Sei sulla pagina 1di 24

La difesa Francese

Introduzione (Wikipedia)
La difesa francese un'apertura degli scacchi abbastanza utilizzata caratterizzata dalla sequenza di mosse: 1. e4 e6

Classificata con i codici da C00 a C19 dell'Enciclopedia jugoslava delle aperture, nasce come risposta alle varie aperture del periodo romantico che tendevano a mettere immediatamente sotto pressione il punto f7 (ad esempio la partita Italiana (Giuoco Piano), la difesa dei 2 cavalli, il gambetto di re). Dopo 1. ... e6 lo sviluppo dell'alfiere in c4 perde di incisivit e il punto f7 indirettamente difeso. A differenza della risposta 1. ... e5 che mira a contrastare l'affiancamento centrale d4-e4 sulla casa d4, la difesa francese mira a contrastare la formazione d4-e4 sulla casa e4, sostenendo il pedone d con il pedone e. Il maggiore svantaggio della difesa Francese la posizione passiva che viene ad assumere, spesso per un lungo tratto della partita, l'alfiere campochiaro (lalfiere che si muove sulle caselle bianche) del nero, bloccato com' dai suoi stessi pedoni in e6 e d5. Questa apertura ritenuta essere la terza pi utilizzata in risposta a 1.e4, dopo 1...c5 (difesa Siciliana) e 1...e5.

Storia
In risposta all'apertura di re, il tratto 1e6, quale tentativo primitivo di proteggere il punto f7 da attacchi sulla diagonale c4-f7, s'incontra in Giulio Polerio, nel manoscritto di Gottinga e negli autori latini dei secoli dal XVI al XVIII. Verso il 1830 La Bourdonnais sperimenta con successo la nuova difesa; ma solo dopo l'incontro per corrispondenza Londra-Parigi del 1834-36, vinto dai francesi, che l'impianto ottiene un riconoscimento ufficiale, pur se ancora blando, e la denominazione di difesa francese.

Strategia
Lo sviluppo naturale della difesa francese : 2.d4 d5 Obiettivo del nero, come detto, contrastare la formazione centrale del bianco d4-e4. Il pedone d5 sostenuto dal pedone e6 mette sotto pressione il pedone e4 del bianco. Il bianco deve pertanto decidere se sostenere il pedone e4, spingerlo o cambiarlo con il pedone d5. Le varianti pi diffuse sono quindi: 3.Nc3: Variante Paulsen 3.Nd2: Variante Tarrasch 3.e5: Variante di spinta 3.exd5: Variante di cambio 3.Nc3 (o Nd2) dxe4 4.Nxe4: Variante Rubinstein Anche nelle varianti Paulsen e Tarrasch il bianco non in grado di sostenere a lungo il proprio centro, e spesso si risolve di spingere in e5 bloccando il centro e ottenendo una struttura pedonale analoga alla seguente:

A differenza delle altre varianti in cui il bianco chiarisce immediatamente il suo gioco al centro, nelle due variati citate il bianco cerca o di provocare il nero a prendere in e4 o di

pervenire alla spinta in e5 in condizioni pi favorevoli. Una volta bloccato il centro il gioco si svolge giocoforza sulle ali. Il bianco tender a impostare il suo gioco sull'ala di re dove ha un vantaggio di spazio grazie all'avamposto costituito dal Pe5, mentre l'ala di donna sar territorio di caccia del nero. Il nero cercher di mettere sotto pressione il centro del bianco attaccandone la base con la spinta c7-c5 o la punta con la spinta f7-f6 e cercando di provocare le prese d4xc5 e/o e5xf6. Il bianco, dato che entrambi gli arrocchi saranno generalmente sull'ala di re, tenter di sferrare un attacco direttamente sul re avversario, approfittando del fatto che il pedone h7 non difendibile da un cavallo in f6 a causa della presenza dell'avamposto in e5 (che il nero cercher di rimuovere). Non raro che all'attacco partecipino anche i pedoni con spinte quali f2-f4 e h2-h4, spinte rese possibili dal fatto che il bianco non deve temere eventuali reazioni al centro nel nero che possano evidenziare la posizione esposta del proprio re.

