Sei sulla pagina 1di 41

georges bataille

L’arcangelico

Maldoror Press
je suis seul
des aveugles liront ces lignes
en d’interminables tunnels

Tumulti
08
L’arcangelico
E‐book Maldoror Press: gennaio 2011
Titolo originale: L’Archangélique (1944)

Traduzione e layout grafico: Carmine Mangone

Cvv bvvnvvdz
Quest’opera è rilasciata sotto licenza Creative Commons
Attribuzione‐Non commerciale‐Non opere derivate 3.0 Italia:
http://creativecommons.org/licenses/by‐nc‐nd/3.0/deed.it

In copertina: foto di Alessandro Tocco.


Georges Bataille

L’ARCANGELICO

con fotografie di
A LESSANDRO T OCCO
e due scritti sul corpo di
R OBERTO B ELLI e C ARMINE M ANGONE
Nota bibliografica

L’ARCANGELICO

Stando ai manoscritti lasciati dall’autore, L’Archangélique fu redatto dal‐


l’agosto al dicembre 1943. Venne pubblicato nel 1944 dalle edizioni Mes‐
sages. La prima parte (Le Tombeau) era però apparsa già l’anno prima,
con il titolo di La Douleur, in un volume antologico: Domaine français
(Messages, Éditions des Trois Collines). Cfr. Georges Bataille, Œuvre
complètes, tome III, Gallimard, Paris 1971, pp. 71‐96 e 499‐558.

UNDICI POESIE DI L’ARCHANGÉLIQUE SCARTATE DA BATAILLE

È l’insieme delle undici poesie presenti nel manoscritto di L’Archangé‐


lique, datate ottobre 1943‐aprile 1944, che non furono incluse nell’edi‐
zione Messages del 1944. Cfr. Georges Bataille, Œuvre complètes, tome
IV, Gallimard, Paris 1971, pp. 16‐19 e 358.

L’ESSERE INDIFFERENZIATO NON È NULLA

L’Être indifférencié n’est rien apparve sulla rivista «Botteghe oscure» (XIII,
1954, pp. 14‐16). Cfr. Georges Bataille, Œuvres complètes, III, cit., pp. 367‐
376 e 558‐559.

5
L’a r c angelico georges Bataille

LA TOMBEAU LA TOMBA

I I

Immensité criminelle Immensità criminale


vase fêlé de l’immensité vaso incrinato dell’immensità
ruine sans limites rovina senza limiti

immensité qui m’accable molle immensità dolce che mi opprime


je suis mou sono fiacco
l’univers est coupable l’universo è colpevole

la folie ailée ma folie la follia alata la mia follia


déchire l’immensité lacera l’immensità
et l’immensité me déchire e l’immensità mi lacera

je suis seul sono solo


des aveugles liront ces lignes i ciechi leggeranno queste righe
en d’interminables tunnels in gallerie senza fine

je tombe dans l’immensité sprofondo nell’immensità


qui tombe en elle‐même che sprofonda in se stessa
elle est plus noire que ma mort più nera della mia morte

le soleil est noir il sole è nero


la beauté d’un être est le fond des la bellezza di un essere è il fondo
caves un cri] dei sotterranei un grido]
de la nuit définitive nella notte definitiva

ce qui aime dans la lumière ciò che nella luce ama


le frisson dont elle est glacée il brivido che l’agghiaccia
est le désir de la nuit è il desiderio della notte

6
L’a r c angelico georges Bataille

je mens io mento
et l’univers se cloue e l’universo s’inchioda
à mes mensonges déments alle mie menzogne dementi

l’immensité l’immensità
et moi ed io
dénonçons les mensonges l’un de denunciamo l’uno le menzogne
l’autre] dell’altra]

la vérité meurt la verità muore


et je crie ed io grido
que la vérité ment che la verità mente

ma tête sucrée la mia testa debole


qu’épuise la fièvre sfinita dalla febbre
est le suicide de la vérité è il suicidio della verità

le non‐amour est la vérité il non‐amore è la verità


et tout ment dans l’absence d’amour e nell’assenza d’amore tutto mente
rien n’existe qui ne mente non c’è niente che non sia menzogna

comparé au non‐amour di fronte al non‐amore


l’amour est lâche l’amore è vile
et n’aime pas e non sa amare

l’amour est parodie du non‐amour l’amore è parodia del non‐amore


la vérité parodie du mensonge la verità parodia della menzogna
l’univers un suicide gai l’universo un allegro suicidio

dans le non‐amour nel non‐amore


l’immensité tombe en elle‐même l’immensità sprofonda in se stessa
ne sachant que faire non sapendo che fare

7
L’a r c angelico georges Bataille

tout est pour d’autres en paix per gli altri è tutto in pace
les mondes tournent majestueux i mondi ruotano maestosi
dans leur monotonie calme nella loro serena monotonia

l’univers est en moi comme en l’universo è in me come in se


lui‐même] stesso]
plus rien ne m’en sépare più nulla me ne separa
je me heurte en moi‐même à lui in me stesso vi urto contro

dans le calme infini nella calma infinita


où les loois l’enchaînent dove lo incatenano le leggi
il glisse à l’impossible immensément scivola immane verso l’impossibile

horreur orrore
d’un monde tournant en rond di un mondo che gira su se stesso
l’object du désir est plus loin l’oggetto del desiderio è più lontano

la gloire de l’homme est la gloria dell’uomo


si grande qu’elle soit per quanto sia grande
d’en vouloir une autre sta nel volerne sempre un’altra

je suis io sono
le monde est avec moi il mondo è con me
poussé hors du possible spinto fuori del possibile

je ne suis que le rire non sono altro che il ridere


et la nuit ouérile e la notte puerile
où tombe l’immensité in cui cade l’immensità

8
L’a r c angelico georges Bataille

je suis le mort io sono il morto


l’aveugle il cieco
l’ombre sans air l’ombra senz’aria

comme les fleuves dans la mer come fiumi nel mare


en moi le bruit et la lumière il rumore e la luce
se perdent sans finir si pèrdono in me senza fine

je suis le pêre io sono il padre


et le tombeau e la tomba
du ciel del cielo

l’excès de ténèbres l’eccesso di tenebre


est l’éclat de l’étoile è lo splendore della stella
le froid de la tombe est un dé il freddo della tomba è un dado

la mort joua le dé la morte ha giocato il dado


et le fond des cieux jubile e il fondo dei cieli esulta
de la nuit qui tombe en moi. per la notte che cala in me.

