Sei sulla pagina 1di 84
ROWAN TuGtANA "Via Parent 97 -LaSpeaia MERIGG! & SUGLIAN - Gancina Fo Mente, © Loano (im) 1 SACEO ROSA Var ont 19h Savona RETTAN LUIGL "Ve Fh Rossel 78 Voghera (Py) ERC oi CVI = Va Sant ‘ambrogo, 3 - Piacenza "SRSA SER Gio “Vie 8orG0 Panes, 50 Bergemo FENTON NTEMMATTONAL Vins Soot 1) 38: Bergamo “\CORTEN diRICCARD! Be Repub, © Brescia“ CENTRO LETC FU CORBETIA Wa Mogae, 12 ara Va) MasINE RAGIO BOAT SERVICE - via Prgsttt, 4 Porto Caore (Ve) ior NatroTO zen detatorsa oe Toetel ELECTRONA SpA “Vis Porte, Bol dao LNTENDRICH ANTON" Via dele eee, 108- Merano (I BRANOLEGHNER CMa Roma! Menguelo (B2) MaNENAICH Teles al ostause, 2 ‘Standro [2 ARUN BENITO = via For. fotos, 482 Casaleechlo (80) 1 LAE SbF Va ol vavor, 68 mola (80) Vitel MADIA TORO viederMe 7 {Gomacchio Fe)" CICERI DANGLE Via Sevegnana, 310. For! 2 GUERRA E SAN! Via Portier T= Ril (Fo) ALESTRA‘E ALGRHGL "Vin Aorroto ess, 12 - Ravenna GCC wi CANUTT Vie Baracoa 8"" Ravenna <1 GREAT i ANDREANT= Via Barta Ancona Gare GLETTRONA Vie Campo Soor So, 13: Febriane 1 SIUNTOU MARIO. Vis Aven 84 Rosignane Solvay (U1 BONFANTINN GIORGIO" Via Tuscoina, 1009. Roma “1 IGLOTT ALO. Va gh Pla 70 Roma 2] MAS-CAR oI MA SiRORILL?. Vie Reggio Emilia 80 Ro mma RADIO PAODETT = Via Nationale, Bab Roma "ILC RADIO “Pra Sante 10 Roma") MASTROGIROLAMO “Vie Sportan''s “Vellott (oma = MANS! {Ur Va Wartimas 4" Frosinone REA FRANCO” Vi 4x Settembre, 35. Sora (0 CELL ROSERTO Va oma, TS Serengolagall (rr) TURCHETIA MONTANO’ Vins Magia 29-Formla (U0 CFRANZIN LUIGt “Us Konte Sato. Satna UELLERTELETIRONGAS Vc Verdi'M Latins CECAMORE TELE Bio." Va Ravenna, 3 Pescara HEA ELerTa ABRUZZI" Via Mane Lan: tdano (Gn) "BERNASCONI CG sve Foran 86 Napolt SMAIELUA GAETR NO'=biiza Garba, 75-Napot © TELE ASR “Via Vitorovenete-o74-Torre ‘Anounzlata a) SD'RCUNTO ANTONIO. Gif Gartald. 6 -Selema ELEN. Sich ‘SUB Vin Aur, 82 = Lecow => LER SNC -Viad Mann, 28 ‘Crotone (G2 2 Towmuastilo PRANCESCO S23 Umberto, 100 » Soverato.(€2) C7 GAGLIARDI aiananoo “C'se Vitor Enanuole - Amante (Ca) CLA SPN © MESSNA - We'O Gn ortenone, 5a. tania "Oe PASGUALE Sa Vitor 13" Barcelona (Me) kaMAUDO Glu Sepoe."‘is ans 33 vitor fa). EERMEL a caGLiO «Vie mieneisneeo St Palermo 7 PAYAN LUCIANO * Via Malaspina, "15. ~ Palermo. SELLNA GOVAN! -Via Napaleone Colain “Ra (gusa UAPEN SAU Via Gaura 32 Ge Glan CCARIA BRUNO - Via S Maur, OIA “Caplan “'SCOPPIO SABINO “Vie Campanell Emesto ” Oritano CEN SOPEVia Ugo Fossolo, 95: Nuoro ETAS PROM tas prom srl 20184 Milano Via Mantegna, 6 Tel, (02) 842485 - 380608 Concessionaria di pubblicita FEditore Larchitettura ‘omen gt te pean ale © mondo Sommerso VI-EL novita’ 1980 TEC 101/B L. 62.000 Autoradio, AM/FM, con nprodutore stereo per caste & piste, comand regolazine volume, tno, bianciamento canal ‘intra, Tat avantamantaveloee dl mato ed eoulsione ola cuca, Almentzone: bata 12 V, om regain @ moss, Dimenson: 185 85x 160 wm TEC 110 L. 32.000 Aadasvoglia, FVM, Orolsio a se digital LED., ad intnsitahirasa varie Astena iciporata, Sistema avomatco dl sveglia ‘con ratio 0 svonera Comand per volume, sirtnia, cambio onde e reolzione svt, Dispostvo sleep. Sesor. Auaare ‘Almemazine: batterie 1 = corte 220 V, 50 He, Dimension’ 22055185 wm, VEICOLARE MOD. 309 L. 180.000 rasurrente SEERA oy, i ht SO wa Seett ane? oes oboe ar FAB aco RICEVENTE sensia1uTa ae Gs ber 10 46 (8 NIN arrenuazione pews °°! Mono sl'03 4 per 10:08 (S4 ND cau, a ns Bile, RHR Hae on sien MgGRsrone, Soe SerewAzione oe. ae week Noe Rabiagion! pate” ono’ 5 4 per misuretore & 3 mt BANDA DI Bs tnsietore ap ONDE PURE: sarvon Peesletes. 2s eo 2708 ‘raNsiooutazione: sa Shweon SESE AGREE Mise cy ie Baa Saunt Pata wv SurpietenTo. e NOISE uanxcn RiotalfoSRE con overide mavale HTC, 20 voc, gout pain 0 seat, aonb esti sts kaa Siesiron. ec" MEG, 2 u Era inn Ss ae Roos INOLTRE: PRESIDENT - SOMMERKAMP YESU - ICOM MICROFONI TURNER VEEL VIRGILIANA ELETTRONICA sas, CALCOLATORI « BROTHER » Pazale Michelangelo 8/40 Casella post. 34 - 46100 MANTOVA - @ 0376/368923 CHIEDERE OFFERTE PER QUANTITATIVI SPEDIZIONE: in contrassogno + spese postal Laboratorio specillzato riparecionl apperetiricetrasmitent! La VUEL b presente a tutte le mostre rediantistiche a ogrl tipo. TUTTI GLI APPARATI SONO MUNITI DI UN NOSTRO MODULO DI! GARANZIA I NOSTRI LIBRI DI scu LA. Radio Elettra ha specializ- tutta Europa, facendone Alla base di questi positivi risultati sta la validita det metodo di insegnamento. Esso non si limita ad-una completa ed approfondita preparazione teorica, ma consente all‘allievo di sperimentare e verificare pratica mente quanto apprende, costruendo strumenti ed appa- fecchiature che interessano il suo settore professio easese. a | gruppi delle lezioni sono infatti corredati da una serie di materiali che costituiscono una ricchissi- ma dotazione e restano di proprieta dell’allievo al § termine dei corsi.. eee. Con il metodo di insegnamento Scuola Radio Elettra, quindi, teoria e pratica procedono insieme ¢ al valore del metodo si aggiunge quello dei materiali, tutti di al- tissimo livello qualitativo, metodo Scuola Radio El casa tua senza interrompere altre attivita: che sei tu stesso a regolare I'intensita e [a durata del corso; & vantaggioso perché paghi solo al ricevimento di ogni singola lezione, Scegli tra questi corsi quello che ritieni pit interessante e pid adatto alle tue aspirazioni Se desideri ricevere informazioni pid dettagliate, compi- lae spedisci questa cartolina. Riceverai gratuitamente @ senza impegno una splendida documentazione a co lori. CORS! DI SPECIALIZZAZIONE TECNICA (con materiali) RADIO STEREO A TRANSISTORI - TELEVISIONE BIANCO-NERO E COLOR! - ELETTROTECNICA - ELET- TRONICA INDUSTRIALE - HI-Fi STEREO - FOTOGRAFIA -ELETTRAUTO. (CORSI DI QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE PROGRAMMAZIONE ED ELABORAZIONE DEI DAT! - DI SEGNATORE MECCANICO PROGETTISTA - ESPERTO COMMERCIALE - IMPIEGATA D'AZIENDA - TECNICO D'OFFICINA - MOTORISTA AUTORIPARATORE - ASSI- STENTE E DISEGNATORE EDILE - LINGUE. CORSO ORIENTATIVO PRATICO (con materiali) SPERIMENTATORE ELETTRONICO particolarmente adatto per giovani dai 12 ai 15 anni Se vuol Informazioni dettagliate su uno 0 pit corsi, com: pila e spedisci questa cartolina. Riceverai gratuitamer te e senza impegno una splendida documentazione a colori. Al termine di ogni corso, Scuola Radio Elettra ri- lascia un attestato da cui risulta la tua prepara- ‘aN QT ‘er f Scuola Radio Elettra Via Stellone 5/328 10126 Torino perché anche tu valga di piu MOSTEK “r ECCOR = eed BEY oercrn INSTRUMENT (ie FEME | eeeanszs ol Vematron .... iid COMPONENTI, STRUMENTI, MATERIALI PER L'ELETTRONICA CA? 20025 DOCUMENTAZIONE 'E CONSULENZA TECNICA go mete. ‘ORARIO: 9:12.30 / 14.2019 Tel. (0331) 596236 SSABATO CHIUSO FAIRCHILD Ke + ® & PER CHE COSA Cl DISTINGUIAMO: SNELLEZZA, DINAMICITA,, POLITICA INDIPENDENTE © conseguente GRANDIS- SIMA FLESSIBILITA’ che cl pormette di tenere a stock di volta in volta | compo- enti delle case pit appropriate, otimizzando | rapport prezzo.qualita, con PRONTA, CONSEGNA (su tutto quanto a magazzino) nel vero senso della parola edi procu- fare quanto non in casa in TEMPI MOLTO BREVI (qualche giomo se a stock in Milano in aimeno uno dei numerosi distributor! delle varie case costruttccl con | uall-abbiamo particolari accord: e contatti quasi glomalier), — QUALITA': Non trattiamo componenti se non provenienti direttamente dalle case Costruttrici 0 dai relativi distributor! uffiiali (non é assolutamente detto. che un Componente, che « apparentemente » tunziona, sla = buono »: tut altro, ci sono in gio ‘molt! componenti volgarmente chiamati = di seconda scelta », con scarti parametrcl anche notevol, che creano pol in campo un mare di problemi strani ed inesplicabil ‘che costano in manodopera ben altro di quelle poche lire talvolta apparentemente Fisparmiat). = CONSULENZA IMPARZIALE (vodi politica indipendente) E DOCUMENTAZIONE TECNICA su tutto quanto tratiato: folocopie dei fogli teenie! vengono inviats a client che ne fanno richiesta e si procurano comunque nel giro di qualche giormo anche. | = data sheet = original =. SPEDIZIONI VELOC! SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE A MEZZO PACCO POSTALE CON PAGAMENTO IN CONTRASSEGNO E SPESE POSTAL! A CARICO DELL'ACQUIRENTE (si concordano con clienti abituall itr sistemi di spedisione pagamento) @ con ORDINE MINIMO, anc! National completo di CODICE FISCALE e/o PARTITA IVA, NUMERO Dl TELEFONO © NOME 9 DELEA PERSONA CHE HA EMESSO LORDING) <1" 95000 © MEDIANENTE RON Semiconductor | inrenione's (1000 pth VOCE fad corn ur oitns ar aotet ioe Menor Not rare pid di 40 voc!) - Componenti anc vengono considerall voel diverse = PREZZI: Sono solitamente pit che buoni nella gamma cantrata tra qualche mi- Gliaio © qualche centinaio di migllaia di lire per voce 6 sono aricolat in eolonne (da 1 3 9 pezz\, da 10 a 99 occ) scendendo molto rapidamante, soprattutto per gi articoll a basso costo unitario, al salire del quantitatws {incidenza cel cost fis). — CLIENTI TIPICI: Grossa industria non elettronica, medio-piccole itte elettro- niche artigianal, scuole professional laborator! scientific liber'_ protessionist, onsulenti, hobbisti (..senior) - CONDIZIONI SPECIAL PER RIVENDITORI (che reghiame di contattarc! diettamente), — KIT DI MONTAGGIO originall di nostra progettazione sono disponibili per elet- tronica industriale ¢ generale a prezzi molte convenient — CATALOGO-LISTINO: Viene tenuto continuamente aggiornato e mandato dietro Finvio anticipate i L. 1.000 (per spese postali e gestionall) 0 gratis (su richiesta) a chi fa acquisti superior! a L. 60.000. simill, ma eletricamente 4) valore divert, PIHER GANZERLI sas. ® MOTOROLA Semiconductors Texas INSTRUMENTS SIEMENS TSB /AnsLey Ton Mix presenta un tipo creativo. Una consolle per il mixing, forse, @ qualcosa che hai sempre e soltanto sognato. E invece, ogi, puoi trovare il tuo mixer anche in misura ridotta e senza farti un buco in tasca. Per “gestire” la musica, sfruttando le varie fonti di emissione del tuo impianto in modo ottimale. Sulla creativita di Ton Mix, non avrai niente da dire; siamo sicuri che resterai sbalordito. YA [Paco ve Ingres! glralsch stereo, Dissent sulomaicne manual data musica ne microfono POLINIA DIVISIONE EXHIBO LoMeANDIA, Vcgowong “Tol u7tRst"= prt EWON Bee od aliens tamil ths Binet alae Oa See, PRR al deat Se a (eee adante bitontso Sete nets ok PLAY KITS Fe KT 150 aumenrarone ren awpuricarone 55 Ww CcaRATEENISHCHE TEENICHE pescnizioNe Txt 150 6 an tt stot par lina snplilester dl 8. st poteea mati ida” pursies eine iam pr siimatare uno ©. doo modu U0 asfrmatoe coniglito por HH KT 80 & 1 TRA 150 LL. 15.900 + IVA 14% of XN N KT 326 sani nicevrone em, ‘CARATTERISTICHE TECNICHE Tensions alinantaione KT 364 100 cterrmomco CCARATTERISTICHE TECNICHE Tenslone eslimentaione = 4s 6 vee Descnizione IAT 33 8 un dado letnico, ad & stato suite per satire tl ratonate ud cubical prpeoi et fenramens elt Soe ace’ Ta anna isa ey sedate armory cole tu pete sottave vue 1. 9.900 + IVA 14% C.T.E. NTERNATONAI® 42011 BAGNOLO IN PIANO (R.E.) “ITALY. DI MAGGIO KT 250 aveuricatone net 55 w rms ‘CARATTERISTICHE TECNICHE = BF ms ws 4 0mm TERGICRISTALLO ane a, ae pare L. 17.900 + IVA 14% fa Vali, 16 - Tel, (0522) 61628/24/25/26 re. aut.) TELEX 530186 CTE 1 PL AUT BBERA Ra RESE PRACTICAL, Slog Gamiare's “co, RU gevWAGUA vi, Marl 276 AUKITSESS ee ee eee SYST ee oer ce P LA RAI DA: Be) an Re i a SEE Eteayo - eeu, rgrmonies a Mes, ee. 8 8 MOG" ae ating ie yloe casa : BF Be ict ence eb Patt Bo gs aac aes te ERA he, a Bae AS csaao cu ys 2 Ge SSS SE ttt STE 6 She teat eis a2 hrouse Be Sa cetiuae Gee atria "Bi amowep maaan Sar. Sees BS Ga, Ci Bee Sa frewonte val Saosts Sie RAPOL* eal EutcHfQizic ena Gy cos fii haroti - Ghaste eugene i Reosrar tom sco 2fonn eC aan 409 Intograt! OTL now! assont som 498 integrat| DTL-EGL-T¥L aod! parc) So resistence eae. stew whale A [20 reristonse sas 4/4180 Se C Stee 150 resitanze @pracisione a stato metalicn 10 (Sion bse 2h ae) 50 terstenze carbone 034 se" LL 2500, 50 foosal varabll alo 10-10 L400 20 Wimmer a aralite arto) C500 {0 cond, Mylard Polio, Poles. 68004 {2000 100 cond, Politirolo ator 2s 100 cond. ceramic ator pare) 10 portalampase apin asso Coon 1 micro Sten 9 tp Laos 4 pulsanvere Radio TV astorto = tm0 Paeco, ig? mater. elt Inter, Switch cong proce Ka.‘ sperzon to calleg, = La MATERIALE ELETTRONICO ELETTROMECCANICO Via Zurigo 12/2A - MILANO - tel. 02/41.56.938 ‘AFFARI STOCK RESISTENZE 5° £88 Beecenenaneg BUSINESS AFFARI STOCK —— sevuseouereeey EIEN) WAIKIT wis pause 9 - 20:98 uivano CREATE IL VOSTRO IMPIANTO HI-FI CON 1 MODULI PREMONTATI WAIKIT rene veal seam, ‘quella i montagale Dscerena. slo. n “eauatoe, AMPLIFICATORI HLFI STEREO Hire COMET ‘MODULI PREMONTATI OISFONTE jiicas] warns —[enezea {paeRwe. ric [ conre. [rease. [ERAT ‘aet| 50150 con vu tenon | r20m0 | ecoo | soca | ve00e | ezaoe AS) ESSA BS) G8 | iB] 38] He) a8 fs] Bee. | ee | GR] GR | | a TFINALI STEREO SONO_COMPLETI DI ALIMENTATORE E DISSIPATORE sevigrateto nella pari Bosterioe peri mad. AID, AID completo spain. pose, inlraten, cove sim sonahn, insipasre pie srr ox 2700, Mog. A109. agoo rotate in aiominio trigeaato @ manopole Mod. Atco EHF UALIZZATORE POWER LEVEL amptiricaTore A LOL 4 contr per canale da —t2.e (2 4b = eieute 6 Segnalesond distor ji a Mogul puenansc,« 16] AMPLIFICATORE INTERFONO PER CASCHI ee woh Barr eo ‘eis | Bieeeatoce stl t = Borate? s msrotin<"t nitoperans ga Tesenre el ease Saaomsore b Trsstormatore bs 100 lone c" pla 6. dala Getarla eulo-"etur_ etisalat eee eno e iin E ‘Avaoustora 3, porate d| oolong. fdeale par Rayo “Rt compieios te 000) Panos Bone © mano t sae SEL Wan eR SON fe ASSBTENEA TECNICA GRATUITA '"Per'ragion! orpanizzlive, pubblico st riceve at sabato delle ore 8 alle 1220. Per pagamant "aici apes dl spediione "nowt ees. were romeo indie sampatello, cl apciicae chisamente Kt desdeato- | rein anaes Cents ‘ PCr aoe) Cia Il primo ricetrasmettitore omologato CB a 23 canali in AM e FM mod. CB-823FM-Polmar (© 23 canali nella banda CB (27 MH) ‘@Funzionamento in AM ¢ FM, © Comandi: volume con interruttore alimentazione, squelch, commutatore canal, © Le indicazioni del canale, deintensita del segnale ricevuto e della potenza RF in uscita, della condizione di trasmissione o ricezione, sono realizzate con sistem a LED. ‘© Previsto per Iutilizzo con unita di chiamata selettiva ‘@ Potenza in uscita audio: 15 W. © Dimensioni estremamente rdotte 1.23 canali, sinttizzati con uno speciale cieuito sintetizzatore di frequenza PLL. (phaselockloop), sono indicati con un sistema digitale a LED, Sempre tramite dei LED, si hanno le indicazioni delle condizion i trasmissione o icezione, rnonche la lettura delfintensita del segnale ricevuto della potenza RF in uscita. Il ticevitore & di tipo, supereterodina a singola conversione ‘con circuito di controllo automatico del quadagno {AGC}: la potenza in uscta audio & di 5 W (su 8 ohm Dispone di un microfono dinamico (600 ohm} E precisposto alltuso con un'unita di chiamata seletiva MARCUCCI... Exclusive Agent Milano - Via F lli Bronzetti, 37 ang. Cso XXII Marzo - tel: 7386051 TAPLEL™ a (095) 32.13.16 COMPONENTISTICA Via Terranova 21/23 - COSTRUZIONI APPARECCHIATURE ELETTRONICHE CATANIA © APEL KITS © ALLARMISTICA No 1 CONTROLLO LIVELLO BATTERIA Ee) Kit L 4000 Kit montato L, :000 - Montato in eassena L. 6.000 N. 6» TEMPORIZZATORE ELETInONICO. con cele 2A max reqolabile Ke 1.000 Kit montato 41.000 Montao in cassette 18.00 N.7- ANTIFURTO PER AUTO on ingrossi rapico rarda- fo" normaimente apero Mratore: Cireuite we nee to 1 Seyenpaastoned enaione limits covente 2000 15.000 o. 5- Seca Gimariaggia simentre saiiszto gO cee eS et mm ue Tm mam me Wighe voles Use 250°Ven. Me cont cont 38.008 «5.00 2 OSS Sa eae ne lagoiatore velocita per motori a cc. sages. ay PTB Semsiona rie" siena YOk Santh almerarore 4.000 Healae i Disinbulama prodotti per Teletronica dolie miglion marche: TRANSISTOR= INTEGRATI- RESISTENZE - CONDENSATOR! MINUTERIE - OPTOELETTAONICA ~ MICROPROCESSOR MODULO CENTRALE = YOR 72+ oppure = VOR 75-60 CENTRALE VOR 72 con & Ingres! rot © DePORTND ESSNSMBERTOAE BArFERIA CENTRALE VOR 79 in armagio ovaries CENTRALE VOR 74 sirens e tations compress CENTRALE TELEFONICA tipo Acerco ‘COMBINATORE toetonco ? piste incondlo @ furo ‘CENTRALE VOR 75 ‘CENTRALE TELEFONICA sigisle [RADAR ELKROM 2540 matt INFRAROSSO PASSIVO ELKRON 10 mat SIRENA LASONORA MS 6p = W- 12V SIRENA LASONORA MS TWA EW = 2 MODULO SIRENA sutosimentate CCASSETTA PER SIRENA sutoslinentta LAMPEGGIATORE in miniatra 12 Vor MODULO RITARDATORE secnale Switch slarm SSENSORI per tapparele tbo Switeh alarm SENSOR! a vibration: HAVE otasiea tips SAS CHIAVE tipo Aipne COHIAVE tipo minkaba CCHIAVE eilngice ALIIMENTATORI ALIMENTATORE 12 V 05 A ALIMENTATORE "2 V3 ALIMENTATORE stabiiztato 2.8 0°99 V cagoabile ALIMENTATORE sisizzato § A 20 V repoibile ALIMENTATORE sabiizcate 10-4 2-18 V ragolanie INVERTER 200 tt - 12 Vee200 Ve - 0 He INVERTER st Wat = 12 Yeo20 Vout He CCARIGA BATTERIA automatico 12-24 Veo A Ler PSICMEDELICHE 9% 1.00 Wa profecsionste , TASTIERA TELEFONICA con memoria TELENCO RIVENDITORI: Calandra Laura - vie Emposocle, 61 - AGRIGENTO BE Emme "Vi, ipera 199 ~ CATANIA Tg, in Puglia! = Vie Campion, 2 - Tel. 0€0-965461 - BARI Samar Via'Dorenice Tordiat""3 (args Bocces) = ROMA Gr Eletwonice vin A. Nardini SIC LIVORNO Paolett Ferrero - Via ce! Prato, 426 ~ FIRENZE PEPE RAFFAELE Pil (Ag. In Campania) Via NT. Pores, 22" ‘Tel, Goreear32~ NAPOLL Puen Pull ° Vie Caidl. 