Sei sulla pagina 1di 204

M A N UA L E VA LVO L E

Copyright by
KSB Italia S.p.A.

Stampato in Italia da:


Briefing s.r.l.
tel. 0331.350.772

Nessuna parte di questa


pubblicazione pu essere
riprodotta, conservata in un
sistema di memorizzazione o
trasmessa in qualsiasi forma o
con qualsiasi mezzo (elettronico,
meccanico o registratore) senza il
preventivo permesso scritto di
KSB Italia S.p.A.

KSB Italia S.p.A. si riserva la


facolt di modificare in
qualunque momento e senza
preavviso i contenuti illustrati
nella presente pubblicazione.
Tutte le informazioni, tabelle
tecniche e grafiche non potranno,
senza nostro benestare, essere
considerate documenti
contrattuali.

Introduzione

KSB Italia continua la


tradizione di condividere con i
propri clienti il suo grande
patrimonio tecnico attraverso la
realizzazione di questa nuova
edizione del MANUALE
DELLE VALVOLE.
La presente pubblicazione
rivolta a tutti coloro che
desiderano acquisire le
conoscenze tecniche di base nel
mondo dellintercettazione dei
fluidi ed un agile strumento di
lavoro per i professionisti cos
come per gli studenti.

Con pratiche sezioni contenenti


suggerimenti e consigli per la
migliore installazione della
valvola, ricco di tabelle,
diagrammi e risultati tecnici e
sperimentali, il volume stato
realizzato per fornire preziose
indicazioni scientifiche per la
progettazione, costruzione e
lesercizio di controllo e
regolazione dei liquidi che
vanno dalla scelta della valvola
a come ottimizzarne le
prestazioni.

Indice

Indice

Vai a Indice Glossario


Vai a Indice Tabelle tecniche

II

pag.
Glossario ......................................................................................................1-75
1
Fattori Kv per valvole di intercettazione .................................... 77-95
2
Fattori Kv per valvole di ritegno ...............................................97-109
3
Fattori Kv per valvole di regolazione ..................................... 111-145
4
Fattori Kv per valvole di taratura .......................................... 147-160
5
Fattori Kv per filtri ad Y .................................................... 161-162
6
Pressione di esercizio ............................................................. 163-169
7
Caratteristiche fisiche vapore dacqua ................................... 171-178
8
Tabelle dimensionali: controflange, bulloni e guarnizioni ..... 179-195
9
Simbologia ............................................................................. 197-198

Indice
Torna all'Indice

Continua

pag.

pag.

Accessori per manovra sottosuolo .................................. 2


Angle Check valve............................................................ 2
ANSI ................................................................................2
Antideflagrante ............................................................... 2
Attacchi ........................................................................... 2
Attacchi - Normative di riferimento ............................... 2
Automatic Air Valve ....................................................... 2
Ball Valve ........................................................................ 2
Bolwdown valve .............................................................. 2
Butterfly Valve ................................................................. 2
By-Pass ............................................................................ 2
Cappellotto di manovra .................................................. 3
Carico ............................................................................. 3
Cassetta Antincendio ...................................................... 3
Cavitazione ..................................................................... 3
Check Valve "Venturi" type ............................................ 4
Check Valve with free flow ............................................. 4
Check Valve with streamlined flow ................................ 4
Chiave di manovra o da fontaniere ................................. 4
Chiusini stradali .............................................................. 4
Chiusura .......................................................................... 4
Circolare 102/78 ............................................................. 4
Classe di protezione ........................................................ 5
Clean Air Act .................................................................. 6
Coefficiente di portata Kv - Cv ....................................... 6
Coibentazione ................................................................... 6
Collari di presa ........................................................... 7
Colli di cigno .............................................................. 7
Colonnina di manovra .................................................... 7
Colpo dAriete ................................................................. 7
Comando a catena .......................................................... 7
Compensatori di dilatazione a Soffietto Metallico........... 8
Compensatori di dilatazione in Elastomero ................ 9
Controflange ............................................................... 10
Coppia di manovra ..................................................... 10
Curva a piede ........................................................... 10
Decreto del Ministero della salute nr. 174 ................ 11
Delta-P ..................................................................... 11
Diaphragm Valve ...................................................... 11
Dilatazione termica .................................................. 11
Dima 1882 o Dima internazionale ............................... 13
Direttiva Europea Attrezzature a pressione
97/23/CE (PED) ............................................................ 13
Direttiva Europea ATEX 94/9/CE .................................16
Direttiva Europea sulla sicurezza delle macchine
CE 89-392 CEE ............................................................ 18
Disconnettore a pressione ridotta ................................. 18
Discriminatore di fase .............................................. 19
Dismalting Joint ....................................................... 19
DN ........................................................................... 19
Elettrovalvola ........................................................... 19
Esente da Manutenzione .......................................... 19
Face-to-Face ............................................................. 19
Filtri di linea ad Y .................................................... 19

Filtro di Presa ........................................................... 19


Fine corsa ................................................................. 20
Float Valve ............................................................... 20
Fluidi ........................................................................ 20
Foot Valve ................................................................ 20
Gate Valve ................................................................ 20
Giunti antivibranti a Soffietto Metallico ................... 20
Giunti antivibranti in Elastomero ............................. 20
Giunti di riparazione ................................................ 20
Giunti di Smontaggio a Cannocchiale ...................... 20
Giunti dielettrici ............................................................ 21
Giunti Gibault ............................................................... 21
Globe Check Valve ........................................................ 21
Globe Valve ................................................................... 21
Gruppo Motopompa .................................................... 21
Guide ............................................................................ 21
Guillottine Gate Valve ................................................... 21
Hydrants ....................................................................... 21
Idranti stradali .............................................................. 21
Idrovalvola .................................................................... 22
Indicatore di apertura ................................................... 22
Limitatore di coppia ...................................................... 22
Materiali ....................................................................... 22
Montaggio (Posizioni di installazione) .......................... 26
Namur ..................................................................... 27
Normativa EN 19 .................................................... 27
Normativa EN 558-1 ............................................... 27
Normativa EN 558-2 ............................................... 27
Normativa EN 593 .................................................. 27
Normativa EN 681-1 .................................................... 27
Normativa EN 736-1 ..................................................... 28
Normativa EN 736-2 .................................................... 29
Normativa EN 736-3 .................................................... 29
Normativa EN 1074-1 .................................................. 29
Normativa EN 1074-2 .................................................. 29
Normativa EN 1074-3 .................................................. 29
Normativa EN 1074-4 .................................................. 29
Normativa EN 1074-5 .................................................. 29
Normativa EN 1092-1 .................................................. 30
Normativa EN 1092-2 ............................................. 31
Normativa EN 1092-3 ............................................. 31
Normativa EN 1092-4 ............................................. 31
Normativa EN 1267 ................................................ 31
Normativa EN 1349 ................................................ 31
Normativa EN 1503-1 ............................................. 31
Normativa EN 1503-2 ............................................. 31
Normativa EN 1503-3 ............................................. 31
Normativa EN 1503-4 ............................................. 31
Normativa EN 1759-3 ............................................. 31
Normativa EN 1984 ................................................ 31
Normativa EN ISO 10497 ....................................... 31
Normativa EN ISO 9001:2000 ................................ 31
Normativa EN 12116 ................................................... 32
Normativa EN 12266-1 ................................................ 32
Normativa EN 12266-2 ................................................ 33

Indice Glossario

Torna all'Indice

Continua

III

Indice
Torna a Indice Glossario
pag.
Normativa EN 12334 .............................................. 33
Normativa EN 12570 .............................................. 33
Normativa EN 12627 .................................................... 33
Normativa EN 12760 .............................................. 33
Normativa EN 12982 .............................................. 33
Normativa prEN 13289 ................................................ 33
Normativa EN 60534-2-1 ............................................. 33
Normativa ISO 5208 ..................................................... 33
Normativa ISO 5210...................................................... 33
Normativa ISO 5211 ..................................................... 33
Normativa ISO 5752 ..................................................... 34
Normativa ISO 7005-1 .................................................. 34
Normativa ISO 15848-1 ............................................... 34
Normativa UNI 10269 ............................................. 34
Normativa UNI 10779 ............................................. 34
Normativa UNI 2223 ............................................... 34
Normativa UNI 2514 ............................................... 34
Normativa UNI 6884 ............................................... 34
Normativa UNI 7125-72 .......................................... 34
Normativa UNI 8061 ............................................... 34
Normativa UNI 9490 ............................................... 35
Normativa UNI EN 10204 ........................................... 35
Normativa UNI EN 1171 ............................................. 36
Normativa UNI EN 29000 ....................................... 38
Normativa UNI GIG 9245 ....................................... 38
Norme di sicurezza per l'Uso, la Manutenzione,
l'Installazione e lo Smontaggio ..................................... 39
ON-OFF Angle Valve ............................................... 43
ON-OFF Bellow Valve ............................................. 43
ON-OFF Free-Flow Valve ........................................ 43
ON-OFF Streamlined-Flow Valve ............................. 43
Paratoia .................................................................... 43
Perdite di carico ....................................................... 44
Plug Cocks .................................................................... 45
PN ............................................................................... 45
Portata ........................................................................... 45
Posizionatore ................................................................. 46
Pressione ....................................................................... 46
Premistoppa .................................................................. 47
Protezione Epossidica ................................................ 49
Protezioni di sicurezza .............................................. 49
Punti Fissi ...................................................................... 49
Rating ........................................................................... 50
Resistenza anticondensa ................................................ 51
Regulating Valve ........................................................... 51
Riduttori di pressione .................................................... 51
Rubinetto a Maschio .................................................... 51
Rubinetto a Maschio tipo Sicilia ...................................... 51
Rumorosit ................................................................... 51
Safety Valve ................................................................... 51
Saracinesca .................................................................... 51
Saracinesca a ghigliottina ................................................. 52
Saracinesca cuneo flessibile .............................................. 52
Saracinesca cuneo gommato ............................................ 52
Scaricatore di condensa .................................................... 52
Scartamento .................................................................. 53
Servocomando Idraulico/oleodinamico ........................ 53

Torna a Indice Glossario

IV

Vai a Indice Tabelle tecniche


pag.
Servocomando Elettrico ................................................ 54
Servocomando Manuale ........................................... 55
Servocomando Pneumatico ...................................... 55
Strainers ........................................................................ 56
Strettoi a Valvola ........................................................... 56
Surface Box ................................................................... 56
Tabella ANSI B16.5 ...................................................... 56
Tabella ANSI B16.10 .................................................... 56
TA LUFT (Technische Anleitung der Luft) ................... 56
Tappo di Equilibratura ................................................. 59
Tappo Parabolico .......................................................... 59
Three-Way Valve ....................................................... 60
Trasduttore (E/P Converter) ..................................... 60
Trasmettitore di posizione ........................................ 60
Unit di misura ............................................................. 60
Valvola a farfalla ........................................................... 61
Valvola a galleggiante ................................................... 62
Valvola a Manicotto ..................................................... 63
Valvola a Membrana .................................................... 63
Valvola a Spillo ............................................................. 63
Valvola Compatta ............................................................ 63
Valvola di Intercettazione a Sfera ............................. 63
Valvola di Intercettazione a Tappo a Squadra .............. 64
Valvola di Intercettazione a Tappo Flusso avviato ........ 65
Valvola di Intercettazione a Tappo Flusso Libero ......... 65
Valvola di Regolazione a taratura fissa ......................... 65
Valvola di Regolazione a Fuso ...................................... 65
Valvola di Riduzione della pressione ............................ 66
Valvola di Ritegno ........................................................ 66
Valvola di Ritegno a Clapet .......................................... 66
Valvola di Ritegno a Clapet Gommato ......................... 66
Valvola di Ritegno a Clapet Gommato
con corpo rivestito ........................................................ 67
Valvola di Ritegno a Disco ............................................ 67
Valvola di Ritegno a Doppio Battente .......................... 67
Valvola di Ritegno a Fuso ............................................. 67
Valvola di Ritegno a membrana ................................... 68
Valvola di Ritegno a Palla ............................................. 68
Valvola di Ritegno a Sfera con corpo rivestito .............. 68
Valvola di Ritegno a Tappo a Squadra ..................... 68
Valvola di Ritegno a Tappo Flusso Avviato .............. 68
Valvola di Ritegno a Tappo Flusso Libero .................... 69
Valvola di Ritegno di fondo ...................................... 69
Valvola di Ritegno fine tubazione ............................. 69
Valvola di Ritegno Intercettabile .................................... 69
Valvola di Ritegno Intermedia ...................................... 69
Valvola di Sezionamento (Intercettazione) .................... 70
Valvola di Sfiato ............................................................ 70
Valvola di Sfiato e rientrata d'aria ............................ 70
Valvola di Sfioro ....................................................... 70
Valvola di Sicurezza .................................................. 70
Valvola di Taratura e bilanciamento ............................. 71
Valvole Deviatrici .......................................................... 71
Valvole Termoregolatrici ............................................... 72
Velocit ......................................................................... 72
Vertical Check valve ...................................................... 72
Vuoto ............................................................................ 72
Zeta () ......................................................................... 74

Vai a Indice Tabelle tecniche

Indice
Torna all'Indice

Indice Tabelle tecniche

Continua
pag.

