Sei sulla pagina 1di 207

JOHN DONNE

(1572-1631)

Volume I:
Songs and Sonnets
Canzoni e Sonetti
Versione e note di
Fiornando Gabbrielli
con testo inglese a fronte

contenente una cronologia completa della vita di John Donne

e-book4free.com 2004
Sommario

Sommario .......................................................................... iv
Sommario dei capoversi inglesi........................................ viii
Premessa............................................................................ xi
Cronologia ........................................................................ xii
Bibliografia...................................................................... xix
The Flea.............................................................................. 2
La pulce.............................................................................. 3
The good-morrow ............................................................... 4
Il buongiorno ...................................................................... 5
Song (Goe, and catche a falling star)................................... 6
Womans constancy ............................................................. 8
Costanza di donna............................................................... 9
The undertaking ................................................................ 10
L’impresa ......................................................................... 11
The Sunne Rising.............................................................. 14
Il sorgere del sole.............................................................. 15
The Indifferent.................................................................. 18
L’indifferente.................................................................... 19
Love’s Usury .................................................................... 20
L’amore usuraio................................................................ 21
The Canonization.............................................................. 22
La canonizzazione ............................................................ 23
The triple Foole ................................................................ 26
Tre volte matto ................................................................. 27
Lovers infinitenesse .......................................................... 28
Infinitezza d’amanti.......................................................... 29
Song (Sweetest love) ........................................................ 32
Canzone: dolcissimo amor mio ......................................... 33
Song (Soules joy).............................................................. 36
Canzone: gioia dell’anima................................................. 37

iv
Selfe-Love.........................................................................38
Amor di sé.........................................................................39
The Token .........................................................................40
Il segno..............................................................................41
The Legacie.......................................................................42
L’eredità............................................................................43
A Feaver............................................................................46
Una febbre.........................................................................47
Aire and Angels.................................................................50
Aria e angeli ......................................................................51
Breake of day ....................................................................52
L’alba................................................................................53
The Anniversarie ...............................................................54
L’anniversario ...................................................................55
A Valediction: of my name in the window.........................58
Un addio: del mio nome sulla finestra................................59
Twick’nam Garden............................................................64
Il giardino di Twickenham.................................................65
A Valediction: of the booke...............................................68
Un addio: del libro.............................................................69
Communitie.......................................................................76
Comunità...........................................................................77
Loves growth.....................................................................78
Crescita d’amore ...............................................................79
Loves exchange .................................................................82
Scambio d’amore...............................................................83
Confined Love...................................................................86
Amor recluso.....................................................................87
The Dreame (Deare love) ..................................................88
Il sogno (Per nessun altro) .................................................89
A Valediction: of weeping .................................................92
Un addio: del piangere.......................................................93

v
Loves Alchymie................................................................ 96
Alchimia d’amore ............................................................. 97
The Curse ......................................................................... 98
La maledizione ................................................................. 99
The Message................................................................... 102
Il messaggio.................................................................... 103
A nocturnall upon S. Lucies day, .................................... 104
Notturno sul giorno di Lucia, .......................................... 105
Witchcraft by a Picture ................................................... 108
Fattura su un ritratto........................................................ 109
The Bait .......................................................................... 110
L’esca ............................................................................. 111
The Apparition................................................................ 114
L’apparizione.................................................................. 115
The broken heart............................................................. 116
Il cuore infranto .............................................................. 117
A Valediction: forbidding mourning ............................... 120
Un addio: vietato dolersi ................................................. 121
The Exstasie ................................................................... 124
L’estasi ........................................................................... 125
Loves Deitie ................................................................... 132
Divinità d’amore............................................................. 133
Loves diet ....................................................................... 136
L’amore messo a dieta .................................................... 137
The Will ......................................................................... 140
The Will ......................................................................... 140
The Funerall ................................................................... 146
Il funerale ....................................................................... 147
The Blossome ................................................................. 148
Il fiore............................................................................. 149
The Primrose .................................................................. 152
La primula ...................................................................... 153
The Relique .....................................................................156
La reliquia .......................................................................157
The Dampe......................................................................160
Il sudorino .......................................................................161
La dissoluzione................................................................163
A Jeat Ring sent...............................................................164
L’anello di giaietto ..........................................................165
Negative Love .................................................................166
L’amore negativo ............................................................167
The Prohibition................................................................168
Il divieto..........................................................................169
The Expiration.................................................................170
Il termine.........................................................................171
The Computation.............................................................172
Il computo .......................................................................173
The Paradox ....................................................................174
Il paradosso .....................................................................175
Farewell to love ...............................................................176
Addio all’amore...............................................................177
A Lecture upon the Shadow.............................................180
Lezione sull’ombra..........................................................181
The Dreame (Image of her)..............................................182
Il sogno (Tu che amo più di lei) .......................................183

vii
Sommario dei capoversi inglesi

’Tis true, ’tis day, what though it be? .........................................52


All Kings, and all their favorites, ...............................................54
As virtuous men passe mildly’away, .........................................120
Before I sigh my last gasp, let me breathe, ...............................140
Blasted with sighs, and surrounded with teares, .........................64
Busie old foole, unruly Sunne,....................................................14
Come live with mee, and bee my love, ......................................110
Deare love, for nothing lesse then thee.......................................88
For every houre that thou wilt spare mee now, ...........................20
For Godsake hold your tongue, and let me love,.........................22
For the first twenty years, since yesterday,...............................172
Go, and catch a falling star,.........................................................6
Good we must love, and must hate ill, ........................................76
He is starke mad, who ever sayes, ............................................116
Hee that cannot chuse but love,..................................................38
I am two fooles, I know, .............................................................26
I can love both faire and browne,...............................................18
I fixe mine eye on thine, and there............................................108
I have done one braver thing......................................................10
I long to talke with some old lovers ghost,................................132
I never stoop’d so low, as they .................................................166
I Scarce beleeve my love to be so pure .......................................78
I wonder by my troth, what thou, and I.........................................4
I’ll tell thee now (dear Love) what thou shalt doe.......................68
If yet I have not all thy love, .......................................................28
Image of her whom I love, more than she, ................................182
Let me powre forth.....................................................................92
Little think’st thou, poore flower, .............................................148
Love, any devill else but you, .....................................................82
Marke but this flea, and marke in this, .........................................2
My name engrav’d herein, .........................................................58
No lover saith, I love, nor any other .........................................174
Now thou hast loved me one whole day, .......................................8
Oh doe not die, for I shall hate.................................................. 46
Send home my long strayd eyes to mee, ....................................102
Send me some tokens, that my hope may live ............................. 40
She is dead and all which die ...................................................162
So, so, breake off this last lamenting kisse, ...............................170
Some man unworthy to be possessor ......................................... 86
Some that have deeper digg’d loves Myne then I, ...................... 96
Soules joy, now I am gone,........................................................ 36
Stand still, and I will read to thee.............................................180
Sweetest love, I do not goe, ....................................................... 32
Take heed of loving mee,..........................................................168
Thou art not so black, as my heart,...........................................164
Tis the yeares midnight, and it is the dayes,..............................104
To what a combersome unwieldinesse ......................................136
Twice or thrice had I lov’d thee,................................................ 50
Upon this Primrose hill,...........................................................152
When by thy scorne, O murdresse, I am dead, ..........................114
When I am dead, and Doctors know not why, ...........................160
When I dyed last, and, Deare, I dye........................................... 42
When my grave is broke up againe...........................................156
Where, like a pillow on a bed, ..................................................124
Whilst yet to prove, ..................................................................176
Who ever comes to shroud me, do not harme............................146
Whoever guesses, thinks, or dreames he knowes ........................ 98

ix
x
Premessa

L’ordine di questa raccolta, completa per quanto ho


potuto, segue quello dell’edizione di John Carey (v.
Bibliografia).

Ho badato a rendere il filo, il sale, più che la quantità


e la varietà delle forme metriche di cui il pensiero di Donne,
mobile come l’argento vivo, si veste: variano, i suoi versi, da
due a quattordici sillabe, e non ci sono due pezzi con lo
stesso schema metrico (il Sonnets del titolo è dunque
improprio: non c’è un sonetto tradizionale - all’italiana o
all’inglese - in tutta la raccolta). In poche parole ho dovuto
mettere la camicia di forza a questo triple fool, ben sapendo
che, a voler rifare il verso (è il caso di dirlo) a ogni sua
piroetta, ogni suo scambietto, si rischia di smussare il filo,
appunto, e d’annacquare il sale del suo wit poetico.

Fiornando Gabbrielli, settembre 2003

xi
Cronologia

1572 Nasce a Londra, fra il 24 gennaio e il 19 giugno, da


genitori cattolici. Il padre, John, è un agiato esponente
della corporazione dei fabbri, e la madre, Anne Heywood,
viene da una famiglia di scrittori e uomini di legge,
imparentata con Tommaso Moro.
1576 Muore il padre. La madre sposa un noto medico.
1583 Jasper Heywood, zio materno e capo della missione
segreta dei gesuiti in Inghilterra, è imprigionato e
condannato a morte. John e i suoi fratelli sono educati in
casa da insegnanti cattolici, la scuola pubblica essendo
riservata ai soli anglicani. La memoria del santo di
famiglia e lo zelo con cui i suoi insegnanti ostentavano di
essere pronti a morire per la loro fede faranno del martirio
uno dei suoi pensieri dominanti.
1584 Col fratello Henry, minore d’un anno, è mandato a
studiare a Oxford, in una scuola sprovvista di cappella, in
modo da evitare discriminazioni religiose.
1585 Jasper Heywood è graziato e espulso in Francia.
1588 Muore il patrigno. John si trasferisce a Cambridge.
1589 Viaggia (forse) in Italia e Spagna.
1590 La madre si risposa per la terza volta. John ha 18 anni, si
fa ritrarre in elegante abito nero, mano sulla spada e
orecchini a forma di crocefisso. Il motto dice “Antes
muerto que mudado”, prima morto che cambiato. L’uso
dello spagnolo vuol essere uno schiaffo all’establishment
anglicano.
1591 Si iscrive a legge, a Thavies Inn.
1592 Si trasferisce a Lincoln’s Inn. Comincia a scambiare versi
con vari amici, uno dei quali celebrerà, fattosi prete, il suo
matrimonio segreto. A Londra scoppia la peste.
1593 È nominato dagli studenti Maestro di Cerimonie. Il fratello
Henry, arrestato per aver dato ospitalità a un prete

xii
Cronologia

cattolico, William Harrington, è incarcerato a Newgate,


dove muore di peste.
1594 Harrington è torturato e squartato in pubblico. Donne
ricorderà poi come i cattolici s’inginocchiassero, fra la
folla, a pregare su ciò che rimaneva dei loro martiri. È
eletto Gran Siniscalco di Natale, a Lincoln’s Inn, ma
rinuncia all’incarico. A questo periodo (1593-1600)
risalgono le Satyres e le Elegies, che circolano manoscritte
nella cerchia degli amici più stretti, dietro promessa che
non ne siano fatte copie.
1595 Robert Southwell, gesuita, precursore della così detta
poesia ‘metafisica’, viene impiccato. Il terrorismo di stato
contro i cattolici, la morte del fratello, il fanatismo dei
gesuiti, il fatto di non poter accedere a titoli universitari o
pubblici impieghi cominciano a sgretolare in Donne la
posizione intransigente in fatto di religione.
1596 Arruolatosi volontario al seguito del Conte di Essex,
partecipa al sacco di Cadice e all’incendio della vicina
base militare di Faro; rientra con la flotta in luglio.
1597 Il 10 luglio riparte all’assedio di Capo Ferrol, nella Galizia
spagnola, ma una tempesta costringe la flotta a rientrare; il
15 agosto s’imbarca di nuovo per l’attacco alle isole
Azzorre; fra i suoi compagni d’armi Thomas Egerton,
figlio del Ministro Guardasigilli, col quale fa ritorno a
Londra in ottobre.
1598 Grazie all’amicizia con Thomas diventa segretario di suo
padre, nel cui palazzo va a vivere. Abita là anche Anne
More, nipote della moglie di Sir Egerton e figlia di Sir
George More, Governatore della Torre di Londra. Donne
frequenta l’alta società e l’aristocrazia colta dell’epoca.
Sue composizioni circolano fra i cultori di poesia. Sue
canzoni vengono messe in musica. Fa amicizia, fra gli
altri, con Sir Henry Goodyer, gentiluomo di Corte
appassionato di poesia, e, tramite lui, con Lucy, Contessa
di Bedford, e Magdalen Herbert, gentildonna di grande

xiii
Fiornando Gabbrielli

cultura, madre dei futuri poeti metafisici Edward e


George. A Lucy e a sua cugina Lady Markham, Donne e
Goodyer scriveranno una lettera in versi, alternis vicibus –
una strofa per uno.
1599 Muore in Irlanda il giovane Egerton. John porta la sua
spada ai suoi funerali.
1600 Muore la moglie di Sir Egerton. Anne More torna a vivere
nella casa di suo padre, presso Guildford.
1601 Donne siede in Parlamento quale rappresentante della
circoscrizione di Brackley, controllata da Egerton. Scrive
Metempsychosis (The Progress of the Soul), picaresca
storia d’un’anima che, da un’incarnazione all’altra, finisce
nel corpo di Calvino. L’epopea è incompiuta, lo stesso
Donne la dedica, beffardamente, all’infinito. Sir George
More torna a vivere a Londra, e Anne lo segue. John ha
due o tre appuntamenti con lei e, ai primi di dicembre, la
sposa in segreto.
1602 Il 2 febbraio Donne scrive una lettera a Sir George More,
in cui spiega come e perché lui e Anne si sono decisi a
quel passo (“Sapevo che la mia posizione attuale era meno
che adatta per lei. Sapevo che non mi vedevate di buon
occhio, benché non ne sapessi il perché. Sapevo che
dirvelo prima avrebbe mandato tutto a monte…”). Sposo,
testimoni e celebrante sono messi in galera per ratto di
minore. Liberato, ma licenziato da Egerton, John va a
vivere con Anne presso un di lei cugino, a Pyrford.
1603 Maggio, nasce la prima figlia, Constance. A settembre
Anne è di nuovo incinta.
1604 Maggio, nasce il secondo figlio, John. A settembre Anne è
di nuovo incinta.
1605 Accompagna Sir Walter Chute in un viaggio sul
continente; visita Parigi (e forse Venezia). Durante la sua
assenza, in maggio, nasce il terzo figlio, George.

xiv
Cronologia

1606 Torna in Inghilterra e va a stare con Anne e i bambini a


Mitcham, in un piccolo cottage a due piani. Anne resta di
nuovo incinta.
1607 Gennaio, nasce il quarto figlio, Francis. Collabora con
l’ecclesiastico Thomas Morton alla campagna anti-
cattolica intrapresa dai vertici anglicani. Cerca, senza
successo, un lavoro regolare con cui mantenere la
famiglia. La sua origine cattolica vanifica ogni possibilità
d’ottenere una qualsiasi carica, pubblica o privata.
Affiorano, nelle lettere di questo periodo, pensieri di
suicidio, raccolti nel trattato Biathanatos (dal greco
‘Morte violenta’), che Donne legge a pochi amici intimi, e
che invierà nel 1619 a Sir Robert Ker (cugino
dell’omonimo Conte di Somerset, di cui diremo fra poco).
In dicembre Anne è di nuovo incinta.
1608 Agosto, nasce la quinta figlia, Lucy. Madrina al battesimo
è Lucy, Contessa di Bedford. Magdalen Herbert, da anni
vedova, sposa Lord Danvers, di venti anni più giovane.
1609 Dicembre, nasce la sesta figlia, Bridget. Compone,
probabilmente in questo anno, La Corona (raccolta di
sonetti all’italiana – da cui il titolo – dedicata alla Herbert)
e sei degli Holy Sonnets, dedicati al Conte di Dorset.
1610 Pubblica Pseudo-Martyr. Riceve una laurea honoris causa
in teologia a Oxford. In maggio Anne è nuovamente
incinta.
1611 Nasce in gennaio la figlia Mary, la settima. In Maggio
Anne è di nuovo incinta. Esce Ignatius His Conclave, un
sarcastico pamphlet contro i gesuiti. Si guadagna la
protezione (e il compenso) di Sir Robert Drury
componendo gli Anniversaries in memoria di sua figlia,
tanto che viene da lui invitato ad accompagnarlo in un
viaggio sul Continente. John lascia moglie e figli sull’Isola
di Wight e parte con Sir Robert e Signora.
1612 Escono, mentre è all’estero, gli Anniversaries: An
Anatomy of The World (Primo Anniversario) e The

xv
Fiornando Gabbrielli

Progress of The Soul (Secondo Anniversario). Anne dà


alla luce un bambino morto. Con i Drury visita Parigi,
Francoforte, Heidelberg, Spa, Maastricht, Lovanio e
Bruxelles. Torna in patria a ottobre e si trasferisce in una
casa messagli a disposizione da Sir Robert.
1613 È pubblicata, con altrui versi di condoglianza, la sua Elegy
on Prince Henry, fratello maggiore del re e erede al trono,
morto di tifo nel novembre 1612. Ben Jonson dirà che
questa opera gareggia, quanto a oscurità, coi poemi di Sir
Edward Herbert. In febbraio compone l’Epithalamion per
le nozze della Principessa Elisabetta, sorella di Giacomo I,
con Federico Elettore Palatino, sposi nel giorno di San
Valentino. Soggiorna, in primavera (Anne, intanto, è
incinta di 4 mesi), presso l’amico Sir Henry Goodyer e poi
dagli Herbert, a Montgomery Castle. Nasce l’ottavo figlio,
Nicholas. In settembre soffre di disturbi agli occhi.
Ottiene il patronato di Robert Ker, Conte di Somerset,
l’uomo più potente d’Inghilterra, favorito di Giacomo I,
offrendosi di difenderlo in una causa di divorzio che stava
suscitando scalpore: il Ker s’era innamorato della moglie
del Conte di Essex, la quale, per poterlo sposare, aveva
chiesto il divorzio dal marito per impotenza.
1614 In gennaio compone, scusandosi del ritardo – le nozze
erano state celebrate il 23 dicembre - l’Epithalamion per il
Conte di Somerset. Tutta la famiglia s’ammala, lui
compreso. Scrive all’amico Goodyer “... se Dio ci
mandasse il sollievo di qualche morte, non saprei come far
fronte ai funerali”. Muoiono i figli Mary, in maggio, e
Francis, in novembre, ma in agosto Anne è di nuovo
incinta. Su suggerimento d’un amico, sempre sperando in
un patronaggio, compone To the Countess of Salisbury.
Manda alla Contessa di Bedford gli Obsequies to the Lord
Harrington, il di lei fratello, morto di vaiolo in febbraio,
raccomandandosi al suo buon cuore. Lei gli risponde che
pagherà tutti i suoi debiti, ma poi gli fa avere solo 30

xvi
Cronologia

sterline. Donne ci rimane male, se ne lamenta con


Goodyer. Siede in Parlamento per la circoscrizione di
Taunton, assegnata al Maestro dell’Ordine degli Avvocati.
1615 Finalmente Giacomo I, il re teologo, prende a cuore il suo
caso: Donne – sulle prime riluttante, anzi, quasi disperato,
di dover diventare prete per assicurarsi la pagnotta – è
ordinato sacerdote, nominato Cappellano del Re, e infine
Dottore in Teologia a Cambridge. Nasce in aprile
Margaret, la nona figlia. In ottobre Anne è di nuovo
incinta.
1616 È nominato canonico di Keystone e Sevenoaks, con
relative prebende. Nasce in giugno la decima figlia,
Elizabeth. Tiene la cattedra di Teologia a Lincoln’s Inn. In
dicembre, puntualmente, sei mesi dopo l’ultimo parto,
Anne resta di nuovo incinta.
1617 Il 15 agosto Anne muore dopo aver partorito, cinque
giorni prima, una bambina morta.
1619 Viaggia in Germania con l’ambasciata del Visconte di
Doncaster. Visita Heidelberg, Stoccarda, Monaco,
Salisburgo, Francoforte, Norimberga, Vienna. Al ritorno
sosta all’Aia.
1621 È eletto Decano della cattedrale di S. Paolo a Londra.
1622 È nominato Membro Onorario del Consiglio della
Compagnia della Virginia (piantagioni in America), che
quindici anni prima gli aveva rifiutato un posto come
segretario.
1623 Sermoni vari pubblicati. Combina il matrimonio della
prima figlia, Constance, ventenne, con Edward Alleyn,
rinomato attore e impresario teatrale, cinquantasettenne.
Soffre di borelliosi.
1624 Pubblica le Devotions upon Emergent Occasions. È
nominato vicario di S.Dunstan-in-the-West.
1625 Tiene l’orazione funebre alla morte di re Giacomo. In
luglio, per evitare la pestilenza che infuria a Londra, va a
stare dai Danvers/Herbert a Chelsea. Passa molte ore col

xvii
Fiornando Gabbrielli

figlio minore di Magdalen, George, ormai 33enne,


sacerdote e poeta ‘metafisico’.
1626 Tiene la predica per l’incoronazione di Carlo I. Vari
sermoni sono pubblicati.
1627 Muoiono la figlia Lucy, gli amici Henry Goodyer, Lucy
Contessa di Bedford e Magdalen Danvers/Herbert.
1630 È proposta una sua promozione a Vescovo, ma cade
gravemente malato mentre è in visita dalla figlia
Constance, che si risposa dopo la morte del marito. Fa
testamento.
1631 Muore la madre, a ottantasei anni. Il 25 febbraio,
nonostante la consunzione che impressiona l’uditorio,
tiene l’ultima predica a palazzo reale (allora Whitehall).
L’orazione sarà pubblicata postuma come Death’s Duel, e
mai titolo fu più azzeccato, se, come osserva Izaak
Walton, amico e primo biografo di Donne, la gente si
domandava: “Ma son vive quest’ossa? Ce la farà l’anima a
muovergli la lingua per tutto il tempo che la sabbia cadrà
nella clessidra?” Novello Trimalcione si fa ritrarre avvolto
nel sudario, e si fa appendere il ritratto a pié del letto.
Muore, non ancora sessantenne, il 31 marzo.

xviii
Bibliografia

Bibliografia essenziale dell’opera poetica:

Poems, by J.D. with Elegies On The Authors Death. London.


Printed by M.F. for John Marriot,( ...) 1633. Questa raccolta fu
ristampata, con molte aggiunte e qualche omissione, a più riprese
fino al 1719. Poi per un secolo e mezzo sul poeta scese il silenzio.
La prima edizione moderna fu quella di A.B. Grosart, nel 1872,
cui seguirono:

Poems of John Donne, ed. E. K. Chambers, Lawrence & Bullen,


London 1896.
The Poems of John Donne edited from the old editions and
numerous manuscripts with introductions and commentary by
H.J.C. Grierson, Oxford Clarendon Press, 1912 (2 voll.). Lavoro
fondamentale, ristampato in volume unico nel 1933, e in edizione
tascabile nel 1929,1990, dalla Oxford University Press (qui di
seguito abbreviata in OUP).
The Elegies and the Songs and Sonnets, ed. H. Gardner, OUP
1963, 1965.
The Songs and Sonets of John Donne, ed. T. Redpath, Londra
1956.
The Divine Poems, ed. H. Gardner, OUP 1952, 1978.
The Satires, Epigrams and Verse Letters, ed. W. Milgate, OUP
1967.
The Epithalamions, Anniversaries and Epicedes, ed. W. Milgate,
OUP 1978.
Selected Poems, Death’s Duell, ed. Giorgio Melchiori, Bari 1957
The Complete English Poems, ed. A. J. Smith, Penguin, 1971.
The Complete Poems, ed. C.A. Patrides, Everyman’s Library
1985.
The Major Works, ed. John Carey, OUP 1990.

xix
Fiornando Gabbrielli

Traduzioni italiane:

E. Giachino, Rime sacre, Torino 1953.


M. Praz, John Donne, Torino 1957.
R. Sanesi, Poeti metafisici inglesi del ’600, Parma 1961,1976.
G. Melchiori, Poeti metafisici inglesi del Seicento, Milano 1964.
C. Campo, Poesie amorose, Poesie teologiche, Torino 1971.
G. Melchiori, Anatomia del mondo, Duello della morte, Milano
1983.
P. Valduga, John Donne, Poesie d’amore, Milano, 1985.

in altre lingue:

Poésie, ed. R Ellrodt, Imprimerie Nationale, Paris 1993.


