Sei sulla pagina 1di 356

Corso di Studi in

Ingegneria Elettronica
INDICE
CORSO DI STUDIO IN INGEGNERIA ELETTRONICA ....................................................................................... 5
INFORMAZIONI UTILI........................................................................................................................................... 8
LAUREA DI I LIVELLO CURRICULUM PER GLI IMMATRICOLATI NELL’A.A. 2008/09 ............................................. 11
LAUREA DI II LIVELLO CURRICULUM PER GLI IMMATRICOLATI NELL’A.A. 2008/09............................................ 13
MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2008/09 LAUREA I LIVELLO....................................................................... 15
MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2008/09 LAUREA SPECIALISTICA............................................................. 18
PROGRAMMI DEGLI INSEGNAMENTI ............................................................................................................. 22
ANTENNE .............................................................................................................................................................. 23
ANTENNE II........................................................................................................................................................... 25
APPLICAZIONI DELLE IPERFREQUENZE ........................................................................................................ 27
APPLICAZIONI DI POTENZA DELLE MICROONDE ........................................................................................ 29
ARCHITETTURA DEI SISTEMI INTEGRATI ..................................................................................................... 30
AUTOMAZIONE DEI SISTEMI ELETTRICI (10 CFU)........................................................................................ 31
AUTOMAZIONE DEI SISTEMI ELETTRICI INDUSTRIALI (5 CFU) ................................................................ 33
BASI DI DATI......................................................................................................................................................... 35
CAD DI DISPOSITIVI E CIRCUITI DI POTENZA ............................................................................................... 37
CAD DI DISPOSITIVI ELETTRICI E MAGNETICI ............................................................................................. 39
CAMPI ELETTROMAGNETICI ( 12 CFU) ........................................................................................................... 40
CAMPI ELETTROMAGNETICI (I MOD) ............................................................................................................. 42
CAMPI ELETTROMAGNETICI (II MOD)............................................................................................................ 43
CHIMICA................................................................................................................................................................ 44
CIRCUITI DIGITALI (9 CFU)................................................................................................................................ 46
CIRCUITI ELETTRONICI DI POTENZA PER LE FONTI RINNOVABILI (5 CFU) ........................................... 48
CIRCUITI PER LE FONTI RINNOVABILI (6 CFU) ............................................................................................. 49
CIRCUITI ELETTRONICI DI POTENZA (5 CFU ) ............................................................................................... 51
CIRCUITI ELETTRONICI DI POTENZA (9 CFU)................................................................................................ 53
CIRCUITI ELETTRONICI DI POTENZA II (5 CFU) ............................................................................................ 55
CODIFICA E COMPRESSIONE DELL'INFORMAZIONE................................................................................... 57
COMPATIBILITÁ ELETTROMAGNETICA ........................................................................................................ 59
COMPLEMENTI DI DISPOSITIVI ELETTRONICI ............................................................................................. 61
COMPLEMENTI DI ELETTROMAGNETISMO .................................................................................................. 62
COMPLEMENTI DI ELETTROTECNICA ............................................................................................................ 64
COMPONENTI E CIRCUITI OTTICI .................................................................................................................... 65
COMUNICAZIONI ELETTRONICHE .................................................................................................................. 67
COMUNICAZIONI RADIOMOBILI ..................................................................................................................... 69
CONTROLLI AUTOMATICI................................................................................................................................. 71
ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE........................................................................................... 72
ELABORAZIONE NUMERICA DEI SEGNALI (5CFU) ...................................................................................... 74
ELABORAZIONE NUMERICA DEI SEGNALI (9CFU) ...................................................................................... 76
ELEMENTI DI SISTEMI ELETTRONICI DI POTENZA...................................................................................... 78
ELETTRONICA...................................................................................................................................................... 79
ELETTRONICA ANALOGICA ............................................................................................................................. 81
ELETTRONICA DELL’AUTOMAZIONE ............................................................................................................ 82
ELETTRONICA DELLE TELECOMUNICAZIONI.............................................................................................. 83
ELETTRONICA DIGITALE .................................................................................................................................. 84
ELETTRONICA DI POTENZA .............................................................................................................................. 85
ELETTRONICA INDUSTRIALE NEI SISTEMI DI PRODUZIONE .................................................................... 87
ELETTRONICA PER IL FOTOVOLTAICO.......................................................................................................... 89
ELETTROTECNICA (12 CFU) .............................................................................................................................. 90
ELETTROTECNICA II........................................................................................................................................... 92
FIBRE OTTICHE .................................................................................................................................................... 94
FISICA .................................................................................................................................................................... 96
FONDAMENTI DI ANALISI DEI SEGNALI E TRASMISSIONE (I MOD) ......................................................... 99
FONDAMENTI DI ANALISI DEI SEGNALI E TRASMISSIONE (II MOD)...................................................... 101
2
FONDAMENTI DI AUTOMATICA .................................................................................................................... 103
FONDAMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI............................................................................................... 104
FONDAMENTI DI INFORMATICA.................................................................................................................... 106
FONDAMENTI DI ELETTRONICA (9 CFU) ...................................................................................................... 108
FONDAMENTI DI ELETTRONICA (12 CFU) .................................................................................................... 110
FONDAMENTI DI MISURE ................................................................................................................................ 112
FOTOVOLTAICO E OPTOELETTRONICA....................................................................................................... 114
INGEGNERIA E TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO .................................................................... 116
INQUINAMENTO E RISCHIO ELETTROMAGNETICO .................................................................................. 118
LABORATORIO DI ANALISI DEI SEGNALI .................................................................................................... 119
LABORATORIO DI ELETTRONICA (3 CFU).................................................................................................... 121
MACCHINE, ALGORITMI E STRUTTURE DATI............................................................................................. 122
MACCHINE ED IMPIANTI ELETTRICI ( 6 CFU) .............................................................................................. 124
MACCHINE, IMPIANTI ELETTRICI E SISTEMI DI POTENZA (9 CFU)......................................................... 126
MATEMATICA I .................................................................................................................................................. 128
MATEMATICA II................................................................................................................................................. 131
MATEMATICA III ............................................................................................................................................... 134
METODOLOGIE DI CONTROLLI AUTOMATICI ............................................................................................ 136
METODI DI PROGETTAZIONE ED ANALISI DEGLI ESPERIMENTI............................................................ 138
MICROELETTRONICA....................................................................................................................................... 140
MICROONDE ....................................................................................................................................................... 141
MISURE ALLE ALTE FREQUENZE .................................................................................................................. 143
MISURE ELETTRONICHE (6 CFU).................................................................................................................... 145
MISURE ELETTRONICHE (12 CFU).................................................................................................................. 147
MISURE PER L’AUTOMAZIONE E LA PRODUZIONE INDUSTRIALE ........................................................ 149
MISURE SULLE MACCHINE E SUGLI IMPIANTI ........................................................................................... 151
NANOELETTRONICA ........................................................................................................................................ 153
OTTICA E COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA.................................................................................... 155
PROGETTAZIONE DI SISTEMI INTEGRATI ................................................................................................... 157
PROGETTI ELETTRONICI ................................................................................................................................. 159
PROGRAMMAZIONE IN RETE ......................................................................................................................... 160
PROPAGAZIONE GUIDATA.............................................................................................................................. 162
RADIOPROPAGAZIONE ED IMPATTO AMBIENTALE (5CFU) .................................................................... 164
RADIOPROPAGAZIONE ED IMPATTO AMBIENTALE (6CFU) .................................................................... 166
RETI DI TELECOMUNICAZIONE ..................................................................................................................... 168
RETI LOGICHE .................................................................................................................................................... 170
ROBOTICA INDUSTRIALE................................................................................................................................ 171
SENSORI E RIVELATORI................................................................................................................................... 172
SENSORI E SISTEMI DI ACQUISIZIONE.......................................................................................................... 173
SISTEMI DI ELABORAZIONE ........................................................................................................................... 175
SISTEMI DI MISURA IN TEMPO REALE.......................................................................................................... 177
SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONE............................................................................................................... 179
SISTEMI ELETTRICI PER L’ENERGIA ............................................................................................................. 181
SISTEMI ELETTRICI INDUSTRIALI ................................................................................................................. 183
SISTEMI ELETTRONICI DI POTENZA ............................................................................................................. 185
SISTEMI E MISURE PER L’AUTOMAZIONE ................................................................................................... 187
SISTEMI VLSI (5 CFU) ........................................................................................................................................ 189
SISTEMI VLSI (6 CFU) ........................................................................................................................................ 191
SOFTWARE MATEMATICO .............................................................................................................................. 193
STATISTICA PER L’INGEGNERIA DI PROCESSO.......................................................................................... 194
STRUMENTAZIONE E SISTEMI AUTOMATICI DI MISURA......................................................................... 196
STRUMENTAZIONE VIRTUALE (5 CFU)......................................................................................................... 198
STRUMENTAZIONE VIRTUALE (6 CFU)......................................................................................................... 200
TECNICA ED ECONOMIA DELL’ENERGIA (5 CFU) ...................................................................................... 202
TECNICA ED ECONOMIA DELL’ENERGIA (6CFU) ....................................................................................... 204
TECNOLOGIE PER LA MICRO E NANOELETTRONICA................................................................................ 206

3
TELECOMUNICAZIONI NUMERICHE............................................................................................................. 208
TELERILEVAMENTO E DIAGNOSTICA ELETTROMAGNETICA................................................................ 210
TEORIA DEI FENOMENI ALEATORI ............................................................................................................... 212
TEORIA DEI SEGNALI: MODULO DI ELEMENTI DI PROBABILITÀ........................................................... 214
TEORIA DEI SEGNALI: MODULO DI ANALISI DEI SEGNALI...................................................................... 216
BREVE CURRICULUM DEI DOCENTI ............................................................................................................. 218

4
CORSO DI STUDIO IN INGEGNERIA ELETTRONICA

Dall’anno accademico 2008/09 si è avuta l’entrata in vigore del DM 270/04, che ristruttura
l’organizzazione didattica universitaria perseguendo due obiettivi principali: evitare la frammentazione
degli insegnamenti e favorire la mobilità studentesca tra diversi corsi di laurea. Seguendo le disposizioni di
questo nuovo Decreto Ministeriale il corso di studio in Ingegneria Elettronica è stato riorganizzato per
entrambi i corsi di laurea anche se per la laurea specialistica formalmente il titolo rilasciato è quello del DM
509. I curricula riportati per entrambi i corsi sono validi per gli immatricolati nell’a.a. 2008/09, mentre per
gli immatricolati negli anni precedenti non è stato apportato alcun cambiamento: l’offerta formativa
effettivamente erogata in questo anno accademico è dettagliata nel manifesto degli studi di seguito
riportato.

Laurea di primo livello

Obiettivi formativi
La figura del laureato in ingegneria elettronica è ben definita all’interno della classe dell’Ingegneria
dell’Informazione, la quale include anche le lauree in ingegneria informatica, delle telecomunicazioni ed
automatica. Essa è connotata all’interno della classe da maggiori competenze nel campo dei componenti,
dei dispositivi e dei sistemi elettronici per ciò che riguarda principalmente i principi fisici e le tecnologie
che sono alla base della loro realizzazione e del loro impiego.
Tra gli obiettivi formativi che caratterizzano il Corso di Studi in Ingegneria Elettronica dell’Università di
Salerno figura l’apprendimento di metodi matematici e statistici e di fondamenti dell’informatica e delle
misure che permettano al laureato in ingegneria elettronica di affiancare alle competenze elettrotecniche ed
elettroniche di base la capacità di rappresentare analiticamente i fenomeni fisici che sono alla base della
elettronica e di risolvere problemi legati all’analisi, alla caratterizzazione ed allo sviluppo di modelli di
componenti e dispositivi. Su queste competenze di base vengono innestati i contenuti metodologico-
applicativi delle diverse discipline indirizzati alla conoscenza dei principali sistemi elettronici di
telecomunicazione, di conversione dell’energia, di acquisizione, elaborazione e memorizzazione delle
informazioni. Questo favorisce l’acquisizione di numerose competenze interdisciplinari necessarie per
intervenire nella gestione, nel controllo e nella manutenzione di apparati e sistemi utilizzati nei più disparati
ambiti industriali e civili. Il laureato, inoltre, attraverso i curricula professionalizzanti matura una
particolare sensibilità verso tematiche quali l’automazione industriale, la compatibilità elettromagnetica e lo
sfruttamento e la gestione delle risorse energetiche che caratterizzano in modo trasversale quasi tutti i
settori industriali e dei servizi. La figura professionale che ne risulta è particolarmente indicata per
occupare nella libera professione o in imprese pubbliche o private manifatturiere e dei servizi il ruolo di:
ingegnere di produzione, gestore/manutentore di sistemi e processi, ingegnere della qualità di sistemi
elettronici, tecnico-commerciale per il marketing e per l’assistenza utenti di sistemi elettronici. All’interno
di gruppi di lavoro opportunamente coordinati può assolvere anche compiti di ricerca/sviluppo,
progettazione, produzione di componenti e sistemi complessi.
Organizzazione degli studi
Il Corso di Studio in Ingegneria Elettronica di primo livello è organizzato in modo da offrire allo studente
l’opportunità di conseguire al termine del triennio il titolo “professionalizzante” per una immissione nel
modo del lavoro o di proseguire senza debiti formativi gli studi nella Laurea Specialistica.
Per raggiungere tale peculiarità i contenuti e la successione temporale dei corsi sono concepiti in modo da
privilegiare uno sviluppo “bottom-up” nell’acquisizione delle conoscenze nelle varie discipline, spostando
progressivamente l’attenzione dal livello microscopico al sistema finale senza perdere di vista la realtà
fisica, assunta nel corso degli studi come unico riferimento del “saper fare”.
Il corso è strutturato in modo da fornire al termine del secondo anno le competenze di base, sia fisico-
matematiche che di tipo ingegneristico, che gli permettano di impadronirsi delle metodologie
ingegneristiche che saranno impartite nei corsi del 3 anno.
5
Il percorso formativo del laureato di primo livello in ingegneria Elettronica si articola su tre livelli:
a) formazione generale di base, nell'ambito della matematica, della fisica, della statistica applicata
all'ingegneria e dell’informatica
b) formazione nelle discipline ingegneristiche di base, con particolare riferimento agli aspetti inerenti i
circuiti elettrici, la teoria dei sistemi, l'analisi dei segnali ed i fondamenti dell’elettronica e delle misure.
c) formazione di natura propriamente caratterizzante, finalizzata all’acquisizione di competenze
interdisciplinari nel settore delle misure, dei campi elettromagnetici e dell’elettronica.
A partire dal terzo anno, il Corso di studi si articola su due distinti percorsi con obiettivi formativi
diversificati:
- un percorso formativo, orientato all'approfondimento degli aspetti metodologici e delle tecniche di
progettazione hardware e software di apparati e sistemi che possono intervenire nella produzione,
elaborazione e trasmissione delle informazioni. In particolare, al termine del ciclo formativo lo studente
dovrebbe aver acquisito una buona padronanza sull’impiego degli strumenti formali dell’elettromagnetismo
e delle telecomunicazioni per l’analisi di sistemi di trasmissione dell’informazione, sia guidata che
irradiata, sull’impiego di metodologie e strumenti di analisi dei sistemi di controllo, sul dimensionamento
delle macchine elettriche e sullo sviluppo dell’ hardware richiesto per l’elaborazione di informazioni, sia
analogiche che digitali.
- due percorsi professionalizzanti, orientati all'approfondimento di discipline anche esterne al settore
dell'informazione e che abbiano una precisa attinenza con i profili professionali che si andranno a definire
ai fini dell'inserimento dei laureati nel mondo del lavoro.
Tirocini Professionalizzanti e Formativi
Nei curricula professionalizzanti è previsto che lo studente svolga obbligatoriamente un’attività di tirocinio
da svolgere presso Industrie ed Enti di grande rilevanza nazionale che operano nei settori dell’Elettronica,
dell’Informatica e delle Telecomunicazioni, convenzionate con l’Area Didattica.
L’attività di tirocinio consente allo studente di completare l’esperienza formativa nel settore di interesse e
di entrare in contatto con le problematiche di progettazione e produzione, e di applicare le conoscenze
acquisite nel corso degli studi.
Per tutti gli studenti del Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Elettronica che decidono di intraprendere
il curriculum specialistico, l’Area Didattica offre la possibilità di svolgere un tirocinio formativo, attraverso
la partecipazione ad un ciclo di seminari tenuti da importanti dirigenti di aziende e di insigni rappresentanti
sulle problematiche dell’innovazione tecnologica, della ricerca scientifica e della ricerca applicata nei vari
settori dell’Ingegneria dell’ICT, e sulle problematiche e prospettive occupazionali del settore.
Ammissione al Corso di Studio in Ingegneria Elettronica
Ai fini dell’accesso al Corso di Studi è prevista una prova che serve allo studente sia come autovalutazione,
sia come titolo di ammissione. L’iscrizione al Corso di Studi è subordinata al rispetto dei termini per la
prescrizione ed al sostegno obbligatorio del test di accesso che consiste in quesiti a risposte multiple, in
elaborazioni logiche ed esercizi per la cui risoluzione si richiedono buone conoscenze pre-universitarie di
base. Se la verifica non è positiva vengono indicati specifici obblighi formativi aggiuntivi da soddisfare nel
primo anno di corso, attraverso la frequenza a corsi di recupero, organizzati dalla Facoltà, che consentono
di acquisire i crediti necessari al saldo del debito formativo iniziale. Tali corsi sono concentrati nel mese di
Settembre e consistono di attività frontali per il riepilogo di conoscenze di base di Matematica, Fisica ed
Informatica. Nel caso che l’esito del test di ingresso sia fortemente negativo, lo studente potrà differire la
sua immatricolazione, seguire i corsi di recupero, ed affrontare nuovamente il test per verificare il recupero
dei debiti formativi.

Laurea specialistica
La Laurea Magistrale in Ingegneria Elettronica intende fornire allo studente una spiccata padronanza nella
progettazione di apparati elettronici di una certa complessità, dotandolo delle conoscenze adatte a gestire ed
innovare tecnologie, processi e sistemi impiegati nei diversi settori economici, da quello della produzione
industriale a quello dei servizi, incluso il settore commerciale. La sua formazione dovrà essere trasversale
in modo da poter trasferire e sfruttare le competenze acquisite nel campo dell’Ingegneria dell’Informazione
6
in altri settori, quali l’elettrico, il meccanico, il civile e l’ambientale. Il laureato avrà conoscenze sufficienti
per valutare l’impatto delle tecnologie dell’informazione in questi settori, per contribuire al loro sviluppo
ed operare sinergicamente con gruppi di ricerca.
Per maggiori dettagli sulle iscrizioni e sul riconoscimento delle carriere si rimanda al regolamento didattico
della Facoltà di Ingegneria.

Attività di ricerca
Nel CdS in Ingegneria Elettronica confluiscono sia docenti provenienti dal settore dell’ingegneria
dell’informazione, con particolare riferimento alle aree dei Campi Elettromagnetici, dell’Elettronica e delle
Misure Elettroniche, sia dalle aree Elettrotecnica e Sistemi del settore dell’ingegneria industriale.
Una stretta integrazione tra i settori caratterizza le attività di ricerca portate avanti dai docenti del CdS su
tematiche di interesse internazionale quali nuove tecnologie e materiali, nuove tecnologie per dispositivi e
sistemi elettronici, fonti di energia rinnovabili, compatibilità elettromagnetica, automazione dei processi e
dei servizi, automotive e trasporti.

Piani di studio
Gli studenti possono presentare piani di studio la cui approvazione è deliberata dal Consiglio di Area
Didattica. I termini e le modalità di presentazione dei suddetti piani sono stabiliti dalla programmazione
annuale della didattica nel calendario di Ateneo.

Frequenza ai corsi
La frequenza ai corsi è obbligatoria.
Modalità di frequenza
Gli insegnamenti sono erogati in presenza con frequenza obbligatoria.
Lingua di insegnamento
Italiano
Sede e Orario
I corsi sono erogati presso la Facoltà di Ingegneria. Si consulti il sito di Facoltà
(http://www.ingegneria.unisa.it/) per l’indicazione dell’orario e delle aule.

7
INFORMAZIONI UTILI

Richieste di partecipazione ai tirocini


Le offerte di tirocinio possono essere consultate sulla bacheca dell’Area Didattica di Ingegneria
dell’Informazione presso la Facoltà di Ingegneria (Inv. 9C, piano 3°), all'esterno dell'Ufficio Tirocini.

Per candidarsi è sufficiente consultare il sito di Area Didattica di Ingegneria dell’Informazione


http://www.adinf.unisa.it/ o, compilare on-line la domanda di partecipazione.

La domanda dove essere presentata nel periodo 1 settembre - 31 dicembre e ha validità per un anno
accademico. Essa dovrà essere ripresentata qualora non possa aver seguito durante l'anno di validità.

Presentazione dei Piani di Studio


I Piani di studio vanno presentati alla Segreteria Studenti di Ingegneria, entro la data deliberata dal Senato
Accademico (tipicamente metà Settembre). Successivamente lo studente riceverà comunicazione
sull'eventuale approvazione del Piano di Studio o sulle richieste di emendamento dal Consiglio di Area
Didattica di Ingegneria dell’Iinformazione..

Richieste di partecipazione a programmi di mobilità internazionale


Lo studente interessato può aderire al programma di mobilità studentesca Erasmus che consente loro di
svolgere un periodo di studi all’estero presso una delle Università straniere che hanno stabilito un accordo
di mobilità. Le Università straniere che hanno stretto accordi di mobilità con l’Area Didattica di Ingegneria
dell’Informazione.
Il programma Erasmus consente allo studente di formulare un piano di studio in cui alcuni insegnamenti
dell’Università di provenienza sono sostituiti con insegnamenti presenti nell’offerta didattica
dell’Università ospitante e/o svolgere attività di tirocinio e di tesi.
L’istruttoria per la partenza prevede la compilazione del Learning Agreement che contiene le indicazioni
sugli insegnamenti che si intendono seguire all’estero e i relativi esami che saranno sostenuti.
Sul sito Web dell’Area Didattica di Ingegneria dell’Informazione sono disponibili tutte le convenzioni
stipulate, i regolamenti, e le informazioni necessarie allo studente per perfezionare la richiesta di mobilità e
per provvedere all’accreditamento degli esami superati al rientro.
Sono attive convenzioni con prestigiose Università Europee dei principali paesi: Germania, Gran Bretagna,
Irlanda, Portogallo, Romania, Spagna e Svezia.

Prenotazione dei test di lingua Inglese


I crediti riservati alla Conoscenza della Lingua si possono conseguire soltanto attraverso un apposito TEST,
che viene svolto due volte l’anno presso il CLA (Centro Linguistico d’Ateneo) (orientativamente a Gennaio
ed a Luglio). Il risultato del TEST è espresso nel sistema ALTE ed è di riferimento per l’eventuale
acquisizione dei crediti.
Il requisito minimo richiesto nella Conoscenza della Lingua Straniera è rappresentato dal Livello II
(Threshold User) della ALTE (Association of Language Testers in Europe) corrispondente al PET
(Preliminary English Test) utilizzato per la Lingua Inglese.
Le prenotazioni per lo svolgimento del test si effettuano presso la Segreteria di Area Didattica di Ingegneria
dell’Informazione nei periodi indicati nella bacheca e sul sito web http://www.adinf.unisa.it/

Procedura rilevazione elettronica presenze studenti


Gli studenti iscritti ad una laurea triennale (Ingegneria Chimica, Ingegneria Civile, Ingegneria Civile per
l’Ambiente e il Territorio, Ingegneria Elettronica, Ingegneria Gestionale, Ingegneria Informatica,
Ingegneria Meccanica) o alla laurea a ciclo unico (Ingegneria Edile-Architettura) hanno l’obbligo di

8
frequentare i corsi e di attestare la presenza in aula con il tesserino magnetico personale (badge). La
frequenza, secondo i limiti stabiliti dalla Facoltà, è condizione necessaria per sostenere gli esami di profitto
dei singoli insegnamenti. Non esistono altre procedure che permettano all’allievo di certificare la presenza
in aula. Eccezioni sono previste unicamente per le matricole (I° anno - l° semestre) fino alla consegna del
badge e per gli studenti che hanno richiesto alla segreteria un duplicato del tesserino magnetico.
Pertanto, per attestare correttamente la presenza in aula mediante la procedura elettronica lo studente deve:
avere sempre con se il tesserino personale; la mancanza del badge al momento della rilevazione delle
presenze non consente di accedere alla procedura elettronica e quindi determina un’assenza alla lezione:
- verificare, prima di utilizzare il proprio badge, che il docente abbia attivato la sessione di
rilevazione delle presenze; l’impiego del tesserino prima delle operazioni di apertura o dopo la
chiusura della procedura è considerata come anomalia dal sistema e quindi determina un’assenza
alla lezione;
- utilizzare il tesserino con la banda magnetica rivolta in alto, da sinistra verso destra ed impiegando
indifferentemente i terminali slave o master presenti nell’aula; il corretto passaggio del badge è
seguito da un unico suono “BEEP” (lettura valida);
- ripetere l’operazione soltanto nel caso di anomalia diagnosticata con una sequenza di tre suoni
“BEEP” (lettura errata); l’utilizzo del badge per più di una lettura valida (unico “BEEP”) -
all’interno della stessa sessione di rilevazione - è considerata un’anomalia dalla procedura e quindi
determina un’assenza alla lezione.
Con l’anno accademico 2007/2008 è terminato il periodo di sperimentazione della procedura elettronica di
rilevazione presenze, pertanto, la Facoltà non assisterà più gli studenti nel modificare e/o correggere
anomalie determinate da un errato utilizzo della procedura. È necessario, dunque, che l’allievo si attenga a
quanto sopra indicato al fine di ottenere una corretta contabilizzazione delle proprie presenze.

9
Contatti e riferimenti

Presidente dell’Area Didattica di Ingegneria dell’Informazione: Prof. Mario VENTO,


Tel. 089/964224, E-mail: mvento@unisa.it

Segreteria dell’Area Didattica


Orario di Ricevimento: lunedì, mercoledì e giovedì dalle 10.00 alle 12.00
Tel: 089/964167 E-mail: adinf@unisa.it;

Altri Contatti Utili per gli Studenti:

Coordinatore Commissione Orari


Ing. Vincenzo MATTA
Tel: 089/964301; e-mail: vmatta@unisa.it

Coordinatore Commissione Tutorato


Prof. Pasquale CHIACCHIO
Tel: 089/964306; e-mail: pchiacchio@unisa.it

Coordinatore Commissione Piani di Studio


Prof. Giovanni RICCIO
Tel: 089/964285; e-mail: riccio@diiie.unisa.it

Coordinatore Commissione Tirocini


Prof. Lucio Ippolito
Tel: 089/964285; e-mail: ippolito@unisa.it

Responsabile Relazioni Internazionali


Prof. Angelo MARCELLI
Tel: 089/964274; e-mail amarcelli@unisa.it
1

10
LAUREA DI I LIVELLO Curriculum per gli Immatricolati nell’A.A. 2008/09

I ANNO Semestre Cfu SSD


Matematica I I 9 MAT/05
Fisica (mod. 1) I 6 FIS/01
Fondamenti di Informatica I 6 ING-INF/05
I Insegnamento a scelta I 6 scelta
Fisica (mod. 2) II 6 FIS/01
Macchine, Algoritmi e Strutture Dati II 9 ING-INF/05
Matematica II II 9 MAT/05

TOTALE ANNO I 51 6 ESAMI

II ANNO Cfu SSD


Teoria dei segnali: Modulo di Elementi di Probabilità 6 SECS-S/02
Teoria dei segnali: Modulo di Analisi dei Segnali 3 ING-INF/03
Elettrotecnica 12 ING-IND/31
Matematica III 6 MAT/05
Misure elettroniche 12 ING-INF/07
Fondamenti di Elettronica 12 ING-INF/01
Campi Elettromagnetici 12 ING-INF/02

TOTALE ANNO II 63 6 ESAMI

III ANNO (PERCORSO FORMATIVO) Cfu SSD


Elettronica 12 ING-INF/01
Macchine, Impianti e Sistemi di Potenza 9 ING-IND/33
Comunicazioni Elettroniche 6 ING-INF/03
Sistemi VLSI 6 ING-INF/01
Fondamenti di Controlli Automatici 9 ING-INF/04
Propagazione Guidata 12 ING-INF/02
II Insegnamento scelta 6 a scelta
Tirocinio formativo 3 altro
Prova finale 3 altro

TOTALE ANNO III (PERCORSO FORMATIVO) 66 6 ESAMI

TOTALE CdS (su FORMATIVO) 180 ESAMI TOTALI 18

11
III ANNO (PERCORSO PROFESSIONALIZZANTE 1) Cfu SSD
Elettronica 12 ING-INF/01
Macchine e Impianti Elettrici 6 ING-IND 33
Fondamenti di Controlli Automatici 9 ING-INF/04
Comunicazioni Elettroniche 6 ING-INF/03
Sistemi VLSI 6 ING-INF/01
Tecnica ed Economia dell'Energia 6 ING-IND/33
Circuiti per le Fonti Rinnovabili 6 ING-IND/31
II insegnamento a scelta 6 a scelta
Tirocinio professionalizzante 6 altro
Prova finale 3 altro

TOTALE ANNO III (PERCORSO PROFESSIONALIZZANTE) 66 NUM ESAMI 7

TOTALE CdS (su PROFESSIONALIZZANTE) 180 ESAMI TOTALI 19

III ANNO (PERCORSO PROFESSIONALIZZANTE 2) Cfu SSD


Elettronica 12 ING-INF/01
Macchine e Impianti Elettrici 6 ING-IND 33
Fondamenti di Controlli Automatici 9 ING-INF/04
Comunicazioni Elettroniche 6 ING-INF/03
Strumentazione Virtuale 6 ING-INF/07
Radiopropagazione ed Impatto Ambientale 6 ING-INF/02
ING-INF02
Misure alle Alte Frequenze 6
ING-INF07
II insegnamento a scelta 6 a scelta
Tirocinio professionalizzante 6 altro
Prova finale 3 altro

TOTALE ANNO III (PERCORSO PROFESSIONALIZZANTE) 66 NUM ESAMI 7

TOTALE CdS (su PROFESSIONALIZZANTE) 180 ESAMI TOTALI 19

I Insegnamento a scelta: SCELTE SUGGERITE Cfu SSD


Economia ed Organizzazione Aziendale 6 SECS-P/07
Chimica 6 CHIM/07

II Insegnamento a scelta: SCELTE SUGGERITE Cfu SSD


Laboratorio di Elettronica 6 ING-INF/01

12
LAUREA DI II LIVELLO Curriculum per gli Immatricolati nell’A.A. 2008/09

I Anno Semestre Cfu SSD


Circuiti Elettronici di potenza I 9 ING-IND/31
Sistemi Elettronici di Potenza I 9 ING-IND/33
Elettronica di Potenza I 9 ING-INF/01
Antenne II 9 ING-INF/02
Elaborazione numerica dei segnali II 9 ING-INF/03
Strumentazione e Sistemi Automatici di Misura II 9 ING-INF/07

TOTALE ANNO I 54 6 ESAMI

II Anno (insegnamenti comuni) Cfu SSD


Ottica e Compatibilità E.M. 10 ING-INF/02
Fotovoltaico ed Optoelettronica 10 ING-INF/01
Metodologie di Controlli Automatici 5 ING-INF/04
ING-INF/01 - ING-
Sensori e Sistemi di acquisizione 10
INF/07
Insegnamento di orientamento 10 -
Insegnamento a scelta 10 a scelta
Sviluppo di un elaborato di progettazione + Prova finale 11 altro

TOTALE ANNO II 66 6 ESAMI

TOTALE CdS 120 ESAMI TOTALI 12

II Anno (percorso Tecnologie, Circuiti e Sistemi) Cfu SSD


Tecnologie per la Micro e Nanoelettronica 10 ING-INF01

TOTALE ANNO II 10 6 ESAMI

TOTALE CdS 19 ESAMI TOTALI 12

II Anno (percorso Automazione Industriale) Cfu SSD


Sistemi e Misure per l'Automazione 10 ING-INF/07

TOTALE ANNO II 10 6 ESAMI

TOTALE CdS 64 ESAMI TOTALI 12

II Anno (percorso Elettromagnetismo applicato) Cfu SSD


Complementi di Elettromagnetismo 10 ING-INF/02

TOTALE ANNO II 10 6 ESAMI

TOTALE CdS 130 ESAMI TOTALI 12

13
II Anno (percorso Energia) Cfu SSD
Sistemi Elettrici per l'Energia 10 ING-IND/33

TOTALE ANNO II 10 6 ESAMI

TOTALE CdS 74 ESAMI TOTALI 12

Insegnamenti a scelta: SCELTE SUGGERITE PER I


PERCORSI
Tecnologie, Circuiti e Sistemi Cfu SSD
Progettazione di Sistemi Integrati 10 ING-INF01

Elettromagnetismo applicato Cfu SSD


Applicazioni delle iperfrequenze 10 ING-INF/02

Automazione Industriale Cfu SSD


Automazione dei Sistemi Elettrici 10 ING-IND33

Energia
CAD di Dispositivi e Circuiti di Potenza 10 ING-IND31

14
MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2008/09 LAUREA I LIVELLO

ARTICOLAZIONE DEL I ANNO – Immatricolati A.A. 2008/09


Insegnamento CFU Propedeuticità
1° Semestre

Matematica I 9
Fisica (mod. 1) 6
Fondamenti di Informatica 6
I Insegnamento a scelta 6
Fisica (mod. 2) 6
2° Sem

Macchine, Algoritmi e Strutture Dati 9 Fondamenti di Informatica


Matematica II 9 Matematica I

I INSEGNAMENTO A SCELTA
Insegnamento CFU Propedeuticità
Economia e organizzazione aziendale 6
Chimica 6

ARTICOLAZIONE DEL II ANNO – Immatricolati A.A. 2007/08


Insegnamento CFU Propedeuticità
Elettrotecnica II 6 Elettrotecnica I
1° Semestre

Fondamenti di Misure 6 Elettrotecnica I, Matematica II


Matematica III 6 Matematica II
Fondamenti di Analisi dei Segnali -e
3 Matematica II
Trasmissione (I Mod.)
Fondamenti di Elettronica 9 Elettrotecnica I, Fisica II, Matematica II
Fondamenti di Analisi dei Segnali -e Elementi di Prob. e Stat. per l'Ing. ,Mat.
6
Trasmissione (II Mod.) III, Fond. di Analisi dei Seg. e Trasm. (I)
2° Semestre

Macchine e Impianti Elettrici 6 Elettrotecnica II


Campi Elettromagnetici (I mod) 6 Matematica III, Fisica II
Elettronica Digitale 6 Fondamenti di Elettronica
Fondamenti di Automatica 6 Matematica III

15
ARTICOLAZIONE DEL III ANNO – Immatricolati A.A. 2006/07
Insegnamento CFU Propedeuticità
Fondamenti di Elettronica, Elettrotec. II,
Elettronica Analogica 6
Fondamenti di Automatica
1° Semestre

2° Insegnamento a scelta 3
Fondamenti di Misure, Elettrotecnica II,
Misure Elettroniche 6
Fondamenti di Elettronica
Campi Elettromagnetici (II mod) 6 Campi Elettromagnetici (I mod)
Insegnamenti di Curriculum 6
Macchine e Impianti Elettrici, Fondamenti
Elementi di Sistemi Elettronici di Potenza 3
di Elettronica
Altri insegnamenti di Curriculum
15
2° Semestre

Tirocinio
9

Prova Finale 6

II INSEGNAMENTO A SCELTA
Insegnamento CFU Propedeuticità
Software Matematico 3 Matematica II, Fondamenti di Informatica
Reti Logiche 3 Fondamenti di Informatica
Fondamenti di Elettronica, Fondamenti di
Laboratorio di Elettronica 3
Misure
Fondamenti di Analisi dei Segnali e
Laboratorio di Analisi dei Segnali 3
Trasmissione (II mod)

16
CURRICULA PROFESSIONALIZZANTI E FORMATIVI
(Immatricolati A.A. 2006/07)
CURRICULUM SPECIALISTICO
Insegnamento CFU Propedeuticità
Teoria dei fenomeni Aleatori 5 Fond. di Analisi dei Segnali e Trasm. (II mod)
Microonde 5 Campi Elettromagnetici (II mod)
Controlli Automatici 3 Fondamenti di Automatica
Complementi di Dispositivi ------------
5 Elettronica Digitale
Elettronici
Complementi di Elettrotecnica 3 Elettrotecnica II
CURRICULUM PROFESSIONALIZZANTE HARDWARE
Insegnamento CFU Propedeuticità
Sistemi VLSI 5 Elettronica Digitale, Fondamenti di Misure
Elettronica delle Telecomunicazioni 5 Elettronica Digitale, Fondamenti di Misure
Fibre Ottiche 5 Campi Elettromagnetici (II mod)
Elettronica dell’Automazione 5 Elettronica Analogica
Seminari e Presentazioni aziendali 1
CURRICULUM PROFESSIONALIZZANTE INDUSTRIA
Insegnamento CFU Propedeuticità
Automazione dei Sistemi Elettrici ---
5 Elementi di Sistemi Elettronici di Potenza
Industriali
Elettrotecnica II, Fondamenti di Automatica,
Circuiti Elettronici di Potenza 5
Elettronica Analogica
Misure sulle Macchine e sugli --------- Misure Elettroniche, Macchine ed Impianti
5
Impianti Elettrici
Strumentazione Virtuale 5 Fondamenti di Misure, Elettrotecnica II
Seminari e Presentazioni aziendali 1
CURRICULUM PROFESSIONALIZZANTE ENERGIA E AMBIENTE
Insegnamento CFU Propedeuticità
Tecnica ed Economia dell’Energia 5
Circuiti di Potenza per le Fonti
5 Elettrotecnica II, Fondamenti di Automatica
Rinnovabili
Radiopropagazione e Impatto -
5 Campi Elettromagnetici (II mod)
Ambientale
Sistemi di Telecomunicazione 5 Fond. di Analisi dei Segnali e Trasm. (II mod)
Seminari e Presentazioni aziendali 1

17
MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2008/09 LAUREA SPECIALISTICA

ARTICOLAZIONE DEL I ANNO -– Immatricolati A.A. 2008/09


Insegnamento CFU Propedeuticità
1° Sem.

Circuiti Elettronici di potenza 9


Sistemi Elettronici di Potenza 9
Elettronica di Potenza 9
Antenne 9
2° Sem.

Elaborazione numerica dei segnali 9


Strumentazione e Sistemi Automatici
9
di Misura

ARTICOLAZIONE DEL II ANNO - – Immatricolati A.A. 2007/08


Insegnamento CFU Propedeuticità
Antenne II 5 Antenne I
1° Semestre

Compatibilità Elettromagnetica 5 Antenne I


Metodi di Progettazione ed Analisi ---
3
degli Esperimenti
Sensori e Rivelatori 5 Elettronica dei Sistemi Analogici
Telecomunicazioni Numeriche 5 Trasmissioni Numeriche
Insegnamento a scelta 6
1° Insegnamento di Curriculum 5
2° Semestre

2° Insegnamento di Curriculum 5
3° Insegnamento di Curriculum 5
4° Insegnamento di Curriculum 5
5° Insegnamento di Curriculum 5
Esame Finale 6

18
INSEGNAMENTI A SCELTA
Insegnamento CFU Propedeuticità
Elettronica Industriale nei Sistemi di Produzione 6
Ingegneria e Tecnologie dei Sistemi di Controllo 6
Inquinamento e Rischio Elettromagnetico (corso integrato) 6
Intelligenza Artificiale (corso integrato) 6
Reti di Telecomunicazioni 6
Applicazioni di Potenza delle Microonde 6

CURRICULA – Immatricolati A.A. 2007/08

CURRICULUM ELETTRONICA INDUSTRIALE


Insegnamento CFU Propedeuticità
Automazione dei Sistemi Elettrici per --
5 Controlli Automatici II
---l'Energia
CAD di Dispositivi Elettrici e Magnetici 5
Circuiti Elettronici di Potenza II 5 Circuiti Elettronici di Potenza I
Robotica Industriale 5 Controlli Automatici II
Sistemi Elettrici Industriali 5

CURRICULUM INFORMATICA
Insegnamento CFU Propedeuticità
Sistemi di Elaborazione 5
Basi di Dati 5
Misure per l’Automazione e la
5
Produzione ---Industriale
Sistemi di Misura in Tempo Reale 5 Strumentaz.e Sistemi Automatici di Misura
Programmazione in Rete 5

19
CURRICULUM MICROELETTRONICA
Insegnamento CFU Propedeuticità
Elettronica dei Sistemi Analogici, Elettronica
Architettura dei Sistemi Integrati 5
dei Sistemi Digitali
Elettronica dei Sistemi Analogici, Elettronica
Nanoelettronica 5
dei Sistemi Digitali
Elettronica dei Sistemi Analogici, Elettronica
Progetti Elettronici 5
dei Sistemi Digitali
Elettronica dei Sistemi Analogici, Elettronica
Microelettronica 5
dei Sistemi Digitali
Elettronica per il Fotovoltaico 5 Fotovoltatioco e Optoelettronica

CURRICULUM TELECOMUNICAZIONI
ED ELETTROMAGNETISMO APPLICATO
Insegnamento CFU Propedeuticità
Comunicazioni Radiomobili 5 Antenne II, Telecomunicazioni numeriche
Telerilevamento e Diagnostica ----------
5 Antenne I
------Elettromagnetica
Componenti e Circuiti Ottici 5 Ottica ed Interazioni
Elaborazione Numerica dei Segnali 5
Codifica e Compressione
5 Telecomunicazioni Numeriche
dell'Informazione

20
PROCEDURA RILEVAZIONE ELETTRONICA PRESENZE STUDENTI

Gli studenti iscritti ad una laurea triennale (Ingegneria Chimica, Ingegneria Civile, Ingegneria
Civile per l’Ambiente e il Territorio, Ingegneria Elettronica, Ingegneria Gestionale, Ingegneria
Informatica, Ingegneria Meccanica) o alla laurea a ciclo unico (Ingegneria Edile-Architettura)
hanno l’obbligo di frequentare i corsi e di attestare la presenza in aula con il tesserino magnetico
personale (badge). La frequenza, secondo i limiti stabiliti dalla Facoltà, è condizione necessaria
per sostenere gli esami di profitto dei singoli insegnamenti. Non esistono altre procedure che
permettano all’allievo di certificare la presenza in aula. Eccezioni sono previste unicamente per le
matricole (I° anno - l° semestre) fino alla consegna del badge e per gli studenti che hanno
richiesto alla segreteria un duplicato del tesserino magnetico.
Pertanto, per attestare correttamente la presenza in aula mediante la procedura elettronica lo
studente deve:
avere sempre con se il tesserino personale; la mancanza del badge al momento della rilevazione
delle presenze non consente di accedere alla procedura elettronica e quindi determina un’assenza
alla lezione:
- verificare, prima di utilizzare il proprio badge, che il docente abbia attivato la sessione di
rilevazione delle presenze; l’impiego del tesserino prima delle operazioni di apertura o
dopo la chiusura della procedura è considerata come anomalia dal sistema e quindi
determina un’assenza alla lezione;

- utilizzare il tesserino con la banda magnetica rivolta in alto, da sinistra verso destra ed
impiegando indifferentemente i terminali slave o master presenti nell’aula; il corretto
passaggio del badge è seguito da un unico suono “BEEP” (lettura valida);

- ripetere l’operazione soltanto nel caso di anomalia diagnosticata con una sequenza di tre
suoni “BEEP” (lettura errata); l’utilizzo del badge per più di una lettura valida (unico
“BEEP”) - all’interno della stessa sessione di rilevazione - è considerata un’anomalia
dalla procedura e quindi determina un’assenza alla lezione.

Con l’anno accademico 2007/2008 è terminato il periodo di sperimentazione della procedura


elettronica di rilevazione presenze, pertanto, la Facoltà non assisterà più gli studenti nel
modificare e/o correggere anomalie determinate da un errato utilizzo della procedura. È
necessario, dunque, che l’allievo si attenga a quanto sopra indicato al fine di ottenere una corretta
contabilizzazione delle proprie presenze.

21
PROGRAMMI DEGLI
INSEGNAMENTI

22
ANTENNE

Cds: Specialistica Docente: Propedeuticità:


Integrato:
Ingegneria Prof. Claudio Campi Crediti: 9
Elettronica GENNARELLI Elettromagnetici
Tipologia:
Anno: I Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/02
Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso fornisce agli allievi le tecniche di analisi e sintesi delle antenne, nonchè gli elementi di base
per il progetto di un collegamento radio tra due punti. Vengono, in particolare, approfondite le
metodologie di analisi e progetto delle antenne alle alte frequenze.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito della teoria delle antenne e delle tecniche
elettromagnetiche utilizzabili alle basse o alle alte frequenze per l’analisi ed il progetto delle antenne.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper progettare un’antenna, mettendone a punto il modello matematico in modo da poter ottimizzare i
relativi parametri caratteristici.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare le metodologie più appropriate per progettare una particolare antenna, o realizzare un
collegamento radio tra due punti.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed esporre oralmente un argomento legato alla teoria ed al progetto delle
antenne.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando testi diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati, sono richiesti i seguenti prerequisiti:
- conoscenze acquisite nei corsi di matematica e fisica;
- conoscenza delle leggi fondamentali dell’elettromagnetismo acquisite nel corso di Campi
Elettromagnetici.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla soprattutto lezioni teoriche, ma sono previste anche alcune esercitazioni in
aula ed esercitazioni pratiche di laboratorio. Nelle esercitazioni in aula, viene mostrato l’utilizzo di
alcuni programmi software per l’analisi e la progettazione di antenne. Nell’esercitazioni in laboratorio,
vengono effettuate alcune misure dei parametri caratteristici delle antenne. Ad esempio, la
determinazione del diagramma di radiazione di un’antenna da misure in camera anecoica, sia in campo
vicino che in campo lontano.

Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante un colloquio orale.

23
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Es. Lab.
Equazioni di Maxwell. Condizioni al contorno e di continuità per i
campi. Radiazione da sorgenti elettriche e magnetiche. Condizioni
Fondamenti di
di zona lontana. Teorema delle immagini. Antenne filiformi.
teoria delle 20 2
Equazione integrale di Hallen. Parametri di un’antenna in
antenne
trasmissione e rice-zione. Teorema di reciprocità. Formula del
collegamento. Sezione radar ed equazione del radar.
Teorema di equivalenza. Radiazione da una guida rettangolare
Antenne ad aperta. Spettro di onde piane. Relazione tra caratteristica e spettro di
12 2
apertura onde piane. Potenza associata ad un’apertura. Trasformazione
campo vicino campo lontano con scansione piana rettangolare.
Arrays lineari. Studio con il metodo del polinomio associato. Array
Schiere di binomiale. Sintesi mediante Fourier. Ottimizzazione degli arrays
10 2
antenne con i polinomi di Tchebyscheff. Phased arrays. Antenne Yagi-Uda.
Arrays bidimensionali.
Metodo dei momenti. Risoluzione dell’equazione integrale di
Metodo dei
Hallen con il metodo del point-matching e funzioni di base 2 2
momenti
rettangolari.
Propagazione per onda di terra. Riflessione delle onde radio dalla
superficie della terra. Propagazione su terra piatta. Propagazione su
Propagazione terra sferica. Volume significativo nella propagazione delle onde 10
radio. Propagazione su colline. Influenza della troposfera sull’onda
di terra. Scattering troposferico.
Ottica Fisica. Teoria Geometrica della Diffrazione. Espressioni
generali per i campi incidente, riflesso e diffratto. Campo diffratto
Metodi alle alte da un diedro. Determinazione dei punti di diffrazione. Sistemi di
16
frequenze riferi-mento fissati dai raggi. Coefficienti di diffrazione per il
semipiano e per il diedro. Sezione radar monostatica di un disco
circolare e di un corner reflector a due facce.
Calcolo del campo irradiato da un'antenna a riflettore parabolico
Antenne a mediante la Teoria Geometrica della Diffrazione, il metodo dell’
10 2
riflettore apertura, il metodo dell’Ottica Fisica ed il metodo delle correnti
equivalenti di bordo.
Totale Ore 80 6 4

Testi di riferimento
C.Gennarelli, F.D’Agostino, Elementi di teoria delle antenne, Edizioni Scientifiche Florio, Napoli,
1998
M.Dolukhanov, Propagation of Radio Waves, Mir Publishers, Moscow.
G.Ferrara, C.Gennarelli, Tecniche asintotiche in elettromagnetismo. Applicazioni all'analisi delle
antenne a riflettore e alla valutazione di sezioni radar, ITTOEM, Napoli, 1990.
C.Gennarelli, Dispense del corso di Antenne. (Fotocopie dei Lucidi).

24
ANTENNE II
Numero di Crediti: 5
Docente: Prof. Claudio Gennarelli
Collocazione: Laurea Specialistica, II Anno - I semestre
Propedeuticità: Antenne I

Finalità del corso


Il corso di Antenne II rappresenta il naturale completamento degli argomenti trattati nell’ambito
dell’insegnamento di Antenne I. Vengono, in particolare, approfondite le metodologie di analisi e progetto
delle antenne alle alte frequenze (Teoria Geometrica della Diffrazione, Ottica Fisica), mostrando alcuni
esempi di pratica applicazione. Viene, infine, affrontato e risolto il problema della misura in campo vicino
del diagramma di radiazione di un’antenna. Il corso utilizza prevalentemente le nozioni acquisite in Campi
Elettromagnetici I e II, Matematica IV ed Antenne I. Oltre alle lezioni teoriche ed alle esercitazioni, esso
prevede anche esercitazioni di simulazione al calcolatore.

Programma
Antenne ad apertura (12 ore) esercitazioni 20%
Spettro di onde piane. Relazione tra caratteristica e spettro di onde piane. Potenza associata ad un’apertura.
Trasformazione campo vicino campo lontano con scansione piana-rettangolare.
Schiere di antenne (8 ore) esercitazioni 20%
Ottimizzazione degli arrays con i polinomi di Tchebyscheff. Phased arrays. Antenne Yagi-Uda. Arrays
bidimensionali. Ottimizzazione degli arrays variando l’eccitazione.
Metodi alle alte frequenze (16 ore) esercitazioni 10%
Ottica Fisica. Sezione radar monostatica di un disco circolare. Teoria Geometrica della Diffrazione.
Espressioni generali per i campi incidente, riflesso e diffratto. Campo diffratto da un diedro.
Determinazione dei punti di diffrazione. Sistemi di riferimento fissati dai raggi. Coefficienti di diffrazione
per il semipiano e per il diedro. Sezione radar di un corner reflector a due facce.
Antenne a riflettore (14 ore) esercitazioni 20%
Calcolo del campo irradiato da un'antenna a riflettore parabolico mediante la Teoria Geometrica della
Diffrazione, il metodo dell’apertura, il metodo dell’Ottica Fisica ed il metodo delle correnti equivalenti di
bordo.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Antenne ad apertura e schiere di antenne; Valutare il campo irradiato in zona
Tecniche asintotiche. in elettromagnetismo; lontana da un’antenna a riflettore
Metodologie di analisi e progetto delle antenne parabolico;
a riflettore. Tecniche di misura in campo Progettare una schiera di antenne;
vicino. Valutare la sezione radar di bersagli.

Modalità di svolgimento dell’esame


Colloquio orale

Testi e materiale didattico di supporto


C.Gennarelli, F.D'Agostino, Elementi di teoria delle antenne, Ed. Scientifiche Florio, Napoli,1998.
C.Gennarelli, Dispense del corso di Antenne e Propagazione. (Fotocopie dei Lucidi).
G.Ferrara, C.Gennarelli, Tecniche asintotiche in elettromagnetismo. Applicazioni all'analisi delle antenne a
riflettore e alla valutazione di sezioni radar, Ist. di Teoria e Tecnica delle onde EM, Napoli, 1990.
G.Franceschetti, Campi Elettromagnetici, Boringhieri, Torino, 1983.
25
E.Jordan, K.Balmain, Electromagnetic waves and radiating systems, Prentice Hall, 1968.
R.S.Elliot, Antenna theory and design, Prentice Hall, Englewood Cliffs, N.J., 1981.
W.L.Stutzman, G.A.Thiele, Antenna theory and design, John Wiley & sons, New York, 1981.
R.E.Collin, Antennas and Radiowave propagation, Mc Graw Hill, New York, 1985.
C.A.Balanis, Antenna Theory - Analysis and design, John Wiley & sons, New York, 1982.

26
APPLICAZIONI DELLE IPERFREQUENZE

Propedeuticità:
Docente:
Cds: Ingegneria Integrato: Ottica e
Prof. A. Scaglione Crediti: 10
Elettronica Compatibilità
Prof. F. Chiadini
Elettromagnetica
Tipologia:
Anno: II L.S. Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/02
ins. a scelta

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso intende fornire una panoramica delle principali applicazioni delle iperfrequenze (dalle microonde
all’ottica) non necessariamente ristrette all’ambito delle telecomunicazioni (impieghi industriali,
sensoristici, per il telerilevamento ambientale, ecc.).

Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)


Conoscenza degli aspetti teorici relativi: a) alla propagazione guidata di un campo elettromagnetico di
elevata potenza e della relativa componentistica; b) alle proprietà dei materiali che ne regolano il
comportamento a microonde e a frequenze ottiche; c) ai dispositivi e ai componenti per il trattamento di un
segnale ottico.

Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)


Conoscenza delle applicazioni ottiche in ambito sensoristico, metrologico, civile, ecc., e delle applicazioni
delle microonde in ambito industriale e dei relativi processi (riscaldamento, essiccazione, sterilizzazione,
ecc.)

Autonomia di giudizio (making judgements)


Saper individuare le caratteristiche dei componenti ottici utilizzati per il trattamento del segnale; saper
individuare gli elementi di base di un apparato per il riscaldamento a microonde

Abilità comunicative (communication skills)


Acquisizione della terminologia e delle competenze necessarie per l’interazione con strutture tecniche di
aziende e/o enti operanti nei settori delle microonde e dei componenti ottici; saper lavorare in gruppo, saper
esporre oralmente un argomento di natura tecnica e saper redigere relazioni descrittive.

Capacità di apprendere (learning skills)


Capacità di consultare criticamente letteratura tecnica nei settori delle microonde e dei componenti e
sistemi ottici

Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richiesti i seguenti prerequisiti:
- conoscenza dei fondamenti teorici della propagazione guidata del campo elettromagnetico
- conoscenza delle problematiche specifiche della propagazione di un campo elettromagnetico a
frequenze ottiche

Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di laboratorio.
Le esercitazioni in aula riguarderanno l’analisi di problemi applicativi finalizzata al consolidamento degli
argomenti teorici svolti. Le esercitazioni di laboratorio impegneranno in gruppo gli studenti nello

27
svolgimento di misure a microonde e a frequenze ottiche caratterizzate da spiccata valenza didattica. A
valle di ogni esercitazione di laboratorio è prevista la stesura di una relazione descrittiva.

Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante un colloquio orale ed una
prova pratica in laboratorio con relativa relazione descrittiva.

Contenuto del corso

Ore Ore Ore


Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Applicazioni di Proprietà dielettriche della materia ed aspetti teorici del
potenza delle riscaldamento a microonde. Processi industriali assistiti 15
microonde dalle microonde.
Apparati per il riscaldamento a microonde. Sorgenti e
Componenti ed componenti in guida d’onda per applicazioni di potenza.
apparati per il Applicatori a microonde. Misure a microonde:
15 20
riscaldamento a Adattamento. Caratterizzazione di componenti passivi in
microonde guida d’onda. Misure di impedenza. Misure di
permittività in guida d’onda.
Coerenza della radiazione ottica. Interferometro di
Michelson. Interferometri a divisione di fronte d’onda e
Applicazioni a
a divisione d’ampiezza. Olografia sintetica. Ologrammi 20 5 5
frequenze ottiche
di Fourier. Ologrammi generati con metodi
interferometrici.
Cavità risonante Fabry-Perot. Specchi dielettrici.
Componenti ottici Strutture periodiche. Filtri a banda proibita. Fiber Bragg 10 5 5
Grating (FBG). Circolatori ottici.
Totale Ore 60 10 30

Testi di riferimento
A.C. Metaxas, R.J.Meredith: “Industrial Microwave Heating”, Peter Peregrinus LTD, UK
P. Bassi, G. Bellanca, G. Tartarini: “Propagazione ottica libera e guidata”, Ed. CLUEB Bologna;
M.Born and E.Wolf, “Principles of Optics”, Cambridge University Press, Cambridge, 1980;

28
APPLICAZIONI DI POTENZA DELLE MICROONDE
Numero di Crediti: 6
Docente: Prof. Antonio Scaglione
Collocazione: Laurea Specialistica, II Anno - I semestre
Propedeuticità:

Finalità del corso


Il corso di Applicazioni di potenza delle microonde fornisce le competenze teoriche e pratiche necessarie
per lo sviluppo di apparati a microonde per applicazioni industriali e per l’analisi di processi industriali
assistiti dalle microonde. Buona parte del corso è rivolta ad aspetti di natura sperimentale (misure a
microonde, studio di processi di riscaldamento).

Programma
Proprietà dielettriche (6h) esercitazioni 20%
Relazioni costitutive. Polarizzazione. Costante dielettrica complessa. Modello di Debye. Modello di Cole-
Cole. Miscele. Tecniche di misura della permittività complessa.
Riscaldamento dielettrico (6h) esercitazioni 20%
Aspetti teorici del riscaldamento dielettrico. Potenza dissipata. Profondità di penetrazione. Elementi di
trasmissione del calore. Conduzione, convezione ed irraggiamento. Fenomeni di trasporto di massa.
Sistemi di riscaldamento a microonde (14h) esercitazioni 20%
Utilizzazione dello spettro. Struttura e componenti di un sistema di trattamento a microonde. Sorgenti a
microonde: magnetron e klystron. Applicatori ad onda viaggiante assiali e a serpentina. Applicatori a cavità
multimodali e monomodali. Mescolatori modali.
Applicazioni (4h) esercitazioni 50%
Applicazioni alle tecnologie dei materiali: curing di polimeri, cementi, carte, legni. Applicazioni alle
tecnologie alimentari: cottura, liofilizzazione, sterilizzazione. Applicazioni ambientali e medicali.
Dosimetria e criteri di protezione (cenni).
Laboratorio (30h) esercitazioni 100%
Misure di frequenza e di potenza. Misure di Ros. Adattamento. Caratterizzazione di componenti passivi in
guida d’onda. Tecniche riflettometriche. Misura di Insertion loss. Misure di impedenza. Misure di
permittività in guida d’onda.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Proprietà dielettriche della materia. Identificare i parametri di un apparato
Riscaldamento dielettrico a microonde. per il riscaldamento a microonde;
Applicazioni del riscaldamento a microonde. Eseguire misure a microonde;

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame prevede una prova orale ed una prova pratica di laboratorio di microonde.

Testi e materiale didattico di supporto


A.C.Metaxas, R.J.Meredith, Industrial Microwave Heating, Peregrinus, London,1993.
C.Jaeger, D.Carslaw, Heat Conduction in Solids, Oxford Un. Press, 1986.

29
ARCHITETTURA DEI SISTEMI INTEGRATI
Numero di crediti: 5
Docente: Prof. Alfredo Rubino
Collocazione: Laurea Specialistica– Curriculum Microelettronica - II Anno - II semestre
Propedeuticità: Elettronica dei Sistemi Digitali, Elettronica dei Sistemi Analogici

Finalità del corso


Il Corso è rivolto allo studio delle odierne tecnologie di fabbricazione di circuiti integrati e fornisce le
nozioni necessarie per la progettazione di sistemi digitali, anche di una certa complessità. Il Corso, nelle
linee essenziali, è suddiviso in due parti: nella prima vengono approfonditi i modelli chimico-fisici dei
diversi processi tecnologici adottati in microelettronica e vengono trasferite allo studente le competenze
necessarie per il loro dimensionamento e per l’impiego di CAD specifico; nella seconda parte vengono
illustrate le metodologie di progettazione dei circuiti logici VLSI, con particolare riferimento alle
tecnologie CMOS. Il Corso prevede una serie di esercitazioni volte alla progettazione di circuiti integrati
con l’impiego di simulatori VHDL e la programmazione FPGA.

