Sei sulla pagina 1di 21

il flauto

magico

Promosso da

endere accessibile l'opera lirica ad


un pubblico ampio e non di soli
esperti; valorizzare i teatri storici
cosiddetti "minori" della nostra Regione come beni architettonici di rilievo
culturale delle Comunit locali e come
centri di sviluppo e di promozione anche
turistica del territorio; valorizzare gli interventi di restauro e riuso funzionale
realizzati grazie a Regione Lombardia e,
pi precisamente, all'Assessorato alle
Culture, Identit e Autonomie da me diretto su alcuni dei teatri che ospitano
questa ambiziosa iniziativa ( il caso, per
esempio, del San Domenico a Crema e
del Teatro Sociale di Stradella). Sono
questi i principali obiettivi e, contemporaneamente, i punti di forza dell'innovativo progetto Pocket Opera, promosso dal
Circuito Lirico Lombardo, con il sostegno dell'Assessorato alle Culture, Identit e Autonomie della Lombardia.
Questo circuito regionale di opere di repertorio in formato tascabile, ridotte cio
nell'impianto e nell'organico orchestrale,
si propone ovviamente altres di far rinascere la tradizione dell'opera lirica in
quei teatri minori con un modello gestionale innovativo, riducendo i costi di produzione e consentendo quindi anche al
pubblico di accedere agli spettacoli proposti a prezzi contenuti.
Cos, avvalendosi come complesso strumentale della prestigiosa collaborazione
dell'Orchestra dei Pomeriggi Musicali,
prevista nei teatri coinvolti in questa fase
di avvio (Cant, Crema, Lecco, Montichiari, Ostiglia e Stradella), supportati
come direzione artistica dal Circuito Lirico Lombardo e come ente organizzatore dalla Associazione Lirico Concertistica (As.Li.Co.), la rappresentazione di sei
recite del Flauto Magico di W. A. Mozart
(1756-1791), in occasione delle celebrazioni per il duecentocinquantesimo an-

R
Direzione artistica e produzione

Ente organizzatore

Con il contributo di

Comune di
Cant

Teatro
San Domenico
Crema

Comune di
Lecco
Teatro Sociale

Comune di
Ostiglia
2

Comune di
Stradella

Conte Gaetano
Bonoris di
Montichiari

niversario della nascita, e del Falstaff di


Giuseppe Verdi (1813-1901).
La riuscita del progetto - di intuizione e
impianto moderno e straordinariamente
vivace, ma che ora naturalmente attende
il responso dei cittadini per i quali, innanzitutto, pensato - si basa sui tre
principi fondamentali di progettualit,
sussidiariet e partenariato. Alla base
dell'azione di governo regionale gi dall'avvio della VII Legislatura (2000-2005)
appena conclusa e confermati come tali
anche per questa VIII Legislatura (20052010) che prende avvio, essi sono infatti
i capisaldi attorno ai quali si articola il
rapporto, imprescindibile, con il territorio. Proprio il coinvolgimento delle Comunit territoriali, attraverso le intese
con le Amministrazioni locali e i teatri,
costituisce infatti la caratteristica portante di questo progetto, in un'ottica che
vede Regione Lombardia, Province e Comuni impegnati fianco a fianco a recuperare il ricco patrimonio artistico e architettonico dei loro teatri e a farlo vivere attraverso l'opera lirica.
L'auspicio per questo progetto alla sua
prima, attesissima edizione, che esso
possa estendersi in futuro anche ad altri
centri della Regione e ai loro teatri, contribuendo cos a rafforzare il ruolo della
cultura anche come strumento di promozione territoriale e, soprattutto, come fattore di sviluppo civile e morale, ma
anche sociale ed economico, a vantaggio
dell'intera Lombardia e delle sue Comunit.

EttoRE a. alBERtoNi
Assessore regionale alle Culture, Identit
e Autonomie della Lombardia
3

ue bauli colmi di oggetti e scintillanti costumi di scena, una scena semplice


ma efficace che si monta e rimonta in poche ore, una piccola compagnia affiatata di cantanti, tecnici e musicisti, leggii e strumenti al seguito Questa la
formula del progetto di Pocket opera, erede di una tradizione teatrale antica,
quella delle compagnie itineranti che dal 600 in avanti sbarcavano il lunario proprio portando il teatro spettacoli di orsi o acrobati, ma soprattutto commedia dellarte, opera lirica, pastiches musicali nei piccoli centri ai confini dellimpero asburgico o del Regno di Napoli. Una formula, dunque, nel pieno della tradizione del
melodramma, che trae vitalit e si rinnova proprio nelle trame della cultura popolare pi alta. Segno tangibile di quella vitalit proprio i piccoli teatri storici della
Lombardia, gioielli architettonici che costellano la campagna padana, di recente
restaurati e pronti ad aprire il sipario ed a risuonare degli applausi del pubblico.
Mozart e Verdi sono i padrini di Pocket opera, che inaugura la propria attivit con
due capisaldi del repertorio operistico, Flauto magico e Falstaff. Entrambe in versione
tascabile, appunto, ma in senso volutamente inverso: se Falstaff il solito Falstaff
sul palcoscenico, Flauto lo in buca. Ovvero: il Falstaff che ascolteremo proprio
quellopera che tutti conosciamo, consegnataci da Verdi e Boito nel 1893, ma con un
impasto timbrico completamente rinnovato ed affidato ad unorchestra di soli strumenti a fiato. Lorchestra mozartiana classica, invece, accompagna un Flauto, magicamente reinventato sul palcoscenico con una drammaturgia in italiano snella ed
altrettanto efficace. Due alchimie affidate a due navigati compositori, Carlo Ballarini ed Alfonso Caiani, che mai tradiscono lo spirito autentico dellopera.
Opere pocket, dunque, ma perfettamente riconoscibili e fruibili dagli spettatori.
Opere travestite, in una nuova rielaborazione musicale e drammaturgica, che speriamo sappiano rinnovare lincantesimo tra pubblico e palcoscenico

il flauto
magico
Wolfgang Amadeus Mozart

Opera tedesca in due atti.


Musica di Wolfgang amadeus mozart.
Libretto di Johann Emanuel Schikaneder.
Traduzione italiana di Alberto Jona, Maria Antonietta Nigro,
Francesco Pettinari.
Regina e I Dama
Pamina e II Dama
Papaghena e III Dama
Papagheno
Tamino e Monostato
Sarastro

Direttore
Carlo Tenan

Regia
Cristina Pietrantonio

Gruppo strumentale de
I Pomeriggi Musicali di Milano

Light designer
Mariano De Tassis

Realizzazione scene
Pasquale Di iorio
Scene
Bonvecchi alberto s.r.l.
Attrezzeria
as.li.co.
Realizzazione costumi
Dina Borghetto
Costumi
Sartoria arrigo di milano
as.li.co.
Calzature
ctc Pedrazzoli
Illuminotecnica
cD'c allestimenti
Trasporti
leccese

Direttore di scena
Rei ota

Maestri collaboratori
Debora chiantella
federica falasconi
6

Kelly Mc Clendon
Julija Samsonova
Alessia Nadin
Alessio Potestio
Alessandro Luciano
Gabriele D. G. Bolletta

Attrezziste
Roberta marinovich
federica Parolini
Elisabetta Santoro
Macchinisti
leandro Bruno
Daniele Pusterla
Capo elettricista
andrea giretti
Elettricista
Daniele molteni
Sarta
Sara Bartesaghi gallo
Truccatrice
Bianca Perugini
7

amoRE E lEggEREZZa
di Cristina Pietrantonio
Ti auguro con tutto il cuore
ci che ogni giorno,
mattina e sera, ti desidero:
salute, vita lunga e
un cuore allegro
Wolfgang Amadeus Mozart

