Sei sulla pagina 1di 84
N. 4 APRILE 1981 R d Ef tt nica LA PIO DIFFUSA RIVISTA DI ELETTRONICA ‘Sped. in abb. post. Gr. I - L. 2000 IL TELEFONO REGISTRATO AUTOMATICAMENTE © GIOCANDO SI IMPARA A PROGRAMMARE ° RELAIS FONICO AD ALTA SENSIBILITA’ TERMOMETRO ELETTRONICO PROFESSIONALE © CODER STEREO PER TRASMETTITORI IN FM © VARIATORE FREQUENZA LAMPEGGIO MULTIUSO _ Radioricevitore heUprO te eRCamaotae \SANISUNG GRUPPO EDITORIALE FABRIS 5.2 Via Mee 1 20138 Milano - tc (02) 50951 telex 311521 Mario Magrone ‘Geros Milani Luciano Coechia, Renzo Filippi, Alber: to. Magrone, Franco Marangoni, Fabio Ghersel, Manfredi Vinassa de" Resny Leonardo Boccadoro, Francesco Musso Servizio abbonamenti: GRUPPO EDI TORIALE FABBRI S.p.A. - TEMPO. LIBERO - via Mecenate, 91 - 20138 Mi lano tel (02) 30981 - Conto corrente postale n. 177204 - Una copia L. 2000 Arvetrati L. 2.500 - Abbonamento. 12 hhumet! L. 22.000 (estero (L- 30.000) GB gt © Copyright 1981 by GRUPPO EDI TORIALE FABBRI SpA. - via Mece nate, 91 - 20158 Milano - Registrazione Tribunale di Milano 1. 112/72 del 2.11, 1972" Responsabile: Marlo Magrone. Pubblicita inferiore al 70% - Tutt) i digit) sono rservati, Manoserit, dise- ‘ni, fotografie, anche se non pubblicati hon si resitulscono ~ Distiburione per Talia" A. & G. Marco sas. = via Fortezzs, 27 - 2016 Milano = tel. (02) the Garzanti via Mazzini, 15. Cernusco sul_ Navi lio (Mi) = Associate alla FLEG. (Fe erszione Ualiana - Editori Giornsli, N. 4- APRILE 1981 26 32 42 48 54 60 66 SCA IL TELEFONO REGISTRATO AUTOMATICAMENTE Dopo la microspia gia vista it mese scorso ecco ora un piccolo circuito che avra il compito di far registrare su nastro le conversazioni IMPARIAMO A PROGRAMMARE GIOCANDO. La progettazione di un programma, Con un esempio sfida alla machina pensante, un gioco per indovinare un numero segreto. TERMOMETRO CLINICO ELETTRONICO Quando cambia la temperatura del nostro corpo 2 buona norma misurarla con il termometro, Invece di utilizzare il meréurio, adoperiamo una NTC. VARIATORE FREQUENZA LAMPEGGIO MULTIUSO Un triae pud condurre in un certo senso a piacere: se posto in serie ad un sistema di lampade determina di queste Vaccensione ¢ lo spegnimento. CODER STEREO PER TRASMETTITORI IN FM Dalle esperienze di un radioamatore, per la cronaca il Signor 1V3 TLH, ecco collaudato e fimnzionante un coder stereo per trasmettitori in modw lazione di frequenza. RELAIS FONICO AD ELEVATA SENSIBILITA’ Un piccolo suono, qualche vibrazione neltaria, ed ecco subito il nostro fedele robot che scatta. Per far cosa? Qualunque cosa purché ci si asservi al rela. QUANTI GIOVANI INVENTORI IN ITALIA Fresche energie nella ricerca: il concorso Philips stimola nuovi interessi trai giovanissimi. «Sistema TTL per la programmazione di test interatti vin: Plavio Ciandrini, lomellino di Mortara, ha affrontato la progettazione e la realizzazione di un tema di tanto impegno nelle ore libere dalla sewola. Flavio infatti ha 17 anni e frequenta la quarta liceo scientific. RUBRICHE: 25 Lettere, 70 Novita, 75 Piccoli Annunci FOTO COPERTINA: A. Esposito, Fabbri, Milano apse. pan 4 Isr, ag. st Baa cad Eon ae aaron et. 3 Musto bop ene pao i ewe pea hie "rage Below Moo et. bas. te Eto. "pao. 78 SIGMA ANTENNE. baa. Gokgenu aH ieee Paste aC tia cop. pag, 22-2438: 41 Veccniern ia cop nner rs wisi pag. 18056 Indice degli inserzionisti Per la pubblicita ETAS PROM stl 20184 Milano - Vie Mantegna, 6 - Tel. (02) 342465 - 389908 PROM ETAS Unoccasione al mese er conoscere e fare elettronica sistemi, tecniche, pratiche Radio Elettronico © ‘xia Elettronica La rivista mensile di tecnica per la cultura dell’uomo moderno. E la rivista dell’elettronica nuova, diretta da Mario Magrone. La rivista che sa parlare di tecnica e di prodotto, di teoria e di pratica: dall’hobby al professionale. @ un periodico det GRUPPO EDITORALE FABBRI S.p.A. Via Mecenate, 91 - 20138 Milano Tel. (02) 50951 - Telex 311321 e subito un dono eccezionale! Per ogni abbonato a Radio Elettronica gratis una — scatola di montaggio. Per ogni abbonato una scatola di quip montaggio elettronica del valore di seimila lire. »”d0O0 Potrete costruire un timer, un peer lampeggiatore, un sensor switch, un metronomo, un voltmetro, a scelta fino ad esaurimento. Oppure il libro “Elettroni al lavors IL libro é disponibile anche per i non abbonati al prezzo di lire 3.500. Per abbonarsi: 1 anno: 12 fascicoli pi in dono una scatola di montaggio, lire 22.000 (estero lire 30.000) attraverso: —conto correnté postale n. 177204 intestato a GRUPPO EDITORIALE FABBRI S.p.A, - Via Mecenate, 91 - 20138 Milano — assegno bancario o circolare TAP-EL™ a (095) 32.13.16 COMPONENTISTICA Via Terranova 21/23 - CATANIA COSTRUZIONI APPARECCHIATURE ELETTRONICHE @ APEL KITS ALLARMISTICA Nt CONTROLLO LIVELLO BATTERIA Kit L440 = Kit montato L. S800 - Montato In easseta L. 600 N. 6 = TEMPORIZZATORE. ELETTAONICO con tele 2A max regolabile fino a 18 ki L970 'N.7-ANTIFURTO PER AUTO 0m Ingress rapid! @ 2" normalmenteaperto -¢ Moratore, Cicutlo ue. A Ei monte Ciao Conte i * a0 s.00 n. 5 - Seti dP mentapgio aleentate (otionevanauie 00 ei 24350 asco sn $: BiGtctadtcto cans 2 json es 1. 0 fpiicstors HFT 20W con TDA 2000 0 Teo RM Groton eign’ compte al vorteitre, pu Sant aafnaons eee 0.8m 35.000 nite. Sircamala "sileesanale max 1 mateo (ad ‘sermon a0 exc 1a Gruppe slehrogeno station Unveren) P. 40W Entra alarm VOR TER t ngrooi,antins omesione‘rie'sena\ YOu. Sends airhamaors 4.200 Ce ees Be Bo me se oe eee rece, 100 18600 Rebabls mice gs ous cectayes RES BBE a8 Ficontoro“FM con sintoiezarone: A 1 Termoctate-eletvanico da OF 20-6. {0.00 BB" Televsgre 29" po line's colar compr. mobio «2.80 Bo tiser'stores 9'P con Tet 5 Kmalifestore ¢ Won TOA 30 009 = Ampito a'r) ve as a B8eeo8ee! ‘ge82e88: Distibuiama prodotti per Teletonica dele mialion marche: TRANSISTOR” IVTEGRATI-RESISTENZE - CONDENSATOR! MINUTERIE ~ OPTOELETTRONICA - MICROPROCESSOR MODULO CENTRALE = VOR 72» oppure «DVR75» LSD DIESER ESONGMIEEATORE BATTERIA Lv ‘CENTRALE VOR 73 In armadio corazato Cheam ‘CENTRALE VOR 76 sirona © ator compress Coste ‘CENTRALE VOR 75 CENTRALE TELEFONICA diate BATTERIA a s0cco 5 AM [RADAR ELKRON 73 mot RADAR ELKRON 40 met INFRAROSSO PASSIVO ELKRON 10 ot SIRENA LASONORA MS 625-67 -'2V SIRENA LASONORA MS W5/R = 46 = 12V SINEMA sletronice 10 Wat t LAMPEGGIATORE in miniatora 12 Veo ‘ SENSOR! magnetic tipo NC L SENSOR asia 2 tpparale L c c t COHIAVE plastics tipo Sms ALIMIENTATOR! _ [AUMENTATORE 12 V = 05 8 [ALIMENTATORE 12 V 3-8 [ALIMENTATORE stbizzao 9.4 020 eagolaite ALIMENTATORE stabilzeato § & 2-18 V ropoibile AALIMENTATORE stablizzao 10-4 2-18 V regolanio INVERTER 300 Watt 32 Vooien Vea =50 He ELENCO RIVENDITORI: Calandra Laura = Via Empedocie, 81 - AGRIGENTO Bi'Emme ~ Via iriperay 130/~ CATANIA Bro.t (Ag. in Puglia) = Via Campion, 2 ~ Tol. 080-365461 - BAR Gamar "via Domenico Targini 13 (cargo Boceea) ~ ROMA GR Eletronics” Via A. Neraini IC CVGRNO et Ferrero «Via del Proto, 42/C - FIRENZE TAPFAELE Pil. (Ag. in Campania) FP Porcell, 22- Tel, Gos-646r82 = NAPOLI Push Putl «Via Ciald), 3 = CIVITAVECCHIA. [AZ Eietironten = Via Varesing, 28 = MILANO. EP Etetronica ~via Nino Binio, 20 ORBASSANO (TO) Modalta: spedition! nop infevon a L 10 000 So.00 ive amleipo = ale rrotondata all ordine, - Sposa al {& sure fe dite devono comunieare pet tscrita tl cadiee fecal Pagamenio in convassogne. orto, tana postal-2 imballo a carl al momento dell ordinazione. Si scvetiane ordi telefon Inferlr! a. 80.000 T prezzi ei intendono IVA ineluss, - Per epedizion! euparior alle del destinatario. = Por Vevasione del Gatslogo's ehiestainviando 00 in wancoboll NON SI EVADGNO OADINI SPROVVIST! BI CODICE FISCALE ANCHE SE PERSONE INDIVIDUAL ‘SI RICERCANO RIVENDITORI ; | un modulo lg il race oa lavoro | GANZERLI.. STEM AC le Be Ae) a 20026 Novate Milanese CTE tated serie STANDARD INTERNATIONAL, AUTORADIO CR 80 ‘sel @ orm -Potersa’5 Wats = Dimension! 16x tapas, “Nes St | PREZZO L. 26.500 Fofenzn di ducita dx7 wate Impedenea duscta t' @ ohm'=Contiol= Feiss, tana, strona. Blanelamarto -'Satema auto ely ain Hine G2 isons = Spe" tuminoaa pert carone Inet stereo Fue Seconds norms Din'= Alimentazione 12'V.c. negative a massa. AUTORADIO MANGIANASTRI CTR 44 Irpedenes dascia ch conta, uma oro, “i ig Grastone marcia del nasiro'=“Corsando’ avanl ad Indies WANGIANASTAT To601 Gi fequensa io0-Som He < Control volume sopartl sul" due_eafal Gommtisire tone. ate bess! = ano per Tiantananio weloce od PREZZO_L. 28.000 AMPLIFICATORE STEREO DI POTENZA AP 230 PREZZO L. 27.000 AMPLIFICATORE EQUALIZZATO 5 SL Tests “e pester Comanat ai conoll Weauonsa a 'S'aides Su: PREZZO L. 56.000 "AMPLIFIGATORE EQUALIZZATO 7 SL. 3 * a jimbadenaa Gussta’ & Oh per"? siopaant, PREZZO L. 69.000 AMPLIFICATORE EQUALIZZATO GR7SL a “ral dea gar Gamera gh eal. eae ; Sioa PREZZO L. 'AMPLIFICATORE EQUALIZZATO EK 5 SL CON REVERBERO Bo Bes eee: 22 RE ag Ki Bokonse sce 3 ste ad PLANCIA ESTRAIBILE DA INCASSO UNIVERSALE PH 175, PREZZO_L. 10.300 Gem msn unas a a ahs Tea ee aI Ro eh aca r= >= | oe |p RN TCR etm aah VE rental t) a [ANTENNA AMPLIFICATA ELETTRONICA A101 ‘COPPIA ALTOPARLANTI Hi-Fi 00152 Fiasaggio alvesteio sy earorzeria toate wae eo a4" a0 mts igelingztona vegsteble im oa 42" Spee gor un use ‘Nimeitadione'"eve.e ah seven - Comedia a mane " a fhs'd Bian econ onapaner PREZZO L. 16.000 PREZZO L. 33.000 ANTENNA «PORTABOLLO» AMPLIFICATA AA 0022 Siparsbroze par masa at MB Goo'Ne'- flannels di sismetre a PAtimontadione'€'* vee oe ShuBotenze'? Corradi mascher PREZZOL. 12.800 ‘CARICABATTERIA CB 121 Tensions dentate 22Vec = Tempe: IN OMAGGIO: ra et ratnamsota aie a Be 1 PLANGIA ESTAAIBILE A CHI ACQUISTA. Stair Sh clasea'ss‘Tenelon a uecia'¢ A AUTORADIO. + “nlcn,° Caranie duce WA Bo 4, AMPLIFICATORE + ietione tunis atom. = Term. 4. COPIA ALTOPARLANT! LA SPEDIZIONE AVVERRA' SENZA SPESE!!! PREZZO L. 22.000 Me Gene Mn nu nese neh eee a Ro Coren (=F | a |g ER Tel. 48631 43100 PARMA casella postale 150 occur cee FARETTO LP 500 PER LUCI PSICHEDELICHE fogulatore luce pslohedllcn canal separat alti - medi « basi - “oot W Ber Zansie x fon," Santina @inarense Fare completo #3 lampade da aH? cStrste in 9 colar ivere PREZZO_L. 18.500 MINI REGISTRATORE MR 207 RADIOREGISTRATORE 2813 EE Mesures Phot tei sles, Feraan"rcas 1 mm = Peso auatlnd Antatonss We. 6 06: PREZZO L. 52.000 PREZZO L. 52.000 RADIOROLOGIO 780 Gemme at ricesione” AM S10 «$510 Kos/FM 88 - 108 Mit - Orooaio. @ tpl con comand ayseao Rea 7 fale Usagi. Garimutos pe ie sve ton aslo © cn ea 99 Soe We "Soman oe RADIO 7901 PREZZOL. 19.000 PREZZO_L. 28.000 luce & colore ae wae la tua musica ® PRACTICAL PLAY KITS Se SYSTEMS KT 110 aumentatore 50-50 vee CCARATTERISTICHE TECNICHE ar tensioned nesses 94094 Vou Mar tensione seta 50180 Ver Max corents usta HBA DDESCRIZIONE: 11K 1108 un alrentloepareotarment stusata per almertare Eopafa bossa Hoquensa che ncuodono Sige La eeeultanons eutroniea de KT 7108 ‘aloe fipie aneurato da dun condonet ‘Shnoraioe® possonealmontare smpseaton oseearequenza con una porn ‘mans tn a 100 Wa, U'22.950°+ IVA KT 223 soosten 10 watt 12 vec (CARATTERISTICHE TECNICHE Nastia corer assorbta roo ma Nassime ptonza dusstn 16,4Veo ToWat'su20%m ‘8 Wats 4 Ohm Ditosone -opt Sensis ingresso per 10 W out Som DDESCRIZIONE:1|KT223 6 stato partcolarmantesudato po uncionare in automo Bie, a Ia sua gary dla oncanedalmentazone ada a4 Ver Aquat Etpotretecalegar favtorasi caf manalanaxt sgnontando ntevoment a polenea dusete che le calaierstehe a Tedata” gol voseo” impart. FH L 10.500 4 1a, C.T.E. NIERNATONA® {4015 BAGNOLOIN PANO (RE,) -ITALY Vin Val, 18 Tel (522) 61625/24/25/26 (re. aut) TELEX SO04S6 CTE 7 DI MARZO KT 222 COn’necouscione oer TON! caRarT Ascorimsnia 220ma ‘Sens pera mass feomv Masema tonsione dusetaad 1 Whiz -8Y>op appore Segnle isu roa Contato ton 21208 [BESCRIZIONE:11KT 222 ¢un pcarpteatare monleria con covraione soprata Seiton seat 2d toni bass toa nnumerevol appleason nel camo cela Basse Fremuanra propio por i sua eocenonlewastets dimpiogs Pole lez | 1222 po ample sopra provonnie da un mierda un graach on tata ‘oranda sa marolon pesooistnc © ploto inva i segnal premio ad “Spar con polonea Suseta compeosa ra e100 Wa og ave L'oaso + va KT 225 ampuiricatore mono 100 WATT HI-FI (CARATTERISTICHE TECNICHE: Tenslonec'almentavione- + 50/0-50, Asx {00 Watt UMS. au'8 Ohm, Dsorsone ala massina potenza terre alo 01% porto sagnelleatabo - "98 a6. Baia passante 20 Hew 30 Klis 4 0. na sagas gross po uss iioa1 Vll DDESCRIZIONE: 11KT225 un potante anpif{csere Basse Frequenz,n grado d ‘roger une potenza contnua oon 100 Walt FAM Saul uncarcoo 8h La su ‘garde affcabit,stosathdrprodusione aonoracon na asamicaoscoronle ek : onpongarsinaldviearorape avesokt on rsre Ber inulzazionesabliment como cove persone, oppure por coma center £o.0 pu senplcmonte como sinsuiesort ida averarea votre mpsata se ‘edleco data che KT 285 non ha ml nara ad ampiaton Moko stl atgranmarea (21.600 = IVA 7 NOME. 7 cocNome INDIRIZZO G. Electronics \ Asi2.12 asia.te MODELLO CARATTERISTICHE TECNICHE AS122 astaa asiaa asin ast218 TENSIONE DI INGRESSO 220 220 220 220 v, TENSIONE DI USCITA 126 26 126 28 v. CORRENTE DI USCITA 2 8 2 8 A STABILITA DI LINEA 1 1 1 1 Sia STABILITA SUL CARICO i 1 1 1 Sie RIPPLE 2B 30 30 0 nv. LIMITATORE DI CORRENTE 25 ° 3 8 A DIMENSION! 183 185 195 185 35 110 28 125 mm. 165 185, 25 255 PESO 11700 3,700 5.500 6700 ke. Piazza Frassine, 11 P. G. Electronics 46100 FRASSINE (Mantova) Italy di P.G. PREVIDI Tel. 370447 ® PRACTICAL PLAY KITS Se SYSTEMS KT 330 mtoncano eLeTTRoNIco ‘CARATTERISTICHE TECNICHE Tonsione dalmeriazione = 9 Ve How covente asorore ~ 8mA DESCRIZIONE E FUNZIONAMENTO IhktS806 un pisoboedoninas “WIN ORGANO ELETTRONICO™ co qua lepotee suonare parece sept smoat mote Fete porta convo nole vests scampagnate grass allo se idtlesime ‘Smnnsln ode batons enoconen Ur 900 “va KT 345 ucipsicHeveticHe 1 CANALE CARATTERISTICHE TECNICHE ‘Fenaone talmentasione = 220 50 He Massma potonesappcabilo ~ 500 W Scneite dingeosso Somw Masema segnale Siresso = 5 DESCAIZIONE E FUNZIONAMENTO Gon KT-985 porte colorare'a musica a vos pacimento @ rendered ‘proesslnal ie festccini con vosiam! oraz allampycolerat ale! Pechadelche. Cuncrcato grande sample tunonaitse vung Do {ra montare quostodepostvo bon a grande sodeslacone di veder unae aveimmedatamerte U's.900"" va C.T.E. NIERNATIONA® {2011 BAGNOLOIN PIANO IRE.) -FTALY-VinVal, 16» Tel. (822) 1623/24/25/26 re. ut) TELEX 590156 CTE, DI APRILE KT 352 ivrennurrone eLerrRoNIco A SENSOR caearteneree face io" a 20 V 0 He KT 344 ecopiricatore STEREO (CARATTERISTICHE TECNICHE ‘Fensione daimartazone = 12 » $8 Veo ecorsmento| A5ma Bietorsone Armani oa Separssione tm canal — 4608 TTensione c'useta 200mV DESCRIZIONE E FUNZIONAMENTO Con KT 304 potrat rastormarelayoata radio portatia in un priate st ‘nezatore steraotenco con i conmutszone aomatiea mond! stereo e pote {a vacere visualzzaia la tavione seratonica dal accensions dn dol mminosocnamatos THkT344 pus vente ranguliamente usa anc Perceotiture un eventual dooadiiestore rota in un sionzeatore saree Five infat perle sue caratorsche, IKT 34a 6 un vera componente HU Litt.a00 va NS en Eee ag A, 7 NOME “cochone Poor ¢ ¢ inpustaiA Wilbikit evettronica VIA OBERDAN 24 - 88046 LAMEZIA TERME - tel. (0968) 23580 KIT N. 88 MIXER 5 INGRESSI CON FADER L. 19250 Mucor prvo dl fruslo ed impurita; st consiglia 1 suo uso In discoteca, stud dl registrazione, sonerizzazlono- dims. KIT N. 69 VUMETER A 12 LED L 13500 Sostiulsee | tradizionall strumenti di misurazione; sensi Ia 100m, sfmpedenza 10: KOhm, KIT N. 90 PSICO LEVELMETER 12.000 Ww 1.0950 Compronda te novith: VUsneter gigante composto di 12 KIT N. 91 ANTIFURTO. SUPERAUTOMATICO PROF. PER AUTO. 24800 Indleato per automa installable. In casa, nogori ce. 10 ll funzionamento; ha 4 tomporlazaiont ‘con KIT N. 82 PRESCALER PER FREQUENZIMETRO 200250 Miz 22750 Questo kit applicato all'ngresso dl normali frequensimete (oltre 250 MHz. Compatibile con circuit! TTL, ECL, CMOS. Alimentarione Ge, assorbi ‘mento max 100 mA, sensbilita 100 mV. tension segnale tscita § Vee KIT N. 93 PREAMPLIFICATORE SOUADRATORE BF. PER FREQUENZ, L500 Collegato all'ingresso al frequensimetl,« pullsce + + senna 4 BF, squadra tall segneli permottond une peretta letra Alimentazione 5=8Ve, assorbimenta max 400 mA; bands passante 5 Hz-=300 Ki, impedenza dingresso 10 KOhm KIT N. 95 VARIATORE DI TENSIONE ALTERNATA SENSORIALE 2.000 W L 14500 Tale ciulto con il seriphe stloramento di una placchetta metallica permette di accendere. delle lanpode nonché re (olare a placere la luminosita ‘Alimentzzione autonoms 220 €.. 2000 W max KIT N. 97 LUCI PSICOSTROBO 36.060 PRESTIGIOSO EFFETTO DI LUCI ELETTRONICHE i qinle permette di rallenare le immaginl dt ognl oggetto in mov mento posto nel suo ragglo dl luminosith a tempo dt musica Alimentazione autonoma.220\V ea. = lampada’strobo in do: tazlone = inensitalaminosa 2.000 LUX = trequenze de lamp ‘2 tempo di musica = dirta del lampo 2 t/aee. KIT N. 9 PREAMPLIFICATORE MICROFONICO 12.500, Preamplitica segnali di basso livello; possiede tre efficaci contralli ai tono, Alimentazione 220 Ve. guadagno max 110-8, lvello duscita 2Vpp, assorbimenio 20 mA KIT N. 95 DISPOSITIVO_AUTOMATICO DI REGISTRAZIONI TELEFONICHE L1es00 Effettua registrazionl telefoniche senza Intervento. manvsle: inserimento dell'apperecchio non altera Ta linea telefonica, Alimentazione 1215 Ve‘, assorbimento a vuote 7 mA, asso bimento. max 50 mA. KIT N. 101 LUCI PSICOROTANT! 10.000 w 1 se500 Tale KIT permette I'sccensione rotativa di 10 canal di lam pade a ritmo musicale. Alimentazione 15 We. - potence alle lampade 10.000 W. KIT N. 102 ALLARME CAPACITIVO L 14500 Unico sllarme ne! suo genore che sslvaguards gli ogget ‘approsoimarsi di corp estrane. Alimentazione.12Ve-e. " carce max al relé & ampere ~ ‘sencibilita regoabile KIT N. 103 CARICA BATTERIA CON LUCE DIEMERGENZA'S AMPERE L 25.500 KIT N. 105 RADIORICEVITORE FM, 88-108 MHz L 19750 KIT N, 98 AMPLIFICATORE STEREO 25+25 W RMS. L. 57.590 Ampllestore stereo ad alte fede completo oi preamplif eatore equallzzsio © dei controll dei ton bass, ate moth Slimentatorestabilizeato incorporate, ‘lmentazione 40 V c.a. » potonza max 25+25 W su 8 ohm {5135 W su 4 ohm) distorsione 009% ITN. 99 AMPLIFICATORE STEREO 25+35 W RLM.S.L. 61.500 Ampliicatore stereo a alta fedlta completo a. preamplii- Catore equalizzeto e dei contol dei ton! bass, a © modh, alimentatore stabilizato incorporate, Alimentazione 50 V ca, - potonzn max 95+25 W au 8 ohm (0450 W eu 4 ohm) clatorsione 0.00% ITN. 100 AMPLIFICATORE STEREO 50+50¥ RMS. L. 69.500 ‘Ampliicatore stereo ad alta tedelts completo oi preamp Catore equallzzeto e del contol dei ton! bass, alte med. imantatore stabllzzalo incorporst, ‘Almentezione 60 V ca. potenza max 50+50W sv 8 ohm (7o#70W su 4 ohm) astorsione Cas. iwoustriA WLilbi kit evertronica VIA OBERDAN 24 - 88046 LAMEZIA TERME - tel. (0968) 23580 PREAMPLIFICATORI DI BASSA FREQUENZA AUTOMATISMI Aik W. ab Preamlitatre stereo hit por Basa 0 KGL N. 28 Anno aonmico pr astncbile 8580 setts dase Lage HENS ASMAD Sri Fi ara en 7 WOES iit Mis impodenea 738 ane aso GUM ot caocate S10! foes pores C7980 vee n.27 ii awerutonate petesiomie 8° Kit N: 8 Mixer § Ingress! con fadder 990 Vee L. 19.750 er case a. seme cen fs rae w ae Bie Baten stomin replabile HENS Moslems eatin bes Benes ba ele roc. 52 Cul Baio al went catmio E28 HUNG Fotomate’ ot o's"t Seana "Sao REN TOMEI Stetina ee’ AMPLIFICATOR! DI BASSA FREQUENZA orn. 1a Tenlrlznoe” por wrsiersaie "300 aw Lage GUM remota a Eibaigor aw t ise ne ste ee tie ven n.25 Biplane auomstico per resatasone eats "a aia 1.18500 fo ahs t ie iow AMS © ie50 SON Bw aus E ieee EFFETTI SONORI Ge. a2 Som facets lotenca OW, bg SENS Sis saeeeeatets i, ES KEM Site (ataeMahone we” E338 ALIMENTATORI STABILIZZATI NIEN: 88 Srene_ smerieenstallanerancese L220 Sk} Saree emma sie t STRUMENT! DI MISURA EE: SShisinomstom sic t re Fewonsty ele 7 EEE SASsses Soaceae ak he t GENE eesrner tele soya ume Le EAL, nets See yo t Kei Seung ssdatse Sper BI irae cme ee t freworumet rs guy & E ren. a7 SORE nes Son dale por aga TH. SND Risubs Ghemst ty t ches Lae Bun Seeube cee sa a t wien. 80 SHES w 12 ts £88 8 APPARECCH! DI MISURA E AUTOMATISMI DIGITAL! EFFETTI LUMINOS! RAETTAT SR mice aay KEN. let plieelhn 20000. coll med) LAS wang Guetta ego ope ae RICA: Let Beteheceiche 2000 W: canal Sasst E: KUNG Loaca cons pres dain on Goch ed REA: S? set altel Siow, E ge Soe ras REN: B Valle @ fnsloe aomain zo. © BES BS eee copa ce REN (rhe Oita" Sow Sie «0 KER: E VSistea*Sanuelte it ais con un.71 oe Sogeenesoe prc pr das sta a L a sete een. este t ae t Se bag Kit N. 4S Luci a frequenza yariabile 8.000 W. L, 19.500 APPARECCHI VARI EEA Wile Seateelitn ater con ENG Moro tametions Ft 4. 