9~ CiVTAVECCHIA AZ Biotronten = Vin Varesina, 205 = MILANO Prerererererrreerrereeeeeeeee 3 Modal: specizion| non nforior| a L 10000. - Pagamento in conirassogno.~ | prozsi i intendono IVA inclusa Per spedizion! superion alle 2000 ive ancige, 30), aotondata alverdioe -“Gpase‘al vasport, tare postal a imballo 4 carice Gel destinataria, = Per Vevasione. delle {a ture fe dite dovono comunleare per Iscrite li codice flscale ‘momento dellordinasione.» Si accolano orain eleonic: inferior & L S0.000 Catalogo ricsiostaiviando 800 in franeaboll NON St EVADONO ORDINI SPAOVISTT DI CODICE FISCALE ANCHE SE PERSONE INDIVIDUAL SI RICERCANO RIVENOITORI AUTORADIO-MANGIANASTRI STEREO AEVERSIBILE 1800 ‘AUTORADIO-MANGIANASTAI STEREO AC 400 aio Mini" dacenstone dll sega; | por ventana oo cap RADIOREGISTRATORE 604 MANGIANASTRI STEREO DA AUTO V 501 “ae “sam ROULETTE SUPERELETTRONICA AMPUIFICATORE EQUALIZZATO 5 SL AMPUFICATORE EQUALIZzZATO 7 SL Mer mR Gu ne R UUme Sta rN aa Ua Rc nce C= >= | al |g RON Tel. 48631 43100 PARMA casella postale 150 innustaIA WIlLbikit evertronica VIA OBERDAN 24 - 88046 LAMEZIA TERME - tel. (0968) 23580 KIT N. 88 MIXER 5 INGRESSI CON FADER L. 1950, Mixer privo di fruselo od Impurit; st conslgla It sue us In diecoteca, studl di ropstrazione, sonorizszione di films, KIT WN. 89 VUMETER A 12 LED L 13500 bi Sostituisco i tradzionlt strumenti di misurazione; 5 Ii 100 mV, impedenza 10 KOhm, KIT N. 80 PSICO LEVELMETER 12.000 w L050 CGompronde tre novith: VUmeter gigante composto di 12 tines, accensione "automatics eequenziale 12 lampad Sila frequensa desiderata, accensione spegnimento_ delle lampade mediante repoletore slettronice, Alimentazione 12 ‘co assorbimento. 100 ma KIT N. 91 ANTIFURTO SUPERAUTOMATICO PROF. PER AUTO L400 Indieato. por automa instllalle In casa, nogorl occ. Sempliciesimo il hinslonamento: ha 4 temporizzazioni con chiave lettronica KIT N. 92 PRESCALER PER FREQUENZIMETRO 200-250 MHz 1 z750 Questo kit applicto allingres90 dl normall trea re estende Is porttta ad oltre 250 MHz. Compatilla con 1 cicult! TTL, ECL, CMOS. Alimentasione 6 Ve.c, sesori ‘mento max 100 mA, sensibilite 10) mV, tensione segnalo Uselta $ Upp. KIT N. 89 PREAMPLIFICATORE SOUADRATORE BF. PER FREQUENZ. L100 Collegsto al'ingresso di frequensimeti,« pulisce » | segnali i BF squadra tal segnali permettende une perettalettura Alimentazione 5=9.Vec, assorbimento max 100 mA; bands passante 5 He~300 XH, Impedenza d'ingrosso 10 KOhm. KIT N. 96 VARIATORE DI TENSIONE ALTERNATA SENSORIALE 2.000 0 1 14500 Talo circulto con il somplice storsmento di une placchetta metallica permette dt accendere dele limpade.nanché re folare piacere Ia. luminosith. ‘Alimentssione autonoma 220'V 8, 2.000 W max. KIT N. 97 LUCH PSICOSTROBO L 28.980 PRESTIGIOSO EFFETTO DI LUC! ELETTRONICHE | quale permatte a allentare le immagini di ognh oagetto in mo Imenta posto nol su raggio di luminosta 8 tempo di musics Alimentasine autonoma220'V cw. lampadaetobo in do tazlono = Intensita luminosa 3.000 LUX frequenza del lampi f tempo gh musica = durata del lompo 2 m/sec KIT N, 9¢ PREAMPLIFICATORE MICROFONICO —L.12500 Proamplfica segnsli di basso lvello: possiede te lice control ai toro, Alimentazione 990VVee, gusdagno max 10-48, lvello duscta 2 Vpp,_assorbimento 20 mA KIT N. 95 DISPOSITIVO_AUTOMATICO DI REGISTRAZIONI TELEFONICHE 18500 Effettua reglatranlon! telefoniche senza intervento.manvale Finsetimento dal'spperecchio non aitera la nea telefon, Alimentarione 1218 Vee, assorbimonto a vuoto 1 mA, asso" bimento. max 50 ma KIT N. 401 LUCI PSICOROTANTI 10.000 W Ls8s00 Tole KIT permette 'accensione rotetive di 10 canali di lam pade a etmo musicale Dlimentezione 15 We. ~ potonza alle lampade (0.000 W. KIT'N, 102 ALLARME CAPACITIVO 1 14500 Unico sllaeme nel suo genere che salvaguarda gli oggetth alaporossimare ai coro! estranc! Alimenterione 12Vce. " caricamax al relé ® ampére - ‘sensbitd regolabie KIT 103 CARICA BATTERIA CON LUCE D’EMERGENZA 5 A. MAL Panty eh et Seeathaeattagh rene el SAP onto goa lament even sn, e- cere eee cern ears natn Ser ee eS ee apace al oro: AL BUIO ‘ian 'mancare le tensions gi ete « a aisnnestera, avon — Fis, lunronamesto & reso visible ov = Hes Teer sists aay = Tensions Contatt eld 220° Vols costo pet Kir fry s se s INDUSTRIA We] 1 bi k Tt. eLettronica VIA OBERDAN 24 - 88046 LAMEZIA TERME - tel. (0968) 23580 LISTINO PREZZ!I MAGGIO 1980 PREAMPLIFICATORI DI BASSA FREQUENZA AUTOMATISMI Ait N. a8 Preampliieaore steran hill per bassa 0 Kit N2@ Anvturo asomatico per sunmobilo | L 19500 Bie plente SS Lag SEN AMIMAD Sera eae fee 7 Rebate SAPS mont 728 ee Fer uate FRAC af proameesoe Mist boseeTmpeoarea L780 ree nar Kei woparatonaco potsionie 20° KG an tino ingens contador 9s50Veo. 107s er cag KILN. 3¢ Presmpitiestore mictofonico & 12800 Ki M. 28, Garica batterie automatico regotabile | oy arn. so Gana Satie at wcnet caamio a0 BS fotemetal a" Seeing "heen KEN lepers peloton age t-0o 1 SS AMPLIFICATORI DI BASSA FREQUENZA i ue Hemporsmne” or cepa int : L sao RUM ontona Secale I a RN So inereo ad W Pare) wae 95,Bispe L150 Kit Wz Amplificators 6.W AMS. "00 8S elstonica AICO POF Fealtranen® 16.500 KEM: 3 Ampieatore 20° RMS tie Kit'N’ 5 Ampliteatare 20 W AMS i650 Kit N. 6 Amplificatore 50 W RMS. 1. 18.500, EFFETTI SONORI Ait M82 Sirona fancoge eletronica OW, LB RAMS Siem Waele te, EBS KM Som falter tov bse ALIMENTATOR! STABILIZZATI US iene amen Ls STRUMENTI DI MISURA Ki 1p ‘meat glam nm 9 ie M72 L ge.go0 aN ta Ament sez 99 mh 13 Yo Kit N92 (22750 RAM Aineisice Stas 24 Ba iN, 98 Katia Aincisioe Sbiests 24 Pose f 1 7.500 Kini Aimues Sie aa ais Kun. 87 EMC 1e— Sirenaton watszi 24 2x 8.c.uOs 2300 as kit np uitoter #12 10a £18800 APPARECCHII MISURA E AUTOMATISMI DIGITAL! LUMINOSI Lue! pelehedliche 2.000 W. canal) med) L. 7.450 fang eerste cou om osm £83 Hist Belchedetice 2000 cara! Saget 7.980 RG [Geir agace nse bass Lil petchedtione 2000 W. ‘emaii'att) Co Faso ne age ie ee Ss Veriaforg st tonsioe altoets'2000W. E8450 RENTS sg ¢orarnaner rca ar ote Lict's"requensa variable amo We 4.00 Bina & 25000 Visite cpuseclore in alternata. con rent [ipen# ogres orcs ote 8 fotolia. 2900 W: L750 ‘ezeaa a0 Verotore eh tnstone sltermate 9.0 w. C0800 £300 £309 ed ‘APPARECCHI VARI tre” crepunalre Inara con” ilo tnamatiore FM, 1M L259 Variatoe dh tenslone alterata 20.000 W Esnprossors sates projssionsle $8500, lie strooonconich L 20 Interonice ‘generico poh Fleo lovelmetor 12.009 wars bes testo L 19500 BUS? aEREaeShe malM mass vee. eae Grolier digale per auto 12 Vee Lie! psicnedslche canali bass! Vee Bo Kero ie dosrurlene elt stemoatl L100 Llel Bachedelicne canal it vec’ B30 Preampiiedtoe per uct atehecaiche C7300 | PREZ! SONO COMPRENSIVI DI 1.V.A Assieoza taniea per tte ost szsoe dl mortease. Ia prmotate Ys pi. Le rc oaron, Giettamente presto" Ta peste cane” ‘Spelzlon! cortrassegho oper" pegamento.anticipato oppure reper nel mi 4d component lettronicl Gataloghi einformasion!richesta nvlande 600 In iancopell " Pen" PAVORE INBIRIZZ0 IN ‘STAMPATELLO, SIGMA GP 80 M ECCEZIONALE GUADAGNO E ROBUSTEZZA, SUPERIORE A QUALSIASI ALTRA | ” Frequenza: 27 Mx (CB) Antenna 2 1/2 donda alimentata al contro senza adattatore di | Impedenza a basso angola i radiazione onde attenere il mass. mo rendimento in trasmissione © la migliore sensibilita in rh Fisicamente a massa (in corto) per impedire in maniera assoluta che tension’ statiche entrino nel riestrasmettitore anche durante \ tun temporale. Questo particolare accorgimento elimina comple: J tamonte Il OAN generato dalle scariche elettrostatiche lungo i ceavo di discesa i Gunuagn: 7 dB (is, impedence 52 Ohm) Sie 4 fe eno) Rotenza massina” applicable: 1000 W AF continu urna ancora! (D010) sontabie In due pez all arn (2 1240) | re SO 239 con copriconnettore stagno, antistatiche \ Aloggiamento radial protetto da premistoppa [ ‘Tubo sostegno @ 25, lo stesso Impiegato nelle antenne TV per maggiore comodit®. nel montaggio. | | Scattco acquaattraverso il tube i sostegno, Base in materiale tormoindurente completamente stagna Dimension: smontata'm1.33 imontata m5 | Peso: Kg, 1.580 i Particolare iunzione ATTENZIONE tubi E DISPONIBILE ANCHE LA VERSIONE | PER 145 m (6,58 - 6,68 MHz) | PRODGTT SIGMA SON IN VENOITA NE! MIGLIOAI NEGOZ! / ED IN UMBRIA ANCHE PRESSO: | FOLIGNO —FIESCHI Va Toons. 14 / | Pentin — FEMSCA aL Ula be sonemare, 70 / | PERUGIA ‘SCIOMMERI MARCELLO Campo di Marte, 158 é | SPOLETO — MARCUCC! DOMENICO Viale Trento e Trieste, 37 CATALOGO A RICHIESTA INVIANDO L. 300 IN FRANCOBOLLI SIGMA ANTENNE di E. FERRARI 46047 PORTO MANTOVANO via Leopardi 33 - tel. (0376) 398667 NOI VI AIUTIAMO A DIVENTARE “QUALCUNO' Noi. La Scuola Radio Elettra. La piu importante Organizzazione Europea di Studi per Corrispondenza. Noi vi aiutiamo a diventare «qualcuno» insegnandovi, a casa vostra, una di queste professioni (tutte tra le meglio pagate del momento): Le professioni sopra illustrate sono tra le pid affasci anti e meglio pagate: le imparerete seguendo i corsi per corrispondenza della Scuola Radio Elettra Icorsi si dividono in: CORS! DI SPECIALIZZAZIONE TECNICA (con materiali) RADIO STEREO A TRANSISTORI - TELEVISIONE BIANCO-NERO € COLORI - ELETTROTECNICA ELETTRONICA INDUSTRIALE - HI-FI STEREO - FOTO: GRAFIA-ELETTRAUTO. Iscrivendovi ad uno di questi corsi riceverete, con le lezioni, i materiali necessari alla creazione di un labo ratorio di-livello professionale. In piu, al termine di al- cuni corsi, potrete frequentare gratuitamente i labo ratori della Scuola, a Torino, per un periodo di perte zionamento, CORSI DI QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE PROGRAMMAZIONE ED ELABORAZIONE DE! DAT! DISEGNATORE MECCANICO PROGETTISTA ESPERTO COMMERCIALE - IMPIEGATA D’AZIENDA TECNICO D'OFFIGINA - MOTORISTA AUTORIPARA, TORE - ASSISTENTE E DISEGNATORE EDILE ¢ i mo dernissimi corsi di LINGUE. Imparerete in poco tempo, grazie anche alle attrezza ture didattiche che completano i corsi, ed avrete otti me possibilita d'impiego e di quadagno. CORSO ORIENTATIVO PRATICO (con materiali) SPERIMENTATORE ELETTRONICO. particolarmente adatto per i giovani dai 12 ai 15 anni MPORTANTE: al termine di ogni Radio Elettra rilascia un attestato da cui risulta la, Scrivete il vostro nome cognome ¢ indirizzo, e segna lateci il corso oi corsi che vi interessano Noi vi forniremo, gratuitamente @ senza alcun impe: gno da parte vostra, una splendida e dettagliata do- cumentazione a colori. Scrivete a : RS _. i a Scuola Radio Elettra Via Stellone 5/313 10126 Torino P. G. Electronics \ VOLTMETRO ELETTRONICO A POLARITA AUTOMATICA PG 483 nomic VO eect a 2 og “ex a CARATTERISTICHE ELETTRICHE Scala lineare unica per C.C. € C.A SEZIONE C. C. Impedenza di ingresso: 12 MOHM, Portate: 0,3 - 1,23 12 - 30 120 - 300 - 1200 V (nella portata 1200V la massima tensione consentita é di 600V) Procisione: 2% SEZIONE C. A. Impedenza di ingresso: 10 MOHM con 25 pF in parallelo Portate: 03 - 1.23 12 - 30 ~ 120 - 300 - 1200V (nella portata 1200V la massima tensione consentita & di 600V) Atlenuatore di ingresso compensato per misure sino a 120V C.A, nella gamma da 20 @ 20KHZ, Precisione: per irequenze da 20 ¢ SOOHZ la precisione 6 del 2% su tutte le gamme per irequenza da 20 a 1SKHZ la procisione é del 2% nelle portate da 0.3 1s. a 120V ts; per le frequenze da 20 a 20KHZl'attenuazione é di 1dB nelle portate da 0,3V a 120V Ts. Wattmetro: misura in potenza su carico di 8 Ohm (carico esterno) per misure da 0,imW a TOW Portate: 11 - 10mW = 1,1- 18- 110W fs. Precisione: 3%. nella gamma da 20 8 1SKHZ Misure di resistenze: da 0,2 Ohm a 1000 MOHM in 7 portate: 10 - 100 - 1K - 10K = 100K - 1M = 10M valor i portata 9 riferiscono al centro scala dello strumento, isione: 39. Fe di polarita: automatica a mezzo diod! LED Entrata ausilaria per sonda RF. Alimentazione a mezzo pile a 1/2 torcia. Piazza Frassine, 11 a 6100 FRASSINE P.G. Electronics (720.5%; di P.G, PREVIDI Tel. 370447 yy, S.CE, ELETTRONICA ELCO ELETIRONICA sinc. importazione e distribuzione | componenti elettronici eradio TV @ hobby e industria DISTRIBUTORI IR - Siemens - Feme - Lumberg - Daut + Rietz - Buschelkontaktbau - Neosid - Seuffer -’ IN EDICOLA rEditore La rivista diretta da Giovanni Giovannini mn WIZ Via Oberdan N. 24 dood CAMEZIA. TERME ‘et. (ose0) 20580 UNIVERSAL - STEREO - MIXER et MIXER STEREO UNIVERSALE eole por radio lbere, dlscoteche, club GARATTERISTICHE TECNICHE frione S18 vee peril contrallo oi pla MIXER fa 2D vot sett 1 8.000 ‘SOUND LUX LUC! STROBOSCOPICHE AD ALTA PO- TeNza att ideale ‘i | prezal sono compresi i IVA @ ai spe ‘alone nelle Marche radio elettronica fano faze A. Costa, 11 = Tel. (0721) Bat Fite? ASS al Appareechiature OM.CB - Vasta acces: orsties companent!eettronil - Tutto ber radigamator e. CB = Assortment Eeatole di montage. MARCUCCI... via f.lli Bronzetti, 37 20129 MILANO tel. 02/7386051 LaraverTe Radiotelefoni ed accessori CB - apparati per radioamatori e componenti elettronici e prodotti per alta fedelta GIANNI VECCHIETTI via Battistelli, 6/¢ 40131 BOLOGNA tel. 051/370.687 Componenti elettronici per uso industriale e amatoriale Radiotelefoni - CB - OM - Ponti radio - Alta fedeita, ELETTRONICA DIGITALE DIGITRONIC s.r Via Provinciale, 46 22038 TAVERNERIO (CO) tel. 031/427076 Video converter - demodulatori © tastiore ATTY GW" terminal ‘lde0" monitGr © strument cipal mmo |C PP Aloe ELETTRONICA CIPA Via G.B. Nicolosi 67/D 95007 PATERNO (Catania) Tel, (095) 622378 Alimentatoristabillzsth da 2.5 Aa A iro MIiCGAOSET MICROSET vla A. Peruch, 64 33077 SACILE (PN) tel. 0494/72459 Alimentatori stabilizzati tino a 18 A- lineari e fitr! anti distur- bo per mezzi mobili elettromeccanica ricci ELETTROMECCANICA RICCI Via Cesare Battie 792 21040 CISLAGO (VA) Tel 0270630672 Component eetronic in genere- oroogi Stal requonsimet "more “oscil Scop! mont n Kt ZETA ELETTRONICA Via Lorenzo Lotto, 1 24100 BERGAMO. tel. 035/222258 Amplificazione Hifi - stereofo ria in kit @ montata f SAN TY ELECTRONICS an ruzcrnomes Via A. Nardini, 9/c - C.P. 390 57100 LIVORNO tel. 0586/806020 ~ spedizion In contrassegno ovunaue ~ ‘Componenti elettronici e stru- mentazioni 9 ELETTRONICA PROFESSIONALE via XXIX Settembre, 14 60100 ANCONA. tel. o71/28812 Radioamatori - componenti_ e- lettronici in generale megs MEGA ELETTRONICA via A. Meucel, 67 20128 MILANO tel. 02/2566650 Strumenti elettronici di misura @ controllo de blasi geom. vittorio antenne ricetrasmittanti antenne per CB-OM © TV component apparecchiature strumentazione via negroli 24 20133 milano - te1, 02726572 - 2591472 ( CUTOLO ecerrromea Fi ) 1 Wisi aan amone! morwons ce eee eee GROSSA NOVITA per le EMITTENTI LIBERE “ENCODER » professionale por le trasmission! stereo inerca « OUTLINE mod. EFM 302 ge crate a FORE Al nostro prezzo PEREGO fararie nd wecordi diet con | faboricant) BEE 1 250, compresa LE INDUSTRIE ANGLO-AMERICANE IN ITALIA VI ASSICURANO UN AVVENIRE BRILLANTE ce un posto de INGEGNERE enche per Voi ors POLITECNIC! INGLES| Vi pormetteranna dl studiare a casa sina CARRIERA spl Ingegneria VILE ingegnerin MECCANICA sun TOLO ambito Ingegneria ELETTROTECNICA - ngeg InousTRIALe lu FUTURO eco a sodiitasont Ingegneria RADIOTECNICA - ingegneria ELETTRONICA & BRITISH INST. OF ENGINEERING TECHN. Sede Conta le Londta- Delagaion i tutto it mondo. h tutti i numeri di RadioElettronica In ogni fascicolo tant! proget- ti Interessanti per il tuo mera- viglioso hobby: é un peccato non avere la collezione com- pleta a disposizione! Per ricevere un fascicolo retrato basta scrivere invian- do Lit. 1.700 a RadioElettroni: a, Etl, via Carlo Alberto 65, Torino. ay ogi me UF) re erent? yee Tra te letter che perverranno al giornale verranno scelte ¢ pubblicate quelle relative ad argomenti di interesse generale. In queste colonne luna selezione della posta gid pervenuta lpi piccolo in assoluto Ho letto su di una rivista, non ricordo quale, che sono stati inventati dei cosiddetti circuiti atomici?! Di cosa si tratta? Sono un insegnante che avrebbe inoltre bisogno di indicazioni bibliografiche per aggiornamento e omissis). Gualtiero Furlan - Mestre Abbiamo risposto direttamente al Suo indirizzo per i libri consigliati. Per quanto riguarda i circuiti atomi ecco quanto comunica la Ibm. Nella continua ricerca ‘verso. la miniaturizzazione det componenti elettronici, gli scienziati del Centro di Ricerca T. J. Watson di York: town Heights (New York) hanno realizzato il pit piccolo ircuito nella storia dellelettronica. Chiamato « nano- ponte», ha spessore ¢ larghezza di 100 © 200 diametri atomici: sono cio’ sufficienti cento atomi, uno sopra Val- tro, per riempire in altezza questo circuito. In propor- zione, un millimetro equivale a circa 5 miliardi di dia- metri’ atomici Il nome deriva dall'unita di misura pit adatta a espri mere le dimensioni del circuito, il nanometro ciot imi liardesimo di metro, I nanoponte & formato da tre linee MESATRONICA Aja wonsy ELETTRONES vie c, Fear. 7 ang. ¥. Ales, 6 ote MicANO "ee "Bilan? wa pes wae ifn aera i a BSR i SEP’ ampliesore. Banda. passante 200 He vettene come i orececont, in versio ire mu ie miroton. Cs possi gi Pots leu st formar on ampin ad aitapo 2a eta sar- Genta luce, ve fees Set rapes, ventlatons utes ace). St ealegsno 26 urd ome pross 2% Ved hanno ahehe fans ah plage eatemarente ats a abiesina’ callagamert,stsion| Wis sso Wet C este 78s 1 8 Wa Ese OeSteAEO sie con ampliieatore mono. B cana regsiabi £93 Spe si conti. iggimtoresaeneras ar ters’ fo ampatl'e tare ie 20sec FRFENE Soca done fame ser: CCONDIZIONI GENERAL! 