vero sar pi misterioso e pi complicato. Potremmo essere costretti a lavorare parecchio per decifrarlo. Ma anche il segnale pilota da solo avrebbe gi un grande significato. Vorrebbe dire che qualcuno ha

imparato che l'autodistruzione non inevitabile e anche noi terrestri potremmo avere un futuro. Pensate al momento storico della ricezione sui grandi radiotelescopi della Terra di una civilt extraterrestre molto pi progredita di noi. Forse, ci renderebbe partecipe del sapere di milioni di mondi abitati. La ricezione di un messaggio interstellare costituirebbe uno degli avvenimenti pi importanti nella storia dell'umanit e segnerebbe l'inizio della sprovincializzazione del nostro pianeta. Forse una seria e sistematica radio ricerca di civilt extraterrestri comincer presto. Alcune fasi preliminari sono gi avviate sia negli Stati Uniti che nell'Unione Sovietica. Il costo relativamente modesto, un programma decennale di ricerca costerebbe una cifra inferiore alle somme di bilancio per l'armamento di una piccola nazione in un solo anno. La nostra tecnologia pienamente all'altezza di questa sfida grandiosa. Ma nessuna nazione sulla Terra ha mai approvato un programma di ricerche sistematiche. Ma o che le civilt galattiche progredite siano poche o che siano milioni, non avrebbero gi dovuto intraprendere, almeno alcune, il viaggio verso la Terra? Da un lato, abbiamo visto che anche se una piccola frazione delle civilt tecnologiche avesse imparato a convivere col proprio potenziale capace di autodistruzione, nella galassia dovrebbe esistere un numero enorme di queste civilt. Da un altro lato, malgrado le testimonianze sugli UFO e su antichi astronauti, non esistono prove valide che la Terra sia stata visitata n ora e n in passato. Ma in questo non c' una contraddizione? Se la civilt pi vicina a noi , diciamo, a duecento anni luce, occorrerebbero duecento anni per venire da l a qui alla velocit della luce. Ma anche viaggiando a una velocit mille volte inferiore, questi esseri di una civilt vicina, sarebbero potuti venire durante tutta la permanenza dell'uomo sulla Terra. Allora come mai non sono qui? Le risposte possibili sono tante e una che, forse, noi siamo i primi. Deve pure esserci nella storia della galassia una civilt tecnologica che emerge per prima oppure, pu darsi, che tutte le civilt tecnologiche si siano autodistrutte. Ma questo appare molto improbabile o pu darsi che i problemi dei voli interstellari siano tali che noi non riusciamo a capirli. Oppure, pu darsi che loro siano qui, ma si tengono nascosti per qualche motivo etico di non interferenza con un'altra civilt allo stato nascente. Ma c' anche un'altra spiegazione che compatibile con tutte le cose che sappiamo e cio che il cosmo veramente immenso. Ammesso che ci sia una civilt interstellare distante duecento anni luce in grado di esplorare lo spazio, perch dovrebbe venire da noi? Non avrebbero motivo di pensare che la Terra particolarmente interessante, non esistono segni di tecnologie, neanche le trasmissioni radio che abbiano avuto il tempo di viaggiare per duecento anni luce. Dal loro punto di vista, tutti i sistemi planetari vicini possono presentare lo stesso interesse per un'esplorazione. Ma anche le civilt pi vicine a noi potrebbero impiegare milioni di anni vagando tra le stelle senza mai inciampare nel nostro sistema solare. Invece di conoscere civilt assai progredite, conoscerebbero molti mondi alcuni abitati e altri deserti. Forse, si comunicherebbero le scoperte creando un immenso deposito della conoscenza di innumerevoli mondi. Potrebbero redigere un'enciclopedia galattica. Noi abbiamo sempre osservato le stelle e ci siamo sempre chiesti se esistono altri esseri che pensano e si pongono degli interrogativi. La ricerca di intelligenze extraterrestri , nel suo significato pi profondo, la ricerca di quello che siamo noi stessi.

10. I viaggi interstellari


Aristarco si era trastullato con l'idea, molto audace, che le stelle fossero dei soli molto distanti, quindi se una stella fosse stata vicina come il Sole sarebbe dovuta apparire anche grande e lucente come il Sole. Infatti tutti sappiamo che un oggetto pi lontano pi ci appare piccolo. Questa inversione di proporzioni tra grandezza apparente e distanza la base della prospettiva in arte e in fotografia. Quindi ne consegue che pi siamo lontano dal Sole e pi esso ci appare piccolo e debole. Allora quanto dovrebbe essere lontano il Sole per apparirci piccolo e debole come una stella, o viceversa quanto dovrebbe essere piccolo, l dove sta, per assumere l'aspetto di una stella? Il primo esperimento per rispondere a questa domanda fu svolto nel 1600 dall'olandese Christian Huygens. Huygens pratic una serie di forellini in un disco di ottone e lo osserv contro il Sole. Poi, cerc quale dei forellini avesse la stessa lucentezza della stella Sirio, che egli aveva osservato la sera precedente. Stabil che il forellino che corrispondeva era uno solo equivalente a 28 millesimi della grandezza apparente del Sole. Quindi Sirio, disse Huygens, deve essere 28.000 volte pi lontana del Sole dalla Terra, il che equivale a circa mezzo anno luce. Non facile ricordarsi la lucentezza di una stella dopo ore che l'avete osservata, ma Huygens se la ricord molto bene. Infatti, se avesse saputo che Sirio intrinsecamente pi lucente del Sole, col suo sistema avrebbe avuto la risposta giusta. La distanza esatta di Sirio dalla Terra di 8,8 anni luce. Nel periodo tra Aristarco e Huygens l'uomo aveva gi trovato la risposta alla domanda che mi aveva tanto affascinato quando ero ragazzo a Brooklyn, la domanda: cosa sono le stelle? La risposta che le stelle sono dei soli molto potenti, distanti anni luce, immersi nello spazio interstellare. E intorno a quei soli ci saranno dei pianeti? E su quei pianeti, ci saranno degli esseri che si pongono le nostre stesse domande? Mah. Consideriamo una stella e accanto ad essa un pianeta molto difficile a vedersi a causa della forte luminosit (della stella). Normalmente sarebbe molto difficile riuscire a vedere il pianeta perch la forte luce della stella lo fa scomparire. Per se riusciamo a mettere un corpo opaco tra noi e la stella, in modo da creare un eclisse artificiale, allora il pianeta diventa visibile. Questo il sistema per vedere i pianeti che sono molto vicini a una stella. un metodo che verr applicato alle sonde spaziali che, dotate di un disco, esploreranno il cielo per consentire a un telescopio di vedere se ci sono pianeti. Questo uno dei metodi. Si prevede che, fra qualche anno, ci saranno delle sonde spaziali in grado di compiere missioni del genere. C' anche un altro metodo che gi stato sperimentato dalla Terra. Immaginiamo che ci sia una stella vicino a noi, visibile per la sua luminosit, accanto essa ha un pianeta, la cui luce riflessa cos debole che non si riesce a vedere. E immaginiamo che il pianeta e la sua stella si girino intorno a vicenda. Il metodo consiste nel vedere se il moto della stella perturbato, infatti se irregolare, allora significa che c' un pianeta. Ecco, tutti e due i metodi vengono usati. Le stelle pi vicine, quelle che si vedono anche a occhio nudo, sono quelle che vengono chiamate i "vicini del Sole", il termine usato dagli astronomi. Si tratta di una zona molto limitata della Via Lattea. La Via Lattea quella striscia luminosa che si vede attraverso il cielo nelle notti serene. Si tratta di cento miliardi di stelle tutte visibili insieme, lateralmente. Se potessimo osservare la Via Lattea dall'alto, dove sarebbero il Sole e le stelle pi vicine a noi? Al centro, dove sembrano esserci i corpi pi importanti o quantomeno pi luminosi? No. Noi ci troviamo pi o meno nella periferia della Galassia, non siamo in un posto importante. Il fatto che noi abitiamo nella periferia della

Galassia fu scoperto verso la fine della prima guerra mondiale da un certo Harlow Shapley, mentre stabiliva le coordinate di certi ammassi di stelle. Ognuno degli ammassi stellari composto da diecimila stelle circa. Si chiamano ammassi globulari e, come si pu vedere, sono disposti a cerchio intorno al nucleo centrale della Galassia. Un tempo si pensava che al centro della Galassia ci fosse il Sole, attribuendo alla nostra posizione un posto importante. Ma noi viviamo nella periferia come gli ammassi globulari. In seguito, si scopr che questa non la sola galassia esistente. Noi facciamo parte di questa Galassia, ma ci sono tante altre galassie. Ci sono molti tipi di galassie diversi tra loro. Esistono cento miliardi di altre galassie, ognuna delle quali formata da qualcosa come cento miliardi di stelle. Quindi, pensate a quante stelle e pianeti e forme di vita possono esserci in questo universo meraviglioso e immenso.

