Sei sulla pagina 1di 184

Scheda Tecnica

Sistemi Solari

Sistemi solari

SOLARE TERMICO

Sommario
Collettore solare piano CF-25N. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 Collettore solare piano CF-20N. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17 Collettore solare ad incasso CFI-25N. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30 Collettore solare orizzontale CFO-25N. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43 Collettore solare sottovuoto CFV-25 .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56 Sistemi solari a circolazione naturale CNS 150/1 - 200/1 - 200/2 - 300/2. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70 Bollitore monoserpentino TANK MV 150. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80 Bollitori a doppio serpentino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83 TANK BV 200-300-430-550-750-1000 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83 Bollitori a doppio serpentino F-TANK BV 200 - 300 - 430 - 550 .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93 Bollitori a doppio serpentino TANK N BV 1500 - 2000 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102 Bollitori combinati TANK N FBV 1000 - 1500 - 2000 - 3000. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108 Bollitori combinati SILOS C 800 - 1000. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112 Accumuli inerziali SILOS M 1000-1500 e SILOS 2000-3000-5000. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120 Modulo per produzione acqua calda sanitaria ACS 30. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124 Modulo per produzione acqua calda sanitaria ACS 150 - 225 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128 Modulo per circuito solare STS 50 .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142 Modulo per circuito solare STS 120 - 200. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148 Accessori. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152 Caldaie specifiche per impianti solari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166 Esempi di schemi dimpianto con caldaie Sylber. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168

SEZIONE 1 Collettore solare piano CF-25N


collettore solare piano per circolazione forzata elevato rendimento assicurato dallassorbitore in alluminio con finitura selettiva tubazioni in rame saldate ad ultrasuoni temperatura di stagnazione 201C superficie complessiva 2,43 m2 isolamento in lana di roccia 40 mm possibilit di collegare fino a 6 collettori in serie ampia gamma di accessori per agevolare linstallazione ridotti tempi di montaggio grazie ai sistemi di fissaggio semplici ed affidabili collettori solari conformi alle norme UNI-EN 12975 ed alla certificazione Solar Keymark garanzia 5 anni

1.2 Descrizione
Il collettore solare piano CF-25N ha due attacchi ed costituito da una struttura in alluminio sulla quale fissata una piastra captante in alluminio, in un unico pezzo, con finitura altamente selettiva effettuata tramite un trattamento sottovuoto denominato TiNOX, che permette altissime prestazioni al collettore. La piastra captante saldata ad ultrasuoni su 12 tubi di rame per la conduzione del liquido termovettore. I due collettori principali, per il collegamento dei tubi, sono in rame: il collettore superiore strozzato al centro per permettere lalimentazione in parallelo dei primi 6 tubi. Dopo il passaggio al collettore inferiore il fluido termovettore risale attraverso il secondo gruppo di 6 tubi al collettore superiore, da cui deriva una doppia lunghezza termica. Ogni pannello protetto da un vetro solare temperato a basso contenuto di ossido di ferro e con alto coefficiente di trasmissione di energia. Lisolamento, in lana di roccia e dello spessore di 4cm, collocato sul fondo. La sonda di temperatura viene posizionata in un apposito pozzetto in rame. Il sistema di montaggio semplice e, se eseguito correttamente, garantisce un esercizio efficace e durevole nel tempo.

1.3 Tabella dati tecnici


Descrizione Superficie complessiva Superficie di apertura Superficie effettiva assorbitore Collegamenti M-F Peso a vuoto Contenuto liquido Portata consigliata per m2 di pannello Tipo di vetro - Spessore Assorbimento () Emissioni () Pressione massima ammessa Temperatura di stagnazione Massimo numero di pannelli collegabili in serie % % bar C n Unit m2 m2 m2 kg litri litri/ora CF-25N 2,43 2,20 2,15 1" 40 1,60 30 vetro di sicurezza con superficie antiriflesso - 3,2 mm ~ 95 ~5 10 204 6

1.4 Influsso del vento e della neve sui collettori


Altezza da terra del posizionamento 0-8 m 8-20 m 20-100 m Velocit del vento 100 km/h 130 km/h 150 km/h Massa in kg per assicurare Carico della copertura del tetto per un collettore dal vento, neve, peso di un collettore sollevamento del vento inclinazione a 45 inclinazione a 20 inclinazione a 45 inclinazione a 20 80 kg 40 kg 320 kg 345 kg 180 kg 90 kg 470 kg 430 kg 280 kg 150 kg 624 kg 525 kg

1.5 Diametro tubi di collegamento con portata specifica di 30 litri/m2h


Superficie totale (m2) Diametro rame (mm) Diametro acciaio 2-4 10 - 12 3/8" - 1/2 " 6 - 12 14 1/2 14 - 20 18 3/4"

1.6 Curve efficienza


0,80 0,75 0,70 0,65 0,60 0,55 0,50 0,45 0,40 0,35 0 0,01 0,02 0,03 0,04 0,05 0,06 0,07 0,08

Rendimento ottico allassorbitore (0) 0,783

Coefficiente di dispersione termica dellassorbitore a2 a1 W/(m2K2) W/(m2K) 3,88 0,0108

T*m [m2K/W]

Test secondo EN 12975 riferito a miscela acqua-glicole al 33,3%, portata di 75 litri/ora e irraggiamento G=800W/m2. Tm = (Tcollettore ingresso + Tcollettore uscita) / 2 T*m = (Tm - Tambiente) / G

1.7 Dimensioni di ingombro e elementi strutturali

1221 1186 Mandata collettore Pozzetto per sonda collettore Ritorno collettore 68 2046

Flusso del liquido termovettore

90

Vetro 3,2 mm

Fissaggio 1"

Collettore 22 mm

1.8 Circuito idraulico


Lo schema idraulico seguente illustra il collegamento tra collettori solari e bollitore solare. Collegare al massimo 6 collettori in serie. In caso di utilizzo di tubazioni in rame eseguire una saldatura a brasatura forte. Si consiglia di utilizzare tubazioni in acciaio INOX predisposte per il solare (mandata,
15

ritorno e tubo per la sonda). consigliato un cavo della sonda di tipo schermato. Non utilizzare tubi in plastica o multistrato: la temperatura di esercizio pu superare i 180C. La coibentazione dei tubi deve resistere ad alte temperature (180C).

16 M 3 1 1 R

7 9 4 6 5 12 2 13 14 4 4

8 10 17 11

1 Collettore solare 2 Bollitore 3 Sonda collettore 4 Valvole di sezionamento 5 Valvola non ritorno 6 Termometro 7 Valvola di sfiato 8 Valvola di sicurezza 9 Manometro 10 Scarico 11 Vaso despansione 12 Circolatore 13 Regolatore di portata 14 Misuratore di portata 15 Rubinetto di sfiato 16 Degasatore manuale (accessorio) 17 Recupero fluido termovettore M Mandata collettore R Ritorno collettore

Gruppo idraulico

1.9 Perdita di carico del collettore solare


Miscela di antigelo / acqua 33,3% / 66,7% e temperatura del liquido termovettore = 20C.
40 35 Perdita di carico (mbar) 30 25 20 15 10 5 0 0 50 100 150 200 Portata (l/h) 250 300 350 400

1.10 Posizionamento sonde


Il sensore di temperatura deve essere montato nel pozzetto pi vicino al tubo di mandata del collettore. Assicurare il contatto ottimale tra sonda e pozzetto. Per il montaggio del sensore possono essere impiegati solo materiali con unadeguata resistenza alle alte temperature (fino a 250C per elemento sensore, cavi, materiali della guarnizione, isolamento).
15

16 M 3 1 1 R

REGOLATORE SOLARE

18

19

1 Collettore solare 2 Bollitore 3 Sonda collettore 4 Valvole di sezionamento 5 Valvola non ritorno 6 Termometro 7 Valvola di sfiato 8 Valvola di sicurezza 9 Manometro 10 Scarico 11 Vaso despansione 12 Circolatore 13 Regolatore di portata 14 Misuratore di portata 7 15 Rubinetto 8 di sfiato 9 10 16 Degasatore 4 17 manuale (accessorio) 6 17 Recupero fluido 11 5 termovettore 18 Sonda bollitore 12 superiore 19 Sonda bollitore 4 inferiore 13 M Mandata 14 collettore 4 R Ritorno collettore
Gruppo idraulico

1.11 Installazione
Indicazioni per il montaggio
Il montaggio deve essere eseguito soltanto da personale specializzato. Occorre impiegare esclusivamente il materiale incluso nella fornitura. Lintelaiatura e i suoi collegamenti alle parti in muratura devono essere controllati da un esperto di statica a seconda delle circostanze presenti sul posto.

tici, ecc.) che possono portare ad un aumento dei carichi sulle strutture.

Protezione antifulmine
Le condotte metalliche del circuito solare devono essere collegate mediante un conduttore (gialloverde) di almeno 16 mm2 Cu (H07 V-U o R) con la barra principale di compensazione del potenziale. Se gi installato un parafulmine, i collettori possono essere integrati nellimpianto gi esistente. Altrimenti possibile eseguire la messa a terra con un cavo di massa interrato. La conduttura di terra deve essere posata fuori dalla casa. Il cavo di terra deve essere inoltre collegato con la barra di compensazione mediante una conduttura dello stesso diametro.

Statica
Il montaggio deve avvenire soltanto su superfici di tetti o telai sufficientemente robusti. La robustezza del tetto o dellintelaiatura deve essere controllata sul posto da un esperto di statica prima del montaggio dei collettori. In questa operazione occorre soprattutto verificare lidoneit dellintelaiatura riguardo alla tenuta di collegamenti a vite per il fissaggio dei collettori. La verifica dellintera intelaiatura secondo le norme vigenti da parte di un esperto di statica necessaria soprattutto in zone con notevoli precipitazioni nevose o in aree esposte a forti venti. Occorre quindi prendere in considerazione tutte le caratteristiche del luogo di montaggio (raffiche di vento, formazione di vor-

Collegamenti
I collettori devono essere collegati in serie mediante raccordi e le guarnizioni. Se non sono previsti tubi flessibili come elementi di collegamento, occorre prevedere nelle condutture di collegamento adeguati dispositivi di compensazione delle deformazioni provocate dagli sbalzi di temperatura (archi di dilatazione, tubature flessibili). Nel serraggio del raccordo con una pinza o una chiave necessario tenere fermo laltro rac-

cordo con una seconda chiave per non danneggiare lassorbitore. Tutte le tubazioni della rete idraulica devono essere coibentate in modo rispondente alle norme vigenti. Gli isolanti devono essere protetti dagli agenti atmosferici e da attacchi di animali.

Inclinazione collettori / Generale


Il collettore idoneo ad uninclinazione di minimo 15, fino ad un massimo di 75. Tutti i collegamenti dei collettori, nonch i fori di ventilazione e di sfiato devono essere protetti da impurit come depositi di polvere, ecc. Negli impianti in cui il carico sia prevalentemente estivo (produzione di acqua calda sanitaria) orientare il collettore da est a ovest e con una inclinazione variabile da 20 a 60. Ideale lorientamento a sud e inclinazione pari alla latitudine del luogo -10. Nel caso il carico sia prevalentemente invernale (impianti che integrino produzione di acqua calda sanitaria e riscaldamento di ambienti), orientare il collettore solare verso sud (sud-est, sud-ovest) con una inclinazione maggiore di 35. Ideale lorientamento a sud e inclinazione pari alla latitudine del luogo +10.

le sue caratteristiche nellintervallo -32180C. Inoltre atossico, biodegradabile e biocompatibile. Non immettere glicole puro nellimpianto e poi aggiungere acqua. Non utilizzare sistemi di riempimento manuali o automatici. In presenza di un tenore di cloro molto elevato necessario utilizzare acqua distillata per la miscela.
Antigelo 50% 40% 30% Temperatura -32 C -21 C -13 C Densit 1,045 kg/dm3 1,037 kg/dm3 1,029 kg/dm3

1.12 Riempimento impianto


1. Aprire la valvola di non ritorno (A). 2. Aprire lo sfiato aria nel punto pi alto (vedere figura) e mantenerlo aperto durante tutta loperazione di caricamento. 3. Aprire la valvola di sfiato (7). 4. Far circolare il fluido termovettore con una pompa di carico esterna fino ad eliminare tutte le bolle daria. Chiudere il rubinetto del degasatore manuale. 5. Innalzare brevemente la pressione dellimpianto fino a 4 bar. 6. Mettere in funzione limpianto per circa 20 minuti. 7. Ripetere loperazione di sfiato aria dal punto 2 fino alla completa disaerazione dellimpianto. 8. Impostare la pressione dellimpianto a 3 bar. 9. Chiudere la valvola di non ritorno (A) e gli sfiati aria precedentemente aperti per evitare eventuali evaporazioni del fluido termovettore. Non eseguire il riempimento dellimpianto in condizioni di forte insolazione e con i collettori ad elevate temperature. Assicurarsi di aver eliminato completamente le bolle daria utilizzando anche lo sfiato posto sul gruppo idraulico.

Risciacquo e riempimento
Per motivi di sicurezza il riempimento deve essere eseguito solo in assenza di raggi solari. In zone soggette a gelo si rende necessario limpiego di una soluzione al 40% di glicole, per collettori piani. Lantigelo deve essere mescolato con acqua prima del riempimento. In caso di lavaggio dellimpianto prima di procedere con il riempimento dellantigelo prestare attenzione a eventuali depositi di acqua nel collettore che possono gelare.

Sfiato
Occorre eseguire uno sfiato: Al momento della messa in funzione (dopo il riempimento). Se necessario, ad es. in caso di guasti. Verificare con attenzione lo sfiato completo dellimpianto. Pericolo di ustione con il liquido contenuto nei collettori. Azionare la valvola di sfiato soltanto se la temperatura del liquido conduttore minore di 60C.

Degasatore manuale (accessorio) Collettore solare M R

Controllo del liquido termovettore


Il liquido termovettore deve essere controllato ogni 2 anni per la sua capacit antigelo e il suo valore di pH. Controllare lantigelo con lapposito strumento, rifrattometro o densimetro, (valore nominale ca. -30C): se il valore limite di -26C viene superato, sostituire o aggiungere lantigelo. Controllare il valore di pH con una cartina di tornasole (valore nominale ca. 7,5): se il valore misurato al di sotto del valore limite 7, si consiglia di sostituire la miscela.

7
M

C A

Premiscelazione acqua+glicole
Il glicole viene fornito separatamente in confezioni standard e va miscelato con acqua in un recipiente prima di eseguire il riempimento dellimpianto (ad esempio 40% di glicole e 60% di acqua permettono una resistenza al gelo fino alla temperatura di -21C). Il glicole propilenico fornito studiato appositamente per applicazioni solari in quanto conserva
Scambiatore di calore del bollitore solare Gruppo idraulico

Pompa di carico fluido termovettore

Miscela antigelo

1.13 Kit di fissaggio collettori su tetto piano


Componenti del sistema di fissaggio Cod. 20050335 - Collettore piano CF-25N A - Cod. 20008315 - Kit barre di supporto 1 collettore B - Cod. 20008322 - Kit barre di supporto 2 collettori C - Cod. 20008759 - Kit barre di supporto 3 collettori D - Cod. 20008317 - Kit componenti fissaggio tetto piano E - Cod. 20008757 - Kit giunti di accoppiamento 1 1 2 2 1 2 Numero collettori 3 4 2 1 3 5 1 5 1 1 6 1 6 2 7 1

D2

D2

D3

D5

D6

B2

D7

C2

1.14 Kit di fissaggio collettori su tetto inclinato


Componenti del sistema di fissaggio Cod. 20050335 - Collettore piano CF-25N A - Cod. 20008315 - Kit barre di supporto 1 collettore B - Cod. 20008322 - Kit barre di supporto 2 collettori C - Cod. 20008759 - Kit barre di supporto 3 collettori D - Cod. 20008292 - Kit componenti fissaggio tetto inclinato E - Cod. 20008757 - Kit giunti di accoppiamento 1 1 2 2 1 2 Numero collettori 3 4 2 1 3 5 1 5 1 1 6 1 6 2 7 1

D2

D2

D3

D5

D6

B2

D7

C2

10

1.15 Opzione di fissaggio sottotegola


Se si preferisce non forare le tegole, esiste la possibilit di utilizzare un kit di fissaggio sottotegola.
Componenti del sistema di fissaggio sottotegola (tetto inclinato) Numero collettori Cod. 20050335 - Collettore piano CF-25N 1 2 3 4 A - Cod. 20008315 - Kit barre di supporto 1 collettore 1 B - Cod. 20008322 - Kit barre di supporto 2 collettori 1 2 C - Cod. 20008759 - Kit barre di supporto 3 collettori 1 D - Cod. 20013464 - Kit componenti fissaggio sottotegola 2 2 3 5 E - Cod. 20008757 - Kit giunti di accoppiamento 1

5 1 1 6 1

6 2 7 1

2 2

4 M8 20 4 M12

4 4

M8 M12

Cod. 20013464 - Kit componenti fissaggio sottotegola

1.16 Opzione incasso nel tetto


Per installazioni particolari, laddove gli specifici collettori solari ad incasso CFI-25N non dovessero essere la soluzione ottimale, ammesso lincasso nel tetto dei collettori CF-25N utilizzando, oltre ai kit di fissaggio per tetto inclinato, le apposite converse.

Tetti in tegola o coppi


Cod. 20050335 - Collettore piano CF-25N Cod. 20010353 - Kit converse 1 collettore Cod. 20010393 - Kit converse 2 collettori Cod. 20010447 - Kit aggiuntivo (1 collettore) 1 1 2 1 Numero collettori 3 4 1 1 1 2 5 1 3 6 1 4

Tetti in ardesia
Cod. 20050335 - Collettore piano CF-25N Cod. 20022309 - Kit converse 1 collettore Cod. 20022310 - Kit converse 2 collettori Cod. 20022311 - Kit aggiuntivo (1 collettore) 1 1 2 1 Numero collettori 3 4 1 1 1 2 5 1 3 6 1 4

Cod. 20010393 - Kit converse 2 collettori

11

1.17 Distanza dei punti di fissaggio


Forare sempre sul colmo della tegola o del coppo. In presenza del giunto di accoppiamento tra barre, assicurare almeno un punto di fissaggio in prossimit del giunto stesso.

Tetto piano
Numero collettori verticali Lunghezza complessiva L 2 253 cm 3 380 cm 4 507 cm 5 633 cm 6 760 cm

3050 cm

Distribuire uniformemente gli altri punti di fissaggio D lungo tutta la lunghezza D D D D

3050 cm

1
D

...
D L

...
D

6
D

201

201

201

Tetto inclinato
Numero collettori verticali Lunghezza complessiva L 2 253 cm 3 380 cm 4 507 cm 5 633 cm 6 760 cm

3050 cm

Distribuire uniformemente gli altri punti di fissaggio D lungo tutta la lunghezza

3050 cm

1
D

...
D L

...
D

6
D

208

208

20

12

1.18 Esempi di installazione


Installazione con caldaia murale solo riscaldamento e bollitore a doppio serpentino

F1

MI

MB RB RI

6 11 8 9 2 4

F3

F4
dalla rete

10

1 Collettore solare CF-25N 2 Vaso di espansione per circuito solare 3 Kit idraulico di ritorno per solare 4 Valvola miscelatrice termostatica 5 Bollitore doppia serpentina

6 Centralina solare SUN B 7 Caldaia murale solo riscaldamento con valvola a tre vie 8 Circolatore per ricircolo sanitario 9 Utenze 10 Valvola di sicurezza 11 Valvola di non ritorno

MI Mandata impianto MB Mandata bollitore RB Ritorno bollitore RI Ritorno impianto F1 Sonda collettore F3 Sonda richiesta caldaia F4 Sonda bollitore

13

Installazione con caldaia combinata e bollitore monoserpentino

F1
7

MI UACS

IAB

RI

6 12 8

2 3 5

F4

dalla rete

11

10 9

1 Collettore solare CF-25N 2 Vaso di espansione per circuito solare 3 Kit idraulico di ritorno per solare 4 Miscelatore termostatico 5 Bollitore mono serpentina 6 Centralina solare SUN B 7 Caldaia murale combinata

8 Utenze 9 Valvola di sicurezza 10 Manometro 11 Valvola di non ritorno 12 Valvola deviatrice 3 vie motorizzata MI Mandata impianto IAB Ingresso acqua da bollitore

UACS Uscita acqua calda sanitaria RI Ritorno impianto F1 Sonda collettore F4 Sonda bollitore

14

1.19 Scelta dei componenti per linstallazione di sistemi solari con collettori piani verticali CF-25N e bollitori TANK
Qualora non si intenda utilizzare uno dei pacchetti solari CF-KN (disponibili fino a 4 collettori CF-25N), la tabella seguente indica i componenti idraulici necessari ed opzionali per realizzare un impianto solare. La centralina e la caldaia a supporto dovranno essere selezionate a parte secondo le esigenze. Le configurazioni sotto riportate si riferiscono ad impianti solari standard: esposizioni ed inclinazioni particolari dei collettori, nonch distanze notevoli tra collettori e bollitore, possono modificare la scelta del componente pi idoneo.
1 1 1 1 (a) 1 (b) 1 (d) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 1 (h) 1 (h) 1 1 2 1 1 1 (b) 1 (d) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 1 3 1 1 1 1 (b) 1 (d) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 1 1 Numero collettori 4 6 2 3 1 1 (b) 1 1 (d) 1 (d) 1 (d) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) (e) (e) (e) 1 1 2 2 1 1 1 7 1 1 1 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 2 2 8 4 1 (c) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 2 2 11 1 2 1 (c) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 1 3 2

Cod. 20050335 Cod. 20050336 Cod. 20050337 Cod. 20001397 Cod. 20001228 Cod. 20026197 Cod. 20001229 Cod. 20026199 Cod. 20001230 Cod. 20026200 Cod. 20001231 Cod. 20026202 Cod. 20009171 Cod. 20009172 Cod. 20052797 Cod. 20052798 Cod. 20026145 Cod. 20026215 Cod. 20009196 Cod. 1150619 Cod. 20001451 Cod. 20001452 Cod. 1150489 Cod. 1150509 Cod. 1150519 Cod. 20001448 Cod. 1150499 Cod. 20009190 Cod. 1150549 Cod. 1150559 Cod. 1150529 Cod. 20026577

Collettore piano verticale CF-25N Collettore piano verticale CF-25N (confezione 2 pz.) Collettore piano verticale CF-25N (confezione 5 pz.) Bollitore mono serpentina TANK MV 150 Bollitore doppia serpentina TANK BV 200 Bollitore doppia serpentina F-TANK BV 200 Bollitore doppia serpentina TANK BV 300 Bollitore doppia serpentina F-TANK BV 300 Bollitore doppia serpentina TANK BV 430 Bollitore doppia serpentina F-TANK BV 430 Bollitore doppia serpentina TANK BV 550 Bollitore doppia serpentina F-TANK BV 550 Bollitore doppia serpentina TANK BV 750 Bollitore doppia serpentina TANK BV 1000 Bollitore doppia serpentina TANK N BV 1500 Bollitore doppia serpentina TANK N BV 2000 Gruppo idraulico ritorno H 4,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 6,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 11 m c.a. Tubo inox flessibile 16 mm, L 15 m Tubo inox flessibile 16 mm, L 20 m Raccordi per tubo inox flessibile Vaso di espansione 18 litri Vaso di espansione 24 litri Vaso di espansione 35 litri Vaso di espansione 50 litri (f) Staffa fissaggio a muro vasi 18 e 24 litri (g) Glicole 2,5 kg Glicole 5 kg Glicole 10 kg Valvola miscelatrice termostatica 3/4" Degasatore manuale (i)

(a) Il bollitore TANK BV 200 pu essere scelto in alternativa al modello TANK MV 150 nel caso lesposizione del collettore CF-25N sia particolarmente favorevole. La caldaia a supporto non sar combinata ma solo riscaldamento. (b) I bollitori F-TANK BV vanno scelti in alternativa ai modelli TANK BV di pari capacit. (c) Il numero di collettori CF-25N da applicare ai bollitori TANK N BV 1500/2000 va calcolato con cura in ogni singola situazione. (d) Non necessario con i bollitori F-TANK BV. I gruppi idraulici cod. 20026215 e 20009196 vanno scelti in alternativa

al cod. 20026145 nel caso in cui la prevalenza di questultimo non sia sufficiente. (e) Accessori da utilizzare secondo necessit. (f) Il numero di collettori CF-25N da applicare con i vasi di espansione da 50 litri va calcolato con cura in ogni singola situazione. (g) Accessorio opzionale. (h) Per bollitori TANK MV 150: 5 kg, per (F-)TANK BV 200: 10 kg. (i) Uno per batteria. Non necessario se il riempimento impianto viene effettuato con una pompa di carico centrifuga (cod. 20001454).
Numero collettori 4 6 2 2 5 7 1 1 Numero collettori 4 6 2 2 5 7 1 1

Staffe di fissaggio per tetti piani Cod. 20008315 Cod. 20008322 Cod. 20008759 Cod. 20008317 Cod. 20008757 Kit barre di supporto 1 collettore Kit barre di supporto 2 collettori Kit barre di supporto 3 collettori Kit componenti fissaggio tetto piano Kit giunti di accoppiamento

1 1 2 -

2 1 2 -

3 1 3 -

7 (j) 2 1 8 1

8 (k) 4 10 2

11 (l) 1 3 13 2

Staffe di fissaggio per tetti inclinati Cod. 20008315 Cod. 20008322 Cod. 20008759 Cod. 20008292 Cod. 20008757 Kit barre di supporto 1 collettore Kit barre di supporto 2 collettori Kit barre di supporto 3 collettori Kit componenti fissaggio tetto inclinato Kit giunti di accoppiamento

1 1 2 -

2 1 2 -

3 1 3 -

7 (j) 2 1 8 1

8 (k) 4 10 2

11 (l) 1 3 13 2

(j) Si considerano 2 batterie da 4+3 collettori. (k) Si considerano 2 batterie da 4+4 collettori.

(l) Si considerano 2 batterie da 6+5 collettori.

15

1.20 Scelta dei componenti per linstallazione di sistemi solari con collettori piani verticali CF-25N e accumuli inerziali SILOS
Tabella indicante i componenti idraulici necessari ed opzionali per realizzare un impianto solare. La centralina e la caldaia a supporto dovranno essere selezionate a parte secondo le esigenze. Le configurazioni sotto riportate si riferiscono ad impianti solari standard: esposizioni ed inclinazioni particolari dei collettori, nonch distanze notevoli tra collettori e bollitore, possono modificare la scelta del componente pi idoneo.
2 1 1 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 4 2 1 1 (d) (e) (e) (e) 1 2 1 6 3 1 (a) 1 (a) 1 (a) 1 1 (c) (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 1 Numero collettori 7 8 1 4 1 1 1 1 1 1 (c) 1 (c) (d) (d) (e) (e) (e) (e) (e) (e) 1 1 1 1 2 1 2 2 12 6 1 (b) 1 (d) (d) (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 2 17 1 3 1 (b) 1 (d) (d) (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 2 3 29 2 5 1 (b) 1 (d) (d) (d) 1 1 1 1 1 3 5

Cod. 20050335 Cod. 20050336 Cod. 20050337 Cod. 20014355 Cod. 20014356 Cod. 20055209 Cod. 20055210 Cod. 20001401 Cod. 20001402 Cod. 20001403 Cod. 20001404 Cod. 20001405 Cod. 20026145 Cod. 20026215 Cod. 20009196 Cod. 20048701 Cod. 20048702 Cod. 20048705 Cod. 20048707 Cod. 20048709 Cod. 1150619 Cod. 20001451 Cod. 20001452 Cod. 1150489 Cod. 1150509 Cod. 1150519 Cod. 20001448 Cod. 20001449 Cod. 1150499 Cod. 20009190 Cod. 1150549 Cod. 1150559 Cod. 1150529 Cod. 20026577

Collettore piano verticale CF-25N Collettore piano verticale CF-25N (confezione 2 pz.) Collettore piano verticale CF-25N (confezione 5 pz.) Accumulo inerziale combinato SILOS C 800 Accumulo inerziale combinato SILOS C 1000 Accumulo inerziale con serpentina SILOS 300 M Accumulo inerziale con serpentina SILOS 500 M Accumulo inerziale con serpentina SILOS 1000 M Accumulo inerziale con serpentina SILOS 1500 M Accumulo inerziale SILOS 2000 Accumulo inerziale SILOS 3000 Accumulo inerziale SILOS 5000 Gruppo idraulico ritorno H 4,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 6,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 11 m c.a. Gruppo di scambio termico solare STS 50 Gruppo di scambio termico solare STS 120 Gruppo di scambio termico sanitario ACS 30 Gruppo di scambio termico sanitario ACS 150 Gruppo di scambio termico sanitario ACS 225 Tubo inox flessibile 16 mm, L 15 m Tubo inox flessibile 16 mm, L 20 m Raccordi per tubo inox flessibile Vaso di espansione 18 litri Vaso di espansione 24 litri Vaso di espansione 35 litri Vaso di espansione 50 litri (f) Vaso di espansione 100 litri (f) Staffa fissaggio a muro vasi 18 e 24 litri (g) Glicole 2,5 kg Glicole 5 kg Glicole 10 kg Valvola miscelatrice termostatica " (h) Degasatore manuale (i)

(a) Scegliere uno dei SILOS C oppure il SILOS 1000 M secondo il fabbisogno di acqua calda sanitaria e/o dellintegrazione del riscaldamento calcolati dal progettista. (b) Il numero di collettori CF-25N da applicare con gli accumuli SILOS 2000/3000/5000 va calcolato con cura in ogni singola situazione. (c) I gruppi idraulici cod. 20009196 vanno scelti in alternativa ai cod. 20026145 e 20026215 nel caso in cui la prevalenza di questi ultimi non sia sufficiente. (d) I gruppi di scambio ACS, che non si applicano ai SILOS C, vanno scelti in funzione del fabbisogno di acqua calda sanitaria calcolato dal progettista.
Staffe di fissaggio per tetti piani Cod. 20008315 Cod. 20008322 Cod. 20008759 Cod. 20008317 Cod. 20008757 Kit barre di supporto 1 collettore Kit barre di supporto 2 collettori Kit barre di supporto 3 collettori Kit componenti fissaggio tetto piano Kit giunti di accoppiamento

(e) Accessori da utilizzare secondo necessit. (f) Il numero di collettori CF-25N da applicare con i vasi di espansione da 50/100 litri va calcolato con cura in ogni singola situazione. (g) Accessorio opzionale. (h) Solo per SILOS C. (i) Uno per batteria. Non necessario se il riempimento impianto viene effettuato con una pompa di carico centrifuga (cod. 20001454).

2 1 2 -

4 2 5 1

6 2 7 1

Numero collettori 7 (j) 8 (k) 2 4 1 8 10 1 2 Numero collettori 7 (j) 8 (k) 2 4 1 8 10 1 2

12 (l) 4 14 2

17 (m) 1 5 20 3

29 (n) 1 9 34 5

Staffe di fissaggio per tetti inclinati Cod. 20008315 Cod. 20008322 Cod. 20008759 Cod. 20008292 Cod. 20008757 Kit barre di supporto 1 collettore Kit barre di supporto 2 collettori Kit barre di supporto 3 collettori Kit componenti fissaggio tetto inclinato Kit giunti di accoppiamento

2 1 2 -

4 2 5 1

6 2 7 1

12 (l) 4 14 2

17 (m) 1 5 20 3

29 (n) 1 9 34 5

16

(j) Si considerano 2 batterie da 4+3 collettori. (k) Si considerano 2 batterie da 4+4 collettori. (l) Si considerano 2 batterie da 6+6 collettori.

(m) Si considerano 3 batterie da 6+6+5 collettori. (n) Si considerano 5 batterie da 6+6+6+6+5 collettori.

SEZIONE 2 Collettore solare piano CF-20N


2.1 Guida al capitolato
collettore solare piano per circolazione forzata elevato rendimento assicurato dallassorbitore in alluminio con finitura selettiva tubazioni in rame saldate ad ultrasuoni temperatura di stagnazione 198C superficie complessiva 2,02 m2 isolamento in lana di roccia 30 mm possibilit di collegare fino a 6 collettori in serie ampia gamma di accessori per agevolare linstallazione ridotti tempi di montaggio grazie ai sistemi di fissaggio semplici ed affidabili collettori solari conformi alle norme UNI-EN 12975 ed alla certificazione Solar Keymark garanzia 5 anni

2.2 Descrizione
Il collettore solare piano CF-20N ha 4 attacchi ed costituito da una struttura in alluminio sulla quale fissata una piastra captante in alluminio, in due pezzi, con finitura altamente selettiva effettuata tramite un trattamento sottovuoto denominato TiNOX, che permette altissime prestazioni al collettore. La piastra captante saldata ad ultrasuoni su 10 tubi di rame per la conduzione del liquido termovettore. I due collettori principali, per il collegamento dei tubi, sono in rame: il liquido termovettore si distribuisce in parallelo nei 10 tubi che compongono lassorbitore. Ogni pannello protetto da un vetro solare temperato a basso contenuto di ossido di ferro e con alto coefficiente di trasmissione di energia. Lisolamento, in lana di roccia e dello spessore di 3 cm, collocato sul fondo della vasca. La sonda di temperatura viene posizionata in un apposito pozzetto in rame. Il sistema di montaggio semplice e, se eseguito correttamente, garantisce un esercizio efficace e durevole nel tempo.

17

2.3 Tabella dati tecnici


Descrizione Superficie complessiva Superficie di apertura Superficie effettiva assorbitore Collegamenti (tubo di rame) Peso a vuoto Contenuto liquido Portata consigliata per m2 di pannello Tipo di vetro - Spessore Assorbimento () Emissioni () Pressione massima ammessa Temperatura di stagnazione Massimo numero di pannelli collegabili in serie % % bar C n Unit m2 m2 m2 mm kg litri litri/ora CF-20N 2,02 1,81 1,77 4 22 30 1,5 30 vetro di sicurezza con superficie antiriflesso - 3,2 mm ~ 95 ~5 10 198 6

2.4 Influsso del vento e della neve sui collettori


Altezza da terra del posizionamento 0-8 m 8-20 m 20-100 m Velocit del vento 100 km/h 130 km/h 150 km/h Massa in kg per assicurare Carico della copertura del tetto per un collettore dal vento, neve, peso di un collettore sollevamento del vento inclinazione a 45 inclinazione a 20 inclinazione a 45 inclinazione a 20 80 kg 40 kg 320 kg 345 kg 180 kg 90 kg 470 kg 430 kg 280 kg 150 kg 624 kg 525 kg

2.5 Diametro tubi di collegamento con portata specifica di 30 litri/m2h


Superficie totale (m2) Diametro rame (mm) Diametro acciaio 2-4 10 - 12 3/8" - 1/2" 6 - 12 14 1/2" 14 - 20 18 3/4"

2.6 Curve efficienza


0,80
0,75 0,70 0,65 0,60 0,55 0,50 0,45 0,40 0,35 0 0,01 0,02 0,03 0,04 0,05 T*m [m2K/W] 0,06 0,07 0,08

Rendimento ottico allassorbitore (0) 0,764

Coefficiente di dispersione termica dellassorbitore a2 a1 W/(m2K2) W/(m2K) 4,33 0,0069

Test secondo EN 12975 riferito a miscela acqua-glicole al 33,3%, portata di 75 litri/ora e irraggiamento G=800W/m2. Tm = (Tcollettore ingresso + Tcollettore uscita) / 2 T*m = (Tm - Tambiente) / G

18

2.7 Dimensioni di ingombro e elementi strutturali

1120 1086 Mandata collettore Pozzetto per sonda collettore 68

(*)

1856

Flusso del liquido termovettore

(**)

Ritorno collettore

75

(*) Mandata collettore alternativa (**) Ritorno collettore alternativo Mandata e ritorno devono essere in diagonale.

Vetro antiriflesso 3,2 mm

Collettore 22 mm

19

2.8 Circuito idraulico


Lo schema idraulico seguente illustra il collegamento tra collettori solari e bollitore solare. Collegare al massimo 6 collettori in serie. In caso di utilizzo di tubazioni in rame eseguire una saldatura a brasatura forte. Si consiglia di utilizzare tubazioni in acciaio INOX predisposte per il solare (mandata,
15

ritorno e tubo per la sonda). consigliato un cavo della sonda di tipo schermato. Non utilizzare tubi in plastica o multistrato: la temperatura di esercizio pu superare i 180C. La coibentazione dei tubi deve resistere ad alte temperature (180C).

16 M 3 1 1 17

17

7 9 4 6 5 12 2 13 14 4 4 C 11

8 10 18

1 Collettore solare 2 Bollitore 3 Sonda collettore 4 Valvole di sezionamento 5 Valvola non ritorno 6 Termometro 7 Valvola di sfiato 8 Valvola di sicurezza 9 Manometro 10 Scarico 11 Vaso despansione 12 Circolatore 13 Regolatore di portata 14 Misuratore di portata 15 Rubinetto di sfiato 16 Degasatore manuale (accessorio) 17 Tappi 18 Recupero fluido termovettore M Mandata collettore R Ritorno collettore

Gruppo idraulico

2.9 Perdita di carico del collettore solare


Miscela di antigelo / acqua 33,3% / 66,7% e temperatura del liquido termovettore = 20C.
60 50 Perdita di carico (mbar) 40 30 20 10 0

100

200

300

400

500

600

700

800

900

1000

20

Portata (l/h)

2.10 Posizionamento sonde


Il sensore di temperatura deve essere montato nel pozzetto pi vicino al tubo di mandata del collettore. Assicurare il contatto ottimale tra sonda e pozzetto. Per il montaggio del sensore possono essere impiegati solo materiali con unadeguata resistenza alle alte temperature (fino a 250C per elemento sensore, cavi, materiali della guarnizione, isolamento).
15

16 M 3 1 1 19

19

REGOLATORE SOLARE

18

17

1 Collettore solare 2 Bollitore 3 Sonda collettore 4 Valvole di sezionamento 5 Valvola non ritorno 6 Termometro 7 Valvola di sfiato 8 Valvola di sicurezza 9 Manometro 10 Scarico 11 Vaso despansione 12 Circolatore 13 Regolatore di portata 7 8 14 Misuratore di portata 9 10 15 Rubinetto 20 di sfiato 4 11 16 Degasatore C 6 manuale (accessorio) 5 17 Sonda bollitore inferiore 12 18 Sonda bollitore superiore 4 19 Tappi 13 20 Recupero fluido termovettore 14 4 M Mandata collettore R Ritorno collettore Gruppo idraulico

2.11 Installazione
Indicazioni per il montaggio
Il montaggio deve essere eseguito soltanto da personale specializzato. Occorre impiegare esclusivamente il materiale incluso nella fornitura. Lintelaiatura e i suoi collegamenti alle parti in muratura devono essere controllati da un esperto di statica a seconda delle circostanze presenti sul posto.

montaggio (raffiche di vento, formazione di vortici, ecc.) che possono portare ad un aumento dei carichi sulle strutture.

Protezione antifulmine
Le condotte metalliche del circuito solare devono essere collegate mediante un conduttore (gialloverde) di almeno 16 mm2 Cu (H07 V-U o R) con la barra principale di compensazione del potenziale. Se gi installato un parafulmine, i collettori possono essere integrati nellimpianto gi esistente. Altrimenti possibile eseguire la messa a terra con un cavo di massa interrato. La conduttura di terra deve essere posata fuori dalla casa. Il cavo di terra deve essere inoltre collegato con la barra di compensazione mediante una conduttura dello stesso diametro.