01 VENOITA GiNoezint non veranne” evi ae mancant Si sip laa ae, 30 She Reo he in irancobol "AV pracsl eapoct™ Vanna sSivere ree 8) Gece s bege 33 GLI ARTICOLI DEL MESE PER TUTTI TELECOMANDO elettronico _== a distanza 7T ‘Aggiungi 8 canali al tuo televisore con comando a distanza senza fil. Semplicissimo per qualsiasi tipo di televisore in bianco e nero 0 a color SCONTI SPECIAL! PER QUANTITATIV L. 56.000 In Kit con convertitore gia montato, tarato e col- laudato L. 49.000 TV GAME | ro_gioeh|_por_tolevisor! BN. Apparecchlo festremamente”“compatta con contalli angolazione rimbalzo, dimension! recchette,veloclta ‘i loco selettore per servicio sutomaticn, Alimentarione a batterie’ 0 tramte.fonte eterna ou Lure 29.00. ‘TV game per televisori a colore compatibil anche F 8 BN. Sal gloch! pil pstola (colar sivorei ‘ad. ogni glace). Contrallo angaazione, Aimension! racchet “automatism. servile ' puntoggio meruale © elettonice VISITATE IL NOSTRO SALONE ESPOSIZIONE RICHIEDETECI IL CATALOGO GENERALE SCONTI PER QUANTITAVI E PER RIVENDITORI MARKET MAGAZINE 20141 MILANO - VIA PEZZOTTI, 38 Telefono: (02) 84.93.51 4 metalliche di_niobio, ciascuna larga 40 nanometri, alta 50 e lunge 120; per ls prima volta & stato possibile con- trollare le dimension fino a questi livelli anche se, in precedenza, il gruppo di scienziati IBM era riuscito a tracciare linee sperimentali larghe soltanto 8 nanometri, pari a circa 25 diametri atomici. La nuova tecnologia dei nanoponti_ viene usata nello studio delia superconduttivita in circuiti cento volte pit piccoli di quelli attualmente in uso e trova particolare applicazione nella produzione di giunzioni Josephson, i pitt veloci dispositivi elettronici oggi conosciuti. Questi dispositivi appaiono particolarmente interessanti in vista della realizzazione dei futuri elaboratori elettronici che, nello spazio di pochi centimetri cubi, potranno contenere memorie e capacita di calcolo cento volte superiori a quelle delle pitt potenti machine odierne. Il nanoponte funziona come un « legame debole » tra due aree di niobio allo stato superconduttore e permette tend, di stabilire I'effetto Josephson secondo il quale, in parti- colari condizioni di corrente ¢ di campo magnetico ester no, gli elettroni riescono a passare attraverso una bar: riera. In questo caso la barriera & formata dal nanoponte interposto tra le due aree superconduttrici. La tecnica usata per tracciare le linee di niobio & la litografia @ fascio elettronico, che consiste nello « seri- vere » su di una lastrina di Silicio mediante un sottilis simo fascio di elettroni. Questa tecnica & gid stata studiata in deitaglio e viene usata per circuiti sperimentali Suoni, suoni a volonta Sono Vostro affezionato lettore da tanto tempo. Ho costruito gid in passato il sintetizzatore Orbiter ¢ sto ora studiando il VCO-VCA appena presentato (vedi fascicolo di marzo, ndr). Ora non mi crederete ma sono in brutta crisi per la tastiera, Dove procurarmela? Inoltre ho gid nella mia stanzetta centinaia di apparecchiature pronte ¢ tutte funzionanti tanto che sono stato invitato ad una ‘mostra di invenzioni, Le scatole, cio® i contenitori, dove procurarmeli a basso prezzo? Infine supponiamo che vo lessi realizzare un pianoforte elettronico: cosa pud co- starmi? Di passaggio ad Ancona ho visto prezzi esorbi- tanti. Mario Pennacchi - Pesaro Il discorso sui prezzi @ purtroppo quello che &. Tutto ® in rapido aumento € non fanno eccezione i kits elettro- nici. Consigliamo perd di guardare attentamente le pa- gine pubblicitarie che appaiono sulla rivista perché, dalla lettura di quanto i lettori dicono, si rileva che molti mes- saggi evidentemente sfuggono. Per le scatole che possano insieme contenere i progetti e abbellire ['elettronica auto- costruita: anche noi le usiamo addirittura in copertina! Pek le tasticre: Ricci, Superduo - Cislago. La stessa casa produce a buon prezzo un minisintetizzatore completo ¢ interessante per le caratteristiche di suono, Vali di pitt, quadagni dipiu seneltuo bagaglio c’é PELETTRONICA Imparala col metodo ‘dal vivo [ST Imparala col metodo “dal vivo" ist peruna cariera migior, per guns frare'oh ib, ogg € aalatamente trstoanst le parlor as Sgn iam us mrument: oroton ‘eal apporecthioture nov, tachi Prosott all gvanguaaia che vorrest tomo ate,soqute lsu ova ina. a Riva n quasi we scelera fina reform ato verte Uo un Canto Finale Brova senza impegno rusia! Spatial mito itaglande 9 core [olde crea ton tutte intrmazio: aaa 18 ist - Un soi 18 fa letronica —_nien soeatoiaiano al CEC ‘ard nel tuo bagogliot chesacomrande solo 18 fasce LIST non effettua visite ior Comorense €scnsiesima — @ domicilio a mE TBUGNO Trove -porpens provayeuta oseneampeano sm fecelo dt como ot ELETTRONIGA con xperiment ooo] informazion supolomantar (Si prepa di servo ga letters De C3) Pit tt ut a ign ons bina crv IST Via. Pleo 49/23" 21016 LUINO (Vares) ears! ee ee ee ee ee ea ae: te = a =o = ea tee se eal a: fa < > -f—s 2 eet oa = —— e yi as , $3 ap® . ? ipa AN. Noe” Nhe Ate ees pny ti E ce ny t ~ ee Laas | ee 4 GUITAR PREAMP Bez mrs TREBLE Musical preamplificatore amplificatori hi di MARCO MILANI disponete di un impianto di alta fedelta o di un amplificatore finale di potenza & venuto il momento di po- terli utilizzare come amplificatore per Ja vostra chitarra elettrica, Non sem- pre infatti capita di avere sottomano tuno di quegli ingombranti e costosi amplificatori per strumenti musicali ed 2 in questi casi che il nostro apparec- chietto si rivela utile. Attraverso di sso il segnale viene opportunamente preamplificato e adattato anche per es sere riprodotto tramite una normale ra- dio. Si capisce immediatamente come siano svariate le sue applicazioni; per esempio molti musicisti dilettanti pre- feriscono acquistare dapprima to stru- mento ¢ rimandare in un secondo tem- po la spesa dell’apposito amplificatore per diluire i costi che il pit delle volte sono rilevanti, Di conseguenza essi si ritrovano con il dover rinunciare al potere ascoltare la propria chitarra si- no @ quando non hanno Vempli Preamplificatore per chitarra elettrica Un amplificatore qualunque, pud grazie a questo apparecchio, essere sfruttato per riprodurre, magari provi soriamente, il suono captato dai pick- pu del nostro strumento, Oppure pud anche essere sfruttato come preampli- Schema elettrica generale. La baset in basso, e i! contenitore (Ganzeril) ‘nolla pagina accanto. ta, cr ficatore da anteporre a uno stadio fi nale da almeno una quindicina di Watt per realizzare un vero e proprio am- plificatore per chitarra elettrica, Inol- tre potremmo avere una chitarra elet- trica portatile, da suonare anche sui prati; infatti sara sufficiente avere a disposizione una radio funzionante a pile e con questo preamplificatore por: tatile il gioco & fatto. Sono anche pre- disposti dei controlli di tono onde ot tenere la migiiore riproduzione. Natu ralmente la resa sonora sari subordi nata alla potenza dello stadio finale ¢ 38 alla qualita dello o degli altopartanti applicati alla sua uscita. Finora abbiamo parlato di chitarra elettrica, ma qualunque altro strumen- to elettrico, come basso 0, sintetizza- tore, 0 anche un microfono, pud essere applicato all’entrata del preamplifica- tore, ¢ per essi valgono le stesse con- siderazioni fatte prima per una chi tarra. Pud anche capitare il caso in cui un amplificatore commerciale per strumenti musicali non sia sufficiente- mente sensibile per il segnale applicato al suo ingresso, € di conseguenza la sua potenza non viene interamente sfruttata; anche qui ci potrd venire aiuto il nostro piccolo apparecchio, il quale senz’altro migliorera Vadat- tamento tra Ia sorgente amplifica- tore Lo schema elettrico Lo schema @ Videale per chi si sta awvicinando per le prime volte all’affa scinante mondo dell’elettronica. Infat- ti & di una semplicita costruttiva ele- vatissima, ma non per questo le carat- teristiche tecniche sono scadenti. Per ottenere cid naturalmente si & sfrutta- ta la tecnologia dei circuiti integrati, © con un « otto piedini » discretamen- te economico si svolgono tutte le fun- oni necessarie per l'amplificazione. Inoltre si & prevista una basetta di di mension ridotte permettendo cost una sua collocazione all’interno di ampli- ficatori gid costruiti, oppure una ele- vata portatiblita come unitd a se stan- te Quest’ultima caratteristica & possi- bile anche grazie al valore della ten- sione di alimentazione (9 Volt), © al ‘basso assorbimento di corrente, che di conseguenza permettono una alimen- tazione a pile. Il circuito integrato ha nel suo interno due amplificatori ap- positamente progettati per delle ap- plicazioni con basso rumore nella preamplificazione di piccoli segnali, ¢ non amplificatori operazionali. Questi tltimi infatti non sono del tutto adatti per realizzare preamplificatori di que- sto tipo perché, oltre a richiedere un elevaio numero di componenti ester- ni per la polarizzazione, hanno il gros- sissimo inconveniente di avere un bas- so rapporto segnale/rumore nel caso cid al fine di mantenere eccellenti ca- raiteristiche di rumore senza la limi- tazione della tensione di ingresso. 1 segnale proveniente dalla nostra sor- gente, dopo aver attraversato il con- densatore Cl ¢ la resistenza RI, si tro- va sul piedino d’ingresso dell’integrato. C1 & un condensatore di accoppiamen- to; cid significa che ha la funzione di loccare la componente continua ¢ Ia- scia passare esclusivamente il segnale Il montaggio bd ret Led P2 P12 Pt tf Componenti: RI = 220 Kohm R9 = 10 Kohm C4 = 470 uF 16 VI. C12 = 1 pF 16 VI R2 = 10 Kohm R10 = 3,6 Kohm C3 = 100 KpF Pi = 100 KOhm 5 = 220 Kohm Rit = 220 Kohm 6 = 22 uF 16 VI oe Ré = 620 Kohm Ri2 = 620 Kohm 47 KF 10 Ohm R5 = 620 ohm R13 = 620 ohm IM 387 Re = 10 Kohm Ch = 100 Ker Tutti i componenti_ sono R7 = 3,6 Kohm C2 = 10 KpF C10 = 10 KpF facilmente wpe Le R8 = 10 Kohm C3 = 100 KpF Cit = 100 KpF basctta ¢ da autocostruire. alternato costituente il segnale, Infat- ti corrente continua e alternata sono sovrapposte, ¢ la prima ha esclusiva- mente la funzione di cotrente di pola- di sorgenti a basso livello, come pos sono essere testine di giradischi o per Vappunto pick-up magnetici 0 piezo- ceramici. I circuito si divide in due principa- Ii sezioni: lo stadio preamplificatore € adatiore di impedenza e lo stadio di controllo toni. Per realizzare ciascuna delle due se- zioni si utilizzato meta circuito inte- fgrato in configurazione invertente & Se non esistesse un condensatore che la blocca essa varierebbe al vati re della resistenza interna del genera- rc tore di segnale, con degli effetti del tutto disastrosi per quanto riguarda la polarizzazione del nostro IC. Natural- mente il valore del condensatore di accoppiamento non dovra essere scel- to a caso; esso sara sufficientemente grande da non influire sul segnale, al- trimenti si comporterd come un filtro passa. alto. Le resistenze RI e R3 henno la fun- zione di pattitore di tensione rispet- to al segnale in atrivo, per adattare appunto il segnale all’ingresso del!’ tegrato. TI condensatore C2 ¢ Ia resi- stenza R2 costituiscono invece un fil tro passa basso, con lo scopo di el minare frequenze troppo alte che po- trebbero influire negativamente sulla stabil M condensatore C5 dil disacop- piamento in corrente alternata all’ 472330 positivo, mentre la resistenza Ré determina il guadagno dello stadio. 11 segnale cosi preamplificato giunge, at- traverso il condensatore di accoppia- mento C6, allo stadio del controllo toni. Questi & del tipo attivo, il quale ha delle prestezioni superiori rispetto a una cireuiteria del tipo passivo. Tl potenziometro Pi controlla Ie fre- 4quenze basse, mentre i toni acuti sono regolati da P2. Il terzo potenziometro presente all'uscita di questo stadio. P3, regola invece il volume generale del preamplificatore. ‘Anche qui & presente il filtro per le frequenze ultrasoniche composto da R15-C10. Il condensatore C9 nella rea- zione & necessario per impedire che tensioni continue siano riportate alla rete di controllo di tono, e per assicu- rare una azione del potenziometro pi va di rumori molest, eliminando cam- bi di livello delle tensioni continue sui condensatori, cambi che potrebbero causare « scriechiolii » Anche C12 & un condensatore di accoppiamento, € dopo il potenziome- tro variabile P3 il segnale & pronto per essere applicato a uno stadio ft nale. 1 9 Volt necessari per Valimenta- zione sono prelevati da una normale pila, ma niente ci impedisce di utiliz- zare un alimentatore stabilizzato, a pat- to che questi abbia un basso valore di ripple. Cid perché tutti i preamplifica- tori sono apparecchiature estremamen- te sensibili ai ronzii. Per i meno esper- ti specifichiamo che il ripple non & al- tro che Ia componente residua in al- ternata della tensione continua genera- ta da un alimentatore. Di conseguen- za il ripple d’uscita & una delle carat- teristiche tecniche pitt importanti in un alimentatore perché se esso & trop- po alto si rischierebbe di introdurre un ronzio, parecchio molesto all’ascolto, in bassa frequenza. Per ovviate a ci sono stati introdotti i condensatori C4 © C5 in parallelo all’alimentazione, i quali hanno il compito di filtrare ulte- riormente la tensione proveniente dal- la pila o da un eventuale alimentatore. Il diodo led D1, oltre che fungere da spia d’accensione, permette di vi- sualizzare grossomodo lo stato di carica della batteria, in rapporto al valore del- Ta sua luminosita, Vediamo ora il montaggio Vetronite o bachelite, inchiostratu ra a mano 0 fotoincisione, tutto va bene per preparare la basetta del cir cuito stampato. Questo 2 il classico Circuito che non pone alcun problema particolare per la sua realizzazione. Purtroppo, a costo di diventare mono- toni, dobbiamo ripetere di fare una certa attenzione riguardo al corretto posizionamento dei componenti_ che hhanno una polaritt ben determinata (clettrolitici, integrato, led. 4“ Son sempre di norma un paio di controlli specialmente per il circuito integrato, il quale ha ben poche posti- Dilita di salvezza nel caso che venga montato con errori. Anche per i po- tenziometri bisogna collegare il loro contatto centrale in modo esatto; oltre a cid sara anche necessario che quan- do essi sono ruotati in senso orario, i toni o il volume vengano incrementati Se questo invece dovesse accadere quando ruotassimo la manopola verso sinistra sara sufficente invertire i fili dei due contatti pia esterni, E? consigliabile utilizzare uno z0c- colo in plastica per il circuito inte- sgrato, permettendo in questo modo di poter sostare con la punta del saldato- re sulle piazzole dell'IC pitt a lungo ¢ realizzando una stagnatura maggior ‘mente curata, Conviene montare pri- ‘ma Io zoccolo dell’integrato ¢ le re- sistenze, poi i condensatori, ¢ infine ali ancoraggi sullo stampato. Se si de- cide di assemblare il tutto in una sca- tola portatile occorre che questa sia metallica ¢ sufficientemente robusta da sopportare piccoli urtis proprio in considerazione di queste caratteristi- che costruttive abbiamo optato pet un contenitore della vastissima linea Ganzerli. I fissaggio della pila allin- terno della scatola pud essere assicu- 2 rato da una placchetta in alluminio, tenuta ferma da un paio di viti. Nel caso invece in cui si abbia a disposi- zione una tensione d’alimentazione su- periore a 9 Volt basterd porre in se- rie al capo positivo una resistenza il cui valore in (Kohm) viene determina- Vx—9 to dall’equazione , dove Vx 20 @ il valore in Volt della tensione mag- giore di 9 Volt con la quale si deside- 1@ alimentare il circuito, Per esempio, se si ha una tensione di 18 Volt ci risulteranno 450 Ohm, e, arrotondando, porremmo in sé resistenza da 470 Ohm. In conclusione Liuscita del nostro apparecchio sara collegata nell’entrata ausiliaria 0 per registratore di un normale amplifica- tore; se quest’ultimo & del tipo stereo © mancasse l'apposito interruttore per Ja commutazione da mono a stereo, sa- 12 sufficiente collegare 'entrata di un ccanale in parallelo con altro. Natural- ‘mente tutti i cavetti di collegamento esterni dovranno essere del tipo scher- mato, Nel caso invece della riprodu- zione attraverso un normale apparce- chio radio © questo mancasse di una presa dingresso, il segnale uscente dal nostro preamplificatore sari posto ai capi del potenziometro del volume del- Ja radio, rispettando i collegamenti tra le due masse; inoltre occorrera in- terrompere il segnale che giunge ai capi di questo potenziometro dal ci cuito di sintonia tramite un interrut- tore in modo da poter ripristinare con facilita la funzione di radioricevitore. Come avrete notato non esistono tara- ture € questo utile apparecchietto ve- rete funzionera al primo colpo, anche per i novizi dellelettronica. ABBONA Abbonamento a 10 numeri pagando solo L. 22.500 e L. 30.000 per l’estero. Il rumore bf genesi e misura dl ALBERTO MAGRONE Amplificatore in esame fa 000 Oscilloscopio Carico fittizio 1i amplificatori di bassa frequen za, come tutte le apparecchiatu- te elettroniche, durante il normale funzionamento ‘producono dei segna- |i parassiti; 1a componente a frequen- za audio di questi segnali viene ripro- dotta dagli altoparlanti sotto forma di Quando Vampiezza del segnale di rumore 2 elevata, V'ascolto, specie du- rante i passaggi a basso livello, risul- ta molto fastidioso, Questo fatto & fa- cilmente riscontrabile negli amplifi- catori di basso costo nei quali, sia in presenza che in assenza di Segnale d'ingresso, si nota un elevato fruscio anche quando il potenziometro di vo- lume & ruotato verso il minimo. I se- gnali parassiti negli amplificatori sono il prodotto di svariati fenomeni, La causa principale del rumore & rappresentata dal moto disordinato de- ali elettroni nei vari componenti_ del- Pamplificatore; questo moto — che & roporzionale alla temperatura e alla 44 corrente che fluisce alintemo dei componenti — genera delle tensioni alternate di piccolissima ampiezza. 