Sei sulla pagina 1di 42

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA

PROGETTO DI FINE CORSO


PROGETTAZIONE IN CAMPO DINAMICO

Analisi dinamica e verifica a fatica di un


portale autostradale a bandiera di tipo “C”
soggetto all’azione del vento

Studente: Docente:
GIONATA ANTONELLI Prof. FILIPPO CIANETTI

ANNO ACCADEMICO 2019-2020


2
INDICE

I NDICE ..................................................................................................... 3

INTRODUZIONE E MISSIONE ........................................................................ 5

C APITOLO 1 S PECIFICHE COSTRUTTIVE ....................................................... 6


1.1 Dimensioni .........................................................................................................6
1.2 Materiali .............................................................................................................7
1.2.1 Carpenteria metallica ..................................................................................7
1.2.2 Bulloni ........................................................................................................7
1.2.3 Saldature .....................................................................................................7

C APITOLO 2 S EGNALE DEL VENTO .............................................................. 8


2.1 Generazione segnale del vento dalla PSD..........................................................8
2.2 Dal vento alla forza ..........................................................................................10

C APITOLO 3 M ODELLO ............................................................................ 12


3.1 BEAM189 ........................................................................................................12
3.2 SHELL43 .........................................................................................................13
3.3 MASS21 ...........................................................................................................13
3.4 Collegamenti ....................................................................................................14
3.4.1 Saldatura (montante-scatolare) .................................................................14
3.4.2 Bullonatura (scatolare-mensola) ..............................................................14
3.5 Modello completo ............................................................................................15

C APITOLO 4 A NALISI DINAMICA .............................................................. 16


4.1 Analisi modale .................................................................................................16
4.2 State Space .......................................................................................................17

C APITOLO 5 D ANNEGGIAMENTO ELEMENTI ............................................... 19


5.1 Scelta elemento più potenzialmente danneggiato ............................................19
5.2 Danneggiamento a fatica elemento 691 ...........................................................21
5.2.1 Risultati ....................................................................................................24
5.2.2 Punti di lavoro sulla curva di Wohler .......................................................25

3
5.2.3 Cumulativa di carico ................................................................................26
5.2.4 Cumulativa di carico sulla curva di Wohler .............................................26
5.3 Plottaggio risultati in ANSYS-BEAM189 .......................................................27
5.3.1 Momento Flettente My .............................................................................27
5.3.2 Momento torcente Mx ..............................................................................27
5.3.3 Taglio Ty ..................................................................................................28
5.4 Plottaggio risultati in ANSYS-SHELL43 ........................................................28
5.4.1 Tensioni alterne equivalenti .....................................................................28
5.4.2 Numero di cicli .........................................................................................29
5.4.3 Logaritmo del danneggiamento ................................................................30

C APITOLO 6 V ERIFICA A FATICA SALDATURA ........................................... 32


6.1 Specifiche geometria saldatura ........................................................................32
6.2 Normativa CNR-UNI 10011-88 per verifiche a fatica.....................................33
6.2.1 Linee SN dei particolari strutturali sollecitati a trazione o compressione 33
6.2.2 Linee SN dei particolari strutturali sollecitati a sforzi tangenziali ...........34
6.2.3 Eccezioni di verifica a fatica ....................................................................35
6.2.4 Metodo della Regola di Miner .................................................................35
6.3 Sollecitazioni elemento BEAM n° 61 ..............................................................36
6.3.1 Momento flettente My ..............................................................................36
6.3.2 Momento torcente Mx...............................................................................37
6.3.3 Taglio Ty ...................................................................................................37
6.3.4 Tensioni complessive sui cordoni ............................................................37
6.4 Verifica a fatica ................................................................................................38
6.4.1 Verifica a fatica ∆𝜎 ..................................................................................38
6.4.2 Verifica a fatica ∆𝜏 ...................................................................................38

C ONCLUSIONI ......................................................................................... 40

B IBLIOGRAFIA ........................................................................................ 42
1. Fonti ...................................................................................................................42
2. Normative...........................................................................................................42

4
INTRODUZIONE
E MISSIONE

Il presente progetto riguarda lo studio di una specifica tipologia di segnaletica


verticale d’informazione, utilizzata dalla Società AUTOSTRADE per l’Italia S.p.A.,
denominata “Portale a bandiera di Tipo C”; in figura è riportato un esempio di portale.
La struttura è finalizzata al sostentamento della cartellonistica stradale da
posizionarsi in corrispondenza a carreggiate a tre corsie di marcia, oltre alla corsia
d’emergenza.

La missione di questo progetto è analizzare la struttura sottoposta al carico


affaticante causato dall’azione del vento, il quale agisce in maggior parte sulla
cartellonistica, in quanto caratterizzata da una elevata superficie esposta ad esso.
Si effettua in particolare l’analisi a fatica nelle sezioni di saldatura e bullonatura, le
quali risultano probabilmente le più sollecitate.

5
Capitolo 1
S PECIFICHE COSTRUTTIVE

1.1 Dimensioni

La parte in elevazione è costituita da un montante di altezza pari a 6.10 [m], di


sezione scatolare 0.8 × 0.8 × 0.015 [𝑚]. La mensola è costituita da due parti a sezioni
scatolari diverse, di 0.8 × 0.6 × 0.012 [𝑚] e 0.8 × 0.6 × 0.015 [𝑚], per una
lunghezza complessiva di 16.4 [𝑚].
Tra il montante e la mensola è presente uno scatolare di spessore 0.015 [𝑚],
collegato ad essi rispettivamente con un collegamento saldato ed uno bullonato.
La struttura dei cartelloni è costituita da una lamiera di spessore massimo di
3 [𝑚𝑚], la superficie massima esposta al vento è pari a 21 [𝑚2 ] e 22.5 [𝑚2 ], per
complessivi 43.5 [𝑚2 ].

