Sei sulla pagina 1di 168

I L GIU o C o D E G L I

SC A CC H I
D E L D O T T O R
ALESSANDRO SALVIO
D I V I S O I N I V. L I B R I,
Ed in queſta riſtampa accreſciuto di alcuni
giuochi dello ſteſſo Autore , non --

ancora dati alla luce.


C O L L' A G G I LI N T A H N F IN E
Di un modo facile, per intendere
il giuoco degli Scacchi,
C o M P o s T o
Da un Incognito per i Novizi del Giuoco; -
E C o L L' A G G I u N T A
Fatta da un altro Incognito, per accomodare
l'eſercito Scaccheſco. ---

IN NAPOLI, Nella Stamperia di Felice Moſca.M.DCC.XXIII.


Con Licenza de' Superiori.
A Speſe di B E RN A RD IN O GESSA RI.
-
-
- - - - - -- -

º -
-

l º i -
-
e
- - º
--
i
-
º - -
- -

-- - - - - - - - - - - - - - - - - - -

- - - - - -

- - - - -
-- - --- -- - - - - - - -
- - - - -
--- -
- - - - - -
- - - -
- - -- - - -

-
- -
- -
-
--
- -
- - -
-
- - - - -
- -
-- - - - - - - ---
- -
- -

- - -
- - - - -
- -- - - - - - - - - -
- -

-
- - - -
- -

- - - -
ºº - a -
i - - - - - - - - -

- - - - - - - -
- -
-
- - - - - e - - ---
- - - - -
- -
- - - - - - - -

- - - - -
-
- - - -
-
- - - - -
t. -
- - - - -- -
- -

- - -
- - - - -
- - - - --
- - - - - - - - -
-
-
- - - -
- - - - -
- - - - - - - -
-
-

- - - -
- -
- - -
- - -- -
- -
- - - - - - -
- º - -

-
-
--- - - - - - - - - --- - -
e
- - - - -- - - - - - - -- -- -

-
-
- - -
- - - -- - - - - - - - -

- -
-
-
-

-
-
-

-
- -
-

-
-
- -

- -
- -
- -
- - - -
- -
-
-

- - - -
-
-
AL MOLTO ILLUSTRE SIGNORE,
SIGNORE E PADRON COLENDISS.
-
- - .
- - -
º º
- - - a –
- - - - - - i - º - - -

A- - - F A
-
-
-

-
-
-
a - - i - - -
- -
- - -
-
-

- - - -
-

e , - -

s . - - -. S .
-

- -
-. ,
-
-
-
-
-
-
- -

º , - - - - - e
- - - - e --- - -

-
s --
-
-
-
A - -
-
- - l V , s - -
.
- a -
- - -
-,

º - - -

- - - e - a , , ,
e - -

- -
- \ e - - - A - - y , \
- e - - º - . - - -

- -

-
- -
-

- - , - - a - -

L giuoco degli Scacchi, (ſeppure


a giuoco puoſi a buon equità chia
mare quello , che la prima , e
, ſita propria origine conoſce , e
ravviſa ri . ſi riſeria
applicazione di militar combattimento, per
render con eſſa più pronti , arditi, e valo
roſi a non infingevol battaglia i ſoldati, in
eſſò , come che per giuoco , oneſtamente e/º
a º ſer
ſercitati ) il giuoco 5 dicea , degli Scacchi
del non mai baſtevolmente commendato Aleſc
ſandro Salvio egli eraſi reſo omai cotanto ra
ro, che pur troppo malagevole riuſciva agl'
intendenti di eſſo il poterſene provvedere , e
render così paga l'ardente brama , che ave
vano , di approfittarſi in queſto così nobile,
ed orrevol divertimento, ch'io per ſoddisfar
gli animi di coloro, che tutti al bene opra
re inteſi, anche ne ſollazzi , e divertimenti
dall'altre ſerie, e faticoſe applicazioni, non
laſcian di mira l'oneſto, eſſendo da molti a
mici inceſſantemente richieſto, ne altro modo
avendo come ſoddisfar loro, diliberai, come che
l' occaſion mi ſi porgeſſe, farne una nuova, e
più compiuta riſtampa : E ſi mi venne fat
to , che non tantoſto agli amatori di sè bel
giuoco il mio penſiero appaleſai , che tutti ,
ed inſtantemente alla impreſa m animarono,
eſſendo di più da uno di quelli avviſato tener
appo di ſe un non ſo qual manoſcritto del
medeſimo teſtè laudato. Autore , ove ſcuopreſi
un altro tratto di giuoco, che certamente egli
è tale, che ben ſi conoſce eſſer di quella gran
mente del ſopraccennato Salvio.
Da un altro venni corteſemente provve
duto d uno picciolo trattatino per i movi
-

-
sy
-
sj in tal giuoco; e per la picciolesca di eſs
fò, e per le poche copie già molto tempo ha
in Vinegia ſtampato anch'egli raro, che mol
to utile apporta agli ſcolaretti in queſto giuo
co, che unitamente col Salvio poſſono in eſſo
valoroſi renderſi, e ben eſperti.
Ed eſſendo così tra noi già diterminato
l'affare, con ſommo mio diſpendio , e trava,
glio m accinſi a compiere la bella impreſa,
che già a buoa termine pervenuta, e volendo
da a qualcheduno, di eſſo intendente indiris
zare , e più fiate meco ſteſſo penſando a chi
mai doveſſi più convenevolmente raccomandar
lo , mi cadde ſubito in penſiero la virtuoſiſe
ſima, e gentiliſſima perſona di V S. amante
mommemo delle lettere , e dell'oneſto , che di
nun tale nobil divertimento , ſappiendo allo
'ncontro queſto giuoco cotanto virtuoſamente
ogni giorno in caſa voſtra eſercitarſi da V S.
e da S ignori virtuoſi, e letterati, che in eſſa
ſi ricovrano, che veramente egli è da 'nvi
diarſi, e piaceſſe al Cielo che gli altri giovani ,
tun così bell'eſemplo imitaſſero. Perlocchè prie
go la bontà , ed avvenentezza di V S. con
quel medeſimo affettuoſo animo queſto dono
ricevere, (quantunque al di lei merito trop
po ſcarſo col quale io glielo preſento , e
pot
poichè la ſomma innata modeſtia di V S.fà sì,
cb io piuttoſto con riſpettoſo ſilenzio mi tac
cia, che con troppº audacia m'innoltri in ri
vangar di V S., e di ſua caſa le belle, e rag
guardevoli qualità, e prerogative a tutti ben
conte, e paleſi, giacchè eſercitandoſi, e ſempre
mai adoprandoſi ſolamente per l'acquiſto di quel
le doti, e nobiltà, che l'animo ſolamente ador
mano , e fregiano; e queſto in gran novero in
V S. io conoſcendo , e tacitamente, e con in
vidia ammirando, dal di lei generoſo anima
ogni più ſalda protesione promettendomi,
me le raffermo per ſempre , s
- - - v - r. - - - - -

-- - - , - - - - .. - - - - e -

- - - Di V. S. molto Illuſtre e
- - s - º, - - - - - - - - - - - ,

-
-

-
- , - - s º

- umiliſs e Devotiſs. Servo


Berardino Geſſari.
- -
-

A GLI NOBILISSIMI LETTORI

A preſente Opera del Salvio, nobiliſſimi Lettori, non


L folo da chi ſi diletta del giuoco degli Scacchi ſi deve
tener cara, ma da ogn'altro gentile, ed elevato ingegno:
poichè in eſſa oltre i progreſſi del Puttino, e di altri va
lentuomini l'avventure, ed i nuovi sbaratti dell'Autore,
compoſti dopo il ſuo primo libro, vi ſono anco vaghe , e
belle compoſiziotti in zº Lſºpra la medeſima aaeeria del
Signor Carlo Salvio, di non poca ſtima, con i diſcorſi ſo
pra la nobiltà di detto giuoco, e del ſuo ſignificato del
medeſimo Autore, e di Giacomo Ceſolis , le quali tutte
con bell' ordine nella preſente Opera ſono ſtate da me a
Stampa poſti in luce, acciò le Signorie loro ne godano, e
vedano l'ingegno dell'Autore, che ne Scacchi egli è ſtato
tra primi, come dalla ſua prima Opera, e dal giucare de
memoria, ed anco dalla nuova invenzione da lui trova
ta di giucare alla cieca, ſenza ſentire, ne vedere lo che
ſi giuoca , ma ſolamente col tatto ; ave avuto ancora
grazia dal Cielo non ſia ſtato nell'altre profeſſioni tanto
ſciocco, che non ſia d'alcuno ſapere, come anco dall' al
tre ſue compoſizioni in altra materia vedraſſi. Accetti
no dunque le Signorie loro il buon animo, e l' aggradiſca
no , acciò con maggiore affetto dia l'altre fuori,
-
- .

Reimprimatur. 27. Aprilii 1723.


HONuPHRIus EPISC. eASTELL. vtc. GEN.
-
- - - - -
D. Petrus Marcus Giptius Can. Dep.
-
-
-

- s - v-
--- -i

-
Reimprimatur , veràm in publicatione ſerverur Regia Pree
matica. 3o. Aprilis 1723. - - ,

ARGENTo REG. ET PRES.


-
-
-
Peſcarinus.
Sopra la Nobiltà
DEL GIU OC O DE GLI SC A CC H I,
E D E L S ll O S I G N I F I C A T O ..
o L I B R O P R I M O.

L Giuoco degli Scacchi e per l'antichità del ſuo ri


trovato,e per la perſona, che di quello fu l'inven
tore , come ancora per la cagione, per cui fu in
ventato, e per l'utilità, e diletto, che reca 5 mi
porge occaſione, che in due Diſcorſi venga a trat
tare di quanto di ſopra ho propoſto. Nel primo
trattarò della ſua Nobiltà, e ſarà il preſentera
gionamento. Nel ſecondo, ſi dirà la cagione, che
ſpinſe il ſuo Inventore a farlo, e che coſa egli a noi rappreſenta. Il
primo Diſcorſo è da me compoſto, il ſecondo è cavato dal Trattato de
gli Scacchi del P.Giacomo Ceſolis,avendo da quello in breve ridotto,
quanto in lunghi diſcorſi ave egli ſcritto. -

L'Inventore dunque, dicono alcuni, come Giacomo Ceſolis Padre


º Maeſtro nella Domenicana Religione nel ſuo predetto trattato, fuſ
ſe ſtato Serſe Filoſofo, e Conſigliere d'Ammolino Re di Babilonia,ac
ciò s'avvedeſſe defuoi errori , che nel governo del ſuo Regno com
metteva, come nel ſecondo Ragionamento a pieno ſi dirà, la cui opi
nione ſeguono molti,come riferiſce l'Autore dell'Hiſtoria del Mondo.
- A S.Gre
2 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi
S.Gregorio Nazianzeno nella ſua terza orazione, Caſſiodoro il Ma
gno nell' Epiſt. 31.lib.8. Aleſſandro d'Aleſſandro nel 3.lib.cap.21.de
Geniali, e Torquato Taſſo nel ſuo Romeo del Gioco, Tomaſo Actio
nel ſuo tratt. de ludo Scacchorum , ed anco tutti gl'altri Autori, che
nelli trattati di Legge trattano deludo, dicono ſia ſtato Palamede nel
l'aſſedio di Troja , acciò i Soldati ozioſi non ſteſſero ; ed ove con la
guerra reale non potevano eſsercitarſi, con l'artificiale ſi tratteneſſe
ro: per lo che eſſo Palamede con Terſete giucava, conforme dice O
mero nel ſecondo dell'Iliade,e così ancora tutti gli altri Eroi del Gre
co eſſercito, come l'accenna Euripide nelle ſue Tragedie.
Altri poi dicono Lido,e Tirreno; altri gl'Egizi, che erano verſatiſ
ſimi nell'Aritmetica,e Geometria, nelle quali detto giuoco è formato.
Altri poi, come Pietro Toloſano gran Giuriſta nel lib.39.de'ſuoi Sin
tag.3 cap.4.dice , dall'Ebrei fuſſe inventato, poichè la parola Sciac,
3 mat è della lingua Ebrea e viene a dire Scacco matto nella noſtra
Ed i Poeti favoleggiando, conforme dice Geronimo Vida nella ſua
scaccheide, e Gregorio Ducci nel ſuo Poema Eroico de'Scacchi, alla
Dea Scaccheide l'attribuiſcono. Siaſi pur dunque come ſi voglia, il
fuo ritrovator , negar non ſi può , che ſia ſtato di gran conto e per lo
ſapere, e per la nobiltà. E nobile anco il giuoco degli Scacchi, poichè
fra l'Arti liberali può porſi,anzi,confiderandolo da ſe ſolo,fra le Scien
ze ſpeculative, per quanto n'inſegna Ariſtot. nella diſtinzione delle
Scienze: dice egli dunque, che la Matematica ſia la prima fra tutte l'
Arti liberali, la qual fra le Scienze pone: dipoi egli l'iſteſſa divide in
due ſpezie, cioè, in quantità permanente, ed in quantità ſucceſſiva ,
la prima la divide in continova, e diſcreta, la permanente Geome
tria diceſi, la diſcreta Aritmetica.
La ſeconda ſimilmente divide in quantità continova, ed Aſtrologia
ſi chiama, in diſcontinua è l'altra, e Muſica vien nominata, le quali
ſucceſſive diconſi, perchè dalla permanente ſucceſſivamente proven
gono, le quali fra l'arti liberali egli connumera, e da ſe ſteſſe conſide
randole fra le ſcienze ſpeculative.
Eſsendo dunque il Tavoliero e di Aritmetica, e di Geometria for
mato, dal che ne proviene il giuoco degli Scacchi, non ſi può negare,
ch'egli ſia un ordine ſucceſſivo di detta ſcienza , non meno che la
Muſica ed Aſtrologia,e fra le ſcienze deve porſi: e via più che 'l ſuo fi
ne non è altro che ſpeculazione,conforme il detto del medeſimo Ariſt.
che Illa dicitur ſcientia, cujus finis eſt ſpeculatio, e quell'altro, che
Scientia eſt eorum, qua conſiſtunt in intellettu , chiaro è, che ſcien
za ſia. - ---

Ma
-
Del Dottor Aleſſandro Salvio. 3

Ma paſſando più oltre, ſi prova per l'autorità di molti Dottori, co


me nel Capit. Si clerici, de vita & boneſtate clericorum, ed ivi in
particolare il Panormitano, dove dice,che ſono alcuni giuochi di for
tuna ſolamente, come Carte, e Dadi; altri miſti di fortuna, e d'inge
gno,come il giuoco delle tavole;ed altri di puro ingegno, ed è il giuo
co degli Scacchi, il quale fà inventato ad eſsercitazione dell'intelletto
dell'uomo, come certi altri giuochi per eſsercitazione del corpo, come
il giuoco della palla, del maglio e palla, il lanciare il palo e ſimili come
ampiamente dice Azone nella ſua ſomma nel titolo de Religioſis do
mibus, & alea uſu,6 aleatoribus,il che anco dice la Gloſa nell'auth.
interdicimus deEpiſcop. & Cleric-che ſe bene l'Imperadore general
mente proibiſca ivi ogni giuoco,nulladimeno degli Scacchi non s'in
tende, e dà la ragione è in ingenii eſi.Laonde ne ſiegue, che ſe per
alcun Statuto ſi proibiſce qualſivoglia ſorte di giuoco, il giuoco degli
Scacchi non s'include, sì per la ſopradetta Autentica, come per le ſuſ
ſeguenti, tutti i Dottori convengono nella l.fi.$. in computatione f.de
far delib. che ſe generaliſſimo fuſse uno Statuto, ſempre ſi deve con
forme la legge comune interpretare, e ſe eſorbitaſse in alcuna,le pa
role di quello al propio ſignificato ſi devono tirare, il che dalla det
ta Autentica ſi prova.laonde dice Saliceto nella l.ſi eſtimata.Cod. de
fundo dotali, che dove ſpecialmente ſi deve dire alcuna coſa, già mai
ſotto parola generale ſi comprende. Eſsendo dunque il giuoco degli
Scacchi d'ingegno, il ſuo propio nome non di Scacchi diceſi,ma d'in
gegno,artificio,ed eſsercizio: come talora dello ſtudio delle lettere La
dus litterarius ſi dice.
Si conferma anco per diſpoſizione de'Canoni,perchè detto giuoco è
permeſso a perſone Religioſe, di modo, che s'alcuno Clerico giuoca a
Scacchi, e da quello ſi veniſse a riſsa, e ſuccedeſse omicidio, ſi direb
be quello caſuale,e non volontario, il che agl'altri giuochi non proce
de: e la ragion'è, perchè Dabat operam rei licita, così dice Innocenzo,
ed il Panormitano, ed altri nel Cap.lator, de homicid. -

Afflitto nella Conſtitut. Mores, dice, che ſe per ſtatuto ſi dichiari


no infami tutte ſorti di giudatori publici , chi giuoca pubblica
mente a Scacchi non s'include, e dice: gaia ingenii eſt. contra quello,
e con ragione, che riferiſce il Dottor Mangrella nell'Addizione, che fa
a Bart nel proemio ff nel 5. illud, dove dice, che Andrea d'Iſernia in
detta Conſtituzione diceſse che chi giuoca a Scacchi ſia infame,poichè
quello Dottore tal coſa non dice, e dicendola ſarebbe una gran bu
gia» e ſciocchezza. Si dice ancora, come dice Stefano Coſta nel ſuo trat
tato deludoart.3.num.4. che chi vince a Scacchi non ſolo non è tenu
A 2 CO
4 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi
to a reſtituire, ma tiene azione a chiedere lo che deve conſeguire. Ed
in ſomma per conchiudere con l'autorità di Olao Magno nel ſuo lib
de' Goti lib.3.cap.12., apporto le formali parole: Mos erat apud Illa
ſtriores Gothos,filias ſuas honeſto connubio collocaturos, Procerun ani
mos miris ingeniis examinare, 6 praeſertim in lado Scaccioram : eo
enim lado Ira, Amor, Petulantia, Socordia, Ignavia, alla plures de
mentia, paſſionis,8 animi motus, fortuna que vires,6 proprietates de
monſtrari ſolent. Vedanſi poi le quiſtioni, che ne formano i Dottori
ſopra detto giuoco, come il Panor. Felino, Innocen. Bart.Salicet. An
gelo, Jaſone, Tomaſo Ačtio, e Criſtoforo Portio nel $. ſngaloram in
fin. de rerum diviſione, Geronimo Vida ha fatto il ſuo Poema Eroico
in verſo latino, il Ducci in lingua Toſcana, Damiano Lopes, Girone,
il Carrera, il Giannuzzo, l'Alemanni, Giacomo Ceſolis, e'l mio libro,
e la Scaccheide, ſe vi dè porre fra tanti valenti uomini - E ſe alcuni
Dottori lo dannano, altro non dicono , ſolo che facci troppo perdere il
tempo, e che quella fatica,che ſi ſpende al detto giuoco, meglio ſarebbe
impiegarla allo ſtudio, poichè detto giuoco è più preſto fatica d'inge
gno, che ſollevamento, e ſpaſſo . Beliſſimo diſcorſo ſopra queſto fa
Mattienzo in Dialogo Relatoris cap.1.num.9.dove ſi può vedere a pie
no, quanti Dottori ſopra di ciò ſcrivono; al che ſi riſponde, che ſe ſi
giucaſſe aſſai, non ſi può negare, che ſarebbe male perchè la virtù di
verrebbe vizio, e ne ſeguirebbe quello, che per detti Dottori ſi dice;
ma ſe moderatamente, s'ingannano, poichè detto giuoco porta tanto
guſto, che niunogiuoco apporta:laonde,come ſi dirà di ſotto nell'altro
punto, il giudarvi ſenza quattrini, guſto apporta,il che nell'altri giuo
chi ſarebbe tedio, ed aguzza l'intelletto, come per eſperienza ne poſſo
parlare, ed anco chi di tal giuoco s'intende. -

Reſtami dunque l'altro capo, che è il penultimo, in dimoſtrare,che


ci rappreſenta detto giuoco: dico, che ci rappreſenta un vero modo di
guerra, un vero modo di ſchermo, un vero modo di duello, ed una
artificiale tragedia: onde dirò guerra, ſchermo,duel,tragedia, e giuoco.
Veggonſi già nel campo d'un quadrato Scacchiere due eſserciti con
due Re inimici all'incontro , l'uno , e l'altro accampato di forze sì
nello ſito, come anco nel numero, e valore di ſoldati ugualmente po
ſti; in bella, ed artificioſa ordinanza i loro ſoldati vengonſi ad aſſalire
con molto riguardo, e giudizio,ora ſpingendo le Regine avanti, ed ora
la Cavalleria, ed ora i Sagittari, ed ora le Rocche sù l'Elefanti poſte a
darſi agiuto, or l'uno all'altro, e l'altro all'uno , avendoſi ſempre ri
guardo alla ſalute del Re, da cui dipende la vittoria. Vedeſi la Regina
a guiſa di valoroſa Pantaſilea nel campo moſtrarſi. Le Pedine a guiſa
delle
Del Dottor Aleſſandro Salvio: 5

delle Macedoniche Falangi indrizzarſi , e con la Cavalleria ov'è il bi


ſogno ſoccorrerſi. Vedeſi,come ſi debba togliere il Sole a nemici; come
ſi debba avanzare nel campo, quando ſi debba fingere di ferire in una
parte, e dopo aſſalire un'altra, quando il gridar fa meſtiere, quando far
i imboſcata, e quando il fortificarſi, acciò il nemico impaziente volen
do rompere, da ſe ſteſſo succida; ed in ſomma quanto eſperto Capi
tano può fare, ed inventare, vi ſi vede: laonde l'Arioſto ancora tal no
me li diede in queſti due verſi:
Adoſſo il reſto a i Saracini ſpinſe,
Per dar lor ſcacco, e guadagnar il giuoco.
Si può anco dire, che ſia un duello di tanti, e tanti ; e chi vince
l'uno la palma, e la corona ne riporti. -

E che ſia un giuoco di ſchermo, ſi vede chiaramente, perchè ora con


lunghi, ed ora con ſcarſi, e finti colpi veggonfi ambedue Re,maeſtri
del giuoco,perchè ora li vedi ſpingere avanti, ora ritirarſi, e talora di
" ſcoverto il fianco al nemico, con doppio colpo coprendo
ſi il nemico offenda; e donde l'uno cede, l'altro immantinente porvi il
piede.Che ſia un'artificiale Tragedia , vedaſi dalla ſua diffinizione, la
quale conviene a quella della Tragedia,conforme Ariſt. nella ſua Poe
tica alla particell.64. E' dunque il giuoco degli Scacchi un'imitazione
artificiale di coſe gravi,e magnifiche, ch'a noi l'appreſenta, quantun
que non con parole, ma con movimento di pezzi nell'apparato dello
Scacchiere, li quali a guiſa d'Iſtrioni la dimoſtrano là dove l'intrigo
di quell'azione, il turbamento dell'animo cauſatoli dal timor della
morte, ſi ſcioglie dalla vittoria , che s'ottiene.
Convengono anco allilor fini, poichè il fine della Tragedia è il tra
boccamento da felice, ad infelice ſtato per ignoranza, o per errore, o
vero per lo contrario, benchè la prima è la migliore, conforme la par
ticella 74 del medeſimo Ariſt nella ſua Poetica, il che nel giuoco degli
Scacchi ſi vede, che dove talora alcuno ſi tiene per vincitore, per erro
re perditor divenga, onde l'allegrezza in triſtizia ſi muta,eſſendo vin
to. - -

Che vi ſiano le parti integrali, come il Prologo, l'Eſodo, il Coro, il


Como, l'Epiſodio, chiaramente nella Scaccheide ſi vede.
. Reſtami dunque dire lo che egli ne rechi , dico diletto, utile , ed
onore.
Il diletto dicalo chi di tal giuoco s'intende, o vero chi vede i giuca
tori a tal giuoco giucare, perchè tutti i motti, e coſe di paſſatempo ſi
vedono, e ſi ſentono l'utile, e l'onore : diane teſtimonianza il CI. Za
fra, Ruis Lopes, Lionardo, detto il Puttino, Paolo Bove, il Siracuſano
- - chia
6 Diſcorſo ſopra il ginoco degli Scacchi
chiamato Gio: Domenico de Leonardis, ed altri, che ſarebbono infini
ti: già il primo, ed il ſecondo ottennero da Filippo Secondo molti do
ni, ed eſente la patria da pagamenti fiſcali, e dal Re D. Sebaſtiano di
Portogallo, avendo vinto il Moro avanti Sua Maeſtà, n' ottenne anco
molti regali, e titolo di Cavaliere Errante, e liberò il Fratello da ma
no di Turchi, ed il ſecondo ſi liberò dalla ſervitù d'Algieri con utile
di molte migliaia di ſcudi. Gio:Domenico de Leonardis fin che viſſe,
godè 2 oo.ſcudi da Filippo III. datigli. Così avendo finito il Diſcor
ſo, non reſta altro , che quanto ho ragionato , in uno ſolo ſonetto
raccogliere.
Ae, Donne, Alfier, Cavalli, Rocche, e Fanti,
Guerreggiano tra lor nel bianco, e nero,
A/el campo d'un quadrato, e bel Scacchiero:
Che ne morte, ne orror reca , ne pianti,
Ma d' oneſti diporti aggio, fra quanti -

Degni poteſſe oprar nobil guerriero:


Che fortuna non già, ma valor vero
D'ingegno ivi s'adopra in modi tanti:
Onde invito ciaſcun venga a sè degno
7eatro, che a noi moſtra a un tempo inſieme
Guerra, ſchermo, duel, tragedia, e giuoco.
E s'avverrà , ch' alcun arrivi al ſegno
De primi, aurà oltre il diletto, ſpeme -

Certa d'util, d'onore in ogni loco.


Nel precedente Diſcorſo reſtami di ſoddisfare alle promeſſe fattevi
di dire il ſignificato del giuoco degli Scacchi, oltre le coſe narrate,ſe
guendo lo che dice il Dottiſſimo Giacomo Ceſolis in un ſuo trattato,
il cui titolo è, Il Reggimento degli uomini, e delle Donne di qualun
que ſtato ſopra il giuoco degli Scacchi.Ne vi paja coſa indecente il voler
narrare lo che altri appunto abbino detto poichè non a mia invenzio
ne l'attribuiſco; ma per non fare che ſtia ſepolto nelle menti degli uo
mini un così utile, e curioſo trattato, riſumendo non però lo che dice
diffuſamente in poche cartegiacchè dell'anno 1536.,che fu poſto in lu
ce, altri libri non furono più ſtampati. -

Diremo dunque per qual cagione fu ritrovato detto giuoco; ſecon


do,come egli contenga in ſe il reggimento degli uomini, e delle don
ne, così popolari, come nobili, ſotto il governo d'un Re ; non ſolo
nelle coſe appartenenti alla guerra, come s'è detto, ma a tempo di pa
Ce 2IlCOR2 e
Dice
pel Dottor Aleſſandro Salvio. 7

Dice egli dunque , che Serſe Filoſofo fuſſe ſtato di ciò inventore
Conſiglier d'Evamolderne Re di Babilonia , altramente Ammolino »
dett'uomo crudele, ed inumano, di modo tale, che del ſuo padre, do
po che fu morto, divenne carnefice , dividendo il corpo di quello in
trecento parti, facendone tanti avoltoi ſatolli, temendo, che di nuo
vo tornaſſe in vita, come poco prima avea fatto, finito il ſettennio d'
eſſer viſſuto fra beſtie da Bruto, che al governo del Regno fu reſtitui
to. Eſſendo,dico, quel Re così crudele, e Tiranno, qualunque talora
ammonirlo volea, uccider il faceva : laonde niuno ardiva dirli coſa
alcuna, dal che moſſi ed i Nobili, ed i Capi del popolo, vedendo, che
Serſe filoſofo prevaleva molto appreſſo il Re,lo pregorno inſtantamen
te, che voleſſe con detto Re tener modo d'ammonirlo,e di tante tiran
nie levarlo: al che il Filoſofo replicando diſſe, che ciò non ſenza ſuo
pericolo di certa morte poteva fare , e per tanto non ardiva in ciò e
ſporſi: li fu da quelli replicato, che egli più toſto doveva a ſe eligere
la morte, che ſoffrire sì fatte tirannie contro i ſuoi compatrioti, e
cittadini , e doveva ſeguire l'eſempio degl'altri, che non curorno la
vita a far ſimil'uficio, e tanto più doveva egli farlo, giacchè di mag
giore autorità egli era appreſſo il Re: onde con più ſicurtà, e bel mo
do ſcoprire poteva il ſuo intento, e ſe non colpiſſe, ed al contrario la
morte otteneſſe, eterna vita d'immortal fama n'averebbe avuta per
ſempre. Furono tanti i prieghi, che promiſe il buon Serſe far l'uficio
predetto: per lo che in ſe ſteſſo venendo, dandoſi a diverſi penſieri, fi
nalmente venne dopo molti diſcorſi tra ſe ſteſſo a formare il giuoco
degli Scacchi, formando prima lo Scacchiere nella forma, che la Città
Reggia ſtava, e dopo i pezzi, a ciaſcheduno dando l' uficio loro, co
me ſi dirà. - -

Scrive S.Girolamo, che la Città di Babilonia era molto dilettevo


le, ed in forma quadra poſta;ciaſchedun quadro portava ſeco 16. mi
glia: laonde tutto il ſuo circuito ſi faceva in 64 miglia, ed attorno at
torno tutta era murata , per lo che detto Serſe formò lo Scacchiere
nella detta forma, formando ſeſſantaquattro caſe, in quello attorno at
torno l'orli più alti, per ſignificare le mura della Città. Formato dun
s que lo Scacchiere, formò i pezzi, a i quali poſe il ſuo nome propio,
ed ufficio, e luoghi, e li diviſe in Nobili, e Popolari ; a Nobili diede
ad alcuni l'uficio di Giudici, ad altri di Legati Reggi, ad altri di Ca
valieri, che ſono i Rocchi, i Cavalli, ed Alfieri ; a Popolari diede
anco i loro ufici, come ſi dirà, ſopra ai quali formò eſſer il Re con
la Regina a coſto, il quale governaſſe, e regeſse tutti, collocolli in
queſta maniera . Al primo filare di quadri voti collocò la plebe, li
die
8 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi
diede detto luoco, acciò ella ſia la prima a combattere, e nella pace
abbia ſpazio e luoco alle ſue faccende. Ed alli Nobili laſciò il penſie
ro del reggimento della Città, e delle Caſtella, e del campo tal'ora, ſe
fuſſe guerra: onde detto Scacchiere non ſolo a detta città potraſſi aſ
ſomigliare, ma a qualſivoglia Città, e Reame.
Formato dunque lo Scacchiere, ed i pezzi, diviſe quelli in Nobili,
e Popolari ; a Popolari applicò a ciaſcheduno il ſuo uficio, ed arte,
ed i nobili º altri diviſe in ulficiali, altri in Legati, altri in Cava
lieri e tutti ſotto il governo d'un Re Capo, e Signore di tutti, come
abbiamo detto. Dipinſe dunque il Re in queſto modo: Era egli aſsen
tato ſopra una ſedia, veſtito di porpora con Real Corona in teſta, con
una verga nella man dritta, e con una Palla alla man manca: la Co
rona veniva a dimoſtrar la dignità, la quale è la gloria del Popolo, e
tutti devono a quella ubbidire ed aver l'occhio per la Porpora, che 'i
Re deve riſplender ſopra tutti di virtù , e di grazia, che ſi come il
corpo s'avviliſce per lo vecchio veſtimento, così la mente, e l'animo
non veſtendoſi di virtù morale: per la Palla nella ſiniſtra, che debba
attender all'amminiſtrazione di tutto il ſuo Reame, trattando il tut
to con Conſiglio di ſuoi Ulficiali, e Savi : per la Verga la giuſtizia, la
quale debba guardar la miſericordia, e la verità, poichè l'una, e l'al
tra guardano, e ſtabiliſcono il Regno : la ſedia poi deve riſplendere di
Giuſtizia, e di Pietà.Laonde diſſe Seneca a Nerone: A niuno convien
ſi più la pietà, che a Prencipi. -

La forma della Reina fa, che ſopra una ſedia fuſſe poſta una belliſſi
ma Donna con una corona in teſta con un manto dorato ammantata
d'un mantello, alla man manca del Re allogata: onde Salomone nel
la Cantica diſse, parlando dello Spoſo, la ſua mano manca ſotto il mio
capo, e la deſtra m'abbracciarà è allogata alla man manca del Re
per grazia, la qual coſa al Re s'è donata per natura, imperocchè me
lioè l'aver il Re per ſuo Signore, ed eſsere a lui ſoggetta , che per
elezione ciò fuſse fatto, ſe li dà moglie,acciò propaggini la ſua diſcen
denza,ed ancoacciò viva caſtamente,ne tocchi alcuno de ſuoi vaſsalli:
ſe li dà il mantello, perchè la donna deve, ſe talora il Re aveſse alcun
difetto occulto, coprirlo, e ſtar ſecreta , tal'ora alcuna coſa ſe le dice,
e così ancora eſser caſta, e pura, e non far moſtra di ſue bellezze : per
chè la caſtità è la più gran virtù, che poſsa aver la donna. Scrive S.Ge
ronimo, come Tullio nobile Romano, il quale fu il primo, che trium
faſse in Roma per vittoria avuta nel mare, tolſe per moglie una per
propio nome chiamata Ilia, la quale oltre l'eſser caſta, era così one
ita, e nelli ſuoi affari ſecreta, che ritornando il marito un dì nei
Ca

- 3.
- Del Dottor Aleſſandro Salvio. g.
fa tutto mal contento, e malinconico, per eſserli ſtato detto, che era
tutto putrido, e puzzolente nella bocca, del che ſtava molto ſdegnoſo
ancora con la moglie, che detto non ſe l'aveva , gridando ſopra di ciò
con lei: ella li riſpoſe, io l'averei detto, mio Signore, ſe non aveſse cre
duto, che tutti gl'altri uomini aveſsero avuto il medeſimo , che voi
avete. -

Dice Paolo Pocelli, che nelli Longobardi fu una Ducheſsa nomata


Roſmida, quale eſsendo aſsediata da Catina Re d'ungaria, avendo el
la due belliſſime figlie, vinta dalla libidine dell'amor del Re, li fà in
tendere, s'egli pigliaſse lei per moglie, gli darebbe la Città in mano:
promiſe il Re quanto egli chiedeva, ed entrando nella Città con i ſol
dati , cominciorno quelli a predare, e fare mille villanie alle don
ne, facendo prigioni la
Ducheſsa, e le figliuole, le quali prima anteve
dendolo che potea ſuccedere per la deliberazione della madre,s'aveva
no poſto ſotto le braccia un pollo morto per ciaſcheduna parte tutto
putrido, acciò accadendo alcuna coſa, (come avvenne ) volendoli al
ºuno corre la verginità, ſentendo la puzza non le toccaſse : laonde i
ſoldati volendo lor far forza, ſentendo la puzza ciaſcheduno le laſciò.
Fu la Ducheſsa poi preſentata al Duca , il quale la preſe per moglie
conforme la promeſsa, e con lei giacque la notte, il ſecondo giorno la
fè ſchernire ed il terzo la fè impalare pubblicamete con un detto: que
ſto fine conviene ad una moglie luſsurioſa, e ciò ſi conviene a tal ma
rito, poichè tradì la propia Città: le dette ſue figliuole poi per la loro
caſtità l'una divenne Reina di Francia, e l'altra Imperadrice.
L'Alfieri poi ſono della condizione degl'ulficiali, la cui forma è ta
le sºno dipinti i due Alfieri, che ſedano ſopra due ſedie, ciaſcheduno
avendo la ſua, l'uno dalla parte della Regina, e l'altro del Re, con un
libro aperto in mano, in quello ſempre mirando , attribuendoſeli la
poteſtà Criminale all'uno, ed all'altro la Civile, quello circa il puni
re i delitti , queſto circa i debiti, e le poſseſſioni, e beni de' ſudditi :
laonde l'uno veniva a ſtare nel deſtro lato in quadro bianco, e l'altro
in quadro nero da man manca, al nero il criminale s'attribuiſce , al
bianco il Civile. L'uficio di coſtoro, oltre lo che s'è detto, è dar conſi
glio al Re per compor leggi ad ogni ſuo comandamento, ed informare
quello di buoni coſtumi,e ben vivere, favorire, e premiare i giuſti, ca
ſtigare i rei, e ſecondo le conſtituzioni, e leggi ſentenziare ſopra quel
lo, che verte, e non farſi da niuno affetto tirare d'amicizia, o d'odio»
o di timore,o d'avarizia.Laonde dice Seneca nel libro de benefici,eſº
º ſtatº più forte,e poderoſo Diogene,che Aleſſandro Magno che lº
tº Poſſedeva poichè più era quello,cheBnon voleva togliere,che i"
- Cl1C
-
O Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi
che potea dare così ſimilmente diſſe, che Marco Curio nobile Roma
no avendo aſſediati i Beneventani, quelli avendo inteſo colui eſſer
povero di ricchezze, mandando loro meſſaggieri li portorno un gran
dono , e ritrovandolo a tempo che pranſava con vaſi di legno :
quelli rallegrandoſi(tenendoſi per ſicuro, tanto più eſſere a colui gra
to il loro preſente) le lo preſentorno da parte de'loro Signori, acciò l'
aſſedio li toglieſſe; ai quali riſpoſe il buon Romano, dite a noſtri Be
neventani, che io più toſto voglio i ricchi dominare, che ricco diveni
ºre e

Vengono appreſſo i Cavalieri, la cui forma è in queſto modo deſcrit


ta : ſopra un Cavallo armato a battaglia con l'elmo in capo º di
corazza, ſpallieri, bracciali, guanti, arneſe, ſchiene, e di ſproni forni
to, con la lancia in man dritta , el pugnale al medeſimo fianco lega
to, ed all'altro lato la ſpada ſotto un forte ſcudo alla cintura attacca
ta. Laonde viene a ſignificare, che in tutto, e per tutto deve eſſer for
mito d'ogni virtù, quando alcuno vorrà farſi Cavaliere.
Oltre le coſe predette, è neceſſario la notte vegliare l'armi, ed in
orazione ponendoſi con propoſito di menar buona vita, e coſtume di
Cavaliere oſſervare, dimandando dal Signore Iddio, che per grazia le
ſia il tutto conceſſo , non a ſuoi meriti attribuendoſi il deſiderato
onore: gli viene poi cinta la ſpada dal Re, o da altra perſona degna di
tanto onore, acciò da quella riceva la dignità, e la mercede, di cui egli
deve eſſere difenſore. Deve avere un Cavaliere in ſe ſcienza, fedeltà,
larghezza, fortezza,e miſericordia de'pupilli, vidue, e di perſone miſe
rabili guardiano, e delle leggi difenſore, e ſoſtentatore : ſaggi devono
eſſere i Cavalieri, ed eſperti, avanti che detta dignità acquiſtano, con
eſſere uſati bene aſſai prima nell'armi, acciò per lunga eſperienza am
maeſtrati, ed accorti nell'opere dell'armi ſiano: poichè la vittoria del
la battaglia nelle mani di quella ſtaſſise più vale il provvedimento del
ſaggio Cavaliere, che non fanno le forze di più Cavalieri non ſag
gi: del che a noſtri tempi ſi vede l'eſperienza, poichè Cavalieri giova
ni altro non chiamano quelli, che poco accorti , e ſaggi ſiano: laonde
Aleſſandro Magno,avendo vinto la Siria, la Caldea, ed altri luoghi ſi
no all'Indie, ed altre vittorie innumerabili ottenute,diſſe,eſſer ciò av
venuto più per la prudenza, e ſenno d'antichi Cavalieri, che per forza
di giovani.
Viene ultimamente deſcritta la forma de Rocchi , a quali l'uf
cio de Legati, overo Vicari del Re viene attribuito : la forma di co
ſtoro è tale: un Cavaliere ſopra un cavallo col mantello di Vajo, ed
intorno al cappuccio del medeſimo Vajo ornato, nella man dritta una
- - ver
Del Dottor Aleſſandro .Salvio I

verga.Sono eglino Vicari, e non ſenza ragione: poichè il Re non può


in ogni luoco perſonalmente trovarſi e perciò d'altri è biſogno ſervir
ſi nei Paeſi lontani, acciò nelle biſognevoli occorrenze ſi poſſano di
quelli valere : e però ſe li danno due, uno dalla man dritta, e l'al
tro dalla manca, a quali vengono attribuite le virtù , che avere deb.
bono, cioè, giuſtizia, umiltà, pazienza, povertà, e larghezza , le quali
coſe vengono a ſignificare nel loro veſtire, ed andare. Deve ſi bene più
d'ogn'altra coſa il Vicario del Re di giuſtizia riſplendere poichè alcu
na volta i Regni ſenza colpa del Re , ma per errore de miniſtri ſi
perdono: laonde n'avviene il proverbio, Ingiuſto Re ingiuſto miniſtro
tiene; A Re malvaggio Conſiglier peggiore. - s

Viſto dunque lo ſtato de Nobili, e degli ulficiali - reſta dire lo ſtato


de Popolari ed incominciando dalla parte del Rocco del Re, diciamo,
che il primo Pedone in tal modo viene dipinto.
lln Villano con la Zappa a lavorare la terra nella mandritta,e nel
la man manca una verga,con la quale gl'animali, e gl'armenti guidi,
e regga; e con un coltellazzo alla cintura , il quale per putare le viti,
e gl'arbori ſerva: laonde per queſte tre coſe ogni lavoro di terra ſi de
ve comprendere, e degli animali il governo, che ſarà il nome di Paſto
re. Deve dunque il lavoratore temere Iddio , ne offenderlo (diſpreg
giando la morte) ſopra il ſuo lavoro ſtare, e dare a lui le decime, che
ſe li devono, ne delli peggiori offerire, ma de'megliori, acciò non ſia
no rifiutati, come quelli di Caim, ed acciò ceſſando da quella poi Id
dio dall'altra parte non li tolga i ſuoi beni per giuſta vendetta, non
dimoſtrandoſi l'uomo grato al ſuo Creatore. Deve eſſere leale ancora
al ſuo Signore, dando a quello lo che di ragione tocca , e quello difen
ſare, e qual nuovo Pipone ſopportare ogni tormento per eſso onde di
ce Seneca, che la ragione comanda, e vuole, che l'uomo ami la vita, ma
non deve temer la morte per la ſua libertà. - - - - -
Il ſecondo Fante, che ſta avanti al Cavallo, viene dipinto in forma
di Fabro, ma in queſto modo, col martello nella man deſtra, adoſſo un
tabbano da marinaro,e nella manca una cazzola per murare: per que
ſti tre ſegni ſi poſsono a lui attribuire tutti l'artifici, che per umano
ſapere s'uſano, i primi nel martello , i ſecondi nel tabbano, e li ter
2i nella cazzola.
A queſti li conviene fermezza, fedeltà, e fortezza, poichè loro ſono
commeſſe coſe non ſolo in metalli, ed argenti, ma ancora da navigan
ti i corpi umani, i denari, ed è i maſtri di pietra, e di legnami anco
la difeſa delle perſone, così dal freddo, come dal caldo, come ancora
da nimici, e ladri, laonde ſi dice, che chi perde la fede, non ha si per
B 2 e
-
-

12 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi


dere. Dice Valerio Maſſimo, che Fabio, avendo ricevuti i prigioni d'
Annibale a certo patto di danari, non eſſendoli ciò da Romani conce
duto, fece un ſuo podere vendere dal ſuo propio figliuolo, per conn
ire allo che aveva promeſſo, non curandoſi egli povero rimanere, per
ſerbare la fede.
Il terzo popolare è quello, che ſta davanti all'Alfiero ed in tal mo
do viene formato, con la forbice nella man dritta , nella manca un
coltello, e nella cintura un calamaio al pinnarolo congionto, e nell'o
recchio deſtro la penna. - 2 -

Il calamaio,e la penna denota l'uficio de Notari, i quali in forma


autentica pongono i loro ſcritti : la forbice denota tutti quelli artefi
ci, che detto inſtromento uſano, come ſono i Sartori, Barbieri, ed al
tri il coltello denota i Calzolari, e Correggiari , a coſtoro conviene
lealmente,e fedelmente loro eſsercizio fare, e la verità ſempre con eſſi
loro avere. Laonde ſe i Notari ſono buoni, recano grandiſſima utilità
alla Repubblica;ſe cattivi di tutti i chiati,e danni,e ruine, che cauſa
ranno le ſentenze de Giudici, eglino ne ſono cagione: devono ancora
detti Notari ſapere i ſtatuti della Città, e leggi, acciò facendo i con
tratti non ſiano poi nulli, e caggione di gran danno a contraenti:de
vono eſſere non men che Giudici a non farſi tirare da niuno affetto;e
s'alcuno amico loro dimanda alcuna coſa ingiuſta, riſpondano, come
dice Valerio Maſſimo, che fece Roſpilo con un ſuo amico, il quale pre
gando detto Roſpiio di coſa ingiuſta, e quello a lui non concedendo,
li ſoggiunſe l'amico:la tua amicizia che mi giova, ſe i miei prieghi te
coforza non hanno? egli riſpondendo diſſe, e che prò mi fa la tua, ſe
per te coſa diſoneſta debbo fare. -

Il quarto popolare viene collocato avanti al Re: e egli dipinto nel


1a man deſtra la bilancia col peſo, e nella ſiniſtra la canna, overo paſ
ſetto da miſurare , alla cinta la borſa con i denari, apparecchiato a
chiunque l'addimandaſſe corriſpondere. Coſtui viene a figurare qual
fivoglia forte di mercadanti : poichè la canna dimoſtra qualſivoglia
mercadante da vendere a miſura , ed a peſo con la bilancia ; e qua
lunque compratore di moneta ſignifica la borſa , a coſtoro conviene
fuggire l'avarizia, guardarſi da debiti , ed oſſervare puntualmente le
promeſſe, ed eſſere veritieri venditori. Si pone avanti al Re ſimil fi
gura : poichè egli deve i teſori del Re guardare; riſpondendo a pa
gare li ſtipendi de Cavalieri , laſciando da parte ogni ſorte d'avari
zia:onde S.Agoſtino dice, che l'avarizia perverte la fede: ſicchè la leal
tà più che ad ognuno a mercanti convienſi.Scriveſi, che in Genova un
mercadante nomato Galtiero lealiſſimo più d'ogn'altro fuſſe: avenne
- LID,
Del Dottor Aleſſandro Salvio. i3
un dì, che un mercadante di cattiva coſcienza li dimandaſſe cinque
cento fiorini, che l'avea dati: il buon Galtiero vedendo il libro, e di
colui il nome non eſſer notato, diſſeli, fratello,io nel libro non vi ve
do notato il voſtro nome, vedete c'abbiate fatto errore i colui inco
minciando a gridare, volendo maltrattare detto mercadante, che ladro
fuſſe, colui, per non macchiare il ſuo nome,diſſeli, fratello, non grida
te, eccovi i cinquecento fiorini : avvenne dipoi , che colui dopo tolti
i detti quattrini viſſe alcuni anni, e con quelli ſi fe ricco, ma venendo
a morte rimorſo dalla coſcienza,laſciando detto Galtiero erede, avvent
ne, ch'il ladro fu buon guadagnatore per Galtiero. -

Viene il quinto Popolare, quale ſtaſſi avanti alla Regina,la cui for
ma è un uomo ſopra una ſedia Reale poſto con un libro nella man
dritta, il vaſo di Speziale nell'alese nel cºtolo molti artifici da me
dicare le piaghe: coſtui viene a figurare i Medici fiſici per lo libro,che
tiene, i quali per eſſere perfetti , è biſogno ſiano Grammatici, Logi
ci, Rettorici, Aſtrologi, Aritmetici, Geometri, e Muſici,giacchè egli
no gran parte della vita umana tengono in loro potere : conviene al
Medico maturità di ſenno, ornamento di coſtumi, e di parole, l'eſſer
caſto, prometter ſanità all'infermo, viſitarli ſpeſſo, eſſer ſolleciti in ri
cercar le cure, le cagioni, e ſegni delle infermità con grande ſtudio de
loro Autori, preciſamente di Galeno, Ippocrate, ed Avicenna , ſe tal
ora con altri vengono a colleggiare, non ſi moſtrino quiſtionatori , e
ragionatori,per dimoſtrare d'eſſere letterati, ed averne dell'altri l'ono
re, non curando quello, che all'infermo più eſpediente ſia.
Si pone avanti alla Reina, per dimoſtrare , che caſte deveno eſſere
ſopra modo, e i Medici che eglino ſanno oſſervare,o tener ſecreta la di
lei infermità, e difetti. Scriveſi d'Ippocrate, ſecondo dice Valerio, che
nella Città di Atene fu ll Ila beliſſima donna, Ina meretrice, alla qua
le alcuni giovani promiſero gran quantità di danari, purchè induceſ,
ſe il detto Medico a ſtar ſeco: accettò la buona donna il partito, ed eſ
ſendo ſtato con lei tutta una notte il buon Medico ad uſare i ſuoi me
dicamenti nel male da dolori che diceva avere, non fu baſtante ad in
durlo: per lo che i giovani richieſero i dati danari a colei , quale diſ,
ſe, che ella non era tenuta altrimente a reſtituzione: perchè l'animo
non d'una ſtatua di pietra, ma d'un uomo avea promeſſo mutare: per
lo che fu da Savi pronunziato in favor della donna. -

I Speziali poi devono eſſequire con diligenza, e fedeltà , lo che da


Medici viene ordinato, e ſopra tutto non falſificare le coſe, che nel
la medicina ſi contengono. - -

Viene il ſeſto Popolare, il quale ſta collocato avanti all'Alfiero del


- - - la
T4 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi.
la Regina : coſtui viene dipinto, un uomo colla man dritta in atto di
voler altri albergare,e nella man manca con un bicchiero pieno di vi
no,ed un pane, ed alla cintola le chiavi: coſtui viene a rappreſentare i
tavernari, ed albergatori, ed altri di ſimile meſtiere: vengono coſtoro
dipinti avanti all'Alfiero,come Giudice, ch'abbia di loro a conoſcere
devono dunque coſtoro procurare buoni cibbi, e bevande, ed eſſere
corteſi,e che i loro oſpiti ſiano bene guardati,e governati, e della robba
toro averne diligente cuſtodia , rendendoli intieramente con buona
faccia ogni coſa loro data a tenere, uſando ſempre loro buone, e corte
ſi parole: devono poi eglino ancora fuggire il vizio della gola, acciò
ſiano eſſempio agl'altri di reſtringere, prendendo norma da loro , li
quali tanto prendono da mangiare, quanto loro baſta per vivere, an
corchè s'aveſſe avanti di ſe grandiſſima quantità di robba : l'uomo
dunque deve bere per vivere, e non vivere per bere : convienſi ancora
ai detti avere i fanti leali, acciò contra il dovere non tolgano alcuna
coſa agli oſpiti,ed in particolare non fraudare i cavalli della loro bia
da. - - -

Viene il ſettimo Pedone in queſto modo dipinto,il quale viene col


locato avanti al Cavallo della Regina : averà egli nella mano dritta
due gran chiavi,e nella manca un compaſso, ed una borſa aperta alla
cinta: coſtui in tal modo formato rappreſenta i cuſtodi della Città per
le chiavi , e per la miſura gl'altri llficiali, quali ſtanno per i paſſag
gieri, e per la borſa i Gabellieri, i quali ſtanno a ricevere le coſe del
comune : ſtanno avanti de'Cavalieri, perchè a quelli conviene la di
fenſione della Città, o del publico.
Tocca a guardiani eſſer ſolleciti, eſſer pieni di ſenno, e del co
mune eſſer amatori o nella pace, o nella guerra, ſapere le fortezze
della Città, ed i ſtatuti di quella, acciò i Rettori ſappiano intorno a
quello ch'occorre regolarſi, ne devono eglino a niuno uomo ne in pa
ce, ne in guerra le fortezze manifeſtare , ne fare pigliare l'altrui per
vanagloria loro, ma ſtare vigilanti per i latroni, che tirano a rubbare
altrui, e fare ſollevare la Città, acciò di quelli diventino tiranni.Nar
raſi di Federico Imperadore Secondo , che nella Città di Capoa ſopra
il ponte del fiume » ch'intorno le corre, fe fare una pietra di marmo
di maraviglioſo artificio » dove ſtava egli ſcolpito in ſedia di maeſtà,
con due Giudici a lato, uno dal deſtro, e l'altro dal ſiniſtro, a modo
d'aſſeſſori, ſopra de quali era ſcritto, Entran ſicuri chi voglian puri
onori; e ſopra il Giudice a manco. Il men fedele teme d'eſſer contento,
e di ſotto del cerchio eſſer ſcritto con un altro verſo , Per comanda
mento di Ceſare ſono fatto guardiano di tutto il Reame, e di ſopra
poi »
Del Dottor Aleſſandro Salvio I5

poi,O come ſono ſtolti coloro, che ſi fidano d'alcuno loro ſtato giacchè
ie coſe del mondo non ſono con ſtabilità
Devono i Gabellieri poi toglierſi il giuſto, e non fraudare i poveri
paſſaggieri , e macchiare la lor coſcienza per farſi grati al lor Signore,
overo per riempire la lor borſa: guai guai a colui, che rubba : perchè i
fatti ſuoi ſempre andaranno da male in peggio. Il ſimile ſi dice de'te
ſorieri, e dell'altre perſone, che del pubblico hanno cura : laonde alla
fine poi ſi vede chi bandito, chi impiagato, chi mendico; onde diſſe il
Poeta, La vita il fin, il dì loda la ſera, oltre poi dell'eterno danno.
Viene ultimamente l' ottavo plebeo , che ſta collocato avanti il
Rocco della Regina: coſtui è dipinto in forma d'un uomo con capelli
creſpi, e rabbuffati, con pochi, e vecchi panni, e men danari , quattro
dadi nella man dritta e nella mane- un pane moſtrando d'andar man
giando per ſtrada, e nella cintola una borſa da corriere, ove ſi porta
no le lettere: coſtui rappreſenta i corrieri, e gli uomini giucatori, e
della loro facoltà diſſipatori : ſi pone avanti a Vicari del Re, poichè
a loro conviene di quelli come a ſpioni, e corrieri ſervirſi : e in propo
ſito di coteſta qualità di perſone, che non ſanno i loro beni guardare, o
nel giuoco perdere, porta l'Autore una Iſtoria notabile. Si legge, che
un Giovanni Cavazza uomo di molte ricchezze, aveva due belliſſime
figlie, alle quali poſe tanto amore, che a due belliſſimi giovani collo
colle, dandole per lor dote quanto egli aveva, nulla a ſe ſerbando, non
molto dopo i detti generi l'incominciorno a ſchernire, e maltrattare:
nel che lo ſciocco, ed inaccorto uomo avvedendoſi del ſuo errore, la
neceſſità facendolo accorto, con una nuova invenzione riparò a ſuoi
danni - aveva egli un caro amico, al quale dimandò mille fiorini per
tre giorni in preſtito i colui avendoli credito ce l' impreſtò : egli toſto
andando nella caſa fece il giorno ſeguente un belliſſimo paſto alle fi
gliuole,e generi e fè vedere in ſuo potere aver quelli danari. Fu egli di
mandato, che denari erano quelli, e che fare ne voleva : riſpoſe loro l'
accorto vecchio, che erano da mille libre, che teneva per un depoſito,
che mai toccare voluto avea: ma ora ſe eglino con eſſo lui portar bene
ſi volevano, a loro laſciar li volea; i buoni generi dopo a gara, chi più
bentrattava il vecchio, dandoli ogni commodità, che egli chiedeva:
tra queſto mentre detto Giovanni tornò all'amice i quattrini: paſſati
alcuni meſi colui vedendoſi in una infermità grave , ed ancor d'eſſer
vecchio, chiamandoſi detti ſuoi generi, e figlie, diſſe loro queſte paro
le: ſapete voi già figli cari , come in quello caſsone ( moſtrando loro
con la mano) ſono i miei danari ripoſti : per lo che non accade far al
ire
tro teſtamento, giacchè dopo mia morte ſono voſtri: fatevi dareCne
16 Diſcorſo ſopra il giuoco degli scacchi.
che ſono atterrato le chiavi da Frati Minori di queſta noſtra Città,ap
preſſo de quali l'ho ripoſte (ma dopo che ſono ſepolto) che così loro
ho ordinato, alli quali darete libre cento, ch'altrimente non ve le da
riano: il tutto per l'anima mia: non dopo molto il buon vecchio ſe
ne morì : i buoni generi con molta preſtezza, e con ſolenne pompa
portorno il ſuocero nella Chieſa , e lo fecero ſepellire; e dando le
cento libre a Frati Minori, ſi fecero conſignare le chiavi, le quali avu
ce, andando ben preſto ad aprire il caſſone,ivi in vece de quattrini ri
trovorno una mazza di ferro, che nel manico ſcritto avea : Queſto è il
teſtamento di Giovan Cavazza, chi ſe per altri laſſa, ſia ammazzato
con queſta mazza. - - - - -

Così dunque inventato detto giuoco,il Re compiacendoſi di quello,


dal Filoſofo prima a lui moſtrato, volle ſapere il ſuo ſignificato: al che
colui replicandoli diſſe: quando sua Maeſtà come ſuo diſcepolo que
ſto aveſſe deſio d'imparare, ce lo inſegnarebbe preparandoſi di fare lo
che egli diceſſe:contentoſi il Reseglie lo promiſe:il Filoſofo aſſicurato
dalla ſua parola,a poco a poco inſegnandolo li venne a moſtrare, come
un Re doveaſi moſtrare con vaſſalli , diſpiegandoli prima il ſignifica
to, come di ſopra: per lo che il Revenendo in ſe ſteſſo, cominciò a mu
tar vita, e conforme i precetti dal maeſtro dati, e da Tiranno buon
Principe divenne Queſte coſe non ſolo ai Re , ma ancora a ciaſchedu
na perſona renderà conto , di qualſivoglia condizione ſi ſia : poi
chè così a donne, come a uomini, conforme la qualità di ciaſcheduno,
ſi dà il modo di vivere: e queſto è quanto mi occorre nel ſecondo ra
gionamento,conforme la mia promeſſa. - - -

- - - -

il Fine del Primo Libro.