Tab. 1 - Selezione del tipo di manovra secondo Normativa UNI 7125 ..................................................................... 3
Tab. 2 - Gradi di protezione secondo DIN 40050 - IEC 144 ......................................................................................... 5
Tab. 3 - Determinazione del coefficiente di dilatazione per tubazioni in acciaio al carbonio, legato e inox ................ 12
Tab. 4 - Dilatazione termica per metro lineare di tubazione ........................................................................................ 12
Tab. 5 - Direttiva 97/23/CE (PED) Tavola 6 - Gas del gruppo 1 ............................................................................ 14
Tab. 6 - Direttiva 97/23/CE (PED) Tavola 7 - Gas del gruppo 2 ................................................................................. 14
Tab. 7 - Direttiva 97/23/CE (PED) Tavola 8 - Liquidi del gruppo 1 ............................................................................ 15
Tab. 8 - Direttiva 97/23/CE (PED) Tavola 9 - Liquidi del gruppo 2 ............................................................................ 15
Tab. 9 - Direttiva 94/9/CE (Atex) Atmosfere esplosive del gruppo I ............................................................................ 17
Tab. 10 - Direttiva 94/9/CE (Atex) Atmosfere esplosive del gruppo II ........................................................................... 17
Tab. 11 - Comparazione tra designazioni materiali secondo norme DIN-EN e ASTM ................................................. 23
Tab. 12 - Comparazione tra identificativi materiali secondo norme DIN e EN ............................................................. 24
Tab. 13 - Comparazione tra gruppi di materiali classificati secondo norme ASTM e EN-DIN ..................................... 25
Tab. 14 - Temperature ammissibili secondo ANSI B16.34-ANSI B31.3 ........................................................................ 25
Tab. 15 - Attacchi flangiati - Comparazione tra tipologie DIN e EN ............................................................................ 30
Tab. 16 - Attacchi flangiati - Lavorazione superfici di tenuta secondo EN 1092-1 ........................................................ 30
Tab. 17 - Normativa EN 12266-1 - Gradi di perdita nei test effettuati con aria ........................................................... 32
Tab. 18 - Normativa EN 12266-1 - Gradi di perdita nei test effettuati con acqua ........................................................ 32
Tab. 19 - Normativa EN 10204 - Designazione dei documenti ..................................................................................... 36
Tab. 20 - Normativa UNI-EN 1171 - Prospetto 1 - Materiali del corpo e del cappello ................................................. 37
Tab. 21 - Normativa UNI-EN 1171 - Prospetto 2 - Rapporti pressione/temperatura per le serie isomorfiche............... 37
Tab. 22 - Normativa UNI-EN 1171 - Prospetto 3 - Scartamento - Serie di base ........................................................... 37
Tab. 23 - Abaco per la determinazione della portata/velocit nelle tubazioni (fluidi) .................................................... 45
Tab. 24 - Conversione tra le varie unit di misura della pressione ................................................................................. 46
Tab. 25 - Normativa CEI 64.2 - Protezioni di sicurezza ................................................................................................ 49
Tab. 26 - Rating secondo EN 1092-2 ............................................................................................................................ 50
Tab. 27 - Comparazione tra scartamenti secondo norme DIN e EN ............................................................................. 53
Tab. 28 - Tipologie e funzioni dei servocomandi idraulici ............................................................................................. 54
Tab. 29 - Caratteristiche di base servocomandi elettrici ................................................................................................. 54
Tab. 30 - Tipologie e funzioni dei servocomandi pneumatici ......................................................................................... 56
Tab. 31 - VDI 2440 tabella 6 - Principali emissioni di fluidi gassosi per gli organi di intercettazione e regolazione ..... 57
Tab. 32 - VDI 2440 tabella 7 - Principali emissioni gassose dalle connessioni flangiate ................................................ 58
Tab. 33 - Valori massimi ammissibili per manovra senza tappo di equilibratura .......................................................... 59
Tab. 33.1 - Tappo parabolico - Delta-P max. per valvole PN 10/40 con otturatore snodato ........................................... 59
Tab. 33.2 - Tappo parabolico - Delta-P max. per valvole PN 40 con otturatore rigido .................................................... 59
Tab. 33.3 - Tappo parabolico - Delta-P max. per valvole PN 160 con otturatore rigido .................................................. 59
Tab. 33.4 - Tappo parabolico - Delta-P max. per valvole PN 320 con otturatore rigido .................................................. 59
Tab. 34 - DPR 802/82 - Unit di misura ........................................................................................................................ 60
Tab. 35 - Comparazione tra le varie unit di misura del vuoto ..................................................................................... 73
Tab. 36 - Coefficenti di perdita di carico ..................................................................................................................... 75
Tab. 37 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - BOAH - Intercettazione a soffietto PN 16 ............................ 78
Tab. 38 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - FAIT16 - Intercettazione a baderna PN 16 ........................... 78
Tab. 39 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - BOAH40 - Intercettazione a soffietto PN 40 ........................ 78
Tab. 40 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - ZXL - Intercettazione a barderna PN 40 .............................. 78
Tab. 41 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - BOAW - Intercettazione tappo gomma PN 6/16.................... 79
Tab. 42 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - BOAC-NG - Intercettazione tappo gomma PN 6/16 ............. 79
Tab. 43 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - BOA-CS - Intercettazione tappo gomma PN 6/10/16 ........... 79
Tab. 44 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - ZJL - Intercettazione a barderna PN 40 ............................... 79
Tab. 45 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - BOAHSQ - Intercettazione a soffietto PN 16 ....................... 80
Tab. 46 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - BOAHSQ40 - Intercettazione a soffietto PN 40 ................... 80
Tab. 47 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - ZYL - Intercettazione a baderna PN 40................................. 80
Tab. 48 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - COBRA - Saracinesca corpo piatto PN 10 ........................... 80
Tab. 49 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - COVI-E - Saracinesca corpo ovale PN 16/25 ........................ 81
Tab. 50 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - SGO16-SGP16 - Saracinesca cuneo gommato PN 16 ........... 81
Tab. 51 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - CCVI-E - Saracinesca corpo cilindrico PN 40 ....................... 81

Torna all'Indice

Continua

Glossario

Glossario

Continua
pag.
Tab. 52 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - CPVI-E - Saracinesca corpo piatto PN 6/10 ............................. 81
Tab. 53 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - BOAX / BOAX-S - Valvole a farfalla PN 10/16 ...................... 82
Tab. 54 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - ODBV10 - Valvole a farfalla asse eccentrico PN 10 ................ 82
Tab. 55 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - ODBV16/25 - Valvole a farfalla asse eccentrico PN 16/25 ....... 82
Tab. 56 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - ISORIA10 - Valvole a farfalla PN 10 ...................................... 82
Tab. 57 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - ISORIA16 - Valvola a farfalla PN 16 ...................................... 83
Tab. 58 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - ISORIA20 - Valvola a farfalla ANSI 150lb PN20 ................... 83
Tab. 59 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - ISORIA25 - Valvola a farfalla PN 25 ...................................... 83
Tab. 60 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - Mammouth - Valvola a farfalla PN 6/25 ................................. 84
Tab. 61 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - KE1 - Valvola a farfalla con manicotto e disco in Teflon PFA .... 84
Tab. 62 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - KE2 - Valvola a farfalla con manicotto in Teflon PFA
e disco Inox .............................................................................................................................................. 84
Tab. 63 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - KE3 - Valvola a farfalla, manicotto elastomero,
disco metallico ................................................................................................................................................... 85
Tab. 64 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - KE4 - Valvola a farfalla, manicotto elastomero,
disco in Teflon PFA ............................................................................................................................................ 85
Tab. 65 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - DANAIS150 - Farfalla DANAIS 150 PN 20/Ansi 150 lb ........ 85
Tab. 66 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - DANAIS-MT II 150
Farfalla Danais MT-II PN 20/Ansi 150 lb ................................................................................................. 85
Tab. 67 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - DANAIS-MT II 300
Farfalla Danais MT-II PN 50/Ansi 300 lb ................................................................................................ 86
Tab. 68 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - SISTO16 - Valvola membrana ghisa nuda PN 16 .................... 86
Tab. 69 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - SISTO16RIV - Valvola membrana ghisa rivestita PN 16 ......... 86
Tab. 70 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - MPCI - Valvola sfera passaggio tatale PN 16 .......................... 86
Tab. 71 - Abaco delle perdite di carico per valvole BOA-H PN 16/25 con tappo di intercettazione ..................... 87
Tab. 72 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - Valvole a flusso avviato flangiate (ZXL) o con attacchi
da saldare (ZXS) tipo ZXL e ZXS con tappo di intercettazione (DN 10-50) NORI 40 ................................ 88
Tab. 73 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - Valvole a flusso avviato flangiate (ZXL) o con attacchi
da saldare (ZXS) tipo ZXL e ZXS con tappo di intercettazione (DN 65-200) NORI 40 .............................. 89
Tab. 74 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - Valvole a flusso avviato con attacchi flangiati tipo ZXL
otturatore di intercettazione (DN 10-50) NORI 160 ..................................................................................... 90
Tab. 75 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - Valvole a flusso avviato con attacchi flangiati tipo ZXL
otturatore di intercettazione (DN 65-250) NORI 160 ................................................................................... 91
Tab. 76 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - Valvole a flusso libero con attacchi flangiati tipo ZYA
otturatore di intercettazione (DN 10-50) NORICHEM ................................................................................. 92
Tab. 77 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - Valvole a flusso libero con attacchi flangiati tipo ZYA
otturatore di intercettazione (DN 65-200) NORICHEM ............................................................................... 93
Tab. 78 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - Valvole a flusso avviato con soffietto attacchi flangiati.
Otturatore di intercettazione (DN 10-50) BOACHEM .................................................................................. 94
Tab. 79 - Fattori Kv per valvole di intercettazione - Valvole a flusso avviato con soffietto attacchi flangiati.
Otturatore di intercettazione (DN 65-100) BOACHEM ............................................................................... 95
Tab. 80 - Fattori Kv per valvole di ritegno - BOAR - Valvola di ritegno a tappo PN 6/16 ............................................. 98
Tab. 81 - Fattori Kv per valvole di ritegno - 2000 - Valvola di ritegno doppio CLAPET PN 16 ................................... 98
Tab. 82 - Fattori Kv per valvole di ritegno - RXL - Valvola di ritegno a tappo PN 25-40-63-100 ................................. 98
Tab. 83 - Fattori Kv per valvole di ritegno - RYL - Valvola di ritegno a tappo PN 25-40-63-100 ................................. 99
Tab. 84 - Fattori Kv per valvole di ritegno - CLAPET40 - Valvola di ritegno a clapet PN 25/40 ................................... 99
Tab. 85 - Fattori Kv per valvole di ritegno - CLAPET100 - Valvola di ritegno a clapet PN 63/100 ............................... 99
Tab. 86 - Fattori Kv per valvole di ritegno - ELAK - Valvola di ritegno a clapet wafer PN 16 ....................................... 99
Tab. 87 - Fattori Kv per valvole di ritegno - RSK/RSK-S - Valvola di ritegno CLAPET PN 16 gommata .................... 100
Tab. 88 - Fattori Kv per valvole di ritegno - KRV - Valvola di ritegno a sfera PN 10 gommata ................................... 100
Tab. 89 - Abaco delle perdite di carico per valvole di ritegno tipo BOA-R ................................................................... 101
Tab. 90 - Abaco delle perdite di carico per valvole di ritegno a doppio battente tipo 2000 ............................................ 102
Tab. 91 - Abaco delle perdite di carico espressa in metri di colonna dacqua per valvole di ritegno a fuso tipo RFV .... 103
Tab. 92 - Abaco delle perdite di carico per valvole di ritegno tipo BOA-RVK ................................................................ 104
Tab. 93 - Abaco delle perdite di carico per valvole di ritegno tipo WI-C ........................................................................ 105
Tab. 94 - Abaco delle perdite di carico per valvole di ritegno tipo ELA .......................................................................... 106

