Sei sulla pagina 1di 174

Movimenti giovanili

PDF generato attraverso il toolkit opensource ''mwlib''. Per maggiori informazioni, vedi [[http://code.pediapress.com/ http://code.pediapress.com/]]. PDF generated at: Tue, 29 Oct 2013 11:46:01 UTC

Indice
Voci
Ammazzateci tutti Beatnik Black bloc Black Metal Inner Circle Casual (sottocultura) Clubber Cultura giovanile Cultura underground Flower power Free party Gabber (sottocultura) Gay skinhead Grunge Happy slapping Hate-Edge Herbert Hippy Hooligan Indiani metropolitani Inter City Firm Jerkin' Kogal Le Grand Don Lgions Noires Merry Pranksters Metallaro Millwall Bushwackers Movimento antimafia Movimento del '77 Movimento Studentesco Nazi punk L'orda d'oro Paninaro Pioniere (Unione Sovietica) 1 6 7 11 14 16 16 19 22 23 35 42 44 51 52 53 54 66 67 70 71 72 74 79 81 82 84 85 87 96 100 102 106 110

Proteste degli studenti cileni nel 2011 Punkabbestia Rave party Redskin Rude Boy Scooter Boy Skin88 Skinhead Summer of Love Tampax (rivista ed editrice) Teddy Boy Trojan skinhead Ultras Voortrekkers (movimento giovanile) Yo Soy 132 Youth crew Yuppie

111 118 120 123 125 127 128 130 142 143 146 148 151 158 158 161 163

Note
Fonti e autori delle voci Fonti, licenze e autori delle immagini 165 167

Licenze della voce


Licenza 171

Ammazzateci tutti

Ammazzateci tutti
Ammazzateci Tutti

Abbreviazione Tipo Fondazione Fondatore Scopo Sede centrale Presidente Motto Sito web [1]

AT APS ottobre 2005 Aldo Pecora Promozione cultura della legalit e della cittadinanza attiva Roma Aldo Pecora Se avete tanto piombo, ammazzateci tutti!

Il Movimento Ammazzateci Tutti un movimento antimafia composto da giovani eterogenei dal punto di vista politico che si mobilitano per il contrasto alla criminalit organizzata promuovendo la cultura della legalit e della cittadinanza attiva tra le nuove generazioni. Attualmente presidente del movimento il fondatore, Aldo Pecora, ideatore dello slogan "E adesso ammazzateci tutti". Il coordinamento nazionale stato guidato fino al 17 gennaio 2013 da Rosanna Scopelliti, figlia del magistrato Antonino Scopelliti ucciso dalla 'ndrangheta nel 1991. [2]

Storia
Il movimento antimafie Ammazzateci tutti sorse su iniziativa spontanea di giovani a Locri (RC) negli ultimi mesi del 2005.[3]La prima apparizione pubblica del movimento avviene a Locri il 19 ottobre del 2005, quando, in occasione dei funerali di Francesco Fortugno, sette ragazzi espongono lo striscione "E adesso ammazzateci tutti". Seppur provenienti da tutta la provincia di Reggio Calabria, i giovani vengono ribattezzati dai media come i ragazzi di Locri. Tramite internet il movimento si espande dalla Calabria in tutto il Paese, divenendo un'associazione di promozione sociale su scala nazionale.[4] In quel periodo tra i giovani calabresi nasce e si propaga uno stato di malessere e una voglia irrefrenabile di cambiare il destino della Calabria, preda della criminalit organizzata. La goccia che fa traboccare il vaso l'omicidio del Vicepresidente del Consiglio Regionale della Calabria, Francesco Fortugno, avvenuto il 16 ottobre 2005[5], quando sette ragazzi espongono lo striscione "E adesso ammazzateci tutti". Inizialmente composto da soli ragazzi - per lo pi studenti liceali ed universitari, il Movimento nei mesi successivi alla sua nascita incontra il sostegno fattivo anche degli adulti, e nello specifico dei familiari vittime della 'ndrangheta.

Ammazzateci tutti Ben presto il Movimento, grazie soprattutto ad internet, riesce ad unire migliaia di ragazzi e di ragazze da tutta Italia, radicandosi cos su tutto il paese.

Attivit
La maggior parte delle attivit si svolge nelle scuole ed rivolta ai ragazzi. Esso sono tese alla diffusione della cultura del rispetto delle regole e della cittadinanza attiva, organizzando periodicamente assemblee e seminari con testimoni importanti della lotta alle mafie. L'opera di sensibilizzazione avviene anche al di fuori dalle mura scolastiche, con la promozioni di manifestazioni, convegni e momenti di riflessione indirizzati anche agli adulti.

Attualmente il Movimento, oltre a sostenere i testimoni di giustizia come Pino Masciari[6] e Rocco Mangiardi[7][8], sta promuovendo numerose azioni di carattere legislativo in materia di lotta e contrasto alla criminalit organizzata, quali ad esempio l'accelerazione dei processi di mafia, costantemente a rischio prescrizione.

Aldo Pecora e Rosanna Scopelliti con la delegazione di Ammazzateci Tutti a Genova per la Giornata nazionale della memoria e dell'impegno promossa dall'Associazione Libera di don Luigi Ciotti. 17 marzo 2012.

Il meeting nazionale Legalitlia


Il 9 agosto di ogni anno, in occasione dell'anniversario dalla morte del magistrato calabrese Antonino Scopelliti il movimento organizza a Reggio Calabria il meeting nazionale Legalitlia. Uno degli scopi principali del meeting, oltre che mettere in rete la giovent antimafia del Paese, sensibilizzare l'opinione pubblica e le Istituzioni sul caso Scopelliti, omicidio per il quale dopo tanti anni non sono ancora stati individuati i mandanti. Legalitlia riscontra la partecipazione di numerosi giovani provenienti da tutta Italia, che per il periodo del meeting sostano in B&B o hotel convenzionati con il movimento. Sul palco allestito in Piazza Duomo, teatro di Legalitlia, prendono la parola i massimi esperti in materia di mafie, tra giornalisti, magistrati, operatori sociali e testimoni di giustizia.[9][10][11][12][13]

Legalitlia in Primavera
Da aprile 2011 Legalitlia viene esteso anche alla Lombardia, dove il coordinamento locale di Ammazzateci Tutti coinvolge le scuole superiori di Busto Arsizio in numerose attivit di conoscenza e lotta del fenomeno mafioso, invitando illustri personalit del mondo dell'antimafia.[14][15][16]

Commemorazioni Giovanni Falcone


Ogni anno il 23 maggio in diverse regioni italiane Ammazzateci Tutti organizza momenti di riflessione sulla Strage di Capaci, in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani.[17][18][19][20]

Ammazzateci tutti

In memoria di Paolo Borsellino


Il 19 luglio di ogni anno, giorno dell'anniversario dalla scomparsa del magistrato siciliano Paolo Borsellino, Ammazzateci Tutti organizza a Lamezia Terme una commemorazione istituzionale per mantenere viva la memoria del magistrato siciliano e degli agenti di scorta che persero la vita nella Strage di Via D'Amelio.[21][22][23][24]

Legge Lazzati
Il Movimento tra i promotori del cosiddetto "progetto di legge Lazzati". Punto forte del provvedimento il divieto di propaganda elettorale a chi sottoposto misure di sorveglianza speciale. Il ddl impone, qualora accertato il compromesso stretto tra il mafioso ed il candidato eventualmente eletto, il decadimento immediato dalla carica elettiva di quest'ultimo. Il 24 marzo 2006 il Movimento convoca un'Assemblea pubblica a Palazzo Nieddu del Rio, a Locri, dove invita tutti i candidati alle Elezioni Politiche a sottoscrivere un patto d'onore per l'appoggio al Ddl in caso di elezione al Parlamento.[25] Oltre 50 candidati sottoscrivono questo impegno. Il ddl Lazzati diviene legge dello Stato il 6 ottobre 2010.[26]

Rete per la Calabria


L'11 novembre 2006 i ragazzi del Movimento sono tra i promotori ed i soci fondatori di una nuova organizzazione di associazioni, movimenti, espressioni del mondo delle cooperative, della Scuola, dell'Universit, della Chiesa e dell'imprenditoria, la Rete per la Calabria.[27]

"Mafie: consenso negato!"


Il 17 febbraio del 2007 Ammazzateci Tutti convoca ed auto-organizza a Reggio Calabria la manifestazione "Mafie: consenso negato", portando in piazza oltre 5.000 ragazzi provenienti da tutta Italia, assieme a numerosi familiari delle vittime di mafia.[28]

L'adesione di Sonia Alfano


Nel 2007 aderisce al movimento Sonia Alfano, figlia del giornalista Beppe Alfano, ucciso a Barcellona Pozzo di Gotto l'8 gennaio 1993. Sonia Alfano coordinatrice regionale di Ammazzateci Tutti in Sicilia e membro del coordinamento nazionale fino al marzo 2009, quando rimette il mandato optando per la carriera politica.[29]

Il caso De Magistris
Ammazzateci Tutti stato accanto all'ex pubblico ministero Luigi De Magistris, organizzando diverse manifestazioni e raccolte firme, in Calabria ed in tutta Italia, contro il trasferimento di quest'ultimo avanzato dal Ministro della Giustizia Clemente Mastella.[30][31][32] In seguito alla scelta di De Magistris di candidarsi alle Elezioni europee, Ammazzateci Tutti ha cessato di sostenere il magistrato.[33][34]

Ammazzateci Tutti e Wikileaks


Quando nel gennaio del 2011 Wikileaks pubblica i dispacci che i consoli americani spedivano alla Casa Bianca, se ne scopre uno riguardante le infiltrazione mafiose nel territorio italiano e l'attivit del movimento. Il dispaccio risale al 2008 ed del console americano J. Patrick Truhn, appena ritornato a Napoli dopo una visita delle regioni dell'Italia del Sud. Il suo rapporto severo e catastrofico nei confronti dell'Italia. Egli infatti afferma che "I politici non sono in grado di combattere la mafia. La criminalit organizzata , per il Sud Italia, uno dei pi grossi ostacoli alla crescita economica ed alla stabilit politica; nonostante questo i politici italiani, per varie ragioni, sono incapaci se non riluttanti a fronteggiarla in maniera valida. difficile visitare la Calabria e non diventare pessimisti". Ma nel suo rapporto trova spazio anche un barlume di speranza: "Persone come Gratteri e i nostri contatti in Ammazzateci Tutti ispirano la speranza che le persone oneste possano fare la differenza". evidente il riferimento al magistrato

Ammazzateci tutti Nicola Gratteri della DDA, e all'associazione stessa. noto che il console nel suo viaggio aveva incontrato Aldo Pecora che gli aveva illustrato il lavoro dell'associazione.[35]

Premi e riconoscimenti
Premio Internazionale "Joe Petrosino", assegnato nell'aprile 2007 ai ragazzi del Movimento dall'omonima associazione italo-americana.[36] Premio nazionale "Paolo Borsellino" 2009, conferito al presidente del Movimento Ammazzateci Tutti, Aldo Pecora, il 7 ottobre 2009.[37] Menzione speciale al Premio "Antonino Scopelliti" 2011, conferita al presidente del Movimento Ammazzateci Tutti, Aldo Pecora, il 9 agosto 2011 durante le celebrazioni ufficiali del Ventesimo anniversario dal delitto Scopelliti.[38] Tessera onoraria sindacato di Polizia SAP, conferita a Lia Staropoli, membro dell'Esecutivo nazionale, e a Rosanna Scopelliti, coordinatrice nazionale AT il 14 maggio 2012.[39] Premio nazionale "Rocco Chinnici" 2012, conferito ad Ammazzateci Tutti Lombardia e al suo coordinatore Massimo Brugnone il 19 maggio 2012.[40]

Musica
E adesso ammazzateci tutti, composta da Pino Barill e Alessandro Luvar, testo di Giovanni Pecora.[41]

Note
[1] http:/ / www. ammazzatecitutti. org/ [2] Rosanna Scopelliti si dimessa da coordinatrice di Ammazzateci Tutti: "rester come attivista" (http:/ / www. ammazzatecitutti. org/ editoriale/ rosanna-scopelliti-si-e-dimessa-da-coordinatrice-di-ammazzateci-tutti-restero-come-attivista. php) [3] I ragazzi di Locri contro il solito silenzio E ora tocca allo Stato (http:/ / archiviostorico. corriere. it/ 2005/ novembre/ 08/ ragazzi_Locri_contro_solito_silenzio_co_9_051108100. shtml) [4] Che cos' Ammazzateci tutti? (http:/ / www. ammazzatecitutti. org/ il-movimento. php) [5] Calabria, ucciso vicepresidente della Regione (http:/ / www. corriere. it/ Primo_Piano/ Cronache/ 2005/ 10_Ottobre/ 16/ locri. shtml) [6] Testimoni di giustizia: Pino Masciari (http:/ / www. ammazzatecitutti. org/ testimoni-di-giustizia-pino-masciari. php) [7] Rocco Mangiardi: Da quando ho denunciato ho riconquistato la libert. Gli studenti e il coordinamento lametino del movimento "Ammazzateci tutti" hanno organizzato un'assemblea di istituto con l'imprenditore che si ribellato al pizzo (http:/ / win. lameziaweb. biz/ new. asp?id=13779) [8] "Rocco Mangiardi: una questione di dignit e di libert". Stamattina alla scuola media "Pitagora" il convegno organizzato dal circolo lametino del movimento "Ammazzateci tutti" (http:/ / www. lameziaclick. com/ notizie/ notizielocali/ 18780-rocco-mangiardi-una-questione-di-dignita-e-di-liberta. html) [9] Legalitlia 2007: il primo meeting dei giovani antimafia (http:/ / invisibil. blogspot. it/ 2007/ 08/ legalitlia-2007-1-meeting-dei-giovani. html) [10] Legalitlia 2008: ancora insieme per provare a cambiare (http:/ / www. ammazzatecitutti. org/ focus/ legalitalia-2008-ancora-insieme-per-provare-a-cambiare. php) [11] Presentata ufficialmente la terza edizione di Legalitlia (http:/ / www. ammazzatecitutti. org/ news/ torna-legalitalia-. -vi-aspettiamo-a-reggio-calabria-il-9-e-10-agosto. php) [12] Anniversario Scopelliti: in mille a Reggio Calabria con Gratteri, Cucuzza e Scopelliti (http:/ / www. lavocedifiore. org/ SPIP/ article. php3?id_article=4937) [13] Legalitlia 2011. Serata conclusiva ieri a Reggio Calabria (http:/ / www. cn24. tv/ news/ 30323/ legalitalia-serata-conclusiva-ieri-a-reggio-calabria. html) [14] "Legalitlia in Primavera" a Busto Arsizio. Ammazzateci tutti invade la Lombardia (http:/ / www. ammazzatecitutti. org/ editoriale/ legalitalia-in-primavera-a-busto-arsizio. -ammazzateci-tutti-invade-la-lombardia. php) [15] Dalle vie di Busto si alza il grido "No alla mafia" - Legalitlia in primavera 2011 (http:/ / www3. varesenews. it/ lombardia/ articolo. php?id=201076) [16] Lantimafia del nord sfila nel varesotto: cinquemila in piazza per Legalitlia in primavera 2012 (http:/ / www. ilfattoquotidiano. it/ 2012/ 04/ 23/ lantimafia-nord-sfila-varesotto-cinquemila-piazza-legalitalia/ 206607/ ) [17] Reggio Calabria ricorda Giovanni Falcone (http:/ / www. youtube. com/ watch?v=sOjBmy9bSS0) [18] Lamezia: Ammazzateci Tutti ricorda Strage Capaci a scuola media Pietro Ardito (http:/ / www. lametino. it/ Cultura/ lamezia-ammazzateci-tutti-ricorda-strage-capaci-a-scuola-media-pietro-ardito. html)

Ammazzateci tutti
[19] Copertina del TGR Calabria del 19 Marzo 2012 dedicata ad iniziativa su Falcone organizzata da Ammazzateci tutti Lamezia Terme (http:/ / www. rai. tv/ dl/ RaiTV/ programmi/ media/ ContentItem-b0d81da2-41a6-48be-9383-d60ae0aeea9f-tgr. html#p=0) [20] All'Itc Tosi rivive il ricordo di Falcone e dei tanti eroi dell'antimafia (http:/ / www3. varesenews. it/ scuola/ articolo. php?id=234836) [21] Ammazzateci Tutti a Lamezia Terme il 19 luglio nel nome di Borsellino (http:/ / www. ammazzatecitutti. org/ editoriale/ ammazzateci-tutti-a-lamezia-terme-nel-nome-di-borsellino. php) [22] I giovani lametini e la battaglia per la legalit seguendo il modello di Falcone e Borsellino (http:/ / www. lameziaclick. com/ cultura-e-spettacolo/ convegni-2010/ 05277-i-giovani-lametini-e-la-battaglia-per-la-legalita-seguendo-il-modello-di-falcone-e-borsellino. html) [23] Lamezia, movimento Ammazzateci Tutti ricorda il giudice Borsellino in piazzetta San Domenico (http:/ / www. lametino. it/ Ultimora/ lamezia-movimento-ammazzateci-tutti-ricorda-il-giudice-borsellino-in-piazzetta-san-domenico. html) [24] Vent'anni dopo ricordato Borsellino a Lamezia (http:/ / www. lameziaclick. com/ lamezia/ lamezia/ 0019480-ricordato-a-lamezia-paolo-borsellino) [25] "Un patto etico per la Legalit" (http:/ / www. ammazzatecitutti. org/ archivio. php) [26] IL DDL LAZZATI LEGGE. FESTEGGIA LA LEGALITA' (http:/ / www. spinningpolitics. it/ index. php?option=com_k2& view=item& id=33:il-ddl-lazzati-e-legge-festeggia-la-legalita& Itemid=15) [27] Il Manifesto dintenti della Rete per la Calabria (http:/ / perlacalabria. wordpress. com/ manifesto/ ) [28] RAI UNO - La vita in diretta - Mafie: consenso negato (http:/ / www. youtube. com/ watch?v=Brz9NI7hUdg) [29] Ammazzateci Tutti e Sonia Alfano (http:/ / www. ammazzatecitutti. org/ il-movimento. php) [30] "Ecco perch vogliono allontanare Luigi De Magistris". Articolo di Aldo Pecora su ammazzatecitutti.org (http:/ / www. ammazzatecitutti. org/ focus/ ecco-perch-vogliono-allontanare-luigi-de-magistris-dalla-calabria. php) [31] "De Magistris day" organizzato da Ammazzateci Tutti a Catanzaro (http:/ / www. youtube. com/ watch?v=95HA4Lu6TEw) [32] Sit-in Pro-De Magistris organizzato da Ammazzateci Tutti - Roma, 8 ottobre 2007 (http:/ / www. youtube. com/ watch?v=ZJkM7uCTQNQ) [33] "A proposito di De Magistris candidato", dal blog del presidente di Ammazzateci Tutti Aldo Pecora (http:/ / www. aldopecora. it/ a-proposito-di-de-magistris-candidato/ 77) [34] Luigi De Magistris risponde ad Aldo Pecora (http:/ / www. aldopecora. it/ a-proposito-di-de-magistris-candidato/ 77) [35] La speranza contro la mafia? Ammazzateci Tutti (http:/ / www3. varesenews. it/ italia/ articolo. php?id=212444) [36] Premio Joe Petrosino 2007 (http:/ / tureporter. ning. com/ profiles/ blogs/ premio-joe-petrosino-2009) [37] 15 premio Paolo Borsellino ad Aldo Pecora (http:/ / www. youtube. com/ watch?v=vKvZeQ2jpQg) [38] Menzione speciale al 3 Premio Antonino Scopelliti per il leader di "Ammazzateci Tutti" Aldo Pecora (http:/ / www. michelecucuzza. com/ documenti/ stampa/ gsud_11_8. pdf) [39] Aosta: poliziotti del SAP conferiscono tessera onoraria a Lia Staropoli del movimento antimafia Ammazzateci tutti (http:/ / www. strill. it/ index. php?option=com_content& view=article& catid=1:ultime& id=130891:aosta-poliziotti-del-sap-conferiscono-tessera-onoraria-a-lia-staropoli-del-movimento-antimafia-ammazzateci-tutti& Itemid=86) [40] Il premio Chinnici ad Ammazzateci Tutti Lombardia (http:/ / www3. varesenews. it/ busto/ articolo. php?id=234686) [41] "E adesso ammazzateci tutti" di Pino Barill (http:/ / www. antiwarsongs. org/ canzone. php?id=8862& lang=it)

Bibliografia
Ruggero Pegna, La pecora pazza... E adesso, legateci tutti, Rubbettino, 2006. Aldo Pecora, Primo sangue, Rizzoli BUR, 2010.

Voci correlate
'Ndrangheta Antonino Scopelliti Fondazione Scopelliti Movimento antimafia

Ammazzateci tutti

Collegamenti esterni
Sito ufficiale (http://www.ammazzatecitutti.org) "Legalitlia" - Sito ufficiale (http://www.legalitalia.org) Facebook - pagina ufficiale (http://www.facebook.com/antimafia)
Portale Calabria Portale Italia Portale Sociologia

Beatnik
La parola beatnik stata inventata dal giornalista Herb Caen, del San Francisco Chronicle, in un suo articolo del 2 aprile 1958[1], come termine denigratorio per riferirsi ai beats, ovvero ai membri della Beat Generation[2], come unione di parole con il satellite sovietico Sputnik, per sottolineare sia la distanza dei beat dalla societ statunitense corrente, sia il fatto che erano vicini alle idee comuniste, in un'epoca in cui gli Stati Uniti vivevano un profondo sentimento di anticomunismo e una paranoica paura rossa durante il periodo maccartista della guerra fredda. Gli appartenenti a questo gruppo beatnik hanno messo in discussione i canoni tradizionali di "rispettabilit", ribellandosi al conformismo alienante della societ dei consumi, al segregazionismo e alla disperazione del proletariato bianco agricolo[3], cercando alternative di vita nelle droghe, che avrebbero dovuto dare un approfondimento della consapevolezza interiore e nell'"attivit sessuale" che avrebbe avuto una forza catartica di liberazione[4], la rivoluzione sessuale, seconda la teoria della funzione dell'orgasmo di Wilhelm Reich[5].

La spiritualit beat
Nell'idea di Jack Kerouac, che coni il termine beat, esso aveva una connotazione positiva, in senso spirituale connesso al termine beatitudine ma che significa anche rottura. A partire dal 1958, il termine beat stato usato per definire quel particolare movimento letterario ed artistico "anti-materialista", dedito alla spiritualit. Molti artisti beat divennero, infatti, devoti a movimenti religiosi e filosofie orientali, quali il taoismo ed il Buddhismo Zen[6].

Note
[1] How Herb Caen named a generation (http:/ / www. sfgate. com/ cgi-bin/ article. cgi?f=/ c/ a/ 1995/ 11/ 26/ PK72111. DTL), San Francisco Gate, Entertainment, 26 November 1995. [2] Drive, He Wrote. What the Beats were about. (http:/ / www. newyorker. com/ arts/ critics/ atlarge/ 2007/ 10/ 01/ 071001crat_atlarge_menand), New Yorker, Critics, 1 ottobre 2007. [3] Un Beatnik al Metropolitan di New York (http:/ / route66. corriere. it/ 2009/ 09/ una_leggenda_al_metropolitan_d. html), Corriere della sera, Route 66, 19 settembre 2009. [4] Il messaggio dei Beatniks (http:/ / www. minimumfax. com/ upload/ files/ filigrana/ assaggio_08_beats& bites. pdf), Italo Calvino [5] Beatnik in pensione (http:/ / temi. repubblica. it/ espresso-il68/ 1966/ 10/ 09/ beatnik-in-pensione/ ?h=0), A colloquio con Jack Kerouac, Alberto Arbasino, 9 ottobre 1966 [6] La contestazione giovanile negli anni '60:un fenomeno mondiale (http:/ / www. linguaggioglobale. com/ fattidavoi/ articoli/ disagio/ 1. htm), Raffaele Caiazza.

Beatnik

Bibliografia
Beat Generation: cultura e letteratura (http://www.laterzalibropiuinternet.it/download/santagata/ santagata049.pdf), Santagata, Carotti, Casadei, Tavoni, Laterza, 2010. La rivoluzione sessuale (1930-1934), trad. Vittorio Di Giuro, Feltrinelli, Milano, 1963 ISBN 88-07-80440-9 (trad. Enrica Albites-Coen e Roberto Massari, Emme emme, Roma, 1992 ISBN 88-85378-35-8)

Voci correlate
William Burroughs Contestazione Beat Generation Hippie Jack Kerouac Allen Ginsberg Neal Cassady Tom Waits Gregory Corso Fernanda Pivano Lawrence Ferlinghetti Jubus San Francisco North Beach City Lights Bookstore

Black bloc
Con il termine inglese Black Bloc (Blocco Nero in italiano o Schwarzer Block in tedesco) si definisce una tattica che ha dato il nome a un gruppo di individui, prevalentemente di stampo anarchico, dediti ad azioni di protesta spesso caratterizzate da atti vandalici, disordini e scontri con le forze dell'ordine. L'etimologia del termine deriva dall'unione delle parole inglesi bloc (che indica una massa compatta di persone, a differenza di block che indica un blocco solido di materia inanimata o l'atto del bloccare) e black (che indica il colore nero, in questo caso "vestite di nero").

Ideologia
Schwarzer Block in un corteo di protesta ad

I gruppi di Black Bloc raccolgono principalmente anarchici e Amburgo nel 2007 movimenti a essi affini (anti-capitalisti e no-global) che si organizzano insieme per una particolare azione di protesta. Lo scopo pu variare da azione ad azione, ma gli obiettivi principali sono quelli di manifestare il proprio dissenso di fronte ad uno stato di polizia repressivo e di mettere in atto e trasmettere una critica di stampo anarchico.[1]

Black bloc

Origini
Il termine Schwarzer Block nasce all'inizio degli anni ottanta in Germania. Venne infatti utilizzato per la prima volta dalla polizia tedesca per identificare gli Autonomen (simili agli italiani Autonomi, appartenenti all'area della sinistra extraparlamentare, seppur con un sostanziale distinguo sull'uso della tattica violenta[2]) i quali, durante le manifestazioni e i cortei anti-nucleare e pro Rote Armee Fraktion, erano soliti indossare abiti e maschere nere. Tale strategia veniva utilizzata allo scopo di far apparire i manifestanti una massa compatta e ben identificabile, sia per apparire numericamente superiori sia per Black Bloc il 12 Aprile 2003 a Washington DC attirare la solidariet e l'aiuto di altri gruppi ideologicamente omogenei all'interno delle manifestazioni. Le maschere e i caschi hanno la funzione di proteggere i membri del gruppo e allo stesso tempo impedire l'identificazione degli stessi da parte delle forze dell'ordine. Il nome venne poi ripreso negli Stati Uniti d'America durante le manifestazioni contro il Pentagono (1988) e durante le proteste contro la prima guerra del Golfo (1991), diventando Black Bloc. Altre apparizioni significative dei Black Bloc furono a Seattle (30 novembre-4 dicembre 1999) durante le manifestazioni contro la Conferenza ministeriale del WTO, a Praga (26-28 settembre 1999) quando la citt fu messa sotto assedio durante la riunione del Fondo Monetario Internazionale e della Banca mondiale, a Genova (20 luglio Black Bloc in una protesta anti-UE 2001) durante il vertice del G8, a Qubec (20 aprile 2007) contro il vertice delle Americhe quando con alcune catapulte vennero distrutte le reti metalliche poste a protezione del vertice e definite dai manifestanti il muro della vergogna e infine a Goteborg (14-15 giugno scorso) contro il Consiglio Europeo della UE.[3]

Formazione del gruppo


I black bloc hanno solitamente almeno un gruppo iniziale che si organizza e si coordina per iniziare l'azione. Successivamente altri soggetti si uniscono spontaneamente al gruppo, per perseguire un obiettivo comune o per il desiderio di protestare in maniera pi attiva. Dove il fenomeno del black bloc pi consistente (specialmente in Germania e negli Stati Uniti) l'aggregazione dei militanti avviene con modalit pi articolate e omogenee; in particolare l'identificazione dell'abbigliamento permette il formarsi di gruppi anche molto nutriti che sanno gi di riconoscersi in posizioni politiche comuni. All'interno di una protesta si possono formare diversi blocchi neri con differenti obiettivi e tattiche. Si sono anche riscontrati casi (ad esempio al G8 di Genova nel 2001[4] e in Qubec nel 2007) in cui le stesse forze dell'ordine si sono infiltrate tra i Black Bloc.[5]

Black bloc

Azioni tipiche
Le azioni tipiche di un black bloc sono: marciare in blocco allo scopo di creare un forte effetto visivo a sostegno della protesta intrapresa; cercare lo scontro diretto con le forze dell'ordine; costruire barricate; uso sistematico del vandalismo e della distruzione di simboli del capitalismo allo scopo di attirare l'attenzione sui loro obiettivi; deviare dai percorsi imposti dalle autorit ai cortei autorizzati, distraendo e ingannando le forze dell'ordine circa i propri movimenti; liberare individui tratti in fermo dalle forze dell'ordine; La distruzione della propriet talvolta effettuata dai blocchi neri ha una valenza simbolica. Gli obiettivi comuni includono le costruzioni istituzionali, le banche, i negozi in franchising di societ multinazionali, le stazioni di benzina e gli apparati di videosorveglianza. Un esempio di questa attivit la distruzione delle vetrine a Seattle nel 1999 o il vandalismo contro le banche a Genova nel 2001.

Un Black Bloc a Washington DC con una maschera antigas

In Italia
Per approfondire, vedi G8 di Genova.

Il termine black bloc in Italia era poco conosciuto prima dei fatti del G8 di Genova dell'estate 2001. In quella occasione il termine stato ampiamente utilizzato dai mezzi di informazione che fornivano notizie sullo svolgersi delle manifestazioni e degli scontri, anche se difficile valutare la reale provenienza e il livello di organizzazione dei gruppi che furono cos denominati. Dopo le proteste ci sono state indagini giudiziarie e interventi contro questi gruppi. Tuttavia, considerato che si tratta di fenomeni spontanei non riconducibili a un associazionismo preciso, le azioni si sono concluse con contestazioni limitate ai singoli membri responsabili di un qualche atto illegale specifico (come la distruzione delle vetrine, la resistenza a pubblico ufficiale o reati simili). il caso di Publixtheatre Caravan, un gruppo di venticinque artisti arrestati per un mese dopo l'evento.[6] Il 15 ottobre 2011 il mondo giornalistico ha parlato di oltre 500 "black bloc" riguardo ai protagonisti degli scontri verificatisi durante il corteo degli Indignados a Roma. A essere presi di mira sono stati soprattutto i simboli del capitalismo, quali banche e auto di lusso.[7] [8]

Black bloc

10

Note
[1] Blackbloc Faq | Infoshop.org - Anarchist news and information (http:/ / www. infoshop. org/ page/ Blackbloc-Faq) [2] German autonomen: morality police Louis Proyect: The Unrepentant Marxist (http:/ / louisproyect. wordpress. com/ 2011/ 12/ 06/ german-autonomen-morality-police/ ) [3] Storia dei Black Bloc (http:/ / digilander. libero. it/ anarkkia/ Pagina Black Block (1). htm) [4] Strana violenza: se il potere ha paura, scatena i black bloc | LIBRE (http:/ / www. libreidee. org/ 2012/ 03/ strana-violenza-se-il-potere-ha-paura-scatena-i-black-bloc/ ) [5] Manifestazione in Qubec, agosto 2007 (http:/ / www. cbc. ca/ canada/ story/ 2007/ 08/ 23/ police-montebello. html) [6] PublixTheatre Caravan Released; Dozens Still in Genoa Jails (http:/ / www. indybay. org/ newsitems/ 2001/ 08/ 27/ 3782. php) [7] Black bloc in azione, 5 ore di guerriglia. Cento feriti negli scontri: tre sono gravi (http:/ / roma. corriere. it/ roma/ notizie/ cronaca/ 11_ottobre_15/ corteo-indignati-roma-1901831375928. shtml). Corriere della Sera, 15 ottobre 2011. [8] Indignati, 12 arresti e 8 denunce: tra loro 6 minorenni e 2 donne (http:/ / roma. corriere. it/ roma/ notizie/ cronaca/ 11_ottobre_16/ indagini-polizia-blackbloc-1901838843449. shtml). Corriere della Sera, 16 ottobre 2011.

Bibliografia
Io sono un black bloc - Poesia pratica della sovversione, Roma, Derive Approdi, 2002. ISBN 88-87423-62-8

Voci correlate
Anarcho punk Anarco-insurrezionalismo Anarcopacifismo Anticapitalismo Antifascismo Disobbedienza civile DIY Fatti del G8 di Genova Movimento anti-nucleare Movimento no-global Resistenza senza leader Scontri di Seattle per la conferenza OMC del 1999 Zengakuren Zone temporaneamente autonome

Altri progetti
Commons (http://commons.wikimedia.org/wiki/Pagina_principale?uselang=it) contiene immagini o altri file su Black bloc (http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Black_bloc?uselang=it)

Collegamenti esterni
Breve ricostruzione sui fatti di Genova e interviste ai black bloc (http://www.misteriditalia.it/genova/ black-bloc/)
Portale Anarchia Portale Politica

Black Metal Inner Circle

11

Black Metal Inner Circle


Prima di tutto il cosiddetto Black Circle era qualcosa creato da Euronymous per far credere alla gente che ci fosse qualcosa, ma era una fandonia e non mai esistito. Dall'altra parte i media credettero alla sua esistenza per un attimo, ma [1] velocemente smisero di parlarne quando capirono che era una voce falsa. (Varg Vikernes)

Black Metal Inner Circle (in inglese: circolo interno del black metal) il nome con il quale viene identificato un gruppo di persone che, si crede, abbia formato una presunta organizzazione criminale di matrice anti-cristiana[2] nata in Norvegia, di cui facevano parte vari musicisti della scena black metal scandinava. Comunemente viene chiamato Inner Circle; altri nomi dati sono Black Circle e Svarte Sirkel (entrambi significano circolo nero, rispettivamente in lingue inglese e norvegese), mentre alcune testate giornalistiche usarono il nome Black Metal Mafia per identificare il gruppo. L'Inner Circle Graffito presente nel seminterrato del negozio di Euronymous, nota per numerosi crimini ai danni di luoghi cristiani, Helvete, risalente al 1991. intimidazioni nei confronti di altri gruppi musicali e alcuni omicidi, che sconvolsero la Scandinavia (nella fattispecie, la Norvegia) durante i primi anni novanta. Gli ideali del gruppo si rifacevano a una confusa commistione di idee riferite a satanismo, isolazionismo, paganesimo norreno e superiorit razziale. La componente satanica, che era l'ideologia predominante (probabilmente perch pi "teatrale") non era certo ispirata a quella di Anton LaVey (che Euronymous, chitarrista e fondatore dei Mayhem apertamente disprezzava[3]), ma era improntata a un satanismo di tipo vendicativo e revanscista.

Le Origini
L'origine dell'Inner circle risale a quando Euronymous apr un negozio di dischi chiamato Helvete ("Inferno", in norvegese), agli inizi degli anni novanta a Oslo. Lo spazio affittato al fine di avviare la sua attivit era per largamente sovradimensionato quindi si decise di usare i locali in eccesso per svolgere "feste" sanguinarie e al limite del delirante[4]. I frequentatori di questi raduni, tutti poco pi che adolescenti, si definivano appartenenti ad un "Inner Circle", ed erano colpiti dal carisma di Euronymous, definito da molti un abile oratore, che era venerato come nuovo messia delle forze del male. In poco tempo, il movimento raggiunse un cospicuo numero di frequentatori, molti dei quali suonavano in altri gruppi black metal, come Emperor, Dissection e Darkthrone. Oltre a Euronymous tra i membri pi rappresentativi figuravano Brd Faust e Samoth degli Emperor, Jrn degli Hades, Varg Vikernes di Burzum. Quest'ultimo si fece notare subito: il ragazzo ammirava molto Euronymous e la sua incredibile determinazione nel compiere vandalismi lo fece diventare a breve uno dei maggiori (se non il principale) responsabili dei crimini commessi dal gruppo.

Black Metal Inner Circle

12

I Crimini
Incendi di chiese
Intorno al 1992, 52 chiese vennero bruciate[5], furono presi di mira numerosi cimiteri, ove pi di 15 000 tombe vennero profanate e imbrattate con simbologie sataniste. I proventi di simili atti (arredi sacri e croci ad esempio) venivano a volte portati come trofei per addobbare l'Helvete. Autori di tali gesti furono principalmente Vikernes, Faust, Samoth ed alcuni membri di gruppi minori, quali Hades, Einherjer e Ildjarn[6]. Tra le strutture religiose distrutte una tra le pi note fu la medievale stavkirke di Fantoft nei pressi di Bergen, che venne data alle fiamme il 6 giugno del 1992 da Varg Vikernes; una foto di ci che rimase della struttura (le travi portanti) divent la copertina di Aske, EP di Burzum. Tale atto, gi di per s grave, nei progetti doveva essere ben peggiore: gli appartenenti all'Inner circle avrebbero voluto sacrificare qualcuno dentro la chiesa prima di appiccare il fuoco ma poi l'idea venne accantonata, probabilmente per la mancanza di passanti vista la tarda ora; il sangue comunque non manc: venne scelto come surrogato un coniglio[7]. Un altro rogo famoso fu quello che interess la cappella di Holmenkollen, ossia, la chiesa dei Reali di Norvegia. Oltre a questi gesti piromani ben presto l'Inner circle si trov indirettamente responsabile di una morte: a Sarpsborg, infatti, lo spegnimento di un incendio cost la vita a un pompiere. Fu segnalato qualche incendio anche nella vicina Svezia, dietro al quale si sospett esserci la mano di It degli Abruptum ma le accuse non vennero mai provate.

Scontri con altri gruppi


Nel mirino dell'Inner Circle finirono anche gruppi heavy metal, considerati "incoerenti" e succubi delle mode musicali. Nel luglio 1992, Maria, una ragazza diciottenne militante nell'Inner Circle, cosparse di acetone la porta d'ingresso e le finestre della casa di Christofer Johnsson, il leader dei Therion, e poi ne incendi l'abitazione (anche se Vikernes sostenne di aver compiuto lui stesso questo atto)[8]. Prima di allontanarsi Maria piant un grosso coltello sulla porta d'ingresso insieme a un messaggio: "Il Conte stato qui e ritorner". Johnsson e la sua famiglia riuscirono a salvarsi fuggendo dall'abitazione in fiamme e le indagini dopo poco portarono all'arresto di Maria, che venne poi ricoverata in un ospedale psichiatrico. Dai suoi diari si risal velocemente a Varg Vikernes descritto come il "Conte" (a quei tempi usava infatti lo pseudonimo Count Grishnackh); quattro giorni dopo l'incendio, Johnsson ricevette una presunta missiva di Vikernes:
Salve, vittime! Sono il Conte Grishnackh dei Burzum. Sono appena tornato da un viaggetto in Svezia, pi precisamente in un posto a nord-ovest di Stoccolma e penso di aver perso un fiammifero e un disco firmato Burzum, ha ha! Ritorner molto presto e forse, questa volta, non vi sveglierete nel mezzo della notte. Vi dar una lezione di paura. Siamo davvero molto pazzi, i nostri metodi sono la morte e la tortura. Le nostre vittime moriranno lentamente, devono morire lentamente.

Altre azioni minatorie ebbero come bersaglio gruppi come Paradise Lost e Deicide. Per quanto riguarda i primi, i risultati furono la distruzione del loro autobus preso a sassate da una folla invasata di ragazzini durante il loro tour a Oslo, mentre i secondi vennero disturbati durante il loro tour europeo nel 1992. Durante una performance live al "Fryshuset" di Stoccolma, una bomba scoppi durante l'esibizione dei Therion ma si scopr che il bersaglio erano i Deicide, in quanto doveva detonare durante la loro performance.[9]. Ci fu tuttavia solo qualche ferito non grave. I Deicide furono minacciati anche durante la tappa di Manchester con i Gorefest di supporto, un soggetto non identificato lanci una finta bomba sul palco, creando scompiglio e panico, ma fu solo un falso allarme. Certi ritengono che questi attentati furono architettati da alcuni animalisti ostili nei confronti della band, per via delle loro dichiarazioni e dei loro testi sul sacrificio di animali. Glen Benton, invece, ritiene che sia stata opera dei fanatici del black metal.

Black Metal Inner Circle

13

Le Morti
In aggiunta agli incendi e alle aggressioni, una funebre serie di avvenimenti ebbe inizio nel 1991: in questa data, infatti, il cantante dei Mayhem, Dead, si suicid in circostanze ambigue che Euronymous sfrutt abilmente per insinuare il sospetto che fosse stato assassinato da lui stesso; va da s che era soltanto una trovata pubblicitaria in quanto Aarseth non venne mai incriminato. Venne inoltre messa in giro la diceria che alcune parti del cervello e del cranio del cadavere furono sottratte e conservate o mangiate da Euronymous, dagli Abruptum e persino da alcuni elementi dei Marduk; simili voci non sono mai state confermate. Alcuni appartenenti all'Inner circle si macchiarono anche di efferati omicidi: nell'agosto 1992, Bard Faust venne adescato da un omosessuale, Rhys Adamec, mentre camminava nell'Olimpic Park di Lillehammer. Fingendo di assecondarlo, Faust cedette alle sue lusinghe, lo segu nel bosco e lo uccise a coltellate; dopo di che, come se non fosse successo nulla, torn a casa, si fece una doccia e and a dormire. Venne arrestato un anno dopo e condannato a quattordici anni di carcere. L'episodio centrale, che fu assieme il culmine e la fine di questo fenomeno, fu l'omicidio del leader del movimento, Euronymous, ucciso a coltellate nella sua abitazione per mano di Varg Vikernes. Il movente di questo delitto ha dato luogo a varie ipotesi: Varg Vikernes era geloso del ruolo che Euronymous ricopriva all'interno dell'Inner Circle. Varg Vikernes era invaghito della fidanzata di Euronymous. Euronymous doveva a Vikernes 36 000 corone norvegesi (ai tempi circa 5000 $) che quest'ultimo aveva anticipato per la registrazione di Burzum. Questioni politico-religiose: la vittima aveva idee filo-comuniste e non celava le sue dottrine sataniste, mentre il suo carnefice seguiva ideologie nazionaliste e credeva nella religione pagana. Varg Vikernes comp questo gesto secondo una sua particolare concezione di legittima difesa, ritenendo che Euronymous volesse ucciderlo, cosa che effettivamente aveva detto in giro di volere fare. Le prime tre ipotesi, soprattutto la prima e la seconda[10], vennero bollate da Vikernes come ridicole, egli infatti ha sempre addotto come giustificazione il fatto di essersi solo difeso Rapidamente arrestato, gli fu comminata una condanna a ventun anni per omicidio di primo grado, detenzione illegale di armi ed esplosivi e per aver dato fuoco a tre chiese. Durante le indagini la polizia interrog tutti gli appartenenti all'Inner Circle ottenendo anche informazioni sui crimini perpetrati in passato, in questo modo l'"organizzazione" (se cos si pu chiamarla) croll come un castello di carte portando alla condanna tra l'altro di Bard Faust (per omicidio), Snorre W. Ruch (complicit nell'omicidio di Euronymous) e Samoth (incendio). Nonostante il pesante giro di vite delle autorit i misfatti non cessarono del tutto; per esempio il giorno della pronuncia della sentenza andarono a fuoco due chiese e pi di un mese dopo la stessa sorte tocc ad un'altra[11]. Un altro fatto di sangue venne compiuto da Jon Nodveidt (leader degli svedesi Dissection) e il suo amico Vlad, ancora una volta ai danni di un omosessuale: nel luglio 1997, mentre i due facevano ritorno a casa dopo aver assunto anfetamine, uccisero Josef Ben Meddaour, un algerino di 38 anni. Inizialmente le forze dell'ordine credevano che l'assassino fosse l'ex compagno della vittima ma nel dicembre 1997 scoprirono i veri responsabili. Vlad venne arrestato dopo la confessione della ragazza alla quale aveva raccontato l'accaduto: questa, dopo essere stata picchiata, corse dalla polizia a denunciarlo per entrambi i reati e nel luglio 1998, i due assassini furono condannati a 10 anni di carcere; Vlad ebbe uno sconto della pena avendo meno di 21 anni e Jon venne incriminato solo per concorso in omicidio.

Black Metal Inner Circle

14

Note
[1] Varg Vikernes nega l'esistenza del Black Metal Inner Circle (http:/ / www. burzum. org/ eng/ library/ lucifer_rising_review. shtml) [2] Vedasi a proposito la recensione dell'album De Mysteriis Dom. Sathanas dei Mayhem su www.shapelesszine.com (http:/ / www. shapelesszine. com/ recealbum/ mayhem-demysteriisdomsathanas. htm) [3] http:/ / www. fmp666. com/ moonlight/ mayhem. html [4] Vedasi a proposito la recensione dell'EP Aske dei Burzum su http:/ / www. shapelesszine. com [5] Recensione di "Satan Rides the Media", documentario sulla scena black metal scandinava dei primi anni novanta (http:/ / home. no/ metalra/ reviews/ videos/ satan_rides_the_media. html) [6] Recensione Burzum - Filosofem - Metallized.it (http:/ / www. metallized. it/ recensione. php?id=3216) [7] Vedasi http:/ / www. metal. it/ guide. aspx/ 23/ [8] Intervista a Varg Vikernes su www.drivemagazine.net (http:/ / www. drivemagazine. net/ burzum. html) [9] Biografia dei Deicide su www.rockdetector.com (http:/ / www. rockdetector. com/ officialbio,2405. sm) [10] Versione di Varg Vikernes sull'omicidio: http:/ / filosofem. altervista. org/ bio. htm [11] Vedasi a proposito la recensione dell'album Det som engang var dei Burzum su http:/ / www. shapelesszine. com

Voci correlate
Euronymous Varg Vikernes Mayhem Burzum Lgions Noires
Portale Metal Portale Sociologia

Casual (sottocultura)
Il casual una sottocultura nata all'inizio degli anni ottanta nel Regno Unito. La genesi del movimento va ricercata nelle terrace, ovvero le gradinate degli stadi inglesi, frequentate da gruppi di ragazzi facinorosi (hooligan) che cercavano il contatto con gli avversari e con la polizia: questi gruppi erano formati in prevalenza da skinhead e hard mod. A causa dell'appariscenza del vestiario skinhead per, questi gruppi venivano sempre pi facilmente localizzati dalla polizia e quindi repressi. Nacque cos l'esigenza di adottare un look che avesse un basso profilo e non presentasse nessun riferimento alla propria squadra, in modo da facilitare il tentativo di non esser notati nella folla dei tifosi pacifici e differenziarsi dagli hooligan.

Prima ondata
Il movimento, secondo la maggioranza degli osservatori, prese il via nel nord dell'Inghilterra e precisamente a Liverpool (ma non solo, si veda ad esempio i Perry boys di Manchester). La prova pi evidente consta nella grande influenza che gli scouser (il soprannome dato agli abitanti di Liverpool) ebbero nel look dei primi casual: Fila, Sergio Tacchini, Ellesse, Lacoste,tutte marche che i tifosi del Liverpool portarono in patria dalle loro frequenti trasferte in Italia e Francia. Intanto il fenomeno casual da semplice modo di vestire divent una vera e propria sottocultura, dominata da due elementi principali: il vestirsi in stile e l'azione allo stadio (chiaramente vi erano anche altri elementi, come l'abuso di alcool e l'ascolto di musica skinhead). Proprio riguardo l'abbigliamento una caratteristica dei casual eredit fu quella di cambiare sempre marche di abbigliamento, pur rimanendo chiaramente all'interno dello stile: nel corso degli anni si sono avvicendate decine di marche preferite come ad esempio Henry Lloyd, Berghaus, Three Stroke, Lyle and Scott e Hooley's anche se nell'immaginario collettivo la sottocultura casual rimane legata al "quadrettato" della Burberry e dell'Aquascutum e ai capi della Stone Island e C.P. Company. Altra scelta d'abbigliamento propria della sottocultura Casual sono le scarpe assolutamente

Casual (sottocultura) bianche prima e variopinti modelli di Adidas poi, su tutti Trimm Trab, Forest Hills e l'ormai famosa City Series. La prima ondata casual si esaur alla fine degli anni'80, con l'avvento della rave scene e dello sballo causato dall'ecstasy.

15

Ondate successive
La seconda ondata casual inizi nei primi anni '90 diffondendosi in tutta Europa, in nazioni come Francia, Paesi Bassi, Belgio, Germania (anche se in quest'ultimo paese si diffuse maggiormanete lo stile hooligan, che differisce dal casual soprattutto per la scarsissima importanza data al vestire). La terza ondata casual part sul finire degli anni '90 e and a prendere piede in quei paesi del sud Europa fino ad allora interessati solo dal fenomeno ultras (salvo rare eccezioni, come ad esempio la tifoseria del Chieti e dell'Hellas Verona ): Italia, Spagna, Grecia, Serbia e Croazia. Ad oggi in questi ultimi paesi si assiste a uno strano connubio tra le sottoculture ultras e casual: molti gruppi pur mantenendo gli striscioni, uno dei simboli del movimento ultras, adottano un look e un modo di agire propriamente casual, come evitare la scorta e usare i mezzi propri per recarsi in trasferta.

Casual in Italia
Il casual si diffuse nelle curve italiane a cavallo tra la fine degli anni '90 e gli inizi del nuovo millennio (a parte la gi citata eccezione riguardante la tifoseria veronese e del Chieti che si pu inquadrare nella seconda ondata casual). I principali centri di sviluppo furono ovviamente le grandi citt, Roma e Milano in testa, seguite da Genova, Firenze e Torino e dall'area del Triveneto. Si propag poi al Sud con Napoli in testa. Ultimamente il fenomeno casual dilagato in tutta la realt calcistica italiana, e gruppi d'ispirazione casual si possono trovare in tutta la penisola e nelle isole, anche se sono soprattutto presenti nella parte Nord del paese.

Voci correlate
Ultras Hooligan Skinhead Hard mod Mod Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio

Clubber

16

Clubber
Detti anche "smile" o "clubgoers" (nel Regno Unito) o in italia semplicemente "discotecari", il termine clubber identifica i frequentatori assidui di club, rave e jam. Il termine esiste in realt dagli anni settanta ma la categoria di persone soggetta antecedente, e si pu parlare di "clubbers" a partire dai primi anni ottanta, con il movimento della musica new wave ed hip hop. Oltre ad essere appassionati della musica dei club (Dance, hip hop, pop e altro) i clubbers hanno la caratteristica di vestire solitamente in "street style": moda fatta propria dalla met degli anni 80. Negli anni ottanta i modelli d'ispirazione nell'abbigliamento erano Michael Jackson e Madonna ma negli anni novanta lo street style and di moda anche tra gli adolescenti grazie agli stilisti D&G. Oggi con la selezione che viene fatta in molte discoteche l'abbigliamento street style non sempre apprezzato dai proprietari dei locali quindi spesso i discotecari preferiscono vestire in maniera pi o meno elegante senza presentarsi n in uno stile troppo classico (giacca e cravatta) n troppo sportivo o tendende alla cultura hip hop e punk. In italia vi un Portale dedicato ai Clubbers. Il termine Clubber in slang si pu scrivere "Clubbr" Portale Italiano Clubbers [1]

Note
[1] http:/ / www. Clubbr. it

Cultura giovanile
Le culture giovanili sono i modi che una parte minoritaria di giovani e adolescenti sceglie per differenziarsi dalla cultura generale della societ in cui vivono. Per questo motivo, in sociologia e antropologia tali atteggiamenti vengono definiti subculture.

Le radici vittimistiche
Le culture giovanili si sono imposte della seconda parte del XX secolo, successivamente alla Seconda guerra mondiale. Eric Gans ha mostrato come la cultura postbellica o postmoderna sia una cultura in cui le vittime sono privilegiate in quanto tali. Questo all'origine dell'affermazione di gruppi umani come vittime di questo o di quello, ricevendo cos consenso sociale e valorizzazione. Nella cultura post-bellica lo stigma di vittima, in buon sostanza, conferisce valore e significato. Il fenomeno pi vistoso del dopoguerra l'emergere della cultura giovanile come dominante nella societ: essa nasce da una identificazione dei giovani occidentali con i gruppi individuati come vittime, anzitutto con i neri d'America, dapprima nella musica jazz, poi in quella rock, infine in quella hip hop. per interessante notare come questo atteggiamento, che dovrebbe essere riportato alla reazione morale alla shoah, non abbia comportato nelle masse giovanili alcuna identificazione con gli ebrei, e ci probabilmente a causa di Israele e degli Stati Uniti, percepiti come stati vittimizzatori per eccellenza. Al tempo stesso, l'identificazione primaria, avvenuta con i neri d'America, una controprova del ruolo guida e dell'attrazione esercitata dall'America sui giovani. L'autoidentificazione di un gruppo come vittima pu avvenire per, all'interno di una societ complessa, solo se la societ stessa disposta a riconoscere questo status. avvenuto con i giovani. La youth culture un fatto tipicamente occidentale e trans-nazionale all'interno di questo gruppo di paesi. Tutti i sistemi scolastici ne sono stati influenzati, eppure la cultura giovanile continua a rimanere sostanzialmente estranea alla scuola.

Cultura giovanile

17

Cenni storici
Precedentemente la seconda guerra mondiale, i giovani nel mondo occidentale avevano scarsa libert e influenza. Con il cosiddetto Baby boom negli Stati Uniti del dopoguerra, i giovani iniziarono ad assumere importanza e soprattutto potere d'acquisto. Attorno agli anni 1950, il crescente numero di giovani negli Stati Uniti e in Europa inizi a influenzare massicciamente la musica, la televisione e il cinema, spronati dall'esplosione del rock nei tardi anni 50, dalla maturazione della cultura giovanile a met anni 1960, dipartita in sottoculture come i mod, i rocker, gli hippy. Lo spirito di avventura e ricerca che ha contraddistinto la cultura giovanile di questi decenni ha mutato il significato della parola "confine": non pi indicazione di un limite esclusivo, ma meta necessaria per la crescita e il superamento di se stessi. Le zone di confine, ritenute marginali dalla cultura prevalente, sono per quelle da cui provengono non di rado gli stimoli pi fecondi per la vita artistica e intellettuale, come la svolta commerciale del rock e i rapporti con la musica leggera, l'abuso di droghe, la loro mitizzazione nella musica pop, o il gi citato hip hop.

Le pi influenti culture giovanili


Molte delle culture giovanili pi diffuse provengono dagli Stati Uniti, che negli ultimi decenni hanno veicolato queste mode grazie anche alle innovazioni nel campo della comunicazione. Tra queste possiamo citare le due pi emblematiche e importanti per questo tipo di subculture: Internet e MTV. Le culture giovanili spesso fanno uso di particolari stereotipi che riguardano la musica, il tipo di vestiario, i rapporti interpersonali e lo stile di vita. Molti di questi sono peggiorativi, e va comunque ricordato che le culture giovanili sono un argomento particolarmente magmatico e in rapida evoluzione, risulta quindi difficile ottenere una fedele fotografia. Tra gli stereotipi pi utilizzati citiamo: Angst (dal tedesco, ansia, paura) Ambivalenza Apatia La cricca, quello che in inglese viene definito Clique, ovvero una ristretta cerchia con interessi comuni Ribellione Cinismo Quirkness

Culture giovanili a cavallo tra il XX e il XXI secolo


Il disimpegno politico
Secondo alcuni critici, la cultura giovanile incoraggia forme di apatia e di cinismo tra i giovani. Stiamo assistendo principalmente a un processo in cui forme di cittadinanza tradizionali stanno cedendo il passo a forme nuove postmoderne. Queste ultime non si basano tanto sull'area geografica (il suolo patrio) quanto sulle nuove forme di comunit rese possibili dai mezzi elettronici. I giovani, in realt sono interessati alla politica, e sono in grado di mostrare una forma avanzata di consapevolezza, e di impegno, sui temi sociali e politici, ma quasi sempre con forme alternative a quelle della politica tradizionale. La partecipazione attiva sfocia solitamente in campagne monotematiche e in movimenti fai da te, invece che nei partiti politici tradizionali. anche inesatto trattare alla stessa stregua cinismo e apatia. Il fatto che i giovani si sentano estranei alle azioni dei politici non significa necessariamente che non si interessino di temi sociali, ci vale anche per le culture giovanili, spesso additate come apolitiche, ma in realt per un'interna libert di pensiero sull'argomento.

Cultura giovanile

18

Italia
Alcune delle cultura giovanili presenti in Italia nel periodo (l'elenco altamente incompleto e non pu prendere in considerazione le numerose sfumature): Gabber: cultura giovanile di origine olandese, appassionati della musica hardcore. La peculiarit del genere che non ha pressoch alcuno stereotipo nel vestiario o nell'ideologia (generalmente apolitici), ma si fonda prevalentemente su di una sorta di antitesi al modello culturale hippy. Hardcore Warrior: variante dei gabber. Si contraddistinguono per il loro pogo, talvolta violento, che pu sfociare in una piramide umana dove le persone salgono una sopra l'altra. Si differenziano inoltre per modo di ballare, vestire e per le stravaganti pettinature (principalmente creste o punte, talvolta colorate). Come i gabber, non sono legati a particolari schieramenti politici; Dark o pi correttamente Goth: esponenti della sottocultura che ha avuto origine nel Regno Unito durante gli anni ottanta e che si poi evoluta nel tempo, con un modo di vestire che pu variare. Generalmente si vestono con colori che vanno dal nero, al blu scuro, privilegiando anche rosso e bianco. Citazione proveniente dall'apposita pagina di wikipedia: "Il movimento gotico o goth (in Italia chiamato dark) un insieme di culture diverse nel look, in attitudine e nel tipo di musica, ma che vengono per varie ragioni tutte denominate utilizzando il termine gotico. Tra le prime volte che un movimento socio-musicale stato etichettato con la parola gothic, bisogna andare nel Regno Unito verso linizio degli anni ottanta nella scena post-punk. In quel caso infatti, la parola venne usata da Ian Astbury per descrivere Andi Sex Gang cantante degli inglesi Sex Gang Children come un "gothic pixie" in virt del modo in cui ballava e si muoveva. In seguito molte riviste musicali come New Musical Express e Sounds colsero l'attimo e iniziarono ad usare il termine per indicare quel determinato genere musicale relativo a quel particolare movimento sociale derivante dal punk. Successivamente poi il termine gothic inizi ad avere anche una connotazione "descrittiva", e nacquero altri movimenti sociali diversi dal primo, ma che sono stati descritti come gotici non pi per semplice caso, bens per il fatto che si basavano sulle caratteristiche della letteratura gotica, sia a livello di tematiche, sia di attitudine che di generi musicali. In questo caso le inclinazioni e il linguaggio figurativo indicano influenze da parte della letteratura gotica del XIX secolo e del cinema horror, oltre ad associare un gusto gotico nella musica e nella moda". Metallari: sono cos definiti i fan della musica heavy metal. Vestono spesso indumenti di colore scuro: portano giubbotti di pelle ("il caratteristico "chiodo"), anfibi o scarpe da ginnastica ai piedi, magliette dei loro gruppi preferiti. Le attitudini musicali non si fermano al all'heavy metal, ma spesso si allargano a tutto il rock e in particolare all'hard rock. Non hanno orientamenti politici ufficiali. Negli anni Ottanta era forte la rivalit nei confronti di punk, mod e paninari. Punk: hanno un look estremo composto da creste, borchie, giubbotti di pelle, anfibi, ecc.. molti di loro frequentano centri sociali e vengono messi in relazione con il mondo anarchico-no global, anche se il movimento si divide in due categorie: un modello, lo street punk, segue l'anarchia pi che come un vero e proprio schieramento politico, solo come un pretesto per seguire uno stile di vita "senza regole"; l'altro modello, l'anarcho punk, al contrario impegnato politicamente, si basa su idee pi profondamente anarchiche e rivoluzionarie; tali punk professano spesso ideologie come l'animalismo, femminismo, pacifismo, vegetarismo e hanno posizioni anti capitaliste; I punk possono avere alcune affinit secondarie con i cosiddetti "punkabbestia", che fanno per riferimento prevalentemente alla sottocultura Raver, altra rispetto a quella punk.

Cultura giovanile

19

Bibliografia
Herbert Marcuse. Der eindimensionale Mensch, 1964. Ed. italiana: L'uomo a una dimensione [1]. Torino, Einaudi, 1999, pp. 260. ISBN 9788806152543 F. Adinolfi, Suoni dal ghetto. La musica rap dalle strade alla hit parade, Genova, 1989 Francesco Maria Battisti, Giovani e Utopia, Milano, 2002 Diego Miscioscia, Miti affettivi e culture giovanili, Milano, 1999

Voci correlate
Antropologia culturale Cultura Cultura di massa Elenco delle subculture Sociologia urbana Subcultura
Portale Antropologia Portale Sociologia

Note
[1] http:/ / www. einaudi. it/ libri/ libro/ herbert-marcuse/ l-uomo-a-una-dimensione/ 978880615254

Cultura underground
Il termine cultura underground (o semplicemente underground) definisce un ampio insieme di pratiche e di identit accomunate dall'intento di porsi in antitesi e/o in alternativa alla cultura di massa o della cultura popolare. Il termine fu utilizzato per la prima volta da Marcel Duchamp, in una famosa conferenza a Filadelfia nel 1961, nella quale dichiar programmaticamente che l'Arte dovesse diventare sotterranea ("will go underground"), indicando la via per l'utilizzo del termine underground[1]. Nel mondo anglosassone, il termine "underground" ("sottosuolo") indicava una "rete sotterranea di resistenza" e venne utilizzato nel XIX secolo con le Underground Railroads, reti clandestine di case sicure per affrancare gli schiavi in fuga dal Sud degli Stati Uniti. Analogamente, si defin nello stesso modo il network che facilitava la fuga in Canada dei giovani statunitensi che rifiutavano il servizio di leva durante la guerra del Vietnam. Il termine venne anche utilizzato per indicare i movimenti di resistenza europei durante la seconda guerra mondiale ("The Undergrounds")[2].

La cultura underground negli anni sessanta / settanta


Per approfondire, vedi Controcultura.

Sebbene la definizione contemporanea di cultura underground nasce negli anni cinquanta, essa viene solitamente riferita all'area creativa della controcultura giovanile alternativa e contrapposta alla cultura ufficiale che si svilupp negli Stati Uniti e in Europa nella met degli anni sessanta. L'underground fu una rete di gruppi teatrali, laboratori artistici, cineclub, spazi sociali a gestione comunitaria, librerie, case editrici, riviste politiche e letterarie, etichette discografiche indipendenti, negozi di abbigliamento usato, circoli culturali che si diffusero prima negli Stati Uniti, poi in alcuni paesi europei sulla scia della cultura beat, del movimento studentesco e del movimento hippy. Sebbene spesso non esistessero collegamenti reali e duraturi tra tali realt, nate e sviluppatesi in modo informale e legate alla

Cultura underground dimensione locale entro cui esse agivano, esse erano accomunate dal progetto di costruzione di una "societ parallela". La cultura underground si svilupp all'interno di societ del capitalismo avanzato in un'epoca in cui l'industria culturale subiva forti trasformazioni per lo sviluppo dei mezzi di comunicazione di massa; in risposta a tali mutamenti la cultura underground proponeva un utilizzo alternativo degli stessi mezzi di comunicazione atti alla diffusione di stili e princpi di vita differenti da quelli della societ ufficiale. Per estensione, la definizione di cultura underground venne in seguito utilizzata per indicare numerose reti sottoculturali alternative ai canali ufficiali (punk, cyberpunk, ravers, alternative hip hop, ecc).