- - - 1L
-

I L P U T T I N O.
O V E R O -

Il Cavaliere errante del Salvio,


soPRA IL GIuoco DEGLI SCACCHI.
L 1 B e o s E c o A D o. - - -- -

se e z. reneeficato della felice memoria di Grego. rºz –33 -


rio XIII. Pontefice Maſſimo ſi ritrovava Lio
nardo da Cutri (detto il Puttino) in Roma, dove
vacava allo ſtudio delle leggi, benchè più al giuo
co degli Scacchi egli attendeſſe:laonde era in tanta
eccellenza venuto, ch'ancorchè giovanetto fuſſe,
nulla dimeno ciaſcheduno giucatore, per eccellen
e' te che s'era in Roma,egli vinceva e per eſſere egli
di sì poca età,il nome di Puttino ſe li dava.Avvenne in tanto, che nel
la Corte del buon Re Filippo Secondo vacò un benificio di non poco
momento,del che moſſo Ruis Lopes(detto il Clerico di Zafra) il primo
giucator degli Scacchi di quel tempo in tutta l'Europa, ed uomo di
molte belle lettere,venne in Roma,acciò quello poteſſe ottenere e tra l
mezzo che egli erassava d'avere il benificio, non potendo contenerſi di
non moſtrar il ſuo valore, informatoſi dove ſi teneva la converſazione
di detto giuoco,v'andò,ed ivi conferitoſi per alcuni giorni moſtrò non
ſaperne , alla fine ſcorgendo, che niuno arrivava al valore del buon
1.ionardo, con molto bel modo ſi poſe a giucare con lui di pari, ed eſ
ſendo occorſi molti belli giuochi e dall'una,e dall'altra parte, alla fine
la ſottigliezza del giovane, non potè all'eſperienza del vecchio reſiſte
re: lo che tanto diſguſto recò al buon Lionardo, che quaſi non ardiva
rimirare a niuno di quelli, che erano preſenti,non reſtandoli altra ſpe
ranza, che di farne forſe vendetta nel ſeguente giorno: ma il contrario -
ſuccedè, d'onde aggiungendoſeli maggior ſcorno, partiſſi da Roma, e º
c5 uno ſuo zio,ſenza dir nulla,il ſeguente giorno invioſſi alla volta di “
Napoli ; ove gionto andò di ſtanza nelle caſe di Monſignor dell'Iſola, -
ſotto il Tempio di San Martino: ivi fece poi ſtudio particolare quaſi e
per due anni con un ſuo Zio, e parendo d'eſſere arrivato a perfezione -
- - - C - tale,
13 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi.
tale , che ſe di nuovo col ſuo inimico s'incontraſſe, vincitor ne fa
rebbe ſi diſpoſe ad ogni modo, per andarlo a ritrovare dovunque egli ſi
fuſſe. Ruis Lopes in tato,avendo ottenuto dal Sommo Pontefice quan
to egli deſiderava, ritornò in Madrid,del che Lionardo avutane nuova
da alcuni ſuoi amici, diſpoſe d'andarvi: ma prima che partiſſe, voleva
avviarſi in Cutri ſua patria, tra queſto mentre egli trattenevaſi in ca
ſa del Signor Principe di Geſualdo, Don Fabrizio Geſualdo nomato,il
". di molto ſapere in detto giuoco,teneva di cotinuo l'Aci
cademia in ſua caſa.Avvenne in tanto,che Paolo Bove(detto il Siracu
ſano) anch'egli giovane, e grangiucator di Scacchi, moſſo da genero
ſa invidia della fama del Puttino,che per tutto riſonava, ſi partì dalla
ſua patria, per andarlo a ritrovare,e vedere,ſe il ſuo ſapere era minore,
.? - aº e o maggior di quello di lui;e venendo nella città di Napoli, informa
toſi là dove ſi giucava, il giorno ſeguente ſi conferì in caſa del Signor
Principe, dove vedendo più partite di giucatori, ſi poſe a vedere ca
ſualmente giucare Lionardo con il detto Sign.Principe, non ſapendo
che colui il Puttino fuſſe;così quelli giucando ne avvenne, che il det.
to giuoco pareva fuſſe vinto, ma effettivamente s'impattava per lo che
Lionardo andava trattenendoſi, che il Signor Principe non ſi avvedeſ
ſe del tratto, come effettivamente avvenne per il che finito il giuoco
diſſe Lionardo al Principe, che in niun modo ſi poteva impattare, ſe
non fuſſe ſtato più ch'eccellente giucatore, eſſendo il tratto molto oc
culto . Aveva tra mentre il buon Paolo viſto il tutto, e per vedere ſe
colui diceva il vero, diſſe, con buona grazia del Signor Principe, quan
do egli così comanderà,pigliarò io ad impattare detto giuoco; preſe il
partito il Lionardo, ottenuta licenza dal Principe, con ſicurtà grande
di vincerlo(non potendoſi immaginare, che colui fuſſe di ſimile ſapere)
onde poſto il giuoco,come ſi ritrovava nel tempo, che ſi è detto di ſopra,
inconminciarono a giucarese perchè Paolo al primo tratto venne a dare
chiarezza,ch'egli aveva viſto il tutto; Lionardo arreſtò, e venendo a ſe
ſteſſo nominare, diſſe, Lionardo ſta in cervello, che il tuo contrario tira
da ſenno, ma vedi, pure gl'ultimi colpi corriſponderanno al preſente.
Reſtò oltre modo allegro il Siracuſano,intendendo che colui fuſſe il ſuo
rivale: per lo che li ſoggiunſe, ne potrai ſtar molto ſicuro, Signor Lio
º nardo,ch'io ſappia il giuoco dove vada a cadere, ne ſarei il Siracuſano,
º s'il tutto viſto non aveſſe già il giuoco finiſce in queſto modo;piacemi
º molto averlo viſto,e che di tanto ſapere egli ſia,ne per altro coſtà ſono
- venuto,moſſo dalla ſua fama, che per giuocar ſeco;per lo che la prego,
- (quando il Signor Principe così comandarà diamo principio a così
º onorevole paſſa tempo accettò allegramente l'invito il buon Lionare
do»
-

Del Dottor Aleſſandro Salvio. I9


do,e via più li fu caro, quanto che il ſuo rivale fuſſe sì gran giucatore:
onde ottenuta dal Principe la licenza , poſtoſi ſu l'arringo diedero
principio a sì piacevole, e onorata conteſa.Surſe fra gl'altri giucatori
un mormorio di sì fatta disfida del pari di sì gran giucatori : per lo
che ciaſcheduno laſciando il ſuo giuoco, ſi poſe a rimirare quello, che
fra que due n'avveniſſe, con tanto lor guſto, che parea loro,che mag
giore alcun altro degno ſpettacolo recare non poteſſe : venne per ſorte
a toccare il primo tratto al Siracuſano: per lo che incominciando dal
Pedone del Re, quando và Lionardo facendo l'iſteſſo,ſi venne a fare il
Cammitto,nel quale e dall'uno e dall'altro ſi fece il poſſibile: l'altro a
/
difendere il Pedone, e l' uno ad offendere il contrario. Vedevaſi nel
Puttino fortezza di giuoco,e tardanza a mutare i pezzi 3 in Faulo poi
preſtezza,e ſottigliezza di craeet artatine dopo aver giucati molti giuo
chi, eſſendo tardi reſtorono di pari onore, avendo or l'uno, or l'altro
guadagnato,ed ora impattato: il che diede al Principe, ed a quell'altri
giucatori gran guſto. Partendoſi dunque con pigliar licenza dal Prin
cipe, ſi appuntò per il ſeguente giorno non ſi mancaſſe: per lo che con
gran deſiderio da tutti s'aſpettava la ſeconda battaglia: lo che avvie
ne, ſi dirà nel ſeguente Capitolo. . .
C A P. I I. l

S I diede fine, Nobiliſſimi Signori, nel paſſato ragionamento al


ſucceſſo di que valoroſiſſimi giucatori: onde io ripigliando l'in
cominciata tela della mia iſtoria, dirò che Lionardo vedendo per
sì nuove ºccaſione - che il Principe non lo farebbe partire così preſto,
come egli vorrebbe ſi diſpoſe in ogni modo a partire per lo che laſcia
do ordinato a ſuo zio, che lo ſcuſaſſe col Signor Principe, la mattina
ſeguente preſe una barca a ſei remi al molo picciolo, e Invroſſi verſo
Cutri ſua Patria, dove in pochi giorni felicemente arrivò , ed eſſendo
dagl'amici,e parenti ricevuto, ivi trattenuto per alcuni giorni, avven
ne, ch'alcune fuſte di Corſari preſero molti Chriſtiani per loro ſchia
vi, e fra gl'altri vi fu un fratello di detto Lionardo: ma alzandoſi ban
diera di riſcatto,v'andarono tutti quelli, che amici, o parenti v'aveano
fra gl'altri toccò anco a Lionardo d'andarvi : ritrovò per ſua buona
ſorte il fratello nella Galea,dove ſtava il Rais, col quale accordandoſi
per lo riſcatto in ducento ducatoni; mentre gl'altri trattavano i riſcat
ti degl'altri, Lionardo poſe gl'occhi alla poppa della Galea, dove vi
vidde uno Scacchiere, alla cui viſta oltremodo rallegroſsi, creden do,
con quella occaſione farvi il fatto ſuo : il Rais vedendolo così fiſa
- C 2 men
2o Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi
mente rimirare lo Scacchiere,li diſse, s'egli s'intendeva di detto giuoco,
e dicendoli egli di sì, replicò il Rais, ſe voleva con eſso lui giucare,ed
eſsendo d'accordo, ſi diede principio al giuoco, andando cinquanta
ſcudi per volta, Lionardo con molta faciltà li guadagnò il riſcatto del
fratello, ed anco ducento altri ducatoni, del che il Rais, che per ec
cellente giucatore tenevaſi, reſtò oltre modo meravigliato, ma via più
dipoi che Lionardo li moſtrò alcune ſue coſe particolari: onde il Rais
toſto li reſtituì il fratello, e li diede ancora ducati ducento, pregando
le con molta inſtanza, che con eſso lui in Conſtantinopoli andar vo
leſse, che l'aſsicurava sù la ſua fede di ritornarlo ſalvo, e ſicuro alla
ſua patria, e con molta ricchezza: ricusò Lionardo il partito del Tur
cho, onde tolta da quello licenza, ſe ne ritornò alla ſua caſa con molta
allegrezza e contento: ivi pochi giorni dimorato con Giulio Ceſare da
Lanciano, partiſsi per Spagna , ritornando per la volta di Napoli alla
larga, inviandoſi verſo Genova, dove fuori della ſua opinione molti
giorni dimorò , accadendoli alcune coſe degne da raccontarſi , come
nel ſeguente capitolo diraſsi.
- - -

c A. P. III,

A Rrivato Lionardo nella bella Città di Genova, li parve molto


vaga, e gentile, e perchè vi ritrovò converſazione molto prin
cipale del giuoco degli Scacchi, (oltre che vi ſi giucava all'
ingroſſo ) vi ſi trattenne fuori del ſuo intento, e via più per aver egli
preſa intrinſichezza grande con un Gentiluomo nominato Giorgio,
il quale oltre l'eſsere molto ricco, era di sì nobile, e gentile converſa
zione, che tirava ciaſcheduno ad amarlo, eſsendo egli amico fuor di
miſura di foraſtieri, e virtuoſi, ed in particolare de' giucatori degli
Scacchi, eſsendo che non ſolo egli, ma la ſua moglie ancora con una
ſua unica figliuola fi dilettava grandemente di tal giuoco, per la cui
domeſtichezza fu egli riputato da tutti, che ſuo parente fuſse. Venne
il buon Lionardo in tanto ad invaghirſi di detta giovane, ed ella di
1ui: per lo che vennero ad atto di promiſſione di matrimonio, come
già fede ſe ne diedero: aſſicurando la giovane il buon Lionardo, che
ſdegnar non la poteſse di parentado, con appuntamento però dopo il
ſuo ritorno di chiederla al padre,giacchè egli alla Corte doveva prima
andare: per lo cui affetto vi laſciò Giulio Ceſare ſuo creato, fingendo,
ch'ammalato fuſſe, ed uno de'creati di lei portò ſeco; ciò appuntato
fra di loro, chieſta licenza da tutti invioſſi verſo la Corte, ed imbarca
toſi in pochi giorni giunſe in Marſeglia , ove li fu molto proveccio,
- - indi
Del Dottor Aleſſandro Salvio. 2 I

indi di nuovo imbarcato, gionto in Barzellona s'incontrò a giucare


con Tomaſo Caputo ( detto il Roſces) eccellentiſſimo giudatore di
Scacchi, il quale al pari fu vinto da Lionardo, ma dandoli Pedone, e
mano, egli reſtò perditore : conoſcendoſi poi per Regnicoli , fecero
lega tra di loro, con ponerſi giontamente in viaggio verſo la Corte
(giacchè detto Roſces per eſſervi ſtato 28 anni, era molto pratico del
paeſe)così partitoſi ritrovarono fra il viaggio il Signor Giovanni Ro
driquez poco meno del Roſces nel ſapere di detto giuoco, e molto ſuo
amico, col quale facendo egli amichevoli accoglienze, dopo gl'abbrac
ciamenti, di mandoli il Rodriquez , ove egli andaſſe, dicendoli egli
alla Corte : li ſoggiunſe colui, s'egli voleſse venir ſeco in una Aldea
non molto lungi da loro , che farebbono un beitmimo colpo con un
valoroſo giucatore, il quale eranº ſtratagemma avea guadagna
to a lui molti ſcudi: riſpoſe il Roſces, ch'egli molto volentieri lo fa
rebbe, e che mai non averebbe ritrovata miglior occaſione della pre
ſente: perchè dove egli non fuſse baſtante, v'era il Signore Lionardo
ſuo compagno, ed amico, per lo che li raccontò quanto con eſso av
venuto l'era, e chi egli ſi fuſse: reſtò oltre modo allegro il Rodriquez,
e fatta riverenza al Signor Lionardo, ſi ſcusò ſeco, che, non avendolo
conoſciuto, lo perdonaſse,ſe non aveſse fatto il debito con eſso lui, co
me ſe li conveniva; e giacchè il Roſces l' aveva detto il ſuo valore, ſe
l'offeriva non meno per amico, e ſervidore, che Roſces ſuo compagno
lo preſe, e così giontamente verſo l'Aldea predetta preſero il camino,
concertando inſieme quanto s'aveva da fare , come nel ſeguente
Capitolo. -

- - - --

C A P. I V.
y,

D Artiti, come ſi diſse di ſopra, li tre cari, e collegati compagni


-

verſo l'Aldea predetta , concertarono tra di loro il modo,


ch'avevano da tenere, acciò il burlatore burlato reſtaſse, onde
concluſero in queſto modo, ch'il Rodriquez, e'l Roſces partiſsero a
vanti, ed arrivaſsero prima di Lionardo nell'Aldea predetta, ed al
bergaſsero nella ſtanza,dove il Rodriquez prima alloggiato avea, e che
Lionardo dopo gionto andaſse nell'oſteria comune a tutti i viandan
ti,e fingeſsero tra loro non conoſcerſi; indi poi la notte giontarſi,e de
terminare lo che s'aveva da fare:così partitiſi i due, reſtò Lionardo ſo
lamente col ſuo creato: quelli dunque caminando di buon galoppo ar
rivarono per tépo al luoco deſiderato,e laſciati i cavalli nell'albergo,an
darono ſubito giātaméte in caſa del detto giucatore, detto il Mucciaccio:
par
2 I Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi
parlava il Roſces la lingua Spagnola meglior di qualſivoglia perſona
nativa, onde per Spagnuolo da tutti riputato era : gionti dunque dal
Mucciaccio,dimandò colui al Rodriquez la cauſa del ſuo ritorno: al
che riſpoſe il Rodriquez, che per la ſtrada aveva ritrovato il Signor
"Tomaſo ſuo amico giucator di Scacchi , col quale disfidatoſi a
giucare, non vi eſſendo luoco più vicino, ed opportuno , erano ve
nuti da lui: allegroſſi il Mucciaccio di sì buona occaſione, poichè egli
teneva per fermo dover fare il trionfo ſopra il vincitore, giacchè egli
poteva giucare quaſi del pari con ambidue : ma faceva del goffo pea
farſi dare vantaggio. Diede loro ſubbito l'armi , ed aggiato, e co
modo luoco giacchè di quelli teneva egli converſazione continua. E
cominciando eglino a giucare al pari, dopo alcuni giuochi non ſi fà
dimoſtrazione alcuna di guadagno º reſtandoſi bene per lo ſeguente
giorno venire a giucar di nuovo. Così inviatoſi verſo l'alloggiamen
to preſo, incontrarono Lionardo, il quale fingendo non conoſcerli,at
teſe a vedere dove eglino andaſſero, e ſegnata la caſa ad un ora di not
te l'andò a ritrovare: s'appuntò tra di loro , che la mattina ſeguente
s'aveſſero a ritrovare in piazza : onde poi giontamente andaſſero in
caſa del Mucciaccio , e che Roſcesgiucaſſe con Lionardo con darli
un Pedone, ed in quello ſi continuaſſe per due giorni, fingendo d'eſ
ſere disſidati inſieme, e che caſualmente ſi fuſsero incontrati in detta
Aldea: la mattina ſeguente ſi diede eſecuzione all'appuntamento pre
ſo, e gionti nella caſa del Mucciaccio, ſi poſe a giucare Lionardo col
Roſces, come s'è detto, reſtando alla fine perditore Lionardo in alcu
ni giuochi, i quattrini del quale,finſero i due, dico il Rodriquez, e 'l
Roſces ſpartirſeli egualmente: partiti dunque ſul tardi s'appuntò per
lo giorno ſeguente: così venuta l'ora ſtabilita, Lionardo andò ſolo in
caſa del Mucciaccio, prima che v'arrivaſſe il Roſces con il compagno:
per lo che il Mucciaccio,credendo egli far la caccia prima, invitò Lio
nardo a giucar ſeco: Lionardo ricusò l'invito, e ſcuſandoſi, che men
tre ſi ritrovava nel ballo col Roſces, voleva con lui finirlo; fingendo
ch'egli,volendo andare alla Corte aveva ſmarrita la ſtrada,ed arrivato
in detta Aldea caſualmente s'incontrò con il detto Roſces, e compa
gno,e ragionado degli Scacchi,s'erano disfidati inſieme,e giacchè vi s'e
ra intrigato,voleva perderci un centinaio di ſcudi: alla fine tanto co
lui lo ſtimolò, che a Lionardo non parve perdere l'occaſione: per lo
che di pari ſi poſero a giudare: arrivò poco dipoi il Roſces, e'l Rodri
quez,e burlando dicevano,non eſſer conveniente che egli prendeſſe il
loro pippione,che buſcato s'avevano. Il buon Lionardo s'andava trat
tenendo infino a tanto, che l'arrivò a giucarſi ducati so, il giuoco,
- - - quali
Del Dottor Aleſſandro Salvio: 23
quali aveva perduti, che cavandoſi la borſa moſtrò d'eſſer corrivo, e
moſtrando molte doble , diſſe voler giucarſele tutte: per lo che il
Mucciaccio tanto più aprì gli occhi al quattrino, e giucando allegra
mente il buon Lionardo, l'andava temporeggiando , alla fine dopo
molto andar interpellatamente non per forza di tratti ſi trovò vinci
tore in ducati 15o. il Mucciaccio raddoppiando la partita, ſi fecero
due giuochi patti, il terzo lo perdè il Mucciaccio, e pagandoli lo che
perduto avea, volle che per lo ſeguente giorno ritornaſſe, come in ef
fetto vi ritrovò molti Signori, ch'inteſa la nuova dell'inſolita perdita
del Mucciaccio tutti vi corſero, così di nuovo attaccatoſi il giuoco
Lionardo con bell'arte guadagnò al detto ſettecente ſestº, e di modo
tale, che quello ſi teneva per ſicuro di viº-ris - poichè per ſuoi erro
si lo faceva vedere... - escore diveniſſe così ritiratiſi gl'amici nel
l'alloggiamento, diſpoſero ſu la mezzanotte partirſi,dubitando d'alcu
na burla,onde pagato l'oſtiere laſciarono una loro ſcritta, la quale con
teneva,che non ſi meravigliaſſe, ſe l' ucellatore fuſſe rimaſto ucellato:
poichè non conveniva far burle a poveri foraſtieri, e che in ricompen
ſa poco avea perduto,e ſe bene eglino aveano guadagnato più di quel
lo, che perduto avea il ſuo compagno, nulla dimeno aveano fatta la
vendetta dell'altrui, e ſgravata la ſua conſcienza : per lo che il ſover
chio lo doveano dare a poveri: onde nella Corte l'aſpettavano, dicen
doli i loro nomi, e che volentieri l'avrebbono dato il di più, come
poi avvenne, che andando colui alla Corte, il tutto a colui vollero
reſtituire, quale loro benediſſe, e reſtarono amici: eſſendo dopo partiti
verſo la Corte li ſopradetti compagni, poſtiſi ſopra un carro con altri
paſſaggieri, nei pensieme giorno di lor viaggio per giungere alla Cor
te, la ſera ritrovarono un oſte » il quale facendo alcuni partiti ſopra il
giuoco degli Scacchi, guadagnava molti quattrini a viandanei; laon
de volendo fare il medeſimo a predetti compagni, egli ſteſſo cadè nel
foſſo, ch'avea per altri acconcio , con perdervi alcuni ſcudi . E così
quelli partiti, il giorno ſeguente arrivarono alla Corte, prendendo al
loggiamento da una Signora nominata Donna Iſabella,conoſcente del
Roſces: per alcuni giorni ſtiedero a ſpaſſo, ma informati dove ſtava la
converſazione del giuoco degli Scacchi, e ch'ivi Ruis Lopes di conti
nuo giucava;il giorno ſeguete andorno in detto luoco,ed a quel punto
ritrovorno Ruis Lupes, che giucava con un giucatore, al quale ſola
mente una Pedina dava per vantaggio , nel qual giuoco molti Si
gnori erano preſenti , e ſpettatori : furono eglino come foreſtieri
molto onorati , e richieſti , ſe fuſſero giucatori, fu loro da
Lionardo riſpoſto di sì, e che per giucare erano venuti, ſe aveſſero ri
tro
24 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi.
trovato loro eguali a queſto dire alzò gli occhi il Lopes , e vedendo
ch'erano Italiani, ſi rallegrò molto, credendo con eſſi loro fare qual
che guadagno ; per lo che diſſe loro, che s'alcuno d'eſſi voleſſe con lui
iucare i volentieri giucarebbe : conobbe il detto Lionardo il Lo
pes: onde li diſſe, che con eſſo lui giucarebbe al pari, e giucarebbe di
cinquanta ſcudi il giuoco: ſurſe un mormorio tra quelli Signori per
le parole di Lionardo, altri tenendolo per ſciocco, ed altri per uomo
di ſapere, poichè per eſſere foreſtiere, ſe non ſi ſentiſſe tale, non ver
rebbe a ſimile conteſa: contentoſſi il compagno del Lopes laſciare il
giuoco, per vedere la battaglia: laonde poſtoſi Lionardo nel luoco, do
ve colui ſtava acconci i Scacchi, il primo tratto toccò a ſorte al buon
Lionardo. Stavano tutti quelli Signori a vedere, ſe 'l valore dell'Ita
1iano fuſſe tale, quale egli ſi diceva : e vedendo - che vantaggio alcu
no nel giuoco non vi era, e che il primo giuoco fu patto, caddè egli
in maggior ſtima in mente di quelli Signori, il quale continuando il
giuoco , non volle Lionardo per quel giorno vincere : al ſeguente
giorno reſtò egli vincitore in un giuoco,ed appontoſſi per l'altra gior
nata. Divolgoſſi la fama per la Corte , onde molti Signori più dellº
ordinario vi vennero: per lo che molti traverſavano all'ingroſſo, altri
in favore del Lionardo, ed altri del Lopes ; tra mentre il Rodriquez,
e'l Roſces non mancarono fare il debito loro con altri giucatori; Leo
nardo in tanto giucando , non volle egli reſtare vincitore, che in un
giuoco, non volendo moſtrare a fatto quanto ſapeva, riſerbandolo ad
altra occaſione.
- - - i C A P, - V. - - - -

F Rapagnoqueſtopermentre venne all'orecchie del buon Girone competi


tore, ed uguale al Lopes, come l'Italiano maltrattava il com
lo che moſſo da gran deſio , ſi partì dalla ſua Villa,
che vicino alla Corte ſtava, e conferitoſi ben toſto nella converſazio
ne, ritrovo il Lopes, e molti altri Signori , che ſtavano aſpettando
Lionardo, e compagni , i quali per non moſtrarſi ingordi non erano
ancora venuti: Girone dimandò al Lopes del giuoco dell'Italiano, al
che egli riſpoſe , ch'era di molto ſapere, e narrolli quanto con eſſo
lui avvenuto l'era. Fù Girone pregato, ch'egli ancora giucaſſe con l'
Italiano: il che non ricusò egli, ma con allegro volto 2 e gran deſio lo
ſtava aſpettando, il quale non molto ſtette a venire, onde in poche
parole ſi venne alla battaglia, ed al paragone: tra quelli avvenne il
medeſimo, che con Lopes era ſucceduto. Confirmoſſi pella mente di
quel
Del Dottor Aleſſandro Salvio. . 25

quelli signori , che l'Italiano fuſe migliore d ambidue : ma conti


nuandoſi la conteſa ora con l'uno , ed ora con l'altro , Lionardo tra
mentre avea guadagnato alcuno migliaio di ſcudi , alla fine disfidan
doli ambidue inſieme, ed egli ſolo, non potè ne l'univincere l'altro,
ne l'altro l'uni. Ebbe di ciò notizia il buon Re Filippo Secondo non
potendo credere, che il Lopes fuſſe rimaſto perditore , volle vederli
giucare ; ed eſſendo loro ſtabilito il giorno, fu il Lopes da un Grande
di Spagna condotto avanti Sua Maeſtà, e Lionardo dal Conte Crancio
ni, è fatte le debite riverenze al Re , comandò ſi levaſſero, e che al
l'impiadi giucaſſero ſopra un buffetto, che così richiedeva il giuoco:
fu " , che colui , che guadagnava tre giuochi prima del
compagno, guadagnaſſe mille ſcudi : giucando dunsue Lionardo vo
lontariamente perdè due giuochi: per le sh- sennel' Italiano per non
buono giucatore - - come il Re partirſi : ma Lionardo accorto di que
ſto ſi buttò avanti a ſuoi piedi , e diſſeli, Sacra Maeſtà prego non ſi
parta: perchè quello, che ho fatto, è ſtato ad arte, acciò ſi veda il mio
ſapere più chiaro; vederà Voſtra Maeſtà i ſeguenti tre giuochi, ch'io
i" ſenza molto sforzo, e lo dico così fermo, che ſe ciò noi ſarà,
acciami perdere la vita ; e ſappia Voſtra Maeſtà, che non per altro
ſono quì venuto , che per far vendetta dell'ingiuria, che mi fà il Lo
pes in Roma l'anni paſſati, vincendomi del pari : arreſtò il Real par
lare dell'Italiano: per lo che ſi diſpoſe vedere il fine del tutto, come
già in effetto vidde ; del che il Re ſtimò aſſai più l'Italiano, e li reſtò
affezionato, dandoli li mille ſcudi, ed una Salamandra di molte gio
ie ornata, ed una pelliccia ſua di gebellino, dicendoli, che domandaſ
ſe, che pretendeva da lui i ringraziò Lionardo ſommamente Sua Mae
ſtà di tanti favori, ne alese li chieſe, che fuſſe la ſua patria eſente da
pagamenti fiſcali per quelli anni, che Sua Maeſtà comandava ; il che
ottenne per vent'anni. Così vincitore, e premiato ritornò nella ſua
ſtanza, e con molto contento ſuo , e de compagni . Diſſe il Signore
Ricupido Scodes gran giucatore, ed amico di Lionardo, che dette co
ſe donate a Lionardo dopo la ſua morte pervennero in potere del Si
gnor Don Carlo d'Avalos, che nella ſua guardaroba teneva.
C A P. V I.

I diſſe nel precedente Capitolo, come Paolo Bove ( detto il Sira


cuſano) reſtò in Napoli dopo la partenza di Lionardo, alla fine
intendendo i progreſſi di quello nella Corte,e con tanto ſuo uti
le ed onore, ſi diſpoſe anch'egli andarvi, ed imbarcatoſi con un ſuo
- D Creal
26 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi,
creato, per viaggiarliavvennero molte avventure degne di raccontare
le: ma perchè di lui ſi raccontarà la ſua ſervitù in Algieri, e la ſua
libertà, non dirò altro º ſolo, che egli arrivò in Corte a punto che
Lionardo avea giucato avanti Sua Maeſtà , del che dolſeſi molto non
eſſervi ritrovato a tempo : onde informatoſi, dove ſi giucava , v'andò
ſubbito, ed ivi ritrovò Lionardo, che giucava con Girone, e Ruis Lo
pes, andandovi molte ſcommeſſe all'ingroſſo : non volle dir nulla tra
il mentre, ma atteſe a veder l'eſito della battaglia , la quale non fu di
niuna perdenza, appuntando per lo ſeguente giorno. Levato Lionar
do dal giuoco vidde il buon Paolo per lo che corſe ſubito ad abbracciar
lo , e così caramente, che da tutti fu giudicato, che ſuo parente fuſſe.
Finite l'accoglienze, Lionardo diſſe a quelli Signori di quanto valore,
e ſapere egli fuſse: ringraziò Paolo il buon Lionardo delle lodi dateli:
ma perchè egli alquanto di natura altiero , li diſſe : signor I.ionardo,
nel giuoco ſono ſtato ſempre un rivale, ne per altro ſono nella Cor
te, che per giucar con eſso voi , come feci un'altra volta in Napoli,
partendomi di Siracuſa mia Patria, e già in caſa del Signor Principe
Geſualdo ci ritrovammo di pari , per lo che ſono ſpinto dal gran de
ſio di ſapere , chi ſia di noi il migliore , ne queſto credo vi ſarà
punto a diſcaro: parve la propoſta di Paolo a tutti molto audace, e'l
medeſimo Lionardo l'ebbe a diſcaro, perchè più toſto per compagno,che
per rivale l'avrebbe voluto, però tocco nella riputazione, diſſeli,ch'ac
cettava la ſua disfida, e che nel ſeguente giorno al medeſimo luoco ve
niſſe, che l'avrebbe data ſodisfazione, e così d'accordo reſtarono.-
---

- C A P. VI I.

M Entre per lo ſeguente giorno s'aſpettava la deſiderata batta


glia , avvenne , che Lionardo ritornando in caſa ritrovò
- Giulio Ceſare ſuo creato, che in Genova aveva laſciato con
la ſua cariſſima conſorte, ch'allora appunto era arrivato, ne ſi toſto
lo vidde , che ſentiſſi ſaltillarſeli il cuore, non ſapendo che nuova ſe
l'arrecaſſe : onde al primo di mandò della ſua Signora, colui con le la
grime agl'occhi li diede la non aſpettata nuova, che colei a miglior vi
ta era paſſata, dicendoli le medeſime parole, ch'ella prima di morire
l'avea impoſte , ch'a lui diceſſe , che furono ( dopo d'averſelo
chiamato) l'infraſcritte parole: Dite al mio Lionardo, poichè al cielo
non è piaciuto, che la data fede del noſtro matrimonio veniſſe al bra
mato effetto,non per queſto egli ſi ſcordi di me di far tutto quello,che
caro, e fedele conſorte debba fare: e così detto, finendo con un ſoſpiro
vol
Del Dottor Aleſſandro Salvio. . i si
svoltoſi all'altra parte del muro, ne altro più diſse. Furono tante pun
te d'acuto cortello nel patto di Lionardo le parole del ſuo creato: on
de ſpargendo dagl'occhi un fiume di lagrime, tutta la notte ripoſo al
cuno avere non potè : non valendoli ne conforti , ne raccordi de'
ſuoi cari amici, e compagni; venendo il ſeguente giorno, raccordan
doſi della data parola, mandò il Roſcesa ſcuſarſi con quello Signo
re, dicendoli , che per la nuova della morte di ſua Madre non poteva
venire; tolta in pace la predetta ſcuſa, Paolo ſi poſe a giucare con Gi"
rone, col quale venne a belliſſimi giuochi , alla fine Paolo reſtò vin
citore in un giuoco. Fù il giuoco di Paolo giudicato più ſottile, e va
go di quello di Lionardo, e di più preſtezza, dove quello era più forte»
e ſodo, ma tardi; per lo che " gran deſio a quelli Signori di ve
derli giucare. E perchè Lionardo non venne per alcuni giorni, e me
ſi, come ſi dirà, il Siracuſano giucando ora con Girone , ora con Lo
pez, ed ora con ambidue inſieme, l'avvenne l'iſteſso, che Lionar
do con quello fatto avea . Lionardo dopo l' avuta nuova della
morte di ſua moglie, vedendo, che 'l dolore più toſto creſceva,
ch' altrimenti mancaſse e ſi diſpoſe partire in altre parti; e la
ſciando i ſuoi danari in potere del Signor Conte Crancioni , ſen
za dir nulla a compagni, egli,e'l ſuo creato Giulio Ceſare partiſſi ver
ſo Lisbona, mandandone il primo ben recapitato a Genova, ſcriven
do a quelli Signori lettera di condoglienza per la morte di lor figlia.
Non volſe per ſtrada in luoco alcuno trattenerſi, ma gionto nella Cit
tà di Lisbona preſo adaggiato alloggiamento per alcuni giorni ripo
ſoſſi col corpo, ma non col penſiere , eſsendo ſempre tormentato dal
dolore del grande amore di ſua donna , ritrovava la ſolitudine molto
opportuna al ſuo male º per le che ſpeſso andava alla riva del fiume,
conducendoſi alle volte inſino al mare, dove preſso alcuni ſcogli ſo
leva inolti verſi lamentevoli ſpiegare con flebile e ſommeſsa voce,ben
chè da vicino ben ſi potevano intendere, come avvenne con un gen
tiluomo Portogheſe, come nel ſeguente capitolo : i verſi ſono queſti - e
DEL SIGNOR CARLO SALVIO, º

Fagge dagl'occhi il ſonno, e ſempre deſto,


Donna, ſen ſtà il mio cor colmo di doglie;
E quanto più al dormir ſpingo le veglie,
A più gravi penſier l'anima ineſto.
Vorrei , ma nel voler toſto m'arreſto,
E volendo, il deſir che più m'invoglie, -

D 2 Mag
28 Diſeorſo ſopra il giuoco degli Scacchi
Maggior pene , e dolor l'anima accoglie,
E a maggior voglie più ſvogliato reſto.
Così ſarà d'Amor berſaglio , e gioco,
Inſin che'l cor non ſi dilegui , e ſtempre,
E lo ſpirto nel ciel teco non ſia.
Così ferro talor ſi vede al foco, -

. Che infocato , e poi fuor battuto è ſempre, - -

. Se del Fabro al voler egli non fia.


º - r

Donna , qual mi faſi'io dopo taa morte, - - -

Dirò , ch' Amore ad altro non attende,


Ch'a miei tormenti , e foco a foco accende, e

B a novi martir apre le porte.


Piango , e ſoſpiro ogn' or , pregando Morte,
E le parole mie mai non intende:
Onde non mi riſponde , e più m'offende
- Il ſuo tacer, che la mia dura ſorte.
Così penando or moro , ed or m' avvivo, -

AVe sò , donde mi vien tanto vigore, -

-
Sendo di te mia vita a fatto privo -: .

- sol penſo , che ciò ſia forza d'Amore,


- Dh or mi vuol morto , ed or mi ſerba vivo,
E ſi prende diletto del mio ardore.
- C A P. V I I I.
Entre il buon Lionardo ſtava così doglioſo, e ſolo, sfocando

-
M l'amoroſe paſſioni per la morte della ſua cara conſorte, av
venne, ch' un Gentiluomo Portogheſe , il quale non men
punto dal medeſimo dolore tormentato viveva, ſoleva anch'egli tutto
afflitto,e ſolo venire in detto luoco:come già accadè ſopravenirvi a té
po, che Lionardo con ſommeſſa voce ſtava a lamentarſi,al ſopradetto
ſonetto dire: per lo che pian piano accoſtandoviſi, inteſe quanto colui
diceva, il che non di poco giovamento li fù. Alla fine aſſicuratoſi ſo
pragiunſe,ladove colui ſi ſtava,e ſalutatolo corteſemete, li chiedè per
dono, ſe lo diſturbava delle ſue amoroſe paſſioni: perchè ſe altrimente
aveſſe egli fatto,ſarebbe ſtato molto ſciocco, perchè più opportuno ri
medio al ſuo male non poteva egli ritrovare, giacchè d'una iſteſſa in
firmità ambidue erano travagliati: la onde eſſendo un comune refri
gerio, s'aſſicurava d' ottenerne perdono di sì fatta preſunzione. De
toſſi quaſi da un profondo ſonno il buon Lionardo, e moſſo
-. -
º". et

-
Del Dottor Aleſſandro Salvio. 29
fettuoſe parole del Portogheſe Cavaliere, che in lingua Italiana li favel
1ò, e piacendoli oltre modo il concetto del novello amico, diſſeli: Si
gnore, e mio padrone, non poſſo ſe non che a favor grande riputarmi,
che m'abbiate d'amicizia,e compagnia richieſto;eſſendo che io ſono un
povero foraſtiere viandante, e voi,ſecondo il veſtire, e gentile aſpetto,
Cavaliere, e Signore: per lo che la mercè è mia in darmi sì fatta offer
ta, e li reſto obbligatiſſimo: ebbe il Cavaliere Portogheſe molto cara la
riſpoſta di Lionardo,onde giontatiſi inſieme fecero ritorno nella Città,
dove in caſa di colui fu caramente alloggiato,e tenuto per molti gior
ni, come diraſſi. - º
- -
- -- --

C A P. I X. -

N Onmavolle per quella ſera il Portogheſe importunare l'amico,


ſolamente atteſe a darli buona cena, e migliore albergo.
La mattina dipoi levatoſi da letto,ambidue inſieme andarono
a veder Meſſa: indi andando per la Città vedendo le più coſe notabili
di quella, venne l'ora di pranſo: dopo quello, ſi poſero a ragionare di
molte coſe, alla fine il Portogheſe pregò Lionardo li diceſſe la cauſa
de ſuoi mali, ch'egli ancora li direbbe il ſuo : compiacette toſto Lio
nardo all'amico,ed appunto li raccontò quanto l'era avvenuto da che
partì da Cutri ſua Patria,inſino alla ſua venuta in Lisbona: il che re
cò al buon Portogheſe molta conſolazione a ſentire:ed eſſendo egli an
cora gran giucatore di Scacchi, tanto più li preſe affezione: e dicen
doli egli ancora , com'egli prima avea da gran tempo preſa affezzio
ne ad una ſua Signora, la dove quella li fù ingrata: per lo che preſe la
ſeconda,con la quale aceaſoſi,ed in breve tempo morte ſe la tolſe:reſtò
talmente afflitto,che non poteva dire,ſe più dire ſi poteſſe. E ſiccome
egli nel ſonetto lamentoſi di fua diſgrazia, così egli con alcuni verſi,
come di ſotto. Onde li diſſe ancora, che molto intendente era egli del
giuoco degli Scacchi:la onde s'egli era tale, quale ſi diceva, li ſarebbe
ſtato di molto utile: poichè il Re Don Sebaſtiano molto ſi dilettava di
tal giuoco,e nella ſua Corte v'era un gran giucatore chiamato il Moro.
Così fatti venire i Scacchi, ambidue ſi poſero a giucare, ove Lionar
do dimoſtrando quanto ſapeva, il Portogheſe reſtò ſtupito: per lo che ſi
diſpoſe far sì,ch'egli giudaſſe avanti il ſuo Re col Moro: ma volle, ch'
egli giucaſſe con detto Moro in ſua caſa, facendo egli la disfida da ſua
parte, che molto amico l'era,il quale accettandola, al ſeguente giorno
s'appuntò , come nel Capitolo decimo disaſſi.
DEL
3o Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi
DEL SIGNOR CARLo salvio.
De Scacchi al giuoco mai
Dico d'aver perduto; -

Che non abbia renduto


Pan per focaccia di gran lunga aſſai:
º chi m'hà cvinto in tanto
AVon riporti di lui la ſpoglia, e 'l vante
Così , Donna , direi: - -

.S” Amor per te mi vinſe,


Or che Morte t'eſtinſe, -
Tutte l'arme di lui ſpezzar vorrei;
E ſe tal or fui vinto,
A nuovo aſſalto egli da me ſia eſtinto.
Già vien con nuovo giuoco,
E con nuovi sbaratti,
Fors'io falliſca i tratti:
Ma ſtando forte e ſodo al primo luoco.
AVulla li giova l'arte;
AVe che ſcaccheggi , io già mi muto in parte.
Or sà , ſpirto gentile,
Rendimi pur ſovente
AVel penſier , nella mente:
Segua di fedeltà l'antico ſtile i
E che dopo tua morte
2” ami non men ch'in vita il tuo conſorte.
E ſe talor mi toglie -

L' Alfier del mio Scacchiere,


E i Fanti e'l Cavaliere,
Stan ſempre fermi i Rocchi alle mie voglie,
E a mia difeſa tali :
.Scocchi pur quanto vuol l'acuti ſtrali.
Se la Donna è perduta,
/ E' ver , che langue il Re :
Ma pur con ferma fe
Di vincer ſpera , e ſtudio ed arte muta,
Ch'egli non venga matto:
Ed altri offenda , e ſe difenda a un tratto,
Onde ſi ſcorga ignudo, -

E di
-
-

Del Dottor Aleſſandro Salvio. 3i

TE di faretra ſcarco,
E de ſtrali , e dell'arco
Al mio sì forte, e impenetrabil feudo -
Amor cieco , e bendato
Inerme or reſta , ſe ben reſti alato.
E ſe nuove arme chiedi,
Giuoca con altri omai :
Meco perduta l bai, -

Ch' alla cieca giucar m'hai viſto , e vedi:


E sò l' aſtuzie , e l'arti - - -

Di te cieco Fanciul , ch'in me comparti.


Ti de baſtar, che meco - - ---

Vincitore reſtaſti,
aando il cor m'impiagaſti ,
Per cui viſi contento ogn'ora ſeco:
Ch' ancor', ch' eſtinta ſia,
Keſta la piaga al cor , che la deſia.
AVe con nuove bellezze -

Per tuo d' avermi brami, -

E qual peſce con l'ami


Di dolce eſca m'ineſca a tua dolcezza,
Che già fermato è il chiodo: - -

Che ſe l' è ſciolto, non è rotto il nodo.


Così in un vinto reſto, º - -

E vincitor nell'altro:
En queſto ardito , e ſcaltro :
AMa nel primo il penſier ſempre v'arreſto:
E così avviene , Amore, -

Che dal vinto ſia


-
vinto il vincitore.
s .
-
Per queſt'altri verſi,ſoggiunſe il Portogheſe al buon Lionardo, ap
pare il mio primo amore, e che da quello mi liberai, e nel ſecondo fui
involto: dove per la morte di quella così doglioſo vivo.
s

2'n giorno meco Amore


Volle a Scacchi giucare,
E a lui toccò il tirare
Il primo tratto, fuore
Del ſuo Re ſpinſe il Fante;
Bd io con l' altro me l oppongo avante.
Vol
32 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi
Volle il gambitto ei farmi, , - - -

Per uccidermi al primo: - -

Ed io , che men l'eſtimo, -


Il Pedon vò a pigliarmi :
Onde ſdegnoſi tanto,
Che di mattarmi egli donoſſi vanto:
L' Alfiero al loco caccia
aarto del ſuo compagno,
E quel ſuol far l aragno
Con la ſua tela a caccia,
Per prender la ſua preda,
7al ſpera egli d' avermi , e che a lui ceda.
Ribatto i colpi io ſempre,
Li ſto con fronte ardita,
AVe di lui la ferita
Temo , che'l cor mi ſtempre:
M'al fin falliſco un tratto:
Onde fui vinto , e ne divenni matto,
Ecco che a nuovo giuoco -

Acconcio i Scacchi , e dico,


AVon ſi ceda al nemico
Al primo colpo il luoco:
Ei comincia di nuovo, - -

IE più ardito l'incontro , e quel ritrovo, º -


ºAa ei con nuovi tratti -

L'Alfier mi tolſe , e i Rocchi:


Indi vols'ei , che tocchi, a
E impari altri sbaratti, - .
Cbe dimoſtrommi all'ora, -

Che preſe il reſto con la donna ancora:


Dicemi , che più ſperi ?
Che'l terzo matto dia,
O patto il giuoco ſia.
Falſi ſon tuoi penſieri,
Or prendi del tuo ardire
Degna mercè d'aver ſempre a ſervire.
Così vaga donzella,
Ma crudele , ed ingrata
Volle , ch'aveſſi amata
( Abi ! più cruda , che bella)
Cos?
Del Dottor Aleſſandro Salvio. 33

Così ſervo moltº anni


Viſſi con pene , e con tormenti, e affanni -
M'al fin ſdegno mi ſciolſe
JDa sì dura prigione :
M' Amor venne carpone,
E di nuovo m'involſe
A beltà nuova il petto: - -

Ma pietoſo divenne il ſuo diſpetto.


Se crudel fu la prima ; - -

Grata , e pietoſa queſta,


E d'amarmi ben preſta , - --

Che di me fè gran ſtima: - -

Ma non giovommi . ( aº laſſo)


Che di lei morte mi fe privo , é caſſo.
Or di me Amore , e morte
7rionfa , e l'altro , e l'uno
Mi fà ſempre
De miei digiuno
contenti , e ſorte. n.

Già prima Amor fà quello, - - - -

Or con morte mi dà l'altro flagello. -

Onde ben io dirò:


Mal per me il giuoco volſi,
Che nel foco m'involſi, . . .
Ove ſempre ſtarò:
Che dir non poſſo , e voglio,
1, i
ual # delli due faſe
maggiorſervito fuſse il cordoglio
fo,

Con ardente deſio,


E con affetto : ond'io
Me fui sì mal gradito:
Over ch'a penſier miei
Trovai il bene , e avuto lo perdei.
- C A P. X.
-
-

E sſendoſi ſparſa la fama, ch'un giucatore Italiano volea giucare


col Moro del pari, ciaſcheduno intendente del giuoco venne in
caſa del Cavaliere Portogheſe, ove arrivato il Moro ſi poſero a
giucare al pari, ne ſi vedeva altro,che gambitto di Re, e di Donna, e
giucando inſino alla ſera reſtarono di pari ſtima(non volendo Lionar
E
--
- - - do
34 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi
do per all' ora forzarſi) toſto fu riferito al Re Don Sebaſtiano: per lo
che al ſeguente dì volle, che avanti a lui giucaſsero. Ivi Lionardo
moſtrò il ſuo valore, vincendo al Moro molti giuochi: il che al Re re
cò molto contento per la ſuperba natura del Moro, che tutti i giuca
tori diſprezzava, ſtimandoſi non aver pari. Volle al ſeguente dì ve
derli di nuovo, e reſtando ſimilmente vincitore il buon Lionardo, il
Re li donò molte coſe prezioſe per premio , e lo chiamò il Cavaliere
errante: perchè a guiſa degl'antichi Cavalieri vinceva i ſuoi rivali ,
ed i ſuperbi umiliava. Così Lionardo dimorò alcuni meſi col ſuo
amico: un dì tolta licenza ritornò nella Corte, dove dalli ſuoi cari
compagni fu molto caramente ricevuto, a quali poi narrando quan
to ſucceduto l'era, radoppiò loro l'allegrezza, al ſeguente giorno an
darono nella converſazione, il che recò molto contento a tutti quelli
Signori, ed eſsendovi ivi il buon Paolo, ſubito ſi poſero a giucare:era
no ivi i più famoſi giucatori di Spagna, ed anco d'Italia, e molti Si
gnori Spagnuoli: durò detta battaglia trè giorni continui interpella
tamente, ſolo la notte interponendoſi: ne mai niuno reſtò vincitore;
all'ultimo giorno reſtò Paolo perditore, il che o fuſſe ſtato per diſor
dine fatto da Paolo, o per altra indiſpoſizione, li causò tale cordoglio,
che 'l giorno ſeguente ſenza dir nulla a niuno ſi partì per diſperato
alla volta d'Italia: lo che l'avvenne, ſi dirà appreſſo.
C A P. X I. -

- D Artitoſi Paolo , reſtò ſolo Lionardo alcuni altri giorni nella


Corte: dipoi ſi partì per la volta di Napoli inſieme con il Ro
driquez , ed il Roſces molto contenti, e carico detto Lionardo
di moneta : vollero trattenerſi a niuno luoco, non comportandoli ne
anco l'animo di farſi vedere Genova,egionti a Napoli vi ritrovarono,
che buon giudatori erano il Mauro, il Beneventano, l'Ametrano, e'l
Traino, e'l Genuino, giucatori come il Roſces poco meno , eccetto
che il Mauro, il quale era ſimile al Roſces, e furono gran competitori
dipoi. Reſtò dopo Lionardo in Napoli per Agente del Signor Principe
di Biſignano , dove di nuovo che Paolo Bove ritornò dalla ſervitù d'
Algieri,s'azzuffarono avanti il Duca d'Oſſuna all'ora Vice-Re in Na
poli, e reſtarono di pari ſtima : partiſſi dopo Lionardo per Cutri ſua
Patria,ed in età di 45 anni nella Corte del Signor Principe di Biſigna
no in Calabria morì avvelenato per invidia. -

r,
- -
--
- : : -

-- i CAP.
Del Dottor Aleſſandro Salvio. 3s
C A P. X II.

- Artito Paolo(detto il Siracuſano) arrivò in Barzellona,ed ivi im


V barcatoſi in una tartana , nel golfo di Lione fu fatto ſchiavo
da Corſari d' Algieri con altri Chriſtiani , che ſeco era
no: ma eſſendo per ſua buona ſorte condotto in Algieri, capitò in ma
no d'un Turco principale Signore, che invaghitoſi della ſua preſen
za, giacchè molto galante egli era » e gentile nell'aſpetto , lo com
prò , e portatolo in caſa non li diede altro che fare ſolamente
ſe non che egli con un altro ſchiavo teneſſe acconcio , e poli
to il luoco, dove egli teneva converſazione del giuoco degli Scac
chi: il che quanta allegrezza recaſſe al Siracuſano, ciaſcheduno potrà
penſarlo e perchè la converſazione continuava a vedendo Paolo,che 'l
ipadrone perdeva, chiamandolo da parte, li diſſe, che s'egli li promet
teva la libertà,li farebbe guadagnare molti danari : promiſe il buon
Turco quanto egli chiedè, ma deſiderava ſapere il modo: li manifeſtò
Paolo,quanto egli ſapeſſe,e con eſperienza glie lo fà vedere, del che re
ſtò oltre modo allegro il Padrone: così preſo appuntamento tra loro, ſi
concertarono in queſto modo, che il ſeguente giorno ſi faceſſe egli tro
vare a giucar inſieme, e che un Cavallo li daſſe di vantaggio, e che
li permetteſſe, che con altri poteſſe giucare a poco a poco, acciò po
teſſe dar credenza quanto egli ſapeſſe, e ſeco giucaſſero : così appun
tato ſi poſe ad effetto il tutto º per lo che vedendo i giucatori il giu
care di Paolo, egli ſapendo ben ſimulare, a poco a poco guadagnò al
cune centinaia di ſcudi , alla fine ſcoprendoſi, e dando vantaggio e
ſorbitante, venne a maggior guadagno: volle dopo il Padrone con lui
caminare il Regno d'Algieri, con la cui uſcita al ritorno ſi ritrovaro
no carichi di molte migliaia di ſcudi : onde il Padrone dando a Pao
lo la libertà, li donò ancora due mila zecchini, e ſalvo condotto li fè
avere. Ritornò Paolo a Siracuſa ſua Patria, indi venne in Napoli, e di
nuovo s'affrontò con Lionardo, come ſi è detto, e con altri giucatori:
ſtette alcuni anni in caſa del Signor Duca d'Ulrbino con ſalario di
3oo. ſcudi l'anno: indi partitoſi ſe la faceva in Genova in caſa d'una
Signora vedova di famiglia Squarciafico per ſuo aggente: ma venuto
di nuovo in Napoli, ritrovandoci il Roſces, e 'I Mauro, e'l Beneven
tano non volle altrimenti giucare, volendo coloro vantaggio da lui,
giuocò col Signor Gio:Domenico de Leonardis, e meco allora giova
netti , non potè guadagnarli con un Pedone : ritornato in Milano l'
accadè con un giucatore da lui non conoſciuto, che l'incantava il ve
- E 2 de
36 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi
dere, laonde perditore reſtava ; e non ſapendo la cagione, dicendo al
cuna orazione,colui non potè di quella fua arte avvalerſi, e perditore
divenne, ne giucare più volle: ritornò di nuovo in Napoli, e giucan
do meco di pari, ſuccedè un belliſſimo giuoco, che invitandomi, egli
vedendo, che a cinque tratti io perdeva la Donna , io rivedendo, che
con perdere la Donna a due tratti dopo l'inſerrava la ſua con un
Rocco, e che vincitore diveniva, li rimitava;del che accortoſi il buon
Paolo diſſe, i giovani poſſono più de'vecchi, già voi ſete in fiore, ed
avanzate, ed io vecchio di 7o. anni, queſto vi baſti , ed io reſtarò con
l'onor mio, credeami non tanto vedeſſi:indi a tre giorni morì avvele
nato dal ſervitore per i ſuoi quattrini,e fu atterrato a San Luigi preſſo
al Palazzo Reale con molto onore . Fu poi conteſa tra il Mauro, e'l
Roſces, e tra me, e'l Leonardis : per lo che ſi deſcrive la battaglia in
queſti verſi. - - - - - - -

- - - - - 1 - - -

DEL SIGNOR CARLO SALVIO:


Anto l'arme non già di Marte , o Lira,
Ma due guerrieri ſenza pari in terra,
Cb odio, ne par li or li ſpinge , e tira,
Ma fol gloria ne i Scacchi a farſi guerra:
E ſe baſſo è il mio ſtil, roca mia lira,
Certa ſpeme mi ſpinge , e'n ciò non erra:
Che voi, Signor, degna la fate in tanto,
Che fia grato a ciaſcun queſto mio canto.
Voi , mio Signor , che deſte il campo , e 'l loco,
E l' arme inſieme a sè famoſi Eroi:
Voi , ch' accendeſte alla disfida il foco,
Per cui ſi venne alla battaglia poi : - - - -

Onde ſi vidde del gambitto il giuoco


9zanto potè già mai farſi tra noi,
Voi gradite mia iſtoria , e che dir ſono;
Che quanto poſſo dar , tanto vi dono.
Partiva il Sol co' fuoi bei raggi il giorno,
Ch' al campo dato il gran Caputi venne :
Giunto era il Maaro poco avanti , e attorno
Ragunanza d' Eroi toſto convenne.
Poſti ambo all'incontro , e l altri intorno,
A ſorte il Mauro il primo tratto ottenne :
Ma pria partito il Sol da quei Signori, -

- - Spin
Del Dottor Aleſſandro Salvio? 37
Spinſero i due campion lor pezzi fuori. -

Segue la pugna , e l'altro a l un ſta a fronte


Con maeſtrevol' arte , e ognun ſul forte
Vengon ſpeſſo a ferirſi a voglie pronte :
Ma guardigni sè ben lungi da ſorte.
Mottegia il Mauro , acciò il Capati all'onte
S'irriti , e ſi ſcompigli , e ſtia men forte:
Ma quel tace, e ſorride , e'l ſuo ſorriſo
Rende al motteggiator ſmarrito il viſo - º,
Dopo più degni colpi al fin già reſta
L'uno , e l'altro campion con la Pedona -
S adira il Mauro , e tra ſe ſteſſo arreſta »
Che non n'abbia la Palma , e la Corona.
.Si crucia l'altro , e'n voce rauca , e meſta»
Tra ſe ſteſſo rampogna ; ecco riſuona
De' ſguardanti l'applauſo , e dice in tanto -
2gual d ambidue fia la gloria , e'l vanto.
L'altier Caputi , ebe ſentir non pote,
Ch' altri dica , ch'a Scacchi egli abbia uguale;
Crolla la teſta , e con la man percote -

Lo Scacchiere , e a gran ſdegno , ed ira aſſale»


Guarda il ciel , la perſona gira , e ſcote,
E di nuovo richiede il ſuo rivale.
Con letizia colui prende l'invito,
E ſpera del ſuo ardir farlo pentito.
Ae con nuovi penſieri , e nuovi aſſalti:
Or nel bianco ſaltando , ed or nel nero ;
Ed or con ſcarſi, or lungi , or baſſi, or alti
Colpi fanſi veder nel tavoliero. ”
Vengono a nove preſe , e nuovi appalti,
Acciò il dubbio s'acclari , e appaja il vero,
Fortezza moſtra l un , l' altro grand' arte:
Onde Pallade l un , par l'altro Marte -
zſcì dal buon Capati il primo danno,
Per cui fu il Mauro sbigottito , e morto,
Che con l'arte ſua iſteſa , e con l'inganno
Teſo al nemico egli reſtava aſſorto.
Grida al Caputi ho vinto , e non m'inganno,
Dal tuo ſteſſo ſchermir ſei preſo , e morto:
Conobbe il Mauro in tanto il giuoco eſtinto, º
Ma
38 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi.
Ma con nuovo penſier racquiſta il vinto.
Vinto non già , non già 3 ma vincitore
Riſpoſe il Mauro : e quel ſoggiunſe è vero,
Che per preſto fugarti , io fei l' errore:
Ma il giuoco è pur come ſen ſtea primiero :
Si che parve fallace il mio primore.
Soggiunſe il Mauro , è falſo il tuo penſiero,
D avermi vinto , e dir , che ciò ſia ſtato,
Per fretta a non avermi il matto dato.
Crolla la teſta quel , borbotta ſeco,
Come gatto talor mangi polmone:
Mira intorno con occhio torto , e bieco
I riguardanti a lui fautor non buoni.
9aoſ dire voleſſe , io non ſon cieco,
Che non veda chi dà botte , e pontoni.
Ride il Mauro , poi dice , altro ci vole
A moſtrar fatti , dar ciancie , e parole.
L'eſſer ghiotto a ſpennar ſpeſſo piccioni
In te cagiona un tanto ſtizzo , e rabbia
Fa già queſto co Goffi, e co bobboni,
A quai raſi grattar ſpeſſo la ſcabbia :
Meco non già » che'l lampeggiare, e i tuoni
Di tua bravura sò , quanta forz'abbia:
Dunque a menar le mani oggi tu attendi,
Che ti biſogna acciò del tuo non ſpendi.
L'aver ſcritto de Scacchi a te non molto
Giova, riſpoſe l'altro, e ſtà in cervello,
A vedermi ben , ſe pur ſia pazzo , e ſtolto,
E vinca goffi, e gente di burdello:
Cb oltre a i pippioni le penne bò tolto
A Grifoni , ed a Corvi , ed allº augello ,
Volante ; e tu ſarai oggi colai,
Che te medeſmo lodi e biaſimi altrui.
Con tai parole , e ſimili altre aſſai ,
Si rampognano entrambo i due rivali.
Vengono dopo a i fatti , ne giamai
Tra lor ſcorgonſi pur punto ineguali.
In tanto il Sol par, che tramonti ormai,
AVe di vittoria alcun fa ſegni tali.
Partono al fine , ed al ſeguente giorno
Del Dottor Aleſſandro Salvio. 29
s” appunta , ogn un di lor facci ritorno.
All ſteſsº ora , ed al medeſimo loco
7brnano i due rivali , e l' altri iſteſſi,
Che trovarſi preſenti all'altro giuoco,
E miran di coſtor l alti progreſſi.
Vince , e rivince il Mauro , e acceſe il foca
A i colpi del rivale omai diſmeſſi:
Ma ſcorgendo di ſe vergogna tale,
S” oprò, che vinſe , e al Mauro reſta uguale
iSi ſcorge al fin da riguardanti , e vede,
Che l'an giuoca più vago , e più ſottile,
L'altro con più fortezza al fu procede,
E diverſo dal Azaaro abbia il ſuo ſtile -
Di forte , e duro all un nome ſi diede 3
D'arte , e d'ingegno all' altro, e pià gentile -
Muove i pezzi il Caputi a gran tardezza ,
L'altro con arte sì , ma con preſtezza.
2'dite voi Signor ciò, che prometta,
Il buon Caputi diſſe , e s'em ciò manco,
Mi mandate in burdel con la ſtaffetta,
S” io non vinco coſtai libero , e franco:
E quanto , diſſe il Mauro , avvien ch'aſpetta
Di sì forte guerrier , che mai vien manco,
L'aſſalto : egli riſpoſe, or prendi il Gaggio,
E vedrai tu doman s el ver dett'aggio.
Con un dolce ſorriſo il Mauro il prende :
Indi dice , ch' a lui anco conviene,
Seco giuochi a memoria , e s'altro intende,
Al ſuo tanto valor molto ſconviene: -