9
L’a r c angelico georges Bataille

II II

Le temps m’oppresse je tombe Il tempo mi opprime cado


et je glisse sur les genoux mi ritrovo in ginocchio
mes mains tâtent la nuit le mie mani tastano la notte

adieu ruisseaux de la lumière addio ruscelli di luce


il ne me reste que l’ombre non mi restano che l’ombra
la lie le sang la feccia il sangue

j’attends le coup de cloche attendo il rintocco di campana


où jetant un cri quando con un grido
j’entrerai dans l’ombre. entrerò nell’ombra.
L’a r c angelico georges Bataille

III III

Un long pied nu sur ma bouche Un lungo piede nudo sulla mia bocca
un long pied contre le cœur un lungo piede contro il cuore
tu es ma soif ma fièvre sei la mia sete la mia febbre

pied de whisky piede di whisky


pied de vin piede di vino
pied fou de terrasser piede smanioso di schiacciare

ô ma cravache ma douleur oh mio scudiscio mio dolore


talon très haut me terrassant tacco a spillo che mi schiaccia
je pleure de ne pas mourir io piango del non morire

ô soif oh sete
inapaisable soif inestinguibile sete
désert sans issue deserto senza via d’uscita

soudaine bourrasque de mort où improvvisa burrasca di morte


je crie] dove io grido]
aveugle à deux genoux cieco in ginocchio
et les orbites vides con le orbite vuote

couloir où je risd’une nuit insensée corridoio in cui rido di una notte insensata
couloir où je ris dans le claquement corridoio in cui rido allo sbattere
des portes] delle porte]
où j’adore une flèche in cui venero una saetta

et j’éclate en sanglots e scoppio in singhiozzi


le coup de clairon de la mort lo squillo di tromba della morte
mugit dans mon oreille. mugghia nel mio orecchio.

11
L’a r c angelico georges Bataille

IV IV

Au‐delà de ma mort Oltre la mia morte


un jour un giorno
la terre tourne dans le ciel la terra vortica nel cielo

je suis mort sono morto


et les ténèbres e le tenebre
alternent sans finir avec le jour s’alternano alla luce senza fine

l’univers m’est fermé l’universo mi rinchiude


en lui je reste aveugle e vi rimango cieco
accordé au néant in accordo col nulla

le néant n’est que moi‐même sono io il nulla


l’univers n’est que ma tombe mia tomba è l’universo
le soleil n’est que la mort il sole non è che la morte

mes yeux sont l’aveugle foudre i miei occhi sono il fulmine cieco
mon cœur est le ciel il mio cuore è il cielo
où l’orage éclate dove scoppia la tempesta

en moi‐même in me
au fond d’un abîme nel fondo di un abisso
l’immense univers est la mort l’immenso universo è la morte

12
L’a r c angelico georges Bataille

je suis la fièvre io sono la febbre


le désir il desiderio
je suis la soif io sono la sete

la joie qui retire la robe la gioia che strappa i vestiti


et le vin qui fait rire e il vino che ci fa ridere
de n’avoir plus de robe del non avere più niente addosso

dans un bol de gin in un bicchiere di gin


une nuit de fête una notte di festa
les étoiles tombent du ciel le stelle cadono dal cielo

je lampe la foudre à long traits tracanno il fulmine a sorsate


je vais rire aux éclats riderò ai bagliori
la foudre dans le cœur. col fulmine nel cuore.
L’a r c angelico georges Bataille

L’AURORE L’AURORA

Crache sang Sputa sangue


c’est la rosée la rugiada
le sabre dont je mourrai la spada che mi darà la morte

de la margelle du puits dal bordo del pozzo


regarde le ciel étoilé ammira il cielo stellato
a la transparence des larmes. ha la trasparenza delle lacrime.

Je te trouve dans l’étoile Ti ritrovo nella stella


je te trouve dans la mort ti ritrovo nella morte
tu es le gel de ma bouche sei il gelo della mia bocca
tu as l’odeur d’une morte hai l’odore di una morta

tes seins s’ouvrent comme la bière i tuoi seni si schiudono come una bara
et me rient de l’au‐delà e mi ridono in faccia dall’aldilà
tes deux longues cuisses délirent le tue lunghe gambe delirano
ton ventre est nu comme un râle il tuo ventre è nudo come un rantolo

te es belle comme la peur sei bella come la paura


tu es folle comme une morte. sei folle come una morta.

Le malheur est innommable La sventura è innominabile


le cœur est une grimace il cuore è una smorfia

ce qui tourne dans le lait che scioglie nel latte


le rire de folle de la mort. il riso folle della morte.

14
L’a r c angelico georges Bataille

Une étoile s’est levée È sorta una stella


tu es je suis le vide tu sei io sono il vuoto
une étoile s’est levée è sorta una stella
douloureuse comme le cœur dolorosa come il cuore

luisante comme une larme lucente come una lacrima


tu siffles c’est la mort tu sibili è la morte
l’étoile emplit le ciel la stella riempie il cielo
douloureuse comme une larme dolorosa come una lacrima

je sais que tu n’aimes pas so che tu non hai amore


mais l’étoile qui se lève ma la stella che sorge
coupante comme la mort tagliente come la morte
épuise et tord le cœur. sfianca e stravolge il cuore.