20

La cultura undeground in Italia


In Italia la cultura underground ebbe indiscutibili meriti nel diffondere le nuove tendenze dell'arte e della cultura contemporanea: dalla psichedelia alle filosofie orientali, dalla fantascienza alla letteratura beat. Rilevante fu l'esperienza della rivista milanese Mondo beat (1965-1966), accanto alla nascita dei primi gruppi hippy. In Italia e Francia esercit una certa influenza anche il movimento situazionista, all'interno del quale convivevano sia la teoria rivoluzionaria che le azioni dirette di provocazione pubblica. Ma al contrario di quanto accadeva negli Stati Uniti, in cui la componente creativa e quella politica del movimento studentesco procedettero strettamente connesse, in Italia il Sessantotto rappresent un momento di rottura tra l'identit del movimento politico e quella delle culture alternative, che si trovarono contrapposte: da una parte, infatti, il movimento studentesco si diresse verso un irrigidimento su posizioni ideologhe filo-marxiste, dall'altro le culture underground assunsero una piega artistica e visionaria, ripiegando ai margini del movimento contestatario. Significativa, per la cultura underground italiana fu la pubblicazione nel 1971 della prima mappa della scena underground italiana, il libro Ma l'amor mio non muore. Origini, documenti, strategia della "cultura alternativa" e dell'underground in Italia (Arcana Editrice) a cui segu "Dalle Alpi alle Piramidi" (Arcana Editrice). Importanti per il movimento alternativo le varie guide che vennero, in quel periodo, pubblicate e fatte circolare quasi esclusivamente nel circuito underground, tra cui: come coltivare la marijuana, come realizzare una radio libera, i manuali di autodifesa negli scontri di piazza, ecc. Molto attiva a pubblicare questo tipo di manuali la viterbese Stampa Alternativa, che lancer anche la collana Millelire, capace, grazie al prezzo contenuto, di garantire tirature elevatissime. Nel corso degli anni settanta in Italia avvenne una parziale ricomposizione tra la tendenza politica e quella creativa che sfoci nel movimento del '77.

La stampa underground in Italia


Il circuito delle riviste underground in Italia fu vasto ed articolato. Periodo fondamentale quello che si sviluppa tra il 1967 e il 1977: tra le testate che meritano essere ricordate, oltre il gi citato Mondo beat anche Pianeta fresco, Re Nudo, Paria, Tampax, Roman high Roma sotto (poi Fallo!), L'Arca, Buco, Get Ready, King Kong (in cui muove i primi passi Lorenzo Mattotti), Puzz, Gatti selvaggi, Hit, Hemicromis, P.L.M., A/traverso, Vomito, Cannibale e lo stesso Frigidaire, vero e proprio fenomeno di mercato, capace di lanciare personaggi come Ranx Xerox e autori come Pazienza, Tamburini, Mattioli, Echaurren. Molte di queste riviste (stampate in vari modi: offset, eliografia, ciclostile) aderirono alla I.A.P (International Alternative Press), un piccolo sindacato/distribuzione con sede a Milano, attivo tra il 1971 e il 1979 circa.

Cultura underground

21

La cultura underground negli anni ottanta


A partire dagli anni ottanta la cultura underground si confronta con le nuove tecnologie, sviluppando, di fatto, i primi esperimenti collegati all'utilizzo di internet, alla multimedialit e ai nuovi linguaggi espressivi. questo il caso della Chiesa dell'Elettrosofia o dei primi montaggi video realizzati su piattaforme Mac da Robert Croschicki, e della nascita del Cyberpunk. Sulla scia delle esperienze newyorkesi di Keith Haring e di artisti apolidi giunti in Italia come Norman Mc Laren, scoppia il boom della Street Art, Arte di strada, ulteriore evoluzione della cultura del Graffitismo, ormai entrata di diritto nell'arte ufficiale. in questa area che si muovono street artist di livello come Sten Lex o Bob Rock, Bros, Tresoldi, artisti outsider come Mauro Gottardo, Mario Pischedda e i bolognesi d'adozione Blu e Ericailcane.

La cultura underground negli anni novanta / duemila


Durante gli anni novanta, e agli inizi degli anni duemila, contrariamente, si cre una scissione totale e pienamente percepibile dai decenni precedenti e da ci che fino a quel momento la cultura underground aveva rappresentato in vie per lo pi retoriche. Oltre al contributo delle tecnologie emergenti essenziali, si miscelarono egregiamente a queste ultime canoni artistici, filmografici e soprattutto musicali alternativi, innovativi, elevati e sensibili seppur apparentemente distaccati. La generazione era spinta ad una lotta, la resistenza underground; una lotta intrinseca ed idealistica in opposizione indiretta, talvolta sfociante in veri e propri scontri urbani. Osservando l'innovazione degli anni novanta, tale decennio stato composto in prevalenza dai risultati ottenuti dalle generazioni degli anni settanta e ottanta emergenti, elemento che tese ad incrementare anche un notevole senso di indipendenza. Durante gli anni novanta padroneggiarono le sonorit elettroniche, assolutamente differenti dalle visioni attuali del concetto di musica elettronica, e molto pi legate a sviluppare ed accrescere sensazioni che ad inviare un messaggio. Si potrebbe definire questo processo, un processo per lo pi intellettuale e visionario oltrech alienante, oscuro e sotto certi aspetti cinico e degradato della vita. Un fenomeno paragonabile allo storico "male di vivere", e circostanza nella quale la mente, resa matura prima del tempo dal raziocinio e dal senso di abbandono e assenza di certezze, fosse spinta dal dovere di un'espressivit insopprimibile che ne amplia le percezioni sensoriali, permettendo di raggiungere in qualunque circostanza una presumibile risposta all'ignoto, e si nutrisse dello stesso. La cultura underground degli anni novanta tese a distaccarsi quasi completamente da come era intesa prima di quel momento, creandone quasi come un parallelismo, ed il progresso, gi insito nell'evoluzione della mentalit dei giovani del periodo, sotto certi aspetti pi introversi e pragmatici, ma al contempo dinamici ed individualmente rivoluzionari, permise alla cultura underground di raggiungere proprio durante gli anni novanta la sua pi concreta esposizione.

Note
[1] Giulio Brusi, La questione sperimentale (dalle origini agli anni '60 - contenuto in AA.VV. Fuori norma. La via sperimentale del cinema italiano, Marsilio Editori 2013. [2] Underground su Online Etymology Dictionary (http:/ / www. etymonline. com/ index. php?search=underground)

Bibliografia
Controcultura in Italia (1967-1977). Viaggio nell'underground, di Pablo Echaurren e Claudia Salaris, Bollati Boringhieri, 1999. Ma l'amor mio non muore, Deriveapprodi, 2003. Italia Underground, a cura di A. Mastrandrea, Sandro Teti Editore, 2009. La cultura underground, di Mario Maffi, Odoya, 2009, ISBN 978-88-6288-0572." "Underground e Trasgressione", di Antonio Tedesco

Cultura underground

22

Voci correlate
Musica underground

Collegamenti esterni
Alcune riviste underground negli anni 70 in Italia (http://stampamusicale.altervista.org/ Riviste_underground_70/index.htm)

Flower power
Flower power un'espressione tipica del movimento hippy, che significa letteralmente "potere dei fiori", usata durante la fine degli anni sessanta e i primi anni settanta come simbolo di una ideologia non violenta.

Nascita e sviluppo
Il movimento nacque per opporsi attivamente alla guerra del Vietnam; alcune loro prese di posizione, come bruciare le lettere di chiamata obbligatoria alle armi, furono clamorose, suscitarono sdegno e critiche negli ambienti conservatori e tradizionalisti, ma riuscirono, egualmente, a gettare i semi di una "cultura hippy". Usavano vestirsi con abiti di colori vivaci e floreali e inoltre portavano fiori sul capo. La paternit dello slogan "Flower power" venne accreditata al poeta Allen Ginsberg che la coni nel 1965. Da quel momento fu utilizzata in molti contesti laddove fosse necessario riferirsi agli anni '60. Uno dei principali luoghi di incontro del movimento "Flower power" fu, addirittura, una vecchia chiesa di Amsterdam, trasformata in un club musicale, con tanto di caff-bar e una grande sala di ascolto. L'ex luogo sacro fu ribattezzato "Paradiso" e divenne sinonimo di controcultura hippy, della musica rock e della Musica Psichedelica di quel tempo e di tolleranza all'uso di stupefacenti. Artisti come Yoko Ono si esibirono al "Paradiso" che, attualmente divenuto un Hard Rock Cafe. Tra gli altri atti pubblici simbolici resi celebri da canti, documentari e film, annoveriamo la distribuzione di fiori ai poliziotti e l'inserimento dei fiori nelle canne delle armi e nei cannoni. Le loro gesta furono immortalate dal fotografo Bernie Boston e accrebbero la popolarit degli esecutori materiali come "Hibiscus" (George Harris Jr.), leader del movimento di liberazione omosessuale.

Usi e credenze
"Flower Power" sta ad indicare la credenza secondo cui i fiori abbiano notevoli propriet nascoste, in particolare stupefacenti, di natura allucinogena che vanno scoperte. Ci porta ad un'alterazione delle percezioni visive ed uditive. La natura, era vista dagli hippy, definiti non a caso "figli dei fiori", come un qualcosa di positivo perch permetteva di andare al di l delle normali percezioni umane. I "figli dei fiori" gettarono le basi del moderno ambientalismo, perseguendo un contatto e un rapporto naturale e autentico con il mondo circostante e con il proprio corpo, per abbattere le varie dicotomie corpo-mente, campagna-citt, natura-progresso, scienza-spiritualit. I manifestanti proposero un nuovo mondo di valori alternativi a quello dei loro padri, mostrarono segni di insofferenza rispetto al corso della vita incanalato lungo i binari della consuetudine e della tradizione e per di pi deciso senza il loro assenso. Quindi vestirono, mangiarono, dormirono, amarono e manifestarono le proprie idee e sentimenti con modalit nuove, seppur sfruttanti, in parte, anche culture lontane e antiche.

Free party

23

Free party
I free party sono manifestazioni musicali illegali principalmente di musica tekno, o goa. Si tengono di solito in spazi isolati, per esempio all'interno di aree industriali abbandonate o in grandi spazi aperti, come campi, cave, boschi e foreste, con durata variabile da una notte fino a pi di una settimana; in questo caso vengono solitamente definiti teknival. Sono caratterizzati dalla presenza di pi sound system.

Il tipico allineamento delle casse audio ha dato origine all'espressione muro di casse;2007

Storia

2013

Free party

24

Origini
Le componenti fondamentali che hanno dato origine ai free party sono la nascita della musica elettronica e il conseguente sviluppo di strumenti musicali ed attrezzature per la diffusione acustica agevoli a molti. Questi eventi risalgono alla fine degli anni ottanta in un momento in cui, negli Stati Uniti come in Europa, si formano controculture tese a denunciare problemi politici nei confronti di un sistema che impone divieti, repressione, leggi e controlli, evidenziando difficolt economiche e disagi sociali, senza per rinunciare a una idea di aggregazione.[1] La musica techno segnata fin dalla sua nascita dalla marginalit rispetto alla societ: essa si sviluppa fra le minoranze, nei club americani frequentati per lo pi da neri, giovani alternativi e omosessuali. A Chicago, nei primi anni 80, nasce il Warehouse (magazzino) uno dei circoli pi all'avanguardia per quanto riguarda le nuove sperimentazioni musicali elettroniche. Si cominciarono a sperimentare evoluzioni techno della vecchia musica soul e funky, alzando il livello dei bassi ed aumentando i bpm.
2005

I primi party trovano vita nelle fabbriche abbandonate delle metropoli statunitensi, pi precisamente nelle fabbriche di Detroit, per poi espandersi rapidamente in Europa e soprattutto in Gran Bretagna, dove l'influsso della cultura psichedelica degli anni settanta fa nascere un nuovo genere ancora, l'acid-house, che segner l'inizio dell'associazione tra i rave e il consumo di sostanze stupefacenti e soprattutto la nascita del rave illegale. A causa dello sviluppo sempre maggiore di locali notturni, discoteche e music club, l'uso del termine 2013 "rave" aveva perso gran parte delle sue connotazioni ideologiche originali, e veniva usato sempre pi frequentemente per descrivere grandi eventi commerciali. La denominazione alternativa "free party" cominci a essere usata in Francia a met degli anni novanta per recuperare il significato di denuncia sociale dei "rave" originali. Il termine "free" ("libero" o "gratuito") non si riferisce solamente all'accesso gratuito a queste manifestazioni, ma anche al fatto che gli artisti (DJ, musicisti, giocolieri, scultori) si esibiscono senza compenso, per diffondere e condividere il proprio talento, nonch all'idea di liberazione dalle regole, dalla routine, dai divieti e dalle convenzioni socialmente imposte.[2][3] La "libert" dei free party viene espressa da chi vi partecipa principalmente attraverso il ballo. Le componenti principali che un party illegale vuole mettere in evidenza sono: affronto alla propriet privata attraverso l'occupazione di spazi abbandonati delle grandi citt e la loro autogestione temporanea (TAZ, Zone Temporaneamente Autonome), attacco alle forme di produzione commerciale delle discoteche, al valore del denaro, ai rapporti sociopolitici di dominio nel governo della metropoli,

Free party negazione della "star" come djs, autoproduzione come concetto di massa (dalla produzione stessa della musica alla creazione di una vera e propria microeconomia alternativa), approccio con empatia e stati alterati di coscienza, ricerca di una consapevolezza comune, grazie alla messa in rete e della condivisione di conoscenze su un uso creativo e sovversivo della tecnologia, uguaglianza nelle diversit, al di fuori e della politica tradizionale.[4]
[5][6]

25

2008

Una delle influenze pi marcate della scena dei rave stata la controcultura hippy che ha dato vita al movimento dei traveller, come nomadi che organizzavano grandi fiere gratuite, luogo di incontro per tutti i movimenti di controcultura, dai punk alle Crew che organizzavano feste acid house illegali a Londra. Alla fine degli anni '80 giovani e appassionati di musica elettronica si orientavano sempre di pi sui festival gratuiti, nei quali la techno si stava gradualmente sostituendo al rock psichedelico ascoltato precedentemente dagli hippy.
2012

Free party

26

Anni '90
Per approfondire, vedi Zone Temporaneamente Autonome.

Cominciavano cos a nascere sound system a gestione collettiva, che organizzavano party a ingresso libero in campi d'aviazione abbandonati o in cima alle colline, radunando una folla mista di amanti del genere. I sound system provengono dalla cultura giamaicana dei soundclash, luoghi dove si svolgevano "battaglie" di musica reggae tra muri di casse, molto spesso autocostruite.[] Molti giovani delle classi meno agiate reagirono all'abbassamento del tenore di vita occupando immobili dismessi nelle periferie delle grandi citt; questo fenomeno d origine ai cosiddetti "squat" all'interno dei quali presero vita i primi centri sociali. Nel 1992 in Inghilterra la Spiral Tribe, una delle principali "crew" dei tempi, organizza il Castlemorton Common Festival,[7] evento gratuito dalla durata di 6 giorni che radun sul posto pi di 20'000 persone. Alla fine di questo festival tredici membri del gruppo furono arrestati immediatamente, processati 2013 e condannati dal Criminal Justice Act.(una serie di disposizioni legislative, varate dal governo inglese, che imponevano il divieto di riunirsi senza autorizzazione all'interno di uno spazio pubblico.) Nacque il concetto di festa libera che si politicizz in freedom for the right to party, diventato slogan di resistenza alla legislazione conservatrice messa in atto dalla politica; Nel 1996, in risposta al Criminal Justice Act, si sviluppa un'azione di protesta a livello globale racchiusa nello slogan "Reclaim the streets"[8], che consiste nell'occupazione di spazi metropolitani, azioni di disturbo del traffico urbano attuate in bicicletta (massa critica) e nell'organizzazione di street party, una nuova forma di corteo danzante caratterizzato dalla 2013. presenza di migliaia di persone che ballano seguendo i carri sui quali sono montati i sound system. Da queste parate musicali improvvisate discendono le attuali manifestazioni realizzate in tutta Europa, note sotto il nome di Street Rave Parade.

Free party

27

Espansione
Il fenomeno si diffuse rapidamente dall'Inghilterra verso l'Europa, anche per via di molte tribe che decisero di spostarsi dove le leggi erano molto pi tolleranti. Nel giro di pochi anni i free party divennero una realt molto vissuta in paesi come Francia, Italia, Spagna e Repubblica Ceca, dove si vennero a formare numerose tribe molto attive nell'organizzazione di "feste".[9][10] Alcuni gruppi si spostarono organizzando numerosi party in molte zone d'Europa e nel Mondo (La Francia e la Repubblica Ceca risultano tra i paesi dove queste manifestazioni sono pi diffuse). Col passare del tempo il fenomeno si espanse tanto da diventare una questione sociale; nel 2001 in Francia stato varato un decreto legge (legge Mariani) che vieta l'organizzazione di rave senza l'autorizzazione dei prefetti locali. Alcune 'tribe', anche in seguito alle numerose multe e sequestri, si sono spostate viaggiando su veicoli militari, vecchi camion e autobus trasformati in case o magazzini mobili, con generatori, impianti audio, video e strutture meccaniche verso l'est Europa,l'Africa e il sud America, zone dove queste manifestazioni sono ancora poco diffuse o assenti.[11]

Presentazione e controversie
Alcuni giornalisti entrati ad un free party scrivono:
Condanniamo ci che fanno ma allo stesso tempo possiamo dire che sono educatissimi. Ci salutano cordialmente e buttano l'immondizia nei bidoni.
[12]

Nessun gesto violento. Al contrario, c'


2011 [13]

un spirito di solidariet e di fratellanza. Dopo averti urtato per sbaglio, ti fanno

una carezza.

La musica suonata (principalmente Tekno) molto veloce (160/180/200 Bpm) con un basso molto pesante e tanti battiti ripetitivi. anche per questo motivo che queste manifestazioni si svolgono solitamente in luoghi isolati dove l'alta potenza del suono (diverse decine di Kilowatt) non dia fastidio a nessuno. Il cuore pulsante attorno al quale si svolge la festa il Sound system, della relativa Tribe (nome con il quale vengono chiamati i gruppi organizzatori).

Free party

28

Ogni sound alimentato da vari generatori, e composto da decine di diffusori acustici disposti a muro (da qui l'espressione muro di casse). Ogni sound system diffonde il suo genere musicale. Le tendenze principali sono: Tekno, Techno hardcore, industrial, psy-trance, Goa, Breakbeat, Drum & Bass, Happy hardcore, Dubstep, e molti altri generi. L'organizzazione non si limita al solo 2011 sistema audio e luci; la tribe spesso allestisce un bar di fortuna (anche per compensare le spese di benzina e di organizzazione) e, a volte, una zona di "risposo" designata come la "chill out" dove spesso vi sono opuscoli informativi sulla prevenzione di sostanze stupefacenti, sesso, udito, ecc.[14] L'ambiente che ospita la festa viene decorato con luci, laser, cartelloni, sculture e pannelli colorati, rendendo l'atmosfera molto surreale e originale. Alcune tribe come i Mutoidi sono diventate famose per le gigantesche sculture di rottami saldati e per i bizzarri e avanguardisti riadattamenti degli edifici in disuso dove tenevano i loro party. La musica all'interno del party pu andare avanti anche per diversi giorni dietro fila, senza mai fermarsi. Il genere musicale tende a diventare un po' meno aggressivo la mattina ed il pomeriggio, per permettere ai partecipanti un po' di riposo e tranquillit.

Tekalogue
La partecipazione ai free party si basa su 10 regole che spiegano come bisogna comportarsi e il rapporto che bisognerebbe avere con gli altri, il cosiddetto Tekalogue:[15][16] Rispetta la natura. Rispetta te stesso. Rispetta gli altri.

2012

Free party

29 Se non vuoi lasciare il tuo cane a casa prenditi cura di lui. Parcheggia in modo intelligente. Stai attento alle informazioni sul party: tienile per te e per i tuoi amici. Sei responsabile della tua sicurezza e di quella degli altri: se vedi qualcosa di sbagliato, violenza, aggressioni o qualunque cosa non esitare a intervenire. Non danneggiare o rubare il materiale del sound system e di nessun altro. Espandi la tua empatia.
2013

Sorridi sempre, trasmetti energia positiva e prendila bene, ricorda: Tu sei il party.

Manifesto
Sulla principale piattaforma web rivolta ai free party una pagina intera dedicata al Manifesto del Rave inglese e italiano).
[17]

, (in

La diffusione del fenomeno


Questi eventi nascono volutamente con l'intenzione di rimanere estranei e distanti dal sistema; la particolarit del "party" sempre stata l'alone di mistero che lo circondava e lo rendeva impalpabile al modo esterno.[18] Negli ultimi anni, anche per via di internet e dei social networks, questa cultura ha avuto modo di espandersi e farsi conoscere rapidamente da un pubblico maggiore, potendo trasformarsi in un fenomeno sociale accessibile e di moda.

2010

Free party

30

Danni ai diritti di propriet, inquinamento e rumore


Molto spesso il proprietario del terreno sul quale si svolge la festa non ne al corrente. La maggior parte dei reclami avviene a causa dell'altissimo volume della musica, udibile anche a chilometri di distanza. L'accesso ad una zona naturale da parte di migliaia di persone rischia di degradare inevitabilmente l'ambiente. Eventi dalla durata di pi giorni lasciano sul posto centinaia di chili di rifiuti, spesso difficili da rimuovere da parte di chi partecipa, causa la mancanza di appositi contenitori. comunque solito vedere decine e decine di sacchi neri dispersi nella festa per arginare il problema, o momenti nei quali la musica abbassa volume, per dedicarsi alla raccolta di tutta l'immondizia.[19] Talvolta i partecipanti lasciano i rifiuti tutti in un angolo permettendone facilmente il recupero. [20]

Rifiuti raccolti ed ammassati al termine di un free party

Utilizzo di sostanze stupefacenti


Anche per via dello spirito di auto-responsabilizzazione nei free party, vi una elevata tolleranza nei confronti della vendita e dell'assunzione di sostanze stupefacenti, come Marijuana, MDMA, e allucinogeni. Su alcuni volantini circolati all'interno di free party, si legge come l'Eroina sia al contrario ripudiata e non gradita all'interno di una festa. Nel 2008 e nel 2009 si sono verificati 3 casi di morte per overdose avvenuti durante un free party in Italia.[21][22] Anche in seguito a questi avvenimenti, all'interno del party si cerca di combattere le forme di abuso da sostanze stupefacenti, invitando le persone a ballare di pi, e "drogarsi" di menoWikipedia:Uso delle fonti. Durante alcune manifestazioni si prevede installazione di un "sito" di prevenzione, informazione, supporto informativo e punto di primo soccorso per evitare le conseguenze dannose provocate dall'abuso di sostanze stupefacenti.

Un telone esposto ad un free party dice: Meno droghe, pi bassi

La danza
La principale forma di espressione all'interno del party la danza, considerata sin da tempi remoti uno dei pi potenti mezzi di socializzazione, di esorcizzazione,e di comunicazione con il divino. Lo strumento privilegiato nelle danze rituali il tamburo, rappresentato ai free party dalle casse, il cui ritmo ossessivo e incessante secondo studiosi come M. Eliade, capace di produrre o facilitare la trance. Le occasioni della danza per le popolazioni primitive erano legate ai cicli della vita individuale e delle stagioni, caratteristica questa
2012

Free party che si pu osservare nella periodicit dei party, specialmente per festivit come il Capodanno, il Carnevale, Halloween, l'Equinozio di Primavera e il Solstizio d'Estate. Queste ricorrenze vengono frequentemente salutate con un party speciale, preparato con maggior cura dei particolari e dei dettagli. Un altro aspetto comune tra il party e le antiche danze tribali, la presenza della trance, a volte legata all'uso di sostanze psicotrope. La ripetizione dei movimenti, la perdita dei punti di riferimento e dell'equilibrio, legati all'effetto ipnotico della musica, sono una tecnica per raggiungere stati alterati di coscienza. L'ambiente e la scenografia sono due elementi fondamentali nella danza ai party, ne sono parte integrante e indispensabile, perch ci che realmente conta l'atmosfera, e quest'ultima determinata non solo dalle caratteristiche e dalle movenze dei danzatori, ma anche dal gioco di luci, dai costumi e dalla scenografia. La trance, accomunata alla danza, nei 2010 free party un modo di liberarsi, di esprimersi totalmente, ed ha una funzione reintegrativa, in cui il singolo si fonde nel Tutto, in cui il danzatore attore e spettatore di s stesso e del gruppo.

31

Critiche al movimento
Valori ed esperienze che avrebbero dovuto esistere in tutti i party, a volte, sono assenti o cos irrilevanti da non poterli distinguere dalla consuetudine della realt attuale.[23] La musica ritorna dentro uno standard, chiusa, ed il contesto stesso con lei. Altre performance artistiche oltre alla musica, e la giocoleria non hanno spesso potenziale, sono deboli, o totalmente assenti. Non c' pi niente di iniziatico nelle sostanze stupefacenti, che vengono spesso consumate in un modo barbarico, sconsiderato e irresponsabile.

2012

All'arrivo delle forze dell'ordine molte persone preferiscono abbandonare la festa piuttosto che provare a raggiungere un compromesso, o aiutare la tribe a smontare e ripulire il party. Il party, che vuole essere un posto di libert e sperimentazione, diventa, a volte, un grottesco supermercato, e stimola ogni abuso ed incoerenza. Alcune persone non fraternizzano con le altre, sono anestetizzate dalle droghe, chiuse, paranoiche, violente, tristi. Queste persone riproducono nel freeparty le peggiori abitudini ed i peggiori schemi sociali.

Free party

32

Non avete accesso a questo interruttore, non importa quello che pensate. La musica non si fermer mai. Il battito del cuore non si spegner mai. Il party non finir mai. (Ultime frasi del Manifesto del [17] Rave )

Galleria

Free party

33

Note
[1] drexkode (http:/ / www. drexkode. net/ PageContents/ Articoli/ Tesi Raveparties/ cap secondo 1 - 2. htm#nomadismo) [2] Le tipologie del fenomeno rave in un'ottica antropologica - Isabella C (http:/ / www. scribd. com/ doc/ 21054279/ Le-tipologie-del-fenomeno-rave-in-un-ottica-antropologica-Isabella-C) [3] http:/ / news-town. it/ cronaca/ 923-rave-party-a-oricola-arresti-e-denunce-la-parola-ai-ravers-feste-pacifiche. html [4] La festa (http:/ / www. psiconautica. in/ index. php?option=com_content& view=article& id=39:la-festa& catid=6:zat& Itemid=9) [5] drexkode (http:/ / www. drexkode. net/ PageContents/ Articoli/ Tesi Raveparties/ cap terzo 2. htm) [6] drexkode (http:/ / www. drexkode. net/ PageContents/ Articoli/ Tesi Raveparties/ cap quarto 1. htm) [7] http:/ / thetinypage. artathack. me/ articoli/ rave/ movimentocrustyraver. php Spiral Tribe e il movimento Crusty-Raver, 1991-'97 Tratto da "Generazione Ballo/Sballo" di Reynolds Simon [8] RTS (London) HOME (http:/ / rts. gn. apc. org/ ) [9] Dolce Vita n 27 Marzo/Aprile 2010 / Tribe invasion (http:/ / www. enjoint. info/ ?p=3103) [10] Il techno nomadismo (http:/ / www. psiconautica. in/ index. php?option=com_content& view=article& id=41:il-techno-nomadismo& catid=6:zat& Itemid=9) [11] Self distribuzione / VV.AA - World Traveller Adventures (http:/ / www. self. it/ ita/ details. php?nb=3700077670836& tc=c) [12] Viaggio nella cultura Rave Non siamo drogati. Rispettateci | Cronache Maceratesi (http:/ / www. cronachemaceratesi. it/ ?p=27370) [13] RAVE Siamo entrati nella fabbrica dello sballo - Tg24 - Sky.it (http:/ / tg24. sky. it/ tg24/ cronaca/ 2009/ 09/ 23/ rave_party_cornaredo_milano_diskonnected_free_party_19_settembre_2009_inchiesta_foto. html) [14] Lab57: Presentazione Breve del progetto (http:/ / lab57. indivia. net/ chi-siamo/ presentazione-breve-del-progetto/ ) [15] U are the party. Il tekalogo dei raver - Tg24 - Sky.it (http:/ / tg24. sky. it/ tg24/ cronaca/ 2009/ 09/ 23/ rave_party_il_tekalogo_dieci_regole_del_popolo_della_techno. html) [16] fReE PaRtY - fReE PeOpLe - fReE mUzIk - fReE tAz - fReE RaVe - fReE tIbEt (http:/ / shockraver. free. fr/ infoparty. htm) [17] http:/ / shockraver. free. fr/ 23. htm [18] I miei rave erano suoni e sogni - lEspresso (http:/ / espresso. repubblica. it/ dettaglio/ i-miei-rave-erano-suoni-e-sogni/ 2108000/ 13) [19] Raveparty a Tarsogno: tanto rumore per nulla... - di Mauro Delgrosso (http:/ / www. valtaro. it/ rave-party-tarsogno-2011/ index. htm) [20] TuonoNews.it - Quotidiano online di informazione e cultura di Alessandria (http:/ / www. tuononews. it/ tn/ article/ 7DC050259385& Ref=ELc) [21] Ragazzo morto dopo un rave party Corriere della Sera (http:/ / www. corriere. it/ cronache/ 08_marzo_23/ rave_segrate_coma_194ba574-f8cd-11dc-8874-0003ba99c667. shtml) [22] Rave party killer: due vittime in poche ore - Corriere della Sera (http:/ / www. corriere. it/ cronache/ 09_agosto_16/ overdose_rave_party_13aeab3e-8a4e-11de-b377-00144f02aabc. shtml) [23] Il teknival morto? (http:/ / www. psiconautica. in/ index. php?option=com_content& view=article& id=18:il-teknival-e-morto& catid=6:zat& Itemid=9)

Bibliografia
"Rave party. Tecnologia, tribalismo e nomadismo metropolitano", Xsephone, Bepress, 2011, ISBN 8896130050 "Free party. Technoanomia per delinquenza giovanile", Macarone Palmieri Francesco, 2002, Meltemi, ISBN 8883531523 "Rave Off", Andrea Natella, Serena Tinari (a cura di). Castelvecchi, 1995, ISBN 88-86232-62-4 "Generazione in ecstasy", Fabrizia Bagozzi. Gruppo Abele, 1996, ISBN 88-7670-275-X "Le trib dell'ecstasy", Maria Novella De Luca. Theoria, 1996, ISBN 88-241-0456-8 "Dallo sciamano al raver. Saggio sulla trance", Georges Lapassade, Gianni De Martino (a cura di). Apogeo, collana Urra, Milano, 2008, ISBN 88-7303-311-3

Free party "Culture del conflitto-Giovani Metropoli Comunicazione" a cura di M. Canevani, R. De Angelis, F. Mazzi / Costa & nolan ISBN 8876481974 "Sulle rotte del Rave- Dj's party e piste da ballo da Goa a Londra, da Bali a Ibiza", Pierfrancesco Pacoda. 2002, Feltrinelli traveller, ISBN 88-7108-178-1 "Tekno-feste. Uno sguardo compartecipativo al circuito illegale dei rave party", David Donfrancesco. 2013, Bonanno, ISBN 8896950325 "Traveller e raver. Racconti orali dei nomadi della nuova era", Richard Lowe, William Shaw, ShaKe, 2007, ISBN 888886539X

34

Collegamenti esterni
Zone Temporaneamente Autonome; articoli sulla cultura dei 'free party' (http://www.psiconautica.in/index. php?option=com_content&view=category&id=6:zat&Itemid=9&layout=default) Rave me tender, articolo su rave party e teknival (http://www.minimaetmoralia.it/wp/ rave-me-tender-il-teknival-in-10-discipline/) World Traveller Adventures|Video documentario - Viaggio delle comunit Tekno-nomadi verso est Europa, India, Africa (http://video.google.com/videoplay?docid=7691599703791246578) Tekno - Il respiro del mostro / Film documentario di Andrea Zambelli: analisi storica dall'origine della scena rave fino all'espansione e al consolidamento nell'Europa Continentale da fine anni '90 al 2005 (http://www.youtube. com/watch?v=cifnZjQf7IU) Nomadismo e tribalismo nelle comunit techno; analisi sociologica dei rave illegali (http://www.drexkode.net/ PageContents/Articoli/Tesi Raveparties/Tesi rave parties indice.htm) (EN) Manifesto dei Rave (http://shockraver.free.fr/23.htm) Rovigo oggi - Lo sballo che rende liberi (http://www.rovigooggi.it/articolo/2010-10-01/ non-chiamateli-rave-ma-free-party/) Le tipologie del fenomeno rave in unottica antropologica (http://www.scribd.com/doc/21054279/ Le-tipologie-del-fenomeno-rave-in-un-ottica-antropologica-Isabella-C) (FR) 36 72 - LaFreeStory Viaggio nell'universo techno dei free party (http://teknoparty.are.free.fr/doc/3672. htm)

Voci correlate
Tekno Goa trance Mutoidi Rave party Spiral Tribe Zona temporaneamente autonoma

Altri progetti
Commons (http://commons.wikimedia.org/wiki/Pagina_principale?uselang=it) contiene immagini o altri file su Free party (http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Free_party?uselang=it)

Gabber (sottocultura)

35

Gabber (sottocultura)
Con il termine Gabber si intende una sottocultura giovanile nata in Europa alla fine del Novecento.

Storia
La musica hardcore un sottogenere della musica techno. La sua caratteristica principale l'uso di una drum machine con un distorsore in modo tale da generare un'onda quadra con pitch decrescente. Lhardcore nasce a Rotterdam, e si distingue per le sonorit potenti e aggressive. L'hardcore old-school dell'inizio e la met degli anni novanta aveva poco pi di 130 battiti per minuto (bpm) ed era molto pi morbida di quella attuale. Il ritmo della tipica musica techno-hardcore moderna parte da circa 180 bpm in avanti (salvo alcune eccezioni). L'espandersi del mercato discografico hardcore port alla luce i primi abiti cosiddetti Merchandise labels, ovvero veri e propri capi d'abbigliamento, come bomber, tute, t-shirt e cappellini, con segni e scritte dalle case discografiche hardcore. Con il passare degli anni, questo tipo di abbigliamento penetrato radicalmente all'interno del movimento. Solitamente i gabber indossano capi d'abbigliamento come tute da ginnastica, o polo, marchiati Australian, uscita sul mercato olandese ma di marca italiana ovvero prodotta dalla ditta L'Alpina con texture e tinte sgargianti, molto in voga nell'iniziale periodo rave e appartenente maggiormente alla cultura centro-europea, e con ai piedi le Nike Air Max Classic, ma si possono trovare anche marchi come la Cavello, nato appositamente sull'ondata gabber, ed originariamente copia dell'Australian, e marche riconducibili all'abbigliamento tennistico, come: Fila e Sergio Tacchini e Diadora . Particolare proprio e caratteristico della cultura gabber del primo periodo l'assoluta coincidenza dei costumi fra i sessi. Gli abiti ed i prodotti che vanno a definire "l'uniforme" gabber, pur appartenendo di diritto al mondo maschile, sono i medesimi, senza alcuna variazione, del mondo femminile. A tal punto da comprendere anche la rasatura dei capelli, completa o laterale o della nuca anche chiamato doppio taglio e in italia chiamato taglio all'olandese. Successivamente lo stile estetico gabber mutato, avvicinandosi molto allo stile Skinhead, classico delle curve del Nord Europa. Se i primi gabber nella maggior parte erano apolitici, in questa seconda fase solo alcuni si rifanno a ideologie fasciste, e in alcuni casi naziste ma non tutti perch alcuni gabber erano anche di etnie diverse , coloro che appoggiavano l'ideologia di estrema destra adornando i propri abiti con spille o toppe raffiguranti simboli normalmente associati all'estrema destra. In questi anni insieme al classico abbigliamento gabber, vengono accostati i tipici marchi british usati nella cultura skin, come Lonsdale, Louis Vuitton, Burberry, PitBull,Fred Perry,Tree Strake,Ben Sherman e alcuni gabber iniziano ad indossare anfibi Getta Grip,Rangers e Dr. Martens, alternandoli alle Nike Air Max Classic simbolo storico che non viene mai abbandonato dal movimento , la variazione del gabber che decide di non essere piu apolitico ma di pensarla pi con ideologie di estrema destra porta anche delle problematiche nel movimento sia nel rispetto del prossimo sia nella cultura del gabber variando la base del movimento stesso cioe la parola stessa gabber che vuol dire amico , e essendoci razzismo un gabber caucasico non pu piu essere amico di un gabber di colore, perci i gabber di estrema destra non vengono ben visti dal movimento vero e proprio che rimane per la maggioranza apolitico , oltretutto il gabber di estrema destra viene visto male anche dal popolo nazi skin perch definiscono i gabber di destra feccia, siccome cercano di assomigliare al popolo skin non avendo gli stessi ideali valori/opinioni e mentalit il gabber di destra soprattutto in italia viene talmente odiato dai nazi skin che viene perseguitato dai nazi stessi con vere missioni punitive. di conseguenza i veri gabber rimangono apolitici anche in seguito. A differenza del primo, nel secondo periodo, pur mantenendo invariati alcuni accessori culto, come le Classic, o la polo Fred Perry,Lonsdale o Australian, alcune gabberine (soprannome tipicamente italiano dato alle gabber di sesso femminile) iniziano a mutare costumi, indossando la gonna da ragazza tipica delle cheerleader ma sempre di marca Australian tipicamente da tennista, o altri indumenti appartenenti all'immaginario collettivo porno, ma molto spesso utilizzano la tipica tuta australian tipica dell'abbigliamento gabber maschile. La capigliatura tipica delle "gabberine" costituita fondamentalmente da una parte di capelli rasati a zero(dietro la nuca), con varianti diverse o

Gabber (sottocultura) copletamente tirati con coda di cavallo alta a volte normale o con trecce & treccine posteriore a volte di colori naturali o stravaganti e spesso davanti una frangetta a volte tinta con vari colori, mostrando sempre la nuca rasata, se non a volte le piu estreme completamente rasate come i maschi.

36

Gabber girls style

Gabber boy style

Gabber girl style

Gabber boy style

Gabber boy style

La musica hardcore stata creata a Rotterdam nel 1990: i pionieri sono stati i tifosi del Feyenoord che, con le loro teste rasate, hanno fondato una moda che poi divenuta uno stile di vita. Nel corso del tempo lhardcore si evoluta in differenti stili tra cui il genere Gabber che ha un ritmo ancora pi veloce ed meno melodico: per le sue caratteristiche quindi, come la musica Techno, l'hardcore raccoglie molto successo tra i ragazzi pi grintosi e aperti a nuove esperienze musicali. Questo movimento approdato anche in Italia (divulgato in principio dalle discoteche bresciane una su tutte il Number One), dove ha assunto grande importanza soprattutto negli ambienti pi trasgressivi e in tantissimi locali italiani. I ragazzi che abbracciano questa moda si suddividono in due categorie: gli Hardcore Warriors ("Guerrieri Hardcore" che non centrano assolutamente nulla con la cultura gabber *pua invenzione italiana*) e i Gabbers, entrambi nel modo di vestirsi si attengono ad un preciso modello WARRIORS: tute fluorescenti, capelli acconciati con spuntoni e creste multicolori, borchie, zeppe e altri accessori e componenti estetiche riprese dallo stile punk per i primi I GABBER: bomber, maglie,polo,tute felpe e jeans scarpe da ginnastica griffate (Nike Air Max Classic), testa rasata, cappellino, orecchini e piercing a piacere (invenzione italiana poi usata all'estero in seguito) per i gabbers; la linea Lonsdale London la pi gettonata insieme all'Australian marche di alto prezzo, invece gli warriors le firme Terror Corps, Space Trip per la loro abbordabilit, essendo generalmente i ragazzi "warriors" appartenenti a classi sociali piuttosto disagiate. In italia due volte durante gli anni 90 il popolo hardcore italiano ha avuto loccasione di riunirsi all'Hardcore Nation, dove possibile incontrare i fratelli gabber attualmente 2010/2013 il popolo gabber ancora attivo in tutto il mondo e dall'italia partono ogni settimana tantissimi gabber per andare a ballare all'estero a festival internazionali imponenti di musica hardcore e dei suoi sottogeneri, ma non abbandonano la loro madre patria italiana partecipando a svariate serate sia al Number One che Florida e altre minori come Star fuckers,Overgate,Die Hard Milano,Kilaowatt project,Cybernetiks,Play Hard... Attraverso la musica, anche attraverso labbigliamento il movimento esprime quellaggressivit che non riesce a trovare sfogo nella societ tirando fuori tutta l'energia nel ballo . Fra i Guerrieri si nascondono anche appartenenti a frange politiche di orientamento Anarchico e Fra i Gabbers

Gabber (sottocultura) si trovano pochi elementi che abbracciano ideologie di estrema destra ; tuttavia non si vuole identificare nella figura del gabber un pericolo per la comunit. i gabber di estrema destra non vengono ben visti dal movimento vero e proprio che rimane per la maggioranza apolitico , oltretutto il gabber di estrema destra viene visto male anche dal popolo nazi skin perch definiscono i gabber di destra feccia, siccome cercano di assomigliare al popolo skin non avendo gli stessi ideali valori/opinioni e mentalit il gabber di destra soprattutto in italia viene talmente odiato dai nazi skin che viene perseguitato dai nazi stessi con vere missioni punitive. di conseguenza i veri gabber rimangono apolitici anche in seguito.

37

In Italia
In Italia la cultura Gabber sempre stata abbastanza malleabile alle mode subalterne dei teenager(sempre sottovalutata come una moda passeggera errando e mai presa in considerazione come un vero e proprio stile di vita come in Olanda, Tranne alcune eccezioni di Gabber italiani convinti), ed oltre agli stili sopraelencati si assiste a fenomeni mutevoli a seconda della zona del paese. Comunque la comunit italiana si distingue per aver introdotto marchi quali Oxbow, Kappa, e la famosa tuta acetata dell'Adidas a tre strisce. Nascono quindi mode nelle mode differenti, come a Roma, dove alcuni gabber fanno rientrare nell'"uniforme gabber" anche zaini di piccole misure, di varie marche come nike, adidas o lonsdale. Nell'Italia settentrionale nel 1999/2000 nasce la moda, ormai oggi utilizzata ovunque, del "cappellino tirato su"; prima dovuto alla testa rasata che facendo "pressione" sul cappello incastrava il tessuto in una posa alzata, poi divenuto un vero e proprio must per tutto il movimento. Tipicamente italiana anche la moda dei piercing, cosa invece non rispecchiabile nel resto d'Europa, dove l'utilizzo di tali accessori non considerata come parte caratterizzante del movimento, bens vista come una scelta personale. Un fenomeno collegato al movimento, riguarda i cosiddetti hardcore Warriors, nati tra i frequentatori abituali della discoteca bresciana "Number One", ben prima dell'arrivo della "cultura gabber" in Italia non appartenentialla cultura gabber , similari solo per gradire lo stesso stile di musica. Questo movimento pur accostandosi a quest'ultimi nell'ascolto di musica hardcore (anche se orientati a suoni ritmi pi ossessivi, come l'Industrial hardcore o la Speedcore), differisce radicalmente per quanto riguarda l'abbigliamento e il modo di ballare. Gli Hardcore Warrios utilizzavano abiti molto appariscenti, come tute aderenti e fluorescenti, guanti in pelle, scarpe Buffalo (un particolare modello di scarpe a zeppa), e variegati accessori, oltre a caratterizzarsi per un look fatto di creste multicolori e multiforma (stile street punk), e la faccia dipinta da vari disegni, oltre al pogo (ereditato da altre culture giovanili) utilizzato come "ballo" a differenza dei gabber e del loro tranquillo ballo solitario chiamato hakken e in italia doppio passo incrociato o passetto. Negli ultimi anni, con il crescere di popolarit del mondo gabber, sempre pi ragazzi decidono di abbracciare questo stile di vita, facendo nascere alcune distinzioni interne, che vedono contrapposti i pi "anziani", e i neofiti, o pi semplicemente i ragazzini che si vestono ed atteggiano a gabber, spesso bollati come "fuffa" (espressione usata nel Nord Italia), o come "zwabber", in italiano tradotto in "radazza" (modello di scopa), a sottolineare il disprezzo per coloro che (a detta loro) sono privi delle basi culturali del movimento.

BUFFALO

Gabber (sottocultura)

38

Nascita e luoghi comuni


Al contrario di quanto si possa pensare, a causa di una forte diffusione di notizie errate, la musica hardcore non nasce in Olanda, bens in Germania. Il primo brano hardcore caratteristico inciso nel 1989 e pubblicato nel 1990. La traccia si chiama We Have Arrived e usc nel vinile Reflections Of 2017. L'autore Marc Trauner, il cui nome d'arte era Mescalinum United, il disco usci nella label "Planet Core Productions" nel 1991. Mescalinum United insieme a The Mover pubblic una nuova versione dove nel primo lato si trova la traccia We Have Arrived e nel secondo lato Nightflight (Non-Stop To Kaos) di The Mover nella label "Industrial Strength Records" . "We have arrived", sicuramente la traccia pi significativa per lo sviluppo della musica hardcore in tutto il mondo. La musica hardcore si sviluppa nei paesi del Benelux, grazie alla fama della techno belga e della casa discografica R&S sulla quale si individua l'evoluzione del suono techno in risposta all'underground resistance di Detroit ed il classico suono Detroit-techno. Su R&S stato stampato il primo disco hardcore-techno classificato per stile e genere: Second Phase Mentasm (synth e cassa Roland TR-909), ma ancora prima di Mentasm un grande classico si era diffuso per tutti i rave party europei, Dominator degli Human Resource; le sonorit erano ancora molto legate all'acid-techno, ma le varie sperimentazioni con i nuovi macchinari a disposizione portarono i produttori ad addentrarsi in diverse sfaccettature del suono. Un vero e proprio stile predominante non si era ancora venuto a creare, c'erano diverse realt dislocate tra di loro: Marc Acardipane e la PCP a Francoforte, Spiral Tribe e il movimento crusty-tekno in Inghilterra, l'Industrial Strenght di Lenny Dee a New York, la Rotterdam Records a Rotterdam; queste sono le 4 realt predominanti, ma non le uniche. La traccia We Have Arrived (1991) di Marc Acardipane (Mescalinum United) stampata su diverse etichette, tra le quali Dance xtc 2001, R&S ed Industrial strenght, sicuramente la traccia pi significativa per lo sviluppo della musica hardcore non solo nei Paesi Bassi, ma anche nel resto del mondo. La prima hardcore era diffusa da piccole radio pirata che trasmettevano i pochi dischi in commercio; tra questi ricordiamo in particolare il Dj Paul Elstak, considerato uno dei padri della hardcore e tuttora attivo nell'ambiente. La prima traccia hardcore olandese Poing (1992) dei Rotterdam Termination Source, una delle prime hit-hardcore a livello europeo, caratterizzata da un effetto digitale di rimbalzo di "boing". Il negozio di dischi Midtown, nel quartiere Nieuwe Binnenweg di Rotterdam, stato uno dei primi negozi di dischi della musica hardcore. Da qui in poi il suono olandese ha sviluppato e si evoluto in diversi generi e sottogeneri. Rotterdam era in contrapposizione alla scena house-acid-mellow di Amsterdam. Successivamente anche Amsterdam e un po' tutta l'Olanda viene invasa dall'hardcore-techno; riprendendo l'estetica degli hooligan del Feyenoord, nasce un vero e proprio movimento raver classificato come gabber (che in olandese-yiddish significa "amico"). L'organizzazione commerciale ID&T aiut molto a rendere questo genere di musica popolare, organizzando party e vendendo merchandising. Il movimento gabber e la musica hardcore in Olanda hanno il maggior sviluppo nel 1996, dove il 25% della popolazione giovanile si classificava come gabber: all'epoca c'erano diverse fanzine (thunder-megazine, strobe...) e diversi programmi televisivi (hakkkkke tv, presentato da mc DROKZ, BOUNZE, presentato da Charly Lownoise e Mental Theo...). Dopo questo periodo caratterizzato da brani abbastanza veloci (180 bpm), con cassa ampollosa e tipica della roland 909 e synth happy, nel periodo fine 97-99 viene a nascere, in maniera prima nascosta e poi predominante, una nuova scuola ed un nuovo stile pi lento, con bassi distorti ed effetti filtrati; venne chiamato New Style (o Nu Style) e New Skool. Parecchi fan di vecchia data odiarono il New Style e le discoteche dove veniva suonata. Questa rivalit all'Hardcore New Style per certi versi simile alla rivalit che si era venuta a creare precedentemente tra l'hardcore "regolare" e l'happy hardcore. I due stili pi o meno si sono avvicinati; e la maggior parte dell'hardcore oggi prodotta con un BPM che varia dai 160-190 BPM. tipicamente un po' pi lenta dello stile creato a Rotterdam nella met degli anni novanta, e in qualche modo pi veloce di molte tracce New Style (230-260 BPM). By Wikipedia In Olanda nei primi anni l'hardcore era diffusa da piccole radio pirata che trasmettevano i pochi dischi in commercio. Il primo disco hardcore Dutch fu rilasciato dalla Rotterdam Records nel 1992 il disco si chiama Amsterdam Waar

Gabber (sottocultura) Lech Dat Dan? degli Euromasters; in questo gruppo era composto da due volti importanti della scena hardcore dutch, Paul Elstak e Rob Fabrie. Tra questi ricordiamo in particolare il dj Paul Elstak, considerato uno dei padri della hardcore e tuttora attivo nell'ambiente. Questo disco e la prova della contrapposizione che c'era ed tuttora oggi tra Rotterdam e Amsterdam. Nella copertina del vinile illustrata a destra "strega Euromast", l'alta torre di Rotterdam che urina su Amsterdam, questo simbolo stato utilizzato come logo del Parkzicht (il famoso club di Rotterdam dove stata proposta per la prima volta la musica hardcore in Olanda). Nel 1992 dalla Roterdam Records fu anche rilasciato il disco Poing dei Rotterdam Termination Source, una delle prime hit-hardcore a livello europeo, caratterizzata da un effetto digitale di rimbalzo di "boing".

39

Aspetto (abbigliamento)
Lo stile estetico gabber nasce da una mixture tra lo stile ultras-hooligans dei sobborghi di Rotterdam, moda rave e abbigliamento sportivo. Le caratteristiche predominanti dell'originale look gabber erano/sono la testa rasata, o nelle varianti a spazzola o lati della testa rasati con capelli ingellati all'indietro (tipico della zona di Rotterdam). Primo periodo (94-97) Solitamente i gabber indossano capi d'abbigliamento, come tute da ginnastica, o polo, marchiati Australian, uscita sul mercato olandese con texture e tinte sgargianti, molto in voga nell'iniziale periodo rave e appartenente maggiormente alla cultura centro-europea, e con ai piedi le Nike Air Max IV , uscite nel mercato nel 91 nei modelli Classics e BW. In Olanda viene utilizzato come marchio alternativo all'Australian la Cavello un marchio Olandese, utilizzato dai Gabber nel periodo di scarsa reperibilit dell'Australian (nel 96) e alcuni anche indossando il "Bomber" giubbotto tipicamente usato anche dagli "Skinheads".

La Air Max IV o Classic, tipicamente usate dai gabber.

La comunit italiana si distinse per aver introdotto marchi quali Oxbow, Kappa, e la famosa tuta acetata dell'Adidas a tre strisce. L'espandersi del mercato discografico hardcore port alla luce i primi abiti cosiddetti Merchandise labels, ovvero veri e propri capi d'abbigliamento, come bomber, tute, t-shirt e cappellini, con segni e scritte dalle case discografiche hardcore. Con il passare degli anni, questo tipo di abbigliamento penetrato radicalmente all'interno del movimento. Particolare proprio e caratteristico della cultura gabber del primo periodo l'assoluta coincidenza dei costumi fra i sessi. Gli abiti ed i prodotti che vanno a definire "l'uniforme" gabber, pur appartenendo di diritto al mondo maschile, sono i medesimi, senza alcuna variazione, del mondo femminile. A tal punto da comprendere anche la rasatura dei capelli, completa o laterale. Secondo periodo (98-02) Successivamente lo stile estetico gabber mutato, avvicinandosi molto allo stileSkinhead, classico delle curve delNord Europa. Se i primi gabber nella maggior parte erano apolitici, in questa seconda fase solo alcuni si rifanno aideologie fasciste, e in alcuni casinazistema non tutti perch alcuni gabber erano anche di etnie diverse , coloro che appoggiavano l'ideologia di estrema destra adornando i propri abiti con spille o toppe raffiguranti simboli normalmente associati all'estrema destra. In questi anni insieme al classico abbigliamento gabber, vengono accostati i tipici marchi british usati nella cultura skin, come Lonsdale, Louis Vuitton, Burberry, PitBull,Fred Perry,Tree Strake,Ben Sherman e alcuni gabber iniziano ad indossare anfibi Getta Grip,Rangers e Dr. Martens, alternandoli alle Nike Air Max Classic simbolo storico che non viene mai abbandonato dal movimento , la variazione del gabber che

Gabber (sottocultura) decide di non essere piu apolitico ma di pensarla pi con ideologie di estrema destra porta anche delle problematiche nel movimento sia nel rispetto del prossimo sia nella cultura del gabber variando la base del movimento stesso cioe la parola stessa gabber che vuol dire amico , e essendoci razzismo un gabber caucasico non pu piu essere amico di un gabber di colore, perci i gabber di estrema destra non vengono ben visti dal movimento vero e proprio che rimane per la maggioranza apolitico , oltretutto il gabber di estrema destra viene visto male anche dal popolo nazi skin perch definiscono i gabber di destra feccia, siccome cercano di assomigliare al popolo skin non avendo gli stessi ideali valori/opinioni e mentalit il gabber di destra soprattutto in italia viene talmente odiato dai nazi skin che viene perseguitato dai nazi stessi con vere missioni punitive. di conseguenza i veri gabber rimangono apolitici anche in seguito In Italia In Italia la cultura Gabber sempre stata abbastanza malleabile alle mode subalterne dei teenager(sempre sottovalutata come una moda passegger e mai presa in considerazione come un vero e proprio stile di vita come in Olanda, Tranne alcune eccezioni di Gabber italiani convinti), ed oltre agli stili sopraelencati si assiste a fenomeni mutevoli a seconda della zona del paese. Comunque la comunit italiana si distingue per aver introdotto marchi quali Oxbow, Kappa, e la famosa tuta acetata dell'Adidas a tre strisce. Nascono quindi mode nelle mode differenti, come a Roma, dove alcuni gabber fanno rientrare nell'"uniforme gabber" anche zaini di piccole misure, di varie marche come nike, adidas o lonsdale. Nell'Italia settentrionale nel 1999/2000 nasce la moda, ormai oggi utilizzata ovunque, del "cappellino tirato su"; prima dovuto alla testa rasata che facendo "pressione" sul cappello incastrava il tessuto in una posa alzata, poi divenuto un vero e proprio must per tutto il movimento. Tipicamente italiana anche la moda dei piercing, cosa invece non rispecchiabile nel resto d'Europa, dove l'utilizzo di tali accessori non considerata come parte caratterizzante del movimento, bens vista come una scelta personale. Un fenomeno collegato al movimento, riguarda i cosiddetti hardcore Warriors, nati tra i frequentatori abituali della discoteca bresciana "Number One", ben prima dell'arrivo della "cultura gabber" in Italia non appartenentialla cultura gabber , similari solo per gradire lo stesso stile di musica. Questo movimento pur accostandosi a quest'ultimi nell'ascolto di musica hardcore (anche se orientati a suoni ritmi pi ossessivi, come l'Industrial hardcore o la Speedcore), differisce radicalmente per quanto riguarda l'abbigliamento e il modo di ballare. Gli Hardcore Warrios utilizzavano abiti molto appariscenti, come tute aderenti e fluorescenti, guanti in pelle, scarpe Buffalo (un particolare modello di scarpe a zeppa), e variegati accessori, oltre a caratterizzarsi per un look fatto di creste multicolori e multiforma (stile street punk), e la faccia dipinta da vari disegni, oltre al pogo (ereditato da altre culture giovanili) utilizzato come "ballo" a differenza dei gabber e del loro tranquillo ballo solitario chiamato hakken e in italia doppio passo incrociato o passetto. Negli ultimi anni, con il crescere di popolarit del mondo gabber, sempre pi ragazzi decidono di abbracciare questo stile di vita, facendo nascere alcune distinzioni interne, che vedono contrapposti i pi "anziani", e i neofiti, o pi semplicemente i ragazzini che si vestono ed atteggiano a gabber, spesso bollati come "fuffa" (espressione usata nel Nord Italia), o come "zwabber", in italiano tradotto in "radazza" (modello di scopa), a sottolineare il disprezzo per coloro che (a detta loro) sono privi delle basi culturali del movimento.

40

Gabber (sottocultura)

41

Ideologia
Il movimento in s apolitico: spesso (soprattutto a party internazionali) si possono vedere gabber che indossano toppe con la bandiera della propria nazione sui loro bomber, per indicare la propria provenienza ed il senso di appartenenza, ma questo patriottismo non sempre cela dietro di s sentimenti razzisti, raramente infatti, artisti gabber di minoranza incitano apertamente all'antirazzismo durante i loro pezzi[1].alcune etichette hardcore che formarono un gruppo Against Racism ricordando che il gabber ama la musica e chi lo circonda e soprattutto che un movimento apolitico. Per precauzione in alcuni paesi (ad esempio l'Olanda) all'entrata della maggior parte dei rave ufficiali, ogni partecipante viene perquisito e privato di qualsiasi indumento recante messaggi politici o etnici (spille o magliette con riferimenti politici, bandiere, magliette di squadre calcistiche etc.), per evitare risse. Del tutto particolare si pu definire da un punto di vista antropologico, l'interpretazione gabber al dilagante consumismo degli anni di massimo sviluppo. La scelta consapevole ai proprio bisogni, i quali nascono dalle necessit dovuto al ballo, di determinati prodotti, limitano di fatto il consumo e annullano il senso di status proprio del consumismo di fine anni novanta. Attraverso i prodotti scelti dalla comunit, il gabber comunica la propria appartenenza, su un piano di totale uguaglianza rispetto al prossimo. I simboli delle marche scelte, fino anche e soprattutto ai modelli, esulano dal loro valore di mercato per essere all'interno del gruppo simboli di appartenenza gregale paritaria. Un esempio su tutti la scelta del modello di scarpa Nike Air Max IV, meglio conosciute come Classic, che nonostante le notevoli influenze, e i sempre nuovi modelli proposti dell'industria americana, fu sempre il modello prescelto dalla comunit gabber n gli influssi del consumismo riuscirono mai a soppiantarla. Gli oggetti di largo consumo, anche se ad una prima interpretazione possono appartenere a quella che viene normalmente definita una societ consumistica, vengono completamente stravolti di significato dalla fruizione della cultura gabber. Gli oggetti vengono scelti, non subiti, e risemantizzati a logiche interne e non di mercato. La scelta di oggetti di riferimento base, fa s che non se ne creino altri pi complessi, e che i bisogni da soddisfare siano minima per espletare l'appartenenza. Altro punto che definisce la transnazionalit del movimento lo stile di ballo adottato uniformemente attraverso le varie nazionalit. Il doppio passo incrociato (hakken) il passo base del ballerino gabber. Alle sue interpretazioni, alla pulizia di movimento, e alla tempistica di esecuzione si deve poi l'estro del singolo. Il ballo gabber secco e pulito, machista e individualista, utilizza tutte le articolazioni per determinare in modo preciso il tempo utilizzando gli arti inferiori per le casse primarie, e le articolazioni superiori per i tempi secondari sovratraccia.Di qui l'odio dei puristi per il jump style e il ballo free style italiano. Il senso comune tende ancora oggi a confondere " rave illegali" o "i rave" in genere, come manifestazione della cultura gabber; forse l'errore pi grossolano che un profano possa commettere, essendo questa come detto un movimento ben determinato con esponenti e modalit d'incontro ufficiali e ben definite. invece indubbio l'influsso della gabber, anche solo temporalmente, sull'influenza e il successivo sviluppo di una cultura della musica elettronica autarchica anche nei segmenti della sinistra giovanile. Allo stesso modo, non si pu dire che l'appartenenza alla subcultura gabber implichi necessariamente l'assunzione di stupefacenti quali anfetamina, in forma di speed, o ecstasy, anzi molti gabber puristi disprezzano dal profondo l'uso di droghe ed in particolar modo nelle occasioni di ballo.

Gabber (sottocultura)

42

Note
[1] Silcott, Mireille. Rave America: New School Dance Scapes. (Toronto: ECW Press, 1999), 114-117.

Voci correlate
Gabber (musica)
Portale Musica Portale Sociologia

Gay skinhead
Nei Paesi anglosassoni la definizione di gay skinhead identifica individui omosessuali che si riconoscono come appartenenti alla subcultura degli skinhead.

In Italia
Il fenomeno degli skinhead gay in gran parte nordeuropeo ed ha il massimo radicamento nel Regno Unito, con presenze in Germania e qualche altra nazione non mediterranea. Nel resto d'Europa e soprattutto in Italia esso invece presente soprattutto come fenomeno di moda nel vestiario, legato al feticismo dell'iper-virilit ostentata; in questo senso tende a confondersi con la sottocultura leather e a condividerne i luoghi d'incontro e socializzazione.

Gay skinhead al Pride di Brighton

Forse anche per questo fatto, in Italia praticamente assente l'adozione di questo modo di vestire per esibire l'adozione alle ideologie dell'estrema destra.

Motivazioni
Alcuni skinhead gay hanno un'attrazione sessuale (feticistica) per il modo di vestire dello skinhead. Altri hanno un'attrazione di tipo sadomasochista per la violenza. Altri ancora sono invece semplicemente attratti dall'esibizione di mascolinit dello skinhead, che nelle nazioni nordiche spesso di estrazione proletaria o sottoproletaria: si tratta quindi di una variante del feticismo per i giovani della classe lavoratrice, erotizzati in quanto tali e non tanto per il vestiario che indossano. Ci che tutte queste persone hanno in comune da un lato il fatto di appartenere alla stessa subcultura, e quindi di vestirsi tutte in un certo modo, e dall'altro il fatto di essere attratte da persone del loro stesso sesso.

Subcultura
Una parte non indifferente del mondo skinhead nordeuropeo caratterizzata da una virulenta omofobia, che ha dato luogo ad infiniti episodi di aggressione fisica, pestaggi, omicidi e attacchi incendiarii a luoghi d'incontro gay. Date queste premesse, facile comprendere come mai i gay skinhead siano una subcultura distinta e separata da quella degli skinhead in genere, con un insieme di regole uniche utilizzate solo nella loro comunit, che mescola elementi della sottocultura gay con altre forme di espressione dello skinhead. Gli skinhead gay non frequentano inoltre i luoghi di aggregazione usati dagli skinhead non-gay, ed organizzano incontri in residenze private, in bar gay e principalmente in eventi organizzati e dedicati ai "gayskin".