6
1.2 Materiali

1.2.1 Carpenteria metallica

La carpenteria metallica è realizzata con acciaio di tipo 𝑆275, avente le seguenti


caratteristiche, considerando uno spessore nominale 𝑡 ≤ 40 [𝑚𝑚]:

Tensione di rottura a trazione 𝑓𝑡 = 430 [𝑀𝑃𝑎]


Tensione di snervamento 𝑓𝑦 = 275 [𝑀𝑃𝑎]

1.2.2 Bulloni

Le giunzioni bullonate sono realizzate con bulloni ad alta resistenza, appartenenti


alle seguenti classi:

Vite classe 10.9 (UNI EN ISO 898-1:2001)


Tensione di rottura a trazione 𝑓𝑡 = 430 [𝑀𝑃𝑎]
Tensione di snervamento 𝑓𝑦 = 275 [𝑀𝑃𝑎]
Dado classe 10 (UNI 20898-2:1997)
Rosette C50 (UNI EN 10083-2:2006)

1.2.3 Saldature

Le saldature sono realizzate a cordone d’angolo, di classe 1, con acciaio 𝑆275. Non
conoscendo altre specifiche di progetto riguardo le saldature del portale, dalla
normativa CNR-UNI 10011, i cordoni d’angolo devono avere il lato b soddisfacente
la seguente limitazione:
𝑡2
≤ 𝑏 ≤ 𝑡2
2
essendo nel seguente caso 𝑡2 = 0.015 [𝑚], la verifica della saldatura è effettuata
variando il lato 𝑏 del cordone d’angolo nel seguente range:
0.0075[𝑚] ≤ 𝑏 ≤ 0.015[𝑚]
verificando per quali valori di 𝑏 è verificata l’analisi.

7
Capitolo 2
S EGNALE DEL VENTO

Il vento è il movimento di una massa d'aria atmosferica da un'area con alta


pressione ad un'area con bassa pressione, in genere con tale termine si fa riferimento
alle correnti aeree di tipo orizzontale.
Si fa uso della scala di Beaufort per categorizzare la forza del vento, in base al range
di velocità; si elencano i primi 11 elementi della scala di Beaufort, ognuno con il suo
intervallo di velocità del vento in [𝑚⁄𝑠].

B0 B1 B2 B3 B4 B5 B6 B7 B8 B9 B10 B11
0 0.3 1.6 3.4 5.5 8 10.8 13.9 17.2 20.8 24.5 28.5
÷ ÷ ÷ ÷ ÷ ÷ ÷ ÷ ÷ ÷ ÷ ÷
0.3 1.5 3.4 5.4 7.9 10.7 13.8 17.1 20.7 24.4 28.4 32.6

2.1 Generazione segnale del vento dalla PSD

Si vuole generare un segnale avente le seguenti caratteristiche, considerando che il


vento può agire sui cartelloni perpendicolarmente in entrambe le direzioni, si può
considerare quindi che il segnale del vento abbia media nulla.

Velocità massima 𝑉𝑚𝑎𝑥 = 30 [𝑚⁄𝑠]


Deviazione standard 𝑉𝑚𝑎𝑥⁄ 𝑚
𝑆𝑥 = 4 = 7.5 [ ⁄𝑠]
Valore medio 𝑉𝑚𝑒𝑎𝑛 = 0

A tale fine si genera una Power Spectral Density (PSD) avente la RMS pari alla
deviazione standard del segnale che si vuole generare.

8
La PSD si considera interamente nulla in tutte le frequenze, tranne nel range di
frequenza (0 ÷ 2 [𝐻𝑧]), la quale è caratterizzata da un andamento trapezoidale, che
cala avvicinandosi ai 2 [𝐻𝑧], con il valore massimo di
𝑆𝑥 [𝑚⁄𝑠]2
≅ 28.27
𝑓𝑒 − 𝑓𝑖 [𝐻𝑧]

Da questa PSD tramite la function “𝑝𝑠𝑑2𝑡𝑖𝑚𝑒”, si ottiene un segnale random nel


tempo con ampiezze casuali, con lo stesso RMS della PSD, distribuito
gaussianamente, di durata pari a 180 [𝑠].

9
Si verifica con la function “𝑡𝑖𝑚𝑒2𝑝𝑠𝑑” se ciò che è stato generato ha lo stesso
contenuto in frequenza di quello che si voleva in partenza, a questo scopo dal segnale
nel tempo si ricostruisce la PSD, la quale è confrontata con la PSD di partenza.

Il contenuto in frequenza coincide con quello voluto (0 ÷ 2 [𝐻𝑧]) e l’ampiezza


oscilla intorno al valore della PSD, quindi si può utilizzare questo segnale generato.
Secondo la scala di Beaufort, il segnale generato presenta le seguenti caratteristiche,
in percentuale sull’intero segnale.
B0 B1 B2 B3 B4 B5 B6 B7 B8 B9 B10 B11
𝟑% 13.5% 19% 19% 18% 13.5% 7.44% 4% 1.67% 0.7% 0.14% 0.05%

2.2 Dal vento alla forza

La forza aerodinamica esercitata dal vento su una superficie è la seguente


1
𝐹= 𝜌𝑆𝐶𝐷 𝑉 2
2
[𝑘𝑔]
• 𝜌 = 1.225 ⁄[𝑚3 ] , densità dell’aria;

• 𝑆 [𝑚2 ] , superficie investita dal vento


• 𝐶𝐷 = 1.95 , coefficiente di resistenza di una lastra piana;
• 𝑉 [𝑚/𝑠] , velocità del vento.

10
La cartellonistica è sostenuta da tubulari metallici, in numero 13 per il cartellone di
sinistra e 11 per quello di destra; è in questi punti, distanziati tra di loro di 0.5 𝑚, che
si successivamente si applicheranno le sollecitazioni dovute all’azione del vento.

Il cartellone di sinistra ha un’area pari a 𝐴1 = 6 × 3.5 = 21 [𝑚2 ], quello di destra


a 𝐴2 = 5 × 4.5 = 22.5 [𝑚2 ].
Si generano due segnali, uno di forza in direzione perpendicolare al cartellone, ed
uno di momento torcente intorno all’asse della mensola, ipotizzando che la forza
generi momenti nei due cartelloni, con braccio della forza 𝑏1 = 3.5 [𝑚] per il
cartellone di sinistra e 𝑏2 = 4.5 [𝑚] per quello di destra.

