Sei sulla pagina 1di 15

SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI

DT-0002/6

GUIDA AL CALCOLO DELLA RIPETIBILIT DI UN METODO DI PROVA ED ALLA SUA VERIFICA NEL TEMPO

INDICE parte sezione pagina

Introduzione 2 Calcolo della ripetibilit 2 Verifica della ripetibilit nel tempo 3 Esempio di verifica della ripetibilit 6 PROVE NEL SETTORE MECCANICO E TESSILE. 12 Calcolo della ripetibilit. 12 Verifica della ripetibilit nel tempo. 12 LA RIPETIBILIT NEL SETTORE ELETTRICO 14 Prove con verifiche di caratteristiche espresse in termini di variabili14 Prove con verifiche di caratteristiche espresse per attributi 15

REVISIONE 0 DICEMBRE 2007

Pag. 1 di 15

DT-0002/6 * GUIDA AL CALCOLO DELLA RIPETIBILITA


Introduzione

Lesecuzione della prova in doppio viene richiesta dalla norma, per verificare che la ripetibilit di una prova rientri nel limite di ripetibilit dichiarato dal laboratorio o indicato dalla norma pertinente. Si rammenta inoltre che la dispersione dei risultati di misurazioni ripetute, ovvero lo scarto tipo di ripetibilit, fornisce generalmente contributi significativi allincertezza da associare al risultato. Il limite di ripetibilit espresso in termini di scarto tipo di ripetibilit al livello considerato e deve essere determinato mediante un sufficiente numero di ripetizioni della prova. Il limite di ripetibilit deve essere valutato a diversi livelli allincirca equidistanti nellintervallo di applicazione di un metodo. Il trattamento analitico dei dati possibile quando il risultato della prova espresso in termini quantitativi. La ripetibilit deve essere calcolata e verificata periodicamente per le caratteristiche espresse come variabili (modalit quantitative) caratterizzate da distribuzioni approssimativamente normali o unimodali. Non si applica alle caratteristiche espresse come attributi: esami visivi, giudizi soggettivi, prove passa / non passa. In questi ultimi casi al laboratorio si richiede di effettuare una stima di ripetibilit sulle grandezze di ingresso/stimolo.
Calcolo della ripetibilit

Dopo aver scelto il numero delle prove da eseguire al livello di interesse, averle effettuate, aver controllato lattendibilit dei risultati ottenuti, aver scartato quelli considerati anomali (outliers), il laboratorio pu procedere allelaborazione dei dati ritenuti validi calcolando la stima, sr , dello scarto tipo ! r , il parametro indice della dispersione della distribuzione della variabile normale a cui sono associati i 2 risultati stessi e la stima della varianza, sr . Siano: x1 , x2 , x3 , K xi , K , xn , i valori degli n risultati validi, di cui x la media aritmetica. La miglior stima di ! r data dalla seguente formula : !
n i

sr =

" (x ! x )
i =1

n !1

(1)

La stima della varianza di conseguenza data da:


n

sr2 =

" (x ! x)
i i =1

n !1

(2)

REVISIONE 0 DICEMBRE 2007

Pag. 2 di 15

DT-0002/6 * GUIDA AL CALCOLO DELLA RIPETIBILITA


Prima di procedere oltre, occorre verificare che sr sia compatibile con ! r ; il valore di questultimo generalmente riportato dal metodo normato adottato, oppure semplicemente pu essere il valore prefissato come obiettivo di ripetibilit del metodo in fase di sviluppo. In ogni caso, la verifica viene effettuata calcolando il rapporto sr ! r e valutando se il risultato ottenuto cade allinterno dellintervallo riportato in tabella 1 in corrispondenza del numero dei gradi di libert, v = n ! 1 . Sia, ad esempio, sr = 0,105 lo scarto tipo stimato da n = 10 risultati validi, ottenuti in condizioni di ripetibilit stretta e sia ! r = 0,087 il valore riportato dalla norma in esame. Risulta allora : (sr ! r )= 1,207 . Dalla tabella 1 si pu osservare che per
v = n ! 1 = 9 , lintervallo in cui deve essere compreso sr /" r va da 0,548 a 1,454. Si

pu quindi concludere che sr accettabile. Se, invece, dovesse risultare: sr > 0,087 " 1,454 = 0,126 oppure: sr < 0,087 ! 0,548 = 0,0477 , allora la qualit ! dei risultati non rispondente ai requisiti della norma o allobiettivo del progetto di metodo. Nel primo caso, sar !necessario riconsiderare il procedimento, fase per fase, ed apportare le appropriate azioni correttive; nel secondo caso, la cautela impone di fare la stessa indagine per assicurarsi di non aver trascurato o male interpretato qualche passaggio previsto dalla prova. Si deve, comunque, individuare una motivazione valida per giustificare una ripetibilit migliore di quella prevista: per esempio, luso di unapparecchiatura di misurazione con caratteristiche superiori a quelle prescritte dalla norma, una fase di estrazione o di purificazione condotta in condizioni pi rispondenti alla natura dellanalita in esame, ecc.