9 ret Lato BERS Seer elie | Eaten Gt N. 99 (esta ele sete 20.0 REAR cGhptetsors Wastes Sresctonala 388 BAB iS ‘ inns gence pe t cree L900 min t Sige per sto tec pia t Cee a lt emoan 1. 75o0 mh Falaulleite po uc gael tbo Grettamonte presso! Ta nosts cave. Spediglentontran 4 compongntletroncl. Gaaioghi_e informacion! Pen PAVORE INBIRIZZO. IN STAMPATELLO. ASLO hn. e@mpanent eLetirorick p.2za marconi 2a - tel, 0372/81544 GA307 s CA 2070 A 3080 GA 3080 { prer2I si intendono IVA compresa, Perrrerreerreererrrrererrererererereeee eee ee EEEEERES BSEGESSEEE SERRE +1050 +1300 COMPONENTI GAsc85 B L HA 11235 CAR080 E c HA 12002 GA cos c HA 12008 CA St0T c HA 2013, CAST c HA 12403, GAaMoT cL LA 1355 SANYO CARCI c UA i3e7 Caster c tAz100 FND Ti C TASII5 SANYO. FNO 357 is, LA3155 SANYO FND 358, C Tazo END 367 tr (A301 ND 500, i tA 3250 FD S01 LC LA 4051 P SANYO FND 507 mn taa100 FND 508, ic: LAatot FND 530, LC tA ata2sanvo FND 597 LC LAII2 SANYO. ND 550 L END 560 u ND 561 c ND 557 c ND 568 c ND 800 c END 807 c FPT 100 C FPT 1008 C FPT 110 c E351 AM FPT 1108 C Le 361 BH FT 120 L CE SESN FPT 1208 Ly e355 H FPT 130 iG LF 355.N FPT 1308 iS LF 36H FPT 131 C Leasr H FPT 400 ef Lf 298 H FPT 500A c UF 1331 N FPT 510 C CF 18508 0 FPT6IO c Le israH FPE 104 a Le is74t N PPE 500 C LM 7eL05 HA 1126 OW o LM 7aL10 HAT W L LM 7aL12 HA H8t C IM 7aL24 HATS W C EM 300 HA 1196 C M301 HA 1908 c M301 AE. He 1313, Lc 4 301 AP. HA 1314 c 1 304 H Ha 1322 C GM 305 H HA 1325 cL M307 N Ha 1320, c (OM 308 # Ha 1338 c LM 309 HA 1339 C Lu3i0H HA 1382 A es Lust N HA 1361 E4900 ).cM 311 HA 1366 W C S800 tusicn HA 1366 WR C4900 LMai7k HA 1368 E5600 LM3i77 HA 3408 C2500 LM 3i8N HA 1452 66 2600 LMsion HA2tas 4750 LM 320K-s HAGtiZa C4600 LM S20 K-12 HATI219 S600 LM 20 K-15 HA 11229 C6300 LMa20K24 Non shaccettano ordini infertori a 10 eassette dello stest tip Ber spese.- N.B. scrivere chiaramente In stampatello Vinditzze 6 * Chiedere prozei per quantitaiv 26100 cremona Orerr reer Peer rerrererereererr ere eee eee 2.450 2.800 5.800 5.700 5.000 3.700 t 7300 2.800 2.900 3.600 7.000 7.000 7.000 7.900 5, Condizioni di pagamento: contrassegno comprensivo di Us 2000 it nome del committente 400.000 GIOVANI IN EUROPA SISONO SPECIALIZZATI CON I NOSTRI CORSI Certo, sono molti. facile e comodo. Molti perc! Organizzazione Europea di Studi per Anche Voi potete sp imparando una di queste professioni: Molti perché il metodo della Scuola Radio Elettra é il pi hé la Scuola Radio Elettra é la pil’ importante Corrispondenza. ecializzarvi ed aprirvi la strada verso un lavoro sicuro Tcaceciee | | Leet Le protessioni sopra illustrate sono tra le pid affasci nantie meglio pagate: le imparerete seguendo i corsi per corrispondenza della Scuola Radio Elettra. corsi si dividono in: CORSI DI SPECIALIZZAZIONE TECNICA {con materiall) RADIO STEREO A TRANSISTORI - TELEVISIONE BIANCO-NERO E COLORI - ELETTROTECNICA - ELETTRONICA INDUSTRIALE - HI-FI STEREO - FOTO- GRAFIA-ELETTRAUTO. Iscrivendovi ad uno di questi corsi riceverete, con le \ezioni, i materiali necessari alla creazione di un labo ratorio di livello professionale. In pid, al termine di al- cuni corsi, potrete frequentare gratuitamente i labo- ratori della Scuola, a Torino, per un periodo di perfe zionamento. CORSI DI QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE PROGRAMMAZIONE ED ELABORAZIONE DEI DAT! DISEGNATORE MECCANICO_PROGETTISTA ESPERTO COMMERCIALE - IMPIEGATA D’AZIENDA - TECNICO D'OFFIGINA - MOTORISTA AUTORIPARA- TORE - ASSISTENTE E DISEGNATORE EDILE e i mo- dernissimi corsi di LINGUE. , Imparerete in poco tempo, grazie anche alle attrezze: ture didattiche che completano i corsi, ed avrete otti: me possibilita d'impiego e di guadagno. CORSO ORIENTATIVO PRATICO (con material) SPERIMENTATORE ELETTRONICO particolarmente adatto per i giovani dai 12 ai 15 anni. PORTANTE: al termine di ogni corso la Scuola Radio Elettra rilascia un attestato da cui risulta la, vostra preparazione. Scrivete il vostro nome cognome e indirizzo, e segna: lateci il corso 0 i corsi che vi interessano. Noi vi forniremo, gratuitamente e senza alcun impe- gno da parte vostra, una splendida e dettagliata do- ‘cumentazione a colori. Scrivete a: RS ws ww Scuola Radio Elettra Stellone 5 C93 10126 Torino perché anche tu valga di pid Gli strumenti digitali sabtronics ees i professionali per tutti. Sane | TT FREQUENZIMETRO MODELLO 8000 B 4 irl | display a9 cifre LED frequenza da 10 Hz al GHz base dei tempi a 10 MHz compensata in temperatura tre tempi di campionatura risoluzione sino a 0,1 Hz T garantita di30mVal GHz jone a pile oa rete | 1 LED indicante attivita del gate | © duc ingens con controll di seni Lon py GENERATORE DI FUNZIONI MODELLO 5020 A ASSEMBLATO L_ 390,000 favaineuiss, _ | © onda sinusoidale, quadra, triangolare frequenza da 1 Hz a 200 KHz in $ in 5 portate possibilita di controtto. 4i frequenza esterno uscita separata TTL sweep sino a 100:1 T offset in ce per lavorare con ogni st ae - cee a oettaeaes Sr per audio, ultrasuoni, sistemi digital, vninecoas, 17 servo sistemi, ece, py py | impedenza @'ingresso 100 Kohim per cireuiti TTL-CMOS-MOS-HTL massima frequenza 10 MHz memoria selezionabile a protezione sino a 50 V. continui sostituisce Poscilloscopio| t Li trovate dai migliori rivenditori o direttamente da | tT] TUT, Le XP Rr CDC) NEWEL Attualita Elettroniche - Via Dupré, 5 20155 Milano - Tel. 02/3270226 VENDITE DIRETTE E i ver corrrsponenza NOVITA’ Geis) NOVITA’ By Ci puoi scommettere... un costo decisamente basso! E poi... é piccolo, autoprotetto, preciso! MULTIMETRO DIGITALE pici’VOC2z MANTOVA 1 PARTICOLARE ESTREMITA™ Frequonza 27MHe (CB) 5/8. Fisicamente a massa onde impedire che tonsioni statiche entrine nel ricetrasmettitore. SWR 1,1: 1.6 meno a centro banda. Potenza massima applicabite 1500 W AM contin CATALOGO A Misura dei tubi impiegati: 45%2 - 35%2 - 28%1,5 - 2041,5 - 101. RE Oat Le strozzature praticate nelle giunture danno una maggior Sicurezza sia meccanica che elettrica. Quattro radiali in fiberglas con conduttore spiralizzato (BREV. SIGMA) lunghezza m. 1,60. Connettore SO 239 con copriconnettore stagno. Montaggio su pali con diametro massimo 40 mm. Non ha bisogno di taratura, perd volendo vi,é la possibilita di accordatura alla base, Lunghezza m. 7,04. I Peso kg. 4.250. PARTICOLARE BASE IL DIAMETRO E LO SPESSORE DEI TUBI IN ALLUMINIO NX ANTICORODAL PARTICOLARMENTE ELEVATO, CIHA PERMESSO DI ACCORCIARE LA LUNGHEZZA FISICA E CONFERIRE QUINDI ALL’ ANTENNA UN GUADAGNO E ROBUSTEZZA SUPERIORE A QUALSIASI ALTRA 5/8 OGGI ESISTENTE SUL MERCATO. SIGMA ANTENNE di E. FERRARI CTA OU LO) EMR MR) ER UN OKT LT ECCEZIONALE. BALL PoLon centan iiss Sa pREzz0 SpEciALE * ‘SCONTO Tors BER 10 pezzi. Boies richlesta ingresso.26V 4 ‘sca fod! ie taeal' pr MATERIALE ELETTRONICO ELETTROMECCANICO Via Zurigo 12/2A - MILANO - tel. 02/41,56.938 ‘SCONTO 181 PER 10 PEZZ! ces | ty EB | ON PH 9 on ronieeny ger uso i riser tn paaiero E Eaae ‘i Bac em, sx 488 aed by ah sige Ss 69 mm ai bs By we sx £0 mm ee Cia Ey M ere an AICARICATORE for cariche lant @ tampons ‘2 V FARO AL QUARZS PER AUTO 12V S5W ging in campeaso,iaapansble per (PLAFONE PARETE PORTATICE PLAFONIERA FLUORESCENTE SPECIE PER CAMP uLoTTE Ete ER RON Ircarta" e"pud LAMPADA A TUBO FLUORESCENTE Intrttre Honaie 6)%nsermestoee TAWPADA_D'EMERGENZA Betinlrs taste deo ‘Beis omen cen alee ‘rencanea ‘ energi,elet ‘ga batts Son escusie: rd Sirutess norma a leg eewigts W355 Tenulorvomw CC danas Seine Git 6200 diesel» motcre LOMBARDINT motore ASBERA Ingen 20 vag. 15 uaa ols 4 tom a begzina ~ 220 Vee (0 He) ¢ contemporaneamente 2. BU per ehricnoatora Viena fomnta Con garanaas ete 3s @ Sibee tii “pon nae 3 comput 183 SHe tae semis! TELENSERITORE Ta2 Sr "Sseengo un sea flsonats «ep ‘Bra

L500 per ULSANTIENA. SISTEMA DECMALE Somat eb oe ri a8 Pr ‘ponsa PORTA urensiut Sseompat Affi venToua WeeSiburen lec 22 2am gir goxon28 Be3 Gate ac oon Mod Wi 22 Vie bie MATERIALE ELETTRONICO ELETTROMECCANICO Via Zurigo 12/2A - MILANO - tel. 02/41.56.938 MOTOR! ELETTRICI « SURPLUS COME NUOVI~ ELETTROMAGNETI IN TRAZIONE Tipo 261 29+-89 Vee Iv, Boxee corsa @ ma, “ipo 282 30-50 Vee In nt 5x52 core 1 ry VENTOLA BLOWER RedSale Sen Se Ee con on CO) tS VENTOLA PAPST-MOTOREN MoToR! PASSO-PASSO joo per unre tute le part de! StlonkkeSrprendente conned oa: pot. L 18.000, TELE REED ? cont WAZ vee rary RELE REED 9 cont NC ZA 18Voe fared Ep copter ingramenta In me. ‘SBetbean Ko" 09 ai ash Bose caltita 4599 E358 in, 1 ba ¥ 10 220 19H 0K ‘ing ot 2c, = tne. con reg. aielgeta VENTOLE TANGENZIALL ver 220¥ 190 @D mh ‘Pon 70 mit 220 Vag 50 He a Seeranies eth st oo ‘MoToRIDUTTOR! shia po Hao 1s olin coppia ga kolem L. ztn0 POSH 89 un coppe Malem E Bae pe Fas’ Simin copote 7, kevlem Cat po Hao 5 givin: copole 2.8 kgvom C2108 ‘Hp come sopra ma vovarabil 88 RN Fe ‘Aloero fietato (ite senes corpo 231 x69 mm Tso VENTOLA AEREX Computer condone. @ 25 PRB be aire ee ee zy - m0y - move L BY By: Bev t Bau Bn ions E av: Zev > Bova t oafuci “uals go 23 ear @"" "1 {Gesine mismo ts) [IVOLUZIONARIO VENTILATORE| a — 2, zante om, Pas 16 Ka. Pres. 1309 HzO fering 2 root brands siteranca a pressions ogni - a5v «4 bso BETTY < Zach - aoova tess £ B3 Bevin aut Feta - amova Ba VENTOLE 612 Vow. (Auto) Maia vefoclia, |. 9.800 Ba “¢ NUGLET AG A GRANT ORIENTATI IVAv st intongane por un trastr. a ve angi be ao ga + aa Hiss Vsemn a0 E aes Gs Vaso 8,0 bese 'WATERIALE OA COMPUTER COME NUOVO Alimentatore stabilizzto mutusclte da rack: pe NIE cmete eso) mm Corpo dao Biotin. ingreeea on~- 2a) Voc" Uncle, egolabt Atlin Soe Ves 30K; Bri Voc 28h 20038 Alimenttorestbiizzao doppia vai in caceets fratatens peso ka 85: pimraion 0 0203 hay oreo 8 vac. Usoie® S10 S403 25000 pulsant luminos! di commutazione, Dopplo scam Bio'tip Pie compres a ampacine” 4 eple Tumingse comsrese at lompasine: 8 sur sem fis at antitudo 80 Vac 68 on eave Pong ooxiatche ¢inon vee Fe a ae a e100 REUSE GU9h me vnc Bae BS Se eet Sa te Beueieaes be SMa Ts he Raesteam, Fake SEARS reais erg Tee ER Cave aes de reuto © oa mg Seance”. te See ey ar gets sen at a Clint eas ota cents owe sat 3k Se Steals Cate veiot Troe! CS Soom imran me eS facts | LP Se STR ST mn a “ete one tis 20 Intgrati Mos e Mastek di recupero 18.008 Sotho tac Sime ieee es Welon 38-20 aw so casisense carbone 0-9 S10" 4 recut were ato 10-400 20 immer 8 grate aaron 10 patenstomet asset ito cond, yar Polio. Plies. 68007 ° 00 400 cond. Polsirolo assert Cason {0 porlampede spin seri © See {0 pucooioreRadio"FY assonte L008 acco Kg. 5 mater. elt. Inet, Switch cond, MECCANICA STEREO 7 ORIZZONTALE RoaMCAZiONE GiAPFONESE vtec ew = FE Py = eile meta iret ts in ve hs] <17 NOVITA’ MATERIALE IN STOCK NUOVO IN ESAURIMENTO. ‘CONDENSATORI een Be ‘Cordoni a spirale 4 poll + schermo per] {BoE SY 2 Ramm Bootes) * SIME | 88 52 BY 2 Savers NCO AV anh onion nseoe | 188 ar BY 2 mensioni 70 x 100 x 175. L. 49,000 | 4.009 mE Tv Maton! per regia, @+12 vec sao | Sahn BY e {0 ma. Binension! 40% 48 Sas we soo] ja8 a ey 2 Intograto NE 588 acqusto minino™ 100 | $48 me SY © on wrvtoo car | 43 Re SYS Condensatori ceramic] 68 pF 63V. Dimer sion! 6x6 mm. Acquisto minimo 1000 pez! to s0ew. TDRITA" BI ALCOLO OLIVET Paws ontgurae con coppia Hoping aake Stampanti * orate Sianpanle BR 1230 Stampante 61406 (Centrnin) BPERS dopata dooney FDU ato (sngolofopoina aie) “SPECIALE j, PROCESSOR! 20 CP. ie fs ease Sinica tts cso] Byer ME Ber RA Sic bse) Bir Yhton {ad beaow cis MATERIALE ELETTRONICO ELETTROMECCANICO Via Zurigo 12/2A - MILANO - tel. 02/41.56.938 ai £38) | wraua € awvesteRo od C te — CENTRI DI CALCOLO Ye be (COMPUTER) s £ is SURPLUS = Se — MATERIALE 8 Paes ELETTRONICO 8 Eis OPSOLETO paaeaneERRTE, ‘CONDENSATOR! ELETTROLITICI PER CIRCUITO STAMPATO VERTICAL! ATTAGCO ON A GALOARE io bez, ACQUISTIAMO — TRANSISTOR - SCHEDE INTEGRATI FOOL-OUT (SCARTO) TUTTO ALLE MIGLIORI QUOTAZIONI Ld Seddesssoue’ ey erecereeerereee Sabbdseagesaase a reamslifistore ola fal, fo pare dala sei “cri che amprende un ero impiows HIS imsambrordotasima ma Sirs eccalorte Regslazione ri ale boss ingress ‘rod, ratormtonazotor Fegarotoreo nae od 8 fasena, con posse d Amertene: 220 V co. 5080 He Guadagro: 9d Fegoarone tn 15 8 Reppora SIN 70 Torso vcta. 250 nV 105 V now) Senin gre phono. 3 m7 Strbina gress forge 0D nas 4 Sorina ingress TAPE. 1D nS KO Binion stons: O38 Datorsone bee fope OE Giese tose nd DISTRIBUITO IN ITALIA DALLA GBC 500 a5 \ 5700" Completa lo seie HLF Sica dalla quate & [lament di poten. 18 W per ove sobbione scare ‘Srponbine disposi Impiego cru negro potenze ovoproten con i ooracorco ed i eonodeato parla mania sererea ch oneene npg “von orzo wscta mus: 36 Poterzo soho par conde eoona 18 WY Imoederso 3 cha 498 0 Kspogo ol reqenan a ~3 d8 25240000 He Inpederza iar 00 imertonne: 20'¥ 20 S40 He a gf ca DISTRIBUITO IN ITALIA DALLA GBC ETAS PROM ‘tas prom st 2ots4 Milano Via Mantegna, 6 Tel. (02) 842485 - 389008, Concessionaria di pubblicita TEditore Varchitettura {her iomeraons« nner teri, 4 DEO an etic Ife Sa ve i INCHIESTA LETTORI Ritaglia e spedisci in busta chiusa il tagliando, indirizzando a: Radio Elettronica, via Mecenate 91, ‘Aiutaci a darti la rivista che vuoi 1. Quali tematiche ti interessano maggiormente? Elettronica ‘gettazione, pratica applicata, software, microcomputers? .clono di pit | progett! tecnict della teorla dl funzionamento, Opp Sppicatvo. Il for'da s¢ in eetironica: tutto va bene purch® funzlonl 3 Dicei quanto spendi per il tuo hobby, approssimativamente in un anno. Pensi tche un progetto, per essere acceliabiie, non debba costare pid di I ‘Quant proget! realizz non avessi problem al denaro? 4 Qual rviste di elettronica egg! oltre Radio Elettronica? Quale ti piace co- ‘mungue di piu? Segnalaci le tue preferenze. 5 Da quanto tempo leggl Radio Elettronica? Hal qualcosa da suggerire perché la'tivista possa essert pit gradita? pubblicitas Qual! ultimamente ti hanno pil colpito? Scegline tre, eltando li nome del pro- dott pubbiicizzal. 7 IL tuo lWello di conoscenza dell Zlonl: basse, alta, allissim Scegli una di queste tre defini- 8 La redazione di Radio Elettronica intenderebbe organizzare un servizio l- stribuzione component! per | fellorl. Comunica il tuo eventuale gradimento per Fintziativa. 9 Di cosa Ui occupl nella vita? Studi o lavorl? Quanto tempo dedichl al tuo hobby? Oppure per te Telettronica ha un significato protessionale? 40 Sei abbonato? G0 non ti seh ancora abbonato spiegacl il percha. In ogni 6 ‘sei abbonato a qualunque altra rivista, anche non di elettronica? * NOME - COGNOME VIA - - - CAP CITA’ iO al INUOVA nei prodotti GVH per HI-FI 01-157 GP-200 _L. 198.000 Modulo di bassa frequenza in grado di erogare 200 W RMS su 4 ohm. Completo di flimentazione a rete 220 V.a.c Uslizza materiali ampiamente collaudat. Extrema praticitse facta di collegamento: con sollte collegament 2 in grado di funaionare perfetiamente. Costuzione compatta e robusta Pratico ¢ potente, @ il finale ideale per ampliicazont in: discoteche, local pubblici 'e Sale per conlerenze, sonorizazion: in genere e comunque dove si voglia dsporee di ote potenza © afidabiita unta a semplicta e 01-155 GP-100 _L. 98.000 Fapidits d) montagaio, Modulo di bassa frequenza da 100W su impedenza 4d} 8 ohm completo ch alimentazione a yete 220V.c.a Finale adatto per ampiiicazion’ in discoteche, locali publi, sale per conferenze,chiase,feste, eve. & Sonorizzazioni di notevole potenza. Grande praticts & rapidita dl montaggio. Utiizza material ampiamente CARATTERISTICHE Potenza: 200 W RMS su 4 ohm 130 W RMS su 8 ohm Impedensa di carico: 4 16 ohm Risposta in freq. 20~20.0001,2 dB Sensio. per 200 W duscta: 0,75 Vell. (0 4B) collaudat FaciltS di collegament- con sol 3 collegamenti & segolbileiteramente 05+ 10 Ve tn grado di funzionare perfetiamente Batorsiong: 01 Costruzione compatta e robusta, in grado di lavorare Rapport S/N: - 90 dB anche in luoghi angusti purche sufficientemente aerati Alimentasione: digettamente da rete luce 220V (internamente + 50-50 Vdc) CARATTERISTICHE Dimension: 850x175%155 ram Potenza 100 W RMS su 8 ohm Imped.dicarico + 8 ohm Bandapassante : 20+ 20.000 Hz + 1,2 dB Sensibiita pretarata in fase di collaudo a 0 dB (0,775 Vell) Interamente regolebile 0,45~ 10 Ve Distorsione 0.7% Rapporto S/N "80 4B Alimentazione rete 220 V.a.e. intemamente — 50+50 Vid.c.) Dimensioni 250K1128150 mm GIANNI VECCHIETTI Casella postale 3136 - 40131 BOLOGNA Il lavoro nel settore elettronica € per questo motivo ho pensato infine di rivolger- ‘mia Voi sperando possiate aiutarmi almeno con una indicazione. Come fare? Francesco Del Vecchio Corato Abbiamo per esigenze di spazio tagliato la tua lun. ga lettera in cui descrivi le tue vicissitudini da diplo- mato alla caccia di un posto. A costo di deluderti ti invitiamo a non fidarti delle raccomandazioni di cui dici, Hai ventidue anni, sveglia, devi, puoi farcela da te. Lascia stare le chiacchiere e mettiti a guardare gli annunci sui grandi giornali del Nord; invece che spen- dere soldi in regalie poni un piccolo annuncio su di tun quotidiano a diffusione nazionale; infine prendi le pagine gialle, tira fuori gli indirizzi possibili e vai a presentarti direttamente, Ecco intanto per te e pet ogni altro lettore un annuncio che ci & giunto in re- dazione: « Tecnici elettronici cercasi per affidare rap- presentanza apparecchiature, Ai prescelti dopo tiro- Cinio si affidera anche deposito, Scrivere a DDP Elet- tronica, via Garessio 18, 10126 Torino. Tel. (011) 6963675 ». Come dove si studia e quanto costa Dopo quattro anni che seguo la Vostra Rivista € sperimento con sucesso alcuni dei progetti da Voi proposti, mi accorgo che le mie conoscenze elettro- niche si riducono a delle semplici nozioni che non mi peTmettono di avere una certa indipendenza nel progettare e mel costruire. Per questo motivo chiedo consiglio a Voi: desides 10 approfondire le mie conoscenze elettroniche ma sono indeciso se seguire un corso per corrispondenza (ad esempio il corso LS.T.), oppure acquistare dei buon libri. Zullino Luigi Non possiamo per evidenti motivi consigliare que- sta o quella scuola. Possiamo perd dirti che bisogna fidarsi solo di corsi gia molto conosciuti ¢ di grossa anzianita di servizio. Imparate da sé non & diflcile e in verita servirebbe solo un buon libro di base per- ché quel che poi conterd sara, almeno ad un certo livello, solo pratica. La nostra rivista, anche per rin- novato impulso editoriale, produrra fra breve un cor- 30 di elettronica che sar’ venduto a dispense. LE INDUSTRIE ANGLO-AMERICANE IN ITALIA VIASSICURANO UN AVVENIREBRILLANTE «| “== 8 un poste de INGEGNERE anche Gove" POLITECMION INGLESI Ws permetteranna ol studiare @ casa INGEGNERE regolermante tsctto ung CARRIERA splendida Gi sonsegure tramta exami, Diptom © Lauree rneltOrsine Bitannic, Ingegneria CIVILE « Ingegneria MECCANICA tn TOLO ambit Ingegneria ELETTROTECNICA - Ingegneria INDUSTAIALE lun FUTURO ieeo a sodditasion! Ingegneria RADIOTECNICA ~ ingegneria ELETTRONICA 6 BRITISH INST. OF ENGINEERING TECHN. Sede Gentra le Lonara el 1 = 88 (ove egizion in tutto i! mando — i —— Sintonizzatore stereo FM Un apporechio ria da nerve nella ioea “mice, con ealoe pression d sora Sslownse semplcte dina. Feynace un segnle suse tows rumors ed ime Gonna di requran: 875108 Nie Senin: 25 pv SIN 30 impecersa singe. 