Sei sulla pagina 1di 24

^ 6z

EMMMENTI

POSTUMT

. non pu aver
e cos
a

Preso

- INrzro 181319[118'125] 63 immensa sistema solare ruoti attorno ad una stella.


Esr-TE
18?2

di aver
r

nel divenrre

qIrz

3]

le azioni in-

-'.tunii.o
r

Non si pu stabilire n il significato dell'esiitenza, n quello etico' n

e.-,.^_
L'uomo conosce

quello estetico.

pi I L'ordine nel mondo' il risultato evoluzioni' faticoso di spaventose i'""'." I "ir ,,*ro.-" essenza del mondo - Eraclitol
o I r sa

conosce se stesso rur n do s svela a lui " e stesso se di viglia

uc,o r- - r

plicata.

rgir rgl che :he

Si deve

senzaltroi:-t";il;
L tempo fu in un rrn temPo ire di Eraclito'

non
non
^,

lsa

noi non :, l: :::l"l'":i I'*"t*'"ta' * ] LIJ ;l'.':TJ:rit"fi t

HJ.'j: |.,,'J:i:

'

.'

:"iilf

iffi :lTJ;i"";i;;; ',tg**-t, lT


Porre alla basg

q"l,i"^:*:

l'":".t";'if

:." i,.iol "e r' s"'i

rlrundo si ammettano t"."t lt.t"t,!l:.p:11:; tuttavia la piena possiailil che il ,lil ':*^". Dal punto dt 1rr,,,,,1., siu cos come ci appare llrlir personale, d'altronde, questa P-o-s[rone a nulla Nessunl Itr,l *,io complesso non serve , vivere in questo scetticismo' ,l,l,i;rmo superare questo scetticismo' dob- 1' Ot-1 tr|n im?n ticd,rlo! Quante cose dobbamo hgura' lrrtir:rre in questo mondo! L'arte' la il temPeramento. llr', ',,,,ii,,, trr'r.rru non sta nel conosco'e' bensi si trova nella sur rrarzl La nostra grandezza scrnbianza, n"ella pi nobile emozione'

64
Se

FRAMMENTI PoSTUMI

ESTATE

1872

- rNlzlo

1873 19t1251321

65

non ci importa nulla dell'universo, avremo pure il diritto di disprezzarlo. r9 [rz6] rTerribile solitudine dell'ultimo filosofo! La natura lo serra, agghiacciandolo, gli awoltoi si librano su di lui. Ed egli invoca la natura: dammi l'oblio, l'oblio! - No, egli soppmta il d,olnre come un Titano sinch nella stprerna arte
tragica gli sar offerta la riconciliazzone.

ont un'ora con te, amata voce, con te, ultimo

Considerare lo -spirito". un prodotto del cervello, come soprannaturale! divinizzarlo addirittura, quale follia!
r g I I 28] Fra milioni di mondi in decomposizione, alla fine uno possibile! Anch'esso si decompone! Non stato il primo!

tgIrz7lx

rr'.sra morto, non sopporta l'orrore della pi rolitirria solitudine e mi costringe a parlare-co_ rrrr.se io fossi due. ( ) nria voce, Li odo ancora? Tu sussurri, mentre rrrrrkrdici? Eppure la tua rnaledizione dovrebbe

rg [ 129]

Filosofi preplatonici. Platone. Scuole socratiche.


Coefore.

Poetica. Ritmica. Retorica.

,llrirla voce! In questo universo muore ancora urir cosa, all'infuori di me, l,ultimo uomo: e

tg[l3ol*

Erga.

Grammatica latina. Grammatica greca.

Lirici.
Teognide. rg I 13 r]
EDrpo.

Soliloqui dell'ultimo filosofo


Frammento dalla storia della postedt.

r,1lr3z] Tremende conseguenze del darwitrirnro, che considero d'atronde come vero. ( )gni nostra venerazione si riferisce a delle ,;rrrrlit, che noi riteniamo eterne: qualit mo_ r.rli, artistiche, religiose, ecc. llrr orrendo agli isrind. non si compie nessun lr.rsso in avanti nella spiegazione del finalismo.

22

FRAMMENTI POSTUMI

ESTATE

1872

- INIZIO

1873 t9[28,34]

23

modo si ottenga al tempo stesso un'elevazione ed una concentraziolle. Il laisser aller* d,ella nostra scienza analogo a certi dogmi dcll'economia politica: si ha fede in un
esito assolutamente favorevole. Anche Kantha, in un certo senso, influito dannosamente: la fede nella metafisica infatti andata perduta. Nessuno potr contare sulla sua "cosa in s ". considerandola come un principio raffrenante. Oggi noi comprendiamo come sia notevole la

rg[3s]* Per caratterizzare la superficialit della nostra cultura: David Strauss, i nostri teatri, i nostri poeti, la nostra critica, le nostre
scuole.
g Ig3 mio compito '. comprendere l'inti ma connessione e Ia necessit di ogni, cultura aera. I mezzi di difesa e i rimedi di una cultura, il rapr

] Il

figura di Schopenhauer: egli raccoglie tutti gli elementi che hanno ancora un valore per dominare la scienza. Egli si rivolge ai pi profondi e originari problemi dell'etica e dell'arte, e imposta il problema del valore dell'esistenza. Mirabile unit di Wagner e Schopenhauer! Essi sorgono dal medesimo impulso. Le qualit pi profonde dello spirito germanico si apprestano qui alla lotta: come era awenuto presso i Greci. Ritorno d,ella riJlessione.*

lg [29]x Descrizione dell'enorme pericolo di rnond,znizzazione nel sesto e quinto secolo: l'esuberanza delle colonie, la ricchezza, la sensualit.
rg [3o]x Il problema: troaare la ciuilt adeguata
alla nostra
musi,cal.
r g [3 1 ] Occorre determinare il metodo condo il quale deve ,uerel':uomo filosofico.