L'uomo da quando esiste ha sempre cercato di scoprire che posto occupa nell'universo: dove siamo? Chi siamo? Abbiamo scoperto di vivere su un pianeta insignificante, attorno a un sole sperduto in una sperduta galassia in un angolino dell'universo. Ma possiamo dare noi un significato al nostro mondo, col coraggio dei nostri interrogativi e con la profondit delle risposte che diamo ad essi. L'esplorazione fa parte della nostra natura, iniziammo da nomadi e siamo tuttora dei nomadi. Stiamo vagando nell'immenso mare dello spazio e del tempo. In questo mare gli eventi che plasmano il futuro danno vita a se stessi. Trasportati dal nostro pianeta, noi giriamo intorno al Sole. Da quando esiste, la Terra ha compiuto pi di quattro miliardi di giri intorno alla sua stella, a sua volta il Sole gira attorno al nucleo della Via Lattea, la nostra Galassia. Da sempre noi siamo viaggiatori nello spazio e nel tempo. Ma intrappolati come siamo sulla Terra, possiamo dire ben poco su dove siamo diretti nel tempo e nello spazio e a che velocit. Una manciata di sabbia pu contenere 10.000 granelli, pi del numero totale delle stelle che riusciamo a vedere a occhio nudo in una notte serena, ma il numero totale delle stelle che riusciamo a vedere non che una minima frazione del numero di stelle esistenti; quello che vediamo di notte non che un'idea molto pallida di esso, che ci viene data dalle stelle pi vicine e dalle stelle pi lontane pi brillanti, oltre le quali il nostro occhio non va. Ma il cosmo ricco oltre ogni misura concepibile dall'uomo. Il numero totale di stelle nell'universo superiore a quello di tutti i granelli di sabbia di tutte le spiagge della Terra messe insieme. Nel passato prima di scoprire che le stelle sono dei soli molto lontani, ci sembrava che esse formassero delle figure. La costellazione che oggi chiamiamo Orsa Maggiore ha avuto molti altri nomi. Ogni cultura antica e moderna ha posto tra le stelle i suoi feticci e i suoi problemi, dal Burocrate Celeste dei cinesi al Carro dei tedeschi. Ma le popolazioni molto antiche vedevano costellazioni diverse dalle attuali, perch le stelle sono in continuo movimento. Se mettiamo in un computer le posizioni e i movimenti nello spazio delle stelle pi vicine possiamo risalire nel tempo per vedere quali figure si formano. Ogni costellazione come un singolo fotogramma di un film cosmico, ma data la lentezza del movimento delle stelle relativamente alla nostra breve vita, non possiamo accorgerci di questo movimento. Un milione di anni fa l'Orsa Maggiore non esisteva. I nostri antenati quando guardavano le stelle dell'emisfero Nord, vedevano altre figure su nel cielo. Possiamo, anche considerare una costellazione, per esempio quella del Leone, e proiettarla nel futuro per vedere quale figura sar formata dalle sue stelle. Fra un milione di anni quella del Leone potrebbe essere ribattezzata la costellazione del Radiotelescopio, anche se ho il sospetto che i radiotelescopi saranno superati. Fra alcuni milioni di anni, le immagini saranno molto diverse.

Nella costellazione del cacciatore Orione le cose cambiano non solo perch le stelle si spostano, ma anche perch subiscono una loro evoluzione. Molte delle stelle di Orione sono calde, giovani e di vita breve. Nascono, vivono e muoiono nel breve periodo di qualche milione di anni. Se proiettiamo Orione nel futuro, vediamo decine di stelle nascere e morire in modo esplosivo, lampeggiando. Se ci inoltriamo nello spazio vediamo che, man mano, gli schemi formati dalle stelle cambiano. Le costellazioni a due dimensioni sono solo l'aspetto apparente di stelle distribuite su tre dimensioni. Un viaggiatore nello spazio potrebbe realmente vedere le costellazioni cambiare forma? Per vederle, dovrebbe viaggiare con una distanza confrontabile con quella per osservare dalla costellazione. Gli abitanti dei pianeti che girano intorno alle altre stelle vedrebbero delle costellazioni diverse dalle nostre perch il loro punto di osservazione diverso dal nostro. Vicino alla costellazione di Perseo c' quella di Andromeda. Andromeda, nella mitologia greca, era una vergine che fu salvata da Perseo da un mostro marino. Consideriamo la stella beta Andromedae, la seconda della costellazione per lucentezza, a 75 anni luce dalla Terra. La luce che ci arriva ora dalla stella impiega 75 anni reali per attraversare lo spazio interstellare e arrivare alla Terra. Nel caso improbabile che beta Andromedae sia esplosa una settimana fa estinguendosi, noi non sapremmo niente per altri 75 anni. Come si vede, lo spazio e il tempo sono strettamente intrecciati. Non possiamo guardare fuori nello spazio senza guardare indietro nel tempo. La luce va ad una velocit altissima, ma lo spazio incommensurabile e tra le stelle ci sono distanze enormi. In realt le distanze di cui abbiamo parlato finora sono molto piccole in relazione ai normali standard astronomici. Infatti, la distanza dalla Terra al centro della Galassia della Via Lattea di 30.000 anni luce. Dalla nostra Galassia alla pi vicina galassia a spirale, come la nostra, che si chiama M31 e che si trova dietro la costellazione di Andromeda, di due milioni di anni luce. Quando la luce che vediamo oggi di M31 part per il suo viaggio verso la Terra, gli esseri umani non esistevano. In astronomia ci sono distanze molto pi grandi. La distanza dalla Terra alle pi lontane delle quasar di 8 o 10 miliardi di anni luce. I pi veloci veicoli spaziali mai lanciati dalla specie umana, sono le sonde automatiche Voyager. La loro velocit talmente alta che solo 10.000 volte pi lenta della velocit della luce. Esse impiegherebbero 40.000 anni reali per arrivare fino alla stella pi vicina a noi.

Ma esiste un modo che ci consente di arrivare in un tempo pi breve alle stelle? Potremmo mai avvicinarci alla velocit della luce? Potremmo anche superarla? In realt c' un qualcosa di molto strano nella velocit della luce, un qualcosa che ci fornisce la chiave per capire il tempo e lo spazio. La storia di come fu scoperta questa chiave ci porta in Italia e precisamente in Toscana. Se avessimo percorso le strade toscane nell'estate del 1895, avremmo potuto incontrare uno studente liceale tedesco di sedici anni che aveva lasciato la scuola. Il suo professore gli aveva detto che non avrebbe mai concluso niente, che la sua condotta era un danno per la disciplina della classe e che, perci, doveva andarsene. Cos il ragazzo venne in Toscana dove passava il tempo per le strade e lasciava libera la mente di indagare nelle materie pi disparate. Un giorno cominci a riflettere sulla luce e sulla velocit a cui viaggia. Normalmente noi calcoliamo la velocit di oggetti in movimento rapportandolo a qualche altra cosa. Per esempio, io mi muovo a 10 chilometri all'ora relativamente al suolo. Ma il suolo non fermo, la Terra gira su se stessa a pi di 1.600 chilometri all'ora e inoltre si muove su di un'orbita intorno al Sole e il Sole a sua volta si muove tra le stelle che viaggiano anch'esse e cos via. Era difficile per il ragazzo immaginare un qualche riferimento assoluto per calcolare tutti questi moti relativi. Egli

sapeva che le onde sonore sono vibrazioni dell'aria e che la loro velocit si pu calcolare in rapporto all'aria stessa. Ma quando la luce viaggia negli spazi, dove c' assenza d'aria, le onde di luce si muovono in rapporto a qualcos'altro? E, se cos, egli si disse, in rapporto a cosa si muovono? Quel ragazzo era Albert Einstein e le sue elucubrazioni cambiarono il mondo. Era rimasto affascinato dal libro popolare di scienze naturali di Berstein, pubblicato nel 1869. Il libro, proprio alla prima pagina, descrive l'incredibile velocit dell'elettricit attraverso i fili e della luce attraverso lo spazio. E fu proprio in Toscana che Einstein si chiese, forse per la prima volta, come sarebbe il mondo visto viaggiando alla velocit della luce. Se uno viaggiasse su un'onda di luce non se ne renderebbe conto assolutamente. Alla velocit della luce accadono dei fatti molto strani. Pi Einstein rifletteva su questi problemi, pi complicati essi diventavano. L'ipotesi di viaggiare alla velocit della luce creava un paradosso dopo l'altro. Certe teorie erano state accettate fino allora come assolute, senza un sufficiente approfondimento. Una di queste teorie riguardava la luce proveniente da un oggetto in movimento. Le immagini, grazie alle quali vediamo il mondo, sono fatte di luce e sono trasportate alla velocit della luce, 300.000 chilometri al secondo. Si potrebbe quindi pensare che la mia immagine potrebbe precedermi alla velocit della luce pi la velocit della bicicletta (supponendo che vada in bicicletta). Se io mi muovo verso di voi su una bicicletta pi velocemente di un calesse trainato da un cavallo, la mia immagine dovrebbe raggiungervi con un anticipo pari alla differenza delle due velocit, cio io dovrei arrivare prima. Ma nella realt voi non noterete alcun scarto di tempo. Se, per esempio, stessimo per scontrarci, voi vedreste accadere tutto nello stesso momento. Ma cosa vedreste se fosse giusto sommare le velocit? Poich io vengo verso di voi, voi sommereste la mia velocit a quella della luce, quindi, la mia immagine dovrebbe raggiungervi prima dell'immagine del cavallo e del calesse. Supponiamo che io venga verso di voi a velocit normale, a un certo punto io mi accorgerei che sto per scontrarmi e reagirei di conseguenza. Ma voi mi vedreste sbandare senza alcuna causa apparente. Il calesse, invece, non viene verso di voi, quindi la sua immagine vi arriva solo alla velocit della luce. mai possibile che a me sembra di aver evitato uno scontro, mentre per voi non esistevano neanche le condizioni? Neanche gli scienziati nei loro accurati esperimenti di laboratorio hanno mai osservato un fenomeno del genere. Se vogliamo capire il mondo, se vogliamo evitare questi paradossi della logica quando viaggiamo alle alte velocit, allora dobbiamo obbedire ad alcune regole. Einstein chiam queste regole "Teoria della Relativit Speciale". La luce proveniente da oggetti in movimento viaggia sempre alla stessa velocit, sia che l'oggetto sia fermo o in movimento. Non aggiungerai la tua velocit alla velocit della luce. Inoltre nessuno oggetto pu andare alla stessa velocit o superiore della luce. In fisica, nessuna legge impedisce di avvicinarsi anche molto alla velocit della luce, fino al 99,9 per cento di essa va tutto bene, ma per quanto uno possa tentare o fare non riuscir mai a scavalcare questo valore. Perch il mondo abbia una coerenza logica deve per forza esserci un limite alla velocit cosmica. Perch la velocit della luce non si pu superare come quella del suono? La risposta non solo che la luce va a una velocit superiore un milione di volte a quella del suono. Einstein scopr il suo schema assoluto per il mondo. La luce si muove a quella velocit indipendentemente dalla velocit della sua fonte, la velocit della luce costante relativamente a tutto il resto. Niente pu mai raggiungere la luce.