Varianti Principali
Variante Paulsen 3.Nc3

La continuazione pi naturale. Il bianco in questo modo difende il pedone e4 sviluppando un pezzo e controllando nello stesso tempo anche la casa d5. Tra le varie continuazioni a disposizione del nero, la pratica ha dimostrato come solamente tre siano effettivamente giocabili: 3. ... Bb4 Variante Winawer 3. ... Nf6 4.e5 Variante Steinitz 4.Bg5 Bb4 Variante MacCutcheon 4.Bg5 Be7 Variante classica 3. ... dxe4 Variante Rubinstein mentre continuazioni minori quali 3. ... c5 non sono mai realmente entrate nella pratica di gioco.

Variante Tarrasch 3.Nd2

In questa variante, a differenza della continuazione 3.Nc3, il nero non pu inchiodare il cavallo con 3. ... Bb4 a causa di 4.c3. Tra gli svantaggi il fatto che il cavallo in questa posizione ha una minore influenza sul centro e chiude temporaneamente lo sviluppo dell'alfiere camposcuro. Il nero in questa variante ha a disposizione tre continuazioni principali: 3. ... c5 Variante Tarrasch aperta 3. ... Nf6 Variante Tarrasch chiusa 3. ... dxe4 Variante Rubinstein

Variante di spinta 3.e5

In questa variante, a differenza delle precedenti, il bianco decide immediatamente di chiudere il centro, ponendo un avamposto nel settore nemico (e5) e guadagnando spazio sull'ala di re. questa una linea che pu dare luogo a posizioni molto tese dove la pi piccola perdita di tempo pu risolversi in un disastro per entrambi i colori. In questa posizione il nero di solito reagisce immediatamente al centro con 3. ... c5.

Variante di Rubinstein 3.Nc3 (o 3.Nd2) dxe4 4.Nxe4

una variante che si raggiunge a partire dalla Variante Tarrasch o dalla Variante Paulsen. Il bianco, in seguito all'apertura della posizione, cerca di sfruttare il vantaggio di spazio e di sviluppo per prendere controllo delle case centrali e prendere l'iniziativa. Il nero cede il centro all'avversario catturando il pedone e4 e cos facendo apre il gioco e preparandosi a collocare i suoi pezzi leggeri in modo da controllare la stessa casa e4 (tipica configurazione Nd7, Nf6, b6, Bb7). La teoria di questa variante non particolarmente sviluppata, per cui adatta ai giocatori che preferiscono giocare senza dover imparare un numero troppo elevato di continuazioni. Tuttavia se il nero gioca con superficialit l'apertura pu facilmente trovarsi in difficolt a causa del vantaggio di sviluppo del bianco. Continuazioni possibili sono: 4. ... Nd7 5.Nf3 Nf6 6.Bg5 Be7 4. ... Bd7 5.Nf3 Bc6 cercando di risolvere il problema dell'alfiere cattivo ma a prezzo di un grosso ritardo di sviluppo

Partite Esempio in notazione inglese: K=Re, Q=Donna, R=Torre, B=Alfiere, N=Cavallo In grassetto sono le mosse della partita, in corsivo sono le varianti

Grau R. Nimzowitsch A.
San Remo, 1930
Note di Franco Pezzi 1. e4 e6 2. d4 d5 3. exd5 exd5 4. Bd3 Nc6 Tanto per far capire al Bianco che pu perdere immediatamente il vantaggio del tratto 4... Bd6 5. Nf3 Nf6 6. O-O O-O con identiche prospettive. 5. c3 Bd6 6. Nf3 (6. Ne2 Qh4) 6... Nge7 7. Qc2 Secondo Tartakower questa mossa rappresenta la perdita di un tempo. Anzi, precisa che e' a tale perdita di un tempo che pu essere attribuita la sconfitta. Difficile da credere? Qui si doveva giocare: 7. O-O Bg4 8. Re1 Qd7 9. Nbd2 e se 9... O-O-O allora 10. b4 e il bianco parte allattacco per primo. 7... Bg4 8. Nbd2 Qd7 9. O-O f6

Mossa di preparazione per un imminente attacco 10. Re1 g5 11. h3 Allontanamento dell'Alfiere campochiaro ma anche indebolimento dell'arrocco. 11... Be6 12. Nf1 O-O-O 13. b4 Contrattacco.