Percentuale di lezioni destinate ad esercitazioni: 30%

Programma
Tecnologie Microelettroniche (20h)
Accrescimento di monocristalli; difetti cristallografici; Deposizione di film sottili; Crescita epitassiale;
Tecniche litografiche submicrometriche; Processi di ossidazione; Impiantazione ionica; Diffusione termica;
Tecniche di attacco; Metallizzazione: contatti, wires e vias; Elementi parassiti; Strutture di testing dei
processi.
Dispositivi Integrati Elementari (10h)
Tecniche di isolamento; Dispositivi passivi integrati (diodi, resistori, zener, capacità); Dispositivi attivi
integrati: BJT, JFET, MOST; Fenomeni parassiti; Regole di progetto di circuiti integrati Bipolari, NMOS,
CMOS e BICMOS
Progettazione CMOS (25h)
Livelli di astrazione circuitale- Estrazione di parametri elettrici- strutture logiche CMOS: pseudo-nMOS,
pass-transistor, domino; Cascode-Voltage-switch; strategie di clock; strutture di I/O; PLA; linguaggi
VHDL: descrizione strutturale, data flow e comportamentale; Modelli di guasto; Sistemi fault-tolerant;
Architettura di dispositivi programmabili FPGA; confronto tra famiglie

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Tecnologie microelettroniche - capacità di rapportare processi tecnologici alle
Design di circuiti CMOS specifiche prestazioni circuitali
Linguaggi di progettazione elettronica - disegnare e progettare circuiti VLSI in
tecnologia CMOS

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame consta di un colloquio orale.
Testi e materiale didattico di supporto
G. Soncini “Tecnologie microelettroniche” Boringheri
S.Wolf “ Process Tecnology” Vol. 1 Lattice Press
S. Wolf “ Process Integration” Vol. 2 Lattice Press
N. Weiste-K.Eshraghian “Principles of CMOS VLSI Design” Addison Wesley

30
AUTOMAZIONE DEI SISTEMI ELETTRICI (10 CFU)

Cds: Ingegneria Docente: Integrato: Propedeuticità:


Crediti: 10
Elettronica
Tipologia:
Anno: II Semestre: II Codice: SSD: ING-IND/33
Affine

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira all’apprendimento di modelli e metodi orientati allo studio di filosofie di controllo di tipo
innovativo, quali le metodologie adattative, fuzzy, neuronali, e quelle evolutive. Il corso mira
all’apprendimento delgi strumenti per il calcolo dei flussi di potenza sulle reti di trasporto e di
distribuzione dell’energia.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione delle metodologie tradizionali per la progettazione di sistemi per l’automazione sia
riferita a processi industriali sia ai sistemi elettrici. Capacità di sintesi di sistemi di controllo avanzati
basati.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper gestire impianti di automazione in ambito industriale e civile. Progettare sistemi per
l’automazione sia riferita a processi industriali sia ai sistemi elettrici. Utilizzare tools software di
supporto allo sviluppo di sistemi di supervisione e controllo di impianti.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i dispositivi, i metodi e i tools software di supporto più appropriati per la gestione e
la realizzazione di impianti di automazione in ambito industriale e civile.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed esporre oralmente un argomento legato all’automazione industriale e alla
realizzazione di un sistema di automazione tramite controllore a logica programmabile.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di base di elettronica
di potenza.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di
laboratorio. Nelle esercitazioni in aula gli studenti svolgono esercitazioni sugli argomenti trattati nelle
lezioni teoriche. Nelle esercitazioni in laboratorio vengono assegnati agli studenti, divisi per gruppi di
lavoro, degli esercizi pratici da sviluppare tramite l’utilizzo di elaboratore di calcolo e software per la
programmazione e la simulazione. Le esercitazioni sono strumentali all’acquisizione, oltre che delle
capacità di progettare sistemi per l’automazione dei sistemi elettrici, anche a sviluppare e rafforzare le
capacità di lavorare in team.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante colloquio orale. Durante
il colloquio l’allievo discuterà anche un elaborato relativo alle attività di laboratorio previste durante il
corso.

31
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Introduzione Richiami relativi ai Sistemi Elettrici per l’Energia. Richiami su sistemi
4
al corso ed apparati per il controllo decentralizzato dei sistemi elettrici
Generalità sui Richiami sul sistema elettrico nazionale. Gli attori del sistema elettrico:
sistemi clienti idonei e clienti vincolati. Il ruolo dell’automazione nella 10
elettrici gestione dell’energia.
Automazione
Produzione, trasmissione e distribuzione dell’energia. Cenni sui sistemi
dei sistemi per
di produzione dell’energia elettrica. Richiami sulla rappresentazione
la produzione
delle reti elettriche e dei carichi statici e dinamici. Modello matematico
trasporto e 16 6 2
di un sistema interconnesso. Modello in regime permanente. Esempi
distribuzione
applicativi a casi studio. Automazione delle reti di distribuzione
di energia
dell’energia. Ottimizzazione dei flussi di potenza sulle reti elettriche.
elettrica
Sistemi Fuzzy. Sintesi di un controllore Fuzzy. Applicazioni industriali
della Logica Fuzzy. La Logica Fuzzy per l’automazione il controllo e
la supervisione dei Sistemi Elettrici. Sintesi e implementazione di
regolatori fuzzy per PLC. Tuning e Debugging avanzato di regolatori
fuzzy per l’automazione. Applicazioni avanzate al controllo dei
Tecniche
processi industriali. Attività esercitativa relativa alla sintesi di un caso
innovative per
studio. Sistemi di Controllo basati su Reti Neuronali. Applicazioni 20 8 6
l’Automazione
delle reti MLP al controllo e alla gestione dei sistemi elettrici. Reti
dei sistemi
RBF. Reti di Hopfield a stati discreti e a stati continui. Reti SOM.
Esempi di applicazione delle Reti Neurali nella Gestione e nel
controllo dei Sistemi Elettrici. Algoritmi Genetici: principi Generali.
Sintesi di controllore basato sugli AG. Esempi di applicazione degli
AG nei Sistemi Elettrici per l’Energia.
Generalità sulla Affidabilità. Richiami sulla qualità, fidatezza e
Affidabilità e disponibilità. Caratterizzazione in termini di affidabilità di un sistema
qualità nei di automazione: metodo per il calcolo dell'affidabilità e della
sistemi di disponibilità dei sistemi complessi. Progettare in qualità. La qualità 20 6 2
automazione totale ed il miglioramento continuo. Cenni sul quadro normativo
ed elettrici relativo alla qualità. Le norme relative alla sicurezza ed alla
funzionalità. Cenni sul controllo di qualità: conformità ed affidabilità.
Totale Ore 70 20 10

Testi di riferimento
Diapositive delle lezioni disponibili su sito WEB.
Silvio Cammarata, Sistemi a logica fuzzy, ETAS.
Silvio Cammarata, Reti Neurali, ETAS.
D.E. Goldberg, Genetic Algorithms in Search: Optimization and Machine Learning, Hardcover.
Saccomanno, Electric Power System: Analysis and control, IEEE press.
Rardin, Optimization in operation research, Prentice Hall.
J. Arrillaga, C.P. Arnold, Computer Analysis in Power Systems, Wiley.
Roberto Marconato, Sistemi Elettrici di Potenza, vol. 1, CLUP.
S.J. Russel, P. Norvig, Intelligenza artificiale: un approccio moderno, Prentice Hall International - UTET.
W. Mielczarski, Fuzzy logic Techniqes in Power Systems, Physica Verlag.
Cataliotti, Impianti Elettrici, Petronio.
32
AUTOMAZIONE DEI SISTEMI ELETTRICI INDUSTRIALI (5 CFU)

Docente: Propedeuticità:
Cds: Ingegneria Integrato:
Prof. Pierluigi Elementi di Sistemi Crediti: 5
Elettronica
SIANO Elettronici di Potenza
Codice: Tipologia:
Anno: III Semestre: II SSD: ING-IND/33
0610400116 Affine

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira all’apprendimento di modelli e metodi per progettazione di sistemi di controllo e misura
per l’automazione industriale e per l’automazione dei sistemi elettrici, dalla specifica dei requisiti
all’analisi di fattibilità, alla progettazione ed al collaudo del sistema.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione delle metodologie tradizionali per la progettazione di sistemi di supervisione, controllo
e misura per l’automazione industriale e dei sistemi elettrici. Conoscenza della componentistica per
l’automazione di sistemi elettrici, industriali e civili. Conoscenza dei linguaggi di programmazione dei
sistemi a logica programmabile e delle reti di comunicazione per il controllo distribuito.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper gestire impianti di automazione in ambito industriale e civile. Progettare semplici sistemi di
automazione per il controllo e la supervisione di sistemi elettrici e impianti industriali. Utilizzare tools
software di supporto allo sviluppo di sistemi di supervisione e controllo di impianti.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i dispositivi, i metodi e i tools software di supporto più appropriati per la gestione e
la realizzazione di impianti di automazione in ambito industriale e civile.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed esporre oralmente un argomento legato all’automazione industriale e alla
realizzazione di un sistema di automazione tramite controllore a logica programmabile.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di base di elettronica
di potenza.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di
laboratorio. Nelle esercitazioni in aula gli studenti svolgono esercitazioni sugli argomenti trattati nelle
lezioni teoriche. Nelle esercitazioni in laboratorio vengono assegnati agli studenti, divisi per gruppi di
lavoro, degli esercizi pratici da sviluppare tramite l’utilizzo di elaboratore di calcolo e software per la
programmazione e la simulazione di controllori a logica programmabile. Le esercitazioni sono
strumentali all’acquisizione, oltre che delle capacità di programmazione di controllori a logica
programmabile, anche a sviluppare e rafforzare le capacità di lavorare in team.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante colloquio orale. Durante
il colloquio l’allievo discuterà anche un elaborato relativo alle attività di laboratorio previste durante il
corso.

33
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Generalità sui Processi Industriali (PI).
Introduzione al corso L’automazione dei PI. Il sistema di controllo e 2
misura di un PI.
Metodologie per lo sviluppo di modelli
Metodologie di controllo per
energetici per la programmazione del settore 3
l’automazione
elettrico
Il controllore a logica Il PLC: struttura hardware. Tipologie dei cicli di
8 2 2
programmabile scansione. Criteri di dimensionamento.
Linguaggio a contatti. Linguaggi evoluti: AWL
I linguaggi di GRAFCET, KUF. Protocolli di sviluppo per
6 4 6
programmazione applicazioni critiche. Esempi di
programmazione.
Caratteristiche delle reti di comunicazione per
ambiente industriale. Richiami sui protocolli
Reti di comunicazione
MAP e WorldFip. 3 2 2
industriale
Il protocollo Modbus. Reti Profibus DP, FMS e
FDL.
Il sistema elettrico nazionale. Il ruolo
La struttura del sistema
dell’automazione nella gestione del sistema 4
elettrico
elettrico. Esempi di applicazione.
Sistemi domotici. Risparmio energetico.
Sistemi di automazione per
Caratterizzazione dei carichi. Il ruolo
la razionalizzazione dei 2 2
dell’automazione nella gestione del sistema
consumi energetici
elettrico. Esempi di applicazione.
Criteri di progettazione. Automazione di cabine
Applicazioni ai sistemi
elettriche. Sistemi domotici e automazione di 2
elettrici
edificio.
Totale Ore 30 10 10

Testi di riferimento

Diapositive delle lezioni disponibili su sito WEB.


P. Galeano, V. Alessandroni, I Controllori Programmabili, Jackson libri.
P. Chiaccio, PLC e Automazione Industriale, McGraw Hill.
L. Bergamaschi, Manuale di programmazione dei PLC, Hoepli.
A. Lucchini, Integrazione e automazione delle funzioni impiantistiche, SAIE – Il sole 24 ore.
M. Cipolla, Progettare la domotica, Maggioli editore.
G. Ortolani, E. Venturi, Schemi e apparecchi nell’automazione industriale, Hoepli.
Beuerle H. P., Bach Bezenar Gunther, La Comunicazione nella Automazione, Tecniche Nuove.
L. Busti, C. De Nard, Gli Edifici Intelligenti, Tecniche Nuove.
M. J. Usher, Sensori e Trasduttori, Tecniche Nuove.
E. Grassani, Automazione Industriale, Delfino.

34
BASI DI DATI

Cds: Ingegneria Docente:


Integrato: Propedeuticità:
Elettronica Prof. Donatello Crediti: 5
no nessuna
Specialistica CONTE
Tipologia:
Anno: II Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/05
Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira all’apprendimento di modelli e metodi per la definizione, progettazione e realizzazione di
sistemi software che gestiscano insiemi di dati di grandi dimensioni e di natura eterogenea.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito delle basi di dati, dei modelli concettuali, logici
e fisici di rappresentazione dei dati, delle metodologie di progetto e sviluppo, dei concetti fondamentali
del linguaggio SQL.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper progettare e normalizzare un modello E-R di una realtà in esame, realizzare, nel modello
relazionale, una base di dati ed estrarre informazioni attraverso il linguaggio SQL.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per progettare e realizzare una base di dati, ottimizzare il
processo realizzativo in base al contesto in esame, individuare le metodiche più idonee per organizzare
le attività di progettazione e realizzazione dei sistemi.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed esporre oralmente un argomento legato alle basi di dati
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze matematiche di base,
con particolare riferimento alle strutture algebriche.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di
laboratorio. Nelle esercitazioni in aula viene assegnato agli studenti, divisi per gruppi di lavoro, un
progetto da sviluppare durante tutto lo svolgimento del corso. Il progetto comprende unitariamente tutti
i contenuti dell’insegnamento ed è strumentale all’acquisizione, oltre che delle capacità di
progettazione e realizzazione di una base di dati partendo dalle specifiche, anche a sviluppare e
rafforzare le capacità di lavorare in team. Nelle esercitazioni in laboratorio gli studenti implementano
una base di dati in uno specifico DBMS (MSAccess o MySQL) e svolgono esercitazioni nel linguaggio
SQL.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e
colloquio orale.

35
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Architetture e linguaggi per le basi di dati. Modelli dei dati:
Introduzione al livelli di astrazione nei DBMS; indipendenza dei dati.
3
corso Linguaggi e utenti delle basi di dati: linguaggi per le basi di
dati, utenti e progettisti.
La progettazione concettuale di una base di dati; strategie e
Progettazione modelli di progettazione. Il ciclo di via dei sistemi
5
Concettuale informativi. Metodologie di progettazione delle basi di dati:
strategia top-down, strategia bottom-up, strategia mista.
Descrizione del modello; progettazione di modelli E-R. I
Il modello E-R costrutti principali del modello; regole aziendali e tecniche di 3 7
documentazione. Panoramica finale sul modello E-R.
Modelli logici nei sistemi di basi di dati. Relazioni e attributi.
Il modello
Relazioni e basi di dati. Informazione incompleta e valori 6 2
relazionale
nulli. Relazioni, vincoli, operazioni sul modello relazionale.
Ristrutturazione del modello E-R: analisi delle ridondanze,
eliminazione delle generalizzazioni,
Progettazione partizionamento/accorpamento di concetti, scelta degli
5 3 6
logica identificatori principali. Normalizzazione dello schema E-R:
ridondanze e anomalie, dipendenze funzionali, forme normali
e normalizzazione. Traduzione nel modello relazionale.
Introduzione al SQL; SQL per la manipolazione dei dati; SQL
Linguaggi per per l’interrogazione dei dati: interrogazione semplici,
4 2 4
le basi di dati operatori aggregati, interrogazioni con raggruppamento,
interrogazioni di tipo insiemistico, interrogazione nidificate.
Totale Ore 26 14 10

Testi di riferimento
P. Atzeni, S. Ceri, S. Paraboschi, R. Torlone, Basi di dati, McGraw-Hill, 2006

36
CAD DI DISPOSITIVI E CIRCUITI DI POTENZA

Docente:
Cds: Ingegneria Proff. Vincenzo Tucci Integrato: Propedeuticità:
Crediti: 10
Elettronica Giovanni Spagnuolo
Patrizia Lamberti
Tipologia:
Anno: II Semestre: Codice: … SSD: ING-IND/31 Formativi
Specifici

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira all’apprendimento di tecniche analitiche e numeriche per l’analisi, la progettazione ed
ottimizzazione di dispositivi elettromagnetici ed elettronici. In particolare le competenze riguarderanno i
settori delle nanotecnologie e le fonti energetiche a basso impatto ambientale.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Le conoscenze e le capacità di comprensione acquisite riguarderanno le problematiche e le metodiche
utilizzate nella progettazione ed ottimizzazione di dispositivi e circuiti, anche in ambiti non
convenzionali, ed i loro limiti di utilizzo.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper analizzare, progettare e caratterizzare mediante strumenti integrati tipici del CAD
elettromagnetico componenti e circuiti tipici dei settori delle nanotecnologie per l’ingegneria elettrica
ed elettronica e delle fonti energetiche a basso impatto ambientale.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per analizzare, progettare e ottimizzare dispositivi
elettromagnetici e circuiti elettronici di potenza.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper descrivere in forma scritta in modo chiaro e sintetico ed esporre oralmente con proprietà di
linguaggio gli obiettivi, il procedimento ed i risultati conseguiti in attività connesse all’analisi, al
progetto ed alla ottimizzazione di componenti e circuiti.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze inerenti
l’elettromagnetismo, l’analisi di circuiti elettrici ed elettronici di potenza, nonché gli strumenti
matematici idonei alla loro soluzione.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di
laboratorio. Nelle esercitazioni in aula viene assegnato agli studenti un problema da risolvere
utilizzando le tecniche presentate nelle lezioni teoriche. Lo svolgimento del problema è guidato dal
docente e tende a sviluppare e rafforzare le capacità tese a identificare le tecniche più idonee
all’applicazione proposta e a predisporre un elaborato chiaro nel procedimento ed accurato nei risultati
da conseguire.

37
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante un colloquio orale
incentrato sulla presentazione dell’elaborato progettuale e teso a verificare il grado di conoscenza
teorica e le capacità espositive dell’allievo.

Contenuto del corso


Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Caratteristiche di materiali ferromagnetici. Magneti
Materiali e
permanenti Circuiti magnetici e conversione
componenti
elettromeccanica dell’energia. Forze e coppie 10 5 5
elettrici ed
elettromagnetiche, elettrodinamiche. Principali attuatori
elettromeccanici
per l’elettronica industriale.
Metodo delle differenze finite nel dominio del tempo.
Metodo degli elementi finiti. Simulazione di componenti
CAD
in presenza di materiali non lineari e/o isteretici. Analisi 10 10
Elettromagnetico
e progettazione con approccio multifisico di sistemi
complessi e su scala nanometrica.
Analisi di sensitività e tolleranza di circuiti elettrici e
Progettazione e
magnetici, lineari e non lineari. Progetto di componenti 10 10
ottimizzazione
in presenza di tolleranze sui parametri.
Componenti magnetici per applicazioni switching.
Induttori di filtro e per applicazioni soft-switching.
Elettronica di Progetto di trasformatori per circuiti raddrizzatori ed
potenza per le inverter: trasformatori operanti a frequenza di rete ed a 15 5 5
fonti rinnovabili frequenza di commutazione. Topologie circuitali isolate e
non isolate per applicazioni fotovoltaiche e per le celle a
combustibile.
Applicazioni
Progetto di dispositivi per il sun-tracking in sistemi
agli attuatori per
fotovoltaici: esempi di progettazione e circuiti di
le fonti 10 5
controllo. Dispositivi, circuiti ed algoritmi per il
energetiche
controllo delle celle a combustibile.
rinnovabili
Totale Ore 55 10 35

Testi di riferimento
J. J. Cathey: Electric Machines: Analysis and Design Applying MATLAB, Mc Graw-Hill, 2000.
E. S. Hamdi, H. S. Hamdi: Design of Small Electrical Machines, J.Wiley & Son Ltd, 1994.
R. W. Erickson, D. Maksimovic, Fundamentals of Power Electronics. Norwell, MA: Kluwer, 2001.
Dispense ed esercizi fornite dai docenti e disponibili su sito WEB: http://www.adinf.unisa.it

38
CAD DI DISPOSITIVI ELETTRICI E MAGNETICI

Numero di Crediti: 5
Docente: Proff. Vincenzo Tucci, Patrizia Lamberti
Collocazione: Laurea Specialistica - Curriculum Elettronica Industriale, II Anno - II semestre
Propedeuticità: Nessuna

Finalità del corso


Il modulo si propone di trattare le problematiche della progettazione assistita da calcolatore con un
approccio integrato, al fine di fornire competenze per la modellazione, l’analisi, la simulazione numerica e
la sintesi di componenti elettrici, magnetici ed elettromeccanici per applicazioni di piccola potenza.

Programma
Materiali e modelli (15h) esercitazioni 20%
Modelli statici e quasi statici dell’elettromagnetismo. Caratteristiche e modellazione di materiali non lineari
e con isteresi. Materiali ferromagnetici. Perdite di potenza nei materiali ferromagnetici. Magneti permanenti
tradizionali e ad alta energia. Criteri di dimensionamento dei magneti. Circuiti magnetici e conversione
elettromeccanica dell’energia. Relazioni tra grandezze elettriche e meccaniche. Forze e coppie
elettromagnetiche, elettrodinamiche. Energia e coenergia.
Sintesi di componenti (10h) esercitazioni 30%
Criteri di scelta, dimensionamento e verifica di componenti elettrici, magnetici ed elettromeccanici.
Identificazione della forma ottima di dispositivi elettrici e magnetici. Metodologie di ottimizzazione
applicate a sistemi magnetici per elettromagneti e attuatori elettrostatici.
Simulazione numerica (15h) esercitazioni 40%
Programmi per la soluzione numerica di modelli di componenti in presenza di materiali non lineari e/o
isteretici. Formulazione forte, debole e variazionale di problemi di campo elettrico e magnetico. Metodo
delle differenze finite. Metodo degli elementi finiti. Soluzione di problemi i bi e tridimensionali. Soluzione
numerica di problemi accoppiati campo elettromagnetico-circuiti.
Progetto robusto (10h) esercitazioni 20%
Prestazioni di un sistema e comportamento in presenza di incertezza sui parametri. Progetto di componenti
in presenza di tolleranze sui parametri. Regione di Accettabilità. Test di robustezza. Interpolazioni
Response Surface Method e Progetto degli Esperimenti.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Caratteristiche di materiali ferromagnetici Calcolare forze e coppie di origine
Metodi di analisi e sintesi di circuiti elettromagnetica
magnetici con parametri incerti. Analizzare e dimensionare componenti
Caratteristiche di attuatori elettromeccanici elettrici e magnetici.
Metodi numerici per la valutazione di Progettare e simulare semplici dispositivi
campi elettrici e magnetici elettromeccanici

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame consta nella discussione di un elaborato sviluppato durante il corso.

Testi e materiale didattico di supporto


J. J. Cathey: Electric Machines: Analysis and Design Applying MATLAB, Mc Graw-Hill, 2000.
E. S. Hamdi, H. S. Hamdi: Design of Small Electrical Machines, J.Wiley & Son Ltd, 1994.
Dispense fornite dal docente.
39
CAMPI ELETTROMAGNETICI ( 12 CFU)

CdS: Docente: Propedeuticità:


Integrato: Crediti:
Ingegneria Prof. Francesco Fisica,
NO 12
Elettronica D’Agostino Matematica III
Tipologia:
Anno: II Semestre: Codice: SSD: ING-INF/02
Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso si propone di far acquisire agli allievi conoscenze sulle proprietà generali dei campi
elettromagnetici e sulle modalità di propagazione delle onde elettromagnetiche, con elementi
applicativi orientati alla caratterizzazione delle antenne ed all’analisi della propagazione
elettromagnetica guidata.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Al termine del corso, lo studente possiederà nel suo bagaglio culturale quelle conoscenze
metodologiche necessarie per affrontare e risolvere problemi di elettromagnetismo applicato, con
comprensione dei fenomeni fisici ad essi collegati.
Conoscenze di base per lo studio della Compatibilità Elettromagnetica.
Conoscenze e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Sviluppo di una solida comprensione di carattere scientifico-metodologico della propagazione
elettromagnetica guidata e acquisizione dei parametri principali necessari per caratterizzare tipiche
sorgenti intenzionali di campo elettromagnetico con il fine di analizzare le caratteristiche di un
collegamento radio. Metodologie di misura dei campi elettromagnetici.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Lo studente dovrà essere in grado di discriminare i meccanismi propagativi del campo
elettromagnetico ed analizzare un circuito a microonde.
Abilità comunicative (communication skills)
Lo studente dovrà saper esporre correttamente, e con proprietà di linguaggio, temi ed argomenti
incontrati durante lo svolgimento del corso.
Capacità di apprendere (learning skills)
Lo studente dovrà essere in grado di approfondire autonomamente gli argomenti trattati nel corso,
ricorrendo anche a supporti diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze matematiche e
fisiche di base.
Metodi didattici
Lo svolgimento del corso prevede lezioni teoriche ed esercitazioni in aula.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante colloquio orale.

40
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Teoria dei campi Equazioni di Maxwell. Relazioni costitutive.
15
elettromagnetici Condizioni al contorno. Teorema di Poynting.
Propagazione delle La propagazione per onde piane. Riflessione e
onde trasmissione di onde piane alla superficie di 20 5
elettromagnetiche separazione tra due mezzi di caratteristiche diverse.
Teoria circuitale delle Tensione e corrente lungo una linea di trasmissione.
20
linee di trasmissione Linee in cascata. Tecniche di adattamento.
Modi TEM. Cavo coassiale. Moti TE e TM.
Propagazione guidata 20 10
Diagramma di Brillouin. Guida d’onda rettangolare.
Campo irradiato da un dipolo elettrico elementare.
Spira elementare di corrente. Equazione integrale di
Antenne Hallen. Caratterizzazione di antenne in trasmissione e 15 5
ricezione. Teorema di reciprocità. Formula del
collegamento.
Disturbi elettromagnetici. Normativa vigente e
Cenni di compatibilità
metodologie di misure in compatibilità 5 5
elettromagnetica
elettromagnetica.
Totale Ore 95 20 5

Testi di riferimento
C. Gennarelli, Dispense del corso di campi elettromagnetici.
F.T. Ulaby, Fondamenti di campi elettromagnetici, McGraw-Hill, 2006

41
CAMPI ELETTROMAGNETICI (I MOD)

Numero di Crediti: 6
Docente: Prof. Francesco D’Agostino
Collocazione: Laurea, II anno, II Semestre
Propedeuticità: Matematica III, Fisica II

Finalità del corso


Partendo dalle leggi fondamentali dell’elettromagnetismo, già note dal corso di Fisica II, ci si propone di
fornire agli allievi un bagaglio di conoscenze metodologiche ed applicative, particolarmente significative
dal punto di vista concettuale, per poter affrontare e risolvere problemi inerenti la propagazione del segnale
elettromagnetico in regime dinamico.

Programma
Teoria dei campi elettromagnetici in regime dinamico (20h) esercitazioni (20%)
Equazioni di Maxwell nel dominio del tempo in forma differenziale ed integrale. Condizioni alla superficie
di separazione tra due mezzi. Equazioni di Maxwell nel dominio della frequenza. Fasori e polarizzazione
del campo elettromagnetico. Relazioni costitutive. Teorema di Poynting nel dominio del tempo e della
frequenza. Condizioni iniziali, al contorno e teorema di unicità.
Onde piane (25h) esercitazioni (30%)
Soluzione propagativa del campo elettromagnetico nel dominio del tempo e nel dominio della frequenza.
Onde piane nello spazio libero. Polarizzazione. Propagazione di un pacchetto d’onde: velocità di fase e di
gruppo. Riflessione e trasmissione di onde piane alla superficie di separazione tra mezzi con caratteristiche
diverse: incidenza normale ed incidenza obliqua.
Teoria circuitale delle linee di trasmissione (15h) esercitazioni (30%)
Tensione e corrente lungo una linea di trasmissione: soluzione progressiva e soluzione stazionaria. Formula
del trasporto dell’impedenza. Coefficiente di riflessione. ROS. Discontinuità sulle linee. Generatori sulle
linee. Condizione di risonanza sulle linee. Uso del formalismo delle linee di trasmissione per lo studio della
propagazione in mezzi stratificati.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Teoremi fondamentali dell’elettromagnetismo; Caratterizzare la propagazione per onde piane;
metodologie per la soluzione di problemi di risolvere il problema della propagazione in mezzi
propagazione delle onde elettromagnetiche; stratificati;
approccio circuitale delle linee di trasmissione. analizzare il comportamento delle grandezze elettriche
lungo una linea di trasmissione.

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame consta di un colloquio orale.

Testi e materiale didattico di supporto


C.Gennarelli: Dispense di Campi Elettromagnetici.
F.T.Ulaby: Fundamentals of Applied Electromagnetics, Prentice Hall.
G.Gerosa, P.Lampariello: Lezioni di Campi Elettromagnetici, Ed. Ingegneria 2000.
G.Franceschetti: Campi Elettromagnetici, Boringhieri.

42
CAMPI ELETTROMAGNETICI (II MOD)
Numero di Crediti: 6
Docente: Proff. Francesco D’Agostino
Collocazione: Laurea III Anno - I semestre
Propedeuticità: Campi Elettromagnetici (I mod)

Finalità del corso


Partendo dalle conoscenze acquisite nel corso di Campi Elettromagnetici I, ci si propone di trasferire agli
allievi quegli strumenti metodologici strettamente indispensabili per l’analisi della propagazione in strutture
guidanti e la determinazione della radiazione da sorgenti elettriche. Lo scopo è quello di fornire una
preparazione sufficiente ad affrontare i corsi più specialistici del settore e la letteratura scientifica avanzata
riguardante l’applicazione della teoria e della tecnica delle onde elettromagnetiche.

Programma
Propagazione guidata (30h) esercitazioni (25%)
Separazione dei campi nelle componenti trasverse e longitudinali. Modi TEM. Cavo coassiale. Modi TE e
TM: calcolo delle funzioni vettoriali e scalari modali. Impedenze modali. Proprietà degli autovalori
trasversi. Velocità di fase e velocità di gruppo. Diagramma di Brillouin. Modo fondamentale. Potenza nella
guida. Guida d’onda rettangolare.
Radiazione elettromagnetica (24h) esercitazioni (25%)
Condizioni di radiazione all’infinito. Potenziali elettromagnetici. Soluzione dell'equazione di Helmholtz.
Dipolo elettrico elementare. Teorema di dualità. Dipolo magnetico elementare. Spira elementare di
corrente. Antenne filiformi. Condizioni di zona lontana. Parametri di un’antenna in trasmissione. Parametri
di un’antenna in ricezione. Relazioni tra i parametri in trasmissione e quelli in ricezione. Formula del
collegamento.
Misure di campi elettromagnetici (6h) esercitazioni (50%)
Strumenti di misura a larga banda e banda stretta. Misure in camera anecoica. Cenni di compatibilità
elettromagnetica.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Metodologie di base per la soluzione di problemi di Affrontare un problema di propagazione in strutture
propagazione in strutture guidanti; guidanti;
caratterizzazione di strutture radianti elementari; determinare i parametri in trasmissione e ricezione
misure dei Campi Elettromagnetici. di sorgenti elementari.

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame consta di un colloquio orale.

Testi e materiale didattico di supporto


C.Gennarelli: Dispense di Campi Elettromagnetici.
F.T.Ulaby: Fundamentals of Applied Electromagnetics, Prentice Hall.
G.Gerosa, P.Lampariello: Lezioni di Campi Elettromagnetici, Ed. Ingegneria 2000.
G.Franceschetti: Campi Elettromagnetici, Boringhieri.

43
CHIMICA

Docente:
Cds: Ingegneria Prof. Guadagno Integrato: Propedeuticità:
Crediti: 6
Elettronica Liberata nessuna

Codice: Tipologia:
Anno: I Semestre: I SSD: CHIM/07
0610400134 Base

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Studio, comprensione e razionalizzazione dei fenomeni chimici, ovvero strutturazione della materia e sue
trasformazioni fisiche e chimiche. Tra i risultati previsti per l’apprendimento rientra lo sviluppo di una
visione atomistica delle sostanze e le competenze per connettere le osservazioni macroscopiche con la
visione atomistica delle reazioni.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione dei concetti fondamentali della chimica sulla base degli obiettivi concettuali pianificati
dal docente.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Agli studenti è richiesto di sapere individuare le possibili applicazioni dei concetti fondamentali
acquisiti.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Rilevanti applicazioni ingegneristiche, risoluzione dei problemi e comprensione concettuale sono tre temi
integrati, anche se distinti, che si intrecceranno durante lo svolgimento del corso e saranno evidenziati in
diversi modi che, nel complesso, funzioneranno come guida per sollecitare gli studenti a sviluppare i propri
obiettivi di valutazione analitica e critica.
Abilità comunicative (communication skills)
Agli studenti è richiesto di sapere esporre oralmente un argomento con la capacità di correlare gli
aspetti fenomenologici della chimica con i processi che avvengono a livello atomico e molecolare.
Capacità di apprendere (learning skills)
Agli studenti è richiesto di sapere applicare le conoscenze acquisite durante il corso, ed approfondire
gli argomenti trattati in contesti di interesse attuale.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze matematiche di base, con
particolare riferimento alle strutture algebriche.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche ed esercitazioni in aula. Nelle esercitazioni in aula viene
assegnato agli studenti la risoluzione di problemi chimici che rappresentano l’espressione in forma
concreta e quantitativa dei concetti che vengono di volta in volta erogati nelle lezioni teoriche. Il
metodo di risoluzione dei problemi è scelto in modo da porre in risalto il ragionamento ed è basato su
un procedimento a tappe; allo step iniziale di comprensione del problema segue la fase di
pianificazione e risoluzione. La fase di pianificazione serve a riflettere su come risolvere il problema
prima di manipolare i valori numerici. L’ultima fase, quella di verifica, promuove l’abitudine a
valutare la ragionevolezza della risposta e a verificare la coerenza con i principi fondamentali della
chimica.

44
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta ed un
colloquio orale.
Contenuto del corso
Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc.
Atomi e cariche elettriche. Peso atomico e molecolare. Concetto di
mole. Elettrone. Energia di ionizzazione e affinità elettronica. Massa
Struttura atomica
degli atomi e delle molecole. Modello attuale dell’atomo di 10 2
della materia
idrogeno. Significato della funzione d’onda. Aufbau degli atomi e
loro configurazione elettronica. Tavola periodica.
Formule chimiche. Legame ionico. Legame covalente.
Delocalizzazione degli elettroni e risonanza. Ibridizzazione e
Legame chimico geometria molecolare. Legame metallico. Interazioni deboli e stati 10 2
condensati. Caratteristiche di valenza degli elementi in relazione alla
loro posizione nel sistema periodico.
Numero di ossidazione. Reazioni chimiche ed equazioni di reazione.
Stechiometria 2 4
Reazioni di ossido-riduzione.
Pressione. Legge di Boyle. Legge di Charles e Gay-Lussac. Scala
assoluta della temperatura. Equazione di stato dei gas perfetti.
Gas, solidi e Pressioni parziali e legge di Dal ton. Gas reali. Proprietà dei solidi.
8 2
liquidi Reticoli e celle elementari. Descrizione di alcuni reticoli cristallini..
Tipi di solidi. Solidi covalenti, molecolari, ionici e metallici.
Liquidi.
Equilibrio solido-liquido, solido-gas e liquido-gas. Diagrammi di
Equilibrio di fase 4
stato. Diagramma di stato dell’acqua e del biossido di carbonio.
Generalità. Legge di azione di massa. Effetto della temperatura
Equilibrio sull’equilibrio chimico. Equilibri omogenei ed eterogenei.
4 7
chimico Dissociazione elettrolitica dell’acqua. Acidi e basi. Prodotto di
solubilità.
Elettrochimica Potenziale all’elettrodo e celle galvaniche. 2 3
Totale Ore 40 20

Testi di riferimento

D.W. Oxtoby “Chimica Moderna” EDISES (Napoli)


Bandoli-Dolmella-Natile “Chimica di Base” EDISES (Napoli)
Schiavello-Palmisano “Fondamenti di Chimica” EDISES (Napoli).

45
CIRCUITI DIGITALI (9 CFU)
Docente:
Cds: Ingegneria Integrato: Propedeuticità:
Prof. Nicola Crediti: 9
Informatica Elettrotecnica
LAMBERTI
Codice: Tipologia:
Anno: III Semestre: SSD: ING-INF/01
Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira all’apprendimento della struttura e del funzionamento dei circuiti logici combinatori e
sequenziali elementari più importanti per le applicazioni pratiche.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito dell’elettronica digitale, dei modelli matematici
e fisici dei componenti e dei circuiti; capacità di analizzare le prestazioni dei dispositivi commerciali
dalla lettura dei data sheet..
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper comprendere il funzionamento di semplici circuiti digitali riuscendo ad individuare il ruolo delle
singole parti del circuito.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare fra le varie soluzioni tecnologiche quella più appropriata per realizzare la funzione
da implementare ed ottimizzare il processo realizzativo in base al contesto in esame.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed esporre oralmente un argomento legato ai circuiti digitali.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di base della teoria dei
circuiti elettrici in regime stazionario e tempo variante.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche ed esercitazioni in aula. Le esercitazioni in aula hanno il
duplice scopo di far familiarizzare maggiormente gli studenti con gli argomenti trattati durante il corso
e di far acquisire loro sensibilità sui valori dei parametri di progetto dei vari circuiti.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e un
colloquio orale.

46
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Introduzione al corso Caratteristiche generali delle famiglie logiche i 10
Porte logiche in
Le famiglie logiche MOS e CMOS 25 5
tecnologia MOS
Circuiti logici I flip-flop SR, JK e D. Circuiti sensibili ai fronti. Flip-
20 5
sequenziali flop master-slave. Realizzazioni EDMOS e CMOS.
Memorie a
Memorie ROM, RAM statiche e dinamiche 20 5
semiconduttore
Totale Ore 75 15

Testi di riferimento
D.A. Hodges and H.G. Jacson: “Analisi e progetto di circuiti integrati digitali”, Boringhieri.
A. S. Sedra, K.C. Smith: “Circuiti per la microelettronica”, Edizioni Ingegneria 2000.
B. Riccò, F. Fantini, P. Brambilla: “Introduzione ai circuiti integrati digitali”, Zanichelli Teletta

47
CIRCUITI ELETTRONICI DI POTENZA PER LE FONTI RINNOVABILI (5 CFU)

Numero di Crediti: 5
Docente: Proff. Giovanni Spagnuolo, Giovanni Petrone
Collocazione: Laurea I Livello, Curriculum Professionalizzante Energia e Ambiente, III Anno,
II semestre
Propedeuticità: Elettrotecnica II, Fondamenti di Automatica

Finalità del corso


Nel corso vengono trattate le problematiche di base relative alla caratterizzazione ed alla progettazione dei
circuiti elettronici di potenza impiegati nei sistemi distribuiti di microproduzione dell’energia basati su
fonti rinnovabili. Applicazioni specifiche riguardano la scelta e il dimensionamento dello stadio di potenza
e del sistema di controllo di circuiti per la regolazione lato sorgente nei sistemi fotovoltaici e nei sistemi a
celle a combustibile. Sono previste esercitazioni al calcolatore ed esercitazioni di laboratorio.
Programma
Caratteristiche e Dimensionamento di Convertitori Switching (15h) esercitazioni 30%
Circuiti elettronici di potenza per la regolazione della tensione: classificazione, modi di funzionamento,
applicazioni. Modelli e metodi per l’analisi dei convertitori. Funzionamento a regime e alle variazioni.
Funzioni ingresso-uscita. Rendimento. Dimensionamento dei parametri circuitali. Scelta dei componenti
allo stato solido. Progetto di induttori. Tipologie di condensatori e criteri di scelta. Analisi, sintesi,
valutazione comparativa e criteri di scelta di convertitori. Simulazione PSIM-MATLAB-SIMULINK.
Tecniche di Controllo (10h)esercitazioni 30%
Fondamenti della regolazione di tensione e corrente. Regolazione statica. Effetti dei parametri parassiti e
delle variazioni di carico e di sorgente. Compensazione dinamica. Controllo feedback e feedforward.
Regolatori di tensione e corrente. Criteri per il dimensionamento dei controllore, analisi delle prestazioni.
Analisi dei disturbi. Simulazione PSIM-MATLAB-SIMULINK.
Pre-regolatori per le Sorgenti di Energia da Fonti Rinnovabili (15h) esercitazioni 50%
Sorgenti ad energia solare: soleggiamento, conversione fotovoltaica, rendimento, parametri di influenza,
funzionamento a massima potenza, specifiche elettriche, architetture serie-parallelo di campi fotovoltaici,
dimensionamento e ottimizzazione del campo fotovoltaico, tecniche e circuiti di pre-regolazione per il
Maximum Power Point Tracking, convertitori per applicazioni stand-alone e grid-connected. Sorgenti ad
idrogeno: tipologie di celle a combustibile, tensione di stack, rendimento, parametri di influenza, specifiche
elettriche, criteri di regolazione e pre-regolatori per le celle a idrogeno. Sistemi Ibridi.
Applicazioni (10h) esercitazioni 50%
Scelta e dimensionamento di convertitori statici per applicazioni fotovoltaiche e per sistemi basati su celle a
combustibile.
Competenze e capacità in uscita dal corso
Competenze relative a: Capacità di:
Progetto di Circuiti elettronici di potenza; Selezionare convertitori e dimensionarne i
Sorgenti di Energia da Fonti Rinnovabili; componenti di potenza e del circuito di controllo in
Pre-regolatori per le Energie Rinnovabili base alle specifiche dell’applicazione

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame prevede lo svolgimento di una prova pratica di progetto e la discussione della stessa nel corso di
un colloquio orale.

Testi e materiale didattico di supporto


R.W.Erickson, D.Maksimovic, Fundamentals of Power Electronics, Kluwer Publ.
Dispense fornite dal docente
48
CIRCUITI PER LE FONTI RINNOVABILI (6 CFU)

Propedeuticità:
Docente:
Cds: Ingegneria Integrato: Elettrotecnica II,
Prof. Giovanni Crediti: 6
Elettronica Fondamenti di
Spagnuolo
Automatica
Tipologia:
Anno: III Semestre: II Codice: SSD: ING-IND/31
Professionalizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Nel corso vengono trattate le problematiche di base relative alla caratterizzazione ed alla progettazione
dei circuiti elettronici di potenza impiegati nei sistemi distribuiti di microproduzione dell’energia basati
su fonti rinnovabili.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Le conoscenze specifiche riguardano le metodologie per la scelta e il dimensionamento dello stadio di
potenza e del sistema di controllo di circuiti per la regolazione lato sorgente. Comprendenti anche
analisi numeriche ottenute mediante simulatori circuitali.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper selezionare la topologia circuitale i parametri di controllo e la componentistica più appropriata
per la realizzazione di un convertitore switching per l’interfacciamento delle sorgenti rinnovabili alle
diverse tipologie di carico.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per progettare e dimensionare un convertitore, ed il relativo
circuito di controllo, per apparecchiature alimentate da fonti rinnovabili.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed esporre oralmente un argomento legato alla progettazione di circuiti
elettronici
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di base della
matematica, fisica, elettrotecnica, elettronica e fondamenti di automatica.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di
laboratorio. Nelle esercitazioni in aula viene assegnato agli studenti, divisi per gruppi di lavoro,
un’attività progettuale o simulativa in cui vengono richiamati gli argomenti trattati durante le lezioni
teoriche ed è strumentale all’acquisizione, oltre che delle capacità di progettazione e realizzazione di
convertitori partendo dalle specifiche, anche a sviluppare e rafforzare le capacità di lavorare in team.
Nelle esercitazioni in laboratorio gli studenti possono verificare sperimentalmente mediante prototipi
circuitali i principi di funzionamento dei convertitori studiati durante il corso.
Metodi di valutazione
L’esame prevede lo svolgimento di una prova pratica di progetto e la discussione della stessa nel corso
di un colloquio orale.

49
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Principio di funzionamento dei convertitori
Introduzione al corso switching. 4
Convertitori non isolati: buck, boost, buck-boost.
Equazioni caratteristiche a regime. Modelli con
Metodi e modelli
parametri parassiti. Funzioni ingresso-uscita.
circuitali per l’analisi 6
Rendimento. Stress.
statica
Modo di funzionamento Continuo e Discontinuo.
Modello medio Ac. Funzioni di trasferimento
ingresso-uscita, controllo-uscita Uso di MATLAB
Analisi dinamica 10 4
per il calcolo delle funzioni di trasferimento.
Controllo in retroazione: Controllo Voltage mode
Sorgenti ad energia solare. Conversione fotovoltaica.
Circuiti Pre-regolatori
Convertitori per applicazioni stand-alone e grid-
per le Sorgenti di
connected. Sorgenti ad idrogeno: celle a 10 2
Energia da Fonti
combustibile
Rinnovabili
Problematiche di mismatching. Sistemi Ibridi
Problematiche di interfacciamento Sorgente
Rinnovabile Carico. Circuiti per il Maximum Power
Tecniche di controllo 8 4
Point Tracking.
Uso di PSIM per la simulazione circuitale.
Progetto delle reti correttrici per il controllo di un
Esempi di progetto convertitore switching. Esempio di progetto di un 4 4 4
convertitore per caricabatteria fotovoltaico
Totale Ore 42 14 4

Testi di riferimento
R.W.Erickson, D.Maksimovic, Fundamentals of Power Electronics, Kluwer Publ. Dispense fornite dal
docente

50
CIRCUITI ELETTRONICI DI POTENZA (5 CFU )

Numero di Crediti: 5
Docente: Proff. Giovanni Spagnuolo, Giovanni Petrone
Collocazione: Laurea I Livello – Curriculum Professionalizzante Industria, III Anno, II
semestre
Propedeuticità: Elettronica Analogica, Elettrotecnica II, Fondamenti di Automatica

Finalità del corso


Il corso tratta le tecniche di progettazione di convertitori switching per applicazioni di piccola potenza.
Vengono studiate le principali tipologie di convertitori dc-dc di interesse applicativo, i criteri di
dimensionamento dei componenti e i principali circuiti integrati di controllo. Sono previste esercitazioni al
calcolatore ed esercitazioni di laboratorio mirate alla realizzazione di prototipi di convertitori.

Programma
Convertitori e regolatori switching (4h)
Specifiche di regolazione della tensione nelle applicazioni industriali, informatiche, di elettronica di
consumo, delle telecomunicazioni. Circuiti elettronici di potenza per la regolazione della tensione:
classificazione, modi di funzionamento, applicazioni.
Scelta e dimensionamento dei convertitori (20h) esercitazioni 35%
Modelli e metodi per l’analisi dei convertitori. Equazioni caratteristiche a regime e alle variazioni. Funzioni
ingresso-uscita. Rendimento. Stress. Analisi e criteri di scelta dei circuiti elettronici di potenza.
Dimensionamento dei parametri circuitali e scelta dei componenti. MOSFET di potenza. Diodi Shottky.
Progetto dei componenti induttivi e capacitivi. Materiali e nuclei magnetici. Condensatori elettrolitici, al
tantalio e a semiconduttore organico: Criteri di scelta e valutazione. Analisi comparativa. Analisi e sintesi
di convertitori mediante PSIM-MATLAB-SIMULINK.
Scelta e dimensionamento dei controllori (20h) esercitazioni 35%
Fondamenti della regolazione di tensione e corrente. Tecnica PWM. Regolazione statica. Compensazione
delle variazioni di carico e di sorgente. Equazioni per il calcolo del duty-cycle. Compensazione dinamica.
Controllo feedback e feedforward. Controlli in tensione e in corrente: principio di funzionamento, criteri
per il dimensionamento dei controllore, prestazioni. Drivers per MOSFET. Circuiti integrati di controllo.
Criteri di scelta. Analisi comparativa. Analisi dei disturbi. Moduli integrati per la regolazione della
tensione. Criteri per il parallelo di moduli di regolazione. Stabilità. Analisi e sintesi di regolatori mediante
PSIM-MATLAB-SIMULINK.
Applicazioni (6h) esercitazioni 35%
Esempi di progetto di regolatori switching per il power management di: batterie, motori ed azionamenti
elettrici, pannelli fotovoltaici, lampade ad alta efficienza, pompe di carica, apparati di telefonia, componenti
per l’informatica.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Circuiti elettronici di potenza per la Selezionare convertitori e
regolazione di tensione e corrente; componenti dimensionarne i componenti di potenza
integrati per il pilotaggio e il controllo e del circuito di controllo in base alle
specifiche dell’applicazione

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame prevede lo svolgimento di una prova pratica di progetto e la discussione della stessa nel corso di
un colloquio orale.
51
Testi e materiale didattico di supporto
R.W.Erickson, D.Maksimovic, Fundamentals of Power Electronics, Kluwer Publ.
K.C.Wu, Pulse-Width Modulated DC-DC converters, Chapman and Hall
M.Brown, Practical Switching Power Supply Design, Academic Press
Dispense fornite dal docente

52
CIRCUITI ELETTRONICI DI POTENZA (9 CFU)

Cds: L.S. Docente:


Integrato: Propedeuticità:
Ingegneria Prof. Nicola Crediti: 9
Elettronica FEMIA
Tipologia:
Anno: I Semestre: I Codice: SSD: ING-IND/31
Affine

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso tratta le topologie, le tecniche di controllo ed i metodi di progetto dei regolatori switching di
tensione e di corrente dc-dc, isolati e non isolati, impiegati come sistemi di alimentazione nei settori
dell’informatica, delle telecomunicazioni e dell’elettronica industriale. Al termine del corso gli allievi
acquisiscono le competenze necessarie per la progettazione di regolatori switching dc-dc low-power.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione delle caratteristiche statiche e dinamiche e delle prestazioni dei regolatori switching dc-dc in
relazione alla topologia ed alla tecnica di controllo utilizzate; definizione, interpretazione ed utilizzo di
figure di merito per l’analisi delle prestazioni.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Capacità di individuare ed interpretare la correlazione fra le specifiche di un regolatore switching, dettate
dalla specifica applicazione di power management cui esso è destinato, e la tipologia di soluzione
progettuale più idonea per il conseguimento delle prestazioni attese; capacità di utilizzo di strumenti
software di rappresentazione e calcolo simbolico, sviluppo ed ottimizzazione di programmi di calcolo per il
progetto automatico.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per progettare e realizzare un regolatore switching, ed
ottimizzare sia il processo di progettazione che il processo realizzativo in base al contesto applicativo.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed interagire con specialisti del settore power management con argomentazioni
tecniche di complessità medio-alta su problematiche di analisi e progetto di circuiti di power management.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper estendere ed applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli discussi durante il corso;
approfondire gli argomenti trattati usando fonti e materiali diversi da quelli proposti
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di matematica, fisica,
teoria dei circuiti, controlli automatici, elettronica analogica, elettronica di potenza, con particolare
riferimento ai dispositivi a semiconduttore.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di laboratorio.
Nelle esercitazioni in aula viene assegnato agli studenti un progetto da sviluppare durante tutto lo
svolgimento del corso. Il progetto comprende unitariamente tutti i contenuti dell’insegnamento ed è
strumentale all’acquisizione delle capacità di progettazione e realizzazione di regolatore switching partendo
dalle specifiche. Nel corso delle esercitazioni in laboratorio gli studenti realizzano un prototipo circuitale e
ne eseguono una caratterizzazione statica e dinamica.

53
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e colloquio
orale.
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Introduzione al
Esigenze e problemi di alimentazione nell’elettronica 3
corso
Convertitori dc-dc isolati e non isolati; modelli,
Topologie caratterizzazione e tecniche di progetto dello stadio di 15 5
potenza di un regolatore dc-dc
Controllori in tensione e in corrente per regolatori dc-dc;
Tecniche di
tecniche di progetto ed ottimizzazione del controllore; 15 5
controllo
controllori digitali
Strumenti e tecniche di analisi simbolica e numerica;
Strumenti per la
metodi e programmi di calcolo per il progetto ottimo d 5 5
progettazione
regolatori switching
Point of load regulators, LED drivers, telecom SMPS,
Applicazioni automotive SMPS, power factor preregulators, battery 12 10 15
power management
Totale Ore 50 25 15

Testi di riferimento
- R.W.Erickson, D.Maksimovic, Fundamentals of Power Electronics, Kluwer Publ.
- S.Maniktala, Switching Power Supplies from A to Z, Elsevier
- Dispense fornite dal docente.

54
CIRCUITI ELETTRONICI DI POTENZA II (5 CFU)

Docente:
Cds: L.S. Propedeuticità:
Prof. Nicola FEMIA Integrato:
Ingegneria Circuiti Elettronici di Crediti: 5
Prof.Giovanni
Elettronica Potenza I
PETRONE
Tipologia:
Anno: II Semestre: II Codice: SSD: ING-IND/31
Affine

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso ha lo scopo di approfondire metodologie di progetto e soluzioni progettuali impiegate per la
realizzazione dei sistemi di alimentazione nei settori ICT e dell’elettronica industriale. Gli allievi
acquisiscono le competenze necessarie per la progettazione di LED drivers, preregolatori del fattore di
potenza, convertitori MPPT per sorgenti fotovoltaiche, architetture di potenza dc-dc distribuite e multifase
per apparati informatici e di telecomunicazione.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione delle caratteristiche funzionali dei regolatori switching dc-dc e delle prestazioni conseguibili
in relazione alla loro destinazione d’uso, alla topologia ed alla tecnica di controllo utilizzate ed alle scelte
progettuali adottate; comprensione della dinamica di regolatori interconnessi; definizione ed utilizzo di
figure di merito per l’analisi delle prestazioni.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Capacità di individuare soluzioni progettuali ottimali per sistemi di alimentazione complessi per i settori
dell’informazione ed industriale; capacità di utilizzo di strumenti software di rappresentazione e calcolo
simbolico, sviluppo di programmi di calcolo per il progetto automatico e per l’ottimizzazione di pre e post
regolatori.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per progettare e realizzare regolatori switching singolo stadio,
multi stadio e interconnessi, ed ottimizzare sia il processo di progettazione che il processo realizzativo in
base al contesto applicativo.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed interagire con specialisti del settore power management con argomentazioni
tecniche di complessità medio-alta su problematiche di analisi e progetto di circuiti di power management.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper estendere ed applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli discussi durante il corso;
approfondire gli argomenti trattati usando fonti e materiali diversi da quelli proposti
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di matematica, fisica,
teoria dei circuiti, controlli automatici, elettronica analogica, elettronica di potenza, con particolare
riferimento ai dispositivi di potenza a semiconduttore.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di laboratorio.
Nelle esercitazioni in aula viene assegnato agli studenti un progetto da sviluppare durante tutto lo
svolgimento del corso. Il progetto comprende unitariamente tutti i contenuti dell’insegnamento ed è
strumentale all’acquisizione delle capacità di progettazione e realizzazione di regolatore switching partendo
dalle specifiche. Nel corso delle esercitazioni in laboratorio gli studenti realizzano un prototipo circuitale e
ne eseguono una caratterizzazione statica e dinamica.
55
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante lo sviluppo di un elaborato
progettuale e la discussione dello stesso attraverso un colloquio orale.
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Introduzione al
Pre-regolatori e post regolatori 2
corso
Convertitori dc-dc isolati; convertitori multi stadio e
Topologie 6 4
multi fase; architetture distribuite
Tecniche di Controlli constant voltage e constant current; controlli in
6 4
controllo corrente e controlli non convenzionali; active clamping
Strumenti e tecniche di analisi simbolica e numerica;
Strumenti per la
metodi e programmi di calcolo per il progetto ottimo di 4 2
progettazione
SMPS
LED drivers, telecom distributed SMPS, automotive
Applicazioni SMPS, power factor preregulators, battery power 12 6 4
management
Totale Ore 30 16 4

Testi di riferimento
- R.W.Erickson, D.Maksimovic, Fundamentals of Power Electronics, Kluwer Publ.
- S.Maniktala, Switching Power Supplies from A to Z, Elsevier
- F.Shearer, Power management in mobile devices, Newness
- Dispense fornite dal docente.

56
CODIFICA E COMPRESSIONE DELL'INFORMAZIONE

Docente: Propedeuticità:
Cds: Ingegneria Integrato:
Prof. Maurizio Trasmissioni Crediti: 5
Elettronica (LS) No
Longo numeriche
Tipologia:
Anno: II Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/03
Affine

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Obbiettivo del corso è di fornire gli elementi teorici e metodologici per comprendere la genesi e le
applicazioni delle tecniche di codifica e di compressione dell'informazione.

Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)


Limiti teorici della compressione della informazione. Basi metodologiche delle tecniche di codifica e
compressione.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Comprendere come i sistemi informativi e di telecomunicazione attingono a tali risultati per fare un
uso efficiente delle risorse trasmissive e di memoria.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Sviluppare algoritmi per compressione dell'informazione.
Valutare comparativamente le prestazioni dei metodi di codifica.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo; argomentare oralmente su questioni tecniche e metodologiche; sviluppare
correttamente la soluzione scritta di un problema.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati è richiesto il possesso di strumenti
metodologici di base nel campo matematico e probabilistico.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche di analisi delle principali metodologie matematico-
probabilistiche, lezioni applicative sui relativi sviluppi tecnologici, discussioni sulle soluzioni proposte.
Sono previste prove scritte sotto forma d set di problemi da risolvere a casa e da sottoporre a
valutazione.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante un colloquio orale,
tenendo conto delle suddette prove scritte.

57
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Entropia, divergenza e mutua informazione. Convessità e
disuguaglianza di Jensen. Non-negatività della divergenza e
conseguenti disuguaglianze. Sorgenti senza memoria, sorgenti
con memoria stazionarie. Tasso entropico. Modelli markoviani)
Classificazione di codici a lunghezza variabile: invertibilità,
univoca decifrabilità, condizione del prefisso. Disuguaglianza di
Kraft.Limite inferiore per la lunghezza media; efficienza del
Misura
codice. Teorema di Shannon sulla codifica di sorgenti senza
dell'informazione
memoria e di sorgenti con memoria stazionarie. Codifica di 20
e codifica
Huffmann. Codifica universale: codifica di Huffman adattativa;
entropica
codifica di Lempel--Ziv.
Entropia differenziale. Casi delle v.a. uniforme e gaussiana.
Relazione fra entropia differenziale e entropia della variabile
quantizzata. Entropia condizionale e congiunta. Divergenza e
mutua informazione per v.a. continue. Funzione R(D) (cadenza
vs. distorsione). Calcolo di R(D): caso della sorgente della
sorgente Gaussiana.
Quantizzatore scalare: strutture descrittive. Distorsione, rumore
granulare e di sovraccarico, rapporto segnale--rumore.
Quantizzazione uniforme. Quantizzazione non uniforme (cenni).
Quantizzazione ottima: regola ``nearest neighbor'' e regola del
centro di massa. Algoritmo di Lloyd.
Tecniche di Predizione ottima non lineare e lineare; principio di ortogonalità.
Predizione lineare con memoria finita: equazioni di Yule--
codifica con
Walker. Algoritmo di Levinson--Durbin. Metodi di
controllo di 18
autocorrelazione empirica e di autocovarianza empirica.
distorsione Predizione lineare con memoria infinita: equazioni di Wiener--
Hopf. Quantizzazione differenziale. Quantizzazione predittiva ad
anello (DPCM). Tecniche predittive--adattative (ADPCM).
Modulazione delta.
Codifica per trasformate Il problema della allocazione dei bit .
Decorrelazione mediante trasformata. Trasformata di Karhunen--
Loeve. Altre trasformate (Wavelet). Codifica per sottobande.
Codifica parametrica della voce Modello del tratto vocale.
Tassonomia dei codificatori vocali. Codificatori standard per
Applicazioni telefonia fissa e mobile.
12
multimediali Codifica Audio
Codifica di immagini fisse e mobili. JPEG ed MPEG. Codifica
per facsimile.
Totale Ore 50 0 0

Testi di riferimento
T.Cover, J. Thomas: Elements of InformationTheory, J. Wiley, 1991.
A Gersho, R. Gray: Vector Quantization and Signal Compression, Kluwer, 1991
J. Gibson, T. Berger, T. Lookabaugh, D. Lindberg, R. Baker, Digital Compression for Multimedia,
Morgan-Kaufman, 1998
58
COMPATIBILITÁ ELETTROMAGNETICA
Numero di Crediti: 5
Docente: Prof. Francesco D’Agostino
Collocazione: Laurea Specialistica, II Anno - I semestre
Propedeuticità: Antenne I

Finalità del corso


Il corso analizza gli aspetti fondamentali della compatibilità elettromagnetica. In particolare, vengono
forniti agli allievi strumenti atti alla determinazione di soluzioni robuste, dal punto di vista della
compatibilità, nel progetto di sistemi elettronici ad alta frequenza di largo impiego nell’ambito delle
telecomunicazioni. Particolare attenzione viene inoltre rivolta alle attrezzature e ai metodi per la verifica, o
sperimentale o mediante simulazione numerica, del rispetto di normative predisposte da organismi
nazionali e internazionali.