78 0 Imperato 1210 (se 78 Vio 200 {adel Mimo ingombro, apes tiepart ef salute modus Caroterstche i usetncot © 53 00h Urals duet fs ol senabina 00 y 79.000 Disomone arron ose Separonone rer ht 3 dB Oss ETITE sae “7 ‘mertone 220 ca S06 He {__ str1B TO IN ITALIA DALLA GBC AUTOMAZIONE PER LA REGISTRAZIONE AUTOMATICA SU NASTRO di GIANCARLO ZANETT! - Dopo la microspia gia vista il mese scorso ecco ora un piccolo circuito che avra il compito di far registrare su nastro le conversazioni inviate nell'etere dal microtrasmettitore fm. Come possiamo divertirci imparando ad usare il sistema automatico. ming it foe di oh Tee gendo un titolo come quello so- pra ed immaginando chissi quale diavoleria cibernetica si ritrova poi di fronte a queste righe che, ridi- mensionando le loro fantasie, li po- ne davanti ad un angosciante di Jemma: « che cos’ il progetto ci- cero? ». Per placare gli animi di tutti i lettori che non hanno potuto leg- gere il numero scorso di Radio Flet- tronica (biricchinit) dird che la 1” parte del progetto verteva su una microspia da installarsi in un tele- fono. Di questa le caratteristiche pill salienti erano di trasmettere so- Jo a microtelefono (cornetta) alzato e di non richiedere alimentazione esterna, La 2 parte del progetto Ciceto tratterd quindi il circuito che avra il compito di far registrare su na- stro le conversazioni inviate nell’ete- re dalla microspia. Ripeto anche questa volta che tutto cid @ una pura divagazione tecnica realizzata a fini didattici € formativi ma che comunque non potra mai essere usata perché I'uso 2 vietato dalla legge. Vengo ora ai miei fedeli lettori alcuni dei qua- i pur di sentire il seguito del pro- getto non hanno esitato a rompere il proprio porcellino salvadenari per acquistare la rivista che ora tengo- no in mano ¢ che leggono con di- sinvoltura sui mezzi pubblici di chiss& quale citth sotto gli occh* lucidi di ammirazione di una qual- che ragazza che addirittura sari colta dall’improwviso desiderio di cedergli il posto e il proprio nume- 10 di telefono. Divagazioni scherzose a parte il lungo mese che separava questi due numeri & finalmente trascorso ed 2 quindi giunta Vora di passare al- la descrizione dello schema a bloc- chi riguardante il funzionamento circuitale della seconda parte del progetto Cicero. Schema a blocchi Quando la nostra microspia_non trasmette sulla frequenza su cui & sintonizzata la radio (blocco 1) alla uscita di quest’ultima si udir& sola- mente un debole rumore di fondo. Questa prima condizione & ottenuta grazie alla preventiva sintonizzazio- ne su una frequenza sgombra da radio libere o da forti disturbi (ar- gomento questo gid trattato la vol- ta scorsa). ‘A questo punto si ricordera co- me alzando il microtelefono la tra- smittente entrerd in azione facendo in tal modo uscire dall’altoparlante della radio in questione il classico segnale di centrale. Gia a questo punto V'uscita della radio aumenta di valore e cost fa- cendo provoca nel bloceo n. 2 (il circuito che esamineremo) lo scatto di un rel@ allo stato solido che ha il compito di fornire la tensione di rete al registratore la cui entrate (come & possibile notare dal dise- gno) @ connessa direttamente alla uscita della radio. In tal modo si ottiene il risulta- to che vede Ia messa in moto de! registratore solo quando il micro telefono 2 sollevato e, all’opposto. Jo spegnimento quando si chiude Ja conversazione. Dato che tutto il progetto & na- to sotto l'ottica della non-individua- jone si & preferito un relé allo sta- to solido ad un rele tradizionale (che pure avrebbe semplificato ul teriormente il circuito) per il mo- tivo sperimentato della tropa ru- morosita. UI ticchettio di un relé 2 risultato 27 RADIO ELETTRONICA ‘SCHEMA A BLOCCHI [naw se uses fa ae infatti essere individuabile anche a distanze relativamente lungbe. Questo fatto che ha lasciato stupi- to anche me ha avuto un’ulteriore conferma la sera in cui, dopo aver piazzato sette relé in sette diversi angoli della mia casa ho dato nella medesima un piccolo festino con il pretesto di brindare all'immagina- tio compleanno del mio cocker. Ebbene quella sera 5 persone su 12, nonostante I'atmosfera fosse a- nimata, hanno udito misteriosi tic chettii provenire da ben determinati spazi. L’unico rel a non essere stato udito era avvolto da 5 kg di garza e cotone ed era stato posto sul balcone prospiciente ad una ru- morosissima piazza, Nella considerazione di non ave- re conoscenti particolarmente sen- sibili d’udito mi sono convinto a ripiegate sui pitt silenziosi rele allo stato solido. Qualcuno di voi obiettera: « ma il registratore 2 forse pitt silenzio- so? », Ebene sempre con mia sor- presa ho sperimentato personalmen- te che oltre 5 metri un buon re} stratore in movimento non & pitt percepibile. E ovvio che quando parlo di buon registratore intendo un buon registratore © certamente non mi riferisco a certi esemplari che viag- giano nelle cassette della frutta dei venditori da spiaggia e che vengo: no venduti a diecimila lire la doz- zina. Per chiudere questo discorso sul- la rumorosita consiglio infine di adoperare cassette magnetiche di una certa qualita che potranno evi- tare cigolii sospetti se non addirit- tura la classica coda di nastro ma- gnetico che scivola fuori dall’inso- spettabile ed austero armadio nel quale & stato piazzato il tutto. Analisi circuitale 1 segnale audio uscente dalla ra- dio viene inviato all’entrata del cir- cuito. Qui viene raddrizzato dai diodi DI ¢ D2 dopodiché viene immesso nel potenziometro P1. Il valore di quest’ultimo deter- mina la soglia di intervento del cir- cuito. Quando questa soglia viene raggiunta il transistor Trl satura € Vemettitore raggiunge cosi lo stes- so potenziale del collettore. In tale situazione C4 pud cari- carsi tramite Trt ed il diodo D3 dalla parte dell’armatura negativa mentre la resistenza R2 ed il dio- do D5 provvederanno al potenziale AUTOMAZIONE IL CIRCUITO ELETTRICO ALLA PRESA an PANNELLO RETE c20V~ detl’armatura negativa. Ielo alla rete-luce con Ia sola resi- ci sia bisogno di ricordare che i Si noterd, analizzando il circui- stenza limitatrice R2. 220 Volt casalinghi non sono cor- to, come il condensatore C4 si ven- Per capire quel che avviene in un rente continua ma bensi in corren- ‘ga in tal modo a trovare in paral- secondo tempo spero davvero non te alternata con frequenza di 50 Hz. Quindi sara chiaro cosa avviene quando la polarita verrd invertita Tl condensatore C4, in precedenza caricato, si va a scaricare tramite il diodo D4 sul gate di Tr2 cau sandone cost il repentino innesco che ottiene in tal modo I'effetto di alimentare il registratore. Inol- tre, grazie al diodo Dé ed alla re- sistenza R4, il condensatore C5 si verra a caricare proprio mentre C4 si va scaricando. A questo punto & intuitivo imma- ginare che cosa avverra quando la polarita di rete si sara nuovamente invertita: il condensatore C5 si scarichera sul gate di Tr3 (tramite la resistenza R3) e cosi si otterri la conduzione di quest'ultimo che favorira la ricarica di C4 che ad una nuova alternanza rifara il gio- chetto di prima e cosi di seguito si- no a che il segnale d’entrata non si_abbassera sotto ill valore di so- glia di Tr provocando l’introdu- zione del transistor medesimo che quindi impedira una ennesima rica- rica del condensatore C4, Il circuito non termina qui per ché se cost fosse la tensione di rete inviata al registratore verrebbe tol- ta ogni qualvolta capiti una pausa tra una parola e Valtra di un di scorso inviato all’entrata del ci cuito. RADIO ELETTRONICA COMPONENTI Ri 620 OHM R2, R4 47 KOHM. R3 270 OHM C1, C2 10 #F elettrolitico C3 100 #F elettrolitico C4, C5 5 UF elettrolitico D1+D6 diodi al silicio Pi 4,7 KOHM Tri BC 140 ‘Tr2, Tr3 TD 6001 LI lampadina spia 220 Volts Fs fusibile 1 Ampere It interruttore 250 V3 A. Per owviare a tutto cid & stato posto un semplice ma important simo condensatore (C3) che fa man- tenere tensione al carico, per un certo periodo di tempo, anche do- po aver tolto il segnale dall’entra- ta. ‘Questo periodo di tempo & varia- bile perché & dipendente dal valore capacitivo del condensatore in que- stione. Per i nostri scopi il valore di 100 HF & ottimale. 1 componenti indicati con Tr2 € Tr3 avrete certo visto essere due SCR. Questi due elementi sono del- IL MONTAGGIO DELLA BASETTA “Os (Se eC ‘Oo ~~ O_O air +t yoy AG vt Teens o stesso tipo ed entrambi hanno la caratteristica di sopportare una corrente di 1,6 a tensione pari a 500 Volts. Tuttavia ho ritenuto prudente installare un fusibile di protezione del valore di 1 Ampere. Nel prototipo descritio in queste pagine @ stata installata una pre- sa di corrente nella quale vert is trodotia la spina del registratore. Ai capi della presa & stata posta una lampadina di controllo che ol- tre ad essere utile in sede di ta- ratura 2 comoda come elemento di controllo costante di funzionamen- to. Menire perd la presa di corrente & praticamente indispensabile la pre- senza della lampadina non & indi spensabile e pud quindi essere tran- quillamente eliminata, Montaggio Il circuito stampato riportato in queste pagine pud esser variato da chiunque lo ritenesse opportuno. La mia pid grande raccomanda zione riguarda le piste che porte- ranno la tensione di rete: mi rac- comando che non siano delle st AUTOMAZIONE scioline di rame dove i poveri elet- troni debbano fare a botte per pas- sarvi, Piuttosto date preferenza ai vecchi ma gloriosi_montaggi ese- guiti in aria, fatti cio® sulle appo- site striscette di ancoraggi. ‘Ad ogni buon conto, qualunque cosa facciate, state molto attenti a non prendere scosse toccando i genuamente qualche pista ramata 0, peggio, sfiorando le infide carcas- se metalliche sia del transistor sia degli SCR. Sempre a proposito di questi evi- tate i contatti tra i suddetti conte- nitori metallici perché potreste ri- DELLA RADIO USCITA DELL'AMPLIFICATORE trovarvi con le valvole di casa sal- tate e con qualche componente elet- tronico sano in meno. Le prime saldature verranno de- stinate alle solite resistenze seguite dai condensatori, dai diodi, dai due SCR ed infine dal transistor Trl ‘Consiglio come sempre di evitare soffermarsi troppo a lungo con il saldatore sui terminali dei compo- nenti, con particolare riferimento agli elementi semiconduttori quali sono, nel nostro caso, i diodi, il transistor ed i due SCR. Non mi stancherd infatti mai di ripetere che & sufficiente una escur- — ot Tan wv cE} PRESA JACK MONO ALTOPARLANTE LI | cetta ravio Semplice clreuite per la installazione ¢} una presa d'ascolto on contatto a esclusione altopariante. ‘Owiamente pud essere instalata anche una presa d'ascolto eutfia'o microtelefono con esclusione aulomatica doll altoparlante SPINA TACK MONO sione termica ridicola per mandare al creatore tali frutti di un'avanza- ta tecnologia che ancora & inerme di fronte a questo problema, Per i nostri scopi lassorbimento di corrente & limitato al consumo del registratore e guindi_non vi sara bisogno di munire gli SCR con alette di raffreddamento € cose s mili. Tuttavia nel caso mettiate ca- richi pitt « pesanti » consiglio a tut- ti voi di prendere provvedimenti in materia. Per quanto riguarda il eontenito- re che ospiterd il nostro cireuito non ci sono problemi. Qualunque solu- zione pud andare bene a condizio- ne perd di non mettere i compo- nenti in eroce come purtroppo qual- che volta avviene. Per finire gli attacchi da inserire nella radio € nel registratore deb- bono essere eguali agli originali L’attacco da inserire nella radio deve riuscire ad introdursi_ nella presa per cuffia che generalmente consiste in una presa jack ragion per cui occorrer’ reperire una spina jack di eguali dimensioni. Se nella radio non esiste la presa per cuffia & possibile crearla colle- gando perd V'altoparlante della ra- dio in questione all’escludialtopar- lante che ovviemente ha il compito di tacciare T'altoparlante quando iene inserita la presa per cuff. tare gli sperimentatori al- le prime armi accludo un piccolo schema. Per quanto riguarda il registrato- re qui la cosa si riduce ad intro- durre la spina nella presa di reg strazione. Chiaramente se la presa & una presa jack si adotterd alla spina jack, se & una presa DIN si usera Ia spina DIN e cost via. Il prototipo cost realizzato sara natu- ralmente dotato di un interruttore che verrd collegato all'entrata della rete-luce nel circuito L’unica taratura da fare consiste nello stabilire il livello di soglia del transistor Tri. Questo & pos- sibile sia con il potenziometro re- golabile di volume della radio e sia con il trimmer P1. Non si com- metta perd lo sbaglio di mettere al massimo cambiando dopo P1. 3 La progettazione di un programma. Con un esempio sfida alla machina pensante, un gioco per indovinare con un certo numero di mosse un numero segreto, ecco passo passo tutto quel che serve per impratichirsi ra che conoscete il Basic € vi siete resi conto di quanto sia semplice e comodo questo linguag- gio potete iniziare a programmare. Ma come si fa? da dove si inizia? quali sono i passi da seguire per ar- rivare a realizzare un programma partendo da un‘idea pitt 0 meno definita? Nella presente puntata daremo una risposta a tutte queste doman- dee vedremo come sia possibile realizzare programmi, anche molto complessi, senza per questo perde- re il sonno o dover trascorrere inu- tilmente ore e ore di programma- zione con il rischio, magari, di arrivare a scoprire che... « cosi non giral ». Parleremo quindi di Basic, di programmazione ¢ realizzeremo un interessante programma seguendone asso - passo la progettazione. Questo significa che, anche se quanto segue 8 espressamente dedi- cato ai lettori in possesso del no- stro computer, anche coloro che possiedono un altro Personal Com- puter troveranno in questo e nei prossimi articoli_ molte informazio- ni e validi spunti applicabili al loro caso. Indovina il numero Il programma che realizzeremo ® costituito da un gioco ormai clas- sico e diffuso quasi quanto la fa- mosissima battaglia navale. Nella forma comune viene giocato nel seguente modo: due giocatori (A e B) sotivono su di un foglio un nu- mero composto da cinque cifre (di- verse tra loro) e, a tentativi, cer- cano di scoprire quello dell’avver- sario. Ad ogni tentativo fatto lav- versario deve rispondere in termini di programmazione in basic. di quadretti e cerchi a seconda che le cifre componenti il numero del tentativo siano 0 meno al posto esatto. Vediamo un esempio: il nu- mero segreto del giocatore A & 35784 e il giocatore B dice 37512. Egli ha indovinato, in questo ten- tativo, tre cifre delle quali perd una (i 3) risulta al posto giusto (prima posizione) ¢ due (il 7 ¢ il 5) risultano fuori posto. A questo pun- to il giocatore A deve comunicare 2 B il risultato del tentativo, e lo fa in modo ermetico dicendo: « due cerchi e un quadretto ». B, senten- do questo, sa di avere indovinato tre cifre delle quali solo una in posizione esatta; ma non sa quali, Al prossimo tentativo egli, sosti- tuendo alcune o tutte le cifre del numero cercher& di localizzare le cifre esatte e di posizionarle corret- tamente. Ovviamente ogni giocato- re, a turno, fara il proprio tentativo € naturalmente vincer’ il primo dei due che indovinerd il numero del- Vawversario. Riepilogando: — il numero da indovinare 0 il tentativo deve sempre essere composto da cinque cifre diver- se tra di loro. Non & quindi considerato valido un_numero come ad esempio 23582 in quanto il 2 si ripete. — i cerchi indicano il numero di cifre esatte come valore, ma fuori posto, — i quadretti indicano il numero i cifre esatte sia come valore che come posizione. di conseguenza la somma dei cerchi e dei quadretti indica i numero totale di cifre esatie, indipendentemente dalla posi- zione. vietsto barare e cio’ si deve sempre rispondere in modo ve- 2 SOFTWARE SUL PERSONAL COMPUTER COME PER GIOCO i GIUSEPPE PORZIO RADIO ELETTRONICA titiero. Inoltre & vietato modificare il proprio numero segreto nel corso della part Questo & il gioco ¢ probabilmen- te @ nato a scuola dalla mente di qualche studente annoiato da lezio- ‘ni tediose. Ultimamente ne @ stata messa in commercio una versione modificata (usa i colori in Tuogo dei numeri) chiamata Master Mind. Con il computer Tl computer sostituisce un gio- catore e, nel nostro caso, non ese- gue tentativi per indovinare nume- ri, ma risponde semplicemente a quelli del giocatore indicando il numero di cerchi e quadrett Abbiamo optato per questa limi: tazione al fine di ridurre sensibil- mente il numero di istruzioni c.. di poter giocare. Infatti se dovessi ‘mo giocare alla pari contro il com- puter saremmo liquidati in quattro, Cinque tentativi. Questa limitazion ne, comunque, nulla toglie alla bel- lezza del gioco in quanto anche se non si giocherd per battere sul tempo (0 meglio sul numero di ten- tativi) un avversario, si cerchera pe- 10 di migliorare, di’yolta in volta, il proprio record personale, affinan- do cosi la propria abilita logica e deduttiva. Infatti gareggiare contro se stes- si_in questo avvincente gioco @, oltre che divertente e distensivo, anche un modo per sviluppare la propria capacita logica e di sintesi, doti indispensabili queste ad ogni ‘buon programmatore. Iniziamo ora la « progettazione » del programma analizzando in det- taglio cosa fara il computer per giocare con noi. Innanzi tutto do- vr generare un numero casuale di cingue cifre tutte diverse tra di lo- 10, Fatto questo si predisporr’ per ricevere dal dispositivo di input (ta- stiera) un numero rappresentante tun nostro tentativo e, dopo averlo confrontato con quello in memoria visualizer con cerchi_o quadretti il risultato. Dovra infine ripetere queste operazioni finché il numero non verra indovinato, nel qual ca- SOFTWARE so visualizzera Ia scritta « NUME- RO ESATTO! ». Ancora, al fine di impedire al giocatore di barare, controller che il numero immesso da tastiera sia costituito da cifre tutte diverse tra di loro. In caso contrario dovr’ non accettare il nu- mero. Osservate ora in figura 1 lo schema a blocchi indicante le ope- razioni logiche fin qui descritte © tenetelo presente per il proseguo dell’analisi. Fermiamoci ora, per un attimo, € osserviamo quanto & stato fatto fin qui. Siamo partiti da un'idea e per prima cosa Vabbiamo analiz- zata a fondo come idea in st stes- sa, completamente avulsa da tutto quello che 2 computer. Abbiamo visto la successione logica delle ope- razioni che devono essere svolte & abbiamo preso_in considerazione tutte le eventuali possibiliti anoma- le. In seguito abbiamo modificato V'idea originale alla Tuce di un uti lizzo con il computer tenendone presente la configurazione e cio’ considerando di avere un input (ta- stiera), un’unit’ centrale e un out- put (video TV). Infine abbiamo ste- so uno schema a blocchi delle fun- zioni (diagramma di flusso) che ne riassume il funzionamento. Tutto questo, che deve sempre essere ripetuto ogniqualvolta si pre- para un nuovo programma, prende il nome di «analisi» e il buon funzionamento del programma stes- so dipende in gran parte dal grado di accuratezza e di precisione con iI quale viene syolto questo lavoro preliminare. Infatti, se durante la programmazione si dovesse immet- tere una riga di istruzioni errata, in fase di prova del programma ci si accorge dell’errore, si corregge la riga e tutto finisce fi, ma se s commette un errore logico in fase di analisi si deve correggere tutto il blocco di istruzioni ad esso re- lativo. Questo, in termini pratici, significa buttare a mare ore di la- voro € dover perderne altrettante per correggere il programma che non funziona ottenendo come ri- sultato un programma rappezzato. Generalmente, in casi gravi, si fi Visualizza descri— zione e istruzionis era cinque cifre casuali diverse tra loro e le mette in Riceve da tastiera un numero ai cinque cifre Separa le cifre e tte divers® wa di lo: omtrolla con &. numero in memorias Galcola il numero ai cerchi e quadrettie ae eee tatore dei tenta~ Visualizza "NUMBRO BSATIO" ¢ numero 4i_tentativi. Fig. 2 % RADIO ELETTRONICA nisce per ripartire dall’inizio con una gran perdita di tempo. E chi ro perd che, specialmente per chi inizia, i casi di errori o dimenti- canze’ saranno tutt’altro che rari, ma sono anche necessari perché tano ad affinare le capacita logiche. Sappiate comunque che, nel ca di programmi mediamente comples- si un buon programmatore svolge a mente Ia fase di analisi e anche voi, con l'esperienza, arriverete a tanto; in minor tempo di quanto pensate. Dopo la fase si passa alla micro- analisi e cio’ a stabilire in dettaglio quali saranno i singoli passi costi tuenti il programma, a definire no- mie contenuti delle variabili e, spesso, ad aggiungere le parti di abbellimento o di descrizione. Microanalisi Sappiamo che la prima operazio- ne da prevedere & la generazione di un numero casuale di cinque cifre diverse tra loro, il quale in seguito verra confrontato con un numero simile (il tentativo) e dal confronto di questi due numeri dovremo ri- cavare, oltre che Puguaglianza del- le cifre, anche la posizione. Se noi usassimo una sola variabile, ad esempio A, per indicare il numero generato ¢ chiamassimo B il tenta- tivo ci troveremmo in seguito a do- ver isolare con appropriate opera- zioni Basic le singole cifre costi- tuenti il numero per poter esegui- te il confronto, Dovremo inoltre eseguire le stesse operazioni anche per controllare la validitd del nu- meto © cio per verificare che le cifre siano tutte diverse tra loro. Se noi, invece, chiamassimo A, B, C, D, E le singole cifre del numero ayremmo immediatamente cid che ci serve. Questo modo di definire il numero non & una pura astra- zione, ma rispecchia fedelmente il modo con cui opera un qualunque giocatore, il quale non dird ad esem- pio 87.341, ma bensi 8, 7, 3, 4, 1 poiché questo risulta di gran lun- ga pitt comodo. Per analogia do- vremmo chiamare le cifre costituen- IL PROGRAMMA 1D PRINTCHRS (27) + «E> 22 GOSUB 490 19 FORX = 1T05 11 A (X) = INT (RND «1 »* 12) 115 IFX = 1 THEN 142 12@ FORY = 1TOX-1: IFA (X) = A (¥) THEN 129, 132 NEXTY 142 NEXTX 20@ INPUT2»;BS 220 FORX = 1TO5: B (X) = VAL (MIDS «BS, X, 1 ») : NEXT 225 FORX = 1104: FORY = X + (TOS : IFB (X) = = B (¥) THEN 260 226 NEXTY : NEXTX 230 B=2:C=o 24@ FORX = 1105: FORY = B(Y) THENC = C +1 241 NEXTY : NEXTX 250 FORX = 1TOS5: IFA (X) = B (X) THENB = B + 1 255 NEXTX 1TO5:1FA (X = 262 C=C_B 27 PRINTCHRS (27) + «G » + CHR§ (27) + «R» 275 AS = «» 275 IFC = @ THEN 285 282 FORX = 1TOC: A$ = AS + CHRS (91) : NEXTX 285 IFB = @ THEN 320 292 FORX = ITOB: A$ = AS + CHR§ (64) : NEXTX 3@@ PRINTCHRS (27) + « + » + + CHRS (52) + CHRS (52) + AS 312 PRINTCHR§ (27) + CHR$ (123) + CHR§ (27) + CHR§ (114) 315 D=D+1 320 IFB = 5 THEN 352 342 GOTO 209 352 PRINT (ESATTO IN « D » TENTATIVI!!!) 