Torna a Indice Tabelle tecniche

Torna a Indice Tabelle tecniche

VI

Continua

Indice
Torna a Indice Tabelle tecniche

Continua

pag.
Tab. 95 - Abaco delle perdite di carico per valvole di ritegno tipo verticali, complete di succheruola
(valvole di FONDO) ...................................................................................................................................... 107
Tab. 96 - Abaco delle perdite di carico per valvole di ritegno tipo KSR ........................................................................ 108
Tab. 97 - Abaco delle perdite di carico per valvole di ritegno a membrana tipo HYDRO-STOP ............................... 109
Tab. 98 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-Compact (DN15/DN20) ............................................. 112
Tab. 99 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-Compact (DN25/DN32) ............................................ 113
Tab. 100 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-Compact (DN40/DN50) ............................................. 114
Tab. 101 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-Compact (DN65/DN80) ............................................. 115
Tab. 102 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-Compact (DN100/DN125) ........................................ 116
Tab. 103 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-Compact (DN150/DN200) ........................................ 117
Tab. 104 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-SuperCompact (DN20/DN25) .................................... 118
Tab. 105 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-SuperCompact (DN32/DN40/DN50) ......................... 119
Tab. 106 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-SuperCompact (DN65/DN80/DN100) ....................... 120
Tab. 107 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-SuperCompact (DN125/DN150/DN200) .................. 121
Tab. 108 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-W (DN15/DN20/DN25) ............................................. 122
Tab. 109 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-W (DN32/DN40/DN50) ............................................. 123
Tab. 110 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-W (DN65/DN80/DN100) .......................................... 124
Tab. 111 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-W (DN125/DN150/DN200) ...................................... 125
Tab. 112 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-H (DN15/DN20) ....................................................... 126
Tab. 113 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-H (DN25/DN32) ....................................................... 127
Tab. 114 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-H (DN40/DN50) ....................................................... 128
Tab. 115 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-H (DN65/DN80) ....................................................... 129
Tab. 116 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-H (DN100/DN125) ................................................... 130
Tab. 117 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-H (DN150/DN200) ................................................... 131
Tab. 118 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-H (DN250/DN300) ................................................... 132
Tab. 119 - Curve caratteristiche - Valvole di regolazione BOA-H (DN350) ................................................................ 133
Tab. 120 - Fattori Kv per valvole di regolazione - BOA - H/HE Tipo BOA-H e BOA-HE
Otturatore di regolazione (DN 10-50) ........................................................................................................... 134
Tab. 121 - Fattori Kv per valvole di regolazione - BOA - H/HE - Otturatore di regolazione (DN 65-200) .................. 135
Tab. 122 - Fattori Kv per valvole di regolazione - NORI 40 - Tipo ZXL e ZXS
Otturatore di regolazione (DN 10-50) ........................................................................................................... 136
Tab. 123 - Fattori Kv per valvole di regolazione - NORI 40 - Tipo ZXL e ZXS
Otturatore di regolazione (DN 65-200) ........................................................................................................ 137
Tab. 124 - Fattori Kv per valvole di regolazione - NORI 40 - Tipo ZXLB
Otturatore di regolazione (DN 10-200) ........................................................................................................ 138
Tab. 125 - Fattori Kv per valvole di regolazione - NORI 160 - Tipo ZXL
Otturatore di regolazione rigido (DN 10-50) ................................................................................................ 139
Tab. 126 - Fattori Kv per valvole di regolazione - NORI 160 - Tipo ZXL
Otturatore di regolazione rigido (DN 65-250) .............................................................................................. 140
Tab. 127 - Fattori Kv per valvole di regolazione - NORI 320 - Tipo ZXSV/ZXLV - Otturatore di regolazione ...........141
Tab. 128 - Fattori Kv per valvole di regolazione - NORI 500 - Tipo ZXSV/ZXLV PN 250/320/500
Otturatore di regolazione .............................................................................................................................. 142
Tab. 129 - Fattori Kv per valvole di regolazione - NORICHEM - Tipo ZYA - Otturatore di regolazione ................... 143
Tab. 130 - Fattori Kv per valvole di regolazione - BOACHEM - Otturatore di regolazione ......................................... 144
Tab. 131 - Abaco delle perdite di carico per valvole di regolazione tipo BOAX ........................................................... 145
Tab. 132 - Curve caratteristiche - BOA-Control IMS, Tipo BOA-Compact - DN 15-20 ..................................... 148
Tab. 133 - Curve caratteristiche - BOA-Control IMS - DN 25-32-40 .................................................................... 149
Tab. 134 - Curve caratteristiche - BOA-Control IMS - DN 50-65-80 .................................................................... 150
Tab. 135 - Curve caratteristiche - BOA-Control IMS - DN 100-125-150 .............................................................. 151
Tab. 136 - Curve caratteristiche - BOA-Control IMS - DN 200 ............................................................................. 152
Tab. 137 - Curve caratteristiche - BOA-Control IMS - Tipo BOA-H - DN 250-350 ........................................... 153
Tab. 138 - Curve caratteristiche - BOA-Control SAR - DN10 ............................................................................... 154
Tab. 139 - Curve caratteristiche - BOA-Control SAR - DN15 ............................................................................... 155
Tab. 140 - Curve caratteristiche - BOA-Control SAR - DN20 ............................................................................... 156
Tab. 141 - Curve caratteristiche - BOA-Control SAR - DN25 ............................................................................... 157
Tab. 142 - Curve caratteristiche - BOA-Control SAR - DN32 ............................................................................... 158

Torna a Indice Tabelle tecniche

Continua

VII

Indice
Torna a Indice Tabelle tecniche

pag.
Tab. 143 - Curve caratteristiche - BOA-Control SAR - DN40 ............................................................................... 159
Tab. 144 - Curve caratteristiche - BOA-Control SAR - DN50 ............................................................................... 160
Tab. 145 - Fattori Kv per filtri ad Y - BOA-S - Filtri ad "Y" PN 16 in ghisa lamellare
cestello in acciaio inox ......................................................................................................................... 162
Tab. 146 - Fattori Kv per filtri ad Y - ECO-FY16 - Filtri ad "Y" PN 16 in ghisa lamellare
cestello in acciaio inox ......................................................................................................................... 162
Tab. 147 - Fattori Kv per filtri ad Y - ECO-FYGS - Filtri ad "Y" PN 16 in ghisa sferoidale
cestello in acciaio inox ......................................................................................................................... 162
Tab. 148 - Fattori Kv per filtri ad Y - Norichem FSA - Filtri ad "Y" PN 16 con corpo e
cestello in acciaio inox ......................................................................................................................... 162
Tab. 149 - Pressioni di esercizio max ammissibili in funzione della temperatura e dei materiali (rating)
secondo EN 1092.................................................................................................................................. 164
Tab. 150 - Pressioni di esercizio max ammissibili in funzione della temperatura e dei materiali (rating)
secondo DIN 2401 ............................................................................................................................... 165
Tab. 151 - Pressioni di esercizio max ammissibili in funzione della temperatura e dei materiali (rating)
secondo UNI 1284 ............................................................................................................................... 166
Tab. 152 - Materiale: A 216 WCB - (rating) secondo ASME B16.34 ..................................................................... 167
Tab. 153 - Materiale: A 217 WC6 - (rating) secondo ASME B16.34 ..................................................................... 167
Tab. 154 - Materiale: A 351 CF8M - (rating) secondo ASME B16.34 ................................................................... 168
Tab. 155 - Materiale: A 105 - A 182-F11 - A 182-F316 - (rating) secondo API 602 .............................................. 168
Tab. 156 - Pressioni di esercizio massime ammissibili per valvole con flange secondo DIN 2401 e
ANSI B 16.5 - 1968 per acciaio C 22 (1.0402 o 1.0460) rispettivamente ASTM 105 Gr. II oppure
acciaio fuso GS-C 25 (1.0619) rispettivamente ASTM A 216 WCB ..................................................... 169
Tab. 157 - Pressione di saturazione e peso specifico dellacqua .............................................................................. 172
Tab. 158 - Caratteristiche fisiche del vapore dacqua saturo da 0,010 a 10 bar assoluti ........................................ 173
Tab. 159 - Caratteristiche fisiche del vapore dacqua saturo da 11 a 221,20 bar assoluti ...................................... 174
Tab. 160 - Caratteristiche fisiche del vapore dacqua surriscaldato da 200C a 340C .......................................... 175
Tab. 161 - Caratteristiche fisiche del vapore dacqua surriscaldato da 360C a 500C .......................................... 176
Tab. 162 - Diagramma di Mollier (h - s) per il vapore dacqua .............................................................................. 177
Tab. 163 - Portate consigliate per vapore saturo .................................................................................................... 178
Tab. 164 - FLANGE DI ACCIAIO A COLLARINO da saldare di testa ................................................................ 180
Tab. 165 - FLANGE DI ACCIAIO A COLLARINO da saldare di testa ................................................................ 181
Tab. 166 - FLANGE DI ACCIAIO A COLLARINO da saldare di testa ................................................................ 182
Tab. 167 - FLANGE DI ACCIAIO A COLLARINO da saldare di testa ................................................................ 183
Tab. 168 - FLANGE PIANE .................................................................................................................................. 184
Tab. 169 - FLANGE PIANE .................................................................................................................................. 185
Tab. 170 - Flange ANSI tipi di accoppiamento ............................................................................................................ 187
Tab. 171 - Flange ANSI 150 .................................................................................................................................. 188
Tab. 172 - Bulloneria per flange ANSI 150 ............................................................................................................. 189
Tab. 173 - Flange ANSI 300 .................................................................................................................................. 190
Tab. 174 - Bulloneria per flange ANSI 300 ............................................................................................................. 191
Tab. 175 - Flange ANSI 600 .................................................................................................................................. 192
Tab. 176 - Bulloneria per flange ANSI 600 ............................................................................................................. 193
Tab. 177 - Bulloni e guarnizioni PN 6/25 ............................................................................................................... 194
Tab. 178 - Bulloni e guarnizioni PN 40/160 ........................................................................................................... 195
Tab. 179 - Simbologia secondo norme DIN 2481 - Valvole ................................................................................... 198

Torna a Indice Tabelle tecniche

VIII

Glossario
Torna all'Indice

Accessori per manovra sottosuolo


By-Pass
Accessori per manovra
sottosuolo
Acquedottistica - Set di accessori
per la manovra sotto il piano
stradale di valvole, saracinesche,
prese stradali, idranti sottosuolo.
Il set composto dai seguenti
particolari: asta di manovra, tubo
riparatore, cappellotti di
collegamento e manovra,
chiusino stradale.
La profondit di installazione
standard 1,25 mt.
Per ovviare alle problematiche
generate dalle diverse profondit
di installazione possono essere
previsti degli accessori di tipo
telescopico, questa soluzione
consente una facile ed immediata
regolazione (entro determinati
valori) delle altezze sia dellasta
di manovra che del tubo
riparatore.

Glossario

Standard Association). I materiali


e le costruzioni sono rispondenti
alle classificazioni ASTM
(American Society for Testing
and Materials) o AISI (American
Iron and Steel Institute).
Antideflagrante
Vedere Protezioni di Sicurezza e
le disposizioni relative alla
direttiva europea ATEX 94/9/CE.
Fig. 4 - Attacchi da saldare
Attacchi
Generale - Il collegamento delle
varie apparecchiature tra di loro
o alla condotta pu essere
realizzato con diversi tipi di
attacco:
filettato, flangiato, da saldare di
testa o tasca.

Fig. 1 - Accessorio sottosuolo


Fig. 3 - Attacco flangiato

ANSI (American National


Standard Institute)
Generale - Normalizzazione
americana che viene impiegata
sovente negli impianti industriali,
in particolare chimici e
petrolchimici; ha sostituito la
normalizzazione ASA (American

Ball Valve
Vedere Valvole a Sfera.
Bolwdown valve
Vedere Scaricatori di condensa.
Butterfly Valve
Vedere Valvole a Farfalla.

Fig. 2 - Attacco filettato

Angle Check valve


Vedere Valvola di ritegno a
squadra.

Automatic Air Valve


Vedere Valvole di Sfiato.

Attacchi - Normative di
riferimento
Attacchi flangiati normativa
precedente DIN 2500, attuale
DIN EN 1092-1, DIN EN 1092-2.
Attacchi da saldare di testa
normativa precedente DIN 3239
parte1, attuale DIN EN 12627.
Attacchi da saldare a tasca
normativa precedente DIN 3239
parte 2, attuale DIN EN 12760.

By-Pass
Generale - Collegamento che
viene realizzato tra la sezione a
monte e la sezione a valle di una
valvola per poter equilibrare la
pressione nelle due sezioni e
consentire, quindi, una manovra
agevole; generalmente viene
previsto per diametri
considerevoli o per elevati
Delta-P. Per quanto riguarda le
saracinesche, nella normativa
UNI 7125/72, vengono definiti
per quali valori di pressione
necessario prevedere il by-pass o
un servocomando manuale.

Fig. 5 - By-Pass

By-Pass
Cavitazione

Glossario

Tab. 1 - Selezione del tipo di manovra UNI 7125/72

Delta-P massimo ammissibile


Per effettuare la manovra senza lausilio del By-pass o di riduttore di sforzo
(Estratto dalla Norma UNI 7125/72)
PN
DN(mm)
40
50
65
80
100
125
150
200
250
300
350
400
500
600
700
800

2,5 / 4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
2,5
2,5
2
1,3
1
0,5

6 /10
16
25
40
Valori di pressione in funzione del PN
10
16
25
40
10
16
25
40
10
16
25
40
10
16
25
40
10
16
25
40
10
16
25
32
10
16
24
23
10
13
13
11
8
7
7
6
6
5,5
5
5
4,5
4
4
4
3,5
3
3
3
2
1,7
1,7
1,7
1,5
1
1
0,7
0,5
0,5
0,2
0,2
0,2

64 /100
100
100
100
80
45
30
21
10
6
5
4
3
1,5

Tutti i valori riferiti alle pressioni sono espressi in bar relativi

Cappellotto di manovra
Acquedottistica - Cappellotto a
sezione troncopiramidale che
viene utilizzato per la manovra
di saracinesche, idranti o altre
apparecchiature poste sotto il
piano stradale; le dimensioni
sono definite nella normativa
UNI 7125.
Pu essere montato direttamente
sullasta dellapparecchiatura da
manovrare o collegato allasta di
un un set di accessori sottosuolo.
Per effettuare la manovra di una
apparecchiatura corredata di
cappellotto viene di norma
impiegata unapposita chiave
(ved. chiave di manovra o da
fontaniere).

Fig. 6 - Cappellotto di manovra

Carico
Generale - Viene comunemente
chiamato Carico, lenergia totale
del fluido in movimento nella
sezione della condotta considerata
per una determinata unit di
peso; per i liquidi in particolare si
esprime in altezza della colonna
dacqua. Questa energia
formata da tre componenti:
Et = Ep + Epr + Ec
Ep = Energia potenziale o di
altitudine
Epr = Energia della pressione
Ec = Energia cinetica o di
velocit
Cassetta Antincendio
Cassettiera Antincendio Contenitori in lamiera realizzati
sia per installazioni da esterni che
da incasso; sono generalmente
corredate dal seguente set di
accessori: manichetta in nylon
gommato (di lunghezza
variabile), lancia in rame,

rubinetto di presa e raccordi in


ottone.
Gli idranti a muro dovranno
essere conformi alla norma UNI
EN 671-2 e le attrezzature
dovranno essere permanentemente
collegate alla valvola di
intercettazione.

Fig. 7 - Cassetta antincendio


Cavitazione
Generale - Si tratta di un
fenomeno dovuto alla creazione
di bolle di vapore nella zona in
cui, per effetto della riduzione
della sezione di passaggio, il
fluido aumenta la sua velocit e
contemporaneamente perde
pressione. La formazione delle
bolle avviene quando la pressione
del fluido scende sotto il valore
corrispondente alla tensione di
vapore relativa alla temperatura
di utilizzo.
Con laumento della pressione
nella zona successiva alla sezione
ridotta, le bolle si ricondensano
bruscamente ed implodono
violentemente causando, nella
zona di maggior pressione,
un'erosione delle superfici.
Questa problematica si manifesta
solitamente nelle valvole che
vengono impiegate come organi
di regolazione, che per la loro
funzione, rimangono per lunghi
periodi in posizioni intermedie;
per questo motivo necessario
che queste valvole vengano
correttamente dimensionate e

Cavitazione
Classe di protezione
siano corredate di opportuni
otturatori.
In particolari condizioni, sia nelle
valvole di linea che all'interno
delle pompe, possono verificarsi
fenomeni di erosione causati
dalla cavitazione.
Check Valve "Venturi" type
Vedere Valvola a fuso.
Check Valve with free flow
Vedere Valvola di ritegno a flusso
libero.
Check Valve with streamlined
flow
Vedere Valvola di ritegno a flusso
avviato.
Chiave di manovra o da
fontaniere
Acquedottistica - Chiave a "T"
utilizzata per la manovra di
apparecchiature poste sotto il
piano stradale, che sono
generalmente corredate di un
cappelloto di manovra
normalizzato.