porto fra questa e il genio popolare. La conseguenza di ogni grande mondo artistico una cultura: ma spesso, a causa di correnti ostili, non si riesce a giungere a questa conclusione perfetta di un'opera d'arte. La filosofia deve tener salda attraverso i secoli lil cresta montuosa d,ello spirito:* e in tal modo la lccondit eterna di tutto ci che grande. l)er la scienza non esiste grande o piccolo - inv(ce per la filosofia! Da questa proposizione si rnisura il valore della scienza. 'l'enere stretto il sublime!* Quale straordinaril m,aneanza, nella nostra el)oca, di libri che spirino una forza eroica! Non si legge pi neppure Plutarco!*

se-

Kant dice (nella seconda prefazione per far t '' Critica): "ho d,ouuto eliminare il sapne, 'ila lnsto allaJede; e il dogmatismo della metafisica, ossia i1 pregiudizio di poter procedere in essa (:nza una critica della ragione pura, la vera lirnte di ogni incredulit contrastante alla mortlit, incredulit che sempre assai dogmaticu".* Molto importante! Egli stato spinto da ur urgente bisogno della cultura!

rg[34]

24

FRAMMENTI POSTUMI

trsrATE

l8?2

- INTZIO

1873lS[3436]

] i

Strana antitesi tr^ sa.pere e cred,ere "1. Che cosa avrebbero mai pensato i Greci di ci? Karrt non conosceaa altra antitesil Ma t{or! Un urgente bisogno della cultura spinge Kant: egli rrrole salvare un campo dall'invadenza del sapere.lt questo campo pone le radici di tutto ci che p alto e pi profondo, pone l'arte e l'etica - Schopenhauer.

r 9 t35J Il filosofo della conoscenza tragi.ca. Egli rloma.io scatenato impulso conoscitivo,+ non l)er attraverso una nuova metafisica. Non stalrilisce affatto una nuova fede. Egli sente tragi-

ca.mente che l terreno d,ella metafisica uenuto me-

non pu d'altro canto appagarsi mai del vlriopinto e vorticoso gioco delle scienze. Egli lavora ad una nuova uira: restituendo all'arte i srroi diritti. ll filosofo della conoscenza disperata si consume,ro, e

dell'esistenzal La lo

Qui si tratta di ffeare un concetto: 1o scetticiil sapue! attenzione anche sul sae sfuggono alla nostra roll'impulso oppure di secondo
Si deve

Scho pere
scienza.

Si deve vedere ora, se il c conoscitiuo* sia a faaore ili

una cultura artistca;


caso.

Pro

rrigliore. addirittura uolere l'illusione I't:lemento tragico.

- in ci sta
)

A ci aggiungo la questione sul ver-onn della .onos.nra stori'ca iconica,* anche rispetto alla

i Greci tale contenimento a favore di artistica (ed anche religiosa?), che cultura una preseraare da un completo scatenamento: vtole noi vogliamo doruare d'i nuoao I'istinto che si del tutto scatenato.
Presso

na,tura.

I g tB6]' L'uLTrMo FILosoFo - pu trattarsi di irtere generazioni. Egli deve soltanto aiutare a ritne. "L'rtltilrr:,o , naturalmente in senso relativo. Per il nostro mondo. Egli dimostra la necr:ssit dell'illusione, dell'arte e di un'arte che rkrmini la vita. Nel nostro caso, non possibile produrre di nuovo una tale serie di filosofi, corrre ha fatto la Grecia nell'epoca della tragedia. ll loro compito ora assunto unicarnmte dall'ar-

FRAMMENTI POSTUMI

L", ffa .,.uau. Questa

ffi'f#;H..f

""*.''i' :T'"'.gTT,iff,t:"ud;-"""p'' . ;;;"p iil"Ti; 9:ll1'.1s"1?' H:Xi:Tl#:lx iiil iei:: :s::l''

-:.1 I "n,".gft "i"''""'"i"'ia":.X"i#:X1*' aui r'

co nsiste tu

..

il

- INIZTO 18?319[102-10r] b7 rlel tutto nuoua. Le scienze invece hanno sub- I ] lo la prima degrad,azione.
ESTATE
1872

:il; e limiartiitiche ilt#:ii,'".i_:,:"i,!i:l:';:i:1"",11ff Continua reazione di sse re sa-

"'

q Iro5l r r (sta.
r

Sincerit d,ell'arte'. essz sola ora o-

lir strada,

3;il11"iil1#;ii;;'\: .",,1,K' l" ttt e zll'efJeno)


puto

igt"ai."i.

'

rs noi, dopo avere allungato enormemente ritorniamo indietro al comportament<t natural.e (dei Greci). Il costruire una cultura rrrl sapere si rivelato impossibile.

Lottare per una uerit e lottarc psr'\ r,,r verit sono cose ben diverse.

rl1[ro6]

,'.'#?*r",:"":i;:*'i,:ifu:'.,jll-.",:::'J;

::x".'J['#[.#5:ri,]:::':':::L:']:;t,

li,iri**i*:,xz#.:!'#;::#:
e

rclti, e quindi corr intuizi,oni. lirlc peraltro il procedimento deduttivo del llkrsofo e dell'artista che contemplano. Costoro ri ( omportano come tutti quanti, di fronte agli
ltirnoli fisiologici personali, trasferendo tale com-

c' ''i - " ^ "ti non deve comuntcal " ne sgorga lo costrrnge'

to
lrr

i"ili;

rg[ro4\ Essere glioso Piacere ero t'to irenzogneral menzognel ar uu


",:':;

unan
solo

in

::t;!;:;#:;il:

; ;ll5

;qfi ; ; ";

il I \l brr

in seguito di sostituire un pensiero concetrturtr46rin ruogo luogo lrrulc lllll( ln -^r:^-.^ immagi-i re in urr i Anche gli trl che alla tlllrrtto pensie e motivo. <liventa stimolo
L

t4 imoulsi supremi, e tulta quanta la sua essen,u ilu"tu ul,a morale piu rilassata: con la mo,rf. fi,i pura egli balia al di l della propria

T.RAMMENTI POSTUMI

u"* ' La menzogna lh-t :i I". cne ct singl si trangugia a gran sorsi' e la verrta a goccra ' aara la si assapora goccra

ESTATE-AUTUNNO I8?3 Ramea

?9148]