Programma
Introduzione alla EMC (4 ore)
L’ambiente elettromagnetico. Concetti di interferenza elettromagnetica (EMI) e di compatibilità
elettromagnetica (EMC). Condizioni di compatibilità e di interferenza, immunità e suscettibilità.
Sorgenti di interferenza (9 ore) esercitazioni (30%)
Disturbi condotti e disturbi radiati. Disturbi a banda larga e a banda stretta. Disturbi coerenti e incoerenti.
Banda equivalente impulsiva. Caratterizzazione delle principali sorgenti di interferenza condotta e radiata.
Disturbi impulsivi: scarica elettrostatica, fulmine, impulso nucleare.
Schermi elettromagnetici (9 ore) esercitazioni (30%)
Schermi metallici continui. Efficacia schermante. Schermi sottili. Aperture in schermi metallici. Schermi
discontinui: reti, superfici metalliche forate, fessure, guarnizioni. Schermi ferromagnetici.
Normative e metodologie di misura (7 ore) esercitazioni (25%)
Principali normative civili e militari. Standard di misura. Misure di disturbi condotti. Sonde di misura per i
campi elettromagnetici e antenne standard. Celle TEM. Cabine schermate. Camere semianecoiche ed
anecoiche. Camere riverberanti. Siti di prova all’aperto. Norme per la sicurezza umana in presenza di campi
elettromagnetici.
Diafonia (9 ore) esercitazioni (20%)
Linee di trasmissione multiconduttore. Modelli circuitali per l’accoppiamento induttivo e capacitivo.
Eliminazione del cross-talk mediante cavi schermati e mediante cavi intrecciati.
Aspetti sistemistici (4 ore)
Configurazioni circuitali robuste. Disposizione dei componenti circuitali. Messa a terra di sistemi.
Metodi di simulazione (8 ore) esercitazioni (25%)
Principali metodi per la simulazione elettromagnetica di ambienti complessi in bassa ed alta frequenza.
Metodi ibridi. Simulazione nel dominio della frequenza e nel dominio del tempo.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Caratterizzazione delle principali sorgenti Determinare soluzioni robuste, dal punto di vista della
di interferenza; compatibilità, nella progettazione di sistemi elettronici ad alta
Normative e metodologie di misura in frequenza;
EMC; Progettare schermature efficaci per il campo
Metodi per la simulazione di ambienti elettromagnetico.
complessi dal punto di vista
elettromagnetico.

59
Modalità di svolgimento dell’esame
Colloquio orale

Testi e materiale didattico di supporto


C.R. Paul, Compatibilità Elettromagnetica, HOEPLI, 1999.
E.C. Ott, Noise reduction in electronic circuits, Wiley, John Wiley & Sons, 1993.
Bochicchio, Giambartolomei, Lezioni di Compatibilità Elettromagnetica, Ed. Pitagora, 1993.

60
COMPLEMENTI DI DISPOSITIVI ELETTRONICI
Numero di crediti: 5
Docente: Prof. Salvatore Bellone
Collocazione: Laurea - Curriculum Specialistico, III anno, II semestre
Propedeuticità: Elettronica Digitale

Finalità del corso


Il corso intende portare l’allievo a familiarizzare con le caratteristiche fisiche e costruttive dei dispositivi
elettronici, anche complessi, fornendo le competenze necessarie per un loro dimensionamento. Il Corso fa
uso massiccio di CAD di tipo fisico, tecnologico e progettuale con l’obiettivo di riuscire a correlare gli
aspetti fisici, circuitali ed implementativi dei diversi dispositivi ed accrescere la capacità dello studente
nell’interpretare e seguire la continua innovazione tecnologica nel settore.

Programma
Cenni sui processi tecnologici: Ossidazione termica; Diffusione termica; Impiantazione ionica; Tecniche
per la metallizzazione; Tecniche di deposizione e di attacco; Litografia; Tecnologia dei circuiti integrati
NMOS, CMOS e Bipolari; Interconnessioni; CAD per la simulazione dei processi.
Strutture elementari: Richiami sui materiali semiconduttori; Fenomeni di ricombinazione; Effetti di alto
drogaggio; Pseudo livelli; Caratteristiche elettriche e fisiche di giunzioni P-N. MS e MOS; Caratteristiche
di breakdown; Fenomeni di tunneling e hot-carriers; Regole di scaling down di dispositivi bipolari e
CMOS; Funzionamento sotto soglia; Effetti da canale corto; Tecnologie SOI e SiGe; Modello in alta
frequenza di BJT e MOST; CAD per la simulazione fisica.
Strutture integrate: Tolleranze dei parametri; Specchi di corrente MOS, BJT e BiCMOS: Widlar, Wilson
e cascode; Generatori di riferimento di corrente e di tensione; Specchi di corrente come carico attivo;
Carichi attivi complessi negli amplificatori operazionali; Amplificatori operazionali bipolari, CMOS e
BiCMOS; Struttura interna degli amplificatori operazionali; Classi di funzionamento; Operazionali a larga
banda.
Percentuale di esercitazioni: 30%

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relativa a: Capacità di
-Tecnologia e modelli fisici dei dispositivi - Disegnare dispositivi per specifiche
- CAD tecnologico-circuitale; applicazioni
- Impiego di CAD dedicato all’elettronica

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame consta di una prova scritta ed un colloquio orale.

Libro di testo
Yuan Taur, Tak H. Ning: " Fundamentals of modern VLSI devices"; Cambridge, University Press
Richard C. Jaeger, Travis N. Blalock “ Microelettronica, vol. 1 e vol. 2, McGraw-Hill, 2005
S. Wolf “ Silicon processing for the VLSI Era” Vol. 3, Lattice Press

61
COMPLEMENTI DI ELETTROMAGNETISMO

Cds: Specialistica Docenti:


Integrato: Propedeuticità:
Ingegneria Prof. Flaminio FERRARA Crediti:10
Antenne
Elettronica Prof. Claudio GENNARELLI
Tipologia:
Anno: II Semestre: Codice: SSD: ING-INF/02
Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso di Complementi di Elettromagnetismo rappresenta il naturale completamento degli argomenti
trattati negli altri corsi di Elettromagnetismo ed, in particolare, in quello di Antenne. Inoltre, vengono
presentate alcune tecniche numeriche ed analitiche di frequente utilizzo in ambito elettromagnetico.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Conoscenze delle caratteristiche fondamentali delle tecniche studiate durante il corso e dei loro limiti
di applicabilità.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper risolvere un assegnato un problema elettromagnetico (ad esempio la progettazione di un’antenna,
di un dispositivo a microonde o di una copertura radiomobile) sfruttando le conoscenze acquisite
durante il corso ed ottimizzarne i parametri di progetto utilizzando, ove possibile, i pacchetti software
commerciali appropriati.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare le metodologie più appropriate per la risoluzione di un problema in ambito
elettromagnetico.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed illustrare in modo chiaro ed efficace un argomento legato a problematiche
“avanzate” di elettromagnetismo.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a problemi diversi da quelli affrontati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando testi differenti da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati, è indispensabile una buona conoscenza degli
argomenti affrontati nei precedenti corsi di elettromagnetismo e, in particolare, della teoria delle
antenne.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla soprattutto lezioni teoriche, ma sono previste anche alcune esercitazioni in
aula ed esercitazioni in laboratorio. Nelle esercitazioni in aula, viene mostrato l’utilizzo di pacchetti
software, diffusamente utilizzati sia nella ricerca scientifica che nella progettazione industriale, per la
risoluzione numerica di problemi in ambito elettromagnetico. Vengono, inoltre, illustrati alcuni
programmi software che utilizzano le rappresentazioni non ridondanti del campo EM. Nelle
esercitazioni in laboratorio, viene effettuata la caratterizzazione di un’antenna da misure non ridondanti
acquisite in camera anecoica con un sistema di scansione cilindrica.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante un colloquio orale.

62
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Es. Lab.
Metodo dei momenti (MoM). Metodo agli elementi
Tecniche numeriche in
finiti (FEM). Metodo alle differenze finite nel dominio 16 8
elettromagnetismo
del tempo (FDTD).
Metodo della fase stazionaria. Valutazione asintotica
Valutazione asintotica
uniforme di un integrale con una o più singolalarità 8
di integrali
polari vicine al punto di sella.
Campo ridotto e banda (spaziale) locale. Scelta ottimale
del fattore di fase e della parametrizzazione.
Rappresentazioni non
Modellazioni sferoidali della sorgente radiante.
ridondanti dei campi 12 2
Rappresentazioni di campionamento del campo EM e
elettromagnetici (EM)
loro applicazione all’interpolazione del campo irradiato
in zona lontana da un’antenna.
Espansione in onde cilindriche del campo EM irradiato
Tecniche di
da una antenna. Trasformazione NF-FF con scansione
trasformazione campo
cilindrica senza e con “Probe compensation”. 12 6 4
vicino – campo
Applicazione delle rappresentazioni non ridondanti alla
lontano (NF-FF)
trasformazione NF-FF con scansione cilindrica.
Propagazione nello spazio libero e in presenza di
Fondamenti della
superfici riflettenti lisce e rugose. Perdite di 4
propagazione
propagazione (Path Loss).
Principio di Huygens. Diffrazione da bordo e perdite di
Propagazione su
diffrazione. Diffrazione da spigoli multipli. Modelli di 6
terreno irregolare
predizione del Path Loss.
Classificazione delle aree urbane. Modelli empirici e
Propagazione in aree
semi-empirici per la predizione delle perdite in aree 8 10
urbane
urbane (outdoor e indoor).
Grandezze di riferimento. La normativa a livello
Normative di
internazionale e italiano. Soluzioni di mitigazione
protezione per le
dell’impatto ambientale. Elementi di progettazione della 4
esposizioni a campi
copertura del territorio tenendo conto delle esigenze di
EM
minimo impatto ambientale.
Totale Ore 70 26 4

Testi di riferimento
F. Ferrara, C. Gennarelli, Dispense del corso di Complementi di Elettromagnetismo.
M.N.O. Sadiku, Numerical Techniques in Electromagnetics, CRC Press, Boca Raton, USA, 1992.
L. B. Felsen, N. Marcuvitz, Radiation and scattering of waves, IEEE Press, New York, USA, 1994.
C. Gennarelli, G. Riccio, F. D’Agostino, F. Ferrara, Near-field – far-field transformation techniques,
Edizioni CUES, vol. 1, Salerno, 2004.
D. Parsons, The mobile radio propagation channel, Pentech Press, London, UK, 1992.
N. Blaunstein, Radio propagation in cellular networks, Artech House, Boston, USA, 2000.

63
COMPLEMENTI DI ELETTROTECNICA
Numero di Crediti: 3
Docenti: Proff. Vincenzo Tucci – Giovanni Spagnuolo
Collocazione: Laurea, III Anno - II semestre
Propedeuticità: Elettrotecnica II

Finalità del corso


Il modulo completa la formazione degli strumenti per l’analisi di componenti elettrici e magnetici e dei
circuiti elettrici ed elettronici. Sono discusse le caratteristiche principali dei modelli statici e quasi statici
dell’elettromagnetismo e discussi i limiti di validità del modello circuitale. Sono presentate, inoltre, le
tecniche analitiche e numeriche per l’analisi automatica di circuiti elettrici e magnetici, statici e dinamici,
lineari e non, e per l’analisi di sensitività e tolleranza.

Programma del Corso


Componenti e modelli dell’elettromagnetismo stazionaro e quasi stazionario (15h)
esercitazioni: 30%
I modelli statici e quasi statici dell’elettromagnetismo. Relazioni costitutive dei materiali. Il modello
circuitale e le ipotesi di validità. Equazioni di Laplace e Poisson e le tecniche analitiche e numeriche di
soluzione. condizioni al contorno e unicità della soluzione. Modellazione di componenti elettrici e
magnetici. Energia immagazzinata in un campo elettrico e magnetico. Forze e coppie elettromagnetiche ed
elettrodinamiche.
Componenti e modelli per l’analisi di circuiti lineari e non lineari (15h)
esercitazioni: 30%
Formulazioni del modello matematico per circuiti statici e dinamici. Formulazione delle equazioni di stato
per circuiti elettrici e magnetici lineari e non lineari. Tecniche per la soluzione numerica.
Metodi analitici e numerici per l’analisi di sensitività e tolleranza di circuiti elettrici e magnetici, lineari e
non lineari.Analisi di sensitività e tolleranza: equazione aggiunta, metodo del gradiente, analisi di intervallo
e analisi affine.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Modelli statici e quasi statici Risolvere con tecniche analitiche e/o numeriche
dell’elettromagnetismo. equazioni di Laplace e Poisson.
Equazioni di Laplace e Poisson. Analizzare e sintetizzare circuiti elettrici e
Formulazioni generali per l’analisi di circuiti magnetici contenenti componenti non lineari.
statici e dinamici. Effettuare l’analisi di sensitività di un circuito.

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame consta di un colloquio orale.

Materiale didattico
- F. Trevisan, F. Villone: “Modelli numerici per campi e circuiti”, SG Editoriali, Padova.
- L. O. Chua, C. A. Desoer, E. S. Kuh: Circuiti lineari e non lineari, Gruppo Ed. Jackson, Milano.
- Diapositive delle lezioni ed esercizi disponibili su sito WEB: http://www.adele.unisa.it

64
COMPONENTI E CIRCUITI OTTICI
Numero di Crediti: 5
Docente: Ing. Francesco Chiadini
Collocazione: Laurea Specialistica, Curriculum Telecomunicazioni ed Elettromagnetismo
Applicato, II anno - II semestre
Propedeuticità: Ottica ed Interazioni

Finalità del corso


Il corso fornisce gli elementi teorici necessari per l’analisi della propagazione in strutture guidanti
dielettriche a geometria planare (guide planari) e cilindrica (fibre ottiche). Vengono inoltre analizzati i
principali componenti ottici attivi e passivi con particolare riguardo a quelli impiegati nei sistemi di
trasmissione in fibra ottica. E’ prevista attività di laboratorio sperimentale.

Programma
Componenti del campo in strutture cilindriche (4h) esercitazioni (0%)
Guide dielettriche invarianti longitudinalmente, espansione modale del campo, modi guidati e modi
radiativi, componenti trasverse dei campi in coordinate cartesiane ed in coordinate cilindriche, equazioni
risolventi per le componenti longitudinali dei campi, convenzioni tra le componenti dei campi.
Guide d’onda dielettriche (15 h) esercitazioni (10%)
Guida planare omogenea simmetrica: modi guidati TE pari e TE dispari, equazioni caratteristiche e
soluzione grafica, parametri normalizzati, frequenze di taglio dei modi guidati, curve di dispersione, modi
radiativi, modi evanescenti, caso β>kon1. Guida planare omogenea asimmetrica: modi guidati TE e TM,
equazioni caratteristiche e soluzione grafica. Guida a canale omogenea: modi quasi-TE e modi quasi-TM,
determinazione delle costanti di propagazione con il metodo dell’indice di rifrazione efficace. Eccitazione
di guide ottiche: effetto tunnel elettromagnetico, accoppiatore a prisma, misura degli angoli di sincronismo.
Fibre ottiche (15 h) esercitazioni (10%)
Fibre ottiche step-index: componenti del campo in coordinate cilindriche, calcolo delle componenti
longitudinali, equazione caratteristica dei modi guidati, modi TE, TM e modi ibridi, fibra debolmente
guidante, equazione caratteristica approssimata, modi LP, calcolo delle frequenze di taglio, modo
fondamentale, curve di dispersione, aspetto dei modi LP. Approssimazione gaussiana del campo:
espressione integrale per la costante di propagazione, calcolo della varianza con tecnica variazionale,
approssimazione gaussiana per la fibra step-index. Parametri trasmessivi delle fibre ottiche: apertura
numerica, attenuazione, perdite intrinseche, estrinseche, perdite per diffusione e per curvatura, misura
dell’attenuazione col metodo del taglio, OTDR, dispersione nelle fibre ottiche, dispersione intermodale,
calcolo del ritardo modale in una fibra step-index, dispersione intramodale, dispersione da materiale, da
guida e da profilo, fibre a dispersione spostata e a dispersione piatta.
Cavità risonanti e filtri (10 h) esercitazioni (10%)
matrici di scattering di una superficie semiriflettente in assenza di perdite, cavità risonante Fabry-Perot (F-
P), caratteristiche spettrali della cavità F-P, perdite in una cavità F-P, cavità F-P come filtro, matrice
caratteristica di uno strato dielettrico, specchi dielettrici, strutture periodiche infinite, propagazione in
strutture periodiche: onde di Bloch, teorema di Floquet, teoria delle piccole riflessioni, filtri polarizzatori,
filtri periodici monodimensionali a banda proibita, filtri periodici integrati, Fiber Bragg Grating (FBG),
progetto di un FBG, effetto Faraday, isolatori.
Attività Sperimentali (6 h) esercitazioni (100%)
Misura delle costanti di propagazione (modi TE e modi TM) di una guida ottica planare e ricostruzione del
profilo d’indice di rifrazione. Taglio di una fibra ottica e analisi dell’accoppiamento fibra-sorgente. Misure
del near-field di una fibra ottica monomodale
65
Competenze e capacità in uscita dal corso
Competenze relative: Capacità di:
all’analisi teorica e numerica di fibre e guide Effettuare analisi e caratterizzazioni (anche
ottiche sperimentali) di fibre ottiche
ai componenti ottici attivi e passivi per sistemi Individuare i principali parametri di progetto di un
di comunicazione in fibra ottica sistema di comunicazione in fibra ottica
Analizzare componenti ottici complessi

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame prevede la sola prova orale

Materiale didattico di supporto


P. Bassi, G. Bellanca, G. Tartarini: “Propagazione ottica libera e guidata”, Ed. CLUEB Bologna;
W. Snyder & J. D. Love: “Optical Waveguide Theory” Chapman & Hall ;
M.Born and E.Wolf, “Principles of Optics”, Cambridge University Press, Cambridge, 1980;
Dispense fornite dal docente

66
COMUNICAZIONI ELETTRONICHE

Propedeuticità:
Cds: Ingegneria Docente: Integrato:
Teoria dei Crediti: 6
Elettronica Maurizio Longo No
segnali
Anno: III Semestre: Codice: SSD: ING-INF/03 Tipologia:Affine

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso è orientato a fornire gli strumenti metodologici per il progetto e l’analisi dei sistemi di
comunicazione analogici e digitali, con enfasi su questi ultimi. Il corso presenta inoltre le tecniche di
base per la trasmissione analogica e numerica.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione degli elementi fondamentali e dei trade-off di progetto per i sistemi di modulazione
analogici e digitali, con specifica attenzione alla valutazione delle prestazioni delle differenti soluzioni
progettuali.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper progettare e analizzare semplici sistemi di trasmissione dell’informazione.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare la classe di sistemi maggiormente idonei a specifici scenari applicativi di interesse
pratico. Determinare i limiti teorici delle prestazioni di detti sistemi e, di conseguenza, il grado di
efficienza delle singole soluzioni progettuali.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper analizzare, comprendere, ed elaborare il linguaggio tecnico per la descrizione dei sistemi di
trasmissione, e per la valutazione delle prestazioni dei sistemi di trasmissione..
Capacità di apprendere (learning skills)
Comprensione di sistemi fisici di varia natura e tipologia, con ovvia enfasi sui sistemi di trasmissione
dell’informazione.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste adeguate conoscenze
matematiche di base ed elementi di probabilità.
Metodi didattici
Il corso prevede lezioni teoriche ed esercitazioni numeriche.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e
colloquio orale.

67
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Introduzione al corso Richiami storici. Rilevanza delle telecomunicazioni. 2
Elementi di base dei 6
Modulazioni analogiche lineari e non lineari.
sistemi di
Valutazione delle prestazioni. Valutazione 10
comunicazione
comparativa dei sistemi analogici.
analogici
Introduzione ai sistemi Richiami storici. Rilevanza delle comunicazioni
2
digitali digitali. L’impatto della teoria di Shannon
Sorgenti di informazione e loro rappresentazione.
Rappresentazione e Canali e loro rappresentazione. Sistemi di
trasmissione modulazione PAM, PPM, PSK, FSK, QAM: 20 12
dell’informazione complessità, banda, prestazioni in termini di
probabilità di errore, e rapporto segnale rumore.
Equalizzazione, Ricezione ottima su canali affetti da ISI. Algoritmo di
caratterizzazione Viterbi. Caratterizzazione spettrale delle modulazioni 6 2
spettrale e ISI lineari. L’interferenza intersimbolica
Totale Ore 40 20

Testi di riferimento
J. G. Proakis, M. Salehi, Communication Systems Engineering, seconda edizione, Prentice Hall, 2002.
J. G. Proakis, Digital Communications, quarta edizione, McGraw-Hill.

68
COMUNICAZIONI RADIOMOBILI

Propedeuticità:
Cds: Specialistica Docenti:
Integrato: Antenne
Ingegneria Prof. Flaminio FERRARA Crediti: 5
Telecomunicazioni
Elettronica Prof. Vincenzo MATTA
numeriche
SSD: ING-INF/02 Tipologia:
Anno: II Semestre: II Codice:
ING-INF/03 Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Obiettivo del corso è fornire allo studente le competenze necessarie per l’analisi e l’integrazione di
sistemi di comunicazione radiomobili, incluse le reti wireless.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Conoscenze delle caratteristiche fondamentali dei modelli studiati durante il corso e dei loro limiti di
applicabilità.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper progettare una copertura radiomobile sfruttando le conoscenze acquisite durante il corso ed
ottimizzarne i parametri di progetto utilizzando i pacchetti software commerciali appropriati.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare le metodologie più appropriate per la risoluzione di un problema di copertura
radiomobile.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed illustrare in modo chiaro ed efficace un argomento legato a problematiche
riguardanti la comunicazione tra punti fissi e non in ambiente urbano (outdoor e indoor) e rurale.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a problemi diversi da quelli affrontati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando testi differenti da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati, è indispensabile una buona conoscenza degli
argomenti affrontati nei precedenti corsi di elettromagnetismo e telecomunicazioni.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla soprattutto lezioni teoriche, ma sono previste anche alcune esercitazioni in
aula. Nelle esercitazioni in aula, viene mostrato l’utilizzo di pacchetti software diffusamente utilizzati
nella progettazione e valutazione di sistemi di antenna, e vengono presentati esempi relativi a problemi
concreti delle comunicazioni mobili.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante un colloquio orale.

69
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Es. Lab.
Propagazione nello spazio libero e in presenza di
Fondamenti della
superfici riflettenti lisce e rugose. Perdite di 4
propagazione
propagazione (Path Loss).
Principio di Huygens. Diffrazione da bordo e
Propagazione su
perdite di diffrazione. Diffrazione da spigoli 6
terreno irregolare
multipli. Modelli di predizione del Path Loss.
Classificazione delle aree urbane. Modelli
Propagazione in aree
empirici e semi-empirici per la predizione delle 8 8
urbane
perdite in aree urbane (outdoor e indoor).
Grandezze di riferimento. La normativa a livello
Normative di internazionale e italiano. Soluzioni di
protezione per le mitigazione dell’impatto ambientale. Elementi di
4
esposizioni a campi progettazione della copertura del territorio
EM tenendo conto delle esigenze di minimo impatto
ambientale.
Fading: effetto del multipath e del movimento.
Canali affetti da Classificazione del fading. Modello di Rayleigh.
4 1
fading Probabilità di errore per fading di Rayleigh in
AWGN. Tecniche di diversità.
Il concetto cellulare. Dimensionamento di una
rete cellulare. Procedure di hand-off. Capacità
Il sistema cellulare 4 1
di un sistema cellulare. Interferenza co-canale e
interferenza da canale adiacente.
Il problema dell’accesso. Teorema 2BT e
Strategie di accesso
relazioni con l’accesso multiplo. Capacità dei 4 1
multiplo
canali ad accesso multiplo.
Problematiche di Panoramica sulle più comuni problematiche di
sicurezza nelle sicurezza nelle reti. Crittografia e steganografia. 4 1
telecomunicazioni Canali con intercettazioni.
Totale Ore 38 12 0

Testi di riferimento
D. Parsons, The mobile radio propagation channel, Pentech Press, London, UK, 1992.
N. Blaunstein, Radio propagation in cellular networks, Artech House, Boston, USA, 2000.
J. Proakis, Digital Communications, McGraw Hill, 2001.
S. Benedetto and E. Biglieri, Principles of Digital Transmission: With Wireless Applications, Kluwer
Academic/Plenum Publishers, 1999.
T. Rappaport, Wireless Communications, Prentice-Hall, 2002.

70
CONTROLLI AUTOMATICI

Numero di Crediti: 3
Docente: Prof. Pasquale Chiacchio
Collocazione: Laurea I Livello percorso specialistico, III Anno - II semestre
Propedeuticità: Fondamenti di Automatica

Finalità del corso


Introdurre lo studente alla progettazione di controllori per sistemi dinamici.

Programma
Progetto di controllori nel dominio della frequenza (10h) esercitazioni 40%
Specifiche dinamiche. Carte di Nichols. Reti correttrici. Progetto di controllori nel dominio della frequenza.
Progetto di controllori nel dominio della s (8h) esercitazioni 40%
Luogo delle radici. Sintesi di controllori con il metodo del luogo delle radici.
Regolatori standard (4h) esercitazioni 40%
Azioni di controllo standard e loro combinazioni. Tecniche di taratura dei regolatori PID. Problematiche di
implementazione dei regolatori PID.
Sintesi dei sistemi di controllo digitale (8h) esercitazioni 40%
Schemi di controllo digitale. Analisi dei sistemi di controllo ibridi. Scelta del periodo di campionamento.
Discretizzazione di un regolatore a tempo continuo. Algoritmi di controllo

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Caratteristiche dei sistemi di controllo a tempo Progettare controllori per sistemi a tempo
continuo e a tempo discreto. continuo e a tempo discreto e valutarne le
Metodi di analisi dei sistemi di controllo in prestazioni
retroazione.

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame consta di una prova scritta ed un colloquio orale.

Testi e materiale didattico di supporto


F. Basile, P. Chiacchio, Lezioni di Automatica – volume II, CUES
Per approfondimenti:
G.F. Franklin, J.D. Powell, A.Emami-Naeini, Controllo a retroazione di sistemi dinamici, Edises, Napoli,
2004.
P. Bolzern, R. Scattolini, N. Schiavoni, Fondamenti di Controlli Automatici, McGraw-Hill, Milano, 2004.

71
ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

Docente:
Cds: Ingegneria Integrato: Propedeuticità:
prof. Francesco Crediti: 6
Elettronica nessuna
ZIRPOLI
Tipologia:
Anno: I Semestre: I Codice: SSD: ING/IND-35
Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso fornisce conoscenze di economia d’impresa e di organizzazione aziendale. In particolare si
analizzeranno i principali parametri di progettazione delle organizzazioni, i fattori ambientali che li
influenzano ed i principali modelli organizzativi. Seguirà la descrizione e l’analisi del bilancio
d’esercizio come strumento per la valutazione della situazione economica e finanziaria delle imprese.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito dell’economia d’impresa, dei principali
modelli organizzativi, degli strumenti di analisi dell’aspetto economico-finanziario
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Riconoscere le principali variabili di progettazione organizzativa e individuare la miglior
configurazione dati i fattori contingenti; analizzare un bilancio e valutare la situazione economica e
finanziaria delle imprese
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare le variabili organizzative rilevanti e le problematiche economiche e finanziarie
d’impresa.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed esporre gli argomenti legati all’organizzazione e alla gestione aziendale.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati non sono richieste particolari conoscenze di
base.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche ed esercitazioni in aula. Nelle esercitazioni in aula viene
assegnato agli studenti un caso aziendale da analizzare in relazione alle competenze teoriche apprese
durante il corso. I casi riguarderanno sia i contenuti di organizzazione sia quelli di analisi di bilancio e
sono strumentali all’apprendimento dei concetti teorici.

Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e
colloquio orale.

72
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Che cosa è l’economia: macroeconomia e
Introduzione al corso microeconomia - L’impresa nel sistema ambiente- 5
mercato - I confini dell’analisi di settore.
Elementi di base della progettazione organizzativa - Le
posizioni individuali - La macrostruttura - I
Progettazione collegamenti laterali - Il decentramento - I fattori
dell’organizzazione contingenti - Le cinque configurazioni - La soluzione 20 5
aziendale semplice - La burocrazia meccanica - La burocrazia
professionale - La soluzione divisionale -
L’adhocrazia.
Il bilancio d’esercizio disciplinato dal codice civile -
Contenuti dello stato patrimoniale - Contenuti del
conto economico - L’analisi dell’aspetto patrimoniale:
Bilancio d’esercizio
solidità dell’impresa - L’analisi della struttura e della
ed analisi per indici 18 12
situazione finanziaria: liquidità - L’analisi della
struttura e della situazione economica: redditività -
L’analisi del punto di pareggio e della redditività
operativa.
Totale Ore 43 17 0

Testi di riferimento
Mintzberg, La progettazione dell’organizzazione aziendale, Il Mulino
Giunta, Pisani, Il bilancio, Apogeo
Ferrero, Dezzani, Pisoni, Puddu, Le analisi di bilancio, Giuffrè
Dispense a cura del docente
Lucidi delle lezioni ed esercizi disponibili su sito web: http://elearning.dimec.unisa.it

73
ELABORAZIONE NUMERICA DEI SEGNALI (5CFU)

Cds: Ingegneria Docente:


Integrato: Propedeuticità:
Elettronica (II Ing. Rocco Crediti:5
Liv.) RESTAINO
Tipologia:
Anno: II Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/03
Affine

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso, di carattere metodologico, mira a fornire i principali strumenti matematici per l’analisi e
l’elaborazione dei segnali digitali e prevede lo svolgimento di esercitazioni numeriche e di laboratorio sugli
argomenti sviluppati a lezione.
• Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
1. conoscenza dei fondamenti matematici dell’elaborazione dei segnali
2. conoscenza delle principali tecniche per la rappresentazione dei segnali
3. conoscenza delle metodologie di progetto dei filtri FIR ed IIR
4. comprensione dell’approccio statistico all’elaborazione dei dati
5. conoscenza delle principali tecniche di filtraggio adattativo
• Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
1. Comprimere un segnale mediante trasformate.
2. Progettare un filtro numerico soddisfacente specifiche assegnate.
3. Eseguire il filtraggio numerico (anche adattativo) di segnali attraverso l’uso di pacchetti
software.
• Autonomia di giudizio (making judgements)
1. Saper valutare i vincoli di progetto di un sistema di elaborazione numerica in termini di
errore, complessità computazionale e stabilità dell’algoritmo
2. Saper scegliere il metodo più adatto per la soluzione del particolare problema
• Abilità comunicative (communication skills)
1. Saper esporre gli argomenti trattati in maniera corretta e precisa dal punto di vista del
linguaggio tecnico-scientifico
2. Saper presentare una soluzione applicativa in maniera semplice ed esauriente
• Capacità di apprendere (learning skills)
1. Saper utilizzare i concetti esposti per applicazioni diverse da quelle mostrate a lezione
2. Saper orientarsi nella letteratura tecnica per l’approfondimento delle metodologie
introdotte nel corso

Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richiesti i seguenti prerequisiti:
- conoscenze matematiche di base, con particolare riferimento all’analisi matriciale ed alla teoria
della probabilità
- conoscenze relative allo sviluppo di algoritmi di base
- conoscenze di fondamenti di telecomunicazione

Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche di laboratorio. Queste ultime
prevedono l’acquisizione dei concetti fondamentali per l’elaborazione numerica in ambiente MATLAB.
Metodi di valutazione
L’esame consta nella preparazione di un elaborato in ambiente MATLAB e in un colloquio orale.

74
Contenuto del corso

Lezioni ed esercitazioni
Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lezione Esercitaz.
Presentazione delle motivazioni e delle potenzialità
Introduzione al corso 2
dell’elaborazione numerica
Rappresentazione dei
Trasformate continue e discrete 12 6
segnali monodimensionali
Risposta in frequenza, relazione fra l’ampiezza e la
Sistemi descritti dalle
fase, sistemi passa-tutto, sistemi a fase minima. 4 2
equazioni alle differenze
Strutture.
Progetto di filtri IIR mediante trasformazioni di filtri
analogici. Formule di trasformazione di frequenza in
Progettazione di filtri FIR
analogico e discreto. Progetto di filtri FIR con il 6 6
ed IIR
metodo delle finestre e con l’approssimazione
polinomiale. Confronto fra IIR e FIR.
Filtri di Wiener. Predizione lineare: equazione di
Filtraggio statistico 6
Yule-Walker.
Metodo del gradiente, e del gradiente stocastico.
Filtraggio adattativo Minimi quadrati (LS) ed implementazione ricorsiva 6
(RLS). Filtraggio non lineare: le reti neurali..
Totale Ore 36 14

Testi di riferimento
A. Mertins, Signal analysis, ed. J. Wiley & Sons, 1999
A.V. Oppenheim, R.W. Schafer, Discrete-time Signal Processing, 2nd ed. Prentice Hall, 1999.
V.K. Ingle, J.G. Proakis, Digital Signal Processing using MATLAB, Brooks-Cole, 2000.
S. Haykin, Adaptive filter theory, 4th edition, Prentice Hall.

75
ELABORAZIONE NUMERICA DEI SEGNALI (9CFU)

Cds: Ingegneria Docente:


Integrato: Propedeuticità:
Elettronica (II Ing. Rocco Crediti:9
Liv.) RESTAINO
Tipologia:
Anno: I Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/03
Affine

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso, di carattere metodologico, mira a fornire i principali strumenti matematici per l’analisi e
l’elaborazione dei segnali digitali e prevede lo svolgimento di esercitazioni numeriche e di laboratorio sugli
argomenti sviluppati a lezione.
.
• Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
1. conoscenza dei fondamenti matematici dell’elaborazione dei segnali
2. conoscenza delle principali tecniche per la rappresentazione dei segnali
3. conoscenza delle metodologie di progetto dei filtri FIR ed IIR
4. comprensione dell’approccio statistico all’elaborazione dei dati
5. conoscenza delle principali tecniche di filtraggio adattativo
6. conoscenza di alcune applicazioni degli elaboratori numerici
• Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
1. Comprimere un segnale mediante trasformate.
2. Progettare un filtro numerico soddisfacente specifiche assegnate.
3. Eseguire il filtraggio numerico (anche adattativo) di segnali attraverso l’uso di pacchetti
software.
• Autonomia di giudizio (making judgements)
1. Saper valutare i vincoli di progetto di un sistema di elaborazione numerica in termini di
errore, complessità computazionale e stabilità dell’algoritmo
2. Saper scegliere il metodo più adatto per la soluzione del particolare problema
• Abilità comunicative (communication skills)
1. Saper esporre gli argomenti trattati in maniera corretta e precisa dal punto di vista del
linguaggio tecnico-scientifico
2. Saper presentare una soluzione applicativa in maniera semplice ed esauriente
• Capacità di apprendere (learning skills)
1. Saper utilizzare i concetti esposti per applicazioni diverse da quelle mostrate a lezione
2. Saper orientarsi nella letteratura tecnica per l’approfondimento delle metodologie
introdotte nel corso

Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richiesti i seguenti prerequisiti:
- conoscenze matematiche di base, con particolare riferimento all’analisi matriciale ed alla teoria
della probabilità
- conoscenze relative allo sviluppo di algoritmi di base
- conoscenze di fondamenti di telecomunicazione

Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni numeriche in aula ed esercitazioni pratiche di
laboratorio. Queste ultime prevedono l’acquisizione dei concetti fondamentali per l’elaborazione numerica
in ambiente MATLAB.
.
76
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova numerica e un
colloquio orale.

Contenuto del corso

Lezioni ed esercitazioni
Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lezione Esercitaz.
Presentazione delle motivazioni e delle
Introduzione al corso 3
potenzialità dell’elaborazione numerica
Rappresentazione dei Trasformate continue e discrete
15 6
segnali monodimensionali monodimensionali
Rappresentazione dei
segnali bidimensionali Trasformate separabili. Applicazioni. 4 4
(immagini)
Analisi dei sistemi nel dominio della frequenza
Richiami di sistemi digitali 8 6
e della trasformata Zeta.
Risposta in frequenza, relazione fra l’ampiezza
Sistemi descritti dalle
e la fase, sistemi passa-tutto, sistemi a fase 10 2
equazioni alle differenze
minima. Strutture.
Progetto di filtri IIR mediante trasformazioni di
filtri analogici. Formule di trasformazione di
Progettazione di filtri FIR frequenza in analogico e discreto. Progetto di
6 6
ed IIR filtri FIR con il metodo delle finestre e con
l’approssimazione polinomiale. Confronto fra
IIR e FIR.
Filtri di Wiener. Predizione lineare: equazione
Filtraggio statistico 6 4
di Yule-Walker. Applicazioni
Metodo del gradiente, e del gradiente
stocastico. Minimi quadrati (LS) ed
Filtraggio adattativo 8 2
implementazione ricorsiva (RLS). Filtraggio
non lineare: le reti neurali. Applicazioni.
Totale Ore 60 30

Testi di riferimento
A. Mertins, Signal analysis, ed. J. Wiley & Sons, 1999
A.V. Oppenheim, R.W. Schafer, Discrete-time Signal Processing, 2nd ed. Prentice Hall, 1999.
V.K. Ingle, J.G. Proakis, Digital Signal Processing using MATLAB, Brooks-Cole, 2000.
S. Haykin, Adaptive filter theory, 4th edition, Prentice Hall.

77
ELEMENTI DI SISTEMI ELETTRONICI DI POTENZA
Numero di Crediti: 3
Docente: Prof. Lucio Ippolito
Collocazione: Laurea I Livello, III anno – I Semestre
Propedeuticità: Macchine ed Impianti Elettrici, Fondamenti di Elettronica

Finalità del corso


Il corso ha lo scopo di introdurre l’allievo alle problematiche dell’elettronica di potenza, fornendo gli
elementi di base per la comprensione della conversione statica dell’energia. L’allievo potrà così
interfacciarsi con gli apparati switching di potenza e riuscire a seguire, senza sforzi eccessivi, la rapida
evoluzione e le innovazioni tecnologiche del settore.
Durante il corso viene affrontata l’analisi delle diverse topologie circuitali per i convertitori statici, in
relazione ai tipi di conversione e regolazione dell’energia richiesti, ricavando modelli matematici
semplificati. Attenzione viene rivolta, poi, allo studio delle principali architetture dei circuiti di regolazione
e le tecniche di controllo di più frequente impiego per la generazione delle desiderate caratteristiche di
uscita.
Programma
Introduzione: Generalità sui Sistemi Elettronici di Potenza. Applicazioni dell’Elettronica di Potenza.
Numero di ore: 2
Dispositivi elettronici a semiconduttore: Richiami sul diodo. Parametri di funzionamento. Parametri di
dimensionamento. Richiami sul tiristore. Parametri di funzionamento. Parametri di dimensionamento.
Semiconductor Controlled Rectifier (SCR). Gate Turn On Thyristor (GTO). MOSFET di potenza, IGBT.
Transistori di potenza.
Numero di ore: 4
Strutture di conversione ca/cc: Generalità sui circuiti di conversione ca/cc. Richiami sui raddrizzatori a
diodi, raddrizzatori monofase a semionda e ad onda intera. Raddrizzatori trifase e polifase. Convertitori a
tiristori. Convertitori monofase. Convertitori trifase e polifase. Raddrizzatori e convertitori in condizioni
reali di funzionamento. Effetti della induttanza di linea. Cenni sul funzionamento continuo e discontinuo.
Ponti semicontrollati. Esempi di dimensionamento.
Numero di ore: 6
Strutture di conversione cc/cc: Generalità sui sistemi di conversione cc/cc. Chopper Step-down, Step-up,
Step up-down, Cùk. Modulazione PWM, modulazione unipolare e bipolare. circuiti di comando per
tiristori. Circuiti di spegnimento per SCR. Esempi di dimensionamento.
Numero di ore: 6
Strutture di conversione cc/ac: Principio di funzionamento. Convertitore di tensione monofase e trifase.
Convertitore di corrente trifase Tecniche di modulazione PWM: a tensione e frequenza impressa, a corrente
e frequenza impressa. Esempi di dimensionamento.
Numero di ore: 6
Esercitazioni: Il corso prevede esercitazioni numeriche e di laboratorio. Le esercitazioni sono rivolte, anche
con l’ausilio di pacchetti software (MATLAB, EMTP, ecc.), al calcolo delle grandezze fondamentali della
conversione e a far comprendere il funzionamento dei convertitori presentati. Le esercitazioni in laboratorio
sono orientate al rilievo sperimentale delle grandezze significative e alla valutazione degli effetti sulle
grandezze di riferimento delle strategie di controllo adottate. Sono previste, inoltre, esercitazioni in
laboratorio relativamente alla verifica e collaudo di alcune topologie di convertitori elettronici di potenza.

Materiale didattico:
N. Mohan, T. M. Undeland, W. P. Robbins, Power Electronics, J. Wiley & Sons, NY.
G. Montessori, Elettronica di Potenza, Editore Tecniche Nuove, Milano, 1993.
Appunti del corso.

78
ELETTRONICA

Docente: Propedeuticità:
Cds: Ingegneria Integrato:
Prof. Salvatore Bellone Fondamenti di Crediti: 12
Elettronica nessuno
Prof. Nicola Lamberti Elettronica
Tipologia:
Anno: III Semestre: I Codice: ------ SSD: ING-INF/01
Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira a fornire gli strumenti necessari per l’analisi ed il dimensionamento di circuiti di media
complessità da impiegare in applicazioni lineari, digitali e miste. L’ attività esercitativa consiste nello
svolgimento di esercizi numerici e attività pratiche di laboratorio, aventi quest’ultime l’obiettivo di
abituare lo studente all’uso di tools software/hardware per l’analisi e la progettazione di semplici schede
elettroniche.
.
• Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding):
Lo studente acquisirà le necessarie conoscenze per riuscire ad analizzare il funzionamento di circuiti
impiegati per il processamento analogico di segnali di bassa potenza, ed a valutare le prestazioni di circuiti
digitali impiegati per la realizzazione di blocchi logici.

• Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)


Lo studente sarà in grado: di analizzare, dimensionare e realizzare circuiti di media complessità, il cui
funzionamento richieda l’impiego di una elettronica lineare, digitale o mista; di interpretare la risposta a
segnali canonici e di fare uso dei circuiti di conversione analogico-digitale,

• Autonomia di giudizio (making judgements)


Sarà in grado di individuare i metodi più appropriati per l’analisi e sintesi di circuiti di media complessità,
sia analogici che digitali, e giudicare l’azione dei diversi parametri sulle loro prestazioni.

• Abilità comunicative (communication skills)


Lo studente dovrà saper lavorare in gruppo e fare uso di un appropriato gergo tecnico sia nella
comunicazione scritta che orale

• Capacità di apprendere (learning skills)


Lo studente sarà in grado di impiegare le conoscenze acquisite in contesti differenti da quelli presentati
durante il corso

Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richiesti i seguenti prerequisiti:
- conoscenze matematiche di base, con particolare riferimento alla soluzione delle equazioni
differenziali, alle trasformazioni lineari
- conoscenza degli elementi fondamentali dell’elettrotecnica.
- conoscenza dei principi di funzionamento dei dispositivi e dei rispettivi modelli per ampi segnali.

Metodi didattici
L’insegnamento si compone di lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di laboratorio.
Nelle ore di esercitazione in aula gli studenti saranno chiamati a svolgere degli esercizi numerici su
argomenti del corso, mentre le attività di laboratorio saranno finalizzate allo svolgimento di un progetto
79
comune, ripartito tra vari gruppi di studenti in modo da sviluppare e rafforzare le capacità di lavorare in
team

Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e colloquio
orale.

Contenuto del corso

Lezioni ed esercitazioni
Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lezione Esercitaz.
Analisi della retroazione Metodologie di analisi di reti retroazionati; 15 5
Configurazioni elementari; Coppia
differenziale; cascode; carico attivi;
Elettronica Analogica 30 10
generatori di corrente; l’amplificatore
operazionale
Elettronica Digitale Analisi di porte ECL, TTL, CMOS 30 10
Conversione A/D Circuiti per la conversione A/D e D/A 15 5
Totale Ore 90 30

Testi di riferimento
Richard C. Jaeger - Travis N. Blalock “Microelettronica: Elettronica Analogica ed Elettronica Digitale”,
MCGraw Hill 2005

80
ELETTRONICA ANALOGICA
Numero di crediti: 6
Docente: Prof. Salvatore Bellone
Collocazione: Laurea I Livello, III Anno – I semestre
Propedeuticità: Fondamenti di Elettronica, Elettrotecnica II, Fondamenti di Automatica
Finalità del corso
Il corso affronta lo studio degli amplificatori multistadio e dei circuiti basati su blocchi operazionali,
fornendo gli strumenti necessari per un loro efficace dimensionamento. Gli argomenti selezionati sono
esemplificativi dei diversi campi applicativi dell’elettronica analogica e sono trattati in modo da privilegiare
gli aspetti metodologici più che l’esame delle diverse soluzioni circuitali. L’ attività esercitativa consiste
nello svolgimento di esercizi numerici, nell’uso del simulatore circuitale PSPICE e prevede lo svolgimento
di attività pratiche di laboratorio per l’implementazione di circuiti specifici.

Programma
Sistemi analogici
Amplificazione; Polarizzazione dell’amplificatore nella regione lineare; Distorsione; Modelli a doppio
bipolo; Adattamento delle impedenze di generatore e di carico; Funzione di trasferimento e risposta in
frequenza; Cenni sui filtri selettivi del II ordine
Modelli per piccoli segnali e amplificatori lineari
Il transistore come amplificatore; Accoppiamento diretto e capacitivo; Modelli per piccoli segnali del
diodo, BJT, MOSFET e JFET; Influenza della tensione di body nei MOSFET; Dissipazione di potenza ed
escursione del segnale; Guadagno, resistenza d’ingresso, resistenza d’uscita, intervallo di escursione dei
segnali; Dimensionamento dei condensatori di accoppiamento e di bypass per le diverse configurazioni;
Metodi di stima delle frequenza di taglio di circuiti;Limiti del prodotto Banda –guadagno; Risposta in
frequenza di amplificatori multistadio;
Amplificatori multistadio
Amplificatori multistadio accoppiati in ac; Amplificatori accoppiati in d.c; Amplificatori differenziali a
BJT e MOS; carichi attivi elementari a BJT e MOS.
Amplificatori Operazionali
Amplificatori operazionali a due stadi; Amplificatore operazionale ideale; Circuiti con amplificatori
operazionali ideali: invertente, non invertente, sommatore, sottrattore, derivatore, integratore, buffer;
Amplificatore operazionali reali: resistenze d’ingresso e d’uscita, CMRR, tensione di offset, correnti di bias
e di offset, escursione massima delle tensioni e correnti, larghezza di banda.
Retroazione
Amplificatori di tensione, di tranresistenza; di corrente, di trasconduttanza; Determinazione del guadagno
d’anello; Circuiti a retroazione positiva: monostabile, astabile;
Percentuale di esercitazioni (numeriche e di laboratorio): 30%
Competenze e capacità in uscita dal corso
Competenze relative a: Capacità di:
- Analisi e sintesi di circuiti analogici di media assiemare circuiti elettronici basati su blocchi
complessità operazionali ed su componenti discreti

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame consiste di una prova scritta ed una prova orale.

Testi e materiale didattico di supporto


Sedra/Smith “Circuiti per la Microelettronica” Edizioni Ingegneria 2000
Richard C. Jaeger, Travis N. Blalock “ Microelettronica, vol. 1 e Vol. 2, McGraw-Hill, 2005
81
ELETTRONICA DELL’AUTOMAZIONE
Numero di Crediti: 5
Docente: Prof . Alfredo Rubino
Collocazione: Laurea I Livello, III anno - Curriculum Professionalizzante Hardware
Propedeuticità: Elettronica Analogica

Finalità del corso


Il corso ha lo scopo di fornire le conoscenze teoriche ed applicative sui dispositivi maggiormente impiegati
nell’ambito dell’automazione industriale. Inoltre si propone di illustrare i principi di funzionamento e le
principali caratteristiche dei circuiti elettronici necessari per la realizzazione dei sistemi di controllo
impiegati nel campo nell’automazione industriale. In particolare verranno descritti i principali circuiti
impiegati nell’elaborazione dei segnali digitali, nell’acquisizione e conversione dei segnali e
nell’interfacciamento con i diversi tipi di sistemi elettronici.

Programma
Sensori e rivelatori con riguardo al principio fisico di funzionamento.
Tecnologia, caratteristiche e parametri elettrici, segnali d’ingresso, prelievo e contenuto di informazione;
Circuiti elettrici equivalenti; Rumore; Trasduttori di temperatura: Termodiodi, Termotransistori, termistori,
termocoppie; Trasduttori forza-pressione: estensimetri (strain gauge) resistivi, capacitivi e piezoelettrici;
Trasduttori di velocità e di flusso; Trasduttori di spostamento; trasduttori ottici; Criteri di progetto di
sensori; Attuatori; Rapporto segnale/rumore; Sorgenti di rumore nei circuiti elettronici e nei sensori; Spettri
di rumore.
Elettronica di condizionamento del segnale e circuiti di Interfaccia.
Architettura dei sensori integrati; Circuiti per l’ elaborazione del segnale; Elaborazione digitale e analogica;
Problematiche d’interfacciamento dei circuiti: taratura delle variabili, rumore, immunità ai disturbi,
problematiche connesse all’isolamento elettrico.; Amplificatori e filtri per il condizionamento dei segnali;
Circuiti per il campionamento dei segnali; Circuiti di temporizzazione e di generazione degli istanti di
campionamento; Circuiti per la conversione A/D e D/A; Tecniche di interconnessione di sistemi elettronici;
Circuiti per Interfacce RS-232 e IEEE-488
Percentuale di lezioni destinate ad esercitazioni: 40%

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relativa a: Capacità di
- Microsensori. - Progettare e realizzare microsensori .
- Elettronica di elaborazione e condizionamento del -Progettazione e dimensionamento di blocchi
segnale. funzionali analogici e digitali per l’elaborazione
del segnale prodotto dai sensori integrati.

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame consiste di un elaborato su attività pratiche e di una prova orale.

Testi consigliati
J. W. Gardner “Microsensors: Principles and applications”, J. Wiley & Sons.
S. Franco “Design with Operational Amplifiers and Analog Integrated Circuits” , McGraw-Hill
J. Millman, A. Grabel, Microelectronics, 2nd edition, McGraw-Hill, 1987.
Appunti forniti durante il corso

82
ELETTRONICA DELLE TELECOMUNICAZIONI
Numero di Crediti: 5
Docente: Prof. Heinz-Christoph Neitzert
Collocazione: Laurea I Livello - Curriculum Professionalizzante Hardware - III anno
Propedeuticità: Elettronica Digitale, Fondamenti di Misure

Finalità del corso


Il Corso intende ampliare la formazione dello studente sui dispositivi e circuiti elettronici utilizzati per la
trasmissione-elaborazione delle informazioni, sia ottiche che elettriche. Sono esaminate le caratteristiche
dei principali dispositivi utilizzati per la trasmissione di segnali ottici, ed analizzate le caratteristiche dei
vari blocchi funzionali utilizzati nella modulazione/demodulazione di segnali, sia elettrici che ottici.

Programma
Dispositivi optoelettronici
Proprietà ottiche di semiconduttori; Concetto di dispositivi elettronici a eterostruttura;Strutture di diodi
emettitori di luce; Funzionamento di un LASER, LASER a semiconduttore;Rivelatori a semiconduttore;
Fotodiodi; Fototransistori; Accoppiatori ottici; Modulatori optoelettronici; Dispositivi fotonici.
Circuiti per la trasmissione dati via fibra ottica
Modulazione di LED e LASER; Circuiti elettronici per il pilotaggio di emettitori optoelettronici;
Preamplificatori a trans-impedenza; Lo standard IRDA
Circuiti per applicazioni wireless
Generatori di precisione; Tecniche di generazione di onde sinusoidali; Principio di funzionamento
dell'anello ad aggancio di fase (PLL); Analisi linearizzata del PLL; Caratteristica a farfalla; Analisi nel
piano delle fasi; Circuiti per PLL; Demodulatori di fase analogici; Demodulatori di fase digitali; Oscillatori
a frequenza variabile; Cenni sui sistemi di interconnessione; Circuiti elettronici per applicazioni
"bluetooth"; Elettronica a basso consumo d'energia; Fenomeni di rumore in circuiti elettronici
Percentuale di lezioni destinate ad esercitazioni: 40%

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
-Proprietà ottiche di semiconduttori. Sviluppare e modellare semplici circuiti optoelettronici
-Principali emettitori e rivelatori di luce. per la trasmissione dati via fibra ottica.Realizzare un
-Elettronica a basso consumo elettrico. modulatore e un demodulatore basato su un circuito PLL
Circuiti per la modulazione e demodulazione
di segnali

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame consta di un elaborato e di una prova orale.

Testi e materiale didattico di supporto


K. Kano: "Semiconductor Devices", Prentice Hall
A. Sedra, K. Smith: "Circuiti per la microelettronica", Edizioni Ingegneria 2000
D. Del Corso: "Elettronica per le Telecomunicazioni", McGraw-Hill

83
ELETTRONICA DIGITALE
Numero di crediti: 6
Docente: Prof. Nicola Laberti
Collocazione: Laurea I Livello, II anno - II Semestre
Propedeuticità: Fondamenti di Elettronica

Finalità del corso


Il corso copre la parte di base ed essenziale dell’Elettronica Digitale. Vengono analizzati
la struttura ed il funzionamento delle porte logiche elementari, sia in tecnologia MOS che
in tecnologia bipolare, più importanti per le applicazioni pratiche. Il corso è di tipo
metodologico e pratico. La parte metodologica è dedicata alla studio degli aspetti più
importanti del funzionamento dei circuiti, tramite modelli analitici semplificati. La parte
pratica è dedicata allo svolgimento di esercitazioni numeriche e di laboratorio per
abituare gli allievi all’impiego di questi circuiti.
Programma
Caratteristiche generali delle famiglie logiche (4h).
Caratteristiche statiche, margini di immunità ai disturbi; caratteristiche dinamiche; consumo di potenza
prodotto ritardo-consumo, fan-out, livello di integrazione.
Porte logiche in tecnologia MOS (28h). esercitazioni (20%)
Prestazioni statiche e dinamiche delle famiglie logiche nMOS: porta MOS con carico resistivo, EEMOS,
EDMOS. Espansioni logiche. Prestazioni statiche e dinamiche della famiglia logica CMOS. Espansioni
logiche. Circuiti tri-state.
Porte logiche in tecnologia bipolare (28h). esercitazioni (20%)
L’inverter bipolare (DCTL). La coppia TTL base. La famiglia logica TTL standard : prestazioni statiche e
dinamiche. TTL ad alta velocità. TTL Schottky. TTL low power Schottky. Circuiti wired and, open
collector e tri-state. Logiche non saturate: la logica CML; la famiglia logica ECL, prestazioni statiche e
dinamiche. Circuiti wired or e open emitter. Circuiti di interfaccia fra TTL ed ECL.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Interpretare le prestazioni dei dispositivi Progettare ed assemblare semplici circuiti
commerciali dalla lettura dei data sheet. digitali combinatori.
Evoluzione tecnologica nel settore.

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame consta di un colloquio orale.

Testi e materiale didattico di supporto


D.A. Hodges and H.G. Jacson: “Analisi e progetto di circuiti integrati digitali”, Boringhieri.
A. S. Sedra, K.C. Smith: “Circuiti per la microelettronica”, Edizioni Ingegneria 2000.
B. Riccò, F. Fantini, P. Brambilla: “Introduzione ai circuiti integrati digitali”, Zanichelli Telettra.
Data sheet dei componenti disponibili su sito WEB.

84
ELETTRONICA DI POTENZA

Docente:
Cds: L.M. Ingegneria Integrato: Propedeuticità:
Prof. Salvatore Crediti: 9
Elettronica nessuno --------
Bellone
Tipologia:
Anno: I LM Semestre: I Codice: ------ SSD: ING-INF/01 Caratterizza
nte

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira a fornire gli strumenti necessari per l’analisi ed il dimensionamento dei dispositivi e dei
circuiti di controllo impiegati nei sistemi elettronici di potenza. L’ attività esercitativa consiste nello
svolgimento di esercizi numerici e attività pratiche di laboratorio, tese quest’ultime ad abituare lo studente
all’uso di tools software/hardware per l’analisi e la progettazione di semplici circuiti di controllo.

• Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding):


Lo studente acquisirà le conoscenze necessarie per analizzare le prestazioni dei dispositivi e le diverse
topologie circuitali, sia analogiche e digitali, impiegate in un sistema elettronico di potenza.

• Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)


Lo studente sarà in grado di analizzare, dimensionare e realizzare dispositivi e circuiti impiegati nelle
applicazioni di potenza.

• Autonomia di giudizio (making judgements)


Sarà in grado di individuare i dispositivi, le tipologie circuitali e le metodologie più appropriate per la
sintesi di circuiti di potenza e sarà in grado di valutare l’azione dei diversi parametri sulle prestazioni

• Abilità comunicative (communication skills)


Lo studente dovrà saper lavorare in gruppo e fare uso di un appropriato gergo tecnico sia nella
comunicazione scritta che orale

• Capacità di apprendere (learning skills)


Lo studente sarà in grado di impiegare le conoscenze acquisite in contesti differenti da quelli presentati
durante il corso

Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati si richiede che lo studente sia in possesso dei
fondamenti dell’elettronica impartiti in un corso di I livello.

Metodi didattici
L’insegnamento si compone di lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di laboratorio.
Nelle ore di esercitazione in aula gli studenti saranno chiamati a svolgere degli esercizi numerici su
argomenti oggetto del corso, mentre le attività di laboratorio saranno finalizzate allo svolgimento di un
progetto comune, ripartito tra vari gruppi di studenti in modo da sviluppare e rafforzare le capacità di
lavorare in team.

85
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e colloquio
orale.