La Toscana non solo il luogo dove Einstein pass molto tempo a riflettere, ma la patria anche di un altro genio che visse 400 anni fa: Leonardo da Vinci. Einstein aveva un gran rispetto di Leonardo. Oltre alle sue straordinarie e molteplici capacit in architettura, pittura, scultura, storia naturale, anatomia, geologia, ingegneria civile e militare, Leonardo aveva una passione, voleva costruire una macchina che potesse volare. Disegn vari schizzi di una macchina del genere e ne fece dei modelli in miniatura e ne costru dei prototipi a grandezza naturale. Ma, nessuno di essi funzion. E la ragione principale che a quei tempi non esisteva la tecnologia adatta. Leonardo rimase molto deluso per l'impossibilit di realizzare i suoi progetti. Ma questo avvenne non per colpa sua, lui era troppo in anticipo rispetto al suo secolo. Qualcosa di simile accadde nel 1939, quando un gruppo di tecnici, autodefinitosi Societ Interplanetaria Britannica decise di progettare una nave spaziale per trasportare le persone sulla Luna. Non aveva assolutamente niente in comune col progetto che, alcuni anni dopo, doveva effettivamente portare l'astronave Apollo sulla Luna. Ma quell'iniziativa ebbe, comunque, il merito di suggerire che arrivare sulla Luna era prima o poi tecnicamente possibile. Oggi noi abbiamo alcuni progetti preliminari di navi spaziali che dovranno portare l'uomo fino alle stelle. Verranno montate nello spazio in un'orbita terrestre e da l esse partiranno verso i loro grandi viaggi interstellari. Uno di questi progetti si chiama Orione. Orione utilizza armi nucleari, cio l'esplosione di bombe all'idrogeno contro una lastra inerte. Ogni esplosione deve provocare una spinta enorme. Il progetto Orione appare di estrema praticit e negli Stati Uniti era in fase di studio avanzato finch non venne firmato il trattato internazionale che vieta ogni forma di esplosione nucleare nello spazio. Personalmente, considero l'astronave Orione come il miglior modo per usar le armi nucleari. Il progetto Dedalus un'iniziativa della Societ Interplanetaria Britannica. Esso presume l'impiego di un reattore nucleare a fusione, che molto pi sicuro ed efficiente degli impianti a fissione nucleare oggi esistenti. Non abbiamo ancora reattori a fusione, ma in un futuro molto prossimo li avremo. Le astronavi Orione e Dedalo potrebbero viaggiare al 10 per cento della velocit della luce. Quindi, un viaggio fino ad Alpha Centauri, distante 4 anni luce, durerebbe 45 anni, meno della vita umana. Queste astronavi non viaggerebbero abbastanza vicino alla velocit della luce, per dar importanza al fenomeno della dilatazione del tempo previsto dalla Teoria della Relativit Speciale. improbabile che astronavi del genere possano essere costruite per la met del prossimo secolo, tuttavia potremmo costruire delle astronavi del tipo Orione anche ora. Per i viaggi oltre le stelle pi vicine, dovremmo potenziarle e forse potrebbero diventare le astronavi di molte generazioni, considerato che quelli che arriverebbero alle stelle pi lontane sarebbero i pronipoti di quelli partiti dalla Terra alcuni secoli prima. Oppure bisognerebbe scoprire un sistema di ibernazione umana assolutamente sicuro, in modo da ibernare i viaggiatori spaziali per poi chiamarli alla vita una volta che fossero arrivati a destinazione secoli dopo. Ma i viaggi interstellari ad alta velocit, prossimi alla velocit della luce, sono molto pi difficili. Non un obiettivo raggiungibile in un centinaio di anni, ma forse in un migliaio, magari 10.000. Tuttavia anch'essi sono possibili. stato progettato una specie di stato-reattore interstellare che raccoglie gli atomi di idrogeno diffusi nello spazio interstellare. Li convoglia accelerandoli e li espelle dal retro. Ma nello spazio profondo c' un solo atomo per ogni 10 centimetri cubici di spazio e lo stato-reattore per poter funzionare deve avere un imbuto frontale largo centinaia di chilometri. Quando l'astronave raggiunge velocit relativistiche, gli atomi di idrogeno si mettono in movimento a una velocit vicino a quella della luce rispetto all'astronave stessa. E se non sono state prese le opportune precauzioni, i viaggiatori verranno arrostiti da questi raggi cosmici prodotti. stata proposta una soluzione, l'impiego di un laser per strappare gli elettroni dagli atomi e caricarli

elettricamente, quando sono ancora a una certa distanza e poi, servendosi di un campo magnetico di grandissima potenza, deviare questi atomi carichi nell'imbuto frontale allontanandoli dal corpo dell'astronave. Si tratta di un'ingegneria di dimensioni che non hanno precedenti sulla Terra. Stiamo parlando di motori grandi come tutto il mondo. Supponiamo che l'astronave sia progettata per accelerazioni di 1g, quindi non subiremo alcun disturbo. Ci avviciniamo sempre di pi alla velocit della luce fino a met del nostro percorso. Arrivata qui, l'astronave fa un dietro front e continua accelerando di 1g fino a destinazione. Per la maggior parte del percorso, viaggeremo molto vicino alla velocit della luce e il tempo rallenterebbe enormemente. Ma di quanto? La stella di Barnard, per esempio, potrebbe essere raggiunta in 8 anni tempo di bordo. Il centro della Galassia della Via Lattea pu essere raggiunto in 21 anni, la galassia di Andromeda in 28 anni circa. ovvio che le persone rimaste sulla Terra vedrebbero le cose ben diverse. Dopo i 21 anni per arrivare al centro della Galassia, sulla Terra ci sarebbero solo i discendenti delle persone che abbiamo lasciato alla partenza. In linea di principio, un tale viaggio aumentando la velocit verso quella della luce, potrebbe consentirci di circumnavigare l'universo in soli 56 anni, tempo di bordo. Ci inoltreremo per decine di miliardi di anni nel futuro pi remoto, mentre la Terra sarebbe gi cenere e il Sole spento. I voli spaziali relativistici rendono l'universo accessibile alle civilt avanzate e progredite, ma soltanto per coloro che viaggeranno non per quelli che restano a casa. Questi progetti sono, molto probabilmente, pi lontani delle vere astronavi interstellari del futuro di quanto i grandi modelli di Leonardo lo fossero dagli aerei supersonici del presente. Ma se noi riusciremo a non distruggerci, io sono convinto che un giorno potremo arrivare alle stelle. I viaggi nello spazio e quelli nel tempo sono collegati tra loro, viaggiare velocemente nello spazio equivale a viaggiare nel futuro. Noi viaggiamo nel futuro continuamente, anche se lentamente. E che dire del passato? Potremo viaggiare nel nostro ieri? Molti fisici sostengono che fondamentalmente impossibile, che non esiste alcun modo di costruire un congegno capace di trasportarci all'indietro nel tempo. Qualcuno dice che se anche inventassimo un congegno del genere, non trarremmo comunque dei vantaggi perch non potremo modificare il passato. Per esempio, supponiamo che voi viaggiate nel passato e che in qualche modo riuscite ad impedire che i vostri genitori si conoscano. In questo caso, voi, probabilmente, non sareste potuti nascere, il che in evidente contraddizione visto che ora siete l. Altri ancora pensano che le due vicende di vita alternativa possano coesistere, che siano due trame parallele che si intrecciano nel tempo, che possono cio esistere fianco a fianco, sia la storia nella quale voi non siete mai nati sia la storia di cui siete protagonisti. Forse il tempo stesso ammette dimensioni potenziali, nonostante il fatto che noi siamo condannati a sperimentare solo una di queste dimensioni. Ora supponiamo di poter tornare indietro nel passato e cambiamo veramente con un intervento, per esempio, di convincere la regina Isabella a non finanziare l'impresa di Cristoforo Colombo. Quindi mettereste in moto una sequenza di avvenimenti storici differenti, che tutte le persone che avete lasciato nella nostra epoca non avrebbero mai modo di conoscerci. Se fosse davvero possibile viaggiare indietro nel tempo, ogni sequenza immaginabile di avvenimenti o di storia alternativa potrebbe esistere nella realt. Se disponessimo della macchina del tempo di H.G.Wells, forse, potremmo capire il vero meccanismo della storia. Se un personaggio della storia come Paolo l'apostolo o Pietro il Grande o Pitagora non fosse mai esistito, quanto sarebbe diverso in realt l'uomo? Cosa sarebbe accaduto se il metodo scientifico e sperimentale avesse avuto una spinta rigorosa nei primi anni della rivoluzione industriale o se l'importanza di questo nuovo indirizzo di pensiero, il metodo scientifico, fosse stato universalmente accettato? Io credo che avremmo guadagnato 10 o 20 secoli. Forse, le invenzioni di