Fig. 8 - Chiave da fontaniere

Glossario

Chiusini stradali
Acquedottistica - Pezzi speciali di
ghisa o acciaio che vengono
previsti per consentire un facile
accesso alla manovra di
apparecchiature poste sotto il
piano stradale; hanno sezioni
diverse legate generalmente alle
funzioni ed ai tipi di
apparecchiature a cui sono
abbinati. Indicativamente
possibile considerare il seguente
standard: chiusino a testa tonda
per valvole o saracinesche, testa
quadra per prese in carico, testa
ovale per gli idranti. Sul
coperchio del chiusino viene di
norma riportato il nome
dellapparecchiatura.

Fig. 9 - Chiusino stradale


Argomenti correlati:
Vai a Accessori per manovra sottosuolo

Vai a Surface Box

Chiusura
Generale - La chiusura delle
apparecchiature comandate con
volantino a mano avviene per
convenzione con rotazione
destrorsa (orario) ad esclusione
di alcune installazioni di
acquedotto dove viene prevista
la chiusura in senso sinistrorso
(anti orario) - di norma, il senso
di rotazione viene indicato da
una freccia riportata sul
volantino.
Circolare 102/78
Generale - Circolare del
Ministero della Salute emessa
per regolamentare l'impiego
delle sostanze plastiche, degli
elastomeri e delle verniciature in
tutte le apparecchiature che
possono venire a contatto con
l'acqua potabile.
Dal 01 Agosto 2004 con
l'entrata in vigore del decreto
174 del 6 Aprile 2004 il
Minitero della Salute
ha regolamentato i materiali e gli
oggetti che possono essere
utilizzati negli impianti fissi di
captazione, trattamento,
adduzione e distribuzione delle
acque destinate al consumo
umano, per maggiori
informazioni vedere il paragrafo
relativo.

Classe di protezione

Glossario

manuale. La classe viene


espressa dalla combinazione di 2
cifre; la prima, definisce il grado
di protezione contro il contatto
accidentale e la penetrazione di
corpi solidi, mentre la seconda,
definisce la protezione contro la

Classe di protezione
Generale - Definisce il grado di
protezione a cui in grado di
resistere il carter di una
determinata apparecchiatura di
manovra sia essa elettrica,
pneumatica, idraulica o

penetrazione di liquidi (Gas


esclusi). Una tabella di
riferimento (di cui segue un
estratto) viene riportata nelle
normative DIN 40050 e IEC
144.

Tab. 2 - Gradi di protezione DIN 40050 - IEC 144


Protezione contro il contatto accidentale e la penetrazione di corpi solidi
Protezione contro la penetrazione di liquidi
Gocce
Nessuna
Tenuta alla
Protezione nota1 nota2
Pioggia
Nessuna
Protezione
0
dim > 50 mm
1
dim > 12 mm
2
dim >2,5 mm
3
dim > 1 mm
4

Tenuta agli
Spruzzi

Tenuta ai
Getti

Tenuta ai Immersione
colpi di mare
nota3

Sommersi
nota4

IP 66

IP 67

IP 68

IP 00
IP 10

IP 11 IP 12

IP 20

IP 21 IP 22

IP 23

IP 30

IP 31 IP 32

IP 33

IP 34

IP 40

IP 41 IP 42

IP 43

IP 44

IP 45

IP 54

IP 55

depositi di
polveri
5

IP 50

ingresso di
polveri
6

IP 60

IP 65

Nota 1 Protezione contro la condensa di gocce dacqua


Nota 2 Protezione contro le gocce di liquidi provenienti da una direzione inclinata rispetto allapparecchiatura
Nota 3 Protezione contro limmersione temporanea in acqua
Nota 4 Protezione contro limmersione in acqua sotto una pressione specificata

Clean Air Act


Coibentazione
Clean Air Act
Generale - Le emissioni in
atmosfera di un certo numero di
prodotti volatili considerati
inquinanti (VHAPs: Volatile
Hazardous Air Polluant) sono
state oggetto di una legge del
Congresso degli Stati Uniti.
Lintento della legge era quello di
ridurre del 90% il livello di
inquinamento entro lanno 2000.
Premesso che sono state avviate
diverse azioni di monitoraggio
dei siti industriali, da questa
opera di monitoraggio emerso
che il 70% delle "Perdite" e delle
conseguenti problematiche sono
da imputarsi alle valvole ed in
particolare alla zona di tenuta
posta a livello degli steli.
risultato subito evidente che le
perdite sono da considerarsi in
realt "emissioni in atmosfera
alle condizioni normali di
esercizio". Questo tipo di
valutazione ha fatto crescere la
consapevolezza che per poter
risolvere questo problema era
necessario inizialmente definire i
parametri delle varie misurazioni
ed immediatamente dopo
intervenire direttamente sulla
progettazione delle varie
apparecchiature.
Al fine di poter mettere in vigore
"The Clean Act Amendments,
CAAA" del 1990, lEPA (US
Environmental Protection
Agency) ha messo in atto un
determinato numero di
regolamentazioni mirate in modo
particolare ai siti di produzione
dellindustria chimica e
petrolchimica.
Queste regolamentazioni si
applicano ai siti di produzione
chimica e petrolchimica che
vengono giudicati di una taglia
sufficientemente importante, che
fabbrichino uno o pi dei 385

Glossario

prodotti di chimica organica


recensiti e che utilizzino come
reattivi uno dei 112 prodotti
organici inquinanti HAPs
(Hazardous Air Polluants) inclusi
nella lista dei 189 prodotti
volatili inquinanti (VHAPs)
trattati dalla Clean Air Act.
Per le principali apparecchiature
in pressione sono stati definiti dei
livelli di perdita, considerati
come "massimi ammissibili".
Tra le varie apparecchiature sono
state riconosciute come primarie:
valvole, pompe e in generale tutte
le connessioni flangiate.
Per quanto riguarda le valvole,
che sono da considerarsi come
primaria fonte di perdita, le zone
dove vengono effettuate le
misurazioni sono: la tenuta lungo
lasta di manovra e la connessione
tra corpo e coperchio, il livello di
perdita massima ammissibile
imposto dalla regolamentazione
viene espresso in ppmv (Particelle
Per Milione in Volume).
Coefficiente di portata Kv - Cv
Generale - Le valvole sono degli
elementi che per loro concezione
creano una perdita di carico
localizzata. Il coefficiente di
portata una caratteristica
intrinseca propria di ogni tipo di
valvola e dipende essenzialmente
da:
Forma dellotturatore
Grado di apertura

La definizione del Coefficiente di


portata Kv -CV la seguente:
Sistema metrico
Il coefficiente Kv la portata di
acqua in m3/h alla temperatura di
20C che passando attraverso
la valvola determina una perdita
di carico pari ad 1 bar.
Sistema anglosassone
Il coefficiente CV la portata di
acqua in US galloni/minuto alla
temperatura di 20C che
passando attraverso la valvola
determina una perdita di carico
pari ad 1 psi. La relazione che lega
i due coefficienti la seguente:
CV = 1,16 Kv
Nella sezione appendice tecnica
sono riportati i coefficenti delle
varie tipologie di valvole.
Coibentazione
Generale - Rivestimento che viene
applicato alle condotte e alle varie
apparecchiature, per far si che la
temperatura del fluido veicolato
non subisca grosse variazioni;
questo pu consentire un
notevole risparmio energetico.
Per quanto riguarda le valvole,
essendo dei pezzi sagomati, la
coibentazione presenta alcune
difficolt (in modo particolare se
la valvola non viene prevista in
versione "coibentabile") anche se
recentemente sono stati realizzati
dei nuovi sistemi di coibentazione
preformata per il rivestimento
delle apparecchiature.

Fig. 10 - Coibentazione di una valvola a farfalla

Collari di presa
Comando a catena

Glossario

Collari di presa
Acquedottistica Apparecchiature che vengono
poste sulle condotte principali
per effettuare delle prese in
carico direttamente dalla
condotta, forando la stessa con
unapposita apparecchiatura
(macchina foratubi). Possono
essere corredati di un rubinetto
a maschio (Rubinetto Sicilia)
che viene utilizzato per il
sezionamento della condotta.
Esistono diverse tipologie e
soluzioni che possono essere
impiegate sia su tubazioni in
ghisa/acciaio che su tubazioni in
materiale plastico.

Colonnina di manovra
Generale - Accessorio che viene
utilizzato per la manovra sotto il
piano di calpestio di valvole,
saracinesche, ecc.
Viene solitamente corredata di un
indicatore meccanico che segnala
localmente il grado di
apertura dellapparecchiatura che
viene manovrata.

Fig. 13 - Colonnina di manovra

Fig. 11 - Collare di presa


Colli di cigno
Acquedottistica, Antincendio Apparecchiature che vengono
collegate ad un idrante
sottosuolo per poter effettuare il
prelievo di acqua dallidrante
stesso; sono dotate di maniglia
per il serraggio e sono corredate
da una bocca di presa
normalizzata UNI 45 o UNI 70.
Lattacco alla base pu essere del
tipo a baionetta o del tipo
filettato UNI ed generalmente
dello stesso diametro della bocca
di presa.

Fig. 12 - Collo di cigno

Colpo dAriete
Generale - Il colpo d'ariete un
fenomeno idraulico che si verifica
quando avviene una variazione
brusca della velocit di un
liquido in movimento.
In questo caso tutta l'energia del
fluido ed in particolare l'energia
cinetica si trasforma in energia
potenziale di pressione, che viene
assorbita in parte dalla
compressione del fluido e in
parte dalla deformazione della
condotta. per questo motivo
che, per quanto riguarda i fluidi
altamente comprimibili (Gas), il
fenomeno notevolmente
ridotto.
Le sovrappressioni che si vengono
a creare crescono con laumentare
della velocit del fluido e della
lunghezza della condotta e
vengono ulteriormente accentuate
dalla riduzione del tempo di
manovra e della sezione di
passaggio. Ne deriva pertanto
che, per poter effettuare un

Argomenti correlati:

calcolo, indispensabile
conoscere esattamente
l'installazione ed in particolare i
seguenti dati:
Natura del Fluido
Schema dell'impianto
Tipo di condotta
Tempi di manovra delle
apparecchiature

Vai a Rumorosit

Vai a Valvola di Ritegno


a membrana

Vai a Valvola di Ritegno


a Fuso
Vai a Valvola di Ritegno
a Disco

Vai a Valvola di Ritegno


a Doppio Battente

Comando a catena
Generale - Sistema di
azionamento che viene
generalmente utilizzato per
effettuare la manovra di
apparecchiature posizionate su
tubazioni aeree difficilmente
raggiungibili.
In pratica il comando viene
realizzato con un volantino
alveolato che viene collegato
allasta della valvola; la manovra
viene effettuata con lausilio di
una catena di acciaio di
lunghezza appropriata.

Fig. 14 - Comando a catena

Compensatori di dilatazione a Soffietto Metallico

Compensatori di dilatazione a
Soffietto Metallico
Impiantistica Industriale - Giunti
flessibili che vengono previsti per
eliminare le problematiche
generate dalle dilatazioni
termiche che si verificano a causa
delle variazioni di temperatura.
In genere, lesecuzione con
soffietto a onde metalliche viene
impiegata per temperature
superiori a 100C. Esistono
diversi tipi di compensatori; la
scelta viene dettata dallo schema
delle tubazioni:
Assiali - Atti ad assorbire
dilatazioni, rigorosamente assiali,
di brevi tratti rettilinei e con
possibilit di creare punti fissi
particolarmente "Portanti" e
relative guide assiali.
Con opportune modifiche pu
essere impiegato come giunto per
eliminare le vibrazioni. In questo
caso, se il giunto viene corredato
di tiranteria, diventa di tipo
Laterale.
Angolari - Atti ad assorbire
dilatazioni di lunghi tratti con
movimenti su un unico piano.
Devono essere sempre installati a
coppie o terne. Per ogni coppia e
terna sono necessari due punti

fissi e relative guide.


Cardanici - Atti ad assorbire
dilatazioni di lunghi tratti con
movimenti su due piani. Anche
questo tipo di giunto deve essere
sempre installato a coppie o terne
e per ogni coppia o terna sono
necessari due punti fissi e relative
guide.

Fig. 15 - Compensatore assiale


flangiato

Fig. 16 - Compensatore assiale


da saldare

Fig. 17 - Movimenti possibili nei giunti a soffietto metallico

Glossario

Compensatori di dilatazione in Elastomero

Glossario

Compensatori di dilatazione
in Elastomero
Acquedottistica, Impianti civili e
Industriali - Giunti flessibili che
vengono previsti per eliminare
le problematiche generate dalle
dilatazioni termiche che si
verificano a causa delle
variazioni di temperatura.
In genere lesecuzione con
soffietto sferico in elastomero
viene impiegata per temperature
fino a 100C. Esistono diversi
tipi di compensatori; la scelta
viene dettata dallo schema delle
tubazioni:
Assiali - Atti ad assorbire
dilatazioni, rigorosamente
assiali, di brevi tratti rettilinei e
con possibilit di creare punti
fissi particolarmente Portanti
e relative guide assiali.
Con opportune modifiche
possono essere impiegati come
giunto per eliminare le
vibrazioni. In questo caso se il
giunto viene corredato di
tiranteria diventa di tipo
Laterale.
Angolari - Atti ad assorbire
dilatazioni di lunghi tratti con
movimenti su un unico piano.
Devono essere sempre installati
a coppie o terne. Per ogni
coppia e terna sono necessari
due punti fissi e relative guide.
Cardanici - Atti ad assorbire
dilatazioni di lunghi tratti con
movimenti su due piani.
Anche questo tipo di giunto
deve essere sempre installato a
coppie o terne e per ogni coppia
o terna sono necessari due punti
fissi e relative guide.