11
Capitolo 3
MODELLO

Il modello è creato in ambiente ANSYS Mechanical APDL, con l’utilizzo di


elementi BEAM189, SHELL43 e MASS21.

3.1 BEAM189

Tramite l’utilizzo di elementi BEAM189 si modellano le travi a sezione scatolare


del montante e della mensola, aventi le seguenti caratteristiche di sezione
• montante
SECTYPE,1, BEAM, HREC, , 0
SECDATA,0.8,0.8,0.015,0.015,0.015,0.015

• mensola, presenta due diverse sezioni


SECTYPE,2, BEAM, HREC, , 0
SECDATA,0.6,0.8,0.012,0.012,0.012,0.012
SECTYPE,3, BEAM, HREC, , 0
SECDATA,0.6,0.8,0.015,0.015,0.015,0.015
I seguenti elementi sono preprocessati con una mesh di 0.01.

12
3.2 SHELL43

Gli elementi SHELL43 sono utilizzati per lo scatolare tra il montante e la mensola,
di spessore 0.015 [𝑚], per primo si individuano le aree tramite i keypoints e le linee,
per poi preprocessare le aree con una mesh di 0.1.

3.3 MASS21

Gli elementi MASS21 sono utilizzati per modellare le masse dei cartelloni,
distribuite nei nodi selezionati, distanziati di 0.5 [𝑚] l’uno dall’altro:
• Massa nodi primo cartellone
972 [𝑘𝑔]
𝑚1 =
13 [𝑛𝑜𝑑𝑖]
• Massa nodi secondo cartellone
1050 [𝑘𝑔]
𝑚2 =
11 [𝑛𝑜𝑑𝑖]

13
3.4 Collegamenti

Per effettuare la modellazione delle unioni in corrispondenza della saldatura, tra


montante e scatolare, e della bullonatura, tra scatolare e mensola, si procede
effettuando delle unioni rigide con il comando “𝑐𝑒𝑟𝑖𝑔” in corrispondenza delle
seguenti sezioni, in questo modo si ipotizza il mantenimento delle sezioni piane, che
ben approssima il comportamento delle due unioni.

3.4.1 Saldatura (montante-scatolare)

Nella sezione di saldatura, tra montante e scatolare, si effettua il collegamento dei


due elementi nel seguente modo:
• nodi Slave, tutti i nodi corrispondenti ai bordi dello shell
• nodo Master, il nodo dell’ultimo elemento beam del montante

3.4.2 Bullonatura (scatolare-mensola)

Nella sezione di bullonatura, tra scatolare e mensola, si effettua il collegamento dei


due elementi nel seguente modo:
• nodi Slave, tutti i nodi corrispondenti ai bordi dello shell
• nodo Master, il nodo dell’ultimo elemento beam della mensola

14
3.5 Modello completo

Il modello completo “meshato” è il seguente, con il sistema di riferimento riportato


in basso a destra:
• asse x coincidente con la direzione dell’asse della mensola, quindi attorno
al quale si applica il momento torcente;
• asse y coincidente con l’asse del montante;
• asse z perpendicolare alla mensola, direzione lungo la quale si applicano le
forze.

15
Capitolo 4
ANALISI DINAMICA

Dopo aver definito il modello in ANSYS si procede alla valutazione del


comportamento dinamico della struttura.

4.1 Analisi modale

Si effettua l’analisi modale della struttura, vincolandola con un incastro alla base
del montante, estraendo i primi 10 modi di vibrare.
Le pulsazioni naturali in [𝐻𝑧] del sistema dei primi 10 modi sono:
MODI 1 2 2 4 5 6 7 8 9 10
FREQUENZE 2.0266 2.16 7.005 9.5994 16.548 21.243 41.6 43.725 50.176 72.760

Di seguito sono mostrati i primi 4 modi di vibrare della struttura.

16
Si procede all’estrazione della matrice delle forme modali (“Forme_inp” ) dei nodi
selezionati sulla mensola, in direzione (𝑢, 𝑧) e (𝑟𝑜𝑡, 𝑥), in quanto è in questi nodi in
cui si applicano le forze in direzione 𝑧 ed i momenti torcenti intorno all’asse 𝑥; si
ottiene una matrice (10 × 48), nella prima colonna sono riportate le frequenze
naturali, nel resto delle colonne tutte le forme modali dei gradi di libertà eccitati, per
ogni modo di vibrare.
Si esportano le forme modali delle caratteristiche di sollecitazione, generate in
ANSYS con il comando “etable”, di tutti gli elementi beam, che sono in numero 211;
e tutte le forme modali delle tensioni degli elementi shell, che sono in numero 711,
per un totale di 922 elementi, tra beam e shell, più i restanti 24 elementi mass21.

BEAM189 SHELL43 MASS21


211 922 24

4.2 State Space

Si genera il sistema State Space in ambiente MatLab. Tramite la function


“𝑓𝑙𝑒𝑥𝑠𝑠𝑝𝑓” si generano le matrici A,B,C,D che andranno a costituire il sistema SS;
questa function in input presenta la matrice “forme_inp” generata in precedenza in
ANSYS, il vettore delle frequenze che viene estrapolato da quest’ultima matrice, il
coefficiente di smorzamento 𝜉 = 0.05 e nell’ultimo campo si definisce il tipo di uscita
che si vuole avere dal sistema State Space; in questo caso si vuole un’uscita in termini
di spostamento. Con il comando “𝑆𝑆” generiamo un sistema State Space che ha come
ingressi le n forze applicabili e come uscite gli n spostamenti dei gradi di libertà del
sistema, le cui matrici sono del tipo:

[0] [𝐼] [0]


[𝐴] = [ ] [𝐵] = [ 𝑇 ]
−[⋱ 𝜔0 2 ⋱] −[⋱ 2𝜉𝜔0 ⋱] [𝜑]

[𝐶] = [[𝐼][0]] [𝐷] = [0]

A questo punto si simula la risposta nel tempo del sistema dinamico dando in input
alla function "𝑙𝑠𝑖𝑚", il vettore comprendente sia le forze che i momenti torcenti

17
generati in precedenza, il sistema SS ed il vettore del tempo, coincidente con quello
con cui si è generato il vettore di forze e momenti.
Le risposte in coordinate fittizie 𝑞 nel tempo del sistema per i primi 10 modi sono le
seguenti, il primo modo risulta essere quello predominante (in blu in figura).