Je suis maudit voilà ma mère Io sono dannato ecco madre mia


que cette nuit est longue com’è lunga questa notte
ma longue nuit sans larmes la mia lunga notte senza lacrime

nuit avare d’amour notte avara d’amore


ô cœur cassé de pierre oh cuore di pietra infranto
enfer de ma bouche de cendre inferno della mia bocca di cenere

tu es la mort des larmes tu sei la morte delle lacrime


sois maudite sii dannata
mon cœur maudit mes yeux malades il mio cuore maledetto i miei occhi
te cherchent] malati ti cercano]

15
L’a r c angelico georges Bataille

tu es le vide et la cendre sei il vuoto e la cenere


oiseau sans tête aux ailes battant à uccello senza testa che sbatte le ali
la nuit] nella notte]
l’univers est fait de ton peu d’espoir l’universo è fatto della tua poca speranza

l’univers est ton cœur malade et le mien l’universo è il tuo cuore malato e il mio
battant à frôler la mort che batte per sfiorare la morte
au cimitière de l’espoir nel cimitero della speranza

mon douleur est la joie il mio dolore è la gioia


et la cendre le feu. e la cenere il fuoco.

Dent de haine Dente avvelenato


tu es maudite sei dannata
qui est maudite paiera chi è dannata la pagherà

tu paieras ta part de haine sconterai la tua parte d’odio


l’horrible soleil tu mordras morderai l’orrendo sole
qui est maudit mord le ciel chi è dannato morde il cielo

avec moi tu déchireras con me strazierai


ton cœur aimé de l’effroi il tuo cuore caro all’orrore
ton être étranglé d’ennui il tuo essere soffoca nella noia

tu es l’amie du soleil sei l’amica del sole


il n’est nul repos pour toi per te non c’è alcun riposo
ta fatigue est ma folie. la tua stanchezza è la mia follia.

16
L’a r c angelico georges Bataille

De la bouse dans la tête Sterco di vacca nella testa


j’éclate je hais le ciel io scoppio odio il cielo
qui suis‐je à cracher les nues chi sono io per sputare le nuvole
il est amer d’être immense è amaro essere immensi
mes yeux sont des cochons gras i miei occhi sono maiali all’ingrasso
mon cœur est de l’encre noire il mio cuore è nero inchiostro
mon sexe est un soleil mort il mio sesso è un sole morto
les étoiles tombées dans une fosse le stelle son cadute in una fossa
sans fond] senza fondo]
je pleure et ma langue coule io piango e la mia lingua pende
il importe peu que l’immensité soit ronde poco importa che l’immensità sia sferica
et roule dans un panier à son e rotoli in una cesta
j’aime la mort je la convie io amo e invito la morte
dans la boucherie de Saint‐Père. al macello del Santo Padre.

Noire mort tu es mon pain Morte nera sei il mio pane


je te mange dans le cœur ti mangio nel cuore
l’épouvante est ma douceur lo spavento è la mia dolcezza
la folie est dans ma main. ho in mano la follia.

Nouer la corde du pendu Stringere la corda dell’impiccato


avec les dents d’un cheval mort. con i denti di un cavallo morto.

17
L’a r c angelico georges Bataille

Douceur de l’eau Dolcezza dell’acqua


rage du vent furia del vento

éclat de rire de l’étoile scoppio di risa della stella


matinée de beau soleil mattino di bel sole

il n’est rien que je ne rêve non c’è nulla che io non sogni
il n’est rien que je ne crie nulla che io non gridi

plus loin que les larmes la mort più in là delle lacrime la morte
plus haut que le fond du ciel più in là della fine del cielo

dans l’espace de tes seins. nello spazio dei tuoi seni.

Limpide de la tête aux pieds Limpida dalla testa ai piedi


fragile comme l’aurore fragile come l’aurora
le vent a brisé le cœur il vento ha infranto il cuore

à la dureté de l’angoisse nell’asprezza dell’angoscia


la nuit noire est une église la notte nera è una chiesa
où l’on égorge un porc dove si sgozza un maiale

tremblant de la tête aux pieds tremante dalla testa ai piedi


fragile comme la mort fragile come la morte
agonie ma grande sœur agonia mia sorella maggiore

tu es plus froide que la terre. sei più fredda della terra.

18
L’a r c angelico georges Bataille

Tu reconnaîtras le bonheur Riconoscerai la felicità


en l’apercevant mourir vedendola morire

ton sommeil et ton absence il tuo sonno e la tua assenza


accompagnent dans la tombe. portano alla tomba.

Tu es le battement du cœur Sei il battito del cuore


que j’écoute sous mes côtes che sento sotto le costole
et le souffle suspendu. con il fiato sospeso.

Mes sanglots sur tes genoux In singhiozzi sulle tue ginocchia


j’ébranlerai la nuit farò tremare la notte

ombre d’ailes sur un champ ombra d’ali su di un campo


mon cœur d’enfant perdu. il mio cuore di bambino smarrito.

19
L’a r c angelico georges Bataille

Ma sœur riante tu es la mort Mia ridente sorella tu sei la morte


la cœur défaille tu es la mort il cuore viene meno tu sei la morte
dans mes bras tu es la mort fra le mie braccia tu sei la morte

nous avons bu tu es la mort abbiamo bevuto tu sei la morte


comme le vent tu es la mort come il vento tu sei la morte
come la foudre la mort come il fulmine la morte

la mort rit la mort est la joie. la morte ride la morte è la gioia.

Seule tu es ma vie Solo tu sei la mia vita


des sanglots perdus i singhiozzi sprecati
me séparent de la mort mi separano dalla morte
je te vois à travers les larmes ti scorgo fra le lacrime
et je devine ma mort e prevedo la mia morte

si je n’aimais pas la mort se io non amassi la morte


la douleur il dolore
et le désir de toi e il desiderio di te
me tueraient mi ucciderebbero

ton absence la tua assenza


ta détresse il tuo sconforto
me donnent la nausée mi danno la nausea
temps pour moi d’aimer la mort è tempo per me d’amare la morte
temps de le mordre les mains. e mordere le sue mani.

20
L’a r c angelico georges Bataille

Aimer c’est agoniser Amare è agonizzare


aimer c’est aimer mourir amare è amare la morte
les singes puent en mourant le scimmie puzzano quando muoiono

assez je me voudrais mort basta così mi vorrei morto


je suis trop mou pour cela son troppo debole per tutto questo
assez je suis fatigué basta sono stanco

assez je t’aime comme un fêlé ti amo come un idiota


je ris de moi l’âne d’encre rido di me asino d’inchiostro
brayant aux astres du ciel che raglia alle stelle del cielo

nue tu éclatais de rire nuda scoppiavi a ridere


géante sous le baldaquin immensa sotto il baldacchino
je rampe afin de n’être plus io striscio per non essere più nulla

je désire mourir de toi desidero morire di te


je voudrais m’anéantir vorrei annientarmi
dans tes caprices malades. nei tuoi capricci malati.