ozart scrive il Flauto a trentacinque anni, con una carriera fallita alle spalle, senza una lira, la salute traballante. Le sue prospettive di lavoro sono a
dir poco incerte: il nuovo imperatore Leopoldo II non ha alcun interesse per
la musica. frustrante: Mozart ha ancora cos tanto da dire! Ed curioso
che nel momento in cui le vie pi ufficiali appaiono precluse, una nuova opportunit gli venga offerta dallimpresario di un piccolo teatro di periferia.
Non pare casuale, dunque, inaugurare Pocket Opera con il Flauto Magico nei teatri
di provincia
Si tratta di unopera misteriosa, di cui sono ignote le circostanze concrete che condussero alla composizione. Una favoletta abbastanza banale viene trasformata da
Mozart in unoperazione stranissima: da una parte il dispiegamento di tutto lapparato teatrale barocco, con tanto di macchine per il volo, magie, scimmie, leoni e serpenti, con un libretto che offende lintelletto e fa arrossire la critica (come si scrisse); dallaltra la messa in musica dei riti massonici, in un momento in cui le logge venivano chiuse dautorit ed additate fra i responsabili della Rivoluzione francese. Un
atto damore, da parte di Mozart per un modo di pensare libero, per unidea di fratellanza tra gli uomini che per lui era diventata poco meno che una nuova religione.
Per il pensiero alchemico e massonico lunione tra uomo e donna un momento simbolico importantissimo, poich rappresenta il congiungimento tra il principio maschile e quello femminile, forze motrici delluniverso. Questa unione pu avvenire
soltanto dopo un ciclo di aggregazione e disgregazione: il dolore, le prove che la vita
inevitabilmente propone, sono uno strumento per comprendere se stessi e laltro, ma
lamore pi forte di tutto ed destinato alla vittoria. I massoni, comunque, non apprezzarono affatto di vedersi raffigurati in una terra fuori dal tempo, dove gli animali ballano ed i fanciulli volano!
Nellallestimento che vi proponiamo, al centro della scena c un piccolo teatrino di
legno, semplice e spoglio, dove tutto, con un po di fantasia, pu accadere e dove gli
oggetti, come per magia, si riempiono di luce.
Mozart, che da bambino aveva scritto Viviamo in questo mondo per illuminarci lun
laltro, alla fine della sua vita continuava a credere che lamore avrebbe salvato il
mondo: questa innocenza, questa incrollabile, fanciullesca fiducia, questa leggerezza nellattraversare la vita sono gli ingredienti principali, che abbiamo cercato di
conservare nel riproporre la ricetta del Flauto in versione extra-light!

la tRama
atto PRimo
l principe Tamino, disarmato, inseguito da un serpente; sfinito, cade svenuto. Dal tempio escono tre dame che uccidono
il serpente e, dopo aver ammirato la bellezza del volto del giovane principe, si allontanano per informare della sua presenza la loro signora, Astrifiammante, Regina della notte. Tamino,
ripresi i sensi, crede di dovere la propria salvezza a un curioso
personaggio comparso nel frattempo: Papageno, un uccellatore
vagabondo vestito di piume, che canta accompagnandosi con un
piccolo flauto di Pan. Papageno conferma le supposizioni di Tamino, ma subito smascherato e punito per la sua menzogna
dalle tre dame, che gli chiudono la bocca con un lucchetto doro;
poi le fanciulle mostrano al principe il ritratto di Pamina, figlia
della Regina della notte: il giovane se ne innamora allistante.
Appare nel cielo Astrifiammante che spiega a Tamino che la figlia le stata rapita dal malvagio Sarastro e gli chiede di liberarla, promettendogliela in sposa. Le dame donano al giovane, che
si offerto di salvare Pamina, un flauto doro dai poteri magici;
liberato Papageno dal lucchetto, consegnano anche a lui in dono
un carillon fatato e gli ingiungono di accompagnare Tamino nellimpresa.
Pamina, che ha tentato di fuggire dal moro Monostatos, viene ricondotta indietro da costui con la forza. Sopraggiunge Papageno,
e Monostatos, spaventato dal suo strano aspetto, fugge. Papageno
rivela alla fanciulla di essere stato inviato dalla Regina della
notte, insieme con un giovane principe che lama, per liberarla.
I due, pieni di speranza, esprimono la loro fede nella forza dellamore e si allontanano.
Tamino giunge dinanzi al tempio e, rivolgendo il suo pensiero a
Pamina, trae fuori il suo flauto e suona. Risponde dallinterno
Papageno col suo piccolo flauto: si cercano a vicenda senza tuttavia riuscire a incontrarsi. Compare Sarastro con il suo seguito:
la giovane gli chiede perdono per la fuga, spiegandone i motivi;
Sarastro glielo concede di buon grado, ma rifiuta di lasciarla tornare presso la madre. Tamino viene trascinato da Monostatos davanti a Sarastro: il principe e Pamina si riconoscono al primo
sguardo e si gettano luno nelle braccia dellaltra. Sarastro ordina che Monostatos venga punito per avere insidiato la fanciulla
e fa condurre Tamino e Papageno al tempio delliniziazione. Il
coro inneggia alla divina saggezza di Sarastro, mentre Tamino e
Pamina sono costretti a separarsi.

12

atto SEcoNDo
arastro chiede ai sacerdoti degli iniziati di accogliere Tamino nel tempio, dove verr sottoposto alle prove che gli consentiranno di appartenere alla schiera degli eletti e di sposare Pamina. Tamino viene sottoposto alla prima prova:
mantenere il silenzio qualunque cosa accada. Con lui Papageno
spaventato e recalcitrante: solo la velata promessa di ottenere finalmente una compagna riesce in parte a convincerlo. Ma i tentativi delle tre dame, inviate dalla Regina della notte per costringerli a parlare, sono respinti. Nonostante il silenzio imposto, Papageno inizia a conversare con una vecchia che, con fragore di
tuono, non appena egli le domanda quale sia il suo nome, si trasforma nella bella e giovane Papagena, scomparendo per non
appena egli cerca di abbracciarla. La Regina della notte, accompagnata dalle tre dame, chiede alla figlia di uccidere Sarastro,
per colmare la sua sete di vendetta.
Sopraggiunge Pamina: alla sua gioia di rivedere lamato, Tamino
non pu rispondere, e tace. Disperata, Pamina crede di non essere pi amata e desidera la morte. Sarastro esorta i due innamorati a pazientare, poich le prove supreme del fuoco e dellacqua li
attendono. A Pamina, sopraggiunta nel frattempo, consentito di
accompagnare Tamino nelle prove che, al suono del flauto magico, vengono superate. Nel giardino, Papageno si dispera perch
Papagena scomparsa. I tre fanciulli gli suggeriscono di suonare
il carillon magico: la fanciulla riappare e lo abbraccia. Felici, i
due progettano una stirpe di Papageni. Si celebra finalmente la
vittoria della luce sulle tenebre e dellamore sul male.

13

il flauto magico
Opera tedesca in due atti.
Musica di Wolfgang amadeus mozart.
Libretto di Johann Emanuel Schikaneder.
Traduzione italiana di Alberto Jona, Maria Antonietta Nigro,
Francesco Pettinari.
Prima rappresentazione
Vienna, Theater Auf der Wieden, 30 settembre 1791
Personaggi
LA REGINA DELLA NOTTE
PAMINA
PAPAGHENA
PRIMA DAMA
SECONDA DAMA
TERZA DAMA
PAPAGHENO
TAMINO
SARASTRO
MONOSTATO
PRIMO ARMIGERO
SECONDO ARMIGERO
TRE FANCIULLI

soprano
soprano
soprano
soprano
soprano
mezzosoprano
basso
tenore
basso
tenore
tenore
basso
soprano

15

atto primo
Scena i
Tamino, poi le tre Dame
TAMINO
Aiuto! Aiuto! O sono perduto!
Eletto per preda del rettile astuto.
Salvatemi, o dei! qui, sopra a me.
Mi afferra ormai
Salvatemi, salvate, aiuto aiuto ahime!
Aiuto aiuto per piet!
(cade svenuto)
TRE DAME
Morte a te per nostra man!
Cos morto il mostro fatal!
Salvato egli , libero egli ,
La forza nostra trionf.
PRIMA DAMA
Soave giovin che belt.
SECONDA DAMA
S gran belt mai giunse qua.
TERZA DAMA
S, s cos un vero bijoux.
TRE DAME
Vivesse il cuore solo damor,
Costui sarebbe il suo signor.
Su presto andiam Astrifiammante
Ad informar su presto, andiamo.
Chiss che questo giovin qua,
La pace a lei ancor dar.
PRIMA DAMA
Andate pure voi,
Io invece resto qua.
SECONDA DAMA
No, no, partite voi,
Io veglio qui per lui.
TERZA DAMA
No, no, questo non va,
Io accanto gli star.
PRIMA DAMA
Io invece resto qui.
16

SECONDA DAMA
Io veglio qui per lui.
TERZA DAMA
Io accanto gli star.
PRIMA DAMA
Io resto.
SECONDA DAMA
Io veglio.
TERZA DAMA
Io anche.
DAME
Io, io, io!
Io via di qui? Ah, ah, vedrem
chi mai vi rester?
Restare sole qui vorran,
Con lui vorran.
No, no, no, no, no. Non va non va
(una dopo laltra poi tutte e tre insieme)
Del mondo inter mi priverei,
Potessio vivere con lui.
Tutto per me io lo vorrei, io lo vorrei
Non se ne van; cos non va.
Che altro far? Allor io vo.
Tu caro amato giovine
Per te questo mio adieu
finch ti rivedr.
TAMINO
Dove sono? Sogno o son desto?
Quale forza sublime mi ha salvato?
Come? Il terrifico drago morto ai miei
piedi? Cos? Un suono?... Dove sono?
Che terra questa? Ah, una figura scende
e si avvicina.