Statica
Il montaggio deve avvenire soltanto su superfici di tetti o telai sufficientemente robusti. La robustezza del tetto o dellintelaiatura deve essere controllata sul posto da un esperto di statica prima del montaggio dei collettori. In questa operazione occorre soprattutto verificare lidoneit dellintelaiatura riguardo alla tenuta di collegamenti a vite per il fissaggio dei collettori. La verifica dellintera intelaiatura secondo le norme vigenti da parte di un esperto di statica necessaria soprattutto in zone con notevoli precipitazioni nevose o in aree esposte a forti venti. Occorre quindi prendere in considerazione tutte le caratteristiche del luogo di

Collegamenti
I collettori devono essere collegati in serie mediante raccordi e le guarnizioni. Se non sono previsti tubi flessibili come elementi di collegamento, occorre prevedere nelle condutture di collegamento adeguati dispositivi di compensazione delle deformazioni provocate dagli sbalzi di temperatura (archi di dilatazione, tubature flessibili). Nel serraggio del raccordo con una pinza o

21

una chiave necessario tenere fermo laltro raccordo con una seconda chiave per non danneggiare lassorbitore. Tutte le tubazioni della rete idraulica devono essere coibentate in modo rispondente alle norme vigenti. Gli isolanti devono essere protetti dagli agenti atmosferici e da attacchi di animali.

Inclinazione collettori / Generale


Il collettore idoneo ad uninclinazione di minimo 15, fino ad un massimo di 75. Le aperture di ventilazione e di sfiato dei collettori non devono essere chiuse al momento di montare limpianto. Tutti i collegamenti dei collettori, nonch i fori di ventilazione e di sfiato devono essere protetti da impurit come depositi di polvere, ecc. Negli impianti in cui il carico sia prevalentemente estivo (produzione di acqua calda sanitaria) orientare il collettore da est a ovest e con una inclinazione variabile da 20 a 60. Ideale lorientamento a sud e inclinazione pari alla latitudine del luogo -10. Nel caso il carico sia prevalentemente invernale (impianti che integrino produzione di acqua calda sanitaria e riscaldamento di ambienti), orientare il collettore solare verso sud (sud-est, sud-ovest) con una inclinazione maggiore di 35. Ideale lorientamento a sud e inclinazione pari alla latitudine del luogo +10.

mente per applicazioni solari in quanto conserva le sue caratteristiche nellintervallo -32180C. Inoltre atossico, biodegradabile e biocompatibile. Non immettere glicole puro nellimpianto e poi aggiungere acqua. Non utilizzare sistemi di riempimento manuali o automatici. In presenza di un tenore di cloro molto elevato necessario utilizzare acqua distillata per la miscela.
Antigelo 50% 40% 30% Temperatura -32 C -21 C -13 C Densit 1,045 kg/dm3 1,037 kg/dm3 1,029 kg/dm3

2.12 Riempimento impianto


1. Aprire la valvola di non ritorno (A). 2. Aprire lo sfiato aria nel punto pi alto (vedere figura) e mantenerlo aperto durante tutta loperazione di caricamento. 3. Aprire la valvola di sfiato (7). 4. Far circolare il fluido termovettore con una pompa di carico esterna fino ad eliminare tutte le bolle daria. Chiudere il rubinetto del degasatore manuale. 5. Innalzare brevemente la pressione dellimpianto fino a 4 bar. 6. Mettere in funzione limpianto per circa 20 minuti. 7. Ripetere loperazione di sfiato aria dal punto 2 fino alla completa disaerazione dellimpianto. 8. Impostare la pressione dellimpianto a 3 bar. 9. Chiudere la valvola di non ritorno (A) e gli sfiati aria precedentemente aperti per evitare eventuali evaporazioni del fluido termovettore. Non eseguire il riempimento dellimpianto in condizioni di forte insolazione e con i collettori ad elevate temperature. Assicurarsi di aver eliminato completamente le bolle daria utilizzando anche lo sfiato posto sul gruppo idraulico.
Degasatore manuale (accessorio) M

Risciacquo e riempimento
Per motivi di sicurezza il riempimento deve essere eseguito solo in assenza di raggi solari. In zone soggette a gelo si rende necessario limpiego di una soluzione al 40% di glicole, per collettori piani. Lantigelo deve essere mescolato con acqua prima del riempimento. In caso di lavaggio dellimpianto prima di procedere con il riempimento dellantigelo prestare attenzione a eventuali depositi di acqua nel collettore che possono gelare.

Sfiato
Occorre eseguire uno sfiato: Al momento della messa in funzione (dopo il riempimento). Se necessario, ad es. in caso di guasti. Verificare con attenzione lo sfiato completo dellimpianto. Pericolo di ustione con il liquido contenuto nei collettori. Azionare la valvola di sfiato soltanto se la temperatura del liquido conduttore minore di 60C.

Collettore solare

Controllo del liquido termovettore


Il liquido termovettore deve essere controllato ogni 2 anni per la sua capacit antigelo e il suo valore di pH. Controllare lantigelo con lapposito strumento, rifrattometro o densimetro, (valore nominale ca. -30C): se il valore limite di -26C viene superato, sostituire o aggiungere lantigelo. Controllare il valore di pH con una cartina di tornasole (valore nominale ca. 7,5): se il valore misurato al di sotto del valore limite 7, si consiglia di sostituire la miscela.
R 7
M

C A

Premiscelazione acqua+glicole
Il glicole viene fornito separatamente in confezioni standard e va miscelato con acqua in un recipiente prima di eseguire il riempimento dellimpianto (ad esempio 40% di glicole e 60% di acqua permettono una resistenza al gelo fino alla temperatura di -21C). Il glicole propilenico fornito studiato appositaScambiatore di calore del bollitore solare Gruppo idraulico

Pompa di carico fluido termovettore

22

Miscela antigelo

2.13 Kit di fissaggio collettori su tetto piano


Componenti del sistema di fissaggio Cod. 20050338 - Collettore piano CF-20N A - Cod. 20008280 - Kit barre di supporto 1 collettore B - Cod. 20008302 - Kit barre di supporto 2 collettori C - Cod. 20008758 - Kit barre di supporto 3 collettori D - Cod. 20008281 - Kit componenti fissaggio tetto piano E - Cod. 20008757 - Kit giunti di accoppiamento 1 1 2 2 1 2 Numero collettori 3 4 2 1 3 5 1 5 1 1 6 1 6 2 7 1

D2

D2

D3

D6

D5

B2

D7

C2

23

2.14 Kit di fissaggio collettori su tetto inclinato


Componenti del sistema di fissaggio Cod. 20050338 - Collettore piano CF-20N A - Cod. 20008280 - Kit barre di supporto 1 collettore B - Cod. 20008302 - Kit barre di supporto 2 collettori C - Cod. 20008758 - Kit barre di supporto 3 collettori D - Cod. 20008292 - Kit componenti fissaggio tetto inclinato E - Cod. 20008757 - Kit giunti di accoppiamento 1 1 2 2 1 2 Numero collettori 3 4 2 1 3 5 1 5 1 1 6 1 6 2 7 1

D2

D2

D3

D6

D5

B2

D7

C2

2.15 Opzione di fissaggio sottotegola


Se si preferisce non forare le tegole, esiste la possibilit di utilizzare un kit di fissaggio sottotegola.
Componenti del sistema di fissaggio sottotegola (tetto inclinato) Numero collettori Cod. 20050338 - Collettore piano CF-20N 1 2 3 4 A - Cod. 20008280 - Kit barre di supporto 1 collettore 1 B - Cod. 20008302 - Kit barre di supporto 2 collettori 1 2 C - Cod. 20008758 - Kit barre di supporto 3 collettori 1 D - Cod. 20013464 - Kit componenti fissaggio sottotegola 2 2 3 5 E - Cod. 20008757 - Kit giunti di accoppiamento 1

5 1 1 6 1

6 2 7 1

2 2

4 M8 20 4 M12

4 4

M8 M12

Cod. 20013464 - Kit componenti fissaggio sottotegola

24

2.16 Distanza dei punti di fissaggio


Forare sempre sul colmo della tegola o del coppo. In presenza del giunto di accoppiamento tra barre, assicurare almeno un punto di fissaggio in prossimit del giunto stesso.

Tetto piano
Numero collettori verticali Lunghezza complessiva L 2 225 cm 3 338 cm 4 451 cm 5 563 cm 6 676 cm

3050 cm

Distribuire uniformemente gli altri punti di fissaggio D lungo tutta la lunghezza D D D D

3050 cm

185

1
D

...
D L

...
D

6
D

185

185

Tetto inclinato
Numero collettori verticali Lunghezza complessiva L 2 225 cm 3 338 cm 4 451 cm 5 563 cm 6 676 cm

3050 cm

Distribuire uniformemente gli altri punti di fissaggio D lungo tutta la lunghezza

3050 cm

1
D

...
D L

...
D

6
D

189

189

18

25

2.17 Esempi di installazione


Installazione con caldaia murale solo riscaldamento e bollitore a doppio serpentino

F1

MI

MB RB RI

6 11 8 9 2 4

F3

F4
dalla rete

10

1 Collettore solare CF-20N 2 Vaso di espansione per circuito solare 3 Kit idraulico di ritorno per solare 4 Valvola miscelatrice termostatica 5 Bollitore doppia serpentina

6 Centralina solare SUN B 7 Caldaia murale solo riscaldamento con valvola a tre vie 8 Circolatore per ricircolo sanitario 9 Utenze 10 Valvola di sicurezza 11 Valvola di non ritorno

MI Mandata impianto MB Mandata bollitore RB Ritorno bollitore RI Ritorno impianto F1 Sonda collettore F3 Sonda richiesta caldaia F4 Sonda bollitore

26

Installazione con caldaia combinata e bollitore monoserpentino

F1
7

MI UACS

IAB

RI

6 12 8

2 3 5

F4

dalla rete

11

10 9

1 Collettore solare CF-20N 2 Vaso di espansione per circuito solare 3 Kit idraulico di ritorno per solare 4 Miscelatore termostatico 5 Bollitore mono serpentina 6 Centralina solare SUN B 7 Caldaia murale combinata

8 Utenze 9 Valvola di sicurezza 10 Manometro 11 Valvola di non ritorno 12 Valvola deviatrice 3 vie motorizzata MI Mandata impianto IAB Ingresso acqua da bollitore

UACS Uscita acqua calda sanitaria RI Ritorno impianto F1 Sonda collettore F4 Sonda bollitore

27

2.18 Scelta dei componenti per linstallazione di sistemi solari con collettori piani verticali CF-20N e bollitori TANK
Qualora non si intenda utilizzare uno dei pacchetti solari CF-2N, la seguente tabella indica i componenti idraulici necessari ed opzionali per realizzare un impianto solare. La centralina e la caldaia a supporto dovranno essere selezionate a parte secondo le esigenze. Le configurazioni sotto riportate si riferiscono ad impianti solari standard: esposizioni ed inclinazioni particolari dei collettori, nonch distanze notevoli tra collettori e bollitore, possono modificare la scelta del componente pi idoneo.
1 1 1 1 (c) 1 (c) 1 (c) (d) (d) (d) 1 1 1 1 1 2 1 1 1 (a) 1 (c) 1 (c) 1 (c) (d) (d) (d) 1 1 1 1 1 1 3 1 1 1 1 (a) 1 (c) 1 (c) 1 (c) (d) (d) (d) 1 1 1 1 1 1 Numero collettori 4 5 7 1 2 2 1 1 1 (a) 1 1 (a) 1 1 (c) 1 (c) 1 (c) 1 (c) 1 (c) 1 (c) 1 (c) 1 (c) (d) (d) (d) (d) (d) (d) (d) (d) (d) 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 2 8 4 1 1 (c) 1 (c) (d) (d) (d) 1 1 1 2 10 5 1 (b) 1 (c) 1 (c) (d) (d) (d) 1 2 2 13 3 1 1 (b) 1 (c) 1 (c) (d) (d) (d) 1 1 1 3 3

Cod. 20050338 Cod. 20050339 Cod. 20050340 Cod. 20001397 Cod. 20001228 Cod. 20026197 Cod. 20001229 Cod. 20026199 Cod. 20001230 Cod. 20026200 Cod. 20001231 Cod. 20026202 Cod. 20009171 Cod. 20009172 Cod. 20052797 Cod. 20052798 Cod. 20026145 Cod. 20026215 Cod. 20009196 Cod. 1150619 Cod. 20001451 Cod. 20001452 Cod. 1150489 Cod. 1150509 Cod. 1150519 Cod. 20001448 Cod. 1150499 Cod. 20009190 Cod. 1150549 Cod. 1150559 Cod. 1150529 Cod. 20026577

Collettore piano verticale CF-20N Collettore piano verticale CF-20N (confezione 2 pz.) Collettore piano verticale CF-20N (confezione 7 pz.) Bollitore mono serpentina TANK MV 150 Bollitore doppia serpentina TANK BV 200 Bollitore doppia serpentina TANK BV 200 FI Bollitore doppia serpentina TANK BV 300 Bollitore doppia serpentina TANK BV 300 FI Bollitore doppia serpentina TANK BV 430 Bollitore doppia serpentina TANK BV 430 FI Bollitore doppia serpentina TANK BV 550 Bollitore doppia serpentina TANK BV 550 FI Bollitore doppia serpentina TANK BV 750 Bollitore doppia serpentina TANK BV 1000 Bollitore doppia serpentina TANK N BV 1500 Bollitore doppia serpentina TANK N BV 2000 Gruppo idraulico ritorno H 4,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 6,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 11 m c.a. Tubo inox flessibile 16 mm, L 15 m Tubo inox flessibile 16 mm, L 20 m Raccordi per tubo inox flessibile Vaso di espansione 18 litri Vaso di espansione 24 litri Vaso di espansione 35 litri Vaso di espansione 50 litri (e) Staffa fissaggio a muro vasi 18 e 24 litri (f) Glicole 2,5 kg Glicole 5 kg Glicole 10 kg Valvola miscelatrice termostatica " Degasatore manuale (g)

(a) I bollitori F-TANK BV vanno scelti in alternativa ai modelli TANK BV di pari capacit. (b) Il numero di collettori CF-20N da applicare ai bollitori TANK N BV 1500/2000 va calcolato con cura in ogni singola situazione. (c) Non necessario con i bollitori F-TANK BV. I gruppi idraulici cod. 20026215 e 20009196 vanno scelti in alternativa al cod. 20026145 nel caso in cui la prevalenza di questultimo non sia sufficiente.

(d) Accessori da utilizzare secondo necessit. (e) Il numero di collettori CF-20N da applicare con i vasi di espansione da 50 litri va calcolato in ogni singola situazione. (f) Accessorio opzionale. (g) Uno per batteria. Non necessario se il riempimento impianto viene effettuato con una pompa di carico centrifuga (cod. 20001454).

Staffe di fissaggio per tetti piani Cod. 20008280 Cod. 20008302 Cod. 20008758 Cod. 20008281 Cod. 20008757 Kit barre di supporto 1 collettore Kit barre di supporto 2 collettori Kit barre di supporto 3 collettori Kit componenti fissaggio tetto piano Kit giunti di accoppiamento

1 1 2 -

2 1 2 -

3 1 3 -

Numero collettori 4 5 7 (h) 2 1 2 1 1 5 6 8 1 1 1

8 (i) 4 10 2

10 (j) 2 2 12 2

13 (k) 5 1 16 3

Staffe di fissaggio per tetti inclinati Cod. 20008280 Cod. 20008302 Cod. 20008758 Cod. 20008292 Cod. 20008757 Kit barre di supporto 1 collettore Kit barre di supporto 2 collettori Kit barre di supporto 3 collettori Kit componenti fissaggio tetto inclinato Kit giunti di accoppiamento

1 1 2 -

2 1 2 -

3 1 3 -

Numero collettori 4 5 7 (h) 2 1 2 1 1 5 6 8 1 1 1

8 (i) 4 10 2

10 (j) 2 2 12 2

13 (k) 5 1 16 3

28

(h) Si considerano 2 batterie da 4+3 collettori. (i) Si considerano 2 batterie da 4+4 collettori.

(j) Si considerano 2 batterie da 5+5 collettori. (k) Si considerano 3 batterie da 5+4+4 collettori.

2.19 Scelta dei componenti per linstallazione di sistemi solari con collettori piani verticali CF-20N e accumuli inerziali SILOS
Tabella indicante i componenti idraulici necessari ed opzionali per realizzare un impianto solare. La centralina e la caldaia a supporto dovranno essere selezionate a parte secondo le esigenze. Le configurazioni sotto riportate si riferiscono ad impianti solari standard: esposizioni ed inclinazioni particolari dei collettori, nonch distanze notevoli tra collettori e bollitore, possono modificare la scelta del componente pi idoneo.
2 1 1 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 4 2 1 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 1 7 1 1 (a) 1 (a) 1 (a) 1 1 (c) (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 2 Numero collettori 8 10 14 1 5 1 2 1 1 1 (b) 1 1 1 (c) 1 (c) 1 (d) (d) (d) (d) (d) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) 1 1 1 1 1 1 1 2 1 1 2 2 3 21 3 1 (b) 1 (d) (d) (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 2 4 35 5 1 (b) 1 (d) (d) (d) 1 1 4 6

Cod. 20050338 Cod. 20050339 Cod. 20050340 Cod. 20014355 Cod. 20014356 Cod. 20055209 Cod. 20055210 Cod. 20001401 Cod. 20001402 Cod. 20001403 Cod. 20001404 Cod. 20001405 Cod. 20026145 Cod. 20026215 Cod. 20009196 Cod. 20001436 Cod. 20048702 Cod. 20048705 Cod. 20048707 Cod. 20048709 Cod. 1150619 Cod. 20001451 Cod. 20001452 Cod. 1150489 Cod. 1150509 Cod. 1150519 Cod. 20001448 Cod. 20001449 Cod. 1150499 Cod. 20009190 Cod. 1150549 Cod. 1150559 Cod. 1150529 Cod. 20026577

Collettore piano verticale CF-20N Collettore piano verticale CF-20N (confezione 2 pz.) Collettore piano verticale CF-20N (confezione 7 pz.) Accumulo inerziale combinato SILOS C 800 Accumulo inerziale combinato SILOS C 1000 Accumulo inerziale con serpentina SILOS 300 M Accumulo inerziale con serpentina SILOS 500 M Accumulo inerziale con serpentina SILOS 1000 M Accumulo inerziale con serpentina SILOS 1500 M Accumulo inerziale SILOS 2000 Accumulo inerziale SILOS 3000 Accumulo inerziale SILOS 5000 Gruppo idraulico ritorno H 4,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 6,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 11 m c.a. Gruppo di scambio termico solare STS 50 Gruppo di scambio termico solare STS 120 Gruppo di scambio termico sanitario ACS 30 Gruppo di scambio termico sanitario ACS 150 Gruppo di scambio termico sanitario ACS 225 Tubo inox flessibile 16 mm, L 15 m Tubo inox flessibile 16 mm, L 20 m Raccordi per tubo inox flessibile Vaso di espansione 18 litri Vaso di espansione 24 litri Vaso di espansione 35 litri Vaso di espansione 50 litri (f) Vaso di espansione 100 litri (f) Staffa fissaggio a muro vasi 18 e 24 litri (g) Glicole 2,5 kg Glicole 5 kg Glicole 10 kg Valvola miscelatrice termostatica " (h) Degasatore manuale (i)

(a) Scegliere uno dei SILOS C oppure il SILOS 1000 M secondo il fabbisogno di acqua calda sanitaria e/o dellintegrazione del riscaldamento calcolati dal progettista. (b) Il numero di collettori CF-20N da applicare con gli accumuli SILOS 2000/3000/5000 va calcolato con cura in ogni singola situazione. (c) I gruppi idraulici cod. 20009196 vanno scelti in alternativa ai cod. 20026145 e 20026215 nel caso in cui la prevalenza di questi ultimi non sia sufficiente. (d) I gruppi di scambio ACS, che non si applicano ai SILOS C, vanno scelti in funzione del fabbisogno di acqua calda sanitaria calcolato dal progettista.
Staffe di fissaggio per tetti piani Cod. 20008280 Cod. 20008302 Cod. 20008758 Cod. 20008281 Cod. 20008757 Kit barre di supporto 1 collettore Kit barre di supporto 2 collettori Kit barre di supporto 3 collettori Kit componenti fissaggio tetto piano Kit giunti di accoppiamento

(e) Accessori da utilizzare secondo necessit. (f) Il numero di collettori CF-20N da applicare con i vasi di espansione da 50/100 litri va calcolato in ogni singola situazione. (g) Accessorio opzionale. (h) Solo per SILOS C. (i) Uno per batteria. Non necessario se il riempimento impianto viene effettuato con una pompa di carico centrifuga (cod. 20001454).

2 1 2 -

4 2 5 1

7 (j) 2 7 1

Numero collettori 8 (k) 10 (l) 14 (m) 2 4 1 4 8 10 14 1 2 2 Numero collettori 8 (k) 10 (l) 14 (m) 2 4 1 4 8 10 14 1 2 2

21 (n) 1 5 20 3

35 (o) 1 9 34 5

Staffe di fissaggio per tetti inclinati Cod. 20008280 Cod. 20008302 Cod. 20008758 Cod. 20008292 Cod. 20008757 Kit barre di supporto 1 collettore Kit barre di supporto 2 collettori Kit barre di supporto 3 collettori Kit componenti fissaggio tetto inclinato Kit giunti di accoppiamento

2 1 2 -

4 2 5 1

7 (j) 2 7 1

21 (n) 1 5 20 3

35 (o) 1 9 34 5

(j) Si considerano 2 batterie da 4+3 collettori. (k) Si considerano 2 batterie da 4+4 collettori. (l) Si considerano 2 batterie da 5+5 collettori.

(m) Si considerano 3 batterie da 5+5+4 collettori. (n) Si considerano 4 batterie da 6+5+5+5 collettori. (o) Si considerano 6 batterie da 6+6+6+6+6+5 collettori.

29

SEZIONE 3 Collettore solare ad incasso CFI-25N


3.1 Guida al capitolato
collettore solare ad incasso per circolazione forzata elevato rendimento assicurato dallassorbitore in alluminio con finitura selettiva tubazioni in rame saldate ad ultrasuoni temperatura di stagnazione 202C superficie complessiva 2,40 m2 isolamento in lana di roccia 40 mm possibilit di collegare fino a 6 collettori in serie ampia gamma di accessori per agevolare linstallazione ridotti tempi di montaggio grazie ai sistemi di fissaggio semplici ed affidabili collettori solari conformi alle norme UNI-EN 12975 ed alla certificazione Solar Keymark garanzia 5 anni

3.2 Descrizione
Il collettore solare ad incasso CFI-25N ha due attacchi ed costituito da una vasca in legno sulla quale fissata una piastra captante in alluminio, in un unico pezzo, con finitura altamente selettiva effettuata tramite un trattamento sottovuoto denominato TiNOX, che permette altissime prestazioni al collettore. La piastra captante saldata ad ultrasuoni su 12 tubi di rame per la conduzione del liquido termovettore. I due collettori principali, per il collegamento dei tubi, sono in rame: il collettore superiore strozzato al centro per permettere lalimentazione in parallelo dei primi 6 tubi. Dopo il passaggio al collettore inferiore il fluido termovettore risale attraverso il secondo gruppo di 6 tubi al collettore superiore, da cui deriva una doppia lunghezza termica. Ogni pannello protetto da un vetro solare temperato a basso contenuto di ossido di ferro e con alto coefficiente di trasmissione di energia. Lisolamento in lana di roccia collocato sul fondo (spessore 4 cm) e sulle pareti della vasca. La sonda di temperatura viene posizionata in un apposito pozzetto in rame. Il sistema di montaggio a incasso nel tetto semplice e, se eseguito correttamente, garantisce un esercizio efficace e durevole nel tempo.

30

3.3 Tabella dati tecnici


Descrizione Superficie complessiva Superficie di apertura Superficie effettiva assorbitore Collegamenti (F) - (F) Peso a vuoto Contenuto liquido Portata consigliata per m2 di pannello Spessore vetro Assorbimento () Emissioni () Pressione massima ammessa Temperatura di stagnazione Massimo numero di pannelli collegabili in serie Unit m2 mm2 mm2 kg litri litri/ora mm % % bar C n CFI-25N 2,40 2,21 2,15 1" 43 1,68 30 3,2 95 5 10 202 6

3.4 Diametro tubi di collegamento con portata specifica di 30 litri/m2h


Superficie totale (m2) Diametro rame (mm) Diametro acciaio 2-4 10 - 12 3/8" - 1/2" 6 - 12 14 1/2" 14 - 20 18 3/4"

3.5 Curve efficienza


1
0,8 0,6 0,4 0,2 0

Rendimento ottico allassorbitore (0) 0,792

Coefficiente di dispersione termica dellassorbitore a2 a1 W/(m2K2) W/(m2K) 4,34 0,0067

0,02

0,04

0,06 0,08 T*m [m 2 K/W]

0,1

0,12

Test secondo EN 12975 riferito a miscela acqua-glicole al 33,3%, portata di 180 litri/ora e irraggiamento G=800W/m2. Tm = (Tcollettore ingresso + Tcollettore uscita) / 2 T*m = (Tm - Tambiente) / G

31

3.6 Dimensioni di ingombro e elementi strutturali


Informazioni per linstallazione
Scoprire la superficie del tetto in corrispondenza del collettore: Larghezza: ca. 1,25 m per collettore + 1,5 m. Altezza: ca. 3,0 m per montaggio di una batteria. Altezza: ca. 5-6 m per montaggio di due batterie. Il montaggio deve avvenire solo su tetti ventilati o telai sufficientemente robusti. In caso di tetti in cemento / guaina non appoggiare il collettore direttamente sul piano ma mantenerlo sollevato con distanziali di 2 cm. Il collettore idoneo per installazione su tetti con inclinazione da un minimo di 20 a un massimo di 65.
1182 50 Mandata collettore 1080 Ritorno collettore 50 96 36 42,5

Le coperture dei tetti, come ad esempio tegole, scandole e ardesia, nel caso in cui la pendenza minima dei tetti sia inferiore ai valori ammessi, richiedono misure costruttive aggiuntive, come ad esempio membrane impermeabilizzanti, atte ad impedire le infiltrazioni di acqua dovute alla pressione del vento e della neve. Mantenere nella parte inferiore del collettore un dislivello di 7 cm dal colmo della tegola. Il sensore di temperatura deve essere installato nel pozzatto sonda (lato sinistro del collettore) prima della chiusura del tetto.

Pozzetto per sonda collettore

Flusso del liquido termovettore

32

2033

3.7 Circuito idraulico


Lo schema idraulico seguente illustra il collegamento tra collettori solari e bollitore solare. Collegare al massimo 6 collettori in serie. In caso di utilizzo di tubazioni in rame eseguire una saldatura a brasatura forte. Si consiglia di utilizzare tubazioni in acciaio INOX predisposte per il solare (mandata, ritorno e tubo per la sonda). consigliato un cavo della sonda di tipo schermato. Non utilizzare tubi in plastica o multistrato: la temperatura di esercizio pu superare i 180C. La coibentazione dei tubi deve resistere ad alte temperature (180C).

3 M 1 15 1 R

7 9
M

8 10 16 11

4 6 5 12 2 13 14 4 4 C

1 Collettore solare 2 Bollitore 3 Sonda collettore 4 Valvole di sezionamento 5 Valvola non ritorno 6 Termometro 7 Valvola di sfiato 8 Valvola di sicurezza 9 Manometro 10 Scarico 11 Vaso despansione 12 Circolatore 13 Regolatore di portata 14 Misuratore di portata 15 Giunto di accoppiamento (disponibile a parte nel kit di fissaggio) 16 Recupero fluido termovettore M Mandata collettore R Ritorno collettore

Gruppo idraulico

3.8 Perdita di carico del collettore solare


Test riferito ad una miscela glicole / acqua al 33,3% ad una temperatura del liquido termovettore di 20C.
200 180 160

Perdita di carico (mbar)

140 120 100 80 60 40 20 0 0 100 200 300 400 500 600 700 800 900 1000 1200

Portata (l/h)

33

3.9 Posizionamento sonde


Il sensore di temperatura deve essere montato nel pozzetto pi vicino al tubo di mandata del collettore. Assicurare il contatto ottimale tra sonda e pozzetto. Per il montaggio del sensore possono essere impiegati solo materiali con unadeguata resistenza alle alte temperature (fino a 250C per elemento sensore, cavi, materiali della guarnizione, isolamento).
3 M 1 1 R

7 REGOLATORE SOLARE 4 16 6 5 12 2 13 15 14 4 4 C

8 9 M 10 17 11

Gruppo idraulico

1 Collettore solare 2 Bollitore 3 Sonda collettore 4 Valvole di sezionamento 5 Valvola non ritorno 6 Termometro 7 Valvola di sfiato 8 Valvola di sicurezza 9 Manometro 10 Scarico 11 Vaso despansione 12 Circolatore 13 Regolatore di portata 14 Misuratore di portata 15 Sonda bollitore inferiore 16 Sonda bollitore superiore 17 Recupero fluido termovettore M Mandata collettore R Ritorno collettore

34

3.10 Installazione
Indicazioni per il montaggio
Il montaggio deve essere eseguito soltanto da personale specializzato. Occorre impiegare esclusivamente il materiale incluso nella fornitura. Lintelaiatura e i suoi collegamenti alle parti in muratura devono essere controllati da un esperto di statica a seconda delle circostanze presenti sul posto.

Inclinazione collettori / Generale


Il collettore idoneo ad uninclinazione di minimo 20, fino ad un massimo di 65. Le aperture di ventilazione e di sfiato dei collettori non devono essere chiuse al momento di montare limpianto. Tutti i collegamenti dei collettori, nonch i fori di ventilazione e di sfiato devono essere protetti da impurit come depositi di polvere, ecc. Negli impianti in cui il carico sia prevalentemente estivo (produzione di acqua calda sanitaria) orientare, se possibile, il collettore da est a ovest e con una inclinazione variabile da 20 a 60. Ideale lorientamento a sud e inclinazione pari alla latitudine del luogo -10. Nel caso il carico sia prevalentemente invernale (impianti che integrino produzione di acqua calda sanitaria e riscaldamento di ambienti), orientare, se possibile, il collettore solare verso sud (sud-est, sud-ovest) con una inclinazione maggiore di 35. Ideale lorientamento a sud e inclinazione pari alla latitudine del luogo +10.

Statica
Il montaggio deve avvenire soltanto su superfici di tetti o telai sufficientemente robusti. La robustezza del tetto o dellintelaiatura deve essere controllata sul posto da un esperto di statica prima del montaggio dei collettori. In questa operazione occorre soprattutto verificare lidoneit dellintelaiatura riguardo alla tenuta di collegamenti a vite per il fissaggio dei collettori. La verifica dellintera intelaiatura secondo le norme vigenti da parte di un esperto di statica necessaria soprattutto in zone con notevoli precipitazioni nevose o in aree esposte a forti venti. Occorre quindi prendere in considerazione tutte le caratteristiche del luogo di montaggio (raffiche di vento, formazione di vortici, ecc.) che possono portare ad un aumento dei carichi sulle strutture.

Risciacquo e riempimento
Per motivi di sicurezza il riempimento deve essere eseguito solo in assenza di raggi solari. In zone soggette a gelo si rende necessario limpiego di una soluzione al 40% di glicole, per collettori piani. Lantigelo deve essere mescolato con acqua prima del riempimento. In caso di lavaggio dellimpianto prima di procedere con il riempimento dellantigelo prestare attenzione a eventuali depositi di acqua nel collettore che possono gelare.

Protezione antifulmine
Le condotte metalliche del circuito solare devono essere collegate mediante un conduttore (gialloverde) di almeno 16 mm2 Cu (H07 V-U o R) con la barra principale di compensazione del potenziale. Se gi installato un parafulmine, i collettori possono essere integrati nellimpianto gi esistente. Altrimenti possibile eseguire la messa a terra con un cavo di massa interrato. La conduttura di terra deve essere posata fuori dalla casa. Il cavo di terra deve essere inoltre collegato con la barra di compensazione mediante una conduttura dello stesso diametro.

Sfiato
Occorre eseguire uno sfiato: Al momento della messa in funzione (dopo il riempimento). Se necessario, ad es. in caso di guasti. Verificare con attenzione lo sfiato completo dellimpianto. Pericolo di ustione con il liquido contenuto nei collettori. Azionare la valvola di sfiato soltanto se la temperatura del liquido conduttore minore di 60C. Al momento di sfiatare limpianto, i collettori non devono essere caldi. In ogni caso coprire i collettori e sfiatare limpianto, possibilmente di mattina.

Collegamenti
I collettori devono essere collegati in serie mediante raccordi e le guarnizioni. Se non sono previsti tubi flessibili come elementi di collegamento, occorre prevedere nelle condutture di collegamento adeguati dispositivi di compensazione delle deformazioni provocate dagli sbalzi di temperatura (archi di dilatazione, tubature flessibili). In casi simili possibile collegare in serie un max. di 6 collettori. Occorre verificare la collocazione corretta delle guarnizioni piane nella loro sede. Nel serraggio del raccordo con una pinza o una chiave necessario tenere fermo laltro raccordo con una seconda chiave per non danneggiare lassorbitore. Tutte le tubazioni della rete idraulica devono essere coibentate in modo rispondente alle norme vigenti. Gli isolanti devono essere protetti dagli agenti atmosferici e da attacchi di animali.

Controllo del liquido termovettore


Il liquido termovettore deve essere controllato ogni 2 anni per la sua capacit antigelo e il suo valore di pH. Controllare lantigelo con lapposito strumento, rifrattometro o densimetro, (valore nominale ca. -30C): se il valore limite di -26C viene superato, sostituire o aggiungere lantigelo. Controllare il valore di pH con una cartina di tornasole (valore nominale ca. 7,5): se il valore misurato al di sotto del valore limite 7, si consiglia di sostituire la miscela.

35

Riempimento impianto
Prima della messa in servizio dellimpianto necessario procedere con i passi sotto riportati.

Lavaggio dellimpianto e prova di tenuta


Se si sono utilizzate delle tubazioni in rame e si eseguita una brasatura forte necessario lavare limpianto dai residui del fondente di brasatura. Successivamente eseguire la prova di tenuta. Il collettore solare deve essere subito riempito con una miscela di acqua e glicole, poich dopo il lavaggio potrebbe contenere ancora dellacqua (pericolo di gelo).

Premiscelazione acqua + glicole


Il glicole viene fornito separatamente in confezioni standard e va miscelato con acqua in un recipiente prima di eseguire il riempimento dellimpianto (ad esempio 40% di glicole e 60% di acqua permettono una resistenza al gelo fino alla temperatura di -21C). Il glicole propilenico fornito studiato appositamente per applicazioni solari in quanto conserva le sue caratteristiche nellintervallo -32180C. Inoltre atossico, biodegradabile e biocompatibile. Non immettere glicole puro nellimpianto e poi aggiungere acqua. Non utilizzare sistemi di riempimento manuali o automatici. In presenza di un tenore di cloro molto elevato necessario utilizzare acqua distillata per la miscela.
Antigelo 50% 40% 30% Temperatura -32 C -21 C -13 C Densit 1,045 kg/dm3 1,037 kg/dm3 1,029 kg/dm3

Riempimento
1. Aprire la valvola di non ritorno (A). 2. Aprire la valvola di sfiato (7). 3. Far circolare il fluido termovettore con una pompa di carico esterna fino ad eliminare tutte le bolle daria. Chiudere il rubinetto del degasatore manuale. 4. Innalzare brevemente la pressione dellimpianto fino a 4 bar. 5. Mettere in funzione limpianto per circa 20 minuti. 6. Ripetere loperazione di sfiato aria dal punto 2 fino alla completa disaerazione dellimpianto. 7. Impostare la pressione dellimpianto a 3 bar. 8. Chiudere la valvola di non ritorno (A) e gli sfiati aria precedentemente aperti per evitare eventuali evaporazioni del fluido termovettore. Non eseguire il riempimento dellimpianto in condizioni di forte insolazione e con i collettori ad elevate temperature. Assicurarsi di aver eliminato completamente le bolle daria utilizzando anche lo sfiato posto sul gruppo idraulico.

Pompa di carico fluido termovettore (accessorio): con questa pompa non necessario il degasatore manuale.

Collettore solare M R

7 M C A P ompa di carico fluido termovettore

Scambiatore di calore del bollitore solare

36

Gruppo idraulico

Miscela antigelo

3.12 Connessioni
Schema connessioni tra collettori solari

guarnizione

al circuito di scambio termico

sonda collettore

dal circuito di scambio termico

raccordo tubo impianto raccordo tubo impianto

guarnizione

guarnizione

I collettori vengono collegati tra loro in modo che il fluido termovettore li attraversi in serie. Il collegamento con il circuito di scambio termico che va verso lo scambiatore deve essere fatto dalla parte del pozzetto della sonda dellultimo collettore della serie (vedere figura). anche possibile connettere pi di una linea di collettori solari, sia in serie (purch il numero di collettori solari per ciascuna serie non superi le 6 unit) che in parallelo. In ogni caso il circuito deve essere idraulicamente bilanciato (vedere i seguenti schemi come esempio).