LE VIDE IL VUOTO

Des flammes nous entourèrent Fummo circondati dalle fiamme


sous nos pas l’abîme s’ouvrit e l’abisso si spalancò sotto i nostri passi
un silence de lait de gel d’ossements un silenzio di latte gelo ed ossa
nous envoloppait d’un halo ci avvolgeva come un alone

tu es la transfigurée tu sei la trasfigurata


mon sort t’a cassé les dents il mio destino ti ha spezzato i denti
ton cœur est un hoquet il tuo cuore è un singulto
tes ongles ont trouvé le vide le tue unghie trovano il vuoto

21
L’a r c angelico georges Bataille

tu parles comme le rire tu parli come se ridessi


les vents dressent tes cheveux il vento scompiglia i tuoi capelli
l’angoisse serrant le cœur l’angoscia che stringe il cuore
précipite ta moquerie precipita la tua insolenza

tes mains derrière ma tête le tue mani dietro la mia testa


ne saisissent que la mort non afferrano che la morte
tes baisers riants ne s’ouvrent i tuoi baci radiosi non si aprono
qu’à ma pauvreté d’enfer che alla mia povertà d’inferno

sous le baldaquin sordide sotto il baldacchino sordido


où pendent les chauves‐souris da cui pendono i pipistrelli
ta merveilleuse nudité la tua magnifica nudità
n’est qu’un mensonge sans larmes è solo una menzogna senza lacrime

mon cri t’appelle dans le désert il mio grido t’invoca nel deserto
où tu ne veux pas venir dove tu non vuoi venire
mon cri t’appelle dans le désert il mio grido t’invoca nel deserto
pù tes rêves s’accompliront dove i tuoi sogni si compiranno

ta bouche scellée à ma bouche con la tua bocca incollata alla mia


et ta langue dans mes dents e la tua lingua fra i miei denti
l’immense mort t’accuillera l’immensa morte ti accoglierà
l’immense nuit tombera l’immensa notte calerà

alors j’aurai fait le vide allora avrò fatto il vuoto


dans ma tête abandonnée nella tua testa che s’abbandona
ton absence sera nue la tua assenza sarà nuda
comme une jambe sans bas come una gamba senza calza

en attendant le désastre in attesa del disastro


où la lumière s’éteindra che spegnerà la luce
je serai doux dans ton cœur sarò dolce nel tuo cuore
comme le froid de la mort. come il freddo della morte.

22
L’a r c angelico georges Bataille
1 1 p oe s i e s c a rtat e

ma folie et ma peur la mia pazzia e la mia paura


ont de grands yeux morts hanno la fissità malata
la fixité de la fièvre di grandi occhi morti

ce qui regarde è il nulla dell’universo


est le néant de l’univers che guarda con questi occhi
mes yeux sont d’aveugles ciels i miei occhi di un cieco firmamento

dans mon impénetrable nuit nella mia notte impenetrabile


est l’impossible criant è l’impossibile a gridare
tout s’effondre tutto crolla

* *

almanach de lessive d’encre almanacco d’inchiostro di liscivia


immortalité de poète velu immortalità di poeta villoso
poésie cimetière d’obésité poesia cimitero d’obesità

adieu blanquettes grivoises addio fricassea salace


doux morts costumés en femmes nues morti dolci mascherati da donne nude

adieu mensonge sommeils addio sonni menzogna

* *

prurit infini de fourmis arrestation prurito infinito di formiche arresti


tri de papiers moustaches en poussière scelta di carte baffi impolverati
wagonnets de fièvre carri di febbre

colonnade de pluie folle colonnato di pioggia folle


claquements de linceuls souillés schiocchi di sudari insozzati
funèbre impudeur des humains os funebre impudicizia delle ossa umane

là une foule amoncelle des boîtes là una folla ammucchia scatole di


de peut‐être] forse]

24
L’a r c angelico georges Bataille
1 1 p oe s i e s c a rtat e

un gendarme en chemise du haut un gendarme in maniche di camicia


d’un toit] dall’alto di un tetto]
gesticule une faux le Démon gesticola con una falce il Demonio

* *

je t’égare dans le vent ti perdo nel vento


je te compte chez les morts ti annovero tra i morti
une corde nécessaire una corda necessaria
entre le vent et le cœur tra vento e cuore

* *

Je n’ai rien à faire en ce monde Non ho niente da fare a questo mondo


sinon de brûler se non bruciare
je t’aime à en mourir ti amo da morire

ton absence de repos assenza di quiete in te


un vent fou siffle dans ta tête un vento folle soffia nella tua testa
tu es malade d’avoir ri sei malata d’aver riso
tu me fuis pour un vide amer mi fuggi per un vuoto amaro
qui te déchire le cœur che ti lacera il cuore

déchire‐moi si tu veux straziami se vuoi


mes yeux te trouvent dans la nuit i miei occhi brucianti febbrili
brûlés de fièvre. ti ritrovano nella notte.