Contenuto del corso

Lezioni ed esercitazioni
Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lezione Esercitaz.
Semiconduttori tradizionali ed innovativi;
caratteristiche e limiti di giunzione PN e
Fondamenti dei materiali: MOS; effetti di alto campo: ionizzazione 10 -
da impatto, tunnelling, hot carriers; Safe
Operating Area; effetti termici;
Caratteristiche statiche, switching e limiti
Dispositivi di potenza discreti di : BJT; MOSFET: DMOS e VMOS;
30 10
ed integrati CMOS; GTO; SCR; IGBT; SIT;
BSIT;MCT; HBT, HEMT; SiGe
guadagno di potenza, efficienza e
distorsione; stadi di uscita; protezioni;
amplificatori quasi lineari; amplificatore a
Amplificatori di potenza e circuiti
ponte; classi di funzionamento A,AB, C ed 30 10
di controllo
S; accoppiamento a trasformatore; circuiti
a resistenza negativa; generatori di
impulsi; dimensionamento di dissipatori;
Totale Ore 70 30

Testi di riferimento
M. Rashid “Power Electronics” Prentice Hall, 2003
Dispense distribuite a cura del docente.

86
ELETTRONICA INDUSTRIALE NEI SISTEMI DI PRODUZIONE
Docente: Propedeuticità:
CdS: Ingegneria Integrato:
prof. Vincenzo Sistemi Elettronici di Crediti: 6
Elettronica
Galdi Potenza
Tipologia:
Anno: II Semestre: II Codice: SSD: ING-IND/33
Affine
Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire.
Il corso si propone di fornire capacità di sintesi relativamente a sistemi elettronici integrati che trovano
applicazione nelle macchine e negli impianti industriali. In particolare si intendono trasferire le conoscenze
necessarie alla progettazione e alla gestione dei sistemi elettronici che variamente interconnessi tra loro e
con il ciclo tecnologico, costituiscono gli elementi principali, o di servizio, per i sistemi di produzione
industriale.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding) Comprensione delle
metodologie tradizionali per monitorare e gestire i flussi energetici e di materia nei processi produttivi,
progettare e implementare sistemi di controllo basati su tecniche e metodologie non tradizionali per
impianti complessi. Sviluppare capacità di analisi dei requisiti di dominio sia riferiti alle problematiche nel
settore di impianti complessi come quelli elettrici, sia in ambito industriale per la definizione e analisi
critica delle specifiche.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding) Saper
progettare sistemi e impianti per l’automazione di macchine e processi in ambito industriale e civile.
Progettare sistemi per l’automazione di sistemi elettrici e di sistemi per la produzione industriali. Utilizzare
tools software di supporto alla progettazione di logiche programmabili per l’automazione, il controllo e la
supervisione di impianti elettrici e sistemi di produzione industriale.
Autonomia di giudizio (making judgements) Saper individuare i dispositivi, i metodi e i tools software di
supporto più appropriati per la progettazione di impianti in ambito industriale e civile.
Abilità comunicative (communication skills) Saper lavorare in gruppo ed esporre oralmente un argomento
legato all’elettronica industriale e alla realizzazione di un sistema di controllo per le macchine operatrici e
gli impianti industriali.
Capacità di apprendere (learning skills) Sviluppare capacità di applicare le metodologie di progettazione
e le conoscenze tecnologiche acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso. Sviluppare
la capacità di acquisire velocemente competenze su sistemi tecnologici programmabili differenti da quelli
utilizzati al corso.
Prerequisiti Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di base di
elettronica di potenza.
Metodi didattici. L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed una significativa
parte di esercitazioni pratiche di laboratorio. Nelle esercitazioni in aula gli studenti svolgono esercitazioni
sugli argomenti trattati nelle lezioni teoriche per la sintesi ottima di procedure di monitoraggio e controllo
di impianti di produzione. Nelle esercitazioni in laboratorio vengono assegnati agli studenti, divisi per
gruppi di lavoro, esercizi pratici da sviluppare tramite l’utilizzo di software per la programmazione e la
simulazione, nonché di sistemi elettronici programmabili a microcontrollore sviluppati su piattaforme
eterogenee e di sistemi logici programmabili, elaboratore di calcolo. Le esercitazioni sono strumentali
all’acquisizione, oltre che delle capacità di progettare sistemi basati sull’elettronica industriale, anche a
sviluppare e rafforzare le capacità di lavorare in team.
Metodi di valutazione. La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante
colloquio orale. Durante il colloquio l’allievo discuterà anche un elaborato progettuale relativo alle attività
di laboratorio previste durante il corso.
87
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Es Lab.
Introduzione al corso Introduzione al corso. Richiami relativi ai sistemi elettronici di potenza. 2
Richiami sulla organizzazione di un sistema di produzione industriale.
Sistemi di produzione
La piramide CIM. L’elettronica nei processi di produzione industriale: 2
industriale apparati e sistemi elettronici integrati e distribuiti.
Progetto di sistemi elettronici programmabili per la produzione
industriale: analisi delle specifiche di progetto, scelta dei componenti,
Sistemi elettronici scelta di componenti logici programmabili. Richiami sugli azionamenti
programmabili per i elettrici per la movimentazione in ambito industriale. Esempi di impiego
di logiche elettroniche programmabili per il controllo di un
10 4 5
sistemi di produzione
industriali azionamento. Richiami sulle reti di comunicazione per ambiente
industriale. Nuovi ambienti di produzione integrati: la tecnologia
Ethernet e il protocollo TCP/IP e la web-factory.
Cenni sulla liberalizzazione del mercato dell’energia. Il quadro
Il sistema energetico e normativo italiano. Gli attori del sistema elettrico: clienti idonei e clienti
vincolati. Consorzi per l’accesso diretto al mercato. Caratteristiche della
8
i sistemi di produzione
domanda energetica dell’industria. La figura dell’energy manager.
Richiami sui sistemi elettrici industriali. Calcolo dei flussi di potenza su
Sistemi elettronici per reti e impianti di distribuzione dell’energia. Sistemi elettronici per il
il controllo controllo automatico dei flussi energetici negli impianti industriali.
Cenni sulla microgenerazione e cogenerazione dell’energia. Sistemi
10 5 6
dell’energia nei
sistemi di produzione elettronici per il controllo di microgeneratori e sistemi di cogenerazione
dell’energia. Esempi applicativi.
Qualità dell’energia Classificazione dell’ambiente industriale: apparati emettitori e vittime
nei sistemi di dei disturbi. CEM e qualità dell’energia. Quadro normativo di 4
produzione industriale riferimento.
Generalità sulla Affidabilità. Qualità, fidatezza e disponibilità. Calcolo
dell'affidabilità e della disponibilità dei sistemi complessi:
Affidabilità e qualità determinazione delle grandezze affidabilistiche.
Il Problema della qualità in una struttura produttiva: qualità della
nei sistemi di produzione e qualità di prodotto. Progettare in qualità. La qualità totale
4
produzione industriali ed il miglioramento continuo. Cenni sulle norme relative alla qualità e
sugli enti normatori. Cenni sul controllo di qualità: conformità ed
affidabilità.
Totale Ore 40 9 11

Testi di riferimento
N. Viswanadham, Y.Narahari, Performance modeling of automated manufacturing systems, Prentice
Hall, 1992.
S.J. Russel, P. Norvig, Intelligenza artificiale: un approccio moderno, Prentice Hall International - UTET.
S. Cammarata, Sistemi a LogicaFuzzy, ETLAS libri.
W. Mielczarski, Fuzzy logic Techniqes in Power Systems, Physica Verlag.
D.E. Goldberg, Genetic Algorithms in Search: Optimization and Machine Learning, Hardcover.
J. Arrillaga, C.P. Arnold, Computer Analysis in Power Systems, Wiley.
L. Busti, C. De Nard, Gli Edifici Intelligenti, Tecniche Nuove.
R. Marconato, Sistemi Elettrici di Potenza, vol. 1, CLUP.
Dispense del corso.

88
ELETTRONICA PER IL FOTOVOLTAICO

Numero di Crediti: 5
Docente: Prof. Heinz-Christoph Neitzert
Collocazione: Laurea Specialistica, Curriculum Microelettronica, II Anno - II semestre
Propedeuticità: Fotovoltaico e Optoelettronica

Finalità del corso


Nel modulo vengono applicate le conoscenze dei dispositivi optoelettronici, acquisite nel modulo
Optoelettronica. In particolare, viene introdotta la conversione di energia solare in energia elettrica tramite
celle fotovoltaiche. Particolare rilievo viene dato ai aspetti dei vari materiali e tipi di celle fotovoltaiche ed
alla realizzazione di un sistema completo per la conversione di energia solare in energia elettrica.

Programma
Introduzione nel concetto dell’energia fotovoltaica (5h)
Proprietà dell'emissione solare. L'energia fotovoltaica in confronto con altre fonti di energia.
L'efficienza teorica di una cella fotovoltaica.
Materiali e celle fotovoltaiche (25h)
Materiali per applicazioni fotovoltaiche. Celle fotovoltaiche di tipo pn ed pin. Celle basate sulle
eterogiunzioni. Caratteristica corrente-tensione della cella solare. La risposta spettrale. Tecniche ottiche ed
optoelettroniche per la caratterizzazione di materiale per il fotovoltaico.
Circuito equivalente di una cella fotovoltaica. Simulazione di celle e sistemi fotovoltaici. Processi di
ricombinazione e tecniche di passivazione. Concetti di "light trapping".
Circuiti elettronici per il fotovoltaico (20h)
MPPT-Tracking, Stabilizzatori di tensione, Circuiti di carica per batterie, Inverter, diodi “Blocking” e diodi
“Bypass”.
Percentuale di lezioni destinate ad esercitazioni: 40%

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
- Principali tecnologie per realizzare celle - Caratterizzare celle fotovoltaiche ed estrarre i
fotovoltaiche parametri principali di tale misure
- Circuiti elettronici per sistemi fotovoltaici - Simulare e progettare sistemi fotovoltaici
- Realizzare un sistema fotovoltaico completa a
piccola potenza

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame consta di un elaborato e di una prova orale.

Testi e materiale didattico di supporto


L. Castaner: “Modelling Photovoltaic Systems Using PSpice”, Wiley & Sons
R. J. Komp: ”Practical Photovoltaics”, Aatec Publications
S. J. Fonash: "Solar Cell Device Physics", Academic Press

89
ELETTROTECNICA (12 CFU)

Docente:
Cds: Ingegneria Integrato: Propedeuticità:
Prof. Vincenzo Crediti: 12
Elettronica Matematica I e Fisica II
Tucci
Tipologia:
Anno: II Semestre: I Codice: … SSD: ING-IND/31
Formativo

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira all’apprendimento di modelli e metodi per l’analisi di circuiti lineari tempo invarianti sia
nel dominio del tempo che della frequenza.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito dell’analisi dei circuiti, dei fenomeni fisici e
dei corrispondenti modelli matematici, delle metodologie di analisi e dei loro limiti di utilizzo.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper analizzare un circuito lineare tempo invariante in regime stazionario (costante o sinusoidale) ed
in condizioni dinamiche utilizzando metodi analitici e simulatori numerici (PSPICE®). Saper calcolare
i coefficienti di auto e mutua induzione di un circuito magnetico.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per analizzare un circuito lineare tempo invariante sia nel
dominio del tempo che della frequenza.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper descrivere in modo chiaro e sintetico il procedimento per l’analisi di circuiti lineari tempo
invarianti sia nel dominio del tempo che della frequenza ed esporre oralmente con proprietà di
linguaggio i metodi utilizzati.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze matematiche di base,
con particolare riferimento alle tecniche di soluzione di sistemi algebrici, di equazioni differenziali
lineari ordinarie (ODE) fino al secondo ordine e di integrali di funzioni algebriche; inoltre, sono
richieste conoscenze sui modelli fisici dell’elettromagnetismo stazionario e quasi stazionario.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di
laboratorio. Nelle esercitazioni in aula viene assegnato agli studenti un problema da risolvere
utilizzando le tecniche presentate nelle lezioni teoriche. Lo svolgimento del problema è guidato dal
docente/esercitatore e tende a sviluppare e rafforzare le capacità di identificare le tecniche più idonee
all’applicazione e di predisporre un elaborato chiaro nel procedimento ed accurato nei risultati da
conseguire.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e di
colloquio orale. La prima è tesa alla verifica delle capacità operative di risoluzione di circuiti in regime
sinusoidale permanente (monofase e/o trifase) e in condizioni dinamiche nel dominio del tempo. Il

90
colloquio intende verificare il grado di conoscenza teorica e le capacità espositive dell’allievo mediante
l’illustrazione degli argomenti trattati nel corso.

Contenuto del corso


Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Tensione e corrente. Leggi di Kirchhoff. Modello
Introduzione
fondamentale di un circuito. Caratteristiche e
all’analisi di un 10 3 2
classificazione dei bipoli fondamentali. Convenzioni.
circuito
Potenza ed energia.
Metodi di Metodi di soluzione: sovrapposizione degli effetti, Metodi
analisi di dei potenziali nodali e delle correnti di maglia. Teoremi 10 5
circuiti statici dei generatori indipendenti
Doppi bipoli
Analisi e sintesi di doppi bipoli lineari 6 4
statici
Circuiti contenenti bipoli dinamici in regime sinusoidale.
Circuiti
Metodo fasoriale e operatori di impedenza e ammettenza.
dinamici:
Metodi di analisi dei circuiti in regime sinusoidale. 12 8 4
regime
Potenza in regime sinusoidale. Rifasamento dei carichi
sinusoidale
reattivi. Massimo trasferimento di potenza.
Circuiti equivalenti. Doppi bipoli di impedenze.
Doppi bipoli Coefficienti di auto e mutua induzione. Circuiti ad
8 6
dinamici accoppiamento magnetico. Potenza ed energia assorbita.
Trasformatore reale.
Analisi di
Variabili di stato e loro continuità. Risposta libera e
circuiti
forzata al gradino e all’impulso. Calcolo della risposta
dinamici del I e 10 8 2
impulsiva. Integrale di convoluzione. Simulazione
II ordine
numerica di circuiti dinamici.

Circuiti con generatori periodici e sviluppo in serie di


Risposta in Fourier. Funzione di rete. Risonanza serie e parallelo.
frequenza e Impiego della trasformata di Laplace per circuiti in
6 4 2
trasformata di condizioni dinamiche. Impedenza e ammettenza
Laplace operatoriale. Funzione di trasferimento.

Sistemi polifase a tre e quattro fili equilibrati e squilibrati


Sistemi
a stella e triangolo. Potenza nei sistemi trifase.
polifase 4 6
Rifasamento di carichi reattivi.

Totale Ore 66 44 10

Testi di riferimento
C.K. Alexander, M.N.O. Sadiku: Circuiti Elettrici, McGraw Hill, Milano
Diapositive delle lezioni del docente ed esercizi disponibili su sito WEB: http://www.adinf.unisa.it

91
ELETTROTECNICA II
Numero di Crediti: 6
Docente: Proff. Vincenzo Tucci, Patrizia Lamberti
Collocazione: Laurea I Livello, II Anno - I semestre
Propedeuticità: Elettrotecnica I

Finalità del corso


Il modulo completa la formazione sugli strumenti fondamentali per lo studio dei circuiti elettrici ed
elettronici. Vengono introdotte le metodologie per l'analisi di circuiti lineari tempo invarianti (LTI) in
regime dinamico qualsiasi sia nel dominio del tempo che della trasformata di Laplace. Vengono presentate
inoltre, le proprietà dei circuiti trifase e descritti i modelli per la determinazione dei parametri di resistenza,
capacità, auto e mutua induttanza per configurazioni semplici.

Programma del Corso


Doppi bipoli dinamici (12h)
Coefficienti di auto e mutua induzione. Circuiti ad accoppiamento magnetico. Potenza ed energia assorbita.
Reciprocità. Accoppiamento perfetto. Circuiti magneticamente accoppiati in regime sinusoidale. Proprietà
di adattamento di impedenza. Trasformatore reale. Circuiti equivalenti. Doppi bipoli di impedenze.
Circuiti LTI in condizioni dinamiche nel dominio del tempo (20h)
Il problema delle condizioni iniziali. Variabili di stato e loro continuità. Funzioni gradino e impulso di
Dirac. Circuiti del I e II ordine. Risposta a stato ed ingresso zero. Integrale di convoluzione. Calcolo della
risposta impulsiva. Simulazione numerica di circuiti dinamici.
Risposta in frequenza e trasformata di Laplace (10h)
Funzione di rete. Spettro di ampiezza e di fase. Risonanza serie e parallelo: fattore di qualità e banda
passante. Circuiti con generatori periodici: sviluppo in serie di Fourier. La trasformata di Laplace nello
studio delle reti in condizioni dinamiche. Trasformate notevoli; antitrasformate. Impedenza e ammettenza
operatoriale. Funzione di trasferimento. Generatori equivalenti dinamici.
Sistemi polifase (12h)
Sistemi polifase a tre e quattro fili. Carico equilibrato e squilibrato, a stella e triangolo. Diagrammi
fasoriali. Spostamento del centro stella: formula di Millmann. Potenza nei sistemi trifase. Misura della
potenza nei sistemi a tre e quattro fili. Inserzione Aron. Rifasamento.
Caratteristiche reali di bipoli e doppi bipoli (6h)
Modelli stazionari e quasi stazionari elettrico e magnetico. Determinazione dei parametri di resistenza,
capacità, auto e mutua induttanza per configurazioni semplici. Comportamento in frequenza dei
componenti e limiti dei modelli ideali.
Percentuale di lezioni destinate ad esercitazioni: 40%

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Proprietà del trasformatore e circuiti accoppiati Analizzare circuiti in condizione dinamiche nel
Proprietà e metodi di soluzione di circuiti LTI in dominio del tempo e della frequenza
condizioni dinamiche Operare su circuiti trifase
Valutare i parametri energetici di circuiti in
condizioni dinamiche

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame consta di una prova scritta ed un colloquio orale.

92
Materiale didattico
R.C. Dorf, J. A. Svoboda: Circuiti Elettrici, Apogeo, Milano
C.K. Alexander, M.N.O. Sadiku: Circuiti Elettrici, McGraw Hill, Milano
Diapositive delle lezioni ed esercizi disponibili su sito WEB: http://www.adele.unisa.it

93
FIBRE OTTICHE
Numero di Crediti: 5
Docente: Prof. Antonio Scaglione
Collocazione: Laurea I Livello - Curriculum Professionalizzante Hardware , III anno
Propedeuticità: Campi Elettromagnetici II

Finalità del corso


Nel corso vengono descritti gli aspetti fondamentali della propagazione in fibra e guida ottica e quelli legati
alla caratterizzazione metrologica dei principali parametri trasmissivi Una parte del corso è destinata allo
svolgimento di attività sperimentali.

Programma
FIBRE E GUIDE OTTICHE MULTIMODO(15 h) esercitazioni (30%)
Equazioni dell’ottica geometrica; raggi ottici; cammino ottico; equazione vettoriale dei raggi; caratteristiche
della traiettoria di un raggio; legge dell’intensità dell’ottica geometrica; caustiche; Raggi confinati e raggi
non confinati; Indice efficace; equazione di congruenza della fase; Accoppiamento per onda evanescente;
Accoppiatore a prisma. Fibra ottica step-index; invarianti di raggio; raggi meridiani e raggi sghembi; raggi
confinati e raggi non confinati; raggi tunneling; fibra graded-index; parametri di raggio; equazioni della
traiettoria; raggi confinati e raggi non confinati.

FIBRA OTTICA STEP-INDEX (15 h) esercitazioni(20%)


Modi guidati e modi radiativi di una fibra ottica; espansione modale del campo in fibra; caratteristiche
generali delle soluzioni guidate; costanti di propagazione dei modi. Espansione modale del campo in fibra;
Componenti traverse e componenti longitudinali dei campi; soluzioni per la componente longitudinale dei
campi nel nucleo e nel mantello; parametri adimensionali; equazione caratteristica; modi TE, TM, modi
ibridi; Equazioni caratteristiche dei modi di una fibra debolmente guidante; condizioni di taglio dei modi;
calcolo analitico delle frequenze di taglio dei modi guidati; regime monomodale; equazione caratteristica
dei modi in forma unica; modi LP; indice radiale e indice azimutale del modo; distribuzione dell’intensità
dei modi LP sulla sezione della fibra. Analisi della distribuzione radiale del campo del modo fondamentale;
approssimazione gaussiana; calcolo dello spot-size con tecnica variazionale; analisi di una fibra step-index.

PARAMETRI TRASMISSIVI DI UNA FIBRA OTTICA (10 h) esercitazioni (10%)


Apertura numerica; attenuazione: perdite intrinseche, perdite estrinseche, perdite per diffusione, perdite per
curvatura; misura dell’attenuazione col metodo del taglio; OTDR*; dispersione: dispersione intermodale;
calcolo del ritardo modale in una fibra step-index; dispersione intramodale: dispersione da materiale, da
guida e da profilo*; fibre a dispersione spostata e a dispersione piatta*.

ATTIVITA’ SPERIMENTALE (10 h) esercitazioni (100%)


Misura degli indici efficaci dei modi TE e TM di una guida planare graded index; Taglio di una fibra ottica
e verifica della qualita’ del taglio. Analisi dell’accoppiamento fibra-sorgente. Misura dell’apertura
numerica di una fibra multimodale. Misura dell’attenuazione col metodo di sostituzione. Misura
dell’attenuazione con tecnica OTDR. Misura delle perdite di una connessione. Misura delle perdite per
curvatura.

94
Competenze e capacità in uscita dal corso
Competenze relative: Capacità di:
alle fibre ed alle guide ottiche ed alle tecniche Maneggiare fibre ottiche per TLC;
di caratterizzazione dei loro Eseguire semplici misure su Fibre Ottiche;
principali parametri; Individuare i parametri di base di un sistema di
ai sistemi di comunicazione in fibra ottica; comunicazione in fibra ottica;

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame prevede la sola prova orale

Testi e materiale didattico di supporto


P. Bassi, G. Bellanca, G. Tartarini: “Propagazione ottica libera e guidata”, Ed. CLUEB Bologna, ISBN 88-
491-1364-1
G. Vespasiano (a cura di): “Le fibre ottiche per telecomunicazioni”, Scuola Superiore G. Reiss Romoli,
L’Aquila, ISBN 88-85280-37-4

95
FISICA

Docente:
Cds:
Prof. Salvatore
Ingegneria Integrato: Propedeuticità:
De PASQUALE Crediti: 12
Elettronica Nessuna
Dott. Silvia
Laurea triennale
SCARPETTA
Tipologia:
SSD: FIS01/FISICA
Anno: I Semestre:I e II Disciplina di base
SPERIMENTALE

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Capacità di risolvere semplici problemi e di descrivere matematicamente i fenomeni fisici relativi alla
Fisica Classica di base.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Conoscere i concetti che sono alla base dei fenomeni fisici e comprenderne la terminologia.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Sapere individuare i modelli fisici concreti cui poter applicare le conoscenze teoriche acquisite.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare le metodologie più appropriate per analizzare le problematiche prospettate. Valutare
le procedure di risoluzione dei problemi proposti usando le tecniche matematiche più appropriate.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper trasmettere in forma scritta ed orale i concetti e le metodiche di risoluzione dei problemi fisici
sottoposti.

Capacità di apprendere (learning skills)


Saper applicare le diverse conoscenze acquisite durante il corso a contesti anche apparentemente
differenti da quelli canonici ed approfondire gli argomenti trattati usando approcci diversi e
complementari.
Prerequisiti
Elementi di algebra vettoriale, concetti di infinito e infinitesimo.
Metodi didattici
L’insegnamento prevede lezioni teoriche ed esercitazioni. Nelle esercitazioni, in particolare, vengono
svolti esercizi di applicazione dei concetti fondamentali e delle tecniche di calcolo vettoriale e di
calcolo infinitesimale a casi esemplari di fenomeni fisici elementari.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avviene mediante prove scritte e orali.

96
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Moto rettilineo uniformemente accelerato
Moto in campo gravitazionale
Cinematica Moto circolare uniformemente accelerato (in forma 6 4
scalare).
Derivata di un versore rotante – formula di Poisson
Equazione fondamentale della dinamica (Newton)
Dinamica Schema sinottico delle relazioni fondamentali 6 2 2
Attrito dinamico e statico – Legge di Hooke
Teorema impulso-q.d.m. (solo definizioni e qualche
semplice esercizio)
Dinamica Richiami sul teorema della media. Teorema Lavoro- 6 4
Energia cinetica
Lavoro per traslazione e rotazione infinitesime
Energia potenziale gravitazionale ed elastica
Campi conservativi
Dinamica 3 2
Campi centrali newtoniani (per esempio elettrostatico ed
acustico)
Moto circolare vario (in forma vettoriale).
Momento di un vettore, di una forza, della q. di moto (in
Dinamica 3 2
forma assoluta e cartesiana)
Teorema del momento angolare
Centro di Massa. Proprietà del CM. I e II teorema di
Koenig.
Momento di Inerzia per un punto materiale, per un sistema
Dinamica di p.m., per un corpo rigido 6 2 2
Proprietà dei momenti di inerzia
Digressione elementare su matrici e tensori
Teorema degli assi paralleli
Traslazione, rotazione, rotolamento. Asse istantaneo di
rotazione
Lavoro per traslazione e rotazione infinitesime. Gradi
di libertà
Cinematica (Solo presentazione) Sistemi meccanici a due gradi di
6 2 2
Dinamica libertà
Ruolo e risultante delle forze interne ed esterne
Lavoro delle forze interne ed esterne
Metodo di d’Alembert.
Introduzione delle equazioni di Eulero-Lagrange
Termologia e calore. Temperatura. Gas perfetti e gas reali. 3 2
Termologia Lavoro e Calore. Dilatazione e conducibilità termica.
Convezione e irraggiamento. Calori specifici
Legge di Leonardo. Principio di Pascal. Effetto Magnus e 3 2
Fluidi strato limite
Eq. di Bernoulli e conservazione dell’energia
97
Richiamo sui campi centrali (conservativi) applicato alla 3 2
Linearità e formula di Coulomb. Parallelo fra l’energia potenziale
sovrapposizione meccanica ed elettrostatica. Sorgenti discrete. Principio di
sovrapposizione e linearità. Circuitazione e Irrotazionalità.
Induzione elettrostatica. Sorgente continua lineare. Calcolo 3 2
del campo con la formulazione di Coulomb. Confronto
Elettrostatica
Campo generato da segmento o da arco di circonferenza
carichi.
Campi newtoniani: caso elettrostatico e acustico. Gauss. 6 4
Elettrostatica Flusso e solenoidalità.
Bipoli Sistemi di conduttori – Condensatori. Correnti elettriche.
Bipoli serie e parallelo
Campo di induzione magnetica - I formula di Laplace 3 2
Magnetismo Campo generato da segmento di corrente o da arco di
circonferenza.
II formula di Laplace e Forza di Lorentz. 6 4
Magnetismo Momento meccanico su circuiti piani
Circuitazione di B. Legge di Ampère
Induzione elettromagnetica. Faraday-Neumann-Lenz. 6 4
Magnetismo
Auto e mutua induttanza
Onde meccaniche, acustiche ed elettromagnetiche. 3 2
Equazioni differenziali di alcuni tipi di onde
monodimensionali.
Onde Sovrapposizione. Parametri descrittivi principali (intensità,
frequenza, lunghezza d’onda, etc.).
Principali fenomeni ondulatori (interferenza, diffrazione,
etc.)
Totale Ore 72 38 10

Testi di riferimento

J. Quartieri et al. , FISICA - Meccanica ed Elettromagnetismo (in preparazione)


Appunti dalle lezioni e testi consigliati dagli altri docenti.

98
FONDAMENTI DI ANALISI DEI SEGNALI E TRASMISSIONE (I MOD)

Cds: Ingegneria Docente: Integrato: Propedeuticità:


Crediti:3
Elettronica Stefano MARANO No Matematica II
Tipologia:
Anno: II Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/03
Affine

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso ha carattere metodologico. Vengono esposte le principali tecniche di analisi ed elaborazione
dei segnali (in particolare mediante sistemi LTI), con enfasi sulla dualità tempo-frequenza. Le tecniche
illustrate hanno diffusa applicazione in elettronica, informatica, misure elettroniche, telecomunicazioni.
I contenuti sono strettamente propedeutici per i corsi del settore Telecomunicazioni.

Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)


Analisi dei segnali nel dominio del tempo. Analisi di segnali nel dominio della frequenza.Analisi dei
sistemi lineari nel dominio del tempo e nel dominio della frequenza, sia in tempo-continuo che in
tempo-discreto.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Caratterizzare i sistemi LTI in termini di legami ingresso-uscita. Operare semplici elaborazioni su
segnali di interesse applicativo. Effettuare il campionamento e la ricostruzione di un segnale analogico.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper scegliere la rappresentazione più adatta per l’analisi dei segnali e dell’interazione con i sistemi.
Saper evitare effetti indesiderati nella discretizzazione di un segnale analogico.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper esporre gli argomenti trattati in maniera corretta e precisa
Capacità di apprendere (learning skills)
Aver maturato i concetti introdotti in vista degli studi successivi. Saper utilizzare fonti diverse per
l’approfondimento delle metodologie introdotte nel corso

Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richieste conoscenze
matematiche di base.

Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche ed esercitazioni numeriche.

Metodi di valutazione
L’accertamento del profitto consiste nel superamento di una prova scritta e di una prova orale.

99
Contenuto del corso
Lezioni ed esercitazioni
Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lezione Esercitaz.
Segnali e sistemi nel Classificazione, operazioni elementari e
dominio del tempo proprietà dei segnali. Medie temporali, energia
e potenza di segnali. Funzioni di correlazione e
8 4
proprietà. Studio dei sistemi nel dominio del
tempo. Sistemi LTI. Somma e integrale di
convoluzione. Sistemi ARMA.
Segnali e sistemi nel Autofunzioni dei sistemi LTI. Risposta in
dominio della frequenza frequenza. Trasformata di Fourier e proprietà.
Somma di Poisson e serie di Fourier. Analisi 8 4
dei sistemi LTI nel dominio della frequenza.
Caratterizzazione energetica dei segnali.
Conversione Segnali digitali. Campionamento e
4 2
analogico/digitale. ricostruzione dei segnali analogici.
Totale Ore 20 10

Testi di riferimento
E. Conte, Lezioni di teoria dei segnali, Liguori,1996.

100
FONDAMENTI DI ANALISI DEI SEGNALI E TRASMISSIONE (II MOD)

Propedeuticità:
Cds: Ingegneria Docente: Integrato: Elem.Prob.eStat.;
Crediti: 6
Elettronica Stefano Marano No Fond.An.Segn.
eTrasm (mod 1)
Anno: II Semestre: Codice: SSD: ING-INF/03 Tipologia:Affine

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso è orientato a fornire gli strumenti metodologici per il progetto e l’analisi dei sistemi di
comunicazione analogici e digitali, con enfasi su questi ultimi. Il corso presenta inoltre le tecniche di
base per la trasmissione analogica e numerica.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione degli elementi fondamentali e dei trade-off di progetto per i sistemi di modulazione
analogici e digitali, con specifica attenzione alla valutazione delle prestazioni delle differenti soluzioni
progettuali.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper progettare e analizzare semplici sistemi di trasmissione dell’informazione.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare la classe di sistemi maggiormente idonei a specifici scenari applicativi di interesse
pratico. Determinare i limiti teorici delle prestazioni di detti sistemi e, di conseguenza, il grado di
efficienza delle singole soluzioni progettuali.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper analizzare, comprendere, ed elaborare il linguaggio tecnico per la descrizione dei sistemi di
trasmissione, e per la valutazione delle prestazioni dei sistemi di trasmissione..
Capacità di apprendere (learning skills)
Comprensione di sistemi fisici di varia natura e tipologia, con ovvia enfasi sui sistemi di trasmissione
dell’informazione.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste adeguate conoscenze
matematiche di base ed elementi di probabilità.
Metodi didattici
Il corso prevede lezioni teoriche ed esercitazioni numeriche.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e
colloquio orale.

101
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Introduzione al corso Richiami storici. Rilevanza delle telecomunicazioni. 2
Elementi di base dei 6
Modulazioni analogiche lineari e non lineari.
sistemi di
Valutazione delle prestazioni. Valutazione 10
comunicazione
comparativa dei sistemi analogici.
analogici
Introduzione ai sistemi Richiami storici. Rilevanza delle comunicazioni
2
digitali digitali. L’impatto della teoria di Shannon
Sorgenti di informazione e loro rappresentazione.
Rappresentazione e Canali e loro rappresentazione. Sistemi di
trasmissione modulazione PAM, PPM, PSK, FSK, QAM: 20 12
dell’informazione complessità, banda, prestazioni in termini di
probabilità di errore, e rapporto segnale rumore.
Equalizzazione, Ricezione ottima su canali affetti da ISI. Algoritmo di
caratterizzazione Viterbi. Caratterizzazione spettrale delle modulazioni 6 2
spettrale e ISI lineari. L’interferenza intersimbolica
Totale Ore 40 20

Testi di riferimento
J. G. Proakis, M. Salehi, Communication Systems Engineering, seconda edizione, Prentice Hall, 2002.
J. G. Proakis, Digital Communications, quarta edizione, McGraw-Hill.

102
FONDAMENTI DI AUTOMATICA
Numero di Crediti: 6
Docente: Prof. Pasquale Chiacchio
Collocazione: Laurea I Livello, II Anno - II semestre
Propedeuticità: Matematica III

Finalità del corso


Studio dei sistemi dinamici a tempo continuo e a tempo discreto. Per i sistemi a tempo continuo a un
ingresso e una uscita fornire competenze per la loro analisi nel dominio del tempo, della variabile
complessa e della frequenza. Fornire anche le prime competenze per la sintesi di controllori.

Programma
Sistemi dinamici a tempo continuo (8h) esercitazioni 20%
Sistemi nonlineari e lineari. Linearizzazione ed equilibrio. Rappresentazioni dello stato. Stabilità.
Analisi con la trasformata di Laplace (10h) esercitazioni 40%
Definizione e proprietà. Richiami sulla trasformata di Laplace. Risposta dei sistemi lineari. Evoluzione
libera e modi naturali. Criteri di stabilità dei sistemi lineari.
Funzione di trasferimento (12h) esercitazioni 40%
Rappresentazioni della funzione di trasferimento. Risposta forzata. Risposta al gradino di sistemi del 1° e
del 2° ordine. Schemi a blocchi. Realizzazione. Ritardo temporale.
Risposta armonica (12h) esercitazioni 40%
Teorema della risposta armonica. Rappresentazione grafica della G(jω). Diagrammi di Bode. Diagramma
polare. Diagramma di Nichols.
Controllo (10h) esercitazioni 40%
Vantaggi del controllo in controreazione. Specifiche per un sistema di controllo. Soddisfacimento delle
specifiche di regime. Specifiche sulla stabilità a ciclo chiuso. Criteri di stabilità robusta. Progetto di
controllori.
Sistemi dinamici a tempo discreto (8h) esercitazioni 40%
Sistemi dinamici a tempo discreto. Stabilità. Analisi con la trasformata zeta. .Modi di evoluzione. Criterio
di stabilità. Funzione di trasferimento. Sistemi a dati campionati.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Analisi dei sistemi dinamici nel tempo Valutare le prestazioni di un sistema
continuo e in frequenza. dinamico.
Analisi dei sistemi dinamici nel tempo Progettare semplici controllori per sistemi
discreto. dinamici a tempo continuo.
Specifiche per un sistema di controllo
Progetto di controllori.

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame consta di una prova scritta ed un colloquio orale.

Testi e materiale didattico di supporto


F. Basile, P. Chiacchio, Lezioni di Automatica – volume I, CUES
Per approfondimenti:
S. Chiaverini, F. Caccavale, L. Villani, L. Sciavicco, Fondamenti di Sistemi Dinamici, McGraw-Hill,
Milano, 2003.
P. Bolzern, R. Scattolini, N. Schiavoni, Fondamenti di Controlli Automatici, McGraw-Hill, Milano, 2004.

103
FONDAMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI

Docente:
Cds: Ingegneria Integrato: Propedeuticità:
Prof. Pasquale Crediti: 9
Elettronica Matematica III
Chiacchio
Anno: II Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/04 Tipologia:

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira all’apprendimento di metodi per l’analisi di sistemi dinamici a tempo continuo e a tempo
discreto nei vari domini (tempo, variabile complessa, frequenza). Fornisce anche le competenze sui
metodi di progetto per controllori di sistemi dinamici.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Modelli di sistemi dinamici linerari a tempo continuo. Modelli trasformati secondo Laplace.
Diagrammi frequenziali. Funzioni di trasferimento. Sistemi di controllo in controreazione. Modelli
di sistemi dinamici lineari a tempo discreto. Modelli trasformati secondo zeta-trasformata. Sistemi a
dati campionati. Interpretazione di specifiche sul comportamento a regime e in transitorio. Metodi di
passaggio ciclo aperto-ciclo chiuso. Carte di Nichols. Luogo delle radici. Regolatori standard.
Sistemi di controllo digitali.

Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)


Saper calcolare la risposta forzata e in evoluzione libera di sistemi dinamici lineari. Saper calcolare la
risposta a regime e nel transitorio di sistemi dinamici lineari. Saper tracciare diagrammi frequenziali.
Saper analizzare sistemi di controllo in controreazione. Saper progettare controllori per sistemi
dinamici e saperne valutare le prestazioni

Autonomia di giudizio (making judgements)


Individuare il metodo migliore per derivare la risposta di sistemi dinamici lineari. Proporre il
controllore migliore per risolvere un problema di controllo.

Abilità comunicative (communication skills)


Saper esporre oralmente un argomento del corso. Saper scrivere una relazione su una analisi o un
progetto effettuati.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze matematiche di base, con
particolare riferimento alle strutture algebriche, al calcolo matriciale, alle equazioni differenziali, alle
trasformate di Laplace e di Fourier.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche ed esercitazioni in aula. Nelle esercitazioni in aula vengono
assegnati, svolti e commentati esempi di applicazione dei concetti illustrati.

Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e un
colloquio orale.

104
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Sistemi
Sistemi nonlineari e lineari. Linearizzazione ed equilibrio.
dinamici a 6 2
Rappresentazioni dello stato. Stabilità.
tempo continuo
Analisi con la Definizione e proprietà. Richiami sulla trasformata di
Laplace- Laplace. Risposta dei sistemi lineari. Evoluzione libera e 6 4
trasformata modi naturali. Criteri di stabilità dei sistemi lineari.
Rappresentazioni della funzione di trasferimento. Risposta
Funzione di
forzata. Risposta al gradino di sistemi del 1° e del 2° ordine. 7 5
trasferimento
Schemi a blocchi. Realizzazione. Ritardo temporale
Teorema della risposta armonica. Rappresentazione grafica
Risposta
della G(jω). Diagrammi di Bode. Diagramma polare. 7 5
armonica
Diagramma di Nichols.
Sistemi Sistemi dinamici a tempo discreto. Stabilità. Analisi con la
dinamici a trasformata zeta. .Modi di evoluzione. Criterio di stabilità. 6 2
tempo discreto Funzione di trasferimento. Sistemi a dati campionati.
Vantaggi del controllo in controreazione. Specifiche per un
sistema di controllo. Soddisfacimento delle specifiche di
regime. Specifiche sulla stabilità a ciclo chiuso. Criteri di
Controllo 22 18
stabilità robusta. Progetto di controllori nel dominio della
frequenza. Progetto di controllori nel dominio della s.
Regolatori standard. Progetti di controllori digitali
Totale Ore 54 36

Testi di riferimento
F. Basile, P. Chiacchio, Lezioni di Automatica volume I, CUES, Fisciano, 2007.
F. Basile, P. Chiacchio, Lezioni di Automatica volume II, CUES, Fisciano, 2007.
Per approfondimenti: S. Chiaverini, F. Caccavale, L. Villani, L. Sciavicco, Fondamenti di Sistemi
Dinamici, McGraw-Hill, Milano, 2003. P. Bolzern, R. Scattolini, N. Schiavoni, Fondamenti di
Controlli Automatici, McGraw-Hill, Milano, 2004.
Esercizi sulla pagina web del docente accessibile da www.automatica.unisa.it.

105
FONDAMENTI DI INFORMATICA

Docente:
Cds: Ingegneria Insegnamento Propedeuticità:
Prof. Matteo Crediti: 6
Elettronica non integrato
Gaeta
Tipologia:
Anno: I Semestre: I Codice: SSD: ING-INF/05
base
Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire
Il corso fornisce gli elementi di base per la risoluzione di semplici problemi tramite l’uso di elaboratori
elettronici, sia nell’ambito di applicazioni di carattere generale, sia per applicazioni tipiche dello specifico
settore ingegneristico utilizzando il linguaggio di programmazione C. A tal fine, il corso è strutturato in
modo da consentire agli studenti di acquisire le conoscenze relative alle caratteristiche fondamentali di un
elaboratore elettronico e dei suoi principi di funzionamento, del modo in cui le informazioni vengono
codificate e rappresentate all’interno del calcolatore. Successivamente anche attraverso esercitazioni in
laboratorio vengono acquisite le conoscenze relative agli elementi fondamentali del linguaggio di
programmazione C unitamente alle tecniche fondamentali di “problem solving” mediante l’uso di un
elaboratore.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Conoscenze sull’architettura degli elaboratori e comprensione delle modalità (logica) di funzionamento di
un elaboratore elettronico, della codifica e relativa rappresentazione delle informazioni, dei costrutti
fondamentali dei linguaggi di programmazione, delle strutture dati principali (vettori e matrici), della
rappresentazione degli algoritmi attraverso diagrammi a blocchi, della sintassi del linguaggio C e del suo
utilizzo per la realizzazione di algoritmi; conoscenze di massima sulla struttura di un sistema operativo,
comprensione della catena di programmazione.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper rappresentare semplici algoritmi attraverso diagrammi a blocchi e codificarli utilizzando il linguaggio
C; saper interpretare e comprendere codice scritto in linguaggio C.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper utilizzare i costrutti base del linguaggio C per la codifica di algoritmi.
Abilità comunicative (communication skills)
Data la natura del corso non vengono sviluppate particolari abilità comunicative.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando libri di testo diversi da quelli proposti o la documentazione in
linea.
Prerequisiti Nessuno.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di laboratorio.
Nelle esercitazioni in aula vengono proposti e commentati algoritmi e la relativa codifica in linguaggio C.
Nelle esercitazioni in laboratorio gli studenti implementano specifici algoritmi o completano programmi
parzialmente scritti in linguaggio C.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e colloquio
orale. La prova scritta viene realizzata dallo studente sul sistema di elaborazione; essa consiste in scrittura,
compilazione, esecuzione e verifica di un semplice programma in linguaggio C.

106
Contenuto del corso

Ore Ore Ore


Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Il concetto di informazione, algoritmo, programma ed
esecutore. Elementi di architettura dei sistemi informatici: la
macchina di von Neumann. Memoria centrale, bus, unità
centrale, interfacce di ingresso/uscita.
Concetti di Base 10
Codifica dell’informazione: codifica dell’informazione non
numerica, codifica dei numeri naturali, interi, frazionari e reali.
I linguaggi di rogrammazione e loro descrizione: carte
sintattiche e notazione Backus-Naur.
Introduzione generale: concetti di aggregazione e astrazione.
Tipi e variabili. Tipi semplici: intero, float, char. Tipi
enumerativi. Variabili automatiche, esterne e statiche.
Operatori. Espressioni.
Fondamenti di
L’istruzione di assegnazione e sua semantica. Istruzioni 10 4
Programmazione
semplici. Blocchi di istruzioni. Strutture di controllo selettive.
Strutture di controllo iterative predeterminate e non. Carte
sintattiche dei principali costrutti di programmazione. Tipi
strutturati: Array. Gestione delle stringhe.
Decomposizione Concetti di programmazione modulare. Il concetto di funzione.
funzionale e Definizione, chiamata, prototipo. Passaggio dei parametri per
elementi di valore e per riferimento. Effetti collaterali e procedure. Grafo di 10 5
progetto di flusso. Sequenza statica e sequenza dinamica. Visibilità e durata
programmi delle variabili. Le funzioni predefinite della standard library.
Il concetto di file. File ad accesso sequenziale e diretto. File di
I file testo. Apertura ed operazioni di lettura e scrittura su file. 3 2
Lettura a carattere e formattata.
sviluppo di Strumenti per la produzione di programmi. Scrittura ed editing
semplici di un programma. Compilazione, collegamento ed esecuzione. 8
programmi Sviluppo di programmi di base.
Sviluppo di algoritmi notevoli su vettori e matrici: calcolo del
minimo e del massimo, prodotto scalare, prodotto matriciale,
sviluppo di calcolo della trasposta e della traccia di una matrice. Sviluppo
8
algoritmi di programmi con I/O su file. Algoritmi notevoli di ricerca ed
ordinamento: ricerca lineare, ricerca dicotomica, bubble sort,
selection sort.

Totale Ore 33 11 16

Testi di riferimento
S. Ceri, D. Mandrioli, L. Sbattella, P. Cremonesi, G. Cugola - Informatica: Arte e Mestiere, Terza
Edizione McGraw-Hill Italia.
Per le parti di programmazione è consigliato il seguente manuale di linguaggio C:
B.W. Kernighan, D. Ritchie - Linguaggio C, Pearson-Prentice Hall, II edizione.
107
FONDAMENTI DI ELETTRONICA (9 CFU)
Numero di crediti: 9
Docente: Prof. Alfredo Rubino
Collocazione: Laurea I Livello, II Anno – I semestre
Propedeuticità: Elettrotecnica I, Fisica II, Matematica II

Finalità del corso


Il Corso intende fornire i modelli elettrici dei dispositivi a stato solido impiegati nella microelettronica e
studiare il loro impiego all’interno di circuiti sia digitali che analogici. Vengono inoltre forniti gli strumenti
matematici necessari per l’analisi di circuiti elettronici nel dominio del tempo, sia in commutazione che in
regime lineare. Il Corso fa uso del simulatore circuitale PSPICE, sia come strumento di verifica per lo
studente delle tecniche adottate nella risoluzione dei circuiti sia per abituare l’allievo all’uso di CAD di
progettazione nei corsi futuri.

Percentuale di esercitazioni (numeriche e di laboratorio): 30%

Programma
I. Fisica dei materiali
Elementi di Elettronica quantistica; Il legame chimico; Struttura a bande di semiconduttori, isolanti e
metalli; densità di stati; drogaggio; caratteristiche fisiche dei principali semiconduttori; concentrazione di
carica; resistività del materiale; processo di generazione/ricombinazione della carica; equazioni
fondamentali dei semiconduttori ; la giunzione p-n; modello a controllo di carica; capacità di giunzione;
capacità di diffusione; la giunzione metallo-semiconduttore; contatti ohmici; fenomeni di rottura; cenni di
tecnologie microelettroniche;
II. Il diodo ed applicazioni
Modello fisico del diodo per ampi segnali e rappresentazione circuitali; modello SPICE ; breakdown; effetti
termici; la commutazione del diodo; Circuiti raddrizzatori a semplice e doppia semionda; limitatori; circuiti
di aggancio, duplicatori di tensione;
III. Transistore bipolare
Il modello per ampi segnali del transistore e rappresentazioni circuitali; modello SPICE; fenomeni di
breakdown; effetti termici; caratteristiche di commutazione; circuiti lineari del BJT;
IV. Dispositivi unipolari
Il modello per ampi segnali del JFET e del MOSFET; modello SPICE; limiti di funzionamento;
caratteristiche di commutazione; modelli lineari di dispositivi unipolari
V. Circuiti di polarizzazione discreti ed integrati
Reti di polarizzazione; Analisi delle condizioni di funzionamento d.c. di circuiti multistadio a componenti
discreti; Generatori di corrente in tecnologia MOS e Bipolare; Carichi attivi;

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
- Fisica dei semiconduttori - interpretare data sheet di dispositivi
- Dispositivi Elettronici commerciali di diversa tecnologia (Bipolari,
- Analisi di circuiti elettronici a diodi nel dominio del Mos, Jfet);
tempo - Analizzare le condizioni di funzionamento d.c
-Analisi della polarizzazione di circuiti a componenti di semplici circuiti elettronici
discreti ed integrati

Modalità di svolgimento dell’esame:


L’esame consiste di una prova scritta ed una prova orale.
108
Testi e materiale didattico di supporto
Microelettronica - Elettronica analogica 2/ed
Richard C. Jaeger, Travis N. Blalock, McGraw- Hill
Appunti del Corso disponibili in rete.

109
FONDAMENTI DI ELETTRONICA (12 CFU)

Docente:
Cds: Ingegneria Integrato: Propedeuticità:
Prof. Alfredo Crediti:12
Elettronica NO Elettrotecnica
Rubino
Tipologia:
Anno: II Semestre: Codice: SSD: ING-INF/01
Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il Corso intende fornire i modelli elettrici dei dispositivi a stato solido impiegati nella microelettronica
e studiare il loro impiego all’interno di circuiti analogici. Vengono inoltre forniti gli strumenti
matematici e metodologici necessari per l’analisi di circuiti elettronici in regime lineare.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione del funzionamento dei dispostivi elettronici, analisi di circuiti analogici multistadio.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Progettazione, simulazione e realizzazione di circuiti analogici.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i criteri più appropriati per progettare un circuito analogico amplificatore.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo, scrivere un elaborato che contenga l’analisi o la progettazione di un semplice
circuito, esporre oralmente un argomento legato ai dispositivi elettronici e ai circuiti analogici
elementari.
Capacità di apprendere (learning skills)
La capacità di applicare le conoscenze acquisite alla realizzazione di progetti che soddisfino requisiti
definiti e specificati.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di elettromagnetismo,
equazioni differenziali, reti elettrich.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di
laboratorio. Nelle esercitazioni in aula viene assegnato agli studenti l’analisi o il progetto di un
dispositivo o di circuito elettronico. Nelle esercitazioni pratiche è previsto l’uso di simulatori e la
realizzazione di un circuito che soddisfi a specifiche assegnate.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e
colloquio orale.

110
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Introduzione al corso Fisica dei semiconduttori 15
Modello fisico del diodo per ampi segnali e
Il diodo ed rappresentazione circuitali; modello SPICE; effetti del
5 10 10
applicazioni secondo ordine; la commutazione del diodo. Analisi di
circuiti a diodi lineari e nel dominio del tempo
Il modello per ampi segnali del transistore e
rappresentazioni circuitali; modello SPICE; effetti del
Transistore bipolare 5 5
secondo ordine; caratteristiche di commutazione;
circuiti lineari del BJT
Il modello per ampi segnali del JFET e del MOSFET;
modello SPICE; limiti di funzionamento; caratteristiche
Dispositivi unipolari 5 5
di commutazione; modelli lineari di dispositivi
unipolari
Circuiti di Reti di polarizzazione; analisi delle condizioni di
polarizzazione funzionamento d.c. di circuiti multistadio a componenti
4 6
discreti ed integrati discreti. Generatori di corrente in tecnologia MOS e
Bipolare. Carichi attivi;
Amplificazione; polarizzazione dell’amplificatore nella
Sistemi analogici regione lineare; distorsione; modelli a doppio bipolo; 10
adattamento delle impedenze di generatore e di carico.
Modelli per piccoli segnali del
Modelli per piccoli diodo, BJT, MOSFET e JFET; configurazioni
segnali e elementari per BJT, MOSFEte JFET; guadagno,
15 15 10
amplificatori lineari resistenza d’ingresso, resistenza d’uscita, intervallo di
escursione dei segnali.
Utilizzo di simulatori circuitali.
Totale Ore 59 41 20

Testi di riferimento
Microelettronica- Elettronica Analogica, Richard C. Jaeger Travis N. Blalock , MCGraw Hill 2005
Dispense fornite al corso

111
FONDAMENTI DI MISURE

Docente: Propedeuticità:
Cds: Ingegneria Integrato:
Prof. Consolatina Elettrotecnica I, Crediti:6
Elettronica NO
Liguori Matematica II
Tipologia:
Anno: II Semestre: I Codice: SSD: ING-INF/07
Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Obiettivo e’ conferire allo studente la capacità di effettuare: misure dirette ed indirette di resistenza media,
corrente e tensione (a.c e d.c.) con multimetri numerici; misure nel dominio del tempo (ampiezza, periodo,
intervallo di tempo, fase) su segnali periodici con oscilloscopio analogico; qualificazione delle misure in
termini di incertezza ed errore deterministico sia per valutazione diretta (metodi statistici) sia indiretta.

Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)


Comprensione della terminologia nell’ambito delle misure ed in particolare delle misure elettroniche, della
strumentazione e dell’espressione delle loro caratteristiche metrologiche.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper realizzare un circuito di misura, impiegare la strumentazione e valutare l’incertezza delle misure
ottenute.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare la strumentazione più adatto per la misura di interesse, definire modalità per la riduzione
dell’incertezza.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper esporre oralmente argomenti legato alle misure elettroniche e saper lavorare in gruppo.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso e saper
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richiesti i seguenti prerequisiti:
conoscenze relative allo studio di circuiti elettrici ed elettronici, all’analisi matematica.
Metodi didattici
L’insegnamento prevede lezioni teoriche ed esercitazioni in laboratorio. Durante le esercitazioni di
laboratorio, agli studenti, divisi per gruppi di lavoro, viene assegnato l’esecuzione di una misurazione con
metodi diretti e/o indiretti.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova di laboratorio e una
prova orale.

112
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Metodi per il trattamento statistico dei dati, test
Teoria della misurazione e
statistici nelle misure, norma UNI-ENV 13005, 8 4
valutazione incertezza
Sistema Internazionale
Caratteristiche della Caratteristiche statiche e dinamiche, uso delle
6 4
strumentazione specifiche degli strumenti
Problematiche relative alle
Effetti di carico, le cause di influenza, rumore 8 2
misurazioni
Architettura, modalità di funzionamento, uso per
Multimetro 8 4
misure di corrente tensione e resistenza
Oscilloscopi analogici: architetture, modalità di
Oscilloscopio analogico 10 6
funzionamento, predisposizione e uso
Totale Ore 40 8 12

Testi di riferimento
G. Zingales, “Metodi e Strumenti per le Misure Elettriche”, UTET Torino
M.Savino, “Fondamenti di Scienze delle Misure”, la Nuova Italia Scientifica.
Dispense integrative sul sito www.adinf.unisa.it alla pagina del docente.

113
FOTOVOLTAICO E OPTOELETTRONICA

Docente:
Cds: Ingegneria Prof. Integrato: Propedeuticità:
Crediti: 10
Elettronica Heinrich Christoph no nessuna
NEITZERT
Tipologia:
Anno: II Semestre: I Codice: SSD: ING-INF/01
Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso amplia le conoscenze sul trasporto elettronico nei semiconduttori con riguardo alle
eterostrutture e introduce le proprietà ottiche di vari materiali semiconduttivi. Sulla base di questi
fondamenti vengono introdotti i dispositivi optoelettronici fondamentali ed illustrate le applicazioni di
tali dispositivi.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito dell’optoelettronica e del fotovoltaico.
Conoscenza dei principali dispositivi e dei metodi di caratterizzazione di tali dispositivi e dei materiali
attivi.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Interpretare i datasheet di dispositivi optoelettronici e di celle fotovoltaiche ed applicare tale
conoscenza alla realizzazione di circuiti elettronici per l’optoelettronica. Conoscere i principali metodi
di fabbricazione dei dispositivi optoelettronici ed essere in grado di realizzare una cella solare in
laboratorio.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i dispositivi più appropriati per progettare circuiti per l’optoelettronica e proporre le
soluzione adatte per la realizzazione di un impianto fotovoltaico a piccole dimensioni
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo, approfondendo un argomento insieme in piccoli gruppi e communicandolo
successivamente in una breve relazione agli altri partecipanti al corso.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite in contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di fisica dei
dispositivi a semiconduttore e della struttura della materia.
Metodi didattici
L’insegnamento comprende lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche in
laboratorio. Nelle esercitazioni in aula vengono svolte simulazioni di dispositivi optoelettronici e di
celle fotovoltaiche con i programmi PSPICE e PC1D.
Nelle esercitazioni in laboratorio gli studenti, divisi in piccoli gruppi, caratterizzano sia materiali sia
dispositivi per l’Optoelettronica e per il Fotovoltaico. In una delle esercitazioni in laboratorio si
fabbrica e caratterizza una cella solare, basata sul materiale attivo TiO2.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e un
colloquio orale.