Ma s'egli è ver, quanto di lui s'attende,


D' accettarlo non fa fuori di ſpeme. -

A2 nò, diſſe colui , facciam quel prima,


Che di queſto non è come ſi ſtima.
Queſto ſolo mi baſta , il Mauro diſe:
Doman dunque tu venga a darmi il matto ,
Che vedraſſi a cui il Ciel tanto preſcriſſe:
Che ſaggia il vincitor, ſia il vinto matto.
Replica l'altro , a che più tante riſſe,
Già già vedraſſi il mio parlare in fatto
Il loco , e l ora iſteſa , ed i Signori
Sia
Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi.
Siano noſco a guardar noſtri furori.
Prende il Bove il Ruis Lopes , ed il Carriera
L' Alemanni , il Girone , e gl altri erranti:
Il Caputi dipoi , che partito era
Da sì nobil Signori , e circonſtanti,
Prende del Mauro il libro , e certo ſpera
Reſtare ei vincitore , e far l' aſtanti
Certi del ſuo valore , e ch'abbia dato
Il matto al ſuo rival , ch'avea giurato
Venne al ſeguente giorno , e trova ancora
Il Mauro , e gli altri , e l' armi acconcie intanto:
Tocca al Caputi il tratto , e tira fuori
La Pedona del Re , dove può quanto.
L' incontra il Mauro , e ben conobbe all'ora
Colui farli il gambitto , e darſi vanto,
Ch' egli ſia vincitor , ch'a tanta offeſa
Il Mauro deſſe ſolita difeſa.
Ma colui , che maeſtro era a grand'arte,
Con difeſa ſerbata , e già non ſcritta
A/el ſuo libro , l oppone , e tira a parte,
Che rende di colui la mente afflitta.
7ice colui , e batte il colpo , e parte:
E a man manca feriſce , ed a man dritta,
Scopre il Mauro l aguato , e poi li dice,
Gambitto a giucator farſi non lice.
O mal principio al giaramento dato
Deſti, è Caputi , il Mauro li ſoggiunſe.
Che mai convienſi a un Cavalier preggiato
Venir men di parola , e sì lo punſe,
Che d' acuto coltel men fora ſtato
La punta del dolor , che ſopragiunſe .
7ace , e nulla riſponde , e all'altro gioco
.Spera acquiſtare il già perduto loco.
Perde anco l'altro , e'l terzo , il quarto vince,
E col quinto , e col ſeſto ſi rinfranca:
E nuov'Argo ſi mºſtra , e nuovo Lince,
Acciò del giuramento egli non manca:
Perde dopo di nuovo , inde rivince,
E vicendevolmente ogn' un s'affranca:
E così avvien , che 'l vinto, e 'l vincitore
D'Al
Del Dottor Aleſſandro Salvio. 4i
D'agual preggio ſi ſtimi , e di valore -
M al fin da riguardanti già ſi vede º
In due giuochi il Caputi eſſer perdente.
Doppia palma al buon Mauro al fin ſi diede ,
si perchè vinſe , sì che'l giuoco a mente
Fè all'altro ricuſar, ov'egli il chiede,
E di quanto promette nulla mente.
Così confuſo reſta il vantatore,
E con lode , ed applauſo il vincitore.
Altamente il Caputi dentro al core
7’ene di farne un dì aſpra vendetta:
E a levarſi dal capo un tantº umore ,
AVuovo loco egli cerca , e tempo aſpetta :
7al ſi vede nel boſco il cacciatore, -

sperar fiera con l'arco , e la ſaetta ;


AVe di diſaggio cura , che patiſca,
Pur che a la fine il ſuo penſier ſortiſca.
Si parte, e via ſpariſce, com'un vento: -

Dopo s'arreſta alquanto , e ſcende al baſſo :


.Spera il Marano , in tanto pela il mento,
Come uſcito di mente , e ſenno caſo:
Scende il Maran con paſſo tardo , e lento,
Cantando la canzon , che fece il 7aſso,
Che comincia : 7a giuochi a ſcacchi Amore,
Sol per mi torre i rocchi del mio core.
Quanto bramavi ai viſto , al Maran dice
Il ſuperbo Caputi s e acciò tu veda,
Che ingiuſta è la ſentenza , e che non lice
Darſi la palma al Mauro , e ch'io li ceda.
Fà che di nuovo venga , e non diſdice,
Ch'egli già teco ſolo altrove rieda:
Che l'aſtanti caggion d' un tanto danno
Furo , che nol vinceſſi , e non m'inganno,
li riſponde il Maran : dove a te piace,
E dovunque t'aggrada , il Mauro viene;
Ma ti doureſti al fin pur darti pace:
Ch'arte , e ſaper di te egli pià tiene.
2'u più duro già ſei , anco più audace,
E nel parlar tieni gran forza , e ſpeme,
Con lui non giova uſar ſimil meſtiero,
- R Ch'e
42 Diſcorſo ſopra il giuoco degli scacchi
Ch' egli è più arguto , e più ſottil guerriero: -

A che tante disfide , e tante prove? º a

Già già più volte al paragon ſei ſtato: -

Che più dunque ti ſpinge , o pur ti move -

A far nuovi litiggi , e nuovo piato? ,


Ti darà forſe altra virtù il gran Giove, -

Mutando novo loco, o novo ſtato ? -

Parte il Maran , poi dice, or reſta intanto; -

Cbe per troppo vantar , perdutº ai il vanto -


Parte il Maran , ed il Caputi reſta a
Con maggior anſia , e più confuſo ogn'ora i
Ma non per queſto di parlar s arreſta,
Ma sì ſconcia , ſi batte , e diſcolora:
Và nella ſtanza, e la famiglia meſta - -

Rende dubbioſa , non s'accida , o mora: --

Vinto al fin da ſtanchezza , ecco che dorme,


E dormendo a ſoſpir par ſegue l'orme -
Già , mio caro Signor , fà pauſa alquanto:
Che con ſtile maggiore , e miglior lena
Canti del gran Caputi il duolo intanto a
Che diſperato a vari luochi il mena
Or mentre ei dorme , io mi ripoſo alquanto;
E finire due verſi , io potrò a pena:
Baſtimi ſol , che mentre ei dorme , è in atto
Dir ſcacco , e di finir non poſſa matto.
Q A P. X I I I
-

-
- -

lirono il Signor Mauro, e 'l Roſcesgrangiucatori, ed ambidue


F furono nella Corte di Spagna, e di gran ſapere,e poco meno del
Puttino, come s'è detto: il Roſces poi inſieme con Don Salvatore
Albino,detto il Beneventano, ſe ne morì nella Città di Palermo, aven
do prima molto ben guadagnato alcun migliaio di ſcudi con giuoa
re del pari col Signor Barone di Siculiano Signore di molta bontà, e
liberalità, eſſendo ricco, ſecondo mi è ſtato detto,di 24ooo.ſcudi d'en
trata, il quale non voleva giucare ſe non con giucatori grandi, non
curandoſi di perdere, eſſendo egli gran giucatore e ſe alcuno v'andava
a lui inferiore, non molto l'aggradiva. il Mauro era Gentiluomo di
molta qualità, ed avendo col Signor Principe di Geſualdo guadagnato
da tre mila ſcudi, ſi ritirò nella Grotteria ſua Patria, ove nella vece
- chiez
Del Dottor Aleſſandro Salvio. a3

ſchiezza accaſandoſi con una Gentildonna ha laſciato figliuoli, ed og:


gi ancor vivono : occorſe nell'Anno 16o6. che venne il Signore Don
Geronimo Caſcio Siciliano della Città di Piazza, giucatore di molta
portata, ed anco di belle lettere,venne,dico,in Napoli, ed in contran
doſi a giucare con Giovan Rodrigues compagno del Roſces, lo guada
gnò con il Pedone di vantaggio, benchè colui allora era vecchio, do
ve ritrovandoviſi il Signore Gio: Domenico de Leonardis, vedendo il
giucare del Caſcio, volle, che giucaſſe meco di pari,ed eſſo, e'l Signore
Pietro di Roggiero poco meno del Leonardis nel giuoco, Gentiluomo
della Città di Salerno, e Dottor di legge, vennero a disfidarmi in caſa
del Signor Don Ferrante di Cardona, dove allora ſi teneva la conver
ſazione, pigliò la mia parte il Signor Ferrante Galeoto Gentiluomo
di molta portata, e nel giuoco della ſeconda claſſe, e i Sig.Gio: Grego
rio Sacerdote da Catanzaro della iſteſſa claſſe, giucando ultimamente
di ſcudi, avvenne che il primo giuoco, volendo io fare il gambitto di
donna a detto Signore Caſcio, che a me toccò il primo tratto ; egli fa
cendomi il contragambitto,fallando io il tratto nel prendere, perdei il
giuoco di trè:donde detto Signor Caſcio mi burlava, dicendo, eſſere ſta
ta ſorte, il che io ſopportai al meglio che potei , onde venendo in me
ſteſſo in breve tempo reſtai poi vincitore in ducati venti, ed appunta
toſi per lo ſeguente giorno,avvenne il medeſimo, e così ancora nel ter
zo: ma venedo alla quarta pruova,avendo io guadagnato da venti du
cati,viddi,che il Leonardis ſe li accoſtò all'orecchio,e ſi partì,e così an
co il Roggiero: avvenne,che detto Signore Caſcio ſi rinfrancò la per
denza di quel giorno, per il che venendo tutti alla converſazione nel .
ſeguente dì , il Caſcio addimandò dal Leonardis, e Roggiero la parte
loro delli duc. venti perduti, e da lui rinfrancati, giacchè levarono la
traverſa, in queſto modo ſi ſcoverſe il trattato, e dubbitavano del Ca
ſcio,che ciò aveſſe fatto per far loro burla, ma ben ſi chiarirono di poi,
ed eſſendoli detto dal Signor Pomponio Nenna muſico eccellente, ma
pure giucatore di non poca ſtima, perchè eſſo Signor Leonardis avea
fatto ſimile coſa, diſſeli, perchè credeva certo, che'l Signor Caſcio gua
dagnato aveſſe » e dipoi egli volea giucare col Caſcio, e guadagnarli
ogni coſa replicoli il Nenna, ſe il Caſcio aveſſe vinto,il Salvio aureb
be anco vinto a lui,e lo chiarì della ſua albagia il detto Signor Caſcio
poi andando a Roma vinſe Giulio Ceſare compagno del Puttino il
primo di Roma, in caſa dell'Eccellenza del Sig. Giacopo Buoncompa
gno Duca di Sora, Signore tanto favorevole a perſone virtuoſe, che
non ſi può con umana lingua eſprimere, che a vorrebbono Poemi in
tieri a narrare le ſue grandezze: ottenne per mezzo di detto Signore il
2. -
44 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi
beneficio da lui bramato nella ſua Patria di Giantro, che rendeſſecon
do mi fu detto)da 3 oo.ſcudi. Fu anco a detto tempo il Signore Ceſare
delli Ponti Gentiluomo della Città di Taranto, il quale per le gran
perſecuzioni d'inimici fu neceſſario ſtar lungi dalla ſua Patria per al
euni anni, e col giuoco degli Scacchi ſi trattenne nella Toſcana ſenza
ſpendere del ſuo un quattrino,dove poi alla ſua Patria ritornò, paſſate
le boraſche predette . - .

Il Beneventano fu gran giucatore, ma uomo di molto ingegno in al


tre coſe di maneggio, e così anco nelle belle lettere, fu Poeta ſatirico
ancora, e per far burle a giucatori era il primo di tutti, ſapendo fingere
di tal modo, che tutti faceva inciampare, non eſſendo conoſciuto 5 e fe
una ſimile burla all'oſte di Quarata, che feil Puttino al Mucciaccio,
come s'è detto: egli inſegnò a molti amici,come ſi potevano guardare
dalle aſtuzie, che ſi potevan fare nel giuoco degli Scacchi.
Fu poſto un cartello per la Città di Napoli, che qualunque voleſſe
giucare agli scacchi,andaſſe in una nave ingleſe, che ſi giucava cento
ſcudi: v' andò egli inſieme col Signor Scipione Genuino giucatore po
co meno di lui, ma perſona di molto garbo, e nel giuoco faceto, di mo
do che perdendo, o vincendo faceva tutti ridere, dove venendo al con
traſto, alla fine furono vincitori.
Avvenne, che un giorno giucando agli Scacchi il Beneventano col
Signor Fabrizio di Fazio cittadino de principali della Città di Capoa,
v'andava cinque ſcudi al giuoco, era perduto dalla parte del Fazio,
ma eſſendo toccato da dietro,s'avvertì del tratto in ſuo favore, e gua
dagnò il giuoco: per lo che il Beneventano sborsò li ducati cinque, li
quali avendoli preſi il Fazio, poi ſi volſe al Beneventano, e diſſeli, ec
covi i voſtri cinque ſcudi,ed eccovi i miei; perchè io il giuoco l'aveva
perduto,e non poteva guadagnarlo in penſiero, ma fui toccato il Bene
ventano diſſeli,io prendo i miei, e reſtituiſco i tuoi, perchè hai fatta sì
degna azione. v

Vi fù anco il Sig. Ferrante Marcellino della Mantea, il quale inſe


gnò a tutti la difeſa del Re traſpoſto,e due mani, e non poter ſaltare,al
che eſſo a tutti dava un Cavallo di vantaggio.
Avvenne, che giucando col Signor Leonardis avanti l'Eccellenza
del Signor Conte di Lemos Vicerè nel Regno, reſtando io vincitore,fu
fatta l'infraſcritta ottava, la quale la conſignai al Sig. Ottavio Bran
caccio Cavaliere Napolitano, e del giuoco degli Scacchi molto amico:
la tenne detto Signore molto cara, ne volle moſtrarla al detto Signor
Leonardis, inſino a tanto che fu data a detto Leonardis ſotto altro no
me, come fuſſe venuta da Sicilia dal Signore Marano, che con molto
- ſuo
Del Dottor Aleſſandro Salvio. 45
ſuo guſto la moſtrava a tutti,dicendo, eſſer ſucceſſo tra il Marano e l
Carrera dove monſtrandola al detto Signor Ottavio, colui ridendoli
moſtrò l'originale, che era ſtata fatta per lui, per lo che detto Signor
Leonardis ſtette un'anno a non parlarmi.
L'ottava era in dialogo tra Salvio, e Leonardis.
S.
L. Dimmi, chi da
Il Puttino fu Catri,
ne Scacchi il più
il Bovio ſaputo ? º
appreſo: - i

Fà ſodo, e forte l'an, l'altro più arguto,


Onde uguale n avvien chiamarſi ſpeſſo. i
S. Il terzo ? L. Io ſono. S. Or ſe tu aveſſi avuto -
-

- Di me vittoria , ov'io t' è vinto , e oppreſſo,


Che più direſti ? I.. Ro ben direi da vero ,
Che dell' altro, e dete un ſarei il primiero.
avvenne ancora, che detto Signor Leonardis mi sfidò a fare il gami
bitto, e che io ſia forzato a prendere il Pedone, e difenſarlo: perlochè
nell'infraſcritto ſonetto ſi deſcrive detto gambitto, e ſuo ſucceſſo.
-
- - - -- -
-

sfidomni a Scacchi il gran Leonardo, e volſe


Seco giucaſi , e a lui fortiſſi il tratto :
Ei comincia , io l'incontro , ei ponſi in atto
Di gambitto , ed a pigliar toſto m'involfe. i
Segue egli il giuoco , el ſuo Cavallo ſciolſe 3
Io il Pedon del Caval quanto può un tratto.
Èi l'Alfier , io riſpingo ; ei fagge, io al matto º
Corro ; egli il Re move , el colpo ſuolfe.
grida egli ho vinto , or cedi , e di me dà il vanto,
Troppo ardiſti a venir meco al contraſto, - -
Che 'n tal meſtier tu non ſei meco uguale, - - - -

Conobbi il tiro , e a lui mi volgo in tanto,


Diſſeli , il vincitor vinto è rimaſto. - -

A cader và chi troppo in alto ſale -


Pcco che 'l tuo rivale
T” ha vinto, e poi ti dice,
Gambitto a giucator farſi non lice.
M'avvenne anco un fatto degno di raccontarſi, e ſi fà: N. e M. am
bidue Gentiluomini Spagnoli e giucatori del pari , venendo ad un
partito di giuoco ordinario, venne detto Signor N. a ritrovarmi,li fa
piacere inſegnarli il modo dell'offeſa, li compiacqui con promet
ceſſe
termi egli non farlo con M. partito egli da me oprò detto gi ", con
- » e
46 Diſcorſo ſºpra il giuoco degli Scacchi
M. e li guadagnò trenta ſcudi, per lo che la mattina ſeguente detto Si
gnor M. venne da me, non ſapendo che detto Signor N. vi fuſſe ſtato, e
mi diſſe quanto era occorſo: diſſeli il vero, e quanto m'avea promeſſo
il Signor N.e perchè colui era venuto meno di parola, inſegnai al det
to il contra tratto: per lo che coluigiucando poi con N. di guadagnò i
ſuoi , ed altri tanti. la ſeguente mattina venne il N. e ſi lamentò del
ſucceſſo, diſſeli, non ſapeſſe altro: perchè io avea inſegnato M. atteſo
che eſſo non volle mantenere lo che avea promeſſo. s .

Succedè un'altro fatto tra il Signor Don Antonio Mancino, ed un'


altro Prete di Mataluni ſoleva il detto Don Antonio giucare con det
to Prete,con darli un Rocco, ed un Alfiero, altre volte due pezzi, altre
volte un Rocco, el Re traſpoſto: venendo a giucare, ed a che partito ſi
voleſſe giucare,diſſe D.Antonio con li due pezzi, e ponendoſi a giuo
co, inavvedutamente ſi levò dal tavoliere il Rocco,e l'Alfiero, il Prete
tacque, giucorno molti giuochi ne mai detto Signor D.Antonio s'av
vidde del detto vantaggio : all'ultimo giuoco ſe ne accorſe, per lo che
quattro giuochi ch'avea perduti,nò voleva pagarli:il Prete diceva, ch'
era tenuto, perchè a quello partito ci aveva giucato altre volte, e dovea
avvertire con chi giucava:furono da me per la ſentenza, diſſeli, che la
inavvertenza di Don Antonio non dovea eſſere impune, la malizia del
contrario non dovea avere utile, el giudice non dovea ſtare ſenza la
ſua propina,e così s'oſſervò, pagando detto Signor Don Antonio la ter
za parte. -

Succedè un fatto d'un Galantuomo giucator di ſcacchi da Sorren


ito, il quale ritrovandoſi in Palermo s'abbattè a giucare con un Baro
ne ricco, accoſto del quale, quando ſi giucava,vi ſtava un Medico giu
catore,come il Sorrentino per lo che non poteva colui vincere, del che
eſſendoſi accorto, andò a ritrovare il Medico alla ſua caſa,e li diſſe: già
vedo,che V. S. m'è contra col Signor tale,la Priego mi ſia in aiuto, che
io voglio darli la parte: ed acciò colui creda,che V. S. non partecipi
meco, prenda con quello contro di me la quarta parte, per lo che di
poi quello , che ſi guadagnerà,tolta detta quarta parte, ce lo ſpartire
mo e ſi contentò il buon Medico , ed eſſendo fatto conforme l'ap
puntamento, giucandoli predetti, il Sorrentino ſempre andò di pari
col Barone inſino al tardi: per lo che partito il Medico, quelli conti
nuando il giuoco ſino a giorno , il Prete guadagnò 6o. ſcudi. Subito
albeſcendo ſi partì, ed andò dal Medico, dicendoli, ch'avea perduto
ducati ſeſſanta, e che ſua Signoria dovea darli ſcudi trenta: il Medi
co diſſe non eſſere tenuto, perchè la parte eſſo l'intendeva inſino ch'
egli ſtette al giuoco gridava il Sorrentino,fingendo grande ſdegno,alla
fine
-

Del Dettor Aleſſandro Salvio. 47,


fine li diſſe, dunque in buona conſcienza tu queſto dici? e colui par
tiſſi, ed andando al molo, trovando viaggio per Meſſina ſi partì , ed
ilch'avea
Medico fu neceſſitato pagare la quarta
perduto. N , ,
parte al Barone di quello,
-

Non tacerò,come Don Mariano Marano da Sciortino riuſci un giu


catore eccellente aſſai più di quello, che era prima, che fu in Napoli:
per lo che andando in Corte del noſtro Re Filippe IV. glucò più vol
te avanti Sua Maeſtà, e con molto guſto del Re, e vinſe tutti, e quan
do credea nelle ſue felicità ſtare , ſe ne morì i Ivi ritrovò Giacchino
Greco, il quale eſſendo un povero giovane, eſſendo andato per diverſi
paeſi, ricapitò in Pariggi, dove guadagnò cinque mila ſcudi i dipoi
volle andare in Inghilterra, dove ſtiede in forſe di perdere la vita e li
fu rubbato quanto portava; dipoi ritornò in Pariggi,e ricuperatoſi al
quanto, ſi partì, ed andò in Cotte, dove fu ritrovato dal Marano ſuo
rivale, ma di lui migliore.Si partì dopo detto Giacchino, ed andò con
un Signor grande nell'Indie, dove ſi morì, e laſciò il tutto a Padri Ge
ſuiti: queſto l'ho inteſo dal gran Medico Signor Paolo Emilio Ferrero
Napolitano, all'ora Medico della Regina di Francia, ed anco dipoi di
Spagna, oggi Protomedico in Napoli per Sua Maeſtà Filippo Quarto,
Vedaſi dunque a quanto per ſimile virtù l'uomo arrivi.
Solo mi reſta ſcrivere quì ſotto con una ottava ciò,che tra due giuda
tori ſuccedè con buone pugna, uno chiamato il. Papparone, e l'altro
il Principe delli Scacchi.

DEL SIGNOR CARLo SALVIO.


Pugna il Prence de Scacchi , el Papparone:
L' un mena al naſo , l'altro all' occhi tira.
Indi di ſotto l'un l'altro ſi pone, -

E l'uno , e l'altro a la vittoria aſpira.


Aeſtano al fin di pari alla tenzone,
Depoſto già tra lor è l' odio , e l'ira ,
Che mentre l' occhio l'an livido moſtra ,
E l'altro il naſo , ugual parve la gioſtra.
Queſti ſeguenti verſi furon fatti nella vecchiezza del Signor
Mauro. - - -

Cari Scacchi è Scacchier da me preggiati,


Cºn voi gran tempo ottenni il preggio , el vanto,
- - - E di
-
43 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi.
B di tal modo è tanto, - -
Che fra primi gli onori a me fur dati, -

- Ecco vi laſcio in loco, - -

Di mie vittorie ſegno al voſtro giuoco, -

Così vecchio guerrier tal or s'intende


- Dopo molte battaglie , e varie impreſe, -. . .
- Depor, l'arme , e l'arneſe, .

- E le ſpoglie nemiche in alto appenda . . .


e Con un motto , che dice,
i Queſto il tempo richiede , altro non lice. . . . . . .
- i - - - -

- . i i
- a i 1 ?
- e, -- - - - i - - -- -
- i Il Fine del secondo Libro.
- , º i -

- . -
-
- -

- -
-

- - - - - a P o.
A P O L O GI A
coN TRA IL CAR R E RA.
L 1 B e o re e z o. a
e

i ci: iº
Vendo poſto in luce il ſuo libro il Signor Don
Pietro Carrera,vi furon molti, che lo còprarono, e
fra gl'altri vi fù il molto Reverend.Don Gio: Do
| nato d'Auliſa Primicerio nella Colleggiata Chie
º ſa di Bagnuolo mio molto amico, e parente, uomo
Nºi di molte belle lettere, e del giuoco degli Scacchi
| molto intendente, eſſendoſi giontato con molti
º amici, e compatrioti a leggere detto libro con
molto guſto, cioè i ſuoi diſcorſi, i quali veramente ſono molto curioſi,
e vaghi, recando diletto grande a Lettori: ma venendo alli sbaratti,
inviorno a me detto libro, acciò lo vedeſſi, e di detti sbaratti daſſi loro
ragguaglio,di che carata foſſero.Volli compiacere agl'amici,e vedédolo
minutamente, cioè li principi del giuoco del pari, vi ritrovai molti
errori, come più a baſſo ſi leggeranno e perchè in due luoghi egli tac
ciava il mio libro, ritornai alli medeſimi amici il detto libro, accen- ,
nando gl'errori di quello, e la mia difeſa, facendo, e dandone penſiero
a Scipione de Rogata uomo di mia caſa , e del giuoco intendente, che
fuſſe con detti Signori, e che loro ſcriveva notaſſero molto bene: ava
venne, che arrivando in Bagnuolo comune Patria, s'abbattè al prime
con detto Signor d'Aulifa, il quale chiamati gl' amici cominciarono a
far penſiero ſu li miei ſcritti,e vedere s'erano ſoſſiſtati gl'errori notati
nel Carrera,e la mia difeſa.Laonde diſſe il Rogata,che vi pare dello che
dice il Salvio:riſpoſe il Signore Auliſa in queſto modo: in quanto poſ
ſo conſiderare, il Carrera in due coſe taccia il Salvio; la prima, ch'egli
nella ſua ſcaccheide con ſconcie parole abbia nominato un giudatore
degli Scacchi, che giuoca alla cieca, e non ſappia chi ſi ſia, come n
principio dell' opera ſi vede, e che ſconcie parole abbia detto. ” . “
C 2 G L'al
-

jo Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi.


L'altra taccia ſi è nel gambitto di Donna cap. 24, dove dice, che il
tratto del Salvio non ſia buono, ma il ſuo. Il Salvio nel primo ridar
goiſce il Carrera, che malamente s'abbia portato , per non dire da
ignorante, poichè queſto in lui non può penſare; e nel ſecondo, che
poco ne ſappia del giuoco. -

Rog che vi pare a voi, Signor Don Gio: Donato, delle ragioni del
Salvio ? Aul. in quanto alla prima, le ſconcie parole io non le vedo»
ne che pecchi il dire del Salvio, perchè il Carrera non l'eſprime, e
mentre egli taccia il Salvio, egli ſteſſo ſi condanna, che non intende
quello che i ſordi ſentirebbono,ed i ciechi vederebbono.R.come a dire?
A- dice il Carrera, che eſſo non intende chi ſi fuſſe il giudatore alla
cieca,ed ivi ſi vede eſpreſſamete,che ſia eſſo Salvio.R.e come?A.poichè
dice, che ſarà un giudatore, che giucarà in quel modo, e mandarà in
luce due ſuoi libri, l'uno a nome del sig.Reg.di Coſtanzo, e l'altro del
Signore Viſitatore, i quali due libri il Carrera avea in ſuo potere, e l'
avea ben letti,e leggeva all'ora; talchè mentre eſſo non intende l'uno»
ne anco è maraviglia non intenda l'altro, e ſia allucinato in queſto
R. certo che mi pare coſa chiara:ma al ſecondo capo che dicete? A di
ce il Salvio, che'l ſuo tratto è buono, e quello del Carrera è cattivo, e
quando vorrà venire al fatto egli ſtà pronto , e che li diſpiace non por
ter dire altro, perchè ſe non ſi viene all'atto pratico, non ſi può in
carta poner coſa alcuna; e dice, che non è boccone da giucatore della
carata come il Carrera, poichè non volendo ſtare il Salvio a ſuo ſapere»
ha conferito col Signor Leonardis, e Sig.Arminio giucatori di prima
claſſe, e vi ſono abbiſſi di tratti da tutte le parti,e un tratto, che ſi tra
vede,il giuoco ſi perde: oltre che detto Salvio la detta difeſa dal primo
non la pone delle perfette, ma che ſi poſſa fare. R. Sig. Auliſa,voi che
ne dite ? A. io per me non poſſo dirne altro, ſolo che, mentre il Salvio
dice queſto e che vuole mantenerlo, dove è l'eſperienza, non è biſogno
dar ragioni, eſſo ſa più di noi. R. degl'errori notati dal Salvio che vi
pare ? A. vediamola di grazia col tavoliere avanti. R.eccolo appunto
una con gli Scacchi. A.acconciali in tanto,ch'io leggerò nel primo ca
pitolo lib. 6. fol. 367. in verbo excep.il tratto di Ruis Lopes fol. 37o
verſº quando ſi dice, che è Matto pigliando, a che propoſito far altro
giuoco fol.371. in verbo avvertimento della quarta, 8 c. ſi dice a che
propoſito mentre ſi dice il tratto vero ponere gl'altri più lunghi. fol
379- in verbo excep. mentre ſono tratti chiari,a che fine fol. 38o cop
nel fine, è malamente detto nel verbo,che dice e meglio,dice bene più
baſſo,e del Ruis Lopes e del Salvio fol.384 in excep. e in favore è falſa
la ſpinta del Pedone della donna del nero, perchè il bianco º"
- Q
- --
Del Dottor Aleſſandro Salvio. 9 I

do il ped. del Re,e ſaltando il giuoco, va male per il nero, ſe pure egli
dirà all'uſo di Sicilia non è così fol. 385. cap. 7. mi pare la più bella
coſa del mondo far l'offeſa buona, e la pegiore difeſa, che poſſa farſi.
cap. 3. il giuoco è peſſimo, giucandoſi che ſi ſalti fol. 389 verſº il Re
bianco vada, 8 c. vi è errore con tratto meno per lo nero: e più oltre
nel verbo cavallo verſ 13. è giuoco peſſimo, e falſo il cap.11 fol. 395.
e del Lopes,e Salvio. nel cap.12.taccia il Lopes, ed eſſo fa errore gran
de,dove quello dice bene, perchè ſe i B.a tempo, che giucò il Rocco al
la caſa dell'Alf di Re, aveſſe ſaltato con il Re alla caſa del Cavallo, e
col Rocco alla caſa dell'Alf con perdere il ſuo Cavallo vince il giuoco,
vedaſi che così è, ma con molti tratti appreſſo.cap. 13 fol.399. peſſima
difeſa.cap. 14:fol.4o1.verſil bianco li manda,ſel B non ſpinge il Ped.
del Rocco quanto va: giuoca l'Alf di Re alla 3 di Donna, ſe ſi giuoca a
ſaltare il N.ſta male,benchè ſia ancora mala difeſa.cap. 13 fol. 4o2. per
perdere è il più bel modo di gambitto,che ſi poſſa fare fol. 4o 5.in verſ.
excep. in favore,vedeſi che ſe l B.fugge con l'Alfiero alla 2. il N. giuo
ca il ped. del Re due caſe,dice male ma una caſa fol.42o. verb. avverti
mento al nero è falſo cap.24.contra il Salvio ſi è riſpoſto fol.425.verb.
avvertimento è falſo perchè vince il bianco.cap.26, e dal Lopes, e Sal
vio fol.427 in verb.except e del Salvio queſti ſono gl'errori notati,diſ
ſe l'Auliſa al Rogati, i quali già vedendoli ad uno ad uno, ſi potrà ve
dere la verità. R.in queſto non accade troppo affatigarci, perchè con più
comodo li vedremo: che più dunque il Saivio vi manda ſcritto ? Aul.
dice egli non volere paſſare oltre agl'altri giuochi poſti dal Carrera,
perchè ſono giuochi di partito, dove non ci è certa ſcienza, e ſicurtà;
ne vuole egli cenſurare altri,ſe non dove eſſo viene tacciato, dice egli
di più, acciò ſi creda che il giucare alla cieca ſenza ſentire, ne vedere,
ma col tatto ſolamente ne ſia ſtato egli l'inventore, ed altri l'abbiano
viſto. R. e quali? Aul dice egli, che fra Signori grandi fu il primo il
Conte di Benevento, il quale avendo avuto di ciò relazione dal Signor
Fulvio di Conſtanzo Decano del Collaterale , e Marcheſe di Corleto,
tanto affezionato padrone del Salvio,non volle mai darvi credenza, ſe
non lo vedeva in atto , come già vidde:la onde poi tutti i Vicere ſuoi
ſucceſſori nel Regno vollero ciò vedere inſino ad ora, e'l Signor Don
Franceſco di Caſtro all'ora Ambaſciatore in Roma per Sua Maeſtà in
ogni modo volle vederlo, chiamandolo con molta inſtanza, che v'an
daſſe ; e tra Signori ufficiali ne può ben dare teſtimonianza il signor
Preſidente del S.C. Don Pietro Giordano urſino, il Sig. Pietr'Ant. Ca
ravita , il Sig.Camillo del Pezzo, il Sig. Andrea Provenzale, il signor
Scipione Teodoro , il Signor Ettore Capece Latro, Avvocati a quel
G 2 tempo
52 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi
tempo primari nel S. C.ov'oggi tra primi, e più dotti Conſiglieri con
tante lor lodi riſiedono, miniſtrando giuſtizia con ogni integrità , e
bontà,che a Miniſtri tali ſi civiene,non eccettuando però gl'altri, che
con non meno bontà, e valore fanno il medeſimo : fra quali anco il
Conſigliere Salinas Decano del S. C. fu quello, che volle, che'l Salvio
andaſſe in Roma a ritrovare il detto Signor Conte, ed in caſa del Si
gnor Marcheſe di Corleto giucando con detto Signor Marcheſe, ed an
co col Signor Principe di Colle d'Anchiſe nipote del detto Signor
Marcheſe, e col Signor Don Flaminio di Conſtanzo ſuo figlio conſi
gliere oggi tanto lodato e per dottrina,e per bontà tra primi,che ſiano,
ove appena preſo il dottorato con tanta ſua lode avea eſſercitato per
molti anni l'ufficio di Giudice della Gran Corte della Vicaria e nel
Civile e nel Criminale, più volte ſi è viſto, indi nell'onorevole Acca
demia,che ſi tenea nella caſa del Signor Aſcanio Carafa di detto giuo
co,dove non v'erano altro che Cavalieri, e Dottori, e Preti, che veni
vano a ſpaſſarſi,ove oggi non meno fioriſce in caſa del Signor Aleſſan
dro Rovito Giudice della Gran Corte della Vicaria,ed Avvocato fifca
le della Provincia di Coſenza di Calabria , gentiluomo non ſolo per
natura, ma per coſtumi,e virtuoſe qualità, poichè e per dottrina,e bon
tà punto non degenera dal Signor Reggente Scipione Rovito ſuo pa
dre così noto a tutti, dove Cavalieri , ed Titolati vi vengono tratte
nendoſi quando tra loro, e quando con i principali giucatori ſi ſpaſſa
no, tra quali il primo è il Signor Gio: Domenice d'Arminio, primo
fra primi giudatori, della ſeconda claſſe poi il Reverendo Don Mario
di Grazia , il Signor Domizio Falanga , il Reverendo Don Antonio
Mancino, il Reverendo Don Nicodemo, tra quali nella medeſima claſ
ſe concorre il Signor Marcheſe di Monteforte, e della terza claſſe vi è
il Signor Muzio d'Aleſſandro,il Dottor Orazio Conte, il Signor Mario
di Bologna, il Signor Giovanni Miroballo Cavalieri Napolitani, ed
anco il Signor Marcheſe di Santo Mango, dopo queſti Signori viene il
Sig. Don Gio: Battiſta Magnati, il Dottor Lionardo de Zitellis, il Sig.
Gioſeppe Spinello, non laſciando da parte il Dottor Gio: Battiſta Ba
ſalotto, e Ceſare d'Auliſa, il primo nella terza claſſe, e'l ſecondo nella
elaſſe ſeconda giugando anch'egli di memoria, eſſendo egli noſtro pae
ſano, tal'ora che in Napoli accade che vi vada. E tra principianti gio
vanetti il Signor Duca di Caſtel Saracino, e'l Signor Tomaſo Rovito
ambidue fratelli carnali, e nipoti del detto Signor Reggente, e di det
to Aleſſandro, quali tutti favoriſcono detta converſazione, e quando
tal'ora manca il giucare, o di belle lettere, o d'iſtorie ſi parla.
R. Parmi,che vi ſia ſcritto non ſo che altro. A Dice egli, che queſte
- le
pel pottor Aleſſandro Salvio si
diſcorſo l'ha fatto per due coſe , primo acciò veda il Signor Carreras
che dove il Salvio ave errato a non ſaperſi eſplicare con acconcie pa
role, dato, e non conceſſo che ciò ſia, egli non ha ſaputo intendere la
che leggeva:
Salvio. per lo che è ſtato peggiore il ſuo errore , che quello del
- a

Secondo,che gl'errori notati dal detto Signor Carrera contra il Lo


pes,ſi vede,che ſia il côtrario, e non conveniva tacciare altri, ch'anno
ſcritto bene,e ſono ſtati eccellenti giucatori, e ſe dovea tacciarli, alme
no dovea dire quelli che veramente ci ſono al Lopes, ed al Salvio, che
r errori di Stampa, o d'inavvertenza ve ne ſono alcuni,ed eſpurgare
prima i ſuoi, benchè ne l'uno, ne l'altro dovea farſi: ma dire bene d'
ogn'uno.R.Coſa veramente degna, che da ciaſcuno deve farſi, ma che
più vi è 'A. Nota il salvio nel ſuo libro nel cap. 1. 3.3 4. ſaltandoſi
-
- - chel Rocco non poſſa andare alla caſa del Re,non ſi può giucare detto
sbaratto.
L'altro c.ad ogni modo,il c. 1o.come s'è detto nelli due primi, il reſto
poi ad ogni giuoco ſi può adattare, come nella Tavola ſi noterà.
R. dite di grazia il reſto.A. a tempo fratello,a poco a poco leggeraſſi
il tutto. Soggiunge queſte altre parole, li reſtano dunque due coſe, la
prima riſpondere ad una obiezione fattali da un valente giucatore al
4. cap. del ſuo primo libro, la ſeconda di fare altri modi di gambitto
prima non poſti. -

Nel 4-cap.dunque verſic. ult.fol.45.dove dice,il N.giuoca il Pedone


dell'Alf di Donna una caſa, ſe per ſorte detto N. non vorrà fare detta
giucata, ma aveſſe giucato il Ped. del Ca. di Re una caſa , il B.ſpinga il
Ped.di Don.due caſe,el N. giuochi l'Alf. di Re alla ſeconda del ſuo Cav.
queſta giucata ſarebbe eccellente,ſe'l B. non giucaſſe l'Alf. di Don.alla
quinta del Cav di Re: perchè il N. avendo tempo di giucare il Rocco
del Re alla caſa dell'Alf.rimediarebbe a fatti ſuoi, per lo che detta offe
ſa neanco va bene. R. vi ſono due altre parole,ditele di grazia.A. Dice
il Salvio, che ſi maraviglia aſſai,come il Sign. Don Pietro Carrera eſ
ſendo così buon giucatore , per eſſere ſtato due volte nella Città di
Napoli invitato dal Marano, che veniſſe dall'Illuſtriſs. Signore Aſca
nio Carafa , dove ſi teneva converſazione, non vi venne : laonde
per lo contrario il Signor Don Geronimo Caſcio appena era gionto in
Napoli, che dimoſtrò il ſuo ſapere, e queſto baſti.
Gambitto, il quale da che ho giucato a Scacchi mai m'è pervenuto
a notizia avendo giucato coi primi giucatori, che s'abbiano ſaputo, i
quali hanno caminato diverſe parti del Mondo, e tal coſa loro non è
accaduta ? ed eſſendomi dato un libro ſcritto in lingua rete" ”ho
54 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi
l'ho ritrovato ſcritto, e per non fraudare gli altri, ho voluto ponere
queſto il primo, il quale credo, che ſia il primo degl'altri nella ſotti
gliezza- -
-

C A P. I.

C A M B I 7 Nº O.

G dell'Alf. di Re quanto va, el B. lo prende, e'l N. giuoca il Cav.


Iucherà il N. il Ped.del Re quantova, e'l B.l'iſteſſo,e'l N.il Ped.

alla 3. dell'Alf. del Re,el B, il Ped.del C. quanto va,e'l N.l'Alf.


alla 4. dell'altro Alf.e'l B. reſpinge il Ped. del C. un'altra caſa,e'l N. il
C. alla 5. del ſuo Re,e'l B.dica Scacco - con la Don. alla 5.del Rocco,
e'l N. il Re alla caſa dell'Alf.ºk e'l B.il Ca. del Re alla 3. del ſuo Alf.
queſto giuoco per eſſer ſtravagante a prima viſta è belliſſimo in effet
to,e ne ſeguono l'infraſcritti tratti: giucando dunque il B.il G. alla 3.
dell'Alf ſei N.prenderà il Ped. dell'Alf col Cavallo,il B.ſpingendo il
Ped di Donna quanto va guadagna un pezzo,overo due pezzi perden
do eſſo un Rocco. - - --- --- -

Ma ſe prenderà detto Ped. non con detto Cav. ma con l'Alf il B.


giuochi il Re alla caſa di ſua Donna, e ſe l N. ritirerà l'Alf alla 3. di
Cav.di Donna,il B.giuochi il Cav.alla 4 del Rocco,e ſel N.darà Scac
co col Cav.alla 2.dell'Alf per prendere il Rocco,il B.giuoca il Re alla
ſua caſa, e vincerà il giuoco.
Ma ſe'l N.a tempo ritirò l'Alfalla 3. del Ca. di Donna, l'aveſſe giu
cato alla 4. dell'Alf. di Donna, il B. ſpinga il Ped. del Cav. di Donna
quanto va, e'l N. prendendo il B. giuochi il Ped. dell'Alf. di Don una
caſa,dove ſe'l N. ritira l'Alf alla 3.di ſua Donna, il B. giuochi il Ped.
di Donna una caſa, dove il N. ſe fugge il Cavallo,e darà Scacco, il B.
giuochi il Re alla caſa 2. dell'Alf e dipoi il Cav. alla 4. del Rocco, e
viene quello di prima, e ſe non vorrà dar Scacco, ma fugge col Cav.
altrove, il B. giuochi il Cav. come di ſopra.
Avvertaſi, che ſe 'l N. a tempo ſi ritirò alla 3. della Donna, il ſuo
Alfiero giucaſſe altrove, il B. col Cav. prenda il Ped. del Re,e viene l'
iſteſſo di prima
-2

- -

-- - - c A P.
º Del Dottor Aleſſandro Salvio. yr
- C A P. I I. - -
Del medeſimo,
S Tando il giuoco inſino alla prima º non volendo il B. dar Scac
co con la Donna alla 5. del Rocco:ma giuochi il Cav.del Re alla
3 del Rocco,ſe'l N.pigliarà il Ped.del Cav. col ſuo Cav. il B.dice
Scacco con la Don alla s. del Rocco,dove il N. ſi coprirà forzatamente
col Cavallo,el B.ſpingendo il Ped.della Don.quanto va,ſe'l N.prende
rà con l'Alf. il B. giucando l'Alf di Do.alla 5. di Cav. toglie per forza
la Do. al N.ma ſe'l N. prende con il Ped. il B. ſpinga il Ped.radopp.el
N.ſarà forzato fuggire l'Alf.e ſi dà Scacco,il B. ſi copri con il Ped. dell'
Alf.di Donna,dove il N.ſi vede ſtar male chiaramente.
In queſto ultimo giuoco fallenza , ſe a tempo, che il Nero preſe col
Cav. il Ped. del Cav. del B. detto B. non aveſſe voluto dare Scacco con
la Don. come di ſopra, ma preſo il Cav. col ſuo Cav. il N.prendendo
con la Don. ancor che paja tratto fallace, che ſpingendo il Bianco il
Ped. di Don. quanto va,offenda l'Alf del N. e la Don. nulladimeno
fuggendo il N.la Don alla s.del Rocco,ſe perderà l'Alf guadagnarà il
Rocco del B. con dar Scacco alla 4 del Re B. ſe 'l B. ſi copre con la
donna, il N. ſta male. . ) :
- -

,
C A - P. I I I.

Dell ſteſſo.
S Tando il giuoco al ſegno della prima º dove il B. giucò il
Ca. del Re alla 3. del ſuo Alf il N. non aveſſe voluto perdere il
Ped. del B. ne col Cav. ne con l'Alf ma giucato aveſſe il Ped. di
Don. una caſa, il B. giuochi il Ped. di Donna una caſa, dove il N. ſe
prenderà il Ped. dell'Alf.col Cav. il B. ſpingendo il Ped. di Don.un'al
tra caſa viene il giuoco di prima. - -

Ma ſe 'l N.non aveſſe ſpinto il Ped. una caſa di ſua Don. ma due,il
B.ſpinga il Ped. di Don.una caſa, dove il N. fuggendo il Cav. alla 3.di
Don. il B. ſpinga il Ped. radoppiato- -

Ma ſe'l N.non aveſſe fatto niuna di dette due giucate,ma giucato il


Cav.di Don.alla 3.di ſuo Alf.il B. giuochi l'Alf di Re alla 5. del Cav.
di ſua Don.e ſe'l N.giucarà detto Cav.alla s.di ſua Don.il B.lo prenda
col ſuo Cav. e poi ſpinga il Ped. di Don una caſa, e ſe'l N.non voleſſe
giucare detto Cav.ma ſpingere il Ped. di Donna una o due caſe, il B
to pren
-

g6 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi


prenda il Cav.con l'Alf e poi ſpinga il Ped. di Don. una caſa, ma ſe i
N. non faceſſe nulla di detto giucare, ma giucaſſe la Don. alla 2. del
Re, il B. prenda detto Cav. con l'Alf. e poi ſpinga il Ped. della Don.
una caſa, dove ſe l N. pigliarà il Ped. ſempre viene il primo tratto del
principio da due pezzi per un Rocco, e ſe fugge il Cav. il B. ſpinga il
Ped. radopp.
E queſto baſta dire in queſto modo di gambitto, poichè ſono i mi
gliori che ſe voleſſi dire quanto poteſſe occorrere minutamente,ſareb
be un non mai finire queſto ſi fa per perſone provette, non accade ale
tro a queſto tratto, -

C A P, I V.

Del medeſimo,
G Iucarà il Nero il Ped. del Re quanto va, el B ritenere i N.it
Ped.dell'Alf.quanto va,el B.lo prendere'l N. il Cav. del Re alla
3. dell'Alf e'l B. il Ped. del Cav. quanto va: e'l N. il Ped. del
Rocco di Re quanto va,e'l B.il Ped.del Cav.un'altra caſa:e'l N.il Cav.
alla g. del ſuo Re, e'l B.giucarà la Donna alla ſeconda di ſuo Re si e'l
N.prende col Cav.il Ped.del Cav. e'l B. ſpinga il Ped dell'Alf. quanto
va,el N.il Cav.alla 2.del ſuo Alf.e'l B. prende il Ped. del N.con il Ped.
dell'Alfie'l N.dia Scaccogon la Don.alla s.dei Rocco di Re,e'l B.fugga
il Re alla Caſa di Don.e'l N.giuochi la Don.alla 4.dell'Alf.di Re B.e i
B.giuochi il Cav.di Re alla 3 dell'Alfe'l N. prenda il Ped. che ſta alla
4 del ſuo Alf.e'l B.ſpinga il Ped.di Don quanto va, queſto giuoco ave
buona compoſizione ancorchè non s'avanzi , e maggiormente giucan
doſi alla Spagnola.
4C A P. V.

Del medeſimo. - - -

S Itempo
giucarà per l'una,e l'altra parte inſino al ſegno della I ſe'l Na
che pigliò il Pedone del Cav.col ſuo Cav. aveſſe giucato.
il Ped.di Don. due caſe,il B. giuochi il Ped. del ſuo Alf quanto
va,dove ſe'l N.prenderà il detto Ped.con quello del Re perderà un pez
zo, per lo che ſarà migliore pigliar il Ped.radopp.con l'Alf.di Donna,e'l.
B. giuochi il Ped. di Donna una caſa, e'l N. giuochi l'Alf alla 5. del
Cav.di Re,e'l B.il Cavalla 3. del ſuo Alfie'! N, il Cav.di Don. alla 3.:
- - -
- del
s Del Dottor Aleſſandro Salvio. 57

del ſuo Alf el B.ſarà forzato giucare il Ped.dell'Al di Don una caſa,el
N.prenda il Cav.con l'Alf e IB.prenda con la Don e'l N. ritiri il Cav.
alla 3.di Don.o alla 4 dell'Alf.di Do.ſe alla 3. il B. prenda il Ped.della - -

Don. con la ſua Don. - - --

Ma ſe'l N.ritira il Cav.alla 4.dell'Alf.il B. ſpinga il Ped.del Cav.di


Donna quanto va,dove il N.ſarà forzato fuggire il Cav.dove ſe ſi giu
carà alla Spagnola, potrà prendere il Ped. del Re nero con il Ped. dell'
Alf. ma ſe giucaraſſi alla Napolitana, non prenda, ma ſpinga il Ped. -
dell'Alf.di Re un'altra caſa, -

- - -
-
- .

. . . . C A P. v I. . . . . –
-

Del medeſimo, -
- - -
-

- Iucarà il N. il Ped. del Re quanto va,e'l B. il medeſimo.e'l N.il


G
- -
Ped. deil'Alf. di Re quanto va,e'l B.lo prenda.e'l N. il Cav. del
Re alla terza del ſuo Alf.e'l B.il Ped. del Cav. quanto va.e'l N.
l'Alf.del Re alla 3 dell'altro,e'l B. ſpinga il Ped. del Cav.un'altra caſa.e'l
N. il Cav. alla 5. di ſuo Re, e'l B. dirà Scacco con la Donna alla 5. del
Rocco, e'l N. il Re alla caſa del ſuo Alfie'l B.il Cavallo del Re alla terza
del Rocco.e'l N. il Ped. della Donna quanto va,e'l B. ſpinga il Ped. ra
dopp.un altra caſa.e'l N.ſpinga il Ped.del Cav.una caſa,e'l B.dica Scac
co con la Donna alla ſeſta del Rocco.e'l N. alla a dell'Alf. col Re, e'l B.
Scacco con la Donna alla 7. del Cav.e'IN.col Re alla 3.di ſe ſteſſo,e'l B.
l'Alfalla 2.del Cav.e'l N. ritiri il Cav.alla 3.di ſua Donna, e'l Bianco -

ſalti col Re alla caſa del Cav.e col Rocco alla caſa del Re. e'l N. giuochi
il Cay alla 4 dell'Alf di Resel B. dia Scacco col Cav. alla 4 del ſuo Alf.
e I Nil Realla 3: di Donna, el B giuochi la Donna alla 2 dell'Alf del
Re N.dove il N.ſarà forzato giucare il Ped dell'Alf. di Donna una caſa,
ei B.prenda il Ped.del Re nero col Rocco, dove ſei N.prende il Rocco è
matto forzato , e ſe non prende ancora perderà : e perchè ſono tratti
chiari paſſo oltre, dicendo queſto però, che ſe 'l N. prende il Rocco col
Re, e'l B. dica Scacco co'l Ped. di Donna, dal che procede poi il matto
ſevidente, - - - -

: i
º i fa. .! ' -

- H ... , C A P. ,
58 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi

C A P. V II.
- -

Del medeſimo.
TN Iucarà il N. quanto va il ſuo Ped.e'l B. l'iſteſo. e'l N.il Ped.dell'
G Alf.quato va,e'i B.prende.e'l N. il Ca.alla 3.dell'Alf.e'l B.il Ped.
del Cav.quanto va.e'l Nero ſpinge il Ped.del Rocco di Re quan
tova,e'l B.reſpinge il Ped.del Cav.e'l N.fugge il Ca.alla 5.del ſuo Re,e'l
B.giuoca la Donna alla 2.del ſuo Re.e'l N.col Cav.prende il Pedone del
Cav. del B.e'l B.prenda il ped.del Re con la Donna e'l N. ſi copre con la
Ton-e'l B.ſpinganda
a eve----
il Ped.di Donna
la Don.del N.edue
diacaſe.e'l N.ritiri
Scacco.e'l il Cav.
N.prenda alla
con 2. del
l'Alf.e'l
ſuo Alf.e'l B.pre.. ",
- Don. -
-
- - - - -
-
-
- -

ii Reana, "ººººº s""


to va,e'l B.giuochi il Cav. di Don. alla 3.ae . --
Alf.di Don.una caſa,e'l B.l'Alf.di Don. alla 4.dell'altro ei N. cor cas
alla 3.di Don.e'l B.ſpinga il Ped.radopp.e'l N.ſarà forzato prendere con
il Ped.e'l B.dia Scacco con l'Alfalla 3.del Cav.del Re nero, dove giuo
chi ſi vogli il N.il B.giucando il Cav.alla 3 dell'Alf del Re,ſta miglio
re:queſto capitolo, ei ſeguente è della medeſima offeſa del 4 e 5. capi
tolo, come di ſopra. l

C A P. VI I I.

- Del medeſimo. -

a Y Iucarà il Nariſtefo,e Bancora el Nit Ped.dell'Aifauantova,


G e'l B.prende e'l N. il Cav. del Re alla 3. dell'Alf el B.il Ped. del
Cav.quanto va.e'l N.il Ped.del Rocco quanto va,e'l B.il Ped.del
Cav.un'altra caſa. e'l N. il Cav.alla 5. del Re,e'l B. la Don. alla 2. del
Re.e'l N.prenda il Ped.del Cav. col ſuo Cav. e'l B.il Ped. del Re con la
Donna ei N.ſi copri cd la Don.e'l B. ſpinga il Pedone di Donna quan
tova.ei N.non giuochi il Cav.alla 2. dell'Alf. come ſi diſſe,ma ſpinga
il Ped.della Don. una caſa,ſe'l B. prende il Cav. con l'Alf perde poi in
breve tutti li ped. raddopp.ma ſe'l B. non farà queſto, ne cambiarà la
Donna,ma fuggirà,il N.con giucare il Cavallo alla quinta di Re,viene
anco a ricuperare il Pedone perduto. -

Avvertimento al N.ſe a tempo,ch'el B.giucò la Don.alla ſeconda del


Re,non aveſſe eſſo N. fatta la giucata come di ſopra di prendere col
Cav.il pedone, ma aveſſe ſpinto il ped della Don.quantova, il B.ſpin
gendo il ped. di Don una caſa, il N. farebbe male. Av-
--

-
Del Dottor Aleſſandro Salvio. , 59
Avverta il B.che ſe a tempo giucò la ſua Donna alla 2. del Reaveſ
ſe ſpinto il ped. del Rocco quanto va, verrebbe a farſi il gambitto del
cap.21.del primo libro. - -

- l - - C A P. I X. - -

e , , i

- Del medeſimo. -

Gi il N.quanto va il Ped.del Re, e'l B.farà l'iſteſſo. e'1 N. il


Ped.dell'Alf.quanto va,e'l B.lo prende,e'l N.giucarà il ped. del
Rocco quanto va,e'l B.l'Alf.di Re alla ſeconda del ſuo Re.e'l N.
il Cavall.alla 3.dell'Alf.e'l B.il Cav.alla 3.dell'Alfie'l N.il Ped.di Don.
una caſa,e'l B.il Cav.alla 4.del Rocco.e'l N.il Cav.alla 3.d'Alf di Don.
e'l B.ſalti col Rocco alla caſa del Re , e col Re alla caſa del Cav.e'l N.
ſpinga il pedone di Cavallo di Re quanto va, dove ſe'l B.fugge il Cav.
alla 3. del ſuo Alf il N. anco reſpinga l'iſteſſo Ped. ma alla Spagnola
queſto giuoco non ſi può fare. - -

C A P. X.

Del medeſimo.

G Iucarà il N. ed il B. li ſopradetti Ped. come di ſopra. e'l N.dipoi


quello dell'Alf.quato va,e'l B.prende.e'l N.il ped. del Rocco di
- Re quanto va,e'l B. ſpinga il ped. della Donna due caſe - e'l N.
prenda ch'è il migliore,e'l B.prendendo con la Donna, il N. dia Scacco
con la Don.alla ſeconda del Re,e'l B.coprendoſi con l'Alfai Donna al
la 3.e 'l N.giuochi il Cav.di Donna alla 3 dell'Alf.e'l B.ritiri la Don.
alla 4 dell'Alf di Re,e'l N. ſpinga il pedone di Donna due caſe,e'l B. il
pedone dell'Alf.di Donna una caſa,e'l N.il Cavallo di Re alla terza del
Rocco,e'l B. l'Alfalla terza di Donna,e'l N. la Don, alla ſeconda dell'
Alf.e'l B.il Cav.alla terza dell'Alf.di Re, e 'l N.prendi il ped. raddop
piato con l'Alfiero, e'l B. giucando il Cav. alla ſua 5. il N. giuochi la
Donn.alla 2.di ſe ſteſſa, perchè altrimente perderebbe l'Alf.
Avvertimento I. Se a tempo che 'l N. ſpinſe il ped.del Rocco quanto
va,il B.giucaſſe l'Alf. di Re alla ſeconda,e'l N.il Cav. alla terza di Alf.
e'l Bianco ſpingeſſe il pedone di Donna due caſe,il N. non ſpinga,per
chè verrà come di ſopra, ma prenda il pedone,e'l B. prendendo con la
Donna,il N.giuochi il Cav. alla terza d'Alf. di Donna, e'l B.giuochi la
Donna alla quarta dell'Alf.di Re,el N. l'Alf. di Re alla terza di Don
H 2 Ila
6o Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi.
na,e'i B.la'Don. alla quinta del Cav.di Re, e'l Nila Donna alla ſecon
da del Re,e ſe'l Bianco ſalta, il Nero facci l'iſteſſo, ma non ſaltandoſi, il
giuoco è di gran primori:perchè primo deve giucare il Pedone di Don
na, quanto va, e poi l'Alfiero alla terza.
Secondo avvertimento.Se a tempo che'l N.giucò il pedone del Rocco
quantova,il B.non aveſſe fatta niuna giucata,come di ſopra, ma ſpinto
il ped.del Cav.di Re due caſe, per rompere il N.non prenda, ma giuo
chi la Do. alla 5 del Rocco di Re,che ricuperarà il ped in brevi tratti.
- r - , - -
.. -

- -
º
i - - C A P. X I. - ,
t o - - - - º -

Del medeſimo. - º i 'i

S uole anco accadere il giuoco predetto in queſt'altro modo, quale


pare anco ſtravagante: giucarà il Nero il pedone del Re quanto
va,e'l B.l'iſteſſo,e'l N.il pedone dell'Alfiero quanto va,e'l B.pren
de,e'! N.il Cav.alla 3.dell'Alf.e'l B.il Pedone del Cav.quato va,e'i N.il
Ped.del Rocco quanto va,e'l B. reſpinge il Ped.e'l N. il Cav. alla 5. del
ſuo Re,e'l B.l'Alfalla 2. del Re,e'l N.prende cóla Don.il Ped. del Cav.
e'l B.ſpinge il Ped.di Don. 1. caſa,e'l N. va con la Don. alla 7. caſa dei
Roc.del ſuo Re, e'l B. prende il Cav.con il Ped.e'l N.prende có la Don.
e'l B.giuochi il Cav.di Don.alla 3.dell'Alfie'l N.prenda il Rocco con la
Donna,e'l B.con l'Alf.di Re prenda il Ped.del Rocco nero,e dia Scacco,
e'l N.per ſuo migliore il Re alla caſa di Don.e'l B.dia Scacco alla 5. di
Cav.con l'Alfe'l N.ſi copri col ſuo Alf el B.prenda,e'l N.prenda, e'l B.
giuochi la Don.alla 4.del Cav.di Re,e'l N. prenda l'Alf del B. col Roc
co,e'l B.non prenda il Rocco, ma il Ped.del Cavallo,e dia Scacco, dove
ſi vedono poi gran primori , ſe'l Nero non aveſſe voluto prendere col
Rocco l'Alfiero, ma giucato aveſſe il Re alla caſa dell'Alf.ſuo,il B.ſpin
ga il Ped.raddopp.dove ſe'l N.prende che ſarà migliore, il B.giuochi la
Don.alla 6.del Cav. - - - - - .

-
-.

C . A P. , X II.