Gay skinhead Due le organizzazioni gay skinhead pi importanti: 1. La EGSA (European Gay Skinhead Association) che raggruppa i gay skinhead apolitici o di Sinistra. 2. La GASH (Gay Arian Skin Head) che raggruppa gli skinhead che aderiscono a ideologie di Estrema destra.Wikipedia:Uso delle fonti

43

Rapporti con altri Skinhead


La maggior parte dei gay skinheads non fa parte del movimento neonazista dei Nazi Skinhead, anche perch quei movimenti condannano violentemente l'omosessualit, rendendosi non di rado responsabili di aggressioni fisiche e violenze di altro genere ai danni delle persone LGBT. Nonostante questo esistono alcuni individui che feticizzano il Nazismo, le uniformi ed altri cimeli nazisti, ed altre che aderiscono a ideologie razziste e fasciste. Tuttavia, un gayskin pu anche essere un RASH, uno SHARP, un Trojan Skinhead, un Suedehead o uno Straight Edge.

Nelle arti
La figura dello skinehad gay appare come feticcio sessuale in molti film pornografici gay, specialmente di produzione nordeuropea. Tuttavia questa figura appare anche nel campo artistico: ad esempio il regista Bruce LaBruce ha dedicato il suo fim di esordio, No Skin off My Ass, all'ossessione erotica per lo skinhead gay. Anche il pittore canadese Attila Richard Lukacs ritrae nelle sue tele skinhead in situazioni erotiche e omoerotiche. La moda si appropriata di alcuni modi di vestire di questa sottocultura, e citazioni ad essa sono apparse nelle sfilate di stilisti come Alexander McQueen o Jean-Paul Gaultier.

Voci correlate
Skinhead Trojan Skinhead Naziskin Hard mod Mod Omosessualit Feticismo (sessualit) Portale LGBT: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di LGBT

Grunge

44

Grunge
Grunge Origini stilistiche Punk rock Hardcore punk Heavy metal Hard rock Garage rock Noise rock Rock psichedelico West coast degli Stati Uniti, attorno all'area di Seattle, seconda met degli anni ottanta.

Origini culturali Strumenti tipici

Voce Chitarra Basso Batteria

Popolarit

Ottenne una popolarit enorme durante la prima met degli anni novanta, risultando una tra le correnti pi in voga e pi caratterizzanti del periodo. Declin nella seconda met dei novanta, influenzando per una buona parte del rock successivo.
Generi derivati

Neo-glam - Post-grunge - Nu metal


Generi correlati

Alternative rock - Punk rock - Hardcore punk - Heavy metal - College rock - Punk revival - Noise rock
Categorie correlate

Gruppi musicali grunge Musicisti grunge Album grunge EP grunge Singoli grunge Album video grunge

Il grunge (chiamato anche Seattle sound) il termine con cui si designa un genere di musica rock (in particolare alternative rock[1]), prodotto principalmente nello Stato di Washington degli Stati Uniti d'America, in particolare nella citt di Seattle, a partire dalla seconda met degli anni ottanta. La scena di Seattle proprio in quegli anni si rivelava, infatti, una delle pi fertili del panorama mondiale, producendo gruppi che mescolavano influenze eterogenee, principalmente l'heavy metal e il punk rock[], ma anche l'hardcore punk, l'hard rock e il post-hardcore[]. tuttora oggetto di discussione se il grunge si debba considerare un vero e proprio genere musicale o, piuttosto, un termine di comodo con cui sono stati catalogati gruppi nettamente diversi dal punto di vista musicale e che avevano in comune esclusivamente la provenienza dalla citt di Seattle. Se dal punto di vista dell'analisi strettamente musicale risultasse pi convincente questa seconda interpretazione, a favore della prima interpretazione sono da considerare la formazione musicale comune dei gruppi di Seattle, la predisposizione, pi che in altre citt, a collaborare fra le diverse band o a formare band ibride con componenti appartenenti a diverse formazioni o addirittura a "prestarsi" di volta in volta componenti fra le varie band.

Origine del termine


Il termine grunge ritenuto una derivazione dell'aggettivo grungy, nato attorno al 1965 come slang di dirty or filthy ("sporco", "sudicio"). Mark Arm, cantante di Green River e Mudhoney generalmente considerato il primo ad aver utilizzato questo termine per riferirsi a un genere musicale. Arm fece uso per la prima volta del termine nel 1981, quando scrisse una lettera a nome Mark McLaughlin al magazine di Seattle Desperate Times, definendo il proprio gruppo Mr. Epp come "puro grunge!". Clark Humphrey, editore di Desperate Times, cita questo come il primo momento in cui il termine fu utilizzato per riferirsi a un gruppo di Seattle, asserendo inoltre che Bruce Pavitt della

Grunge Sub Pop contribu molto alla diffusione del termine tra il 1987 e il 1988, servendosene varie volte per descrivere la musica dei Green River[2]. Anni dopo Arm dichiar: "Ovviamente, non ho inventato [il termine]. L'ho preso da qualcun altro. Il termine era gi utilizzato in Australia alla met degli anni ottanta per definire band come King Snake Roost, The Scientists, Salamander Jim, e Beasts of Bourbon". In realt, Arm utilizz il termine grunge con intento descrittivo, e non intendendolo come genere musicale, ma in seguito esso and a definire il sound della scena di Seattle[3].

45

Caratteristiche stilistiche
Come accennato nell'introduzione, complicato definire il grunge entro termini esclusivamente musicali, proprio per la mancanza di un'unit stilistica fra i diversi gruppi che, pi o meno propriamente, ne hanno fatto e ne fanno parte. Tuttavia qualche elemento comune effettivamente esiste, soprattutto nella ripresa di sonorit di chiara derivazione heavy metal, hard rock e punk rock. In questo il Seattle sound crea una spaccatura piuttosto evidente con il rock degli anni ottanta: la quasi completa rinuncia a sintetizzatori e tastiere, cos come a qualunque tipo di effettistica "alla moda" sulle chitarre, il ritorno a strumentazioni semplici e d'impatto (basso-chitarra-batteria), la riscoperta delle sonorit degli anni sessanta e degli anni settanta, con un completo rifiuto del suono del rock da stadio degli anni ottanta e una sorta di predilezione per i suoni distorti e rumorosi sono gli elementi che per primi risaltano, anche da un ascolto superficiale. Altro elemento catalizzante fra i gruppi grunge si pu trovare nelle finalit di denuncia e l'utilizzo dello strumento musicale come protesta contro l'establishment politico e culturale del I Gruntruck a Seattle nel 1992 momento. Volendo effettuare delle distinzioni tra le principali band, si potrebbe dire che il rock dei Nirvana pi vicino al punk, mentre le varianti marcatamente seattle sound dei Pearl Jam sono vicine al rock tradizionale, i Soundgarden sono un mix di heavy metal e punk, invece gli Alice in Chains sono certamente la band pi vicina all'heavy metal. I brani sono spesso inizialmente oscuri, ipnotici, fatti di strofe dove la voce appare sofferta, per poi sfociare in rabbiosi ritornelli urlati. La tradizionale forma-canzone "strofa-ritornello-strofa" (tra l'altro omaggiata/criticata spesso dal leader dei Nirvana Kurt Cobain) assunta a schema privilegiato di un genere che punta direttamente al sodo, eliminando troppi fronzoli e tecnicismi. I testi trattano spesso di argomenti come la frustrazione di vivere, la tristezza, la rabbia verso una vita vissuta passivamente, la ribellione. Non disdegnato tuttavia un certo senso di ironia quasi grottesco nell'affrontare queste delicate tematiche. Tanto che i testi di gruppi come Pearl Jam, Alice in Chains e gli stessi Nirvana sono stati definiti come notevoli prove di poesia contemporanea, elemento che assieme alle voci peculiari della scena di Seattle, concorse alla creazione di quell'effetto magnetico che caratterizz le migliori canzoni del genere.

Grunge

46

Caratteristiche estetiche e culturali


La musica grunge affonda le proprie radici nella societ dell'America nord-occidentale, caratterizzata a met degli anni ottanta da piaghe come la povert, la disoccupazione, la droga. In questo senso si considera che il grunge si sia ispirato in parte ideologicamente all'hardcore punk americano degli anni ottanta. La citt di Seattle in particolare risulta essere in quegli anni un centro privilegiato di consumo di eroina: i giovani per sfuggire alla noia e al male di vivere si rifugiano nella musica, dando vita a una scena musicale fortemente localizzata, che venne nel 1989 definita dal giornalista inglese del Melody Maker Everett True "la pi eccitante prodotta da una singola citt da almeno 10 anni". I gruppi, come ampiamente descritto da Michael Azerrad nella biografia di Kurt Cobain, formavano una comunit unita di giovani che frequentavano gli stessi locali e si contraddistinguevano per determinate caratteristiche estetiche: i capelli lunghi, i jeans strappati, scarpe da ginnastica Converse spesso vecchie e rovinate, t-shirt sdrucite, maglioni pesanti, spesso monocolore e camicie di flanella a quadri (tipiche dei taglialegna di quei posti, i cosiddetti "lumberjack").

Caratteristiche musicali
Dal punto di vista musicale molto pi complesso trovare una linea comune fra i diversi esponenti del grunge: dopo il successo commerciale dei Nirvana, infatti, questa parola fu utilizzata in modo abbastanza indiscriminato per catalogare qualunque band con un suono basato sul trio basso-chitarre-batteria. Altro elemento comune a pi band Grunge l'utilizzo di ritmi inusuali per le loro composizioni (in particolare il ritmo di 7/8). Per questa ragione, si possono, in realt, individuare almeno 4 stili nel grunge: il grunge di ispirazione heavy metal: Alice in Chains, L7, Gruntruck; il grunge di ispirazione heavy metal+ punk rock: Soundgarden, Tad; il grunge di ispirazione punk rock (alcuni dei gruppi di questo stile si sono ispirati all'esperienza musicale dei Pixies): a questo genere appartengono i Nirvana e i Mudhoney, oltre a tutti i loro emuli; il grunge ispirato al rock tradizionale e al rock psichedelico: Pearl Jam, Screaming Trees, Stone Temple Pilots, Mother Love Bone, Temple of the Dog, Love Battery, Hole; Il livello di confusione sull'uso del termine grunge tale che gruppi di rock alternativo del tutto estranei alla scena di Seattle, a essa addirittura precedenti e talvolta ispirati a tutt'altre influenze musicali, sono stati etichettati con questo termine: il caso dei Pixies, dei Jane's Addiction, dei Dinosaur Jr., degli Smashing Pumpkins, Afghan Whigs o addirittura, i maestri del noise, i Sonic Youth.

Grunge

47

Storia, gruppi e album principali


Le origini
Alla base della nascita del movimento grunge vi l'attivit di una etichetta discografica indipendente, la Sub Pop di Jonathan Poneman e Bruce Pavitt, la quale ha il merito di produrre la totalit dei primi dischi successivamente definiti grunge. infatti errore comune parlare di grunge come genere musicale. Pi corretto sarebbe invece parlare di un movimento musicale di cui fanno parte band della stessa citt, nello stesso periodo, uniti da radici comuni e da commistioni (vedi Mad Season o Temple of the Dog) prive di rivalit. Un elevato numero di band di Seattle e dintorni collabor con la Sub Il gruppo musicale punk metal The U-Men a Seattle negli anni '80 Pop: tra queste le prime furono i Green River e i Melvins. I primi, formatisi nel 1983, rappresentano l'anello di congiunzione con un certo classico hard rock antecedente, mentre i secondi erano di estrazione prevalentemente heavy metal, ispirati come erano dai riffs di Black Sabbath e ispiratori del doom metal e dello stoner rock che anni dopo venne prodotto da band come Kyuss e Fu Manchu. Il cantante dei primi fu inoltre il primo a utilizzare il termine grunge, con una connotazione negativa. Egli infatti descrisse la propria musica "pure grunge, pure shit". Dallo scioglimento dei Green River nel 1988 nacquero due band: i Mudhoney in cui trovarono posto il cantante Mark Arm e il chitarrista Steve Turner, i quali proseguirono stilisticamente il genere dei Green River evidenziandone il tratto punk rock, e i Mother Love Bone dove confluirono il bassista Jeff Ament e l'altro chitarrista Stone Gossard. In quest'ultima formazione milit anche il cantante Andrew Wood (cantante, insieme al fratello Kevin, della ormai sciolta band Malfunkshun), coinquilino di Chris Cornell cantante dei Soundgarden. Wood mor per overdose nel 1990 (evento che proprio su volont di Cornell diede vita al progetto Temple of the Dog, al quale parteciparono anche Matt Cameron batterista dei Soundgarden, Jeff Ament e Mike McCready dei Pearl Jam ed Eddie Vedder una sola canzone quasi a insinuare un passaggio di testimone con Wood). Proprio la morte di Wood infatti permise al cantante di San Diego Eddie Vedder (all'epoca benzinaio) di entrare a far parte della band che prese inizialmente il nome di Mookie Blaylock, che successivamente divenne Pearl Jam. Nel frattempo Kurt Cobain, lascia i Fecal Matter e costruisce le basi del successo del grunge, formando i Nirvana con il bassista Krist Novoselic, il batterista Chad Channing e il chitarrista Jason Everman il quale diede solo un aiuto economico prestando $ 600 a Kurt Cobain (mai restituiti) che contraccambi mettendolo in copertina anche se non aveva partecipato alla produzione dell'album. Proprio grazie a questo contributo, nel 1989 i Nirvana (che precedentemente si erano chiamati in svariati modi) incisero per l'etichetta Sub Pop l'album Bleach, che vedeva alla batteria in alcuni brani il batterista dei Melvins Dale Crover. Come Kurt Donald Cobain, anche Layne Staley cre, insieme a Jerry Cantrell, Mike Starr e Sean Kinney gli Alice in Chains, e debutt con l'album Facelift (1990), con cui vinsero il disco d'oro vendendo un milione di copie solo negli Stati Uniti.

Grunge

48

Il successo commerciale
Il successo commerciale planetario del genere grunge da individuare nell'anno 1991, anno della realizzazione per l'etichetta discografica Geffen Records dell'album Nevermind dei Nirvana. L'album e in particolare il singolo Smells Like Teen Spirit indicarono al mondo una via nuova di intendere la musica rock. La musica dei Nirvana presentava sicuramente tratti pi melodici dei suoi predecessori. L'album, forte di orecchiabili melodie che strizzavano l'occhio al pop, costruito sulle basi della lezione "strofa calma-ritornello forte" dei Pixies, fu un incredibile successo, anche grazie al contributo dell'emittente televisiva MTV. Sempre nel 1991 vide la luce Ten, il primo album dei Pearl Jam, un I Nirvana agli MTV Video Music Awards del altro immenso successo. I Pearl Jam si candidavano in questo modo a 1992 esponenti di un differente modo di intendere la musica grunge, con riferimenti espliciti al rock tradizionale, meno nichilista dell'ottica dei Nirvana e a tratti pi intimista, non disdegnando per puntate stilisticamente rabbiose e decise. Nel 1992 usc Dirt degli Alice in Chains del cantante Layne Staley e del chitarrista Jerry Cantrell, successore di Facelift del 1990, il quale mostr al mondo il lato pi cupo, oscuro, depresso della musica grunge, in questo caso intesa nella sua accezione pi metal e in parte ispirato al sound dei concittadini Soundgarden. Le major discografiche, avendo compreso le reali potenzialit dei gruppi in termini di vendite e riscontro economico, si lanciarono in una vera e propria caccia ai gruppi grunge. In questo periodo nacquero dunque in tutto il mondo band che suonavano grunge rock; a salire in corsa sul carro dei vincitori: in Australia i teenagers Silverchair esordirono con Frogstomp, a San Diego nacquero gli Stone Temple Pilots, nel Regno Unito i Bush di Gavin Rossdale.Wikipedia:Uso delle fonti Il grunge divenne parte della cultura pop planetaria: nel 1992 usc il film Singles con il contributo musicale di molte band grunge.

Grunge contro hair metal


Durante tutti gli anni ottanta, uno dei generi principali a dominare le classifiche di vendita negli States e non, fu indubbiamente l'heavy metal. Tra tutti i suoi sottogeneri, si pu riconoscere come il predominante e il pi popolare in termini di vendite fu l'hair metal, i quali pi rappresentativi furono gruppi come Van Halen, Mtley Cre, Bon Jovi, Guns N' Roses, Europe, Def Leppard, Faster Pussycat, L.A. Guns, Dokken e Ratt. Sicuramente l'evento principale che provoc il declino dell'hair metal fu il sorgere del grunge[4]. Proprio con il sorgere del grunge che da l a poco sarebbe divenuto il genere di maggior successo, molte band hair metal si accorsero che le loro etichette discografiche non le offrivano pi supporto. Molte major anzi cominciarono a interessarsi alle band grunge, sciogliendo i contratti proprio con la maggior parte dei gruppi hair metal (esempio eclatante proprio quello della Geffen nei confronti dei Nirvana). Un articolo sul Q Magazine una volta scrisse ai suoi lettori che "il successo pi grande di Kurt Cobain fu quello di aver distrutto l'hair metal"[5]. Molte band grunge o alternative rock, che avevano fatto strada professando atteggiamenti anti conformisti, firmarono contratti con le pi grandi case discografiche mentre al contrario, molte band hair metal, ormai considerate "fuori moda" e snobbate da fan critici e major discografiche, si ritrovarono costrette a firmare con piccole etichette indipendenti. Il fenomeno grunge infatti provoc lo scioglimento e il declino di molte band della corrente. Altri gruppi, come Poison, Mtley Cre, L.A. Guns o Warrant, paradossalmente decisero di introdurre proprio sonorit affini al grunge e all'alternative rock per non sprofondare ed evitare di venire scaricati dalle loro etichette, anche per poter mantenere alto il numero di copie vendute, ma risultando spesso un buco nell'acqua.

Grunge

49

Si pu riconoscere come le due correnti portassero avanti filosofie completamente opposte. L'hair metal trattava di bella vita, party, macchine veloci, amore, donne, sesso, divertimento, gioia di vivere, mentre il grunge sosteneva temi come depressione, solitudine, sofferenza, rabbia, frustrazione di vivere, tristezza, ribellione. L'hair metal, presentava caratteristiche tipiche dell'heavy metal come la tecnica strumentale notevolmente sviluppata, i frequenti virtuosismi, assoli di batteria, voci alte e acute ecc, al contrario i grunge musicalmente si basava su riff semplici e scarsa tecnica strumentale, nonch sonorit raramente melodiche, ma anzi pi caotiche, moderne e distanti dalle radici del rock & roll.Wikipedia:Uso delle fonti Un altro caso di rivalit tra le due correnti fu l'incontro tra a Axl Rose Axl Rose nel 1993 dei Guns N'Roses e Kurt Cobain. Infatti durante gli MTV Video Music Awards del 1992 Rose venne alle mani con Cobain. Axl Rose era un grandissimo fan dei Nirvana e chiese a Cobain di aprire, con la sua band, i concerti dei Guns N' Roses in un tour congiunto, Kurt (per tutta risposta) schern Axl con la stampa. Dopo aver declinato l'offerta, Cobain inizi a parlare male dei Guns N' Roses e di Rose a diversi media, sostenendo che erano "patetici e senza talento" (ironicamente, entrambe le band erano sotto contratto con la Geffen)[6]. Rose di risposta sfid Cobain a una lotta durante gli stessi MTV Video Music Awards del 1992 dopo che la moglie di Cobain Courtney Love, aveva chiesto scherzosamente a Rose se voleva essere il padrino della loro figlia Frances Bean. Diversi gruppi hair metal attribuirono a Kurt Cobain la colpa del declino del loro genere, ad esempio band come Tuff, hanno pubblicato recentemente il disco The History of Tuff, dove nel brano d'apertura "American Hair Band" hanno condannato Cobain e il Grunge, elogiando gli anni ottanta e le hair metal band[7].

Il declino di popolarit
La popolarit del grunge fu relativamente breve e venne bruscamente interrotta dall'ascesa di band decisamente troppo radio-friendly che decretarono la fine di tutte quelle caratteristiche anche culturali che diedero vita al grunge. Nacque dunque un nuovo genere, il post-grunge. I fan della prima ora del grunge, immediatamente rifiutarono queste nuove band come Candlebox, Creed, etichettandole come band vendute o costruite a tavolino dalle major discografiche. Nonostante questo, in molti casi queste band ottennero ottimi riscontri di vendite. Per molti fan del grunge la fine del genere coincide con determinati eventi cardine: il suicidio di Cobain nel 1994, lo scioglimento dei pionieri Soundgarden nel 1997. L'abuso di eroina resta comunque uno dei fattori principali di distruzione di molti protagonisti di molte grunge bands: Kurt Cobain dei Nirvana, e nel 2002 Layne Staley degli Alice in Chains. indubbio comunque che componenti "grunge" non siano estinte con il movimento stesso. Chi ha abbandonato la nave di un genere considerato finito ha in realt proseguito in molteplici e valide direzioni. Se il Grunge ha pochi rivali per prolificit, di sicuro detiene il primato per contaminazioni. Cos come Courtney Love delle Hole prima di sposare Kurt Cobain ha una relazione con Billy Corgan degli Smashing Pumpkins, proprio nei Pumpkins militano il chitarrista James Iha e di passaggio dalle Hole la bassista Melissa Auf der Maur, poi negli A Perfect Circle, Iha in sostituzione di Troy van Leeuwen gi chitarrista dei Queens of the Stone Age, band in cui collaborano Dave Grohl e Mark Lanegan. Quest'ultimo si vede inoltre cofondatore dei Gutter Twins insieme a Greg Dulli degli Afghan Whigs. Durante il tour con i Velvet Revolver gli Alice in Chains hanno dichiarato di essere al lavoro su un nuovo album, guidati stavolta da William DuVall, cantante dei Comes with the Fall, in sostituzione del defunto Layne Staley.

Grunge

50

Alcuni artisti grunge


Di seguito alcuni artisti grunge Alice in Chains Babes in Toyland Big Chiefs Bush Jerry Cantrell Chris Cornell Neil Young Dig Earth Everclear Foo Fighters GodHeadSilo The God Machine Green River Gruntruck Hammerbox Hole Love Battery Local H L7 Mad Season Melvins Mother Love Bone Mudhoney Nirvana Pearl Jam The Presidents of the United States of America Ruth Ruth Scarce Screaming Trees Seaweed Seether Silverchair Smashing Pumpkins Soundgarden Stone Temple Pilots Tad Temple of the Dog

Grunge

51

Note
[1] [2] [3] [4] [5] [6] Metal, Rock, and Jazz di Harris M. Berger (http:/ / books. google. it/ books?id=d48sxdQk_F4C& pg=PA312& dq="grunge"#PPA312,M1) Humphrey, Clark. Loser: The Real Seattle Music Story. New York: Harry N. Abrams, 1999. ISBN 1-929069-24-3, p. 63 Heylin, Clinton. Babylon's Burning: From Punk to Grunge. Conongate, 2007. ISBN 1-84195-879-4, p. 606 library.thinkquest.org (http:/ / library. thinkquest. org/ 05aug/ 01375/ hair/ hair. htm) retrojunk.com - Hair Metal vs. Grunge; Just Who Survived (http:/ / www. retrojunk. com/ details_articles/ 337/ ) Here Today... Gone To Hell! | Articles > Ten Reasons Why Guns N' Roses Still Rock (http:/ / www. heretodaygonetohell. com/ articles/ showarticle. php?articleid=98) [7] lyricstime.com - Testo di "American Hair Band" (http:/ / www. lyricstime. com/ tuff-american-hair-band-lyrics. html)

Voci correlate
College rock Alternative rock Punk rock Hardcore punk Heavy metal Post-grunge
Portale Metal Portale Punk Portale Rock

Happy slapping
L''happy slapping (tradotto in italiano: schiaffeggio allegro) un fenomeno giovanile iniziato nel 2004 circa in Inghilterra. Un gruppo di ragazzi scopre di divertirsi tirando ceffoni a sconosciuti, riprendendo il tutto con i videofonini. I video, naturalmente, vengono poi distribuiti su internet. Dai ceffoni si passati anche ad atti di aggressione e teppismo. Oggi lhappy slapping diffuso anche in altri paesi. Su internet si trovano numerosi video contenenti immagini di violenza.

Hate-Edge

52

Hate-Edge
Il nome Hate-Edge identifica una sottocultura derivata dallo Straight Edge, e che si distingue da questa per il culto della violenza e la connotazione politica di destra radicale, neonazista. Gli appartenenti allo Straight Edge considerano i gruppi "Hate Edge" come una minaccia diretta al movimento originale. Una famosa crew (congrega, banda) di militanti Hate-Edge ha sede a Salt Lake City (Utah), ed stata responsabile di numerosi atti criminali. La confusione fra Straight Edge e Hate Edge da parte delle forze di polizia e dell'opinione pubblica (con conseguente danno all'immagine del gruppo Straight Edge) ha contribuito ad alimentare l'antagonismo fra queste due fazioni.

Voci correlate
Neonazismo Naziskin Nazi punk Punk's Not Red Rock Against Communism

ICP

Collegamenti esterni
www.terror-edge.com [1] www.terror-edge.com [2] h8edge.nswap.info [3]

Note
[1] http:/ / www. terror-edge. com [2] http:/ / www. hateforbreakfast. altervista. org/ [3] http:/ / h8edge. nswap. info

Herbert

53

Herbert
Gli herbert sono una subcultura giovanile derivante da quella skinhead, nata verso la fine degli anni settanta nel Regno Unito con l'esplosione dell'Oi!/Street punk e con la rinascita degli skinhead. Un esempio di herbert possono essere i Cockney Rejects, gruppo Oi! composto interamente da herbert (inoltre inventori del termine Oi!), e punto di riferimento per il movimento.

Storia
Erano ragazzi appartenenti alla classe operaia, che passavano le giornate tra i pub, il biliardo e le partite di calcio allo stadio. Presero spunto, nei tardi anni settanta, dagli Skinhead dai quali acquisirono look e cultura, cos come la musica era la stessa prediletta dagli skin oltre che da mod e hard mod (Oi!, ska, reggae, rocksteady ed in genere la musica nera importata dai rude boy giamaicani). Alcuni ipotizzano che questa frangia derivante dalla cultura skinhead, sia un'etichetta di comodo per non farsi coinvolgere nelle diatribe interne al movimento skin.

Abbigliamento
Il look si rifaceva a quello skinhead come stivali Doc Martens, polo Fred Perry, bomber Alpha, felpe Lonsdale, bretelle, jeans attillati Levi's 501, o Sta-prest, e capelli corti (ma mai rasati, al contrario degli skinhead). Infine, indossavano frequentemente maglie, sciarpe o spille delle squadre calcistiche.

Voci correlate
Skinhead Rude Boy Mod Hard mod Scooter Boy Suedehead Ska Reggae Rocksteady Soul Jazz Blues R&B

Hippy

54

Hippy
La cultura hippie (a volte anche scritto hippy) era in origine un movimento giovanile che ha avuto inizio negli Stati Uniti nel corso degli anni sessanta e si diffuso in tutto il mondo. La parola hippie deriva da hipster, ed era stato inizialmente utilizzato per descrivere i beatnik che si erano trasferiti nel distretto di Haight-Ashbury di San Francisco. Queste persone avevano ereditato i valori sottoculturali della Beat Generation, creando una controcultura con proprie comunit che ascoltavano rock psichedelico, abbracciavano la rivoluzione sessuale e l'uso di stupefacenti come gli allucinogeni e la cannabis, al fine di esplorare e allargare lo stato di coscienza. Per figli dei fiori si intendono gli aderenti al movimento hippie caratterizzati da vestiti decorati con fiori o vivacissime stoffe di colori vivi. Il loro ideale di pace e libert sintetizzabile in slogan quali "Mettete dei fiori nei vostri cannoni" e "Fate l'amore, non la guerra", che risuonavano in maniera evidente nel periodo della guerra del Vietnam. La ricerca sfrenata della totale libert era il significato insito nel loro stile di vita. Questo movimento tocc particolarmente l'opinione pubblica, tanto da impressionare le pellicole di molti registi, nonch la musica di molti artisti. Nel 1967 lo Human Be-In, un raduno giovanile tenutosi a San Francisco, rese popolare la cultura hippie preparando il terreno per la leggendaria Summer of Love nell'estate del 1967, sulla costa occidentale degli Stati Uniti, e per il festival di Woodstock nell'estate del 1969, sulla costa orientale. La rivoluzione si espanse a macchia d'olio per tutto il globo, facendo creare in quasi ogni nazione una propria versione del movimento controculturale: in Messico, gli jipitecas dettero origine a La Onda Chicana e si riunirono al Festival Rock y Ruedas de Avndaro; in Nuova Zelanda nomadi housetruckers praticarono stili di vita alternativi e promossero il culto dell'energia sostenibile di Nambassa; nel Regno Unito, invece, gruppi nomadi uniti nelle "carovane di pace" facevano pellegrinaggi estivi ai festival di musica libera a Stonehenge. La moda e i valori hippie hanno avuto un notevole impatto sulla cultura, influenzando la musica popolare, la televisione, il cinema, la letteratura e l'arte in generale. Dagli anni sessanta molti aspetti della cultura hippie sono diventati di comune dominio. La Hippie nel 1988 diversit culturale e religiosa abbracciata dagli hippie ha guadagnato un'ampia accoglienza e la filosofia orientale e l'elemento spirituale hanno raggiunto un vasto pubblico. L'eredit hippie pu essere osservata nella cultura contemporanea in una miriade di forme dalla salute alimentare, ai festival di musica, ai costumi sessuali contemporanei ed ha influenzato anche la rivoluzione del cyberspazio.

Chitarrista hippie moderno al Rainbow Gathering in Russia, 2005

Hippy

55

Origini del movimento


Un hippy un membro del gruppo di cultura alternativa che si manifest nei primi anni sessanta. Dal 1965 divenne un ben individuato gruppo sociale e il movimento si diffuse in altri paesi, prima di declinare nella seconda met degli anni settanta. Gli hippy, insieme alla New Left (Nuova Sinistra) e all'American Civil Rights Movement (Movimento Americano per i diritti civili), sono considerati i tre gruppi di dissenso della cultura alternativa degli anni sessanta. Originariamente il movimento hippy era composto per la maggior parte da adolescenti e giovani adulti bianchi, di et compresa tra i 15 e i 25 anni, che avevano ereditato una tradizione di dissenso dai primi bohmien e dai beatniks. Gli Hippy respingevano con forza le istituzioni, criticavano i valori della classe media, erano contrari alle armi nucleari e alla Guerra del Vietnam, abbracciavano aspetti della filosofia orientale, promuovevano la libert sessuale, erano spesso vegetariani ed ambientalisti, promuovevano l'uso di droghe psichedeliche per espandere la propria coscienza, e creavano comunit intenzionali e comuni. Essi utilizzavano arti alternative, il teatro di strada, la musica popolare, e le sonorit psichedeliche come parte del loro stile di vita e come modo di esprimere i propri sentimenti, le loro proteste e la loro visione del mondo e della vita. Gli Hippy si opponevano all'ortodossia politica e sociale, scegliendo una mite e non dottrinaria ideologia che favoriva la pace, l'amore, la fratellanza e la libert personale, forse incarnata al meglio dai Beatles nella famosissima canzone All You Need Is Love. Essi percepivano la cultura dominante come corrotta, un'entit monolitica che esercitava un indebito potere sulle loro vite, e chiamavano questa cultura "L'Istituzione", "Grande Fratello", o "L'Uomo". Rilevando che essi erano "in cerca di significato e di valore ", studiosi come Timothy Miller descrivono gli hippy come un nuovo movimento religioso. Dopo il 1965, la etica hippy ha influenzato i Beatles e gli altri gruppi musicali nel Regno Unito e in Europa, e questi a loro volta influenzarono i loro omologhi americani. Attorno al 1968, gli hippy erano diventati una significativa minoranza, che rappresentava poco meno dello 0,2 % della popolazione degli Stati Uniti. La cultura hippy si diffusa in tutto il mondo attraverso una fusione di musica rock, soprattutto nella variante psichedelica, folk e blues; essa trova espressione anche nella letteratura, nelle arti drammatiche, nella moda, e nelle arti visive, compresi i film, i manifesti pubblicitari che annunciano i concerti rock, e le copertine degli album. Alla fine, il movimento hippy si espanse ben al di l degli Stati Uniti, del Regno Unito e dell'Europa, manifestandosi anche in Australia, Canada, Nuova Zelanda, Giappone, Messico, Brasile e in molti altri Paesi.

Etimologia: il significato della parola hippy


Lo scrittore Jesse Sheidlower, il principale editore americano della Oxford English Dictionary, afferma che i termini "hipster" e "hippy" derivano dalla parola "hip", abbreviazione di "hypochondria": venivano cos defininiti gli hippyes per la loro inclinazione alla malinconia -anzi volendo meglio tradurre il termine gergale- al loro aspetto melanconico e "ipocondriaco" nel senso romantico del termine. Il termine "hipster" stato coniato da Harry Gibson nel 1940, ed stato spesso utilizzato nel 1940 e 1950 per descrivere gli esecutori di musica jazz. Anche "hippy" un gergo usato nel 1940, e uno dei primi usi registrati della parola "hippy" rintracciabile in un programma radiofonico il 13 novembre 1945, in cui Stan Kenton ha chiamato Harry Gibson, "Hippie"Wikipedia:Uso delle fonti. Tuttavia, pare che Kenton quando us la parola voleva fare un gioco di parole col soprannome di Gibson "Harry l'Hipster". Tornando indietro alla Harlem della fine degli anni quaranta, Malcolm X ricordava nella sua autobiografia del 1964 come il termine "hippie" venisse a quell'epoca utilizzato dagli afroamericani come un termine per descrivere un determinato tipo di uomo bianco, che "agiva pi da nero degli stessi neri." Sebbene il termine "hippie" abbia fatto sporadiche comparse nei prime anni sessanta, il primo uso della parola nel senso qui pi proprio apparve per la prima volta in stampa il 5 settembre 1965, nell'articolo: "A New Haven for Beatniks" (Una Nuova Generazione di Beatniks) del giornalista di San Francisco Michael Fallon. In questo articolo, Fallon ha scritto a proposito del Caff Blue Unicorn, utilizzando il termine "hippy" per indicare appunto una nuova generazione di beatniks, che si era trasferita da North Beach nel distretto di Haight-Ashbury. Il riferimento di Fallon, uscito con il nome di Norman Mailer, trasformando l 'uso della parola "hipster" in "hippy".

Hippy Nel 2002, il giornalista fotografo John Bassett McCleary ha pubblicato un dizionario di slang integrale, di 650 pagine e 6.000 vocaboli, dedicato al linguaggio degli hippies, intitolato The Hippie Dictionary: A Cultural Encyclopedia of the 1960s and 1970s. Il libro stato poi rivisto ed esteso a 700 pagine nel 2004. McCleary ritiene che la controcultura hippie abbia aggiunto un significativo numero di parole alla lingua inglese, prendendole in prestito dal lessico della Beat Generation, accorciando le parole e rendendo popolare il loro uso.

56

La storia degli Hippy


La fondazione del movimento hippy trova il suo pi lontano precedente storico nella controcultura degli antichi greci, esemplificati da personaggi come Diogene di Sinope e i Cinici. Gli hippy sono stati influenzati dal pensiero di Ges Cristo, Hillel il Vecchio, il Buddha, Francesco d'Assisi, Henry David Thoreau e Gandhi. Dal 1896 al 1908, la controcultura giovanile dei Wandervgel divenne popolare in Germania, attirando migliaia di giovani tedeschi che respingevano l'urbanizzazione e che sognavano un ritorno alla natura. Queste convinzioni vennero introdotte negli Stati Uniti dai tedeschi che erano andati a stabilirsi in vari suoi luoghi. I giovani americani adottarono le credenze e le pratiche dei nuovi immigrati. Il compositore Eden Ahbez scrisse una canzone intitolata Natura Boy, ispirata da Robert Bootzin (Gypsy Boots), che contribu a diffondere negli Stati Uniti lo yoga, gli alimenti biologici e salutari. La Beat Generation di fine anni cinquanta influenz lo sviluppo della controcultura degli anni sessanta, mentre il termine "beatnik" dava spazio a quello "hippy". Personaggi del Beat come Allen Ginsberg diventarono un punto fermo degli hippy e dei movimenti contro la guerra. Le preferenze stilistiche dei beatniks, colori sobri, lenti scure e barbette a punta, furono sostituite da vestiti coloratissimi e con fantasie psichedeliche, dai capelli lunghi, da petti nudi, bandane e pantaloni blu a zampa di elefante.

Gli inizi (1960 - 1965)


Nei primi anni sessanta lo scrittore Ken Kesey e il suo gruppo dei Merry Pranksters vivevano comunitariamente in California. Tra i loro membri c'erano, oltre all'eroe della Beat Generation Neal Cassady, Ken Babbs, Mountain Girl, Wavy Gravy, Paul Krassner, Stewart Brand, Del Close, Paul Foster, George Walker, Sandy Lehmann-Haupt, e altri. Le loro prime avventure sono state documentate nel libro di Tom Wolfe The Electric Kool Aid Acid Test. Con Cassady alla guida di uno scuolabus di nome Furthur, i Merry Pranksters girarono per gli Stati Uniti per festeggiare la pubblicazione del romanzo di Kesey Sometimes a Great Notion e visitare l'Esposizione Universale di New York del 1964. I Pranksters consumavano notoriamente marijuana, anfetamine e soprattutto LSD, e nel corso del loro viaggio introdussero molte persone a quest'ultima sostanza. Essi filmarono e registrarono il loro viaggio in scuolabus, creando un'esperienza multimediale immersiva, che sarebbe poi stata presentata al pubblico in forma di festival e concerti. Nel libro Rivoluzione psichedelica Mario Iannaccone sostiene che Ken Kesey stesse coscientemente utilizzando, su pi livelli, il modello del Viaggio, tanto importante nella cultura americana, rendendo evidente la sua metafora interiore: il Bus dei Pranksters era infatti guidato dal protagonista di Sulla strada (On the Road) di Jack Kerouac. Il viaggio o Trip, dei Pranksters, era contemporaneamente esteriore ed interiore e il suo mezzo era l'LSD. Il film doveva testimoniare questo spostamento di corpi e di coscienze e diventare, per gli spettatori, uno strumento di meditazione. Durante questo periodo, Cambridge (Massachusetts), il Greenwich Village a New York e Berkeley in California erano i centri del circuito americano della musica folk. Due coffe houses di Berkeley, la Cabale Creamery e la Jabberwock, ospitavano concerti di artisti di musica folk in uno scenario beat. Nell'aprile del 1963 Chandler A. Laughlin III, co-fondatore della Cabale Creamery, istitu una specie di rito tribale religioso, con circa cinquanta persone che partecipavano ad una tradizionale cerimonia a base di peyote in un contesto rurale, che durava tutta una notte. Questa cerimonia combinava l'esperienza psichedelica con i tradizionali valori spirituali dei nativi americani; queste persone si posero come obbiettivo di lavorare su un unico genere di espressione musicale al Red Dog Saloon, nell'isolata vecchia citt mineraria di Virginia City (Nevada).

Hippy Nell'estate del 1965, Laughlin reclut gran parte del talento originaria che port ad un amalgama unico tra musica folk tradizionale e la nascente scena di rock psichedelico. Insieme al suo gruppo cre ci che divenne famoso come "The Red Dog Experience", con la presentazione di gruppi musicali sconosciuti Big Brother and the Holding Company, Jefferson Airplane, Quicksilver Messenger Service, Grateful Dead, e altri che suonarono nell'intimo e completamente nuovo ambiente del Red Dog Saloon. Non vi era una netta separazione tra musicisti e pubblico in queste performance, durante le quali la musica, la sperimentazione psichedelica, un senso unico dello stile personale e i primi rozzi esperimenti di spettacoli luminosi messi su da Bill Ham si combinavano per creare un nuovo senso di comunit. Laughlin e George Hunter dei Charlatans erano veri proto-hippie, con i loro lunghi capelli, gli stivali e gli stravaganti vestiti che si ispiravano chiaramente a quelli dei primi americani e dei nativi. Il fabbricante di LSD Owsley Stanley viveva a Berkeley nel 1965 e forn gran parte della sostanza che divenne parte seminale della Red Dog Experience, della prima evoluzione del rock psichedelico e della nascente cultura hippie. Al Red Dog Saloon, i Charlatans furono la prima rock band psichedelica che suon dal vivo (sebbene inintenzionalmente) sotto l'effetto dell'LSD. Una volta tornati a San Francisco, partecipanti alle performance del Red Dog come Luria Castell, Eller Harman e Alton Kelley crearono un collettivo chiamato "The Family Dog". Modellandolo sulle esperienze del Red Dog, il nuovo gruppo organizz il 16 ottobre 1965 "A Tribute to Dr. Strange" alla Longshoreman's Hall. Con un pubblico di circa 500 persone, esponenti degli hippie originali della zona, questo fu il primo evento di rock psichedelico, ballo in costume e show luminoso di San Francisco, con la partecipazione di Jefferson Airplanes, The Great Society e The Marbles. Altri due eventi ebbero luogo prima della fine di quell'anno, uno alla California Hall e l'altro al Matrix. Dopo i primi tre eventi organizzati dai Family Dog, alla Longshoreman's Hall ebbe luogo un'occasione psichedelica molto pi grande. Intitolata "The Trips Festival", ebbe luogo dal 21 al 23 gennaio del 1966 e fu organizzato da Stewart Brand, Ken Kesey, Owsley Stanley e altri. Diecimila persone parteciparono a questo evento a posti esauriti, con mille altre che ogni sera non riuscivano ad entrare. Sabato 22 gennaio, salirono sul palco i Grateful Dead, Big Brother and the Holding Company, e seimila persone giunsero a bere punch corretti con l'LSD e ad essere testimoni di uno dei primi integrali show luminosi dell'era. Nel febbraio del 1966, la Family Dog divenne, sotto l'organizzazione di Chet Helms, Family Dog Productions, e promosse happening alla Avalon Ballroom e al Fillmore Auditorium, inizialmente in cooperazione con Bill Graham. Questi locali permettevano ai partecipanti di prendere parte interamente all'esperienza musicale psichedelica. Bill Ham, che era stato tra i pionieri degli spettacoli di luce del Red Dog, perfezion la sua arte di proiezione di luce liquida, con la combinazione di luci e proiezione di film, ed il suo nome divenne sinonimo delle serate di ballo di San Francisco. L'attenzione allo stile ed ai costumi, gi presente al Red Dog Saloon, si svilupp ulteriormente quando gli hippies acquistarono il magazzino di costumi del teatro Fox di San Francisco, che aveva chiuso i battenti, e si rivel nella libert con cui ci si acconciava per partecipare agli eventi musicali nelle sale preferite. Scrisse il giornalista musicale del San Francisco Chronicle Ralph J. Gleason: Ballavano tutta la notte, in maniera orgiastica, spontanea, completamente libera. Alcuni dei primi hippy di San Francisco erano ex studenti del San Francisco State College che rimasero incuriositi dalla nascente scena musicale psichedelica hippy. Essi si unirono alle band amate, iniziarono una vita comunitaria negli ampi e poco costosi appartamenti vittoriani di Haight-Ashbury. I giovani americani in tutto il paese cominciarono a muoversi verso San Francisco, ed entro il giugno 1966, circa 15.000 hippy si erano gi stabiliti ad Haight. Anche i Charlatans, gli Jefferson Airplanes, i Big Brother and the Holding Company, i Grateful Dead in questo periodo si stabilirono tutti nella zona di Haight-Ashbury. Le attivit ruotavano attorno ai Diggers, un gruppo teatrale che combinava teatro spontaneo di strada, azioni anarcoidi e improvvisazioni artistiche per raggiungere l'obiettivo di creare una "citt libera". Verso la fine del 1966 i Diggers aprirono locali in cui, oltre a organizzare concerti musicali gratuiti e lavori di arte politica, regalavano le loro cose, cibo, droga, e denaro. Il 6 ottobre 1966, lo stato della California dichiar l'LSD sostanza controllata, ci che ha di fatto rese la droga illegale. In risposta alla criminalizzazione della sostanza, gli hippie di San Francisco organizzarono un raduno hippy

57

Hippy sulla striscia del Golden Gate Park, chiamato Love Pageant Rally, che attir circa 700-800 persone. Come spiegato da Allan Cohen, co-fondatore del San Francisco Oracle, lo scopo della manifestazione era duplice attirare l'attenzione sul fatto che l'LSD era stato appena resa illegale, e dimostrare che le persone che utilizzavano LSD non erano criminali, n malati mentali. Suonarono i Grateful Dead, ed alcuni sostengono che nell'occasione si consum LSD. Secondo Cohen, quelli che assunsero LSD non erano colpevoli di uso di sostanze illegali... Noi stavamo celebrando la conoscenza trascendentale, la bellezza dell'universo, la bellezza dell'essere.

58

La Summer of Love
Per approfondire, vedi Summer of Love.

Il 14 gennaio 1967 l'enorme raduno all'aperto di San Francisco rese popolare la cultura hippy in tutti gli Stati Uniti, richiamando 20.000 persone al Golden Gate Park. Il 26 marzo, Lou Reed, Edie Sedgwick e 10.000 hippie si raccolsero a Manhattan per il Central Park Be-In on Easter Sunday. Il Monterey Pop Festival dal 16 giugno al 18 giugno diffuse la musica rock della controcultura ad un vasto pubblico e segn l'inizio della "Estate d'amore". La versione di Scott McKenzie della canzone di John Phillips dei Mamas & the Papas San Francisco, divenne un enorme successo negli Stati Uniti e in Europa. Il testo
Un esempio di t-shirt tie dyed (o batik). Il batik verso la fine degli anni sessanta e l'inizio degli anni settanta era considerato parte del movimento psichedelico.

(EN) If you're going to San Francisco, be sure to wear some flowers in your hair... (Scott McKenzie)

(IT) Se stai andando a San Francisco, devi essere sicuro di mettere dei fiori nei capelli...

convinse migliaia di giovani di tutto il mondo a recarsi a San Francisco, a volte portando fiori tra i capelli e distribuendoli ai passanti, guadagnandosi il nome di figli dei fiori. Gruppi come i Grateful Dead, la Big Brother and the Holding Company con Janis Joplin e i Jefferson Airplane continuarono a vivere ad Haight, ma entro la fine dell'estate, la incessante copertura mediatica port i Diggers a dichiarare la "morte" degli hippy con una cerimonia-spettacolo. Secondo il poeta epigono Stormi Chambless, gli hippie seppellirono l'effigie di un hippie nel Golden Gate Park a dimostrazione della fine del suo regno.

Hippy

59

Per quanto riguarda questo periodo della storia, il 7 luglio 1967 la rivista TIME si present con una copertina intitolata "Gli Hippy: La filosofia di una subcultura". L'articolo descriveva le linee guida del codice hippy: Fai le tue cose, ovunque devi farle e ogni volta che vuoi. Ritirati. Lascia la societ esattamente come l'hai conosciuta. Lascia tutto. Fai sballare qualsiasi persona normale con cui vieni in contatto. Fagli scoprire, se non la droga, almeno la bellezza, l'amore, l'onest, il divertimento. Si stima che circa 100.000 persone si siano recate a San Francisco nell'estate del 1967. I mezzi di informazione li seguirono, rivolgendo i riflettori sul distretto di Haight-Ashbury e rendendo popolare i costumi hippie. Con questa maggiore attenzione, gli hippy trovarono sostegno per i loro ideali di amore e di pace, ma furono anche criticati per le loro lotta contro il lavoro e pro-droga, e per la loro etica permissiva. Timori riguardo alla cultura hippy, in particolare per quanto riguarda l'abuso di droga e l'assenza di moralit, alimentarono le ansie morali della fine del decennio.

Flower-Power Bus

La Rivoluzione (1968-1969)
Nell'aprile 1969, la costruzione del People's Park di Berkeley, in California, ha ricevuto un'attenzione internazionale. L'Universit della California (Berkeley) aveva progettato di demolire tutti gli edifici su una superficie di 2,8 acri vicino al campus, volendo utilizzare il terreno per costruire campi da gioco e un parcheggio. Dopo un lungo ritardo, durante il quale il sito era diventato un pericoloso pugno nell'occhio, migliaia di comuni cittadini di Berkeley, commercianti, studenti, e hippy presero la questione nelle proprie mani, piantando alberi, arbusti, erba e fiori per Joe Cocker a Woodstock nel 1969. trasformare il sito in un parco. Un importante confronto si ebbe il 15 maggio 1969, e il governatore Ronald Reagan ordin due settimane di occupazione della citt di Berkeley da parte della Guardia nazionale californiana. Il "Flower Power" prese vita proprio nel corso di questa situazione, quando gli hippy iniziarono ad impegnarsi in atti di disobbedienza civile, piantando fiori negli spazi vuoti di tutta Berkeley sotto lo slogan "Let A Thousand Parks Bloom" (Fai nascere un migliaio di parchi).

Hippy

60

Nell'agosto 1969, a Bethel (New York), ebbe luogo il Woodstock Music and Art Festival (Festival di Woodstock), che per molti rimane il miglior esempio di controcultura hippy. Oltre 500.000 persone vi si recarono per ascoltare i musicisti e le band pi notevoli del tempo, tra cui Richie Havens, Joan Baez, Janis Joplin, The Grateful Dead, Creedence Clearwater Revival, Crosby, Stills, Nash and Young, Carlos Santana, The Who, Jefferson Airplane, e Jimi Hendrix. Le condizione di sicurezza e la logistica furono garantite dalla HWavy Gravy's Hog Farm, e gli ideali hippy di amore e di fratellanza umana sembrarono aver acquisito espressione concreta.

1969: figli dei fiori al festival di Woodstock

Nel dicembre 1969, un evento simile ebbe luogo presso l'Altamont Raceway Park, in California, circa 45km a est di San Francisco. Inizialmente annunciata come la "Woodstock West", il suo nome ufficiale fu Altamont Free Concert. Circa 300.000 persone vi convennero per ascoltare i Rolling Stones, Crosby, Stills, Nash and Young, Jefferson Airplane e altri gruppi. Furono gli Hell's Angels ad occuparsi della sicurezza, ma il livello fu molto meno di successo rispetto a quello raggiunto nell'evento di Woodstock: il diciottenne Meredith Hunter fu pugnalato a morte durante il concerto dei Rolling Stones.

Scosse di assestamento (gli anni settanta e ottanta)


Dal 1972, lo spirito che aveva generato la cultura hippy sembrava essere al tramonto. Gli eventi di Altamont avevano sconvolto molti americani, compresi quelli che si erano fortemente identificati con la cultura hippy. Un'altra scossa si produsse quando Sharon Tate e Leno e Rosemary LaBianca vennero uccisi nell'agosto del 1969 da Charles Manson e dalla sua "famiglia" di seguaci. Tuttavia, l'atmosfera politica oppressiva che contraddistinse il bombardamento della Cambogia e l'uso delle armi da parte della Guarda Nazionale alla Jackson State University e alla Kent State University ancora spingevano i giovani a raccogliersi. Gli spari all'universit ispirarono nel maggio del 1970 la canzone "What About Me?" dei Quicksilver Messenger Service, in cui essi cantavano "You keep adding to my numbers as you shoot my people down" ("Ci fate crescere di numero se continuate a spararci").

Hippy al Rainbow World Gathering nel 2006 in Costa Rica.

Molti dei costumi hippie nei primi anni settanta erano diventati molto diffusi. Gli affollati concerti rock, iniziati con il Monterey Pop Festival del 1967 e con l'Isle of Wight Festival del 1968, erano diventati la norma. Alla met degli anni settanta, con la fine della leva obbligatoria e della guerra del Vietnam, e con la ripresa di sentimenti patriottici associati all'approssimarsi del Bicentenario degli Stati Uniti, i principali media persero interesse alla cultura hippie. L'acid rock dette strada all'heavy metal, alla disco e al punk rock. Gli hippie divennero bersaglio di scherno. Mentre molti di loro si confermarono per un lungo periodo nello stile di vita adottato, i nuovi giovani sostennero che gli hippie avevano esaurito la loro storia nel corso degli anni ottanta ed erano diventati parte della cultura consumista e materialista.Wikipedia:Uso delle fonti

Hippy Sebbene non visibile come una volta, la cultura hippie non mai del tutto scomparsa: hippie e neo-hippie si possono trovare ancora nei campus dei college, nelle comuni e ai raduni musicali. Molti abbracciano i valori di pace, amore e comunanza, e gli hippie possono ancora essere rintracciati in enclave di bohme in tutto il mondo.Wikipedia:Uso delle fonti Dal 1971, per esempio, esiste in pieno centro a Copenaghen, un quartiere autogestito dagli hippie chiamato Christiania[1].

61

Dagli anni novanta ad oggi


Alla met degli anni novanta si assistito al successo di una popolare band underground, i Phish, che hanno ripreso il cammino l dove i Grateful Dead, dopo la morte di Jerry Garcia (1995), lo avevano lasciato. I Phish si rivolgono al popolo hippie e forniscono l'occasione per gli appuntamenti jamband. Questi sono in seguito evoluti fino a consistereAiuto:Chiarezza in festival come Bonnaroo, e hanno portato avanti le politiche e l'etica dell'originale movimento degli anni sessanta.

Etica e caratteristiche tipo del movimento


Gli Hippy cercarono di liberarsi dalle restrizioni della societ, scegliendo la propria strada e trovando un nuovo senso della vita. Una espressione dell'indipendenza dalle norme sociali raggiunta dagli hippy stato il loro insolito modo di vestire e di autogoverno. Questo, ha fatto s che gli hippy fossero immediatamente riconoscibili gli uni agli altri e serv come simbolo visivo per significare il loro rispetto dei diritti individuali e la loro volont di mettere in discussione l'autorit. Cos come il movimento beat che lo precedette e quello punk che venne subito dopo, i simboli e l'iconografia Volkswagen T1 hippy mostravano un basso status sociale, coerentemente con ideali di povert e semplicit, con un vestiario che rifletteva uno stile di vita disordinato e spesso vagabondo. Come nel caso di altri movimenti di adolescenti bianchi di classe media, il comportamento deviante degli hippie comportava una sfida alle principali differenze di genere del loro tempo: sia i maschi che le donne hippie portavano i jeans e i capelli lunghi, ed entrambi portavano sandali o andavano scalzi. I maschi spesso portavano la barba, mentre le donne limitavano al minimo o non utilizzavano il trucco, e molte non portavano il reggiseno. Gli hippie spesso sceglievano vestiti con colori brillanti e di taglio insolito, come pantaloni a zampa d'elefante, gil, indumenti tie-dyed (t-shirt con disegni e colori psichedelici, spesso in cotone), dashiki (specie di mezzi mantelli provenienti dall'Africa), o camicette; molto popolari erano anche indumenti di taglio non occidentale e con motivi ispirati ai modelli dei nativi americani, degli africani e dei latino americani. Gran parte di questi indumenti era autoprodotta per contrastare la cultura delle aziende, e gli hippie spesso acquistavano i propri abiti nei mercatini delle pulci o dell'usato. Gli accessori preferiti, sia per gli uomini che per le donne, consisteva in oggetti della cultura indiana, copricapi, bandane e lunghe collane a grani. Le case, i veicoli e gli altri oggetti appartenenti agli hippie erano spesso decorati con motivi psichedelici. Il viaggio, sia all'interno della nazione che all'estero, stato uno degli elementi caratteristici della cultura hippy. La cultura hippie era comunitaria e viaggiare divent un modo di estendere il concetto di amicizia. Scuolabus simili al Ken Kesey's Furthur, o all'iconico VW, divennero popolari perch gruppi di amici ci potevano viaggiare economicamente. Il VW bus divenne noto come un simbolo della controcultura hippy, e molti di questi autobus furono ridipinti con grafica psichedelica e/o personalizzati, un atteggiamento che anticip la attuale arte di

Hippy decorazione di automobili. Un simbolo di pace sostituiva spesso il marchio Volkswagen. Molti hippy preferivano l'autostop, inteso come principale modalit di trasporto, perch economico, ecologico, e modo sicuro per incontrare nuove persone.

62

Posizione politica
Gli Hippy furono spesso pacifisti e presero parte a cortei politici non-violenti, come le marce per i diritti civili, le marce su Washington D. C., le dimostrazioni contro la Guerra del Vietnam, compreso il dar fuoco alle cartoline di chiamata alla leva e le proteste alla Convenzione Nazionale Democratica del 1968. Il grado di coinvolgimento politico varia ampiamente tra gli hippy, partendo da quelli attivi soltanto nelle marce della pace per arrivare alle manifestazione di teatro di strada anti-autoritario e alle dimostrazioni degli Yippie, il sottogruppo hippy politicamente pi attivo. Nel corso di una discussione tra Bobby Seale e Jerry Rubin sulle differenze fra hippy e Yippie, Rubin sostenne che gli Yippie erano l'ala politica del movimento hippy, dal momento che non tutti gli hippy avevano gi sviluppato una posizione politica. A proposito, poi, delle iniziative politiche del movimento hippy, Rubin aggiunse che essi preferiscono principalmente sballarsi, ma molti di loro vogliono anche la pace e che finisca tutto questo schifo.

Il simbolo della pace fu sviluppato nel Regno Unito come logo per la Campagna per il disarmo nucleare, e fu imbracciato dai protestanti statunitensi contro la guerra negli anni sessanta.

Oltre a dimostrazioni politiche non violente, l'opposizione hippy alla guerra del Vietnam incluse anche l'organizzazione di gruppi di azione politica contro la guerra, il rifiuto del servizio di leva e lo svolgimento di lezioni universitarie nei campus sulla storia del Vietnam e sul contesto politico internazionale in cui si inseriva quel conflitto. La gi citata versione di Scott McKenzie della canzone di John Phillips "San Francisco", che aveva ispirato la Summer of Love, divent anche la canzone di bentornato per tutti i veterani del Vietnam che tornavano a San Francisco dal 1967 in poi. Lo stesso McKenzie ha dedicato ogni esecuzione americana di quella canzone ai veterani del Vietnam, e la cant anche in occasione del ventesimo anniversario (2002) della cerimonia di inaugurazione del Vietnam Veterans Memorial. La canzone divent una canzone di libert in tutto il mondo, specialmente nelle nazioni dell'Europa orientale sofferenti sotto regimi comunisti imposti dall'URSS. Gli hippy si espressero spesso politicamente attraverso la fuoriuscita dalla societ, allo scopo di perseguire i cambiamenti cercati. Tra i movimenti politici supportati dagli hippy ci sono il movimento di ritorno alla terra degli anni sessanta, lo sviluppo dell'impresa cooperativa, l'attenzione all'energia alternativa, il movimento per una stampa libera e l'agricoltura biologica.

Hippy

63

Droghe
Seguendo l'esempio della Beat Generation, anche gli hippy usarono canapa indiana o marijuana. Essi allargarono la loro Farmacopea Spirituale fino a includere allucinogeni come l'LSD, la psilocibina e la mescalina. Sulla Costa Est degli Stati Uniti, i professori di Universit di Harvard Timothy Leary, Ralph Metzner e Richard Alpert difesero l'uso delle sostanze psicotrope nella psicoterapia, nell'autoanalisi e per usi religiosi e spirituali. A proposito dell'LSD, Leary disse: Espandi la tua coscienza e trova in essa estasi e rivelazione. Sulla Costa Ovest degli Stati Uniti, Ken Kesey fu una figura importante nella promozione dell'uso ricreativo delle sostanze psicotrope, specialmente dell'LSD. Tenendo quelli che lui chiamava "Acid Tests", e girando il paese con la sua band dei Merry Pranksters, Giovani in cerchio condividono un joint Kesey divent il catalizzatore dell'attenzione dei media e cattur molti giovani al movimento. I Greatful Dead (chiamati in origine "The Warlocks") suonarono alcuni dei loro primi pezzi agli Acid Tests, spesso sotto l'effetto dell'LSD, proprio come il pubblico. Kesey e i Pranksters sentivano di "accendere il mondo". Nel mondo hippy si usarono anche sostanze pi pesanti, come oppio e anfetamina; tuttavia queste droghe venivano disprezzate, perfino tra chi ne faceva uso, perch riconosciute dannose e procuranti dipendenza. L'eroina, per esempio, fu vietata allo Stonehenge Free Festival del 1967.

Viaggi
Gli hippy tendevano a viaggiare leggeri e sempre pronti a partire per dovunque succedesse qualcosa in qualsiasi momento; che si trattasse di raduni sul Mount Tamalpais vicino San Francisco, una dimostrazione contro la guerra in Vietnam a Berkeley, uno degli incontri musicali di Kesey, o se la "vibrazione" non era giusta e c'era bisogno di un cambio di ambiente, gli hippy erano pronti a muoversi in un attimo. La pianificazione era avversata, in quanto un hippy era sempre felice di mettere pochi indumenti in uno zaino, tirar fuori il pollice e andare in autostop ovunque. Camion hippie decorato a mano; fotografia del 1968. Difficilmente si chiedevano se avessero abbastanza soldi, o una prenotazione alberghiera o uno qualsiasi dei normali equipaggiamenti di chi si mette in viaggio. Le abitazioni hippy accoglievano ospiti notturni capitati improvvisamente, e le caratteristiche di reciprocit del movimento permettevano libert di spostamento. Le persone generalmente collaboravano per andare incontro ai bisogni reciproci in un modo che divenne meno frequente dopo i primi anni settanta. Questo modello di vita, che ha in parte le sue radici nella controcultura hobo e nello spirito On the Road di Jack Kerouac, ancora comune nei gruppi della Rainbow Family, dei viaggiatori new age e degli housetrucker neozelandesi. Un derivato di questo stile libero di viaggio furono i furgoni e i pullman, case mobili costruite artigianalmente sugli chassis originali, in modo da favorire una vita nomade. Alcuni di queste case mobili gitane erano piuttosto ben attrezzate, con letti, bagni, docce e fornelli.

Hippy

64 Sulla costa occidentale si svilupp un peculiare stile di vita attorno alle Renaissance Faire, organizzate per la prima volta nel 1963 da Phyllis e Ron Patterson. Nei mesi estivi ed autunnali, intere famiglie viaggiavano insieme nei loro particolari veicoli, parcheggiavano nei luoghi dell'avvenimento nella California del sud o del nord, preparavano i manufatti durante la settimana e poi indossavano i vestiti elisabettiani nelle rappresentazioni di fine settimana, per poi partecipare ai mercatini in cui rivendevano gli stessi manufatti al pubblico. Il gran numero di giovani del tempo garantiva favorevolissime opportunit di viaggio verso speciali appuntamenti. L'apice fu raggiunto al Festival di Woodstock, vicino a Betel (New York), che si svolse dal 15 al 19 agosto 1969 e attir pi di 500.000 persone.

La pi memorabile esperienza di viaggio hippy, intrapresa da centinaia di migliaia di giovani, specie negli anni 1969-71, fu il viaggio via terra verso l'India. Portandosi dietro poco o niente bagaglio e con pochissimi soldi in tasca, quasi tutti loro seguivano la stessa strada, attraversando l'Europa in autostop fino ad Atene o a Istanbul, proseguendo poi con il treno attraverso la Turchia centrale per Erzurum, continuando in autobus in Iran, attraverso Tabriz e Teheran fino a Mashad, poi superando il confine afgano ad Herat, proseguendo nel sud dell'Afghanistan attraverso Kandahar per giungere a Kabul, varcando il Passo Khyber per giungere in Pakistan, ed infine toccando Rawalpindi e Lahore fino al confine indiano. Una volta in India, gli hippy si recavano in varie destinazioni, ma si raccoglievano poi in grandi numeri sulle spiagge di Goa, oppure attraversavano il confine con il Nepal e trascorrevano mesi a Katmandu. La lunghezza del soggiorno in questi posti variava di norma dalle poche settimane a sei mesi. Per soggiornare pi a lungo, in India era necessario un visto. Tracce del passaggio degli hippies sono riscontrabili in molte altre destinazioni oggi turistiche ma un tempo decisamente meno conosciute. Tra i vari luoghi per esempio abbiamo Hikkaduwa in Sri Lanka (ex Ceylon), o Koh Panghan in Thailandia.