362 END 422 PRINT « IO PENSO A UN NUMERO DI CINQUE CIFRE » 425 PRINT: PRINT « TUTTE DIVERSE TRA DI LORO » 412 PRINT: PRINT « TU, A TENTATIVI CERCA _ DI INDOVINARLO » 415 PRINT : PRINT : PRINT « PER OGNI NUMERO IO TI RISPONDERO’ » 420 PRINT : PRINT « PER OGNI CIFRA AL POSTO ESATTO » 425 PRINT : PRINT « PER OGNI CIFRA FUORI POSTO » 450 PRINTCHERS (27) + «G» + CHR$ 27) + «R» 435 PRINTCHRSS (27) + « = » + CHRS (42) + + CHRS (52) + CHRS!(64) PRINTCHRS (27) + « = » + CHRS (44) + ++ CHR (32) + CHRS (91) 445 PRINTCHRS (27) + CHR§ (123) + CHRS (27) + + CHRS (114) PRINT : PRINT : RETURN 440 452 Fig. 5 6 ti il tentatiyo F, G, H, I, Le in seguito confronteremo la A con la F, la B con la G... ece. pet veri- ficare se le cifre sono uguali ¢ al posto giusto, ottenendo il numero di quadretti. Ancora, per ricavare il numero di cerchi: dovremmo con- frontare la A con la G, con la H, con Ia I ¢ con la L, la B con la G, con la H, con la I, con la L, & yetere analogamente i confror no alla E con la 1, Conside una riga di istruzione per ogni con- fronto dovremmo scrivere ben 25 ri- ghe per verificare i due numeri tra loro, 10 righe per controllare che se il numero generato non contenga ci fre doppie e altre 10 per control- lare Ja corretteza del tentativo. In questo caso avremmo un totale di ben 45 righe per i soli controlli e, pur essendo ques modo esatto di procedere non @ certamente il modo ottimale. Infatti il Basic ci permette di semplificare e ridurre ult te il numero di righe_utilizzando le matrici con le quali, variando Vindice, si ottengono gli stessi ri sultati. Infatti chiamando A © fronto tra Ae B, Ae C, Ae Dy Ae F risparmiando, solo da qu sto, ben 3 righe di istruzioni. Pitt avanti, analizzando in dettaglio il programma e state possibili altre semplificazioni. ‘Quando si programma si cerca sempre di ridurre al minimo indi- spensabile il numero di istruzioni al fine di occupare la minor memo- ile e anche al fine di com- P cosa questa utilissima per eventual modifiche 0 aggiunte. E ovvio che all'inizio sari difficile raggiungere questi livelli ma col tempo e Vespe- rienza scoprirete con sorpresa con- ‘tinui miglioramenti nel vostro modo di programmare. Se ricordate ve lo avevamo preannunciato qualche puntata fa: il computer, pur non essendo un insegnante, impone un oK ty Perery pore) eres preeey eres porte) pore ert oariea) Snes Cer ere aang SOFTWARE, RADIO ELETTRONICA modo di pensare ¢ di agire che migliora continuamente le capacitd logiche e di analisi del programma- tore. E questo, se permettete, non & poco per una’ machina: tanto pitt che si tratta di un... effetto colla- teralel Torniamo a noi per completare il programma, La prima cosa che il computer dovra _visualizzare quando faremo girare il programma sara la deserizione del gioco segui- ta da qualche riga di istruzioni. B buona regola (ma non strettamente indispensabile) sistemare commenti note in subroutines poste in coda alle istruzioni per raggrupparle in un'unica zona e facilitare cosi tutte le ricerche e modifiche. Sari bene, infine, per rendere pid avvincente il gioco, prevedere un contatore di tentativi che ci co- munichi in quanti « colpi» abbia- ‘mo individuato il numero. miste- rioso. In figura 2 abbiamo rappresen- tato un muovo diagramma di flusso pitt completo ¢ dettagliato che rias- sume anche queste ultime cose. Ul programma Sulla base dell’analisi fin qui fat- ta e con riferimento al diagramma di flusso, siamo ora in grado di stendere il programma. Se volete, @ questo punto, potete provare a realizzare voi stessi il programma € confrontarlo con il nostro. Que- sto modo di procedere, che consi- gliamo a chi inizia, permette non solo di verificare le proprie capa- cita ma anche di vedere come sia possibile modificare o ridurre certe istruzioni e ottenere gli stessi ri- sultati. In figura 3 potete osservare il programma. Leggiamolo assieme: 12 “Cancella lo schermo ¢ porta i cursore in Home. 20 Manda alla subroutine che inizia alla riga 42. La subrou- tine in oggetto (righe 49 2 +45) fa stampare la descrizione del gio- co € le istruzioni. Siccome nel set di caratteri grafici non & previsto il quadretto, noi lo abbiamo sosti- eCeh at) eee 4 cee atts} bere eae eee it freee at aS eee tet Vat Peery Paes eens ait) at) SOFTWARE, TE tuito con il cerchio pieno (pallino) Osservate le righe 420, 425: con queste istruzioni facciamo stampa- re le seritte di fianco ai cerchi. In seguito (riga 452) abilitiamo i « ratteri_grafici (che disabiliteremo alla riga 445) e stampiamo i cer chi con indirizzamento assoluto (435, 44@). La riga 452 posizio- na il cursore per iniziare il gioco e chiude le subroutine + Questa parte gene- ra il numero misterioso e Jo mette in A (1)... (A) 5. Il suo funziona- mento @ il seguente: la riga 122 crea un loop che fa eseguire le istruzioni contenute al suo interno per cingue volte ¢ l'indice variabi- Te del loop (X) serve anche come dice di matrice. Alla tiga 110 jene generato un numero i una cifra e alla riga 120 eseguito il controllo che la cifra generata non esista gia. Questo controllo, owviamente, non deve es- sere fatto per la prima cifra in quanto non ha termini di paragone e la riga 115 svolge questa fun- zione. 202+22@ Richiede un input da tastiera stampando un punto in- terrogativo. Abbiamo definito que- sto input come una stringa (BS), anche se in effetti noi immetteremo solo numeri, per poter estrarre le ingole cifre con V'istruzione MIDS (22@) che, come sapete, pud ope- rare solo su stringhe. 226 Controlla che le cifre siano doppie. ‘Azzera Be C. Sono questi atori del numero di cerchi da stampare e, pitt precisamente, B in- dica il numero di cerchi pieni (Ex. quedretti) € C il numero dic: chi vuoti. Se non si eseguissero que- sti azzeramenti ad ogni nuovo ten- tativo vedremmo stampare un nu- mero di cerchi pari al progressivo raggiunto fino a quel momento 240-241 Caleola il numero to- tale delle cifre indovinate, senza tener conto della posizione, € lo mette in C. @-=255 Calcola il numero del- \dovinate che si trovano RADIO ELETTRONICA VARIABILI E STRINGHE B numero di pallini ¢ numero di cerchi D mumero di tentativi x indice Y indice Ab risultato del confronto Be tentativo (di input) A(1). numero misterioso B(1)...B(5) tentativo Fig. 5 25@+255 Calcola il numero del- 352 Stampa la scritta: « ESAT- Ie cifre indovinate che si trovano nella stessa posizione ¢ lo mette in B. Sottrae B (numero di cifre esat- te) ottenendo il numero di cifre esatte, ma fuori posto, che mette in c. 270 Abilita alla stampa i carat- teri_grafici. 275. Annulla la stringa A$. Vale lo stesso discorso fatto per Ia riga 230. 2754522 Crea la stringa AS con tanti cerchi quanto @ il valore di C e tanti pallini quanto @ il va- lore di B. Infine, alla riga 302 stampa la stringa A$ (con indiriz- zamento relative) di fianco al nu- mero del tentativo. 31D Disabilita alla stampa i ca- ratteri grafic 315 Incrementa di 1 il contatore dei tentativi, D. 32@ Se ® stato indovinato il nu- mero, ¢ guindi B 2 uguale a cinque, manda alla tiga 350. 34 Se invece ill numero non & stato indovinato questa istruzione manda alla tiga 23 @ e cio’ richie- de un nuovo tentativo con quel che segue. TO IN -D- TENTATIVI!! » do- ve D& il numero di tentativi fatti. 362 Fine programma. Il programma, cosi come noi lo abbiamo preparato, non & nella for- ma pit ridotta possibile. Infatti mol- te istruzioni possono essere raggrup- pate in un’unica riga, diminuendo cosi loccupazione di memoria, ma noi le abbiamo lasciate separate al fine di risultare pit chiari nelle spiegazioni. Come avrete notato, leggendo il programma, le variabili Xe Y so- no usate come indici di FOR... NEXT € vengono riutilizzate in vari punti. Anche questo modo di operare risulta molto utile, specie in programmi complessi, al fine di imitate Voccupazione di memoria, Nei vostti programm cercate, do- ve possibile, di adoperare in modo analogo, ma attenzione a non riu- tilizzare variabili che risulteranno necessarie dopo perché, in questo caso, vi trovereste a operare con dati errati. II programma & tutto qui. E pos- sibile operare su questo program- ma alcune modifiche al fine di ren- derlo pid divertente. Ad esempio potete inserire alcune frasi com « DILETTANTE! » se si raggiun- ge il ventesimo tentativo senza indovinare il numero, 0 « DEDI- CATI AD ALTRO! » se si raggiun- ge il trentesimo. Ancora, 2 pos bile inserite parole opzionali da vi- sualizzare al termine del gioco, as- sieme alla frase « ESATTO IN... » come ad esempio « SEI UN CAM- PIONE! » se il numero & stato in- dovinato in meno di cinque ten- tativi oppure « BRAVO » se sono stati necessari da cinque a dieci tentativi. Inoltre potete studiare e realizzare la parte relativa al gioco del computer contro di voi ottenen- do cosi un perfetto avversario che cerca anche di indovinare il vostro numero misterioso. Vediamo ora, per finire, di rias- sumere in una breve sintesi come dovrete procedere per realizzare un programma al fine di chiarire ‘meglio le varie fasi in figura 4 ab- biamo rappresentato, con un dia- gramma di flusso, i vari passi da compiere. Inizialmente partite da un’idea, magari anche confusa, di quello che volete ottenere: un pro- gramma matematico, statistico, un gioco o altro. Eseguite allora ’ana- lisi del problema studiando a fondo Videa di base, sviluppandola e sud: dividendola in singole fasi o pro: blemi elementari. Per comoditi flusso cercando, dove & possibile, i unificare le fasi uguali che costi- stendere uno o pid diagrammi di tuiranno le subroutines. Per facili tare Vassegnazione delle variabili numeriche e delle stringhe bene scrivere su di un foglio le variabili gid usate in modo tale da evitare di. usarle altre volte « sporcando » i dati, oppure ancora per riconosce- re le variabili « di lavoro » e poter- le cosi riutilizzare, come abbiamo fatto noi con X e Y. In figura 5 potete osservare il foglio che abbia- ‘mo usato per questo programma. 0 ;—— ako Radioricevitore OL/OM/FM UK 573 Rodicricesitore porate compo d semi, sleivis« fede Ser foscole dele onde lnghe ® La conmuione lo mesro punto Gicde dale mecularane sh non prerevore pamesiar RigueaOnimeleprestason ico Evahea sab crake ‘Amertaalore 4 botere do 1S Vc Freducnea fs Baia vr Frecuersa ©. Ms 20000 EH ite FM tenaa uss 0: Frecuonee ©. 0270 2.999, ino OM gO yl ins OU: 350 W/m DISTRIBUITO IN ITALIA DALLA GC ———— Prescaler 600 MHz 4 laborotoo, per ndizatos ‘gia dl soni. Ue per ‘uentare la senaibts© te frequenzo o iezo Frequenzimett on saree CSroerathe dingresso 00" S00 are fopaore a a 0 seta: compote con TL, forout 20 mA DISTRIBUITO IN ITALIA DALLA GBC Se vuoi essere primo nella tua professione impara_ | Pelettronica Se sei . __. facile con il metodo “dal vivo” IST! Se sei. Quslunque sia la tua pei per le esigonze di Allevi professione, per essere alla europe quindi anche per tl Nranguardla devi conoxear fa \ Eetvonica E quale modopic Vuoi saperne di pid? Semplica del metodo “dal vi; Rlchiesl grate Inprova, "ist? Senza impagne, un faseicalo el corso. Grudichora: tu ste Umetodo “dal vivo" IST Sia vals del metodo tiinsegna divertendoti _—troveral tutte Ie informazion’ Con solr 18 fassicalie con 8 che desidert Shite, 2 com 8 igmiTyro svizzeno experiment) divers Ed ater. TECRICA mine rleoverat‘un Certificate fine ho, UN corso @ stato realizzato da tuna éauipe di ingegneri euro: [BUGNO rere Teese ars mee ro static dl coro dl ELETTHONICA con experiment tlnfomnacion suppiemants, rapa dierivee una letters Boreal). Da itso apd 9 basta chia ietro 48/351, 21018 LUINO (Varese) Tet.0332/63 04 69 | MEDICINA UN TERMOMETRO PER LA FEBBRE SI, PURCHE SIA ELETTRONICO Quando cambia la temperatura de! nostro corpo & buona norma misurarla con il termometro. Forse é pill facile, invece di utilizzare il mercurio, adoperare una NTC. Il termometro cosi sara elettronico. Per trattare il segnale ecco per esempio usato l'integrato NE556. Infine, le cifre significative su display digitale. [i rresetto che qui vi proponiamo & interessante per almeno due ragioni. Risolto in un laboratorio universitario, a Roma, presenta ca- ratteristiche elevate di affidabilita; poi & semplicemente ricostruibile per via dei pochi componenti ne- cessari, Infine possiamo dire che si tratta di un circuito interessante perché risolve interamente la fun- zione della misura della tempera- tura. Gli elementi fondamentali so- no Tintegrato 556 e la sonda Phi- lips (descritta pit avanti) costituita da un termistore dove la resistenza interna varia in corrispondenza del- La fig. 2 illustra, unitamente allo schema a blocchi ‘relativo ad una sola sezione dell'integrato, il cir- cuito di principio proprio del fun- zionamento astabile. Con riferimen- to alla fig. 2 & opportuno porre in evidenza la possibilita di control- Jare le caratteristiche temporali, in- dipendentemente dalla rete RC, mediante la regolazione della ten sione applicata al terminale « con- trol voltage », ¢ quella di inibire Vuscita, mediante lapplicazione di impulsi o livelli inferiori a 0,4V al terminale « reset ». Vediamo ora da vicino la sonda. SS Ss tt tb La sonda NTC della Philips. Fig. 1 la temperatura. Il segnale risultan- La sonda te, opportunamente trattato, pud NTC Philips essere visualizzato su di un sistema display classico. I progetto & ap- parso sulle note di applicazione Philips Elcoma. Vediamo insieme di comprenderne il funzionamento. Liintegrato 556 di progettazione Signeties, 2 costituito da due se- zioni identiche ed indipendenti, le quali sono in grado di funzionare sia come multivibratori: monostabi- i (con ritardi variabili dal micro- secondo all’ora), sia come multivi- bratori astabili (con frequenza massima dell’onda quadra pari_a 200 kHz). In entrambi i casi le caratteristiche temporali, di eccel- lente stabilita, vengono imposte me- diante una rete RC esterna, La ta- bella 1 compendia le caratteristiche dell’NE 556. 2322 627 11224 Si tratta di un termistore a coef- ficiente di temperatura negativo, racchiuso in un contenitore di ve- tro dalle caratteristiche dimensio- nali adatte ad una utilizzazione co- me sonda di un termometro clinico, La legge di variazione della resi- stenza in funzione della temperatura 2 espressa dalla relazione: R= Ac? La tabella 2 compendia le carat- teristiche della sonda, mentre la fig. 1 ne illustra forma e dimensioni. Nella tabella 3 sono riportati (a prescindere dalla tolleranza sul va- lore nominale a 25°C, e sul parame- tro B) i valori della resistenza che la NTC assume nell’intervallo di a RADIO ELETTRONICA SCHEMA A BLOCCHI y, y, | Una sezione del NE 556 0 rote RC per il tunzionamento ‘in condizion! di astabile. NE 556, SUA UTILIZZAZIONE temperature di interesse clinico. Vediamo ora come vengono uti lizzati i circuiti contenuti nell’inte- grato e poi analizziamo il fun- zionamento dei vari stadi suggeren- do i necessari valori dei compo- nenti Analisi del circuito Nel termometro descritto nel pre- sente lavoro, entrambi i circuiti contenuti nel chip dell’NE 556 ven- gono fatti funzionare nel modo asta- bile, cio’ come oscillatori ad onda quadra. Per cid che riguarda la frequenza di oscillazione, in un caso essa vie- ne resa dipendente dalla temperatu- ra da misurare, mentre nell’altro essa 2 costante. Le oscillazioni con frequenza di pendente dalla temperatura, oppor- tunamente campionate mediante quelle di frequenza costante, ven- gono inviate ad un contatore prov- visto di memoria e di display, il quale, comandato dalla stessa 'se- zione dell’NE 556 che viene utiliz zata per il campionamento, forni see direttamente il valore nuimerico GNDo Fig. 3 A trequenza dipendente della temperatura, 8 frequenza campionamento. 44 MEDICINA della temperatura misurata. La necessaria dipendenza tra frequenza e temperatura, nelVinter- vallo di interesse (35°C — 42°C), inte Vimpiego della sonda NTC descritta, nella re- te di temporizzazione relativa ad una meta dell’NE 556 (vedi parte sinistra della fig. 3) Tl valore della frequenza é espres- so dalla relazione: fe = 1,44 / (Ra + 2R) C Per il dimensionamento di R: la relazione da imporre 8: fs/fe = (Ra + 2Re) / (Ra + 2Rss) 35/42 che da per Ra, utilizzando i valori di resistenza che la NTC assume a 35°C, il seguente valore: Ra 158304 Q Nella pratica un valore tale @ possibile ottenerlo mediante la se- rie di un resistore da 100 k2 e di un trimmer multigiri, opportu- namente regolato, da 100 k2. Prevedendo di effettuare campio- namenti della durata di un secondo, ed accettando un errore di conteg- gio pari a 0,01°C, occorre dimen- sionare il condensatore C in modo che la frequenza di oscillazione sia Tabella 1 - Caratteristiche del NE 556 Parametro Valore Uniti ‘Tensione di alimentaz. 5-15 Vas Corrente di alimentaz. 