Sei sulla pagina 1di 13

Sostituisce la brochure del 10/ 01

05 / 06

Utilizza i TIRAFONDI PEIKKO!

www.peikko.it

1. DESCRIZIONE DEL SISTEMA ............................................................................................. 3 2. DIMENSIONI E MATERIALI.................................................................................................. 4 3. PRODUZIONE ....................................................................................................................... 5


3.1 Metodi di produzione........................................................................................................................................................... 5 3.2 Tolleranze di produzione..................................................................................................................................................... 5 3.3 Controllo di qualit.............................................................................................................................................................. 5

4. CAPACIT............................................................................................................................. 5 5. APPLICAZIONI ...................................................................................................................... 6


5.1 Limitazioni delle applicazioni............................................................................................................................................. 6 5.2 Principi di progetto .............................................................................................................................................................. 6 5.2.1 Principi di applicazione .................................................................................................................................................. 6 5.2.2 Principi di calcolo ........................................................................................................................................................... 6 5.2.3 Requisiti del cemento e correzione dei fattori di capacit ............................................................................................. 7 5.2.4 Distanza minima dallestremit al centro e fissaggio dellarmatura delle fondazioni per tirafondi lunghi ................. 7 5.2.5 Distanza minima dallestremit al centro e fissaggio dellarmatura delle fondazioni per tirafondi corti .................... 8 5.2.6 Fattori di correzione della capacit............................................................................................................................... 10

6. MONTAGGIO....................................................................................................................... 11
6.1 Equipaggiamento ed accessori.......................................................................................................................................... 11 6.2 Montaggio dei tirafondi e loro tolleranze........................................................................................................................ 11 6.3 Piegatura dei tirafondi....................................................................................................................................................... 12 6.4 Saldatura dei tirafondi ...................................................................................................................................................... 12 6.5 Montaggio dei pilastri........................................................................................................................................................ 13

7. CONTROLLO DEL MONTAGGIO ...................................................................................... 13


7.1 Istruzioni per il controllo del montaggio dei bulloni ..................................................................................................... 13 7.2 Istruzioni per il controllo del montaggio dei pilastri ..................................................................................................... 13

1. DESCRIZIONE DEL SISTEMA


Gli sforzi di trazione e compressione agenti alla base di strutture prefabbricate in c.a. vengono trasferite alle strutture di fondazione in cemento armato dai tirafondi Peikko. Ci sono due tipi di tirafondi PPM e HPM: - tirafondi lunghi (PPM/P e HPM/P) - tirafondi corti (PPM/L e HPM/L) I tirafondi lunghi trasmettono gli sforzi di trazione e compressione per aderenza dalle barre al calcestruzzo della struttura. I tirafondi corti trasmettono gli sforzi per aderenza dalle barre al calcestruzzo della struttura e mediante le teste a martello. La rottura del calcestruzzo per pry out misura la resistenza a taglio del tirafondo. Impiego dei tirafondi di ancoraggio: - in connessioni per pilastri in cemento armato con le scarpe per pilastro - in connessioni per pilastri in acciaio - in connessioni per pareti in cemento armato con le scarpe per pareti - in connessioni per travi in cemento armato con le scarpe per travi - nel fissaggio di macchine al cemento armato

Figura 1

Tirafondi in connessioni per pilastri in acciaio e pilastri in cemento armato

2. DIMENSIONI E MATERIALI
Materiali: Barre ad ader. miglior. Barre filettate Rondelle Dadi Tab. 1 A500HW BSt500S Imacro M S355JO classe resistenza 8.8 SFS 1215 DIN 488, prEN 10080-1:1999 fyk 770 MPa (t < 35 mm) fyk 700 MPa (t > 35 mm) EN 10025 / DIN 7349 EN ISO 4032 / DIN 934

Dimensioni [mm], pesi [kg] e superficie [mm2] dei tirafondi HPM


A superficie tensione el. filetto 157 245 352 561 817 976 Barre ader.miglior. 16 20 25 32 40 40 rondelle 38-6 46-6 56-6 65-8 80-8 90-10 HPM/P L 810 1000 1160 1420 1700 2000 peso 1.7 2.9 4.9 9.4 17.9 21.1 L 280 350 430 500 700 700 HPM/L peso 0.9 1.4 2.1 4.0 8.3 9.0