Due linee in serie


T

Due linee in parallelo


T

37

3.13 Esempi di installazione


Installazione con caldaia murale solo riscaldamento e bollitore a doppio serpentino

F1

MI

MB RB RI

6 11 8 9 2 4

F3

F4
dalla rete

10

1 Collettore solare CFI-25N 2 Vaso di espansione per circuito solare 3 Kit idraulico di ritorno per solare 4 Valvola miscelatrice termostatica 5 Bollitore doppia serpentina

6 Centralina solare SUN B 7 Caldaia murale solo riscaldamento con valvola a tre vie 8 Circolatore per ricircolo sanitario 9 Utenze 10 Valvola di sicurezza 11 Valvola di non ritorno

MI Mandata impianto MB Mandata bollitore RB Ritorno bollitore RI Ritorno impianto F1 Sonda collettore F3 Sonda richiesta caldaia F4 Sonda bollitore

38

Installazione con caldaia combinata e bollitore monoserpentino

F1

MI UACS

IAB

RI

6 12 8

2 3 5

F4

dalla rete

11

10 9

1 Collettore solare CFI-25N 2 Vaso di espansione per circuito solare 3 Kit idraulico di ritorno per solare 4 Miscelatore termostatico 5 Bollitore mono serpentina 6 Centralina solare SUN B 7 Caldaia murale combinata

8 Utenze 9 Valvola di sicurezza 10 Manometro 11 Valvola di non ritorno 12 Valvola deviatrice 3 vie motorizzata MI Mandata impianto IAB Ingresso acqua da bollitore

UACS Uscita acqua calda sanitaria RI Ritorno impianto F1 Sonda collettore F4 Sonda bollitore

39

3.14 Ingombri collettori CFI-25N in batteria


14 30

90

7545 6360 5175 3990 2805 1530

Collettore + converse

5170

2945

Misure in millimetri

40

16 10

(*) Altezza fila singola con converse (**) Altezza fila doppia con converse

70 51 (* *) 45 29 (* )

3.15 Scelta dei componenti per linstallazione di sistemi solari con collettori piani ad incasso CFI-25N e bollitori TANK
Qualora non si intenda utilizzare uno dei pacchetti solari CFI-KN (disponibili fino a 4 collettori CFI-25N), la tabella seguente indica i componenti idraulici necessari ed opzionali per realizzare un impianto solare. La centralina e la caldaia a supporto dovranno essere selezionate a parte secondo le esigenze. Le configurazioni sotto riportate si riferiscono ad impianti solari standard: esposizioni ed inclinazioni particolari dei collettori, nonch distanze notevoli tra collettori e bollitore, possono modificare la scelta del componente pi idoneo.
1 1 1 1 (a) 1 (b) 1 (d) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 1 (h) 1 (h) 1 2 1 1 1 (b) 1 (d) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 Numero collettori 3 4 6 7 1 1 2 3 1 1 1 (b) 1 1 (b) 1 1 1 (d) 1 (d) 1 (d) 1 (d) 1 (d) 1 (d) 1 (d) 1 (d) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) 1 1 1 1 1 1 1 1 2 2 2 1 1 8 1 1 1 (c) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 2 11 2 1 1 (c) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 1 3 -

Cod. 20050341 Cod. 20050342 Cod. 20050343 Cod. 20001397 Cod. 20001228 Cod. 20026197 Cod. 20001229 Cod. 20026199 Cod. 20001230 Cod. 20026200 Cod. 20001231 Cod. 20026202 Cod. 20009171 Cod. 20009172 Cod. 20052797 Cod. 20052798 Cod. 20026145 Cod. 20026215 Cod. 20009196 Cod. 1150619 Cod. 20001451 Cod. 20001452 Cod. 1150489 Cod. 1150509 Cod. 1150519 Cod. 20001448 Cod. 1150499 Cod. 20009190 Cod. 1150549 Cod. 1150559 Cod. 1150529 Cod. 20026577

Collettore piano ad incasso CFI-25N Collettore piano ad incasso CFI-25N (confezione 2 pz.) Collettore piano ad incasso CFI-25N (confezione 7 pz.) Bollitore mono serpentina TANK MV 150 Bollitore doppia serpentina TANK BV 200 Bollitore doppia serpentina TANK BV 200 FI Bollitore doppia serpentina TANK BV 300 Bollitore doppia serpentina TANK BV 300 FI Bollitore doppia serpentina TANK BV 430 Bollitore doppia serpentina TANK BV 430 FI Bollitore doppia serpentina TANK BV 550 Bollitore doppia serpentina TANK BV 550 FI Bollitore doppia serpentina TANK BV 750 Bollitore doppia serpentina TANK BV 1000 Bollitore doppia serpentina TANK N BV 1500 Bollitore doppia serpentina TANK N BV 2000 Gruppo idraulico ritorno H 4,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 6,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 11 m c.a. Tubo inox flessibile 16 mm, L 15 m Tubo inox flessibile 16 mm, L 20 m Raccordi per tubo inox flessibile Vaso di espansione 18 litri Vaso di espansione 24 litri Vaso di espansione 35 litri Vaso di espansione 50 litri (f) Staffa fissaggio a muro vasi 18 e 24 litri (g) Glicole 2,5 kg Glicole 5 kg Glicole 10 kg Valvola miscelatrice termostatica 3/4" Degasatore manuale (i)

(a) Il bollitore TANK BV 200 pu essere scelto in alternativa al modello TANK BV 300 nel caso lesposizione dei collettori CFI-25N sia particolarmente favorevole. (b) I bollitori F-TANK BV vanno scelti in alternativa ai modelli TANK BV di pari capacit. (c) Il numero di collettori CFI-25N da applicare ai bollitori TANK N BV 1500/2000 va calcolato con cura in ogni singola situazione. (d) Non necessario con i bollitori F-TANK BV. I gruppi idraulici cod. 20026215 e 20009196 vanno scelti in alternativa al cod. 20026145 nel caso in cui la prevalenza di questultimo non sia sufficiente.
Componenti per il fissaggio su tetti inclinati DA 20 A 65 Collettori su fila unica Cod. 20019194 Kit converse 1 collettore CFI-25N Cod. 20019195 Kit converse 2 collettori CFI-25N Cod. 20019196 Kit converse aggiuntivo Cod. 20019197 Kit collegamento idraulico Componenti per il fissaggio su tetti inclinati da 20 a 65 Collettori su due file sovrapposte Cod. 20019195 Kit converse 2 collettori CFI-25N Cod. 20019196 Kit converse aggiuntivo Cod. 20019198 Kit converse 2 collettori CFI-25N per seconda fila Cod. 20019199 Kit converse aggiuntivo per seconda fila Cod. 20019197 Kit collegamento idraulico

(e) Accessori da utilizzare secondo necessit. (f) Il numero di collettori CFI-25N da applicare con i vasi di espansione da 50 litri va calcolato con cura in ogni singola situazione. (g) Accessorio opzionale. (h) Per bollitori TANK MV 150: 5 kg, per TANK BV 200/200 FI: 10 kg. (i) Non applicabile. Il riempimento impianto va necessariamente effettuato con una pompa di carico centrifuga (cod. 20001454).

1 1 -

2 1 1

3 1 1 2

Numero collettori 4 6 7 (i) 1 1 2 2 4 3 3 5 5 Numero collettori 4 6 7 (i) 1 1 1 1 1 1 2 4 -

8 (j) 2 4 6

11 (k) 2 7 9

1 -

2 -

3 -

8 (j) 1 2 1 2 6

11 (k) -

(j) Si considerano 2 batterie da 4+3 collettori. (k) Si considerano 2 batterie da 4+4 collettori. (l) Si considerano 2 batterie da 6+5 collettori.

La tabella non esaustiva: sono possibili anche soluzioni miste con collettori in linea affiancati ad altri sovrapposti.

41

3.16 Scelta dei componenti per linstallazione di sistemi solari con collettori piani ad incasso CFI-25N e accumuli inerziali SILOS
Tabella indicante i componenti idraulici necessari ed opzionali per realizzare un impianto solare. La centralina e la caldaia a supporto dovranno essere selezionate a parte secondo le esigenze. Le configurazioni sotto riportate si riferiscono ad impianti solari standard: esposizioni ed inclinazioni particolari dei collettori, nonch distanze notevoli tra collettori e bollitore, possono modificare la scelta del componente pi idoneo.
2 1 1 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 1 4 2 1 1 (d) (e) (e) (e) 1 2 6 3 1 (a) 1 (a) 1 (a) 1 1 (c) (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 Numero collettori 7 8 12 1 1 2 1 1 1 1 1 1 (b) 1 1 1 (c) 1 (c) 1 (d) (d) (d) (d) (d) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) 1 1 1 1 1 1 1 2 1 1 16 1 2 1 (b) 1 (d) (d) (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 2 27 3 3 1 (b) 1 (d) (d) (d) 1 1 1 1 1 3 -

Cod. 20050341 Cod. 20050342 Cod. 20050343 Cod. 20014355 Cod. 20014356 Cod. 20055209 Cod. 20055210 Cod. 20001401 Cod. 20001402 Cod. 20001403 Cod. 20001404 Cod. 20001405 Cod. 20026145 Cod. 20026215 Cod. 20009196 Cod. 20001436 Cod. 20048702 Cod. 20048705 Cod. 20048707 Cod. 20048709 Cod. 1150619 Cod. 20001451 Cod. 20001452 Cod. 1150489 Cod. 1150509 Cod. 1150519 Cod. 20001448 Cod. 20001449 Cod. 1150499 Cod. 20009190 Cod. 1150549 Cod. 1150559 Cod. 1150529 Cod. 20026577

Collettore piano ad incasso CFI-25N Collettore piano ad incasso CFI-25N (confezione 2 pz.) Collettore piano ad incasso CFI-25N (confezione 7 pz.) Accumulo inerziale combinato SILOS C 800 Accumulo inerziale combinato SILOS C 1000 Accumulo inerziale con serpentina SILOS 300 M Accumulo inerziale con serpentina SILOS 500 M Accumulo inerziale con serpentina SILOS 1000 M Accumulo inerziale con serpentina SILOS 1500 M Accumulo inerziale SILOS 2000 Accumulo inerziale SILOS 3000 Accumulo inerziale SILOS 5000 Gruppo idraulico ritorno H 4,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 6,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 11 m c.a. Gruppo di scambio termico solare STS 50 Gruppo di scambio termico solare STS 120 Gruppo di scambio termico sanitario ACS 30 Gruppo di scambio termico sanitario ACS 150 Gruppo di scambio termico sanitario ACS 225 Tubo inox flessibile 16 mm, L 15 m Tubo inox flessibile 16 mm, L 20 m Raccordi per tubo inox flessibile Vaso di espansione 18 litri Vaso di espansione 24 litri Vaso di espansione 35 litri Vaso di espansione 50 litri (f) Vaso di espansione 100 litri (f) Staffa fissaggio a muro vasi 18 e 24 litri (g) Glicole 2,5 kg Glicole 5 kg Glicole 10 kg Valvola miscelatrice termostatica 3/4" (h) Degasatore manuale (i)

(a) Scegliere uno dei SILOS C oppure il SILOS 1000 M secondo il fabbisogno di acqua calda sanitaria e/o dellintegrazione del riscaldamento calcolati dal progettista. (b) Il numero di collettori CFI-25N da applicare con gli accumuli SILOS 2000/3000/5000 va calcolato con cura in ogni singola situazione. (c) I gruppi idraulici cod. 20009196 vanno scelti in alternativa ai cod. 20026145 e 20026215 nel caso in cui la prevalenza di questi ultimi non sia sufficiente. (d) I gruppi di scambio ACS, che non si applicano ai SILOS C, vanno scelti in funzione del fabbisogno di acqua calda sanitaria calcolato dal progettista.
Componenti per il fissaggio su tetti inclinati da 20 a 65 Collettori su fila unica Cod. 20019195 Kit converse 2 collettori CFI-25N Cod. 20019196 Kit converse aggiuntivo

(e) Accessori da utilizzare secondo necessit. (f) Il numero di collettori CFI-25N da applicare con i vasi di espansione da 50/100 litri va calcolato con cura in ogni singola situazione. (g) Accessorio opzionale. (h) Solo per SILOS C. (i) Non applicabile. Il riempimento impianto va necessariamente effettuato con una pompa di carico centrifuga (cod. 20001454).

2 1 -

4 1 2

6 1 4

Numero collettori 7 (j) 8 (k) 12 (l) 2 2 2 3 4 8

16 (m) 3 10

27 (n) 5 17

Componenti per il fissaggio su tetti inclinati da 20 a 65 Collettori su due file sovrapposte Cod. 20019195 Kit converse 2 collettori CFI-25N Cod. 20019196 Kit converse aggiuntivo Cod. 20019198 Kit converse 2 collettori CFI-25N per seconda fila Cod. 20019199 Kit converse aggiuntivo per seconda fila

2 -

4 1 1 -

6 1 1 1 1

Numero collettori 7 (j) 8 (k) 12 (l) 1 1 2 4 1 1 2 4

16 (m) -

27 (n) -

42

(j) Si considerano 2 batterie da 4+3 collettori. (k) Si considerano 2 batterie da 4+4 collettori. (l) Si considerano 2 batterie da 6+6 collettori. (m) Si considerano 3 batterie da 6+6+4 collettori. (n) Si considerano 5 batterie da 6+6+6+6+3 collettori.

La tabella non esaustiva: sono possibili anche soluzioni miste con collettori in linea affiancati ad altri sovrapposti.

SEZIONE 4 Collettore solare orizzontale CFO-25N


4.1 Guida al capitolato
collettore solare piano per circolazione forzata elevato rendimento assicurato dallassorbitore in alluminio con finitura selettiva tubazioni saldate ad ultrasuoni vasca in alluminio prestampata temperatura di stagnazione 201C superficie complessiva 2,57 m2 isolamento in lana di roccia 50 mm possibilit di collegare fino a 6 collettori in serie ampia gamma di accessori per agevolare linstallazione ridotti tempi di montaggio grazie ai sistemi di fissaggio semplici ed affidabili collettori solari conformi alle norme UNI-EN 12975 ed alla certificazione Solar Keymark garanzia 5 anni

4.2 Descrizione
Il collettore solare piano CFO-25N ha due attacchi ed costituito da una vasca in alluminio prestampata sulla quale fissata una piastra captante in alluminio, in un unico pezzo, con finitura altamente selettiva effettuata tramite un trattamento sottovuoto denominato TiNOX, che permette altissime prestazioni al collettore. La piastra captante saldata ad ultrasuoni su 12 tubi di rame per la conduzione del liquido termovettore. Ogni pannello protetto da un vetro solare temperato a basso contenuto di ossido di ferro e con alto coefficiente di trasmissione di energia. Lisolamento in lana di roccia dello spessore di 5 cm, collocato sul fondo della vasca. Anche le pareti laterali della vasca sono coibentate termicamente. La sonda di temperatura viene posizionata in un apposito pozzetto in rame. Il sistema di montaggio semplice e, se eseguito correttamente, garantisce un esercizio efficace e durevole nel tempo.

43

4.3 Tabella dati tecnici


Descrizione Superficie complessiva Superficie di apertura Superficie effettiva assorbitore Collegamenti (M) - (F) Peso a vuoto Contenuto liquido Portata consigliata per m2 di pannello Tipo di vetro - Spessore Assorbimento () Emissioni () Pressione massima ammessa Temperatura di stagnazione Massimo numero di pannelli collegabili in serie Unit m2 m2 m2 kg litri litri/ora % % bar C n CFO-25N 2,57 2,29 2,15 1" 45 1,6 30 vetro di sicurezza - 4 mm ~ 95 ~4 10 201 6

4.4 Influsso del vento e della neve sui collettori


Altezza da terra del posizionamento 0-8 m 8-20 m 20-100 m Velocit del vento 100 km/h 130 km/h 150 km/h Massa in kg per assicurare Carico della copertura del tetto per un collettore dal vento, neve, peso di un collettore sollevamento del vento inclinazione a 45 inclinazione a 20 inclinazione a 45 inclinazione a 20 80 kg 40 kg 345 kg 320 kg 180 kg 90 kg 470 kg 430 kg 280 kg 150 kg 624 kg 525 kg

Massimo carico ammissibile sulla superficie del collettore per vento e neve: 1500 Pa.

4.5 Diametro tubi di collegamento con portata specifica di 30 litri/m2h


Superficie totale (m2) Diametro rame (mm) Diametro acciaio 2-4 10 - 12 3/8 - 1/2 6 - 12 14 1/2 14 - 20 18 3/4

4.6 Curve efficienza


1
0,8

0,6

Rendimento ottico allassorbitore (0) 0,817

Coefficiente di dispersione termica dellassorbitore a2 a1 W/(m2K2) W/(m2K) 4,23 0,0045

0,4

0,2

0 0 0,02 0,04

T*m [m2K/W]

0,06

0,08

0,10

Test secondo EN 12975 riferito a miscela acqua-glicole al 33,3%, portata di 75 litri/ora e irraggiamento G=800W/m2. Tm = (Tcollettore ingresso + Tcollettore uscita) / 2 T*m = (Tm - Tambiente) / G

44

4.7 Dimensioni di ingombro e elementi strutturali

2106 Mandata collettore 70 2076 Ritorno collettore

1238

Pozzetto per sonda collettore

Flusso del liquido termovettore

100

Vetro 4 mm. Tubo scambiatore 8 mm.

Guarnizione in gomma Cornice superiore per vetro

Cornice inferiore per vetro

Fissaggio 1" Collettore 22 mm. Piastra flangiata Isolamento laterale Isolamento di fondo Vasca di alluminio

45

4.8 Circuito idraulico


Lo schema idraulico seguente illustra il collegamento tra collettori solari e bollitore solare. Collegare al massimo 6 collettori in serie. In caso di utilizzo di tubazioni in rame eseguire una saldatura a brasatura forte. Si consiglia di utilizzare tubazioni in acciaio INOX predisposte per il solare (mandata, ritorno e tubo per la sonda). consigliato un cavo della sonda di tipo schermato. Non utilizzare tubi in plastica o multistrato: la temperatura di esercizio pu superare i 180C. La coibentazione dei tubi deve resistere ad alte temperature (180C).

15

16 M 3 1 1 R

7
M

8 9 10 17 11

4 6 5 12 2 13 14 4 4 C

1 Collettore solare 2 Bollitore 3 Sonda collettore 4 Valvole di sezionamento 5 Valvola non ritorno 6 Termometro 7 Valvola di sfiato 8 Valvola di sicurezza 9 Manometro 10 Scarico 11 Vaso despansione 12 Circolatore 13 Regolatore di portata 14 Misuratore di portata 15 Rubinetto di sfiato 16 Degasatore manuale (accessorio) 17 Recupero fluido termovettore M Mandata collettore R Ritorno collettore

Gruppo idraulico

4.9 Perdita di carico del collettore solare


Test riferito ad una miscela glicole / acqua al 40 / 60% ad una temperatura del liquido termovettore di20C.
1400 1200 Perdita di carico (Pa) 1000 800 600 400 200 0 0 100 200 Portata (l/h) 300 400

46

4.10 Posizionamento sonde


Il sensore di temperatura deve essere montato nel pozzetto pi vicino al tubo di mandata del collettore. Assicurare il contatto ottimale tra sonda e pozzetto. Per il montaggio del sensore possono essere impiegati solo materiali con unadeguata resistenza alle alte temperature (fino a 250C per elemento sensore, cavi, materiali della guarnizione, isolamento).

15

16 M 3 1 1 R

REGOLATORE SOLARE

7 9 M 4 18 6 5 12 C

8 10 19 11

2 13 17 14

Gruppo idraulico

1 Collettore solare 2 Bollitore 3 Sonda collettore 4 Valvole di sezionamento 5 Valvola non ritorno 6 Termometro 7 Valvola di sfiato 8 Valvola di sicurezza 9 Manometro 10 Scarico 11 Vaso despansione 12 Circolatore 13 Regolatore di portata 14 Misuratore di portata 15 Rubinetto di sfiato 16 Degasatore manuale (accessorio) 17 Sonda bollitore inferiore 18 Sonda bollitore superiore 19 Recupero fluido termovettore M Mandata collettore R Ritorno collettore

47

4.11 Installazione
Indicazioni per il montaggio
Il montaggio deve essere eseguito soltanto da personale specializzato. Occorre impiegare esclusivamente il materiale incluso nella fornitura. Lintelaiatura e i suoi collegamenti alle parti in muratura devono essere controllati da un esperto di statica a seconda delle circostanze presenti sul posto.

Inclinazione collettori / Generale


Il collettore idoneo ad uninclinazione di minimo 15, fino ad un massimo di 75. Le aperture di ventilazione e di sfiato dei collettori non devono essere chiuse al momento di montare limpianto. Tutti i collegamenti dei collettori, nonch i fori di ventilazione e di sfiato devono essere protetti da impurit come depositi di polvere, ecc. Negli impianti in cui il carico sia prevalentemente estivo (produzione di acqua calda sanitaria) orientare il collettore da est a ovest e con una inclinazione variabile da 20 a 60. Ideale lorientamento a sud e inclinazione pari alla latitudine del luogo -10. Nel caso il carico sia prevalentemente invernale (impianti che integrino produzione di acqua calda sanitaria e riscaldamento di ambienti), orientare il collettore solare verso sud (sud-est, sud-ovest) con una inclinazione maggiore di 35. Ideale l orientamento a sud e inclinazione pari alla latitudine del luogo +10.

Statica
Il montaggio deve avvenire soltanto su superfici di tetti o telai sufficientemente robusti. La robustezza del tetto o dellintelaiatura deve essere controllata sul posto da un esperto di statica prima del montaggio dei collettori. In questa operazione occorre soprattutto verificare lidoneit dellintelaiatura riguardo alla tenuta di collegamenti a vite per il fissaggio dei collettori. La verifica dellintera intelaiatura secondo le norme vigenti da parte di un esperto di statica necessaria soprattutto in zone con notevoli precipitazioni nevose o in aree esposte a forti venti. Occorre quindi prendere in considerazione tutte le caratteristiche del luogo di montaggio (raffiche di vento, formazione di vortici, ecc.) che possono portare ad un aumento dei carichi sulle strutture.

Risciacquo e riempimento
Per motivi di sicurezza il riempimento deve essere eseguito solo in assenza di raggi solari. In zone soggette a gelo si rende necessario limpiego di una soluzione al 40% di glicole, per collettori piani. Lantigelo deve essere mescolato con acqua prima del riempimento. In caso di lavaggio dellimpianto prima di procedere con il riempimento dellantigelo prestare attenzione a eventuali depositi di acqua nel collettore che possono gelare.

Protezione antifulmine
Le condotte metalliche del circuito solare devono essere collegate mediante un conduttore (gialloverde) di almeno 16 mm2 Cu (H07 V-U o R) con la barra principale di compensazione del potenziale. Se gi installato un parafulmine, i collettori possono essere integrati nellimpianto gi esistente. Altrimenti possibile eseguire la messa a terra con un cavo di massa interrato. La conduttura di terra deve essere posata fuori dalla casa. Il cavo di terra deve essere inoltre collegato con la barra di compensazione mediante una conduttura dello stesso diametro.

Sfiato
Occorre eseguire uno sfiato: Al momento della messa in funzione (dopo il riempimento). Se necessario, ad es. in caso di guasti. Verificare con attenzione lo sfiato completo dellimpianto. Pericolo di ustione con il liquido contenuto nei collettori. Azionare la valvola di sfiato soltanto se la temperatura del liquido conduttore minore di 60C. Al momento di sfiatare limpianto, i collettori non devono essere caldi. In ogni caso coprire i collettori e sfiatare limpianto, possibilmente di mattina.

Collegamenti
I collettori devono essere collegati in serie mediante raccordi e le guarnizioni. Se non sono previsti tubi flessibili come elementi di collegamento, occorre prevedere nelle condutture di collegamento adeguati dispositivi di compensazione delle deformazioni provocate dagli sbalzi di temperatura (archi di dilatazione, tubature flessibili). In casi simili possibile collegare in serie un max. di 6 collettori. Occorre verificare la collocazione corretta delle guarnizioni piane nella loro sede. Nel serraggio del raccordo con una pinza o una chiave necessario tenere fermo laltro raccordo con una seconda chiave per non danneggiare lassorbitore. Tutte le tubazioni della rete idraulica devono essere coibentate in modo rispondente alle norme vigenti. Gli isolanti devono essere protetti dagli agenti atmosferici e da attacchi di animali.

Controllo del liquido termovettore


Il liquido termovettore deve essere controllato ogni 2 anni per la sua capacit antigelo e il suo valore di pH. Controllare lantigelo con lapposito strumento, rifrattometro o densimetro, (valore nominale ca. -30C): se il valore limite di -26C viene superato, sostituire o aggiungere lantigelo. Controllare il valore di pH con una cartina di tornasole (valore nominale ca. 7,5): se il valore misurato al di sotto del valore limite 7, si consiglia di sostituire la miscela.

48

Riempimento impianto
Prima della messa in servizio dellimpianto necessario procedere con i passi sotto riportati.

Lavaggio dellimpianto e prova di tenuta


Se si sono utilizzate delle tubazioni in rame e si eseguita una brasatura forte necessario lavare limpianto dai residui del fondente di brasatura. Successivamente eseguire la prova di tenuta. Il collettore solare deve essere subito riempito con una miscela di acqua e glicole, poich dopo il lavaggio potrebbe contenere ancora dellacqua (pericolo di gelo).

Premiscelazione acqua + glicole


Il glicole viene fornito separatamente in confezioni standard e va miscelato con acqua in un recipiente prima di eseguire il riempimento dellimpianto (ad esempio 40% di glicole e 60% di acqua permettono una resistenza al gelo fino alla temperatura di -21C). Il glicole propilenico fornito studiato appositamente per applicazioni solari in quanto conserva le sue caratteristiche nellintervallo -32180C. Inoltre atossico, biodegradabile e biocompatibile. Non immettere glicole puro nellimpianto e poi aggiungere acqua. Non utilizzare sistemi di riempimento manuali o automatici. In presenza di un tenore di cloro molto elevato necessario utilizzare acqua distillata per la miscela.
Antigelo 50% 40% 30% Temperatura -32 C -21 C -13 C Densit 1,045 kg/dm3 1,037 kg/dm3 1,029 kg/dm3

Riempimento
1. Aprire la valvola di non ritorno (A). 2. Aprire lo sfiato aria nel punto pi alto (vedere disegno a lato) e mantenerlo aperto durante tutta loperazione di caricamento. 3. Aprire la valvola di sfiato (7). 4. Far circolare il fluido termovettore con una pompa di carico esterna fino ad eliminare tutte le bolle daria. Chiudere il rubinetto del degasatore manuale. 5. Innalzare brevemente la pressione dellimpianto fino a 4 bar. 6. Mettere in funzione limpianto per circa 20 minuti. 7. Ripetere loperazione di sfiato aria dal punto 2 fino alla completa disaerazione dellimpianto. 8. Impostare la pressione dellimpianto a 3 bar. 9. Chiudere la valvola di non ritorno (A) e gli sfiati aria precedentemente aperti per evitare eventuali evaporazioni del fluido termovettore. Non eseguire il riempimento dellimpianto in condizioni di forte insolazione e con i collettori ad elevate temperature. Assicurarsi di aver eliminato completamente le bolle daria utilizzando anche lo sfiato posto sul gruppo idraulico.

Pompa di carico fluido termovettore (accessorio): con questa pompa non necessario il degasatore manuale.

Degasatore manuale (accessorio) M

Collettore solare R

7 M C A Pompa di carico fluido termovettore

Scambiatore di calore del bollitore solare

Gruppo idraulico

Miscela antigelo

49

4.13 Kit di fissaggio collettori su tetto piano


Componenti del sistema di fissaggio Cod. 20050333 - Collettore piano orizzontale CFO-25N A - Cod. 20015889 - Kit barre di supporto 1 collettore D - Cod. 20015891 - Kit componenti fissaggio tetto piano E - Cod. 20029277 - Kit giunti di compensazione 1 1 2 2 2 3 1 Numero collettori 3 4 3 4 5 6 2 3 5 5 8 4 6 6 9 5

D2 A

D3 A2

D5 A3

E2

D6 A4

E3

D8 A5

E4

D9 A6

50

E5

4.14 Kit di fissaggio collettori su tetto inclinato


Componenti del sistema di fissaggio Cod. 20050333 - Collettore piano orizzontale CFO-25N A - Cod. 20015889 - Kit barre di supporto 1 collettore D - Cod. 20008292 - Kit componenti fissaggio tetto inclinato E - Cod. 20029277 - Kit giunti di compensazione 1 1 2 2 2 3 1 Numero collettori 3 4 3 4 5 6 2 3 5 5 8 4 6 6 9 5

D3 A2

D2 A

D5 A3

D6 A4

E3

D8 A5

E4

D9 A6

4.15 Opzione di fissaggio sottotegola


Se si preferisce non forare le tegole, esiste la possibilit di utilizzare un kit di fissaggio sottotegola.
Componenti del sistema di fissaggio sottotegola (tetto inclinato) Numero collettori Cod. 20050333 - Collettore piano orizzontale CFO-25N 1 2 3 4 A - Cod. 20015889 - Kit barre di supporto 1 collettore 1 2 3 4 D - Cod. 20013464 - Kit componenti fissaggio sottotegola 2 3 5 6 E - Cod. 20029277 - Kit giunti di compensazione 1 2 3

E5

5 5 8 4

E2

6 6 9 5

2 2

4 M8 20 4 M12

4 4

M8 M12

Cod. 20013464 - Kit componenti fissaggio sottotegola

51

4.16 Distanza dei punti di fissaggio


Forare sempre sul colmo della tegola o del coppo. In presenza del giunto di accoppiamento tra barre, assicurare almeno un punto di fissaggio in prossimit del giunto stesso.

Tetto piano
Numero collettori verticali Lunghezza complessiva L 2 427 cm 3 643 cm 4 860 cm 5 1076 cm 6 1292 cm

3050 cm D

Distribuire uniformemente gli altri punti di fissaggio D lungo tutta la lunghezza D D E D

3050 cm

128

1
D D

...
L D E

6
D

128

128

Tetto inclinato
Numero collettori verticali Lunghezza complessiva L 2 427 cm 3 643 cm 4 860 cm 5 1076 cm 6 1292 cm

3050 cm

Distribuire uniformemente gli altri punti di fissaggio D lungo tutta la lunghezza D E D D E D

3050 cm

1
D E D

...
D L E

6
D

122

122

12

52

4.17 Esempi di installazione


Installazione con caldaia murale fornita di valvola a tre vie e regolatore differenziale SUN B

1 Collettore solare CFO-25N 2 Vaso di espansione per circuito solare 3 Kit idraulico di ritorno per solare 4 Valvola miscelatrice termostatica 5 Bollitore doppia serpentina

6 Centralina solare SUN B 7 Caldaia murale solo riscaldamento con valvola a tre vie 8 Circolatore per ricircolo sanitario 9 Utenze 10 Valvola di sicurezza 11 Valvola di non ritorno

MI Mandata impianto MB Mandata bollitore RB Ritorno bollitore RI Ritorno impianto F1 Sonda collettore F3 Sonda richiesta caldaia F4 Sonda bollitore

Installazione con caldaia con produzione combinata di ACS e regolatore differenziale SUN B

1 Collettore solare CFO-25N 2 Vaso di espansione per circuito solare 3 Kit idraulico di ritorno per solare 4 Miscelatore termostatico 5 Bollitore mono serpentina 6 Centralina solare SUN B 7 Caldaia murale combinata

8 Utenze 9 Valvola di sicurezza 10 Manometro 11 Valvola di non ritorno 12 Valvola deviatrice 3 vie motorizzata MI Mandata impianto IAB Ingresso acqua da bollitore

UACS Uscita acqua calda sanitaria RI Ritorno impianto ACS Acqua calda sanitaria F1 Sonda collettore F3 Sonda comando 3 vie F4 Sonda bollitore

53

4.18 Scelta dei componenti per linstallazione di sistemi solari con collettori piani ad incasso CFO-25N e bollitori TANK
Tabella indicante i componenti idraulici necessari ed opzionali per realizzare un impianto solare. La centralina e la caldaia a supporto dovranno essere selezionate a parte secondo le esigenze. Le configurazioni sotto riportate si riferiscono ad impianti solari standard: esposizioni ed inclinazioni particolari dei collettori, nonch distanze notevoli tra collettori e bollitore, possono modificare la scelta del componente pi idoneo.
1 1 1 1 (a) 1 (b) 1 (d) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 1 (h) 1 (h) 1 1 2 2 1 1 (b) 1 (d) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 1 Numero collettori 3 4 6 7 3 4 6 7 1 1 (b) 1 1 (b) 1 1 1 (d) 1 (d) 1 (d) 1 (d) 1 (d) 1 (d) 1 (d) 1 (d) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) 1 1 1 1 1 1 1 1 2 2 2 1 1 1 1 1 2 8 8 1 (c) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 2 2 11 1 1 1 (c) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 1 3 2

Cod. 20050333 Cod. 20050334 Cod. 20001397 Cod. 20001228 Cod. 20026197 Cod. 20001229 Cod. 20026199 Cod. 20001230 Cod. 20026200 Cod. 20001231 Cod. 20026202 Cod. 20009171 Cod. 20009172 Cod. 20052797 Cod. 20052798 Cod. 20026145 Cod. 20026215 Cod. 20009196 Cod. 1150619 Cod. 20001451 Cod. 20001452 Cod. 1150489 Cod. 1150509 Cod. 1150519 Cod. 20001448 Cod. 1150499 Cod. 20009190 Cod. 1150549 Cod. 1150559 Cod. 1150529 Cod. 20026577

Collettore piano orizzontale CFO-25N Colletore piano orizzontale CFO-25N (conf. 10 pz.) Bollitore mono serpentina TANK MV 150 Bollitore doppia serpentina TANK BV 200 Bollitore doppia serpentina F-TANK BV 200 Bollitore doppia serpentina TANK BV 300 Bollitore doppia serpentina F-TANK BV 300 Bollitore doppia serpentina TANK BV 430 Bollitore doppia serpentina F-TANK BV 430 Bollitore doppia serpentina TANK BV 550 Bollitore doppia serpentina F-TANK BV 550 Bollitore doppia serpentina TANK BV 750 Bollitore doppia serpentina TANK BV 1000 Bollitore doppia serpentina TANK N BV 1500 Bollitore doppia serpentina TANK N BV 2000 Gruppo idraulico ritorno H 4,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 6,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 11 m c.a. Tubo inox flessibile 16 mm, L 15 m Tubo inox flessibile 16 mm, L 20 m Raccordi per tubo inox flessibile Vaso di espansione 18 litri Vaso di espansione 24 litri Vaso di espansione 35 litri Vaso di espansione 50 litri (f) Staffa fissaggio a muro vasi 18 e 24 litri (g) Glicole 2,5 kg Glicole 5 kg Glicole 10 kg Valvola miscelatrice termostatica " Degasatore manuale (i)

(a) Il bollitore TANK BV 200 pu essere scelto in alternativa al modello TANK MV 150 nel caso lesposizione del collettore CFO-25N sia particolarmente favorevole. La caldaia a supporto non sar combinata ma solo riscaldamento. (b) I bollitori F-TANK BV vanno scelti in alternativa ai modelli TANK BV di pari capacit. (c) Il numero di collettori CFO-25N da applicare ai bollitori TANK N BV 1500/2000 va calcolato con cura in ogni singola situazione. (d) Non necessario con i bollitori F-TANK BV. I gruppi idraulici cod. 20026215 e 20009196 vanno scelti in alternativa

al cod. 20026145 nel caso in cui la prevalenza di questultimo non sia sufficiente. (e) Accessori da utilizzare secondo necessit. (f) Il numero di collettori CFO-25N da applicare con i vasi di espansione da 50 litri va calcolato con cura in ogni singola situazione. (g) Accessorio opzionale. (h) Per bollitori TANK MV 150: 5 kg, per TANK / F-TANK BV 200: 10 kg. (i) Uno per batteria. Non necessario se il riempimento impianto viene effettuato con una pompa di carico centrifuga (cod. 20001454).
Numero collettori 4 6 7 (j) 1 1 1 1 Numero collettori 4 6 7 (j) 1 1 1 1 -

Staffe di fissaggio per tetti piani Cod. 20018290 Cod. 20018291 Cod. 20018292 Cod. 20018293 Cod. 20018294 Cod. 20018295 Kit staffe 1 collettore tetto piano Kit staffe 2 collettori tetto piano Kit staffe 3 collettori tetto piano Kit staffe 4 collettori tetto piano Kit staffe 5 collettori tetto piano Kit staffe 6 collettori tetto piano

1 1 -

2 1 -

3 1 -

8 (k) 2 -

11 (l) 1 1

Staffe di fissaggio per tetti inclinati Cod. 20018296 Cod. 20018297 Cod. 20018298 Cod. 20018299 Cod. 20018300 Cod. 20018301 Kit staffe 1 collettore tetto inclinato Kit staffe 2 collettori tetto inclinato Kit staffe 3 collettori tetto inclinato Kit staffe 4 collettori tetto inclinato Kit staffe 5 collettori tetto inclinato Kit staffe 6 collettori tetto inclinato

1 1 -

2 1 -

3 1 -

8 (k) 2 -

11 (l) 1 1

54

(j) Si considerano 2 batterie da 4+3 collettori. (k) Si considerano 2 batterie da 4+4 collettori.

(l) Si considerano 2 batterie da 6+5 collettori.

4.19 Scelta dei componenti per linstallazione di sistemi solari con collettori piani ad incasso CFO-25N e accumuli inerziali SILOS
Tabella indicante i componenti idraulici necessari ed opzionali per realizzare un impianto solare. La centralina e la caldaia a supporto dovranno essere selezionate a parte secondo le esigenze. Le configurazioni sotto riportate si riferiscono ad impianti solari standard: esposizioni ed inclinazioni particolari dei collettori, nonch distanze notevoli tra collettori e bollitore, possono modificare la scelta del componente pi idoneo.
2 2 1 1 (c) (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 4 4 1 1 (c) (d) (e) (e) (e) 1 2 1 6 6 1 (a) 1 (a) Numero collettori 7 8 12 7 8 2 1 1 17 7 1 29 9 2 -

Cod. 20050333 Cod. 20050334 Cod. 20014351 Cod. 20014352 Cod. 20055207 Cod. 20055208 Cod. 20001406 Cod. 20001407 Cod. 20001408 Cod. 20001409 Cod. 20001410 Cod. 20026145 Cod. 20026215 Cod. 20009196 Cod. 20048701 Cod. 20048702 Cod. 20048705 Cod. 20048707 Cod. 20048709 Cod. 1150619 Cod. 20001451 Cod. 20001452 Cod. 1150489 Cod. 1150509 Cod. 1150519 Cod. 20001448 Cod. 20001449 Cod. 1150499 Cod. 20009190 Cod. 1150549 Cod. 1150559 Cod. 1150529 Cod. 20026577

Collettore piano orizzontale CFO-25N Colletore piano orizzontale CFO-25N (conf. 10 pz.) Accumulo inerziale combinato SILOS C 800 Accumulo inerziale combinato SILOS C 1000 Accumulo inerziale con serpentina SILOS 300 M Accumulo inerziale con serpentina SILOS 500 M Accumulo inerziale con serpentina SILOS 1000 M Accumulo inerziale con serpentina SILOS 1500 M Accumulo inerziale SILOS 2000 Accumulo inerziale SILOS 3000 Accumulo inerziale SILOS 5000 Gruppo idraulico ritorno H 4,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 6,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 11 m c.a. Gruppo di scambio termico solare STS 50 Gruppo di scambio termico solare STS 120 Gruppo di scambio termico sanitario ACS 30 Gruppo di scambio termico sanitario ACS 150 Gruppo di scambio termico sanitario ACS 225 Tubo inox flessibile 16 mm, L 15 m Tubo inox flessibile 16 mm, L 20 m Raccordi per tubo inox flessibile Vaso di espansione 18 litri Vaso di espansione 24 litri Vaso di espansione 35 litri Vaso di espansione 50 litri (f) Vaso di espansione 100 litri (f) Staffa fissaggio a muro vasi 18 e 24 litri (g) Glicole 2,5 kg Glicole 5 kg Glicole 10 kg Valvola miscelatrice termostatica " (h) Degasatore manuale (i)

1 (a) 1 (c) 1 (c) (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 1

1 (c) 1 (c) (e) (e) (e) 1 1 1 1 2

1 1 (c) 1 (c) (d) (d) (e) (e) (e) 1 2 2

1 (b) 1 (d) (d) (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 2

1 (b) 1 (d) (d) (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 2 3

1 (b) 1 (d) (d) (d) 1 1 1 1 1 3 5

(a) Scegliere uno dei SILOS C oppure il SILOS 1000 M secondo il fabbisogno di acqua calda sanitaria e/o dellintegrazione del riscaldamento calcolati dal progettista. (b) Il numero di collettori CFO-25N da applicare con gli accumuli SILOS 2000/3000/5000 va calcolato con cura in ogni singola situazione. (c) I gruppi idraulici cod. 20009196 vanno scelti in alternativa al cod. 20026215 nel caso in cui la prevalenza di questultimo non sia sufficiente. (d) I gruppi di scambio ACS, che non si applicano ai SILOS C, vanno scelti in funzione del fabbisogno di acqua calda sanitaria calcolato dal progettista.
Staffe di fissaggio per tetti piani Cod. 20018291 Cod. 20018292 Cod. 20018293 Cod. 20018294 Cod. 20018295 Kit staffe 2 collettori tetto piano Kit staffe 3 collettori tetto piano Kit staffe 4 collettori tetto piano Kit staffe 5 collettori tetto piano Kit staffe 6 collettori tetto piano

(e) Accessori da utilizzare secondo necessit. (f) Il numero di collettori CFO-25N da applicare con i vasi di espansione da 50/100 litri va calcolato con cura in ogni singola situazione. (g) Accessorio opzionale. (h) Solo per SILOS C. (i) Uno per batteria. Non necessario se il riempimento impianto viene effettuato con una pompa di carico centrifuga (cod. 20001454).

2 1 -

4 1 -

6 1

Numero collettori 7 (j) 8 (k) 1 1 2 Numero collettori 7 (j) 8 (k) 1 1 2 -

12 (l) 2

17 (m) 1 2

29 (n) 1 4

Staffe di fissaggio per tetti inclinati Cod. 20018297 Cod. 20018298 Cod. 20018299 Cod. 20018300 Cod. 20018301 Kit staffe 2 collettori tetto inclinato Kit staffe 3 collettori tetto inclinato Kit staffe 4 collettori tetto inclinato Kit staffe 5 collettori tetto inclinato Kit staffe 6 collettori tetto inclinato

2 1 -

4 1 -

6 1

12 (l) 2

17 (m) 1 2

29 (n) 1 4

(j) Si considerano 2 batterie da 4+3 collettori. (k) Si considerano 2 batterie da 4+4 collettori. (l) Si considerano 2 batterie da 6+6 collettori.