Si riporta lo spostamento in direzione z e la rotazione intorno all’asse x del nodo


più estremo della mensola, il n°300.

18
Capitolo 5
D ANNEGGIAMENTO ELEMENTI

5.1 Scelta elemento più potenzialmente danneggiato

Dalla matrice delle forme modali di tensione degli SHELL si estraggono le sei
componenti di tensione per tutti i modi presi in considerazione, per ogni elemento. Per
ciascun modo si calcola la tensione di Von Mises delle sei componenti, in modo da
ricondurre lo stato tensionale al caso mono assiale.
Si procede con la combinazione tra le forme modali appena ricavate e le coordinate
fittizie di uscita del sistema, (𝜑 ∙ 𝑞(𝑡)).
Si ha una storia di tensione sulla quale si procede con il conteggio dei cicli con il
metodo 𝑅𝑎𝑖𝑛 𝐹𝑙𝑜𝑤 𝐶𝑜𝑢𝑛𝑡𝑖𝑛𝑔, tramite l’utilizzo della function "𝑡𝑖𝑚𝑒2𝑟𝑓𝑐".
Si ricavano le sigma alterne equivalenti ed i corrispettivi numero di cicli conteggiati
per ogni elemento.
1 −𝑏
∑ (𝑛𝑖 ∙ (𝜎𝑎𝑖 )−𝑏 ) 1
𝜎𝑎𝑒𝑞 =[ ] 𝑛 = ∑ 𝑛𝑖 𝑐𝑜𝑛 𝑏 = −
∑ 𝑛𝑖 3

Si cerca a questo punto il massimo valore della 𝜎𝑎𝑒𝑞 e l’elemento SHELL


corrispondente, dove si ha sostanzialmente la massima sollecitazione o il massimo
danneggiamento potenziale.

Si ottiene che l’elemento SHELL numero 691 presenta la 𝜎𝑎𝑒𝑞 maggiore pari a

𝜎𝑎𝑒𝑞691 = 35.576 [𝑀𝑃𝑎]

ed un numero di cicli conteggiati pari a

𝑛391 = 349 [𝑐𝑖𝑐𝑙𝑖]

19
Sono presenti molti elementi sollecitati con tensioni intorno ai 10 [𝑀𝑃𝑎], mentre
pochi elementi intorno ai 30 [𝑀𝑃𝑎].

Non è detto sin da subito che l’elemento 691 sia quello che potrebbe subire il
massimo danneggiamento, in quanto la tensione alterna equivalente è funzione del
numero di cicli. Dall’istogramma del numero di cicli di tutti gli elementi SHELL, si
deduce che non tutti gli elementi hanno lo stesso numero di cicli, si spazia dai 348
cicli ai 353 cicli.

20
Imponendo come numero di cicli arbitrario per tutti gli elementi, 353 cicli, tutti gli
elementi sono confrontati nella stessa maniera; in questo caso l’elemento con la
tensione alterna più alta è veramente quello che subisce il maggiore danneggiamento.
Si constata che l’elemento 691 è realmente quello che potrebbe subire il
danneggiamento maggiore rispetto a tutti gli altri elementi, in quanto presenta la
tensione equivalente maggiore, pur avendo cambiato il numero di cicli. Si ha:

𝜎𝑎𝑒𝑞691 = 35.441 [𝑀𝑃𝑎]

𝑛391 = 353 [𝑐𝑖𝑐𝑙𝑖]

La tensione alterna risulta essere di poco inferiore rispetto a quella “vera” calcolata
in precedenza, in quanto la tensione è stata “spalmata” su un numero di cicli superiore
rispetto a quelli veri dell’elemento. Quindi si valuta il danneggiamento per l’elemento
691, considerando la tensione ed il numero di cicli veri.

5.2 Danneggiamento a fatica elemento 691

L’elemento SHELL 691 è in prossimità della saldatura tra il montante e lo


scatolare, come riportato nella figura seguente.

691

21
Tra tutte le forme modali delle tensioni si considera quella relativa all’elemento
SHELL 691, si calcola la Von Mises e si combina con le coordinate fittizie, (𝜑 ∙ 𝑞(𝑡)).
Da queste si ottiene la time-history di tensione dell’elemento 691, con 349 cicli.

Su questa si procede con la valutazione del danneggiamento, facendo il conteggio


con il metodo 𝑅𝑎𝑖𝑛 𝐹𝑙𝑜𝑤 𝐶𝑜𝑢𝑛𝑡𝑖𝑛𝑔.
Questi sono i punti di inversione del segno, che identificano i turning-points della
storia di tensione, senza aver considerato alcun filtraggio.

22
Deve essere tale che i picchi e le valli si vedano, ciò che accade tra l’uno e l’altro
non interessa; la riduzione risulta sostanziale in quanto i punti della storia ottenuti con
il conteggio sono molti di meno in numero. Si riportano le matrici 𝑅𝑎𝑖𝑛 − 𝐹𝑙𝑜𝑤:
• 𝑀𝑖𝑛 − 𝑀𝑎𝑥, in cui è riportato il valore minimo e massimo associato ad ogni
ciclo. Nella zona gialla sono presenti più cicli, con valore minimo pari a
circa −2 ∙ 107 ed un valore massimo di 2 ∙ 107 .

• 𝐹𝑟𝑜𝑚 − 𝑇𝑜, rispetto alla 𝑀𝑖𝑛 − 𝑀𝑎𝑥, questa matrice tiene conto da dove
parte e dove finisce il ciclo, ovvero se il ciclo considerato è hanging o
standing. Nella diagonale ci sono i cicli a media zero.