15

It

nibote

di

' 4. M"rrrogru
pio it
"ogrr"o, Ia verit)
.

esse

nza.

nella natura rlmana - ad esemautocoscienza (occultamento del-

q9

5. Linguaggio sensazione concettl' 6. Materia. z. Arte. Menzogna per necessit e menzogna l'll.rr--e'n.t, q"uest"ultirna da ricondursi ad

'Verit "' [7]+ i. Ve.ita come dovere incondizionato: ostile' annienta -;:;; il mondo' sentimento comune di verit
.

del

"

7. Individui. 8. Forme. o. L arte. Ostilit verso di essa' ,X ;;;; no,, verit non esiste n socier n
civilt.
I1

conflitto

mento della menzogna' iu u".ita nel sistem del pessintismo ll pensiero qualcosa che sarebbe meglio non esistesse'

pende cide se ste londamento I'errore)

dan

e bella

di

;fJ1'.:';
'

zgl5l*

Ika'. Ial Beh-Beh-

L'Ungherese e il professore hegeliano a Ber

lino.*

FRAMMENTI pos r.uMr

I I reat mundu'

resto awiene). Concetto della sia di una verit tale che prop eudemonistica aela e maschera. zogna proibita, che interviene l dove la verit lecita ha il suo dominio. s. Simbolo della verit proibita: fiat oeritas, pe

cium! pereat mundus.* La prima cosa che va in rovina per opera delle verit proibite, l'individuo che le pronuncia.

Simbolo della menzogna proibita: fiat

mend,a-

crifica se stesso assieme al mondo, il secondo sacrifica il mondo a se stesso e alla propria esistenza.

L'ultima cosa che va in rovina, mediante la menzogna proibita, l'individuo. Il primo sa-

na morte e di una liberazione dalla vita. 3) ' Senza una certa dose di illusione, nessuno pu credere con tanta sicurezza di possedere la verit: lo scetticismo non tarder a mostrarsi. A1la domanda: lecito sacrificare I'umanit per rna illusione? , si dovrebbe rispondere negativamente. Ma praticamente ci accade, poich I'illusione appunto credere nella verit. 3. La fede nella verit - owero l'illusione. Eli- r, minazione di tutte Ie parti costitutive cud,emoni- ' stirhe* di questa lede ( t. come mia propria credenza, z. come trovata da me, 3. come fonte di una buona opinione presso altri, della gloria,

Casistica: lecito sacrificare l'umanit per la verit? - r) Non certo possibilel Dio volesse che l'umanit potesse morire per la verit. z) Se ci fosse possibile, si tratterebbe di una buo-

ESTATE.AUTUNNO 1873 29J8I t7 dell'essere arnati, 4. come altero e piacevole sentimento di resistenza). 'Dopo avere eliminato tutte queste parti costitutive, ancora possibile il dire la verit puramente come d,oaere? Analisi d,ella fed,e nella teri,: in effetti, ogni possesso della verit in fondo soltanto una credenza di possedere la verit. Il pathos. il sentimento del dovere, parte da . ', questa fede. non gi dalla presunra verir. La fede presuppone nell'individuo una incondizionata cApAClr,. conosci,tiaa, ed inoltre la convinzione che a questo riguardo nessun essere conoscente pol.r, andare oltre: presuppone quindi una validit vincolante per tutti quanti gli esseri conoscenti possibili. La relazione annulla il pathos della fede - lo annulla, ad esempio, la limitazione all'umanit - con I'ipotesi scettica che noi tutti forse sbagliamo. Ma come possibile lo scetticismo? Esso si presenta come il vero punto di vista ascetico del pensatore. Esso infatti non crede nella fede, e in tal modo distrugge ogni beneficio della fede. Persino lo scetticismo, tuttavia, contiene in s una fede: la fede nella logica. Il punto di vista

estremodunquel tred,o qui,a absurdum e la sua negazione.

,il
ne
se-

guito dell'ascetismo. Nessuno pu vivere in questa posizione, allo stesso modo che nessuI no pu uitere r,ell'ascetismo puro. Con ci dimostrato che la f'ede nella logica, e in gene-quinrale la fede nella vita, necessaiia, e che di il regno del pensiero eudemonistico. Allo-

18

FR.AMMENTI POSTUMI

rq tutre- Ia religione e l'arte. lI primo' attraverso guarmascherate' le tulle e te le dissi"mulazioni f individuo che soffre' soffrenau uf
ESTATE-A.UTUNNO
1873 ?9I8 1O]

""..i"to,

to Der la verit pura in s: I'impulso verso di

.rsl rolturrto
scherato.

un impulso eudemonistico ma-

terrestre,.*

,r

semDre oresentarsi in un determinato scena.io, L ,n, credenza che viene confutata infini-

qq

6. Forme.

"'Iro]* 1'iotisi dell'uonto di srienza rispetlo al suo


senso della uerit'

,".* un g;;a" uomo vil di pi di un legn-:' sroerch piu benefico per turta la posterlta gnificato ell'azione grande - produrre grandl
aztotei.

l'individuo.

zq|?l*

Concerto dell' inrpossibili' inerente r,iti le uirru in cui l'uomo grande'

24

F.RAMMENTI POSTUMI

gli accendano un poco gli affetti: scritti dove egli stesso o il suo ceto sono presi in considerazione, oppure le sue opinioni politiche, estetiche o grammaticali: se poi ha una scienza tutta per s, possiede anche un mezzo Per essere sempre di nuovo interessato. g. (ht adagnarsi il pane.* La verit viene servita se in grado di procurare posizioni e stipendi pi elevati, se grazie ad essa si Pu ottenere un avanzamento presso le persone altolocate. Ma si serve appunto soltanto questaverit': perci si pu tracciare un confine fra la verit profittevole e quella che non lo . Quest'ultima non favorisce il guadagnarsi il pane, e poich richiede tempo e fatica e li sottrae a quell'altra, nuoce addiritnrra al guadagnars i 1l pane . Ingenii largitor aenter.a I "borborigmi di uno stomaco che langue ".x to. Essere considerati dagli altri uomini di scienza, timore di essere disprezzati da loro. Tutti si sorvegliano gelosamente a vicenda, affinch la verit, da cui dipendono lante cose: onori. pane e cariche, figuri veramente sotto il nome di chi 1'ha trovata. Tributano rispetto alla verit i, che un altro ha trovato perch esigono a loro volta lo stesso rispetto per quella verit che trovdno loro. La non verit vien fatta sonoramente esplodere perch non valga come verit e non si appropri di quegli onori e di quei titoli che sono concessi soltanto alla verit irresistibi1e. Talvolta si fa anche esplodere Ia verit reale, affinch sia fatto almeno posto ad altre verit che vogliono essere riconosciute. " Idiotismi