E allegro e lieto andar potr,


E tutti i tordi prender.
Lacchiappatordi ecco qua,
Che canta e balla hopsasa.
Gi tutti sanno dove va,
Dai vecchi ai giovin qua e l.
Fanciulle afferar vorrei,
E mille e mille gi ne avrei,
E in gabbia tutte chiuder,
Fanciulle e uccelli tutti avr.
Se fanciulle e uccelli tutti avr,
Dolci e miele sempre lor dar,
Colei che cara mi sar,
Un bacio e un dolce da me avr.
E cos un bacio schioccher,
Cos, suo sposo io sar.
Al mio fianco lieta sogner,
E in dolce abbraccio dormir.
TAMINO
Ehil!
PAPAGHENO
Ah?
TAMINO
Ehi! Simpaticone! Dimmi, chi saresti?
PAPAGHENO
Chi, io?
Che domanda scema!
Sono uno come te; e tu, chi sei?
TAMINO
Principe il mio genitor, su molti popoli e
terre egli regna. Ergo io pure son detto
principe.
Ordunque ti domando...
PAPAGHENO
Oh, che hai da guardare cos?

Scena ii
Papagheno e Tamino
PAPAGHENO (zufola da lontano)
Lacchiappatordi ecco qua,
Che canta e balla hopsasa.
Gi tutti sanno dove va,
Dai vecchi ai giovin qua e l.
Richiami e fischi so usar,
Con tutti posso cinguettar,

TAMINO
E che... che non mi sembri un essere
umano.
PAPAGHENO
Eh?

PAPAGHENO
... mica un uccello? Sta lontano, bada,
se ho qualcuno tra le mani, mi viene una
forza da gigante.
TAMINO
Una forza da gigante?
Tu dunque, il mio salvatore! Tu, il valoroso vincitore del malefico drago?
PAPAGHENO
Drago? Oooh!
TAMINO
Amico, in nome del cielo, come hai avuto
la meglio su un simile mostro! Non hai
armi!
PAPAGHENO
Non mi servono! La stretta delle mie mani
pi forte di unarma!
Scena iii
Le tre damigelle, detti.
DAME (minacciano e gridano insieme)
Papagheno!
PAPAGHENO
Ah, ce lhanno con me! Girati amico!
TAMINO
Chi sono queste dame?
PAPAGHENO
Io acchiappo molti uccelli per la Regina
Astrifiammante e le sue dame; cos mi
guadagno ogni giorno da mangiare e da
bere.
TAMINO
La Regina Astrifiammante?
DAME (minacciando)
Papagheno!
PAPAGHENO
Eccovi gli uccelli, bellezze!

TAMINO
Con tutte queste piume sembri pi...
17

PRIMA DAMA
Per la prima volta la nostra Regina oggi,
al posto del vino solito, ti manda ... dellottima acqua.
SECONDA DAMA
E io per suo ordine, invece del marzapane, ti porto questa pietra. Buon pro ti
faccia!
PAPAGHENO
Che? Dovrei mangiare sassi?
TERZA DAMA
E io, al posto dei fichi dolci ho lonore di
chiuderti la bocca con questo lucchetto
doro.
PRIMA DAMA
Di un po! Hai ucciso tu il drago?
(Papagheno nega a gesti)
SECONDA DAMA
Chi allora?
(Papagheno fa cenno di non saperlo)
TERZA DAMA
Siamo state noi giovanotto a liberarti!
Non temere, ti attendono gioie e delizie.
Ecco, leccelsa Regina ti manda questo
ritratto di sua figlia. Se questo volto non ti
indifferente, fortuna, onore e gloria
avrai in sorte. Cos ha detto. Arrivederci!
SECONDA DAMA
Adieu monsieur Papagheno!
PRIMA DAMA
Non bere troppo in fretta!

Ma brucia qual fiamma direi.


Forse amor che sento?
S, s, lamore cos.
Lamore, lamore cos.
Ah, dove mai or ritrovarla!
Ah, fosse qui ed incontrarla!
Vorrei, vorrei, dolce amor,
Che mai vorrei?
Vorrei abbracciarla, pieno dardore,
Su questo petto palpitante,
E sempre, sempre mia sar.
Scena V
Le tre damigelle, detti
TERZA DAMA
Giovanotto, armati di forza e di coraggio!
La Regina mi incarica di dirti che aperta
ormai la via per la tua felicit: Se questo
giovane ha tanto valore e coraggio quanto
tenero il suo cuore - cos ha detto - mia figlia Pamina gi salva.
TAMINO
Salva?
TERZA DAMA
Un potente demone malvagio lha rapita a
sua madre.
TAMINO
Pamina sia salvata! Muoia linfame per
mia mano. Lo giuro sul mio amore e sul
mio cuore.
(tuono)
Santi numi! Cos?
TERZA DAMA
segno che arriva la nostra Regina.
Eccola! lei.
Arriva.

Scena iV
Tamino solo
TAMINO
Un volto raro di belt,
Tal sguardo chi mai pi vedr.
Gi sento il mio cuore
Di palpiti nuovi gi vibrar.
Cos io dir no, non saprei,
18

Scena Vi
La Regina, detti.
REGINA DELLA NOTTE
Ah, non tremar caro figliuol.
Tu hai virtude, forza, cuor

E giovin quale sei potrai salvare


Il cuore rattristato duna madre.
Mi strugge, mi strazia il dolore
Da che la figlia mia spar.
Con lei svan ogni mia gioia,
Un perfido me la rap.
Io vedo ancor il pianto,
Il tremito, lo schianto;
Lo sguardo dorrore,
Lo spasmo, il dolore.
Dinnanzi a me mi fu rapita
Ahim! Ahim!, nullaltro dir pot.
E il grido vano risuon,
Il mio soccorso ahim fall.
Tu sarai suo salvatore
Tu libert le darai, s!
E se vittoria alfin avrai
La mano sua tu stringerai, e tua sar.
(parte con le tre damigelle)
Scena Vii
Tamino, Papagheno
TAMINO
vero quel che ho visto? O mi tradiscono i
sensi?
PAPAGHENO
(indica triste il lucchetto sul muso)
Hm! Hm! Hm! Hm! Hm!
TAMINO
Parlar non pu, la sua pena,
Poich la lingua sua zitt.
PAPAGHENO
Hm! Hm! Hm! Hm! Hm!
TAMINO
Nulla possio se non compianger,
Ch debol son non so che far.
PAPAGHENO
Hm! Hm! Hm! Hm! Hm!

Scena Viii
Le tre damigelle, detti
PRIMA DAMA (a Papagheno)
Ti grazia la Regina or.
La pena toglie a chi sbagli.
(gli toglie il lucchetto dal muso)
PAPAGHENO
Di nuovo Papagheno parla!
SECONDA DAMA
S, parla! Ma mentir non devi!
PAPAGHENO
Mentir mai pi, mai pi no, no.
DAME
Ti possa il ferro rammentar.
PAPAGHENO
Mi possa il ferro rammentar.
DAME
S, rammentar! Ti possa rammentar.
TUTTI
Un ferro tal per i bugiardi
Sempre sar da ricordar.
Non odio, pena e nera bile,
Ma fratellanza e amor sar.
PRIMA DAMA
Da me or prendi il dono, giovin,
Ch la Regina ad inviar.
(d a Tamino un flauto doro)
Il magico flauto ti protegga,
Nei guai pi grandi ti sostenga.
DAME
Con esso tutto potrai fare,
Le umane pene tramutare.
Lafflitto cor lieto sar,
Lodio in amor cambiar potr.
TUTTI
O un simil flauto
Val pi ancor di serti dor
Se grazie a lui si gioir
E lamor trionfer.

19

PAPAGHENO
Ora care damigelle, voglio
Posso andarmene?
DAME
Congedarti tu puoi sempre
Ma comanda la Regina:
Senza indugio con il giovin
Da Sarastro tu ti rechi.
PAPAGHENO
No, no grazie non ci sto.
Se voi stesse raccontaste
Che una tigre orribil .
Se mi piglia son spacciato,
Da Sarastro impanato,
Mantecato, gratinato;
Ed ai can mi getter!
DAME
Il prence ti protegger,
Sarai cos suo servitor.
PAPAGHENO (fra s)
Vada il prence alla malora!
La vita amo ancor.
Poi questo qui taglia la corda
E mi frega, lo so!
PRIMA DAMA
(gli porge un marchingegno simile
ad uno strumento dacciaio)
Su prendi questo carillon.
PAPAGHENO
Ehi, ehi! Che cosa suona qui!
DAME
Vi sono dentro i campanelli.
PAPAGHENO
Cos suonar potr io quelli?
DAME
S! Sissignor! S sissignor!
DAME
Campanelli, flauti belli,
Necessari per salvarvi.
Bin, adieu! Dobbiam andar,
Bin, adieu! Ci rivedrem!
20

TAMINO e PAPAGHENO
Campanelli, flauti belli,
necessari per salvarci.
Bin, adieu! Dobbiam andar,
Bin, adieu! Ci rivedrem!
(tutti fanno per andarsene)
TAMINO
Ma, belle dame, dite ancor...