* *

J’ai froid au cœur je tremble Ho freddo al cuore tremo


du fond de la douleur je t’appelle dal profondo del dolore t’invoco
avec un cri inhumain con un grido inumano
comme si j’accouchais come se stessi partorendo

25
L’a r c angelico georges Bataille
1 1 p oe s i e s c a rtat e

tu m’étrangles comme la mort tu mi strangoli come la morte


je sais cela misérablement lo so è miserevole
je ne te trouve qu’agonissant ti ritrovo solo agonizzando
tu es belle comme la mort sei bella come la morte

tous les mots m’étranglent tutte le parole mi soffocano

* *

étoile perce le ciel stella trapassa il cielo


crie comme la mort grida come la morte
étrangle soffoca

je ne veux pas la vie io non voglio la vita


m’étrangler c’est doux soffocarmi è dolce
l’étoile qui se lève la stella che sorge
est froide comme une morte è fredda come una morta

* *

bande‐moi les yeux bendami gli occhi


j’aime la nuit amo la notte
mon cœur est noir il mio cuore è nero

pousse‐moi dans la nuit spingimi nella notte


tout est faux tutto è falso
je souffre io soffro

le monde sent la mort il mondo sente la morte


les oiseaux volent les yeux crevés gli uccelli rubano gli occhi cavati
tu es sombre comme un ciel noir tu sei scura come un cielo nero

26
L’a r c angelico georges Bataille
1 1 p oe s i e s c a rtat e

* *

la fête commencera la festa comincerà


dans la boue et dans la peur nel fango e nella paura

les étoiles tomberont le stelle cadranno


quand la mort approchera. quando si appresserà la morte.

* *

Tu es l’horreur de la nuit Tu sei l’orrore della notte


je t’aime comme on râle ti amo come si rantola
tu es faible comme la mort sei fievole come la morte

je t’aime comme on délire ti amo come si delira


tu sais que ma tête meurt tu sai che la mia testa muore
tu es l’immensité la peur sei l’immensità la paura

tu es belle comme on tue sei bella come si uccide


la cœur démesuré j’étouffe il cuore smisurato io soffoco
ton ventre est nu comme la nuit. il tuo ventre è nudo come la notte.

* *

Tu me mènes droit vers la fin Tu mi conduci dritto verso la fine


l’agonie a commencé l’agonia è cominciata
je n’ai plus rien à te dire non ho più niente da dirti
je parle de chez les morts io parlo con i morti
et les morts sont muets. e i morti sono muti.

27
L’essere indifferenziato georges Bataille
non è nient e

I I

Chapeau Cappello
de feutre di feltro
de la mort della morte
le givre la brina
la sœur la sorella
d’un sanglot di un singhiozzo
gai allegro

la blancheur il biancore
de la mer del mare
et la pâleur de la lumière e il pallore della luce
déroberont les ossements spoglieranno le ossa

l’absence l’assenza
de la mort della morte
sourit. sorride.

II II

le corps Il corpo
du délit del reato
est le cœur è il cuore
de ce délire. di questo delirio.

III III

Les lois de la saveur Le leggi del gusto


assiègent assediano
la tour de la luxure. la torre della lussuria.

28
L’essere indifferenziato georges Bataille
non è nient e

IV IV

L’alcool L’alcool
de la poésie della poesia
est le silence è il silenzio
défunt. defunto.

V V

J’ai vomi Ho vomitato


par le nez dal naso
le ciel arachnéen il cielo aracneo
mes tempes amenuisées le mie tempie smagrite
achèvent de l’amincir finiscono per assottigliarlo
je suis mort io sono morto
et les lis e i gigli
évaporent l’eau distillée fanno svaporare l’acqua distillata

les mots manquent le parole mancano

et je manque enfin. e manco io alla fine.

VI VI

Les mots du poème, leur indocilité, Le parole della poesia, la loro indo‐
leur nombre, leur insignifiance, re‐ cilità, il loro numero, la loro insi‐
tiennent sur le cœur l’instant impal‐ gnificanza, trattengono nel cuore
pable, baiser lentement appuyé sur l’istante impalpabile, bacio posato
la bouche d’une morte, ils suspen‐ dolcemente sulla bocca di una
dent le souffle à ce qui n’est plus morta, sospendono il respiro di ciò
rien. che non è più nulla.

La transparence de l’être aimé, mi‐ La trasparenza dell’essere amato,


raculeuse indifférence, ce qui égare, miracolosa indifferenza, che smar‐
égaré dans le cristal innombrable de risce, perso nel cristallo immane
la lumière: n’y penser jamais plus. della luce: non pensarci, mai più.

29
L’essere indifferenziato georges Bataille
non è nient e

VII VII

L’éclair Il lampo uccide


retourne les yeux rovescia gli occhi
la joie la gioia
efface cancella
la joie la gioia

effacée scialbo
vitre de mort vetro di morte
glacée gelido
ô vitre oh vetro
resplendissante risplendente
d’un éclat qui se brise d’un bagliore che s’infrange
dans l’ombre qui se fait nell’ombra che cala

je suis io sono
ce qui n’est pas ciò che non è
j’ouvre io apro
les dents mêlées i diversi denti
des morts dei morti
et les grincements de la lumière e gli stridori della luce
qui m’enivre che m’inebria
de l’étreinte dell’abbraccio
qui s’étouffe che soffoca
de l’eau dell’acqua
qui pleure che piange
de l’air mort dell’aria morta
et de l’âme de l’oubli e dell’anima dell’oblio
mais rien ma niente
je ne vois non vedo
rien nulla
je ne ris plus non rido più
car à force de rire perché a furia di ridere
je transparais diventavo trasparente.

30
R oberto bel l i Carmine mangone

il corpo carezzato ha IL CORPO DI UNA NUOVA


un tempo _ come la mia mano che
ha un tempo come c’è un tempo C OMUNE
per il sangue la luce la mano

e il sangue rimescolato scrive :


tutte le luci sono polvere
«Je pense comme une fille enlève sa robe. À
o dell’amore o della morte l’extrémité de son mouvement, la pensée est
l’impudeur, l’obscénité même.» [«Io penso
allo stesso modo in cui una ragazza si spo‐
IL CORPO CHE NON HO glia. All’estremo del suo movimento, il pen‐
siero è l’impudicizia, l’oscenità stessa.»],
ANCORA SCRITTO
Georges Bataille, Méthode de méditation,
1947.
ai miei sodali meravigliosi
unici e incommensurabili
* * *
rea
carmine
raimondo
arnaldo All’interno dei limiti di ciò che io
sono – ma anche di ciò che amo e
red screwdriver con cui vengo ad incarnarmi – le
stirner mie aspirazioni più decise mirano
bataille
nietzsche sempre alla nudità del pensiero:
ossia a quello svelamento subitaneo
e al mio nuovo amore e rapinoso che riesce a sospendere
che non ho ancora scritto (come pure a sorprendere), anche
solo per brevi istanti, la logica delle
attività umane subordinate.
Un paradosso sovrano e somma‐
situato sotto la calotta cranica mente ironico s’insedia in ogni pen‐
abbastanza evidente sʹincrina _ lʹequilibrio siero che sovverta gli agî consueti
del pensare e le sue pertinenze logi‐
una possibilità di aprire la gola che.
senza sfogo però _ senza regola Ciò di cui parlo non è propriamente
un contrasto, bensì un amoreggiare
la violenza luminosa delle _ intenzioni con le idee e tra le idee senza curarsi
sanguinanti] della nostra permanenza in esse.
ha un senso come ha un senso

questa combinazione di uomini e


animali che] Il pensiero del corpo e della carna‐
sʹaccoppiano per far girare la terra lità, e di ciò che deborda dai nostri