25 29[13-15] morali, detti anche furfanterie ". " Eccezioni alla pubblica coscienza '.* , r'. L'uo*o di sci,enzaper vanit, una specie che gi pi rara. Vuole avere qualcosa-.tutto per s]peici sceglie come suo camPo d'indagine le curiosit, ed contento se viene considerato
ESTATE-AUTUNNO
1873

nel far ci non nrole sforzarsi tropPo' per non oerdere il senso de gioco Per questo egli non ,a diritto in profondit. ma sPesso vede quello che lo scienziato di professione non perceplsce nell'ottusa prevenzione dei suoi occhi fati( osamente striicianti: ma almeno la verit gli

' ,,.,i.*r,

impulso verso la co' un impulso soltanto e la verit, ma rcr so la fede nella verit. La conoscenza pura impulsi. 1,r iva di

'.:rrlt4l* Non esiste alcun

'.:,1lrr,l* lmpuls tr llcilmente Per

ia-

(hffiosit,

ihe

di

u.i"

EBAMMENTI POSTI]MI

rei che lo fossero'

.", *' t"li"'t**ren6'

ma che preferi-

102] 55 di vero' la l-)trando non si pu sapere nulla f Qtrando . rr( nrogna Permessa' Permessa rr(:nzogna sogno' si lascla conu-' t ti not ogn uo-o. nel ... -.. menzoqne. -".r e re con menzogne' ingannare ttlrirmente - -- '- l't' :' conl"t!111fi::t:l r..a tterit i,,ilr"rl,""rZu" senso stori'umanit' nostio Il lllr r( rrL4 . lll( i',,:,1.i."i"
F.srATE
1872

- rNIZro

187319[95

,',,

". -""ao possibile'che esso riesca ;;,,,",;.;


r l( l I utto l'arte. 'ti

qualcosa

di completamente

a soffocarel

,irii,,l"'ii
r ,1 I

"*iri "a

ogni

costo

q,alcosa di socratico-

't

IL FILOSOFO r1fl :,nt.slerazioni sulla lotta fra arte e conoscenza'

,;::::,;i,::":;1?ll,"i;;;;;;,edeuaitosoia

"L'oclocrazia * r, prrlrhlica dei dotti


r

,,tlttttl
,,

dei dotti - invece della

Molto istruttivo quando Eraclito condi Apollo e i;J,1,., il''r; ti"suaggio con quello rk ll.r Sibilla.
l
r

.o

tqllrorl
,1q11 r ,

I sensi ci ingannano'

quall* , La verit e la menzogna sono girr,r rli lsiologico. mo'ul'- due ronti della
rr

;Xi
l

U:1":."'TIii:*::X; l'ti;3*
imi'
in noi

i;,;,:;;;;?igg' llli*1],,,, aat verit giudicata in base agli


inrllllrti seducono ad ammettere "verit"
per opera ll,, /,,rtudi tali nverit", che vivono
ir",,

i,,r^.r;aa

il bisogno di trovare un'al-

56

ERAMMENTI POSTUMI

ESTATE 8r2 - TNTZIO

1873191102-1071

5t

lr"o

:1il'f*i.#::#"i"'-""i"'i'ai?i'j;':X* :T:".'fi:"i."""t;;i'^':i,Tli;1T*""'""' g*i 1.1c-::, i["i'#*ii;;; ;;"Pd' :il; .,' HJ;::*H;':i;;. .f:::: l:e::l'' .possiaile i,i,J,i."1i ci che. i-?t::i: rffi q"'--.L;:" \ t .olrf.rrru4 8:ffilff ::::.:l::; sa" cto t1: "".r* d,egno di essere t"",,^., di
,

.,t.uu. Questa consistetT.g: "P-::fi1:

(l(:l tutto nuo a.Le scienze invece hanno subi to la prima d,egrad,azione.
rry
ll ('s

Iro51
ta.

Sincerit dell'arte: essa sola ora o-

tazione alla sfera

f;;'i}1,I;;'"

\n b,se

zrt' effetto)'

noi, dopo avere allungato enormemente slrada, ritorniamo indietro al comportamentt' naturo,le (dei Greci) . Il costruire una cultura ,rrrl sirpere si rivelato impossibile.
ios
l,r

rrlf ro6] Lottare per una aerit e lottare Ptr t^ v(:rit sono cose ben diverse.
I 11l

ro) Le inferenze
si
inr,magi,ne ad,

rrio sospetto:

inconsce* .,-,r.ituro i] iratter di quel passaggio da


l

::';#''d#;;-;
i.i.i,a.n.

;;icare' ma il sentimento
1 tutto verace

ne sgorga lo costrrnge'

me:

un'altra'. I'immagine raggiunta ttt' rl,r rrltimo agisce allora come stimolo e motivo. ll pcrrsiero inconscio deve prodursi senza con- i r I I i, (' quindi con intuizioni. '' pt:raltro il procedimento deduttivo del lirl' lllr'nolir e dell'artista che contemplano. Costoro ll i orrl)ortano come tutti quanti, di fronte agli tllrrr,rli lsiologici personali, trasferendo tale comlfirr.rrl( nlo ad un mondo non personale. Ur' rr() pensiero mediante immagini non sin {rl pr irrcipio di natura rigorosamente loglra, si tt,r tultavia gi di un procedimento logico, rrrirrrla pi o meno grande. Il filosofo si sforIrr sr.grrito di sostituire un pensiero concetI rr luogo del pensiero mediante immagiArrr lrc gli istinti sembrano consistere in un tto lx.nsiero attraverso immagini, che alla rlivlrrl:r stimolo e motivo.