114
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Processi radiativi nei semiconduttori. Assorbimento di luce in
semiconduttori.
Proprietà ottiche
Materiali (Silicio (mono-, poly-, micro-, nanocristallino, amorfo,
ed elettroniche di
poroso), GaInN, InP/InGaAs, GaAs/AlGaAs, InGaAsP,
semiconduttori 10 4
semiconduttori organici, CNT) e tecniche di crescita di componenti
per
optoelettronici.
l'Optoelettronica
Teoria della eterogiunzione ed introduzione alla teoria di strutture
quantistiche.
LED, Laser (Fabry-Perot, DBR e DFB, VCSEL, Quantum Cascade
Fotoemettitori 6 2 6
Laser),. Amplificatori Ottici.
Fotoconduttori, Fotodiodi (Fotodiodi P-N, Fotodiodi P-I-N,
Fotorilevatori Rivelatori a valanga), Fototransistori, Rilevatori 2D di tipo CCD e 6 2 6
CMOS.)
Modulatori elettro-ottici: Quantum Confined Stark Effect modulator,
Modulatori Wannier-Stark Effect modulator, Modulatori interferenziali, 4
Modulatori tutto-ottici
Integrazione di
Accoppiatori ottici, Fotodiodi integrati con transistori ultraveloci
componenti
(MESFET, HEMT, HBT), Laser integrato con modulatore. Circuiti 4
optoelettronici ed
ottici integrati (OEIC)
elettronici
Introduzione nel
Proprietà dell'emissione solare. L'energia fotovoltaica in confronto
concetto
con altre fonti di energia. L'efficienza teorica di una cella 10
dell’energia
fotovoltaica. Il concetto della cella a multigiunzione.
fotovoltaica
Materiali per applicazioni fotovoltaiche. Celle fotovoltaiche di tipo
pn ed pin. Celle basate sulle eterogiunzioni. Tecniche ottiche ed
optoelettroniche per la caratterizzazione di materiale per il
Materiali e celle
fotovoltaico. 10 2 6
fotovoltaiche
Circuito equivalente di una cella fotovoltaica. Simulazione di celle e
sistemi fotovoltaici. Processi di ricombinazione e tecniche di
passivazione. Concetti di "light trapping".
Circuiti
MPPT-Tracking, Stabilizzatori di tensione, Circuiti di carica per
elettronici per il 6 2 4
batterie, Inverter, diodi “Blocking” e diodi “Bypass”.
fotovoltaico
Realizzazione di
Realizzazione di una cella solare, basata su TiO2 come materiale
una cella solare e
attivo. Caratteristica corrente-tensione della cella solare. La risposta 4 6
caratterizzazione
spettrale.
di pannelli solari.
Totale Ore 60 8 32

Testi di riferimento
P. Bhattacharya "Semiconductor Optoelectronic Devices", Prentice Hall
T. Markvart and L. Castaner, “Practical Handbook of Photovoltaics”, Elsevier

115
INGEGNERIA E TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO

Numero di Crediti: 6
Docente: Prof. Francesco Basile
Collocazione: Laurea Specialistica, II Anno – I semestre
Propedeuticità:

Finalità del corso


Fornire le competenze per la progettazione di un sistema di controllo. I moderni sistemi di controllo sono di
fatto dei sistemi elaborazione delle informazioni in tempo reale. Essi sono costituiti da un insieme di
dispositivi interconnessi tra loro attraverso una o più reti di comunicazione. Tuttavia si differenziano da
altri sistemi per l’elaborazione delle informazioni in quanto dall’esito dell’elaborazione di un sistema di
controllo dipende l’esecuzione di una azione sulla realtà fisica, nel caso più generale la trasformazione di
materiale o energia. Nel corso vengono introdotti lo standard internazionale IEC 61131 per la
programmazione dei dispositivi di controllo e le tecnologie di maggior impiego nel settore, con particolare
riferimento ai controllori a logica programmabile (PLC) ed alle reti per l’automazione. Vengono poi
illustrati i sistemi SCADA, DCS e MES che rappresentano le più comuni applicazioni di controllo
distribuito. Infine la presentazione delle metodologie per la progettazione di algoritmi di controllo
logico/sequenziale e la problematiche relative alla loro implementazione completa l’insieme delle
metodologie per la progettazione dei sistemi di controllo esposte nei corsi di Controlli Automatici I e II

Programma

Programmazione dei dispositivi di controllo (20h) esercitazioni 35%


Lo standard internazionale IEC 61131. Programmazione dei dispositivi di controllo
attraverso i linguaggi previsti dallo standard: Testo Strutturato, Linguaggio a Contatti,
Diagramma a Blocchi Funzionali, Lista Istruzioni e Diagramma Funzionale Sequenziale.
Dispositivi per il controllo (8h) esercitazioni 10%
Requisiti di un dispositivo per il controllo. Controllori per applicazioni generiche: controllori monolitici,
controllori con architettura a bus, controllori basati su personal computer. Il controllore a logica
programmabile (PLC). Controllori di macchine a controllo numerico. Controllori specializzati: regolatori
PID e controllori per motori elettrici.
Controllo distribuito (12h) esercitazioni 10%
Sistemi di produzione integrata. Reti per l’automazione. Sistemi per il controllo di supervisione (SCADA) e
l’acquisizione di dati. Sistemi per l’esecuzione della produzione (MES). Sistemi di controllo distribuito
(MES).
Progettazione dei sistemi di controllo (20h) esercitazioni 30%
Sviluppo dei sistemi di controllo. Esempi di architetture di controllo. Metodologie per la progettazione del
controllo logico sequenziale: i sistemi ad eventi discreti, analisi di sistemi ad eventi discreti modellati con
automi o reti di Petri, algoritmi per la sintesi di controllori per sistemi a eventi discreti.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Tecnologie dei sistemi di controllo per l’automazione Progettare, configurare e programmare un
Analisi e controllo dei sistemi ad eventi discreti sistema di automazione

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame consta di una prova scritta ed un colloquio orale.
116
Testi e materiale didattico di supporto
P. Chiacchio, F. Basile, “Tecnologie informatiche per l’automazione”, McGraw-Hill, 2004, ISBN
88-386-6147-2.
Dispense integrative e problemi forniti sulla pagina web del docente accessibile dal sito web dipartimentale
http://www.diiie.unisa.it

117
INQUINAMENTO E RISCHIO ELETTROMAGNETICO

Numero di Crediti: 6
Docente: Prof. Lucio Ippolito, Bruno Bisceglie
Collocazione: Laurea Specialistica, II Anno - I semestre
Propedeuticità: Nessuna

Finalità del corso


Il corso si propone di fornire all'allievo le conoscenze necessarie per una valutazione dei livelli di
inquinamento e rischio elettromagnetico connessi alle principali sorgenti di campo a bassa ed alta
frequenza. Vengono inoltre curati gli aspetti teorici e pratici associati alle misure di campo. Particolare
rilievo viene posto all'analisi critica della normativa vigente ed alla valutazione dell'impatto ambientale dei
sistemi radianti.

Programma
Esposizione ai campi EM a bassa e alta frequenza (10h) esercitazioni 0%
La radiazione EM. Campi elettrici e magnetici a frequenza industriale. Effetti biologici. Interazione con
l'uomo e rischi. Concetti di dosimetria. Normativa vigente.
Sorgenti di radiazione in bassa frequenza (12h) esercitazioni 20%
Caratteristiche delle sorgenti. Linee e stazioni elettriche ad alta tensione. Altre sorgenti di campo elettrico
presenti in ambienti domestici e industriali. Modellistica previsionale. Metodi di valutazione dell'impatto
ambientale.
Sorgenti di radiazione EM ad alta frequenza (12h) esercitazioni 20%
Sistemi fissi per telecomunicazione. Antenne per telefonia cellulare. Ponti radio. Antenne radiotelevisive.
Altre sorgenti di campi EM ad alta frequenza. Modelli previsionali. Valutazione dell'impatto ambientale.
Misura dei campi elettrici e magnetici a frequenza industriale (13h) esercitazioni 80%
Misure di esposizione. Misura dei campi magnetici alternati. Misura dei campi elettrici alternati. Incertezza
di misura. Procedura ed esecuzione delle misure. Verifica della compatibilità di una data situazione
espositiva con i limiti sanitari. Scelta dello strumento di misura. Misura dell’esposizione umana. Consigli
pratici per la stesura di un protocollo di misura. Documentazione relativa alle prove.
Metodi di rilevazione dei campi EM ad alta frequenza (13h) esercitazioni 80%
Problematiche di misura. Sensori per la misura del campo in zona reattiva ed in zona radiativa. Strumenti di
misura. Qualità delle misure.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Normativa vigente. Valutare l'impatto ambientale di un
Interazione tra campi EM e bioorganismi. sistema radiante.
Caratterizzazione di sorgenti di campo EM a Effettuare misure dei livelli di campo
bassa ed alta frequenza. EM a bassa ed alta frequenza.

Modalità di svolgimento dell’esame


Colloquio orale.

Testi e materiale didattico di supporto


P.Bevitori: Inquinamento elettromagnetico: campi elettrici e magnetici a frequenza industriale, Maggioli
Ed., 2000.
P.Bevitori: Inquinamento elettromagnetico ad alta frequenza, Maggioli Ed., 2000.
G.Leveratto: Antenne sicure, Hoepli Ed., 1997.
118
LABORATORIO DI ANALISI DEI SEGNALI

Docente:
Cds: Ingegneria Integrato: Propedeuticità:
Prof. Vincenzo Crediti: 3
Elettronica FAST II
MATTA
Tipologia:
Anno: III Semestre: I Codice SSD: ING-INF/03
Affine

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Obiettivo del corso è fornire allo studente le competenze necessarie per affrontare i problemi tipici
dell’analisi dei segnali attraverso il calcolatore, e in particolare con l’ausilio del MATLAB.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione dei metodi necessari ad applicare concretamente, attraverso l’ausilio del calcolatore, i
modelli concettuali, logici e fisici per l’analisi dei segnali e la loro trasmissione.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper progettare e realizzare in MATLAB algoritmi relativi a problemi concreti di elaborazione del
segnale e delle comunicazioni.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per progettare e realizzare algoritmi di analisi dei segnali e
trasmissione.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed esporre oralmente un argomento legato all’elaborazione dei segnali.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze matematiche e
statistiche di base, dei fondamenti dell’analisi dei segnali e della loro trasmissione.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla alcune lezioni teoriche, ma si fonda principalmente su esercitazioni in
laboratorio volte a tradurre in algoritmi ed esempi concreti i modelli matematici relativi alla teoria dei
segnali e delle comunicazioni studiati dagli allievi nei corsi precedenti.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante un colloquio orale e la
realizzazione di un progetto al MATLAB.

119
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Es. Lab.
Introduzione al Introduzione all’uso del MATLAB. Principali comandi.
4
MATLAB Esempi di programmazione.
Campionamento e conversione A/D. Trasformata di
Analisi spettrale Fourier e DFT. Analisi spettrale basata sulla DFT con 2 5
MATLAB.
Simulazione Monte Carlo. Esempi di elaborazione
Elaborazione statistica
statistica dei segnali in MATLAB. Esempi di problemi 2 4
dei segnali
di stima e di rivelazione con MATLAB.
Modulazioni analogiche: AM e FM. Modulazioni
Modulazioni numeriche: PAM e PPM. Simulazione di sistemi di
2 5
analogiche e digitali comunicazione in canali affetti da rumore con
MATLAB.
Esempi di algoritmi elementari per la crittografia e la
Problematiche di
steganografia. Simulazione di sistemi di trasmissione 2 4
sicurezza
“sicuri” con MATLAB.
Totale Ore 8 22

Testi di riferimento
E. Conte, Lezioni di Teoria dei Segnali, Liguori Editore.
J. Proakis, M. Salehi, G. Bauch, Contemporary Communication Systems using MATLAB, Cengage-
Engineering.

120
LABORATORIO DI ELETTRONICA (3 CFU)
Numero di crediti: 3
Docente: Prof. Alfredo Rubino
Collocazione: Laurea I Livello, III Anno – I semestre
Propedeuticità: Fondamenti di Elettronica, Fondamenti di Misure

Finalità del corso


Il Corso intende fornire allo studente interessato agli aspetti pratici dell’Elettronica le abilità richieste nello
sviluppo di un progetto completo di una scheda elettronica, dalla definizione delle specifiche tecniche fino
alla sua implementazione. Il progetto potrà riguardare una specifica applicazione per la quale si richieda
l’impiego di blocchi logici e/o analogici, sia a componenti discreti che integrati. L’attività sarà svolta
presso il Laboratorio Polifunzione e dovrà terminare con la redazione di un data sheet della scheda con le
caratteristiche tecniche testate.

Programma
Normative vigenti per il collaudo di prodotti elettronici; Manualistica di componenti commerciali; CAD di
progettazione e simulazione; Caratterizzazioni di componenti e circuiti; Layout di schede elettroniche;
Percentuale di esercitazioni di laboratorio: 70%

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
- Utilizzo di CAD per la realizzazione di schede Sviluppo, realizzazione e testing di
elettroniche, di CAD per la simulazione di circuiti elettronici basati su blocchi
circuiti, di apparecchiature di laboratorio. operazionali ed su componenti discreti

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame consiste nella discussione dell’ elaborato tecnico riguardante la scheda.

Testi e materiale didattico di supporto


Data sheet dei componenti.
Appunti forniti durante il corso.

121
MACCHINE, ALGORITMI E STRUTTURE DATI

Docente:
Cds: Ingegneria Integrato: Propedeuticità:
dr. A. Della Cioppa Crediti: 9
Elettronica nessuna
dr. G. Percannella
Tipologia: base
Anno: I Semestre: I Codice: SSD: ING-INF/05

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso fornisce gli elementi di base circa l'organizzazione e l'architettura degli elaboratori elettronici e
della teoria della commutazione, fornendo le metodologie e gli strumenti per l’analisi e la
progettazione dei sistemi di calcolo. In una seconda parte si analizzano gli aspetti relativi alla
progettazione e realizzazione di algoritmi, utilizzando tecniche iterative e ricorsive e valutando
l’efficienza dei programmi ottenuti. Dopo un approfondimento di tali aspetti il corso presenta le
principali strutture dati fondamentali, come stack, liste ed alberi, tabelle hash presentandone la
realizzazione in linguaggio C.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Conoscenza degli algoritmi e strutture dati fondamentali. Conoscenza dei paradigmi di
programmazione iterativa e ricorsiva. Capacità di confrontare algoritmi sulla base dell'efficienza di
esecuzione. Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito dell’architettura hardware e
software degli elaboratori, dei modelli architetturali degli elaboratori, dei modelli concettuali, logici e
fisici di rappresentazione ed elaborazione dei dati.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Analizzare e realizzare applicazioni che utilizzino algoritmi e strutture dati standard in linguaggio C,
valutandone l’efficienza. Realizzazione di progetti software in C di piccole dimensioni. Analizzare
quantitativamente l’impatto di scelte architetturali sulle prestazioni. Sviluppo di componenti
hardware/software per architetture avanzate.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Selezionare le strutture dati adeguate a supportare un'applicazione, sulla base delle specifiche esigenze
applicative. Saper valutare il rapporto costo/prestazioni in sistemi complessi e usare le tecnologie
hardware/software dei calcolatori elettronici.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo. Esporre oralmente argomenti relativi agli algoritmi ed alle strutture dati.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze sulla
programmazione in linguaggio C.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di
laboratorio. Nelle esercitazioni in aula vengono proposti e commentati algoritmi e la relativa codifica
in linguaggio C. Nelle esercitazioni in laboratorio gli studenti progettano ed implementano programmi
sulla base delle specifiche fornite dal docente. L’attività di laboratorio prevede anche lo sviluppo di
progetti realizzati in gruppi di 3-4 persone.
122
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e
colloquio orale.

Contenuto del corso


Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Elementi di architettura dei sistemi informatici. Reti
Concetti di Base 8 2 0
combinatorie e reti sequenziali.
Fondamenti di
architettura del CPU. ALU e Control Unit 10 0 0
calcolatore
Fondamenti di
architettura del CPU. Memoria. Input/Output 8 2 0
calcolatore
Complementi di Puntatori, array e puntatori, aritmetica dei puntatori. Le
4 2 2
programmazione in C struct.
Aspetti e definizioni generali. Induzione Matematica. Divide-
Ricorsione et-impera. Algoritmi ricorsivi notevoli: Hanoi, Quicksort, 4 4 2
Mergesort.
Definizioni, il modello RAM, notazioni funzioni (Θ , Ω , O),
Complessità calcolo di complessità (i vari costrutti), calcolo di
4 2 0
computazionale complessità degli algoritmi, formule di ricorrenza, ricorrenze
notevoli e loro risoluzione, cenni alla analisi ammortizzata.
Aspetti generali, classificazione e struttura dati, algoritmi di
base (in versione iterativa e ricorsiva): creazione,
Liste dinamiche 6 4 2
inserimento, ricerca,
cancellazione, visita, altri algoritmi sulle liste.
Aspetti generali, classificazione e struttura dati, algoritmi di
base (in versione iterativa e ricorsiva): creazione,
Alberi binari 6 4 2
inserimento, ricerca,
cancellazione, visita, altri algoritmi sugli alberi.
Aspetti generali, hashing esterno ed interno, algoritmi di base
(in versione iterativa e ricorsiva): creazione, inserimento,
Tabelle hash 6 4 2
ricerca,
cancellazione, visita, altri algoritmi sulle tabelle hash.
Totale Ore 56 24 10

Testi di riferimento

Carl V. Hamacher, , Zvonko G. Vranesic, Safwat G. Zaky, “Introduzione all'architettura dei calcolatori”,
Editore: McGraw Hill. Seconda edizione, Anno: 2007.
T.H. Cormen, C.E. Leiserson, R.L. Rivest, C. Stein, “Introduzione agli algoritmi e strutture dati 2/ed”, Mc-
Graw - Hill.
Il corso è completamente supportato da materiale didattico on-line e dispense del docente disponibili sul
sito del corso. Il sito è accessibile attraverso il portale dell'Area Didattica di Ingegneria dell'Informazione
http://www.adinf.unisa.it. Sono, inoltre, disponibili agli studenti esempi di esercizi svolti e ulteriore
materiale didattico integrativo.

123
MACCHINE ED IMPIANTI ELETTRICI ( 6 CFU)

Docente:
Cds: Ingegneria Integrato: Propedeuticità:
Prof. Antonio Crediti: 6
Elettronica Elettrotecnica II
PICCOLO
Anno: II Semestre: II Codice: SSD: ING-IND/33 Tipologia:

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso vuole fornire allo studente le basi conoscitive degli impianti elettrici di bt e delle macchine
elettriche rotanti, al fine di poter progettare in modo compiuto i sistemi complessi, con particolare
riferimento al controllo degli attuali azionamenti industriali maggiormente impiegati nel campo
dell’automazione e della robotica.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito degli impianti elettrici e delle macchine rotanti,
dei modelli concettuali, logici e fisici, delle metodologie di progetto degli impianti elettrici per uso
civile.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper progettare un impianto elettrico di bt per ambiente civile attraverso software dedicati e saper
dimensionare una macchina elettrica considerando l’integrazione con il sistema elettrico.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati di progettazione per impianti elettrici di bt ottimizzando il
processo realizzativo e maturare capacità critica per l’integrazione di macchine rotanti nei sistemi di
distribuzione dell’energia.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed esporre oralmente un argomento legato agli impianti elettrici e alle
macchine elettriche.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti, anche in lingua inglese.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di elettrotecnica, con
particolare riferimento alla risoluzione delle reti elettriche trifase.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di
laboratorio. Nelle esercitazioni in aula viene assegnato agli studenti, divisi per gruppi di lavoro, un
progetto da sviluppare durante tutto lo svolgimento del corso. Il progetto comprende i contenuti
dell’insegnamento relativi alla progettazione di un impianto elettrico per uso civile. A tale scopo
alcune ore di esercitazione vengono dedicate all’addestramento degli studenti all’utilizzo di pacchetti
software per la progettazione assistita da calcolatore di impianti in bassa tensione per applicazioni
civili ed industriali.

Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante un colloquio orale
durante la quale sarà valutato anche l’elaborato progettuale.

124
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Generalità sui sistemi elettrici di potenza: il
Introduzione al corso sistema di alimentazione elettrica, il sistema di 3
utilizzazione dell’energia elettrica.
Il sistema di alimentazione e i componenti per il
Componentistica 12 3
trasporto e la distribuzione dell’energia elettrica.
Criteri per la progettazione di un impianto elettrico
Progettazione 6 3 9
per uso civile e industriale in bt.
Principali riferimenti normativi e fondamenti di
Normativa, sicurezza e
sicurezza elettrica per una progettazione a regola 4
progettazione
d’arte.
Introduzione alle
La conversione elettromeccanica dell’energia. 2
macchine elettriche
Le macchine elettriche e i Studio della macchina asincrona, sincrona, a
10 3 3
sistemi di controllo corrente continua.
Cenni su altri tipi di Principi di funzionamento del motore a passo, a
2
macchine magneti permanenti, brushless.
Totale Ore 39 9 12

Testi di riferimento
V. Carrescia, Sicurezza Elettrica, Ediz. Hoepli, Milano
G. Conte, Impianti elettrici, vol. 1-2, Ediz. Hoepli
V. Cataliotti, Impianti elettrici, Ediz. Flaccovio
Mohan, Undeland, Robbins, Power Electronics
A. E. Fitzgerald, C. Kingsley, A. Kusko, Macchine Elettriche, Ed. Franco-Angeli, Milano
Appunti del corso

125
MACCHINE, IMPIANTI ELETTRICI E SISTEMI DI POTENZA (9 CFU)

Docente:
Cds: Ingegneria Integrato: Propedeuticità:
Prof. Antonio Crediti: 9
Elettronica Elettrotecnica II
PICCOLO
Anno: II Semestre: II Codice: SSD: ING-IND/33 Tipologia:

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso vuole fornire allo studente le basi conoscitive degli impianti elettrici di bt e delle macchine
elettriche rotanti, al fine di poter progettare in modo compiuto i sistemi complessi, con particolare
riferimento al controllo degli attuali azionamenti industriali maggiormente impiegati nel campo
dell’automazione e della robotica.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito degli impianti elettrici e delle macchine rotanti,
dei modelli concettuali, logici e fisici, delle metodologie di progetto degli impianti elettrici per uso
civile.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper progettare un impianto elettrico di bt per ambiente civile attraverso software dedicati e saper
dimensionare una macchina elettrica considerando l’integrazione con il sistema elettrico.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati di progettazione per impianti elettrici di bt ottimizzando il
processo realizzativo e maturare capacità critica per l’integrazione di macchine rotanti nei sistemi di
distribuzione dell’energia.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed esporre oralmente un argomento legato agli impianti elettrici e alle
macchine elettriche.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti, anche in lingua inglese.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di elettrotecnica, con
particolare riferimento alla risoluzione delle reti elettriche trifase.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di
laboratorio. Nelle esercitazioni in aula viene assegnato agli studenti, divisi per gruppi di lavoro, un
progetto da sviluppare durante tutto lo svolgimento del corso. Il progetto comprende i contenuti
dell’insegnamento relativi alla progettazione di un impianto elettrico per uso civile. A tale scopo
alcune ore di esercitazione vengono dedicate all’addestramento degli studenti all’utilizzo di pacchetti
software per la progettazione assistita da calcolatore di impianti in bassa tensione per applicazioni
civili ed industriali.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante un colloquio orale
durante la quale sarà valutato anche l’elaborato progettuale.

126
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Ese. Lab.
Generalità sui sistemi elettrici di potenza: il sistema di
Introduzione al corso alimentazione elettrica, il sistema di utilizzazione 3
dell’energia elettrica.
Il sistema di alimentazione e i componenti per il trasporto e
Componentistica 12 3
la distribuzione dell’energia elettrica.
Criteri per la progettazione di un impianto elettrico per uso
Progettazione 6 3 9
civile e industriale in BT.
Normativa, sicurezza e Principali riferimenti normativi e fondamenti di sicurezza
4
progettazione elettrica per una progettazione a regola d’arte.
Introduzione alle
La conversione elettromeccanica dell’energia. 2
macchine elettriche
Le macchine elettriche e Studio della macchina asincrona, sincrona, a corrente
10 3 3
i sistemi di controllo continua.
Cenni su altri tipi di Principi di funzionamento del motore a passo, a magneti
2
macchine permanenti, brushless.
Richiami sul diodo. Richiami sul tiristore. Semiconductor
Dispositivi elettronici a
Controlled Rectifier (SCR). Gate Turn On Thyristor (GTO). 4
semiconduttore:
MOSFET di potenza, IGBT. Transistori di potenza.
Generalità sui circuiti di conversione ca/cc. Convertitori a
tiristori. Convertitori monofase. Convertitori trifase e
Strutture di conversione
polifase. Raddrizzatori e convertitori in condizioni reali di 6 2 2
ca/cc
funzionamento. Ponti semicontrollati. Esempi di
dimensionamento.
Generalità sui sistemi di conversione cc/cc. Chopper Step-
down, Step-up, Step up-down, Cùk. Modulazione PWM,
Strutture di conversione
modulazione unipolare e bipolare. circuiti di comando per 6 2 2
cc/cc
tiristori. Circuiti di spegnimento per SCR. Esempi di
dimensionamento.
Convertitore di tensione monofase e trifase. Convertitore di
Strutture di conversione corrente trifase Tecniche di modulazione PWM: a tensione e
6
cc/ac frequenza impressa, a corrente e frequenza impressa. Esempi
di dimensionamento.
Totale Ore 61 13 16

Testi di riferimento
V. Carrescia, Sicurezza Elettrica, Ediz. Hoepli, Milano
G. Conte, Impianti elettrici, vol. 1-2, Ediz. Hoepli
V. Cataliotti, Impianti elettrici, Ediz. Flaccovio
Mohan, Undeland, Robbins, Power Electronics
E. Fitzgerald, C. Kingsley, A. Kusko, Macchine Elettriche, Ed. Franco-Angeli, Milano
N. Mohan, T. M. Undeland, W. P. Robbins, Power Electronics, J. Wiley & Sons, NY.
G. Montessori, Elettronica di Potenza, Editore Tecniche Nuove, Milano, 1993.
Appunti del corso.

127
MATEMATICA I

Docente:
CdL: Ingegneria Propedeuticità:
Prof. Abdelaziz Integrato: NO Crediti: 9
Elettronica nessuna
Rhandi
Codice: Tipologia:
Anno: I Semestre: I SSD: MAT/05
0610400001 di base

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira all’acquisizione degli elementi di base di Analisi Matematica ed Algebra lineare: Insiemi
numerici, Cenni di Algebra Vettoriale, Funzioni reali, Richiami su equazioni e disequazioni, Successioni
numeriche, Limiti di una funzione, Funzioni continue, Derivata di una funzione, Teoremi fondamentali del
calcolo differenziale, Studio del grafico di una funzione, Matrici e sistemi lineari, Spazi vettoriali,
Trasformazioni lineari e diagonalizzazione, Geometria analitica. Gli obiettivi formativi del corso consistono
nell’acquisizione dei risultati e delle tecniche dimostrative, nonché nella capacità di utilizzare i relativi
strumenti di calcolo.
Il corso ha come scopo principale quello di consolidare conoscenze matematiche di base e di fornire e
sviluppare strumenti utili per un approccio scientifico ai problemi e fenomeni che lo studente incontrerà nel
proseguimento dei suoi studi. La parte teorica del corso sarà presentata in modo rigoroso ma conciso e
accompagnata da una parallela attività di esercitazione volta a favorire la comprensione dei concetti.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a:
Applicare i teoremi e le regole studiate alla risoluzione di problemi. Uso corretto del linguaggio
matematico. Affrontare ed analizzare vari problemi. Caratteristiche e proprietà delle funzioni reali di una
variabile reale. Numeri reali e complessi. Proprietà di matrici, spazi vettoriali, trasformazioni lineari,
autovalori e autovettori
Capacità di:
Sviluppare in modo coerente le varie dimostrazioni. Costruire metodi e procedure per la risoluzione di
problemi. Effettuare calcoli con limiti, derivate.Analizzare il comportamento di una funzione di una singola
variabile. Svolgere semplici calcoli con i numeri complessi. Risolvere esercizi non complessi nell’ambito
della geometria e dell’algebra lineare. Determinare autovalori e autovettori di una trasformazione lineare.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito dell’analisi matematica, algebra lineare e geometria.
conoscenza delle metodologie di dimostrazione. conoscenza dei concetti fondamentali dell’analisi
matematica. conoscenza dei concetti fondamentali dell’algebra lineare e della geometria
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper applicare i teoremi e le regole studiate alla risoluzione di problemi. Saper sviluppare in modo
coerente le varie dimostrazioni. Saper costruire metodi e procedure per la risoluzione di problemi. Saper
effettuare calcoli con limiti, derivate.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per risolvere in maniera efficiente un problema matematico.
Essere capaci di trovare delle ottimizzazioni al processo di risoluzione di un problema matematico
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo. Saper esporre oralmente un argomento legato alla matematica
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso. Saper
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richiesti i seguenti prerequisiti:
128
- conoscenze relative all’algebra, con particolare riferimento a: equazioni e disequazioni algebriche,
logaritmiche, esponenziali, trigonometriche, trascendenti
- conoscenze relative alla trigonometria, con particolare riferimento alle funzioni trigonometriche
fondamentali
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, durante le quali saranno presentati gli argomenti del corso
mediante lezioni frontali, ed esercitazioni in aula durante le quali di forniranno i principali strumenti
necessari per la risoluzione di esercizi relativi ai contenuti dell’insegnamento.

Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta ed un
colloquio orale.

Contenuto del corso

Lezioni ed esercitazioni
Ore
Argomenti Contenuti specifici Ore Lez.
Eserc.
Cenni di Algebra
Introduzione all’algebra vettoriale e alle operazioni con i vettori. 1 2
Vettoriale
Introduzione alla teoria degli insiemi. Operazioni sui sottoinsiemi
di un insieme. Introduzione ai numeri reali. Estremi di un insieme
numerico. Intervalli di R. Intorni, punti di accumulazione. Insiemi
Insiemi numerici. chiusi e insiemi aperti. Introduzione ai numeri complessi. Unità 5 3
immaginaria. Operazioni sui numeri complessi. Forma geometrica
e forma trigonometrica. Potenze e formula di De Moivre. Radici
n-esime.
Definizione. Campo di esistenza, egmentarl e grafico di
funzione. Estremi di una funzione reale. Funzioni monotone.
Funzioni reali Funzioni composte. Funzioni invertibili. Funzioni elementari:
4 2
funzione potenza nesima e radice n-esima, funzione esponenziale,
funzione logaritmica, funzione potenza, funzioni trigonometriche
e loro inverse.
Equazioni di primo grado. Equazioni di secondo grado. Equazioni
binomie. Equazioni irrazionali. Equazioni trigonometriche.
Richiami su
Equazioni esponenziali e logaritmiche. Sistemi di equazioni.
equazioni e
Disequazioni di primo grado. Disequazioni di secondo grado. 2 3
disequazioni
Disequazioni fratte. Disequazioni irrazionali. Disequazioni
trigonometriche. Disequazioni esponenziali e logaritmiche.
Sistemi di disequazioni.
Successioni Definizioni. Successioni limitate, convergenti, oscillanti e
numeriche divergenti. Successioni monotone. Numero di Nepero. Criterio di 2 2
convergenza di Cauchy.
Limiti di una Definizione. Limite destro e limite sinistro. Teorema di unicità.
funzione Teoremi di confronto. Operazioni e forme indeterminate. Limiti 5 3
notevoli.
Funzioni continue Definizione. Continuità e discontinuità. Teorema di Weierstrass.
5
Teorema degli zeri. Teorema di Bolzano. Continuità uniforme.
Derivata di una Definizione. Derivate destra e sinistra. Significato geometrico,
5 3
funzione retta tangente al grafico di una funzione. Derivabilità e continuità.
129
Regole di derivazione. Derivate delle funzioni elementari.
Derivate di funzione composta e funzione inversa. Derivate di
ordine superiore. Differenziale di una funzione e significato
geometrico.
Teoremi Teorema di Rolle. Teorema di Cauchy. Teorema di Lagrange e
fondamentali del corollari. Teorema di De l’Hospital. Condizioni per massimi e 4 3
calcolo differenziale minimi relativi. Formule di Taylor e di Mac-Laurin.
Studio del grafico di Asintoti di un grafico. Ricerca dei massimi e minimi relativi.
una funzione Funzioni concave e convesse in un punto, flessi. Grafico di una 6 8
funzione tramite i suoi elementi caratteristici.
Matrici e sistemi
Matrici e Determinanti. Risoluzione di sistemi lineari: Teorema di
lineari 2 2
Rouché-Capelli; Teorema di Cramer.
La struttura di spazio vettoriale. Dipendenza e indipendenza
lineare. Spazi Vettoriali e dimensione finita. Teorema della base.
Sottospazi vettoriali. Intersezione e somma di sottospazi (cenni),
somma diretta. Definizione di prodotto scalare. Definizione di
Spazi vettoriali
spazio vettoriale euclideo reale. Definizione di norma. 3 2
Disuguaglianza di Cauchy – Schwarz. Definizione di angolo.
Definizione di vettori ortogonali. Basi ortonormali. Componenti in
una base ortonormale. Proiezioni ortogonali. Procedimento di
Gram-Schmidt.
Definizioni di trasformazione lineare. Nucleo e immagine.
Proprietà e caratterizzazioni. Teorema della dimensione.
Rappresentazione matriciale. Polinomio caratteristico. Autospazi e
Trasformazioni
relative proprietà. Molteplicità algebrica e geometrica.
lineari e
Diagonalizzazione: definizione e caratterizzazioni (per matrici ed 5 3
diagonalizzazione
endomorfismi). Condizione sufficiente per la diagonalizzazione.
Diagonalizzazione ortogonale. Definizione e caratterizzazioni di
endomorfismi simmetrici. Proprietà degli autovalori di matrici
simmetriche. Teorema spettrale.
Sistema di riferimento cartesiano nel piano. Equazione della retta
in forma implicita ed esplicita. Equazione egmentarla della retta.
Parallelismo di rette. Fascio improprio di rette. Fascio proprio di
rette. Retta per un punto. Retta passante per un punto e parallela
ad una retta data. Condizioni di perpendicolarità di due rette.
Geometria analitica
Coniche. Algoritmo di riduzione a forma canonica. Coordinate 3 2
cartesiano nello spazio. Equazione del piano (parametrica e
cartesiana). Equazione della retta (parametrica, cartesiana,
simmetrica). Fasci di piani. Stelle di piani. Condizioni di
parallelismo e perpendicolarità tra rette e rette, rette e piani, piani
e piani.
Totale Ore 52 38

Testi di riferimento
G. Albano, C. D’Apice, S. Salerno, Limiti e Derivate, CUES (2002).
G. Albano, C. D’Apice, S. Salerno, Algebra Lineare, CUES (2002).
C. D’Apice, R. Manzo, Verso l’esame di Matematica I, CUES (2007).
Materiali didattici su piattaforma di e-learning IWT
Appunti delle lezioni.
130
MATEMATICA II
Docente:
CdL: Ingegneria Propedeuticità:
Prof. Tiziana Integrato: NO Crediti: 9
Elettronica Matematica I
Durante
Codice: Tipologia:
Anno: I Semestre: II SSD: MAT/05
0610400002 di base

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira all’acquisizione degli elementi di base di Analisi Matematica: integrali delle funzioni di una
variabile, serie numeriche, successioni e serie di funzioni, funzioni di più variabili, equazioni differenziali,
integrali di funzioni di più variabili, curve e integrali curvilinei, superfici.
Gli obiettivi formativi del corso consistono nell’acquisizione dei risultati e delle tecniche dimostrative,
nonché nella capacità di utilizzare i relativi strumenti di calcolo.
Il corso ha come scopo principale quello di consolidare conoscenze matematiche di base e di fornire e
sviluppare strumenti utili per un approccio scientifico ai problemi e fenomeni che lo studente incontrerà nel
proseguimento dei suoi studi. La parte teorica del corso sarà presentata in modo rigoroso ma conciso e
accompagnata da una parallela attività di esercitazione volta a favorire la comprensione dei concetti.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Applicare i teoremi e le regole studiate alla risoluzione di problemi. Caratteristiche
e proprietà fondamentali delle funzioni reali di più variabili reali. Metodi di soluzione delle equazioni
differenziali ordinarie. Concetti di curve e integrali curvilinei. Proprietà ed applicazione di integrali di
funzioni di più variabili.
Capacità di: Effettuare calcoli con serie ed integrali. Calcolare massimi e minimi di funzioni di due
variabili. Risolvere semplici equazioni differenziali. Calcolare semplici integrali curvilinei. Calcolare
semplici integrali doppi.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito dell’analisi matematica, conoscenza delle
metodologie di dimostrazione, conoscenza dei concetti fondamentali dell’analisi matematica
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper applicare i teoremi e le regole studiate alla risoluzione di problemi. Saper sviluppare in modo
coerente le varie dimostrazioni. Saper costruire metodi e procedure per la risoluzione di problemi. Saper
risolvere semplici equazioni differenziali ordinarie. Saper risolvere semplici integrali curvilinei e integrali
doppi
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per risolvere in maniera efficiente un problema matematico.
Essere capaci di trovare delle ottimizzazioni al processo di risoluzione di un problema matematico.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo. Saper esporre oralmente un argomento legato alla matematica
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso
Saper approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti

Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richiesti i seguenti prerequisiti:
conoscenze relative all’Algebra Lineare con particolare riferimento a: Matrici e sistemi lineari, Spazi
vettoriali, Trasformazioni lineari e diagonalizzazione, Geometria analitica

131
conoscenze relative all’Analisi Matematica di base, con particolare riferimento a: Equazioni e disequazioni
algebriche, Studio del grafico di una funzione di una variabile reale, Successioni e serie numeriche, Limiti
di una funzione, Continuità e Derivabilità di una funzione, Teoremi fondamentali del calcolo differenziale
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, durante le quali saranno presentati gli argomenti del corso
mediante lezioni frontali, ed esercitazioni in aula durante le quali di forniranno i principali strumenti
necessari per la risoluzione di esercizi relativi ai contenuti dell’insegnamento.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta ed un
colloquio orale.

Contenuto del corso

Lezioni ed esercitazioni
Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc.
Definizione di funzione primitiva e integrale indefinito. Integrali
Integrazione di immediati. Regole e metodi di integrazione. Integrale delle funzioni
funzioni di una razionali fratte. Integrale definito e significato geometrico. Teorema 6 6
variabile del valor medio. Funzione integrale e teorema fondamentale del
calcolo integrale.
Introduzione alle serie numeriche. Serie convergenti, divergenti e
indeterminate. Serie geometrica, armonica. Serie a termini positivi e
Serie numeriche 2 2
criteri di convergenza: criteri del confronto, del rapporto, della
radice.
Successioni. Definizioni. Convergenza puntuale e uniforme. Esempi
e controesempi. Teorema sulla continuità del limite. Criterio di
Cauchy uniforme. Teoremi di passaggio al limite sotto il segno di
integrale. Teorema di passaggio al limite sotto il segno di derivata.
Serie di funzioni. Definizioni. Convergenza puntuale, uniforme,
Successioni e
totale. Criteri di Cauchy. Derivazione e integrazione per serie. Serie 6 4
serie di funzioni
di potenze. Definizioni. Insieme di convergenza e raggio di
convergenza. Teorema di Cauchy-Hadamard. Teorema di
D’Alembert. Raggio di convergenza della serie derivata.
Convergenza uniforme e totale. Teorema di integrazione e di
derivazione per serie. Esempi e controesempi.
Definizioni. Limite e continuità. Teorema di Weierstrass. Teorema di
Cantor. Derivate parziali. Il Teorema di Schwarz. Gradiente.
Differenziabilità. Il Teorema del Differenziale Totale. Funzioni
composte. Teorema di derivazione delle funzioni composte.
Funzioni di più
Differenziabilità delle funzioni composte. Derivate direzionali. 7 5
variabili
Funzioni con gradiente nullo in un connesso. Funzioni definite
tramite integrali. Formula di Taylor e differenziali di ordine
superiore. Forme quadratiche. Matrici quadrate definite, semidefinite
e indefinite. Massimi e minimi relativi. Funzioni a valori vettoriali.
Definizioni. Integrale particolare e integrale generale. Esempi. Il
Equazioni problema di Cauchy. Teorema di esistenza ed unicità locale. Teorema
6 7
differenziali di esistenza ed unicità globale. Prolungamento di una soluzione.
Soluzioni massimali (cenni). Equazioni differenziali del primo

132
ordine. Equazioni differenziali lineari. Struttura dell’insieme delle
soluzioni. Equazioni differenziali lineari a coefficienti costanti.
Wronskiano e sue proprietà. Metodi di risoluzione.
Integrali di Definizioni. Esempi. Proprietà. Applicazione ad aree e volumi. Il
funzioni di più Primo Teorema di Pappo-Guldino. Formule di riduzione. 7 6
variabili Cambiamento di variabili.
Curve e
Definizione. Curve regolari. Lunghezza di una curva. Teorema di
Integrali 4 3
rettificabilità. Integrale curvilineo di una funzione.
curvilinei
Definizioni. Campi vettoriali. Integrale curvilineo di una forma
Forme differenziale lineare. Forme chiuse ed esatte. Criteri di esattezza.
7 4
differenziali Relazione tra esattezza e chiusura. Forme chiuse in rettangoli o aperti
stellati. Forme chiuse in aperti semplicemente connessi.
Definizioni. Esempi. Proprietà. Cambiamento di rappresentazioni
Superfici e
parametriche. Area di una superficie e integrali superficiali. Superfici
Integrali 5 3
con bordo. Il Secondo Teorema di Pappo-Guldino. Teorema della
superficiali
Divergenza. Formula di Stokes.
Totale Ore 50 40

Testi di riferimento
N. Fusco, P. Marcellini, C. Sbordone, Analisi Matematica due, Liguori editore
C. D’Apice, T. Durante, R. Manzo, Verso l’esame di Matematica II, CUES (2008).
Materiali didattici su piattaforma di e-learning IWT
Appunti delle lezioni.

133
MATEMATICA III

Docente:
CdL: Ingegneria Propedeuticità:
Prof. Abdelaziz Integrato: NO Crediti: 6
Elettronica Matematica II
Rhandi
Codice: Tipologia:
Anno: II Semestre: I SSD: MAT/05
0610400009 di base

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira all’acquisizione degli elementi di Analisi Matematica e Analisi Complessa: funzioni
olomorfe, serie di Fourier, trasformate di Fourier, trasformate di Laplace, equazioni alle derivate parziali.
Gli obiettivi formativi del corso consistono nell’acquisizione dei risultati e delle tecniche dimostrative,
nonché nella capacità di utilizzare i relativi strumenti di calcolo.
Il corso ha come scopo principale quello di consolidare conoscenze matematiche di base e di fornire e
sviluppare strumenti utili per un approccio scientifico ai problemi e fenomeni che lo studente incontrerà nel
proseguimento dei suoi studi. La parte teorica del corso sarà presentata in modo rigoroso ma conciso e
accompagnata da una parallela attività di esercitazione volta a favorire la comprensione dei concetti.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Proprietà di funzioni nel campo complesso. Proprietà e principali applicazioni delle
serie di Fourier. Concetti e proprietà delle trasformate. Concetti e proprietà delle equazioni alle derivate
parziali.
Capacità di: Calcolare integrali attraverso il teorema dei residui. Calcolare semplici trasformate. Risolvere
semplici equazioni alle derivate parziali.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito dell’analisi matematica, algebra lineare e geometria,
conoscenza delle metodologie di dimostrazione, conoscenza dei concetti fondamentali dell’analisi
matematica, conoscenza dei concetti fondamentali dell’analisi complessa, conoscenza dei concetti
fondamentali delle trasformazioni e delle PDE.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper applicare i teoremi e le regole studiate alla risoluzione di problemi. Saper sviluppare in modo
coerente le varie dimostrazioni. Saper costruire metodi e procedure per la risoluzione di problemi
Saper effettuare calcoli con limiti, derivate.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per risolvere in maniera efficiente un problema matematico.
Essere capaci di trovare delle ottimizzazioni al processo di risoluzione di un problema matematico
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo. Saper esporre oralmente un argomento legato alla matematica
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso
Saper approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti

Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richiesti i seguenti prerequisiti:
- conoscenze relative al calcolo integrale, con particolare riferimento a: integrazione di funzioni di una o
più variabili, lineare o curvilinea
- conoscenze relative allo sviluppo in serie, con particolare riferimento a serie numeriche e di funzioni
- conoscenze relative alle funzioni a più variabili, ed alle equazioni differenziali ordinarie

134
Contenuto del corso

Lezioni ed esercitazioni
Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc.
Derivazione complessa, funzioni olomorfe e loro proprietà.
Condizioni di Cauchy-Riemann. Funzioni elementari nel
campo complesso. Punti singolari. Cenni sulla polidromia.
Integrazione su curve complesse. Teorema e formula integrale
di Cauchy. Proprietà di media e di massimo. Serie di potenze e
Funzioni olomorfe 10 8
analiticità delle funzioni olomorfe. Teorema del massimo
modulo. Teorema di Liouville. Teorema fondamentale
dell’algebra. Serie di Laurent e classificazione delle
singolarità. Residui, teorema dei residui e applicazioni al
calcolo di integrali.
Definizioni. Esempi. Disuguaglianza di Bessel. Teorema di
Serie di Fourier convergenza puntuale. Teorema sulla convergenza uniforme. 5 3
Integrazione termine a termine. Derivazione termine a termine.
Euristica per passaggio al limite dalle serie di Fourier,
Trasformata di definizione e proprietà, relazione tra derivazione e
5 5
Fourier moltiplicazione per monomi, trasformata di una convoluzione,
formula di inversione.
Definizione e proprietà, semipiano di convergenza, relazione
Trasformata di tra derivazione e moltiplicazione per monomi, trasformata di
5 5
Laplace una convoluzione, antitrasformata e formule di inversione,
calcolo di trasformate e antitrasformate.
Applicazioni delle
trasformate di Introduzione alle equazioni alle derivate parziali, problemi di
Laplace e di Fourier Cauchy e di Dirichlet, equazioni del calore, delle onde e di
alle equazioni Laplace. Soluzioni di equazioni lineari alle derivate parziali 6 8
differenziali ordinarie tramite trasformate e separazione di variabili. Applicazioni
e della trasformata di Laplace alle equazioni differenziali.
alle derivate parziali
Totale Ore 31 29

Testi di riferimento
Materiali didattici su piattaforma di e-learning IWT
Appunti delle lezioni.

Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, durante le quali saranno presentati gli argomenti del corso
mediante lezioni frontali, ed esercitazioni in aula durante le quali di forniranno i principali strumenti
necessari per la risoluzione di esercizi relativi ai contenuti dell’insegnamento.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta ed un
colloquio orale.

135
METODOLOGIE DI CONTROLLI AUTOMATICI

Docente:
Cds: Ingegneria Integrato: Propedeuticità:
Ing. Francesco Crediti: 5
Elettronica (LS)
Basile
Anno: II Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/04 Tipologia:

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira all’apprendimento delle metodologie più moderne di progettazione di controllori per
sistemi dinamici.

Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)


Capacità di progettare controllori avanzati e valutarne le prestazioni.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper analizzare e progettare controllori per sistemi dinamici lineari o nonlineari in retroazione. Saper
implementare un controllore su sistemi a microprocessore.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per il controllo dei sistemi dinamici ad un ingresso ed una
uscita.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed esporre oralmente un argomento legato ai controlli automatici avanzati.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze matematiche di
base, con particolare riferimento all’algebra lineare e all’analisi nel campo complesso, oltre alle
conoscenze sui metodi classici di progetto di controllori per sistemi lineari.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni in laboratorio.
Nelle esercitazioni in aula viene assegnato agli studenti un esercizio da risolvere mediante
l’utilizzo di calcolatrice scientifica ed abachi. Nelle esercitazioni di laboratorio gli studenti
utilizzano per lo svolgimento degli esercizi MATLAB, un ambiente professionale per la
progettazione di controllori.

Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta con
ausilio del calcolatore ed un colloquio orale.

136
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Panoramica sulle moderne tecniche di
Introduzione al corso 2
controllo e relative problematiche
Raggiungibilità, osservabilità,
Proprietà strutturali 8 2
scomposizione canonica
Assegnamento dei poli. Schema di
Controllo per retroazione
controllo con e senza osservatore dello 6 2 2
dello stato
stato e retroazione dell’uscita.
Piano delle fasi. Esistenza di cicli limite e
Controllo non lineare altri insiemi invarianti. Il metodo della 6 2 4
funzione descrittiva.
Progetto per sintesi diretta nel tempo
Controllo digitale 12 4
discreto
Totale Ore 34 4 12

Testi di riferimento
P. Bolzern, R. Scattolini, N. Schiavoni, “Fondamenti di Controlli Automatici 2/ed”, McGraw-Hill, 2004,
ISBN 8838660999. Dispense integrative e problemi sulla pagina web del docente accessibile dal sito
www.automatica.unisa.it

137
METODI DI PROGETTAZIONE ED ANALISI DEGLI ESPERIMENTI

Laurea
Docente:
Specialistica:
Prof. Maurizio Integrato: Propedeuticità: Crediti: 3
Ingegneria
GUIDA
Elettronica
Anno: II Semestre: I Codice: SSD: SECS-S/02 Tipologia:

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira a fornire metodi e strumenti di base per la raccolta e l’analisi di dati di guasto di
componenti e sistemi complessi; fornire metodi e strumenti di base per la valutazione previsionale
dell’affidabilità e della disponibilità di sistemi complessi.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito dell’affidabilità, della progettazione di un
esperimento (DOE), dell’analisi della varianza (ANOVA) e dell’analisi di regressione.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Conoscenza delle problematiche connesse alla realizzazione di un esperimento industriale in relazione
al controllo dei fattori di disturbo e delle problematiche connesse alla interpretazione dei risultati
sperimentali.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per progettare e realizzare un esperimento industriale, ed
analizzarne i risultati.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper esporre oralmente un argomento legato all’analisi di dati sperimentali.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze matematiche di base, con
particolare riferimento all’analisi matematica ed alla teoria della Probabilità.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche ed esercitazioni in aula.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e
colloquio orale.

138
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Significato di “affidabilità” e sua definizione operativa.
Funzione affidabilità e inaffidabilità. Vita media. Vita
Elementi di Teoria media residua. Funzione “tasso di guasto” e “tasso di
4 1
dell’Affidabilità guasto cumulato”. Curva a “vasca da bagno” e suo
significato tecnologico. Modello esponenziale. Modello
Weibull.
Diagramma logico di un sistema. Strutture di tipo
“serie” e di tipo “parallelo”. Struttura fisica e struttura
logica di un sistema. Strutture di tipo parallelo parziale.
Sistemi con ridondanza in attesa. Metodo delle
probabilità condizionate. Alberi dei guasti. Analisi
Analisi dell’affidabilità di unità riparabili. Processi di conteggio
dell’Affidabilità di dei guasti. Tempi tra guasti e tempi di guasto. Numero 10 5
Sistemi atteso di guasti. Modelli di processi stacastici più
comuni: Processo di Poisson Omogeneo. Processo di
Rinnovo. Processo Non Omogeneo di Poisson.. Catene
e processi di Markov. Funzione Disponibilità.
Disponibilità a regime e disponibilità media.
Disponibilità di un sistema.
Definizioni e concetti di base: unità sperimentali,
trattamenti, fattori. Il principio della “casualizzazione” e
del “raggruppamento in blocchi”. Piani sperimentali
Elementi di Analisi elementari. Confronto tra medie di k popolazioni
della Varianza e di Normali: Analisi della Varianza ad una via e a due vie.
6 4
Analisi di Grado di associazione lineare tra variabili: il
Regressione coefficiente di correlazione. Modello di Regressione
Lineare Semplice. Stima ai minimi quadrati dei
parametri del modello. Indici globali di accostamento: il
coefficiente di determinazione.
Totale Ore 20 10

Testi di riferimento
Appunti delle lezioni
S. M. Ross, Probabilità e Statistica per l’Ingegneria e le Scienze, Apogeo.

139
MICROELETTRONICA
Numero di crediti: 5
Docente: Prof. Salvatore Bellone
Collocazione: Laurea Specialistica, Curriculum Microelettronica, II Anno - II Semestre
Propedeuticità: Elettronica dei Sistemi Analogici, Elettronica dei Sistemi Digitali

Finalità del corso


Il Corso intende far avanzare le competenze dell’allievo sullo sviluppo di hardware per trattamento
dell’informazione, fornendo le metodologie di analisi e di progettazione, anche in forma integrata, delle
diverse sezioni preposte alla ricezione, trasmissione ed elaborazione delle informazioni. Il Corso è da
ritenersi strettamente integrato agli altri insegnamenti inseriti nell’orientamento con i quali concorre a
formare laureati specialisti con competenze nel campo della progettazione VLSI, sia analogica che digitale,
e in grado inoltre di monitorare processi microelettronici, correlare l’elettronica interna dei circuiti alle
proprietà fisiche dei materiali, gestire l’innovazione tecnologica nel settore della micro ed optoelettronica.
Particolare rilievo viene dato nel Corso all’impiego di software dedicato per la progettazione VLSI assistita
al calcolatore.

Programma
Elettronica per le telecomunicazioni;
Trasformata Zeta; Analisi di filtri a capacità commutate; Oscillatori controllati; Moltiplicatori analogici;
oscillatori ad aggancio di fase; Modulatori - Demodulatori AM-FM; ricevitori e trasmettitori integrati;
amplificatori RF; Circuiti per controllo guadagno;
Elettronica per l’elaborazione della informazione
CAD di progettazione analogica e digitale; Circuiti di polarizzazione per IC: riferimenti di tensione e
corrente; Circuiti operazionali per applicazioni specifiche; amplificatori a larga banda; Generatori di forma
d’onda arbitrarie; Moltiplicatori di frequenza; Convertitori tensione-frequenza; Circuiti di sample-hold;
Convertitori A/D e D/A; Convertitori per usi speciali; circuiti d’interfacciamento; Rumore.
Percentuale di lezioni destinate ad esercitazioni: 30%

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Elettronica per il trattamento e la elaborazione dei disegnare e progettare circuiti integrati analogici di
segnali media complessità
utilizzare strumenti CAD di progettazione elettronica

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame prevede lo sviluppo di un elaborato tecnico ed una prova orale finale.

Testi e materiale didattico di supporto


A.B. Grebene “Bipolar and MOS I.C Design” J. Wiley & Sons.
M.S.Ghausi, K.R. Laker “Modern Filter Design” Prentice Hall
Halt, Rinehart, Soclof “Design and Application of analog IC’s” Prentice Hall

140
MICROONDE
Numero di Crediti: 5
Docente: Prof. Flaminio Ferrara
Collocazione: Laurea I Livello, Curriculum Specialistico, III Anno
Propedeuticità: Campi Elettromagnetici (II mod)

Finalità del corso


Il corso di Microonde rappresenta il naturale completamento degli argomenti trattati nei corsi di Campi
Elettromagnetici riguardanti la propagazione in strutture guidanti (guide d'onda metalliche, cavo coassiale,
linea di trasmissione a facce piane affacciate, stripline e microstrip). Considera, inoltre, le tecniche di
analisi e sintesi di componenti e circuiti a microonde, basate sull’approccio a costanti distribuite (linee di
trasmissione equivalenti) e la caratterizzazione dei componenti mediante le matrici d'impedenza, scattering
e trasmissione. Affronta il problema dell'adattamento d'impedenza e usa la teoria delle piccole riflessioni
per analizzare i trasformatori d'impedenza a microonde. Il corso affronta, inoltre, lo studio dei componenti
passivi a microonde (terminazioni, attenuatori, variatore di fase, accoppiatori direzionali) e di quelli attivi
(klystron e magnetron). Tratta dei risuonatori a microonde, in quanto vengono utilizzati in molte
applicazioni come filtri, oscillatori, frequenzimetri e amplificatori accordati. Infine, analizza le proprietà di
base delle strutture periodiche per introdurre la teoria dei filtri a microonde.
Programma
Strutture guidanti
Propagazione in strutture guidanti. Modi TEM, TM, TE. Linea di trasmissione a facce piane affacciate.
Cavo coassiale. Linea bifilare. Stripline. Microstrip. Guida d'onda rettangolare. Guida d'onda circolare.
Perdite dielettriche ed ohmiche nelle strutture guidanti.
Circuiti a microonde
Tensioni e correnti equivalenti. Impedenza di una giunzione a una porta e sue proprietà. Giunzioni a N
porte. Matrice di impedenza. Giunzioni a due porte. Matrice di scattering. Matrice di trasmissione.
Eccitazione del campo elettromagnetico in guida.
Adattamento
Carta di Smith. Adattamento a uno, due e tre stubs. Trasformatore a λ/4. Lemma delle piccole riflessioni.
Trasformatore binomiale. Trasformatore di Chebyshev. Linee rastremate.
Dispositivi passivi a microonde
Terminazioni. Attenuatore. Variatore di fase. Accoppiatori direzionali. T-magic. Anello ibrido. Divisore di
potenza. Circolatore a 4 e 3 porte.
Risuonatori a microonde
Circuiti risonanti serie e parallelo. Risuonatori a linee di trasmissione. Cavità risonante rettangolare.
Risuonatore di Fabry Perot. Eccitazione dei risuonatori. Accoppiamento critico.
Filtri a microonde
Strutture periodiche. Metodo del parametro immagine. Metodo di inserzione delle perdite. Trasformazione
di Richard. Identità di Kuroda.
Sorgenti ed amplificatori a microonde
Klystron. Magnetron. TWT

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Teoria delle reti a microonde.
Analizzare e progettare circuiti e reti a microonde.
Dispositivi a microonde attivi e passivi.
Progettare adattatori di impedenza.
Aspetti fondamentali delle misure a microonde.

141
Modalità di svolgimento dell’esame
L’esame consta di un colloquio orale.

Testi e materiale didattico di supporto


F.Ferrara, Dispense di Microonde
R.E.Collin, Foundations of Microwave Engineering, McGraw-Hill, New York,1992.
R.S. Elliot, An Introduction to Guided Waves and Microwave Circuits, Prentice-Hall.
D.M. Pozar, Microware Engineering, John Wiley, New York, 1998.

142
MISURE ALLE ALTE FREQUENZE

Docente: Propedeuticità:
Cds: Ingegneria
Antonio Scaglione Integrato: Campi Elettromagnetici Crediti: 6
Elettronica
Alfredo Paolillo Misure Elettroniche
Tipologia:
SSD: ING-INF/02
Anno: III Semestre: Codice: insegnamento
ING-INF/07
professionalizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso fornisce gli elementi teorici di base caratterizzanti le misure alle alte frequenze consentendone una
verifica in Laboratorio

Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)


Conoscenze dei fondamenti teorici delle misure alle alte frequenze e delle caratteristiche della
strumentazione utilizzata

Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)


Capacità di eseguire misure alle alte frequenze. Capacità di utilizzare correttamente strumentazione di
misura nel dominio della frequenza.

Autonomia di giudizio (making judgements)


Saper individuare le metodologie opportune ed i compenti necessari per eseguire una misura alle alte
frequenze. Saper predisporre ed utilizzare correttamente la strumentazione di misura per alte frequenze.

Abilità comunicative (communication skills)


Acquisizione della terminologia e delle competenze necessarie per l’interazione con strutture tecniche di
aziende operanti nel settore delle misure alle alte frequenze. Saper stilare relazioni tecniche ed esporre i
risultati di una misura.

Capacità di apprendere (learning skills)


Capacità di consultare manuali tecnici della strumentazione impiegata nelle misure ad alta frequenza

Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi che il corso intende perseguire sono richiesti i seguenti
prerequisiti:
- conoscenza degli aspetti teorici riguardanti la propagazione guidata e la radiazione del campo
elettromagnetico
- conoscenza delle caratteristiche statiche e dinamiche della strumentazione di misura
- conoscenza delle basi teoriche della rappresentazione dei segnali nel dominio della frequenza

143
Contenuto del corso

Ore Ore Ore


Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Misure su Misure di potenza. Misura di lunghezza d’onda. Misure
componenti in guida di ROS. Misure di insertion loss. Misure del coefficiente 2 13
d’onda di riflessione. Ponte riflettometrico.
Misure coefficienti di Fresnel. Analisi della
Misure in spazio
polarizzazione. Analisi di fasci laser. Misura della 5 10
libero
direttività di un’antenna. Misure di sezione radar.
Tecnica di rivelazione diretta e rivelazione coerente:
Tecniche di
principi e circuiti. Lock-in amplifier ed applicazione alle 4 4
rivelazione
misure in presenza di elevato rumore.
Analizzatore di spettro analogico: principi di
funzionamento, schema con doppia conversione in
Strumentazione per
frequenza, uso dei prodotti di intermodulazione per 6 6
alte frequenze
l’estensione del range di frequenza. Sonde per la misura
di campi elettromagnetici.
Misure per Strumentazione ed aspetti normativi per le misure di
inquinamento inquinamento 6 4
elettromagnetico elettromagnetico.
Totale Ore 23 37

Testi di riferimento
Dispense predisposte dai docenti e scaricabili dal sito www.adinf.unisa.it alle pagine dei docenti.

Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche ed esercitazioni di laboratorio riguardanti lo svolgimento di
misure alle alte frequenze caratterizzate da spiccata valenza didattica. A valle di ogni esercitazione di
laboratorio è prevista la stesura di una relazione descrittiva.

Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante un colloquio sulle relazioni
stilate durante il corso.

144
MISURE ELETTRONICHE (6 CFU)

Propedeuticità:
Fondamenti di Misure,
Cds: Ingegneria Docente:
Integrato: Elettrotecnica II, Crediti: 6
Elettronica Prof. Antonio Pietrosanto
Fondamenti di
Elettronica
Anno: II Semestre: I Codice: SSD: ING-INF/07 Tipologia:

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Obiettivo e’ conferire allo studente la capacità di effettuare: misure di resistenza (piccole, medie ed
elevate), corrente, tensione su circuiti e dispositivi elettronici; misure nel dominio del tempo su segnali
transitori con oscilloscopio numerico; misure di periodo, frequenza ed intervallo di tempo con contatore
numerico; uso delle “math function” (ad es. FFT) degli oscilloscopi numerici.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia nell’ambito delle misure ed in particolare delle misure elettroniche, della
strumentazione e dell’espressione delle loro caratteristiche metrologiche.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper realizzare un circuito di misura, impiegare la strumentazione e valutare l’incertezza delle misure
ottenute.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare la strumentazione più adatto per la misura di interesse, definire modalità per la riduzione
dell’incertezza.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper esporre oralmente argomenti legato alle misure elettroniche e saper lavorare in gruppo.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso e saper
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richiesti i seguenti prerequisiti:
conoscenze relative allo studio di circuiti elettrici ed elettronici, all’analisi matematica.
Metodi didattici
L’insegnamento prevede lezioni teoriche ed esercitazioni in laboratorio. Durante le esercitazioni di
laboratorio, agli studenti, divisi per gruppi di lavoro, viene assegnato l’esecuzione di una misurazione con
metodi diretti e/o indiretti.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova di laboratorio e una
prova orale.