Leonardo da Vinci sarebbero state fatte con un migliaio di anni in anticipo e le scoperte di Albert Einstein 500 anni fa. Forse. Non sarebbero state, certo, le stesse persone a portare questo contributo alla scienza, perch esse sono vissute nella nostra fetta di tempo.

11. Le catastrofi cosmiche


La Terra un luogo piacevole e relativamente tranquillo. Le cose cambiano, ma lentamente. Pu capitare di condurre un'intera esistenza a dir poco catastrofica, ma alla fine, in alcuni casi, ci sentiamo ugualmente soddisfatti e tranquilli. Ma nella storia del Sistema Solare e anche nella storia dell'uomo, ci sono tracce inequivocabili di catastrofi e disastri di portata spaventosa. Infatti sulla Terra ci sono state diverse catastrofi naturali nel passato, alcune delle quali ricoperte da un alone di leggenda. Infatti molti anni fa, in Siberia centrale, nacque la leggenda di un immenso globo di fuoco che aveva solcato il cielo e aveva fatto tremare la terra. La gente raccontava di una tempesta di vento infuocato che aveva ucciso molte persone. Il fatto si era verificato un mattino d'estate del 1908. Verso la fine degli anni venti, uno scienziato sovietico di nome Kulic organizz una spedizione per tentare di risolvere il mistero. Egli costru una barca adatta per entrare in quel territorio inesplorato, coperto di neve d'inverno e trasformato in palude d'estate. Testimoni oculari confermarono il racconto del globo di fuoco pi grande del Sole che aveva solcato tutto il cielo. Kulic arriv alla conclusione che un meteorite gigantesco doveva essere caduto sulla Terra e si aspettava, quindi, di trovare un enorme cratere e frammenti di meteorite sparsi, provenienti da qualche asteroide lontano. Kulic non trov nessuna traccia n di meteorite e n di un cratere dovuto all'impatto sulla Terra. Era un fatto inspiegabile. A Tunguska si verificata questa grande esplosione, la grande onda d'urto spazz via gli alberi e si incendi l'intera foresta e tuttavia non c' nessun cratere nel luogo. Ci voleva una spiegazione che conciliava tutti i fatti. Nel 1908 un frammento di una cometa caduto a Tunguska. Nessuno vide avvicinarsi quel puntino luminoso (il frammento di cometa) confuso nella luce solare del mattino. Erano secoli che andava e veniva all'interno del nostro Sistema Solare, vagante nello spazio interplanetario. Ma quel giorno, per un caso, trov il nostro pianeta sul suo percorso. In base all'epoca e alla traiettoria di provenienza il corpo che cadde sulla Terra fu probabilmente il frammento di una cometa chiamata Encke, che viaggiava oltre i centomila chilometri all'ora. Una montagna di ghiaccio grande come un campo di football e per peso milioni di tonnellate. Un'esplosione simile era paragonabile all'esplosione di un ordigno nucleare. Gli effetti della caduta sulla Terra di un meteorite del genere sono paragonabili all'esplosione di una bomba nucleare da 15 megatoni (15.000.000 di tonnellate di tritolo). C' una sola differenza, il meteorite non produce radiazioni; quindi, c' anche da chiedersi come un fenomeno, sia pure raro e naturale come la caduta di una cometa sulla Terra, potrebbe dare il via ad una guerra atomica. Sarebbe una vicenda ben strana; una piccola cometa cade sulla Terra, come altre milioni di volte nella storia del nostro pianeta e la risposta della nostra civilt una pronta e immediata autodistruzione. Sar un ipotesi poco probabile, ma, forse, una migliore conoscenza delle comete, delle collisioni fra pianeti e delle catastrofi planetarie potrebbe ridurre i rischi. Ora, una cometa, almeno a quanto ne sappiamo finora, fatta soprattutto di ghiaccio, di ammoniaca, ecc. Quindi, entrando nell'atmosfera terrestre, un modesto frammento di cometa pu trasformarsi in un grande globo di fuoco, che genera una potente onda d'urto e che incendia intere foreste e provoca un boato enorme. Non affatto detto che formi un cratere; come mai? Perch i ghiacci che formano la cometa si scioglieranno all'impatto e sul terreno resteranno solo minuscoli frammenti della cometa, difficilmente riconoscibili. Noi uomini quando pensiamo al cielo, amiamo pensarlo sereno e immutabile. Ma improvvisamente appaiono delle comete che restano, minacciosamente, sospese nello spazio per notti e notti. Quindi nacque nell'uomo l'idea che le comete apparissero per qualche ragione; e la ragione stessa fu che

esse dovevano annunciare delle catastrofi, che dovevano preannunciare la morte di principi e la caduta di regni, ecc. Nel 1073 per esempio, i Normanni assistettero all'apparizione della cometa di Halley. E siccome una cometa doveva predire, per forza, la caduta di qualche regno, pensarono bene di invadere l'Inghilterra. L'invasione venne raffigurata su un giornale del tempo; poi, all'inizio del XIII secolo Johnson, uno dei precursori della pittura realistica moderna, assistette ad un'altra apparizione della cometa di Halley e la raffigur in un'attivit che stava dipingendo. Nell'anno 1577 apparve un'altra grande cometa e questa volta avvistata anche in Messico. L'imperatore azteco Montezuma licenzi immediatamente i suoi astrologi perch non avevano previsto la cometa. Montezuma era convinto che la cometa annunciasse un'orribile catastrofe. In tutti i casi, i pregiudizi superstiziosi sulle comete ci portano a cogliere una profezia favorevole. Nel 1705 Edmund Halley stabil che la grande cometa, che appariva in modo cos spettacolare nei nostri cieli ogni 76 anni, era gi apparsa in precedenza e cominci a studiarla in modo scientifico. Questa cometa fu chiamata "cometa di Halley". A questo punto le comete cominciarono a perdere qualcosa del loro fardello di superstizione, ma la paura della gente continu a sussistere. Nel 1910 la cometa di Halley riapparve nei nostri cieli, ma questa volta gli astronomi usando un nuovo strumento, lo spettroscopio, scoprirono del gas cianogeno nella coda della cometa. Il gas cianogeno tossico e la Terra sarebbe passata in mezzo a questa scia contaminata. Il fatto che la scia fosse molto sottile non serv a tranquillizzare nessuno. Per esempio, diamo un'occhiata ai titoli del "Los Angeles Examiner" del giorno 9 maggio 1910: "... tutta l'umanit far un ballo gratis nel gas tossico. Sono previste grandi baldorie." Ecco dei titoli del "San Francisco Chronical" del 16 maggio: "Arriva la cometa e i mariti si ravvedono." "...New York in cometaparty". Immaginate che cosa incredibile, nel 1910 c'erano i "cometaparty", non tanto per celebrare la fine del mondo quanto per godersi la vita prima che arrivasse. I commercianti inventarono delle pillole anticometa. C'era anche, chi vendeva delle maschere speciali per proteggersi dal gas cianogeno. La paura collettiva della cometa non fin nel 1910.