Interno del camion hippie.

Influenza degli hippy nella cultura popolare


L'eredit che gli hippy lasciarono alla societ molto forte ancora oggi. Dimostrazioni politiche e pubbliche ora sono considerate libere espressioni legittime. Coppie non sposate si sentono libere di viaggiare e vivere insieme senza disapprovazione dalla societ. Le tematiche che riguardano le questioni sessuali divenuta di norma, ed i diritti degli omosessuali, degli ermafroditi e dei transessuali si sono espansi. La diversit religiosa e culturale ha guadagnato pi accettazione. Imprese commerciali Co-operative e comunit creative con vita di gruppo sono accettate estesamente. Hippies al Nambassa Festival nel 1981 in Nuova Zelanda. L'interesse del cibo naturale, rimedi erbacei e vitamine si sono molto estesi, ed i cibi salutari hippy degli anni sessanta ora sono di grande attualit. In particolare, lo sviluppo e la popolarizzazione di Internet trovano le sue radici nell'ethos anti-autoritario promosso dalla cultura hippy. Durante gli anni sessanta, baffi, barbe e capelli lunghi divennero luogo comune e l'abbigliamento multi-etnico domin il mondo. Da allora, una larga serie di scelte riguardanti l'aspetto personale e lo stile nel vestiario divenne accettabile da tutti, cosa non comune nell'era hippy. Gli hippy ispirarono molti altri cambiamenti, di cui uno degli esempi pi evidenti costituito dal ribasso nella popolarit della cravatta che era stata usata quotidianamente durante gli anni cinquanta e primi anni sessanta; in letteratura, libri come The Electric Kool-Aid Acid Test ed in musica, la psichedelia port alla creazione di nuovi generi come l'hard rock; in televisione non si contano i film che parlano e

Hippy ritraggono la comunit hippy, come Woodstock, Easy Rider, Hair, The Doors e Crumb. Le tradizionali feste hippy cominciate negli Stati Uniti nel 1965, continuano a svolgersi e a svilupparsi ancora oggi; ad esempio, dal 1976 in Nuova Zelanda ogni anno si celebra un festival rock, che richiama da tutto il mondo hippy e neo-hippy, naturalmente tutto all'insegna di musica ad alto volume, droghe, spirito di fratellanza e cibi salutari.

65

Note
[1] Christiania resta libera. Gli hippie riscattano la citt (http:/ / www. repubblica. it/ esteri/ 2011/ 06/ 22/ news/ christiania_salva-18081692/ ), Repubblica, Esteri, 22 giugno 2011.

Bibliografia
Mario Arturo Iannaccone: Rivoluzione psichedelica. Sugarco Edizioni, Milano 2008 Barry Miles: Hippy: miti, musica e cultura della generazione dei figli dei fiori. Modena 2004 Antonio Filippetti: I figli dei fiori: i testi letterari degli hippies. Torino 1973 Luc Vidal: La strada: il mio diario di hippy. Roma 1972 Bonaventura Caloro: Viaggio nel mondo hippy. Firenze 1972 Carmelo Vonti Guglia: Un prete tra gli hippyes di Trinit dei Monti. Edizioni Paoline Alba 1973 Fernanda Pivano: Beat, hippie, yippie Bompiani 1972

Gianni De Martino: Capelloni & ninfette, Costa & Nolan, Milano 2008 Isadora Tast: Mother India. Searching For a Place. Peperoni Books: Berlin 2009, ISBN 978-3-941825-00-0

Voci correlate
Controcultura Guerra del Vietnam Movimento pacifista Rivoluzione sessuale

Collegamenti esterni
Hippie e tradizione, tra Oriente e Occidente (http://www.filosofiatv.org/news_files/133_Gorlani 2Hippie e Tradizione.pdf) Wikizionario contiene il lemma di dizionario hippy Commons (http://commons.wikimedia.org/wiki/Pagina_principale?uselang=it) contiene immagini o altri file sugli hippy (http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Hippies?uselang=it) Archivio Carta Stampata - blog controcultura (http://archiviomaclen.blogspot.com/) (EN) 'Flower Child' in the American Heritage Dictionary (http://www.bartleby.com/61/2/F0200200.html) (EN) Online Etymology Dictionary (http://www.etymonline.com/index.php?term=flower) (EN) Official Information on the single, San Francisco (http://www.scottmckenzie.iinet.net.au/mckenzie3. htm) Hippy (http://thes.bncf.firenze.sbn.it/termine.php?id=14441) in Tesauro del Nuovo Soggettario (http:// thes.bncf.firenze.sbn.it/), BNCF, marzo 2013.

Hooligan

66

Hooligan
Hooligan un termine inglese che indica una persona dal comportamento violento, indisciplinato e ribelle ed utilizzato per indicare i tifosi pi turbolenti e violenti delle squadre di calcio del Regno Unito. A partire dagli anni sessanta, molte subculture giovanili quali skinhead, herbert, mod o rude boy sono appartenuti alla schiera degli hooligan.

Origine del nome


Secondo alcuni probabile che la parola "hooligan" sia derivata dal cognome di un malvivente d'origine irlandese, Patrick Hooligan, che viveva nella capitale britannica. Altri sostengono che derivi da "Hooley's gang", una banda di giovani delinquenti provenienti dal quartiere londinese di Islington. C' anche chi sostiene che sia correlato a "hooley", voce dell'inglese d'Irlanda che indica una festa sregolata. Tale termine venne riportato sulle t-shirt di uno dei primi gruppi di tifo organizzato, divenendo poi marchio d'abbigliamento. Il marchio hooley's si diffuse velocemente negli stadi inglesi e caratterizz insieme a diversi brand quali Three Stroke, Henry Lloyd, Lyle and Scott la seconda ondata casual. certo che il termine comparve per la prima volta nel 1898 in una denuncia della polizia di Londra.
Hooligan dello Spartak Mosca

Sedie di plastica distrutte da degli hooligan allo stadio di Bryansk, in Russia

Gli hooligan nel calcio


Il termine hooligan frequentemente associato al calcio ed passato a definire quei tifosi violenti protagonisti di tafferugli al seguito di una squadra. Il fenomeno degli hooligan diffuso particolarmente in Inghilterra, Scozia, Francia, Italia, Serbia, Polonia, Turchia, Argentina, Grecia, Paesi Bassi e Svezia, differendo dal modello dei turbolenti tifosi ultras dell'Europa meridionale.

Hooligan

67

Voci correlate
A.C.A.B. Comportamento del gregge Delinquenza minorile Teppismo Ultras Vandalismo

Altri progetti
Wikizionario contiene il lemma di dizionario Hooligan Commons [1] contiene immagini o altri file su Hooligan [2] Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio

Note
[1] http:/ / commons. wikimedia. org/ wiki/ Pagina_principale?uselang=it [2] http:/ / commons. wikimedia. org/ wiki/ Category:Hooliganism?uselang=it

Indiani metropolitani

Pupazzo raffigurante Luciano Lama, innalzato dagli Indiani Metropolitani nel cortile della Universit La Sapienza di Roma

Geronimo, Cochis, Nuvola Rossa / giovani proletari alla riscossa / 10-100-1000 Little Big Horn

Indiani metropolitani

68

(Slogan degli Indiani Metropolitani del 1977)

Gli Indiani Metropolitani costituivano l'area pi libertaria e creativa del Movimento del '77. Dalla met degli anni settanta, i giovani del movimento che si riconoscevano proprio nella cosiddetta "ala creativa" iniziarono a radunarsi al parco Lambro, a Milano, alla grande festa del proletariato giovanile organizzata da Re Nudo, periodico di controcultura, definita da molti la versione italiana del festival di Woodstock.

I freaks
Tramontata l'era del movimento, giunto dall'America, degli hippies, molti giovani della fine degli anni '60 e l'inizio dei '70 costituirono un nuovo movimento spontaneo detto dei Freaks (termine inglese traducibile con l'italiano diversi) che aveva sostituito i vecchi hippies pur continuandone la tradizione. I freaks, italianizzati col neologismo fricchettoni, inizialmente non erano politicizzati ma si amalgamarono attorno al mondo del rock, e della controcultura in genere, appena giunto in Italia all'inizio degli anni '70, del quale contestarono la crescente industrializzazione e la dipendenza dalle majors ovvero le grosse case discografiche internazionali. Questo movimento spontaneo ruotava attorno alla cosiddetta cultura underground che in Italia si leg alla rivista Re Nudo e alla casa editrice Stampa Alternativa ma anche ad altre riviste minori, talvolta nemmeno stampate, ma che giravano sotto forma di fogli ciclostilati. L'underground italiano contestava in toto la societ borghese entrata in crisi alla fine degli anni '60 dopo il decennio del cosiddetto boom economico. Ma non si riconosceva nemmeno nelle strutture della sinistra parlamentare ed extraparlamentare ispirandosi piuttosto ai rappresentanti del Beat Generation americana e ai suoi scrittori e poeti come Jack Kerouac e Allen Ginsberg e al movimento situazionista francese. Aggregati sotto lo slogan: Il rock nostro le prime contestazioni avvennero con il rifiuto di pagare prezzi giudicati troppo elevati per i concerti rock proponendo un prezzo proletario o il diritto di potervi assistere senza pagare. Su questa onda si avvicinarono alle frange pi estreme dei movimenti extraparlamentari di sinistra organizzando dei veri e propri blitz, chiamati sfondamenti, che li portarono spesso a contatti violenti con le forze dell'ordine. Opponendosi ai valori fondamentali della borghesia come quelli della patria e della famiglia, li sostituirono con una pratica alternativa della famiglia allargata (le cosiddette Comuni), della libert sessuale e della liberalizzazione delle droghe. I freaks s'ispirarono ai saggi del filosofo tedesco Herbert Marcuse, a quelli di David Cooper sulla critica della famiglia, e soprattutto a quelli sulla liberazione sessuale di Wilhelm Reich. Per la cultura delle droghe fu basilare anche il pensiero di Timothy Leary, sperimentatore dell'uso dell'LSD.

Il Movimento del '77


Il momento pi importante fu la definitiva politicizzazione della cultura alternativa in Italia che avvenne con il Movimento del '77 e la nascita dell'Area dell'Autonomia della quale i futuri Indiani Metropolitani rappresentarono la cosiddetta ala creativa. A differenza dei loro compagni dell'Autonomia Operaia, sconfitti dalla repressione dello Stato in seguito all'entrata di molti militanti nella clandestinit, l'ala creativa fu stroncata soprattutto dal dilagare dell'eroina; essi infatti - molto pi dediti all'uso di droghe che alla violenza politica - furono facile preda di questa droga che segner la vita di molti giovani per tutti gli anni ottanta e novanta. Il termine "Indiani Metropolitani" fu coniato durante l'occupazione della Facolt di Lettere dell'Universit di Roma, con un volantino che echeggiava, ironicamente, il manifesto Futurista e che trov sviluppo nella fanzine "Oask!?". La prima azione pubblica fu quella, con la scala a torretta sottratta dalla biblioteca della Facolt di Lettere, durante la cacciata di Luciano Lama dall'Universit di Roma, nel 1977, anche se l'ala creativa era gi presente in precedenti esperienze politiche vicine al Movimento degli Studenti, come i gruppi situazionisti degli anni sessanta.

Indiani metropolitani

69 In realt gli indiani metropolitani si materializzarono concretamente nella notte di Natale del 1975, con scritte blasfeme sulla chiesa di Tomba di Nerone a Roma, via Cassia, ad opera di un manipolo di individui molto diversi tra loro, per estrazione sociale e politica, firmandosi Gruppo Geronimo, sigla che sar mantenuta per una buona parte del 1976 per poi essere "sciolta nel movimento".

Il "Gruppo Geronimo", dopo alcuni scontri fisici e chiarificatori con il "Collettivo di via dei Volsci", pubblica anche due numeri di una rivista chiamata "Neg/azione". Il primo numero vede la partecipazione di tutti i Roma, 1977 - Scritta in Via dei Fori Imperiali dopo la "cacciata di Lama" dall'universit La Sapienza. componenti, mentre il secondo ed ultimo numero viene monopolizzato da due o tre persone, mentre gli altri sono gi impegnati in altri progetti: il pi importante, non solo a livello mediatico, quello di "Radio Blu", messo in piedi insieme ad un gruppo di ex militanti di Potere Operaio. La riesumazione effettuata nel febbraio 1977, fu una semplice "boutade", ovvero uno scherzo il cui scopo era di dimostrare l'inattendibilit dei media. Nel 1976 il "Gruppo Geronimo" veniva riportato su "La Repubblica" come gruppo eversivo e con contatti con la lotta armata. Geronimo e gli indiani metropolitani non erano affatto non violenti ma erano sicuramente contrari al terrorismo ed al fiancheggiamento di quest'ultimo. Gli indiani di "Geronimo" seguivano gli insegnamenti del 1957 di Guy Debord creando una situazione tanto ridicola quanto improbabile. Di fronte alla crisi dei movimenti della sinistra extraparlamentare, gli indiani metropolitani reagirono rifiutando la violenza come pratica dell'Area dell'Autonomia ed abbandonando sostanzialmente la ferrea dottrina marxista. Nell'adottare una nuova critica culturale dei modelli borghesi, si ispirarono al movimento dadaista. Sia nelle attivit politiche, sia nei cortei, entrambe le aree dell'Autonomia convissero con forti critiche reciproche. L'ultimo evento situazionista del periodo fu creato dal noto autore di fumetti Stefano Tamburini e dal suo amico e socio "Trash" (fondatori di "Cannibale", prima rivista di movimenti a fumetti) nel corteo finale del convegno di Bologna (settembre 1977) quando, infiltratisi tra file di arrabbiati lanciarono uno slogan - sangue, sangue, vogliamo solo sangue!!! - che venne ripreso in poche decine di secondi da almeno un migliaio di persone.Wikipedia:Uso delle fonti

Bibliografia
Pablo Echaurren. La casa del desiderio. '77: indiani metropolitani e altri strani. Manni, 2005. ISBN 8881766337. Pablo Echaurren (a cura di). Parole ribelli. I fogli del movimento del 77. Viterbo, Stampa Alternativa, 1997. ISBN 8872263743. Controcultura in Italia (1967-1977). Viaggio nell'underground, di Pablo Echaurren e Claudia Salaris, Bollati Boringhieri, 1999. David Cooper, La morte della famiglia, Einaudi, Torino 1972 Marco Erler.Assalto alla diligenza. Quando Appignani rinacque Cavallo Pazzo prefazioni di Lucia Visca, Carlo e Nicola Caracciolo. Edizioni Memori, 2008. ISBN 978-88-89475-45-4 Marco Erler.Segnali di fumo introduzione di Renzo Paris: cult di poesie del 1977 (i versi di un indiano metropolitano,Nuvola Rossa, dati ai tipi vent'anni dopo), disegni a china, scritti politici ed interviste, una a

Indiani metropolitani Bettino Craxi, il suo elogio postumo a Mario Appignani Cavallo Pazzo. Campanotto,1997. ISBN 8845600173

70

Collegamenti esterni
Il movimento del '77 [1]

Note
[1] http:/ / web. tiscali. it/ settanta7/ libere_associazioni_logiche_. htm

Inter City Firm


L'Inter City Firm (ICF) stata una delle firm (termine in lingua inglese che indica i gruppi organizzati di hooligan) del Regno Unito. Legata alla squadra del West Ham United di Londra, stata attiva negli anni settanta e ottanta. L'ICF si rese protagonista di battaglie con altri gruppi hooligan e divenne celebre per la particolare tenacia con cui prendeva parte agli scontri. La gang prende il nome dai mezzi di trasporto utilizzati dai suoi componenti per assistere alle trasferte, i treni InterCity preferiti ai convogli speciali riservati ai tifosi: l'utilizzo di questi treni rendeva pi facile eludere il controllo delle forze dell'ordine. Quando la polizia si accorse del trucco (un'altra firm, la 6:57 Crew del Portsmouth utilizzava i treni regionali delle sei del mattino per mischiarsi con i pendolari) l'ICF ed altre gang iniziarono a muoversi con furgoncini. Cos come altri gruppi di hooligan della fine degli anni settanta, l'Inter City Firm adott il cosiddetto stile casual, ossia l'abbandono di ogni capo di abbigliamento che facesse riferimento alla propria squadra per potersi muovere con maggiore libert durante le trasferte. Negli scontri che vedevano la ICF vincitrice sugli avversari (la rivalit pi accesa era con la firm del Millwall), i componenti della gang lasciavano sul luogo dello scontro alcuni biglietti con la dicitura Congratulations, You Have Just Met the ICF ("Congratulazioni, hai appena incontrato l'ICF"). Uno dei leader dell'ICF, Cass Pennant, ha intitolato cos un libro che narra la storia del gruppo (pubblicato in italiano con il titolo Congratulazioni, hai appena incontrato la I.C.F. (West Ham United) da Baldini&Castoldi nel 2004). Le vicende dell'Inter City Firm hanno inoltre ispirato il film Hooligans del 2005 con Elijah Wood, sebbene il nome della firm sia stato cambiato in Green Street Elite (GSE).

Bibliografia
Cass Pennant, Congratulazioni, hai appena incontrato la ICF (West Ham United), Milano, Baldini & Castoldi, 2004. ISBN 8884904714.

Collegamenti esterni
Congratulazioni, hai appena incontrato la ICF [1] Articolo sulla storia della ICF Congratulazioni, hai appena incontrato la ICF [2] Recensione libro Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio

Inter City Firm

71

Note
[1] http:/ / mad283. wordpress. com/ 2012/ 03/ 07/ congratulazioni-hai-appena-incontrato-la-icf/ [2] http:/ / www. station936. it/ blog/ libro-congratulazioni-hai-appena-incontrato-icf-west-ham-united/

Jerkin'
Il Jerkin' uno stile di danza di strada derivato dall'hip hop; si propaga in Francia, in particolare a Parigi per viene poi importato a Los Angeles dove nasce effettivamente nel 2008. In seguito si diffuso anche nella California del sud, quindi a tutta la West Coast e si sta diffondendo nella East Coast. La danza si compone di muovere le gambe in dentro e in fuori e questo movimento si chiama 'jerk' e facendo altre mosse chiamate "reject" "dip" e "pindrop". Le persone che ballano il jerkin sono chiamate Jerker e si muovono in Crew (hip hop) lanciandosi sfide per ritrovarsi a ballare nelle strade rispettando un dress code originale e funky. Per la prima volta in uno stile di danza c' un'imposizione nel vestiario: questo tipo detto SWAG e comprende: jeans skinny (che variano da colori classici o particolari) come rifiuto dello stile pantaloni larghi classicamente usati per ballare, scarpe sportive dai colori vivaci, berretto, accessori a volont in stile anni 80 e camice a quadri o maglie originali. Il brano musicale pi rappresentativo dello stile You're a Jerk dei New Boyz e Teach Me How To Jerk degli Audio Push. infatti i New Boyz sono considerati i Un ragazzo si esercita nello stile Jerkin' precursori di questo stile grazie ai loro video su YouTube. due dei pi famosi Jerkers sono Chris Brown e la crew Themprangers. per aggiornarsi sulle ultime tendenze e sui nuovi passi del movimento, i Jerkers caricano video su YouTube e per vederli dal vivo in azione bisogna andare al concerto chiamato Red Light che si tiene a Parigi.

Altri progetti
Commons [1] contiene immagini o altri file su Jerkin' [1]

Collegamenti esterni
Katia Riccardi, "Jerkin', l'hip hop cambia ballo ecco il nuovo fenomeno americano" [2], la Repubblica, 28 novembre 2009. (URL consultato il 30 novembre 2009) (EN) Steven Roberts, "New Boyz Challenge Chris Brown To A Jerkin' Competition [3], MTV, 29 luglio 2009. Portale Danza: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di danza
Danze hip hop Breakdance - Krumping - Liquid dancing - Locking - Popping - Robot - Tutting - Uprock

Jerkin'

72

Note
[1] http:/ / commons. wikimedia. org/ wiki/ Category:Jerkin%27?uselang=it [2] http:/ / www. repubblica. it/ 2009/ 11/ sezioni/ spettacoli_e_cultura/ hip-hop/ hip-hop/ hip-hop. html?ref=hpspr1 [3] http:/ / www. mtv. com/ news/ articles/ 1617232/ 20090729/ new_boyz. jhtml

Kogal
Il termine kogal ( kogyaru?, letteralmente "piccola ragazza") indica una moda in voga tra le ragazze giapponesi fra i 15 e i 20 anni, nata negli anni novanta.

Etimologia
L'etimologia del termine non chiara. Gyaru ( ?) deriva dalla parola inglese gal, usata nello slang per definire la parola girl (ragazza), mentre per quanto riguarda il prefisso ko (?), alcuni ritengono significhi piccola, alcuni ritengono derivi da kt gakk ( ? scuola superiore).

Una kogal

Caratteristiche
I modelli delle kogal sono le ragazze occidentali, ma anche alcune cantanti J-Pop quali Namie Amuro e Ayumi Hamasaki. Le caratteristiche principali della moda kogal sono l'abbigliamento e il trucco alquanto vistosi. Il corpo viene "occidentalizzato" tramite una forte abbronzatura, mentre i capelli vengono tinti con colori appariscenti quali il castano chiaro o il biondo platino. A completare la moda vi un trucco pesante che adopera dei fondotinta azzurri o bianchi e un rossetto chiaro che risalta sulla pelle pesantemente abbronzata. Spesso le kogal usano delle unghie finte. Per quanto riguarda l'abbigliamento, le ragazze kogal utilizzano principalmente il fuku alla marinara, la classica uniforme scolastica giapponese, ma anche minigonne, zatteroni e soprattutto i loose socks, ovvero dei calzini larghi e pendenti, prevalentemente di colore bianco, che a volte coprono parzialmente le scarpe. Non esiste comunque un abbigliamento comune, dato che le kogal amano uno stile individuale e si suddividono in diversi gruppi, quali le ganjiro, le ganguro e le yamanba.

I loose socks sono parte integrante dell'abbigliamento delle kogal

Kogal

73

Stile
Le kogal adorano tutto ci che concerne il divertimento, ne esempio la loro mania verso il purikura ( ?) (contrazione dell'inglese print club), cabine capaci di offrire fototessera scambiabili ed adesive ricche di effetti speciali. Soprattutto amano lo shopping e ballare il parapara, un popolare ballo giapponese. Molte kogal vengono sovvenzionate dai genitori, ma altre ricorrono spesso all'enjo ksai, una forma di prostituzione, per ottenere il denaro. Le kogal amano molto la tecnologia e usano telefonini dell'ultima generazione. A causa di questo stile consumistico, le kogal sono state additate come simbolo negativo della societ giapponese contemporanea. A questo contribuisce la loro predilezione per abbigliamento ed accessori all'estremo del kawaii, che, unito spesso ad una contraria e complementare componente provocante e sexy, trasmette un'idea di capriccioso infantilismo ed immaturit. L'implicito rifiuto della crescita non impedisce tuttavia la formazione di gruppi Gyaru dall'et pi avanzata, dall'et delle studentesse universitarie o lavoratrici nubili (onegyaru, le gyaru sorelle maggiori) fino alle madri di famiglia (gyarumama). Tra i luoghi principali dove trovare le kogal ci sono i centri commerciali del quartiere Shibuya, Ikebukuro e Shinjuku a Tokyo.

Le kogal nella cultura popolare


Alla moda 'kogal' stato dedicato un manga, intitolato Gals!, scritto e disegnato da Mihona Fujii tra il 1999 e il 2002, dal quale stata tratta anche una serie anime intitolata Super Gals! Kotobuki Ran, trasmessa parzialmente anche in Italia.

Due kogal a Tokyo

Inoltre tra il 1996 e il 1997 furono lanciate molte riviste ispirate alla cultura Kogyaru e dirette alle sue rappresentanti: Egg, Kawaii, Happie, Tokyo Street News, Zettai Suki Suki, sono solo le pi famose.

Note Bibliografia
(EN) Izumi Eyesr, Patrick Macis & Kazumi Nonaka, Japanese Schoolgirl Inferno: Tokyo Teen Fashion Subculture Handbook, San Francisco, Chronicle Books, 2007. ISBN 978-0-8118-5690-4. Sharon Kinsella, Feticci in uniforme: il fenomeno kogyaru in Alessandro Gomarasca (a cura di), La bambola e il robottone. Culture pop nel Giappone contemporaneo, Torino, Einaudi, 2001. ISBN9788806159597.

Voci correlate
Chapatsu Enjo ksai Gals! Ganguro

Kogal

74

Altri progetti
Commons (http://commons.wikimedia.org/wiki/Pagina_principale?uselang=it) contiene immagini o altri file su Kogal (http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Kogal?uselang=it)
Portale Giappone Portale Moda

Le Grand Don
Le Grand Don una manifestazione a carattere sociale e culturale, organizzata per la prima volta a Parigi nel 2003 e poi diffusasi in varie citt d'Europa.

Princpi e modalit d'azione


Le Grand Don (il grande dono) est un don collectif effectu par des inconnus d'autres inconnus, un dono collettivo effettuato da sconosciuti ad altri sconosciuti. La manifestazione si svolge solitamente in un luogo cittadino, precedentemente stabilito, dove si raccolgono gli oggetti che verranno donati. L'evento non in alcun modo pilotato e si svolge liberamente: ogni partecipante pu donare un proprio oggetto agli altri passanti, o ricevere un regalo da qualcuno, senza essere obbligato a ricambiare. La manifestazione si conclude quando tutti (o quasi) gli oggetti hanno trovato un nuovo proprietario. Ci che rimane pu essere lasciato per chi passer pi tardi da quel luogo. Non ci sono limitazioni nella tipologia degli oggetti che possono essere donati: libri, dischi, fotografie, indumenti, soprammobili, gioielli, giocattoli, ecc. ma, chiaramente, si suppone che debbano essere oggetti trasportabili a mano dai passanti. Lo scopo principale del grand don quello di valorizzare l'atto del donare senza secondi fini. I partecipanti al grand don possono infatti sperimentare liberamente sia la gioia di regalare un proprio oggetto, sia quella di ricevere un dono da altre persone. In ci vi certamente una sottile critica (pi o meno esplicita) al modello societario ed economico attuale, in cui ogni oggetto deve possedere un valore monetario stabilito. Per contro, nel grand don ogni oggetto perde questo valore economico e viene considerato soltanto in base al valore affettivo di chi lo possedeva e lo dona, nonch alla sensazione di piacere di chi lo riceve. Dal punto di vista antropologico, tra i riferimenti teorici alla base del grand don, ci sono gli studi del francese Marcel Mauss sul dono in vari tipi di societ. Ma, mentre Mauss tende a sottolineare una sorta di obbligo sociale a ricambiare un dono ricevuto (spesso per soddisfare lo spirito magico degli oggetti), nel grand don si cerca di incoraggiare la

Le grand don a Parigi, 5 marzo 2005

Le grand don a Parigi, 5 marzo 2005

Il grande dono a Palermo, 13 novembre 2005

Le Grand Don completa libert di azione e la non necessaria reciprocit: non si in alcun modo obbligati a ricambiare un dono ricevuto. Ci che comunque rimane costante l'aspetto sociale del dono, visto come momento di riunione e di socializzazione, addirittura di festa. In particolare durante il grand don si stimola un rapporto di collaborazione, cordialit e amicizia tra sconosciuti, anche qui con sottili intenti critici verso la societ dell'individualismo imperante. Le Grand Don non (o non dovrebbe essere) n una manifestazione politica, n uno spettacolo di strada, n un atto di carit, n un baratto, n un mercatino, n tantomeno un happening artistico.

75

Le Grand Don a Parigi


Le modalit d'azione e i princpi del grand don sono stati stabiiti nelle loro linee generali dai primi organizzatori della manifestazione, un anonimo gruppo di ragazzi parigini, sul loro sito. Il primo grand don stato organizzato a Parigi il 18 ottobre 2003, sui muretti del Pont Marie sulla Senna, che da allora rimasta la sede stabile dell'evento. Sin da quel momento, il grand don ha coinvolto un discreto numero di persone e di curiosi, che sono aumentati in modo esponenziale nelle successive manifestazioni, solitamente organizzate ogni due mesi (il tempo necessario per raccogliere nuovi oggetti da donare). Il carattere innovativo dell'evento ha attirato anche l'attenzione dei media francesi, e successivamente dei media di molti altri Paesi. A questo si aggiungano anche le numerose riproposizioni del grand don in varie citt della Francia e d'Europa, stimolate e incoraggiate dal gruppo organizzatore parigino, che hanno contribuito a rendere l'evento un fenomeno globale. Le grand don a Parigi, La manifestazione si svolta a intervalli pi o meno regolari a Parigi 11 febbraio 2006 fino al 29 giugno 2005. Dopo questa data, il nuovo grand don si infatti svolto solo il 17 dicembre 2005, sotto il nome di Le Grand DinDon. Per la prima volta in periodo natalizio, l'intento era probabilmente di contestare e affiancarsi ad una delle poche situazioni di "dono istituzionalizzato" che permangono nella societ occidentale, nonch festeggiare un jubil extraordinaire per il terzo anno dall'ideazione del grand don. Dopo il grand don dell'11 febbraio 2006 l'attivit del gruppo parigino si nuovamente interrotta, fino all'organizzazione di Le Grand Don nomade per il 1 luglio 2006. Questo evento ha presentato delle sostanziali differenze rispetto al grand don abituale. L'intento principale stato infatti di rinnovare le modalit d'azione per ritrovare i princpi-guida dell'evento. Princpi che erano stati parzialmente persi - secondo il gruppo - durante le manifestazioni precedenti, a causa di approfittatori, venditori, parassiti e in generale di gente che aveva snaturato il significato della manifestazione. Il grand don nomade si perci svolto diversamente: partendo dal Pont Marie, si sviluppato come una manifestazione itinerante per la citt, durante la quale i partecipanti hanno fermato personalmente dei passanti, donando loro i propri oggetti senza chiedere alcuna contropartita, e cos diffondendo con pi forza l'idea che sta alla base del grand don e la sua bont.

Le Grand Don

76 Da quel momento, il sito ufficiale del grand don parigino non pi stato aggiornato, n si hanno notizie dell'organizzazione di nuove manifestazioni.

Locandina del grand don parigino del 13 marzo 2004

Le Grand Don in Italia (Il Grande Dono)


Il gruppo parigino del grand don ha sempre incoraggiato esplicitamente chiunque ad organizzare un grand don nella propria citt. L'idea stata recepita particolarmente in Italia, dove, a partire dal 2005, Il Grande Dono stato organizzato pi volte, da vari gruppi autonomi e spesso con sfumature e intenti leggermente eterodossi.

Colazza (NO)
Il primo grande dono italiano stato organizzato il 7 agosto 2005 a Colazza, paesino in provincia di Novara, sulle colline sopra Arona. L'organizzazione dell'evento stata curata dai gestori dell'Osteria della Luna Piena, un bar-ristorante del paese, che hanno allestito dei gazebo nella piazza antistante il ristorante stesso. L'idea nata a seguito della lettura di un articolo su di una rivista che parlava del Grand Don di Parigi. Gli organizzatori hanno in seguito ripetuto pi volte l'evento, proponendo, a partire dal 2008, la prima domenica di agosto come data fissa. Durante la seconda edizione del "Grande Dono" (questa volta invernale) i gestori del ristorante hanno offerto il dessert a tutti quei partecipanti all'evento che avessero deciso di pranzare nel locale, come spirito d'iniziativa.

Le Grand Don

77

Palermo
Quello che, a tutti gli effetti, pu essere considerato il primo grande dono italiano rispondente ai princpi originari dell'evento, il grande dono, organizzato a Palermo per la prima volta il 13 novembre 2005. La manifestazione stata organizzata pi volte dal Gruppo arte urbana Fermento, un gruppo di giovani sorto nel 2004 con interessi artistici, culturali, sociali e urbanistici. Tra gli scopi del grande dono di Fermento c' quindi la critica all'utilitarismo economico e al mercato globale, nonch il tentativo di rivitalizzare gli spazi urbani (quelli che l'antropologo Marc Aug definisce nonluoghi), ponendosi come Il grande dono a Palermo, momento di socializzazione e aggregazione tra i cittadini del 12 marzo 2006 capoluogo siciliano. La prima edizione del grande dono palermitano, col motto Dona i tuoi oggetti ai passanti, accetta regali dagli sconosciuti!, ha avuto infatti luogo presso il Palchetto della Musica di piazza Castelnuovo, ormai inutilizzato per i suoi scopi originari, e dunque da rivalorizzare e da "restituire" ai cittadini. Nonostante la notevole diffidenza del pubblico palermitano, la manifestazione riuscita comunque a raggiungere il suo scopo, attirando l'interesse di molti. L'idea stata quindi riproposta una seconda volta, domenica 12 marzo 2005, cambiando per il luogo d'incontro. In quell'occasione stata scelta la via Ruggero Settimo, luogo simbolo dello shopping e del consumismo palermitano: la partecipazione stata pi numerosa ed entusiasta, e la manifestazione ha attirato l'interesse dei media locali e nazionali, diffondendo maggiormente il principio-base del "piacere del dono" in tutta Italia. Il terzo - e finora ultimo - grande dono organizzato a Palermo ha avuto luogo il 15 maggio 2006 presso la cittadella universitaria di Palermo, inserito tra le attivit collaterali della mostra di arti visive Homo urbanus: la mostra, sempre organizzata da Fermento, intendeva indagare i rapporti tra individuo, collettivit e citt, e quindi la scelta di organizzare un grande dono in concomitanza dell'esposizione sembrata appropriata e ha portato materiali per ulteriori riflessioni sul tema.

Roma
Il grande dono arrivato anche a Roma, grazie a "i creAttivi", associazione sorta nel 2006 con lo scopo di promuovere vari interventi di riqualificazione sociale e culturale nelle zone degradate, tramite la partecipazione della cittadinanza e soprattutto dei pi piccoli. Il primo grande dono romano ha avuto luogo all'interno della Festa della solidariet, organizzata dal IV municipio cittadino, il 27 maggio 2007. In questo caso stato allestito un gazebo, per raccogliere ed esporre i doni che venivano offerti ai passanti. L'accento, considerato anche il contesto in cui si svolto l'evento, era puntato principalmente un'immagine del primo Grande Dono romano sulla solidariet e sul dono come rappresentazione di uguaglianza e coesione sociale. Nonostante la consueta diffidenza iniziale, sembra che la manifestazione abbia raccolto consensi anche da parte delle autorit, tanto che l'associazione ha allestito un secondo grande dono a circa un mese di distanza, il 29 giugno 2007, e nuovamente nell'ambito di una grande festa organizzata da associazioni, fondazioni e cooperative

Le Grand Don

78

sociali, la Notte bianca della Solidariet. Il Grande Dono, in contrapposizione allo shopping selvaggio durante il periodo natalizio stato replicato, a Trastevere, Piazza Trilussa e Ponte Sisto, anche il 23 dicembre 2007, durante la replica natalizia dell'evento.

Grande Dono Permanente


A febbraio del 2011 nasce, a Roma, un progetto legato a questa manifestazione; si tratta del "Grande Dono Permanente" realizzato da un gruppo di volontari del progetto "Possibilmente - Nuovi spazi Possibili per la Mente". Una postazione fissa in cui donare e ricevere seguendo i principi legati al Grande Dono.

Il grande dono natalizio" a Roma 23 dicembre 2007

Le Grand Don in altre citt


Francia
Brest Lione Marsiglia Montpellier Perpignano Tolosa

Belgio
Bruxelles

Bosnia-Erzegovina
Sarajevo

Voci correlate
Economia del dono

Collegamenti esterni
(FR) http://granddon.free.fr - Il sito ufficiale del grand don parigino (IT) http://grandedono.blogspot.it - Il sito ufficiale del grand don italiano (IT) https://www.facebook.com/pages/Il-Grande-Dono/284806968204101 - La pagina Facebook dedicata al grande dono

Lgions Noires

79

Lgions Noires
Les Lgions Noires (letteralmente "le legioni nere", chiamate anche Black Legion in inglese, o abbreviate semplicemente in LLN) fu una congrega di band black metal. Il movimento nacque in Francia, precisamente a Brest, nella regione della Bretagna. Ogni band possiede una "sotto-band", detta side-project.

Storia
Questa congrega nacque intorno ai primi anni novanta, si suppone come risposta alla norvegese Black Metal Inner Circle. A differenza di quest'ultima, Les Lgions Noires si basavano esclusivamente nel produrre musica, senza creare atti vandalici eversivi alla societ. Si pensa che nel 1996 la band Mutiilation fu cacciata, dopo che nella casa dove si ritrovava la congrega furono trovati degli stupefacenti appartenenti a Meyhna'ch (leader della band). Le principali band del movimento furono i Vlad Tepes, Mutiilation, Belktre e Torgeist. Queste principali band diedero vita a numerosi progetti:
Personnel: AK = Lord Akon Ktrh BLT = Lord Beleth'Rim VRD = Vordb Bathor Ecsed (aka Vordb Dreagvor Uezeerb) WOR = Worlok Drakksteim (aka Vorlok Drakkstein) WLD = Wlad Drakksteim (aka Vlad Drakkstein) NFL = Nifleim NAI = Naimlambre KRS = Krissagrazabeth MYH = Meyhna'ch ADS = A Dark Soul Function: = membri () = ex membri all = tutti gli strumenti dr = batteria vo = voce gt = chitarra ba = basso

Nome progetto Akon Ktrh Amaka Hahina Belathuzur Belketre Black Murder Brenoritvrezorkre Dzlvarv Movt Mogoutre Mtiilation Satanicum Tenebrae Seviss Susvourtre Torgeist Vermeth Vagzaryavtre Vrmyapre Kommando

AK BLT ()

VRD

WOR

WLD

NFL NAI D.K. MYH KRS ADS

Cd/lavori 3 demo 3 demo, 1 cd

dr

2 demo 4 demo, 1 cd

dr

2 demo 4 demo 1 demo 7 demo 1 demo all (dr) 1 cd, 1 ep 3 demo 2 demo 1 demo dr 3 demo ,1 cd 2 cd

(vo,gt,dr)

dr gt gt,vo ba all ba gt,vo,dr (dr) vo,ba

1 demo 1 demo

Lgions Noires

80
ba,vo vo,gt,dr (dr) (dr) 10 demo, 2 cd 3 demo

Vlad Tepes Vzaeurvbtre

Si pensa che ci furono molti altri progetti solisti, appartenenti ai singoli membri del movimento, ma non vi alcuna certezza dell'esistenza di questi, quindi spesso vengono definiti come fake. Il gruppo si sciolse definitivamente intorno al 1998, le uniche band rimaste attive sono Mutiilation, Vermeth, e Belathuzur che cambi successivamente nome in Hegemon. I testi delle canzoni delle Legions Noires sono scritti principalmente in Gloatre, un idioma inventato da Vordb Dreagvor Uezeerb, leader dei Brenoritvrezorkre.[1]

Musica
La musica de Ls Lgions Noires si basa su un suono spesso estremamente grezzo e incomprensibile. Tutti i cd o cassette sono stati registrati in una casa in cui si ritrovava la congrega. Il movimento dichiar che la musica fu prodotta come scopo eversivo di far soffrire la mentalit della gente comune in Francia:
Ls Lgions Noires supportent totalement tout ce qui contribue faire souffrir et disparaitre "l'humanit" (Guerres, gnocides, epidmies...)

Materiale
Molti demo dei vari progetti sono stati auto-prodotti sotto forma di tape (cassetta), tutti limitati a pochissime copie, e spesso definiti come materiale autentico e ultra-raro da parte degli ascoltatori di questa corrente musicale. Il materiale de Ls Lgions Noires in vendita pu risultare non valido e fasullo, ossia ristampato senza alcun consenso del movimento o delle relative case discografiche con cui le principali band della combriccola firmarono un contratto: Drakkar Productions, Embrassy Productions, Tragic Empire Records.

Note
[1] Encyclopaedia Metallum: The Metal Archives - Brenoritvrezorkre (http:/ / www. metal-archives. com/ bands/ Brenoritvrezorkre/ 14497) Portale Metal

Portale Sociologia

Merry Pranksters

81

Merry Pranksters
Prende il nome di Merry Pranksters un movimento formato da un gruppo di amici dello scrittore Ken Kesey nel 1962, con base in California, rifacentesi alla filosofia Hippy. Si svilupp nel periodo di transizione fra la Beat Generation e il movimento Hippie. Furono tra i principali fautori dell'utilizzo delle sostanze psichedeliche. Nell'estate del 1964, attraversarono gli Stati Uniti a bordo di uno scuola-bus decorato con disegni psichedelici. Neal Cassady, figura emblematica della Beat Generation, alter-ego di Dean Moriarty (personaggio principale di Sulla strada di Jack Kerouac), fece parte del gruppo. I Merry Pranksters sono ritenuti tra i precursori del movimento hippie. La loro storia raccontata da Tom Wolfe nel suo libro, Acid Test.

Furthur bus de gruppo Merry Pranksters

Bibliografia
Rivoluzione psichedelica Iannaccone, Sugarco 978-88-7198-561-9 di Mario 2008 Arturo ISBN
Furthur

Voci correlate
Ken Kesey Neal Cassady Hippie

Collegamenti esterni
(EN) Prankster History Project [1]

Note
[1] http:/ / www. pranksterweb. org

Metallaro

82

Metallaro
Il termine metallaro identifica una tipologia di persone appassionate della sottocultura caratterizzata dall'interesse per la musica Heavy metal e delle varie band del genere ( Motrhead, Kiss, Judas Priest, Saxon, Scorpions, Iron Maiden, Metallica) e le tematiche da essa trattate. Nel vestiario e accessori tipici del cosiddetto metallaro tipici sono un giubbotti in pelle nera (il chiodo), ma anche bianco o rosso, indossato in estate e inverno, stivali, jeans, catene e borchie, capelli lunghi e tatuaggi. Il termine viene utililizato anche per riferirsi al cosiddetto movimento metal.

Le borchie, un tipico dettaglio metallaro dai primi anni '80

Nel mondo
Italia
In Italia il fenomeno si diffuse prima nell'area metropolitana milanese e poi in tutto il territorio nazionaleWikipedia:Uso delle fonti. Il "movimento Metallaro" nacque tra la fine degli anni settanta e i primi anni ottanta del XX secolo[1] e fu piena espressione dell'ondata disimpegno che segu il turbolento e politicizzato degli anni settanta[2][3]. D'ispirazione erano i modelli del rock britannico e americano di status e agli eccessi delle Rockstar propagati dalle radio e televisioni. Nel 1980, al coincidere coi primi grandi concerti heavy metal nel paese, si cominciano a consolidare in numerosi gruppi i primi metallari.Wikipedia:Uso delle fonti Ebbe dapprima particolare diffusione nella citt di Milano, ov, i giovani di vari quartieri difficili (come ad esempio Lorenteggio, Barona, Baggio, Lampugnano, San Siro, Quarto Oggiaro), avevano in comune la passione per la musica heavy metal e le aggregazioni presso i locali tematici hard rock, i concerti dal vivo e le mete internazionali Dossier metallari a Milano, 1981 per i festival musicali del settore, principalmente in Inghilterra, Francia, Germania ed Olanda. Questo incontro favor un'uniformit identificativa nel comportamento, aspirazioni e vestiario, perlopi in stile rocker angloamericano. Iniziarono i ritrovi pomeridiani nel centro di Milano nella zona di Via Torino presso negozi di strumenti musicali, di dischi o di vestiario, ovvero il tipico giubbotto di origine motociclistica in pelle detto chiodo

Metallaro

83

(spesso rivestito da una giacca di jeans personalizzata con scritte, spille e pezze), stivali, jeans, catene e borchie, dalle quali, assieme alla passione per la musica metal, scatur l'appellativo di Metallaro[4]. Naturale con l'espansione della sottocultura metallara, fu la formazione di gruppi, bande e sottobande, interconnesse in un tessuto sociale delocalizzato e trasversale, ma ciascuna dotata di una propria base d'appoggio, costituita da un bar o negozio di interesse comune, e da un relativo territorio nel quartiere, gruppi comunque aperti le quali frequentazioni, nelle bande pi folte, potevano raggiungere l'ordine del centinaio.Wikipedia:Uso delle fonti
Giubbotto in jeans, personalizzato con riferimenti ai principali gruppi heavy metal

Nella met degli anni ottanta si ebbero scontri e aggressioni, comprese risse e vandalismi, soprattutto all'uscita dei locali e nei luoghi di aggregazione delle bande violati da altri gruppi. Gli episodi di cronaca scaturivano dalla pura rivalit tra gruppi che non da una vera contrapposizione ideologica[5]. Nota infatti la spartizione territoriale attorno alla chiesa di Santa Croce, con l'omonima piazza luogo di ritrovo per paninari, e l'adiacente Piazza Vetra ai Metallari, o la spartizione di corso Vittorio Emanuele con paninari e la spartizione della Piazza delle colonne di San Lorenzo con gli skinhead. Al movimento segu la fioritura di riviste dedicate, tra esse Metal Hammer, Metal Shock ed altre ad origine anglosassone o germanica, con una discreta tiratura.

Note
[1] [2] [3] [4] [5] Cfr. pag 112 Zamputo, 2003 vedi la proliferazione delle tribu' in Laura Cocciolo, Davide Sala, Storia illustrata della moda e del costume, Giunti Editore, 2004 pag 66 et passim, Giovanni Di Franco, Far finta di essere sani: valori e atteggiamenti dei giovani a Roma FrancoAngeli, 2006 Nicola Zingarelli, Dizionario della Lingua Italiana, 2008, Bologna, Zanichelli Cfr. pag 113 Zamputo, 2003

Bibliografia
Carlo Signorelli, L'estetica del metallaro. L fuori ci sono i mostri, Costa & Nolan Ed., 1997 Matteo Zambuto, Generazione giovani. Avvenimenti, personaggi, miti, musica e modadell'ultimo cinquantennio, Paoline, 2003

Voci correlate
Heavy metal Hard rock Rock Rockabilly Punk rock Skinhead Metal Hammer Metal Shock Pogo (danza) Mosh

Metallaro Wall of Death


Portale Metal Portale Sociologia

84

Millwall Bushwackers
No one likes us, no one likes us, no one likes us we don't care! we are Millwall, super Millwall, we are Millwall from the Den! (Coro degli hooligans del Millwall, nato alla fine degli anni settanta)

La Millwall Bushwackers una delle firm pi note e violente dell'hooliganismo inglese. Legata al Millwall Football Club, ha avuto origine nei primi anni ottanta, quando il movimento hooligan era nel periodo di massima vitalit.

Background
Sebbene la prima firm legata al Millwall fosse stata la F-Troop, i Bushwackers sono stati tra le pi attive firm degli anni ottanta, e i pi attivi hooligans del Millwall. Il loro principale scopo era quello di causare scompigli e scontri agli incontri calcistici della propria squadra. In diverse occasioni sono stati accusati di aver causato alcuni fra i peggiori atti di violenza del calcio inglese. Presero e adattarono il loro nome dai Bushwhackers, un gruppo militare che tendeva agguati durante la guerra civile americana. La firm tuttora esistente, sebbene non abbia pi le stesse dimensioni numeriche degli anni '80. Ci dovuto in parte all'iniziativa di tesseramento dei tifosi da parte dell'ex presidente del Millwall Theo Paphitis, in seguito agli incidenti avvenuti fuori al New Den Stadium la sera della semifinale playoff contro il Birmingham City, nel maggio 2002. Il sergente Russell Lamb del Metropolitan Police Service, descrisse gli incidenti di quella sera come la peggior forma di violenza che avesse mai visto nella sua carriera. loro l'invenzione del Millwall brick, un'arma improvvisata fatta di sola carta di giornale piegata e pressata in modo tale da ottenere la durezza di una mazza o un tubo. Nasce dall'impossibilit per i tifosi inglesi di portare all'interno degli stadi oggetti contundenti.

Note
Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio

Movimento antimafia

85

Movimento antimafia
Con l'espressione movimento antimafia si indicano generalmente tutti i movimenti, associazioni o comitati, spontanei o organizzati, che osteggino o comunque avversino la mafia e le sue manifestazioni.

Nel mondo
Italia
La maggior parte di essi nacque in seguito agli efferati crimini compiuti sul territorio nazionale da parte delle organizzazioni criminali di tipo mafioso quali Cosa nostra, 'Ndrangheta, Camorra e la Sacra Corona Unita. Di particolare importanza sono stati i movimenti spontanei contro la mafia nati in Sicilia in seguito alla strage di Capaci nella quale perse la vita il giudice Giovanni Falcone ed alla strage di via d'Amelio, nella quale fu ucciso il suo collega al pool antimafia di Palermo Paolo Borsellino. Dopo la loro morte testimone d'eccezione del movimento antimafia stato il giudice Antonino Caponnetto creatore del pool ed ideatore del maxiprocesso che preso dal dolore inizi a girare per l'Italia per parlare agli studenti ed ai cittadini contro la mafia.

L'Albero Falcone, in via Emanuele Nortarbartolo 23, a Palermo, uno dei simboli dell'antimafia in Sicilia.

Dal 2000 in poi si assistito ad una certa proliferazione di tali movimenti: nel giugno 2003 infatti viene creata dalla moglie di Antonino Caponnetto, Elisabetta la Fondazione Antonino Caponnetto; nel 2004 nasce a Palermo il Comitato Addiopizzo con lo scopo di dare un aiuto ai commercianti che denunciano le estorsioni ed incitare i consumatori a preferire gli esercizi commerciali di quest'ultimi nei loro acquisti. Specularmente all'esperienza palermitana il 2006 nasce nella provincia etnea l'associazione antiracket Addiopizzo Catania che si propone i medesimi obiettivi di Addiopizzo Palermo senza perdere di vista le numerose iniziative sociali delle quali si fa portavoce. Nel 2005, dopo l'uccisione del Vicepresidente del Consiglio Regionale della Calabria Francesco Fortugno, si registrarono manifestazioni spontanee che poi porterono alla formazione del movimento Ammazzateci tutti. Nel 2009 nato il "movimento delle agende rosse" per volont di Salvatore Borsellino. Il movimento prende nome dal colore dell'agenda del fratello, il magistrato Paolo Borsellino, sparita misteriosamente dopo la strage di via D'Amelio. Esso opera al fine di stabilire verit e giustizia per le stragi del 1992 e del 1993 e, insieme alla Scorta Civica e al Coordinamento Cittadinanza per la Magistratura vuole "proteggere" i magistrati che si occupano dei processi legati alle stragi dai ripetuti attacchi politici e giornalistici[1][2] che vedono Giuliano Ferrara chiedere in prima serata su Raiuno l'arresto del pm Antonio Ingroia, allievo di Borsellino, e successivamente porge accuse anche al collega di Ingroia, il magistrato Nino Di Matteo.[3][4].

Movimento antimafia

86

Eventi ricorrenti
A Barcellona Pozzo di Gotto ogni 8 gennaio promossa l'iniziativa di commemorazione di Beppe Alfano, giornalista ucciso dalla mafia locale. L'iniziativa, promossa dall'Associazione Nazionale Familiari Vittime di Mafia e dalla figlia Sonia Alfano e a cui partecipano le organizzazioni citate tra le voci correlate, ancora oggi porta profonde reazioni nell'opinione pubblica locale.

Note
[1] Movimento Agende Rosse (http:/ / www. 19luglio1992. com/ index. php?option=com_content& view=article& id=3083:movimento-agende-rosse& catid=20:altri-documenti& Itemid=43) [2] La scorta civica (http:/ / www. 19luglio1992. com/ index. php?option=com_content& view=article& id=2560:la-scorta-civica& catid=26:in-evidenza) [3] Il Fatto Quotidiano Ingroia (http:/ / www. ilfattoquotidiano. it/ tag/ ingroia/ ) [4] http:/ / www. antimafiaduemila. com/ content/ view/ 34227/ 48/

Voci correlate
Ammazzateci tutti Addiopizzo Catania Comitato Addiopizzo Commissione parlamentare Antimafia Fondazione Antonino Caponnetto Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie Movimento (sociologia)

Collegamenti esterni
Associazione Nazionale Familiari Vittime di Mafia (http://www.familiarivittimedimafia.com/) 19 luglio 1992 (http://www.19luglio1992.com/)
Portale Sociologia Portale Storia

Movimento del '77

87

Movimento del '77


Il movimento del '77 stato un movimento spontaneo nato in Italia nel 1977. Nato principalmente nell'area dei gruppi della sinistra extraparlamentare; fu del tutto nuovo sia a livello di forma che di sostanza rispetto ai precedenti movimenti studenteschi, come quello del Sessantotto; esso infatti fu caratterizzato dalla dichiarata contestazione al sistema dei partiti e dei sindacati, ma anche dei movimenti politici come erano stati fino ad allora e soprattutto dalla proposta di tematiche fino ad allora inedite.[1]

Contesto storico e sociale


Caratteristiche
Il movimento nacque in concomitanza della crisi delle organizzazioni extraparlamentari che avevano condotto ed egemonizzato le lotte sociali negli anni successivi al sessantotto e con l'avvento di quella che fu definita Universit di massa. In conseguenza della fine della scuola classista, entrata definitivamente in crisi con il sessantotto e con l'emanazione n. 162 nel 1969 sull'assegno di studio universitario[2], le universit non erano pi frequentate quasi esclusivamente da studenti provenienti dai ceti pi benestanti ma anche in larga parte da giovani provenienti dal proletariato. Dopo circa un decennio di contestazioni nella scuola e nella societ, il rigore rivoluzionario dei vecchi gruppi appariva inadeguato e superato. Infatti la contestazione fu rivolta anche alla pratica politica delle stesse organizzazioni da cui gli aderenti al movimento provenivano. Inoltre il movimento femminista, che dai primi anni '70 aveva avuto una crescita molto forte, era presente nel movimento con le sue istanze di liberazione dall'oppressione sessista maschile. Altro aspetto importante fu l'azione politica Manifestazione femminista del partito radicale di Marco Pannella che, dopo la vittoria nel 1974 del Referendum per il divorzio, aveva ingrossato notevolmente le file e aveva concentrato il suo impegno sulla difesa dei diritti umani, dei diritti civili, per il pacifismo e la non violenza. Le istanze inoltre erano molteplici dalla lotta contro l'autoritarismo e la repressione, a quelle del movimento di liberazione omosessuale e l'antiproibizionismo. Inoltre bisogna ricordare che in quell'epoca vi era la diffusione della cultura underground e di giornali dedicati alla controcultura e alla controinformazione, come la rivista Re Nudo fondata nel 1969 a Milano da un gruppo di hippies. Questi con la rivista nel 1975 e nel 1976, in un certo qual modo ricalcando il grande raduno di Woodstock, avevano organizzato due grandi raduni pop (Festival del proletariato giovanile) al Parco Lambro a Milano. La cultura alternativa passava anche attraverso le radio libere, nate dopo la liberalizzazione delle trasmissioni nel 1976, che ebbero una discreta diffusione in tutto il territorio nazionale. A livello internazionale c' da rimarcare che proprio nel '77 arriv la "prima ondata" di subcultura punk chiamata "Punk 77", relativo in particolare alla scena britannica (British Punk) e statunitense (American Punk). Nacque in questo contesto un movimento complesso, libertario e creativo, dove non c'erano leader e dove il coinvolgimento e la responsabilit erano strettamente personali anche se un ruolo portante nelle lotte continuavano a svolgerlo gli ambienti militanti dell'ormai sciolta

Movimento del '77 Lotta Continua e soprattutto dell'area dell'Autonomia.

88

Le azioni politiche
Alcune delle pratiche di lotta che caratterizzarono il movimento si erano formalizzate nel corso degli anni '70 e tendevano a proporre un modello d'azione diretta dove il cambiamento doveva avvenire subito, con la riappropriazione di beni e spazi rivendicati come diritto. Occupazioni di case sfitte e/o abbandonate, espropri proletari, autoriduzione delle bollette e dei servizi in genere (dal cinema agli esercizi di ristorazione) divennero le pratiche tipiche del movimento, a cui rimasero affiancate le azioni distintive della sinistra extraparlamentare come l'antifascismo militante. Il movimento del '77 coinvolse i settori emarginati della societ che erano costituiti, nelle grandi citt, da vasti strati della popolazione delle periferie degradate e che vivevano la loro condizione sottoproletaria ai margini della societ e della politica nazionale. A questa condizione di emarginazione si aggiunse la circolazione e la diffusione dell'eroina, che il movimento si impegn a contrastare con campagne di informazione e di lotta allo spaccio.

La rottura con la sinistra istituzionale

Pupazzo dedicato a Lama innalzato dagli studenti, prima dell'inizio del comizio.

Roma, 1977 - Scritta in Via dei Fori Imperiali dopo la "cacciata di Lama" dall'universit La Sapienza.

Il padrone disperato / ha chiamato il sindacato: / "Lama mio salvami tu, / cos non se ne pu pi" / E con gran pubblicit / va nell'universit. / Di preciso il diciassette / del febbraio '77 / sopra un palco da cantante / il progetto delirante: / "Il lavoro benedici / viva viva i sacrifici" (Murale all'Universit di Bologna da Zut, febbraio 1977)

Nel 1977, l'ala creativa e pacifica del movimento e l'Autonomia Operaia che invece propugnava la lotta armata in piazza, consumarono la rottura definitiva col PCI contestando duramente la politica del compromesso storico e l'abbandono da parte del Partito Comunista Italiano dell'opposizione di classe al potere borghese. La rottura col PCI si manifest in maniera palese il 17 febbraio 1977, durante un comizio del segretario della CGIL Luciano Lama svoltosi dentro l'universit di Roma, in quel momento occupata dagli studenti. Durante il comizio la

Movimento del '77 contestazione dell'ala creativa e degli studenti dell'Autonomia si trasform in scontro aperto con il servizio d'ordine del sindacato. Gli scontri per violenza e intensit causarono lo scioglimento anticipato del comizio e l'abbandono della citt universitaria da parte del segretario e della delegazione della CGIL. L'evento diverr famoso e ricordato come "La cacciata di Lama" dall'universit La Sapienza. Lo stesso giorno in conseguenza di quell'episodio il rettore dell'Universit la Sapienza di Roma Antonio Ruberti consegn la citt universitaria alla polizia.

89

Gli scontri di piazza


Per approfondire, vedi Francesco Lorusso, Fatti di Bologna dell'11 marzo 1977 e Giorgiana Masi.

La citt di Bologna in quell'anno fu teatro di violentissimi scontri di piazza. In particolare l'11 marzo viene ucciso con un colpo di pistola alle spalle (ipoteticamente sparato da un carabiniere, che i procedimenti giudiziari comunque non identificarono mai, prosciogliendo i due principali imputati: il carabiniere Massimo Tramontani e il capitano dei carabinieri Pietro Pistolese) un militante di Lotta Continua, Francesco Lorusso, durante le cariche per disperdere un gruppo di autonomi che avevano organizzato una contestazione dell'assemblea di Comunione e Liberazione che si teneva quella mattina all'universit. Questo evento fece da detonatore per una lunga serie di scontri con le forze dell'ordine che interessarono per due giorni l'intera citt di Bologna. Il ministro degli interni Francesco Cossiga per reprimere le azioni di guerriglia invi i mezzi blindati nella zona universitaria e in altri punti caldi della citt.[3] Il fatto provoc la condanna da parte di alcuni esponenti dell'intellighenzia francese, fra i quali lo scrittore Jean-Paul Sartre, che in una sua intervista al quotidiano Lotta Continua dichiar:

Fori di proiettile in Via Mascarella a Bologna, dove fu ucciso Francesco Lorusso

non posso accettare che un giovane militante sia assassinato per le strade di una citt governata dal partito comunista (Lotta Continua, Libert e potere non vanno in coppia, 9 settembre 1977)

La condanna sfoci, nel luglio 1977, in un Manifesto contro la repressione firmato da 28 intellettuali fra i quali, oltre a Sartre e Simone de Beauvoir, i filosofi Michel Foucault, Roland Barthes, Philippe Sollers, Gilles Deleuze e Felix Guattari. Questultimi erano stati gli autori del saggio Anti-Edipo che era diventato uno dei punti di riferimento culturali del Movimento del 77. Anche Torino fu teatro di scontri sanguinosi e attentati. Il 1 ottobre 1977, al termine di un corteo partito con l'assalto alla sede del Movimento Sociale Italiano, un gruppo di militanti di Lotta Continua raggiunse un bar del centro cittadino, L'Angelo Azzurro di via Po 46, frequentato da giovani di destra. In seguito al lancio di due bombe molotov mor bruciato vivo Roberto Crescenzio, uno studente del tutto estraneo agli schieramenti politici. L'omicidio, i cui responsabili materiali non furono mai individuati, fu definito da un altro leader di Lotta Continua, Silvio Viale, un "tragico incidente".

Movimento del '77

90

Un'altra vittima innocente degli scontri di piazza di quell'anno Giorgiana Masi, uccisa a Roma da un colpo di pistola durante una manifestazione organizzata dal Partito Radicale per celebrare i tre anni dalla vittoria del referendum sul divorzio. Per quanto i responsabili dell'omicidio siano rimasti ignoti, il movimento attribu la responsabilit del delitto ad agenti di polizia in borghese, che vennero immortalati in quell'occasione vestiti con abbigliamento riconducibile allo stile dei giovani extraparlamentari.

Convegno di Bologna

Poliziotto in borghese armato durante gli scontri che portarono alla morte di Giorgiana Masi

Uno degli ultimi eventi del Movimento del 77 fu il Convegno contro la repressione svoltosi a Bologna tra il 23 e il 25 settembre 1977. Al convegno parteciparono 70.000 persone secondo i dati ufficiali, pi di 100.000 per gli organizzatori, che invasero in maniera pacifica la citt per tre giorni. Mentre si formarono dei gruppi di lavoro in varie sedi come i locali delluniversit, ma anche cinema e lo stesso palazzo comunale, la citt si trasform in un palcoscenico per iniziative spontanee a cui parteciparono gruppi teatrali e musicali che vide la presenza di importanti figure della cultura italiana come quella di Dario Fo e Franca Rame. Al Palazzetto dello sport si riun una grande assemblea che avrebbe dovuto stigmatizzare nuove direttive per il movimento e il confronto fra le sue varie anime. L'assemblea fu per egemonizzata dai militanti autonomi che si scontrarono con l'ala del movimento pi propensa ad una lotta sui temi della controcultura piuttosto che agli scontri con lo stato che si stava radicalizzando sul territorio e stava diventando sempre pi violento. L'assemblea divent di fatto l'ultimo atto ufficiale del movimento.