13... Rdg8 14. a4 Nd8

Per poter rispondere all'eventuale 15.Bb5 con 15...c6. Come insegna lo stesso Nimzowitsch: "Prima di tutto....consolidare la propria posizione." 15. b5 h5 16. N3h2 Rg7 17. a5 I due attacchi, quello Nero ad est e quello Bianco ad ovest sembrano simmetrici. In questi casi il fattore tempo spesso e' determinante. Come abbiamo visto, se l'argentino Grau non avesse perso un tempo giocando 7.Qc2.. 17... Kb8 18. Ba3 Bxa3 19. Rxa3 h4! (19... g4 20. h4) 20. b6 Rhg8 21. a6 cxb6 22. axb7 Nec6

Tanto per togliere al Bianco la speranza di poter ottenere qualcosa sacrificando la Torre sul pedone in a7. Strategia e cattiveria! 23. Bb5 g4 Siamo alla resa dei conti 24. hxg4 Bxg4 25. Qd2 Qd6 26. Ra2 Be2

Magistrale! 1-0

________________________________________________________________________

Bondarevsky I. Botvinnik M.
Leningrado, 1941
Note di Franco Pezzi 1. e4 e6 2. d4 d5 3. e5 La variante di spinta. In questa variante il Bianco si "incunea" nel campo nemico 3... c5 La giusta risposta: attacco al centro 4. Nf3

Una delle "leggi" di Nimzowitsch: la super protezione dell'avamposto e5 effettuata con i pezzi disponibili anche se ci dovesse significare la perdita del pedone d4 4... Nc6 5. Bd3 Il bianco gioca con spirito di gambetto e sacrifica momentaneamente un pedone 5... cxd4 6. O-O Bc5 7. a3

Sempre in nome dello spirito del gambetto questa mossa sembra troppo lenta. Il Bianco avrebbe dovuto continuare nella super-protezione del pedone e5 con 4.Bf4 7... Nge7 8. Nbd2 Una errata mossa di routine. Era richiesta di nuovo 8.Bf4. Se 8...Ng6 allora l'Alfiere avrebbe potuto ritirarsi in g3 8... Ng6 Inizio dell'attacco al pedone di Re 9. Nb3 Bb6 10. Re1 Bd7 11. g3 In preparazione di un attacco sull'ala di Re via h2-h4-h5. Minori chance avrebbe offerto 11. Bxg6 hxg6 (aprendo cos la colonna "h") e il Nero guadagna un pedone. 12. Nbxd4 Nxd4 13. Nxd4 Qh4 11... f6 Un terzo attacco al pedone e5. Ora il Bianco e' costretto a cedere il centro con 12.exf6 oppure cambiare il suo prezioso

Alfiere campochiaro 12. Bxg6+ hxg6 La colonna "h" aperta e' a favore del Nero 13. Qd3

Il Bianco avrebbe potuto recuperare il pedone di svantaggio solo affrontando terribili guai. Per esempio: 13. Nbxd4 Nxd4 14. Nxd4 fxe5 15. Rxe5 Qf6 16. f4 g5 17. c3 gxf4 18. Bxf4 Bc7 e la posizione del Bianco e' prossima a "sbriciolarsi" 13... Kf7 14. h4 Una protezione per l'eventuale 15.Bf4. La prossima mossa di Botvinnik e' molto profonda. Merita due punti esclamativi 14... Qg8!! Questa bella manovra di Donna rende difficile il piano del Bianco teso a riconquistare il pedone senza perdere il centro. Il Bianco intendeva proteggere e5 con 15.Bf4 e poi subito dopo "far fuori" il pedone nero in d4 15. Bd2 Il Bianco rinuncia a giocare 15. Bf4 realizzando che poi sarebbero stati "cavoli amari da ingurgitare" dopo 15... Qh7 16. Nbxd4 Nxd4 17. Nxd4 g5 e le minacce 18... gxf4 oppure 18...Qxd3 seguita da 19...Bxd4 avrebbe forzato la continuazione 18.Qxh7 Rxh7 19.Be3 ma poi con 19... fxe5 il Nero avrebbe guadagnato il pedone e con esso la partita 15... Qh7 16. Bb4

E cos, il famoso Alfiere che doveva andare in f4 per mantenere in qualche modo il centro e' costretto a scegliere altre vie come ad esempio Bd6, oppure anche Bc5 per eliminare la potenziale pericolosit dell'Alfiere nero posto in b6 16... g5