Assiale

Laterale

Angolare

Fig. 18 - Compensatori in
elastomero

Fig. 18.1 - Movimenti possibili nei giunti a soffietto in elastomero

Controflange
Diaphragm Valve
Controflange
Generale - Pezzi speciali che
vengono impiegati per la
connessione tra i vari componenti
e/o apparecchiature negli
impianti idraulici.
Possono essere di diversi tipi:
piane, a collarino, cieche o libere.
Lattacco alla tubazione pu
essere: filettato, da saldare di
testa o a sovrapposizione.
La superficie di appoggio viene di
norma realizzata con un risalto
semplice, su cui, per migliorare
lancoraggio e la tenuta della
guarnizione, viene effettuata una
finitura concentrica o
fonografica. In alcuni casi
comunque necessario realizzare
delle superfici ad incastro con
incameratura semplice UNI 2225
(utilizzabile fino a PN 64) o
incameratura doppia UNI 2226
(utilizzata oltre il PN 64) o con
incameratura per guarnizioni
circolari UNI 2227 (utilizzabile
fino a PN 40).
Le varie dimensioni, forature e le
relative tolleranze sono
standardizzate da apposite
norme: UNI-ISO-DIN-ANSI-BSJIS-A.W.W.A. ecc...
Gli standard nazionali sono stati
unificati nelle normative europee
EN 1092-1 e EN 1092-2
ripettivamente per flange di
acciaio e per flange di ghisa.
Per ulteriori informazioni e per le
dimensioni, vedere le tabelle
dimensionali presenti
nellappendice tecnica.

10

Glossario

Coppia di manovra
Generale - la forza che
necessario applicare sullasta
della valvola per poterla
manovrare. La stessa si
scompone in coppia statica, cio
quella necessaria per
movimentare la valvola a banco
e coppia dinamica, cio la coppia
necessaria alla movimentazione
della valvola sottoposta al
passaggio del fluido.
La coppia di manovra viene
comunemente espressa in
Newton/metro; diverse
normative definiscono
i valori massimi ammissibili.
Di seguito, a titolo di esempio,
viene riportato un estratto della
normativa UNI 10269.
DN

Nm

50

25

65

35

80

40

100

55

125

70

150

90

200

170

250

200

300

220

350

240

400

300

450

400

500

450

Norma UNI 10269 - Momenti


massimi di manovra alla pressione
differenziale di 16 bar sul cuneo per
valvole di nuova costruzione.

Per eventuale azionamento


mediante chiave a "T", il
momento massimo di manovra
applicabile dall'operatore non
deve superare i 200 Nm.
Pertanto, per saracinesche che
richiedono momenti di
manovra maggiori, occorrer
prevedere un opportuno
riduttore di sforzo.

Curva a piede
Antincendio - Pezzo speciale di
ghisa che viene utilizzato per il
collegamento di un idrante alla
condotta di adduzione.

Fig. 19 - Curva a piede

Glossario

Decreto del Ministero della


salute nr. 174 del 6 aprile
2004
Acquedottistica - Dal 01 agosto
2004 con l'entrata in vigore del
decreto 174 il Ministero della
Salute ha regolamentato i
materiali e gli oggetti che
possono essere utilizzati negli
impianti fissi di
captazione, trattamento,
adduzione e distribuzione delle
acque destinate al consumo
umano.
Il decreto fissa inoltre i limiti di
impiego dei materiali metallici e
non, fissando inoltre
relativamente alle leghe
metalliche le percentuali massime
di alcuni componenti.
I materiali sono raggruppati per
tipologie ognuna delle quali
costituisce un allegato:
Allegato I - Metalli e loro leghe
Acciaio al carbonio
Acciaio al carbonio rivestito
Acciaio al carbonio zincato
Acciaio inossidabile
Ghisa
Rame e sue leghe (Rame CuDHP, Rame Cu-ETP, Rame CuOF, Cupronichel 90/10, ottoni
all'alluminio ottoni, bronzi
allostagno, bronzi all'alluminio,
leghe Cupro-Nichel
Alluminio
Titanio e sue leghe
Allegato II - Materiali a base di
leganti idraulici, smalti
porcellanati, ceramiche e vetri
Fibre Metalliche
Fibre minerali non metalliche
Fibre organiche
Smalti porcellanati
Ceramiche
Vetri

Decreto del Ministero della salute nr. 174 del 6 aprile 2004
Dilatazione termica
Allegato III - Materie plastiche,
gomme naturali e sintetiche
Le materie plastiche, comprese le
verniciature, i rivestimenti, le
membrane non possono essere
fabbricate con materiali di scarto
o gi utilizzati, gli oggetti cos
preparati non devono cedere
sostanze ritenute nocive alla
salute, a questo proposito nel
decreto vengono fissati i limiti da
migrazione per i monomeri e per
gli elastomeri compresi eventuali
loro additivi.
L'elenco dei monomeri e degli
elastomeri di partenza e quello
riportato all'interno del decreto
ministeriale del 21 marzo 1973 e
successivi aggiornamenti.

Dilatazione termica
Generale - Le diverse temperature
a cui possono essere sottoposte le
tubazioni causano degli
allungamenti o delle trazioni. Il
calcolo varia in funzione del
materiale con cui le condotte sono
state realizzate.
Per calcolare le dilatazioni
termiche viene utilizzata la
seguente formula:
= L Te
100
L = Lunghezza della tubazione
in metri lineari
Te = Temperatura di esercizio in C
= Coefficiente di dilatazione

Delta-P
Generale - Differenza di
pressione tra due sezioni della
condotta.

Diaphragm Valve
Vedere valvola a membrana.

11

Dilatazione termica

Glossario

Tab. 3 - Determinazione del coefficiente di dilatazione in funzione della temperatura in C per tubazioni
in acciaio al carbonio, legato e inox
Temperatura
Carbonio
Legato
Inox

da - 190 a 0
-0,88
-0,88
-1,46

da 0 a 100
1,2
1,11
1,68

da 101 a 200 da 201 a 300 da 301 a 400 da 401 a 500 da 501 a 600 da 601 a 700
1,26
1,31
1,36
1,41
1,47
1,21
1,29
1,35
1,39
1,43
1,75
1,8
1,84
1,88
1,91
1,95

nella tabella che segue vengono riportate le dilatazioni relative a tubazioni realizzate in acciaio al carbonio e in
acciaio inox.

Tab. 4 - Dilatazione Termica tra la temperatura di 21C e la temperatura indicata (mm per metro lineare
di tubazione)

12

Temperatura
Gradi C

Materiale
Acc. Carb

Tubazione
Acc. Inox

Temperatura
Gradi C

Materiale
Acc. Carb

Tubazione
Acc. Inox

-100
-80
-60
-40
-20
0
25
40
60
80
100
120
140
160
180
200
220
240
260
280
300
320

-1,19
-1
-0,82
-0,64
-0,43
-0,2
0,045
0,22
0,44
0,67
0,9
1,15
1,4
1,66
1,93
2,19
2,47
2,75
3,02
3,31
3,6
3,89

-1,87
-1,39
-0,92
-0,54
-0,36
-0,3
0,066
0,32
0,66
1
1,33
1,67
2,01
2,36
2,72
3,08
3,45
3,81
4,17
4,53
4,91
5,28

340
360
380
400
420
440
460
480
500
520
540
560
580
600
620
640
660
680
700
720
740
760

4,21
4,52
4,83
5,15
5,47
5,8
6,14
6,48
6,8
7,12
7,44
7,79
8,14
8,48
8,79
9,11
9,43
9,77
10,11
10,44
10,77
11,11

5,66
6,04
6,42
6,81
7,2
7,59
7,99
8,39
8,79
9,2
9,6
10
10,4
10,84
11,24
11,65
12,05
12,4
12,87
13,28
13,58
14,08

Glossario

Dima 1882 o Dima


internazionale
Acquedottistica - Foratura in uso
nelle reti di acquedotto; non
essendo normalizzata a livello
europeo, dove possibile, viene
sostituita dalle forature UNI o ISO.
Direttiva Europea Attrezzature
a pressione 97/23/CE (PED)
Generale - Direttiva Europea
adottata dalla Comunit il 29
maggio 1997; identica per testo
e contenuti in tutti gli stati
membri; ha carattere legale e, dal
29 maggio 2002, ha sostituito
completamente ogni altra
normativa nazionale in merito
alle attrezzature a pressione.
La direttiva nota anche sul
mercato Italiano con il suo
acronimo anglosassone PED
(Pressure Equipement Directive) e
regolamenta la circolazione
all'interno del mercato Europeo
di tutti gli apparecchi a pressione
e degli insiemi con una pressione
massima ammissibile maggiore di
0,5 bar.
Pertanto si applica alla
progettazione, costruzione ed alla
valutazione di conformit di:
Recipienti
Tubazioni
Accessori di sicurezza (valvole
di sicurezza)
Accessori a pressione (valvole
generiche)
Insiemi
opportuno chiarire che la
direttiva prende in esame solo il
rischio correlato alle attrezzature a
pressione, il loro inserimento nel
mercato e la conseguente messa in
servizio, ma in contrapposizione
alle normative nazionali in vigore
precedentemente. La stessa non si
occupa dell'ispezione durante il
servizio e proibisce l'emissione di
una dichiarazione di conformit e
lapplicazione del contrassegno
CE sulle attrezzature escluse dal

Direttiva Europea Attrezzature a pressione 97/23/CE (PED)

campo di validit della direttiva


stessa (21 eccezioni) di cui alcuni
esempi rilevanti sono
Reti idriche di distribuzione e
trasporto di acqua potabile,
acque di scarico, liquame e
fognatura
Reti destinate alla
realizzazione di impianti di
riscaldamento ad acqua calda
fino a 110C
Impianti nucleari
Attrezzature appositamente
previste per l'installazione
o la propulsione di navi o
aeromobili
Attrezzature che rientrano
nelle eccezioni descritte allArt.
3 paragrafo 3.
Nella sezione che segue verranno
presi in considerazione gli aspetti
della direttiva che riguardano in
maniera specifica le valvole.
Per definire quali attrezzature
entreranno a far parte del campo
di applicazione della direttiva,
sar necessario prendere in esame
i seguenti requisiti essenziali
stabiliti nellallegato 1:
Gas, gas liquefatti, gas dissolti
sotto pressione, vapori e
liquidi la cui tensione di
vapore alla temperatura
massima ammissibile
superiore di 0,5 bar alla
pressione atmosferica normale
(1013 mbar) entro i seguenti
limiti:
- Per i fluidi del gruppo 1,
quando la DN superiore a
25.
- Per i fluidi del gruppo 2,
quando la DN superiore a
32 e il prodotto PS x DN
superiore a 1000 bar.
Liquidi con una tensione di
vapore alla temperatura
massima ammissibile inferiore
o pari a 0,5 bar oltre la
pressione atmosferica normale
(1013 mbar) entro i seguenti
limiti:

- Per i fluidi del gruppo 1,


quando la DN superiore a
25 e il prodotto PS x DN
superiore a 2000 bar
- Per i fluidi del gruppo 2,
quando la PS superiore a 10
bar, il DN superiore a 200 e
il prodotto PS x DN
superiore a 5000 bar.
(Estratto integrale dalla direttiva)
Dopo aver definito se lattrezzatura
a pressione rientra nel campo di
applicazione, la stessa deve essere
classificata in categorie da I a IV in
accordo alle tabelle da 1 a 9
dellAllegato II (PED).
Le tabelle sono state elaborate in
base ai seguenti parametri:
1 - Tipo di fluido (gas, vapore,
liquido)
2 - Il prodotto pressionevolume per le valvole(*) ed
il prodotto pressionediametro nominale
per le tubazioni
(*)Essendo per le valvole
componenti della tubazione (ogni
valvola ha un DN), la
classificazione viene eseguita in
base ai criteri delle tubazioni
(PS x DN), ad eccezione delle
valvole di sicurezza per le quali
viene utilizzato PS x V.
3 - Il rischio correlato al fluido
veicolato (gruppi 1 o 2)
Per la definizione del rischio
correlato al fluido, viene preso in
esame quanto riportato nelle
direttiva 67/548/CEE del 27
giugno 1967
Gruppo 1
Fluidi pericolosi
Esplosivi
Infiammabili
Altamente infiammabili
Tossici
Molto tossici

13

Direttiva Europea Attrezzature a pressione 97/23/CE (PED)

Glossario

Gruppo 2
Tutti i fluidi non rientranti nelle
categorie riportate nel gruppo 1,
come ad esempio: acqua
surriscaldata e vapore acqueo.
Le tavole che seguono sono state
elaborate allo scopo di facilitare
la classificazione.
Tab. 5 - Tavola 6 Direttiva PED - Gas del gruppo 1
CLASSE

PN

DN
25

2,5

10

16

DN
32

DN
40

DN
50

DN
65

DN
80

DN
100

DN
125

DN
150

DN
200

DN
250

DN
300

DN
350

DN 400
o superiori

Categoria I

i
c

150
25
40
300
63
100
600

o
l
o
3,

Categoria II

Categoria III

P
a

900

1500

a.

2500

Nota - Per valvole installate su linee di trasporto Gas instabili, che ricadono nelle categorie I e II devono essere classificate
nella categoria III.

