Sei sulla pagina 1di 84
N. 6 - GIUGNO 1981 a i "i El t t +. hobby & professional LA PIU DIFFUSA RIVISTA DI ELETTRONICA Sped. in abb. post. Gr. Ill - L. 2000, MICRO: LINEE INPUT OUTPUT, QUANTI USI @ SISTEMA AUTOMATICO CONTROLLO TEMPERATURA ® UNO STRUMENTO, IL ROSMETRO, PER GLI APPASSIONATI DI RICETRASMISSIONE @ L'OTOFONO OVVERO L’AMPLIFICATORE MINIATURIZZATO @ TELECOMANDO CASALINGO AD ULTRASUONI @ IL VIDEOREGISTRATORE, TEORIA E PRATICA D'USO Pere ove et 8O 1 |v ae TH auto! eee eee eee ee ee een ee GIANNI VECCHIETTI Casella postale 3136 - 40131 BOLOGNA GRUPPO EDITORIALE FABBRI Sp. Mecenate, 91 - 20138 Milano = (02) 50951 ~"Teex 311321 RADIO FLETTRONICA Mario Magrone ‘Geros Milani Luciano Coechia, Renzo Filippi, Alberto Magrone, Franco Marangoni, Fabio Gher: sel, Manfredi Vinassa de Regny, Leonardo Boccadoro, Francesco Musso. Servizio abbonament: GRUPPO. EDITO. RIALE PABBRISp.A,. TEMPO-LIBERO. Via Mecenate, 91°~ 20138 Milano - Tel (02) 50981 -Conto correntepostalen. 177208 Una copia L, 2.000 - Arretati L. 2.300 Abbonsmenta 12 numeri L. 22060 (esteto 1. 30.000) us eit © Copyright 1981 by GRUPPO EDITO. RIALE FABBRI SpA. - Via Mecenate, 91 20138 Milano ~ Registiazione Tribunaie di Milano n. 112/72 del 2.111972 « Diretiore Responsabile: Gian Rizoni, Pubbticita interiore al 70% - Tutti i init son riservati. Manoseriti, disegni, fotogra fie, anche enon pubblicat noms restituisco- no -Distribuzione pe 0 $s. - Via Fortezsa, “el. (02) 2526 Stampa: Officine Grafiche Gareanti ~ Via Mazzi, 15 ~ Ceemusco sul Navilio (Mi) Assocata ala FILE.G. (Federacione [alls nha - Editori Giomali, SOMMARIG 26 GUERRA SPAZIALE CON LE LINEE INPUT-OUTPUT Se sul personal ci sono le linee imput-output, possiamo realizzareun'interfac~ cia e programmi quasi fantascientifici. Il calcolatore pud diventare un tester, un frequenzimetro, un oscilloscopio; oppure si pud pilotare un sinty. 34 FOLO TERMO INTERRUTTORE PLURIUSO Dalt esperienza diretta di uno sperimentatore: ecco come nasce il eireuito di uno speciale interruttore sensible alle sovratemperature, 42 PAPPORTO DI ONDE STAZIONARIE? UN ROSMETRO! Uno strumento uaitissimo in pratica. Teoria e costruzione del misuratore di ‘rapporto delle onde stazionarie. Impedenza 52 ohm, elevata sensibilita 48 _PERUN BUON OTOFONO A CONTROREAZIONE Lelettronica in aiuto alla medicina con glt amplificatori bassa frequenza mi- niaturizzati. Feco una scatoletta metallica peril raschino della giacea. 54 TELECOMANDO ULTRASUONI TUTTOFARE Cisiamo abituati male con le moderne television’ e la pubblicitd ove appaiono serie infinite di pulsanti per... che cosa? Costruiamto wn telecomando. 60 COME E' SEMPLICE DIVENTARE CINE VIDEO AMATORI Regista il capo famiglia, prima attrice la mamma, comprimari tutti di casa basta wna sceneggiatura el telefilm lo facciamonoi. Pur chesiabbiaun video registratore, la macchina di moda per tanti fantastici us. 66 GIOCHI TELEvisivi VINCE iL MICROPROCESSORE Ivideogames basati sul! mpiego dimicroprocessorisono piiflessibilidi quelli a circuit logici standard. La progettazione significa programmazione Rubriche: 25 Lettere, 74 Novita, 78 Piccoli Annunci Disegno copertina: Ron Miller Indice degli inserzionisti eairis ag. 14 Lew pap. 4 cone pag. Bead Muzzio Fp ere pag 78 Newel ag 10 EARTH pag. 8 SCUOLA RADIO EL. pag tt Etcon pag 6 Seer fiom Ganzeru. pag TELco ag. i a0) pap. 10-1886 vecchert! icon 2021 vege pag Ist pag 25 ‘wicixir pag. 12489624 Per la pubblicita ETAS ETAS PROM se 20154 Milano = Via Mantogna, 6 - Tal (02) 942465 -seee08 We Unioccasione al mese er conoscere e fare elettronica sistemi, tecniche, pratiche Racin lettres La rivista mensile di tecnica per la cultura dell’uomo moderno. E la rivista dell’elettronica nuova, diretta da Mario Magrone. La rivista che sa parlare di tecnica e di prodotto, di teoria e di pratica: dall’hobby al professionale. @ un periodico det GRUPPO EDITORIALE FABBRI S.p.A. Via Mecenate, 91 - 20138 Milano Tel. (02) 50951 - Telex 311321 e subito un dono eccezionale! amin a roo — X ont -. te Per ogni abbonato a Radio Elettronica gratis una scatola di montaggio. Per ogni abbonato una scatola di montaggio elettronica del valore di seimila lire. Potrete costruire un timer, un lampeggiatore, un sensor switch, un metronomo, un voltmetro, a scelta fino ad esaurimento. Oppure il libro “Elettroni al lavoro”. Il libro é disponibile anche per i non abbonati al prezzo di lire 3.500. Per abbonarsi: 1 anno: 12 fascicoli pit in dono una scatola di montaggio, lire 22.000 (estero lire 30.000) attraverso: — conto correnté postale n. 177204 intestato a GRUPPO EDITORIALE FABBRI SpA. - Via Mecenate, $1 - 20138 Milano — assegno bancario 0 circolare vi EL... 1oncs CR-1210/F L. 30.000 p ne Autoradio AWM, control di volume, SEU ToN ce {Pasi preselszone per onde mace & modulazione ai froquenza. Impedenza uscita: 4 Ohm, ‘Alimentazione: batteria 12 V negative a massa, Dimensioni: Norme Din. Fy FM FMAM AM CR-1350 L. 38.000 ‘Autoradio AMIFM, stesse caratteristiche del SOT ‘modelio CR-i210, ma stereo, Impedenza uscita: 4 Ohm, Alimentazione: batteria 12 V negative a massa, Dimensions: Norme Din TEC-77/A L. 90.000 Autoradio AM/FM, riproduttore mono/stereo per cassette a 4 piste. Comandi di regolazione Volume, tono bilanciamento, avanzamento € ritorno. veloce del nasiro, espulsione cassetta, ‘Ruto-reverse, impedenza. di uscita: 4 Ohm. ‘Alimentazione: batteria 12 V negative a massa Dimensioni: Norme Oin. TEC-500 L. 65.000 Autoradio AM/FM, riproduttore mono/stereo Der cassette a 4 piste. Comandi i regolazione Volume, tone, bilanciamento, selettore cambio onde, tespulsione eassetta e avanzamento veloce del nastro, Impedenza i uscita: 4 Ohm. ‘Alimentazione: batteria 12V negative a massa Dimensions: Norme Din GP-781 L. 55.000 la coppia Interfonico ad onde convogliate FM. Spia luminosa di controll, manopola di rogolazione volume, tasto, trasmissione-ascolto fe cambjo canale. Alimentazione: 220 V, 60 HZ. Bimensioni: 140 x 50 x 130 mm. oS TEC-138 L. 85.000 i porate. con eutia | Tate, 2 canal stereo, Almeniasione 8 V cc | quatro pile stl \ Sor alimentatore, | i INOLTRE: PRESIDENT - SOMMERKAMP YESU - ICOM MICROFONI TURNER VEEL VIRGILIANA ELETTRONICA sne. le Michelangelo 8/10 Gazal pot. 3446100 MANTOVA - 3 cas /268023 \CHIEDERE OSFERTE FER QUANTITATIZL SPEDIZIONE: in contrassegno + spese postali Laboretorio specializzato riparazloni apparati rice-trasmittenti Ua VIEL @ prosente a tutte le mostre radiantistiche di gn! tipo. TUTTI GLI APPARATI SONO MUNITI DI UN NOSTRO MODULO DI GARANZIA po mod il vostro EE WVe) ge) serie STANDARD INTERNATIONAL Prag Pico een) pore oe Terano Eco aad ee ee Sevieey: Usware wi ee ees GANZERLI... EVE Pal tea ego eI} Gli strumenti digitali sabtronics@ . i professionali per tutti. eeeene { Lo FREQUENZIMETRO MODELLO 8000 B ere display a9 cifre LED i frequenza da 10 Hz al GHz base dei tempi a 10 MHzcompensata alimentazione a pile oa rete | 1 LED indicante attivita del gate ASSEMBLATO L. 2n.o00 (ava wowusa) E ‘due ingressi con controtlo di sensibil 4 GENERATORE DI FUNZIONI MODELLO 5020 A | ‘onda sinusoidale, quadra, triangolare frequenza da 1 Hz a 200 KHz in 5 in 5 portate fi possibilita di controllo di frequenza esterno scita separata TTL, sweep sino a 100:1 | offset in ec per lavorare con ogni classe di amplificatori ASSEMBLATO L. 140.007 (watwexea) | 1udio, ultrasuoni, sistemi digital, servo sistemi, ecc. Tl TT tt impedenza alah Kohm | L ‘ -SONDA LOGICA MLB-1 ti TTL-CMOS-MOS-HTL_ ~ massima frequenza 10 MHz memoria selezionabile eoccce protezione sino a 50 V. continui sostituisee Foscilloscopio| ‘ASSEMBLATO L 34000 va meuugay I | Li trovate dai migliori rivenditori o direttamente da ff) NW ol ae Me ME CTL ee SPL RL) PRACTICAL ELECTRONIC PLAY ° KIT. SYSTEMS KT 371 aaoionicevrrone so - some (Gon pocsbta a espansone a icevoremultoarda rare kts KT972/ Wear CCARATTERISTICHE TECNICHE Tonsioneoaimontazone = 12v00 Max corente assorta = 35ama Max potenzs d uscta = Veit Impedenca gel carico S30 Sorstbita dimgresso Suv Sarma si feqvenes = 50 some Frequonea ire 107 we ‘ipo modulston a DESCRIZIONE Gans KT 3°71 poets ricevere ute estazion compreseinuna gamma re ‘ponnea soma ‘aD Mile: possi caratinar, serv publ ta Som teavalve in Banca e tants tn seri Grove al conceteo cosine mocilareadotato, pote esparsrala re: ‘Quenza raeziosedelKT 37" tno TBOMNe od re und porte cosy Uh paticoe sons teatro multgaria in grado fave aseotare Tuto ‘ualo che desirate | I | 29900 - WA KT 373 wens c20ne PER RADIORICEVITORE MULTIBANDA KT 371 ‘CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione daimentazione = 12\e0 Max coment aseorbta = ama Gamma ircesione = a8" rooms Sorstaa dingresso = aw Tipo mosulazone Sent requerza ntormedia Sor wee DESCRIZIONE Tk 376 uno delve creut una appicail al KT371 ole a tune $080 Mitzi preseno naa conterone base. Laegaseadivcpsoned queso ke comoresaa 1086120 Ui ode me agh an creat tuner v poretiers @ ieovere tut | saghal compres Tale Requerae ra S06 108i ete I'quesia gamma di requenza. otete ascotare: servi auostradl, pnt Civ pont radio, nereoplar, Indareazion, pole, wo ua, sarod a L. 14.900 - Iva C.T.E. NIERNATONA® {2011 8AGNOLOI PIANO RE -TALY-Via Vall, 16 - Te 0822) 6159/2412526 (emi) TELE SHOE CTE 4 DI MAGGIO KT 372 2eneiaronigaann PER RADIORICEVITORE MULTIBANDA KT 371 (CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione d aimentazone 1200 Max corentoascobta = ana Gamma sreesione Be toa mete Sons dingrosso Suv Tipo d modularone Frequeneaintormedia DESCRIZIONE Iker 372 6 uno dal tre ccuttunor apical al KT 971 ole al tune 5080 [Miz gi presantonaiacontezione base Utrequoneacicesione di queta kt compress trae 108 MH2 ed inseme ‘gl at ereut tuner v porters ncevate ut segnal compres nal re ‘quonze ra 600 180 Mie ih questa gama a oquenca ptete ascotare: servi autosradll, por c= ‘ah pont ado, aereopla,ibrcasion pola, wai urban, sasiow lew ver omiton FM oe “ 1. 14.900 Iva KT 374 Fen abiondevtone muurieanoa kr 371 ‘CARATTERISTICHE TECNICHE TTenslone daimentazone = 1200 Mar. eorantaassorta = Sima Ganma ineenione $50" reo nee Sensbia dingresso = aw ‘ipo modulaztone FM Frequenza ntrmadi = tor we DESCRIZIONE INT 374 6 unodbitre ctcut ner appleabilalKTT' le altune 50: 80 Mz ‘98 posonte nota cnferone osse tatfequenzad reezone d questo kt compres ra 1900 180 MHz od ini. ‘mo al alr ecu ser vipsemetors dl nesvere ut segnal compres! Nelo ‘requenze ra 80. 180 Mee In qusta gamma a roquerza povete ascotare: serv auosracal, pont ‘is pont rage, areaplan,mearazion, paz, vigh Urban, Stim eM Swovomitnt Ft see " 14.900 «Iva AUTORADIO CR 80 fuoradio AME Gono volume, ton, sinonia ‘Sscita 4 om = Potensa’5 Watts = Dimension! 158 120 x48 a PREZZO L. 36.500 "AUTORADIO. MANGIANASTRI-AC. 400. Garner ar heesione RM Serie della canola" Commutstor! AM Fit ~ MES Satve poe Vavanzamenta voloce ES sullen at Sbimensioni AUTORADIO MANGIANASTAI CTR 44 pede “durcita 4 ot. Conall sovuma ore, ‘oinnelament PREZZO L. 67.000 ‘AUTORADIO MANGIANASTA! STEREO AUTOREVERSIBILE, in Commotaton AM. Fi MPX Soletore ca inslestore nas Feloc? “Siemon! secondo ‘norme Sin - Almentaione 12.0 WANGIANASTAI Toso? ‘Stbapione dla, ceasta ” ‘Alimenasione 12Vee. segevo. 8 masta WANGIANASTAN T0550 ‘G"requenze 10 " oom He "Contra: volume, Spin iummnoea a Tuna ona Simonton: tat St 3, ne, bianciamenta AMPLIFICATORE STEREO DI POTENZA AP 230 PREZZO L. 27.000 AMPLIFICATORE EQUALIZZATO 5 SL. Taste sla oder Laccersare- Blancamania fe spain 60 He, $50 Het Kis, 3.9 Khe, 10 Kite ~ Poter Fngaderan dusts & Om rs stoparien PREZZO L. 56.000 "AMPLIFICATORE EQUALIZZATO 7 SL. Tasto 6 cpa. lod por Vaccansions BO he, area 4S int Ree, 4 Wes 8 Khe 18 Ka - Potonsa Sete lilt 2 peach Stasta’& Ohi per bo PREZZO L. 69.000 Su Sa 89 a ao fa | ie, 2 he 6 Rie 6 Re Potonee h PREZZO L.74.509 ‘AMPLIFICATORE EQUALIZZATO EK § SL CON REVERBERO ice, elo eta Eee» ‘Spl luninoas per Vingrmanto Go a 23 RA v0 ws ott anche & Wate CCopandm slider per volume, bi PLANCIA ESTRAIBILE DA INCASSO UNIVERSALE PH 175, PREZZO_L. 10.300 PC roe en Ras eons) Sa ea rea coarse a Ret iol ea eart a DENMAN 7.) ICRC oe mee STUD UVP reno COS CI MICROFONI ¢ SADELTA® LA NUOVA GENERAZIONE ‘f Jum me PROVATELISONO ECCEZIONALI fvonizo CARS CT.E. NTERNATIONAL cers sscnotow panomes rim «qn» —— Centralina antifurto Modulatore di luce elettronica __ UK 726 UK 882 Geliovstore austco DISTRIBUITO IN ITALIA DALLA GBC NEWEL Attualita Elettroniche = Via Dupre, 5 pasties 20155 Milano - Tel. 02/3270226 VENDITE DIRETTE E - = ven consseeovoexa NOVITA’ NOTA j [EF] APPROFITYANE wT COSA VORRESTE FARE NELLAVITA? Quale professione vorreste esercitare nella vita? Certo una . professione di sicuro successo ed avwvenire, che vi possa garantire una retribuzione elevata. Una professione come queste: >) e Rs 4 i ft = aces Le professioni sopra illustrate sono tra le pid affasci- anti e meglio pagate: le imparerete seguendo i corsi per corrispondenza della Scuola Radio Elettra. I corsi si dividono in: CORSI DI SPECIALIZZAZIONE TECNICA (con materiall) RADIO STEREO A TRANSISTORI - TELEVISIONE BIANCO-NERO & COLORI - ELETTROTECNICA - ELETTRONICA INDUSTRIALE - HI-FI STEREO - FOTO- GRAFIA-ELETTRAUTO, Iscrivendovi ad uno di questi corsi riceverete, con le lezioni, i materiali necessari alla creazione di un labo- ratorio di livello professionale. In piu, al termine di al cuni corsi, potrete frequentare gratuitamente i labo ratori della Scuola, a Torino, per un periodo di perte zionamento. ‘CORSI DI QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE PROGRAMMAZIONE ED ELABORAZIONE DEI DATI- DISEGNATORE MECCANICO PROGETTISTA ESPERTO COMMERCIALE - IMPIEGATA D’AZIENDA TECNICO D'OFFICINA - MOTORISTA AUTORIPARA- TORE - ASSISTENTE E DISEGNATORE EDILE ei mo- dernissimi corsi di LINGUE. Imparerete in poco tempo, grazie anche alle attrezza- ture didattiche che completano i corsi, ed avrete otti- me possibilita d'impiego e di guadagno. CORSO ORIENTATIVO PRATICO (con materiali) ‘SPERIMENTATORE ELETTRONICO particolarmente adatto per i giovani dai 12 ai 16 anni, termine di ogni corso la Scuola Radio Elettra rilascia un attestato da cui risulta la, vostra preparazione. Scrivete il vostro nome cognome ¢ indirizzo, e segna- lateci il corso 0 i corsi che vi interessano. Noi vi forniremo, gratuitamente e senza alcun impe- gno da parte vostra, una splendida e dettagliata do- ‘cumentazione a colori, Scrivete a: « —_ Scuola Radio Elettra Via Stellone 5£73 10126 Torino perché anche tu valga di pid [ScuoLk nao cLEvTRA vi Stlone 5 E73__J0126 TORINO i inpustRIA WLilbikit. evertronica VIA OBERDAN 24 - 88046 LAMEZIA TERME - tel. (0968) 23580 KIT N. 88 MIXER 5 INGRESSI CON FADER L. 19780 Miser privo di frusclo od Impurlt; ei consign Hl suo uso In discoteca, stust dh ropistraions, sonorizarione- films KIT N, 69 VUMETER A 12 LED 1 13.500 Sostiuisca | tradzionli strumenti di misurasione; sensib Tits 100'mv, pedenza 10 KOhm. KIT N. 90 PSICO LEVELMETER 12.000 W sesso Compronde tre novite: VU-meter giganto compeste ai 12 triacs, aecansione “automatics ‘sequensiale di 12. lampade alla froquonza desiéerata, acconsipne e. spegnimento delle lampade mediante repoletore eletronice, Alimentasine 12 2, essorbimento 100 mA, KIT N. 9t ANTIFURTO SUPERAUTOMATICO PROF. PER AUTO L 24500 Indicato per automa installabila in case, négori eae. Semplicissimo il funzionsmento; ha 4 temporizazion! con chiave elatronce, KIT N. 92 PRESCALER PER FREQUENZIMETRO 200250 MHz tza760 Questo kit applicato slingresso dt normal froquenzimeti re estende la portata ad oltre 250 MHz Compatiila con 1 ciroutt TTL, ECL, CMOS. Alimentazione 6 Ve‘, assorl ‘mento max 100 mA, sensibilta’ 100 mV. tension segnele Usetta § pp. KIT N, 98 PREAMPLIFICATORE SQUADRATORE BF. PER FREQUENZ, Collegato al'ingresso dt frequenaimati,« ulisce» | seg ai BF squadra tal eognali permettende