Poèmes choisis, ed. P. Legouis, Paris 1955.
Poèmes choisis, ed. J. Fuzier et Y. Denis, Gallimard 1962.
Elegias completas de John Donne, ed. Sarandy Cabrera, Impresora
de los Pocitos, 1993.

Numerose le traduzioni presenti su internet, dal russo al


portoghese, dal giapponese al turco al finlandese. Sul sito
http://dewey.library.upenn.edu è possibile sfogliare un esemplare
della prima edizione dei Poemi di Donne, quella del 1633.

xx
Bibliografia

Bibliografia delle opere in prosa:

Death’s Duell, London 1632.


Essays in Divinity, ed. E.M. Simpson, OUP 1952.
Sermons of John Donne, ed. G.R. Potter and E.M. Simpson (10
voll.), University of California Press, 1962.
Ignatius His Conclave, ed. T.S. Healy, SJ, OUP 1969.
Letters to Severall Persons of Honour, London 1651.
Devotions upon Emergent Occasions, ed. A. Raspa, Montreal
1975.
Paradoxes and Problems, ed. H. Peters, OUP 1980.
Pseudo-Martyr, London 1610.
Biathanatos, ed. E.W. Sullivan, University of Delaware Press
1984.

Traduzioni italiane:

John Donne, Sermoni, ed. M. Guidacci, Firenze 1946.


Prosatori inglesi del Seicento, ed. V. Sanna, Napoli 1963.

Biografie:

Izaak Walton, Life of Dr. John Donne, ed. G. Saintsbury, Oxford


1927.
R.C. Bald, John Donne: A Life, ed. W. Milgate, OUP 1970.
Life and Letters of John Donne, ed. E. Gosse, London 1899.

Una bibliografia completa e ragionata (oltre a una


illuminante introduzione e un nutrito apparato di note, per non
parlare della traduzione, chiara e puntuale) il lettore troverà nella
summenzionata antologia di versi e prose Anatomia del mondo,
Duello della morte, che Giorgio Melchiori ha curato per
Mondadori.

xxi
Fiornando Gabbrielli

Quanto ai testi usati per queste versioni ho consultato


anzitutto le edizioni secentesche (disponibili su internet), per poi
adottare, dove è sembrato opportuno, 1 le soluzioni di
modernizzazione della grafia e della punteggiatura proposte dai
vari studiosi, senza le quali oggi quei testi sarebbero ostici anche
al lettore di madrelingua.
Ho annotato via via in calce ai testi le poche varianti d’un
qualche interesse e i problemi interpretativi che manoscritti
ricopiati da amici durante la vita dell’autore e dati alle stampe
postumi inevitabilmente comportano. Va ricordato infatti che
Donne non pubblicò mai opere in versi in vita sua (tranne due o
tre, di carattere celebrativo o commemorativo, come gli
Anniversaries, per motivi finanziari – ma subito si pentirà d’averlo
fatto 2), anzi, prima di dare a leggere i suoi quaderni agli amici, si
faceva promettere per iscritto che non ne avrebbero fatte delle
copie 3. Benedetta slealtà! Fossero stati ligi alla promessa, di tutta
quella bellezza cosa rimarrebbe oggi? Un manoscritto autografo
d’un poeta minore del Seicento: una lettera in versi alle sorelle
d’un certo tizio: un’ingiallita curiosità, fra le mille altre della
biblioteca bodleiana di Oxford.

1
Sicuramente ho distinto le v dalle u, e le i dalle j, che nel Seicento erano
stampate, a volte, allo stesso modo. Lo stesso dicasi del punto e virgola e
dei due punti, spesso invertiti di significato rispetto all’uso moderno. Ho
lasciato invece gli apostrofi indicanti sinalefe, senza i quali non è facile
ricostruire l’andamento, il respiro del verso. Il lettore curioso potrà farsi
un’idea dei testi originali da quello dell’Elegia n.3, la Gelosia, che ho
riportato esattamente così com’è stampato nella prima edizione dei
Poemi di Donne, quella del 1633.
2
Lettera a George Garrard, da Parigi, 1612.
3
“Benché, Signore, io sappia quanto poco valgano (le mie poesie), se
non ricevo con una vostra lettera di ritorno l’assicurazione - sul
sacramento della vostra amicizia - che non sarà fatta nessuna copia, per
nessun motivo, di queste o qualsiasi altra mia composizione io v’ho
spedito, peccherei contro la mia coscienza a mandarvene ancora.”
Lettera del 1600, forse destinata a Sir Henry Wotton.

xxii
John Donne

The Flea

Marke but this flea, and marke in this,


How little that which thou deny’st me is;
Mee it suck’d first, and now sucks thee,
And in this flea, our two bloods mingled bee;
Confesse it, this cannot be said
A sinne, or shame, or losse of maidenhead,
Yet this enjoyes before it wooe,
And pamper’d swells with one blood made of two,
And this, alas, is more then wee would doe.

Oh stay, three lives in one flea spare,


Where wee almost, nay more then maryed are:
This flea is you and I, and this
Our mariage bed, and mariage temple is;
Though parents grudge, and you, w’are met,
And cloysterd in these living walls of Jet.
Though use make thee apt to kill mee,
Let not to this, selfe murder added bee,
And sacrilege, three sinnes in killing three.

Cruell and sodaine, hast thou since


Purpled thy naile, in blood of innocence?
In what could this flea guilty bee,
Except in what drop which it suckt from thee?
Yet thou triumph’st, and saist that thou
Find’st not thy selfe, nor mee the weaker now;
’Tis true, then learne how false, feares bee;
Just so much honor, when thou yeeld’st to mee,
Will wast, as this flea’s death tooke life from thee.

2
Songs and Sonnets

La pulce

Tu osserva solo questa pulce, e guarda


Che poca cosa è quella che mi neghi;
Prima ha succhiato me, e adesso te:
In lei s’è mescolato il nostro sangue;
Non si può dire, ammettilo, un peccato,
Una vergogna, uno sverginamento;
Lei però gode, e non ha fatto altro
Che pascersi d’un sangue che eran due,
Cioè più di quanto avremmo fatto noi.

Deh, fermati! Risparmia in una pulce


Tre vite! Perché in lei quasi sposati,
Anzi, più che sposati, ora noi siamo:
Questa pulce sei tu, son io, è il nostro
Tempio e letto di nozze; ci troviamo,
Malgrado i tuoi, e te, murati vivi
In queste vive mura di giaietto.
Già lo stare con te potrebbe uccidermi,
Se poi aggiungi un suicidio e un sacrilegio,
Pecchi tre volte, ché ne ammazzi tre.

Impulsiva e crudele! Hai già arrossato


D’un innocente sangue la tua unghia?
Di cosa questa pulce era colpevole
Se non di quel goccetto a te succhiato?
Tu stessa esulti e trovi che più deboli
Non siamo ora tu ed io: è vero, impara
Dunque, quanto sian falsi i tuoi timori:
Giusto altrettanto onore andrà perduto
- Quando a me cederai - quanto di vita
Ti sottrasse il morir di questa pulce.

3
John Donne

The good-morrow

I Wonder by my troth, what thou, and I


Did, till we lov’d? were we not wean’d till then?
But suck’d on countrey pleasures, childishly?
Or snorted we i’the seaven sleepers den?
’Twas so; But this, all pleasures fancies bee.
If ever any beauty I did see,
Which I desir’d, and got, t’was but a dreame of thee.

And now good morrow to our waking soules,


Which watch not one another out of feare;
For love, all love of other sights controules,
And makes one little roome, an every where.
Let sea-discoverers to new worlds have gone,
Let Maps to others, worlds on worlds have showne,
Let us possess one world, each hath one, and is one.

My face in thine eye, thine in mine appeares,


And true plaine hearts doe in thee faces rest,
Where can we finde two better hemispheares
Without sharpe North, without declining West?
What ever dyes, was not mixt equally;
If our two loves be one, or, thou and I
Love so alike, that none doe slacken, none can die.

4
Songs and Sonnets

Il buongiorno

Perdio, che facevamo tu ed io


Prima d’amarci? Forse non ci avevano
Svezzati ancora, e bimbi tettavamo
Fra rustici piaceri? O russavamo
Nella caverna dei sette dormienti?
Era così perché, tranne ora questo,
Tutti i piaceri sono fantasie:
Se mai vidi bellezza, che bramai,
E ebbi, solo un sogno fu, di te.

Buongiorno, ora, alle nostre anime deste,


Timorose l’un l’altra di guardarsi,
Perché geloso è amor d’ogni altra vista,
Lui che fa d’un cantuccio un ogni dove.
Lascia agli esploratori i nuovi mondi,4
Lascia alle carte di mostrarli altrui:
Il nostro mondo è qui, tutto per noi.

Negli occhi tuoi il mio viso, il tuo nei miei,


Mostrano cuori semplici e sinceri:
Dove meglio li trovi due emisferi
Senza Ovest declinante o freddo Nord?
Muore soltanto ciò che d’ineguali5
Parti è commisto; ma se i nostri amori
Sono uno, o noi ci amiamo in modo tale
Che nessun sia da meno, mai morranno.

4
Sono gli anni, all’inizio del 1600, in cui sorgono le grandi compagnie
commerciali, private ma con privilegio statale, che poi daranno vita ai
vari imperi coloniali.
5
Mixt equally , è la perfetta proporzione degli umori nell’unità vitale che
assicura la salute.

5
John Donne

Song (Goe, and catche a falling star)

Goe, and catche a falling starre,


Get with child a mandrake roote, 6
Tell me, where all past yeares are,
Or who cleft the Divels foot,
Teach me to hear Mermaides singing,
Or to keep off envies stinging,
And finde
What winde
Serves to advance an honest minde.

If thou beest borne to strange sights,


Things invisible to see,
Ride ten thousand daies and nights,
Till age snow white haires on thee,
Thou, when thou retorn’st, wilt tell mee
All strange wonders that befell thee,
And sweare
No where
Lives a woman true, and faire.

If thou findst one, let me know,


Such a Pilgrimage were sweet,
Yet doe not, I would not goe,
Though at next doore wee might meet,
Though shee were true, when you met her,
And last, till you write your letter,
Yet shee
Will bee
False, ere I come, to two, or three.

6
Biforcuta, d’aspetto vagamente umano, ricercata dal fattucchiere che ne
vantava le infinite proprietà. Par di sentire l’arguto Jack che obietta:
“Prova a metterla incinta”.

6
Songs and Sonnets

Canzone (Vai e acchiappa)

Vai e acchiappa una stella filante,


Impregna una radice di mandragora,
Dimmi dove son tutti gli anni scorsi,
O chi ha diviso in due il piede del diavolo,
Insegnami a ascoltare le sirene,
O a scansare le frecce dell’invidia,
E se hai talento
Trovami il vento
Che soffia in poppa e spinge un uomo onesto.

Se sei nato per far strane scoperte,


Per scorger quello che nessuno vede,
Galoppa mille giorni e mille notti
Finché l’età non t’infarini il capo,
Poi quando torni mi racconterai
Le strane meraviglie che hai incontrato,
E giurerai
Che in nessun posto
Vive una donna che è fedele e bella.

Se ce n’è una, fammela conoscere,


Sarebbe dolce un tal pellegrinaggio;
Ma no, non farlo, non ci voglio andare
Quand’anche fosse qui, alla porta accanto:
Per fedele che sia quando la incontri,
O al massimo finché non scrivi a me,
Non mi farà
Essere là
Prima d’aver tradito due o tre.

7
John Donne

Womans constancy

Now thou hast lov’d me one whole day,


To morrow when thou leav’st, what wilt thou say?
Wilt thou then Antedate some new made vow?
Or say that now
We are not just those persons, which we were?
Or, that oathes made in reverentiall feare
Of love, and his wrath, any may forsweare?
Or, as true deaths, true maryages untie,
So lovers contracts, images of those,
Binde but till sleep, deaths image, them unloose?7
Or, your owne end to Justifie,
For having purpos’d change, and falsehood; you
Can have no way but falsehood to be true?
Vaine lunatique, against these scapes I could
Dispute, and conquer, if I would,
Which I abstaine to doe,
For by to morrow, I may thinke so too.

7
Intricato doppio paragone: la notte scioglie un legame amoroso come la
morte il matrimonio, ovverosia il legame d’amore sta al matrimonio
come la notte sta alla morte.

8
Songs and Sonnets

Costanza di donna

E ora, che m’hai amata tutto un giorno,


Che mi dirai domani, quando parti?
Mi rifarai di nuovo altre promesse?
O dirai che oramai siamo diversi
Da quegli stessi che eravamo prima?
Che i giuramenti fatti in soggezione
D’amore, paventando la sua collera,
Ognuno può tradirli? E che se i veri
Matrimoni li scioglie sol la morte,
Così i contratti degli amanti, immagini
Di quelli, valgon solo fino a notte,
Immagine di morte, che li scioglie?
O, per giustificare il tuo proposito
(Cambiarmi con qualche altra) saprai solo
Dire bugie per essere sincero?
Farfallone balordo, uno per uno
Confutare potrei questi pretesti,
E vincere, se voglio: ma non voglio,
Perché di qui a domani anch’io potrei
Pensarla come te, perciò m’astengo.

9
John Donne

The undertaking

I have done one braver thing


Then all the Worthies did,
And yet a braver thence doth spring,
Which is, to keepe that hid.

It were but madnes now t’impart


The skill of specular stone,
When he which can have learn’d the art
To cut it, can find none.

So, if I now should utter this,


Others (because no more
Such stuffe to worke upon, there is,)
Would love but as before.

But he who lovelinesse within


Hath found, all outward loathes,
For he who colour loves, and skinne,
Loves but their oldest clothes.

If, as I have, you also doe


Vertue’attir’d in woman see,
And dare love that, and say so too,
And forget the Hee and Shee;

And if this love, though placed so,


From profane men you hide,
Which will no faith on this bestow,
Or, if they doe, deride:

10
Songs and Sonnets

L’impresa

Ho compiuto un’impresa assai più bella


Delle gesta dei Prodi Cavalieri, 8
E un’altra ancor più bella seguirà:
Che mai nessuno al mondo lo saprà.

Non sarebbe da stupidi insegnare


A lavorar la pietra speculare9
Se chi ha imparato l’arte di tagliarla
Non sa poi come fare per trovarla?

Così, se io divulgassi la faccenda:


Non essendoci più materia prima
Da lavorarci su, gli altri amerebbero,
Sì, ma soltanto come amavan prima.

Sol chi ha trovato l’intima bellezza


Tutto ciò che è esteriore lo disgusta:
Chi si ferma alla pelle, al bel colore,
Ama solo ciarpame, frivolezza.

Se, come a me è successo, anche tu vedi


Virtù in veste di donna, e ardisci amarla,
E come me, dimentico del sesso,
Sei capace di dirglielo, e adorarla,10

E questo amore, benché così messo,


Sai nasconderlo agli occhi della gente
- Che non ci crederebbe, o, se ci crede,
Ci riderebbe sopra, strafottente -

8
Nove famosi cavalieri, celebrati nei cortei.
9
Pietra da costruzione trasparente, di cui parla Plinio.
10
Chiedo scusa per l’ampliamento .

11
John Donne

Then you have done a braver thing


Than all the Worthies did,
And a braver thence will spring,
Which is, to keepe that hid.

12
Songs and Sonnets

Ecco, allora avrai fatto tale impresa


Che mai fecero i Prodi Cavalieri,
E un’altra ancor più bella ne verrà
Se mai nessuno al mondo lo saprà.

13
John Donne

The Sunne Rising

Busie old foole, unruly Sunne,


Why dost thou thus,
Through windowes, and through curtaines call on us?
Must to thy motions lovers seasons run?
Sawcy pedantique wretch, goe chide
Late schoole boyes, and sowre prentices,
Goe tell Court-huntsmen, that the King will ride,
Call countrey ants to harvest offices;
Love, all alike, no season knowes, nor clyme,
Nor houres, dayes, months, which are the rags of time.

Thy beames, so reverend, and strong


Why shouldst thou thinke?
I could eclipse and cloud them with a winke,
But that I would not lose her sight so long:
If her eyes have not blinded thine,
Looke, and to morrow late, tell mee,
Whether both the’India’s of spice and Myne
Be where thou leftst them, or lie here with mee.
Aske for those Kings whom thou saw’st yesterday,
And thou shall heare, All here in one bed lay.

14
Songs and Sonnets

Il sorgere del sole

Vecchio pazzo ciaccione e scriteriato


D’un Sole, perché mai
Vieni fin qui a scovarci, per finestre
E cortine? E che, forse sul tuo passo
Ha da correre il tempo degli amanti?
Svergognato pedante, va’ a sgridare
Gli scolari in ritardo e gli inesperti
Garzoni; corri a dire agli scudieri
Di Corte che il Re vuole cavalcare;
Raduna le formiche alla raccolta
Dei campi: perché amore non conosce
Clima o stagione, mese giorno ora -
Questi stracci del tempo: è sempre uguale.

Perché ritieni che i tuoi raggi siano


Tanto forti e temibili?
Eclissarli in un attimo potrei,
O velarli, se non che tanto a lungo
Non voglio rinunciare a veder lei:
Se non t’ha già accecato coi suoi occhi,
Guardala, e poi domani dimmi se
L’India degli ori e quella delle spezie 11
Son dove le hai lasciate o qui con me.
Chiedi in giro dei Re che hai visto ieri:
Sentirai che son tutti qui in un letto.

11
L’America e l’India vera e propria.

15
John Donne

She’is all States, and all Princes, I,


Nothing else is.
Princes doe but play us; compar’d to this,
All honor’s mimique; All wealth alchimie. 12
Thou sunne art halfe as happy’as wee,
In that the world’s contracted thus; 13
Thine age askes ease, and since thy duties bee
To warme the world, that’s done in warming us.
Shine here to us, and thou art every where;
This bed thy center is, these walls, thy spheare.

12
L’amore svuota di significato ogni gerarchia, politica o fisica.
13
Il contrarsi del mondo nelle persone degli amanti (in The
Canonization, addirittura, nei loro occhi) è il marchio della poesia di
Donne: il due ne è la cifra come il tre è quella di Shakespeare. Morta
Anne, Dio diventerà la sua dolce e combattuta metà.

16
Songs and Sonnets

Lei è tutti gli Stati, io tutti i Re.


Non esiste nient’altro.
I Re nient’altro fanno che imitarci;
Mimica son gli onori, i beni chimica,
Appetto a questo. E tu, Sole, tu sei
Felice solo la metà di noi,
Nei quali il mondo s’è così contratto.
Se alla tua età vuoi riposarti, e devi
Scaldare ancora il mondo, scalda noi.
Splendi su noi e sarai dovunque: centro
T’è questo letto, e queste mura sfera.

17
John Donne

The Indifferent

I can love both faire and browne,


Her whom abundance melts, and her whom want betraies,
Her who loves lonenesse best, and her who maskes and plaies,
Her whom the country form’d, and whom the town,
Her who beleeves, and her who tries,
Her who still weepes with spungie eyes,
And her who is dry corks, and never cries;
I can love her, and her, and you and you,
I can love any, so she be not true.

Will no other vice content you?


Will it not serve your turn to do, as did your mothers?
Have you old vices spent, and now would finde out others?
Or doth a feare, that men are true, torment you?
Oh we are not, be not you so,
Let mee and doe you, twenty know.
Rob mee, but binde me not, and let me goe.
Must I, who came to travaile thorow you,
Grow your fixt subject, because you are true?

Venus heard me sigh this song,


And by Loves sweetest Part, Variety, she swore,
She heard not this till now; and’t should be so no more.
She went, examin’d, and return’d ere, long,
And said, alas. Some two or three
Poore Heretiques in love there bee,
Which thinke to stablish dangerous constancie.
But I have told them, since you will be true,
You shall be true to them, who’are false to you.

18
Songs and Sonnets

L’indifferente

Posso amar sia la bionda che la bruna,


Quella che l’abbondanza ammorbidisce e quella
Che povertà tradisce, quella che ama star sola
E quella teatri e maschere, giuliva e festaiola,
Il fiorellin di campo, e quello di città,
Quella che è lesta a credere, e quella dura a cedere,
Quella che ha il pianto facile, e ha gli occhi sempre in umido,
E quella che mai lacrima, asciutta come un sughero;
Io posso amare questa, e quella, e te, e te,
Io posso amare ognuna che fedele non è.

Non c’è altro vizio, no, che v’accontenti?


Non vi basta più fare come le vostre mamme?
Finiti i vecchi vizi, di nuovi ne cercate?
O v’arrovella il dubbio che sian fedeli gli uomini?
No no, non siamo, e dunque non siatelo anche voi,
Pigliamocene venti a testa, voi e io.
Spogliatemi di tutto, ma non della persona;
O io, che son venuto a scorrazzar tra voi,
Dovrò attraccare fisso perché siete fedeli?

Mi sentì sospirare questo canto


Venere, e sulla parte che Amore ha di più caro,
La Varietà, giurò che mai aveva inteso
Una cosa del genere: mai più si ripetesse.
Andò, indagò e tornò dopo non molto, e disse:
«Ahimé, laggiù ci sono due o tre poveri eretici
Che insegnan la costanza, dogma pericoloso!
Tant’è che ho detto loro: volete esser fedeli?
Vuol dire lo sarete a chi è con voi spergiuro».

19
John Donne

Love’s Usury

For every houre that thou wilt spare mee now, 14


I will allow,
Usurious God of Love, twenty to thee,
When with my browne, my gray haires equall bee;
Till then, Love, let my body reigne, and let
Mee travell, sojourne, snatch, plot, have, forget,
Resume my last yeares relict: thinke that yet
We’had never met.

Let me thinke any rivalls letter mine, 15


And at next nine16
Keepe midnights promise; mistake by the way
The maid, and tell the Lady of that delay;
Onely let me love none, no, nor the sport;
From country grasse, to comfitures of Court,
Or cities quelque choses, let report
My minde transport.

This bargaine’s good; if when I’am old, I bee


Inflam’d by thee,
If thine owne honour, or my shame, or paine,
Thou covet, most at that age thou shalt gaine.
Do thy will then, then subject and degree, 17
And fruit of love, Love, I submit to thee,
Spare mee till then, I’ll beare it, though she bee
One that loves mee.

14
To spare, concedere, lasciare: di fare a modo mio.
15
To think mine, fare conto che sia mia.
16
L’ora nona, a partire dalle 6 del mattino, corrisponde alle attuali tre del
pomeriggio: 15 ore di ritardo.
17
Subject, la persona, degree il grado e fruit le conseguenze (corna, figli,
ecc.)

20
Songs and Sonnets

L’amore usuraio

Per ogni ora che adesso mi concedi


Te ne do venti, avaro Dio d’amore,
Quando i capelli grigi che avrò in testa
Saranno quanti i neri; fino allora,
Amore, lascia che il mio corpo regni,
E lasciami viaggiare, soggiornare,
Fiutar, seguire, prendere e scordare,
Riprendere il lasciato l’anno scorso
Come se mai ci fossimo incontrati.

Fammi far mia la posta dei rivali,


E arrivare alle tre del pomeriggio
Al convegno per ieri a mezzanotte;
Cuccare intanto la servetta, e dire
Del contrattempo avuto alla padrona;
Solo non farmi amare mai nessuna,
E neanche il gioco: dal fiore di campo
Alla chicca di Corte, al bocconcino
Del centro, fa’ che il grido mi si porti.

Ci fai un affare. Poi, quando son vecchio,


Se vuoi incendiarmi e far la tua figura,
O coprirmi d’affanni e disonore,
A quell’età, guadagnerai di più.
Fai quel che vuoi, allora: scegli tu
Chi e quanto dovrò amare, incerti inclusi.
Fino allora risparmiami, e anche se
Lei fosse una che m’ama, abbozzerò.

21
John Donne

The Canonization

For Godsake hold your tongue, and let me love,


Or chide my palsie, or my gout,
My five gray haires, or ruin’d fortune flout,
With wealth your state, your minde with Arts improve,
Take you a course, get you a place,
Observe his honour, or his grace,
And the Kings reall, or his stamped face
Contemplate; what you will, approve,
So you will let me love.

Alas, alas, who injur’d by my love?


What merchants ships have my sighs drown’d?
Who saies my teares have overflow’d his ground?
When did my colds a forward spring remove?
When did the heats which my veines fill
Adde one more to the plaguie Bill?
Soldiers finde warres, and Lawyers finde out still
Litigious men, which quarrels move,
Though she and I do love.