- Del medeſimo.
D Irò un'altro modo di Gambitto, il quale mai fu penſato, e per
quanto mi venne riferito dal Signor Muzio d'Aleſſandro gen
tiluomo di molto garbo,e del giuoco molto intendente,ſuccedè
col Signor Don Geronimo Caſcio così gran giucatore con un'altro
giucatore caſualmente. Giu
-

º Del Dottor Aleſsandro Salvà A . ºr

Giucarà il B: il ped.del Re quantova,el Nipiſtelfo,el B il Ped dell'


Alf.quantova,el N.prende,ef B il Cavalla 3 dell'Alfe' N.il Psd del
Cav. quanto va,e' B l'Alfdi Re alla 4 dell'altro,e'l N. reſpinge il Ped.
del Cav.el B.laſci il Cav.e ſalti col Re alla caſa del Rocco, e col Rocco
alla caſa dell'Alfel N prendendo il Cav.il B prenda con la Donn do
ve il N.per ſuo migliore giuochi la Donna alle 2 del Re,e'iB.prenda il
Ped. raddopp. con la Donna, dove il N. per ſuo migliore è neceſsitato
giucare il Cav.alla 3.del Rocco del Re,ei B.potrà prendere il Ped. dell'
e Alf.di Don.del N.con la Don.e'l N.il Cav.di Don.alla 3 di ſuo Alf el
B.l'iſteſſo,e'l N.la Don.alla 3.di ſe ſteſſa,eºl B. il Cav.alla s.di Don.Vi
ſono altre offeſe, e difeſe, ma perchè ſarebbe un perder tempo, perchè
ſono molte,nulladimeno per quanto ſi può difenſare il N.dico che l'E
ſempre ſarà vincitore.
- . . .. - a o . . .
- - -
, C A P. e f, vo: f, scº i - as
-
- -

Giuoco piano del Ped. di Re al ſolito, quale ſi oſſervava


dal Signore Don Salvatore Albino, detto il Benevena
- -- - - - - - i, i b. 3 , º
i tono per talenza: :, i : E º

-
S tlole venire anco il preſente sbaratto. Giuearà il N. il Pedone del .
Re quanto va,el B l'iſteſſo,el N.il Cav.alla terza d'Alf di Re, el
B. il Cav. di Don. alla 3. d'Alf.e'I N. l'Alfalla 4 dell'altro,e'i B.l'
iſteſſo,e'l N.ſaltarà alle caſe del Rocco,e cóle Rocco alla caſa dell'Alfie'l
B il Cav.alla 3 del ſuo Alf.e'l N.il Cav. del Re alla 5.di eſſo Cav. el B.
ſaltarà col Re alla caſa del Cav.e col Rocco alla caſa dell'Alfael N.ſpin
ga il Ped.del ſuo Alf. quanto va, e'l B.il ped. del Rocco una caſa,il N.
prenda il Ped.dell'Alf col Cav.e'l B.prenderà col Rocco,e'l N.con l'Alf
e'l B. col Re,e'l N.prenda il Ped. del Re contrario con il Ped. dell'Alf.
viene a ricuperare il pezzo,e ſi ritrova con Ped.e qualità d'avanzo,con
dar Scacco con la Don alla s. del Rocco.
l si -- -

C A P. I I,
- A è . . .. . . .
Del giuoco piano. . cs

S llole ſuccedere il ſeguente sbaratto, il quale molte volte è ſucceſſo


tra me, e'l Signor Gio: Domenico de Leonardis giucatore così -
cellenge. Il Nero giucò il Ped. del Re quanto va, e'l B.l'iſteſſo il
N.il Ped. (i Don una caſa,e'l B l'Alfalla a dell'altro,il Niaº" 2 e
so Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi
di Re,il Biil Cav.di Re alla 3.d'Alf.e'l N.il Fed. dell'Alf quanto va,e'1
B.lo prenda,e'l N.lo prenda con l'Alf. di Don. e'l B. il Fed. dell'Alf. di
Don una caſa,e'l N.il Cav. del Re alla 3 dell'Alfie'l B.vada ca la Don.
alla 3. del ſuo Cav. il N. ſarà forzato guardare il Ped. del Cav. con la
“Don. o con l'Alf il B. giuochi il Cav. di Re alla ſua 5.perlochè ſi vede
quanto primore abbia il B.S'avverta,che ſe a queſto principio di giuo
co eſſo B.non faceſſe detta difeſa, il Navendo tempo di giudare il Ped.
dell'Alf una caſa, ſi vede la bellezza del giuoco, e maggiormente, ſe ſi
giucaſſe a ſaltare, ancorchè s'abbia avuto Scacco, come ſi giuoca per “ a
tutto, non eſſendo moſſo il Re. º
- : - i º - e º - i;
º o C A P. I I I. . . .
i

Del giuoco piano , il quale è molte volte intervenuto tra


il Sig. Don A icodemo , e 'l Sign. Don Antonio Man
cino, - i
e A

Ar-N Iucarà il N.il Ped.del Re quanto va,e'l B.l'iſteſſo,e'l N.l'Alfal


G lail C.4 dell'altro,el B il medeſ el Nil Cadi Re alla 3 d'Alfe'l B
di Do. alla 3.dell'Alfie'l N.ſaltarà alla caſa del Cav. e col
Rocco alla caſa del Re,e'l B.il Cav alla 3 dell'Alfie'l N.il Ped.del. Alf.
di Don. una caſa, e'l B.il Cav. alla 5. d'eſſo Cav.di Re, e'i N.ſpinge il
Ped.di Don. quanto va,e'l B.lo prende con il Ped. e'l N.prenda il Ped.
dell'Alf.del Re,e dia Scacco,e'l B.préda, e'l Nero dia Scacco col Caval
lo alla ſua quinta,e'l Bianco alla caſa del Cav. e'l N.con la Don. pren
da il Cav.del B. e'l B.ſpinga il Ped.di Don una caſa,e'l N.con la Don.
alla s.del Rocco,e'l B.la Don alla 2.de Re, e ſe va il N.alla 3.dell'Alf.
di Re non volendo andare alla 5. di Rocco, il B, facci l'iſteſſo, dove poi
con ſpingere il ped. del Rocco una caſa, il giuoco è uguale di compoſi
zione,
.

C A P. I V.

Giuoco diverſo del Ped. di Re quanto va , e'l contrario


co l Ped. dell' Alf di Don. quanto va.
a Iucarà il B.il Ped. del Re quanto va, e'l N.quello dell'Alf di
G· Don.alla 3.dell'Alfel B il Ped.dell'Alfai Don una caſa, e'l N.
i
Do. quanto va,e'l B.l'Alf.di Re alla 4 dell'altro,e'l N.il Cav.di

il Ped.del Re una caſa,e'l Bil Cav di Re alla 3 dell'Alfeº giucandoſi


º alla
Del Dottor Aleſſandro Salvio. 63
alla Napolitana l'Alf di Re alla 2 di Re, e poi ſpinga il Ped.della Doni
quanto va ſe in altro modo ſi giuoca, a tempo che giucò l'Alf alla 2.
ſpinga il ped di Don due caſe. I si. -

C A P. V. , - º si
- - a - º

Delli Pedoni dell' Alf di Donna quanto vanno , che


) ,
- --
-
-
ſuole farſi. -
-

-
º

N Iucarà il N.il Ped.dell'Alf.quanto va della Donna,e'l B.l'iſteſſo,


G e'l N.il Ped.del Re quanto va,e'l B.l'iſteſſo,el N.il Cav. di Do.
alla 3.d'Alfe'l B.l'iſteſſo,e'I N.il Ped.di Don.una caſa, e'l B. l'i
ſteſſo,e'l N. il Ped. dell'Alf. di Re quanto va, e'l B. l'iſteſſo: e ſi viene a
fare il contra gambitto di Re, che in altro modo non può farſi,che ſia
buono,quando ſia bene il pigliare, overo ſpingere avanti il Ped. dell'
Alf.di Re un'altra caſa,ſe il contrario non aveſſe ſpinto il ſuo due ca
ſc.Vedaſi nel mio libro,dove ſi dice del vantaggio delli due tratti - 1 -
- - - - - - - - i sig. -
- - - -
- -
i

C i P. v 1. ti i t

Del Pedone dell'Alfiero di Re.


G Iucarà il N. il Ped. dell'Alfdi Re quanto vale 1 B.l'Iſteſſo ei N.
quello di Do.quanto va,e'I B.l'iſteſſo,e'l N.il Ca. di Re alla 3.d'
VA- Alfei B.l'iſteſo,e FN.il ped.del Re una caſa, el B.il medeſimo,
ei N.il ped.dell'Alf di Do.quitova,e'l B.l'iſteſo in queſto modo viene
- a farſi il côtra gambitto di Do. Queſto modo vedaſi nel predetto libro,
ed avvertaſi, che da queſti principi ne naſcono altri sbaratti, volen
do l'uno variar dall'altro, come nel libroº, mio
-- - 1 - i
ſi vede, non giucandoſi
, -, - - - - - - . . . . .
alla Napolitana. . . »
- C A. P. V I I. t

- - - - - . . s . . . . . º
- - Del medeſimo. - i , i
- -- - - - - - - f
S I ſuole a têpo,che ſi giuocano li due ped.(come di ſopra dell'
- - - --

Alf.
di Don. il N. ſpinga il ped del Cav. di Don. e I B. prendendo ſi
viene a fare il contra gambitto, come nel gambitto, quello a di
fendere il ped. il contrario a levarcelo per forza, giuoco aſſai bellº e
così ancora ſi può fare dalla parte del Re, giucandoſi li due Ped- ie
6, Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi
Alf. di Re, dove s'avverte, che colui che prenderà, non aggiiti li ped.
raddopp.con il ped.del Rocco ſubbito, ma con altri pezzi,come ſi vede:
chi sà facciavi ſtudio, che è giuoco curioſo, benchè rariſſime volte ac
cade,perchè tutti i giucatori vanno con la regola de giuochi ordinari,
avvertendo,che queſti giuochi non ſi poſſono fare ſe non del pari.
Il Signor Tiberio Cavaliero, Sig. nobiliſſimo Romano,e'l Sig.Gero
nimo Carducci ſuo nipote della nobiliſſima famiglia de' Carducci
della Città di Fiorenza,e'l Signor Bartolomeo Santa Croce nobiliſſimo
de Santa Croce de'Signori Romani, a tempo mi ritrovai in Roma per
alcuni miei affari, mi fecero avere li due infraſcritti partiti del Signor
Don Pietro Petronio da Foligni giudatore dell'iſteſſi, claſſe di detti Si
gnori, perſona di molte belle lettere, in particolare eccellentiſſimo Ma
tematico, e perchè ſono belli, e ſottili l'ho voluti ponere sì per non a
buſare li favori fatti mi da detti Signori, i quali per loro grazia ſempre
m'onoravano più di quello che meritava, regalandomi allo ſpeſſo una
con un mio amico gentiluomo di molto garbo della Città di Catan
zaro il Signor Agoſtino Mariſgallo dell'iſteſſa claſſe di detti Signori
nel giuoco, sì anco per non defraudare l'amico, che con tanta amore
volezza me li diede i ga -
, s C A P. I
e Giuoco di tratti del Signor D. Pietro Petronio. I i
i - -

I dare il matto ha tutti il ped. neri contro , e ſi obliga paſſar per


m Laaaa scacco matto di pped in 3 tratti al N. ei ped,
-
ped, che ha
cne n
-

s mezzo di eſſi, ſenza pigliarne alcuno. i -, - .I

- Re B, nella prima dell'Alf del Re N. Don. B.nella terza del ſuo Aif.
Rocco B.nella terza ſua,altro Rocco B nella quarta ſua,Cavallo B ne là
prima di Re, e nella prima di Don B.Alf.B.nella ſeconda,e nella terza
del Rocco del Re B. -

Re Nero nella prima del Rocco della ſua Do. otto Pedoni neri nel
la 2.3.4. e 5. del Rocco di Don. nera, e nella 2.3.4. e 5.dell'Alf.della
Don.nera. - º , ,, , ,
Ped.B.che ha da dare il matto nella 2.del Cav. della Don.B.
Il B.ſalta col Cav. che ſta nella prima del Re, e lo mette nella 3 di
Don con la Don nella 4 d'Alf. 3. col Rocco del Re nella 4. di Don. ſua
4.con l'Alf che và per le bianche nella 2.di Cav. 5. col nero nella 3 di
Don. nera. 6. col Re nella 2. d'Alf. 7. con la Donna nella 4. d'Alf. di
Don. nera. 3.con l'Alf nella 4. di Don nera 9 col Resº nella ſeconda
e i
i
- - -- - - -- - - - - - - , l .. ſua
Del Dottor Aleſſandro Salvio, 6;
ſua. 1o. col Ped. una caſa. I 1. il medeſimo un'altra caſa. 12.il medeſi
mo un'altra caſa. 13. Don. Scacco nella prima d'Alf nero. 14.Scacco
matto di Ped. -

C A P. II.

Partito di ſottilità , giucandoſi alla Ganapierda , dell' Autore.


S Tarà il Nero col Re alla 2.del ſuo cavallo,ed il pedone ſuo di Re
alla ſua propia caſa, e'l B. averà la ſua donna alla 6. caſa del ſuo
Re,un Rocco alla caſa di donna,ed un'altro alla caſa di eſſo Roc
co di Re, un cavallo alla ſua propia caſa dalla parte della donna, e l'
Alf.nero alia ſua caſa, ed il ped. del Rocco di Re,e quello del cavallo,
e dell'Alf e di Re alle loro caſe, dice il B. che forzerà il N.a farſi dare
il matto da eſſo nero alla prima moſſa, che farà il nero del ſuo pedo
ne, altrimente eſſo perderà , e farà in queſto modo avanzare avanti
tutti li pedoni alle lor 5. dopo ſcenda col Re alla 4. del ſuo Cav. il
Rocco del Re alla 4.ſua, l'Alf alla 4 dell'altro, indi avanzi il pedone
del Cav.un'altra caſa,ed entri col Realla s.del detto Cav.e ſe tra queſto
il nero ſi trovarà col Re al filo de pezzi, il B. dia Scacco con la don.e
quello calando a baſſo il B.giuochi la donna alla 2. di donna del nero,
dipoi ſpinga il pedone del Re alla 6 ſua,indi giuochi il Rocco, che ſta
alla caſa di donna, alla caſa del Cavallo, e dopo alla 4. di eſſo Cavallo
di Re,e di poi giuochi il Cavallo alla terza d'Alfiero,ed indi alla quar
ta di Re, dove poi dia Scacco al N. con la donna alla caſa dell'Alfiero,
dove il N.calando per forza alla 2.del Cavallo, il B. giucando il Cav.
alla 6. dell'Alfiero di ſuo Re, il N. è forzato prendere col pedone , e
dà matto al B.jaxta promiſa.Senz'il Cavallo non ſi può far detto par
tito, ancorchè ci fuſſero altri pezzi, ſolamente con un modo ſtravagan
te: chi ſa, lo ſtudi. Queſti giuochi, che ſi pongono appreſſo, ſono ſucce
duti, e ſogliono ſpeſſo ſuccedere.
C A P. I I I.

Col Sig. Diafebo Venturi Gentiluomo seneſe di belle let


i tre.

I LneN.delcolCav,Re alla
alla 2.del ſuo Rocco, il pedone alla 3 di Rocco, il pedo
ſua,e quello dell'Alfiero alla 4. il Cav.alla ſua,e
la donna alla quarta di Rocco, il pedone del Rocco di donna,e del
Cav, alle loro quinte. I E per
a6 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi
E per contrario il B. col Re alla caſa del ſuo Rocco, il pedone del
Rocco alla ſua terza, quello del Cavallo alla ſua propia, e quello del
Rocco di donna alla ſua caſa, la donna alla ſeconda del Re, il Rocco
alla 5. dell'Alfiero di donna: parve al bianco di aver vinto il giuoco
con prendere il Cavallo del N. con la donna, perchè il N. prendendo
con il pedone per migliore la donna del B. il detto B.prendeva la don
ma col ſuo Rocco, e reſtava con un Rocco franco, ma non ſi avvidde,
che ſpingendo il Nero il pedone del Cavallo quanto va,inchiudeva di
modo il Rocco, che per forza veniva poi a far donna, o quello del ca
vallo, o del Rocco di donna, che ſtavano alla lor quinta caſa.
c A P I v.

Succedè anco il preſente partito col Signor D. Antonio


Mancino , e 'l Dottor Antonio Pirrone.

Tava il N.alla caſa del Rocco di donna, il pedone di detto Rocco


S Donna,ed il pedone del ſuo Re alla ſeſta ſua, e la Don.alla 3.del
alla terza, quello del cavallo non moſſo, il Rocco alla caſa di ſua
Cav.di Donna.
E per contrario il B. il pedone di ſua Donna alla penultima caſa
ſua, la donna alla caſa del Re nero, il Rocco alla caſa del Rocco del Re
nero,il Re alla 5. del ſuo Alf. queſto giuoco pare vinto per lo bianco,
perchè il nero, volendo dar Scacco con la donna, non può vietare al B.
che non entri di Re alla ſeconda del Re nero , e non può farci altro:
un ſolo rimedio ſarà d' impattare, dar Scacco con la donna alla terza
dell'Alfiero di ſua donna, quando il Bianco ſarà col Re alla ſeſta ſua,
dove quello entrando col Re alla ſeconda del Re nero, il nero prenda
il pedone del B.con la donna,e'l B. ſarà forzato prendere con la donna,
e'l N.prenda il Rocco del Bianco, in queſto modo ſarà patto forzato,re
ſtandoli il Rocco, e tre pedoni , e non ſi curi perdere quello del Re,
ma s'aggiuſti di ponere il Rocco alla 3.dell'Alf.di donna, che per for
za lo potrà fare.
C A P. V.

G Iuoco ſuccedutomi col Signor Girolamo Ceriaci, Dottor Fiſico,


e Ceruſico eccellente della Città di Andria. Teneva detto Si
gnore Girolamo li neri, ed io li bianchi, ed avea il pedone del
Rocco di donna, e dell'Alf di donna alla penultima caſa, quello del
CR
a Del Dottor Aleſſandro Salvio. 6r
cavallo di Donalla 6.ed un'altro pedone raddoppiato alla quinta del
l'Alfiero di donna,il Re alla quarta dell'Alfiero di donna: ed eſſo avea
il Re alla ſeconda del cavallo di donna, il Rocco alla caſa ſua propia,
dalla parte del Re toccò al B. e giucò il Re alla quarta del cavallo
di ſua donna: quì ſi avverta, ſe il N. giuoca il Re alla caſa dell'Alf.
overo il Rocco, il giuoco ſi perde , perchè entrando il B. col Re alla
quarta del Rocco, vince forzatamente; ma ſe il N. giucarà il Re alla
terza del Rocco, il B.non potrà vincere mai la ragione è, perchè dalla
parte ſcoverta il Re bianco non può far forza , perchè il N. lo caccia
col Rocco , ma quando ſi trovaſſe dalla parte coverta , il N. non può
adoprare il Rocco.
c A P. VI.
S re Orazio Conte, il quale ancorchè giucava con un pezzo meno
tlcceduto con il Signor Gio:Domenico di Leonardis,ed il Dotto

del Leonardis così gran giucatore, lo guadagnò, benchè quello


non potea perderlo. -

Avea il Bianco il pedone del Rocco di donna alla ſettima caſa,


quello del cavallo alla ſeſta , e quello dell'Alfiero alla quinta, e'l Re
alla quinta del Cavallo di donna 3 e 'l Nero il Re alla ſeconda del ca
vallo,il Rocco alla caſa dell'Alfiero di donna.Toccò a giucare al Bian
co,e diede Scacco col pedone, e'l nero all'impreſſa preſe , il B.facendo
donna,il N.preſe,il B.preſe il Rocco, per lo che s'ingannò il Leonardis,
credendo ſuccedere il giuoco del partito del ſolo pedone ; ma ſe a
tempo il B.diede Scacco, non aveſſe preſo il pedone, ma aveſſe giucato
il Re alla caſa del Rocco, ancorchè para falſo, non è così perchè ſe il B.
dà Scacco al Rocco, il nero giucando il Re alla ſeconda del Rocco, il
B.ſe prende il Rocco, il giuoco è ſtallo; e ſe il Bianco non daſſe detto
Scacco, ma giucaſſe altro, il N. prendendo il pedone dell'Alfiero col
Rocco, è ancora ſtallo. - - -

C A P. V II ,

Iuoco ſucceduto tra il Reverendo D. Mario de Grazia,e l'Illu


G ſtriſſimo Signor Marcheſe di Monteforte. Aveva il B. il pedone
del Cavallo alla ſeſta caſa il Re alla quinta dell'Alfiero, il Roc
co alla ſeconda del cavallo della donna. Al contrario, il nero avea il
Re alla caſa del ſuo Rocco , e l'Alfiero del Re alla caſa del Rocco di
donna del B. queſto giuoco è patto, ſe il Bianco non perde il pedone,
- I s CO
-
68 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi
tome ſi dirà:non muova mai il N.l'Alfiero da detta filera, e ſe il B. an
daſſe col Re alla ſeſta del Rocco,il N.dia Scacco con l'Alfiero alla 2.del
cavallo, e lo facci fuggire, perchè , ſe prende,è ſtallo. -

Ma ſtando il giuoco, come s'è detto, il B. ſpinga il pedone alla ſetti


ma,dove ſe il nero prende, è perduto il giuoco, perchè col Re entrando
alla ſeſta del cavallo li dà matto per forza, e ſe non prende, ma giu
carà il Re alla ſeconda del Rocco, il B. giuochi il ſuo Rocco alla caſa
del cavallo ſopra l'Alfiero, e ſe l'Alfiero ſi trovaſſe in altra parte,fac
ci l'iſteſſo, dove ſe il N.prende il pedone, il B.dando Scacco alla filera
del Rocco del ſuo Re,ſe il N.ſi copre,il B.giucando il Re alla ſeſta dell'
Alfiero,guadagna; ſe fugge il B.giucando il Re alla ſeſta del Cavallo,è
l'iſteſſo, come di ſopra; ma ſe il N.non prende il B. giuoca il Rocco alla
filera del cavallo del Re, dove ſe il N. prende, viene come di ſopra, ſe
giucarà il Re alla caſa del cavallo,il Bianco giuochi il Re alla ſeſta del
cavallo, e viene il medeſimo. - -.

C A P. VIII. -

Tra il Signor Gio: Alfonſo Daniele , ed il Signor Miche


lino Scavelli. - -

Artito, che molte volte ſuccede, ed è ſtravagante. Averà il B. il


pedone del Rocco alla 5.ed il pedone del Cav. alla 6. e'l nero il
pedone del Rocco alla 3.e'l Re alla 2.del Cav.queſto non ſi può
vincere.
Item ſe il N. aveſſe non ſolo il pedone del Rocco alla 3. ma quello
del cav.alla 2.il B.aveſſe uno Alfio B. o N. non può vincere, eſſendo il
Re del N. alla caſa del Rocco.
Item ſe detto B. non aveſſe alcuno Alf ma fuſſe cavallo, non lo può
vincere ſolo che in queſto modo: è biſogno ſtare col Re alla 2. del Re
nero, o alla 3. e dopo aiutarſi col cavallo , quando il nero ſarà alla
caſa del Rocco,il B.giucarà il cav.alla 3.dell'Alf.del Re N.e dove quel
lo ſarà forzato prendere, il B. non prenda, ma giuochi il Re alla 2.dell'
Alf. e così il N. averà che giucare, e 'l Bianco in due tratti , e li dà
Inatto,

CAP,
Del Dottor Aleſſandro Salvio. 69.

C A P. I X.

Del Signor Scipione Genovino mio maeſtro.


ueſto partito ſuccede anche allo ſpeſſo . Averà il B. il ped.
del cav.di do.alla penultima caſa per farſi don.e'l Re alla caſa
di detto cav, di don. del N. e 'l Rocco alla caſa dell'Alf.
- di ſua donna : e per contrario il N. il Rocco alla 2. del
Rocco di don di B.el Re alla caſa di don.ſua: in queſto giuoco avver
ta il N. non perdere mai la filera del detto Rocco, perchè perderebbe
ſubito il giuoco;il B.non potrà guadagnarlo ſolo che in un modo: pri
mo calare il Rocco alla 4 d'Alf.e'l N.giuoca che vuole, il B. dia Scac
co col Rocco; e'l N. biſogna andare all'altra filera, il B.giuochi il Re
alla 2.dell'Alf.il N.dia Scacco,il B.il Re alla 3.del cavallo, indi alla 3.
di Rocco,el N.darà Scacco il B.il Re alla 4. di cav.dove dando Scacco
il N.il B.coprendoſi col Rocco vince per forza.
C A P. X.

diſſe nel libro primo mio , che ſtando il pedone del Rocco all'
S Iultima caſa per farſi don. e col Re gionto, ſe il contrario aveſſe
la donna ſarebbe ſtallo forzatamente, ma ſe aveſſe il Re o alla 4.
del ſuo Rocco, o del cav.o dell'Alf o del Re, lo vincerebbe con acco
ſtarſi col Re, e laſciare far don, che con accoſtarſi di nuovo alla 3. del
cav.è matto per forza, così ancora ſi dice nel pedone dell'Alf.del Re,o
di don.che s'impatta come in detto libro, non però ſe detto Re ſarà in
una di dette 4 caſe può fare l'iſteſſo, e vincerà il giuoco.
C A P. XI.

G dopo il primo tratto,ed è ſucceduto a me, quale viddi ſenza che


Iuoco di 12. tratti di dar matto ſenza intermedio di dar Scacco

incominciaſſe a giucare, e fu col Dottor Pompeo Morra Genti


luomo di molto garbo, e di belle lettere.
Stava io avendo i Neri col Re alla caſa del Roc. di don. e coll'Alf;
di don. alla 2. di don. e coll'Alf di Re alla 2. di detto Roc, il ped.del
cav.e dell'Alf.di dona loro caſe propie,e'l Roc. di don.alla caſa di don.
il pedone del Rocco del Re ſi raddoppiò alla quinta del cavallo del
Re,il pedone del detto cavallo alla ſua caſa Propia, il pedone dell'Alf.
del
76 Diſcorſo ſopra il giuoco degli Scacchi
del Re alla ſua 5.e quello del ſuo Re alla 4. e 'l cav.del Re alla 3.dell'
Alf.e'l Rocco di Re alla ſua propia caſa.
E per contrario il B. il Re alla caſa del Rocco di Re, il pedone di
detto Roc, alla ſua caſa, l'Alf di Re alla 2. del cav. il ped.del Re alla
4. il cav. di don, alla ſua 5.il ped. dell'Alf di don. alla 3. del cav.e del
Rocco a loro caſe, quella di donna non vi è, il cav. di donna alla 2. di
don. l'Alf.di don alla ſua caſa, e la don.alla 4. di Rocco di don. il Roc
co di Donna alla caſa di Donna, e qnello del Re alla ſua caſa. Toccò a
me giucare, per lo che preſi il cav. coll'Alf e 'l bianco preſe con la
don. e'l N. il pedone del Rocco, dando Scacco, e'l bianco preſe col Re:
dove ſi avverta non darſi Scacco col Rocco ſubito , perchè quello co
prendoſi con l'Alf evita il matto, e 'I nero non guadagnerà, ma dia
Scacco con il pedone raddoppiato, e'l B. per forza anderà alla caſa del
Rocco , e'l N. dando Scacco col Rocco, il B. ſi coprirà con l'Alfie'l N.
prenda,e dia Scacco,el B.alla 2 del cav.e'l N.alla 7.del Rocco,e'l bian
co alla 3. del Alf non può andare, che ſarebbe matto al primo tratto,
anderà alla caſa dell'Alfiero,e'l N.Scacco alla 2.dell'Alfe'l B.alla caſa
del cav.e'l N.prendendo il cav.darà Scacco di ſcoverta, ſe il bianco va
alla caſa dell'Alf è matto di pedone; e ſe va alla caſa del Rocco,è mat
to col Rocco,
C A P. X I I.

N'Alf contro un Rocco e pedone farſi patto, il quale ſuccedè


con il Signore Don Gio: Lupo da Galatone perſona in ogni
rofeſſione eccellente. Starà il N. col Re alla 2. di ſua don. e
con l'Alf.alla 8, del cav.di eſſo Re,e'l B.il Re alla 4.dell'Alf.di don.ed
il pedone di don.alla ſua 5.e col Rocco di Re alla 6. ſua, queſto giuoco
è patto, con tenere queſta regola, non fare accoſtare il Re alla 5.dell'Aif.
o alla 5.del Re,che può farlo, quando il B.proſeguiſſe l'Alf. del Rocco,
e ſe per ſorte ſtando il giuoco, come ſi è intavolato, il B. giucaſſe il
Rocco alla 6. del cav. il N. giuoca l'Alf. alla 2. del Alf del B. e ſe il B.
ſpinge il pedone una caſa,il N.giuoca il Re alla 3. dell'Alf. di dondo
ve il pedone è ſuo per forza, ma ſe il B.nâ ſi trovaſſe col Re alla 4 dell'
Alf.di don. ma del ſuo Alf il N. ſtia avvertito coll'Alf. farlo ſtare alla
caſa del Re B. acciò lo cacci dalla 4. del Re ſuo, dove ſe il B. ſpinge il
pedone,come di ſop.il N. giuochi il Re alla 3. dell'Alfaidon. e ſe il B.
giuoca il Re alla 4.del Re N.il N. vada coll' Alf alla 5. di cav.el B.ſa
rà forzato o ritornare, e verrà l'iſteſſo, o gire alla 2. del Re nero,e'l N.
giuochi l'Alfalla 6. del Rocco, dove il ped. è perduto, movendoſi il B.
º col Re, o col Rocco dalla ſua guardia,
Giuo
Del Dottor Aleſſandro Salvio. 7s

C A P. ll L T I M O,

Giuoco di ſottilità poſto dal Dottor Fiſico Leone d'orrenti


no da Pozzuolo , al Signor Carlo Cioffo gentiluomo
della medeſima Città.

I LB.col Re alla caſa del Rocco, e 'l ped.di ſua don. alla ſua penul
tima caſa:e per contrario il N.un Rocco alla caſa dell'Alf.di Re e'l
Re alla 2.del Rocco con li ped. del Rocco,e di cav. alle 6. loro caſe,
e la don. alla 4. di cav. di don.
Dice il N. dar matto al B. con un ped. Scacco e matto con l'altri
ſubito,e non può prendere il pedone primo con la donna alla 3. d'Alf.
Scacco poi alle 3 del cavallo, poi con la don.alla ſua caſa, il Rocco al
la 2.di Alf di Re contrario, dopo il Re alla 3.di Rocco,la don.alla 5.di
Rocco di Re,ſe'l B.fa donna, il N.Scacco con l'uno,e matto con l'altro;
e ſe non fa donna, ma giuoca il Re alla caſa del Rocco, il N. la donna
alla 4.dell'Alf.del Re B.e viene matto con l'uno,e poi con l'altro.Que
ſti pochi tratti, ma belli,ho voluto porre, che per ſottilità credo ſiano
molto vaghi:quelli,che ſogliono ſuccedere, non ſono neanco men bel
li:n'avrei molti,e quaſi infiniti di molti valent'uomini del traino del
Signor Don Carlo Morino, e del S. Fabio Paſtore, e del Mauro, e del S.
Lionardo,e del S.Arminio,li quali un dì tutti ſaranno poſti in luce da
un valentuomo con ponerci e quelli, e queſti, che ſono nel mio libro,
e di quanti valentuomini hanno ſcritto ſopra detto giuoco.Baſtaranno
dunque alle Signorie loro queſti pochi, con li quali dò fine al preſente
librº del Puttino, ponendo in luce il primo mio trattato più ſuccinto,
e più purgato. a
/ nevealin earnie Aiea)e ſºsé dºzº 224
Avere alla do il force nº a sa2eſ 2m: Aea. e-4.2msa
Jare nel 39eº hº neo 2-44e . aarſ ºratº ha es
era-euve si iº. i: i; ii; º tºnº iºnam.

;
SB A3
72'

SBARATTO
D E L GI UI O GO ID EGL I SC A CC H I.
-

L I B R O Q ll A R T O.

Legge, ed oſſervanza del giuoco in diverſe par


ti , con la riſoluzione di alcuni dubbi ,
che ſogliono accadere quaſi ſempre
negli Scacchi,

e segs
i Erchè nel giuoco degli Scacchi ſogliono avvenire
e alcune occaſioni, per le quali i giudatori ſi poſſo
| no porre a molti ſcrupoli di coſcienza; per levare
ſimili effetti, ſi notano l'infraſcritte coſe, facendo
prima una concluſione vera, e ſi è, che la conſue
tudine degiucatori antichi, ed oſſerviza di quelli
º è legge fra loro, del che ſe ne deve ſtare allo che di
- º detto giuoco hanno ſcritto le ſue oſſervanze ; ſe
ºperò nel fuoco, dove ſi giucarè,non vi ſia altra particolare coſtumanza.
perio che nel detto gioco quello deveſi oſſervare , conforme dice l'
archidiacono nel Cap.qua contra,diſtinstione 8. - - -

Il primo dubbio è, ſe uno fa un bistratto, o tocca un pezzo, quale è


tenuto a giucare, e non lo giuoca, per il che il compagno è defrauda
to , a che ſia tenuto.
Secondo, ſe uno averte il giudatore, per lo che colui s'accorge dell'
errore.
Terzo, ſe uno giuoca con uno, che ſa, che colui giuoca meno.
Quarto , ſe giucaſſe con perſona inabile.
- Quin
Del Dottor Aleſſandro Salvio. 7;
Quinto, ſe giucaſſe con intenzione di ſpogliare il compagno.
seſto, ſe giuraſſe con perſona, che poſſa diſponere, ma giucando ſi
potrà ponere in neceſſità propia, e della ſua famiglia.
Ileggi del Giuoco , con la riſoluzione de dubbi.
C Irca il primo, il biſtratto ſi può intendere di più ſorti, proprie,
impropriè, & impropriiſſimè. Il primo è º quando uno giuoca
un pezzo nel modo, che non può andare.
Il ſecondo, quando lo giuoca come può andare , ma per legge di
giuoco non può,verbi gratia,ſe uno giucarà il Re dove viene ferito dal
nemico. Secondo, ſe ſalterà ſopra lo Scaccho. Terzo, ſe ſaltando darà
Scacco,o tutto ad un tempo muove altri pezzi. Quarto, ſe ſaltando un
Rocco paſſarà la caſa del Re.Quinto,ſe toccaſſe un pezzo e non lo può
giucare, overo perchè verrebbe a ſcoprirſi il Re, per lo che il Re ſaria
tenuto a giudarſi.Seſto,ſe toccaſſe il ſuo pezzo, e del compagno, e non
poteſſe prenderlo, perchè ſarebbe tenuto con che può,e ſe non può con
niuno, ſarà tenuto giucare il fuo pezzo : ma ſe aveſſe toccato il ſuo
pezzo, non è tenuto a prendere, non potendo prendere con quello.
- Terzo ſi dice biſtratto, quando uno è tenuto per legge di giuoco, e
nen lo fa. -

Chi dunque giucarà nel primo,e ſecondo modo ſcientemente,(tolto


però circa il toccare il pezzo, che di ſotto ſi dirà) ſe viene a dannificare
il compagno di quantità notabile,pecca,ed è tenuto a reſtituzione: ma
ſe non viene dannificato per detto tratto , perchè per la varietà del
giuoco ſi vince per altri tratti, non è tenuto a reſtituzione; ma ſe vi
fuſſe concorſa l'intenzione per detto fatto, pecca, perchè, que faciunt
homines,intentio judicat omnes, eccetto però in uno caſo, che per con
ſuetudine, o oſſervanza, che ſarà quando il nemico offende il nemico
con Scacco, e non dice Scacco,ed il contrario tace: perchè paſſati i due
tratti lo Scacco perde il vigore e la ragione è,che uno,ch'ave Scacco,e'l
contrario non dice Scacco, quello non è tenuto a levarſi da Scacco, ma
quando colui va a Scacco,o ſi copre, non milita la ragione ſopradetta:
perchè il difetto viene da lui,e non dal compagno.Si dice anco biſtrat
to,quando il giudatore prende i ſuoi pezzi propri, perchè ſi può fare
per malizia, che molte volte i propri pezzi ſogliono impedire la vite
toria. -

Circa il ſecondo dubbio, ſe colui per eſſere avvertito fa lo che ſe li


avvertì,che ſe'l compagno viene dannificato, e tenuto eſſo, e chi l'ha
toccato in ſolidum;ſe bene chi riceve il beneficio è tenuto a far
R.
" all',
-

74 .Sbaratto del giuoco degli Scacchi


all'altro la ragioneſicut in furto, Armill. in verbo reſtit. quia in ma
leficiis quilibet tenetur in ſolidum : ma ſe il compagno non viene
dannificato, ſi dice come nel primo dubbio.
Circa il terzo dubbio,ſe alcuno tocca un pezzo,e non lo giuoca, ſi di
ce,che ſe il compagno l'ha viſto,e lo patiſce non ci è ſcrupolo, o tacitè,o
expreſſè che ſia:ſe'l compagno non l'ha viſto, ſi dice, che in coſcienza
non è tenuto,ſe non l'aveſſe toccato, per giucarlo ; ma ſe lo toccò per
giucarlo,ſe'l contrario ſe l'averte,e dirà (caſo che non viene giudicato
dagl'altri) che ſe ne vorrà ſtare a ſua coſcienza, è tenuto ad accettare
il vero, il che ſi può cavare dalla dottrina dell'Abbate nel Cap. penul
timo,de jure jur. ed ivi le ſue Addit-in lit.A.
La ragion è,che non ſia tenuto a giucarlo, ſe non che nel caſo di ſo
pra perchè chi tocca il pezzo è tenuto a giucarlo in pena, la quale non
ſi deve , ſe non vi è ſentenza - Santo Fauſto Part. 1. diſputat. I
guaſt. I 18.cº alii, quos ipſe refert-La ſeconda ragion è la coſtumanza
de giucatori, che così s'uſa per eſſere il fatto reciproco dall'una, e dal
l'altra parte, che ſe non ſi dimanda, e non è deciſo dalli circonſtanti,
non è tenuto, ma ſe ſi dimanda al principale, colui è tenuto in co
ſcienza a dire il vero,e ſi ſta al ſuo detto, non eſſendo però chi lo deci
da; avertendoſi però, che il toccare ſi deve intendere in modo, che co
lui vorrà giucarlo, lo tocchi in modo, che poſſa giucarlo:v.g è coſtu
manza, che quando tocca il pezzo, ſi ſuole dire concia; ſe ſi diranno al
tre ſimili, è l'iſteſſo, il che ſi può dire ex doctrina Felini in Cap.paſto
ralis,n.2.de reſcriptis, v.3.che coſa è queſto pezzo, dove ſta queſto pez
zo:così ancora ſe alcuno tocca il pezzo con un dito, e non ſi può giu
care, ſe non che con due dita, non s'intende toccato, ma ſe ſi potrà
giucare il pezzo ſdrucciolando,toccando in modo, che poſſa fare ſimile
azione,ſarà tenuto; e ſe toccarà la prima caſa, volendo paſſare più ol
tre, non è tenuto laſciarlo, ancorchè ſi giucaſſe toccato il pezzo e la
caſa, eccetto ſe arriverà a luoco,che non può andare più oltre, perchè
nell'ultima caſa, che tocca, è tenuto laſciarlo, giucandoſi toccato il
pezzo e la caſa. . -

- Terzo queſito,ſe il più ſaputo non finge, e colui vorrà giucare,non


è tenuto, quia volenti,6 conſentienti non fit injuria.Altri dicono, ſe
colui che perde viene per la collera ad uſcire da ſe che ſia tenuto,per
chè la volontà non viene ad eſſer libera. Santo Fauſto diſput. 14 q.
34 par.1.e queſta è la più ſicura ragione. -

Circa il quarto queſito, ſe colui ſarà figlio fameglia,e non ha pecu


lio,eſſendo quantità notabile è tenuto. Falliſce 1.ſe il padre conſente
tacitè,vel expreſe.2.ſe il padre darà al figlio tanto l'anno per ſº ſpe
1e.
Del Dottor Aleſſandro Salvio. , 75

fe. 4.ſe colui riſparmierà, potrà di quello diſponere 4 ſe per ſua indu
ſtria buſca alcuna coſa. 5. ſe vorrà farlo per imparare a eſſendo
caſo decente. 'i - 2 - - : --

L'iſteſſo ſi può dire del ſervo, e di donne maritate, e di perſone in


abili, applicando l'iſteſſi termini, e così ancora di Religioſi, purchè
ſia giuoco lecito, perchè ad altri il ſuperiore non può diſpenſare
i Circa il quinto non ci è dubbio, perchè è contro la carità. c
Circa il ſeſto è tenuto a reſtituzione, e pecca: perchè colui è tenuto
per legge naturale ſovvenire ſe ſteſſo, e la fameglia , l'iſteſſo Santa
Fauſto loc. cit... Il medeſimo ſarà, ſe ſi giucarà col ladro, ed uſuraio,
guadagnando l'iſteſſe coſe rubbateso guadagnate all'uſura perchè non
ſono eglino padroni delle coſe predette. i -

- Se per ſorte ſi farà il biſtratto ignorantemente, e non ſe ne avvede


niuno delle parti, paſſati i due tratti, il giuoco non ſi deve tornare: la
ragion è , perchè così s'auſa tra giucatori e vi è ragione, perchè ſi
preſuppone ancomalizia della parte contraria,che vedrà il biſtratto,e
vorrà vedere ſe li renderà comodo,o no:onde venendo in progreſſo,eſ
ſendoli dannoſo, vorrà poi tornare il giuoco. Ma io nel vero biſtratto
direi, che ſi debba tornare il giuoco, purchè non ſiano paſſati cinque,
o ſei tratti, perchè all'ora ſi preſume o dall'una, o dall'altra parte eſſer
ci malizia, laonde niuno ſi deve avvalere del ſuo delitto.
Se il giuoco ſi può vincere ſenza errore del nemico, ſi potrà giuca
re cinquanta tratti il giuoco,altri cento ſe non ſi può vincere ſenza er
rore del nemico, come per eſſempio Rocco contro un Cavallo,o contro
un Alfiero,overo Rocco,e Alfiero,o Cavallo contro un Rocco, paſſati li
venticinque tratti non ſi deve giucare; ma ſe per ſorte tra queſti ven
ticinque ſi viene a finire, che per errore del compagno venga a termi
nare, che poſſa vincerlo per forza, all'ora goderà l'altri 25, tratti.
Chi vince a Scacchi, non eſſendo pagato, ave azione da dimandare
in giudizio, come nel primo diſcorſo ſi diſſe.

2'ſanza del giucare in diverſe parti.


N Ell'Alma Città di Roma, il Re purchè non ſi muova, ancorchè
abbia avuto Scacco, ſempre può ſaltare come Cavallo, come
Alfiero, e come Rocco, ma tre caſe, e ſopra i pezzi ancora, ma
ſaltando coi Rocco inſieme, il Re non può paſſare la terza caſa , e'1
Rocco la caſa del Re. Oggi ho viſto, che il Re ſaltando col Rocco, può
andare inſino alla caſa del Rocco : queſto giuoco ſi giuoca quaſi per
tutto, nella Spagna il ſimile, ma il Re non può ſaltare ſe non porrà il
a K 2
-
Roc
76 S'baratto del Giuoco degli Scacchi
Rocco gionto col Re prima,e dipoi ſaltare il Re ſopra il Roceo: ma al
cuni giuocano a poterſi ſaltare giontamáte,ma il Rocco no può ſgion
tarſi dal Re, ſe'l Re ſalta prima, non volendo movere il Rocco, il Roc
co poi non ſi può porre per ſopra il Re,cioè ancora il non paſſar batta
glia, e oltre il giuoco vinto, o patto, vi è il perdere la metà della ſcom
meſſa , e ſarà quando il nemico reſta ſenza niuno pezzo, o pedone, e'l
contrario con alcuno pezzo,o pedone, ancorchè il giuoco non ſi poteſſe
vincere,e ſi chiama rubbato,e queſto giuoco è per tutte le parti Oltra
montane. In Regno come il Re aveScacco non può ſaltare,ed il ſalto è
a modo di Rocco,quando può,e vuole, o dalle parti di donna, o di eſſo
Re,e'l Rocco dove vorrà purchè non paſſa la caſa del Re;ma ſe'l Rocco
fuſſe moſſo, il Re può ſaltare ſopra il Rocco, ma non può muovere il
Focco. In Sicilia il Re non ha privileggio di ſaltare , ma ſempre una
caſa al ſolito, ſaltare ſopra Scacco non ſi può, ma ſe la caſa è occupata
da ſuoi pezzi, dove feriſce il nemico, ſi può. Altri ho viſto oſſervare il
contrario, ſaltando di cavallo, non ſi dice mai il Re ſaltare ſopra Scac
co: perchè non paſſa per linea giuſta, queſta è l'oſſervanza, e anco le
leggi del giuoco, come nel preſente foglio ſi dice.
Se alcuno darà un pezzo, o pedone di vantaggio, e giucarà ſenza le
varſelo, e ſi faranno molti tratti, fecolui, che rieeve il vantaggio ſe
ne accorgerà,ſtarà a lui ſe vorrà giucarlo,o nòima non potrà dire,leva
il pezzo, e voglio, che ſi giuoca. Ma ſe alcuno riceveſſe due o tre tratti
prima di vantaggio, e non li giucaſſe, e foſſe incominciato il giuoco
con molti tratti, il danno ſarà ſuo e la ragion è , che nel primo dub
bio l'errore viene dal contrario, ma in queſto ſecondo dubbio l'errore
è da ſe ſteſſo. Queſto è quanto può occorrere quaſi allo ſpeſſo, per tan
to ſi dà principio alli sbaratti del primo trattato di nuovo riſtampa
to,ed a miglior ſtato ridotto, incominciando dal primo capitolo che ſe
gue, finendo col giuoco de pezzi -

# #
,

SBA
77

S B A R A T T O
DEL GIuoco DEGLI scacchi.
c A P. PR 1Mo
Iucarà il Bianco il Pedone del Re quanto va, e 'I Nero farà
l'iſteſſo, el Bianco giucarà il Cavallo del Re alla terza del
ſuo Alfiero, e'l Nero giucarà il Cav. della Regina alla ter
za del ſuo Alfiero,e'l Bianco giucarà l'Alfiero del Re alla quarta dell'
altro Alfiero,e'l Nero farà l'iſteſſo, e'l Bianco ſaltando col Re alla caſa
del Cavallo, e col Rocco alla caſa del Re, il Nero giucarà il Cavallo del
ſuo Re alla terza del ſuo Alfiero, e'l Bianco giuochi il Ped. dell'Alfie
ro della Regina una caſa,e'l Nero giuochi il Cavallo del Re alla quin
ta dell'iſteſſo Cavallo , e'l Bianco ſpinga il Pedone della ſua Regina
quanto va , il Nero lo pigli col Pedone del ſuo Re , il Bianco pren
da col Pedone dell'Alfiero di ſua Donna il Pedone del Nero , il Nero
pigli col Cavallo della Regina il detto Pedone del Bianco, e 'l Bianco
pigli detto Cav,col Cav.del Re, ed il Nero giuochi la Don. alla quinta
del Rocco del ſuo Re , al qual giuoco ſi potranno fare tre defenſioni
per lo Bianco. La prima, giuochi detto Bianco il Cavallo, che ſta alla
quarta della Donna, alla terza dell'Alfiero del Re, per lo che è matto,
che dando Scacco il Nero con la Donna alla ſettima caſa dell'Alfiero
del ſuo Re, il Bianco è forzato andare al pontone, dov' il Nero dando
Scacco con l'iſteſſa Donna all'ultima caſa del Cav.del ſuo Re, e prima
del Cav.del contrario, il Bianco ſarà forzato pigliare detta Donna o col
Cavallo, o col Rocco, e'l Nero li dà matto col Cav. alla 7.dell'Alfiero
del ſuo Re. La ſeconda defenſione, che ſi fa per lo Bianco, è di non giu
care detto Cav. ( come ſi è detto ) ma giucare il Pedone del Rocco del
ſuo Re una caſa,e'l Nero potrà fare all'ora due coſe, pigliare il Pedone
dell'Alfiero del Re con la Donna, e dare Scacco; la ſeconda ſarà di pi
gliare detto Pedone col Cavallo, non volendolo pigliare con la Donna:
pigliando dunque il Nero con la Donna detto pedone, e dando Scac
co, il Bianco ſi ritiri al pontone alla caſa del ſuo Rocco,e'l Nero pigli
il Cav. del Bianco con l'Alfiero del ſuo Re,e'l Bianco per ſuo migliore
º giuochi il Rocco alla caſa dell'Alfiero del ſuo Re, e'l Nero giuochil
il Pedone della Donna due caſe , e'l Bianco prenda detto Pedone, e,
- - i Ne
78 Sbaratto del Giuoco degli Scacchi -

Nero ſaltando col Re alla caſa del Cavallo, e coi Rocco alla caſa dell'
Alfierº verrà poi forzatamente a guadagnare una qualità , overo il
º

giuoco. Si fece dipoi per lo Bianco l'ultima difeſa in detto tratto ( co


me s'è detto prima)non giucando detto Cavallo, ne detto Pedone, co
me di ſopra, ma giucando l'Alfiero di ſua Donna alla terza del ſuo Re,
la quale difeſa " pericoloſa, poichè il Nero pigliando il Pedone
del Rocco del Re con la ſua Donna verrà a guadagnare il Pedone
del Cavallo del Re,ed in queſto modo il Bianco averà un pezzo per tre
Pedoni , benchè ſtia malamente trattato.
Nota:a tempo, che l Bianco ſpinſe il Pedone della ſua Donna due
caſe, e 'l Nero lo pigliò col Pedone del Re, il Bianco ſe non vorrà
farſi fare detti tratti,che ne ſeguono, non pigli detto Pedone, ma giuo
chi l'Alfiero del Re,pigliando il Pedone dell' Alfiero del Re contrario,
le doni Seaeco, e 'l Nero pigliando, il Bianco diali Scacco col ſuo Ca
vallo alla quinta del medeſimo Cavallo, e dopo pigliarà il Cavallo del
Nero con la Donna,e ſe l Nero a tempo ch'ebbe Scacco dall'Alfiero del
Bianco, pigliando il Pedone,non voleſſe pigliare detto Alfiero, ma giu
care il Re alla caſa del ſuo Alfiero , il Bianco giuochi l'Alfiero della
Donna alla quinta del Cavallo del ſuo Re. -

Item non volendo il Bianco pigliare con l' Alfiero del Re il detto
Pedone,e dare scacco potrà anco fare un'altro giuoco, che ſarà giucare
l'Alfiero di Donna alla quinta del Cavallo del Re, overo ſpingere il
Pedone del Rocco del Re una caſa, e fuggendo il Nero il Cavallo, il
Bianco potrà prendere il Pedone del Nero col Pedone dell'Alfiero
di ſua Donna , e vietarà anco il detto tratto. i
Nota nella particella per ſuo megliore - ſi diſſe , che ſe 'l Bianco
mongiucaſſe detto Rocco nella caſa dell'Alfiero del ſuo Re ; ma pi
gliaſſe il Cavallo del Re Nero con la ſua Donna, il Nero li darebbe in
pochi tratti matto, come chiaramente ſi vede e ſe lo prendeſſe col
Pedone del Rocco del Re, ſarebbe il Bianco matto, giucando la Don
na il Nero alla quinta del Rocco del ſuo Re. -

Item ſi nota,ch'a tempo,che'l Bianco giucò il Rocco del Re alla ca


ſa dell'Alfiero del Re, e'l Nero ſpinſe il Pedone di ſua Donna quanto
va,detto tratto è falſo al Nero: perchè ſe'l Bianco non prendeſſe detto
Pedone, ma ritiraſſe l'Alfiero alla ſeconda del ſuo Re, il Nero ſtarebbe
male per lo che a tempo dunque,che'l Bianco andò al pontone col Re,
avendo avuto Scacco di Donna alla ſeconda del ſuo Alfiero , il Nero
non prenda detto Cavallo, come di ſopra, ma giuochi la ſua Donna
alla ſeſta del Cavallo del ſuo Re, dove il Bianco ſarà forzato pigliarſi il
Cavallo col Pedone del Rocco, perchè ſe pigliaſſe con la Donna, ſa
reb
Del Dottor Aleſſandro Salvio. 79
rebbe peggio, e all'ora il Nero prenda il Cavallo del Bianco con l'Al
fiero del ſuo Re, e ſe l Bianco pigliarà detto Alfiero con la Donna, il
Nero non pigli il Rocco, ma dia Scacco con la Donna alla quinta del
Rocco del ſuo Re: dove poi ſi viene a pigliare il Rocco, e l'Alfiero del
Bianco, il che non farebbe pigliando prima il Rocco ſenza dar Scacco
in detto loco: ma ſe'l Bianco a tempo pigliò l'Alfiero del Nero con la
Donna, non pigliaſſe, ma andaſſe con l' Alfiero di Donna alla quarta
dell'altro, il Nero dia Scacco con la Donna alla quinta del Rocco, e'l
Bianco coprendoſi con l'Alfiero di Donna, il Nero giuochi l'Alfiero
del Re alla quarta del ſuo Re, e 'i Bianco per ſua defenſione giudarà
il Pedone del Cavallo del ſuo Re una caſa, e 'l Nero lo pigli con l'Al
fiero, e 'l Bianco giuochi il Rocco alla ſeconda del ſuo Re, e 'l Nero
giucando il Pedone della Donna una caſa, viene ad avanzare un'altro
Pedone, ed avrà quattro Pedoni per un Cavallo. -

Nota al primo capitolo alla ſeconda defenſione, all'ora,che 'l Nero


giucò la Donna alla quinta del Rocco del Re, e'l Bianco ſpinſe il Pe
done del Rocco del Re una caſa, dove il Nero pigliò il Pedone dell'Al
fiero del Re con la Donna, non volendo il Nero pigliare detto Pedone
con detta Donna, ma con lo Cavallo del Re, il Bianco giuochi la Don
na alla ſeconda d'eſſa Donna,dov'il Nero potrà fare più coſe: prima pi
gliare il Cavallo con l'Alfiero , e 'l Bianco pigli detto Alfiero con la
Donna, e'l Nero pigliando il Pedone del Rocco col Cavallo, averta il
Bianco non pigliar detto Cavallo, ma giucare il Re alla caſa dell'Al
fiero : ma ſe l Nero non pigliarà detto Cavallo con l'Alfiero: ma pi
gliarà prima il Pedone del Rocco , e darà Scacco, il Bianco giuochi il
Re alla caſa del ſuo Alfiero,e ſarà l'iſteſſo: ma ſe'l Nero non vorrà fare
niuna delle dette due giudate, ma giucare la Donna alla ſeſta del Ca
vallo del ſuo Re, il Bianco non pigli detto Cavallo con la Donna, ma
giuochi il Re alla caſa del ſuo Alfiero, perchè ſei Bianco prendeſſe il
Cavallo del Nero con la ſua Donna, il Nero con l'Alfiero del ſuo Re
prenderebbe il Cavallo del Bianco, che ſta alla quarta della Donna d'
eſſo Bianco, e'l Bianco ſarebbe forzato giucare l'Alfiero di ſua Donna
alla terza del ſuo Re, e'l Nero cambiando la Donna verrebbe a guada
gnare il Pedone del Cavallo di Donna, e la qualità del Rocco.
- . -

C A P. II.

G Incarà il Nero il Pedone del Re quanto va, e'l Bianco farà l'
iſteſſo, il Nero giucarà il Cavallo del Re alla terza del ſuo Al
-

iº -
fiero, e 'l Bianco giucarà il Cavallo di Donna alla terza del ſuo
C
8e Sbaratto del Giuoco degli Scacchi
Alfiero, e' Nero giucarà l'Alfiero del Re alla quarta dell'altro, il
Bianco farà l'iſteſſo, e'l Nero ſaltarà col Re alla caſa del Cav.e col Roc
co alla caſa del Re, e'l Bianco giucarà il Cav. del Re alla terza del ſuo
Alfiero,e 'l Nero giucarà il Pedone dell'Alfiero di Donna una caſa, e'l
Bianco ſaltarà col Re alla caſa del Cavallo, e col Rocco alla caſa del
Re, e 'l Nero ſpingerà il Pedone di ſua Donna quanto va, e'l Bianco
prendendo il detto Pedone col Pedone del Re , il Nero non prenda
r ſuo migliore, ma ſpinga il Pedone del Re un'altra caſa, e'l Bianco
giuochi il Cavallo del Re alla quinta ſua, dove avverta il Nero, che ſe
prenderà il Pedone del Bianco col Pedone di ſua Donna, il Bianco
rendendo quello col Cavallo di Donna , il Nero prendendo detto
Cavallo col Cavallo del Re , il Bianco andando alla quinta del Roc
co del Re con la Donna , n'averebbe a punto l'iſteſſo giuoco, che nel
primo capitolo ſi nota , e più ſicuro per chi fa detta offeſa : per lo
che il Nero non prenda detto Pedone, ma giuochi prima l'Alfiero di
Donna alla quinta del Cavallo del ſuo Re,e'n queſto modo averà mi
glior giuoco benchè vi ſia un tratto in favor del Bianco,a tempo, che i
Nero giucarà l'Alfiero di Donna alla 5.del Cavallo, che ſarebbe di pi
gliar il Pedone dell'Alfiero del Nero col Cavallo, e laſciarli la Donna
in ſuo potere: ma perchè con un'altro tratto, che farebbe il Bianco,
che non ave altro per ſuo migliore , farebbe danno al Nero, per non
eſſere tratto ſicuro, non ſi pone, però ogni ſtudioſo procuri cercare,
che lo trovarà : ma ſe'l Bianco a tempo, che fuggì il Cavallo del Re
alla quinta di ſe ſteſſo, non aveſſe fatta detta giucata, ma ſpinto il Pe
done di ſua Donna quanto va , il Nero non prenda il Cavallo con
il Pedone,ma fugga l'Alfiero alla quinta del Cavallo della Donna,che
r forza acquiſterà il Pedone,ed averà giuoco migliore.
Nota, che ſe'l Nero a tempo,che'l Bianco ſpinſe il Pedone della ſua
Donna quanto va , non aveſſe fuggito detto Alfiero , ma col Pedo
ne del Re preſo il Cavallo del Bianco, il Bianco cambiando il Roc
co col Rocco del Nero , dipoi col Pedone di ſua Donna prenden
do l'Alfiero del Re Nero, verrebbe ad avere un Pedone di più di van
taggio, dove ſe a tempo di più tratti il Nero veniſſe a prendere il Pedo
ne del Cavallo del Re col ſuo Pedone, il Bianco non lo prenda, ma
lo tenga per ſua difeſa, perchè non li mancarà di pigliarlo , quando
vuole. -

Avvertimento al Bianco: per evitare dunque il Bianco detti tratti,


a tempo, che 'l Nero ſpinſe il Pedone della ſua Donna quanto va,
non prenda detto Pedone, ma ritiri l'Alfiero del Re alla terza del Ca
vallo della Donna,e ſe i Nero pigliarà il Pedone del Re con quello di
ſua
Del Dottor Aleſſandro Salvio. 8r

ſua Donna, il Bianco pigli col Cavallo, e ſe non prende il Nero detto
Pedone, ma ſpingerà adoſſo il Cavallo, il Bianco fugga il Cavallo alla
ſua caſa.

C A P. I I I.