une peretta letura Alimentasione §=9 ec, assorbimento. mex 10) mA: bands pssante 5 Hz=300 Kha, impodenza @ingresso 10" KOhm KIT N, 96 VARIATORE DI TENSIONE ALTERNATA ‘SENSORIALE 2.000 W 1 14800 Tale circuto con il serplice stloramento di une placchetta metallica permette di sezendere dele mpade. nonché. te olare 2 piacere Ia luminosit Alimentaziono autonoma 220'V 2, 2.000 W mex. KIT N. 97 LUG! PsicosTAOsO 29.960 PRESTIGIOSO EFFETTO DI LUCI ELETTRONICHE i quale permetto di rallentre le inmesint di ogni oggetto In mov ‘mento posto nol sue raggio i Kiminosita a tempo di musics Alimentazione autoroma 220 V ca, = lampade strobo in’ do: taziono = infensita luminoss 3.000 LUX frequenza de lamp a tome di musica - durata del lampo 2 m/sec KIT N. 84 PREAMPLIFICATORE MICROFONICO 12.500 Presmplfics segnall di basso livello: possiede tre eicact controll di tono. Alimentaziono “830 Ve. quadagno max 110 4B, lvello duscita 2 Vpp, assoebimenio 20 mA KIT N. 95 DISPOSiTIvo AUToMATICO DI REGISTRAZIONI TELEFONICHE 1 18500 Effettua registrazion tolafoniche sonza intervento. manual: Tinserimento éel'apparecchio non altera la linea telefonica. Alimentarione 42:8 Ve‘, assorsimento & woto t mA, Bssor- bimento. max 50. mA, KIT N. 101 LUCI PSICOROTANT 10.000 W 38.800 Tele KIT permette lacconslone rotetiva di 10 canall tam pade a etme musicale Alimentazione 15 We-. - potenza alle lompsde 10.000 W. KIT N. 102 ALLARME CAPACITIVO L. 14500 Unico allarme nel suo genere che salvaguarda gli oggett allapprossimars! corp estran!. Alimortazione 12Ve.e." carica thax al relé 8 ampere - sonstblta regoabio. KIT N. 109 CARICA BATTERIA CON LUCE DIEMERGENZA 5 AMPERE 26.500 KIT N. 105. RADIORICEVITORE FM, 88-108 MHz L 19750 KIT N98 AMPLIFICATORE STEREO 25-425 W RLS. L. 57.500 Ampliicatore stereo ad alte fedete completo dl preamplif- Ccetore equalizzato © doi controll del toni Bassi, al © mod, alimentstore sapilizzate incorporat Alimentazione 40 Vc. - potonza max 25-+25 W eu 8 ohm (@5435W su 4 ohm) distorsione 0." KIT N. 99 AMPLIFICATORE STEREO 95°25 W RLM.S. L. 61.500 Amplficatore stereo ad alts fede completo di preampli- ‘atore equalzzato © gel controll dei toni bass, alt= madi slimentatore stabilizeato incorporate. Alimentazione 60 Vea. potonza max 35-435 W eu 8 ohm (604501 su 4 ohm) distorsione 0.02% KIT N. 100 AMPLIFICATORE STEREO 50++50W RAM. L. 60.500 Anplficatore stereo ad alta fedelts complete di preamplit store equalizaio e dei contol dei ton! bass) ate mach Alimentatore sabilzzate incorporac, ‘Alimentazione 60 V ca. potenza max 50+50W su 8 ohm (70+70W su é chm) distorsione O03" inpustHIA Wilbi kit ELETTRONICA VIA OBERDAN 24 - 88046 LAMEZIA TERME - tel. (0968) 23580 PREAMPLIFICATORI DI BASSA FREQUENZA AUTOMATISMI lee ste Al par be © Xe 4 8 outro stoma pr utente 4 580 Lam KERR AGMS Mma ee Sere Se be ae 1. sas00 Vrcsooe Cra vac nat RRS speratomatico rottiole ingest can fete Sos0Ver fag et 1 man MaMa een ca, fer viens at BEIGE Eatre samt repli SN Marin tae a eer vernal Beh bie KEE Soren cate NSD ca EC PERDUE os usa S 20 AMPLIFICATORI DI BASSA FREQUENZA econ cre rerceistaie LS Xi Amoliiesioe 1 L sao FR eee a EE gd OMS SS aw tie fe 1 tes00 aig Ampineas sass 4 Taiyo asomaco per reitrso Kit N. 2 Amplificatore 6 W AMS. 7.800, ‘telefonica per real L, 16.500 SEM § Atpitcagts fonts. ae KitN: 5 Ampiiicatore 20 W RMS: © ieee KitN. 6 50 W RMS. 18.500 EFFETTI SONORI ane ciowonce 0, L840 SUE seta a. SBS Bg acing ite’ EAB. ALIMENTATORI STABILIZZATI ACA Sie sper awe aroun mara ok $2, big STRUMENTI DI MISURA ow ase fis fit 2 ewenaiove dale sesso Arctic ise GE Settee tl onze tI frei mata big fin. 8 Prothane goad par Sei bie fem nee 1 rao Aap meteme fie te view. a7 LSB pay po ta 1. Aisi amie A 1, bie een Las Se Ei von nae SHS a 2 ted bag Arar aetna @ ens ‘APPARECCHI DI MISURA E AUTOMATISMIDIGITALI —e Ti 2 oe ich 1 rao ene = bss Bs pats bs are Cs 24 Luc! psiches b 7a UN. 68 ronomeno digtale 16500 B Vile dtr atoms tipo. Sasa See ee repeat wecom pug H latent" Eat 2 aie {otocetula- 2000 W. 7450 KANT Seca yarmacone pe come pez eats ey 2 Vesa rane base ais ERS 2 UE cls al eta tae 8 Sl Becects ca ERs APPARECCHI VARI 3 Vitae ett Kitna? ise L 2m Weta fo Sug Bes, bas 9 (Ee te stomata 2000 W See eee eae tome 8 Ure Law SEMIS Gores gto teal B eetioetater acm wae. Be eee ornlat 190 Rea ARMA, yo cen Seles Sha R tral bo ves o£ ES SB ieee tee a L100 HC, Bocpeggiens cava aac’ ES BME SLeciataonseemheuheae ts 70 1 eRtz1 SONO COMPRENSIV! DI 1.4 Tavera woes bor tte Te nw sable & gue” lamar tornado ‘osteo. eazere ate Girettamentpesso la, nostra ‘casa, Spedisen! onrassegno 0 per" pagamento hie informant a rihlestainviando 60 ie in Trancoball, 4" component sletronic. Catal Pen FAVORE INDIRIZZO IN ‘STAMPATELL ei milion nagost LE INDUSTRIE ANGLO-AMERICANE IN ITALIA VIASSICURANO UN AVVENIRE BRILLANTE £& un posto da INGEGNERE anche por Cora POLIPECNIC! INGLESI Wi pormetto INGEGNERE regolamente leerito nell Ordine Britenica, na CARRIERA splendigo Ingegneria CIVILE - Ingegneria MECCANICA un THrOL0 ingeone ELETTROTECNICA - ingogneria INDUSTRIALE un FUTURO sice9 di soddatariont Ingegneria RADIOTECNICA - Inge a FLETTRONICA BRITISH INST. OF ENGINEERING TECHN. alan Dison «158 Taio - Via Ga 4/7 Lond «Delegarion info i! mondo. Sede Cents ae Alimentatore digitale 0--30V-2,5A Alimetotore da lboratoto, fobilee moneggevole Posse di rgolosione Enis dal Tensions sv Wo ie gamma do 02 30'V Catovone effcace dla ‘omen a soghe reolabile da 0 O23 lature digtel det vols on ponte 3k montage se sock oppure: oppogge wy ftotione solide ed elegonte once" lovre DISTRIBUITO IN ITALIA DALLA GBC nuova serie VICTOR CATALOGO A RICHIESTA INVIARE L. 500 + 200 220 W AM-H cm 140 Radiante Spiralato LO STILO RADIANTE PUO’ ESSERE SOSTITUITO CON STILO DI ALTRE FREQUENZE POSSIBILITA’ DI MONTAGGIO SIA A GRONDAIA CHE A CARROZZERIA BLOCCAGGIO SNODO DI REGOLAZIONE A MA- NIGLIA O VITE BRUGOLA biasi geom. vittorio Lulfcio ¢-deposito: via negrol, 24 - 20133 milano (ol. 021726572 - 745419 Per separa. Riffuta irottamima a mone Sembra dotatodi cervello: trascura le minutaglie perditempa t e punta sul sicuro La C-SCOPE ha portato | suoi gia celebri cercametalli alla perfezione. Dotandoli della pi. progredita tecnologia di ‘passa frequenza (VLF) ha creato il C-SCOPE 990. LLapparecchio, mediante una speciale esclusione delletfetto terreno, offre prestazioni a profondita doppia, dove gli oggetti sono pli! antichi. Inoltre, Vazione discriminatrice variabile TR sopprime la percezione di Inutil rottami. Il cereatore pud scegliere fra due modi di operare, con un comando variabile, per determinare con, precisione il livello discriminante, dall'esclusione di ogni bassa frequenza VLF dal metallo nel terreno, al rfuto TR di chiodi, stagnola e stappabarattoll. Tutto cid sopprime i tempi morti e le delusioni nei falsi ritrovamenti, oltre a fayorire un maggior numero di scoperte util, | modelo 990 @ caratterizzato dal pulsante per la sintonia della memoria automatica il quale da istantaneamente la rmiglior sensibilita ai punti profondi, permette di effettuare con facili la variazione della normale esplorazione basa frequenza (VLF) a qualungue livello desiderato di discriminazione, Istruzioni dettagliate contenute in ogni ‘apparecchio. (CARATTERISTICHE Princip! operat combina traamissionee rcenione in bassissima requonca, Due possi dlescluderet ttettoterreno a perladiscriminazione variable Testata ferea regelabil,imperme a incorpora.Pulsant automatic di sntonia perl regoacione rapga e pera Profondita dt perione fines om $0 per uns moneta, fina 8 cm 110 per pi grand oggat. limentazione ¢ ple 9 Volt base quadata (GBC IVO7ES-20),Strumentino ‘avelzatoredolia sintoni, della iserminanione e del pustamento. Conwaio aulomatco dello stato dale pli. Frequenza di operazione 19 KH. Peso kg 1. DISTRIBUITI IN ITALIA DALLA‘G.B.C. ":GOSUB9Z12:GOTO224 IFS":GOSUB9ID TEMIDS(AS(V).M,1)="“°THENIZ22 ‘AS(V)=LEFTS(AS(V),H—1)+"X"-+ RIGHTS(AS(V),39-H):RETURN PRINTCHRS@7}+“G"+CHRS@7+R PRINTCHRS(27)+"="+ CHRS(32+V)HCHRS(32HXS PRINTCHRS(27)+CHRS(114)+CHRS(27)+CHRS(123):RETURN, Sul video vi apparira una fila di zeri Ora premete il pulsante A-¢ vedrete ap- parire il numero I cherimarra finché ter- rete premuto il pulsante, mentre torner a presentarsilozeroappenalevereteil di- to, Premete quindi il pulsante Be vedrete 2, conil Cvedrete4;il Dara visualizzare 8, illpulsante El 16, "Fil 32, il G64, infi- ne l'Hil 128. Secosi non fossecontrollate icollegamentie rifate la prova. Quando tutto & OK spostatei deviatori in posizio- rhe | e premendo i pulsanti numerici ve- drete apparire sullo schermo lo stesso ‘numero indicato dal pulsante. Anche in questo caso se qualcosa non andasse per il giusto verso é necessario controllare i collegamenti nonché la corretta polarita dei diodi, Fatto questo siete pronti a realizzare programmi utilizzanti le porte di input output. Come abbiamo detto in prece- denza le istruzioni Basic relative sono semplicissime; vediamole in dettaglio. Nel caso di pulsanti indipendenti (al- fabetici) usate le seguenti istruzioni: — Pulsante A: IF PEEK (42961) AND THEN... eve — Pulsante B: IF PEBK (42961) AND. 2 THEN... ece — Pulsante C: IF PEEK (42961) AND 4 THEN... ece — Pulsante D: IF PEEK (42961) AND 8 THEN... ece — Pulsante E: IF PEEK (42961) AND 16 THEN... ec, — Pulsante F: IF PEBK (42961) AND 32 THEN... ec. — Pulsante G: IF PEBK (42961) AND. 64 THEN... ec. — Pulsante H: IF PEEK (42961) AND 128 THEN... ec. Nel caso invece di pulsanti numerici (da premersi cio’ uno alla volta) usate: IF PEEK (42961) = X THEN... ece, dove X €il numero del pulsante E’ chiaro che dove noi abbiamo indi- cato™...” dovretemettereleistruzio~ ni isalti che volete ottenere. A questo punto vienespontanealado- ‘manda: “Quando dovremo usare i pul- santi nummerici (deviatori in posizione 1) 2 COMPUTERS: € quando quelli alfabetici (deviatori su 2)? E perché quattro deviatori quando sarebbe stato Sufficiente un deviatore a quattro vie?” Ebbene, per quanto riguarda la prima domanda useremo i pulsanti alfabetici nel caso di programmi che prevedono la contemporaneita degli eventi ad esem- pio il controllo di un cannoneino che de- ve poter spararementresisposta.Inque- sto caso con i pulsanti Be Ccontrollere- mo lo spostamento a sinistra 0 a destra, mentre con il pulsante D lo faremo spa rare, Useremo invece i pulsanti numeri in cuttiglialtricasi, Per quanto riguarda la seconda domanda, invece, dobbiamo dire che la soluzione a deviatori separati 2 quella che permette una mageior fess bilita infatt, e nelle prossime puntate lo vedremo meglio, ¢ possibile usare con- temporaneamente pulsanti numerici ¢ alfabetici, ¢ i deviatori separati permet- tono di variare il numero di pulsantidel- Puno o dell’altro tipo. Conclusione {n figura 6 trovate il programma di un ‘gioco, Purtroppo non avendo pitispazio a disposizione siamo costretti, per evita- re di occupare tuttala rivista con unsolo articolo, a rimandarne la spiegazione in dettagtio. Le regole del gioco sono, co- ‘munque, le seguenti:sullo schema appa- re un campo composto da tanti puntinie due “serpenti” dicolorediverso iniziano a muoversi allungandosi sempre pi. La direzione del “serpente” di sinistra pud essere variata per mezzo dei pulsanti A, B, Ce Dmentre quella del “serpente” di destra per mezzo dei pulsanti E, F,GeH. Due giocatori partecipano a questo gio- coe, comandando un "serpente” atesta, cercano di “‘chiudere” Pavversario 0 di farlo sbattere, Ovviamente i “serpento- ni possono andare solo dove sono indi- ati puntini enon possono sovrapporsi, pena la sconfitta Non perdete quindi i prossimi numeri perché, oltrea quantoannunciato sopra, abbiamo in serbo per voi grandi sorpre- se,altriprogramminieaddirittura un'in- terfaccia musicale, molto semplice, che vipermettera di farsuonare il computer, disonorizzare ivostri programmieaddi- rittura di far comporre melodieal nostro personal, LE GUERRE SPAZIALI SU “SCIENZA 81” Dunque abbiamo visto, almeno sul nostro personal computer, come sia possibile utilizzare le linee di input output per controllare sul video even- tuali giochi di movimento. Come accennato, avremo modo di vedere pros- simamente numerosi giochi. Si é parlato anche di space invaders e della possibilita dieffettuare simulazioni dibattaglie spaziali...Ma quanto que- ste sono fiction o realta? O piiicorrettamente,sipud parlarediguerrespa- ziali reali? Purtroppo sembra di si. Quali imezzi, le armi, i teatridibatta- glia? Proviamo a leggere insieme 'ottimo articolo Guerre Spaziali, di R.G. ‘Toth recentemente apparso sulla nuova rivista italiana Scienza 81 da E, De Rosa peril Gruppo Editoriale Fabbri (da Scienza 81éstatatratta illustrazione della nostra copertina, autore Ron Miller). Ecco, immagi- ati ma terribilmente documentati, gli scenari delle possibili future guerre spaziali: satelliti armati di laser, robot telecomandati con cannoni a fasci di particelle, sistemi automatici di cattura e di disintegrazione... Gia spe- rimentati cannon laser con potenze di milioni diwatt, anti missili, Sembra che I'Urss lasci orbitare satelliti armati con ordigni nucleari. Gli Usa svi- Iuppano i sistemi antisatellite, anche con missili ad autoguida da lan da aerei X15. Si detto anche tanto sui possibili usi militari dello Space Shuttle. Qualcosa di vero c’é di certo. Ah, gli wom perché non ci lasciano solo giocare?! clicola della vista Scienza 8111 petodico, mens, ¢Pedizione latina di Sience 81, una delle pi igise rvs scentiiche Poetry APPLICAZIONI EOLO ELETTRONICO TERMO INTERRUTTORE PLURIUSO Dall'esperienza diretta di uno sperimentatore: ecco come nasce il circuito di uno speciale interruttore sensibile alle sovratemperature. Da usare magari per proteggere costosi amplificatori, sistemi domestici, piccoli impianti in negozi o laboratori. Qualche circuito integrato e poche saldature per una basetta subito pronta icordo come fos oggi il gor R ‘toineuim ccs aspenmentarei primo amplicatoredipotenrachefose Tnteramente seit dalle mie man. L's Ia produzione di aloreche, come tisa- termi eroinprecedena pres la riga tmunte og finaleconappropiatids- paton, Lacapacitdrafrecdamento Hostcaleol feria unsacc ditaelle del mio dito indice sinistro ¢ con questo sfiorai i quattro dissipatori termici che cerano ovviamente stati montati sui quat- tro finali di potenza. Chiusi ed avvitaiileoperchio conilso- lito cacciavite cercafase che da un po' di tempo vagava nei taschini delle mie ca~ Ero felice, Nel chiuso del mio micro- scopico laboratorio avevo avuto confer- ma che-lamplificatore in questione avrebbe funzionato. Nonostante questo non dovevo perd ¢ di formulari che avrebbero fatto star male la buon'anima di Einstein, Alla fi- ne, pero, questa assurda pignoleria (ca- ratteristica degli sperimentatori inerba) sembrava essere premiata, [ quattro transistors finali erano li, sotto i miei occhi, montati sul circuito stampato che sembravail pit bello ditut- tala mia carriera, Rammento ancora il contenitore dal frontale satinato che aveva portato via parecchio tempo della mia giovinezza Prima di rinchiudere il tutto con il co- perchio del contenitore baciai la punta dimenticare che la vera prova di funzio- namento si avrebbe avuta adesso. Collegai Ventrata dell'amplificatore con uscita del mio giradischi dopodiché diedi il via alla prova, Sul piatto girava il disco di musica classica che riproduceva le quattro sta- gioni del notocompositore veneto Anto- rio Vivaldi, Quando dalle casse acusti- che, collegate all'amplificatore, usciro- xno le prime, limpidissime note del primo ‘movimento della primavera feci unsalto di venti centimetri di gioiaemiavviaico- ‘me un pazzo verso la casa della mia ra- 35 RADIO ELETTRONICA gazza di allora per informarla che aveva cos persola scommessa che verteva sulla mia capacita o meno di realizzare