Sei sulla pagina 1di 3

- MANUALE TECNICO

RIVETTI A STRAPPO estratto UNI 9200


edizione 02/1988

Prospetto 1 di 7
d1
dimensione nominale serie 1 serie 2

dimensioni in mm 2,40 5,00


0

3,0 + 0,08 - 0,10

3,20 6,50

4,00 8,50

4,80 10,0
0 - 1

5,00 + 0,08 - 0,15

6,00 12,0
0 - 1,5

6,40 13,0 13,0


- 1,5

d2 c k r

scostamento limite dimensione nominale Forma A scostamento limite.... dimensione nominale Forma B scostamento limite.... max. dimensione nominale Forma A scostamento limite.... Forma B =... max. dimensione nominale

- 0,70

0,80
0,15

6,50
0 - 0,70

8,00
0 - 1

10,0 0,40 1,50


0,3

12,0
0

0,30 1,00
0,2

1,30 1,30 0,30

2,0
0,4

2,0 2,0 0,5

0,80 0,20

1,00

1,50

2,0 0,4

Scostamento limite

4 6 8 +1 Le lunghezze di serraggio sono indicate nel prospetto 3, 10 - 0,2 12 16 20 1) 1) Le lunghezze l oltre i 20 mm devono essere incrementate con intervallo di 5 mm.

DIAMETRO DEL FORO PASSANTE

17
Prospetto 2 di 7 - Diametro del foro passante
d1 d3 dimensione nominale scostamento limite 2,40 2,50
+ 0,05 0

dimensioni in mm 4,00 4,10


+ 0,1 0

3,00 3,10

3,20 3,30

4,80 4,90

5,00 5,10

6,00 6,10
+ 0,2 0

6,40 6,50

LUNGHEZZA DI SERRAGGIO

elementi di fissaggio filettati e accessori

% - pag. 25

rivetti a strappo

- MANUALE TECNICO

RIVETTI A STRAPPO estratto UNI 9200


edizione 02/1988

A) Corpo di alluminio e mandrino in acciaio o acciaio inossidabile.

Prospetto 3 di 7 - Lunghezza di serraggio


d1 l 4 6 8 10 12 16 20 25 30 35 40 45 50 2,4 0,5 a 2,0 a 4,0 a 2,0 4,0 6,0 3 0,5 1,5 3,5 5,5 7,0 9,0 13,0 17,0 a a a a a a a a 3,2 4 4,8 Campo di lunghezza di serraggio 1,5 3,5 1,5 a 3,0 2,0 5,5 3,0 a 5,0 3,0 7,0 5,0 a 6,5 4,5 9,0 6,5 a 8,5 6,0 13,0 8,5 a 12,5 8,0 17,0 12,5 a 16,5 12,0 22,0 16,5 a 21,5 16,0 21,0 25,0 30,0 35,0 40,0 5 a a a a a a a a a a a a 3,0 4,5 6,0 8,0 12,0 16,0 21,0 25,0 30,0 35,0 40,0 45,0 6 a a a a a a a a a a a

dimensioni in mm 6,4 a a a a a -

2,0 4,0 6,0 8,0 11,0 15,0 20,0 24,0 29,0 34,0 39,0

4,0 6,0 8,0 2,0 11,0 6,0 15,0 10,0 20,0 14,0 24,0 18,0 29,0 34,0 39,0 44,0

6,0 10,0 14,0 18,0 23,0

B) Corpo di acciaio e mandrino in acciaio.

Prospetto 4 di 7 - Lunghezza di serraggio


d1 l 6 8 10 12 16 20 25 30 35 3 0,5 3,0 5,0 7,0 9,0 12,5 3,2 a 3,0 a 5,0 a 7,0 a 9,0 a 12,5 a 16,5 4 4,8 5 Campo di lunghezza di serraggio 0,5 a 2,5 2,5 a 4,5 2,0 a 4,0 4,5 a 6,5 4,0 a 6,0 6,5 a 8,5 6,0 a 8,0 8,5 a 12,0 8,0 - 11,0 12,0 a 16,0 11,0 - 15,0 16,0 a 21,0 15,0 - 20,0 20,0 - 25,0 25,0 - 30,0 6

dimensioni in mm 6,4 fino a 3,0 3,0 a 6,0 6,0 a 13,0 13,0 a 17,0 -

2,5 4,5 6,5 10,5 14,5

a 4,5 a 6,5 a 10,5 - 14,5 - 19,5 -

C) Corpo di acciaio inossidabile o cupronichel e mandrino in acciaio o acciaio inossidabile.

Prospetto 5 di 7 - Lunghezza di serraggio


d1 l 6 8 10 12 16 20 25 3 1,0 3,0 5,0 7,0 a a a a 3,0 5,0 7,0 9,0 3,2 4 Campo di lunghezza di serraggio 1,0 a 2,5 2,5 a 4,5 4,5 a 6,5 6,5 a 8,5 8,5 a 12,0 12,0 a 16,0 16,0 a 21,0 4,8 1,0 2,0 4,0 6,0 8,0 11,0 15,0

dimensioni in mm 5 a 2,0 a 4,0 a 6,0 a 8,0 a 11,0 a 15,0 - 20,0

ESECUZIONE
Al momento della fornitura del rivetto, il corpo e il mandrino devono essere uniti in modo da non essere persi. Il mandrino incastrato deve essere tale che l'accoppiamento possa essere eseguito con sicurezza di funzionamento. La coassialit del foro del corpo e della testa del mandrino incastrato deve essere tale da garantire la formazione della testa ribadita.