A Y Iucarà il Bianco il pedone del Re quanto va , e 'l Nero farà l'


G iſteſſo, il Bianco giudarà l'Alfiero del Re alla 4. dell' altro, e' i
Nero farà il medeſimo, e'l Bianco giucarà la Donna alla ſecon
da del Re , e 'l Nero giucarà il Cav. del Re alla terza del ſuo Alfiero,
e'l Bianco prenda coll'Alfiero il Pedone del Nero,e dia Scacco,e'l Ne
ro lo prenda col Re, e'l Bianco dia Scacco con la Donna alla quarta
dell'Alfiero di Donna, dove viene a ricuperare il pezzo, ed avanzare
un pedone » e fa movere il Re ſuo contrario ; ma avverta il Nero , a
tempo che'l Biancoli di Scacco con la Donna alla quarta dell'Alfiero,
a coprirſi col pedone di ſua Donna quanto va : dove il Bianco
prendendo l'alfiero del nero con ſua Donna, il Nero prenda il pedone
del Re Bianco col Cavallo , dove movendo il Nero il Rocco del Re,
ponendolo alla caſa del Re, verrà ad arroccarſi, ed averà buon giuoco
e - - C. A. P, I V,

G iſteſſo,e'l Bianco giucarà il Cavallo del Re alla 3 del ſuo Alfie


Iucarà il Bianco il pedone del Re quanto va, e 'l Nero ſarà lº

ro, e'l Nero giucarà il Cavallo della Don. alla terza del ſuo Al
fiero, e il Bianco giucarà l'Alfiero del Re alla quarta dell'altro,e'l Ne
rogiucarà il Cavallo del Re alla terza del ſuo Alfiero, e'l Bianco giu
carà il Cavallo del Re alla quinta dell'iſteſſo Cav. e 'l Nero ſpingerà
per ſuo migliore il Pedone di ſua Donna quanto va , e'l Bianco pren
derà detto pedone col pedone del ſuo Re, e 'l Nero pigliarà quello
del Bianco col Cavallo del Re, e'l bianco col Cavallo prenderà il Pedo
ne dell'Alfiero del Re Nero, e 'l Nero pigliarà detto Cav. col Re, e 'I
Bianco darà Scacco alla terza dell'Alfiero del Re con la Don. e'l Nero
andarà col ſuo Re alla terza di ſe ſteſſo, e'l Bianco giucarà il Cavallo
della Regina alla terza del ſuo Alfiero, e'l Nero giucarà il Cavallo per
ſuo migliore alla ſeconda del ſuo Re , e'l Bianco ſaltarà alla caſa del
Rocco, e col Rocco alla caſa d'eſſo Re, e'l Nero giucarà il Pedone del
l'Alfiero di Donna una caſa,e'l bianco giucarà il Pedone di Donna due
caſe,e'l Nero andarà col Re per ſuo migliore alla terza caſa della Don
el Bianco pigliarà il Cav. del Nero colLſuo Cav. , e 'l Nero per ſuº
- ITll
32 ASbarattò del giuoco degli Scacchi
migliore pigliarà il Cav. del Bianco col ſuo Cav., e'l Bianco pigliarà
coll'Alfiero del Re , e 'l Nero piglierà detto Alfiero col Pedone, e' i
Bianco prenderà il Pedone del Nero col Rocco, perchè ſe pigliaſſe col
Pedone di Donna , e daſſe Scacco, benchè ſi vinca il giuoco, ſi vin
cerà con piu difficoltà, che ſe pigliaſſe col Rocco.
Avvertimento al Nero , che ſe all'ora, quando il Bianco preſe il
Cav. del Nero col Cav. di ſua Donna , il Nero non aveſſe preſo coll'
altro Cav- , ma col Pedone dell'Alfiero di ſua Donna, neanco ſa
rebbe bene , perche il Bianco prendendo il Pedone del Re col Pedo
ne di ſua Donna, darebbe Scacco, e'l Nero ſarebbe forzato andare alla
terza dell'Alfiero di ſua Donna, overo alla ſeconda del detto Alfiero,
o alla terza di eſſo Re, ed in ciaſcheduno di detti luoghi, che andaſſe,
perderebbe il giuoco: ſe dunque andaſſe il Nero dopo avuto lo Scacco
alla terza del ſuo Alfiero, il bianco giuochi la Donna alla terza dell'
Alfiero d'eſſa Donna, dove ſe'l Nero prenderà l'Alfiero del Bianco col
Pedone , il Bianco prendendo con la Donna detto Pedone li dareb
be matto, overo li toglieria la Donna, e ſe 'l Nero non voleſſe pigliare
detto Alfiero, ma ſpingeſſe il Pedone della Donna un'altra caſa, che
ſarebbe migliore, il Bianco ritirando la Donna verrebbe ancora in po
chi tratti a vincere il giuoco, con dar Scacco alla terza dell'Alfiero del
Re, overo giudare la Donna alla terza del Cavallo di Donna, ma ſe i
Nero non fuſſe andato col Re alla terza dell'Alfiero di Donna , come
s'è detto, ma l'aveſſe giucato alla ſeconda del detto Alfiero, pure ſta
rebbe male, perchè il Biancoſpingendo il Pedone del Re un'altra ca
ſa, ſe'l Nero prendeſſe l'Alfiero del Bianco, il Bianco dando Scacco col
l'Alfiero di Donna alla quarta dell'altro, dovunque andaſſe il Nero,
il Bianco calando il Rocco di Donna alla caſa di detta donna avrebbe
vinto, e ſe'l Nero non andaſſe col Re in niuna di dette caſe , ma nella
terza d'eſſo Re, ancorchè queſta ſia miglior defenſione , nulladimeno
pure ſi perde. -

Secondo avvertimento all'iſteſſo Nero, ch'a tempo, che giucò il


Cav.di Donna alla ſeconda del Re,aveſſe giucato il Cav. alla quinta
di ſe ſteſſo, il Bianco ſalti col Re alla caſa del Cav., e'l Rocco alla ca
ſa del Re, dove al Nero ſarà di biſogno giucare il Pedone di Donna
due caſe, avrebbe miglior offenſione, che nella prima fatta al Nero.
Terzo avvertimento. A tempo dunque , che 'l Bianco col Pedone
del Re preſe il Pedone della Donna del Nero , il Nero non prenda
detto Pedone col Cav. di Re, ma giuochi il Cav. di Donna alla quarta
del ſuo Rocco,e ſarà miglior giuoco delli precedenti, benchè il Bianco
con dar Scacco alla quinta del Cav. di ſua Donna coll' Alfiero, il Ne
-- - SQ
psi petto al panºro salvi, si
ro coprendoſi con l'Alfiero di Donna, ch'è migliore, il Bianco giucchi
la Donna alla ſeconda del Re , ed in queſta compoſizione di giuoco
chiaramente ſi vede il Bianco ſempre averne il migliore,
C A P, V.

G Iucarà il Bianco il Pedone del Re quanto va, e 'l Nero farà l'
iſteſſo,e'l Bianco giucarà il Pedone dell'Alfiero del Re due ca
ſe, e'l Nero non pigli detto Pedene,perchè nel gambitto ſi dirà
il tutto, ma giuochi il Cavallo della Regina alla terza dell'Alfiero, e'l
Bianco giucarà il Cavallo del Re alla terza del ſuo Alfiero, e 'l Nero
non giuochi il Pedone della Donna, come dicono alcuni, ma giuochi.
l'Alfiero del Re alla quarta dell'altro Alfiero, e ſe'l Bianco prenderà il
Pedone del Re con quello del ſuo Alfiero, il Nero prenda detto Pedone
col Cavallo della Regina, e 'l Bianco prenderà detto Cavallo col ſuo
Cavallo, e 'l Nero dia Scacco con la Donna alla quinta del Rocco del
ſuo Re, dove il Bianco ſi coprirà col Pedone del ſuo Cavallo , e 'l
Nero prenda il Pedone del Re con la Donna,e dia Scacco, e'l Bianco ſi
coprirà con la Donna alla ſeconda del Re , e'l Nero prenda il Rocco
del Re con la detta Donna,e'l Bianco giuochi il Cavallo del ſuo Real
la ſeſta d'eſſo Cavallo, e dia Scacco di ſcoverta, e 'l Nero non ſi mova
rol Re, ma giuochi il Cavallo alla 2. d'eſſo Re, e'l Bianco prenderà il
Rocco del Re Nero col ſuo Cavallo, e'l Nero giuochi il Pedone di ſua
Regina una caſa, dove il Bianco il meglio potrà fare, andarà alla quin
ta del Rocco con la Donna,e'l Nero anco ricuperarà il ſuo pezzo, per
chè dando Scacco alla quinta del ſuo Re viene a guardare il Pedone
del Rocco, e dopo l'altro tratto potrà andare con l'iſteſſa Donna, non
volendo impattare, alla quarta dell'Alfiero del Re,e ricuperarà il pez
zo dopo molti tratti, e reſtarà il giuoco del pari : e ancorchè Damia
" il Lopes par che pongano queſto giuoco,differiſce come ſi potrà
“VCCierce

C A P. V I.

G Iucarà il Bianco il Pedone del Re quanto va , e 'l Nero farà l'


iſteſſo, e'l Bianco giucarà l'Alfiero del Re alla 4. dell'altro, e'l
Nero farà l'iſteſſo,e'l Bianco giucarà il Cavallo del Re alla ter
za del ſuo Alfiero, e'l Nero giucarà il Cavallo della Regina alla terza
del ſuo Alfiero, e'l Bianco giucarà il Pedone dell'Alfiero di ſua Don
na una caſa, e'l Nero giucarà il Pedone
L. 2
di ſua Donna una caſa
Bian
, e 'i
84 - Sbaratto del giuoco degli Scarchi
Bianco giucarà il Pedone di ſua Donna una caſa, e 'l Nero giucarà il
Gavallo del Re alla terza del ſuo Alfiero, e'l Bianco giucarà il Pedone;
del Cavallo della Donna quanto va, e 'l Nero giucarà l'Alfiero alla
terza del Cavallo della Donna, e'l Bianco giuochi il Pedone del Rocco
due caſe verſo detto Alfiero, e 'l Nero giucarà il Cavallo del Re alla
quinta di ſe ſteſſo,e'l Bianco ſaltarà col Re alla caſa del Cavallo, e col
Rocco alla caſa dell'Alfiero, e'l Nero giuochi il Pedone del Rocco di,
Donna una caſa, e 'l Bianco giucarà il Pedone del Rocco del Re una
caſa,e'l Nero non volendo ritirare il Cav.alla terza dell'Alfiero di ſuo
Re, ma voleſſe intricare il giuoco, ſpinga il Pedone del Rocco del Re
quanto va , e 'l Bianco ſi pigliarà detto Cav. col Pedone del Roc- i
co, il Nero pigli col Pedone del ſuo Rocco , e 'l Bianco per ſuo mi
gliore giuochi il Cav. di Re alla quinta di ſe ſteſſo, per evitare, che'l
Nero non entri di Donna alla quinta del Rocco di ſuo Re, e ſe l Bian-.
co voleſſe andarvi con l'Alfiero di Donna in detta caſa, il Nero ſpin
gendo il Pedone del ſuo Alfiero, ricuperarebbe il pezzo per lo che ſarà
meglio al Bianco andarvi con detto Cav. come di ſopra , e 'l Nero
giuochi la Don. alla terza dell'Alfiero di Re,dove avverta il Bianco,
che ſe pigliaſſe col Cav. del Re il Pedone dell'Alfiero del Re Nero,
detto Bianco ſarebbe matto, perchè dando Scacco col Rocco alla caſa
del Rocco del Re Bianco, il Bianco ſarà forzato prendere detto Rocco
col Re, e'l Nero dando Scacco con la Donna alla quinta del Rocco, e -

dopo ſpingedo il Pedone raddoppiato nella filera del Cav.del Re gua


dagnerà il giuoco forzatamente, e ſel Bianco voleſſe pigliare il Pedone
dell'Alfiero del Re Nero, e dar Scacco,non volendolo pigliare col Ca
vallo, come di ſopra, il Nero giuochi il Re alla ſeconda ſua, e dopo
giuochi la Donna alla terza del ſuo Rocco,ed in queſto modo ſarà peri
coloſo aſſai per lo Bianco,che ſe non ſtarà più che avvertito , lo per
derà. -

c A P. VI I. .

Iucarà il Bianco il Pedone del Re quanto va, e 'I Nero farà


l'iſteſſo, e'l Bianco giucarà l'Alfiero del ſuo Re alla 4. dell'
altro,e'l Nero farà l'iſteſſo, e'l Bianco giucarà la Donna alla
2. del ſuo Re, e'l Nero giucarà il Cav. della Donna alla terza del ſuo
Alfiero, e'l Bianco giucarà il Pedone dell'Alfiero di ſua Donna una ſ
caſa, e'l Nero giucarà il Pedone della Donna una caſa, e'l Bianco giu
carà il Pedone della Donna una caſa, e'l Nero giucarà la Donna alla
ſeconda del ſuo Re, e 'l Bianco ſpingerà il Pedone dell'Alfiero del Re
- quan
Del Dottor Aleſſandro Salvio. - 3;
quantova, el Nero non pigli, ma giuochi l'Alfiero della Donna alla
ſeconda d'eſſa Donna,e 'l Bianco giuochi il Cav. del Re alla terza del
ſuo Alfiero,e'l Nero ſalti col Re alla caſa del Cav.di Donna,e col Roc
co alla caſa del Re, e I Bianco ſpinga il Pedone dell'Alfiero del Re
un'altra caſa, el Nero giuochi il Pedone del Cav. del Re una caſa, ei
Bianco ſpingerà quello del Cav. del Re due caſe , e'l Nero ſpingerà
quello del ſuo Rocco due caſe, e 'l Bianco giuearà il Cav. del Re alla
quinta d'eſſo Cav., e 'l Nero giuochi il Cav. del ſuo Re alla terza del
ſuo Rocco, e il Bianco giuochi il Pedone del Rocco del Re una caſa»
e'l Nero ſpinga il Pedone dell'Alfiero del Re una caſa , e 'l Bianco
giuochi il Cavallo alla ſeſta del ſuo Re , che ſarà terza del Re con
tra T1Ce , . - - .

Primo avvertimento. Avverta il Bianco, che ſe a tempo, che ſpinſe il


Pedone dell'Alfiero del Re quanto va , non ſi ritrovaſſe la ſua Don
na alla ſeconda d'eſſo Re, e 'l Nere cambiando l'Alfiero del ſuo Re
con il Cavallo del Re Bianco , avanzarebbe un Pedone del Rocco
del Re. --- - -

Secondo avvertimento. A tempo, che I Nero giucò il Pedone del


Cav.del Re una caſa, e'i Bianco ſpinſe quello del Cav. del ſuo Re due
caſe,ſpinga prima il Pedone del Cav. della Donna quanto va , che 'l
Nero ſarà forzato ritirare l'Alfiero alla terza del Cav. di Donna,e do
po il Bianco potrà ſpingere il Pedone del Cavallo del Re , come di
ſopra. - - -

ºrizo avvertimento. Il Bianco a tempo, che ſpinſe il Pedone dell'


Alfiero del Re un'altra caſa, dopo averlo giucato prima quanto anda
va , fece beniſſimo: perchè il Nero dopo arrocchatoſi l'avrebbe preſo
col Pedone del ſuo Re, e verrebbe a rompere il giuoco del Bianco, il
che non potria fare il Nero di cambiare detto Pedone prima s'arrocº
chaſſe, perchè il Bianco ſpingendo il Pedone della ſua Donna un'al
tra caſa, il Nero fuggendo l'Alfiero alla terza del Cavallo di Donna,
il Bianco s'arroccaria, non vietandoli più il non poter ſaltar ſopra
Scacco
Quarto avvertimento. Averta il Nero a giugar prima la Donna alla
ſeconda del Re e poi giucare il Cav.della Donna alla terza dell'Alfiero,
come s'è detto a principio, perchè altrimenti n'averebbe il tratto, che
ſi è detto nel Cap. 3. e ſarebbe più ſicuro, perchè dando scacco
poi il Bianco con la Donna alla quarta del ſuo Alfiero, il Nero,o mo
verà il Re , e'l Bianco guadagnerà un Pedone dell'Alfiero del Re Ne
rosº giucherà il Pedone della Donna due caſe, e'l Bianco prendendo il
Pedone col Pedone del ſuo Re guadagnerà, o l'Alfiero del sensi o
- ,
36 Sbaratto del giuoco degli Scacchi
il Cav. della Donna col Pedone raddoppiato, e così ſempre ricupererà
il ſuo pezzo, e guadagnerà un Pedone. 2

c A P. v 111.
Iucarà il Bianco il Pedone del Re quanto va, e'l Nero farà,
l'iſteſſo, e'l Bianco giucarà l'Alfiero del Re alla quarta dell'
altro, e'l Nero farà l'iſteſſo, e'l Biancogiucarà il Pedone dell'
Alfiero di ſua Donna una caſa, e 'l Nero giucarà l'iſteſſo, e'l Bianco
giucarà la Donna alla ſeconda del ſuo Re, e 1 Nero giucarà il Cav. del
Re alla ſeconda del Re, e'l Bianco giucarà il Pedone della Donna una
caſa, e'l Nero farà l'iſteſſo, e'l Bianco ſpingerà il Pedone dell'Alfiero
del Re quanto va , e 'l Nero lo pigli col Pedone del ſuo Re , e 'l
Bianco prendendo detto Pedone coll'Alfiero di Donna , e 'l Nero
giuochi il Cav. del Re alla terza d'eſſo Cav., e dopo potrà ſaltare col
Re al pontone, e col Rocco alla caſa dell'Alfiero,giucandoſi alla Na
politana » e ſe non ſaltarà col Re alla caſa del Cav. averta il Nero
ſempre ch'averà queſto principio di giuoco, ſempre prenda il Pedone
dell'Alfiero del Re contrario col Pedone del ſuo Re : averta ancora
il Nero dopo che ſarà ſaltato a giucare l'Alfierº di Donna alla terza
del Re: di più ſi dice che ſel Nero a tempo, che giucò il Cav.del Re
la ſeconda d'eſſo Re,l'aveſſe giucato alla terza dell'Alfiero del Re,il
Bianco avrebbe il migliore Sbaratto che ſi poteſſe fare di più s'averte,
che chi potrà ſpingere il Pedone dell'Alfiero di Re quanto va prima
dell'Altro, ſarà miglior per lui.
C A P. I X.

G iſteſſo, e'l Bianco giucarà l'Alfiero del ſuo Re alla quarta dellº
Iucarà il Bianco il Pedone del Re quanto va , e 'l Nero farà lº

altro, e'l Nero farà l'iſteſſo, e 'l Bianco giucarà la Donna alla
ſeconda del ſuo Re, e'l Nero giucarà il Cav. del Re alla terza del ſuo
Alfiero, e'l Bianco giucarà il Pedone dell'Alfiero di Donna una caſa,
e'l Nero ſaltarà col Re alla caſa del Cav., e col Rocco alla caſa del
re,e'l Bianco giuochi il Pedone di Donna una caſa, e'i Nero ſpinga il
Pedone dell'Alfiero di Donna una caſa, dove averta il Bianco, ſtando
il giuoco in queſto modo a non ſpingere il Ped. dell'Alfiero del ſuo
Re quanto va, perchè il Nero prendendo detto Pedone con il Pedo
ne del ſuo Re,faciliſſimamente (come ſi vede) il Bianco ſarebbe rotto,
per lo che potrà giucare l'Alfiero di ſua Donna alla quinta del Cav.
del
pel pottor Aleſſandro Salvio 8,
del Re, e cacci fuori li pezzi, e dopo ſi può arroccare dove li piacerà.
Avvertimento al Bianco.Sel Nero ſpingerà il Pedone della Donna
quanto va , il Bianco non prenda il Pedone, ma ritiri l'Alfiero alla
terza del Cavllo della Donna, e laſci prendere al Nero.
C A P. X.
- -

G“N Iucarà il Nero il Pedone del Re quanto va , e 'l Bianco farà lº


iſteſſo,el Nero giucarà l'Alfiero del Re alla quarta dell'altro,
e'l Bianco farà l'iſteſſo, e'l Nero giucarà il Cav. del ſuo Re alla
terza dell'Alfiero,e'l Bianco farà l'iſteſſo, e'l Nero col Cav. del Re pi
gliarà il Pedone del Re Bianco, e'l Bianco giuochi il Pedone della ſua
Donna due caſe, ſe 'l Nero pigliarà col Pedone, il Bianco ſalti col
Re alla caſa del Cav. e col Rocco alla caſa del Re, e 'l Nero per ſuo
migliore biſogna arroccarfi, con ponere il Re alla caſa del Cav. ed il
Rocco alla caſa del Re, overo ſpingere il Pedone di ſua Donna quanto
va ; ſe ſpingerà il Nere il detto Pedone, il Bianco lo prenda coll'
Alfiero, dove il Nero prendendo con la ſua Donna, il Bianco giuochi
il Cav.di ſua Donna alla terza del ſuo Alfiero, e verrà a ricuperare il
ſuo pezzo,ed anco due pedoni perduti, per lo che megliore ſarà al Ne
ro( come di ſopra) non ſpingere detto Pedone, ma ſaltare col Re alla
caſa del Cav. e col Rocco alla caſa del Re, e 'l Bianco potrà pigliare
il Pedone dell'Alfiero del Re Nero, e dar Scacco col ſuo Alfiero, e'l N.
prendendo col Re, il Bianco pigli il Cav. del Nero col Rocco, e'l N.
prendendo detto Rocco col ſuo Rocco, il Bianco doni Scacco col Cav.
del Re alla quinta dell'iſteſſo Cav., prendendo il Rocco, ed in que
ſto modo il Bianco viene a ricuperare in parte il danno del pedone
perduto per errore. Diſſimo di ſopra, che'l Nero a tempo, che i Bianco
ſpinſe il pedone di ſua donna quanto andava , per lo che fu preſo
detto Pedone del ſuo Re , non volendo pigliare detto Pedone col ſo
pradetto, ma pigliarlo coll'Alfiero del ſuo Re, il Bianco prenda det
to Alfiero col Cav. del ſuo Re , e 'l Nero pigliando col Pedone del
ſuo Re, il Bianco ſalti col Re alla caſa dell'Alfiero, e col Rocco alla
caſa del Resſel Nero ſpinge il Pedone della Donna due caſe, il Bian
copigli con la ſua Donna il Pedone raddoppiato, che ſta alla quarta
di ſe ſteſſo, ed averà buon giuoco : ma ſe l Nero non vorrà ſpingere
detto Pedone, ma ſaltare col Re alla caſa del Cav. e col Rocco alla
caſa del Re,il Bianco giuochi la Donna alla quinta del Rocco del ſuo
Re dove il N. per ſuo migliore ha biſogno di giucare il Cav,alla terza
di ſua Donna, e 'l Bianco cambi il Rocco col Rocco del Nero e dia
Scac
38 Sbaratto del giuoco degli Scacchi
Scaccho,e'l Nero pigliando con la Donna, il Bianco giuochi l'Alfiero
del Re alla terza di ſua Donna,dov'il Nero ſarà forzato ſpingere il Pe
done del Rocco del Re,o quello del Cav.una caſa,dov'il Bianco,ancor i
chè abbia meno due Pedoni,nulladimeno cavando l'Alfiero di Don.,e
dopo il Cav. di Donna alla ſeconda di Donna , e'l Rocco alla caſa del
Re, avrà belliſſimo giuoco, -

-
- C A P. X I. - . i

D EltoReſopradetto principio giucarà il Nero il Pedone del Re duan


va, e'l Bianco farà l'iſteſſo, e'l Nero giucarà il Cav. del ſuo
alla terza del ſuo Alfiero , e 'l Bianco il ſuo Alfiero alla
quarta dell'altro, e'l Nero pigliarà il Pedone del Re col ſuo Cavallo,
dov'il Biancogiucando la Donna alla ſeconda del Re, il Nero ſpinga
il Pedone di ſua Donna due caſe, i e ſel Bianco dà Scacco con l'Al
fiero, il Nero ſi copra col Pedone, dove ſel Bianco dopo dato scacco,
ritirarà l'Alfiero alla quarta del Rocco di Do., il Nero averà tempo di
ſalvare il Pedone del Re, ſpingendo il Fedone dell'Alfiero del Re una
caſa, e ſe l Bianco ſpinge il Pedone del ſuo Alfiero una caſa ſopra il
Cav. il Nero giuochi il Cav. alla quarta dell'Alfiero di Donna, ma
ſe a tempo,che i Bianco diede Scacco co l'Alfiero alla quinta del Cav.
di Donna, e che 'l Nero ſi coperſe col Pedone dell'Alfiero della Don
na,non aveſſe dato Scacco, ma ritiratolo alla terza del Cavallo di ſua
Donna, il Nero giuochi il Pedone dell'Alfiero del Re una caſa,e guar
darà il ſuo Pedone: per lo che avverta il Bianco a non far veruna delle
ſopradette giucate, a tempo,che'l Nero ſpinſe il Pedone di ſua Donna
due caſe, ma ſpinga il Pedone di ſua Donna una caſa, dove ſe'l Nero
fugge il Cavallo , il Bianco avanzi il ſuo Pedone ; e ſe 'l Nero non
fugge , ma prende l' Alfiero col Pedone della Donna, il Bianco
prenda il Cavallo con la ſua Donna , e ſe'l Nero piglierà col Pedone
duplicato il Pedone della Donna Bianca, il Bianco prenda il Pedone
del Re Nero, e dia Scacco; e ſe l Nero ſi coprirà con l'Alfiero del Re, o
della Donna , il Bianco prenda col Pedone del ſuo Alfiero di Don
na,perchè il Nero prendendo detto Pedone con la ſua Donna, il Bian
co potrà prendere il Pedone dell'Alfiero di Donna con la ſua Donna,
e ſarà il giuoco del pari: ma ſe'l Bianco non aveſſe dato Scacco con l'
Alfiero come ſi è detto nel ſegno K,ne fatto quello ſi è detto appreſſo;
ma ritirato l' Alfiero alla terza di Donna, il Nero giuochi il Pedone
del ſuo Alfiero di Re quanto va, e 'l Bianco ſpingendo il Pedone dell'
Alfiero del Re una caſa e il Nero ritiri il Cav. alla quarta dell'Alfiero
- di

\
º pel Dottor Aleſſandro Salvio. , 89
di penna: ſe I Bianco pigliarà il Pedone con la Donna, il Nero fugga
il Re alla feconda del ſuo Alfiero: e'l Bianco giucarà il Cav. di Donna
alla terza del ſuo Alfiero, el Nero giuochi l'Alfiero alla terza di Don
na:ſel Bianco prende il Pedone con la Donna,e dà Scacco, il Nero co
rendoſi con l'Alfiero guadagnerà la Donna al Bianco,all'altro tratto
col Scacco di ſcoperta li toglierà la Donna.
Ma ſe 'l Bianco non giucatà il Cav. di Donna, ma con l'Alfiero di
Re pigliarà il Pedone dell'Alfiero del Re Nero, il Nero giuochi il Ca
vallo di Donna alla terza del ſuo Alfiero . e 'l Bianco anderà con la
Donna alla quarta dell'Alfiero , e'l Nero giuochi l'Alfiero del Re alla
terza di Donna. e 'l Bianco fuggendo la Donna alla quarta del Cavat
lo, il Nero dia Scacco coi Rocco , e dopo ritiri il Re alla caſa del ſuo
Cavallo, che ancor,ch'abbia una Pedone meno, il giuoco ſuo è mi
gliore aſſai , eſſendo il Bianco col Re in campagna , e li pezzi rin
chiuſi. - - - - -

Avverta il Nero, in tempo,che'l Bianco ſpinſe il Pedone del ſuo Al


fiero una caſa, a non dare Scacco con la Donna alla quinta del
Rocco, perchè è tratto falſo,coprendoſi col Pedone del Cavallo.
- - a ' ( .

- Avvertimento. -

E ſe 'l Nero non aveſſe voluto pigliare l'Alfiero col Pedone di


Donna,ne fuggire il Cavallo» (come s'è detto) ma pigliaſſe il Pedone
dell' Alfiero del Re Bianco con detto Cavallo, il Bianco prenda il Pe
done del Re con la Donna, e dia Scacco,e dopo ſi pigli il Cavallo del
Nero,ed in queſto modo ricuperarà il Pedone perſo,benchè li reſti rad
doppiato il Pedone di Donna nella quarta dell'Alfiero di ſua Donna
º C A P, X II.
- º-

Iucarà il Nero il Pedone del Re quanto va , e 'l Bianco farà la


Gº ſteſſo. e'l Nero giucarà il Cavallo del Re alla terza del ſuo Al
fiero, e'l Bianco giucarà il Cavallo di ſua Donna alla terza del
ſuo Alfiero , e 'l Nero giucarà l'Alfiero del ſuo Re alla quinta del Ca
vallo di ſua Donna: diceva Damiano, ſpingerſi il Pedone della Donna
una caſa in difeſa della Pedone del Re, il che viene tacciato dal Lo
pes;ma dice,a tempo,che'l Nero giucò detto Alfiero in detto luoco,giu
carſi l'Alfiero del Re alla quarta dell'altro; e ſe l Nero prende il Ca
vallo della Donna col ſuo Alfiero , il Bianco prenda col Pedone di
Donna , e ſe 'l Nero prenderà dipoi col Cavallo il Pedone del Re, il
Bianco potrà fare due coſe pigliare il Pedone dell'Alfiero del " Nero,
- M º Clare
9o Sbaratto del giuoco degli Scacchi
e dare Scacco,e dopo dato Seacco con la Donna alla quinta di ſe ſteſſa,
prendendo l'Alfiero col Re il Nero,recuperarà il ſuo pezzo, ed anco il
Pedone , overo non volendo far queſto, potrà giucare la Donna alla
quinta di ſe ſteſſa,che non li mancarà o il Cav. franco,o il Pedone del
l'Alfiero del Re, o il Pedone del Re.
- - : : - -

e G A P. X I I I.
-

G Iucarà il Bianco il Pedone del Re quanto va , e 'l Nero


il Pedone del Re una caſa, e 'l Bianco giucarà il Pedone delia
giucara
Donna quanto va, e 'l Nero giucarà il Pedone dell'Alfiero di
Donna una caſa. e 'l Bianco giucarà l'Alfiero del Re alla terza di ſua
Donna,e'l Nero giucarà l'Alfiero del Re alla ſeconda del Re. e'l Bian
co giucarà il Cav. del Re alla terza dell'Alfiero del ſuo Re, e'l Nero fa
rà lo ſteſſo. e'l Bianco ſpingerà il Pedone del Rocco del Re quanto
va, e 'l Nero ſaltarà col Rocco alla caſa del Re, e col Re alla caſa del
Cav. e il Bianco ſpinga il Pedone del Re un'altra caſa, e 'l Nero per
ſuo migliore giucarà il Cav.alla quarta di ſua Donna, e'l Bianco con
l'Alfiero di ſuo Re prenda il Pedone del Rocco, e dia Scacco al Nero,
e 'l Nero prendendo detto Alfiero col Re , il Bianco dia Scacco alla
quinta d'eſſo Cav.con detto Cav. ſe 'l Nero prenderà con l'Alfiero, il
Bianco prenda col Pedone del Rocco, e diali Scacco di ſcoverta , do
ve ſe 'l Nero fugge col Realla terza del Cav. ſarà matto in pochi trat
ti, dandoli Scacco prima con la Donna alla quinta del Rocco, dov'il
Nero ſarà forzato andare alla quarta dell'Alfiero del Re, e'l Bianco
dando Scacco con la Donna alla terza del Rocco del Re, ſe'l Nero torna
dove era, ſarà matto alla ſeconda del Rocco del Nero; e ſe fugge alla
quinta d'eſſo Re, ſarà matto di Donna alla terza della Donna Bianca:
ma ſe'l Nero a tempo ricevè lo Scacco di ſcoverta fuſſe andato alla ca
ſa del Cav.d'eſſo Re, il Bianco giuochi la Donna alla quinta del Rocco
del Re,ſe'l Nero ſpingeſſe il Pedone del ſuo Alfiero una, o due caſe, ſa
rebbe matto, perchè il Bianco dandoli Scacco con la Donna alla caſa
del Rocco, e'l Nero venendo alla ſeconda dell'Alfiero per forza , il
Bianco dandoli Scacco col Pedone raddoppiato del Cav. il Nero
prendendo ſarà matto di Donna alla quinta del Rocco del Re , e ſel
Nero non ſpingeſſe detto Pedone dell'Alfiero del Re una, o due caſe,
ſarà matto, e'l Bianco dandoli Scacco con la Donna alla caſa del Roc
co, li darà matto al ſeguente tratto di Donna , o Scacco col Pedo
ne, e dopo matto con la Donna:il migliore ſarà per lo Nero,ſe andarà
col Re alla caſa del ſuo Alfiero , non volendo ſpingere il ſopradetto
-
--- - - - --
- - - Pe
--

Del Dottor Aleſſandro Salvio. 9 I.

Pedone,perchè il Bianco ſpingendo il Pedone del Cav. e'l Nero pren


dendo, e'l Bianco ancora, il Nero ſarà forzato andare col Re alla caſa
del Cav. il Bianco giuochi l'Alfiero di Donna alla quinta del Cav.
del Re , e ſe'l Nero andarà col Cav. alla ſeconda del Re, il Bianco dia
Scacco alla ſeconda del Rocco del Nero , e 'l Nero andarà col Re alla
caſa del ſuo Alfiero, o alla ſeconda di detto Alfiero, e'l Biancogiuochi
il Rocco del Re alla terza del Rocco, e'l Nero darà Scacco alla quarta
del Rocco di Donna, e 'l Bianco ſi copra col Cav.alla terza dell'Alfie
ro, overo col Pedone dell'Alfiero di Donna,ed in queſto modo ſi ve
de quanto n'abbia migliore il Bianco , perchè ſe'l Nero anderà col
Cav.alla quarta dell'Alfiero, il Bianco giucado il Rocco alla terza del
l'Alfiero del Re , e poi ſpingendo col Pedone del Cav. viene a ricu
perare il pezzo, ed aver miglior giuoco del Nero.
Ma ſe i Nero a tempo, che'l Bianco li diede Scacco col Cavallo alla
quinta del Cav.di Re,non aveſſe pigliato detto Cav. coll'Alfiero, ma
iucato il Re alla terza del Cav. il Bianco ſpinga il Pedone del Roc
co,che ſarà Scacco Donna,overo matto: ma ſe non andaſſe col Re alla
terza del Cav. ma alla caſa del Cav. il Bianco vada con la Donna
alla quinta del Rocco, dove 'l Nero per ſuo migliore ſarà aſtretto pi
gliare il Cav., coll'Alfiero e I Bianco pigliando col Pedone del
Rocco, avrà il giuoco come di ſopra.
-

- - º

c A P. x 1v.

Gº Iucarà il Bianco il Pedone del Re quanto va, e 'I Nero giuca


rà quello del Re una caſa - e il Bianco giucarà il Pedone dell'
Alfiero di Donna una caſa , e 'l Nero farà lo ſteſſo. e 'l Bianco
giucarà il Pedone di Donna quanto va, e 'l Nero giucarà l'Alfiero
del Re alla ſeconda del Re. e'l Bianco giucarà l'Alfiero di Re alla ter
za di ſua Donna, e'l Nero giucarà il Cav. del Re alla terza del ſuo Al
fiero.e'l Bianco farà lo ſteſſo, e'l Nero ſaltarà col Re alla caſa del Cav.
e col Rocco alla caſe del Re , e 'l Bianco giucarà il Pedone del Rocco
del Re quanto va, e 'l Nero giucarà il Pedone di ſua Donna quanto
va e 'l Bianco ſpingerà il Pedone del Re un'altra caſa, dove ſe'i Nero
fuggirà il Cav. alla ſeconda di ſua Donna, il Bianco potrà fare lo ſteſſo
giuoco, che nel precedente capitolo s'è detto, ma ſe non fuggirà det
to Cav. in detta ſeconda di Donna , ma nella quinta del ſuo Re , il
Biancogiuochi la Donna alla ſeconda del ſuo Re, dov'il Nero per non
perdere un Pedone , ſarà forzato ſpingere il Pedone dell'Alfiero del
F. e quanto va . e 'l Bianco giuochi il Pedone del Cav. del Re una ca
ſa, dov'il Nero ſe vorrà difenſare il Cav. che in pochi tratti non ſi
M 2 per
92 Sbaratto del giuoco degli Scacchi
perda, ſe lo difenſarà dalla parte del ſuo Re, ſtarà male: meglio farà
dunque arriſchiarlo con giudare il Pedone dell' Alfiero di Donna
un'altra caſa, dove il Bianco traviarà dal giucare, che ſi dirà ſtar ma
le per queſto, dopo che'l Nero avrà ſpinto detto Pedone, giuochi l'Al
fiero di Donna alla terza del ſuo Re, e'l Nero cambiando detto Pedone
con quello della Donna del Bianco, il Bianco prendalo col Pedone
del ſuo Alfiero di Donna, e 'l Nero giucando il Cav. di Donna alla
terza del ſuo Alfiero, il Bianco giuochi il Re alla caſa del ſuo Alfiero,
e'l Nero giuochi il Cav. alla quinta di ſe ſteſſo, e'l Biancogiuochi il Re
alla ſeconda del ſuo Cav. e 'l Nero giuochi la Donna alla 4, del ſuo
Rocco, el Bianco giuochi il Cav. del Re alla caſa del Re:dove s'avver
ta,che'l Nero giucando l'Alfiero di Donna alla 2. di Donna, il Bianco
ſpinga il Pedone dell'Alfiero del Re una caſa, e ſe l Nero prenderà l'
Alfiero del Re col Cav. il Bianco prenda con la Donna , perchè pren
dendo col Cav. il Nero lo porrebbe in coperta coll'Alfero alla
quarta del Cav. di Denna , dov'il Bianco non potrebbe pigliare il
Cav. col Pedone del ſuo Alfiero , perchè perderebbe il ſuo.
Nota, che ſe I Bianco non aveſſe giucato il Re alla caſa del ſuo Al
fiero,a tempo,che'l Nero giucò il Cav. di Donna alla terza del ſuo Al
fiero, ma aveſſe giucato il Rocco del Re alla terza dieſſo Rocco, accio
chè poi poteſſe andare a pigliarſi il Cav. col Pedone dell' Alfiero, le
vando prima il ſuo Cav. di Re dalla terza di ſuo Alfiero, il Nero giu
cando il Cav. di Donna alla quinta di ſe ſteſſo, e'l Bianco giucando il
Cav. del Re alla propia caſa dello ſteſſo Cav. il Nero giucarà la Don
na alla quarta del Rocco , e 'l Bianco giucarà il Re alla caſa del ſuo
Alfiero, il Nero giuochi l'Alfiero di Donna alla ſeconda di ſua Donna,
e'l Bianco ſarà forzato fuggire il Re alla ſeconda del ſuo Cav. acciò
che’l Nero prendendo l'Alfiero del Re col Cav. non li ponghi la Don
na in coperta, perchè ſe lo vorrà evitare col Cav. alla terza del Rocco
di Donna, il Nero lo prenderà coll'Alfiero del Re, prendendo prima
l'Alfiero del Bianco col Cav. e ſe non lo vorrà vietare con detto
Cav. ma ſpingerà il Pedone del Rocco di Donna quanto va, il Nero
potrà ſpingere il Pedone del Cav. di Donna quante va , e ſi verrà a
pigliare per forza il Pedone del Rocco del Bianco , e porrà il giuoco
in compromeſſo per lo che ſarà meglio al Bianco andare col Re alla
ſeconda del Cavallo, overo fare il giuoco di prima.

- CA P.
- - –-

Del Dottor Aleſſandro Salvio. 93


- - -

C A P. X V.

G Iucarà il Bianco il Pedone del Re quanto va, e 'l Nero ſpinge


rà quello di ſua Donna quanto va . e 'l Bianco ſpingerà quel
lo del Re un'altra caſa, e'l Nero ſpingerà quello di ſua Donna
un'altra caſa. el Bianco ſpingerà il Pedone dell'Alfiero del Re quanto
va, e 'l Nero ſpingerà quello dell'Alfiero di Donna quanto va. e 'I
Bianco giucarà il Cav. del Re alla terza del ſuo Alfiero, e 'l Nero giu
carà il Cavallo di Donna alla terza del ſuo Alfiero. e'l Bianco giucarà
il Pedone di Donna una caſa, e 'l Nero giucarà quello del Re una caſa.
el Bianco giucarà l'Alfiero del Re alla ſeconda d'eſſo Resel Nero giu
carà il Pedone del Cav. di Donna una caſa. e'l Bianco giucarà il Ca
vallo del Re alla quinta d'eſſo Cav. e'l Nero giucarà l'Alfiero di Don
na alla ſeconda del Cav. e 'l Bianco giuochi l'Alfiero del Re alla terza
di ſe ſteſſo, e'l Nero giuochi la Donna alla ſeconda ſua. e'l Bianco ſal
ti col Re alla caſa del Cav. overo al pontone, e col Rocco alla caſa
dell'Alfiero, e'l Nero giucarà il Pedone del Rocco del Re una caſa. e'l
Bianco ritornarà il Cav. alla terza del Rocco del Re, e 'l Nero giucarà
il Pedone del Cav.del Re una caſa, dov'il Bianco ſe ſpingerà il Pedone
dell'Alfiero di Donna due caſe, verrà il giuoco ad intrigarſi, e ſarà
pericoloſo per colui che vorrà rompere , ma ſe'l Bianco ſpingerà il
detto Pedone una caſa, il Nero non prenda , ma potrà ſaltare col Re
alla caſa del Cav. overo dell' Alfiero , e col Rocco alla caſa di Don.
e ſe non vorrà ſaltare, potrà giucare il Rocco alla caſa di Donna,e do
po con ſpingere il Pedone dell'Alfiero del Re quanto va , verrà a
fortificarſi il giuoco. -
- t.
- - -
- - -
- - ,

c A P. xv 1. -
G Incarà il Bianco il Pedone del Re quanto va, e 'l Nero ſpin
- º gerà quello di ſua Donna quanto va. e 'l Bianco ſpingerà
il detto Pedone un'altra caſa, e 'l Nero ſpingerà lo ſteſſo un al
tra caſa. e'l Bianco ſpingerà il Pedone del ſuo Alfiero quanto va, e'l
Nero ſpingerà quello dell'Alfiero di ſua Donna quanto va. e 'l Bian
co giucarà il Cav. del Re alla terza del ſuo Alfiero, el Nero giucarà il
Cav. di ſua Bonna alla terza del ſuo Alfiero . e'l Bianco giudarà il Pe
done della Donna una caſa,e'l Nero giucarà quello del Re una caſa.e'l
Bianco giucarà il Cav della Donna alla ſeconda d'eſſa Donna,el Nero
giuochi il Pedone dell'Alfiero del Re due caſe . e'l Bianco giuochi il
a - - - Cav.
94 Sbaratto del giuoco degli .Scacchi
Cav. del Re alla quinta d'eſſo Cav. , e 'l Nero giuochi il Pedone del
Cav. del Re una caſa. e 'l Bianco ſpinga il Pedone del Rccco del Re
quanto va , e 'l Nero ſpinga il Pedone del Rocco del Re una caſa. e'l º
Bianco ritiri il Cavallo,e'l Nero ſpinga il Pedon.dello ſteſſo Rocco un'
altra caſa.
Nota. ſe 'l Nero a tempo, che ſpinſe il Pedone dell'Alfiero del Re
quanto andava, non aveſſe giucato il Pedone predetto, ma la Donna
alla ſeconda del ſuo Alfiero, il Bianco giuochi il Cavallo alla quarta
del Re, e 'l Nero ſpinga il Pedone dell'Alfiero del Re quanto va, e'l
Bianco ritiri il Cavallo, che ſta alla quarta del Re, alla terza del Ca
vallo del Re, e queſto ſarà giuoco di pari. -

C A P. X VI I,

G Iucarà il Bianco il Pedone del Re quanto va, e 'l Nero giucarà


il Pedone della Donna quanto va. e'l Bianco ſpingerà il Pedo
ne del Re un'altra caſa, e'l Nero ſpingerà quello di ſua Donna
un'altra caſa. e 'l Bianco giucarà il Pedone dell'Alfiero del Re quanto
va,e'l Nero ſpingerà quello dell'Alfiero di Donna quanto va. e'l Bian
co giucarà l'Alfiero del Re alla quarta dell' altro, e 'l Nero giuochi il
Pedone del Re una caſa.e'l Bianco giuochi il Cavallo del Re alla terza
del ſuo Alfiero, el Nero giuochi il Cavallo della Donna alla tetza del
fuo Alfiero.e'l Bianco giuochi il Pedone del Rocco di Donna una caſa,
e'l Nero giuochi il Pedone del Rocco di Re una caſa. e'l Bianco giuo
chi il Pedone della Donna una caſa,e'l Nero giuochi la Donna alla ſe
conda del ſuo Alfiero. e 'l Bianco giuochi il Cavallo di Donna alla ſe
conda di Donna, e 'l Nero giuochi l'Alfiero di Donna alla ſeconda di
Donna.e'l Bianco giucarà il Cavallo alla quarta del Re, e 'l Nero ſalti
-al pontone,e'l Rocco alla caſa dell'Alfiero il qual giuoco ſi vede quan
to ſia bello dall'una,e dall'altra parte:ma ſe all'ora, che'l Bianco giucò
il Pedone del Rocco di Donna una caſa, aveſſe giucato il Cavallo del
Re alla quinta di ſe ſteſſo, il Nero giuochi il Pedone del Rocco del Re
una caſa. e 'l Bianco giuochi la Donna alla quinta del Rocco del ſuo
Re,e'l Nero giuochi il Pedone del Cavallo del Re una caſa . e'l Bianco
ritiri la Donna alla terza del Rocco del Re, e'l Nero giuochi l' Alfiero
del Re per ſuo migliore alla ſeconda del Re , perchè ſe 'I Bianco non
fuggirà il Cavallo, ma giucarà il Pedone della Donna una caſa, il Nero
pigliarà detto Cav. coll'Alfiero del Re, ed averà buon giuoco il Nero
ma ſe l Bianco fuggirà detto Cavallo alla quarta del ſuo Re, il Nero
ſpinga il Pedone dell'Alfiero del Re quanto va, ch'in queſto modo s' -

2C
Del Dottor Aleſſandro Salvio. 95
acconciarà il giuoco, dove, facendo altri tratti di queſti, ſtarebbe peg
giore , come ſi notarà.

C A P. X VI II.

L Bianco giucarà il Pedone del Re quanto va, e 'l Nero ſpingerà


quello di ſua Donna quanto va. e'l Bianco pigliarà detto Pedone
col ſuo , e 'l Nero lo pigliarà con la Donna. e'l Bianco (giucan
doſi alla Napolitana) giuochi il Cavallo del Re alla ſeconda d'eſſo Re,
e'l Nero giuochi l'Alfiero di Donna alla quarta dell'altro - e'l Bianco
giuochi il Cavallo di Donna alla terza del ſuo Alfiero , e 'l Nero ritiri
la Donna alla ſeconda d'eſſa Donna . e 'l Bianco giuochi il Pedone di
Donna quanto va,e'l Nero giuochi il Pedone del Re una caſa.e'l Bian
cogiuochi il Cavallo del Re alla terza di ſe ſteſſo, e 'l Nero ritiri l'Al
fiero alla terza del Cavallo. e 'l Bianco giuochi l'Alfiero del Re alla
quarta dell'altro,e'l Nero giuochi il Cavallo del Re alla terza dell'Al
fiero,e'l Bianco ſalti col Re alla caſa del Cavallo, e col Rocco alla caſa
del Re, e'l Nero giuochi l'Alfiero del Re alla ſeconda del Re: dove ſe l
Bianco ſpingerà il Pedone della Donna un'altra caſa, il Nero lo pren
da col ſuo , e 'l Bianco prendendo o col Cavallo , o con l'Alfiero , il
Nero cambi il ſuo Cavallo del Re col pezzo del Bianco : dove ſe al
Bianco reſtarà l'Alfiero alla quinta di ſua Donna, il Nero ſpingendo il
Pedone dell'Alfiero di Donna,cambiarà per forza la Donna al Bianco,
ed averà buon giuoco:ma ſe al Bianco non reſtarà detto Alfiero in detta
quinta caſa di Donna, ma il Cavallo, il Nero ſalti col Re alla caſa dell'
Alfiero, e col Rocco alla caſa del Re. e'l Bianco giucando l'Alfiero di
Donna alla quarta dell'altro,il Nero giuochi il Cavallo di Donna alla
terza del ſuo Rocco: ma ſe'l Bianco non giucaſſe detto Alfiero di Don
na alla quarta dell'altro, (come s'è detto) ma ſpingeſſe il Pedone del
Cavallo di Donna una caſa, il Nero giuochi l'Alfiero del Re alla terza
di ſua Donna. e ſe 'I Bianco cambiarà il Rocco, il Nero pigli con la
Donna,e dopo cacci il Cavallo di Donna alla terza dell'Alfiero:ma ſe'l
Bianco non ſpingerà (come s'è detto) nel principio il Pedone di Don
ma un'altra caſa, ma giucarà l'Alfiero di Donna alla quarta dell'altro,
il Nero ſalti col Re alla caſa dell'Alfiero, e col Rocco alla caſa del Re:
dov'il Bianco ſpingendo il Pedone di Donna, e'l Nero pigliando, ver
rà il giuoco,come di ſopra: ma ſe non ſpingerà, e giucarà il Cavallo di
Donna alla quinta d'eſſo Cav. il Nero giuochi il Cav. di Donna alla
terza del ſuo Rocco. -

'i -- - - C A P.
96 Sbaratto del giuoco degli Scacchi -

C A P. X IX, - - - - - - ,

Gambitto del Re.

G ſteſſo. e 'l Bianco giucarà il Pedone dell'Alfiero del Re farà


Iucarà il Bianco il Pedone del Re quanto va, e 'l Nero fo
quanto
va , e'l Nero lo prenderà col ſuo Pedone. e 'l Bianco giucarà il
Cav. del Re alla terza del ſuo Alfiero, e 'l Nero giuearà il Pedone del
Cav.del Re quanto va, e'l Bianco giucarà l'Alfiero del Re alla quarta
dell'altro, e'l Nero ſpinga il Pedone del Cav. del Re un'altra caſa. e'l
Bianco fuggirà il Cav. alla quinta del Re ſuo, e'l Nero dia Scacco alla
quinta del Rocco del Re. e'l Bianco giucarà il Re alla caſa del ſuo Al
fiero, e'l Nero giucarà il Cav. alla terza del Rocco del Re. e'l Bianco
-- giuochi il Pedone di Donna quanto va, e 'l Nero potrà fare due coſe,
ſpingere il Pedone di Donna una caſa,overo il Pedone,che ſta alla file
ra dell'Alfiero del Re, raddoppiato: ſpingendo dunque il Nero il Pedo
ne raddoppiato (che s'è detto) un'altra caſa, il Bianco prendendo il
detto Pedone con quello del ſuo Cav. il Nero dia Scacco con la Don
na alla ſeſta del Rocco del Re ſuo, e'l Bianco vada col Re alla ſeconda
del ſuo Alfiero. e'l Nero ſpinga il Pedone di ſua Donna una caſa, e'l
Bianco prendendo il Cav.del Nero con l'Alfiero di ſua Donna, il Nero
renda il Cav. del Bianco con il Pedone di ſua Donna: dove ſe'l Bian
co fuggirà l'Alfiero di ſua Donna, fuggala dove li piace, il Nero pren
da il Pedone dell'Alfiero del Re con quello del ſuo Cav. che verrà
a cambiare la Donna, e 'l Pedone, reſtando pari di pezzi, e ciaſcuno tre
Pedoni per parte della Donna,e'l Bianco il Pedone del Re, e 'l Pedone
del Rocco: ma ſe'l Bianco non fuggirà l'Alfiero della Donna,( come s'è
detto)e prenderà l'Alfiero del Re Nero con l'Alfiero ſuo, il Nero pren
da col ſuo Rocco : e 'l Bianco prendendo il Pedone del Re Nero con il
Pedone di ſua Donna , il Nero prenda il Pedone dell'Alfiero del Re
Bianco con la Donna e'l Bianco prendendo detta Donna con la ſua, il
Nero prenda col Pedone: e'l Bianco prendendo col Re, il Nero ſpin
ga il Pedone dell'Alfiero del Re quanto va. -

Ma ſe'l Nero a tempo, che'l Bianco preſe il Pedone del Re Nero col
Pedone della Donna , daſſe Scacco con la Donna alla quinta
del Rocco di ſuo Re, il Bianco vada dove li piace col Re , e 'l Nero
prenda il Pedone dell'Alfiero del Re Bianco col Pedone del Cav. e
dopo ſpinga il Pedone dell'Alfiero del Re quanto va,che'n queſto mo
do il giuoco reſtarà di paro.
INota:
Del Dottor Aleſſandro Salvio. 97
Nota ma ſe'l Bianco a tempo, che'l Nero ſpinſe il Pedone, che ſtava
raddoppiato alla filera del ſuo Alfiero, non aveſſe preſo detto Pedone
col Pedone del Cav. ma aveſſe ſpinto detto Pedone di Cav. una
caſa, il Nero dia Scacco con la Donna alla ſeſta del Rocco del ſuo Re.
el Bianco fugga il Re alla ſeconda del ſuo Alfiero, e'l Nero dia Scacco
con la Donna alla ſeconda del Cav.del Re Bianco - e 'l Bianco fuggen
do il Re alla terza d'eſſo Re, il Nero ſpinga il Pedone dell'Alfiero del
Re una caſa. e'l Bianco fuggendo il Cav. alla terza di bonna, il Nero
giuochi il cav.del Re alla ſeconda del ſuo Alfiero, acciocchè andando
il Bianco col Cav. alla quarta dell'Alfiero del Re, il Nero poſſa giudare
l'Alfiero del Re alla terza del Rocco ſuo,acciò non perda la Donna.
- - - - i

e, , , Avvertimento al AVero. . . . i , l
Avverta dunque il Nero, ch'eſſendo il giuoco in queſta maniera a
tempo,che ſpinſe il Pedone dell'Alfiero del Re una caſa, aveſſe ſpinto
quello di Donna una caſa , il Bianco non fuggirebbe altramente il
Cav. ma giucarebbe l'Alfiero del Re alla ſua caſa, dove il Nero ſarà
forzato pigliarſi il Rocco con la Donna , e'l Bianco dandogli Scacco.
o

coll' Alfiero del Re, li levarebbe la Donna. -

-
-

-
-
. . . . . . .i . . »
. . . . . c: A, P. . . . X X, si

. .Secondo modo dello ſteſſo. i


- - - - -
-

G Iucarà il Bianco il Pedone del Re quanto va, e 'l Nero farà le


ſteſſo. el Bianco ſpingerà il Pedone dell'Alfiero del Re quanto
-

va,e ſe'l Nero lo prenderà, il Biancò giucarà il Cav. del Re alla


terza del ſuo Alfiero, e 'l Nero ſpingerà il Pedone del Cavallo del Re
quanto va.e'l Bianco giucarà l'Alfiero del Re alla quarta dell'altro,el
Nero ſpingerà il Pedone del Cav. un'altra caſa. e 'l Bianco giucarà il
Cav.alla quinta del Re, e'l Nero darà Scacco colla Donna alla quin-a
ta del Rocco del ſuo Re. e 'l Bianco fuggirà il Re alla caſa del ſuo Al
fiero,el Nero giucarà il Cav.del Re alla terza del ſuo Rocco e'l Bianco,
ſpingerà il Pedone della Donna quanto va, e 'l Nero giucarà il Pedo-,
ne di Donna una caſa. e'l Bianco ritirerà il Cav. alla terza di Donna,
e'l Nero ſpingerà il Pedone raddoppiato un'altra caſa. e'l Bianco ſpin
gerà il Pedone del Cav. del Re una caſa, e'l Nero ritiri la Donna alla
quarta del Rocco del Re, overo alla ſeconda del Re, è migliore, perchè,
ſe daſſe Scacco con la Donna alla ſeſta del Rocco, il Bianco andando
col Re alla caſa del Re, ſe 'l Nero non ritira la Donna alla quarta del
º -. - N Roc
98 Sbaratto del giuoco degli Scacchi
Rocco, ma giucaſſe altro, il Bianco andando col Cav. alla quarta dell'
Alfiero del Re, li guadagnarebbe la Donna 3 e ſe pure il Nero non vos
leſſe ritirare la Donna, ( come s'è detto) ma giucarla alla ſeconda del
Cav.del Re Bianco,il Bianco giucando il Cav.alla ſeconda dell'Alfiero
del Re,al ſecondo tratto li pigliarebbe la Donna coll'Alfiero, andan
do alla ſua propia caſa. “ - -

G A P. X XI.

- rare, modo del Gambitto.


G Iucarà il Biarico il Pedone del Re quanto va, e 'l Nero farà Io
ſteſſo. e 'l Bianco giucarà il Pedone del ſuo Alfiero quanto va,
e'l Nero lo prenderà. e I Bianco giucarà il Cav. del Re alla ter
za del ſuo Alfiero, e'l Nero ſpingerà il Pedone del Cav. del Re quanto
va.ſe'l Bianco ſpingerà il Pedone del Rocco del Re quanto va, il Nero
ſpinga il Pedone del Cav. un'altra caſa. e 'l Bianco giucarà il Cav.del
Re alla quinta del ſuo Re, e I Nero giuochi il Pedone del Rocco del Re
quanto va . e 'l Bianco giuochi l'Alfiero del Re alla quarta dell'altro,
el Nero giuochi il Cav del Re alla terza del Rocco e i Bianco ſpinga
il Pedone della Donna quanto va, e'l Nero giuochi la Donna alla ter
za dell'Alfiero del ſuo Re. e 'l Bianco giuochi il Cav. di Donna alla
terza del ſuo Alfiero, e'l Nero giuochi il Pedone dell'Alfiero di Don
ma una caſa, onde il Bianco ſarà forzato giucare l'Alfiero del Re alla
terza del Cav. di Donna, overo alla ſeconda del ſuo Re,acciocchè ſpin
gendo il Nero il Pedone della Donna una caſa, non venga a pigliarſi
- il Pedone della Donna del Bianco, non curandoſi perdere il Pedone
raddoppiato, ed in queſto modo dopo il Nero attenda a sbrigare i ſuoi
pezzi che I giuoco ſarà migliore per lui per lo che a tempo,che'l Bian
co giucò il Cav. alla terza dell'Alfiero di Donna, giuochi il Pedone
dell'Alfiero di Donna una caſa, perchè ritirando il Cav. alla terza di
Donna all'altra giucata, il Nero ſarà forzato ſpingere il Pedone rad
doppiato un'altra caſa;ed all'ora ſe'l Bianco ſpinge il Pedone del Cav.
del Re una caſa, avverrà come nel precedente capitolo;e ſe cambiarà,il
Nero prenda con la Donna, che ſarà migliore per lui, benchè pure col
tempo perda il Pedone, ma reſtarà di pari: ma ſe 'l Nero non ſpingeſſe
il Pedone del Rocco quanto va,(come s'è detto) ma giucaſſe la Donna
alla ſeconda del Re, il Bianco non prenda col Cav.il Pedone del Nero»
perchè ſpingendo il Pedone della Donna quanto va , il Bianco non
ſtarebbe bene all'offenſione, per tanto il Bianco non mova il º"
donde
Del Dottor Aleſsandro Salvio. 99

donde ſta, ma ſpinga il Pedone di ſua Donna quanto va 3 e ſe'l Nero


ſpinge il Pedone di Donna addoſſo al Cavallo, all'ora il Bianco prenda
il Pedone del Nero col Cav. che ſarà migliore per lo Bianco perchè ſi
ritrova ſpinto il Pedone di ſua Donna.
º c A P. xx11.
Modo quarto dello ſteſſo Gambitto, con far difeſa all'offeſa
del contrario.