am- piificatore sopracitato. Non & il caso di dire che conseguenze portava 'aver persolascommessaanche se, data la giovane eta, non sara difficile indovinare. Quando arrivammo sul luogo dell’e- sperimento il disco era oramai alla finee si sarebbe dovuto sentire il terzo mo ‘mento dellestate ¢ cio’ il bellissimo pez~ zo del “tempo impetuosod’estate”. Pur ‘troppo dalle casse useivano solo suoni guiturali per non parlare dei versac strani che, sempre dalle casse, amplifi- catore faceva a me, il suo creatore. Dopo aver convinto (¢ rassicurato) la ragazza che cid era dovuto al disco logo- ro la rimandai donde era venuta. Quando fu uscita incominciai a pren- dermi a sberle davanti ad uno specchio sino a che (col viso gonfio) non mi decisi a cercare di capire cos'era avvenuto. La spiegazione ebbi quando aprii coperchio del contenitore. In quel mo- ‘mento sentii una ventata d’aria bollente ustionarmi il viso al punto che dovetti andare in bagno ad inumidirmi lafaccia che oltreadesserelivida era oraanchese- miustionata. Fu cosiche capii una volta per sempre che anche la migliore aletta di raffredda- ‘mento non sarebbe servita a nulla senon = microamperometro cavarte C= 10,000 pF Roane, (provate a ricavarla da soli) Non mostratevi troppo insofferenti sulle formule, dopo tutto la radio non funziona per caso (...0 si?) 46 Un mondo di fatti, di idee, di cose, di barche, di pesci,... mondo~== sommerso La rivista internazionale del mare diretta da Franco Capodarte. La rivista che segna la rotta, che racconta i fondali, che dice come dove e quando trovare il sole, il vento, il pesce, l'ormeggio, Falloggio, il carburante. E il resto che serve. Mondo Sommerso guida di mare Per abbonarsi: 1 anno: lire 27.000, estero lire 35.000 attraverso: —conto corrente postale n. 177204 intestato a GRUPPO EDITORIALE FABBRI S.p.A. - Via Mecenate, 91 - 20138 Milano = assegno bancario 0 circolare 6 un periodico dol GRUPPO EDITORIALE FABBRI S.p.A. Via Mecenate, 91 - 20138 Milano Tel. (02) 50951 - Telex 311321 BASSA FREQUENZA PER UN BUON OTOFONO A FORTISSIMA CONTROREAZIONE di MARCO PAGANI L’elettronica in aiuto alla medicina con gli amplificatori bassa frequenza miniaturizzati. Ecco una scatoletta metallica che puo essere portata nel taschino della giacca del nonno e risolvere forse un problema In pratica qualche stadio audio a forte sensibilitae con pochi componenti apita a tut) di avere un nom Cro ordoo nazar che &talmente meno ripetendole re volte Lesoene, come —Nonno, passamiil sl ae) Chi sarebbe un maial? — Mano, ti ho dettodi passarmiil sa- .risultano tragico- le — Se sono caduto dalle scale? Nonnooo! Passami il saleee, per favore!! — Come??No, non misono fattoma- le, E via di seguito. Certo, di queste cose siamo abituati a ridere, considerandote delle situazioni umoristiche molto divertenti; persino gli autori di barzellette senesonoserviti per le loro vignette. Questo perd dalla parte dichi ci sente, cioe di chi ha le orecchie buone. Se invece consideriamo la questione dalla parte opposta, quella dk odei deboli d'udito in genere, il fenomeno umoristico della sordita acquista un si- gnificato di problema sociale, cio’ di- venta un impedimento a rapport sociali normali con conseguente frustrazione cell individuo matato. Per owiarea tale graveinconveniente, Felettronica, regina del nostro tempo, viene in aiuto alla medicinacreandoico- siddetti “otofoni”, Essi nascono, si puo dire, insieme ai transistors, in quanto, prima della nasci- ta dei semiconduttori, realizzare un oto- fono era possibile solo in teoria, Infatti, la caratteristica fondamentale di queste protesi acustiche é la trasportabilita, os- sia lo scarso ingombro. ‘Al tempo delle valvole un otofono sa- rebbe diventato come minimo una vali- getta, senza contare la necessita di un ali- mentazione ad alto wattaggio, il che ri= chiedeva pesanti nonché ingombranti accumulatori. Insomma, era meglio te- star sordi ‘Nel dopoguerra, con 'avventodei pri- 0 RADIO ELETTRONICA CIRCUITAZIONE E COMPONENTI mi timidi transistors, | gloriosi OC ¢ compagni, lemaggioriindustriecuropee di lettronica, cominciarono a gareggia- re nella costruzione delle prime protesi zcustiche Uno dei primi modelli europei di oto fono fu il “Wendton 540", che ancora ‘oggi viene utilizzato, ma che, inevitabil- mente, con il progresso della tecnica, stato soppiantato da nuovie pit perf Zionati modell L'areaieo Wendton era realizzatoconunOC70e re OC 71 efun- ionava con una pila da tre voltsilsuoin- gombro era ridotto al minimo, come si vede. Quantoaguadagno,essoeraabba- stanza elevato (citca 80 decibel), ma pre- sentava V'inconveniente di produrre un altrettanto elevato fruscio di fondo. Successivamentei transistors dellase- rie OC sono statisostituitidaipitiefficaci ACecompagni, sempreal germanio; pit direcente gli otofoni sono statirealizzati utilizzando semiconduttori_ al silicio quali i BFY e i piii comuni BC. Ovviamente gli otofoni “ultimo gei- do” sono quelli costruiti con circuitiin- tegrati pid o meno sofisticati, che per- mettono di eliminare quasi del tutto il fruscio di fondo e permettono diesaltare al massimo l’amplificazione acustica. Quanto alla banda passante, valea dire lo spettso di frequenze che “passano” nell'amplificatore degli otofoni, vengo- no usatieriteri gia adoperati nel campo telefonico. Per essere pitiprecisi, la banda passan- te viene ristretta a frequenze intermedie, climinando sia quelle troppo basse sia quelle troppo acute. In tal modoavviene certamente una lieve distorsione della voce, ma dato che l'informazione audio fondamentale perviene lostessoall'auri- colare, si preferisce “pagare” questa di- storsione in cambio di un segnale pid pu- lito. Limitando la banda passante si ot- tiene infattila riduzione dei disturbiedei rumori rosa (leggi: fruscio di fondo). ‘Tanto per concludere con un esempio, iremo che, uno degli ultimi modelli di cotofono, il “GS-Entwick” di produzio- ne tedesca, presenta una banda passante che va da $50a 9000 Hertz; vengono cio® fortemente attenuate le frequenze basse IL MONTAGGIO PRATICO COMPONENTI AB HR Ri = 184,172 R= 1000,1/2W Ry = 10k0,1/2W C= 1uF Cr = 10pF elettr. Cy = 104Felettr. T = .BC301 Ic = 741 Aur = A+ 8dm Pila = 9V © quelle acute. L'amplificatore lascia passare solo una banda audio interme- dia con i vantaggi accennati sopra, lI nostro otofono Abbiamo dimenticato di dire che cos'e tun otofono. Tuttavia siamo pitt che con- vinti che tutti lettori principianti com- presi, sappiano gia che una protesi acu- stica altro non &se non un amplificatore di bassa frequenza. L'unica differenza con un normale amplificatore @ che gli otofoni sono caratterizzati da stadi for- temente controreazionati, adatti per ot- tenere una forte sensibilita con un basso ‘numero di componenti. Questo, come si 2 detto, & importante per realizzare pro- tesi acustiche a basso ingombro. 50 BASSA FREQUENZA Normalmente un otofono é costituito da una scatoletia metallica o plasticache siporta nel taschino della giacca o,chesi fissa sul risvolto della stessa nel caso che sia poco ingombrante. Dentro la scato- Tetta é contenuto generalmenteil micro- fono insieme all'amplificatore calla pila alimentatrice. A volte @ il microfono stesso ad essere fissato sul risvolto della iacca; in questo caso esso viene collega- toall'ingresso dell’amplificatoretramite cavetto schermato, L’uscita dell’otofo~ ‘no & quasi sempre costituita dal tradizio- nale auricolare. Dico “quasi” sempre perché, recentemente, graziesoprattutto alle moderne tecniche di integrazione, vengono realizzati otofoni a corpo uni- co, che si fissano dietro o dentro Torec- chio; in tal modo inconveniente dei fli svolazzanti viene eliminato per sempre, rendendo 'otofono funzionale ma poco ingombrante. Era nostra pit fervida intenzione rea- lizzare unapparecchio ditalefatcura,ma con nostro grande rammarico ci siamo resi conto dellaassolutaiirreperibilita dei rmierofoni e degli auricolariin miniatura che ci servivano. Volendo evitare degli inconvenienti e delle delusioni ai nostri lettori, abbiamo fatto qualche passo in- dietro, realizzando una protesi acustica secondo il principio degl otofonia tran- sitors, L’ascolto @ ottenuto cio? con il classico ma reperibileauricolare,mentee amplificatore é contenuto in unagepa- rata scatoletta metallica, da portate nel taschino Tuttavia il nostro presenta un'apprez- zabileinnovazionerispetioagliotofonia transitor: 'uso di un circuito integrato. ‘Questo componente, di concezione abbastanza recente, non é altro che un amplificatore operazionale, il quale, co- me vedremo, viene fatto lavorare all'e- stiemo delle ste possibilif In questo modo si ottiene un'elevatissima sensibi- lithe tale integrato pud egregiamenteso- stitute glstad preampiftatori dei nor mali otofoni, composti di solito da tre o ‘quattro stadia transistor. Di seguito all'amplificatore integrato troviamo uno stadio a transistor di me- fa potenza, adatto a pilotare il trasdut- thre acustico,affidché le correntid'usci- ta possano trasformarsiin suoni. Lo stadio, che chiameremo di“poten- za, stato studiato in modo da dare il ‘massimo rendimenta ¢ nello stesso tem- po la massima stabilita di funzionamen- to in rapporto alle variazioni dicorrente edi temperatura, I trasduttori acustici Generalmente, i trasduttori acustici ap- plicatiallingresso degli otofonisonoco- stituiti da microfoni magnetici, con im- pedenza che varia dai 500 agli 8000ohm. Anche gliauricolarid’uscitasonodisoli- to di tipo magnetico ela loro impedenza € pure altrettanto variabile. Nel nostro caso, abbiamo usato inin- sgresso un altoparlante miniatura da 8 ‘ohm, il quale, pur non consentendo un corretto adattamento di impedenza, Tunziona egregiamente. Il diametro di tale altoparlante si aggira intorno ai quattro centimetri, praticamente il pit piccolo che esista in commercio. Duran- telasperimentazione, tuttavia, abbiamo notato che i miglioririsultati siottengo- ‘no con altoparlanti con diametro mag- giore (dai Semin poi). Se non avete pro- blemi di spazio vi consigtiamo di abbon- dare pure neldiametro dell altoparlante, ricordando, che i trasduttori a piccolo diametro rivelano meglio le frequenze acute; quelli a diametro grande (per es.: st wit RADIO ELETTRONICA 15 om.) funzionano meglio con le free quenze acustiche basse. La tensione generata dalle vibrazioni del cono de! also microfono viene appl cata allamplificatore tramite un con- densatore da 100 KpF. II segnale, amplificato, lo si itrova sullemettitore deltransistoreattraversa poi il trasdutore d'uscita; come abbi ‘mo gia detto in precedenza, levibrazioni sonore, ingigantite dai due stad, vengo- no rivelate da un comune auricotare Funzionamento dell'apparecchio La descrizione dellapparcechio & cosa ‘molto semplice in quanto esso é compo- sto da sezioni elementarissime, al limite della semplicita. Questo non per realiz= zareil soto circuito da principiante, ma per ridurtealminimoledimensionidiin- ‘gombro dell’otofono, in modo da poter essereinseritocomodamente nun micro contenitore per far posto allaindispen- sabile pila di alimentazione. Abbiamo Cioé eliminato tutti quei componenti e tutte quelleaffinatezze cireuitaliche ab- biamo ritenuto non indispensabili. Ii primo stadio composto dal comu- nissimo integrato 741, costruito da nu- merose ditteamericane ed europee. Tale Imultipede & notevolmente versatile, in quanto trova una miriade di applicazio- ni elettroniche: dagli amplificatori in continua a quelli in alternata; dai som- ‘matori analogici ai voltmetrielettronici. Dato che la circuiteria @ clementare, abbiamo pitt spazio a disposizione del solito ¢ possiamo soffermarci un po’ di pitt sui concetti teorici di funzionamen- to. ‘amplificatore operazionale bessen- zialmente un amplificatore differenziale ad clevatissimo guadagno. parte iter- ‘minali previsti perleconnessioniversola ‘massa ele alimentazioni, che in generale sono simmetriche (non perd nel nostro caso), si possono distinguere due ingres- si, indicati con+ (ingresso non inverten- te rispetto alla uscita) e con — (ingresso invertente tispettoall uscita). Inoltreab- biamo il terminale relativo al uscita, I segnale di uscita dipende, in prima approssimazione, dal segnale presente sugli ingressi, secondo la relazione: w= Av) a dove A éil guadagno dell'amplificatore, v' la tensione applicata allingresso non invertente ¢ v" la tensione applicata al- ingresso invertente. In linea di principio si pud dire che le caratteristiche di un certo operazionale sono tanto migliori quanto pid A égran- de © quanto meno A dipende dalla fre- quenza, dalla temperatura, dal punto di lavoro, Le caratteristiche fondamentali di un operazionale, oltrea quelle elencate, ov- vero elevatissimo guadagno, sono quelle di presentare una elevatissima impeden- zad’ingresso, al fine di assorbirelamini- ‘ma potenza possibile, teoricamente nul- la, ed una bassissima impedenza di usei- ta, teoricamente nulla, in modo da forni- re la massima corrente possibile. In realta, perd, un operazionale non presenta mai queste caratteristiche, La tipica configurazione diimpiego di un operazionale é rappresentata in figu- ra, Siha una resistenza Rs, detta “di sor- gente”, collegata trail segnale e 'ingres- so invertente ed una resistenza Rf, detta “di reazione™, collegata tra uscita e in _gresso invertente dello stesso operazio- nale, 11 calcolo della risposta det circuito, cioé della tensione di uscita in funzione di quella di entrata si pud fare come se- ue, E* noto che la somma delle correnti che entrano in un nododeveessere ugua- Je alla somma delle correnti che escono da tale nodo. Applicando tale principio (Equazione ai nodi di Kirchof)all’ingresso dell’ope- rarionale, si pud serivere: Is=lin +f 2 dove Hin# la corrente che scorre tra idue ingressi +e —dell’operazionale,selare- sistenza di ingresso, come accade, none infinita Applicandola legge di ohm perciascu- na delle correnti si puo scrivere WV vo vn — — 9 Rs Rin RE Ricordando la formula (1) si pud serivere: wus-Av a Come si vedeil valorediV" ésparito,da- to che, nel nostro esempio, Vingresso + & collegato a massa quindi V' = O volt Ricavando V* dalla formula (4) esosti- twendola nella (3) si ottiene infine un lega~ ‘me tra Fingresso Vs e Puscita Vur vo ye A Sostituendo ed effettuando ivaripassag- gisiottiene: RE Vs — x Rs. vu 2 BASSA FREQUENZA ( Rr x) 14 Rs Rin Se ilvalore del guadagnoé sufficiente- mente elevato il termine tra parentesiva~ lecirca 1, percutlaespressione preceden- te si semplifica ed assume la forma se- uente: RE vu Vs: Bs che mostra come il guadagno del circuito di- pende SOLO dal rapportotraledueresisten- ze di reazione Rf ¢ di sorgente Rs. “Tale espressione pud essere generalizata ‘nel caso in cui i utilizzino impedenze qual- sigs al posto delle resistenze; in tal caso T'e~ spfessione, pur restando invariata, si scrive a Vs — Zs Ritorniamo finalmente al nostro oto- fono. Il circuito teorico della figura n. 1 é pressoché identico allo stadio preampli- ficatore del nostro apparecchio. Solo che, come si pub notare,al posto della re- sistenza di sorgente Rs abbiamo un con- densatore, la cui reattanza capacitativa corrisponde in pratica ad una resistenza. RI costituisce la resistenza di reazione. In questo caso lintegrato 741 viene fatto funzionare esclusivamente inalter- rata, dato che sono stati eliminate tutte Tepolarizzazioni in continua, che disoli- to vengono realizzate tramite resistori collegatial polo positive di alimentazio- ne, Tale esclusione & divenuta possibile constatando che, pur lasciando questi resistori collegati al positivo, come si & soliti fare, non abbiamo ottenuto alcun aumento nell’amplificazionestessa. L’u- nico collegamento al “pit” della batte- ria, rimane quello dell’alimentazione. AncheT'alimentazionestessa noné duale ‘come al solito (es. +90 —9) maéottenu- tasoltantoconun’unica batteriada nove volt. ‘Come é stato affermato prima, il gua- dagno di un amplificatore operazionale dipende esclusivamente dal rapportotra Rfed Rs. Di conseguenza, se noiaumen- tiamo il valore di Rfo diminuiamo quel- lo di Rs abbiamo un incremento di am- plificazione, vw Bisogna dunque fare in modo da ren- dere Rs la pitt piccola possibile ed RF Ta pit grande possibile. Nel nostrocaso, Rs (cio’ Xe, la reattanza capacitativa)é va- riabile al variare della frequenza in in- gresso. Mediamente, cio® ad una fre~ quenza di 1000 Hz, Xe vale circa 1600 ohm. Per la resistenza di reazione, inve~ ce,abbiamo utilizzatounresistorediben 18 Mohm. Lo stadio, come si pub facil- mente dedurre, presenta un amplifica- zione clevatissimaelavora,sipud dire, al limite delle sue possbilita Peraumentareulteriormenteil guada- {gnosipotra sostituireC conunconden- satore di capacita piiielevata (es.: UF). In tal caso la reattanza capacitativa di rminuira lteriormente e migliorera ile sponso dell'amplificatore alle basse fre- quence. ‘Una volta che il segnale BF sia stato (cerribilmente) amplificato da [C1 esce dal piedino 6 dello stesso etramite ilcon- ensatore di accoppiamento C2 giunge alla base del transistor dimedia potenza, il BC 300, sostituibile dal pit economico BC301 oancormegliodal “vecchioame- ricano” 2n 171. L'uso diun transistordi media potenza si spiega col fatto che, transistor di minor potenza come il BC 108 oil BC 109sisurriscaldano duranteil funzionamento. Cid dipende dal basso valore di R2(100 ohm), che licostringea Javorare in un regime di corrente molto vieino al loro valore massimo. E” stata insomma una scelta dettata dalla pru- denza, quella di usare i “media poten- 2a", ma ribadiamo che, chi volesse, pud inserire lo stesso i succitati BC. La resistenza R3 costtuiscela contro- reazione dello stadio del transistor; essa fain modo che 'amplificazione manten- ga valori costanti, indipendentemente dalle variazioni di temperatura o dicor- rente dbase. Vediamo come. ‘Supponiamo cheil segnale provenien- te dall IC siaelevato eche di conseguen- za anche la corrente base emettitore sia sostenuta. Tn questo caso la tensione collettore- emetitore si abbassa. Ora, siccome la polarizzazione dibase del transistor dipende proprio da tale tensione, al diminuire di Vee diminuisce la corrente di base. Ulteriore conseguen- za diquesto fatto: diminuisce lacorrente di collettore e aumenta al contrario la tensione Vee, la quale siriporta al valore fissato. Eeco avvenuta la controreazio- 1segnale potra essereascoltato,come gid siedetto, per mezzodiunauricolare Per meglio apprezzare la straordinaria sensibilita dell'otofono che vi proponia- mo, potete provare ad ascoltarlo anche con una cuttia della medesima impeden- za dell'auricolare (4-8 ohm). Pensate, potrete ascoltare persino il rumore del respiro! Ogni pit piccola brazione visembreré assurdamenteingi- gantitae ipilipiccolirumoriancheque!- liche di solito non si notano produrran- no un fracasso da quarta dimensione. Non stiamo esagerando! L'importante perd @ che la pila sia nuovissima. Passando invecesull’auricolare, glief- fettidell'amplificazione sono un po’ me- zo incisivi ma altrettanto validi, Questo perché, con 'auricolare, T'isolamento acustico dai suoni ambientali non & cost perfetto come quando cisiinfilaunacuf- fia, li montaggio ‘Sul montaggio non c’é granché da dire, Realizzata come al solito la serie di pi- ste ramate necessarie, servendosi del- apposito pennarello, siprowedera suc cessivamente ad incidere con lacido il rame eccedente, Forate le connessioni con una punta da trapano di | mm potete procedere in seguito al montaggio dei component Montateletreresistenze. Perridurrele dimensioni di ingombro, Rl ed R3 pos- sono essere da '/+di watt. R2invece do- vra essere di almeno '/2 watt Trre condensatori devonoesseremon- tati successivamente; C2 e C3 sono elet- trolitici, quindi attenti alla polarita Montate il transistor ¢ l'integrato. Se volete ridurre'ingombro potete monta- reTC Isenzalo zoccolo, maattenzioneal calore eccessivo; usate preferibilmente saldatori da 15-25 W. Inserite il tutto, pila compresa, in un contenitore metallico, entro cui trovera posto anche laltoparlante-microfono. Il contenitore deve essere metallico abbiamo detto; questo per evitare che Totofono si trasformi in un ricevitore multibanda. Questo pud succedere so- prattutto se il microfono viene collocato esternamente al contenitore e collegato senza cavetto schermato. ROBOTICA TELECOMANDO ULTRASUONI PROPRIO TUTTOFARE Ci siamo abituati male con le moderne televisioni e la pubblicita ove appaiono serie infinite di pulsanti per... che cosa? Perché non proviamo a realizzare un minitelecomando per accendere o spegnere a distanza luci di casa, radio, stufa, condizionatore d’aria. Un circuito semplice e assolutamente sicuro. n progetto di facile realizzazione per lo sperimentatore, di modica spesa ¢ molto miniaturizzato, per tele- comandare a distanza il televisore o qualunque altra apparecchiatura elet- ttica 0 elettronica. E* un oggettino, ormai diffusissimo e di sicuro funzionamento che pud co- modamente, ¢ senza fastidio, starvi in mano e che vi permettera, ad esempio, quando siete con la vostra ragazza, di azionare il giradischi, non visti, senza che altri oltre a voi eal vostro cane (& ad ultrasuonil), corga. La vostra ragazza non si accorgera, per dire, che avrete fatto partire Albinoni, Chopin o Kat Jarrett e rimarra stupita per il piccolo prodigio 0, apparente, gioco di prestigio, O, in altro caso, la sera, presi dal sonno, é gradevole non doversi al- zare dal letto per spegnere televisore 0 sgiradischi: bastera infatti una leggera pressione sul pulsante che avrete molle- ‘mente adagiato sul comodino (e che oc- cupera certamente meno spazio della vostra radiosveglia) ¢ sarete accoceo- lati pigramente senza scosse tra le braccia di Morteo. La descrizione Quello che proponiamo é un progetto di telecomando ad ultrasuoni in grado di attivare a dodici metsi di distanza, come detto, qualsiasi apparecchiatura elettrica © elettronica. Ma la caratte- ristica che ci ha spinto a far conoscere questo circuito é un’altra: supponiamo di voler comandare a distanza un televi= sore, per farlo, basta premere per un attimo il pulsante del trasmettitore, cid provochera lo scatto del relé ¢ il televisore inizierd a fan- spegnera fino a quan- do non si pre- mera nuovamente il pulsante di comando del trasmettitore. ‘Questa caratteristca, oltre che richiede- re poca energia, dato che il trasmetti- tore entra in funzione per brevi istanti (e in tempi di risparmio energetico non & questa cosa da poco), permette di mi- niaturizeare molto il trasmettitore stes- so che éalimentato da una normale pila da 9V per radio tascabili che da un’au- tonomia di circa un anno, ‘Ma vediamo come funziona iniziando ad esaminareil circuito elettrico del rice- 55 RADIO ELETTRONICA IL TRASMETTITORE vitore che, a prima vista, pud sembrare complicato perché utilizza ben 8 porte NAND ed @ invece semplice perché que- ste sono contenute in due circuiti inte- grati CD 40 11. SitrattadiC-MOSmolto comuni e di basso costo, uno dei quali viene utlizzato in modo un po" insolito. Il segnale ultrasonico captato dal mi- crofonoéapplicatodirettamentealla ba- se transistore T1 e che lo preamplifica. Fin qui tutto normale anchese manca il condensatore che di solito viene inter- posto trail microfonoelabasedel TI che @ perd inutile dato che il trasduttore édi tipo ceramico e possiede un’alta impe- denza. Sul collettore det T1 troviamo il segnale ultrasonico amplificato, ma an- cora troppo debole. Occorrono percid altri stadi che si potrebbero realizzare IL RICEVITORE con tre transistori, ma questa soluzione oltre ad essere poco economica (tretran- sistori costano pitt di un CD-4011),8an- che banale ecomplicata. Infatti, per ogni transistore, ci vorrebbero inoltre due re- sistenze ed un condensatore, Vediamo altra soluzione: ogni circuito interno (j 4011 ne contengono 4)écostituito essen- zialmente da due transistori MOS tra lo- ro complementari, ragion per cui basta collegare tra le entratee le uscite diunin- vertitore C-MOS (nel nostro circuito gli invertitori sono stati realizzati collegan- do le due entrate di ogni porta NAND) una resistenza di elevatissimo valore, da 10M ohm in su. In questo modo il C- ‘MOS diventa un amplificatore linearein classe A. Come si polarizza da sé questostadio? COMPONENTI TX RI = 12Kohm R2 = 5 Kohm trimmer Cl = 10uF 12 VL 2 C2 = 14k IC = NESSS AP = EFRRCB 40K2 La risposta sta nel puntodibilanciamen- to '/2V. Il resistore forma un circuito di ritorno ditetto c.c. dail'uscita all’entra- ta, Ogni tendenza deli’uscita a portarsi alta 0 bassa viene rinnovata in entrata e V'amplificatore corregge automatica- mente questaderiva. Lostadio stabilizza cosi la sua polarizzazione con 'uscitaal- lo stesso potenziale della soglia dibilan- ciamento d’entrata; poiché quest'ultima non assorbe una corrente apprezzabile, hon c’é caduta di tensione, percid si pos- sono usare resistenze di elevato valore Scoraapplichiamo, permezzodiuncon- densatore, un segnale allentrata, lo ri: troveremo amplificato sull'uscita; colle gando in serie pit invertitori si ottengo- no amplificatori dai guadagni elevatissi- mi, La tensione in uscita aumenta, L., I Da Hay %. be. REE 2 58 ROBOTICA CIRCUITO DEL TX Nel nostro cireuito ben trediquestiso- no collegatiin serie(oltreal transistor che & necessario perché tre invertitori non danno una grande sensibilitiecolle- gandone di pit cil pericolo che tutto oscilli). Aluscita del terzo NAND ab- biamo cost i nostri ultrasuoni che hanno un’ampiezza di circa 10 V,cheanoi non importa risultino molto distorti, perché devono semplicemente comandare un relé. Quifinisce anche la parte analogica del ricevitore. Ilsegnale ultrasonico,am- plificato attraverso il diodo D Lela resi- stenza R 10, porta ad uno entrata det quarto invertitore (il condensatore C 1 rendeil ricevitore insensibileai disturbi), Jacui uscita siportada livello 10. Que- st'impulso negativo viene applicato ad unaltro circuito interessante. Si trattadi CIRCUITO DEL RX tun flip-flop tipo T. Per capire il funzionamento, suppo- rniamo di liminare le resistenze R3¢R 4 cicondensatori C2eC 3,ottenendocosi un flip-flop tipo R-Snel qualeiterminali 11 e 10 rappresentano le uscite ¢ gli in- gressi [3 e8leentratediSETe RESET. Si ricordi che non collegando le entrate 8e 13 queste vengono portate a livello alto da R le R 2, Applicando all'ingresso di SET (terminale 13) si otterra sull'uscita 11 e anche sul terminale 9 uno stato 0. Anche quando lingresso tornera alle condizioni d’origine, Puscita IT resterda 0, Per ricondurla a Tsara sufficiente ap- plicare un impulso negativo al terminale 8. Sc ora ricolleghiamo i componenticli~ minati, abbiamoil nostro flip-flop tipo T cche sidifferenzia dall’S-R per la presenza di un solo ingresso favente capo al punto in comune dei condensatoriC 2eC 3. Ad ‘ogni impulso applicato, Puscita |] cam- bia stato, sesitrovacioéa I vaa Qe vice- versa. Non é possibile perd prelevare: rettamente dal piedino 1 ilsegnale dipi- lotaggio pet T2perché la bassaimpeden- za di quest’ultimo renderebbe critico il funzionamento del flip-flop. Per evitar- To, il segnale stesso viene prelevato tra- mite due porte NAND; nesarebbe basta- ta anche una sola, ma, in questo caso, Valtra resterebbe inutilizzata dato che ‘ogni CD 4011 ne contiene 4, ‘A questo punto la descrizione del rc vitore é pressoche finita; il T2pilotailre- lémentre D | eD 2proteggono il circui- to:il primo dalleinversioni di polarita eit secondo dalle correnti inverse del relé:il 87 RADIO ELETTRONICA 58 RI - 100KQ R2 - 100KQ R3 - IMO Ra - 1MQ RS - 10KQ R6 - 10MQ RT - 33MQ RB - 8,2KQ R9- 19MQ RIO - 150KQ RX COMPONENTI 1/4di WATT Cl - 100NF C2 - 100NF C3 - 100 NF C4 - 10NF C5 - 100HF 16 V. EL. Ici - cD 4011 1C2 - CD 4011 Th - BC 108-148 12 - 2NI7IL RELE’ A 12 VOLT AP - EFR-RSB 40 K2 condensatore C 5 serve come filtro, Esa- ‘miniamo ora in particolare il trasmetti- tore, Il circuito &di tipo classico. Impiega l'integrato NESS che per- ‘mette di utilizzare solo quattro compo- nenti esterni escluso il trasmettitore. Si ottiene cosi una piccola, ma potente sor- gente di ultrasuoni. L’assimilatore sire- gola quasi dasolo nella frequenza giusta, ma per ottenere il massimorendimento’ necessario regolare il trimmer R 2. In conclusione La costruzione dei due circuiti non pre- senta problemi particolari; basta seguire i disegni e fare attenzione all'inserzione degli integrati cercando di non sealdarli troppo durante la saldatura specialmen- on = tei 4011 mentre il $55 & pressoché indi- struttibile Per alimentare il ricevitore occorre tensione continua compresa tra 9 € 13; Vassorbimento di corrente é di circa 8 mA, a riposo, mentre sale a circa SOmA con il relé eccitato. Per il trasmettitore é piit che sufficiente una pila da9 V perra~ dio tascabili sesihacuradiinterporretra questa e il circuito elettrico un pulsante 1 collaudo é semplicissimo: sidia ten- sione al ricevitore (il relé pud rimanere diseccitato ono)quindi puntareil micro- fono del trasmettitore verso quellodelri- cevitore e premere il pulsante(ilrelédeve cambiare stato) poi allontanarsi fino ad una distanza massima di circa 10-12 m., senza che vi siano ostacoli (in modo par- ticolare tende o poltrone) e controllare, premendo il pulsante, che ilreléscattire- golarmente. Se cid nonavviene,regolare il trimmer R 2. I trasduttori, come tutti gli altri componenti, sono facilmente re- peribili ela spesa per acquistarlié modi- ca, TAS PROM 5 ETAS Ffigno = via Manteans: © Concessionaria di pubbiicita “tel, (02) 31204 - 2480228 squnenso, sts nna ca gehen, bab wil Suet vere ae RI are SU porcaico spect epee, a oie at parca vo ‘Gosrat TELEVISIONE COME FE’ SEMPLICE DIVENTARE CINE VIDEO AMATORI 1A. MAGRONE & G. ZANETTI € tecniche di registrazione han- L ‘soraegivotonegiulimianni live lisorprendenti. Gli storicirullidi Edison ¢ i primi grossi magnetofoni impallidi- scono, a dir poco, a confronto delle ela- borate machine di oggi. Tecniche sofi- sticate, effetti special, alta fedelta, mi- croelettronica trovano applicazione nel- Ja gamma del sonoro, delle immagini, della sintesi elettronica, Babbo Natale ¢ dda tempo che regala miniregistratori ta- scabiliainostribimbi. Lafelicitatalvolta va a braccetto con la scienza, Nel campo della riproduzione é all’a- vanguardia la tecnologia sulla videoregi- strazione. Ci riferiamo alia registrazione di immagini televisive sudiun...videore- gistratore. Con tale sistema di riprodu- Zione siamo in grado finalmente di regi- strare da un comune TV programmi, films, musicals, ece, e rivederli poi a pia cere inserendounasemplice videocasset- ta nel videoregistratore. Non & poco. Con una videocamera poi sapremo anche fare noi un film. Straordinario, Si utilizza un TV standard, bianco € nero 0 a colori fa lo stesso. Nessun dan- neggiamento al TV da parte del videore~ agistratore circa la messa a punto o la emissione, La buona o cattiva ricezione Gel TV si trasferira sul videoregistratore cche potra essere collegato stabilmente senza pericolo all'apparecchio, quasi un blocco unico. 