Sei sulla pagina 1di 84
Be ssc PO NUNC) CRO ae ee ON LR eae On me aL UN AUTENTICO AMPLI PER FREEZER PERSONAL HI-FI 50 W COMPUTER (nue Fantastico Il eA Miierotest Mod. 80 | veRamenTE Brevettato - Sensibilita 20.000 ohms / volt RIVOLUZION4SRIO! 1 tester pid platto, pla piccolo e pla leggero de! mondo! (@0x70x18 mm. solo 120 grammi) con la pid ampia scala (mm. $0) ‘Assonza dl reosiato dl commutator! rotantlt . Regolazione elettronica’ dello zero Ohm Alta precisione: 2% sia in cc. che in ©. 8 CAMPI DI MISURA E 40 PORTATE II! VOLT €.C.: 6 portate: 100 mv. - 2 V.~ 19 V. = 50:V, = 200 V. = soon v= Gaeta VOLT CAs 5 portate: 1,8 V-~ 10 V.- 60 ¥. 280 V. - 1000 V.= @ kay AMP. 6.6: 6 portale: 0 uA ~ S00 uA'~'5 mA ~ 50 mA ~ 500 AMP. Ck porte: BO uA = 25 mh = 25 mA - 20 mA = OW: porate: Low x4 ~ Ox 10- Ox 100 (Sat 01 fng ab Moga) V. USCITA: § portate: 4,5." 10'v.= S07." 250 V, = 1000 V, DECIBEL: S.porlate: +6 a6 - 4.22 8 - 4 96 dB - + 8048 or) GAPACITA’ 4 portte: 25 fF" 280 uF ~ 2500 uF - 26.000 uF Strumento a nucieo magnetice, antiito rmato contri campl magnetic esterni, con acala a apecchio. m Assembiaggio i {eh component eregu au crouto stargate rans e compar ig dana, foo ati Yon ostuzong dl quates componente. w Rewstonze 8 ala’ rcalice tabi Masima.preciione (4S!/i1 8 Protecione stalice dello sivumento conto 1 sowaccarien anche mils vole soparon le dt protezione 8 Mio i (moniato su Holder Borcte"ohmmetrche mPa at mercore id auraty er ‘Un rani. Wl Microtel mod, 80 LCE 8 costo & Senoni norearlail per ure. Tacie, go rust SiS fae acclaenle casi che oto care vanat Preto foe cai rico peso nn ven uzlne detaglatssimo comprendente anche una = Guide por niparare Ga soll Mleroent mod. B6 IEE® Ia caes use nce Prezzo nolo Lire 22.900tranco nostro stablimento, compista dl: astceo in, esinpelle speval qualsiae}strapp0 0 I {ail pla'e manuals cr isrusiona, = \Anelzzatore & completamente idipendonte Gl come pet Tester LCE, 6806 660 A, mole git, Bogn Tesor LOE, © accompegnsta Brevettato - Sensibilita 20.000 ohms / volt - Precisione 2% Supertester 680 G imei ancor pla progedioe tuzinal co lores SE cul 10 CAMP! DI MISURA E 48 PORTATE!! VOLTS €.0.:7 porate: 100 mV. - 2 V.- 10 V, = 60 Ve = 200 Ve + 00 V.'e 1000 v. 20 k AN). BV. 10 ¥. = 80 ¥. - 280 2500 Vols fe QM) 8D A 500 A= § mA 50 mA 500 mA @ Atco proprio cerieato ai cal 000 V. @ 280 uA - 25 mA- 25 mA 250 mA © 25 fp Oi 2:10 - Ox1 - Ox10 13 100 A i009 - 1 toa (per et fe"da't decimo a Ohm tno a 100 Me 4 0.2 10 Megsohme, 440 a 5000 @ da 0 a £00000 oF - va 0 3°20; da'0 8 200 da'd 82000 Iheraforas FREQUENZA:2 portale: 0 = 509 @ 0-= S000 He ¥. USCITA: 5 porate: 39.80 ¥.- 250. 100. @ DECIBELS: 5 porate: ca — 10 <2» $70 48 Une, audio tecnico agprotenio ed una retemnale eepeieza hanno ora permesso lia LCE, el taslormere il veechlo Modelo GEDE, che & Stato Tentor oid vendvto in Europe, nel mogeio 880 & cho presets Te cugsen moire: Ingonbe a cara anc i nia fom, ex et 38 gan 2) et roared te Garant ancora mato oi empl (10) I) Fk I protzione @ fio riristinablo (montato ou. elder brevetao) per prot cs poral Eompondnt asoguto su clrcuto stampato rostabie e conpielamente ssctrasis,sonsa, asad “rissina sot Stiusone di ogn petioles, m Coste a sezon|itercamolabil pet una fale ed acon Comporente che vnisse dccieamerte aug e che pe eee hssio rss auto vena ey ‘St atrusione deta: Gliascimo, compronderte anche una *Gulda per riperare ca soll it Superiesiar 6884 « 0a guast Site a tutto fe tuaccennate migiorie, na, com perl veechlo modelo 660€, le seguenlcaretteritiche: Sirumento@ nicleo\magnotca. anno ed at Brion acres cont camp ecco, m Reuenz a stato maaico 8 Hot manganna ashame Sabita'e al altesina preciione 0 imenio conto 1 sovreccarch anche ‘mile vote superior as sa pora 5" GonplatamenteInapencenta eal propo asic "Come per i Sopertesior 680 © 6O0E. Prezzo L. 28.300 franco ne/ stabilmerto, completo i asiuceo In 1 coceodio, pla'© mancale lesions. w Coure Bie © Got! ‘OGM! STRUMENTO 1c. RICHIEDERE CATALOGH! GRATUIT! Ar BOARANTITO. TCS, BE, Yaa eget nt caeiie jo EE. 2ora: mivano - re: Radio Elettronica Mario Magrone Enrico Artol Giovanni Cobelli Gigli Dante Seechia LapomaTORiO TECNICO (Geros Milani Collaborane « Radio Elettronica: Luigh Amorosa, Luciano Coechia, Renzo Fr lippi, Alberio Magrone, Franco Maran- oni, Antonio Renzo, Sira Rocchi, Fabio Ghersel, Manfredi Vinassa de Regny, Leonardo Bocctdoro, Pranceseo Musso, OL tl. BB Copyright by ETL - tas Periodici det ‘Tempo Libero - Torino. Direzione, Am ministrazione, Abbonamenti, Redazione: ETL, Cso V. Emanuele 48, Torino, te lefono 513649513702, Una copia di’ Ra igeletsronica costa lire, 2.000. Arretrati lire 2300. Abbonamento 12 numeri lie 22.000 (estero lire 30.000). Stampa: Of ficine Grafiche Garzanti, via Mazzini 15, Cemusco sul Naviglio (Milano) Distribuzione: A. & G. Matco - Via For: tezza, 27 - 20126 Milano - Tel. 2526 (10 linee ‘ricerca automatica). Radio Elettro- nica & una pubblic s0 il Tribunale di 72 del giomo 241-1972, Direttore re- sponsabile: Mario Magrone. Pubbliciti inferiore al 702%. Tutti i dit sono rser- vati, Manoserit, disegni, fotografie, an- ‘he se non publica non si estituiscono. N. 10 - OTTOBRE 1980 SOMMARIO 26 UNA MODERNA BACCHETTA MAGICA 32 COSTRUIAMO UN COMPUTER 42 CIRCUITO ALLARME FREEZER 48 | SISTEM! OPERATIVI 56 PROGETTO AMPLIFICATORE 50 W 66 cRronaca DAL SALONE HI-FI RUBRICHE: 25 Lettere; 72 Novita; 77 Annunci Foto copertina: Publi Foto, Borgomanero Indice degli inserzionisti B Bi ee faa Bee eles ee Bee Se ie nee CTE, Poo. 014 SCUOLA RADIO. pag. 13 y 2 TBhem eet Uke Savaezt fitbon! wuBiKrT Per la pubblicita ETAS PROM ETAS PROM stl 20154 Milano = Via Mantegna, 6 - Tol. (02) 242465 - 259008, gratis A CHI SI ABBONA PER UN ANNO A Radio Elettronica UN VOLUME DI PRATICA ELETTRONICA Per abbonarsi: basta versare sul CC postale N. 33073107 solo lire 22.000 (per lestero Lire 30.000) utilizzando il bollettino di versam« Oltre al volume dono riceverai appena stam- pata la tua copia di Radio Elettronica: per ito ben dodici mesi e senza alcun aumento di che troverai nel fascicolo o un altro qualsiasi da richiedere ell'Ufficio Postale e intestando a Radio Elettronica-Et, C.so V. Emanuele, 48 Torino. Riceverai la rivista dal primo numero che indicherai e il libro direttamente a casa, prezzo, anche se il costo aumentasse... Hal fatto i tuoi conti? Conviene abbonarsi perché innanzitutto si risparmia, pol si ha pure un vo- lume gratis. Il libro, Elettroni al lavoro, tratta di circuit, idee, progetti da autocostruire. CG Ho gia versato Lire 22.000 per I’abbonamento. ' \ ) Per maggiori informazioni | 0 per awertirci che hai pagato e che ti sei abbonato puoi inviarci il tagliando a fianco, debitamente compilato. Puoi incollarlo su cartolina Postale. Ci Inviatemi_mensilmente Radio Elettronica e gratis il libro dono. CO Desidero maggiori informazioni. Nove _____eoenowe oma ow, MARIO LACONI ELETTRONI AL LAVORO TAPLEL” ae (095) 32.13.16 COMPONENTISTICA AP cy = Via Terranova 21/23 - CATANIA COSTRUZIONI APPARECCHIATURE ELETTRONICHE Ss © APEL KITS © ALLARMISTICA 1 CONTROLLO LIVELLO BATTERIA eae Kit L400 - Kit montato L. 6.100 = Monto in cassetin L. 6180 N. 6 - TEMPORIZZATORE. ELETTRONICO con tole 2A max regolabile fing a 18 wit L920 Kit montato ta cassette Lie 1N.7 -ANTIFURTO PER AUTO. con ingressirapis@ rarda: fo" normaimente. aperte Mioratore, Circuito we ‘oeaato it 1b 4s00 Kit montato 6 Montate Tonto Reece ee SEORLCRUNSSI SINE REGS mae ae ng: SEAM a Pay a 2 nw Aileen con TOA som Tan ES Sergataane cree © See easy aay Sony oe rahe yang he Wot Pot ame san nies Kinerase eee SACS. fo a EMS © IMA TOPE ay ate i mobile “ ‘179.500 204.000 EE foliage eumcame.racla cetanee RIS Bet fsmalone rlesvena\ Yok. Sends sivhontnore 09 7-40 49 Riseutore FW con'sntonniarone: Avarcap,” else Same 1: 3: Breampificatere meno "ingress! are oe RR Sermotiate istvonige de Qe toc. eames 8. BS Mlner stereo a2 canaih” " SO7PF MOMS CSR eo nis: Amplitcstre nehae wes iis 32 LUM peichadelcne Jeti Bie mse BF Vimar signe’ 3g aie 2S Distibulane prodot per Veletvoniea delle migion marche TRANSISTOR. INTEGRATI - RESISTENZE - CONDENSATORI - MINUTERIE - OPTOELETTRONICA ~ MIGROPROCESSOR MODULO CENTRALE «VOR 72+ oppure « DVR 75-4848 CENTRALE VOR 72 con «ingress proet 6 SAU IN EEONMBSSTORE SAT emiA Lo wrane CENTRALE VOR" in temas comzeto Cera [SENTMALE VOR T4 situ etaiern Compreso Camas centmace ons raced CENTRALE Wltonics 2 piste incendio# sto © sea SENTRALE TELEFONICA sige Case SATTERIA a sess 9 ard RADAR ELARON 1st C sea ABAR ELKRON 25 Se C tse ADAM ELKRON 29 met Cts INFRAROSSO PASSIVO ELKRON 10 mei Cte SIRENA LASONORA tet“ =" rare SIRENA LASONORA Ms Sk “SW “2 Case SIRENA MINWATY OW Cin HoDuLo SIMENs ron toon EASGEITA PER sinena nalnenata Usage auPeceistOne in minature ever Cite SENSON magnetic! tipo Ne rater Sensom ss sra pa apparels Cases MODULO RITAROATORE sagnateSwich slam Osea SECON Si mera pve Cine SENSOR vtec Cie EHIAVE pastes io SRS rae) EHIAVE tse minha nn Shave crinaricn tine ALIMENTATOR| ALIMENTATORE stabilzzato 9 AQs90 V reglebile —L. araso ALIMENTATORE stailzzato $ A210 V egolable ALIMENTATORE siailizzato 10 2-18 repolable INVERTER so Watt - 22 Veo Vou 50 He sso INVERTER Sco Via ~ 12 Yoo Vee - $0 He Caro INVERTER 30 Witt - 12 Veota0 Vee - 80 He asm INVERTER sco Witt = 12 Yeo200 Ven 50 He sea CARICA BATTERIA autorstico 12-24 Vee = 4K Cara LUCI PSICHEDELICHE 9x 1.010 Watt protessionsio LE) a80 TASTIERA TELEFONICA con memotia. U ean eee ELENCO RIVENDITORI: Calandra Laura - Via Empedocle, 1 - AGRIGENTO DI Emme Vig Iniperia, 130_- CATANIA Evb.t (Ag. in Puglia) ~via Campion, 2 ~ Tel. 080-965461 - BARI Gamar Via Domenica Taraini 13 (targa Boocea) ~ ROMA GArEletonice "Via A. Narni 16 - LIVORNO Paoiett Ferrero - Via Prato. «216 FIRENZE PEPE RAFFAELE Pal (Ag" In Campania) Wa NT Poreel, 22'- Tel, 061-640782 = NAPOLI Push Pull» Via Oiaidl,3~ CIVITAVECCHIA. onion = Via Varesina, 208 MILANO (CEP Elettronica - Via Nino iio, 20 = ORBASSANO (TO) Modal: spesizion| non inforori a U, 10000. Pagamento in cont S000 lire anteipa = % {a ttre fe dite devore comunteare per Iscritto Il codlee lsca sgegn0.~ | prez sl inlendone IVA Inclusa ‘aoiondals allaraine = Speae al tasporta, tae postal © imballo\s carico del destin al momento del orinazione. $i sccetiane ordi teletoni infria a \ 80.900 Per spedizion! superior alle Per Vevasione Calsiage 2 Fenlosiainviando L800 in franeoboll, NON $1 EVADONO ORDINI SPROVVIST GI GODIGE FISCALE ANCHE SE PERSONE. INDIVIDUAL SI RICERCANO RIVENDITORL Prot serie STANDARD INTERNATIONAL Ese eee coed Ouais remaster eens bres lira mercer ei Lean med Eareon Pace Une! Seat pene pounce Peet aed eae Tamanto eed Deb SMNe ERME-o- se 7308 sir hoe eee) Ecsta none hice eee GANZERLI... via Vialba, 70 Peace (Une) LET 18) MODULO KA 80 AMPLIFICATORE 70W cgimaue connessions NESGUN CoMPONENTE esTERNO Bissiparone inteanare PROTESIONE DELLA LINEA DI CARICO Modulo Ampiiictore HLF! oi elevata potenza adatabile a qualsiasi Preampilieatore equalizato, realzzato. per | costitto! él sistom! Intogrt ci alt fedelt. I Modulo KA'80 assicura una buona stabilia dele cartterstiche, ‘bint ad une Bassa istorsione e coneente une noievole. scone iin ai pao che a lavoro. fodulo & Inteso per si -generall in eppicszioni sia. civil che Industria, Parieslarmente per sistem! monoaurall 0 sterectonil Strument musica, implant di ampillicazione, sevosietomi, ee CARATTERISTICHE TECNICHE Irmpedensa dusclta Sonia por mensine potenea gusta Fpporto sognele aawroe Bisorions & “owen §shm Sealed prdtezione conto corto ecu ° Bisa Bx ed mm cod. AM/3200 L, 29.500 '* MODULO PREAMPLIFICATORE EQUALIZZATO RIA 18 er sppliasion general Magneto aux, micra, tape fa: basal so Fie! se.00" feu 10 kHz = "8-68 ‘Almentazione: re 40 V ex Dimension” 0 X48 18 mm 0d. PRIIIB0 L. 15.900 ‘© ALIMENTATORE PA 120 adatto ad alimentare 1 0 2 KA 60 ero e RIA Te cod. AL/SH80 L. 32.200 CONDIZION! DI VENDITA: pagamento contrassegno, Spedizione, ° ‘mov TUTTI | PREZZI SONO COMPRENSIVI D1 IVA, spese a MODULI PER HI-FI AMPLIFICATORI EFFETRE s.n.c. RIPRODUTTORI SERVOAZIONATI 22078 TURATE (CO) PER COMPACT CASSETTE CON VIA GALLI 1/¢ COMANDI A DISTANZA (INGLES) Tel. (02) 990042 DISTRIBUTORI PRODOTTI RADIOAMATORIALI AMANTEA (CS) C0 v, Emanuele, 60 - Tel 0962/41905 BOLOGNA Via Gobott, 30/41 - Tel ostisseaia BOLOGNA Via A emia, 10 - Tel. 0511463200 BORGOMANERO (NO) Via Arona, 11 = Tel 0922162233 BRESCIA Via Crocetissa di Rosa, 76 Tel 0307390321 CARMAGNOLA (TO) Via 1 Settembre, 3 - Tel 0111972992 cHIVASSO (TO) Va Cosola 17C - Tel, on/an12669 COMACCHIO - Porto Garibaldi Vile doi Mile, 7~ Tel 0883187947 FIRENZE. Vie Baracca, 3 - Tel, 0581950871 FIRENZE Via Prato, 4OR - Tel. 0851204974 IREA (70) Ceo Massimo O'Azeglo, 50 - Tel o12eraza724 IMOLA (FO) Via Det Lavaro, 65 - Tel 0542/9010 LANCIANO (Ci), Via Mancinelio = Tel 0872132129 UA SPEZIA Via A. Foran, 97 - Tel, 0187134070 LATINA Via Monte Santo, 54 Tel, 07731484749 Lweea Via Burlamacchi, 19 - Tel. 056352429 MILANO, Via Frul, 16/6 - Tel o2/s704 MILANO Via Procaccin, at - Tel. oz/ara179 NAPOLI Via 8 Anna del Lombard 18 Tel ostrs28166 PADOVA, Via Ada Murane, 70 - Tel. 049/608710 PADOVA, Via Giotto, 29/31 - Tel. 0491657084 RAGUSA Via Napoleone Colaiann, 35 Tel, o9g2r23800 RIMINI (FO) Via Perle, 1 - Tel 0544/29911 ROMA : Via Emilia, 20 Tel. obreasces SS. GIULIANO MIL. (MI) Via Marconi, 22 - Tel. 02/@648669 SIRACUSA Vie Teocnto, 18 - Tel oasvesssa SOVIGLIANA (Fi) Via Lda Vine, 99» Tel 05717508500 ‘STRANGOLAGALLI (FR) Wa Roma, 33° Tel 775/972 TRIESTE Va Imorani, 8» Tel 040/68051 VIBO VALENTIA (C2) Vie Atfaccia, 77 Tel 0963145455, VOLPEDO (AL) Via Rosano, 6 Tel, 019760105 FE DK) eeacu icp ees epee tay esigenze di chi deve usare nellambiente pit MCR sacred Coren eReN aa a en keane) Pre Me Mee N ya e ee Oar Multipaim Sizer Il: 40 canaii sintetizzati nella ue a ee rea NUTR ume Re Reta 1X e RX. Multipalm IV: fino a 6 canali nella Pou s wrcoe Meee oo grd Soe i Nae) area Nea completi di batterie NiCd e di antenna in gomma. Tx 500 mA; Rx 100 mA; | Tx 820 mA; AxO8mA; | Tx 340 mA; Rx 75 mA; Standby 25 mA Squelched 43 mA ‘Squelched 25 mA Output -RF 2W Input > 2W Output -RF1W. = 0,002% (—10+50°C) | + 0.002% (~10+50°C) }005%% (=10 50°C) Deviazione mod. (Mod. ie R real (16F3) + 5 KHz 05 uv uv ~ —60 dB Min Selo #28 KHz-6008 +25 KHz-6008 £ 26KHz- 6008 Max 03 W Max 05W VI-EL novita’ 1980 TEC 101/B L. 62.000 Autoradio, AMVFM, con rprodutore stereo ger cassette & piste, comand regolarione volume, tno, ilaciomento canll Sinton. ast havanzamentoveloce del mato e 4 espulsione alla caso ‘linetazion: batterie 12 V, con negative @ massa Dimorsion: 18555 160 nm TEC 110 Aste icirporta, Sistema sutomatica di sveglia con vada 0 sient Comandi per volume, sintnla, cambio ane’ regolezione svela Dispostivo sleep. Sensor. Auricolore Almentzione: atte 1x8 V = eorente 220 V, 50 He, Dimansons 2201 58 x 155 sm, L. 32.000 Asdasvetia, FMM, Oroloio cite digtall LED.. a ntnsity Hinges vata canaur fo AM, 0 USE. ons. ont ict al, lume, squich, sletie ‘onicatore' ell uel noise blanket ON/OFP, RE” rept {frre omplteons ~ snows. Aatanna mien, PA. speaker estero MiguRarone: Segre’ pte e te iat, py “psa dt “crates aces BANDA 01 we emission Faeaiea: Ds 25905 mie 5 255 wt Bimenstoni; 34/8) W'ss/st"UH) msi (0) er Sretiewr 4 BIVOLIACEIO: 128 VOC. grou positivn om VEICOLARE MOD. 309 L. 180.000 TRASMITTENTE QTR OUscA RF, AM Wats, S98 12 Wats EP SOnpnessiowe ARMONiCn Esau me BeLe BAER 25 A. plone potena ducts Stasiita' bl Freounca; Hod RICEVENTE ‘sousien ame NGS per 10 48 (64 NIN “arrenvazione pause ®22° Meno ol 03 4 per 10-8 (S41. Meno’ at 4 pee misutore 2 3 mi: TRANSHODULAZIONE: ra EAN Sauces Peto wv Fit a ume NOISE stan: Sedo AE con veri anus Eeauribenrg © Messina Sustains INOLTRE: PRESIDENT - SOMMERKAMP YESU - ICOM MICROFONI TURNER EL VIRGILIANA ELETTRONICA 5.5. ‘Michelangelo 9/10 post. 34» 46100 MANTOVA . 2 0376/368023 ]ONE: in contrassegno + spese postal VIEL @ presente a tutte le mostre radiantlstiche egors CALCOLATOR! « BROTHER » CHIEDERE OFFERTE PER QUANTITATIVE Laboratorio specializzato riparszioni spparatirice-trasmittent! di ogni tipo. TUTTI GLI APPARATI SONO MUNITI DI UN NOSTRO MODULO DI GARANZIA PLAY’ KITS 2222 bi SETTEMBRE/OTTOBRE KT 265 men a 4-2 inonessi con preascotro KT 376 anauzzarone avoio A pioo! te0 CATE. INTERNATIONALS 42ots exanovoin piano i.) -:TALY-via Vai 18 = Tl, (0822) 61620/24'25/20 re aut) TELEX S00156 CTE 1 eee Apparecchiature per lucl psichedeliche con Pe aa RATES Rie eee te acta) tel. 0521/72209 - 771533 piers Pose aera "LE NOVITA’, PLAY ° KITS 852 LE TROVERAI DA: ia Vali, 16 ~ To, 0522) 616231242525. aut.) TELEK 890186 CTE 1 COPPIA ALTOPARLANTI HI-FI 0152 RADIOROLOGIO M80, Gamma dl cztne: AM sr0.e0 i =F eae Be ie ios ogra rege ete lat PREZZO L. 34.500 Wort """Rleposta ‘et toqvonga AP a00 PREZZO L. 33,000 COPPIA ALTOPARLANTI HI-FI 00304 Aopavot dy, ncasso a 3 vie - Wooter PREZZO L. 42.000 RADIOREGISTRATORE STEREO 6224 RADIOROLOGIO PORTATILE TECTRONIC 108 LC Potenze d'uscita: 300 ‘mv = droiogio. ErMant Gu comand e star aslo “Taste di tinwio d a Gon aule_0 Sisalno' Goband’ volume, se ‘gomanataiganiaio trequense 8 adore su impedence ‘seta: Ghm per’? altopariant 8 Onm per 4 atop PREZZO L. 56,000 ‘AMPLIFICATORE EQUALIZZATO GR7 SL ‘Testo 0 apie luminees per taccensione Bisson salar PREZZO L.74.500, GGamme divcesione: AM. s40-100 Ate roa, cuscita: 26 Watt por Canale = Se fg.PSusiiaria ©" Gortagi =< ue, Strument ch Hiltons dinctofe~ spa amine Son Say Sa 2a Beare cg PREZZO L. 182.000 "AMPLIFICATORE EQUALIZZATO 7 SL. Tesla sla led per accurtons - Blancamanio ta gl aopaln= ustelign Gama oi ‘gomiana fccuenes a cers Bee Ne Pa ve PRES! Se We ate Te He atch Figete itt 2 iipeanes tacn’# On per'2 nop PREZZO L. 62.000 ion, - Comand a sder per volume, 4 Ha “250 Hart Ki 38 Kia, 10 Khic'= Potonca g'usclta 25 Watte x4-~ Impedenza @'uscta 4 Ohm Gent Gus eu Cum ee Sa ae haat Ua RCo ute (== | a | 9 ERR Itsy) SEMA UMS yo TECNICO TV ACOLORI: UN NUOVO, GRANDE CORSO PER CORRISPONDENZA. DA SCUOLA RADIO ELETTRA, NATURALMENTE! Solo Scuola Radio Elettra, la pit grande organizzazione europea di studi per corrispondenza, poteva assumersi l'impegno di realizzare un corso teorico - pratico per tecni- ci TV a colori. Un corso che apre nuove prospettive professionali a migliaia di giovani. Il metodo Scuola Radio Elettra conferma la sua validita nell'inse- gnare con semplicita, ma in modo veramente approfondito, anche questo ramo cosi complesso e so- fisticato della tecnologia Una tecnologia che si evolve & chiede tecnici sempre pit quali cati. Una tecnologia a cui, ancora una volta, Scuola Radio Elettra é stata la primaa rispondere. CORS! DI SPECIALIZZAZIONE TECNICA (con materiali) Radiostereo a transistori - Televi- sione bianconero e colori - Elettro- tecnica - Elettronica Industriale - HI-FI Stereo - Fotografia - Elet- trauto. CORSI DI QUALIFICA- ZIONE PROFESSIONALE Programmazione ed ela- borazione dei dati - Dise gnatore meccanico pro- gettista - Esperto commer- ciale - Impiegata d’Azien- da - Tecnico d'Ofticina - Motorista autoriparatore - Assistente e disegnatore edile-Lingue. ‘CORSO ORIENTATIVO PRATICO {con materiali) SPERIMENTATORE ELETTRONI- CO particolarmente adatto per i giovanissimi Al termine di ogni corso, Scuola dio Elettra rilascia un attestato da cui risulta la vostra preparazio- ne. Compilate e spedite il taglian- do. Vi faremo avere tutte le infor- o| Scuola Radio Elettra Via Stellone 5/839 10126 Torino perché anche tu valga di pid ELETTRONICA RADIANTISIMO | a Vil Mostra Mercato struserazion HOBBISTICHE VERONA - QUARTIERE FIERISTICO - 25-26 OTTOBRE 1980 Manifestazione patrocinata da: @ EA. FIERE DI VERONA @CCIAA ARI - C.P. 400 - 37100 VERONA - TELEF. 045/24569 MULTITESTER NYCE™ eee eco 0:0252525560500 Bosst0-00" 0000 Ri we Bcd lo TS/2566-00 @ 20.000 2/V @ Versatile e compatto @ Duplicatore di portata OO STC CUT ae TROLL} a) r eke) Ne 55) oo A Pe Ponce MATERIALE ELETTRONICO ELETTROMECCANICO Via Zurigo 12/2A - MILANO - tel. 02/41.56.938 eT ScONTO 10% PER 10 PEZZ) on necasitano el sicuns manutezioe, sone capovolll non danno To Age MOTOGENERATORE 220 Vac. Pron magazzino By BY Motore 4 tempi a benzina «20 Vaz {0 He) contemporanoamente 12 By HCE por euicabatat Wen toe Serpe’ ano por | HP, A ay ay RICARICATORE fur Sariche lente © tampone’ Se W'™ pepe meee Measles atts" EB oo OREN ase + MoD, 00 TORGIA sm min sx = MoD. 55 TORCIONE 55 mam @ sx Hn Coon EcceZIONALE. -ERCAS| olsTaIBUTORL AMADA bi EMERGENEA ‘SSonratite’ PARTE oo. sce srroureg nurpo 2 conrmurra: iceman a marr dnla mancance res), Oe Bop ace,torexconts ee eee Cite Eee ican CEBCaS) ORME UTBET BER one Lineae : igen oe wah “eye ctome «gue LAMPADA D3 Ins EMERGEN2A Comune pres SepoveRs” foro 2a Spor spurs’? aber Ratera tate tomita’on solution tay 92e, pub scarp TE aise t 33 cerca osrinuron fa hwo mE Se ‘CARICA BATTERIE ‘COMPRESSORE SOMA ARIA Sev ee ia Pac omar SoS Fs mate ic «ween co A liter Bo shh noma vr wa ‘SGILLATORE =TES MILANO = MOD. Fu 6 atin see amples Mt [STABILIZZATORI MONOFASI A REGOLAZIONE MAGNETO ELETTROWICA es SPP gh we Ingres pica % Vac = 204 GERIE.INOUSTRU etic, alta. (ner vada spa, tinea’ por Pot Dredlapare i wraone sete ae (Gomore wecteesa vA. Kg. Dim. apprce Prarro genenar, MANO ‘a, = oaroate 18 feeeed ean 00 7 one Cae DERE Ramo aeenaatore rege 00 7 rons Csi ALNENTATORE stasiLizzATO ‘ig ENGLAND COMPUTER Thorens 220250 ody me Cae ney ae ew UC UN aOR TIC) regoiaole’ = foe ¢ [OREL MATERIALE ELETTRONICO ELETTROMECCANICO Via Zurigo 12/2A - MILANO - tel. 02/41.56.938 (MOTOR! ELETTRICI « SURPLUS COME NUOVI = prays Cee cam PSL ERERE RL S0 {185 | Gt ttoncaiee ver ign neamin me | CR | Spueetats seems Cas ene "tie Senereets Maree os Commutstore rolalve 2 vie € pos. 7A L.30 Commutsoreetativo 2 vio pos. + pula. C.380 Mero Switeh devitore 184 Coe Bobing nat magnetieg © 288 mm. foo 28 2 par tase Soo 1° St Sede Gu Set | cur sn "Sesinae 18 twa wong a VENTOLA BLOWER 0.20 Vas - 30. PRCESIONE Seruawica ‘potoisttre oversols astra an me feel ol Fo con vi MA Seteds besa eccre"s ates oe FESS | orrenre speciaut Seer ee ears ee Se. ygagn | 10 eget OTL vuoi ets; Lan —_——ra—e—o—=—=—rre “100 integrati OTL-ECL-TTL nuow! L. 10.000 MorombuTTon | 2 inograt Mos « Mostae di rocuporo L100 VENTOLA PAPST-MOTOREN OY 9 a 28M fag, Sate Yotantacasceto Mig sits ote cane ttyl 201 rain es VV eae LA) Routan KG 08 ght Beker ig: EI Bo.yoc ps || st raise mn 4s VEN SI i ieee 1Goh ‘ans ge ee tipo tan nasiinin cogent. kqiem 4 sage | 50 rottencs carbone 02-00 wee. 2am VENTOLE TANGENZIALI ‘Too tas 83 Simin: coppiest kgem C Atwe | 10 reosat varabil a fo 10-1c0W 000 ' Ys he simin copa 7 avon 3148 | 25 winmer a gate asset tse ~ en Hp Ciba gin cos FS | So potnctomein sso = TRAGrORWATORI 1m Gon. yaa Plt Pleat 00 Oe ner con ao. gels ay 20-18 ‘ {00 cond, Pitot aot He 5.000 | | 20-720.248V « 28V = 4k L (200 cond. ceramic! assortiti 4000 Biveecig-an@y- wa {0 vorlampade eater C hoe “ipo wEDDIO 70 Enea - dota E {e mce swnch tip C toe BN: nov A t 10 pulsntireRasio TW sorte. ae BOR fain? Slo Vas so ue | Sind Saar if ozoy - wove Pacco. Kp. ® mater alot. iter, Switch cond, Ingomar texto mm. | TY SutOw, W220 Sehede fot Siar acco a1 speron io colleg, Nah Fut 2 rego. velctt| SEPARATOR! DI RETE SCHERMATI piccovo tae ‘zo - 220V ~ 200VA L 20.000 verano. BN: BY: Eve E88 | arene os coururen come nuovo EWE no onanoe 10 Ba: By Hota Ese Pot n come sonra pot, 8. _ | Archies potnee magaon! - consoana 18 giom | Su\kg'ise Prone fo amy mm: Corse ox 2 Ingsmbro mex Port 240 mf 290 Vac 50 Hz | Gostrulsmo “Gualsaat tipo. 29 8) Sho'thm. ingresso 11-280 Vac" Usete, (repo eb nS a a Btn TSF Vo ns 8 saa hie He ween toe VENTOLA AEREX ELETTROMAGHET| IN TRAZIONE Computer scondiona 02619050 Voc Iv it Stat coves # am, | Alirenttore sable dopla atin caren $eiatin Scone at "aliminio an,| T0261 +80 Ve Tags | Movatien, peso, Ka, $3. Dimension 210 120% 200 nae’ eva 8 | rin a2 29-50 Vc a.m itt core ia em | min irreean T"Voe_Usctor wb vBhe 3h. #2) C7 | Te Munro AER. Lie rwowinonno vnraarone| BAGG Meese Ee | ae et Sate cat 4g alta pressione, caraterisi-| RELE CALOTTATI SIEMENS 4 sc, 24 24Vec {1.880 | bio tipo Fire Compras! Gl lanoadine tv. 4 api8 Be Grande Sitsronaa ol prossione, U 20 ERE | REESE corre anne coon ee VENTOLE 6-12 Ve.c, (Auto) = COREL et Tver” Le nay 9 tx ad ae te 8 see melee Ee RM ASSES Soar £2 aa s CONTAMETAI a mica 205200 pF c [OREL MATERIALE ELETTRONICO ELETTROMECCANICO Via Zurigo 12/2A - MILANO - tel. 02/41.56.938 SPECIALE » PROCESSORI 1of9825, "2.2 srock mewonte ouvern 280 OPW. L. 14000 sueeaets 280 P.O. L 13.000 irae MK 4096 RAM Dinamica 4kx1L, 1.500 2102 RAM Statica NS afaetcaeitie anPactenens aie fet L. 1.000 en i die, act as 1702 EPROM =. 