Lo stupore dell'uomo per le comete risale a molto prima del 1076, ma la nostra generazione ha cominciato ora a capire di che si tratta. Le comete nascono da un luogo oltre i pianeti, a met strada dalla stella pi vicina. Di tanto in tanto, una cometa entra nel nostro Sistema Solare attirata dalla gravit del Sole e siccome fatta. principalmente di gas comincia ad evaporare man mano che si avvicina al Sole. Il vapore spinto all'indietro dal vento solare forma la coda della cometa. Poi, la cometa torna nello spazio esterno. La sua orbita talmente vasta che per milioni di anni non torner. Queste sono le comete a lungo periodo. Ogni tanto una cometa a lungo periodo viene catturata all'interno del nostro Sistema Solare e diventa una cometa a corto periodo. Accade che questa passi vicino a un pianeta gigante, per esempio Saturno. Il pianeta esercita sulla cometa una forza gravitazionale che riduce la sua orbita. Le comete che subiscono questa sorte diventano famose, perch sono destinate a riapparire ad intervalli diversi. Un secondo incontro con Saturno riduce ulteriormente il periodo orbitale della cometa da secoli a decenni. Supponiamo ancora che la cometa abbia un terzo incontro, questa volta con Giove e riduce ancora il periodo orbitale della cometa. Da questo momento la cometa si avviciner al Sole con intervalli di pochi anni e ne spunter la coda. Dato che il pulviscolo e i gas della coda si perdono per sempre nello spazio, la cometa subir una lenta erosione. Cominciano a staccarsi dei frammenti, che talvolta cadono sulla Terra. In qualche migliaio di anni, tutta la cometa

a corto periodo che non cadr su qualche pianeta, si estinguer quasi del tutto per evaporazione. Perder frammenti che diventeranno meteoriti e infine, il nucleo che, probabilmente si trasformer in un asteroide. Ora, prima o poi, le comete con queste traiettorie lunghe ed ellittiche intorno al Sole devono scontrarsi coi pianeti. La Terra e la Luna devono essere state bombardate da comete ed asteroidi. Nello spazio interplanetario ci sono molti pi corpi piccoli che grandi, al che si verificano sulla superficie di un dato pianeta molte pi cadute di piccoli corpi che di grandi corpi. Quindi un caso come quello di Tunguska avviene sulla Terra diciamo ogni 1000 anni, mentre lo scontro con una cometa di diametro come quello della Halley, per fare un esempio, pu avvenire ogni miliardo di anni. C' la prova che in passato dei corpi siano caduti sulla Terra? Quando una cometa o un grande asteroide di roccia colpiscono un pianeta formano un cratere. Ma, dove l'atmosfera rarefatta e dove c' l'assenza, quasi, di acqua gli antichi crateri si conservano; il caso della Luna, di Mercurio e di Marte. Tutti si radunano attorno al Sole, loro fonte di calore e luce. Hanno tutti un'et di circa quattro miliardi e mezzo di anni e tutti recano le tracce di antichissime cadute di corpi, di collisioni spaventose. Se noi ci spostiamo oltre i pianeti del sistema al di l di Marte, ci accorgiamo di entrare in un'altra dimensione del Sistema Solare; siamo nel regno di Giove e degli altri pianeti giganti. Questi immensi mondi sono composti di gas di idrogeno ed elio ed altre sostanze. Se osserviamo la superficie di Giove, noi non vediamo una superficie solida ma solo occasionali masse di atmosfera. Sono pianeti giganti, infatti nell'enorme volume di Giove la Terra entrerebbe almeno un migliaio di volte. Se una cometa o un asteroide cadessero accidentalmente sulla superficie di Giove, molto improbabile che formerebbero un cratere, ma solo un buco momentaneo nelle nubi; ma tutto qui. Ci nonostante, noi sappiamo che il Sistema Solare esterno stato soggetto per molti miliardi di anni della sua storia a collisioni. Callisto ad esempio, uno dei satelliti di Giove, tappezzato di crateri. Sulla nostra Luna, la maggior parte di crateri furono provocati miliardi di anni fa. La storia conosciuta ce ne d qualche testimonianza? C' una probabilit positiva contro mille negative. Eppure, una possibile testimonianza oculare di un avvenimento del genere c'. Era la domenica che precede la festa di S. Giovanni Battista nell'estate del 1178. I monaci della cattedrale di Canterbury a Londra avevano terminato da poco le preghiere serali e proseguivano a ritirarsi per la notte. Fratello Gervaso si avviava leggendo verso la sua cella, mentre altri monaci si godevano la dolce festa serale di giugno. Nel mezzo di questa loro ricreazione, il fato volle renderli testimoni di un fenomeno sorprendente, una violenta esplosione sulla Luna. C'era il tempo in cui il cielo veniva considerato immutabile e la Luna, le stelle e i pianeti erano ritenuti puri. Da essi ci si aspettava un comportamento privo di contraddizioni, proprio come quello dei monaci in un monastero. Era lecito discutere sul fenomeno appena visto? N il tempo e n la cultura sono forze che piegano gli uomini ad un dato conformismo, ma in ogni luogo ed epoca ci sono anche coloro che privilegiano la verit e che registrano fedelmente i fatti. Si tratter di un prodigio portatore di disgrazie? Sar il caso di informare lo storico del monastero? Sar stata un apparizione del maligno? Lo storico di Canterbury, fratello Gervaso, considerato oggi un cronista molto attendibile negli avvenimenti politico e culturali del suo tempo. Ecco il suo resoconto della testimonianza oculare: "La Luna crescente splendeva e, come normale in questa fase, aveva la gobba a ponente. Improvvisamente, la parte superiore si stacc in due e dal centro della frattura scatur una fiammata immensa, lanciando tutt'intorno a notevole distanza vampate di materia infuocata. Dopo

questo fenomeno, lo spicchio assunse un colore nerastro da un capo all'altro per tutta la sua lunghezza." Gervaso raccolse i racconti di tutti i testimoni oculari, nessuno escluso, e se li annot. Questa lettera di Gervaso consent agli astronomi, otto secoli dopo, di tentare una ricostruzione del fenomeno. Pu darsi che duecento anni prima che ci descrivesse i racconti di Canterbury, cinque monaci abbiano assistito ad un avvenimento ancora pi straordinario di quello descritto nei racconti. Se un corpo oscuro vagante nello spazio colpisse la Luna, questa subirebbe un forte sussulto con conseguenti vibrazioni, lentamente le vibrazioni cesserebbero, ma ottocento anni non sarebbero certo sufficienti. Per esempio, sta tremando ancora oggi per la collisione di allora? Gli astronauti delle missioni Apollo hanno piazzato sulla Luna alcune serie di specchi focali. Specchi di altro tipo, ideati da scienziati francesi, sono stati messi in opera dalle sonde sovietiche Lunakhod. Con questo sistema si pu misurare il tempo che impiega un raggio laser, proiettato dalla Terra, a raggiungere la Luna e tornare indietro. All'Osservatorio Mc Donald, dell'Universit del Texas, stanno approntando un raggio laser che verr diretto sugli specchi che sono sulla Luna a una distanza di 380.000 chilometri. Moltiplicando il tempo impiegato a compiere il percorso per la velocit della luce si ottiene la distanza dalla Terra del punto colpito sulla Luna con una approssimazione che va dai 7 ai 10 centimetri. Eseguendo queste misurazioni per alcuni anni, si pu stabilire anche la minima oscillazione nel moto lunare. Le possibilit di errore sono una su un milione. Il risultato che, effettivamente, la Luna ha una leggera oscillazione, come se fosse stata colpita meno di mille anni fa da un asteroide. Quindi, nell'era dei voli spaziali, la tecnica potrebbe avere confermato fisicamente il resoconto lasciato nel XII secolo da un monaco di Canterbury. Se ottocento anni fa, un grande asteroide colp la Luna, oggi il cratere dovrebbe essere ancora evidente, circondato da formazioni radiali luminose e dovrebbe, tuttora, sollevare polvere a causa della collisione. Sulla Luna le formazioni radiali vengono erose in miliardi di anni non in centinaia e un cratere a raggera luminosa, relativamente recente c' veramente e si chiama Giordano Bruno. Si trova esattamente nella regione lunare dove, nel 1178 fu registrata l'esplosione di cui si detto.

Tutta l'evoluzione della Luna una storia di catastrofi. Quattro miliardi e mezzo di anni fa, essa inizi a formarsi dall'aggregazione di corpi interplanetari e su tutta la sua superficie si andavano creando dei crateri. L'energia che si liberava favor la fusione della crosta. Quando la maggior parte dei detriti interplanetari ebbe finito di agglomerarsi, la superficie della Luna si raffredd. Ma circa tre miliardi e novecento milioni di anni fa, la Luna fu colpita da un grande asteroide. L'impatto provoc un'onda d'urto che tolse nuovamente una parte della superficie, il terreno che ne risult diede origine ad uno dei mari asciutti della Luna. Collisioni pi recenti hanno provocato crateri a formazione radiale minore, che sono stati chiamati Eratostene e Copernico. I lineamenti della Luna cos familiari sono la testimonianza di antiche collisioni. La maggior parte degli asteroidi originari sparirono nell'accorparsi per formare la Luna e i pianeti, molti orbitano ancora attorno al Sole nella cosiddetta fascia degli asteroidi. Altri, quasi frantumati dalle correnti gravitazionali e da collisioni con altri asteroidi, sono stati catturati da pianeti, come nel caso di Phobos, uno dei satelliti di Marte, o di Amaltea, satellite di Giove.