1 consumo é esiguo essen- oi componentiattividellamacchina,in posizione di “attesa”: microcircuitiinte- zrati ¢ diodi che agiscono sull'orologio igitale. Cosi anche il tempo é regolato per la registrazione di un programma! Il calore disperso @ trascurabile; T'intera uunita consuma meno energia ed emette ‘meno calore di un tradizionale orologio dda cucina. In registrazione o in “play- back, il consumo di energia si puo para- lvideoregistratore é oggi alla portata i tutti. A sinistra lo Sharp VC 6300, owiamente a colori. gonare @ quello di un lume da salotto”. Il collegamento del videoregistratore al TV@ fatto con un ordinariocavocoas- siale che rende il registratore completa- ‘mente indipendente dal TV. Nonimpor- tasuqualestazioneil TVsiasintonizzato © sia spent 0 acceso (o magari fuori uso! sil videoregistratore registrerd qua Jungue canale su cui sia stato sintonizza- to senza curarsi del televisore, Enatural- ‘mente la registrazione non danneggia né il nastro, né la registrazione stessa, né il TV. Gliimpieghi possibili diun videore- gistratore sono essenzialmente tre: regi- strare programmi televisivi, registrare film amatoriali con telecamera, ripro- durre _programmi_pre-incisi.. Natural- mente Fimpiego pid diffuso é la registra- zione dei programmiTV con tre possibi- lita: registrare un programma TV men- tue lo state vedendo, registrare un pro- gramma TV mentre nestate vedendoun 6 ver svR BETA v 2000 GUi standard dei videoregistratori. A destra Akai 110, in bianco e nér0, molto economico. altro, ed infine registrare un programma entre siete a dormire, fuori casa, state ascoltando musica oqualsiasicosastiate facendo lontano dal televisore. L’uso del timer poi consente di avviare la macchi- nna o di fermarla a tempi preselezionati lavorando all'unisono con rorologio di- gitale, permettendoci di riordinare i pro- grammi TV per scegliere il momento in cui si desidera rivederli. Basterasoltanto organizzare la nostra nastroteca, Itipidi videocassette,comedeiforma- ti video, sono diversi. Il mercato offre buona scelta e dal punto divistatecnicoe dal punto divista personale: la Philips, a Sony, la JVC, la Grunding, dite tra le pitt note, possono soddisfare anche i pit esigenti, tra gli hobbysti come trai pro- fessionisti. Per le caratteristiche riman- diamo il Iettore alle informazioni pid dettagliate fornite dalle case interessante invece 'intera gamma Regista il capo famiglia, prima attrice la mamma, comprimari tutti di casa: basta una sceneggiatura e il telefilm lo facciamo noi. Pur che si abbia un videoregistratore, la macchina di moda per tanti fantastici usi: possiamo registrare qualunque programma televisivo e poi rivederlo come un film. di componenti extra che ciascun fabbri- cante ha sviluppato. Per esempia il co- mando di pausa a distanza, il controllo completo a distanza, il rallentamento dell'immagine, Paccelerazione della im- magine, la ricerca del sincronismo, "a- vvanzamento immagine per immagine, la memorizzazione del punto di stop. Una interessante, anchesenonancora molto diffusa, applicazione della video registrazione & indubbiamente la regi- strazione di film amatoriali con teleca~ ‘mera. Pensiamo ai film che spesso giria- imo nelle vacanze, nelle ricorrenze eee. Oggi abbiamo finalmente la possibilita i usare il nastro video anziché la tradi- ionale pellicola per produrre immagini da rivedere su unordinario TV.Certoun kit completo di video portatile costerd molto piil che non una attrezzatura Su per § (anche se in questocasosifarcbbea meno del proiettore ¢ dello schermo), tuttavia una volta fatta la spesa questa sara successivamente ripagatadalminor costo dei nastri rispetto ai film. E cid va- Ie, @ owvio, soprattutto per coloro che fanno largo uso di pellicoleda film. Inol- tre il prezzo di una telecamera é fatal- mente destinato a scendere all'aumento della domanda della miniaturizzazione dei componenti elettronici, Le buone telecamere hanno un picco- lo schermo elettronico dietrol'oculareal postodel normalemirino, ilche consente i vedere cid che mettiamo sul nastro; lo stesso schermo viene usato in caso di playback al momento,edunquesenonci piace quello che stiamo visionando pos- siamo semplicemente togliere le scene non volute, registrandoci sopra. Ultima considerazione: se il film deve essere svi- uppato, il nastro video pud essere ripro- dotto immediatamente. Chi sia interes- sato a questa applicazione della videore- 6 RADIO ELETTRONICA IMMAGINI IN SCATOLA leoregistratore pud essere paragonato ad un apparecchio TV senza schermo. Inaltre parole, essoin- corpora tutti gli elementi elettroi necessari ad interpretare una trasmi sione televisiva macheinvece didiffon- derla, la fissa su nastro. Il processo di Videoregistrazione ciportanecessaria- mente a ricordare la formazione del- immagine televisiva. L'immagine TV ¢formatadauna se- rie di animazioni, come una pelticola inematografica. Lfilmdanno'illusio~ nedel movimento, mostrandouna serie di fotogrammi fissi uno dopo altro. (Ora, mente il fotogramma di unfilmé un‘immagine fissata per sempre, una immagine televisiva esiste solo come un disegno generato elettronicamente. ‘A questa sigiunge con unaseriedi inee divari colorieintensita. Per registrare suono occorre solo una certa combi nazione di note aliveli prescritti. Una registrazione video invece, comporta la determinazione di intensita e colore a dell’ ‘quantita di sineronizzazioni e segnali riferimento per assicurare che ogni linea sia in giusta posizione e tutti ico Le prime registrazioni di immagini su nastro furono realizzate facendo scorrere metri di nastro oltre una testi- na fissa ad altissima velocita; quin sgiunse a far ruotare le testine reali zando il sistema quadruplex e imme- diatamente dopo il sistema helical. ‘Con quest’ultimo sistema, il nastro vi- deo (fissato alla parte terminale di due bobine chiuse nella cassetta) passa i torno ad un tamburo il quale ha una parte fissa che guida ilmastro. Laparte superiore, rotante, contiene due picco- lissime testine. II nastro @ avvolt torno al tamburo e scorre da una bobi- na allaltra a bassissima velocita con- sentendo alle testine di analizzare una -a diagonale sul nastrostesso. E°co- che si raggiunge il fabbisogno di na- stro che scorre al secondo, per far fron- te alla massa di informazioni necessa- we per creare una immagine TV Come pud essere usato un videoregi- stratore? Essenzialmente ci sono tre piegt 1- Registrare programm televisi 2-Registrare ilmamatorialiconte- lecamera 3 = Riprodurre programmi pre-i ‘Da tempo il pit popolare dei tre la registrazione dei programmi TV (ore- sistrazione viaeterecomenormalmen- tedetta), che pudassumerediversefor- ‘me, ad esempio potrete: a) registrare un programma TV men- tre lostate vedendo; b) registrare un programma TV men- tre ne state vedendo un altro; gistrazione dovra ben destreggiarsitrale varie telecamereincommercioche varia- ‘no per qualita e complessita. Noi sugge~ riamo, per nostra esperienza, unateleca- mera che abbia almeno il controllo di chiusura film in dissolvenza, Vobiettivo zoome naturalmente il mirino elettroni- Infine, non scordiamoci dei program- mi video pre-registrati. Sono oggidispo- nibili molti programmi video o videocas- sette preregistrate che offronouna varie @ di materiale, dai cartoni animati ai thriller anchedi tipo educativoeistrutti- vo. C’unmercatoanchedifilm...spint. La Sony moviola Betamax Si C7, @ color 2 TELEVISIONE Nastri magnetic! video Scotch (3M) e cassette puliscitestine. In basso apparecchi Saba. A destra, Videorama Philips. ©) registrare un programma mentre siete a dormire, fuori casa, state ascol- tando musica o qualsiasi cosastiatefa- cendo lontano dal televisore. Eccetto nella registrazione del pro- grammachestatevedendo, potetesem- pre far uso di un 1 timer variano nelle loro caratteri- sticheda macchinaa macchina,matut- {i compiono di base la stessa funzione — cio’ di avviare la machina o il pid sovente di fermarla— a tempi presele- zionati Lavorando all'unisono con un orologio digitale. Per esempio potrete registrare un film notturno, pur andando a dormire presto! Oppure potete registrare una trasmissione di una sera in cui siete oc- ‘cupati altrove o vedete a Cen’é dunque pertuttiigustiilknow- how della attuale videoregistrazione certamente destinato a perfezionarsi Siamo dei facili profeti se affermiamo che nei prossimi anni molti di noi ame- ranno collezionare spiritose nastrote- che, scherzose visioni con amici, pro- grammi familiari. Le vacanze, il Natale, Patmosfera familiare potranno essererri- cordate e riviste facilmente, Chi ha gia deciso, dopo queste righe, di passare in negozio a provare un videoregistratore?! Costa un po’ é vero ma, per un mese, si pud anche affittare (Telerent) con pochi soldi. . SPICCIOLI DI TECNICA fa registrazione magnetica si ba sa sui principi fondamentali dell'e- iettromagnetismo. Nella pratica, per re~ gistrare una qualsiasi informazione (audio, video o a°altro tipo) si deve pri- ‘ma convertire quest’ultima in un segnale elettrico. tico variabile si ottengono delle bobine ‘magnetizzate su cuisonocosiimpresse le informazioni precedentemente trasfor- mate, Per la riproduzione del segnale cosi immagazzinato non si fa altroche passa- re al processo inverso che consiste nel Gili impulsielettrici cosi ottenuti van- no, (previa eventuale elaborazione) ad tuna (o pi) testina trasduttrice che, inso- stanza, & costituita da una bobina asso- ciataad un traferro ta cuibassa rimanen- za fa in modo che si possa ottenere, da questa, un campo magnetico solo quan- dogpresenteunsegnaleelettricoechesia solo l'ampiezza di quest’ ultimo a deter- minare Tintensiti dello stesso campo magnetico prodotto, L’orientamento del flusso magnetico @ determinato dalla polarita del segnale lettrico applicato, Una volta convertiti i segnali elettrici (che portano l'informazione) in campi magnetici variabili, entrano in gioco i rnastri magnetici che in sostanzasonona- stri (raccolti in bobine) con una base di materia plastica rivestita, da uno dei lati di materiale facilmente magnetizzabile (Pe - FeCr -cec.). Facendo scorrere tali nastri nelle vicinanze del campo magne- magnetizzare 0 meno un’apposito tra- sduttore (che quasi sempre é lo stesso, 0 glistessi,diiprima)ilqualeconvertedette informazioni in segnaliclettrici che, una volta decodificati, riprodurrannoiilmes- saggio originario, Sino qui éevidente 'analogia del regi- stratore audio con quello video. Le cose cambiano quando si parla del trasdutto- re immagine video/segnale clettrico, Perché se nel caso delle registrazioni audio vengono impiegati banali micro- foni (che, come & noto, convertono il suono in onde elettriche seguendo prin- cipi relativamente semplici) lastessaco- sanoné pitt valida peril videoregistrato- re per il quale serve una videocamera la cui complessita non é certo esigua, Considerato cheil vecchiotubo VIDI- CON @ ormai caduto in disuso per vari motivi quali ingombro, lafragilitaecc., si descrivera il metodo su cui oggigiorno sitende a realizzarelamaggior partedel- 63 RADIO ELETTRONICA Utilizzazione della tecnologia pid avanzata: chip per comandi ‘a microslaboratore sul VC 6300 Sharp. levideocamere oggiincommercio. L"im- magine da riprendere viene focalizzata da un comune obiettivo ottico sopra un pannello chiamato CCD, Quante sigle... La sigla CCD sta per Charge Coupling Device e in sostanza sta ad indicare un pannellino ricoperto di cellule a silicio. Ognuna di queste produce un segnale elettrico in funzione della luce che la in- veste. Lecariche cosi formatesono prele- vate sequenzialmente col sistema della scansione ed inviate in un modulatore di frequenza al quale facapolatestinadire- gistrazione. Perla cronaca si tenga presente cheun normale schermo CCD pudcontaresino 2 100000 cellule. L’elevato numero per- mette un’ottima definizione dell'imma- gine riprodotta E'evidenteche, nel casosivolesse regi- strare un programma televisivo, i video registratori per la loro particolare natu- +a, possono venire inseriti direttamente al televisore evitando di usare la teleca- A questo punto pud sorgereladoman- dda: “Ma per quale motivo la registrazio- ne video & venuta con tanto ritardo ri- spetto alle registrazioni sonore"? La risposta migliore certamente con- siste nei rivedere le fasi che hanno porta- to agli attuali videoregistratori La storia Ii primo prototipoingrado diriprodurre delle immagini visive vide la luce ne boratori della RCA nel lontano 1950. Sin da allora si propose il problema consistente nel fatto che i nastri conte- nenti informazioni video avrebbero do- vyuto “portare” dellefrequenzesull'ordi- nedei 5 Mhz (a paragone le registrazioni audio arrivano a 12 KHz). Per ottenere questo risultato non rimanevano che te sirade: aumentare la larghezza del na stro, aumentare la velocitadiscorrimen- to delle bobine ed infine migliorare la qualita di iproduzione deglistessinasti rmagnetici usati. Nelsuo primo prototipo la RCA allargo isuoinastrie lifece viag- giare alla iperbolica velocita di 25 m/s (quasi 100 km/h) ottenendo peraltro delle riproduzioni difettose e di infima qualita Anche le migliorie apportate ai nastri magnetici erano state notevoli. Basti pensare che solo 20 anni prima le regi- strazioni sonore erano effettuate ancora su cavi metallic... di antica memoria. Si dovrd attendere il 1952 prima che l'AM- PEX ricorrendo al sistema della testina rotante e adottando nastri con base di acetati di cellulosa (prima erano usati nastri con base di carta) riuscissea ripro- durre un‘immagine che, seppur scarsa di qualita, necessitava di una velocita del nastro di “solo” 75 em/sec. ‘Va precisato che “testina rotante” sta ad indicare il sistema che permette la ro- tazione della testina rispetto al nastro, per ottenere una velocita fittizia del na- stro superiore a quella reale (nel prototi- po dell'AMPEX era di 62 m/sec) ri- uuscendo cosi a ridurre la lunghezza del nnastro stesso. Nel 1954 il materiale magnetico usato nei nastri passa dal ferroal migliore oss! do di ferro mentre la base dei nastri di venta di poliestere, Nel 1956 AMPEX esce sul mercato con un modello a quattro testine rotanti cche, nonostante riuscisse finalmente ad ottenere immagini di una certa qualita, abbisognava di una velocita di trascina- ‘mento delle bobine di 37 cm/sec eadot- tava nastri di ben 5 em di larghezza, I sistema a scansione elicoidale final- ‘mente appare nel 1962con iforticostrut- tori diallora (AMPEX, SONY, MACH- TRONICS), Fu cosi allora che siriusel a ridurre la larghezza dei nastria soli mmeaporta- rela velocita a 9,4 cm/sec con vantaggi facilmente intuibil Lascansioneelicoidale@ilsistemame- diante il quale si riesce a far scorrere la bobina di sbieco, rispetto alla testina, in modo che quest'ultima “veda” il nastro pitt largo di quanto esso sia realmente ‘Nel 1965, mentrela PHILIPS presenta un videoregistratore che al posto dei na- stri usa delle videocassette, la SONY im mette sul mercato un videoregistratore adatto per TV color. LAMPEX iesce,nel 1967, acostruire un prototipo in grado di dare il replay a rallentatore o a quadri fermi, Dal 1970siincominciaa procedere,da parte di enti nazionali e non, alla stan- dardizzazione dei formati delle video- 66 CONSIGLI PRATICI IN BREVE so della attrezzatura della LL viteoreisvacione comporta et tine precaunint:Anciuto per rege aidan ilaretee chet apparecchatura ‘bia Mimpianto ater opportune i date! tempo scent arisca days ed acclimatars af ambient, evita ibrazin, write ambient mnltounidiapoberost(peres.untap- peo) le particle di polvere sono at irate dal calore del apparecchanira € cid va a discapito dela pestaionee della rata de component 'm proposito nom é male procedere com seadenza annua, auna buona re- Mision che comprenderi cambio del Tetestine (se neessari), unacomplera pulls edunconiotosullapartemec. Canica con Pllincamento eletironeo Semon i rinpiazzan lerestine pd richedereavenitoredveficarela rimanente durata ¢ canbuarle dopo duesta sade, Perle videocassette, n primo og, quella gusta per i vstroapparecchio Chitando dh ghntare 1 nastvideo; la ghunta porrebbe danneggiare il regi- stratoreequestoasuavoltafardannial nastro o distruggerlo. E° importante anche evitare ditoccarelaparte ratta- tacon!'ossido, poiché runtoelosporco delle dita provocano danni e possono compromettere le delicate testine. Temperatura costante e luogo pulito, non umido, sonocondizionidi lungadu- ‘rata, cosi come I involucro in cuiripor- re le cassette con il bordo del nastro i pie lontano possibile dallinvolucro stesso. Niente pieghe al nastro nell'a- vanzamento rapidoonelriavyolgimen- 10, avendo cura diazionare un tasto al- la volta; cidevita anche raggrinzimenti i nastri se arrestati con avvolgimento rallentato. L’archiviazione dei nastri va faita verticalmente, non orizzontal- mente 0 con inclinazione dangolo, cid per ridurre al minimo ilrischiodidanni 2 curvature. Da evitare anche fonti di calor ofontimagnetiche altoparta 1h rasormator mirofont eeute. cassette, Nasce pureilvideodisco nel qualeil se- gnale video viene registrato come sotti- lissimo soleo a spirale (130 solehi/mm) ‘su un disco di cloruro di polivinile di 21 ‘mdi diametro. Con talsistemala banda video riprodotta & di 3 MHz. Sul disco una puntina di diamante un laser addi- rittura. II basso costo di riproduzione della stessa copia di un disco accende gli animi di molta gente. Chi pero sperava che tal sistema sconvolgesse lallora cre- scente mercato delle registrazioni su na- stro, rimane deluso. Questo a causa del- Pinconveniente dovuto all'impossibilita degli utenti domestici di registrare pro- ri programm. In conclusione Sino alla met degli anni ‘70 gli alti co- stidiproduzione dovutiall’enormecom- plessiti dei videoregistratorifrenanoan- cora ladiffusionedimassaditaliappara- tisinoa chelavventosulmercatodei cir- ‘cuiti integrati rivoluziona molte delle idee a proposito, Ed @ percio (per tutto quanto detto si- n’ora) che solo da pochiannila parola vi- deoregistrazione & entrata nel vocabola- rio della gente comune. Perché natural- ‘mente i prezzi si stanno abbassando. Gli anni '80 ciriserveranno molte sor- prese sull’argomento. Da notareinfineil ‘massiccio impegno profuso dalle massi- ‘me industrie fotografiche mondiali (quale la KODAK, la FUJI FILM, la AGFA-GEVAERT) che, per cercare di sopravvivere, si adattano, a quella che oramai viene definita “l’imminenterivo- luzione della foto-cinematografia”. 