8.000 i tae earn sat ame eases i es wee Hen. He HHP HRTRGIE prea olen par fara Spy Ls sehero a] TMS 110 Ne ‘CONDENSATORI Ae Siig ARGS nee te ELETTROLITICI ‘ONT PER QUANTITA’ PROFESSIONALI 85° UNITA’ DI CALCOLO OLIVETTI Pe0e® Teo ontgurate con coppi Hoping dsko Elampant negra 8a. Barpe SSBsS8888038888 Stembante PR tp ee WAIKIT wis oruso o - 0188 mitano CREATE IL VOSTRO IMPIANTO H-FI CON | MODULI PREMONTATI WaAIKIT Tiga premoni_ =, slau conpongana lene agit schon Sg notagig eke aenonis esol 8 Gatcune reel apoleasigne, satel arate necersa 2° real floret vets, fra Gal ei "a ca sohermat "gal _ploan o)-oomma. al ANPLIFICATORI HUFI STEREO mis COMPLET ‘MODULI PREWONTATI OISFONTE [oa] —warrs —TenezroleReawe | FILta | conta. | Tease. [FRAT ne) argo ome] gm | oe] ae] aes] ame ‘siti | 30730 ‘con’ vu| tas.aco | tz000 | Seco | i500 | tzsa0 | 36.800 Aa) 2:3 anh] BB | Gm | | aS | Be |e TFINAGT STEREO SON CONPLEW DY RuMENTATORE eS earone SET ARTS RERENS sacrame + muopon Hot ETE BI : EQUALIZZATORE ampuiricaTore A 1()L Samia ean ee 8 ae caret ANPLIFIOATORE INTEAFONO PER CASOHI Sighlestece in'arman's Sa waa As «Abe runes 1 coma on Logo Mora 2 meraton 2S atopartat 8 esate: sa case Serre bom facs"costusiond: asale ‘per Ra it combisio {Per pagamenti anvcipaty, apeve a ‘Thosio calico, “mre 31 Sabato dalle ore 9 alle 174.000 [Accessori: Sonda Touch and Hold [che “congola" la lettura © 29.000 PREZZO IN KIT: §. 122.000 [ASSEMBLATO: £. 148.000 8110 IN KIT £ 138.000 8610 IN KIT © 182.000 8610 ASSEMBLATO £. 208.000 Sonda 1:1 £. 20.000 Sonda 1:10 &, 26.000 Sonda 1:1 ¢ 1:10 £. 32.500 IVA INCLUSA COMPONENTI Artz ELETTRONICI Via Varesina, 205 20156 MILANO ‘B 02/3086931 Voi LE NOSTRE OFFERTE SPECIAL! 1/10 - MASCHERE ROSSE prespex 3 mm. spess. 40x 120 mm, @ 45x 140 mm. cad 500 Speciticare misure 3 per L000 G/2 auanzi 3932, 160 KC. Solo L500 D/2 KIT COMPLETO per mositica orologt digitali QUARZO COMPRESO. Speciticate IWigo el Vostro erologio TKitL 2480 2 per L. 4.000 D/10 VOLTMETRO DIGITALE 2 3 clio - conversione doppia tampa slimentazione Sv, KIT TUTTO COMPRESO SEMPRE L 13.500 Fis DISPLAY Hew-Pack 20 per 10 mm. si- mile @ MAN 72 an. com. disealdatt "G00 cad 40 por L. 800 FI9 PIASTRINA con 4 display HP. come so pra gla montati Vi isparmia ia preparazio neve forstura cal citouto stampato L. 2.000 ‘Ald LAMPADA AL QUARZO por fotolncisione on realtore limitatore di alimentazione luce ppotente ricchissima di ultraviolet. Realizzerete finalmente I vost circult stam- pat. Moitissim! ALTRI Usi L. 24.900 .«E LA NOSTRA SUPER... CHANNEL «F» VIDEO ENTERTAINMENT * [Sul Vostro televisore Jun vero microcomputer per il Vostro tempo. linero - per per i Vostri parentl ed. amie! ase che Vi divertranno in un moda veramente nuovo ed jente; possipita ol agglungere altre combinazioni| Jper mezzo’ di cassette aggiuntive intercambiabil luna vasta scelta di prestazioni ai due programm di NON EQUIVOCHIAMO. Non si tratta dei solti giochini elementa- fi, ma di qualche cosa di pit e di megiia - UN VERO. MICROCOMPUTER VI ‘GUIDE RA’ O CONTRASTERA’ NEL GIOCO - 5 diversi lvelli di dificota Vi permetteran: ‘no i cominciate subitoe di aumentare Gradatamente il Vostro impegno. UNA. so a manopola speciale per ogni parteci- Dante Vi permetta i comandare 8 mov ‘menti delle immagini sulle senormo’e Gominare ii giocs. Ooeorrerebbero pagi- nee aagine per ilustrare adeguatamente Questa meravigia della pid avanzata tec Rea elettronica. Molto meglio per Voi pro vario'- non lo laseerete pid ene sarete entusiast Channel =F» videoplay - Oggi a meno dolla meta del prezzo. originale! L. 70.000 * Garanzia 8 mesit CASSETTIERA ORDINE E PRATICITA’ 4 cast can aperchia stelle aaa spas per rbtamento tet asset: Misue estora: 2200158 ° assets 207618 mn NB. le esssetiore sone compari, cio si pos sano afanare 0 suraporre.slidamente adn ot ATTENZIONE! out aang 8 ona «eno ~ iW da YO 022 MO 88 valent 0+ 10) — EEREIES as go concen ue STEREO VU meter con 2 indici e 2 quadrati in unico contenitore. Scale da —20a +3db. Aso L. 4.000 IM/t PENNA PER CIRCUITI STAMPATI. Dura molto di pid di un normale flacone d'inchio iro. I tratto @ soltllssimo © non macchia. DDotata di una punta oi ricambio in fra lun {90 uso. Non rigarieabile 1 ated [M/4 PACCO FILL. Contiene pli di 05 Ke. a \vani spezzoni di conduttor. Cavl_ schermati iat, unipolar, a trecciola, tut variamente lcolorat. Utiissimo in moltissime occasion ‘solo. L. 1.500] PER GLI SPERIMENTATORI Cominciando da questo numero, sul la nostra pagina di R.E. ogni mese potrete trovare una offerta alla prova di uno o pil integrati di varie case Gisponibili presso il nostro magazzino. Ordinandoli avrete a disposizione g lativa ai vari sistemi di montaggio ratuitamente Ia documentazione re- consigliata dagli stessi costruttori W2 MINI TRAPANO - loggoro, veloce, poten- te @ l'accessorio che cercavate per forare | Vostri cireuti stampatl Caratteristiche: poso 100 gr; alimentazione a9 a 15Vcc.; consumo 0,64 15000 P.M, Serraggio massimo del mandrino 2.5 mm. Lts.000 QUESTO MESE LM 2914: Dot/Bar Display Driver PROPONIAMO. Utliseimo per Vu Meter, Veltmetr, Termometsie tante altre applicazioni ove @ richiesta ‘una misuta di tensione hon tradizion Pllota 10 Led: Teireulto integrato +1 zoccolo 18 pin + Iimentazione da 3 a 26; sonsibiita 1.2 tf. 12 pagine i schemi. ‘ABBIAMO DISPONIBIL! DATA BOOKS DEI PRINCIPAL PRODUTTORI USA. semiconductors, linear |.C.s,, Application Handbook, Mos & C Mos, Fet Data Book, Memory application Handbook. Dovete solo richiedere speciticamente cid che vi serve. Metteteci alla prova. Ordinate per lettera o telefono oppure visitateci al ns. punto vendita di Milano, via Varesina 205. Aperto tutti giorni dalle 9 alle {Be dalle 15,15 alle 19:30. Troverete sempre cordialta, simpatia, assistenza, comprensione e tutto cid che cercate (se non c'® Io pro: curiamol. Non dimenticate che sull'mporto totale dei Vost ‘acquisti dobbiamo applicare IVA e spese. postal Mod. Abmu Mod. Delta Antenna nautica, ‘Antenna nautica, per CB alimontata alla base Frequenza: 268 ~ 27.6 MHz Lunghezza elettica: 12. Lerghezza di panda. 1 MHz irmpedenza: 50 Ohm + Frequenze disponibil yaa = 148 MHz 0 156 = 160 MHz Lunghezza eletiica: 12 Potenza: 100 W Siceagho: 2a (so) DROS er cena bance Irpedensa.s0 ohm 1 Linghezze totale Pokone 100 W 4800 mm (ores) ROS =n? a cenvo banca Peso 08 Ke Cngneeza tole Fiesaggo: mediante angi, | 7 suv teres) So suppor rezone I Peso: 0,250 kg. ‘overticale. ! Fissaggio: foro @ 16 mm In dotazione mt. 4 di | Gonetore pe 80 288 one 58 ou |) 3 Sittin tora d vero «+ Siutura mega egper © Baso none stone Tora.l veto watarsenta Aecessor: stata issaggo + Ata srt pe postazen Mod. Dipole Astenna nautica in 12 A alimentate al centro Frequnze dsponbi te ene e te = 160 Mie Gedagno, 208 (s) Irmpedenza: 50. Ohm Potenza. "50 W ROS — 1.2 a centio banda Lunghezza totale 3280 mm Peso: 1.3 Kg Fissaggio: mediante tlangia ‘Snodo: due posizioni tse or-90° Cavo: 05 m AG 58 clu Base in'iega leggera, Inradiante 0 proiatte in tera aivetro ELETTROMECCANICA \ aletti. Quando le cose si fanno seriamente Via Leonardo da Vine, 62 - 20062 Cassano d’Acda (hl - te, (0363) 62224-62205 It vente: Milano - via F. Fe, 26 el, (02) 204649) MILLIVOLHETRO © CIERE [repose £ 48000 + IV “Teli ceo AMM Se Via Dupre - 20168 Mang 61 3270226} (Verne Hohon alo Meshes) : JAMPLIFICATORE. STEREO t 25425 Ww. WILBY- = Ese] & 450004 IVA een Occ onmenene ante ‘iat008— Mona ce Fowetbalsah tn © pile rhoeste "Bickel. neat 2 ei contenteo z ~, oniegpo ene innustrIA Wilbikit evertronica VIA OBERDAN 24 - 88046 LAMEZIA TERME - tel. (0968) 23580 RCS. 800093 500+ Aes FINTE LASER 1 mW. 12 V2 A SUPPLY 2 . Allmentatore. stabilizzato da 12 volt. particolarmente.ido- neo per il furzionamento. di Fadiotelefonl. Circuito a basso livello di ripple ed. elevata stobilita anche nelle condizi ni-di massimo carico (2 am Costruisci un generatore laser da 1 mW di potenza. Una sca- pore) te cimmension! partico, toad montaggio per proparare un Taser a Tuco rossa adata larmente, ridatte _consentona per esperiment! scientiici ed effetti psichedelici. La contezio wna facile ststamazlone nel he comprende il circulto stampato inciso @ serigrafato; i com- laboratorio © nella sazione onenti necessari al montaggio ed il tubo taser da applicare radio, L'apparecchio@ dispo- Sirettamento sulla baseta Kt @ roperibe presso 1 dari cite eactusiva for dei nostri prodotti oppure direttamente per corrispondenza, Kit 104 L, 320.000 L. 24.000 ouT Cara ° MODULI AMPLIFICATORI IBRIDI Di POTENZA SENZA DISSIPATORI. 12:10 - 200 - 400 W = CARATIERISTICHE [matt wizo | _wv200~|_Hv400 I moduli amplificatori audio -ILP- otena eon ps] 20a es] 2400 VS con le loro eccezionali 7 prestazioni e semplicita di ‘Weatce 4-160 | 4-160 | 4-160 impiego, favoriscono il formarsi di ‘Sensbilta ingresso | 500 nV AVS | S00 mV ANS | 500 iv RNS concetti nuovi sul «fai da te» nel -¢ impedenza su 100 ka ‘su 100 ko su 100 ko campo dei sistemi di riproduzione Distorsione 01% TO om “Tica ae aie aie HL-FI i sec rae ye | 10048 100 68 100 a8 Lr Risposta OH = 45kHz | 1OHz + 45KH2 | 10Hz = a5kHe a troqnnza a8 a 3a ELECTRONICS LTO. imentarione | 350-435 | a5:0:-445 | 45:0:445 Dimension reso | esoze | i16x7522 DISTRIBUITO IN ITALIA DALLA NOVITA € DEE PRR iL VS. INBORNTORIO Prete Cee mca toe as) BO =e a Casella postale 3136 - 40131 BOLOGNA # ei Rees) Cee Oe Tra le lettere che perverranno al giomale verranng seelte ¢ pubblicate quelle relative ad argomenti di interesse generale. In queste colonne luna selezione della posta gid pervenuta La telemedicina una nuova professione Ho coltivato per anni Velettronica come hobby ri- cavandone ogni tanto anche qualche piccolo vantag- gio economico; perd non ho mai osato, per la com- plessita della materia ¢ senza studi specifici regolari, pensare all'elettronica come alla mia professione. Da qualche mese infatti, sfruttando anche una raccoman- dazione, ho trovato lavoro come infermiere in un ospedale e sto seguendo un corso di specializeazione per diventare infermiere specializzato. Da qui, neces- sariamente, sono stato costretto a ridurre il tempo che dedicavo al mio hobby prejerito. Al corso di spe- cializzazione, perd, ho sentito parlare di telemedicina ¢ di come, questa, si basi sull'elettronica. Vorrei che ‘mi deste qualche informazione su cos’é la telemedi- cina, anche per vedere se c'8 la possibilita di fon- dere quello che ormai da lungo tempo é il mio hobby preferito, con quella che da poco & la mia profes- sione (che, per ora, non svolgo con particolare entu- siasmo) Dario Lazzarini - Novara In un nostro servizio del mese di luglio sul salone dell’informatica 1980, dicevamo che la fantascienza & diventata realta e, riferendoci alla medicina, dice- vamo che, da qui a pochissimo, grazie all'informa- tica, appunto, anche un medico generico sara in gra- do di @ un sistema di sup- porto dellassistenza sanitaria. Essa viene considerata non solo in termini di trasmissione dati (mediante strumenti di tipo telegrafico, telefonico e televisivo), ma anche in termini di elaborazione degli stessi, per mezzo dell’'uso, appunto, di cervelli elettronici. Au- guri per la sua professione. PELETTRONICA col metodo ‘dal vivo LST 2 sti ambicioso, se vuoi arimeg- fico va oltre questa parole. Prova sive el levores nostro corso teorienpratic fu. are ne! lavoro, ge a tua carina {iste veramenté a cuore, dvi go: Zona bane ed & Impostato sempl. hosere felotronica perche tun cemente'si spasiremo' 18 fascco: Bitters che "tree ene papabene! — Trper la tortae, in parllio, le 6 Eis ie lo offre, Guettamanta a scatole ch materisle parla pratiea Cosa tua, in sole TB eign’ ehie.(eostrulral"mumeros!-espetirrent| fe foil eg acete a tut! [anche di verifica: le te rispostesaranno hi mon sé mai occusste disiet- —ssaminate,individualmente, di ftonteel perche non legate alfetb, most nsegnanci che t aivteranno Big formasionecalfattvta woita, in caso ai bisogno: al “Eeioperio’ Migliore latuapon- civeral I) Gartifiesto fonte? Completa le provera Ia tua forza ela tus pero Sei tecno? larga Yeranza Sei hoboyste” Of Gratis in prova un fascicolo {rit un paratempo.atascinante Sa rea COVA ORA: 3 tutti TUITA senza imooane «unos! Golo" t2 lo spediremo roccoman ‘ato. Potral controllore Ta banca Self insegnamento le chiaeazza Sole” soispasioni. ‘Spudise ogo) stesso questo tuo tapiando: an Gii expert ta consialiano Unovde: ps portant: auotgion! economic halt attra fle. {tone 6 uno det sor he tard rare nel prossimi anni, alive. Sts, questo, tuo dicosstemotoa. ISTITUTO SvizzERO . DITECNICA' Non indie, mo. atrnta Io Satine: evrer temp9 perduto, bruce te tadoe aval perdio cont silt tuscapeeiae LIST non effettua visite ‘su dinoi- il nostro impeanodidat- _@ domicilio 2 a, [BuONG ©. we perp aor ae UUnieo astociato italiano al CEC Consiglio Europes Insegnamento per Corrspondenza - Bruxelles. ZIOHBLUINO Warese) ‘el.095285 0408 Po Un circuito semplice per qualche esperimento che possa strabiliare amici e parenti. Sicurezza di funzionamento e costo trascurabile. h, se avessi Ia bacchetta ma- gica! Uh, se avessi la bacchet- ta magical mi ripetevo tanti anni fa, quando, ancora pargoletto da asilo, ascoltavo con emozione le disavventure di un piccolo buratti- no di legno chiamato Pinocchio, completamente rapito dalla fanta- stica trama di quella fiaba, E quan- do ascoltavo, con estatica ammira- zione, (notare la vena letteraria) i prodigi cofitpiuti dalla fata Turchi- na (che tra l'altro non doveva es- sere niente male!), Adesso, tuttavia, anche se il mondo della fantasia ha lasciato il posto alla realta, mi & venuto un dubbio: «Ma, chi mi dice che la bacchetta magica non esista vera- mente?! » Cosi, pensa e ripensa, cerca e ricerca, spera e rispera, @ saltato fuori lo schemino che appare su queste pagine; come al solito Pe- lettronica ci di una mano per rea- 28 La bacchetta lizzare i nostri pid’ antichi deside- ri, Certo, non & la bacchetta ori ginale « firmata > Collodi (no, al- Jora non c’erano queste cretinatel). La nostra bacchetta magica un pid) casalinga, diciamo made in Japan, © per funzionare si avvale di un semplice circuitino a tran sistors; questo, in pratica, & i «cuore » dellintero complesso, il piccolo ma prezioso segreto che ci permettera di strabiliare figli, pa- renti e amici. Cenni storici sull’elettrostatica Lelettricita statica, ossia il com- plesso di cariche elettriche che s formano su corpi isolati, & cono- sciuta fin dal tempo dei Greci; ma & solo nel Rinascimento che si i id studiarla con metodi sempre pid seientifici, I primi lavori risalgono_a stu- diosi come G. Fracastoro, G. Car- dano ¢ G.B. della Porta. Nel 1600 W. Gilbert, medico della regina Elisabetta, serisse in un suo libro oltre 600 esperimenti di magnet smo. Da qui inizid a proliferare la ricerca vera e propria. O. von Guericke costrui una delle prime macchine per produrre elettricit’: la sfera elettrostatica. Nel secolo successivo, il 1700, Velettricita diventé un ‘fenomeno sociale, una vera e propria moda. magica... oggi Tutti ne parlavano e tutti organiz~ zavano € partecipavano a sedute- spettacolo di elettrologia. Intanto la scienza introduceva la distinzi ne tra corpo isolante e corpo con- duttore ¢ tra elettricita vitrea ed elettricita resinosa (chiamate in st guito elettricita positiva e negati- va), La fu il primo apparecchio in grado di im- magazzinare Velettricita, in_prati- ca il primo condensatore. Essa fu realizzata nel 1745 da P. van Musschenbroeck. Sette anni dopo B. Franklin intui il funzionamento del parafulmine, il quale, disper dendo le cariche elettrostatiche, im- pedisce che tra cielo e terra scoc- chi la distruttiva scintilla del ful- Le basi per la nascita dell’elet trologia erano cosi gettate: da qui, a poco a poco, studi come quello di Beccaria, di Cavendish, di Cou- lomb, di Galvani e di Voita porta ron a concetti come resistenza, capacita, corrente, tensione, che sono Je fondamenta della moder- na elettronica Il nostro apparecchio Parliamo innanzitutto della bac- chetta magica. Essa potra essere sia di plastica, sia di vetro, sia di metallo; in quest’ultimo caso pe- 15 dovra possedere un manico per- fettamente isolato clettricamente, di MARCO PAGANI Una sola asta isolante ¢ un circuito che la sente infaliblimente a distanza per azionare quel che pili piace. Un circuitine per chi comincia ad occuparsi di eletronica. altrimenti, le cariche elettrostati- che necessarie al suo funzionamen- to si disperderebbero attraverso il corpo dell’operatore (0 se si pre- ferisce del < mago »). Si sara gia intuito che, per po- ter funzionare, la bacchetta magi- ca dovra prima essere « caricata >. Cid. potrd avvenire sfruttando a nostro vantaggio i fenomeni del- Pattrito, cio strofinando la_bac- chetta con con un panno di lana. Cosi facendo la bacchetta si elet- trizzer’; se usiamo una bacchetta di vetro questa si carichera di a- tomi positivi, usando invece una bacchetta di materiale _resinoso (ebanite, plastica) essa verr’ cari- cata di atomi negativi. La piccola asta cosi preparata servira per innescare il circuito e- lettronico che ora__presenteremo. Bastera infatti avvicinarsi al sen sore con la bacchetta magica e anche da una discreta distanza 2 senza toccare pulsanti o interrutto- tio telecomandi, riusciremo u- gualmente ad accendere il piccolo LED segnalatore posto sulla scato- la, A questo punto il lettore poco ferrato in clettrostatica si chiede- ma come & possibile che dei semplici atomi, negativi 0 positivi che siano, riescono ad esercitare un’influenza a distanza? La cosa & facilmente spiegabile introducendo il concetto di «campo elettrico » Come la fisica spiega, da ogni corpo elettricamente carico, posi- tivo o negativo, si dipartono delle linee di forza invisibili, proprio co- me nei corpi magnetici o come nelle bobine quando sono percor- se da corrente, Queste linee di for- za, fornite di un potenziale pid 0 meno grande, esercitano un’azione repulsiva 0 attrattiva a seconda delle qualita elettriche dell’oggetto immerso nel campo elettrico. Cost due corpi caricati con lo stesso segno si respingeranno, mentre cor- pi caricati con segni opposti si at- tireranno a vicenda. Liintensita del campo elettrosta- tico & direttamente proporzionale alla quantita di carica del corpo considerato e inversamente pro- porzionale al quadrato della sua distanza da un certo punto. Analisi dello schema L’elemento captatore del campo elettrostatico prodotto dalla bac- 8 1 camp! eletiric! generati ispettivame LINEE DI _FORZA ‘A dasira, i! clrculto relator, chetta magica & costituito da una breve antennina di 30 - 40 centi- metri di lunghezza. Per realizzar- la bastera tagliare uno spezzone di filo di rame rigido da 1 millimetro di diametro circa, il quale dovra ssere isolato per tutta Ja sua lun- ghezza, Cio’ si dovra lasciare in- tatta la guaina plastica che nor- malmente ricopre i fili elettrici, questo per evitare che un contatto diretto tra il gate di TRI e il cor- po elettrizzato porti alla distruzio- ne del FET. stesso. L’elemento sensore, quindi, oltre che da an- tenna, funziona anche come da condensatore di accoppiamento, in quanto il contatto con TRI non Hl montaggio SA SE Le ft fe ite da una carica positiva @ da un carica negative, | © diretto. 11 FET usato come rivelatore di campi elettrostatici & il ben noto 2n 3819, che appartiene alla ca- tegoria , & di silicio negativo nel primo caso € di silicio positive nel secondo. Nel FET a canale N, la corrente Id diminuisce quando sul gate viene applicata una tensione negativa e logicamente, pit nega- tiva é, pid bassa sara ID. La cor- rente di drain si annullera quan- do la tensione negativa gate-source avra superato un certo valore, Nel caso di fet a canale P-la tensione di controllo applicata al gate do- vra invece essere positiva; per il resto il funzionamento & analogo al primo caso, Veniamo finalmente al nostro ‘Componenti RI = 5600 ohm R2 = 100 ohm C= 10 F 12 VL TRI = 2n 3819 FET ‘TR2 = BC 108 TRS = 2n 1711 Ldt = LED circuito rivelatore di < magia > Quando noi avviciniamo al sen- sore la bacchetta carica elettrica- mente, possono avvenire due feno- meni: 1) Se la bacchetta magica & carica positivamente (cid avviene usando aste_ di vetro) le cariche captate da TRI allargano il ul- teriormente; quindi la corrente che scorre nella barretta D-S aumenta. 2) Se la bacchetta & invece carica negativamente (cbanite, plastica) il canale si restringe e la corrente Id diminuisce. Di conseguenza au- menta la resistenza D-S e ai suoi ca- pi si forma una tensione; quando questa supera il valore di 0,7 V, ‘TR2 e TR3 iniziano a condurre, Di conseguenza il diodo LED, che funge da segnalatore, comincia ad accendersi, indicando cost la pre~ senza di cariche negative. Avvicinando ora un corpo ca- rico positivamente 1a tensione D-S diminuira ¢ lo stesso fara il LED in luminosita, Scendendo al disot- to della caduta di tensione base- emettitore di TR2 il LED si spe- gnera del tutto, Anche in totale assenza di cariche, sia positive sia negative, jl diodo fotoemittente re- stera in posizione off, dato che la resistenza R1 non permette la con- duzione dei transistor amplificatori. Su questi due basterd dire che sono normali transistor am; tori di bassa frequenza collegati a 29 Io Questa analogia funzionale tra FET @ tviodo. In pratica G controla, 2 seconda de! suo potenziale, la corrente che attraversa I'slementa, Ta darlington; questa particolare con- figurazione, che prende il nome dal suo ideatore, ha il pregio di molti- plicare fortemente il guadagno to- tale dello stadio ¢ quindi di forni- re una discreta amplificazione di corrente. I! guadagno complessivo @ dato dalla moltiplicazione del guadagno dei singoli transistor. I due transistor sono: un BC 108 per TR2, il quale pilota direttamente TR3, cio’ un transistor del tipo 2n 1711. 