Verifica della ripetibilit nel tempo

Il laboratorio che ha ricavato sperimentalmente un valore adeguato per lo scarto tipo di un metodo, non pu ritenere che tale valore possa essere usato nel tempo senza alcun controllo. E necessario che venga stabilita una opportuna frequenza delle verifiche in base al tipo di impiego e alle caratteristiche del metodo. Con quale modalit deve essere eseguito il controllo? E quale criterio deve essere usato per giudicarne il risultato?

REVISIONE 0 DICEMBRE 2007

Pag. 3 di 15

DT-0002/6 * GUIDA AL CALCOLO DELLA RIPETIBILITA

La risposta alla prima domanda abbastanza semplice: la modalit meno onerosa in termini di tempo e di costi per il laboratorio. Questa modalit facilmente individuata nella esecuzione di una prova in doppio. Tuttavia, non si pu escludere che talvolta si renda necessario condurre pi di due prove. La risposta alla seconda domanda comporta la elaborazione di una o pi formule di confronto adeguate. A tale scopo, necessario tener presente che si devono confrontare due serie di dati: quella dalla quale stato ricavato lo scarto tipo al momento della convalida del metodo e quella ottenuta in sede di verifica di tale scarto tipo. Ci che si deve stabilire lequivalenza delle due dispersioni di dati. Per questo fine, si considerano le varianze delle due serie. Se entrambe le serie sono modellabili secondo variabili normali, allora il rapporto delle due varianze modellabile secondo la variabile Fp =1"! di Fisher. La funzione f Fp =1"! definita solo per Fp =1"! compresa tra 0 e + ! ed esiste una curva per ogni combinazione di v1 e v2 , essendo questi rispettivamente i gradi di libert della varianza al numeratore e della varianza al denominatore (una espressione di questa funzione si trova nella norma ISO 3534-1). 2 Nella costruzione del rapporto si pone la varianza attuale, sa , al numeratore e
2 quella precedente, sr , al denominatore. I valori di Fp =1"! pi comunemente usati sono riportati in tabella 3 per ! = 0,05.

E interessante notare che se v1 e v2 hanno valori molto alti (praticamente infiniti) il valore di Fp =1"! tende a 1, qualunque sia il valore di ! . Questo fatto riflette la considerazione ovvia che, idealmente, il massimo della compatibilit fra due varianze luguaglianza. Da queste considerazioni, discende la seguente formula, quale criterio per giudicare il risultato della verifica:
2 sa # Fp =1"! ;v1 ,v2 2 sr

(3)

REVISIONE 0 DICEMBRE 2007

Pag. 4 di 15

DT-0002/6 * GUIDA AL CALCOLO DELLA RIPETIBILITA


dove:
sa

lo scarto tipo attuale della serie di risultati ottenuti in sede di verifica; lo scarto tipo della serie dei risultati ottenuti in sede di

sr

convalida del metodo; p = 1 " ! il livello di probabilit prescelto (di solito ! = 0,05 ); v1 e v2 sono i rispettivi gradi di libert. E interessante sviluppare un caso particolare della formula (3). Se in sede di verifica, stata condotta una prova in doppio, allora: ( x1 ! x2 )2 2 sa = . 2 Sostituendo questa espressione nella formula (3), ed estraendo la radice quadrata positiva di entrambi i membri della stessa formula, si ottiene infine la seguente formula:

x1 ! x 2 # s r " 2 F p =1!% ;$ 1 =1,$ 2 = n !1


dove :

(4)

p = 1 " ! il livello di probabilit considerato (di solito p = 0,95 ); il grado di libert di sa v1 = 1 v2 = n ! 1 il numero dei gradi di libert di sr .
Si pu dimostrare che :
!