2-18 mA Tensione di soglia 2/5. V Corrente di so 30 onA Tensione di trigger 1/3 Vas Corrente di trigger 500 nA. Tensione di reset oa V. Corrente di reset Ol mA Corr. max. di uscita 200 mA. Errore (monostabile) Accuratezza inizisle 073% Deriva termica 50 ppm/*C Deriva ditensione 0,1 %/V Errore (astabile) Accuratezza inizisle 225% Deriva termica 150 ppm/*c. Deriva ditensione 03 %/V Difference tra le due sez. di uno stesso chip 02 % ppmpre 02-05 %/V Deriva di tensione IL TERMOMETRO |_|_J wre [F109 T+10 t10 +10 LA F(T) A A segnale relative ‘lla temperatura, B camplonamento 5 utiizato anche per i comando display con memoria, C segnale (mim tease) ¢ ¢ meser) reset per! conto c Fig. 5 ‘SEGNALE DI CAMPIONAMENTO ry ner F Froquonza @ tempi segnete camplonamento, Fig. 4 Tabella 2 - Caratteristiche della sonda NTC Philips Parametro Valore Unita Resistenza (@ 25°C) 220000 + 20% @ Bs (tra 25°C e 85°C) 4200 +: 59% ee Dissipazione massima (a 55°C) 100 mW Feattore di dissipazione (appros.) o7 mw/c Costante di tempo 4 see 25 - +200 *c Range di impiego (a pot. max.) 0-455 c Coeff. di temperatura (a 25°C) 49 pC Peso (appros.) 03 e Amplificatore audio Hi-Fi 30W Cesito di exrama semplishd © implant mono «stereo. I stn cortices E598 Ral bron folenzae difedeltsIngonbro piv poricolo exgenze i bese Fence " equenzeconcicndo ofime Utlizestone univerisla por prestosion eon conto moto, Alimetcrore,-18418 Vee Porrca. 30 W RMS av 4 Seago Scottie dbvayo ow Noe Hepen r aigBS Eom nenetacie DISTRIBUITO IN ITALIA DALLA GBC IMPARA AD USARE ILTUO COMPUTER: Corri ai corsi del Bit Shop. Br Shop dela GEC, in Va Pala 6,0 Mino, sane init | tort oploners dle postennosone 9 BASE as Siac 0 Stare Comatze : icon son tert do peordle quai, sno rato «opi 1 ere di nsone pero Dk 80¢ 20 ore per IP, con Degcis So concacare con gh aloe corona poco. Pr Sccasene ise par"metere le mont sy ure sme dhe eels ope oo spr po PON Tabella 3 - Valori della resistenza della NTC nelintervallo di inte- resse clinico Teo R@ 3 139217 36 155007 3 127492 38 12057 0 116887 40 111966 41 107282 2 102822 100 volte il valore della temperatu- ra misurata, espresso in °C. Da questa considerazione risulta che, effettuando il calcolo per ta temperatura intermedia di 38,5°C (f = 3850 Hz), la capacita di C deve avere il valore di 941,7 pP. In pratica non & possibile dispor- re di un condensatore che abbia esattamente questo valore dit capa- cit. Questa difficolt& viene comun- que facilmente superata, utilizzan- done uno da 1000 pF, con normale tolleranza, ¢ correggendo opportu- namente le caratteristiche tempora- Ii dell’oscillatore mediante la rego- lazione della tensione applicata al terminale « control voltage » della sezione utilizzata dell’NE 556. I fattore di correzione, che nella realtA & opportuno individuare spe- rimentalmente alla temperatura di 38,5°C, risulta essere: 1000/941,7 = 1,062 La tabella 4 fornisce il valore della frequenza di oscillazione alle varie temperature nellintervallo di interesse. Per ogni valore viene ri- portato anche V’errore dipendente dell’andamento esponenziale che la resistenza della NTC presenta in funzione della temperatura Per cid che riguarda I'altra se- zione dell’NE 556, per avere cam- pionamenti della durata di un se- condo, essa dovra fornire un’onda quadra di frequenza costante, con semionda positiva da un secondo. La durata della semionda negativa non riveste particolare importanza, ma & bene, per esigenze di lettura, che sia dell’ordine del mezzo se- condo, in modo che il rinnovamen- to dell'informazione sul display si verifichi all’incirea ogni secondo & mezzo. MEDICINA A. questo scopo il circuito rel vo alla seconda sezione dell’NE 556 ® stato dimensionato come illustra la parte destra dello schema di fig. 3. L’andamento del segnale di cam: pionamento unitamente alle sue ca- ratteristiche temporali, & illustrato nella fig. 4 L'uscita di questa sezione dell’in tegrato (terminale 5 in fig. 3) viene connessa con ill « reset » dell’altra (terminale 10 in fig. 3), cosicché all'uscita di quest’ultima sono pre- senti oscillazioni durante la sola semionda positiva. La fig. 5 fornisce uno schema a blocchi dell'intero dispositivo, unitamente all'illustrazione relativa ai vari segnali utilizzati. Da notare, per cid che riguards la sezione con- tatore, la presenza di un divisore per dieci supplementare, all'ingre s0, necessario, con le frequenze scelte, per limitare Verrore di con: teggio a 0,01°C Dall’esame della tab. 1, riguar- dante le caratteristiche dell'integra- to NE 556, risulta che, nel funzi namento astabile, la massima vari zione possibile, a lungo termine (accuratezza iniziale), della fn quenza di oscillazione & del 2,25% Conclusioni Del dispositivo descritto & stato realizzato un prototipo attualmente in prova presso un ambulatorio ve- terinario di Roma Le prestazioni fornite sono sod- isfacenti, e concordano con quan- to esposto, In particolare, questa utilizzazio- ne dell’integrato doppio NE 556 apre interessanti prospettive, eco- nomicamente confortanti, nel cam- po della termometria, della foto- metria, della misura in genere, lad- dove & possibile disporre di resi stori variabili in dipendenza dei parametri da misurare. L'autore desidera esprimere il proprio ringraziamento al Prof. Se- bastiano Sciuti per aver promosso presso il Laboratorio di Nucleoni questi studi di clettronica digitale, ed all'Ing. Franco Salmi per i suoi preziosi consigli. Tabella 4 - Frequenze di oscillazione ottenute alle varie temperature nelt'intervallo di interesse clinico) Teo fe) cerrore (°C) 35 35015 01s 36 3600.3 0.003 37 13699, oot 38 3739.9 0001 385 3850.0 ‘0.000 39 3900.1 001 40 4000.5 p05, 4“ 41010 0010 2 4201.6 0016 Tabella 5 - Variazioni positive massime della frequenza dipendentt dalla temperatura Teo fi) f+ Dion (Ha) 35 3500 3518.75 385 +3850 3956,65 2 4200 429450 Tabella 6 - Variazioni della frequenza dl campionamento conseguen- tile variazioni illustrate in tabella 5, e relative deviazioni nelle letture della temperatura Grandezea Variarione della frequenza di carapionamento ° +2,05% +225% 4245% anya. (He) 0,699 07135 on7 07166 Tonnon. (800) 14506 14019, 13992 13965 a) 3,00 0,980 os78 0876 letura a 35 °C 35,00 35072 35,002 34,929 lettura 2 385°C 38,00 38579 38,502 38421 letura a 42 °C 42.00 42,086 42,002 41914 Tabella 7 - Errori massimi parziali ed errore massimo totale culla determinazione delta temperatura Errore Vatore Voit NE 556 Ot fo Sonda 002 FC. Contegsio oor Ss Totale max. 013 Eo Un triac pud condurre in un certo senso a piacere: se posto in serie ad un sistema di lampade determina di queste l’accensione e lo spegnimento. Proviamo a comandare automaticamente per mezzo di un circuito integrato, con regolazione apptima domanda che ci si pone @: « ma dove pud servire un ap- parecchio del genere? ». Infatti se a prima vista un lampeggiatore pud sembrare qualcosa di fine a se stes- so, purtuttavia i suoi impieghi pr tici sono parecchi. Per esempio in tutti quei casi dove @ richiesta una luce lampeggiante di una certa po- tenza ad indicazione di qualche pe- ricolo, 0 come richiamo nelle in- segne pubblicitatie 0 nelle vetrine dei negozi. Si sa infatti che una scritta luminosa lampeggiante, co- me anche qualungue cosa che si muova, attira maggiormente su di se lo sguardo rispetto alle insegne tradizionali. Inoltre trova impiego nelle feste e in discoteca dove si & sempre alla ricerea di nuovi effetti luminosi dal momento che la frequenza di lampeggio & finemente regolabile si ottiene un effetto parecchio si- mile 2 quello che si ha con un flash stroboscopico, usando perd all suo posto delle comuni lampadine, almeno manuale. e associato con altri effetti, per esempio con delle luci_psichedeli- che, si possono avere dei risultati molto interessanti e piacevoli. Lo schema @ caratterizzato da una sempliciti notevole oltre che da un costo ridotto; in eso sono stati eliminati i dispendiosi inter- ruttori elettromeccanici, sostituiti da un triac, dal costo inferiore ¢ di durata pressoché illimitata. L’apparecehio si adatta cosi an- che alle esigenze dei novizi dell’e- lettronica, dal momento che il fun- zionamento & pressoch® assicurato dall’esiguo numero di componenti e dalla assenza di parti critiche 0 che impongono una taratura di qua- lunque genere. Lo schema elettrico Se & possibile contare sulle dita delle mani il numero dei compo- nenti presenti lo si deve all’utilizzo. dell’ormai classico integrato 555, PSICHEDELICA ALLA RICERCA DI NUOVI EFFETTI LUMINOSI i MARCO MILANI RADIO ELETTRONICA SCHEMA ELETTRICO integrato estremamente versatile © utilizzato in centinaia di applicazio- ni differenti, dai timer ai frequen- rimetri, dagli oscillatori ai capa- cimetri. In questo caso viene im- piegato in configurazione astabile, cick lo si sfrutta per ottenere in uscita una onda quadra. Quest’on- da ® presente sul piedino 3 del!’ tegrato, e la sua frequenza viene data dalla relazione seguente che lega i diversi parametri 144 f= ——_____. (RI + 2P1) CI dove PI 2 il valote che in questo caso assume il potenziometro a se- conda di come viene posizionato. ‘A questo punto si capisce come variando il valore di Pi si abbia una frequenza di lampeggio varia- bile, © pud essere interessante dal punto di vista sperimentale prova- Te a sostituire R1 e Cl con com- ponenti di differenti valori, veri- ficando quello che aceade in uscita a seconda delle modifiche che si apportano. Con i valori dati nel- Velenco componenti si ottiene una candenza di lampi di circa tre secondi quando P1 presenta tutta la sua resistenza, poi, a mano a mano che lo si ruota, la frequenza i uscita aumenta fino ad arrivare a una decina di lampi al secondo; oltre questo limite, se si continua a ruotare il potenziometro verso fondo corsa, la lampada smetterd i lampeggiare ed emetterd una lu- ce continua, Ritornando allo sche- ma elettrico, poiché Vonda quadra presente all’uscita dell’integrato non possiede un’ampiezza sulficiente per comandare direttamente il triae, si 50 PSICHEDELICA COMPONENTI ponte 30 V 250 mA. TRIAC 400 V5 A TI = trasformatore primario 220 V secondario 6 V 150 mA F = fusibile della stessa portata di quella del triac usato S1 = interiitore ricorre a un transistor, alla cui base giunge Vonda dopo aver at- traversato la R2. Il transistor & in- terdetto quando il valore della qua- dra @ al minimo, mentre entra in conduzione ogni’ volta che il Ii MONTAGGIO PRATICO vyello dell’onda si alza; in questo caso dal suo emettitore esce una corrente destinata al pilotaggio del triac, il quale ha un funzionamen- to analogo a quello di TR1 ma che invece di lasciar passare piccole om EBL correnti ha una potenza di gran lunga superiore, comandando cosi Vaccensione di’ una lampada ali- mentata alla tensione di rete. In pratica il triac lascia passare cor- rente, cio’ diventa un contatto chiu- aN SUPER FLASHER st RADIO ELETTRONICA so, quando gli arriva la corrente dal transistor, a sua volta eccitato alternativamente dall’onda quadra uscente dall’integrato, causa prima dell’intermittenza nell’accensione della lampada. Anche il triac & un componente a semiconduttore, cio’ allo stato solido, e di conseguenza le commu- tazioni al suo interno avvengono senza aleun contatto meccanic me invece succede nei relais, e per questo motivo non ci sono parti soggette ad usura e la vita di un semiconduttore, a patto che il suo utilizzo sia corretto, & praticamente illimitata. Integrato e transistor richiedono una alimentazione di circa 9 V, fornita in questo caso da un pice Jo alimentatore non stabilizzato for- mato dal trasformatore T1, dal pon- te di diodi raddrizzatori D1 e dal condensatore elettrolitico C3. Di conseguenza V'apparecchio non r chiede una alimentazione esterna, e basta che sia collegato ai 220 Volt di rete per essere pronto a funzionare. Per quanto riguarda il carico presente alluscita fino _adesso si ® parlato di una lampada, ma pud benissimo essere anche un cer- to numero di lampadine disposte in parallelo, con Vunico obbligo che la potenza totale, cio’ la somma dei Watt di ciascuna lampada, non sia superiore a quella sopportata dal trac, Per esempio nell’elenco compo- nenti viene indicato un triac dal- la corrente massima di 5 Ampere, © poiché Watt = Voltx Ampere 220 x 5 si ottiene che, lasciando un piccolo margine di’ sicurezza, Ja potenza massima applicabile al- Vuscita con questo triac & 1000 W. Se si desiderasse poter disporre di una potenza maggiore baster’ sostituire il triac con un altro in grado di sopportare una corrente pitt grande, e con un triac da 20 Ampere si potra per esempio appli- care un carico fino a 4000 W. I montaggio Dato Vesiguo numero dei com- ponenti non dovrebbero sussistere particolari problemi per quanto riguarda Vassemblaggio della ba- setta: un'occhiata perd & sempre consigliabile darla alle polarita del- Vintegrato, del transistor e del triac, oltre a infilare nello stampato i due elettrolitici per il giusto verso. An- che il ponte di diodi possiede una piedinatura che deve essere rigo- rosamente rispettata, ma di solito & difficile cadere in errore poiché ogni terminale & facilmente identificabi- le da un piccolo simbolo. Molti piccoli trasformatori d’ali mentazione non hanno delle scritte che indicano quali sono i due ter- minali che vanno alla rete e quali vanno al raddrizzatore, ma cid & facilmente risolvibile tenendo pre- sente che l'avvolgimento che si col- lega alla tensione maggiore, cio’ i 220 Volt, & costituito da un filo di sezione molto pitt piccola dell’av- 82 volgimento secondario, il quale in- vece, essendo attraversato da una corrente maggiore, & sempre pitt rosso. Sempre per quanto riguarda il trasformatore esso dovrd presen- tare sul suo secondario una tensio- ne di 6 Volt, mentre 150 mA so- no a sua corrente minima ma pos- sono essere impiegati benissimo an- che trasformatori che forniscono correnti superiori, con unico in- conveniente che sono pit cari ¢ pid ingombranti. Anche la tensione di lavoro de- gli clettrolitici e i valori di tensione € di corrente del ponte potranno essere benissimo superiori a quelli indicati, anche qui con unica con- seguenza della lievitazione del prez- zo ¢ delle dimensioni Poiché le correnti che attraver- seranno il triae potranno essere sostenute converr’ ripassare con dello stagno le piste in rame dello stampato che lo collegano, in ma- niera da aumentarne lo. spessore. Sempre in previsione dell’utilizzo di carichi di potenza elevata le spi- ne, l'interruttore ¢ i fili di collega- mento attraversati dalla tensione di rete dovranno essere di spessore adeguato, ed & necessario che le saldature’ agli ancoraggi del circu to stampato siano impeccabili. IL triac avra bisogno di una aletta per smaltire il calore solo nel caso in cui la potenza delle lampade appli- cate in uscita sia superiore ad al- eune centinaia di Watt. L’assem- blaggio pud essere effettuato indif- ferentemente sia in scatole di pla- stica che di metallo, ma nel caso di quest'ultime occorrer’ dedicare maggiot attenzione al fatto che nes- suna pista del circuito stampato faccia contatto, magari con le viti di fisseggio, con il metallo della scatola. Per raffreddare il triac, inyece di munirlo di una alettatu: ra, si potra anche fissarlo a una delle pareti del contenitore, ma in entrambi i casi 2 tassativamente obbligatorio che sia isolato elettri- camente. ABBONATI A Radio Elettronica CODER STEREO PER TX A FREQUENZA MODULATA i MAURIZIO LANERA Dalle esperienze di un radioamatore, per la cronaca il Signor IV3 TLH, ecco collaudato e funzionante un coder stereo per trasmettitori in modulazione di frequenza. L’autore, autodidatta, si rivolge a quanti sono appassionati di alta frequenza ma non hanno (0 in bf risolutore poi un circ 1 coder si compone principalmen- te di_un oscillatore quarzato a 26.610 MHz. corrispondente al ca- nale 9 CB di ricezione che viene diviso dal primo integrato per 10 ottenendo cosi 2,661 MHz che ven- gono a sua volta divisi per 7 otte- nendo 380 KHz che successivamen- te divisi per 5 ci danno 76 KHz. Ora con questa frequenza operiamo una divisione per due ottenendo due segnali a 38 KHz squadrati (ed in opposizione di fase) che andranno a pilotare le due basi dei transistor alternativamente, che a sua volta si apriranno e chiuderan- ‘no 38000 volte al secondo, lascian- do passare prima il canale destro € poi il sinistro. Per la sensibilita A questi transistor _ne seguono altri per la preamplificazione del Bae J NSUNNBAM Jaqn8a000 @ 37708 saen segnale con relativi trimmer che an- dranno regolati per la uguale sen- sibilita dei due canali. Vi & pure il doppio circuito per collegare i due vu-meter, che verrd tarato per una perfetta simmetria. Per effettuare questa taratura consiglio di inniettare all’ingresso di entrambi i canali una nota a 1000 Hz con generatore, e regola- re i due vu alla stessa indicazione; nonché in fase di trasmissione re- golare simmetricamente i preampli- ficatori audio avvalendosi degli stru- menti posti nell’amplificatore del sintonizzatore di casa. Questo vale naturalmente per chi non disponesse di strumentazione adeguata. Chi ha a disposizione un oscilloscopio pud senz’altro effet- tuare delle misure pid esatte se pur francamente poco importanti. Ritornando al discorso di funzio- namento, oltre che a questi due se- om op 6 er 5 RADIO ELETTRONICA SCHEMA GENERALE Ati Stromenti gnali a 38 KHz c’® ne pure un al- tro ricavato per divisione da uno dei due segnali a 38 KHz ed ha una frequenza di 19 KHz, ¢ cio’ esattamente la meti. Vediamo che questo segnale 2 indispensabile in fase di trasmissione, perché & quel- lo di sincronismo e ciot quello che nel sintonizzatore fa accendere la spia stereo, indicando che il deco- der nel ricevitore @ in perfetto sin- cronismo con il coder di trasmis- sione, ¢ cio® che si ha perfetta se- parazione dei canali. Questo segné Te a 19 KHz prima di venir utiliz- zato nel circuito viene reso sinusoi- dale per mezzo di un filtro ad RLC ed invieto ad un transistor che ne preleva una fase a mezzo trimmer e la invia ad un amplificatore com- posto da un altro transistor con re- Iativo trimmer. Questo deve essere regolato per un‘intensiti sufficiente a far accendere la spia stereo nel 56 1 ROO 4ipF F] mas seyt mL ook PS Hi Teen Ane J IN 4148, XTAL 26,610 Mie tore: sperimentalmente si tro- vera la regolazione migliore. A questo punto analizziamo i due compensatori che sono inser in serie alle basi dei due transi- stor che fungono da interruttori a 38 KHz. Per mettere a punto que- sti ® indispensabile un oscillosco- pio, che verrd collegato all’uscita del’ codificatore, ed una volta vi- sualizzata la sinusoide senza aleun segnale in ingresso, verrano rego- lati per una perfetta forma d’onda, senza picchi o deformazioni. Cid per evidenti motivi di purez- za dei segnali, ad evitare distorsioni. SOUND Schema a blocchi [Z| 1% L aw wv R Logica det collegament| A sinistea schema elotric. La strumentazione pud essere risolta on | tip! @ led. Cosi sull’ oscilloscopio SulFoscilloscopio alfuscita del coder, ‘Per controilare Ja taratura. Supponiamo di collegare un registratore ‘Storeo alFingresso: onda apparira mata. Nel disegno s! & volute ‘simulare la modulazione (R) (2 1). Il trimmer & importante 11 trimmer che si trova in pa- rallelo del compensatore & molto importante, in quanto determina la perfetta separazione tra i canali. Verra regolato, sempre in fase di trasmissione per ta massima se- 87 E’ INEDICOLA SOMM@ersO parazione tra i canali, adottando sempre il sistema di uso del sinto- nizzatore come monitor. Detto cid analizziamo il circuito di uscita, quello cio’ che pilotera il trasmettitore; composto da un transistor alla cui base _vengono inviati i due segnali a 38 KHz con- tenenti le rispettive informazioni audio dei due canali ed in pit il segnale a 19 KHz di sincronismo, opportunamente e precedentemen- te gid claborato. Anche qui troviamo un trimmer, che ovviamente determina l'inten- sita di uscita del segnale comples- sivo, quindi per 1a regolazione di detto trimmer consiglio in fase di taratura di regolarlo quasi al mas- simo, cio a 3/4 di corsa rispetto massa. Cid per evitare distorsioni e nello stesso tempo avere un se- gnale robusto per poter accordare tutti i circuiti, Anzi al_momento della taratura del coder & la prima operazione da farsi, in quanto non