Sei sulla pagina 1di 4

LETTERA ALLE FAMIGLIE

D E L L U N I T A P A S T O R A L E

DI

CAPEZZANO P.re - MONTEGGIORI - S. LUCIA


Via Sarzanese 147 - Tel. 0584 914007 - 347 64 66 961
e-mail: parrocchia.capezzano@alice.it

Visitateci sul Sito Internet: chiesacapezzano.org

N 692

18 GENNAIO 2015

SECONDA SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO - LITURGIA DELLE ORE iI SETTIMANA

"Che cosa cercate?" Gli risposero: "Rabb - che, tradotto, significa


maestro -, dove dimori?" Disse loro: "Venite e vedrete."
Certamente capitato a tutti noi di immaginare la scena e, probabilmente,
desiderare di essere uno di quei discepoli che Ges invita a casa sua.
Sembra quasi di trovarsi dentro una sequenza di un film: un momento ricco
di una vicenda che affascina. Giovanni con due dei suoi discepoli, vede
Ges e fissa lo sguardo su di Lui.
I due seguono il suo sguardo e sono calamitati da Colui che Giovanni
contempla. Cos passano dallo stare con Giovanni al seguire Ges
dimorando con Lui. Una scena dinamica e intensa.
Un salto di qualit si opera nella vita dei due discepoli: essi passano
dallo stare e ascoltare al seguire e conoscere, cio dal sapere qualcosa sul
Messia a farne di Lui un'esperienza profonda e intima.
Quando si vuole incontrare intimamente Ges necessario operare un salto
esistenziale: dal fare le cose per Lui allo stare con Lui gratuitamente!
Voglio trovare un momento di solitudine e silenzio e contemplare la sua
presenza in me, se posso mi metto in adorazione davanti all'Eucaristia.
Amo tanto questo mistero che un pio autore ha chiamato "la discesa
dell'amore" e penso che nella contemplazione di esso S. Paolo ha potuto
dire: "Dio ci ha troppo amato..."

GESU BUSSA AL TUO CUORE


Forse siamo tutti un po' come Giovanni Battista in carcere: quando sorgono i
dubbi, le ansie, abbiamo bisogno di conferme.
Noi facciamo il nostro dovere: lavoriamo, studiamo, intratteniamo relazioni, diamo
qualcosa di noi stessi agli altri; poi sentiamo bisogno di qualcos'altro, qualcosa di
cui non sappiamo dire il nome...
Sar troppo, sar esagerato pensare che quel "qualcosa", quel "qualcuno" Dio? Si
tratta di un'esigenza profonda, intima, viscerale.
Quando non capiamo cosa sia, riempiamo, copriamo, quasi annebbiamo questa
esigenza. La "imbottiamo" - per tenerla buona e al suo posto - e la ricopriamo di
cose da fare. A volte la riconosciamo, questa benedetta esigenza di Dio, ma troppo
impegnativo seguire le sue indicazioni.
Meglio rimandare a domani, alla prossima settimana, o meglio: alla prossima
adorazione, al prossimo ritiro, al prossimo incontro di gruppo, al prossimo rosario,
alla prossima confessione, al prossimo silenzio. Cio lontano, dopo, mai. In fondo il
"poi" o non - nei proverbi e nella realt - parente del "mai"? la nostra natura,
siamo fatti cos...
Signore, ci devi proprio capire, noi abbiamo bisogno di segni, di essere scossi, di
vederti... senn non ti seguiamo.
"Hai capito, Signore?", diciamo dentro di noi. E il Signore non capisce. Fa il
testardo lui. Noi gli chiediamo se ne vale davvero la pena e lui risponde a modo suo.
Arriva, passa, bussa al cuore, continua a camminare.
A volte ci destiamo, facciamo in tempo ad alzarci dalle comode poltrone dei nostri
interessi, a spoltrirci dai comodi divani dei nostri divertimenti e narcisismi; a volte
facciamo in tempo ad affacciarci dalla finestra del nostro cuore e lo vediamo.
Lui, Ges, che ci passa accanto ed opera prodigi: alcuni vedono con occhi diversi la
realt, altri sentono finalmente la sua Parola, i poveri in spirito si dicono beati, chi si
dimenava negli stagni fangosi del peccato trova il coraggio e la forza di rialzarsi, di
ripulirsi, di andare oltre.
A volte ci viene la tentazione di andare alla porta, spalancarla, uscire per strada e
gridare: "Aspetta, Ges, aspettami! Faccio ancora in tempo a seguirti?". E lui si
volta da lontano, guarda con tenerezza infinita dentro i nostri occhi. E si ferma.