23
• 𝑅𝑎𝑛𝑔𝑒 − 𝑀𝑒𝑎𝑛, si hanno tanti cicli a piccolo range e pochi cicli a grandi
range.

Si fa una valutazione del danneggiamento vera, visto che si hanno le tensioni e la


curva del materiale. Si applica Goodman, si considerano le sigma medie, le sigma
alterne ed il numero di cicli, e si ricavano le sigma alterne equivalenti.

𝜎𝑎
𝜎𝑎𝑒𝑞 = 𝜎
1 − 𝑆𝑚
𝑢𝑡

5.2.1 Risultati

Si ottengono i seguenti risultati per l’elemento 691:


• 𝜎𝑎𝑒𝑞 = 46.205 [𝑀𝑃𝑎], risulta essere più grande in quanto i valori sono
corretti con la sigma media;
• 𝑛𝑒𝑞 = 349 [𝑐𝑖𝑐𝑙𝑖];
• 𝐾𝑝 = 0.0218;
• 𝛼 = 0.4830, fattore alfa, è il coefficiente che se moltiplicato per la tensione
alterna massima fornisce il valore della 𝜎𝑎𝑒𝑞 , quindi circa la metà del valore
massimo dello spettro rappresenta lo spettro equivalente piatto pari a 349
cicli che si potrebbero applicare per avere lo stesso danneggiamento;

24
𝑁𝑒𝑞
• 𝑛𝑁1 = ⁄𝑛𝑒𝑞 = 3.479 ∙ 104 , coefficiente di sicurezza sulla vita, si è

abbastanza lontani da ipotesi di danneggiamento;


𝑆𝑒𝑞
• 𝑛𝑆1 = ⁄𝜎𝑎𝑒𝑞 = 7.3035, coefficiente di sicurezza sulla tensione, si è

abbastanza lontani da ipotesi di danneggiamento;


• 𝐷𝑐𝑢𝑚 = 2.8744 ∙ 10−5, danneggiamento;
• 𝐿𝑖𝑓𝑒 = 1⁄𝐷 = 3.479 ∙ 104 , quindi per arrivare al danneggiamento
𝑐𝑢𝑚

limite, l’elemento deve essere sottoposto a 34790 sessioni della durata di


180 [𝑠], la durata del segnale in entrata, in totale si ottiene una durata di
1739.5 [𝑜𝑟𝑒].

5.2.2 Punti di lavoro sulla curva di Wohler

Avendo ricavato la 𝜎𝑎𝑒𝑞 ed il numero di cicli 𝑛𝑒𝑞 , si può rappresentare il punto di


lavoro sulla curva di Wohler. Si rappresentano anche i punti relativi ai valori limite
relativi alla tensione ed alla vita.

(𝑛𝑒𝑞 , 𝑆𝑒𝑞 )

(𝑁𝑒𝑞 , 𝜎𝑎𝑒𝑞 )
(𝑛𝑒𝑞 , 𝜎𝑎𝑒𝑞 )

25
5.2.3 Cumulativa di carico

Si rappresenta lo spettro di carico con il suo cumulativo, plottandoci sopra lo spettro


alterno equivalente.

5.2.4 Cumulativa di carico sulla curva di Wohler

Si rappresenta la cumulativa di carico sulla curva di Wohler, in questo modo si può


vedere la distanza tra le curve.

26
5.3 Plottaggio risultati in ANSYS-BEAM189

Si procede plottando i risultati ottenuti con l’analisi in MATLAB, sugli elementi


BEAM del modello ANSYS.

5.3.1 Momento Flettente My

Si ha il massimo del momento flettente in prossimità della saldatura, in particolare


per l’elemento BEAM numero 61, pari a 23754.7 [𝑁𝑚].

5.3.2 Momento torcente Mx

Il momento torcente massimo si ha in corrispondenza della saldatura, l’elemento


BEAM numero 61 presenta li massimo valore di 237550 [𝑁𝑚].

27
5.3.3 Taglio Ty

Il taglio massimo è in corrispondenza della giunzione bullonata, in particolare


l’elemento BEAM numero 211 è quello che presenta taglio massimo pari a
206141 [𝑁].

5.4 Plottaggio risultati in ANSYS-SHELL43

Si procede plottando i risultati ottenuti in seguito all’analisi eseguita in MATLAB,


sugli elementi SHELL del modello ANSYS.

5.4.1 Tensioni alterne equivalenti

Si riportano le tensioni 𝜎𝑎𝑒𝑞

28
In particolare si fa uno zoom sull’elemento SHELL 691 analizzato
precedentemente.

5.4.2 Numero di cicli

Si riporta la mappa del numero di cicli per ogni elemento SHELL.

29
5.4.3 Logaritmo del danneggiamento

Il danneggiamento è rappresentato in scala logaritmica, è il risultato dell’analisi con


numero di cicli 353 uguale per tutti gli elementi SHELL.

30
Dove è −10 significa che il danneggiamento è più alto, in realtà la banda da
considerare è da −17 a −10.4571, cioè da 10−17 a 10−12.4571 ; a questo scopo in
ANSYS in PLOTCTRLS/STYLE/CONTOURS/UNIFORM CONTOURS si modifica
il valore minimo e massimo del range. In questo modo si ottiene una modulazione
migliore, si vedono precisamente i punti più sollecitati, i quali coincidono con i punti
a 𝜎𝑎𝑒𝑞 maggiore; le zone in grigio sono al di fuori dal range selezionato.

31
Capitolo 6
V ERIFICA A FATICA SALDATURA

6.1 Specifiche geometria saldatura

La saldatura tra montante e scatolare si ipotizza essere della seguente tipologia


rappresentata in figura, costituita da saldature a cordoni d’angolo effettuate in un piatto
di rinforzo intermedio, tra il montante e lo scatolare, per un totale di otto cordoni.

I cordoni d’angolo di saldatura


sono presenti ad entrambi i lati del
piatto intermedio.