1 due semiconduttori possono benissimo essere sostituiti con altri equivalenti; lo stesso di casi per il FET 2n 3819, che pud essere sostituito con altri suoi « fra- telli », sempre a canale N. Usando un FET a canale P sognerebbe cambiare oltre alla po- larizzazione (verso della pila), an- che i transistor TR2 e TR3, che sono degli NPN. Inoltre in’ que- sto caso. il Led si accenderebbe non piit in presenza di cariche ne- gative, ma in presenza di cariche positive. Il condensatore C1 stabilizza la tensione di base, mentre la resisten- za R2 limita la corrente del led, per evitare la sua distruzione. Per finire la descrizione dicia- mo che il citcuito funziona con due 0 anche tre pile da 1,5 V in serie (stilo 0 mezza torcia), Come si é visto il nostro circui- to per aspiranti maghi (0 per aspi- ranti fatine) & semplicissimo. No, cari lettori, non abbiamo yoluto prendervi in giro! Soltanto che una volta ogni tanto & bene uscire dalla serieti e dalla noiosita dell'elettronica professionale, fatta 0 di formuline, di formule e di for- mulone, che’ a Tungo andare p. sono far rintronare il cervello, fer- mo restando che Pelettronica sia un mondo sempre pit) affascinante ed interessante. L'elettronica insomma & come il vino: troppo fa male. Ma & cosi dappertutto! Noi vi presentiamo questo cir- cuitino come gadget, come giocat- tolo-curiosita, da provare tra ami- ci, ma nulla vieta di trasformarlo in uno strumentino semi-professio- nale; questo lo dico soprattutto a- gli incorruttibili_ « seri > professio- nisti, che mai si sbilanciano, come quel mio amico finito poi al repat to neuro perché affetto da transi storite acuta, aggravata da integra- to depressione. Il tapino infatti era convinto di essere continuamente seguito da clettroni di misteriosa natura! Montaggio e accessori Dopo questa paradossale paren- + ANTENNA - SENSORE tesiiniziamo a descrizione del montaggio. Questo potra essere ef- fettuato sia col sistema « volante » sia sull’ormai diffusissimo circuito stampato. Io preferiscosenz’altro il secondo in quanto pitt razionale € pid’ meritevole di affidamento. Dunque prendiamo una basetta di bakelite (meno cara della vetroni- te), tagliata nelle dimensioni ne- cessarie ¢ laviamola accuratamente con un detersivo abrasivo. Una volta asciugata tracciamo con apposito pennarello le tracce dei circuiti, come mostrato in fi- gura, Quando Vinchiostro sara sec~ cato potremo immergere Ia piastri- na in un piatto o in una vaschetta pieni di cloruro ferrico, dove l'a- cido corrodera il rame non protet- to dall’inchiostro, A corrosione av- venuta laveremo la basetta € to- alieremo Vinchiostro con la trielina. Ricordatevi che il tempo di cor- rosione dipende dalla concentrazio- ne della soluzione di acido © la- sciando la piastrina troppo a lun- go in essa si corre il rischio di ro- vVinare anche le parti protette. Que- sto specialmente nel caso di una forte concentrazione di cloruro fer- rico; pertanto consiglio ai meno e- sperti di controllare periodicamen- te Pandamento della corrosione. Per ridurre i tempi di corrosio- ne pud essere utile far galleggiare Ia basetta sul pelo della soluzione. Dopo aver forato la piastrina in cortispondenza degli ancoraggi dei componenti si procedera al mon- taggio degli stessi Le resistenze andranno: una sul cireuito stampato e una < volan- te», saldata ad uno dei terminali del LED. Per le resistenze, si sa, non esistono problemi di polariz- zazione. Questi sussistono invece per tutti gli altri elementi del cir- cuito, Cosi il condensatore C1 an- dra montato rispettando i suoi poli pit o meno. I! LED, che trovera posto sul pannellino anteriore del contenitore dovra essere collegato col catodo verso il lato negativo & con Panodo verso il positivo; la sua resistenza limitatrice di corrente potra essere saldata sia sul catodo sia sull’anodo indifferentemente. I transistor, Fet ed NPN, do- vranno essere inseriti come da di- segno. Per i FET potra risultare un po difficile individuare la sposizione degli elettrodi in quan- to essi variano da una casa all’al- tra. Il circuitino apparso. sul nu- mero di giugno di R.E. potra aiu- tarvi in questo. Per ultima andra saldata Pan- tennina di cui abbiamo parlato pri- ma, che non dovr’ superare i 40 em di lunghezza; questo perché i campi elettromagnetici della _cor- rente di rete, captati dal sensibilis- simo FET, diventerebbero talmen- te intensi da impedire il corretto funzionamento del dispositive. Ta- le antenna-sensore dovra fuoriusci- re dal lato superiore del conteni- tore, in modo da risultare diritta, Sul panneliino frontale, oltre al LED, troverd posto un interrutto- re, il quale evitera lo scaricarsi pre- maturo delle pile quando si ripone Papparato. Una volta acceso lapparecchio pud capitare che il LED resti < on » per qualche secondo; questo pud essere dovuto alla presenza di tes- suti sintetici (magliette 0 maglioni indossate dall’operatore; i. tessuti sintetici sono infatti conosciuti per i loro effetti elettrici, quali lo sfre- golio 0 le scintille, che si vedono al buio). I fatto’ che LDI resti acceso pud anche essere determi- nato dallo sfregamento involonta- rio che si & operato fino a quel momento per sistemare Paggeggio. In tutt’e due i casi lasciate che le cariche « bastarde > si disperda- no e che il LED si spenga da sé. ‘A questo punto potete cominciare a divertirvi come maghi. Prendete la bacchetta magi strofinatela contro il maglione 0 con uno straccio di lana, pronun- ciate la parola magica che prefe- rite © puntate la bacchetta verso Pantenna (distanza 1 metro o pid). Con stupore e allibimento, i pre- senti, specialmente se sono digiuni di elettronica, crederanno realmen- te di trovarsi di fronte ad un vero mago superdotato 0 di fronte ad un miracolo. Auguri ai futuri maghi elettro- nici! st Un autentico pr tiamo vivendo il periodo che vorremmo fosse ricordato come Vera del computer. In effetti il computer & ormai parte integrante della nostra vita cosi come lo so- no Fautomobile e il televisore. Ma, a differenza di questi, ormai uni- yersalmente accettati, il computer incute ancora nella gente un certo timore ¢ viene considerato come un’ entita astratta > posta «da qualche parte » dove fornendo Mestratto con to a fine mese, le bollette del tele- fono, le statistiche, il calendario del campionato di calcio ece. Per noi < addetti ai lavori >, in- vece, questo periodo rappresenta Parrivo del computer nei nostri la- boratori, la sua entrata nelle no- stre case. Radio Elettronica vuole essere da questo numero il cerimo- nieze che vi presentera e vi invite- nevesane 18 a costruire un vero. Personal Computer. Non perdete quindi i prossimi numeri tra i quali & pre~ Visto anche un completo corso di Basic. I nostro computer la Quando circa due anni fa i com- puter, forti del sucesso riscosso 32 rsonal computer i GIUSEPPE PORZIO Foto di Silvano Nani, Pubil Foto negli Stati Uniti e in Inghilterra, fecero la loro prima apparizione sul mercato Italiano noi di Radio Elettronica pensammo di presentar- ne uno ai lettori, ma molte moti- vazioni ci spinsero a desistere. Pri- ‘ma fra tutte alto prezzo di que- ste apparecchiature che avrebbe scoraggiato chiunque. In secondo logo i computer che allora cir colavano non potevano essere con- siderati veri computer ma piutto- sto microprocessori pill o meno e- voluti, Infatti non erano in grado di elaborare nel vero senso della parola ma svolgevano funzioni di poco superiori a quelle di una cal- colatrice programmabile. Venivano usati per introdurre il profano al ‘computer e finivano per essere un giocatiolo troppo costoso, incapa- ce di dare quei risultati che tutti si aspettavano, Succedeva cosi che chi li aveva acquistati ad esempio con lo scopo di eseguire calcoli complessi si accorgeva di dover impostare cinque o pid istruzioni per programmare una semplice ad- dizione © questo lo portava spes- so a pensare di aver davanti un bidone © non certamente un com- puter. Ma non solo; anche il fatto di avere a sua disposizione una 33 Am & REGISTRATORE w MODULATORE fe TV ALIMENTATORE uNITA TERMINALE CENTRALE TASTIERA less [SvEs% TSA TAR Schema logico generale del'apparecchiatura. A destra i vari clementi costtutvi ‘che dovranno essere costruiti a poco @ pace. piccola tastiera e un minuscolo display come input-output lo sco- raggiava non poco e gli faceva ri- cordare con rimpianto la sua vec- chia calcolatrice, forse meno intel- ligente, ma con un bel display da sedici cifre di numeri decimali (e non esadecimali come il computer che visualizzava quei curiosi F3, AS cece.), Oggi, fortunatamente, i tempi sono cambiati ¢ il periodo' e- roico del computer @ solo un rie cordo; finalmente il computer si & evoluto, & diventato Personal Com- puter, Negli ultimi due anni anche Phobbysta si é fatto meno diffiden- te verso questa machina elettro- nica; non la considera ormai pit < mostruosa > ma « potente » ¢ Ia guarda con curiosita, con interes- se. I tempi quindi sono ormai ma- turi per parlare seriamente di com- puter tanto pitt che i prezzi, sfidan- do la tendenza generale, sono di ‘minuiti anziché aumentare. Il nostro computer per poter es- sere proposto ai lettori doveva a- vere le seguenti caratteristiche ge- nerali: affidabilita totale, basso co- sto, reperibilita in tutta Italia, ¢ possibilita di qualsiasi_ espansione futura, Inoltre le caratteristiche tec- niche dovevano essere: input da tastiera alfanumerica, semplice lin guaggio di programmazione, am- pia memoria, output su video tele visivo © possibilita di registrazioni su nastro magnetic. Abbiamo rag- 34 giunto questo scopo con un com- puter che non solo soddisfa tutte queste condizioni ma di molto di pid. Innanzi tutto & reperibile gid assemblato su due grandi schede per eliminare gli enormi problemi che avrebbe dovuto affrontare chi, malauguratamente, avesse pensato di assemblarlo da sé col rischio, tra altro, di rovinare integrati che costano qualche decina di mi- gliaia di lire Puno, Questo com- puter viene inoltre venduto dall’or- ganizzazione GBC che, con la sua capillare rete di distribuzione, ne assicura la reperibilit& su tutto il territorio nazionale. L’affidabilita e la sicurezza del prodotto, assembla- A cosa serve un computer Forse & pitt semplice dire a cosa non serve un computer perché ormai esso @ usato in tutti i campi. Oltre a elaborare dati contabili e quindi oltre a fornirci lo stipendio, l'estratto | conto, Ia bolletta del’ telefono, ece., il computer opera in campi spesso impensati; in medicina esegue analisi, diagnosi ¢ tiene sotto controlle gli ammalati, in meceanica esegue caleoli e pro- getti di strutture; in campo po- stale smista le nostre lettere le invia a destinazione, Ancora, to in USA, sono garantite dal co- struttore, una ditta leader in que- sto campo: la Synertek Systems Corporation di Santa Clara, Cali- fornia, Le sue possibili espansioni sono quanto di pitt completo sia tutt'ora in commercio € cio’: pos- sibilit di variare il linguaggio di programmazione da Basic in As- sembler, Text Editor... ec. con la semplice sostituzione di due circui- ti integratis espandibilita della me- moria da 4K (K = unit di mi- sura della memoria; 1K @ uguale a mille caratteri alfabetici o nume- rici) a 64K; possibilit’ di collegare una stampante su carta € un’unita di Floppy Disk (dischetti magneti- il computer, comanda i semaf delle nostre citta smaltendo pit facilmente il traffico spesso cao- tico; negli aeroporti riceve le prenotazioni aeree confermando- Ie 0 meno a seconda delle di- sponibilith ¢ inoltre assiste i pi- loti di volo; nell’industria au- fomobilistica studia Ia forma delle nostre utilitarie e nello spa- zio pilota le navicelle. Tutto questo per citare solamente una piceola parte dei compiti svolti dal computer; altri settori di u- tilizzo sono ancora fantascienza per chi non conosce le reali pos- sibilta offerte da questa fanta- stica machina. Vediamone bre- i per registrare dati); e infine am- pie possibilita di collegamenti e- sterni mediante le porte previste. Un'ulteriore diminuzione di co- sto del nostro computer rispetto ad altri é assicurata dal fatto di usare, per le parti ausiliarie, ap- parecchiature che bene o male si trovano in tutte le case. Per il video, ad esempio, si usera un co- mune apparecchio televisivo; per Yunita di memorizzazione dei dati su nastro si user un normale re- gistratore a cassette € infine per Valimentazione generale si potra usare un qualsiasi alimentatore in grado di fornire la tensione © la cotrente richiesta. Come potete ve~ dere il costo del computer si ri duce al costo delle due schede pitt quelle dei circuiti integrati che ser- vono a tradurre il linguaggio di programmazione da Basic a_lin- guaggio macchina. Negli articoli che seguiranno vi guideremo alla costruzione del computer prenden- do in esame, di volta in volta, ali- mentazione, unit& centrale © regi- strazione dati, tastiera_alfanumeri- ca e terminale video, il linguaggio di_programmazione ‘Basic e, per finire, esempi di programmazione (giochi e programmi vari). L’alimentatore Prima di iniziare la costruzione vera € propria del nostro compu- ter & necessario procurarci Pade- guata_sorgente di alimentazione. Nella fig. 1 & rappresentato lo sche- ma a blocchi_del computer che realizzeremo. Dall’osservazione di questo schema si pud notare come sia sufficiente_una tensione singo- la di 5 V + 5% per alimentare le due schede, unita centrale e ter- minale tastiera, mentre per il mo- dulatore video & necessaria una tensione pari a 6,5 V. Gli assor- bimenti di corrente sono fissati a 2,6 A per le due schede © I mA per il modulatore. L’alimentatore deve perd poter erogare, per quan- to riguarda la tensione a 5 V, una vemente alcuni: nell’editoria il computer trascrive gli articoli andando correttamente a capo, impagina, stampa e spedisce il giornale; oppure in altri campi elabora la voce, cio® interpreta le parole ricevute tramite un mi- crofono, le elabora e risponde con la sua voce elettronica sin- tetizzando le parole; prepara cartoni animati_ (come gli Ufo Robot ad esempio) in brevissimo tempo; esegue brani musical come una vera orchestra senza mai commettere un errore; so- stituisce i disk jockey nelle ra- dio private arrivando anche a trasmettere Vora esata € i co- municati commerciali_ preceden- temente registrati su nastro, svi- luppa e stampa le nostre foto- grafic a colori o in bianco © nero. L’elenco potrebbe conti nuare per pagine ¢ pagine, ma preferiamo Fermaret facenda grandi elaboratori, ma pur sem- tnlimportante considerazione: il pre pia che sufficient per i no- computer una macchina talk Ohi Spi, mente potente che permette qual- siasiutilizzo, ma anche se a volte pud non sembrare cosi ri- cordiamoei che esso pur sem- pre una macchina ¢ come tale non pud sostituirsi o fare a me- no dell’uomo perehé, come ab- biamo detto, & incapace di pen- sare. Nel nostro caso il Personal Computer che descriveremo ar- riva a svolgere le stesse funzio- ni di un normale computer con, perd, aleuni limiti dovuti alla sua potenza ridotta rispetto a Potra essere usato per ottenere giochi sul video di casa. Oppure si giocherd a carte 0 a scacchi. Sard possibile risolvere problemi matematici o pilotare un sinte- tizzatore... Il limite insomma sa- a dato solo dalla fantasia e dal Vintelligenza. 98 Fig. 2 im: 220 Vac Teast. OOOO Il montaggio c |e el le Rol | Ie Rele HA a Qn RB Re D: t + 2 Ai Teast nO ph RI ct [ee cS “ Dhow a — I p23 - ar Componenti RI = 390 ohm/W C1 = 4.700 F 25 VL 14 = BC207B R2 = 68 ohm/W 2 = 220 F 25 Vi 15 = 2NITI RS = 390 ohm/W TRASF. = Trasformatore prim. Dzi — Zener 2.4 V 1 W R4 = 0,1 ohm 3 W 220 V, second. 9 V 35 VA Di2 = Zener 5.6 V1 W R5 = 0.1 ohm 3 W PONTE "= Raddrizzatore a ponte D253 = Zener 7,1 V 1 W R6 — 390 ohm/W 40V10A Di = 1N4004 R7 = 1 Kohm/W 2NITIL SCR = SCR 50V 1A R8 = 330 ohm/W 2N5055 RELE = 6 V eccit. 1 A scambi Pi = 1 Kohm Trimmer 2N3055 Fi = Fusibile 1A corrente pitt elevata poiché in se- guito dovremo montare sulla sche- da dell’unitd centrale altri due cis- cuitiintegrati relativi al linguag- gio Basic ¢ altri sei relativi alle memorie aggiuntive. & quindi ne- cessario avere a disposizione un a- limentatore in grado di erogare al- meno 3,5 Va 5 Ve almeno 1 mA a 6,5 V. Per climinare le difficolta che il lettore incontrerebbe senz’altro an- dando ad acquistare un alimenta- tore con queste caratteristiche ab- biamo provveduto a progettarlo. In effetti pud sembrare strano par- lare di difficolta all’acquisto, ma vi possiamo assicurare, ¢ lo abbia- mo verificato di persona, che pur- troppo € cosi. Infatti non esistono in commercio alimentatori in gra- do di erogare due tensioni diffe- enti a prezzi ragionevoli, perd an- aly ° ° J \al SS che optando per due alimentatori separati le cose non si semplifica- no certamente. Abbiamo provato, infatti, a recarci in alcuni negozi chiedendo un alimentatore da 5 V - 4 A, ma Ia risposta é stata sempre negativa; tutti gli alimenta- tori reperibili in commercio _pre- sentano tensioni in uscita variabili tra 6 e 14 volt a meno di dover spendere cifre esorbitanti per ac- quistare un alimentatore semipro- fessionale. Cid non toglie, comun- que, che se qualcuno avesse gid in casa un alimentatore di questo ipo oppure riuscisse a procurarse- ne uno potra utilizzarlo tranquil- lamente ricordandosi comunque di prevedere una alimentazione sepa- rata da 6,5 V per il modulatore. Per chi invece avesse difficolta di _reperimento descriviamo ora lo schema del’alimentatore che ab- Fig. 3 biamo appositamente progettato per questo scopo. Tl suo schema elettrico @ visibile in fig. 2. Si pud notare come il circuit sia in pratica costituito da due di- stinti alimentatori aventi in comu- ne la tensione di ingresso prelev ta ai capi del condensatore di fil tro CI. Il primo alimentatore, co- stituito da TI, T2, T3, € T4, er ga la tensione necessaria ad ali- mentare il computer pati cio’ a 5 V. Il suo principio di funziona- ‘mento ¢ il seguente: il ramo costi- tuito da R3 e Dzl fornisce ai capi dello zener una tensione di riferi- mento pari a 2,4 V che viene con- frontata con la tensione di uscita prelevata tramite il partitore R6, PI e R7 per mezzo del transistor T4, Questo transistor, confrontan- do le due tensioni, produce una corrente di emettitore, proporzio- nale alla differenza tra la tensione di riferimento e la tensione di u- scita, che pilota la coppia T2 ¢ T3 collegata in connessione Dar- ington con Tl. I transistor T2 & T3 a loro volta sono collegati in parallelo al fine di poter erogare la corrente desiderata e i resistori R4 - RS servono a compensare le differenze di beta (coefliciente di amplificazione) che i due transistor presentano. Infine i componenti R2, C2 © C3 oltre a polarizzare la base di TI costituiscono un fi tro_a pi-greco che riduce di molto il ripple in uscita. Osserviamo ora la sezione di circuito costituita da Dz2-SCR-DI e dal Relé, Questa parte non & es: senziale ai fini del corretto fun- zionamento dell’alimentatore, ma la sua costruzione & consigliabile per motivi di sicurezza. Svolge in- fatti la funzione di proteggere il computer da qualsiasi_ anomalia che possa verificarsi alPalimenta- tore. Forse a qualche lettore potrd sembrare un inutile spreco, ma proviamo ad immaginare di inse- rire nel nostro circuito un transi- stor, un diodo 0 un condensatore difettoso; conseguenza di questo & che alimentatore si comporterd subito in maniera normale, ma & irrimediabilmente destinato a gua- starsi_ con Fuso, Oppure pensiamo ad una saldatura fredda che im- provvisamente cessa di condurre, a7 ALCUNE CASE CHE SI CELDIS ITALIANA SpA Via Pi Gracohl 28 20002" Cinisllo Balsamo Fe era004s COMPREL Viale Romagna + 20002 Cinsele Balsamo Fe era0se GONTRADATA MILANO srt ia det Vattorta tt 2ov2r Milan Tel. oazeeee DE Mico GiUsEPPE Via Manson! 