Subito dopo la fascia degli asteroidi ci sono gli anelli di Saturno, formati da milioni di piccole lune orbitanti. Pu anche darsi che gli anelli di Saturno siano una luna, la cui formazione fu impedita dall'attrazione del pianeta stessa, potrebbero anche essere i resti di una luna che vagava troppo vicina a Saturno e fu frantumata dalla sua forza di attrazione. In ogni caso un fenomeno affascinante. Anche Giove ha un sistema di anelli scoperto da poco e che dalla Terra non si vede. Esiste una teoria secondo la quale, recentemente, ci sarebbero state delle grandi collisioni nel Sistema Solare. La teoria fu avanzata da uno psichiatra di nome Manuel Valikoski nel 1950. Egli sostiene che un corpo, una massa planetaria, da lui chiamata cometa, si sarebbe, in qualche modo, creata nel sistema di Giove; ma non ci dice esattamente come si sia creata. In ogni caso, comunque sia nata, egli ipotizza che 3500 anni fa si siano registrati, ripetutamente, incontri ravvicinati con Marte e col sistema Terra-Luna. Il tutto concilierebbe con spettacolari conseguenze bibliche, come l'apertura del Mar Rosso, che permise a Mos e agli ebrei di fuggire all'esercito del faraone che li inseguiva, o come l'arresto della rotazione della Terra, quando Giosu ordin al Sole di fermarsi durante la battaglia di Sabalom. Nello stesso periodo Valikoski immagin vaste eruzioni e inondazioni vulcaniche su tutta la Terra. Dopo ha ipotizzato che questa cometa sia entrata in un'orbita stabile e quasi perfettamente circolare, interessando il pianeta Venere. Ebbene, queste idee sono, quasi sicuramente, sbagliate. Nessuno contesta che nel sistema planetario esistano delle collisioni, abbiamo visto delle prove, dei frammenti causati da collisioni attraverso tutto il Sistema Solare, il problema un altro. Se riproduciamo in scala ridotta il Sistema Solare, impossibile avere allo stesso tempo la grandezza dei pianeti e la grandezza delle loro orbite sulla stessa scala, i pianeti sarebbero troppo piccoli e non si vedrebbero. Se i pianeti fossero in scala con le orbite sarebbero come granelli di polvere e allora sarebbe pi facile capire che una cometa che entrasse nel Sistema Solare interno, avrebbe ben poche probabilit di collisione con un pianeta durante poche migliaia di anni. Anche se la cometa entrasse nel Sistema Solare non potrebbe in alcun modo fermare la rotazione della Terra. Inoltre non ci sono tracce geologiche di eruzione vulcanica avvenuta 3500 anni fa e oltretutto gli astronomi babilonesi osservarono Venere nella sua attuale orbita stabile, molto prima che Valikoski avanzasse la sua teoria. Ci sono molte ipotesi nella scienza che si svelano sbagliate, il che perfettamente normale perch la strada per arrivare a quelle giuste.

A lunga distanza, Venere ha un aspetto tranquillo. Le sue nubi sono la sede di un grande oceano di aria dello spessore di circa 100 chilometri e composto prevalentemente di anidride carbonica. Si scoperto che le nubi non sono formate di acqua, ma da una soluzione concentrata di acido solforico. Le nubi hanno un colore giallastro per via dello zolfo. Man mano che si scende nelle nubi, aumenta la quantit di solfuro di zolfo, un gas molto tossico. La pressione cos forte che le prime sonde Venera sono state schiacciate come barattoli dal peso dell'atmosfera. Al di sotto delle nubi, in un'aria densa e chiara, c' una luce come sulla Terra in un giorno di cielo coperto, ma l'atmosfera cos spessa che il terreno sottostante appare tremante come se fosse visto attraverso l'acqua. Qui sotto la pressione atmosferica 90 volte superiore a quella sulla Terra. La temperatura di 300 gradi centigradi. un mondo caratterizzato da un calore terribile, da una pressione che schiaccia, da gas sulfurei e da un desolato paesaggio rossastro. Lungi dall'essere quel paradiso che in passato si pensava, Venere il pianeta del nostro Sistema Solare che pi somiglia all'inferno. Venera 9 stato il primo veicolo spaziale nella storia dell'umanit a inviarci delle fotografie di Venere. Ha scoperto delle rocce erose in modo strano, probabilmente dai gas corrosivi o forse perch la temperatura talmente alta che le ha parzialmente

fuse facendole fluire liberamente. Le sonde spaziali della serie Venera, con i loro circuiti elettronici bruciati da tempo, si stanno lentamente corrodendo sulla superficie del pianeta. Sono i primi veicoli spaziali che, inviati dalla Terra, sono rimasti su un altro pianeta. soggetto all'effetto serra. La sua spessa atmosfera lascia passare i raggi visibili del Sole, ma non lascia uscire i raggi infrarossi irradiati dalla superficie del pianeta, cosicch la temperatura del pianeta aumenta finch la luce infrarossa riesce a farsi strada verso lo spazio. In una fornace del genere molto improbabile che esistano forme di vita, sia pure di creature diversissime da noi. L'inferno di Venere in molto contrasto con l'ambiente relativamente paradisiaco del suo vicino, il nostro piccolo pianeta Terra. Qui l'atmosfera 90 volte pi rarefatta, l'anidride carbonica e il vapore acqueo creano un effetto serra molto modesto che riscalda il suolo al di sopra del punto di congelamento dell'acqua. La Terra ai nostri occhi il posto pi bello che conosciamo, ma questa bellezza soggetta a cambiamenti, a volte cambiamenti lenti e quasi impercettibili, a volte cambiamenti improvvisi e violenti. Nel cosmo non si pu sfuggire ai cambiamenti. La sfinge, dalla testa umana e dal corpo di leone, si costruita pi di 4.500 anni fa. La sua faccia, un tempo, era espressiva, vispa e perfetta; ma ora la faccia rovinata, deturpata dalle tempeste di sabbia di millenni, dalle piogge. A New York city c' un obelisco chiamato l'ago di Cleopatra, venuto dall'Egitto. In poco pi di un secolo di permanenza nel Central Park di New York le scritte scolpite sull'obelisco sono state cancellate quasi completamente e non dalla sabbia o dall'acqua, bens dallo smog e dall'inquinamento industriale. Sulla Terra l'erosione pu distruggere catene di montagne nel giro di milioni di anni, i piccoli crateri provocati dai meteoriti nel giro di un centinaio di migliaia di anni, le opere costruite dall'uomo nel giro di migliaia o decine di migliaia di anni. A questi processi lenti si aggiungono le catastrofi, rare. Tutti questi processi lenti possono, con il passare del tempo, rimodellare completamente il paesaggio. Ma, anche le catastrofi possono essere causate dall'uomo. L'indiscriminata distruzione della vegetazione pu alterare le caratteristiche climatiche di un'intera regione. La Terra ha bisogno di meccanismi per neutralizzare le sostanze tossiche nel suo sistema, ma questi meccanismi possono funzionare fino a un certo tempo, oltre il quale essi si arrestano. E allora il disastro diventa irreversibile. La nostra generazione deve scegliere a cosa mirare veramente, o ai profitti immediati o alla possibilit futura di continuare a vivere su questa nostra casa planetaria. Il nostro non un mondo che possiamo perdere, non siamo ancora abbastanza bravi da progettarci un altro pianeta. Se da un altro mondo arrivasse un visitatore cosa ne penserebbe del nostro modo di gestire il nostro pianeta Terra?

12. Marte, il pianeta rosso


Un marziano. Perch si fanno tante ipotesi e ci si arrovella la fantasia proprio su un marziano? Il fatto che Marte, a prima vista, molto simile alla Terra ed essendo il pianeta pi vicino a noi possiamo vederne la superficie. Marte ha le calotte polari ghiacciate, nubi in movimento, mutamenti di stagione e perfino il giorno di 24 ore, facile la tentazione di pensare che sia abitato. Ma i nostri pensieri pi illusori su Marte si sono dimostrati errati e cos alcuni sono passati all'estremo opposto concludendo che Marte sia privo del tutto di interesse. Ma la realt che Marte un pianeta stupefacente e le prospettive che ci fa intravedere sono pi avvincenti dell'apprensione che ha provocato in noi nel passato. La visione pi impressionante di Marte l'ha data H.G. Wells nel 1897 nel suo libro "La guerra dei mondi". Descrisse: "Nessuno, alla fine del XIX secolo, avrebbe creduto che il nostro mondo fosse osservato con attenzione e da vicino da intelligenze superiore a quella dell'uomo e, tuttavia, altrettanto mortali. Mentre l'umanit era impegnata nelle sue svariate occupazioni, c'era chi la osservava e la studiava con la stessa attenzione con cui un nostro scienziato al microscopio studia le creature che brulicano e si moltiplicano in una goccia d'acqua. Con fede e compiacimento gli uomini andavano e venivano per tutto il globo immersi nei loro piccoli problemi e veramente certi del loro dominio sulla materia. Nessuno pensava agli altri mondi nello spazio, pi antichi del nostro, come fonte di pericolo per l'umanit, alcuni prendevano in considerazione solo per rifiutare l'idea che la vita su di essi fosse impossibile o improbabile." curioso ripensare a certi modi di pensare di quei tempi ormai finiti, al massimo i terrestri vi riuscivano a immaginare che su Marte ci fossero altri uomini non inferiori a loro e pronti a dare il benvenuto a qualunque spedizione arrivata l. Il romanzo di Wells fece presa con la fantasia popolare, in quella tarda epoca vittoriana. Era il tempo in cui l'automobile era una novit e il ritmo della vita veniva stabilito, in larga parte, dalla velocit del cavallo. E Wells diede sfogo alla sua fantasia interplanetaria con navi spaziali, pistole a raggi mortali, ecc. Era una visione originale e certamente inquietante. I marziani di Wells non erano solo variazioni in tono minore del tema umano, ma piuttosto il prodotto evolutivo di un ambiente completamente estraneo al nostro. Quarant'anni dopo questo racconto fantastico riusc ancora a terrorizzare milioni di persone in un'America che temeva l'imminente seconda guerra mondiale, quando fu trasmesso in una edizione radiofonica da Orson Wells.