65 PROGETTAZIONE GIOCHI TELEVISIVI VINCE IL MICROPROCESSORE ATARI I videogames basati sull'impiego di microprocessori sono pid flessibili di quelli a circuiti logici standard. La progettazione consiste principalmente nella programmazione. Funzionamento pit sicuro perché i componenti sono pochi. Vediamo due sistemi, a RAM dimmagine e sistema “orientato sull’oggetto”. primi giochi televisivi (i cosid- detti video-games) che apparvero sul ‘mercato nel 1972,eranoin tecnica analo~ sgica 0 in tecnica digitale maconcircuitia piccola (SSI) 0 media integrazione (MSD. La tecnologia a grande integra- zione (LSI) fu introdotta in questo cam- ‘po, per la prima volta,cirea dueannifa,e prevedeva circa quattro giochi diversi: i circuiti non erano particolarmente ver- satili. Poi & giunto il microprocessore Vediamo perché la flessibilita ¢ maggio- ree il funzionamento & pit sicuro, Esa- ‘ogni gioco, circuitiintegrati speciali. In- oltre, il numerodelle possibilita di giochi conilsistema a microprocessore nonera determinato solo dallo sviluppo del si- stema; al contrario, un grande numerodi giochi poteva essere realizzato cambian- do semplicemente il programma del mi- ‘croprocessore contenuto in una ROM 0 in una PROM. Per cui, per realizzare al- tri tipi di giochi, bastava semplicemente sostituire la ROM, in quanto il gioco era completamente definito dal contenuto della ROM stessa. Una ROM pudconte- Fig. Sonn] | aepeanaw =~ ery eee | ce ean) oan } ‘Schema a blocchi di un sistema a microprocessore con una RAM come ‘memoria di rinfresco. | circuit! racchiusi nei blocchi pid marcati sono costituiti da integrati singoli miniamo il sistema PVI 2636 Philips (alle cui note di applicazione sono trat- te queste pagine) il sistema con memo- ria RAM d’immagine. L’impiego del microprocessore portd anche nei giochi televisivi un concetto circuitale completamente nuovo ¢ con ‘esso l'impiego di componenti program- ‘mabili. In questo modo era possibile ti durre drasticamente il tempo di sviluppo dei nuovi giochi, poiché ora non era pit necessario sviluppare e produrre per nere infatti anche pid giochi; cid dipende dal grado di complessita del singolo gio- coe dalla somiglianza dei giochitra loro. Questi, in sintesi, i vantagai dell"im- piego del microprocessore nei giochi te- levisivi (Ogni sistema di giochi a microproces- sore @ costituito da un certo numero di ‘componenti tipici: mieroprocessore, me- ‘moria di programma, memoria dei dati, unita di ingresso e uscita, generatore dei tempi clock}eparticolaricircuitidiinter- a RADIO ELETTRONICA Fig.2 Esompio di un gioco realizzabile secondo il sistema con memoria RAM «di lmmagine. In basso: giochi con il sistema PVL. faccia. L’immagine televisiva pud essere vista come una matrice, nella quale l'im- magine é formata da un insieme di molti piccoli rettangoli, che in seguitochiame remo “punti”. Ilsegnale video prodotto dal sistema regola il colore e I'intensita dell'immagine del cinescopio dirctta- mente o tramite un modulatore di colo- re. Se il segnale deve essere fornito ai morsetti d’antenna del televisore sara necessario anche un modulatore R.F Fondamentalmente possono aversi due soluzioni 1) sistemaconmemoria RAM dirinfre- sco delf immagine (la RAM contiene tut- 1a Vimmagine dello schermo). 2) sistema con memorizzazione degli oggetti, con il quale vengono memoriz- zati in un circuito programmabile 'in- IL SISTEMA PVI Fig.3 facta Schema a blocchi di un sistema di giochi televisivi “orientato verso gli aggotti” (sistema PVI). ! component racchiusi in blocchi tratto pits marcato sono circuiti Integrati gia esistenti o in preparazione, terfaccia video (PVI 2636), solo dati lativi agli oggetti in movimentoeadaltre structure, Sistema con memoria RAM di immagine Lafigura | indica mediante uncircuitoa blocchi un sistema di giochi realizzato con il microprocessore 2650 nel quale i dati riguardanti un‘intera immagine so- nno contenuti in una RAM, La memoria deve avere un’adeguata capacita dato che ad ogni punto dello schermo deve corrispondere una posizione di memo- ria. In questo caso non é necessaria una logica di confronto dato che ogni indiriz- zo di memoria corrispondeadunadeter- minata coordinata sull'immagine Con questo sistema tutti i puntidello schermo possono esserecomandatiindi- vidualmente in forma e colore, il che si- gnifica che sono possibili strutture ecce- zionalmente complesse. Un tipico esem- pio & il gioco degli scacchi riportato in fi- ura 2. Con il comando individuale, da un la- to siha una grande flessibilita, dallaltro devono essere coordinate tutte le varia- Zioni dei singoli punti il che portaa pro- grammi piuttosto complessi. In effetti, sottoprogrammi per ilposizionamento, i ‘movimento ¢ la cancellazione dei singoli oggetti, possono semplificare notevol- mente la programmazione. Il micropro- cessore effettua tuttavia Poperazione cy PROGETTAZIONE ae a a ” putas [= inrace Ue o1 10 3 ox os PRE. oF TEL SOUND Por—foo aif pore Terminali dol PVI 2636. Fig. 09 [_Ganpa sapere 10 [Campo oggeto 2 1 [Homora narmecia 2 EF 20 [Campo oggetto 3 2 EE] 40 [campo oagero « Peg coerce 80 | stisce vericali 40 by) 18 [ sirace ovzzonta (6 bre) 0 [ingressiuecne,contoti 90 = eo = Fo RAM dol PVI2636. oye ° Fig. 3 i 2 7 3 (7s ars (Campi RAM nel PV/ per un oggetto. HC coordinate orizzontaii dell'oggetto (HCB del dupiicato); VC coordinate verticali dell oggetto (VCB del duplicato). fondamentale di variare la posizione dei singoli oggetti. Fattori limitativi sono il numero di oggetti da muovere contem- poraneamente, la loro velocita e le loro possibilita dicollisione, che devono esse- re“sorvegliate” anch'esse dal micropro- cessore. I principio di funzionamento suddet- to consente di realizzare in maniera ab- bastanza semplice un monitore diimpie- ‘20 generale da usare come zerminale per ‘giochi televisivi, sistemi Teletext e View- data. E anche eccezionalmente versati le, ma richiede una memoria di notevole capacita. Memoria RAM di immagine ‘Come git detto, la memoria che deve ri: produrre intera immagine ® una RAM. La sua capacita in bit determinatadalla densita di integrazione, Esse possono es- sere qui usate in modo particolarmente vantaggioso perché il necessario rinfre~ seo avviene automaticamente a causa della lettura continua, Generazione dei tempi epilotaggio 1 generatore dei tempi stabilisce il lega- me tra una posizione di memoria nella RAM e la relativa posizione sullo scher- ‘mo, in quanto esso genera il segnale di sincronismo con il quale si ha anche il contemporaneo indirizzamento della ‘memoria di immagine. Questi indirizzi sono usati dal canale DMA per leggerei dati dalla memoria, i quali sono sincro- nizzati con il raster del cinescopio. Que- sti dati vengono riuniti in un segnale vi- deo, che vienead esempio, utilizzato per il pilotaggio diretto del cinescopio. Fig. rongnet [o. t S| | 20 cighe. ‘Supertici di schermo a disposizione per un oggetto, risoluzione desiderata sullo schermo co- sicome dal numero dei colori. Per esem- pio, per una matricedi 128% 124 puntie quattro colori sono richiesti 32K bit (al- ‘cuni bit sono riservati per funzioni inter nie). Alle memorie hanno accesso sia il microprocessore che il canale DMA (Di- rect Memory Access). IImicroprocessore varia l'immagine secondo revoluzione del gioco; il canale DMA fasiche’infor- mazione dell’immagine venga fornita sulloschermodirettamente tramiteil cir- cuito RAM - interfaccia video. Le m more piti convenient e pid! adatteaque- sto scopo sono RAM dinamiche ad alta Il Microprocessore Gili oggetti sono immagazzinati nella memoria di programma (ROM o PROM) come bit-campioni. La loro po- sizione sullo schermo cosicometuttiilo- ro motilineariodirotazionevengono pi- lotati dal microprocessore secondo il programma e dal giocatore (ad esempio mediante potenziometri, interruttori, ec.) mente il bit-campione viene pro- dotto nella relativa posizione di memo- ria, Possono anche essere generati segnali acustici di accompagnamento al gioco. oo RADIO ELETTRONICA ‘TAB. 1-MATRICE SHAPE Bit eeu aneunne By ne et ane gk Sistema orientato verso gli oggetti Infig, 3si pud vedereloschemaablocchi din sistema orientato verso gli oggett. In questo sistema vieneimpiegatoun cir cuito integrato speciale, programmabile © sviluppato apposta per i giochi video (PVI 2636, interfaceia video programma- bile) il quale riuniscesu un unico chip nu- merose funzioni, 1 PVI rappresenta un generatore pro- grammabile per ilsegnale video etramite Ja capaciti di una RAM permette di po- ter prelevare dalla memoria di program- ‘ma quattro oggetti in movimento, iloro = punto di riferimento duplicati, comprese le loro coordinate Oltee agli oggetti @ possibile realizzare anche scene costituitedalinee orizzonta- lie verticali (ad esempio,campida gioco, labirinti od altri), il punteggio dei gioca- toried il colore dello sfondo che pudes- sere scelto tra otto diversi colori. E’ pos- sibile infine, la produzione di segnali acustici di accompagnamento al gioco. La figura 4 riporta alcuni tipici giochi «eseguibili con il sistema PVI 2636. Una complessa logica di confronto fa si che gli oggetti compaiano sullo scher- mo nelle posizioni imposte dal micro- processore, dalla memoria di program- ma ¢ dal giocatore. A tale scopo il PVI labora i comandi provenienti dal mi- Fig. 9 Rappresentazione di una palla relativa ‘alla matrice SHAPE indicata nella, tabella 1. Un bit (a destra in basso) serve come punto di riferimento. Ogni bit corrisponde ad un impulso su una riga (SIZE 00}. roprocessore © applica i segnali cosi prodotti al cinescopio tramite un cireui- todipilotaggio o unaggiuntivo modula- tore dicolore; seilsegnaledev'esserefor- nito ai morsetti d’antenna del televisore, occorrera inserire anche un modulatore RF Sia il PVI che il modulatore di colore ricevono gli impulsi di sincronismo (USG 2622, generatore di sincronismi universale). Quest'ultimo viene pilotato da.un quarzo PAL a8,86MHz,lacuifre- quenza viene divisa in un divisore secon- doilfattore 25, cosidaottenere una riso- luzione di riga di circa 280 ns. In direzione verticale, la pit piccola uunitd di risoluzione @ una riga (su un to- Fes sulla schermo 16 strisce. Fig. er Be) on 2 Talo ar? ene] tot ans Strisce verticali sullo:schermo (con indicazione delle locazioni di memoria nella RAM). Delle 10 possibili serie di 2+ 18 righe sono qui rappresentate solo le prime due; in direzione orizzontale possono comparire 70 PROGETTAZIONE Fig. 10 Lone 8 Ladimensione della palla 8 ora lraddoppiata (SIZE 01) rispetto a quella di fig. 91a forma e quind! la matrice SHAPE sono tuttavia rimaste lo stosse. (Ogni bit eorrispande ora a due impulsi > due righe. tale di 312 righe, dato che non esiste in terlaccio). Il quarzo PAL fornisce con- temporaneamente impulsi anche al mo- Gulatore di colore (4,43 MHz, dopo la di- visione per 2), dove viene formato il se~ gnale video completo. I cireuiti divisori di frequenza saran- ‘no, in un prossimo futuro, integraticonil modulatore di colore in un cosiddetto sommatore video (VS), per cui questo si- stema sara formato complessivamente da soli cinque circuit integrati Il microprocessore 2650A é collegato tramite i bus dei dati e degli indirizzi sia con il PVI2636che con la ROM 2616, Es- so legge i dati del gioco immagazzinato nella ROM e i “scrive” nella sezione RAM del PVI, nella quale, come gia det- to, viene formato il segnale video. Prati- camente, rispetto al microprocessore quindi, il PVIsicomporta come u moria, Il PVI carica le informazioni ingresso cdi stato (peres. lecollisionide ‘eli oggetti) nella sua sezione RAM. Imi- croprocessore le elabora eprende erela- tive decisioni Nel sistema PVI, un oggetto viene “fabbricato” dal_microprocessore in mododeltuttosimilea quello delsistema con memorizzazioneaRAM, dove gran- dezze ¢ figure vengono immagazzinate nelle sezioni RAM del PVI. Molti rettili- nei, collisioni, ingrandimenti, impiccio- limenti ece. dei segnali oggetti vengono perd considerevolmente semplificati:so- lo le coordinate degli oggettiei comandi di pilotaggio al PVI devono essere varia- i, E” possibile in questo modo ottenere AO-ALL pep? ‘OPREQ Rw OPACK INTREQ. INTACK CLK vest cE1, CES Por, Por2 SOUND OBISCR Ux GND Ne TAB. 2- TERMINALI DEL PVI 2636 Ingresso/ scita Funzione ‘Bus indrizzia 12 bit (per 4indirizl) Richiede Poperatore: se tale ingresso bnellostato “ALTO”, ‘uttijsegnali generati dal microprocessore sono valid Lettura/serittura: indica il senso del flusso dei dati ‘Accettazione del operazione: il PVT indica che &terminata tuna fase di lavoro sta di interrupt (dretta al microprocessote) ‘Accettazione (da parte del microprocessore} della richiesta| aiinterrupt Segnale di clock, prodotto dal quarzo PAL. e dall USG per la sincronizzazione interma del PVI (3,54 MHz = 280 ns, 227 impulst per riga) Colori 1, 2¢ 3; con questi tre seynali viene impesto il colore ai segnali video ‘Segnale prodotto dall'USG per la sincronizzazione del con- tatore verticale del PVI ‘Segnale prodotto dall'USG per la sincronizzazione del con- tatore orizzontale del PVI ‘Chip enable (interfaceia con le PROM del sistema) Collegamenti com i potenziometri azionati dal glocatore (Onda quadra a frequenza acustica ‘Questa unitasitrova nello stato basso" quando il PVI for~ nisee il segnale video peril raster e gli oggett. In generale viene usata per un quarto colore. Pud anche essere usata, con l'impiego di logica ausiliaria, per il riconoscimento di collision in sistemi con pid PVE Tensione di alimentazione 5 V+ 5% Massa ‘Non collegato n RADIO ELETTRONICA ATARI tun notevole risparmio di tempo nell'ela- boratore, per cui ilsistema PVIépartico- larmente adatto per giochi con movi- ‘menti veloci. E” possibile l’elaborazione