La fine del movimento. Il riflusso


Verso la fine degli anni settanta il movimento aveva esaurito la fase iniziale di rivolta spontanea. Il rapimento Moro aveva spinto molti aderenti dei gruppi della sinistra extraparlamentare a seguire quanto contenuto nel motto suggerito anche dal quotidiano Lotta continua ("n con lo Stato n con le brigate rosse"). Diversi furono i giovani che si avviarono verso la lotta armata, che favorirono la recrudescenza del terrorismo, mentre altri ripiegarono nei partiti parlamentari o nel disimpegno. Altri ancora disillusi e nello sconforto aspiravano al misticismo, alle filosofie orientali ed al ritiro in comunit per uno stile di vita alternativo. Il resto del movimento, cos come era inteso dalla fine degli anni sessanta, scomparve del tutto lasciando una sola organizzazione, Democrazia Proletaria, che, dopo la scelta parlamentare, si schier alla sinistra del PCI divenendo un punto di riferimento per parte dei giovani impegnati negli anni Ottanta. I vari leader e personaggi noti, reduci dei primi anni dell'esperienza del Sessantotto, come Alexander Langer, ultimo direttore del quotidiano Lotta Continua, scelsero l'impegno ambientale, raggruppandosi attorno al nascente movimento verde italiano. Altri entrarono a far parte dei vecchi partiti (soprattutto il PSI) e si dedicarono a seguire le loro carriere, in pratica alimentando il nascente fenomeno degli yuppies, giovani individualisti che inseguivano, negli anni Ottanta, il successo ed il profitto, nel contesto di uno stile di vita edonista e modaiolo. Dal '77 si svilupparono le nuove realt giovanili di lotta politica nate attorno a quelli che negli anni successivi sarebbero diventati i Centri sociali, luoghi di aggregazione politico-sociale nata nel solco delle esperienze dei circoli del proletariato giovanile della seconda met degli anni '70.

Movimento del '77

91

Riviste dell'epoca legate al Movimento


A/traverso Cannibale Doppiov Il Male La Salamandra Ombre rosse Re Nudo Rosso Autonomia Operaia I Volsci

Le canzoni e i dischi
Eugenio Finardi - La radio Gianfranco Manfredi - Ma non una malattia, Ma chi ha detto che non c', Quarto Oggiaro Story, Ultimo Mohicano Area - Luglio, agosto, settembre (nero), Gioia e Rivoluzione Claudio Lolli - Ho visto anche degli zingari felici, Disoccupate le strade dai sogni Centro d'Urlo Metropolitano - Mamma dammi la benza Skiantos - Inascoltable Sex Pistols - Never Mind the Bollocks, Here's the Sex Pistols Talking Heads - 77 Clash - The Clash' Bob Marley - Exodus Edoardo Bennato - Burattino senza fili Ricky Gianco - Compagno s, compagno no, compagno un cazz. Enzo Del Re - Il banditore.

Cronologia
1976
30 ottobre: si scioglie Lotta Continua 3 dicembre: viene pubblicata la "circolare Malfatti" (dal nome del ministro della Pubblica istruzione Franco Maria Malfatti), che attacca la liberalizzazione dei piani di studio in vigore dal 1968, propone labolizione degli appelli mensili degli esami e il loro raggruppamento in due sessioni, laumento delle tasse di frequenza, restando inalterato il fondo per gli assegni di studio.

Movimento del '77

92

1977
21 gennaio: approvazione della legge sullaborto alla Camera dei deputati 24 gennaio: a Palermo comincia l'occupazione alla facolt di Lettere a seguito della delibera dell'applicazione della circolare da parte del Senato accademico 25 gennaio: I sindacati firmarono un accordo con la Confindustria sulla riduzione del costo del lavoro 30 gennaio: Il parlamento abolisce una parte della scala mobile dei salari 1 febbraio: a Roma circa 70 fascisti irrompono nella facolt di lettere occupata armati di spranghe e armi da fuoco. Un colpo di pistola ferisce gravemente alla testa lo studente Guido Bellachioma 2 febbraio: a Roma a seguito di scontri tra polizia e studenti che volevano assaltare la sede del Fronte della Giovent in via Sommacampagna, Ugo Pecchioli chiede la chiusura dei "covi" dell'autonomia affermando che i raid fascisti all'universit e le provocazioni dell'estrema sinistra sono due facce dello stesso disegno terrorista. la rottura definitiva tra PCI e movimento degli studenti 17 febbraio: a Roma Luciano Lama, segretario della CGIL, viene cacciato dalluniversit dagli studenti dell'autonomia. Durante il comizio, organizzato dalla CGIL, il servizio d'ordine del sindacato e del PCI aveva cercato di allontanare gli indiani metropolitani che, esponendo un totem, chiedevano ironicamente a Lama altri sacrifici. Gli autonomi intervennero con lancio di oggetti nella direzione del palco costringendo Lama e il suo staff alla fuga. 26 e 27 febbraio: a Roma primo coordinamento nazionale degli studenti universitari. Avviene la rottura fra le femministe e gli indiani metropolitani da un lato e lAutonomia Operaia e larea della militanza dallaltro 10 marzo: viene votato il rinvio a giudizio di due ex ministri Gui e Tanassi per corruzione aggravata ai danni dello stato 10 marzo: a Bologna scattano una serie di arresti in ambito studentesco al fine di impedire l'affluenza di ulteriori elementi del Movimento in citt 11 marzo: a Bologna viene ucciso con un colpo di pistola dalle forze dellordine il militante di Lotta Continua Francesco Lorusso, si scatenano una serie di scontri violenti 12 marzo: a Roma una manifestazione di protesta per la morte di Blindato in una via di Bologna nel marzo 1977 Lorusso, con oltre cinquantamila partecipanti, diventa guerriglia urbana. 12 marzo: a Bologna alle ore 23.15 viene chiusa dalla polizia radio Alice[4] 14 marzo: a Bologna con le autoblindo, mandate dal ministro degli interni Francesco Cossiga, vengono sgombrati gli studenti che occupavano luniversit, 6 aprile: a Milano, ha luogo la prima assemblea di " Dissidenza sindacale ", dalla politica di "collaborazione e di sostegno", della Cgil e degli altri sindacati al governo. 15 aprile: il progetto di riforma Malfatti approvato dal consiglio dei ministri. 21 aprile: a Roma le forze dellordine intervengono per sgomberare loccupazione di alcune facolt presso la citt universitaria, ci sono scontri violentissimi con gli studenti nei quali vengono feriti militari, studenti, una giornalista americana e rimane ucciso l'allievo sottufficiale Settimio Passamonti; 22 aprile: il Ministro dell'Interno Francesco Cossiga vieta qualsiasi manifestazione pubblica a Roma fino al 31 maggio. 29 e 30 aprile: a Bologna ha luogo il secondo coordinamento nazionale del movimento. 3 maggio: rinvio del processo alle BR a causa delle minacce fatte a giudici e giurati

Movimento del '77 12 maggio: a Roma Giorgiana Masi uccisa da un poliziotto infiltrato mentre partecipava a un sit-in organizzato dai Radicali a piazza Navona in occasione dell'anniversario del referendum sul divorzio. 14 maggio: a Milano lagente di polizia Antonio Custra colpito a morte. In quella occasione viene scattata la foto di Giuseppe Memeo, manifestante col passamontagna che impugna una P38 puntandola nella direzione della polizia, immagine che diverr licona pi utilizzata dai media per rappresentare il movimento del '77. 1 giugno: a Genova le Brigate rosse sparano alle gambe del vice direttore del Secolo XIX Valerio Bruno 2 giugno: a Milano le BR gambizzano Indro Montanelli, direttore del Giornale Nuovo. 7 giugno: il senato boccia la legge sullaborto, gi approvata alla Camera. 10 giugno: in tutte le citt, ci sono manifestazioni indette dalle organizzazioni delle donne per protestare contro la votazione del senato. 20 giugno: scontri alluniversit di Cagliari, fra autonomi e militanti del Pci. 5 luglio: sul quotidiano Lotta Continua viene pubblicato un appello contro la repressione del compromesso storico, firmato da molti intellettuali, tra i quali Jean-Paul Sartre, Michel Foucault, Gilles Deleuze, Felix Guattari, Roland Barthes e Maria Antonietta Macciocchi. 28 agosto: nasce il Movimento anti-nucleare, con una manifestazione alla centrale di Montalto di Castro. 23 e 25 settembre: a Bologna si svolge il Convegno nazionale contro la repressione, l'ultima assemblea del movimento, in seno al quale si registrano dissensi e spaccature insanabili. Questo convegno sancisce la fine politica del movimento e linizio del "riflusso". 30 settembre: a Roma viene ucciso dai fascisti Walter Rossi, studente e militante di Lotta Continua. 1 ottobre: A Torino una manifestazione di protesta organizzata da Lotta Continua per l'omicidio del giorno precedente sfocia nell'omicidio dello studente Roberto Crescenzio, vittima del rogo del bar "Angelo Azzurro" dato alle fiamme da autonomi.
Un'immagine di Giuseppe Memeo (tra le pi rappresentative degli anni di piombo) nel mezzo di una sparatoria del 14 maggio 1977, durante una manifestazione dell'Autonomia a Milano

93

1978
7 gennaio: a Roma si consuma la Strage di Acca Larentia dove vengono uccisi tre giovani attivisti del Fronte della Giovent. 14 febbraio: a Roma viene ucciso Riccardo Palma, magistrato addetto alla direzione generale degli istituti di prevenzione e pena. 9 marzo: a Torino si apre il processo a 50 brigatisti, ritenuti i capi storici delle BR, tra i quali Renato Curcio e Alberto Franceschini. 16 marzo: a Roma l'agguato di via Fani e il sequestro di Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse.

Roma, Via Fani il giorno del rapimento di Aldo Moro..

Movimento del '77

94

Note
[1] Per una ricerca sul movimento del Settantasette (http:/ / www. vag61. info/ vag61/ articles/ art_126. html), articolo del 9 marzo 2006 [2] - Dal sito Normattiva Legge 21 aprile 1969, n. 162 "Nuove norme per l'attribuzione dell'assegno di studio universitario") (http:/ / www. normattiva. it/ uri-res/ N2Ls?urn:nir:stato:legge:1969-04-21;162@originale) [3] Alcune immagini dell'evento (http:/ / www. tmcrew. org/ movime/ mov77/ univers. htm) [4] (http:/ / www. radioalice. org/ chiusura. html), chiusura di Radio Alice

Bibliografia
Saggi
Aa. Vv. "Fatti Nostri", Bertani editore, 1977, (re-edited Rimini, Nda Press, 2007), ISBN 888903517X, ISBN 9788889035177 Aa. Vv. Millenovecentosettantasette. Manifestolibri, Roma, 1997 Nanni Balestrini, Primo Moroni. L'orda d'oro (1968-1977. La grande ondata rivoluzionaria e creativa, politica ed esistenziale). SugarCo, 1988 (III ed. Feltrinelli, 2003), ISBN 88-07-81462-5 Franco Berardi. Dellinnocenza. 1977: lanno della premonizione. Ombre corte, Verona, 1997 Franco Berardi, Veronica Bridi (a cura di). 1977, Lanno in cui il futuro incominci. Fandango libri, Istituto Gramsci Emilia-Romagna, 2002 Piero Bernocchi. Dal 77 in poi. Erre emme edizioni, Roma, 1997 Sergio Bianchi, Lanfranco Caminiti (a cura di). Settantasette. La rivoluzione che viene. Roma, Castelvecchi, 1997 (2 ed. DeriveApprodi, Roma, 2004) Sergio Bianchi e Lanfranco Caminiti (a cura di). Gli autonomi. Le storie, le lotte, le teorie. Vol. 1. Roma, DeriveApprodi, 2007. ISBN 978-88-89969-01-4 Sergio Bianchi e Lanfranco Caminiti (a cura di). Gli autonomi. Le storie, le lotte, le teorie. Vol. 2. Roma, DeriveApprodi, 2007. ISBN 978-88-89969-35-9 Sergio Bianchi e Lanfranco Caminiti (a cura di). Gli autonomi. Le storie, le lotte, le teorie. Vol. 3. Roma, DeriveApprodi, 2008. ISBN 978-88-89969-57-1 Fabrizio Billi (a cura di). Gli anni della rivolta. 1960-1980: prima , durante e dopo il 68. Punto Rosso, Milano, 2001 Claudio Del Bello (a cura di). Una sparatoria tranquilla. Per una storia orale del 77. Odradek, Roma, 1997 Tommaso De Lorenzis, Valerio Guizzardi, Massimiliano Mita. Avete pagato caro. Non avete pagato tutto. La rivista Rosso (1973-1979), DeriveApprodi, Roma, 2008 Marco Grispigni. Il settantasette. Il Saggiatore, Milano, 1997 ISBN 88-428-0511-4 (2 ed. 1977 Manifestolibri, Roma, 2006, ISBN 88-7285-464-4) Gian Ruggero Manzoni - Emilio Dalmonte. Pesta duro e vai trnquilo. Feltrinelli, Milano, 1980 Raul Mordenti. Frammento di un discorso politico. Il 68, il 77, l89. Essedue edizioni, Verona, 1989 Claudia Salaris, Pablo Echaurren. Controcultura in Italia 1967-1977. Bollati Boringhieri, Torino, 1999 Pablo Echaurren. La casa del desiderio. '77: indiani metropolitani e altri strani. Manni, 2005. ISBN 88-8176-633-7

Movimento del '77

95

Romanzi
Bruno Arpaia, Il passato davanti a noi, Guanda, 2006. ISBN 978-88-8246-912-2. Autori molti compagni, Bologna marzo 1977... Fatti nostri, NdA Press, 2007. ISBN 978-88-89035-17-7. Nanni Balestrini, Gli invisibili, Bompiani, 1987. Enrico Palandri, Boccalone. Storia vera piena di bugie, Feltrinelli, 1988. ISBN 978-88-452-5309-6. Paolo Pozzi, Insurrezione, DeriveApprodi, 2007. ISBN 978-88-89969-23-6. Luca Rastello, Piove all'ins, Bollati Boringhieri, 2006. ISBN 978-88-339-1661-3. Pier Vittorio Tondelli Altri libertini, Feltrinelli, 1980 Pino Tripodi Sette Sette, una rivoluzione, la vita, Milieu edizioni, Milano, 2012.

Filmografia
Verso sera, regia di Francesca Archibugi (1990) Il trasloco (documentario), regia di Renato De Maria (1991) Alice in paradiso, regia di Guido Chiesa (2002) Paz!, regia di Renato De Maria (2002) Lavorare con lentezza - Radio Alice 100.6 MHz, regia di Guido Chiesa (2004)

Voci correlate
Il Sessantotto e il Maggio francese Il giornale satirico Il Male Polli d'allevamento, spettacolo di Giorgio Gaber del 1978 sul Movimento Anni di piombo, Strategia della tensione Autonomia Operaia Radio Alice Indiani metropolitani Partito Radicale Enrico Berlinguer, Aldo Moro e il Compromesso storico A/traverso

Collegamenti esterni
Per una ricerca sul movimento del Settantasette (http://www.vag61.info/vag61/articles/art_126.html) La luna e il dito. Il 1977 a Bologna e in Italia (http://www.lastoriasiamonoi.rai.it/puntata.aspx?id=327) La Storia siamo Noi - Rai Educational Settantasette: documenti, fotografie, bibliografia (http://www.complessoperforma.it/77web/) Avevo vent'anni (http://tv.repubblica.it/home_page.php?playmode=player&cont_id=10121& cont_search=franceschini&stream=video) Enrico Franceschini racconta il suo 1977 (21 maggio 2007) Il movimento del '77 e la violenza (http://www.nelvento.net/archivio/68/giachetti.htm#indice18)
Portale Italia Portale Storia Portale Storia d'Italia

Movimento Studentesco

96

Movimento Studentesco
Movimento Studentesco

Leader Stato Fondazione

Mario Capanna, Salvatore Toscano Italia 1968

Dissoluzione 31 gennaio 1976 Ideologia Contestazione, Comunismo

Collocazione sinistra extraparlamentare Colori rosso

Movimento Studentesco (MS) fu un'organizzazione extraparlamentare studentesca di sinistra, attiva in molti atenei d'Italia, particolarmente a Milano, tra i primi anni sessanta e il 1976. All'inizio degli anni sessanta l'incremento del livello culturale e la maturazione della societ permisero agli studenti medi ed universitari di chiedere delle riforme e di ottenere maggiore partecipazione alle decisioni che riguardavano le attivit scolastiche. Il termine movimento studentesco, indica il movimento nel settore degli studenti medi e universitari in Italia, attivo dai primi anni sessanta fino alla sua dissoluzione ed il passaggio dei militanti del tempo nel Movimento Lavoratori per il Socialismo avvenuto nel 1976.

Manifestazione del Movimento Studentesco nella Galleria Vittorio Emanuele II a Milano

All'interno di questo vasto e variegato movimento si enuclearono dei specifici movimenti di durata e localizzazione e scopi definiti in modo specifico. Il termine Movimento Studentesco o MS, in senso specifico, indica una specifica struttura nata all'Universit Statale di Milano e diffusasi nella maggior parte delle scuole milanesi e oltre. In altre zone il Movimento studentesco assunse inizialmente una pi ampia articolazione. A Brescia, per esempio, ebbe inizialmente una connotazione pi unitaria. Nella prima met degli anni '70 il MS Bresciano perse la componente di Lotta continua; solo successivamente la componente che si rifaceva alla FGCI si distacc dall'MS, dopo un duro confronto, fondando con componenti pi moderate il Movimento Democratico degli Studenti. Le parole d'ordine degli schieramenti contrapposti erano "gestione sociale" e "uso parziale alternativo".

Movimento Studentesco

97

L'evoluzione
La natura assembleare del Movimento Studentesco e il fatto di essere esposto ad un elevato ricambio delle persone militanti, connesso al piano di studi degli aderenti, in maggioranza studenti, resero sempre complessa la formazione delle attivit e delle opinioni. Ebbe come principali leader carismatici Mario Capanna destinato ad una lunga carriera politica e Salvatore Toscano come valore politico ideologico.

L'inizio
L'attivit politica ufficiale inizi all'inizio del 1968 e prosegu fino al 1976. La composizione iniziale era costituita da studenti della borghesia milanese di orientamento politico di sinistra e la sua impostazione ideologica era influenzata dai concetti leninisti di lotta di classe ed avanguardia rivoluzionaria. Questa impostazione diede un atteggiamento prudente nei suoi confronti da parte dei movimenti della sinistra parlamentare. In genere le sue linee di azione si basarono sulle assemblee, tendendo a rifiutare le impostazioni verticistiche, ma richiedendo la loro approvazione nelle assemblee studentesche. Concetti simili influenzarono anche la sua struttura organizzativa, molto pi precisa e organizzata delle altre strutture spontanee cresciute nel periodo.

L'uscita dall'ambito universitario verso la societ


Nei giorni 10-11 marzo 1968 il Movimento Studentesco tenne un dibattito all'Universit statale di Milano. Ne consegu la decisione di uscire dall'ambito studentesco per aprirsi ai problemi della societ, in particolare del mondo del lavoro. Mantenne tuttavia una autonomia rispetto agli operai, ritenendo il proprio ruolo vicino ma esterno alla classe operaia, da influenzare senza esserne assorbiti.

Le divergenze interne
Il 15 gennaio 1971 il Movimento Studentesco tenne una assemblea presso l'aula magna della Universit statale di Milano. Si presentarono due tesi in contrasto, una da parte di Mario Capanna, sostenuta da Salvatore Toscano, di tendenze riformiste ma legate al movimento operaio, e una da parte di Giuseppe Saracino, rappresentante dell'area liberale del movimento. L'assemblea termin con una frattura tra le due tendenze. Il gruppo facente capo a Giuseppe Saracino present in realt una mozione di astensione (mozione pepe) ispirata al pensiero di Rudi Dutschke e alla sua lunga marcia nelle istituzioni; la votazione si concluse con 445 astenuti, 220 favore e 1 contro. Nel febbraio 1974, in seguito a una discussione, in parte riguardante la figura di Giuseppe Stalin, Capanna, Fabio Guzzini e Giuseppe Liverani si dimisero dal gruppo dirigente, accelerando un processo di crisi. Alla guida del movimento rimasero Cafiero e Toscano. Alla fine di ottobre del 1974, dopo un lungo dibattito interno, un folto gruppo di quadri dirigenti (circa 300) si allontan dal Movimento Studentesco, con un manifesto murale intitolato "Perch usciamo dal Movimento Studentesco". In questo modo il "Coordinamento dei Comitati antifascisti" di Milano divenne un organismo del tutto indipendente. Dopo un periodo di crisi e di dibattiti, il 1 febbraio 1976 il Movimento Studentesco trasform in Movimento Lavoratori per il Socialismo, di cui Salvatore Toscano fu primo segretario. un passo verso la trasformazione in partito e l'avvicinamento alla politica parlamentare, abbandonando la politica extraparlamentare. A sua volta questo movimento si fonder nel 1981 con il PdUP completando il passaggio nel campo parlamentare. Ma il vero apporto "parlamentarista" avverr all'interno di Democrazia Proletaria, della quale Mario Capanna sar prima coordinatore e poi (1984-1987) segretario.

Movimento Studentesco

98

Avvenimenti particolari
Il 1 febbraio 1972 ci fu una grande manifestazione del Movimento Studentesco a Milano. Mario Capanna tenne un forte comizio conclusivo. Il 23 gennaio 1973 davanti all'Universit "Bocconi" di Milano, durante scontri tra forze dell'ordine e giovani della sinistra extraparlamentare, viene ferito gravemente con un colpo d'arma da fuoco il ventunenne Roberto Franceschi, militante del Movimento Studentesco; Franceschi morir il 30 gennaio. Oggi c' un monumento che ricorda Franceschi sul luogo nel quale caduto.

Manifestazione dopo la morte di Roberto Franceschi a Milano

Il 5 febbraio 1973 tre esponenti del movimento Studentesco, Mario Capanna, Fabio Guzzini e Giuseppe Liverani, vengono arrestati per aver aggredito, il precedente 25 gennaio, Giuseppe Schiavinato, l'allora rettore dell'Universit Statale di Milano. Il 16 aprile 1975 viene ucciso a Piazza Cavour a Milano Claudio Varalli (17 anni)[1], militante del Movimento Studentesco, dal neofascista Antonio Braggion. Nei giorni successivi la repressione delle manifestazioni di protesta porteranno all'uccisione di altri giovani della sinistra extraparlamentare: il 17 aprile a Milano Giannino Zibecchi, docente di educazione fisica e militante del Comitato Antifascista del Ticinese, verr schiacciato da un camion dei carabinieri; il 18 aprile, a Firenze, un agente in borghese uccider, con un colpo di rivoltella, un militante del PCI, Rodolfo Boschi.

Il servizio d'ordine
Il Movimento disponeva di un forte servizio d'ordine, assai ben organizzato, i cui membri erano chiamati katanga o "katanghesi" ( dal nome della provincia secessionista congolese dei primi anni '60 ). Il servizio d'ordine aveva il compito di far rispettare ai cortei i limiti di percorso imposti dalla Questura o dalla Prefettura e di sorvegliare lo svolgersi delle manifestazioni, bloccando sul nascere eventuali azioni violente di qualche esagitato o difendendo i partecipanti ai cortei da aggressioni esterne. Frequenti erano gli scontri con gruppi di estrema destra, ma non mancarono occasioni di confronto fisico anche con forze di polizia o con altri gruppi dell'estrema sinistra. Ripetuti gli scontri con i militanti di Avanguardia Operaia.

Esponenti
Esponenti del Movimento Studentesco furono: Mario Capanna Luca Cafiero Sergio Cofferati Alfonso Gianni Fabio Guzzini Giuseppe Liverani

Guido Malacrida Mario Martucci

Movimento Studentesco Rodolfo Mozilla, detto "Rudi" Pierluigi Mutti Gino Strada, fondatore di Emergency Giuseppe Saracino, conosciuto anche come "Popi" Salvatore Toscano Antonio Contini

99

Note
[1] , 1991. Varalli aveva 17 anni.</cfr. www.pernondimenticare.net>

Bibliografia
Capanna, Mario, Movimento Studentesco, crescita politica e azione rivoluzionaria, Edizioni Sapere, Milano 1968 Capanna, Mario, Formidabili quegli anni, Rizzoli, Milano 1988 Capanna, Mario, Lettera a mio figlio sul Sessantotto, Rizzoli, Milano 1998 Cortese, Luisa (a cura di), Il Movimento Studentesco, storia e documenti 1968-1973 - prefazione di Giulio Maccacaro, Valentino Bompiani editore, Milano, 1973

Poli, Francesco, Rovida, Ezio, Che cos' un monumento, Storia del monumento a Roberto Franceschi, Gabriele Mazzotta editore, Milano, 1995 Rovida, Ezio (a cura di) 1966-1976 Milano e gli anni della grande speranza, Dalai editore, Milano, 2012 Toscano, Salvatore, A partire dal '68, Mazzotta, Milano 1978 Tobagi, Walter, Storia del movimento studentesco e dei marxisti-leninisti in Italia, Sugar, Milano 1970 Il Sessantotto La stagione dei movimenti (1960-1979), (1), a cura della redazione di "Materiali per una nuova sinistra", Ed. Associate, 1988 Tumminelli, Roberto, Passate col rosso, Baldini & Castoldi, Milano, 2008

Voci correlate
Movimento Lavoratori per il Socialismo Anni di piombo Lotta Continua Sessantotto Contestazione Movimento del '77

Altri progetti
Wikiquote contiene citazioni sul Movimento Studentesco

Collegamenti esterni
Testo e audio della canzone Katanga (http://www.ildeposito.org/view.php?id=668)
Portale Politica Portale Storia d'Italia

Nazi punk

100

Nazi punk
Nazi Punk un termine utilizzato per designare una subcultura punk che segue le tesi del nazismo, oltre ad un sottogenere musicale tematico associato ad essa[1].

Storia
Nel 1978 il British National Front, partito di estrema destra inglese, aveva creato una organizzazione giovanile chiamata Punk Front[2]. Anche se questo movimento dur un solo anno, esso attir molti punk inglesi e caus la formazione di varie band punk white power di secondo piano come The Dentists, The Ventz, Tragic Minds e White Boss[3]. Il movimento white power in Inghilterra si spense intorno al 1979, a causa della fine dell'ondata del punk rock delle origini e del Punk Front, ma successivamente si infiltr nel nascente oi!, che al tempo era dominato da ideologie marxiste. In questo modo il nazi punk inizi ad essere associato agli skinhead, anche se continuavano ad esistere punk legati al movimento white power originale. Tra i gruppi oi nazisti si distinsero gli Skrewdriver, un gruppo inizialmente apolitico che dal 1982 in poi[4] si convert in gruppo nazista, contribuendo anche alla diffusione di tale ideologia all'interno dell'oi!. Nello stesso periodo la subcultura si diffuse in tutto il mondo, in particolare negli USA nel periodo di nascita dell'hardcore punk[5][6]. Negli Stati Uniti, in particolare nelle zone di New York e Los Angeles, i punk razzisti furono numerosi fino alla fine degli anni '80, quando l'ascesa del movimento antirazzista SHARP caus l'estromissione di molti nazi punk dalla scena musicale. Da allora il movimento sopravvissuto, sebbene non forte come un tempo, sfruttando l'ondata del punk revival.

Gruppi nazi punk


A.B.H. Ammit Arma Blanca Bhse Onkelz Boikott Chaoss Hellas Chaotic Piggs D.C. Stormtroopers The Dirty White Punks Ethnic Cleansing Fight For Freedom Forward Area Hellgrinder Kontejner 2368 Midgrds Sner dio Mortal Rusty Nailbomb Skrewdriver The Dentists The Walkiriass

Warfare 88 White Pride

Nazi punk

101

Bibliografia
Simon Reynolds, Rip it up and start again Postpunk, 1978-1984 , Faber and Faber, 2005. Roger Sabin, Punk Rock: So What? Steven Blush, American Hardcore: A Tribal History Eddy Morrison, Memoirs of a Street Soldier: A life in White Nationalism The Punk Front: 1978-79. British National Front production.

Voci correlate
Naziskin Skinhead Punk's Not Red Oi! Street punk

Note
[1] Wallace, Amy. The Official Punk Rock Book of Lists. Backbeat Books, 2007. pp. 186 [2] [3] [4] [5] [6] Reynolds, Simon. Rip It Up and Start Again: Postpunk 1978-1984. Penguin (Non-Classics), 2006. pp. 65 Sabin, Roger. Punk Rock: So What?: The Cultural Legacy of Punk. Routledge, 1999. pp. 207-208. Federico Guglielmi, Punk, Giunti Editore, 2009 Andersen, Mark. Dance of Days: Two Decades of Punk in the Nation's Capital. Akashic Books, 2003. pp. 159 Flynn, Michael. Globalizing the Streets. Columbia University Press, 2008. pp. 191 Portale Nazismo

Portale Musica Portale Politica

Portale Punk

L'orda d'oro

102

L'orda d'oro
Quando nel 1987 io e Balestrini, con l'aiuto prezioso di Sergio Bianchi, iniziammo a scrivere L'Orda d'oro eravamo alla vigilia del ventennale del Sessantotto. Dalla stampa apprendevamo che erano in preparazione molti libri sul medesimo argomento. Per la gran parte si trattava di "memorie" soggettive di protagonisti pi o meno importanti della stagione di lotte [...] Non ci soddisfaceva per la sensazione che il ricordo, la celebrazione (gi di per s un brutto termine) si sarebbero mossi tra una specie di imbalsamazione di quelle vicende storiche e una demonizzazione che tendeva a separare i "buoni" dai "cattivi". Spartiacque di questa separazione sarebbe stata, secondo queste interpretazioni, la questione dell'uso della violenza. Una banalit in s, perch un conflitto durato almeno dieci anni e che aveva coinvolto centinaia di migliaia di soggetti sociali non poteva essere ridotto nell'ambito angusto del supposto giudizio etico da dare sulle forme di lotta.

L'orda d'oro 1968-1977 Autore 1ed.originale Genere Sottogenere Nanni Balestrini e Primo Moroni 1988 saggio saggio storico

Linguaoriginale italiano

L'orda d'oro (1968-1977. La grande ondata rivoluzionaria e creativa, politica ed esistenziale) un saggio di Nanni Balestrini e Primo Moroni, ristampato successivamente e ampliato a cura di Sergio Bianchi. stato per molti anni l'unico saggio sul movimento del '77 (e uno dei pochi sul movimento del '68) disponibile al pubblico non specialistico, e corredato di ampia documentazione e bibliografia. Il saggio, in realt, non tratta solo dei movimenti giovanili del '68 e del '77, ma tenta un abbozzo di analisi della storia italiana, con particolare riguardo ai movimenti di protesta operai e giovanili a partire dagli anni '50, incluse le manifestazioni dell'estate 1960.

Edizioni
La prima edizione (SugarCo Edizioni, Milano 1988), secondo quanto afferma Sergio Bianchi, and velocemente esaurita, e il libro non venne immediatamente ristampato. Continu a circolare sotto forma di fotocopie, e, in parte, venne diffuso attraverso reti telematiche. La seconda edizione (Feltrinelli, 1997), a cura di Sergio Bianchi stata ampliata con contributi di Paolo Virno, Sergio Bologna, Sandro Mancini, Lucio Castellano, Lanfranco Caminiti, Andrea Colombo, Bruno Cartosio, Cesare Bermani, e con un'appendice di Rossana Rossanda. Il saggio stato pi volte ristampato da Feltrinelli; nel 2003 ne uscita la terza edizione, con contributi di Franco Berardi Bifo, Franca Chiaromonte, Giairo Daghini e Letizia Paolozzi. Nanni Balestrini e Primo Moroni, L'orda d'oro 1968-1977, terza ed., collana Saggi Universale Economica, Feltrinelli, 2003, pp. 687, cap. 12. ISBN 8807814625.

L'orda d'oro

103

Indice
1. All'inizio c'erano le citt, i giovani, gli operai Dalla Resistenza alla Ricostruzione Gli anni duri della Fiat Danilo Montaldi: Italia, luglio 1960 Ma da dove venivano i giovani dalle magliette a strisce? Yankee go home Una generazione di intellettuali competenti e autoemarginati All'origine dell'operaismo: i "Quaderni Rossi" Raniero Panzieri: Integrazione ed equilibrio del sistema

2. Gli anni sessanta: la generazione della rivolta esistenziale Le citt diventano metropoli Danilo Montaldi: La migrazione Make love, not war I nuovi miti Giancarlo Mattia: Canzoni d'innocenza Usa: dalla Caccia alle streghe alla Beat Generation Bruno Cartosio: L'arrivo della cultura afroamericana in Italia Cesare Bermani: Il Nuovo canzoniere italiano Il canto sociale e il "movimento" L'area della controcultura Underground e opposizione La corrente situazionista

3. La nascita dell'operaio massa e la frattura del movimento comunista Il nuovo soggetto operaio Piazza Statuto, l'inizio dello scontro Dai "Quaderni Rossi a "Classe operaia" Sandro Mancini: La scissione dei "Quaderni Rossi" e le ragioni teoriche della rottura tra Panzieri e Tronti Dal "gatto selvaggio" all'insubordinazione permanente La crisi dell'ortodossia comunista Le divergenze tra il compagno Togliatti e noi La preistoria del movimento marxista-leninista Mao Tse-tung: Che cento fiori sboccino Edoarda Masi: La Rivoluzione culturale cinese in Occidente

4. Dalla scuola di classe all'antiautoritarismo Lo sviluppo industriale e la scuola media unificata Il dissenso e i simboli della rivolta Che Guevara: Il passo della guerriglia il passo del compagno pi debole Don Milani: Lettere a una professoressa Il malessere della scuola media e il caso della "Zanzara" Franco Bolelli: La rivoluzione culturale della musica La galassia Gutenberg e il movimento La crisi delle associazioni studentesche tradizionali

Il laboratorio di Trento e l'"Universit negativa" Palazzo Campana: gli studenti e le officine Putilov

L'orda d'oro 5. L'esplosione del '68 Una svolta planetaria Sergio Bianchi: Spunti interpretativi del '68 La presa di coscienza "Non siam scappati pi": la battaglia di Valle Giulia Dalle messe alle masse: le lotte dell'Universit cattolica Andrea Valcarenghi: 1968, magica Milano Lo studente proletario "Un pugnale al cuore della citt capitalista" Giuliano Scabia: Appunti di rappresentazioni nei margini Champagne e pomodori: la notte della Bussola La nozione di totalit in questione

104

6. Il '69: L'Autunno caldo I Cub: la classe operaia come soggetto Documento del Cub Pirelli Sergio Bologna: il '68 in fabbrica Paolo Virno: Il lavoro non rende liberi

Paolo Virno: Il picchetto revisionato La strategia della tensione La strage di stato 7. I gruppi extraparlamentari La stagione dei gruppi extraparlamentari Rossana Rossanda: Elogio dei gruppettari Andrea Colombo: I gruppi principali Lotta continua Potere operaio Il manifesto Avanguardia operaia Movimento Studentesco Unione dei comunisti (m-l)

8. Lotta armata e Autonomia operaia Le possibili origini della "tendenza armata" La nascita delle Brigate rosse I Gap e Feltrinelli Giangiacomo Feltrinelli: Estate '69 La clandestinit, l'ideologia, l'organizzazione I Nap e le lotte dei carcerati Problematiche del movimento operaio degli anni settanta Il rifiuto del lavoro L'occupazione di Mirafiori e l'emergenza dell'autonomia come progetto politico Toni Negri: Un passo avanti, due indietro: la fine dei gruppi Lucio Castellano: L'autonomia, le autonomie I collettivi politici veneti

Il compromesso storico 9. La rivoluzione del femminismo

L'orda d'oro I sessi sono due La rivoluzione parziale L'autocoscienza Oppressione/sfruttamento Addio alle armi 1977: fuga dai collettivi La societ dei diritti I giornali dell'area femminista

105

10. Il movimento del '77 La crisi della militanza Dalle panchine ai centri sociali Parco Lambro: la fine dell'ideologia della festa L'autunno dei Circoli L'anno di frontiera Uno strano movimento di strani studenti La cacciata di Lama dall'universit: testimonianze Verso lo scontro Le giornate di marzo Lucia Martini e Oreste Scalzone: Fenomeni di lotta armata ai bordi e dentro il movimento Lanfranco Caminiti: L'autonomia meridionale: territorio di ombre, solarit delle lotte Franco Tommei e Paolo Pozzi: Quegli spari che uccisero il movimento a Milano Il nero mese di maggio Il convegno di Bologna: il movimento senza sbocchi

11. La comunicazione, la cultura, gli intellettuali Dalla lotta alla comunicazione, dalla comunicazione alla lotta L'altra editoria, l'altra comunicazione Aldo Bonomi: La controinformazione Vincenzo Sparagna: L'avventura del "Male" I cento fiori del sapere antagonista Comunicazione, potere e rivolta Umberto Eco: C' un'altra lingua, l'italo-indiano L'appello degli intellettuali francesi Teoria del consenso e dissenso culturale E poi c' anche la nikodemite: colloquio di G. Corbi con G. Amendola Elvio Fachinelli: Spari e silenzi Divenire delle culture creative Toni Negri: La sconfitta del '77

12. Avanti Come? Avanti dove? Paolo Virno: Do you remember counterrevolution? Gli anni del cinismo, dell'opportunismo, della paura Appendice Rossana Rossanda: Irriducibili di stato

L'orda d'oro

106

Collegamenti esterni
Sito di Nanni Balestrini [1] Ampi stralci dal libro [2] su Google ricerca libri. Introduzione [3] dall'Archivio Primo Moroni.

Note
[1] http:/ / www. nannibalestrini. it/ dai_giornali/ orda_doro. htm [2] http:/ / books. google. it/ books?id=wNMxd0JxxUkC& dq=orda+ oro+ balestrini+ moroni+ indice& pg=PP1& ots=_gKxvPD3xr& sig=yOzMpmRp6pY7Pwkbh0AsMKPJU4A& prev=http:/ / www. google. it/ search%3Fhl%3Dit%26q%3Dorda%2Boro%2Bbalestrini%2Bmoroni%2Bindice%26meta%3D& sa=X& oi=print& ct=title& cad=one-book-with-thumbnail [3] http:/ / www. inventati. org/ apm/ index. php?step=orda

Paninaro
Con il termine paninaro si identifica[1] una sottocultura giovanile nata negli anni ottanta a Milano, e da l diffusasi prima nell'area metropolitana milanese poi in tutta Italia e in alcuni paesi europei. La caratterizzavano, tra l'altro, l'ossessione per la griffe nell'abbigliamento e in ogni aspetto della vita quotidiana e l'adesione a uno stile di vita fondato sul consumo, il divertimento ad ogni costo e la spensieratezza. Per i primi anni fu emanazione di giovani che cominciarono a riunirsi nel bar "Al Panino" in via Agnello, a Milano, e successivamente in Piazza San Babila dove si trovava uno dei primi fast-food Il tipico panino con hamburger di un ristorante fast food, che si italiani della catena "Burghy". Questa sottocultura non diffuse in Italia a partire dai primi anni '80 aveva inizialmente una connotazione politica, anche se dibattuta una successiva parziale caratterizzazione di destra, forse dovuta anche al fatto che piazza San Babila divenne ritrovo e simbolo anche di gruppi politicizzati, con possibile sovrapposizioni tra i diversi gruppi. La frangia pi politicizzata conflu comunque successivamente nei gruppi skinhead stanziali nella zona delle colonne di San Lorenzo a Milano.

Storia del "movimento" paninaro


Il "movimento" paninaro nacque nei primi anni ottanta e fu piena espressione dell'ondata di riflusso e disimpegno che segu il turbolento e politicizzato decennio precedente. Lo stile di vita dei paninari rifiutava di occuparsi degli aspetti angoscianti dell'esistenza e, pi in generale, di ogni forma di impegno sociale: l'obiettivo primario dei paninari era godersi la vita senza troppe preoccupazioni e in tal senso si trovavano perfettamente a loro agio nell'adeguarsi ai modelli del cinema statunitense di consumo e ai consigli degli spot pubblicitari trasmessi dalle televisioni commerciali. I prodromi del fenomeno si osservarono a Milano in un periodo storico di un assestamento della valuta italiana e di importanti segnali di ripresa economica, cui fecero seguito un relativo benessere e maggior disponibilit di merci. Con l'espansione della moda, fu naturale la formazione di gruppi e comitive, ciascuna dotata di una propria "base" costituita da un bar e da un relativo territorio nel quartiere; gruppi comunque aperti le cui frequentazioni potevano

Paninaro raggiungere anche l'ordine del centinaio. Il sabato pomeriggio e la sera erano il luogo deputato al ritrovo in massa con successivo trasferimento in una delle discoteche che ben si prestavano a sfruttare questo fenomeno. Alcuni di questi gruppi, quelli pi importanti, disponevano di "capi", ovvero leader di grande popolarit locale, solitamente dotati di soprannome. I locali di frequentazione avevano periodo di vita effimero o mutavano nome e ragione sociale in tempi brevi, in base alla tendenza ed il gusto dei frequentatori. In breve tempo i paninari divengono fenomeno di costume acquistando una discreta notoriet a livello nazionale, soprattutto per merito della pubblicazione di alcuni fumetti dedicati ai paninari e del personaggio interpretato da Enzo Braschi a Drive In[2]. Nel 1986 i Pet Shop Boys, a seguito di una visita nel centro di Milano, incisero il singolo Paninaro, che permise alla moda di valicare i confini nazionali. I protagonisti del videoclip, girato a Milano, erano alcuni ragazzi perfettamente vestiti secondo i dettami.

107

Il cabarettista Enzo Braschi imita il comportamento e lo slang del Paninaro

Nel vestiario e per gli accessori erano d'obbligo la griffe e la sua autenticit, quale indice di ricchezza familiare reale o presunta. Proibite rigorosamente le imitazioni e le merci contraffatte pena il disconoscimento sociale con appellativo di gino o truzzo, quindi miserabile. Alla moda segu la fioritura di riviste dedicate, tra esse "Il Paninaro", con una tiratura che raggiunse 100.000 copie cessando le pubblicazioni col numero 48 a dicembre del 1989. Seguono Wild Boys - tormentone ed inno del movimento dall'omonimo successo musicale dei Duran Duran- Zippo Panino, Il Cucador, Preppy e la testata femminile Sfitty - dal gergale sfitinzia, ragazza. La moda paninara si esaur a Milano tra il 1987 e il 1988 e nel resto dell'Italia di l a poco, sostituita da altre sottoculture che riflettevano la fine di un decennio consumato all'insegna dell'edonismo e della superficialit. In generale pu dirsi come la moda dei paninari sia stata legata ai giovanissimi delle scuole medie inferiori e scuole superiori. Perlomeno, a Milano i paninari erano quasi totalmente assenti nelle universit. L'intestazione sulla testata principale, Paninaro, inizialmente I veri galli, accomiata il periodo d'uscita di scena con Pochi, duri, giusti. Come per qualsiasi moda passata, specialmente a Milano si tengono serate di revival presso discoteche, dove i frequentatori sono dei reduci oramai adulti, esortati a presentarsi con indumenti della moda dell'epoca.

Paninari delle altre parti d'Italia


Lo stile si diffuse al di fuori della Lombardia (dapprima nelle zone direttamente confinanti), mescolandosi a tendenze comunque gi in atto in altre citt. A Bologna, per esempio, gi da tempo si chiamavano zanari i gruppi di ragazzi - omologhi dei paninari milanesi che si ritrovavano regolarmente in centro al bar Zanarini, poco distante dal palazzo dell'Archiginnasio, mentre a Verona erano curiosamente definiti bondolari (dal termine "bndola", che in dialetto veronese indica la mortadella, cibo povero da mettere nel panino per recuperare i soldi spesi nel costoso abbigliamento firmato). A Roma vi erano i tozzi. Questi ultimi erano abbigliati con piumino Moncler o Millet, giacca in pelle Schott da aviatore, pantaloni jeans Levi's "501", camicia dello stesso tessuto (tutti rigorosamente blu scuro), cintura da mandriano dalla vistosa fibbia El Charro, scarponcini da boscaiolo Timberland (molto utilizzate anche le Clarks) e, caratteristicamente, incedevano con le punte dei piedi all'infuori, sembrando l'antitesi della ricercatezza degli amici milanesi. Come l'aggettivo inglese tough, il termine "tozzo" dava l'idea di prestante, gagliardo ma anche di rozzo, prepotente. L'abbigliamento di molti tozzi ricordava l'uniforme dei detenuti nelle prigioni americane, portato alla

Paninaro notoriet dalle interpretazioni "carcerarie" di attori come Clint Eastwood e Burt Reynolds. Il fenomeno fu "importato" anche a Napoli dove, sul finire degli anni ottanta, era piuttosto frequente sentir parlare dei chiattilli. L'origine del termine fa riferimento alle piattole. Appartenenti in gran parte ai ceti benestanti, si riunivano nei pressi dei pi importanti licei del centro, in particolare l'Umberto I (frequentato molti anni prima da Giorgio Napolitano), il Pontano e il Mercalli, tutti nel quartiere Chiaia. I chiattilli imitavano i paninari soprattutto per atteggiamenti e abbigliamento: immancabili l'occhiale Ray-Ban e la cintura firmata El Charro. Tra i luoghi di ritrovo pi noti c'erano piazza Amedeo e piazza San Pasquale, nei pressi del My Way, la prima cornetteria notturna della citt (ha aperto nel 1989). Erano anche gli anni d'oro della discoteca La Mela e di altri rinomati locali della zona. I chiattilli erano poi soliti "emigrare" in massa nelle stesse mete estive: tra le preferite c'erano le isole di Panarea, Capri, Ponza e pi avanti la greca Paxos. Il fenomeno si poi ridimensionato negli anni novanta: i "fratelli minori" dei chiattilli gi da tempo si erano dati come punto di ritrovo i locali alla moda della zona flegrea, su tutti l'Arenile di Bagnoli.

108

Il gergo del paninaro


Il gergo dei paninari modellato sul linguaggio giovanile dei giovani milanesi, spesso antitetico agli omologhi pi coloriti e triviali delle altre regioni, in un rifiuto dell'iperbole e in un ricorso al prosaico. Per fare un esempio, "Sono fuori come un citofono... come un'antenna..." per intendere uno stato confusionale da stanchezza. Sono frequenti le abbreviazioni (es. Le Timba, Faccio il week a Curma, La squinzia ha imposto il cappuccio), talora combinati agli accrescitivi (es. Panozzo), cos come i continui ricorsi, spesso maccheronici, all'inglese (es. Una sfitinzia arrapation, Very original, Il mio boy, Arrivano i ciina, deformazione dell'inglese chinese, cinese ovvero militante di sinistra o pi esteso, appartenente ai gruppi antagonisti) o ad altre lingue (I sapiens, Mi gusti mucho). Merita far presente che il cosiddetto "linguaggio dei paninari" non milanesi stato spesso profondamente influenzato dalle invenzioni degli autori delle riviste paninare e dal personaggio comico televisivo di Enzo Braschi, ritenuto (a torto) un "ideologo" del movimento. Nella realt ben pochi utilizzavano quello slang, divenuto, negli anni, uno dei tanti stereotipi sulle culture giovanili. Non improbabile da questo processo, una diffusione nazionale di alcune espressioni triviali meneghine, esempio tangibile quelle relative alla sessualit, sostituendo via via quelli tradizionali locali.

La squinzia
Secondo i dizionari definibile come una ragazza smorfiosa, poco intelligente, civettuola, spesso patita della moda. Secondo la definizione originale (del 1986, scritta da Lina Sotis), la squinzia : "La categoria femminile pi diffusa del momento. Hanno tutte un imprinting, quello televisivo degli show della seconda serata, vestiti, toni di voce, lunghezze, cortezze e tacco a spillo: nella squinzia tutto, tranne il cervello, esagerato. La squinzia quella che vorrebbe beccare di pi e becca di meno, l'eterna tacchinata e mai presa." (Lina Sotis)

Oggetti paninari
Il paninaro coltivava una maniacale attenzione per il proprio stile, rigorosamente di marca. L'abbigliamento del paninaro prevedeva giacconi imbottiti (es. Moncler, Henry Lloyd), stivali da mandriano (es. Frye o Durango), le prime scarpe da barca Docksides by Sebago, & Sperry Topsiders, jeans (es. Armani, Levi's), Uniform, Rifle in velluto millecoste, Avirex, Americanino, Stone Island ), tra le felpe (byAmerican, Best Company), maglioni (es. Marina Yachting), cinture di pelle (es. El Charro), camicie a quadri (es. Naj-Oleari), calzini decorati a rombi della Burlington per i ragazzi, e colorati della Naj-Oleari per le ragazze e scarponcini (es. Timberland), Celini oppure scarpe sportive Superga colorate, Vans (rigorosamente senza stringhe) e pi tardi New Balance e Nike. Alcune marche di moto erano solitamente collegate al mondo dei paninari: ad esempio i motocicli Zndapp 125 (con scritta "175" sulla fiancata per andare in autostrada), Laverda con motore Zndapp o KTM. Il modo di vestire paninaro

Paninaro variava da citt a citt; cos mentre a Milano si usavano le felpe Best Company, a Roma andava per la maggiore il jeans marchiato Americanino. Altri capi di abbigliamento erano il berrettino delle armate americane sudiste e i guanti in pelle scamosciata Ocean Star, e ancora occhiali rigorosamente Ray-Ban e Vuarnet di svariati modelli, dai Wayfarer di Tom Cruise in Risky Business (Fuori i vecchi... i figli ballano) del 1983 ai Caravan di Top Gun. E ancora, camicie Controvento e tutto l'abbigliamento di C.P Company e Stone Island. Anche i negozi erano un culto: ad esempio a Roma la meta era Energie di via del Corso, mentre a Milano si andava al Pharmacia di via Durini. La moda dei paninari nasce in ogni caso partendo dal fondo. Il primo indumento comune ai primi paninari furono gli scarponcini di lavoro in pelle scamosciata della Timberland, seguiti poi dal giubbotto da aviatore bomber della Avirex, poi dal giubbotto di jeans foderato di finto pelo all'interno della Levi's, dal Moncler, da altri tre tipi di giubbotti da aviatore (Schott, bomber canadese e RAF), dalla giacca da vela Henri Lloyd. Per circa tre anni impazzarono anche le toppe sui jeans di Naj-Oleari e Fiorucci, cos come le sue borse e parecchi accessori per le ragazze. Il negozio di El Charro in via Monte Napoleone divenne una sorta di paradiso degli acquisti, importando dozzine di indumenti in stile texano, prodotti principalmente dalla Lyntone Belts Inc. (Edmond - Oklahoma). Altri negozi di riferimento erano Di Segni e Conforti. Il vero feticcio dei paninari era il cibo consumato presso alcune catene di ristoranti a ristorazione rapida, che proprio in quegli anni iniziano a diffondersi in tutta Italia. A Roma, ad esempio, la nascita del primo ristorante McDonald's (nel 1986, a Piazza di Spagna) fu un evento memorabile per i paninari della capitale italianaWikipedia:Uso delle fonti Aiuto:Chiarezza. A Milano, al contrario, la maggior parte delle varie compagnie di paninari si ritrovavano in normali bar sparsi in tutta la citt, e le decine di ristoranti a ristorazione rapida di Burghy (ad eccezione di quello di piazza San Babila e di Corso Re Vittorio Emanuele II), Wendy's e King Burger (quest'ultimo nulla aveva a che vedere col celebre Burger King approdato in Italia solo nel 1999), le due cosiddette "seconde scelte", venivano poco frequentati dagli appartenenti a questa sottocultura giovanile.

109

Musica paninara
Quella dei paninari stata la prima sottocultura italiana a poter eleggere i propri idoli musicali attraverso la televisione. La rete televisiva Videomusic e il programma di Italia Uno Deejay Television diffondevano i videoclip di alcuni gruppi e solisti pop, Un concerto dei Duran Duran, uno dei gruppi preferiti dai paninari in gran parte britannici, su cui conversero i gusti dei paninari italiani: sorse, ad esempio, un'agguerrita competizione tra gli ammiratori dei Duran Duran e degli Spandau Ballet. Parliamo comunque di una fase dove i suddetti autori abbandonavano la New wave, cara agli altri gruppi antagonisti. Tra gli altri musicisti preferiti dai paninari c'erano gli Wham!, i Simple Minds, i Frankie Goes to Hollywood, Boy George e naturalmente i Pet Shop Boys, che pubblicarono addirittura un brano, chiamato Paninaro. Il paninaro, solitamente, non amava la musica italiana, sebbene brani in inglese di Tracy Spencer, Taffy, Gazebo ed Albert One fossero scritti da Claudio Cecchetto.

Paninaro

110

Cinema paninaro
I gusti cinematografici dei paninari si orientavano sulle pellicole campioni d'incasso statunitensi: erano molto apprezzate, ad esempio, le saghe di Rocky, Rambo ed il romantico d'azione Top Gun. Nel 1986 venne girata una pellicola tratta da un libro dell'adolescente milanese Clizia Gurrado dal titolo Sposer Simon Le Bon, che descriveva gli sforzi della protagonista (che vive nel periodo di massima esplosione del movimento paninaro) per incontrare il suo idolo Simon Le Bon. Un altro film italiano ispirato al fenomeno - e figlio del programma televisivo Drive In - Italian Fast Food, il quale vedeva come punto di snodo delle sue vicende un fast food nel centro di Milano[3], frequentato da varia umanit (tra cui il gi citato paninaro di Enzo Braschi).

Note
[1] Per sineddoche, non esistendo un nome come paninarismo o paninaresimo per tutto il movimento, a cui ci si riferisce semplicemente come i paninari. [2] Enzo Braschi: "A Drive In creammo il fenomeno", Corriere della Sera, 22 dicembre 2007 (http:/ / archiviostorico. corriere. it/ 2007/ dicembre/ 22/ Drive_creammo_fenomeno__co_7_071222036. shtml) [3] Trattasi esplicitamente del Wendy's che era presente in piazza Duca DAosta, 12.

Collegamenti esterni
Il Dimenticatoio - Il Paninaro (http://www.dimenticatoio.it/index.php?title=Paninaro) Articolo sui paninari (http://www.slipperypond.co.uk/archivi/post312)
Portale Moda Portale Sociologia

Pioniere (Unione Sovietica)


I pionieri nell'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche
Le organizzazioni giovanili del PCUS, o movimento dei pionieri ( ), raggruppavano i ragazzi dai 10 ai 14 anni. A 15 anni i ragazzi confluivano in una successiva organizzazione chiamata Komsomol. Il movimento venne fondato nel 1922, e denominato Spartacus. Nel 1924 prese nome ed assetto definitivo. Si ispirava nelle forme e nei motti allo scautismo, ma con una forte base di indottrinamento ideologico del partito di cui era filiazione. Anche in altri paesi socialisti esistevano forme simili di organizzazioni giovanili. Con la dissoluzione dell'URSS i pionieri si riorganizzarono in diverse forme. In parte scomparvero, in parte diventarono organizzazioni di supporto sociale, con attivit e pratiche simili alle precedenti, come organizzazione di colonie estive, sport, vita all'aperto ed altre forme di socializzazione.

Logo dell'Organizzazione dei giovani Pionieri dell'URSS, raffigurante Lenin.

I pionieri nel P.C.I.

Pioniere (Unione Sovietica) Pionieri sono stati chiamati i ragazzi afferenti ad una organizzazione giovanile del partito comunista italiano, denominata Associazione Pionieri d'Italia, attiva dal secondo dopoguerra, ed il cui relativo periodico (Il Pioniere) era diretto da Gianni Rodari. Tale associazione si ispirava nelle forme associative allo scautismo, ed era caratterizzata dal fazzolettone rosso e verde, anch'esso ispirato all'uniforme scout.

111

Proteste degli studenti cileni nel 2011


Nel corso del 2011, in Cile, stata messa in atto una serie di proteste studentesche determinate dalla mobilitazione di studenti universitari e di scuola secondaria. Le richieste insistono su un nuovo quadro di riferimento per il sistema educativo del Cile, compresa una pi diretta partecipazione dello stato nell'educazione secondaria e uno stop ai grandi profitti nell'educazione superiore. Tra le risposte del governo vi stata la creazione di un nuovo fondo per l'educazione[2] e un rimpasto di governo che ha visto l'avvicendamento del Ministro dell'educazione del paese.[3] Tuttavia, il governo non ha fondamentalmente affrontato le richieste del movimento studentesco, con il presidente cileno Sebastin Piera che insiste sul concetto di educazione come "bene di consumo" [4] e del "profitto come compenso per il lavoro duro (nel settore educativo)"[5]

Immagine della mobilitazione studentesca cilena, che sta mettendo in difficolt la [1] presidenza di Sebastin Piera

Richieste degli studenti


Gli studenti chiedono l'abbandono del sistema dei voucher scolastici nella scuola d'infanzia, nella scuola primaria e in quella secondaria e la fine della politica di finanziamento dell'universit pubblica vigente in Cile, che coniuga un mix di strumenti: finanziamenti deliberatamente scarsi, un finanziamento indiretto dello stato (Aporte Fiscal Indirecto) dovuto per le prime 27.500 matricole, alte rette di iscrizione anche nelle universit pubbliche (le tasse scolastiche nelle universit private o statali sono quasi uguali), e un piano di

Il Liceo Andres Bello, a San Miguel, presso Santiago, occupato dagli studenti dal 13 giugno 2011.

Proteste degli studenti cileni nel 2011 prestiti garantiti dallo stato che permette a banche private di finanziare le gi alte rette universitarie. Il sistema cileno, sebbene difeso da ricercatori legati al The Heritage Foundation, think tank statunitense di orientamento conservatore, criticato invece da studiosi come Martin Carnoy dell'Universit di Stanford[6], che gli addossano la responsabilit delle enormi disuguaglianze di tutti i sistemi educativi vigenti in Cile, misurati secondo gli standard della Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OECD). Il Cile riserva solo il 4.4% del Prodotto interno lordo all'educazione, una percentuale inferiore al 7% delle raccomandato dalla Nazioni Unite per i paesi sviluppati. Gli studenti vogliono che questi sistemi di finanziamento siano rimpiazzati da un sistema educativo autenticamente pubblico, nella gestione e nel finanziamento, che copra il percorso scolastico dalla scuola d'infanzia fino educazione superiore. Alcuni segmenti del movimento studentesco hanno reclamato altri cambiamenti, come una nuova costituzione o la rinazionalizzazione delle miniere di rame per finanziare l'istruzione pubblica[7].

112

Prima ondata di protesta


Le proteste sono iniziate in maniera graduale nel mese di maggio 2001, e possono essere fatte risalire alla cosiddetta "rivoluzione dei pinguini", l'analoga ondata di proteste studentesche del 2006. Sebbene sia comunemente descritto come un nuovo movimento sociale ispirato alla lontana all'omologo Movimiento 15-M, attivo in Spagna nel 2011, o perfino ai movimenti protagonisti della primavera araba, un'opinione minoritaria lo dipinge invece come una continuazione della tradizionale Unidad Popular. Secondo quanto dichiarato dagli studenti, il 13 giugno, al giornale Emol, sarebbero state 100 le scuole occupate in segno di protesta dagli studenti[8], 80 delle quali nella Regione Metropolitana di Santiago[9]. Le fonti su questo divergono: le forze di polizia cilene contano solo 50 scuole occupate al 13 giugno 2011. Il 30 giugno si tenuta una manifestazione di massa che ha mobilitato tra i cento e i duecentomila dimostranti. Fra le proteste messe in atto dagli studenti, vi sono anche alcuni azioni creative che hanno guadagnato l'attenzione dei media, come azioni di flash mob[10] and kiss-ins.[11].
Piera come Zio Sam: Voglio il tuo sussidio!

Proteste degli studenti cileni nel 2011

113

Proposte governative (luglio 2011)


Il 5 luglio 2011, il presidente Sebastin Piera, con un discorso televisivo, ha annunciato una serie di riforme al sistema educativo che il suo governo intende pianificare per venire incontro alle richieste degli studenti. Il piano annunciato imperniato principalmente attorno a un progetto denominato "GANE" (l'acronimo, che compone in spagnolo la parola "vinci", riassume l'espressione 'Grande Accordo Nazionale per l'Educazione'), con un costo Il presidente Piera, il ministro dell'istruzione Joaqun Lavn (poi esonerato), [12] annuncia in televisione una serie di proposte di riforma previsto di 4 miliardi di dollari. Il progetto, se implementato, sarebbe finanziato dal FEES-Fondo de Estabilizacin Econmica y Social al quale si aggiungerebbe la creazione di un fondo denominato Fondo por la Educacin i cui dividendi e interessi (ammontanti a meno di 300 milioni di dollari) saranno impiegati annualmente per sostenere finanziariamente l'educazione pubblica.[13] Piera ha anche annunciato il progetto di un nuovo quadro giuridico per le universit che permetter a chi opera nell'educazione superiore di impegnarsi in attivit di lucro e ha respinto il controllo statale del sistema educativo proposto dagli studenti e da lui definito un "grave errore e qualcosa che danneggia profondamente non solo la qualit ma anche la libert di educazione".

Reazioni degli studenti e del mondo politico


Il discorso stato accolto con scetticismo dagli studenti, alcuni dei quali hanno criticato aspramente gli annunci fatti dal governo. Camila Vallejo, presidentessa della Federacin de Estudiantes de la Universidad de Chile (FECh) e una dei portavoce del movimento studentesco, ha definito il discorso presidenziale "una grande delusione e un passo indietro" e ha sottolineato che la proposta di legalizzare attivit di lucro nell'istruzione, attualmente illegale ma largamente praticata nelle istituzioni private, va contro il sistema dello Camila Vallejo Dowling, tra le principali figure del movimento stato di diritto; ha sottolineato inoltre che il governo ha rifiutato categoricamente la richiesta pi rilevante avanzata dagli studenti di scuola secondaria: il passaggio delle scuole pubbliche, primarie e secondarie, dall'attuale gestione municipale, a quella diretta dello stato[14]. Inoltre, alcuni senatori dell'opposizione della Concertacin di centro-sinistra hanno criticato il discorso, segnalando che la proposta non era "in sintonia con il movimento studentesco"[15]. Dopo la messa in onda del discorso, studenti dell'Universit del Cile sono usciti dall'universit per protestare contro la proposta con blocco del transito nella Avenida Libertador General Bernardo O'Higgins prima di scontrarsi con le forze speciali della polizia cilena[16]

Proteste degli studenti cileni nel 2011

114

Prosecuzione delle proteste e rimpasto di governo


Gli studenti hanno marciato il 14 luglio 2011, insieme ai lavoratori scioperanti delle ditte in appalto della miniera di rame detta El Teniente, in una delle pi grandi manifestazioni delle due decadi trascorse dalla transizione democratica del Cile. Nonostante il tentativo di minimizzazione della loro portata da parte del governo cileno, le proteste sono state definite come un completo successo dagli organizzatori. Il 18 luglio, il ministro cileno per l'educazione, Joaquin Lavn, stato sostituito da Felipe Bulnes, dato che il presidente Sebastin Piera ha optato per un rimpasto di governo in risposta ai mesi di protesta.[17] L'avvicendamento avvenuto dopo che per due mesi non si era registrato alcuna chiara iniziativa sul problema. Lavn ha ricevuto un nuovo ministeriale quale titolare del dicastero dello sviluppo e pianificazione Intanto, la federazione degli studenti cileni insiste sul voler continuare sulla strada delle occupazioni e delle altre forme di mobilitazione, anche nell'intento di accrescere il movimento anche in altre aree politiche.[18] Il 19 luglio, il giornale La Tercera riportava che erano 148 i licei occupati, mentre in alcune universit, come l'Universidad Austral de Chile e l'Universidad de Santiago de Chile, le occupazioni volgevano al termine[19]

Agosto 2011: nuove proposte governative e le proteste che ne sono segute


Proposta del primo agosto
Il primo di agosto, il governo di Sebastian Piera ha esposto una nuova proposta in 21 punti per raggiungere un accordo con il movimento studentesco sulla riorganizzazione dell'istruzione in Cile dal pre-scuola all'educazione superiore. Il piano accoglie diverse delle richieste degli studenti, come: una garanzia costituzionale per la qualit dell'educazione la partecipazione degli studenti alla gestione delle universit la sottrazione dell'educazione secondaria Facciata dell'Universit del Cile, occupata dagli studenti. Sul manifesto: "La nostra [20] lotta per l'intera societ / Tutti per l'educazione gratuita" pubblica alla gestione locale incremento delle borse di studio e aiuti economici per le persone che non riescono a far fronte a debiti contratti a fini di studio

Proteste degli studenti cileni nel 2011

115

Risposta del movimento: manifestazione del 4 agosto


Ciononostante, i leader della protesta non hanno accettato la proposta e hanno annunciato la prosecuzione della mobilitazione con uno sciopero nazionale e una marcia di protesta per il 4 agosto e una risposta ufficiale il 5 agosto. Nelle interviste, hanno sottolineato come i 21 punti della proposta non entrino nei dettagli, non colpiscano penalmente la ricerca del profitto attraverso l'educazione n si sforzino di garantire accesso libero o equo accesso all'educazione superiore. Usando lo stesso linguaggio riservato alla precedente Immagine dal cacerolazo indetto per il 4 agosto proposta di luglio, la proposta di agosto stata definita "un passo indietro" e si limitano a voler "mettere una pezza provvisoria" ai problemi sollevati. Le proteste del 4 agosto sono state le pi aggressive dall'inizio della protesta. 874 dimostranti sono stati arrestati, il centro di Santiago, nelle parole di Camila Vallejo, presidentessa della Federazione degli studenti universitari del Cile, stato definito in "stato di assedio". La polizia ha creato un cordone sulle strade e ha fatto uso di gas lacrimogeni. I dimostranti hanno distrutto insegne e hanno appiccato piccoli fuochi per strada. Inoltre, 90 carabineros (polizia militarizzata) sono rimasti feriti e un supermercato dell'azienda La Polar stato dato alle fiamme. La sera ha visto la messa in scena di cacerolazo, una forma di protesta rumorosa collettiva, attuata con pentole e padelle, anche senza muoversi da casa.