Qualche anno prima della pubblicazione della "Guerra dei Mondi" un ricco signore di Boston di nome Percival Lowell aveva costruito una visione totalmente diversa dei marziani. I marziani di Wells erano stati, per l'autore, un mezzo per analizzare la societ a lui contemporanea attraverso occhi extraterrestri. Ma i marziani di Percival Lowell erano, secondo lui, assolutamente realistici. Lowell si era occupato di astronomia quando era giovane, poi frequent l'Universit di Harvard, ebbe un incarico semiufficiale di carattere diplomatico in Corea e, per il resto, si impegn nei soliti compiti comuni ai benestanti del suo tempo. Ma la grande passione della sua vita era il pianeta

Marte. Lowell fu letteralmente entusiasmato dall'annuncio dato nel 1877 dall'astronomo italiano Giovanni Schiapparelli sull'esistenza di canali sulla superficie di Marte. Durante un passaggio ravvicinato di Marte alla Terra, Schiapparelli aveva osservato una rete assai intricata di linee singole e doppie che si intrecciavano sulle zone brillanti del pianeta. Ora, i canali possono essere sia artificiali (canal) che naturali (channel), ma poich questa parola fu tradotta in inglese con il termine "canal", diede alla parola stessa un significato diverso, implicante l'intervento di un'intelligenza. Nel 1892, poich la vista gli andava calando, Schiapparelli annot che doveva abbandonare le osservazioni di Marte. Allora Lowell decise di continuare lui il lavoro. Cerc un punto di osservazione ottimale, non disturbato dalle nuvole o dalle luci di una citt e caratterizzato da un buon seeing. "Seeing" il termine che usano gli astronomi per indicare un'atmosfera stabile, attraverso la quale il tremolio di un'immagine vista al telescopio ridotta a poco. Lowell costru il suo Osservatorio molto lontano da casa sua, sulla Mars Hill, Collina di Marte, a Flagstaff, nell'Arizona. Lowell disegn alcuni schizzi dei tratti superficiali di Marte e, in particolare, dei canali che lo appassionavano moltissimo. Le osservazioni di questo genere non sono facili, comportano lunghe ore al telescopio nel freddo pungente del primo mattino. Il pi delle volte il seeing pessimo e quando cos, l'immagine di Marte appare confusa, distorta. Ma ogni tanto l'immagine netta, allora che bisogna guardare con attenzione e schizzare sulla carta. Lowell era convinto che quella che vedeva era un enorme rete a forma di globo formata da grandi canali di irrigazione che portavano le acque prodotte dallo scioglimento delle calotte polari agli assetati abitanti delle citt equatoriali. Quindi pensava che il pianeta fosse abitato da una razza pi antica e pi saggia della nostra e, forse, anche molto diversa. Era convinto che il mutare delle stagioni nelle zone scure fosse dovuto alla crescita e all'appassire della vegetazione; insomma, era convinto che Marte fosse uguale alla Terra. I marziani di Lowell erano una razza in estinzione, le loro citt, un tempo grandiose, erano ridotte a rovine. Lowell pensava che il clima di Marte stesse cambiando e la sua acqua, cos preziosa, si stesse dispargendo nello spazio e il pianeta si stesse trasformando in un deserto. Egli quindi pens che i canali erano l'ultimo disperato espediente per conservare le poche acque rimaste. Ma le loro tecniche, anche se molto pi avanzate delle nostre, erano inadeguate ad arrestare la catastrofe planetaria. La pi seria confutazione contemporanea alle teorie di Lowell giunse da una fonte inaspettata, il biologo Alfred Russell Wallace, scopritore insieme a Darwin dell'evoluzione per selezione naturale. Wallace invoc con ragione che su Marte l'aria era troppo fredda e rarefatta per consentire la presenza di acqua. Scrisse: "E solo una razza di esseri folli avrebbe costruito dei canali in condizioni simili." I marziani di Lowell erano benevoli ed ottimisti, molto diversi da quelli malvagi e minacciosi descritti da H.G.Wells e da Orson Wells nella "Guerra dei Mondi". Se su Marte esistesse veramente una rete di canali indicata da Lowell, la conclusione che su quel pianeta c' vita intelligente potrebbe diventare inconfutabile. Ma su Marte non esiste una rete di canali, le nostre sonde spaziali automatiche hanno studiato Marte in modo mille volte pi dettagliato delle osservazioni fatte da Lowell col suo telescopio. La domanda non era se i canali di Marte fossero il prodotto di una intelligenza. L'unica domanda era: da quale parte del telescopio si trovasse l'intelligenza.

Di fronte a delle forti emozioni, siamo inclini a ingannare noi stessi.

Eppure, anche senza i canali, l'esplorazione di Marte evoca in noi un grande interesse. Si vedono sulla sua superficie molti crateri, provocati da collisioni, valli, vari strati geologici, complessi di nubi, ma niente canali. Molti ipotizzano la presenza di acqua, valli percorse anticamente da fiumi si aprono la strada fra i crateri. C' una valle lunga mille chilometri e un'et di un miliardo di anni. C' da chiedersi se la vita sia mai potuta nascere nelle acque di questi grandi fiumi. Su Marte ci deve essere stata un'epoca in cui la vita sia esistita. Altrettanto antica la Valle del Mariner, se si trovasse sulla Terra andrebbe da New York a Los Angeles. Frane e smottamenti cadono nel fondo valle, qui i venti sollevano le particelle creando immense nubi di sabbia, ovunque su Marte ci sono forti venti. Spesso i crateri presentano lunghe strisce di materiale chiaro o scuro create dai venti. I venti devono essere molto forti, rasentano talvolta la met della velocit del suono. Altre figure curiose sono le piramidi, forse si tratta solo di montagne create dalla forza dei venti, ma potrebbe anche trattarsi di qualcos'altro. Il vulcano pi grande, finora conosciuto, del Sistema Solare il monte Olimpo. La superficie di Marte ha la stessa grandezza di tutta la terraferma del nostro pianeta, quindi l'esplorazione di questo pianeta richieder molto tempo. L'unico canale di Lowell che ha in qualche modo riscontro reale la Valle del Mariner, lunga 5.000 chilometri. Comunque, abbiamo inviato sul pianeta delle nostre sonde automatiche, Viking I e Viking II. Il problema era dove farle scendere. Sapevamo che i vulcani della regione di Tarsis erano troppo alti e che l'atmosfera troppo rarefatta avrebbe reso inutile l'azione dei paracadute. La grande Valle del Mariner era troppo accidentata, le calotte polari erano troppo fredde perch l'impianto a energia nucleare si mantenesse abbastanza caldo. Insomma, i posti pi indicati erano o troppo alti o troppo morbidi o troppo accidentati. La nostra preoccupazione era la sicurezza del luogo di atterraggio. Alla fine furono scelti due posti, uno chiamato Utopia per il Viking II, e l'altro, distante dal primo 8.000 chilometri non lontano dalla confluenza di quattro grandi canali per il Viking I, chiamato Crise. Cos, il 20 giugno 1976, Viking I si pos nella pianura di Crise. Dopo un letargo di un anno, il tempo del suo viaggio interplanetario, il Viking I si pos su un altro mondo, Marte. La prima cosa che fece chiam casa per avvertire che era arrivato bene. Poi cominci a darsi da fare. Sond i venti di Marte, l'aria, il terreno e, infine, diede un'occhiata all'ambiente nuovo e sconosciuto. Il primo compito fotografico di Viking I era di riprendere il proprio piede, nel caso che fosse stato investito dalle sabbie mobili volevamo delle informazioni. Il Viking invi la sua fotografia in una successione di linee verticali. Il paesaggio ripreso dalle telecamere presenti sul Viking rivelavano un paesaggio non estraneo desolato di pietre, cose familiari anche qui sulla Terra. Scoprimmo che su Marte l'aria ha una densit inferiore all'uno per cento rispetto alla nostra ed composta, prevalentemente, di anidride carbonica. Ci sono anche piccole quantit di azoto, argon, acqua e ossigeno, inoltre l'ozono quasi assente cosicch la superficie non protetta dai raggi ultravioletti del Sole, come sulla Terra. Di notte, la temperatura arriva ai 100 gradi sotto lo zero, nell'inverno la superficie ricoperta da un sottile strato di ghiaccio. Le scoperte del Viking hanno rivoluzionato le nostre nozioni su questo mondo. Studiavamo con attenzione ogni fotografia che la sonda ci inviava, ma non c'era nessuna traccia dei canali e nessuna forma di vita. Per la maggior parte della sua storia, la nostra Terra stata popolata da microbi e non da esseri abbastanza grandi da essere visti. probabile che per Marte accada la stessa cosa.