PAMINA
Non tremo per la morte,
Solo mia madre di dolor morr,
Distrutta certo morir.
MONOSTATO
Con le catene strette
Non temi la mia rabbia.

PAPAGHENO
... come il castello ritroviam?

PAMINA
O lasciami morire,
Piet, crudel, non sai cos!

TAMINO e PAPAGHENO
Come il castel noi ritroviam?

MONOSTATO
E via e via! Or non mi graffi pi!

DAME
Lass, un due tre, bimbi saggi,
Su voi dallalto veglieranno.
La vostra guida lor saran,
Saggi seguite il lor cammin.
TAMINO e PAPAGHENO
Son loro, un due tre, son saggi,
Su noi dallalto veglieranno.
DAME
La vostra guida lor saran,
Saggi seguite il lor cammin.
TAMINO e PAPAGHENO
Andiam andiam, ci rivedrem.
DAME
Andiam andiam ci rivedrem.
(escono tutti)

Scena X
Papagheno, detti
PAPAGHENO (dapprima non visto)
Dov che son? Che posto ?
Ah ah, c della gente,
E via qui entrer
(entra)
Fanciulla giovin sei
Pi bianca della creta.
PAPAGHENO e MONOSTATO
(si vedono, si spaventano luno dellaltro)
Hu! Chi costui un demone!
Ti prego risparmiami! Hu! Hu! Hu!
(corrono via entrambi)
Scena Xi
Papagheno, Pamina, poi Tamino

Scena iX
Monostato, Pamina

PAMINA
O che tormento, per piet!

PAPAGHENO
Che scemo a spaventarmi! Se ci sono al
mondo uccelli neri, ci sono pure uomini
neri, no?
Ah, guarda qua! La ragazza del ritratto,
la figlia di Astrifiammante, la Regina
della notte...

MONOSTATO
Perduta la tua vita!

PAMINA
Regina della notte? Chi sei tu?

MONOSTATO
O mia colomba vieni qua.

PAPAGHENO
Papagheno. Per servirla.
Ciao bella, come va?
PAMINA
Allora tu conosci maman, la mia buona e
cara madre?
PAPAGHENO
Se sei tu la figlia della Regina della notte,
allora s!
PAMINA
Oh, s, s, lo sono.
PAPAGHENO
Vediamo se vero! Gli occhi neri - s, neri
- labbra rosse - rosse - capelli biondi biondi... Mi torna tutto, Ah! E i piedi?
Secondo il ritratto, non dovresti avere
piedi: qui non ci sono! Proprio no!
PAMINA
Permetti? - Sono proprio io. Come finito
nelle tue mani?
PAPAGHENO
Tua madre ha regalato il tuo ritratto a un
tizio che si fa chiamare principe e gli ha
ordinato di liberarti. Non se l lasciato
dire due volte. Amore a prima vista, non
c che dire!
PAMINA
Alluomo che amor gi sente
Bont risplende nel suo sen.
PAPAGHENO
I dolci desideri damore
Dovr la donna assecondar
Insieme gioir damor vogliam
Solo lamor desideriam.
PAMINA
Lamore addolcisce ogni affanno
E gli esseri tutti a lui si danno.
PAPAGHENO
Condisce, alletta i giorni e gli anni
E pu lardore risvegliar.
21

PAMINA e PAPAGHENO
Pi nobil fine no, non v
Felicit per lui e lei.
Paradiso alfin vedran.
PAMINA
vero, basta innarmorarsi per sentirsi...
PAPAGHENO
migliori.
PAMINA
Ma perch il principe tarda tanto
a liberarmi dalle mie catene?
TAMINO
O eterna notte, tu finirai?
Quando la luce alfin vedr?
PAPAGHENO
qui lintoppo! Tre fanciulli ci dovevano
indicare la strada, come avevano detto le
dame.
PAMINA
E ve lhanno indicata?
PAPAGHENO
Macch! Manco uno se ne visto! Comunque, per sicurezza, sua signoria il principe
stato cos delicato - prego, grazie! prima
lei!- da mandare avanti me per annunciarti il nostro arrivo, diciamo cos!

Scena Xii
Tamino solo
TAMINO
Qual suono dolce e magico,
Oh, nobil flauto, da te sgorga,
Che le fiere fa mansuete.
Ma sol Pamina qui non v.
Pamina, odi? Odimi!
Invan, invan!
Ma, ma, or dove sei?
Ah, di Papagheno il suon!
Pamina forse ritrov.
A Pamina ei mi guider.
Il suon a lei mi guider.
Scena Xiii
Papagheno, Pamina
PAPAGHENO e PAMINA
Ali ai piedi, via di qua.
Odio, invidia noi fuggiam.
Ritroviam Tamino presto,
Altrimenti ricadremo in schiavit.
PAMINA
Giovane eroe
PAPAGHENO
Zitta, zitta guarda qui, dai!
(zufola; Tamino risponde col suo flauto)

PAPAGHENO
...mi risparmierei il viaggio di ritorno!

PAMINA e PAPAGHENO
Quale gioia pi grande
Ch Tamino ci sent.
Ecco qua del flauto il suon.
Gioia avr se or lo vedo
Dai corriamo in fretta.
(vogliono andare)

PAMINA
La tua morte sarebbe una tortura senza
fine.

Scena XiV
Monostato, detti

PAMINA
Amico, hai osato molto!
Se Sarastro ti dovesse vedere...

PAPAGHENO
Ne faccio a meno volentieri! Ohi, ohi!
Vediamo di squagliarcela!
(escono entrambi)

22

MONOSTATO (schernendoli)
Dai corriamo, dai corriamo.
Ah! Presi nel sacco, gi!
Or portate le catene
Vi spedisco dai miei mori

Di Monostato burlarvi!
Or portate corde e ceppi
E voi schiavi presto a me.
PAMINA e PAPAGHENO
Ah, per noi la fin ormai.

Che dir, bambina, a lui possiamo?


PAMINA
Il vero! Il vero!
Se anche a morte andiamo.

MONOSTATO
E voi schiavi presto a me!

Scena XV
Sarastro, detti

PAPAGHENO
Lepre no, meglio leon!
Suona dai, tu carillon
Campanelli, din din din din
E le orecchie lor stordite.
(batte sul suo strumento)

PAMINA (in ginocchio)


Ah! Signor, io son colpevole
Sfuggir io volli al tuo poter.
Ma sol la colpa mia non .
Il moro vil bramava amore,
Cos signor fuggii da te

MONOSTATO e ARMIGERI
Che note, che incanto,
Che trilli, che suon
Lalalala, lalalala...
Mai visto, n udito
un tal tintinnar
Lalalala, lalalala...
(si allontanano danzando)

SARASTRO
Ors, il ciglio rasserena,
O cara senza interrogarti
So ben conoscere il tuo cuor,
E molto ami un altro tu.
Costringerti allamor non voglio
Ma libert non ti dar.

PAMINA e PAPAGHENO
Ah potesse un carillon
Ogni uom trovare
I nemici in verit
Potr sbaragliare
E potrebbe in fede mia
Viver ben in armonia.
Solo vera armonia
Vince ogni guerra
Senza tale simpatia
Non v gioia in terra.
PAPAGHENO
Che cosa vuol dire?
Io tremo! Io fremo!
PAMINA
Ahim pi nulla si pu far,
Arriva or Sarastro qui!
PAPAGHENO
Se un topo fossi io,
Di corsa me ne andrei
Se fossi una lumaca,
Nel guscio fuggirei,

PAMINA
Mi chiama gi il mio dover
perch mia madre...
SARASTRO
Sta in mio poter!
Felicit tu perderai
Se nelle braccia sue andrai.
PAMINA
Ahim, della madre il dolce nome
Ma lei, ma lei...
SARASTRO
folle donna .
Dee luomo il vostro cuor guidare,
E senza lui la donna devia
Dal cammin e dal dovere.
Scena XVi
Monostato, Tamino, detti
MONOSTATO
Ah! Stolto giovin vieni qua,
qui Sarastro il mio signor!
23

PAMINA
lui! Lo credo appen.

PAMINA e TAMINO
Sempre, sempre, sempre tamer.

atto secondo

TAMINO
lei! Sognar non .

PAMINA
Ah, dunque mai ti rivedr?

SARASTRO
In fretta su! Ti chiaman gi!

Scena i
Sarastro

PAMINA e TAMINO
Ed abbracciarlo/la posso alfin!
La morte pu ora venir!

SARASTRO
Felice un d sarete voi!

PAMINA e TAMINO
O cara pace, torna torna ancora.

PAMINA
Mortal pericolo ti attende.

SARASTRO
tempo gi: ci rivedremo.

TAMINO
Il cielo mi protegger.

PAMINA e TAMINO
Per sempre, addio!