1 segnali parassti generati negli stadi Aingresso.dell’amplifcatore subiseo- no perd una fortissima amplificazio- nee pertanto all'uscita presentano uun‘ampiezza non trascurabile Un’altra causa di rumore & rappre- sentata dal campo magnetico prodot- to dai conduttori percorsi dalla. ten- sione alternata di rete; questo campo magnetico pud essere captato. dagli stadi pit) sensibilidellamplificatore € riprodotto sotto forma di ronzio. La frequenza di rete pud « entrare » nel- Vamplificatore anche attraverso’ Tali mentatore quando questo non & in grado di filtrare suffcientemente. la tensione raddrizzata, Per ridurte il rumore di fondo vengono adottate 2 particolari_ teeniche costruttve: gli S stadi amplificatori ad alta. sensibilita vvengono schermati, Ia sezione alimen- S$ tatrice viene collocata lontano dagli 3 I decibel sua de Il decibel (4B) 8 un sottomul- tiplo del bel; esso esprime in ma- niera logaritmica il rapporto tra due grandezze omogenee. Infatti nelle applicazioni pratiche torna pi comodo prendere in conside- razione il logaritmo di questi rapporti, anche perché il nostro orecchio sensibile alle variazio- ni di intensita sonora in maniera logaritmica. Di conseguenza il SPEAKERS A or ae. y — TAPE — COPY ~ MONITOR guadagno in potenza, espresso in 4B, risulta essere pari a 10 log P2/PI, dove per P2 ¢ PI si tendono rispettivamente ta poten- za da misurare © quella di riferi mento. ingressi, gli stadi di amplificazione vengono fortemente controreazionati, vvengono impiegati componenti a bas- 80 rumore e semiconduttori seleziona- ti, eve. Nonostante questi accorgimenti tut- ti gli amplificatori presentano un ru- more di fondo di ampiezza pitt 0 me- no elevata, Ovviamente, in linea di massima, minore @ 'ampiezza di que- sto segnale, migliore risulta la quali- 18 dell’amplificatore. La earatteristica che esprime il va- Tore del segnale di rumore @ il cosid- detto rapporto segnale/disturbo. Questo dato non indica il valore assoluto del segnale di rumore in quanto questo srebbe privo di signi- ficato se non venisse rapportato alla Tutt! gli ampllticatori sono caratterizzati da rumore presente aluscita Naturalmonte queli pregiati presentano una tensiane di rumore trascurabil, massima potenza di uscita dell’ampli- ficatore. E evidente ‘che un_segnale di rumore, ad esempio, di 0,1. V & molto pitt fastidioso in un amplificato- re con una tensione di uscits massi ma di 5 volt che non in un amplif catore con una tensione di uscita mas sima di 50 volt. Per determinare la rumorositi. di tun amplificatore occorre quindi misu- rare il rapporto segnale/disturbo. Per effettuare tale misura sono necessari un generatore di segnali audio, un oscilloscopio ¢ un voltmetro elettro- nico. Tl rapporto segnale/disturbo si de- finisce come il rapporto, espresso in decibel, tra la massime’ tensione in- distorta di uscita dell’amplificatore & La caraterstca che esprime il valore del segnale di rumore il rapporto segnale disturoo, £ ovio che bisogna anche repportars! la massima tensione di_rumote, Se Vamplificatore dispone di diversi in- gressi, il rapporto segnale/disturbo dovra essere misurato per ciascuno di ess All'uscita delV’amplificatore in pro- va dovremo collegare un catico fiti- io in grado di dissipare la potenza massima erogata dall’apparecchio in esame: il carico dovri presentare una impedenza pari alla impedenza nomi nale di uscita dell’emplificatore. In pa- rallelo al carico dovremo collegare Yoscilloscopio e il voltmetro elettroni- co predisposto per le misura dell’am- piezza di tensioni alternate. Inviere- ‘mo quindi al primo ingresso preso in esame un segnale sinusofdale @ 1.000 Hz di ampiezza uguale al valore no- bpotenza d'uscita minale di sensibilita dell'ingresso. Se, ad esempio, la sensibilitt dellingres- so @ di 100 mVeff, il generatore do- yri fornire un segnale di pari ampiez~ za. Successivamente, con tutti i con trolli di tono in. posizione intermedia e tutti jfiliri esclusi, regoleremo il po- tenziometro di volume sino ad otte- nere un segnale di uscita (visuelizza- {0 dall‘oscilloscopio) al limite del clip ping. Trascriveremo quindi il valore della tensione efficace indicata dal voltmetro. A questo punto dovremo disinserire il generatore ¢ misurare la tensione di rumore presente all'usci- ta dell’amplificatore. L’ampiczza del la tensione di rumore dipende in, par- te dall’impedenza su cui viene chiuso ingresso in esame. In teoria la tensione di rumore do- vrebbe essere misurata collegando al- Vingresso una resistenza di valore pa- ria quella nominale di ingresso. In pratica questa resistenza potrebbe in- trodurre un rumore supplementare per cui la misura del rumore si effettua oltre che con questo sistema anche con T'ingresso aperto ¢ con ingresso in corto circuito. Calcoleremo quindi il rapporto tra la tensione di uscita corrispondente alla massima potenza dell’amplificatore e 1a massima tensi ne di rumore misurata. Il risultato di questo rapporto dovrd essere. trami- tato in decibel. Per esprimere in deci- bel il rapporto tra la tensione mass ma di uscita ¢ la tensione dit rumore occorre applicare la seguente formula: VU max 20 Log V rumore Ad esempio, se la massimo tensio- ne di_uscita indistorta fornita dal- Vamplificatore & di 20 volt e 1a mas- sima tensione di rumore presenta una ampiezza di 20 mY, il rapporto se- gnale/disturbo risulta di 60 dB in quanto il logaritmo in base 10 di 1000 (isultato della frazione 20 V/20 mV) 2 uguale a3 che moltiplicato per 20 da appunto 60 esso da comunque dei risultati pitt che soddisfacenti, oltre natural- ‘mente al vantaggio di un’estrema sem- plicitd circuitale e di_un basso costo. Se qualcuno fosse gi in possesso di un impianto psichedelico e volesse far uso solo del commutatore luci psico/ luci ambiente, dovra realizzare un cir- cuito stampato in cui compaia solo il suddetto circuito, eliminando sia la parte per le luci psichedeliche sia il trasformatore di uscita, che molto pro- babilmente esistera gid nell’apparec- chio in suo possesso. Tl segnale viene prelevato da un trasformatore diretta- ‘mente ai capi di un altoparlante (cassa ). Le oscillazioni di BF si ri- portano cosi, per induzione, dal pri- mario al secondario, o, per meglio di- re, dal secondario ai primario. Infatti, il trasformatore usato, non & nient’al- tro che un trasformatore duscita mon- tato alla rovescia Dal secondario del trasformatore viene prelevato sia il segnale per pilo- tare le luci psico sia quello per co- mandare lamplificatore. Dopo i trasformatore troviamo il potenziometro P2 di 100. Esso si trova, in paralielo al potenziometro P1, che a sua volta pilota limpianto di commu- tazione. Il fatto che ci siano due po tenziometri in parallelo pud sembrare ridondante; infatti qualeuno obbiette- ra che bastava utilizaarne uno solo con un'uscita comune ai due impianti Purtroppo per noi, i livelli di innesco —O —) 4 = Try c T = m 4+ 7 —R2 Bb c fe 3 H | % 2 | 84 u = + * i ih t. | collegare 4 cosi : te Ko» eventuale alimentatore| a RAAKAAWN 3 E———f RS Sery SY VY VV YN ft N a Lt __@ e+ 4 in 220Vag delle luci_psico e del commutatore possono differire notevolmente I'uno dall’altro e cosi, siccome non esistono potenziometri con diversi cursori indi- pendenti, abbiamo optato per 'unica soluzione possibile. Di seguito a P2 troviamo il filtro passa-basso costituito dal gruppo R3 C4. Il filtro & « sintonizzato » su una frequenza di valore intermedio; que- sto perché le frequenze medie sono quelle che danno pitt incisivita ai per: i musicali, a differenza dei bassi e de- gli acuti, 1a cui riproduzione fedele assume una veste pitt specialistica Sull'uscita del filtro si trova i gate dell’SCR, il quale riceve gli impulsi di comando atti a pilotare le lampade delle luci psichedeliche. Ad ogni im- pulso ricevuto dal gate, il thyristor va in conduzione, con la conseguente ac- censione delle lampade. Perd, dato che la corrente di funzionamento delle stesse 8 alternata, essa varia continua- mente da un valore massimo positivo ad un valore massimo negativo, pas sando continuamente attraverso lo ze- ro (Nella corrente normale di rete ‘questo annullarsi della tensione av- viene 100 volte al secondo). Brisa. puto, che ogni qualvolta la’ tensione applicata diventa zero, 'SCR si stacca, ciot la corrente tra anodo e catodo si interrompe. Di conseguenza ogni im- pulso applicato al gate mantiene acce- se le luci psico solo per 1/100 di se- condo, dopodich®, se non vengono p- plicat! successivi impulsi modulatori, essi si spengono. Le lampade di carico degli SOR (possono essere pitt di une in paralle- 10), sono comuni lampade domestiche © da negozio. 1 migliori risultati si cttengono con quelle da 60 W in su. Ricordarsi per, nello stesso tempo, che la corrente sopportabile degli SCR deve essere adeguata al carico appli- ato; lo stesso dicasi per Ia tensione. Normalmente si scelgono thyristor con tensioni e correnti superiori a quelle nominali. Ad esempio, su un carico da 220 V, 1 A, & consigliabile sceglie re degli SCR da 300/400 Ve 2/3 A. Inoltre quando ia potenza dissipata agli SCR raggiunge valori elevati, & ‘opportuno montare gli stessi su appo- siti dissipatori di calore. Un'ultima considerazione da fare sugli SCR, riguarda la possibilita che essi generino det disturbi nella ripro- st Il montaggio AY Componenti: RESISTENZE RI 6800 2 R2 = 1000 9 R3 = 120 2 PL 100002 P2 = 10002 CONDENSATORI Cl = 200 uF 10 VI C2 = 10000 pF C3 = 1000 uF C4 = 1 oF SEMICONDUTTORI Dt = diodo al silicio = diodo al silicio ‘Trl = 2n 1711 SCRI = 2n 4443 ALTRI trasformatore duscita 1 W rele 12 V 700 9 200 VA lampada (e) da 60 W 3 pile da 4,5 V in serie 2 duzione sonora degli amplificatori. Questi disturbi sono dovuti alla con- tinua commutazione operata dagli SCR stessie sono facilmente eliminabi tramite apposit filtri anti-ronzio che si ppossono trovare anche in. commercio. T disturbi in questione, in genere, si verificano sia quando sono in gioco elevate potenze, sia quando gli SCR non sono pitt nuovi di zecca. Passiamo ora all’altra parte del cir- cuito: il commutatore automatico luci psico/luci ambiente. Sul secondario del trasformatore, tramite il potenziometro P1, viene pre- levato il segnale necessario a pilotare il mini amplificatore. P1 determina inoltre il punto di lavoro e di innesco dello stesso, al di sotto del quale il cireuito non funziona, CI preleva il segnale sul cursore del potenziometro P1. Questo segnale, vie- ne poi raddrizzato, filtrato ¢ livellato rispettivamente dal diodo D1 (che ‘manda a massa le componenti negati- vve del segnale) € dal gruppo Rt, R2, 2 Se il segnale in arrivo & superiore @ 0,7 V, avviene un passaggio di cor- tente attraverso la giumzione PN del diodo. La corrente di base del transt stor provoca poi, a sua volta, una di minuzione della resistenza CE e cid La costruzione del’ epparecchio 8 agevole. Si vedano | disegri dol stampato ave sono segnat! | Collegament anche per Festerno ‘della basetta, di origine @ una corrente di collettore Ic, Se questa & sufficiente, il rele scat- ta e spegne Ie luci della stanza; nel ‘caso contrario le luci ambiente restano inserite, II livello di scatto del rele @ regolabile da P1. D2 ha la funzione di assorbire te extra tensioni di apertura (che si han- ‘no non appena il transistor conduce). 3 invece @ un condensatore di ele- vata capacita; il suo compito & di ri- tardare il tempo di disinserimento del rele. Se, ad. esempio, si stesse ascol- tando un brano di musica caratteriz- zato da molte pause sonore, sarebbe disagevole osservare, nello stesso tem po, la continua commutazione luci psi- co/luci ambiente. Ritardando il tem po di disinserimento del relé, si & si- uri che ess0 « stacchi » solo quando Ja pausa, essendo pitt prolungeta, cor risponde’ al termine reale del brano di musica citato come esempio. ABBONATI A Radio Elettronica E UNA PUBBLICAZIONE £1... Lielimentazione del circuito & otte- nuta tramite 3 pile piatte da 4,5 V. La tensione totale, in questo modo, rag- giunge i 15,5 'V e cid pud risultare molto comodo quando si ha a che fa re con un rele poco sensibile. Una so- luzione ottimale sarebbe quella di co- struire un apposito alimentatore, da inserire con il resto in un contenitore plastico 0 metallico. Non & necessario costruire un alimentatore super pro- fessionale. Bastano un trasformatore da 12 V0.5 A (o meno), un semplice ponte di diodi per raddrizzare la cor- rente, un condensatore anti-ripple di elevaia capacita ‘Attenzione: il citcuito presentato fin qui & taraio per potenze inferiori al watt: pertanto chi yolesse utilizzare il nostro circuito su impianti di cleva- ta potenza dovrd aumentare il valore di R2 fino a 10000 ed eventualmente diminuire progressivamente ill valore di Preparazione del circuito stampato II montaggio va eseguito preferibil- mente su una piastra di vetronite, piuttosto che sulla bakelite, in quanto il primo materiale presenta una mag- gior resistenza meccanica ed @ senz'sl- tro meno critico da « sagomare », dato che lo si pud tagliare © limare senza paura di scheggiarlo o spezzarlo, come a volte pud capitare (a me @ succes: so). Tuttavia il mio non 2 un impera- tivo categorico, ma soltanto un buon consiglio, poi ognuno, nel suo piccolo, cerca di arrangiarsi con cid che ha nel cassetto. Prima operazione da fare, una volta dato forma e dimensioni alla basetta, ® quella di pulirla accuratamente con un detergente abrasivo di tipo casalin- £0, Lo scopo di questo & di togliere l'os- sido e le impurit& presenti sulla baset- ta grezza Quindi si passa al lavandino, dove la piastrina del circuito verra accura- tamente sciacquata; infine vere’ asciu- gata per bene. Un colpo di asciuga- Capelli & L'ideale. Mentre la basetta fa un pisolino, avrete intanto avuto V'accortezza di aver copiato, su un foglietto quadret: tato delle stesse dimensioni, le tracce del circuito stampato. Non & necessa rio fare un capolavoro a questo livel- lo: basta segnare grossolanamente il tracciato 0, addirittura, disegnare solo i punti in cui andranno inflati i ter- minali dei componenti (cio i punti in cui si forera col trapano). Appoggiate quindi il fogliettino sul: la piastra ramata, facendo attenzione di centratlo esattamente. Fissaielo con del nastro adesivo e, a questo punto, con un punteruolo, ealeate con deci. sione i punti disegnati prima. In que- sto modo, sulla faccia ramata della astrina, si riporteranno esattamente i punti delle forature. Adesso con il metodo che preferite copiate le tracce dello stampato. Po- fete, a questo scopo, usare i pit) sva riati mezzi i possono usare i trasferibili au toadesivi, che danno trace nitide € gid preparate; questi sono facili da applicare, ma hanno anche il difetto di costare abbastanza — si pud usare il pennino da normo- grafo caricato con Papposito in- chiostro antiacido e tracciare le Piste del circuito servendosi di righelli cerchiogeaf — si possono usare i comodi penna- relli preparati apposta per lo sco Po ma anche questi, per a durata che hanno, sono relativamente ca- Per chi avesse problemi di rispar- mio (e mi rifetisco soprettutto agli studenti), consiglieret di sperimentare in proprio altre soluzioni Avete mai provato ad usare quei pennarelligiganti da 400/500 lire? Quando sono nuovi, ¢ usati con una soluzione di acido pit concentrate del solito (che risulta cosi anche pitt ra ida), sono eccellenti; quando sono gia stati usati diverse volte, prima di immergere la piastrina nell’acido, ba stera ripassare un’altra volta sulle trac- ce (dopo aver lasciato asciugare a «prima mano »). Se vi sono delle sbavature di inchiostro, prima dell'im- mersione, esse si potranno eliminare on una lametta Un altro metodo