8o

I
FRAMMENTI PoSTUMI

I
i

b[e a vita pi alta e piir pura. La fede nella ud. /a n ecessaria all'uomo La verit si presenta come bisogno sociale: ed rn segurto, attraverso una metastasi, viene ap_ plicata a tutto, anche dove non necessaria. '

ESTATE I872

- INlzto

t873 lqttTr,-179,

'uomo vive in eterni trave_ stimen. La fondazione degti Stati suscita la veraclta. L'impulso alla conoscenza ha :una fonte morale.

no da bisogni impellenti. ha inizio il bisogno di ve_

d o.

p*:ffil,ls:i",?:fr: *t#:*::.il''r :' ;,: il ?;;i i:X: l,:X dovre ;m:.,"":''; bb e i"s;; ;
il";
fr

;..:;;;"1" . .:l il":ffi i::x ror. urt... ."::*ffi#:nff; d"ltu.".i" ffi ,::*,::;": r, :t l t," -;;;;;': ;,?:1il:i".:i,T::
1,

8r

l1ti,,i:::".1;;: .h" i::il1H


e sincero verso

rendenza ner "flg #;;; il:":iffi,,".ff] ::* di lui.

";i"; ra, sua

siste allo scopo ".",1 ar()

di co_

, / I

arie per scopi diversi _ In ,-^ma in una tendenza in s. Da un esercizio per dererminati casi sorgc una qualit. _ Ecco ailo_ ra l'impulso verso la conoscnza. Tale generalizzazione si verifica attraverso l,in_

Ma l'uomo sospinto verso insidie sempre


nuove.

I'ii; Y:3: rIillttra. l;.."*; Gil:ffi


I

#.i"'J.';,j lil'J;**"" j":l:, 91..:;_ p;; ;i ;;i' ff&l,t gl":


ii

illjl?p"1],

narura ha circondaro

I :l

fl:?ll;'Uiil#ruX3;,::

:", :,?;

.l

FRAMMNTI POSTIIMI 90 suo nome riemergesse a Poco a Poco dal pro-

fondooblio--smttiai
ro

[zo4]\ Le

causa ed effetto. Ora per ogni con-

aslrazioni sono melonirtic' cio

gr 209] r9[zo8l* Lasciar cadere sempre il noi e l - io -. Limitare altresi Ie proposizioni con "che,. Eyitare, per quanto possibile, ogni lermine tecnico.
ESTATE
1872

- rNrzro

18t3 19[203

cetto una metonimia, ed per concetti che nrocede il conoscere. La 'verit' si trasforma in rrrra potenza, una volta che I'abbiamo isolata
come astrazione.

cellula, si opPone! Quando io parlo della terribile pos.iilit .he .ono..ettra spinga verso il trarg

[206]

XV secolo, una tale potenza ed una tale possibilit si manifestano allora sen,a alcun dubbio'

Izog] i L'uomo ha imparato sempre di pi ird adattare a s le cose e a conoscerle. Ma attraverso una conoscenza pi completa non si scostato dalle cose, in ci l'uomo pi vicino ;rlla verit delle piante. I lno stimolo awe.rtito, uno sguardo a un movirrrcnto, collegati, forniscono la causalit, anzirUlto come proposizione di esperienza: due cosr'. cio una determinata sensazione ed una del( r minata immagine visiva, si presentano sempr. assieme: che l'una sia la causa dell altra t n,r mctafma)* tralta dafua voLonrt e dall'azione: r rr:r inferenza analogica\ l,'rrnica causalit di cui abbiamo coscienza r;rrclla tra volere e agire - noi la trasferiamo a trttc le cose, e ci spieghiamo il rapporto tra rlrrc mutamenti che si ritrovano sempre congrrrrrli. L'intenzione o il volere fornisce i norrrr, k l'agire i verbi. L'animale come volente l,rlc i la sua essenza. ltrtli.ki ed, azione'. lur.a r,osta qualit ci spinge ,rrl .rgire : mentre la verit che dalle azioni noi irr l, r i:rmo le qualit: noi assumiamo le qualit, 1,,'r, lrc vediamo azioni di una determinata rlll r ('. Irr 1,r irrro luogo viene dunque 1'azione,la qu.ale \l, r!( (h noi connessa con una qualit. Ar,rtrlto nasce la parola per designare l'azior

to

FRAMMENTI POSTUMI

ESTATE

1872 _

INIZIO

1873 19[248

253]

Il carattere tragico, anzi rassegnato della conoscenza dopo Kant. Cultura e scienza. Scienza e filosofia. Le gislazione della grandezza. Il procreare nel bel1o.+ Il logico. Risultato: lormatosi senza una intenzione. casuale, tendente a qualcosa di impossibile, morale ed eroico, che disprezza la vita. Quel fantasma onorato come verit ha gli stessi effetti: vale parimenti come fatto metafisico.
di renderlo percepibile Mu u hi dovesse domandarsi perch i pi non riescono a udire nulla di questa melodia infinita, potrebbe venire in aiuto Platone alla sua *u.ri"ru, adducendo la ragione per cui gli uomini non odono la musica delle sfere celesti [248b'l* Tutti gli rsiliali* insieme In questa solitudine egli trova le grandi opere, ad es. la Nona SinJoni.a. la profonda visione del mondo. i veri artisti i problemi Profondi.
r

zlone.

come I ha provato il creatore stesso. euindi non sar mai possibile neppure lu pi.ruat.,tu_

1g [248a] x Si tratta

tq
\la.

[z5z]

' hro malemadco sta rispetto al cerchio naturale. . 1l , 91lSSl i) Perch non vogliamo essere ingan_

in un rapporlo simile a quello in cui i cer

Rispetto alla natura, I,opera d,arte

ratl/

Lo vogliamo nell,arte. Desideriamo. almeno pcr molti aspetti, l,ignoranza e cio anche l,in_ Slrnno. L'uomo, nella misura in cui necessario per la ,,//r.,. non vrole essere ingannato. cio deve ave_

r,

la

rg

bquliosa che si in un punto riconosciuto corne simil.e.


r g I250] In ci la fama s'inganna: mai nessuno potr provare il sentimento della creaziont:

I z4gl*

Metalora significa rattare come u8l4

rl<.1

Solo

,lrrcll
ttrr.kt,

cio dall'illusion
ca'ttive.