SARASTRO
O voi servitori della Luce! Con animo puro
dichiaro che lassemblea di oggi sar da ricordare: Tamino, figlio di re, nel ventesimo
anno della sua vita, vaga alla porta settentrionale del nostro tempio. Vegliare su
questo virtuoso e tendergli una mano
amica, sia oggi il nostro maggior dovere.
Ardue le prove che lo attendono. Il silenzio. La fame. La Natura. Troppo per un
giovane principe.
Ma egli di pi - un uomo!

MONOSTATO
Ma come osate voi?
Ognun da solo e via da qua!
(li separa; singinocchia)
Lo schiavo ecco ai tuoi piedi,
Che il scellerato sia punito.
Giovane astuto questo :
Con luccellaccio lui volea,
Volea Pamina a te rapire
E sol scovarlo io potei.
Ben sai che solerzia ho.

SARASTRO
Il cielo ti protegger.
PAMINA
La morte tu non vincerai!
Presentimento orribil .

SARASTRO
Un premio grande merit
Or date a questo galantuom...

TAMINO e SARASTRO
Ma degli dei questo il volere,
fedele lo rispetter/rispetterai

MONOSTATO
Mi onora gi il tuo pensier.

PAMINA
Se amassi me, comio ti amo
tal calma non avresti tu!

SARASTRO
Trecentotre colpi sul groppon.
MONOSTATO
Ahi, ahi! Signor,
Un premio tal per me?

24

Da qui ha fine la favola.


Da qui ha inizio la realt.

TAMINO e SARASTRO
Egual affetto per te sento/per te sente,
Sar/sar per sempre a te fedel.
SARASTRO
Il tempo vola andar conviene.

SARASTRO
Non pi! questo il mio voler.
(Monostato viene condotto via)

PAMINA e TAMINO
Amaro, triste questo addio.

CORO
Evviva Sarastro, il saggio sublime,
Ei premia, punisce dequanime gesto.

SARASTRO
Tamino devi ora andar,
Or devi andar.

SARASTRO
Ed ora conduceteli
Nel tempio delle prove lor.
Coprite i loro capi e poi
Che sian purificati allor.

TAMINO
Pamina devo ora andar,
Or devi andar.
PAMINA
Tamino devi ora andar,
Or devi andar.

O Luce di saggezza
Dona ai giovin cuor la tua virt
Guida i lor passi vagabondi
Non li lasciar nelloscurit.
Saggi la prova alfin li renda
Ma se la morte vien tremenda
Ricompensata sia la virt
E la tua luce splender
Scena ii
Tamino, Papagheno
PAPAGHENO
Che terribile notte! Tamino ci sei?
TAMINO
Sssst.
SARASTRO
Da questo momento in poi sarete soli. Non
dimenticate: silenzio!
Scena iii
Dame, detti
DAME
Voi, voi, voi?
Qui nei luoghi del terror?
No, no, no,
Mai pi felici allor!
25

Tamino, tu ti appresti a morte!


Tu Papagheno sei perduto!
PAPAGHENO
No, no, no, troppo ahim.
TAMINO
Papagheno, zitto tu!
Vuoi tu infrangere il divieto
Di parlare con le donne?
PAPAGHENO
Non senti che spacciati siam.
TAMINO
Zitto, dico, zitto tu!
PAPAGHENO
Sempre zitto, sempre zitto zitto tu!
DAME
la Regina presso a voi
Nel tempio gi vuol penetrar.
PAPAGHENO
Chi, che? Verr nel tempio qui?
TAMINO
Zitto, dico, zitto tu!
Vuoi tu ancora qui ciarlando,
Il divieto infranger tanto!
DAME
Tamino odi, sei perduto.
Alla Regina pensa ancor!
E si sussurra e gi si dice
Del tempio tuo la falsit.
TAMINO
Un saggio sa, distinguer pu
Il vero dalla falsit.
DAME
Chi giura al tempio fedelt
Nellinfernal sprofonder.
PAPAGHENO
E alla malora, alla malora,
Alla malora, che cos?
D, su Tamino quest ver?
26

TAMINO
Di donne ciance queste son,
Dipocrisia, di falsit.

DAME
Ahim! Ahim! Ahim!
(sprofondano nella botola)

PAPAGHENO
Ma la Regina dice che

PAPAGHENO
Ahim! Ahim! Ahim!
(cade a terra)

TAMINO
donna e tal il suo pensier!
E zitto, su! Ti basti ormai!
Pensa al dover, e saldo sta!
DAME
Perch sei tu cos crudele
Tu Papagheno, dai, su parla!
PAPAGHENO
Ben lo vorrei, ma

PAPAGHENO
Tamino!

DONNA
S, angelo mio.

TAMINO
Sst!

PAPAGHENO
Tutto qui? Dimmi, bellezza daltri tempi, e
cos che trattate gli ospiti da queste parti?

PAPAGHENO
Vorrei ma non si pu

TAMINO
Sst!

TAMINO
No!

PAPAGHENO
Non posso neanche parlare da solo?
Parliamo in due, allora.
Rispondi tu ai miei fischi.

TAMINO e PAPAGHENO
Dovete andar s vergognose
Con lor parlar nessun vorr.
TUTTI
Un uom di ferma volont
Rivela sempre il suo pensier!
CORO
Violate le porte del tempio
Scacciate le donne allInferno

Scena V
La Vecchia, Papagheno
PAPAGHENO
per me?

PAPAGHENO
Bella vita davvero! Rivoglio la mia capanna e miei boschi!

DAME
Dobbiamo andar s vergognose
Con noi parlar nessun vorr.
(Le tre dame fanno per andare)

Che sete questa gente non ti d nemmeno


una goccia dacqua, figurati il resto.

Scena iV
Tamino, Papagheno

TAMINO
No!

PAPAGHENO e TAMINO
Ch non possio/puoi tu cos parlare
una disgrazia, s, per me/te.

Un bacio, uno sol, chieder,


E sano per sempre sar.

O sposa o morosa
Vuol Papagheno, s!
Oh dolce colombella
felice fammi qui!
Mi piace mangiare e trincare
E posso coi principi andare.
La vita da saggio vorrei
beato e contento sarei.
O sposa o morosa
Vuol Papagheno, s!
Oh dolce colombella
felice fammi qui.
Nessuna di queste fanciulle,
amore mi pu donar dunque
aiuto a chi mai chieder,
cos infelice morr
O sposa o morosa
Vuol Papagheno, s!
Oh dolce colombella
felice fammi qui.
Se amore nessuna regala
La fiamma dardore mi ammala.

DONNA
Certo, angelo mio.
PAPAGHENO
Ci credo. Vieni, vecchina, siediti qui, vicino
a me. Oggi il tempo non passa mai.
Dimmi un po, quanti anni hai?
DONNA
Diciottanni e due minuti.
PAPAGHENO
Che giovane angioletto!
E il fidanzatino ce lhai?
DONNA
Certo che ce lho.
PAPAGHENO
Devessere un amore. E il suo nome?
DONNA
Papagheno.
PAPAGHENO
Va l, pazzerella.
DONNA
Se prometti di essermi sempre fedele,
vedrai con quanta tenerezza ti amer la
tua sposina...
27

PAPAGHENO
Piano, piano, non correre, angelo caro.
Prima di un passo simile, bisogna pensarci
bene.
DONNA
Ascolta, Papagheno, non starci a pensare
troppo. La tua mano, o starai per sempre
in questa prigione.
PAPAGHENO
Qui?
DONNA
Dovrai vivere a pane e acqua, senza amici
n amiche, rinunciando a tutto.

PAMINA
Madre, egli non appartiene pi al mondo e
agli uomini.
REGINA
Infelice figlia, dunque perduta per sempre!
PAMINA
Perch perduta, mamma? Madre cara,
Sarastro uomo saggio.
TERZA DAMA
Scandalo! Non puoi difendere questi barbari, non devi amare uno di loro.
REGINA
Prendi questo pugnale, per Sarastro.

PAPAGHENO
Bere solo acqua? Rinunciare a tutto? No,
meglio la vecchia che niente. Qua, ecco la
mia mano. Giuro di esserti sempre fedele
(tra s) finch non ne adocchio una pi
bella.

PAMINA
Ma, madre cara...

DONNA
Lo giuri?

REGINA E TERZA DAMA


Zitta!

PAPAGHENO
S, lo giuro
(la donna si trasforma in una giovane vestita come Papagheno)
Pa... Papaghena... la mia Papaghena!
(fa per abbracciarla).
Scena Vi
Pamina, Regina, Dame
PAMINA
Mamma!
REGINA
Non toccarmi!
PAMINA
Madre! Madre!
REGINA
Dov il giovane che ho mandato
a salvarti?
28

TERZA DAMA
Uccidilo e ridarai a tua madre il potere.