VICINO AL FUOCO
Un giorno un tale si avvicin a Ges e gli disse: Maestro, tutti noi sappiamo che
tu vieni da Dio e insegni la via della verit. Ma devo proprio dirti che i tuoi
seguaci, quelli che chiami i tuoi apostoli o la tua comunit, non mi piacciono per
niente.
Ho notato che non si distinguono molto dagli altri uomini. Ultimamente ho fatto
una solenne litigata con uno di essi. E poi, lo sanno tutti che i tuoi discepoli non
vanno sempre d'amore e d'accordo.
Ne conosco uno che fa certi traffici poco puliti... Voglio perci farti una domanda
molto franca: possibile essere dei tuoi senza avere niente a che fare con i tuoi
cosiddetti apostoli?
Io vorrei seguirti ed essere cristiano (se mi passi la parola), ma senza la comunit,
senza la Chiesa, senza tutti questi apostoli!.
Ges lo guard con dolcezza e attenzione.
Ascolta, gli disse ti racconter una storia: C'erano una volta alcuni uomini che
si erano seduti a chiacchierare insieme. Quando la notte li copr con il suo nero
manto, fecero una bella catasta di legna e accesero il fuoco.
Se ne stavano seduti ben stretti, mentre il fuoco li scaldava e il bagliore della
fiamma illuminava i loro volti. Ma uno di loro, ad un certo punto, non volle pi
rimanere con gli altri e se ne and per conto suo, tutto solo. Si prese un tizzone
ardente dal fal e and a sedersi lontano dagli altri. Il suo pezzo di legno in
principio brillava e scaldava. Ma non ci volle molto a illanguidire e spegnersi.
L'uomo che sedeva da solo fu inghiottito dall'oscurit e dal gelo della notte.
Ci pens un momento poi si alz, prese il suo pezzo di legno e lo riport nella
catasta dei suoi compagni. Il pezzo di legno si riaccese immediatamente e divamp
di fuoco nuovo. L'uomo si sedette nuovamente nel cerchio degli altri. Si scald e il
bagliore della fiamma illuminava il suo volto.
Sorridendo, Ges aggiunse: Chi mi appartiene sta vicino al fuoco, insieme ai miei
amici. Perch io sono venuto a portare il fuoco sulla terra e ci che desidero di pi
vederlo divampare.
E' proprio questo, la Chiesa: la garanzia di stare vicino al fuoco.

CALENDARIO DELLA SETTIMANA


DOMENICA 18 - GENNAIO
Sante Messe ore 8,30 - 11
Ore 10 a Santa Lucia
Ore 17 a Monteggiori
LUNEDI 19
Ore 9,15
Pulizia dei locali dellOratorio
Ore 21
Gruppi Dopo Cresima - Giovani
MARTEDI 20
Ore 21

In ascolto della parola di Dio.


N.B.: Portare la Bibbia o il Vangelo

MERCOLEDI 21
Ore 21
Riflessione sul Vangelo presso le Famiglie

Parducci Massimo
Lorenzi Elisabetta
GIOVEDI 22
Ore 21

Via Bucine 29
Via XII Agosto 29

Riflessione sul Vangelo presso le Famiglie

Lari Pierina
Lari Silvano

Via Pennelle 3
Via Masini 30

VENERDI 23
Ore 17,30
Ora di Adorazione
SABATO 24
Ore 14,30
Pulizia della Chiesa
Ore 16,30
Confessioni
Ore 18
Santa Messa Festiva
DOMENICA 25 DICEMBRE
Sante Messe ore 8,30 - 11
Ore 10 a Santa Lucia
Ore 17 a Monteggiori
Ore 18,30
Gruppo Famiglie
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

E TORNATA ALLA CASA DEL PADRE


DA MOMMIO MARIA GRAZIA