Call us what you will, wee’are made such by love;


Call her one, mee another flye,
We’are Tapers too, and at our owne cost die,
And wee in us finde the’Eagle and the Dove;

22
Songs and Sonnets

La canonizzazione

Per l’amore di Dio, frena la lingua,


E lasciami amare! O se no sgridami
Anche per la mia gotta e il mio parletico,
Piglia in giro i miei cinque peli grigi,
O i miei quattrini, che non n’ho più uno.
Tu pensa a migliorar la tua, di vita,
Diventa ricco, oppure datti all’arte,
Cercati un posto, fatti una carriera,
Corteggia Sua Eccellenza o Vostra Grazia,
Contempla il Re in persona o la sua faccia
Stampata. Insomma : fa’ quel che ti pare,
Ma me, lasciami amare.

A chi do noia, io, se fo all’amore?


Hanno affondato navi, i miei sospiri?
O inondato poderi, le mie lacrime?
Ritarda primavera, se io gelo?
O la febbre che gonfia le mie vene
Ha forse aggiunto un nome in più all’elenco
Degli appestati? Trovano, mi pare,
Sempre guerre i soldati, e gli avvocati
Attaccabrighe pronti a dar querela,
Benché io e lei ci amiamo.

Chiamaci come vuoi, così ci ha fatti


Amore: lei mosca e me moscone,
O candele (moriamo a nostre spese),
O aquila e colomba (ci sbraniamo);

23
John Donne

The Phoenix ridle hath more wit


By us, we two being one, are it,
So, to one neutrall thing both sexes fit.
Wee dye and rise the same, and prove
Mysterious by this love. 18

Wee can dye by it, if not live by love,


And if unfit for tombes or hearse
Our legend bee, it will be fit for verse;
And if no peece of Chronicle wee prove,
We’ll build in sonnets pretty roomes; 19
As well a well wrought urne becomes
The greatest ashes, as halfe-acre tombes, 20
And by these hymnes, all shall approve
Us Canoniz’d for Love.

And thus invoke us; You whom reverend love


Made one anothers hermitage;
You, to whom love was peace, that now is rage;
Who did the whole worlds soule contract, and drove
Into the glasses of your eyes,
So made such mirrors, and such spies,
That they did all to you epitomize,
Countries, Townes, Courts: Beg from above
A patterne of your love! 21

18
“L’enigma della Fenice prende più significato / Da noi, essendo noi
due una (cosa sola), siamo lei, / Così, ambedue i sessi si incastrano in una
cosa neutra. Moriamo e risorgiamo lo stesso (come lei), e siamo resi
misteriosi da questo amore.”
19
Sonnet, non necessariamente sonetto: l’inglese poi avverte in questa
parola come un diminuitivo di song.
20
Cinquanta metri per quaranta: circa.
21
L’edizione del 1633 ha our love: un modello del nostro amore, su cui
formare il nostro amore.

24
Songs and Sonnets

Chi ci vede capisce anche il mistero


Della Fenice: essendo, noi due, uno,
Noi siamo lei, in cui l’uno e l’altro sesso
S’incastrano appagati: e come lei
Moriamo e risorgiamo, e come lei
Siamo enigma, d’amore.

Se d’amor non viviamo, ne moriamo;


E se la nostra storia è sconveniente
A catafalchi e tombe, è adatta ai versi,
E se i versi non sono adatti a Cronache,
Belle stanze in sonetti ne faremo
(Poiché s’addice ad eccellenti ceneri
Sia una bell’urna quanto un mausoleo),
E per questi inni, tutti ci diranno
Beati per amore.

E così pregheranno: «O voi che amore


Eremo fe’ l’uno dell’altra, e ai quali
Egli fu pace (e non, come ora, rabbia);
Voi che l’alma universa avete estratta
E invetriata ne’ globi dei vostri occhi,
Sì da far d’essi specchi e lenti tali
Da riassumere in voi ogni cosa: terre,
Regni e città - chiedeteci al Signore
Copia del vostro amore!»

25
John Donne

The triple Foole

I am two fooles, I know,


For loving, and for saying so
In whining Poetry;
But where’s that wiseman, that would not be I,
If she would not deny?
Then as th’earths inward narrow crooked lanes
Do purge sea waters fretfull salt away, 22
I thought, if I could draw my paines
Through Rimes vexation, I should them allay,
Griefe brought to numbers cannot be so fierce,
For, he tames it, that fetters it in verse.

But when I have done so,


Some man, his art and voice to show,
Doth Set and sing my paine,
And by delighting many, frees againe
Griefe, which verse did restraine.
To Love, and Griefe tribute of Verse belongs,
But not of such as pleases when’tis read,
Both are increased by such songs:
For both their triumphs so are published,
And I, which was two fooles, do so grow three;
Who are a little wise, the best fooles bee.

22
Si credeva che l’acqua risalisse dal mare alle sorgenti montane,
purgandosi dal sale nei meandri della terra. Ma già Dante, nella
Quaestio de aqua et terra attribuisce tale credenza al popolino ignaro
physicorum documentorum.

26
Songs and Sonnets

Tre volte matto

Sono matto due volte, riconosco,


Perché amo e perché lo dico in versi
Piagnucolosi: ma dov’è quel savio
Che non vorrebbe stare al posto mio,
Se lei lo permettesse? Come l’acqua
Marina spurga il corrosivo sale
Nei meandri sotterra, così io
Pensavo di calmare le mie pene
Mediante la tortura della rima:
Dolore espresso in versi più non punge,
Chi sa metterlo in metrica, lo doma.

Ma appena ho così fatto, c’è chi subito,


Per mostrar la sua arte e la sua voce,
Mette in musica e canta la mia pena,
Che il verso aveva imprigionato: ed eccola,
Di nuovo in libertà, delizia a molti.
Un tributo di versi si conviene
Al duol d’amore, sì, ma non di chi
Gode a sentirli quando sono letti:
Amore e pena sono ingigantiti
Da queste canzonette che sbandierano
In piazza i loro trionfi. E così io
Che ero matto due volte, ora son tre;
A poca testa, un’ottima follia.

27
John Donne

Lovers infinitenesse

If yet I have not all thy love,


Deare, I shall never have it all;
I cannot breath one other sigh, to move;
Nor can intreat one other teare to fall.
And all my treasure, which should purchase thee,
Sighs, teares, and oathes, and letters I have spent,
Yet no more can be due to mee,
Then at the bargaine made was ment,
If then thy gift of love were partiall,
That some to mee, some should to others fall,
Deare, I shall never have Thee All.

Or if then thou gavest mee all,


All was but All, which thou hadst then;
But if in thy heart, since, there be or shall,
New love created bee, by other men,
Which have their stocks intire, and can in teares,
In sighs, in oathes, and letters outbid mee,
This new love may beget new feares,
For, this love was not vowed by thee.
And yet it was, thy gift being generall,
The ground, thy heart is mine; what ever shall
Grow there, deare, I should have it all.23

23
It was the ground , fondamento, motivo, causa. Tutto il pezzo è giocato
su termini del diritto commerciale.

28
Songs and Sonnets

Infinitezza d’amanti

Cara, se non ho già tutto il tuo amore,


Mai più l’avrò, perché non ho più fiato
Da sospirare, né riesco a convincere
Un’altra sola lacrima a buttarsi.
Tutto quello che avevo per comprarti
- Sospiri, pianti, lettere e promesse -
L’ho bell’e speso, e non posso pretendere
Più di quanto era inteso nel contratto.
Se il tuo dono d’amore fu parziale
- Un tanto a me, un tanto a qualcun altro -
Cara, giammai t’avrò tutta per me.

O se m’hai dato tutto, tu m’hai dato


Tutto quello che avevi a quel momento;
Ma se da allora nel tuo cuore è nato,
(O nascerà) un amore per qualcuno
Che ha ancora le riserve intatte e può,
Con lacrime, sospiri, giuramenti,
E lettere, offrirti più di me,
Questo amore può creare turbative,
Perché tu non l’avevi sottoscritto.
Da ciò discende che, se è mio il tuo cuore,
La donazione essendo senza clausole,
Anche ciò che vi nasce, cara, è mio.

29
John Donne

Yet I would not have all yet,


Hee that hath all can have no more,
And since my love doth every day admit
New growth, thou shouldst have new rewards in store;
Thou canst not every day give me thy heart,
If thou canst give it, then thou never gavest it:
Loves riddles are, that though thy heart depart,
It stayes at home, and thou with losing savest it:
But wee will have a way more liberall,
Than changing hearts, to joyne them, so wee shall
Be one, and one anothers All.24

24
“… unirli, in modo da essere / una (sola) cosa, e il tutto, l’uno
dell’altra.”

30
Songs and Sonnets

Ma io non voglio avere ancora tutto,


Chi ha già tutto non può più avere nulla,
E dato che il mio amor cresce ogni giorno,
Dovresti riserbargli nuovi premi:
Non puoi darmi il tuo cuore tutti i giorni,
Se puoi darlo, vuol dir che non l’hai dato.
È un enigma, l’amore: il cuore parte
E sta a casa; lo salvi, se lo perdi.
Ma noi avremo un modo più munifico
Che non scambiarci i cuori: appiccicarli,
Da esser, l’un dell’altra, un cuore e un tutto.

31
John Donne

Song (Sweetest love)

Sweetest love, I do not goe,


For wearinesse of thee,
Nor in hope the world can show
A fitter Love for mee;
But since that I
Must dye at last, ’tis best,
To use my selfe in jest
Thus by fain’d deaths to dye.

Yesternight the Sunne went hence,


And yet is here to day,
He hath no desire nor sense,
Nor halfe so short a way:
Then feare not mee,
But beleeve that I shall make
Speedier journeyes, since I take
More wings and spurres then hee.

O how feeble is mans power,


That if good fortune fall,
Cannot adde another houre,
Nor a lost houre recall!
But come bad chance,
And wee joyne to it our strength,
And wee teach it art and length,
It selfe o’r us to’advance.

32
Songs and Sonnets

Canzone: dolcissimo amor mio

Dolcissimo amor mio, non è che parto


Per stanchezza di te, né perché spero
Di trovare un amore a me più adatto,
Ma dato che
Dovrò un giorno morire, sarà meglio,
Che m’abitui per scherzo
A morire così di finte morti.

Iersera il sole se n’andò di qui,


Eppure oggi c’è ancora – e lui non ha
Né sensi o desideri, né una strada
Corta così:
Non temere per me ma stai sicura:
Io viaggio più svelto perché metto
Più ali, e do di sprone più di lui.

Ah che misere forze ha in mano l’uomo,


Se alla buona fortuna non può aggiungere
Un’ora, né riaverla se la perde!
Ma fa’ che arrivi
La scalogna, e vedrai come siam bravi
A aiutarla e insegnarle come e quanto
Possa far da padrona su di noi.

33
John Donne

When thou sigh’st, thou sigh’st not winde,


But sigh’st my soule away,
When thou weep’st, unkindly kinde,
My lifes blood doth decay.
It cannot bee
That thou lov’st mee, as thou say’st,
If in thine my life thou waste,
Thou art the best of mee.

Let not thy divining heart


Forethinke me any ill,
Destiny may take thy part,
And may thy feares fulfill;
But thinke that wee
Are but turn’d aside to sleepe;
They who one another keepe
Alive, ne’r parted bee. 25

25
Poesia di commiato, probabilmente adattata su un’aria musicale
preesistente. Fu il Wyatt che introdusse l’uso di ‘parolare’ le arie della
tradizione popolare coi temi raffinati della poesia cortese. Le ultime due
strofe richiamano la Valediction of Weeping col tema del ‘partire è un
po’ morire’: là due sponde del mare, qui del letto; là i sospiri e il vento,
qui i presagi e il destino.

34
Songs and Sonnets

Quando sospiri, non sospiri vento:


Col fiato se ne va l’anima mia,
E quando piangi, tenera e crudele,
Non lacrime, ma sangue mio si perde.
Non può essere
Che tu m’ami davvero come dici,
Se nella vita tua la mia consumi,
Tu che sei la miglior parte di me.

Non presagisca il tuo cuore profetico


Alcun male per me, affinché non possa
Prendere poi il destino la tua parte
E adempiere codesti tuoi timori;
Pensa soltanto
Che ci siamo voltati per dormire:
Chi si tien vivo l’un con l’altro mai
L’uno dall’altro si potrà partire.

35
John Donne

Song (Soules joy)

Soules joy, now I am gone,


And you alone,
- Which cannot bee,
Since I must leave my selfe with thee,
And carry thee with mee -
Yet when unto our eyes
Absence denies
Each others sight,
And makes to us a constant night,
When others change to light;
O give no way to griefe,
But let beliefe
Off mutuall love
This wonder to the vulgar prove,
Our bodies, not we move.

Let not thy wit beweepe


Words but sense deepe;
For when we misse
By distance our hopes joining blisse.
Even then our soules shall kisse ;
Fools have no meanes to meet,
But by their feet;
Why should our clay
Over our spirits so much sway,
To tie us to that way?
O give no way to griefe, &c.

36
Songs and Sonnets

Canzone: gioia dell’anima

Gioia dell’anima, ora io son via


E tu sei sola -
Cosa che non può essere, perché
Devo lasciar me stesso insieme a te,
E portarti con me –
Anche quando l’assenza nega agli occhi
Di vederci l’un l’altra,
E su noi stende una continua notte
Quando cambiano gli altri il buio in luce;
Non cedere al dolore
Ma lascia che la fede
Mancando il mutuo amore
Provi questo miracolo alla gente:
Non noi, ma il nostro corpo è il vero assente.

Parole non piagnucoli il tuo spirito,


Ma nel profondo senta
Che quando ci separa la distanza
Alla sua gioia giunge la speranza.
Si baceranno, le anime, anche allora;
Mentre gli sciocchi non s’incontrano altro
Che con i piedi;
Perché dovrebbe tanto dominare
Le anime nostre questa po’ d’argilla,
Da obbligarci a seguire quel sistema?
Non cedere al dolore &c.

37
John Donne

Selfe-Love

Hee that cannot chuse but love,


And strives against it still,
Never shall my fancy move,
For hee loves against his will; 26
Nor hee which is all his owne,
And cannot pleasure chuse;
When I am caught hee can be gone,
And when hee list refuse; 27
Nor hee that loves none but faire,
For such by all are sought; 28
Nor hee that can for foul ones care,
For his judgement then is nought; 29
Nor hee that hath wit, for hee
Will make mee his jest or slave;
Nor a foole when others [bee]30
Hee can neither [foole nor brave;]
Nor hee that still his mistris prayes,
For shee is thrall’d therefore;
Nor hee that payes not, for hee sayes
Within, she’s worth no more. 31
Is there then no kinde of men
Whom I may freely prove?
I will vent that humor then
In mine owne selfe-love.

26
“Mai muoverà la mia fantasia, perché ama contro il proprio desiderio”.
27
“Quando io son preso lui può scappare,/ E quando (è preso) lui (può)
rifiutare la lizza”.
28
“Perché tali (donne) sono ricercate da tutti”.
29
“Perché il suo giudizio allora è zero”.
30
Ricostruisco a orecchio le cruces del manoscritto originale, presente
nell’ed. Chambers.
31
Pays not, non salda il debito, coniugale o no: “Né chi non paga,
dicendo dentro sé che lei non vale più nulla”.

38
Songs and Sonnets

Amor di sé

Chi non pensa che all’amore,


E con lui sempre battaglia,
Non mi tocca punto il cuore,
Perché il suo è un fuoco di paglia;
Né chi è pieno di se stesso,
E tetragono al piacere:
Io ci casco e lui la scampa,
Svicolando quando vuole;
Né chi ama solo belle:
E a noi altri cosa resta?
Né chi bazzica le brutte:
Che ci avrà dentro la testa?
Né chi ha ingegno, perché schiavo
O zimbello suo mi fa;
Né chi è sciocco, ché al momento
Folle o savio esser non sa;
Né chi assilla la sua donna,
Che così schiava è ridotta;
Né chi bigia la sua gonna
Con la scusa che è un po’ rotta.
Non c’è dunque razza d’uomini
Che mi vadano a fagiolo?
Sfogherò il mio stato d’animo
Incensandomi da solo.

39
John Donne

The Token

Send me some tokens, that my hope may live


Or that my easelesse thoughts may sleepe and rest;
Send me some honey, to make sweet my hive,
That in my passions I may hope the best.
I beg nor ribbon wrought with thine owne hands,
To knit our loves in the fantastique straine
Of new-touch’d youth; nor ring to show the stands
Of our affection, that, as that’s round and plaine,
So should our loves meet in simplicity;
No, nor the coralls, which thy wrist enfold,
Lac’d up together in congruity,
To show our thoughts should rest in the same hold;
No, nor thy picture, though most gracious,
And most desir’d, ’cause ’tis like the best;
Nor witty lines, which are most copious,
Within the writings which thou hast address’d. 32
Send me nor this nor that, to increase my score,
But sweare thou thinkest I love thee, and no more.

32
Peccato che non sia rimasto nulla, di questi most copious e witty lines!
Novella Beatrice, Anne More domina tutta l’opera di Donne, tanto che
anche gli scritti amorosi precedenti al loro incontro potrebbero
ugualmente essere riferiti a lei: fu sua sposa, insomma, ab aeterno. Come
della materia nera nell’universo, così di Anne nell’opera di Donne:
sappiamo che c’è, ne sentiamo l’energia e la massa, senza di che tutto
collasserebbe, ma non si vede. Esemplare, a questo riguardo, A Hymne to
God the Father, dove Anne, celata nella parola more, chiude ogni strofa.

40
Songs and Sonnets

Il segno

Mandami un qualche segno, che io possa


Sperare o, sconsolata, la mia mente
Riposi in pace; dammi un po’ di miele,
Che renda dolce il mio alveare, e il meglio
Possa sperare pur nei miei tormenti.
Ma non mi fare di tua mano un nastro,
Che leghi i nostri amori in un utopico
Sforzo di rinnovata gioventù;
Né un anello che mostri il nostro affetto,
Affinché, come quello è tondo e liscio,
In qualcosa di semplice s’incontrino
I nostri amori; no, non mi mandare
I coralli che cingono il tuo polso,
E allacciati s’adattano l’un l’altro,
Per dimostrare come i nostri palpiti
Trovino requie nella stessa presa;
E nemmeno un ritratto, anche il più bello,
E il più desiderato: ho già il migliore;
Né rime spiritose, son tantissime,
Fra gli scritti che tu m’hai indirizzato.
Nulla di tutto ciò potrebbe accrescere
Il mio debito - ma che tu da me
Ti senti amata giurami, nient’altro.

41
John Donne

The Legacie

When I dyed last, and, Deare, I dye


As often as from thee I goe,
Though it be an houre agoe,
And Lovers houres be full eternity,
I can remember yet, that I
Something did say, and something did bestow; 33
Though I be dead, which sent mee, I should be
Mine own executor and Legacie.

I heard mee say, Tell her anon,34


That my selfe, that is you, not I,
Did kill me, and when I felt mee dye,
I bid me send my heart, when I was gone;
But I alas could there finde none,
When I had ripp’d me, and search’d where hearts did lye;
It kill’d mee againe, that I who still was true,
In life, in my last Will should cozen you.

33
To bestow, accordare, concedere, mettere a disposizione.
34
La mancanza di virgolette rende incerta l’interpretazione di questo
passo. “This uncertainity compounds the poem’s dazzling complication”.
(John Carey, op.cit.)

42
Songs and Sonnets

L’eredità

Quando son morto ultimamente, e, cara,


Muoio ogni volta che vo via da te,
(È stato, ammetto, solo un’ora fa,
Ma per gli amanti un’ora dura un secolo),
Ricordo d’aver detto qualche cosa,
E qualcosa promesso; perciò devo
Benché sia morto (è lui che m’ha mandato)
Fare ora da notaio e anche da lascito.

Sentivo che dicevo: Presto, dille


Che io stesso (che poi sei tu, non io)
Mi sono ucciso, e prima di morire,
Ordinavo a me stesso di mandarti
Il mio cuore, appena fossi morto;
Ma non sono riuscito, ahimé, a trovarlo,
Quando mi sono aperto e ho rovistato
Nel posto dove in genere sta il cuore;
M’ha ucciso un’altra volta il fatto che io,
Che in vita mia son sempre stato leale,
Debba truffarti nel mio testamento.35

35
Non lasciandoti ciò che t’avevo promesso, il mio cuore.

43
John Donne

Yet I found something like a heart,


But colours it, and corners had,36
It was not good, it was not bad,
It was intire to none, and few had part.37
As good as could be made by art
It seem’d, and therefore for our losses sad,38
I meant to send this heart in stead of mine,
But oh, no man could hold it, for twas thine.

36
Colours, sembianze, apparenze, coloriture per nascondere la vera
essenza. Corners, angoli segreti, ripostigli.
37
C’è una contrapposizione fra entire (che vale qui ‘sincero’) e part,
difficile da rendere in italiano: si rimprovera insomma, alla donna,
d’essere (oltre che piena di trucchi e segreti) falsa con tutti e fredda. To
have few part, avere poco interesse.
38
Altri mmss hanno: for our loss be sad, attribuendo la tristezza (di
facciata) al cuore trovatello. Losses però potrebbe significare la duplice
perdita, del cuore e della persona. Lo Ellrodt traduce: “Aussi bon que
l’art peut le faire / Semblait-it, et pour compenser nos tristes pertes / Je
voulais t’envoyer ce coeur…”

44
Songs and Sonnets

Così ho trovato un che simile a un cuore,


Ma pieno d’apparenze e d’angolini:
Non era buono, non era malvagio,
Sincero con nessuno, e a pochi aperto.
Sembrava fatto apposta per te, cara,
E perciò, triste per la nostra perdita,
Al posto del mio cuore ti volevo
Mandare questo cuore qui, ma oh,
Non si faceva prendere: era il tuo.

45
John Donne

A Feaver

Oh doe not die, for I shall hate


All women so, when thou art gone,
That thee I shall not celebrate,
When I remember, thou wast one.

But yet thou canst not die, I know;


To leave this world behinde, is death,
But when thou from this world wilt goe,
The whole world vapors with thy breath.

Or if, when thou, the worlds Soule, goest,


It stay, ’tis but thy carkasse then,
The fairest woman, but thy ghost,
But corrupt wormes, the worthyest men.

Oh wrangling schooles, that search what fire


Shall burne this world, had none the wit
Unto this knowledge to aspire,
That this her feaver might be it?

And yet she cannot wast by this,


Nor long beare this torturing wrong,
For much corruption needfull is
To fuell such a feaver long. 39

These burning fits but meteors bee,


Whose matter in thee is soone spent.
Thy beauty,’and all parts, which are thee,
Are unchangeable firmament.

39
Dato che lei non è affatto corrotta, non può essere che una tale febbre
possa durare a lungo.

46
Songs and Sonnets

Una febbre

Oh non morire, o dovrò così odiare


Tutte le donne, quando fossi morta,
Da non poterti poi commemorare,
Se penso che tu fosti una di loro.

Ma tu non puoi certo morire: io so


Che morire è lasciare questo mondo,
Ma quando tu da qui dovessi andartene
Il mondo svanirà col tuo respiro.

O, se rimane, e tu, che ne sei l’anima,


Te ne vai, non sarà che il tuo cadavere:
Il tuo fantasma la più bella donna,
e il miglior uomo solo vermi marci.

Oh, scolastiche risse, alla ricerca


Di che fuoco dovrà perire il mondo:
Non uno che arrivasse a concepire
Che potrebbe esser proprio questa febbre.

Ma lei non può per quella deperire,


Né patire più a lungo questo affronto:
Ci vuole infatti molta corruzione
Perché così gran febbre abbia alimento.

Non sono che meteore queste arsioni,


Che consumano in te il loro elemento.
Le belle parti di che ti componi
Son cielo fisso, senza cambiamento.

47
John Donne

Yet t’was of my minde, seising thee,


Though it in thee cannot persever.
For I had rather owner bee
Of thee one houre, then all else ever.40

40
“Perché preferirei essere padrone di te per un’ora, piuttosto che d’ogni
altra cosa per sempre”

48
Songs and Sonnets

Pur passeggera, questa febbre ha avuto


Lo stesso mio pensiero: possederti.
Sei tu che un’ora sola vorrei avere,
Più che per sempre tutto quanto il resto.

49
John Donne

Aire and Angels

Twice or thrice had I lov’d thee,


Before I knew thy face or name;
So in a voice, so in a shapelesse flame,
Angells affect us oft, and worship’d bee;
Still when, to where thou wert, I came,
Some lovely glorious nothing I did see.
But since my soule, whose child love is,
Takes limmes of flesh, and else could nothing doe,
More subtile then the parent is,
Love must not be, but take a body too,
And therefore what thou wert, and who,
I bid Love aske, and now
That it assume thy body, I allow,
And fixe it selfe in thy lip, eye, and brow.