Fp =1!" ;#1 =1,# 2 = n !1 = t p =1!" ;v = n !1


Da cui si pu quindi scrivere la formula:

(5)

x1 ! x 2 # 2 " s r " t p =1!$ ;v = n!1 dove:


tp la variabile di Student (vedi tabella 2)

(6)

REVISIONE 0 DICEMBRE 2007

Pag. 5 di 15

DT-0002/6 * GUIDA AL CALCOLO DELLA RIPETIBILITA


Questa formula esprime il criterio di accettabilit per una prova in doppio. Infatti, il valore del secondo membro rappresenta il limite dellintervallo di ripetibilit per una prova in doppio nelle condizioni adottate. Naturalmente, se n molto grande (in pratica, n > 10 ) oppure sr = ! r perch si ritiene di poter impiegare lo scarto tipo riportato dalla norma in esame, allora nella formula (6) si pu sostituire t p con k p ed sr con ! r e cos si ottiene :

x1 $ x 2 # 2 " k p " ! r
dove: kp la variabile normale razionalizzata r lo scarto tipo di ripetibilit

(7)

E da notare che, siccome k p ! t p , quando ! r < sr il valore del limite dellintervallo di ripetibilit per una prova in doppio calcolato dal secondo membro della (7) inferiore a quello che si ricava dal secondo membro della (6). Quindi lutilizzo della formula (7) per giudicare laccettabilit di una prova in doppio di solito pi conservativo rispetto allimpiego della formula (6). Nota. Se risultasse:

2 # s r # t p = 0 , 95;" = n!1 < x1 ! x 2 $ 2 # s r # t p = 0 , 99;" = n!1 , si pu

concedere al laboratorio la possibilit di eseguire una terza prova in presenza dellispettore o in tempi immediatamente successivi ed inviare il risultato allispettore tecnico e al SINAL. Se i tre risultati considerati insieme soddisfano il criterio di equazione (3), allora si pu concludere che il laboratorio ha dimostrato una ripetibilit accettabile.
Esempio di verifica della ripetibilit

Si voglia verificare lattuale validit del grado di ripetibilit di un metodo per il quale a suo tempo era stato calcolato uno scarto tipo sr = 0,256 ricavato da n = 12 prove ( v = 11 ). La verifica stata condotta con 2 prove. I risultati ottenuti sono stati: x1 = 14,57 e x2 = 15,52 . La verifica pu considerarsi positiva, al livello di probabilit p = 1 ! " = 0,95 ? Applicando la formula (6) e la tabella 2 per v = 11 , si ottiene:

REVISIONE 0 DICEMBRE 2007

Pag. 6 di 15

DT-0002/6 * GUIDA AL CALCOLO DELLA RIPETIBILITA


x1 " x 2 = 0 ,95 > 2 ! s r ! t p =0 ,95;v =11 = 1,414 ! 0 ,256 ! 2 ,20 = 0 ,80
Il criterio espresso da questa formula non soddisfatto. Infatti, anche utilizzando la formula (3) e la tabella 3 con v1 = 1 e v2 = 11 , si perviene allo stesso risultato:
2 sa = (0,95)2 2 = 0,45125
2 sr = (0,256 )2 = 0,065536

2 sa = 6,88 > Fp =0,95;v1 =1;v2 =11 = 4,84 = (2,20 )2 2 sr

Tuttavia, tenendo conto del livello di probabilit del 99%, si ottiene: x1 " x 2 = 0,95 < 2 ! s r ! t p = 0 , 99;# =11 = 1,414 ! 0,256 ! 3,11 = 1,13
In questo caso, al laboratorio concessa la possibilit di eseguire la terza prova nelle stesse condizioni di ripetibilit stretta con cui aveva lavorato per le altre due. Il risultato ottenuto : 14,98.

Si tratta ora di applicare la formula (3), dopo aver calcolato dai tre risultati: 14,57; 2 = 0,2270 e individuato in tabella 3 il valore di 14,98; 15,52, il valore di sa Fp = 0,95 = 3,98 corrispondente a v1 = 2 e v2 = 11 . Si ottiene cos:

2 sa 0,2270 = = 3,46 < Fp =0,95;v1 =2;v2 =11 = 3,98 2 sr 0,065536

Come si vede il criterio di accettabilit espresso dalla formula (3) soddisfatto. Quindi il laboratorio pu ritenere di essere nelle condizioni di ripetibilit stabilite. Se fosse stato deciso, dopo lesito negativo della verifica con le prime due prove, di eseguire altre due prove, invece di una, sempre nelle stesse condizioni di lavoro delle prime due, limpiego della formula (3) fornirebbe ancora il criterio di accettabilit richiesto con lavvertenza che il valore Fp =0,95;v1 =3;v2 =11 da considerare 3,59 che nella tabella 3 si trova in corrispondenza a v1 = 3 e v2 = 11 . In caso di esito negativo della verifica anche con tre o quattro prove, il laboratorio tenuto ad approfondire le diverse fasi del procedimento per scoprire i motivi della prestazione insufficiente.