HPM 16 HPM 20 HPM 24 HPM 30 HPM 36 HPM 39

140 140 170 190 200 200

Tab. 2

Dimensioni [mm], pesi [kg] e superficie [mm2] dei tirafondi PPM


A superficie tensione el. filetto 303 459 561 817 976 1306 1758 2362 Barre ader.miglior. 220 225 225 420 325 425 432 432 rondelle 56-6 65-8 65-8 80-8 90-10 100-10 100-12 115-15 PPM/P L 1190 1415 1705 1450 1815 1825 1930 2490 peso 6.0 11.5 14.1 15.7 23.5 31.1 50.0 70.1 L 510 650 670 740 880 980 1140 1330 PPM/L peso 3.2 5.7 6.2 9.4 12.6 18.2 32.3 41.9

PPM 22 PPM 27 PPM 30 PPM 36 PPM 39 PPM 45 PPM 52 PPM 60

160 170 190 190 190 220 250 310

3. PRODUZIONE
3.1 Metodi di produzione Barre ad ader. miglior. Filetto Saldatura Classe delle saldature 3.2 Tolleranze di produzione Lunghezza Lunghezza filetto Taglio meccanico Lavorazione a macchina MAG eseguite a mano o con robot C (EN 25817) 10mm + 5, - 0mm

3.3 Controllo di qualit Il controllo di qualit soggetto ai requisiti di conformit, imposti sulla produzione dei componenti in acciaio, dallEnte di Controllo e Regolamento delle Costruzioni Finlandese. La Peikko sotto il controllo e la certificazione di qualit della Inspecta Certification. I tirafondi sono un prodotto certificato con dichiarazione di conformit della Concrete Association of Finland. In Germania i tirafondi corti hanno la certificazione Zulassung Nr. Z-21.5-1520 e Nr. Z-21.5-1539. I tirafondi HPM/L hanno anche lapprovazione ETA. Tutti i prodotti sono marcati con il marchio di certificazione, il logo della Peikko, il tipo di prodotto, lanno e la settimana di produzione.

4. CAPACIT
Tab. 3
HPM 16 Nu Vu 61.7 14.7 HPM 20 96.3 22.9 HPM 24

Capacit [kN] dei tirafondi; calcestruzzo C25/30.


HPM 30 HPM 39 PPM 22 PPM 27 243 53.2 PPM 30 369 65 PPM 36 432 90.2 PPM 39 PPM 45 PPM 52 929.7 194.2

138.7 220.4 383.4 160.5 33.0 52.4 91.1 35.1

516.1 690.8 107.8 144.3

I carichi ammissibili si ottengono dividendo i valori di calcolo per 1,6. Le capacit in conformit alle disposizioni dellEnte di Controllo e Regolamento per le Costruzioni Finlandese, nonch dellEurocodice sono esposte nella tabella 3. Nel caso in cui siano necessarie capacit in accordo con normative differenti, si prega di contattare i tecnici della Peikko. Quando si hanno simultaneamente sforzi di trazione e di taglio sul tirafondo, la sollecitazione combinata dovrebbe essere verificata con il seguente calcolo:
Nd N u
4 3

Vd + V u

Nd Nu Vd Vu

il valore di progetto dello sforzo di trazione il valore resistente dello sforzo di trazione il valore di progetto dello sforzo di taglio il valore resistente dello sforzo di taglio

La resistenza a sforzo normale di un tirafondo annegato nel calcestruzzo uguale sia a trazione che a compressione. Durante lassemblaggio necessario tenere in conto la
5

flessione e la deformazione del tirafondo. La fase di montaggio pu essere dimensionata con il programma di calcolo PeikCol scaricabile gratuitamente dalle pagine Internet www.peikko.it.

5. APPLICAZIONI
5.1 Limitazioni delle applicazioni Le capacit dei bulloni sono state studiate per carichi di tipo statico. In caso di carichi dinamici o a fatica, si devono utilizzare dei fattori di sicurezza dei carichi pi elevati, variabili da caso a caso. 5.2 Principi di progetto
5.2.1 Principi di applicazione I tirafondi ad aderanza migliorata HPM/P vengono impiegati sia come barre di sovrapposizione per pilastri prefabbricati che per giunzioni in fondazione.

I tirafondi HPM/L trovano applicazione nellunione fra elementi costruttivi e la fondazione. Sono inoltre idonei per unioni in sommit di travi o sui lati dei pilastri in c.a. I tirafondi PPM/P vengono impiegati per giuntare pilastri. Larmatura principale del tirafondo alla base viene fissata e sovrapposta allarmatura del pilastro. I tirafondi PPM/L trovano applicazione nellunione fra elementi costruttivi e la fondazione.