- Iucarà il Bianco il Pedone del Re quantova, e 'l Nero farà lo


ſteſſo. e 'l Bianco giucarà il Pedone dell'Alfiero del Re quanto
va,e'l Nero lo prenderà. el Bianco giucarà l'Alfiero del Re alla
quarta dell'altro,el Nero ſpinga il Pedone dell'Alfiero del Re quanto
va. dove ſe 'l Bianco piglia col Pedone del Re, o ſpinge detto Pe.
done, il Nero dia Scacco alla quinta del Rocco del Re. el Bianco per
ſuo migliore andando alla caſa del ſuo Alfiero col Re, il Nero ſpinga
il Pedone raddoppiato un'altra caſa, dove il Bianco ſarà forzato pren
der coll'Alfiero del Re il Cav. del Re Nero, o vero fuggirlo, o vero
guardarlo con giucare il Pedone di Donna una caſa, e 'I Nero prenda
col Pedone raddoppiato il Pedone del Cav.del Bianco, e dia Scacco, ed
averà giuoco belliſſimo. :
Ma ſe'l Bianco a tempo, che ſpinſe il Nero il Pedone del ſuo Alfiero
quanto andava, non aveſſe pigliato detto Pedone, ne tampoco ſpinto
detto Pedone, come s'è detto,ma aveſſe giucato il Cav. del Re alla ter
za del ſuo Alfiero, il Nero col Pedone dell'Alfiero del Re prenda il
Pedone del Re Bianco: e ſel Bianco ſaltarà col Re alla caſa dove li pia
ce, e col Rocco alla caſa del Re , il Nero ſpinga il Pedone di Donna
uantova,ch'averà giuoco belliſſimo: ma ſe i Bianco prima, ch'arroc
caſſe, prendeſſe il Cav. del Nero coll'Alfiero, il Nero non pigli detto
Alfiero col Rocco, ma pigli il Cav. col Pedone del Re , perchè ſe
prendeſſe l'Alfiero col Rocco,e'l Bianco arrocchandoſi,(come s'è detto)
ſtarebbe male: poteva ancora il Bianco a tempo, che 'l Nero ſpinſe il
Pedone dell'Alfiero del Re quanto andava, pigliarſi coll'Alfiero del
Re il Cav.del Nero, e'l Nero dia Scacco con la Donna alla quinta del
Rocco : e 'l Bianco andando per ſuo migliore alla caſa dell'Alfiero col
Re,il Nero prenda l'Alfiero del Bianco col Rocco: e ſel Bianco giucarà
il Cav.del Re alla terza del ſuo Alfiero, overo prenderà il Pedone dell'
Alfiero del Nero col ſuo Pedone , il Nero ritiri la Donna alla terza
dell'Alfiero del Re, che ſempre avrà il ſuo Pedone di vantaggio, per lo
N 2 che
I OO .Sbaratto del giuoco degli Scacchi
che ſuccede con queſta difeſa,che'l Nero ſempre avrà il meglio, e per i
ciò giucando il Nero (come s'è detto) il Pedone dell'Alfiero del Re
quaito va , il Bianco non facci veruna delle predette giucate, ma
giuochi la Donna alla ſeconda del Re: e ſe l Nero prende il Pedone del
Re con quello del ſino Alfiero - il Rianco le renda con la nonna e dia
Scacco . e 'l Nero coprendofi colla Donna, il Bianco cambi la Donna
con quella del Nero. e'l Nero prenda col Cav. del Re,e'l Bianco ſpinga
il Pedone della Donna quanto va . e'l Nero giuochi il Cav. del Re alla -

terza d'eſſo Cav. e 'l Bianco giuochi l'Alfiero del Re alla terza della
Donna . e'l Nero giuochi il Cav. di Donna alla terza del ſuo Alfiero,
dove ſe'l Bianco ſpinge il Pedone dell'Alfiero di Donna una caſa in
difeſa del Pedone della Regina , il Nero andando col Cav. di Donna
alla ſeconda del Re, viene a fortificarſi per guardare il Pedone del ſuo
Alfiero, giucando però prima l'Alfiero del Re alla terza di Donna, e
dopo il Cav. in detto loco: e ſe bene reſtarà implicato, che non potrà
giucare l'A lfiero di Donna, nulla dimeno con giucare il Pedone dell'
Alfiero di Donna una caſa, dopo fatti detti tratti, e ritirando l'Alfiero
del Re alla ſeconda di detto Alfiero di Donna , verrà a mantenerſi
ſempre il ſuo Pedone. - -
- - -

. Ma ſel Bianco non aveſſe ſpinto il Pedone dell'Alfiero di Donna


una caſa, in difeſa del Pedone della ſua Donna , ma coll'Alfiero del
ſuo Re preſo il Cav. del Nero , e dato Scacco, il Nero lo prenda col
Pedone del ſuo Rocco, dove il Bianco ſarà forzato guardarſi il Pedone
di Donna o col Pedone dell'Alfiero , o col Cav. perchè ſe prendeſſe
il Pedone dell'Alfiero coll'Alfiero di Donna, e 'l Nero pigliando il
Pedone della Donna col Cav. avrebbe ancora il Pedone di vantag
gio: difendendo dunque il Bianco il Pedone di Donna col Pedo
ne del ſuo Alfiero, il Nero giuochi l'Alfiero del Re alla terza di Don
na. e ſe l Bianco giudarà il Cav. alla terza del Rocco del Re, il Nero
giuochi il Pedone raddoppiato un'altra caſa ma ſe'l Bianco andaſſe col
Cav.alla terza dell'Alfiero del Re, il Nero giuochi il Cav. alla ſeconda
del Re,e poi giuochi il Pedone dell'Alfiero di Donna una caſa, e ritiri
poi l'Alfiero alla ſeconda di detto Alfiero di Donna.

- -

CAP.
Del Dottor Aleſſandro Salvio. I OI

i i - - : i

Gambitto di Re.

Iucarà il Bianco il Pedone del Re quanto va , e 'l Nero farà


- lo ſteſſo . e 'i Bianco giucarà il Pedone dell'Alfiero di Re
quanto va, e 'l Nero darà Scacco colla Donna alla quinta
del Rocco - e'l Bianco ſi coprirà col Pedone del Cav. e 'l Nero ritiri
la Donna alla ſeconda del Re. e 'l Bianco prenderà il Pedone del Re
con quello dell'Alfiero, e'l Nero prenderà con la Donna dove il Bian
co potrà fare due coſe, o giucare il Cav. di Re alla terza dell'Alfiero,
overo giudare il Cav. dell'Alfiero di Donna alla terza dall'Alfiero di
Donna; ſe giucarà il Cav.del Re alla terza dell'Alfiero,il Nero prenda
il Pedone del Re, e dia Scacco con la Donna, e 'l Bianco venga col Re
alla ſeconda del ſuo Alfiero, e 'l Nero ſe darà Scacco coll'Alfiero del
Re alla quarta dell'altro, il Bianco ſpinga il Pedone di Donna quanto
va.e'l Nero ritirando l'Alfiero alla terza del Cav. di Donna , il Bianco
giuochi l' Alfiero del Re alla quarta dell'altro. e'l Nero giucando il
Cav.del Re alla ſeconda del Re, il Bianco prenda il Pedone del Re Ne
ro coll'Alfiero, e dia Scacco, per lo che il Nero non potrà pigliare, che
ſarebbe Scacco Don.,e ſarà forzato giucare il Re,e n'avrebbe meglio il
Bianco: onde avverta il Nero a non dar Scacco coll' Alfiero del Re alla
quarta dell'altro, ma giucare detto Alfiero alla ſeconda del Re; e ſel
Bianco giucarà il Pedone di Donna quantova, il Nero giuochi il Cav.
del Re alla terza dell'Alfiero; e ſe'l Bianco giucarà l'Alfiero del Re alla
quarta dell' altro, il Nero ſpinga il Pedone della Donna quanto va,
ch'in queſto modo ſi comporrà un bel giuoco.
Ma ſe l Bianco a tempo, che giucò il Cav. del Re alla terza dell'Al
fiero del Re, aveſſe giucato il Cav. di Donna alla terza dell'Alfiero di
Donna, il Nero giuochi il Pedone dell'Alfiero di Donna una caſa. e'l
Bianco giucando il Cav. di Re alla terza del ſuo Alfiero, il Nero ritiri
la Doma alla ſeconda del Re. e'l Bianco ſpingendo il Pedone di Don
na quanto va, il Nero ſpinga il Pedone di Donna quanto va . dove il
Bianco ſarà forzato ſpingere il Pedone del Re un' altra caſa per ſuo
migliore, dove ſi vede il Nero aver queſto vantaggio, ch'egli potrà ſal
tare,(all'uſanza Napolitana giucandoſi) e 'l Bianco ſtarà alla campa
gna. avverta ancora il Nero, ſe i Bianco a tempo ſpinſe il Pedone di
Donna quanto andava , aveſſe giucato l'Alfiero del Re alla quarta
dell'altro, il Nero ſpinga ancora il Pedone della Donna quantova e l
- - - - - - Bian
-

-
--

1 oi- baratto del giuoco degli Scacchi


Bianco ſarà forzato ritirare l'Alfiero, e 'l Nero potrà accomodarſi il
giuoco. -

C A P. XXIV.

[Gambitto di Re.
Iucarà il Bianco il Pedone del Re quanto va, e'l Nero farà la
ſteſſo.e'l Bianco giucarà il Pedone dell'Alfiero del Re quan
tova, e'l Nero prenda. e 'l Bianco giucarà il Cav.del Re alla
terza del ſuo Alfiero,e'l Nero giucarà il Pedone del Cav. del Re quanto
va. e'l Bianco giucarà l'Alfiero del Re alla quarta dell'altro, e 'l Nero
non volendo fare, come s'è detto nel primo capitolo del gambitto di
Re,cioè ſpingere il Pedone del Cav.un'altra caſa, giuochi l'Alfiero del
Re alla ſeconda del Cav. del Re: e ſe 'l Bianco ſpingerà il Pedone del
Rocco del Re quanto va , il Nero giuochi il Pedone del Rocco del Re
una caſa, e ſe i Bianco prenderà il Pedone del Cav. con quello del ſuo
Rocco , il Nero lo prenda col ſuo del Rocco: e ſe 'l Bianco cambiarà
il Rocco, il Nero prenda col ſuo Alfiero: e ſe'l Bianco ritirara il Cav.
del Re alla ſeconda del Rocco, il Nero giuochi la Donna alla ſeconda
del Re: e ſe 'l Bianco giucarà la Donna alla quinta del Rocco, il Nero
giuochi l' Alfiero del Re alla ſeconda del Cav. e ſe 'l Bianco giucarà il
Cav. di Donna alla terza del ſuo Alfiero, il Nero giuochi il Pedone
dell'Alfiero di Donna una caſa: e ſe 'l Bianco ritornerà il Cav. del Re
alla terza del ſuo Alfiero, il Nero giuochi l'Alfiero del Re alla terza
del Rocco: e queſte ſono le migliori offeſe, e difeſe, che ſi poſſano fare
in queſto modo di giuoco, onde ſe 'l Nero travierà dalle dette giucate,
ſtarà male, facendo detta offeſa il Bianco, e ſe 'l Bianco farà altro , il
Nero all'ora averà più tempo di fortificarſi , o guardarſi il perduto
Pedone.
C A P. XX V.

Gambitto di Donna.

G le ſteſſo . e 'l Bianco giucarà il Pedone dell'Alfiero di Donna


Iucarà il Bianco il Pedone di Donna quanto va, e 'l Nero farà

quanto va, e'l Nero pigliarà detto Pedone col ſuo. e 'l Bian
cogiucarà il Pedone del Re quanto va, e 'l Nero ſpingerà il Pedone
del Cav. di Donna quanto va, e 'l Bianco giucarà il Pedone del Roc
CO
-

Del Dottor Aleſſandro salvio. Io3

co di Donna quanto va , e 'l Nero giucarà il Pedone dell'Alfiero di


Donna una caſa. e 'l Bianco col Pedone del Rocco di Donna piglia
rà il Pedone del Cav. del Nero, e 'I Nero pigliarà il Pedone del Bianco
col Pedone dell'Alfiero di Donna - e'l Bianco giucarà il Pedone del
Cav.di Donna una caſa, dove ſi vede, che ſe 'l Nero pigliarà, o non pi
gliarà , viene a perdere l'acquiſtato Pedone, e'l Bianco averà miglior
giuoco di lui,ed in queſta giucata parla Damiano,e'l Lopes: per lo che
paſſando più oltre, a tempo, che 'l Bianco giucò il Pedone del Cav. di
Donna una caſa, il Nero non pigli altrimenti, ne defenſi il ſuo Pedo
ne,ma ſpinga il Pedone del Cav di Donna un'altra caſa. e'l Bianco pi
gliando col Pedone del Cav. il Pedone del Nero, che ſarà il miglio
re,il Nero ſpinga il Pedone del Rocco di Donna quanto va.e'l Bianco
giucando l'Alfiero della Regina alla quarta dell'altro, il Nero giuochi
il Cav.di Donna alla ſeconda di Donna, dove avverta il Bianco a non
ſpinger alcuno delli tre pedoni, che tiene ſpinti avanti, perchè ſe 'l
Bianco ſpingerà un'altra caſa il Pedone della Donna, il Nero ſpingen
do il Pedone del Re due caſe, forzatamente viene coll'Alfiero del Re
a prender la quarta dell'altro Alfiero, e verrà ad avere giuoco bel
; liſſimo, il ſimile ancora ſarà, ſe 'I Bianco non ſpingeſſe detto Pedone,
ma il Pedone dell'Alfiero di Donna un'altra caſa, perchè il Nero ſpin
gendo il Pedone del Requanto va,verrebbe a rompere la compoſizione
del Bianco ma ſe i Bianco non ſpingeſſe alcuno delli Pedoni, ma quel
Io del Re un'altra caſa, il Nero ſpinga il Pedone del Re una caſa, e do
po procuri il Nero cavare i ſuoi pezzi, che non avrà così mal giuoco,
come ſarebbe nella difenſione, che pongono il Damiano, e'l Lopes;ma
ſarebbe meglio al Bianco di non ſpingere veruna delli detti Pedoni,
ma giucare il Cav. del Re alla terza dell'Alfiero del Re, che verrà ad
opprimere il Nero con più vigore,ed all'ora il Nero giuochi il Pedone
dell'Alfiero del Re una caſa, e ſecondo giucarà il Bianco alcuno delli
detti tre Pedoni, egli ſi regoli. - .

C A P. XX V I.

Secondo modo dello ſteſſo Gambitto.


G rà lo ſteſſo. el Bianco ſpingerà il Pedone dell'Alfiero di Donna
Iucarà il Bianco il Pedone della Donna quanto va, e'l Nero fa
v

quanto va, e'l Nero lo pigliarà col ſuo. e'l Bianco ſpingerà il
Pedone del Re una caſa, e'l Nero giucarà il Pedone del Cav. di Donna
quanto va. e 'l Bianco giucarà il Pedone del Rocco di Donna quanto
- V2 »
Io4 Sbaratto del giuoco degli Scacchi
va , e'l Nero ſpingerà il Pedone dell'Alfiero di Donna una caſa. e 'l
Bianco pigliarà il Pedone del Cav. del Nero col Pedone del Rocco,
e 'l Nero pigliando il Pedone del Bianco con quello dell'Alfiero di
Donna, il Bianco giuochi la Donna alla terza dell'Alfiero del Re,dove
guadagnerà un pezzo forzato, - -

C A P. X xv II.
- ºrzo nodo dello ſteſſo , che ſarà contra Gambitto.
S I laſciano a dietro le difeſe, che ſi potrebbono fare per il Nero, a
tempo , che 'l Bianco ſpinſe il Pedone del Rocco quanto an
dava , non volendo il Nero ſpingere il Pedone dell'Alfiero di
TDonna una caſa , ma giucare l'Alfiero della Regina alla ſeconda di
Donna,overo alla terza del Rocco di Donna,perchè il Bianco prenden
do il Pedone del Cav.con quello del Rocco, e 'l Nero prendendo coll'
Alfiero di Donna, il Bianco giucando il Cav. di Donna alla 3. del ſuo
Alfiero,overo ſpingendo il Pedone del Cav. di Donna una caſa, viene
a ricuperare il Pedone,ed avanzare la qualità del giuoco, per lo che ſi
vengono a fare l'infraſcritti capitoli. -

sarà primo dunque per la miglior difeſa al predetto gambitto nel


tempo, che 'l Bianco ſpinge il pedone dell'Alfiero di Donna quanto
va, che 'l Nero facci il contra gambitto di giucare ancor egli il pedone
dell'Alfiero di Donna quanto va dove il Nero dovrà fare l'infraſcrit
ti tratti, che ſi diranno per l'una, e l'altra parte li migliori, come per
ragione ſi vedranno: giuochi dunque il Bianco, dopo che 'l Nero aurà
fatto il contra gambitto, il Cav. della Regina alla terza del ſuo Alfie
ro, e'l Nero giuochi il Pedone del Re una caſa . e'l Bianco giuochi il
Cav, del Re alla terza del ſuo Alfiero, e 'l Nero giuochi il Cav. della
Donna alla terza del ſuo Alfiero. e'l Biancogiuochi il Pedone del Re
una caſa, e'l Nero giuochi il Cav. del Re alla terza del ſuo Alfiero e l
Biancogiuochi il Pedone del Rocco di Donna una caſa, e'l Nero giuo
chi il Pedone del Rocco di donna due caſe, e 'l Bianco giuochi il Pedo
ne del Cav. di Donna una caſa.
In quanto al primo ſi dice,che 'l Bianco non pigli veruno delli detti
Pedoni, a tempo , che 'I Nero ſpinſe il Pedone dell'Alfiero di Donna
quanto andava, ma giuochi il Cav. di Donna alla terza dell'Alfiero:la
ragion è queſta , perchè ſe 'l Bianco prendeſſe il Pedone dell'Alfiero
del Nero col Pedone di Donna , all'ora il Nero non pigliarà altri
menti, ma ſpingerà il Pedone di ſua Donna un'altra caſa, dove con
- ſpin
Del Dottor Aleſſandro Salvio, Io5

ſpingere il pedone dell'Alfiero del Re una caſa, e dopo quello del Re


quanto va, o pure il Cav. di Donna alla terza del ſuo Alfiero , e poi
ſpingere il pedone del Re, terrà ſtretto il Bianco : ma ſe'l Bianco non
voleſſe prendere il pedone dell'Alfiero con quello della ſua Donna, ma
pigliare il pedone della Donna del Nero con quello del ſuo Alfiero, il
Nero pigliando con la Donna, ſi cambiarebbono li due pedoni, ed il
Bianco non avrebbe veruno vantaggio con fare il gambitto. .
Diciamo di più, che 'l Bianco giucando il Cav. di Donna alla ter
za dell'Alfiero, il Nero giucaſſe il pedone del Re una caſa : e la ra
ion è, acciò non perdeſſe il pedone di ſua Donna, o pure volendo pi
gliare alcuni di detti pedoni , il Bianco farebbe a lui quello ſteſſo,
che 'l Nero farebbe al Bianco. - - i

Diciamo ancora , che 'l Bianco giucando il Cav. del Re alla terza
del ſuo Alfiero , ſe 'l Nero non andaſſe col Cav. di Donna alla terza
del ſuo Alfiero , il Bianco prendendo col pedone dell'Alfiero il
pedone della Donna del Nero, dopo prenda l'altro pedone con quello
di Donna,ed avanzarà un pedone,il che vietarà il Nero con giucare il
Cav.di Don. alla terza del ſuo Alfiero,perchè potrebbe ſpingere il pe
done di Donna un'altra caſa,volendo pigliare il Bianco alcuno di det
ci pedoni: per lo chè ſi diſſe,che 'l Bianco giuochi il Pedone del Re una
caſa, acciocchè 'l Nero non faccia detto cambio col detto pedone, che
verrebbe eſſo Bianco a perdere un pedone per lo che diciamo,che'l Ne
rogiuochi il Cav. del Re alla terza del ſuo Alfiero, acciocchè 'l Bian
co cambiando il detto pedone non avanzi un pedone, o pure ſe 'l Ne
ro vorrà pigliare il pedone della Donna col pedone del ſuo Alfiero,
prima che giuochi il Cav. del Re , il Bianco prendendo col pedone
del Re, overo col Cav. del Re, venga ad avere compoſizione migliore
del Nero.
Diciamo ancora, che'l Bianco giuochi il pedone del Rocco di Don
na una caſa, e'l Nero giuochi il pedone del Rocco due caſe, acciocchè
il Bianco prendendo il pedone dell'Alfiero di Donna del Nero con la
ſua, e'l Nero prendendo coll'Alfiero del Re , il Bianco non poſſa
ſpingere il pedone del Cavallo di Donna, quanto va ſopra detto Al
fiero, ritrovandoſi il pedone del Rocco del Nero quanto andava.
Diciamo ultimamente, che 'l Biancogiuochi il pedone del Cav. di
Donna una caſa, e'l Nero faccia l'iſteſſo, acciocchè cambiandoſi li pe
doni dell'Alfiero con quelli di Donna, ciaſcuno poſſa pigliare col
pedone del Cav. per non diſunire li pedoni : onde ſi vede non eſſere
alcun vantaggio ne per l'una, ne per l'altra parte, e chi meglio ſaprà
giucare, aurà la vittoria. - - . . .
- . . O CAP.
l
Io6 Sbaratto del Giuoco degli Scacchi
º

- C A P. XXVIII.

9aarto modo di Gambitto.

G Iucarà il Bianco il pedone di Donna quanto va, e'l Nero farà


l'iſteſſo. e 'l Bianco ſpingerà il pedone dell'Alfiero di Donna
quanto va, e'l Nero ſpingerà il pedone dell'Alfiero di Donna
una caſa e'l Bianco giucarà il Cav. di Donna alla terza del ſuo Alfie
ro, e 'l Nero pigliarà il pedone dell'Alfiero del Bianco col ſuo. e'l
Bianco ſpingerà il Pedone del Re quanto va, e'l Nero ſpinga il Pedo
ne del Cav. di Donna quanto va. e'l Bianco ſpinga il Pedone del Roc
co quanto va,e'l Nero giuochi la Donna alla quarta del Rocco ſuo.e'l
Bianco giuochi l'Alfiero della Donna alla terza del Re, e'l Nero per
ſuo migliore ſpinga il Pedone del Cav. di Donna un'altra caſa . e'1
Bianco ritiri il Cav. alla ſua caſa, e ſe 'l Nero ſpingerà di nuovo il
predetto Pedone, il Bianco ritorni il Cav. alla predetta caſa, dove il
Nero per difenſare il Pedone raddoppiato, ſarà forzato giucare l'Alfiero
di Donna alla terza del ſuo Rocco, dove il Bianco giucando il Cav.del
Re alla terza dell'Alfiero, in pochi tratti viene a guadagnare il Pedo
ne del Nero raddoppiato nella filera dell'Alfiero di Donna.
Ma ſe'l Nero a tempo che ſpinſe il Pedone del Cav.alla ſeſta caſa di
detto Cav. non aveſſe ſpinto detto Pedone, ma il Pedone dell'Alfiero
raddoppiato , il Bianco lo prenda col Pedone del Cav. e dopo giuo
chi la Donna alla ſeconda del ſuo Alfiero, e racquiſtarà il Pedone: ma
ſe'l Nero non vorrà ſpingere alcuno di detti Pedoni, ma giucare l'Al
fiero di Donna alla terza del Rocco, il Bianco giuochi la Donna alla
caſa del ſuo Alfiero, dove il Nero ſarà forzato ſpingere alcuno delli
detti Pedoni, e verrà il giuoco come di ſopra.
Si nota ancora, che'l Nero,ſe a tempo giucò la Donna alla quarta
del ſuo Rocco,aveſſe ſpinto il Pedone del Cav.un'altra caſa, il Bianco
ritiri il Cav. alla ſua caſa, e ſe'l Nero ſpinge il Pedone del Re quanto
va , il Bianco lo prenda col Pedone della Donna, e non ſi curi cam
biarli la Donna,e ſe'l Nero avanti che ſpinge il Pedone del Cav.un'al
tra caſa, ſpingeſſe prima il Pedone del Re quanto va, il Bianco ancora
lo prenda col Pedone di Donna , e ſe lo potrà ſempre difenſare: ma
ſel Nero non voleſſe fare alcuno di detti giuochi,ma giucare la Don.
alla terza del ſuo Cav. a tempo, che la giucò alla quarta del ſuo Rocco,
il Bianco prenda col Pedone del Rocco il Pedone del Cav. e 'l Nero
pigliando col Pedone dell'Alfiero, il Biancogiuochi il Pedone del
Cav.
Del Dottor Aleſſandro Salvio. ro7

Cav.una caſa 3 dove ſel Nero ſpinge il Pedone ſopra del Cav. il Bian
co li vada addoſſo alla quinta di ſua Donna col Cav. ed avanzerà il
Pedone, e ſe l Nero non andarà addoſſo al Cav. col detto Pedone, ma
col Pedone dell'Alfiero prendeſſe il Pedone del Cav. del Bianco, ſi
vede chiaramente, che'l Nere viene a perdere due Pedoni, ancorchè
l'abbia guadagnati,e ſe pure il Nero non vorrà ſpingere, ne prendere,
(come s'è detto)ma giucare l'Alfiero di Donna alla terza del Rocco, il
Bianco col Pedone del Cav. prenda il Pedone del Nero , e 'l Nero
prendendo per ſuo migliore, il Bianco dia Scacco colla Donna alla
quarta del Rocco,ed avanzerà il ſuo Pedone.
Dicevamo ſopra nel principio di queſto quarto modo del gambitto
di Donna, a tempo, che 'l Nero andò con la Donna alla quarta del
Rocco di Donna, e'l Bianco giucò l'Alfiero alla terza del ſuo Re, no
taſi,che ſe'l Nero non vorrà fare le dette giucate, ma ſpingere il Pedo
ne del Re quanto va, il Bianco in queſto modo di giuoco non prenda
detto Pedone del Re,ne tampoco ſpinga il Pedone di Donna un'altra
caſa , ma col Pedone del Rocco di Donna prenda il Pedone del Cav.
del Nero, e 'l Nero ſarà forzato fuggire la Donna.
Avvertimento al Bianco:ſel Bianco a tempo,che giucò l'Alfiero di
Donna alla terza del ſuo Re, l'aveſſe giucato alla ſeconda di ſua Don
na, il Nero ritirando la Donna alla terza del ſuo Cav. il Bianco ſa
rebbe forzato per ſuo migliore giucare l'Alfiero di Donna alla terza
del Re, per lo che viene a perdere tratti ; però ſarà meglio nel princi
pio giucarlo alla terza del Re, come s'è detto. -

- - i - -

zinto modo del Gambitto di Donna, quando non ſi piglia il Pe


done, e che ſi debba fare per l'una, e l'altra parte. -

G Iucarà il Bianco il Pedone della Donna quanto va, e'l Nero fa


rà lo ſteſſo. e 'l Bianco giucarà il Pedone dell'Alfiero di Donna
quanto va,el Nero giucarà il Pedone dell'Alfiero della Regina
una caſa. e'l Bianco giucarà il Cav. della Regina alla terza del ſuo Al
fiero,e'l Nero giucarà il Pedone del Re una caſa. el Bianco ſpingendo
il Pedone dell'Alfiero di Donna un'altra caſa, farà male, perchè il Ne
ro ſpingendo il Pedone del Cav. di Donna una caſa, e 'l Bianco giu
cando il Pedone del Cav.quanto va,e'l Nero giucando quello del Roc
co quanto va, e 'l Bianco giucando il Cav. di Donna alla quarta del
ſuo Rocco,e'l Nero giucando il Cav.di Donna alla ſeconda di Donna,
O 2 ſi vie
1 o8 Sbaraito del giuoco degli Scacchi
ſi viene a porre in Sbaratto il giuoco del Bianco, perchè ſe 'l Bianco
ſpingerà il Pedone del Rocco una caſa, il Nero prendendo col Pedo
ne del Rocco quello del Cav. e 'l Bianco prendendo con quello del
ſuo Rocco, e'l Nero ſpingendo il Pedone del Cav. un'altra caſa, avan
zarà un pezzo ; e ſe 'l Bianco non vorrà prendere col Pedone del
Rocco il Pedone del Nero,ma col Cav.pigliarà il Pedone del Nero, che
ſta alla terza del Cav. del Nero, ſi vede chiaro il diſavvantaggio del
Bianco per lo che il Bianco a tempo, che ſpinſe il Pedone dell'Alfiero
di Donna un'altra caſa, giuochi il Pedone del Re una caſa, che ſarà il
migliore, ſe l Nero giucarà l'Alfiero del Re alla quinta del Cav. di
IDonna, il Bianco giuochi l'Alfiero di Donna alla ſeconda di Donna,
dove ſe 'l Nero cambia l'Alfiero col Cav. il Bianco prenda coll'Al
fiero, ma ſe 'l Nero non cambia, ſarà forzato fuggire detto Alfiero,o
giucare il Cav. del Re alla terza del ſuo Alfiero, dove il Bianco, giu
cando il Nero detto Cavallo,ſpinga il Pedone dell'Alfiero del Re una
caſa,e ſe'l Nero ſaltarà col Re alla caſa del Cav. e col Rocco alla ca
ſa del Re, il Bianco giuochi il Pedone del Rocco di Donna una caſa;
ſe'l Nero cambiarà l'Alfiero col Cav. il Bianco prenda coll'Alfiero,
e ſe non vorrà cambiare, ma fuggire l'Alfiero alla ſeconda del ſuo Re,
il Bianco ſpinga il Pedone dell'Alfiero di Donna un'altra caſa:ma ſe'l
Nero (come s'è detto di ſopra) non aveſſe voluto giucare detto Alfiero
alla quinta del Cav.di Donna,ch'è il migliore poſſa fare, ma giucarlo
alla ſeconda del Re, overo il Cav. del Re alla terza del ſuo Alfiero, all'
ora il Bianco ritrovandoſi ſpinto il Pedone del Re una caſa, ſpinga il
Pedone dell'Alfiero di Donna un'altra caſa ; e ſe 'l Nero ſpingerà il
Pedone del Cav.di Donna una caſa, non avverrà come di ſopra, perchè
ſpingendo il Bianco il Pedone del Cav.di Donna quanto va, e'l Nero
ſpingendo quello del Rocco di Donna quanto va, il Bianco giuochi il
Cav. di Donna alla quarta del Rocco ; e ſe 'l Nero ſpingerà il Pedone
del Cav. di Donna un'altra caſa, il Bianco giuochi il Cav. di Donna
alla ſeſta di eſſo Cav. ma ſe 'l Nero non vorrà ſpingere detto Pedone,
ma il Cav.di Donna alla ſeconda di Donna, il Bianco ſpinga il Pedo
ne del Cav.di Donna un'altra caſa, e'l Nero ſarà forzato pigliare uno
delli due Pedoni , overo giudare l'Alfiero di Donna alla ſeconda del
Cav. ſe pigliarà dunque il Nero col Pedone dell'Alfiero il Pedone
del Cav. del Bianco, il Bianco lo prenda coll'Alfiero del ſuo Re, e'l
Nero prenda col Pedone del Cav. il Pedone dell'Alfiero del Bianco,
e'l Bianco prenda col Cav. il Pedone, e ſe'l Nero prenderà detto Cav.
coil' Alfiero del Re,il Bianco prenda col Pedone di Donna , dove il
Nero ſarà forzato giucare la Donna alla ſeconda del º alisi, che
-
-- - -
-
- º- arà
Del Dottor Aleſſandro Salvio. E o9

ſarà migliore , e 'l Bianco giuochi l'Alfiero della Donna alla terza
del Rocco,e dopo attenda a guardarſi il Pedone dell'Alfiero, che ſi ve
de la bontà del ſuo giuoco': ma ſe 'l Nero a tempo, che preſe col Pe
done dell'Alfiero di Donna il Pedone del Cav. del Bianco, aveſſe preſo
col Pedone del Cav.il Pedone dell'Alfiero del Bianco, il Bianco con
quello del ſuo Cav. prenda quello dell'Alfiero del Nero, dove il Nero
ſarà forzato giucare il Cav. alla caſa ſua iſteſſa per ſuo migliore , e'l
Bianco giuochi l'Alfiero del Re alla quinta del Cav. di Donna,e'l Ne
ro ſarà forzato per ſuo migliore giucare la Donna alla ſeconda del ſuo
Alfiero , e 'l Bianco prenda il Pedone del Nero col Cav. overo col
Pedone di Donna,ed avrà buon giuoco : per lo che avverta il Nero a
non pigliare in veruna maniera con detti Pedoni,ma giucare l'Alfiero
di Donna alla ſeconda del Cav.
C A P. XXX.

2ltimo modo del gambitto di Donna:


G Iucarà il Bianco il pedone della Donna quanto va, e'l Nero fa
rà lo ſteſſo. e'l Bianco giucarà il pedone dell'Alfiero di Donna
quanto va , e 'l Nero giucarà il pedone dell'Alfiero di Donna
una caſa- e'i Bianco giucarà il Cav. di Donna alla terza del ſuo Alfiero,
e'l Nero giuochi il pedone del Re una caſa. e 'l Bianco giucarà il pe
done del Re una caſa, e'l Nero giucarà il ſuo Alfiero alla ſeconda del
Re. e'l Bianco ſpingerà il pedone dell'Alfiero di Donna un'altra caſa.
Dicevamo di ſopra, che 'I Nero giucaſſe il pedone del Cav. di Don
na una caſa, ma non volendo ciò fare, giucarà il pedone del Re un'al
tra caſa, per lo che ſe'l Bianco prenderà col pedone di Donna, il Nero
pigliarebbe il pedone dell'Alfiero di Donna coll'Alfiero del Re, e ver
rebbe ad avere miglior compoſizione del Bianco, talchè il Bianco av
vanti che ſpinga il pedone dell'Alfiero della Donna un'altra caſa,
giuochi il Cavallo del Re alla terza dell'Alfiero, per vietare l'entrata
di detto pedone del Nero , dove il Bianco ſarebbe forzato cambiarlo
col ſuo , e ne ſeguirebbe quello, che ſi è detto 3 overo non volendo
cambiare il Nero col detto pedone del Re, entrarebbe alla quinta caſa
del Re ſuo, overo forzarebbe il Bianco a movere il pedone dell'Alfiero
del Re una caſa. -

i.
CAP.
1 Io Sbaratto del Giuoco degli Scacchi

C A P. XXXI.

Iucarà il Bianco il pedone del Re quanto va, e'l Nero il mes


deſimo. e'l Bianco il Cav.di Re alla terza dell'Alfiero, e'l
Nero il Cav. di Donna alla terza del ſuo Alfiero. e'l Bianco
l'Alfalla quarta dell'altro,e'l Nero lo ſteſſo.e'l Bianco ſaltarà alla caſa
del Cav. e col Rocco alla caſa del Re, e'l Nero il Cav. di Re alla terza
dell'Alfiero.e'l Bianco il pedone dell'Alfiero di Don. una caſa,e 'l Ne
ro col Re alla caſa del Cav.e col Rocco alla caſa del Re. e 'l Bianco il
pedone di Donna quantova, e 'l Nero prende col pedone. il Bianco
giuochi il Cav.alla quinta di ſe ſteſſo, e'l Nero ſarà forzato andare col
Rocco») o alla caſa dell'Alfiero,o alla ſeconda di Re, o ſpingere il pee
done di Donna quanto va.
Andando col Rocco alla caſa dell'Alfiero, il Bianco ſpinga il pedo
ne del Re un'altra caſa, per lo che il Nero ſe fugge, il Cav. ſarà forza
to andare alla caſa del Re, dove andando, il Bianco giucando la Don.
alla quinta del Rocco di Re, ſi vede quanto ſtia male il Nero: ma ſe 'l
Nero a tempo, che fuggì il Cav. alla caſa del Re, non fuſſe fuggito,
ma ſpinto il pedone di Donna quanto va il Bianco prenda il Cav. e
ſel Nero prenderà l'Alfiero del Bianco, il Bianco calando la Donna al
la quinta di Rocco, il Nero ancora ſtarà male. -

Ma ſe'l Nero a tempo giucò il Rocco alla caſa dell'Alfiero, l'aveſſe


giucato alla ſeconda del Re, (come nel ſegno fº) il Biancoſpinga il pe
done del Re un'altra caſa, dove ſe I Nero fugge il Cav.alla caſa del Re,
il Bianco calando la Donna alla quinta di Rocco, averà buon giuoco:
ma ſe non fugge, e ſpingerà il pedone di Donna quanto va, il Bianco
prenda colpendone il Cav. e ſe i Nero prende il Rocco col Rocco, il
Bianco prenda con la Donna.e'l Nero ſe prenderà l'Alfiero col pedone,
il Bianco giuochi il Cavallo alla quarta del ſuo Re , ſe 'l Nero fugge l'
Alfiero, il Biancogiuochi l'Alfiero di Donna alla quinta del Cav. ma
ſel Nero non fugge l'Alfiero , ma giucarà la Donna alla caſa del ſuo
Re, il Bianco prenda il pedone del Cav. col ſuo pedone.
Ma ſe l Nero non aveſſe fatto veruna delle due dette giucate, (come
nel ſegno i ) ma il pedone di Donna quanto va , il Bianco prende
col pedone;ſe'l Nero prende il pedone, perde un pezzo, ſe prende prima
il Rocco,il Bianco prenda con la Donna;e ſe'l Nero prenderà poi il pe
done, il Bianco non prenda, ma giuochi la Donna alla quarta del ſuo
Re: ma ſe'l Nero non prendeſſe il pedone, dopo preſo il Rocco,ma giu
carà il Cav.alla quarta del Rocco di Donna , il Bianco ritiri l'Alfiero
alla terza di Donna. v Av
Del Dottor Aleſſandro Salvio. I I I

Avvertaſi, che ſe l Nero a tempo, che 'l Bianco ſpinſe il ped.di Don.
due caſe non aveſſe preſo il pedone, ma ritirato l'Alfiero alla terza di
Donna, il tratto è falſo, che 'l Bianco giucando il Cav. alla quinta di
ſe ſteſſo, il Nero ſarà forzato difenſare il pedone del ſuo Alfiero, dove
il Bianco ſpingendo il pedone dell'Alfiero quanto va, avanza un pe
done, o un pezzo.
Sarà dunque migliore, per evitare tante ſtravaganze, che 'l Nero
ritiri l'Alfiero di Re alla terza del Cav.di Donna a tempo, che 'l Bian
co ſpinſe il pedone della Donna quanto va.
Avvertaſi al Bianco, che ſe per ſorte a tempo, che ſpinſe il pedone di
Donna quanto va , il Nero prendeſſe, ed eſſo Bianco non voleſſe fare,
come di ſopra, ma prendere col pedone dell'Alfiero di Donna, il Nero
andando coll'Alfiero alla quinta del Cav.di ſua Donna, ſi pone in for
ſe di perdere il pedone del ſuo Re, ſe'l Bianco non giucarà poi l'Alf
alla ſeconda di ſua donna. - - --

Gambitto di Re a modo di partito.

leſto Gambitto è al modo di Spagna,o di Roma dove il Re può


ſaltare tre caſe, come vuole il Sig. Gio:Domenico d'Arminio,
che con ſottilità grande me lo propoſe, ed avendolo giuca
to inſieme, ci vengono gran Primori : laonde un giuoco fu
ſtallo, due ne guadagnai,ed uno ne perdei. - -

Giucarà il Bianco il pedone del Re quanto va,e'l Nero farà lo ſteſ


ſo. e 'l Bianco il pedone dell'Alfiero quanto va, e 'l Nero prende. ei
Bianco il pedone di Donna quanto va, e'l Nero Scacco con la Donna -

alla quinta el Bianco ſi copre col pedone del Cav. il Nero prende col
pedone. el Bianco ſalta col Re alla caſa ſeconda del ſuo Cav. e 'l Nero
rende il pedone del Rocco.e'l Bianco prende col Rocco,e'l Nero pren
de il pedone del Re, e Scacco. e'l Bianco ſi copre col Cav. e lo ſteſſo ſa
rebbe,ſe pigliaſſe il pedone del Re prima, e poi quello del Rocco, eſ
ſendo forzato a prendere il Nero detto pedone, perchè ſe non prendeſ
ſe il pedone del Re, non verrebbono tanti primori, e ſarebbe meglio
per lº Nero. Queſto è giuoco di gran giucatore, ed è belliſſimo:ogn'uno
lo ſtudi da ſe. - l

CAP,

s
1 12 Sbaratto del Giuoco degli Scacchi

G A P. XXXII.
-

Vantaggio di Pedone , e tratto. - -- -

- I L Nero ricevendo il pedone del Re, e mano, giucarà il pedone del


ſuo Re quanto va, e'l Bianco giucarà il Cav. di Donna alla terza
del ſuo Alfiero. e'l Nero ſpingerà il pedone di Donna quanto va,
e'l Bianco giucarà il pedone del Re quantova. e 'l Nero per ſuo mi
gliore non prenderà, ma ſpingerà il pedone di Donna un'altra caſa,
el Bianco giucarà ii Cav. di Donna alla ſeconda del ſuo Re. e 'l Nero
giuochi l'Alfiero di Donna alla quinta del Cav. del Re, e'l Bianco po
trà giucare il Cav.del Re alla terza del ſuo Alfiero. e'l Nero lo prenda,
e'l Bianco lo prenderà col pedone del Cav. e 'l Nero dia Scacco con la
Donna alla quinta del Rocco del Re, e'l Bianco ſi copra col Cav. alla
terza di detto Cav. e 'l Nero giuochi il Cav. del Re alla terza del ſuo
Alfiero:dov'avvertaſi, che ſe detto giuoco ſi giucaſſe alla Napolitana,
facilmente ſi vincerebbe dal Nero, ma nel modo Romano, o Spagnuo
lo non ne ſeguirà il tratto, che ſi dirà appreſſo: per lo che giucandoſi
alla Napolitana, a tempo, che 'l Nerº giucò il cavº del Re alla terza
del ſuo Alfiero, il Bianco per ſuo migliore giucarà la Donna alla ſe
conda del Re.e'l Nero ſpinga il pedone di Donna un'altra caſa, e non
ſi curi perderlo, dove ſe'l Bianco prenderà detto pedone con la Donna,
il Nero andando col Cav. alla quarta del Rocco del Re, ſe i Bianco da.
rà Scaccho con la Donna alla quinta del Cav. di Donna, il Nero ſi co
pra col Cav. alla ſeconda di Donna 3 e ſel Bianco prenderà il pedone
del Cav. con la Donna, il Nero giuochi il Roccho alla caſa del Cav. e
guadagnarà un pezzo, e ſe l Bianco non vorrà prendere il pedone del
Cav.con la Donna,ma giucare il Roccho alla caſa del Cav. del Re, il
Nero giuochi l'Alfiero del Re alla quarta dell'altro, dov'il Bianco ſa
rà forzato giucare il Rocco alla ſeconda del Cav. e 'l Nero giucando
il Cav.alla quinta dell'Alfiero del Re ſuo, averà giuoco belliſſimo, ed
avanzarà pedone, e qualità
Ma ſe'l Bianco a tempo, che 'l Nero ſpinſe il pedone di Donna alla
ſeſta ſua, e ch'egli lo preſe con la Donna , l'aveſſe preſo col Pedone
dell'Alfiero di Donna, il Nero giuochi l'Alfiero del Re alla quarta,
dell'altro, dove poi andando col Cav. del Re alla quarta del Rocco,
ſi vede quanto n'abbia migliore il Nero: ma ſe 'l Bianco non aveſſe
voluto prendere detto pedone ne con la Donna,ne col pedone, ma giu
care la Donna alla ſeconda dell'Alfiero del Re,il Nero giuochi il Cav.
di
Del Dottor Aleſſandro Salvio. I I 3

di Donna alla ſeconda di Donna; ſe 'l Bianco giucarà il Cavallo alla


quinta dell'Alfiero del ſuo Re, il Nero cambi la Donna , e dia Scac
co : e'l Bianco prendendo il Nero dia Scacco coll'Alfiero del Re alla
quarta dell'altro, dove ſe 'l Bianco non ſi coprirà col Cav. potrà ſpin
ere il Nero il Pedone del Cavallo una caſa, e dopo pigliarſi il pedo
ne dell'Alfiero di Donna del Bianco: ma ſe 'l Bianco non aveſſe volu
to giucare il Cav. alla quinta del ſuo Alfiero,( come ſi è detto) ma pi
gliaſſe il pedone della Donna del Nero coll'Alfiero del Re , che ſarà
migliore, che col pedone, il Nero giuochi l'Alfiero del Re alla quarta
dell'altro, e 'l Bianco fuggendo la Donna alla ſeconda del Re, o del
Cav. o dell'Alfiero , il Nero giuochi il Cav. del Re alla quarta del
Rocco,dove ſi vede, quanto n'abbia migliore il Nero.
Ma tornando di nuovo a tempo , che 'l Nero ſpinſe il pedone di
Donna alla ſeſta della Donna, il Bianco aveſſe giucato la Donna alla
ſeconda del Cav. il Nero giucando l'Alfiero del Re alla quarta dell'
altro, e'l Bianco prendendo il pedone dell'Alfiero, il Nero giuochi il
Cav.del Re alla quarta del Rocco.
Nota:ſe a tempo, che 'l Bianco giucò la Donna la prima volta alla
ſeconda del Re, aveſſe giucato il Re alla ſeconda dell'Alfiero, il Nero
ſpinga il detto Pedone di Donna alla ſeſta , dove ſe 'l Bianco prende
detto pedone coll'Alfiero, il Nero vada col Cav. alla quarta del Roc
co,e poi dia Scacco coll'Alfiero alla quarta dell'altro, ſe'l Bianco non
fuggirà il Re alla ſeconda del Cav. e ſe fuggirà alla ſeconda del Cav.
il Nero dia Scacco col Cav. del Re alla quinta del ſuo Alfiero, e ſi ve
de, quanto ſtia male il Bianco: onde ſempre in queſto modo il Bianco
ſtarà male. -

'
º
Avverta dunque il Bianco a tempo , che 'l Nero giucò l'Alfiero di
Donna alla quinta del Cav. del Re,a non giucare il Cav.alla terza del
l'Alfiero del Re, ſe prima non ſpingerà il pedone di Donna una caſa,
acciocchè'l Nero non abbia potere di ſpingere il pedone di Donna,(co
me ſi è detto) e ſe'l Nero li darà tempo all'altro tratto , potrà cacciare
il Cavallo del Re alla terza dell'Alfiero.
Avverta ancora il Nero,che ſe non giucaſſe il detto Alfiero di Don
na alla quinta del Cav. come ſi è detto, il Bianco avrebbe como
dità di giucare il Cav. che ſta alla ſeconda del Re,alla terza del Cav.del
Re, e dopo giucare il Cav. del Re alla terza dell'Alfiero, e giucando
ancora l'Alfiero del Re, verrà a fare giuoco belliſſimo, però avverta il
Nero a giucare detto Alfiero di Donna alla quinta del Cav.del Re.

P CAP.
I I4 5 baratto del giuoco degli Scacchi
-
-

º. - - . . .
C A P. ; XXXIII. º i i
ſi . ... -

Seconda difeſa. . - - - - -

- , - - - i

Iucarà dunque il Nero il Pedone del Re quanto va, e'l Bian


G co giucarà il pedone dell'Alfiero di Donna una caſa e'l Ne- .
rogiucarà il pedone di Donna quanto va, e 'l Bianco il pe
done di Donna quanto va. e'l Nero per ſuo migliore ſpingerà il Pedo
ne del Re un'altra caſa , e 'l Bianco giucarà l' Alfiero di Donna alla
quarta dell'altro, e ſe 'l Nero giucarà l'Alfiero del Re alla terza di
ioonna,il Bianco lo cambi, e dopo ſpinga il Pedone del Re una caſa.e
iucando il Nero ciò, che li piace, potrà poi il Bianco ſpingere il Pe
done dell'Alfiero di Donna un'altra caſa e dopo cavare il Cavallo di
Donna alla terza del ſuo Alfiero, e conforme giucarà il Nero,regolarſi
dipoi: ma ſe l Nero non giucaſſe l'Alfiero del Re alla terza di Donna:
ma altro, tanto più aggiatamente il Bianco ſi potrà accomodare il
giuoco. - - - -

c A P. X x x , v. - -
-

Terza difeſa.

G Iucarà
- il Nero il Pedone del Re quanto va, e'l Bianco il Cav.
di Donna alla terza del ſuo Alfiero - e'l Nero ſpinga il Pedone
di Donna quanto va , e 'l Bianco ſpinga il Pedone di Donna
quanto va e'l Nero per ſuo migliore ſpinga il Pedone del Re un'altra
caſa,e'l Bianco giuochi l'Alfiero di Donna alla quarta dell'altro, e ſa
rà giuoco ſimile alla ſeconda difeſa- -

Noti il Nero,ch'a tempo, che'l Bianco ſpinſe il Pedone di Donna


quanto va, non dia Scacco alla quinta del Rocco con la Donna, per
chè il Bianco coprendoſi col Pedone del Cav. ſarà forzato , per non
Perdere un Pedone, cambiare la Donna, e porre il giuoco in dubbio,
º Del Dottor Aleſſandro Salvio. , º 1, -
- -

G A P. xxxv.
e - 22arta difeſa.
Ig-N Iucarà il Nero il Pedone del Re quantova , e'l Bianco quello
G
f
del Re una caſa. e'l Nero giucarà l'Alfiero del Re alla quart
dell'Alfiero di Donna,e'l Bianco giucarà la Donna alla quinta
del Roeco del Re. e 'l Nero giucarà la Donna alla ſeconda del Re, e'l
Bianco giucarà il Cav.di Donna alla terza dell'Alfiero. e iNero giu
carà il Cav. del Re alla terza del ſuo Alfiero , e 'l Bianco ritirarà la
Tonna alla quarta del Rocco. e'l Nero giuochi il Pedone dell'Alfiero
di Donna una caſa, ei Bianco ſpinga il Pedone del Re un'altra caſa.
e Nero ſpingerà il Pedone di Donna una caſa, e'l Bianco farà lo ſteſ
ſo dove avverta il Bianco, con giueare l'Alfiero di Donna alla ſeconda
di Donna,e 'l Pedone del Rocco del Re una caſa, e quello del Cav. del
Re due caſe, che dette giucate il Nero non le potrà vietare, e queſta
difeſa è belliſſima per il Bianco : ma perchè il Nero vieti al Bianco,
che alla ſeconda ſua giucata, dopo avere ſpinto prima il Pedone del
Re una caſa, non venghi con la Donna alla quintai del Rocco del Re
ſuo, giucarà il Cav. di Donna alla terza dell'Alfiero, perchè oprarà,
che l Bianco non poſſa ſpingere il Pedone di Donna quantova, perchè
loperderebbe ; e volendo giucare il Bianco la Donna alla quinta del
Rocco,il Nero giuochi il Cav.del Re alla terza del ſuo Alfiero,dove il
Bianco fuggendo là Donna alla 4 del Rocco. il Nero giuochi l'Alfiero
del Re alla 2.del Re,e dopo ſi potrà arroccare: ma ſe i Bianco fuggirà
la Donna aila 5. del Cav. del Re, il Nero ſpinga il Pedone del Rocco
una caſa, dove il Bianco fuggendo la Donna alla terza del ſuo Cav.
il Nero attenda ad avanzare tratti,e sbrigare i ſuoi pezzi, ed avrà buo
niſſima compoſizione di giuoco. ,
Avvertimento al Bianco, che giucando il Nero il Cav. di Donna
alla terza dell'Alfiero, non giuochi il Bianco la Donna alla quinta del
Rocco,ma giuochi il Pedone dell'Alfiero di Donna una caſa e'l Nero
ſpingendo il Pedone di Donna quanto va , il Bianco ſpinga quello
della ſua Donna quanto va. ſe 'l Nero ſpinge il Pedone del Re un'al
tra caſa, il Bianco ſpinga il Pedone dell'Alfiero di Donna un'altra ca
ſa,ed avrà buona compoſizione di giuoco:ma ſe'l Nero non ſpingerà il
Pedone del Re un' altra caſa , ma lo cambiarà col Pedone della
Donna, il Bianco pigli col Pedone del Re.
: - P 2 CAP.
- -
-

16 - Sbaratto del giuoco degli Scacchi

e A P. xxxv 1.
gzinta difeſa dello ſteſſo modo.
r Iucarà il Nero il Pedone del Re quanto va,e'l Bianco giucarà il
G Pedone del Re una caſa . e'l Nero giuochi quello della Donna
quanto va , e 'l Bianco ſpingerà quello Donna quanto va. ſe'l
INero prende, il Bianco potrà prendere col Pedone del Re. e ſe'l Nero
ſpingerà il Pedone del Re un'altra caſa, e non cambiarà, il Bianco
ſpinga il Pedone dell'Alfiero di Donna due caſe. e 'l Nero giuochi il
Pedone dell'Alfiero di Donna una caſa, e'l Bianco prenderà il Pedone
della Donna del Nero - e'l Nero prenderà col Pedone dell'Alfiero, e'l
Bianco darà Scacco con la Donna alla quarta del Rocco . e'l Nero ſi
copri col Cav. alla terza dell'Alfiero, e 'l Bianco giucarà il Cav. alla
terza dell'Alfiero di Donna. e'l Nero (giucandoſi alla Napolitana)dia
Scacco con la Donna alla quinta del Rocco di Re, dove il Bianco co
prendoſi col Pedone del Cav. il Nero ritiriſi la Donna alla ſua ca
ſa.e'l Bianco giucando l'Alfiero del Re alla quinta del Cav.di Donna,
il Nero giuochi il Cav. del Re alla ſeconda del ſuo Re. e 'l Bianco
giuochi il cav.del Re alla ſeconda del ſuo Re,e'l Nero giuochi l'Alfie
ro di Donna alla terza del Re - e 'l Biancogiuochi il Cav. del Re alla
quarta dell'Alfiero del Re , e 'l Nero ſpinga il Pedone del Rocco di
Donna una caſa ſopra l'Alfiero, dove ſe 'l Bianco cambiarà l'Alfiero
col Cav. il Nero prenda col Cav. e ſe fuggirà il Bianco l'Alfiero al
la ſeconda del ſuo Re, il Nero giuochi il Cav. del Re alla terza dello
ſteſſo Cav. : ma non giucando alla Napolitana, a tempo, che'l Nero
diede Scacco con la Donna alla quinta del Rocco del Re, non accade
va dare Scacco , e tanto più avrebbe avuto agio ad accomodarſi il
giuoco.
Nota,che'l Bianco,a tempo, che cambiò l'Alfiero del Re col Cav.del
Nero, e che'l Nero preſe con l'altro Cav. e ſe 'l Bianco aveſſe preſo l'
Alfiero del Nero col Cavallo, il Nero prenda col Pedone dell'Alfiero
del Re, e non ſi curi di raddoppiare detto Pedone.

, - - CAP.
r

Del Dottor Aleſſandro Salvio, I I 7

. . ...
- c A P. xxxv 11. -

pifeſa , ed offeſa per il Pedone di punto per mano,


Arà per eſempio il Bianco al Nero il Pedone di punto per la
D mano: per lo che il Bianco giucarà il Pedone del Re quanto
va,e'l Nero farà lo ſteſſo. e i Bianco giucarà il Cav. del Re alla
terza del ſuo Alfiero, e'l Nero giucarà l'Alfiero alla quarta dell'Alfie
ro di Donna e'l Bianco farà lo ſteſſo,e'l Nero giucarà il Cav. del Re alla
terza dell'Alfiero. e'l Bianco giucarà il Pedone dell'Alfiero di Donna
una caſa, e'l Nero giucarà il Cav. di Donna alla terza dell'Alfiero di
Donna. e'l Bianco ſpingerà il Pedone di Donna due caſe, e 'l Nero lo
prenderà con quello del Re. e 'l Bianco giuochi il Re al pontone, e'l
Rocco alla caſa dell'Alfiero, ſe'l Nero pigliarà il Pedone dell'Alfiero
di Donna col ſuo Pedone , il Bianco lo prenda col Cav. di Donna,
dove ſi vede il Nero in grandiſſimo pericolo di perdere il giuoco, per
chè ſe 'l Nero muoverà il Cav.del Re dovunque egli vorrà, il Bianco
prendendo il Pedone dell'Alfiero del Nero, con dar Scacco con l'Alfie
ro del Re, viene con Scacchi duplicati, prendendo il Nero il detto Al
fiero col Re, a vincere il giuoco. e ſe 'l Nero non vorrà muovere detto
Cav. ma ſaltare col Re alla caſa del Cav. e col Rocco alla caſa del
Re, o dell'Alfiero , il Bianco giucando l'Alfiero di Donna alla quinta
del Cav. del Re, ſtarà ſempre il Nero mal trattato. - -

Secondo modo dello ſteſſo giuoco.