pud essere uso di smalti sintetici, applicati a pennello oppure, un altro ancora, V'uso di quel la speciale vernice, il Maskol, che, una volta terminata la corrosione della ba: setta, potra essere eliminaio come un astro adesivo, Come si vede i metodi sono tanti, {e soluzioni svariate; non resta che sce” sliere quella pitt congeniale alle pro- rie possibilith e alle proprie aspirs: ioni. Realizzate le tracce, controllate accuratamente di non aver dimentica to piazzuole 0 collegamenti ¢ immer: gete la basetta nell’acido. Personalmente la faccio galleggiare con Ia faccia ramata all’ingit; con que- sto sistema, perd, bisogna stare attenti alle bolle daria, che restando sotto la piastrina, impediscono la_corrosione perfetta, formando delle piazzuole in- desiderate pS sae gli esperimenti a portata di mano eee eee) Reece m Re uu ee eel cic) Tier heh eee ea ee) di ogni particolare é appatso in giugno 1979. Inviare solo Gencseieeu eter g ones Ol Gn ic Re eM eu UC We nc ALL cg varie parti di un calcolatore elet- tronico comunicano ira loro tramite une canale » detto bus. Tl bus & costituito da un insieme di fit in quantitd variabile da un claboratore ad un altro), che collegano tra loro tut- te le unita che hanno bisogno di scam- biarsi messaggi ed informazioni ‘Anche se ciascun dispositive & perma- nentemente collegato a tutti gli altri, nel momento in cui due unita stanno « par- Tando » tra loro nessuna delle altre de- ve interferire, A questo scopo si sono adottate delle tecniche particolari, che agiscono sullo stadio di uscita dei cireui- ti realizzanti le funzioni logiche, Queste teeniche sono essenziaimente di due tpi collettore aperto e logica a tr stati Per la prima facciamo riferimento alla figura A: nello stadio di uscita il carico del transistor 2 esterno al cizcuito inte- grato che contiene il transistor stesso, ed 2 costituito da un resistore connesso alla tensione di alimentazione, Con diverse uscite di questo tipo & possibile realizzare la funzione logica AND in maniera molto semplice: & in- fatti sufficient collegare le diverse uscite tra di loro (figura B). Dalla figura si ye- de infatti che se anche uno solo degli ingressi va a massa (*0’ Iogico), anche Yuscita va a0’; Puscita & a 'I” soltanto se tutti gli ingressi sono a 'I'; il che @ appunto Ia funzione AND, per defini- ione (vedi articoli apparsi precedente ‘mente su questa stessa rivista) Se ogni stadio di uscita avesse la pro- pria resistenza di alimentazione, il. va- lore della resistenza equivalente R di fi gura B corrisponderebbe al parallclo del- Te singole resistenze, quindi dipendereb- be dal numero di ‘dispositivi collegati insieme. L’uso della resistenza esterna climina evidentemente questo problema, Logica a tre stati Ii nome di questi circuiti deriva dal fatto che Vuscita, oltre ai due stati nor- mali (0° eV) pud trovarsi anche in un 58 Stadio dl usclta in contigurezione a collettore aperto & a & ing... ing.2 ing. Funzione AND realizzata con circuit) a collettore aperto del calcolatore Fig. ¢ uy 2 abilitazione——1 logica a tro stath 454 useita di SERGIO BARAGLI «ter stato», pilotato da un ingresso di abiltatione. "Quesutimo agisee In modo indipendente dagit alts ingress e, Leal livello "0" (isabiltaione), fa 81 the T'usita divent un circulto apeto, 0 pil esattamente una resistenza moto ele- Vala avente in paralelo una plccola cx pacith parssita: Se @ al Hivello ', Tabi Favione non be nessuna inllvenea sul clrculto (Wed figura ©). Facciamo riferimento alla Ggura esup- poniamo’ che Tingresso. di abiltaione Bi livello “1” ensione posiiva): nes. sno det due died pot entrare in 0 Sule, quind il loro efoto sul ire to sar allo. I cieulto pottd.quindi fenzionarenorialmente come Stadio mpl sgl logit un Ten onduzione Ti, quindinterdice 2: la tensione positive presente sul colletiore Gi'T2 fa'al che 13 © T4 conducano, Fassenaa di ‘tensione sullemettitor di ‘Te mantione interdeto TS; in conclu slone, suluscita-c® ancora una tenso- ne postive Clivello °U). Se inveoe Vine gress t a0, eiaseuno del transistor st frova nello stato opposto a quello sp na visto; quind, im pariclare, T. terdetto’ 6S conduce ivello. uscita) L’abilitazione Se Vabilitazione va ’0', qualunque corrente di polarizzazione per T2 ¢ TS Viene dirottata a massa attraverso i due diodi; di conseguenza, sia T2 che T3 sono’ sempre interdetti, indipendente- mente dal livelio presente sull’ingresso principale; anche T4 ¢ TS sono quindi sempre interdeti, e Puscita rimane « iso- Tata», presentando un’elevata impeden- za sia yerso l'alimentazione che verso Ta massa. In conclusione, quando si vuole che tun dispositive connesso sul bus non terferisea con una comunicazione in cor- so, & sufficiente portare a 0’ il relativo ingresso di abilitazione 7 Fig. d — _ arr SORGENTE fRrcevewrs| ST 4 D-1 part OX XXX =X KEK st I L—__ tte +3 ta p-2 Trasterimento dati da una sola unitd sorgente ad una sola unita tigevente, relative temporizzazioni r - con. pase ~ & Wy —_ Fig. ¢ — — avititazione 2 IJ L_——— avinitazione 2 _ RZ — dats 1S 1 8 we bo Trasterimento dati da due unit sorgenti ad una luni rigevente, @ relative. fomporizzazioni Metodi di trasferimento dati Vediamo ora come avvengono effett- vamente i trasferimenti di dal tra le va: vi CConsideriamo, per iniziare, la figura D (e pil esaltamente la Dil): trasfert ‘mento’ da un dlspositive sorgente a un dispositivo ricevente. Ml dispositive teevente deve « sapere » in che momento Paisponibile un nuovo dato (altsimenti potrebbe « leggere » il bus in un mo- zento in cui i livello di qualche flo non P "ancora stabile, cio’ ska. passendo da ‘0' a 'l'0 viceversa); questa informazion ne & fornita dal segnale di controllo STB (strobe: comando di memorizzazione di tun dato, quando questo ® valido). Poi- ché soltanto T'unita sorgente pad sapere in che momento 1 dati sul bus sono sta bill, questo segnale viene prodotto ap. punto’ dall unit sorgente. ‘Ancora nella figura D (D-2) & riporta- to Tandamento nel tempo dei segnall re latvia questa semplie operazione. Que- sta figura pud servire anche come esem- pio per comprendere la convenzione ust {a normalmente nei diagrammi di que- sto tipo: prima di T1 e dopo T4 iy fore del dato non & significativo,e questa situagione ® rappresentata con Tinterse- cara delle inet cortispondenti ai livell ‘Ore ‘I, Tra Tl eT4 il dato pub essere ‘0° 0 'T', ma ® comungue significative nella figdra sono rappresentatt quindi en teambi livell, ma tenea intersezioni, TT dispositive ticevente pad. memoriz- zare il dato al proprio interno (per esen pio con un Mipop) nel tempo che va Ga T2 a TS (ciob quando il egnale di strobe @ a1) Se un solo dispositivo sorgente deve inviare informazioni a. pit dispositiyi rivevent, sabilta ogni volta fo strobe relativo ‘allunith che deve ticevere 1 dato, quando questo: stesso dato © pre- sente sul bus Nella figura E (E-1) abbiamo il caso 4 pit sorgenti che inviano Informazioni d'un solo dispositivo ricevente Le uscite det dlspostiv sorgenti de vyono essere del tipo a colletiore aperto {6 logics trestat). Le abilitzion! alle tuseite non “devono mai essere contem- Pergnee aliments du snpst YVogliono imporre ad un filo del. bus {tue stati logit divers, la linea assume luno stato indefinite e si crea quel che viene chiamato conflto di accesso. In figura E-2 b tiportata le temporizzazio: ne di questo trasferimentor”allstante Ti Tanta tioevente, memorizza 1 dati provenienti ‘da SOR "I, allstante 72 Guelli prodotti da SOR’ 2 Fondendo le figure D ed E si costri- sce un bus di dati a cui si alleccia no tanti dispositivi sorgenti riceventi I segnali- di controllo.necessari- sono: 1) un segnale di abilitazione alla logica trestatl, per ogni unit sorgente & 2) uno strobe (STB) per ogni unitd ri cevente Volendo tenere separati i dati dai se- gnali di controtfo, st ha un bus dati ed tun bus per i segnali di controllo. Un nico dispostiva pud aver bisogno sia di inviare che wr sicevere ‘dat © onseguenza dovrd essere munito dt sia logica pet la trasmissione e df wha per le riettione. I dat viaggeranno Guind sul bus in entrombe le elrexton Unopporiuna celta delle tempor: zazioni evterh confit dk access, quine Gi sovrapposiziont di da sul bus. Si ‘tiene con fa igura uni 1, disponendo della logica di contollo di tutte le are, viene chiama- ta masier (padrone) tate Te alse son Slave (cblav). La loglea dt-contallo deve 1) individeare gli elemeati che devono partecipace al tasferimento. dei date {itmester pad o meno far parte di ess 2) spevifcare se ogni elemento, per uesto particolare trasfeimento, dee Ye funzionare come sorgente 0 rice vente: 5) fornie le temporizzaziont opportune. ‘A clascune unith viene assegnato, una volta per tutte, un numero binaro ne Girlz). La prima funsione pub esere certs ging invand me aru 10 apposito di Hinee (chiamato bs Giriea) il numero binario che individua Felmeto sive, gn! ait save prio indirizzor tiot «sapere» quando Eieressato ed operate un tcasferimen: to Trasferimento dei dati entro un calcolatore Passiamo ora, dalla descrizione ge- nerale di un bus, all'esame della strut. tura di un calcolatore « costruito intor- no» al bus. Liclemento master @ la CPU, che go- verna il colloquio sul bus; i suoi regi- Siri interni sono sorgenti o destinazioni per i dati da trasferire. Tutte le altre Unita sono slave: le ROM (memorie a sola lettura) possono essere solo. sor genti; le RAM (memorie a lettura & Serittura) sono sorgenti nelle operazio- ni di lettura ¢ riceventi in quelle di serittura; le altre periferiche (I/O, che significa’ Input/Output, cio’ ingresso/ uscita) sono sorgenti nelle operazioni Af ingresso del dati erievent in quelle Liarchitettura_generale del sistema ® iMlustrata nella figura G, Nella figura te linee del bus dati sono bidirezionali, mentre quelle del bus indirizzi e del bus di controllo sono unidirezionali (dal- Ja CPU alle altre unitd. Generalmente le linee per il bus dati sono otto (trasferimento di un byte alla olla), mentre quelle del bus indiiz sono ‘16. In questo modo si_ postono sefivere. tanti india divert 2 il valore potenza, cioe 65536; questo numero & indicato Sinteticamente come 64K, IL numero di linee del bus di controllo di- pende dalla configurazione del sistema, Ricordiamo che i trasferimenti di dati fonmonio}t 1 oO Fig. g Bus ai collegamento tra to y CContigurazione pid generale (molte unit sorgent! © moite unitariceventi) varie unita in un elaboratore dalla CPU (master) ad altre unit sono detti_operazioni di serittura, mentre quelli che viaggiano in direzione oppo- Sta sono operazioni di lettura, Si & visto che sullo stesso bus si in- terfaccia sia la memoria (veloce), sia le unit periferiche (lente). Questo signi- fica che, dal momento in cui la CPU invia_un comando sul bus, la risposta (ciot una parola di memoria, oppure i ati corrispondenti ad un settore letto da disco) pud arrivare dopo un tempo pitt ‘© meno lungo. La CPU deve perd met- tersi in ricezione sul bus soltanto quan do la risposta 8 pronta, Lo stesso. pro blema si presenta quando una sequenza di dati va dalla CPU allunita periferi- ‘ca; ogni dato della serie pud essere i Viato soltanto dopo che il precedente stato correttamente trattato dalla per: ferica. Allora le CPU, per non « correre ri- schi », dovrebbe ‘essere sempre. sincro rnizzata con il dispositivo pit lento col- legato al bus; ma questo evi significa che nei trasferimenti per di: spositivi veloci si perde del tempo, ri- ducendo cosi Teffcienza di tutto il si stema, Occorrerebbe che la CPU adat- ‘esse ogni volta | tempi di rsfermento alla veloc della petferica interesata Questo richiede unvaltra lines di con. troll, atrayerso culo slave comenica tila CPU la propria disponbilta a 1 cevers 0 taametere dat In ale termini, dopo che la CPU ha invisto il segnale ie dati promt sul bos» (operaione sertara) oppure di « pronto’ icevere fda» (operazione aPiettur}, il disposivo exegue Yopera love richista © al termine invin ala GPU cin segnate di «fine operezione » FE solo a questo punto che la CPU pub inviare un altro comand di tras ne o ricezione. Il segnale di «fine ope Tazlone » viene fvisto con un ritardo Che dipende unicemente dalla’ yelocita interna del dispostive slave in questo: ne. Fintan che non ® arivato questo gna In CPU nom fa nulla aopette five che entrain uno stato di ater, IM sistema di tranfecmento dati appe- na desert} det asierono, per di ‘inguerlo dal sistema sincrono nel gua ies CPU conosce a prior i tempo ne Cessario ad ogni traferimento © 8 re pola di conseguenzs Il ‘metodo trasferimento & deto 5 IN? 3 INT 2 cru Ine. prita 1 unita 3 nita 2 a 0 v Meceanismi per Ia richiesta d'interruzione: @ moti fii @ ad un s0f0 filo Fig. invece semisincrono quando solo i di- spositivi pit lenti inviano alla CPU un segnale di rallentamento, mentze i di- spositivi pid yeloci scambiano dati alla massima velocitd, senza mai far entrare a CPU in stato di attesa. Quest'ultimo metodo & particolarmente usato nei mi- croprocessor della Intel ¢ della Zilog Interruzioni e loro gestione Finora abbiamo visto rapidamente i segnll per la gestone det trasferimen- fiema per avere una panoramica comm pieta sna strattura bus. dabbiamo fncora tattare le interuzioni e il mo- do in cul vengono gest. Spesso i dispositivi Jeti sono vera meme troppo lent perehé sla. conve rene fore attendere fo CPU per tt i tempo. necessario al trasferimeno. Al lore ai &-penstto di far lavorae» Ta CPU anche mentre la petiferica & egnata in unvoperazione di fait, Pr «far lavorare » a intends Tar eulre alla CPU un alco programina (rnutprogcammacione, che fara tata ta nellartcolo riguardante | sstemi ope rativi) Ia cat exeeuzione perd deve este tener on appent. uni lave bia fnalmente terminate Vperazione te chiesta dal primo program. Il segna Te che la peiferca inva alla CPU per indicare appunto Ia fine operaciones cy chiam interrusone, Lait centrale $0- spende allora il programma in corso , dopo Vesecuzione di un programma di servizio dellinterruzione, riprende con il primo programma, Le unita collegate alla CPU sono pit i_una; tutte devono poter inviare il proprio segnale di interruzione. Si ha cio? una situazione come quella ripor- lata in figura Hi. Spesso perd, per durre il numero dei fii, si collegano tutte le unita ad un solo filo che porta ill segnale di interruzione, come nella figura H-2. In questo ultimo caso, perd, Yunita centrale non sa da quale unit periferica le arriva Vintorruzione, Allora si utilizzano tecniche partico- Jari, una delle quali consiste nel forni- re ogni dispositive di un registro inter no detto «parola di stato» in cui ill dispositivo stesso scrive un. "1" nel mo- mento della richiesta di interruzione. Quindi la prima operazione che il pro- gramma di servizio dell’interruzione deve fare & di scandire ad uno ad uno i dispositivi per leggere 1a relativa pa rola di stato e scoprire cosi chi ha ri- chiesto 'interruzione. In questo modo perd il servizio vero e proprio dell terruzione viene ritardato, Occorrerh va~ Iutare caso per caso (cioe calcolatore pper calcolatore) se conviene avere pitt fili ed un servizio pity veloce, oppure un solo filo con un servizio lento. In ogni caso, comungue, si deve pre- vedere la possibilitt che pid periferiche lancino contemporancamente una richie- sta di interruzione. Allora si pone il problema: quale servire per prima? Una soluzione pud essere quella di assegna- re una priorita di servizio ai vari dispo- sitivi. La priorita pud essere rappresen fata da un numero: a numero pitt alto corrisponde ad esempio una priorita pitt alta, Quando si sta servendo una in ferruzione di un dispositive avente prio: itd per esempio uguale a 3, se arriva un altro segnale di interruzione da una periferica con priorita uguale a 5, la CPU viene interrotta per servire que: stultima unitd. Se invece I’unitd che lan- cia Vinterruzione ha prioriti uguale a 2, la CPU non si interrompe; solo quan: do avr’ finito il servizio in corso si oc- cupera della nuova richiesta. Di solito si assegna una prioriti pit ‘lta ai dispositivi pitt Ienti, in modo da bilanciare appunto la loro’ lentezza: in pratica, se non si facesse cosi, un'ope- razione su una periferica lenta richie derebbe tempi sproporzionatamente lun- ghi. In altri casi, invece, il criterio use to pud essere quello di favorire dispo- sitivi yeloci che eseguono le operazioni secondo un proprio sincronismo inter- no € che possono perdere questo sincro- nismo se costretti ad attendere troppo a lungo. Ad esempio, quando Ia testina di lettura/serittura di un disco & posi- zionata sul settore interessato al trasfe- ABL INTL AccL ’ Int] Acce Acc3 periferica 1 Circuito per tissare una scala di priorta tra le richieste di Interruzione periferica 2 periferica 3 Fig. i vimento i trasferimento stesso deve av- Yenire eno un tempo legato alla vlo- Sith i otarione del disco. La priorth pud non essere stabilita a priori uba volta per tute, ma, in molt Ealeolator, esiste Ta possbilta di modi ficare da programma il velore di pri. FH di aleune od tutte Te unith salve. Nei casi in cui non & necessario mo- difcare Tn_priorth da. programma, si ud adttare una « prioriteeablata», Gio’ fistata una volta per tule in un