REVISIONE 0 DICEMBRE 2007

Pag. 7 di 15

DT-0002/6 * GUIDA AL CALCOLO DELLA RIPETIBILITA


Riferimenti: Manuale UNICHIM 179/1:2001 - Linee guida per la validazione di metodi analitici nei laboratori chimici - Valutazione della precisione (ripetibilit stretta) di un metodo analitico eseguito in un unico laboratorio da un solo operatore su di un unico strumento in un breve intervallo di tempo

REVISIONE 0 DICEMBRE 2007

Pag. 8 di 15

DT-0002/6 * GUIDA AL CALCOLO DELLA RIPETIBILITA

Tabella 1 Limiti di fiducia minimi ( p = 0,025 ) e massimi ( p = 0,975 ) del rapporto ( s / ! )* in funzione dei gradi di libert v = n ! 1 , dove n il numero delle prove

v = n !1
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 15 20 25 30

Valore minimo

Valore massimo

p = 0,025
0,0316 0,160 0,268 0,348 0,408 0,454 0,491 0,522 0,548 0,570 0,589 0,646 0,692 0,724 0,748

p = 0,975
2,241 1,921 1,765 1,669 1,602 1,551 1,512 1,480 1,454 1,431 1,412 1,354 1,307 1,275 1,251

s lo scarto tipo stimato da n prove, ! lo scarto tipo effettivo.


I valori di s / ! sono calcolati dalla formula : s " = [ # 2 ( n $ 1)]
1 2

REVISIONE 0 DICEMBRE 2007

Pag. 9 di 15

DT-0002/6 * GUIDA AL CALCOLO DELLA RIPETIBILITA

Tabella 2 Valori della variabile di Student, t p , con v gradi di libert e per alcuni livelli di probabilit, p , per ciascun valore di v
Il prospetto si utilizza verificando che sia valida la relazione: t p =! / 2 # t p # t p =1"! / 2 oppure la relazione: t p # t p =1"! , dove t p il valore sperimentale ricavato dalla formula t p =
x " . sr / n

p =! /2
!

p = 1"! / 2
t p =0,90
6,31 2,92 2,35 2,13 2,02 1,94 1,89 1,86 1,83 1,81 1,80 1,78 1,77 1,76 1,75 1,75 1,74 1,73 1,73 1,72 1,71 1,70 1,70 1,68 1,68 1,68 1,66 1,64

p = 1"!
t p =0,95
12,71 4,30 3,18 2,78 2,57 2,45 2,36 2,31 2,26 2,23 2,20 2,18 2,16 2,14 2,13 2,12 2,11 2,10 2,09 2,09 2,06 2,04 2,03 2,02 2,01 2,01 1,98 1,96

v
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 25 30 35 40 45 50 100

t p =0,005 t p =0,025 t p =0,050 t p =0,950 t p =0,975 t p =0,995


63,66 9,92 5,84 4,60 4,03 3,71 3,50 3,36 3,25 3,17 3,11 3,05 3,01 2,98 2,95 2,92 2,90 2,88 2,86 2,85 2,79 2,75 2,72 2,70 2,69 2,68 2,63 2,58 12,71 4,30 3,18 2,78 2,57 2,45 2,36 2,31 2,26 2,23 2,20 2,18 2,16 2,14 2,13 2,12 2,11 2,10 2,09 2,09 2,06 2,04 2,03 2,02 2,01 2,01 1,98 1,96 6,31 2,92 2,35 2,13 2,02 1,94 1,89 1,86 1,83 1,81 1,80 1,78 1,77 1,76 1,75 1,75 1,74 1,73 1,73 1,72 1,71 1,70 1,70 1,68 1,68 1,68 1,66 1,64 +6,31 +2,92 +2,35 +2,13 +2,02 +1,94 +1,89 +1,86 +1,83 +1,81 +1,80 +1,78 +1,77 +1,76 +1,75 +1,75 +1,74 +1,73 +1,73 +1,72 +1,71 +1,70 +1,70 +1,68 +1,68 +1,68 +1,66 +1,64 +12,71 +4,30 +3,18 +2,78 +2,57 +2,45 +2,36 +2,31 +2,26 +2,23 +2,20 +2,18 +2,16 +2,14 +2,13 +2,12 +2,11 +2,10 +2,09 +2,09 +2,06 +2,04 +2,03 +2,02 +2,01 +2,01 +1,98 +1,96 +63,66 +9,92 +5,84 +4,60 +4,03 +3,71 +3,50 +3,36 +3,25 +3,17 +3,11 +3,05 +3,01 +2,98 +2,95 +2,92 +2,90 +2,88 +2,86 +2,85 +2,79 +2,75 +2,72 +2,70 +2,69 +2,68 +2,63 +2,58