Figura 2

Impiego dei tirafondi

5.2.2 Principi di calcolo In situazione di stato limite ultimo con i tirafondi corti gli sforzi di trazione e di compressione creano un cono di rottura nella struttura base. Per assicurare le capacit richieste devono essere rispettate la minima distanza dal bordo e dal centro, il copriferro minimo e larmatura minima in accordo con il paragrafo 5.2.

I tirafondi lunghi (HPM/P e PPM/P) trasmettono le forze normali mediante giunti a sovrapposizione allelemento portante che a sua volta le ritrasmette. Lelemento portante viene armato in conformit al tipo di ancoraggio dei bulloni. I fattori di connessione per i tirafondi lunghi sono (in accordo con lEnte di Controllo e Regolamento per le Costruzioni Finlandese): HPM/P: kj=1,5 PPM/P: kj=2,0 I tirafondi PPM e HPM sono stati progettati per una resistenza caratteristica del calcestruzzo C25/30 in condizioni di aderenza I. Quando sono presenti forze di taglio i requisiti per la distanza bordo minima devono essere rispettati in entrambi i tirafondi, corti e lunghi. Il livello dei tirafondi rispetto alla superficie del calcestruzzo deve corrispondere a quanto prescritto nel paragrafo 6.2. Leffetto delle forze di stabilit deve essere considerato con il fattore 0.8 nelle capacit.
5.2.3 Requisiti del cemento e correzione dei fattori di capacit I tirafondi PPM e HPM sono stati progettati per una resistenza caratteristica del calcestruzzo C25/30. I fattori di correzione per una resistenza pi bassa e anche per strutture di classe 1 sono esposti nel paragrafo 5.2.6. 5.2.4 Distanza minima dallestremit al centro e fissaggio dellarmatura delle fondazioni per tirafondi lunghi

Il copriferro delle barre ad aderenza migliorata e la distanza c/c tra esse sono progettate in accordo con ENV. Fissaggio armatura delle fondazioni Un pilastro viene armato in base al tipo dei tirafondi. Tab. 4 Armatura del pilastro con i tirafondi PPM/P
Barre ader. miglior. dei tirafondi PPM 22/P PPM 27/P PPM 30/P PPM 36/P PPM 39/P PPM 45/P PPM 52/P 220 225 420 325 425 432

Forze di taglio Quando le forze di taglio vengono trasferite, la distanza dal bordo deve essere al massimo 10 x M. Altrimenti il bordo deve essere armato contro le forze di taglio oppure la capacit deve essere ridotta in accordo con il paragrafo 5.2.6.
5.2.5 Distanza minima dallestremit al centro e fissaggio dellarmatura delle fondazioni per tirafondi corti

La distanza minima dei tirafondi corti PPM/L e HPM/L dal bordo della piastra di fondazione 10 x M. Tab. 5 La distanza dei bulloni corti nella piastra di fondazione e la distanza minima dal centro [mm]

HPM HPM HPM HPM HPM HPM PPM PPM PPM PPM PPM PPM PPM PPM 16/L 20/L 24/L 30/L 36/L 39/L 22/L 27/L 30/L 36/L 39/L 45/L 52/L 60/L c/c 100 200 100 200 280

Md Nd > 10 * M c/c

Forze di trazione Un singolo tirafondo pu essere ancorato senza alcun bisogno di armatura a punzonamento. Un paio di tirafondi necessitano lutilizzo di reti elettrosaldate in accordo con gli standard del calcestruzzo. Larmatura viene distribuita uniformemente allinterno del cono di calcestruzzo.

Tab. 6

Orditura delle fondazioni

HPM HPM HPM HPM HPM HPM PPM PPM PPM PPM PPM PPM PPM PPM 16/L 20/L 24/L 30/L 36/L 39/L 22/L 27/L 30/L 36/L 39/L 45/L 52/L 60/L As [mm2/m] reti elettrosaldate 167 225 288 336 500 500 355 8 #150 470 490 10#150 539 663 745 869 1019

8#200

8#150

10#150
Nd

12#150

12#100

Md lb

As

Se necessario si possono utilizzare valori pi bassi della distanza dal bordo, espressi nella tabella 6, nel caso in cui il cono del calcestruzzo sia ancorato contro lo sforzo assiale del tirafondo, utilizzando i principi seguenti.
Nd PPM/L HPM/L

>l

PPM/L HPM/L

Nd

Figura 3

Alternative per larmatura a punzonamento

Il tirafondo HPM/L pu essere alloccorrenza collocato anche pi vicino al bordo della struttura se lo spigolo armato in funzione delle forze trasmesse dal tirafondo. In questo caso la distanza minima dal bordo diventa 3,1 x . Limpiego di una esigua distanza dal bordo viene preso in considerazione sia per travi e pilastri che per bordi di strutture fortemente armati. Il dimensionamento avviene ai sensi del procedimento CC.
9