31 2ov2t Milano Fev easta1 EDELEKTAON S11 Corso Sempione 29 2088 mitano, ‘ol aasere GBC ITALIANA Viste Mateot 6 20032 Cinisello Balsamo Tor eioieat HARDEN Via Giusoppina 110 28048 Sospira (Cremona) Tels earaieaise owe azza De Angell $ filleno, Tole asse7 TeLCOM sit Via Chal 75 el TEXAS INSTRUMENTS Semiconcution alla Sitaducate (let) OCCUPANO DI COMPUTER Motorola Semiconductor ine Decicom system ine. Imogral Data System MEE Corp Data Specianios Becitek ockwell International [nalog’ Devices Ine” Intel - MeGraw Hm Witey Rea. Eclat Eentronice Synertech = — personal comput Commodore International Radio Shack - ‘Commodore Swree. Electronte APF Diablo Systom Shugart Ass, ios. ‘estan Industries Sis ‘Texas Instruments Corp. - litt — Personal Computer, ferminale. impanto corp. = tastiora modulo terminale Fegistatore s eastotte {erminale vides, oppy disk, pubbiicazionitecniche, Dias per computer Personal computer smpanti loppy dlek personal comput stampa Unit cassotta magnetica 1 controler rut integ discret © ancora ad un componente mon- tato su dissipatore che surriscalda per un difettoso collegamento mec- canico con il dissipatore stesso 0 per un‘altra qualsiasi ragione e che di conseguenza brucia. Il risultato non potra che essere disastroso in- fatti in uscita si riverser&, a secon da dei casi, una tensione certamen- te maggiore dei 5 volt previsti, op- pure una tensione alternata o peg gio ancora una tensione avente po- larita invertita. In questi casi si avrebbe Vinevitabile ¢ immediata distruzione del computer. Si po- trebbe obbiettare che le condizioni sopra citate sono, a rigor di logi- ca, decisamente improbabili_ ma, se ci consentite un paragone, an- che vincere alla lotteria nazionale & molto improbabile eppure molti di noi comprano un biglietto per- ché... chissa, magari questa & la volta buona. Vogliamo dire in so- stanza che se il guasto @ improba- bile non per questo & impossibile; ebbene la parte di circuito che stia- ‘mo per descrivere & la vostra assi- 38 curazione contro i guasti acciden- tali_ dell'alimentatore. Vediamone il funzionamento: se tutto & rego- lare la tensione erogata @ presente al'uscita pasando attraverso_ gli scambi normalmente aperti del Re- 1&. Se perd la tensione di uscita raggiunge 0 supera il livello di guardia fissato a 5,6 V il diodo zener Dz2 inizia a condurre pilo- tando il gate dell’SCR che alimen- ta il Relé aprendo il circuito. Se invece all’uscita si presentasse una tensione negativa questa, tramite DI, ecciterebbe il Relé con imme- diata apertura dei contatti. Il Relé, da parte sua, pur avendo una ten sione nominale pari a 6 volt, fun- Ziona ugualmente bene a tensioni pit basse o pid elevate assicuran- doci cosi un perfetto funzionamen- to © quindi un’ottima protezione. Per quanto riguarda il secondo a- limentatore, invece, nulla da dire tranne che la tensione (6,5 V) vie- ne ottenuta per mezzo del diodo Zener Dz3 € del transistor TS. Realizzazione pratica La realizzazione pratica del cit- cuito ¢ semplicissima e alla por- tata di chiunque sappia tenere in mano un saldatore. E perd neces sario, per avere un funzionamento perfetto © sicuro, seguire alcune norme relative all’assemblaggio. Essendo questo un alimentatore in grado di erogare discrete correnti, in fase di realizzazione del circuito stampato dovrete tispettare rigoro- samente il disegno visibile in fig. 3, 0 perlomeno rispettare la lar- ghezza delle piste in quanto esse Sono state da noi espressamente dimensionate per sopportare le al- te potenze in gioco. Per compren- dere questo fatto & necessario. con- siderare le piste di ogni circuito stampato come delle vere e pro- pric resistenze, anche se, peraltro, il loro valore ohmico & molto bas so © quindi, entro certi limiti, del tutto trascurabile. Questa resisten- za perd risulta essere tanto mag- giore quanto pid é elevata la lun- gherza della pista e dimimuisce con Faumentare della sua superficie. Ne consegue che, riducendo la lar- ghezza di una pista, si ottiene co- me risultato un sensibile aumento della sua resistenza intrinseca. Ora, come sappiamo, Ia potenza dissi- pata da una resistenza ¢ uguale al prodotto tra il suo valore ohmi- co ¢ il quadrato della corrente che la attraversa. Quando questo prodotto supera la potenza massima sopportabile dalla resistenza questa « brucia ». Anche ad una pista, se sottodi- mensionata, pud accadere la stes- sa cosa, Quindi, lo trasformate le vostre piste in inu- tili fusibili pronti a bruciare, ma rispettate le dimensioni di fig. 3. Procediamo ora _all’assemblag- gio delPalimentatore. Una volta realizzato il circuito stampato do- vete inserire negli appositi fori i componenti e procedere alle sal- Gature badando bene a non inver- tire le polarit’ dei condensatori diodi e inoltre prestando molta attenzione alla di- sposizione dei terminali dei tran- sistor e del diodo SCR. Dovendo effettuare saldature su piste aventi dimensionisuperiori. alla norma bisognera ricorrere a saldatori di media potenza pari cioe a 25 30 W con punte di adeguate di- mensioni lasciando da parte i sal- datori che normalmente si usano per i circuiti integrati in quanto la loro bassa potenza e le loro punte di piccole dimensioni vi costringe- rebbero a fare saldature fredde ¢ quindi pericolose. Eseguito il mon- taggio della basetta dovete ora pro- cedere al collegamento di questa con i componenti esterni. Infatti come & possibile vedere dalla fig. 3 il ponte raddrizzatore, i transi- Stor T2 ¢ T3 ¢ le relative resisten- ze di emettitore R4 e RS devono essere assemblati esternamente al Circuito stampato © pid precisa- mente devono essere montati su appositi dissipatori in grado di di- sperdere il calore che questi com- ponenti generano durante il fun- — rionamento, Anche i cavetti usati per questi collegamenti dovranno avere sezioni adeguate per evitare inutili_ dispersioni di potenza do- vuti_ai motivi visti precedentemen- te. In questo caso la regola fissa quella di usare cavetti flessibi aventi diametri del conduttore di almeno 1,5-2 millimetri, Abbiamo detto cavetti flessibili (trecciola) & non rigidi in quanto i cavetti_rigi- i presentano alcuni inconvenienti In primo luogo a parita di sezione i cavetti flessibili consentono una maggiore portata di corrente ri- spetto agli altri e inoltre i cavetti rigidi procurano molte difficolta in fase di saldatura al circuito stam- pato. Infatti chi si fosse gid ci- mentato in questa impresa si sara certamente reso conto di come, una volta effettuata la_saldatura, sia sufficiente tirare il filo saldato per provocare la sua fuoriuscita dalla goccia di stagno che avrebbe dovuto collegarlo alla pista. Que- sto fatto prova. senza ombra di dubbio che Ia saldatura in questio- 9 Che cos'é un computer [Nella nostra vita quotidiana incon- triamo spesso mezzi dotati di una certa automazione quali, ad esem- pio, Ia lavatrice, il telefono oil semaforo ¢, pur senza conosceme il funzionamento, Ii usiamo corret- famente senza alcuna esitazione. Con- seguenza di cid 2 che queste appa- recchiature domestiche non suscita- rho in noi alcuna meray suscita meraviglia e in- teresse. poiché pochi di noi realmente cosa ‘sia © pochissimi lo vedono in funzione o addirittura vi lavorano accanto. Eppure & facile sorprendersi (0 magari anche ima: nnere delusi) venendo a sapere che il computer funziona pity 0 meno come Ia lavatrice, i telefono il se- maforo € che tutti 1o possiamo usare con la stessa faciiti' con la_quale smo le suddette apparecchiature. Questo stupira certamente chi, aven= do letto altre riviste, @ incappato in una miriade di nomi, sigle © cose strane, incomprensibili ai pit, che lo hanno’ certamente indotto a’ voltare Pagina pensando che il computer per lui. Ebene vi. pos- surare che questo non Suc- cedera leggendo i nostri articoli, non perehé chiari di altri, ma poiché siamo fermamente convinti che per poter usare una lavatrice & necessario conoscere i suoi co- mandi esterni; rifare tutti gli studi che hanno portato alla costruzione di quella lavatrice oppure sapere che I tubo di searico 8 di gomma anzi- ché di piombo oppure che io viene prima _mescolata al detersivo e dopo riscaldata e non ‘versa non ha, per noi, alcun si- gnificato. Ancora, se i programmi di lavaggio della lavatice sono se- Tesionabilt mediante tasty nol. pre- feriamo premere quei tat piuttoto che fare” cavallotl sul morse ie teri. Questa diflerenza fondamentalc tea il nostro: modo di «fare con puter>"e la precedente Ietteratura in 4uesto. campo ch permet di asset. rv in tala francherza che no. Sirf arooll st indsizzano ai princi plant a chit accosta per Ia prima ta al computcr © nom agll expert tuttava, troveranno.molle Inieressonthinformezioni che Torse Jgnorano. Per disa in una’ parcla parleremo di Software (uso € pro: tammazione del computer) © on ai Hardware (progstavione, costar lone e sruutre Intemne. ‘del com. pte). Dicevamo che il funsionamento di un computer & pido. meno. simile 2" quello di una Tavatrice. Tnfat le funziont base dt un computer sono mission, elaborazione, emissione, come pure fe funsioni base di une Tavatrige sono: limmssione (di pane pone, acqua), claborazione (0 pid precisamentelavaggio) ed ems one (lel pannl pul) Tmmaginiamo i avere a dispost zone una buona lavatrice automat a dovata di pit cil di lavaggio 0, ome si dice correntemente program mii Il programma uno ad esemplo "per esau delical © prevede ac. {uh tepida, breve lavaggo, rscac- uo © breve centrifuga. il program ta due invece & pet tessi normal prevede infatsequn calda, lava Elo, duc riselacgul centri Soni via. Quest! programm sono pia ‘'meno una-decina per poter lavare warhtipt dl tesstl vent vai pi i sporco. Anche un computer ha divers programmi; troviamo ad sempio il programma uno che pre- ede a Teggee um mer, rad Plarlo-¢ sottrarglt Ta meth di un fro. numero. Il programma dug. in Nece' segue a letra di un sumer, Io mokiplien per un aliro'e ancora per 5,14 dividendo" il ssuliato per Au. 6 eos) dl seguito. E evidente allora he, una volta self numeri da claborare, & slcinte speciice re il programma e il gloco'> fatto, ome, per la Tavatice, wna volta in: serif pani sporchi sliciente impostre it programma di lavaggio. Sera lavatice fosse Tnolire. dotata deta possbilt di regolare tempera: tura, durata di levagelo, numero a Fiscacgui el varlare la sequenza delle operasiont a nostro pacimento, come se lavassimo man, avec to una lavatrce con una dote la flessibilia, chee permetterebbe di istruire la maechina e farla Tavorare ssatlamente come preferiamo. Tl computer postiede quesia dot Pub infatt essere iiruito 9 second delle nose esigenze. mediante un linguaggio ai programmazione (BA SIC) molto semplice. Ma’ che cos’, inotre, un_ com: puter per essere con diverso da una Ealcolaries che exegue Te quattro Petarion! e por cere cos indispen- Sable fn tant mpieghi? nana tu to & veloce, molto veloce. Se part: foniamo il’ metodo della ‘carta Thatta © anche della caleolairice al Computer scopriame quanto. siano Tent {primi due sstemi. Per som. mare due numeri di cif ad Sempio, st impiegano cirea 10 secon. ‘Nelo steso tempo. un computer segue ttn milione al operazionl si ml"O, analogamente, un compu ter esegue in 10" secondi lo stesso numero di opersvioni che un uome ne, magari lucida ¢ bellissima a vedersi, fosse in realt’ una salda- tura fredda in cui lo stagno si era limitato a circondare il filo senza perd saldarsi ad esso. Infine il ca vetto rigido risulta molto fragile nel punto in cui & stato tolto Piso- lamento tanto che & sufficiente pie garlo due o tre volte per ottenerne la rottura, I collegamenti da effettuare con cavetto flessibile di adeguate di ‘mensioni sono quelli che vanno dal trasformatore al ponte raddrizza- tore e dal ponte al circuito stam- ato. Inoltre con lo stesso tipo di cavetto si dovra collegare il collet- tore in comune di T2-T3 e il reo foro comune di R4-R5 allo stam- pato. Per ultimo si colleghera la massa ¢ il punto + SV alle boccole 0 di uscita. I rimanenti collegamenti € ciot il punto in comune tra le basi di T2-T3 con il circuito stam- pato ¢ l'uscita + 6,5 V con la re- lativa boccola possono essere fettuati con cavetti di sezioni in- feriori. Ricordiamo inoltre che le resi- stenze R4-RS devono essere salda- te direttamente alla base dei rela- tivi transistor T2 e 3 posti sul dissipatore, dal quale di conse- guenza partiranno, in ditezione del Circuito stampato, tre soli fili con- trassegnati_e-b-c. Infine si dovra provvedere TI di_un piccolo. dissipatore, Effettuato il montaggio si dovr’ procedere alla taratura che verri effettuata con T'utilizzo di un co- munissimo tester. Predisponete il tester per una lettura di tensioni continue con fondo scala pari a 10 volt. Dopo aver ricontrollato visivamente i componenti_assem- blati, date tensione al circuito met- tendo il puntale rosso del tester in Ae il puntale nero in B. Fatto questo ruotate con un cacciavite il cursore del trimmer PI fino a leggere sullo strumento del tester una tensione pari a 5,2 V senza curarvi di cid che succede al Relé. Fatto cid togliete Palimentatore per qualche secondo in modo da diseccitare 'SCR e il Relé che e- ventualmente si erano eccitati, A questo punto Palimentatore & pron- to a lavorare ma noi dobbiamo ancora verificare il funzionamento della protezione. Date nuovamente tensione e por- — ‘eseguirebbe in 100 giorni senza fer marsi per mangiare, dor perare {a matita. Un'altra dote del computer & la recisione nell’esecuzio- . Se qualche volta si © tem pit assoluta ne dei cal sente dire « Il computer ha sbaglia- tom, siatene certi, non & vero sem- ‘mai che T'errore & stato fatto pro- grammando o immettendo i dati da parte dell'somo. possibile invece che il computer si guasti. In_ questi ‘casi perd il suo meceanismo interno provvedera a segnalare il difetto © fad interrompere Velaborazione evi tando cosi errori, proprio come Ia solita Tavatrice la’ quale non aspette- ra certamente che Pacqua del cestello raggiunga i 1000 gradi centigras per comunicarci che il termostato st © guastato, ma, al pi presto pos- sibile, segnaler 'anomatia con una Tampada spia 0 quantomeno spegne: ra Ia resistenza di risealdamento. 1 ‘computer ha ancora altre doti; il suo uso impone una certa disciplina men- tale in chi fo programma. Per poter programmare bene si deve conosee- re a fondo cid che si vuole fare, fanalizzare in dettaglio il problema © Fin sudivdelo in ant piso asl Kementan cote pure per var Be. tera deve conor Teruel i spores preset ‘Pace a ofeebbe To two fullo i quel masala she, pet invae indueat dt teu dea, CSlorai‘¢ non, pio meno spo Sercase i tut in lve em. tase i programma pi nga ¢ Tigorow. termine cai bia Sn tebe a pull She. rovist Meglio" ree stato Se qiela minal avon anaes pia’ Tondo i proprio problema pi thn a mpontae prepa. tne ome ultima doe un compe tte abba. Ie eb Mo pulor on nln it, ad sep Guano operate, mn ego. ferdson complews “gual faaon Uigonometnehe,conont, fnsont fraiche cboraion parolee Epona non a mia Ad ela toa stve frat 4 vdeo, 0 gstre su un aa, 0 stamps 0, Meore dene in famoras Eine ‘mma, come tn lnvarce che, do. por ver Tato it buco, seqsendo Po paso Te ose iniruio sirae Ta Diancherla, Ta stira e la re pone nei cassetti giusti. E allora una macchina pensante il computer? No di certo, il computer rnon pensa perché non’lo pud fare, hha la stessa capacita di pensiero di una lavatriee e quindi non lo si pud ccertamente definire « cervello elettro- ‘nico ». Pud perd potenziare, dilatare Te possibilita di rieerea e di caleolo dell'uomo. In sostanza il computer non decide chi vince Ie clezioni ma labora caleoli statistici e, se i dati fomniti sono errati o se & errato il programma impostato per eseguire i hecessari calcoli statistic, fallisee in eno la previsione. Cosi come se Ia Solita massaia dimenticasse di met- {ere il sapone per il Iavaggio o, per ferrore, mettesse zuechero in Tuogo dt detersivo il isltat. non otra the essere dsatroso, Invece stu iat immess sono exat i comps ter prevede con certera matematia ‘raul senea peraliro averne nes. Son merit, come nessun. merit v= alla Tnvatrce se: lava perfeteamente api delist, ma tutto il merito va alla massaiapoiché ha impostato programma glusto. ‘bbinmo fn aut paragonao computer alla lavatice per evident moti di ehioresza, ma'non. dimen- amo che, fermo restando. gun. to detto, i computer vale molto di pia della lavatrice per Ia nostra vi- ta, Non dimentichiamo che, mentre aiuta Puomo tuna qualsiasi machi a superae i suo Limi som puter lo aiuta a risolvere i problemi della sua mente. Non solo; il com puter di Radio Elettronica che pre- senteremo dal prossimo numero gio- ‘con noi, terra Ia nostra con- risolvert problemi matema- tici, progetterd circuiti,.. eee. ece. tate i puntali del tester alle boc- coledi uscita + 5 V e GND; la Jettura sara invariata, Ora ruota- te lentamente il cursore del trim- mer aumentando gradatamente la tensione in uscita e osservate T'in- dice del tester. Quando arriverete a 5,6 volt scatter’ Ia protezione eccitando il Relé e interrompendo la tensione alle boccole, Se tutto funziona regolarmente riportate i puntali punti A - B e rifate la ta ratura dopodiché spegnete Vali mentatore per diseccitate il Relé. Se invece qualcosa non funzionas- se ricontrollate il circuito per sco- prire lanomalia, Infine controllate che Ja tensio- ne presente tra le boceole + 6,5 V e GND sia pari a 6,5 - 7 volt. L’alimentatore & cosi okay. Conclusioni A questo punto la prima fatica ® stata fatta. Non inserite pero Palimentatore in alcun contenito- re in quanto esso verra sistemato assieme all'unita centrale che pre- senteremo subito. Non perdete quindi il numero di Radio Elettro- nica del prossimo mese anzi, per non correre rischi, prenotatelo fin dora presso la vostra edicola, Sa- ra descritta Punita centrale, che & un po il cuore del nostro Personal Computer, con tutte le istruzioni relative ai collegamenti e sara gid possibile eseguire alcune operazio- ni con la piccola tastiera esade- cimale di cui & dotata in attesa di generare il linguaggio Basic ¢ di coliegare il terminale tastiera. 4“ Allarme per Freezer & oggetto di lusso per pochi Ditimi, come era anni far i freezer 0 congelatore che dir si vor glia & ormai entrato a far parte del- la famiglia degli elettrodomestici indispensabili e la sua diffusione & in continuo aumento per via degli innegabili vantaggi che esso @ in grado di offrire al consumatore. Basta pensare alla coda delle auto nei centri cittadini, alla coda nei negozi e via dicendo per capire quanto grande sia il vantaggio di poter effettuare abbondanti provvi- ste per parecchio tempo e di po- terle poi dare in custodia al freezer nel quale esse si conserveranno in- tatte anche per mesi. Con il freezer anche per chi abita in citta diventa 2 conveniente il macinare un po chilometri per andare dai contadi- ni delle campagne circostanti a far provvista di frutta e verdura con tun duplice vantaggio rappresentato dal minor costo dei prodotti ac- quistati ¢ dalla loro maggiore ge- nuinita, Fra i vari tipi di congela- tori oggi presenti in commercio, quali si dividono in due grosse ca: tegorie ovvero verticali abbinati di norma al frigo normale e quelli orizzontali 0 a vasca, noi vi con sigliamo quelli orizzontali e non abbinati al frigo normale in quan- to con questi si realizza un minor consumo di corrente. Circa il luo- 80 ove piazzarli il migliore sen- Zalto la cantina in quanto essen- do tale locale il pitt fresco di tutta la casa il cireuito di raffreddamen- to fatica di meno a mantenere a —20°C Ia temperatura all’interno del congelatore. Abbiamo elencato i vantaggi offerti da questo elettro- domestico ed essi sono notevoli ma c® purtroppo uno svantaggio. In caso di avaria o di prolungata assenza della corrente la tempera- tura al suo interno sale determi: nando lo scongelamento delle der- rate alimentari ivi contenute. Come tutti saprete questi menti una volta scongelati non possono pill venir nuovamente po- sti_a —20°C e debbono quindi venit collocati nel frigo normale ¢ consumati nel giro di un paio di i FRANCESCO MUSSO ‘ototipe casi come realizzato fore. Un solo comando su di un ‘el ‘cantenitore ai fortune. giorni, Cid che non si riesce a consumare va gettato. facile capire ora come un guasto al congelatore o allimpian- to di luce che lo alimenta possa- no causare seri danni al consuma- tore. Altrettanto facile & intuire la grande utilita rappresentata da un sistema di allarme il quale ci se- gnali tempestivamente il verificarsi di uno dei due tipi di guasti sum- menzionati in modo che si possa tempestivamente correre ai ripati contenendo del tutto o comunque limitando al massimo il danno re- lativo. Un tale sistema di allarme & proprio quello che ci accingiamo a sottoporre alla vostra attenzione. Schema elettrico In caso di avaria al congelatore si ha come effetto aumento della temperatura nel suo interno in quanto viene a cessare leffetto re frigerante e per rilevare tale ava- ria si dovrd quindi allestire un cir- cuito in grado di scattare non ap- pena la temperatura nel freezer supera un certo valore_prefissato (—10/—15°C). Tale circuito do- yr inoltre scattare non appena viene a mancare la corrente in quanto una sua assenza prolunga- ta avrebbe nuovamente Veffetto di fare aumentare la temperatura nel congelatore olire il limite massimo accettabile. Da questo se ne dedu- ce immediatamente che il disposi- tivo dovra essere dotato di alimen- tazione autonoma a mezzo batteria mantenuta costantemente ed auto- maticamente in carica per mezzo Gi un apposito alimentatore. Circa questo alimentatore rimandiamo i lettori al numero 8/79 della rivi sta nel quale pubblicammo per Yappunto un circuito inerente un caricabatterie automatico sotto il 48 wa ice Re ct = siaica ee AP w/a ice Fe titolo — TUTTO OK ANCHE SE MANCA LA CORRENTE Oltre a questo articolo andatevi ancora a leggere l'apposito. spec- chietto nel quale troverete elenca- te le modifiche da apportare a quel- Jo schema per adattarlo ad alimen- tare questo nuovo circuito. Le mo- difiche riguardano solamente Ia ri- duzione della potenza in quanto per questo nostro attuale schema si richiede una batteria tampone con minore capacita di carica. Risoltd cosi il problema alimen- tazione passiamo al circuito vero ¢ proprio il quale utiliza nella se- zione — Controllo temperatura — un comunissimo comparatore del tipo LM 311, L’ingresso inverten- te di questo comparatore viene polarizzato a mezzo di un_parti tore composto da una resistenza fissa R1 e da un trimmer poten- Ziometrico R2 il quale servird ad impostare la temperatura limite ol tre la quale si ha V'attivazione del- Pallarme. L’ingresso non inverten- te (+) del comparatore viene in vece polarizzato per mezzo di un altro partitore costituito questa volta dalla resistenza fissa R3 dal termistore R4 il quale presen- ta un coefficiente negativo di tem- petatura ovvero diminuisce Ia sua resistenza al?aumentare della tem- as peratura. Il trimmer R2 viene regolato in modo che sull'ingresso invertente (— il potenziale sia, in condizio- ni normali, superiore’a quello de- terminato da R3 ed R4 sull’ingres- so (+) del comparatore. In que- sto modo T'uscita del comparatore risulta bassa e Voscillatore al qua- le viene dimandato il compito di generare la nota di allarme rima- ne bloccato. Non appena la tem- peratura sale oltre il valore pre- fissato il potenziale sull’ingresso (+) si porta ad un valore supe- riore a quello presente sulPingres- so (—) e Puscita del comparatore va alta facendo entrare in funzione Poscillatore. Con un piccolo ac- corgimento siamo riusciti inoltre a far svolgere allo stesso comparas tore anche il compito di rilevare la mancanza della tensione di rete. Come potete notare la resisten- za R3 non va a massa direttamen- te ma tramite un transistor il qua- le in condizioni normali si trova in conduzione. Infatti la sua resi- stenza di base R6 é collegata di- rettamente sul positivo dell’alimen- tatore-carica batterie e quindi_ in presenza della tensione di rete fluisce nella base, attraverso R6, una corrente sufficiente a mante- nere il transistor in conduzione. Non appena viene a mancare la tensione di rete il transistor TRI si blocea e come conseguenza si ha che Vingresso non invertente (+) del comparatore viene a tro- varsi ad un potenziale praticamen- te pari a quello dell’alimentazione © comunque superiore a quello pre- sente sull'ingresso (—) per cui I’ uscita del comparatore va alta at- tivando Vallarme, Due oscillatori per I’allarme Nell’impostare il progetto del cireuito di allarme abbiamo rite- nto fosse conveniente ed utile che tale circuito fosse in grado di ge- nerare due note distinte a seconda del’inconveniente registrato ovve- ro a seconda che si fosse in pre- senza di un guasto all’impianto di refrigerazione o di una caduta del- la tensione di rete. Ecco quindi giustificata la presenza in tale cit- cuito di due diversi oscillatori. Per semplificare al massimo il cir cuito riducendo Vingombro ed. il numero dei componenti abbiamo utilizeato per gli_oscillatori_ una quadrupla porta NAND a due in- gressi_ triggerati. Sugli ingressi di tali porte sono presenti dei circuiti a Trigger di Scmidt i quali conte. riscono a tali ingressi un certo tas- so di isteresi per cui la porta non riconosce come livello logico 1 una tensione fintanto che questa non abbia superato un certo valo- re Vh e non la riconosce come li- vello logico basso fintantoché tale tensione non sia scesa al di sotto di un dato valore VI. La differen- za fra i valori di Vh ¢ VI costi tuisce il tasso di isteresi dell'ingres- so. Il vantaggio offerto da questo genere di porte logiche & rappre- sentato dal fatto che con una sola porta pid un condensatore ed una resistenza & possibile allestire un oscillatore ad onda quadra in luo- g0 delle due porte minime tichie- ste con integrati tradizionali I due diversi suoni emessi dal- Pallarme non sono costituiti da due diverse note differenti in frequen- za ma da una nota fondamentale e da un’altra a frequenza molto Il montaggio Componenti Ri = 22 Kohm R6 = 18 Kohm LM 311 R2 = 47 Kohm R7 = 47 Kohm HBF 4093 RS = 47 Kohm R8 = 100 Kohm BC 107 Rt resist. NTC da 22-39 Kohm 9 8,2 Kohm vedi testo 2 20°C C1 = 10 nF vedi testo RS = 47 Kohm C2 = 100 nF ‘Schema deifalimentatore necessario per energie. Naturaimente nessun problema er i component! purché diane le tonsion! segnate, In alto la basetta. dellapparecchio con ia disposizione de! component pit bassa che modula la