t p =0,99
63,66 9,92 5,84 4,60 4,03 3,71 3,50 3,36 3,25 3,17 3,11 3,05 3,01 2,98 2,95 2,92 2,90 2,88 2,86 2,85 2,79 2,75 2,72 2,70 2,69 2,68 2,63 2,58

REVISIONE 0 DICEMBRE 2007

Pag. 10 di 15

DT-0002/6 * GUIDA AL CALCOLO DELLA RIPETIBILITA Tabella 3 Distribuzione della variabile di Fisher, F p=1"! , al livello di significativit ! = 0 ,05

REVISIONE 0 DICEMBRE 2007

Pag. 11 di 15

DT-0002/6 * GUIDA AL CALCOLO DELLA RIPETIBILITA

PROVE NEL SETTORE MECCANICO E TESSILE.


Calcolo della ripetibilit.

Se noto lo scarto tipo r, in quanto espresso dal metodo normato oppure quale valore prefissato come obiettivo di ripetibilit del metodo in corso di sviluppo (eventualmente derivante da circuiti interlaboratorio), il calcolo e la verifica della compatibilit della sua stima sr sono eseguiti secondo la presente guida. Se r non noto, il calcolo di una sua stima attendibile sr pu derivare da unattivit di misurazione ben caratterizzata e sotto controllo statistico che dia luogo ad una serie continua di misure indipendenti eseguite in condizioni di ripetibilit sul livello di interesse; la serie viene suddivisa in N sottogruppi formati da ni misure, di ciascuno dei quali sono calcolati lo scarto tipo e la varianza sperimentali (si, si2); applicando la formula: " i si2 # 2 sr = #" i dove i=ni-1, si ricava una stima cumulata della varianza che caratterizza la misurazione, che pu essere continuamente aggiornata aumentando N. Le carte di controllo risultano lo strumento pi adatto allo scopo. !
Verifica della ripetibilit nel tempo.

Si applica obbligatoriamente a caratteristiche espresse come variabili (continue o discrete) aventi distribuzioni approssimativamente normali (in pratica unimodali). Si effettua mediante una prova in doppio secondo la presente guida; per il calcolo si distinguono due casi, a seconda di quanto stabilito dal metodo di prova adottato: Metodo di prova che richiede una singola osservazione Lo scarto tipo sperimentale da utilizzare nelle formule (6) e (7) della presente guida relativo alla popolazione delle singole osservazioni e la differenza in valore assoluto da considerare la differenza tra due singole osservazioni. Metodo di prova che richiede lesecuzione di n osservazioni e lespressione del risultato come media Lo scarto tipo sperimentale da utilizzare nelle formule di cui sopra relativo alla popolazione delle medie di n osservazioni, per la quale risulta s sr = r n e la differenza in valore assoluto da considerare la differenza tra le due medie aritmetiche di due serie di osservazioni.

! Note 1. Linevitabile disomogeneit intrinseca del lotto/saggio legata al processo di fabbricazione o di provini/provette legata alla loro preparazione indissociabile dalla variabilit connessa con gli altri fattori e rimane perci inclusa nelle condizioni di ripetibilit.

REVISIONE 0 DICEMBRE 2007

Pag. 12 di 15

DT-0002/6 * GUIDA AL CALCOLO DELLA RIPETIBILITA


2. Leventuale criterio di verifica di buon funzionamento delle apparecchiature di prova, indicato in alcune norme come ripetibilit della macchina (ad esempio: durezza, resilienza, ecc.) non utilizzabile ai fini della presente Guida. 3. A scopo di controllo da parte del laboratorio, la verifica della ripetibilit pu applicarsi anche a caratteristiche del tipo passa/non passa, se risulta possibile, senza stravolgere il metodo, trasformarle in caratteristiche espresse come variabili (ad esempio: misura continua della sollecitazione di frattura, dellangolo di piega o della profondit di imbutitura). In ogni caso deve essere noto lo scarto tipo di ripetibilit (e lincertezza) delle grandezze di ingresso (ad esempio sollecitazione, altezza di caduta, ecc.) 4. Alla domanda della lista di riscontro riguardante lesecuzione di prove in doppio, o ripetizione di prova gi eseguita, riportando i due valori e il giudizio relativo alla ripetibilit del laboratorio, si deve rispondere evidenziando anche il limite di ripetibilit riportato dal metodo o calcolato dal laboratorio, per cui il giudizio non pu essere di tipo qualitativo.