GTN Iucarà il Bianco il Pedone del Re quanto va , el Nero farà lo


ſteſſo. e 'l Bianco giucarà il Cav.del Re alla terza dell'Alfiero,
e'l Nero l'Alfiero del Re alla quarta dell'altro. e'l Bianco farà
lo ſteſſo,e'l Nero giucarà il Cav.del Re alla terza dell'Alfiero.e'l Bianco
ſpingerà il Pedone dell'Alfiero di Donna una caſa, e 'l Nero col Cav.
del Re pigliarà il Pedone del Bianco. e 'l Bianco ſaltarà col Re alla ca
ſa dell'Alfiero, e col Rocco alla caſa del Re, e'l Nero giucarà il Pedone
di Donna due caſe: dove il Bianco potrà fare due coſe, o dar Scacco
con l'Alfiero, o pigliare il Pedone del Re Nero col Cav. ſe darà Scac
co con l'Alfiero alla quinta del Cav.di Donna, il Nero ſi copra col
Pedone dell'Alfiero, e'l Bianco lo ritiri alla quarta del Rocco, o alla
terza di Donna , ſe alla quarta del Rocco , il Nero per ſuo migliore
giuochi l'Alfiero di Donna alla quarta dell'altro; ſe 'l Bianco ſip" il
- ea
I 18 Sbaratto del giuoco degli Scacchi
Pedone di Donna una caſa , il Nero giuochi il Cav. alla ſeconda dell'
Alfiero del Re Bianco; ſe 'l Bianco darà Scacco col Rocco, prendendo il
Pedone,il Nero ritiri il Re alla caſa del ſuo Alfiero,che per forza gua
dagnarà il Pedone di Donna,ed averà giuoco belliſſimo ma ſe l Bianco
a tempo,che ſpinſe il Pedone di Donna una caſa, aveſſe giucato l'Al
fiero del Re alla ſeconda dell'Alfiero di Donna , ſarebbe ſtato peggio
per il Bianco:ma ſe'l Bianco non vorrà ne ſpingere il detto Pedone, ne
l'Alfiero alla ſeconda dell'altro , ma pigliarſi il Pedone del Re col
Cav. il Nero vada colla Donna alla quinta del Rocco del Re , e ºl
Bianco ſarà forzato giucare la Donna alla terza dell'Alfiero del Re, e'l
Nero prenda il Pedone del Rocco del Re con la Donna, e ſe 'l Bianco
ſpingerà il Pedone di Donna quanto va, il Nero ritiri l'Alfiero del Re
alla 2.del Re, perchè il Bianco non ſolo potrà offendere, ma ſe voleſſe
prendere il Pedone dell'Alfiero colla Don na, e dar Scacco, il Nero ri
tiri il Re alla caſa di Donna , dove ſi vede in che offeſa ſtia contra il
- -

Bianco. - - -

– Avvertimento al Nero,che ſe a tempo, che'l Bianco ritirò l'Alfiero


alla quarta del Rocco di Donna,eſſo Nero non aveſſe giudato l' Alfie
ro di Donna alla quarta dell'altro, ma aveſſe giucato altro,(come per
eſempio il Pedone dell'Alfiero del Re una caſa il Bianco ſpingendo il
pedone di Donna una caſa, il Nero per ſuo migliore ſarebbe forzato
fuggire il Cav. alla terza di Donna , e'l Bianco ſpingendolo di nuove
un'altra caſa, avanzarà il Pedone perduto: e la ragione appare chiara,
erchè non eſſendo l'Alfiero del Nero in detto luogo, non potrà il Ne
ro fuggire il Cav. alla ſeconda dell'Alfiero del Bianco , ritrovandoſi
ſpinto il Pedone dell'Alfiero del Re una caſa in vece di detto Alfiero,
perchè andando col Cav. in detto luogo, il Bianco giucando la Donna
alla ſeconda del Re, ſe 'l Nero voleſſe giucare l'Alfiero di Donna alla
quarta dell'altro, il Bianco giucando l'Alfiero del Re alla ſeconda dell'
altro , dove il Nero per non perdere un pezzo ſarà forzato fuggire il
Cav. alla quinta del Cav. del ſuo Re , e 'l Bianco ſpinga il Pedone del
Rocco del Re una caſa,ed avrà belliſſimo giuoco:potrà ancora il Nero,
non volendo giucare detto Alfiero alla quarta dell'altro,a tempo, che l
Bianco ritirò l'Alfiero del Re alla quarta del Rocco, ſaltare col Real
la caſa del Cav. e col Rocco alla caſa del Re , e ſe 'l Bianco ſpinge il
Pedone di Donna una caſa, il Nero giuochi il Cav. alla ſeconda dell'
Alfiero del Re Bianco, dove il Bianco ſarà forzato giucare la Donna
alla ſeconda del Re,e'l Nero giuochi l'Alfiero alla quarta dell'altro,e'l
Bianco ſarà forzato giucare l'Alfiero alla ſeconda dell'Alfiero di Don
na ſua , e'l Nero ritiri l'Alfiero del Re alla terza del Cav. di Donna,
che
Del Dottor Aleſſandro Salvio.. . I I9
che queſto ſarà buono,benchèſia migliore il primo ciò è giucare il det
to Alfiero alla quarta dell'altro al giuoco Napolitano. e
S'è laſciato di ſopra,che a tempo,chel Bianco ritirò l'Alfiero del Re
alla quarta del Rocco , l'aveſſe ritirato alla terza di Donna, il Nero
giuochi il Cav. alla ſeconda dell'Alfiero del Re Bianco: e ſe 'l Bianco
pigliarà il Pedone del Nero col Rocco, dando Scacco, il Nero ritiri il
Re alla caſa dell'Alfiero: e 'l Bianco fuggendo la Donna alla ſeconda
dell'Alfiero di Donna, perchè altrimenti per derebbe una qualità giu
candolo alla ſeconda del Re , il Nero giuochi il Pedone del Cav. di
Donna una caſa dove ſi vede il Bianco ſtare in pericolo ma ſe'l Bianco
a tempo, che preſe il Pedone del Re col Rocco, dando Scacco, aveſſe
preſo detto Pedone col Cav. , il Nero col Cav. prenda la Donna del
Bianco: e ſe 'l Bianco pigliarà il Pedone dell'Alfiero di Donna, dando
Scacco di ſcoverta , il Nero dia Scacco col Cav. alla terza del Re , e 'l
Bianco prendendo col Rocco detto Cav. il Nero prenda il Rocco con
l'Alfiero del Re, el Bianco prendendo la Donna del Nero col Cav. il
Nero pigli il Pedone di Donna coll'Alfiero , dove il Nero viene ad
avanzare una qualità ed un Pedone.
Reſta dunque à vedere, ſe a tempo, che 'l Nero ſpinſe il Pedone di
Donna due caſe ſopra l'Alfiero del Bianco, il Bianco non aveſſe volu
to fuggire detto Alfiero,ne ritirarlo, ne dar Scacco,(come s'è detto)ma
giucare il Pedone di Donna quanto va , overo pigliar il Pedone del
Re Nero col Cav.del Re:ſe col Cav. , il Nero ſalti col Re alla caſa del
Cav. e col Rocco alla caſa del Re , e 'l Bianco ſpinga il Pedone di
Donna quanto va, e'l Nero prenda l'Alfiero del Bianco col Pedone
di Donna,e'l Bianco non prenda col Rocco il Cav.del Nero, ma prenda
l'Alfiero del Re col Pedone di Donna : e ſe pure il Bianco col Rocco
prenderà detto Cavallo, il Nero ſpinga il Pedone dell'Alfiero del Re
una caſa, dove che'l Bianco fuggirà il Rocco alla caſa del Re, e ſtarà al
Nero ſe vorrà cambiare l'Alfiero, e'l Cav. e la Regina, ma ſe'l Bianco
non vorrà ritirare detto Rocco, ma giucare la Donna alla quinta del
Rocco del Re, avverta il Nero a pigliarſi il Cav. col Pedone, perchè
ſe voleſſe fuggire l'Alfiero,credendoſi guadagnare un pezzo, il Bianco
dando Scacco con la Donna alla ſeconda dell'Alfiero, e'l Nero andan
do alla caſa del Rocco,dove il Bianco dandoli Scacco col Cav.alla ter
za del Cav. del Nero,ſarà matto dopo di Rocco alla quarta del Rocco
del Bianco: ma ſe 'l Bianco a tempo, che preſe il Pedone del Re Nero
col Cav. del Re aveſſe ſpinto il Pedone di Donna quanto va, il Nero
prenda detto Pedone con quello del ſuo Re, e'l Bianco prendendo col
Pedone dell'Alfiero, il Nero giuochi l'Alfiero del Re alla quinta del
Cav.
12o Sbaratto del giuoco degli Scacchi
Cav.di Donna ſopra il Rocco: ma ſe 'l Bianco non aveſſe ſpinto il per
done di Donna due, ma una caſa, all'ora il Nero prenda l'Alfiero col
Pedone di Donna ; e 'l Bianco prenderà il Cav. col Pedone, e 'l Nero
cambi la Donna : ma ſe 'l Bianco pigliarà col Rocco il Cav. il Ne
ro ſalti col Re alla caſa del Cav. e col Rocco alla caſa del Re: ma ſe 'l
Bianco non vorrà prendere detto Cav., ma dar Scacco con la Donna
alla quarta del Rocco ſuo, ſarà falſo, perchè il Nero coprendoſi con l'
Alfiero di Donna, avrà un pezzo di vantaggio. -

Terzo modo dello ſteſſo.


Iucarà il Bianco il Pedone del Re quantova, e'l Nero farà lo
G ſteſſo. e'l Biancogiucarà il Cav.del Re alla terza dell'Alfiero
del Re, e'l Nero giucarà l'Alfiero del Re alla 4. dell'altro.e'1
Bianco farà lo ſteſſo, e'l Nero giucarà il Cav. alla terza dell'Alfiero del
Re.e'l Bianco giuochi il Pedone di Donna una caſa, e'l Nero ſalti col
Re alla caſa del Cav. e col Rocco alla caſa del Re. e 'l Bianco giuochi
il Cav. di Donna alla terza dell'Alfiero, e 'l Nero giuochi il Pedone
dell'Alfiero di Donna una caſa.e'l Bianco giuochi l'Alfiero di Donna
alla quinta del Cav. del Re,e'l Nero giuochi il Pedone di Donna una
caſa. el Bianco giuochi il Rocco del Re alla caſa dell'Alfiero, el Nero
giuochi l'Alfiero di Donna alla terza del Re, dove il Bianco non pren
da detto Alfiero, ma giuochi il Cav. del Re alla quarta del Rocco del
Re,e'l Nero giuochi il Cav.di Donna alla ſeconda di Donna e'l Bian
cogiuochi il Cav. alla quinta dell'Alfiero del Re, dove ſi vede, che 'I
Nero non potrà movere la Donna dalla ſua caſa, e dalla 2. del Re, e
viene a ſtare ſempre ſu la difeſa, e'l Bianco ſopra l'offeſa.
Avvertimento al Bianco: avverta il Bianco, che 'n queſto modo di
giuoco non cambi l'Alfiero del Re con quello del nero, ma laſci cam
biare a lui, che ſarà migliore.
Avverta il Nero, che ſe 'l Bianco a tempo, che giucò il Cavallo al
la terza dell'Alfiero di Donna,aveſſe giucato il pedone dell'Alfiero di
Donna una caſa, potrebbe ſpingere il pedone di Donna quanto va, e
verrebbe a cambiare,o la Don, ritirando l'Alfiero il Bianco, e ſe pùre
pigliaſſe col pedone il ped del Nero, il Nero ſpingendo il ped.del Re un'
altra caſa, verrebbe a fracaſſarlo, donde detta giucata il Nero ſempre la
potrà fare, non giucando il Bianco detto Cavallo in detto luoco;o pure
in vece di detto Cav. giucaſſe l'Alfiero di Donna alla quinta del Cav.
del Re, il Nero all'ora giuochi il Pedone dell'Alfiero di Donna una
caſa e ſe'l Bianco non giucarà il Cav.alla terza dell'Alfiero di Donna,
potrà
Del Dottor Aleſſandro Salvio. I2 I

potrà ſpingere il Pedone di Donna due caſe , ma giucando il Cav.


ſpinga il Pedone di Donna una caſa. -

Altra difeſa, ed offeſa dello ſteſſo modo. -

S E ſi giucarà al modo, che dopo ricevuto Scacco poſſa ſaltare, pur


chè non ſia moſſo il Re, faciliſſima ſarà la difenſione poichè ſe'l
Bianco giucarà il Pedone del Re quanto va , il Nero giuochi il
Pedone di Donna quanto va,e queſto lo pone il Lopes; ma giucandoſi
al modo Napolitano, già s'è viſta la difeſa, con giucare il Nero il Pe
done del Re quanto va per lo che ſi dice, che giucando il Bianco il Pe
done del Re quanto va, il Nero giuochi il Pedone del Re una caſa. e'l
Bianco giucarà il Cav. del Re alla terza dell'Alfiero del Re, e'l Nero
non ſpinga il Pedone di Donna quanto va, perchè il Bianco li dareb
be Scacco coll'Alfiero alla quinta del Cav. di Donna, e dopo lo riti
rarebbe alla terza di Donna, ed eſſo Nero reſtarebbe, che col Re nò po
trebbe ſaltare: per lo che non ſpinga detto Pedone di Donna quanto
va, ma ſpinga il Pedone dell'Alfiero di Donna quanto va . e'l Bianco
giucarà l'Alfiero del Re alla quarta dell'altro,e'l Nero giucchi il Cav.
della Donna alla terza del ſuo Alfiero . ſe 'l Bianco ſaltarà col Real
pontone , e col Rocco alla caſa dell'Alfiero, il Nero giuochi l'Alfiero
del Re alla ſecoda del Re,dov'avverta il Nero, che ſe i Bianco giucarà
il Pedone del Rocco di Donna una caſa , overo il Pedone della Donna
una caſa, il Nero ſpinga il Pedone di Donna due caſe, dove'l Bianco
ſarà forzato cambiar il Pedone: ma ſe'l Bianco non ſpingerà niuno di
detti Pedoni, ma ritirarà l'Alfiero del Re alla terza del Cav. di Don
na, il Nero potrà giucare il Cav. di Donna alla quarta del Rocco, e vi
lo cambiarà per forza: ma ſe 'l Bianco non vorrà fare niuna di dette
giucate, ma giudarà il Pedone del Re un'altra caſa, il Nero ſpinga il
Pedone di Donna quanto va . ſe 'l Bianco ritirarà l'Alfiero alla terza
del Cav., il Nero ſpinga il Pedone dell'Alfiero un'altra caſa: ma ſe l
Bianco giucarà alla quinta del Cav. di Donna,il Nero giuochi l'Alfie
ro alla ſeconda di Donna:ma ſe'l Bianco non andarà col detto Alfiero
in niuna di dette caſe,ma lo giucarà alla ſeconda del Re, il Nero giuo
chi l'Alfiero alla 2.di Donna. el Bianco giucarà il Pedone dell'Alfie
ro di Donna una caſa, e'l Nero potrà giucare il Pedone del Cav. del Re
una caſa.e'l Bianco ſpingerà il Pedone di Donna due caſe, e'l Nero lo
prenda. e 'l Bianco lo prenderà col Pedone dell'Alfiero , ove ſi vede
in quanta ſtrettezza ſta il Nero. - - , .
- - - ſ

Q- zon
I 22 - serata del giuoco degli Scacchi

2'n' altra offeſa, con un'altra difeſa.


G del Re una caſa.e'l Bianco giucarà il Cav. del Re alla terza del
Iucarà il Bianco il Pedone del Re quanto va , e 'l Nero quello

- ſuo Alfiero, e'l Nero giucarà l'Alfiero del Re alla ſeconda del
Re.e'l Bianco giucarà il Pedone dell'Alfiero di Donna una caſa, ei Ne
ro giucarà il Pedone dell'Alfiero di Donna una caſa.e'l Bianco quello
di Donna quanto va , e 'l Nero il Pedone di Donna quanto va - e'l
Bianco ſpinga il Pedone del Re un'altra caſa, e'l Nero giuochi l'Alfie
ro di Donna alla ſeconda di Donna - e 'l Bianco giucarà l'Alfiero del
Re alla terza di Donna , e 'l Nero giucarà il Pedone dell'Alfiero di
Donna un'altra caſa, e'l Bianco ſaltarà col Real pontone, e col Roc
co alla caſa dell'Alfiero , e 'l Nero giucarà il Pedone dell'Alfiero di
Donna un'altra caſa.e'l Bianco ritiri l'Alfiero del Re alla ſeconda del
l'Alfiero di Donna, e'l Nero giuochi il Cav. di Donna alla terza dell'
Alfiero ed in queſta difeſa ancora ſi vede, in quanta ſtrettezza ſi ritro
vi il Nero. -

Avvertimento al Bianco, che'n tutti li ſopradetti giuochi di difeſa


fatti dal Nero, con giugare il Pedone del Re una caſa (come s'è detto)
voleſſe ſpinger il Pedone dell'Alfiero del Re quanto va, il Bianco non
ſicuri di ſpingere il Pedone del Cav. del Re quanto va, e romperlo da
quella parte- -

Avvertimento al Nero , che giucando il Bianco il Pedone del Re


quanto va,ed eſſo Nero il Pedone del Re una caſa,e'l Bianco il Cav.del
Re alla terza dell'Alfiero,ed eſſo Nero il Pedone dell'Alfiero di Donna
una caſa,e'l Bianco il Pedone dell'Alfiero di Donna una caſa, il Nero
ſpinga il Pedone di Donna due caſe: perchè ſe l Bianco prenderà , eſſo
prenda col Pedone del Re , e non ſi curi di ricevere Scacco, perchè
li cambiarebbe la Donna: ma ſe 'l Bianco ſpingeſſe il Pedone del Re
un'altra caſa, il Nero giuochi l'Alfiero di Donna alla ſeconda del Re.
e l Bianco ſpingendo il Pedone di Donna quanto va, il Nero ſpinga il
Pedone dell'Alfiero un'altra caſa.e'l Bianco giucando l'Alfiero del Re
alla terza di Donna, il Nero prenda il Pedone col Pedone dell'Al
fiero - e'l Bianco prendendo col Pedone, il Nero dia Scacco alla quin
ta del Cav. coll' Alfiero. e'l Biancogiuochi il Re alla ſeconda dell'Al
fiero,e'i Nero giuochi il Cav. di Donna alla terza dell'Alfiero di Don
na.e'l Bianco giucando il Rocco alla caſa dell'Alfiero del Re, il Nero
ſpinga il Pedone dell'Alfiero del Re quanto va ed in queſto modo par
che ſia miglior difeſa;dov'avverta il Nero, che ſe dopo aver ſpinto il
Pe
Del Dottor Aleſſandro Salvio. I 23
Pedone dell'Alfiero quanto andava, il Bianco ſpingeſſe il Pedone del
Cav. avendo prima giucato il Re alla caſa del Cav. ( come s'è detto
nel ſuo avvertimento) il Nero non prenda, ma giuochi il Pedone del
Cav. del Re una caſa ; e ſe 'l Bianco pigliarà col Pedone del Cav. il
Pedone dell'Alfiero, il Nero prenda col Pedone del Re , e queſt'è il
migliore.
Dicevamo, che'l Nero non prendeſſe il Pedone del Cav. del Bianco,
perchè giucando il Bianco il Cav.del Re alla quinta del Cav., il Nero
non avrebbe miglior giucata,che'l Cav. del Re alla terza del Rocco, e
dopo la Donna alla terza del Cav.di Donna perchè ſe l Nero prendeſſe
il Cav.coll'Alfiero, non facendo niuna delle dette due giudate, il Bianco
prendendo il Pedone raddoppiato con la Donna , verrebbe il Nero a
erder il giuoco, perchè ſe eſſo Nero pigliaſſe l'Alfiero del Bianco col
ſuo Alfiero, il Bianco dando Scacco con la Donna alla quinta del Roc
co del Re,ſarebbe matto, ancor che ſi copriſſe col Pedone del Cav. che
'l Bianco lo prenderebbe coll'Alfiero del Re; e ſe 'l Nero non prendeſſe
l'Alfiero del Bianco col ſuo Alfiero, ma giucaſſe il Cav. alla terza del
Rocco del Re, il Bianco dandoli Scacco con la Donna alla quinta del
l Rocco,farebbe lo ſteſſo effetto; e ſe ſpingeſſe il Pedone del Cav. del Re
una caſa, non volendo fare le due ſopradette giucate, il Bianco ricupe
rarebbe il pezzo , e l Nero ſtarà ſempre ſu la difeſa.
-

C A P. X L.

Le migliori offeſe, e difeſe delli due tratti, che ſi danno


per vantaggio, e ſi ricevono.

º Verà il Nero per avventura due tratti di vantaggio, per lo che


giucarà il Pedone del Re , e della Regina quanto vanno, e 'l
Bianco giucarà il Pedone di Donna una caſa. e'l Nero giucarà
il Pedone dell'Alfiero del Re quanto va, e 'l Bianco giudarà il Pedone
dell'Alfiero del Re quante va. e'l Nero ſpingerà quello del ſuo Re un'
altra caſa,e'l Bianco quello di ſua Donna un'altra caſa. e'l Nero giu
carà il Pedone dell'Alfiero di Donna quanto va, e'l Bianco il Pedone
dell'Alfiero di Donna uua caſa - e 'l Nero giucarà il Pedone del Rocco
di Donna una caſa, e 'l Bianco giucarà il Pedone del Re una caſa. e'l
Nero giuochi il Cav. di Donna alla terza dell'Alfiero di Donna , e'l
Bianco giuochi il Cav.di Re alla ſeconda di Re. e 'l Nero ſpinga il Pe
done dell'Alfiero di Donna un'altra caſa, ſe non vorrà ſpingere il Pe
done del Cav.di Donna una caſa, che ſarà giuoco forte, ma ſpingendo
Q-.2 il
I 24 Sbaratto del giuoco degli Scacchi
º il Pedone dell'Alfiero di Donna una caſa, come s'è detto, il Bianco
ſpinga il Pedone del Cav.di Donna una caſa. e'l Nero ſpinga il Pedo
ne del Cav.di Donna quanto va, e'l Bianco ſpinga il Pedone del Roc
co di Donna quanto va.e'l Nero giuochi l'Alfiero di Donna alla terza
del ſuo Re, e 'l Bianco ſpinga il Pedone del Cav. di Donna un'altra
caſa. -

- - Secondo modo dello ſteſſo.


-

S E a tempo, che 'l Nero giucò il Pedone del Rocco di Donna una
caſa, (come nel precedente modo nel principio s'è detto) non
aveſſe giudato detto Pedone, ma ſpinto il Pedone dell'Alfiero di
Donna un'altra caſa, il Bianco ſpinga quello del Cav. di Donna una
caſa.e'l Nero ſpingendo quello del Cav.di Donna quanto va,il Bianco
ſpinga quello del Rocco di Donna quantova. e'l Nero giuochi il Cav.
alla quarta del Rocco di Donna , e 'l Bianco giuochi il Cav.di Donna
alla ſeconda di Donna. e'l Nero giuochi il Pedone del Cav. di Donna
un'altra caſa, e 'l Bianco prenda detto Pedone col Pedone dell'Al
fiero. e 'l Nero prenda coil'Alfiero del Re, e'l Bianco prenda col Pe
done del Cav.il Pedone dell'Alfiero. e'l Nero pigli col Cav. che ſarà
migliore, e'l Bianco giuochi il Re alla ſeconda dell'Alfiero. e 'l Nero
giucando l'Alfiero di Donna alla terza del Re , il Bianco Pigli col ſ”
Alfiero del Re il Cav. e 'l Nero pigliarà col Pedone, e 'l Bianco giu
carà l'Alfiero di Donna alla terza del Rocco-E'l Nero ſpinga il Pedone
del Rocco di Donna quanto va, e ſe l Bianco a tempo, che fuggì il Re
alla ſeconda dell'Alfiero, aveſſe giucato la Donna alla terza del ſuo
Cav.il Nero giucando il Rocco di Donna alla caſa del Cavallo,ſarebbe
peggio per il Bianco.
7erzo modo.

- G" il Nero il ſopradetto


Pedone del Re , e della Donna
quanto vanno , e 'l Bianco ſpingerà il Pedone dell'Alfiero di
Donna quanto va - e'l Nero ſpingerà il Pedone di Donna un'
altra caſa,e'l Bianco giucarà quello di Donna quanto va.e'l Nero giu
carà quello dell'Alfiero del Re quanto va, e'l Bianco giucarà quello di
Donna una caſa. e'l Nero giucarà il Cav. del Re alla terza del ſuo Al
fierº Bianco giucarà il Pedone dell'Alfiero del Re una caſa. ei Ne
rogiucarè il Pedone dell'Alfiero di Donna quanto va, el Bianco col
Pedone del Re prenda il Pedone dell'Alfiero del Nero. e I Nero lo
Prenda cºll'Alfiero di Donna, e'l Bianco giuochi il Cav. alla ſeconda
- - di
Del Dottor Aleſſandro Salvio. 125

di Donna , dove ſe 'l Nero lo porrà in coperta con la Donna alla


quarta del Rocco di Donna , il Bianco giuochi il Re alla ſeconda del
ſuo Alfiero , e ſe non lo porrà in coperta, ma giucarà l'Alfiero del Re
alla terza di Donna, il Bianco giuochi il Cav. del Re alla quarta del
ſuo Re,e'l Nero ſaltando col Real pontone, e col Rocco alla caſa dell'
Alfiero, il Bianco giuochi il Cav. del Re alla ſeconda del Re, e dopo lo
otrà giucare alla terza di ſe ſteſſo,e ſaltare dall'iſteſſa parte contraria»
cavando l'Alfiero del Re alla ſeconda del Re.

2'n' altro modo con lo ſteſſo principio.


M A ſei Nero a tempo , che ſpinſe il Pedone dell'Alfiero di
Donna quanto andava , (come s'è detto nel principio del
precedente modo aveſſe ſpinto il Pedóne dell'Alfiero del Re
un'altra caſa, il Bianco giuochi il Pedone del Cav. del Re una caſa e l
Nero ſpinga il Pedone del Cav. del Re due caſe , e 'l Bianco ſpinga
quello del Rocco due caſe. e'l Nero giuochi il Cav. del Re alla quarta
del Rocco del Re,e'l Bianco giuochi il Cav. del Re alla ſeconda del Re.
el Nero non pigli niuno delli detti Pedoni, ma ſpinga il Pedone del
del Cav. del Re un'altra caſa , e 'l Bianco pigli il Pedone dell'Alfiero
con quello del Cav. e 'l Nero prenda col Pedone del Cav. quello del
Bianco, e 'l Bianco giuochi il Cav. alla ſua propia caſa-e'i Nero pigli
col Cav.il Pedone, che ſta alla quarta dell'Alfiero, e non col Pedo
ne, e'l Bianco prenda con la Donna l'altro Pedone, overo cambi l'Al
º col Cav.: ſe pigliarà il Pedone con la Donna, il Nero dia Scacco
i l' Alfiero alla quinta del Cav. di Donna , e dopo ſalti col Re alla
a del Rocco,e col Rocco alla caſa dell'Alfiero,ed averà buon giuoco,
benchè il Bianco fapendo giucare averà alcuni tratti in ſuo favore
molto ſottili:così ancora potrà fare il Nero, ſe'l Bianco pigliaſſe prima
il Cav. coll'Alfiero,( come ſi diſſe) e poi con la Donna il Pedone, che
ſarà lo ſteſſo: e queſto giucando alla Napolitana, ma in altro modo pro
cacciſi ſaltare dalla banda di Donna. -

Dicevamo di ſopra , che 'l Nero pigliaſſe col Cav. e non col Pe.
done: perchè ſe aveſſe preſo il Pedone dell'Alfiero col Pedone del
Re, il Bianco prendendo con la Donna il Pedone raddoppiato, che ſta
alla filera dell'Alfiero del Re, avanzarebbe l'altro forzatamente.
Avvertimento al Nero: ſe 'l Bianco a tempo, che ſpinſe il Pedone
del Cav. del Re una caſa, e ch'eſſo Nero ſpinſe il Pedone del ſuo cav.
quanto andava,non voleſſe giucare detto Pedone, ma voleſſe giucare l'
Alfiero del Re alla terza di ſua Donna,ſarebbe belliſſima giucata.
9ttario
-

126 ASbaratto del giuoco degli .Scacchi

Quarto modo per il Nero, che riceverà li due tratti, non a


- volendo intrigare il giuoco. - º

G Iucarà il Nero li due ſopradetti Pedoni del Re, e della Donna


quanto vanno,e'l Bianco ſpingerà quello dell'Alfiero di Don
na quanto va . e'l Nero pigli detto Pedone col Pedone di
Donna, ſe'l Bianco darà Scacco con la Donna alla quarta del ſuo Roc
co, il Nero ſi copri col Cav.alla terza dell'Alfiero di Donna, ſe'l Bianco
prenderà il Pedone con la Donna, il Nero giuochi l'Alfiero alla terza
del ſuo Re,ed averà giuoco più bello,e di più tratti,tanto più ſe non ſi
giucaſſe al modo Napolitano: ma ſe'l Bianco a tempo, che pigliò il Pe
done,non voleſſe dare Scacco , ma ſpingere il Pedone del Re quanto
va, il Nero giuochi l'Alfiero di Donna alla terza del ſuo Re , e ſe 'l
Bianco darà Scacco con la Donna , il Nero ſi copri col Pedone dell'
Alfiero di Donna, e ſtia ſu la difeſa del Pedone raddoppiato.
2'n' altro modo.

G Iucarà il Nero li ſopradetti Pedoni, (come di ſopra) ma in vece


di quello del Re il Pedone dell'Alfiero di Donna quanto van
no , e 'l Bianco ſpingendo il Pedone dell'Alfiero di Donna
quanto va, ſe 'l Nero lo piglia, il Bianco potrà dare Scacco di Donna
alla quarta del Rocco,e'l Nero ſi copri col Cav. alla terza dell'Alfiero,
e'l Bianco prendendo il Pedone con la Donna,il Nero ſpinga il Pedone
del Re quanto va.
- - -

Altra difeſa , giucandoſi alla Napolitana.


B Enchè li ſopradetti modi, ancorchè ſi giucaſſe alla Napolitana,ſi
potrebbono fare, nulla dimeno vi ſono di quelli, che per non ri
cevere un Scacco, più toſto ſi contentarebbono perdere un pez
zo, e per ſodisfare a quelli ſi porranno li ſeguenti capitoli.
Primo giudarà il Nero il Pedone del Re , e della Donna quanto
vanno, e'l Bianco giucarà quello del Re una caſa. e 'l Nero giucarà
quello dell'Alfiero di Donna quanto va, e'l Bianco ſpinga quello del
l'Alfiero di Donna una caſa. il Nero ſpingendo quello del Re un'altra
caſa, verrà come di ſopra : ma ſe'l Nero non ſpingerà quello dell'Alfie
ro di Donna,ma giucarà l'Alfiero del Re alla quarta dell'altro, overo
il Cav. di Donna alla terza del ſuo Alfiero, il Bianco giuochi rº"
de
- a - - -

Del Dottor Aleſſandro Salvio. 127


del Re alla ſeconda del Re. e'l Nero giucarà il Cav. alla terza dell'Al
fiero del Re, e 'l Biancogiuochi il Pedone dell'Alfiero di Donna una
caſa, overo giuochi il Pedone predetto prima, e poi giuochi l'Alfiero
del Re alla ſeconda del Re, (come s'è detto) dove il Bianco potrà ſpin
gere all'altra gincata il Pedone della Donna quanto va: e ſe'l Nero pi
glia, il Bianco pigli col Pedone del Re , e poi giuochi il Cav. alla
terza dell'Alfiero del Re, e ſi potrà arroccare a quella parte.
Ma ſe 'l Nero ſpingerà il Pedone,non volendo cambiarlo, il Bianco
giuochi l' TAlfiero di Donna alla ſeconda di Donna, e poi potrà ſpinge
re il Pedone d'eſſo Alfierose queſta è la difeſa migliore, che ſi potrà fa
re, dandoli agio il Nero, che poſſa ſpingere il Bianco detto Pedone di
Donna quanto va : onde il buon giudatore da sì vari modi di giuochi
ſi potrà regolare, conforme a quello giucarà il contrario.
- Z'n' altro modo.

“Y Iucarà il Nero il Pedone del Re, e della Regina quanto vanno,


G e'l Bianco il Pedone del Re una caſa. e 'l Nero giucarà il Cav.
alla terza dell'Alfiero di Donna , e 'l Bianco giucarà l'Alfiero
alla ſeconda del Re - e 'l Nero ſpingerà il Pedone del Rocco del Re
quanto va: dov'avverta il Bianco a non pigliare detto Pedone coll'Al
fiero,perchè perderebbe un pezzo, che i Nero giucando la Donna alla
quarta del Cav. del Re, il Bianco ſarà forzato giucare l'Alfiero alla ſe
conda del Re, perchè ſe andaſſe alla terza di eſſo Alfiero, il Nero ſpin
ndo il Pedone del Re un'altra caſa, il Bianco ſarebbe forzato torna
re l'Alfiero alla ſeconda del Re, e'l Nero prendendo il Pedone del Cav.
del Re con la Donna, avanza un pezzo: ma ſe 'l Nero a tempo, che'l
Bianeo giucò l'Alfiero alla ſeconda del Re, non aveſſe ſpinto il Pedo
ne del Rocco,(come s'è detto) ma giucaſſe prima la Donna alla quarta
del Cav. del Re, il Bianco ſarà forzato tornare l'Alfiero alla ſua caſa,
overo giucare il Re alla caſa dell'Alfiero, o pure ſpingere il Pedone
del Cav. del Re una caſa, e'l Nero ſpingendo il Pedone del Rocco del
Re quanto va, avrebbe la rottura da quella parte: e queſto è quanto
ho poſſuto ſcrivere intorno la materia delli due tratti.
V'è ancora altra difeſa da giucare ſtretto, la quale per non eſſer a
propoſito la laſcio : e queſto baſti per li belli ingegni, che dov'io ho
mancato ſuppliranno eglino. - -

CAP.
r 28 Sbaratto del giuoco degli Scacchi,

C A P. X L I.

Modo d'offendere per colui, che riceve di vantaggio il Re


traſpoſto dalla parte di Donna , e due tratti avanti,
- - con non poter ſaltare per lo Cavallo.
G done della Regina quanto vanno,
traſpoſto, il
Iucarà il Nero, avendo il Re Pedone del Re , e'l Pe
el Bianco giucara il Pedone
dell'Alfiero di Donna una caſa.e'l Nero giucarà il Pedone del
l'Alfiero di Donna quanto,va e'l Bianco ſpingerà quello della Regina
quanto va.il Nero lo pigliarà con quello del ſuo Alfiero, e'l Bianco lo
prenda col ſuo . e 'l Nero prenda quello del Bianco col Pedone
del Re,e'l Bianco lo prenda con la Donna. e'l Nero giuochi il Cav. di
Donna alla terza del ſuo Alfiero,e'l Bianco fugga la Donna alla quar
ta del ſuo Rocco,overo alla ſua propia caſa. e l Nero giuochi l'Alfie
ro del Re alla quarta dell'altro,el Bianco avendo giucata la Donna al
la quarta del Rocco di Donna, e non alla ſua propia caſa, ſe giucarà
l'Alfiero alla quinta del Cav. di Donna, avendo prima giudato il Pe
done del Re una caſa, il Nero giuochi il Rocco alla quinta del ſuo Re:
r lo che fuggendo il Bianco la Donna, viene a perder un pezzo, che
ſarà l'Alfiero, perchè ſarà forzato fuggire la Donna o alla ſua caſa , o
alla ſeconda dell'Alfiero ; e s'andaſſe alla terza del Cav., più facil
mente lo perderebbe : andando dunque la Donna in altro di detti
luochi , il Nero dando Scacco con la Donna alla quarta del ſuo Roc
co,e'l Bianco coprendoſi col Cav., il Nero ſpinga il Pedone di Donna,
e guadagnarà un pezzo: ma ſe 'l Bianco non giucaſſe detto Alfiero del
Re in detta quinta del Cav. , ma lo giucaſſe alla ſeconda del Reº, il
Nero ſpinga il Pedone di Donna un'altra caſa, che lo verrà a ſtringe
re molto,ed averà belliſſimo giuoco. -

Ma ſe'l Bianco all'ora, che fuggì la Donna alla quarta del Rocco, l'
aveſſe giucata alla ſua propia caſa, il Nero giuochi l'Alfiero di Don
ma alla quarta dell'altro. e ſe 'l Bianco ſpinge il Pedone del Re una ca
ſa, il Nero dia Scacco coll'Alfiero del Re alla quinta del Cav. e ſe l
Bianco ſi copre coll'Alfiero, che ſarà il migliore , il Nero giuochi il
Cav. alla quinta di ſua Donna: e ſe l Bianco pigliarà l'Alfiero, il Nero
dia Scacco col Cav. alla ſeconda dell'Alfiero del Bianco: e ſe 'l Bianco
andarà alla ſeconda del Re ſuo, il Nero giuochi la Donna alla terza
del Cav. di Donna:e ſe 'l Bianco ritira l'Alfiero alla terza ſua, il Nero
ſpinga il Pedone di Donna un'altra caſa: ma ſe i Bianco non fuſſe an
- dato
Del Dottor Aleſſandro Salvio. - 129
dato alla ſeconda ſua col Re , ma fuſſe andato alla ſeconda di Donna,
il Nero ſpinga il Pedone di Don. un'altra caſa,ed averà buon giuoco;
onde queſta difenſione non ſarà buona, per tanto ſi porranno tre alt
tri modi migliori, che ſi potranno fare, laſciando gli altri , che ancora
fi potrebbono porre. i - - -
. -
- -

c A P. XL II. -
- - - i
Tv Iucarà il Nero il Pedone del Re, e della Regina quanto vanno,
G e'l Bianco giucarà il Pedone dell'Alfiero di Donna quanto va.
e'l Nero ſpingerà il Pedone di Donna un'altra caſa, e'l Bianco
ſpingerà quello del Re due caſe. e'l Nero giuochi il Pedone dell'Alfie
. ro del Re quanto va, e i Bianco giuochi il Pedone della Regina una
caſa e'l Nero giuochi il Cav. del Re alla terza del ſuo Alfiero,e'i Bian
cogiuochi il Pedone dell'Alfiero del Re una caſa. e'l Nero pigli quel
lo del Bianco con quello dell'Alfiero ſuo, e 'l Bianco pigli con quelle
della Donna:dove avverta il Nero, che ſe non ſi daſſe il Cav. di van
taggio, ma fuſſe giuoco di pari, potrebbe prendere il Pedone del Bian
co col Cav. e 'l Bianco prendendo col Pedone dell'Alfiero , il Nero
dia Scacco con la ponna alla quinta del Rocco,dove il Bianco per ſuo
migliore fuggendo il Re alla ſeconda di Donna, il Nero prenda con la
Donna il Pedone del Re Bianco, dove il Bianco viene ad avere il Re
alla campagna, e due Pedoni meno, per un pezzo : ma ricevendo un
pezzo di vantaggio il Bianco, non conſigliarei al Nero, che perdeſſe l'
altro Cav. perchè ſarebbono due pezzi meno, per lo che non facendo
detto Sbaratto il Nero di perdere detto Cav., giucando altro , che li
piace, il Bianco andando coll'Alfiero del Re alla terza di Donna,
viene a ſtare ben fortificato.
Avvertimento al Bianco a tempo,che giucò il Nero il Cavalla terza
dell'Alfiero del Re, il Bianco poteva giucare l'Alfiero di Donna alla
quinta del Cav., dove'l Nero prendendo il Pedone del Bianco col
ſuo, il Bianco prendendo con quello di Donna, e'l Nero ſpingendo il
Pedone del Rocco una caſa,ſe'l Bianco cambiarà l'Alfiero col Cav., il
Nero prendendo col Pedone del Cav. verrebbe a rompere di nuovo, e
ſe non vorrà cambiare il Bianco, ma fuggire l'Alfiero, perderà un Pe
done, tal che'l Bianco non dovrebbe fare detta giucata d'Alfiero.

IR CAP.
13o. Sharatto del giuºco degli Scacchi
e - - , i
C A P., XL I I I . s - . º i
- - - -

r N, Iucarà il Neroli due Pedoni del Re , e della Donna quanto


G vanno, e'l Bianco ſpingerà quello dell'Alfiero di Donna quan
tova.e'l Nero non prenda, perchè'l Bianco giucando il Pedone
-
del Re una caſa, oltre che ſi conciarebbe il giuoco, verrebbe anco a pi
gliarſi detto Pedone, dove l Nero volendolo difendere, perderà l'offe
fa, e'l Bianco trovandoſi un pezzo di più,ſtarà bene º non prendendo
dunque, ne ſpingendo,(come s'è detto di ſopra) giuochi il Pedone dell'
Alfiero di Donna una caſa, e'l Bianco non prenda, ma giuochi il Pe
done del Renna caſa , e 'l Nero giuochi il Pedone dell'Alfiero del Re
due caſe , e'l Bianco giucarà l'Alfiero del Re alla ſeconda del Re , ſe i
Nero ſpingerà il Pedone di Donna un'altra caſa, il Bianco giuochi
quello di Donna una caſa e ſe l Nero ſpinge quello del Re, il Bianco lo
prenda con quello di ſua Donna, dove prendendo il Nero col Rocco,il
Bianco ſpingendo il Pedone dell'Alfiero ſopra il Rocco, avanzarà un
Pedone,e potrà poi col Re andare alla caſa del ſuo Alfiero,ed ivi fare la
ſua difenſione: ma ſe'l Nero non ſpingerà detto Pedone di Re, ma giu
carà il Cav.dell'Alfiero del Re, il Bianco Prenda detto Pedone di Den
ma con quello del ſuo Re, dipoi potrà con giucare il Cav. del Re alla
terza del ſuo Alfiero, e col ſuo Re, in quella parte fare la ſua difeſa,
overo potrà andarſene caſa caſa col Re dalla parte della Donna- -

2'ltima difeſa, e la migliore, ſecondo il mio giudizio, an


corchè non vi foſſe il pezzo di vantaggio.
G Iucarà il Neroli ſopradetti Pedoni quanto vanno ei Bian
co giucarà il Pedone di Donna una caſa . e 'l Nero giucarà
quello dell'Alfiero di Donna due caſe, e 'l Bianco potrebbe
ſpingere il Pedone dell'Alfiero di Donna quanto va,dove'l Nero ſpin
gendo avrebbe quello ſteſſo giuoco, che s'è detto di ſopra: non ſpinga
dunque il Bianco detto Pedone quanto va, ma una caſa, e'l Nero giu
carà quello dell'Alfiero del Re quanto va.e'l Bianco giuochi il Re alla
ſeconda di Donna , e'l Nero giucarà il Pedone della Donna un'altra
caſa, e 'l Bianco giucarà il Re alla ſeconda dell'Alfiero di Donna, e'l
Nero giucarà il Cav. di Donna alla terza dell'Alfiero di Donna , e 'l
Bianco giuochi l'Alfiero di Donna alla ſeconda del Re,el Nero ſpinga
quello del Re un' altra caſa. e 'l Bianco giuochi il Cav. alla terza del
Rocco di Donna,e'l Nero ſpinga il Pedone del Cav. del Re quanto va.
- e'l
Del Dottor Aleſſandro Salvio. 13 e
vi Bianco giuochi il Pedone dell'Alfiero di Donna un'altra caſa, do
ve ſe 'l Nero darà Scacco alla quinta del Cav. di ſua Donna, il Bianco
giuochi il Re alla caſa del Cav. , dove poi il Bianco potrà all'altra
iucata giucare il Cav. di Donna alla ſeconda dell'Alfiero; e ſe'l Nere
cambiarà il ſuo Cav. con quello del Bianco, il Bianco prenda col Re, e
dopo cavi il Rocco alla caſa dell'Alfiero, e poi entrarà col Re alla caſa
del Cav. ma ſe 'l Nero non cambiarà detto Cav., ma giucarà altro, il
Bianco ſpinga il Pedone del Rocco una caſa, che quello ſarà coſtrette
cambiare o fuggire il Cav.ſe cambiarà, verrà come di ſopra; ſe fuggi
rà, il Bianco potrà andare col Re alla 2. del Rocco, e dopo giucare il
Rocco alla caſa del Cavallo. -

Avvertimento:ſe'l Nero non ſuſſe andato a dare Scacco col Cav.alla


quinta del Cav. di Donna, ma aveſſe ſpinto il Pedone del Re un'altra
caſa, il Bianco lo pigli col Pedone dell'Alfiero del Re, e poi giuochi
l'Alfiero di Donna alla terza ſua,ed avendo il Bianco il giuoco in detta
i modo, potrà poi giucare il Pedone del Cav. del Re una caſa, e poi ca
vare l'Alfiero del Re alla ſeconda del Cav.ed avvert'ancora, che ſe per
. ſorte il giuoco foſſe di pari,e 'l Nero aſſaliſſe il Bianco col Cav. del Re
alla quinta del medeſimo, il Bianco potrà col Cav.del Re alla terza del
Rocco guardarſi: ma avverta il Bianco, che ſe 'l Nero veniſſe a ſpingere
il Pedone del Re un'altra caſa, ( come s'è detto) che ſarà la ſeſta d'eſſo
; Re,lo ſpingeſſe a tempo,che'l Pedone dell'Alfiero del ſuo Re foſſe alla
quinta d'eſſo Alfiero , il Bianco pigli col Pedone del ſuo Alsero, a
pigliando il Nero col Pedone dell'Alfiero del Re , il Bianco fugga l'
Alfiero di Donna alla terza del Re. Queſto baſti alli bell'ingegni per
inſtruzione di dette difeſe, poichè da quelle ſi potrà regolare,ed ancora
iucando il contrario in altro modo, ſi potrà regolare dal ſuo giudare:e
- - baſti loro aver queſte regole in generale, perchè ſe l'inimico facendo il
ſi migliore per ſua difeſa, l'offeſa tiene il ſuo luoco,tanto più avrà mag
gior forza, ſe colui farà altro, che ſia peggio, eſſendo più facile coll”
offeſa aſſalito,e ſe fuggirà l'una,è biſogno, che cada in qualcheduna di
tante,che ſi ſono date, così nelli Sbaratti,come in ogn'altra coſa,che ſie
' è ſcritta- -

Giuochi di Partiti, che poſſono intervenire , dell'Autore.


-

Rimo giuoco. Starà per eſſempio il Bianco nella caſa del ſuo
P
-

Cav. col Re, col Roeco alla ſeconda dello ſteſſo Cav., e'l Nero,
ſtarà alla terza dell'Alfiero del Re di detto Bianco con la Don
na,ed averà il Re alla quarta o quinta del Rocco del Re: avvertaſioſe'l
Bianco giucarà prima, il giuoco ſarà patto, perchè dando il Biancº
-
-
-
-
R 2 Scacco
132, S'baratto del giuoco degli Scacchi
Scacco col Rocco,ſarà forzato il Nero andare o alla coperta della Don
na,overo ridurſi alla terza del Re Bianco, dove il Bianco dandoli Scac
co col Rocco alla ſeconda d'eſſo Rocco, andando il Nero col Re alla
terza del Cav., e 'l Bianco dando Scacco col Rocco alla terza d' eſſo
Rocco,il Nero ſarà forzato prenderlo, e prendendo il Bianco, non averà
dove giucare -

Secondo giuoco.
- -
--
Eſtarà per eſempio il Pedone del Rocco del Re, o della Regina
R caſa del Cavallo, gionto col Pedone: e per contrario il Nero
alle penultime caſe per farſi Donna, e col Re alla penultima
ºverà la Donna dove li piace, e'l Re alla quarta caſa del Cav., e toc
carà al Nero a giucare detto giuoco, sepre ſarà patto, ed in queſta ma
niera,ſe'l Nero darà Scacco con la Donna per modo d'Alfiero,il Bianco,
ſempre ſe ne vada alla caſa del Cav. , ſe li darà Scacco per modo di
Rocco per la trincera del Cav. , egli ſempre ſe ne vada alla caſa del
Rocco; ſe li darà Scacco per modo di Roeco per le trincere dei pezzi,
egli ſempre vada alla ſeconda del Cav., ſe alle trincere delli Pedoni,
egli ſe ne vada alla caſa del Cav., e ſarà il giuoco patto forzatamen
te,eccetto però ſe'l Re del Nero ſtaſſe nella quarta del Rocco, o di Cav
o d'Alfiero,o di Re: perchè all'ora a tempº - che li darà Scacco con la
Donna, per eſempio alla ſeconda del Re ſuo e 'l Bianco andando col
Re alla caſa del Cav. , il Nero laſci far Donna al Bianco , e s'accoſti
col Re verſo il Re Bianco una caſa, dove il Bianco facendo Donna,e'l
Nero entrando col Re alla terza del Cav. , vincerà il giuoco forzata
smente- -

- -
Terza giuoco.
E ſarà il Pedone di qualſivoglia Alfiero alla penultima caſa per
S-
farſi Donna, e'l Re ſtarà alla penultima caſa del Cav. gionto col
Pedone : e per contrario il Nero averà la Donna dove ſi voglia,
e'l Re diſcoſto alquanto dal Bianco, ſe giucarà il Nero, detto giuoco
ſempre ſarà patto, poichè alla fine riducendolo a darli Scacco con la
Donna alla terza caſa del Cav., a tempo, che 'l Bianco ſtarà alla caſa
del Cav., avverta il Bianco a giucare il Re alla caſa del Rocco,ed ab
bandonare il Pedone, perchè in queſta maniera, ſel Nero pigliarà, il
giuoco ſarà patto , ſe non prenderà, non ſi potrà evitare a non far la
Donna:donde avverta il Bianco a non andar mai col Re alla caſa,dove
il Pedone s'avrà da far Donna, perchè il contrario s'accoſtarebbe col
Re e li guadagnarebbe il giuoco. Vedi al cap. z nel Puttino fol. 33
2aarto
Del Dottor Aleſſandro salvia, : 133,

2aarto giuoco.
SNº AràPedone
per eſempio il Bianco col Re alla caſa del Rocco di Re , il
del Rocco, e del Cav.al loro luoco,e 'l Cav. alla ſeconda
º del Re,e gl'altri pezzi ove ſi voglia, purchè non feriſcano le ca
ſe,che ſi diranno:e'l Nero averà l'Alfiero del Re alla quarta dell'altro,
il Pedone del detto Alfiero alla quinta d'eſo, la Donna alla terza del
Rocco del ſuo Re, il Rocco alla terza dell'Alfiero, e gl'altri pezzi in
altri luoghi, il Nero prendendo il Pedone del Rocco con la Donna, e'l
Bianco prendendo col Re, il Nero dando Scacco alla terza del Rocco
col Rocco non avendo egli coperta ſarà matto, poichè la caſa del Cav.
la feriſce l'Alfiero del Re-

º gainto modo. a
-

º
- r

Verà il Bianco il Re
-

alla caſa del ſuo Rocco , il Pedone dei


--

Rocco,e del Cav.alle loro caſe,la Donna, e gl'altri pezzi dove ſi


voglia, purchè la caſa ſeconda dell'Alfiero del Bianco reſti li
bera al Cav. del Nero, che ſi dirà: e per contrario il Nero averà il Real
ſuo luoco , il Cav. del Re alla quinta d'eſſo Cav. e la Donna alla ſe
conda del Rocco d'eſſa Donna, la qual Donna ſtia offeſa da alcun pez
zo del Rocco del contrario: il Nero non fugga la Donna, ma dia Scacco
col Cav. alla ſeconda dell'Alfiero, dove 'l Bianco è forzato giucare il
Re alla caſa del Cav. e'l Nero giuochi il Cav. alla terza del Rocco, e
dia Scacco di due, dove ſe 'l Bianco andarà alla caſa dell'Alfiero, ſarà
matto di Donna alla ſeconda dell'Alfiero,ſe andarà alla caſa del Rocco,
il Nero dia Scacco con la Donna alla caſa del Cav. , dove il Bianeo
prendendo con qualſivoglia pezzo viene matto di Cavallo - º

Seſto modo.
-

IR Eſtarà al Bianco alcun Pedone del Rocco, si alcuno dell'Alfie


ri; non però l'ultima caſa, dove s'avrà da far Donna detto Pe
-

done,ſarà contraria all'Alfiero:ſe 'l Nero per contrario avrà il


Re ſolo nella filera dei Rocchi avanti il Re Bianco, prendendo egli la
ri dove s'avrà da far Donna il Pedone , ſarà il giuoco patto per
IZºo

sS'ete
134 Sbaratto del giuoca degli scacchi
Settimo modoo
A Verà il Bianco un Pedone di qualſivoglia filera, purchè non ſia
delli Rocchi, e per eſempio alla quarta del Re,e'l Re alla quar
ta dell'Alfiero,o della Donna: e'l Nero per contrario giucarà il
Re alla terza ſua avverta il Nero ſempre , che'l Bianco giucarà alla
filera dell'Alfiero, o della Donna col Re, il Nero vada ad incontrarlo
al pari,quando vi ſarà una caſa per mezzo, quando vi ſaranno due ca
ſe , il Re non vada in detta filera, ma s'accoſti col Pedone del Bian
co, e così facendo ſarà patto forzato. . . . . . . .
- - - - - -
-
- - -- -- a º - - - - - -

Ottavo partito. -.
S Pedone Tarà il Bianco col Re all'ultima caſa del Rocco di Donna, e “I
alla penultima caſa di detto Rocco per farſi Donna , ed
averà il Cav. del Re alla caſa ſua:e per contrario averà il Nero il
Re alla ſeconda dell'Alfiero della Donna ſua. Se giucarà il Bianco, il
giuoco ſarà forzatamente patto , non movendoſi il Nero dalla detta
caſa ſeconda dell'Alfiero, e dalla prima di detto ai Gero; ſe giucarà il
Nero,e dopo il Bianco, il Bianco vincerà onde ſi cava regola, che ſem
pre detto giuoco ſarà patto, ſe 'l Nero verrà a finire in quella caſa, o,
Bianca, o Nera, dove finiſce il Bianco col Cavallo. -

- - - - - -- -

AVono partito.
S Rocco alla ſeconda del Cav.del Re Nero: e per contrario il Nero
- -

Tarà il Bianco alla caſa del Cav.del Re col ſuo Re , ed averà il


-
; -

averà un Pedone alla ſeconda del Cav. del Re di detto Bianco,


e'l Re alla terza del Rocco di Re di eſſo Bianco,ed un'altro Pedone alla
quarta del Cav. di Re di detto Bianco,ed un Rocco alla caſa del Re di
eſſo Nero.dice il Bianco, che giucando avanti impattarà il giuoco, in
queſto modo, darà Scacco col Rocco alla ſeconda del Rocco del Re Ne
ro, e 'l Nero andando forzatamente alla terza del Cav. del Bianco, il
Bianco ſi ponga col Rocco all'incontro del Rocco del Nero, e dovun
que fuggirà, il Bianco ſe li ponga all'incontro, e non ſi può far patto
in altro modo. º - e - - - - - - - -- - - - - - - -

De
Del Dottor Aleſſandro Salvio. i 35
- rº , ,
Decimo partito. . i
-

l L Nero averà il Re alla ſeconda dell'Alfiero di ſua Donna , ed un


Cav. alla caſa di Donna del Bianco: e'l Bianco averà il Re alla ſe
conda del Rocco di Donna del Nero, ed un Pedone alla terza del
Cav. di Donna di eſſo Bianco,ed un altro Pedone alla ſeſta del Rocco
di ſua Donna gionta col Re dice il Nero darli matto con un Cav.ſolo,
giuochi il Nero il Cavalla terza dell'Alfiero di Donna del Bianco,ſe'l
Bianco ſpinge il Pedone del Cav.un'altra caſa, il Nero dia Scacco alla
quinta del Cav. di Donna, e'l Bianco andando col Real pontone, il
Nero giuochi il Re alla caſa dell'Alfiero, che li darà matto all'altro
tratto: ma ſe l Bianco giucarà prima, e giucarà il Pedone del Cav. di
Donna alla quarta caſa, il Nero giuochi il Cav.alla terza dell'Alfiero,
come s'è detto,eſe'l Biancoſpingerà di nuovo, verrà come di ſopra: ma
ſe non ſpingerà di nuovo,ma giucarà il Re alla caſa del Rocco, il Nero
giuochi il Cav. alla quinta del Cav., come s'è detto, e'l Bianco ſpin
gendo il Pedone del Rocco alla penultima caſa, il Nero a queſto modo,
di giuoco non mova il Re, ma torni il Cav. alla terza dell'Alfiero, che
ſi è detto,e'l Bianco ſpingendº il Pedone del Cav.alla quinta, il Nero
giuochi il Cav.alla quarta del Rocco di Donna del Bianco, e all'altro
li dà matto, togliendo il Pedone del Re. - - . - - - - -

Primo partito del Dottor Don Geronimo della Città di


Piazza del Regno di Sicilia , eccellente giucatore di
- AScacchi.

S Tarà il Re Nero alla penultima caſa del Cav. di Donna eol


Pedone del Rocco ſuo alla penultima caſa di detto Rocco per
farſi Donna,averà ancora il Pedone del Rocco di Re alla quarta,
e'l Pedone del Cav. di Re alla terza: e per contrario il Bianco averà il
Pedone del Rocco di Re alla quarta ſua,ed averà il Re alla ſeconda di
ſua Donna, e 'l Rocco alla caſa dell' Alfiero di Donna. ſe toccarà al
Nero a giucare,il giuoco ſarà patto, perchè facendo Donna,e 'l Bianco
cambiando col Rocco,ed eſſo prendendo col Re,ſe'l Bianco andarà a pi
gliarſi il Pedone del Nero, egli ſeguendo appreſſo incontrarà il Re
Bianco alla terza dell'Alfiero di Re di eſſo Nero, e ſarà patto forzata
mente: ſe toccarà giucare al Bianco, il giuoco non lo potrà vincere il
Bianco,ſe né in queſto modo, cioè,cógiucare il Rocco alla caſa del Roc
co di ſua Donna, dove ſel Nero lo prenderà col Re, il Bianco s"
- )

I g6 .Sbardttà del giuoco degli Scacchi


il Re alla ſeconda dell'Alfiero di Donna, dove i Nero ſarà forzato giu
care il Pedone del Cav. del Re una caſa , e 'l Bianco prendendo col
Pedone del Cav. viene a far Donna prima del Nero, e li darà matto:
ma ſe'l Nero non voleſſe prender il Rocco, il Bianco li verrà a toglier
per forza il Pedone del Rocco franco in tempo di alcuni tratti. -

& Secondo partito di Don Salvadore Albino , detto per eccel ,


- a lenza, il Beneventano. a

S Tarà il Bianco col Re alla ſettima del ſuo Alfiero di Re, e nella
ſeſta caſa dello ſteſſo u'avrà un Pedone, ed un'altro Pedone avrà,
nella ſeſta del Cav. d'eſſo Re , ed un Rocco alla ſettima di detto
Cav., ed un'altro Rocco alla ſettima del Re:per contrario il Nero ſta
rà col Re alla caſa del Rocco di detto Re Nero, ed avrà il Pedone della
Donna alla ſua propia caſa, dice il Bianco al Nero, che li darà matto
col Pedone del Cav. ſenza poter giucare mai il Re, e ſarà in queſto,
modo laſciarà il Bianco far Donna al Nero, andandoſi egli trattenen
do col Rocco, che ſta alla filera del Re, inſino a tanto, che'l Nero farà
Donna, fatta ch'avrà la Donna, li dia Scacco col Rocco alla filera del
Rocco, e 'l Nero per forza coprendoſi con la Pºnna , il Bianco dia
Scacco coll' altro Rocco alla filera del Ròcco,el Nero prendendo con
la Donna , neceſſariamente il Bianco li viene a dar matto col
Pedone, - - -- -

Terzo partito di Damiano. .


S Tarà il Nero alla caſa del ſuo Rocco, e col Pedone dello ſteſſo
Rocco nella ſua caſa:e'l Bianco per contrario avrà il Pedone del
ſuo Rocco alla ſeſta,e'l Pedone del Cav alla quinta,ed avrà il Re
alla ſeſta del ſuo Alfiero,e la Donna alla penultima caſa d'eſſo Re,che
ſarà la ſeconda del contrario, ed avrà il Rocco alla quarta di Donna.
dice il Bianco al Nero volerli dar matto col Pedone del Cav. del ſuo
Re,ſenza poter prender giamai il Pedone del Rocco del Re Nero, e ſa
rà in queſto modo: giucarà il Nero alla caſa del Cav., e'l Bianco giuo
chi il Rocco alla quarta del Rocco del ſuo Re. e 'l Nero tornarà,dove
ſtava,e'l Bianco giuochi lo ſteſſo Rocco alla quinta di detto Rocco. el.
Nero tornando alla caſa del Cav. , il Bianco dia Scacco con la Donna
alla ſeconda dell'Alfiero del Re, che ſarà ad eſſa ſettima. el Nero tor
narà alla caſa del Rocco, e 'l Bianco giucando la Donna alla terza del
Cav.del Re Nero,il Nero ſarà forzato pigliarla col Pedone. e 'l Bian
co ſpinga il Pedone del Rocco alla penultima caſa, e il Nero ſarà for
-
- zatO
-

Del Dottor Aleſſandro Salvio. i 37


gato pigliarſi il Rocco del Bianco col Pedone e' Bianco ſi accoſti
col Re alla terza del Cav. e 'l Nero ſpingendo il Pedone, il Biancos'
accoſti col Re alla terza del Rocco, dove coll'altro Pedone li viene a
dar matto, avanti che'l Nero faccia Donna,
saarto partito del Signor Michele di Mauro , detto per
eccellenza il Calabreſe,
S Tarà il B.col ſuo Re alla ſua caſa, e con un Rocco di Re alla caſa
ſua,e coll'altro Rocco alla caſa dell'Alf di Don-, e coll'Alf del
ſuo Re alla caſa del Rocco di Do.del N.:e per contrario il N.avrà
il Re ſuo alla terza del Re Bianco , ed un Pedone alla ſeconda del Re
Bianco, un'altro alla terza dell'Alfiero del Re Bianco,ed un'altro alla
terza della Regina del Bianco,ed un'altro alla quarta del Re Bianco,ed
averà un Cav. alla terza del Rocco di Donna del Bianco , ed un altro
Cav. alla quarta del Cav. di Donna del Bianco. Dice il Nero al Bianco
darli matto col Pedone, che ſta alla quarta di Re , e ſe perde detto
Pedone, perderà il giuoco,e ſarà in queſto modo: darà Scacco il Nero
col Cav. che ſta alla terza del Rocco, alla ſeconda dell'Alfiero , e'?
Bianco ſarà forzato prenderlo col Rocco , e 'l Nero dia Scacco col
Pedone di Donna,e i Bianco ſarà forzato prenderlo col Rocco, e'l Nero
coll'altro Cav. dando Scacco alla terza di Donna del Bianco, il Bian
co neceſſariamente Pigliarà col Rocco detto Cav., dove il Nero pren
dendo col Pedone, che ſta alla quarta del Re, ſarà matto forzato all'
altro tratto col ſegnato Pedone,
- - -

Quinto partito di Damiano.