in tempo reale, Poiché in sostanza devono essere im- ‘magazzinate solo le coordinate degli og- getti ¢ delle quinte, la capacita richiesta alla RAM é essenzialmente pitt ridotta che nelsistemacon memoria RAMdiim- magine; inoltre anche il programma & pit breve. In figura 5 sono riportate le denomi- hnazioni dei terminali del PV12636, Nella tabella 28 indicata una deserizione pitt particolareggiata dei medesimi, Formazione del segnale video degli oggetti Infigura 6s pud vedere la sezione RAM del PVI 2636. Si notano 4 “campi, cia- scuno formato da I4byte; mediante que- sticampi é possibile descriverein manie- ra completa forma, grandczza, posizio- nei quattro oggettinonchélaposizione dei loro duplicati, Perla formazionedel- le barre vertical delle quinte sono dispo- nibili 40 byte, per quelle orizzontali § byte. Sono inoltre presenti altri 4 campi ciascuno di 16 byte; questi servono per funzioni di comando e di informazione da © per le unita rispettivamente di in- aresso e di uscita La figura 7 indica il campo-oggetto di uno dei 4 oggetti disponibili nella RAM. Come gia detto, esso contiene 14 byte, di ‘cui 1vengono usatiperla “strutturazio- ne” dell’oggetto. I rimanenti 4 byte ser- vonocome registri perlecoordinateoriz- zoniali (AC) everticali dell’oggetto (VC) nonché perl'eventualeduplicatodiqual- siasi oggetto. (HCB/CB). Infine, in un‘altra parte della sezione RAM (in- gresso/uscita e pilotaggio) sono previsti ancora 2 bit per oggetto, per la determi- nazione della grandezza dell'oggetto stesso e ancora 3bit per oggetto, perilco- lore da assegnare all’oggetto. Ogni oggetto pud comparire sullo schermo in quattro differenti dimensio- ni. Sesisceglicla dimensione pid piccola, sono disponibili per Poggetto un massi- ‘mo di otto impulsi di orologio (dei 227 per riga) e diecirighe (8 10); Iealtre di- ‘mensionisono: 16% 20, 32% 40¢64% 80, come indicato in figura 8. Siccome la di ‘mensione dei quattro oggetti deve essere imponibile individualmente, dovranno essere previsti 4 gruppi di 2 bit. Liinsieme dei 10 byte a disposizione per la forma diunoggetto, vieneindicata con SHAPE. Ognibyterappresentailse- gnale video per una rigadi 8 impulsi,sesi sceglie SIZE "00", Nella tabella 1 indi- cata la disposizione dei bit dello SHAPE per la palla di fig. 9 Un “1” significa quindi che viene for- nito un segnale videoechesulloschermo appare un punto; uno ”0” significainye- ce che non viésegnale. Con la tessa ma- ttice SHAPE, la palla potrebbe essere raddoppiata in dimensione, qualora SI- ZE venisse posto in condizione "01". La figura 10 indica la relativa rappresenta- zione. Si noti che ora ad ogni bit corri- spondono 2 impulsi X 2 righe. Dal contenuto dei campi della RAM La posizione dell’oggetto € gli even- tuali movimenti rispettivamente oriz- zontale e verticale sono imposti dal con- tenuto dei campi HCe VC della RAM. Il numero degli impulsio di righechedevo- no essere saltati vengono qui trattenuti prima che venga emesso il segnale di un oggetto. Essi rimangono in una relazio- ne fissa rispettoa HRSTe VRST. [mov ‘menti orizzontali possono essereottenu- ti mediante incremento 0 decremento di HC, iverticali mediante VC. Per ogniog- getto esistono quindi due distinte possi- bilita. Se si vogliono movimenti di rota- zione, occorrera variareil contenuto del- Ja matrice SHAPE. Di ogni oggetto possono essere rap- presentate sullo schermo uno o pitt du- plicati; per questi vengono opportuna- ‘mente imposti icampi HCBe VCB della RAM. In HCB si impone la distanza dal bordo sinistro dello schermo (numerodi impulsi) con la quale la rappresentazio- nedel duplicato dovrainiziare,mentrein VCB si impone quante righe al disotto dell’oggetto (0 del suo duplicato) dovra iniziare. Si noti che in questa maniera non é possibile che si verifichino sovrap- posizioni verticali degli oggetti edeiloro duplicat Senza ulteriori accorgimenti, le di- stanze verticali tra oggetto ed il primo sara presente Vinformazione di colore delloggetto in questione, owvero detti bit vengono messia“0”, alle uscitecolo- re, avremo, i colori dello sfondo, delle quinte o di un altro oggetto, Formazione del segnale video delle quinte Perla formazionedelsegnale video per le quinte sono previsti nel PVI 4 gruppi di dati — produzione distrisce vertical: 320 bit — produzione di strisce orizzontali 80 bit — attivazione delle quinte e dello sfondo: 1 bit — colore delle quinte ¢ dello sfondo: obit Queste informazioni vengono tr smesse dalla memoria di programma al- la sezione RAM del PVL. E’ possibile rappresentare individual- mente fino a 320 strisce verticali, dispo- stein 10serie(unasottol’altra) di 16cop- pie di strisce (v. fig. 11). Ogni coppia dit strisce larga un impulso (280ns),ésepa- rata dalla coppia successiva da 7 impulsi ed éformata da una striscia alta 2 righe e da unaalta [8righe. Complessivamente, lestrisce massimerappresentabili posso- no anche essere riportatesu una superfi- cie di schermo i 128 impulsiX 200righe (da un totale di 227 impulsiX 312 righe), Quali strisce devono essere rappresentate 1 40 byte della RAM consentono di de terminare quali strisce dovranno essere rappresentate individualmente. La di- sposizione di questi byte da le 10 serie con 32bit ciascuna (2 bit perognicoppia di strisce), dove sono previsti4 byte per ‘ogni serie. Lestrisceorizzontali vengono prodot- tein modo semplice tramite 'estensione delle strisce verticali in direzione oriz- zontale, Come gia detto, le strisce verti- cali determinate con i 40 byte sono dap- prima larghe solo un impulso. Cinque byte aggiuntivi sono disponibili per por- tare le strisce verticali ad una larghezza di 2, 40 8 impulsi. Ognuno di questi 5 byte édisposto indueserie, dove ibit6e7 di questi byte determinano, se si vuole, tuna larghezza di 1, 20 4 impulsi. Come rigulta dalla figura 11, tramitei bit da 0a 5 viene fissata una ripartizione delle due serie in 6 gruppi orizzontali. Se uno dei bit da 0a 5 viene posto ad "1". tutte le strisce verticali del relativo gruppo isu teranno larghe 8 impulsi; se il bit conti ne uno "0", la larghezza sari determina- tadai dit 6e7. colori delle quinte ¢ dello (schermo) vengono fissati tramitei3 bitdelcontrol- Jo delle quinte; un ulteriore bit attiva la produzione del segnale video perle qui te, Setaleattivazionenon ha luogo, all scita apparira”111”’siaperilcoloredelle quinte che dello sfondo. In questa ma- niera sara possibile prendere segnali da altri PVI nel caso di sistemi multipli Indicazione del punteggio Con il PVI 2636 & inoltre possibile rap- presentare 4 cifre per il punteggio o per altri dati in due campi separati di due ci- fre oppure in un unico campo di quattro cifre, A tale scopo viene usato un unico bit, che nel primo casoé postoa”™0” enel secondo ad "1". L'indicazione ha luogo sulla riga 10 10dello schermo, il che vie~ ne fissato tramite un ulteriore bit. Per una indicazione sulla decima, questo bit ad "I" Il colore delle cifre é lo stesso delle quinte; la forma é 7 segmenti, di- sposti in una matrice di I2impulsiX 20 righe Produzione dei suoni I suoni possono essere prodotti tramite una serie di impulsi rettangolari. La fre- quenza programmabile ¢ pud variare da $0 Hza8 kHz (con ilsistemaa RAM immagine, da 120 Hza 8 kHz). E INEDICOLA SOMM@CFsO 73 RADIO ELETTRONICA Giradischi HiFi RW 666 Siemens La Siemens introduce sul mercato ita- liano i nuovo giradischiautomatico RW 666 a trazione diretta con motore a cor rente continua a 8 poli senza collettore. La velocita é mantenuta costante da wn cireuito al quarzo in tecnica PLL L'RW 666 dispone di comandifronta- li, hala trazione direttaedun piattoinal- luminio pressofuso, che garantisce wn perfetto sincronismo; il wow & flutter ‘non supera lo 0,08%. Hrapporto tensio- ne/fruscio e quello segnale/disturbo su- perano rispettivamente 70 40 dB, La velocita pud essere regolata anche ‘@ mano (escludendo il quarzo) con lap- posit regolatore e controllata dallo stroboscopio del piatto, Il braccio dispone di un sistema ma- _gnetico di alto pregio tipo “Audio Tech- nica AT 72E” con diamante elittico. Un motore a collettore a 2 poli serve per abbassare e sollevare il braccio. La disinserzione finale edil|ritorna del brac- cioavvengono per via fotoelettrica. Ilgi- radischi RW 666. concepito per isistemi HiFi 666, 333777, Mobile: marrone con frontale color bronzo, coperchio regolabile in conti- ‘nuita, Dimension in em: 44%13,5X36,4 (nx p). Telettra per l'emergenza Una stazione radio mobile per teleco- municazioni di emergenza é presentata dalla Telettra (societa del Gruppo Fiat) alla Rassegna internazionale dell’elet- tronica navale e aerospaziale (RIENA) che si tenuta a Roma dal 20al 29 marzo, E' una proposta per risolvere i problemi delle comunicazioni di emergenza che si ongono in caso di calamita naturali (terremoti, inondazioni, ecc.) La stazione, collocata su una Fiat Campagnola — una vettura che per le sue particolari doti di robustezza e affi- dabilita consente di raggiungere luoghi inaceessibili ad altri mezzi di trasportoe che & stata espressamente modificata — hha una potenza di trasmissione che con- Prescaler A 200 MHz che divide per 20 Un “Prescaler” divisore per 20, con una eapacit we plastico a 8 pin, “dual inline", presso la Motorola. sente di coprire distanze di oltre 1000 km, La stazione radiomobile, intera- mente progettata nello stabilimento Te- lettra di Chieti, 2accoppiataaun genera- tore di corrente montato sulla Campa- gnola: dunque completamente autono- ‘ma c ha caratteristiche di elevata solidi- {, ingombro ¢ pesi ridotti e semplicita operativa. Una stazionesimileera gid stata mesa ica di 200 MHz, 8 ora dispo- L'MC3396P opera con singola alimentazione a 5 volt ed é progettato espressa- ‘mente per uso nei sintetizcatori di frequenza, contatori e applicazioni similar Lingresso provvisto di buffer ha una sensibilita da 100 mV.a400mV, valoreeffi- ‘cace, ¢ pud essere accoppiato con condensatore o trasformatore alla sorgente di fre- quenza. Lruscita acollettoreapertoha la capacita dipilotare sialogiche TTL che CMOS. 1 campo di temperatura di funzionamento dell MC3396P vada —40.a+85°C. 74 RADIO ELETTRONICA, a disposizione degli abitanti delle zone terremotate dell'Irpinia per consentire loro di comunicare con i parentiresiden- ti nel Nord Italia, Sulla Campagnola ¢ stato installatoancheunricetrasmettito- re, che serve a collegamenti locali fino a tuna distanzadicirca 20km,corredatoda apparecchi portatili. Questi ultimi due apparati sono stati costruiti dalla ‘Autophon Italiana S.p.A. di Roma, so- cieta del Gruppo Telettra. Demodulatore stereo P.L.L. Motorola La Motorola annuneia un nuovo de- codificatore multiplex a PLL FMstereo, T'wA758, II nuovo dispositive — diretta second source ai tipi uA758 ed LM1800 — é in grado di operare con un esteso ‘campo di tensione dialimentazione,da8 a 16V, con S0dB dirreiezione ai disturbi sull'alimentazione, richiede inoltreun mitato numero di componenti ¢ non ne~ cessita di induttanze esterne. Laseparazione delcanalestereoé tipi- ‘camente di 45 dB a 400 Hze la sola rego- lazione richiesta dal dispositivo & quella della frequenza centrale dell’oscillatore attraverso uso diun solo potenzi metroesterno. La commutazione Mo- 1no/Stereo@ automatica e priva ditransi- stori con isteresi tipica di 74B sul livello della pilota I segnale d'uscita dell'indicatore ste- eo ha la capacita di pilotare un minimo di 100mA per carichi quali lampadine LED, conlimitazionedicorrenteinclusa nel chip. L'vA7S8A vienefornitoinunconteni- tore plasticoa 16 pin perfunzionamento in un campo di temperature da —40 a +85°C. TS 99 della Siel Elettronica E* stato recentemente immesso sul niercato un nuovo apparecchio della SIEL ELETTRONICA di Roma perdo- tare, senza alcun intervento sul televiso re, qualsiasi ricevitore TV, a colori o in bianco e nero, di telecomando e disiste- ma di sintonia a 99 canali con chiamata diretta; il TS 99. Il sistema, pur nella sua complessita tecnica, si installa in modo estremamen- te semplice, dovendosi solo collegare al- la presa di antenna del televisore, 11TS99si componefisicamente didue parti il telecomando a raggi infrarossi e Punita ricevitore-selettore di canale pre- sentata in un elegante cofanetto in mate- riale antiurto, che pud essere posto vici- no all’apparecchio televisivo. L'esigenza del pubblicodiavereiltele- comando e la possibiliti di sintonizzare 1 TV su uno dei numerosi canali di tra- smissione, ha spinto a trovare una solu- zione che potesse soddisfare questa esi- genza in modo concreto, di sicuro fun- Zionamento e di grande affidabilita, I principio di fu jionamento: 75 RADIO ELETTRONICA attraverso un sintonizzatorea varicap del tipo MOS-FET, un sistema di sinto- nia a sintesi di frequenza con micropro- cessore SIEMENS ed un convertitore di frequenza, si ottiene la ricezione del se- gnale, la scelta del canale ela conversio- ne in frequenza dello stesso per inviarlo al ricevitore TV. Tutto cid pilotato da un telecomando ‘rage’ infrarossi che invia gli impulsi al ricevitore infrarossi, posto sulla parte ri- cevitore-selettore del TS 99, Questi, a sua volta, invia le informa- zioni (scelte dall’utente col telecomai do) al sistema di sintonia a sintesi di fre- quenza, 11 TS 99 @ inoltre dotato di memoria non volatile (che non necessita quindi di continua alimentazione) del tipo EAROM, chememorizza, sottoformadi programma, 30 delle 99 possibili fre- 4quenze, ciascuna identificante un cana- le, ITS 99éanche prowistodiindicatori a LED luminosi indicantiil programma scelto ed il relative numerodicanaleme- morizzato, La foto mostra il 18 99 con il suo tele- ‘comando ed una vista della parte ricevi- tore-selettore aperta, Unteriori informazioni sono ottenibili a tichiesta dalla SIEL ELETTRONICA S.p.A., 00060 Formello (Roma). Cavo a fibre ottiche a due fili La ITT ha sviluppato un cavo di fibra di vetro con scarico della trazione. Questo cavosiadatta particolarmente per la utilizzazione in: — sistemi di trasmissione Duala Du- plex all'interno di o fra fabbricati; — automobili o computer, Oscillografi con grande purezza e precisione Laboratori di alta tensione ele piattaforme di prova hanno| ‘sottoposti a sorgenti di perturbazioni elettromagnetiche di grande intensit’. La tradizione degli oscillografi di impulso HAEFELY viene mantenuta con due apparecchi completamente nuovi (a 1 e a 2 raggi) che soddisfano interamente le compatibilitaelettromagnetica cresta della tensione in kV. uultime raccomandazioni del Comitato Tecnico 42 del'IEC concernet questi apparecchi. avanguardia dei semiconduttori e all’utilizzazione di casset funzioni della base del tempo e V ampiezza sono le stesse per gli oscillografia 10 a2 raggi. Un'altra novita @ lindicazione numerica sull oscillogramma del valore di Per informazioni: Haefely, Po Box 4028, Basilea, intereambiabili le Il cavo di fibra di vetro possiede: © dimensioni ridotte © peso ridotto © grande portata © buona flessibitia, Grazie a queste caratteristiche il avo uo essere posato in tubi, condotti di di- stribuzione e anche all'aperto, La sua struttura consiste in due cavi ottici singoli, composto ognuno da una fibra centrale, 6 cavi Kevlar pet lo scari- co della tensione ¢ da un rivestimento Hytrel, [due cavi sono inoltre provvisti diun rivestimento comune in poliureta- no, Dati teeni Fibra di vetro: PCS, Step Index oppure Graded Index Campo di attenuazione: 6 - 35 dB/km ‘con lunghezza d’onda 850 nm Dispersione: 3,5.dB/km al punto—3dB 76 RADIO ELETTRONICA Diametrodell’anima della fibra: da 55 — 204m Diametro fibra di vetro: 500m Dimension cavo: 4,4%2,5 mm Peso: 13 kg/km Resistenza a trazione: (provata su cam- pione di 2m) 90.N Raggio di curvatura: 3,5.em Questo nuovo cavo di fibra di vetro a duc fli, sviluppato dalla ITT ¢provvisto di scarico della tensione e permette