sirevito, come quella appresentata in figura I. In questa figura Ta priotitd & cfescente vers snitra,cioé Tanith 1 ha Palorita pid alta dellunitt 2 ¢ cos via, Guando ‘una periferica deve richiedere tunimerrione, pone ad 1" i flo di richiesta Gi interruzione NT), Se il proprio filo di abilitazione inter= risione (AB) & « livello “1, diventa "Vance il filo di accetazione (ACC), La pesifevica & ‘quindi autorizaata ad interrompere.effettivament il funzio numento sella CPU. Notiamo ora che Ja presenza di un ‘ya un flo INT porta a." Lusclta det NOR relativo alla stessa periferia; questo dsabilita le eventual rihieste i interuzione dell. periferica che trova a desra, clot priorth immedioe tamente pit. basse. Ma uno 0" a4. di tin flo AB’ duns periferca qualsias porta a ' anche il flo AB della peri Fev “succesiva (vedi configurezione del NOR) quindi la disabilitazione si propaga in cascata a tutte le periferiche a priorita pit. bassa. Il filo ABI & co- mandato dircttamente dalla CPU, la quale pud quindi disabilitare tutte Te interruzioni, semplicemente _portando questo filo 2 °0'. Questa possibilita view ne sfruttata quando Ia CPU sta ese- guendo una serie di istruzioni che, per ragioni particolari, non pud essere in- terrotta; ad esempio perché deve esse- re eseguita entro un tempo prefissato. Accesso diretto alla memoria Finora abbiamo esaminato architet ture di bus in cui esiste una sola unit master, cio’ una sola unit che possie de la fogica di controllo di tutti i tra: sferimenti. Nei calcolatori pitt moderni si va diffondendo Tuso di periferiche unite di una logica di controllo indi- pendente, quindi sullo stesso bus si af- acceranno pit unit master. Natural- mente in ogni momento il master attivo deve essere uno solo, per evitare con- i accesso. Un master non att &, a tutti gli effetti, equivalente ad uno slave. Questa architettura viene incon- tro alla necessitd di scambiare dati tra unit periferiche © memorie, facendo perdere meno tempo possibile alla CPU. In pratica, quando un'unita periferica, ad esempio un disco, ® pronta a leggere © a scrivere dati dalla memoria, invia tun particolare segnale alla CPU, Que- sto segnale viene gestito un po’ come tninerrucone, nef senso che la CPU interrompe la propria attivita e lascia libero il bus per units periferica Quest'ultima diventa_provvisoriamen- te master per il tempo necessario al trax sferimento di un byte. Di qui in avanti, per tutta Ia durata del trasferimento, ‘i controllo del bus ed in particolare Ia possibilitt di accedere alla’ memoria saranno alternativamente della CPU e della periferica ‘Questo metodo di trasferimento dati viene chismato DMA (Direct Memory ‘Access, cio® accesso diretto in. memo- ria). Nel caso in cui pit di una perife- rica disponga della logica DMA occor- re gestire in qualche modo eventuali tichieste di accesso al bus provenienti contemporaneamente da diverse perife- Hiche. Anche qui si pud adottare una soluzione basata sull'uso di priorita, co- me abbiamo visto per Vinterruzione, Un'unica unit (tipicamente le CPU) pud accenteare le richieste di DMA ed Inviare un segnale di « bus concesso » ad una periferica per volta, in base ap- punto alle priorit&, Lintervento dell'uni- centrale pud mon essere necessaria se i dispositivi riconoscono da sé la prioritt (vedi 1) - Bibliografia. figure: Sistemi a micro-processori, Boringhier, ot Il misterioso effetto corona Quando le differenze di potenziale sono notevoli e la situazione del dielettrico é favorevole L petite cara eno ni che accompagnano le manife- stazioni della presenza dei campi elet- trostatici; & effetio pitt sconosciuto & nello stesso tempo quello pitt frequen- te e interessante. Una delle prove pitt evidenti del fe- nomeno & possibile verificarla nelle notti buie e serene sotio forma di lu- minescenza azcurrognola che circonda i cavi di altissima tensione sospest in E effetto corona il fenomeno che si sfrutta per generare ozono anche per uso domestico. In moltissime applica zioni industrial questo fenomeno & confuso con altri effetti elettrostatici solo perché & presente I'alta tensione; i filtr elettrostatici d’aria dovrebbero essere chiamati filtri corona perché ap- punto in essi si sfrutta il principio del- succede che. i ANTONIO ROMANO Feffetto corona. Lieffetto corona si manif do due elettrodi contrapposti, dit cui uno appuntito e altro piano, im- mersi in aria © gas, sono sottoposti ad una differenza di potenziale let trico sia continuo che alternato e di valori appena al di sotto del punto di scarica disruptiva. In altre parole se prendiamo un ago ¢ Jo alimentiamo con un generatore di alta tensione come illustrato in fig. 1, noteremo che al buio Ja punta emetterd una luce azzurrognola esi sentira odore di ozono; ogni effetto corona & sem- pre accompagnato da produzione di ‘ozono che & il caratteristico e piacevole odore che si percepisce alla fine di un temporale con fulmini. La luce emessa dalla nostra punta & dovuta alla violenta emissione di ioni che trascinano a foro volta elettroni e che quindi producono un vero passaggio di corrente eletirica attraverso Varia ambiente. La corrente che fhuisce & dell'ordine di poche decine di mi- croamperes (Itt A = 10°" A) ma la potenza assorbita non & indifferente perché & presente il prodotto IxV do- ve Vé sempre dellfordine delle mi gliaia di Volts. Allontanando la pun- ta dell'ago dal piano, la corrente di minuira- quasi linearmente fino @ scomparire; avvicinandola avverrd il contratio fino a quando si raggiungera Ja distanza critica di scarica disrup- tiva in aria che per piccoli, valori risulta di circa 0,7 Kv per millimetro. Possiamo cosi affermare che per ogni combinazione di distanza ¢ tensione si ha effetto corona (vedi il caso del fenomeno corona sui fili che traspor- eo Fig. 1 Fig. 2 wo Abo Plasieeas 8 ‘Sion euerrere wiev Ve amen ne acre rewsive ¥ + Leen comes supp oy tano energia elettrica a centinaia di migliaia di Volts a varie decine di metri dal suolo).. Come 2 gid stato accennato, Pelet- trodo che genera il corona deve essere appuntito, questo significa in parole povere che il suo raggio di curvatura deve essere dellordine di pochi tm (pm = 107 mm); & ovvio che nelle regioni delle centinaia di KV © distanze fra gli elettrodi dell’ordine delle decine di metri (come il caso delle linee di altissima tensione nelle campagne), i raggi di curvatura ma simi sono’ in proporzione di valore piit elevato come lo dimostra appunto Ja dimensione del cavo che & dell’or- dine del centimetro. In fig. 2 & rap- presentato lo schema di funzionamen- to del fenomeno corona in funzione del raggio di curvatura delfelettrodo cemittente; Veffetto corona si sprigiona solo dove si addensano maggiormente le linee di campo elettrico, queste ultime con la loro presenza 'rivelano la direzione principale dei due elet- trodi oggetto del fenomeno. La fig. 3 mostra Vesempio di emissione corona della punta di un ago da cucito usato per i nostri esperimenti; si noti Pac cumulo di linee di campo solo in coincidenza della punta cio’ dove & presente il minimo raggio di cur- vatura. Prove di laboratorio Volendo approfondire lo studio del fenomeno corona 8 necessario munir- si di un set di misura che sia capace di poter variate micrometricamente la distanza della punta dell’ago dal piano di riferimento; con questo set & possibile quindi ricavare tutte le famiglie delle curve funzione della distanza dell'ago e della tensione di alimentazione come ilustrato in fg. Lo strumento meccanico usato dal- Yautore & stato un truschino mecca. nico cinquantesimale con corsoio. mi- ‘erometrico opportunamente modifica to. A causa della presenza delle alte tensioni, bisognera porre particolare attenzione nell'uso dell’alimentatore in D.C. che preferibilmente dovrebbe essere del tipo a protezione di cor- rente con limite di 200 1A; in caso contrario converra lavorare sempre on il terminale caldo avente in serie una resistenza RI di cirea IMQ. Du- ante ogni prova assicurarsi sempre per primo del buon contatio © della esistenza del collegamento di massa. La misura di corrente pud essere fatta con lo strumento collegato indiffe- rentemente fra la tesistenza R2 (che Fig. 4 faa ALI wut f6r} Auta Tevsinet 0 foky funge da protezione dello strumento) € la massa oppure direttamente alla uscita del filo caldo dell’alimentatore; in questo caso se lo strumento non & inglobato nell'alimentatore, & faci introdurre degli errori di misura di correnti per dispersione oltre a rap- presentare una soluzione pitt perico- osa per Voperatore, In fig. 4 i test point T.P, & utilizzato per i rilievi della forma d’onda della corrente corona st oscilloscopio; solo attra- verso questa analisi & possibile notare che il fenomeno & accompagnato dal- Ia produzione di microinterruzioni di cemissione alla frequenza dicen di KHz. La polarita di alimentazione dell’ago.pud essere indifferentemente positiva 0 negativa, quest’ultima nor- malmente & preferibile perché deter- mina effetti pitt potenti dell’altra. In fig. 5 @ illustrat un circuito di ali- mentazione di alta tensione utile per Te nostre prove; la tensione di uscita pud essere variata in una discreta gamma, agendo sul +20 V. La fig. 6 illustra’ la famiglia delle curve rica vate per mezzo del set di misura descritto precedentemente. Si pud no- tare come queste curve somiglino fortemente a quelle di un diodo con tuna soglia di tensione di circa 2,9 KV al disotio della quale non si pre- senta alcun fenomeno di emissione. La rivelazione del corona La rivelazione delle linee di campo © delle cariche elettriche depositate dal corona pud essere fatta in duc modi: © direttamente per mezzo di sonde elettromagnetiche 0 indiretta mente osservandone T'effetto su carta elettrofotografica del genere usata nelle machine copiatrici cosiddette ves P, Tr nuoloo ferrite efs5/29121: Fo = 5 KH; To = 400 mA; PI una Sspira + Una spira, diam 0,1; P2. tre + tre spire diam. 04; St 1000 VO ou. pane BCE ~Sky fe VI 5 Hove Lenk bos +600mA 6 Bs a SeANICA BKNPRTER : sty is Famighie di cerve dete'effette corona. Dera eerron (oon) ee 2 clettrostatiche (anche qui chiamate in maniera impropria). Le prime forme i rivelazione della presenza di feno- meni elettrostatici risalgono al lon- tano 1777 quando furono appunto scoperte le figure di Lichtenberg; esse rappresentano chiaramente la distribu: zione delle cariche elettriche sulla su perficie piana di un foglio di materiale Scanico Paaricee fortemente dielettrico come per esem- pio il mylar Le suddette figure venivano rive: late gid allora col metodo della pen- nellazione con polvere fine di resina caricata. Per mezzo del dispositive di fig. 1 & possibile ricavare le foto di fig. 7 che appunto sono chiamate figure di Lichtenberg dal nome del suo scopritore. Le foto sono state ‘ottenute interponendo fra ’ago e il piano un pezzo di comune carta da stampa fotografica, con contatto istan- taneo dell’alta tensione, con «D » di cirea 20 mm, con VL pati a 10 KV € ovviamente in camera oscura; nella foto «a» la carta @ stata posta vie cino alla punta dell’ago © man mano allontanata come nella foto «¢. In questo caso Ia rivelazione & pu- ramente ottica ed & dovuta alleffetto. luminoso delle scariche corona che approssimativamente sono paragona- bili alle figure ricavate col processo i rivelazione elettrostatica per mez- 20 di polvere di resina La camera di Kirlian La rivelazione eletiroottica del fe- nomeno corona &, secondo lautore, Ja stessa usata nella camera del Russo Kirlian che fa uso appunto di pelli- cola fotografica e alta tensione; con questo sistema comunemente si tende a far credere che si rivelano effetti magici ¢ misteriosi in ogni essere vivente 0 non. In resltd non si fa altro che rivelare le microscopiche differenze, per mezzo della pellicola fotografica, degli effetti luminosi del- le microgenerazioni di tanti effetti corona sprigionati dalle invisibili pro- tuberanze esistenti ovviamente su ogni corpo esaminato. Rivelando con pel- licola a colori, si possono_ottenere degli effetti bellissimi, strani ma pur sempre fotografie di fenomeni let. trofisici dovuti a ionizzazione, per ef- fetto corona, dei vari gas presenti in- tomo alle invisibili punte del sogget (otter | caare conicas | | Phot 210M Fig. 7 — to in esame. Essendo moltissime le variabili che determinano Vintensita, colore, forma delle immagini Kirlian, & dificilis- simo attribuire un significato allo sta- to d’animo o di salute del soggetto jin prova.perché ogni esperimento & quasi sempre diverso dallaltro: an- che le foto Kirlian di una chiave di casa sono quasi sempre diverse una dallaltra, questo fa pensare a due cose: 0 ja chiave ha un rumore va- riabile da un istante all'altro 0 Te condizioni dell’esperimento non sono mai perfettamente rip grazie alleccezionale sensibilita del sistema di tivelazione. Le variabili fisiche Sea 3* pase RIVELAL IONE che influenzano il suddetto fenomeno sono: ampiezza delPalta tensione © della corrente, pressione del soggetto sul piano di lavoro, riferimento fra punte e punte microscopiche del sog- getto © del piano di lavoro (le distan- ze in questione sono dell’ordine dei micron), qualith ¢ quantita di parti celle gassose esistenti in ogni istante articolare dell’esperimento. Come si vede & difficile giurare che ci possa essere qualcosa di magico in un fe- rnomeno elettroottico tanto complesso nello stesso tempo schiavo di tante ‘vatiabili fisiche. Esistono molti tipi di camere Kir- lian, in fig. 8 & rappresentata la parte ease eu cw Yue rewee “aco Fusiom® Osramea interna di una di esse: le camera vera e propria consiste in una scatola ermeticamente chiusa, di materiale isolante, che ricopre naturalmente il dispositivo di fig. 8. Disponendo vi riamente gli elettrodi e i campioni in esame, si ottengono volta per volta immagini Kirlian molto diverse: in fig. 8 si pnd notare Teffetto ottemuto per mezzo di una chiave inserita nel set illustrato. Se per esempio Ia. pel- licola, con la chiave a contatto, fosse stata isolata dal piano metallico per mezzo di uno strato di mylar, la fi- gura si sarebbe trasformata in un’al- tra ricea di ramificazioni periferiche pitt Iunghe e sot. Fotocopiatrici elettrostatiche IL metodo pit usato e pitt semplice per rivelare le cariche corona 8 quel- lo relativo al funzionamento delle fo- tocopiatrici elettrostatiche, qui si fa uso di un pennello di materiale ma- gnetico che crea un tampone di pol- vere mista di ferro, resina e carbone detto toner; questo tampone, lam- bendo la superfice del foglio dit car- ta, vi lascia le tracce di toner attratte per effetto clettrostatico e che ven- ‘gono poi fuse o inglobate sulle carta con vari sistemi. Vedi, fig. 9, Ia serie di operazioni Come abbiamo gia accennato, una altra applicazione delleffetto corona & rappresentata dalla filtratura di aria © gas delle particelle sospese in essa In fig. 10 mostrato un tipo indu- striale di depuratore a precipitazione che funziona nel seguente modo. I gas da filtrare entra dal basso e lam bbendo il filo verticale scoperto e ali ‘mentato a diverse migliaia di volts, viene sottoposto all’efetto corona che carica le patticelle solide obbligan: dole a spostarsi verso la parcte del tubo metallico del contenitore dove preicipitano convogliandosi verso il basso: il gas, privo cosi_ delle ppurita, esce dal tubo in alto. Electron Master kits J rntiet t i tatin dt goat che tempo si sprecano. C’% anche chi ha pensato di fornire agli avidi lettori magari_ un po’ a corto di de- naro solo il disegno dello. stampato. Vediamo di spiegarci meglio: invece della costosa scatola © del materiale non. strettamente necessario ecco in- vece nell'ordine serigrafia su pel la dello stampato, schemi elettrico © ratico con elenco componenti e na- turalmente la basetta da incidere. Co- Si, procuratisi resistenze, condensa- tori o quantaltro serve ecco che si ud subito procedere al montaggio. A fornire questo servizio in tutta Ita lia 8 la Electron Master che ha lan- ciato da poco anche una machina (per laboratori 0 anche solo per di- lettanti) per la stampa rapida dei cir- cuiti stampati, Quali i kits disponi- bili? Ce n’é un buon elenco ma altri sono allo studio. In pratica quelli che servono di.piit ai neofiti che sono in numero sempre crescente come ad esempio gli alimentatori, i variatori, antifurti, eccetera. I prezzi che in questa sede non stiamo a specifi- care sono davvero molto bassi © per- cid invitanti. In queste pagine qual- che schema e qualche master perché i lettori possano iniziare a toccare con mano. i] EM 002 379 ° Alimentatore 1,5 A —10~30V ponte raddrizzatore ed il condensa- € proprio epolatore della tensione, a=. ulto da T2,'TS, T4 che permetiono Fagalungere la corrente valu il diod zener ssa ia’ modo stable Mt punto isvoro dt 71 Tn possesto della bastta bisogna for rarla Gon na punta di t-mm e pulirla on un pezzeito di carta"vetrata (1000. ‘A questo punto inizamo ‘a montane i component? partndo dalle resstenss, che vanno inflate net Toro for, stand seg {sondenaton stando mse apolar ed all posisione, Gra vanno. tut al ‘he sporgono dalla bac livello deta satura Tl sesondario. del trasformatore, Yav- volgen da 50 alr vs Sullostampato