Le sonde Viking sono delle macchine progettate e attrezzate in modo superbo. In tutti e due i punti di atterraggio delle sonde, Crise e Utopia, abbiamo cominciato a scavare le sabbie di Marte. Il braccio automatico delle sonde preleva del terreno e lo setaccia depositandolo in vari recipienti. Poi, i campioni vengono sottoposti a cinque analisi, due sulla composizione chimica del terreno e tre per la ricerca di forme di vita. Gli esperimenti biologici dei Viking rappresentano il primo tentativo pionieristico alla ricerca della vita su un altro pianeta. I risultati sono allettanti, inquietanti, provocatori, stimolanti. Due dei tre esperimenti di microbiologia dei Viking sembrano avere approdato a risultati positivi. Nel primo accade che mischiando campioni del terreno di Marte con un miscuglio di rancio terrestre, qualcosa che nel terreno scompone le sostanze del miscuglio, come se nel terreno di Marte ci fossero piccoli microbi, i quali metabolizzano il miscuglio terrestre. Nel secondo quando alcuni gas terrestri vengono mescolati con il terreno di Marte, sembra che intervenga un qualcosa che combina chimicamente il gas con il terreno, come se esistessero dei microbi marziani capaci di sintetizzare la terra organica dai gas dell'atmosfera. Ma la situazione complessa, Marte non la Terra. Come l'esperienza di Percival Lowell ci ha insegnato, siamo soggetti a commettere errori. Pu essere che i raggi ultravioletti del Sole colpiscano la superficie di Marte e provochino una reazione chimica che dissipa i cibi. Pu essere che nel suolo marziano esista qualche catalizzatore che riesce a combinare i gas atmosferici col suolo stesso trasformandoli in molecole organiche. Le sabbie rosse di Marte sono state prelevate sette volte nei due punti di atterraggio, distanti tra di loro come Boston e Baghdad. Questo faceva pensare che le analisi potevano essere valide per tutto il pianeta. Ma si tratta di vita o solo di processo chimico del suolo? Studi recenti hanno fatto pensare che una specie di creta presente su Marte funzioni da catalizzatore per accelerare, in assenza di vita, delle reazioni chimiche che sovvengono tra le manifestazioni della vita. Pu darsi che nella storia primordiale della Terra, prima della vita, ci fossero dei piccoli cicli chimici, che avvengono nel suolo. Qualcosa come la fotosintesi e la respirazione che si sarebbero poi incorporate nella biologia una volta comparsa la vita. Su tutta la Terra, la vita fatta della stessa mescolanza di atomi, in qualche altro pianeta pu darsi che eventuali esseri viventi siano molto diversi da noi. Ma io penso che le eventuali forme di vita siano costituite per lo pi dagli stessi atomi preponderanti qui da noi e, forse, dalle stesse grandi molecole. Talvolta si sente parlare di possibili forme di vita nelle quali il silicio sostituisce il carbonio o l'ammoniaca liquida sostituisce l'acqua. Ma con la temperatura che c' su Marte non appare possibile l'esistenza di molecole a base di silicio, capaci di portare il codice genetico. Inoltre l'ammoniaca allo stato liquido solo sotto forti pressioni e a basse temperature. Ma c' un altro modo per ricercare la vita su Marte. Una delle cose che il Viking non pu fare quella di muoversi. Quello che ci servirebbe un veicolo di tipo fuoristrada attrezzato per esperimenti di biologia e di chimica organica, capace di scegliere un posto sicuro, ma insignificante e poi raggiungere posti interessanti. Questo veicolo fuoristrada stato progettato dall'Istituto Politecnico Lessinger ed ha una lunga lista di cose stupide che non deve fare. Il fuoristrada marziano non ha il tempo di chiedere se pu affrontare una scarpata troppo ripida, le onde radio viaggiano alla velocit della luce e impiegano circa 20 minuti per raggiungere la Terra e tornare, in attesa della risposta il veicolo avrebbe avuto il tempo di cadere in fondo a un burrone. Insomma, deve essere un fuoristrada intelligente e attrezzatissimo, che potrebbe fornirci tante scoperte nuove. Solo 80 anni fa tutto quello che riuscivamo a fare era di vedere la piccola immagine tremolante di Marte brillare attraverso un telescopio in Arizona. Ora i nostri strumenti si sono realmente posati sul

pianeta. I Viking sono eredit di H. Durrell, Percival Lowell, Robert Goddard. La scienza un'attivit basata sulla collaborazione e abbraccia tutte le generazioni. Quando essa ci consente di intravedere il lontano confine di qualche nuovo orizzonte, ci ricordiamo di quelli che hanno aperto la strada e lavoriamo anche in loro nome. Su ogni Viking c' un puntino microscopico sul quale sono scritti i nomi di quelle persone, uomini e donne, alle quali va il merito degli splendidi successi delle sonde. Uno di questi nomi appartiene ad un amico, un microbiologo che si chiama Walter Fischner, che stato il primo ad ideare uno strumento per l'osservazione dei microbi in un altro mondo. I suoi amici l'hanno chiamata la "trappola di Walter", conteneva un liquido nutritivo che andava poi mescolato con un po' del terreno di Marte, cos se i microbi avessero gradito il miscuglio si sarebbero sviluppati in quel liquido intorbidendolo. La trappola di Walter fu scelta per andare su Marte coi Viking, ma la NASA, a causa di tagli al bilancio, fu costretta a rinunciare allo strumento per motivi di economicit. Per Fischner fu un colpo terribile, perch aveva lavorato su quel progetto per 12 anni, altri si sarebbero dimessi dal progetto, ma Fischner amava il suo lavoro. Decise cos, di studiare varie zone della Terra che hanno caratteristiche pi simili a Marte, le aride valli dell'Antartide, per lungo tempo ritenute prive di forme di vita. Fischner era convinto che se fosse riuscito a scoprire la presenza di microbi in queste aride distese polari, l'ipotesi della vita su Marte si sarebbe rafforzata. Alla fine del novembre del 1973, Fischner and in una valle remota tra i monti Artat, nell'Antartico. Prepar una serie di contenitori biologici nella versione semplificata degli esperimenti microbiologici effettuati dai Viking. Il due di dicembre part dal campo base per andare a prendere alcuni contenitori e non fece pi ritorno. Si era inoltrato in una certa zona, probabilmente scivol sul ghiaccio precipitando per pi di cento metri. Forse, qualcosa aveva attirato la sua attenzione. L'ultima annotazione del suo quaderno stata: "Ritirata la stazione n.2.0.2, ore 22.30; temperatura al suolo -10 gradi; temperatura dell'aria -16 gradi." In seguito alcuni di quei campioni furono recuperati e due colleghi di Fischner scoprirono che in quella valle dell'Antartico la vita effettivamente esiste, una vita molto pi tenace di quanto potessimo immaginare. Questo fatto potrebbe rivelarsi molto importante per la futura esplorazione di Marte. Arriver un giorno in cui Marte sar esplorato completamente. Se c' effettivamente vita una cosa non dovremo fare di sicuro: disturbarla, perch in quel caso Marte apparterrebbe ai marziani anche se fossero solo microbi. Ma supponiamo invece che vita non ce ne sia. Saremmo in qualche modo capaci di viverci, di rendere Marte abitabile come la Terra? Ma ci sono dei problemi non semplici da risolvere. C' troppo poco ossigeno, manca del tutto l'acqua. Ma potremmo ovviare a questi inconvenienti se riuscissimo a produrre pi aria. Con una maggiore pressione atmosferica si potrebbe avere dell'acqua, con pi ossigeno renderemo l'atmosfera respirabile e si formerebbe dell'ozono che proteggerebbe la superficie dall'effetto dei raggi ultravioletti. Le prove di una passata presenza dell'acqua fa pensare che un tempo Marte avesse un'atmosfera pi densa e questa non pu essersi dispersa nello spazio, da qualche parte deve trovarsi. Sicuramente ce n' sotto la superficie ghiacciata e in quantit maggiori nelle calotte polari. Per fare evaporare le calotte polari dovremmo riscaldarle, preferibilmente coprendole con qualcosa di scuro per assorbire pi luce solare. Questo qualcosa dovrebbe costare anche poco e capace di riprodursi, ebbene questo qualcosa esiste e si chiama pianta. Dovremmo creare delle piante scure capaci di sopravvivere nell'ambiente di Marte. Queste piante potrebbero essere seminate nelle vastissime calotte polari di Marte e darebbero inizio al processo di trasformazione di Marte. Poi, potremmo decidere di trasportare l'acqua ottenuta dallo scioglimento delle calotte polari in regioni equatoriali pi calde costruendo dei canali.

Gli uomini potranno rendere abitabile Marte: i marziani saremo noi.

Questo testo arriva (con alcune correzioni di ortografia) da qui: http://cfiitalia.altervista.org/cosmos_sagan.html