\(:nza non dall'illusione, ma dalle conseguen_ ir.di essa, e precisamente da quelle

9o

Lo ,to-. fondooblio--*' Le astrct'zion , o f ,.Oi


smbi di
causa ed.ette

a poco dal proriemergesse a poco

FR-MMENTI POSTUMI

rolzo8l* Lasciar cadere sempre i[.'noi'e con iY i" ]. r-i*ii^te altres le proposizioni ognr
..che-. Evitare, per quanto Possrblle'
termine tecnico'

ESTATE t8?2 -

rNrzlo

18?3 19[203

20s]

91

cetto una metonlml orocede il conoscere n una Potenza' una vo


come astrazione'

fju:kfu;tTi-##."J',ffi i ",i*" ...titi-' .tutti


cellula, si oPPonel
19 [206 sitrilit monto, comPlimento s, eisa non h considera iI cammrno un I XV secolo, manifes lit si

suoi sensr e mentre 'r osnt L".T;;;;;'o di s' ed ogni sua fibra'

.9 tzoil L'uomo ma c ' della natura, morfosi, fiavestime


si sottoPonc

\l'(
crede anchc

onfronti'

lrr primo luo vit ne da noi A rrzitutto na

cle -

ouale

I'azio-

98

FR-{MMENTT

PosruMr

ESTATE 1872

- lNIzrO rsi1

tsl22t-22aal

rqIs2rl* La civilt un'unit. Ma sembra ce il filosofo ne stia al di fuori. Egli si volge alla oosterit pi lontana - Fama. aJgno di nota che i Greci siano stati filosofi'
La bella menzogna.
sia

nerale. Lo stesso vale per I'amore Dappertutto riconosco trasposizioni.

99

sessuale.

rMa ancor pi notevole che l'zozro in genere

senza della natura. Cos Talete.

tgl224l* Molte cose nella natura sono umide: tutto nella natura umido. L,umidit fa parte dell'essenza della natura: l,umidit l,es_

lgt224alf)Si sovente ritenuto e detto che ognr rsnt sotiet sc umana a quale flrrrl tentasse r^nracc anche umana, la --^L^
da, creano membra cos filiformi - seguendo l'antica tradizione devota. Platone urole un nuovo Stato dove regni Ia d,iatattica, egli nega la cultura della bella menzogna.
l

trr;'r}

rg [2 2 2] Attualmente in Germania non esrst la filosofia, perci chiedersi che cosa sla propdamente iI filosofo per i- Tedeschi tncomprensibile. Da ci deriva anche 1o stupore .orti.,ro, che si tramuta poi in malignit, per il fatto che qualcuno, senza curarsi di loro, ma pure invocandoli a testimoni, potesse vivele fra i 1o.o .orn. filosofo. Oggigiorno i Tedeschi non sopportano di essere invocati, come non lo sopportano gli sPettri. La disperata inoPportunit di esser nato filoso' fo fra i Tedeschi!

rgIzz3x Gli istinti della moralit: I'amor materno - a Poco a poco si arriva all'amore in ge-

rognero gioco da pigmeo. l\4a ci si semplifrchi pure il problema: potrebbe irrrcora vivete un uomo che improwisamente

loo
f

FRAMMENTI POSTUMI

divenisse visibile a se stesso e, come in una ve/ trina illuminata, fosse in grado di percepire i I pir complicati meccanismi del proprio corpo, i dal contorcersi alla maniera del verme fino ai pi impercettibili sussulti delle fibre nervose? I

Insinceril dell'uomo verso se stesgli altri: il presupposto la mancan] za di conoscenza - necessaria per esistere (come persona e nella societ). Nel aacuum interviene I'inganno delle rappresentazioni. Il sogno. I concetti tramandati (che dominano, nonostante la natura, il pittore primitivo tedesco) sono differenti in tutte le epoche. Metonimie. Stimoli, non conoscenze piene. L'occhio 6iiisce figure. Noi rimaniamo aderenti alla superficie. Tendenza verso il bello. Mancanza di logica, ma metafore. Religioni, fllosofre. Imita"
Lr4J.r_ t. r:, lg IzzS]-*'

e verso

zione.

19[226]* l,'imitre lo strumento di ognl cultura, onde viene gradualmente prodotto f istinto. Ogni confronto (pmsiero originario) A un'imitazione. Si formano le specie, per il fatto che i primi esemplari, soltanto simili, imi no fortemente, cio copiano i'esemplare pi
grande e pi potente. Viene cos inculcata seconda natura, mediante I'imitazione. N procreazione, I'inconscio imitare la cosa notevole, ed in seguito viene l'educazione una seconda natura. I nostri sensi imitano la natura, facen sempre di pi il ritratto.

Ilasferito a nervi affini ril)etuto in quella tra Si verifica un rasferi rcnsoriale ad un,altra: t;rti suoni, vedono nlr. Questo un fen
r

t11,1

che il conoscere non ruote u._"*.-:l:i.:::" .".,.,rr4 arasposrzione, ma tende j.,. a trattenere l. r rrrpressione, senza metafore e senza conse_ gut:nze. A questo scopo, l,impressione viene

zz8lT L'imilare l.antitesi d.el

ronoscere,

il
I

iltl

itl

T6

FR-A.MMENTI PoS'I.UMI

Arte. Opere

de alla teoria: Platone sopratutto legislatore e riformatore, in ci mai uno scettico. *

Eros. Dialettica. Secondo viaggio. Terzo viaggio - Ideale dello Stato. Fine di Dione. A.ltri effetti politici. Parmenide. Scetticismo che prelu-

29lr7bl Empedocle. Democrito. Pitagorici: Lorta conrro gli Eleati, pi per proteggere se stessi. Descrizione della loro setta. Socrate. Morale - dialettico - plebeo.
29[176]* "La tendenza che hanno gli uomini a ritenere importanti le piccole cos ha prodotto molte cose grandi dice Lichtenberg.
"

29lr77) La storia che non ci rende n diret tamente, n indirettamente uomini e cittadinl migliori, , secondo un'espressione usata Bolingbroke* nelle sue famose lettere oz stud9 and use of history: "a specious and
sort of id,lnness"
.