REGINA DELLA NOTTE


Astrifiammante arde di vendetta!
Morte e sterminio,
Colmano il mio cuor.
Se questo acciar Sarastro non ferisce
No, non sarai tu figlia pi per me!
Scacciata s, per sempre,
Per sempre abbandonata,
Perduta e disprezzata,
e il mondo fuggirai.
Scacciata, perduta, disprezzata
E il mondo fuggirai, fuggirai,
tutto il mondo fuggirai!
Se tu non vuoi Sarastro alfin colpire
Va, va, va! La vendetta
va or va compir!
Scena Vii
Tamino, Pamina
(Tamino appare suonando il flauto)
PAMINA
Tamino! Ma che hai, sei triste? Non dici

nulla alla tua Pamina?


(Tamino sospira e le fa cenno di andarsene)
PAMINA
Vuoi che me ne vada? Non mi ami pi?
(Tamino sospira)
PAMINA
Ti prego, non ferirmi. Sono venuta a cercare conforto e aiuto e tu mi respingi. Non
mami pi?
(Tamino sospira)
PAMINA
Ah fuggir, svanir per sempre,
Ah, damor le gioie e i d.
Di piacer le dolci ore
Quando al cuore torneran?
S, Tamino il mio pianto
Per te solo sgorgher.
Nostalgia, damor rimpianto
Solo morte calmer.
Scena Viii
Sarastro
SARASTRO
La luce e la tenebra si sono incontrate.
Mondi diversi, lingue sconosciute.
Morte sembra essere lunica parola chiara.
Eppure da qui pu nascere larmonia.
Il cammino arduo; molte le prove.
Per giungere alla pace.
Scena iX
Pamina, Tamino, Armigeri
ARMIGERI
Chi questa strada seguir
Di gravi pene
Purezza avr da fuoco acqua e terra.
E se sfidar potr la morte e il timor
Per lui la terra come il ciel sar.
La verit sol nella luce avr
E della notte il velo egli sperder.
Colei che morte pu sfidar,

degna ed il sol vedr.


PAMINA
Tamino mio, qual gioia alfin!
TAMINO
Pamina mia, qual gioia alfin!
Di qua lorribil porta
minaccia morte ognor.
PAMINA
In mezzo alla sventura.
Al fianco tuo sar.
Ed io ti guider.
Lamor ci guider!
Di rose sapre a noi il cammin
Ma spine pur le rose han.
Il flauto magico suona tu,
E ci protegger ancor!
Un d di magico mistero, mio padre
Dalle nere fronde
Di quercia antica lo tagli
Fra lampi e tuoni di terror.
Or vieni e suona il flauto tu,
Ci guider sul nostro cammin.
TAMINO e PAMINA
Ed al poter del flauto andiam,
Ma lieti in buia notte mortal.
ARMIGERI
Ed al poter del flauto andran,
Ma lieti in buia notte mortal.
TAMINO e PAMINA
Andammo fra le fiamme ardenti,
Sprezzammo forti il timor!
Nellacqua il flauto ci protegga,
S come nelle fiamme or or.
La luce splende or per noi
A noi donata alfine fu!
Scena X
Papagheno, poi i tre fanciulli
PAPAGHENO
Papagheno! Papaghena!
Sposa, cara, amorosa.
Invano ah, e lho perduta!
29

Io sono nato sfortunato.


E chiacchiera, chiacchiera
E questo mal!
Ed ora piango e ben mi sta!
Da che il vino io provai,
Da che la bella incontrai,
Brucia nel cuor un pizzicor
Pizzica qui, pizzica l!
Papaghena, mia morosa
Papaghena, cara sposa!
No non va, lho gi perduta.
Stanco sono della vita.
Il morir concluder
Dellamor le avversit.
Ecco dove destinato
Il mio collo da impiccato,
Ch la vita mingann,
Buona notte, me ne v!
Con me perfida sei stata,
N una sposa mi hai trovata.
Resto qui... e morir!
A me pensa, bella, un po!
Vuol salvarmi una sola,
Prima che io penda e muoia?
Per sta volta accetter!
Dica sol, un s o un no!
Tutte sorde, tutte zitte,
Tutte, tutte zitte?
Dunque quello che volete?
Papagheno forza dai
Qui finisce e te ne vai!
Ma aspetta un po, e s
Aspetta un po
Ora conto: un due tre!
Uno, due, tre!
E cos io me nandr
Ch nessun qui mi ferm.
Buona notte al sognator!
TRE FANCIULLI
Che fai? Che fai?
O Papagheno cosa fai?
Vivi una volta
E pi non torni mai!
PAPAGHENO
Ben voi parlate e scherzate,
Ma se in voi ardesse un cuore
Vi lagnereste poi damor.
TRE FANCIULLI
E fai suonar il carillon, dai!
30

E la morosa qui ti appare!


PAPAGHENO
Che sciocco ad essermi scordato
Il carillon che fatato.
O campanelli su trillate,
E la morosa venga qua!
Trilla, campanello,
Bella vieni qua!
Trilla campanello,
Vien accanto a me!
TRE FANCIULLI
Su Papagheno guarda qua!
PAPAGHENO e PAPAGHENA
Pa pa pa pa pa
PAPAGHENO
Sei tu ora tutta mia!
PAPAGHENA
Sei tu ora tutto mio!
PAPAGHENO
Ora sei la mia colomba.
PAPAGHENA
Ora son la tua colomba.
PAPAGHENO e PAPAGHENA
Quale gioia per noi
Se gli Dei ci voglion bene.
Tanti bimbi noi faremo
Tanti bimbi in quantit,
Noi farem, noi farem
Faremo bimbi in quantit
Ecco un primo Papagheno,
Ecco una bella Papaghena,
Ecco un altro Papagheno,
Ecco unaltra Papaghena,
Papagheno, Papaghena!
E che felici e che contenti
Se tanti tanti Papagheno
I genitori festeggeran!
CORO
forte lamore!
E premio sar
Bellezza, saggezza
Per leternit.

caRlo tENaN - Direttore


Nato nel 1969, si diplomato in oboe, pianoforte ed in direzione dorchestra, perfezionandosi in seguito con Hans Elhorst,
Franco Scala, e in composizione con Claudio Scannavini. Dal
1989 al 2004 ricopre la carica di primo oboe al Teatro Comunale di Bologna, collaborando, inoltre con la Filarmonica della
Scala di Milano. In seguito si dedica assiduamente alla direzione dorchestra perfezionandosi con Gustav Kuhn, Jansug Kakhizde e Daniele Gatti. Nel 2002 risulta unico italiano tra i finalisti del primo concorso internazionale per direttori dorchestra
Maazel/Vilar : qui viene notato da Lorin Maazel che lo sceglie
come preparatore ed assistente in occasione di alcuni concerti tenuti dallOrchestra Filarmonica Toscanini, con cui ha collaborato pi volte. Ha diretto I Filarmonici di Bologna, lOrchestra Sinfonica di Lecce, lOrchestra Filarmonica Marchigiana, lOrchestra del Teatro Comunale di Bologna, I Virtuosi Italiani con il
Coro Ars Cantica, lOrchestra da camera di Padova e del Veneto,
lOrchestra Sinfonica Siciliana, lOrchestra Sinfonica del Maggio Musicale Fiorentino. In veste di assistente, ha partecipato ad alcune produzioni dirette da Mtislav Rostropovitsch (Orchestra Teatro Comunale Bologna), Lorin Maazel (Filarmonica Toscanini di Parma). Ha recentemente diretto al Duomo di Bologna la Messa in do minore di Mozart con lOrchestra e Coro del Teatro Comunale di Bologna, replica di
un concerto diretto dal Mo. Neville Marriner, che lo ha accolto con grande soddisfazione.
cRiStiNa PiEtRaNtoNio - Regista
Dopo essersi laureata con lode in materie letterarie a Bologna, ha
studiato come direttore di scena ed assistente alla regia a Venezia
e Milano, diplomandosi inoltre in canto a Verona. Ha lavorato
come assistente alla regia, direttore di scena e maestro collaboratore presso diversi enti e teatri italiani, quali il Teatro Comunale
di Ferrara, il Rossini Opera Festival di Pesaro, lArena di Verona,
collaborando con artisti quali Claudio Abbado, Johnathan Miller,
Franco Zeffirelli, Giuliano Montaldo, Denis Krief, Dario Fo. Ha
inoltre affiancato come aiuto regista Maurizio Nichetti, Tonino
Conte, Ugo Chiti, nelle loro incursioni nella regia operistica. Dal
1995 al 2001 stata consulente per la Stagione Lirica del Centro
Servizi Culturali S. Chiara di Trento ed attualmente vi segue i
progetti di formazione del pubblico. Ha recentemente avviato
una collaborazione per un progetto di spettacoli lirici ed inerenti azioni didattiche sul territorio con il Coordinamento Teatrale
Trentino. Come regista ha firmato nuovi allestimenti per il Teatro Vittorio Emanuele di Messina, la Fondazione Arena di Verona, il Teatro Sociale di Trento, il Teatro
Comunale di Modena, il Teatro dellOpera di Stato di Smirne. I titoli sino ad ora affrontati, oltre a numerosi concerti-spettacolo ed alle prime assolute di Teatramanti di
Giannantonio Mutto, Messer Lievesogno di Carlo Galante, Nevebianca di Marco Betta
sono: La Serva padrona di Pergolesi, La Dirindina di Scarlatti, Limpresario delle Canarie di Martini, Bastien und Bastienne e Le nozze di Figaro di Mozart, Il Barbiere di
Siviglia di Rossini, Rita di Donizetti, Rigoletto e La Traviata di Verdi, La Bohme e
Tosca di Puccini, The Golden Vanity di Britten, Il Segreto di Susanna di Wolf Ferrari,
Il Telefono di Menotti.
32