un ampliamento delle possibilita diapplica- Zione della tecnologia dellefibredi vetro. Parlando al mondo di domani LaBritish Telecom (nuovonomedella sezione del British Post Office che si oc- cupa delle telecomunicazioni) é la pit ‘grande autorita statale in Europa che awale delle pit: moderne tecnologie per mettete a disposizione della Gran Breta- gnaedituttoilmondoimetodi pitiavan- zati di comunicazione. Presso il centro di ricerche di Martle- sham Heath, alcuni ricercatori stanno mettendo a punto le nuove tecnologic che permetteranno a questo Ente di mantenere la posizione di leader nel set- tore per i prossimi dieci anni, Quest nuovi sviluppi comprendono: fibre ottiche, microcircuiti, sistemi di ‘commutazione digitalie il Preste, il pri- mo sistema pubblico al mondo a tra- smettere dati visibili sullo schermo diun normale apparecchio tclevisivo. Le fibre ottiche sono deifilidellospes- sore di un capello che sostituiranno ico- stosi cavi di rame nella trasmissione di comunicazioni telefoniche, telex, telev sionee dati per computer. La foto cimo- stra un tecnico mentre controlla la capa- LINCOM TTA cita di carico del nuovo cavo, Ciascun sottilissimo filo di fibra& for- mato con due tipidivetrocompletamen- te differenti. Le informazioni, sotto for- ‘ma di impulsi digitali codificati, vengo- no sovrapposti al segnale luminoso che viaggia attraverso il cavo di vetro. La lu- ceviene generatada un laserin miniatura oda un diodo emettente luce (LED). Al- la fine del viaggio, il segnale luminoso viene decodificato ¢ riappare nella sua versione originale, Oltre a essere poco ingombranti ¢ in grado di portare molte informazioni, le fibre ottiche sono immuni dalle interfe- renze generate da agenti esterni. Percompletare gliesperimentisullefi- bre ottiche con prove pratiche, quest'an no alcune case di Milton Keynes New ‘Town saranno equipaggiate con i nuovi cavi e riceveranno tutti lorosegnali;te- lefonici, radiofonici etelevisivimediante questo nuovo mezzo di comunicazione, di sicuro avvenire, 7 RADIO ELETTRONICA OCCASIONISSIMA!! Svendo i se- _guente materiale, nuovo, mai usato, per- fettamente funzionante, dalle caratteri- stiche professionali: TX FM _ 88-108 MHz, 70 Welf., quarzato, funzionantea PLL, frequenza programmabile tramite pulsantiera, generatore nota incorpora- to, controllo segnale BF e ROS tramite strumenti, preenfasi BF, spurie e armo- niche —60 dB, alimentazione 220 Vac, mobile extra-lusso in acciaio con vento- Ja, L. 450 mila; lineare FM 88-108 MHz, IN 30 W, OUT 200 W, 220 Vac, mobile extra-lusso con ventola, L. 400mila;mo- dulo lineare FM 88-108 MHz, IN 10 W, OUTSO W, 12 Vec, con aletta di raffred- damento ¢ misura di ROS, L. 70 mila; modulo lineare FM 88-108 MHz, IN 2 W, OUT 15 W, 12 Vee, conaletta diraf- freddamento L. 35 mila. Francesco Pisa- no, Via Torrione 113, 84100 Salerno, Tel. 089/235.959, VENDO iil seguente materiale elettroni- co: 200 condensatori fissia L. 25.000; 60 condensatorielettroliticia L..15.000;300 resistenze fisse a L. 35.000; 30 transistor aL. 17.000; 30 valvolea L. 35.000, Tutto il materiale elettronico é in ottimo stato. Giuseppe Pellegrino, Via Cesare Battisti 9, Putignano (Bari) - Cap, 70017, Tel. (080) 732.176. QUINDICENNE appassionato di elet- tronica alle prime armi desidererebbe ri- cevere gratisoa poco prezzo riviste libri, schemi dielettronicae materiale diqual- siasi tipo. Ringrazio fin da ora. France- sco Crisafulli, Via Fonteiana 122, 00152 Roma. VENDO TV Game 4 giochi L. 30.000,0 in cambio di un mixer, vendo 8 progetti TX-FM-IW L. 1.500, Luci Psich. 2.000 W a canale L. 2.000, alim. 28 V, 1A L. 1.500, temporizzatore L. 2.500, multivi- bratore L.1.500, prova transistor L. 2.000, Strobo L. 3.000, mini sirena L. 1,500, jojo luci L. 4.000. Carraturo Mi chele, A. Dulceri 24, 00176 Roma, ESEGUO per seria ditta cablaggilettri- ci ed elettronici. Tutti i tipi di cireuiti, stampati in fotoincisione. Massima se- rieta e competenza. Burrini Alfiero, Via ‘A. Casella 10, $0047 Prato (FI). VENDO indicatore distatodicaricadel- la batteria a 12V.a 3leds-em. 1,72,5L. 5,500 cad. (10 pz. L.$0,000)ealcunicari- ca batterie automatici per NiCd e piom- boa correnteo tensionecostante;scrive- re per accordi, Nocchi p.i. Daniele, Via Vasco De Gama 31, Tel. 374,871, Bolo- gna VENDO: Corso Radio Stereo Valvola S.RE. Lelezioni sonorilegateconmate- riale SRE Oscillatore Modulato-+ Prova Valvole + Analizzatore, da riparare + Ricevitore finale stereo valvolein mobile autocostruito ++ Kit montato UK 541/542+ 100 valvole Radio TV veechie enuoveil tuttoa L. 180.000. Calza Fran- co, Via Centro 189 B. Roma, 37100 Ve- rona, Tel. 045-50S005, ore past CBM-PET SOTWARE basic utilita ge- nerale scientifico e grafico. Numerosi programmi con routines accessorie: ma- tematica (ordinamento ¢ massimi di se- rie e funzioni, tests probabilistici,sistemi di equazioni, integrali, combinazioni, radici di equazione quadratica ediequa- Zione qualunque, metodi iterativi, som- ma di colonnee righe, tabelle, sommato- ria e fattoriale, funzioni, vettori, opera- ioni_ su. matrici); plots e istogrammi (semplici e multipli, mono ebidimensio- nali, con scala automatica o arbitraria, assoluti, percentuali, relativi, discrimi- rnanti, con uscite numeriche e grafiche); “Draws”, programma doppio speciale per la gestione della pagina video com- pleto di maschere di riferimento diversi formati, Esclusivamente su cassetta ma- gnetica, con istruzioni; prezzo medio L 35.000, ElencodettagliatoperL. 1.000in francobolli, Vittorio Pesce, Via Bitritto 111, Bari, Tel. 080-451.479, VENDO ricetrasmettitore portatile El- bex 6canalicompletamentequarzaticon potenza in uscita di 5 Watt praticamente quasi nuovo. Vendo inoltre un sintoam- plificatore 20+-20 W stereo con dingressi completo di filtri della Amtroniltuttoa lire 190.000. Telefonare al 011/682.640, Oppure scrivere a: Somma Giuseppe, Via Niza 27, 10125 Torino. VENDO TX FM 88/108 MHz con po- tenza 2/3W tutto in Kit della marca play kits a L. 56.000 e con antenna Graund Plane a L. 80.000, vendo anche schema corredato da tute le spiegazionie del di- segno del circuito stampato © compo- nnenti in fotocopie di un lineare FM con potenza dientrata2/3Wed uscita30Wa L. 10.000, poi vendo anche schema cor- redato di tutte le istruzioni e del disegno delcircuito stampatoecomponentidiun Jineare CB con potenza di entrata 3,5W jin AM e uscita 60 Wa L. 10.000. II Kit viene spedito entro 60 giorni, il paga- mento anticipato tramite vaglia postale. Scrivere a: Pistorio Stefano, Via Stagno 10, Tremestieri, 98020 Messina, CERCO oscillatore modulato della S.R.E, € oscilloscopio. Acquisto 0 cam- 8 RADIO ELETTRONICA bioconcorsosperimentatoreelettronico della S.R.E., TV game color e microsco- pio 1S0X+450X-+750X. Cedo il tutto in blocco a L. 80,000 0 separati. Scrivere 0 telefonare per accordi. Fait Michele, Via G. Leopardi 14, Battipaglia (SA), Tel (0828) 25713, (Ore pasti). GIOVANE esperto in montaggi clettro- nici di qualunque genere, in possesso di diploma di qualifica come Montatore ¢ Riparatore di Appareéchi Radio -TV, in serie difficolta economiche: CERCA Dita seria, per occupazione fissa, Di- spostoa trasferirsiimmediatamentenel- leseguenticitta: Bologna, Parma, Mode- na, Treviso, Pordenone, Milano. Rin- grazio anticipatamente, tutti coloro i quali mi aiuteranno, Cundari Nicola, Via Ettore Fieramosca 92/int. 1, 70123 Bari OCCASIONE: offro eccitatoretrasmet- titore FM 4 W in antenna completo di contenitore. Alimentazione 12 Vee Prezzo irripetibile L. 70,000, “Radio Ge- mini”. P. Box 5, 60040 Avacelli (AN). VENDO microtrasmettitore FM 1 Wa lire 8.000; Fotocopie degli schemi e lista component dell’Orbiter 2000SYNTali- re 4.000; Spese postali a vostro carico. Scrivere a Blia Gaetano, Via Kennedy 56, 88014 Mileto (CZ). VENDO TX FM 88-108 MHz HI-FI Professionali_ con potenza; 5 WL 95.000; 12 WL. 150.000; 30 WL. 195,000; 50 WL. 300,000 80 W L. 440,000; 200 W L. 980,000. I tutto a transistor, con contenitore, senza ali- mentazione oa richiesta. Egidio Mauge- ri, Via G. Meli 38, 95014 Giarre (CT), Tel. 095/951.522, VENDO stazione CB, Composta da ali- mentatore “Alpha Elettronica” con strumento voltmetro amperometro te- golabile a Rx Tx Pearce Simpson mod. “Super Panther DK” 240 canali 80 per banda: USB LSB AM-+ Rosmetro volt- metro “Bremi B2G 22” con misura sino a 1000 watt + Amplificatore lineare Bremi BRL200” con 200 Wattin GSBe 100 in Amp+ 1Smetridicavo RG8Vcon prese Amphenol e Antenna Ground Pla- ne Lenh, con radiali antiraffiche vento! Tl tutto per L. 400.000. Vendo separata- mente: portatile “Inno HIT” 40 canali $ Watteportatile“Elbex” 6canali SW. In- no Hit: L. 70.000 40 canali. Elbex: L. 60.000 6 canali. Inoltre vendo tester “Carlo Gavazzi” per L. 30.000. Per in- formazioni rivolgersi a: Orioli Antonio, Via Pitagora 12, 75020 Novasiri Scalo (MT). O telefonare ore pastiechiederedi Carlo 0 Tonino a: 0835/647.244, VENDO temporizzatore L. 10.000, pre- amplificatore L. 5.000, grid dip L. 10.000, trasmettitore FM 2W. L. 15.000, scaccia zanzare L.. 5.000, amplificatore 7 W. L. 10.000, luci elettroniche L. 5.000, sirena $ W L. $.000, lampeggiatore L. 5.000, interruttore termico L, 5.000, in- verter 20 W L. 10,000, misuratorediluce L, 5.000, interruttore crepuscolare, ‘5000, oscillatore da Q,] Hz a 2 MHz 1 20,000, flash elettronico L. 15.000, vi- sualizzatore di musica L. 15.000, uci psi- chedeliche L. 15.000, mixer 2 can, L. 10.000, amplificatore $0 W L. 20.000, -muggito elettr. per auto L. 15.000, pro- vatransistore L. 10,000, alimentatore completo L..10.000, amplificatore 2 WL. 5.000 cambio anche il tutto con oscillo- scopio o televisore a transistor B/N. Scrivere a: Biondi Eduardo Via Stanzia- le 21, S. Giorgio a Cremano, 80046 Na- poli VENDO, radio registratore C. 8000 Grunding - Portatile, nuovo per L. 220,000. Becocei Ernesto, Via D. Vene- tiano 14, 50143 Firenze, Tel. 714741 - Ore ufficio. VENDESI due preamplificatori-distor- soricon effetto doubler per chitarraelet- rica a L., $0,000 cadauno trattabili,ali- mentatore per distorsore a L. 10,000, Si vendono, inoltre, due booster da 10 Wa L, 13.000 cadauno, Si costruiscono a ri- chiesta luci psichedeliche da 2*3 canali fino a 1000 W per canale. Serivere a: Vi- tale Maurizio, Via Forte Braschi 66, (00167 Roma o telefonare ore pastial se- ‘guente numero 06/627. 11.23. VENDO integrati operazionali mos e j- fet (3140 econsimili) professionali, rego- latori di tensione integrati, ¢ circuiti stampati in vetcoresina a doppia faccia di tipo professionale, Serivere a: M.D. Suppo, Via Claviere 27, 10055 Condove (To), VENDO stazione CB completa, pit un microfono da tavolo preamplificato, al- cuni metri di cavo RG S8edunaantenna Ground Piaine, ancora imballata. Tutto aL. 200,000 trattabili. Antonio di Muro, Via 8. Domenico 45 (Vomero), 80127 Napoli. ATTENZIONE. Per chi non vuole farsi spennare dai rivenditori autorizzati di Hi-Fi, Offro ai veramente interessati amplificatori finali o integrali completi di clegantissimo mobile in lamiera sati- rata e ossidata, frontale alluminio seri- grafato, tuttii comandi (doppio volume, bbassi, medi, altfiltri, ldness,selettorea 5 ingressi, interruttore mono/stereo). 79 | RADIO ELETTRONICA Wumeter, presa per cuftia e microfono. Le potenze disponibili sono: 60 W RMS. su 40/100 W RMS. su 4 80/200 W R.M.S. su 40/380 W RMS, su 40. (A richiestasifornisconoanche fi- nali mono, per orchestre e discoteche), Inoltre Vendo anche casse super potenti per Hi-Fi e strumentazione, Mixer spe- ciali, Equalizzatore Parametrico Super professionale a sole L.. 168.000. Giradi- schi e un‘infinita di cose, Prezzi quasi stracciati. Massima serieta. Castagnero Gian Luigi. Corso Toscana 89, Torino 10149, VENDO a L. 200.000 Corso TV B.N Transistor S.R.E, le lezioni sono rilegate ‘con materiale S.R.E.jn 7 volumi + Osci loscopio S.R.E. televisore Philips 21° pollici da riparare + Tester una OHM 50/KQ/V=, Calza Franco, Via Centro 189 B. Roma, 37100 Verona, Tel (045/505005 (Ore past). CERCO schema TV. Dumont Teleset mod, RA/356-357/A4 (Produz.? 1953) V.115 cicli60 W 230- Vide Horizone.Ri- vista “Sistema/A” n. 8, 1961, Rivista “Break” n.8, 1979 dan. I] finoall'ulti- ‘ma pubblicata. Testo Diagnosi Elettro- nica dell'automobile di Giuseppe Musso Editore Ruggeri & C. anche in fotocopia, ‘Televisore guasto anche parti staccate Radiomarelli 17” mod. 516/UM Pro- duz, 1961. A. Antonelli, Via G, Lunati 40, Roma, Tel. $57.45.17, OFFRO TIS9. Vendesi completa di stampante. PC.100 Bschedemagnétiche vergini e programmi sia su schede che i- stati L. 450.000 trattabili, Fabio Schetti no, Via Saffi 182, 40131 Bologna - Tel 051-558. 178. Ore serali PERITO elettronico eseguirebbe pro- prio domicilio montaggielettronici o al- tri lavori per seria ditta. Si garantiscono ‘massima serieta c celerita nel lavoro, Per informazioni scrivereo telefonarea: Me- glioranzi Giuseppe, Str.ne Porta Palio 37, 37122 Verona, Tel, 045/37993, VENDO micro trasmettitore (spia) F.M. 8-108 MHz L’apparecchio misu- a appena 30X27 10 mm, Emissione fe- delissima, modulazione variKap,ragsio azione 150m. Alimentazione 3 Vseali- mentato con bottoncini o ministilo pos- sibilita di collocazione, scatola fiammi- fei. L. 12.000, Lello Esposito. Via G. Verdi 3, $0026 Casoria (NA). Tel. (081) 1759.27.26. AMICI appassionati di clettronica: At- tenzione! Sono un giovanee squattrina- to novellino dell’elettronica. Se avetein- tenzione di disfarvi di qualche vecchio apparecchio e/o di ripulire il vostro la- oratorio da vecchi componenti e/o strumenti vari, mi farete cosa graditiss mma se vortete regalarmeli. Spese Postali ‘owiamente a mio carico. Ci conto! Pao- Jo Zuddas, Via Palomba 32, 03100 Ca- sliari CERCO coppia radiotelefoni qualsiasi frequenza tranne la CB, portatile onon, anche autocostruiti purché perfettamen te funzionanti e potenza necessaria per coprire min. 20 Km. Marisa Tullio, via Naviglio 7, 38068 Rovereto (Trento), Tel. 0464734687. VENDO anche separatamente: miniri- cevitore FM (playkitsKT 326). 10,000, provatransitors a led L. 10.000, alimen- fatore 3-30 V 1.5 A senza trasformatore LL. 10,000, luci psichedeliche 3X 1000 W + contenitore L. 50.000, V.U, Meter a led L. 20.000, amplificatore 2W senza al- toparlante L. 10.000. Tutto cid pit spese postali, Giulio Bottini, Viale Po 69, 26100 Cremona CERCO urgentemente trasmettitore PM 88/108, da 5 a 20 W mono, funzio- hnante, buona capaciti di modulazione, bassa distorsione, stabilita di frequenza, inoltre antenna FM da adibire al TX. Scrivere o telefonare (ore pasti). Lom- bardi Stefano, Via 8. Sebastiano 35, 14030 Grana Monferrato (AT), Tel. (0141) 92686. VENDO alimentatore da 0 Va 30 V 2,5 Ampere a lire 40.000, Tester Personal 40 a lire 25.000, tutto in ottimo stato, Seri- vere a: Bassa Fabiano, Via Angelo dal Zotto 131, 36010 Cogollo del Cengio (VD, oppure telefonare ore pasti allo 04457880433. VENDO modulatori audio/video, Le portanti rispettivamente 33,4/38,9 MHz, vengono generate al quarzo, Usci- ta FL. 1V, controllo automatico det li- vello video. Ingresso video 7Sohm. Prez- zi bassi. Giuseppe Messina, Via S. Lisi 111, 95014 Giarre (CT), tel. 095/936012, ore 21+ 22. VENDO: compressore Bosch per Trom= be (12V) lire 8.000 + 2 altoparlanti 15-+ 15. W, con mobile per auto lite 15.000+ un regolatore per motorino giradischi+ tuna piastra giradischi stereo con braccio automatico € con amplificatore 15 + 15 W, La piastra & nuova, mai usata, lire 65.000. Vendo a pezzi anche separati. Scrivere a Sogus Ignazio, Vicoto II Ro- ma 11, 09035 Gonnosfanadiga (CA). Oa rea Re Rea ae Pe CLc UNIMER 33 in molti casi UNV cyo ener eran Pan anid Per impieghi Eee eect abe Cee) BEI Bo bre) Ol TR Uy Cele ca ce eerie SOCIETA PRODOTTI ELETTRONICI INDUSTRIALI VIA WASHINGTON, 27 - 20146 MILANO - TEL. 43. 49.87185 Alga sald