sulle plazzole ad dedicate. me ‘Si consigia, per usare al massimo le possibilta delfslimentaiore, di montare 1T4 su un radiatore o sul fondo della scala solandolo’ molto bene dal me. {all con un follow reperbie in Aualsas!ncgorlo i elettronicn, Componenti: 35 K ohm 22 K chm 167K ohm potensiometro 0 ne ao i OF OY $70 uk OV dodo’ zener da 91 V ponte bo C3200 Bes e203 BNzzi9 N33 BoV = s0V 154 45W 4i GIORGIO MACCHI Una soluzione nuova per gli appassionati delle costruzioni elettroniche: in vendita in kit solo il master e la basetta da forare. | componenti Ii troviamo noi. Protezione alimentatori La corrente che scorre in Ri crea tna differenza di_potenziale tra Vemetitore f Ia base di Tt che To fa eondurre por: fando la base di T2 a massa, interrom- ppendo cosi Verogazione di corrente dele alimentatore. ‘Montiamo il diodo facendo attensio- ne alla Taseetta che indica il positive. ‘Mondiamo il transistor facendo alten: zione ch la parte metallica si volta , oo lo cwoutsel [Nel saldare il diode e il transistor nom scaldare cocessivamente gli sess, che ppotrebbero danneggiarsi. In, particolare sare un saldatore che non superi la po- tenza di 50 We non fermarsi sulla sal- datura pit di 45 secondi. Componenti: Di = IN 4001 TI apis RI = 047 ohm 5 Dal catalogo Electron Master Alimentatore da 2 a 15 Volt 1,5 Am- pore Alimentatore da 10 a 30 Volt, 1,5 Ampere Protezione per alimentatori Amplificatore da 7 Watt Interruttore sensibile alla luce Variatore di luce Roulette clettronica Reaction-meter (4 persone) Pianoforte a matita Antifurto clettronico Spilla psichedelica per t0:-gioco di abilita Primo arr Ogni KI & composto daz 1 maser professonsle 1 basetta di speciale vetronite taglie ta perfetmente in maura 1 foglio i isuziont particaladg- finio per ta realizzazione del cir cuito stampato, Altsi interessanti KITS sono in pre- parazione da parte dei tecnici spe- I rendimento ¢ le prestazioni di un ricevitore televisivo possono essere giudicati soddisfacenti soltanto quando tutti i circuiti che lo costitui- scono sono stati messi a punto nel modo dovuto. In particolare, affinché Ie portanti «audio » e « video » del canale ricevuto vengano convogliate con i regolari rapporti di ampiezza, , con Ia necessaria larghezza di ban- da, verso i successivi stadi di ampli- ficazione, & notoriamente indispensa- bile che l'amplificatore di Media Frequenza « video » presenti una cur- va di responso conforme alle esigenze standardizzate, in base alle quali la larghezza della banda passante deve essere pari a 7 MHz, facendo in mo- do che i livelli corrispondenti alle due portanti citate abbiano tra loro un determinato rapporto, che serve per evitarne la reciproca ‘influenza. Per poter provvedere allallinea- mento di un ricevitore televisivo, & perd in linea di massima necessario disporre di un costoso Generatore del tipo « Sweep-Marker », ¢ di un oscil loscopio, caratterizzato da prestazioni adeguate Non sempre perd questi due stru- menti sono disponibili_ nel laborato- € cid sia per il loro costo elevato, sia’ per il loro ingombro relativamen- te notevole, che spesso ne pregiuidica Ja presenza sul banco di lavoro. Ebbene, per porre rimedio a’ que- sto inconveniente, alla vastissima 7 Generatore gamma delle apparecchiature AM- TROM & stato aggiunto il generatore « Sweep », - TV UK 450/S, di nuo- vissima concezione e con prestazioni © possibilita div impiego che gli per- mettono il confronto con i miglio apparecchi analoghi. Questo strumen- to — con Faggiunta di un semplice voltmetro ad alta impedenza di i gresso, e senza ricorrere necessari mente’ allimpiego dell’oscilloscopio LE CARATTERISTICHE Gamma di frequenza: 28-56 MHz 36-49 MHz Tensione di uscita: 100 mV max Attenuatore: a variarione continua Vobulazione: alla frequenza di rete, ¢ con ampiezza regolabile con con- — permette di regolare i diversi cir. cuiti accordati facenti parte della se- di conversione del ricevitore televisivo, sui valori di risonanza sta- i dalla Fabbrica, Oltre a cid, nel- Peventualita che si disponga anche di_un oscilloscopio, i Generatore UK 450/S pud essere vantaggiosamente impiegato anche come Generatore «Sweep » col vantaggio di poter os- servare ‘direttamente sullo -schermo ‘Tensione di deflessione orizzontale per loseilloscopio: cirea 10 Vell al- {a frequenza di rete, con regolazione della fase per 180° Modulazione di ampiezza: alla fre- ‘quenza di 1.000 Hz, con profondita del 50%, e con possibilita di inseri- ‘mento o di eselusione, a seconda delle esigenze WEEP GENERATOR (0) 9: Sweep tivu dal tubo a raggi catodici 'andamento della curva di responso. Lo strumento comprende due ge- nevatori di segnali; il primo consiste in un generatore ad Alta Frequenza del tipo « Colpitts » a frequenza va iabile, funzionante su due gamme aventi rispettivamente l'estensione di 2836 MHz, e 3049 MHz: questa sezione @ inoltre suscettibile di mo- dulazione, sia in frequenza (con la 1-AFI06 V. 1-ACI28 R ‘Transistori impiega Diodi impiegaci: 20A91 (rettficatori) 1-BA102 (varicap) ‘Alimentazione: 117-125 /220-240 V 50 Hz - 60 Hz Dimensioni: mm 235 (larghezza) x 140 (al- necessaria ampiezza di spazzolamen- to), sia in ampiezza. La modulazione di frequenza & sta- sta tradotta ia pratica sfruttando le prestazioni di un modernissimo se ‘miconduttore, denominato « varicap » consistente cio in un diodo la cui capacita intrinseca varia col variare della tensione applicata, al quale per- viene una parte della tensione alter- nata a frequenza di rete, e ad ampiez~ tezza) x 170 (profondita) - Gingombro massimo) Peso: 1.120 La scatola di montaggio, numero di codice UK 450/S, pud essere chiesta in uno qualunque dei pun- {i vendita della GBC in Italia. Per maggiori informazioni:. GBC, Ci- aisello B. (MI). a cure di —GEROLAMO BARLETTA za regolabile, prelevata dal seconda- rio del trasformatore di alimentazio- ne, Grazie a questo particolare ac- corgimento, la frequenza del segnale prodotto da questo generatore pud variare con continuita fino ad un mas- simo di +10 MHz, rispetto alla fre- quenza centrale. Un secondo stadio oscillatore, del tipo « phase shift » (ossia a variazio ne di fase), funzionante alla frequen- za di 1.000 Hz pud essere incluso (ove lo si ritenga opportuno) e per mette di aggiungere la modulazione di ampiezza al segnale prodotto dal- Yoscillatore principale, con una_pro- fondita di modulazione pari al 50%. La tensione del segnale disponibile alPuscita a radio frequenza ® regola- bile con continuita tra 0 e 100 mV. Il generatore rende infine dispo- nibile una seconda tensione di uscita, anch’essa prelevata attraverso un par- ticolare cireuito di regolazione dal secondario del trasformatore di ali- mentazione, mediante la quale & as- sai facile regolare automaticamente la deflessione orizzontale dell’oscillo scopio, per ottenere la rappresente- zione visiva della curva div responso di Media Frequenza. La fase di que- sta seconda tensione di uscita & rego labile su 180°. Liintero circuito funziona comple- tamente a transistori, ¢ lo strumento pud funzionare direttamente con la fensione alternata di rete alla fre- n 1 generatore: due soll stadh, lune per la. produzione segnall RF (con modulaziona FM), Faliro per Ia ‘modulazione ampieza AM. Le connessioni tra la basetta ‘e | comandi 1 Circuito stampato completo 2 Maseherina 2 Filo. macrone del trasformatore 4 Bile verde del tr stormatore 5 Filo grigio del tra- stormatore 6 Filo bianco del tra- sformatore 7 Filo gialo del tra- sformatore 8 Filo bianco det tra- stormatore 9 Fili rigid dal devia tore alle babine 10 Deviatore 11 Porta lampade 12 Tubetto isolate 1G Resislore RIB da 8 ko 14 Deviatore 18 Filo nero del ta sformatore 18 Filo rigido [solato 17 Ponta tusibile. 18 Deviatore del wa. = J slormatore 39 Filo rosso del tra: stormatore 20 Cave di alimenta- Maia TY, wer feof cow gt See quenza di 50 0 60 Hz con le tensioni standardizzate di 117-125 © 220-240 v. Le dimensioni esigue, il peso ri- dotto, e la semplicita’ concettuale, rendono questo strumento ideale per tutti quei casi nei quali fino ad ora il controll dell’allineamento di un ricevitore televisivo 2 stato impedito dalla mancanza della necessaria at- trezzatura, ¢ cid nonostante il suo costo assai limitato. Il circuito Si_veda ora lo schema eletttico completo dellintero strumento, che re ca anche tutti i valori dei componenti nonehé i valori delle tensioni di rife- rimento presenti nei diversi punti cri- tici, rispetto alle quali sara possibile in ‘seguito effettware il controllo, a montaggio ultimato. Osservando il suddetto schema, & assai facile differenziare tra loro’ Ie tre sezioni, e precisamente lo stadio TR2 (del ‘tipo ACI28R), che costi- tuisce Voscillatore di Bassa Frequen- za, funzionante a 1.000 Hz, lo stadio TRI (éel tipo AF '106), funzionante come generatore di segnali ad Alta Frequenza, e, a destra, la sezione di alimentazione. Lo stadio TRI — come abbiamo accennato — costituisce Ta sezione vera ¢ propria che provyede alla pro- duzione dei segnali a frequenza va- riabile; Ie due gamme di frequenza yengono predisposte tramite il com- rmutatore contrassegnato.« RANGE » (Gamma), nel senso che quando que- sto commutatore si trova nella. posi- zione «1», il contatto viene chiuso tra il punto di unione di L1 con L2, ed il contatto libero del deviatore, per cui entrambe le suddette bobine risultano inserite nel circuito. A cau- sa di cid, le rispettive induttanze si sommano, per cui il generatore risulta predisposto sulla gamma di frequenze inferiore, compresa cio’ tra 28 © 56 MHz. Portando invece il suddetto devia- tore nella posizione «2», la bobina 12 risulta cortocireuitata, per cui Ta sola induttanza in gioco’ rimane Li, i cui valore & predisposto per otte- nere il funzionamento sulla gamma di frequenza compresa tra 36 © 49 MHz. : Le due bobine, Li ed L2, inserite totalmente in parte nel circuito co- stituiscono con la capacita C16 un Circuito risonante in parallelo che e- splora quindi una delle suddette due gamme, grazie alla variazione div ca- pacita di C16, controllabile mediante ‘un comando ‘esterno, su scala gra- uata, La tensione di reazione necessaria per provocare le oscillazioni ad Alta Frequenza viene prelevata nel punto di unione tra le capaciti C8, del yar lore di 47 pF, C6, del valore di 470 pF. Si tratta’ in sostanza di un par- titore di tensione di tipo capacitivo, il cui comportamento varia a seconda della frequenza di funzionamento, in modo tale da consentire applic ne all’emettitore di TRI di un segnale di ampiezza sempre proporzionale a quella del segnale applicato alla base, il che mantiene Ie oscillazioni pro- dotte, con una sufficiente costanza 2 TV Generatore Sweep UK {50/5 os: cilloscopio "29 Convertiteice Oscittateice Aecoppiatore capacitive Uulizzazione del generatore Sweep: | segnali sono Inietati nel tvs. Sulfselioscopio fa curva di risposta AW ampliticatore video Re Fesisiore a strato di carbone da 68k RS potcnziometro con interruttore *P2 dad da 100 KOA Re potenziometro + 2 didi da RKOA RS. potenziometro + 2 dadi da S70 28 Ry 27 KO RO 22 Ko Rio Ka RERIE 22KL RI2RISRIG 13 ko Ris KO RV potenziometro semifisso da {00 ka Ris 68 ko cr 200 HF @ 100 EF G 100 uF ra 2oF C509 da 10.0 & ds 470 oF o fcondensatore ceramic a tu betto da 120 pF 8 ccondensatore “ceramico at betto da 47 pF Tor 100 oF 45-2100 pF ddiodi OAT diode Varicap BA102 transistore AFI06 V fransistore ACI28 R 11 trasformatore d'limentazione uu bobina AF. L bbohina AF Zz impedenza AF i ampiezza e di forma d’onda La polarizzazione di base dello stadio TRI (AF106) viene ottenuta ‘mediante il_ponte resistivo costituito da R8 di 4,7 k@ e da R10 di 12 k@ Variando quindi il valore della ca: pacita variabile C16, & possibile at- tribuite varie caratteristiche al circu to risonante in parallelo, ¢ prestabi- lite a seconda delle esigenze, ed a seconda della gamma scelta, il’ valore della frequenza « centrale » del se- gnale prodotto. La suddetta frequenza, per ogni suo valore, pud variare entro 10 MHz, grazie alla possibilita supple- mentare della. modulazione di fre- quenza, dovuta alle caratteristiche di funzionamento del diodo « Varicap » (contrassegnato D5 nello schema) del tipo BAI02. L’anodo di questo diodo fa capo al collettore dello stedio TRI, mentre il catodo fa capo al una cel: lula di disaccoppiamento, costituita dal resistore:R6, del valore di 4,7 k2 (© dalla capacita C9, del valore di 10 nF, facente capo massa dal lato copposto. Attraverso il resistore R6 al catodo del diodo D3 viene applica- ta una tensione alternata di valore variabile tra 0 e 9,6 V, prelevata tra il terminale marrone del secondario del trasformatore di alimentazione ¢ la massa, attraverso il potenziometro 4, del valore di 22 k® (a variazione Tineare), il cui controllo 8 contrasse- gnato «SWEEP WIDTH » (ampiez- za di spazzolamento) Le caratteristiche circuitali del ge- neratore UK 450/S sono state con cepite in modo tale, che a montaggio ultimato, ed a seguito dellesito posi- tivo di tutti i controlli relativi allo stesso circuito, alle tensioni, eve Vunica operazione supplementare da compicre consiste nella cosiddetta messa in passo » dell indice del co- mando di sintonia rispetto alla scala graduata, onde assicurare che la fre- quenza dei segnali prodotti corrispon- da a quella indicata La suddetta messa a punto, pud es sere eseguita in tre modi principal 1) Per confronto diretto con ta scala graduata di un radio ricevitore funzionante a modulazione di fre- ‘quenza. Cosi la precisione della tessa a punto dipende esclusiva- mente dalla precisione con In qua- Je & tarata le scala delle frequenze del ricevitore che viene useto come campione di riferimento 2) Con l'aiuto di un ondametro di precisione. 3) Con Vaiuto di un generatore di segnali_ campione. secondo ed il ter20 metodo sono naturalmente migliori del precedente, Amplificatori aMOS-FET Lietere & ormai un via vai di se- gal elettromagnetici aumentati_ in modo considerevole con la diffusione di radio e TV private. Spesso capita di essere in dificolta, di non riuscire a sintonizzarsi sulla’ frequenza desi- derata, col risultato di rinunciare al- lo spettacolo 0 cambiare canale, Ne son causa, solitamente, Ja distanza dalle stazioni trasmittenti, le scarsa potenza del segnale da queste irra- diato o le interferenze dovute ad al- (ri segnali Basta poco per risolvere il pro- blema, un semplice amplificatore di antentia, La SIEL ELETTRONICA, Sp.A., da anni presente sul mercato come fabbricante di gruppi di sinto- nia e sistemi ad alta frequenza per TV ha presentato la sua linea di pro- dotti_nel settore. La novita consta nell'impiego dei\ tetrodi MOS-FET che permettono di ottenere una mag- giore dinamica dell’amplificatore. Re- golando la polarizzazione della, « gate 2» del MOS-FET si ottiene una va- riazione di 15 dB senza peggiorare la figura di rumore e le caratteristiche di intermodulazione dell’ampli_stes- so. E importante il trasferimento del- Vesperienza accumulata in questi an- ni dalla Siel (nel campo dei sintoniz- zatori TV) a tutto vantaggio delle prestazioni, della qualita ed. affidabi- lita degli amplificatori d’antenna da loro prodotti Microelettronica BIAS 80 Interprete della continua evoluzio- ne del settore elettronico e dei pro- fondi mutamenti che la microelettro- nica sta introducendo nel settore del- Vautomazione la BIAS, ha organiz- zato una edizione specializzata che si terra dal 4 all’ giugno presso i quartieri della Fiera di Milano. XVI BIAS ’80 — Microelettronica & ill nome della Mostra-Convegno, cui prenderanno parte oltre mille © spositori da 23 paesi diversi, Questo 2 il pitt importante avvenimento nel- Yambito delle manifestazioni interna- zionali. specializzate nel settore dell’e- lettronica professionale in Italia, set- tore considerato ormai strategico per Io sviluppo economico del Paese. La manifestazione di giugno sari il centro di scambi_ di informazioni tecniche © commerciali fra visitatori ed espositori interessati ai settori nei quali la esposizione & divisa: — Componenti elettronici — Microcomputer, minisistemi, per- sonal computer, periferiche OEM — Apparecchiature e strumentazio- ne per produzione e collaudo nel- Vindustriaelettronica — Strumentazione di leboratorio e per la ricerca scientifica. La BIAS ’80 — Microelettronica — ‘sari anche un momento impor- tante per aggiomare le conoscenze allattuale stato dell’arte delle pitt a vanzate tecnologie elettroniche, Nu- rerose sono infatti le manifestazioni che si svolgeranno, % 7% Sulla commutazione dei dati La Telenet (Vienna, Virginia) & una delle aziende pitt importanti nel settore del « packet switching » (com- mutazione a pacchetto). 