Proteste degli studenti cileni nel 2011

116

18 agosto: terza offerta governativa


Il 18 agosto, il governo ha avanzato una terza proposta per porre fine al conflitto sociale; tra le nuove proposte, vi soprattutto la riduzione al 2% dei tassi di interesse praticati sui prestiti concessi agli studenti dietro garanzia del governo. La proposta, tuttavia, non servita a placare gli studenti, che nella stessa giornata hanno dato vita a una grande marcia, a cui, nonostante il freddo e la forte pioggia, hanno preso parte 100.000 persone. Il 21 agosto, inoltre, stato organizzato un concerto/protesta.

Proteste del 24 e 25 agosto


La Central nica de Trabajadores de Chile, massima espressione del sindacalismo cileno, ha proclamato uno sciopero generale nei due giorni del 24 e del 25 agosto.. In occasione dello sciopero, hanno avuto luogo Pichilemu, 25 agosto, marcia per il diritto allo studio. Striscione pi grande: a Santiago quattro marce separate, oltre ad "Mentre stiamo marciando, noi professori stiamo anche educando". Lo striscione a altre proteste in tutto il paese. Secondo i dx proclama: "Niente profitti [sott. dall'educazione]" dirigenti dell'organizzazione sindacale, le proteste hanno coinvolto circa 600.000 persone. Nella giornata del 24 sono state arrestate almeno 300 persone, mentre sei membri delle forze dell'ordine hanno riportato ferite a Santiago, dove i dimostranti hanno messo in atto blocchi stradali e danneggiato auto ed edifici. Il 25 agosto sono state arrestate altre 450 persone, mentre diverse dozzine di persone sono rimaste ferite A Santiago, le forze di polizia hanno fatto uso di gas lacrimogeni e cannoni ad acqua sui dimostranti alla fine delle manifestazioni; in precedenza, alcuni manifestanti avevano lanciato pietre e appiccato incendi. Il bilancio finale dei due giorni di guerriglia di un morto (lo studente quattordicenne Manuel Gutierrez), 206 feriti tra manifestanti e forze dell'ordine ed oltre 1300 arresti[21]. In seguito a questi gravi fatti un sottufficiale dei Carabineros viene accusato per l'omicidio dello studente Manuel Gutierrez e licenziato assieme a tre colleghi, poco dopo si dimetter anche il Comandante dei Carabineros. Secondo Claudio Urrutia, dirigente della Central nica de Trabajadores de Chile, ha detto che quello cileno " un governo di destra che ha demonizzato le proteste sociali [...] Questo governo non cerca il dialogo. necessario cambiare i regimi fiscali di questo paese.". Secondo il ministro del lavoro Evelyn Matthei, i sindacati si sono rifiutati di discutere con il governo, mentre lei sta "lavorando attivamente per cercare di risolvere i problemi [...] in materia di educazione e lavoro e molti problemi che vengono dal passato".

Proseguono le proteste
Le proteste proseguono anche dopo la riapertura del nuovo anno scolastico. Ad ottobre gli studenti dichiarano due giorni di sciopero nazionale, che degenera in scontri con le forze dell'ordine in molte citt del paese con un bilancio finale di 300 arresti. A novembre il Parlamento cileno approva in via definitiva il budget 2012 relativo alle spese per la pubblica istruzione per un totale di 11,6 milioni di dollari. L'aumento di spesa rispetto all'anno precedente, pari a 350000 dollari, viene tuttavia ritenuto insoddisfacente dagli studenti. Le mobilitazioni degli studenti, appoggiati anche dai sindacati, continuano con proteste ed occupazioni. Nell'Agosto 2012 durante alcune manifestazioni di piazza si verificano nuovamente episodi di violenza e scontri con le forze dell'ordine[22].

Proteste degli studenti cileni nel 2011 Anche nel 2013 proseguono le manifestazioni di piazza[23]. In vista delle elezioni presidenziali di novembre i portavoce del movimento affermano che non vogliono strumentalizzazioni politiche delle proprie rivendicazioni[24].

117

Note
[1] Omero Ciai, Bella, giovane e determinata ora Camila fa tremare Piera (http:/ / ricerca. repubblica. it/ repubblica/ archivio/ repubblica/ 2011/ 08/ 03/ bella-giovane-determinata-ora-camila-fa-tremare. html), la Repubblica, 3 agosto 2011 [2] Cadena Nacional de Radio y Televisin: Presidente Piera anunci Gran Acuerdo Nacional por la Educacin (http:/ / www. gob. cl/ destacados/ 2011/ 07/ 05/ cadena-nacional-de-radio-y-television-presidente-pinera-anuncio-gran-acuerdo-nacional-por-la-educaci. htm), (url consultato il 5 luglio 2011) [3] http:/ / www. latercera. com/ noticia/ politica/ 2011/ 07/ 674-380393-9-pinera-opta-por-mantener-a-hinzpeter-incorporar-a-longueira-y-cambiar-de. shtml Canales, Javier. La Tercera July 18th of 2011. Access del 18 luglio 2011 [4] http:/ / www. lanacion. cl/ pinera-la-educacion-es-un-bien-de-consumo/ noticias/ 2011-07-19/ 144916. html La Nacin 19 luglio 2011. Accesso del 19-7-2011 [5] http:/ / www. soychile. cl/ Santiago/ Sociedad/ 2011/ 07/ 06/ 25254/ Pinera-El-lucro-es-la-compensacion-por-un-esfuerzo. aspx soychile.cl July 6th of 2011. Access date July 19th of 2011 [6] Lessons of Chile's Voucher Reform Movement (http:/ / www. rethinkingschools. org/ special_reports/ voucher_report/ v_sosintl. shtml), Martin Carnoy [7] http:/ / radio. uchile. cl/ opiniones/ 120740/ Silva, Esteban. Radio Universidad de Chile. Accessed 18 of July 2011. [8] Estudiantes secundarios se han tomado cerca de cien colegios en todo el pas (http:/ / www. emol. com/ noticias/ nacional/ detalle/ detallenoticias. asp?idnoticia=487025), Emol [9] Secundarios entregarn petitorio al subsecretario de Educacin (http:/ / latercera. com/ noticia/ educacion/ 2011/ 06/ 657-372741-9-secundarios-entregaran-petitorio-al-subsecretario-de-educacion. shtml), La Tercera [10] http:/ / www. huffingtonpost. com/ 2011/ 06/ 25/ chile-thriller-protest-students-michael-jackson-dance_n_884531. html Huffington Post June 25th of 2011. Access date July 19th of 2011. [11] http:/ / www. bbc. co. uk/ news/ world-latin-america-14066467 Huffington Post July 7th of 2011. Access date July 19th of 2011. [12] Cadena Nacional de Radio y Televisin: Presidente Piera anunci Gran Acuerdo Nacional por la Educacin (http:/ / www. gob. cl/ destacados/ 2011/ 07/ 05/ cadena-nacional-de-radio-y-television-presidente-pinera-anuncio-gran-acuerdo-nacional-por-la-educaci. htm) Government of Chile. July 5th of 2011. Accessdate July 5th of 2011 [13] Sentidos Comunes | Blog | GANE: la verdad sobre los USD 4.000 millones (http:/ / www. sentidoscomunes. cl/ 2011/ 07/ gane-la-verdad-sobre-los-usd-4-000-millones/ ) [14] Camila Vallejo: El discurso de Piera fue una gran decepcin y un retroceso (http:/ / www. cooperativa. cl/ camila-vallejo-el-discurso-de-pinera-fue-una-gran-decepcion-y-un-retroceso/ prontus_nots/ 2011-07-05/ 223559. html), Radio Cooperativa July 6th of 2011 Accessdate July 6th of 2010 [15] Senadores arremeten contra propuesta gubernamental para la educacin (http:/ / www. biobiochile. cl/ 2011/ 07/ 06/ senadores-arremeten-contra-propuesta-gubernamental-para-la-educacion. shtml) Oliveros, Ivn. Radio Biobo/UPI July 6th of 2011. Access date July 6th of 2011 [16] Cerca de 200 estudiantes se toman por breves minutos la Alameda en las afueras del Mineduc (http:/ / www. biobiochile. cl/ 2011/ 07/ 05/ cerca-de-200-estudiantes-se-toman-por-breves-minutos-la-alameda-en-las-afueras-del-mineduc. shtml) Oliveros, Ivn. Radio Biobo/UPI July 6th of 2011. Access date July 6th of 2011 [17] http:/ / www. latercera. com/ noticia/ politica/ 2011/ 07/ 674-380393-9-pinera-opta-por-mantener-a-hinzpeter-incorporar-a-longueira-y-cambiar-de. shtml Canales, Javier. La Tercera July 18th of 2011. Access date July 18th of 2011 [18] http:/ / diario. latercera. com/ 2011/ 07/ 17/ 01/ contenido/ pais/ 31-76796-9-confech-estudia-darle-proyeccion-politica-a-movimiento. shtml Hernandez, Alfonso. La Tercera July 17th of 2011. Access date July 18th of 2011. [19] http:/ / diario. latercera. com/ 2011/ 07/ 19/ 01/ contenido/ pais/ 31-77021-9-estudiantes-votan-y-finalizan-tomas-en-usach-y-u-austral. shtml Araya, Carolina. La Tercera July 19th of 2011. Access date July 19th of 2011. [20] La lucha es de la sociedad entera / Todos por la education gratuita [21] Ragazzino ucciso in scontri con la polizia sciopero generale di 48 ore contro Pinera - Repubblica.it (http:/ / www. repubblica. it/ esteri/ 2011/ 08/ 26/ news/ cile_26_agosto-20902022/ ) [22] Cile: scontri tra polizia e studenti (http:/ / it. euronews. com/ 2012/ 08/ 24/ cile-scontri-tra-polizia-e-studenti/ ) [23] Cile, studenti ancora in piazza (http:/ / www. corriere. it/ esteri/ 13_aprile_12/ cile-protesta-studenti_d8c75d52-a34b-11e2-a571-cfaeac9fffd0. shtml) [24] Studenti tornano in piazza in Cile no a strumentalizzazioni (http:/ / it. euronews. com/ 2013/ 04/ 11/ studenti-tornano-in-piazza-in-cile-no-a-strumentalizzazioni/ )

Proteste degli studenti cileni nel 2011

118

Voci correlate
Rivoluzione dei pinguini Movimento 15-M Primavera araba

Altri progetti
Commons (http://commons.wikimedia.org/wiki/Pagina_principale?uselang=it) contiene immagini o altri file su Proteste degli studenti cileni nel 2011 (http://commons.wikimedia.org/wiki/ Category:2011_student_protests_in_Chile?uselang=it)

Collegamenti esterni
Discorso presidenziale del 5 luglio 2011 (http://www.gob.cl/destacados/2011/07/05/ cadena-nacional-de-radio-y-television-presidente-pinera-anuncio-gran-acuerdo-nacional-por-la-educaci.htm), da gob.cl del discorso presidenziale del 5 luglio 2011 (http://www.youtube.com/watch?v=BSMytczXeRIVideo), da YouTube
Portale Politica Portale Universit

Punkabbestia
Punkabbestia (o punk-a-bestia) un termine gergale utilizzato per identificare un tipo di vagabondi o senzatetto metropolitani, in casi meno drastici, un tipo di persone che risiedono in un contesto approssimativo e solitamente condiviso con altri individui. Il fenomeno risale in Italia agli anni '90[1] e nasce da una sorta di degenerazione-sviluppo del movimento anarcopunk[2].

Etimologia
La parola sembra derivare da una crasi, con riferimento alla cultura punk (di cui i punkabbestia riprendono alcuni elementi ideologici ed estetici). Il secondo elemento "bestia" probabilmente da ricondursi Un gruppo di punkabbestia negli Stati Uniti all'abitudine dei punkabbestia di accompagnarsi a cani a qualsiasi ora d'America ed in qualsiasi posto. Secondo alcune fontiWikipedia:Uso delle fonti questa etimologia sarebbe un equivoco, e la parola punkabbestia sarebbe stata coniata negli anni ottanta dai punk toscani. In alcune zone della Toscana il termine "abbestia" utilizzato gergalmente come rafforzativo o superlativo di un qualsiasi termine o stato d'animo. L'etimologia del termine sarebbe probabilmente derivante da "a bestia" da intendersi come "alla maniera di un animale", cio senza restrizioni morali e quindi esaltato alla massima espressione, oppure come stato animalesco e quindi eccessivo e selvaggio. Quindi punkabbestia starebbe (in una traduzione abbastanza rozza ma esplicativa) per "pi punk di tutti" o "punk in maniera esagerata". Un'altra corrente di pensiero farebbe derivare la parola dall'unione della locuzione "Punk con la bestia"; in molti dialetti dell'Italia centrale, infatti la preposizione articolata "con la" si formerebbe con la particella "Ca" dando origine alla forma "Punk ca bestia" che diventerebbe poi "Punkabbestia"; dove "Bestia" starebbe per la parola

Punkabbestia "cane". Inizialmente l'utilizzo del termine da parte dei punk italiani marcava una distinzione rispetto a quei soggetti che portavano all'estremo l'estetica, la condotta anti-establishment del movimento, in una deriva personale accomunabile a quella dei clochard. Nello stesso periodo venivano usati anche altri termini equivalenti quali Kotti Punks (da Kottbusser Tor, la piazza di ritrovo dei primi punkabbestia berlinesiWikipedia:Uso delle fonti). Nei paesi anglosassoni spesso vengono definiti Gutter punk[3].

119

Descrizione sociologica
Punkabbestia un termine che tende a essere usato per indicare diversi tipi di comportamenti sociali, anche molto distanti tra di loro: si tratterebbe dunque, secondo alcuni, pi di un preconcetto estetico che di una reale categoria di persone. I punti che comunque li contraddistinguono sono comportamenti di avversione verso i costumi della societ o comunque verso l'establishment, con motivazioni politiche (per esempio legate all'anarchismo od al comunismo portati al loro estremo) o puramente personali (molti punkabbestia vengono da situazioni familiari particolarmente oppressive o con difficolt educative, o ancora di droga). Molti di loro frequentano gli ambienti dei rave[4] e sovente trovano alloggio presso i centri sociali autogestiti. Per vivere si dedicano all'accattonaggio (a volte esibendosi come giocolieri) o ad altri espedienti[5]. Spesso il loro look caratterizzato da un miscuglio di stili diversi, generalmente legati allo stil hip-hop e a quello punk. In Italia gruppi di punkabbestia sono particolarmente diffusi nelle citt universitarie (come Roma, Torino, Napoli, Milano e Bologna) o comunque attive dal punto di vista delle iniziative giovanili non convenzionali. Alcuni gruppi di punkabbestia si identificano come crust o crusters, parola che indicherebbe una scelta politica legata all'anarchismo, al boicottaggio dello stile di vita moderno ed ai principi del Freegan, in linea di massima hanno uno stile pi anni '80, sia nell'abbigliamento (spesso preferendo l'ecopelle alla pelle tradizionale, per via delle loro convinzioni animaliste) che nella musica (legata al crust-punk).

Note
[1] Charlie Barnao, Sopravvivere in strada. Elementi di sociologia della persona senza dimora, Franco Angeli (2004), ISBN 9788846459152 [2] Giuseppe Scandurra, Tutti a casa. Il Carracci: etnografia dei senza fissa dimora a Bologna, Guaraldi (2005), ISBN 9788880492757 [3] John M. Glionna, There's not a lot of love in the Haight (http:/ / travel. latimes. com/ articles/ la-trw-haight29may29), Los Angeles Times, 29 maggio 2007. [4] prodigio.it: "Punk-a-bestia", intervista di Matteo Salvati, dicembre 2002 (http:/ / www. prodigio. it/ articoli. asp?idarticolo=247) [5] studenti.it: "Io, Punkabbestia" (http:/ / www. studenti. it/ bologna/ tempolibero/ punkabbestia. php)

Voci correlate
Anarcopunk Punk rock Senzatetto ,

Rave party

120

Rave party
Rave party (o, pi semplicemente, rave) il termine utilizzato alla fine degli anni ottanta per descrivere le prime feste illegali con musica elettronica (acid house, techno, jungle, drum & bass), caratterizzate dal ritmo incalzante di musica dance e giochi di luce. Oggi il termine usato per indicare tutte le feste in cui non vengono richieste autorizzazioni e assolti gli obblighi quali pagamento diritti d'autore, rispetto di normative igienico-sanitarie nella somministrazione di cibo e bevande ecc.

Ambientazione rave

Storia
Per approfondire, vedi Free Party.

La nascita dei rave risale alla fine degli anni ottanta, in un clima di generale contestazione politica, in un momento in cui negli Stati Uniti come in Europa si formano controculture tese a denunciare problemi politici, difficolt economiche e disagi sociali. Un rave illegale mette in scena vari elementi: Affronto alla propriet privata attraverso l'occupazione di spazi abbandonati delle grandi citt e la loro autogestione temporanea (TAZ, Zone Temporaneamente Autonome), Attacco alle forme di produzione commerciale delle discoteche, al valore del denaro, ai rapporti sociopolitici di dominio nel governo della metropoli, Negazione della "star" come i DJ, Autoproduzione come concetto di massa (dalla produzione stessa della musica alla creazione di una vera e propria microeconomia alternativa), Approccio con empatia e stati alterati di coscienza, Ricerca di una consapevolezza comune, grazie alla condivisione di conoscenze su un uso creativo e sovversivo della tecnologia, Uguaglianza nelle diversit, al di fuori della politica tradizionale. Una delle influenze pi marcate della scena dei rave stata la controcultura hippy che ha dato vita al movimento dei traveller, come nomadi che organizzavano grandi fiere gratuite, luogo di incontro per tutti i movimenti di controcultura, dai punk alle Crew che organizzavano feste acid house illegali a Londra. Nacque cos il concetto di festa libera che si politicizz in "freedom for the right to party", diventato slogan di resistenza alla legislazione conservatrice messa in atto dal governo conservatore del Regno Unito nel corso degli anni ottanta.

Rave party I primi rave trovano vita nelle fabbriche abbandonate delle metropoli statunitensi, e pi precisamente nelle fabbriche di Detroit, per poi espandersi in Gran Bretagna e nel resto dell'Europa. Con la momentanea invasione di un'area industriale ormai in disuso (in inglese TAZ, ovvero Temporary Autonomous Zone Zone Temporaneamente Autonome) si vuole stigmatizzare la condizione sociale di migliaia di operai disoccupati e celebrare la liberazione dell'uomo dalla catena del lavoro; per un'intera notte quel luogo riprender vita e le macchine fino ad allora produttrici di merci saranno teatro di una nuova, forte espressione musicale che si esprime in un suono senza strumenti n spartiti, ma scandito da suoni elettronici e casse ritmiche. Anche nella scelta dei suoni, che vengono campionati e poi mixati con il computer, si ritrova l'imprescindibile legame che il rave ha con la metropoli, nella quale nasce e si sviluppa; si tratta spesso di suoni provenienti dalla realt urbana, sirene, antifurti, suoni di macchinari industriali. La musica techno segnata fin dalla sua nascita dalla marginalit rispetto alla societ, sviluppandosi fra le minoranze, nei club di Houston e Chicago frequentati per lo pi da omosessuali e afroamericani.[1][2] Dagli Stati Uniti il fenomeno dei rave si diffonde in Europa e soprattutto in Gran Bretagna, dove l'influsso della cultura psichedelica figlia degli anni settanta d vita a un nuovo genere musicale, l'acid house, che segner l'inizio dell'associazione tra i rave e il consumo di droghe e soprattutto la nascita del rave illegale. Negli USA infatti, i rave rimangono nei clubWikipedia:Uso delle fonti; in Gran Bretagna che il consumo di droghe determina la repressione governativa e la chiusura dei club, portando migliaia di persone a proseguire la loro festa fuori dalle citt, organizzando feste illegali.

121

Nascita dei Free Party


Negli anni novanta la cattiva immagine di questo nuovo genere di musica si trasform rapidamente in un fenomeno diffuso e condiviso soprattutto tra i giovani. Col passare del tempo i rave persero il loro valore di protesta, diventando manifestazioni legali regolamentate in moltissimi locali come le discoteche. Nella met degli anni novanta, in Francia, in particolare sotto l'influenza della Spiral Tribe (i primi ad usare il termine Free sui loro volantini, piuttosto che Rave), iniziarono a diffondersi i Free Party, una innovazione, sia musicale (grazie all'evoluzione dei software musicali) sia ideologica del rave party ormai scomparso e diventato fenomeno di moda.

Free Party nel Salento (Agosto 2009)

Reclaim the streets


Nel 1996, in risposta al Criminal Justice Act, si sviluppa un'azione di protesta a livello globale racchiusa nello slogan "Reclaim the streets", che consiste nell'occupazione di spazi metropolitani, azioni di disturbo del traffico urbano attuate in bicicletta (massa critica) e nell'organizzazione di street party, una nuova forma di corteo danzante caratterizzato dalla presenza di migliaia di persone che ballano seguendo i carri sui quali sono montati i sound system. A Londra, lo slogan Reclaim the streets si avvale di diversi connotati sociali, politici ed economici; esso infatti abbraccia la protesta ecologista contro la speculazione stradale, la stigmatizzazione dell'auto come simbolo del vivere urbano, la reazione alla repressione poliziesca nei confronti dei rave. Da queste parate musicali improvvisate

Rave party discendono le attuali manifestazioni realizzate in tutta Europa, note sotto il nome di Street Rave Parade.

122

Love Parade e manifestazioni simili


Fra le principali rave parade a livello mondiale, la storica Love Parade di Berlino e la Street Parade di Zurigo. Per l'Italia si ricorda la Street Rave Parade di Bologna.[3] Quest'ultima, a differenza delle parate di Berlino e Zurigo pi impuntata ad essere un'unione tra festa e manifestazione con contenuti politici; non molto conosciuta a livello internazionale e i suoi frequentatori sono per la maggioranza italiani. Pur essendo eventi autorizzati dalle autorit governative, i rave autorizzati sono oggetti di critiche e polemiche. Ad esempio, la decima edizione della Street Parade di Bologna ha contrapposto il sindaco Sergio Cofferati e gli organizzatori della manifestazione, il centro sociale Livello57. Prevista per il 25 giugno 2006, la Street si infine svolta il 1 luglio dopo aver sollevato numerose polemiche circa la sua organizzazione. Il sindaco di Bologna, le forze dell'ordine e il Comune ne hanno osteggiato il carattere itinerante a causa dei danni riportati dalla citt nelle edizioni precedenti e dell'ostentata vendita e consumo di stupefacenti tra i partecipanti. Per questo la sua proposta stata quella di organizzare la Street all'arena Parco Nord o al centro Agroalimentare, nella periferia della citt. Dopo questo braccio di ferro si infine giunti ad un accordo e la manifestazione si svolta mantenendo il suo carattere itinerante ma stato limitato il numero di diffusori sonori presenti ed stato accorciato il percorso autorizzato ad un solo km, contro i 7,5 degli anni passati. Alla fine per i ravers hanno deviato il corso della street parade e hanno percorso una strada pi lunga passando per le strade non predisposte, creando disagi agli automobilisti della citt.

Uso dei social networks


Il fenomeno dei Rave party ha trovato nei social networks lo strumento di comunicazione ad una larga base delle date e dei luoghi degli appuntamenti.

Francia
Nel 2001 in Francia stato varato un decreto legge (legge Mariani) che vieta l'organizzazione di rave senza l'autorizzazione dei prefetti locali, non consente il raduno di oltre 250 persone e prevede in caso contrario il sequestro dell'impianto e conseguenze penali per gli organizzatori. La norma prevede anche il dispiegamento di agenti o, nei casi giudicati pericolosi per la pubblica sicurezza, il divieto di adunarsi. Il decreto Mariani ha avuto la sua prima applicazione nella serata del 9 agosto 2001, quando 120 poliziotti hanno interrotto un rave party nella campagna di Bourg-Saint-Andol, nell'Ardche (sud della Francia), sequestrando l'impianto di diffusione sonora e arrestando 700 persone per spaccio di droga.

Note
[1] Il rave: controcultura tekno-nomade del ventunesimo secolo (http:/ / www. psiconautica. in/ index. php?option=com_content& view=article& id=42:il-rave-controcultura-tekno-nomade-del-ventunesimo-secolo& catid=6:zat& Itemid=9) [2] I rave party come forma controculturale negli anni '90 (http:/ / www. psiconautica. in/ index. php?option=com_content& view=article& id=10:i-rave-party-come-forma-controculturale-negli-anni-90& catid=6:zat& Itemid=9) [3] Sergio Cofferati#La "Street Rave Parade"

Bibliografia
Andrea Natella, Serena Tinari (a cura di). Rave Off. Castelvecchi, 1995 Fabrizia Bagozzi. Generazione in ecstasy. Gruppo Abele, 1996 Maria Novella De Luca. Le trib dell'ecstasy. Theoria, 1996 Georges Lapassade, Gianni De Martino (a cura di). Dallo sciamano al raver. Saggio sulla trance. Apogeo, collana Urra, Milano, 2008.

Rave party

123

Collegamenti esterni
Rave party (http://thes.bncf.firenze.sbn.it/termine.php?id=37054) in Tesauro del Nuovo Soggettario (http:/ /thes.bncf.firenze.sbn.it/), BNCF, marzo 2013. Rave Party (https://www.facebook.com/ravepartyteknogoa?fref=ts) in Pagina sociale su Facebook Zone temporaneamente autonome (http:/ / www. psiconautica. in/ index. php?option=com_content& view=category&id=6:zat&Itemid=9&layout=default)

Voci correlate
Acid house Clubber Free party Frenchcore Goa trance Hardcore Psy-trance Spiral Tribe

Tekno

Altri progetti
Commons (http://commons.wikimedia.org/wiki/Pagina_principale?uselang=it) contiene immagini o altri file su Rave party (http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Rave?uselang=it)

Redskin
Quello dei Redskin un modello subculturale giovanile che prese vita in Inghilterra nella prima met degli anni ottanta, per poi diffondersi nel resto d'Europa, USA e altri paesi. Il termine deriva dal nome di un gruppo musicale inglese, il trio Redskins, che suonava musica rockabilly, soul e soprattutto Post-punk. I redskins si dichiarano proletari e rivoluzionari, anti-capitalisti, anti-imperialisti e no-global. Sono solidali con le lotte indipendentiste e separatiste dell'Irlanda del Nord e dei Paesi Baschi, il movimento anti-sionista del popolo palestinese, il PKK, la guerriglia dell'EZLN in Chiapas e con Cuba. Si tratta di skinheads apertamente comunisti in cui le due anime, aggressivit della subcultura skin e mito della rivoluzione, si incrociano e si confondono. Fanno parte del pi ampio filone di skinheads antirazzisti, al cui interno si colloca la loro identit politica di estrema sinistra (e a questa appartengono soprattutto i RASH). In Italia, Spagna, Germania e pi raramente in Francia, costituiscono una parte integrante dei Centri Sociali e rivendicano l'estraneit al razzismo, l'appartenenza alla classe operaia o piccolo borghese, l'amore per la musica, per la birra e il divertimento in generale. Si dicono sempre pronti a combattere per i loro ideali e di doversi difendere, oltre che dai naziskins, anche dagli attacchi dell'opinione pubblica e della sinistra ufficiale, che li considera violenti. Si oppongono alle volte anche con la violenza ai ricchi, alla polizia, ai nazisti, ai politici e rifiutano il sentimento nazionalista-patriottico tipico degli altri skins.

Redskin

124

R.A.S.H.
il nome del network internazionale di skinheads anarchici e di estrema sinistra, che ha sezioni locali in molti paesi del mondo. La forma organizzativa di base costituita da crew raccordate principalmente tramite internet. Molti membri suonano in gruppi musicali.

Red Warriors
I "Red Warriors" erano una banda di redskin che agiva a Parigi negli anni ottanta. Assicuravano la sicurezza nei concerti dei Brurier Noir e della Festa di Humanit. Il simbolo di questa banda era la falce e la mazza da baseball, avendo modificato il logo comunista della falce e martello. Questa banda, composta da una quindicina di persone, nota per essere una delle prime che ha osato affrontare violentemente i boneheads a Parigi[1]. Da questo sparuto gruppo di Skin Red deriva l'usanza di portare il tipico bomber nero dalla parte interna che appare arancione (questo per distinguersi dai Bonehead durante le risse).Wikipedia:Uso delle fonti

I redskins italiani
La citt di Roma costituisce una realt tra le pi importanti d'Europa della scena redskin, che presente anche in altre citt quali Napoli, Torino, Milano, Genova, Bologna e Savona. Uno dei pi impegnati gruppi musicali redskin romani la Banda Bassotti. Esistono inoltre gruppi redskins che, per le motivazioni pi svariate, si raccolgono nelle sezioni SHARP delle proprie citt. Una delle motivazioni pu essere numerica, ovvero i redskins potrebbero essere troppo pochi per organizzarsi in proprie crew; un esempio di questo tipo la comunit redskins di Verona.

Note
[1] Renaud Leblond, "Les skinheads voient rouge" (http:/ / wind. prohosting. com/ histoire/ rouges. htm) da L'Express del 2 dicembre 1988

Portale Anarchia Portale Punk

Portale Comunismo Portale Rock

Portale Politica Portale Socialismo

Rude Boy

125

Rude Boy
Il rude boy (rude girl al femminile) o rudy una subcultura che si sviluppata agli inizi degli anni sessanta in Giamaica. "Rude boy" un'espressione nata in seno allo slang giamaicano, letteralmente significa "ragazzo rude" (o "ragazzo grezzo", da intendersi anche come ragazzo di strada). Si trattava per di giovani che nella vita quotidiana vestivano sempre all'ultima moda. Il culto rude boy per definizione sostenitore della tipica musica giamaicana, ovvero ska, rocksteady e reggae.

Storia
Durante gli anni sessanta i ghetti giamaicani erano pieni di giovani disoccupati alla ricerca di un lavoro che non esisteva. Questa giovent non condivideva l'ottimismo parte delle radici del primo ska. Questi giovani vennero poi conosciuti come "rude boy"[1] e rappresentavano una diffusa sottocultura giovanile in Giamaica[2]. Essere "rude" (rude, duro, rozzo, grezzo) significava essere qualcuno quando la societ diceva che non eri nessuno. Spesso erano proprio i rude boy che venivano mandati dai gestori dei sound system ad infastidire i rivali. Queste azioni spesso portavano alla violenza, a alla formazione di gang rivali. L'abbigliamento di questa cultura era spesso composto da abiti in stile gangster americano, con elementi come giacca a tre bottoni, cappello pork pie, scarpe di pelle lucida, tutti indumenti che questi si procuravano grazie alle proprie attivit di rapinatori, trafficanti di marijuana o altro[3]. Il modo in cui i rude boy ballavano lo ska era diverso dal ballo tradizionale: era pi lento ed assumeva un atteggiamento minaccioso. I rude boy frequentavano i criminali e la malavita, al di fuori della legge, e questo aspetto era riflesso nei testi della musica. Lo ska mut nuovamente, descrivendo il malcontento dei rude, ed assegnando al basso un ruolo pi prominente, al contrario delle prime forme che prevedevano un basso pi ritmato. Molti che si spostarono a Kingston per ottenere successo nell'industria musicale, cambiarono poi occupazione diventando distributori di marijuana quando i soldi venivano a mancare. Molti di loro si dedicarono ad una vita criminale. Entrambe le parti politiche della Giamaica iniziarono ad assumere le forze armate ed organizzare squadre di sicari. L'opinione pubblica si disse contro le armi e i rude boy. Dopo un periodo durante il quale venne permesso di consegnare le armi alle autorit senza minacce di proccesso, pass una legge sulle armi, che prevedeva che chiunque alla ricerca di un'arma o munizioni illegalmente, sarebbe stato arrestato dalle forze dell'ordine per un periodo illimitato. Artisti e produttori spesso supportavano o difendevano i rude boy che supportavano la scena ska. L'incitamento contro le armi venne riflesso in alcuni brani di artisti di quel periodo come Soul Brothers con "Lawless Street", e The Heptones con "Gunmen coming to Town". Duke Reid, un ex poliziotto, pubblic dei brani a favore dei rude boy come "Shuffling Down Bond Street Trojan", "TRLS275". Clement Dodd form un gruppo di giovani che si riconobbero come rude boy, e che prenderanno il nome di The Wailers. Questi erano composti da Bob Marley, Peter Tosh, e Bunny Wailer. Prince Buster incise lo storico brano "Judge Dread" a favore dei rudies, cos come Desmond Dekker fece con "007 Shanty Town" che risult il documentario definitivo sui rude boy, raggiungendo la posizione n 14 nel Regno Unito. L'argomento dei rude boy continu durante il periodo dello ska e raggiunse il picco di popolarit quando, durante una calidissima estate del 1964, il ritmo ska venne rallentato e permise la nascita del rocksteady. Nel 1962, quando l'Inghilterra decise di frenare la politica di immigrazione illimitata del Commonwealth, emersero delle rivolte. Nel 1962, quando la Giamaica ottenne l'indipendenza, la cultura del rude boy e la loro musica (ska e rocksteady) emigrarono e si spostarono in Inghilterra, soprattutto nei quartieri operai inglesi e nelle periferie, incontrando la subcultura dei mod appartenenti alle classi media e operaia. Le subculture del rude boy e del mod, frequentando entrambi gli stessi ambienti, cominciarono a mescolarsi dando origine all'hard mod, una versione del mod pi estremizzata con molte influenze tramandate dai rude boy, sia nella cultura che nell'abbigliamento. Questo nuovo modello giovanile verr poi riconosciuto successivamente come skinhead.

Rude Boy

126

Curiosit
Il nome "Rudy" compare spesso nello ska e nel rocksteady e in alcuni pezzi punk, dove i testi si rivolgono al movimento. Molte delle canzoni pi popolari di Desmond Dekker trattavano dei rude boy; 007 (Shanty Town), Rude Boy Train, Warlock ed altre come "Rudie Can't Fail" dei Clash e "Rudi, A Message To You" dei The Specials (cover di Dandy Livingstone). Le istanze di questo movimento vennero fatte proprie dalla band musicale punk rock The Clash, che realizz un film - documentario sulla storia di uno dei membri del loro staff e sulle sue origini di lavoratore in un sexy shop di Soho. Nella cultura pi contemporanea dello ska, i termini "rude boy" e "rude girl" sono usati pi generalmente per riferirsi a chiunque abbia a che fare col movimento ska, bench rudy mantenga generalmente la connotazione descritta precedentemente. I due termini sono usati spesso nello slang popolare nel Regno Unito per riferirsi alla giovent principalmente asiatica o Afro-Caraibiche che si riconoscono nelle ultime tendenze e mode nella cultura Africano-Americana o Afro-Caraibica, come la musica hip hop. I termini sono usati spesso in senso spregiativo per descrivere le giovent pi povere che tentano di emulare tali mode. Il gruppo Oi! Skinhead dei Los Fastidios ha inserito nel loro album una canzone che si intitola appunto Rudy Rude Boy. La casa discografica Trojan Records specializzata in musica giamaicana come Ska, Rocksteady, Reggae e Dub; ha permesso lo sviluppo, la raccolta e la diffusione della musica propria della subcultura dei "Rude Boy".

Note
[1] reggaemovement.com - History of Ska (http:/ / www. reggaemovement. com/ history/ historyska. htm) [2] worldmusic.about.com - Ska Music Basics (http:/ / worldmusic. about. com/ od/ genres/ p/ Ska. htm) [3] skabadip.com - Dallo ska al reggae, dal reggae allo ska (http:/ / www. skabadip. com/ rubriche/ dallo_ska_al_reggae_dal_reggae_allo_ska. htm)

Collegamenti esterni
SoundSystem.it (http://www.soundsystem.it) Portale per i sound system italiani
Portale Africa Portale Musica Portale Reggae

Scooter Boy

127

Scooter Boy
La subcultura degli scooter boy ha avuto origine nel Regno Unito nei primi anni ottanta, emergendo dalle subculture dei mod e skinhead, ed considerato un movimento separato e distinto dagli ultimi due seppur con molte influenze in comune. Il nome proviene dalla loro forte passione per gli scooter Vespa e Lambretta spesso truccati, caratteristica ereditata da mod e skinhead. Spesso organizzano dei raduni nelle principali citt britanniche. Raduni che prevedono accampamenti, concerti live, musica, DJ, e varie attivit relative agli scooter. La musica in voga tra gli scooter boy spazia dallo ska, 2 tone ska, reggae, psychobilly, punk, Oi! o Northern soul.

Abbigliamento
Il look era vario, molti si erano ispirati al look skinhead, ma con acconciature normali, o ispirate al taglio psychobilly o addirittura con i capelli lunghi. Indossavano giubbotti bomber, parka, giacche di pelle o di jeans spesso adornate con toppe dei vari raduni o gare, pantaloni di jeans o mimetici, ma anche anfibi Doc. Martens,scarpe Adidas, polo Fred Perry, e le camicie Ben Sherman. Seppur il loro abbigliamento si ispiri a quello mod e skinhead, si differenziano e non si considerano parte del movimento.

Voci correlate
Mod Skinhead Herbert Hard mod Mod Revival Vespa Lambretta Scooter

Skin88

128

Skin88
Con il termine skinhead 88 si indicano gli skinhead d'ideologia neonazista. Nel nome i due 8 indicano una doppia H (l'ottava lettera dell'alfabeto latino), ovvero Heil Hitler. Nel linguaggio comune sono conosciuti come naziskin, anche se questo termine piuttosto inapprorpiato, dato che si definiscono semplicemente skinhead mentre naziskin un termine inventato dalla stampa. la componente skinhead pi organizzata e pi conosciuta, che si distingue per la sua potente e rigida organizzazione. Gruppi di skin88 esistono quasi ovunque e la scena pi attiva quella americana, che si riunisce nella Confederate Hammerskins (diffusa anche in Europa), legata a gruppi di estrema destra. Siccome non sono considerati parte del movimento skinhead da SHARP e RASH n tantomeno dalla maggior parte dei punk in quanto razzisti e fascisti, gli skin88 vengono dispregiativamente chiamati bonehead, che in italiano significa letteralmente "testa d'osso", ma in inglese viene utilizzato per indicare una persone stupida o imbecille[1].

Skin neonazista tedesco nel 2005

Storia
Questa corrente una divisione della sottocultura skinhead nata in Inghilterra verso la fine degli anni settanta in seguito alla propaganda operata all'interno della cultura skin ai concerti Oi!/street punk e allo stadio da parte dei partiti dell'estrema destra britannica (vanno citati soprattutto a tal proposito il National Front e il British National Party). Assunse la forma di movimento politico giovanile fondato sul primato della razza bianca, l'antisemitismo e il richiamo ai regimi nazionalsocialisti. Il pi celebre gruppo musicale skinhead furono gli inglesi Skrewdriver guidati dal leader della scena skin88 mondiale Ian Stuart Donaldson. Egli avvi il circuito politico-musicale mondiale neonazista WPR (White Power Rock), che crebbe in Europa e mise le proprie radici anche negli Stati Uniti. Del primo movimento skinhead, l'attitudine razzista dei successivi skin88 venne incarnata dagli skinhead che gi all'epoca praticavano il cosiddetto paki bashing, ovvero "pestaggio di pakistani". Molti skins temevano che l'afflusso di stranieri, soprattutto pakistani ed asiatici, stesse danneggiando le loro prospettive di lavoro e i valori tradizionali. Era quindi una sintesi di conservatorismo estremista e di razzismo ideologico, anche legati a pensieri patriottici.

Abbigliamento e stile
Lo stile dello Skinhead 88 varia molto in base alla localit. In Italia, Francia, Spagna e Inghilterra spesso rimasto invariato e simile al vestiario skinhead tipico influenzato dalla cultura punk e hard mod. Ovviamente sono pi diffusi anelli, simboli e icone tipiche dei movimenti di estrema destra. In Germania e nell'Est Europa lo stile propende pi verso capi meno "tipici" come pantaloni neri o mimetici, anfibi militari ecc.

In Italia
I centri pi attivi sono in Veneto, Lombardia (Milano), Torino e nel Lazio. La prima e pi strutturata organizzazione italiana di skin88 fu il Veneto Fronte Skinhead (di matrice musicale) che si leg con la scena White Power Rock britannica. Nell'area milanese venne fondata l'associazione di skinhead di estrema destra conosciuta come Azione Skinhead, in cui confluirono molti membri da diversi gruppi ultras interisti (Boys San, Forever Ultras, Skins e Viking). Anche la realt skin88 romana si raccord con la scena WPR internazionale. Nel 1990 nacque

Skin88 l'associazione Skinhead d'Italia, composta da Azione Skinhead e Veneto Fronte Skinhead.

129

Simboli
1. 1) Versione stilizzata della Croce celtica 2. 2) Lettera "O" (Odal) dell'alfabeto runico 3. 3) Pugno bianco (White Power) 4. 4) Croce di ferro con la Svastica 5. 5) SS 6. 6) Totenkopf

Politica
Gran parte degli skin88 si rif principalmente ad un misto di ideologie fasciste e naziste con contenuti razzisti. Il razzismo propugnato si basa sulla credenza, adottata particolarmente dalla Germania nazista e successivamente dall'Italia fascista (dopo la promulgazione delle cosiddette "leggi razziali"), che biologicamente esistano delle razze umane dai tratti distinguibili oggettivamente e scientificamente ("razzismo biologico"). Questo razzismo in contrasto con quello "spirituale" ideato dal filosofo Julius Evola, il quale diventato maggioritario nei movimenti di estrema destra italiani dopo la Seconda guerra mondiale. Gli Skin88 si rifanno solitamente all'ideologia "biologica" del razzismo. Sono spesso protagonisti di atti di violenza verso minoranze etniche e militanti di sinistra. Gli Skin88 sono oggi numerosi in Italia, soprattutto al nord. A partire dal 2004 si sono molto intensificati i rapporti fra il partito di estrema destra della Fiamma Tricolore e in parte minore il partito neofascista Forza Nuova, che costituisce lo sviluppo in politica della medesima attitudine, con i gruppi organizzati di Skin88 (come il Veneto Fronte Skinhead) o gruppi composti da un forte numero di skin88 (come il Movimento Politico o Base Autonoma).

Note
[1] Bonehead su The Free Online Dictionary (http:/ / www. thefreedictionary. com/ bonehead)

Voci correlate
Combat 18 Estrema destra National socialist black metal Neonazismo Skinhead

Portale Nazismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di nazismo

Skinhead

130

Skinhead
Skinhead (pronuncia: /sknhd/), abbreviato Skin, o, in italiano, testa rasata il nome di appartenenza a un movimento giovanile sorto in Gran Bretagna alla fine degli anni sessanta che nasce e rimane su base sociale (sottoproletariato) piuttosto che politica. Sebbene oggi la cultura skinhead e i suoi rappresentanti vengano considerati in malo modo e spesso giudicati essere dei razzisti o dei fascisti, in origine gli skinhead non basavano la loro identit su di una ideologia politica o su dei pregiudizi ma su elementi legati alla musica e all'abbigliamento[1]. Si tratta infatti di una subcultura con connotazioni estetiche, iconografiche ed ideologiche contraddistinte da generi musicali, capi d'abbigliamento, canoni comportamentali e beni di consumo peculiari. Gli skinhead si ispirano e riadattano, da una parte allo stile hard mod, e dall'altra parte alla cultura rude boy, da cui ereditano inoltre la passione per la musica giamaicana, l'abbigliamento e lo stile di vita[2]. I primi (hard mod) sono generalmente bianchi di origine proletaria e inglesi mentre i secondi (rudeboy), erano immigrati e figli degli immigrati giamaicani e caraibici degli anni sessanta, dalla ex colonia britannica all'Inghilterra. Dalla loro fusione nacque la cultura urbana degli skinhead, le cui prime icone musicali furono il reggae, lo ska, il rocksteady, il soul, e l'R&B[3].

Trojan skinhead e rude boy fanno la fila davanti ad una friggitoria a Londra nel 1981

Ragazze skinhead con il tipico taglio "Chelsea"

Nella seconda met degli anni settanta l'Inghilterra assiste alla nascita del punk rock, ed con ci che, verso la seconda met del decennio, si assiste al riemergere della cultura skinhead (divenuta in quel periodo fuorilegge a causa di duri interventi repressivi), che sosterr il neonato punk rock. In seguito, un sottogenere di punk rock sostenuto da alcuni skinhead venne ribattezzato OI!.

Skinhead

131

Storia del movimento


Alla met degli anni sessanta quelli si possono definire hard mod fecero la loro comparsa nei quartieri pi degradati delle citt inglesi. Ma solo alla fine del decennio che si afferm la subcultura giovanile skinhead: la data che viene indicata come ufficiale il 1969, tuttavia lo sviluppo avvenne gi in precedenza. Come detto skinhead evolve dalla fusione di due culture: la cultura mod (abbreviazione di modernist), la prima che interag positivamente con la comunit di immigrati giamaicani e che rispose positivamente alla loro presenza, cercando anzi di emularne lo stile di vita e di appropriarsi della loro musica. I mod erano ragazzi appassionati da questa musica, particolarmente dal soul, jazz e ska e i primi a dare una forte importanza ai giovani, al loro progresso all'interno della societ e al loro modo di porsi all'interno di essa. Dai mod gli skin ereditarono inoltre la passione per la Vespa e Lambretta; mezzo di trasporto preferito dai ragazzi del proletariato inglese perch economico e duraturo. I mod ne portano il culto all'eccesso, anche in contrapposizione alla moto di grossa cilindrata adoperata dagli allora rivali rocker; la cultura rude boy (trad. ragazzo rozzo, rude), propria degli immigrati giamaicani abitanti nei ghetti delle periferie urbane, noti per il consumo di Uno skinhead (1977) erba (marijuana). Erano anch'essi ragazzi generalmente appartenenti al proletariato e alla piccola borghesia e poco accettati dalla societ, perch ribelli e anticonformisti (oltre ad essere stranieri). I rude boy vestivano generalmente con il completo classico riprendendo lo stile dei gangster, visto che erano anche a contatto con la malavita. I primi skinhead si opponevano radicalmente ai due mutamenti socioeconomici allora pi evidenti: il progressivo imborghesimento della classe lavoratrice inglese (working class) e del proletariato in generale; l'oppressione esercitata dalla classe dirigente. Per gli skinhead importante creare le condizioni per rivoluzionare la concezione dell'imborghesimento della classe lavoratrice, la quale non deve essere solo ed esclusivamente in una direzione, ma valorizzarsi per mantenere saldi alcuni valori che hanno permesso alla subcultura stessa di svilupparsi e mantenere nel tempo il suo stile.

Sviluppo
Durante la met degli anni sessanta in Inghilterra, l'irruzione del movimento hippie provoc una scissione all'interno del movimento mod. Il primo gruppo era quello dei modaioli benestanti che vestivano abiti costosi, frequentavano il college, connotavano una passione per la musica rock come lo psychedelic rock e la british invasion, facevano uso di droghe psichedeliche e si lasciavano coinvolgere dall'universo pi in voga. Il secondo gruppo era invece costituito da giovani della classe lavoratrice con valori pi radicati e da un certo scetticismo verso gli hippies. Questi non erano particolarmente affascinati dalla musica rock psichedelica, e si orientavano ancora sulla musica ska, reggae, rocksteady, soul, jazz, blues o R&B, diffusa nel Regno Unito dai rude boy, immigrati giamaicani anch'essi appartenenti alle classi pi basse. La condizione economica di questi (detti hard mod), inoltre, non permetteva loro l'uso di droghe costose, non frequentavano college n indossavano vestiti all'ultima moda, ma anzi adattarono il loro look a quello della classe di appartenenza, anche in contrasto con i mod influenzati dal movimento hippy. Questa costola dei mod si svilupp nelle periferie di Londra, autodefinendosi subcultura hard mod, frutto della fusione tra mod e rude boy, diversificata in parte dal movimento mod original e dai modaioli benestanti, pur conservando alcuni elementi in comune con essi, come buona parte dell'abbigliamento e la passione per gli scooter

Skinhead Vespa e Lambretta. L'hard mod eredit inoltre, grazie anche all'influenza dei rude boy, un atteggiamento pi aggressivo, violento, tradizionalista e orgoglioso di appartenere al proletariato e alla classe lavoratrice. L'hard mod (pi tardi riconosciuto come skinhead) per non fu un movimento politico: la posizione politica era soggettiva e non aveva a che fare con l'appartenenza alla subcultura, anche se si pu notare una posizione multietnica e antirazzista dovuta alla socializzazione con i rude boy (neri) e al loro determinante contributo culturale nello sviluppo del movimento. Il movimento negli anni sessanta, dopo esser stato soprannominato in diversi modi come "nohead", "baldhead", "crophead", "egghead", "peanut", venne riconosciuto ufficialmente e definitivamente come skinhead verso la fine degli anni sessanta, pi precisamente nel 1969. Questa data ispir un motto tutt'oggi usato tra gli skinhead original, ovvero "Spirit of '69". L'incontro tra queste due subculture giovanili alla met degli anni sessanta, diede vita ad un nuovo modello giovanile, fatto di abbigliamento, amore per la musica, prevalentemente ska e reggae e fede calcistica, molti skinhead appartengono infatti alla schiera degli hooligans. La subcultura skinhead nacque come fenomeno giovanile inglese con attitudini fortemente rivendicative della classe lavoratrice (lotta di classe), che sfoci, tuttavia, anche in frequenti scontri con gruppi considerati rivali: pakistani, hippie, omosessuali (lotta di razza). Questi scontri vennero sarcasticamente chiamate boot-party (risse con gli stivali), oppure paki-bashing e queer-bashing, (ovvero pestaggi con i pakistani e con i gay). Questo primo periodo detto skinhead original o trojan skinhead (quest'ultimo termine dovuto al nome dell'etichetta discografica Trojan Records, che riporta il simbolo del'elmo troiano). In riferimento a ci, bisogna precisare che non solo gli skin erano ben organizzati in squadre (crews), ma c'erano altre bande con le quali avvenivano gli scontri, fra le quali gli immigrati appartenenti ad altre subculture. Ci avveniva per l'esigenza di spazio vitale per gruppi di persone che scelgono l'alternativa al conformismo. Fu per questo che il potere dominante scricchiol sotto i colpi di una subcultura che si oppone al degrado urbano, per cui addit gli skinhead come principali colpevoli degli scontri con le forze dell'ordine. Di conseguenza, durante la prima met degli anni settanta, la subcultura skinhead conobbe un graduale declino dovuto a duri interventi repressivi, quali il divieto d'ingresso negli stadi, nei bar e discoteche: si stava concludendo il suo primo ciclo vitale. In seguito all'esplosione del punk rock si ebbe un'ondata di risveglio e il revival skinhead che riprendeva gli antichi valori della prima fase, si trov a condividere la vita di strada con la subcultura punk, che per spontaneit e irriverenza somigli, almeno inizialmente, allo stesso germe di quella skin. Insieme al punk (con i suoi sottogeneri stradaioli), vi fu anche una nuova ondata di musicisti che riproponevano la musica ska in maniera che si pu definire pi acid (northern soul e two tone), ci dovuto al fatto che in Giamaica prevalse il genere reggae di matrice rastafariano, mentre gli skin continuavano a legare s con le influenze "nere", ma rimanevano in linea coi presupposti originari. Tutte le fasi storiche della scena skinhead sono state contraddistinte da un genere musicale, in primis il reggae, (o pi precisamente lo ska giamaicano), suonato da capostipiti del genere stesso quali i Symarip, Prince Buster, Laurel Aitken) e a seguire la Oi! music (Cockney Rejects, Cock Sparrer) e il 2 tone ska (The Specials, The Selecter, Madness). Per alcuni esiste anche una terza ondata di musica ska, molto cross-over che, oltre al caratteristico ritmo sincopato del genere, viene accompagnata da melodie folk (patchanka), punk, rock, raggamuffin fino al metal.

132

Skinhead

133

Skinhead e loro orientamenti politici


Lo skinhead il soggetto appartenente a un movimento che poggia su basi sociali e non espressamente politiche. Nasce nelle periferie delle citt inglesi, abitate da famiglie sottoproletarie, generalmente composte da operai. I rude boy erano per la maggior parte giamaicani, quindi pare improbabile che propugnassero i pensieri di supremazia relativi alla superiorit razziale. Anche i mod non avevano atteggiamenti razzisti. Inoltre esistono anche skin di colore. Nella subcultura giovanile skinhead, cos come nella tradizionale cultura Uno skin88 che sfila ad un corteo neofascista in Germania. La scritta Weiss und lavoratrice inglese, convivono la sentita stolz sull'etichetta significa "Bianco e fiero". appartenenza di classe, il fiero patriottismo, aspetti comportamentali virili uniti, a volte, ad orientamenti culturali di tipo tradizionalista. La musica presenta un collante fra le comunit di skin, mod e rude boy. Questi sono lo ska tradizionale, che evolver nel rocksteady e reggae (skinhead reggae o early reggae). Nel corso degli anni appartenenza di classe e sentimento nazionalista si polarizzarono, creando fazioni politiche contrapposte. Tali fazioni si collocarono su posizioni socialiste e anarchiche da una parte, e fasciste dall'altra, o di rifiuto di qualsiasi connotazione politica (skinhead apolitici). I gruppi musicali divennero i maggiori diffusori di messaggi politici. L'Oi! giunger sull'onda del punk rock, con la comunit skin che si divider quindi fra politicizzati e non, dove molti subiscono il fascino delle politiche del National Front, infatti in quegli anni molte delle trib di skinhead, uniti da un forte senso di nazionalismo e sospettosit per la forte ondata di immigrazione che stava vivendo l'Inghilterra in quegli anni, entrarono a far parte del movimento politico inglese National Front. Il senso comune identifica ERRONEAMENTE la sottocultura skinhead unicamente con il nome di naziskin (soprannome ideato dai media), proprio perch in Europa sono nate numerose bande appartenenti a movimenti e network neofascisti (White Power, skin88, Blood & Honour ecc), mentre gli skin dichiaratamente militanti antirazzisti (SHARP), nascono negli USA a New York, in antitesi ai movimenti che propugnano la supremazia della razza. In Italia invece sempre stato presente un gran numero di band apolitiche ma vicine alle posizioni anarchiche e/o antifascista, come i Nabat, padri dell'oi! italiano, i Rough, i Basta, i Ciurma Skin e molti altri.

Skinhead antinazista cammina in mezzo a dei poliziotti in Canada

Skinhead

134

Fazioni
Original: Gli skinhead apolitici o, per meglio dire, non identificati politicamente. Questi possono connotare quindi le ideologie delle pi varie. possibile che alcuni di questi, tuttavia, contrastino le fazioni quali la R.A.S.H. (organizzazione di chiare idee comuniste e anarchiche), la S.H.A.R.P. (militanza antirazzista) o gli altri network. Questo modello quindi ripropone la visione del movimento, nella sua pi totale variet, com'era in origine negli anni sessanta. Alcuni skinhead apolitici accusano gli skinhead politicizzati di strumentalizzare per fini politici il loro stile.

Skinhead against racial prejudice (SHARP) logo

SHARP (skinhead against racial prejudice): ovvero, gli skinhead contro i pregiudizi razziali, di diverse idee politiche ma espressamente antirazzisti, uniti sotto un'unica bandiera, si rifanno alla rete denominata appunto SHARP. Questi nascono come militanti contro i gruppi neonazisti e riportano come simbolo l'elmo troiano, riprendendo il simbolo degli skinhead original che nascono dall'unione di subculture di natura multietnica. RASH: Gli skinhead di chiare idee socialiste, comuniste, anarchiche o anarco-comuniste si rifanno al pi recente network RASH. Gli skinhead di idee comuniste si definiscono Redskin mentre quelli di filosofia anarchica, Anarcoskin. I redskin possono anche non appartenere ad alcuna rigida organizzazione politica od ostentare simboli, ma manifestare comunque la loro attitudine verso idee antifasciste. Skin88 (detti anche Naziskin, termine inventato dai giornali ed inappropriato): Gli "skinhead" di idee nazionalsocialiste o Red and Anarchist Skin Heads (RASH) logo neofasciste sono raggruppati in numerose organizzazioni anche internazionali come Hammerskins (USA) e Blood & Honour (UK). Sono generalmente i pi famigerati e politicizzati, in quanto giocano un ruolo determinante per quello che riguarda l'interesse dei mass-media nei confronti della subcultura skin. Il movimento dei naziskin correlato alla diffusione della musica Oi! e RAC. Siccome non sono considerati parte del movimento skinhead dagli altri skins n tantomeno dai punk in quanto razzisti e fascisti, gli skin88 vengono dispregiativamente chiamati Bonehead (cio "testa d'osso"); questo termine inglese viene utilizzato per indicare una persone stupida o imbecille[4]. Gay skinhead; Le due organizzazioni pi importanti conosciute sono la EGSA ( European Gay Skinhead Association [5]. (archiviato dall'url originale il ). ) raggruppante gli skin gay apolitici, antirazzisti e antifascisti e la GASH (Gay Aryan Skinheads), raggruppante gli skinhead gay ma di ispirazione neonazista e tendenzialmente violenti. Anarcoskin (dettti anche Anarco-skinhead): Sono gli skinhead di idee anarchiche, antifasciste e antirazziste. Siccome nel corso del tempo sono entrati a contatto con diversi esponenti della working class, alcuni di loro sono entrati a far parte del RASH insieme ai redskins; tuttavia la maggior parte di loro preferisce restare in ambienti ed organizzazioni esclusivamente o prettamente di matrice anarchica, come la FASH o l'ASAP (quest'ultima tra l'altro riunisce anche i punk).

Skinhead

135

Connotazione socioeconomica
Un concetto fondamentale per poter comprendere la nascita degli skinhead quello di working class (classe operaia in inglese): lo skin solo l'ultimo, in ordine cronologico, dei rappresentanti della giovent proletaria britannica, oggetto di critiche e disprezzo da parte dei "benpensanti"; disprezzo che veniva e viene spesso ampiamente ricambiato. Gli skinhead si riconoscono totalmente nella classe sfruttata, quella lavoratrice. Solitamente svolgono lavori manuali e detestano tutto ci che opprime l'individuo e lo vuole trasformare in quello che non . L'immagine stereotipata di questo giovane, caratterizzata da teste rasate e stivali anfibi deriva principalmente da esigenze lavorative: condizioni igieniche e di sicurezza scarse rendono necessarie precauzioni contro infortuni e infezioni; buona parte dell'abbigliamento per comprende anche elementi tramandati dai Mods, da cui deriva lo Skinhead. Non si trattava, quindi, di una divisa da combattimento (almeno inizialmente), come molti hanno teorizzato, bens di uno stile strettamente legato alle proprie origini, riprendendo elementi derivanti dalle culture mod e rude boy.

Punk & skin


Il movimento skinhead cominci a riemergere con l'ondata di punk rock britannica. Questa sintonia tra i due movimenti nacque appunto con la nascita nel punk britannico nella seconda met degli anni settanta, dove il movimento skinhead, sviluppato negli anni sessanta ma decaduto nei primi settanta, riemerse promuovendo il neonato punk rock come la nuova musica eletta, al contrario dei precedenti skinhead (skinhead original), indirizzati sulla musica nera giamaicana (reggae in particolare). Lo skinhead divenne cos una delle sottoculture affini al neonato punk rock. Le sottoculture all'interno del punk rock cominciarono poi a diramarsi, e tra queste, lo street punk (anche nome di un genere musicale) fu la sottocategoria dei punk che pi si avvicinava a quella skinhead, perch rimane, per definizione, pi radicato nella vita lavorativa e di strada. Questa affinit tra i due movimenti ebbe un graduale sviluppo, in quanto i due movimenti condividevano spesso la stessa filosofia di vita, promuovevano la stessa musica, ed originavano dalla stessa nazione. Un elemento che avvicin gli skin e i punk poteva essere anche la rivalit verso gli hippie, manifestata da gruppi come i Sex Pistols, era una visione che in origine decret, all'interno del movimento mod, la scissione tra gli hard mod (i primi skinhead) dei fine anni 60, e i mod original, al contrario simpatizzanti per tale movimento. Non a caso skinhead e punk condivisero poi alcuni tipi di abbigliamento come i boots e spesso i pantaloni ripiegati o le bretelle o altro. Nacque cos anche il motto "Punx & skin" promosso da diversi gruppi di punk e skinhead. Nel 1978 si ha un ulteriore legame tra punk e skinhead grazie alla fondazione del Punk Front, organizzazione costola del National Front che radun i punk vicini all'area di estrema destra e permise quindi ai punk di sfilare a fianco degli skinhead durante le manifestazioni politiche. Sulla scia di questo movimento punk nacquero band Oi! e punk esplicitamente legate al Punk Front come gli A.B.H. e i The Dentist. Lo skinhead, divenne quindi una cultura vicina al movimento punk britannico, e come tale, il genere punk rock divenne la "nuova musica" degli skinhead. Il particolare sottogenere di punk rock ripreso dagli skinhead verr ribattezzato appunto street punk, che nel contesto skinhead prender il titolo di "Oi!", e conserver caratteristiche particolari che lo distingueranno in parte dal classico punk in stile britannico, seppur facente parte di questa categoria. L'Oi! (sostantivo che deriva dalla pronuncia tipica dei quartieri a est di Londra della parola "hey you!"), un genere di punk che si potrebbe definire popolare, in quanto ha la caratteristica di coinvolgere solitamente il pubblico con cori stile tifo calcistico. Il movimento del 1978 dur poco tempo ma stato saltuariamente ripreso sotto le sigle Punk's Not Red e Nazi punk, la prima sigla a voler dimostrare un'attitudine lontana da quella dei centri sociali, squatt e posizioni comuniste, anarchiche e politicamente corrette, ma non per questo esplicitamente di estrema destra o esplicitamente dedita all'attivit politica; la seconda sigla invece esplicitamente politicizzata e nazionalista. Tra le band che hanno fatto o fanno parte di questo movimento troviamo gli svedesi The Jinx, Battle Scarred e Midgrds Sner, i tedeschi Punk Front, i belgi Kill Baby, Kill! (pur non avendo punk in formazione ufficiale), i polacchi Niters e gli americani

Skinhead Forward Area, Dirty White Punk's e Final War. Anche in Italia alcune band come gli Stato Asociale hanno dedicato canzoni all'unit sottoculturale tra gli skinhead e punk. Mentre un'altra sottocategoria del punk chiamata anarcho punk vedeva delle rivalit sia con gli skinhead che con gli street punk per le visioni pacifiste e impegnate politicamente e socialmente; la band pi conosciuta del panorama Oi! con attitudini anarco punk sono gli Oi Polloi.