Tab. 7

La distanza di bordo minima del tirafondo HPM/L in accordo con il fattore di compressione locale. Larmatura della struttura sar progettata per prevenire fratture di tipo conico.
Ash [mm2]
3.1xM c/c

staffe 18 28 38 48 410 510


Ash

HPM 16/L HPM 20/L HPM 24/L HPM 30/L HPM 36/L HPM 39/L

52 82 118 187 272 325

Forze di compressione Lancoraggio a compressione dei tirafondi corti richiede uno strato di calcestruzzo sufficiente (h) al di sotto la parte di ancoraggio del tirafondo, in modo tale da non causare una frattura conica sotto la piastra. Se h nella struttura pi bassa della h richiesta (hrichiesta), la struttura deve essere armata. Tab. 8 Armatura della frattura conica sotto il tirafondo

HPM HPM HPM HPM HPM HPM PPM PPM PPM PPM PPM PPM PPM PPM 16/L 20/L 24/L 30/L 36/L 39/L 22/L 27/L 30/L 36/L 39/L 45/L 52/L 60/L hrichiesto [mm] As [mm ]
2

80 96

100 141

115 186

145 311

150 340

190 508

90 149
Nd

105 152

120 298

170 588

195 720

205 862

220

280

1024 1510

lb

h As reinforcement if h < hrequired

Forze di taglio Quando le forze di taglio vengono trasferite, la distanza di bordo pu essere al massimo 10 x M. Altrimenti il bordo deve essere armato contro le froze di taglio oppure la capacit deve essere ridotta in accordo con il paragrafo 5.2.6.
5.2.6 Fattori di correzione della capacit

Resistenza calcestruzzo Fattori di correzione della capacit per cls. C20/25 = 0.83 Distanza bordo per le forze di taglio La resistenza a taglio richiede una distanza dal bordo di 10 x M. Se questa richiesta non viene soddisfatta, necessario dellarmatura per assicurare che il bordo della struttura in calcestruzzo non si rompa. In alternativa le capacit devono essere ridotte in relazione alla distanza dal bordo.
10

Fattore di correzione

C M

C = 10 M = distanza dalla sezione della struttura al centro del bullone = dimensione filetto

6. MONTAGGIO
6.1 Equipaggiamento ed accessori I tirafondi vengono posizionati in gruppo con lausilio di dime di montaggio PPK.

Utilizzando le dime viene assicurata la corretta distanza assiale e la posizione verticale dei tirafondi. Lutilizzo delle dime assicura il rispetto del corretto interasse e della posizione verticale dei tirafondi. I riferimenti centrali riportati sulla dima di montaggio agevolano lallineamento dei gruppi di tirafondi rispetto a fili e picchetti della struttura. Con laiuto delle dime il raggruppamento dei tirafondi pu essere effettuato facilmente e inoltre lutilizzo di gruppi di tirafondi saldati pu essere evitato.

Il telaio viene installato serrandolo tra i dadi. Esso protegge la filettatura durante il getto. Il telaio aperto agevola il getto e la costipazione con il vibratore. Dopo il getto la dima viene stretta fra i dadi dei tirafondi. Essa protegge la filettatura mentre il calcestruzzo viene gettato. Pu essere agevolmente rimossa dopo il getto del calcestruzzo, qualora la filettatura sia stata preventivamente lubrificata. Le dime di montaggio vanno fissate alle casseforme con una struttura di ausilio e il gruppo dei tirafondi va unito (ad esempio mediate saldatura) allarmatura. La dima aperta agevola il getto del calcestruzzo nonch la costipazione mediante vibratore. Dopo il getto del calcestruzzo, la dima viene rimossa e riutilizzata nel successivo elemento costruttivo. Figura 4 Tab. 9
filetto chiave [mm]

Impiego delle dime PPK Dimensioni dei dadi


M16 24 M20 30 M22 34 M24 36 M27 41 M30 46 M36 55 M39 60 M45 70 M52 80 M60 90

6.2 Montaggio dei tirafondi e loro tolleranze I tirafondi vanno installati rispettando le distanze riportate nella tabella 10. Le distanze si ottengono considerando il bordo superiore del tirafondo e la superficie del calcestruzzo dellelemento nel quale il tirafondo deve essere annegato. Le indicazioni relative allo strato di colata si riferiscono allimpiego della scarpa per pilastro PKM. Tolleranza in altezza 20mm.

