Sei sulla pagina 1di 13

1 Raduno GUE ITALIA

1 Raduno GUE ITALIA


Armata Brancaleone Team
BARON GAUTSCH wreck
IL BARON GAUTSCH
Descrizione generale
Impero austro-ungarico

Tipo Nave passeggeri-piroscafo
Proprietario/a Armatore Lloyd austriaco
Comandante Paolo Winter
Equipaggio 64 persone
Porto di registrazione Trieste
Rotta Lussingrande-Trieste
Cantiere Gourlay Brothers & Company
(Dundee)
Varata 3 maggio 1908
Entrata in servizio 16 giugno 1908
Fuori servizio 13 agosto 1914 (affondata)



Caratteristiche generali
Lunghezza 82 m
Larghezza 11,9 m
Stazza lorda e netta 2069 e 861 tonnellate
Pescaggio 7,5 m
Propulsione Motore a vapore a tre cilindri
con tre caldaie ad olio combustibile da 4600 CV
UN PO DI STORIA
Barone Paul Gautsch von Frankethurn


Requisizione
temporanea dalla
Marina Militare
austriaca per poi
tornare a essere un
piroscafo passeggeri.
Alle ore 11.00 del 13 agosto 1914, il
Baron Gautsch salpava dal porto di
Lussingrande, diretto verso Trieste,
dov'era previsto l'arrivo per le ore 18.00.
Causa cambio rotta deciso dal secondo
comandante Tenze il piroscafo affond
alle 14:45 in pochissimi minuti a causa di
un urto con una mina di superficie;
Delle 300 persone a bordo,
130 morirono affogate.
Molti saltarono in mare,
dove pi tardi furono salvati
da tre torpediniere:
Balaton, Tatra e Triglav.
Pesanti accuse caddero sull'equipaggio, che tra laltro si salv quasi integralmente.
Da unintervista al comandante Winter sembra per che tali accuse siano infondate.
Gli ufficiali inquisiti furono poi tutti assolti e continuarono la loro carriera senza nessuna
conseguenza.
Il piroscafo era elegantemente arredato in perfetto stile liberty, con tutte le
sovrastrutture in legno pregiato.
Particolarmente lussuosa era la sala da pranzo della prima classe: un ricco salone
con una serie di colonne ricoperte di stucchi e adornate da capitelli, per accedere alla
quale cera un elegante ampio scalone in legno.
LE CARATTERISTICHE DEL PIROSCAFO
LA SCOPERTA DEL BARON GAUTSCH
Libero Giurissini, palombaro triestino con
una irrinunciabile fissazione
I primi di luglio del 1958 iniziarono le
ricerche attraverso una tecnica artigianale
ma efficace.
I giorni seguenti il ritrovamento del relitto
segnarono linizio di una lunga diatriba
tra Giurissini e le autorit jugoslave, che
cercarono di accampare diritti sul relitto.
Dopo diversi scontri burocratici cal il
silenzio sul Baron Gautsch per circa
ventanni; quando nel 1990 un giovane
subacqueo di Rovigno, Sinisha Nadi,
ingaggiato per liberare la rete a strascico
di un peschereccio, incapp nel relitto.
IL RELITTO OGGI
Oggi si trova su di un fondale a circa 40 metri di profondit e con la prua orientata
nella direzione che aveva prima del naufragio.
stato completamente colonizzato dalla fauna marina ed meta di immersione per
numerosi subacquei.

Profondit min/max del relitto: 28/40 metri

Del ponte della nave oramai sono rimaste soltanto le strutture di acciaio e una parte
del legno della coperta. Anche gli alberi del piroscafo sono caduti e quello
anteriore giace abbattuto sulla coperta di prua. Al posto dei due fumaioli oggi ci
sono degli enormi fori che arrivano nelle viscere della nave. Gli obl fortunatamente
sono ancora quasi tutti nelle loro sedi, perch il relitto del "Baron Gautsch"
considerato un monumento nazionale e la legge croata molto severa per quanto
riguarda la salvaguardia dei suoi relitti.
Il relitto stato protetto dal governo croato come patrimonio culturale..
Sul BARONE con il BARONE
ARMATA BRANCALEONE