(m) Si considerano 3 batterie da 6+6+5 collettori. (n) Si considerano 5 batterie da 6+6+6+6+5 collettori.

55

SEZIONE 5 Collettore solare sottovuoto CFV-25


5.1 Guida al capitolato
collettore solare sottovuoto per circolazione forzata elevato rendimento assicurato dallisolamento termico sottovuoto temperatura di stagnazione 268C superficie complessiva 2,77 m2 assorbimento 94% ampia gamma di accessori per agevolare linstallazione elevato assorbimento anche in caso di irraggiamento obliquo grazie allimpiego di assorbitori circolari e specchi CPC elevata durata grazie al sottovuoto semplice sostituzione dei tubi in vetro senza dover svuotare il circuito solare collettori solari conformi alle norme UNI-EN 12975 ed alla certificazione Solar Keymark garanzia 5 anni

5.2 Descrizione
Il collettore sottovuoto CFV-25 costituito da 14 tubi sottovuoto a doppia parete di vetro, ognuno dei quali contiene un tubo di rame piegato a U. I tubi di rame sono collegati in parallelo e percorsi dal fluido termovettore che scende verso il basso e risale assorbendo il calore della radiazione solare diretta e riflessa da uno specchio detto CPC (Compound Parabolic Concentrator). Allinterno del tubo a doppia parete di vetro c il vuoto, per ottenere un isolamento termico di tipo termos: in tal modo i collettori sono in grado di produrre energia solare utile anche nella mezza stagione e in inverno. Lo strato assorbente selettivo depositato sulla parete esterna del tubo interno. Le principali caratteristiche del collettore sottovuoto CFV-25 sono: Temperature e resa elevate con lisolamento sottovuoto anche in caso di brutto tempo. Elevato assorbimento anche in caso di irraggiamento obliquo grazie allimpiego di assorbitori circolari e specchi CPC. Lunga durata,poich nessun passaggio in metallo interrompe il corpo di vetro e pregiudica il vuoto. Assorbimento costante nel tempo perch lo strato selettivo ben protetto nellambiente sottovuoto. Sostituzione semplice dei tubi in vetro senza svuotare il circuito solare. Design gradevole.

56

5.3 Tabella dati tecnici


Descrizione Superficie complessiva Superficie di apertura Superficie effettiva assorbitore Collegamenti Peso a vuoto Contenuto liquido Portata consigliata per m2 di pannello Assorbimento () Emissioni () Pressione massima ammessa Temperatura di stagnazione Massimo numero di pannelli collegabili in serie Unit m2 m2 m2 mm kg litri litri/ora % % bar C n CFV-25 2,77 2,40 2,69 a stringere su tubi 18 52 2,05 30 > 94 <7 10 268 6

5.4 Influsso del vento e della neve sui collettori


Altezza da terra del posizionamento 0-8 m 8-20 m 20-100 m Velocit del vento 100 km/h 130 km/h 150 km/h Massa in kg per assicurare Carico della copertura del tetto per un collettore dal vento, neve, peso di un collettore sollevamento del vento inclinazione a 45 inclinazione a 20 inclinazione a 45 inclinazione a 20 80 kg 40 kg 320 kg 345 kg 130 kg 70 kg 470 kg 430 kg 180 kg 100 kg 624 kg 525 kg

5.5 Diametro tubi di collegamento con portata specifica di 30 litri/m2h


Superficie totale (m2) Diametro rame (mm) Diametro acciaio 2-4 10 - 12 3/8" - 1/2" 6 - 12 14 1/2" 14 - 20 18 3/4"

5.6 Curve efficienza


1
0,8

0,6

Rendimento ottico allassorbitore (0) 0,70

Coefficiente di dispersione termica dellassorbitore a2 a1 W/(m2K2) W/(m2K) 1,15 0,011

0,4

0,2

0,02

0,04

0,06

0,08

0,10

T*m [m2K/W]

Test secondo EN 12975 riferito alla portata di 0,0196 kg/(s*m2) e irraggiamento G=1000W/m2. Tm = (Tcollettore ingresso + Tcollettore uscita) / 2 T*m = (Tm - Tambiente) / G

57

5.7 Dimensioni di ingombro e elementi strutturali

1600 Ritorno Collettore 65 1552 Mandata Collettore 68

145

Pozzetto per sonda collettore

1730

110 14

1700 Vuoto Piedino di ancoraggio Strato assorbente Tubo sottovuoto Isolamento Assorbitore in alluminio Guarnizione Lamiera di copertura superiore Specchio riflettore Senso del flusso Telaio di supporto Condotto inferiore Condotto superiore

Vetro

58

5.8 Circuito idraulico


Lo schema idraulico seguente illustra il collegamento tra collettori solari e bollitore solare. Collegare al massimo 6 collettori in serie. In caso di utilizzo di tubazioni in rame eseguire una saldatura a brasatura forte. Si consiglia di utilizzare tubazioni in acciaio INOX predisposte per il solare (mandata, ritorno e tubo per la sonda). consigliato un cavo della sonda di tipo schermato. Non utilizzare tubi in plastica o multistrato: la temperatura di esercizio pu superare i 180C. La coibentazione dei tubi deve resistere ad alte temperature (180C).

15

16

M 3

7 9
M

8 10 17 11

4 6 5 12 2 13 14 4 4 C

1 Collettore solare 2 Bollitore 3 Sonda collettore 4 Valvole di sezionamento 5 Valvola non ritorno 6 Termometro 7 Valvola di sfiato 8 Valvola di sicurezza 9 Manometro 10 Scarico 11 Vaso despansione 12 Circolatore 13 Regolatore di portata 14 Misuratore di portata 15 Rubinetto di sfiato 16 Degasatore manuale (accessorio) 17 Recupero fluido termovettore M Mandata collettore R Ritorno collettore

Gruppo idraulico

5.9 Perdita di carico del collettore solare

900 800 700

Perdita di carico (mbar)

600 500 400 300 200 100 0 0 500 1000 1500 2000 2500 3000

Portata (l/h)

59

5.10 Posizionamento sonde


Il sensore di temperatura deve essere montato nel pozzetto pi vicino al tubo di mandata del collettore. Assicurare il contatto ottimale tra sonda e pozzetto. Per il montaggio del sensore possono essere impiegati solo materiali con unadeguata resistenza alle alte temperature (fino a 250C per elemento sensore, cavi, materiali della guarnizione, isolamento). 1 Collettore solare 2 Bollitore 3 Sonda collettore 4 Valvole di sezionamento 5 Valvola non ritorno 6 Termometro 7 Valvola di sfiato 8 Valvola di sicurezza 9 Manometro 10 Scarico 11 Vaso despansione 12 Circolatore 13 Regolatore 8 di portata 14 Misuratore 9 10 M di portata 19 15 Rubinetto di sfiato 11 16 Degasatore manuale (accessorio) 17 Sonda bollitore inferiore 18 Sonda bollitore superiore 19 Recupero fluido termovettore M Mandata collettore R Ritorno collettore

15

16

M 3

REGOLATORE SOLARE

4 18 6 5 12 2 13 17 14 4 4 C

Gruppo idraulico

5.11 Installazione
Indicazioni per il montaggio
Il montaggio deve essere eseguito soltanto da personale specializzato. Occorre impiegare esclusivamente il materiale incluso nella fornitura. Lintelaiatura e i suoi collegamenti alle parti in muratura devono essere controllati da un esperto di statica a seconda delle circostanze presenti sul posto. occorre soprattutto verificare lidoneit dellintelaiatura riguardo alla tenuta di collegamenti a vite per il fissaggio dei collettori. La verifica dellintera intelaiatura secondo le norme vigenti da parte di un esperto di statica necessaria soprattutto in zone con notevoli precipitazioni nevose o in aree esposte a forti venti. Occorre quindi prendere in considerazione tutte le caratteristiche del luogo di montaggio (raffiche di vento, formazione di vortici, ecc.) che possono portare ad un aumento dei carichi sulle strutture. necessario inoltre considerare un carico massimo ammissibile globale sul collettore solare di 850 Pa (che si pu raggiungere per velocit di picco del vento ad esempio di 130 km/h).

Statica
Il montaggio deve avvenire soltanto su superfici di tetti o telai sufficientemente robusti. La robustezza del tetto o dellintelaiatura deve essere controllata sul posto da un esperto di statica prima del montaggio dei collettori. In questa operazione

60

Protezione antifulmine
Le condotte metalliche del circuito solare devono essere collegate mediante un conduttore (gialloverde) di almeno 16 mm2 Cu (H07 V-U o R) con la barra principale di compensazione del potenziale. Se gi installato un parafulmine, i collettori possono essere integrati nellimpianto gi esistente. Altrimenti possibile eseguire la messa a terra con un cavo di massa interrato. La conduttura di terra deve essere posata fuori dalla casa. Il cavo di terra deve essere inoltre collegato con la barra di compensazione mediante una conduttura dello stesso diametro.

Sfiato
Occorre eseguire uno sfiato: Al momento della messa in funzione (dopo il riempimento). Se necessario, ad es. in caso di guasti. Verificare con attenzione lo sfiato completo dellimpianto. Pericolo di ustione con il liquido contenuto nei collettori. Azionare la valvola di sfiato soltanto se la temperatura del liquido conduttore minore di 60C.

Controllo del liquido termovettore


Il liquido termovettore deve essere controllato ogni 2 anni per la sua capacit antigelo e il suo valore di pH. Controllare lantigelo con lapposito strumento, rifrattometro o densimetro, (valore nominale ca. -28C): se la densit (20C) diversa da 1,0321,035kg/dm3 sostituire o aggiungere lantigelo. Controllare il valore di pH con una cartina di tornasole (valore nominale ca. 910,5): se il valore misurato al di sotto del valore limite 7, si consiglia di sostituire la miscela.

Collegamenti
I collettori devono essere collegati in serie mediante raccordi a stringere. Se non sono previsti tubi flessibili come elementi di collegamento, occorre prevedere nelle condutture di collegamento adeguati dispositivi di compensazione delle deformazioni provocate dagli sbalzi di temperatura (archi di dilatazione, tubature flessibili). Nel serraggio del raccordo con una pinza o una chiave necessario tenere fermo laltro raccordo con una seconda chiave per non danneggiare lassorbitore. Tutte le tubazioni della rete idraulica devono essere coibentate in modo rispondente alle norme vigenti. Gli isolanti devono essere protetti dagli agenti atmosferici e da attacchi di animali.

Riempimento impianto
Prima della messa in servizio dellimpianto necessario procedere con i passi sotto riportati.

Lavaggio dellimpianto e prova di tenuta


Se si sono utilizzate delle tubazioni in rame e si eseguita una brasatura forte necessario lavare limpianto dai residui del fondente di brasatura. Successivamente eseguire la prova di tenuta. Il collettore solare deve essere subito riempito con il fluido termovettore antigelo, poich dopo il lavaggio potrebbe contenere ancora dellacqua (pericolo di gelo). Il glicole premiscelato fornito studiato appositamente per applicazioni solari in quanto conserva le sue caratteristiche nellintervallo -28170C. Inoltre atossico, biodegradabile e biocompatibile. Non immettere il glicole premiscelato nellimpianto e poi aggiungere acqua. Temperature maggiori di 200C portano a una decomposizione del glicole, indicata da uno scurimento del fluido.

Inclinazione collettori / Generale


Il collettore idoneo ad uninclinazione di minimo 15, fino ad un massimo di 75. Le aperture di ventilazione e di sfiato dei collettori non devono essere chiuse al momento di montare limpianto. Tutti i collegamenti dei collettori, nonch i fori di ventilazione e di sfiato devono essere protetti da impurit come depositi di polvere, ecc. Negli impianti in cui il carico sia prevalentemente estivo (produzione di acqua calda sanitaria) orientare il collettore da est a ovest e con una inclinazione variabile da 20 a 60. Ideale lorientamento a sud e inclinazione pari alla latitudine del luogo -10. Nel caso il carico sia prevalentemente invernale (impianti che integrino produzione di acqua calda sanitaria e riscaldamento di ambienti), orientare il collettore solare verso sud (sud-est, sud-ovest) con una inclinazione maggiore di 35. Ideale lorientamento a sud e inclinazione pari alla latitudine del luogo +10.

Premiscelazione acqua + glicole


Il glicole per il collettore sottovuoto gi pronto per lutilizzo, garantisce una tenuta fino a -28C e non deve essere miscelato.
Antigelo Glicole premix Temperatura 20C Densit 1,0321,035kg/dm3

Risciacquo e riempimento
Per motivi di sicurezza il riempimento deve essere eseguito solo in assenza di raggi solari, utilizzando il glicole specifico fornito dal costruttore. In caso di lavaggio dellimpianto prima di procedere con il riempimento dellantigelo prestare attenzione a eventuali depositi di acqua nel collettore che possono gelare.

61

Riempimento
1. Aprire la valvola di non ritorno (A). 2. Aprire lo sfiato aria nel punto pi alto (vedere figura) e mantenerlo aperto durante tutta loperazione di caricamento. 3. Aprire la valvola di sfiato (7). 4. Far circolare il fluido termovettore con una pompa di carico esterna fino ad eliminare tutte le bolle daria. Chiudere il rubinetto del degasatore manuale. 5. Innalzare brevemente la pressione dellimpianto fino a 4 bar. 6. Mettere in funzione limpianto per circa 20 minuti. 7. Ripetere loperazione di sfiato aria dal punto 2 fino alla completa disaerazione dellimpianto. 8. Impostare la pressione dellimpianto a 3 bar. 9. Chiudere la valvola di non ritorno (A) e gli sfiati aria precedentemente aperti per evitare eventuali evaporazioni del fluido termovettore. Non eseguire il riempimento dellimpianto in condizioni di forte insolazione e con i collettori ad elevate temperature. Assicurarsi di aver eliminato completamente le bolle daria utilizzando anche lo sfiato posto sul gruppo idraulico. Pompa di carico fluido termovettore (accessorio): con questa pompa non necessario il degasatore manuale.

Degasatore manuale (accessorio) R Collettori solari M

7 A
M

Pompa di carico fluido termovettore

Scambiatore di calore del bollitore solare

5.13 Connessioni
Schema connessioni tra collettori solari
ghiera bussola ghiera ogiva raccordo ogiva

Gruppo idraulico

Miscela antigelo

sonda collettore
al circuito di scambio termico

dal circuito di scambio termico

bussola ghiera ogiva raccordo ogiva ogiva raccordo

bussola ghiera

ogiva

62

I collettori vengono collegati tra loro in modo che il fluido termovettore li attraversi in serie. anche possibile connettere pi di una linea di collettori solari, sia in serie (purch il numero di collettori solari per ciascuna serie non superi le 6 unit) che in parallelo. In ogni caso il circuito deve essere idraulicamente bilanciato (vedere i seguenti schemi come esempio). Nel caso di installazione di pi di 4 collettori contigui, si consiglia di prevedere lutilizzo di un giunto di dilatazione per applicazione solare nella zona di collegamento centrale.

Due linee in serie


T

Due linee in parallelo


T

5.14 Kit di fissaggio collettori su tetto piano


Componenti del sistema di fissaggio Cod. 20026325 - Collettore sottovuoto CFV-25 A - Cod. 20026381 - Kit barre di supporto 1 collettore B - Cod. 20026383 - Kit barre di supporto 2 collettori D - Cod. 20026384 - Kit componenti fissaggio tetto piano E - Cod. 20008757 - Kit giunti di accoppiamento 1 1 2 2 1 3 Numero collettori 3 4 1 1 2 5 6 1 1 5 1 2 8 2 6 3 9 2

D2

D2

D4

D5

D6

B2

E B2 E2

D7

B3

E2

63

5.15 Kit di fissaggio collettori su tetto inclinato


Componenti del sistema di fissaggio Cod. 20026325 - Collettore sottovuoto CFV-25 A - Cod. 20026381 - Kit barre di supporto 1 collettore B - Cod. 20026383 - Kit barre di supporto 2 collettori D - Cod. 20008292 - Kit componenti fissaggio tetto inclinato E - Cod. 20008757 - Kit giunti di accoppiamento 1 1 2 2 1 3 Numero collettori 3 4 1 1 2 5 6 1 1 5 1 2 8 2 6 3 9 2

D2

D2

D4

D5

D6

B2

E B2

D7

B3

5.16 Opzione di fissaggio sottotegola


Se si preferisce non forare le tegole, esiste la possibilit di utilizzare un kit di fissaggio sottotegola.
Componenti del sistema di fissaggio sottotegola (tetto inclinato) Numero collettori Cod. 20026325 - Collettore sottovuoto CFV-25 1 2 3 4 A - Cod. 20026381 - Kit barre di supporto 1 collettore 1 1 B - Cod. 20026383 - Kit barre di supporto 2 collettori 1 1 2 D - Cod. 20013464 - Kit componenti fissaggio sottotegola 2 3 5 6 E - Cod. 20008757 - Kit giunti di accoppiamento 1 1

E2

5 1 2 8 2

6 3 9 2

2 2

4 M8 20 4 M12

4 4

M8 M12

Cod. 20013464 - Kit componenti fissaggio sottotegola

64

E2

5.17 Distanza dei punti di fissaggio


Forare sempre sul colmo della tegola o del coppo. In presenza del giunto di accoppiamento tra barre, assicurare almeno un punto di fissaggio in prossimit del giunto stesso.

Tetto piano
Numero collettori verticali Lunghezza complessiva L 2 320 cm 3 480 cm 4 640 cm 5 800 cm 6 960 cm

3050 cm

Distribuire uniformemente gli altri punti di fissaggio D lungo tutta la lunghezza D D D D

3050 cm

219

1
D

...
D L

...
D

6
D

219

219

Tetto inclinato
Numero collettori verticali Lunghezza complessiva L 2 320 cm 3 480 cm 4 640 cm 5 800 cm 6 960 cm

3050 cm

Distribuire uniformemente gli altri punti di fissaggio D lungo tutta la lunghezza D D D D

3050 cm

1
D

...
D L

...
D

6
D

177

177

17

65

5.18 Esempi di installazione


Installazione con caldaia murale solo riscaldamento e bollitore a doppio serpentino

F1

MI

MB RB RI

6 11 8 9 2 4

F3

F4
dalla rete

10

1 Collettore solare CFV-25 2 Vaso di espansione per circuito solare 3 Kit idraulico di ritorno per solare 4 Valvola miscelatrice termostatica 5 Bollitore doppia serpentina

6 Centralina solare SUN B 7 Caldaia murale solo riscaldamento con valvola a tre vie 8 Circolatore per ricircolo sanitario 9 Utenze 10 Valvola di sicurezza 11 Valvola di non ritorno

MI Mandata impianto MB Mandata bollitore RB Ritorno bollitore RI Ritorno impianto F1 Sonda collettore F3 Sonda richiesta caldaia F4 Sonda bollitore

66

Installazione con caldaia combinata e bollitore monoserpentino

F1

MI UACS

IAB

RI

6 12 8

2 3 5

F4

dalla rete

11

10 9

1 Collettore solare CFV-25 2 Vaso di espansione per circuito solare 3 Kit idraulico di ritorno per solare 4 Miscelatore termostatico 5 Bollitore mono serpentina 6 Centralina solare SUN B 7 Caldaia murale combinata

8 Utenze 9 Valvola di sicurezza 10 Manometro 11 Valvola di non ritorno 12 Valvola deviatrice 3 vie motorizzata MI Mandata impianto IAB Ingresso acqua da bollitore

UACS Uscita acqua calda sanitaria RI Ritorno impianto F1 Sonda collettore F4 Sonda bollitore

67

5.19 Scelta dei componenti per linstallazione di sistemi solari con collettori sottovuoto CFV-25 e bollitori TANK
Tabella indicante i componenti idraulici necessari ed opzionali per realizzare un impianto solare. La centralina e la caldaia a supporto dovranno essere selezionate a parte secondo le esigenze. Le configurazioni sotto riportate si riferiscono ad impianti solari standard: esposizioni ed inclinazioni particolari dei collettori, nonch distanze notevoli tra collettori e bollitore, possono modificare la scelta del componente pi idoneo.
1 1 1 1 (a) 1 (b) 1 (d) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 1 2 2 1 1 (b) 1 (d) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 1 3 3 1 1 (b) 1 (d) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 2 1 1 Numero collettori 4 5 4 5 1 1 (b) 1 1 (d) 1 (d) 1 (d) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) (e) (e) (e) 1 1 2 2 1 1 1 6 6 1 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 2 1 7 7 1 (c) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 3 2 9 9 1 (c) 1 (d) 1 (d) (e) (e) (e) 1 4 2

Cod. 20026325 Cod. 20001397 Cod. 20001228 Cod. 20026197 Cod. 20001229 Cod. 20026199 Cod. 20001230 Cod. 20026200 Cod. 20001231 Cod. 20026202 Cod. 20009171 Cod. 20009172 Cod. 20052797 Cod. 20052798 Cod. 20026145 Cod. 20026215 Cod. 20009196 Cod. 1150619 Cod. 20001451 Cod. 20001452 Cod. 1150489 Cod. 1150509 Cod. 1150519 Cod. 20001448 Cod. 1150499 Cod. 20030161 Cod. 1150529 Cod. 20026577

Collettore sottovuoto CFV-25 Bollitore mono serpentina TANK MV 150 Bollitore doppia serpentina TANK BV 200 Bollitore doppia serpentina TANK BV 200 FI Bollitore doppia serpentina TANK BV 300 Bollitore doppia serpentina TANK BV 300 FI Bollitore doppia serpentina TANK BV 430 Bollitore doppia serpentina TANK BV 430 FI Bollitore doppia serpentina TANK BV 550 Bollitore doppia serpentina TANK BV 550 FI Bollitore doppia serpentina TANK BV 750 Bollitore doppia serpentina TANK BV 1000 Bollitore doppia serpentina TANK N BV 1500 Bollitore doppia serpentina TANK N BV 2000 Gruppo idraulico ritorno H 4,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 6,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 11 m c.a. Tubo inox flessibile 16 mm, L 15 m Tubo inox flessibile 16 mm, L 20 m Raccordi per tubo inox flessibile Vaso di espansione 18 litri Vaso di espansione 24 litri Vaso di espansione 35 litri Vaso di espansione 50 litri (f) Staffa fissaggio a muro vasi 18 e 24 litri (g) Glicole inorganico premiscelato 20 kg Valvola miscelatrice termostatica 3/4" Degasatore manuale (h)

(a) Il bollitore TANK BV 200 pu essere scelto in alternativa al modello TANK MV 150 nel caso lesposizione del collettore CFV-25 sia particolarmente favorevole. La caldaia a supporto non sar combinata ma solo riscaldamento. (b) I bollitori F-TANK BV vanno scelti in alternativa ai modelli TANK BV di pari capacit. (c) Il numero di collettori CFV-25 da applicare ai bollitori TANK N BV 1500/2000 va calcolato con cura in ogni singola situazione. (d) Non necessario con i bollitori F-TANK BV. I gruppi idraulici cod. 20026215 e 20009196 vanno scelti in alternativa

al cod. 20026145 nel caso in cui la prevalenza di questultimo non sia sufficiente. (e) Accessori da utilizzare secondo necessit. (f) Il numero di collettori CFV-25 da applicare con i vasi di espansione da 50 litri va calcolato con cura in ogni singola situazione. (g) Accessorio opzionale. (h) Uno per batteria. Non necessario se il riempimento impianto viene effettuato con una pompa di carico centrifuga (cod. 20001454).

Staffe di fissaggio per tetti piani Cod. 20026381 Cod. 20026383 Cod. 20026384 Cod. 20008757 Cod. 20027281 Kit barre di supporto 1 collettore Kit barre di supporto 2 collettori Kit base per fissaggio su tetto piano Kit giunto di accoppiamento Raccordi a stringere diritti 18 mm (2 pz.)

1 1 2 1

2 1 3 2

3 1 1 5 1 2

Numero collettori 4 5 1 2 2 6 8 1 2 3 3 Numero collettori 4 5 1 2 2 6 8 1 2 3 3

6 3 9 2 4

7 (i) 1 3 11 2 5

9 (j) 1 4 14 3 6

Staffe di fissaggio per tetti inclinati Cod. 20026381 Cod. 20026383 Cod. 20008292 Cod. 20008757 Cod. 20027281 Kit barre di supporto 1 collettore Kit barre di supporto 2 collettori Kit base per fissaggio su tetto piano Kit giunto di accoppiamento Raccordi a stringere diritti 18 mm (2 pz.)

1 1 2 1

2 1 3 2

3 1 1 5 1 2

6 3 9 2 4

7 (i) 1 3 11 2 5

9 (j) 1 4 14 3 6

(i) Si considerano 2 batterie da 4+3 collettori. (j) Si considerano 2 batterie da 5+4 collettori.

68

5.20 Scelta dei componenti per linstallazione di sistemi solari con collettori sottovuoto CFV-25 e accumuli inerziali SILOS
Tabella indicante i componenti idraulici necessari ed opzionali per realizzare un impianto solare. La centralina e la caldaia a supporto dovranno essere selezionate a parte secondo le esigenze. Le configurazioni sotto riportate si riferiscono ad impianti solari standard: esposizioni ed inclinazioni particolari dei collettori, nonch distanze notevoli tra collettori e bollitore, possono modificare la scelta del componente pi idoneo.
2 2 1 1 (d) (e) (e) (e) 1 1 1 1 4 4 1 1 (d) (e) (e) (e) 1 2 1 5 5 1 (a) 1 (a) 1 1 (c) (d) (e) (e) (e) 1 2 1 1 Numero collettori 6 7 9 6 7 9 1 (a) 1 1 (b) 1 1 1 (c) 1 (c) 1 (d) (d) (d) (d) (d) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) (e) 1 1 1 2 3 3 1 1 2 2 13 13 1 (b) 1 (d) (d) (d) (e) (e) (e) 1 1 1 3 3 23 23 1 (b) 1 (d) (d) (d) (e) (e) (e) 1 6 4

Cod. 20026325 Cod. 20014355 Cod. 20014356 Cod. 20055209 Cod. 20055210 Cod. 20001401 Cod. 20001402 Cod. 20001403 Cod. 20001404 Cod. 20001405 Cod. 20026145 Cod. 20026215 Cod. 20009196 Cod. 20001436 Cod. 20048702 Cod. 20048705 Cod. 20048707 Cod. 20048709 Cod. 1150619 Cod. 20001451 Cod. 20027289 Cod. 1150489 Cod. 1150509 Cod. 1150519 Cod. 20001448 Cod. 20001449 Cod. 1150499 Cod. 20030161 Cod. 1150529 Cod. 20026577

Collettore sottovuoto CFV-25 Accumulo inerziale combinato SILOS C 800 Accumulo inerziale combinato SILOS C 1000 Accumulo inerziale con serpentina SILOS 300 M Accumulo inerziale con serpentina SILOS 500 M Accumulo inerziale con serpentina SILOS 1000 M Accumulo inerziale con serpentina SILOS 1500 M Accumulo inerziale SILOS 2000 Accumulo inerziale SILOS 3000 Accumulo inerziale SILOS 5000 Gruppo idraulico ritorno H 4,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 6,5 m c.a. Gruppo idraulico mandata e ritorno H 11 m c.a. Gruppo di scambio termico solare STS 50 Gruppo di scambio termico solare STS 120 Gruppo di scambio termico sanitario ACS 30 Gruppo di scambio termico sanitario ACS 150 Gruppo di scambio termico sanitario ACS 225 Tubo inox flessibile 16 mm, L 15 m Tubo inox flessibile 16 mm, L 20 m Raccordi per tubo inox flessibile Vaso di espansione 18 litri Vaso di espansione 24 litri Vaso di espansione 35 litri Vaso di espansione 50 litri (f) Vaso di espansione 100 litri (f) Staffa fissaggio a muro vasi 18 e 24 litri (g) Glicole inorganico premiscelato 20 kg Valvola miscelatrice termostatica 3/4" (h) Degasatore manuale (i)

(a) Scegliere uno dei SILOS C oppure il SILOS 1000 M secondo il fabbisogno di acqua calda sanitaria e/o dellintegrazione del riscaldamento calcolati dal progettista. (b) Il numero di collettori CFV-25 da applicare con gli accumuli SILOS 2000/3000/5000 va calcolato con cura in ogni singola situazione. (c) I gruppi idraulici cod. 20009196 vanno scelti in alternativa ai cod. 20026145 e 20026215 nel caso in cui la prevalenza di questi ultimi non sia sufficiente. (d) Il numero di gruppi di scambio ACS, che non si applicano ai SILOS C, va scelto in funzione del fabbisogno di acqua calda sanitaria calcolato dal progettista.
Staffe di fissaggio per tetti piani Cod. 20026381 Cod. 20026383 Cod. 20026384 Cod. 20008757 Cod. 20027281 Kit barre di supporto 1 collettore Kit barre di supporto 2 collettori Kit base per fissaggio su tetto piano Kit giunto di accoppiamento Raccordi a stringere diritti 18 mm (2 pz.)

(e) Accessori da utilizzare secondo necessit. (f) Il numero di collettori CFV-25 da applicare con i vasi di espansione da 50/100 litri va calcolato con cura in ogni singola situazione. (g) Accessorio opzionale. (h) Solo per SILOS C. (i) Uno per batteria. Non necessario se il riempimento impianto viene effettuato con una pompa di carico centrifuga (cod. 20001454).

2 1 3 2

4 2 6 1 3

5 1 2 8 2 3

Numero collettori 6 7 (j) 9 (k) 1 1 3 3 4 9 11 14 2 2 3 4 5 6 Numero collettori 6 7 (j) 9 (k) 1 1 3 3 4 9 11 14 2 2 3 4 5 6

13 (l) 1 6 20 4 9

23 (m) 1 11 35 8 15

Staffe di fissaggio per tetti inclinati Cod. 20026381 Cod. 20026383 Cod. 20008292 Cod. 20008757 Cod. 20027281 Kit barre di supporto 1 collettore Kit barre di supporto 2 collettori Kit base per fissaggio su tetto piano Kit giunto di accoppiamento Raccordi a stringere diritti 18 mm (2 pz.)

2 1 3 2

4 2 6 1 3

5 1 2 8 2 3

13 (l) 1 6 20 4 9

23 (m) 1 11 35 8 15

(j) Si considerano 2 batterie da 4+3 collettori. (k) Si considerano 2 batterie da 5+4 collettori.

(l) Si considerano 3 batterie da 5+4+4 collettori. (m) Si considerano 4 batterie da 6+6+6+5 collettori.

69

SEZIONE 6 Sistemi solari a circolazione naturale CNS 150/1 - 200/1 - 200/2 - 300/2
6.1 Guida al capitolato
produzione solare di acqua calda sanitaria a circolazione naturale superficie complessiva collettore 2,02 m2 assorbitore in alluminio, saldatura a ultrasuoni, trattamento selettivo black serbatoio a doppia camera vetrificato a due mani (da 153, 202 e 278litri) isolamento poliuretano + lana di roccia anodo al magnesio per il bollitore sistema completo di componenti preassemblati, non necessita di circolatore kit componenti fissaggio per installazione su coperture piane o inclinate semplicit di funzionamento ed assenza di regolatori elettronici resistenza elettrica 1,5 kW 230 V (accessorio) collettori solari conformi alle norme UNI-EN 12975 garanzia 5 anni su collettori e bollitori

6.2 Descrizione
Soluzione impiantistica semplice e pronta allinstallazione per la produzione di acqua calda sanitaria nelle utenze domestiche. Si compone di elementi pre-assemblati per una rapida e sicura installazione. Il funzionamento non necessita di pompa, n di controlli elettronici. Il sistema pre-assemblato composto da: Collettore solare ad elevato rendimento, con assorbitore selettivo black, saldatura a ultrasuoni. Bollitore, da 153, 202 e 278 litri a doppia camera. Particolare attenzione stata posta nello sviluppo di un semplice sistema pre-assemblato in grado di garantire una facile installazione. Il sistema indicato per la produzione di acqua calda sanitaria, particolarmente in localit mediterranee, per utenze domestiche di 3-4 persone nella versione CNS 150/1, 4-5 persone nella versione CNS 200/1 e 200/2 e 5-6 persone nella versione CNS 300/2. Sistemi di fissaggio, per installazioni dei collettori paralleli al tetto o inclinati su superfici orizzontali. Il sistema di fissaggio include i raccordi idraulici.

70

6.3 Tabella dati tecnici CN 150/1 - CN 200/1 - CN 300/2


Descrizione Collettore Superficie collettore Superficie di apertura Superficie di assorbimento Contenuto liquido Connessioni Pressione max ammessa Temperatura di stagnazione Dimensioni Peso a vuoto Bollitore Tipo Capacit Dimensioni (complete di isolamento) Peso a vuoto Pressione max circuito sanitario Pressione max circuito solare Attacchi idraulici (solare - acqua sanitaria) Attacco resistenza elettrica Anodo in magnesio Sistema completo Bollitore Collettori Contenuto liquido termovettore Unit m2 n. pann. m2 n. pann. m2 n. pann. litri n. pann. mm bar C mm kg CNS 150/1 2,02 1 1,80 1 1,77 1 1,5 1 CNS 200/1 CNS 200/2 CNS 300/2 2,02 2 1,80 2 1,77 2 1,5 2 SCN-20S 2,02 1 2,02 2 1,80 1 1,80 2 1,77 1 1,77 2 1,5 1 1,5 2 22 10 196 1856 1086 75 28 56

28

56

litri mm kg bar bar

a intercapedine 153 202 202 278 1190 534 1510 534 1510 534 2000 534 55 65 65 90 10 2,5 3/4" M

mm litri n litri

22 300 153 1 8,5

1" 1/4 F 22 300 22 300 202 1 13,6 202 2 15,4

22 400 278 2 20,3

6.4 Curve efficienza


0,8
0,6

0,4

Rendimento ottico allassorbitore (0) 0,691

Coefficiente di dispersione termica dellassorbitore a2 a1 W/(m2K2) W/(m2K) 6,32 0,0175

0,2

0,02

0,04

0,06 0,08 T*m [m 2 K/W]

0,1

Test secondo EN 12975 riferito a miscela acqua-glicole al 33,3%, portata di 120 litri/ora e irraggiamento G=800W/m2. Tm = (Tcollettore ingresso + Tcollettore uscita) / 2 T*m = (Tm - Tambiente) / G

71

6.5 Circuito idraulico

1 15 6 2 7 8
scambio termico scambio termico

UAC

11 3 5 6

EAF

15 10 13 10 14 10 15 12 4

A cura dellinstallatore

9 15

1 Valvola di sicurezza primario (2,5 bar) 2 Valvola di non ritorno - Valvola di sicurezza secondario (10 bar / 99 C) 3 Bollitore 4 Collettore 5 Serbatoio A.C.S. (circuito secondario) 6 Circuito primario 7 Pozzetto portasonde 8 Anodo in magnesio 9 Rubinetto di carico/scarico circuito primario 10 Rubinetto 11 Isolamento 12 Vaso despansione sanitario 13 Riduttore di pressione 14 Filtro addolcitore 15 Scarico

72

6.6 Struttura del sistema


Fissaggio su tetto piano
11 8 2 12 7 9 (*) 4 11 8 2 7 6 1 1 5 6 Vista frontale 10 Vista laterale 30 3 6 4

Fissaggio su tetto inclinato


11 8 2 9 (*) 12 7 4 6 11 8 2 7 4 3 1

6 5 6 Vista frontale 10 Vista laterale

1 Collettore/i solare/i 2 Bollitore 3 Telaio di supporto (inclinazione regolabile 30 - 35 - 40 - 45 con accessorio) 4 Mandata collettore 5 Ritorno collettore 6 Tappo 7 Entrata acqua fredda sanitaria - 3/4 8 Uscita acqua calda sanitaria - 3/4 9 Rubinetto ingresso acqua fredda sanitaria 10 Rubinetto di carico/scarico 11 Valvola di sicurezza primario (2,5 bar) 12 Valvola di non ritorno - Valvola di sicurezza secondario (10 bar / 99C) (*) Rubinetto non fornito e da prevedere a cura dellinstallatore

73

6.7 Dimensioni e peso


Fissaggio su tetto piano

30 P L

Descrizione Peso a vuoto Peso a pieno L P H

Unit kg kg mm mm mm

CNS 150/1 110 272 1220 2135 1640

CNS 200/1 120 336 1536 2135 1640

CNS 200/2 151 369 2325 2135 1640

CNS 300/2 176 474 2325 2135 1640

Fissaggio su tetto inclinato

175

95 195

206

Descrizione Peso a vuoto Peso a pieno L H

Unit kg kg mm mm

CNS 150/1 92 254 1220 720

CNS 200/1 102 318 1536 720

CNS 200/2 132 350 2293 720

CNS 300/2 161 459 2293 720

74

6.8 Preparazione al montaggio


Prima di iniziare il montaggio del sistema solare controllare: che la costruzione del tetto abbia una portata sufficiente e che non ci siano parti non ermetiche la disposizione ottimale dei collettori solari (orientamento verso sud). Evitare lombra causata da alberi alti o simili la stabilit della superficie di posa. Eliminare la ghiaia o materiale simile. Prevedere gi prima del montaggio una distanza minima di un metro tra telaio per tetto piano e il bordo del tetto piano. Si raccomanda di mantenere il bollitore pi alto verso sinistra (~10-20mm),per facilitare loperazione di sfiato. Per le installazioni con staffaggi paralleli al tetto agire sui dadi di regolazione posti sulle staffe di fissaggio al tetto (vedi istruzioni specifiche).

>1
>1

m
m
~10 - 20 mm Protezione antifulmine / compensazione del potenziale delledificio
Di norma, non necessario collegare i sistemi a circolazione naturale alla protezione antifulmine delledificio (osservare le norme vigenti dei rispettivi paesi!). In caso di montaggio su sottostrutture di metallo si raccomanda di consultare esperti autorizzati in materia di protezione antifulmine. Le condotte metalliche del circuito solare devono essere collegate mediante un conduttore (verde/ giallo) di almeno 16 mm2 CU (H07 V-U o R) con la barra principale di compensazione del potenziale. La messa a terra pu essere eseguita con un filo di massa interrato. Il conduttore di terra deve essere posato allesterno delledificio. Il dispersore deve essere inoltre collegato con la barra principale di compensazione del potenziale mediante una conduttura dello stesso diametro.

6.9 Montaggio
Indicazioni per il montaggio
Il montaggio deve essere eseguito soltanto da personale specializzato. Occorre impiegare esclusivamente il materiale incluso nella fornitura. Lintelaiatura e i suoi collegamenti alle parti in muratura devono essere controllati da un esperto di statica a seconda delle circostanze presenti sul posto.

Statica
Il montaggio deve avvenire soltanto su superfici di tetti o telai sufficientemente robusti. La capacit statica del tetto o della sottostruttura deve essere assolutamente verificata sul posto prima del montaggio dellimpianto. In particolare deve essere valutata attentamente lidoneit del legno dellintelaiatura riguardo alla tenuta dei collegamenti a vite predisposti per il fissaggio dellimpianto a circolazione naturale. La verifica da parte del costruttore dellintera intelaiatura dellimpianto, in conformit con le norme in vigore nel relativo paese, necessaria soprattutto in zone soggette a forti precipitazioni nevose (nota: 1 m3 di neve farinosa ~60 kg/m3 di neve bagnata ~200 kg) ovvero in regioni esposte a forti venti. In questi casi occorre tener conto di tutte le caratteristiche del luogo di montaggio (fhn, effetto ugello,formazione di vortici,ecc. ), che possono comportare maggiori sollecitazioni.

Raccordi sistema solare


I collettori devono essere collegati tra di loro o con le condutture di collegamento mediante un anello di serraggio. Per il serraggio dei raccordi utilizzare una pinza e una chiave inglese con la quale operare forza contraria per evitare che lassorbitore venga danneggiato. Accertarsi che le linee di collegamento tra il collettore ed il bollitore acqua calda siano posate sempre in salita. Per limitare la sovrapressione nel circuito solare necessario montare la valvola di sicurezza fornita.