Ora si comincia a vedere la profondit della strategia di Botvinnik. Egli forzer la rimozione di quel pedone "spaccaballe" posto in e5 per poi costruire un proprio fortissimo centro, anche se tutto ci gli coster un pedone 17. Qxh7 Rxh7 18. exf6 Non c'era pi modo di mantenere il centro. Dopo 18. hxg5 fxe5 19. Nxe5+ Nxe5 20. Rxe5 Bc7 21. Re2 e5 le minacce, come per esempio 22...Bg4 seguita da 23...Bf3, si sarebbero subito concretizzate 18... gxf6 19. hxg5 e5! 20.gxf6 Kxf6 Ed ecco il risultato del piano di Botvinnik: un forte centro, due siringhe di Alfieri puntati verso il Re bianco nonch la colonna "h" a disposizione delle sue Torri. Per contro, i pezzi del suo avversario non hanno alcuna opportunit di esercitare la loro influenza sul centro stesso 21. Bd6 Re8 22. Nh4 Rg8! Minacciando di catturare il Cavallo in h4 23. Kh2 Bf5 24. Re2 d3 25. Rd2 Oppure 25. cxd3 Bxd3 26. Rd2 Bc4 27. Nc1 Nd4

(che minaccia 28...Nf3+) 28. Rd1 (28. Kh3 Bf1+) 28... Nf3+ 29. Kh3 Bxf2 e il Bianco pu smettere di combattere 25... dxc2 26. f4 Be3 27. Bxe5+ Se invece avesse giocato 27.Re2 il Nero avrebbe sparato la fucilata 27...Bxf4! 27... Nxe5 28. fxe5+ Ke7 29. Rf1 (29. Re2 Bf4)

29... c1=Q! Ecco la mossa che chiude la partita. Grande Botvinnik! 30. Rxc1 Rxh4+ 31.gxh4 Bf4+ 32. Kh1 Be4+ e il Nero guadagna entrambe le Torri. 30. Nxc1 Bxd2 31. Rxf5 Bxc1 con guadagno di una Torre netta 0-1

________________________________________________________________________

Botvinnik M. - Boleslavsky I.
Mosca, 1941
Note di Franco Pezzi 1.e4 e6 2. d4 d5 3. Nd2 c5 4. exd5 exd5 L'alternativa 4... Qxd5 5. Ngf3 cxd4 6. Bc4 Qd8 7. Nb3 Nf6 8. O-O avrebbe favorito un maggior sviluppo dei pezzi bianchi 5. Bb5+ Nc6 6. Ngf3 Bd6 7. O-O Nge7 8. dxc5 Bxc5 9. Nb3 Bb6 10. Be3!

Sembra quasi che i due contendenti facciano a gara per vedere chi, fra loro, rimarr con un pedone isolato. Ma, insomma, si pu sapere, una buona volta, se il pedone isolato centrale rappresenta un vantaggio o uno svantaggio? Risposta scontata: "dipende". Ma dipende da cosa? Risposta evasiva: "dipende da tanti fattori diversi". Ma quali sono questi fattori? Risposta definitiva: "li capirai giocando. Sbaglia e impara." Grazie (sarcastico). Adesso, sull'argomento, ne so molto pi di prima 10... Bxe3 11. Bxc6+ bxc6 La risposta 11...Nxc6 12. Re1 d4 13. Nfxd4 conduce alla perdita gratuita di un pedone 12. fxe3 Grazie a questa manovra strategica (comprendente l'isolamento del pedone "e") il Bianco ora esercita un forte controllo sulle case d4 e c5 12... O-O 13. Qd2 Qb6 14. Qc3 Si incomincia ad intravedere un filo di luce: Botvinnik non intende permettere

la spinta del pedone arretrato c6-c5 e si ripromette di piazzare un Cavallo nella casa centrale d4 e uno nella casa c5 dalle quali, dunque, eserciteranno una forte pressione in campo nemico senza temere di essere scacciati dai pedoni 14... Rb8 Impedisce l'immediata 15.Nc5 15. Rab1 Rinnova la minaccia di portare in Cavallo in c5 15... Re8 16. Rfe1 Ng6 Anche Boleslavsky e' intenzionato a piazzare il proprio Cavallo in centro in modo di contrastare l'azione di quelli avversari 17. Nc5 Bg4 18. Nd4 Ne5 19. b4