KEllY mcclENDoN - Soprano


Si laureata in canto lirico alla Texas Tech University con Mary
Gillas, seguendo i corsi di danza e drammaturgia con John Gillas. Nel periodo statunitense ha cantato i ruoli di Adina (LElisir
dAmore), Monica (The Medium), Mabel (The Pirates of Penzance
di Gilbert e Sullivan), Madam Silberklang (LImpresario Teatrale),
oltre a Adele (Il Pipistrello) allOpera Del Llano.Dopo aver vinto
una borsa di studio della Fondazione Plum in Calilfornia nel
1998, stata invitata in Germania presso il Teatro Statale di Kassel, per interpretare i ruoli di Blumenmaedchen (Parsifal) e di Jane nel musical Chess di B. Andersson
& B. Ulvaeus. Dal 2002 vive in Italia, dove ha studiato a Cesena con Carla Chiara,
perfezionandosi poi con Katia Ricciarelli, Christian Papis, Bernhard Lang e William
Matteuzzi. Il suo repertorio comprende ruoli quali Amina (La Sonnambula), Gilda
(Rigoletto), Olympia (I racconti di Hoffmann), Lakm, Les mamelles di Tirsias di Poulenc, La Regina della notte (Il Flauto Magico), Cunegonda (Candide ). Vincitrice del
Concorso Nazionale di esecuzione musicale Riviera Etrusca a Piombino e del Concorso Nazionale Dino Caravita a Fusignano, svolge intensa attivit concertistica in
Italia e allestero con repertori lirici e cameristici.
JuliJa SamSoNoVa - Soprano
Ventitreenne, nata in Lituania dove ha conseguito il diploma in
direzione corale a Vilnius, studiando in seguito a Pesaro, con il
mezzosoprano Evghenia Dundekova e frequentando degli stages
allAs.Li.Co con Tiziana Fabbricini, Giuseppe Sabbatini, Robert
Kettelson e Giulio Zappa. Si distinta in diversi concorsi a Vilnius, Minerbio, e nel 2005 idonea del 56 Concorso As.Li.Co.
per il ruolo di Susanna (Le Nozze di Figaro). Le sue prime esperienze professionali avvengono nel 2001 in Lituania dove interpreta la parte di Bess
(Porgy & Bess) con lOrchestra e il Coro della Accademia Nazionale della Musica di
Vilnius, proseguendo la sua attivit concertistica in Italia. Nel 2005 interpreta il
ruolo di Gilda (Rigoletto) a San Marino, canta la Heiligemesse di J. Haydn con il Coro
Filarmonico di Pesaro e lOrchestra Sinfonica di Pesaro diretti da Patrick Doumang.
Al Rossini Opera Festival, debutta il ruolo di Corinna (Il Viaggio a Reims) con lAccademia Rossiniana diretta da A. Zedda.
alESSia NaDiN - Mezzosoprano
Ventiquattro anni, Alessia Nadin ha studiato al Conservatorio di
Venezia con il mezzosoprano Stella Silva e si perfezionata con
Maurizio Arena. Nel 2003 ha debuttato a Venezia al Teatro dellArsenale nel ruolo di Apollonia (La Canterina di Haydn) e nel
ruolo di Lisetta (Il Caff di Campagna di Galoppi, a Ca Rezzonico). Nel 2004 finalista al Concorso Comunit Europea per
giovani cantanti lirici di Spoleto. Ha cantato nel ruolo di Ines (Trovatore a Pordenone), Livietta (La partenza e il ritorno dei marinai di galoppi) e Zayda (Don Sbastien,
concerto conferenza al Teatro Donizetti di Bergamo), Giovanna (Rigoletto per il Circuito Lirico Lombardo). Tra i prossimi impegni: Stabat Mater di Pergolesi ad Ostrava, Requiem di Mozart a Gorizia.

33

alESSaNDRo luciaNo - Tenore


Nato a Roma nel 1980, inizia gli studi pianistici allet di otto
anni con la concertista bulgara Assia Varbanova, ma successivamente scopre la sua predisposizione al canto ed inizia gli studi
sotto la guida di Romualdo Savastano, perfezionandosi di recente con Giuseppe Sabatini e Robert Kettelson. Si diploma presso
lAccademia Nazionale dArte Drammatica di Roma, iniziando
unintensa attivit teatrale che lo porta nei maggiori teatri italiani con opere di Pirandello, Aristofane, Plauto, Beckett, Cechov. Nel 2000 ha cantato
allAccademia di S. Cecilia nei Gurrelieder di Schoenberg, con il Coro e lOrchestra
di Santa Cecilia diretti da M.W.Chung. Partecipa nella duplice veste di tenore e voce
recitante a Le Voci della Scena di Andrea Moretti a Prato. Successivamente interpreta lOde a Napoleone Bonaparte op.41 di Schoenberg, con lOrchestra Regionale di
Roma e del Lazio, diretta da Lu Jia, presso lAuditorium-Parco della Musica di
Roma, dove canta anche ne Il Mistero del Corporale di Alberico Vitalini. Nel 2004 a
Prato interpreta il ruolo di Ecclitico (Vado, vado, volo, volo Da Gorgonia alla Luna
di Haydn). Nel 2005 ha interpretato i ruoli del Principe (LAmore delle tre melarance di Prokofev) e Don Chisciotte (Don Chisciotte di Paisiello-Henze), oltre che di Don
Basilio e Don Curzio (Le nozze d Figaro per il Circuito Lirico Lombardo).

gRuPPo StRumENtalE DE
i PomERiggi muSicalE Di milaNo

gaBRiElE D. g. BollEtta - Basso


Nato a Torino nel 1979, ha iniziato giovanissimo gli studi del
canto, debuttando nel 1996 nel ruolo di Colline (La bohme).
Fino al 2001 ha collaborato con la Compagnia Lirica Piemontese per la messa in scena di Tosca, Don Pasquale, e Nabucco, svolgendo attivit concertistica come solista in Piemonte. Dal 2001
al 2002 ha collaborato con lEnsemble Coro Euphon, costituito
da elementi del ex Coro Nazionale della Rai di Torino per lesecuzione di opere di
Brahms, Rossini, Palestrina e Vivaldi. Nel 2003 interpreta Oroveso (Norma) sotto la
direzione di Achille Lampo nel Teatro Civico Superga di Nichelino. Nel frattempo,
portando avanti gli studi scientifici, consegue una laurea in fisica a Torino con una
tesi di cibernetica. Dal 2003 collabora con lAssociazione Lirica Orpheus svolgendo
intensa attivit concertistica. Nel 2004 gli stato conferito presso il Conservatorio di
Torino il premio Club Lirico Amici di R. Bruson, quale migliore promessa torinese.
Nel 2005 ha partecipato a Lamore delle tre melarance di Prokofev nellambito del
progetto Opera domani dellAs.Li.Co., interpretando il re e la cuoca Creonta. Attualmente si sta perfezionando sotto la guida della signora Aida Claretto Prestia.