Raccordi per lacqua


Il collegamento deve essere effettuato in conformit con la norma DIN 1988 e la norma DIN 4753 (osservare le norme vigenti dei rispettivi paesi!).

75

Tutti i manicotti di raccordo non utilizzati devono essere chiusi con tappi di chiusura. Le sovrapressioni di esercizio indicate sulla targhetta non devono essere mai superate. Potrebbe essere eventualmente necessario montare un riduttore di pressione. Per limitare la sovrapressione nel circuito dellacqua necessario montare la valvola di sicurezza fornita sul relativo raccordo del bollitore. Allattacco dellacqua calda deve essere sempre collegato un miscelatore termico con cui possibile regolare la temperatura desiderata dellacqua calda sanitaria.

possibile che i collettori gi riempiti non possano pi essere svuotati completamente. Per questo, in caso di rischio di gelo i collettori devono essere riempiti con una soluzione di acqua e antigelo anche per prove di funzionamento e di pressione.

Pressione desercizio
La pressione max. di esercizio nel circuito solare di 2,5 bar, nel circuito sanitario di 10 bar.

Sfiato
Lo sfiato deve essere eseguito: al momento della messa in funzione (dopo il riempimento) 4 settimane dopo la messa in funzione alloccorrenza, ad es. in caso di guasti. Pericolo di ustioni per contatto con il liquido termovettore! Azionare la valvola di sfiato soltanto se la temperatura del liquido termovettore inferiore a 60C. Quando si svuota limpianto i collettori devono essere freddi! Coprire i collettori e svuotare limpianto possibilmente al mattino.

Risciacquo e riempimento
Per ragioni di sicurezza eseguire loperazione di riempimento esclusivamente quando non splende il sole o dopo aver coperto i collettori. Il circuito solare pu essere riempito soltanto dopo che il bollitore stato riempito con acqua potabile. In particolare nelle zone a maggiore rischio di gelata necessario limpiego di una soluzione di acqua e antigelo al 25%. Lantigelo deve essere mescolato con acqua prima del riempimento! Indicazione: Antigelo al 25% = punto di congelamento: -10C

6.10 Preparazione alla prima messa in servizio


Lavaggio dellimpianto
Prima di riempire limpianto con la miscela di acqua e glicole bisogna controllare accuratamente tutti i raccordi per accertarsi che non vi siano perdite. Il controllo di tenuta pu essere eseguito con il procedimento che segue, il quale risulta utile anche per il risciacquo del circuito chiuso per allontanare eventuali residui di sporcizia. Collegare il portagomma del rubinetto (1), posto sul gruppo di riempimento / svuotamento, ad un rubinetto dellacqua fredda utilizzando un tubo di gomma. Collegare lattacco (2), posto sul bollitore, ad uno scarico. Aprire il rubinetto (1) ed il rubinetto dellacqua fredda e lasciar scorrere lacqua nel circuito solare per alcuni minuti. Chiudere il rubinetto dellacqua fredda ed il rubinetto (1). Controllare a vista la tenuta dei raccordi.
2

Riempimento dellimpianto
Il fluido in dotazione glicole propilenico atossico, biocompatibile e biodegradabile. Il glicole deve essere miscelato con acqua (preferibilmente demineralizzata), versando in un recipiente il glicole e non viceversa. La concentrazione di glicole nella miscela deve essere definita in base alla tabella seguente che tiene conto delle temperature a cui si deve garantire lantigelo. Il riempimento del circuito solare si deve eseguire con il serbatoio dellacqua sanitaria pieno. vietato riempire il circuito collettore quando c forte insolazione e con i collettori ad elevate temperature.
Antigelo 50% 40% 30% Temperatura -32 C -21 C -13 C Densit 1,045 kg/dm3 1,037 kg/dm3 1,029 kg/dm3

76

UAC

Riempimento del serbatoio


Aprire e lasciare aperto il rubinetto (5), da prevedere in installazione sullingresso dellacqua fredda sanitaria (EAF). Aprire un rubinetto dellacqua calda in utenza e riempire il bollitore con lacqua di rete. Quando lacqua esce dal rubinetto, in utenza, lasciarla scorrere fino a quando il getto omogeneo e poi chiudere il rubinetto. A questo punto il bollitore pieno.

EAF 5 Sc

Riempimento del circuito chiuso


3 2

Riempimento a pressione Premiscelare acqua e glicole in un recipiente in quantit e concentrazione di cui alla tabella precedente. Collegare, mediante tubi in gomma, una pompa di riempimento/svuotamento tra il contenitore ed il portagomma del rubinetto (1) posto sul gruppo di riempimento/svuotamento ed aprirlo. Riempire il circuito solare con la miscela azionando la pompa di riempimento finch il fluido inizia a fuoriuscire dallattacco (2) posto sul punto pi alto del bollitore. Chiudere il rubinetto (1). Montare la valvola di sicurezza (3) sullattacco (2).

Mantenere al di sopra del bollitore

Riempimento a gravit Premiscelare acqua e glicole in un recipiente in quantit e concentrazione di cui alla tabella precedente e posizionare il recipiente in un punto a quota superiore a quella del bollitore. Collegare un tubo in gomma tra il contenitore ed il portagomma del rubinetto (1) posto sul gruppo di riempimento/svuotamento ed aprirlo. Riempire il circuito solare a gravit finch il fluido inizia a fuoriuscire dallattacco (2) postosul punto pi alto del bollitore Chiudere il rubinetto (1). Montare la valvola di sicurezza (3) sullattacco (2).
1

Limpianto pronto a mettersi in esercizio. Scoprire i collettori, pulire i vetri e il sistema solare inizier a funzionare automaticamente. Se nel lato solare si forma una pressione superiore a 2,5 bar, si apre la valvola di sicurezza. Non esiste tuttavia alcuna possibilit di scaricare il vapore in modo mirato. Evitare di sostare nelle vicinanze dellimpianto durante il funzionamento.

77

6.11 Struttura del bollitore

2 3 4 5

1 Bollitore isolato 2 Flangia 3 Pozzetto portasonde 1/2 4 Attacco per resistenza elettrica (accessorio) 5 Coperchio copriflangia 6 Anodo in magnesio

6.12 Resistenza elettrica 1,5 kW monofase

1 1/4 290 mm

Funzionamento
La resistenza elettrica pu funzionare in due diverse modalit: 1. Funzione solo antigelo: il regolatore di temperatura va tarato al minimo (~20C). 2. Funzione integrazione riscaldamento acqua: il regolatore di temperatura va tarato a ~60C.

PE

78

Regolatore di temperatura

230 Volt

6.13 Schema funzionale per produzione di acqua calda sanitaria con caldaia Conica Condensing (sistema solare a circolazione naturale)

Sun 1

Sun 1

Nello schema sopra riportato rappresentato un impianto di produzione ACS con caldaia combinata Conica Condensing in cascata al bollitore con impianto solare a circolazione naturale. Con questo tipo di impianto si ha un notevole risparmio energetico, infatti la caldaia da solamente supporto al raggiungimento della temperatura desiderata dallutenza quando il sistema solare non in grado di fornirla.

Taratura valvola miscelatrice presente nei KitCod.1150529


Posizione manopola 1 2 3 4 5 T MIX (C) 38 43,5 49 54,5 60

Principio di funzionamento
Gestione caldaia Il SUN1 installato vicino alla caldaia ha la funzione di termostato elettronico. Se la sonda sul tubo entrata sanitaria (EAF) in caldaia rileva una temperatura inferiore a quella impostata sul SUN1, viene attivata laccensione della caldaia tramite la chiusura del contatto sul flussostato. Il SUN1 pu essere regolato per avere laccensione/ spegnimento della caldaia compresa tra 4050C. Nel caso di installazione con sonda posizionata nel bollitore, si consiglia di impostare SUN1 ad una temperatura superiore di circa 46C (dipende dalla traccia tra bollitore e caldaia) rispetto alla temperatura selezionata in caldaia. Nel caso di installazione con sonda posizionata su tubo vicino alla caldaia, si consiglia di impostare SUN1 alla stessa temperatura di quella selezionata in caldaia. Nel caso di installazione con valvola miscelatrice, si consiglia di impostarla alla stessa temperatura selezionata in caldaia.

Nota: le temperature sopra riportate sono definite con temperatura acqua calda in ingresso alla valvola di 80C; per temperature inferiori di 80C occorre posizionare la manopola a livelli pi alti, a seconda della temperatura desiderata.

79

SEZIONE 7 Bollitore monoserpentino TANK MV 150


7.1 Guida al capitolato
bollitore ad accumulo verticale in acciaio vetrificato scambiatore di calore a mono serpentino ideale per impianti solari durata ed igienicit garantita della vetrificazione elevate prestazioni in produzione di acqua calda e ridotti tempi di ripristino efficace coibentazione termica e basse perdite di carico protezione anodica anticorrosione accesso agevole al serpentino garanzia 5 anni

7.2 Descrizione
I bollitori verticali da 150 litri Sylber per le loro specifiche caratteristiche si configurano come accumuli di acqua calda a ripristino veloce. Nella fase di progettazione e sperimentazione sono stati accuratamente studiati ed ottimizzati i rapporti dimensionali tra lo sviluppo ed il posizionamento dello scambiatore al fine di ottenere i migliori valori di stratificazione dellacqua in accumulo. Inoltre,il diametro del tubo serpentino, la geometria delle spire e le distanze con le pareti del serbatoio, sono tali da consentire il completo ed immediato utilizzo della potenza disponibile dal generatore. Particolare attenzione stata inoltre posta allaspetto igienico dellacqua trattata, infatti la protezione interna con vetrificazione a 845C di tutte le superfici assicura, oltre ad unelevatissima protezione dalla corrosioni, lassoluta igienicit dellacqua di servizio essendo il rivestimento vetroso batteriologicamente inerte. La protezione da correnti vaganti inoltre assicurata dalla presenza di un anodo sacrificale di magnesio adeguatamente dimensionato. Le prestazioni dei bollitori sono dovute oltre alle peculiari caratteristiche di assorbimento termico, anche allisolamento totale in poliuretano espanso a forte densit che consente di contenere la perdita di temperatura.

80

7.3 Tabella dati tecnici TANK MV 150


Descrizione Entrata acqua fredda Uscita acqua calda Entrata serpentino Uscita serpentino Altezza bollitore Diametro bollitore Peso bollitore Contenuto netto acqua bollitore Contenuto acqua serpentino Potenza massima assorbita (Tcaldaia = 90C) Produzione acqua sanitaria T 30K (Tingresso = 10C) Prelievo in 10 minuti T = 30K (Taccumulo = 60C / Tingresso = 10C) Ripristino (T = 35K) Portata nel serpentino Superficie di scambio Pressione massima di esercizio Unit mm mm kg litri litri kW litri/ora litri min m3/ora m2 bar TANK MV 150 M - 3/4" M - 3/4" F - 1" F - 1" 1015 567 55 150 4,4 33 945 244 15 2 0,66 7

7.4 Dimensioni di ingombro


660

7.5 Collegamenti idraulici

567

1015

104

420

1 Entrata acqua fredda sanitaria 2 Entrata riscaldamento 3 Uscita riscaldamento 4 Uscita acqua calda sanitaria 5 Serpentino 6 Rivestimento in acciaio laccato bianco 7 Rivestimento smaltato 8 Flangia dispezione 9 Anodo di magnesio 10 Isolamento in poliuretano

455

304

356

81

7.5 Schema funzionale per produzione di acqua calda sanitaria con caldaia Conica Condensing (sistema solare a circolazione naturale)

Sun B

Sun 1

Sun B Sun 1

Nello schema sopra riportato rappresentato un impianto di produzione ACS con caldaia combinata Conica Condensing in cascata al bollitore con impianto solare a circolazione forzata. Con questo tipo di impianto si ha un notevole risparmio energetico, infatti la caldaia da solamente supporto al raggiungimento della temperatura desiderata dallutenza quando il sistema solare non in grado di fornirla.

ratura inferiore a quella impostata sul SUN1, viene attivata laccensione della caldaia tramite la chiusura del contatto sul flussostato. Il SUN1 pu essere regolato per avere laccensione/spegnimento della caldaia compresa tra 4050C. Nel caso di installazione con sonda posizionata nel bollitore, si consiglia di impostare SUN1 ad una temperatura superiore di circa 46C (dipende dalla traccia tra bollitore e caldaia) rispetto alla temperatura selezionata in caldaia. Nel caso di installazione con sonda posizionata su tubo vicino alla caldaia, si consiglia di impostare SUN1 alla stessa temperatura di quella selezionata in caldaia. Nel caso di installazione con valvola miscelatrice, si consiglia di impostarla alla stessa temperatura selezionata in caldaia. Taratura valvola miscelatrice presente nei KitCod.1150529
Posizione manopola 1 2 3 4 5 T MIX (C) 38 43,5 49 54,5 60

Principio di funzionamento
Gestione circuito solare Il SUN B installato sul circuito solare ha la funzione di regolatore differenziale. Se la sonda nel collettore rileva una temperatura superiore di 68C rispetto alla sonda nel bollitore, viene attivato il circolatore solare per il carico del bollitore fino ad una temperatura massima definita dal termostato di sicurezza posizionato nella parte alta del bollitore (si consiglia di utilizzare un termostato con contatto NC e impostato ad una temperatura di 85C. Il SUN B pu essere regolato per avere un differenziale di temperatura (t) compreso tra 220C. Esempio: fissato un t di 8C, se la temperatura del fluido nel bollitore di 35C, lo scambio di calore (circolatore in funzione) avverr solo quando la temperatura del fluido nel collettore raggiunge i 43C (43C-35C=8C=t). Gestione caldaia Il SUN1 installato vicino alla caldaia ha la funzione di termostato elettronico. Se la sonda sul tubo entrata sanitaria (EAF) in caldaia rileva una tempe-

82

Nota: le temperature sopra riportate sono definite con temperatura acqua calda in ingresso alla valvola di 80C; per temperature inferiori di 80C occorre posizionare la manopola a livelli pi alti, a seconda della temperatura desiderata.

SEZIONE 8 Bollitori a doppio serpentino TANK BV 200-300-430-550-750-1000


8.1 Guida al capitolato
bollitore ad accumulo verticale in acciaio vetrificato (doppia vetrificazione) accumulo con scambiatore di calore a doppio serpentino ideale per impianti solari durata ed igienicit garantita dalla vetrificazione protezione anodica anticorrosione elevate prestazioni in produzione di acqua calda e ridotti tempi di ripristino efficace coibentazione termica e basse perdite di carico elevata superficie di scambio del serpentino inferiore accesso agevole al serpentino inferiore doppio serpentino per la realizzazione di molteplici configurazioni impiantistiche predisposizione passaggio cavi garanzia 5 anni

8.2 Descrizione
I bollitori solari a doppio serpentino da 200 a 1000 litri Sylber sono integrabili in impianti solari per la produzione di acqua calda sanitaria. Gli elementi tecnici principali della progettazione del bollitore solare sono: Lo studio accurato delle geometrie del serbatoio e dei serpentini che consentono di ottenere le migliori prestazioni in termini di stratificazione, scambio termico e tempi di ripristino. La doppia vetrificazione interna, batteriologicamente inerte, per assicurare la massima igienicit dellacqua trattata, ridurre la possibilit di deposito di calcare e facilitare la pulizia. La disposizione su diverse altezze degli attacchi per impiegare generatori di calore di diverso tipo, senza influenzare la stratificazione. La coibentazione in poliuretano privo di CFC e lelegante rivestimento esterno per limitare le dispersioni ed aumentare, di conseguenza, il rendimento. Limpiego della flangia per facilitare la pulizia e la manutenzione e dellanodo di magnesio con funzione anticorrosione. Predisposizione agli accessori: Regolazione differenziale SUN B. Kit idraulico di ritorno o di mandata/ritorno. Vaso despansione solare da 18-24-35-50 litri.

83

8.3 Tabella dati tecnici TANK BV 200-300-430-550-750-1000


Descrizione Tipo bollitore Disposizione bollitore Disposizione scambiatori Capacit bollitore Diametro bollitore con isolamento Diametro bollitore senza isolamento Altezza con isolamento Spessore isolamento Diametro / lunghezza primo anodo di magnesio Diametro / lunghezza secondo anodo di magnesio Diametro flangia Diametro / lunghezza pozzetti porta sonde Manicotto per resistenza elettrica (non fornita) Contenuto acqua serpentino inferiore Contenuto acqua serpentino superiore Superficie di scambio serpentino inferiore Superficie di scambio serpentino superiore Dispersioni termiche Pressione massima di esercizio bollitore Pressione massima di esercizio serpentini Temperatura massima di esercizio Peso netto con isolamento Prestazioni ottenute con Temperatura Primario 60C (T = 35K) * Potenza assorbita serpentino inferiore Potenza assorbita serpentino superiore Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino inferiore Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino superiore Prestazioni ottenute con Temperatura Primario 70C (T = 35K) * Potenza assorbita serpentino inferiore Potenza assorbita serpentino superiore Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino inferiore Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino superiore Prestazioni ottenute con Temperatura Primario 80C (T = 35K) * Potenza assorbita serpentino inferiore Potenza assorbita serpentino superiore Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino inferiore Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino superiore Prestazioni ottenute con Temperatura Primario 90C (T = 35K) * Potenza assorbita serpentino inferiore Potenza assorbita serpentino superiore Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino inferiore Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino superiore Unit TANK BV 200 TANK BV 300 TANK TANK BV 430 BV 550 vetrificato verticale verticali 433 546 755 755 1630 1980 50 50 33 / 520 118 16 / 175 1" 1/2 F 11,0 7,1 1,80 1,17 2,0 10 10 95 150 33 / 520 118 16 / 175 1" 1/2 F 12,8 8,0 2,10 1,31 2,5 10 10 95 166 TANK BV 750 TANK BV 1000

litri mm mm mm mm mm mm mm mm litri litri m2 m2 W/K bar bar C kg

203 605 1330 50 33 / 450 118 16 / 175 1" 1/2 F 5,7 4,1 0,94 0,68 2,6 10 10 95 92

298 605 1840 50 33 / 450 118 16 / 175 1" 1/2 F 9,3 5,5 1,53 0,91 2,1 10 10 95 118

716 1000 790 1870 100 33 / 450 33 / 450 118 7 / 210 1" 1/2 F 16 10,2 2,80 1,70 2,3 7 10 95 221

875 1000 790 2195 100 33 / 450 33 / 450 118 7 / 210 1" 1/2 F 19 10,2 3,16 1,70 2,3 7 10 95 258

kW kW litri/ora litri/ora

16,0 11,0 393 270

24,4 15,8 600 388

27,0 19,5 663 480

32,0 23,4 786 575

37,0 23,8 916 586

47,0 33,0 1052 698

kW kW litri/ora litri/ora

22,2 15,7 543 386

34,3 21,7 842 532

38,0 27,5 934 676

44,9 31,8 1100 781

58,0 37,0 1437 910

70,0 46,0 1586 1003

kW kW litri/ora litri/ora

29,5 20,7 725 508

46,6 30,6 1145 753

52,0 36,5 1278 897

62,0 43,0 1523 1056

76,0 48,0 1856 1165

92,0 58,0 2219 1326

kW kW litri/ora litri/ora

36,8 26,3 904 646

57,0 38,0 1400 934

65,0 45,0 1597 1105

73,0 53,0 1793 1300

88,0 60,0 2112 1463

115,0 72,0 2670 1678

* Prestazioni ottenute con circolatore di carico regolato a 3000 litri/ora ed utilizzando generatori di adeguata potenzialit.

84

8.4 Perdite di carico TANK BV 200-300-430-550-750-1000

Perdite di carico SERPENTINO SUPERIORE


1100 1000 900 800

Mod. 1000

Mod. 750

Perdita di carico (mbar)

700 600 500 400 300 200 100 0

Mod. 550 Mod. 430 Mod. 300 Mod. 200

1000

2000

3000

4000

5000

6000

Portata (litri/ora)

Perdite di carico SERPENTINO INFERIORE


1100 1000 900 800

Mod. 1000

Mod. 750

Mod. 550 Mod. 430 Mod. 300 Mod. 200

Perdita di carico (mbar)

700 600 500 400 300 200 100 0

1000

2000

3000

4000

5000

6000

Portata (litri/ora)

85

8.5 Struttura
TANK BV 200 - 430 TANK BV 300 - 550

3 3

4 5

4 5

TANK BV 750 - 1000


10

1 Serbatoio 2 Pozzetto sonda caldaia 3 Pozzetto ausiliario 4 Pozzetto sonda regolatore solare 5 Flangia per ispezione serbatoio 6 Serpentino inferiore 7 Serpentino superiore 8 Primo anodo in magnesio 9 Secondo anodo in magnesio 10 Flangia superiore

7 2

4 5

86

8.6 Dimensioni di ingombro ed attacchi TANK BV 200 - 430


AD1 ICP UAC TR MC Tubi essibili AD1 ICP

Psc RE DSA DSA RC Q M R D RL G N C B Psr A EAF (SB) 35 E S P

TANK BV 200 UAC - Uscita acqua calda sanitaria MC - Mandata caldaia RC - Ritorno caldaia M - Mandata solare R - Ritorno solare RL - Ricircolo sanitario EAF (SB) - Entrata acqua fredda sanitaria (Scarico bollitore) Psc - Diametro/lunghezza pozzetto sonda caldaia Psr - Diametro/lunghezza pozzetto sonda regolatore solare RE - Manicotto per resistenza elettrica (non fornita) AD1 - Diametro/lunghezza anodo di magnesio TR - Termometro DSA - Derivazione cavi sonde/alimentazione ICP - Ingresso posteriore cavi A B C D E F G H I L N O P Q S Peso netto mm mm mm mm 1" F 1" F 1" F 1" M 1" M 3/4" F 1" F 16 / 175 16 / 175 1" 1/2 F 33 / 450

TANK BV 430 1" F 1" F 1" F 1" M 1" M 3/4" F 1" F 16 / 175 16 / 175 1" 1/2 F 33 / 520

mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm kg

365 625 675 1000 170 425 140 645 725 840 1005 1170 640 1330 605 92

460 860 910 1330 205 480 300 870 960 1125 1330 1440 790 1630 755 150

87

8.7 Dimensioni di ingombro ed attacchi TANK BV 300 - 550


AD1 ICP UAC TR MC Tubi essibili AD1 ICP

Psc RE DSA M R D G N C B Psr A EAF (SB) 35 E S P DSA RC Q RL O

TANK BV 300 UAC - Uscita acqua calda sanitaria MC - Mandata caldaia RC - Ritorno caldaia M - Mandata solare R - Ritorno solare RL - Ricircolo sanitario EAF (SB) - Entrata acqua fredda sanitaria (scarico bollitore) Psc - Diametro / lunghezza pozzetto sonda caldaia Psr - Diametro / lunghezza pozzetto sonda regolatore solare RE - Manicotto per resistenza elettrica (non fornita) AD1 - Diametro / lunghezza anodo di magnesio TR - Termometro DSA - Derivazione cavi sonde / alimentazione ICP - Ingresso posteriore cavi A B C D E F G H I L N O P Q S Peso netto mm mm mm mm 1" F 1" F 1" F 1" M 1" M 3/4" F 1" F 16 / 175 16 / 175 1" 1/2 F 33 / 450

TANK BV 550 1" F 1" F 1" F 1" M 1" M 3/4" F 1" F 16 / 175 16 / 175 1" 1/2 F 33 / 520

mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm kg

365 875 955 1490 170 445 430 955 1035 1200 1410 1670 640 1840 605 118

460 960 1080 1650 205 505 445 1030 1130 1290 1540 1785 790 1980 755 166

88

8.8 Dimensioni di ingombro ed attacchi TANK BV 750 - 1000


AD1 UAC TR AD1 (*) MC D N Psc RE M R RC RL G O B AD2 C Psr A 35 S P L Q AD1

TANK BV 750 UAC - Uscita acqua calda sanitaria MC - Mandata caldaia RC - Ritorno caldaia M - Mandata solare R - Ritorno solare RL - Ricircolo sanitario EAF (SB) - Entrata acqua fredda sanitaria (Scarico bollitore) Psc - Diametro / lunghezza pozzetto sonda caldaia Psr - Diametro / lunghezza pozzetto sonda regolatore solare RE - Manicotto per resistenza elettrica (non fornita) AD1 - Diametro / lunghezza primo anodo di magnesio AD2 - Diametro / lunghezza secondo anodo di magnesio TR - Termometro A B C D E F G H I L N O (*) P Q S Peso netto mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm kg 1" 1/4 M 1" F 1" F 1" M 1" M 1" M 1" 1/4 M n 2 7 / 210 n 2 7 / 210 1" 1/2 F 33 / 450 33 / 450 400 436 950 520 75 365 384 909 994 130 235 1459 1050 248 1018 221

EAF (SB)

TANK BV 1000 1" 1/4 M 1" F 1" F 1" M 1" M 1" M 1" 1/4 M n 2 7 / 210 n 2 7 / 210 1" 1/2 F 33 / 450 33 / 450 400 525 1020 675 75 365 439 1019 1111 130 235 1695 1050 336 1018 258

(*) Lattacco (O) pu essere utilizzato come alternativa per linserimento de primo anodo di magnesio (in caso di locali dinstallazione non particolarmente alti). Cos facendo, si libera un attacco nella parte superiore del bollitore che pu essere utilizzato per il collegamento del vaso despansione / sicurezze.

89

8.9 Collegamenti idraulici


TANK BV 200 - 430
UAC MC MC

AD1

AD1

Caldaia: MC Mandata RC Ritorno Solare: M Mandata R Ritorno UAC Uscita acqua calda sanitaria RL Ricircolo sanitario EAF Entrata acqua fredda sanitaria SB Scarico bollitore RE Manicotto per resistenza elettrica (non fornita) AD1 Anodo di magnesio

RC RE M R RC M R RL

EAF (SB)

AD1

AD1

TANK BV 300 - 550


UAC MC MC

Caldaia: MC Mandata RC Ritorno Solare: M Mandata R Ritorno UAC Uscita acqua calda sanitaria RL Ricircolo sanitario EAF Entrata acqua fredda sanitaria SB Scarico bollitore RE Manicotto per resistenza elettrica (non fornita) AD1 Anodo di magnesio

RE

RC

RC M R RL

EAF (SB)

TANK BV 750 - 1000


AD1 AD1 UAC

AD1 MC

Caldaia: MC Mandata RC Ritorno Solare: M Mandata R Ritorno UAC Uscita acqua calda sanitaria RL Ricircolo sanitario EAF Entrata acqua fredda sanitaria SB Scarico bollitore RE Manicotto per resistenza elettrica (non fornita) AD1 Anodo di magnesio (gi montato in posizione verticale) AD2 Secondo anodo di magnesio (fornito separatamente)

RE

RC

RL

AD2

EAF (SB)

90

8.10 Locale di installazione del bollitore


I bollitori Sylber TANK BV possono essere installati in tutti i locali in cui non richiesto un grado di protezione elettrica dellapparecchio superiore a IP X0D. Il locale di installazione deve essere asciutto per prevenire la formazione di ruggine. Mantenere le distanze minime per la manutenzione e il montaggio.

8.11 Installazione su impianti vecchi o da rimodernare


Quando i bollitori solari TANK BV vengono installati su impianti vecchi o da rimodernare, verificare che: Linstallazione sia corredata degli organi di sicurezza e di controllo nel rispetto delle norme specifiche. Limpianto sia lavato, pulito da fanghi, da incrostazioni, disaerato e siano state verificate le tenute idrauliche. Sia previsto un sistema di trattamento quando lacqua di alimentazione/reintegro particolare (come valori di riferimento possono essere considerati quelli riportati in tabella). Valori acqua di alimentazione
pH Conduttivit elettrica Ioni cloro Ioni acido solforico Ferro totale Alcalinit M Durezza totale Ioni zolfo Ioni ammoniaca Ioni silicio 6-8 minore di 200 mV/cm (25C) minore di 50 ppm minore di 50 ppm minore di 0,3 ppm minore di 50 ppm minore di 35F nessuno nessuno minore di 30 ppm

8.12 Messa in servizio


Prima di effettuare lavviamento ed il collaudo funzionale del bollitore indispensabile controllare che: I rubinetti dellacqua di alimentazione del circuito sanitario siano aperti. Gli allacciamenti idraulici alla caldaia abbinata e al gruppo idraulico dellimpianto solare siano eseguiti correttamente. Gli allacciamenti elettrici siano stati eseguiti correttamente (per i modelli 200 550 utilizzare i tubi flessibili predisposti per il passaggio dei cavi). Sia stata eseguita correttamente la procedura di lavaggio e riempimento del circuito solare con la miscela acqua-glicole, e la contemporanea disareazione dell impianto. Il trasferimento di calore nel circuito solare avviene quando la temperatura del collettore solare maggiore di quella del bollitore. Quindi nella gestione degli impianti solari non significativa lesatta temperatura, ma la differenza di temperatura. Impostare la differenza di temperatura tra collettore e bollitore (vedere il manuale di istruzioni del regolatore). Mettere in servizio la caldaia per il riscaldamento ausiliario del bollitore.

Ad avviamento effettuato verificare che: La portata del circuito solare sia pari a 30 litri/ora per m2 di superficie di collettore. Il circuito solare sia completamente sfiatato.

La pressione a freddo dellimpianto sia circa 3 bar. La valvola di sicurezza intervenga a 6 bar. Le tubazioni della rete idraulica siano coibentate in modo rispondente alle norme vigenti.
3 2 1 0 6

4 5

Se tutte le condizioni sono soddisfatte, riavviare caldaia e bollitore e controllare la temperatura regolata e la quantit di ACS prelevabile.

91

8.13 Configurazione idraulica di impianto


In presenza di acqua non addolcita, consigliabile impostare la temperatura massima del bollitore a 60C, in quanto a temperature maggiori si hanno formazioni di calcare con conseguente peggioramento dello scambio termico. In caso di alimentazione da acquedotto con pressioni di rete superiori a 6 bar, prevedere limpiego di un riduttore di pressione. necessario inserire la valvola di non ritorno (5) sulluscita del serpentino solare. Il vaso di espansione deve resistere alle alte temperature e la membrana non deve essere intaccabile dalla miscela acqua-glicole. Limpianto sanitario deve obbligatoriamente prevedere il vaso di espansione, la valvola di sicurezza, la valvola di sfiato automatico e il rubinetto scarico bollitore. Lo scarico della valvola di sicurezza deve essere collegato ad un adeguato sistema di raccolta e di evacuazione. Il costruttore del bollitore non
RB UAC 15 MB 23 2 SB M 19 22 4 12 5 4 6 3 1 1 R 5 4
C

responsabile di eventuali allagamenti causati dallintervento della valvola di sicurezza. Per la limitazione della temperatura di uscita dellacqua calda sanitaria utilizzare una valvola miscelatrice termostatica (19). In caso di diminuzione della pressione dellimpianto solare non rabboccare con acqua ma con miscela acqua-glicole: pericolo di gelo. Tutte le tubazioni installate compresi i collettori,gli scambiatori e i dispositivi idraulici, devono essere sottoposti a prove di tenuta. La scelta e linstallazione dei componenti dellimpianto sono demandati per competenza allinstallatore, che dovr operare secondo le regole della buona tecnica e della Legislazione vigente. Il vaso di espansione del circuito solare deve avere caratteristiche conformi alle temperature e alle pressioni che si possono formare in tale circuito.

16

7 9
M

8 10 11

12 20 20 14 4 SB 4 4 17 18 4 Kit gruppo idraulico EAF

RL 21

13

IMPIANTI: alta temperatura bassa temperatura misti (gestiti con System AT/BT)

8 11

10

92

1 Collettore solare 2 Bollitore 3 Sonda collettore 4 Valvole di sezionamento 5 Valvola non ritorno 6 Termometro 7 Valvola di sfiato 8 Valvola di sicurezza 9 Manometro 10 Scarico 11 Vaso despansione 12 Circolatore 13 Regolatore di portata 14 Misuratore di portata 15 Rubinetto di sfiato 16 Degasatore manuale (accessorio) 17 Filtro addolcitore 18 Riduttore di pressione 19 Valvola miscelatrice termostatica 20 Valvole di scarico e carico impianto solare 21 Pozzetto per sonda regolatore solare

22 Pozzetto per sonda comando caldaia 23 Caldaia solo riscaldamento UAC Uscita acqua calda sanitaria MB Mandata bollitore RB Ritorno bollitore M Mandata collettore R Ritorno collettore RL Ricircolo sanitario EAF Entrata acqua fredda sanitaria SB Scarico bollitore MI Mandata impianto RI Ritorno impianto

SEZIONE 9 Bollitori a doppio serpentino F-TANK BV 200 - 300 - 430 - 550


9.1 Guida al capitolato
bollitore ad accumulo verticale in acciaio vetrificato (doppia vetrificazione) scambiatore di calore a doppio serpentino ideale per impianti solari gruppo idraulico M/R preinstallato centralina solare SUN B preinstallata durata ed igienicit garantita dalla vetrificazione protezione anodica contro le correnti vaganti elevate prestazioni in produzione di acqua calda e ridotti tempi di ripristino efficace coibentazione termica e basse perdite di carico elevata superficie di scambio del serpentino inferiore accesso agevole al serpentino inferiore garanzia 5 anni

9.2 Descrizione
I bollitori solari a doppio serpentino della serie F-TANK BV da 200 - 300 - 430 - 550 litri Sylber sono integrabili in impianti solari per la produzione di acqua calda sanitaria. Gli elementi tecnici principali della progettazione del bollitore solare sono: Lo studio accurato delle geometrie del serbatoio e dei serpentini che consentono di ottenere le migliori prestazioni in termini di stratificazione, scambio termico e tempi di ripristino. La doppia vetrificazione interna, batteriologicamente inerte, per assicurare la massima igienicit dellacqua trattata, ridurre la possibilit di deposito di calcare e facilitare la pulizia. La disposizione su diverse altezze degli attacchi per impiegare generatori di calore di diverso tipo, senza influenzare la stratificazione. Il gruppo idraulico e la centralina solare gi montati in fabbrica, consentono una notevole riduzione dei tempi di installazione. La coibentazione in poliuretano privo di CFC e lelegante rivestimento esterno per limitare le dispersioni ed aumentare, di conseguenza, il rendimento. Limpiego della flangia per facilitare la pulizia e la manutenzione e dellanodo di magnesio con funzione anticorrosionedovuta alle correnti vaganti. Predisposizione agli accessori: Vaso despansione solare da 18-24-35-50 litri.

93

9.3 Tabella dati tecnici F-TANK BV 200 - 300 - 430 - 550


Descrizione Tipo bollitore Disposizione bollitore Disposizione scambiatori Capacit bollitore Diametro bollitore con isolamento Profondit bollitore con gruppo idraulico Altezza con isolamento Spessore isolamento Diametro / lunghezza anodo di magnesio Diametro flangia Diametro / lunghezza pozzetti porta sonde Manicotto per resistenza elettrica (non fornita) Contenuto acqua serpentino inferiore Contenuto acqua serpentino superiore Superficie di scambio serpentino inferiore Superficie di scambio serpentino superiore Dispersioni termiche Pressione massima di esercizio bollitore Pressione massima di esercizio serpentini Temperatura massima di esercizio Peso netto con isolamento Prestazioni ottenute con Temperatura Primario 60C (T = 35K) * Potenza assorbita serpentino inferiore Potenza assorbita serpentino superiore Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino inferiore Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino superiore Prestazioni ottenute con Temperatura Primario 70C (T = 35K) * Potenza assorbita serpentino inferiore Potenza assorbita serpentino superiore Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino inferiore Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino superiore Prestazioni ottenute con Temperatura Primario 80C (T = 35K) * Potenza assorbita serpentino inferiore Potenza assorbita serpentino superiore Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino inferiore Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino superiore Prestazioni ottenute con Temperatura Primario 90C (T = 35K) * Potenza assorbita serpentino inferiore Potenza assorbita serpentino superiore Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino inferiore Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino superiore Unit F-TANK BV 200 F-TANK F-TANK BV 300 BV 430 vetrificato verticale verticali 298 433 605 755 825 975 1840 1630 50 50 33 / 450 33 / 520 118 118 16 / 175 16 / 175 1" 1/2 F 1" 1/2 F 9,3 11,0 5,5 7,1 1,53 1,80 0,91 1,17 2,1 2,0 10 10 10 10 95 95 130 162 F-TANK BV 550

litri mm mm mm mm mm mm mm mm litri litri m2 m2 W/K bar bar C kg

203 605 825 1330 50 33 / 450 118 16 / 175 1" 1/2 F 5,7 4,1 0,94 0,68 2,6 10 10 95 105

546 755 975 1980 50 33 / 520 118 16 / 175 1" 1/2 F 12,8 8,0 2,10 1,31 2,5 10 10 95 175

kW kW litri/ora litri/ora

16,0 11,0 393 270

24,4 15,8 600 388

27,0 19,5 663 480

32,0 23,4 786 575

kW kW litri/ora litri/ora

22,2 15,7 543 386

34,3 21,7 842 532

38,0 27,5 934 676

44,9 31,8 1100 781

kW kW litri/ora litri/ora

29,5 20,7 725 508

46,6 30,6 1145 753

52,0 36,5 1278 897

62,0 43,0 1523 1056

kW kW litri/ora litri/ora

36,8 26,3 904 646

57,0 38,0 1400 934

65,0 45,0 1597 1105

73,0 53,0 1793 1300

* Prestazioni ottenute con circolatore di carico regolato a 3000 litri/ora ed utilizzando generatori di adeguata potenzialit.