Whilst thus to ballast love, I thought,


And so more steddily to have gone,
With wares which would sinke admiration,
I saw, I had loves pinnace overfraught,
Ev’ry thy haire for love to worke upon
Is much too much, some fitter must be sought;
For, nor in nothing, nor in things
Extreme, and scatt’ring bright, can love inhere;
Then as an Angell, face, and wings
Of aire, not pure as it, yet pure doth weare,
So thy love may be my loves spheare;
Just such disparitie
As is twixt Aire and Angells puritie,
’Twixt womens love, and mens will ever bee.

50
Songs and Sonnets

Aria e angeli

Due o tre volte t’ho amato prima ancora


D’aver visto il tuo viso, o udito il nome;
Così in un soffio, in una fiamma informe,
Ci visitano gli angeli e son da noi adorati;
Sempre, quando venivo dov’eri tu, vedevo
Qualcosa come un dolce e rifulgente nulla.
Ma poiché la mia anima, di cui è figliuolo amore,
Veste membra di carne, e nulla può far senza,
Più aereo della madre il figlio non può essere,
E deve dunque prendere un corpo pure lui,
Così lo mandai a chiedere cosa tu fossi, e chi,
E ora gli permetto d’assumere il tuo corpo,
E di fissar dimora sul tuo labbro, occhio, e fronte.

In tal modo d’amore zavorrato,


Pensavo di viaggiare più tranquillo,
Con merce da affondare ogni stupore,
E invece avevo sovraccaricato
Il vascello d’amore: farsi carico
D’ogni tuo capelluzzo per amore
È troppo: un rimedio va trovato;
Perché l’amore non s’attacca al nulla,
Né a cose esagerate, a un troppo acceso sfarzo,
E allora, come un angelo riveste il proprio viso
E le ali d’aria pura (sia pur non quanto lui)
Così il tuo amor può essere la mia sfera amorosa;
La stessa differenza che c’è fra aria pura
E purità degli Angeli, per sempre ci sarà
Fra l’amore degli uomini e quello delle donne.

51
John Donne

Breake of day

’Tis true, ’tis day; what though it be?


O wilt thou therefore rise from me?
Why should we rise, because ’tis light?
Did we lie down, because ’twas night?
Love which in spight of darknesse brought us hether,
Should in despight of light keepe us together.

Light hath no tongue, but is all eye;


If it could speak as well as spie,
This were the worst, that it could say,
That being well, I faine would stay,
And that I lov’d my heart and honor so,
That I would not from him, that had them, goe.

Must businesse thee from hence remove?


Oh, that’s the worst disease of love,
The poore, the foule, the false, love can
Admit, but not the busied man.
He which hath businesse, and makes love, doth doe
Such wrong, as when a maryed man doth wooe.

52
Songs and Sonnets

L’alba

È vero, è giorno, ma cosa vuol dire?


Non vorrai mica alzarti e andare via?
Ché, bisogna levarsi perché aggiorna?
Ci siamo messi giù perché era notte?
Amor ci portò qui malgrado il buio:
A dispetto del dì ci tenga insieme.

Il giorno non ha lingua, ma è tutt’occhi;


Se potesse parlare e far la spia,
Il peggio che di me potrebbe dire
È che voglio star qui, dove sto bene,
E che il mio cuore e onore ho così amato
Che non voglio andar via da chi li ha presi.

Ti porteranno via di qui gli affari?


Ecco il peggior malanno dell’amore:
Poveri, pazzi, e finti, amor li tollera,
Ma non gl’indaffarati: chi abbia impegni
E fa all’amore, fa lo stesso sbaglio
Di chi ha moglie e vuol fare il giovanotto.

53
John Donne

The Anniversarie

All Kings, and all their favorites,


All glory’of honors, beauties, wits,
The Sun it selfe, which makes times, as they passe,
Is elder by a yeare, now, then it was
When thou and I first one another saw:
All other things, to their destruction draw,
Only our love hath no decay;
This, no to tomorrow hath, nor yesterday,
Running it never runs from us away,
But truly keepes his first, last, everlasting day.

Two graves must hide thine and my coarse,


If one might, death were no divorce.
Alas, as well as other Princes, wee,
(Who Prince enough in one another bee,)
Must leave at last in death, these eyes, and eares,
Oft fed with true oathes, and with sweet salt teares;
But soules where nothing dwells but love
(All other thoughts being inmates) then shall prove
This, or a love increased there above,
When bodies to their graves, soules from their graves remove.

54
Songs and Sonnets

L’anniversario

Tutti: sovrani e loro favoriti,


Glorie d’onore, di beltà, d’ingegno,
Il sole stesso che fa le stagioni,
Son più vecchi d’un anno, oggi, da quando
Ci siamo visti per la prima volta.
Ogni altra cosa volge alla rovina,
Soltanto il nostro amore non declina:
Non ha un domani, lui, non ha un ieri,
Trascorre, ma mai fugge via da noi,
Costante nel suo eterno primo giorno.

Due tombe celeranno i nostri corpi


(Che, potessero in una essere uniti,
Patirebbero morte, non divorzio);
Come gli altri sovrani ahimè anche noi,
(Ché sovrani ben siamo uno dell’altra,)
Dovremo al fin lasciare nella morte
Questi occhi e questi orecchi che noi spesso
Abbiamo di sinceri giuramenti
E dolci e salse lacrime nutriti.
Ma le anime, in cui amore solo vive,
(Perché ogn’altro pensiero è di passaggio)
Questo, o un maggiore amore, proveranno
Quando i corpi alle tombe, e dalle tombe
Le anime nostre infine migreranno.

55
John Donne

And then wee shall be throughly blest,


But wee no more, then all the rest.
Here upon earth, we’are Kings, and none but wee
Can be such Kings, nor of such subjects bee;
Who is so safe as wee? where none can doe
Treason to us, except one of us two.
True and false feares let us refraine,
Let us love nobly,’and live, and adde againe
Yeares and yeares unto yeares, till we attaine
To write threescore: this is the second of our raigne.

56
Songs and Sonnets

Allora veramente noi saremo


Beati, ma non più di tutti gli altri,
Mentre qui sulla terra siamo re
D’un regno in cui nessuno fuorché noi
Può diventare suddito o sovrano;
Chi come noi è sicuro, se non può
Tradirci che soltanto uno di noi?
Timori, falsi o no, dunque, scacciamo,
Viviamo e amiamo da sovrani e, agli anni,
Anni e anni sommiamo, fino a quando
Tre volte venti arriveremo a scrivere.
Questo è, del nostro regno, oggi, il secondo.

57
John Donne

A Valediction: of my name in the window

My name engrav’d herein,


Doth contribute my firmnesse to this glasse,
Which, ever since that charm, hath beene
As hard, as that which grav’d it, was;
Thine eye will give it price enough, to mock
The diamonds of either rock. 41

’Tis much that Glasse should bee


As all confessing, and through-shine as I,
’Tis more, that it shewes thee to thee,
And cleare reflects thee to thine eye.
But all such rules, loves magique can undoe,
Here you see me, and I am you.

As no one point, nor dash,


Which are but accessaries to this name,
The showers and tempests can outwash,
So shall all times finde mee the same;
You this intirenesse better may fulfill,
Who have the patterne with you still.

Or if too hard and deepe


This learning be, for a scratch’d name to teach,
It, as a given death’s head keepe,
Lovers mortalitie to preach,
Or think this raggedbony name to bee
My ruinous Anatomie. 42

41
“Dell’una e l’altra roccia”. Le pietre preziose erano classificate a
seconda della roccia di provenienza, se recente o antica.
42
Gotici arzigogoli e svolazzi ben si prestano a vedervi teschi e tibie:
figurarsi se Donne perde questa occasione.

58
Songs and Sonnets

Un addio: del mio nome sulla finestra

Il mio nome qui inciso conferisce


La mia fermezza a questo vetro, il quale,
Grazie a questo incantesimo, diventa
Duro come la punta che l’ha inciso;
Tanto valore gli darà il tuo occhio
Da canzonare qualsivoglia gemma.

È già tanto che un vetro possa essere


Sincero e trasparente come me,
Più ancora è che riveli te a te stessa
Col limpido riflesso dei tuoi occhi.
Ma la magia d’amore può stravolgere
Ogni legge dell’ottica: è così
Che qui tu vedi me, e io sono te.

Come nemmeno un punto, né un trattino


(Null’altro che accessori a questo nome)
Può slavare la pioggia o la tempesta,
Così negli anni io rimarrò lo stesso;
Tu a questa integrità meglio puoi adempiere
Perché hai il modello lì sempre con te.

Ma se questa lezione è troppo astrusa


Perché un nome graffito te la insegni,
Prendilo per un teschio, offerto in dono
A rammentar mortalità d’amanti,
O pensa che quel nome ossuto sia
La mia scatafasciata anatomia.

59
John Donne

Then, as all my soules bee


Emparadis’d in you, (in whom alone
I understand, and grow and see,) 43
The rafters of my body, bone
Being still with you, the Muscle, Sinew, and Veine,
Which tile this house, will come againe.

Till my returne, repaire


And recompact my scattered body so.
As all the vertuous powers which are
Fix’d in the starres, are said to flow
Into such characters, as graved be
When these starres have supremacie:

So since this name was cut


When love and griefe their exaltation had,
No doore ’gainst this names influence shut;
As much more loving, as more sad,
’Twill make thee; and thou shouldst, till I returne,
Since I die daily, daily mourne. 44

When thy inconsiderate hand


Flings ope this casement, with my trembling name,
To lookeon one, whose wit or land,
New battry to thy heart may frame,
Then thinke this name alive, and that thou thus
In it offendst my Genius.

43
Sono le tre facoltà (vegetale, sensitiva e intellettiva) dell’anima
tomistica.
44
L’assenza come morte.

60
Songs and Sonnets

Ora, siccome in te tutti i miei spiriti


Sono imparadisati (in te soltanto
Io vegeto, connetto e percepisco)
E le ossa, travi del mio corpo, stanno
Sempre con te, anche nervi, vene e muscoli,
Tetto di questa casa, torneranno.

Finché non torno aggiusta e metti a posto


Il mio corpo così disseminato.
Come il poter della virtù ch’è infissa
In una stella, dicono, discende
Nelle scritte che vengono tracciate
Quando la stella al suo dominio ascende,

Così, poiché fu scritto questo nome


Quando pena d’amore era al suo culmine,
Non chiudere la porta a questo influsso:
Perché più triste sei e più t’innamora;
Guarda perciò, morendo io ogni giorno,
Di piangermi ogni dì, finché ritorno.

Dovesse aprir la tua inconsulta mano


Queste imposte col mio tremante nome,
Per guardar chi di beni o ingegno ricco
Un nuovo assalto mediti al tuo cuore,
Ricordati che questo nome è vivo,
E che tu offendi in lui così il mio Genio.

61
John Donne

And when thy melted maid,


Corrupted by thy Lover’s gold, and page,
His letter at thy pillow’hath laid,
Disputed it, and tam’d thy rage,
And thou begin’st to thaw towards him, for this,
May my name step in, and hide his.

And if this treason goe


To an overt act, and that thou write againe;
In superscribing, this name flow
Into thy fancy, from the pane.
So, in forgetting thou remembrest right,
And unaware to mee shalt write.

But glasse, and lines must bee,


No meanes our firme substantiall love to keepe;
Neere death inflicts this lethargie,
And this I murmure in my sleepe:
Impute this idle talke, to that I goe,
For dying men talke often so.

62
Songs and Sonnets

E quando la tua serva, ammorbidita


Dall’oro, e dal garzone, del tuo amante,
Messa sul tuo guanciale la sua lettera,
Te ne parla, acquietando la tua rabbia,
E tu incominci a cedere a lui, possa
Il mio nome frapporsi, e il suo nascondere.

E se arrivando al tradimento aperto


Tu volessi rispondere alla lettera,
Ti scenda questo nome nella mente
Dal vetro, mentre scrivi l’indirizzo:
Così a voler scordar ricordi giusto
E non volendo scriverai a me.

Ma non è da affidare a vetri e scritte


Il nostro saldo, sostanziale amore:
È, questa, letargia da morte prossima,
Ciance, che farfugliando vo fra il sonno,
Dovute al fatto che sto per partire:
Spesso parla così chi è per morire.

63
John Donne

Twick’nam Garden

Blasted with sighs, and surrounded with teares,


Hither I come to seeke the spring,
And at mine eyes, and at mine eares,
Receive such balmes, as else cure every thing;
But O, selfe traytor, I do bring
The spider love, which transubstantiates all,
And can convert Manna to gall,
And that this place may thoroughly be thought
True Paradise, I have the serpent brought.

’Twere wholsomer for mee, that winter did


Benight the glory of this place,
And that a grave frost did forbid
These trees to laugh, and mocke mee to my face;
But that I may not this disgrace
Indure, nor leave this garden. Love let mee
Some senslesse peece of this place bee;
Make me a mandrake, so I may groane here,
Or a stone fountaine weeping out my yeare.

Hither with christall vyals, lovers come,


And take my teares, which are loves wine,
And try your mistresse Teares at home,
For all are false, that last not just like mine;

64
Songs and Sonnets

Il giardino di Twickenham

Arso e bagnato, di sospiri e pianto,


Qui vengo a ricercar la primavera,
E ricevo negli occhi e negli orecchi
Balsami da guarire d’ogni pena.
Ma, traditore di me stesso, io porto
Con me un ragno che tutto transustanzia,
L’amore, che la manna muta in fiele.
E perché il posto appaia giustamente
Un Eden, ci ho portato anche il serpente.

Meglio per me sarebbe che l’inverno


Le sue notti stendesse sulla gloria
Di questo posto; che un feroce gelo
Impedisse a quest’alberi di ridere,
E di schernirmi in faccia. Ma per non
Subire un tale affronto o fuggir via,
Mi faccia il ragno-amore diventare
Un qualcosa di qui, privo di sensi:
Una mandragola, perché qui io possa
Lamentarmi, o una fonte di pietra,
Che io vi pianga tutta la mia vita.

Venite qui con fiale di cristallo,


Voi che amate, e spillate le mie lacrime,
Che son vino d’amore, e confrontatele
Con quelle delle vostre amanti, a casa:
Son tutte false se hanno altro sapore;

65
John Donne

Alas, hearts do not in eyes shine,


Nor can you more judge womans thoughts by teares,
Then by her shadow, what she weares.
O perverse sexe, where none is true but shee,
Who’s therefore true, because her truth kills mee. 45

45
La falsità delle lacrime (e dei pensieri) femminili suggerirebbe per true
il significato di sincero, più che di fedele. Ma siamo lì. Il parco di
Twickenham fu, dal 1607, residenza della Contessa di Bedford, Lucy, bel
tipino di donna, con cui Donne fu in contatto fino alla di lei morte. Come
osserva Giorgio Melchiori, non che da una tale lirica si possa risalire a
una storia d’amore fra Donne e la contessa, più giovane di lui di 9 anni e
maritata al Conte di Bedford: il tutto può rientrare nell’usanza del secolo
(cui non sfuggono i sonetti di Shakespeare) di dedicare poesie ai potenti
– e Lucy lo era – per ottenere un qualche beneficio. Conosciuta tramite il
comune amico Sir Henry Goodyer, colto e generoso uomo di Corte, la
Contessa di Bedford si diede da fare per ottenere un posto al poeta nel
periodo più difficile della sua vita, senza riuscirci. Nel 1608 sarà madrina
della sesta figlia di Donne, Lucy. Spirito inquieto (parteggia per gli
scismatici puritani e scandalizza la buona società apparendo agli
intrattenimenti di Corte a seno nudo o vestita di mussola trasparente -
tanto che perfino il prete Donne le raccomanderà di comportarsi, almeno
a Corte, con “cauta accortezza”), colta (conosce l’italiano, lo spagnolo e
il francese al punto da poter dare consigli a John Florio sulla traduzione
dei Saggi di Montaigne), scambierà con Donne liriche e corrispondenza.
In una lettera, Donne le ricorda che proprio nei giardini di Twickenham
lei gli aveva mostrato dei versi, e domanda se si sia pentita d’averli
scritti. In caso contrario chiede se può averne una copia, promettendo di
non rivelarli a nessuno, e nemmeno di prestare loro fede. È un peccato
che siano andati persi! Dato però che il loro soggetto è definito da Donne
“ill”, cattivo, malvagio, nulla vieta di pensare che avessero qualcosa a
che fare col ‘serpente’ di questa poesia.

66
Songs and Sonnets

Ahimè, che il cuor negli occhi non risplenda,


Né giudicar si possa dalle lacrime
Pensier di donna più di quel che indossa
Dalla sua ombra. Oh, sesso perverso,
In cui fedele è solo colei che,
Per esser lei fedele, uccide me.

67
John Donne

A Valediction: of the booke

I’ll tell thee now (deare Love) what thou shalt doe
To anger destiny, as she doth us;
How I shall stay, though she Esloygne me thus, 46
And how posterity shall know it too;
How thine may out-endure
Sibylls glory, and obscure
Her who from Pindar could allure, 47
And her, through whose helpe Lucan is not lame, 48
And her, whose booke (they say) Homer did finde, and name. 49

Study our manuscripts, those Myriades


Of letters, which have past ’twixt thee and mee,
Thence write our Annals, and in them will bee
To all whom loves subliming fire invades,
Rule and example found;
There, the faith of any ground
No schismatique will dare to wound,
That sees, how Love this grace to us affords,
To make, to keep, to use, to be these his Records.

46
I tre how – che nel ‘600 valevano la congiunzione that – dipendono da
I’ll tell.
47
La tebana Corinna sfidò Pindaro a cantare di poesia, che sarebbe come
sfidare il papa a cantar messa.
48
“Colei per il cui aiuto Lucano non è zoppo”.
49
Il Lipsius nel 1602 aveva messo in giro la favola che Iliade e Odissea
fossero state scritte da una certa Fantasia, e che Omero si fosse limitato a
divulgarle.

68
Songs and Sonnets

Un addio: del libro

Ora ti dico, cara, come fare


Per rendere al destino che ci angustia
Pan per focaccia; e in che modo, malgrado
Lui mi scacci così, io resterò,
E come lo sapranno pure i posteri;
Come la gloria tua supererà
Quella della Sibilla, e oscurerà
Colei che portò via audience a Pindaro,
Colei che limò i versi di Lucano,
E colei di cui (dicono) trovò
Il libro Omero, e ci vergò il suo nome.

Tu studia i nostri manoscritti: il corpus


Delle decine di migliaia di lettere
Scorse fra noi, e estraine i nostri annali:
In essi troverà, chi è divorato
Dal sublimante fuoco dell’amore,
La regola e l’esempio; lì nessun
Scismatico oserà inficiare un comma
Della fede, vedendo come Amore
Ci accordò questa grazia, di poter
Tramandare, operare, usufruire,
Incarnare le sue testimonianze.

69
John Donne

This Booke, as long-liv’d as the elements,


Or as the worlds forme, this all-graved tome
In cypher write, or new made Idiome;
We for Loves clergie only’are instruments:
When this booke is made thus,
Should againe the ravenous
Vandals and Goths inundate us,
Learning were safe; in this our Universe
Schooles might learne Sciences, Spheares Musick, Angels Verse.

Here Loves Divines (since all Divinity


Is love or wonder) may finde all they seeke,
Whether abstract spirituall love they like,
Their Soules exhal’d with what they do not see,
Or, loth so to amuze50
Faiths infirmitie, they chuse
Something which they may see and use; 51
For, though minde be the heaven, where love doth sit,
Beauty a convenient type may be to figure it.

50
“Oppure, tanto riluttanti da divertire l’incertezza di fede”. Il teologo
insomma, obtorto collo, prende atto della carne. Così come, del resto, nel
catechismo ad uso dei confessori sono descritte pratiche sessuali che il
brachemmutanda Vatsyayana nemmeno se le sogna. Il Carey propone
puzzle, imbarazzare, sconcertare, per spiegare amuse. Ma va persa la
scena, il sorriso maligno dei santommasi.
51
Uso, al posto di ‘usare’, toccare, verbo santommasiano per eccellenza,
e sineddoche primaria di usare, tant’è che diciamo, di cose usate, che
sono di seconda mano; e i contadini padani “ven ki ke te droevi”, vien
qui che ti adopro. To use, in Donne, ha quasi sempre valenza sessuale.

70
Songs and Sonnets

Questo libro, che è vecchio come gli atomi,


O almeno come il mondo, questo tomo
Tutto istoriato, tu scrivilo in cifra,
O in qualche nuova lingua sconosciuta:
Solo adepti d’Amore noi serviamo.
E quando questo libro sarà fatto,
Dovessero di nuovo Goti e Vandali
Inondarci, il sapere qui è al sicuro:
Potrebbero imparare, in questo nostro
Universo, le scienze gli scolari,
La musica le sfere e il canto gli angeli.

Qui possono i teologi d’amore


(Perche è amore ogni teologia, o miracolo)
Trovare quel che cercano: l’amore
Spirituale, astratto, dove l’anima
Evapora per ciò che non si vede,
Oppure per qualcosa (certo, solo
Per non far rider troppo i santommasi)
Che si possa vedere e anche toccare;
Ché se la mente è il cielo in cui risiede
Amore, la bellezza può ben essere
Il simbolo più adatto a figurarcelo.

71
John Donne

Here more than in their bookes may Lawyers finde,


Both by what titles Mistresses are ours,
And how prerogative these states devours,
Transferr’d from Love himselfe, to womankinde,
Who though from heart, and eyes,
They exact great subsidies,
Forsake him who on them relies,
And for the cause, honour, or conscience give,
Chimeraes, vaine as they, or their prerogative. 52

Here Statesmen, (or of them, they which can reade,)


May of their occupation finde the grounds:
Love and their art alike it deadly wounds,
If to consider what ’tis, one proceed,
In both they doe excell
Who the present governe well,
Whose weaknesse none doth, or dares tell; 53
In this thy booke, such will their nothing see,
As in the Bible some can find out Alchimy. 54

52
Torna la polemica, sempre viva in Donne, fra le ragioni del cuore e le
regole d’una società basata sul privilegio di casta, ricchezza, etc.
53
“Della cui debolezza (in ambedue i campi) nessuno parla, né osa
parlare”.
54
“In questo tuo libro essi vedranno il loro nulla,/ Proprio come certuni
nella Bibbia riescono a scoprire l’alchimia”.

72
Songs and Sonnets

Qui, più che nei suoi libri, può il giurista


Trovare a quale titolo un’amante
È nostra, e come il privilegio usurpi
Tale diritto, da Amore in persona
Alla donna ceduto, che sebbene
Esiga da occhi e cuore gran risorse,
Rinuncia a chi s’affida solo a quelle,
E offre - per la causa, per l’onore,
O la coscienza - solo una chimera
Futile come lei e il suo privilegio.

Qui gli statisti possono trovare


(Almeno chi di loro sappia leggere)
Le basi della loro professione;
L’amore, e la politica a par suo,
Sono feriti a morte se uno indaga
In che cosa consistono: e in entrambi
I governanti d’oggigiorno eccellono
(O c’è qualcuno che lo mette in dubbio?)
Qui costoro vedranno il proprio nulla,
Come chi scopre, nella Bibbia, chimica.

73
John Donne

Thus vent thy thoughts; abroad I’ll studie thee,


As he removes farre off, that great heights takes;
How great love is, presence best tryall makes,
But absence tryes how long this love will bee;
To take a latitude
Sun, or starres, are fitliest view’d
At their brightest, but to conclude
Of longitudes, what other way have wee,
But to marke when, and where the darke eclipses bee? 55

55
C’è qui un gioco di parole fra latitude (latus, grande) e longitude
(lunghezza, durata). Mentre Nord e Sud sono punti fissi nel cielo (stella
polare, culminazione del sole), Est ed Ovest sono punti convenzionali (a
partire da Greenwich, per esempio), per cui la misura della longitudine
(cioè la distanza in gradi fra il meridiano locale e quello di Greenwich) si
basa sulla differenza oraria in cui un medesimo fenomeno celeste
(eclisse, congiunzione, e, in particolare, loro inizio e fine) è osservato in
quel luogo e a Greenwich. Da bravo inglese Donne è provetto marinaio,
non foss’altro per aver partecipato a varie spedizioni contro l’Invincibile
Armata. In più, quasi come Dante, e al contrario di Shakespeare, mostra
d’avere ben studiato astronomia e geografia.