Lo spessore della saldatura è da determinare in seguito alla verifica a fatica, in


quanto per normativa varia nel range 0.0075[𝑚] ≤ 𝑎 ≤ 0.015[𝑚], quindi tramite
l’analisi a fatica si determineranno i valori di 𝑎 che verificano la saldatura.

32
6.2 Normativa CNR-UNI 10011-88 per verifiche a fatica

Per effettuare la verifica a fatica della saldatura si procede con quanto illustrato
nella normativa CNR-UNI 10011-88.
Nella normativa si ragiona con lo spettro dei ∆ di
tensione, ricavati con il metodo del “𝑠𝑒𝑟𝑏𝑎𝑡𝑜𝑖𝑜”
riportato a destra; si utilizza come algoritmo di
conteggio il 𝑅𝑎𝑖𝑛 𝐹𝑙𝑜𝑤 𝐶𝑜𝑢𝑛𝑡𝑖𝑛𝑔, il quale fornisce
il seguente valore per ogni ciclo

𝜎𝑚𝑎𝑥 − 𝜎𝑚𝑖𝑛
2

quindi è necessario moltiplicare per due il valore di ogni ciclo conteggiato per ottenere
il ∆𝜎 desiderato:

∆𝜎 = 𝜎𝑚𝑎𝑥 − 𝜎𝑚𝑖𝑛

6.2.1 Linee SN dei particolari strutturali sollecitati a trazione o compressione

Le curve SN di un diagramma log-log sono formate da una spezzata con tratti di


equazione ∆𝜎 𝑚 ∙ 𝑁 = 𝑐𝑜𝑠𝑡𝑎𝑛𝑡𝑒, in cui l’esponente 𝑚 assume valori diversi a seconda
del tipo di sollecitazione e del numero di cicli.
Ogni tipo di giunto è caratterizzato da una ∆𝜎𝐴 , corrispondente alla sollecitazione
ammissibile di ampiezza costante per 𝑁 = 2 ∙ 106 cicli.
Si hanno un fascio di rette parallele con esponente 𝑚 = 30 nel campo
104 ≤ 𝑁 ≤ 𝑁𝐷 cicli, dove:
• 𝑁𝐷 = 5 ∙ 106 cicli per particolari con ∆𝜎𝐴 > 56 [𝑀𝑃𝑎];
• 𝑁𝐷 = 107 cicli per particolari con ∆𝜎𝐴 ≤ 56 [𝑀𝑃𝑎];
Un fascio di rette parallele con esponente 𝑚 = 5 nel campo 𝑁𝐷 ≤ 𝑁 ≤ 108 cicli;
ed un fascio di rette orizzontali a partire da 𝑁𝐹 = 108 cicli.

33
Dove:

3 2 ∙ 106
∆𝜎𝐷 = √∆𝜎𝐴 3 ∙
𝑁𝐷

5 𝑁𝐷
∆𝜎𝐹 = √∆𝜎𝐷 5 ∙
108

6.2.2 Linee SN dei particolari strutturali sollecitati a sforzi tangenziali

Ai particolari sollecitati a sforzi tangenziali, corrispondono curve SN di equazione


∆𝜏 𝑚 ∙ 𝑁 = 𝑐𝑜𝑠𝑡𝑎𝑛𝑡𝑒.
Si hanno una retta con esponente 𝑚 = 5 nel campo 104 ≤ 𝑁 ≤ 108 cicli, ed una
retta orizzontale a partire da 𝑁𝐹 = 108 cicli.

34
6.2.3 Eccezioni di verifica a fatica

Nessuna verifica a fatica è richiesta:


• Se tutti i ∆ di trazione-compressine sono minori di 26 [𝑀𝑃𝑎] o comunque
a ∆𝜎𝐷 ;
• Se tutti i ∆ di taglio sono minori di 35 [𝑀𝑃𝑎];
• Se il numero totale dei cicli è minore di 104 .

6.2.4 Metodo della Regola di Miner

Deve essere verificata la condizione


𝑛𝑖
∑ ≤1
𝑛𝑖∗
dove:
• 𝑛𝑖 è il numero di cicli effettivi relativi al ∆𝜎𝑖 o al ∆𝜏𝑖 ;

35
• 𝑛𝑖∗ è il numero di cicli che sulla linea SN di riferimento corrisponde al ∆𝜎𝑖 o al
∆𝜏𝑖 :
1
𝑛𝑖∗ = (𝛾 ∙𝛾 3
∙ ∆𝜎𝐴 3 ∙ 2 ∙ 106 𝑝𝑒𝑟 ∆𝜎𝑖 ≥ ∆𝜎𝐷
𝑠 𝑚 ∙∆𝜎𝑖 )

1
𝑛𝑖∗ = (𝛾 ∙𝛾 5
∙ ∆𝜎𝐷 5 ∙ 5 ∙ 106 𝑝𝑒𝑟 ∆𝜎𝑖 < ∆𝜎𝐷 𝑒 ∆𝜎𝐴 > 56 [𝑀𝑃𝑎]
𝑠 𝑚 ∙∆𝜎𝑖 )

1
𝑛𝑖∗ = (𝛾 ∙𝛾 5
∙ ∆𝜎𝐷 5 ∙ 107 𝑝𝑒𝑟 ∆𝜎𝑖 < ∆𝜎𝐷 𝑒 ∆𝜎𝐴 ≤ 56 [𝑀𝑃𝑎]
𝑠 𝑚 ∙∆𝜎𝑖 )

1
𝑛𝑖∗ = (𝛾 ∙𝛾 5
∙ ∆𝜏𝐴 5 ∙ 2 ∙ 106 𝑝𝑒𝑟 𝑠𝑜𝑙𝑙𝑒𝑐𝑖𝑡𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑖 𝑡𝑎𝑛𝑔𝑒𝑛𝑧𝑖𝑎𝑙𝑖
𝑠 𝑚 ∙∆𝜏𝑖 )

𝛾𝑠 𝑒 𝛾𝑚 𝑐𝑜𝑒𝑓𝑓𝑖𝑐𝑖𝑒𝑛𝑡𝑖 𝑐𝑜𝑟𝑟𝑒𝑡𝑡𝑖𝑣𝑖.