Botvinnik deve ora trovare il modo di rendere attive proprie Torri senza permettere al Nero di trovare un controgioco 19... Rbd8 20. e4! Apertura delle linee! 20...dxe4 21. Rxe4 a5 22. a3 axb4 23. axb4 f6 24. Rbe1 Kh8?! Dubbia. O, forse, addirittura, si tratta di un errore. Il Nero avrebbe dovuto rinforzare la propria difesa con 24...Bh5 (che offre ulteriore protezione alla Torre in e8) seguita da 25...Bf7 (tornando a controllare la casa e6 ed impedirne l'ingresso alla cavalleria nemica)

25. Kh1 Bd7 Non c'era molto altro da fare: (1) 25...Rd5 26. Rxg4 25... Bc8 26. Na4 Qa6 27. Qxc6 Qxc6 28. Nxc6 e il Bianco guadagna un importante pedone (2) 25... Bh5 raccomandata, non ho ben capito perch, da molti noti analizzatori 26. Nde6 Rb8 27. Rxe5! fxe5 28. Qxe5 minacciando il matto 28... Rxe6 29. Nxe6 dove il Nero, per parare il matto, costretto a perdere l'Alfiere. 26. Nxd7 Rxd7 27. Qxc6 Approfittando della debolezza dell'ottava traversa del Nero, Botvinnik non si lascia sfuggire questo tatticismo 27... Qd8 (27... Nxc6 28. Rxe8#) 28. Nf3 Rc7 29. Nxe5! e nemmeno quest'altro! 29... fxe5 29... Rxc6 30. Nf7+ Kg8 31. Nxd8 Rxd8 32. c4 f5 33. Rf4 e il Bianco vince 29... Rxe5 30. Rxe5 fxe5 (30... Rxc6 31. Re8+ Qxe8 32. Rxe8#) 31. Qe4 e il Bianco dovrebbe vincere 30. Qxe8+! Ancora un colpaccio! 30... Qxe8 31. Rxe5 Qg8 32. Re8 Rxc2 33. Rxg8+ Kxg8 34.Rb1

La Torre al posto giusto nel momento giusto. Posta alle spalle del proprio pedone passato essa ne protegger la corsa verso la promozione. Cavoli amari e duri da digerire per il Nero! (Per i lettori: ricordatevi che R=Torre, K=Re)

34... Kf7 35. b5 Ke6 36. b6 Rc8 Boleslavsky sta neutralizzando la pericolosit del pedone "b" passato. Questo compito, per, terr impegnate per qualche tempo le sue forze. Botvinnik ne approfitter per portare in campo il proprio Re cercando di minacciare i pedoni nemici "g" e "h" 37. h3! Una ulteriore spinta del pedone "b" sarebbe stato un errore. Vediamo: 37. b7 Rb8 38. Kg1 Kd6 39. Kf2 Kc7 40. Kg3 Rxb7 41. Rxb7+ Kxb7 42. Kf4 Kc6 43. Ke5 Kd7 e il Bianco avrebbe dissipato il suo vantaggio 37... Rb8 38. Kh2 Kd5 39. Kg3 Kc6 40. Kg4 Kb7 Blocca il pedone e lascia libera la propria Torre di cercare qualche possibile controgioco. 40... Rxb6 41. Rxb6+ Kxb6 42. Kf5 e i tremolanti pedoni neri sarebbero stati divorati dal famelico lupo cattivo 41. Re1! Il Bianco minaccia 42.Re7+ Kxb6 43.Rxg7 seguita dalla cattura del pedone "h" 41... Rg8 42. Re6 Difende orizzontalmente il pedone "b" e si prepara ad aiutare il proprio Re nell'attacco dei pedoni neri rimasti in campo 42... Ka6 se 42... h6 allora 43. Kh5 seguita da 44.Kg6 Boleslavsky si difende come pu ma dovr passare qualche momento forse umiliante. Praticamente immobilizzato come una mosca nella ragnatela, non potr far altro che guardare l'avvicinarsi del ragno. 43. Kg5 Kb7 44. h4 Ka6 45. h5 Kb7 46. g4 Ka6 47. Kh4 Kb7 48. h6 gxh6 Dopo 48... g6 49. Re7+ Kxb6 50. Rxh7 Kc5 51. Rg7 Rh8 52. Rxg6 il Nero pu tranquillamente fermare l'orologio 49. Rxh6 Rg7 50. Kh5 Ka6 50... Rf7 51. Re6 Rg7 52. g5 Ka6 53. Kh6 Rd7 54. Re8 Kxb6 55. Rh8 e il Bianco vince 51. Rc6! 51... Re7 51... Kb7 52. Rc7+ Rxc7 53. bxc7 Kxc7 54. Kh6 52. Rc7 Re5+ 53. g5 Kxb6 54. Rxh7 Kc6 55. Kh6 Kd6 56. g6 Re1 57. Rf7 Ke6 58. Rf2 Ra1 59. g7 Rh1+ 60. Kg6 Rg1+ 61. Kh7 Rh1+ 62. Kg8