94

9.4 Perdite di carico serpentino superiore


600 500

Perdita di carico (mbar)

Mod. 550
400 300 200 100 0

Mod. 430 Mod. 300 Mod. 200

1000

2000

3000

4000

5000

6000

Portata (l/h)

9.5 Prevalenza circolatore


500 450 400

Prevalenza (mbar)

350 300 250 200 150 100 50 0 0 200

I
400 600

II
800

III
1000 1200

Portata (l/h)

9.6 Perdite di carico gruppo idraulico


300 250

Resistenza (mbar)

200 150 100 50 0

100 200 300 400 500 600 700 800 900 1000 1100 1200 1300 1400 1500 1600 1700 1800 1900 2000

Portata (l/h)

95

9.7 Struttura

Dal Al collettore collettore 14 2 3 4 5 6 12 11 10 9 8 7 13 In sicurezza al vaso despansione

1 Bollitore solare Sylber F-TANK BV 2 Termometro di mandata 3 Valvola M 4 Termometro di ritorno 5 Regolatore solare 6 Regolatore di portata 7 Derivazione cavi sonde/alimentazione 8 Misuratore di portata (l/min) 9 Rubinetto B 10 Circolatore 11 Manometro 12 Rubinetto A 13 Valvola di sicurezza (6 bar) 14 Valvola R

96

9.8 Collegamenti idraulici


I bollitori Sylber F-TANK BV possono essere collegati a generatori di calore, anche esistenti, purch di potenza termica adeguata e nel rispetto della direzione dei flussi idraulici. Le caratteristiche degli attacchi idraulici sono le seguenti.
F-TANK BV 200 - F-TANK BV 430 AD ICP TR M R UAC MC Psc RE DSA D C RC RE DSA D C Tubi essibili TR M R UAC MC Psc RC F-TANK BV 300 - F-TANK BV 550 AD ICP Tubi essibili

RL G L

RL G L

(*)

Psr

(*)

Psr

EAF (SB)

EAF (SB)

UAC - Uscita acqua calda sanitaria MC - Mandata caldaia RC - Ritorno caldaia M - Mandata solare R - Ritorno solare RL - Ricircolo sanitario EAF (SB) - Entrata acqua fredda sanitaria (Scarico bollitore) Psc - Diametro/lunghezza pozzetto sonda caldaia Psr - Diametro/lunghezza pozzetto sonda regolatore solare RE - Manicotto per resistenza elettrica (non fornita) AD - Diametro/lunghezza anodo di magnesio TR - Termometro DSA - Derivazione cavi sonde/alimentazione ICP - Ingresso posteriore cavi A B C D E F G H I L N O

mm mm mm mm

F-TANK BV 200 1" F 1" F 1" F 1" M 1" M 3/4" F 1" F 16 / 175 16 / 175 1" 1/2 F 33 / 450

F-TANK BV 300 1" F 1" F 1" F 1" M 1" M 3/4" F 1" F 16 / 175 16 / 175 1" 1/2 F 33 / 450

F-TANK BV 430 1" F 1" F 1" F 1" M 1" M 3/4" F 1" F 16 / 175 16 / 175 1" 1/2 F 33 / 520

I
F-TANK BV 550 1" F 1" F 1" F 1" M 1" M 3/4" F 1" F 16 / 175 16 / 175 1" 1/2 F 33 / 520 460 860 910 1330 205 480 300 870 960 1125 1330 1440 460 960 1080 1650 205 505 445 1030 1130 1290 1540 1785

mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm

365 625 675 1000 170 425 140 645 725 840 1005 1170

365 875 955 1490 170 445 430 955 1035 1200 1410 1670

97

9.9 Circuito idraulico


Dal collettore Al collettore AD 2 10 UAC TR MC 5 3 2 4 7

8 In sicurezza

6 RE 1 RL RC

EAF (SB)

1 Bollitore solare Sylber F-TANK BV 2 Termometro 3 Valvola R (funzione di valvola di non ritorno) 4 Manometro 9 5 Circolatore 6 Misuratore di portata (l/min)

7 Valvola di sicurezza (6 bar) 8 Recupero fluido termovettore 9 Vaso despansione solare (accessorio) 10 Valvola M TR Termometro RE Manicotto per resistenza elettrica (non fornita) AD Anodo di magnesio UAC Uscita acqua calda sanitaria MC Mandata caldaia RC Ritorno caldaia RL Ricircolo sanitario EAF Entrata acqua fredda sanitaria SB Scarico bollitore

9.10 Locale di installazione del bollitore


I bollitori Sylber F-TANK BV possono essere installati in tutti i locali in cui non richiesto un grado di protezione elettrica dellapparecchio superiore a IP X0D. Il locale di installazione deve essere asciutto per prevenire la formazione di ruggine. Mantenere le distanze minime per la manutenzione e il montaggio.

9.11 Installazione su impianti vecchi o da rimodernare


Quando i bollitori solari F-TANK BV vengono installati su impianti vecchi o da rimodernare, verificare che: Linstallazione sia corredata degli organi di sicurezza e di controllo nel rispetto delle norme specifiche. Limpianto sia lavato, pulito da fanghi, da incrostazioni, disaerato e siano state verificate le tenute idrauliche. Sia previsto un sistema di trattamento quando lacqua di alimentazione/reintegro particolare (come valori di riferimento possono essere considerati quelli riportati in tabella). Valori acqua di alimentazione
pH Conduttivit elettrica Ioni cloro Ioni acido solforico Ferro totale Alcalinit M Durezza totale Ioni zolfo Ioni ammoniaca Ioni silicio 6-8 minore di 200 mV/cm (25C) minore di 50 ppm minore di 50 ppm minore di 0,3 ppm minore di 50 ppm minore di 35F nessuno nessuno minore di 30 ppm

98

9.12 Posizionamento sonde


I bollitori Sylber F-TANK BV sono corredati di pozzetto portasonde allinterno del quale devono essere collocate le sonde del termostato e delleventuale termometro bollitore. I collegamenti alla caldaia o al gruppo termico sono a cura dellinstallatore, che dovr operare secondo le regole della buona tecnica e della Legislazione vigente.

Ingresso posteriore cavi

Pozzetto sonda caldaia (gi posizionata)

9.13 Preparazione alla prima messa in servizio


Collegare lo scarico della valvola di sicurezza ad un tubo (T) per il recupero di eventuali fuoriuscite del liquido solare e per evitare scottature. Collegare il vaso di espansione (E) adatto per applicazioni in impianti solari. Collegare il circolatore e le sonde al regolatore solare (se previsto) come descritto nel libretto istruzioni fornito a corredo del regolatore.

Pozzetto sonda regolatore solare (gi posizionata)

Lavaggio dellimpianto
Ruotare in senso antiorario la maniglia della valvola (M) e (R). Chiudere il regolatore di portata (V) (intaglio cacciavite in posizione orizzontale). Aprire i rubinetti (A) e (B) presenti sul gruppo di ritorno. Introdurre acqua dal rubinetto (B) ed attendere la sua fuoriuscita dal rubinetto (A). Lasciare fluireper il tempo necessario. Chiudere i rubinetti (A) e (B) e riaprire il regolatore di portata (V) (intaglio cacciavite in posizione verticale). Se si sono utilizzate delle tubazioni in rame e si eseguita una brasatura forte necessario lavare limpianto dai residui del fondente di brasatura.
Gruppo di mandata Gruppo di ritorno

In sicurezza

Successivamente eseguire la prova di tenuta. Il collettore solare deve essere subito riempito con una miscela di acqua e glicole, poich dopo il lavaggio potrebbe contenere ancora dellacqua (pericolo di gelo).

Circolatore

Regolatore di portata V

A V

posizione CHIUSO Scala graduata in l/min. posizione APERTO

99

Premiscelazione acqua + glicole


Prima del riempimento dellimpianto il glicole, fornito separatamente, va premiscelato con acqua in un recipiente. Ad esempio 40% di glicole e 60% di acqua permettono una resistenza al gelo fino alla temperatura di -21C.
Antigelo 50% 40% 30% Temperatura -32 C -21 C -13 C Densit 1,045 kg/dm3 1,037 kg/dm3 1,029 kg/dm3

Il glicole propilenico fornito studiato appositamente per applicazioni solari in quanto conserva le sue caratteristiche nellintervallo -32180C. Inoltre atossico, biodegradabile e biocompatibile. Non immettere glicole puro nellimpianto e poi aggiungere acqua. Non utilizzare sistemi di riempimento manuali o automatici. In presenza di un tenore di cloro molto elevato necessario utilizzare acqua distillata per la miscela.

Posizione della maniglia delle valvole R - M


Flusso bloccato 90 90

Riempimento dellimpianto
Passo 1 - Ruotare in senso antiorario la maniglia della valvola (R) e (M). Chiudere il regolatore di portata (V) (intaglio cacciavite in posizione orizzontale). Passo 2 - Aprire eventualmente il rubinetto del degasatore manuale posto nel punto pi alto dellimpianto e mantenerlo aperto durante tutta loperazione di caricamento. Passo 3 - Far circolare il fluido termovettore con una pompa di carico esterna fino ad eliminare tutte le bolle daria. Chiudere eventualmente il rubinetto del degasatore manuale posto nel punto pi alto dellimpianto. Passo 4 - Innalzare brevemente la pressione dellimpianto fino a 4 bar. Passo 5 - Mettere in funzione limpianto per circa 20 minuti. Passo 6 - Ripetere loperazione di sfiato aria dal passo 2 fino alla completa disareazione dellimpianto. Passo 7 - Impostare la pressione dellimpianto a 3 bar. Passo 8 - Chiudere i rubinetti (A) e (B) ed aprire il regolatore di portata (V). Non eseguire il riempimento dellimpianto in condizioni di forte insolazione e con i collettori ad elevate temperature.

M
Flusso unidirezionale (funzione di valvola di non ritorno) Gruppo di mandata Gruppo di ritorno

Circolatore Pompa di carico fluido termovettore

A V

Miscela antigelo

9.14 Controlli durante e dopo la prima messa in servizio


Ad avviamento effettuato verificare che: Il circuito solare sia completamente sfiatato.

La portata del circuito solare sia pari a 30 litri/ ora per m2 di superficie di collettore.

3 2 1

La pressione a freddo dellimpianto sia circa 3 bar. La valvola di sicurezza intervenga a 6 bar. Le tubazioni della rete idraulica siano coibentate in modo rispondente alle norme vigenti.
4 5 6

100

Se tutte le condizioni sono soddisfatte, riavviare caldaia e bollitore e controllare la temperatura regolata e la quantit di ACS prelevabile.

9.15 Configurazione idraulica di impianto


In presenza di acqua non addolcita, consigliabile impostare la temperatura massima del bollitore a 60C, in quanto a temperature maggiori si hanno formazioni di calcare con conseguente peggioramento dello scambio termico. In caso di alimentazione da acquedotto con pressioni di rete superiori a 6 bar, prevedere limpiego di un riduttore di pressione. Il vaso di espansione deve resistere alle alte temperature e la membrana non deve essere intaccabile dalla miscela acqua-glicole. Limpianto sanitario deve obbligatoriamente prevedere il vaso di espansione, la valvola di sicurezza, la valvola di sfiato automatico e il rubinetto scarico bollitore. Lo scarico della valvola di sicurezza deve essere collegato ad un adeguato sistema di raccolta e di evacuazione. Il costruttore del bollitore non responsabile di eventuali allagamenti causati dallintervento della valvola di sicurezza.
RC

Per la limitazione della temperatura di uscita dellacqua calda sanitaria utilizzare una valvola miscelatrice termostatica (14). In caso di diminuzione della pressione dellimpianto solare non rabboccare con acqua ma con miscela acqua-glicole: pericolo di gelo. Tutte le tubazioni installate compresi i collettori,gli scambiatori e i dispositivi idraulici, devono essere sottoposti a prove di tenuta. La scelta e linstallazione dei componenti dellimpianto sono demandati per competenza allinstallatore, che dovr operare secondo le regole della buona tecnica e della Legislazione vigente. Il vaso di espansione del circuito solare deve avere caratteristiche conformi alle temperature e alle pressioni che si possono formare in tale circuito.

10

11 M 1 1 R

4 Uscita 4 7 PRIMARIO

MC 2 4 15 16 9 5 4 UAC 3 14

4 5 9

RL 4 4 SB 6 8 4 4 12 13 4

Ingresso

EAF

1 Collettore solare 2 Bollitore solare Sylber F-TANK BV 3 Sonda collettore 4 Valvole di sezionamento 5 Valvola non ritorno 6 Valvola di sicurezza 7 Scarico 8 Vaso despansione (non fornito) 9 Circolatore 10 Rubinetto di sfiato 11 Degasatore manuale (accessorio) 12 Filtro addolcitore 13 Riduttore di pressione 14 Valvola miscelatrice 15 Regolatore solare 16 Vaso despansione solare (accessorio)

UAC Uscita acqua calda sanitaria MC Mandata caldaia RC Ritorno caldaia M Mandata collettore R Ritorno collettore RL Ricircolo sanitario EAF Entrata acqua fredda sanitaria SB Scarico bollitore

101

SEZIONE 10 Bollitori a doppio serpentino TANK N BV 1500 - 2000


10.1 Guida al capitolato
bollitore ad accumulo verticale in acciaio vetrificato accumulo con scambiatore di calore a doppio serpentino ideale per impianti solari durata, igienicit e temperature fino a 99C garantite dalla doppia vetrificazione protezione anodica anticorrosione elevate prestazioni in produzione di acqua calda e ridotti tempi di ripristino efficace coibentazione termica e basse perdite di carico elevata superficie di scambio del serpentino inferiore protezione anodica anticorrosione accesso agevole al serpentino inferiore doppio serpentino per la realizzazione di molteplici configurazioni impiantistiche predisposizione passaggio cavi garanzia 5 anni

10.2 Descrizione
I bollitori solari TANK N BV, a doppio serpentino di capacit 1500 e 2000 litri, sono integrabili in impianti solari per la produzione di acqua calda sanitaria con collettori solari Sylber. Gli elementi tecnici principali della progettazione del bollitore solare sono: Lo studio accurato delle geometrie del serbatoio e dei serpentini che consentono di ottenere le migliori prestazioni in termini di stratificazione, scambio termico e tempi di ripristino. Il rivestimento interno, batteriologicamente inerte, per assicurare la massima igienicit dellacqua trattata, ridurre la possibilit di deposito di calcare e facilitare la pulizia. La disposizione su diverse altezze degli attacchi per impiegare generatori di calore di diverso tipo, senza influenzare la stratificazione. La coibentazione in poliuretano privo di CFC e lelegante rivestimento esterno per limitare le dispersioni ed aumentare, di conseguenza, il rendimento. Limpiego della flangia per facilitare la pulizia e la manutenzione e dellanodo di magnesio con funzione anticorrosione. I bollitori TANK N BV possono essere equipaggiati con uno specifico regolatore solare e sono facilmente integrabili in sistemi solari in cui le caldaie o i gruppi termici Sylber fungono da produttori ausiliari di calore.

102

10.3 Tabella dati tecnici TANK BV 1500 - 2000


Descrizione Tipo bollitore Disposizione bollitore Disposizione scambiatori Capacit bollitore Diametro bollitore con isolamento Diametro bollitore senza isolamento Altezza con isolamento Spessore isolamento Primo anodo di magnesio ( lunghezza) Secondo anodo di magnesio ( lunghezza) Diametro flangia Diametro pozzetti porta sonde Manicotto per resistenza elettrica (non fornita) Contenuto acqua serpentino inferiore Contenuto acqua serpentino superiore Superficie di scambio serpentino inferiore Superficie di scambio serpentino superiore Potenza assorbita (*) serpentina inferiore Potenza assorbita (*) serpentina superiore Produzione di acqua calda sanitaria (*) - serpentina inferiore Produzione di acqua calda sanitaria (*) - serpentina superiore Pressione massima di esercizio bollitore Pressione massima di esercizio serpentini Temperatura massima di esercizio Dispersioni termiche Peso netto con isolamento Unit TANK N TANK N BV 1500 BV 2000 teflonato verticale verticali 1449 2054 1200 1300 1000 1100 2185 2470 100 100 32 700 32 700 32 400 32 400 290 / 220 290 / 220 8 8 1"1/2 1"1/2 19,4 28,1 10,4 16,9 3,4 4,6 1,8 2,8 88 120 47 73 2200 2900 1200 1800 8 8 6 6 99 99 4,1 5,0 380 495

l mm mm mm mm mm mm mm mm l l m2 m2 kW kW l/h l/h bar bar C W/K kg

(*) Con T= 35C e temperatura primario = 80C. Prestazioni ottenute con circolatore di carico regolato per la massima portata al primario ed utilizzando generatori di adeguata potenzialit.

10.4 Perdite di carico


600 550 500 450 400 350 300 250 200 150 100 50 0 Serpentino superiore Idra N DS 2000

Perdita di carico (mbar)

Idra N DS 1500

500

1000

1500

2000

2500 Portata (l/h)

3000

3500

4000

4500

5000

Serpentino inferiore 900 800 Perdita di carico (mbar) 700 600 500 400 300 200 100 0 0 500 1000 1500 2000 2500 Portata (l/h) 3000 3500 4000 4500 5000 Idra N DS 1500 Idra N DS 2000

103

10.5 Struttura
TANK BV 1500 1 TANK BV 2000 1

2 2 9 3 9 10 12 8 7 4 11 6 5 4 3 10 12 8 7 11 6 5

1 Primo anodo in magnesio 2 Pozzetto sonda caldaia 3 Pozzetto ausiliario 4 Pozzetto sonda regolatore solare 5 Flangia per ispezione serbatoio 6 Copriflangia 7 Serpentino inferiore 8 Isolamento in poliuretano 9 Serpentino superiore 10 Serbatoio 11 Secondo anodo di magnesio 12 Manicotto per riscaldatore elettrico (non fornito)

10.6 Dimensioni e pesi

13

Descrizione H - Altezza - Diametro Peso netto Peso lordo (con imballo)

Unit mm mm kg kg

TANK N BV 1500 2120 1200 275 295

H
TANK N BV 2000 2405 1300 290 310

104

10.7 Collegamenti idraulici


I bollitori Sylber TANK N BV possono essere collegati a generatori di calore, anche esistenti, purch di potenza termica adeguata e nel rispetto della direzione dei flussi idraulici. Le caratteristiche degli attacchi idraulici sono le seguenti.
AD1

TR UAC MC Psc RC RL N M L I H G F E D C EAF SB O Psr R AD2 A M B E

TANK N BV 1500 UAC - Uscita acqua calda sanitaria MC - Mandata caldaia RC - Ritorno caldaia M - Mandata solare R - Ritorno solare RL - Ricircolo sanitario EAF (SB) - Entrata acqua fredda sanitaria (scarico bollitore) Psc - Diametro/lunghezza pozzetto sonda caldaia Psr - Diametro/lunghezza pozzetto sonda regolatore solare RE - Manicotto per resistenza elettrica (non fornita) AD1 - Diametro/lunghezza anodo di magnesio AD2 - Diametro/lunghezza anodo di magnesio TR - Termometro A B C D E F G H I L M N O Peso netto con isolamento /mm /mm /mm /mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm kg 1"1/2 F 1"1/4 F 1"1/4 F 1"1/4 F 1"1/4 F 1" F 1"1/2 F 1/2" F 1/2" F 1"1/2 F 32 700 32 400 1/2" F 1230 1775 280 415 525 1125 1225 1325 1420 1730 1890 2120 1200 365

TANK N BV 2000 1"1/2 F 1"1/4 F 1"1/4 F 1"1/4 F 1"1/4 F 1" F 1"1/2 F 1/2" F 1/2" F 1"1/2 F 32 700 32 400 1/2" F 1340 2000 250 400 662 1205 1315 1425 1487 1870 1990 2405 1300 480

consigliato installare, in mandata e ritorno, valvole di sezionamento.

105

10.8 Circuito idraulico


Il bollitore solare TANK N BV non equipaggiato di circolatori di carico che devono essere opportunamente dimensionati e installati sullimpianto. Per la portata consigliata del circuito solare consultare le istruzioni di montaggio del collettore solare e il manuale Sylber di messa in servizio e manutenzione dellimpianto solare. Per i modelli TANK N BV 1500 il secondo anodo in corrispondenza della flangia viene fornito a corredo ed il suo montaggio a cura dellinstallatore. Per il modello TANK N BV 2000 gli anodi vengono forniti a corredo ed il loro montaggio a cura dellinstallatore.

10.9 Posizionamento sonde


I bollitori TANK N BV sono completi di pozzetti portasonde, nei quali devono essere inserite le sonde del regolatore solare e di caldaia.

Pozzetto SONDA CALDAIA

UAC MC
Pozzetto SONDA REGOLATORE SOLARE

RC RL M

R EAF SB

UAC Uscita acqua calda sanitaria RL Ricircolo sanitario EAF Entrata acqua fredda sanitaria SB Scarico bollitore Caldaia MC Mandata RC Ritorno Solare M Mandata R Ritorno

106

10.10 Configurazione idraulica di impianto


In presenza di acqua non addolcita, consigliabile impostare la temperatura massima del bollitore a 60C, in quanto a temperature maggiori si hanno formazioni di calcare con conseguente peggioramento dello scambio termico. Prima della messa in servizio dellimpianto solare il bollitore deve essere riempito con acqua. In caso di alimentazione da acquedotto con pressioni di rete superiori a 6 bar, prevedere limpiego di un riduttore di pressione. Il vaso di espansione deve resistere alle alte temperature e la membrana non deve essere intaccabile dalla miscela acqua-glicole. Limpianto sanitario deve obbligatoriamente prevedere il vaso di espansione, la valvola di sicurezza, la valvola di sfiato automatico e il rubinetto scarico bollitore. Lo scarico della valvola di sicurezza deve essere collegato ad un adeguato sistema di raccolta e di evacuazione. Il costruttore del bollitore non
RC UAC 15 16 1 1

responsabile di eventuali allagamenti causati dallintervento della valvola di sicurezza. Per la limitazione della temperatura di uscita dellacqua calda sanitaria utilizzare una valvola miscelatrice termostatica (19). In caso di diminuzione della pressione dellimpianto solare non rabboccare con acqua ma con miscela acqua-glicole: pericolo di gelo. Tutte le tubazioni installate compresi i collettori,gli scambiatori e i dispositivi idraulici, devono essere sottoposti a prove di tenuta. La scelta e linstallazione dei componenti dellimpianto sono demandati per competenza allinstallatore, che dovr operare secondo le regole della buona tecnica e della Legislazione vigente.

4
2

MC SB M 19 4 12 5 4 3 4 6 5 12 20 20 14 4 SB 8 11 4 4 17 18 4 Kit gruppo idraulico EAF


C

7 9
M

8 10 18 11

Uscita

11

4 10

PRIMARIO

4 5 12 4
RL 13

Ingresso

10

1 Collettore solare 2 Bollitore 3 Sonda collettore 4 Valvole di sezionamento 5 Valvola non ritorno 6 Termometro 7 Valvola di sfiato 8 Valvola di sicurezza 9 Manometro 10 Scarico 11 Vaso despansione 12 Circolatore 13 Regolatore di portata 14 Misuratore di portata 15 Rubinetto di sfiato 16 Degasatore manuale (accessorio) 17 Filtro addolcitore 18 Riduttore di pressione 19 Valvola miscelatrice termostatica 20 Recupero fluido termovettore

UAC Uscita acqua calda sanitaria MB Mandata bollitore RB Ritorno bollitore M Mandata collettore R Ritorno collettore RL Ricircolo sanitario EAF Entrata acqua fredda sanitaria SB Scarico bollitore MC Mandata caldaia RC Ritorno caldaia

107

SEZIONE 11 Bollitori combinati TANK N FBV 1000 - 1500 - 2000 - 3000


11.1 Guida al capitolato
bollitore solare ad accumulo verticale in acciaio vetrificato possibilit di inserire fino a tre scambiatori a serpentino in rame durata ed igienicit garantiti dalla vetrificazione doppia protezione anodica anticorrosione elevate prestazioni in produzione di acqua calda e ridotti tempi di ripristino efficace coibentazione termica e basse perdite di carico possibile realizzazione di molteplici configurazioni impiantistiche garanzia 5 anni

11.2 Descrizione
I bollitori solari TANK N FBV, di capacit 1000, 1500, 2000 e 3000 litri, sono integrabili in impianti solari per la produzione di acqua calda sanitaria con collettori solari Sylber. Gli elementi tecnici principali della progettazione del bollitore solare sono: Lo studio accurato delle geometrie del serbatoio che consentono di ottenere le migliori prestazioni in termini di stratificazione, scambio termico e tempi di ripristino. La disposizione su diverse altezze degli attacchi per impiegare generatori di calore di diverso tipo, senza influenzare la stratificazione. La coibentazione in poliuretano privo di CFC e lelegante rivestimento esterno per limitare le dispersioni ed aumentare, di conseguenza, il rendimento. Limpiego di tre flangie permette linserimento di scambiatori addizionali. I bollitori TANK N FBV possono essere equipaggiati con uno specifico regolatore solare e sono facilmente integrabili in sistemi solari in cui le caldaie o i gruppi termici Sylber fungono da produttori ausiliari di calore.

108

11.3 Tabella dati tecnici


Descrizione Tipo bollitore Disposizione bollitore Disposizione scambiatori Capacit bollitore Diametro bollitore con isolamento Diametro bollitore senza isolamento Altezza con isolamento Spessore isolamento Primo anodo di magnesio ( lunghezza) Secondo anodo di magnesio ( lunghezza) Diametro flangia Diametro pozzetti porta sonde Manicotto per resistenza elettrica (non fornita) Temperatura massima di esercizio Pressione massima di esercizio Dispersioni termiche Peso netto con isolamento Unit TANK N FBV 1000 TANK N TANK N FBV 1500 FBV 2000 vetrificato verticale orizzontali 1449 2054 1200 1300 1000 1100 2155 2470 100 100 32 700 32 700 290 / 220 1/2" 1"1/2 99 8 4,0 285 32 700 32 700 290 / 220 1/2" 1"1/2 99 8 5,0 350 TANK N FBV 3000

l mm mm mm mm mm mm mm C bar W/K kg

888 990 790 2095 100 32 700 32 700 290 / 220 1/2" 1"1/2 99 10 3,1 205

2959 1450 1250 2730 100 32 700 32 700 290 / 220 1/2" 1"1/2 99 8 6,1 535

Dati tecnici serpentini (accessori)


Descrizione Superficie scambiatore Potenza nominale Pmax Portata necessaria Qmax al serpentino (con Pmax e T=80/60C) Produzione acqua calda sanitaria T=35K Diametro tubo Numero tubi Perdite di carico con Qmax Peso Contenuto dacqua Unit m2 kW m3/h m3/h mm n mbar kg l Cod. 20055205 2,63 53 2,3 1,3 18 1 1 748 14,9 1,74 Cod. 4383089 4,54 91 3,9 2,2 18 1 2 720 22,6 3,56 Cod. 4383087 6,34 127 5,5 3,1 18 1 2 2017 29,0 5,1

11.4 Perdite di carico


3600 3400 3200 3000 2800 2600 2400 2200 2000 1800 1600 1400 1200 1000 800 600 400 200 0 0 1 2 3 4 5

Cod. 20055205

Perdita di carico (mbar)

Cod. 4383087

Cod. 4383089

Portata (m3/h)

109

11.5 Struttura
UAC

AD 1 AE - S

Tr

RE S

UAC Uscita acqua calda sanitaria EAF Entrata acqua fredda sanitaria SB Scarico bollitore AE Anodo elettronico (optional) RE Manicotto per resistenza elettrica (non fornita) S Sonda Tr Termometro AD1 Anodo di magnesio AD2 Anodo di magnesio

AD 2

S AE - S

Il bollitore solare TANK N FBV non equipaggiato di circolatori di carico che devono essere opportunamente dimensionati e installati sullimpianto. Per la portata consigliata del circuito solare consultare i capitoli dei collettori solari, allinizio del presente documento.

EAF SB

Kit serpentino

Cod. 20055205 L H A 580 mm DN 200 80 mm

Cod. 4383089 750 mm DN 200 80 mm

Cod. 4383087 980 mm DN 200 80 mm

110

11.6 Dimensioni ed attacchi


UAC

AD1 AE - S Tr

RE S Q

90 45

50 mm

AD2 AE - S C S N O H

EAF D E L

SB G

UAC - Uscita acqua calda sanitaria EAF - Entrata acqua fredda sanitaria SB - Scarico bollitore AD1 - AD2 - Anodo elettronico AE - S - Anodo elettronico - Sonda S - Sonda Tr - Termometro RE - Manicotto per resistenza elettrica (non fornita) A B C D E F G H I L M N O P Q Peso netto con isolamento

mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm mm kg

TANK N FBV 1000 1"1/2 F 1"1/2 F 1"1/4 F 1/2" F 1/2" F 1/2" F 1"1/2 F 1720 1650 1280 720 650 320 790 440 1015 1280 1500 1720 2030 205

TANK N FBV 1500 1"1/2 F 1"1/2 F 1"1/4 F 1"1/4 F 1/2" F 1/2" F 1/2" F 1"1/2 F 1750 1680 1295 780 710 395 180 1000 530 780 1000 1295 1525 1750 2105 295

TANK N FBV 2000 2" F 2" F 1"1/4 F 1"1/4 F 1/2" F 1/2" F 1/2" F 1"1/2 F 1990 1920 1345 820 750 410 180 1100 555 820 1085 1345 1670 1990 2420 365

TANK N FBV 3000 2" F 2" F 1"1/4 F 1"1/4 F 1/2" F 1/2" F 1/2" F 1"1/2 F 2265 2195 1455 865 795 475 190 1250 580 865 1165 1455 1860 2265 2700 575

111

SEZIONE 12 Bollitori combinati SILOS C 800 - 1000


12.1 Guida al capitolato
bollitore ad accumulo combinato accumulo con scambiatore di calore a serpentino e accumulo sanitario tank in tank ideale per impianti solari durata ed igienicit garantita della vetrificazione elevate prestazioni in produzione di acqua calda e ridotti tempi di ripristino efficace coibentazione termica e basse perdite di carico elevata superficie di scambio del serpentino protezione anodica anticorrosione accesso agevole al serpentino garanzia 5 anni

12.2 Descrizione
Lo studio accurato delle geometrie del serbatoio e del serpentino consentono di ottenere le migliori prestazioni in termini di stratificazione, scambio termico e tempi di ripristino. La vetrificazione interna del serbatoio adibito allaccumulo di acqua calda sanitaria, batteriologicamente inerte, per assicurare la massima igienicit dellacqua trattata, ridurre la possibilit di deposito di calcare e facilitare la pulizia. La disposizione su diverse altezze degli attacchi per impiegare generatori di calore di diverso tipo, senza influenzare la stratificazione. La coibentazione in poliuretano privo di CFC e lelegante rivestimento esterno per limitare le dispersioni ed aumentare, di conseguenza, il rendimento. Limpiego della flangia per facilitare la pulizia e la manutenzione e dellanodo di magnesio con funzione anti-corrosione. La flessibilit impiantistica con la possibilit di gestire impianti ad alta e bassa temperatura. Lingombro ridotto grazie alla combinazione di accumulo inerziale e bollitore.

112

12.3 Tabella dati tecnici SILOS C 800 - 1000


Descrizione Tipo bollitore Tipo accumulo inerziale Disposizione bollitore Disposizione scambiatore Capacit accumulo inerziale Capacit bollitore Diametro con isolamento Altezza Spessore isolamento Anodo di magnesio Diametro flangia (esterno/interno) Diametro pozzetti porta sonde Contenuto acqua serpentino Superficie di scambio serpentino Potenza assorbita serpentino * Produzione istantanea di acqua calda sanitaria * Prelievo in 60 con T medio 35 K e accumulo primario a 80 C / 70 C / 60 C Pressione massima di esercizio bollitore Temperatura massima di esercizio bollitore Pressione massima di esercizio accumulo inerziale Temperatura massima di esercizio accumulo inerziale Pressione massima di esercizio serpentino Temperatura massima di esercizio serpentino Dispersioni termiche Peso netto Peso lordo (con imballo) Unit SILOS C 800 vetrificato non vetrificato verticale verticale 560 240 990 1870 90 32 460 280 / 205 1/2" 16 2,80 76 800 515 / 500 / 415 6 99 3 99 6 99 4,3 210 225 SILOS C 1000 vetrificato non vetrificato verticale verticale 695 285 990 2196 90 32 460 280 / 205 1/2" 19 3,16 92 1000 550 / 515 / 450 6 99 3 99 6 99 4,8 265 281

litri litri mm mm mm mm mm litri m2 kW litri/ora litri/ora bar C bar C bar C W/K kg kg

* T = 35 K / Tprimario = 80-60 C. Prestazioni ottenute con generatore di adeguata potenzialit regolato per la portata di 4 m3/ora per il modello SILOS C 800 e 5 m3/ora per il modello SILOS C 1000.

12.4 Perdite di carico


1100

SILOS C 1000
1000 900 800

SILOS C 800

Perdita di carico (mbar)

700 600 500 400 300 200 100 0

1000

2000

3000

4000

5000

6000

Portata (litri/ora)

113

12.5 Componenti principali


13

15 16 28

10 14 15 16 17 10 14 13 12 17 18 11

14 11 10 9* 8 7 6* 5 4 21 22 23 24 25 3 2 26 19 20 18

27

114

1 Isolamento 2 Accumulo inerziale 3 Serpentino solare 4 Ritorno caldaia 1-2 5 Manicotto riscaldatore elettrico (non fornito) 6 Mandata caldaia 2 (bassa temperatura) (con deflettore interno) 7 Bollitore sanitario 8 Termometro 9 Mandata caldaia 1 (alta temperatura) (con deflettore interno) 10 Anodo in magnesio 11 Flangia 12 Pannello coperchio 13 Coperchi flangia 14 Entrata acqua fredda sanitaria

15 Uscita acqua calda sanitaria 16 Ricircolo sanitario 17 Pozzetto sonda acqua calda sanitaria 18 Attacco valvola di sfiato 19 Mandata impianto 1 (alta temperatura) 20 Pozzetto sonda caldaia 21 Ritorno impianto 1 (alta temperatura) 22 Pozzetto ausiliario 23 Mandata collettore solare 24 Mandata impianto 2 (bassa temperatura) 25 Ritorno collettore solare 26 Pozzetto sonda regolatore solare 27 Ritorno impianto 2 (bassa temperatura) / Scarico accumulo inerziale 28 Isolamento flangia

12.6 Dimensioni e collegamenti idraulici


502 444 442 183

580

VS 520 460 EAF UAC RL

MC1

MI1

MC2

RI1

RC1-2 C

M-R MI2 G H E RI2-SB 75 990 F

B A

SILOS C 800 MC1 - Mandata caldaia 1 MC2 - Mandata caldaia 2 RC1-2 - Ritorno caldaia 1-2 RI2/SB - Ritorno impianto 2 (scarico accumulo inerziale) MI2 - Mandata impianto 2 M - Mandata collettore R - Ritorno collettore RI1 - Ritorno impianto 1 MI1 - Mandata impianto 1 EAF - Entrata acqua fredda sanitaria UAC - Uscita acqua calda sanitaria RL - Ricircolo sanitario VS - Attacco valvola di sfiato A B C D E F G H mm mm mm mm mm mm mm mm 1" 1/4 F 1" 1/4 F 1" 1/4 F 1" 1/4 M 1" 1/4 F 1" M 1" M 1" 1/4 F 1" 1/4 F 1" M 1" M 3/4" M 3/8" F 800 1100 1460 1870 800 830 1100 1460

SILOS C 1000 1" 1/4 F 1" 1/4 F 1" 1/4 F 1" 1/4 M 1" 1/4 F 1" M 1" M 1" 1/4 F 1" 1/4 F 1" M 1" M 3/4" M 3/8" F 960 1260 1785 2196 960 925 1260 1785

115

12.7 Schema idraulico


UAC EAF RL

MC1

MI1

MC2 RE M R

RI1

RC1-2

MI2

RI2

EAF Entrata acqua fredda sanitaria RL Ricircolo sanitario UAC Uscita acqua calda sanitaria MC1 Mandata caldaia 1 (alta temperatura) MC2 Mandata caldaia 2 (bassa temperatura) RC1-2 Ritorno caldaia 1-2 RI2/SB Ritorno impianto 2 (bassa temperatura) / scarico accumulo inerziale MI2 Mandata impianto 2 (bassa temperatura) R Ritorno collettore M Mandata collettore RE Manicotto riscaldatore elettrico RI1 Ritorno impianto 1 (alta temperatura) MI1 Mandata impianto 1 (alta temperatura)

SB

La denominazione degli attacchi idraulici si riferisce ad una possibile configurazione dimpianto. Laccumulo combinato SILOS C non equipaggiato di circolatori di carico che devono essere opportunamente dimensionati e installati sullimpianto.

116

12.8 Installazione su impianti vecchi o da rimodernare


Quando i bollitori solari TANK BV vengono installati su impianti vecchi o da rimodernare, verificare che: Linstallazione sia corredata degli organi di sicurezza e di controllo nel rispetto delle norme specifiche. Limpianto sia lavato, pulito da fanghi, da incrostazioni, disaerato e siano state verificate le tenute idrauliche. Sia previsto un sistema di trattamento quando lacqua di alimentazione/reintegro particolare (come valori di riferimento possono essere considerati quelli riportati in tabella). Valori acqua di alimentazione
pH Conduttivit elettrica Ioni cloro Ioni acido solforico Ferro totale Alcalinit M Durezza totale Ioni zolfo Ioni ammoniaca Ioni silicio 6-8 minore di 200 mV/cm (25C) minore di 50 ppm minore di 50 ppm minore di 0,3 ppm minore di 50 ppm minore di 35F nessuno nessuno minore di 30 ppm

12.9 Messa in servizio


Prima di effettuare lavviamento ed il collaudo funzionale dellaccumulo combinato indispensabile controllare che: I rubinetti dellacqua di alimentazione del circuito sanitario siano aperti. Gli allacciamenti idraulici alla caldaia abbinata e al gruppo idraulico dellimpianto solare siano eseguiti correttamente. Sia stata eseguita correttamente la procedura di lavaggio e riempimento del circuito solare con la miscela acqua-glicole, e la contemporanea disareazione dellimpianto. Il riempimento e la messa sotto pressione del bollitore devono avvenire prima del riempimento dellaccumulo inerziale. Il trasferimento di calore nel circuito solare avviene quando la temperatura del collettore solare maggiore di quella dellaccumulo combinato. Quindi nella gestione degli impianti solari non significativa lesatta temperatura, ma la differenza di temperatura. Impostare la differenza di temperatura tra collettore e accumulo combinato (vedere il manuale di istruzioni del regolatore). Mettere in servizio la caldaia per il riscaldamento ausiliario dellaccumulo combinato. Ad avviamento effettuato verificare che: La portata del circuito solare sia pari a 30 litri/ora per m2 di superficie di collettore. Il circuito solare sia completamente sfiatato.

La pressione a freddo dellimpianto sia circa 3 bar. La valvola di sicurezza intervenga a 6 bar. Le tubazioni della rete idraulica siano coibentate in modo rispondente alle norme vigenti.
3 2 1 0 6

4 5

Circuito riscaldamento Il circuito riscaldamento sia completamente sfiatato.

Se tutte le condizioni sono soddisfatte, riavviare caldaia e bollitore e controllare la temperatura regolata e la quantit di ACS prelevabile.