prima. ‘Avremo quindi a seconda dell’ava- ria riscontrata o Pemissione della sola fondamentale oppure di que- sta modulata dalla seconda. Il primo oscillatore tessuto at- torno alla porta Al & quello che provvede a generare la nota fon- damentale e viene attivato quan- do Puscita del comparatore va al- ta owvero sia in caso di guasto al congelatore sia in caso di caduta della tensione di rete. Il segnale da questo generato passa poi at- traverso la porta A3 e viene quin- di amplificato e reso in altopar- lante dal transistor TR2. Il secon- do oscillatore entra in funzione so- Jo nel caso venga a mancare la ten- sione di rete in quanto in condizio- ni normali il suo ingresso collegato al collettore di TRI si trova a li- vello zero e pertanto la sua uscita @ bloccata nello stato alto. Quando viene a mancare la tensione di rete TRI si inderdice e ’ingresso di A2 va alto abilitando Loscillatore a ge- nerare la nota modulante. La mo- dulazione fra questa ¢ la nota fon- damentale generata nel contempo dalla porta Al awviene ad opera del NAND A3 il quale lascia pas- sare il segnale generato da Al solo quando Puscita di A2 @ alta, Tale segnale si presenta quindi a TR2 per l’amplificazione come una serie i — Burst —o treni di impulsi la cui frequenza & funzione di i di R7-C1 relativi al primo oscilla- tore mente Ia cadenza con la quale detti burst si susseguono ¢ Ia loro durata dipende dai valori di R8-C2. Circa la scelta del transistor ampli- ficatore TR2 e dellaltoparlante questa dipende dall’intensita sono- ra che si desidera abbia il segnale acustico di allarme. Per basse in- tensita potete utilizzare un BC 107 abbinato ad un altoparlante da 40- 100 ohm menire nel caso si desi deri_un segnale molto robusto si puo utilizzare un transistor darling- ton tipo il TIP 120 ed un altopar- lante da 4 ohm, Per altoparlanti con impedenza compresa fra 4 ¢ 24 ‘ohm @ sempre necessario utilizzare un transistor darlington in quanto solo questi presentano un guadagno sufficiente ad amplificare i pochi milliampere ricavabili dalPuscita della porta C/MOS fino ai valori di uno-due ampere che tali alto parlanti vengono ad assorbire. Parte pratica Circa la realizzazione di questo progetto pensiamo non siano ne- cessari Iunghi discorsi dal momen- to che nelPallestire il master siamo preoccupati di renderlo di facile lettura in modo che la po- sizione dei singoli pezzi risultasse facilmente individuabile. D'altro canto il numero dei componenti & veramente esiguo pet cui siamo pienamente convinti che Popera- Zione di cablaggio non dovrebbe presentare ostacoli di nessun gene- re, Sulla basetta trovano posto tut- ti i componenti eccezion fatta per il termistore Valtoparlante ed_ in certi casi anche il transistor TR2 il quale andra montato su di un dissipatore qualora si utilizzasse un darlingion TIP 120 ed un altopar- ante da 4 ohm al fine di ottenere un segnale acustico di allarme mol- to robusto. Circa gli integrati_ vale gono le solite raccomandazioni ov- vero Vutilizzare gli appositi zoc- coletti ed il trattare con cautela ill C/MOS HBF 4093. II termistore La sonda termometrica ovvero il termistore a coefficiente negati- vo di temperatura va ovviamente piazzato all'interno del congelatore e pertanto sara necessario profa- nare questo «candido mostto sa cro.» owvero bisognera procurare un foro di passaggio per i filli di collegamento, Nel fare questo te- ete presente che non va_assolu- tamente compromesso l'isolamento termico del congelatore e pertanto il foro eseguito andr& accurata mente otturato. Una volta fatti passare i fili e prima di otturare sarebbe preferibile cercare di im- bottire il pit. possibile il foro con materiale coibente e quindi sigilla- re il tutto. Circa la posizione della sonda questa dipende dalla conformazio- ne stessa dellinterno del congela- tore; cercate di metterla in un luo- go ove non dia eccessivo fastidio SEGUE A PAG. 79 oo WZ Via, Oberdan N. 24 (oes CAMEZIA, TERME ‘el. (oa68) 20580 UNIVERSAL - STEREO - MIXER (ER STEREO UNIVERSALE fa per rasio tere, diseotoche, club EahaTtenIsTICHE TECNICHE SI Ingrenal universal + Glimentaztone 818 Vee Vault per contoilo ot pid MIXER: Tino $ Ingressi MAX + segnale d'uscila = 2 Volt sett SOUND LUX AO 7 Lc! PSICHEDELICHE 3 canali_ ampli: fat! 8000 Watt: comp). monitor & ted. ci alto ad alta seas, 1.000 Walt 9 cana fe. conteolivalicmedbasst-macter”imen- taiione 220" ves L. 33.00 ‘sROBO LUX Luc! StROBOSCOPICHE AD ALTA PO. Tenza Fallen il movimento dt persone 0 og- att ideale" per "croara fantastic! effet ight clob, dGeoteehe © in Totogratia 1 Sa.000 1 prezz! sono compresi di IVA e di spe ‘alone a Il sistema operativo di SERGIO BARAGLI sistemista Nixdort Computer File di utonti in attesa_ di usare tun elaboratore monoprogrammato Neti articoli. precedenti, ab- LN biamo sempre visto il calco- latore elettronico come una mac- china «nuda», cio’ costituita da un certo. numero di componenti hardware (CPU, memoria, dischi, ecc.) opportunamente programma: bilis abbiamo supposto che il com- pito di « vestire > questa macchi- na, cio’ di scrivere i programmi necessari al suo funzionamento, sia svolto integralmente dalfutente, cio’ dalla persona che compra il calcolatore per usarlo. Per que- sto esistono sia i linguaggi di tipo assembler (molto vicini alla strut- tura della macchina, ¢ quindi ef- ficienti), sia i linguaggi a pid alto livello, cio’ pid vicini al modo di pensare dell'uomo, ma proprio per questo. meno efficienti in. termini i utilizzazione della macchina, In assembler vengono scritti i programmi_ del calco- latore, cio quelli che. ad esem- pio, semplificano uso di periferi- ‘che complesse come i dischi ma- gnetici, permettono 1a compilazio- ne dei linguaggi ad alto livello ecc. Questi programmi possono essere scritti una volta per tutte per cia- scun tipo di calcolatore (la serie di « comandi » necessaria per ac- cedere ai settori del disco sara sempre la stessa, indipendentemen- te da cid che Putente ha memoriz- zato su_quel disco), e devono es- sere pid veloci possibile (perché 48 7 tastiera Fig. @ elaboratore ciascuna di queste operazioni « di base > viene in genere eseguita molte volte dallo stesso. program- ma utente). Per tutti questi motivi, da pa- recchio tempo i costruttori di ela boratori elettronici hanno deciso di «sottrarre » agli utenti la. possibi- lita di programmare le funzioni base del calcolatore In altri termini, il costruttore fornisce all’utente’ una macchina gia parzialmente « vestita », cio’ munita di quello che viene chia- mato software di base. Tl software di base, viene scritto da una staff Gi esperti_ programmatori, che la~ vorano alle dipendenze della Dit- ta costruttrice. I programmi_ risul- tanti_contengono quindi molti er- roti in meno e sono molto pitt ve- loci che se fossero stati scritti da un singolo utente, La frase « contengono molti er- rori in meno > lascia intendere che, comunque, qualche errore & pre- sente anche nel software di base. Cid non deve stupire; il software di base di grandi elaboratori, in- fatti, @ talmente complesso da rendere vana ogni speranza di « ri- pulirlo > da tutti gli errori. In pra- tica, gli errori che rimangono so- no quelli che provocano un com- portamento erroneo dell’elaborato- re soltanto_ in situazioni estrema- mente particolari, che si verifica- no molto di rado nella «vita» di un elaboratore. Liinsieme dei programmi che svolgono le « funzioni base > del- Yelaboratore fa parte del sistema operativo del calcolatore stesso. 1 termini « software di base» e < si- stema operativo > sono quindi in qualche modo intercambiabili. La differenza fondamentale sta nel fatto che quando si parla di siste- ma operativo ci si riferisce a qual cosa di pit che ad un insieme di programmi a disposizione dell'u- tente: come vedremo, infatti, un sistema operative complesso 'é i vero «padrone > dell’elaboratore, poiché controlla non soltanto le periferiche, ma anche gli stessi pro- grammi utente. Nella parte rimanente di que- sto articolo vedremo come i siste- ‘mi operativi svolgono due delle lo- ro funzioni pitt caratteristiche, e ciot la gestione della multipro- grammazione e della memoria vic~ tuale, Le funzioni di un sistema operativo: la multiprogrammazione Nei calcolatori molto piccoli poco costosi viene eseguito un so- lo programma utente alla volta; se pid utenti vogliono utilizzare’ la stessa machina, devono mettersi in fila (figura A), Per calcolatori complessi ¢ co- Programma che richiede le « isorse » (GPU, tastiere sco 0 stampante. | - - > 40 12 15 secondé Fig. b stosi, invece, Pesecuzione di un so- centesimi di secondo a un secon- mo programma, il secondo & gia lo programma alla volta costitui- sce uno spreco di tempo ¢ di rv sorse inaccettabile. Per chiarire questo concetto, supponiamo che, per svolgere un’ programma, si ti chieda: 1) Pintroduzione di un certo nume- ro di caratteri da tastiera (ad e- sempio, questi potranno essere i dati di partenza per Pesecuzione di certi calcoli); pot 2) la vera e propria elaborazione del programma, con un certo nu- mero di accessi al disco (per pre- levare dei dati, oppure per « leg- gere » il programma stesso, se que- sto non era presente sin dalPinizio in memoria); e infine 3) la stampa dei risultati su di una stampante. Facciamo adesso un calcolo ap- prossimativo dei tempi necessari alle varie operazioni: supponiamo che Poperatore debba premere una ventina di tasti sulla tastiera (cio serivere tre 0 quatiro numeri, che costituiscono i dati iniziali): “se scrive alla velocita di due caratte- ri al secondo, gli occorreranno cit- ca 10 secondi per completare Po- perazione. Una dattilografa esperta sarebbe pit veloce, ma qui vo gliamo fare soltanto un esempio. Per quanto riguarda il disco, il tempo necessario ad un accesso (cio’ ad una operazione di lettura e scrittura) pud variare da pochi do, in dipendenza del tipo di di- sco usato. Prendiamo, per l'esem- pio, un valore di 0,5 secondi, Supponiamo infine che la stam- pante debba stampare una decina di righe di risultati; anche qui, il tempo necessario in totale & fun- zione del tipo di stampante usato, € pud variare da meno di un se- condo ad una decina di secondi. Prendiamo, per Pesempio, un va- lore di 3 second. Nel diagramma di figura B @ riportato, in funzione del tempo, il « lavoro » compiuto dalle varie parti delPelaboratore in un caso del genere: come si pud vedere, dapprima < lavora » soltanto la ta- stiera, poi la CPU e il disco, in- fine soltanto la stampante. Salta subito all’occhio come la CPU ed il disco siano inutilizzati per la maggior parte del tempo. Per risolvere questo problema ed utilizzare al massimo le « risor- se» CPU e disco, non c’é che una soluzione: introdurre nell’elabora- tore diversi programmi contempo- raneamente. In figura C & tipor- tato un caso con due programmi due tastiere: mentre dalla tastie- ran. 2 si stanno ancora introdu- cendo i dati per il programma n. 2, il caleolatore sta gia lavorando per il programma n. 1, richiamato precedentemente; e, mentre ven- gono stampati i risultati del pri- in esecuzione sulla CPU. Con il sistema monoprogram- mato (un solo programma alla vol- ta), impiegavamo 15 secondi per eseguire un programma; in questo modo, invece, ne eseguiamo 2 in 18 secondi. Il secondo program- ma, tuttavia, & costretto ad atten- dere per un tempo di un secondo, in quanto ha bisogno della stam- pante un secondo prima che l'al- tro abbia finito di usarla, Natu- ralmente questo tempo di attesa deve essere imposto al programma n, 2 da «qualcuno » che si accor- ge che Ia stampante & occupata; altrimenti il programma n. 2 po trebbe tentare ugualmente di stam- pare ¢ magari i propri_risultati verrebbero mescolati a quelli del primo programma; questo «< qual- cuno > @ i sistema operativo che, come abbiamo detto alPinizio, con- trolla le periferiche © la stessa e- secuzione dei programmi. In pratica, per evitare che i due progeammi si la CPU per richiedere una stampa, od un accesso al disco, la CPU stessa viene immediatamente occupata da un altro programma. Tuttavia la CPU @ una risorsa pitt «delicata > delle altre, perché pit facilmente soggetta ad un uso ar- bitrario da parte dei programmi utente. Ad esempio, supponiamo che, per errore, un programma utente ¢ entri in loop » (loop in in- glese vuol dire della CPU, sia perché la stampa di righe tutte u- guali verrebbe presto notata da chi opera sull’elaboratore; questa persona interromperebbe _quindi manualmente (con appositi co- mandi da tastiera) esecuzione del programma errato. Il lavoro della CPU, invece, non & cost immedia- tamente <« visibile >; pud cosi ac- cadere che nessuno si accorga che un programma é& ): fissare una «time slice >» di 50. millise- condi, ad esempio, significa che ‘nessun programma’ pud normal- mente impossessarsi della CPU per pid di 50 millesimi di secondo con- secutivi, In pratica, dopo che un certo programma ha occupato la CPU per 50 millisecondi, il siste- ma operativo lo interrompe e ve- rifiea se qualche altro programma @ in « lista di attesa » per la CPU; se la lista @ vuota, il programma intertotto pud riprendere subito esecuzione, altrimenti gli event ii risultatiparziali scritti nei regi- stri vengono «salvati > (trascritti in memoria); il programma viene quindi « messo in coda » dopo tut- ti gli altri e il controllo passa al primo della lista. Quando verrd di Memoria virtuale: distribuzione di due programmi nella pagina di memoria. nuovo il turno del primo program- ma, i suoi risultati parziali verran- no riletti nei registri, in modo che Vesecuzione possa riprendere esat- tamente dal punto in cui era stata interrotta, Se invece un_program- ma richiede Paccesso ad una pe- riferica prima di aver « mangiato » tutta la propria «fetta di tempo », ad esempio dopo soli 30 millise condi, il controlto passa ugualmen- te ad un altro programma, perché il primo deve comungue attende- re la conelusione delPoperazione sulla periferica. Quando il primo programma potra riprendere il con- trollo della CPU, gli veri. mo- mentaneamente assegnata una «fet- ta» maggiorata, pari a 50 + 20 70 millisecondi. Nella figura D so- no rappresentate entrambe le si- tuazioni, Multiprogrammazione con priorita Abbiamo visto che la multipro- memoria (configur. 2) memoria (configur. iniz.) memoria (configur. 3) pagina 1.1 pagina 1.1 pagina 1.2 pagina 2.1 pagina 2.1 pagina 2.1 pagina 1.3 pagina 1.3 pagina 2.2 pagina 2.? grammazione permette un miglio- re utilizzo del calcolatore ed eli- mina le «code » di utenti che at- tendono di poter usare la tastiera per mandare in esecuzione i pro- pri programmi. In realth pud suc- cedere che le file non siano eli- minate del tutto, per due motivi 1) non c una tastiera dedicata a ciascun utente, perché le tastiere sono in numero minore degli uten- ti: quindi un utente pud essere co- stretto ad attendere che si liberi una tastiera; 2) ill grado di multiprogrammazio- ne, cio’ il numero di programmi in esecuzione contemporanea, non pud essere grande a piacere, per motivi che vedremo tra poco. Sup- poniamo che il massimo grado di multiprogrammazione per un cer- to calcolatore sia 10; se un utente vuole introdurre il proprio pro- gramma_ nellelaboratore quando gid altri 10 programmi sono in e- secuzione, sara costretto ad atten- dere. Nella maggior parte dei centri di calcolo, tuttavia, utente non & comunque obbligato a stare in pie- di in una fila, perché Mesecuzione dei programmi non viene fatta par- tire da tastiera: & sufficiente che i dati necessari all’esecuzione siano stati perforati dall'utente su sche- de o scritti su astro magnetico (con aiuto di un perforatore di sehede, 0 di un piccolo calcolato- re ausiliario), dopo di che tutte le schede e/o i nastri vengono letti rapidamente dal calcolatore, che li ricopia su disco. II sistema opera- tivo prowvedera in un secondo tem- po a «ripescare > i dati dal disco, e ad eseguire i programmi rela- tivi. Cosi, se anche il calcolatore fosse monoprogrammato, gli utenti non dovrebbero stare in fila. (Tut- tavia la multiprogrammazione per- metie comunque di eseguire, a pa- rit di tempo, molti pid: program- mi). Al crescere del grado di mult programmazione, il tempo neces- sario all’ esecuzione dei singoli pro- grammi_cresce. Questo dovrebbe essere chiaro osservando Vesempio di figura Be C: i due programmi, se eseguiti in sequenza, impieghe- rebbero 15 secondi ciascuno (fi gura B); eseguiti contemporanea- mente, impiegano 18 secondi in due; mentre perd il primo program- ma termina ancora 15 secondi do- po il suo inizio, il secondo termi- na dopo 16 secondi (infatti_ « per- de » un secondo in attesa). Al cre- scere del grado di multiprogram- mazione, il tempo che ciascun pro- gramma passa nelle code di attesa aumenta, Si pud arrivare, in ipo- tesi realistiche, a situazioni in cui tun programma impiega, per esse- ze eseguito, 100 volte il tempo che ali occorrerebbe su di una macchi- ey na monoprogrammata. Per certi programmi questo pud non essere tollerabile, perché i risultati deb- bono essere ottenuti con urgenza ‘oppure perché i tempi in gioco sono enormi (se un risultato ne ottenuto in 5 minuti, cio’ in 300 secondi, anziché in 3 secondi, probabilmente non @ grav un programma viene eseguito in 100 ore, anziché in un’ora, @ pro- babile che Putente decida di cam- biare calcolatore). Sorge quindi la necessita di fi- mitare il massimo grado di multi- programmazione, e di inserire del- le , ¢ si suddivide ciascun programma in un certo numero di blocchi di lunghezza fissa, detti pagine; in genere, nei minicalco- latori una pagina & lunga 512 by- te, oppure 1024. Prima di esegui re la prima istruzione di_un pro- gramma, ci si limita a richiedere che la pagina che contiene quella istruzione sia presente in memoria. Normalmente questo significa che anche un certo numero di istru- zioni da eseguire successivamente alla prima saranno gid presenti in memoria al momento in cui devo- hho essere < usate » In questo modo si realizza quel- la che viene chiamata memoria virtuale, Nella figura E sono riportati i successivi © stati della memoria » per un calcolatore in cui debbano essere eseguiti due programmi, in- dicati come programma 1 © pro- gramma 2, Come si pud vedere, entrambi i programmi sono stati suddivisi in quattro pagine; le uni- che jistruzioni poste in evidenza sono quelle di salto al di fuori del- la pagina corrente (ad esempio, in pagina 1 del primo programma c’é un GOTO A, ¢ Petichetta A si tro- va in pagina 3). Se la prima istruzione di cia- scun programma si trova in pagi- na I, in memoria vengono carica- te le’ pagine indicate come 1.1 2.1 (pagina 1 del programma 1 ¢ pagina 1 del programma 2). Ad un certo punto, il programma I e- segue Vistruzione GOTO A; poi- ché Vetichetta A si trova in pagi- na 3, quest'ultima pagina deve es- sere letta dal disco (configurazio- ne 1 della memoria). L’esecuzione del secondo programma prosegue in parallelo a quella del primo; poiché in pagina 1 non c’é nessun salto, ad un certo momento sara necessa- ria la pagina 2 (configurazione 2). ‘A questo punto la memoria prin pale, supposta per semplicita di di- mensione ancora pari a 4 pagine, & completamente occupata, Quando occorre caricare ancora unaltra pa- gina (ad esempio perché il program- ma I esegue l'istruzione GOTO C, che richiede la pagina 1.2), il siste ma operativo deve « buttare fuori » una pagina dalla memoria princi- pale, per far posto alla pagina nuo- va. La scelta della pagina da elimi- nare deve essere fatta con attenzio- ne, per ridurre al minimo la proba- bilita di cancellare una pagina che tra poco servira di nuovo. La pa- gina scelta in questo caso & quella ‘non utilizzata da pid tempo > (in inglese Least Recently Used, ed in- fatti questa strategia di scelta viene chiamata LRU). La pagina non uti- lizzata da pid tempo probabilmente contiene parti di programma che sono state gid utilizzate integralmen- te. Osservazioni statistiche effet tuate su di un gran numero di programmi confermano Ia corret- tezza di questa scelta. Nel nostro caso, la scelta con strategia LRU porta all’eliminazione della pagina 1.1 (che era stata abbandonata quasi subito, con Pistruzione GOTO A); le pagine caricate in memoria a questo punto sono: 1.2, 2.1, 1.3 e 2.2 (configurazione 3). Ti programma 1 esegue subito un altro salto (GOTO D), ma per fortuna ritorna nella pagina 1.3, gid presente in memoria. ‘Al crescere del grado di mul- tiprogrammazione, @ —necessario «buttare fuori > sempre pid spes- so delle pagine, per fare posto a quelle richieste dai programmi che entrano via via in esecuzione. Si arriva rapidamente ad una situa- zione in cui non & possibile man- tenere in memoria un_sufficiente numero di pagine per ciascun pro- gramma; accade sempre pitt spes so di dover rileggere dal disco una pagina appena cancellata, per cui il numero di operazioni di lettura da disco aumenta considerevol- mente, Questo & un altro fattore che limita il numero massimo di Programmi che possono essere ¢- seguiti contemporaneamente. In particolare, se il grado di multiprogrammazione & maggiore del numero massimo di pagine scrivibili in memoria, nessun pro- gramma riesce pid a procedere. Supponiamo infatti che la memo- ria possa contenere 10 pagine, ¢ che il grado di multiprogramma- zione sia 11: all'inizio, possiamo eseguire ciascuno dei primi dieci programmi per la durata di una fetta di tempo, previo caricamen- to delle rispettive prime 10 pagine. Prima di < far partire » Pundicesi- mo programma, tuttavia, dobbia- mo eliminare una pagina dalla me- moria; secondo la tecnica LRU, ¢- limineremo Ia pagina n. 1 del pri mo programma. Il programma n. 11 si trova adesso in attesa di un’operazione da disco (lettura della propria prima pagina); quan- do un programma non pud pro- seguire, sappiamo che il con- trollo ‘della CPU passa imme- diatamente al programma succes- sivo, che in questo caso proprio il n. 1 (undicesimo programma era ultimo della lista). Ma il n. 1 non ha alcuna pagina presente in memoria (quella che aveva & sta- ta appena eliminatal), quindi il si- stema operativo tenterd di leggere dal disco la pagina del n. 1, pre- via eliminazione dalla memoria della pagina del programma n. 2 ce, II sistema < entra in loop » © nessuna istruzione pud pid essere eseguita. Quindi, per evitare pro- blemi di questo tipo, o comunque perdite eccessive di tempo nello scambio di pagine tra memoria principale e disco, in genere il gra- do di multiprogrammazione & 5 - 10 volte inferiore al numero di pa- gine che possono essere presenti contemporaneamente in memoria. Parole chiave grado di multiprogrammazione: nu- mero di programmi in esecuzione contemporanea sullo stesso elabo- ratore, ‘memoria virtuale: metodo di ge- stione della memoria che consente di_ eseguire contemporaneamente pid programmi di quanti ne po- trebbe contenere la memoria prin- cipale. In pratica, di ogni program- ma & presente in memoria, mo- mento per momento, soltanto una parte: quella che & in esecuzione © @ appena stata eseguita, multiprogrammazione: _esecuzione contemporanea di diversi program- ‘mi sullo stesso elaboratore. pagina: blocco di memoria di tun- ghezza fissa (da qualche centinaio fino a 1024 byte); ogni program- ma viene suddiviso in blocchi di lunghezza pari ad una pagina ed in memoria viene caricata una pa- gina per volta. programma residente: programma permanentemente memorizzato in memoria principale. sistema operativo: « super program- ma > che controlla ¢ facilita uso delle periferiche per gli utenti ¢ permette Tesecuzione contempora- nea dei diversi programmi intro- dotti dagli utenti stessi. software di base: software (ciod insieme di programmi) scritto per realizzare le singole funzioni del sistema operativo. time slice: (fetta di tempo): in un elaboratore gestito a time slice, un programma non pud mantenere il controllo della CPU per un tempo superiore alla «fetta» che gli & stata assegnata dal sistema opera- tivo; scaduto questo tempo, ’ese- cuzione del programma viene inter- rota, gli eventuali risultati parzia- |i vengono «salvati > (ad es., me- motorizzati su disco). £9) (La O di zambiasi gianfranco component eLettrorict. p.222 marconi 2a = tel. 0972/8154 26100 cremona NASTRI, MAGNETIC! IN CASSETTA AGFA oe 1 (8500 Gasseita continua Ys'minuto L900 pore coor La 80 Me 11.100 Gassetta pulscitestine C2000 Gio Ferro-color © a0 E Gp\Carat Ferro.cromo C2880 SCOTCH 3M aa ae L. 1650. C 80 Dynarange L700 © $026 Superte:-o C2300 & L100 80 Dynarange a 6 228 Suberohior t iam & L 2s00 ¢ 4° Kign Enorgy Fi & 606 Superchrom tags © 3420S G0 tan eneroy C © 6048 Stereochrom C 2800S Hapic0¢ 20 Hoh Energy C © 8076 Sterecchrom t S000 ¢ Ee om Ste t c L Sdapc ee blaster AMPEX é © 909 16,90 Master | C css ae Doaso © 20 Meta! E8899 160.Castor 11 cromo C & & Serie ta L400 Gf Maser i Fersciomo C 80 Seneca £120) MALLORY © 50 Masten i Ferrociome € 60 Serie 371 Plus C1550 © 60 LF & 0 § b C 90 Serie 371 Plus LL. 2.000 © 90 LNF LO C 45 Serle 364 Stucio Quality L 1,950 © 60 Superterrogamma L780 © 80 Serle 26s 8: {2380 6 80 Supererrogemma C900 Ge0 Serie 354 C 2800 Care less & aolsere ses C Sam MAXELL coe "S4 E60 Soip.s05 Granc'ttster! C3408 © 60 Super UN L120 § Hs ss0 & 9) SerielSes Gran Master| LL 3880 C2500 € ee) © 60 Serie 38fyGrand Master). asa U 2a § 2a © 90 Serie 965 Gland Master IU. 700 Labs § insped Cassette smagnetiszante C ecoo & E3400 f oe € Laas & pe BASF g EBD 6 to Ferocrone C 2750 C 60 Ferro-Super iH. L. 1.700 C Le 1.450, errecrome, eae © 90 Fetre-Super LH 2400 6 C280 G 320 Fer@-Seper LHL Lasso € {2800 «TDK © 60 Lisa 1 100 € 60 Metal C730 cap fn 60 LHsm L 1400)» ¢ £0 Metal Usa £88 i © 60 Crome & Bion eee: b © 59 Creme 2750 6 £0 Ferro-cromo ‘, 3000 MEMOREX aay 7 ¢ Crome 1 3850 69 maxs L 2400 6 90 AD C & 60 Cromo-Super L 3250 ¢ 90 MAKS L. 3.400 © 60 OD L Ge0 Crome-Super Laas 6 oo or Li 4800 6 90 oD. t © Gidrerro'Super Li | C tes 6 Ch tim. 6 See i © SolFevo/Super LH | L200 & 6 He U S.000 60 Sa is 120 Ferra’Suner Li | L 2750 6 oo HB C4250 6 60 MA Metal C ‘Gassetta puliscitestine 1.00% Cassetta continua 3 minuti L Casseta continue 6 minutl DENON PHILIPS Cassette continua ‘2minuti € 69 Silo Qualiyererro LN. W750 Cassetta pul'sttestine ie gag Ox £4400 & Sco quaireme EN: LeMpses Sessa utsorenine capes ES 60 Super-rome C 1400 Ste b 228 90 Super-ter C 150 teLco+ ote 3589 C60 Fero-chromium © 2050 co re Eyagse & 2 Fevo-chromun LE 2ISD ©3)Spociale sirione ratio L700 ci $850 60 Hi Quality Gromo 1850 66 Spocisio stazion radio, =. 