74
Songs and Sonnets

Dai perciò stura al tuo pensiero; all’estero


Ti studierò, come chi s’allontana
Per meglio coglier le svettanti cime.
Quanto è grande un amore, la presenza
Ne dà la miglior prova, ma se e quanto
Durerà, lo può dir solo l’assenza.
È come fare il punto: in latitudine
Si traguardano gli astri, quando sono
Al massimo splendore; ma per prendere
La longitudine, altra via non c’è
Se non segnare il luogo e l’ora dove
Le oscure eclissi iniziano o finiscono.

75
John Donne

Communitie

Good wee must love, and must hate ill,


For ill is ill, and good good still,
But there are things indifferent,
Which we may neither hate, nor love,
But one, and then another prove,
As we shall finde our fancy bent.

If then at first wise Nature had


Made women either good or bad,
Then some wee might hate, and some chuse,
But since shee did them so create,
That we may neither love, nor hate,
Onely this rests, All, all may use. 56

If they were good it would be seene,


Good is as visible as greene,
And to all eyes it selfe betrayes:
If they were bad, they could not last,
Bad doth it selfe, and others wast,
So, they deserve nor blame, nor praise.

But they are ours as fruits are ours,


He that but tasts, he that devours,
And he that leaves all, doth as well:
Chang’d loves are but chang’d sorts of meat,
And when hee hath the kernell eate,
Who doth not fling away the shell?

56
“Solo questo resta, che tutte, tutti noi possiamo usarle” (nel solito
significato di to use).

76
Songs and Sonnets

Comunità

Bisogna amare il bene, e odiare il male,


Perché il male è dannoso e il bene buono,
Sempre; ma ci son cose indifferenti,
Che non possiamo odiare, e neanche amare,
Ma soltanto provare, una via l’altra,
Secondo che ne càpiti il capriccio.

Se la saggia natura avesse fatto


Le donne buone o triste fin da Eva,
Potremmo odiarne alcune, e alcune amarle,
Ma siccome le ha fatte in modo tale
Da non poterle amare né spregiare,
Altro non resta, a tutti, che adoprarle.

Fosse buona, la donna, si vedrebbe:


Il bene lo distingui come il verde,
Si rivela da sé agli occhi di tutti;
Fosse malvagia, poco durerebbe:
Il male guasta gli altri, e poi se stesso;
Insomma, infamia o lode essa non merita.

Per noi la donna è tale e qual la frutta:


C’è chi solo l’assaggia, chi l’inghiotte,
E chi proprio s’astiene - fa lo stesso:
Cambio d’amore è cambio di portata,
E una volta mangiata che è la polpa,
Chi è che poi non butta via la buccia?

77
John Donne

Loves growth

I Scarce beleeve my love to be so pure


As I had thought it was,
Because it doth endure
Vicissitude, and season, as the grasse;
Me thinkes I lyed all winter, when I swore,
My love was infinite, if spring make’it more.

But if this medicine, love, which cures all sorrow


With more, not onely be no quintessence,
But mixed of all stuffes, paining soule, or sense,
And of the Sunne his working vigour borrow,
Love’s not so pure, and abstract, as they use
To say, which have no Mistresse but their Muse,
But as all else, being elemented too,
Love sometimes would contemplate, sometimes do.

And yet not greater, but more eminent,


Love by the spring is growne;
As, in the firmament,
Stars by the Sunne are not inlarg’d, but showne,
Gentle love deeds, as blossomes on a bough,
From loves awakened root do bud out now.

78
Songs and Sonnets

Crescita d’amore

Dubito che il mio amor sia così puro


Come l’avevo in mente,
Se come l’erba sente
Il cambio di stagione: è primavera,
Dunque d’inverno fui bugiardo a dire
Di lui ch’era infinito, se ora cresce.

Ma se l’amore – questa medicina


Che con più dura pena pena scaccia –
Non soltanto non è una quintessenza,
Ma è un miscuglio di spasimi e di sensi
A cui il sole dà forza, non è poi
La cosa così astratta e così pura,
Che voglion farci credere coloro
Che non hanno altra donna che la Musa,
Ma, come ogni altra cosa mescolata,
Un po’ l’amore medita e un po’ agisce.

E nemmeno più grande, ma più intenso,


Fa l’amor primavera:
Come il sole ogni sera
Accende il firmamento e non l’aumenta.57
Così i gentili atti d’amore sbocciano,
Come fiori su un ramo, ora che desta
N’è la radice per virtù d’amore.

57
Si credeva che anche le stelle fisse, come i pianeti, riflettessero la luce
del sole.

79
John Donne

If, as in water stir’d more circles bee


Produc’d by one, love such additions take,
Those like so many spheares, but one heaven make,
For, they are all concentrique unto thee;
And though each spring doe adde to love new heate,
As princes doe in times of action get
New taxes, and remit them not in peace,
No winter shall abate the springs encrease. 58

58
Prosegue il paragone fiscale. Quel though si spiega se ci si aspetta che
la primavera debba indebolirsi, col suo dispendio d’energia amorosa, e
che l’inverno dunque prenda il sopravvento su di lei.

80
Songs and Sonnets

Come in acqua percossa cerchio a cerchio


D’un solo d’essi molti si dipartono,
Così l’amor riceve tali aggiunte
Da fare come quelli tante sfere,
Ma un cielo solo - essendo a te concentriche;
E benché primavera ogni anno aggiunga
Nuovo ardore all’amore – come i prìncipi
Mettono nuove tasse a ogni guerra,
Che non tolgono in pace – non c’è inverno
Che tenga giù il montar di primavera.

81
John Donne

Loves exchange

Love, any devill else but you,


Would for a given Soule give something too.
At Court your fellowes every day,
Give th’art of Riming, Huntmanship, and Play,
For them who were their owne before:
Onely I have nothing which gave more,
But am, alas, by being lowly, lower.

I aske not dispensation now


To falsifie a teare, or sigh, or vow,
I do not sue from thee to draw
A non obstante on natures law,
These are prerogatives, they inhere
In thee and thine; none should forsweare
Except that he Loves minion were.

Give me thy weaknesse, make mee blinde,


Both wayes, as thou and thine, in eies and minde;
Love, let me never know that this
Is love, or, that love childish is;
Let me not know that others know
That she knows my paines, least that so
A tender shame make me mine owne new woe.

82
Songs and Sonnets

Scambio d’amore

Tranne te, Amore, tutti gli altri diavoli


Danno, in cambio dell’anima, qualcosa:
A Corte, i tuoi colleghi, tutti i giorni,
Dan lezioni di musica, di poesia,
Di caccia, a chi è già loro da un bel pezzo;
Solo io, che ho dato molto, non ho nulla,
Anzi, più che m’umilio e più sto in basso.

Ora, non chiedo di non dover fingere


Un mio sospiro, un pianto, una promessa,
Non impetro da te nessuna deroga
A quanto ha stabilito la natura:
Son privilegi, questi, riservati
A te e ai tuoi: mai giurare il falso,
Se non si nasce, Amore, tuo pupillo.

Fammi debole e cieco, come siete


Tu e i tuoi, negli occhi e nella mente;
Non farmi mai saper che «Questo, è amore»
Oppure che «L’amore è un fanciullino».
Non farmi mai sapere che altri sanno
Che lei sa le mie pene, acché una tenera
Vergogna non mi colga di me stesso.

83
John Donne

If thou give nothing, yet thou’art just,


Because I would not thy first motions trust;
Small townes which stand stiffe, till great shot
Enforce them, by warres law condition not. 59
Such in loves warfare is my case,
I may not article for grace,
Having put Love at last to shew this face.

This face, by which he could command


And change the Idolatrie of any land,
This face, which wheresoe’r it comes,
Can call vow’d men from cloisters, dead from tombes,
And melt both Poles at once, and store
Deserts with cities, and make more
Mynes in the earth, then Quarries were before.

For this, Love is enrag’d with mee,


Yet kills not. If I must example bee
To future Rebells; If th’unborne
Must learne, by my being cut up, and torne:
Kill, and dissect me, Love; for this
Torture against thine owne end is,
Rack’t carcasses make ill Anatomies.

59
“Le cittadelle che resistono finché una grossa scarica / Le sventra, per
la legge di guerra non possono chiedere condizioni”.

84
Songs and Sonnets

Ma se non mi dai nulla, non hai torto:


Io non ho mai creduto ai tuoi moventi;
E rocca che resiste fino all’ultimo
Non può poi chieder condizioni, in guerra.
Così è per me nella tua guerra, Amore:
Posso chieder la grazia, dopo averti
Costretto a rivelare questa faccia?

Questa faccia, con cui potresti imporre


L’idolatria, o cambiarla, in tutto il mondo,
Questa faccia che ovunque può strappare
Frati dai chiostri e morti dalle tombe,
Fondere i ghiacci ai poli, trasformare
I deserti in città, e far più miniere
Di quante cave sian già sulla terra.

Per questo, Amore, sei con me arrabbiato,


Ma non m’uccidi. Se però devo essere
Un esempio ai ribelli del futuro;
Se dovrà, chi ha da nascere, imparare
Dall’esser io squartato e fatto a pezzi:
Ammazzami ora, Amore, e dissezionami,
Questa tortura va contro i tuoi fini:
Corpi rotti fan brutte anatomie.

85
John Donne

Confined Love

Some man unworthy to be possessor


Of old or new love, himselfe being false or weake,
Thought his paine and shame would be lesser,
If on womankind he might his anger wreake,
And thence a law did grow,
One should but one man know;
But are other creatures so?

Are Sunne, Moone, or Starres by law forbidden,


To smile where they list, or lend away their light? 60
Are birds divorc’d, or are they chidden
If they leave their mate, or lie abroad a night? 61
Beasts doe no joyntures lose62
Though they new lovers choose,
But we are made worse than those.

Who e’r rigg’d fair ship to lie in harbors,


And not to seeke new lands, or not to deale withall? 63
Or built faire houses, set trees, and arbors,
Only to lock up, or else to let them fall?
Good is not good, unlesse
A thousand it possesse,
But doth wast with greedinesse.

60
“Di splendere dove desiderano, o spargere via la loro luce?”
61
“Se lasciano il loro compagno, o dormono fuori una notte?”
62
Jointure è propriamente il patrimonio assegnato alla sposa, da
usufruire in caso di vedovanza. Ne perdeva il diritto l’adultera.
63
“Chi mai arma una bella nave per farla giacere nei porti,/ E non per
cercare nuove terre, o far con esse commerci?”

86
Songs and Sonnets

Amor recluso

Qualcuno indegno d’esser proprietario


D’un vecchio o nuovo amore (essendo falso
O impotente egli stesso) pensò bene
Di scemarsi il dolore e la vergogna
Sfogando la sua rabbia sulle donne.
Nacque così una legge, che ciascuna
Conoscere potesse un solo uomo;
Ma fan così le altre creature?

Vieta una legge a sole, luna e stelle


Di spander luce dove e come vogliono?
Divorziano gli uccelli, o son sgridati
Se passano una notte fuor dal nido?
Non pèrdono la dote, gli animali,
Se anche scelgono sempre nuovi amanti:
Ma noi siam messi peggio delle bestie.

Chi arma navi per tenerle in porto


E non per commerciar con nuove terre?
Chi erige belle case, parchi e pergole,
Per poi lasciarle vuote finché cadono?
Un bene non è un bene, se migliaia
Non possono goderne la bontà,
Ma va sprecato per avidità.

87
John Donne

The Dreame (Deare love)

Deare love, for nothing lesse then thee


Would I have broke this happy dreame,
It was a theame
For reason, much too strong for phantasie,
Therefore thou wakd’st me wisely; yet
My Dreame thou brok’st not, but continued’st it,
Thou art so truth that thoughts of thee suffice,
To make dreames truths; and fables histories;
Enter these armes, for since thou thoughts it best,
Not to dreame all my dreame, let’s act the rest.64

As lightning, or a Tapers light,


Thine eyes, and not thy noise wak’d mee;
Yet I thought thee
(For thou lov’st truth) an Angell, at first sight,
But when I saw thou saw’st my heart,
And knew’st my thoughts, beyond an Angels art,
When thou knew’st what I dreamt, when thou knew’st when
Excesse of joy would wake me, and cam’st then
I doe confesse, it could not chuse but bee
Prophane, to thinke thee any thing but thee. 65

64
“Entra fra queste braccia, e dal momento che hai pensato che era
meglio / che io non sognassi tutto il mio sogno, facciamo il resto.”
65
“Come lampo, o lume di candela,/ I tuoi occhi, e non il tuo rumore mi
svegliarono;/Perciò ho creduto che tu fossi/ (Poiché tu ami la verità) un
angelo, a prima vista,/Ma quando ho visto che tu vedevi il mio cuore,/E
conoscevi i miei pensieri, oltre l’arte d’un angelo,/ Quando tu sapevi cosa
io sognavo, quando tu sapevi quando/ L’eccesso di gioia mi avrebbe
svegliato, e allora sei venuta/ Confesso che non poteva che essere/
Sacrilego, pensare che tu fossi qualsiasi altra cosa eccetto te.”

88
Songs and Sonnets

Il sogno (Per nessun altro)

Per nessun altro, amore, eccetto te,


Avrei interrotto questo dolce sogno;
Ma il suo tema era adatto alla ragione,
Troppo gagliardo per la fantasia!
Hai fatto perciò bene a risvegliarmi,
Anzi, a farmi sognare, ora, da sveglio:
Sei così vera che, solo a pensarti,
Rendi i sogni realtà, le fiabe storia.
Entra fra queste braccia, e del mio sogno,
Che hai interrotto a metà, facciamo il resto.

Non il rumore mi svegliò dei passi


Ma come lampo o luce di candela
I tuoi occhi - sebbene io esitassi:
A prima vista un angelo parevi;
Ma poi vidi che in cuore mi vedevi,
Che i miei stessi pensieri tu pensavi,
- Non è un angelo questo! - Tu sapevi
Quel che stavo sognando, e in che momento
Traboccando m’avrebbe risvegliato
La troppa gioia: allora sei venuta!
Uomo di poca fede, ho dubitato
Che tu non fossi tu: questo il peccato.

89
John Donne

Comming and staying show’d thee, thee,


But rising makes me doubt, that now,
Thou art not thou.
That love is weake, where feare’s as strong as hee;
’Tis not all spirit, pure, and brave,
If mixture it of Feare, Shame, Honor, have.
Perchance as torches which must ready bee,
Men light and put out, so thou deal’st with mee,
Thou cam’st to kindle, goest to come; Then I
Will dreame that hope againe, but else would die.

90
Songs and Sonnets

Se vieni e resti, so che tu sei tu,


Ma se ora t’alzi, non lo so già più.
Fiacco è l’amore che ha rivale il dubbio:
Non c’è spirito schietto e vincitore
Misto a paura, dignità, pudore.
Forse, come la torcia che a bruciare
Teniamo pronta, e viene accesa e spenta,
Così tu fai con me: vieni e m’accendi,
E vai per poi venire. Io ancora questa
Speranza sognerò, per non morire.

91
John Donne

A Valediction: of weeping

Let me powre forth


My teares before thy face, whil’st I stay here, 66
For thy face coines them, and thy stampe they beare,
And by this Mintage they are something worth,
For thus they bee
Pregnant of thee;
Fruits of much griefe they are, emblemes of more,
When a teare falls, that thou falls which it bore,
So thou and I are nothing then, when on a divers shore.

On a round ball
A workeman that hath copies by, can lay
An Europe, Afrique, and an Asia,
And quickly make that, which was nothing, All.
So doth each teare,
Which thee doth weare,
A globe, yea world by that impression grow,
Till thy teares mixt with mine doe overflow
This world, by waters sent from thee, my heaven dissolved so.

O more then Moone,


Draw not up seas to drowne me in thy spheare,
Weepe me not dead, in thine armes, but forbeare
To teach the sea, what it may doe too soone;
Let not the winde

66
Here, a casa. Ma forse è meglio immaginare questo commiato su un
molo, il veliero pronto a salpare.

92
Songs and Sonnets

Un addio: del piangere

Lascia ch’io versi


Qui davanti al tuo viso le mie lacrime,
Finché son qui, ché il viso tuo le conia,
Il tuo stampo esse portano, e per questo
Marchio di zecca solo hanno un valore,
Così che restino
Pregne di te;
Frutti di gran travaglio, sono emblemi
D’uno maggiore: se una d’esse cade,
Cade quel Tu che lei si porta in grembo;
Vedi, più nulla siamo noi su separato lembo.

Sopra una sfera,


Un artigiano che n’abbia le mappe
Può in poco tempo stendere e applicare
Un’Europa, un’Africa, e un’Asia,
Ed ecco fatto, da un nonnulla, il Tutto;
Così ogni lacrima
Di te vestita,
Diventa un globo, un mondo a tuo ritratto,
Finché, mischiate con le mie, le tue
Lacrime questo mondo non sommergono
D’acque che da te cadono, mio così sciolto cielo.

O più che luna,


Non sollevare i flutti ad annegarmi
Nella tua sfera, non piangermi morto,
Astieniti dall’insegnare al mare
Quel che ben presto ahimè potrebbe fare;
Non far che il vento

93
John Donne

Example finde,
To doe me more harme, then it purposeth;
Since thou and I sigh one anothers breath,
Who e’r sighes most, is cruellest, and hasts the others death. 67

67
Poesia di commiato, scritta in occasione d’uno dei viaggi di Donne sul
continente, al seguito dei vari notabili: ‘Spesso, noi due, diluvi abbiamo
pianto / ad affogarvi il mondo intero: il nostro... e più volte l’assenza ci
sottrasse / l’anima, lasciando due carcasse’ (Nocturnal).

94
Songs and Sonnets

Trovi un esempio
Per danneggiarmi più che n’abbia intento;
Perciò, non sospiriamo così forte,
Io sopra i tuoi, tu sopra i miei respiri:
Chi più sospira è più crudele, e affretta l’altro a morte.

95
John Donne

Loves Alchymie

Some that have deeper digg’d loves Myne then I,


Say, where his centrique happinesse doth lie:
I have lov’d, and got, and told,
But should I love, get, tell, till I were old,
I should not finde that hidden mysterie;
Oh, ’tis imposture all:
And as no chymique yet th’Elixar got,
But glorifies his pregnant pot,
If by the way to him befall
Some odoriferous thing, or med’cinall,
So, lovers dreame a rich and long delight,
But get a winter-seeming summers night.

Our ease, our thrift, our honor, and our day,


Shall we, for this vaine Bubles shadow pay?
Ends love in this, that my man,
Can be as happy’as I can; If he can
Endure the short scorne of a Bridegroomes play?
That loving wretch that sweares,
’Tis not the bodies marry, but the mindes,
Which he in her Angelique findes,
Would sweare as justly, that he heares,
In that dayes rude hoarse minstralsey, the spheares.
Hope not for minde in women; at their best
Sweetnesse and wit, they’are but Mummy, possest.

96
Songs and Sonnets

Alchimia d’amore

Alcuni che hanno più di me scavato


La miniera d’amore sanno dove
È il centro della sua felicità:
Io ho amato, e avuto, e raccontato,
Ma se anche amassi, avessi e raccontassi
Ancora duecent’anni, mai potrei
Scoprire quel recondito mistero;
Ah, è tutta un’impostura! Come ancora
Un alchimista non ha mai ottenuto
L’Elisire, ma celebra il suo fertile
Crogiolo, se per caso vi ritrovi
Qualche sostanza profumata o un farmaco,
Così gli amanti sognano un diletto
Lungo e ricco, ma ottengono soltanto
Una notte d’inverno in pieno agosto.

Calma, sostanza, onore, e infin la vita


Daremo noi per queste futili ombre
Di bolle di sapone? È tutto qui
L’amore, che chiunque abbia passato
La breve umiliazione delle nozze
Può essere felice quanto me?
Quel disgraziato amante che spergiura
Che non si sposa il corpo, ma la mente
(Che nella donna è poi quella d’un angelo),
Potrebbe anche giurare di sentire
Nei canti rochi e rozzi di quel giorno
L’armonia delle sfere. Non sperare
Nelle donne una mente: per dolcissime
E brillanti che siano ritenute,
Non sono altro che mummie, possedute.

97
John Donne

The Curse

Whoever guesses, thinks, or dreames he knowes


Who is my mistris, wither by this curse;
His only, and only his purse
May some dull heart to love dispose,
And shee yield then to all that are his foes;
May he be scorn’d by one, whom all else scorne,
Forsweare to others, what to her he’hath sworne,
With feare of missing, shame of getting, torne; 68

Madnesse his sorrow, gout his cramp, may hee


Make, by but thinking, who hath made him such;
And may he feel no touch
Of conscience, but of fame, and be e
Anguish’d, not that ’twas sinne, but that ’twas shee;
In early and long scarcenesse may he rot,
For land which had been his, if he had not
Himselfe incestuously an heire begot; 69

May he dreame Treason, and beleeve, that hee


Meant to performe it, and confesse, and die,
And no record tell why;
His sons, which none of his may bee,
Inherite nothing but his infamie;

68
“Spergiuri agli altri ciò che ha giurato a lei, / combattuto fra la paura di
perderla e la vergogna d’averla”.
69
“Perché sarebbe stata sua la tenuta, se non avesse / generato egli stesso
un erede incestuoso”. Ai fini ereditari i figli d’incesto erano equiparati ai
legittimi.

98
Songs and Sonnets

La maledizione

Chi crede, pensa o sogna di sapere


Chi è la mia padrona, lo stecchisca
Questa maledizione:
Solo e soltanto i suoi quattrini possano
Invogliare una stupida ad amarlo,
(Che poi si darà a tutti i suoi nemici);
Sia lo spasso di chi è di spasso a tutti:
E quel che a lei promette, per non perderla,
Lo neghi in giro poi, rosso d’averla.

Di dolor dia in follia, di crampi in gotta,


Solo a pensare a chi l’ha reso tale,
E rimorso non senta
Di coscienza, ma solo dello scandalo,
E non perché ha peccato, ma con chi.
Possa marcire in squallida miseria,
Per il bastardo fatto con sua zia,
Che erediterà tutto al posto suo.

Possa sognare di tradire il re,


E credere di farlo, e confessarlo,
E morire perciò,
Senza una carta che dica perché:
In modo da lasciare ai propri figli
(Di cui nessuno è suo) solo l’infamia;

99
John Donne

Or may he so long Parasites have fed,


That he would faine be theirs, whom he hath bred,
And at the last be circumcis’d for bread: 70

The venom of all stepdames, gamesters gall,


What Tyrans, and their subjects interwish,
What Plants, Mines, Beasts, Foule, Fish,
Can contribute, all ill which all
Prophets, or Poets spake; And all which shall
Be annex’d in schedules unto this by mee,
Fall on that man; For if it be a shee
Nature before hand hath out-cursed mee. 71

70
“O possa così a lungo aver nutrito parassiti/ Da diventare uno di coloro
che ha allevato,/ E infine essere circonciso per pane”. Gli ebrei
soccorrevano i bisognosi che si convertivano.
71
Lo Ellrodt (op.cit.) interpreta: “Perché, se è una donna, / La Natura in
anticipo l’ha maledetta più di me.”

100
Songs and Sonnets

O sfami così a lungo parassiti


Da dover diventare uno di loro,
Fino a farsi giudeo per una briciola.

Il veleno di tutte le comari,


Fiele di giocatore, gli accidenti
Che si scambiano sudditi e tiranni,
Tutto ciò che miniere, piante e bestie
Possano offrire, e tutte le disgrazie
Che i profeti e i poeti hanno cantato,
Più tutte quelle che saranno aggiunte
In catalogo a questa mia d’adesso,
Cadano su quel tizio (anche perché
Fosse una tizia, certo la natura
Avrebbe già stramaledetto me).

101
John Donne

The Message

Send home my long strayd eyes to mee,


Which (Oh) too long have dwelt on thee,
Yet since there they have learn’d such ill,
Such forc’d fashions,
And false passions,
That they be
Made by thee
Fit for no good sight, keep them still.

Send home my harmlesse heart againe,


Which no unworthy thought could staine,
But if it be taught by thine
To make jestings
Of protestings,
And crosse both
Word and oath,
Keepe it, for then ’tis none of mine.

Yet send me back my heart and eyes,


That I may know, and see thy lyes,
And may laugh and joy, when thou
Art in anguish
And dost languish
For some one
That will none,
Or prove as false as thou art now.

102
Songs and Sonnets

Il messaggio

Rimandami i miei occhi vagabondi,


Che troppo son rimasti su di te,
Ma se da te hanno appreso qualche vizio,
Affettazioni,
False passioni,
E me li hai resi
Buoni a distinguere
Più un accidente, allora tienli pure.