PRESCRIZIONI TECNICHE
Materiali: Corpo - Alluminio P-Al Mg 2,5 UNI 3574 - Acciaio Fe P02 UNI 5866 - Acciaio inossidabile A2 secondo UNI 7323/8 - Cupronichel Cu Ni 30 UNI 7280/1

Mandrino - Filo di acciaio con carico unitario di rottura Rm = 500 N/mm2 - Filo di acciaio inossidabile A2 secondo UNI 7323/8 Altri materiali devono esere concordati. rivetti a strappo % - pag. 26 elementi di fissaggio filettati e accessori

- MANUALE TECNICO

RIVETTI A STRAPPO estratto UNI 9200


edizione 02/1988

SUPERFICIE
La superficie del corpo e del mandrino di acciaio deve essere protetta con zincatura elettrolitica Fe/Zn 5c 2C UNI ISO 2081. La superficie del corpo di alluminio, acciaio inossidabile e cupronichel deve essere naturale (senza protezione superficiale). Altro trattamento superficiale o rivestimento metallico deve essere concordato.

SOLLECITAZIONE AL TAGLIO
Con idonei sistemi di prova si devono superare i carichi di taglio del prospetto seguente.

Prospetto 6 di 7 - Carico minimo di taglio


Materiale del corpo Al Fe A2 Cu Ni 2,4 300 3 500 800 1 600 800 Diametro d1 3,2 4 4,8 Carico minimo di taglio in N 600 800 1 400 1 000 1 500 2 400 1 800 2 500 3 800 1 000 1 500 2 300 5 1 600 2 600 4 200 6 2 500 3 300 6,4 2 800 3 600 -

RESISTENZA A SFILAMENTO O TRAZIONE


Con idonei sistemi di prova si devono superare i carichi di resistenza a sfilamento o trazione del prospetto seguente.

Prospetto 7 di 7 - Carico minimi di resistenza a trazione


Materiale del corpo Al Fe A2 Cu Ni 2,4 300 3 400 900 2 000 900 Diametro d1 3,2 4 4,8 Carico minimo di taglio in trazione in N 500 800 1 200 1 100 2 000 3 000 2 300 3 500 4 500 1 100 2 000 3 000 5 1 300 3 200 5 000 6 2 000 3 800 6,4 2 100 4 000 -

CONDIZIONI DI FORNITURA
La conformit alle prescrizioni tecniche della presente norma, se richiesta all'ordinazione, deve essere attestata o dichiarata con documenti, Il tipo di collaudo deve essere concordato tra le parti. CAMPO DI APPLICAZIONE: Questa norma specifica il dimensionamento, i materiali, l'esecuzione, il rivestimento metallico, le sollecitazioni di taglio, la resistenza allo sfilamento e le condizioni di fornitura dei rivetti a strappo. I rivetti sono costituiti da un corpo e da un mandrino. Il corpo l'elemento di fissaggio. Il mandrino serve per inserire e plasmare il corpo nell'alloggiamento ( foro passante ); sar poi eliminato ed per questo ultimo scopo che ha un punto di rottura preimpostato. Il mandrino viene inserito e bloccato in una determinata posizione all'interno del corpo con sistemi che garantiscono il rispetto di propri requisiti tecnici. Quando il corpo sar adeguatamente montato il mandrino si spaccher in corrispondenza del punto di rottura e uno o i due pezzi saranno eliminati. I rivetti sono particolarmente adatti alla rivettatura di elementi nei quali la testa ribadita non di massima accessibile. Se i rivetti sono impiegati per lavorazioni automatiche sono necessari particolari accordi all'ordinazione. Se fossero richieste prescrizioni particolari aggiuntive a questa norma, si raccomanda di sceglierle tra le normative esistenti ( come indicazione vedere alla sezione Riferimenti ). NOTE: Le parti non quotate non sono vincolate dalla presente norma.

17

IMPORTANTE : Alla data di stesura del presente manuale la norma UNI 9200 quella vigente perch non ancora sostituita da norme ISO (o ISO EN). Le caratteristiche generali (classi di resistenza, materiali, tolleranze) sono indicate con le vecchie norme e sigle della UNI. L'evoluzione internazionale del settore stata tale che molte norme UNI, specialmente quelle relative a classi di resistnza, materiali, tolleranze dimensionali, sono state sostituite a volte con SOSTANZIALI VARIAZIONI. E' EVIDENTE che in questa fase di TRANSIZIONE la citazione delle caratteristiche possa risultare non aggiornata. Per questo si raccomanda di consultare le normative ISO che trattano in merito ( come indicazione vedere alla sezione Riferimenti ). I nostri tecnici di Sede sono a disposizione per ulteriori informazioni o approfondimenti.

elementi di fissaggio filettati e accessori

% - pag. 27

rivetti a strappo