6.3 Sollecitazioni elemento BEAM n° 61

Per il calcolo delle sollecitazioni agenti sulla saldatura si fa riferimento all’elemento


BEAM189 numero 61, che risulta essere l’elemento più vicino alla sezione in cui è
presente la saldatura.
Essendo in questo due saldature uguali, si procede dimezzando le sollecitazioni che
si estraggono dall’elemento 61, in modo da distribuirle sulle due saldature.
Si procede estraendo le forme modali delle caratteristiche di sollecitazione per
combinarle con le coordinate fittizie ottenute dall’uscita del sistema State Space.
In questo modo si ha un segnale nel tempo per ogni caratteristica di sollecitazione,
dal quale si generano a sua volta segnali di tensione relativi alla geometria della
saldatura stessa.
Le caratteristiche di sollecitazione 𝑁, 𝑇𝑧 , 𝑀𝑧 , si trascurano, essendo di entità molto
bassa rispetto alle altre.

6.3.1 Momento flettente My

𝑎 = 0.0075 ÷ 0.015 𝑙𝑎𝑟𝑔ℎ𝑒𝑧𝑧𝑎 𝑠𝑒𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑖 𝑔𝑜𝑙𝑎 [𝑚]


𝑙 = 0.8 𝑙𝑢𝑛𝑔ℎ𝑒𝑧𝑧𝑎 𝑑𝑖 𝑜𝑔𝑛𝑖 𝑐𝑜𝑟𝑑𝑜𝑛𝑒 [𝑚]

2𝑎𝑙3 𝑙𝑎3 𝑙 2
𝐽𝑦 = + 2 [ 12 + 𝑙𝑎 (2) ] 𝑚𝑜𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜 𝑑 ′ 𝑖𝑛𝑒𝑟𝑧𝑖𝑎 𝑎𝑠𝑠𝑒 𝑦 [𝑚4 ]
12

𝑀𝑦𝑠𝑖𝑔𝑛𝑎𝑙 𝑙+2𝑎 [𝑁]


𝜎⊥𝑀𝑦 = ∙[ ] 𝑡𝑒𝑛𝑠𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑜𝑟𝑡𝑜𝑔𝑜𝑛𝑎𝑙𝑒 𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑠𝑒𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑖 𝑔𝑜𝑙𝑎 ⁄[𝑚2 ]
𝐽𝑦 2

36
6.3.2 Momento torcente Mx
(2𝑙)3
𝐽𝑝𝑜𝑙𝑎𝑟𝑒 = 𝑎 ∙ [ ] 𝑚𝑜𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜 𝑝𝑜𝑙𝑎𝑟𝑒 [𝑚4 ]
6

𝑙
𝑟= 𝑑𝑖𝑠𝑡𝑎𝑛𝑧𝑎 𝑝𝑢𝑛𝑡𝑜 𝑝𝑖ù 𝑠𝑜𝑙𝑙𝑒𝑐𝑖𝑡𝑎𝑡𝑜 [𝑚]
√2

𝑟 [𝑁]
𝜏//M𝑥 = 𝑀𝑥𝑠𝑖𝑔𝑛𝑎𝑙 ∙ 𝐽 𝑡𝑒𝑛𝑠𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑖 𝑡𝑎𝑔𝑙𝑖𝑜 𝑝𝑎𝑟𝑎𝑙𝑒𝑙𝑙𝑎 ⁄[𝑚2 ]
𝑝𝑜𝑙𝑎𝑟𝑒

6.3.3 Taglio Ty

𝐴𝑜 = 2 ∙ 𝑙 ∙ 𝑎 𝑎𝑟𝑒𝑎 𝑐𝑜𝑟𝑑𝑜𝑛𝑖 𝑜𝑟𝑖𝑧𝑧𝑜𝑛𝑡𝑎𝑙𝑖 [𝑚]

[𝑁]
𝜏//T𝑦 = 𝑇𝑦𝑠𝑖𝑔𝑛𝑎𝑙 /𝐴𝑜 𝑡𝑒𝑛𝑠𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑖 𝑡𝑎𝑔𝑙𝑖𝑜 𝑝𝑎𝑟𝑎𝑙𝑒𝑙𝑙𝑎 ⁄[𝑚2 ]

6.3.4 Tensioni complessive sui cordoni

I cordoni di saldatura presentano il seguente schema di tensioni

Si ha la componente perpendicolare alla sezione di gola


𝜎⊥ = 𝜎⊥𝑀𝑦
e la componente parallela, data dalla somma delle due tensioni di taglio, essendo nella
stessa direzione, è sufficiente fare la somma
𝜏// = 𝜏//T𝑦 + 𝜏//M𝑥
A causa della presenza di tensioni residue, dovute al riscaldamento e al
raffreddamento, durante il quale trattamento si ha il rilascio di campi di deformazione,
l’effetto della tensione media è di secondo ordine, rispetto agli effetti provocati dalle
attività termiche, quindi trascurabile.

37
6.4 Verifica a fatica

Per la saldatura in questione si sceglie la seguente categoria di unione saldata per


quanto riguarda le sollecitazioni a trazione-compressione, caratterizzata da

∆𝜎𝐴 = 80 [𝑀𝑃𝑎]
∆𝜎𝐷 ≅ 59 [𝑀𝑃𝑎]
∆𝜎𝐹 ≅ 32 [𝑀𝑃𝑎]

Per le sollecitazioni tangenziali si sceglie la seguente categoria, caratterizzata da

∆𝜏𝐴 = 80 [𝑀𝑃𝑎]
∆𝜏𝐹 = 36.6 [𝑀𝑃𝑎]

𝛾𝑠 = 1 𝑒 𝛾𝑚 = 1.35

6.4.1 Verifica a fatica ∆𝜎

Si effettua il conteggio dei cicli dei 𝜎⊥ tramite il metodo del 𝑅𝑎𝑖𝑛 𝐹𝑙𝑜𝑤 𝐶𝑜𝑢𝑛𝑡𝑖𝑛𝑔,
function "𝑡𝑖𝑚𝑒2𝑅𝐹𝐶", raddoppiando i valori, in quanto si sta lavorando con le ∆𝜎𝑖 , e
non con le tensioni alterne.
Per quanto riguarda le sollecitazioni di trazione-compressione, in tutto il range della
larghezza della sezione di gola 0.0075[𝑚] ≤ 𝑎 ≤ 0.015[𝑚], tutte le ∆𝜎𝑖 risultano
essere minori di ∆𝜎𝐷 , quindi per questa tipologia di sollecitazione non è richiesta
alcuna verifica a fatica. Nel caso, con l’utilizzo di altri segnali in ingresso, si ottengano
∆τ𝑖 e ∆σ𝑖 con valori maggiori di quelli limite, si procede con la loro combinazione.