32
R oberto bel l i Carmine mangone

LA PREPARAZIONE DEGLI perimetri di pelle, mina ogni pro‐


INCHIOSTRI posito di fissare una volta per tutte
lo stato di consistenza del pensiero
e ne scompiglia allo stesso tempo
l’idea mi ripugna _ dunque l’esigenza di metodo.
con parole che portano la peste e Ciò che esorbita ed elude la stasi
insensibili al fascino del vuoto dell’essere (e quindi l’idea stessa
io non cʹentro dell’essere) è l’unica verità sensibile:
realtà di quel corpo che abitiamo e
non è così? dal quale siamo abitati.
La verità è quindi il movimento
quel segreto che il corpo fa fluire della materia vivente; e non lo stan‐
alimenta il mio carattere aspro ziarsi dentro un’idea della vita, e
senza che io sia poi più rassegnato e neanche nell’idea di un movimento.
vestito di sole nero ancora – La carnalità preme contro il pen‐
siero, lo invade. Il corpo vivo se‐
è così
cerne verità. Ma quanta parte di
questa verità è destinata a non mo‐
ogni aspettativa fugge dalla
finestra mobile verso la nube
la modalità consueta che ho di
intuire mio malgrado l’amore come
una torsione di mani

la terra ama i corpi freddi


io non sono freddo

le tempie pulsano meno


la traccia luminosa indica
la stabilità della morte
con cui non c’entro

come il freddo
che non sono

intravista nell’oscurità
la calma è _ l’immagine del calore
quando parlo di te

ma l’eccesso che mi brucia è


l’accordo dell’amore _ ed io
non tremo davanti a dio
ma d’amore

33
R oberto bel l i Carmine mangone

PRIMO SEGNO _ sulla tempia destra rire con noi o ad abolire lo scambio
simbolico che essa intrattiene con
ciò che la uccide?
[ la sua immagine mi perseguita : così
inafferrabile così _ inusuale così
straripante ] Anche il corpo che vive ha una sua
intelligenza, e questa intelligenza
in un cadavere di corpo prodigioso carnale, come qualità della materia
il coraggio della salute plasma _ divinità senziente, confluisce nelle facoltà
bugiardamente reali _ di tipo superiore mentali di adattamento all’ambiente
o di modellamento della realtà –
[ non le vedono neppure le _ mie mani ossia in ciò che noi umani chia‐
che separano doni _ da miracoli ] miamo generalmente “pensiero” –
attraverso sentieri appena tracciati
e lungo i quali non esiste segnale‐
tica certa.
SECONDO SEGNO _ un po’ più sotto

dalle viscere sguainate da Devo scalzare strati e strati di pensiero;


idee che educano liberarmi di quella gravità di pensiero
indegna e spregevole che viene da lontano, dall’umanità de‐
la fede nell’avvenire genere che è in fondo al mio essere e che
manca e _ pure l’implicare intralcia l’unicità di ciò che amo.
una morale _ mentre
il membro si limita a permettere
ciò che ci fece entrambi
Ciò che sta sfuggendo all’umano è
la realtà toccante della materia, il
[ e cosa mai destino delle mani, la giocosa pudi‐
nugoli di risa? cizia che prepara l’esplosione.
o _ degli esseri Il corpo che mi contiene, e che mi
concupiscenti apre alle sue esorbitanze (l’amore, la
dilatati _ l’uno dopo l’altro a poesia, l’ebbrezza di vivere), è una
visioni innalzate? ] soluzione di continuità dell’in‐
forme, non del flusso generale che
mi porta. Il corpo è la differenza che
e poi _ il patibolo stupefatto vive, che s’incarna in un movi‐
porta a sorpresa _ altra carne mento, in uno spazio singolare. E
originata dal gonfiore stimolato proprio in questo spazio, dove la
mia unicità interiore e carnale è una

34
R oberto bel l i Carmine mangone

la mano rapida conduce delle dimensioni che lo costitui‐


a _ una vibrazione abbagliante scono, io non tocco il presente, io
lunghe gambe inguainate di sterco tocco la presenza.

l’unica prova certa de


l’inverosimile che fa _ furore
rimane il mio bacio dissepolto La carnalità è già una crosta, è già il
sostrato di tutti i tentativi culturali
che si sono succeduti storicamente
per regolare la carne. Bisogna
TERZO SEGNO _ a rifinire quindi scendere giù, sempre più
giù, verso l’humus, verso il pantano
dove il pensare stesso diventa scon‐
proprio nello _ stesso cio, per poter manifestare gioiosa‐
istante contornato mente il pensiero della carne come
se fosse un sesso tumido e pronto
depredando la _ linea io alla copula.
non mi assolvo Nella mia mente, c’è tutto un turbi‐
nare di pensieri che si chiavano tra
ancora non smetto di loro senza venire alle parole.
il respiro