Rimandami anche il cuore mio innocente,


Che non aveva macchia di bassezza,
Ma se dal tuo dovesse aver appreso
A far giochetti
Scuse e trucchetti,
A imbrogliare
Parole e impegni
Tientelo pure: non è roba mia.

Ma sì, mandami indietro cuore ed occhi,


Ch’io sappia e veda quanto sei bugiarda,
E goda e rida mentre tu
Ti stai struggendo
E tormentando
Per qualcun’altro
Che non ti fila,
O si dimostra falso come te.

103
John Donne

A nocturnall upon S. Lucies day,


being the shortest day

Tis the yeares midnight, and it is the dayes,


Lucies, who scarce seaven houres herself unmaskes,
The Sunne is spent, and now his flasks
Send forth light squibs, no constant rayes;
The world’s whole sap is sunke:
The generall baime th’hydroptique earth hath drunk,
Whither, as to the beds-feet, life is shrunke,
Dead and enterr’d; yet all these seeme to laugh,
Compar’d with mee, who am their Epitaph.

Study me then, you who shall lovers bee


At the next world, that is, at the next Spring:
For I am every dead thing,
In whom love wrought new Alchimie.
For his art did expresse
A quintessence even from nothingnesse,
From dull privations, and leane emptinesse:
He ruin’d mee, and I am re-begot
Of absence, darknesse, death; things which are not.

All others, from all things, draw all that’s good,


Life, soule, forme, spirit, whence they beeing have;
I, by loves limbecke, am the grave
Of all, that’s nothing. Oft a flood
Have wee two wept, and so
Drownd the whole world, us two; oft did we grow

104
Songs and Sonnets

Notturno sul giorno di Lucia,


il più corto che ci sia

Questa è la mezzanotte, sia dell’anno,


E sia del giorno di Lucia, che smaschera
Se stessa per sette ore appena: il sole
È stanco, le sue fiasche mandano
Fiochi barbagli, non raggi costanti;
Il mondo ha perso tutta la sua linfa:
L’universale balsamo ha bevuto
Questa idropica terra, in cui la vita
S’è ritirata come a pié d’un letto,
Morta e sepolta; eppure, come tutto
Sembra che rida e scherzi a questo mondo,
Appetto a me, che sono il suo epitaffio!

Studiate dunque me, voi che nel prossimo


Mondo, la primavera che verrà,
Sarete amanti: perché io son tutto
Quel che esiste di morto, e su cui amore
Una nuova alchimia abbia operato,
L’arte sua distillando quintessenza
Dal nulla, dalle dure privazioni,
Dal magro vuoto: è lui che m’ha distrutto,
E daccapo son fatto ora d’assenza,
Tenebra, morte, pura inesistenza!

Traggono, tutti gli altri, dalle cose


Tutti quei beni - vita, anima, forma,
Mente - su cui l’esistere si fonda;
Dall’alambicco dell’amore, io, tomba
Di tutto sono uscito, e dunque, un nulla.
Spesso, noi due, diluvi abbiamo pianto
Ad annegarvi il mondo intero: il nostro.

105
John Donne

To be two Chaosses, when we did show


Care to ought else; and often absences
Withdrew our soules, and made us carcasses.

But I am by her death, (which word wrongs her)


Of the first nothing, the Elixer grown; 72
Were I a man, that I were one,
I needs must know; I should preferre,
If I were any beast,
Some ends, some means; Yea plants, yea stones detest,
And love; All, all some properties invest;
If I an ordinary nothing were,
As shadow, a light, and body must be here.

But I am None; nor will my Sunne renew.


You lovers, for whose sake, the lesser Sunne
At this time to the Goat is runne
To fetch new lust, and give it you,
Enjoy your summer all;
Since shee enjoyes her long nights festivall,
Let mee prepare towards her, and let mee call
This houre her Vigill, and her Eve, since this
Both the yeares, and the dayes deep midnight is.73

72
Al Iqsir, la quintessenza.
73
Evidentemente scritto per Anne. Scrive il Walton che Donne, mentre
era a Parigi al séguito di Sir John Drury, la notte sul 13 dicembre 1611
sognò Anne - rimasta in Inghilterra, incinta come al solito - con un
bimbo morto in braccio.

106
Songs and Sonnets

Spesso due caos, siamo diventati,


Dovendo fingere interesse ad altro;
E più volte l’assenza ci sottrasse
Le anime, lasciando due carcasse.

Ora, con la sua morte (e la parola


L’offende) io son fatto l’Elisir
Del nulla primordiale. Fossi un uomo,
Saprei d’essere un uomo; o mi darei,
Se fossi un animale, un qualche scopo,
O dei mezzi; anche le piante, anche le pietre
Odiano e amano, tutti si rivestono
Di qualche proprietà: se fossi un nulla
Da nulla come un’ombra, ci sarà
Pure una luce e un corpo che l’ingombra!

Ma io nemmeno un’ombra sono, né il mio


Sole riavrò. È per voi, futuri amanti,
Che il minor sole corre in Capricorno
A prendere e portar nuova lussuria
A voi. Godetevi perciò la vostra
Estate, mentre lei gode la festa
Della sua lunga notte. E perciò fatemi
Preparare incontro a lei, e quest’ora,
Fatemela chiamare sua Vigilia,
E sua Veglia, perché questa è dell’anno,
Ed è del giorno, mezzanotte fonda.74

74
Un messo, mandato apposta a Londra, tornò dopo dodici giorni con la
notizia che Anne aveva dato alla luce un figlio morto. Sarà sepolto il 4
gennaio. Intanto John, scosso dalla visione, aveva pensato che anche
Anne fosse morta, durante il parto (come avverrà realmente sei anni
dopo), e in questo stato d’animo compose questa poesia.

107
John Donne

Witchcraft by a Picture

I fixe mine eye on thine, and there


Pitty my picture burning in thine eye,
My picture drown’d in a transparent teare,
When I looke lower I espie;
Hadst thou the wicked skill
By pictures made and mard, to kill,
How many wayes mightst thou performe thy will?

But now I’have drunke thy sweet salt teares,


And though thou poure more I’ll depart;
My picture vanish’d, vanish feares,
That I can be endamag’d by that art;
Though thou retaine of mee
One picture more, yet that will bee,
Being in thine owne heart, from all malice free.

108
Songs and Sonnets

Fattura su un ritratto

Fisso il mio occhio dentro il tuo e compiango


Il mio ritratto che là dentro brucia.
Guardo più in basso e vedo il mio ritratto
In trasparenti lacrime annegato.
Avessi mai tu l’arte stregonesca
D’uccidere armeggiando coi ritratti,
In quanti modi non potresti farlo?

Ma ora che ho bevuto le tue lacrime


Dolci e salate, piangi quanto vuoi:
Me ne vado. Sparito il mio ritratto
Sparisce anche il timore del malocchio.
(Benché di me tu n’abbia ancora un altro,
Di ritratti; ma già, quello è al sicuro,
Nascosto nel tuo cuore, da ogni danno).

109
John Donne

The Bait

Come live with mee, and bee my love, 75


And we will some new pleasures prove
Of golden sands, and chhristal brookes,
With silken lines, and silver hookes.

There will the river whispering runne


Warm’d by thy eyes, more that the Sunne.
And there the’inamor’d fish will stay,
Begging themselves they may betray.

When thou wilt swimme in that live bath,


Each fish, which every channell hath, 76
Will amorously to thee swimme,
Gladder to catch thee, then thou him.

If thou, to be so seene, beest loath,


By Sunne, or Moone, thou darknest both.
And if my selfe have leave to see,
I need not their light, having thee.

Let others freeze with angling reeds,


And cut their legges, with shells and weeds,
Or treacherously poore fish beset,
With strangling snare, or windowie net;

Let coarse bold hands, from slimy nest


The bedded fish in banks out-wrest,
Or curious traitors, sleavesilke flies
Bewitch poore fishes wandring eyes.

75
È il titolo d’un poemetto di Marlowe, pubblicato nel 1599, che Donne
prende qui amabilmente in giro.
76
Il canale della Manica e quello di S.Giorgio, verso l’Irlanda.

110
Songs and Sonnets

L’esca

Vieni a viver con me, e sii il mio amore,


Nuovi piaceri insieme proveremo
Di sabbie d’oro e rivi di cristallo;
Lenze di seta avremo, e ami d’argento.

Là il fiume sussurrando scorrerà,


Dagli occhi tuoi più che dal sol scaldato,
Là il pesce innamorato sosterà
A supplicare d’essere pescato.

Quando tu nuoterai in quel vivo bagno


Ogni pesce dall’uno e l’altro mare
Verrà da te amoroso, più felice
D’acchiappare lui te che non tu lui.

Se sei restia, che sole o luna possano


Vederti nuda, tu li accechi entrambi.
E se mi dai il permesso di guardare
Avendo te, la loro luce è inutile.

Gelino gli altri, i pescatori a canna,


Tagliuzzati da alghe e da conchiglie,
O chi stende tramagli in cui si strozzano
Poveri pesci presi a tradimento.

Lascia che rozze mani ardite stanino


L’anguilla a letto nel melmoso nido,
O che sericee mosche infide incantino
L’occhio errabondo dei poveri pesci

111
John Donne

For thee, thou needst no such deceit,


For thou thy selfe art thine own bait.
That fish, that is not catch’d thereby,
Alas, is wiser farre then I.

112
Songs and Sonnets

Non hai bisogno, tu, di queste trappole,


Perché sei l’esca solo di te stessa.
Il pesce che al tuo amo non abbocca
Oh quant’è saggio, molto più di me.

113
John Donne

The Apparition

When by thy scorne, O murdresse, I am dead,


And that thou thinkst thee free
From all solicitation from mee,
Then shall my ghost come to thy bed,
And thee, fain’d vestall, in worse armes shall see;
Then thy sicke taper will begin to winke, 77
And he, whose thou art then, being tyr’d before,
Will, if thou stirre, or pinch to wake him, thinke
Thou call’st for more,
And in false sleepe will from thee shrinke,
And then poore Aspen wretch, neglected thou
Bath’d in a cold quicksilver sweat wilt lye78
A veryer ghost then I;
What I will say, I will not tell thee now,
Lest than preserve thee;’and since my love is spent,
I’had rather thou shouldst painfully repent,
Then by my threatnings rest still innocent.

77
Sicke traducono alti ‘malata’, che non ha senso: la consunzione della
candela spiega la stanchezza di cui al verso dopo.
78
A perle minute e fredde, simili all’argento vivo.

114
Songs and Sonnets

L’apparizione

Quando dal tuo disprezzo sarò morto,


E crederai d’averla fatta franca,
Assassina, da ogni mia insistenza,
Verrà a piè del tuo letto il mio fantasma,
E ti vedrà, finta vestale, in braccia
Peggiori delle mie; la tua candela,
Consunta, si metterà a tremare,
E colui di cui sei, stanco di prima,
Penserà, se lo scuoti per svegliarlo,
Che tu ne voglia ancora, e in finto sonno
Da te si staccherà; così, da sola,
Povera sciagurata, tremerai,
Bagnata d’un sudore mercuriale,
Più fantasma di me; né voglio dirti
Ora ciò che ho da dire, tu non abbia
A premunirti. Il mio amore è finito:
Meglio che tu ti penta in duoli e pianti,
Che, per le mie minacce, te la scampi.

115
John Donne

The broken heart

He is starke mad, who ever sayes,


That he hath beene in love an houre,
Yet not that love so soone decayes,
But that it can tenne in lesse space devour;
Who will beleeve mee, if I sweare
That I have had the plague a yeare?
Who would not laugh at mee, if I should say,
I saw a flaske of powder burne a day?

Ah, what a trifle is a heart,


If once into loves hands it come!
All other griefes allow a part
To other griefes, and aske themselves but some;
They come to us, but us Love draws,
Hee swallows us, and never chawes:
By him, as by chain-shot, whole rankes doe dye, 79
He is the tyran Pike, our hearts the Frye.

If ’twere not so, what did become


Of my heart, when I first saw thee?
I brought a heart into the roome,
But from the roome, I carried none with mee;
If it had gone to thee, I know
Mine would have taught thy heart to show
More pitty unto mee: but Love, alas,
At one first blow did shiver it as glasse.

79
“Tutte le altre pene concedono un parte (del cuore) / alle altre pene, e
(ne) chiedono esse stesse solo un po’; / Esse vengono a noi, ma l’Amore
ci afferra, / Ci inghiotte, e non ci mastica mai: / Per causa sua, come da
palle incatenate, intere schiere muoiono”. Chain-shot è il proiettile
costituito da due o più palle incatenate fra loro, naturalmente sparate
dalla stessa bocca.

116
Songs and Sonnets

Il cuore infranto

È matto da legare chiunque giuri


Che è stato innamorato per un’ora;
E non perché l’amore meno duri,
Ma perché dieci, intanto, ne divora;
Chi mai mi crederebbe se dicessi
Che ho sofferto di peste per un anno?
E chi non riderebbe se giurassi
Che una bomba è scoppiata un giorno intero? 80

Ah, che miseria il cuore, appena cade


Nelle mani d’Amore: ogni altra pena
Si stringe per far posto alle altre pene
Che s’affacciano al cuore, mentre Amore
Ci piglia e ci divora in un boccone,
Senza nemmeno masticarci; a schiere
Intere ci mitraglia; lui è il luccio
Predone, i nostri cuori minutaglia.

Se non fosse così, cos’è accaduto


Al mio cuore, il giorno che ti vidi?
Avevo un cuore quando entrai da te,
Ma non l’avevo più quando ne uscii;
Fosse da te venuto, so che avrebbe
Insegnato al tuo cuore a dimostrarsi
Più pietoso con me; ma Amore, ahimè,
Lo spezzò in un sol colpo, come vetro.

80
“Che ho visto una fiaschetta di polvere da sparo bruciare per un
giorno.”

117
John Donne

Yet nothing can to nothing fall,


Nor any place be empty quite,
Therefore I thinke my breast hath all
Those peeces still, though they be not unite;
And now as broken glasses show
A hundred lesser faces, so
My ragges of heart can like, wish, and adore,
But after one such love, can love no more.

118
Songs and Sonnets

Però, se nulla può ridursi in nulla,


Né può esistere un luogo affatto vuoto,
Tutti quei pezzi io devo ancora averli
Sparsi nel petto; e come i vetri rotti
Rifanno cento volti più piccini,
Le mie schegge di cuore possono ora
Apprezzare, invaghirsi e adorare,
Ma, dopo un tale amore, non più amare.

119
John Donne

A Valediction: forbidding mourning

As virtuous men passe mildly’away,


And whisper to their soules, to goe,
Whilst some of their sad friends doe say,
The breath goes now, and some say, no:

So let us melt, and make no noise,


No teare-floods, nor sigh-tempests move,
’Twere prophanation of our joyes
To tell the layetie our love.

Moving of th’earth brings harmes and feares,


Men reckon what it did and meant,
But trepidation of the spheares,
Though greater farre, is innocent.

Dull sublunary lovers love


(Whose soule is sense) cannot admit
Absence, because it doth remove
Those things which elemented it.

But we by ’a love, so much refin’d,


That our selves know not what it is,
Inter-assured of the mind,
Care lesse, eyes, lips, and hands to misse.

Our two soules therefore, which are one,


Though I must goe, endure not yet
A breach, but an expansion,
Like gold to ayery thinnesse beate.

120
Songs and Sonnets

Un addio: vietato dolersi

Come se ne va il buono, sussurrando


All’anima, sommesso, di partire,
Mentre gli amici, tristi: «Sta spirando»
Dicono alcuni, ed altri ancora: «No»,

Così sia il nostro addio, senza rumore,


Senza mari di lacrime e sospiri;
Sarebbe un profanar le nostre gioie
Rivelare ai profani il nostro amore.

Che cos’è un terremoto, e cosa fa,


Lo sanno tutti: panico e rovine;
Ma la trepidazione delle sfere,
Moto molto più vasto, è inoffensiva.

Il rozzo amore dei terreni amanti,


Che è animato dai sensi, non può ammettere
L’assenza, perché questa gli sottrae
Quegli stessi elementi di cui è fatto.

Ma noi, rassicurati nella mente


L’un l’altra da un amore così puro,
Che noi stessi ignoriamo in che consista,
Che c’importa più d’occhi, labbra e mani?

Le anime nostre, che di due sono una,


Dal mio dover partire non subiscono
Una lacerazione, ma un’espandersi,
Come oro in più sottil foglia battuto.

121
John Donne

If they be two, they are two so


As stiffe twin compasses are two,
Thy soule the fixt foot, makes no show
To move, but doth, if the’other doe.

And though it in the center sit,


Yet when the other far doth rome,
It leanes, and hearkens after it,
And growes erect, as it comes home.

Such wilt thou be to mee, who must


Like th’other foot, obliquely runne;
Thy firmnes makes my circle just,
And makes me end, where I begunne.

122
Songs and Sonnets

O se son due, lo sono al modo stesso


Delle due gambe unite nel compasso:
L’anima tua, che è fissa, non fa mostra
Di muoversi: lo fa se lo fa l’altra.

E benché salda nel suo centro, pure,


Quando l’altra da lei lontana gira,
Verso quella s’inclina e si protende,
E si raddrizza quando l’altra torna.

Tale tu sei per me, che devo correre


Obliquamente, come l’altra gamba;
La tua fermezza fa il mio cerchio esatto,
Dandomi fine dove ho avuto inizio.

123
John Donne

The Exstasie

Where, like a pillow on a bed,


A Pregnant banke swel’d up, to rest
The violets reclining head,
Sat we two, one anothers best;

Our hands were firmely cimented


With a fast balme, which thence did spring,
Our eye-beames twisted, and did thred
Our eyes, upon one double string;

So to’entergraft our hands, as yet


Was all our meanes to make us one,
And pictures on our eyes to get
Was all our propagation.

As ’twixt two equal Armies, Fate


Suspends uncertaine victorie,
Our soules, (which to advance their state,
Were gone out,) hung ’twixt her, and mee.

And whil’st our soules negotiate there,


Wee like sepulchrall statues lay;
All day, the same our postures were,
And wee said nothing, all the day.

If any, so by love refin’d,


That he soules language understood,
And by good love were grown all minde,
Within convenient distance stood,

124
Songs and Sonnets

L’estasi

Dove, come un guanciale sopra un letto,


S’alza la pregna riva a dar riposo
Al capo chino della violetta,
Sedevamo noi due, l’uno dell’altra,

Le mani cementate nella stretta


Dal balsamo tenace che n’usciva,
Gli sguardi attorcigliati in una treccia
Che c’infilzava gli occhi a doppio filo. 81

Innestare così le nostre mani,


Fu, fino a lì, tutta la nostra unione,
E figliarci ritratti dentro gli occhi,
L’unico modo di riproduzione.

Come il fato indeciso fra due uguali


Eserciti sospende la vittoria,
Così le nostre anime esitavano,
Fra lei e me, sortite al contrattacco;

E mentre discutevano tra loro,


Come statue tombali noi stavamo:
Per tutto il giorno quella fu la posa,
Senza dire mai nulla, tutto il giorno.

Se uno, così edotto dall’amore


Da intendere dell’anime il linguaggio,
E, da perfetto amore reso puro
Spirito, fosse stato a giusto raggio,

81
Per la scienza aristotelica la visione procedeva dall’occhio.

125
John Donne

He (though he knew not which soule spake,


Because both meant, both spake the same)
Might thence a new concoction take,
And part farre purer then he came.

This Extasie doth unperplex


(We said) and tell us what we love,
Wee see by this, it was not sexe,
Wee see, we saw not what did move: 82

But as all severall soules containe


Mixture of things, they know not what,
Love, these mixt soules, doth mixe againe,
And makes both one, each this and that.

A single violet transplant,


The strength, the colour, and the size,
All which before was poore, and scant,
Redoubles still, and multiplies.

When love, with one another so


Interinanimates two soules;
That abler soule, which thence doth flow,
Defects of lonelinesse controules. 83

Wee then, who are this new soule, know,


Of what we are compos’d, and made,
For, th’Atomies of which we grow,
Are soules, whom no change can invade. 84

82
“Vediamo che non abbiamo visto il movente”.
83
“Corregge i difetti della solitudine”, cioè delle due anime separate.
84
È il mutamento che ingenera incertezza e dubbio: basi invece della
moderna scienza, giustamente disprezzate finché si poté avere la certezza
d’un firmamento immutabile.

126
Songs and Sonnets

(Quale che fosse l’anima a parlare,


Ché l’intendere e il dire era lo stesso),
N’avrebbe ricevuta tanta arsione
Da più puro partir di che si venne.

L’estasi (dicevamo) dà certezza,


Ci dice che cos’è quello che amiamo,
Da lei vediamo che non era il sesso,
Vediamo la ferita e non la freccia.

Questo perché le anime contengono


Un miscuglio di cose che non sanno:
È l’amore che a coppie le rimescola
E di due una ne fa, che è questa e quella.

Trapiantate una singola violetta:


Ogni cosa che prima era rachitica,
La forza, il colorito, la grandezza,
Raddoppia di vigore e si moltiplica.

Quando l’amore mescola e ravviva


Due anime così, l’una con l’altra,
L’anima terza che di lor deriva
Delle materne pecche è fatta scaltra.

Ecco perché noi ora, che quest’anima


Siamo, sappiamo come siamo fatti:
Gli atomi che ci formano, difatti,
Al mutamento sono tetragoni.

127
John Donne

But O alas, so long, so farre


Our bodies why doe wee forbeare?
They’are ours, though they’are not wee. Wee are
Th’intelligences, they the spheare.

We owe them thankes, because they thus,


Did us, to us, at first convay,
Yelded their forces, sense, to us,
Nor are drosse to us, but allay.

On man heavens influence workes not so,


But that it first imprints the ayre,
Soe soule into the soule may flow,
Though it to body first repaire.

As our blood labours to beget


Spirits, as like soules as it can,85
Because such fingers need to knit
That subtile knot, which makes us man:

So must pure lovers soules descend


T’affections, and to faculties,
Which sense may reach and apprehend,
Else a great Prince in prison lies.86

To’our bodies turne wee then, that so


Weake men on love reveal’d may looke;
Loves mysteries in soules doe grow,
But yet the body is his booke.

85
Sono i cinque spiriti, uno per senso, più il sesto, il generativo. Soltanto
gatti e donne ne hanno un settimo.
86
È l’Amore, che regna o è prigioniero del cuore, a seconda che l’amata
acconsenta o no. Vedi il sonetto CXL del Petrarca, che Donne certamente
conosceva, se non altro nella traduzione del Wyatt e del Surrey.

128
Songs and Sonnets

Ma perché tanto a lungo, ahimè, e distanti,


Ci teniamo così dai nostri corpi?
Certo non sono noi, ma sono nostri:
Noi siamo intelligenze, e loro sfere.

Bisogna ringraziarli: sono loro


Che per primi ci fecero conoscere,
Che ci hanno dato, con le forze, i sensi:
Non sono scoria dunque, a noi, ma lega.

Come non può dal cielo influsso agire


Sull’uomo, se non calchi prima l’aria,
Così anima con anima confluire
Non può, se dentro un corpo non ripara;

Là il nostro sangue s’affatica a crescere


Spiriti, quanto può, simili ad anime:
Son queste dita che annodare devono
Quel fine nodo che ci rende uomini.

Perciò l’anima amante deve scendere


A quegli affetti, a quelle facoltà,
Che solo il senso può dare e ricevere;
Altrimenti un gran Principe è in prigione.

Ai nostri corpi, dunque! Affinché gli uomini


Fiacchi vedano amor che si rivela,
Ché il mistero d’amor l’anima cresce,
Ma solo il corpo è il libro che lo svela.

129
John Donne

And if some lover, such as wee,


Have heard this dialogue of one,
Let him still marke us, he shall see
Small change, when we’are to bodies gone. 87

87
“Séguiti pure a guardarci e vedrà (solo) un piccolo cambiamento,
quando saremo tornate ai corpi”. Con qualche malizia, tanto sono simili
la postura amorosa e quella tombale.

130
Songs and Sonnets

E se un amante avesse, al par di noi,


Udito questo dialogo a una voce,
Ci guardi d’ora in poi, e vedrà ben poco
Cambiamento, rientrati noi nei corpi.

131
John Donne

Loves Deitie

I long to talke with some old lovers ghost,


Who dyed before the god of Love was borne:
I cannot thinke that hee, who then lov’d most,
Sunke so low, as to love one which did scorne.
But since this god produc’d a destinie,
And that vice-nature, custome, lets it be;
I must love her, that loves not mee.