Tab. 6 - Tavola 7 Direttiva PED - Gas del gruppo 2


CLASSE

PN

DN
32

DN
40

DN
50

DN
65

DN
80

DN
100

DN
125

DN
150

DN
200

DN
250

DN
300

DN
350

DN
400

DN
450

DN
500

DN
550

2,5
6

Articolo, 3 Para. 3

10

Categoria II

16
150
25
40
300
63

Categoria I

Categoria II

Categoria III

100
600
900
1500
2500
Nota - Per valvole installate su linee di trasporto fluidi con temperature superiori a 350C che ricadono nella categoria II
devono essere classificate nella categoria III.

14

Direttiva Europea Attrezzature a pressione 97/23/CE (PED)

Glossario

Tab. 7 - Tavola 8 Direttiva PED - Liquidi del gruppo 1


CLASSE

PN

DN
25

DN
32

DN
40

DN
50

DN
65

DN
80

DN DN DN
100 125 150

DN
200

DN DN DN DN
250 300 350 400

DN DN DN
450 500 550

2,5
6

Categoria I

10

Articolo 3, Para. 3

16
150
25
40
300
63

Categoria II

100
600
900
1500
2500
>500 bar

Categoria III

Nota - Valvole PN 2,5 aventi diametro nominale superiore al DN 800 sono da inserire nella categoria I.

Tab. 8 - Tavola 9 Direttiva PED - Liquidi del gruppo 2


CLASSE

PN

DN
32

DN
40

DN
50

DN
65

DN
80

DN
100

DN
125

DN
150

DN
200

DN
250

DN
300

DN
350

DN
400

DN
450

DN
500

DN
550

2,5
6
10
16
150
25

Articolo, 3 Para. 3

40
300
63

Categoria I

100
600
900
1500
2500
>500 bar

Categoria II

15

Direttiva Europea Attrezzature a pressione 97/23/CE (PED)


Direttiva Europea ATEX 94/9/CE
Per tutte le attrezzature a
pressione, che in base ai requisiti
richiesti entreranno nel campo di
applicazione, il costruttore
tenuto ad apporre una apposita
marcatura, composta dal logo
CE dal numero che identifica
l'organismo notificato che ha
effettuato le certificazioni e le
relative verifiche, dall'anno di
costruzione e dal nome del
fabbricante.
La marcatura dovr essere
apposta in modo visibile, dovr
essere indelebile e facilmente
leggibile. La grafica autorizzata
per la realizzazione del logo CE
quella riportata sotto

Il costruttore inoltre tenuto a


stilare una apposita dichiarazione
di conformit che accompagner
il prodotto.
A fronte di una oggettiva
complessit interpretativa della
direttiva, un apposito gruppo di
lavoro ha redatto una serie di
Linee Guida che servono a
fornire delle interpretazioni
"ufficiali", che integrano quanto
esposto nelle direttiva stessa.

16

Direttiva Europea ATEX


94/9/CE
Generale - Direttiva Europea in
vigore in tutta la Comunit a
partire dal 01 luglio 2003; si
applica alle apparecchiature
elettriche e non elettriche, ai
sistemi di protezione e ai
dispositivi destinati ad essere
utilizzati in atmosfera esplosiva.
La direttiva, recependo le varie
leggi nazionali, ha creato delle
procedure di omologazione e di
controllo uniformi in tutta
l'Unione Europea (UE).
Tutti i prodotti utilizzati in
atmosfera esplosiva dovranno,
pertanto, essere conformi alla
direttiva.
La direttiva prevede una
suddivisione in gruppi, categorie
e zone:
Zona G - Gas e vapori
infiammabili
Zona D - Potenzialmente
infiammabili

Glossario

Direttiva Europea ATEX 94/9/CE

Glossario

Tab. 9 - Gruppo I (Miniere) - Direttiva ATEX


Atmosfere
esplosive

Gas di miniera e/o


altro potenzialmente
infiammabile

Grado di
protezione

Zone Ex
G

Molto
alto

Alto

La sicurezza
Categoria dellapparecchiatura
dovr essere garantita

Dichiarazione redatta da
Apparecchi Apparecchi
elettrici
non elettrici
O.N.
(controllo
CE del
modello)

M1

Nel caso si verifichino


raramente dei
malfunzionamenti

O.N.
(controllo
CE del
modello)

M2

Funzionamento
normale in condizioni
severe

O.N.
Costruttore
(controllo
(conformit
CE del
CE)
modello)

Tab. 10 - Gruppo II (altre atmosfere esplosive) - Direttiva ATEX


Atmosfere
esplosive

Grado di
protezione

Permanenti o per lunghi e/o Molto


frequenti periodi
alto

Zone Ex
G

Garanzia in caso di....


D

20

Categoria

Dichiarazione redatta da
Apparecchi Apparecchi
non elettrici
elettrici
O.N.
(controllo
CE del
modello)

...Nel caso si
verifichino raramente
dei malfunzionamenti

O.N.
(controllo
CE del
modello)

O.N.
Costruttore
(controllo
(conformit
CE del
CE)
modello)

Per periodi occasionali

Alto

21

Funzionamento
normale ma con un
prevedibile
malfunzionamento

Poco probabile o per


periodi molto brevi

Normale

22

Funzionamento
normale

Costruttore Costruttore
(conformit (conformit
CE)
CE)

O.N. - Organismo Notificato

In base alle prescrizioni previste


dalla direttiva, le valvole che
dovranno essere conformi alla
stessa sono quelle destinate ad
essere installate in atmosfera
esplosiva e sono loro stesse
Auto Infiammabili. Ne deriva,
pertanto, che le relative
certificazioni saranno le seguenti:
Dichiarazione CE del costruttore
Le valvole che non possiedono
una fonte di infiammabilit
potenziale propria (scintille create
meccanicamente, aumento della
temperatura, scariche
elettrostatiche) non sono
sottoposte alle prescrizioni della
direttiva, per cui potranno essere
utilizzate in ambienti esplosivi
delle zone 1/21 e 2/22. Queste
valvole dovranno per essere
corredate di una apposita
dichiarazione CE del costruttore.

Dichiarazione di conformit CE
del costruttore
Le valvole che possiedono una
fonte di infiammabilit potenziale
propria (valvole con cavo di
messa a terra) potranno essere
utilizzate in ambienti esplosivi
delle zone 1/21 e 2/22, ma in
questo caso dovranno essere
corredate di una Dichiarazione di
conformit CE con riferimento
ad un apposito fascicolo
depositato presso un organismo
notificato.
Esame CE del modello con
relativa certificazione
Le valvole destinate al Gruppo I

categoria M1 ed alle zone 0/20


del Gruppo II dovranno essere
sottoposte ad uno specifico
esame che dovr essere certificato
direttamente dall'organismo
notificato.
Le informazioni necessarie alla
corretta valutazione (ad esempio
zona 0,1 o 2) dovranno essere
fornite dall'utilizzatore in fase
d'ordine.
Per tutte le attrezzature che, in
base ai requisiti richiesti,
entreranno nel campo di
applicazione il costruttore
tenuto ad apporre una apposita
marcatura.

Esempio di marcatura

17

Direttiva Europea ATEX 94/9/CE


Disconnettore a pressione ridotta
Direttiva Europea sulla
sicurezza delle macchine CE
89-392 CEE
Generale - Direttiva Europea che
a partire dal 01-01-1995
regolamenta tutte le "Macchine"
che vengono messe in
circolazione sul mercato europeo.
Per quello che concerne le
valvole, essenziale chiarire che
SOLO quelle motorizzate sono
suscettibili, anche se con riserva,
di essere considerate una
macchina. Tenuto conto del
fatto che si erano venute a creare
diverse interpretazioni, che in
alcuni casi potevano diventare
anche pericolose giuridicamente,
il Comitato Tecnico Europeo (TC
69), che riunisce le organizzazioni
professionali dei singoli paesi, ha
deciso di studiare la questione
fondamentale: definire se una
valvola motorizzata pu essere
considerata una macchina.
I vari enti Nazionali:
UNM - per la Francia
VDMA - per la Germania
BVAMA - per l'Inghilterra
ANIMA-AVR e UNI - per l'Italia
hanno fatto conoscere le loro
rispettive posizioni.
Il TC 69, al termine della
riunione svoltasi a Norimberga il
18-19 e 20 Gennaio 1995, ha
preso una posizione poi
sottoposta al CEN (Comitato
Tecnico delle Normalizzazioni)
per far si che in Europa venga
applicata uniformemente la
Direttiva Macchine.
La risoluzione emessa pu essere
cos riassunta:
Una valvola Motorizzata NON
una macchina: in effetti una
valvola non pu funzionare se
non una volta installata sulla
condotta.
Le valvole, anche se motorizzate,
non possono essere considerate

18

Glossario

che dei componenti


dell'installazione.
In conseguenza di quanto sopra,
non necessario apporre il
marchio CE sui materiali
spediti.
Disconnettore a pressione
ridotta
Antinquinamento Apparecchiatura che viene
inserita in tutte le installazioni
dove possibile che a causa di un
riflusso venga inquinata la rete di
alimentazione dellacqua potabile.
I disconnettori a pressione ridotta
operano sulla variazione di tre
pressioni decrescenti create dalle
perdite di carico di due valvole di
ritegno. Ogni inversione di
pressione causata da un riflusso o
da un sifonaggio viene percepita
da una membrana che effettua
l'azionamento di una valvola di
sicurezza che a sua volta effettua
lo scarico in atmosfera dell'acqua
inquinata.
La realizzazione e l'impiego di
queste apparecchiature
normalizzato dalle UNI 9157 e
9182.

Fig. 20 - Schema di installazione disconnettori

Discriminatore di fase
Filtro di Presa

Glossario

Discriminatore di fase
Generale - Accessorio
elettronico che viene inserito nei
servocomandi elettrici con
alimentazione trifase, per
evitare che vengano effettuati
collegamenti non corretti.
Dismalting Joint
Vedere Giunto di smontaggio.
DN
Generale - Diametro nominale.
Elettrovalvola
Generale - Accessorio che viene
previsto per pilotare la manovra
dei servocomandi pneumatici.
Pu essere a 3 vie
(servocomandi a semplice
effetto) o a 5 vie (servocomandi
a doppio effetto); in entrambi i
casi esiste sia la versione stagna
che la versione antideflagrante.
Esente da Manutenzione
Generale - "Valvole Esenti da
Manutenzione": con questa
terminologia si intendono tutte
quelle apparecchiature per cui
non necessario effettuare la
regolazione periodica del
premistoppa e, inoltre, che
siano state realizzate con
materiali e soluzioni
tecnologiche che allunghino i
normali tempi di usura di tutte
le parti di cui composta
l'apparecchiatura.

Filtri di linea ad Y
Generale - Apparecchiatura
composta da un cestello in
acciaio inox inserito in un corpo
che pu essere realizzato in
ghisa o in acciaio. La grandezza
delle maglie determina il grado
di filtrazione.
Vengono inseriti in diversi punti
dell'impianto; in particolare, in
prossimit di apparecchiature
quali: pompe, compressori,
caldaie, serbatoi, ecc., per
trattenere eventuali impurit o
prodotti di degradazione e/o
invecchiamento contenuti nel
fluido veicolato, per poter
effettuare lo spurgo, il coperchio
viene corredato di un apposito
tappo. Per quanto riguarda il
grado di filtrazione, premesso
che in genere varia in funzione
del tipo di impianto, a livello
indicativo, possibile seguire le
seguenti indicazioni:
Esecuzione PN 16 maglie con
fori da 1- 2 mm (in funzione dei
DN).
Esecuzione PN 25/40 fori da 0,8
a 1,6 mm (in funzione dei DN)
ad eccezione dei filtri da
installare su linee di olio
diatermico per i quali
generalmente impiegata a
partire dal DN 65 una
grandezza standard di 2 mm.

Filtro di Presa
Acquedottistica, Acque di
scarico fognatura Apparecchiatura composta da
un corpo di ghisa con
un cestello in lamiera; viene
posizionata sulla tubazione di
aspirazione per evitare che
eventuali impurit vengano
aspirate dalla pompa.

Fig. 22 - Filtro di presa

Face-to-Face
Vedere Scartamento.

tappo di spurgo
Fig. 21 - Filtro di linea ad Y

19

Fine corsa
Giunti di Smontaggio a Cannocchiale
Fine corsa
Generale - Micro contatti che
vengono inseriti su di una
apparecchiatura di manovra, sia
manuale che automatica per
poter avere una segnalazione a
distanza del grado di apertura.
Possono essere di tipo
elettrico, induttivo o
pneumatico.

Glossario

metallico viene impiegata per


temperature superiori a 100C.
Per evitare la trasmissione delle
vibrazioni i giunti sono corredati
di tiranteria opportunamente
isolata che, di norma, viene
dimensionata per poter reggere
anche le spinte che si generano
per effetto della forza reattiva.

Giunti di riparazione
Acquedottistica - Accessorio
composto da un corpo in ghisa
con guarnizione in elastomero.
Vengono di norma utilizzati per
effettuare la riparazione in opera
di condotte fino a PN 16.

Fig. 26 - Giunto di riparazione


Fig. 23 - Fine corsa

Float Valve
Vedere Valvola a Galleggiante.
Fluidi
Generale - Le caratteristiche che
permettono di definire un fluido
sono le seguenti:
Natura: liquida, gassosa ecc...
Composizione: prodotto puro o
soluzione di pi prodotti.
Massa volumetrica: massa per
unit di volume.
Temperatura
Viscosit
Foot Valve
Vedere valvola di fondo.

Fig. 24 - Giunto antivibrante a


soffietto metallico
Giunti antivibranti in
Elastomero
Acquedottistica, impianti civili e
industriali - Giunti elastici che
vengono previsti per eliminare
gli effetti delle vibrazioni
generate dal funzionamento di
macchinari quali pompe,
compressori, motori, ecc..
In genere l'esecuzione cilindrica
in elastomero viene impiegata
per temperature fino a 100C.
Per aumentare la resistenza,
all'interno dei giunti viene
inserita una opportuna
tiranteria.