80 © 60 OXM OR fs C 90 Hi-Fi Quality Cromo L 2250 6 12 Alta Energia L850) 10.60 Super-rero 1 © 1300 © 20 Alta Energ.2 L800 LUXMAN 100, Siper-Ferre 1 1700 6 90 Alta Energia U 1.000 © 60 xm L 4400 6 69 Meta! L 7850 © 48 Alta Energia L 1200 © 90 xu L $350 Gassetia continua + minuto 4850. 6 66 Alla Energia CS tao © 90 XM 1 5750 Gassetia conunua 3 mnuti L800 © 86 Alta Energia C4750 { pezzi si intondono IVA compr + Chiedere prozzi per quanttativs Nop i accettzno ordini inferior 10 eassette dello stesso tipo. =Condiz‘on: ai pagamento: cantrassegno comprensivo di 2000 DerspeseN.B, scrivere chiaramente in stampatell FindirizzD © imome del commiiente. a : sent. Eee ws em COMPONENT! s t Hees ed cane tg Eg-w= f EBS Pe amis tim ie : bE cue tae ci ge t ERB Barcel Ee ge t Ede xe Pe ee i a be ge ‘ a oe EB 88 E Ege ie £38 t'e ie E ce bt gies, § Bee E pe Ne £2 Bite ~ 2 lee E DEB te rg ehiece {12 ioe E EES Ne i 2 Sistas EME lak ie ES be Smee fe ies E cis ne t 2 BBA wd (ae E ce Fae a ihe te E £ HE Feveecouce Ete cusrecue ft 1 Ess E st EHR poreesue FB Smee ite is te Be at ee Seeds be ie rie Be eee a BEE Elieo wee ea Eg ie te eee ENB a ne ge tam faeecus EB cqygrnonam wean EEE t ge bam PEiecite, EB EMS svar an obes® FES t bee ee, ae coencoyoe tm Eat t ea ccc tS ; EER igs t Se eee t is t a ae t Bs : re Se £8 t 8 E t Be ce t ft tie iS ae t E t Be ae t e t Be ce t E Pas ee bg E bee ee Ee t E E oe Re a t t £2 ee Ee t E iis Se te t E 2 Se a bes bie Ee E © EB FRE Box a wmohix ns bie ee E te ae ee. bie ee Cee ness Ps bcm EH bos E tHe RE iS pie igs ei E © ize a on bee bE} E a vues EH ae bg E ts hie cE ie E ts tie G3 bie late E Ets cH ee Ee late E i ci fee be iale E E12 big ie bie ial E te : ci eg Eile : big Eis ie eee t i 2 sme fie 2s Ee gle E te cue lee ri ge t : ae big ee ri es t i Eis E cue ite t i Ei E EB ie Eis te E EHR ite bie Eis E bee iets t fl ES E cH ie bie a E ce ie big i te E be ile Eis f Ei 2 EES aie Eis Eis E t ie Ete: re E t C8 own EH Lee cis o> wn 2 cig ig cig Bes E : E Eee -uwe Eds be bis E ie Cease tie ae cB t EoBSS Get BR ie £ iB t PAG’ BR heee = i CRISES eM | i E te HS ce E EE coast om anv ne NBs EES ee. t E Em Ta a E EBB spans sv rand BB cme a £ i ; ane Newegg Ee E ERS gis EN leeraonee 5 1g Se t : Bis EMR ee fa segs EES Non # settano ori inter L 2090. Condon pegameno: conssege conor 2000 pa sere. MB. Se vere chiaramente in stampatello Vindiizz0 © il nome di ‘commiltente. | PREZZI SI INTENDONO IVA COMPRESA, LU 2 anplificatore che natural. mente e soprattutto sicuramen- te possa dirsi d'alta fedelta & sem- pre un banco di prova per Io spe- rimentatore: vediamo insieme dun- que come impadronirci del funzio- namento e del montaggio di un amplificatore da ben 50 watt, rea- lizzato impiegando nello stadio fi nale i transistor di potenza darling- ton BDV64A e BDV6SA Philips Eleoma (dalle cui note di applica- ione @ tratto 'intero progetto) nel nuovo contenitore, sigla SOT93, che assicura grande sicurezza di funzionamento, I circuito dell'amplificatore @ ri- portato in fig, 3a, il circuito di pro- tezione in fig. 3b; la piastra del circuito stampato sul quale @ mon- tato in fig. 4. Come si vede, per ragioni di economia e per migliorare la rie sposta alle basse frequenze lalto- parlante & coliegato direttamente all'uscita dell'amplificatore; cid ri- chiede un alimentatore con presa centrale, Una rete di controreazio- ne in c.c. impedisce che nella bo- bina dell'altopariante possa circo- lare una componente di corrente continua, Questa rete consiste nel- Vapplicare ad una delle basi di un transistore dell’amplificatore diffe- renziale d'ingresso, Peventuale ten- sione off-set. Ce perd Feventualita che una linea di alimentazione dell'ampli catore possa essere interrotta, nel 88 Amplificatore 50 a cura di ALBERTO MAGRONE qual caso una corrente continua molto intensa potrebbe circolare nella bobina mobile dell’altoparlan- AS te con tutte le prevedibili conse- alta fedelta SB aml gat a pericolo occorre inserire sia nella linea di alimentazione positiva che in quella negativa un fusibile da 2A. Lo stadio d’ingresso differenziale @ formato da TRI e TR2: TR3 & collegato agli emettitori di questi transistori e funziona da sorgente di corrente di 1 mA. La inevita~ bile variazione di tolleranza_nei valori dei guadagni di TR1 ¢ TR2 produrra ovviamente tensioni_ di differente valore ai capi di R2 ¢ RIT. Questa inevitabile differenza di tensione viene mantenuta entro limitiaccettabili_ impiegando nel- Vamplificatore differenziale i tran- sistori BC 547C, facendoli lavorare con una corrente con valore no- minale di 0,5 mA e assegnando ai resistori R2 e R17 il valore di 22 KO, La massima tensione off-set riscontrabile in pratica dipendera pertanto dallo spread del guadagno € dalla tensione Vee di TRI e TR2 impiegati Per il BC S47C con una Te 0,5 mA, un treme = 760 e un hire win = 375, avremo una Ts 1,33 Ae una Ts min = 0,66 WA. Lofiset della tensione di base pro- dotio dalle variazioni delle tolle- ranze del guadagno sara: TELL HOWELL MAMIYA 59 CARATTERISTICHE TECNICHE (atop. 4 om) — alimentazione senza carico Veco +52V — alimentaz. con mass. earico Vee £27V — errore di tensione sul punto intermedio (offset) 50 mV max — corrente di lavoro (c.c.) per TR3 1mA — corrente di lavoro (c.c.) per TR4/TR6 7mA — corrente di lavoro (c.c.) di TR1/TR2 0,5 mA — corrente di riposo (c.c.) di TR7/TRE 50 mA — impedenza d’ingresso 25 k2 — impedenza d'uscita 0.04.2 — guadagno (anello aperto) 77 4B — guadagno (anello chiuso) 27 4B — sensibilita d'ingresso per P) = 50 W 600 mV — potenza d’uscita (distorsione III* armonica = 0,7%) 50 W min — larghezza di banda della potenza (distorsione TIT* atmonica 0,7% a — 1 dB) < 20 Hz... > 20 kHz — risposta in frequenza (a — 1 dB) livello riferimento Py = 5 W a 1 kHz. 20 Hz... 30 kHz. — distorsione armonica complessiva fino a P) = 50 W (f = 1 kHz) 0.1% max — distorsione per intermodulazione a P: = 50 W 0,5% max — rapporto segnale disturbo 80 dB min — assorbimento di corrente alla massima potenza +164 | IL CONTENITORE SOT93 Hi contenitore SOT-95 (fig. 1) deve considerarsi il miglior sistema di chiusura ermetica realizzato fino ad oggi per i contenitori in plastica, Combina infatti felicemente fattori economici, grande sicurezza di fun- zionamento ¢ ridotta « fatiga » termica. Queste due ultime carattes stiche sono state ottenute grazie all’impiego di due noti processi tec- nologici: Ia saldatura eutettica e 1a passivazione del cristallo. 1 fattori economici a cui abbiamo accennato pit: sopra riguardo la yelocita di assemblaggio che questo contenitore consente di realizzare in sede di fabbricazione del transis articolare, possono essere ese completamente automatiche, Ia saldatura eutettica e quella ad ul- trasuoni impiegata per unire i terminali alle parti attive del cristallo. 1 vantaggi derivanti dall’aver impiegato in questo amplificatore tran- sistori in contenitore SOT-95 al posto di quelli in TO-3 (per es. BDX 64 © BDX 65) sono i seguen — come si pud dimostrare sperimentalmente, questo tipo di conteni- tore consente di trattare potenze fino a 5 volte superiori a quelle trattate dagli equivalenti in TO-5, — il montaggio del radiatore & pitt semplice, luzione nella misura del 30% della resistenza termica tra giun- zione e base di montaggio, — T'elevata frequenza di taglio riduce la distorsione secondaria di in- crocio, prodotta dalle caratteristiche di lavoro dei due transistori (distorsione di cross-over), a livelli trascurabili. 60 Ry (lo ee — Io mind = 22x 10° (1,33 — 0,66) x 10-* ~ 15 mv. Per un BC 547C con una Ie = 0,5 MA, Vor mm = 610 mV e una Vie in = 575 mV, Toffset della tensione di base prodotto dalle tol- leranze di Vos nelle suddette con- dizioni di lavoro sara: Vor mss — Vat min = = (610 — 575) x 107? = 35 mv Lofiset massimo complessivo per una corrente di collettore di 0,5 mA in TRI e TR2 sara: (15 35) x 10- = 50 mA, Il guada- gno complessivo in alternata del- Famplificatore & determinato dal rapporto dei valori dei resistori (RI7 + RI8)/R18 © da (RI + R2)/R2. La stabilita complessiva in alternata dell’amplificatore & as- sicurata dal resistore R1, dal con- densatore C5 e dalle reti RC R3- C4, RI6-C7 © R19-C9 Stadio pilota e stadio finale II segnale in uscita dallo stadio differenziale dingresso viene colle- gato alla base di TR4. Questo tran- sistore lavora come pilota in clas- se A, ed ha come sorgente di cor- rente TR6 che permette di avere una cotrente di collettore di 7 mA | transistori complementari dello stadio finale, lavoranti in classe AB, assorbono una corrente di ri- poso di 7 mA. Questo valore di corrente viene fissato dal trimmer R11 ed é stabilizzato termicamen- te sfruttando la tensione Vex di TRS il cui valore dipende dalla temperatura. Questa variazione di Ver. in funzione della temperatura viene sfruttata per neutralizzare le variazioni base-emettitore dei tran- sistori final La stabilizzazione termica della corrente di collettore dei transistori finali viene ulteriormente assicura- ta montando TR5 in diretto con- tatto termico sul radiatore dove sono montati i transistori finali, ¢ collegando inoltre resistori da 0,5 Q in serie agli emettitori di TR7'e ‘TRS. L'induttore da 4 sH con in parallelo il resistore R20, collega- to in serie alPaltoparlante, previe- ne eventuali fenomeni di instabili- {tA che potrebbero verificarsi in ca- so di collegamento di altoparlanti Fig. 5 “gate ou ab ‘esa e “ el te dee me a. | oe aly a 2S | (a) Amplticatore ai potenza HisFi da 50 W. cme 2 (0) Circuito at protezione del transistor! tinal ° (1) TR 8 tiseato sul radiatore de! transistor! final fet © Fig. t Fig. 2 Parte anteriore @ posteriore 4) un transistore darlington di potenza in contentore SOT-83. ‘Gono | transistori BDV 64A'e BDV 65A Impiagat! nello stadio finale Strattura interna dun transistore of potenza con 11 nuovo contonitore SOT-89. ‘ristallo tieaperto in vetro (@ ciod passivato). 2 = giuntura eutettica orolsiico. "3 = pettine rame. 4 = filo di collegamento in alluminio. 9 = saldatura ad ultrasuoni de! fil di collegamento. capsula in silicone speciale, 7 = terminall dl ramo stagnato. et Il montaggio Fig. 4 the: —— Titties ae GING TU eae ok ad un carico capacitive (altopar- lanti elettrostatici). Circuito di protezione contro sovraccarichi Si sa che cortocircuitando i ter- ‘minali dell’altoparlante, i transi- stori @uscita vanno incontro a si- cura distruzione. Il circuito di pro- tezione riportato in fig. 3b man- tiene, anche in caso di cortocir- cuito, la potenza dissipata dai tran- sistori finali entro i massimi limiti consentiti (curve SOAR). I circui- 6 ti di protezione convenzionali: pro- teggono i transistori finali ma agi- scono su un solo parametro nel senso che impediscono che nei transistori finali circoli una corren- te che indubbiamente li distrug- gerebbe, Il cireuito di protezione di fig 3b agisce su due parametri: an- ch’esso impedisce che nei transi stori finali possa circolare una cor- rente distruttiva, in pid impedisce anche che ai capi dei medesimi si formi una tensione altrettanto di- struttiva, Evidentemente, questi due limiti di lavoro estendono la pos- sibilita @impiego dei transistori. L’amplificatore & stato progetta- to in maniera che nelle condizioni di lavoro pitt gravose e con una temperatura ambiente di 45°C non venga mai superata nei transistori finali la massima temperatura (Pinas) ammissibile alla giunzione. Per il calcolo dei dissipatori di calore dello stadio finale si & pro- ceduto nella seguente maniera: La corrente massima di picco d” uscita che di la massima potenza (€ cio’ 50 W) oltre la quale si ve- Spettro della distorsione per intermo- ddulazione. Fig. 4a Prototipo i Taboratorio| detramplticatore delv'ampiticators Hi-Fi @i figura 3. Fig. 5 Distorsione Jcomplessiva ‘in funzione ‘olla potenza Suscita Fig. 6 Distorsione loomplossiva ‘in funzione ‘ella trequenza 025) Distorsione secondaria di crossover @ sognale ai usoita f= 10 KH, PW, dar = 006% 250 Hz; f= 8 kHz; ‘4. Orizz. = 600 Held. 10 dB/div. rifica il fenomeno del taglio, am- monta, se il carico & 42, a: Ib = VQP./R:) = V(100/4 = = 5A. La tensione duscita di pieco sara: 2P) 100 Vo = = 20Vv hb 5 La caduta di tensione (valore di picco) in TR4 e TR7 (nella meta superiore del circuito) & Voese ~ (R14) -+ Verowe TRT + + (RI2soax TR7 + V cee TR4) = (5x05) + 2,5 + + (50x 5x10) + 0,65 = = 64V Le perdite in TR6 © TRE sono pressapoco le stesse. La tensione di alimentazione, a pieno carico, dovra pertanto essere: V = Vo + Vp = 20 + 6,4 ~ 27V. Il grado di stabilizzazione della tensione di alimentazione @ defini- to da: V in assenza di carico — V in presenza di carico V in assenza di carico Supponiamo di impiegare una tensione di alimentazione non sta- bilizzata con un fattore di stabili- 18 del 15%, © cio’ Veco — Wee 0,15 Vevo Risolvendo per la condizione di tensione in assenza di carico (Veco) si avra: Veco = 1,18 Veo ~ 32V, La massima dissipazione di col- lettore si verifica quando la_po- tenza dissipata dall'uno e dall’al- tro transistore & uguale alla poten- za che “passa” nel catico. Se il pilotaggio & con segnale sinusoida- Te, la massima potenza sara (2/7), corrispondente cio? allo 0,4 della ‘massima potenza. Il valore della tensione di ali- mentazione, in queste condizioni di carico, sar Veo (2/7) = Veco Veco — Vee Veco [1 — Veco = 0,904 Veco = 29 V. Supponendo che si verifichi un aumento della tensione di rete nel- la misura del 10% ed una contem- 6 Fig. 9 = 8 a9) & 2 o 10? 107 10 10 eqvency (He) Risposta frequenza del ampliticatore. Fig. 1000 aent=iiy Guadagno ad anollo aporto (In alto) ¢ ad anelio chluso (in basso). Fig. 11 10 10? 10? 108 108 frequency (Me) Curva doa larghozza oi banda della potenza, Poranea riduzione del 20% del carico, la massima dissipazione in TRE caso limite sara: (1x29) FOR. + Ru) Poo = — ~ 275 W Lo potenza dissipata in TR7, teoricamente, é inferiore a quella di TR8;; agli effetti pratici pud comunque considerarsi uguale. La resistenza termica complessi- va tra la giunzione di ciascun tran- sistore finale © Pambiente circo- stante @ data da: Tmax — Tab one Ras. = ——— Pow 15045 38°C/W 21,5 La resistenza termica tra la giun- tione © la base di montaggio (Res j-os) & 1°C/W, quella tra ba- se di montaggio © ambiente & 0,8 °C/W, nel caso il transistore venga montato isolato dal radiato- re interposta pasta al silicone. La resistenza termica che dovra a vere il radiatore sul quale verra montato ciascun transistore finale non dovra pertanto essere superio- rea: Rapa (Rasim + Rov ab-n) € cio’ = 38—(1 +08) = 2°C/w Distorsione armonica Vengono date due curve: in una, la distorsione é funzione della po- tenza d'uscita con la frequenza co- me parametro (fig. 5); nell'altra, la distorsione € data in funzione della frequenza ma ad_una poten- za d'uscita di 10 W. Entrambe le curve indicano il basso valore di distorsione dato dall’amplificatore. La fig. 5 indica che quando ’am- plificatore da una potenza di 50 W alla frequenza di 1 kHz, la massi- ma distorsione armonica dello 0,1%. La fig. 7 riporta to spettro della distorsione per _intermodulazione intorno ad un segnale di 8 kHz (F2) prodotta da un segnale @in- gresso (f1) di 250 Hz. Sono que- ste le condizioni richieste dalle nor- me DIN 45 500 alla massima po- tenza dell’amplificatore e con Va. = 4 Ve. Fig. 12 Fig, 12 - 1 terminall do! SOT-93 si tovano sulla ‘te3s0 plano ai moniaggio del transistore. 1 — pun- to sul quale si pud esercitare una pressions. per Consentire i migiir contatto tra base. di montaggio Gel transistora (colletore} ® dissipatore i calor 2 a superticie In diretto contatto con il radiator Fig. 13° Esemplo. di tssaggio ol un contenitore SO7-33 mediante clip (56379) 1 — apertura rettan Golare su radiatore, 2 = bordo dol radiatore, 3 Clip, 4 — ) forminall possono essere collegali al Yettamente, al circulto siempato. Fig. 14 - Accessor! per montagolo Isolato del con: feritore SOT; a desire c'8 2 rondolla isolente; a siniste fa boecola per fa vite ai fissaggio. La distorsione per intermodul zione misurata in questo amplifi- catore risultd inferiore allo 0,5%! (Le norme DIN prevedono invece un minimo del 2%). Fattore di smorzamento E il rapporto tra Pimpedenza del carico esterno e Vimpedenza d'u- scita dell’amplificatore. Nel nostro caso, impiegando un_altoparlante con impedenza di 4 Q, sara: 4/0,04 = 100. C8 infine da dire che pud defi- nirsi anche una distorsione secon- daria nel punto di crossover. Si verifica specialmente alle frequen- ze elevate ed & prodotta da cari- che clettriche immagazzinate nelle basi dei transistori; in particolar modo in quelle dello stadio finale. Cid introduce un certo ritardo nel raggiungimento del punto d’incro- cio, delle caratteristiche del punto cio’ in cui la semionda fornita da un transistore finale viene a sal- darsi con la semionda fornita dal- altro transistore. A questo ritar- do @ da imputare la distorsione di crossover come appunto indicato in fig. 8. La cosa pid) importante al riguardo € che questa particolare forma di distorsione non assuma Ja forma a "spiga” Secondo le norme DIN 45 500, la curva di un amplificatore Hi-Fi deve essere pressocché piatta (+ 1 dB) tra 40 Hz 16 kHz; il se- gnale @ingresso impiegato per la misura deve avere la frequenza di 1 kHz ¢ deve avere un livello tale da produrre una potenza d'uscita 10 dB al di sotto di quella massi- ma fornibile dal?amplificatore. La curva di risposta di fig. 9 @ quella del nostro amplificatore levata secondo le norme DIN sud- dette: 20 Hz ¢ 30 Hz, la risposta si trova entro 1 dB rispetto alla risposta ad 1 kHz, In fig. 10 & riportato 'andamen- to del guadagno in funzione del- la frequenza per le condizioni di anello aperto (curve in alto) e anel- Jo chiuso (curva in basso). Larghezza di banda della potenza Questa caratteristica non é altro che la risposta in frequenza corri- spondente ad un livello di distor- sione fisso (dix) del segnale dusci- ta, Secondo le norme DIN citate, la larghezza di banda minima del- la potenza deve estendersi da 40 Hz a 12,5 kHz, Nel nostro caso (fig. 11), con distorsione fissa din = 0,7%, Ta lat ghezza di banda della potenza va da 20 Hz a 30 kHz. Per il montaggio Innanzitutto non si dovranno & sercitare forti sollecitazioni mece: niche sui terminali e sul conteni- tore del transistore. Anche la ca- duta accidentale del transistore su tuna superficie dura (cemento, fer- ro) pud danneggiarlo. Come gid accennato & possibi- le abbassare considerevolmente la resistenza termica tra base di mon- taggio del transistor ¢ radiatore di calore spalmando le due superfici di contatto con paste al silicone. Nel caso di montaggio con isola- mento convert spalmare con la suddetta pasta, la parte della mica che guarda il contenitore e la faceia del radiatore a contatto con la mica, Per cid che riguarda ta saldatu- ra: max 200°C! 65 Visti al SIM-HI.FI 1980 In giro tra gli stand della piu grande fiera della musica e dell'alta fedelta. Folla di giovani vis itatori II mercato, al di la di ogni crisi, é vivissimo. ‘olla, decisamente folla di visi- tatori_al Salone della Musica ¢ dell’hi-fi 80 alla Fiera di Milano il mese scorso. La rassegna, or- mai top in Europa, si estendeva quest'anno su ben 56 mila_mq. Rispetto allo scorso anno la mostra ha subito quindi uno sviluppo in superficie del 20 per cento circa, il che ha richiesto Tinserimento nel quartiere del SIM-HLFT di un al- to padiglione espositivo. I sette pa- diglioni, uno dei quali ha tre piani, raggruppavano — suddivisi nei di- vversi settori merceologici che com- pongono la mostra — un panora- ma esauriente di quanto offre oggi la produzione mondiale di strumen- ti_musicali, di apparecchiature ¢ accessori hi-fi, di attrezzature per emittenti radiotelevisive © per di- scoteche, di musica incisa, di rice- trasmittenti CB-OM di videosi- 6 i GIANLUIGI M. CASTELLI stemi Il fronte espositivo & di dieci chi- Jometri ¢ i campioni dei prodotti esposti sono oltre 