29 [178] Aristotele dice: "Vi sono so to due cose, che spingono gli uomini a prova attetto e attaccamento: il possesso escusivo la rarit della cosa posseduta, per cui essa venta, ca-ra al possessore".* L'antiquario prende dunque cura del passato, poith q

.lmmaginiamoci l.ultimo uomo seinaridito der marcio grobo i:l;::l_ll:'_'*."o

urll r )l rl,*

172

FRAMMENTI POSTUMI

INV.ERNO 7812 73

2Xt

t3

41

173

poesia.ivi, oe-ritatis,'rrssia rafforzamento del puro conoscere (Talete, Democrito, Parmenide).


Contenimento d,ell'impuko al sapere* - ossia raflrrzamento dell'elemento mitico e mistico, rlell'aspetto artistico (Eraclito, Empedocle,
l

Anassimandro). Legislazione della grand,ezza.*


l)istruzione del rigid,o tlogmatismo: a) nella religiorrr:
(

b) nei costumi c) nella scienza. Tendenza

tt:r,.ltica.

pc I r 4E Fitosofia e popolo. Nessuno dei gr-andl i.rroh' n.".i si"trasiina dietro il popolo: dopo iogo.i Empedocle colui che tenta di far' i ogni altro, tuttavia non con la .ia

manifesta massimamente in Socrate: .irrrltuto, vengono fondate delle sette,* il costituisce un controprova Ci che non scito a siflatri filosofi, come potrebbe riur ad altri di minore levatura? Non posrl fondare sulla filosofia la civilt di un po1 fi.o"*o ad una civilt' di consegr.renza' la .od, .o. potr mai avere un'importanza damentale, ed avr sempre un'importanza laterale. Qual quest'ultima? l.' Conteni.tnento d,ell'el.ernento rtitico - RalTotl I to del senso della verit di fronte alla

u con un veicolo mitiSo {i 'retpingono il PoPolo sin dal Altri (Eraclito). Altri ancora-hanno com,e ir, ..r.hio sceltissimo di uomini colti ( sora). La tendenza democratico-dema
sofi pu.a,

[il]

)gni forza (religione, mito, impulso al saperr'), quando eccessiva, imbarbarisce, rende rtrrpidi ed immorali, in quanto esercita un dorrinio rigido (Socrate). lli ruzione d.ell.a cieca tendenza mondana (srrroHlto della religione). (Anassagora, Pericle).* 'll'trlenzz misti'ca. Irrrrltato: la filosofia non pu creare nessuna civilt ma pu prepararla oppure conservarla oppure moderarla.
lhr noi: il filosofo perci il tribunale supremo tlt'llrr scuola:x preparazione del genio: noi in-

ii

lnlti non abbiamo alcuna civilt. Studiando i llrrtorni dell'epoca, il compito della scuola ritttltrr iI seguente:

) rlistruzione delle tendenze mondane (manr rrnza di una filosofia popolare); ll t rntenimento degli effetti barbarici* dell'imprrlso conoscitivo (nel far ci, astenersi dallrr llosofi a cavillatrice).
;

88

FRAMMENTI PosrrlMr

ESTATE 1872 INIZTO

1873 19[60-64]

39

nell'antichit rn f6"l Il sorgere di sette fit'osof'che lreca.* dello spirito elfiuiu proronau trasformazione

sce in quanto poeta, ed poeta in quanto cor losce. l,gli non cresce, voglio dire che la filosofia non lr:L un corso come le altre scienze; anche se alr rrni campi della filosofia Passano a poco a por

rnai invecchiare.t Si tratta della poesia al di l r I r: ll' esperienza, continuazione d'ell' impuk o mi.-

o nelle mani della scienza. Eraclito non pu

/rrl; anche e soprattutto in immagini La rappr r:sentazione matematica non appartiene alla rr;rt rrra della filosofi a. Sul)eramento del sapere per mezzo di forze pro' I u llrici. d,i miti. Kant * degno di nota - sapere e lcrlc! Intima affinit fra t f,Iosofi, e \ fond'atori d,i,
t

tligtontl

l'eleEraclito nel suo odio contro anch e cont ro Pilagora'* -"".r"r' aior-rlriuco,* un Prodotto ;:i; ;;;;;; r'erudizione cui.senso,biil aoollineo e parla per oracoli' * Non lIJ" i.L.r'."tarJ in riferimento a lui ^ ma la stuPidit' i"f;;;'i;;;rr".enza.

rq[6rl

| 1t lt31 I1 divorarsi a vicenda dei sistemi filo,r,,|r:i:* curioso problemal Cosa inaudita nel r .rrrrpo della scienza e dell'arte! Si,rni,lmente ir:llr c awiene per le religioni: ci degno di not,r c significativo.
r r | {i4l L-'iilusione hecessaria all'essere sen,l|n I c per vivere. | 'illrrsione necessaria per procedere nella
1

ilrc t osa l,uole I'insaziabile impulso conosci- r; tl\(lr lrr ogni caso ostile alla cultura.+ l,r lrlosofra cerca di domarlo;* uno strumen- l, lr lr r rl.llrr cultura. I lrl,,s,rl pi antichi.

44

FRAMMENTI POSTUMI

ESTATE t8?2

- TNIZIO

1873 19[?3

761

II filosofo dell'awenire? Egli deve divJntaie ll giudice supremo di una cultura artistica, I'org:ano di P;bblica siatrezza, per cos dire, che impedisce ogni eccesso.