QUARTO SEGNO _ dietro l’orecchio


sinistro

tentavano di forzare la mia cinta


che non accennava a cadere

cannonate di _ sangue striato e


rantoli di perbenismo

non contento di _ averti generato


insedio ancora il monarca decapitato

come un invito alla fornicazione


che una mano _ non del tutto invisibile
ucciderà ancora

35
R oberto bel l i Carmine mangone

QUINTO SEGNO _ verso la nuca Se voi arrivate a vincolare la mia uni‐


cità e a spezzare il senso che do al mio
corpo, limitandone le esorbitanze, io
ma tu _ corpo senza congiura urlo la mia carne contro di voi.
illuminato da ceri rossi
avrai veduto e sentito le _ ghiandole
infiammate dall’amore?
Non è il corpo ad essere limite alla
una bimbetta affascinante _ certamente mia presenza nel mondo, bensì il
votata _ arriverebbe funerea pensiero che cerca di regolare e con‐
all’appuntamento col patibolo? vocare la carnalità dentro il perime‐
oppure _ il riconoscimento delle tro del possibile. Il pensiero che
stagioni] pensa il corpo lo radica infatti nelle
dell’amore _ senza preavviso funzioni che ne disciplinano le
contemplerebbe la statica effervescenza aperture. Tutto si riduce all’aspetto
del corpo mutilato? funzionale, organico: il corpo si lega
quindi alla vita solo per chiudersi
se ci fosse una chiesa sarebbe _ la parte all’impossibile, ma così facendo si
interna dello scroto di un animale vieta la radicale qualità della mate‐
e se ci fosse un animale _ una promessa ria che ci contiene e che nasce pro‐
ricostruita] prio dall’incarnazione di una libertà
il lato interno del suo scroto senza pensiero.
sarebbe in fiamme [In tutto questo, bisogna pensare
alla parola come ad una sorta di
ma tu _ corpo senza congiura escrescenza o secrezione del corpo.
illuminato da ceri rossi Un residuo, una bacchiatura del
se non ti amassi così tanto pensiero, un’eccedenza salina da la‐
inforcheresti le mie gambe crudeli vorare nel mortaio dei luoghi co‐
per placarle _ come si placano i muni.]
tramonti?] L’unicità del corpo, di ogni corpo
vivente, è il luogo comune per an‐
e se non vorresti placarmi _ potrai essere tonomasia – dimensione attraverso
crudele come me _ che guardo per ore la quale gli uomini accettano o ri‐
il senso della tua _ lingua creano l’assetto del mondo che gli
ammobiliata con viene dalle unicità più meno defi‐
semplicità e _ pronta a penetrare? nite che li hanno preceduti.
Ma all’interno di questo “luogo co‐
da prima i seni _ come una grotta mune”, il movimento (ossia il
misteriosa] senso, la vita, la lotta contro la
poi la fica _ come uno stendardo nero morte) viene innescato e “vivifi‐
cato” solo dalla consapevolezza del‐

36
R oberto bel l i Carmine mangone

due gambe perfette e _ una l’unicità che costituisce il corpo e il


bomba rudimentale come _ una sorella pensiero del corpo. È quindi l’espe‐
rienza dell’unicità a infondere vita
in quell’istante _ un gran chiasso al suo depositario carnale e a svilup‐
qualche misura inusitata _ a spiovere parne la forza, le intensità.
Detto questo, ciò che si chiama “fol‐
la mia bocca _ ho un’amante lia” non sarebbe forse la negazione
la miccia _ l’impiego certo dell’aria nuova o l’oltrepassamento di quel luogo
comune che è il corpo comunicante?
Non potrebbe forse connotarsi
come il ritorno ad una libertà senza
SESTO SEGNO _ sul microscopico pensiero o come il radicarsi in un
polso senso inaudito di natura asociale o
“superumana”? Siamo proprio con‐
vinti che l’ultimo stadio dei pensieri
difendersi dagli istinti rimane _ la di Artaud o di Nietzsche sia ascrivi‐
pagina vera] bile in toto a dinamiche psico‐pato‐
logiche? Non si potrebbero
nell’amore si sopporta tutto ma azzardare dei paralleli tra certi epi‐
il quadro non è mai del tutto chiaro loghi esistenziali e qualcosa di si‐
come un popolo quando _ si mile al risveglio della Kundalini,
disfa dalle presenze ostili ossia di quell’energia generativa e
primordiale che secondo gli yogi ri‐
l’antico ideale stramorto è siede dormiente all’altezza dell’osso
una essenza e alcune vane consistenze: sacro, in coincidenza col più basso
io che sono il valore e _ le altre che dei chakra (il mulādhāra), e che
più in generale _ devono sparire viene ad attivarsi in particolari stati
che sono gli errori di coscienza?

in qualsiasi momento _ che è l’istinto


si danneggia la _ esangue malaticcia
forma] Mi dovrò intagliare una fica dentro la
di cui sono composto mente, aprire una vagina nella sostanza
più dura del mio pensiero. I concetti
una buona dose di _ polvere nera non sono cazzi da brandire come man‐
un malessere quasi fisiologico ganelli. Occorre trovare il giusto ac‐
un verme che rode e _ la coscienza coppiamento tra i pensieri (ci sono
che è la piacevole causa di pensieri maschi, pensieri femmine, pen‐
qualsiasi dipendenza _ che morde sieri senza genere) evitando però di pro‐
stituirli alle necessità di una logica.
e io non voglio essere _ morso Bisogna fare in modo che anche le idee

37
R oberto bel l i Carmine mangone

SETTIMO SEGNO _ su dietro riecheggino i godimenti passati o fu‐


verso il gomito turi.