117

12.10 Configurazione idraulica di impianto con caldaia murale

21 PI2 23 25 20 PI1 7 MI1 18 16 22 MC1 16 MC2 SR 22 MI2 RC1-2 10 RI2 9 7 8 9 5 SBc SB1 TAc 17 10 15 10 8 14 10 19

3 4 M UAC EAF 2 SCo 1 1 R

5 10 11 16 PS 24 24

7 6 8 9

RI1

SB2

12 13

Gruppo idraulico

1 Collettore solare 2 Pozzetto sonda collettore 3 Degasatore manuale (accessorio) 4 Rubinetto di sfiato 5 Valvola di sfiato 6 Manometro 7 Valvola di sicurezza 8 Scarico 9 Vaso despansione 10 Valvole di sezionamento 11 Termometro 12 Regolatore di portata 13 Misuratore di portata 14 Riduttore di pressione 15 Filtro addolcitore 16 Valvola di non ritorno 17 Miscelatore termostatico 18 Accumulo combinato SILOS C 19 Centralina solare 2 circuiti 20 Impianto alta temperatura (solo zona bagno) 21 Impianto bassa temperatura 22 Valvola a tre vie con molla di ritorno 23 Valvola miscelatrice 24 Valvole di scarico e carico impianto solare 25 Caldaia murale solo riscaldamento

UAC Uscita acqua calda sanitaria EAF Entrata acqua fredda sanitaria MI1 Mandata impianto riscaldamento alta temperatura RI1 Ritorno impianto riscaldamento alta temperatura MI2 Mandata impianto riscaldamento bassa temperatura RI2 Ritorno impianto riscaldamento bassa temperatura MC1 Mandata 1 caldaia MC2 Mandata 2 caldaia RC1-2 Ritorni caldaia M Mandata collettore R Ritorno collettore PI1 Pompa impianto alta temperatura PI2 Pompa impianto bassa temperatura PS Pompa circuito solare SB1 Sonda accumulo combinato superiore SB2 Sonda accumulo combinato inferiore SBc Sonda bollitore di caldaia SCo Sonda collettore SR Sonda ritorno TAc Termostato attivazione riscaldamento caldaia

118

12.11 Configurazione idraulica di impianto con caldaia a basamento e piscina


1 Collettore solare 2 Pozzetto sonda collettore 3 Degasatore manuale (accessorio) 4 Rubinetto di sfiato 5 Valvola di sfiato 6 Manometro 7 Valvola di sicurezza 8 Scarico 9 Vaso despansione 10 Valvole di sezionamento 11 Termometro 12 Regolatore di portata 13 Misuratore di portata 14 Riduttore di pressione 15 Filtro addolcitore 16 Valvola di non ritorno 17 Miscelatore termostatico 18 Accumulo combinato SILOS C 19 Centralina solare 2 circuiti 20 Impianto alta temperatura 21 Impianto bassa temperatura 22 Valvola miscelatrice 23 Valvole di scarico e carico impianto solare 24 Caldaia a basamento UAC Uscita acqua calda sanitaria EAF Entrata acqua fredda sanitaria MI2 Mandata impianto riscaldamento bassa temperatura RI2 Ritorno impianto riscaldamento bassa temperatura MC1 Mandata 1 caldaia RC1 Ritorno caldaia M Mandata collettore R Ritorno collettore PSc Pompa scambiatore PS1-2 Pompe circuito solare 1- 2 SB1 Sonda accumulo combinato superiore SB2 Sonda accumulo combinato inferiore SBc Sonda accumulo combinato di caldaia SCo Sonda collettore RE Rel PB Pompa di carico bollitore PI1 Pompa impianto alta temperatura PI2 Pompa impianto bassa temperatura Sp Sonda piscina

PS2

12 PS1 12 23

23

10 11 16

10 11 16

13

23 Gruppo idraulico

7 6 8

13

23 Gruppo idraulico

7 6 8

EAF

M 2 SCo

14 10

10

10 15 10

SB1

UAC

17

SB2

19

18

RE

PI2

MI2

16

MC1

RC1

16

22

PSc 16

Sp

RI2 24 PI1 Piscina PB

20

21

ON/OFF

PSc

119

SEZIONE 13 Accumuli inerziali SILOS M 300-5001000-1500 e SILOS 2000-3000-5000


13.1 Guida al capitolato
bollitore ad accumulo inerziale verticale accumulo con scambiatore di calore a serpentino (dal 300 al 1500) ideale per impianti solari efficace coibentazione termica e basse perdite di carico elevata superficie di scambio del serpentino accesso agevole al serpentino

13.2 Descrizione
Lo studio accurato delle geometrie del serbatoio e del serpentino (solo per i modelli SILOS M) consentono di ottenere le migliori prestazioni in termini di stratificazione, scambio termico e tempi di ripristino. La disposizione su diverse altezze degli attacchi per impiegare generatori di calore di diverso tipo, senza influenzare la stratificazione. La coibentazione in poliuretano privo di CFC e lelegante rivestimento esterno per limitare le dispersioni ed aumentare, di conseguenza, il rendimento. Limpiego della flangia (solo per i modelli SILOS 2000-3000-5000) per facilitare la pulizia e per permettere linserimento di uno scambiatore addizionale. Gli accumuli inerziali possono essere equipaggiati con uno specifico regolatore solare e sono facilmente integrabili in sistemi solari in cui le caldaie o i gruppi termici fungono da produttori ausiliari di calore.

120

13.3 Tabella dati tecnici


Descrizione Tipo accumulo Disposizione accumulo Disposizione scambiatore Capacit accumulo Diametro esterno completo di isolamento Altezza completa di isolamento Spessore isolamento Diametro flangia (esterno/interno) Diametro pozzetti porta sonde Contenuto acqua serpentino Superficie di scambio serpentino Potenza nominale serpentino (*) Portata nominale serpentino (*) Pressione massima di esercizio accumulo Temperatura massima di esercizio accumulo Pressione massima di esercizio serpentino Temperatura massima di esercizio serpentino Dispersioni termiche Peso netto con isolamento Unit SILOS M 300 non vetrificato verticale verticale 283 700 1635 100 8 10,4 1,8 43 1100 3 99 6 99 1,7 115 SILOS M 500 non vetrificato verticale verticale 489 850 1775 100 8 10,4 1,8 45 1100 3 99 6 99 2,3 140 SILOS M 1000 non vetrificato verticale verticale 1000 990 2190 100 8 14,6 2,6 68 1700 3 99 6 99 3,1 225 SILOS M 1500 non vetrificato verticale verticale 1449 1200 2165 100 8 21,6 3,8 99 2400 3 99 6 99 4,1 285

l mm mm mm mm mm l m2 kW l/h bar C bar C W/K kg

Descrizione Tipo accumulo Disposizione accumulo Disposizione scambiatore Capacit accumulo Diametro esterno completo di isolamento Altezza completa di isolamento Spessore isolamento Diametro flangia (esterno/interno) Diametro pozzetti porta sonde Contenuto acqua serpentino Superficie di scambio serpentino Potenza nominale serpentino (*) Portata nominale serpentino (*) Pressione massima di esercizio accumulo Temperatura massima di esercizio accumulo Pressione massima di esercizio serpentino Temperatura massima di esercizio serpentino Dispersioni termiche Peso netto con isolamento

Unit

SILOS 2000 non vetrificato verticale 2054 1300 2480 100 290 / 220 8 3 99 99 5,0 345

SILOS 3000 non vetrificato verticale 2960 1450 2720 100 290 / 220 8 3 99 99 6,1 415

SILOS 5000 non vetrificato verticale 5055 1800 2870 100 290 / 220 8 3 99 99 8,3 570

l mm mm mm mm mm l m2 kW l/h bar C bar C W/K kg

(*) T = 35 K / Tprimario = 80-60 C. Prestazioni ottenute con circolatore di carico regolato per la portata di 4 m3/ora per Stor M 1000 e 5 m3/ora per Stor M 1500 utilizzando generatori di adeguata potenzialit.

121

13.4 Perdite di carico


Perdite di carico serpentino (solo per i modelli SILOS 300 M - 500 M -1000 M -1500 M)
650 600 550 500 450

STOR 1500 M

Perdita di carico (mbar)

STOR 1000 M STOR 300 M STOR 500 M

400 350 300 250 200 150 100 50 0 0 1 2 3 4

Portata (m3/h)

Perdite di carico Kit serpentino scambiatore (solo per i modelli SILOS 2000 - 3000 - 5000)
3600 3400 3200 3000 2800 2600 2400 2200 2000 1800 1600 1400 1200 1000 800 600 400 200 0 0 1 2 3 4 5

Cod. 20055205

Perdita di carico (mbar)

Cod. 4383087

Cod. 4383089

Portata (m3/h)

122

13.5 Dimensioni di ingombro

STOR M 300 - 500 - 1000 - 1500 1 1 2

STOR 2000 - 3000 - 5000 2

3 3 4 3 3 3 5 4 3 3 3 6 3 4 G A 3 B F 4 C D 3 E

4 3

4 3 3 4 C 3 E

4 A

7 H

9 H

SILOS M 300 1 - Isolamento in poliuretano morbido 2 - Attacco sfiato / mandata 3 - Attacchi mandate / ritorni 4 - Pozzetti sonde 5 - Attacco mandata collettore 6 - Attacco ritorno collettore 7 - Serbatoio 8 - Serpentino 9 - Flangia per ispezione A B C D E F G H Peso netto con isolamento mm 100 1 1/4 F 1 1/2 F 1/2 F 1 F 1 F

SILOS M 500 100 1 1/4 F 1 1/2 F 1/2 F 1 F 1 F

SILOS M 1000 100 1" 1/4 F 1" 1/2 F 1/2 F 1" F 1" F

SILOS M 1500 100 1" 1/4 F 1" 1/2 F 1/2 F 1" F 1" F

SILOS 2000 100 1" 1/4 F 1" 1/2 F 1/2 F -

SILOS 3000 100 1" 1/4 F 1" 1/2 F 1/2 F -

1" 1/4 F 1" 1/2 F 1/2 F -

mm mm mm mm mm mm mm mm kg

215 595 975 1355 1635 815 215 700 115

330 710 1090 1470 1775 930 330 850 140

280 805 1335 1860 2190 990 280 990 225

390 850 1310 1770 2165 1290 390 1200 285

390 950 1510 2070 2480 1300 375

390 1020 1650 2280 2720 1450 480

SILOS 5000 100

465 1095 1725 2355 2870 1800 645

123

SEZIONE 14 Modulo per produzione acqua calda sanitaria ACS 30


14.1 Descrizione
Lo scambiatore ACS 30 un gruppo idraulico per la produzione dacqua calda sanitaria che utilizza il principio di funzionamento dello scambiatore istantaneo. Questo scambiatore solare pu essere utilizzato con gli accumuli inerziali. Il gruppo idraulico completamente isolato e precablato e comprende lo scambiatore a piastre, il misuratore di portata, la valvola di sicurezza, il circolatore, i rubinetti di sfiato, la valvola di non ritorno e le sonde. Il regolatore attiva il circolatore e permette di impostare la temperatura dellacqua calda sanitaria.

14.2 Tabella dati tecnici


Descrizione Portata massima Pompa di carico Numero di giri Potenza assorbita Corrente nominale Pompa di ricircolo (optional) Potenza assorbita Corrente nominale Massima pressione di esercizio consentita Circuito acqua sanitaria Circuito acqua tecnica Rivestimento Peso Temperature (minima - massima) Ambiente Acqua tecnica Dimensioni esterne Larghezza Altezza Profondit Collegamenti Acqua fredda Acqua calda Mandata accumulo Ritorno accumulo Ricircolo Unit l/min V - Hz U/min W A V - Hz W A Moduli ACS 30 30 230 - 50 2200 95 0,4 230 - 50 8 < 0,1

14.3 Composizione acqua


Per il corretto funzionamento del modulo, i componenti e i valori limite dellacqua potabile devono essere conformi alla tabella sottostante:
Componenti e valori limite consentiti dellacqua PH (in base allindice SI) Indice di saturazione SI (delta pH) Durezza totale Conduttivit Sostanze filtrabili Cloro libero Idrogeno solforato (H2S) Ammoniaca (NH3/NH4+) Solfato Idrogeno carbonato Idrogeno carbonato/solfato Solfuro Nitrato Nitrito Ferro disciolto Manganese Anidride carbonica aggressiva libera Unit Valori limite 7-9 -0,2 < 0 < +0,2 6-15 10 ... 500 < 30 < 0,5 < 0,05 <2 < 100 < 300 > 1,0 <1 < 100 < 0,1 < 0,2 < 0,1 < 20

bar bar kg C C mm mm mm

10 3 EPP 20 2 - 40 2 - 65 400 800 330 G1 IG G1 IG G1 AG G1 AG G1/2 IG

dH S/cm mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l

124

14.4 Componenti principali


10 9 8 2 7 11

6 5 4 1 3

12

13

14

1 Gruppo di ricircolo (optional) 2 Tubo di ricircolo (non in dotazione) 3 Connessione push-in per il gruppo di ricircolo (incluso tappo cieco di chiusura) 4 Sensore a spirale 5 Pompa di carico 6 Vite di sfiato pompa di carico 7 Flussostato 8 Uscita acqua calda 9 Mandata accumulo 10 Ingresso acqua fredda 11 Ritorno accumulo 12 Testa del termostato 13 Cassetta elettrica 14 Scambiatore di calore a piastre

Linea di alimentazione dellacqua fredda sanitaria

2 1 4 5

6 7

1 Manometro 2 Valvola di sicurezza (6 bar) 3 Valvola di arresto 4 Valvola di ritegno 5 Valvola riduttrice di pressione (necessaria con P 6 bar) 6 Filtro a maglia stretta 7 Ingresso rete

125

14.5 Esempio di utilizzo


CF-25N SYSTEM AT/BT
CALDAIA MURALE SOLO RISCALDAMENTO

ACS 30

SILOS M

Caldaia solo riscaldamento, accumulo inerziale, impianto riscaldamento a due zone La centralina solare rileva la temperatura nella parte superiore dellaccumulo e qualora lenergia fornita dallimpianto solare fosse insufficiente a portare in temperatura laccumulo, viene attivata la richiesta di calore alla caldaia. Il modulo ACS viene attivato alla richiesta sanitaria per prelevare calore dallaccumulo tecnico e cederlo allAFS. Lintegrazione solare al fabbisogno energetico ambientale avviene innalzando la temperatura di ritorno in caldaia. La funzione attiva quando la temperatura nellaccumulo maggiore rispetto a quella di ritorno dallimpianto di riscaldamento.

14.6 Collegamento ACS 30 in cascata


Centrale termica riscaldamento ed acqua calda sanitaria centralizzati e contabilizzati nei singoli alloggi La centralina solare rileva la temperatura nella parte superiore dellaccumulo e qualora lenergia fornita dallimpianto solare fosse insufficiente a portare in temperatura laccumulo, viene attivata la richiesta di calore alla caldaia. Limpianto sanitario centralizzato fornisce acqua calda sanitaria in ogni appartamento attraverso lattivazione di pi moduli sanitari ACS collegati in parallelo. Lintegrazione solare al fabbisogno energetico ambientale avviene innalzando la temperatura di ritorno in caldaia. La funzione attiva quando la temperatura nellaccumulo maggiore rispetto a quella di ritorno dallimpianto di riscaldamento. In ogni appartamento installato un contabilizzatore di calore per il fabbisogno energetico ambientale, ACS e AFS.

126

CF-25N CONTABILIZZATORI

ACS 30

SILOS M
QUEEN 100 M QUEEN 100 M

127

SEZIONE 15 Modulo per produzione acqua calda sanitaria ACS 150 - 225

15.1 Dati tecnici


Centralina elettronica di controllo
Tensione di alimentazione Massimo assorbimento Ingressi 230 V~, 50 Hz 2W 6 T1 - T5: rilevamento temperatura (Pt1000) T6: rilevazione impulsi misurazione flusso volumetrico Rv1 / Rv2: comandi valvola 3 vie, massimo carico applicabile 1,1 A Rp / Lp e Lz / Rz: comando pompa primaria e di ricircolo, massimo carico applicabile per entrambe 3,5 A Contatto libero da potenziale per allarmi max. 42 V, max. 2 A S: 0-10 V uscita, resistenza massima 100 k V: 12 V, assorbimento massimo 5 mA RS232, RS485 da 0 a 45C 170 170 46 mm

Uscite

Altre uscite Interfaccia Temperatura del locale ammessa Dimensioni (L P H)

Dati prestazionali
Uscita Nv / Rv1 Nv / Rv2 NzRz, Np / Rp Prestazioni 250 W (230 V~) 800 W (230 V~) Fusibile Fusibile interno: 2,5 AT Fusibile interno: 4 AT

128

Parametri programmabili
Parametri Temperatura per azionamento valvola Rv (sistema 1) Isteresi temperatura per azionamento valvola Rv (sistema 1) T minimo (ETD) per invio acqua primaria a met serbatoio tramite valvola Rv (sistema 2) T massimo (ATD) per invio acqua primaria sul fondo serbatoio tramite valvola Rv (sistema 2) Impostazioni Min. 0C 0K ATD + 2 K 0K Max. 60C 50 K 50 K ETD - 2 K Impostazioni di fabbrica 35C 3K 6K 0K

Specifiche modulo idraulico


Descrizione Larghezza altezza profondit Copertura Tubazioni acqua tecnica Tubazioni ricircolo Tubazione accumulatore Peso Collegamento acqua fredda IN Collegamento acqua calda OUT Collegamento da accumulo Collegamento a accumulo (basso) Collegamento a accumulo (alto) Collegamento andata ricircolo Erogazione acqua calda istantanea a 40C Erogazione acqua calda istantanea a 55C Potenza scambiatore a piastre Temperatura massima acqua calda sanitaria Temperatura massima acqua calda sanitaria a pieno carico Temperatura accumulo ammessa Range di temperatura ammesso Pressione di esercizio massima ammessa acqua sanitaria Pressione di esercizio massima ammessa accumulo kg l/min l/min kW C C C C bar bar Unit mm ACS 150 ACS 225

1170 750 420 Lamiera di acciaio zincata, incluso isolamento 20 mm 1"1/2 - Acciaio - Isolato 1"1/4 - Acciaio - Isolato 1"1/2 - Acciaio - Isolato 153 175 1"1/2 1"1/2 1"1/2 1"1/2 1"1/2 1"1/2 1"1/2 1"1/2 1"1/2 1"1/2 1"1/4 1"1/4 150 225 100 150 315 475 58 - 60 58 - 60 55 60 - 100 2 - 95 10 3 55 60 - 100 2 - 95 10 3

Composizione acqua
Per azionare il modulo necessario rispettare i seguenti valori nominali e le sostanza contenute dellacqua potabile:
Sostanza contenuta nellacqua + valore nominale Valore pH Indice di saturazione SI (valore pH delta) Durezza totale Conduttivit Sostanze fi ltrabili Cloro libero Acido solfi drico (H2S) Ammoniaca (NH3/NH4+) Solfato Bicarbonato Bicarbonato/solfato Solfuro Nitrato Nitrito Ferro, sciolto Manganese Anidride carbonica libera aggressiva Unit Scambiatore di calore a piastre, saldato a rame 7 - 9 (in base all'indice SI) -0,2 < 0 < +0,2 6 - 15 10 ... 500 < 30 < 0,5 < 0,05 <2 < 100 < 300 > 1,0 <1 < 100 < 0,1 < 0,2 < 0,1 < 20

dH S/cm mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l mg/l

I valori indicati sono indicativi e possono variare in base a determinate condizioni di utilizzo.

129

15.2 Funzionamento del modulo sanitario


Durante il prelievo di acqua calda, laccumulo inerziale invia lacqua primaria allo scambiatore a piastre del modulo sanitario, tramite il circolatore di serie. La temperatura dellacqua primaria in ingresso nello scambiatore di calore viene limitata per preservare questultimo dai depositi di calcare. Laccumulatore viene raffreddato al massimo per sfruttare il pi possibile lenergia in esso contenuta. La pompa di ricircolo a risparmio energetico, installata di serie, assicura la produzione di acqua calda senza tempi di attesa. La centralina elettronica di comando dispone di un timer con programma giornaliero e settimanale ed attiva la pompa primaria grazie ad impulsi elettronici generati da un rilevatore di flusso sul sanitario. Nel caso in cui la temperatura dellacqua tecnica in uscita dallo scambiatore a piastre fosse elevata, a causa di basse portate di prelievo, il ritorno allaccumulo inerziale avverr ad una quota maggiore nel serbatoio.

15.3 Temperatura acqua tecnica circuito primario


La regolazione della temperatura dellacqua primaria avviene grazie ad un termomiscelatore impostabile fino a 60C. Rispetto a questo valore, consigliabile impostare la temperatura di stoccaggio dellacqua nellaccumulo inerziale ad almeno 7K in pi.

15.4 Ricircolo
Il modulo dotato dalla fabbrica di una pompa di ricircolo. La circolazione dellacqua tecnica avviene tramite il timer integrato. Il funzionamento igienico ed economico di un sistema di ricircolo richiede necessariamente una rete distributiva ben dimensionata e regolata mediante valvole termostatiche in ogni singola diramazione. ATTENZIONE! Per prevenire la legionella, assicurarsi che lacqua sanitaria del sistema di ricircolo rimanga in movimento il pi possibile e che la temperatura di ritorno dellanello sia superiore a 52C.

15.5 Centrale termica riscaldamento ed acqua calda sanitaria centralizzati e contabilizzati nei singoli alloggi
CF-25N CONTABILIZZATORI
Collettore alta temperatura Legenda: Mandata Ritorno Acqua miscelata / media t. Ricircolo sanitario Ingresso acqua fredda Connessioni elettriche sonde

Centralizzatore dati contabilizzazione

PC con software Solo se richiesto dal committente

POS Pric

QUEEN 100 M 1

QUEEN 100 M 2

QUEEN 100 M 3

Modulo STS 50

SILOS

Mandata Ritorno Gas

Ricircolo sanitario Ingresso AFS 1 ritorno accumulo (parte bassa) Uscita ACS Mandata accumulo

Carico impianto

ACS 225

Prevedere rubinetti su secondario (sanitario) per lavaggio scambiatore

AFS
Addolcitore a resine

130

La centralina solare rileva la temperatura nella parte superiore dellaccumulo e qualora lenergia fornita dallimpianto solare fosse insufficiente a portare in temperatura laccumulo, viene attivata la richiesta di calore al gruppo termico. Limpianto sanitario centralizzato fornisce acqua calda sanitaria in ogni appartamento attraverso lattivazione un modulo sanitario ACS. In ogni appartamento installato un contabilizzatore di calore per il fabbisogno energetico ambientale, ACS e AFS.

15.6 Centralina elettronica di controllo

Display Display per utilizzo e per impostazioni di sistema del regolatore Tasti di comando Tasto freccia verso lalto - Sfoglia menu verso lalto Tasto SET - Conferma o attivazione di un valore Tasto ESC - Tasto di interruzione Tasto freccia verso il basso - Sfoglia il menu verso il basso

Interruttore di servizio possibile avviare le seguenti modalit di esercizio: Manuale Per la prima messa in funzione e per il test di funzionamento Automatico Per il funzionamento automatico Off Per disinserire le uscite

Scheda SD

Fusibili

Uscite Allacciamento alla rete

Ingressi

Interfaccia RS232, RS485, uscita aggiuntiva (SELV) alimentazione generatore di impulsi uscita 0 - 10 V uscita segnale per pompa accumulatore Fissacavo

131

15.7 Sistemi impostabili


Sistema 1 Gestione acqua di ritorno allaccumulo con temperatura prefissata
La pompa del circuito primario viene azionata non appena la centralina elettronica di comando riceve un segnale ad impulsi dal rilevatore di flusso posto sul circuito sanitario. Nel momento in cui il suddetto sensore non rilever pi alcun passaggio di acqua sanitaria, la pompa del circuito primario si arrester. La valvola a tre vie Rv devier lacqua primaria, in uscita dallo scambiatore a piastre, verso il centro dellaccumulo inerziale, se la temperatura (T3) maggiore rispetto a quella impostata. Viceversa, lacqua verr deviata nella parte inferiore del serbatoio se, considerando anche il valore di isteresi inserito, la temperatura (T3) non raggiunge quella inizialmente settata.

N ~ L

Np Rv1 Nv Rv2 Nz

Rz

B T

Rx Tx T T V

Lp Lcon

230 V~

D1

Netz

B1
T2 F1 T1

Lp Rv

T3

N L D1 Lp / Np F1 B1 Rv Rv1 / Rv2 T1 T2 T3 V/ /6 S/

Neutro Fase Messa a terra Ponte Pompa circuito primario Scambiatore di calore a piastre Accumulo inerziale Valvola di ritorno Fasi per spostamento valvola in senso orario o antiorario (*) Sensore temperatura acqua calda (opzionale) Sensore temperatura di mandata accumulo (opzionale) Sensore temperatura di ritorno accumulo Rilevatore di flusso Segnale ad impulsi per pompa accumulo

(*) Con valvola a riposo, garantire il flusso dellacqua nella parte pi bassa dellaccumulo

132

T T S

Sistema 2 Gestione acqua di ritorno allaccumulo con differenza di temperatura (T) prefissata
La pompa del circuito primario viene azionata non appena la centralina elettronica di comando riceve un segnale ad impulsi dal rilevatore di flusso posto sul circuito sanitario. Nel momento in cui il suddetto sensore non rilever pi alcun passaggio di acqua sanitaria, la pompa del circuito primario si arrester. La valvola a tre vie Rv devier lacqua primaria, in uscita dallo scambiatore a piastre, verso il centro dellaccumulo inerziale, se la temperatura (T3) superiore a quella dellaccumulo (T4), nel rispetto del T impostato. Viceversa, lacqua verr deviata nella parte bassa del serbatoio se la temperatura T3<T4, oppure se T3>T4 ma non a sufficienza, per mancato raggiungimento del T impostato.

N ~ L

Np Rv1 Nv Rv2 Nz

Rz

B T

Rx Tx T T V

Lp Lcon

230 V~

D1

Netz

B1
T2 F1 T1

T4 Rv

Lp

T3

N L D1 Lp / Np F1 B1 Rv Rv1 / Rv2 T1 T2 T3 V/ /6 S/

Neutro Fase Messa a terra Ponte Pompa circuito primario Scambiatore di calore a piastre Accumulo inerziale Valvola di ritorno Fasi per spostamento valvola in senso orario o antiorario (*) Sensore temperatura acqua calda (opzionale) Sensore temperatura di mandata accumulo (opzionale) Sensore temperatura di ritorno accumulo Rilevatore di flusso Segnale ad impulsi per pompa accumulo

(*) Con valvola a riposo, garantire il flusso dellacqua nella parte pi bassa dellaccumulo

T T S

133

15.8 Funzione ricircolo


Questa funzione consente il mantenimento in temperatura di un anello in cui circola lacqua calda sanitaria. In questo modo, gli utilizzi pi distanti non devono sottostare a lunghi periodi di attesa dellacqua calda. Il controllo della pompa di ricircolo pu essere effettuato impostando tre differenti parametri: Tempo: si possono programmare fino a 3 periodi giornalieri durante i quali la pompa pu attivarsi. Temperatura: la pompa viene azionata quando il valore di temperatura dellacqua nellanello inferiore a quello impostato. Flusso: la pompa pu essere attivata tramite un rilevatore di flusso che rileva un prelievo di acqua sanitaria. Si possono impostare i tempi di circolazione e di blocco dopo inutilizzo del sanitario.

15.9 Datalogger
Con una scheda SD possibile registrare tutti i dati misurati che il regolatore pu rilevare su un lungo periodo di tempo. Il Datalogger permette un controllo dettagliato dellimpianto, che consente di ottimizzare le impostazioni del modulo sanitario con laiuto dei dati di misurazione memorizzati per raggiungere la massima efficienza possibile.

15.10 Utilizzo della scheda SD


Si possono usare tutte le normali schede SD fino a 2 GB, formattate in formato FAT16 e prive di dati. Inserire la scheda SD nella fessura laterale della centralina, con i contatti rivolti verso lalto, fino a sentire lo scatto di innesto avvenuto.

134

15.11 Componenti principali


B Vista anteriore A 5 4 D E 6 7 7 8 3 9 10 2
A Collegamento acqua fredda IN B Collegamento acqua calda OUT C Collegamento da accumulo D Collegamento a accumulo (basso) E Collegamento a accumulo (alto) F Collegamento andata ricircolo 1 Scambiatore a piastre 2 Elemento termostatico acqua calda 3 Pompa low-energy circuito primario 4 Rilevatore di flusso 5 Valvola di arresto 6 Rubinetto a sfera 7 Valvola di ritegno 8 Valvola di ritorno allaccumulo inerziale 9 Sonda temperatura 10 Pompa di ricircolo 11 Centralina elettronica di controllo

11

Vista posteriore E D F A

3 11

10

135

15.12 Pompe ad alta efficienza Wilo-Stratos 50


I moduli idraulici ACS montano sul lato accumulo pompe ad alta efficienza Wilo-Stratos 50/1-8 (ACS 150) o 50/1-12 (ACS 225).

Caratteristiche
Modi di funzionamento Modo di regolazione (n = costante). p-c per pressione differenziale costante. p-v per pressione differenziale variabile. p-T per pressione differenziale in base alla temperatura. Funzioni manuali Impostazione del modo di funzionamento. Impostazione del valore di consegna della prevalenza. Impostazione dellAutopilota (modo di funzionamento a regime ridotto automatico). Impostazione pompa ON/OFF. Impostazione del numero di giri (modalit di selezione manuale). Funzioni automatiche Regolazione modulante delle prestazioni in funzione della modalit di funzionamento. Modo di funzionamento Autopilota a regime ridotto automatico. Funzione di sblocco meccanico. Avviamento soft. Protezione integrale del motore con elettronica di sgancio integrata. Funzioni di segnalazione e visualizzazione Segnalazione cumulativa di blocco (contatto nc libero da potenziale).

Fluidi consentiti Acqua riscaldamento. Miscele acqua / glicole (max. 1:1; a partire dal 20 % di aggiunta controllare i dati di portata). Raccordi Flangia per controflange PN 16, versione speciale. Flangia combinata PN 6/10 per controflange PN 6 e PN 16, versione standard. Materiali Corpo pompa: ghisa grigia (EN-GJL -250). Girante: PPS rinforzato con fibra di vetro. Albero: acciaio inox (X46Cr13). Cuscinetti: grafite a matrice metallica.

Dati tecnici
Descrizione Prestazioni Prevalenza massima Portata massima Campo di impiego consentito Campo di temperatura per impiego negli impianti di riscaldamento, ventilazione e A/C alla temperatura ambiente di +40C max. Versione standard con pressione nominale, Pmax Versione speciale con pressione nominale, Pmax Raccordi Diametro nominale DN della flangia Collegamento elettrico Alimentazione monofase Motore / elettronica Compatibilit elettromagnetica Emissione di interferenze Immunit da interferenze Elettronica di potenza Grado di protezione Classe disolamento Battente minimo alla bocca di aspirazione * 50C 95C 110C Unit m m3/h Wilo-Stratos 50/1-8 8 13 Wilo-Stratos 50/1-12 11 29

C bar bar mm V / Hz

-10 +110 6 / 10 16 50 230 / 50-60

-10 +110 6 / 10 16 50 230 / 50-60

EN 61800-3 EN 61000-6-3 EN 61000-6-2 Convertitore di frequenza IP 44 F m m m 3 10 16 5 12 18

136

* Per evitare la cavitazione alla temperatura dellacqua pompata.

Curve caratteristiche Wilo-Stratos 50

Wilo-Stratos 50/1-8

p-c (costante)
0 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0 0 0 0 350 300 250 0,5 1

v
1,5 2 [m/s]

p-v (variabile)
0 9 8 7 0,5 1

v
1,5 2 [m/s]

Wilo-Stratos 50/1-8 1~ 230 V - DN 50

Wilo-Stratos 50/1-8 1~ 230 V - DN 50

-c
6

-v

H [m]

x.

H [m]

ma

5 4 3 2

ma

x.

min

min

1 0 0 0 0 350 300 250

2 0,5 10

4 1 1,5 20

6 2

8 2,5 30

10 3 40

12 3,5

14 4 50

[m/h] [l/s] [lgpm]

2 0,5 10

4 1 1,5 20

6 2

8 2,5 30

10 3 40

12 3,5

14 4 50

[m/h] [l/s] [lgpm]

max.
max .

max.
7m 6m 5m 4m 3m

P1 [W]

200 150 100 50 0 0 2

P1 [W]

7m

6m

5m

4m

3m

200 150 100 50

2m

1m
4 6

min.
8 10 12 14 [m/h]

min.
0 2 4 6 8 10 12 14 [m/h]

Wilo-Stratos 50/1-12

p-c (costante)
0 14 1

v
2 3 [m/s]

p-v (variabile)
0 14 1

v
2 3 [m/s]

Wilo-Stratos 50/1-12 1~ 230 V - DN 50

Wilo-Stratos 50/1-12 1~ 230 V - DN 50

12

12

10

10

-c
8

p
ma

-v

H [m]

H [m]

x.

ma
6

x.

min
0 0 0 5 1 20 2 10 3 40

.
15 4 20 5 60 6 80 25 7 [m/h] [l/s] [lgpm]

min
0 0 0 5 1 20 2 10 3 40

.
20 5 60 6 80 25 7 [m/h] [l/s] [lgpm]

15 4

700 600 500

max.
ma x. m 11 0 m 1 9m 8m m 7 m 6 m 5 m 4 3mm 2

700 600 500

max.

400 300 200 100 0 0 5

400 300 200 100

m 11 0 m m 1 9 m 8 m 7 m 6 m 5 m 4
min.
0 5 10 15 20 25 [m/h]

P1 [W]

1m
10

min.
15 20 25 [m/h]

P1 [W]

137

Modi di regolazione Wilo-Stratos 50


Modo regolazione p-c Con il modo regolazione p-c, la differeenza di pressione generata dalla pompa mantenuta costante al valore di consegna Hs, in tutto il campo di portata consentito. Modo regolazione p-v Con il modo regolazione p-v, il sistema elettronico, varia linearmente il valore di consegna della prevalenza sviluppata dalla pompa linearmente fra H S e 1/2 H S. Il valore di consegna differenza di pressione H varia con la portata Q.

H max Hs

H max Hs 1/2 Hs

H min Q

H min Q

Dati motore Wilo-Stratos 50


Descrizione Potenza nominale Numero di giri Potenza assorbita Corrente a 230 V monofase Unit W giri/min W A Wilo Stratos 50/1-8 200 1800 - 4800 18 - 310 0,17 - 1,37 Wilo Stratos 50/1-12 500 1400 - 4600 21 - 620 0,16 - 2,70

138

15.13 Pompe di ricircolo ad alta efficienza Wilo-Stratos Z30


I moduli idraulici ACS montano sul lato sanitario pompe di ricircolo ad alta efficienza Wilo Stratos Z 30/1-12.

Caratteristiche
Modi di funzionamento Controllo velocit a distanza (n = costante). p-c per pressione differenziale costante. p-v per pressione differenziale variabile. p-T per pressione differenziale in base alla temperatura. Funzioni manuali Impostazione del modo di funzionamento. Impostazione del valore di consegna della pressione differenziale. Impostazione dellAutopilota (modo di funzionamento a regime ridotto automatico). Impostazione pompa on/off. Impostazione del numero di giri (modalit di selezione manuale). Funzioni automatiche Regolazione modulante delle prestazioni in funzione della modalit di funzionamento. Modo di funzionamento Autopilota a regime ridotto automatico. Funzione di sblocco meccanico. Avviamento soft. Protezione integrale del motore con elettronica di sgancio integrata. Funzioni di segnalazione e visualizzazione Segnalazione cumulativa di blocco (contatto nc libero da potenziale). Spia segnalazione blocco.

Display LC per visualizzare i dati della pompa e i codici di errore. Scambio dati Porta a infrarossi per lo scambio dati senza fili con apparecchio monitor IR. Fluidi consentiti Acqua riscaldamento. Miscele acqua / glicole (max. 1:1; a partire dal 20 % di aggiunta controllare i dati di portata). Materiali Corpo pompa: bronzo (CC 491K) secondo DIN EN 1982. Girante: PPS rinforzato con fibra di vetro. Albero: acciaio inox (X39CrMo17-1). Cuscinetti: grafite a matrice epossidica.

Dati tecnici
Descrizione Prestazioni Prevalenza massima Portata massima Campo di impiego consentito Campo di temperatura per impiego negli impianti di riscaldamento, ventilazione e A/C alla temperatura ambiente di +40C max. Versione standard con pressione nominale, Pmax Versione speciale con pressione nominale, Pmax Raccordi Attacco filettato Rp Collegamento elettrico Alimentazione monofase Motore / elettronica Compatibilit elettromagnetica Emissione di interferenze Immunit da interferenze Elettronica di potenza Grado di protezione Classe disolamento Battente minimo alla bocca di aspirazione * 50C 95C 110C Unit m m3/h Wilo-Stratos 50/1-8 11 10

C bar bar V / Hz

-10 +110 6 / 10 16 11/4 230 / 50-60 EN 61800-3 EN 61000-6-3 EN 61000-6-2 Convertitore di frequenza IP 44 F

m m m

3 10 16

* Per evitare la cavitazione alla temperatura dellacqua pompata.

139

Curve caratteristiche Wilo-Stratos Z30


p-c (costante)
0 14 12 10 8 0,5 1 1,5 2

v
2,5 3 3,5 [m/s]

p-v (variabile)
0 14 12 10 0,5 1 1,5 2

v
2,5 3 3,5 [m/s]

Wilo-Stratos-Z 30/1-12 1~ 230 V - RP 1"1/4

Wilo-Stratos-Z 30/1-12 1~ 230 V - RP 1"1/4

-c

-v
ma x.

H [m]

ma
6 4 2 0

x.

H [m]

8 6 4

min.

2 0

min

.
6 1,5 20 2 8 2,5 30 10 3

0 0 0

2 0,5 10

4 1 1,5 20

6 2

8 2,5 30

10 3

[m/h] [l/s] [lgpm]

0 0 0

2 0,5 10

4 1

[m/h] [l/s] [lgpm]

350 300 250

Q
max.

350 300 250

max.
10 m

ma

x.

P1 [W]

200 150 100 50 0 0 2

P1 [W]

10 m

8m

6m
2m min.

4m

200 150 100 50

8m

6m

4m

1m
4

min.
0 2 4 6 8 10 [m/h]

10

[m/h]

Modi di regolazione Wilo-Stratos Z30


Modo regolazione p-c Con il modo regolazione p-c, la differeenza di pressione generata dalla pompa mantenuta costante al valore di consegna Hs, in tutto il campo di portata consentito. Modo regolazione p-v Con il modo regolazione p-v, il sistema elettronico, varia linearmente il valore di consegna della prevalenza sviluppata dalla pompa linearmente fra H S e 1/2 H S. Il valore di consegna differenza di pressione H varia con la portata Q.

H max Hs

H max Hs 1/2 Hs

H min Q

H min Q

Dati motore Wilo-Stratos Z30


Descrizione Potenza nominale Numero di giri Potenza assorbita Corrente a 230 V monofase Unit W giri/min W A Wilo Stratos Z30/1-12 200 1600 - 4800 16 - 310 0,16 - 1,37

140

15.14 Elemento termostatico acqua calda sanitaria


1 Corpo della valvola, bronzo 2 Regolatore, bronzo 3 Vite di settaggio temperatura, ottone A Termostato B Pistone della valvola, bronzo, rivestita C Perno, acciaio al nichel-cromo D Range di regolazione E Chiave a brugola Temperatura standard (3): 55C. Range di regolazione (D): 45-65C. Variazione della temperatura acqua miscelata con 1 giro di chiave brugola GN 1-2 / DN 32-50: ca. 4 K.

Regolazione temperatura

E Ricircolo 1 2 Acqua miscelata

Acqua calda

B Acqua fredda

141

SEZIONE 16 Modulo per circuito solare STS 50


16.1 Descrizione
Il modulo solare STS 50 serve al collegamento di un impianto di collettori solari fino a 50 m a un accumulo. Con scambiatori di calore ad alta efficienza il calore solare viene trasmesso dal circuito del collettore al circuito dellaccumulo. Un sistema di controllo intelligente determina, in base allirraggiamento solare, linterazione ottimale della pompa del collettore e della pompa di carico dell accumulo e garantisce una trasmissione del calore altamente efficiente. Sul lato accumulo il modulo carica, con regolazione della velocit e in funzione della temperatura, la corrispondente zona di temperatura.

16.2 Uso
Il modulo solare STS 50 consente il caricamento dellaccumulo in funzione della temperatura del glicole solare. Il caricamento solare a stratificazione regolato in velocit, efficiente in termini energetici ed adatto ai grossi accumuli.

16.3 Dati tecnici


Descrizione Larghezza altezza profondit Copertura Tubazioni solari Tubazioni accumulo Peso Attacchi Rubinetto di riempimento KFE Rubinetto di svuotamento Ritorno accumulo freddo rubinetto a sfera Mandata accumulo caldo rubinetto a sfera Mandata accumulo bollente rubinetto a sfera Mandata solare Ritorno solare Attacco vaso di espansione Pressione desercizio massima Circuito del collettore Circuito dellaccumulo Pompa solare WILO HU25/6-1 Tensione nominale Potenza nominale Prevalenza massima Pompa di carico dellaccumulo WILO HU25/4-1 Tensione nominale Potenza nominale Prevalenza massima Scambiatore di calore a piastre Potenza Temperatura di ingresso (glicole / acqua) Temperatura di uscita (glicole / acqua) Portata kg bar bar VCA / Hz W m V / Hz W m kW C C kg/h Unit mm Modulo STS 50 496 930 325 EPP nero RG 45 g/l Tubo in rame 22 mm 0,8 mm Tubo corrugato acciaio inossidabile 1.4404, 26,2 mm 0,18 mm ~ 25 G3/8" FE G3/8" FE G1" FE G1" FE G1" FE G1" FE G1" FE G3/4" FE 6 3 230 / 50 86 6 230 / 50 63 4 ~ 26 60 / 29 35 / 54 970

142

16.4 Curve caratteristiche della pompa

Circuito accumulo
5

Prevalenza (m)

0,5

1,5

2,5

Portata

(m3/h)

Circuito solare
7

Prevalenza (m)

0,5

1,5

Portata

(m3/h)

143

16.5 Struttura

Mandata solare (F)

Ritorno solare (G)

Uscita alta temperatura verso accumulo (E)

Sonda temperatura mandata accumulo Sonda temperatura circuito solare Blocco circuito solare Valvola miscelatrice motorizzata Attuatore (elettrico)

Tubazione ritorno

Uscita verso accumulo (D) Sfiato solare Scambiatore di calore

Flussimetro circuito solare Blocco collettore

Valvola taratura circuito accumulo Valvola sicurezza 6 bar

Pompa circuito solare

Sensore temperatura ritorno solare

Sensore temperatura ritorno accumulo

Pompa circuito accumulo Manometro Flussimetro circuito solare Connessione vaso espansione (H) Valvola taratura circuito solare Rubinetto scarico (B) Rubinetto carico (A) Ingresso da accumulo (C)

144

16.6 Montaggio a parete


Il montaggio alla parete effettuato con il materiale di fissaggio compreso nella fornitura.