Sure, they which made him god, meant not so much:


Nor he, in his young godhead practis’d it.
But when an even flame two hearts did touch,
His office was indulgently to fit
Actives to passives: Correspondencie
Only his subject was. It cannot bee
Love, till I love her, that loves mee.

But every moderne god will now extend


His vast prerogative, as far as Jove.
To rage, to lust, to write to, to commend,
All is the purlewe of the God of Love.
Oh were wee wak’ned by this Tyrannic
To’ungod this child againe, it could not bee
That I should love, who loves not mee.

132
Songs and Sonnets

Divinità d’amore

Vorrei tanto parlare con lo spirito


Di qualche antico amante, che sia morto
Avanti a che nascesse il dio d’amore,
Perché non credo che uno come lui,
Che in amore a suo tempo era un campione,
Sia sceso così in basso mai da amare
Una che lo spregiasse. Ma siccome
Quel dio cambiò le regole, e l’usanza,
Questa vice-natura, l’ha sancite,
Ahimè, mi tocca amare chi mi spregia.

Chi lo nominò dio non intendeva


Certo arrivare a tanto (e nemmen lui
Praticò i suoi precetti, in gioventù):
Quando un’uguale fiamma pizzicava
Due cuori, suo dovere era adattare,
Benevolo, l’attivo col passivo;
Solo questo il suo compito: l’incastro.
E incastro non può esserci finché
Non amo una che riama me.

Ma ogni dio, oggidì, tira ad estendere


I suoi diritti almeno quanto Giove:
Raccomanda, fa il broncio, scrive, pomicia,
Non ci son più confini al dio d’Amore.
Ah se almeno con questa sua tirannide
Ci spingesse a dimetterlo da dio,
Questo ragazzo! Non esisterebbe
Che io debba amare una che mi spregia.

133
John Donne

Rebell and Atheist too, why murrnure I,


As though I felt the worst that love could doe?
Love might make me leave loving, or might trie
A deeper plague, to make her love mee too,
Which, since she loves before, I’am loth to see;
Falshood is worse then hate; and that must bee,
If shee whom I love, should love mee.

134
Songs and Sonnets

Ateo e ribelle, ma di che mi lagno?


Come se Amor non possa far di peggio!
Potrebbe farmi smettere d’amare,
O affibbiarmi un tormento anche maggiore:
La mia lei che ama me! Cosa che aborro
Solo a pensarci, visto che è d’un altro,
E che l’inganno è peggio dello spregio:
Proprio così a finire andrebbe se,
Quella che amo io, amasse me.

135
John Donne

Loves diet

To what a combersome unwieldinesse


And burdenous corpulence my love had growne,
But that I did, to make it lesse,
And keepe it in proportion,
Give it a diet, made it feed upon
That which love worst endures, discretion.

Above one sigh a day I’allow’d him not,


Of which my fortune, and my faults had part;
And if sometimes by stealth he got
A she sigh from my mistresse heart,
And thought to feast on that, I let him see
’Twas neither very sound, nor meant to me.

If he wroung from mee’a teare, I brin’d it so


With scorne or shame, that him it nourish’d not;
If he suck’d hers, I let him know
’Twas not a teare, which hee had got,
His drink was counterfeit, as was his meat;
For, eyes which rowle towards all, weepe not, but sweat.

What ever he would dictate, I writ that,


But burnt my letters; When she writ to me,
And that that favour made him fat,
I said, if any title bee
Convey’d by this, Ah, what doth it availe,
To be the fortieth name in an entaile?

136
Songs and Sonnets

L’amore messo a dieta

A che mole ingombrante, a che gravosa


Corpulenza il mio amor sarebbe giunto,
Se per farlo snellire, e poi tenerlo
In forma, non l’avessi messo a dieta,
Dandogli da mangiare solo ciò
Che l’amor peggio tollera: giudizio.

Non gli accordai più d’un sospiro al giorno


(Da ripartire con successi e fiaschi),
E se dal cuore della mia padrona
Riceveva ogni tanto di nascosto
Un sospiro, e sperava d’abbuffarcisi,
Io gli facevo in qualche modo intendere
Che non era per me, né salutare.

Se mi strappava un pianto, io ci versavo


Tanto di quello scherno o di vergogna
Da non fargli più pro. Se ne spremeva
Uno a lei, gli dicevo che non erano
Lacrime quelle che egli aveva avuto,
Ma un qualche intruglio, come il cibo: l’occhio
Che tutti sbircia non lacrima, suda.

Tutto quel che dettava lo scrivevo,


Ma bruciavo le lettere; e se a scrivermi
Era lei (al che lui metteva un chilo)
Dicevo: «Anche se qui c’è un qualche titolo,
A che mi serve se poi mi precedono
Trentanove aspiranti nella lista?»

137
John Donne

Thus I reclaim’d my buzard love, to flye


At what, and when, and how, and where I chuse;
Now negligent of sport I lye,
And now as other Fawkners use,
I spring a mistresse, sweare, write, sigh and weepe:
And the game kill’d, or lost, goe talke, and sleepe. 88

88
Spring, termine venatorio, far alzare in volo la preda: “Punto una
donna, giuro, scrivo, sospiro e piango: e uccisa la selvaggina, o mancata,
vo a chiacchiera e a dormire”, all’uso dei veri cacciatori, che se non
raccontano a qualcuno l’impresa tutta notte si rigirano nel letto.

138
Songs and Sonnets

Così ho addestrato l’amor mio sparviero


A volar come, quando e su chi voglio:
Un po’ sto in ozio e lascio star la caccia,
E un po’ fo come tutti i falconieri:
Punto una donna, giuro, scrivo e piango,
E poi, beccata o no, vo a letto e dormo.

139
John Donne

The Will

Before I sigh my last gaspe, let me breathe,


Great love, some Legacies; Here I bequeath
Mine eyes to Argus, if mine eyes can see,
If they be blinde, then Love, I give them thee;
My tongue to Fame; to’Embassadours mine eares;
To women or the sea, my teares.
Thou, Love, hast taught mee heretofore
By making mee serve her who’had twenty more,
That I should give to none, but such, as had too much before.

My constancie I to the planets give;


My truth to them, who at the Court doe live;
Mine ingenuity and opennesse,
To Jesuites; to Buffones my pensivenesse;
My silence to’any, who abroad hath beene; 89
My mony to a Capuchin.
Thou Love taught’st me, by appointing mee
To love there, where no love receiv’d can be,
Onely to give to such as have an incapacitie.

89
Oggi quasi inutile, demandate le impressioni a diapositive e filmini.

140
Songs and Sonnets

Il testamento

Amore grande, prima di crepare


Fammi far testamento: lascio qui
Ad Argo gli occhi miei, se ancor ci vedono,
O se son ciechi, Amore, li do a te;
La lingua do alla fama, ai diplomatici
Gli orecchi, e le mie lacrime alle donne,
O al mare. Amore, tu me l’hai insegnato,
- Col farmi schiavo d’una che n’aveva
Altri venti - a dar solo a chi ha già troppo.

Item, la mia fermezza do ai pianeti;


E la mia lealtà a chi vive a Corte;
Ai gesuiti la mia ingenuità,
E aggiungo l’apertura della mente;
Ai buffoni la mia malinconia;
Il mio silenzio a chi torna dall’estero,
E a un cappuccino tutti i soldi. Amore,
Me l’hai insegnato tu – col farmi amare
Chi amor non può ricevere - a donare
Solo a chi non è in grado d’accettare.

141
John Donne

My faith I give to Roman Catholiques;


All my good works unto the Schismaticks
Of Amsterdam; 90 my best civility
And Courtship, to an Universitie;
My modesty I give to souldiers bare;
My patience let gamesters share.
Thou Love taughtst mee, by making mee
Love her that holds my love disparity,
Only to give to those that count my gifts indignity.

I give my reputation to those


Which were my friends; Mine industrie to foes;
To Schoolemen I bequeath my doubtfulnesse;
My sicknesse to Physitians, or excesse;
To Nature, all that I in Ryme have writ;
And to my company my wit.
Thou Love, by making mee adore
Her, who begot this love in mee before,
Taughtst me to make, as though I gave, when I did but restore.

90
I puritani, scismatici della chiesa anglicana, che rigettavano la dottrina
cattolica della salvezza attraverso le opere, riservandola alla sola fede.

142
Songs and Sonnets

La mia fede ai cattolici romani,


E le opere di bene agli scismatici
D’Amsterdam; la mia buon’educazione
E cortesia, a un’università;
Lascio alla soldataglia il mio pudore,
E la pazienza un tanto a giocatore.
Tu m’hai insegnato, Amore - che m’hai fatto
Innamorare d’una che sostiene
La mia disparità in amore – a dare
A chi oltraggiosi i doni miei ritiene.

Lascio a chi mi fu amico il mio buon nome,


E il mio zelo, a chi mi fu nemico;
Il miei dubbi li lascio ai professori,
E ai dottori i miei mali e gli stravizi;
Alla Natura ogni mia poesia,
E il mio spirito alla mia compagnia.
Perché, Amore, facendomi adorare
Chi questo amore in me per prima ha acceso,
M’hai insegnato a far come se donassi,
Quando era solo un dono che rendevo.

143
John Donne

To him for whom the passing bell next tolls,


I give my physick bookes; my writen rowles
Of Morall counsels, I to Bedlam give;
My brazen medals, unto them which live91
In want of bread; To them which passe among
All forrainers, mine English tongue.
Thou, Love, by making mee love one
Who thinkes her friendship a fit portion
For yonger lovers, dost my gifts thus disproportion. 92

Therefore I’ll give no more; But I’ll undoe


The world by dying; because love dies too.
Then all your beauties will be no more worth
Than gold in Mines, where none doth draw it forth;
And all your graces no more use shall have
Then a Sun dyall in a grave.
Thou Love thaughtst mee, by making mee
Love her, who doth neglect both mee and thee,
To’invent, and practise this one way, to’annihilate all three. 93

91
Sia Carey che Ellrodt parlano di vecchie monete fuori corso. Ma
Donne fu volontario di guerra e prese parte al sacco di Cadice e di Faro,
nell’estate del 1596: che non sia qui fatta allusione alle medaglie, e alla
miseria con cui era ricompensato il valore in guerra?
92
Sei strofe, sei donne, forse non virtuali. Ma se per cinque abbinamenti
si va a lume di naso, l’accenno alla differenza d’età ci dà la dritta che
questa amata è la vedova Herbert, Magdalen (che a quarant’anni ne
sposerà uno di venti: dunque non molto attenta alla sproporzione d’età).
93
“Tu Amore m’hai insegnato, facendomi/ Amare colei che trascura sia
me che te, /A trovare e mettere in atto quest’unica soluzione, annientare
tutti e tre.”

144
Songs and Sonnets

Al prossimo per cui suonerà a morto


Do i miei trattati medici; e i miei rotoli
Di massime morali al manicomio;
Le mie medaglie al merito, d’ottone,
A chi muore di fame; e a chi viaggia
All’estero do la mia lingua inglese.
Perché Amore, facendomi tu amare
Una che pensa che la sua amicizia
A un più giovane amante basti e avanzi,
Rendi così miei doni inappropriati.

Perciò non do più nulla, ma morendo


Disferò il mondo, dato che amor muore.
Tutte le tue bellezze non avranno
Più valore dell’oro che è sotterra,
Se nessuno l’estrae; né avranno senso,
Più d’una meridiana su una tomba,
Le tue grazie. Perché tu m’hai insegnato
- Col farmi amar colei che se ne frega
Di me e di te - a escogitare, Amore,
Qualcosa che ci schianti tutti e tre.

145
John Donne

The Funerall94

Who ever comes to shroud me, do not harme


Nor question much
That subtile wreath of haire, which crowns mine arme;
The mystery, the signe you must not touch.
For ’tis my outward Soule,
Viceroy to that, which then to heaven being gone,
Will leave this to controule,
And keepe these limbes, her Provinces, from dissolution.

For if the sinewie thread my braine lets fall


Through every part,
Can tye those parts, and make mee one of all;
These haires which upward grew, and strength and art
Have from a better braine,
Can better do’it; Except she meant that I
By this should know my pain,
As prisoners then are manacled, when they’are condemn’d to die.

What ere shee meant by’it, bury it with me,


For since I am
Loves martyr, it might breed idolatrie,
If into others hands these Reliques came;
As ’twas humility
To’afford to it all that a Soule can doe,
So, ’tis some bravery,
That since you would have none of mee, I bury some of you.

94
Questa, e le prossime quattro poesie, furono probabilmente dedicate a
Magdalen Herbert.

146
Songs and Sonnets

Il funerale

Chiunque venga a avvolgermi nel telo


Non faccia troppo caso, lasci stare
Quella sottile treccia di capelli
Che incorona il mio braccio: non toccate
Il mistero, l’insegna, fate a meno,
Perché questa è la mia anima esterna,
Viceré di quell’altra che, salita
Allora in cielo, avrà lasciato questa
A governare e salvar queste membra,
Sue province, dalla dissoluzione.

Ché se il filo di nervi che discende


Dal mio cervello per ciascuna parte,
Può legar queste parti e farmi un uno,
Questi capelli, che crescevan folti,
E forza e arte da un miglior cervello
Hanno preso, lo possono far meglio.
A meno che, con ciò, lei non volesse
Che io riconoscessi la mia pena,
Perché così soltanto s’ammanettano
I prigionieri condannati a morte.

Qualunque cosa lei intendesse farne,


Sia sepolta con me, perché io sono
Un martire d’amore, e ciò potrebbe
Ingenerare idolatria, dovesse
Cader questa reliquia in mano altrui:
Come fu prova d’umiltà concederle
Quel che soltanto un’anima può fare,
Così è prova d’orgoglio (dato che
Tu di me non hai mai voluto nulla)
Che seppellisca io parte di te.

147
John Donne

The Blossome

Little think’st thou, poore flower,


Whom I’have watch’d sixe or seaven dayes,
And seene thy birth, and seene what every houre
Gave to thy growth, thee to this height to raise,
And now dost laugh and triumph on this bough,
Little think’st thou
That it will freeze anon, and that I shall
To morrow finde thee falne, or not at all.

Little think’st thou poore heart


That labour’st yet to nestle thee,
And think’st by hovering here to get a part
In a forbidden or forbidding tree,
And hop’st her stiffenesse by long siege to bow:
Little think’st thou,
That thou to morrow, ere that Sunne doth wake,
Must with this Sunne, and mee a journey take.

But thou which lov’st to bee


Subtile to plague thy selfe, wilt say,
Alas, if you must goe, what’s that to mee?
Here lyes my businesse, and here I will stay:
You goe to friends, whose love and meanes present
Various content
To your eyes, eares, and tongue, and every part.
If then your body goe, what need you’a heart?

148
Songs and Sonnets

Il fiore

Poca pena ti dai, povero fiore,


Che da quando sei nato t’ho seguito,
Ora per ora, per sei giorni o sette,
Mentre crescevi sopra questo ramo,
Sulla cui cima adesso esulti e ridi;
Poca pena ti dai, che presto il gelo
Verrà, e che potrei, domani stesso,
Trovarti secco, o non trovarti affatto.

Poca pena ti dai, povero cuore,


Che t’affaccendi a farti un nido e speri,
Svolazzandogli intorno, avere accesso
A un albero proibito, o che proibisce,
E d’espugnarlo con un lungo assedio;
Poca pena ti dai, che domattina,
Prima che quel tuo Sole si ridesti,
Con questo sole e me dovrai partire.

Ma siccome ti piace esser sottile


Nel punirti da solo – mi dirai:
«Se devi andare vai, che c’entro io?
Qui sono i miei affari, e qui rimango.
Tu vai da amici pieni di premure
E mezzi che gratificano gli occhi,
Le orecchie, la lingua - insomma: il corpo.
Vacci con lui, che te ne fai d’un cuore? »

149
John Donne

Well then, stay here; but know,


When thou hast stayd and done thy most;
A naked thinking heart, that makes no show,
Is to a woman, but a kinde of Ghost;
How shall shee know my heart; or having none,
Know thee for one?
Practise may make her know some other part,
But take my word, shee doth not know a Heart.

Meet mee at London, then,


Twenty dayes hence, and thou shalt see
Mee fresher, and more fat, by being with men,
Then if I had staid still with her and thee.
For Gods sake, if you can, be you so too:
I would give you
There, to another friend, whom wee shall finde
As glad to have my body, as my minde.

150
Songs and Sonnets

D’accordo, resta pure, ma ricorda,


Quando avrai fatto qui il meglio che puoi ,
Che un cuor nudo che pensa, e che non finge,
Per la donna è una specie di fantasma;
Come farà a sapere che sei un cuore,
Se lei non l’ha? O se l’ha, che tu sei il mio?
La pratica fa sì che ella conosca
Qualche altra parte, forse, non un cuore.

Vienmi a trovare a Londra, quando hai fatto,


Tra un venti giorni, e allora vedrai se,
Vivendo là fra maschi, non sarò
Più grasso e fresco che con lei e con te.
Per carità, se puoi, parti anche tu:
A un’altra amica, là, darti vorrei;
Lei ci sarà, vedrai, riconoscente
D’avere sia il mio corpo che la mente.

151
John Donne

The Primrose

Upon this Primrose hill,


Where, if Heav’n would distill
A shoure of raine, each severall drop might goe
To his own primrose, and grow Manna so;
And where their forme, and their infinitie
Make a terrestriall Galaxie,
As the small starres doe in the skie:
I walke to finde a true Love; and I see 95
That ’tis not a mere woman, that is shee, 96
But must, or more, or lesse then woman bee.

Yet know I not, which flower


I wish; a sixe, or foure;
For should my true-Love lesse then woman bee,
She were scarce any thing; and then, should she
Be more then woman, she would get above
All thought of sexe, and thinke to move
My heart to study her and not to love;
Both these were monsters; Since there must reside
Falshood in woman, I could more abide,
She were by art, then Nature falsify’d.

95
True love, vero amore, così è detta in inglese la primula con quattro o
sei petali (anziché i cinque normali), considerata portafortuna in amore.
La traduzione deve purtroppo fare a meno del doppio senso, che sostiene
e illumina il testo originale.
96
Il sottotitolo della poesia, nell’edizione del 1635, così recita: “being at
Montgomery Castle, upon the hill, on which it is situate”. Il castello era
residenza degli Herbert, di cui Donne fu ospite nell’aprile del 1613.
Questa she è dunque Magdalen Herbert, che si era risposata quattro anni
prima, vedova quarantenne, col ventenne John Danvers.

152
Songs and Sonnets

La primula

Questo colle di primule, sul quale,


Dovesse il ciel mandare giù un rovescio,
Sulla sua propria primula potrebbe
Ogni goccia cadere, a mo’ di manna;
E dove il loro aspetto, e infinitezza,
Formano in terra una galassia quale
In cielo fanno le minute stelle,
Questo colle io percorro alla ricerca
D’una primula rara, che non sia
Una semplice donna, come lei,
Ma un qualcosa di più, o qualcosa in meno.

Ma non so quale primula vorrei,


Se con quattro o sei petali, perché,
Se lei fosse da meno d’una donna,
Sarebbe proprio un nulla; fosse più,
Superati i pensieri quanto al sesso,
Penserebbe di spingere il mio cuore
Più a studiarla che ad amarla: insomma,
Sarebbe un mostro in ogni caso; falsa,
Debba essere la donna, preferisco
Che lo sia per malizia, e non per nascita.

153
John Donne

Live Primrose then, and thrive


With thy true number, five;
And women, whom this flower doth represent,
With this mysterious number be content; 97
Ten is the farthest number; if halfe ten
Belonge unto each woman, then
Each woman may take halfe us men;
Or if this will not serve their turne, Since all
Numbers are odde, or even, and they fall
First into this, five, women may take us all.

97
Il cinque, il pentacolo, è simbolo di perfezione, essendo somma di 2 e
di 3, il primo numero pari e il primo dispari.

154
Songs and Sonnets

Vivi perciò tu, primula, e fiorisci


Con la tua vera cifra, appunto, il cinque;
E la donna, che bene rappresenti,
Di questa cifra arcana s’accontenti;
Dieci è il numero massimo; se cinque
Appartiene a ogni donna, allora a ognuna
Toccano metà uomini; o, se ciò
Non dovesse bastarle alla bisogna,
Dato che tutti i numeri o son dispari
O son pari, e ricadono perciò
Tutti nel cinque, prenda tutti quanti.

155
John Donne

The Relique

When my grave is broke up againe


Some second ghest to entertaine,
(For graves have learn’d that woman-head
To be to more then one a Bed)
And he that digs it, spies
A bracelet of bright haire about the bone,
Will he not let’us alone,
And thinke that there a loving couple lies,
Who thought that this device might be some way
To make their soules, at the last busie day,
Meet at this grave, and make a little stay?

If this fall in a time, or land,


Where mis-devotion doth command,
Then, he that digges us up, will bring
Us, to the Bishop, and the King,
To make us Reliques; then
Thou shalt be’a Mary Magdalen, and I
A something else thereby;
All women shall adore us, and some men;
And since at such times, miracles are sought,
I would that age were by this paper taught
What miracles wee harmlesse lovers wrought.

156
Songs and Sonnets

La reliquia

Quando scoperchieranno la mia tomba


Per fare posto a qualche nuovo arrivo
(Vezzo imparato dalle donne, questo,
Far da letto a più d’uno), e un braccialetto
Di lucenti capelli attorno a un osso
Scorgerà chi ci scava, non vorrà
Lasciarci stare in pace, giudicando
Che è una coppia d’amanti che lì giace,
E quello un espediente sopraffino
Per potersi - le anime - incontrare,
In quell’estremo giorno indaffarato,
A quella tomba, e stare lì un pochino?

Se ciò avverrà in un tempo o in un paese


Dove comanda la superstizione,
Chi ci ha scavato porterà te e me
Prima dal Vescovo, e poi dal Re,
Per far di noi reliquie; allora tu
Una Maria di Magdala sarai,
E io qualche altro santo, su per giù.
Tutte le donne (gli uomini un po’ meno)
Verranno ad adorarci, e dato che
Quel tempo sarà a corto di miracoli,
Voglio insegnare loro che portenti
Compimmo noi, amanti innocenti.

157
John Donne

First, we lov’d well and faithfully,


Yet knew not what wee lov’d, nor why,
Difference of sex no more wee knew,
Then our Guardian Angells doe;
Comming and going, wee
Perchance might kisse, but not between those meales;
Our hands ne’r toucht the scales,
Which nature, injur’d by late law, sets free:
These miracles wee did; but now alas,
All measure, and all language, I should passe,
Should I tell what a miracle shee was. 98

98
“Ma ahimé, / Ogni misura, e ogni linguaggio, dovrei sorpassare, /
Dovessi dire che miracolo era lei ”.

158
Songs and Sonnets

Primo, amammo bene e fedelmente,


Senza sapere cosa né perché;
Differenza di sesso fu tra noi
Non più che tra i nostri angeli custodi;
Alla partenza e all’arrivo, forse,
Ci baciavamo, ma mai nel frattempo.
Mai le mani mettemmo sui sigilli
Che tarda legge alla natura impose.
Questi miracoli facemmo; e, ahimè,
Farne uno più grande ora dovrei
Per dirvi che miracolo era lei.

159
John Donne

The Dampe

When I am dead, and Doctors know not why,


And my friends curiositie
Will have me cut up to survay each part,
When they shall finde your Picture in my heart,
You thinke a sodaine dampe of love 99
Will thorough all their senses move,
And worke on them as mee, and so preferre
Your murder, to the name of Massacre.

Poore victories! But if you dare be brave,


And pleasure in your conquest have,
First kill th’enormous Gyant, your Disdaine,
And let th’enchantresse Honor, next be slaine,
And like a Goth and Vandall rize,
Deface Records, and Histories
Of your owne arts and triumphs over men,
And without such advantage kill me then.

For I could muster up as well as you


My Gyants, and my Witches too,
Which are vast Constancy, and Secretnesse,
But these I neyther looke for, nor professe;
Kill me as Woman, let mee die
As a mere man; doe you but try
Your passive valor, and you shall finde than,
In that you’have odds enough of any man.

99
Dampe (ted. Dampfe, dumpf, umido, vapore; it. vampa) è l’insieme dei
sintomi descritti una volta per tutte da Saffo: “... gli orecchi mi
rimbombano, un sudore / Freddo mi bagna, e un tremito m’invade...”
(framm. 2D)

160
Songs and Sonnets

Il sudorino

Quando io sarò morto, e non sapranno


I medici perché, e i miei amici
Chiederanno curiosi l’autopsia,
E nel mio cuore aperto troveranno
Il tuo ritratto, stai sicura che
Un improvviso brivido d’amore
Per tutti i loro sensi scorrerà,
E su loro agirà come su me,
Tanto che il tuo reato d’omicidio
Sarà elevato al titolo di strage.