136

Paki bashing
Del primo skinhead, l'unica attitudine che pu ricordare atteggiamenti razzisti dei successivi gruppi nazifascisti (sviluppati ufficialmente oltre un decennio dopo), era il fatto che alcuni skinhead dell'epoca ( bene precisare alcuni) erano soliti agli scontri con le comunit di immigrati pakistani, e il cosiddetto paki bashing, (ovvero "pestaggio coi pakistani"), ma anche con gli asiatici, che risultavano culture diversificate rispetto a quelle dei rude boy giamaicani (la Giamaica , tra l'altro, una ex colonia britannica), con cui gli skinhead condivisero fin dall'inizio le radici e la vita di strada, era solo uno scontro fra gangs urbane. In sostanza, i pestaggi non erano provocati da un razzismo ideologico, ma dall'intolleranza, che poteva rivelarsi anche molto radicata nella vita di strada degli skinhead, poich questi ultimi erano confinati in aree urbane di periferie dove vige la legge della strada. Se la subcultura skinhead in origine fosse stata fondata su principi di potere razziale, la cultura stessa non si sarebbe potuta sviluppare per principio, poich questa nacque proprio ereditando parte della cultura degli immigrati giamaicani di natura multietnica. Nell'immediato dopoguerra, l'immigrazione dal Commonwealth (principalmente dai Caraibi e dal Pakistan) aveva portato allo sviluppo di alcuni ghetti proliferi di stranieri a Londra (Brixton) e a Liverpool (Toxteth), popolati prevalentemente da sottoccupati. Durante gli anni sessanta i pakistani e gli asiatici erano stati vittime di persecuzioni razziali ad opera di alcuni inglesi, tra cui alcuni nazifascisti. Gli skin, come altre subculture, furono e sono strumentalizzati come movimento unicamente nazifascista. Molti inglesi sostenevano che l'afflusso di stranieri, soprattutto pakistani ed asiatici, stava danneggiando le loro prospettive di lavoro e i valori tradizionali. Era quindi una forma di conservatorismo pi che razzismo ideologico, anche per via dei pensieri patriottici a cui lo skinhead era molto legato, ma per il resto non presentavano connotazioni razziste, ma anzi, come gi accennato, vi era molto legame con la cultura nera giamaicana (Rude Boy) da cui lo stesso movimento si era sviluppato. Inoltre le gang di skinhead e rude boy erano molto unite, condividevano gli stessi ambienti, la stessa attitudine e vita di strada e, soprattutto in origine, vi erano anche molti skinhead di colore oltre ai rude boy bianchi.

Skinhead

137

Diffusione del movimento skinhead


Cos come il punk, anche lo skinhead style varca i confini del Regno Unito, espandendosi soprattutto nell'Europa continentale, ma facendo proseliti pure oltreoceano, diventando cos una realt su scala mondiale; se, per, in paesi come l'Italia e la Spagna solo verso la fine del decennio 1980-1989 si assister alla comparsa di veri e propri movimenti "skinhead" neofascisti, in paesi come Francia e Germania questo avverr gi dagli inizi, trovando terreno fertile per la propaganda xenofoba rivolta alla immigrazione extraeuropea, prevalentemente turca e nordafricana.

Gli skinhead in Italia


Comparvero negli anni ottanta in citt come Ancona, Torino, Milano, Genova, Savona, Bologna, Roma e successivamente in Toscana, nel Veneto e nel Trentino, con connotazioni e look degli skin d'oltremanica, di musica ascoltata e suonata (punk rock, oi! music, reggae e ska) e di frequentazione dello stadio di calcio (ultras). Anche in Italia, come in Europa, si deline la spaccatura

Skinheads a Cuba

fra skinhead di diversi orientamenti politici. La scena skinhead in Italia nasce, con circa quindici anni di ritardo rispetto al culto inglese originario (1969), da una costola del Punk. Tra il 1981-82, in citt come Savona, Bologna, Ancona, Genova, Roma, Torino, Milano e successivamente in Toscana ed in Veneto si assiste ad un notevole sviluppo del movimento. Il biennio 82-83 segna l'esplosione dell'OI! in Italia. Successivamente mentre in citt come Bologna, Genova, Savona o Pisa la scena si mantiene in linea con i presupposti originari, in altri luoghi la crescita dei gruppi nazifascisti evidente (Milano e Veneto). Il Movimento Sociale Fiamma Tricolore, in Veneto, ha attirato numerosi esponenti dell'area fascista, quali l'ex leader e fondatore del Veneto Fronte skinhead. Altres in Italia nascono diversi complessi musicali che suonano ska e punk, nella scena di Bologna i Nabat, gli Attitudine, Rip-Off, The Stab, Ghetto 84; a Savona i Klasse Kriminale, Fun, Klaxon, nelle province di Roma nascono i Filo spinato, La Banda Bassotti, Colonna Infame Skinhead, a Como Arrm, Asociale, Erode; a Verona Plastic Surgery, Los Fastidios; a Vicenza, Hope & Glory, Peggior Amico, Armco; in Toscana Emme Rossa, Disagio Sociale e Nessuna Resa, a Trento gli Stato Asociale, a Parma FFD;a Torino S-Contro, Face the facts, Banda del rione, Bull Brigade, Youngang, Frangia Violenta, in Sardegna i Claptrap e gli Ultimatum Negli anni tra il 1985-90 il calcio al centro degli interessi degli Skin italiani. In tutto questo, la stampa gioca un ruolo determinante, stigmatizzando non solo gli skinhead di destra ma tutto il movimento in generale. Agli inizi degli anni novanta, mentre la stampa ed il sistema di informazione si concentrano sulla figura del naziskin, si assiste all'espansione della SHARP, e il circuito dei centri sociali autogestiti, in Italia, permette agli skin di non ghettizzarsi e di confrontarsi con le altre subculture sempre meno identificate sotto un'etichetta specifica, facendosi, a loro volta, conoscere non solo come un movimento all'apparenza solo violento, ma anche come un richiamo alle tradizioni della classe lavoratrice e al sentimento di consapevolezza dello status di una subcultura che rifiuta lo sfruttamento e l'oppressione esercitata da alcuni centri di potere che tendono a reprimere qualsiasi comportamento considerato dal pensiero comune come "antisociale".

Skinhead

138

L'abbigliamento skinhead
Gli skinhead hanno spesso un abbigliamento riconoscibile, dato da caratteristiche comuni che vengono di seguito descritte. Deve essere precisato che descrivere l'usuale l'abbigliamento degli skinhead, come qui di seguito, non deve far pensare che chi indossi un abbigliamento simile debba per forza essere considerato appartenente a quella subcultura. Testa rasata (skin head): il taglio pi corto venne ereditato dagli hard mod che lo adottarono rispetto agli altri mod perch influenzati dai rude boy per il fatto che pi adatto alla sicurezza igienica sul lavoro (in origine corto ma non rasato a zero). Bench la maggior parte degli skin preferisca portare un taglio rasato, i capelli vengono portati anche moderatamente corti e non necessariamente rasati. Le skinhead girls (skingirls) adottarono inizialmente le acconciature modette (caschetto), mentre attualmente il cosiddetto taglio Chelsea: quasi interamente corto (a "spazzola"), con la frangia sulla parte anteriore e lunghe ciocche nella parte posteriore ed ai lati ("basette"). Basette: in genere vengono portate da tutti gli skin in maniera curata e ostentata, si presuppone che si rifacciano alle subculture giamaicane e negroidi, ma anche ai marinai. Possono essere di diverse tipologie: tagliate all'altezza di met orecchio, di media lunghezza o portate lunghe sino al mento. Bretelle: ereditate dai rude boy giamaicani emigrati in Inghilterra, di vari colori e di larghezza pari a 3/4 di pollice o 1/2 di pollice, a volte portate pendenti per metterle in evidenza. I rude boy inclusero le bretelle nel loro abbiglimento allo scopo di imitare il vestiario dei gangsters mafiosi dei film americani. Il vestiario rude boy infatti si basa spesso sull'imitare tale stile, riprendendo elementi tipici del gangster come ad esempio lo smoking e gli occhiali scuri. Le camicie, parte integrante dell'abbigliamento mod, vennero mantenute anche dagli skinhead.

MA-1

La polo Fred Perry, usata dai mod e successivamente ripresa dagli skin, vista come simbolo di orgoglio nazionale inglese (Fred Perry era infatti il pi grande tennista d'oltremanica). Le felpe e la giacca di tipo harrington marca Lonsdale, sono state adottate dagli skin di tutto il mondo, anche esse ereditate dai mod. Anfibi: scarponi tipici della classe operaia britannica che gli skinhead usavano per il lavoro e per l'abbigliamento casual di tutti i giorni, solitamente di marca Doc Martens o Solovair (marchio tuttora made in England). A volte vengono sostituiti i lacci neri con lacci rossi, bianchi o gialli. Scarpe da calcetto: l'indumento stato ammesso nel vestiario "ufficiale" solo di recente, da alternare agli anfibi. Solitamente vengono usati modelli Adidas, Puma, spesso neri con strisce bianche. Le scarpe da calcetto vennero riprese per simboleggiare la forte passione degli skinhead per il gioco del calcio.

Un paio di anfibi Dr. Martens

Tatuaggi: solitamente gli skinhead hanno come segno di riconoscimento una ragnatela tatuata sul gomito che indica appartenenza e fedelt allo stile. La leggenda narra che l'idea sia nata nelle osterie ai disoccupati inglesi tra i quali era diffuso il modo di dire "ci cresceranno le ragnatele addosso" a causa della disoccupazione. Secondo altre fonti, la tesi pi improbabile secondo il quale ogni "giro di tela" simboleggerebbe un anno di carcere. Altri

Skinhead tattoo portati sono le rondini: significano libert e furono ereditate dai galeotti e marinai inglesi. Altri tatuaggi pi espressamente skinhead sono: il crucified skinhead (crocifisso raffigurante uno skinhead), i musi di cani di tipo bull e altri tatuaggi della scuola tradizionale (cuori, rose, spade, ecc). Blue jeans: pantaloni pi adatti al lavoro, solitamente vengono usati modelli attillati firmati Levi Strauss (Red Tag, o 501), o altri marchi come Lee, Wrangler, o modelli a chiazze pi chiare scoloriti con la varechina. Caratteristica comune, nonch simbolo del vestiario skinhead, quella di ripiegare i pantaloni per evidenziare gli anfibi o le scarpe da calcetto. Altri pantaloni utilizzati sono quelli militari (in genere mimetici con le tasche) e il modello sta prest (genere classico di calzoni che ha la caratteristica di mantenere l'aspetto stirato). Il bomber (solitamente di colore verde militare, grigio o nero): giubbotto originariamente in uso tra gli aviatori inglesi modello MA-1 (marca Alpha), anche questo capo fu ereditato dai mod e hard mod. Altri giubbotti utilizzati sono il parka, i cappotti a 3/4 e il montone. Coppola: questo particolare tipo di cappello floscio era usato soprattutto dagli skinhead originali. Anche questo indumento, come le bretelle, venne tramandato dalla cultura rude boy. Anche in questo caso i rude boy inclusero la coppola nel loro abbiglimento allo scopo di imitare il vestiario dei gangster mafiosi. Questo cappello infatti di origine siciliana.

139

Voci correlate
Fazioni
S.H.A.R.P. R.A.S.H. F.A.S.H. Trojan Skinhead Bonehead (aggregazione nazista non appartenente alla cultura skinhead) Redskin Anarcoskin G.A.S.H. E.G.S.A. Gay Skinhead Suedehead

Generi musicali
Oi! Punk rock Street punk British punk Reggae Ska Ska punk Rocksteady Origini del punk rock Hardcore punk Ska punk

Skinhead

140

Film e documentari
American History X, di Tony Kaye Arena, di Alan Yentob Felon - Il colpevole, di Ric Roman Waugh Diary of Skin, di Jacobo Rispa Dog Years, di Robert Loomis L'universit dell'odio, di John Singleton Made In Britain, di Alan Clarke Meantime, di Mike Leigh Oi! For England, di Tony Smith Oi! Warning, di Benjamin Reding e Dominik Reding Pariah, di Randolph Kret Rough Cut and Ready Dubbed, di Don Shaw Russia 88, di Pavel Bardin Skinhead Attitude, di Daniel Schweizer Skinheads, di Geoffrey Wright Skinning, di Stefan Filipovi The Believer, di Henry Bean The Infiltrator, di John MacKenzie This Is England, di Shane Meadows World of Skinhead, di Doug Aubrey

Movimenti
Punk Nazi punk Mod Hard mod Rude Boy Herbert Bootboy Scooter Boy Hooligan Casual

Note
[1] Skinhead Attitude Sub Italian antifa.avi (https:/ / www. youtube. com/ watch?v=o65puRLYFm4), video con sottotitoli in italiano. [2] Brown, Timothy S. (2004). "Subcultures, pop music and politics: skinheads and "Nazi rock" in England and Germany". Journal of Social History. [3] Brown, Timothy S. (2004). "Subcultures, pop music and politics: skinheads and "Nazi rock" in England and Germany". Journal of Social History. [4] Bonehead su The Free Online Dictionary (http:/ / www. thefreedictionary. com/ bonehead) [5] http:/ / www. reocities. com/ westhollywood/ 4010/

Skinhead

141

Bibliografia
Riccardo Pedrini, Skinhead ISBN 88-89035-04-8

Altri progetti
Commons (http://commons.wikimedia.org/wiki/Pagina_principale?uselang=it) contiene immagini o altri file su Skinhead (http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Skinheads?uselang=it)

Collegamenti esterni
Storia della cultura Skinhead (http://astemico.altervista.org/perle/skinhead.htm) Skinhead in Vocabolario Treccani (http://www.treccani.it/vocabolario/skinhead/) Skinhead nell'Enciclopedia Treccani (http://www.treccani.it/enciclopedia/skinhead/) Skinhead su Sapere.it (http://www.sapere.it/enciclopedia/skinhead.html) (EN) How to Be a Skinhead: 12 Steps (http://www.wikihow.com/Be-a-Skinhead) - WikiHow (EN) Skinheads - A subculture then and today (http://www.grin.com/en/e-book/110743/ skinheads-a-subculture-then-and-today) - Grin.com (EN) Soul boys, Sueade heads & Skinheads: documentario sulla cultura skinhead (http://www.youtube.com/ watch?v=HpeHX4Rqpmg) Skinhead Attitude: documentario sulla cultura skinhead con sottotitoli in italiano (http://www.youtube.com/ watch?v=o65puRLYFm4)
Portale Africa Portale Musica Portale Fascismo Portale Nazismo Portale Jazz Portale Punk

Portale Reggae

Portale Regno Unito

Portale Rock

Summer of Love

142

Summer of Love
Per Summer of Love (Estate dell'amore in italiano) s'intende l'estate del 1967, quando una folla di circa 100.000 ragazzi giunse nel distretto di Haight-Ashbury a San Francisco, creando le premesse per un fenomeno di ribellione culturale e politica senza precedenti, il sessantotto. Bench hippie si riunissero anche a New York, Los Angeles, Atlanta, Chicago, Vancouver e in tutta Europa, San Francisco fu indubbiamente l'epicentro della hippie revolution[1], una miscela di musica underground, uso di droghe psichedeliche, libert sessuale, creativit espressiva, impegno politico. La "Summer of Love" ritenuta pertanto come il momento in cui la controcultura hippie si manifestata al grande pubblico[2]. La canzone San Francisco (Be Sure to Wear Flowers in Your Hair) di Scott McKenzie, scritta da John Phillips dei The Mamas & the Papas ritenuta la colonna sonora di quel periodo.

Note
[1] E. Vulliamy, "Love and Haight", Observer Music Monthly (http:/ / observer. guardian. co. uk/ omm/ story/ 0,,2080202,00. html) 20 May 2007 [2] P. Braunstein, and M.W. Doyle (eds), Imagine Nation: The American Counterculture of the 1960s and '70s, (New York, 2002), p.7

Bibliografia
(EN) Martin A. Lee, Bruce Shlain: Acid Dreams: the CIA, LSD, and the sixties rebellion. New York, Grove Press, 1985 Derek Taylor: Estate d'amore e di rivolta: con i Beatles nella Summer of love. Milano, 1997

Voci correlate
Hippie Figli dei fiori Il Sessantotto Controcultura

Collegamenti esterni
Summer of Love photo gallery (http://www.summeroflove.org/gallery.html) Summer of Love 40 anni dopo (http://www.sfgate.com/summeroflove) Summer of Love: Art of the Psychedelic Era. Mostra al Whitney Museum di New York (http://www.whitney. org/www/exhibition/SOL_exhib.jsp) Monterey Pop art director and poster designer Tom Wilkes (http://www.wilkesworks.com) The Summer of Love, Performers in Britain and the United States (http://www.oup.com/oxforddnb/info/ freeodnb/magazine/summer/), Oxford Dictionary of National Biography and the American National Biography Long Hot Summer of Love: reminiscenze dello scrittore Mark Jacobson sulla sua esperienza durante la Summer of Love (http://nymag.com/guides/summer/2007/33987/) Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Storia

Tampax (rivista ed editrice)

143

Tampax (rivista ed editrice)


Tampax, rivista italiana di comunicazione alternativa e cultura underground.

Storia

Tampax fu sicuramente espressione di quel settore minoritario dell'underground italiano votato alla psichedelia, rimanendo, a distanza di tempo, una testimonianza forse ingenua ma sicuramente originale ed autentica di un periodo irripetibile (da "Tampax, l'aperiodico di lotta visionaria"
[1]

di Tomaso Clavarino)

Tampax (aperiodico di lotta visionaria) nasce a Torino nella primavera del 1972 a cura di una piccola redazione di giovanissimi alternativi guidati da Giulio Tedeschi. Ogni numero, contenuto su di un foglio eliografato, raccoglieva notizie dalla scena underground italiana ed internazionale, fumetti alternativi, critica musicale, poesie. Tra i collaboratori: Elio Bussolino, Max Capa, Riccardo Bertoncelli, Matteo Guarnaccia, Gianni Milano, Carla Celsa, Simonka Toncy Violi, Walter Ferrari. Il progetto viene lanciato il 17 febbraio del 1972 con un reading di poesia e musica presso la Libreria Hellas di Torino, grazie alla collaborazione di Angelo Pezzana. L'evento curato da Giulio Tedeschi, con la collaborazione (per la parte musicale) di Marco Gallesi, futuro artefice della jazzrock band Arti e mestieri e cofondatore nel 1975 dell'etichetta discografica indipendente Mu.

Aldo Piromalli

Nella primavera del 1973 l'attivit si allarga alla distribuzione di materiali cartacei alternativi nel circuito underground italiano. Vengono stretti rapporti con la milanese I.A.P (International Alternative Press), con Stampa Alternativa, con la sede londinese dell'U.P.S (Underground Press Syndacate).

Tampax (rivista ed editrice)

144 Nell'autunno dello stesso anno Giulio Tedeschi (in rappresentanza del coordinamento operativo) partecipa, in posizione fortemente critica, al convegno "Oltre l'Underground", organizzato a Milano da Re Nudo. Nel 1975 Tampax si trasforma in casa editrice. Nel 1977 pubblica il numero zero della rivista Zombie International (bimestrale di critica e intervento marginale) che contiene, tra vari altri materiali informativi, il primo racconto a fumetti di Stefano Tamburini "Morning Glory". Nello stesso anno nasce, sempre a Torino (da un gruppo di lavoro composto da Giulio Tedeschi, Carla Celsa, Renato Marchesi e Carla Rambaudi), Pancho Villa (Centro di documentazione & ricerca stampa), un'agenzia di informazione internazionale che assorbe l'attivit di Tampax allargandola ad altri territori d'intervento: grafica e fumetto, tecnologie alternative, nuovi media, comunicazione antagonista.

Nel 1978 Giulio Tedeschi pubblica "Tampax in retrospect 1971-1978"[2], dove, telegraficamente, descrive la storia di Tampax, annunciando un rilancio ed un rafforzamento dell'attivit creativa. Le buone intenzioni non andranno a concretizzarsi, visto che l'esperienza editoriale si esaurir, definitivamente, nello stesso anno. Nell'aprile del 1989 sempre Giulio Tedeschi cura "Ecstasyante Tampax 1971/1989", special edition celebrativa di un box (edito in tiratura limitata di 40 copie) contenente alcuni numeri della rivista ristampati per l'occasione. Prodotta dal torinese Art Street Bureau (archivio internazionale di arte marginale) il lavoro dedicato alla memoria di Abbie Hoffman. Copertina disegnata da Salvatore "Ursus" D'Urso (fondatore della band neopsichedelica No Strange) Rivista
Titolo Tampax Anno Ottobre/Dicembre 1972

Gianni Milano

Magik Tampax Oracolo Febbraio/Maggio 1973 Alice Tampax Tampax Terra Tampax Cetus Tampax Rydhikulhos Tampax Luce Giugno/Agosto 1973 Autunno 1973 Gennaio/Febbraio 1974 Giugno 1974 Novembre 1974

Tampax (rivista ed editrice) Numeri speciali


Titolo Anno Autore Note

145

Un'altra esperienza yogica con la Mescalina Dicembre 1973 John Blofeld traduzione di Carlo De Mauro

Editrice
Titolo Uomo Nudo Terra Due L'albergo dell'Orso Tantra Anno Autore Note

1975 Gianni Milano copertina di Matteo Guarnaccia 1975 Timothy Leary 1976 Walter Ferrari traduzione di Carla Celsa

1976 Ralph Metzner traduzione di Carlo De Mauro Jim Morrison Pier Castrale traduzione di Sergio Moro

I signori e le nuove creature 1977 Le rovine curiose Un quartiere nel cielo 1978

1978 Aldo Piromalli

Limited edition
Titolo Anno Curatore Note

Ecstasyante Tampax 1971/1989 1989 Giulio Tedeschi Box celebrativo

Fonti
Giulio Tedeschi "Tampax in retrospect 1971-1978", dpliant informativo (Tampax Editrice, Torino, 1978) Pinni Galante "Dalle Alpi alle Piramidi (momenti ed immagini della cultura marginale in Italia) - Arcana Editrice (Roma, 1975), pagg. 12 - 109 Matteo Guarnaccia - 1968-1988 Arte Psichedelica e controcultura in Italia - Stampa Alternativa (Roma, 1988), pag. 190

Note
[1] " Contenuto in "1965/1975. Un decennio underground. L'editoria "alternativa" a Torino e in Piemonte" tesi di laurea discussa presso l'universit degli Studi di Torino, Facolt di lettere e Filosofia, Corso di Laurea Specialistica in Storia, relatore prof. Giovanni De Luna, autore Tomaso Clavarino, anno accademico 2009/2010 [2] "Tampax dal 1971 ritma il tempo dell'ambiguit sotterranea" lo slogan che sottotitola il documento.

Voci correlate
Controcultura Cultura underground Musica underground Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria

Teddy Boy

146

Teddy Boy
Teddy Boy o Ted il nome di una subcultura giovanile nata in Inghilterra che si prefiggeva di imitare lo stile in voga durante l'epoca edoardiana, riproposto dai sarti di Savile Row dopo la Seconda guerra mondiale.

Origini del movimento


Il nome della subcultura venne scelto prendendo in prestito il titolo in prima pagina di un giornale del 1953, che abbreviava il nome Edward in Teddy. L'epicentro del movimento fu la citt di Londra, ma ben presto la moda Teddy boy si estese in tutto il Regno Unito, venendo legato indissolubilmente al rock and roll americano in voga al periodo. Si pu dire che i Teddy boy furono il primo gruppo giovanile ad emergere, creando cos l'idea di un mercato rivolto principalmente ai giovani. Molti teddy boys si riunivano in bande che spesso si scontravano ferocemente fra loro, sotto l'occhio vigile della stampa che gonfiava gli eventi, contribuendo alla demonizzazione della subcultura. Fra gli scontri pi violenti, si ricordano i fatti di Notting Hill del 1958, quando molti teddy boys, in concomitanza con bande razziste e neonaziste, organizzarono ronde nel quartiere londinese danneggiando le propriet di immigrati di colore ed aggredendone alcuni[1]. Negli anni sessanta, molti teddy boys si convertirono alla subcultura rocker e mod

Stile
I teddy boys introdussero il concetto del vestire bene sempre, creandosi un proprio stile, contrapposto con la mentalit dell'epoca del dualismo vestito da lavoro/vestito della domenica. Il vestiario teddy boy consisteva principalmente di: Blazer scuri. Magliette a dolce vita dal collo alto (chiamate Mr. B in onore del jazzista Billy Eckstine, che era solito indossare queste maglie). Gilet in broccato. Jeans a sigaretta usurati, spesso con gli orli ripiegati in modo tale da far vedere i calzini, i quali solitamente avevano colori vivaci. Scarpe di cuoio, od in alternativa brothel creeper. I capelli venivano portati lunghi e tenuti alzati sulla fronte con la brillantina nel tipico quiff, mentre nei lati erano spostati a formare la coda d'anatra. Un'altra acconciatura tipica del teddy boy era il taglio Boston, dove i capelli erano tenuti contropelo e tagliati a quadrato attorno alla nuca.

Teddy Boy

147

Teddy girl
Le ragazze che sceglievano la moda teddy boy indossavano le hobble skirts edoardiane, cappelli da pescatore di paglia, spille di cammeo, espadrillas e capelli raccolti in lunghe trecce. Pi tardi, le teddy girl adottarono anche elementi americani come pantaloni attillati, voluminose gonne circolari e capelli raccolti a coda di cavallo.

Revival
Quando, negli anni settanta, vi fu un revival della musica rockabilly, emerse parallelamente un nuovo interesse per la moda Teddy boy, che venne riproposta nel negozio di Vivienne Westwood e Malcolm McLaren a King's Road. I nuovi teddy boy introdussero nuovi elementi nel movimento, principalmente mutuandoli dal glam rock. I colori dei vestiti erano pi appariscenti, ed adesso tendevano a tenere alti i capelli con la lacca piuttosto che con la brillantina. Questa nuova ondata di teddy boy si autoproclam la nemesi del nascente movimento punk, in quanto spesso i punk usavano elementi dello stile teddyboy modificandoli, ad esempio portando drape jackets riempite di spille e scritte abbinandoli a collari borchiati. Per molti Teds, tutto cio' rappresentava un insulto in quanto ai loro occhi era allo stesso tempo un furto ed una parodia del loro stile. Sempre in quegli anni, alcuni adottarono il look Teddy Boy solo come un fattore di moda e spesso erano fan di gruppi musicali come Showaddywaddy e Sha-Na-Na i quali reinterpretavano il Rock'n'Roll con arrangiamenti e coreografie palesemente kitsch che ben poco avevano a che fare con il suo spirito originario. Questi, venivano definiti Plastic Teds o semplicemente Plastics ("Fasulli") in quanto imitavano il movimento Teddy Boy senza conoscerlo appieno sia socialmente che musicalmente. Nei primi anni novanta vi fu una seconda ondata di teddy boy, lanciata da un'associazione conosciuta come TEDS (The Edwardian Drape Society), con sede nel quartiere londinese di Tottenham. Questa nuova ondata reclamava la purezza del movimento teddy boy, in contrasto con la commercializzazione che esso aveva subito negli anni settanta a causa dell'influenza del pop sulla subcultura. I TEDS divennero i protagonisti del film di Bruce Weber The Teddy Boys, che vinse il Cambridge Film Festival nel giugno 2006[2]. Il gruppo leader nell'attuale scena TED sono i Furious da Liverpool, considerati "the best thing to come out of Liverpool since Billy Fury"

Note
[1] The Guardian (http:/ / www. guardian. co. uk/ arts/ nottinghillcarnival2002/ story/ 0,12331,780023,00. html) [2] Cambridge Evening News (http:/ / www. cambridge-news. co. uk/ lifestyle/ stage_screen/ news/ 2006/ 06/ 29/ d7c45d52-e42e-4f5a-8aa1-ad29f428f788. lpf)

Voci correlate
Greaser Rocker

Collegamenti esterni
(EN) Teddy Boy (http://groups.myspace.com/teddyboy) Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Moda

Trojan skinhead

148

Trojan skinhead
Trojan skinhead o skinhead original o traditional skinhead o trad un termine che viene utilizzato per indicare un individuo che si identifica con la subcultura originale dello skinhead, nata verso la seconda met degli anni sessanta, quando la musica ska era molto pi popolare nel Regno Unito, e curava molto l'abbigliamento e lo stile. Sono quindi considerati come la prima forma di skinhead, ma possono essere indicati anche come quegli individui che riprendono questa cultura anche ai giorni nostri.

Si dichiarano estranei alle derive politiche di estrema destra e di estrema sinistra che la loro subcultura ha subito a partire dagli anni ottanta. Gli skinhead che in questo periodo cominciarono a definirsi original, cercarono di rivitalizzare il loro legame con la tradizione del decennio precedente (abbigliamento, generi musicali e in generale, lo stile di vita). Si definiscono membri della classe operaia, fieri della propria nazione, della propria citt, amanti del calcio, della birra e dei concerti. In alcuni casi, trojan skinhead e hard mod possono essere considerati sinonimi, poich spesso le loro caratteristiche coincidono.

Trojan skinhead e rude boy fanno la fila davanti ad una friggitoria a Londra nel 1981

Storia
Origini
Il movimento venne ribattezzato in questo modo solo dopo lo sviluppo di altre evoluzioni della subcultura, il nome venne tratto dall'etichetta discografica britannica Trojan Records, poich questa era ed un'etichetta di riferimento per il genere principale ascoltato dai primi skinhead come ska, rocksteady, reggae, R&B, soul e musica nera in genere. Questi skinhead riconoscono l'influenza delle sottoculture dei rude boy e dei mod appartenenti alla classe operaia, ovvero gli hard mod. Oltre allo ska, sono spesso appassionati di reggae, rocksteady e soul. A causa della loro passione per la cultura e musica Giamaicana o nera in genere, tendono ad essere antirazzisti, in opposizione al movimento neonazista degli skin88, nato solo successivamente, verso la fine degli anni settanta. Il movimento negli anni sessanta, prima identificato come "hard mod", dopo esser stato soprannominato in diversi modi come "nohead", "baldhead", "crophead", "egghead", "peanut", venne riconosciuto ufficialmente e definitivamente come skinhead verso la fine degli anni sessanta, pi precisamente nel 1969. Questa data ispir il celebre motto tutt'oggi usato tra gli skinhead original, ovvero "Spirit Of '69".

Trojan skinhead

149

La nascita del punk e abbandono delle origini


Durante la prima met degli anni settanta, il primo movimento skinhead era in declino. con la nascita del punk rock delle origini ed il declino della musica jamaicana che gli skinhead torneranno a nuova vita, riportando per in auge un culto diverso da quello originario: ora la nuova musica eletta lOi!, una forma pi proletaria e classista di punk rock. Mentre labbigliamento estremizza quelli che erano i tratti caratteristici dello skinhead "operaio": scarponi, bretelle, camicie a scacchi, bomber, testa rasata e jeans.

Politica
Soprattutto l'introduzione della politica nel movimento skin, fu un ulteriore elemento che sembrava minacciare la subcultura originale. Verso la fine anni settanta, partiti dell'estrema destra britannica, come il National Front ed il British Nazi Party, cominciano a fare opera di propaganda ai concerti Oi! della capitale e nel circuito degli hooligan, segnando cos lirruzione della politica nel mondo skinhead. Gli skin, gi ripetutamente attaccati dalla stampa per atti di violenza verificatisi nella prima fase del movimento (come il Paki Bashing, aggressione ad immigrati pakistani), verranno presto identificati nella loro totalit con gli appartenenti a partiti e movimenti esplicitamente nazisti, creando cos un clima di panico morale attorno ai ragazzi dalla testa rasata. In contrasto agli skinhead neonazisti, detti skin88, si svilupparono organizzazioni esplicitamente anarchiche o comuniste come la RASH, o organizzazioni antirazziste e apolitiche come la SHARP. La "rinascita" dello skin durante i fine anni settanta e primi anni ottanta del XX secolo port anche allo sviluppo di subculture strettamente collegate e direttamente derivanti da essa, come gli herbert, gli scooter boy o i gay skinhead. Generalmente, l'immagine degli skinhead, era ormai "sporcata" dalla politica, che, se non risultava unicamente di estrema destra, era comunque riferita ad una politica estremista in genere, come anarchica o comunista, era quindi un movimento ormai identificato come un "movimento politico" per la maggior parte estremista, ovvero l'esatto opposto di quello che rappresentava il primo movimento. Il movimento aveva quasi perso le vecchie radici, se non per l'eccezione di qualche individuo che cerc di riproporre la subcultura originale, senza una qualche influenza politica.

Ripresa della cultura "Original"


Durante gli anni ottanta, alcuni skinhead tentarono di ritornare alle vecchie origini del movimento, influenzate dalla cultura dei mod e quella giamaicana dei rude boy, e per niente influenzate dalla politica, in contrapposizione alle nuove generazioni di skinhead che avevano ormai abbandonato le radici degli anni sessanta e sostenendo la pi recente musica punk, proclamandosi spesso attivisti politici. Quindi il termine Trojan skinhead pu essere attribuito anche a quegli individui che riproposero la cultura originale successivamente, e non solo al movimento originale degli anni sessanta. Fu proprio a causa di questi avvenimenti, che nacque a New York attorno ai met anni Ottanta, l'organizzazione della SHARP (Skinhead against racial prejudice), con l'intento di ripristinare le vecchie origini, identificandosi come apolitica, e raggruppando gli skinhead di diverse idee politiche, ma esclusivamente antirazzisti, contrastando il razzismo e gli Skinhead neonazisti. L'organizzazione fu successivamente esportata anche in Europa grazie a Roddy Moreno, leader della Oi! band dei The Oppressed. Questa organizzazione scelse di identificarsi col logo dell'elmo troiano, lo stesso che apparteneva all'etichetta discografica Trojan Records (l'etichetta britannica di musica nera che caratterizz il primo movimento skinhead non politicizzato), volendo cos simboleggiare il legame tra l'organizzazione e le vecchie origini apolitiche e antirazziste degli anni sessanta e parte dei settanta. Anche per questo motivo, questi Skinhead decisero di ribattezzarsi "Trojan".

Trojan skinhead Spirit of '69 La frase Spirit of '69 (cio "Spirito del '69") viene utilizzata dai trojan skinheads per commemorare ci che identificano con l'originale cultura skinhead degli anni sessanta. La frase divenne popolare grazie alla band scozzese dei Glasgow Spy Kids; l'uso di questa nel titolo di un libro di storia, Spirit of 69: A Skinhead Bible, port alla sua diffusione in tutto il mondo. Il libro era stato pubblicato nei primi anni novanta dallo scrittore skinhead George Marshall. Nel suo libro, Marshall spiega le origini e la diffusione del movimento skinhead, illustrando elementi quali la musica, il look e la politica, nel tentativo di negare varie percezioni popolari degli skinhead (prima fra tutte il razzismo).

150

Abbigliamento
L'abbigliamento solitamente nello stile tipico dello skinhead degli anni sessanta, che comprende articoli come camicie a scacchi Ben Sherman, polo Fred Perry, bretelle, jeans attillati (come gli Sta-prest), giubbotti harrington e maglioni Lonsdale. I capelli sono generalmente fra i 2 ed i 4 centimetri (corti, ma mai a pelle), contrariamente agli skinhead degli anni ottanta influenzati dal punk/Oi!.

Voci correlate
Skinhead Rude Boy Mod Hard mod Gay Skinhead Skin88

Collegamenti esterni
Skinhead Story! - SPIRIT OF '69 [1]

Note
[1] http:/ / www. freewebs. com/ skins/ skinheadstory. htm

Ultras

151

Ultras
Tra le tantissime tipologie di tifosi si possono distinguere due macro-categorie: quelli che guardano il campo e quelli che guardano la curva. I secondi sono quelli che gi si potrebbero definire ultr. (Tonino Cagnucci, Il mare di Roma, Arezzo, Lmina 2009, p. 167)

Con il termine ultras, dal francese ultra (pl. ultras), si definisce un tifoso organizzato di una determinata societ sportiva, pi frequentemente di tipo calcistico, ma spesso anche di pallacanestro, hockey, pallanuoto ed altri sport. L'ultras caratterizzato da un forte senso di appartenenza al proprio gruppo e dall'impegno quotidiano nel sostenere la propria squadra, che trova il suo culmine durante le competizioni sportive. I prodromi del fenomeno del tifo calcistico in Italia si hanno nel 1932 quando la tifoseria della S.S.Lazio va ad annoverare per prima la nascita di una associazione organizzata, e con struttura gerarchica, di tifosi. In occasione del derby del 23 ottobre 1932, un gruppo organizzato denominato "Paranza Aquilotti" inscen infatti una scenografia allo stadio del P.N.F.[1]. Successivamente negli anni cinquanta quando i primi tifosi di squadre di calcio iniziano a riunirsi in gruppo, a Roma, con l'Associazione Tifosi Giallorossi "Attilio Ferraris", i Circoli Biancocelesti 1951 e a Torino, con i Fedelissimi Granata 1951, il fenomeno esplode, mentre in Gran Bretagna sono attivi gruppi i cui appartenenti vengono chiamati hooligans. Vi sono tuttavia differenze basilari tra i due modi di essere: in Gran Bretagna gli hooligan lasciano molto pi spazio alle azioni spontanee, mentre il modello ultr italiano tende a coordinare i vari elementi in un'unica voce. Anche le forme estetiche del tifo risentono di questa differenza: in Gran Bretagna si predilige l'impatto vocale a quello visivo e non si usano i tamburi che hanno contraddistinto le colorite curve italiane fino al 2009 (poi proibiti cos come i megafoni). I primi due gruppi nati in Italia sono la Fossa dei leoni, gruppo nato nel 1968 e scioltosi nel 2005, e i Boys-Le furie neroazzurre, nato nel 1969. Sempre nel 1969 nasce il primo gruppo ad aver utilizzato la parola Ultras, vale a dire i sampdoriani Ultras Tito Cucchiaroni, seguiti nel 1969 dagli Ultras Granata di Torino, nel 1973 dagli Ultras Catanzaro, nel 1974 dagli Ultras Spezia e nel 1977 dagli Ultras Pescara, la frangia pi violenta del tifo pescarese (come testimoniano la trasmissione televisiva "Commando ultr curva sud" ed il libro "Ragazzi di stadio" in cui i Granata dichiarano di aver assunto la denominazione ultras solo dopo gli incidenti di Torino-Vicenza del '71). Nel corso degli anni sessanta queste nuove strutture aggregative iniziano a svilupparsi intorno alle grandi squadre dellepoca e i loro membri si distinguono dai sostenitori tradizionali per il modo attivo ed organizzato di incoraggiare la loro squadra del cuore. Ogni gruppo ultras ha allora un proprio nome simbolico ed uno striscione dietro cui radunarsi. Nascono le coreografie per sostenere la propria squadra: si cantano inni, gli stadi si riempiono di bandiere, si lanciano coriandoli e si accendono i primi fumogeni. Parallelamente nasce anche la competizione con i gruppi ultras di altre squadre.

Gli anni Settanta


Lo sviluppo dei gruppi ultras negli anni settanta coincide con un periodo piuttosto tempestoso della societ italiana, toccata a pi riprese da episodi di violenza e terrorismo. Cosicch gli ultras, risentendo del clima di generale violenza, prima, durante e dopo la partita, specie in occasione degli incontri "pi caldi", si abbandonano a veri e propri atti di guerriglia urbana. Tutto ci era riscontrabile nei cori da stadio, spesso presi in prestito dalle manifestazioni e dai cortei, nell'abbigliamento, nella simbologia riproposta dagli striscioni e dagli stessi nomi dei gruppi. Il termine Ultr compare in uno dei pi famosi gruppi di tifosi organizzati italiani di allora: il CUCS, Commando Ultr Curva Sud, che dagli anni settanta e per quasi un trentennio popoler gli spalti dello Stadio Olimpico durante le partite della Roma. Il termine commando, era gi apparso in precedenza nella curva della Lazio con il C.M.L. Commandos Monteverde Lazio nati nel 1971, ribattezzati C.M.L. '74 in seguito.

Ultras

152

Gli anni Ottanta e Novanta


A partire dagli anni ottanta, tutte le squadre professioniste hanno almeno un gruppo ultras e il modello italiano si espande decisamente in tutto il resto d'Europa, soprattutto tra i paesi latini (Spagna, Portogallo, Francia), Svizzera e tra le ex repubbliche della disciolta Jugoslavia (Slovenia, Croazia e Serbia). Dagli anni novanta si vedono tifoserie ispirate al modello di tifo ultras italiano anche in Irlanda (ultras non violento o politico, tutto per il club), Scozia, Paesi Bassi e Germania. Con l'aumento dell'interesse verso il calcio in Canada, Stati Uniti e Australia sorgono i primi gruppi di tifosi organizzatisi secondo criteri, almeno esteticamente, ispirati agli ultras del vecchio continente. Allinterno degli stadi di tutta Europa gli ultras diventano sempre pi i veri protagonisti nelle curve. Si accentua anche il modo di fronteggiarsi tra gruppi avversari di ultras: si diffonde il ricorso allo scontro. Le forze di polizia iniziano ad impegnarsi per arginare gli episodi di violenza. Durante il decennio il problema della violenza nel calcio si accentua ulteriormente, sviluppandosi, in molti casi, in atti di ribellione. Il 29 gennaio 1995, poco prima dell'incontro tra Genoa e Milan, Vincenzo Spagnolo, ultras genoano, viene accoltellato a morte: l'episodio indusse i rappresentanti della maggior parte dei principali gruppi ultras italiani a partecipare a un raduno che ha rappresentato un importante tentativo di autoregolamentazione. In un documento conclusivo gli ultras condannarono l'utilizzo di armi da taglio durante gli scontri e le aggressioni "molti-contro-uno", auspicando un ritorno ai vecchi codici di comportamento ultras.

Il fenomeno oggi
Negli anni 2000 i gruppi di ultras hanno continuato a rappresentare ancora una delle componenti pi importanti del mondo del calcio, avendo a loro disposizione sedi e diffondendo le loro comunicazioni attraverso siti web, libri, riviste autoprodotte (fanzine) e cos via. In risposta alla radicale trasfigurazione commerciale del mondo del calcio iniziata nei primi anni '90 e che ha portato allo stravolgimento degli abituali orari delle partite in base alle esigenze delle pay-tv ed al forte aumento del costo dei biglietti dello stadio, gran parte del movimento ultras italiano ha dato vita a una serie di iniziative di protesta. In Italia il comportamento a volte violento di alcuni ultras stato posto costantemente sotto accusa da parte delle forze dell'ordine e dei media, portando ad un inasprimento ulteriore delle norme anti-violenza, come i provvedimenti del D.A.SPO.. Dopo la morte dell'ispettore Filippo Raciti, durante gli scontri tra catanesi e polizia avvenuti durante un Catania-Palermo del febbraio 2007, vi stato un ulteriore inasprimento delle misure di controllo e repressione del tifo organizzato. La nuova legge "anti-ultras" ha stravolto ancora una volta il mondo delle curve italiane. stata vietata, in realt con una semplice direttiva dell'Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive, l'introduzione di striscioni, di qualsiasi tipo e dimensione, senza autorizzazione; sono state inasprite le pene per tutti i reati da stadio, comprese quelle per l'utilizzo di fumogeni e petardi (con possibilit di arresto per gli utilizzatori). Da allora, inoltre, il Daspo pu essere anche preventivo (cio un soggetto che ha tenuto un comportamento pericoloso per la sicurezza pubblica, ancorch non costituente reato, pu comunque essere sottoposto a Daspo) e molte altre norme repressive.

Differenze con gli hooligans


Il fenomeno degli ultras dell'Europa meridionale dimostra molte discordanze con quello degli hooligan britannici e olandesi. Prima fra tutte l'organizzazione dei gruppi ultras contrapposta allo spontaneismo dei nuclei di tifosi britannici. Le cosiddette crew (dette anche mob o firm) inglesi e scozzesi riconoscono leader e figure di riferimento, ma non hanno una organizzazione che contempli la ripartizione di compiti e incarichi di varia natura n una struttura gerarchica, come invece accade con gli ultras. Altre caratteristiche peculiari degli ultras sono le coreografie. Per realizzare imponenti scenografie in occasione delle partite, si mette in movimento l'intero gruppo: dalla macchina decisionale del direttivo agli attivisti e ai ragazzi pi

Ultras giovani impegnati nella realizzazione. Per reperire i fondi necessari ad allestire le coreografie i gruppi ultras fanno leva sull'autofinanziamento, sulle collette fra tifosi, sulla vendita di sciarpe e altro merchandising (berretti, bandiere, spille, t-shirt e cos via) ufficiale del gruppo. Diversi gruppi ultras hanno usufruito, nel corso degli anni, anche di finanziamenti e aiuti di vario tipo dalle societ calcistiche e da imprese private. In Italia il finanziamento ai tifosi da parte di una societ sportiva ora vietato da una legge entrata in vigore nel 2007. Nel Regno Unito, non esistendo alcun tipo di organizzazione ufficiale del gruppo hooligan, questo aspetto non presente. Nelle curve ultras esiste anche un "capo" che coordina i cori, il cosiddetto "lanciacori". Questa figura, che si colloca al centro del settore, spesso coadiuvata da altre persone munite di megafono (situate in punti pi periferici della curva). Tutta la strumentazione ora vietata in Italia dal decreto anti-violenza. Il fenomeno degli hooligan, inoltre, esclusivamente maschile, contrariamente ai gruppi ultras che, seppur sono in larghissima maggioranza maschile, non escludono la presenza di donne sia come semplici componenti del gruppo stesso sia con ruoli attivi. Addirittura negli anni si sono venuti a formare - seppur sono stati casi rarissimi- gruppi ultras totalmente femminili (da non confondere con i fan club di tifose), che per hanno avuto sempre numeri bassi di appartenenti, attivit sporadica e durata estremamente breve, il pi delle volte le superstiti di questi gruppi o lasciavano l'attivit ultras o, come spesso accadeva, entravano a far parte di gruppi maschili. Dopo il 2000 alcune tifoserie hanno ripresentato gruppi ultras femminili, con risultati migliori rispetto ai precedenti tentativi avviati a partire dagli anni novanta. Ad interessarsi del fenomeno e delle varie sfaccettature degli ultras, sono stati anche marchi d' abbigliamento come Mentalit Ultras e Quattrokappa, che con le loro grafiche sono riusciti a veicolare ed amplificare quello che il pensiero delle curve.

153

Sottocultura Ultr
Per approfondire, vedi Gruppi Ultras Italiani.

Gli ultras sono considerati come sottocultura giovanile da una parte della sociologia. Con questo termine si identifica un gruppo di individui accomunati da un determinato stile di vita, da alcuni vocaboli gergali, dalla diffusione di certi capi d'abbigliamento. Essi hanno un proprio sistema di valori e una propria ritualit, oltre ad un peculiare modo di vivere lo stadio che non lo stesso del tifoso comune. In tal senso possono essere intesi l'utilizzo della violenza contro le tifoserie rivali e l'accettazione di essa secondo codici di comportamento condivisi. Sono tantissime anche le pagine Ultras nei Social Network tipo Netlog,Twitter,Google+ o Facebook..il blog o pagina piu interessante per foto o notizie senza dubbio " Mondo Ultr " [2] pagina gestita da un gruppo di Tifosi Bergamaschi,c' chi vocifera che sia proprio il Bocia (capo Ultr dell'Atalanta) ad averla aperta per passatempo in quanto era diffidato. Un recente studio[3] di impostazione sociolinguistica, analizzando gli striscioni esposti allo stadio dagli Ultras della Fiorentina, ha infranto la visione classica che i precedenti studi di impostazione sociologica offrivano focalizzando la loro attenzione sullo stadio (come spazio di significazione) e sull'uso della violenza come affermazione territoriale[4]. L'analisi sugli Ultras della Fiorentina (analisi degli striscioni degli Ultras della Fiorentina dal campionato 2004-2005 al 2010) si focalizza sullo stile di comunicazione e le tematiche espresse dagli Ultras Viola ed emerge un quadro che mostra dinamiche comunicative complesse ed articolate, discostandosi dallimmagine classica che i

La Curva Fiesole cuore degli ultras viola

Ultras media veicolano sul fenomeno Ultras[5]. Gli striscioni si dimostrano infatti come un mezzo di espressione e condivisione di unidentit complessa e territorialmente radicata, che porta gli autori a sostenere l'ipotesi che il fenomeno Ultras Viola sia non espressione di disagio sociale, come la maggior parte della letteratura ad oggiAiuto:Chiarezza tendeva a volere dimostrareWikipedia:Uso delle fonti, ma, piuttosto, di rivendicazione identitaria con connotazioni culturali articolate e complesse che non mostrano correlazione alcuna con fenomeni di tipo violento[6], bens con un nuovo modo identitario di essere ultras che non esplicit la sua essenza nello scontro fisico ma nell'affermazione identitaria e culturale[7].

154

Rivalit e amicizie
Per approfondire, vedi Derby (calcio) e Squadre gemellate.

Ogni tifoseria o gruppo ultras considera come rivali un certo numero di altre tifoserie di altre squadre. Le rivalit, oltre allastio e ai tafferugli che ne conseguono, possono avere diversa origine. Il primo fattore campanilistico, specialmente in paesi quali Italia e Spagna in cui vi un forte orgoglio regionalistico o municipalistico. Oltre a tifoserie di squadre della stessa citt, molto comune il confronto fra i tifosi di formazioni provenienti da citt vicine e province o regioni confinanti. Vi sono anche storiche rivalit di natura sportiva, sorte come conseguenza ad ingiustizie sportive subite o dopo che due squadre hanno condiviso una sorte simile allinseguimento dello stesso obiettivo. Forti attriti si possono creare anche fra le tifoserie che sono ispirate da contrapposta ideologia politica. Oltre alle rivalit esistono per anche gemellaggi ed amicizie. Il primo gemellaggio tra due tifoserie ultras risale al 9 gennaio 1977, quando nacque tra gli ultras del Lanerossi Vicenza e quelli del Pescara. Il gemellaggio tuttora molto sentito da ambo le tifoserie.

Ultras e politica
Per approfondire, vedi Tifo calcistico e politica.

I primi gruppi ultras sono sorti tra la fine degli anni '60 e l'inizio del decennio successivo, quando i giovani partecipavano attivamente alla vita politica, spesso in forme apertamente contestatorie e molto violente. Da allora molte curve e gruppi ultras hanno assunto una precisa connotazione ideologica, quasi sempre votata all'estremismo (sia di sinistra che di destra). Diversi sono anche i gruppi e le intere curve che si dichiarano apolitiche. Se all'inizio del movimento erano le manifestazioni politiche ad avere avuto un forte impatto sulla creativit degli ultras, tanto che questi portavano allo stadio gli slogan dei cortei, ora avviene un fenomeno inverso. Grazie ad una certa esposizione mediatica e ad un notevole afflusso negli stadi, capita frequentemente che diversi cori scanditi nei cortei politici vengano intonati sulle note di celebri inni da stadio. L'estremismo politico presente in molte curve, di destra quanto di sinistra, ha portato alla comparsa di striscioni condannati dall'opinione pubblica, dai mezzi di comunicazione e dalle istituzioni poich riconducibili all'antisemitismo, a festeggiamenti intorno a figure dittatoriali quali Stalin e Adolf Hitler, all'apologia del nazismo e alla derisione delle vittime dei massacri delle foibe. In Italia le autorit hanno reagito vietando i messaggi politici sugli striscioni e impedendo la riproduzione di qualsiasi simbolo politico su ogni tipo di vessillo, onde evitare lo scontro fisico tra due tifoserie ideologicamente contrapposte. Visto il carattere popolare, le curve sono talvolta state viste e strumentalizzate come bacino elettorale.[8].

Ultras

155

La repressione del fenomeno


A partire dalla fine degli anni '90 in Italia, ma non solo, in atto un tentativo di repressione da parte degli enti governativi che tendono a porre fine ai movimenti ultras. Questi atti molto spesso sfociano in scontri violenti tra polizia e ultras. In alcuni casi gli ultras di squadre da decenni rivali si sono federate in manifestazioni contro la Polizia. Un esempio il corteo comune tra milanisti, interisti, atalantini e bresciani dopo la morte di Gabriele Sandri, tifoso laziale ucciso in autostrada da un poliziotto con un colpo di pistola mentre dormiva in auto. Una netta accelerazione al processo di contrasto del fenomeno ultras stata data attraverso lintroduzione del Daspo, della cosiddetta Tessera del tifoso e del divieto di trasferta per molte delle partite ritenute a rischio scontri[9][10][11][12][13].

Seguito della Nazionale italiana di calcio


Sul modello di quanto avviene gi dagli anni ottanta in altre nazioni (quali Inghilterra, Germania, Olanda) anche in Italia si crea un gruppo di ultras che segue attivamente la Nazionale di calcio, i cosiddetti Ultras Italia[14]. La nascita ufficiale avviene in occasione degli Europei 2004 in Portogallo. Lo 'zoccolo duro' del gruppo formato da appartenenti a tifoserie del Nordest ma anche di Lazio, Campania, Puglia ed altre regioni. Quasi tutti gli appartenenti sono ideologicamente vicini all'estrema destra, anche se i rapporti della Digos dicono che non c' un'identificazione diretta con gruppi politici[15]. L'organizzazione prevede l'esposizione allo stadio di stendardi tricolori riportanti il nome della citt di provenienza e l'assenza di una leadership ben definita, a differenza di quanto avviene nei gruppi di club[16]. Gli Ultras Italia salgono alla ribalta delle cronache in occasione della trasferta in Bulgaria del 2008 dove si verificano scontri con gli hooligan bulgari prima e durante la partita, al termine della quale vengono arrestati 5 italiani[17]. Gli ultras vengono accusati anche di aver esposto vessilli e fatto cori fascisti durante la partita[18]. Nel 2010 gli Ultras Italia si rendono autori di altri episodi di violenza e discriminazione come nelle amichevoli in Austria, dove rivolgono cori razzisti all'indirizzo del calciatore di colore Mario Balotelli[19], e Germania, dove vengono espulsi dallo stadio per il loro comportamento aggressivo[20].

Note
[1] Ricerca a cura del Centro Studi Nove Gennaio Millenovecento - http:/ / www. novegennaiomillenovecento. it/ index. php?option=com_content& view=article& id=102%3A23-ottobre-1932-la-nascita-del-tifo-organizzato-biancoceleste& catid=43%3Aricerche-e-scoperte-del-centro-studi& Itemid=151 [2] http:/ / www. facebook. com/ mondoultra [3] Nicola Guerra, Valentina Imperi, Claudia Vardanega, I poeti della curva. Unanalisi sociolinguistica degli striscioni allo stadio, Aracne 2010 [4] / Tifosi bistrattati, tifosi sentimentali, tifosi violenti, tifosi innamorati... (http:/ / www. ultrasblog. biz/ 2010/ 03/ poeti-della-curva. html) [5] "I Poeti della curva" in Territori Sociologici - Universit di Teramo (http:/ / www. territorisociologici. info/ pages/ posts/ n. -guerra-et-al. ---i-poeti-della-curva. -unrsquoanalisi-sociolinguistica-degli-striscioni-allo-stadio-19. php,) [6] I poeti della curva Uno studio che si ispira ai tifosi viola (http:/ / www. violanews. com/ news. asp?idnew=52105,) [7] "I poeti della Curva", gli striscioni dei tifosi viola diventano oggetto di studio (http:/ / www. fiorentinanews. com/ approfondimento_home. asp?idn=74172,) [8] L'infiltrazione neofascista delle curve, in "Fascisteria. I protagonisti, i movimenti e i misteri dell'eversione nera in Italia (1945-2000)" di Ugo Maria Tassinari, ed. Castelvecchi, 2001 (http:/ / www. carmillaonline. com/ archives/ 2007/ 02/ 002133. html#002133) [9] Maroni contro ultras: la partita pi attesa dellanno (http:/ / www. giornalettismo. com/ archives/ 78247/ maroni-contro-ultras-partita/ ) [10] Ultras contro la Tessera del Tifoso chi non ce l'ha non va in trasferta - Risultati e ultime notizie calcio e calciomercato - La Gazzetta dello Sport (http:/ / www. gazzetta. it/ Calcio/ SerieA/ 16-08-2009/ ultras-contro-tessera-tifoso-501052813868. shtml) [11] Tessera del tifoso, dodici mesi dopo la rivoluzione - Sport - Sky.it (http:/ / sport. sky. it/ sport/ calcio_italiano/ 2010/ 12/ 31/ tessera_del_tifoso_un_anno_dopo. html) [12] Trasferte vietate per quindici tifoserie Stop a ultr di Roma, Atalanta, Milan - cronaca - Repubblica.it (http:/ / www. repubblica. it/ 2007/ 11/ sezioni/ cronaca/ tifosi-morto-2/ trasferte-vietate-15/ trasferte-vietate-15. html) [13] CASMS: in due giornate ben 10 trasferte vietate (http:/ / www. calcioita. com/ serie_a/ casms-in-due-giornate-ben-10-trasferte-vietate-61436/ ) [14] 200 errore (http:/ / blog. panorama. it/ italia/ 2008/ 10/ 13/ ultras-italia-tifosi-a-destra-da-anni-in-lotta-per-la-nazione/ )

Ultras
[15] la Repubblica/sport: Attenzione agli Ultras Italia sono gli hooligans azzurri (http:/ / www. repubblica. it/ online/ sport/ itatrieste/ ultras/ ultras. html) [16] Ultr Italia, ecco quelli che non vogliono Balotelli azzurro - Sport - Sky.it (http:/ / sport. sky. it/ sport/ calcio_italiano/ 2010/ 11/ 18/ ultra_italia_profilo. html) [17] Sofia, arrestati 5 ultr italiani. La Russa: "Vergogna" - Calcio - Virgilio Sport (http:/ / sport. virgilio. it/ calcio/ italia-bulgaria-scontri-fischi-inni-fascisti. html) [18] Il leader-avvocato: Le braccia tese? Non si possono abbassare con la forza - Corriere della Sera (http:/ / www. corriere. it/ cronache/ 08_ottobre_13/ avvocato_ultras_italia_cori_fascisti_3fd93ede-98f2-11dd-bf8a-00144f02aabc. shtml) [19] La vergogna - Il razzismo degli Ultras Italia: cori e buu contro Balotelli | Sport| Il SecoloXIX (http:/ / www. ilsecoloxix. it/ p/ sport/ 2010/ 11/ 17/ AMHMXWGE-balotelli_razzismo_italia. shtml) [20] Gruppo 'Ultra'Italia' espulso da stadio (http:/ / www. corrieredellosport. it/ calcio/ 2011/ 02/ 10-155083/ Gruppo+ 'Ultra'Italia'+ espulso+ da+ stadio)

156

Bibliografia
Rinella Cere, Witches of our age: women ultras, football and the media in Sport, Media, Culture: Global and Local Dimensions, Bernstein, A. and Blain, N. eds., London, Frank Cass, 2003. ISBN 0714652997. Daniele Segre, Ragazzi di stadio, Milano, Mazzotta, 1979. ISBN 8820204207. Oliviero Beha; Franco Ferrarotti, All'ultimo stadio. Una Repubblica fondata sul calcio, Milano, Rusconi Libri, 1983. ISBN 8818278738. Alessandro Dal Lago, Descrizione di una battaglia. I rituali del calcio, Bologna, il Mulino, 1990. ISBN 8815028765. Fabio Bruno, Vita da ultr. Dentro le curve d'Europa, Bologna, Conti, 1992. Alessandro Dal Lago; Roberto Moscati, Regalateci un sogno. Miti e realt del tifo calcistico in Italia, Milano, Bompiani, 1992. ISBN 8845219593. Balestrini Nanni, I furiosi, Milano, Bompiani, 1994. ISBN 8845221857. Valerio Marchi, Ultr. Le sottoculture giovanili negli stadi d'Europa, Roma, Koin, 1994. ISBN 8881060019. Daniele De Luca; Dario Colombo, Fanatics. Voci, documenti e materiali dal movimento ultr, Roma, Castelvecchi, 1996. ISBN 8886232934. Maurizio Martucci, Nobilt ultras dal 1900. Un secolo di storia, documenti e immagini della tifoseria laziale, De Marco-Piscitelli, 1996. ISBN. Maurizio Marinelli, Ultimo stadio, Bergamo, Centro Studi Polizia, 1996. Rocco De Biasi, You'll never walk alone. Mito e realt del tifo inglese, Milano, ShaKe, 1998. Andrea Arena, Io, ultras padrone del pallone, 2001. ISBN 9788809030565. Domenico Mungo, Sensomutanti. L'amore ai tempi del DA.SPO, Torino, Tirrenia-Stampatori, 2003. ISBN 8877635495. Cass Pennant, Congratulazioni. Hai appena incontrato la I.C.F. (West Ham United), Milano, Baldini & Castoldi, 2004. ISBN 8884904714. Valerio Marchi, Il derby del bambino morto. Violenza e ordine pubblico nel calcio, Roma, DeriveApprodi, 2005. ISBN 8888738673. Stefano Faccendini, Tifosi e ribelli, Edizioni Clandestine, 2005. Vicenzo Abbatantuono, Un calcio in faccia. Storie di adolescenti ultras, Molfetta, La Meridiana, 2006. ISBN 8889197811. Maurizio Martucci, 11 novembre 2007. L'uccisione di Gabriele Sandri una giornata buia della Repubblica, Sovera edizioni, 2008. ISBN 9788881247875. Domenico Mungo, Cani sciolti, Rovereto, Boogaloo Publishing, 2008. ISBN 8897257526. Giovanni Francesio, Tifare contro. Una storia degli ultras italiani, Sperling & Kupfer, 2008. ISBN 8820045052. Elisa Davoglio, Onore ai diffidati, Milano, Mondadori, 2008. ISBN 8804579684. Maurizio Martucci, Cuore Tifoso. Roma-Lazio 1979. "Un razzo ha distrutto la mia famiglia". Gabriele Paparelli racconta, Sovera edizioni, 2009. ISBN 9788881248629.