1 servizi di comunicazione di dati commutati « a pacchetto » della Telenet consentono ad una vaste gamma di caleolatori ¢ di terminali_ per dati di comunicare in modo efficace attraverso un nu: mero crescente di Paesi. La commu tazione a pacchetto converte una mas- sa di dati provenienti da calcolatori e da terminali di utilizzatori in brevi blocchi o « pacchetti » per essere tra- smessiattraverso una rete di centri di commutazione ad un altro fino al Taggiungimento della destinazione fie nale Liimmagine IBM & della 3M: sulla sinistra & stato applicato un film an tiriflesso che migliora, come si vede, il contrasto La ricarica delle batterie Crisi_energetica, clevati consumi, @ onmai tempo di fare economia, Per: ché trascurare cid che sembra costare poco 0 niente e che invece si riper- cuote sul nostro bilancio? Per esempio le batterie: come ri- caricarle? ‘Semplice! Con KS 490, un kit pre- sentato in questi giorni. Trattasi_ di ‘un circuito semplicissimo da realiz- zare, utilizza il regolatore di tensione LM 517 T che permette la ricarica a corrente costante. Le caratteristiche sono: jentazione: 220 V ac Corrente massima: 150 mA 5. portate amperometriche: 10, 20, 45, 100, 150 mA Tensione max di carica: 15 V. IL kit © reperibile presso tutti i punti di vendita GBC. VENDO: generatore di frequenza au dio UK 5370/8, Frequenziometro bas- sa frequenza UK 350, Prova transi- stor, rivelatore parametri UK 560/S Prezzi da contrattare. Amplificatore autovettura Hi-Fi 30430 L. 35.000. Pastry-Lab. Cso XI Settembre 204 61100 Pesaro, VENDO dieci trasmettitori FM 8 108 Mhz, Pot. Out 12 WL. 1 milio- 1n¢300.000, inoltre cedo TX sempre in modulazione di frequenza di 5 W aL, 80,000; 12 W a L, 150.000; 50 W a L. 220,000; 50 W a L. 290,000 90 W a L. 400.000 - Messina Giusep- pe, Via S. Lisi 111 - 95014 Giarre (CT) - Tel. (095) 936012 ore 21/22. VUOI autocostruirti la tua radiotele- visione libera? Dispongo div schemi di Tx FM e TxTy liniari fino a 2000 W, mixer, efletti_speciali Expander Echo, Fader, Fading, di tutto dalla «A> alla «Z » in fatto di radiotele- visioni. Inoltre ponti FM_ 0 ponti «10» GHz. Tx FM dall’Ufo 41000 Hz, al PLL 2" generazione. Liniari per CB. Vendo Tx FM, norme CCIR, programmazione Contraves, alimenta- zione 220, PLL, spurie - 70 DB, 2 armonica ' 63 DB, 50 W regolabili jin rack 19” L, 300,000 mei usato Catalogo schemi L, 500 + spese an- ticipate. Laboratori Space One, Lu- cantonio Marco, via Prenestina’ 325, 0017 Roma. VENDO T.T. game dieci giuochi, co- lori diversi ogni giuoco. Comandi clo- che, dimensioni racchette, velocita, auitomatismo di servizio, punteggio vi- sualizzato elettronicamente, effetti s0- nori. Anche alimentazione esterna. Nuovissimo, imballo originale. Lire 60.000 trattabili, Franco Mondozzi, via Europa 25, 63017 Porto San Gior- gio (AP). Tel. (0754) 48004 ore past. VENDO: amplificatore Sonj TA 1630; amplificatore GBC 24W ZA/0806 - 00; piasira registratore stereo Philips Radio Elottronica pubblichera ‘gratuitamente gil annuncl det lettor, I testo, da serivore chiaramente ‘amacehina o in slampatello, dove ossore inviato a Radio - Elettronica ETL via Carlo Alberto 65, Torino. N2515; mixer mono - stereo outline MX 500; piatto Thorens TD 145; piatto Thorens TD 160; 2 testine Shu- re M75G; sintetizzatore Philips 640: 2 piatti Philips GA 160; 2 piatti Phi lips GP215; 2 casse acustiche 60W costruzione artigianale - rivolgersi_ a: Mazzoni Mauro, Via S. Giacomo 14/ L, Masi Torello (FE), Tel. Ufficio 0532 - 94301. PROGETTO € costruisco su richiesta trasmettitori FM di qualsiasi potenza, mixer stereo © non ed altre apparec” chiature elettroniche. Prezzi vantag- giosi. Assistenza tecnica riservata at- tualmente alla sola regione Puglia Rivolgersi: Giannoccaro Cesare, Via Trieste, 70043, Monopoli (BA), Tel. (080) 742260. ‘TX FM 88 - 108 MHZ VENDO po tenza output massima SW inoltre ven- do T'antenna GP 4 radiali, avo, ali- mentatore, pronto per produrre l’ener- gia sufficiente per alimentare il tra- smettitore ¢ un mixer a tre ingressi. TI tutto montato ¢ collaudato, — per- fettamente funzionante — Sole 160 mila (trattabili). Vera occasione. Seri- vete per accordi a: Slama David, via dell'Isstria 3, Trieste. VENDO le seguenti riviste in blocco ‘oppure singoli il tutto a meta prezzo, possibilmente in zona, Audio visione n, 7-8 1976; annuario 75/76-76/77; Suono n. 42 ottob. 76; Stereoplay °76 annuale; Sperimentare ottob. 75-febb. 76; Selezione Radio-TV gen. 76; Nuova elettronica n. 40-41 1975; Au- dio n. 8 agosto 78; Elettronica pratica 12 febb. 74,n. 8 agosto 75, n. 2 febb. 76, n. 8 agosto 76, n. 7 luglio 78; Ra- diorama n. 9 sett. 75, n. 10 ottob. 75, n. 10 ottob. 76, n.9 sett. 77; Trasmet. titori CB di Gianni Brazioli edizione J.C.E.; Amplificatore 2W_ costruito mai collaudato a L, 8,000 dell’Am- tron, Basta Natale, via Cavour n. 127, 20050 Senago (MI), Tel. 02/9987761 VENDO trasmettitore FM 88/108. Mhz 180 W. eff. Tutto a transistor con eccitatore quarzato, 2 piatti B. SR., mixer 6 canali, 2 direttive, 2 mi- crofoni, 2 culfie a lire 1.400.000. Su richiesta ponte di trasferimento 5 W. Per informazioni scrivere a: Caruso Maurizio, viale Liberta n. 85, Giarte 95014 (CT), Tel. 095/952725. VENDO Yaesu FT 202R con 3 canali quarzati, nuovi sigillati, cad, L. 195 mila. Scrivere 0 Telefonare a Tognotti Guido, via Teatro 7, 38061 Ala (TN), Tel. 0464/61010. URGENTE cerco RTX cb 4-5 watt (anche autocostruito) in cambio offro i seguenti componenti: 7 trasforma- tori, 12 valvole con sigla, alimentato- re 12V, 2 altoparlanti, moite riviste di elettronica, motorino 1,5 cc. die- sel, 4 2n 2909 con dissipatore, 2 AC 176, AC 128, 2 BC 1098, BC 109, OC 71, 2 AC 188K, BC 208B, 2 BSX 45 con dissipatore, 5 BC 550C, microfo- no preamplificato, 3 quarzi. Cavasin Francesco, via Gioberti 41, Olmo di Martellogo (VE), Tel. 041/908148, VENDO Sirena elettronica bitonale, potenza 5W completa di contenitore € altoparlante L. 11,000. Sirena elet tronica italiana potenza 1W completa di contenitore e altoparlante L._ 6.000. Caleolatrice guasta ma riparabile (c’® da riparare 2 tasti) aL. 5.000. Ampli- ficatore monofonico con controllo toni e volume recuperato da mangiadischi ma funzionante potenza 1,5 W a L. 4,000. Timer per tempi lunghi (Ku- riuskit KS 150) comprato per sbaglio, montato a L, 4.500 senza relé ea L: 6.500 con rele. Dispositivo per l'a- scolto individuale TV (UK_ 205) mon: tato e funzionante a L. 6.500. Ricchi Romano, vico Scuole Pie 2/5, Genova, Tel. 291534. ACQUISTO rice-trasmettitore CB 5W 24 canali in cambio offro: 130 valvole termoioniche; saldatore istantanco 100 7 W; televisore 24 pollici a valvole, funzionante; voltmetro da pannello, -15V fs, D.C. 4 schede di TV color; 5 condensatori variabili ad aria; 40 condensatori elettrolitici; 4 quarzi; 50 potenziometri; trimmer; 4 gruppi sin- tonizzatori UNF; 2 trasformatori per eat; I tester della Cassinelli_ « Novo Tester mod. 161 » con: 40 k@/V in DC.,4 k2/V in AC. 25 pA in DC. fis.e'250 uA fs. in A.C., classe di pre- cisione 2; 50 transistor, Massimo Lan- i, Firenze, Tel. 055/588745. VENDO: casse acustiche da 30 W 2 vie L. 60.000; 3 trasformatori: 18 V, 22 V, 2 V per un totale di L. 20.000; ‘una cuffia stereo Lire 10.000; una radio con cassette 0 re gistratore pit. radio AM a L. 45.000; tun piatto Lesa senza braccio con tra- sformatore con cambia tensione Lire 85.000 (trattabili); un Quaohik Si- stem Amtrom a L, 50,000; diverse valvole tutte funzionanti chiedere la sigle che desiderate a L. 1.500; 1 televisione guasta a L. 35.000; 1 te ster a L. 30,000 (I.C.B.). Serivere a: Santoro Vinsenzo via De Rossi 208, 70100 Bari, tel. (080) 250991. ENERGIA solare e alternative, Se gia sai qualcosa di questi argomenti © se vuoi sapere di pil, scrivimi, e sarai in contatto con altre persone come noi, interessate all’energia. Ro- ger Stewart, viale Mugello 7, 20137 Milano. PROFESSIONALI modulatori au: diowvideo, vendesi a L. 280.000; tra- smettitori FM 5W eff. quarzati_a L, 98,000; ampl. lineati banda IV V IW aL. 180.000; ampl. lineari FM 200W eff. completo aL, 800 mila. Per informazioni_scrivere a: Cali Maurizio, Via F.lli Cairoli n. 55, 95014 Giarre (CT), tel. (095 932575. VENDO, ad uso dilettantistico, sche- mi di qualsiasi tipo contenenti foto- copie di schema elettrco, schema di 8 montaggio e schema del _circuito stampato. Monto su ordinazione i kit della Amirom, Si richede massima serieti Pioppo Gaetano, via Cara- glio 2, Cascine Vica, 10098 Torino. CAMBIO il seguente materiale: 1 TV Mivar, 1 TV Royal Arum, 1 ra- dio d’epoca con OC, OM, FM’e pre- sa gitadischi; 1 radio Europhon mo- dema, 1 radio portatile, 1 autora- dio Philips OM, OL; 1 gitadiseni sen- za mobile; 1 giradischi stereo; 1 re gistratore Gelosino; 1 coppia Walky Talkye con tasto morse, tutto perfet- tamente funzionante, inoltre 2 man- sianastri stereo 8 da riparare con un ricevitore a bande decametriche fun- tionante 1 ricetrasmettitore a ban- de decametriche anche da riparare. Rivolgersi: D'Addario Giovanni, via Dogali 12, 21100 Varese, tel. 284733 ore past. VENDO un Variac. V entr. 220 V uscita 0-270 V 500 W, il quale ali menta un trasformatore della P. di 400 VA, con uscita di 35 V-10 A raddrizzati_ma non stab. Il tutto in elegante contenitore provvisto dei 2 strumenti L. 150.000 trattabili. Co- me sopra perd il Variac & di 1500 W, il trast. & di 1700 VA, con usc tai 20 V-100 A. Peso tot. 40 ky. Luci psichedeliche in elegante mobile professionale 4x1500, luci_ad_ impul- si, 5 regolazioni di sensibilita, Lire 80.000. Interruttore erepuscolare Li- re 10.000. 2 Iuci ad impulsi 800 W con alimentatore conienitore della Ganzerli L. 18.000 cadaune. Tempo- rizzatore variabile da 0 + 10 min- con alimentatore, contenitore della Ganzerli L. 15.000, Antifurto a ragsi infrarossi_ con ‘alimentatore e conte- nitore L, 40.000. Rivolgersi: Berge- mo Bliseo, via Rocene 7, 36077 Al- tavilla (VI), tel. (0444) 553588 ore 18:19. VENDO radio-registratore-riprodutto- re Philips, microfondo incorporato, possibilita ‘di registrare direttamente dalla radio, ancora in garanzia, per- fetto con radio FM, MW. Vendo: corso radio e elettronica in 23 le- ioni completo anno 1978 ¢ prime 15 lezioni del corso radio stereo a transistor: S.R-E. anno 1977 senza materiali, Vendo pure decine di ie viste inerenti Velettronica, nonché li- bri di cletironica e meceanica. Cerco potente telescopic astronomico. min mo 254 ingrandimenti. Inviare_i- chieste a: Conte Domenico, via Giot- fo 16, 35018 S. Martino ‘di Lupari (PD) VENDO 200 transistori NPN PNP nuovissimi non recuperati L. 10,000; 100 diodi nuovissimi L. 7500, 100 circuiti integrati nuovi L. 10.000 0 cambio il tutto con un trasmettitore F.M. funzionante, con antenna, mi nimo 10 W. Scrivere a Biondi Eduar- do, via Stanziale a 1 S. Giorgio, 80046 Napoli. VENDESI a L. 13.000 kit gioco TV 4 giochi senza integrato. CAS. P 65 48022 Lugo (RA), VENDO, causa_militare, giradischi stereo Philips G.F. 851 automatic con 2 casse, 1 anno di vita, perfetto po- tenza 2x8 W, a L. 95.000 non trat- tabili + moto Ducati 125 Scram- bler 4 marce anno ‘72 ottimo stato © bicicleta corsa Bianchi Eldorado entrambi L, 250.000 non trattabili, Scrivere urgentemente per accordi a Casella Postale 203 Lucca. IZENNE volenteroso di appendere desidererebbe ricevere in omaggio li- bri riviste materiale manuali € con- sigli, Contraccambio solo con amici Zia e passione. Corrado Bufla, via L. Bertano 21, 12100 (Cuneo), telefo: no (0171) 67717, ACQUISTEREI se in buono stato ‘materiale per radio libera in partico- Jar modo ultrasmettitore che abbia una potenza non inferiore a 5 Watt. Il mio indirizzo: Bosio Gesualdo, via Ca’ Zenucchi 4, 24020 Peia (Berga- mo). PERMUTO con Honda 350 Four in oltimo stato ill seguente materiale: amplificatore lineare PMM 400 W FM con valvola mai usata; filtro pas- sa alto passa basso PMM; alimen- tatore per lineare da controllare; ec citatore a transistor out 10 W pro- grammabile 88-108 FM. Antenna col- lineare FM 95-105 4 dipoli chiusi guadagno 9 dib nuova, Inoltre ven- do: Mixer 12 CH steelphon 4 equa- lizzati Ria preampificatore per ogni canale, monitor su tutti i canali, equalizzatore, mandata eco ecc. ot- timo per radio libera. 800.000. Equa- lizzatore AQC 24 ottave L, 150.000. Codificatore stereo Normende Lire 500.000, telef. ore pasti 011-375140, CERCO le dispense di teoria, servi- zoe misure del corso TV. della S.REE. Vendo modelto di nave in pla- stica equipaggiata con 2 motori elet- trici. Esigo Ia massima serieta. Tele- fonare al 70314, opp. all’872625 e chiedere di Gian’ Paolo, CERCO «Star Sound » (generatore i suoni spaziali) in cambio cedo il seguente materiale in blocco: riviste: Radio Elettronica n. 10 1977, n. 11 1977, n. 4, 5, 6, 7, 8 10, ‘11, 12 1978; n. speciale Suono 1978} 3, 4, 5, 6, 7, 8 1979; Nuova Elettrocinca n, 59-58 anno 10; Spe- rimentare n, 10 1978; Selezione di Tecnica n. 11 1978 pitt il seguente materiale elettronico: due apparec- chi radio da ripararsi, scatola minu- terie elettroniche; due altoparlant due antenne per radio, pitt 20 gior nalini_ vari. Scrivere a: Lino De Fe- lice via Rodi 4, 66055 Vasto Marina (CH). Cedo il soprascritto materiale elettronico anche in cambio di un astronomico con ingrandi- menti minimo « 100 ». VENDO al migliore offerente: Gran Plan da balcone, © Aricata, Rosme- tro, Wattimetro, Midland 100 WFS, Sommerkamp TS6245. con trasmis: sione rotta ma perfettamente, funzio- nante in ricezione corredato di S/me- ter controll volume squelo © spia uminosa per segnali forti d’intensi {8 riceve su 24 ch quarzati, inoltre Polaroid Zip per fotografie’ istanta- nee (b.n.) 0 cambio con luci psiche- deliche 3 ch (alti, medi, bassi) con roba di uguale “costo.” Imperatore Gennaro, telefonare alle 3 0 alle 9, tel. 7540186, via Cupa Delle Vedo- ve 140, 80100 Napoli CERCO gratuitamente rivista di Ra- dio Elettronica del dicembre "74 che parli del ricevitore Bit VHR. Tavac- ca Valerio, via Elba n, 29, 48100 Ravenna, VENDO corso transistori S.R-E. teo- ria e pratica a lire 35.000, sintoniz- zatore UK 541 perfetto a lire 45.000, amplificatore Milan mod. professio- nale 10 + 10 Watt a L. 90.000 in blocco L. 150.000. Tozzi Giuseppe, via Marconi 21, 71010 Poggio. Imp. (Foggia), tel. (0882) 94174 dopo le ore 18, VENDO Yaesu FT-101 e perfetto con VFO FY-101 e altoparlante, mi- crofono Turner + 3, Osker SWR 200, antenne 3 elem.’ Fantini, ADR 3 completa di Balun. Pietro Maggi, piazza di Pietra 45, 00187 Roma, tel. (06) 6793176, ore 19-21 CERCO urgentemente in fotocopii od in prestito, libretto istruzioni © schema elettrico dell’apparato_ rice trasmittente CB Lafayette HB-25 A. Spese di fotocopiatura e spedizione a carico mio. Bivona Nicola, via Cir- convallazione n. 10. villaggio Ram- pinzeri Gibellina (TP). AAAA.A. si cede per la modica somma di L. 80,000 modulo Exciter FM + 109 MHz Alimentazione 17 V completo di elegante mobiletio (non necessita di taratura aleuna) Pot Out 5 W su 50 r indicato come pilota per amplificatori div potenza RF/FM. Cedo inoltre TXFM_ 30 W L, 200.000, TXFM_50 W L. 290.000 TXEM 80'W L. 350.000. Giuseppe Messina, via S. Lisi 111, 95014 Giarre (CT), tel. (095) 936012 dal- le 21 alle 22. VENDO TXFM 88 = 108 MHz se- mi_ professionali HI-FI con potenza 5 W L. 90,000, 14 W L. 160.000, 30 W L. 220.000, 50 W L. 300.000 tutto a transistor, con contenitori, senza alimentazione, 0 a richiesta, vendo TXFM 88 108 FHz, 80 W completo con regolatore di toni (al ti, medi, bassi) a C.l. con alimenta- zione ¢'contenitori (due) il tutto a L, 400.000, occasione. Maugeri_Egi- dio via Marano 62, 95014 Giarre (CT), tel. (095) 955885. CERCO trasmettitore FM_ 88/108 MHz potenza in antenna 3/4/5 W ad un prezzo base di L. 40.000 ac- quisto il trasmettitore anche se auto costruito. ma funzionante, Gli inte- ressati possono scrivere a: Bosio Ge- sualdo, via Ca’ Zenucchi 4, 24020 Peia (Bergamo). VENDO _ sintoamplificatore HI-FI Toshiba SA 500 AM-FM stereo 35435 W completo di casse acusti che L. 270.000 trattabili. Dini Patri zio via Colombaia n. 27, Fr. Rosano Rignano_sull’Arno 50067 (Fi), tele- fono (055) 8503067, COSTRUISCO Iuci psichedeliche di varia potenza e tanti altri progett Tutti i progetti sono contenuti in ele- ‘ganti contenitori di alluminio comple- {i anche di scritte. Per informazioni, scrivere a Claudio Cavallari, via Batt. partigiana n, 9, 46025 Gonza- ga (MN). a Ue eel es re CUCU a eco d CASTELGOMBERTO (Vicenza) - Via Raffaello, 10 - tel. 0445/90132 - telex 330813 COMINT |] “i nostri contenitori per i vostri Kit” LI POTRETE TROVARE PRESSO | MIGLIORI NEGOZI UY 3 ABBIAMO INOLTRE INIZIATO LA PRODUZIONE DI «RACK 19» METTITI IN TESTER IDEE NUOVE ON ge VISION OF CARLO GAVAZZI a Polizza. Un apparecchio «Superprotetto» contro le errate inserzioni di linea, attraverso i dispositivi a scaricatore interno @ fusibile super-rapid inoltre i microamperometro one, in parallelo ‘al microamperometro stesso. Queste caratteristiche del Tester MAJOR 50K uniscono alle ben note qualifiche di precisione e modernita di tutti gli strumenti PANTEC. bina mobile a nucleo magnetico centrale, insensibile ai campi esterni Sensibilita: 50 K2/V c.c. - 10K, Sospensioni elastiche su a4 scale colorate a specchio antiparallasse Lunghezza scala mm 92 ireuito elettronico realizzato su circuito stampato con piastre dorate @ reti resistive a film-spesso, che comportano I'util'zzo di soli 16 component zione portate con «commutatore rotativo brevettato» a due sezioni complanari realizzate in materiale autolubrificante di elevata durezza, IL TESTER MAJOR 50K FA PARTE DELLA LINEA PANTEC CON: PAN 2000 PAN #002 (cr-3208 PARTEe DIVISION OF CARLO GAVAZZI Precisione e novita nel tuo strumento di misura 20148 Milane - Via. cir 108