vedendo uscire aleun segnale si potrebbero atiribuire altre cause di non funzionamento Avendo osservato dette descri- zioni il coder & pronto per essere nsato. Se qualche prototipo doves- se dare segni di instabilita, consi- glio di collegare una resistenza da 10 KOHm ai due emittori dei tran- sistor che fungono da interruttori alla alimentazione + 12 Volt. Con questo procedimento si stabilizza ulteriormente il punto di lavoro dei due transistor rendendo tutto il circuito pit stabile e sicuro. Per quanto riguarda i collega- menti elettrici bisogna innanzitutto provvedere all'alimentazione del co- dificatore che richiede due tensio- ni di alimentazione, 12 Volt per i circuiti a transistor, e 5,1 Volt per i circuiti integrati. Qualunque ali- mentatore stabilizzato va bene, quindi lascio al lettore la propria scelta, 0 chi ne & gid in possesso potra usare quello. Certo una realizzazione pid ac- curata esige che 'alimentatore sia contenuto insieme al coder in un clegante mobiletto metallico che ognuno sceglier’ a suo insindaca- bile giudizio. Avendo provveduto per I’alimen- tatore, collegheremo i VU meter. RDS OPE RIA IAE Cl ACE ? MODELLO DESCRIZIONE PREZZO IVATO UK L/w Sirena L. 14.600 UK 128 Filtro antirombo L. 3.800 UK 163 Amplificatore BF per auto OW L. 11.900 UK 166 Preamplificatore stereo L. 14.900 UK 262 Batteria elettronica, L. 19.500 UK 263 Batteria elettronica 15 ritmi L. 42.900 UK 263/W Batteria elettronica 15 ritmi montata L. 49.000 UK 325/A Ricevitore radiocomandi L. 5.100 UK 330/A Ricevitore radiocomandi L. 2600 UK 370 Amplificatore lineare L. 28.000 UK 380 Visualizzatore sintonia L, 59.000 UK 428 Multimetro digitale L, 125.000 UK 440/8 Capacimetro a ponte L. 12.900 UK 433 Convertitore L. 19.900 UK 573 Radio AM/FM L. 22,900 UK 558 Prescaler L. 49,000 UK 558/W Prescaler montato L. $8,000 UK 713 Mixer microfono 5 canali L. 30.500 UK 713/W Mixer microfono 5 canali montato L. 36.000 UK 733/A Luci psichedeliche L. 37.000 UK 752 Comando sincrono per flash elettronico L. 4900 UK 736 Psico Vu meter L. 43.900 UK 770 Commutatore giradischi L. 6900 UK 790 Interruttore capacitivo L. 11.900 UK 993 Generatore di reticolo L. 25.500 UK 993/W Generatore di reticolo montato L. 29.500 UK 995 Generatore barre punti per TV color L. 19,900 DISTRIBUITI DALLA GBC | Un piccolo suono, qualche vibrazione nell’aria, ‘ed ecco subito il nostro fedele robot che scatta. Per far cosa? Qualunque cosa purché ci si osservi al relais. Potrebbe essere collegato ad una culla da dondolare quel tanto che ridia sonno al piccolo 0 potrebbe farci accendere il tiv con uno schiocco di dita, e cosi via. JN on 2s prima volta che in ste specializzate in elettronica parla di relay azionato dal suono se ritorniamo sull’argomento & perché abbiamo da proporvi un progettino che si differenzia dalle solite cose viste sinora, Non si tratta del solito circuitino buttato git in pochi minuti, magari un po’ duro d’orecchi o in grado so- Jamente di tenere eccitato il relay esclusivamente per il tempo che dura il rumore. Partendo dal fat- tore sensibilita anticipiamo subito che quella del nostro dispositivo si potrebbe definire « mostruosa >, quanto sia vera la nostra afferma- zione potrete verificare realizzando il circuito. B perd sul modo con il quale viene eccitato il relay 0 me- glio i due relais presenti che il nostro circuito si differenzia mag- giormente dagli altri. Abbiamo rea- lizzato all'interno del circuito una semplicissima memoria, essa ® in grado di tenere eccitato il relay an- che dopo che il rumore sia cessato; per dissecitare lo stesso bastera pre-~ mere un comunissimo_pulsantino. Questo per i primo relay pilotato, mentre per il secondo, abbiamo previsto una temporizzazione gra- zie alla quale esso rimane eccitato per un tempo che potremo stabilire a nostro piacere. Circa le applicazioni di questo relay temporizzato basta lasciare libero sfogo alla fantasia per tro- varne a bizzeffe; comunque ve ne suggeriamo qualcuna: per esempio potrebbe comandare un motore col- legato alla culla ove riposa il par- golo in modo che deta culla ven- ga faita oscillare dal motore per un breve tempo ogni qualvolta il frugoletto emetta un tenue vagito. Unico problema sari quello di re- golare per bene la posizione e la sensibilit& del microfono in modo che il relay venga eccitato solo dal vagito del pupo e non dal rumore della culla. Sempre sullo stesso principi potreste realizzare un pupazzetto che venga messo in movimento da un motore ogni qualvolta si fac- ciano schioceare le dita davanti al microfono. In casa un tale pupaz- zo sarebbe un gadget interessante mentre posto sul tavolino di un bar costituirebbe un interessante chiamo. Ed ecco infine un’altra applica- zione dedicata questa volta agli ami ci degli animali e grazie alla quale il buon veechio Fido potra megli ripararsi nella sua cuccia dai rigo- ri invernali. Dotata la cuccia di tuna porta comandata a motore al buon Fido opportunamente adde- strato, non rester’ che abbaiare in prossimiti del microfono per otte- nere apertura della stessa_port cina per il tempo necessario a poter enirare e uscire. Come potete ve- dere il nostro semplice relay fonico pud anche diventare un utile robot per gli usi pid disparati. Chi ora temeva di fronte a qual- cosa di mastodontico e complicato si rassicuri tranquillamente, in quanto per ottenere tutto questo ben di. Dio sono sufficient due sem- plici integratori e qualche spic- ciolo sotto le specie di banali re- sistenze e condensatori pitt owvia- mente il relay. I! primo dei due integrati si preoccupa di amplificare il segnale proveniente dal microfono. Abbia~ mo scelto il tipo magnetico causa Ja sua maggior sensibilita e la mi- nore impedenza di uscita rispetto al tipo piezoelettrico. Contro questi vantaggi c’® da pagare lo scotto di un maggior prez- cy APPLICAZIONI RELAIS FONICO ; AD ALTISSIMA SENSIBILITA i FRANCESCO MUSSO RADIO ELETTRONICA SCHEMA ELETTRICO sehe elettrico generale eI relalsfonico @ momoria AR EAGSASHAG W162 | z0 ma la cosa & contenuta al massi- ‘mo nell’ambito delle cinquecento I rette pitt 0 meno. Fra gli operazio- ali presenti sul mercaio abbiamo scelto "LM 387 in quanto si tratta di un amplificatore veramente va- lido a basso rumore, cosa impor- tante quando si ha a che fare con i bassi livelli di segnale forniti dai microfoni magnetici inoltre ha il pregio di avere dimensioni ridotte essendo incapsulato in un contenito- re a soli 8 pin DIL. Ogni LM 387 contiene due amplificatori i quali, posti in cascata, permettono di rag- giungere agevolmente notevoli tassi di amplificazione. 11 primo operazionale di 1C1 la- vor in configurazione — Single Ended — non invertente e questa & quella in cui ® minore il rumore introdotto dall’amplificatore. Lo stadio @ stato calcolato per una tensione di alimentazione pari a 12 volt per offrire un guadagno pari a 200 V/V. Considerando il micro- fono fornisca, per livello medio (in- tensit& sonora di una conversazio- ne) di suono un segnale pari a 1-2 millivolt avremo sull'uscita di Al un segnale di ampiezza compresa fra 200 e 400 mV. Mentre il valore di R2 pud anche rimanere inalte- rato al variare della tensione di alimentazione e del guadagno_ri- chiesto (suo valore massimo 240 Kohm) quello di RI e di R3& in- vece funzione di questi due para- metri. In un apposito specchietto troverete le formule necessarie per il loro calcolo, Da Al attraverso C3 il segnale passa ora all'operazio- nale A2 per subire una ulteriore amplificazione, Il secondo operazionale lavora in configurazione invertente poiché con tale soluzione agevolmente non solo il guadagno ma anche I"impe- denza di ingresso dello stadio. Il guadagno @ stato fissato a circa 35 V/V in modo che anche segnali molto deboli captati dal microfono fossero in grado di eccitare il relay. A titolo di sempio diciamo che un segnale in uscita dal microfono con una ampiezza pari a 400 microV si ritrova in uscita da A2 con ben 2.8 V picco-picco. Chi si trovasse nella necessitt di lavorare con ru- mori molto deboli, pud incremen- tare ulteriormente la sensibilita del circuito elevando ill guadagno del secondo stadio amplificatore da 35 a 50 V/V, pud farlo semplicemen- te portando il valore di R5 dai 15 Kohm previsti a soli 10 Kohm. La soglia di scatto, ovvero Min- tensita minima del rumore in grado di eccitare il relay, viene regolata 6 APPLICAZIONI dal_potenziometro R4 il quale si comporta come un normale con- trollo di volume. L'uscita di A2 a riposo, ovvero in assenza di segnali, si trova ad un potenziale pari a 7+7,5 Volt, men- tre quando il microfono capta un stono detto livello si porta su va- lori pits negativi oscillando alla stessa frequenza del suono captato. Per rivelare la presenza di un suo- no sara quindi sufficiente alle un circuito che avverta detto cam- biamento di livello sull'uscita. di A2. Il circuito in questione null’al- tro @ che un semplice comparato- re. Noi Pabbiamo quindi progetta- to in modo che fosse in grado di sentire le escursioni negative della tensione di uscita su A2 e per que- sto tale uscita & stata collegata a mezzo di R9 all'ingresso (—) di A3 uno dei quattro amplificatori COMPONENTI R 1 = 2,7 Kohm R 2 = 150 Kohm R 5 = 560 Kohm R 4 = 10 Kohm potenz R 5 = 15 Kohm R 6 = 150 Kohm R71 = 560 Kohm R 8= 22Kohm R 9= 47 Kohm R10 = 4,7 Kohm Rit = 68 Kohm R12= 47 Kohm R 15 = 680 Kohm R 14 = 470 Kohm R 15 = 680 Kohm R16 1 Mohm R17 = 82 Kohm R 18 = 100 Kohm R19 = 3,3 Mohm R20= 1 Mohm R21= 10 Mohm R22 1 Mohm R25 = 82 Kohm R24 1 Mohm R25 = 1 Mohm operazionali presenti nel secondo integrato, un comunissimo LM 5900. L’ingresso (+) di A3 & te- nuto ad un potenziale di poco infe- riore a 7 Volt per cui fintanto che Puscita di A2 si trova a riposo la uscita del comparatore & bassa. Non appena il microfono capta un ru- more di intensita sufficiente la A2 decrementa il potenziale sulla sua uscita per cui A3 viene a trovarsi con lingresso (—) ad un potenzia- Je superiore a quello dell'ingresso (4) e quindi la sua uscita va alta. L'LM 3900 un operazionale che a differenza di altri lavora in cor- rente e non in tensione per cui non sarebbe corretto parlare di potenzia- i maggiori o minori sui suoi ingres- si ma dal momento che le resisten- ze poste in serie agli ingressi sono identiche, si pud parlare in termini di tensione; detta tensione non & 1 Mohm 1 microF 10 microF 100 nf 100 nF 100 nF 4,7 microF 100 nF 50 nF 1-20 microF vedi tabella 22 nF aanacnanesn 100 nF 100 nF LM 387 LM 3900 BC 107 TR2 = BC 107 DI-D5 = IN 4148 Mike = microfono magnetico PR = pulsante contatti normalmente aperti st interruttore RY I = relay 12 volt resistenza minima bobina eccitazione 150 Ohm perd da intendersi misurata diret- tamente sugli ingressi ma sull'uscita di A2 e sul punto centrale del par- titore formato da R10 ed R11. Tor- niamo ad A3; quando la sua useita va alta, tramite C7 un impulso po- sitivo viene fatto pervenire sull'in- gresso (++) di A4. Con questo ope- razionale abbiamo allestito un cir- cuito bistabile il quale assume un determinato stato e lo mantiene a seconda di quale sia V’ingresso che riceve un impulso positive. Quando Vimpulso giunge sul (+) luscita di Ad va alta, quando giunge sul (—) Vuscita va bassa. Quando il micro- fono capta un suono A3, tramite C7 genera un impulso positivo il quale manda alta Ad e questa a sua vol- ta fa entrare in condizione TRI il quale eccita il relay. Per riportare bassa A4 e dissecitare il relay vi sono due possibilita: manualmente 63 RADIO ELETTRONICA DISPOSIZIONE COMPONENTI —| |+ 2 K ot Sites Oe cs da t bane % i Pe be |e wes ce t-" ~etab =~ ope Ro col pulsante PR oppure in modo automatico grazie al circuito rela- tivo al secondo relay, quello tem- porizzato, del quale vediamo ora lo schema, Quando la A4 va alta, un impulso positivo giunge, trami- te C8, all’operazionale A5 con il quale sié realizzato un monostabile. L'impulso positivo eccita detto CIRCUITO STAMPATO monostabile ed A5 va alta per tut- to il periodo necessario al conden- satore C9 per caricarsi ad una ten- sione prossima a Valim./4 dopo di che I'uscita di A5 tora bas: Per tutta la durata del periodo di eccitazione TR2 conduce e RY2 rimane eccitato. Quando la AS ri- torna bassa si genera, grazie a C10, un impulso negativo il quale viene applicato ad un secondo monosta- bile tessuto attorno ad A6 quarto ed ultimo degli operazionali_ pre- senti nell’LM_3900. A6 a riposo presenta Puscita alta mentre quan- do viene eccitato ad un impulso negativo sul’ingresso (-+) va basso per tutto il periodo di carica di C1 e poi ritorna alto. Quando ritorna alto si ferma, grazie a C12, un impulso positivo il quale pud venir applicato all’in- gresso (—) di A4. Se viene appli cato (dipende dalla posizione del- interruttore $1) il bistabile realiz- zato con A4 viene restettato, la sua uscita va bassa RY1 si diseccita ed il circuito 2 nuovamente pronto a a scattare non appena il. microfo- no capti un altro rumore La presenza di un gran numero di componenti passivi rispetto a quello ridotto degli integrati 2 un po’ la caratteristica dei circuiti che impiegano integrati lineari come il nostro. Cid implica una maggior complessit’ nell’operazione di ca- blaggio, o meglio in questi cast, si rende necessaria una attenzione ben maggiore nel posizionare i compo- nenti sulla basetta poiché risulta maggiore la probabiliti di commet- tere errori. Tenuto conto di questo problema noi abbiamo cercato di facilitare al massimo il Tavoro ai nostri lettori disponendo i vari com- ponenti nel modo che ci & sembra- to pit razionale. Tutte le piazzole relative ai collegamenti con i com- ponenti — out board — sono state disposte sullo stesso Tato della ba- setta ad eccezione dei due termina- Ii per Valimentazione. Tenendo la basetta dal lato componenti ed in modo che lo spazio destinato ad ac- cogliere i due relais risultati in bas- so veniamo a trovarei con i termina- Ii per Valimentazione in alto e Ja fila degli altri sulla destra. Sopra il primo integrato, 'LM 387 a otto piedini, troviamo tutti i componen- ti relativi al primo stadio ampli- ficatore mentre sotto allo zoccolet- to sono piazzati tutti quelli ineren- ti il secondo stadio ¢ la rete R8-C6 che serve a disaccoppiare Valimen- tazione per IC1. I componenti rele- APPLICAZIONI 1 comparatore ed al monosta bile (A3 ed Ad) si trovano tutti nello spazio compreso fra i due integrati ed in quello posto supe- riormente allo zoccolo di IC2. Sotto tale zoccoletto troviamo in ordine quasi progressivo le resisten- ze ed i condensatori che concorro- no a formare i due monostabili (A5 ed A6) tutti disposti orizzontalmen- te ad eccezione di C8, C10, C7 ¢ delle due resistenze R17 ed R25 le quali pilotano le basi dei due tran- sistori collocati nella parte bassa della basetta in prossimita dei re- lais. Una disposizione molto razio- nale che dovrebbe facilitarvi il mon- taggio del circuito. Le resistenze da utilizzare quelle da 1% di watt, i condensatori del tipo ceramico per le basse capacit’, al tantalio per quelle maggiori. II master & stato progettato sulla base delle dimensioni di ingombro offerte da questi tipi di componen- tie pertanto chi vorra realizzare una basetta valida sia sul piano funzionale che su quello estetico non utilizzi component imen- sioni maggiori. Per I'alimentazione abbiamo previsto una tensione pari a 12 volt, poiché i relais con tale tensione di lavoro sono facilmente reperibili. La tensione di alimen- tazione pud essere fornita da_un qualunque alimentatore, munito an- che solo di semplice stabilizzazione a zener pitt transistor oppure, dato i basso consumo, si pud provvede- re con otto pile formato stilo o mezza torcia da 1,5 volt Volendo lavorare con_tensior differenti la cosa & pur sempre pos- sibile in quanto sia 'LM 387 che I'LM 3900 accettano una vastissima gamma di tensioni; si rende per necessario modificare il valore di taluni componenti soprattutto per auanto concemne i due stadi ampii- ficatori. In merito abbiamo provve- duto ad allestire una tabella nella quale sono indicati quali e di che valore modificare detti_ componen- ti, Sempre nella stessa tabella tro- verete le indicazioni circa i valori della capacita di C9 dalla quale dipende il tempo di RY2. DISPOSIZIONE COMPONENTI eh = alae a 1 Ped oe Tet he ite eosin ERR ay boar rs [ Sasoo 7 Rb re koa BRFSS eee n= | \ @ RELAY Ry CALCOLI PER IL GUADAGNO DEGLI STAD! AMPLIFICATORI 1° stadio con operazionale AI R2 = scegliere a piacere valore limite 240 Kohm consigliato 100-200 Kohm RS x a 2,6 RI = R3/Av-1 Av guadagno in tensione dello stadio 1 c2 = ——____ 6,28 x Ri x fo fo = frequenza di taglio inferiore 2 stadio con operazionale A2 RO = da scegliere a piacere come R2 V alim RT =———— —1 x Ro 2.6 RS = R7/Av 1 cs = —___ 6,28 x RS x fo — Nota sul condensatore C9 che determina il periodo di eecitazione del secondo relay: Ponendo C9 pari a 10 microF si ottiene un tempo di eecitazione ail’incirca di 10 secondi. Per aumentare.o diminuire tale periodo consigliamo di giocare esclusivamente sul valore di C9 il quale pud salire anche oltre i 100 microP. 6 veda S | L= Fresche energie nella ricerca: il concorso Philips stimola nuovi interessi tra i giovanissimi. « Sistema TTL per la programmazione di test interattivi »: Flavio Ciandrini, lomellino di Mortara, ha affrontato la progettazione e la realizzazione di un tema di tanto impegno nelle ore libere dalla scuola. Flavio ha 17 anni e frequenta la quarta liceo. © stato della ricerca « gio ne » oggi in talia: se ne & pa lato con dovizia di particolari a Mi- Jano, oggi 5 marzo, in occasione di la cerimonia di assegnazione dei premi ai giovani partecipanti al 13° Congreso Philips 1980-81, svoltasi al Museo della Scienza e della Tec- nica presenti autorita varie, profes- sori, responsabili di editrici e di giornali, Ha parlato il prof. Caras- sa, una autorita in telecomunica- zioni, han parlato politici e vice- prowveditori. Han parlato soprat- tutto perd i progetti esposti in sala, in vero un corridoio un po’ tetro per la cattiva scenografia d'insieme. Tutti progetti di giovani_ italiani un po’ diversi dal solito, dato che interessano di studi severi e di conchiglie, di elaborazioni comples- se ¢ di microprocessori. Giovani, anche di sesso femminile, che par- lano con sicurezza di programma- zione di test interattivi o di geo- metria degli iperspazi. Giovani che vanno certo incoraggiati: magari tra loro c’@ un nuovo Marconi. Abbiamo segretamente ascoltato alouni di questi ragazzi e visto tran- guillamente esposti e funzionanti i loro lavori. Ecco, desideriamo complimentarci con alcuni di loro pubblicamente e segnalare cosa han- no prodotto. Per esempio molto interessante il lavoro di Filippo di Marco di Modena, un riconosci- tore di comandi vocali; eccezionale la tesi di Carlo Tucciello di Gaeta sui radar nautici; notevole il Qua- esitor di Flavio Ciandrini di Mor- tara (un circuito che riesce bene a fare esami); oitimo if lavoro di Roberto Cingolani di Bari su espe- rimenti quantitativi di fluorescenza a fotoni; fascinoso il microcompu- ter ricerea guasti di Claudia Caloi di Creazzo; curiosissimo ’elabora- to di Silvia Aliani di Roma sulla geometria degli iperspazi. Qui di seguito descriviamo pit diffusamen- tei lavori di Di Marco e di Caloi. Riconoscitore di comandi vocali L'apparato di Filippo di Marco deve svolgere 5 funzioni: appren- dere i comandi vocali, riconoscerli € in caso di riconoscimento, attua- re qualche cosa. Mentre la terza funzione @ ba- nale, le prime due costituiscono un problema non indifferente. L’Autore ha provveduto all’Hard: ware e al Software necessari L'H/W consiste in una parte analogica (processo del segnale ge- nerato dan microfono, multi- plexer, A/D converter, etc) ¢ in parte digitale, che & essenzialmente un microcomputer basato sulla CPU 280. Si faccia riferimento allo schema a blocchi (vedi inizio articolo). Il segnale all'ingresso, contenente lin- formazione fonica, subisce una pri- ma amplificazione (AI); poi & i Viato a 3 filtri passa-banda (F1, F2, F3); la banda di F1@ 150-900 Hz Ja banda di F2& 900 - 2200 Hz Ia banda di F5 & 2200 - 5000 Hz Le uscite dei filtri sono processa- te rispettivamente da Ih, Is, ls che svolgono la funzione di raddrizza- tori € rivelatori di picco. Questi segnali, unitamente ad alcune ten- sioni di riferimento, pervengono al Multiplexer analogico Mi I segnale analogico selezionato da M,, prima di arrivare al conver- titore A/D Cs, pud subire o meno Vattenuazione di A, amplificatore logaritmico; la selezione avviene a or RADIO ELETTRONICA atc ee ATOR EUROPE! 