Vane vittorie! Invece, se tu ardissi


Piacere e vanto aver dalle tue imprese,
Prima di tutto uccidi quel gigante
Che è il tuo Disdegno, e poi la maga Onore,
Scàgliati quindi, come un goto o un vandalo,
E distruggi le cronache e le storie
Delle arti e dei trionfi tuoi sugli uomini:
Senza questi vantaggi, allora uccidimi.

Perché anch’io, come te, potrei adunare


I miei giganti, e pure le mie streghe,
Come Costanza immensa, e Discrezione;
Io però né le cerco, né le ostento;
Da donna uccidimi, fammi morire
Da uomo; prova solo il tuo valore
Passivo, e troverai che basta quello
Per avere vantaggio su ogni uomo.

161
John Donne

The Dissolution

She is dead; and all which die


To their first elements resolve;
And we were mutual elements to us,
And made of one another.
My body then doth hers involve, 100
And those things whereof I consist, hereby
In me abundant grow, and burdenous,
And nourish not, but smother.
My fire of passion, sighs of air,
Water of tears, and earthly sad despair,
Which my materials be,
But near worn out by love’s security, 101
She, to my loss, doth by her death repair,
And I might live long wretched so
But that my fire doth with my fuel grow.
Now as those active kings
Whose foreign conquest treasure brings,
Receive more, and spend more, and soonest break: 102
This (which I am amazed that I can speak)
This death, hath with my store
My use increased.
And so my soul more earnestly released,
Will outstrip hers; as bullets flown before
A latter bullet may o’ertake, the powder being more. 103

100
Gli elementi provenienti dalla dissoluzione del corpo di lei si
sommano a quelli che compongono il suo, appesantendolo.
101
“Erano quasi consunti dalla noncuranza d’amore”. Security è la
sicumera con cui l’amore aveva fatto scialo di quegli elementi.
102
To break, fare bancarotta, fallire. Allusione ai reali di Spagna e
all’oro del Perù.
103
A freddo l’arma da fuoco era caricata con meno polvere. Questo
more, e i due del v.18, alludono, come spesso in Donne, al cognome
della moglie.

162
Songs and Sonnets

La dissoluzione

È morta; e tutto ciò che muore


Nei suoi primi elementi si risolve;
Ed eravamo noi i nostri elementi,
Noi ch’eravamo fatti uno dell’altra.
Nel mio corpo il suo corpo si conserva:
E le cose, perciò, di cui consisto,
Rigogliose in me crescono, pesanti,
Che però non mi nutrono, m’opprimono.
La passione e i sospiri (il fuoco e l’aria)
Le lacrime e il penoso scoramento
(L’acqua e la terra) di che son composto,
Dallo scialo d’amore eran consunti;
Lei, morendo, ripiana la mia perdita:
Così, infelice, a lungo potrei vivere,
Se quel mio fuoco non mi consumasse.
Ora, come quei re smaniosi, ai quali
Porta tesori una conquista all’estero,
Più ho e più spendo, e prima vo in malora.
Questa morte (ne parlo e mi stupisco),
Questa morte ha però, con le riserve,
Accresciuto le mie capacità:
Più ardentemente resa, la mia anima,
Supererà la sua, come una palla
Che sparata per ultima sorpassa
Le precedenti, spinta da più polvere.

163
John Donne

A Jeat Ring sent 104

Thou art not so black, as my heart,


Nor halfe so brittle, as her heart, thou art;
What would’st thou say? shall both our properties by thee bee spoke,
Nothing more endlesse, nothing sooner broke?

Marriage rings are not of this stuffe;


Oh, why should ought lesse precious, or lesse tough
Figure our loves? Except in thy name thou have bid it say,
I’am cheap, and nought but fashion, fling me’away. 105

Yet stay with mee since thou art come,


Circle this finger’s top, which did’st her thombe.
Be justly proud, and gladly safe, that thou dost dwell with me,
She that, Oh, broke her faith, would soon breake thee.

104
Giaietto, o giavazzo, varietà di lignite adatta a far bottoni, oggetti
d’ornamento per lutto, ecc. (Zingarelli). Sent, mandato (dalla sua donna).
Al giaietto è paragonato il corpo della pulce nell’omonima poesia.
105
“A meno che a tuo nome tu non gli abbia ordinato di dire: “Costo
poco, e (essendo) di nessun valore a parte la moda, gettami via”.

164
Songs and Sonnets

L’anello di giaietto

Tu non sei nero, no, come il mio cuore,


Né ti sbricioli al tocco, come il suo;
Cosa vuoi dire? Che sei il nostro emblema?
Che niente è più assoluto, né più fragile?

Di questa roba non si fanno anelli


Matrimoniali: come può esser simbolo,
Priva com’è di forza e di valore,
Del nostro amore? A meno che, a tuo nome,
Tu non lo mandi a dire: «Costo poco,
Solo per sfizio, poi buttami via».

Stai pure qui con me, già che ci sei,


Circonda questo dito, come hai fatto
Col suo pollice; e sii fiero e contento
Di star con me, perché, come lei rompe
Le promesse, può rompere anche te.

165
John Donne

Negative Love

I never stoop’d so low, as they


Which on an eye, cheeke, lip, can prey,
Seldome to them, which soare no higher
Then vertue or the minde to’admire, 106
For sense, and understanding may
Know, what gives fuell to their fire:
My love, though silly, is more brave,
For may I misse, when ere I crave,
If I know yet, what I would have.

If that be simply perfectest


Which can by no way be exprest
But Negatives, my love is so. 107
To All, which all love, I say no.
If any who deciphers best,
What we know not, our selves, can know,
Let him teach mee that nothing; This 108
As yet my ease, and comfort is,
Though I speed not, I cannot misse.

106
Molti i termini di falconeria: stoop è buttarsi in picchiata sulla preda,
soar veleggiare, planare, miss mancare il bersaglio e speed prenderlo.
“Raramente (mi sono avventato) su coloro che volano non più in alto
d’una virtù o una mente da ammirare”. Diversamente interpreta lo
Ellrodt: “E raramente ho seguito coloro il cui volo non va più alto che
ammirare lo spirito o la virtù”. Il senso è comunque lo stesso: non solo
non ho mai mirato alla bellezza fisica d’una donna, ma nemmeno ai suoi
pregi morali o spirituali: doveva essere il suo mistero ad avvincermi: se
la “capivo” non mi diceva più nulla.
107
Dell’essere perfetto non si può dire ciò che è, ma solo ciò che non è
(S.Tommaso d’Aquino).
108
That nothing, quel nonnulla, quella bazzecola (cioé il conoscere se
stessi); this <nothing>, questo nonnulla (il non poter amare chi ho già
“capito”)

166
Songs and Sonnets

L’amore negativo

Mai mi sono avventato così in basso


Come chi punta a un occhio, a un labbro, a un viso;
Quasi mai sopra chi non dimostrasse
Una virtù o un cervello da ammirare;
Perché ben sanno istinto e intelligenza
Cos’è che attizza il loro desiderio:
Benché sciocco, il mio amore, ha più coraggio:
Io posso anche far fiasco, quando brucio,
Se già conosco ciò che vorrei avere.

Se la cosa più semplice e perfetta


Può essere descritta unicamente
Per negazioni, così fa il mio amore:
A quello che aman tutti io dico no.
Se una mente più acuta ha decifrato
Quello che tutti ignorano, se stessi,
M’insegni quel nonnulla; quanto a questo,
Per ora è il mio sollievo, il mio conforto:
Posso fare cilecca, ma mai sbaglio.

167
John Donne

The Prohibition

Take heed of loving mee,


At least remember, I forbade it thee;
Not that I shall repaire my’unthrifty wast
Of Breath and Blood, upon thy sighes, and teares,
By being to thee then what to me thou wast;109
But, so great Joy, our life at once outweares,
Then, lest thy love, by my death, frustrate bee,
If thou love mee, take heed of loving mee.

Take heed of hating mee,


Or too much triumph in the Victorie.
Not that I shall be mine owne officer,
And hate with hate againe retaliate;
But thou wilt lose the style of conqueror,
If I, thy conquest, perish by thy hate.
Then, lest my being nothing lessen thee,
If thou hate mee, take heed of hating mee.

Yet, love and hate mee too,


So, these extreames shall neithers office doe;
Love me, that I may die the gentler way;
Hate me, because thy love’is too great for mee;
Or let these two, themselves, not me decay;
So shall I live thy Stage, not triumph bee; 110
Lest thou thy love and hate and mee undoe,
To let mee live, O love and hate mee too.

109
Cioè crudele.
110
Costruisci (ma il passo è quanto mai discusso): “So I shall be, live, thy
stage, not triumph”. Il Carey ricorda che a Roma, dopo il trionfo, i
prigionieri venivano squartati.

168
Songs and Sonnets

Il divieto

Bada di non amarmi,


Ricorda, almeno, che te l’ho vietato;
Non ch’io debba rifarmi sui tuoi sospiri e pianti
Del fiato e sangue che ho sprecato invano,
Con l’essere con te quel che con me tu fosti;
Ma una così gran gioia brucia la nostra vita;
Perciò acché la mia morte il tuo amor non vanifichi,
Se m’ami, stai attenta a non amarmi.

Bada di non odiarmi,


O celebrare troppo il tuo trionfo.
Non che io voglia essere il mio vendicatore
E ricambiare l’odio con altro odio;
Ma tu perderai il titolo di mia conquistatrice,
Se il tuo odio m’uccide, io che son tua conquista.
Perché il mio annientamento perciò non ti dibassi,
Se m’odii, stai attenta a non odiarmi.

O meglio: amami e odiami,


Così gli estremi si rintuzzeranno;
Amami perché muoia nel modo più gentile;
Odiami perché è troppo l’amore tuo per me;
O lascia che odio e amore si scannino l’un l’altro,
E non me, che vivrò per esser tuo trionfo
Di scena e non di guerra; perciò per non distruggere
Né il tuo amore, né l’odio, e neanche me,
Amami e insieme odiami, e io vivrò per te.

169
John Donne

The Expiration

So, so, breake off this last lamenting kisse,


Which sucks two soules, and vapors Both away, 111
Turne thou ghost that way, and let mee turne this,
And let ourselves benight our happiest day,
We ask’d none leave to love; nor will we owe
Any, so cheape a death, as saying, Goe;

Goe; and if that word have not quite kil’d thee,


Ease me with death, by bidding mee goe too. 112
Oh, if it have, let my word worke on mee,
And a just office on a murderer doe.
Except it be too late, to kill me so,
Being double dead, going, and bidding, goe.

111
Farle evaporare, col lamento dei sospiri. Vapours è verbo di
lamenting , come sucks di kiss.
112
“Vai; e se quella parola non t’ha del tutto uccisa,/ Aiutami a morire,
ordinando anche a me d’andare.”

170
Songs and Sonnets

Il termine

Su, su, basta baciarsi fra i sospiri,


Basta succhiarsi le anime, e disperderle.
Per la tua strada, spettro, io per la mia,
Chiudiamo il nostro giorno più beato;
Il permesso d’amarci non chiedemmo
A nessuno, a nessuno chiederemo
Quella morte a buon prezzo che è dir: «Vai »

«Vai»; e se la parola non t’ha ucciso,


Dilla anche a me, aiutami a morire.
O, se sei morta, su di me si volga,
La mia parola, a un assassino renda
Il fatto suo – se non è troppo tardi
Uccidere chi è morto già due volte,
Nell’andar via da te, e nel dirti: «Vai».

171
John Donne

The Computation

For the first twenty yeares, since yesterday, 113


I scarce beleev’d, thou could’st be gone away,
For forty more, I fed on favours past,
And forty’on hopes, that thou would’st, they might last.
Tears drown’d one hundred, and sighes blew out two,
A thousand, I did neither thinke, nor doe, 114
Or not divide, all being one thought of you;
Or in a thousand more, forgot that too.
Yet call not this long life; But think that I
Am, by being dead, Immortall; Can ghosts die?

113
Ogni ora dall’ultimo incontro (“And lover’s hours be full eternity”,
The Legacy) è computata 100 anni. Dunque, da ieri, sono passati:
20+40+40+100+200+1000+1000=2400 anni. Di meglio farà Marvell:
30200 anni solo per magnificare il corpo della sua bella indecisa.
114
I did neither... or forgot: se non ho dimenticato, ho ricordato.

172
Songs and Sonnets

Il computo

Per i primi vent’anni, a far da ieri,


Non m’ero accorto che eri andata via;
Per quaranta ho vissuto dei favori
Passati, e altri quaranta ho confidato
Che anche tu volessi che durassero.
Un secolo è affogato nelle lacrime, e i sospiri
Ne hanno spenti altri due; per mille anni
Né ho pensato né ho fatto né ho distinto:
Ho avuto in mente te, tutta d’un fiato;
E per altre mille anni ho ricordato.
Ma non chiamare ciò longevità;
Pensa solo che sono, essendo morto,
Immortale: può morire chi è già?

173
John Donne

The Paradox

No lover saith, I love, nor any other


Can judge a perfect Lover;
He thinkes that else none can, nor will agree
That any loves but hee:
I cannot say I lov’d, for who can say
Hee was kill’d yesterday?115
Love with excesse of heat, more yong then old,
Death kills with too much cold;
We dye but once, and who lov’d last did die,
Hee that saith twice, doth lye:
For though hee seeme to move, and stirre a while,
It doth the sense beguile.
Such life is like the light which bideth yet
When the lights life is set,116
Or like the heat, which fire in solid matter
Leaves behind, two houres after.
Once I lov’d and dy’d; and am now become
Mine Epitaph and Tombe. 117
Here dead men speake their last, and so do I;
Love-slaine, loe, here I lye. 118

115
L’amore uccide all’istante (v. The Broken Heart): e chi è morto non
può dire più nulla.
116
the light’s life, il sole.
117
Motivo ripreso, con altri accenti, nel Nocturnal.
118
“Qui i morti dicono il loro motto estremo, e così faccio io; /
Assassinato da amore, veh, qui giaccio”.

174
Songs and Sonnets

Il paradosso

Chi ama non lo ammette, né può credere


Che qualcun altro sia un perfetto amante;
Chi ama è straconvinto, non accetta
Che un altro possa amare eccetto lui.
Nemmeno «Ho amato», posso dire: è come
Se dicessi che m’hanno ucciso ieri.
L’amor per troppo caldo uccide: i giovani
Più dei vecchi, al contrario della morte.
Ma come ci è concesso di morire
Solo una volta, così è per l’amore:
Chi ha finito d’amare è appena morto,
E chi dice «Io due volte» afferma il falso:
Sembra, che un po’ si muova, e si rimescoli,
Ma è un abbaglio dei sensi, un’illusione:
Come la luce che al tramonto indugia
È la vita che langue in lui, o il calore
Che un corpo ancora serba due ore dopo
Esser tratto dal fuoco. In un sol colpo,
Ho amato e sono morto: eccomi fatto
La tomba di me stesso e il mio epitaffio:
«Qui giace uno che da Amor fu preso:
Come lui m’accoppò qui sto disteso.»

175
John Donne

Farewell to love

Whilst yet to prove,


I thought there was some Deitie in love
So did I reverence, and gave
Worship, as Atheists at their dying houre
Call, what they cannot name, an unknowne power,
As ignorantly did I crave:
Thus when
Things not yet knowne are coveted by men,
Our desires give them fashion, and so
As they waxe lesser, fall, as they sise, grow.

But, from late faire


His highness sitting in a golden Chaire, 119
Is not less cared for after three dayes
By children, then the thing which lovers so
Blindly admire, and with such worship wooe;
Being had, enjoying it decayes:
And thence,
What before pleas’d them all, takes but one sense,
And that so lamely, as it leaves behinde
A kinde of sorrowing dullnesse to the minde.

119
“Ma Sua Altezza seduta su una sedia d’oro, è non meno interessante
per i ragazzi, a tre giorni dall’ultima fiera, di quanto non lo sia…” Re o
regina giocattolo, che si comprava alla fiera ai bambini per contentarli.

176
Songs and Sonnets

Addio all’amore

Inesperto, vedevo nell’amore


Una divinità: così adoravo
E veneravo (come gli atei invocano
In fin di vita quello che non sanno
Nominare) una forza sconosciuta:
Morivo dalla voglia, ma di che?
Quando una cosa ancora ignota è ambita,
È il desiderio stesso che la foggia:
Cresce al crescer di quello, e con lui cala.

Ma il ciondolino vinto al tirassegno


Tre giorni prima importa più al ragazzo
Di quella cosa che l’amante insegue
E corteggia con cieca devozione;
Ottenuta che l’abbia, addio piacere:
Ciò che prima prendeva tutti i sensi,
Ne prende ora uno solo, e anche fasullo,
Tanto tetro è il torpore della mente
Che quella cosa si trascina appresso.

177
John Donne

Ah cannot we,
As well as Cocks and Lyons jocund be, 120
After such pleasures? Unlesse wise
Nature decreed (since each such Act, they say,
Diminisheth the length of life a day)
This; as shee would man should despise
The sport;
Because that other curse of being short,
And onely for a minute made to be,
Eager, desires to raise posterity.

Since so, my minde


Shall not desire what no man else can finde,
I’ll no more dote and runne
To pursue things which had indammag’d me.
And when I come where moving beauties be,
As men doe when the summers Sunne
Growes great,
Though I admire their greatnesse, shun their heat;
Each place can afford shadowes. If all faile,
’Tis but applying worm-seed to the Taile. 121

120
Secondo Galeno gli unici animali che non soffrono di tristezza
postcoitale. Giudizio forse influenzato dall’idea di regalità (del pollaio,
della foresta), e dunque di ierogamia, che priva l’atto d’ogni umana
debolezza.
121
“Se tutto fallisce, non resta che applicare...” Worm-seed è l’artemisia
cina, sorella dell’assenzio e del dragoncello, potente vermicida - usata
forse per analogia di forma, col verme. Taile è l’oraziana cauda, turgens
di fronte alla moving beauty.

178
Songs and Sonnets

Ah si potesse almeno, anche noi uomini,


Come i galli e i leoni esser felici
Dopo un tale piacere! Forse è stata
La prudente natura a non volerlo
(Quante cartucce, dicono, spariamo,
Tanti giorni di vita in meno restano),
Per farci disprezzare quel giochetto,
Che essendo maledettamente corto,
E fatto per durare solo un attimo,
Sprona alla voglia di posterità.

Stando così le cose, se ho cervello,


Non vorrò più ciò che non si può avere,
Non ammattirò più a correre dietro
A una cosa che, avuta, mi danneggia.
Davanti a una bellezza mozzafiato,
Farò come si fa col solleone,
Guarderò quant’è bello, quant’è grande,
Ma cercherò, per zio, di non scottarmi;
Ombra ce n’è dovunque. Mal che vada,
Mi metterò un ghiacciolo sulla fava.

179
John Donne

A Lecture upon the Shadow

Stand still, and I will read to thee


A Lecture, Love, in loves philosophy.
These three houres that we have spent,
Walking here, Two shadowes went
Along with us, which we ourselves produc’d;
But, now the Sunne is just above our head,
We doe those shadowes tread;
And to brave cleamesse all things are reduc’d.
So whilst our infant loves did grow,
Disguises did, and shadowes, flow,
From us, and our cares; but now ’tis not so.
That love hath not attain’d the high’st degree,
Which is still diligent lest others see. 122

Except our loves at this noone stay,


We shall new shadowes make the other way.
As the first were made to blinde
Others; these which come behinde
Will worke upon our selves, and blind our eyes.
If our loves faint, and westwardly decline;
To me thou, falsly, thine,
And I to thee mine actions shall disguise.
The morning shadowes weare away,
But these grow longer all the day,
But oh, loves day is short, if love decay.
Love is a growing, or full constant light;
And his first minute, after noone, is night.123
122
Chiari accenni all’amore, e al matrimonio segreto con Anne More.
123
‘And I will show you something different from either / Your shadow at
morning striding behind you / Or your shadow at evening rising to meet
you’ (T.S.Eliot, The Waste Land,v.27-29 )

180
Songs and Sonnets

Lezione sull’ombra

Fermati un poco, che ti voglio fare


Una lezione, Amore, sull’amore.
Queste tre ore che qui siamo stati
A passeggio, con noi sono venute
Due ombre, da noi stessi generate.
Ora che il sole è a picco su di noi,
Le abbiamo sotto i piedi, ed ogni cosa
È ricondotta al suo pieno splendore.
Così, mentre crescevano, fanciulli,
I nostri amori, sotterfugi e ombre
Scorrevano da noi, e dai nostri affanni;
Ora non più. Imperfetto è quell’amore
Che di mostrarsi altrui mostra timore.

Ma se ora i nostri amori non s’arrestano


A questo mezzogiorno, ancora ombre
Di nuovo getteremo, in senso opposto:
Mentre le prime erano volte a togliere
La vista agli altri, queste, che ci seguono,
Si leveranno su di noi, accecandoci.
Se i nostri amori volgono al tramonto,
Io a te e tu a me a vicenda celeremo
Le nostre azioni, l’uno all’altra infidi.
Svaniscono le ombre del mattino,
Crescono solo queste, della sera;
A amore che declina il giorno vola,
Perché l’amore è mattutina spera,
O pieno mezzodì, che eterno dura:
Il primo istante dopo, notte cala.

181
John Donne

The Dreame (Image of her)

Image of her whom I love, more than she,


Whose fair impression in my faithful heart,
Makes mee her Medall, and makes her love mee,
As Kings do coynes, to which their stamps impart
The value: goe, and take my heart from hence,
Which now is growne too great and good for me:
Honours oppress weake spirits, and our sense
Strong objects dull; the more, the less wee see.

When you are gone, and Reason gone with you,


Then Fantasie is Queene and Soule, and all;
She can present joyes meaner then you do;
Convenient, and more proportionall.
So, if I dreame I have you, I have you,
For, all our joyes are but fantasticall.124
And so I scape the paine, for paine is true;
And sleepe which locks up sense, doth lock out all.

124
Vedi The Good Morrow, v.5

182
Songs and Sonnets

Il sogno (Tu che amo più di lei)

Tu che amo più di lei, sua dolce immagine,


(La cui impronta nel mio cuore fedele
Sua medaglia mi fa, e fa che lei m’ami
Come i re le monete rese valide
Dal loro stampo) vai, e il mio cuore prenditi,
Che è troppo di gran pregio ora per me:
Opprimono, gli onori, i deboli animi,
Stordiscono, gli oggetti intensi, i nostri
Sensi: più luce c’è meno vediamo.

Quando vai via, e con te vien la ragione,


La fantasia è regina, anima, tutto;
La gioia che ho con te, con lei è più piccola,
Per me più confacente, più adeguata.
Così sogno d’averti, e t’ho, perché,
Cos’altro sono se non fantasie
Tutti i nostri piaceri? Io così fuggo
Dall’amara realtà: la tengo fuori
Col sonno, che incatena tutti i sensi.

183
John Donne

After a such fruition I shall wake,


And, but the waking, nothing shall repent;
And shall to love more thankful Sonnets make,
Than if more honour, teares, and paines were spent.125
But dearest heart, and dearer image stay;
Alas, true joyes at best are dreame enough;
Though you stay here you passe too fast away:
For even at first lifes Taper is a snuffe. 126

Fill’d with her love, may I be rather grown


Mad with much heart, than ideott with none. 127

125
“Che se fossero stati impiegati più onore, lacrime, e patimenti”.
126
“Ma amore caro, e ancor più cara immagine, restate; / Ahimé, i piaceri
della realtà, al loro massimo, sono già abbastanza sogno; / Anche
restando qui passate troppo in fretta; / Perché fin dall’inizio la candela
della vita è un mozzicone”.
127
Troppo, too great and good for me (v.6).

184
Songs and Sonnets

Dopo di che mi posso anche svegliare:


Di nulla avrò a pentirmi, oltre al risveglio;
E più grati sonetti al dio d’amore
Farò, che non stracciandomi le vesti.
Ma cuore caro, e ancor più cara immagine,
Restate, ahimè: son già abbastanza sogno
Le vere gioie; se anche state qui
Come correte via, come da sùbito
È corta la candela della vita!

Pieno dell’amor suo, meglio esser pazzo


Per troppo cuore che cretino senza.

185