la membrana che _ mi
separa dalla lingua IL CORPO DI UNA NUOVA COMUNE. –
vibra come Ossia il fuori che si veste anche del
una _ motosega mio corpo, che ride anche sulle mie
labbra, che gronda il sangue che
pian piano il culo _ urtandomi sarà anche mio in ogni emorragia di
mi afferra come nelle _ buone cause senso.
per cui ancora sono _ mobile Devo cercare i molti che sono nel‐
l’intera operazione pare l’uno, l’algebra che sconvolge ogni
l’opinione retta della _ rapina calcolo, quel modo dell’affetto car‐
nelle banche del potere nale dove la condivisione è un inca‐
solo che qui _ non esproprio stro mutevole, una divisione
qui _ abbandono il volto indivisibile, una sottrazione senza
nell’odore _ nell’odore mancanze.
il colpo di reni _ le strisce di cuoio C’è tutta una teoria ineffabile di
lo sguardo sospeso _ l’intreccio sessi che si avvicendano e s’accop‐
garbato delle _ proporzioni notevoli piano nel farsi del pensiero – che è
del tuo gambo _ intrecciato come da intendere anche nel senso che io
la barricata dalla quale mi faccio il pensiero: lo chiavo, lo
profondamente sbarro _ ogni muco slinguo, lo inculo – in un delirio sul
ogni figura umida _ che s’accende pensiero (o del pensiero come deli‐
al momento] rio) a sfondo non meramente ses‐
cerchiato nero _ che ti getto addosso suale, bensì contro ogni “sfondo” e
convertito al ventre e per ogni carne amorosa possibile.
pagherò con il freddo _ l’ottenebramento Nonostante le ideologie e i poteri
di solo qualche _ secondo costituiti che se ne servono, il pen‐
mentre la scena ritorna _ verosimile siero non si cristallizza una volta
illuminando il senso della memoria per tutte e si dà solo nel movimento,
ossia nell’azione incessante che
non io tende a verificare il suo stesso pen‐
nessuno di noi _ ha sarsi.
senso nella Non c’è speranza per il sacro – o per
morte la legge – dov’impera la carnalità e
l’unicità qualunque dei corpi che si
avviluppano amorosamente. L’an‐
archia è l’ordine del vivente, l’om‐
bra fertile dove i semi decidono di

38
R oberto bel l i Carmine mangone

OTTAVO SEGNO _ dall’avambraccio germinare. Il potere può schiac‐


a spirale su verso la scapola ciarne i fiori, ma il loro polline ri‐
mane incontrollabile e dissemina
significati contro quello stesso po‐
e non ce n’era _ un altro fra tere.
gli esseri che volevano prendermi Non si argomenta un corpo, lo si di‐
a voler farmi sputare lo spirito spiega.
se non _ il mio cardine A farmi arrapare, è sempre un pen‐
siero dello stesso genere del sesso
una sottigliezza psicologica
che amo, ma a quest’ultimo ag‐
ciò che vuol parlare attraverso me giungo o sottraggo il mio genere e
unico grande pericolo _ magnifica quello di molti altri pensieri passati,
espressione dell’egoismo è presenti e futuri che mi toccano, mi
il virus della mia _ individualità stregano.
che non sprofonda Il mio corpo è una Comune formata
da tutti i corpi attraverso i quali ho
attacco radicale e _ cuore delicato vissuto e grazie al cui avvicendarsi
possiedo un pensiero di me, un’in‐
di nulla _ di volontà sieme di vicende che mi riguar‐
brama il mio carattere dano.
tu _ non dormi mai La Comune è il territorio dei corpi
nella presa di questo ignoto toccanti e che si toccano; la loro pa‐
rola è sempre in eccesso, sempre
tu aperta – cosce nude, spalancate,
non dormi
bocca d’assalto, riconoscimento di
mai
ciò che ospita l’altro senza asser‐
virlo, abbracci, strette, coiti che sono
ammassi stellari, buchi che in‐
NONO SEGNO _ dalla scapola giù ghiottono il tempo, corpi che di‐
fino al fianco verso il ventre cono.

al vertice dell’edificio del corpo


le parole cadono _ ritmicamente mentre Partendo dalla sensazione che si ha
lʹimmagine che resta _ forma del proprio corpo, l’Io è il più vero
il principio informatore del mondo dei malintesi. Il suo discorso – il suo
mettersi in opera – è senza soddi‐
il corpo non spento _ ma sfazione ultima (senza “paradiso”)
di brace sotto la cenere e quindi, proprio per questo, ri‐
l’immenso del cielo e _ l’odore che mane consegnato alla struttura
mi rende quieto e _ appena in anticipo sempre manchevole e sempre in via

39
R oberto bel l i Carmine mangone

da questa immensa costruzione di di rifacimento del senso e del suo


corpo che sfocia in tutti i sensi corpus di pensieri.
intravedo _ il non‐senso di
tenersi irrisolto e _ in dissoluzione

ho spogliato tutti i _ perché L’impossibile è solo un nuovo campo di


senza poi soffrirne _ opposto nel fervore possibilità. Operazione sul reale,
la vittoria _ la libertà _ il sulla creazione della realtà. Flusso
principio informatore del mondo
che unisce l’origine del corpo – lon‐
tano, senza parole, eppure sempre
pronto all’alone che emani _ finestra
di nube _ senso del tremore _ grazia prossimo alla decisione, all’esterno
io sorvolo la mia sventura della morte dove la vita si decide –
rifacendomi avido _ della tua luce con la prossima origine che io pre‐
paro e che non vedrò.
In alcuni momenti, accade proprio
che io mi tocchi, mi tasti la carne di
DECIMO SEGNO _ dal ventre al nascosto, congedandomi ironica‐
fianco opposto mente dal pensiero che limita ed
istituisce il mio mondo (il mio
esterno) a partire da un interno in‐
E _ ti leggerò con calma sorgente, mortale, mai domo.
corpo _ ti leggerò addosso le Palparmi all’insaputa del pensiero:
parole dei nuovi cardini lo faccio per sentirmi vivo, per sen‐
delle nuove parole che forgio tirmi passibile di ancora più vita, e
senza necessità, senza l’assillo di
della solitudine che NON
farne necessariamente qualcosa.
mi dilania no NON mi
dilania _ disincanto

ogni parola è _ una


chiave della notte mutevole Spogliare il corpo di ogni spetta‐
una sorta di _ altro colo. Spogliare il mio e il tuo, di
territorio _ una chiave corpi, insieme ai loro pensieri, alle
che non interrompe _ E cose, alla parola che li limita.
Svestire il destino, toccare, amarsi,
mentre l’idea del corpo continua a
parlare senza di noi.
mi avvicino alla poesia
ma per mancarla
[georges bataille]

ottobre/dicembre 2010

40
http://maldoror.noblogs.org/
maldoror.press@gmail.com

gennaio 2011

Maldoror Press