Siamo cos entrati nella classica posizione che caratterizza uno studio di Lucena (che tutti gli scacchisti, di qualsiasi livello, dovrebbero conoscere). Tale posizione, nella pratica del gioco, si presenta pi spesso di quel che non si pensi. Vale la pena, dunque, qualora non la si conosca, dare una occhiata e cercare di capire come funziona il meccanismo 62... Ke7 63. Re2+ Importante! Il Re nero "deve" essere allontanato di due colonne da quella dove si trova il pedone. Perch? Andiamo a vedere 63... Kd7 (63... Kf6 64. Kf8) 64.Re4! La Torre "deve" essere posta sulla quarta traversa. Perch? Andiamo a vedere 64... Rh2 65. Kf7 Il Re bianco e' sulla settima traversa. Boleslavsky, come Botvinnik, conosceva questo studio e quindi abbandon. Noi invece proseguiremo per mostrare questa tecnica: 65... Rf2+ 66. Kg6 Il Re bianco e' sulla sesta traversa 66... Rg2+ 67. Kf6 Rf2+ 68. Kg5 Il Re bianco e' sulla quinta traversa 68... Rg2+ 69. Rg4 e nulla potr ora impedire l'incoronazione del superstite pedone bianco 1-0

Alekhine A. - Nimzowitsch A.
San Remo, 1930
Note di Franco Pezzi 1. e4 e6 2. d4 d5 3. Nc3 Bb4 4. e5 c5 5. Bd2 Ne7 5... cxd4 6. Nb5 Bc5 (Tarrasch) 6. Nb5 Bxd2+ 7. Qxd2 O-O 8. c3 b6 9. f4 Ba6 10. Nf3 Qd7 11. a4 Nbc6 12. b4!

Impedisce Na5 e provoca un chiarimento della situazione del centro. "E' sorprendente che un giocatore del calibro di Nimzowitsch non abbia preso in considerazione questa mossa quando ha iniziato il suo piano strategico con 8...b6." (Alekhine) 12... cxd4 12... c4 13. Na3 (minaccia b4-b5) 13... Nd8 14. Nc2 E con l'ala di Donna e' bloccata il Bianco potrebbe procedere ad impostare l'attacco ad est 13. cxd4 Bb7 14. Nd6 f5? Un grosso errore strategico. Gli occhi ed i pensieri di Nimzowitsch sono rivolti sull'ala di Re mentre il pericolo si annida sull'ala di Donna. Era necessario frenare l'avanzata del pedone a4 del Bianco con 14... a5 15. Bb5 axb4 16. O-O (15. b5 Nb4 16. Bd3 Nc8) (15. bxa5 Nxa5 16. Qb4 Ba6 con gioco pari) (Pachman) 15. a5! Nc8

Per eliminare il fastidioso Cavallo bianco in d6 La variante 15... bxa5 16. b5 Nd8 17. Rxa5 vantaggiosa per il Bianco 16. Nxb7 Qxb7 17. a6 Qf7 17... Qe7 18. Bb5 Nxb4 19. Rb1 e il Cavallo termina improvvisamente la sua corsa 18. Bb5 N8e7 19. O-O h6

Le debolezze strutturali del Nero sono ben visibili come anche la sua mancanza di spazio 20. Rfc1 Rfc8 21. Rc2 Qe8 La Donna si autoinchioda! Per Nimzowitsch compiere questa mossa deve essere stato un atto estremamente doloroso. 21... Nd8 22. Rac1 Rxc2 23. Rxc2 Rc8 24. Rxc8 Nxc8 25. Qc3 Ne7 26. Qc7 e Alekhine rimane padrone del campo 22. Rac1 Rab8 23. Qe3 Rc7 24. Rc3 Qd7 Un invito al proprio Re di correre in aiuto per rinforzare la debolissima casa c7 25. R1c2 Kf8 26. Qc1 Rbc8 27. Ba4! La minacciata spinta del pedone b4-b5 rende barcollante la difesa del Nero. Sar necessario sacrificare un pedone per dare tempo al proprio Re di arrivare a dar manforte 27... b5 28. Bxb5 Ke8 29. Ba4 Kd8 30. h4!