11

Tab. 10

Tolleranze di montaggio e livello daltezza dellancoraggio del bullone [mm] dalla superficie del cls. quando si utilizzano le scarpe per pilastro HPKM e PPKM.

HPM HPM HPM HPM HPM HPM PPM PPM PPM PPM PPM PPM PPM PPM 16 20 24 30 36 39 22 27 30 36 39 45 52 60 strato di colata 50 55 60 50 55 60 65 70 80 altezza tirafondo dalla 105 115 130 150 170 180 130 150 150 170 180 195 225 260 superficie della colata tolleranza di montaggio per 3 3 4 5 il tirafondo T tirafondo
installation tolerance T

installation tolerance T

location tolerance of the bolt group 10 mm

Quando il gruppo di tirafondi per le dime PPK formato, si acquisisce una reciproca tolleranza di posizione di 3mm dei tirafondi. La tolleranza di posizione del centro del gruppo deve essere 10mm durante il montaggio nellelemento in calcestruzzo. Il foro per il tirafondo nelle scarpe per pilastri PPKM e HPKM fornisce tolleranze in accordo con la tabella 11. Tab. 11
HPM 16 HPM 20 HPM 24

Le tolleranze di posizione dei tirafondi in relazione ai fori nelle scarpe per pilastri PPKM e HPKM.
HPM 30 HPM 36 7 HPM 39 PPM 22 PPM 27 PPM 30 PPM 36 PPM 39 PPM 45 PPM 52 PPM 60 -

bullone scarpa per pilastro tolleranza

HPKM HPKM HPKM HPKM 16 20 24 30 5

HPKM PPKM PPKM PPKM PPKM PPKM PPKM PPKM 39 24 30 30 36 39 45 52 8 6 7 8 7 9

6.3 Piegatura dei tirafondi I tirafondi HPM e le parti di ancoraggio dei PPM sono costituite da barre ad aderenza migliorata BSt500S (A500HW). La piegatura deve essere fatta in accordo con la EN oppure con lEnte di Controllo e Regolamento per le Costruzioni Finlandese. 6.4 Saldatura dei tirafondi I tirafondi HPM si possono saldare con procedimenti di saldatura utilizzati generalmente. Nella saldatura dei tirafondi PPM bisogna tenere conto delle esigenze dei materiali applicati. LImacro si pu saldare con procedimenti di saldatura usuali e con materiali addittivi. Nella saldatura degli elettrodi si utilizzano elettrodi non legati p.es OK 48.00. Se la situazione lo esige, si consiglia di aumentare la temperatura al posto di lavoro. La profondit di penetrazione dellImacro specificamente piccola. Una profondit di penetrazione uniforme si ottiene inclinando gli elettrodi in modo tale che la maggiore influenza di temperatura riguardi lImacro e utilizzando maggiore corrente degli elettrodi consigliati.
12

6.5 Montaggio dei pilastri Il montaggio dei pilastri viene fatto allestremit delle rondelle e poi aggiustato al livello giusto con i dadi oppure utilizzando parti di montaggio sotto il pilastro. La verticalit dei pilastri viene controllata e i dadi vengono avvitati a dovere. Il getto dei giunti viene fatto prima di montare le strutture superiori.

7. CONTROLLO DEL MONTAGGIO


7.1 Istruzioni per il controllo del montaggio dei bulloni Prima del getto - assicurarsi di utilizzare la dima corretta (c/c standard, dimensioni filetto). Le scarpe per pilastri hanno una distanze rispetto al bordo del pilastro di 100mm (M16 M36) oppure 120mm (M39 M52), maggiori dei c/c standard dei tirafondi - assicurarsi la posizione dei gruppi bulloni in relazione alle linee dei moduli - assicurarsi che larmatura richiesta dai tirafondi in uso sia stata installata - assicurarsi che i tirafondi siano al giusto livello Dopo il getto - assicurarsi che la posizione del gruppo di tirafondi sia corretta (le tolleranze per connessioni per pilastri in calcestruzzo sono esposte nel paragrafo 6.2). Variazioni significative devono essere comunicate al progettista. - proteggere il filetto fino al montaggio dei pilastri (nastro adesivo, tubo di plastica ecc.) 7.2 Istruzioni per il controllo del montaggio dei pilastri Le connessioni devono essere fatte in accordo con il piano di montaggio stilato progettista. Se necessario, i tecnici della Peikko possono dare consigli in proposito. In particolare controllare i punti seguenti: - ordine di montaggio - supporto durante il montaggio - istruzioni per serrare i bulloni - istruzioni per il getto dei giunti

13