6.4.2 Verifica a fatica ∆𝜏

Si effettua il conteggio dei cicli dei 𝜏// come è stato fatto per le 𝜎⊥ .
Nel range 0.0125[𝑚] ≤ 𝑎 ≤ 0.015[𝑚], tutte le ∆𝜏𝑖 risultano essere minori di
35 [𝑀𝑃𝑎], quindi per questi valori non è richiesta la verifica a fatica.
Nel il range 0.0075[𝑚] ≤ 𝑎 ≤ 0.0120[𝑚], si effettua la verifica a fatica in quanto
sono presenti valori di ∆𝜏𝑖 maggiori di 35 [𝑀𝑃𝑎].

38
Si procede adottando il metodo della Regola di Miner illustrata in precedenza; si
considerano i cicli di vita dell’elemento più sollecitato della struttura, l’elemento
SHELL numero 691, con 𝐿𝑖𝑓𝑒 = 3.479 ∙ 104 𝑐𝑖𝑐𝑙𝑖, se il valore ottenuto con la regola
di Miner è < 1 la saldatura è verificata, in quanto subisce rottura a fatica dopo che si
è verificata quella dell’elemento 691.

𝑛𝑖 3.479 ∙ 104 3.479 ∙ 104


∑ ∗= + +⋯
𝑛𝑖 𝑛1∗ 𝑛2∗

Si riportano i risultati per il range 0.0075[𝑚] ≤ 𝑎 ≤ 0.0120[𝑚]

𝑎 0.0075 0.008 0.0085 0.009 0.0095 0.01 0.105 0.011 0.0115 0.0120
𝑛𝑖
∑ 0.1354 0.1443 0.1526 0.1505 0.1544 0.1554 0.1551 0.1554 0.1544 0.1542
𝑛𝑖∗

Risultano essere tutti < 1, quindi la verifica è soddisfatta. Si determina la durata a


fatica in termini di cicli per ogni valore di 𝑎.

𝑎 0.0075 0.008 0.0085 0.009 0.0095 0.01 0.0105 0.011 0.0115 0.0120
𝐶𝑖𝑐𝑙𝑖
8.9681 8.4126 7.9571 8.0689 7.8625 7.8156 7.83 7.8141 7.8645 7.8739
𝑎 𝑓𝑎𝑡𝑖𝑐𝑎
∙ 107 ∙ 107 ∙ 107 ∙ 107 ∙ 107 ∙ 107 ∙ 107 ∙ 107 ∙ 107 ∙ 107

39
C ONCLUSIONI

Attraverso tale lavoro si è voluto analizzare l’effetto dovuto all’azione del vento su
un portale autostradale di tipo C realmente presente nelle autostrade italiane.
L’idea di questo lavoro è nata dopo i recenti episodi di rottura di vari segnali
autostradali di diverse dimensioni, accaduti in territorio nazionale; si riportano alcune
immagini di seguito.

Tramite l’analisi dei risultati FEM, eseguiti in ANSYS APDL ed in MATLAB, si è


giunti alla conclusione che la zona più vulnerabile e potenzialmente danneggiata della
struttura si trova in prossimità del giunto saldato tra montante e scatolare.
Proprio in questo punto è presente l’elemento SHELL n°691, che è stato sottoposto
ad un’analisi a fatica, e come è possibile vedere nelle foto, risulta essere la zona che
veramente subisce il maggiore danneggiamento.

40
L’elemento in questione, dai calcoli di verifica a fatica, risulta avere una vita pari a
3.479 ∙ 104 [𝑐𝑖𝑐𝑙𝑖] ∙ 180[𝑠] = 1739.5 [𝑜𝑟𝑒].
Essendo l’elemento 691 a diretto contatto con la saldatura, le tensioni presenti in
esso potrebbero causare deformazioni nei pressi della saldatura, la quale è in ogni
applicazione il punto più critico.
Ci sono rotture a fatica dovute a sollecitazioni gravose che vanno ad essere
amplificate a fatica nei punti in cui cambia la geometria e dove ci è stata un’attività
termica, dovuta appunto alla realizzazione della saldatura.
Il comportamento a fatica di questo giunto dipende molto dalla sua realizzazione;
in questo lavoro è stata presa in considerazione una possibile soluzione di saldatura, la
quale fornisce buoni risultati. Si è scelta questa soluzione in quanto non si hanno
informazioni precise di come sia la realizzazione della saldatura in quella sezione.
Un’applicazione futura potrebbe essere la simulazione con altri segnali del vento,
con intensità maggiore, per esempio nel caso di un “fortunale”, durante il quale il vento
raggiunge alte velocità, sollecitando maggiormente la struttura, eventi che sono
sempre più frequenti in Italia; ed altre simulazioni con diverse tipologie di saldatura.

41
B IBLIOGRAFIA

1. Fonti

CIANETTI Filippo, Appunti e Dispense di Progettazione in campo dinamico

BRACCESI Claudio, Appunti e Dispense di Progettazione e costruzione di macchine


JUVINALL Robert C., “Fondamenti della progettazione dei componenti delle
macchine”
BUDYNAS Richard G. and NISBETT J. Keith, “Shigley’s, Mechanical Engineering
Design”

2. Normative

CNR-UNI 10011-88

EN 1993-1-9, eurocode-3

42