Zugzwang! E si tratta di uno zugzwang mortale! 30... Qe8 31. b5 1-0

________________________________________________________________________

Kasparov G. - Pomariov R.
Linares, 2002
Note di Ian Rogers 1. e4 e6 2. d4 d5 3. Nc3 dxe4 4. Nxe4 Nd7 5. Nf3 Ngf6 6. Nxf6+ Nxf6 7. c3 c5 8. Ne5 Nd7?! Una grave inaccuratezza; era necessaria 8... a6 9. Bb5 Bd6

10. Qg4! Kf8 Kasparov ha impiegato molto tempo per calcolare la variante 10... O-O? 11. Bh6 Qf6 12. Nxd7 Bxd7 13. Bg5 Qg6 14. Bxd7 h6 15. h4 Rad8 concludendo che fosse troppo confusa. Solo dopo altri preziosi minuti di riflessione ha visto la semplice 11. Bxd7! Bxd7 (se 11... Bxe5 12. Bxc8 cxd4 13. cxd4) 12. Bh6 e il bianco vince 11. O-O!? 11. Bf4 era semplice e forte ma Kasparov ha preso la decisione pratica di cedere un pedone per essere in grado di giocare alcune facili mosse dattacco. 11... Nxe5 12. dxe5 Bxe5 13. Bg5 Bf6 14. Rad1 Qc7 14... Qe7 15. Bxf6 Qxf6 16. Qh5 b6 17. Rd2 Bb7 18. Rfd1 sarebbe molto spiacevole per il nero 15. Qh4 Bxg5 15... Ke7 andrebbe incontro a 16. f4! a6 17. f5! e5 18. Bc4 b5?! 19. Bd5 Bb7 20. Bxb7 Qxb7 21. Rfe1 e il bianco cattura il pedone e assicurandosi la partita 16. Qxg5 f6 17. Qh5 g6 18. Qh6+ Kf7 19. Rd3 a6 20. Rh3 Qe7? Prendere lalfiere sarebbe perdente per via di 21. Qxh7+! ma dopo 20... Bd7! il bianco potrebbe non aver niente di meglio che forzare la patta con 21. Bxd7 (se 21. Bd3 Rad8 e il nero comincia a consolidarsi) 21. Qxd7 22. Qxh7+ 21. Bd3 f5 22. g4! Qf6 23. Rd1 b5 24. Be2

24... e5? Adesso il nero va incontro a terribili difficolt. Ponomariov probabilmente ha scartato 24... g5 25. Qh5+ Qg6 26. gxf5 Qxh5 27. Bxh5+ Kf6 perch non voleva permettere a Kasparov di liquidare in un finale leggermente vantaggioso per il bianco, dato che lavversario era gi a corto di tempo. Tuttavia lattacco del bianco diventa ora cos forte che, seppur in ristrettezza di tempo, Kasparov sar in grado di mantenere la pressione fino al punto in cui trover il modo di forzare la vittoria. 25. Rhd3 Ra7 26. Rd6 Qg7 27. Qe3 Rc7 28. a4 28. Bf3! sarebbe stata dirompente, poich se 28... e4 29. Bxe4! fxe4 30.Qf4+ Ke7 31. Re6+! e vince. La mossa giocata da Kasparov non compromette nulla 28... e4 29. axb5 axb5 30. Bxb5 Qe5 31. Qg5 Qe7 32. Qh6 Be6 33. Qf4 Il bianco poteva gi vincere con 33. gxf5! ma Kasparov noter questa opportunit solo dopo una ripetizione della posizione 33. ... Bc8 34. Qh6 Be6 35. gxf5! gxf5 36. Be2! Qf6 37. Bh5+ Ke7

38. Rxe6+! 1-0