Giunti di Smontaggio a
Cannocchiale
Acquedottistica, acque di
scarico fognatura - Giunti che
vengono generalmente inseriti in
condotte di diametro superiore
a 300 mm per facilitare lo
smontaggio e/o rimozione di
unapparecchiatura, valvola,
macchinario ecc...
Possono essere, in funzione
dell'esecuzione, di tipo rigido o
di tipo flessibile. In tutte le
versioni la tenuta tra le parti
scorrevoli viene realizzata con
una guarnizione in elastomero.

Gate Valve
Vedere Saracinesca.
Giunti antivibranti a Soffietto
Metallico
Impiantistica industriale Giunti flessibili che vengono
previsti per eliminare gli effetti
delle vibrazioni generate dal
funzionamento di macchinari
quali pompe, compressori,
motori, ecc... In genere
lesecuzione con soffietto

20

Fig. 25 - Giunto antivibrante in


elastomero

Fig. 27 - Giunto di smontaggio


rigido

Giunti dielettrici
Idranti stradali

Glossario

Giunti dielettrici
Acquedottistica - Giunti che di
norma vengono inseriti nelle
condotte di acciaio per realizzare
la protezione catodica contro gli
effetti delle correnti vaganti.
Possono essere realizzati con
attacchi filettati, flangiati o da
saldare di testa.

Gruppo Motopompa
Antincendio - Gruppi pre
assemblati composti dalle
seguenti apparecchiature:
saracinesca di sezionamento,
valvola di non ritorno,
rubinetto idrante e valvola di
sicurezza.
Vengono predisposti all'interno
di aziende, fabbricati, ecc.. per
consentire il sicuro e rapido
collegamento delle motopompe
dei VV.FF. alle reti di adduzione.

Fig. 28 - Giunto dielettrico


Giunti Gibault
Fognatura - Accessorio composto
da un corpo in ghisa con
guarnizione in elastomero.
Viene utilizzato per la
congiunzione di condotte in
fibrocemento a condotte di ghisa
o acciaio sia con estremit lisce
che con estremit filettate.

Fig. 29 - Giunto Gibault


Globe Check Valve
Vedere valvola di ritegno a
tappo.
Globe Valve
Vedere valvola di intercettazione
a tappo.

Fig. 30 - Componenti principali


valvole a globo

Fig. 31 - Attacco motopompa


Guide
Generale - supporti che vengono
inseriti per assicurare alla
tubazione solo un determinato
tipo di movimento e per evitare
eventuali flessioni della tubazione
stessa.
Guide Assiali - permettono alla
tubazione di muoversi solo nel
verso del proprio asse.
Guide planari - permettono alla
tubazione un movimento su di un
solo piano.

Guillottine Gate Valve


Vedere Saracinesche a
ghigliottina.
Hydrants
Vedere Idranti Stradali.
Idranti stradali
Antincendio - Apparecchiature
che consentono alle motopompe
dei VV.FF. un rapido
collegamento alle reti di
adduzione.
Ne esistono diverse esecuzioni,
selezionabili in funzione delle
esigenze di installazione. Le stesse
dovranno comunque essere
conformi alla norma UNI 9485
per gli idranti soprassuolo ed alla
norma UNI 9486 per gli idranti
sottosuolo.
Sottosuolo - idrante che viene
posizionato sotto il piano
stradale. La manovra si effettua
con unapposita chiave.
All'interno di un chiusino
stradale gli attacchi di presa
normalizzati DN 45 o 70
possono essere a baionetta o
filettati UNI. La dimensione
dell'attacco di presa viene di
norma definita in funzione del
diametro nominale dell'idrante.
Le profondit di installazione
possono variare in funzione delle
varie esigenze; a livello indicativo
possibile fornire le seguenti
indicazioni:
Tipo "Milano" - altezza 700 mm;
profondit di installazione
ca. 1 m.
Tipo "Crotone" - altezza 470
mm; profondit di installazione
ca. 0,75 m.

Fig. 32 - Esempio di guida


Argomenti correlati:
Vai a Compensatori di dilatazione
a Soffietto Metallico
Vai a Compensatori di dilatazione
in Elastomero

21

Idranti stradali
Materiali

Glossario

Limitatore di coppia
Generale - Accessori che vengono
inseriti nei servocomandi elettrici
per evitare che un eventuale
incremento della coppia all'asse
della valvola provochi un
sovraccarico al motore.

Fig. 33 - Idrante sottosuolo


Soprassuolo - Idrante composto
da due sezioni: quella inferiore
viene interrata, mentre quella
superiore, dove sono posizionati
gli attacchi di presa, rimane fuori
terra. Viene normalmente
corredato di due o pi attacchi
sia per manichette che per
motopompa. Gli attacchi per
manichette sono normalizzati
UNI 45-UNI 70; l'attacco
motopompa normalizzato UNI
45-UNI 70-UNI 100. La scelta
viene fatta in funzione del
diametro nominale dell'idrante,
che a sua volta viene definito in
funzione della portata che deve
essere in grado di erogare.
Soprassuolo Rovesciabile Lesecuzione Rovesciabile
viene costruita con l'asta di
manovra realizzata in due pezzi
con una zona di rottura
prestabilita. Questo fa si che in
caso di un urto accidentale, una
eventuale rottura dell'idrante non
provochi la fuoriuscita di acqua.

Fig. 34 - Idrante soprassuolo


Idrovalvola
Acquedottistica, Irrigazione Apparecchiatura con funzione di
sezionamento che viene azionata
da un servocomando che utilizza
come fluido motore la stessa
acqua della condotta.
Viene utilizzata in modo
particolare negli impianti di
irrigazione.
Indicatore di apertura
Generale - Accessorio che viene
previsto sulle valvole per poter
visualizzare il grado di apertura.
Generalmente di tipo meccanico
ed collegato all'asta di manovra
da cui riceve il movimento.
All'indicatore meccanico
possibile collegare dei
microcontatti per poter effettuare
la segnalazione a distanza
(Vedere Fine corsa).

Fig. 35 - Indicatore di apertura

22

Materiali
Generale - Per effettuare una
corretta selezione delle
apparecchiature essenziale
conoscere le caratteristiche esatte
dei materiali di cui sono
costituite. Per questa ragione i
vari materiali sono elencati e
catalogati all'interno di
Normative; questi documenti
sono stati emessi da enti o istituti
di unificazione (UNI, DIN,
AFNOR, ecc..) e sono a carattere
nazionale.
Nel corso degli ultimi anni si
cercato di armonizzare le
normative dei singoli paesi
europei creando delle normative
comunitarie. Per quanto riguarda
i materiali, le normalizzazioni
hanno portato ad una nuova
classificazione con sigle e
terminologie completamente
differenti dalle precedenti. Di
seguito vengono riportate due
tabelle in cui possibile (per
alcuni materiali) comparare le
due classificazioni DIN e EN.

Materiali

Glossario

Tab. 11 - Comparazione tra designazioni materiali secondo norme DIN-EN e ASTM


Precedente

Attuale

ASTM

Codifica (designazione)

No.

Norma

Codifica (designazione) No.

Norma

Codif. (des.)

GG-25

0.6025

DIN 1691

EN-GJL-250

EN-JL-1040

DIN EN 1561

A 48-40B

GGG-40

0.7040

DIN 1693-1 EN-GJS-400-15

EN-JS1030

DIN EN 1563

A 536-60-40-18

1)

GGG-40.3

0.7043

DIN 1693-1 EN-GJS-400-18-LT

EN-JS1025

DIN EN 1563

H II

1.0425

DIN 17155 P255GH

1.0425

DIN EN 10028-2 A 286 C

C 22.8

1.0460

DIN 17243 P250GH

1.0460

15Mo3

1.5415

DIN 17243

16Mo3+TN

1.5415

13CrMo44

1.7335

DIN 17243

13CrMo4-5

1.7335

10CrMo 9 10

1.7380

DIN 17155

11CrMo9-10

1.7383

X10CrMoVNb9-1

1.4903

Vd TV 511 X10CrMoVNb9-1

X 6CrNiMoTi 17-12-2

1.4571

DIN 17440

1.4903

X6CrNiMoTi17-12-2 1.4571

DIN EN 10273
DIN EN 10222-2
DIN EN 10273
DIN EN 10222-2
DIN EN 10273
DIN EN 10222-2
DIN EN 10273
DIN EN 10222-2
DIN EN 10273
DIN EN 10222-2
DIN EN 10272
DIN EN 10222-5

A 105
A 182 F1
A 182 F11
A 182 F22
A 182 F91
A 182 F316

GS-C25N

1.0619.01 DIN 17245

GP240GH+N

1.0619+N

DIN EN 10213-2 A 216 WCB

GS-17CrMo55

1.7357

DIN 17245

G17CrMo5-5

1.7357

DIN EN 10213-2 A 217 WC6

GS-18CrMo9 10

1.7379

DIN 17245

G17CrMo9-10

1.7379

DIN EN 10213-2 A 217 WC9

ST 35.8

1.0305

DIN 17175

P235GH

1.0345

DIN EN 10216-2 A 106 A

G-X6CrNi189

1.4308

DIN 17445

GX5CrNi19-10

1.4308

DIN EN 10213-4 A 351 CF8

G-X 6CrNiMo 1810

1.4408

DIN 17445

GX5CrNi19-11-2

1.4408

DIN EN 10213-4 A 351 CF8M

1Testato

per impiego alle basse temperature

23

Materiali

Glossario

Tab. 12 - Comparazione tra identificativi materiali secondo Norme DIN ed EN


Precedente DIN
Nuova EN
Precedente DIN
19MN6
1.0473
GS-C25BADNIT
C22N
C22+N
GS-C25 GAL OR
C22N GALZN
C22+N+ZE
GS-C25 OSA
C22N NIP
C22+N+NIP
GS-C25 N
C22N SALZNIT
C22+N+SALZNIT
GS-C25N E-POL
C22V
C22+QT
GS-C25N GAL ZN
C35N
C35+N
GTS-35-10
C45 GALZN
C45+ZE
GTS-35-10 GALCD
C45 CALCRHART
C45+GALCRHART
GTW-35-04
C45N
C45+N
GTW-40-05
C45N A2D
C445+N+A2D
GTW-40-05TZN
C45N GAL CR
C45+N+GALCR
GTW-40-05GALCR
C45N SALZNIT
C45+N+SALZNIT
GTW-40-07
C45V
C45S+QT
GTW-8 38-12
C60N
C60+N
H ll
C60V
C60+QT
H II OSA
CK22N
C22E+N
MRST37-2
CK22N PLATT
C22E+N+PLATT
MST50-2
CK22V
C22E+QT
MST60-2
CK35
C35E
MST70-2
CK35V TZN
C35E+OT+Z
MUST37-2
CK45
C45E
RST37-2
CK45N
C45E+N
RST37-2GALZN
CK45V
C45E+QT
RST37-2 OSA
CK60V
C60E+QT
RST37-2TZN
GG-20
JL1030
ST33 GALZN
GG-20-OSA
JL1030+OSA
ST33TZN
GG-25
JL1040
ST37-2NIP
GG-25 GAL CD
JL1040+GALCD
STS7-3N
GG-25 GAL CR
JL1040+GALCR
ST44-2
GG-25 GAL ZN
JL1040+ZE
ST44-2 GAL ZN
QG-25 OKST
JL1040+OKST
ST50 GALZN
GG-25 OSA
JL1040+OSA
ST50-2
GG-25 SCHW.GET
JL1040SCHW.GET
ST52-3
GG-30
JL1050
ST52-3PLATT
GGG-35.3
JS1015
ST70.2
GGG-40
JS1030
STE420
GGG-40 G
JS1030+A
TSTE355
GG-40 GAL CR
JS1030+GAL CR
V530-65A LACK
GG-40 GAL NI
JS1030+GAL Nl
V600-65A LACK
GG-40 GAL ZN
JS1030+ZE
VH660-50 OXYD
GGG-40 NIP
JS1030+NIP
VH890-60
GGG-40 OSA
JS1030+OSA
ZST37-2GALZN
GGG-40 S
H JS1030+2B
1.4308
GGG-40 UNGEGL
JS1030+UNGEGL
1.4308 OSA
GGG-40.3
JS1025
1.4308 GEALT
GGG-40.3 OSA
JS1025+OSA
1.4308 UNMAG
GGG-40SCHW.GET
JS1030SCHW.OET
1.4408
GGG-50
JS1050
1.4408 E-POL
GGG-60
JS1060
1.4408 GEALT
GGG-40.3GALCD12
JS1025+GALCD12
1.4408 SALZNIT
GGG-40G GALCD12
JS1030+A+GALCD
1.4408 UNMAG
GS-17CRMO55
G17CRMO5-5
1.4517
GS-17CRMO55 GALZN
G17CRMO5-5+ZE
1.4552
GS-17CRMOV511
G17CRMOV5-10
1.4552GEALT
GS-18CRMO910
G17CRMO9-10
1.4581
GS-22MO4
G20CRMO5
1.4581 GEALT
GS-C25
GP240GH+QT
Per ulteriori informazioni consultare le tabelle presenti nell'appendice tecnica

