Sei sulla pagina 1di 1

1.2.2

Norme cogenti

• Legge 5 novembre 1971 n° 1086 Norma per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio,

normale, precompresso ed a struttura metallica

• Legge 2 febbraio 1974, n° 64 Provvedimenti per le costruzioni con particolari prescrizioni per le zone sismiche Decreto 14 settembre 2005 • NTC2005 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Norme tecniche per

le costruzioni

1.2.3 Norme applicabili in via transitoria

Allo stato attuale ci si trova in un periodo transitorio, nel quale l’applicazione delle NTC2005 di cui al precedente paragrafo, non è obbligatoria ed è concesso di applicare le norme previgenti; ciò entro un periodo inizialmente di 18 mesi dalla data del 23.10.2005 alla quale sono state emanate le citate NTC2005, attualmente prorogato fino al 31.12.2007.

• DM D.M. LL. PP. 9 gennaio 1996 Norme tecniche per l’esecuzione ed il 96/Generale collaudo delle

strutture in cemento armato, normale e precompresso e per le strutture metalliche e relative circolari esplicative D.M. LL. PP. 16 gennaio 1996 Criteri generali • DM 96/Carichi per la verifica di sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi e relative circolari esplicative D.M. LL. PP. 16 gennaio • DM 96/Sismica 1996 Norme tecniche per le costruzioni in zone sismiche e

relative circolari esplicative Documento di Applicazione Nazionale (DAN) • DAN EC2 / 96 contenuto nel D.M. LLPP 9 gennaio 1996

Norme tecniche per l’esecuzione ed il collaudo delle strutture in cemento armato [

Sezione III Parte I – Cemento armato normale e precompresso metalliche Eurocodice 2 – UNI ENV

1992-1-1 : criteri e prescrizioni • DAN EC3 / 96 Documento di Applicazione Nazionale (DAN) contenuto nel D.M. LLPP 9 gennaio 1996

Norme tecniche per l’esecuzione ed il collaudo delle strutture in cemento armato [

Parte II – metalliche

]e per le strutture

]

e per le strutture

Eurocodice 3 – UNI ENV 1993-1-1 : criteri e prescrizioni Sezione III Acciaio

Ordinanza n.3274 del 20 marzo 2003 del Presidente del • OPCM 3274/2003 Consiglio dei Ministri

Allegato 1 “Criteri per l’individuazione delle zone sismiche, individuazione, formazione e aggiornamento degli elenchi delle medesime zone” Allegato 2 “Norme tecniche per il progetto, la valutazione e l’adeguamento sismico degli edifici” Allegato 3 “Norme tecniche per il progetto sismico dei ponti” Allegato 4 “Norme tecniche per il progetto sismico delle opere di fondazione e sostegno dei terreni” e successive integrazioni e modifiche, in particolare:

Ordinanza n.3431 OPCM 3431/2005 del 03 maggio 2005 del Presidente del Consiglio dei Ministri Allegato 2 all’ordinanza 3274 come Edifici “Testo integrato dell’Allegato 2 Norme tecniche per il progetto, la modificato dall’OPCM 3431 del 3/5/05 valutazione e l’adeguamento sismico degli edifici”;

Allegato 3 “Testo all’ordinanza 3274 come modificato dall’OPCM Ponti integrato dell’Allegato 3

tecniche per il progetto sismico dei ponti” 3431 del 3/5/05

• DM 88 D.M. LL. PP. 11 marzo 1988 Norme tecniche riguardanti le indagini sui terreni e sulle rocce, la

stabilità dei pendii naturali e delle scarpate, i criteri generali e le prescrizioni per la progettazione, l’esecuzione e il collaudo delle opere di sostegno delle terre e delle opere di fondazione

Norme

Si precisa che la OPCM 3274/2003 e successive integrazioni e modifiche riguarda esclusivamente le azioni sismiche ed i criteri di verifica delle strutture in presenza di azioni sismiche; pertanto, per gli aspetti della progettazione strutturale e geotecnica diversi dal calcolo sismico, si deve fare riferimento alle norme indicate sopra come DM 96/Generale , DM 96/Carichi , DM 96/Sismica (ed eventualmente a DAN EC2 / 96 e DAN EC3 / 96 se si intenda fare uso degli EuroCodici) e del DM 88 per i calcoli geotecnici.

Le condizioni che determinano la necessità dell'adeguamento le trovi in:

per le "vecchie norme":

DM 96 / Sismica - § C.9 Interventi sugli edifici esistenti (GU Serie Generale n.29/1996)

per le nuove:

DM 14.09.2005 - § 9.3 Interventi sulle costruzioni esistenti (testo scaricabile da www.ateservizi.it )

Per le indagini diagnostiche potrebbero essere una linea guida le istruzioni elaborate dalla regione Toscana ( http://www.rete.toscana.it/sett/pta/sismica/classificazione/valutazione_v_s/vsca/index_vsca.htm ); io non le ho mai usate, ma mi sembrano buone, cioè danno indicazioni operative e non del tipo "si dovrebbe" o "si potrebbe"