22.000; un‘offer- ta notevole che qualifica il Salone del suono milanese come la pitt im- portante manifestazione settoriale europea, in cui sono a confronto le pid recenti realizzazioni tecniche, funzionali ed estetiche realizzate da 31 paesi. Alla produzione italiana si affianca infatti anche quella di Austria, Belgio, Bulgaria, Brasile, Canada, Cecostovacchia, Corea, Danimarca, Francia, Giappone, Gran Bretagna, Irlanda, Israele, Ju: goslavia, Liecthenstein, Norvegia, Olanda, Repubblica Democratica tedesca, Repubblica Federale di Germania, Repubblica Popolare Ci nese, Repubblica Sud Africana, Re- pubblica di San Marino, Romania, Spagna, Svezia, Svizzera, Taiwan, FOTO PIONEER Ungheria, URSS, USA. Complessivamente presenti 1186 marche proposte da 438 espositori, di 450 di strumenti musicali, 470 di alta fedelta e audioprofessionale, 126 di videosistemi e comunicazio- ni radiotelevisive, 40 di etichette discografiche e musica incisa. Na- turalmente sono presenti anche le pitt importanti pubblicazioni setto- Tiali, tra cui Radio Elettronica, na- zionali ed estere. Come in passato, anche quest’anno, la rassegna ha consentito ai visitatori di vedere e di provare nei vari comparti espo- sitivi numerose ed interessantino- vita, alcune delle quali rappresen- ‘ano un ulteriore notevole miglio- ramento di prodotti gia esistenti ed altri, che possono essere considera- ti «rivoluzionari », che aprono nuovi orizzonti e nuove prospetti- ve nel campo del suono. In particolare ed in ristretta sin- tesi hanno rappresentato motivo di Tichiamo un rivoluzionario video- disco dal diametro di 25 cm con programmi della durata di otto ore, un Sofisticatissimo impianto stereo talmente automatizzato da poter es- sere usato da un bambino, una batteria microcomputerizzata dalle dimension di cm 20 per 3 pet 11, una chitarra elettrica compatta, il pil piccolo diffusore esistente al mondo, uno strumento elettronico che consente ad un pianista Pesecu- zione di musica di sette strumenti a fiato. E ancora: un impianto di gestic ne programmata per emittenti_ra- diofoniche, terminali di conchiglia in oro, un riproduttore di cassette IL SALONE portatili, amplificatori lineari per | Settori espositivis strumenti musicali TV, una telecamera con registra- apparecchiature ¢ accessori Hi-Fi tore incorporato, un videoregistra- attrezzature per emittenti radiotelevisive tore con telecomando a raggi i attrezzature per discoteche frarossi per quattro ore di program- musica incisa mi, un diffusore acustico con due videosistemi atelliti, casse acustiche per am- oe a a | Superficie lessi irtier vositivo: f bienti_ domestic, sintoampliicator’ | SuPermcye cambiena dat aarti: cgpanitiva: ge 000 memorizzanti, una centrale di con- . , . & 5 - trollo a raggi infrarossi per impi Numero degli espositor 438 di cui 130 per gli strumenti musi- ti hii, Sono aleune delle novita cali, 174 per hist, 34 per le attrezzat~ presentate al SIM-HLFI '80 ¢ il re radiotelevisive professionali, 16 per Ia fui numero non 2 faciimente quan- musica incisa, 40 per atrezzature per oa a discoteche, 44 riviste specializzate. ‘Soprattutto per il pubblico siso- Numero delle marche: ‘1.186, di cui 450 di strumenti musicali, no svolte nelle giornate settembri- 470 di hi-fi e audio professionale, 126 ne del SIM-HLFI '80 varie mani- i videosistemi © comunicazioni radiote- ricreative ed in- levisive, 40 di etichette discografiche e formative di carattere musicale ¢ musica incisa, di realizzazioni hii. In programma | Paesi partecipanti: Italia © 30 Paesi esteri. tra Paltro un concerto proposto dai Panorama della rassegna: 10 chilometri di fronte espositivo con la Vineitori del concorso. di chitarra presentazione di oltre 22.000 campioni classica 1980; la proiezione su hei sei settori_ esposit grande schermo desibizioni musi, cali videoregistrate di noti comples- sie cantanti e di dimostrazioni hi- fi promosse da vari espositori spe- cializzat. 11 Salone milanese, come gid nel passato, & stato un’ottima occasione oferta al pubblico anche quest an- no per vedere, per provare, per esi- binsi gratuitamente con gii strumen- ti musicali, gli impianti hi-fi e le attrezzature rediotelevisive presen- tate in mostra in modo da potersi orientare per eventuali_ preferenze acquisto e dimpiego non solo in 3 base ai mezzi economict disponibili, 3 ‘ma anche alla preparazione tecnica 2 i esecuzione, di riproduzione e di 2 or fie per il piacere dellh-fi un po’ folle. Produ- light computer della Steelphon e diffusorl acustici a sospensione pneumatica, particolarmente adati Pagina accanto: cassette 3M Melafine a metalli puri dl elevatissime caratteristiche e sintonizzatore stereo PLL JVC di ingom- bro molto limitato, in linea con amplificatore AX? di 30++30 wal ascolto. Presentato, dicevamo, il yideo- disco. Proviene dal Giappone, @ sen- za solchi, ma & caratterizzato da 45.000 microcavit’ incise sulle due facciate. Il suo diametro & di circa 25 cm e si presenta molto simile ai normali LP. Le superfici incise so- no protette da uno strato di 1,1 mm di materiale acrilico traspa- rente ¢ vengono lette mediante 1a- ser. Suono ed immagine (che appa- re su uno schermo televisivo colle- gato) sono tiprodotti in modo per- fetto, senza alcune distorsioni od alterazioni. Mentre negli USA i giapponesi_ne stanno iniziando il lancio, si prevede che in Italia non saranno messi in commercio prima di 1-2 anni, Per quellepoca i di- schi probabilmente conterranno un programma complessivo per otto ore ¢ il loro costo sari analogo a quello di un normale 33 giri. So- no inalterabili, ossia praticamente eterni. Grande suecesso, se ne poteva essere certi, dei piccoli radiocuffia Geloso, Sony, eccetera, Splendide diverse realizzazioni nei pitt diver- si settori. Per esempio... Batteria microcomputerizzata, — Liultimissima realizzazione giappo- nese nel campo delle batterie & co- stituita da un modello microcom- puterizzato, veramente tascabile; misura cm 20 per 3 per 11. La ditta asiatica ha creato in sostanza un « batterista » personale per tut- ti i musicisti, professionisti o dilet- tanti, che desiderano disporre di un originale accompagnamento alle loro esibizioni. Con questo piccolo gioiello musicale si possono ottene- re, oltre a tutti i tempi (rock, val- zet, ecc,), variazioni ritmiche e'« as- soli » nonché laccento, Il suo prez~ zo & esttemamente contenuto. Il gioiello degli organi elettroni- ci. —= Da esperti internazionali stato definito il gioiello degli orga- ni elettronici i modello realizzato da una ditta italiana ricorrendo al- la pitt sofisticata tecnologia setto- rile e destinato ad una clientela particolarmente esigente. Molte del- Te sue funzioni sono gestite da mi- croprocessori e rientra quindi nella categoria degli organi clettronici dellultimissima generazione. Altret- tanto valido & uno strumento s lare realizzato a costi pid) contenu- ti, ma comunque dotato dei pid perfezionati automatismi. Anche il design di questo modello & molto gradevole nelle sue strutture ester- ne in legno pregiato. Dischi stereo registrati digital- mente, — Sono stati presentati i dischi stereo realizzati con una nuo- vissima tecnica di registrazione, os- sia ricorrendo al sistema digitale. ‘Questo metodo consente — inve- ce di registrare analogicamente il valore del suono — di ottenere unfincisione perfetta registrando il valore della pressione acustica in istanti di tempo estremamente rav- vicinati e senza richiedere quindi tutte le operazioni intermedic ne- cessarie alla produzione di dischi. Infaiti questo sistema trasforma un'onda sonora in una serie di nu- meri che vengono poi codificati con la stessa tecnica usata dai compu- ters per memorizzate i dati. In de- finitiva tutte le copie sono comple- tamente identiche per qualita e fe- delta di suono al primo disco in- iso, Organo elettronico gestito da mi croprocessori,. — Una conosciuta azienda di Recanati presenta un organo elettronico con 2 tastiere a 49 tasti caratterizzato da una ge- stione completamente a micropro- cessori, Le sue principali caratte- ristiche sono: flauti nel manuale su- periore su otto differenti piedaggi, 3 differenti controlli di sustain, per- cussioni con azione _polifonica (gran piano, vertical piano, gaspel piano ¢ chitarre). Tl_« second voi- ce», su memorizzazione musicale, seleziona automaticamente una con- tro-melodia. La pedaliera dei bas- si ha duplice funzione di accompa- gnamento e controlio effetti delle tastiere. Dispone di 12 ritmi_pre~ selezionati, mentre Yaccordo & se- lezionato con memoria, ‘Trasmettitori.televisivi_ im rack. — Nello stand di un produttore di Orvieto notati alcuni. trasmettitori televisivi di grande potenza con am- plificazione a audio e video separa- te, Gli impianti sono assicurati in due rack standard, uno con la pat~ te alimentazione, Paltro con tutte le parti a radio frequenza, Le loro caratteristiche principali sono: pi- Tota allo stato solido, un solo tubo finale, compattezza ¢ modularieta, basso consumo, protezione a logica centralizzata, wattmetro-riflettome- tro incorporato. Ricetrasmittenti_amatoriali Per gli appassionati di CB-OM un proluttore giunto da Bagnolo in Piano ha presentato un nuovo ap- parato ricetrasmittente AM/FM/ USB/LSB. Dispone di 120 canali ed ha una frequenza variante da 25515 a 27855. Di linea moderna ed elegante possiede praticamente caratteristiche professionali. ‘Telecamere con registratore in- corporato. — Una telecamera inte- grata grande come una normale su- per 8 sonora e che pesa meno di due chili @ stata presentata per la prima volta in Europa dal produt- tore. E’ di produzione giapponese. Sette strumenti a fiato per un pianista. — Una nota azienda di Cadriano presenta una interessantis- sima novita in campo musicale: uno strumento elettronico che consente fa chiungue sappia usare la tastiera @esprimersi perfettamente con di- verse voci: sax, tromba, trombone, clarinetto, oboe, fagotto ¢ flauto pan. Il nuovo strumento assicura tunfottima sonorita dei fiati in base alle esigenze dellesecutore e per- mette di esprimersi contemporanea- mente anche con pill strumen Naturalmente le possibilita di mo- dulazione tipiche del sintetizzatore lasciano ampio spazio allo spirito di creativita personale. Il_nuovo strumento musicale non & ingom- brante ed @ di semplice impiego. Si collega direttamente allimpianto voce ¢ in pit consente Tintonazio- ne e accordatura degli strumenti. Una batteria completa in due va~ lige. — Un produttore lombardo ha realizzato una batteria che pud essere rapidamente scomposta e rac- chiusa in due valigie di piecole di- mensioni, In una infatti possono es- sere inserite la grancassa che, di- videndosi a meta, contiene il tim- pano, il quale a sua volta racchiu- de i due muti, L’altra va utilizzata per contenere un rullante e i rela- tivi accessori. II loro peso comples- sivo & di circa 45 Kg. nousteiA WiIilbikit. evettronica VIA OBERDAN 24 - 88046 LAMEZIA TERME - tel. (0968) 23580 KIT N. 68 MIXER 5 INGRESS! CON FADER 1, 19.750 Mixer privo di frusclo ed impurity si consigia tl suo uso in discotoca, studi at registrazione, sonorizazione- films KIT N. 69 VUMETER A 12 LED 1 13500 Sostiuisco 1 tradzionali strumenti dl misurazone; sensi lit 100° mv, impadenza 10: KOhm KIT N. 80 PSICO LEVELMETER 12.000 Ww 1 sos60 CComprende tro novitd: VUsmeter giganto composto di 12 triacs. accensione automatica sequenaale di 12. lamp alla frequenza desiderata, accensipne e spegnimenta, delle lampade madiante rogolatore elettonice, Alimentazione 12 V cp, sseorbimento 100 mA, KIT N. 81 ANTIFURTO. SUPERAUTOMATICO RO. PER AUTO L 24800 Indicato por auto ma installable In casa, nogori_ece. Semplicissio ll funsionamento: ha 4 temporlazaions con ehiave letronice KIT N. 82 PRESCALER PER FREQUENZIMETRO 200-250 Ms 22750 Questo kit applicato all'ingresso di normal frequenzimett ne estende la portata ad oltre 250 MHz. Compstilla con ireuiti TTL, ECL, CMOS. Alimentezione 6 Ve... asso: mento max” 10 mA, sensibiith 100 mV, tension segncle Useita pp. KIT N. 89 PREAMPLIFICATORE SOUADRATORE BF. PER FREQUENZ, L700 Collegsto lfingresso di froquenalmete, « pulisce » | segnali ai BF. squadra tall segnall permettondo una perfette lettre. Alimentazione $*8 Ve‘. assorbimento max 100 mA: bande Passente 5 He~900 Kitz, impedenza dingrosso 10" KOhm KIT N. 96 VARIATORE DI TENSIONE ALTERNATA SENSORIALE 2.000 W L14500 Tele circulto con il semplie stioramonto di una placchetta metallica permette di accendere. delle lampade nonché. re folere a piacere la luminosta Alimentszione autenoma 220'V ¢2. 2.000 W max KIT N. 97 LUCI PSicosTROBO Lsas0 PRESTIGIOSO EFFETTO DI LUCI ELETTRONICHE i quele permette di rllantare le immagini al ogni oggetto in mow tmento posto nal suo rageio di luminosta 8 tempo di musics Alimentazione eutonoma 220-8. lampado’ stcbo In dor tazione = intensita luminosa 3.000 LUX frequen de amp! ‘tempo di musica - durata del lampo 2 m/sec. KIT N, 94 PREAMPLIFICATORE MICROFONICO 12.500 Preamplfica segnali di basso livelio: possiede tre eicaci Cental di tono, Alimentazione 830 Vee. guadagno max 110-8, lvello d'uscta 2 Vpp, assocbimento 20mA KIT N. 95 Dispositivo AUTomarTiCo DI REGISTRAZIONI TELEFONICHE 116500 Effettua registsrioni telefoniche senza intervento_ manual inserimento dell apparecchio non altera Ia ines i Alimentaxione 1219 Vee, assorbimento ¢ yuoto 1 m bimenta. max 50 mA KIT N. 401 LUG! PSICOROTANTI 10.000 Ww 1 s0s00 Tale KIT permette laccensione rotativa di 10 canali di lam ade a ritmo musicl Alimentazione 15 Wc.» potenza alle lampade 10,000 W. KIT N, 102 ALLARME CAPACITIVO L 14500 Unico allarme ne! suo gonere cho salvaguarda ali oggett alapprossimarel ci corp estranct Alimentssione 2c." carica ‘max al relé 8 ampere - ‘senstbilta regolabil KIT N. 103 CARICA BATTERIA CON LUCE DIEMERGENZA § AMPERE L 26.500 KIT N. 98 AMPLIFICATORE STEREO 25425 W RMS. L. 57.500 Anplificatore stro ad site fede completa ai preamplii: catore oqualizzto s 6! contol dei ton! bass, a e medi, alimentatore stabilzzato incorporate, Alimentazione 40 V c.a. - potenza max 254+25 W eu 8 ohm (5435 W eu 4 ohm) dietrsione 0.08, KIT N. 99 AMPLIFICATORE STEREO 25-+25 W RLM.S, L. 61.500 Amplfcatore storeo ad alte fedelta completo di preampii catore equalizato e dei contol dei ton! bass, alte medi, alimentatore stabilizzato incorporate, Almentazione £0 V c.a.- potenze max 35-425 W au 8 ohm (60450 W su 4 ohm) latorsone 2.03 ITN. 100 AMPLIFICATORE STEREO 50++50W R.M.S.L. 69.500 Ampliicatore stereo ad alte fedeté completo di preampii- eatore equalizznto © del contol del ton’ bass, at © med) imentatore stablizzato Incorporate Alimentazione 60 V ca. potenza max 50+50W su 8 ohm (70% TOW su 4 ohm) cistorsione O03 s s es INDUSTRIA WI ] b 1 k Lt.) ELeETTRONICA VIA OBERDAN 24 - 88046 LAMEZIA TERME - tel. (0968) 23580 LISTINO PREZZI MAGGIO 1980 PREAMPLIFICATORI DI BASSA FREQUENZA AUTOMATISMI Kit N48 Proamplitieatore stren hifi per bossa 0 at W, 28 Aotfurto automstico per auton 18.00 a" Inpedenca S90 Vee Lage KiEN: Ht Anttrto superutomico prof ie w. 7 Besmpltiestoe hist a impecence "7888 a 24500 Kit N a7 Preamplifiestore hifi basse Impecenca L780 rit n 27 Brine superauomatico protessinsle 1” 08 it N. &B Miner 5 Ingress con faddor 920 Vec 19780 ce KiEN: 8¢ Proomplifietore microfonco © 12500 wenn as Boies Gayerla atomatico reaoable ew. 52 Carica batoria a Ninel Cedmio 45500 Kit N: Af Temporzztore' da 0 a 60 second it N: 4 Tomprtzzatore professionale ga 0-90 AMPLIFICATORI DI BASSA FREQUENZA ve, feconco 3 mint 9230 Ampli Kat. impor I tarairstallo Kit N: 2 Termostato di precsione el 1/10 dt L t gros 16500 t itn. 98 BiSpesitivo automatico por cesstrarone c feivonics. 16500 rs t b EFFETTI SONORI Kit N. a2 Sirona francese letonca (OW, Ls 80 SEA Sond ieridinelswonce wow. E30 RAC St Som fina ie 350 ALIMENTATORI STABILIZZATI RN. 85 Steno. americag Lns00 KUN: 8 Smarare azuczas boo ma 7.9 vee tie ‘STRUMENTI DI MISURA TA g Renu Sez ta A See tis Ren re retuorcimoto dil oe RRNA eters ster BD A 2c Lis GEN Heeler per hetonsmete 200250 Me 32780 iN. 13 SINS bite #2 Tet £38 Tek N. & Moapiictore aquacratoe 8b SULA Since Sit 24 5. 3Nee £8 1. 7500 may tis kien? mae bss cos es00 KAW 2 Almanatresaluza part 2 ee 18 © re Kat Ne 99 Wu Meier a 12 (oe Edad Rn 2218 on APPARECCHI DI MISURA E AUTOMATISMI DIGITAL EFFETTI LUMINOSI ae evine «9850 Kit N. 23 Luci psichedeliche 2.000 W- canali basi L, 7.950 ae 8 Te ne Cvas00 Kit Ni 24 Luci psichadeliche 2.000 W. canali alti L. 7.450 Kanes Lopes conn 16800 the ‘a frequenze veriabile 8.000 W. 19.500 ‘APPARECCHI VARI sees ra cow | | BS Bossom ithe tear coe | | HER See Sore 1 PREZZI SON COMPRENSIVI DI LV.A. Asslteraa tecnica per tutte le noste scatole di montaggio. Gia premontate 10% In pid. Le ordinszion! ‘possono. essere {atte Giretamonte presso" Ia nostra ‘eaza- Spedizton| contrasseqno”¢ per” pagamento anticipato oppure. reperiblli-nel_miliori-negosi GI"component lettonil Cataieghi e informazion! e richestanvlondo” 600 lr 10 Trancobol Pen" PAVOHE INBIRIZZO IN STAMPATELLO. Superferric 3M cassette Per far conoscere a tutti gli ap- passionati di registrazione la sua nuova cassetta Superferrie High Energy < Scotch » Ia 3M propone una speciale offerta denominata «invito 3+ 1». In pratica si ace quistano quattro cassette ma se ne Pagano soltanto tre: sei ore di re- gistrazione ad un prezzo molto conveniente, che regge il confron- to con quello di molte cassette co- siddette economiche. La nuova cassetta, che si distin- gue per la confezione decorata con Strisce colorate oblique, contiene tun nastro con supporto di polie- stere © uno strato magnetico co- stituito da minuscoli cristallini di ossido di ferro, che assicurano ec- cellenti qualita di registrazione con ogni tipo di apparecehio. La curva di risposta @ ottima. Motorola Microprocessori Questo nuovo sistema di valuta- zione ha un costo cosi basso da dover incontrare un grosso succes- so di vendite nelle scuole, nei cen- tri di addestramento industriale ed in tutti gli altri istituti per la for- mazione professional che richie- dono esercitazioni pratiche. Esso & Videale per tutti color che, per hobby o altri motivi, desiderano acquisire un'esperienza nel campo della famiglia M6800 di micropro- cessori Tl MEK6802DSE @ progettato per funzionare come strumento di- dattico, che consenta allutente di familiarizzarsi_ con Tso della fa- miglia di microprocessori_ M6800. 11 cuore del sistema & un MC6802, n che ha lo stesso insieme di istru zioni dell’MC6800, L’MC6802 con- tiene anche 128 bytes di RAM (ri- servati per utente nel DS) © un oscillatore a orologio incorporato. In aggiunta ai 128 bytes di RAM sull’MC6802, il MEK6802DSE contiene altri 1024 bytes di RAM per utente, 128 bytes di RAM di sistema ¢ 2048 bytes di ROM con programma di Monitor DSBUG. ‘Questo Monitor consente alPutiliz- zatore di sviluppare, controllare & correggere i suoi programmi molto facilmente, Contiene, inoltre, le i- struzioni di pilotaggio per la tastie~ 1a, il visualizzatore, Paudiocassetta. Viene fornito uno zoccolo per una ROM 0 EPROM a 24 piedi ni preprogrammata. Questa ROM/ EPROM pud essere collocata in alto nella Mappa di Memoria. In questa posizione, il sistema parte con il programma di utente ogni qualvolta @ inizializzato. La ROM/ EPROM dell'utente controlla an- che tutte le istruzioni di interruzio- ne (rimangono comunque disponi- bili tutte le altre routine del DSBUG della ROM). In alternativa, la ROM/EPROM per utente pud essere posizionata sotto il DSBUG nella Mappa di Memoria, Il sistema allora parte con il. programma di Monitor DSBUG ma il programma di uten- te pud essere inserito in qualsiasi momento tramite un comando da (astiera. Se necessario, si pud ottenere un ulteriore ampliamento della capa- cit& di memoria con Vaggiunta di moduli EXOReiser bus-compatibili In tal caso @ necessaria Vinstalla- zione di buffer di separazione per le linee di indirizzo, dati e con- trollo. Laudiocassetta rappresenta una memoria di massa integrativa alla memoria all'interno del sistema. Essa cosente, infatti, di salvare i programmi sviluppati dall'utente per un utilizzo successivo, II sistema funziona a 300 Baud, utilizzando lo standard Kansas City modificato. Nuovi tubi TV UHF La Palo Alto Microware Tube Division della Varian comunica che sono stati realizzati quattro nuovi tubi amplificatori per tra smeititori televisivi UHF. T modernissimi Klystron a cavi- 2 esterna consumano il 10% di energia in meno, il che pud com- portare notevoli economie per le stazioni TV UHE, secondo le ore di esercizio, i liveili di potenza ed il numero di tubi di amplificazio- ne. Altri risparmi sono dovuti al carico ridotto degli scambiatori di calore ead una maggior durata dei tubi in conseguenza di livelli di po- tenza inferiori, Per risparmiare energia, i nuo- vi tubi sono stati studiati in modo tale che un guadagno minimo di dB produce una potenza « peak- of-syne » da 35 a 58 kw, con me- no di 10 watts di potenza di in- gresso. I tubi hanno ora un’effi- cienza « peak-of-syne » del 40 fino al 42%, ossia dall’8 al 10% me- glio rispetto ai modelli_esistenti. Dei quattro nuovi_ Klystron, i modelli 4KMISOLA-H ¢ 4KMi50- LF-H operano nella banda UHF da 596 a 710 MHz, Tutti i mo- delli permettono il « multiplexing > i segnali video ed audio con una linearit& perfezionata rispetto ai modelli esistenti, Enciclopedia dell'informatica Guido Fiorentino @ un ingegne- re elettronico, che dopo un lungo soggiorno di studi negli Stati Uni- ti, ha seguito dallinizio la nascita dell’industria informatica in Tta- lia. B stato progettista di apparec- chiature per lelaborazione dei da- ti e, successivamente, & stato tec- nico in campo brevettuale. Era dunque la persona adatta a scr vere questa < Enciclopedia dell'in- formatica » che consta delle ses- santuno voci_essenziali che si feriscono all'informatica (edizioni Teti, lire 4.000). Le voci, ordinate alfabetica- mente, altro non sono che spi gazioni di termini ormai entrati comunemente nel nostro vocabola- rio, soprattutto nel nostro linguag- gio tecnico, ma dei quali spesso non afferriamo a pieno il signit cato. ‘Tra le voci, troviamo spiegazio- ni di termini come: Acronimi, Al- goritmo, Alimentatore, Amplifica- tore, Calcolatore, Circuiti vari, Componente, Computer, Digitale, Display, Informatica, Logiche mec caniche, Memoria, Microprocesso- re, Relé, Robot, Semiconduttori, Software e Hardware, Terminale, ‘Trasduttore, ecc. Il termine informatica, come ci viene detto nella presentazione del volume, deriva da < Informazione automatica » ed & una tecnica che si occupa dei modi in cui Pinfor- mazione pud essere trattata me- diante apparecchiature, quasi tutte eletironiche, in maniera automati- cae ad una velocita elevatissima. Tl volume, agile, di facile lettu- 1a € di basso costo, si propone di fornire alcune nozioni base sull’in- formatica, anche al lettore_privo di_una preparazione specifica. E un’opera di divulgazione che non significa volgarizzazione nel senso deteriore della parola. L’enciclo- pedia & divulgativa nel senso che il linguaggio utilizzato & piano, accessibile a chiunque voglia avvi- cinarsi alla materia. Owviamente il libro non ha la pretesa di spiega- re tutto, ma mete il lettore in condizione di capire di cosa si sta parlando. Le voci hanno il taglio di articoli monografici ¢ cercano di dare un’idea il pitt possibile com- piuta degli argomenti aflrontati Nuovi linguaggi PL/65, un linguaggio ad alto livello per realizzazione di sistemi, & adesso disponibile per il micro computer Rockwell AIM 65. PL/ 65 @ disegnato per incrementare la produttivita del_programmatore © per aumentare Paffidabilita del programma, Le istruzioni per il controllo, come le esecuzioni con- dizionali | (IF-THEN-ELSE)(_ i cli condizionali (FOR-TO-BY), af- fiancati da una possibilit di ge- stione dei blocchi semplificata, aiu- tano le tecniche di disegno del pro- gramma strutturato, Il compilatore PL/65 genera un codice sorgente di linguaggio as- mB LE INDUSTRIE ANGLO-AMERICANE IN ITALIA > VIASSICURANO = E UN AUWENIRE BRILLANTE =| “5s IN EDICOLA ae un posta da INGEGNERE anche per Voi Corsi POLTECNICI INGLES! Vi sormetteranno di studiare @ case Vostra'e eh consegulre varia eeam, Diem e Lasree INGEGNERE regolarmente isertto nell Ordine Britannico, une CARRIERA splendida Ingegneria CIVILE - Ingegneria MECCANICA us THTOLO ambito Ingegneria ELETTHOTECNICA - Ingegneria INDUSTRIALE un FUTURO ice9 di soddstaion Ingegneria RADIOTEGNICA - ingegneria ELETTRONICA & én BRITISH INST. OF ENGINEERING TECHN. ETL Etas Pevioici Nolan Bion = 1085 Tania - Via Gira 4/7 Sede Centrale Londra «Delegation in ttt I mondo COMSEL COMPONENTI SISTEMI ELETTRONICI eee Liana eect CTs z & e eee Timmer Po f pee EAIRCHILD Bled seer fa be coe RGA x2 Pont edareato: 6B we ° State fe Le “0 See sa tie a TEXAS INSTRUMENTS eal ie cs ‘Semiconductor AY @ MoTOROLA semiconductors MOSTEK “lfteecoR f=] GENERAL INSTRUMENT A Matsushita Electric Qa SS PIHER GANZERLI PREZZI WA. ESGLUSA ~ CHIEDERE PREVENTIVi PER QUANTITA’ SI ACOETTANO AVOHE ORDIN| TELEFONIGI 7 OADINE WINN [SPESE POSTALI A GARIGO DEL DESTINATARIO PAGAMENTO IN| CONTHASSEGNO, Hee een Basseee 58 eeave: 38 Srtoxterrnonica Rar paige ame Prerer rerereerer ee oererer cry Prerer rerereeeee ee oprerer per re agi sembler_R6500. Inoltre permette che le istruzioni del Tinguaggio as- sembler vengano incorporate diret- tamente in porzioni di programma PL/65, dove le richieste di otti- mizzazione della temporizzazione © del codice sono critiche. I ri- sultato & un linguaggio per rea- lizzazione di sistemi che ha il po- tere € la flessibilita del linguaggio assembler ¢ il potenziale struttu- rale di un linguaggio ad alto livello. 