S
- - -
Tarà il Nero col Re alla ſua caſa:e per contrario il Bianco avrà il
Re alla quarta del ſuo Alfiero, ed un Rocco alla caſa del ſuo Al
fiero, e l'altro Rocco alla caſa dell'Alfiero di Donna, ed un Pe
done nella quinta dell'Alfiero di Donna, ed un altro Pedone nella
quinta dell'Alfiero di ſuo Re. Dice il Bianco al Nero volerli dar matto
di Pedone,Scacco coll'uno, e ſubito matto coll'altro, e ſarà in queſto
modo:giuochi il Bianco il Rocco, che ſta alla caſa dell'Alfiero di Don
na, nella caſa d'eſſa Donna; e giucando il Nero, il Bianco giuochi l'al
tro Rocco alla caſa del Cav. del Re , ſe 'l Nero verrà a porſi nelle ſe
conde del ſuo Alfiero, il Bianco giuochi il Rocco alla caſa di Donna
del Nero, e dopo coll'altro prenda la caſa del Cav. del Re Nero ma ſei
Nero non andarà alla ſeconda di detto Alfiero, ma alla ſeconda ſua, il
Biancogiuochi il Rocco, che ſta alla caſa del Cav. del Re, e prenda la
- S caſa
a - -
133 Sbaratto del giuoco degli Scacchi
caſa del Cav.del Re Nero, e dopo coll'altro prenda la caſa della Don
na del Re Nero , e dopo con un Rocco prenda la caſa dell'Alfiero di
Donna, e coll'altro la caſa dell'Alfiero del Re Nero; in modo che il
Nero non ſi poſſa movere dalla ſeconda di Donna, e dalla ſeconda dei
Re, prendendo il Bianco ancora la quinta caſa della ſua filera, ed in
queſto modo verrà matto coll'uno, e Scacco coll' altro.
seſto partito del medeſimo.
Tarà il Nero nella caſa del Rocco di ſua Donna col Re,e'l Bian
co avrà il Re nella ſeſta dell'Alfiero di Donna, e nella quinta
avrà un Pedone, e nella quinta del Rocco di Donna avrà un'
altro Pedone,ed avrà un Cav.alla quinta del Cav.di Donna,e un'altro
Cav. alla quinta di Donna. Dice il Bianco al Nero volerli dar matto,
Scacco con un Pedone, e matto coll'altro, tutt'ad un tempo e ſarà in
queſto modo i giuochi il Cav.che ſta alla quinta di Donna, alla ſe
conda dell'Alfiero,dando Scacco,e poi giuochi l'altro Cavalla ſeſta di
ſua Donna, e dopo giuochi lo ſteſſo Cav. alla caſa dell'Alfiero del Ne
ro, e poi giuochi il ſuo Re alla ſeconda della Donna del Nero, ed in
queſto modo dando Scacco col Pedone del Rocco due volte, ſarà ſu
bito matto coll'altro. --- .- , e ,
-- - - - - - - - , a

Settimo partito del medeſimo, a


- - º - - - -
- º

Tarà il Nero col Re nella caſa del ſuo Rocco, e'l Bianco ſtarà col
Re alla 2. del Re Nero, e con un Pedone alla terza del Rocco
del Re Nero,ed un'altro alla quinta dell' Alfiero del Re ſuo,ed
avrà un Cavalla quinta del Cav.del Re ſuo,ed un'altro alla terza dei
Re ſuo,e l'Alfiero del Re alla quinta del Rocco d'eſſo Re. Dice il Bian
co darli matto con dar Scacco con un Pedone, e matto coll'altro, e
ſarà in queſto modo : giuochi il Cav., che ſta alla terza del Re, alla
quarta del Cav. del Re, e dopo lo giuochi alla quinta d'eſſo Re, e dopo
verrà a dar Scacco con lo ſteſſo Cav. alla ſeconda dell'Alfiero del Re
Nero, ch'all'altro tratto ſarà Scacco con un Pedone , e matto collº
altro. -

- Ottavo partito del medeſimo.


Tarà il Nero col ſuo Re alla terza d'eſſo, e col Rocco alla terza
del Cav. e coll' altro Rocco alla ſeconda del Rocco di Don
na,e con un Cavalla terza del Rocco del Re, ed un Pedone alla
- quarta
Del Dottor Aleſſandro Salvio. - r 39
quarta del Re Nero, e la Donna alla quarta del Rocco di Donna: e 1
Bianco ſtarà col Re alla caſa dell'Alfiero del Re Nero, e con un Rocco
alla caſa dell'Alfiero del Re Bianco, e con un' altro Rocco alla caſa di
ſua Donna,e un Cav. alla 3. del ſuo Alfiero, ed un Pedone alla quarta
del Re Bianco. Dice il Bianco al Nero di:rli matto, e ſarà in queſto mo
do:Scacco col Cav.alla quarta del Cav.dei Re Nero,e 'l Nero prenden
do col Rocco per forza, il Bianco dia Scacco col Rocco, che ſta alla caſa
dell'Alfiero,alla terza dell'Alfiero del Re Nero, dove il Nero prenden
do per forza col Re, il Bianco li darà matto col Rocco 3lla terza della
Donna del Nero. -
- I

N U O VA A G GI UN T A
AL GIUI O CO DE GLI SCACCHI

Del Dottor Aleſſandro Salvio.

Giuoco fueeedato all'Autore dopo ſtampato il libro con M. A


al quale dava vantaggio di Cav. e mana, e teneva li Bianchi.
Iucò il Nero il Pedone del Re due caſe, e'l Bianco quello del
l'Alfiero di Donna due caſe. il Nero il Cavallo di Donna
- alla terza dell'Alfiero , e 'l Bianco il Pedone di Re quanto
- va. il Nero il Cavallo di Re alla terza dell'Alfiero , e 'l
Bianco quello della Don. alla terza dell'Alfiero. il Nero il Cavallo alla
inta di Donna, e'l Bianco il pedone di Donna una caſa. il Nero il
Pedone dell'Alfiero di Donna una caſa, e'l Bianco quello dell'Alfiero
di Re quanto va . il Nero lo preſe col ſuo , e 'l Bianco coll'Alfiero
di Donna. il Nero l'Alfiero di Re alla quinta del Cavallo di ſua Don
na , e'l Bianco la Donna alla ſeconda ſua. il Nero ſpinſe il pedone di
Donna quanto va , e 'l Bianco preſe il pedone dell'Alſiero. ed il
Nero preſe con quello del ſuo Alfiero, ed il Bianco ſaltò col Re alla
caſa del Cavallo, e'l Rocco alla caſa del Re. e 'l Nero preſe il pedone
del Bianco, e'l Bianco prendendo col Cavallo laſciò in preda la Don
na franca : perloche il Neto prendendo , ed il Bianco prendendo il
Cavallo Nero col Cavallo Bianco diede Scacco di due, per lo che fu
forzato giucare il Re alla caſa dell'Alſiero, ed il Bianco dando Scacco
- S 2 collº
14o AVuova aggiunta al giuoco degli Scacchi
coll' Alfiero alla terza di ſua Donna, ſe lui ſi copriva, era matto d'Al
fiero,ſe prendeva l'Alfiero,era matto di Rccco alla caſa del ſuo Re.
Giuoco ſucceduto tra W M. , e AV. M. ma il tratto
- da loro non fà viſto. - - - . .
!-- - . .

- º Veva il primo i Neri , ed aveva il ſuo Re alla caſa del


ſuo Rocco,il pedone del detto Rocco alla terza , quello del
Cavallo alla ſua , quello dell'Alfiero alla terza, il pedone di
Donna alla quarta , un Cavallo alla terza del Cavallo di
Donna, e l'altro Cavallo alla caſa propria dalla parte della ſua Don
na con un Rocco alla caſa dell'Alfiero di Don.,ed un altro Rocco alla
caſa ſua propria dalla parte di Donna, ed un pedone dell'Alfiero di
Donna alla terza ſua, e la Donna alla quarta del ſuo Cavallo. -

Per contrario il ſecondo N.N.avendoli Bianchi,teneva il Re alla caſa


del Rocco di Donna, il pedone di detto Rocco alla terza, quello del
Cavallo alla ſua propria,un Cavallo alla quarta del Cavallo di Donna,
un Rocco alla caſa dell'Alfiero di Donna, la Donna alla terza di det
to Alfiero,un pedone alla quarta di Donna, un Rocco di Re alla caſa
propria , il Cavallo di Re alla caſa propria : pedone di Rocco di Re
alla ſua, quello di Cavallo alla terza e quello dell' Alfiero alla terza.
Giucò il ſecondo N. N.la Donna alla quinta del ſuo Alfiero, il pri
mo N.N.preſe: eſſo Autore diſſe, non doveva farlo, ma abbandonare
il Cavallo, che ne ſuccedevano li ſeguenti tratti . Quando dunque
giucò il Bianco la Donna alla ſua quinta , il Nero giuochi
idonna alla quinta del ſuo Rocco - e 'l Bianco prendendo il Cava
º
franco, il Nero giuochi il Cavallo alla ſeconda di ſua Donna: e'l Bian
co era forzato giucare la Donna alla ſeconda di Cavallo di Donna
Nera, e'l Nero giucando il Rocco, che ſtava alla caſa dell'Alf.,e'l Bian
co prendendo l'altro Cavallo, e'l Nero prendendo colla Donna il Ca
vallo del Bianco, detto Bianco era matto forzato: perchè s'andava col
Rocco alla caſa del Cavallo, il matto è chiaro ; s'andava alla ſeconda
dell'Alfiero, il Nero dando Scacco alla caſa del Re colla Donna, il Bian
co è forzato andare alla ſeconda del Rocco, e 'l Nero prendendo col
Rocco il pedone del Rocco, ſe'l Bianco prendè col Re, è matto di Don
na alle caſa del Rocco; e ſe prende col pedone , è matto colla Don
na alla caſa del Cavallo ; e ſe'l Bianco a tempo, che pigliò il Cavallo
la ſeconda volta, non aveſſe preſo detto Cavallo , ma preſa colla Don
na il pedone dell'Alfiero del Bianco, il Nero prendendo il Cavallo col
la Donna in più tratti ancora vince il giuoco.
-
Giuo
pel Dottor Aleſſandro Salvio: - - - -
' -
T4s
- - -

ri . . a : ii . . . . .
Giuoco ſucceduto tra M M con AV, AV.
- - a , y -- ,
e i Veva il primo li Bianchi, e teneva il Rocco alla caſa del Ca
- vallo del Re,il pedone del Rocco di Re alla terza il Re alla fe
conda dell'Alfiero, il pedone dell'Alfiero di Re alla quarta la
Donna alla ſeconda di Donna Nera,ed un Cavallo alla quinº
ta d'eſo Cavallo di Re, ed un pedone del Rocco di Donna alla terza,
e quello dell'Alfiero di Donna alla terza, -

E per contrario il ſecondo aveva il pedone del Rocco di Donna alla


ſua caſa, quello dell'Alfiero di Donna alla terza un Cavallo alla quar
ta dell'Alfiero del ſuo Re,un Rocco alla terza dell'Alfiero di Re , eti
Re alla terza del ſuo Cavallo, la Donna alla terza del Rocco di Re, ed
il Rocco del Re alla ſua caſa propria . Toccò al ſecondo a giucare, e
diede Scacco colla Donna alla quarta del Rocco Bianco, il Bianco an
dò col Re alla terza dell'Alfiero. il Nero diede Scacco colla Donna, e' i
Bianco ſi coprì col Rocco, e'l Nero giucò il Cavallo alla terza del ſuo
Rocco. Parve, che il Bianco perdeſſe, perchè al Scacco di ſcoverta non
poteva operare: ma il tratto fu occulto, perchè dando Scacco di ſco
verta, portando il Cavallo alla terza del Re Nero, el Nero prendendo
il Rocco col Cavallo, e'l Bianco dando Scacco colla Donna alla ſecon
da del Cavallo del Nero, il Nero veniva a perdere la Donna per forza,
ſe perdeva anco il giugco . , i 2 - a
-

i 1
-

- - -- 2 - ca 4 . ºt . .
Giuoco ſucceduto con M. M.
- Vevali Bianchi , ed aveva il Re alla terza del ſuo Cavallo,
l'Alfiero di Donna alla ſeconda dell'altro Alfiero, un Caval
lo alla ſeſta d'eſſo Cavallo di Re , e 'I Rocco alla quinta del
- l'Alfiero di Re, il pedone di Re alla ſeſta d'eſſo Re, il pedone
di Donna alla quarta, e 'l pedone del Rocco di Donna alla terza, ed
un altro pedone, che fu del Cavallo, alla quinta di Rocco.
. Per centrario il Nero il Re alla ſua caſa , un Cavallo alla quarta
di ſua Donna, il pedone dell'Alfiero di Donna alla terza, quello del
Cavallo alla quarta , e del Rocco alla quinta, ed aveva la Donna alla
caſa della Donna del Bianco : e toccando a lui il tratto, diede Scacco
colla Donna alla terza del Cavallo di Donna Bianca , e'l Bianco co
prendoſi col Rocco alla terza dell'Alfiero, fu forzato il Nero prendere
il Rocco colla Donna altrimente era matto.il Bianco prendedo col Re,
eſſo ſpinſe il pedone del Cavallo alla quinta, e 'l Bianco per migliore
ſpinſe il pedone raddoppiato del Rocco alla ſeſta,e'l Nero ſpingendo il
-- - pe
144 Muova aggiunta al giuoco degli Scacchi
pedone alla ſeſta, il Bianco ſpinſe il pedone raddoppiato alla ſettima.
e'l Nero giucando il Cavallo alla ſeconda d'Alfiero di Donna, pareva
aver vinto il giuoco, perchè faceva Donna forzatamente; ma il Bian
co ſpingendo il pedone della Donna alla quinta, ſe 'l Nero prendeva,
il Bianco coll'Alfiero ſalvava di far Donna, ſe non prendeva, ma ſpin
geva il pedone del Cavallo alla ſettima per far Donna, e'l Bianco non
prendendo, ma ſpingendo lo ſteſſo pedone alla ſeſta, il N. ancorchè
faceva Donna,era matto forzato, come ſi deve in due tratti.
S'avverte ancora, che ſe'l Nero a tempo diede Scacco alla terza del
Cavallo colla Donna, dava Scacco alla terza di Donna Bianca , detto
Bianco non ſi poteva coprire , perchè perdeva il Cavallo: per lo che
poi prendendo il pedone, che ſtava alla terza del Rocco di Donna, il
Bianco non poteva dar matto: ma vedeſi,che ci ſono altri belli tratti,
ſtudiſi, che ſi trovano. -

Avvertaſi ancora,che in tempo, il Nero diede scacco,e'l Bianco ſi co


prì col Rocco, il Nero non prendeſſe, ma laſciaſſe la Donna al medeſi
mo loco, e ſpingeſſe il pedone del Cavallo un altra ſi viene un altro
giuco più bello, ma pericoloſo ex utraqua parte: ſtudiſi, che è bello»
e ſottile. - -

- Giuoco ſucceduto tra l'Autore, ed v AZ


S
- - - i- ----- - - -- -

I ritrovava col Re Bianco alla ſeſta del Cavallo di Re,e col Rocco
alla ſeconda di Donna del Nero, e l'Alfiero di salla terza di
Re. Il Nero aveva il Re alla caſa del ſuo Cavallo, e'l Rocco al
la caſa di ſuo Alfiero, il pedone di Donna alla ſeconda di Don
na Bianca, e'l Cavallo alla quinta d'Alfiero di ſua Donna, e 'l pedo
ne del Rocco di Donna alla penultima caſa, per farla Donna. Queſto
giuoco parea patto dando Scacco, e Scacco il Bianco lo perdeva, ſe'l
fianco dando Scacco alla ſeconda del Cavallo, e'l Nero andando alla
caſa del Rocco, e'l Bianco aveſſe giudato l'Alfiero alla quarta di Don
na, perchè il Nero giucando il Rocco alla caſa del Cavallo levarebbe
egni offeſa, ma ſe ciò non faceſſe, lo perderebbe, e faceſſe Donna, Per
che dando Scacco di ſcoverta col Rocco,eſſo ſarebbe forzaco andare alla
caſa del Cavallo, e ſarebbe matto alla caſa del Rocco per vincere dun
que il Bianco, è biſogno dar Scacco alla caſa ſeconda del Cavallo - e i
Nero andando col Re alla caſa del Rocco, il Bianco dia Scacco di nuo”
vo col Rocco, dove il Nero tornando alla caſa del Cavallo, il Bianco
giuochi l'Alfiero alla quarta di Donna, e darà matto forzatamente
- Giuo
Del Dottor Aleſsandro Salvio. 143

Giuoco ſucceduto tra M. M. , ed AV, AV.


S Tava il Nero col Re alla caſa del ſuo Cavallo, e col pedone di
Rocco di Donna, e del Cavallo alle loro quinte, caſe quello del
l'Alfiero di Donna alla quinta, e quello della Donna alla quar
ta. e'l Bianco aveva un pedone di Rocco di Donna alla ſua ca
ſa,il Re alla ſeconda dell'Alfiero di Donna, l'Alfiero di Donna alla
quarta di ſua Donna, e'l pedone del Cavallo di Re alla ſeſta. Queſto
iuoco non fu viſto dal Nero che tocco giucare avanti ſpingere il pe
done del Rocco di Donna un'altra caſa, perlochè il giuoco veniva a
farſi patto per forza, perchè ſe'l Bianco andava coll'Alfiero a pigliar
ſi il pedone , il Nero pigliando il pedone del Cavallo, il giuoco era
patto, ancorchè il Bianco reſtava coll'Alfiero, e col ſuo podone di
Rocco,a cauſa l'ultima caſa da farſi Donna era Bianca, e l'Alfiero era
Nero, come s'è detto nelli partiti, e ſe non andava a pigliarci detto
pedone,non poteva allargare il Re ch'averebbe perduto: per lo che a
vendo giucato di Re, e 'l Bianco ſpingendo il pedone del Rocco una
caſa vincerà il giuoco, o pigliaſſe, o ſpingeſſe il Nero, perchè col Re
poi ſi veniva a pigliar tutti li pedoni ſenza che toccaſſe l'Alfiero dele
la filera detta
-

1 L. R I N E.
V S - ' , e

iº, i , 1 - 3 . . . .
t , r -

- ti , . . . . .
, -
-
- , e , a l . .

toº e .. . . º il, t
2 - i ! -

s:
;
- -
-

- - - - - - -- -- - - - º
. . . . -
. . . . - -
. . . -
. - -
. .
-
-
. - -
e - ,
-

- - º , i -
- - - - - - - - - -, -- º - - a -

.. -
s . . . . . . .. . . .
-
- -

- e º
- a e - - - -
a - -
-
-
- -
- -
- y - , i
-
- - -

eº . .. . . . -
-2 - - -
- - e - - - - - - - - - -

- - - - - - - - -- -- - - - - - - -- - -- - - - -- -

--- - - - - -
- - - -

- -

-. -, º 4

l
M O D O
F A C I L E
P E R I N T E N D E RE
Il Vago , e Dilettevole Giuoco
D E G I. I

Compoſto da un Incognito per


li Novizi del Giuoco.
----
·
----
----
----·
*
A
*
---;* *
*
|-• • • *: -
• • • ••
----·
••••!
---- →
º, ·
----
{- }:
· ·
. --… -- ----
-
* *
:
…!
**…
·
----- -
* b
*
• !}
··|
! -----
, ,
! ~
*
·· · · -
·
****
|-·-�
• ſ·

v |
·|
i 47

A L LETT o R E.
E RS E Filoſºfo, che inventò il Giuoco degli Scacchi , per
divertire Enimelderaco figliuolo di Nabuchodonoſor dal tira
neggiare li ſuoi Popoli, con allettare il Tiranno, occupandolo
intorno al Giuoco, acciocchè da quello prendeſſe eſempio, che per
conſervare il ſuo Regno in ſtato pacifico, e ſicuro, non ſolo li conve
miva eſſere Principe benigno verſo li ſiedditi; ma li conveniva an
cora eſſer in Città munita, con Fortezze, Capitani, e Soldate
fcba da diffenderla, e Conſiglieri per governo del Regno, che perciò
li rappreſentò in queſto Giuoco un Re, che come capo principale ſta
nel mezo; IIma Regina come General di comando appreſſo il Re; due
Alfieri, che ſtanno appreſſo il Re,e la Regina,come Conſiglieri, altri
dicono come Giudici; due Cavalli, uno per parte del Re, e della Re
gina appreſſo gli Afieri che come Capitani ſono li primi ad uſcire in
Campagna per difeſa del Re; otto Pedoni, che come Soldati ſtanno
avanti il Re, e la Regina, ed i Conſiglieriper ſua difeſa; due Torri
una perpe e le ſervono di fortezze, come Artiglierie di bat
ter l'inimico fu uomo non ſolo politico, ma morale, perchè ſi come
per conſervare la Città, ed il Regno, il Re deve tener li ſuoi Popoli
uniti in carità, e per conſervare gli eſerciti, ſi deve tenere la Sol
dateſcha unita, e non sbandata ; così in queſto Giuoco, chi non
vuol ignorantemente perderlo, ſi deve tener ſempre il ſito Re in
guardia almeno di tre Pedoni, ſerrato tra le Torri ; é le ſue figure
in guardia una dell'altra, ed accompagnate più che ſi può dalli Pe
doni; e li Pedoni uno dietro l'altro per to erſi difendere un call
altro, ed in particolare tenere ben i. ta la Regina, perchè co
me General di comando, che ſcorre da per tutto per ſoccorrere il ſuo
eſercito, perduta quella, è mezzo perduto il Regno, ed il Giuoco.
Che però il preſente Giuoco è politico, e morale, ed è degno da eſº
ſi eſercitato da perſone con ſpicue, per aver avutoi"
p
di paſſatem
-

mperadori, e merita il primo luogo tra tutti li giuoc


- - - - - - -
--
- - -- - - - - - --
-
- -
-

po. Per tanto chi vuol eſercitarlo, deve aver le ſeguenti oſſerva
210/11, ,

- - - - i . . . . . . . . . e
T 2 - os
148

ossERVAZIONI
PIU N E C E ss A R 1 e - -

Per giucare a Scacchi.


Rima ci vuole un Tavoliere quadro di lunghezza, e larghezza
una quarta, e mezza in circa, compartito in otto righe per lun
go, ed otto righe per largo , che verranno a formare ſeſſanta
quattro quadretti, quali devono eſſere uno Bianco, e l'altro Nero.
2 Poi ci vogliono due figurine con due Corone, che ſervono per
i Re , due figurine con una Corona, che ſervono per le Regine, quattro
in forma di Torri; quattro in forma di cavalli, quattro, che ſervono
per Alfieri;ſedici,che ſerviranno per Pedoni ma che Gano mezi neri, e
mezi bianehi per conoſcerli differenti l'un dell'altro. Le ſuaette figu
re le forma con ottima diligenza M. Pietro Bucella Tornidor
-
in - -

Frezzaria allº Inſegna della Madonna del Carmine. º


-

- -

3 . Poi ſi accomoda il Tavoliere, che l'ultimo quadretto dalla


parte deſtra ſia Bianco (benchè queſto poco importa, ſe ſia anche Ne
ro) e nella prima fila ſi accommoda una Torre per banda, appreſſo la
Torre un Cavallo per banda, appreſſo il Cavallo un Alfier per banda,
in mezo " ſi accomoda il Re, e la Regina, ma con queſta
oſſervazione, che la Regina Bianca ſia in campo Bianco, e la Regina
"
Nera ſia in campo Nero 5, nella ſeconda fila º accomoda un
per quadro, li Neri davanti le figureNere, e li Bianchi avanti le figu
re Bianche º . . .
4 Accommodato il tavoliere nel ſuddetto modo, devi ſapere, co
me devi incaminare le ſuddette figure, e ſarà che ſappi , che ,
Il Re fa un paſſo folo per volta, movendoſi dal quadro, dove ſi ri
trova con gravità,ed entrando nell'altro, ma ha queſta autorità, che può
andar avanti, indietro, per fianche, per traverſo, come più li torna
comodo, mentre però non abbia qualche ſua figura, che l'impediſca:
che quanto alle figure dell'inimico può prenderle, mentre però non
vada in Scaccho, lo Scaccho ſarai aviſato più avanti quello, che ſia.
La Regina camina per tutte le parti, come fa il Re, ma perchè ſere
-
- - - ve
i 49
ve come General di comando, ha autorità di caminare quanto è lun
go,e largo il tavoliere,ſe vuole, e ſe li torna comodo, mentre non ſia
parimente impedita dalle ſue figure e Pedoni. -

Gli Alfieri caminano per traverſo , ma con queſta differenza, che


li Bianchi devono ſempre caminare per la ſua ſtrada Bianca, e li Neri
devono caminare ſempre per la ſtrada Nera, così indietro, come avan
ti, non eſſendo ancor eſſi impediti da altre ſue figure, quanto è lungo,
- - - -- -- - -
e largo il tavoliere.
Il Cavallo fa viaggio diverſo, perchè deve ſaltare dal quadro Nero,
dove ſi ritrova, in un quadro Bianco, attorno via in qual più li torna
comodo, e dal quadro Bianco nel quadro Nero , mentre però che in
detti quadrati non vi ſia qualche ſua figura , ma eſſendovi le figure
nimiche può prenderle.
Le Terri caminano ſolamente in faccia , e per fianco , ancor eſſe
quanto è lungo, e largo il tavoliere, ſe li torna comodo, non eſſendo
ancor eſſe impedite dalle ſue figure. . -

Li Pedoni caminano ſempre avanti , ma un paſſo ſolamente per


volta, dalla prima moſſa in poi, che poſſono, ſe vogliono farne due, ma
queſti non poſſono tornare in dietro, ne meno ſcorrer quanto è lungo
il tavoliere in una volta, come fanno le altre figure, ma devono andar
ſempre avanti : e ſe arrivano ſicuri all'ultima fila dell'inimico, ſi
poſſono far reſtituire qualſivoglia figura , che ſia ſtata preſa dall'
inimico, nel che averai avvertimento di farti reſtituire prima la Re
gina , come più importante, ( ſe ti è ſtata preſa ) e poi qual'altra ti
ſarà più comoda, che ſarà la Torre, e poi l'Alfiero; perchè rappreſen
tano ſoldati, che entrati nelle trinciere dell'inimico, predar poſſono
quello, che trovano , e liberare li Prigioni. .
5 Per cominciare adunque il giuoco, benchè ſi poſſa cominciare
da qual parte ſi vuole, o con un Pedone, overo con un Cavallo per
chè le altre figure non poſſono uſcire in Campagna, ſe prima il Pedo
ne non va avanti (dal Cavallo in poi, che può ſaltar ſopra il Pedone.)
Ricordati di far prima andar avanti un paſſo , overo due paſſi il
Pedone, che ſarà avanti del Resacciocchè il Re ſia in libertà di camina
re, per difenderſi dall'inimico, e dia luogo alla Regina, ed all'Alfiero
di uſcir in Campagna, ſe vogliono.
Nel ſecondo tiro fa caminar l'Alfier dalla parte del Re tre paſſi a -
ivanti. i , - - -
º -
-
-
e º

- Nel terzo tiro ſalta fuori col Cavallo dalla parte del Re. .. .
Nel quarto tiro ti ricordo, che ſarà ben fatto, portar la Torre nel
luogo del Re, e ponere il Re nel quadretto appreſſo, dove era la Torre,
- - por
I yo

portando un paſſo avanti il Pedone di mezzo, overo l'ultimo, che ti


ſervirà meglio , e queſto ſi chiama in rochar il Re, cioè , ponerlo in
ſicuro,che non poſſa così facilmente ricevere Scacco dall'inimico.
6 Poſto che averai il Re in ſicuro, va incaminando gli altri Pe
doni,e l'altre figure ſempre accompagnate,ed in Guardia una dell'altra,
oſſervando la moſſa dell'inimico, procurando di offendere, e non eſſer
offeſo, ſe puoi, e guardar bene tutte le tue figure ad ogni moſſa dell'
inimico, ſe alcuna delle tue reſta diſcoperta » per poter coprirti, o mu
tar luogo, in particolare fa buona guardia alla Regina, perchè quella è
il ſoſtegno del giuoco.
7 La ſoſtanza del giuoco, per vincerlo, conſiſte nel dare Scacco
matto al Re , a differenza del Scacco ſemplice , che non fa vincer il
giuoco. I
- -

8 Per intender quello, che ſia Scacco ſemplice , ſappi , che per
eſempio ſe il Re ſarà in quadro Nero ; L'Alfiero, che ſarà in quadro
Nero guardando il Re in diſcoperta , cioè che non abbia davanti un
Pedone, che il difenda,overo altra figura, queſto s'intende Scacco ſem
plice, e ſi avviſa l'inimico, dicendoli, Scacco: perchè in queſto caſo
non può mover alcuna altra figura, ſe Primº non leva il Re dalla fac
cia dell'inimico, cioè dallo scaccho o con mutar luogo, o con coprirlo
con qualche figura, overo con qualche Pedone ; ma devi avvertire di
non andar appreſſo al Re con le tue figure, perchè il Re può prender
qualſivoglia figura , che li ſi avvicina , mentre però che non vada
in faccia, cioè in Scacco di altra figura , che offende lui : la Torre
guardando il Re in faccia, overo per fianco, li dà Scacco. -

Il Cavallo eſſendo in quadro Nero , ed il Re parimente in quadro


Nero, ſaltando il Cavallo nel quadro Bianco, darà Scacco al Re; e ſe
ſarà nel Bianco, ſaltando nel negro.
Il Pedone eſſendo in Nero, ed il Re in Nero , cvero tutti due in
Bianco,dà Scacco al Re, ma queſto toccando il Re per traverſo da vi
cino, e non da lontano, come poſſono far le altre figure, -

La Regina dà Scacco al Re per tutte le parti, così da vicino, come


da lontano : queſto ſi chiama dar Scacco al Re.
9 Il Scacco matto, col quale ſi vince il giuoco, è , che biſogna
con due o tre figure guardare in diſcoperta il Re , overo con una ſola,
ma in maniera che ſe il Re vuoi uſcir di Scacco di una, vadi in faccia
dell'altra, ſia Pedone, ſia altra figura ; e non può avvicinarſi un Re
all'altro Re, che ſi tocchino, ma convengono ſtar lontani uno dal
l'altro almeno un paſſo, che però devi ſempre procurar più che puoi
di dar Scaccho al Re, per ridurlo allo Scacco matto, avvertendo di non
- 1 Im
-
15 1
imprigionarlo, che non ſi poſsa muovere ſenza darli Scacco, quando
foſſe ſolo : perchè ſi chiamarebbe in queſta forma Tola , che vuol dir
patta; e quel giuoce, che potreſti vincere, ti converebbe far patta, e
tornarlo a cominciare , che però laſcia il Re in libertà, fin che li da
rai Scacco. -

Reſta, che ſappi, che tutte le figure ſi feriſcono, e prendono l'una


coll'altra: come per eſempio li Pedoni, toccandoſi l'uno coll' altro in
campo Bianco, overo i" il primo, a chi toccherà moverſi,
può prender l'altro; e non ſolo può prendere il Pedone, ma ancora
qualſivoglia figura li ſia vicina , e ſcacciar il Re; ma ſolo per tra
verſo, perchè nè avanti, nè indietro, nè per fianco, nè da lontano
poſſono offendere l'inimico, ma ſolo da vicino , e per traverſo.
Gli Alfieri così da vicino, come da lontano nella fila Bianca, overo
Nera, dove ſi ritrovano, poſſono prender qualſivoglia figura.
Le Torri così da vicino, come da lontano, ma ſolamente in faccia,
overo per fianco poſſono prendere qualſivoglia figura. S
Li Cavalli, ſaltando dal quadro Bianco nel quadro Nero, ſe trove
ranno qualche figura in detto quadro Nero, la poſſono prendere così
ſaltando dal quadro 'Nero nel quadro Bianco attorno via per tutte le
parti, ed hanno otto luoghi da andare dove più li torna comodo, ma
non poſſono in quelli quattro , o Bianchi , o Neri, ( che ſiano ) che li
ſono vicini,fermarſi, non eſſendo quello il loro viaggio.
La Regina così da vicino, come da lontano per tutte le parti in die»
tro, avanti, per fianco, e per traverſo può prender ogni figura, ed
eſſer preſa, ancora dalli Pedoni. -

Il Re, come già ho avvertito, prende qualſivoglia figura, che li ſi


avvicina, mentre però non vada in faccia alle figure nemiche, che in
queſto caſo non può prender la figura, anzi va a pericolo di reſtar eſ
ſo prigione, che però ſi deve ben guardarlo. -

1o Avverti d'inrocchar il Re avanti , che l'inimico li dia una


volta Scacco, perchè ricevuto una volta il Scacco, non puoi inroccharlo,
dallo primo Scacco in poi , deve però a un paſſo per volta procurare
di ſalvarſi, e non venir in Campagna aperta, ſempre che può farne di
gnenO. - º ra

JPer tanto procura d'incaminare li tuoi Pedoni accompagnati, per


chè ſe l'inimico prenderà uno delli tuoi, tu potrai prender il ſuo.
I1 La vera forma d'incaminare li Pedoni ſarà, averne uno avanti
per eſempio in quadro Nero, ed uno per parte dalle bande parimente
in quadro Nero, overo nelli quadri Bianchi, ma ſempre in fila, che ſi
tocchino uno coll'altro per traverſo,
12 Av
152
12 Avvertf ancora a non muovere alcun Pedoneſe prima non oſſera
vi,ſe alcuna delle tue figure reſta ferita dalle figure nemiche ſenza eſ
ſer difeſa da qualchedun altra delle tue , e queſto è il principale av
vertimento, che ſi deve avere in queſto giuoco, cioè di non muovere le
figure, che poſſano far pericolar le altre ſenza poterſi vendicare.
13 Avverti ancora a portar avanti più , che puoi, li tuoi Pedoni ,
per arrivare all'ultima fila per poter ricuperare le figure, che averai
perdute ai che ti gioverà accompagnarle col Re , ſe puoi.
14 Avverti ancora a laſciar le Torri più che puoi, al ſuo luogo
per guardia del Re, e portar gli Alfieri,e Cavalli in Campagna, accioc
chè non venga l'inimico a dar Scaccho al Re , e che le Torri non
poſſano difenderlo, perchè potreſti perdere,o il Cavallo,overo l'Alfiero,
che foſſe in detta fila, ſe l'inimico ſi portaſſe nel mezzo con la Regina,
overo con una Torre. . . o - , .

15 . Avverti ancora, che le ſuddette figure ſono di più dignità l'una


dell'altra, che però la Regina tiene il primo luogo, come general di co
mando, che ſcorre per tutto l'Eſercito, per ſoccorrer dove fa di biſo
gno, poi gli Alfieri, doppo le Torri, poi li Cavalli, benchè alcuni ſti
mano più di Cavalli, che gli Alfieri perchè "ſcano attorno via in ot
to luoghi in un colpo. L'ultimo luogo è dºlli Pºdº rò nò torna
conto perder la Regina per acquiſtarun Alfierone perder l'Alfiero, per
acquiſtar un Pedone i ſerviti dell'avviſo. -
-

16 Avverti ancora ad uſcir fuora in Campagna più preſto, che


puoi, con gli Alfieri e Cavalli per laſciar il Re in guardia delle Torri;
ed a non movere li tre Pedoni, che ſtanno davanti il Re per ſua guar
dia, ſe non per gran neceſſità , ſe non vuoi miſeramente perder il
Giuoco. a -

17 Avverti ancora, che le figure, e Pedoni, che ſono dalla parte


del Re,ſi domandano Torri, Alfieri, Cavalli, e Pedoni del Re; e quelli,
che ſono dalla parte della Regina, ſi domandano Alfieri, Cavalli,Torri,
e Pedoni della Regina: queſta diſtinzione la fanno quelli, che ſono di
così buona memoria o che giuocano a queſto giuoco viaggiando , con
ſolo nominar a mente le figure, che moverebbono , come ſe aveſſero
preſente il tavoliere. - - - - - - - -

18 Per dare, Scacco matto al Re,ti ſervirà la Regina, la Torre, e


l'Alfiero,ed il medeſimo tuo Re accompagnato con una delle ſuddette
figure, meglio del Cavallo, e delli Pedoni, perchè da queſti due ulti
mi il Re ſi puol difendere con andarli vicino , quello che non può far
re con i tre ſuddetti, che li poſſono ſtar lontani, e ferirlo. - ,
19 Avverti ancora , che reſtando, col Re ſolamente , e che l'
-
ini
I 53
inimico aveſſe appreſſo il Re ancora la Regina, ſi uſa di pattuire”
che ſe in dodici volte non darà lo Scacco matto, ſi deve tornar a prin
cipiare il giuoco, non intendendoſi, che ſia perſo, e ſe aveſſe una Torre
ſolamente appreſſo il ſuo Re, ſi pattuiſce, che ſe in ventiquattro volte
non darà Scacco matto, il giuoco non è perſo, ma ſi deve cominciare
di novo. - - - -

2o Per levar ogni differenza, che può naſcere nel giucare , ſi


pattuiſca, che chi toccherà qualſivoglia figura,overo Pedone, ſia obbli
ato menarlo ; e chiunque levarà dal tavoliere una figura, overo Pe
done dell'avverſario, mentre può prenderlo, ſia obbligato a prenderlo:
perchè molte volte ſi vede l'errore dopo averlo fatto.
Queſti ſono,corteſe Lettore, in Teorica li principali avvertimenti,
che ſi devono avere, per giucar a Scacchi, del reſto poi li diverſi acci
denti, che occorrono nel giucare, per eſſere innumerabili, non ſi ſcri
vono,perchè apportano confuſione, e non chiarezza, come ſi può oſſer
vare in altri libri ſtampati; baſtando queſti per li Novizi, rimettendo
gli altri alla prudenza di chi giugherà: benchè alcuni mi potrebbono
dire, non li ſcrivi, perchè non li ſai: confeſſo la mia ignoranza, e dico,
che ne sò meno di tutti . ma mi rendo certo , che ſarò compatito da
quelli, che intendono il giuoco e ringraziato da chi deſidera intender
io per quel poco di lume, che da queſte carte riceveranno, Vivi felice,
e giuoca, che ti farai pratico- - - -

A G GI UN T A F A TT A
-
-
DA un ALTR o INcoGNIT o
Per accomodare l' Eſercito Scaccheſco.
r Orta avanti un paſſo il Pedone del Re; poi porta un paſſo a
vanti il Pedone del Cavallo del Re, poi porta un paſſo avan
,º ti l'Alfier del Re in faccia alla Torre nemica,poi porta avan
ti un paſſo il Pedone del Cavallo della Regina, poi fa ſaltar li Cavalli
unº per volta, ma guarda, non li metter in diſcoperta in faccia agl'
Alfieri nemici ; poi porta fuori l'Alfier della Regina ; poi porta un
paſſo avanti il Pedone della Torre della Regina, poi inrocca il Re , e
ſeguita il giuoco con avvertimento di offender, e non eſſer offeſo, e
far caminare ſempre avanti li Pedoni, mentre poſsono,
- Per
I 54
- Per inroccar il Re ſenza impedimento.
2. Orta un paſſo avanti il Pedone del Re , poi fa ſaltar il Ca.
l vallo del Re 3 poi porta fuori l'Alfier del Re , poi inroc
cati. -

- Per dare Scacco.


3. Orta un paſſo avanti il Pedone dell'Alfier della Regina; poi
porta fuori due paſſi la Regina, poi porta fuori il Cavallo
del Re; poi fa ſaltar detto Cavallo, poi porta la Regina ap
preſſo il Re nemico , che ſe l' inimico non ſi opponerà col Pedone.
in difeſa, li darai Scaccomatto con la Regina, overo ferirai la Torre,e
la Regina nemica col Cavallo- -

- Per dare Scacco.


4, Orta un paſſo avanti il Pedone del Re; poi porta fuori tre
i paſſi l'Alfier del Re, poi fa ſaltar il Cavallo del Re; poi fa
º di novo ſaltar detto Cavallo, che al quinto tiro darai Scac
co coll'Alfiero, overo ferirai la Torre col Cavallo , mentre però l'i
nimico non ſi eſponga con la Regina, overo. Pedone..
-
Per dare Scacco. -
5, Orta avanti due paſſi il Pedone del Re, che ſe verrà irca 2.
vallo nemico per prenderlo , tu poni la tua Regina avan
ti il Re,che ſe l'inimico inavvertentemente prenderà il tuo,
;

Pedone col Cavallo , tu prenderai il Cavallo con la Regina, e da--


rai Scacco. - -

Per dare Scacco al Re , quando ſi è inroccato.


S. Rocura di tener l'Alfiero appreſſo la tua Torre in quadro ne .
D ro, mentre il Re è inroccato dalla parte della ſua: Regi
na; ma ſe ſi è inroccato dalla ſua parte, tieni detto Alfiero in
quadro Biance un paſſo ſolo fuori del ſuo luogo appreſſo la tua Tor
se,acciocchè ſtia naſcoſto, e l'inimico non ſi accorga dello Scacco 3 poi
procura di andar con la Regina in faccia al Re nimico;poi prendi COIl
la Regina il Pedone, che ſarà avanti il Re, che darai Scaccho , men-.
tre l'inimico non ſi ſaprà difendere ne col Cavallo , ne con la
ſua Regina. -

Per dare Scacco.


7 Rocura di tener la Regina, e l'Alfiero in quadri Bianchi, tut
D
º
ti due, overo in quadri Neri, ſecondo che oſſerverai il ſito
del Re nemico è poi procura di andar con la Regina ri
- - 1.
15;
il Re nemico, che li darai Scaccho, mentre non ſa difenderſi.
Per prender una 7orre nemica, overo la Regina.
º F Apaſſoſaltaravanti
il Cavallo della Regina ſopra la Torre , poi porta un
il Pedone della Regina ; poi porta avanti un
paſſo la Regina ; poi porta avanti ancora un'altro paſſo detta
Regina dalla parte della ſua Torre , poi fa ſaltar il tuo Cavallo nella
quinta fila, poi fa ſaltar detto Cavallo nella ſettima fila : che ſe l'ini
mico con la ſua Regina prenderà il tuo Cavallo , tu prenderai con la
tua Regina la ſua , overo col tuo Cavallo prenderai la Torre nemi
ca, mentre che l'inimico non ſa difenderſi.
-

Per prender una 7orre.


-

9 D Orta avanti un paſſo il Pedone del Re; poi porta avanti un


paſſo il Pedone dell'Alfier della Regina ; poi porta due paſſi
avanti la Regina, ma guarda non la metter in diſcoperta in
faccia all'Alfier nemico; poi porta detta Regina nell'ultima fila dalla
parte del Re; poi coll'Alfiero feriſci il Pedone della Torre, che volen
do l'inimico prender il tuo º tu colla Regina prenderai la Torre

Per prender una 7orre nemica , ea un Ajiero.


-

ro D Orta un paſſo avanti il Pedone del Cavallo del Re, poi por
ta un paſſo avanti il Pedone dell'Alfiero della Regina, poi
porta avanti un paſſo l'Alfier del Re , poi porta due paſſi
avanti la Regina ; poi coll'Alfiero prendi il Pedone del Cavallo della
Regina nemica , che col ſuo Alfiero prenderà il tuo Pedone, e tu col
la Regina prenderai l'Alfierose ferirai la Torre nemica. - - -

Per prender la Regina nemica.


1I Orta un paſſo avanti il Pedone della Regina ; poi porta a
D vanti un paſſo la Regina, poi fa ſaltar il Cavallo della Re
gina dalla parte della Torre, mentre non ſia in faccia all'
Alfiero ; poi porta un paſſo la Regina verſo il Cavallo ; poi fa ſaltar
detto Cavallo nella quinta fila ; poi fa ſaltar detto Cavallo nella ſet
tima fila, che darai Scaccho al Re , e ſe la Regina nemica prenderà il
tuo Cavallo, tu colla tua Regina prenderai la ſua, overo prenderai
la Torre con il tuo Cavallo,
12 Molti altri eſempi ſi potrebbono dare, ma perchè anco li ſud
V 2. - det
r56
detti potrebbono andar fallaci, perchè l'inimico, o con li ſuoi Pedoni,
overo con le ſue figure ſi potrebbe opporre , e prevenir anco li tuoi
diſegni, ſi tralaſciano, baſtando queſti pochi per li principianti.
13 Si avvertiſca, che in queſto giuoco, ſe una figura può pren
dere l'altra, e non la voglia ; overo ſe un Pedone vuol paſſar avanti
ſenza prender l'inimico , poſſono farlo ; ne ſi deve sforzare a pren
derli, come ſi uſa nel giuoco della Dama. -
--

14 Molti Autori hanno ſcritto diligentemente di queſto giuoco,


in particolare Ruì Lopez Spagnuolo, ma non vengono riſtampati, cre
do, per eſſere troppo proliſſi , eſſendo più toſto giuoco di proprio inge
gno,che di tanto ammaeſtramento. Per queſto,corteſe Lettore,no fatta
queſta breve narrazione , acciocchè un giuoco così nobile non vada in
diſuſo per la difficoltà d'intenderlo , che in vero è un Regio paſſatem
po: e piaceſſe a Dio, che ſi come ſi dice, che Serſe Filoſofo divertì Eni
melderaco Re di Babilonia dal tiraneggiare li ſuoi Popoli col trat
tenerlo in queſto giuoco; così ſi diceſſe che un'ineſperto foſſe cagione,
che molti innamorati di queſto tralaſciaſſero di tiraneggiar le loro
borſe infruttuoſamente. So che m'intendi: ama chi t'ama , e vivi in
Pace. - -

AVelle schiere di Marte -


Se Fortuna ha gran partº
In queſto finto , e martiale ordegno
La Sorte nulla , il tutto opra l'ingegno.
Cieca Dea , dal tuo Regno.
Eterno eſigliu , e volontario prendo,
Che nulla i vuò date , nulla pretendo:
Mio ſaper , mio ſudor , Virtà ſol una
Fabre ſon del mio ben , non la Fortuna.
- - - - - - L'incognito.
- - -
Per levar le oſſervazioni diverſe, uſate da molti in detto
- - -
giuo.
co, e ridur tutti ad una oſſervazion medema, ſi eſorta,
Che oltre le leggi che ſi ſono ſcritte nel preſente libretto, ca
vate da Ruì Lopez , ed altri Autori, - - -

Si deteſti quel rigor,che uſano alcuni, che dando Scacco al Re, non
poſsa più inrocarſi, come coſa contro l'autorità Regia ; eſſendo di
ragione, che il Re, benchè abbia il ſuo General di comando, e debba
ſtar ritirato nella Città, poſsa però anch'eſſo per una volta tanto an
dar dove li piace , quaſi che viſitando il ſuo eſercito per inanimarli
ſoldati alla battaglia.
Per tanto, ſe tutti li capi principali hanno a ſuo beneplacito au
- - -
-
- - tori
I 57

torità di ſcorrer per la Campagna quanto li vien conceſſo per li ſuoi


poſti, ſi conceda anco al Re,che alla prima moſſa che farà,o ricevendo
Scacco, o ſenza Scacco, poſsa farla da qual parte li parerà quanto
potrà andare, come fa la Regina, e prender in quella caſa l'inimi
eo, che vi ſarà , non eſſendo difeſo da altri,( con condizione però, che
reſti in detta caſa, ne poſsa ritirarſi più che una caſa per volta) per
chè è temerità, che un ſoldato ſolo vada ad offender il Re, maſſime
dentro alle ſue Trinciere.
Che il Re, ricevendo Scaccho, mentre può coprirſi, ſia padrone di
coprirſi quante volte li piacerà, reſtando ſempre in libertà d'inroc
carſi, mentre però non ſi ſia moſſo dal ſuo poſto, ma eſſendoſi moſſo
non poſsa più in roccarſi. - -

Che il Re, ricevendo Scaccho, e volendo inroccarſi, poſsa inroccarſi


nel medemo punto.
Che in roccandoſi il Re, e portando ii Rocco in luogo, che non
può far di meno di offender l'inimico , non poſsa però prender quella
figura, o Pedone, ſe non dopo il ſecondo tiro, ſe ivi ſi voleſſe fermare.
All'incontro poſsa l'inimico prender la Torre,ſe li torna comodo.
Che il Re, ricevendo Scacco, ed anco ſenza Scacco poſsa portarſi
da qual parte li parerà ſenza anco muover il Rocco, con condizione
però, che non poſsa paſſar ſotto le figure,che li daſſeso scacco, in detto
caſo ſia tenuto muover il Rocco, ed in roccarſi. --
Tutte le ſuddette condizioni ſi concedono a quel pezzo, che ſi chiama
Re, per conſervarli l'autorità Reggia, non mancando modi di vin-
cer il giuoco, anzi il giuoco ſi farà più bello , overo ſi muti il nome,
non eſſendo di ragione lo ſtrapazzar il Re, come un minimo ſuddito.
Che avendo poſto un pezzo in qualche caſa, benchè vi abbia an
cor ſopra la mano, ſia tenuto laſciarlo in detta caſa , acciocchè a
vanti di far l' errore ſi conſideri il fine, e non dir , ſino che ho la mano
ſopra il pezzo, poſſo metterlo dove mi piace , come molti malamente
uſano, eſſendo coſa brutta il giucar inavvertentemente.
Che prendendoſi in mano una figura, e dicendoſi Scacco , mentre
ſi può dar Scacco, ſia obligato darlo perchè ſi come ſe ſi poneſſe una
figura in luogo che daſſe Scacco, e non ſi avviſaſſe, dicendo Scacco,
non ſarebbe obligato levar il Re di Scacco, perchè la voce è quella
che dà lo Scacco, accompagnata però colla figura ; così prendendoſi
la figura in mano, e dicendoſi Scacco, è di ragione poner detta figura
nel luogo dello Scacco,nò eſſendo atto di cavalleria nancar di parola -
Pietro Carrera ha ſtampato un libro in quarto del giuoco degli Scac
chi dopo Ruì Lopez, qual dice, che il Pedone, che arriva all'ulti
- - - li la

-
158
ma fila, ſi può far Donna, anco ſe vi foſſe in piede la prima; e che ſi
può in un medemo tempo aver una, e più Donne, perchè è premio di
quel ſoldato , che col ſuo valore prende le mura dell'inimico, con
tra l'opinione di molti, che non vogliono, che ſi poſsa far altra Donna,
ſe non è eſtinta la prima, e con qualche ragione , ſtando nella me
tafora, che il giuoco rappreſenta due eſerciti in Campagna, che com
battono perchè non ſtanno bene in un medeſimo eſercito due Generali
colla medema autorità per le diſcordie , che poſſono naſcere nel co
mandar diverſo: non ſi neghi però al pedone " a ſuo beneplaci
to altra figura, ſe non ſi può far Donna, in premio del ſuo valore.
Dice,che facendoſi un tiro falſo, ſia tenuto è perder quel pezzo, che
ſi è moſſo. -

Dice, che ſe ſi muove un pezzo per errore, o per aſtuzia, che non ſi
può muover, ſia obligato perder quel pezzo dal Re in poi.
Dice, che prendendo uno delli ſuoi pezzi per errore , o per aſtu
zia, ſia tenuto perder quel pezzo dal Re in poi.
Dice, che prendendo qualche pezzo dell'inimico, che non ſi può
prendere,ſia obligato a beneplacito dell'Avverſario o reſtituirli il pez
zo , overo di cominciar il giuoco, anco che foſſero ſcorſi molti tiri.
Che ſe in fallo ſi toccaſſe pezzò , o Petrone, con quale foſſe coperto il
Re, non ſia tenuto muoverlo » ne meno muover il Re , come molti
malamente uſano di far muover il Re in pena dell'errore. -

Dice, che ſia obligato, dando Scacco, avviſar la parte, e non l'avvi
ſando poſsa la parte contraria » dopo fatto un tiro, sforzar à comin
ciar il giuoco,ſe così li tornerà conto: perchè alcuna volta ſi dà scac
co, e ſi tace per ſuo vantaggio. -

Si deve però a queſto avvertire, che la parte contraria, eſſendo in


diſvantaggio, non metta il ſuo Re in Scacco, per far andar il giuoco a
In Onte,

Si avvertiſca a non laſciar la Donna, overo altra figura in coperta


del Re , acciocchè non ſia offeſa, e ſi perda , come molte volte
accade di perderla inavvertentemente, così anco ſi avverta a guardarſi
dal ſalto del Cavallo, perchè quello dà Scacco, ed offende le figure,
e prende molte volte la Donna , ed il Rocco. -

Con le ſudette oſſervazioni il giudator ſi farà pur avvertito, e ſi le.


varà l'abbuſo di molte vane oſſervazioni. -

E' vero che li patti rompono le leggi, ma non ſi devono però ſprezzar
le leggi, perchè ſono fondate ſopra l'oneſtà a beneficio comune.
, Per giucar bene non baſta ſaper l'ordine del giuoco ; vi vuole oc
chio, memoria, e mente libera, altrimente ſi faranno molti errori.
I L. F I N E, -
T A v O L A
D I T UI T T A L' O P E R A:
Lib. I. D ſcorſo ſopra
to e-
la Nobiltà del giuoco degli Scacchi, e del ſuo ſignifica:
Pag. I.
Lib. II. Il Puttino, overo il cavaliere errante. Racconto di quanto occorſe º Putº
tino nel giuoco degli Scacchi, ſuoi progreſſi, vittorie, epremj ;fatti no
tabili di Paolo Bove,detto il Siracuſano, e di altri ſignori Giucatori con
suna battaglia di due Valentuomini in ottava rima, e ſonetti, ed ode ſo
pra la ſteſſa materia del giuoco.- pag. 17.
Lib. III. Apologia contra il Carrera. Pag. 49
Gambitto nuovo conſue fallenze, - Pag.54
Giuoco piano del Pedone di Real ſolito, quale ſi oſſerva dal Signor D.Sal
vatore Albino, detto il Beneventano per eccellenza. pag.6 1
Giuoco piano, molte volte intervenuto tra il Signor D. Nicodemo, e'l Si-.
gnor D.Antonio Mancino. - - pag.62.
Giuoco diverſo del Pedone di Re quanto va, e 'l contrario col Pedone del
l'Alfiero di Donna quanto va .- pag-6n.
Giuoco delli Pedoni dell'Alfiero di Donna quanto vanno.- pag. 62
Giuoco del Pedone, dell'Alfierº di Pa-- pag.63e
Giuoco di T-eti del Signor D. Pietro Petronio. , pag. 64
Partito di ſottilità , giucandoſi alla Ganapierda.. pag.65 -
aiuoco ſucceduto col Sig. Diafebo Venturi insieme seneſe, pag. 3,
Partito ſucceduto col Signor D. Antonio Mancino, e 'l Dottor Antonio
Pirrone - - - - - - - Pag.66.
Giuoco ſucceduto col Signor Girolamo Ceriacii. pag.66.
Giuoco ſucceduto col Signor Giordomenico de Leonardis,e'l Dottor Orazio
Contei - - pag.67.
Giuocoſucceduto tra il Reverendo D.Mario de Grazia, e l'Illuſiriſſimo Si
gnor Marcheſe di Monteforte. - - pag. 67.
Tartito ſucceduto tra il Signor Gio:Alfonſo Daniele, e'l Signor Michelino
- Scavelli. - pag.68.
Partito del Signor Scipione Genovino. pag.69 -

Giuoco ſucceduto all'Autore col Dottor Pompeo Morrai Pag. 69°


Giuoco ſucceduto col Signor D.Gios Lupo da Galatone- pag.7o.
Giuoco di ſottilita poſto dal Dottor Fiſico Leone Sorrentino da Pozzuolo,
al Signor Carlo Cioffo Gentiluomo della medeſima Città. pag.71.
Libs IV. Sbaratto del giuoco degli Scacchia- pag.72
Leggi, ed oſſervanze del Giuoco degli Scacchi in diverſe parti, con la ri
ſoluzione di alcuni dubbi: Pag.72.73.74,75 -
Uſanza delgiucare in diverſe parti. pag.75 76.
Giuoco, che ſuole accadere alloſpeſſo. pag.77: al quale ſipuò aggiungere
per ſua fallenza il cap.3. del Puttino pag 62.ed il cap. 3 l. di queſto li
bro. pag. 1 io..
2uando ſiperde l'Alfiero di Re per una Donna, e poi ſi ricupera "
29e- pag.81.
Qaan
Quando ſi fa il Gambitto, e non ſi prende il pedone. pag.33.
Quando s'arriva a perdere un pezzo alla quinta del Cav di Rep.8; sa.
Nuando ſigiuoca il Pedone di Re quanto va.cap.7.8-9. pag. 84.85.86.
guandoſi laſcia perdere il Pedone avanti il Re, purchè ſi giuochi che 'l Re
poſſa ſaltare col Rocco alle ſue caſe. cap.1o. i 1. pag 87.88.89.
uando il pedone del Re ſi difende col Cavallo di Donna, e'l contrario ci
va con l'Alfiero di Re alla quinta del Cav. di Donna. cap. 12. pag.89.
Pedone di Re quanto va, e'l contrario quello di Donna quanto va.cap. 14.
I 5. I 6. 17.1S. pag.91.e ſegu.
Gambitto di Re. cap.19eſin'ala4 incluſive, pag.96 e ſegu.
Gambitto di Donna. cap. 25. Ain'al 3o. pag 1 o 2. e ſegue
Nuovo Gambitto. cap. 3 1. pag. 1 1 o.
Pedone di punto, e mano di difeſa col giucare di Cavallo di Donna alla 3:
dell'Alfiero. cap. 32. pag. 112.
Seconda difeſa col Pedone dell'Alfiero una caſa. cap. 33. pag.1 14.
Terza difeſa col Cavallo di Donna, e poi col pedone di Donna, quanto va.
cap. 34. - pag. I 14,
Quarta difeſa con giucare il ped.di Re una caſa.c.35.36. pag. i 15. I 16
Difeſa, ed ºffeſa per ilpedone di punto per mano.cap. 37. pag. 1 17.
Le migliori offeſe, e difeſe delli due tratti, che ſi danno per vantaggio, e ſi
ricevono cap 4o. - pag. 113.
Modo di offendere per colui, che riceve di vantaggio il Re traſpoſto dalla
parte di Donna,e due tratti avanti con non poter ſaltare per lo Caval
lo, cap.41. pag. 128
tittima difeſa, e la migliore ºrº ----- aſſe il pezzo di vantag
gio. --- -- - - - Pag- 13o. v
esitroept arrartiti, che poſſono intervenire. Pag 131.e ſegu.
Partito del Dottor D. Geronimo della Città di Piazza, Pag-1 35 a
Partito di D Salvatore Albino. pag-136.
Partiti di Damiano. Pag. 1 3 6.137.e i 38.
Partito del Signor Michele di Mauro. Pag-1 37,
Nuova aggiunta al giuoco degli Scacchi del Dottor Aleſſandro Sal
via. pag. 139.ſin'a 43.
Modo facile per intendere il giuoco degli settieri, da un incognito
per li novizi del giuoco. - Pag. 146
Aggiunta fatta da un'altro incognito, per accomodare l'eſercito Scacche
..ſco. Pag. IS 3.

A E E I N E.
- - - -
-- - -