Ultras Andrea Ferreri, Ultras. I ribelli del calcio. Quarant'anni di antagonismo e passione, Lecce, Bepress, 2009. ISBN 9788896130025. Stefano Faccendini, La trasferta, Edizioni Clandestine, 2009. Maurizio Martucci, Cuori tifosi. Quando il calcio uccide: i morti dimenticati degli stadi italiani, Milano, Sperling & Kupfer, 2010. ISBN 8820049104. Vincenzo Abbatantuono; Domenico Mungo; Gabriele Vigan, Noi odiamo tutti. Il movimento ultras italiano attraverso gli striscioni politicamente scorretti, Napoli, La Citt del Sole, 2010. ISBN 8882924610. Ivan Luraschi, La violenza negli stadi. Quello che i media non vogliono far sapere, 2003. Silvano Cacciari; Lorenzo Giudici, Stadio Italia. I conflitti del calcio moderno, Firenze, La casa Usher, 2010. ISBN 978-88-95065-42-7.

157

Filmografia
Ultr (di Ricky Tognazzi, 1990, con Claudio Amendola) L'ultimo ultras (di e con Stefano Calvagna, 2009) Hooligans (I.D., UK, 1995) Hooligans (Green Street, UK, 2005, con Elijah Wood) The Football Factory (idem, UK, 2004) Cass (di Jon S. Baird, UK, 2008) Ultimo stadio (The Firm, UK, 1988) E.A.M Estranei alla massa (di Vincenzo Marra, 2001) Farebbero tutti silenzio (di Andrea Zambelli, 2001) Hooligan A.C.A.B. Tifo sportivo Tessera del tifoso Mondo Ultr (http://www.facebook.com/mondoultra)

Altri progetti
Commons (http://commons.wikimedia.org/wiki/Pagina_principale?uselang=it) contiene immagini o altri file sugli Ultras (http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Ultras?uselang=it) Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio

Voortrekkers (movimento giovanile)

158

Voortrekkers (movimento giovanile)


Voortrekkers il nome di un movimento giovanile cristiano afrikaner, fondato in Sudafrica nel 1931, come alternativa di lingua afrikaans ai boy-scout anglofoni. I Voortrekker svilupparono una loro identit, rappresentata dai tre valori della loro "ABC": Afrikanerskap, Burgerskap, Christenskap (africanit, cittadinanza, cristianit). Il movimento prende nome dai Voortrekker, i coloni afrikaner che si spinsero alla colonizzazione dell'entroterra africano in seguito all'avvento del potere coloniale britannico nella Colonia del Capo.

Collegamenti esterni
(AF,EN) Sito ufficiale [1]

Note
[1] http:/ / www. voortrekkers. org. za

Yo Soy 132
Yo Soy 132 un movimento politico giovanile messicano, formato principalmente da studenti delle universit, costituitosi durante la campagna elettorale per le elezioni presidenziali messicane del 2012 come risposta agli atteggiamenti autoritari di Enrique Pea Nieto, candidato del Partito Rivoluzionario Istituzionale e grande favorito delle elezioni. Il nome Yo Soy 132 (in italiano Io Sono 132) nato come espressione di solidariet con gli iniziatori della protesta. In una delle prime manifestazioni contro Pea Nieto si presentano svariate decine di persone perch vogliono esprimere il disgusto del dispotismo di questo candidato. I telegiornali e mezzi di comunicazione massiva affermano che erano solamente 131 elementi in una Nazione di oltre cento milioni di individui, il giorno successivo nasce il movimento "io sono il numero 132" per far vedere la solidariet, che quei ragazzi non erano da soli. In breve tempo il movimento si espande a livello nazionale e al giorno d'oggi, subito dopo le elezioni (Luglio 2012) il movimento attivo pi che mai ed formato (fonte non ufficiale) da svariate centinaia di migliaia di persone, oltre a studenti si sono aggiunti anche genitori, insegnanti e persone comuni che non sono d'accordo con la linea politica di questo individuo.

Poster usato dal movimento in alcune manifestazioni.

Il movimento si batte per la libert di espressione, invocando la democratizzazione della vita pubblica e dei mezzi di comunicazione e un'elezione trasparente e senza brogli; chiede inoltre uguali possibilit di studio e di lavoro per tutti i cittadini e accesso a Internet per tutti. Il movimento stato chiamato anche, sulla stampa internazionale, La primavera mexicana. Le proteste contro Pea Nieto sono state il detonatore che ha innescato una serie di manifestazioni che si sono aggiunte a questo movimento.

Yo Soy 132

159

Origini
L'11 maggio 2012 Enrique Pea Nieto era invitato a un incontro presso l'Universidad Iberoamericana, universit privata di Citt del Messico, durante il quale stato contestato da un gruppo di studenti riguardo alla gestione del caso Atenco durante il suo mandato come Governatore dello Stato del Messico. Il candidato ha risposto agli studenti:

MarchaYoSoy132

Monumento a la Patria; Merida, MarchaYoSoy132

[...] ho preso la decisione d'utilizzare le forze di polizia per ristabilire l'ordine, sfortunatamente si sono verificati alcuni incidenti che sono stati tuttavia debitamente sanzionati [...] stata una decisione che mi assumo personalmente [...] seguendo il legittimo diritto dello stato del Messico a fare uso della forza pubblica e questa decisione stata validata dalla corte suprema [...]. (Enrique Pea Nieto )
[1]

La sua risposta avrebbe infiammato gli studenti che hanno iniziato a cantare "Atenco non si dimentica" e hanno costretto Pea Nieto a ritirarsi in un bagno e lasciare l'universit da un'uscita posteriore. Le principiali televisioni e testate giornalistiche del paese minimizzarono per le proteste, elogiando il trionfo di Pea Nieto nell'incontro e sostenendo che le limitate proteste erano state organizzate non da studenti ma da Andrs Manuel Lpez Obrador, candidato del Partito della Rivoluzione Democratica; i contestatori sono stati definiti dai media "porros" (cafoni, delinquenti) e "entrenados" (addestrati). La rete televisiva Milenio TV pubblic inoltre un video in cui simpatizzanti di Pea Nieto, fingendo di essere studenti dell'universit, elogiavano il grande successo del candidato. Dopo questa presa di posizione dei mezzi di comunicazione, 131 studenti della Ibero hanno pubblicato un video su YouTube, in cui mostravano i loro tesserini universitari per dimostrare di essere effettivamente studenti e confermavano di aver partecipato alla protesta. L'agitazione si quindi scatenata sui social network, dove altri studenti e cittadini hanno iniziato ad appoggiare la protesta usando l'hashtag #YoSoy132 per identificarsi con il 132 studente e indicare la continuazione della protesta.

Yo Soy 132

160

Manifesto
Il 23 maggio 2012 il movimento ha manifestato la sua dichiarazione.[2] Tra i punti che spiccano sono:
Primo: Siamo un movimento al di fuori di tutti i partiti politici, e siamo cittadini. Non esprimiamo l' appoggio a nessun candidato o partito politico, ma rispettiamo la diversit e l'opinione di tutti i membri di questo movimento. Ci auguriamo e richiediamo la difesa della libert di espressione e il diritto all'informazione di tutti i messicani, perch entrambi gli elementi sono essenziali per una cittadinanza cosciente ed attiva. Per tutto questo promuoviamo un voto informato e riflessivo. Crediamo che nella situazione politica attuale l'astensione e il voto nullo siano azioni inefficaci per costruire democrazia. Siamo un movimento che vuole la democratizzazione del paese e sappiamo che una condizione essenziale per averla la democratizzazione anche dei mezzi di comunicazione. Questa preoccupazione sorge dallo stato attuale di concentrazione di tutti i mezzi di comunicazione in poche mani. Secondo: YoSoy123 un movimento partecipativo che non rappresenta un'unica universit. La sua identit dipende solamente dalle persone che si uniscono a questa causa e che ci si raggruppano attraverso i comitati universitari.

Note
[1] http:/ / www. quadratindf. com. mx/ Decision-2012/ Presidencia-y-Congreso/ Reciben-y-despiden-con-abucheos-a-Pena-Nieto-de-la-Ibero [2] Yo soy 132: Declaratoria y pliego petitorio (http:/ / www. animalpolitico. com/ 2012/ 05/ declaratoria-y-pliego-petitorio-de-yo-soy-132/ )

Collegamenti esterni
(ES) Sito ufficiale (http://www.yosoy132media.org/) 131 Alumnos de la Ibero responden (https://www.youtube.com/watch?v=P7XbocXsFkI#t=0m0s). YouTube.URL consultato in data 30 giugno 2012. (Video originale dei 131 studenti)
Portale Messico Portale Politica

Youth crew

161

Youth crew
Youth crew Origini stilistiche Hardcore punk Straight edge Melodic hardcore punk Punk metal (dagli anni '90) New York, seconda met degli anni '80

Origini culturali Strumenti tipici

Voce Chitarra Basso Batteria

Popolarit

Forte nell'underground newyorkese negli anni '80, dagli anni '90 alcuni gruppi ispirati dalla scena come Hatebreed e Rage Against the Machine hanno raggiunto un noto successo commerciale.
Generi derivati

Metalcore Hatecore Positive hardcore


Generi correlati

Straight edge Hardcore punk New York hardcore


Categorie correlate

Gruppi musicali youth crew Musicisti youth crew Album youth crew EP youth crew Singoli youth crew Album video youth crew

Lo youth crew un sottogenere dell'hardcore punk e allo stesso tempo una subcultura, che divenne popolare soprattutto tra il 1986 e il 1990, principalmente nell'area di New York, e in parte nell'area di Los Angeles. Il genere fu definito dagli album di gruppi come Youth of Today, Gorilla Biscuits, Bold e Side By Side[1], pubblicati quasi tutti con l'etichetta Revelation Records. Spesso questo movimento viene riconosciuto parte della scena New York hardcore. Nella sua forma originaria era molto simile al melodic hardcore, ma molte tracce includevano pesanti breakdown tipici del mosh. Dagli anni '90 i gruppi appartenenti a questa scena hanno introdotto sempre maggiori influenze heavy metal, contribuendo alla nascita del metalcore. Attorno al 1997, contemporaneamente a questa nuova tendenza, si svilupp anche un breve revival del sound originale, grazie a gruppi come Floorpunch, Ten Yard Fight e In My Eyes.

Youth crew

162

Ideologia e origine del termine


Diversamente dall'hardcore punk pi ortodosso, gli esponenti di questa subcultura tendono a definirsi fuori dal movimento punk, rifiutando lo stile di vita nichilista e autodistruttivo e abbracciando uno stile di vita pi positivo, aderendo all'ideologia straight edge e a quella vegetarianista. Il nome youth crew deriva da crew, parola largamente utilizzata nell'hardcore per riferirsi a gruppi di amici formatisi per difendersi dalla violenza, osteggiata dagli appartenenti a questo movimento. Tra i primi ad utilizzare il termine con questo significato gli Youth of Today con la traccia Youth Crew nel 7" Can't Close My Eyes, i 7 Seconds con l'album The Crew, i Judge con la canzone New York Crew e i Warzone con We're the Crew, contenuto nell'album Don't Forget the Struggle, Don't Forget the Streets. Il 1988 solitamente considerato l'anno d'oro del movimento e in generale dello straight edge di New York, pertanto il revival degli anni recenti anche chiamato 88 hardcore revival. Sempre per questo motivo i gruppi youth crew utilizzano spesso il numero 88 per simboleggiare la loro origine e la loro appartenenza, senza alcuna intenzione di utilizzarlo come slogan nazista.

Alcuni gruppi
Alone in a crowd Bold Brotherhood Chain of Strength Gorilla Biscuits Inside Out Insted Judge Justice League Mouthpiece Pagan Babies Side By Side Uniform Choice Unit Pride Youth of Today

Note
[1] Youth of Today spearheaded the almost jock-like 'youth crew' movement embraced by some and mocked by others in the late '80s (ever heard the phrase '88 hardcore'?). [...] YOT's no-frills music was filled with such now public-domain signifiers as gang vocals and heavy breakdowns. Ryan J. Downey, Youth of Today, Blood Runs Deep: 23 Bands Who Shaped the Scene, Alternative Press #240, luglio 2008, p. 109.

Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk

Yuppie

163

Yuppie
Yuppie la forma breve di Young Urban Professional. Termine inglese diffusosi internazionalmente, a partire dagli anni ottanta ha indicato un giovane professionista "rampante" che abbraccia la comunit economica capitalista ed in essa trova realizzazione. Si vedano per contrapposizione hippie e yippie. Era la figura del giovane uomo d'affari tra i 25-35 anni, che ebbe origine a Manhattan verso la met degli anni ottanta. Giovani neo-laureati dalle universit Yale, Harvard o Princeton, seguivano il sogno di diventare ricchi nel modo pi veloce buttandosi nella New York, che, durante l'era repubblicana di Ronald Reagan, aveva raggiunto un livello elevato di benessere e prometteva molto per coloro che investivano e lavoravano in borsa. Molti di questi yuppies statunitensi frequentavano ristoranti e discoteche esclusive come il famoso Studio 54 di Manhattan, quasi tutti lavoravano nei grattacieli del centro di New York, frequentando feste esclusive a volte organizzate da loro colleghi o attori e anche dal famoso Donald Trump. Era comune tra di loro usare la cocaina come svago e vestire abiti Armani e Versace, comprando quadri del famoso artista Jean-Michel Basquiat. Lo yuppie anni ottanta abitava in appartamenti arredati con colori monocromatici, poltrone e divani di pelle bianco e nero con dettagli di acciaio cromato, in cucina era di rigore il forno a microonde come ultima novit tecnologica; spuntano i primi cibi precotti da scaldare per l'uomo che non si ferma mai, per l'uomo dinamico che non ha tempo per altro che il suo lavoro. La musica ascoltata erano i Duran Duran, Huey Lewis & The News, Prince, Cyndi Lauper; il compact disc era un must da sfoggiare, le cassette erano vecchie secondo la loro filosofia.

Il fenomeno dello "yuppismo" in Italia


Lo yuppie italiano era un'emulazione di quello americano, con figure di riferimento come Gianni Agnelli. La caratteristica dello yuppie degli anni ottanta era dettata dall'immagine e dalle diverse abitudini, nel cibo e negli svaghi ma prevalentemente nell'ostentazione di uno stile di vita e di una ricchezza non sempre reale. il periodo della cosiddetta "Milano da bere", della moda elegante, degli sport estremi, delle arti marziali particolari, delle vacanze in posti esclusivi ed i ristoranti di cucina internazionale, con particolare attenzione a quella giapponese ed indiana. L'epoca dello yuppismo termin con lo scoppio di Tangentopoli. Lo stereotipo in Italia sembra tuttavia persistere ancora oggi sebbene notevolmente ridimensionato, dati i tempi difficili di un'economia in piena recessione, di impiego precario e con poco spazio per il facile guadagno, pur restando l'ostentazione di una ricchezza oggi accessibile a pochi. La figura dello yuppie appartiene attualmente ai pochi professionisti e uomini d'affari, impiegati in settori importanti ma molto ristretti, prevalentemente di sesso maschile, abitanti nella metropoli milanese, che possono permettersi davvero un appartamento loft centrale, auto di lusso ed accessori d'avanguardia.

Lo yuppie sul grande schermo


Alcuni esempi di film incentrati sul tema o ambientati in un contesto "yuppie": Nove settimane e mezzo di Adrian Lyne (1986), con Mickey Rourke e Kim Basinger; Via Montenapoleone di Carlo Vanzina (1986), con Carol Alt, Luca Barbareschi, Corinne Clery, Renee Simonsen; Yuppies - I giovani di successo di Carlo Vanzina (1986), con Ezio Greggio, Jerry Cal, Massimo Boldi e Christian De Sica; Yuppies 2 di Enrico Oldoini (1987), con Greggio, Cal, Boldi e De Sica; Wall Street di Oliver Stone (1987), con Michael Douglas e Martin Sheen; Il segreto del mio successo, di Herbert Ross (1987), con Michael J. Fox; Cocktail di Roger Donaldson (1988), con Tom Cruise;

Yuppie Essi vivono di John Carpenter (1989) racconta la figura degli yuppies reaganiani in maniera horror/distopica; American Psycho di Mary Harron (2000), con Christian Bale. Shame di Steve McQueen (2011), con Michael Fassbender.

164

Altri progetti
Wikizionario contiene il lemma di dizionario yuppie Portale Sociologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sociologia

Fonti e autori delle voci

165

Fonti e autori delle voci


Ammazzateci tutti Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=61393859 Autori:: Adat, AndreA, Antenor81, Aplasia, Askenaz, Calabash, ChDario92, Ciccio Blagan, Delfort, Delgiudice, Ethicom, Eumolpo, FrAnCiS, Francescost, Gac, Gacio, Gianluca91, Giova81, Gliu, Henrykus, Iardo, Jaqen, KS, Keeper1h, Krdan, Larry Yuma, Mac'ero, Marcuscalabresus, Massimobrugnone, Mess, NewLibertine, No2, Osk, Phantomas, Piddu, Rael, Sanremofilo, Ticket 2010081310004741, Trikke, Vipera, Viscontino, 217 Modifiche anonime Beatnik Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=62072935 Autori:: Ariel, Aryadeva, Capitan nuvola, Er Cicero, Fil, Gacio, Lornova, MisterMicro, Nepalese, No2, Pequod76, Pietro, Roger469, Senpai, Senza nome.txt, Simone, TierrayLibertad, Twice25, 14 Modifiche anonime Black bloc Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=62073662 Autori:: Barbaking, Bartleby08, Beechs, Biopresto, Brithos10, Cialz, Ciccio2995, Civv, Codas, Dedda71, Diablo, Er Cicero, Etrusko25, Eumolpa, Eumolpo, Franz Liszt, Frieda, Gacio, Gox, Horcrux92, Ignisdelavega, Il profeta, IlPisano, Jaakko, Klaudio, Marco 27, Marco Rosellini, Marte77, Matafione, Mickey83, Migio, Montreal, Moongateclimber, Narayan89, NewLibertine, Paginazero, Palombo91, Phantomas, Philo88, Piero, Pokipsy76, Sandrino77, Senpai, Servator, Snowdog, Superchilum, Tkt2008123110019475, Toobaz, Trixt, Yone Fernandes, Zippy1992, 113 Modifiche anonime Black Metal Inner Circle Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=60790412 Autori:: Aleripe, Andre86, Askeron, Bultro, Distyll, Generale Lee, Knoxville, Nordmann Azazel, Opus8490, Paginazero, Patafisik, Pracchia-78, RedPuma, Roberto82, Romero, SandorKrasna, Sbisolo, Senpai, Vipera, 29 Modifiche anonime Casual (sottocultura) Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=57813353 Autori:: Ary29, Azzurro2010, Beechs, BohemianRhapsody, Fil, Gacio, Marcok, No2, Okkiproject, Osk, Schwarze sonne, Senpai, Sirabder87, Snowdog, To011, Valerio79, 74 Modifiche anonime Clubber Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=60330677 Autori:: Biopresto, Cialz, Fil, Formica rufa, Gce, GilliamJF, Johnlong, MM, Marukou, No2, Osk, Reim, 12 Modifiche anonime Cultura giovanile Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=59421794 Autori:: Beechs, Chem, Fil, Gacio, Gataz, Giacobino illuminista, Guidomac, Ines, Jk3000, Joebigwheel, Lollus, Looris, Lucas, Lucio Di Madaura, MM, Madaki, Mikils, Moloch981, NewLibertine, No2, Numberinn, Oile11, Pakdooik, PersOnLine, Piddu, Pretoriano1980, Rollopack, Sophia91, Superfranz83, Superleega, Tenebroso, Texpillar, Ticket 2010081310004741, Tommasso, Valepert, Windowsuninstall, 71 Modifiche anonime Cultura underground Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=61977680 Autori:: .jhc., Aintono, Alberodimele, Alexandrovic, B3t, Battarlin, Biopresto, Buggia, Cisco79, Dega180, Demart81, Ignisdelavega, Il palazzo, IlPasseggero, Mauro742, MisterMicro, Nubifer, Odoyaedizioni, Pakdooik, Phantomas, Piero, Plasm, Popop, SFC, SandorKrasna, Sefabetti, Snowdog, Ticket 2010081310004741, 49 Modifiche anonime Flower power Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=56670634 Autori:: Adamanttt, Ancona Zappa, Joe123, Marco Plassio, Omino di carta, Pipep, Simon, 3 Modifiche anonime Free party Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=61941354 Autori:: Agnellino, AmonSl, Ary29, Bramfab, Dadonene89, Eumolpo, Luketch, Marco Plassio, Massimiliano Panu, Moongateclimber, Moroboshi, No2, Yiyi, 14 Modifiche anonime Gabber (sottocultura) Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=61316757 Autori:: Amos-story, Ary29, Asdalol, Elitre (WMF), Eumolpo, Gabbahead., Gambo7, Guidomac, Horcrux92, M&A, Marco Plassio, Massimiliano Panu, Mety, Mety33, Midnight bird, NewLibertine, No2, Peppo, Pracchia-78, RobyBS89, Rojelio, Shardanaa, The Polish, ValterVB, Vituzzu, Weirdnata, ^musaz, 78 Modifiche anonime Gay skinhead Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=61644707 Autori:: Absinthe, AttoRenato, Bart ryker, BohemianRhapsody, Eumolpo, G.dallorto, Lollus, Marcok, Mau db, Migel Sances Huares, Nevermindfc, NewLibertine, No2, Okkiproject, Petit Pinko, StrayToaster, 6 Modifiche anonime Grunge Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=61676653 Autori:: -Sersen-, .anaconda, Alec, AlexJacob, Alfreddo, AnjaQantina, Ary29, AttoRenato, Azrael555, Bart ryker, Baruneju, Basstab, Benjamin Burnley 92, BlackOrestes, Cantaru, CapPixel, Cinzia, Cloj, Cotton, Cropcircles, Cyborg 004, Dardorosso, Demart81, Dread83, Eumolpo, Fil, Fra dimo, Frack, Freddyballo, Frieda, Furyo Mori, Gabrio, Gac, Gacio, Giannib, Guidomac, Hashar, Heavymachinegun, Horcrux92, IlPasseggero, Isacco Nucleare, Jk3000, Joe mentina, JohnnnyRotten9999, KS, Kaleido, Klaudio, Kurdt, Kurt Eugen Graf von Schleicher, Lemke, Linx, Lollus, Lucas, Luciogiovanni, Luigi210879, Luisa, Manusha, MapiVanPelt, Marcok, Marius, MarkyRamone92, Massimiliano Panu, Meat Puppet, MetalMonkey, Midnight bird, Moloch981, Moonska, Mpiva, Mr buick, MusicLover650, Mydeadflower, Nachash, Nadni, Nalegato, No2, NuM3tal95, Numbo3, Pallicca, Pequod76, Phantomas, Ppalli, Quatar, Quiet-tiz, R0tAbLe, Remulazz, Retaggio, Sannita, Sanremofilo, SbiellONE, Sbisolo, Seifer79, Senpai, Snowdog, Soprano71, Suisui, Superchilum, Telespallapippa, Template namespace initialisation script, Tenebroso, Ticket 2010081310004741, Tizianozep, Torsolo, Twice25, Valexer, Viames, XROBYx, Yosri, ^musaz, 229 Modifiche anonime Happy slapping Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=56776819 Autori:: .snoopy., Agnellino, Fabio.gastone, Gacio, Giannilu98, Helios, Jacklab72, Pil56, Pippomone, 3 Modifiche anonime Hate-Edge Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=55595504 Autori:: Alleborgo, Felisopus, Horcrux92, Ines, Lollus, Marcok, Moongateclimber, Pil56, Sandr0, Stefano Trento, Veneziano, 8 Modifiche anonime Herbert Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=56784738 Autori:: BohemianRhapsody, Caulfield, Fil, Gacio, Horcrux92, Lollus, Mikelima, No2, Nrykko, Okkiproject, Sbisolo, Syrio, Triple 8, 13 Modifiche anonime Hippy Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=62064165 Autori:: Achillu, Afranz, AlMicero, Alberodimele, Amarvudol, AndreA, Ary29, Beechs, Boboseiptu, Bramfab, Buggia, Bultro, Calabash, Dama.jaah, Daniele Pugliesi, Danilo, Dedda71, Elwood, EmSiV, Ermentrude, Eumolpo, Fale, Fiaschi, Fradeve11, Frieda, G.M. Sir Lawrence, Gacio, Giacobino illuminista, Gianfranco, GianmariaRizzardi, Giulyfree, Guidomac, Hal8999, Hashar, Hellis, Ignisdelavega, Ines, Johnlong, Jollyroger, Kal-El, Klaudio, Kurtsb, Lineadombra, Lota197, M7, Macaleph, Manusha, Maquesta, MarRav, Marcok, Maxcip, Medan, Mickey83, Mikelima, MisterMicro, Mogra, Moloch981, Neemia, Nemo bis, Nepalese, NewLibertine, Nicoli, No2, Pakdooik, Paolo ecofilosofia, Pequod76, Phantomas, Piero, Pizzaebirra2008, Psylocibe, Ptolemaios, Quelbravoragazzo, Rabinki, Rael, RanZag, Ripepette, Roger469, Sanremofilo, Senza nome.txt, Shivanarayana, Squattaturi, Suisui, Supernino, Tanet, Taueres, Ticket 2010081310004741, Tizianok, Trikke, Truman Burbank, Valerio79, Viola, Viscontino, Wolf, Xunah, host98-251.pool80117.interbusiness.it, 149 Modifiche anonime Hooligan Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=61437324 Autori:: 4ndr34, Ary29, Beechs, Crisarco, Diuturno, ElfQrin, Fil, Franz Liszt, Freddyballo, Gacio, Gianni Maggio, Giorces, Guidomac, Legendcrow, Lollus, MacLucky, NewLibertine, Pakdooik, Phantomas, Piddu, Piero, Pter, SamInside, Shivanarayana, 47 Modifiche anonime Indiani metropolitani Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=61692665 Autori:: Alemari, Carlinfante, Elbloggers, Framo, Gacio, Ines, Magica, Marco erler, Marte77, Orric, Patafisik, Pequod76, Phantomas, Pizzaebirra2008, Pnc net, Shaka, Truman Burbank, Twice25, 15 Modifiche anonime Inter City Firm Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=58632483 Autori:: AndreA, Ary29, Enok, Fil, Francesco S., Gacio, Mad283, Pakdooik, Pequod76, Puzza87, Ticket 2010081310004741, Tommaso.guerini, 18 Modifiche anonime Jerkin' Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=61371525 Autori:: Carschten, Dani4P, Eumolpo, Johnlong, Masottia, Patafisik, Valerio79, 11 Modifiche anonime Kogal Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=62155949 Autori:: Antonio la trippa, Bart ryker, Dabi, Eumolpo, Joccia, Leoo, Panapp Le Grand Don Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=60804348 Autori:: Alessiopuntoit, Gianfranco, Giulio Bordonaro, Klaudio, Marco 27, Patatinadd, Phantomas, Sailko, Vmoscarda, 10 Modifiche anonime Lgions Noires Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=57360512 Autori:: Andre86, BetweenBronzeWalls, Bultro, Colervs, Dr Zimbu, Formica rufa, MarkyRamone92, Sanremofilo, ValterVB, 3 Modifiche anonime Merry Pranksters Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=61517391 Autori:: Calabash, Caulfield, MisterMicro, Pizzaebirra2008, ShiningStar8380, 3 Modifiche anonime Metallaro Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=61648429 Autori:: Antonius Block, Bramfab, Bultro, Darth Master, Dega180, Eumolpo, Gokuuzumaki1, Gondola, Harlock81, Il$uperGattone, Kronos, L736E, Lucas, M7, Marco Plassio, Marcok, Mauro Tozzi, Niculinux, Pracchia-78, Rago, Sanremofilo, Snow Blizzard, 16 Modifiche anonime

Fonti e autori delle voci


Millwall Bushwackers Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=57547442 Autori:: Eumolpo, Razzairpina Movimento antimafia Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=61889905 Autori:: Antiedipo, Delfort, Delgiudice, Donjel, Formica rufa, Gacio, Horcrux92, Info Centre 2000, Jaqen, Klone123, Mac'ero, Nalya, NewLibertine, Niculinux, Qwan, Sicilarch, Silas Flannery, Trikke, Viscontino, 18 Modifiche anonime Movimento del '77 Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=62173706 Autori:: AKappa, Airon90, AlaVerde, Alessandro Cauli, Apolide, Askeron, BMF81, Blackcat, Bramfab, Bruna Alasia, Campera, Chatcaresse, Demart81, Desade.divinmarchese, Diegofio, Elbloggers, Emanuele Romeres, Etrusko25, Eumolpo, Fabio.gastone, Formica rufa, Fpittui, Framo, Gacio, Generale Lee, Horcrux92, Littoria, MM, Magica, Manliogullotta, Marcok, Marinaccad, Marte77, Maxcip, Menu82, NewLibertine, Nicerba, Niculinux, No2, Pakdooik, Paopp, Phantomas, Pracchia-78, Presbite, Pter, Retaggio, SandorKrasna, Servator, SpeDIt, Stonewall, Superzen, Tanet, Tartarox, Tenebroso, Teocrito, Trixt, Truman Burbank, Wip, 60 Modifiche anonime Movimento Studentesco Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=61986851 Autori:: Ags, Al Pereira, AnjaQantina, BMF81, Bramfab, Bronzino, Calabash, Danilo, Delehaye, Django, Elbloggers, Etrusko25, Formica rufa, Formichino, Gac, Gacio, Gaux, Ilcontestatore, Jose Antonio, Marcok, Marinaccad, Marte77, Nemo bis, NewLibertine, Nicolade, No2, Pakdooik, Paolo.94, REXLEX, Sbisolo, Servator, Squattaturi, Tia solzago, Tiesse, Valepert, Viola sergio, 45 Modifiche anonime Nazi punk Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=57113341 Autori:: Agatodaimon, Barbaking, Delas, Furyo Mori, Gacio, Generale Lee, Indigesto, Klaudio, Lollus, Mac'ero, Marcok, Marcol-it, MarkyRamone92, Metralla, Mystic84, NewLibertine, P tasso, Patafisik, Pepperoni e carciofi, Perozzi, Piddu, Puppybarf, Sbisolo, Senpai, Sirabder87, Stellarossa, Tanet, Taueres, Ticket 2010081310004741, Virnupok, 58 Modifiche anonime L'orda d'oro Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=57788732 Autori:: Elbloggers, Franco56, Giba 73, Marcol-it, Mauro742, Schickaneder, Trixt, Truman Burbank, Wip Paninaro Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=60503505 Autori:: AdBo, Alby1977, Alessandrovittorio 19971962, Alezangrilli, Alkalin, Ary29, Asdf1234, Beechs, Biopresto, Borgil, Brutus, Buggia, Bultro, Carlomorino, Chem, Cloj, Cotton, Crepuscolo1910, Danyele, Dedalus77, Dega180, Desmodromico, Dr Zimbu, Drunkpiper, Fabiusart87, Fabri88, Feddar, Fil, FranzK2, Giocampa, Giovannigobbin, Goldeneye, Guidomac, Gvf, Harlock81, Hellis, Ho Sonno, Ignisdelavega, Klaudio, Kurio, Larry Yuma, Lotho2, LtWorf, Luca Losa, LucaLuca, Luisa, LukeWiller, MARTI00IT, MaEr, Materazzi, Mauro Tozzi, Mokina, Moongateclimber, Mr buick, NastyChris, Numerettiano, Okkiproject, Pakdooik, Paolotacchi, PersOnLine, Phantomas, Pino alpino, Piratozzo, Pracchia-78, Rdocb, Rebeldeparinoz, Ripepette, Roberto1974, Romero, Salvatore53, Samoano, Sbisolo, Shivanarayana, Snow Blizzard, Staffbustocco, StefanoRR, Superchilum, Svalbard, Taueres, Theferro, Tia solzago, Ticket 2010081310004741, Tirinto, To011, Vipera, Watcheach, Wikif, Wikimigi, Yiyi, Zaku, Zerodueotto, 220 Modifiche anonime Pioniere (Unione Sovietica) Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=61046882 Autori:: Rago Proteste degli studenti cileni nel 2011 Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=62075256 Autori:: Asdalol, E-Soter, Eumolpo, Marinaccad, Pietro Chiocca, Pracchia-78, Sanblihac, Sanremofilo, 31 Modifiche anonime Punkabbestia Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=58927375 Autori:: Ablaze85, AmonSl, Biopresto, ChemicalBit, Cloj, DarkAp, Disco2Disco, Djnikkei, Giorgian, Giovannigobbin, Giuseppe luci, Guidomac, Hakumomo, Hanlig, Helios, IlPisano, Joecrazy, Kiado, Konrad lorenz, Larry Yuma, Leoman3000, Loroli, Luca83, Lucas, Manusha, Marukou, Mediano88, Moongateclimber, Mr buick, Nalegato, Nevermindfc, Otrebla86, PaneBiancoLiscio, Pipep, Podest, Rael, Ron Paul, Senpai, Smg, Tenebroso, Ticket 2010081310004741, Vecchiaguardia, Vipera, 78 Modifiche anonime Rave party Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=61977610 Autori:: *Raphael*, .mau., Agnellino, Alexander VIII, Alexjenn, Andreanat, Ariel, Ary29, AttoRenato, Beechs, Biopresto, Caemlyn, ChemicalBit, Dadonene89, Danichiari, Ddosso, Dome, Elwood, Eumolpo, Gac, Gacio, Gan, Gce, Gssdrone1, Hauteville, Horcrux92, Jacopo, Kiado, Manusha, Marie de France, Mindinrave, Moongateclimber, Nick1915, Nikodb07, No2, Ocia87, Osk, PandeF, Phantomas, PsYLo, RanZag, Ranma25783, Revares, Rutja76, Salento81, Sbisolo, Senza nome.txt, Snowdog, SuperVirtual, Tanarus, Ticket 2010081310004741, Trixt, Venusia66, 99 Modifiche anonime Redskin Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=57278205 Autori:: Airon90, Al Pereira, Ary29, El paco, Gliu, NewLibertine, No2, Pakdooik, Paolo.santamato, ZioNicco, 7 Modifiche anonime Rude Boy Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=57116349 Autori:: B3t, Elbloggers, FENIX 89, Fil, Furyo Mori, Gacio, KS, Lagunarock, Lollus, Loox, Malemar, Mystic84, Saccio, Sandr0, Sbisolo, Tenebroso, Ticket 2010081310004741, 40 Modifiche anonime Scooter Boy Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=41997195 Autori:: AdBo, BohemianRhapsody, Caulfield, Fil, Gacio, Lollus, Marco Plassio, Marte77, Pil56, Sbisolo, Ticket 2010081310004741, 3 Modifiche anonime Skin88 Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=62171039 Autori:: Airon90, AlMicero, AlessioEnnesse, Amux, Barbicone, Biopresto, Den Hvite Guden, Etrusko25, Eumolpo, Fil, Furyo Mori, G.dallorto, Gacio, Generale Lee, Grandeepopea, Guidomac, Helios, Horcrux92, JaynFM, Lollus, Malemar, Marcok, Marte77, Massimiliano Panu, NewLibertine, No2, Oi skrewdriver, Okkiproject, Paolo.santamato, Pepperoni e carciofi, Pracchia-78, Quatar, RedPuma, Sbisolo, Shivanarayana, Sirabder87, Tanet, Virnupok, Vituzzu, 103 Modifiche anonime Skinhead Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=60772709 Autori:: .jhc., Absinthe, Airon90, Al Pereira, AlessioEnnesse, AndreA, Austro, Bafe, Barbaking, Beechs, Biopresto, BohemianRhapsody, Brownout, Calabash, Castagna, Ciosbo, Civv, Cruccone, Cyberuly, Damiel, Dedda71, Dega180, Deliriumtremens, Den Hvite Guden, Denierbud, Dommac, Eddiestubbard, Elbloggers, Emme17, Emysimo, Ermannoclaypool, Etrusko25, Eumolpa, Fafabifiofo, Fil, GBG, Gabrasca, Gacio, Gambo7, Giuliano56, Grifone87, Helios, Horcrux92, Ignisdelavega, Il Rappo, Ita01, Jacopo, Jollyroger, Kevor, Klaudio, Lollus, Lucas, Luisa, Lumage, M7, Malemar, MartcusMCMLXXXIX, Ned338, Nemo bis, NewLibertine, No2, Okkiproject, Otrebla86, Outer root, P tasso, Paolo.santamato, Patafisik, Phantomas, Pracchia-78, Razzairpina, Ripepette, S.cavanna, Sandr0, Sbisolo, Sic1986, SkY`, Skin91, Snow Blizzard, Snowdog, Sparapaino, Stefano Trento, StrayToaster, Tanet, Tanonero, Taueres, Tenebroso, Ticket 2010081310004741, Tomi, Ub, Vmoscarda, Zagor te nay, 421 Modifiche anonime Summer of Love Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=61337302 Autori:: %Pier%, AlMicero, Ciospo, Danyele, Jalo, Marcok, Pizzaebirra2008, Sailko, 12 Modifiche anonime Tampax (rivista ed editrice) Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=61189540 Autori:: Alberodimele, Calabash, Capitan nuvola, Chiyako92, Eumolpo, Hal8999, Kal-El, Mercedes Benz, 18 Modifiche anonime Teddy Boy Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=57117720 Autori:: *Raphael*, Civv, Daniele Pugliesi, Dommac, Formica rufa, Gabbiere, Gacio, Gonne junior, Ines, LadyF, Larry Yuma, LodA, Lollus, Mizardellorsa, Nalegato, Quellogrosso, Ricce, Sbisolo, Scalimani, Under, Valerio79, WTM, 16 Modifiche anonime Trojan skinhead Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=58932874 Autori:: Absinthe, BohemianRhapsody, Fil, Larry Yuma, Lollus, Malemar, Marte77, NewLibertine, Okkiproject, Paolo.santamato, Patafisik, RedPuma, Sbisolo, Ticket 2010081310004741, 17 Modifiche anonime Ultras Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=62055827 Autori:: .snoopy., 2diPikke, AAVUF, Airlann, AlessioEnnesse, Alexander VIII, Alpi84genova, Aquilelupo, Beechs, Bramfab, Broussardc, Buggia, Bultro, C.s.9.1.1900, CK PE, Caemlyn, Carcarlo, Chem, Chemako0606, Civv, Crepuscolo1910, Crisarco, CvlPla, Danilo, Doc.mari, Domyinik, Earthquake, El paco, Elfeliz, Enok, Er Cicero, Erpaolo9, Eumolpo, FENIX 89, Fabior1984, Fede The Game, Fil, Fire90, Fradi321, Frigotoni, Furyo Mori, Gabro999, Gacio, Gasolino, Gentedimare, Giacomo Seics, Gianckydimaio, Giuse93, Grigio60, Guidomac, Hooman79, Horcrux92, Impressioni di Settembre, IndyJr, Ines, Jalo, Japhysmith, Jaqen, Joana, Johnlong, Kaspo, Klamm, Kranio77, Lilgioz, Lo berti, Lucas, Lueteo, Luisa, MacLucky, MattSid, Maximix, Mess, Mikils, Mitropank, Mondo Ultr, Nicpac, Nordavind, Nrykko, Onetonycousins, Pakdooik, Paul Gascoigne, Pequod76, Phantomas, Phyk, Piddu, Pietro Chiocca, Pil56, Pracchia-78, Prof.Quatermass, Qbert88, Quoniam, Ragazzzo, Razzairpina, Redsun, Rinella Cere, Rl89, SLAS's son, Sandokan1991, Santeria, Sconvoltspisa87, Senpai, Shivanarayana, Simo82, Snowdog, Tanonero, Taueres, Theirrulez, Thorin III, Triph, Valepert, Vipera, Vituzzu, Wanjan, 432 Modifiche anonime Voortrekkers (movimento giovanile) Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=57184814 Autori:: Aracuano, Moongateclimber, Superchilum Yo Soy 132 Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=61462294 Autori:: Bbruno, BohemianRhapsody, Eumolpo, Gac, Marcolopezdiaz, Pegna, Pracchia-78, Ryuu, 2 Modifiche anonime Youth crew Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=60744215 Autori:: Ary29, Barbaking, Horcrux92, Lollus, Manusha, MarkyRamone92, Sanremofilo, Sbisolo, Sirabder87, 9 Modifiche anonime Yuppie Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=61405283 Autori:: Al Pereira, Alezangrilli, AndreA, Blues 1911, Cat on venus, Caterpillar86, Danyele, Dzag, Emc2, Fale, Gacio, Guidomac, Ines, Lacoonte, ManigoldodiCancer, Manusha, Medan, Nick.eaglet, No2, Panapp, Quelbravoragazzo, Sixam, Stc, Stefania75, Tano-kun, Trikke, Valepert, Wikimigi, 46 Modifiche anonime

166

Fonti, licenze e autori delle immagini

167

Fonti, licenze e autori delle immagini


File:Logo_movimento_"Ammazzateci_Tutti".jpeg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Logo_movimento_"Ammazzateci_Tutti".jpeg Licenza: Creative Commons Attribution 3.0 Autori:: Ethicom File:Flag of Italy.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Flag_of_Italy.svg Licenza: Public Domain Autori:: see below File:Ammazzateci_Tutti_in_corteo.jpeg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Ammazzateci_Tutti_in_corteo.jpeg Licenza: Creative Commons Attribution 3.0 Autori:: Ethicom File:Coat_of_arms_of_Calabria.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Coat_of_arms_of_Calabria.svg Licenza: Public Domain Autori:: Cycn, DenghiComm, Fale, Madden, Ricordisamoa, Salli, Sinigagl, 1 Modifiche anonime File:Italy looking like the flag.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Italy_looking_like_the_flag.svg Licenza: GNU Free Documentation License Autori:: es:Usuario:Mnemoc File:Stub sociologia.png Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Stub_sociologia.png Licenza: Creative Commons Attribution 2.5 Autori:: Giac83, Lucas File:Black Bloc Hamburg.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Black_Bloc_Hamburg.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Autori:: Autonome NewsflasherInnen File:Black bloc.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Black_bloc.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Autori:: Uploaded by Anarkman File:Black block.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Black_block.jpg Licenza: Copyrighted free use Autori:: sasho (nospam) a-bg.org File:WCWProtestor with GasMask.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:WCWProtestor_with_GasMask.jpg Licenza: Creative Commons Attribution 2.5 Autori:: Andrew Selman Immagine:Exquisite-kfind.png Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Exquisite-kfind.png Licenza: GNU General Public License Autori:: Guppetto File:Commons-logo.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Commons-logo.svg Licenza: logo Autori:: SVG version was created by User:Grunt and cleaned up by 3247, based on the earlier PNG version, created by Reidab. File:BlackFlagSymbol.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:BlackFlagSymbol.svg Licenza: Creative Commons Attribution 3.0 Autori:: Original uploader was Jsymmetry at en.wikipedia File:Crystal personal.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Crystal_personal.svg Licenza: GNU Lesser General Public License Autori:: Everaldo Coelho; see upload log File:Black metal - graffity in euronymous' basement.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Black_metal_-_graffity_in_euronymous'_basement.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Autori:: Marieke Kuijjer File:Stub metal.png Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Stub_metal.png Licenza: Public Domain Autori:: Utente:Rosco File:Soccerball shade.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Soccerball_shade.svg Licenza: Public Domain Autori:: Derived from image:soccer ball.svg, this version made by User:Ed g2s. File:Kuser.png Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Kuser.png Licenza: GNU Free Documentation License Autori:: Civv, Ines File:SummerTek2007Pnrl.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:SummerTek2007Pnrl.jpg Licenza: Public Domain Autori:: Dadonene89 File:KrnlPnkCrksAlnLprd.15.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:KrnlPnkCrksAlnLprd.15.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Dadonene89 File:Flare.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Flare.JPG Licenza: GNU Free Documentation License Autori:: Ardfern, Sand File:Newyearparty2013.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Newyearparty2013.JPG Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Dadonene89 File:Trakkas&Metro Soundsystem.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Trakkas&Metro_Soundsystem.jpg Licenza: Public Domain Autori:: Dadonene89 File:Soundwall.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Soundwall.JPG Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Dadonene89 File:Karnival'13.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Karnival'13.JPG Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Dadonene89 File:DontstopBeat2.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:DontstopBeat2.JPG Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Dadonene89 File:250107 1387982634952 1693674226 647441 243290 n.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:250107_1387982634952_1693674226_647441_243290_n.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Dadonene89 File:MeetingRave.Italy.2011.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:MeetingRave.Italy.2011.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Dadonene89 File:Nnm-hzrd-tknmtv Italy.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Nnm-hzrd-tknmtv_Italy.JPG Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Dadonene89 File:SolsticeCelebration.SnPrt,Lbrntz,Rvltt,Trkrz..JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:SolsticeCelebration.SnPrt,Lbrntz,Rvltt,Trkrz..JPG Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Dadonene89 File:WitchTek2010.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:WitchTek2010.JPG Licenza: Copyrighted Free Use Autori:: Dadonene89 File:Rifiuti a festa.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Rifiuti_a_festa.JPG Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Dadonene89 File:TeloneFesta.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:TeloneFesta.JPG Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Dadonene89 File:FrkKrnvl12.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:FrkKrnvl12.JPG Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Dadonene89 File:Teuffetetee.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Teuffetetee.JPG Licenza: Public Domain Autori:: Dadonene89 File:NewYearParty12.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:NewYearParty12.JPG Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Dadonene89 File:Logo Spiral Tribe.png Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Logo_Spiral_Tribe.png Licenza: Public Domain Autori:: arone File:Trakkas-Nonem.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Trakkas-Nonem.jpg Licenza: Public Domain Autori:: Dadonene89 File:Chenilval 006.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Chenilval_006.jpg Licenza: Creative Commons Attribution 2.5 Autori:: ZigZageur File:Chamblay 032.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Chamblay_032.jpg Licenza: Creative Commons Attribution 2.5 Autori:: ZigZageur File:EnFrane.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:EnFrane.JPG Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Dadonene89 File:252773 1387975194766 1693674226 647396 5182224 n.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:252773_1387975194766_1693674226_647396_5182224_n.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Dadonene89 File:Free Party.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Free_Party.JPG Licenza: Public Domain Autori:: Dadonene89 File:Rave nel Salento 2.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Rave_nel_Salento_2.JPG Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: Salento81 File:WitchTekitaly.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:WitchTekitaly.jpg Licenza: Public Domain Autori:: Dadonene89 File:Teuf Free Party Cahors.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Teuf_Free_Party_Cahors.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Autori:: User:Atomcomputer File:Czechtek 2001.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Czechtek_2001.JPG Licenza: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Autori:: mujinga File:Dutchtek aug 2001.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Dutchtek_aug_2001.JPG Licenza: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Autori:: mujinga File:Chenilval 007.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Chenilval_007.jpg Licenza: Creative Commons Attribution 2.5 Autori:: ZigZageur File:Larzac 2003 - Panoramix 01.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Larzac_2003_-_Panoramix_01.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Autori:: Nom (Percherie) File:Chenilval 020.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Chenilval_020.jpg Licenza: Creative Commons Attribution 2.5 Autori:: ZigZageur File:Chamblay 018.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Chamblay_018.jpg Licenza: Creative Commons Attribution Autori:: Original uploader was ZigZageur at fr.wikipedia File:Shivamoon.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Shivamoon.JPG Licenza: Public Domain Autori:: Dadonene89 File:Faunax.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Faunax.JPG Licenza: Public Domain Autori:: Dadonene89

Fonti, licenze e autori delle immagini


File:Gabberine gabber.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Gabberine_gabber.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Luca-marchi File:GABBERONE gabber.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:GABBERONE_gabber.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Luca-marchi File:Gabberina gabber.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Gabberina_gabber.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Luca-marchi File:GABBERONE 2 gabber.png Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:GABBERONE_2_gabber.png Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Luca-marchi File:thundergabba gabber.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Thundergabba_gabber.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Luca-marchi File:Buffalo boots.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Buffalo_boots.jpg Licenza: Public Domain Autori:: Zapicos File:AirmaxBWJPG.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:AirmaxBWJPG.jpg Licenza: Public Domain Autori:: La premire version a t uploade par RapidAssistant sur en.wikipedia. La dernire version a t uploade par Iain sur en.wikipedia. File:Early Hardcore symbol.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Early_Hardcore_symbol.svg Licenza: Public Domain Autori:: Ftiercel at en.wikipedia File:GClef.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:GClef.svg Licenza: Public Domain Autori:: File:Skinheads and tattoo.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Skinheads_and_tattoo.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Autori:: andrew File:Gay_flag.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Gay_flag.svg Licenza: Public Domain Autori:: and subsequent editors File:Gruntruck - Copyright John Leach 1992.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Gruntruck_-_Copyright_John_Leach_1992.jpg Licenza: Creative Commons Attribution 3.0 Autori:: Johnleachphotography (talk)John Leach. Original uploader was Johnleachphotography at en.wikipedia File:U-Men at the Bat Cave Seattle.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:U-Men_at_the_Bat_Cave_Seattle.jpg Licenza: Creative Commons Attribution 3.0 Autori:: Globalknitting File:Nirvana around 1992.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Nirvana_around_1992.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Autori:: P.B. Rage from USA File:Axl rose in israel.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Axl_rose_in_israel.jpg Licenza: GNU Free Documentation License Autori:: Original uploader was - at he.wikipedia File:Crest.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Crest.svg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Dereckson File:Crystal Clear app kguitar.png Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Crystal_Clear_app_kguitar.png Licenza: GNU Free Documentation License Autori:: CommonsDelinker, CyberSkull, Donald442, Hautala, Kilom691, Mentifisto, Rocket000, 2 Modifiche anonime File:RussianRainbowGathering 4Aug2005.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:RussianRainbowGathering_4Aug2005.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Autori:: Alexkon, Cathy Richards, Dodo, Howcheng, Marcus n, Sargoth, Trilliumz, 21 Modifiche anonime File:Moskow_hippie.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Moskow_hippie.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Feddim File:TieDyeShirtMpegMan.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:TieDyeShirtMpegMan.jpg Licenza: GNU Free Documentation License Autori:: Original uploader was MpegMan at en.wikipedia Immagine:Flower-Power Bus.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Flower-Power_Bus.jpg Licenza: GNU Free Documentation License Autori:: Johannes Aubele by de:Benutzer:Joooo File:Woodstock redmond cocker.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Woodstock_redmond_cocker.JPG Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Autori:: Derek Redmond and Paul Campbell Immagine:Woodstock redmond hair.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Woodstock_redmond_hair.JPG Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Autori:: Derek Redmond and Paul Campbell File:DirkvdM Rainbow Gathering-1.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:DirkvdM_Rainbow_Gathering-1.jpg Licenza: sconosciuto Autori:: Cathy Richards, DirkvdM, Infrogmation, Sargoth, Wst File:Be Your Own Goddess art bus (1967 VW Kombi) IMG 0136.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Be_Your_Own_Goddess_art_bus_(1967_VW_Kombi)_IMG_0136.JPG Licenza: Public Domain Autori:: User Montrose Patriot on en.wikipedia File:Peace symbol.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Peace_symbol.svg Licenza: sconosciuto Autori:: Fibonacci, Huhsunqu, Interpretix, J.delanoy, Jahoe, MHM55, Man vyi, Mogelzahn, Rd232, Rtc, Sarang, Senator2029, Wereon, Wknight94, Wouterhagens, Wst, 2 Modifiche anonime File:Sharing a joint.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Sharing_a_joint.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: Wikiwatcher1 File:Gypsy Van Front.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Gypsy_Van_Front.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Autori:: User Founders4 on en.wikipedia File:Gypsy Van Interior.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Gypsy_Van_Interior.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Autori:: Founders4 on en.wiki File:1981 People Pix.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:1981_People_Pix.jpg Licenza: Creative Commons Attribution 2.5 Autori:: Original uploader was Mombas at en.wikipedia File:Wiktionary small.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Wiktionary_small.svg Licenza: logo Autori:: User:F l a n k e r File:Hooligans of Spartak Moscow.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Hooligans_of_Spartak_Moscow.jpg Licenza: Attribution Autori:: Amarhgil File:Plastic chairs on the stadion broken by soccer hooligans. Bryansk, Russia, 2008.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Plastic_chairs_on_the_stadion_broken_by_soccer_hooligans._Bryansk,_Russia,_2008.jpg Licenza: Creative Commons Attribution 3.0 Autori:: Zac allan (talk) File:Pupazzo lama.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Pupazzo_lama.jpg Licenza: Public Domain Autori:: Bramfab File:Roma 1977, graffity.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Roma_1977,_graffity.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: Magica File:Kids jerkin.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Kids_jerkin.jpg Licenza: Creative Commons Attribution 3.0 Autori:: Original uploader was Pappy068 at en.wikipedia File:Ballet dancer symbol.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Ballet_dancer_symbol.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: shakko File:Kogal.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Kogal.jpg Licenza: Creative Commons Attribution 2.0 Autori:: pepewk File:Loosesockswp.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Loosesockswp.jpg Licenza: GNU Free Documentation License Autori:: Mike Chachich File:Glam.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Glam.jpg Licenza: Creative Commons Attribution 2.0 Autori:: You can love me or hate me. I swear it won't make me or break me. File:Flag and map of Japan.png Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Flag_and_map_of_Japan.png Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: Elmor File:Signorina in viola.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Signorina_in_viola.svg Licenza: Public Domain Autori:: Architetto Francesco Rollandin File:Le grand don paris 02-050305.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Le_grand_don_paris_02-050305.jpg Licenza: Copyrighted free use Autori:: http://granddon.free.fr File:Le grand don paris 01-050305.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Le_grand_don_paris_01-050305.jpg Licenza: Copyrighted free use Autori:: http://granddon.free.fr File:Le grand don palermo 01.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Le_grand_don_palermo_01.JPG Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Autori:: Gruppo arte urbana Fermento, Giulio Bordonaro File:Le grand don paris 03-110206.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Le_grand_don_paris_03-110206.jpg Licenza: Copyrighted free use Autori:: http://granddon.free.fr File:Flyer grand don paris 130304.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Flyer_grand_don_paris_130304.jpg Licenza: Copyrighted free use Autori:: http://granddon.free.fr File:Le grand don palermo 02.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Le_grand_don_palermo_02.JPG Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Autori:: Gruppo arte urbana Fermento, Giulio Bordonaro File:Grandedonogiu.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Grandedonogiu.JPG Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0,2.5,2.0,1.0 Autori:: Alessiopuntoit File:Grandedonopiccola.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Grandedonopiccola.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0,2.5,2.0,1.0 Autori:: Alessiopuntoit Immagine:Furthur 02.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Furthur_02.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Autori:: Joe Mabel

168

Fonti, licenze e autori delle immagini


Immagine:Furthur 01.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Furthur_01.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Autori:: Joe Mabel File:Studded bangle.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Studded_bangle.jpg Licenza: GNU Free Documentation License Autori:: Bohme, Nosferatu it, Schekinov Alexey Victorovich, 1 Modifiche anonime File:Metallarimilano81.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Metallarimilano81.jpg Licenza: Public Domain Autori:: Utente:Kronos File:HeavyMetalJckt.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:HeavyMetalJckt.jpg Licenza: Public Domain Autori:: A metalhead in Boston. Original uploader was Sgusaman at en.wikipedia File:Arvulu Falcone.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Arvulu_Falcone.JPG Licenza: Public Domain Autori:: Klone123 File:Capitello modanatura mo 01.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Capitello_modanatura_mo_01.svg Licenza: Public Domain Autori:: Dorieo, Helix84, Nick1915 File:Femministe.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Femministe.jpg Licenza: Public Domain Autori:: Marte77 File:Fori di proiettile Bologna.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Fori_di_proiettile_Bologna.jpg Licenza: Public Domain Autori:: Marte77 File:Poliziottoarmato1.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Poliziottoarmato1.jpg Licenza: Public Domain Autori:: Bramfab, 2 Modifiche anonime File:Blindati bologna.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Blindati_bologna.jpg Licenza: Public Domain Autori:: Bramfab, 1 Modifiche anonime File:Anni di piombo2.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Anni_di_piombo2.jpg Licenza: Public Domain Autori:: Bramfab, Generale Lee, 2 Modifiche anonime File:ViaFani 2.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:ViaFani_2.jpg Licenza: Public Domain Autori:: Blackcat, Bramfab, Elbloggers, Stonewall, Wolf File:Flickr - trialsanderrors - The Colosseum, Rome, Italy, ca. 1896.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Flickr_-_trialsanderrors_-_The_Colosseum,_Rome,_Italy,_ca._1896.jpg Licenza: Creative Commons Attribution 2.0 Autori:: trialsanderrors File:Foto21.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Foto21.jpg Licenza: Public Domain Autori:: Bramfab File:Movimento-studentesco-in-ga.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Movimento-studentesco-in-ga.jpg Licenza: Public Domain Autori:: Bramfab File:Roberto Franceschi.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Roberto_Franceschi.jpg Licenza: Public Domain Autori:: Bramfab, Giuliano56, Valepert File:Wikiquote-logo.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Wikiquote-logo.svg Licenza: Public Domain Autori:: -xfi-, Dbc334, Doodledoo, Elian, Guillom, Jeffq, Krinkle, Maderibeyza, Majorly, Nishkid64, RedCoat, Rei-artur, Rocket000, 11 Modifiche anonime Image:BigMacAustralia.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:BigMacAustralia.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Autori:: User:AYArktos File:Enzo Braschi - Italian Fast Food.JPG Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Enzo_Braschi_-_Italian_Fast_Food.JPG Licenza: sconosciuto Autori:: Utente:Pakdooik Immagine:DuranDuran live.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:DuranDuran_live.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Autori:: Franco Lo Forte File:Pioneers pin rs.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Pioneers_pin_rs.svg Licenza: Public Domain Autori:: Pioneers_pin.svg: *Scanned pin by: EugeneZelenko Vector version by: Ahnode derivative work: Ahnode (talk) File:La educacin no se vende.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:La_educacin_no_se_vende.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Autori:: simenon File:Liceo andres bello en toma.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Liceo_andres_bello_en_toma.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Share Alike Autori:: Arielxsk8 File:Uncle Sebastian.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Uncle_Sebastian.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Raulignacio File:Sebastin Piera anuncia el GANE.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Sebastin_Piera_anuncia_el_GANE.jpg Licenza: sconosciuto Autori:: lex Ibaez File:Camila Vallejo.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Camila_Vallejo.jpg Licenza: Creative Commons Attribution 2.0 Autori:: Manuel Venegas File:La educacin no cabe en tu Moneda.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:La_educacin_no_cabe_en_tu_Moneda.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Autori:: Osmar Valdebenito File:Protestas en Santiago, 4 de agosto de 2011 - 8.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Protestas_en_Santiago,_4_de_agosto_de_2011_-_8.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Autori:: simenon simenon File:Free education protests Pichilemu.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Free_education_protests_Pichilemu.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Autori:: User:Diego Grez File:Stub universit.png Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Stub_universit.png Licenza: GNU Free Documentation License Autori:: Jalo File:GutterPunksDecaturStreet2002.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:GutterPunksDecaturStreet2002.jpg Licenza: Creative Commons Attribution 2.0 Autori:: FlickreviewR, Illegitimate Barrister, Infrogmation, Surf Dog File:RaveOn.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:RaveOn.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Autori:: Christian Kadluba from Vienna, Austria File:Stub_comunismo.png Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Stub_comunismo.png Licenza: Public domain Autori:: Andie, Skyluke File:Red flag waving.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Red_flag_waving.svg Licenza: Public Domain Autori:: Wereon File:Africa icon.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Africa_icon.svg Licenza: Creative Commons Sharealike 1.0 Autori:: File:Location of Africa.svg: maix? derivative work: Ricordisamoa File:Stub reggae.png Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Stub_reggae.png Licenza: Public domain Autori:: FENIX 89, 2 Modifiche anonime Immagine:Neo-Nazi Skinhead.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Neo-Nazi_Skinhead.jpg Licenza: GNU Free Documentation License Autori:: Fotograf: Ludwig Urning Immagine:Symbolique-bonehead.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Symbolique-bonehead.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-ShareAlike 1.0 Generic Autori:: Original uploader was Rash-ge at fr.wikipedia File:Skinheads in London City in 1981 aefcb.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Skinheads_in_London_City_in_1981_aefcb.jpg Licenza: Creative Commons Attribution 2.0 Autori:: nicksarebi File:Skingirls 3088254.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Skingirls_3088254.jpg Licenza: Creative Commons Attribution 2.0 Autori:: PSICO--MOD File:Hoxton Tom McCourt 1977.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Hoxton_Tom_McCourt_1977.jpg Licenza: GNU Free Documentation License Autori:: the4Skins2004 File:Neonazi-skinheads-weiss-und-stolz.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Neonazi-skinheads-weiss-und-stolz.jpg Licenza: GNU Free Documentation License Autori:: Marek Peters, Mfield, Mladifilozof, Str4nd, 5 Modifiche anonime File:Anti-fascist skinhead in Canada 13427.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Anti-fascist_skinhead_in_Canada_13427.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Autori:: thivierr File:Skinheads Against Racial Prejudice 2.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Skinheads_Against_Racial_Prejudice_2.jpg Licenza: Public Domain Autori:: Cathy Richards, ElFeniX-JJAA, Escoria79 File:Red and Anarchist Skinheads logo.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Red_and_Anarchist_Skinheads_logo.svg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0,2.5,2.0,1.0 Autori:: Zafx File:Skinheads in Cuba 1994.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Skinheads_in_Cuba_1994.jpg Licenza: Creative Commons Attribution 2.0 Autori:: Torjussen File:MA-1 Jacket in petrol.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:MA-1_Jacket_in_petrol.jpg Licenza: GNU Free Documentation License Autori:: Original uploader was Spuggie at en.wikipedia File:Dr Martens, black, old.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Dr_Martens,_black,_old.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Autori:: User:Tarquin File:Eagle with fasces.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Eagle_with_fasces.svg Licenza: Public Domain Autori:: F l a n k e r File:Jazzstubartwork.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Jazzstubartwork.svg Licenza: GNU Free Documentation License Autori:: User:Stannered File:UK Outline and Flag.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:UK_Outline_and_Flag.svg Licenza: Public Domain Autori:: Inductiveload Immagine:Peace symbol.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Peace_symbol.svg Licenza: sconosciuto Autori:: Fibonacci, Huhsunqu, Interpretix, J.delanoy, Jahoe, MHM55, Man vyi, Mogelzahn, Rd232, Rtc, Sarang, Senator2029, Wereon, Wknight94, Wouterhagens, Wst, 2 Modifiche anonime Immagine:Aldo_Piromalli.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Aldo_Piromalli.jpg Licenza: Public Domain Autori:: Mercedes Benz Immagine:Gianni Milano anni sessanta.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Gianni_Milano_anni_sessanta.jpg Licenza: Public Domain Autori:: Giac83

169

Fonti, licenze e autori delle immagini


File:Nuvola_apps_knewsticker.png Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Nuvola_apps_knewsticker.png Licenza: GNU Lesser General Public License Autori:: AVRS, Alno, Alphax, F l a n k e r, Liftarn, Luinfana, PFHLai, Pseudomoi, Shizhao, Tkgd2007, 1 Modifiche anonime File:Tifosi fiorentina.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Tifosi_fiorentina.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Autori:: Pedro Varela from Porto, Portugal File:YoSoy132.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:YoSoy132.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Autori:: Marianna Fierro from DF, Mxico File:MarchaYoSoy132.jpg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:MarchaYoSoy132.jpg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Autori:: MaloMalverde from Mxico, D.F., Mxico File:Llegada al Monumento a la Patria; Merida, MarchaYoSoy132.ogv Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Llegada_al_Monumento_a_la_Patria;_Merida,_MarchaYoSoy132.ogv Licenza: Creative Commons Attribution 3.0 Autori:: Ecemaml, Pegna File:35mm film frames.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:35mm_film_frames.svg Licenza: Creative Commons Zero Autori:: User:Ebaychatter0 File:Mexico Flag Map.svg Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Mexico_Flag_Map.svg Licenza: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Autori:: Lokal_Profil

170

Licenza

171

Licenza
Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 //creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/