16.7 Maschera di foratura per montaggio a parete

145

16.8 Lavaggio e riempimento dellimpianto


Per i riferimenti vedere il paragrafo Struttura.

Lato solare (lato collettore)


1. Per il riempimento del circuito solare ammesso esclusivamente luso di una miscela di acqua e glicole consentita (a prova di gelo fino ad almeno -25C). 2. Prima di iniziare la procedura di lavaggio e riempimento, accertarsi che tutti gli attacchi (mandata/ ritorno solare, ecc.) siano debitamente equipaggiati di guarnizioni e correttamente fissati. 3. Collegare la mandata della pompa di riempimento al rubinetto di carico (A). 4. Collegare il ritorno della pompa di riempimento al rubinetto scarico (B). 5. Aprire innanzitutto il rubinetto di carico (A) (manopola nella direzione del flusso). 6. Aprire quindi il rubinetto di scarico (B) (manopola nella direzione del flusso). 7. Avviare la procedura di lavaggio del circuito solare accendendo la pompa di riempimento. 8. Lasciare funzionare la pompa fino a quando la miscela acqua/glicole non ritorna nel serbatoio priva di bolle. 9. Chiudere il rubinetto di scarico (B) (manopola in direzione opposta al flusso). 10. Controllare il manometro. 11. Quando il manometro raggiunge la pressione desercizio desiderata, chiudere il rubinetto di carico (A) (manopola in direzione opposta al flusso). 12. Ora possibile spegnere la pompa e staccare gli attacchi della pompa di riempimento dai rubinetti di carico (A) e scarico (B). 13. Il circuito solare ora completamente pieno e pronto alluso. 14. Se durante il funzionamento udibile un rumore di aria nel circuito, ricominciare la procedura dal punto 1.

Lato accumulatore
1. Per il riempimento del circuito dellaccumulatore e dellaccumulatore utilizzare esclusivamente acqua per riscaldamento conforme alle norme vigenti sul trattamento acque. 2. Prima di iniziare lallacciamento delle linee di collegamento dal modulo solare, chiudere i rubinetti a sfera C, D e E (leva in direzione opposta alla freccia) del modulo solare. 3. Prima di iniziare la procedura di riempimento, accertarsi che tutti gli attacchi siano debitamente equipaggiati di guarnizioni e correttamente fissati. 4. Per prima cosa, aprire tutti i rubinetti delle linee di collegamento sullaccumulatore. 5. Ora aprire il rubinetto C, quindi il rubinetto D e infine il rubinetto E sul modulo solare. 6. Quando non sono pi udibili rumori di scorrimento di acqua, accendere manualmente la pompa del circuito di accumulo. 7. Lasciare proseguire il processo per qualche minuto. Quindi spegnere nuovamente la pompa. 8. Sfiatare laccumulatore ed eventualmente riempirlo di acqua per riscaldamento. 9. Il circuito dellaccumulatore ora pieno e pronto per il funzionamento.

16.9 Esempio duso


Centrale termica riscaldamento ed acqua calda sanitaria centralizzati e contabilizzati nei singoli alloggi, pompa di calore ausiliaria La centralina solare rileva la temperatura nella parte superiore dellaccumulo e qualora lenergia fornita dallimpianto solare fosse insufficiente a portare in temperatura laccumulo, viene attivata la richiesta di calore alla caldaia e/o alla pompa di calore. Limpianto sanitario centralizzato fornisce acqua calda sanitaria in ogni appartamento attraverso lattivazione di pi moduli sanitari ACS collegati in parallelo. Lintegrazione solare al fabbisogno energetico ambientale avviene innalzando la temperatura di ritorno in caldaia. La funzione attiva quando la temperatura nellaccumulo maggiore rispetto a quella di ritorno dallimpianto di riscaldamento. In ogni appartamento installato un contabilizzatore di calore per il fabbisogno energetico ambientale, ACS e AFS.

146

CF-25N

CONTABILIZZATORI

POMPA DI CALORE

ACS 30

SILOS
QUEEN 100 M QUEEN 100 M

147

SEZIONE 17 Modulo per circuito solare STS 120 - 200


17.1 Descrizione
Il modulo solare STS serve per collegare un impianto a collettori solari di vaste proporzioni ad un accumulo inerziale di grandi dimensioni. Grazie a scambiatori di calore altamente efficienti, il calore solare passa dal circuito collettori allacqua contenuta nellaccumulo. Un sistema di controllo intelligente assicura il perfetto interfacciamento della pompa solare e di carico accumulo a seconda dellirraggiamento solare, per ottimizzare la trasmissione del calore. Sul lato accumulo, il modulo carica la zona di temperatura corrispondente dellaccumulatore con regolazione del numero di giri e in funzione della temperatura.

17.2 Componenti
Termostato antigelo 35C. Misuratore di portata 20 - 70 l/min. Contatore di calore 2,5 m3/h. Valvola di caricamento stratificato. Valvole di ritegno (mandata/ritorno). Attacco lavaggio impianto solare. Valvola di sicurezza 6 bar, 1 11/4. Manometro 0 - 10 bar. Comando solare a 3 circuiti (+ uscita a potenziale zero), inclusi sensori.

17.3 Dati tecnici


Descrizione Larghezza Altezza Profondit Peso Copertura Tubazioni impianto solare Tubazioni accumulatore Temperatura di ingresso (glicole / acqua) Temperatura di uscita (glicole / acqua) Portata, primario / secondario (6 K) Perdita di carico, primario / secondario (6 K) Potenza scambiatore di calore Temperatura desercizio minima ammessa Temperatura desercizio massima ammessa Pressione desercizio massima ammessa impianto solare riscaldamento Pompa solare Tensione nominale Potenza assorbita Massima corrente assorbita Regime nominale Massima pressione di mandata Pompa di carico accumulo Tensione nominale Potenza assorbita Massima corrente assorbita Regime nominale Massima pressione di mandata Unit mm mm mm kg Modulo STS 120 Modulo STS 200 825 825 1710 1710 415 415 85 95 lamiera dacciaio zincata, inclusi 20 mm di isolamento 2", acciaio verniciato 1"1/2, acciaio verniciato 60 / 29 60 / 29 35 / 54 35 / 54 0,663 / 0,575 1,106 / 0,958 26 / 22 26 / 22 60 100 2 2 95 95 6 3 230 - 50 0,4 2,02 2600 113 230 - 50 0,195 0,95 2600 68 6 3 230 - 50 0,4 2,02 2600 113 230 - 50 0,195 0,95 2600 68

C C kg/s kPa kW C C bar bar VCA / Hz W m V / Hz W V - Hz kW A giri/min kPa

148

17.4 Curve caratteristiche della pompa di carico accumulo

7,2 6,8 6,4 6,0 5,6 5,2 4,8 4,4 4,0 3,6 3,2 2,8 2,4 2,0 1,6 1,2 0,8 0,4

prevalenza (m)

0,5

1,0

1,5

2,0

2,5

3,0

3,5

4,0

4,5

5,0

5,5

6,0

6,5

7,0

7,5

Portata (m3/h)
0,20 0,19 0,18 0,17 0,16 0,15 0,14 0,13 0,12 0,11 0,10 0,09 0,08

Potenza elettrica assorbita (kW)

0,5

1,0

1,5

2,0

2,5

3,0

3,5

4,0

4,5

5,0

5,5

6,0

6,5

7,0

7,5

Portata (m3/h)

17.5 Curve caratteristiche del circolatore solare

12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0

prevalenza (m)

0,1 0,2 0,3 0,4 0,5 0,6 0,7 0,8 0,9 1,0 1,1 1,2 1,3 1,4 1,5 1,6 1,7 1,8 1,9 2,0 2,1 2,2 2,3 2,4 2,5 2,6 2,7 2,8 2,9 3,0 3,1 3,2 3,3

Portata (l/h)
0,44 0,42 0,40 0,36 0,34 0,32 0,30 0,28 0,26 0,24 0,22 0,20 0,18 0,16 0,14

Potenza elettrica assorbita (kW)

0,1 0,2 0,3 0,4 0,5 0,6 0,7 0,8 0,9 1,0 1,1 1,2 1,3 1,4 1,5 1,6 1,7 1,8 1,9 2,0 2,1 2,2 2,3 2,4 2,5 2,6 2,7 2,8 2,9 3,0 3,1 3,2 3,3

Portata (l/h)

149

17.6 Struttura

10 F

G H

E 9 8 D C B 7 12 13 14 11 8

A 6 5 15

4 3 11

2 1 16

1 Rubinetto carico / scarico acqua 2 Valvola bypass 3 Pompa di carico accumulo 4 Pompa solare 5 Misuratore di portata 6 Valvola di ritegno 7 Misuratore di portata per conteggio calore 8 Rubinetto carico / scarico glicole 9 Manometro 10 Valvola di sicurezza lato solare 11 Valvola di ritegno 12 Valvola di sicurezza lato acqua 13 Valvola di caricamento stratificato 14 Sensori - Carico accumulo / Contatore di calore 15 Scambiatore di calore 16 Sensori - Contatore di calore

A Raccordo tubo di scarico acqua, valvola di sicurezza, 1 con guarnizione piatta B Carico accumulo inferiore (caldo), 11/2 FI C Carico accumulo superiore (bollente), 11/2 FI D Ritorno accumulo, 11/2 FI E Raccordo vaso espansione solare, 1 FI F Raccordo tubo di scarico glicole, valvola di sicurezza, 11/4 FI G Ritorno solare (al collettore), 2 FI H Mandata solare (dal collettore), 2 FI

150

17.7 Schema di impianto

CF-25N

SILOS

SILOS

151

SEZIONE 18 Accessori
18.1 Kit idraulico di mandata e ritorno
Il kit idraulico di mandata e ritorno permette di collegare idraulicamente un bollitore solare TANK ad un sistema di collettori solari Sylber a circolazione forzata. Tale gruppo un sistema a portata regolabile adatto per circuiti solari a circolazione forzata. Il regolatore di flusso consente la regolazione della portata del circuito a seconda delle esigenze dellimpianto. Mediante il medesimo regolatore possibile effettuare le seguenti operazioni: lavaggio, carico-scarico impianto, sostituzione del circolatore senza dover svuotare limpianto. Nel gruppo di sicurezza compatto sono presenti una valvola di sicurezza, un manometro e un attacco per tubo flessibile di collegamento al vaso di espansione. A catalogo si possono trovare due modelli: uno con prevalenza del circolatore pari a 6,5 m, laltro con prevalenza del circolatore pari a 11 m.

Componenti principali kit idraulico di mandata e ritorno

Gruppo idraulico 6,5 m

Gruppo idraulico 11 m

3 5
3

4 6

1 Gruppo di mandata e ritorno 2 Viti, rondelle e tasselli per supporto gruppo 3 Regolatore solare (accessorio) 4 Raccordi mandata e ritorno (accessorio) 5 Assieme ghiera fissaggio 6 Sonde (accessorie)

1 Gruppo di mandata e ritorno 2 Viti per supporto gruppo 3 Regolatore solare (accessorio) 4 Sonde (accessori)

152

Struttura kit idraulico di mandata e ritorno

Gruppo idraulico 6,5 m


Mandata dal collettore Valvola M Ritorno al collettore Valvola R In sicurezza Al vaso despansione Valvola di sicurezza (6 bar)

Termometro di mandata Termometro di ritorno Isolamento

Rubinetto B Manometro

Regolatore solare (accessorio)

Circolatore

Regolatore di portata V Misuratore di portata G (l/min)

Rubinetto A

Mandata al bollitore

Ritorno dal bollitore

Gruppo idraulico 11 m
Mandata dal collettore Ritorno al collettore Valvola di sicurezza (6 bar) In sicurezza Al vaso despansione Termometro di ritorno Isolamento Valvola R Manometro

Termometro di mandata

Circolatore Regolatore solare (accessorio) Rubinetto A

Regolatore di portata V Misuratore di portata G (l/min)

Rubinetto B

Mandata al bollitore

Ritorno dal bollitore

153

Dati circolatore kit idraulico di mandata e ritorno

Circolatore TOP 6,5 m (potenza assorbita 52 W)


700 600

Prevalenza (mbar)

500 400 300 200 100 0 0 0,1 0,2 0,3

III II I
0,4 0,5 0,6 0,7 0,8 0,9 1,0

Portata (m3/h) Perdite di carico gruppo idraulico 6,5 m


300 250

Resistenza (mbar)

200 150 100 50 0

100 200 300 400 500 600 700 800 900 1000 1100 1200 1300 1400 1500 1600 1700 1800 1900 2000

Portata (l/h)
1200 1000

Circolatore TOP 11 m (potenza assorbita 165 W)

Prevalenza (mbar)

800 600 400 200 0

III

II I
0 0,5 1 1,5 2 2,5

Portata (m3/h) Perdite di carico gruppo idraulico 11 m


300 250

Resistenza (mbar)

200 150 100 50 0

100 200 300 400 500 600 700 800 900 1000 1100 1200 1300 1400 1500 1600 1700 1800 1900 2000

Portata (l/h)

154

18.2 Kit idraulico di ritorno


Il kit idraulico di ritorno permette di collegare idraulicamente un bollitore solare TANK BV ad un sistema di collettori solari Sylber a circolazione forzata. Tale gruppo un sistema a portata regolabile adatto per circuiti solari a circolazione forzata.

Componenti principali kit idraulico di ritorno

1 4 3 2

1 Gruppo di ritorno 2 Viti, rondelle e tasselli per supporto gruppo 3 Regolatore solare (accessorio) 4 Staffa regolatore solare (accessorio) 5 Raccordo mandata (accessorio) 6 Assieme ghiera fissaggio 7 Sonde (accessorie)

6 7 5

Funzionamento kit idraulico di ritorno


Premiscelazione acqua+glicole Prima del riempimento dellimpianto il glicole, fornito separatamente, va premiscelato con acqua in un recipiente. Ad esempio 40% di glicole e 60% di acqua permettono una resistenza al gelo fino alla temperatura di -21C. Il glicole propilenico, fornito come kit accessorio, studiato appositamente per applicazioni solari in quanto conserva le sue caratteristiche nellintervallo -32 180C. Inoltre atossico, biodegradabile e biocompatibile. Non immettere glicole puro nellimpianto e poi aggiungere acqua. Non utilizzare sistemi di riempimento manuali o automatici. In presenza di un tenore di cloro molto elevato necessario utilizzare acqua distillata per la miscela.
Antigelo 50% 40% 30% Temperatura -32 C -21 C -14 C Densit 1,045 kg/dm3 1,037 kg/dm3 1,029 kg/dm3

Impostazione della portata Limpostazione della corretta portata dellimpianto essenziale per il buon funzionamento di tutto il sistema (per impianti dotati di collettori solari Sylber CF-25N e CFV-25 fare riferimento alla tabella sottostante).
Numero di collettori 2 3 4 5 6 Portata richiesta 23 litri/min 34 litri/min 56 litri/min 67 litri/min 78 litri/min

Nei collettori sottovuoto CFV-25 si utilizza un glicole particolare gi premiscelato.

155

Struttura kit idraulico di ritorno


Ritorno al collettore Termometro di ritorno Valvola R In sicurezza Al vaso despansione Rubinetto B Manometro Isolamento Regolatore solare (accessorio) Regolatore di portata V Misuratore di portata G (l/min) Circolatore

Valvola di sicurezza (6 bar)

Rubinetto A

Ritorno dal bollitore

Dati circolatore kit idraulico di ritorno

450 400

Circolatore

Prevalenza (mbar)

350 300 250 200 150 100 50 0 0 0,2 0,4

I
0,6 0,8

II
1,0

III
1,2

Portata (m3/h) Perdite di carico gruppo idraulico


300 250

Resistenza (mbar)

200 150 100 50 0

100 200 300 400 500 600 700 800 900 1000 1100 1200 1300 1400 1500 1600 1700 1800 1900 2000

156

Portata (l/h)

18.3 Kit degasatore manuale


Il degasatore manuale facilita le operazioni di sfiato e va montato in abbinamento ai raccordi a saldare sulla tubazione di mandata del circuito solare, nel punto pi alto dellimpianto. Una volta sfiatato limpianto il degasatore manuale deve essere chiuso. Nel caso si utilizzi una pompa di carico automatico il degasatore manuale non necessario.

18.5 Kit vaso despansione


I vasi despansione da 18 e 24 litri hanno la possibilit di essere installati con il kit staffa per fissaggio a muro. I modelli da 35 a 300 litri hanno i piedini e possono essere appoggiati a terra. La pressione di precarica dei vasi di espansione 2,5 bar. Il tubo flessibile (L) fornito a corredo.

Applicazione a muro per versioni 18 e 24 litri

in sicurezza

18.4 Kit miscelatore termostatico3/4"


Per mantenere la temperatura dellacqua calda sanitaria inferiore ai 60C necessario installare un miscelatore termostatico alluscita del bollitore. Montare la valvola in modo corretto: punto ROSSO entrata acqua calda proveniente dal bollitore solare; punto BLU entrata acqua fredda sanitaria.

Appoggio a pavimento per versioni 35, 50, 100 e 300 litri

Dimensioni
D

Volume 50 litri 100 litri 300 litri

D 380 mm 460 mm 650 mm

H 590 mm 810 mm 1220 mm

157

18.6 Resistenza elettrica 1,5 kW monofase per bollitori TANK BV

1" 1/2

341 mm

bollitore TANK BV

Schema elettrico
N 230 V L 11 12 P 1

Contatti termostato di sicurezza (90C) Contatti termostato di regolazione (3070C)

158

18.7 Centraline solari SUN B e SUN C

Selettore di visualizzazione

Selettore rotativo

Commutatore Manuale / OK / Reset

Dati tecnici
Alimentazione conforme a DIN IEC 60 038 Potenza assorbita Contatti dei rel Corrente max. su morsetto L1 Grado di pr otezione conforme a DIN EN 60529 Classe di protezione conforme a DIN EN 60730 Riserva dell'orologio Temperatura ambiente ammessa durante il funzionamento Temperatura ambiente ammessa durante l'immagazzinaggio Resistenze delle sonde Tolleranza in Ohm 230 VAC 10% max 5 VA 250 V, 2 A 6,3 A IP 40 II; isolamento di protezione > 10 ore 0 a 50C -20 a 60C Resistenza di misura PT1000, 1k +/-0,2% per 0C

Funzionamento generale
Questi regolatori rendono possibile la gestione di diversi tipi di impianti solari: Impianto 1 - Regolazione solare Impianto 4 - Regolazione solare con due collettori Impianto 5 - Regolazione solare con due bollitori - commutazione valvola Impianto 6 - Regolazione solare con due bollitori - 2 pompe di caricamento Impianto 7 - Regolazione solare con funzione di riscaldamento supplementare Impianto 8 - Regolazione solare con controllo della temperatura di ritorno impianto Impianto 10 - Regolazione solare con due bollitori in cascata Impianto 11 - Regolazione solare con controllo di due zone di stratificazione del bollitore (SUN C) Impianto 12 - Regolazione solare con controllo di tre zone di stratificazione del bollitore (SUN C) Negli schemi che seguono, il comando A3 gestito dalla centralina SUN C

159

Impianto 1 - Regolazione solare

F1

A2/A3

Impulso

(F3) A2/A3 A2/A3 A1

(F2) F4 Impulso

Impianto 4 - Regolazione solare con due collettori

F1

F2

A3

Impulso

(F3) A1 A3 F4 Impulso A2

160

Impianto 5 - Regolazione solare con due bollitori - commutazione valvola

F1

A3

Impulso

(F5)

(F3)

1 A1 ON A2 OFF

A3
F2

A3
F4

Impulso

Impianto 6 - Regolazione solare con due bollitori - 2 pompe di caricamento

F1

A3

Impulso

(F5)

(F3)

A3
F2 F4 A1 A2 Impulso

161

Impianto 7 - Regolazione solare con funzione di riscaldamento supplementare

F1

A2/A3

Impulso

(F3) A1 A2/A3

F4

(F2) Impulso

Impianto 7 (variante) - Regolazione solare con funzione di riscaldamento supplementare

F1

A2/A3

Impulso

(F5)

(F3) A1

A2/A3

F2

F4

(F2) Impulso

162

Impianto 8 - Regolazione solare con controllo della temperatura di ritorno impianto

2 1 2
M

KF

T1 T2

F1

A3 KF

Impulso

(F3) A1 A3

(F2) F5 A2 OFF ON F4 Impulso

Impianto 10 - Regolazione solare con due bollitori in cascata

F1

A3

Impulso

(F5)

F3

1 A1

A3 F2 A2 Impulso F4

163

Impianto 11 - Regolazione solare con controllo di due zone di stratificazione del bollitore (SUN C)

F1

F3 ON A2

A1

A3

F2

F4

A1 Impulso

Impianto 12 - Regolazione solare con controllo di tre zone di stratificazione del bollitore (SUN C)

F1

F3 F5

ON A3 ON A2 A1

F4

A1

F2 Impulso

164

Funzioni speciali (solo SUN C)


A seconda dellimpianto scelto possibile programmare le uscite A2 e A3 con delle funzioni speciali. La funzione desiderata viene impostata con il parametro P54 per A2 e A3 separatamente. Riscaldamento supplementare Attraverso le funzioni speciali possibile attivare una funzione di riscaldamento supplementare, ad esempio attraverso delle resistenza elettriche: [P54=4 (bollitore 1), P54=5(bollitore 2)]. Il generatore di calore supplementare viene abilitato, quando la temperatura del bollitore F3 per bollitore 1 (F5 per bollitore2) inferiore alla temperatura nominale [P47] impostata di [P34] (nel bilancio solare di [P47]-[P52]). Viene disabilitato appena la temperatura del bollitore supera la temperatura nominale. Questa funzione attiva durante il tempo di abilitazione [P07-P08]. Pompa di circolazione Attraverso le funzioni speciali possibile attivare una pompa di circolazione: [P54=1,P54=2, P54=3]. P54=1 La pompa di circolazione viene continuamente inserita durante i tempi di abilitazione [P09-P10]. P54=2 In caso di un cortocircuito sullingresso di impulso viene inserita la pompa di circolazione per la durata di inserimento impostata P55 in minuti. Un nuovo inserimento possibile solo dopo la scadenza del blocco di reinserimento impostato P56 in minuti. Linserimento avviene solo durante i tempi di abilitazione [P09-P10]. P54=3 attivazione durante linserimento della funzione antilegionellosi. P54=1, P54=2, P54=3 P54=3 Aumento temperatura di ritorno Attraverso le funzioni speciali possibile attivare un aumento della temperatura di ritorno: [P54=6 (bollitore 1; F4), P54=7 (bollitore 2; F2)]. La portata di ritorno dellimpianto di riscaldamento viene condotta attraverso laccumulatore e in tal modo riscaldata. Linserimento attraverso A2 avviene quando la temperatura nel bollitore supera la temperatura di ritorno (F5) della seconda soglia di attivazione [P32]. La valvola comandata in chiusura quando la temperatura del bollitore inferiore alla temperatura di ritorno F5 + seconda soglia di disattivazione [P33]. Funzioni di protezione sovrapposte Nei seguenti schemi si osservi come le rispettive funzioni di regolazione possono essere sovrapposte a delle funzioni di protezione. Se le funzioni di protezione del collettore (si veda P45) e/o quella di raffreddamento del bollitore (si veda P46) sono attive, entrambe possono attivare la stessa pompa del collettore.

F3/F5

A2/A3

A2/A3

Impulso

A2/A3

165

SEZIONE 19 Caldaie specifiche per impianti solari


(per ulteriori informazioni consultare la scheda tecnica del prodotto)

19.1 Piramide Condensing SOL K


campo di potenza 3,5 - 21 kW rendimento secondo Direttiva Europea CEE 92/42 caldaia murale ecologica a condensazione da interno basse emissioni inquinanti: classe 5 (UNI EN 677) scambiatore condensante brevettato (patent pending) ideale per impianti a bassa temperatura predisposizione per il collegamento a pannelli solari termici centralina controllo circuito solare di serie pompa circuito solare di serie regolatore di flusso circuito solare di serie vaso espansione circuito solare di serie valvola miscelatrice di serie bollitore ad accumulo da 200 litri con doppia serpentina termoregolazione con sonda esterna di serie kit trasformazione a gas GPL di serie

166

19.2 Solar System


Sistema integrato ad incasso per la produzione di acqua calda sanitaria e riscaldamento.

Descrizione
Armadio ad incasso profondo 350 mm, con porta incernierata per una migliore accessibilit. Bollitore 150 litri INOX, con anodi al magnesio, valvola di sicurezza e flangia per ispezione di serie. Gruppo idraulico, vaso espansione, centralina gestione solare. Sistema abbinabile a caldaia a condensazione di diversa potenza. Sistema compatibile con unampia offerta di collettori solari. Possibilit di collegamento a moduli per la gestione di impianti misti. Sistema fornito in kit costituito da: - Incasso Solar System: box da incasso da esterno progettato per accogliere il sistema completo ad esclusione del collettore solare. - Modulo Solar System: da scegliere in funzione del tipo di impianto di riscaldamento (vedi paragrafo Moduli per caldaie combinate). - Bollitore MV Solar System: inox, monoserpentino, 150 litri. - Rampe Solar System S: tubi di collegamento tra modulo e caldaia S, rubinetto gas. - Raccorderia Solar System: raccordi e rubinetti di collegamento alla dima dellarmadio ad incasso.

Caldaie applicabili
Vedi listino prezzi in corso.

Collettori solari abbinabili al sistema SolarSystem


Vedi listino prezzi in corso

167

168
27 25 02 27 33 03
M

30

AFS

ACS

26 Schema di principio puramente indicativo

SEZIONE 20 Esempi di schemi dimpianto con caldaie Sylber

20.1 Sistema solare a circolazione naturale per produzione di acqua calda sanitaria e integrazione caldaia combinata

LEGENDA
26 - Termostato SUN 1 27 - Valvola unidirezionale 30 - Sistema solare circolazione naturale CN 33 - Valvola deviatrice motorizzata ACS - Acqua calda sanitaria AFS - Acqua fredda sanitaria

02 - Vaso di espansione 03 - Valvola miscelatrice termostatica 25 - Caldaia

10

09 24

25

19

26

22 03

02 05

ACS

31 20
C

AFS 02 21 Schema di principio puramente indicativo

20.2 Sistema solare per preriscaldo acqua sanitaria con Conica Condensing

LEGENDA
20 - Sonda bollitore 21 - Bollitore TANK 22 - Gruppo idraulico ritorno 24 - Impianto bassa temperatura 25 - Caldaia combinata 26 - Termostato SUN 31 - Centralina solare ACS - Acqua calda sanitaria AFS - Acqua fredda sanitaria

02 - Vaso di espansione 03 - Valvola miscelatrice termostatica 05 - Valvola di sicurezza 09 - Collettore solare CF-25N 10 - Degasatore manuale 19 - Sonda collettore

169

170
24 25 03 27 28 04 20 27 05 02 ACS 21 02 Schema di principio puramente indicativo 20 13

10

09

19

22

31

AFS

20.3 Sistema solare per produzione di acqua calda sanitaria con integrazione caldaia solo riscaldamento

LEGENDA
10 - Degasatore manuale 13 - Pompa di ricircolo 19 - Sonda collettore 20 - Sonda bollitore 21 - Bollitore TANK 22 - Gruppo idraulico ritorno 24 - Impianto bassa temperatura 25 - Caldaia solo riscaldamento 27 - Valvola unidirezionale 28 - Regolatore di portata 31 - Centralina solare ACS - Acqua calda sanitaria AFS - Acqua fredda sanitaria

01 - Ingresso acqua da rete 02 - Vaso di espansione 03 - Valvola miscelatrice termostatica 04 - Carico impianto con disconnettore 05 - Valvola di sicurezza 09 - Collettore solare CF-25N

10 23

09

19 39

24

ACS

27 13
C

05 AFS

38 24 02 Schema di principio puramente indicativo

LEGENDA
19 - Sonda collettore 23 - Impianto alta temperatura 24 - Impianto bassa temperatura 27 - Valvola unidirezionale 38 - Piramide Condensing SOL K 39 - System AT/2BT ACS - Acqua calda sanitaria AFS - Acqua fredda sanitaria

20.4 Sistema solare per produzione di acqua calda sanitaria, con separatore idraulico System AT/2BT e caldaia Piramide Condensing SOL K

02 - Vaso di espansione 05 - Valvola di sicurezza 09 - Collettore solare CF-25N 10 - Degasatore manuale 13 - Pompa di ricircolo

171

172
OVEST

10 09 24

EST

09

10

19

19

11 17 23

17 03

22 22

20

31 18 20 02 05 03 21 02 27 27 13

02

AFS

ACS Schema di principio puramente indicativo

20.5 Sistema solare su doppia falda per produzione di acqua calda sanitaria con integrazione caldaia centralizzata

LEGENDA
13 - Pompa di ricircolo 17 - Pompa riscaldamento 18 - Pompa carico accumulo 19 - Sonda collettore 20 - Sonda bollitore 21 - Bollitore TANK 22 - Gruppo idraulico mandata/ritorno 23 - Impianto alta temperatura 24 - Impianto bassa temperatura 27 - Valvola unidirezionale 31 - Centralina solare ACS - Acqua calda sanitaria AFS - Acqua fredda sanitaria

02 - Vaso di espansione 03 - Valvola miscelatrice termostatica 05 - Valvola di sicurezza 09 - Collettore solare CF-25N 10 - Degasatore manuale 11 - Modulo termico Queen

10 24

09

19

11 17 23 03 21 21

17 03

20 27 27 05 20 28

18 ACS

31

02

22

13 02

AFS Schema di principio puramente indicativo

LEGENDA
13 - Pompa di ricircolo 17 - Pompa riscaldamento 18 - Pompa carico accumulo 19 - Sonda collettore 20 - Sonda bollitore 21 - Bollitore TANK 22 - Gruppo idraulico mandata/ritorno 23 - Impianto alta temperatura 24 - Impianto bassa temperatura 27 - Valvola unidirezionale 28 - Regolatore di portata 31 - Centralina solare ACS - Acqua calda sanitaria AFS - Acqua fredda sanitaria

20.6 Sistema solare per produzione di acqua calda sanitaria con utilizzo caldaia e doppio bollitore TANK BV

02 - Vaso di espansione 03 - Valvola miscelatrice termostatica 05 - Valvola di sicurezza 09 - Collettore solare CF-25N 10 - Degasatore manuale 11 - Modulo termico Queen

173

174
ACS 03 25 24 32 03 20 17 27 33
M

10

09

19

22

02

31 20 05 04

AFS

05

02 02

Schema di principio puramente indicativo

20.7 Sistema solare per produzione di acqua calda sanitaria e integrazione riscaldamento con utilizzo di caldaia e accumulo inerziale Tank in Tank

LEGENDA
17 - Pompa riscaldamento 19 - Sonda collettore 20 - Sonda bollitore 22 - Gruppo idraulico mandata/ritorno 24 - Impianto bassa temperatura 25 - Caldaia solo riscaldamento 27 - Valvola unidirezionale 31 - Centralina solare 32 - Accumulo inerziale SILOS C (Tank in Tank) 33 - Valvola deviatrice motorizzata ACS - Acqua calda sanitaria AFS - Acqua fredda sanitaria

02 - Vaso di espansione 03 - Valvola miscelatrice termostatica 04 - Carico impianto con disconnettore 05 - Valvola di sicurezza 09 - Collettore solare CF-25N 10 - Degasatore manuale

10 25

09 03
M

33 20 ACS

19

26 20 05 33
M
C

AFS

05 32 23 04

02

02

24

31

02

17

26 26 03 17

22

33
Generatore di calore

Piscina

20

Schema di principio puramente indicativo

20.8 Sistema solare per produzione di acqua calda sanitaria, con integrazione riscaldamento e piscina con accumulo inerziale Tank in Tank e caldaia combinata

02 - Vaso di espansione 03 - Valvola miscelatrice termostatica 04 - Carico impianto con disconnettore 05 - Valvola di sicurezza 09 - Collettore solare CF-25N 10 - Degasatore manuale 17 - Pompa riscaldamento

19 - Sonda collettore 20 - Sonda bollitore 22 - Gruppo idraulico mandata/ritorno 23 - Impianto alta temperatura 24 - Impianto bassa temperatura 25 - Caldaia combinata 26 - Termostato SUN 1

LEGENDA

31 - Centralina solare 32 - Accumulo inerziale SILOS C (Tank in Tank) 33 - Valvola deviatrice motorizzata TA - Termostato ambiente ACS - Acqua calda sanitaria AFS - Acqua fredda sanitaria

175

176
40 TA 23 ACS 03 25 17 17 32 27
M

29

10

19

24

22 20 27 34

02 27 33
M

31 20 05 04

03

17

AFS

05

26 02 02 Schema di principio puramente indicativo

20.9 Sistema solare per produzione di acqua calda sanitaria e integrazione riscaldamento con utilizzo caldaia, termocamino e accumulo inerziale Tank in Tank

LEGENDA
26 - Termostato SUN 1 27 - Valvola unidirezionale 29 - Collettore sottovuoto CFV-25 31 - Centralina solare 32 - Accumulo inerziale SILOS C (Tank in Tank) 33 - Valvola deviatrice motorizzata 34 - Valvola di intercettazione motorizzata (due vie con microinterruttore di fine corsa) 40 - Termocamino TA - Termostato ambiente ACS - Acqua calda sanitaria AFS - Acqua fredda sanitaria

02 - Vaso di espansione 03 - Valvola miscelatrice termostatica 04 - Carico impianto con disconnettore 05 - Valvola di sicurezza 10 - Degasatore manuale 17 - Pompa riscaldamento

19 - Sonda collettore 20 - Sonda bollitore 22 - Gruppo idraulico mandata/ritorno 23 - Impianto alta temperatura 24 - Impianto bassa temperatura 25 - Caldaia solo riscaldamento

10 25

09

19 31

20 03

05

03 ACS 20 33 13
M

05

02 04 06 26 02 02

05

21

08

AFS

Schema di principio puramente indicativo

20.10 Sistema solare per produzione di acqua calda sanitaria centralizzata con integrazione caldaia, accumulo inerziale SILOS e bollitore TANKBV

LEGENDA
09 - Collettore solare CF-25N 10 - Degasatore manuale 13 - Pompa di ricircolo 19 - Sonda collettore 20 - Sonda bollitore 21 - Bollitore TANK 25 - Caldaia solo riscaldamento 26 - Termostato SUN 1 31 - Centralina solare 33 - Valvola deviatrice motorizzata ACS - Acqua calda sanitaria AFS - Acqua fredda sanitaria

02 - Vaso di espansione 03 - Valvola miscelatrice termostatica 04 - Carico impianto con disconnettore 05 - Valvola di sicurezza 06 - Accumulo inerziale SILOS 08 - Modulo solare STS 50

177

178
35 20 20 05 ACS 33 02
M

10

09

19

25 ACS

25 33
M

ACS

25 33
M

26

26

26

31

22

02
C

07

07

AFS Schema di principio puramente indicativo

04

LEGENDA
19 - Sonda collettore 20 - Sonda bollitore 22 - Gruppo idraulico mandata/ritorno 25 - Caldaia combinata 26 - Termostato SUN 1 31 - Centralina solare 33 - Valvola deviatrice motorizzata 35 - Accumulo inerziale SILOS M ACS - Acqua calda sanitaria AFS - Acqua fredda sanitaria

20.11 Sistema solare per produzione di acqua calda sanitaria centralizzata con integrazione caldaie autonome e accumulo inerziale SILOS

02 - Vaso di espansione 02 - Carico impianto con disconnettore 05 - Valvola di sicurezza 07 - Scambiatore ACS 30 09 - Collettore solare CF-25N 10 - Degasatore manuale

10 06 20

09

19 11

24 20 05 03 02 17

07

07 18 13 ACS 05 02 AFS

02

08

04

Schema di principio puramente indicativo

20.12 Sistema solare per produzione di acqua calda sanitaria centralizzata con integrazione caldaia e accumulo inerziale SILOS

LEGENDA
08 - Modulo solare STS 50 09 - Collettore solare CF-25N 10 - Degasatore manuale 11 - Modulo termico Queen 13 - Pompa di ricircolo 17 - Pompa riscaldamento 18 - Pompa carico accumulo 19 - Sonda collettore 20 - Sonda bollitore 24 - Impianto bassa temperatura ACS - Acqua calda sanitaria AFS - Acqua fredda sanitaria

02 - Vaso di espansione 03 - Valvola miscelatrice termostatica 04 - Carico impianto con disconnettore 05 - Valvola di sicurezza 06 - Accumulo inerziale SILOS 07 - Scambiatore ACS 30

179

180
11 20 18 06 ACS 37 04 02 Schema di principio puramente indicativo

10

09

19

05

02

20

36

05

AFS

02

LEGENDA
11 - Modulo termico Queen 18 - Pompa carico accumulo 19 - Sonda collettore 20 - Sonda bollitore 36 - Modulo solare STS 37 - Scambiatore ACS ACS - Acqua calda sanitaria AFS - Acqua fredda sanitaria

20.13 Sistema solare per produzione di acqua calda sanitaria centralizzata con integrazione caldaia, accumulo inerziale SILOS

02 - Vaso di espansione 04 - Carico impianto con disconnettore 05 - Valvola di sicurezza 06 - Accumulo inerziale SILOS 09 - Collettore solare CF-25N 10 - Degasatore manuale

27002434 - 11/12

Sylber nasce come Azienda produttrice di scaldabagni a gas e da sempre dedita allo sviluppo di prodotti destinati a fornire il massimo comfort nellutilizzo dellacqua calda. Attenta a soddisfare le necessit di una Clientela sempre pi esigente, Sylber offre diversi modelli di scaldabagni a gas che si contraddistinguono per le elevate prestazioni, per la facilit di utilizzo, per la loro compattezza e per lelegante e moderno design. Il risparmio energetico e il rispetto ambientale sono da sempre una prerogativa di Sylber che propone unampia gamma di sistemi solari termici per la produzione di acqua calda. Sylber presenta un catalogo completo per rispondere anche alle diverse esigenze di riscaldamento grazie ad una ricca offerta di caldaie murali tecnologicamente allavanguardia, sia a condensazione che tradizionali, progettate per soddisfare le molteplici necessit impiantistiche e di utilizzo. Timbro del rivenditore

Sylber si riserva di variare le caratteristiche e i dati riportati nel presente fascicolo in qualunque momento e senza preavviso, nellintento di migliorare i prodotti. Questo fascicolo pertanto non pu essere considerato come contratto nei confronti di terzi.

Sede Commerciale: Via Risorgimento 23 A - 23900 Lecco Servizio Clienti: 199 115 115* www.sylber.it
*Costo della chiamata da telefono fisso: 0,15 euro/min. IVA inclusa, da luned a venerd dalle 08.00 alle 18.30, sabato dalle 08.00 alle 13.00. Negli altri orari o nei giorni festivi il costo di 0,06 /min. IVA inclusa. Da cellulere il costo legato alloperatore utilizzato.