REVISIONE 0 DICEMBRE 2007

Pag. 13 di 15

DT-0002/6 * GUIDA AL CALCOLO DELLA RIPETIBILITA

LA RIPETIBILIT NEL SETTORE ELETTRICO


Le caratteristiche, oggetto di prove nel settore elettrico, possono presentare una variabilit molto elevata, tale da rendere difficile lattribuzione della stessa al metodo di prova e misura applicato dal Laboratorio, piuttosto che alla natura del sistema in esame, che al di fuori del controllo del Laboratorio. E, tuttavia, compito di questultimo valutare, in fase di definizione delle procedure, i contributi al limite dellintervallo di ripetibilit attribuibili alla strumentazione ed alle modalit esecutive della prova stessa. Al fine di esaminare le possibili casistiche riscontrabili nelle prove relative al settore elettrico, si riportano nel seguito le principali tipologie di prova e i criteri generali da seguire per la determinazione della ripetibilit.
Prove con verifiche di caratteristiche espresse in termini di variabili

Il risultato della prova consiste nella misura di una grandezza su un oggetto che presenta caratteristiche sufficientemente stabili nel tempo e che non subiscono degradamenti dovuti alle ripetizioni della prova (ad esempio misura di una tensione o di una lunghezza). Si determina e si verifica lo scarto tipo di ripetibilit mediante un numero sufficiente di ripetizioni della prova. La prova in doppio deve essere eseguita sullo stesso oggetto, scollegando i cablaggi e ripristinando nuovamente il circuito (o allestimento) di prova, che in molti casi contribuisce in modo determinante alla variabilit del risultato. Infatti la ripetibilit della prova non quella dello strumento o del sistema utilizzato per misurare la caratteristica, bens quella dellintero circuito (o allestimento) di prova, che spesso pu influire pesantemente sul risultato, come, per esempio, nel caso di misura di temperatura con limpiego delle termocoppie. Pertanto la valutazione deve essere rapportata al metodo e non ad un singolo strumento/sistema di misurazione. Nel caso particolare di prove EMC, limitando lapplicabilit della Guida alle caratteristiche quantitative, la ripetibilit deve essere controllata solo per le misure di emissione condotta ed irradiata ad alta e bassa frequenza. La misura deve essere ripetuta sullintero spettro di frequenze, ripristinando ogni volta il circuito di prova. Per il calcolo si assume la differenza dei valori che, ad una qualunque frequenza, presentano il massimo scostamento. Se la differenza dei valori non rientra nel limite di ripetibilit dichiarato dal laboratorio, occorre verificare che la causa non sia da ascriversi alla variabilit del dispositivo sottoposto a prova, che spesso presenta livelli di emissione differenti a seconda dei circuiti funzionanti nellistante di effettuazione della misurazione ad una determinata frequenza. Nei casi dubbi opportuno ripetere la misura utilizzando come sorgente un generatore di segnali. Nel caso di oggetto in prova con caratteristiche scarsamente stabili o che si degradano si determina e si verifica lo scarto tipo di ripetibilit delle grandezze di stimolo, nonch dello strumento o del sistema utilizzato per misurare la caratteristica (per esempio verifica della caratteristica di intervento di un fusibile). Ricadono in questa categoria anche le misure di campi elettromagnetici ambientali e di rumore acustico dal momento che lambiente variabile nel tempo in modo imprevedibile. La verifica deve essere eseguita utilizzando una sorgente adeguatamente stabile.

REVISIONE 0 DICEMBRE 2007

Pag. 14 di 15

DT-0002/6 * GUIDA AL CALCOLO DELLA RIPETIBILITA


Prove con verifiche di caratteristiche espresse per attributi Questa categoria di prova include quelle di tipo passa / non passa (rigidit dielettrica, potere dinterruzione di apparecchiature di manovra e controllo, prove EMC dimmunit).

Si determina e si verifica lo scarto tipo di ripetibilit delle sole grandezze di stimolo.

REVISIONE 0 DICEMBRE 2007

Pag. 15 di 15