19 [?3] s

45

di somiglianze. In seguito, la riflessione misura un concetto sulla base di un altro concetto, ed r:samina. La somiglianza dev'essere sostituita tlallz causalit. In tal caso, il pensiero "scientifico e quello .llosofico" si differenziano soltanto per la d,o rr? O forse per le loro s./a.r?
| {) [76 ]* Non esisre una flosofa appartata, separata dalla scienza: nell'uno come nell'altro cas si lnnsa egualmente. Che una filosofia ind,imostrabi /r,abbia ancora un valore, pi di quanto non rrvvenga di solito riguardo ad una proposizione scientifica, dipende dal ualore estetico di una tlle filosofia, cio dalla bellezza e dalla sublimit. Tale filosofia, anche se non pu mostrarsi

vrrlida come costruzione scientifica, sussiste l)rrr sempre come opera d'arte. Ma non awiene lrrse lo stesso riguardo alle questioni scientilic he?

re? No. Si tratta

di un colpo d'ala della fanta-

ilirnostrata filosofia di Eraclito ha un valoie artrslico superiore a quello di tutte le proposiziorri di Aristotele.

lrr altre parole: ci che decide non il puro izzlt.Lro conoscitiao, bensi I'impuko estetico: la poco

Ma'che cos' tale 'possibilit"? Un'idea imorowisa. rior: . potrebbe lorse '. E come si p'ra irrnla ouesta ide? Talvotta in modo casuale ed esteridre: ha luogo un confronto' la scoperta .di una qualche analogia. Poi awiene vt'esten' rafiid,a aisione rna raPida Li fantasia fznt.zsia co consiste in .una si.one. La
"inn.o

tra oossibilit.

26 FRTI'MMENTI po t.uMr daaenture della conoscenza. Ci che nuovo e raro contrapposto a ci che vecchio e noioso. alla caccia e al gioco, gusto fz. p. ala volpe: non la verit r I ch l'astuto aggirarsi l-urtivo. il ; ragBrrare, ecc. '' 3. Impulso alla contraildiziozz, la personalit vuol farsi valere rispetto ad un'altra. Atteggiamento battagliero, il piacere consiste nella lotta, la meta la vittoria personale. 4. Impuko a trovare csrte<,verit per sottortission? a persone, religioni, governi. 5. Impuko a trovare una verit che sia salvatrice e benefica, p?r amore, compassione. ecc.. verso una persona, un ceto, o verso l'umanit _ I'impulso dei fondatori di religioni.

ESTA.TE-AUTUNNO lll73

29115-171

27

'

zg [17]* Come mai Possibile l'arte come menzognal Il mio occhio, chiuso, vede in s innumerevoli immagini mutevoli - queste sono Prodotte dalla fantasia, e io so che non corrispondono alla realt. Perci credo in esse soltanto come immagini, non come realt. Superfici, forme. L'arte contiene la gioia di risvegliare una fede 7 mediante superfici: ma siamo dawero ingannati? in questo caso. I'arte cesserebbel di un inEppure l'a I' ganno: ma

il piacere

pulso alla verit, ossia alla verit pura, del tutto priva di conseguenze e di affetti, poich in tal caso cesserebbero piacere e dolore, e non esiste un impulso che non abbia almeno il presentimento di un piacere nella sua soddisfazione. Il piacne d,i pensare non si riporta ad un desiderio della verit. Il piacere di tutte le percezioni sensoriali consiste nel fatto che esse si co-

29[r6]x Tutti gli impulsi sono congiunti con e il dolore - non pu esistere un im-

ntato ln- , Donde sor riconoviene sempre ganno, all'illusione, che sciuta come illusione? L'arte tratta perci l'illusione corne illusione, e ci che essa rT role quindi proprio di zoz ingannare: essa ueriliera. Una contemplazione pura e priva di desideri possibile soltanto rispetto all'illusione, che venga riconosciuta come tale, che non voglia affatto sedurre alla fede, e che quindi non stimoli Ia nostra volont. Soltanto colui che potesse contemplare il mondo inLero rome illusione, sarebbe in grado di considerarlo senza desideri e senza impulsi - artista e filosofo. A questo punto I'impulso vien meno. Sintanto che si cerca la verit, in relazione al mondo, si rimane sotto il dominio delf impulso: il quale peraltro ,ruole 1l pi'acere e non la ve-

28

FRAMMENTI POSTUMI

rit, r,uole la fede nella verit, e quindi gii effetti piacevoli di questa fede. Il-mond,o come illusione - il santo, I'artista, il filosofo.
zg I r 81* Tutti gli impulsi eudemonistici suscitano la fede nella verit delle cose e del mondo - cos awiene Per tutta quanta la scienza -, fede rivolta al divenire, non gi all'essere.

29t17-231 29 Bisogna richiamare al punto principale e ai problemi princiPali. liminazione del falso splendore.
ESTATE-AUTUNNO
1873

29122) Le Potenze che hanno un effetto spiriiuale sono disseminate in tutte le epoche

la verit.
29 [zo]
+

u.

La verit come mantello per coprire impulsi e istinti de tutto diversi. I1 pathos della veritx si riferisce alla fede.
verso la menzogna fondamen-

la scienza.* Tutte queste potenze sono cos sParse e distan ti fra loro ch nessun legame le pu tener unite: la nostra cultura giornalistica+ quella che le cementa. Ma lecito che un giovane sprechi le sue energie migliori nel lavoro microscopico e venga sottratto all'educazione di se stesso?

zqlztl*Ogni gen?re di sff ilori della aeril'+ tppiima stupore ottimisl"ico! Quanti ricercatori dela verit! il lecito che ie energie migliori si disperdano
cos?

rrr. L'impulso
tale.

rv. La verit inconoscibile. Tutto ci che conoscibile risulta illusione. Significato


dell'arte in quanto illusione veritiera

q9[21]* z. Raffrenamento e limitazione della cono3.


scenza a favore della vita, della civilt. Giustizia fra gli oggetti della conoscenza, valutazione della loro importanza - La grandezza.

r.

Descrizione dei servi della verit.

l{;rffrenamento delf impulso conoscitivo:x r rrrodo classico - modo antiquario. Stupore pessimistico! Tutti costoro non sono .rllatto dei ricercatori della verit! t,logio della giustizia in quanto madre del vero rrnoulso alla verit. l,'r'lagare il senso di giustizia dei ' servitori dellrr

verit,. l' giusto che tutti costoro siano esi,liati:* perch