30/81 iz DEya@sCENZA E DELLA TEC Il concorso Philips L’ANNO DI NASCITA: 1968, ad Eindhoven in Olanda. LA MOTIVAZIONE: II concorso @ nato per dare un incentivo ai gio vani ad interessarsi maggiormente delle scienze esatte, fisiche e naturali pur non trascurando le discipline umanistiche, valorizzandone nelle sedi nazionali ed in quella internazionale i loro interessi in questi settori. LA PARTECIPAZIONE: All'it iva hanno aderito organizzazioni Phi- lips ed esterne (ad esempio in Gran Bretagna la BBC, in Svizzera La Fondazione Scienze ¢ Gioventit) di 15 nazioni: Austria, Belgio, Danimar- ca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Inghilterra, Italia, Norvegia, Olanda, Portogallo, Spagna, Svezia e Svizzera. 1 PARTECIPANTI: Sono giovani fra i 12 ed i 21 anni autori, da soli ‘in gruppo, di ricerche e, meno frequentemente, di invenzioni. In Italia i finalisti delle dodici edizioni del concorso sono stati 251; 107 i premiat 1520 coloro che hanno sottoposto un proprio lavoro alla Commissione di selezione. LA GIURIA: I giurati della tredicesima edizione del concorso sono: Prof. Eliseo Betto - Ordinario di Patologia Vegetale, Universita di Milano; Prof. Francesco Carassa - Ordinario di Comunicazioni Elettriche del Politecnico di Milano; Prof. Cesare Conci - Direttore del Museo Civico di Scienze Naturali di Milano; Prof. Luigi Dadda - Rettore Magnifico del Politecnico di Milano; Prof. Ettore Fiorini - Ordinario di Fisica Sperimentale della Facolti di Scienze dell’Universita di Milano; Prof. Emilio Gatti - Ordinario di Fisica del Politecnico di Milano; Prof. Avy. Francesco Ogliari - Presidente del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica; Prof, Adolfo Quilico gia ordinario di Chimica al Politecnico di Milano; Prof, Paolo Udeschini - Ordinario di Meccanica Razionale all’Istituto di Matematica dell’Universita di Milano; Prof. Giulio Zanmarchi - Direttore Ricerche ¢ Sviluppo Philips, Presi- dente La giuria internazionale & formata da membri delle varie giurie nazionali. Il Prof. Luidi Dadda rappresenta da diversi anni I'Italia nella giuria in- ternazionale. mezzo del 2” MPX Mz, ADC © Multiplexers sono sotto il controllo del micro, a mezzo delle porte 1/0 Bre B La parte analogica & ampiamen- te descritta in circa 20 pagine; i componenti sono usati_ con pro- prieta. Tra Valtro si fa ampiamen- te uso del non nuovo ma poco co- nosciuto componente LM 3900 « Quad Norton Amplifier » che tro- va appunto la sua migliore appli- cazione in questi circuiti, dove non richiesta precisione ma soprattut- to versatiita, Anche il convertitore A/D 2 sta- to interamente progettato dal Con- corrente. Non @ del tipo a doppia (o que: drupla rampa) che forse in questa applicazione poteva risultare un po’ lento, e neanche del tipo ad appros simazioni successive; in sostanze un DAC genera una rampa di ten- sione a gradini che viene da un comparatore confrontata col segna- Te incognito. La sua risoluzione di 48 punti per uno SPAN d'ingres- so di 5 Volt. Sistema a microprocessore per la ricerca di guasti Claudia Caloi ha realizzato ¢ fatto funzionare un prototipo di microcomputer avente la seguente funzione: se uno di 16 contatti normalmente aperti(ingressi) si chiude, su un apposito. display compare il mes- 68 SCUOLA E RICERCA saggio associato al _contatto, per tutto il tempo in cui questo rima- ne chiuso. Osservando una macchina nella quale diversi organi di controllo (termostati, pressostati etc.) colle- gati ad altrettante Jampade segna- lavano stati di allarme, & nata Videa di realizzare un sistema analogo, ma con tecniche pitt moderne. Lo studio del progetto & stato fatto inizialmente su un EVALUA- TION-KIT della Motorola, basato sul microprocessore @ 8 bits MPU 6800. Il KIT dispone di memoria, di ingressi_e di uscite, parzialmente usate dal sistema e parzialmente disponibili per utente. I KIT dispone di un program- ma nella ROM di sistema che per- mette il dialogo con la keyboard e con il display, indispensabile per caricare, lanciare e verificare i pro- srammi AL KIT @ stato aggiunto un cir- cuito appositamente costruito, com- prendente un display ALFANUME- RICO a 16 caraiteri e il multiplex delle 16 linee di ingresso da con- trollare, Il display & composto da 4 mo- uli integrati da 4 caratteri_cia- seuno, completi di decoder, buffers, multiplexer ¢ drivers ed 2 ‘pertanto abbastanza semplice da pilotare. Tl programma @ scritto diretta- mente in linguaggio machina; pi- lotando 4 bits in uscita (address del MPX) scandisce una ad una le 16 linee sotto controllo. Ecco i premiati La Giuria ha assegnato tre primi premi ex aequo, cinque secondi premi e quattro premi di merito, sempre ex aequo. Primi premi Costantino Cattivello « Fusariosi verticilliosi e parassiti minori di anni 19. alcune cucurbitacee e solanacee di interesse orticolo » Studi di esperienza di lotta. (Patologia Vegetale / Agraria) Roberto Cingolani «Esperimenti quantitativi di fluorescenza a anni 19 uno ¢ a due fotoni » (Fisica) Graziano Rossi « Le siepi di Romagna » anni 20 (Botanica / Scienze Naturali) Secondi premi Filippo Di Marco « Riconoscitore di canali vocali » anni 20 (Elettronica / Tnformatica) Marcella Fantini «Le saline di Cervia » anni 15 (Storia / Storia della Tecnologia Applicazioni tecniche) Mauro Lenzi « Studio fotografico sulle nubi mediante pel- anni 16 licole ai raggi infrarossi » (Meteorologia / Scienze Naturali) Paola Lusardi «Le origini del centro storico di Bagnacaval- anni 17 lo » (Storia / Storia dell’Arte) Francesco Pansera « Assenza della proteina neurospecifica S. 100 anni 20 insolubile di leptomeningi » (Medicina / Scienze Naturali) Premi di merito Mauro Bernoni «Degradazione dell’ambiente della fauna in anni 20 un‘atea litoranea del Lazio: il Parco di Castel- fusano » (Ecologia) s Alessandro Fei « Ritrovamenti_e verifiche geomineralogiche anni 20 sullisola del Giglio » (Geologia / Mineralo- ia) Andrea Razzini «Il Pliocene in Valchiavenna e in Val d’Ar- anni 16 da » (Paleontologia / Scienze Naturali). Silvia Aliani « Introduzione alla geometria degli iperspazi » anni 18 (Matematica) 89 RADIO ELETTRONICA Quasi tutto sui termistor' La Terry Ferraris annuncia V'of- ferta del suo nuovo libretto, L-5A, circa il corso termistoti capsule in- gegneria di aggiornamento. Questo libretto di 24 pagine & stato pro- gettato nell’intento di fornire una visione penetrativa breve © tecni- camente condensata circa Che co- sa, Dove ¢ di Come riguardano i sensori termistori e gli assemblag- gi sensori termistori per uso nella misurazione della temperatura, in- dicazione e controllo nelle loro ap- plicazioni. Il lettore & prowvisto di 10 corsi istruzionali_ sul term store altamente versatile con in- cluso un problema completo ope- rante intitolato « Progettazione Ter- mistori di un Circuito Lettura Tem- peratura Lineare ». In aggiunta ai 10 corsi vi sono 14 pagine di referenze e caratte- ristiche termistori che forniscono una relazione circa gli oggetti in argomento, tali come: diagrammi conversazione termistore R-T; as- semblaggi sonde; fattori di com- pensazione temperatura circa le caratteristiche potenza erogata cit- cuito ponte. Per ulteriori informa- zioni contattare Ufficio Tecnico della Terry Ferraris - Viale Ortles n. 10 - MILANO - telef. 5391005- 67. In lancio il videodisco RCA New York - La compagnia elet- tronica americana Radio Corpora- tion of America (RCA) ha dato il via ad una campagna pubblici- taria del costo di quasi 20 milioni di dollari per promuovere Ia ven- dita sul mercato americano del suo nuovo sistema di video-dischi. La prima iniziativa pubblicitaria & sta- ta realizzata la notte del 26 febbra- io quando, via satellite, & stato dif- fuso un programma radio destinato ai circa 5000 rivenditori della RCA dislocati in 75 citta del Paese. La RCA ha detto che si tratta del « pit: importante prodotto elet- tronico per il pubblico da quando fu introdotta la televisione a colo- ri». Lvideodischi RCA costano 500 dollari e possono essere applicati ranno da 15 a 28 dollari ciascuno. Secondo le indicazioni della ca- sa produttrice, il sistema videodi- a qualsiasi tipo di televisore. I sin- goli dischi, con registrazioni di du- rata di un’ora per facciata,. coste- schi, pitt che introdurte nelle abi tazioni spettacoli teatrali musi cali o films e altri divertimenti, sono destinati all’insegnamento, al- le dimostrazioni, alla pubblicitd di prodotti e alle informazioni di ca- talogo. Tra Valtro i dischi consen- tono di usufruire di informazioni analoghe a quelle di una enciclope- dia con immagini animate e suoni in aggiunta ai testi e alle fotografie. La RCA ritiene che entro il 1990 il suo sistema sara diffuso in al- meno il 50 per cento delle abita zioni americane ¢ le vendite di di- schi saranno dell’ordine di 7 mi- ioni di dollari all’anno. Per la fine di quest’anno spera di vendere al- meno 200.000 apparecchi ¢ alme- no due milioni di dischi. Sul mercato internazionale, si trova gia da circa due anni un al: tro sistema di videodischi, quello realizzato congiuntamente dall’ame- ricana Magnavox in collaborazione con laffiliata americana della giap- ponese Pioneer: ma V'iniziativa non sembra avere avuto grande succes- so ed infatti anche in America mol- ti. non sanno ancora oggi che cosa effettivamente sia un videodisco. 11 fema_ Magnavox-Pioneer costa 750 dollati e i singoli dischi circa 25 dollari. E inolire atteso il lancio di un altro sistema, quello realizzato con- giuntamente dalla giapponese Vie- tor ¢ dall’americana General Elec- tric, Ottanta inventori a primavera '81 Particolare richiamo « Settore In- Genova - quest’anno suscita i 70 RADIO ELETTRONICA venzioni » nell’ambito di « Prima- vera ’81» di Genova, nella parte riguardante il tempo libero. Le in- venzioni erano gid apparse nel 1979 e nel 1980 attraverso una parteci- pazione crescente che si 2 mol plicata in questa edizione 1981: vi prenderanno parte 80 inventori di ogni parte d'Italia con proposte tra le pitt diverse e imprevedibili Lorientamento prevalente tra gli inventori — si dice in un comuni: cato della Fiera — si_rivela in ato alla soluzione dei problemi energetici, cosicché sono moltissi- mi coloro i quali propongono stru- ‘menti per lo sfruttamento delle ener- gic rinnovabili, dispositivi per il risparmio di carburante 0 mate- ali per T'isolamento edilizio cui si attribuiscono qualita miracolose. Nel campo delle energie rinnova- bili le idee sono numerosissime: da quella di un inventore di Venti miglia che propone una turbina per ricavare energia dalle onde del ma- re, all’altra di un padovano che al contratio si rivolge all’utilizzo del- le acque dei fiumi. Da Bari poi, giunge una singolarissima proposta che, se rispondente agli scopi, sa- rebbe addirittura miracolosa, con- sistendo in un dispositivo per uti. lizzare Varia come combustibile al fine di sostituire la benzina. Da Vi- cenza giunge il progetto di un ac- cumulatore di energia marina e dal- la Germania un distillatore d'ac- qua a concentrazione solare. Moltissime sono anche le propo- ste di modifica ai motori a scoppio al fine di fare ad essi risparmiare carburante, ma non manca chi & preoccupato del dilagare degli in- cendi boschivi e propone una gra- INO TT A Omologato il sistema Scotchlok Telecom I sistemi 3M Scotchlok e MS2 per la giunzione dei conduttori sono stati recentemente omologati dal Ministero delle Poste e Telecomuni- cazioni italiane. Per ottencre questa omologazione & stato necessario superare una Junga serie di prove simulanti un invecchiamento in uso di oltre trent’anni. II sistema stato sottoposto a prove di invecchiamento termico, cicli di umidita, cicli di shock termici, prove di vibrazione ed altre ancora, tutte molto severe € tutte con risultati estremamente favorevoli per i prodotti 3M. Corsi di programmazione Basic, Fortran, Pascal Iniziano nuovi corsi di programmazione per principianti ed esperti nei linguaggi BASIC, FORTRAN, PASCAL con dispense in italiano applicazioni pratiche sui personal computers APPLE Il e APPLE III. Per informazioni rivolgersi a: INFORMATICA SHOP - Via Lazza- retto, 2 - Milano - Tel. 02/20.54.72. nata antincendio e naturalment non manca l'inventore di un con: nuove pedaliere, di trasmissioni di altri ritrovati destinati a far ri- gegno a moto perpetuo. Anche la bicicletta, probabilmente vista nel- le prospettive di mezzo di locomo- zione alternativo, non dipendente dal mercato petrolifero, ha ricevu- to notevoli attenzioni dagli inve tori partecipanti alla mostra geno- vese, che ptopongono vari tipi di wmiare fatica 0 a migliorare la sicurezza del veicolo. C8 chi poi si occupa della tra- smissione dell’energia elettrica sen- za fili © espone nuovi modelli_ di motore a vento. Ma nel campo del- Ja piccola invenzione destinata al- Vuso domestico, spiccano le singo- 7 RADIO ELETTRONICA lari trovate di un inventore di Cre- mona e di un altro di Milano che propongono. rispettivamente uno spazzolino da denti munito di spec- chio per I'esame della bocca e uno spazzolino da denti recante incor- porato nel manico il dentifricio. Infine ¢' chi si preoccupa della salute dei fumatori proponendo un apparechio destinato ad aspirare la nicotina prodotta dalla sigaretta. La Mostra concorso delle inven- zioni dotata di un milione per il vinctore e di un premio di 250 mila lire per la migliore invenzione pre- sentata da un giovane al di sotto dei 18 anni, si colloca nel grande quadro dell’hobbystica, che da mol- ti anni costituisce una delle attra- zioni di Primavera e che anche in questa edizione sari presente con Ja Mostra-concorso « Un hobby per tutti », comprendente diverse cate- gorie riservate al modellismo e alle collezioni Parlando al mondo di domani La British Telecom (nuovo nome della sezione del British Post Office che si occupa delle telecomunica- zioni) & a pit grande autoritd sta- tale in Europa che si avvale delle pitt moderne tecnologie per mettere a disposizione della Gran Bretagna © di tutto il mondo i metodi pit avanzati di comunicazion Presso il centro di ricerche di Martlesham, alcuni ricercatori stan- no mettendo @ punto le nuove tec nologie che permetteranno a questo Ente di mantenere la posizione di leader nel settore per i prossimi dieci anni. Questi nuovi sviluppi ll TA Hl controllo del carburante Il carburante si si oggi & prezioso € non deve essere sprecato. Recenti statistiche hanno provato che nella maggior parte dei casi lo spreco dipende molto da cattiva combustione. Quindi @ necessario saper con- trollare questa per mezzo dell’analisi dei fumi di combustione. Ecco qui sopra un apparecchio digitale, prodotto dalla Balstone (GB), che permette agevolmente ogni controllo utile per quanto detto sopra. Per maggiori informazioni: Fulidel, via Roncaglia 13, Milano. Sono nate le nuove profession di riparatore tivir e di antennista ‘ma era difficile trovare in giro qualche libro ben fatto su cine- scopi o schemari tivucolor. Hoe- pli colma Ia lacuna con due ope- re sul’argomento di Fabio Gher- sel. La prima, nell’immagine ta copertina, tratta diffusamente correttamente di cinescopi cost “nme visti da un esperto che sul Vargomento ha lavorato diretta mente in fabbrica; Ia seconda (Schermario TVO) tratta dei pro- blemi di servizio e di misura. 2 comprendono: fibre ottiche, micro: circuiti, sistemi di commutazione di- gitali e il Prestel, il primo sistema pubblico al mondo a trasmettere dati visibili sullo schermo di un nor- male apparecchio televisivo. Uno dei problemi di pitt difficile soluzione nelle conversazioni tele- foniche & quello rappresentato dalle interferenze. I ritrovati d’avanguar- dia come le fibre ottiche migliore- ranno la qualita del suono e le ri- cerche per ridurre i rumori ¢ le interferenze vengono effettuate in una delle camere anecoiche dei la- boratori di Martlesham Heath, La camera — qui usata per registrare la potenza di un microfono — & completamente tappezzata con 6000 «denti » a forma di cuneo in gom- ma piuma della lunghezza di 120 cm. Le pareti sono di cemento del- lo spessore di 25 cm e il pavimen- to & fatto con una rete di cavi so- spesi sopra altri « denti». La ca- mera anecoica & completamente pri- va di ogni eco o riflessione ¢ assor- be i suoni a tal punto che una nor- male conversazione & possibile so- lo viso a viso, Elettronica Fiera di Graz La Fiera di Graz (Austria), nella sua edizione autunnale, inaugurer& un nuovo padiglione (3 mila metri quadrati, su due piani) dedicandolo a un’esposizione di radio, televiso- ti, videoregistratori, impianti_ ste- reo hifi. Si trattera, senza dubbio, di una mostra « specializzata » di notevole interesse, inserita in una fiera di grande richiamo, che per il resto avra tutti i caratteri di « campionaria ». La decisione di riservare un’ap- RADIO ELETTRONICA posito spazio agli impianti radio & stata dettata dall'interesse dimo- strato dal pubblico per questo set- tore merceologico, presente con nu- merosi stands anche nelle prece- denti edizioni della fiera, ma senza tuna sua precisa autonomia logistica. TI nuovo assetto agevoler’ certa- mente i visitatori che nel 1980 hanno superato le 400 mila unita. La Fiera di Graz, articolata in due edizioni annuali (quella d’autunno sari preceduta dall’edizione prima- verile, dal 25 aprile al 3 maggio) & la pid importante dell’ Austria (do- po quella di Vienna) e la pitt antica (il 1981 & il suo anno giubilare, essendo stata fondata nel 1906). II quartiere fieristico & di 153 mila metri quadrati (un terzo dei quali coperto) e in esso saranno presenti oltre 2 mila espositori, di una qua- rantina di Paesi. Per informazioni maggiori: Delegazione commerciale austriaca, via Romagna 29, Trieste. ‘Audio disco compatto digitale E dello scorso giugno ’annuncio che Philips ¢ Sony, in collabora- zione, erano riuscite a migliorare ulteriormente ill sistema ottico per Vapparecchio a disco compatto di- gitale, specie per quanto riguarda- va la modulazione e la correzione degli errori In questo ultimo periodo le due aziende si sono dedicate maggior- ‘mente alla sperimentazione del si- stema fino alla messa a punto dei primi prototipi del disco e dell’ap- parecchio di nuovo formato. Di- sponibile tra breve anche in Italia % Convertitore Tester- voltmetro elettronico - UK 433 9ISTRIBUITO IN ITALIA DALLA GBC ———<—<—$ $$ _____—__ FE’ IN EDICOLA rEditore La rivista diretta da Giovanni Giovannini ELETTRONICA W Via, Oberdan N. 24 Gooes CAMEZIA. TERME Tel. (0868) 28580 UNIVERSAL - STEREO - MIXER Pr mixen STEREO UNIVERSALE GaRarTERIsTiCHe TECNICHE Srna Ingress! universal pr mong 8 Tc its, ono Wat Dasclmester simon: L 33.000 tazione 220, sTROBO LUX fet dase "per RADIO ELETTRONICA CERCO per subito schema elettrico possibilmente Voriginale con clen- co componenti, lato rame/comp. Ed eventuali collegamenti_esterni possibili dell’apparecchio Zodiac-B 5024. Sono disposto a pagare fino a 10,000 lire. Scrivere a: Fox Mau- ro, via Pizzini 12, 38068 TN, tel. (0464) 32011 VENDO organo « Jumbo 61 R 6 » in buone condizioni (batteria con 6 registri e relativo accompagnamen- to automatico; 6 registri; attacchi per cuffia mono e per registrato- re; vibrato con regolatore di velo- cita; 2 registri per la_percussione di durata regolabile; 2 ottave per Vaccompagnamento con relativi 3 registri; 5 ottave per ill canto con relativi 6 registris eve.) a L. 150,000 hon trattabili. Prego chi & interes- sato_di_telefonarmi ad ore pasti (pref, 0332 n. 55 26 17) 0 di scri- vermi al seguente indirizzo: via G. Verdi 5, 21016 Luino (VA). Modulatore audio/video. Converti- tori. Amplif. lineare banda TV/V. I tutto in versione professionale. Vendo 0 cambio con apparecchi ture video (telecamera, videores stratore, mixer video, ecc.). Caruso Maurizio, viale Liberta 85, 95014 Giarre (CT), tel. (095) 952723. VENDO Amplificatore 50+50 Ste- teo montato € collaudato con ali- mentatore stabilizzato incorporato senza trasformare della Wilbikit. Rispondo a tutti, inviare francobol- lo per la risposta, chiedere fotoco- pie. A L. 85.000 trattabili spedizio- ne compresa. Varago Mario (Col S. Martino), via Fontana 30, Tre so, tel. (0458) 88275. VENDO Modulatori audio/video. Le portanti rispettivamente 33,4/ 38,9 MHz vengono generate al quarzo. Useita FI. 1V. Controllo automatico del livello video. Ingres- so video 75 Ohm. Massima profes- sionalita. Prezzi da trattare. Gi seppe Messina, via S. Lisi 111, 95014 Giarre’ (CT), tel. (095) 936012 (dopo le 21,00). Al migliore offerente VENDO 20 riviste (anni 1977-1979) ed un di- zionario di clettronica del valore complessivo di L. 25.000, ed un manuale di equivalenze per transi stor della « Nuova Elettronica » del valore di L. 12.000; il tutto in ot- time condizioni. Rivolgersi a: Di Giacomo Vittorio, viale Virgilio 71, 74100 Taranto, tel. (099) 335143 CERCO stazione campleta TV, si intende che la stazione per emissio- ne in IV - V banda. Dalla teleca- mera all’antenna, compro se vera offerta anche in contanti, bianco- nero color minima potenza in an- tenna 30W. Accetto anche proposte per apparati nuovi, risponderd a tutti, Scrivere a: Adamo Nicola, corte Scarciglia 36, 72024 Oria (BR). VENDO TX FM 88+108 MHz professionali HI-FI con potenza: 5W L, 95.000, 14 W L. 170.000, 30 W L. 250.000, 50 W L. 295.000, 100 W L. 460.000. I tutto a tran- sistor con contenitore senza alimen- tazione 0 a richiesta. Massima se- rieta. Egidio Maugeri, via Marano 62, 95014 Giarre (CT), tel. (095) 955885 (ore pasti). VENDO orologio digitale al quar- zo a cristalli liquidi marca CEN- TIA con allarme e cronografo nuo- vo + otologio meccanico automa- tico TIMEX usato ma perfettamen- te funzionante L. 40.000; orologio digitale a quarzo a cristalli liquidi SEIKO con allarme, cronografo e batteria solare pochi mesi di vita L. 130.000; orologio analogico-di- gitale al quarzo avente la possibi- lita di visualizzare un orario me- diante ctistalli liquidi ed un altro mediante le lancette marca CITI. ZEN con cronografo pochi mesi di vita L. 120.000; Cutino Alfonso, corso Umberto I? 251, 80058 Tor- re Annunziata (Napoli) VENDO amplificatore BF comple- to di trasformatore (sec. 50-60 Vea) € alimentatore stabilizzato (60 Vcc). Potenza 50 W R.M.S. (100 W mu- sicali). Gi& collaudato, & garantito per il suo perfetto funzionamento. Ideale per chitarra elettrica & com- pleto di mobile e schemi. Prezzo L. 50.000, rispondo a tutti. Reno Pintimalli, via Silvio Pellico 118, 88010 Pernocari (CZ). 