11 compilatore PL/65 dell’AIM 65 & contenuto in due ROM da 4k byte che si inseriscono diretta- mente nel modulo principale del- YAIM 65. De Mico S.p.A. Milano. Nuovo catalogo TTL FAST La FAIRCHILD ha recente- mente presentato il nuovo catalo- go illustrante i prodotti della fa- miglia logica TTL FAST (FAST sta per Fairchild Advanced Schot- tky TTL). Questo catalogo suddi- viso in sei sezioni da una visione quanto mai completa della fami- glia FAST. Ogni prodotto @ illustrato detta- gliatamente ed & completo di pin out, descrizione delle funzioni, ta- belle di caratteristiche elettriche & logiche. T circuiti FAST sono fab- bricati in tecnologia Isoplanar I, che consente di realizzare transi stori ad alta velocita, bassissime ca- pacita parassite e frequenza di ta- glio superiore ai 5 GHz. Confron- tando la famiglia FAST con le al- tre famiglie TTL potremo consta- tare un aumento dei livelli logici di tensione di soglia in ingresso ed una alta capacita di pilotaggio in uscita, una migliore immunit& al rumore in ingresso ed una elevata velociti di commutazione (grazie al contributo di 4 diodi nella ca rica/scarica delle capacita interne ed esterne del circuito). Attualmente la famiglia FAST comprende oltre 70 prodotti fun- Zionalmente cos suddivisi: 10 ga- tes, 7 flip-flops, 2 latches, 10 mul- tiplexers, 5 decoders/demultiplex- ers, 6 registers, 10. counters, 9 buffers/tranceivers, 11 arithmetic operators, 2 memories. Questo interessante catalogo & in vendita presso i distributori FAIRCHILD. Scuola a domicilio Nei Laboratori di Ricerca Philips di Eindhoven (Olanda) & stato rea- lizzato un sistema sperimentale di insegnamento composto da un ap- parecchio per videodischi e da un microcomputer. I videodischi, si- mili a quelli presentati sul merca- to americano, si possono ora utiliz- zare anche per programmi d’inse- gnamento a misura individuale. Lallievo pud autoregolare il siste- ma molto facilmente, utilizzando numerose tabelle, e rispondendo ad alcune domande. Quando Vallievo non riesce a rispondere pud chie~ dere la ripetizione dei passaggi pit importanti della lezione. Alcuni passaggi — per dare maggiore en- fasi alla_materia trattata — ven- gono rafforzati con la ripetizione delle immagini, E in corso di preparazione un programma per il computer che in futuro permettera di sviluppare que- sto tipo di insegnamento interat- tivo. Con tale programma non sa- ra necessario conoscere il Tinguag- gio di programmazione. Ogni lezio- ne avra un testo esplicativo © la progressione delle lezioni potra es- sere dalPallievo me- diante domande di struttura diver- sa oppure con domande poste alla fine dei capitoli delle lezioni. I componenti con i quali si rea- lizza questo sistema didattico sa- ranno presto disponibiliin_ molt Paesi. Tali blocchi funzionali sono lo speciale giradischi per i video- dischi, il normale televisore sul quale viene rappresentata l'infor- mazione video e un microcomputer con relativo monitor. I microcom- puter permette di controllare il gi- adischi; nello stesso tempo forni- sce i testi per le tabelle, i supple- menti di informazione e le doman- de rappresentate sullo schermo del monitor. Il programma per il mi- crocomputer, registrato su casset- te audio, sara letto da un registra- tore a cassette Tl programma sara seritto quasi interamente con il linguaggio di programmazione BASIC. Per rin- ‘racciare particolari passaggi sul videodisco l'unita di controllo del giradischi sfruttera la numerazione delle figure del videodisco, L'elettronica contro gli handicap Un secondo bando di concorso per la preparazione di programma- tori non vedenti di calcolatori elet- tronici & stato emesso dall'Istituto dei ciechi F. Cavazza di Bologna, dall’Associazione per 10 Sviluppo Professionale degli Handicappati nel campo dell'Informatica ¢ dalla Regione Emilia Romagna. I posti messi a concorso sono sedici e le norme di partecipazione sono de- positate presso le sedi provinciali delle Unioni Italiani Ciechi e pres- so le Provincie. Tl corso, che avra inizio in ottobre si svolgera a Bo- logna. 8 oe irae atic) Cia Il primo ricetrasmettitore omologato CB a 23 canali in AM e FM mod. CB-823FM-Polmar (© 23 canali nella banda CB (27 MHz} © Funzionamento in AM e FM, © Comandi: volume con interruttore alimentazione, squelch, commutatore canali © Le indicazioni del canale, delfintensita del segnale ricevuto e della potenza RF in uscita, e della condizione di trasmissione o rieezione, sono realizzate ‘con sisterni a LED, ‘© Previsto per Iutlizzo con unita di chiamata selettva, @ Potenza in uscta audio: 15 W. ‘@ Dimensioni estremamente ridotte. 1.23 canal, sintetizzati con uno speciale circuito sintetizzatore di frequenza PLL (phase lock loop), sono indicati con un sistema digitale @ LED. ‘Sempre tramite det LED, si hanno le indicazioni delle ccondizioni di trasmissione o ricezione, rhonché la lettura delfintensit del segnale ricevuto e della potenza RF in uscita. Il ricevitore & dl tipo. supereterodina a singola conversione con circuito di controllo automatico del guadagno (AGC) la potenza in uscita audio di 5 W (su 8 ohm). Dispone di un microfono dinamieo (600 ohm} E predisposto all'uso con unlunita di chiamata selettiva, MARCUC CL... Exclusive Agent Milano - Via Flli Bronzett, 37 ang. so XXIl Marzo - tel: 7386051 MONTAGGI elettronici di qualun- que tipo, su Circuito Stampato & non, apparecchiature audio Hi-Fi, circuiti a logica digitale, centraline comando luci, accessori per auto, ece., anche in piccole serie, si ese- guono per seria ditta e/o a domi- cilio, Massimo riserbo. Zotta Pao- Jo, via Monte Santo 7, 36061 Bassano del Grappa. Tel. (0424) 33710. TRASMETTITORE FM professio- nale PLL quarzato con exiter T 5278 LRR elettr. Finale 40 Watt in elegante contenitore Rack stan- dard. Svendo dispiaciuto @ causa della chiamata per servizio di leva © urgente bisogno denaro. Intendo solo recuperare un terzo del costo effettivo e lo fard tarare sulla fre- quenza richiesta da eventuale ac- quirente, L. 180.000 trattabili, Di- spongo di antenna collineare 4 di- poli 9 dB completa di 30_metri di cavo e accoppiatori. Tiziano Corrado, via Paisiello 51, Super- sano (Lecce). Tel, (0833) 631089. OCCASIONE: vendo piastra di registrazione Scott mod, CD67R ¢ amplificatore Scott mod. A436 36+36 W; regalo cuflia stereo. Tratto zona Alessandria e dintorni Di Dio Giovanni, via Verneri 41, 15100 Alessandria, VENDO modulatori Audio/video. Le portanti vengono generate i spettivamente al quarzo. Uscita F.LLV. Controllo manuale auto- matico del livello video. Ingresso video colori/bn. Completi di mo- bile. Alimentazione 220V 50 Hz. Prezzi da trattare massima profes- sionalita. Alfio Pappalardo, via Radio Elettronica pubblicher’ gratuitamente gil annunci dei lettot il testo, da serivere chiaramente a’macehina 0 in stampatello ‘dove essero inviato a Radio Elettronica ETL C20 Vitl. Emanuele, 48 - Torino Quattrocchi (095) 937051 VENDO TX FM. Emissione 88 + 108 MHz. Range di temperatura —10°+45°C. Alimentazione 220V 50 Hz, Impedenza d’uscita 50 Ohm. Totale assenza spurie, Completi di mobile rack. Massima professiona- lita. Le potenze sono: 2 W; 5 W; 10 W; 20 W; 25 W; 40 W; 50 W; 70 W; 80 W; 100 W; 150 W; 200 W; 400 W; 800 W. Prez~ zi da trattare, Alfio Pappalardo, via Quattrocchi 36, 95014 Giarre. Tel, (095) 937051. VENDO trasmettitore FM 10 W senza contenitore. Frequenza dai 99 ai 100 MHz: L. 80.000 tratta- bili. Scrivere a Olivero Piero, fraz. Piovani 104, P.T., 12040 Madda- lene (CN), oppure telefonare al n. (0172) 643142. VENDO mixer Monacor 8 canali stereo completo di V.U meter ¢ presa culfia usato 1 sola volta, per Ja somma di L. 90.000 trattabili. Vendo inoltre microfono dinamico a cardioide a L. 17.000 non trat- tabili, Per informazioni telefonare al numero (041) 704897 dopo te fore 21.00 scrivere a Tagliapie- tra Roberto, via Castello 2747. CAMBIO corso scuola Radio Elet- tra, radio stereo a transistori sen- za materiale © completo nuovissi- mo (costo attuale L. 600.000) con oscilloscopio anche usato ma fun- zionante bene qualsiasi_modello. Scrivere a Biondi Aldo, via Stan- iale 21, S. Giorgio, 80046 Napoli. VENDO eccitatore al quarzo. E- issione 80+ 110 MHz. Range di temperatura —10°4-45°C, Alimen- tazione 12V CC. Impedenza d’u- 6, 95014 Giarre. Tel. scita 50 Ohm. Totale assenza spu- rie. Pot. R.F. 2 W eff. Inoltre ce~ do TX FM di 5 W, 10 W, 20 W, 30 W, 40 W, 50 W, 70 W, 100 W, 180 W, 400 W, 800 W, aventi tuiti Jo stesso stadio pilota compo- sto dalPeccitatore al quarzo sopra elencato. Max serieta. Giuseppe Messina, via S. Lisi 111, 95014 Giarre (CT). Tel. (095) 936012 pomeriggio. CERCO schemi (0 fotocopie) o- scilloscopio Hame G 15 MHz di Nuova Elettronica. In caso di in- disponibilita di tali schemi vanno bene altri schemi di altri oscill. purché non valvolari. Cambierei con il n, 2 del 1° anno di Elettro- nica Pratica pagherei una mode- sta cifra. Abballe Angelo, p.za del- la Repubblica 20, 00040 S.M. Mo- le (Roma). LAFAYETTE pottatile vendo 5 W 12 can. nuovo in imballo ori- ginale L. 95.000, ricevitore 27 MHz a vfo L. 15.000, amplifica- tore lineare 27 MHz uscita 50 W classe BL, 50,000, SWR_ meter 30-150 MHz 52 ohm L. 10.000, sonda di carico per trasmettitori 52 ohm 30 W L. 8.000, alimentatore 8-18 Vec 4 A protetto contro i cortocircuiti L. 15.000, Tester ICE 680R 3* serie completo di istruzio- ni L, 16.000, ampl. RF 27 MHz 15 W_ solo telaietto premontato con relé RX-TX L. 7.000, 2. mi- crotrasmittenti FM portata 500 m L. 12,000. Sard lieto di mostrare personalmente il funzionamento delle apparecchiature. Graziosi Gianni, via Puccini 1, 41057 Spi- lamberto (MO). VENDO: 1) GSD dinamic, nuovo, ballato, 2 potenze variabili 30 7 atm, Mai usato, Iungo cm 112 a L. 55.000. 2) Un Mirage Mares a 3 potenze variabili L. 35.000 accessoriato. 3) Un Arbalete «Champion >» a 3 elastici con 3 aste L. 20.000. Inoltre vendesi gommone 3 mt. con motore 7 ca- valli L. 400.000 trattabili. Becca- ria Giancarlo, tel. 6498842 (pasti) VENDO prova transistor L. 20,000 prova circuiti L. 10.000, oscilla- tore modulato 5 GAM. L’ 50.000, amp. mono con uscita 2 AUT. 10 W L. 10.000, ricetrasmettitori gio- cattoli 5 TR. L. 18.000. Tutto il corso della scuola radio elettra teoria pratica schemi ece. L. 90.000. Vendo piatto lesa compr. di ampl. mono 10 W L. 25.000. Per ces- sata attivita vendo cinepresa an- cora in garanzia bencini universal 444 L. 180.000. Proiettore IMAC. Supersaund sonoro con miC. per registrazione 18/24 Ftg. bobina da 120 M, L. 220.000. A chi interes- sa fornird pit dettagliate informa- zioni sulle caratteristiche dei 3 ar- ticoli. Tutti gli articoli sono tratta- bili: contatto solo col nord italia massima serieta. A ditta interess: ta eseguo lavori nel mio domicili montaggio di circuiti stampati e sca- tole di montaggio. Pellegri Gian- franco, C. Sedone 19, 27020 Zear~ bolo’ (PV). ALLIEVO s.re vende schemi tra- smettitori FM 88108 MHz a va- ri acap da 300 mW, 400 mW, 2 W, 18 W, 25 W, mixer 5 ingressi lineari 27 MHz (CB) con potenza di ingresso 14 W potenza di u- scita 15+40 W. Lineari 60 W per trasmettitori 88+ 108 MHz, pre- amplificatori FM 88=108 MHz. Amplificatori BF a L. 2.500 per 7% la richiesta di altri schemi scrive- Fe a: Spigoni Marco, via del Forte 86, 03018 Paliano (FR). VENDO: stazione lineare (provata ma mai usata) 88-108 MHz FM, 65/80 W autput (6 W input); comprendente i seguenti KIT (mon- tati e racchiusi in elegantissimo rack metallico): LX243 - Misuratore di SWR e monitore di uscita; LX253 - Lineare FM; LX254 - ‘Alimenta- tore (compreso trasformatore) per detti KIT. Ventola di raffredda- mento, Il tutto Nuovo e Perfetta- mente funzionante a L. 180.000. Per accordi telefonare (ore pasti) allo (049) 611920 0 serivere a: Furesi Roberto, via Danieletti 108, 35100 Padova. VENDO; Radio Elettronica 42 nu- meri (’74-"75-'76-77), Sperimenta- re 30 numeri ('75-76-77), Elet- tronica Pratica 46 numeri (74- °75276-77), aleuni numeri di altre riviste di Elettronica in 30 lezioni dal 1° al 35° fascicolo. Materiale ¢ strumenti, Mauro Bongiorno, v.le del Tintoretto 88, Roma.’ Tel. 5421132. QUINDICENNE appassionato di elettronica alle prime armi deside- rerebbe ricevere gratis (0 a poco prezzo) riviste libri schemi di elet- tronica di qualsiasi genere grazie. Agostini Riccardo, via Ambrosini 6, 20052 Monza (MD) CERCO collaboratori per realiz- zare corto-medio metraggi 5.8, ge- nere fantascienza, a livello amato- toriale. Armani Tiziano, via Mon- te Sabotino 11, 15033 Casale Mon- ferraio (AL), VENDO modulatori Audio/Video, le portant sono rispettivamente a 33,4/38,9 MHz vengono generate al quarzo. Uscita FL. 1V. Con- trollo automatico del livello video. Ingresso video 75 Ohm. Prezzo L. 340.000. Giuseppe Messina, via S. Lisi_111, 95014 Giarre (CT). Tel (095) 936012 (ore 21-22). VENDO corso radio stereo a tran- sistori 52 gruppi di lezioni rilegati in 8 volumi il tutto L. 350.000, possibilita di comprare ratealmen- te, massima serieta. Per informa- zioni rivolgersi a: Gangemi Anto- nino, via Cadorna 1, 78047 Sa- ponara Scarcelli (ME). CERCO organo roto, anche pic- colo purché con tastiera intatta (gratis) inoltre persone disposte a fare circuiti stampati in fotoincisio- ne forati (spese sped. a mio cari- co, mandare preventivo). Premazzi Roberto, via Roma 4, Tradate (Varese). VENDO oscilloscopio_professiona- Ie valvolare Marconi TF2200 dop- pia traccia $0 mV/ 50 V 40 MHz doppia base tempo, funzionante Prezzo da convenirsi. Vendo stock valvole nuove tipo ECC81 - ECC88 ECF80 - EF80, Vendo frequenzi- metro/periodimetro/contatore digi- tale N.E. Over Matic DC + 500 MHz con ingresso alta impedenza fino a $0 MHz a lire 200.000 trat- tabili, Scrivere a: Giuseppe Vallino, Via Saluggia 54, 13040 S. Antoni- no (VC). VENDO sintoamplificatore Grundig 820 potenza 15 Wat per canale, come nuovo, usato poco a Lire 180.000. Scrivere a: Danese Gian- carlo, via G. Dalla Corte 16, Ve- rona. SEGUE DA PAG. 47 fe che risulti nel contempo ripara- to, Ebene comunque proteggere la sonda circondandola con un la- mierino in modo che le derrate alimentari poste nel congelatore non abbiano a danneggiarla. Taratura Per la taratura si pud procede- re in diversi. modi pit 0 meno rapidi. ‘Nel congelatore, svuotato e te- nuto aperto durante il fissaggio della sonda termometrica collocate un termometro con scala fino ad almeno —15°C, richiudete e di tanto in tanto controllate la tem- peratura. Quando si raggiungono i —10 —12°C (temperatura otti- male di taratura) regolate il trim- mer potenziometrico. R2 sino al punto esatto nel quale scatta Pal- larme. Un altro metodo pid) rapi- do da utilizzare perd prima di col- locare il termistore nel freezer prevede 'impiego di ghiaccio e sa- Je da cucina, Mescolando in un recipiente di vetro del ghiaccio tri- tato con del comune sale grosso da cucina si ottiene una salamoia la cui temperatura scende facil- mente anche sotto i —10°C. In questa salamoia si immerge un termometro ed il termistore e quan- do il primo segna —10°C si re gola R2 nel punto in cui scatta Pallarme, Nota sul caricabatterie Abbiamo riprodotto in piccolo lo schema del caricabatterie cor- redato con i valori dei componen- ti il quale era apparso sul numero 8/79 della rivista con il titolo — TUTTO OK... +. Lo schema del circuito @ rimasto inalterato ma dal momento che la batteria tam- pone del nostro allarme per il freezer pud avere una capacita di carica decisamente inferiore ab- biamo ridimensionato i valori di taluni_componenti in quanto vie- ne richiesta una corrente di rica- ABBONATI A. Radio Elettronica E UNA PUBBLICAZIONE ft... rica anch’essa molto inferiore, In questo modo si consegue un rispar- mio sensibile sui costi del trasfor- matore, raddrizzatore, dissipatore etc. La freccia presente sullo sche- ma indica il punto nel quale va collegata la resistenza R6 relativa al transistor TR1 del sistema di allarme. Chi volesse eliminare il circuito di allarme che segnala la mancanza della tensione di rete climini allora R6, TRI, il secon- do oscillatore ¢ colleghi in paral- Ielo all’altro Fingresso della porta 3 il quale andava per 'appunto alla porta A2 del secondo oscilla- tore. La batteria tampone in que- sto caso non @ pitt del tutto indi- spensabile e volendo la si pud eli- minare. Per semplificare in altro modo le cose potete allestire un semplice alimentatore in grado di erogare 12 volt il quale perd non carica la batteria. Sia l'alimentato- re che la battetia vanno collegati al circuito tramite due diodi di i- solamento (vedi disegno) ¢ la re- sistenza R6 va collegata sull’usci ta dellalimentatore ma prima del diodo. il microsintonizzatore FM in kit SNT 78 FM thcile da montre« samatce de tarare tanuna babies RE ds aevoige tampate a Sees ques BM ‘grass toto ED decoder stereo DS 79 F thle, ‘ie amplicatore AP 5-16 Spee 22 a ney 3 Beene 7:00 snr AP 518 nelle Marche radio elettronica SORGOGELLI AVVEDUTI LORENZO Prazn A Costa, tt «Tl. (2) eat Shae’ FAN'S vess goMponens sverraonicy ApeaReCCMATURE Pen ‘OM o ce ShSI ACcESSOnISTICN Apparocchisture OMCB - Vasta acces Soristca component eettronict - Tutto Ber radiosmator' © C8 = Assortimento featole ek monteogio megs MEGA ELETTRONICA via A. Meucci, 67 20128 MILANO tel. 02/2566650 Strumenti elettronici di misura e controll PER QUESTA PUBBLICITA’ RIVOLGERSI A: tas prom sti 20184 Milano Via Mantegna, 6 tel, 342465 - $e0908 LN ELECTRONICS Wwe LLY No G.R. ELECTRONICS Wa Nardin, of0- CP. 390 orem LNCene tel. 0586/806020 D Q 2) OG © o ih ascowe / | \ de blasi geom. vittorio antenna ricetresmittenti entenne per CB- OM © TV componenti apparecchiature strumentazione ~ spedizion in contrassogno ovunque ~ Componenti elettronici @ stru- mentazioni MICROSET MICROSET via A. Peruch, 64 33077 SACILE (PN) tel. 0434/72459 Via negroti 24 20133 milano} < tel. 02/726572 - 2591472 MARCUCCI... via fli Bronzetti, 37 20129 MILANO tel. 02/7386051 Ro Laraverre Radiotelefoni ed accessori CB - apparati per radioamatori e componenti elettronici e prodotti. per alta fedelta Alimentatori stabilizzati fino a 15 A- linearie filtri anti distur- bo per mezzi mobili PER QUESTA PUBBLICITA’ RIVOLGERSI A: ETAS PROM prom sri 54 Milano Via Mantegna, 6 tel 342468» 989008 METTITI IN Sie) IDEE NUOVE Nt ANTEC. Vepparecchio recente chip ii conversione analogico-digitale; play a cristalli liquiai ‘gli da una autonomia di oltre 150 ore con una batter di piccole dimensior Queste caratteristic "del Tester Digitale PAN 2000 iscono alle ben note qualifiche di precisione e modernita di tutti gli strumenti PANTEC. Display a 3 digit e ‘/s a ristalli liquidi, grandezza mm 19 (vita garantita di 50.000 ore) Segnalazione automatica P di polarita e di sovraccarico Indicazione dello stato di etticienza pile controllo del display _ Completo di generatore di segnali AF ¢ RF per la ricerca dei guasti radio e tv Capacimetro incorporato Dimensioni: mm 130 x 125 x 40 Alimentazione a batterla 9V tipo IEC6F 22 IL TESTER DIGITALE PAN 2000 FA PARTE DELLA LINEA PANTEC CON: PAN 3000 MAJOR 50K (CT-3206 PAN 8002, PAWTEC DIVISION OF CARLO GAVAZZI Precisione e novita nel tuo strumento di misura Tele. (02) 420 «Teton gees ologna = Franze - Genova lane = Padoes Roma/zur = mo y franco muzzio & c. editore LC ie come estate (erootoaigtale TASCA fargena pp | ws = Penteate O0 | | Pee = eee | Bet Comte biblioteca tascabile elettronica © 21 Comes costwisce un mine, teense ‘a 2 BRO: Saat" 7 "Oo 15 Wi ate atone: pate, Sem oN ol Soon 33 0-18 Behl site = Fabtates L800 OES ng 0 26 Sete an ante rome Tienes 2 ere te Greece aah 0-17 Eat ar ce [Mesa P00 © a EEE soap, 0 2 Scent oer ora onus a08 gg ice lanes 3.00, eee 0-18 fi a enentw 00 Eee ap eammer, TTAB ay il a ru + wean fo 7 Bare senda, 3.000 8S 2h Et i woe © 20 iy de etmavoeeworea, ©. 2 Sia Lane constr 0 8 Sue wet 3800, 5 28 Wie dag screen wei 50 © 8 Like sstme «000 Ee © 4 Sewanee U0 Hd oles policats tst0 5 fen = Matra co slo © 1 anes emgage un roiet 0. He dea ln eri © 24 Mp dropout OX tie tl eo0 Oe ee csveesn 0.2 fable quant nd mde: © 25 Ban cont aan, E90 itm volun soprano Reno tg re Fgh contests won conti, 0 Eat ect © 26 jie came anne, ‘et lo een soa © 14 Comers cosusoe un talecomen: 0. & isenri di eemicandton, Q 22 Some sitegae uncreuito, 1.4000 Tagllando da compare, sagliore @ fone sues bepaer : 9.25 Frerdamueuncete 202 ipsa np ce 6 nse oo oe 8 Sfnarremenet so. 0 20 Pia’ s dem: tmis, “orn tts &o,edhre Bk Srna 8 Fils arses, 9 CeO Seen ot a Ee tre 0.17 Seta annie un etaon, 9 FAC ne, « 3000 8 3) bara hte monte po ome: Ea hier. 8B AAS BER mages, 2 Engage HE meee ‘ 10 Ih ibeo dalle arene: la teoria, bso. . coon ey, 0 2 fat ctsteenca 8000 ee 0°11 Bat pr fm «, 8 34 ie ano to © 35 Parte lagene 8 cre eombinato- © 12 Hive datrositoscni,L 4400 uae co: cI