145
Contenuto del corso

Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Lab.
Oscilloscopi digitali: architetture, modalità di
Oscilloscopi digitali 10 6
funzionamento, predisposizione euso
Contatore numerico, Convertitori D/A,
Voltmetri numerici: flash, a semplice e
Strumentazione numerica doppia rampa, approssimazioni successive ed 16 8
a contatore, FFT Analyzer Impedenzimetro
numerico
Sonde di corrente e tensione attive e passive;
Trasduttori di tensione e corrente 8
trasformatori di misura TA e TV
Metodi di misura delle principali Misure di resistenza, tensione, corrente,
8 4
grandezze elettriche potenza,
Totale Ore 42 18

Testi di riferimento
G. Zingales, “Metodi e Strumenti per le Misure Elettriche”, UTET Torino
M.Savino, “Fondamenti di Scienze delle Misure”, la Nuova Italia Scientifica.
L. Benetazzo, “Misure Elettroniche” CLEUP Padova;
Van Putten A.F.P. “Electronic Measurement Systems”, Prentice Hall International (UK) Hemel Hempstead.
Dispense integrative sul sito www.adinf.unisa.it alla pagina del docente.

146
MISURE ELETTRONICHE (12 CFU)

Docente:
Cds: Ingegneria Crediti:
Proff. Consolatina Liguori Integrato: Propedeuticità:
Elettronica 12
Antonio Pietrosanto
Anno: II Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/07 Tipologia:

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso consente di introdurre lo studente alle problematiche relative alle misure elettroniche e all’uso di
strumentazione di larga diffusione (multimetri oscilloscopi, contatori numerici, FFT-Analyzer) e di
apprendere i metodi per la qualificazione delle misure in termini di incertezza ed errore deterministico.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia nell’ambito delle misure ed in particolare delle misure elettroniche, della
strumentazione e dell’espressione delle loro caratteristiche metrologiche.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper realizzare un circuito di misura, impiegare la strumentazione e valutare l’incertezza delle misure
ottenute.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare la strumentazione più adatto per la misura di interesse, definire modalità per la riduzione
dell’incertezza.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper esporre oralmente argomenti legato alle misure elettroniche e saper lavorare in gruppo.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso e saper
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richiesti i seguenti prerequisiti:
conoscenze relative allo studio di circuiti elettrici ed elettronici, all’analisi matematica.
Metodi didattici
L’insegnamento prevede lezioni teoriche ed esercitazioni in laboratorio. Durante le esercitazioni di
laboratorio, agli studenti, divisi per gruppi di lavoro, viene assegnato l’esecuzione di una misurazione con
metodi diretti e/o indiretti.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova di laboratorio e una
prova orale.

147
Contenuto del corso

Ore Ore Ore


Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Metodi per il trattamento statistico dei dati,
Teoria della misurazione e
test statistici nelle misure, norma UNI-ENV 8 4
valutazione incertezza
13005, Sistema Internazionale
Caratteristiche della Caratteristiche statiche e dinamiche, uso
4 4
strumentazione delle specifiche degli strumenti
Problematiche relative alle Effetti di carico, le cause di influenza,
6
misurazioni rumore
Architettura, modalità di funzionamento,
Multimetro uso per misure di corrente tensione e 4 4
resistenza
Oscilloscopi analogici e digitali:
Oscilloscopi architetture, modalità di funzionamento, 16 10
predisposizione euso
Contatore numerico, Convertitori D/A,
Voltmetri numerici: flash, a semplice e
Strumentazione numerica doppia rampa, approssimazioni successive 16 8
ed a contatore, FFT Analyzer
Impedenzimetro numerico
Trasduttori di tensione e Sonde di corrente e tensione attive e
6
corrente passive; trasformatori di misura TA e TV
Metodi di misura delle
Misure di resistenza, tensione, corrente,
principali grandezze 6 2
potenza,
elettriche
Totale Ore 66 8 24

Testi di riferimento
G. Zingales, “Metodi e Strumenti per le Misure Elettriche”, UTET Torino
M.Savino, “Fondamenti di Scienze delle Misure”, la Nuova Italia Scientifica.
L. Benetazzo, “Misure Elettroniche” CLEUP Padova;
Van Putten A.F.P. “Electronic Measurement Systems”, Prentice Hall International (UK) Hemel Hempstead.
Dispense integrative sul sito www.adinf.unisa.it alla pagina del docente.

148
MISURE PER L’AUTOMAZIONE E LA PRODUZIONE INDUSTRIALE

Cds: Ingegneria Docente: Integrato: Propedeuticità:


Crediti: 5
Elettronica LS Alfredo Paolillo
Tipologia:
Anno: II Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/07

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il Corso si propone di trattare i temi di maggiore interesse nell’ambito dei metodi e sistemi di misura a
servizio dell’automazione dei processi industriali. Oltre ai principi e criteri che guidano la scelta della
sensoristica tradizionale, verranno descritti i sistemi ed i metodi per misure in linea e senza contatto (basate
sulla elaborazione di immagini) di parametri dimensionali. Infine, gli algoritmi più diffusi verranno
applicati e caratterizzati in funzione dell’influenza sul tempo di misura e sulla propagazione dell’incertezza.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito della integrazione di sistemi di misura basati su
elaborazione delle immagini, e dello sviluppo di software per applicazioni di misura. Conoscenza delle
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper dimensionare opportunamente l’hardware di acquisizione di immagini e saper progettare e
implementare, in un opportuno ambiente di sviluppo, uno strumento di misura basato su analisi di
immagini. Saper elaborare un segnale di misura bidimensionale, al fine di estrarre le informazioni
desiderate, saper valutare l’efficacia e le prestazioni, in particolare metrologiche, di uno strumento
sviluppato.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per progettare e realizzare in maniera efficiente uno strumento di
misura basato su analisi di segnali, ed essere capaci di mettere a punto dei metodi per valutare l’efficacia e
le prestazioni metrologiche di uno strumento sviluppato.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo e saper esporre oralmente un argomento legato alla analisi di segnali di misura,
monodimensionali o bidimensionali.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso. Saper
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richiesti i seguenti prerequisiti:
conoscenze relative alle caratteristiche metrologiche ed all’utilizzo degli strumenti di misura, e relative alla
valutazione dell’incertezza di misura;conoscenze sulla implementazione di algoritmi e sulle strutture dati.
Metodi didattici
L’insegnamento prevede lezioni teoriche ed esercitazioni in laboratorio. Durante le esercitazioni di
laboratorio previste nella prima parte del corso, gli studenti sono a chiamati a risolvere problemi che
richiedono l’applicazione delle tecniche spiegate a lezione. Nelle esercitazioni successive, agli studenti,
divisi per gruppi di lavoro, viene assegnato un progetto da sviluppare durante la restante parte del corso. Il
progetto comprende in modo unitario tutti contenuti dell’insegnamento e permette agli studenti di acquisire
le capacità di progettazione, realizzazione e caratterizzazione di uno strumento di misura basato su analisi
di segnali partendo dalle specifiche, e di sviluppare e rafforzare le capacità di lavorare in gruppo.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova orale, che
comprende anche la discussione del progetto sviluppato dallo studente durante la parte finale corso.

149
Contenuto del corso
Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Lab.
Introduzione Introduzione ai sistemi di misura basati su analisi di immagini. 2

Hardware di Telecamere e bus di interfaccia per applicazioni industriali.


acquisizione delle Formazione dell’immagine e modelli per la lente. Illuminatori. 6 3
immagini Frame grabber.

Tecniche di base di Immagini digitali. Istogramma. Trasformazioni puntuali, locali e


elaborazione delle globali. Filtri lineari. Edge detection. Metodi per l’estrazione di 6 3
immagini informazioni di misura da immagini.

Modello “pin hole”. Formulazione matriciale della formazione della


Calibrazione della
immagine digitale. Principali tecniche per la determinazione dei 5
telecamera
parametri intrinseci ed estrinseci (calibrazione).

Sistemi di misura stereoscopici: il problema delle corrispondenze,


algoritmi per la stima delle coordinate 3-D.
Ricostruzione 3-D 5
Sistemi di misura 3-D di tipo attivo: sistemi a pattern di frange e
scanner laser, principi di funzionamento ed esempi.

Caratterizzazione metrologica del software di misura. Propagazione


dell’incertezza negli algoritmi di elaborazione. Gestione della
Metrologia e qualità 5
strumentazione in una organizzazione secondo i principi delle
principali norme tecniche sulla gestione dei sistemi qualità.

Progetti di fine corso 16

Totale Ore 28 22

Testi e materiale didattico di supporto


John Brignell, Neil White, “Intelligent Sensor Systems”, Institute of Physics Publishing.
Lawrence T. Amy, “Automation Systems for Control and Data Acquisition”, Instrument Society of
America.
Brendan Davis, “The Economics of Automatic Testing”, Mac Graw Hill.
Dispense integrative sul sito www.adinf.unisa.it alla pagina del docente.

150
MISURE SULLE MACCHINE E SUGLI IMPIANTI

Propedeuticità:
Docente:
Cds: Ingegneria Integrato: Misure Elettroniche,
Antonio Crediti: 5
Elettronica Macchine ed
Pietrosanto
Impianti Elettrici
Tipologia:
Anno: III Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/07

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Obiettivo é conferire allo studente la capacità di sviluppare autonomamente sistemi di misura per la verifica
e la gestione di macchine ed impianti elettrici. Lo studente apprende e sperimenta le procedure per la
verifica di macchine elettriche e per la sicurezza di impianti elettrici.

Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)


Comprensione della terminologia nell’ambito delle misure ed in particolare delle misure sulle macchine e
sugli impianti.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper realizzare un circuito di misura, impiegare la strumentazione e valutare l’incertezza delle misure
ottenute.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare la strumentazione più adatto per la misura di interesse, definire modalità per la riduzione
dell’incertezza.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper esporre oralmente argomenti legato alle misure sulle macchine e saper lavorare in gruppo.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso e saper
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richiesti i seguenti prerequisiti:
conoscenze relative allo studio di circuiti elettrici ed elettronici, all’analisi matematica alle misure
elettroniche agli impianti elettrici.
Metodi didattici
L’insegnamento prevede lezioni teoriche ed esercitazioni in laboratorio. Durante le esercitazioni di
laboratorio, agli studenti, divisi per gruppi di lavoro, viene assegnato l’esecuzione di una verifica su una
macchina elettrica.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova orale.

151
Contenuto del corso
Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Lab.
Determinazione del rendimento; metodi di carico; prove di
Prove di interesse riscaldamento; misura della resistenza degli avvolgimenti;
generale sulle macchine determinazione delle perdite; metodi di rallentamento ed 18
elettriche accelerazione; separazione delle perdite; metodi calorimetrici;
determinazione dell'affidabilità mediante misure

Misura della potenza


Metodi e strumenti per la misura della potenza 5 2
meccanica

Prove ad alta corrente prove di cortocircuito reali; prove di cortocircuito sintetiche. 5

Misure sugli ompianti Misure per verifica e la sicurezza degli impianti 5

Sistemi di misura manuali ed automatici per la verifica di macchine


Progetti di fine corso 15
ed impianti elettrici

Totale Ore 33 17

Testi e materiale didattico di supporto


N. POLESE – M. D'APUZZO, Sistemi e metodi di misura per applicazioni industriali, Opera Universitaria,
Napoli.
Dispense distribuite a lezione.

152
NANOELETTRONICA
Numero di Crediti: 5
Docente: Proff. A. Rubino, S. Bellone
Collocazione: Laurea Specialistica, Orientamento: Microelettronica , II Anno - II semestre
Propedeuticità: Elettronica dei sistemi analogici, Elettronica dei sistemi digitali

Finalità del corso

Il Corso intende fornire una prospettiva ampia dell’evoluzione dei dispositivi elettronici ed optoelettronici a
partire dall’evoluzione delle tecnologia microelettronica. In particolare saranno forniti gli strumenti
matematici e fisici necessari alla comprensione dei fenomeni quantistici alla base del loro funzionamento,
le loro applicazioni e le metodologie di fabbricazione. Il corso affronterà due temi: i dispositivi
nanoelettronici come limite della legge di Moore alla tecnologia del silicio ed i dispositivi basati su
materiali organici.

Programma
I. Fenomeni quantisitici nei dispositivi elettronici
Roadmap dell’industrie di semiconduttori (International Technology Roadmap for Semiconductors
(ITRS)); elementi di Meccanica Quantistica; Sistemi a bassa dimensionalità e strutture quantiche: densità
degli stati, pozzi quantici, fili quantici, punti quantici; Principi della riduzione di scala per i dispositivi
MOSFET; riduzione di scala a campo costante e generalizzata; effetti di canale corto nei MOSFET: effetto
sulla corrente di sottosoglia, resistenze di source/drain; limiti del modello deriva-diffusione e trasporto
balistico nei MOSFET; effetti di campo elevato negli ossidi (tunnelling); effetti quantistici sulla tensione di
soglia; effetti di discretizzazione del drogaggio.
II. Nuovi materiali e nuove architetture di dispositivi.
Tecniche di deposizioni di dispositivi su scala nanometrica; Nuovi materiali: SiGe e silicio deformato
(strained silicon); Tecnologia SOI (silicon on insulator): dispositivi MOSFET parzialmente svuotati e
completamente svuotati; Mosfet e doppia porta e multiporta; Coulomb blockade e transistori a singolo
elettrone.
III. Elettronica Organica: proprietà elettroniche dei materiali.
Polimeri semiconduttori e polimeri coniugati; Struttura elettronica delle interfacce nei polimeri coniugati;
fenomeni ottici nei polimeri semiconduttori; trasporto e iniezione di carica nei polimeri coniugati; nanotubi
di carbonio.: proprietà di trasporto elettronico e applicazioni.
III. Elettronica Organica: i dispositivi.
Dispositivi elettronici : transistori a film sottile e memorie
I dispositivi MISFET e transistori organici; struttura e modi di funzionamento, calcolo della corrente di
drain, parametri fondamentali: tensione di soglia, resistenza di contatto; meccanismi di trasporto di carica:
trasporto in banda, trasporto di poltroni, hopping: meccanismi di conduzione e di commutazione nelle
memorie organiche: effettti di trasferimento di carica indotta da campo elettrico, effetti di diffusione ionica,
strutture con inclusioni di nanoparticelle.
Dispositivi optoelettronici OLED( Diodi emettitori di luce organici), PLED (Diodi emettitori di luce
polimerici), celle solari.
Proprietà ottiche e di trasporto elettrico dispositivi a singolo strato, miscele; dispositivi multistrato.
Tecniche di fabbricazione e di stampa diretta.
Cenni su dispostivi molecolari.
Percentuale di esercitazioni (numeriche e di laboratorio): 30%

153
Competenze e capacità in uscita dal corso
Competenze relative a: Capacità di:
Fisica, tecnologia e dispositivi nanoelettronici - Dimensionamento di circuiti nanoelettronici
- Interpretare, caratterizzare e modellizzare i fenomeni
fisici alla base del funzionamento di dispositivi
nanoelettronici

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame prevede lo sviluppo di un elaborato tecnico ed una prova orale finale.

Testi e materiale didattico di supporto


appunti forniti durante il corso.
Yuan Taur, Tak H. Ning:”Fundaments of modern VLSI devices”, Cambridge, University Press
G.Hadziioannou, G.G. Malliaras “Semiconducting Polymers” ed. Wiley-VCH

154
OTTICA E COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA

Docente:
Cds: Propedeuticità:
Prof. Antonio Scaglione Integrato:
Ingegneria Campi Crediti: 10
Prof. Francesco
Elettronica Elettromagnetici
D’Agostino
Tipologia:
Anno: II L.S. Semestre: Codice: SSD: ING-INF/02
Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso fornisce gli elementi teorici necessari per lo studio della propagazione di un campo
elettromagnetico a frequenze ottiche e le metodologie generali per affrontare le problematiche connesse alla
presenza di disturbi elettromagnetici.

Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)


Conoscenze dei fondamenti teorici dell’ottica di volume, delle approssimazioni ottiche e
delle principali sorgenti di interferenza. Caratterizzazione delle principali sorgenti di interferenza e
capacità di individuare soluzioni efficienti, dal punto di vista della Compatibilità Elettromagnetica, nel
progetto di sistemi elettronici ad alta frequenza.

Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)


Capacità di analisi di sistemi ottici lineari e dei fenomeni ottici di rilevanza applicativa.
Normative e metodologie di misura in Compatibilità Elettromagnetica.

Autonomia di giudizio (making judgements)


Saper individuare gli elementi di base sui quali basare il progetto efficiente di un circuito operante a
frequenze ottiche o alle microonde.

Abilità comunicative (communication skills)


Acquisizione della terminologia e delle competenze necessarie per l’interazione con strutture tecniche di
aziende operanti nel settore delle telecomunicazioni. Saper esporre oralmente un argomento di natura
tecnica.

Capacità di apprendere (learning skills)


Capacità di consultare criticamente letteratura tecnica specifica nel settore.

Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi che il corso intende perseguire sono richiesti i seguenti
prerequisiti:
- conoscenza degli aspetti teorici riguardanti i teoremi fondamentali dell’elettromagnetismo e la
rappresentazione e la propagazione del campo elettromagnetico nello spazio libero
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche ed esercitazioni numeriche e di laboratorio finalizzate al
consolidamento degli argomenti teorici svolti.

Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante un colloquio e discussione
delle relazioni relative all’attività di laboratorio.

155
Contenuto del corso

Ore Ore Ore


Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Equazioni dell’ottica geometrica. Raggi ottici. Mezzi
Ottica geometrica 15 5
stratificati. Ottica matriciale
Trasformata spaziale di Fourier. Risposta impulsiva
Ottica di Fourier ottica. Integrali di diffrazione. Fenomeni diffrattivi. 10 5
Fasci Gaussiani.
Modello di Lorentz. Dispersione. Impulso
Mezzi materiali reali 10 5
Gaussiano. Mezzi anisotropi. Cristalli uniassici.
Caratterizzazione delle principali sorgenti di
Sorgenti di interferenza 5
interferenza condotta e radiata.
Schermi Valutazione dell’efficacia schermante di schermi
10 5
elettromagnetici metallici.
Normative e Principali normative civili e militari. Strumenti e
10 5 5
metodologie di misura misure di disturbi condotti e radiati.
Configurazioni circuitali robuste e principali metodi
Aspetti sistemistici e
per la simulazione elettromagnetica di ambienti 5 5
metodi di simulazione
complessi in bassa ed alta frequenza.

Totale Ore 65 30 5

Testi di riferimento
P. Bassi, G. Bellanca, G. Tartarini: “Propagazione ottica libera e guidata”, Ed. CLUEB Bologna
W. Goodman: Introduction to Fourier Optics, McGraw-Hill
C.R. Paul, Compatibilità Elettromagnetica, HOEPLI, 1999.
Bochicchio, Giambartolomei, Lezioni di Compatibilità Elettromagnetica, Ed. Pitagora, 1993.

156
PROGETTAZIONE DI SISTEMI INTEGRATI

Cds: L.M. Docente: Propedeuticità:


Integrato:
Ingegneria Prof. Salvatore Bellone Elettronica di potenza Crediti: 10
Elettronica Giandomenico Licciardo Fotovoltaico ed optoelettronica
Tipologia:
Anno: II LM Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/01
Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il Corso intende trasferire all’allievo competenze sulla progettazione dei sistemi integrati sia digitali che
analogici, fornendo le metodologie di analisi per il dimensionamento delle parti che presiedono al
processamento dei segnali.

• Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding):


Il Corso intende dotare l’allievo delle conoscenze fondamentali sui blocchi funzionali per il trattamento dei
segnali ed abituarlo ad una vista unitaria dell’architettura hardware di un sistema elettronico completo.
Particolare rilievo viene dato nel Corso all’impiego di software dedicato per la progettazione di un sistema
completo VLSI.

• Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)


Lo studente sarà in grado di analizzare, dimensionare e realizzare circuiti di elevata complessità il cui
funzionamento richieda l’impiego di una elettronica lineare, digitale o mista;

• Autonomia di giudizio (making judgements)


Sarà in grado di individuare i metodi più appropriati per l’analisi e sintesi di circuiti di elevata complessità,
sia analogici che digitali, e giudicare l’azione dei diversi parametri sulle loro prestazioni.

• Abilità comunicative (communication skills)


Lo studente dovrà saper lavorare in gruppo e fare uso di un appropriato gergo tecnico sia nella
comunicazione scritta che orale

• Capacità di apprendere (learning skills)


Lo studente sarà in grado di impiegare le conoscenze acquisite in contesti differenti da quelli presentati
durante il corso

Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richiesti i seguenti prerequisiti:
- conoscenza della fisica dei dispositivi elettronici e dei modelli che descrivono il loro
comportamento all’interno dei circuiti.
- conoscenza dei fondamenti dell’elettronica digitale e della conversione analogico- digitale.

Metodi didattici
L’insegnamento comprende lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di laboratorio.
Nelle ore di esercitazione in aula gli studenti saranno chiamati a svolgere degli esercizi numerici su
argomenti oggetto del corso, mentre le attività di laboratorio saranno finalizzate allo svolgimento di un
progetto comune, ripartito tra vari gruppi di studenti in modo da sviluppare e rafforzare le capacità di
lavorare in team.

Metodi di valutazione
157
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e colloquio
orale.

Contenuto del corso

Lezioni ed esercitazioni
Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lezione Esercitaz.
Circuiti sequenziali; memorie;
Sistemi integrati digitali 20 10
circuiti d’interfacciamento;
Amplificatori; Filtri; VCO; PLL;
Sistemi integrati analogici Modulatori e demodulatori; 30 10
amplificatori RF;
CAD di progettazione Impiego di CAD avanzato 20
Totale Ore 50 50

Testi di riferimento
D. Sedra-Smith “Circuiti per la Microelettronica” Edizioni Ingegneria 2000
A.B. Grebene “Bipolar and MOS I.C Design” J. Wiley & Sons.

158
PROGETTI ELETTRONICI
Numero di Crediti: 5
Docente: Prof. Heinz-Christoph Neitzert
Collocazione: Laurea Specialistica, Curriculum Microelettronica - II Anno - II Semestre
Propedeuticità: Elettronica dei Sistemi Analogici, Elettronica dei Sistemi Digitali

Finalità del corso


Il Corso si pone l’obiettivo di completare l’informazione sugli argomenti fondamentali dell’elettronica
analogica e digitale e sugli aspetti progettuali. Gli argomenti trattati possono inquadrarsi in quadro sezioni.
Una prima è dedicata al sviluppo di aspetti riguardanti l’elettronica di sistemi ibridi complessi. Una seconda
è dedicata a nuovi concetti per l’elettronica analogica, indirizzata per applicazioni ad alta frequenza e a
basso consumo d’energia. Il corso prevede lo svolgimento di attività esercitative sia numeriche che
applicative di laboratorio e la realizzazione di una scheda elettronica complessa.

Programma

Elettronica ibrida: digitale/analogica (15h): Circuiti di sintesi di frequenza, Convertitori A/D e D/A,
Circuiti Sample and Hold, Digital Signal Processing (DSP)
Nuovi concetti di elettronica analogica (15h): circuiti a trasferimento di carica: filtri a capacita
commutate, amplificatori operazionali con retroazione in corrente, elettronica a basso consumo,
amplificatori CMOS
Circuiti di interfacciamento per l’optoelettronica (10h): Interfacciamento tra sensori ottici ed circuiti
elettronici, interfacciamento ottico tra schede elettroniche, elettronica ultraveloce per trasmissione dati via
fibra-ottica
Alimentatori (10h)
Alimentatori lineari, DC/DC switching converter, switched capacitor converter
Percentuale di lezioni destinate ad esercitazioni: 40%

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
- Nuove concetti di elettronica analogica - Progettare, simulare e realizzare sistemi elettronici
- Circuiti elettronici “mixed signal” complessi
- Circuiti d’interfacciamento - Caratterizzare il sistema realizzato, variando parametri
esterni (temperatura, alimentazione)
- Sviluppare una scheda tecnica del sistema realizzato

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame consta di un elaborato e di una prova orale.

Testi e materiale didattico di supporto


C. Toumazou, G. Moschytz and B. Gilbert: “Trade-Offs in Analog Circuit Design”, Kluwer
S. Franco: ”Amplificatori Operazionali e Circuiti Integrati Analogici”, Hoepli

159
PROGRAMMAZIONE IN RETE

Cds: Ingegneria Docente:


Insegnamento Propedeuticità:
Elettronica Prof. Mario Crediti: 5
non integrato nessuna
Specialistica VENTO
Tipologia:
Anno: II Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/05
Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira all’apprendimento delle tecniche per la programmazione di sistemi software in Java,
partendo dal progetto dell’applicazione. Il corso è pertanto mirato a sviluppare negli studenti, in una
prima fase, le competenze necessarie alla interpretazione dei documenti di progetto di un’applicazione
software (usando l’UML) e successivamente alle competenze di programmazione necessarie alla
realizzazione di applicazioni distribuite.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito della programmazione ad oggetti, con
particolare riferimento ai diagrammi UML e, allo standard Javadoc, ed al codice sorgente Java.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper implementare in Java un sistema software già progettato in termini di diagrammi delle classi, e
descritto in UML. Saper impiegare le classi definite nei packages standard di Java, e saper progettare i
diagramma UML per semplici applicazioni.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per progettare e realizzare un’applicazione Java utilizzando
al meglio i packages già disponibili in Java.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo e commentare oralmente un programma scritto in Java, o esporre le relative
scelte progettuali e realizzative.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando libri di testo diversi da quelli proposti o la documentazione
in linea.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati è richiesto, oltre alle conoscenze incluse negli
insegnamenti propedeutici, una buona pratica di programmazione in C.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di
laboratorio. Nelle esercitazioni in aula viene assegnato agli studenti, divisi per gruppi di lavoro, un
progetto da sviluppare durante tutto lo svolgimento del corso. Il progetto comprende unitariamente tutti
i contenuti dell’insegnamento ed è strumentale all’acquisizione, oltre che delle capacità di
progettazione e realizzazione di una base di dati partendo dalle specifiche, anche a sviluppare e
rafforzare le capacità di lavorare in team. Nelle esercitazioni in laboratorio gli studenti implementano
un progetto di un’applicazione Java in tutte le sue parti, partendo dai documenti di progetto.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e
colloquio orale.

160
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Presentazione del corso. Il ruolo della programmazione ad
Introduzione al
oggetti nella produzione del software. Cenni di Ingegneria 2
corso
del software.
Il Modello ad oggetti: Incapsulamento, Classi ed Oggetti.
Costruttori e Distruttori. Metodi di accesso. Riferimenti
ad oggetti. Classi e funzioni amiche. Overloading degli
Il modello ad operatori. Gestione della memoria e creazione dinamica
4 2
Oggetti. di oggetti. Composizione ed ereditarietà. Classi derivate e
regole di visibilità. Il polimorfismo. Metodi virtuali e
classi astratte. Genericità e templates.
Il linguaggio UML.
Il sistema dei tipi, gli operatori e le strutture per il
controllo del flusso in Java. Concetti di classe, oggetto e
Il linguaggio Java metodi. Ereditarietà e polimorfismo in Java. Controllo 8 8 6
della visibilità di attributi e metodi. Classi astratte ed
interfacce. Packages. La gestione dell’I/O.
Il modello per la gestione delle eccezioni in Java.
Gestione degli Eccezioni controllate e non-controllate. Le classi del JDK
2 2 3
errori in Java per la gestione delle eccezioni, la generazione di
eccezioni. Eccezioni per la gestione dell’I/O.
Fondamenti di programmazione concorrente e
Programmazione
multithread. Sincronizzazione dei thread, condivisione
concorrente in 4 2 3
delle risorse, gestione delle priorità. Programmazione
Java
multithread in Java.
Componenti principali per la progettazione di Graphical
Progetto delle User Interface (GUI). I packages AWT e SWING.
4 2 3
Interfacce grafiche Gestione degli eventi nel JDK 1.2. Gestione del Layout.
Cenni sulla progettazione di componenti: Java Beans.
Programmazione Il package java.net. Le socket. La comunicazione su rete
4 2 3
su rete con Java tramite Java. Sviluppo di applicativi distribuiti.
Totale Ore 26 16 8

Testi di riferimento
“Introduction to Object Oriented Programming using C++”, Peter Muller, disponibili in Internet.
“Java – la guida completa”, P. Naughton, H. Schildt, Mc Graw Hill.

161
PROPAGAZIONE GUIDATA

Cds: Docente: Propedeuticità:


Integrato:
Ingegneria Prof. Antonio Scaglione Campi Crediti: 12
Elettronica Prof. Flaminio Ferrara Elettromagnetici
Tipologia:
Anno: III Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/02
Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso fornisce le basi della propagazione elettromagnetica guidata a microonde e a frequenze ottiche e
analizza in dettaglio il funzionamento dei componenti e dei circuiti di reti operanti a microonde.

Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)


Conoscenze dei fondamenti teorici che regolano la propagazione del campo elettromagnetico nelle guide
metalliche e nelle fibre ottiche

Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)


Conoscenza delle guide, dei dispositivi e dei componenti di un circuito a microonde e delle fibre ottiche
utilizzate per la trasmissione di segnali su corta e lunga distanza; capacità di progettare ed implementare
alcune semplici misure su componenti a microonde e componenti ottici.

Autonomia di giudizio (making judgements)


Saper individuare gli elementi di base sui quali basare il progetto efficiente di un circuito a microonde e di
un sistema di TLC in fibra ottica;

Abilità comunicative (communication skills)


Acquisizione della terminologia e delle competenze necessarie per l’interazione con strutture tecniche di
aziende e/o enti operanti nei settori delle microonde e delle fibre ottiche; saper esporre oralmente un
argomento di natura tecnica.

Capacità di apprendere (learning skills)


Capacità di consultare criticamente letteratura tecnica nei settori delle microonde e delle fibre ottiche

Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi che il corso intende perseguire sono richiesti i seguenti
prerequisiti:
- conoscenze acquisite nei corsi di matematica e fisica di base;
- conoscenza degli aspetti teorici riguardanti i teoremi fondamentali dell’elettromagnetismo e la
rappresentazione e la propagazione del campo elettromagnetico nello spazio libero

Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni numeriche ed esercitazioni pratiche di
laboratorio.
Nelle esercitazioni in laboratorio gli studenti, divisi per gruppi di lavoro, implementano un circuito a
microonde ed eseguono le misure dei parametri caratteristici del circuito.

Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante un colloquio orale.

162
Contenuto del corso

Ore Ore Ore


Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Linea di trasmissione a facce piane affacciate. Linea
Strutture
bifilare. Stripline. Microstrip. Guida d'onda rettangolare. 10
guidanti
Guida d'onda circolare.
Circuiti a Tensioni e correnti equivalenti. Matrice di impedenza e di
10 4
microonde scattering di una giunzione a N porte.
Carta di Smith. Adattamento a stub. Trasformatore a λ/4.
Adattamento Lemma delle piccole riflessioni. Trasformatore binomiale e 6 6
di Chebyshev.
Terminazioni. Attenuatore e variatore di fase. Circolatori.
Dispositivi
Accoppiatori direzionali. Divisore di potenza. Risuonatori a
passivi e 8 2 8
linee di trasmissione. Cavità risonanti chiuse ed aperte.
risuonatori
Accoppiamento critico.
Filtri a Strutture periodiche. Metodo del parametro immagine.
6
microonde Metodo di inserzione delle perdite
Guide
Espansione modale in guida dielettrica. 6
dielettriche
Guida Ottica Guida planare omogenea. Guida planare a gradiente
8 4 4
Planare d’indice. Guida a canale. Analisi numerica
Fibra omogenea. Fibra debolmente guidante. Fibra non
Fibra ottica omogenea. Approssimazione gaussiana. Analisi numerica. 20 4 8
Parametri trasmessivi delle fibre ottiche.
Aspetti
Tecnologie di fabbricazione di guide e fibre ottiche. Sistemi
tecnologici e 6
di telecomunicazione in fibra ottica
sistemistici
Totale Ore 80 20 20

Testi di riferimento
R.E.Collin, Foundations of Microwave Engineering, McGraw-Hill, New York,1992.
D.M. Pozar, Microware Engineering, John Wiley, New York, 1998.
P. Bassi, G. Bellanca, G. Tartarini: “Propagazione ottica libera e guidata”, Ed. CLUEB Bologna
G. Vespasiano (a cura di): “Le fibre ottiche per telecomunicazioni”, Scuola Superiore G. Reiss Romoli,
L’Aquila

163
RADIOPROPAGAZIONE ED IMPATTO AMBIENTALE (5CFU)

CdS:
Docente: Propedeuticità:
Laurea in Integrato: Crediti:
Prof. Giovanni Campi
Ingegneria NO 5
RICCIO Elettromagnetici II
Elettronica
Anno: III Semestre: II Codice: 610400121 SSD: ING-INF/02 Tipologia:

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Scopo del corso è quello di fornire agli studenti gli strumenti matematici e metodologici necessari alla
caratterizzazione delle antenne, all’analisi della propagazione del campo elettromagnetico ed alla
valutazione del loro impatto ambientale.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Al termine del corso, lo studente possiederà nel suo bagaglio culturale quelle conoscenze utili alla
risoluzione di problemi di collegamento radio ed alla individuazione del corrispondente impatto
ambientale.
Conoscenze e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Al fine di pianificare collegamenti wireless sia indoor che outdoor, e ridurre a conformità il
corrispondente impatto ambientale, lo studente avrà acquisito conoscenze e capacità per caratterizzare
tipiche sorgenti intenzionali di campo elettromagnetico, descrivere la sua propagazione e le perdite ad
essa connesse.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Lo studente dovrà essere in grado di discriminare i meccanismi propagativi del campo
elettromagnetico, selezionare i sistemi di antenna in base alle specifiche richieste e scegliere il modello
propagativo idoneo al contesto considerato.
Abilità comunicative (communication skills)
Lo studente dovrà saper esporre correttamente, e con proprietà di linguaggio, temi ed argomenti
incontrati durante lo svolgimento del corso.
Capacità di apprendere (learning skills)
Lo studente dovrà essere in grado di approfondire autonomamente gli argomenti trattati nel corso,
ricorrendo anche a supporti diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di base relative ai
campi elettromagnetici.
Metodi didattici
Lo svolgimento del corso prevede lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni in laboratorio.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante colloquio orale.

164
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Introduzione Presentazione del corso e richiami utili 2
Caratterizzazione di antenne in trasmissione e ricezione.
Antenne a dipolo. Antenne a guide d’onda ed a tromba.
Antenne Antenne a riflettore. Antenne integrate. Schiere lineari di 10 6
antenne. Antenne per sistemi cellulari. Formula del
collegamento.
Meccanismi di Riflessione e trasmissione di onde piane in corrispondenza
6 4
propagazione di superfici di separazione lisce o scabre. Diffrazione.
Cammini multipli. Fading e tecniche di diversità.
Modelli di Valutazione del path loss nei collegamenti wireless. Link
8 4
propagazione budget. Modelli deterministici ed empirici per la
propagazione indoor ed outdoor.
Principali sorgenti non intenzionali di campo
Impatto
elettromagnetico. Normativa vigente. Tecniche di riduzione 4 2
ambientale
a conformità
Strumentazione e tecniche di misura del campo
Misure 2 2
elettromagnetico.
Totale Ore 32 16 2

Testi di riferimento
G. Riccio, Appunti di antenne e propagazione nei collegamenti wireless
F.T. Ulaby, Fondamenti di campi elettromagnetici, McGraw-Hill, 2006

165
RADIOPROPAGAZIONE ED IMPATTO AMBIENTALE (6CFU)

CdS:
Docente: Propedeuticità:
Laurea in Integrato: Crediti:
Prof. Giovanni Campi
Ingegneria NO 6
RICCIO Elettromagnetici
Elettronica
Anno: III Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/02 Tipologia:

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Scopo del corso è quello di fornire agli studenti gli strumenti matematici e metodologici necessari alla
caratterizzazione delle antenne, all’analisi della propagazione del campo elettromagnetico ed alla
valutazione del loro impatto ambientale.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Al termine del corso, lo studente possiederà nel suo bagaglio culturale quelle conoscenze utili alla
risoluzione di problemi di collegamento radio ed alla individuazione del corrispondente impatto
ambientale.
Conoscenze e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Al fine di pianificare collegamenti wireless sia indoor che outdoor, e ridurre a conformità il
corrispondente impatto ambientale, lo studente avrà acquisito conoscenze e capacità per caratterizzare
tipiche sorgenti intenzionali di campo elettromagnetico, descrivere la sua propagazione e le perdite ad
essa connesse.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Lo studente dovrà essere in grado di discriminare i meccanismi propagativi del campo
elettromagnetico, selezionare i sistemi di antenna in base alle specifiche richieste e scegliere il modello
propagativo idoneo al contesto considerato.
Abilità comunicative (communication skills)
Lo studente dovrà saper esporre correttamente, e con proprietà di linguaggio, temi ed argomenti
incontrati durante lo svolgimento del corso.
Capacità di apprendere (learning skills)
Lo studente dovrà essere in grado di approfondire autonomamente gli argomenti trattati nel corso,
ricorrendo anche a supporti diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di base relative ai
campi elettromagnetici.
Metodi didattici
Lo svolgimento del corso prevede lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni in laboratorio.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante colloquio orale.

166
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Introduzione Presentazione del corso ed alcuni richiami utili 2
Caratterizzazione di antenne in trasmissione e ricezione.
Antenne a dipolo. Antenne a guide d’onda ed a tromba.
Antenne Antenne a riflettore. Antenne integrate. Schiere lineari di 10 8
antenne. Antenne per sistemi cellulari. Formula del
collegamento.
Meccanismi di Riflessione e trasmissione di onde piane in corrispondenza
8 4
propagazione di superfici di separazione lisce o scabre. Diffrazione.
Cammini multipli. Fading e tecniche di diversità.
Modelli di Valutazione del path loss nei collegamenti wireless. Link
10 8
propagazione budget. Modelli deterministici ed empirici per la
propagazione indoor ed outdoor.
Principali sorgenti non intenzionali di campo
Impatto
elettromagnetico. Normativa vigente. Tecniche di riduzione 4 2
ambientale
a conformità
Strumentazione e tecniche di misura del campo
Misure 2 2
elettromagnetico.
Totale Ore 36 22 2

Testi di riferimento
G. Riccio, Appunti di antenne e propagazione nei collegamenti wireless
F.T. Ulaby, Fondamenti di campi elettromagnetici, McGraw-Hill, 2006

167
RETI DI TELECOMUNICAZIONE

Cds: Ingegneria
Elettronica Docente:
Integrato: Propedeuticità:
(Laurea Anton Luca Crediti: 6
N
Specialistica) ROBUSTELLI

Anno: II Semestre: I Codice: SSD: ING-INF/03 Tipologia:Affine

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira all’acquisizione di conoscenze sistemistiche nell’ambito delle reti di telecomunicazioni
sia fisse che mobili e sia a commutazione di circuito che a commutazione di pacchetto, in grado di
consentire attività di analisi e progettazione nell’ambito di architetture di reti di TLC anche complesse.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito delle reti di telecomunicazioni fisse e mobili,
delle architetture di riferimento per la commutazione a circuito e a pacchetto, dei protocolli standard,
dei parametri di qualità, delle metodologie di progettazione e dimensionamento.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper analizzare le caratteristiche di una specifica architettura di rete per TLC, progettare e
dimensionare una sezione di rete di TLC per utenza fissa o mobile in base a determinati requisiti di
volumi di traffico, qualità del servizio, costi.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per progettare e dimensionare una sezione di rete di
telecomunicazioni, ed ottimizzare il processo realizzativo in base al contesto in esame.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed esporre oralmente un argomento legato alle reti di telecomunicazioni
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di base di
telecomunicazioni e reti dati.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche e esercitazioni di laboratorio durante le quali vengono
assegnate agli studenti, divisi in gruppi di lavoro, delle attività di simulazione da realizzare durante
tutto lo svolgimento del corso in riferimento a specifiche configurazioni di rete. Tali attività tendono
tra l’altro a sviluppare e rafforzare le capacità di lavorare in gruppo.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante valutazione di un
elaborato progettuale e colloquio orale.

168
Contenuto del corso
Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Lab.
Introduzione al Storia delle reti di telecomunicazione. Principi e cenni sul mercato
2
corso delle tlc. Trend futuri. Applicazioni.
Gerarchia della rete telefonica. Conversioni analogico/digitali e reti
telefoniche digitali. Trasmissione analogica. Concentrazione e
Principi di
multiplazione. Segnalazione su reti PSTN a canale comune e a
telefonia a
canale associato. Accesso analogico. Digitalizzazione della voce. 8 2
commutazione di
Telefonia numerica asincrona (gerarchia PDH) e sincrona (SONET,
circuito
gerarchia SDH, apparati e reti SDH). Commutazione a divisione di
spazio e a divisione di tempo.
Telefonia su IP. Tempi di ritardo/latenza. Jitter. Perdita di pacchetti.
Reti di telefonia su Attivita’ vocale. Cenni ai protocolli di trasporto TCP, UDP, RTP.
6 2
IP Qualita’ del servizio. Reti backbone. Segnalazione su IP. Il
protocollo SIP..
Il processo di standardizzazione 3G. Architettura di rete 3G.
Gestione delle risorse. Accesso radio. Elementi di propagazione.
Interferenza. Modellazione del canale. Interfaccia aria. Canali
Reti mobili di downlink e uplink. Procedure di accesso casuale. Strategie di
seconda handover. Tecniche di diversità. Controllo della potenza. Core 10 2
generazione network UMTS: architettura, entità di rete (MSC/VLR,
HLR/AUC/EIR, SGSN, GGSN). Gestione della mobilità. Gestione
dI sessioni a commutazione di circuito. Gestione di sessioni a
commutazione di pacchetto: modelli a stati.
L’accesso WCDMA. Core Network. Strategie di soft handover.
Reti mobili di Elementi di codifica in UMTS. Evoluzione da GSM ad UMTS.
12 4
terza generazione Comunicazione radio UMTS. Principi di VoIP e descrizione del
sottosistema IMS. Introduzione alla sicurezza nelle reti di TLC
Protocollo SIP. Protocollo SDP. Architettura IMS. Sip Application
Server. Modello di instaurazione della sessione. Qualità di servizio.
Sottosistema IP
Scenari di chiamata. Registrazione a livello applicativo. Interlavoro 10 2
multimedia
IMS- reti tradizionali. Criteri di filtraggio. Servizi di Presence e
Instant Messaging. Sicurezza.
Totale Ore 48 12

Testi di riferimento
Bellamy – Digital Telephony – ed. John Wiley & Sons Inc
J. Walrand, P. Varaiya, High Performance Communication Networks, Second Edition, ed.
Morgan- Kaufmann, 2000.
M. Mouley, M.B. Pautet, The GSM System for Mobile Communications, Telecom Publishing,
1992
H. Kaaranen et al. - UMTS Networks, Architecture, mobility and services, ed. Wiley
G. Camarillo et al. - The 3G IP Multimedia Subsystem (IMS): Merging the Internet and the
Cellular Worlds, ed. Wiley

169
RETI LOGICHE
Numero di Crediti: 3
Docente: Prof. Antonio Della Cioppa
Collocazione: Laurea I Livello, III Anno - I semestre
Propedeuticità: Fondamenti di Informatica

Finalità del corso


Il corso riprende gli argomenti relativi alle reti logiche trattati nel corso di calcolatori elettronici e li
inserisce nell’ambito della teoria della commutazione e fornisce le metodologie e gli strumenti per l’analisi
e la progettazione delle reti logiche. Le lezioni sono accompagnate da una attivita’ di laboratorio finalizzata
alla realizzazione di una sistema logico - le cui specifiche sono proposte dagli/dalle allievi/e – mediante
l’uso di strumenti CAD di ausilio alla progettazione.

Programma
Algebra di Boole (4 h) esercitazioni (25%)
Concetti fondamentali, definizioni, proprieta' ed operatori fondamentali- Funzioni booleane - Insiemi
funzionalmente completi - Forme canoniche di una funzione
Macchine combinatorie (2 h) esercitazioni (0%)
Generalita' - - Reti unilaterali. Porte elementari - Struttura delle reti bilaterali - Progetto logico di reti
combinatorie - Effetto della tempificazione sul progetto logico - Alee combinatorie
Macchine sequenziali (6h) esercitazioni (0%)
Modelli matematici di macchine sequenziali - Modello a blocchi fondamentale – Macchine asincrone -
Alee essenziali - Macchine ad ingressi impulsivi - Modelli sequenziali di registri - Tempificazione nel
caricamento dei registri
Progetto di reti combinatorie (4h) esercitazioni (80%)
Costruzione della tabella di verita’ - Minimizzazione - Codifica e sintesi della rete - Codificatori e
decodificatori - Multiplexer e demultiplexer - Addizionatori
Progetto di reti sequenziali (6h) esercitazioni (70%)
Costruzione della tabella di flusso - Minimizzazione degli stati - Assegnazione degli stati e scelta degli
elementi di memoria - Sintesi combinatoria - Flip-Flop - Contatori - Registri a scorrimento
Progetto di sistemi logici (8h) esercitazioni (75%)
Connessione tra reti – Sincronizzazione – Sintesi con macchine elementari

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Metodologie di progettazione di reti logiche Progettare circuiti logici
Tecniche di sintesi di sistemi logici Valutare le caratteristiche dei principali circuiti logici
Aspetti fondamentali della teoria della disponibili in commercio
commutazione Uso di sistemi CAD per il disegno e la simulazione di
circuiti e sistemi logici

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame si articola in un colloquio orale e nella valutazione dell’elaborato di progetto.

Testi e materiale didattico di supporto


B. Fadini, A. Esposito, Teoria e progetto delle reti logiche, Liguori, 1996
B. Fadini, N. Mazzocca, Reti logiche: complementi ed esercizi, Liguori 1996
AA.VV., LogicWorks – Interactive Circuit Design Software, Addison-Wesley, 1999
Manuali disponibili sul server del laboratorio T25.
170
ROBOTICA INDUSTRIALE

Numero di Crediti: 5
Docente: Prof. Pasquale Chiacchio
Collocazione: Laurea Specialistica, Curriculum Elettronica Industriale, II Anno – II semestre
Propedeuticità: Controlli Automatici II

Finalità del corso


Fornire gli elementi per la modellistica e il controllo di robot industriali.

Programma
Struttura e componenti di un robot industriale (2h) esercitazioni 10%
Il robot industriale. Struttura dei manipolatori.
Cinematica (16h) esercitazioni 20%
Matrice di rotazione. Angoli di Eulero. Trasformazioni omogenee. Cinematica diretta. Cinematica di
strutture tipiche di manipolazione. Problema cinematico inverso. Cinematica differenziale. Jacobiano.
Dinamica (6h) esercitazioni 20%
Formulazione di Lagrange. Dinamica diretta e dinamica inversa.
Controllo (20h) esercitazioni 40%
Controllo nello spazio dei giunti. Controllo indipendente ai giunti. Compensazione in avanti a coppia
precalcolata. Controllo centralizzato. Controllo nello spazio operativo. Controllo dell’interazione con
lámbiente
Unità di governo (4h) esercitazioni 10%
Architettura funzionale. Ambiente di programmazione. Architettura hardware.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Caratteristiche dei robot industriali Sviluppare tecniche di modellistica e
Modelli e componenti di un robot controllo per robot manipolatori

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame consta di un un colloquio orale.

Testi e materiale didattico di supporto


L. Sciavicco, B. Siciliano, “Robotica Industriale”, Seconda Edizione, McGraw-Hill, Milano, 2000.

171
SENSORI E RIVELATORI

Numero di crediti: 5
Docente: Prof. Nicola Lamberti
Collocazione: Laurea Specialistica, II anno - I Semestre
Propedeuticità: Elettronica dei Sistemi Analogici

Finalità del corso


Lo scopo del corso è quello di descrivere i principi di funzionamento dei principali sensori fisici. In
particolare saranno trattati i microsensori, che rappresentano lo stato dell’arte sia per le ridotte dimensioni,
che ben si sposano con la microelettronica, che per il basso costo. Saranno inoltre approfonditi i trasduttori
i sensori e gli attuatori piezoelettrici.

Programma
Introduzione (3 h). Classificazione dei sensori. Sensori ideali e limitazioni reali
Sensori termici (10 h). Considerazioni di base e definizioni. Termocoppie. Termoresistori, Termodiodi,
Termotransistori.
Sensori meccanici (10 h). Principi di funzionamento. Sensori di spostamento. Sensori di velocità e di
flusso. Accelerometri. Sensori di forza, pressione e deformazione. Altri sensori meccanici
Sensori magnetici (5 h). Considerazioni di base e definizioni. Sensori ad effetto Hall. Magnetoresistori,
Magnetodiodi, Magnetotransistori
Sensori Piezoelettrici (14 h). La piezoelettricità. Modelli matematici dei sensori. Criteri di progetto.
Trasduttori ecografici. Il coefficiente di accoppiamento elettromeccanico statico e dinamico.
Esercitazioni. (8 h)
Esercitazioni di laboratorio per illustrare l’utilizzo pratico dei sensori studiati durante il corso.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Principi di funzionamento dei principali tipi di Scelta e dimensionamento dei sensori. Progetto e
sensori fisico-chimici. Circuiti elettronici di realizzazione dei circuiti elettronici di pilotaggio.
pilotaggio dei dispositivi.

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame consta di un colloquio orale.

Testi e materiale didattico di supporto


J. W. Gardner: “Microsensors: Principles and applications”, J. Wiley & Sons.
Dispense sui sensori piezoelettrici

172
SENSORI E SISTEMI DI ACQUISIZIONE

Propedeuticità:
Docente:
Cds: Ingegneria Strumentazione e
Nicola Lamberti Integrato: Crediti: 10
Elettronica II livello sistemi automatici di
Consolatina Liguori
misura
SSD: ING-INF/07 Tipologia:
Anno: II Semestre: Codice:
ING-INF/01

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso consente di approfondire le conoscenze riguardo i sensori, gli attuatori, i trasduttori e i sistemi di
acquisizione dati e di misura automatici.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito dei sensori attuatori e trasduttori, dei sistemi di
condizionamento e dell’acquisizione dei dati.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper progettare, implementare e caratterizzare un sistema di in grado di acquisire ed elaborare i segnali
provenienti da sensori di vario tipo.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i sensori più appropriati per progettare e realizzare un sistema di misura e di controllo che
consente di acquisire più grandezza di diversa natura.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo, saper esporre oralmente un argomento legato ai sensori e ai sistemi di
acquisizione.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso e saper
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richiesti i seguenti prerequisiti:
conoscenze relative alla fisica dei materiali e dei dispositivi a semiconduttore, all’elettronica di base e al
campionamento dei segnali; conoscenza delle problematiche inerenti le misure.
Metodi didattici
L’insegnamento prevede lezioni teoriche ed esercitazioni in aula ed in laboratorio. Durante le esercitazioni
di laboratorio previste nella prima parte del corso, gli studenti sono chiamati a risolvere problemi che
richiedono l’applicazione delle tecniche spiegate a lezione. Nelle esercitazioni successive, agli studenti,
divisi per gruppi di lavoro, viene assegnato un progetto da sviluppare durante la restante parte del corso.

Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova orale, che
comprende anche la discussione del progetto sviluppato dallo studente durante il corso.

173
Contenuto del corso

Ore Eserc. Ore


Argomenti Contenuti specifici Ore Lez.
Lab.
Classificazione dei sensori. Sensori ideali e limitazioni reali 3
Termocoppie. Termoresistori,
Sensori termici 10 2
Termodiodi, Termotransistori.
Sensori di spostamento, velocità e flusso.
Sensori meccanici Accelerometri. Sensori di forza, pressione 10 2
e deformazione.
Sensori ad effetto Hall. Magnetoresistori,
Sensori magnetici 5 1
Magnetodiodi, Magnetotransistori
Modelli matematici dei sensori. Criteri di
progetto. Trasduttori ecografici. Il
Sensori Piezoelettrici 14 3
coefficiente di accoppiamento
elettromeccanico.
Caratteristiche dei sensori,
Caratterizzazione di sensori classificazione, valutazione delle 8 2
prestazioni, taratura
Architetture dei sistemi di acquisizione
dati su schede. Data logger. Sistemi di
acquisizione e memorizzazione.
Sistemi di acquisizione dati 15 3
Dimensionamento del sistema di
acquisizione, specifiche e valutazione
delle prestazioni.
Progetto, realizzazione e caratterizzazione
Progetto in laboratorio di un sistema di acquisizione di grandezze 2 20
di diversa natura
Totale Ore 67 8 25

Testi di riferimento
J. W. Gardner: “Microsensors: Principles and applications”, J. Wiley & Sons.
Clyde F. Coombs, Jr “Electronic Instrument Handbook”, Second Edition McGraw-Hill, Inc.
W. Bolton “Electrical and Electronic Measurement and Testing” Longman Scientific & Technical.
Dispense predisposte dai docenti, disponibili sul sito www.adinf.unisa.it alle pagine dei docenti.

174
SISTEMI DI ELABORAZIONE

Cds: Ingegneria Docente:


Integrato: Propedeuticità:
Elettronica Prof. Angelo Crediti: 5
No nessuna
Specialistica MARCELLI
Tipologia:
Anno: II Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/05
Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso presenta aspetti avanzati delle soluzioni architetturali utilizzate in processori commercialmente
disponibili per migliorarne le prestazioni. L’analisi e’ condotta mediante il confronto sistematico tra i
modelli e le diverse implementazioni proposte dai costruttori. Particolare enfasi e’ data alle scelte
architetturali di supporto al sistema operativo. Il corso e’ completato da una parte seminariale nella
quale vengono presentati i principi fondamentali di organizzazione dei sistemi di elaborazione
biologici, con particolare riferimento al cervello.
.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione degli aspetti avanzati delle architetture dei calcolatori, dell’interfaccia
hardware/software, del supporto architetturale al sistema operativo, dell’impatto delle soluzioni
architetturali sulle prestazioni.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper valutare l’impatto delle diverse soluzioni architetturali sulle prestazioni dei sistemi di
elaborazione, saper formulare modelli computazionali dei sistemi di elaborazione biologici.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper scegliere ed integrare soluzioni tecnologiche proposte in letteratura per ottenere sistemi di
prestazioni assegnate. Individuare i trend metodologici e tecnologici delle architetture dei sistemi di
elaborazione.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo, documentare il lavoro svolto in forma scritta e comunicare oralmente i
risultati della propria attività
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper valutare le soluzioni tecnologiche proposte nella letteratura specializzata.
Prerequisiti
Organizzazione di un sistema di elaborazione, parametri prestazionali delle unita’ componenti,
metodologie di progettazione dei circuiti logici.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di
laboratorio. Nelle esercitazioni in aula viene assegnato agli studenti, divisi per gruppi di lavoro, un
progetto da sviluppare durante lo svolgimento del corso. Il progetto comprende unitariamente tutti i
contenuti dell’insegnamento ed è strumentale all’acquisizione, oltre che delle capacità specifiche, delle
capacità di lavorare in team. Nelle esercitazioni in laboratorio gli studenti progettano e realizzano
soluzioni architetturali attraverso l’uso di simulatori.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avviene mediante un colloquio orale e la
valutazione dell’elaborato di progetto svolto in laboratorio. nel corso del quale errà mediante una prova

175
scritta e la valutazione dell’elaborato di progetto. Nel corso del colloquio l’allievo/a dovra’ presentare
e discutere un articolo scientifico su tematiche attinenti gli aspetti avanzati dei sistemi di elaborazione
o i modelli computazionali di sistemi biologici.
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Computazione direttiva e computazione biologica: analogie e
Introduzione al
differenze – Complessita’ computazionale e architettura del 2
corso
sistema di elaborazione – Ridondanza e parallelismo.
Prestazioni – Esecuzione in pipeline – Conflitti – Gestione
Pipeline dei salti – Interruzioni ed eccezioni - Pipeline con unita 6 4 2
multiciclo –Conflitti di controllo in pipeline multiciclo
La memoria cache: metodi di mapping, algoritmi di
rimpiazzamento, coerenza, prestazioni – La memoria virtuale:
Gerarchia di
paginazione e segmentazione, gestione della pagine e dei 6 4 4
memoria
segmenti, algoritmi di rimpiazzamento, tabella delle pagine e
TLB, prestazioni – Memory Management Unit
Processori superscalari – Esecuzione fuori ordine: il
CPU completamento. – Completamento in ordine. Metodo del 4 2
Reordering Buffer – Metodo dell’History Buffer
Cenni storici – Allocazione dei bus – Il chipset –
Bus 4
Standardizzazione dei bus: SCSI, PCI, USB.
Cenni storici - Classificazione della architetture parallele -
Sistemi di
Reti di interconnessione – Organizzazione della memoria –
grandi 8 2 2
Coerenza delle cache – Valutazione delle prestazioni: legge di
dimensioni
Amdhal – Cenni sulla programmazione parallela
Totale Ore 30 10 10

Testi di riferimento
D.A. Patterson, J.L. Hennessy, Computer organization and designe, Morgan Kaufmann, 2001
Materiali disponibili sul sito del docente accessibile dall’indirizzo http://nclab.diiie.unisa.it

176
SISTEMI DI MISURA IN TEMPO REALE

Propedeuticità:
Docente:
Cds: Ingegneria Integrato: Strumentazione e
Consolatina Crediti: 5
Elettronica LS Sistemi Automatici
Liguori
di Misura
Tipologia:
Anno: II Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/07

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Obiettivo e’ conferire allo studente la capacità di sviluppare autonomamente sistemi di misura basati sulla
elaborazione numerica di segnali, con riferimento sia alle diverse architetture hardware che allo sviluppo
del software di misura. In particolare, si farà riferimento alle architetture delle macchine DSP e dei
microcontrollori più diffusi per applicazioni di misuraSi tratteranno le tecniche di programmazione più
idonee al raggiungimento degli obiettivi di progetto sia in termini di affidabilità del risultato, sia in termini
di capacità operativa. Il corso si completa con un approfondimento dei temi della qualificazione dei risultati
di misura, in relazione a sistemi messi a punto.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito della integrazione di sistemi di misura basati su
elaborazione dei segnali, e dello sviluppo di software per applicazioni di misura. Conoscenza delle
problematiche relative alle caratteristiche delle macchine dedicate all’elaborazione dei segnali, quali i DSP
e i microcontrollori. Conoscenza dei concetti fondamentali degli ambienti di sviluppo software per
applicazioni di misura basati su analisi di segnali.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper dimensionare i parametri principali della acquisizione di un segnale, saper utilizzare le risorse messe
a disposizione da un DSP o un microcontrollore. Saper elaborare un segnale di misura al fine di estrarre le
informazioni desiderate, saper valutare l’efficacia e le prestazioni, in particolare metrologiche, di uno
strumento sviluppato.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per progettare e realizzare in maniera efficiente uno strumento di
misura basato su analisi di segnali, ed essere capaci di mettere a punto dei metodi per valutare l’efficacia e
le prestazioni metrologiche di uno strumento sviluppato.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo e saper esporre oralmente un argomento legato alla analisi di segnali di misura,
monodimensionali.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso. Saper
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richiesti i seguenti prerequisiti:
conoscenze relative alle caratteristiche metrologiche ed all’utilizzo degli strumenti di misura, e relative alla
valutazione dell’incertezza di misura;conoscenze sulla implementazione di algoritmi e sulle strutture dati.
Metodi didattici
L’insegnamento prevede lezioni teoriche ed esercitazioni in laboratorio. Durante le esercitazioni di
laboratorio previste nella prima parte del corso, gli studenti sono a chiamati a risolvere problemi che
richiedono l’applicazione delle tecniche spiegate a lezione. Nelle esercitazioni successive, agli studenti,
divisi per gruppi di lavoro, viene assegnato un progetto da sviluppare durante la restante parte del corso. Il
progetto comprende in modo unitario tutti contenuti dell’insegnamento e permette agli studenti di acquisire

177
le capacità di progettazione, realizzazione e caratterizzazione di uno strumento di misura basato su analisi
di segnali partendo dalle specifiche, e di sviluppare e rafforzare le capacità di lavorare in gruppo.

Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova orale, che
comprende anche la discussione del progetto sviluppato dallo studente durante la parte finale corso.
Contenuto del corso
Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Lab.
Introduzione Architetture di sistemi di misura in tempo reale.. 3
Architetture dei DSP e dei microcontrollori.
Criteri di valutazione e scelta dei blocchi di condizionamento,
Hardware dei sistemi di
conversione ed elaborazione dei segnali. 12 10
misura in tempo reale
Tecniche di programmazione di DSP e microcontrollori per
elaborazione dei segnali in tempo reale
Software per Algoritmi di elaborazione dei segnali per sistemi di misura in tempo
5 3
l’estrazione delle misure reale
Caratterizzazione metrologica del software di misura. Propagazione
Metrologia e qualità 2
dell’incertezza negli algoritmi di elaborazione..
Progetti di fine corso 15
Totale Ore 22 28

178
SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONE

Propedeuticità:
Cds: Ingegneria Docente: Integrato: Fondamenti di
Crediti: 5
Elettronica No Analisi dei segnali e
trasm. 2
Tipologia:
Anno: III Semestre: II Codice: SSD:ING.INF03
Afffine

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira a fornire elementi di base utili come supporto alle decisioni relative ad acquisizioni di
servizi e sistemi di telecomunicazione in ambiti aziendali. Il corso ha carattere essenzialmente
informativo. Sono programmate attività esercitative e di familiarizzazione (visite ad aziende ed
impianti) nella percentuale del 20%.

Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)


Comprensione delle tecniche e familiarizzazione con le terminologie utilizzate nell’ambito delle
telecomunicazioni, dei sistemi, dei protocolli e degli scenari di rete.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper analizzare sistemi di telecomunicazione.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per progettare e realizzare un sistema di telecomunicazione.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed esporre oralmente un argomento legato alle telecomunicazioni.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di base sulle
comunicazioni elettriche.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula per familiarizzare con i metodi di
analisi e valutazione dei sistemi di telecomunicazione.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante un colloquio orale.

179
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Architettura. Sistemi di commutazione a divisione di
spazio. Switch multistadio. Complessita’ dello switch,
Condizione di non blocco. Minimizzazione dello switch.
Time-Division switching. Time switching puro. Switch
bidimensionale spazio-tempo. Complessita’ degli elementi
di commutazione. Switch multistadio Spazio-Tempo.
Esempi di switch spazio-temporali. Trattamento della
chiamata. Scenario di una chiamata entrante, uscente,
Telefonia a
terminale. Tassazione. Misure. Manutenzione
commutazione 23
dell’autocommutatore. Segnalazione a canale comune
di circuito
(CCS). ISDN: Accesso Base, Accesso Primario, Customer
Premises Network e modello di riferimento, TA, TE, NT1,
NT2.
Rete intelligente: Motivazione e architettura. Protocolli.
Scenari di chiamata. Servizi. Numero verde. Centrex.
Chiamata con carta di credito. Number Portability. Hot
Billing. Internet Call Waiting.

Protocollo IP e TCP. Servizio CO e CL. Rete Internet.


Telefonia a Motivazione. Architettura. Codifica vocale. Tempi di
commutazione latenza. Il problema dell’eco. Perdita dei pacchetti.
19
di pacchetto Funzioni del Gateway e del Gatekeeper. Protocolli H323 e
SIP. Interlavoro con SS7. Scenari di chiamata.
Decomposizione del Gateway.
Sistemi Architettura del sistema radiomobile GSM. MSC, VLR,
8
radiomobili HLR, BSS e BTS. Scenario di chiamata.
Totale Ore 50 0 0

Testi di riferimento
John Bellamy, Digital Telephony, 2nd edition, John Wiley & Sons Inc.
G. Kessler, P. Southwick, Guida a ISDN, Mc Graw Hill Italia
Achille Pattavina, Reti di Telecomunicazioni, McGraw-Hill, per le reti a pacchetto e ATM.
U. Black, Voice Over IP, Prentice Hall PTR
Dispense di formazione e addestramento interno di industrie manifatturiere.
F. Grimaldi, V. Zingarelli, Sistemi radiomobili cellulari, Scuola Superiore G. Reiss Romoli, per la rete
radiomobile e GSM

180
SISTEMI ELETTRICI PER L’ENERGIA

Cds: Ingegneria Docente: Integrato: Propedeuticità:


Crediti: 10
Elettronica nessuna
Tipologia:
Anno: II Semestre: I Codice: SSD: ING-IND/33
Affine

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira all’apprendimento di modelli e metodi per la programmazione e la gestione dei sistemi
elettrici per l’energia basati su mercati liberalizzati dell’energia elettrica, per la valutazione degli
investimenti in sistemi di generazione elettrica.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione delle metodologie di gestione dei sistemi elettrici per la produzione di energia. Capacità
di effettuare studi di fattibilità per la realizzazione di sistemi di produzione dell’energia elettrica.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper valutare e progettare gli investimenti in nuovi impianti di generazione in base a considerazioni di
tipo tecnico, economico e regolatorio. Saper analizzare il funzionamento di un sistema elettrico basato
sul mercato liberalizzato dell’energia elettrica e saper pianificare gli interventi per il suo
potenziamento.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per la valutazione e la realizzazione di nuovi investimenti in
generazione elettrica ed ottimizzare gli interventi per il potenziamento dei sistemi elettrici.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed esporre oralmente un argomento legato alla liberalizzazione del mercato
elettrico ed alle tecnologie per la generazione elettrica.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di base di fisica e di
matematica.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di
laboratorio. Nelle esercitazioni in aula gli studenti svolgono esercitazioni sugli argomenti trattati nelle
lezioni teoriche. Nelle esercitazioni in laboratorio vengono assegnati agli studenti, divisi per gruppi di
lavoro, degli esercizi pratici da sviluppare tramite l’utilizzo di elaboratore di calcolo e software per lo
studio dei sistemi elettrici. Le esercitazioni sono strumentali all’acquisizione, oltre che delle capacità di
programmare i sistemi elettrici liberalizzati e di valutare gli interventi per il potenziamento dei sistemi
elettrici, anche a sviluppare e rafforzare le capacità di lavorare in team.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante colloquio orale. Durante
il colloquio l’allievo discuterà anche un elaborato relativo alle attività di laboratorio previste durante il
corso.

181
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eser. Lab.
Introduzione al Generalità sugli impianti di produzione dell’energia elettrica che
4
corso alimentano la rete di trasmissione nazionale.
Ottimizzazione Programmazione giornaliera delle generazioni di potenza attiva:
della produzione dispacciamento ottimo delle potenze generate - Dispacciamento a
10
dell’energia eguali costi incrementali o eguali costi incrementali corretti con
elettrica. fattori di penalità delle perdite.
Connessione dell’impianto di produzione alla rete di trasmissione
Circuiti elettrici nazionale - Stazioni elettriche: caratteristiche generali; schemi a
delle centrali e semplice sistema di sbarre; schemi a sbarre multiple; schemi ad 20 4 3
loro protezione anello. - Inserimento in rete e punto di consegna: inserimento su
stazioni esistenti; inserimento su linee esistenti.
Elementi Centrali idroelettriche e centrali di pompaggio -Centrali
impiantistici di termoelettriche a vapore -Centrali con turbine a gas. - Cenni sul
diversi tipi di modello dinamico di un gruppo turbogas. Centrali
centrale e loro geotermoelettriche: schemi tipici delle centrali italiane. 15 4 3
regolatori di Inquinamento prodotto dalle centrali. Problemi connessi con la
velocità e produzione dell’energia elettrica: danni e pericoli causati
potenza all’ambiente ed alle persone.
Richiami della teoria delle macchine sincrone in regime dinamico:
Generatori parametri subtransitori e transitori; modelli dinamici per la
sincroni e simulazione dei transitori elettromeccanici. Regolazione della
regolazione della tensione e della potenza reattiva. Sistemi di eccitazione degli 8 4 5
tensione nelle alternatori e loro caratteristiche. Asservimento del regolatore di
centrali elettriche tensione al carico dell’alternatore. Ripartizione della potenza reattiva
tra gli alternatori di una centrale
Impianti di produzione di energia elettrica, anche da fonte
rinnovabile (eolica e solare), connessi a reti di distribuzione di media
Generazione
e bassa tensione. Impianti di produzione di energia elettrica di 13 4 3
distribuita
piccola taglia. Problematiche legate alla connessione a reti di
distribuzione di media e bassa tensione.
Totale Ore 70 16 14

Testi di riferimento
Diapositive delle lezioni disponibili su sito WEB.
Dino Zanobetti, Centrali E Generatori Elettrici, Patron, Bologna, 1952
Corrado Genesio, Ezio Volta, Produzione Dell'energia Elettrica, II Vol. di Impianti Ele., Patron 1954.
Mario Mainardis, Centrali Elettriche, Ulrico Hoepli, Milano, 1957
Giorgio Quazza, Controllo Dei Processi, Clup, Milano, 1973
Renzo Rova, Centrali Elettriche, Cleup, Padova, 1978
Camillo Zanchi, Centrali Elettriche - Elementi Di Economia Sulla Produzione Dell'energia Elettrica, Parte
Prima, Masson Italia, Milano, 1977
Camillo Zanchi - Francesco Lionetti, Centrali Elettriche - Centrali Idroelettriche, Parte Seconda,
Tamburini, Milano, 1976
Camillo Zanchi, Centrali Elettriche - Centrali Termoelettriche, Parte Terza, Masson Italia, Milano, 1979
Francesco Gagliardi, Valerio Mangoni, Produzione Della Energia Elettrica, L’ateneo, Napoli, 1984
182
SISTEMI ELETTRICI INDUSTRIALI
Numero di Crediti: 5
Docente: Prof. Lucio Ippolito
Collocazione: Laurea Specialistica, Curriculum Elettronica Industriale, II Anno - II Semestre
Propedeuticità: Nessuna

Finalità del corso


Il corso vuole fornire allo studente conoscenze utili ad una progettazione compiuta di sistemi per
azionamenti elettrici destinati all’impiego nelle macchine utensili, nella robotica, nel posizionamento, nella
movimentazione e nell’automazione industriale in genere. All’interno del corso, durante il quale verranno
utilizzati intensivamente strumenti per la progettazione di sistemi di controllo, anche di tipo innovativo, uno
spazio significativo viene riservato allo studio delle problematiche derivanti dall’impiego di sistemi a
microprocessore negli azionamenti e nella robotica industriale. La parte finale del corso è dedicata alla
analisi delle problematiche di sicurezza elettrica connesse all’uso di macchine e azionamenti elettrici in
ambiente industriale.

Programma
Introduzione allo studio degli azionamenti elettrici (6h) esercitazioni (10%)
Richiami di macchine elettriche. Richiami sulla conversione statica dell’energia. Rassegna delle topologie
di convertitori per azionamenti.
Azionamenti elettrici (6h) esercitazioni (30%)
Generalità. Criteri per la scelta dei componenti. Accoppiamento motore-convertitore di potenza.
Tecniche di controllo di azionamenti elettrici.
Azionamenti con macchine a corrente continua (6h) esercitazioni (30%)
Generalità. Regolazione di coppia e velocità. Fattore di potenza della corrente di linea negli azionamenti a
velocità variabile. Azionamenti con motori cc ad alte prestazioni. Servomotori a magneti permanenti:
strutture costruttive diverse e loro impatto sui parametri di controllo.
Azionamenti con motori asincroni (6h) esercitazioni (30%)
Generalità. Alimentazione mediante inverter. Problematiche all’avviamento. Regolazione della velocità
variando tensione e frequenza statorica. Controllo di coppia. Frenatura. Principio del
controllo a orientamento di campo. Controllo diretto e indiretto, impiego di osservatori di flusso.
Implementazione del controllo vettoriale e prerogative di deflussaggio. Controllo fuzzy.
Azionamenti con motori brushless (6h) esercitazioni (30%)
Generalità sul motore brushless a commutazione elettronica: cenni costruttivi e parametri caratteristici.
Equazioni di funzionamento e caratteristiche esterne. Modalità di regolazione.
Azionamenti con motori passo-passo (6h) esercitazioni (30%)
Generalità sul motore passo-passo. Equazioni di funzionamento e caratteristiche esterne. Modalità di
regolazione.
Utilizzo di sistemi a microprocessore negli azionamenti e esercitazioni (30%) nella robotica industriale
(10h)
Cenni di controllo predittivo, adattativo, neuronale e fuzzy. Osservatori di velocità e coppia.
Implementazione software su microcontrollore. Specifiche di progetto per moduli di acquisizione dati e
interfacce per il controllo in ambiente industriale.
Sicurezza Elettrica in ambiente industriale (10h) esercitazioni (30%)
Generalità. Rischio elettrico. Contatti diretti e indiretti. Corrente elettrica e corpo umano. Alimentazione e
sezionamento. Circuiti di comando e regolazione. Marcatura e documentazione tecnica.

183
Competenze e capacità in uscita dal corso
Competenze relative a: Capacità di:
Caratteristiche degli azionamenti elettrici- Dimensionare azionamenti elettrici-
Metodologie di dimensionamento e di Sviluppare tecniche di controllo per
progettazione azionamenti elettrici su µcontroller-
di azionamenti elettrici-Progettazione di sistemi di Seguire l’iter di marcatura di macchine operatrici
regolazione per azionamenti elettrici

Modalità di svolgimento dell’esame


Durante il corso gli allievi, organizzati in gruppi di lavoro, sviluppano una tesina avente per oggetto una
delle tematiche trattate. L’esame consta del solo colloquio orale durante il quale viene anche discussa la
tesina di fine corso.

Testi e materiale didattico di supporto


G. Figini, U. Torelli, Impianti Elettrici per l’industria e le macchine operatrici, Hoepli, Milano
V. Carrescia, Sicurezza Elettrica, Ediz. Hoepli, Milano
F. Profumo, G. Griva, Azionamenti elettrici, Pitagora
Diapositive delle lezioni disponibili su sito WEB.

184
SISTEMI ELETTRONICI DI POTENZA

Docente:
Cds: Ingegneria Integrato: Propedeuticità:
Vincenzo Crediti: 9
Elettronica
GALDI
Tipologia:
Anno: II Semestre: Codice: SSD: ING-IND/33
Affine

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira all’apprendimento di modelli e metodi per progettazione di sistemi di controllo e misura per
l’automazione industriale e per il controllo degli azionamenti elettrici.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione delle metodologie per l’analisi e la sintesi di convertitori di potenza per applicazioni
industriali, domestiche e per reti elettriche. Sintesi di circuiti di protezione per dispositivi elettronici di
potenza. Sensibilità ai problemi di compatibilità elettromagnetica legata alla conversione statica
dell’energia.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper dimensionare sistemi switching in condizioni reali di funzionamento. Interfacciare convertitori
elettronici ad azionamenti in cc e in ca. Interfacciare convertitori elettronici alle reti elettriche.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i dispositivi, i metodi e i tools software di supporto più appropriati per la gestione e la
realizzazione di convertitori elettronici.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed esporre oralmente un argomento legato sistemi elettronici di potenza.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di base di elettrotecnica.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di laboratorio.
Nelle esercitazioni in aula gli studenti svolgono esercitazioni sugli argomenti trattati nelle lezioni teoriche.
Nelle esercitazioni in laboratorio vengono assegnati agli studenti, divisi per gruppi di lavoro, degli esercizi
pratici da sviluppare tramite l’utilizzo di elaboratore di calcolo e software per la programmazione. Le
esercitazioni sono strumentali all’acquisizione, oltre che delle capacità di realizzazione di convertitori
elettronici, anche a sviluppare e rafforzare le capacità di lavorare in team.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante colloquio orale. Durante il
colloquio l’allievo discuterà anche un elaborato relativo alle attività di laboratorio previste durante il corso.
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Introduzione Richiami sui componenti dell’Elettronica di Potenza e sui loro dispositivi
4
al corso di comando e protezione.
Conversione Generalità sui circuiti di conversione ca/cc. Raddrizzatori a diodi, 10
185
ca/cc raddrizzatori monofase a semionda e ad onda intera. Raddrizzatori trifase
e polifase. Convertitori a tiristori. Convertitori monofase. Convertitori
trifase e polifase. Raddrizzatori e convertitori in condizioni reali di
funzionamento. Ponti semicontrollati. Esempi di dimensionamento.
Simulazioni con PSIM/Matlab.
Richiami sui convertitori cc/cc. Full Bridge DC-DC: modulazione PWM,
Conversione modulazione unipolare e bipolare. circuiti di comando per tiristori.
8 4 2
cc/cc Metodi di analisi per convertitori cc/cc: metodo di rappresentazione
State-space Averaging. Circuiti di spegnimento in corrente e tensione.
Convertitori cc/ca: principio di funzionamento. Convertitore di tensione
monofase e trifase. Convertitore di corrente trifase. Tecniche di controllo
Conversione per inverter. Alimentazione di un azionamento in corrente alternata
8 4 2
cc/ca attraverso inverter. Progetto di un inverter con controlli di tipo square
wave, PWM, a cancellazione di armoniche e implementazione in
laboratorio. Simulazioni con PSIM/Matlab.
Generalità sui convertitori risonanti. Convertitori con carico risonante.
Convertitori
Convertitori ad interruttore risonante. Topologie Zero voltage switching e 8 4 2
risonanti
Clamped voltage. Convertitori Classe E. Cicloconvertitori.
Applicazioni Generalità sugli azionamenti elettrici. Tecniche di controllo di
per azionamenti elettrici. Azionamenti con macchine a corrente continua.
l’industria e Regolazione di coppia e velocità. Azionamenti con motori cc ad alte 8 4 2
per i prestazioni. Azionamenti con motori asincroni Azionamenti con motori
trasporti brushless. Azionamenti con motori passo-passo.
Convertitori per generatori da fonti rinnovabili: convertitori per
generatori eolici e fotovoltaici. Tecniche di controllo per sistemi connessi
Applicazioni
alla rete o isolati. Generatori ed elettronica per le turbine eoliche.
per reti 8 4 2
Convertitori di potenza per impianti fotovoltaico. Sistemi per reti di
elettriche
trasmissione: sistemi ad alta tensione in corrente continua e sistemi per la
trasmissione flessibile in corrente alternata (FACTS).
Applicazioni
per la
L’elettronica di potenza per la building automation e la domotica. Gruppi
building
di continuità: raddrizzatore, batterie, inverter, commutatore statico di 6
automation
bypass.
e la
domotica
Totale Ore 60 20 10

Testi di riferimento
Diapositive delle lezioni disponibili su sito WEB.
N. Mohan, T. M. Undeland, W. P. Robbins, Power Electronics, J. Wiley & Sons, NY.
Hans Groß, Azionamenti elettrici di avanzamento per macchine utensili, Tecniche Nuove.
R.S. Rasmshaw, Power Electronics Semiconductor switches, Second Edition, Chapmall & Hall,
London.
Pressman, Switching power supply design – ed II, Mc Graw Hill.
M.H. Rashid, Power Electronics: Circuits, Devices and Applications, Prentice Hall.
R. Marconato, Sistemi elettrici di potenza, Ediz. CLUP, Milano
E. Fitzgerald, C. Kingsley, A. Kusko, Macchine Elettriche, Ediz. Franco-Angeli, Milano
N. Jenkins, R. Allan, P. Crossley, D. Kirschen, G. Strbac, “Embedded Generation”, IEE.
T. Ackermann, “Wind Power in Power Systems”, Wiley.
186
SISTEMI E MISURE PER L’AUTOMAZIONE

Docente: Propedeuticità:
Cds: Ingegneria
Consolatina Integrato: Strumentazione e Crediti:
Elettronica – II
Liguori Sistemi Automatici 10
liv.
Alfredo Paolillo di Misura
Anno: II Semestre: Codice: SSD: ING-INF/07 Tipologia:
Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire
Obiettivo e’ conferire allo studente la capacità di sviluppare autonomamente sistemi di misura basati sulla
elaborazione numerica di segnali monodimensionali e bidimensionali (immagini), con riferimento sia alle
diverse architetture hardware che allo sviluppo del software di misura. In particolare, si farà riferimento alle
architetture delle macchine DSP e dei microcontrollori più diffusi per applicazioni di misura, ed ai diversi
dispositivi utilizzati in ambito industriale per l’acquisizione di immagini. Si tratteranno le tecniche di
programmazione più idonee al raggiungimento degli obiettivi di progetto sia in termini di affidabilità del
risultato, sia in termini di capacità operativa. Il corso si completa con un approfondimento dei temi della
qualificazione dei risultati di misura, in relazione a sistemi messi a punto.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito della integrazione di sistemi di misura basati su
elaborazione dei segnali o delle immagini, e dello sviluppo di software per applicazioni di misura.
Conoscenza delle problematiche relative alle caratteristiche delle macchine dedicate all’elaborazione dei
segnali, quali i DSP e i microcontrollori, delle metodologie di dimensionamento dei dispositivi per
l’acquisizione delle immagini (illuminatori, lenti, telecamere), e dei criteri di progetto e sviluppo di
software per l’analisi di segnali e immagini. Conoscenza dei concetti fondamentali degli ambienti di
sviluppo software per applicazioni di misura basati su analisi di segnali e/o immagini.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper dimensionare i parametri principali della acquisizione di un segnale, saper utilizzare le risorse messe
a disposizione da un DSP o un microcontrollore, saper dimensionare opportunamente l’hardware di
acquisizione di immagini e saper progettare e implementare, in un opportuno ambiente di sviluppo, uno
strumento di misura basato su analisi di segnali o immagini. Saper elaborare un segnale di misura,
monodimensionale o bidimensionale, al fine di estrarre le informazioni desiderate, saper valutare l’efficacia
e le prestazioni, in particolare metrologiche, di uno strumento sviluppato.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per progettare e realizzare in maniera efficiente uno strumento di
misura basato su analisi di segnali, ed essere capaci di mettere a punto dei metodi per valutare l’efficacia e
le prestazioni metrologiche di uno strumento sviluppato.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo e saper esporre oralmente un argomento legato alla analisi di segnali di misura,
monodimensionali o bidimensionali.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso. Saper
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richiesti i seguenti prerequisiti:
conoscenze relative alle caratteristiche metrologiche ed all’utilizzo degli strumenti di misura, e relative alla
valutazione dell’incertezza di misura;conoscenze sulla implementazione di algoritmi e sulle strutture dati.
Metodi didattici
L’insegnamento prevede lezioni teoriche ed esercitazioni in laboratorio. Durante le esercitazioni di
laboratorio previste nella prima parte del corso, gli studenti sono a chiamati a risolvere problemi che
richiedono l’applicazione delle tecniche spiegate a lezione. Nelle esercitazioni successive, agli studenti,
divisi per gruppi di lavoro, viene assegnato un progetto da sviluppare durante la restante parte del corso. Il
187
progetto comprende in modo unitario tutti contenuti dell’insegnamento e permette agli studenti di acquisire
le capacità di progettazione, realizzazione e caratterizzazione di uno strumento di misura basato su analisi
di segnali partendo dalle specifiche, e di sviluppare e rafforzare le capacità di lavorare in gruppo.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova orale, che
comprende anche la discussione del progetto sviluppato dallo studente durante la parte finale corso.
Contenuto del corso
Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Lab.
Architetture di sistemi di misura in tempo reale. Introduzione ai
Introduzione 5
sistemi di misura basati su analisi di immagini.
Architetture dei DSP e dei microcontrollori.
Criteri di valutazione e scelta dei blocchi di condizionamento,
Hardware dei sistemi di
conversione ed elaborazione dei segnali. 8 6
misura in tempo reale
Tecniche di programmazione di DSP e microcontrollori per
elaborazione dei segnali in tempo reale
Software per Algoritmi di elaborazione dei segnali per sistemi di misura in tempo
5 3
l’estrazione delle misure reale
Hardware di Telecamere e bus di interfaccia per applicazioni industriali.
acquisizione delle Formazione dell’immagine e modelli per la lente. Illuminatori. 6 3
immagini Frame grabber.
Tecniche di base di Immagini digitali. Istogramma. Trasformazioni puntuali, locali e
elaborazione delle globali. Filtri lineari. Edge detection. Metodi per l’estrazione di 6 3
immagini informazioni di misura da immagini.
Modello “pin hole”. Formulazione matriciale della formazione della
Calibrazione della
immagine digitale. Principali tecniche per la determinazione dei 5
telecamera
parametri intrinseci ed estrinseci (calibrazione).
Sistemi di misura stereoscopici: il problema delle corrispondenze,
algoritmi per la stima delle coordinate 3-D.
Ricostruzione 3-D 5
Sistemi di misura 3-D di tipo attivo: sistemi a pattern di frange e
scanner laser, principi di funzionamento ed esempi.
Caratterizzazione metrologica del software di misura. Propagazione
dell’incertezza negli algoritmi di elaborazione. Gestione della
Metrologia e qualità 5
strumentazione in una organizzazione secondo i principi delle
principali norme tecniche sulla gestione dei sistemi qualità.
Progetti di fine corso 40
Totale Ore 45 55

Testi di riferimento
David J. Malcome-Lawes, “Microcomputers and Laboratori Instrumentation”, Plenum Publishing
Corporation.
Frank Op’t Eynde, Willy Sansen, “Analog Interfaces for Digital Signal Processing Systems”, Kluwer
Academic Publishers.
Texas Instruments, “TMS320C6000 Peripherals - Reference Guide”, 2001.
Texas Instruments, “TMS320C6000: CPU and Instruction Set - Reference Guide, 2000.
Dispense predisposte dal docente, disponibili sul sito www.adinf.unisa.it alla pagina del docente.

188
SISTEMI VLSI (5 CFU)
Numero di Crediti: 5
Docente: Prof. Giandomenico Licciardo
Collocazione: Laurea I Livello, Curriculum Professionalizzante Hardware, III anno, II semestre
Propedeuticità: Elettronica Digitale, Fondamenti di Misure

Finalità del corso


Il corso intende dotare l’allievo delle conoscenze teoriche e pratiche sulle moderne tecniche di progetto e
sviluppo dei circuiti integrati VLSI. A tal fine sono affrontate le problematiche relative alla realizzazione
full-custom e semi-custom dei dispositivi VLSI, con riferimento particolare alle logiche CMOS e al loro
utilizzo nella progettazione digitale. Rilevante enfasi nel corso è data alla parte applicativa in cui si affronta
lo studio del linguaggio di descrizione circuitale VHDL, di CAD per layout di dispositivi integrati e
simulatori switch-level per il testing dei circuiti. Con l’ausilio di tali strumenti sono progettati e realizzati
strutture circuitali di impiego diffuso nell’ambito dell’elaborazione digitale come addizionatori e
moltiplicatori, nelle loro molteplici tipologie. Per dotare l’allievo delle conoscenze teoriche e pratiche sulle
moderne tecniche di realizzazione dei circuiti integrati VLSI e sulle metodologie di lavoro in azienda, una
parte delle attività didattiche saranno svolte presso lo Stabilimento MICRON Italia in Avezzano. In questo
ambito lo studente potrà apprendere “sul campo” le problematiche relative alle diverse fasi di lavorazione
del silicio, della caratterizzazione dei materiali e del testing dei circuiti integrati e acquisire, allo stesso
tempo, familiarità con le apparecchiature e le metodologie di lavoro utilizzate.
Programma
Progettazione di circuiti VLSI in logica CMOS: Caratteristiche elettriche del transistore MOSFET;
processo tecnologico; parametri caratteristici della logica CMOS; parametri parassiti, interconnessioni e
stima delle prestazioni; circuiti combinatori; progetto delle porte logiche; latch e flip-flop; memorie RAM,
ROM, E2PROM; temporizzazioni delle memorie; ROM MOS realizzazione NOR e NAND; decodificatori
di riga e colonna; amplificatori di lettura. latch e flip-flop; memorie volatili e non volatili; circuiti
sequenziali.
Progettazione full-custom: Programmi CAD per la progettazione di circuiti VLSI. Layout di porte
logiche. Regole di progetto. Circuiti aritmetici VLSI.
Logiche Programmabili: Linguaggio VHDL; sistemi full-custom e semi-custom; PLD, CPLD e FPGA
struttura interna e utilizzo; progettazione basata su standard cell; interconnessioni ed interfacciamento;
floorplanning; systems on chip.
Simulazione e Test dei circuiti VLSI: Simulazione funzionale e simulazione circuitale; testbench;
simulatori switch-level; circuit failure analysis; tecniche di design scan.
Elementi di Microelettronica: Company overview; project management; teamwork; products overview;
Chemical Vapor Deposition; material characterization; failure analysis lab; process control overview;
photolithography; dry etch; implant; Physical Vapor Deposition; Chemical Mechanical Polishing; Wet
Etch; CFA; diffusion and thin film; test game.
Percentuale di lezioni dedicate alle esercitazioni 50%.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relativa a: Capacità di
- Design dei circuiti CMOS - Progettare e realizzare circuiti VLSI con tecniche full-
- CAD circuitali e simulatori switch-level custom e semi-custom.
- Logiche programmabili - Testing dei circuiti integrati
- Linguaggi di progettazione elettronica - Realizzare circuiti integrati VLSI
- Caratterizzazione dei materiali - Utilizzare apparecchiature per la lavorazione del Silicio
- Processi Tecnologici del Silicio - Test dei circuiti integrati
- Test dei circuiti integrati
189
Modalità di svolgimento dell’esame
L’esame consiste di una prova pratica ed una prova orale.
Il test game consiste di domande a risposta multipla sugli argomenti trattati in “Elementi di
Microeletronica”.

Testi e materiale didattico di supporto


Appunti dalle lezioni
Richard C. Jaeger, “Microelettronica”, McGraw-Hill
W. Wolf, “Modern VLSI Design: System-on-Chip Design, 3/e”, Prentice-Hall
W. Wolf, “FPGA-Based System Design, 1/e”, Prentice-Hall
Appunti dalle lezioni
Copia degli argomenti esposti nei seminari

190
SISTEMI VLSI (6 CFU)

Docente:
Cds: Ingegneria ing. Gian Integrato: Propedeuticità:
Crediti: 6
Elettronica Domenico -- Elettronica
LICCIARDO
Tipologia:
Anno: III Semestre: II Codice: -- SSD: ING-INF/01
Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso intende dotare l’allievo delle conoscenze teoriche e pratiche sulle moderne tecniche di progetto
dei circuiti e dei sistemi elettronici a larga scala di integrazione. A tal fine sono affrontate le
problematiche relative alla realizzazione full-custom e semi-custom di sistemi elettronici VLSI, con
riferimento particolare alle logiche CMOS e al loro utilizzo nella progettazione circuitale. Parte del
corso sarà rivolto allo studio del linguaggio di descrizione dell’hardware VHDL in quanto strumento
indispensabile per l’implementazioni di sistemi digitali di elevata complessità.

Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)


Comprensione del funzionamento dei sistemi digitali e dei modelli per la stima delle prestazioni.
Conoscenza delle metodologie di progetto di circuiti integrati CMOS e delle logiche programmabili di
tipo FPGA. Conoscenza del linguaggio di descrizione dell’hardware VHDL e dei tool per la
progettazione, la sintesi ed il test di circuiti integrati assistiti dal calcolatore.

Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)


Essere in grado di progettare un circuito in logica CMOS di bassa e media complessità con tecniche
semi-custom e full-custom. Saper realizzare il layout di circuiti CMOS di bassa e media complessità.
Saper realizzare sistemi di media complessità mediante VHDL. Essere in grado di utilizzare tool
commerciali per implementare e testare circuiti e sistemi elettronici.

Autonomia di giudizio (making judgements)


Saper scegliere la metodologia più opportuna per realizzare un sistema digitale. Saper dimensionare una
logica programmabile in funzione del progetto da realizzare. Saper scegliere i tool più opportuni per
realizzare un progetto assegnato. Saper ottimizzare un circuito in funzione delle specifiche assegnate.

Abilità comunicative (communication skills)


Saper lavorare in gruppo. Saper esporre oralmente ed in forma scritta un argomento legato ai sistemi a
larga scala d’integrazione. Saper relazionare in forma scritta e orale su un progetto assegnato.

Capacità di apprendere (learning skills)


Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso. Saper
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti

Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richieste conoscenze dei
fondamenti dell’elettronica e dell’elettronica digitale con particolare riferimento alla logica CMOS.

Metodi didattici

191
L’insegnamento prevede l’erogazione di lezioni teoriche ed esercitazioni in laboratorio. Le esercitazioni
coinvolgono diverse problematiche affrontate nelle lezioni teoriche e sono strutturate in modo da favorire
l’apprendimento di tecniche e metodi per la risoluzione dei problemi di base della progettazione VLSI.

Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova pratica ed un
colloquio orale.

Contenuto del corso

Lezioni ed esercitazioni
Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lezione Esercitaz.
Cenni sulla tecnologia CMOS; richiami
Introduzione al corso sull’algebra di Boole ; flusso di progetto full- 3
custom e semi-custom.
Tabelle di verità e minimizzazione di funzioni
Progettazione logica binarie; porte logiche CMOS complesse; porte di 3 2
trasmissione.
Modello switch-level del mosfet; parametri
Progettazione fisica parassiti; Stima dei ritardi e della potenza dissipata 4 3
di un circuito CMOS
Layout di circuiti CMOS; strumenti CAD per il
disegno e l’estrazione dei parametri parassiti; tool
Circuiti combinatori 5 7
di simulazione circuitale; elementi circuitali di uso
generale.
Circuiti aritmetici Addizionatori e moltiplicatori in logica CMOS 5 6
Latch e Flip-flop statici e dinamici; memorie
Circuiti sequenziali volatili e non-volatili; elementi circuitali di uso 4 5
generale.
Linguaggio VHDL; organizzazione gerarchica di
Progettazione semi- un progetto; sintesi e simulazione di sistemi
6 7
custom elettronici digitali; FPGA struttura interna ed
utilizzo.
Totale Ore 30 30

Testi di riferimento
J. P. Uyemura, “Introduction to VLSI Circuits and Systems”, Wiley
W. Wolf, “FPGA-Based System Design”, Prentice-Hall

192
SOFTWARE MATEMATICO
Numero di Crediti: 3
Docente: Prof. Ciro D’Apice
Collocazione: Laurea I Livello, III Anno - I Semestre
Propedeuticità: Matematica II, Fondamenti di Informatica

Finalità del corso

Il modulo ha per finalità l’introduzione al software matematico.

Programma

Introduzione al software matematico (2h) esercitazioni (30%)


Funzionalità simboliche, numeriche e grafiche; loro integrazione. Cenni sui principali motori matematici.

Mathematica (28h) esercitazioni (30%)


Presentazione generale dell’ambiente. Funzionalità di base numeriche, simboliche e
grafiche. Calcolo numerico e algebrico (risoluzione di equazioni algebriche e
differenziali, risoluzione di sistemi, calcolo di limiti, integrali, derivate, massimi e
minimi, etc…). Liste, vettori, matrici e loro manipolazione. Introduzione alla grafica:
grafici in due e tre dimensioni. Elementi di programmazione. Realizzazione di packages
in Mathematica.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Concetti e proprietà fondamentali di Mathematica®. Utilizzare Mathematica per la risoluzione di
problemi di matematica di base.

Modalità di svolgimento dell’esame


L’esame si articola attraverso una prova scritta ed un colloquio orale.

Testi e materiale didattico di supporto


C. D'Apice, R. Manzo, S. Salerno: Mathematica Notes, CUES, 2004.

193
STATISTICA PER L’INGEGNERIA DI PROCESSO

Laurea
Docente:
Specialistica:
Prof. Maurizio Integrato: Propedeuticità: Crediti: 3
Ingegneria
GUIDA
Elettronica
Anno: II Semestre: I Codice: SSD: SECS-S/02 Tipologia:

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira a fornire metodi e strumenti di base per la raccolta e l’analisi di dati di guasto di
componenti e sistemi complessi; fornire metodi e strumenti di base per la valutazione previsionale
dell’affidabilità e della disponibilità di sistemi complessi.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito dell’affidabilità, della progettazione di un
esperimento (DOE), dell’analisi della varianza (ANOVA) e dell’analisi di regressione.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Conoscenza delle problematiche connesse alla realizzazione di un esperimento industriale in relazione
al controllo dei fattori di disturbo e delle problematiche connesse alla interpretazione dei risultati
sperimentali.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per progettare e realizzare un esperimento industriale, ed
analizzarne i risultati.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper esporre oralmente un argomento legato all’analisi di dati sperimentali.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze matematiche di base, con
particolare riferimento all’analisi matematica ed alla teoria della Probabilità.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche ed esercitazioni in aula.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e
colloquio orale.

194
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Significato di “affidabilità” e sua definizione operativa.
Funzione affidabilità e inaffidabilità. Vita media. Vita
Elementi di Teoria media residua. Funzione “tasso di guasto” e “tasso di
4 1
dell’Affidabilità guasto cumulato”. Curva a “vasca da bagno” e suo
significato tecnologico. Modello esponenziale. Modello
Weibull.
Diagramma logico di un sistema. Strutture di tipo
“serie” e di tipo “parallelo”. Struttura fisica e struttura
logica di un sistema. Strutture di tipo parallelo parziale.
Sistemi con ridondanza in attesa. Metodo delle
probabilità condizionate. Alberi dei guasti. Analisi
Analisi dell’affidabilità di unità riparabili. Processi di conteggio
dell’Affidabilità di dei guasti. Tempi tra guasti e tempi di guasto. Numero 10 5
Sistemi atteso di guasti. Modelli di processi stacastici più
comuni: Processo di Poisson Omogeneo. Processo di
Rinnovo. Processo Non Omogeneo di Poisson.. Catene
e processi di Markov. Funzione Disponibilità.
Disponibilità a regime e disponibilità media.
Disponibilità di un sistema.
Definizioni e concetti di base: unità sperimentali,
trattamenti, fattori. Il principio della “casualizzazione” e
del “raggruppamento in blocchi”. Piani sperimentali
Elementi di Analisi elementari. Confronto tra medie di k popolazioni
della Varianza e di Normali: Analisi della Varianza ad una via e a due vie.
6 4
Analisi di Grado di associazione lineare tra variabili: il
Regressione coefficiente di correlazione. Modello di Regressione
Lineare Semplice. Stima ai minimi quadrati dei
parametri del modello. Indici globali di accostamento: il
coefficiente di determinazione.
Totale Ore 20 10

Testi di riferimento
Appunti delle lezioni
S. M. Ross, Probabilità e Statistica per l’Ingegneria e le Scienze, Apogeo.

195
STRUMENTAZIONE E SISTEMI AUTOMATICI DI MISURA

Docente:
Cds: Ingegneria Propedeuticità:
Antonio Pietrosanto Integrato: Crediti: 9
Elettronica II livello Nessuna
Vincenzo Paciello
Tipologia:
Anno: II Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/07
Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso consente di approfondire le conoscenze riguardo la strumentazione numerica, per l’analisi di
circuiti sistemi e reti, ed i sistemi di misura automatici.

Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)


Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito sistemi di misura per l’analisi di dispositivi, della
caratterizzazione metrologica di sistemi complessi e della gestione da remoto della strumentazione.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper progettare e implementare e caratterizzare un sistema di misura automatico.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi pù appropriati per progettare e realizzare in maniera efficiente un sistema
automatico di misura, saper scegliere lo strumento di misura più adatto per l’analisi di sistemi, essere capaci
di mettere a punto dei metodi per valutare l’efficacia e le prestazioni metrologiche del sistema di misura
sviluppato
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo, saper esporre oralmente un argomento legato alla strumentazione numerica e ai
sistemi di misura automatici
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso e saper
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richiesti i seguenti prerequisiti:
conoscenze relative alle caratteristiche metrologiche ed all’utilizzo degli strumenti di misura, alla
valutazione dell’incertezza di misura; conoscenza delle problematiche inerenti le misure; capacità di
produrre codice sorgente in un linguaggio simbolico standard
Metodi didattici
L’insegnamento prevede lezioni teoriche ed esercitazioni in laboratorio. Durante le esercitazioni di
laboratorio, agli studenti, divisi per gruppi di lavoro, viene assegnato un progetto da sviluppare. Il progetto
comprende in modo unitario tutti contenuti dell’insegnamento e permette agli studenti di acquisire le
capacità di progettazione, realizzazione e caratterizzazione di un sistema di misura automatico.
Modalità di frequenza
L’insegnamento è erogato in presenza con frequenza obbligatoria.

Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova orale, che
comprende anche la discussione del progetto sviluppato dallo studente durante il corso.

196
Contenuto del corso

Ore Ore Ore


Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Protocolli standard (IEEE 488,
Interfacce di comunicazioni IEEE-1155-VXI seriale RS232 e 25
485 USB) e non standard
Voltmetri numerici a rampa
Strumentazione per la misura nel multipla, Q-metri, Fasometri,
10
dominio del tempo Voltmetri vettoriali, Analizzatori di
stati logici
Analizzatori di forme d’onda,
Strumentazione per la misura nel
analizzatori di spettro, network 10
dominio della frequenza
analyzer
Progetto e realizzazione di sistemi
Sistemi di misura automatici 5 40
di misura automatici ed intelligenti
Totale Ore 50 40

Testi di riferimento
- A.Pietrosanto e L.Angrisani: “SISTEMI DI MISURA VXI: Guida alla progettazione, all’uso ed alla
valutazione delle prestazioni”, CUES Edizioni.
- Clyde F. Coombs, Jr “Electronic Instrument Handbook”, Second Edition McGraw-Hill, Inc.
- Sigfrido Leschiutta, “Misure Elettroniche Strumentazione e telecomunicazioni”, Pitagora Editrice
Bologna.

197
STRUMENTAZIONE VIRTUALE (5 CFU)

Propedeuticità:
Cds: Ingegneria Docente: Integrato: Fondamenti di
Crediti: 5
Elettronica Vincenzo Paciello Misure,
Elettrotecnica II
Tipologia:
Anno: III Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/07

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Obiettivo e’ conferire allo studente la capacità di sviluppare autonomamente sistemi di acquisizione
dati per il monitoraggio e/o l’elaborazione numerica di grandezze fisiche ed elettriche. Lo studente
apprende e sperimenta l’impiego di ambienti software per lo sviluppo di applicazioni con interfaccia
utente per la gestione di strumentazione programmabile con interfaccia standard o di schede di
acquisizione dati, in grado di ottenere risultati di misura mediante elaborazione numerica dei dati.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito dello sviluppo di software per applicazioni di
misura, nella gestione remota della strumentazione e nell’uso di schede di acquisizione dati.
Conoscenza delle problematiche relative alle caratteristiche dei sensori, delle metodologie di progetto e
sviluppo di circuiti di condizionamento per le tipologie di sensori più comuni. Conoscenza dei concetti
fondamentali degli ambienti di sviluppo per strumentazione virtuale, e della programmazione “data
driven”.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper dimensionare i parametri principali di una scheda di acquisizione dati, saper dimensionare
opportunamente un circuito di condizionamento e saper progettare e implementare, in un opportuno
ambiente di sviluppo, uno strumento virtuale. Saper elaborare un segnale di misura al fine di estrarre le
informazioni desiderate, saper valutare l’efficacia e le prestazioni, in particolare metrologiche, di uno
strumento virtuale sviluppato.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per progettare e realizzare in maniera efficiente uno
strumento virtuale, ed essere capaci di mettere a punto dei metodi per valutare l’efficacia e le
prestazioni metrologiche di uno strumento virtuale sviluppato.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo e saper esporre oralmente un argomento legato alla strumentazione virtuale.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso. Saper
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richiesti i seguenti prerequisiti:
- conoscenze relative alle caratteristiche metrologiche ed all’utilizzo degli strumenti di misura, alla
valutazione dell’incertezza di misura ed ai metodi di misura per le principali grandezze elettriche;
- conoscenze di base di Elettrotecnica;
- conoscenze sulla implementazione di algoritmi e sulle strutture dati.
Metodi didattici

198
L’insegnamento prevede lezioni teoriche ed esercitazioni in laboratorio. Durante le esercitazioni di
laboratorio previste nella prima parte del corso, gli studenti sono a chiamati a risolvere problemi che
richiedono l’applicazione delle tecniche spiegate a lezione. Nelle esercitazioni successive, agli studenti,
divisi per gruppi di lavoro, viene assegnato un progetto da sviluppare durante la restante parte del corso. Il
progetto comprende in modo unitario tutti contenuti dell’insegnamento e permette agli studenti di acquisire
le capacità di progettazione, realizzazione e caratterizzazione di uno strumento di misura virtuale partendo
dalle specifiche, e di sviluppare e rafforzare le capacità di lavorare in gruppo.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova orale, che
comprende anche la discussione del progetto sviluppato dallo studente durante la parte finale corso.
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Introduzione alla strumentazione virtuale.
Introduzione al corso Presentazione del corso. Introduzione 2
all'ambiente di sviluppo LabView.
Introduzione alla programmazione “data
Ambiente software per
driven”. Strutture di controllo e tipi di dato in
sviluppo strumentazione 10 4
LabView. Tecniche di sviluppo di strumenti
virtuale: Labview
virtuali.
Trasduzione e Definizioni, classificazione, caratteristiche
condizionamento dei segnali statiche dei sinsori. Circuiti di condizionamento 4
di misura per le tipologie di sensori più comuni
Richiami su campionamento e codifica.
Struttura di un sistema di acquisizione dati.
Sistemi di acquisizione dati Configurazione degli ingressi. Acquisizione 4 2
continua con buffer circolare. Funzioni
LabView per l’acquisizione dati.
Protocolli di interfaccia Bus di interfaccia standard IEEE 488 ed RS 232.
3 1
standard Esempi di gestione remota della strumentazione
Realizzazione di
strumentazione virtuale per Sviluppo di strumentazione virtuale per la
20
applicazioni industriali e di risoluzione di specifici problemi di misura.
laboratorio
Totale Ore 23 0 27

Testi di riferimento
Dispense predisposte dal docente, disponibili sul sito www.adinf.unisa.it alla pagina del docente.

199
STRUMENTAZIONE VIRTUALE (6 CFU)

Propedeuticità:
Cds: Ingegneria Docente: Integrato:
Misure Elettroniche Crediti: 6
Elettronica Vincenzo Paciello
Elettrotecnica
Tipologia:
Anno: III Semestre: Codice: SSD: ING-INF/07

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Obiettivo e’ conferire allo studente la capacità di sviluppare autonomamente sistemi di acquisizione
dati per il monitoraggio e/o l’elaborazione numerica di grandezze fisiche ed elettriche. Lo studente
apprende e sperimenta l’impiego di ambienti software per lo sviluppo di applicazioni con interfaccia
utente per la gestione di strumentazione programmabile con interfaccia standard o di schede di
acquisizione dati, in grado di ottenere risultati di misura mediante elaborazione numerica dei dati.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito dello sviluppo di software per applicazioni di
misura, nella gestione remota della strumentazione e nell’uso di schede di acquisizione dati.
Conoscenza delle problematiche relative alle caratteristiche dei sensori, delle metodologie di progetto e
sviluppo di circuiti di condizionamento per le tipologie di sensori più comuni. Conoscenza dei concetti
fondamentali degli ambienti di sviluppo per strumentazione virtuale, e della programmazione “data
driven”.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper dimensionare i parametri principali di una scheda di acquisizione dati, saper dimensionare
opportunamente un circuito di condizionamento e saper progettare e implementare, in un opportuno
ambiente di sviluppo, uno strumento virtuale. Saper elaborare un segnale di misura al fine di estrarre le
informazioni desiderate, saper valutare l’efficacia e le prestazioni, in particolare metrologiche, di uno
strumento virtuale sviluppato.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per progettare e realizzare in maniera efficiente uno
strumento virtuale, ed essere capaci di mettere a punto dei metodi per valutare l’efficacia e le
prestazioni metrologiche di uno strumento virtuale sviluppato.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo e saper esporre oralmente un argomento legato alla strumentazione virtuale.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso. Saper
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richiesti i seguenti prerequisiti:
- conoscenze relative alle caratteristiche metrologiche ed all’utilizzo degli strumenti di misura, alla
valutazione dell’incertezza di misura ed ai metodi di misura per le principali grandezze elettriche;
- conoscenze di base di Elettrotecnica;
- conoscenze sulla implementazione di algoritmi e sulle strutture dati.

200
Metodi didattici
L’insegnamento prevede lezioni teoriche ed esercitazioni in laboratorio. Durante le esercitazioni di
laboratorio previste nella prima parte del corso, gli studenti sono a chiamati a risolvere problemi che
richiedono l’applicazione delle tecniche spiegate a lezione. Nelle esercitazioni successive, agli studenti,
divisi per gruppi di lavoro, viene assegnato un progetto da sviluppare durante la restante parte del corso. Il
progetto comprende in modo unitario tutti contenuti dell’insegnamento e permette agli studenti di acquisire
le capacità di progettazione, realizzazione e caratterizzazione di uno strumento di misura virtuale partendo
dalle specifiche, e di sviluppare e rafforzare le capacità di lavorare in gruppo.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova orale, che
comprende anche la discussione del progetto sviluppato dallo studente durante la parte finale corso.
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Introduzione alla strumentazione virtuale.
Introduzione al corso Presentazione del corso. Introduzione 2
all'ambiente di sviluppo LabView.
Introduzione alla programmazione “data
Ambiente software per
driven”. Strutture di controllo e tipi di dato in
sviluppo strumentazione 12 4
LabView. Tecniche di sviluppo di strumenti
virtuale: Labview
virtuali.
Trasduzione e Definizioni, classificazione, caratteristiche
condizionamento dei segnali statiche dei sinsori. Circuiti di condizionamento 6
di misura per le tipologie di sensori più comuni
Richiami su campionamento e codifica.
Struttura di un sistema di acquisizione dati.
Sistemi di acquisizione dati Configurazione degli ingressi. Acquisizione 6 2
continua con buffer circolare. Funzioni
LabView per l’acquisizione dati.
Protocolli di interfaccia Bus di interfaccia standard IEEE 488 ed RS 232.
4 1
standard Esempi di gestione remota della strumentazione
Realizzazione di
strumentazione virtuale per Sviluppo di strumentazione virtuale per la
23
applicazioni industriali e di risoluzione di specifici problemi di misura.
laboratorio
Totale Ore 30 0 30

Testi di riferimento
Dispense predisposte dal docente, disponibili sul sito www.adinf.unisa.it alla pagina del docente.

201
TECNICA ED ECONOMIA DELL’ENERGIA (5 CFU)

Docente:
Cds: Ingegneria Integrato: Propedeuticità:
Prof. Pierluigi Crediti: 5
Elettronica nessuna
SIANO
Codice: Tipologia:
Anno: III Semestre: I SSD: ING-IND/33
0610400119 Affine

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira all’apprendimento di modelli e metodi per la programmazione e la gestione dei sistemi
elettrici per l’energia basati su mercati liberalizzati dell’energia elettrica, per la valutazione degli
investimenti in sistemi di generazione da fonte rinnovabile, per il conseguimento dell’efficienza
energetica e per l’energy management.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione delle metodologie di gestione dei sistemi elettrici per la produzione di energia. Capacità
di energy management e di effettuare studi di fattibilità per la realizzazione di sistemi di produzione
dell’energia elettrica basati sull’impiego di fonti rinnovabili e convenzionali.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper valutare e progettare gli investimenti in nuovi impianti di generazione in base a considerazioni di
tipo tecnico, economico e regolatorio. Saper analizzare il funzionamento di un sistema elettrico basato
sul mercato liberalizzato dell’energia elettrica e saper pianificare gli interventi per il suo
potenziamento.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per la valutazione e la realizzazione di nuovi investimenti in
generazione elettrica ed ottimizzare gli interventi per il potenziamento dei sistemi elettrici.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed esporre oralmente un argomento legato alla liberalizzazione del mercato
elettrico ed alle tecnologie per la generazione elettrica da fonte rinnovabile.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di base di fisica e di
matematica.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di
laboratorio. Nelle esercitazioni in aula gli studenti svolgono esercitazioni sugli argomenti trattati nelle
lezioni teoriche. Nelle esercitazioni in laboratorio vengono assegnati agli studenti, divisi per gruppi di
lavoro, degli esercizi pratici da sviluppare tramite l’utilizzo di elaboratore di calcolo e software per lo
studio dei sistemi elettrici. Le esercitazioni sono strumentali all’acquisizione, oltre che delle capacità di
programmare i sistemi elettrici liberalizzati e di valutare gli interventi per il potenziamento dei sistemi
elettrici, anche a sviluppare e rafforzare le capacità di lavorare in team.

202
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante colloquio orale. Durante
il colloquio l’allievo discuterà anche un elaborato relativo alle attività di laboratorio previste durante il
corso.
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Strutturazione del sistema elettrico: la produzione, il
Introduzione al corso 2
trasporto e la distribuzione di energia elettrica.
Il fabbisogno di Metodologie per lo sviluppo di modelli energetici per
3
energia elettrica la programmazione del settore elettrico
La produzione da fonti primarie convenzionali:
La produzione di impianti di produzione termoelettrici e idroelettrici.
4 2
energia elettrica La produzione da fonti primarie integrative: le fonti
rinnovabili e assimilate.
Dispacciamento ottimo delle potenze generate. Borse
Funzionamento ottimo
dell’energia e contratti bilaterali. Determinazione del 4 2 2
dei sistemi elettrici
prezzo di equilibrio.
Competizione tra Strutture di mercato elettrico, meccanismi di asta e
produttori e ruolo formazione del prezzo. Attività svolte 4 2 2
dell’ISO dall’Independent System Operator.
Controllo dei sistemi
Gestione delle congestioni. Servizi ancillari.
elettrici 4 2 2
Affidabilità nei sistemi elettrici deregolamentati.
deregolamentati
La liberalizzazione del Direttiva n.96/92 del 19 dicembre 92. Il modello
settore energetico italiano per il mercato dell’energia elettrica. I 5 2 4
italiano principali attori del mercato elettrico italiano
Le funzione dell'Energy Manager. Scenari globali
L’Energy Manager ed
energetici e di emissioni, gli attori coinvolti, ruolo ed 2
il mercato dell’energia
opportunità per gli Energy Managers.
Alterazioni dell’ambiente prodotte dall’uomo e rischi
I sistemi elettrici e
connessi. Effetti prodotti dal sistema energetico. 2
l’ambiente
Possibilità di controllarli.
Totale Ore 30 10 10

Testi di riferimento

Diapositive delle lezioni disponibili su sito WEB.


Daniel S. Kirschen, Goran Strbac, “Fundamentals of Power System Economics”, Wiley.
Kankar Bhattacharya, Math H.J. Bollen, Jaap E. Daalder, “Operation of Restructured Power Systems”,
Kluwer Academic Publishers. ISBN 0792373979.
Francesco Groppi – Carlo Zuccaio, “Impianti solari fotovoltaici” UTET, Editoriale Delfino.
Rodolfo Pallabazzer, Sistemi eolici, Rubbettino, 2004.
Jenkins N, Allan R, Crossley P, Kirschen D, Strbac G, “Embedded Generation”, IEE 2000.

203
TECNICA ED ECONOMIA DELL’ENERGIA (6CFU)

Docente:
Cds: Ingegneria Integrato: Propedeuticità:
Prof. Pierluigi Crediti: 6
Elettronica nessuna
SIANO
Codice: Tipologia:
Anno: III Semestre: I SSD: ING-IND/33
0610400119 Affine

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira all’apprendimento di modelli e metodi per la programmazione e la gestione dei sistemi
elettrici per l’energia basati su mercati liberalizzati dell’energia elettrica, per la valutazione degli
investimenti in sistemi di generazione da fonte rinnovabile, per il conseguimento dell’efficienza
energetica e per l’energy management.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione delle metodologie di gestione dei sistemi elettrici per la produzione di energia. Capacità
di energy management e di effettuare studi di fattibilità per la realizzazione di sistemi di produzione
dell’energia elettrica basati sull’impiego di fonti rinnovabili e convenzionali.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Saper valutare e progettare gli investimenti in nuovi impianti di generazione in base a considerazioni di
tipo tecnico, economico e regolatorio. Saper analizzare il funzionamento di un sistema elettrico basato
sul mercato liberalizzato dell’energia elettrica e saper pianificare gli interventi per il suo
potenziamento.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per la valutazione e la realizzazione di nuovi investimenti in
generazione elettrica ed ottimizzare gli interventi per il potenziamento dei sistemi elettrici.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed esporre oralmente un argomento legato alla liberalizzazione del mercato
elettrico ed alle tecnologie per la generazione elettrica da fonte rinnovabile.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di base di fisica e di
matematica.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di
laboratorio. Nelle esercitazioni in aula gli studenti svolgono esercitazioni sugli argomenti trattati nelle
lezioni teoriche. Nelle esercitazioni in laboratorio vengono assegnati agli studenti, divisi per gruppi di
lavoro, degli esercizi pratici da sviluppare tramite l’utilizzo di elaboratore di calcolo e software per lo
studio dei sistemi elettrici. Le esercitazioni sono strumentali all’acquisizione, oltre che delle capacità di
programmare i sistemi elettrici liberalizzati e di valutare gli interventi per il potenziamento dei sistemi
elettrici, anche a sviluppare e rafforzare le capacità di lavorare in team.

204
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante colloquio orale. Durante
il colloquio l’allievo discuterà anche un elaborato relativo alle attività di laboratorio previste durante il
corso.
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Strutturazione del sistema elettrico: la produzione, il
Introduzione al corso 2
trasporto e la distribuzione di energia elettrica.
Il fabbisogno di Metodologie per lo sviluppo di modelli energetici per
3
energia elettrica la programmazione del settore elettrico
La produzione da fonti primarie convenzionali:
La produzione di impianti di produzione termoelettrici e idroelettrici.
5 3
energia elettrica La produzione da fonti primarie integrative: le fonti
rinnovabili e assimilate.
Dispacciamento ottimo delle potenze generate. Borse
Funzionamento ottimo
dell’energia e contratti bilaterali. Determinazione del 4 3 3
dei sistemi elettrici
prezzo di equilibrio.
Competizione tra Strutture di mercato elettrico, meccanismi di asta e
produttori e ruolo formazione del prezzo. Attività svolte 4 3 3
dell’ISO dall’Independent System Operator.
Controllo dei sistemi
Gestione delle congestioni. Servizi ancillari.
elettrici 4 3 2
Affidabilità nei sistemi elettrici deregolamentati.
deregolamentati
La liberalizzazione del Direttiva n.96/92 del 19 dicembre 92. Il modello
settore energetico italiano per il mercato dell’energia elettrica. I 6 2 4
italiano principali attori del mercato elettrico italiano
Le funzione dell'Energy Manager. Scenari globali
L’Energy Manager ed
energetici e di emissioni, gli attori coinvolti, ruolo ed 4
il mercato dell’energia
opportunità per gli Energy Managers.
Alterazioni dell’ambiente prodotte dall’uomo e rischi
I sistemi elettrici e
connessi. Effetti prodotti dal sistema energetico. 2
l’ambiente
Possibilità di controllarli.
Totale Ore 34 14 12

Testi di riferimento

Diapositive delle lezioni disponibili su sito WEB.