15 enne offrirebbe in cambio di un. CB 5W MAX C3Ch. usato ma in buone condizioni: un TV b/n 24 pollici che non funziona tanto be- ne + un relé 12 Vh scambi + 12 valvole tra cui 4 della Philips + un altoparlante 82 + 5 potenzio- metri a filo 3W 120 - 60 - 332 + alcuni componenti. Tratto preferi- bilmente con Modena, Ringrazio quelli che accetteranno la mia pro- posta. Per accordi scrivere a: Mura- ro Omar, via A. Meucci 104, Novi di Modena; oppure telefonare al 75 innusTRIA Wilbikit. evettronica VIA OBERDAN 24 - 88046 LAMEZIA TERME - tel. (0968) 23580 LASER 5 mW Costruisci un generatore laser da § mW di potenza. Una sca- tola di montaggio per preparare un laser a luce rossa adatta per esperimenti scientifici ed effetti psichedelici. La contezio- he comprende il circulto stampato inciso e serigrafato; | com- onentinecessari al montaggio ed il tubo laser da applicare direttamente sulla basetta. II kit @ reperibile presso i distribu- tori del nostri prodotti oppure direttamente per corrisy Kit 104 S.C, ELETTRONICA fesingy te oases FLCO ELETTRONICA s.n. importazione e distribuzione componenti elettronici e radio TV @ hobby e industria DISTRIBUTORI IR - Siemens - Feme - Lumberg - Daut + Rietz - Buschelkontaktbau - Neosid - Seuffer pondenza. 0 12 V2 A SUPPLY Pa By Alimentatore stabilizzato de 12 volt particolarmente ido- ‘neo per il funzionamento di radiotelefoni. Circuito a basso livello di ripple ed elevata stabilita anche nelle condizio: ‘al di massimo carico (2 am- pere). Le dimensioni partico- farmente ridotte consentono tuna facile sistemazione nel laboratorio 0 nella stazione radio. Lapparecchio @ dispo- ribile esclusivamente monta- to @ collaudato. 320.000 L. 21.000 . —— veins ong — Innaffiatore automatico Questo dispositive consent d ‘cconde fl sntomo tactionae, Greiis tipo ot Yorsno acho @ Siar noggto plane «fs. {_____ pjstrigurto in TALIA DALLA Ga¢ ———— RADIO ELETTRONICA (059) 676139 (dalle 19 alle 20,30). VENDO Tuner UHF-VHF, Valyo- Je e altri materiali riguardanti vec- chi televisori. 11 pezzi sono usati ma funzionanti alla perfezione. Scri- vere 0 telefonare a Monteleone Giu- seppe, via Monzoro 20, 20010 Cor- naredo (MI), tel. (02) 93.62.908. 16 enne appassionato di elettrom- ca, accetterebbe in dono materiale, vecchi libri, riviste, schemi di elet’ tronica di vario genere. Grazie. Piermartini Arnaldo, viale Trieste 6, 01030 Vallerano (VT). VENDO un registratore con 30 cass. S7 (1977/78). L. 20,000 non trattabile. Un gioco TV Game elet- tronico x TV b/n e color con sche- de. L. 15.000 non trattabile. Due proiettori son, S8 con schermo -+ una valigia x Bob. 750 M. L. 20.000 non trattabile. Quattro strumenti x radio e TV b/n color con accessori: oscilloscopio; oscillatore; portaval- vole e tester. L. 20.000 non trattabile, Una calcolatrice con cu- stodia + adattatore. L. 10,000 non trattabile, Un rivelatore di qualsia- sigas. L. 10.000 mila non tratta- bile. Un pao occhiali Raiban B&O original USA con custodia, L. 15.000 non trattabile. Un cannoc- chiale 12 x 50 con trepiede non te- lescopico. L. 10.000 non trattabile. Una cuffia stereo con potenziome- tri, L. 10.000 non trattabile. Un completo antenna CB 27. L. 15.000 non trattabile. N.B. si accetta sola- mente liquidi in contanti e non si accetta contrassegno. Oppure tutto questo materiale viene venduto a L. 300.000 non trattabile. Patrizio Balzan, 45030 Crespino, via Gi vanni XXIII 1, (RO), tel. (0425) 77.1.95. VENDO dadi elettronici presentati su. Radio Elettronica del marzo 1979 in mobiletto con mascherina plexiglass rosso L. 20.000; calco- latrice CANON palmtronic 8M nuo- va L. 20.000; calcolatrice sc fica TEXAS INSTRUMENTS TI 30 L. 15.000; trasformatore in mo- biletto erogante tensioni da 1,4 50 V L. 12.000; accendino piezo elettrico COLIBRI’ placeato in ar- gento usato poco L. 25.000; Cutino Alfonso, corso Umberto 1° 251, 80058 Torre Annunziata (Napoli) Allievo costruirebbe a casa _pro- pria kit elettrolitici o montaggi elettronici di qualsiasi ditta. Per ulteriori informazioni scrivere a: Spigoni Marco, via Delforte 86, Paziano (F.R.) 03018. VENDO numerosissimi schemi (provati e collaudati) di effetti (mu- sicali e non), computer, giochi el., RTX, ampli BF, lineari, ec, Per informazioni scrivere a: Rosati Gianfranco, via Taverna 6, 65010 Collecorvino (PE), VENDO il seguente materiale elet- tronico: 200 condensatori fissi a L. 20.000; 60 condensatori elettroli cia L, 10.000; 500 resistenze fisse a_L, 30.000; 30 transistor a L. 15.000; 30 valvole a L. 30.000. Tutto il materiale & in ottimo stato, Giuseppe Pellegrino, via Cesare Battisti 9, Putignano (BARI), Cap. 70017, tel. (080) 732176. VENDO TX FM 88 - 108 MHz della Play Kits modello KT 428 po- tenza 2 - 3 W inscatolato. Fornisco inoltre un’antenna con 20 m. di cavo RG 58 A/U Military Type da tarare mai usato svendo il tutto causa servizio militare a L, 50.000. Vendo inoltre amplificatore lineare per FM 88 - 108 MHz della Ste modello AW 25 alimentazione 12, 5 Vde, ingresso max 3W out max 30 W guadagno 10,5 dB a Lire 40.000. Per informazioni telefona- re a Campogrande Fabio al 725339 (ore pasti), 20100 Milano. OCCASIONE, vendo computer gio- 0 scacchi « chess champion MK1 » un mese di vita, perfetto in ogni funzione, con alimentatore e istru- zioni d'uso a L. 50.000. Canazza Roberto, via Bellavitis, 47, 36100 Vicenza, tel. 502574. VENDO organo elettronico 15 ta- sti soni speciali L. 20.000, corso Scuola Radio Elettra Radio ‘Stereo escluso materiale L. 100.000, tra- smettitore FM 2W L. 15.000, mixer 2 canali per detto L. 10.000 mug- gito elettronico per auto L. 15.000, interruttore crepuscolare L. 10.000, interruttore termico L. 10.000, luci elettroniche L. 10.000, temporizza- tore tempo regol. L. 15.000, anti- furto per auto o casa L. 10.000, sirena 5 W suono acuto L. 10.000, amplificatore 5 WL. 15.000. Scri- vere a; Biondi Eduardo, via Stan- ziale 21, S. Giorgio a’ Cremano, 80046 Napoli. Micro computer VENDO, con una CPU Z80 + Interfaccia tastiera + Tastiera esadecimale e display + Alimentatore, Il tutto. montato e funzionante a L. 250.000 (prezzo di listino in kit L. 300.000). Oppu- re cambio con LX 900 di Nuova 7 _ Aciascun il suo computer. Fatt nanno seat paslare di microcletuonica e di microprocessor, Malt ne conoscono i vantagg: ma vorrebbero sapere di pil molt merebbero sapere flo ‘Oui ai svela che ZXB0 & rapparecehio pib impartante del nostro tema Cio che mola anni fora ‘Sonosumente consentito solo at grand Srgeniml ora @ alla porata di tut: dl rofessioibta dalla plecolaazionda Sel nucleo famiaze, persino della. persona singola ‘to 2480 della Sincair offre geri di gran lunge Siperion al su prezzo, Besa eolo 380 grumm Evapplicabie a qulingue Pub Seliegato aun ogistatore dh asset por la momo ‘permanente ci stssion © da Bim piccolo eppareccnio che pub rmettore atdine in fle le voste cous © fistarn pio di una schievaaisegreten” — Aleune ‘pplicastont 1 primo computer personale ‘Nasa momorizza i veramente pratice Comploann, numer tlefoniy, lo 72X80 amticipa tempi Le sve qualita feet ai cucina le pose of ilancio colgone di somproge anche {tecnih Tamar, alte mille appicaziol cal poishe saggiungimente delle ss pu prosontate la noseaat Eerattenisiche che lo aisngvono Sarebbero dovute appara fa molto Por aztende tempo Plecole gestion! di magazin, . E convenienta, facile da regclare, _ archivo cient ¢ forion eezetara, dda far funaionare e da pare dopo Tuso. SeaaistaFutente pa proparate, Per professionistl Esemplo di microslettronica sicoh metematet © tigonometic enone oi formule achive, ZX~sBeo0 Tr ert coun ps pers pope ar EILSgEttt ae nevelp Dimetra st GHC BERANE Cian puokedaue ingame Gata? Balai hae « Saco, SSA SEER She pal too aearemone rence isu INQUE TELEVISORE GRAFICA "24 LINEE A Se CARASTER NEMORIA DI MASSA” 8U QUALUNGUE REGISTRATORE maGnence BUS - CONNETTORE CON 44 LINEE, 97 PER CPU OV, SV, BY, CLOCK SISTEMA OPERATIVO = 4 ROM [RUMENTAZIONE "20160 fe CON AUIMENTATORE ESTERNO LUSTING PREZZI IVA ESCLUSA COMSUTER 2420 ‘7¢/0020-00 288.000 ‘TerGaet 00 be 240.000 ‘To/0n85 00% 39.500 ovo08e-00 1.000 ‘o/oaes 00 12900 ‘SUIBRG SMPARIAMO A PROGRANOAARE Ih BASIC. CON 1 2860 TL1480.01 400 1¢ MODUL DI ESPANBIONE DL TERA COMPLETO DIINTEORAT! — TC/OOK-00 191.500 ‘SGN ESPANSTONE D116 RAM ‘ToV0086-00 1, 22.000 Elettronica. Vacante Maurizio, via Croce 29, 92010 Calamonaci (AG), tel. (0925) 68225. Realizzo disegni, master, circuiti stampati. Armani Tiziano, via Mon- te Sabotino, 15033 Casale Monfer- rato (AL), tel. (0142) 73556 (ore pasti). VENDO TX FM 88-108 MHz HI- FI Professionali. Con potenza, 5W L, 90.000; 14 W L. 140.000; 30 W 1. 195.000 50 W L. 280.000; 100 W L. 440.000. II tutto a transistor con contenitore, senza alimentazi ne 0 a richiesta, Egidio Maugeri, via Marano 62, 95014 Giarre (Ci tania), tel. (095) 955885-951522. In cambio di oscilloscopio doppi traccia od amplificatore integrato minimo 50 W se in buone condi- zioni, cedo quanto segue: 1) Organo N.E. composto da LX 285, LX286, LX285M, LX260, mola riverbero, trasformatore, m¢ bile ed ampli TLP. 60 W (il tutto montato © funzionante). 2) Sinto- nizzatore N.E. composto da LX193, 1X220, LX225, alimentatore e con: tenitore (montato e funzionante). 3) Voltmetro termometro 3. cifre in contenitore composto da LX367, LX317 e sonda temperatura (mon: tato e funzionante). 4) Integrato per sintonia digitale compreso quarzo, schemi e specifiche. Per accordi te- lefonare ore pasti (070) 490183 0 serivere a Zazzu Giovanni, via Tod- de 1, 09100 Cagliari VENDO trasmettitori TV banda IV e V. Completi di contenitori rack da 19”. Ingresso video (colori) 75 2. Potenze disponibili da 0,5 W a 100 W. Inoltre cedo modulatori audio/video con portenti audio e video rispettivamente a 33,4/39,9 MHz, ingresso 75 2 (colori/ba) uscita FI. 1 V. prezzi trattabili Giuseppe Messina, via S. Lisi 111, 95014 Giarre (CT), 936012 (dopo le 21). VENDO TX FM 88-108 MHz Pro- fessionali HI-FI. Con potenza, 5 W 1. 95,000; 14 WL. 150.000 30 W L. 195.000; 50 W L. 290.000; 100 W L. 450.000. 11 tutto a transistor, con contenitore senza alimentazio- ne oa richiesta, Egidio Maugeri, via Marano 62, 95014 Giarre (Ca: tania), tel. (095) 933883, (095) 951522 VENDO Leslie Electronic Amtron UK 264 a L. 30.000, e Amplified Rhythms Control (batteria elettr nica) Amtron UK 262 a 5 ritmi combinabili uscita 10W a Lire 30.000. Trattabili. Crivellaro Mar- co, via A. Volta 213, 20030 Se- nago (Mi), tel. 02/9989581 VENDO TX FM 88+108 MHz 10W completo di mobile, alimenta- tore e di strumenti per la misura della deviazione in frequenza e della potenza in uscita a Tire 250.000. Tel. 011/9677682, Alpi- gnano (TO). VENDO bobinatrice per fili da un decimo a cinque decimi avanza- mento manuale, variatore di velo- cita elettronico, contagiri azzerra- bile a sei cifre, prezzo lire 50.000. Separatamente cedo filo per avvol- gimenti di diverso diametro a lire 10 il metro con ordinazione mini- ma di lire 5.000 ». Pajoncini Raf- facle, Cagli (PS). tel. (095) RADIO ELETTRONICA VENDO gioco TV a colori Otron a schede con tre cassette, unacon 8 giochi sport, una con 4 giochi corsa moto, ¢ una 2 giochi corsa macchine, con comandi a closc a L, 75.000. Inoltre piastra di regi- strazione Philips mod. 62540 ste- reo per nastri normali e al bios- sido di cromo a L. 70.000. Con- sonni Giancarlo, via Guarnaschelli 7, Piacenza, tel. 22455. VENDO 0 cambio computer 12K bit completo di interfaccia video, interfaccia cassette, tastiera alfanu- merica, registratore, bus 5 schede e alimentatore, mobile e ventola raf- freddamento. Cambio possibilmen- te con tastiera violini 0 sintorche- stra solina o altre marche note o con organo professionale 2 tastie- te oppure con videoregistratore di qualsiasi_ marca. Adami Giuliano, via Follo 51, 31040 Valdobbiade- ne (TV), tel. (0432) 70262 (ore pasti o dopo le 21). VENDO a L. 800.000 videoregistra- tore Grundig mod. VCR 4000. Te- lecamera b/n Grundig L. 350.000. Trasmettitore per radio libere po- tenza in uscita 50 Watt L. 140.000. Tratto_possibilmente con la zona di Bari. Per informazioni chiedere di Paolo al n. 080/207230 - 207231 (escluso le ore serali). VENDO TX FM 88+108 MHz Professionali con potenza 5 WL. 90.000, 14 W L. 150.000, 30 W L. 200.000, 50 W L. 290.000, 100 W L, 420.000, I tutto a transistor con contenitore senza alimentazione da richiesta. Egidio Maugeri, via Ma- rano 62, 95014 Giarre (Catania), tel. 095/933883. nelle Marche radio elettronica fano awe &, Tel. (o72) brat Sioa? PANO" poera SERARCCEIATURE Pen OM 0 ce TagIR AECERuSTICn Apparecchiture OM MEGA ELETTRONICA via A. Meuccl, 67 20128 MILANO tel. 02/2566650 Strumenti elettronici di misura @ controlio. PER QUESTA PUBBLICITA’ RIVOLGERSI A: tas prom sr 2at54 Milano Via Mantegna, 6 tel. 342465 ~ 389008, ELECTRONICS Aw Lido GR. ELECTRONICS Via A. Nardini, 9/¢ - C.P, 390 57100 LIVORNO. tel. 0586/806020 len de blasi geom. vittorio antenne ricetrasmittenti per postarion fava mobi entenne per CB- OM e TV ccomponenti apparecchiature strumentazione ~ spedizion! in contrassegno ovunque ~ Via negroll 24 20133 milano - tel. 02726572 - 2591472 Componenti elettronici © stru- mentazioni MICGAOSE MICROSET via A. Peruch, 64 83077 SACILE (PN) tel, 0434/72459 seer snares a Gntanitori Pecnsert eh = Alimentatori stabilizzati fino a 15 A- linear’ e filtri anti distur- bo per mezzi mobili PER QUESTA PUBBLICITA’ RIVOLGERSI A: ‘tas prom sri 20154 Milano Via Mantegna, 6 fel, 312041-3450229 Goneratore ai eco Sow t03 8 Ingrease mcrofone 80 dB/10 ko Impedenza carico: 40, {Controle woiume bianciamento enza dentate $0 XO fecovelects dnpetsione emp Dimension 46 x 30 x 120 KC/s410-00 Generatore di sitmi Pocaiputa dl sclesionare | tempi ct: Disco Rock - Bossa Rock Wate-Rock-Bossanova- Begun Dimension: 146 x 20 x 120 Dimension 148 x 80 x 120 KC/S415-00 E/S408-00 C/5415-00 “Autoradio ¢ vproduttore dt di sintonia LED program AN da $l0.a 1620 16s, FM stereo 8750 104 Mis @ cassote ndicatot mono/stereo Potenza dl uacite: 26 W max Aimemtaione: 2 V ce Dimensions 160 « 140 x 44 26/0240-00 ij Bondridge ) HI-FI Solo per auto, in tutto il mondo. Amplficatore equalizzatore ‘Rereo con viproduttore dt Baualzzstore grafico a8 bande Miscelatore per conta alto ptlant entero © posterior! Romolo volume e buancamento Potenza duscita: 25+25 W eu 40 Rispoat a remuenza 0 0000 He Blmentaaions 14 V ce. negative into per contol ato ® postenon +20 W su 400 Frequon ds comand: 60 Hs, 250 Hie | fol, 38 ein 10 ele Gamma ah controls #12 a8 Genoratore a e Toms Dimensions 148 x 8 x 140 KE/S510-00 -qualizzatore COmand a shia Frequotza cl Somando: 0 Hs, 280 is |i, 35 ke 18 ee Gamma at contol + 12 4B Piproautore ‘Volos nase: 478 ex ‘Wow e duter <03 Dimensions 197 x x 150 Ke /8515-00 C/5510.00 quahzraore grafico 48 bende psa ante Ampiticatore: otensa dst 29 + 20 W es 40 Rispesta a requonsa 20 40000 tie Almentaione 14 Vc. Equalizatore: Rrequenss i Soman: 60 tc 2B0'is, 1 liz 39 el 10 la Gamma dt conto: = 12 Dimensions 6/8505.00 ‘ posteion franco muzzio & c. editore M1 Mi silat botvos fer pinstich ns ANA one a Site ‘gewaricn ow wok oo | \E g wEateoustoee WoEehStee | MES Faseasice © 2% Come a costes un mit, 2 19 fro ei nein, 4800 pete) 18 feat mau porrasioamsto, 08. 1+ Lalotwonice «la fotograi 0 22 Gomme agrunee um Nemo 15 Hib delle artanne: a pate, 2 Eng tear cont aon, 0-23 SA Se or feromade Ura 5h O23 grat 300 © 18 pat «ai eto 2 Come doriniger un cio 4 etnen eas Oo ° C00 7 © 17 Erp aoe ce, 7 eet Feet ° a, fo, L3.000 © 19 Manual dei circuit! # semicon- Oe a GS © 27 Game titaora con irl, 3.800 Seton 4800) Be eee 8 See mace Sota 0 20 HT da eSemaro anvonin, ose" hey) ts 2 Set, mien ec vrten, ©.29 Eats un cate date © 24 H tbo get mron 3.600 Eeee" int S00 8B ibe Serine sino. $ Reem ae 28 Baas mona ir lettronica applicata snl (© 24 Manual cntropermtore OX, 1 bre de orig! lero oo 7 Heat, cnt nel msenenv. © 2 Dita deg etic, were wissen, * 0 26 Tide case sonic, 0 12 Eanes or con a Sake nt moreso Wipes © 14 Come a coma un tleoman- ‘io netroni €3.00, facto} 1 bi eet semicandter, © 27 Comal egge un costo, L 4.000 5 38 Wore dstSmpiteios operon (018 Come a uni eleltore toson- 5 organe eiawronica,L 4400, 9 a 888, enue im L900 8 imas stam RiF, caso © 29 Prono a elwonc: 016 Seu dt'ltrones ata, 47 Guie teswata a Teel seve, 4.800 ney ttn © 20 Ibe eta etd, L. 4000 0.17 Gomes costice un diuxore 9 Hereto Ac, L 3.600 8 3 ana nate mse po. 0 18 Come'n soxtutsce un alimemato 8 feng en eeu otegat 59 f bo del component eletorii, Uo Sas rs con i © 20 Some cowie un wmomene sien, 3.000 10 Tiedt ater ton 030 fin ces aer nts A200 8 Bo dir, 4.800, 1 etoica gor tlm © fore 8 far) 1 38 Par gens eu combinto- 12-1 tbr aetfoctoseopi, L 4.400 nev 300 0 1 Connor = Segnai, L300 Sg Gomor” Rel U'ta00, 8 8 Conner ~ Rumors, C3800" ‘manuali scientifich © 1 Sagara Vanna mates, (0. 2 Cepia Lnaravare de computer E00 (© 3 Earpow Music con it caletate- [ator taneaie 15600 Prego islam! | volumt sopraingioat. Poghers. in contrassagna. imports Inclesto pid spese di speczine Taglisndo os. come spedie in busta chi postal