Flauto
alessandro longhi

alESSio PotEStio - Baritono


Nato a Roma nel 1977, studia con Paolo Silveri e si diploma in
canto al Conservatorio di S. Cecilia, dove studia parallelamente
composizione sperimentale. Prosegue attualmente lo studio del
canto con il baritono Roberto Frontali. Nel 2003 debutta nel
ruolo di Pancrazio (Lavaro di Gasparini, Festival Internazionale di Sarre). Si distingue in diversi concorsi nazionali ed internazionali (Citt di Bacoli, As.Li.Co., Anselmo Colzani, Orvieto, Mario Lanza). Recentemente stato selezionato per il ruolo di Don Alvaro (Il viaggio a Reims dellAccademia Rossiniana di Pesaro). Tra i prossimi impegni: Happy (Fanciulla del West a Genova), Sid (Fanciulla del West a Palma de Majorca) e La lupa di Marco Tutino per il
Teatro Sociale di Rovigo.
34

Violini
carmelo Bisignano
larisa aliman
alberto martinelli
carlo D'alessandro
Elena Bassi
Viole
cecilia musmeci
Sandro mascaro
Violoncello
Eliana gintoli
Contrabbasso
luciano molteni

Oboe
Domenico lamacchia
Clarinetto
Riccardo maffeis
Tromba
ghiotti
Corno
fabio chillemi
Fisarmonica
augusto comminesi
Percussioni
antonio Scotillo

35

l 26 aprile
1994 l'Ingegnere Guglielmo Moscato, Presidente
dell'Agip, ha consegnato simbolicamente alla citt di Crema, nelle mani
del Sindaco, Cesare Giovinetti, l'ex
Chiesa di S. Domenico riportata all'antico splendore.
L'intervento dell'Agip nel restauro
del monumento riflette l'attenzione
che la Societ dedica ai problemi ed
alla vita del territorio nel quale opera
e del quale, valorizzandone le risorse
energetiche, non manca di apprezzare il patrimonio storico, artistico,
culturale ed ambientale.
Il giorno 27 novembre 1999 la citt
di Crema ha inaugurato il suo nuovo
Teatro. durato oltre sessant'anni il
desiderio di veder ricostruita una
nuova sala: ora finalmente la citt si
dotata di un teatro, il quinto di una
lunga serie. Collocato nel cuore del
centro storico, entro un complesso
architettonico storico-culturale di
grande significato, il Teatro non mancher di suscitare, alimentare ed accrescere la grande sensibilit musicale, vocale, rappresentativa di questa
nostra citt e di tutto il suo territorio.

TEATRO DELLA SOCIETA' DI LECCO

TEATRO SAN DOMENICO DI CREMA

TEATRO fuMAGALLI DI vIGhIzzOLO - CANT


36

l Teatro Fumagalli (gestito dalla


Pa r rocc hia
SS.AA. Pietro e
Paolo di Vighizzolo di Cant) stato
inaugurato nel maggio del 1962, poi
ristrutturato allinizio degli anni 90.
Dal 1995 lattivit del Fumagalli si
particolarmente distinta con la programmazione di stagioni teatrali di
prosa (ospitando artisti prestigiosi),
rassegne cinematografiche per ragazzi e famiglie, concerti e altre manifestazioni culturali.
Il Teatro gestito da un gruppo di
volontari che si occupa dalla programmazione e della gestione generale; grazie alla passione di questo
gruppo, il Teatro Fumagalli ha creato
una propria precipua identit culturale.

l Teatro della Societ, progettato


dall'architetto
Giuseppe Bovara, secondo lo stile
neoclassico, fu inaugurato il 23 ottobre
1844, con l'opera Anna Bolena di Gaetano Donizetti.
L'edificio fu costruito, su richiesta di
un ristretto numero di famiglie, appartenenti alla nobilt e all'alta borghesia
cittadina, ma da subito aperto a tutta la
cittadinanza come testimonia l'aggiunta del "loggione" voluta dalla "Societ
per l'erezione di un Teatro, a maggior
comodo, e minor spesa di quella classe
del Popolo, a cui possa sempre meglio
agevolare l'ingresso alli spettacoli sotto
la vista del pubblico, che lasciarla notturnamente vagare nelle appartate taverne".
Attualmente il Teatro il risultato di
una serie di interventi di ampliamento, ristrutturazione e restauro fra i
quali sono da segnalare l'aggiunta dell'ala sinistra, realizzata nel 1884, su
progetto dell'ingegner Riccardo Badoni, con varianti apportate dall'ingegner
Attilio Bolla; il restauro, con l'eliminazione della veranda del caff e l'abbattimento dell'abside, su progetto dell'architetto Gianni Rigoli, ultimato nel
1969, l'affresco della volta, eseguito
nel 1979 da Orlando Sora e i lavori di
adeguamento tecnologico e di manutenzione straordinaria effettuati dall'Amministrazione Comunale, nel
1986-87 e nel 1994-95.
Dal 1984, il Teatro gestito direttamente dal Comune e propone una stagione ricca di rassegne, prosa, sinfonica, per le famiglie, opera e operetta,
teatro e musica di Lombardia, musica
jazz e popolare, teatro di ricerca e laboratori teatrali.

l Cortile del
settecentesco
Palazzo Municipale fu adibito a
Teatro Estivo per la
stagione lirica del 1929. Aveva una
capienza di 1500 posti a sedere.Vi furono rappresentate, fino allo scoppio
della seconda Guerra Mondiale, le
maggiori Opere con interpreti di
fama nazionale. Il pubblico proveniva
dai vari centri dell'Italia Settentrionale per assistere alla Tosca, al Lohengrin, alla Bohme con il soprano Rosetta Pampanini, al Rigoletto, all'Aida,
alla Carmen, alla Butterfly con il soprano giapponese Tinay Arellano, al Trovatore, alla Gioconda, alla Forza del Destino, alla Traviata, con molteplici rappresentazioni in ogni stagione.
Oggi, con il restauro di tutto il Palazzo, si riprende la tradizione.
Palazzo Bonazzi un edificio improntato a grandezza artistica: la pianta
generale, la presenza di marmi e di
colonne, lo spessore dei muri, la pavimentazione in cotto e in mosaico
alla veneziana, gli affreschi delle varie
sale, la facciata in pietra a vista rendono sontuoso l'edificio costruito dal
1783 al 1797. Il Cortile, su un lato, si
apre su un giardino all'italiana, definito da una cinta muraria con griglie
di mattoni.
Il Teatro estivo affianca il Teatro Sociale, inaugurato il 1 ottobre 1839
con due opere liriche: Norma e Bolisano.

TEATRO SOCIALE DI STRADELLA

CORTILE DEL PALAzzO MuuNICIPALE DI OSTIGLIA

TEATRO SOCIALE BONORIS DI MONTIChIARI


38

interno
del Teatro Sociale di
Montichiari proviene dalla demolizione del Teatro
Arnoldi di Mantova che ebbe vita
brevissima e a due anni dallapertura, per varie vicissitudini, dovette
interrompere la propria attivit.
Gli interni del teatro recuperati furono utilizzati per il Teatro Sociale
di Monticchiari.
I parapetti dei palchi e delle logge
sono modellati e dorati da Giovanni
Rossini, artista di grande ingegno
ed autore di altri pregevoli lavori
nel mantovano.
In origine il teatro fu una donazione
del banchiere Bonoris che desiderava ingraziarsi lamministrazione per
poter entrare in possesso dellantica
rocca comunale e farne la propria
signorile dimora. Il 18 ottobre 1890
il Teatro Sociale fu inaugurato con Il
Trovatore di Giuseppe Verdi.

ostruito tra il
1846 e il
1849 dalla
"Societ del
teatro" (tra i cui promotori figuravano Agostino Depretis e
il conte Arnaboldi Gazzaniga), su progetto dell'architetto Giovanbattista
Chiappa, il Teatro Sociale di Stradella
venne inaugurato nel 1850. La sede
del teatro occupa la parte centrale di
un sobrio edificio neoclassico di grandi dimensioni con facciata intonacata e
marcapiani. La facciata, concepita per
essere vista dalla piazza, tripartita,
con la parte centrale lievemente rientrante e arricchita da un balconcino a
balaustrini. Notevole il portale d'ingresso con sovrastante bassorilievo in
pietra con maschere e strumenti musicali a fianco di una lira centrale. Il
teatro organizzato con atrio d'ingresso (da cui dipartono le due scale a
rampe curve che portano ai corridoi
d'accesso ai palchi), platea a forma di
ferro di cavallo e palcoscenico al piano
terreno, tre ordini di palchi con balconate di legno e il loggione. Originariamente la platea era chiusa in alto da
una cupola decorata, demolita nel
1910, per costruire, su progetto dell'architetto milanese Cesare Brotti, il
terzo ordine di palchi e il loggione. Il
soffitto impreziosito da un grande
rosone di stile neoclassico. Il ridotto si
trova all'altezza della seconda fila di
palchi. Questi ultimi sono 44, tanti
quanti erano all'origine i soci della
"Societ del teatro", proprietari fino
al 2002 dell'immobile, le cui quote
sono state ormai interamente rilevate
dal Comune. Il Teatro possiede un prezioso sipario dipinto dal milanese Felice De Maurizio nel 1844, che raffigura episodi dei Promessi Sposi.

calendario
Montichiari
Cant
Lecco
Crema
Stradella
Ostiglia

Teatro Sociale Bonoris


Teatro Fumagalli
Teatro della Societ
Teatro S. Domenico
Teatro Sociale
Cortile Palazzo Municipale

pocketOpera
la lirica tascabile

i n F o r M A z i o n i
CANT
CREMA
LECCO
MONTICHIARI
OSTIGLIA
STRADELLA

031.270170
0373.85418
0341.271870
030.961115
0386.302537
0385.249238

www.lombardiacultura.it

Redazione Lisa Navach - Grafica JDB - Stampa Elegraf Milano

16 dicembre
20 dicembre
11 gennaio
27 gennaio
30 aprile
3 giugno