Daniel S. Kirschen, Goran Strbac, “Fundamentals of Power System Economics”, Wiley.
Kankar Bhattacharya, Math H.J. Bollen, Jaap E. Daalder, “Operation of Restructured Power Systems”,
Kluwer Academic Publishers. ISBN 0792373979.
Francesco Groppi – Carlo Zuccaio, “Impianti solari fotovoltaici” UTET, Editoriale Delfino.
Rodolfo Pallabazzer, Sistemi eolici, Rubbettino, 2004.
Jenkins N, Allan R, Crossley P, Kirschen D, Strbac G, “Embedded Generation”, IEE 2000.

205
TECNOLOGIE PER LA MICRO E NANOELETTRONICA

Propedeuticità:
Docente: Elettronica di
Cds: Ingegneria Integrato:
Prof. Alfredo potenza Crediti:10
Elettronica NO
Rubino Fotovoltaico ed
Optoelettronica
Tipologia:
Anno: II Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/01
Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il Corso è rivolto allo studio dei modelli di comportamento elettrico e alle tecnologie di fabbricazione
di dispositivi e circuiti della micro e nanoelettronica.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione dei criteri di progettazione di componenti e circuiti elettronici, capacità di rapportare i
processi tecnologici alle specifiche prestazionali di circuiti attraverso una profonda comprensione delle
tecniche applicabili e delle loro limitazioni, analisi e modellizzazione di fenomeni fisici complessi per
l’interpretazione del funzionamento di dispostivi elettronici.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Progettare dispositivi e circuiti elettronici a partire specifiche assegnate attraverso il dimensionamento
dei processi tecnologici della microelettronica con l’impiego di CAD specifico saper condurre indagini
analitiche attraverso l’uso di modelli e risultati sperimentali.

Autonomia di giudizio (making judgements)


Utilizzare le conoscenze acquiste durante le attività didattiche e negli studi propedeutici per inquadrare
la soluzione a problemi innovativi poco noti, che magari richiedono il ricorso ad altre discipline.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo, elaborare un progetto ed esporre oralmente un argomento legato alla
progettazione elettronica, con capacità di definire ed inquadrare la problematica nei suoi vari aspetti.
Capacità di apprendere (learning skills)
Applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, la capacità
di indagare l’applicazione di tecnologie nuove ed emergenti ed approfondire gli argomenti trattati
usando materiali diversi da quelli proposti.
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze specialistiche di
elettronica analogica e digitale.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche, esercitazioni in aula ed esercitazioni pratiche di
laboratorio. Nelle esercitazioni in aula viene stimolato l’uso di modelli analitici il dimensionamento di
processi e l’analisi di dati sperimentali. Nelle esercitazioni in laboratorio gli studenti utilizzano
strumenti CAD per l’analisi e la progettazione di processi e dispositivi.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante l’elaborazione di un
progetto e un colloquio orale.

206
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Roadmap dell’industrie di semiconduttori (International Technology
Introduzione
Roadmap for Semiconductors (ITRS)). Elementi di Meccanica 4 5
al corso
Quantistica; sistemi a bassa dimensionalità e strutture quantiche.
Il polisilicio di grado elettronico; la Tecnica Czochralski e la
Crescita del
tecnica a Zona mobile; incorporazione delle impurità ed effetti di 5
cristallo
non idealità; tecniche di Gettering.
Impiantazione ionica: teoria elementare e limiti del modello.
Tecniche di Diffusione:le equazioni di Fick, predeposizione e drive-in;
5 5
drogaggio diffusività e meccanismi atomici di diffusione; sistemi sorgenti di
diffusione. Utilizzo di simulatori di processo e di progettazione.
Crescita epitassiale. L’ossido di silicio; cinetica della crescita; ossidi
sottili.La deposizione chimica da fase vapore (CVD);; la scarica a
Film sottili 10
bagliore; sputtering RF e magnetron; evaporazione. Tecniche di
deposizioni di dispositivi su scala nanometrica; nuovi materiali.
Tecniche di Tecniche dell’attacco in umido e dell’attacco a secco. Fotolitografia
preparazione convenzionale e tecniche avanzate. Utilizzo di simulatori di 5 10
dei substrati processo e di progettazione.
Modelli fisici avanzati di dispositivi elettronici.
Fenomeni Principi della riduzione di scala per i dispositivi
quantistici in MOSFET ed effetti quantistici in dispositivi convenzionali. Regole
10 5
dispositivi di progetto per circuiti bipolari e CMOS; Architetture di dispositivi
elettronici innovative con effetti di trasposto quantistico. Utilizzo di simulatori
di processo e di dispositivi.
Elettronica
Organica: Polimeri semiconduttori e polimeri coniugati; fenomeni ottici nei
proprietà polimeri semiconduttori; trasporto e iniezione di carica nei polimeri 6
elettroniche coniugati; nanotubi di carbonio.
dei materiali.
Dispositivi elettronici : transistori a film sottile, memorie a film
sottile: meccanismi di conduzione e di commutazione.
Elettronica
Dispositivi optoelettronici; Diodi emettitori di luce organici,celle
Organica: i
solari: proprietà ottiche e di trasporto elettrico. 10 20
dispositivi.
Tecniche di fabbricazione e di stampa diretta.
Cenni su dispostivi molecolari.
Utilizzo di simulatori di processo e di dispositivi
Totale Ore 55 15 30

Testi di riferimento
appunti forniti durante il corso.
G. Soncini “Tecnologie microelettroniche” Boringheri
S.Wolf “ Process Tecnology” Vol. 1 Lattice Press
S. Wolf “ Process Integration” Vol. 2 Lattice Press
Yuan Taur, Tak H. Ning:”Fundaments of modern VLSI devices”, Cambridge, University Press
G.Hadziioannou, G.G. Malliaras “Semiconducting Polymers” ed. Wiley-VCH

207
TELECOMUNICAZIONI NUMERICHE

Docente: Propedeuticità:
Cds: Ingegneria Integrato:
Prof. Maurizio Trasmissioni Crediti: 5
Elettronica (LS) No
Longo numeriche
Tipologia:
Anno: II Semestre: I Codice:? SSD: ING-INF/o3
Affine

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso, fondato su concetti acquisiti nei precedenti corsi dell'area telecomunicazioni, è dedicato allo
sviluppo delle tecniche usate nei moderni sistemi di telecomunicazione numerica, ponendo l'accento su
principi e metodi di applicabilità generale. Il corso ha carattere essenzialmente metodologico.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Capacità di seguire gli sviluppo metodologici nell’ambito delle telecomunicazioni numeriche.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Capacità di interpretare le soluzioni proposte nell’ambito dei sistemi, dei protocolli e degli scenari di
rete.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Capacità di individuare i metodi più appropriati per progettare e realizzare un sistema di
telecomunicazione.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper lavorare in gruppo ed esporre oralmente un argomento legato alle telecomunicazioni.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di base sulle
comunicazioni elettriche.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche di analisi delle principali metodologie matematico-
probabilistiche, lezioni applicative sui relativi sviluppi tecnologici, discussioni sulle soluzioni proposte.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante un colloquio orale.
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Concetti generali. Entità delle reti: messaggi, pacchetti,
sessioni e loro caratterizzazione. Commutazione di
circuito, commutazione di pacchetto, istradamento a
Architettura delle circuito virtuale, servizi connectionless e connection-
reti di oriented. Stratificazione e modello OSI a 7 livelli. Livello 8
telecomunicazioni fisico (modem; linee sincrone, intermittenti sincrone,
asincrone).Livello di controllo di linea (DLC),
sottolivello di accesso al mezzo (MAC). Livello di rete,
sottolivello internet. Livello di trasporto.
208
Controlli di parità singoli e incrociati. Codici “vertici di
ipercubo”, distanza di Hamming, tasso di codifica,
guadagno di codifica . Codici lineari a blocco. Codici di
Hamming. Soft Decoding vs. Hard Decoding.
Decomposizione in laterali (coset) e tabella standard di
decodifica. Prestazioni fondamentali per rivelazione e
correzione di errore: distanza minima, proprietà correttrici
di errori a raffica. Codici ciclici.
Tecniche di ritrasmissione per lo strato fisico (ARQ)):
Tecniche Stop-and-wait; Go back-n; Selective Repeat.
trasmissive per le Segmentazione: delimitazione di trama orientata ai
reti di caratteri (caratteri di terminazione) e orientata ai bit 16 4
telecomunicazioni (flags, campi di lunghezza Dimensionamento delle trame
(effetto “pipeline”). Identificazione di sessione nelle reti a
commutazione di pacchetto e a circuito virtuale.
Numerazione dei pacchetti nelle reti a commutazione di
pacchetto e a circuito virtuale. Controllo di errore end-to-
end (a livello di rete e a livello di traporto). Controllo di
flusso e di congestione. IP e Internet. TCP:
indirizzamento e multiplazione; controllo di flusso.
Principi e architettura di ATM: elementi di routing e di
controllo di ammissione (leaky bucket), formato delle
celle, strato di adattamento AAL.
Componenti del ritardo. Confronto fra i metodi di
multiplazione. Modelli di code: teorema di Little e
applicazioni. Code M/M/1, code M/M/m e formula
Erlang-C, code M/M/m/m e formula Erlang-B, code
M/G/1 e teorema di Pollaczek-Kintchine, code con
Modelli di ritardo vacanze e applicazioni (confronto FDM, TDM, S- FDM)
e strategie di Concetto di accesso multiplo: accessi in contesa vs. 16 6
accesso multiplo accessi programmati. Modelli di sistemi ad accesso
multiplo: satellite, bus, packet radio. Slotted ALOHA:
analisi statica e analisi dinamica, stabilizzazione, back-
off esponenziale binario, CSMA Slotted ALOHA.
Metodi di prenotazione: accesso al satellite CSMA/CD ed
Ethernet
Totale Ore 40 10 0

Testi di riferimento
D. Bertzekas, R. Gallager, Data Networks, Prentice Hall, 1992.
J. Proakis, M. Salehi, Communication Systems Engineering, 2.nd Ed, Prentice Hall, 2002
F. Grimaldi, V. Zingarelli, Sistemi radiomobili cellulari, Scuola Superiore G. Reiss Romoli, per la rete
radiomobile e GSM
J. Walrand, Communication Networks, 2.nd Ed, McGraw Hill, 1998

209
TELERILEVAMENTO E DIAGNOSTICA ELETTROMAGNETICA

Numero di Crediti: 5
Docente: Prof. Stefano Marano, Prof. A. Scaglione
Collocazione: Laurea Specialistica, II Anno - II Semestre
Propedeuticità: Antenne I

Programma

Generalità sui sistemi radar


Schema di principio di un sistema radar. Bande di frequenza impiegate. Assorbimento atmosferico.
Ambiguità in distanza e in frequenza. L’equazione fondamentale del radar e le sue conseguenze. Sezione
radar e modelli Swerling. Modelli di segnale e di rumore. Rivelazione di segnali radar. Cenni sui radar ad
apertura sintetica.
Reti di Sensori e Trattamento distribuito dell’informazione
Reti di sensori wireless (WSN) con applicazioni al telerilevamento. Teorema di Slepian Wolf (SW) e sue
implicazioni pratiche. Tecnica di codifica mediante random binning e sequenze congiuntamente tipiche.
Aspetti Elettromagnetici
Riflettività e trasmissività di un’interfaccia piana. Propagazione in un mezzo con perdite. Rifrazione in un
mezzo conduttivo. Uso dello spettro elettromagnetico nel telerilevamento. Tipi di sensori. L’informazione
nel telerilevamento. Tecniche passive nel visibile e nell’infrarosso. Tecniche passive nell’infrarosso
termico. Tecniche passive a microonde. Tecniche attive.
Elementi di radiometria
Le quantità radiometriche fondamentali. Potenza ricevuta da un’antenna. Il corpo nero. Leggi di Planck, di
Stefan-Boltzmann, di Wien e di Raileigh-Jeans. Corrispondenza temperatura-potenza per un corpo nero.
Corpo non nero. Temperatura di brillanza ed emissività di un corpo non nero. Temperatura apparente.
Temperatura d’antenna.
Teoria del trasferimento radiativo
Generalità. Estinzione ed Emissione. Equazione del trasferimento radiativo e sua soluzione formale.
Funzioni sorgente. Temperatura apparente di un mezzo assorbitore diffusivo. Temperatura apparente della
radiazione atmosferica viaggiante verso l’alto. Temperatura apparente della radiazione atmosferica
viaggiante verso il basso. Mezzo omogeneo. Temperatura apparente della radiazione proveniente dal suolo
e dall’atmosfera. Proprietà di una superficie speculare. Temperatura apparente del terreno uniforme a
temperatura costante.

Competenze e capacità in uscita dal corso


Competenze relative a: Capacità di:
Sistemi di telerilevamento mono- e multi- Analisi e progetto di sistemi radar.
terminale. Analisi dei sistemi di telerilevamento.
Sistemi radar e relative prestazioni. Trattamento Fusione dati a scopo di inferenza.
distribuito dell’informazione Relazionare le quantità elettromagnetiche misurate
Aspetti elettromagnetici del telerilevamento alle caratteristiche fisico-geometriche dell’oggetto
osservato
Modalità di svolgimento dell’esame
Colloquio orale.

210
Testi di riferimento
G. Galati, F. Mazzenga, M. Naldi, Elementi di Sistemi Radar, Aracne, 1996.
H. Van Trees, Detection, modulation and estimation theory, Wiley interscience
G.Galati, A.Gilardini (Eds.), Tecniche e Strumenti per il Telerilevamento Ambientale, CNR, Monografie
Scientifiche, serie Scienze della Terra, Roma 2000.
F.T. Ulaby, R.K. Moore, A.K.Fung, “Microwave Remote Sensing, vol.1: Microwave Remote Sensing
Fundamentals and Radiometry”, Addison-Wesley, Reading, MA, 1981.

211
TEORIA DEI FENOMENI ALEATORI

Docente: Propedeuticità:
Cds: Ingegneria Integrato:
Prof. Maurizio Matematica I Crediti: 5
Elettronica
GUIDA Matematica II
Anno: III Semestre: I Codice: SSD: SECS-S/02 Tipologia:

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira a fornire strumenti e metodi di base per descrivere ed analizzare fenomeni non
deterministici allo scopo di effettuare valutazioni predittive ed assumere decisioni in regime di rischio
controllato.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito della probabilità, della inferenza statistica e
della verifica statistica delle ipotesi.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Capacità di analizzare fenomeni non deterministici che si sviluppano nel tempo. Capacità di effettuare
valutazioni predittive e assumere decisioni in regime di incertezza, con particolare riferimento
applicativo alla rivelazione di segnali immersi in un disturbo aleatorio.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per analizzare un fenomeno non deterministico.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper esporre oralmente un argomento legato all’analisi dei segnali.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di base di teoria
degli insiemi, analisi matematica e calcolo combinatorio.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche ed esercitazioni in aula.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e
colloquio orale.

212
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Vettori di variabili aleatorie. Successioni di variabili aleatorie.
Teoremi limite. Definizione di processo aleatorio.
I Processi Caratterizzazione statistica dei processi aleatori. Stazionarietà
10 2
Aleatori in senso stretto e in senso lato. Funzioni di autocorrelazione e
di autocovarianza. Medie di segnali aleatori. Ergodicità della
media.
Processo di Bernoulli. Processi di Poisson. Analogie tra i
processi di Bernoulli e i processi di Poisson. Processi
Modelli di
Gaussiani: Rumore bianco, Moto Browniano. Processi di
Processi 10 3
Markov. Catene di Markov: matrici di transizione,
Aleatori
distribuzione stazionaria e distribuzione limite.
Indecomponibilità delle catene.
Popolazione e campione. Principali statistiche campionarie.
Elementi di
Principi generali della stima parametrica. Stimatori e stime.
Inferenza 10 3
Proprietà degli stimatori. La funzione di Verosimiglianza.
Statistica
Metodi di costruzione degli stimatori.
Introduzione al problema della rivelazione. Teoria di Neyman-
Pearson. Rivelazione di segnali deterministici completamente
Elementi di
noti in rumore bianco gaussiano. Rivelazione in rumore
Teoria della 10 2
gaussiano colorato. Test d’ipotesi composte. Rivelazione di
Decisione
segnali deterministici con parametri incogniti (Test del
Rapporto di Verosimiglianza Generalizzato).
Totale Ore 40 10

Testi di riferimento
Appunti delle lezioni
S. M. Ross, Calcolo delle Probabilità, Apogeo, 2004.
E. Conte, Lezioni di teoria dei segnali, Liguori, 1996.

213
TEORIA DEI SEGNALI: MODULO DI ELEMENTI DI PROBABILITÀ

Integrato:
Docente: Propedeuticità:
Cds: Ingegneria Teoria dei Segnali:
Prof. Maurizio Matematica I Crediti: 6
Elettronica Modulo di Analisi
GUIDA Matematica II
dei Segnali
Tipologia:
Anno: II Semestre: I Codice: SSD: SECS-S/02
Caratterizzante

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso mira a fornire strumenti e metodi di base per descrivere ed analizzare fenomeni non
deterministici allo scopo di effettuare valutazioni predittive ed assumere decisioni in regime di rischio
controllato.
Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Comprensione della terminologia utilizzata nell’ambito della probabilità, della inferenza statistica e
della verifica statistica delle ipotesi.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Capacità di analizzare fenomeni non deterministici che si sviluppano nel tempo. Capacità di effettuare
valutazioni predittive e assumere decisioni in regime di incertezza, con particolare riferimento
applicativo alla rivelazione di segnali immersi in un disturbo aleatorio.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper individuare i metodi più appropriati per analizzare un fenomeno non deterministico.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper esporre oralmente un argomento legato all’analisi dei segnali.
Capacità di apprendere (learning skills)
Saper applicare le conoscenze acquisite a contesti differenti da quelli presentati durante il corso, ed
approfondire gli argomenti trattati usando materiali diversi da quelli proposti
Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di base di teoria
degli insiemi, analisi matematica e calcolo combinatorio.
Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche ed esercitazioni in aula.
Metodi di valutazione
La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà mediante una prova scritta e
colloquio orale.

214
Contenuto del corso
Ore Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lez. Eserc. Lab.
Esperimento probabilistico, Spazio Campione, Eventi.
Elementi di
Assiomi. Probabilità condizionata e indipendenza. Teorema
Teoria della 7 3
delle Probabilità Totali. Teorema di Bayes. Esperimenti
Probabilità
Composti
Definizione di variabile aleatoria. Distribuzione di
probabilità. Densità di probabilità. Indicatori sintetici di una
Le Variabili variabile aleatoria. Funzioni di una variabile aleatoria.
10 3
Aleatorie Coppie di variabili aleatorie. Distribuzioni congiunte e
marginali. Indicatori sintetici per coppie di variabili
aleatorie.
Modelli Modelli di variabili aleatorie discrete: Bernoulli, Binomiale,
Probabilistici di Poisson. Modelli di variabili aleatorie continue: Uniforme, 5 2
uso comune Normale, Esponenziale, Log-normale, Gamma.
Definizione di processo aleatorio. Caratterizzazione
statistica dei processi aleatori. Stazionarietà. Medie
I Processi
temporali. Ergodicità. Modelli di processi aleatori i uso 8 2
Aleatori
comune: processo di Bernoulli, processo di Poisson,
processi Gaussiani, Catene di Markov.
Popolazione e campione. Principali statistiche campionarie.
Elementi di
Principi generali della stima parametrica. Stimatori e stime.
Inferenza 10 3
Proprietà degli stimatori. La funzione di Verosimiglianza.
Statistica
Metodi di costruzione degli stimatori.
La verifica statistica delle ipotesi. Errore di I e di II specie.
Elementi di
Regione di accettazione e regione critica. Il problema della
Teoria della 5 2
rivelazione di segnali deterministici immersi in un disturbo
Decisione
aleatorio.
Totale Ore 45 15

Testi di riferimento
Appunti delle lezioni
S. M. Ross, Probabilità e Statistica per l’Ingegneria e le Scienze, Apogeo.

215
TEORIA DEI SEGNALI: MODULO DI ANALISI DEI SEGNALI

Integrato:
con Teoria dei
Cds: Ingegneria Docente: Propedeuticità:
segnali: modulo di Crediti:3
Elettronica Matematica II
Elementi di
Probabilità
Tipologia:
Anno: II Semestre: II Codice: SSD: ING-INF/03
Affine

Obiettivi formativi: risultati di apprendimento previsti e competenza da acquisire


Il corso ha carattere metodologico. Vengono esposte le principali tecniche di analisi ed elaborazione
dei segnali (in particolare mediante sistemi LTI), con enfasi sulla dualità tempo-frequenza. Le tecniche
illustrate hanno diffusa applicazione in elettronica, informatica, misure elettroniche, telecomunicazioni.
I contenuti sono strettamente propedeutici per i corsi del settore Telecomunicazioni.

Conoscenze e capacità di comprensione (knowledge and understanding)


Analisi dei segnali nel dominio del tempo. Analisi di segnali nel dominio della frequenza.Analisi dei
sistemi lineari nel dominio del tempo e nel dominio della frequenza, sia in tempo-continuo che in
tempo-discreto.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding)
Caratterizzare i sistemi LTI in termini di legami ingresso-uscita. Operare semplici elaborazioni su
segnali di interesse applicativo. Effettuare il campionamento e la ricostruzione di un segnale analogico.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Saper scegliere la rappresentazione più adatta per l’analisi dei segnali e dell’interazione con i sistemi.
Saper evitare effetti indesiderati nella discretizzazione di un segnale analogico.
Abilità comunicative (communication skills)
Saper esporre gli argomenti trattati in maniera corretta e precisa
Capacità di apprendere (learning skills)
Aver maturato i concetti introdotti in vista degli studi successivi. Saper utilizzare fonti diverse per
l’approfondimento delle metodologie introdotte nel corso

Prerequisiti
Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati allo studente sono richieste conoscenze
matematiche di base.

Metodi didattici
L’insegnamento contempla lezioni teoriche ed esercitazioni numeriche.

Metodi di valutazione
L’accertamento del profitto consiste nel superamento di una prova scritta e di una prova orale.

216
Contenuto del corso
Lezioni ed esercitazioni
Ore Ore
Argomenti Contenuti specifici
Lezione Esercitaz.
Segnali e sistemi nel Classificazione, operazioni elementari e
dominio del tempo proprietà dei segnali. Medie temporali, energia
e potenza di segnali. Funzioni di correlazione e
8 4
proprietà. Studio dei sistemi nel dominio del
tempo. Sistemi LTI. Somma e integrale di
convoluzione. Sistemi ARMA.
Segnali e sistemi nel Autofunzioni dei sistemi LTI. Risposta in
dominio della frequenza frequenza. Trasformata di Fourier e proprietà.
Somma di Poisson e serie di Fourier. Analisi 8 4
dei sistemi LTI nel dominio della frequenza.
Caratterizzazione energetica dei segnali.
Conversione Segnali digitali. Campionamento e
4 2
analogico/digitale. ricostruzione dei segnali analogici.
Totale Ore 20 10

Testi di riferimento
E. Conte, Lezioni di teoria dei segnali, Liguori,1996.

217
ELENCO DOCENTI
(→ vai a curriculum docenti)

Francesco Basile
Salvatore Bellone
Pasquale Chiacchio
Francesco Chiadini
Francesco D’Agostino
Antonio Della Cioppa
Tiziana Durante
Nicola Femia
Flaminio Ferrara
Claudio Gennarelli
Liberata Guadagno
Maurizio Guida
Nicola Lamberti
Patrizia Lamberti
Vincenzo Langone
Gian Domenico Licciardo
Consolatina Liguori
Maurizio Longo
Stefano Marano
Angelo Marcelli
Vincenzo Matta
Heinrich Christoph Neitzert
Vincenzo Paciello
Alfredo Paolillo
Gennaro Percannella
Giovanni Petrone
Antonio Piccolo
Antonio Pietrosanto
Rocco Restaino
Abdelaziz Rhandi
Giovanni Riccio
Alfredo Rubino
Antonio Scaglione
Pierluigi Siano
Giovanni Spagnuolo
Vincenzo Tucci
Francesco Zirpoli

218
Corso di Studi in
Ingegneria Informatica
INDICE

CORSO DI STUDIO IN INGEGNERIA INFORMATICA................................................................ 4


Obiettivi formativi .......................................................................................................................... 4
Organizzazione degli Studi............................................................................................................ 5
Tirocini Professionalizzanti e Formativi ...................................................................................... 6
Ammissione al Corso di Studio in Ingegneria Informatica .Errore. Il segnalibro non è definito.
Frequenza ai corsi .................................................................Errore. Il segnalibro non è definito.
Procedura Rilevazione Elettronica Presenze Studenti .........Errore. Il segnalibro non è definito.
INFORMAZIONI UTILI.................................................................................................................... 9
Richieste di partecipazione ai tirocini ........................................................................................... 9
Presentazione dei Piani di Studio.................................................................................................. 9
Richieste di partecipazione a programmi di mobilità internazionale........................................... 9
Prenotazione dei test di lingua Inglese ......................................................................................... 9
Contatti e riferimenti ................................................................................................................... 10
LAUREA DI I LIVELLO CURRICULUM PER GLI IMMATRICOLATI NELL’A.A. 2008/09 ................... 11
LAUREA MAGISTRALE ............................................................................................................... 13
MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2008/09 LAUREA I LIVELLO ............................................... 14
MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2008/09 LAUREA MAGISTRALE ........................................ 17
PROGRAMMI DEGLI INSEGNAMENTI...................................................................................... 18
ALGORITMI E STRUTTURE DATI .............................................................................................. 19
ANTENNE E COLLEGAMENTI WIRELESS................................................................................ 21
AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ................................................................................................. 23
BASI DI DATI (9 CFU).................................................................................................................... 25
BASI DI DATI E SISTEMI INFORMATIVI (6 CFU) ..................................................................... 27
CALCOLATORI ELETTRONICI (6 CFU) ..................................................................................... 29
CALCOLATORI ELETTRONICI (9 CFU) ..................................................................................... 31
CHIMICA......................................................................................................................................... 33
CIRCUITI DI POWER MANAGEMENT ....................................................................................... 35
CIRCUITI DIGITALI (6 CFU) ........................................................................................................ 37
CODIFICA E COMPRESSIONE DELL’INFORMAZIONE .......................................................... 40
COMPLEMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI....................................................................... 42
ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE ................................................................... 44
ELABORAZIONE NUMERICA DEI SEGNALI ............................................................................ 46
FISICA ............................................................................................................................................. 48
FONDAMENTI DI ANALISI DEI SEGNALI E TRASMISSIONE (I MOD.) ................................ 51
FONDAMENTI DI ANALISI DEI SEGNALI E TRASMISSIONE (II MOD)................................ 53
FONDAMENTI DI AUTOMATICA ............................................................................................... 55
FONDAMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI (9 CFU) ........................................................... 57
FONDAMENTI DI ELETTROTECNICA E CIRCUITI.................................................................. 59
FONDAMENTI DI INFORMATICA .............................................................................................. 61
FONDAMENTI DI MISURE........................................................................................................... 63
INGEGNERIA DEL SOFTWARE................................................................................................... 65
LABORATORIO DI ANALISI DEI SEGNALI .............................................................................. 67
LABORATORIO DI SISTEMI OPERATIVI (5 CFU) .................................................................... 69
LABORATORIO DI SISTEMI OPERATIVI (9 CFU) .................................................................... 71
LABORATORIO DI TECNOLOGIE PER IL WEB (6 CFU) .......................................................... 73
LINGUAGGI E COMPILATORI .................................................................................................... 75
MATEMATICA I............................................................................................................................. 77
MATEMATICA II ........................................................................................................................... 80
MATEMATICA III .......................................................................................................................... 83
2
MISURE PER LA CERTIFICAZIONE DI IMPIANTI DI RETE .................................................... 85
PRINCIPI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI .............................................................................. 86
PROGRAMMAZIONE AD OGGETTI ( 6 CFU)............................................................................. 87
PROGRAMMAZIONE AD OGGETTI ( 9 CFU)............................................................................. 89
PROGRAMMAZIONE IN RETE .................................................................................................... 91
RETI DI CALCOLATORI: ARCHITETTURE E SERVIZI (6 CFU) .............................................. 93
RETII: ARCHITETTURE E SERVIZI (9 CFU)............................................................................... 95
RETI DI CALCOLATORI: PROTOCOLLI E SISTEMI ................................................................. 97
RETI DI TELECOMUNICAZIONI (5 CFU) ................................................................................... 99
RETI MOBILI DI SECONDA GENERAZIONE ......................................................................................... 100
RETI DI TELECOMUNICAZIONI (9 CFU) ................................................................................. 101
RETI MOBILI DI SECONDA GENERAZIONE ......................................................................................... 102
RETI LOGICHE............................................................................................................................. 103
SISTEMI DI AUTOMAZIONE DISTRIBUITA............................................................................ 105
SISTEMI DI ELABORAZIONE .................................................................................................... 106
SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONE ....................................................................................... 108
SISTEMI E TECNOLOGIE INDUSTRIALI ( 6 CFU)................................................................... 110
SISTEMI E TECNOLOGIE INDUSTRIALI (9 CFU) ................................................................... 112
SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI (6 CFU) ......................................................................... 114
SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI (9 CFU) ......................................................................... 116
SISTEMI OPERATIVI E SISTEMI EMBEDDED ........................................................................ 118
SISTEMI RADIOMOBILI (6 CFU) ............................................................................................... 120
TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE ........................................................................................ 122
TECNOLOGIE INFORMATICHE DEI SISTEMI DI CONTROLLO (6 CFU) ............................ 124
TECNOLOGIE SOFTWARE PER IL WEB .................................................................................. 126
TELECOMUNICAZIONI NUMERICHE ..................................................................................... 128
TELERILEVAMENTO ................................................................................................................. 130
TEORIA DEI SEGNALI: MODULO DI ANALISI DEI SEGNALI .............................................. 132
TEORIA DEI SEGNALI: MODULO DI ELEMENTI DI PROBABILITÀ ................................... 134
TEORIA E TECNICA DELLE TELECOMUNICAZIONI MODULO I E MODULO II............... 136
BREVE CURRICULUM DEI DOCENTI...................................................................................... 138

3
CORSO DI STUDIO IN INGEGNERIA INFORMATICA
Dall’anno accademico 2008/09 si è avuta l’entrata in vigore del DM 270/04, che ristruttura
l’organizzazione didattica universitaria perseguendo due obiettivi principali: evitare la
frammentazione degli insegnamenti e favorire la mobilità studentesca tra diversi corsi di laurea.
La laurea magistrale, attivata in quest’anno accademico, rispetta questo nuovo Decreto Ministeriale la
e la laurea in Ingegneria Informatica è stata riorganizzata. I curricula riportati per entrambi i corsi di
laurea sono validi per gli immatricolati nell’a.a. 2008/09; per gli immatricolati negli anni precedenti
non è stato apportato alcun cambiamento; i corsi del secondo anno della laurea magistrale saranno
attivati nel prossimo anno accademico. L’offerta formativa effettivamente erogata in questo anno
accademico è dettagliata nel manifesto degli studi di seguito riportato.

Laurea di primo livello

Obiettivi formativi
La figura professionale dell’ Ingegnere Informatico è di grande attualità e registra l’esistenza, da circa
10 anni, del fenomeno dello skill shortage. Lo skill shortage corrisponde all’esigenza da parte del
mercato di disporre di figure professionali in numero superiore ai laureati che ogni anno si creano,
determinando in tal modo l’inserimento nel mondo del lavoro da parte del giovane laureato in tempi
molto brevi. Il successo della figura professionale di Ingegnere Informatico risiede nella sua
polivalenza e flessibilità, caratteristiche queste sempre più indispensabili nella società
dell’Informazione.
Gli sbocchi professionali del laureato in Ingegneria Informatica sono estremamente ampi, e legati a
tutte le realtà produttive del settore dell’Information and Communication Technology (ICT). In tali
ambiti le competenze acquisite consentono al laureato di ricoprire ruoli sia di progettista di software
applicativo e di sistema, che di sistemista di impianti informatici e telematici. Sbocchi professionali
sono anche possibili in tutte le altre realtà industriali, che impiegano sistemi informativi per la
gestione e l’automazione dei processi produttivi. Le possibilità occupazionali si estendono
ulteriormente al mondo dei servizi, ovvero agli ambienti privati e pubblici che impiegano strumenti
informatici per l’erogazione dei loro servizi. In tali contesti l’Ingegnere Informatico è in grado di
progettare e configurare reti locali e telematiche, amministrare e programmare sistemi di calcolo
complessi, sviluppare applicazioni informatiche tradizionali e basate sul Web. Infine i laureati hanno
la possibilità di iscriversi all’Albo Nazionale degli Ingegneri nella Sezione Ingegneria
dell’Informazione, e potranno svolgere attività professionale in diversi altri ambiti, quali la
progettazione assistita, la produzione, la gestione ed organizzazione, l’assistenza delle strutture
tecnico-commerciali, sia nella libera professione che nelle imprese manifatturiere o di servizi e nelle
amministrazioni pubbliche.
Il percorso formativo proposto dalla Facoltà di Ingegneria dell’Università di Salerno prevede che la
formazione del laureato in Ingegneria Informatica non sia limitata alle discipline del settore dell’ICT,
ma sia anche contraddistinta da solide conoscenze di tipo metodologico e tecnico-scientifico,
consentendogli di affrontare con competenza la progettazione di sistemi complessi. Più
specificatamente, il corso di Laurea di Ingegneria Informatica dell’Università di Salerno si propone di
formare laureati che:
• conoscano adeguatamente gli aspetti metodologico-operativi della Matematica, della Fisica e
delle altre discipline di base nel settore dell’ICT, come i Campi Elettromagnetici,
l’Elettronica, l’Elettrotecnica, le Telecomunicazioni, i Sistemi elettrici e di Controllo
Industriale;
• conoscano adeguatamente gli aspetti metodologico-operativi delle scienze dell’Ingegneria;
• siano in grado di identificare, formulare e risolvere problemi nel settore dell’Information &
Communication Technology, come la progettazione e gestione di apparati, sistemi e

4
infrastrutture riguardanti la rappresentazione e l’elaborazione delle informazioni e la loro
utilizzazione nelle attività produttive e di servizi.
La figura professionale si distinguerà per competenze che non sono solo limitate agli ambiti classici
del software applicativo ma si estendono al campo delle architetture dei sistemi di elaborazione, ai
servizi ed alle applicazioni delle reti telematiche e dei sistemi di telecomunicazioni, nonchè agli
ambienti informatici ed alle applicazioni dell’informatica nel settore dei controlli industriali e della
gestione della produzione.
A garanzia di una concreta ricaduta occupazionale, le figure professionali che il corso di Laurea in
Ingegneria Informatica intende formare sono il risultato di una lunga attività di progetto che ha visto il
coinvolgimento delle associazioni di industriali, di importanti realtà industriali a carattere
multinazionale, e di numerose piccole e medie imprese ed enti locali, nonché la consultazione di
importanti studi di settore a carattere nazionale ed europeo.
Le conoscenze e le competenze acquisite dai laureati in Ingegneria Informatica, si inquadrano in
profili professionali tradizionalmente definiti dalle aziende ed enti operanti nel settore, in particolare:
• IT DEVELOPER, Realizzare applicazioni stand-alone in linguaggi imperativi e ad oggetti,
applicazioni web, e sistemi di basi di dati;
• CONTROL SYSTEMS PROGRAMMER: Realizzare applicazioni di controllo e di automazione
industriale, tramite la programmazione di dispositivi di controllo sia in linguaggi imperativi classici
che in linguaggi dedicati all’automazione (come, ad esempio, il diagramma funzionale sequenziale o il
linguaggio a contatti);
• CONTROL SYSTEMS DEVELOPER: Progettare architetture di controllo di media/piccola
dimensione. Configurare i vari dispositivi di controllo e di supervisione per realizzare architetture di
controllo di media/piccola dimensione;
• SYSTEM PROGRAMMER, in grado di programmare sistemi a microcontrollori e microprocessori,
a livello di sistema;
• SYSTEM DESIGNER, finalizzato alla realizzazione di piccole board digitali, realizzate con
componentistica standard;
• IT JUNIOR ANALIST, in grado di analizzare, valutare e dimensionare sistemi di elaborazione di
piccole e dimensioni;
• NETWORK MANAGER, in grado di realizzare e gestire impianti di rete locale, con competenze di
base sulle reti geografiche, sulle architetture TLC, su reti TCP/IP, fibra ottica, VOIP.
Organizzazione degli Studi
Il percorso formativo del laureato in ingegneria Informatica si articola su tre livelli:
a) formazione di base a carattere generale nell’ambito della matematica della fisica e della statistica ed
ingegneristica nell’ambito dell’informatica, dell’elettrotecnica e dei circuiti, e della statistica applicata
all’ingegneria,
b) formazione di base nelle discipline dell’ingegneria dell’informazione, con particolare riferimento
alla programmazione dei calcolatori elettronici, la loro architettura hardware e software, le basi di dati,
l’analisi dei segnali e la relativa trasmissione, ed i controlli automatici.
c) formazione di natura caratterizzante, finalizzata alla creazione di specifici profili professionali che
il corso di studi intende formare, con attività formative che coinvolgono prevalentemente i settori
dell’informatica, dell’ automatica e delle telecomunicazioni, e privilegiano gli aspetti interdisciplinari,
oggi di grande importanza nel settore. Le problematiche trattate si riferiscono prevalentemente alle
metodologie e tecnologie informatiche nell’automazione industriale, all’analisi ed al progetto di
applicazioni informatiche, alle reti di calcolatori, al progetto architetturale dei sistemi di elaborazione,
e ai sistemi di telecomunicazione.
Il Corso di studi si articola, a partire dal terzo anno, su due distinti percorsi, con obiettivi diversificati:
• Un percorso formativo orientato all’approfondimento delle discipline nei settori dell’informatica,
dell’automatica e delle telecomunicazioni, e mirato a rafforzare nello studente le abilità di analisi di
problemi e conseguente sintesi progettuale nell’ambito dell’ingegneria del software, delle reti di
calcolatori, dei sistemi hw e sw per il controllo automatico, e dei sistemi di telecomunicazione e dei
5
circuiti digitali. Il percorso formativo si completa con un tirocinio formativo, costituito da attività
didattiche svolte con il coinvolgimento di aziende ed enti a rilevanza internazionale operanti nel
settore, e finalizzato al completamento della cultura di contesto nel settore dell’ingegneria informatica,
e più in generale dell’ingegneria dell’informazione.
• Un percorso professionalizzante, orientato all’approfondimento di discipline dell’informazione che
abbiano precisa attinenza con i profili professionali che si definiscono, e preordinato all’inserimento
dei laureati nel mondo del lavoro. I contenuti si riferiscono all’ambito delle applicazioni software
(tradizionali e distribuite), delle reti di calcolatori, dei sistemi hw e sw per il controllo automatico, e
dei sistemi di telecomunicazione. Il percorso si completa con un tirocinio di carattere
professionalizzante, svolto dagli studenti in realtà aziendali convenzionate, e finalizzato ad acquisire
“sul campo” specifiche competenze applicative ed acquisire conoscenze anche di carattere
organizzativo degli ambiti lavorativi del settore.
Tirocini Professionalizzanti e Formativi
In ciascuno dei curricula professionalizzanti “Applicazioni Telematiche” e “Sistemi Informativi” è
previsto che lo studente svolga obbligatoriamente un’attività di tirocinio da svolgere presso Industrie
ed Enti di grande rilevanza nazionale che operano nei settori dell’Informatica e delle
Telecomunicazioni, convenzionate con l’Area Didattica.
L’attività di tirocinio consente allo studente di completare l’esperienza formativa nel settore di
interesse e di entrare in contatto con le problematiche di progettazione e produzione, e di applicare le
conoscenze acquisite nel corso degli studi.
E’ inoltre previsto, che tutti gli studenti seguano un ciclo di seminari, organizzati dall’Area Didattica,
e tenuti da importanti dirigenti di aziende e di insigni rappresentanti sulle problematiche
dell’innovazione tecnologica, della ricerca scientifica e della ricerca applicata nei vari settori
dell’Ingegneria dell’ICT, e sulle problematiche e prospettive occupazionali del settore.
Ammissione al Corso di Studio in Ingegneria Informatica
Ai fini dell’accesso al Corso di Studi è prevista una prova che serve allo studente sia come
autovalutazione, sia come titolo di ammissione. L’iscrizione al Corso di Studi è subordinata al rispetto
dei termini per la prescrizione ed al sostegno obbligatorio del test di accesso che consiste in quesiti a
risposte multiple, in elaborazioni logiche ed esercizi per la cui risoluzione si richiedono buone
conoscenze pre-universitarie di base. Se la verifica non è positiva vengono indicati specifici obblighi
formativi aggiuntivi da soddisfare nel primo anno di corso, attraverso la frequenza a corsi di recupero,
organizzati dalla Facoltà, che consentono di acquisire i crediti necessari al saldo del debito formativo
iniziale. Tali corsi sono concentrati nel mese di Settembre e consistono di attività frontali per il
riepilogo di conoscenze di base di Matematica, Fisica ed Informatica. Nel caso che l’esito del test di
ingresso sia fortemente negativo, lo studente potrà differire la sua immatricolazione, seguire i corsi di
recupero, ed affrontare nuovamente il test per verificare il recupero dei debiti formativi.

Laurea magistrale
Obiettivi formativi
L’obiettivo formativo primario del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica è quello di
acquisire le conoscenze e maturare le capacità necessarie a progettare e realizzare sistemi di medie e
grandi dimensioni in ambito Information Technology. A questo fine viene curato l’approfondimento
di metodi e contenuti scientifici generali, con particolare riferimento agli ambiti dell’informatica e
dell’automatica, e la conoscenza di metodologie di progetto, project management e gestione della
produzione, oltre alle specifiche conoscenze professionali preordinate all’inserimento dei laureati nel
mondo del lavoro.
L’offerta didattica, pur essendo pienamente allineata agli obiettivi generali della classe delle Lauree
Magistrali in Ingegneria Informatica (LM-32), è mirata alla formazione di figure professionali
specialistiche nel settore delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (ICT); in
particolare il profilo professionale è quello di un Ingegnere Informatico che sia in grado di:
• progettare e realizzare sistemi ed applicazioni software di elevata complessità,
6
• progettare impianti di rete e telematiche di grandi dimensioni,
• analizzare, progettare e sviluppare applicazioni informatiche tradizionali e basate sul Web di grandi
dimensioni,
• progettare e configurare sistemi di automazione.
Inoltre l’offerta didattica è mirata alla formazione di figure professionali capaci di dirigere e
organizzare gruppi di lavoro per il progetto e la realizzazioni di grandi sistemi software, hardware o di
automazione.

Organizzazione degli Studi


Il Corso di studi si articola su un unico percorso formativo orientato all’approfondimento delle
discipline di carattere prevalentemente progettuale nei settori caratterizzanti dell’informatica e
dell’automatica; un ruolo significativo è anche attribuito alle discipline delle telecomunicazioni ed alle
applicazioni telematiche, orientando il curriculum degli studi allo sviluppo di competenze di carattere
fortemente interdisciplinare, come richiesto oggi giorno dal mondo del lavoro.
Le discipline sono scelte in maniera tale da completare nello studente le abilità di analisi di problemi
complessi e di sintesi progettuale negli ambiti specifici dell’ingegneria del software, dei calcolatori
elettronici (in riferimento alle architetture sia general purpose che special purpose), delle reti di
calcolatori sia dal punto di vista sistemistico che progettuale, dei sistemi e delle metodologie di
controllo automatico, e dei sistemi di telecomunicazione. Inoltre, il percorso formativo si completa
con una prova finale, in cui lo studente affronta un problema di progetto nell’ambito delle discipline
incontrate nel percorso di studio.

Piani di studio
Gli studenti possono presentare piani di studio la cui approvazione è deliberata dal Consiglio di Area
Didattica. I termini e le modalità di presentazione dei suddetti piani sono stabiliti dalla
programmazione annuale della didattica nel calendario di Ateneo.

Frequenza ai corsi
La frequenza ai corsi è obbligatoria.
Modalità di frequenza
Gli insegnamenti sono erogati in presenza con frequenza obbligatoria.
Lingua di insegnamento
Italiano
Sede e Orario
I corsi sono erogati presso la Facoltà di Ingegneria. Si consulti il sito di Facoltà
(http://www.ingegneria.unisa.it/) per l’indicazione dell’orario e delle aule.

Procedura Rilevazione Elettronica Presenze Studenti

Gli studenti iscritti ad una laurea triennale (Ingegneria Chimica, Ingegneria Civile, Ingegneria Civile
per l’Ambiente e il Territorio, Ingegneria Elettronica, Ingegneria Gestionale, Ingegneria Informatica,
Ingegneria Meccanica) o alla laurea a ciclo unico (Ingegneria Edile-Architettura) hanno l’obbligo di
frequentare i corsi e di attestare la presenza in aula con il tesserino magnetico personale (badge). La
frequenza, secondo i limiti stabiliti dalla Facoltà, è condizione necessaria per sostenere gli esami di
profitto dei singoli insegnamenti. Non esistono altre procedure che permettano all’allievo di certificare
la presenza in aula. Eccezioni sono previste unicamente per le matricole (I° anno - l° semestre) fino
alla consegna del badge e per gli studenti che hanno richiesto alla segreteria un duplicato del tesserino
magnetico.

7
Pertanto, per attestare correttamente la presenza in aula mediante la procedura elettronica lo studente
deve:
avere sempre con se il tesserino personale; la mancanza del badge al momento della
rilevazione delle presenze non consente di accedere alla procedura elettronica e quindi
determina un’assenza alla lezione;

verificare, prima di utilizzare il proprio badge, che il docente abbia attivato la sessione di
rilevazione delle presenze; l’impiego del tesserino prima delle operazioni di apertura o dopo
la chiusura della procedura è considerata come anomalia dal sistema e quindi determina
un’assenza alla lezione;

utilizzare il tesserino con la banda magnetica rivolta in alto, da sinistra verso destra ed
impiegando indifferentemente i terminali slave o master presenti nell’aula; il corretto
passaggio del badge è seguito da un unico suono “BEEP” (lettura valida);

ripetere l’operazione soltanto nel caso di anomalia diagnosticata con una sequenza di tre
suoni “BEEP” (lettura errata); l’utilizzo del badge per più di una lettura valida (unico
“BEEP”) - all’interno della stessa sessione di rilevazione - è considerata un’anomalia dalla
procedura e quindi determina un’assenza alla lezione.

Con l’anno accademico 2007/2008 è terminato il periodo di sperimentazione della procedura


elettronica di rilevazione presenze, pertanto, la Facoltà non assisterà più gli studenti nel modificare e/o
correggere anomalie determinate da un errato utilizzo della procedura. È necessario, dunque, che
l’allievo si attenga a quanto sopra indicato al fine di ottenere una corretta contabilizzazione delle
proprie presenze.

8
INFORMAZIONI UTILI

Richieste di partecipazione ai tirocini


Le offerte di tirocinio possono essere consultate sulla bacheca dell’Area Didattica di Ingegneria
dell’Informazione presso la Facoltà di Ingegneria (Inv. 9C, piano 3°), all'esterno dell'Ufficio Tirocini.

Per candidarsi è sufficiente consultare il sito di Area Didattica di Ingegneria dell’Informazione


http://www.adinf.unisa.it/ o, compilare on-line la domanda di partecipazione.

La domanda dove essere presentata nel periodo 1 settembre - 31 dicembre e ha validità per un anno
accademico. Essa dovrà essere ripresentata qualora non possa aver seguito durante l'anno di validità.

Presentazione dei Piani di Studio


I Piani di studio vanno presentati alla Segreteria Studenti di Ingegneria, entro la data deliberata dal
Senato Accademico (tipicamente metà Settembre). Successivamente lo studente riceverà
comunicazione sull'eventuale approvazione del Piano di Studio o sulle richieste di emendamento dal
Consiglio di Area Didattica di Ingegneria dell’Iinformazione..

Richieste di partecipazione a programmi di mobilità internazionale


Lo studente interessato può aderire al programma di mobilità studentesca Erasmus che consente loro
di svolgere un periodo di studi all’estero presso una delle Università straniere che hanno stabilito un
accordo di mobilità. Le Università straniere che hanno stretto accordi di mobilità con l’Area Didattica
di Ingegneria dell’Informazione.
Il programma Erasmus consente allo studente di formulare un piano di studio in cui alcuni
insegnamenti dell’Università di provenienza sono sostituiti con insegnamenti presenti nell’offerta
didattica dell’Università ospitante e/o svolgere attività di tirocinio e di tesi.
L’istruttoria per la partenza prevede la compilazione del Learning Agreement che contiene le
indicazioni sugli insegnamenti che si intendono seguire all’estero e i relativi esami che saranno
sostenuti.
Sul sito Web dell’Area Didattica di Ingegneria dell’Informazione sono disponibili tutte le convenzioni
stipulate, i regolamenti, e le informazioni necessarie allo studente per perfezionare la richiesta di
mobilità e per provvedere all’accreditamento degli esami superati al rientro.
Sono attive convenzioni con prestigiose Università Europee dei principali paesi: Germania, Gran
Bretagna, Irlanda, Portogallo, Romania, Spagna e Svezia.

Prenotazione dei test di lingua Inglese


I crediti riservati alla Conoscenza della Lingua si possono conseguire soltanto attraverso un apposito
TEST, che viene svolto due volte l’anno presso il CLA (Centro Linguistico d’Ateneo)
(orientativamente a Gennaio ed a Luglio). Il risultato del TEST è espresso nel sistema ALTE ed è di
riferimento per l’eventuale acquisizione dei crediti.
Il requisito minimo richiesto nella Conoscenza della Lingua Straniera è rappresentato dal Livello II
(Threshold User) della ALTE (Association of Language Testers in Europe) corrispondente al PET
(Preliminary English Test) utilizzato per la Lingua Inglese.
Le prenotazioni per lo svolgimento del test si effettuano presso la Segreteria di Area Didattica di
Ingegneria dell’Informazione nei periodi indicati nella bacheca e sul sito web
http://www.adinf.unisa.it/

9
Contatti e riferimenti

Presidente dell’Area Didattica di Ingegneria dell’Informazione: Prof. Mario VENTO,


Tel. 089/964224, E-mail: mvento@unisa.it
Segreteria dell’Area Didattica
Orario di Ricevimento: lunedì, mercoledì e giovedì dalle 10.00 alle 12.00
Tel: 089/964167 E-mail: adinf@unisa.it;
Altri Contatti Utili per gli Studenti:

Coordinatore Commissione Orari


Ing. Vincenzo MATTA
Tel: 089/964301; e-mail: vmatta@unisa.it

Coordinatore Commissione Tutorato


Prof. Pasquale CHIACCHIO
Tel: 089/964306; e-mail: pchiacchio@unisa.it

Coordinatore Commissione Piani di Studio


Prof. Giovanni RICCIO
Tel: 089/964285; e-mail: riccio@diiie.unisa.it

Coordinatore Commissione Tirocini


Prof. Lucio Ippolito
Tel: 089/964285; e-mail: ippolito@unisa.it

Responsabile Relazioni Internazionali


Prof. Angelo MARCELLI
Tel: 089/964274; e-mail amarcelli@unisa.it
8

10
LAUREA DI I LIVELLO Curriculum per gli Immatricolati nell’A.A. 2008/09

I Anno Semestre Cfu SSD


Matematica I I 9 MAT/05
Fisica (mod. 1) I 6 FIS/01
Fondamenti di Informatica I 6 ING-INF/05
I Insegnamento a scelta I 6 a scelta
Fisica (mod. 2) II 6 FIS/01
Algoritmi e Strutture Dati II 9 ING-INF/05
Matematica II II 9 MAT/05

TOTALE ANNO I 51 6 ESAMI

II Anno Cfu SSD


Basi di Dati I 9 ING-INF05
Matematica III I 6 MAT/05
Reti Logiche I 6 ING-INF/05
Programmazione ad oggetti I 9 ING-INF/05
Teoria dei segnali: Modulo di Elementi di Probabilità I 6 SECS-S/02
Teoria dei segnali: Modulo di Analisi dei Segnali II 6 ING-INF/03
Calcolatori Elettronici II 9 ING-INF/05
Fondamenti di Elettrotecnica e Circuiti II 9 ING-IND31
Fondamenti di Controlli Automatici II 9 ING-INF/04

TOTALE ANNO II 69 8 ESAMI

III ANNO (PERCORSO FORMATIVO) Cfu SSD


Reti: Architetture e Servizi 9 INF/01
Ingegneria del software 9 ING-INF/05

Circuiti Digitali 9 ING-INF/01

Teoria e Tecnica delle Telecomunicazioni: modulo 1 6 ING-INF/03


Teoria e Tecnica delle Telecomunicazioni: modulo 2 6 ING-INF/03

Tecnologie Informatiche dei Sistemi di Controllo II 6 ING-INF/04

Insegnamento formativo a scelta 9 a scelta


Tirocinio formativo 3 altro
Prova finale 3 altro

TOTALE ANNO III (PERCORSO FORMATIVO) 60 6 ESAMI

TOTALE CdS (su FORMATIVO) 180 ESAMI TOTALI 20

11
III ANNO (PERCORSO PROFESSIONALIZZANTE) Cfu SSD
Reti: Architetture e Servizi 9 INF/01

Tecnologie Informatiche dei Sistemi di Controllo II 6 ING-INF/04

Sistemi di Telecomunicazione 6 ING-INF/03


Tecnologie Software per il WEB 9 ING-INF/05
Laboratorio di Sistemi Operativi 9 ING-INF/05
Insegnamento professionalizzante a scelta 6 a scelta
Tirocinio professionalizzante 12 altro
Prova finale 3 altro

TOTALE ANNO III (PERCORSO PROFESSIONALIZZANTE) 60 6 ESAMI

TOTALE CdS (su PROFESSIONALIZZANTE) 180 ESAMI TOTALI 20

I Insegnamento a scelta CFU SSD


Economia ed Organizzazione Aziendale 6 SECS-P/07
Chimica 6 CHIM/07

Insegnamento formativo a scelta


Sistemi operativi e Sistemi embedded 9 ING-INF/05

Insegnamento Professionalizzante a scelta CFU SSD

Sistemi e Tecnologie Industriali 9 ING-IND/33

12
LAUREA MAGISTRALE

I Anno Semestre Cfu SSD


Tecniche di programmazione I 9 ING-INF/05
(*) Ingegneria del Software I 9 ING-INF/05
Reti di calcolatori: protocolli e sistemi I 9 INF/01
Programmazione in rete (integrato con Linguaggi e Compilatori) II 6 ING-INF/05
Complementi di Controlli automatici II 9 ING-INF/04
Sistemi di Elaborazione II 9 ING-INF/05
Elaborazione numerica dei segnali II 9 ING-INF/03

TOTALE ANNO I 60 7 ESAMI

II Anno Cfu SSD


Sistemi informativi aziendali 9 ING-INF/05
Automazione industriale 9 ING-INF/04
Linguaggi e Compilatori (Integrato con Programmazione in rete) 6 ING-INF/05
Reti di telecomunicazioni 9 ING-INF/03
Applicazioni dell'Intelligenza Artificiale all'Ingegneria 6 ING-INF/05
Insegnamento a scelta 9 a scelta
Esame finale 12 altro

TOTALE ANNO II 60 6 ESAMI


TOTALE CdS 120 ESAMI TOTALI 13

Lista degli insegnamenti a scelta CFU SSD


Architetture avanzate dei calcolatori elettronici 9 ING-INF/05
Codifica e Compressione dell'informazione 9 ING-INF/03
Telecomunicazioni numeriche 9 ING-INF/03
Telerilevamento 9 ING-INF/03
(*) Antenne e collegamenti wireless 9 ING-INF/02

(*) Per gli A.A.2008/09 - 2009/10 - 2010/11 l'insegnamento di "Antenne e collegamenti wireless" previsto al primo
anno è posto fra gli insegnamenti a scelta e sostituito da "Ingegneria del Software". Dall'A.A. 2011/12 sarà
eliminato "Ingegneria del Software" e ripristinato "Antenne e collegamenti wireless" come obbligatorio al primo
anno.

13
MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2008/09 LAUREA I LIVELLO

ARTICOLAZIONE DEL I ANNO – Immatricolati A.A. 2008/09


Insegnamento CFU Propedeuticità
1° Semestre

Matematica I 9
Fisica (mod. 1) 6
Fondamenti di Informatica 6
I Insegnamento a scelta 6
Fisica (mod. 2) 6
Semest

9

re

Algoritmi e Strutture Dati Fondamenti di Informatica

Matematica II 9 Matematica I

I INSEGNAMENTO A SCELTA
Insegnamento CFU Propedeuticità
Economia e organizzazione aziendale 6
Chimica 6

14
ARTICOLAZIONE DEL II ANNO Immatricolati A.A. 2007/08
Insegnamento CFU Propedeuticità
Fondamenti di Informatica,
Calcolatori Elettronici 6
Algoritmi e strutture dati
Matematica III 6 Matematica II
1° Semestre

Algoritmi e Strutture Dati,


Programmazione ad oggetti 6 Laboratorio di Linguaggi ed
Ambienti di Programmazione
Fondamenti di Misure 3 Fisica I, Matematica II
Fondamenti di Analisi dei Segnali e
3 Matematica II
Trasmissione (I Mod.)
Circuiti Digitali 6 Elettrotecnica I
Basi di Dati e Sistemi Informativi 6 Algoritmi e Strutture Dati
Fondamenti di Automatica 6 Matematica III
2° Semestre

Principi di Campi Elettromagnetici 9 Matematica III, Fisica II


Elem. di Probabilità e Statistica
Fondamenti di Analisi dei Segnali e per l'Ingegneria, Matematica III,
6
Trasmissione (II Mod.) Fondam. di Analisi dei Segnali e
Trasmissione (I Mod.)
II Insegnamento a scelta 3

II INSEGNAMENTO A SCELTA
Insegnamento CFU Propedeuticità
Circuiti di Power Management 3 Elettrotecnica I

15
ARTICOLAZIONE DEL III ANNO - Immatricolati A.A. 2006/07
Insegnamento Crediti Propedeuticità
Fondamenti di Analisi dei Segnali e
Sistemi di Telecomunicazione 6
Trasmissione (II mod)
1° Semestre

Sistemi e Tecnologie Industriali 6


Tecnologie Informatiche dei
6 Fondamenti di Automatica
Sistemi di Controllo

I Insegnamento di curriculum 6

II Insegnamento di curriculum 6
Reti di Calcolatori: Architetture
6 Fondam3enti di Informatica
e Servizi
Misure per la Certificazione di Reti di calcolatori: Architetture e
2° Semestre

3
Impianti di Rete Servizi - Fondamenti di Misure
Fond.di Analisi dei Segnali e Trasm.
Laboratorio di Analisi dei Segnali 3
(II mod) – Fond. di Automatica
Ulteriori insegnamenti di curriculum 5
Tirocinio 6
Prova Finale 6

CURRICULA PROFESSIONALIZZANTI

CURRICULUM SISTEMI INFORMATIVI


Insegnamento CFU Propedeuticità
Sistemi informativi aziendali 6 Basi di Dati e Sistemi Informativi
Laboratoriodi tecnologie per il WEB 6 Reti di calcolatori: Architetture e
Servizi - Programmazione ad Oggetti e
Tecnologie Informatiche dei Sistemi
Sistemi di automazione distribuita 3
di Controllo
Laboratorio di Sistemi Operativi 3 Algoritmi e Strutture Dati
CURRICULUM APPLICAZIONI TELEMATICHE
Insegnamento CFU Propedeuticità
Fondamenti di Analisi dei Segnali e
Reti di Telecomunicazioni 6
Trasmissione (II mod)
Reti di calcolatori: Architetture e
Laboratorio di Tecnologie per il WEB 6
Servizi, Programmazione ad oggetti
Fondamenti di Analisi dei Segnali e
Sistemi radiomobili 6
Trasmissione (II mod)

16
MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2008/09 LAUREA MAGISTRALE

ARTICOLAZIONE DEL I ANNO


Insegnamento