24

Nuova EN
GP240GH+BADNIT
GP240GH+GALCR
GP240GH+OSA
GP240GH+N
GP240GH+N+EPOL
GP240GH+N+ZE
JM1130
JM1130+GALCD
JM1010
JM1030
JM1030+Z
JM1030+GAL CR
JM1040
JM1020
P265GH
P265GH+OSA
S235JRG2
E295
E335
E360
S235JRG2
S235JRG2
S235JRG2+ZE
S235JRG2-OSA
S235JRG2+Z
S185+ZE
S185+Z
S235JR-NIP
S235JRG2
S275JR
S275JR+ZE
E295+Z
E295
S355J2G3
S355J2G3+PLATT
E360
S420N
P355NL1
M530-65A+LACK
M600-65A+LACK
M660-50D+OXYD
M890-50D
S235JRG2+ZE
1.4308
1.4308+OSA
1.4308+GEALT
1.4308+UNMAG
1.4408
1.4008+E-POL
1.4408+GEALT
1.4408+SALZNIT
1.4408+UNMAG
1.4517
1.4552
1.4552+GEALT
1.4581
1.4581+GEALT

Materiali

Glossario

Tab. 13 - Comparazione tra gruppi di materiali classificati secondo Norme ASTM e EN - DIN
Materiale
Ghisa

Acciai
Fusi

Gruppo
Ghisa grafite lamellare

Sigla ASTM
A126B

Ghisa grafite sferoidale

A536 65-45-12

Acciaio al carbonio

A216 WCB
A216 WCC
A352 LCB
A352 LCC
A352 LC1
A352 LC2
A352 LC3
A217 CA15

Acciaio al carbonio
(per bassa temperatura)

Acciaio inossidabile
martensitico (per alta
temperatura)

Acciao austenico
Duplex

Fusioni
al nickel

Acciao legato al nickel

Acciai
Forgiati

Acciaio al carbonio
Acciaio inossidabile

Acciaio al carbonio
(per bassa temperatura)

A351 CF3
A351 CF3M
A351 CF8
A351 CF8M
A351 CF8C
A351 CN7M
A351 CD-4 Mcu
A351 CF10-MC
A494 N-12MV
A494 CW-12MV
A494 M-35-2
B166
A105
A182 F6a
A182 F304
A182 F304L
A182 F316
A182 F316L
A182 F321
AISI 904L
A182 316 Ti
A350 LF1
A350 LF2
A350 LF3

Sigla EN-DIN
EN-GJL-250
EN-1561
EN-GJS-400-15
EN-1563
EN-10213-2/1.0619
EN-10213-2/1.0619
SEW 685 / 1.1138
SEW 685 / 1.1138
SEW 685 / 1.5621
SEW 685 / 1.5638
DIN 17445 - 1.4027

SEW410 / 1.4306
SEW410 / 1.4404
EN-10213-4 /1.4308
EN-10213-4 /1.4408
EN-10213-4 /1.4552
14.500
SEW400/1.4462
EN-10213-4 /1.4581
SEW410 / 1.4469
24.686
DIN 17730/2.4365
DIN 17243 /1.0402(C22)
DIN 17243 /1.0460(C22.8)
DIN 17440 /1.4021
DIN 17440 /1.4301
EN-10088 /1.4307
DIN 17440 /1.4401
DIN 17440 /1.4404
DIN 17440 /1.4541
SEW400 /1.4539
DIN 17445 /1.4312
DIN 17440 /1.4571
SEW081 /1.0508

Sigla breve
GG 25
GGG40
WCB
WCC
LF2

LF3
410 - 420

CF3
304L
CF3M
316L
CF8
304
CF8M
316
304+Nb(Ti)
Alloy20 UNS NO8020
Duplex UNS S31803
Superduplex UNS S32760
Hastelloy B
Hastelloy C UNS N06455
Monel UNS N04400
Inconel 600 UNS N06600
A105

304
304L
316
316L
UNS N08904
316Ti
LCC
LC3

Tab. 14 - Temperature minime/massime ammissibili secondo le norme ANSI


B16.34-ANSI B31.3
Sigla materiale
CA15
CF3-CF3M
CF8C
CF8-CF8M
CN7M
LC1
LC2
LC3
LCC-LCB
WCC-WCB

Temperatura minima
-29C
-196C
-196C
-196C
-170C
-59C
-73C
-101C
-46C
-29C

Temperatura massima
593C
425C
537C
537C
149C
340C
340C
340C
340C
425C

Per ulteriori informazioni consultare le tabelle presenti nell'appendice tecnica

25

Montaggio (Posizioni di installazione)

Montaggio (Posizioni di
installazione)
Generale - Premesso che per ogni
singolo modello resta
assolutamente necessario seguire
le indicazioni fornite dai vari
costruttori, allo scopo di fornire
unindicazione di massima, di
seguito vengono riportate una
serie di raccomandazioni, utili
per la realizzazione di una
corretta installazione.
I corpi delle valvole hanno una
freccia che indica la direzione del
flusso. Nel caso di valvole
bidirezionali come le valvole a
farfalla, a sfera o a saracinesca,
l'indicazione non viene riportata.
Per tutte le valvole con senso
preferenziale quindi necessario
effettuare l'installazione in modo
che il senso di deflusso coincida
con la freccia di direzione che si
trova sul corpo della valvola.
Valvole di intercettazione a
tappo
Le valvole di intercettazione
possono essere montate in
qualsivoglia posizione, anche se
la posizione pi favorevole
comunque con asta verticale
verso l'alto.
Per le valvole corredate di
soffietto necessario evitare un
montaggio con l'asta verso il
basso, per evitare che eventuali
impurit si raccolgano nelle onde
del soffietto.
Le valvole di intercettazione
normalmente vengono montate
in modo che il fluido entri da
sotto il tappo ed esca da sopra il
tappo.
In caso di necessit possibile
effettuare l'installazione anche in
tubazioni con senso di flusso
alternato.

Glossario

Valvole di ritegno
Le tipologie disponibili sono
molte e con caratteristiche
diverse; non quindi possibile
fornire una indicazione generica,
per cui per questo tipo di valvola
occorre vedere caso per caso cosa
viene riportato sui manuali del
costruttore.
Per quanto riguarda le esecuzioni
wafer comunque buona norma
rispettare lo schema seguente:

Fig. 36 - Esempi di installazione di valvole di ritegno wafer


Raccoglitori di impurit
I raccoglitori di impurit devono
essere montati in modo che il
liquido attraversi l'elemento
filtrante.
In tubazioni orizzontali
l'elemento filtrante si trova
normalmente sotto l'asse della
tubazione.
Per essere certi che l'elemento
filtrante venga attraversato
correttamente dal fluido, seguire
lo schema sottostante.

Fig. 37 - Posizioni di
installazione dei filtri ad Y

26

Esecuzioni speciali
Valvole con tappo di regolazione
per principio devono essere
montate in modo che il senso di
flusso e conseguentemente la
pressione da regolare si trovino
sotto il tappo, questo per poter
garantire una taratura affidabile.
Valvole con tappo di equilibratura
per principio devono essere
montate in modo che la pressione
si trovi sopra il tappo.
Saracinesche di intercettazione e
valvole a sfera
Entrambe le tipologie sono
bidirezionali e possono essere
montate in qualsivoglia posizione,
anche se, la posizione pi
favorevole quella con l'asta
verticale verso l'alto.

Montaggio (Posizioni di installazione)


Normativa EN 681-1

Glossario

Valvole a farfalla
Sono valvole bidirezionali; le
posizioni di installazione possibili
sono in funzione del DN; esiste
comunque una posizione
preferenziale e cio quella che
prevede l'asse di rotazione del
disco in posizione orizzontale.
Questa posizione offre in effetti i
seguenti vantaggi:
Il peso del disco supportato
dai cuscinetti.
In presenza di fluidi carichi o
con tendenza a depositarsi sul
fondo, la diminuzione della
sezione di passaggio ed il
conseguente aumento della
velocit nelle fasi di manovra
della valvola, mantiene la zona
di probabile deposito pulita;
inoltre, con questa posizione, si
evita che questa zona vada a
coincidere con la sezione dove
avviene la rotazione degli alberi
di manovra.

dell'elemento perturbatore, la
distanza pu essere ridotta fino a
2 x DN.
Negli esempi che seguono sono
riportate tutte condotte
posizionate in orizzontale e con
vista dall'alto.

Fig. 39 - Posizioni di
installazione per valvole a
farfalla DN>300
6 x DN

6 x DN
2 x DN
Valvola
Valvola

DN
6 x DN

2 x DN

2 x DN
Valvola
Valvola

Fig. 40 - Distanze minime di installazione

Fig. 38 - Posizioni di
installazione per valvole a
farfalla DN300 mm
Distanze minime
A seconda delle configurazioni
dei circuiti, necessario tenere
una certa distanza tra le varie
apparecchiature: curve, pezzi
speciali, ecc... La definizione di
queste distanze calcolabile nel
seguente modo: nel caso la
valvola venga posizionata a valle
di un elemento "Perturbatore"
(curve, pezzi speciali, pompe,
compressori, altre valvole, ecc.) la
distanza da prevedere pari a 6 x
DN. Se viceversa la valvola viene
posizionata a monte

Namur (*) Argomenti correlati


Generale - Standard
costruttivo utilizzato per la
realizzazione dei particolari di
collegamento degli accessori
sui servocomandi pneumatici.
Normativa EN 19
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce la
marcatura delle valvole
industriali che vengono
impiegate sui servizi generali.
Normativa EN 558-1
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce in
funzione del PN gli
scartamenti delle valvole
metalliche con connessioni
flangiate.
(*) Argomenti correlati:

Vai a Servocomando
Idraulico/oleodinamico

Normativa EN 558-2
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce, in
funzione della classe, gli
scartamenti delle valvole
metalliche con connessioni
flangiate.
Normativa EN 593
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce
tipologie, dimensioni e
caratteristiche delle
valvole a farfalla metalliche.
Normativa EN 681-1
Acquedottistica - Normalizzazione
Europea che definisce le
caratteristiche degli elementi di
tenuta in elastomero (gomma
vulcanizzata). Determina i
requisiti dei materiali per i giunti
di tenuta installati nelle tubazioni

Vai a Servocomando
Pneumatico

27

Normativa EN 681-1
Normativa EN 736-1

Glossario

utilizzate per l'adduzione e


scarico dell'acqua. La norma si
applica ai giunti di tenuta di tutti
i materiali per tubazioni,
includendo ghisa, acciaio, gres,
fibra-cemento, cemento, cemento
armato, materie plastiche e
materie plastiche rinforzate con
fibra di vetro.
Essa si applica ai componenti in
elastomero di elementi di tenuta
compositi e non compositi e ne

indica i requisiti generali e le


relative caratteristiche fisiche e
meccaniche, in relazione al campo
di applicazione:
1) Convogliamento di acqua
potabile fredda (fino a 50C).
2) Convogliamento di acqua
calda potabile e non potabile
(fino a 110C).
3) Sistemi di convogliamento di
acque di scarico, di acque
fognarie e di acque piovane

(servizio continuo fino a 45C


e servizio intermittente fino a
95C).
Normativa EN 736-1
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce le
terminologie delle valvole. Nella
tabella sottostante sono riportate
le varie tipologie in funzione del
movimento dell'otturatore.

Fig. 41 - VALVOLE - Tipologie di Base - Normativa EN 736-1


Movimento
dellotturatore

Deformazione di un
Rotazione su un asse posizionato a 90
componente
perpendicolarmente al senso del flusso
flessibile
Direzione del flusso In funzione del
Intorno
Allinterno
in rapporto alla
design della
allotturatore
dellotturatore
sede di tenuta
valvola

Movimento
Lineare
Nella stessa
direzione
dellotturatore

A 90 rispetto al
movimento
dellotturatore

Valvole a Globo

Saracinesche

Raffigurazione
schematica

Tipologia
di base

Valvola a
Membrana

Valvole a Farfalla e Valvole a Sfera e


Rubinetti eccentrici Rubinetti a maschio

Estratto dalla Normativa EN 736-1


Nota - Le valvole di ritegno a tappo vengono classificate come "Valvole a Globo" mentre le valvole di ritegno a battente
(Clapet) vengono classificate come "Valvole a farfalla"

28

Normativa EN 736-2
Normativa EN 1074-5

Glossario

Normativa EN 736-2
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce le
terminologie delle varie parti che
compongono le valvole.
Normativa EN 736-3
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce i concetti
di base nelle valvole.
Normativa EN 1074-1
Acquedottistica Normalizzazione Europea che
definisce i requisiti generali di
progettazione, prestazionali ed i
metodi di valutazione della
conformit per le valvole
installate nelle reti di fornitura
d'acqua destinata al consumo
umano, sia sopra sia sottosuolo.
Normativa EN 1074-2
Acquedottistica Normalizzazione Europea che
definisce i requisiti generali di
progettazione, prestazionali ed i
metodi di valutazione della
conformit per le valvole di
intercettazione fino al DN 2000
con PFA comprese fra 6 e 25 bar,
installate nelle reti di fornitura
d'acqua destinata al consumo
umano, sia sopra sia sottosuolo.
La norma da considerrsi
prioritaria sulle altre, che
pertanto possono essere utilizzate
solo per i punti citati all'interno
della EN1074-2.

destinata al consumo umano, sia


sopra sia sottosuolo.
La norma non si applica alle
valvole di ritegno antiinquinamento, in quanto le stesse
sono oggetto di apposite
normative.
Normativa EN 1074-4
Acquedottistica Normalizzazione Europea che
definisce i requisiti generali di
progettazione, prestazionali ed i
metodi di valutazione della
conformit per le valvole di sfiato
d'aria fino al DN 300 con PFA
comprese fra 6 e 25 bar, installate
nelle reti di fornitura d'acqua
destinata al consumo umano, sia
sopra sia sottosuolo.
Normativa EN 1074-5
Acquedottistica Normalizzazione Europea che
definisce i requisiti generali di
progettazione, prestazionali ed i
metodi di valutazione della
conformit per le valvole di
regolazione fino al DN 2000 con
PFA comprese fra 6 e 25 bar,
installate nelle reti di fornitura
d'acqua destinata al consumo
umano, sia sopra sia sottosuolo.
La norma non si applica ad altri
componenti quali ad esempio,
attuatori, rilevatori di livello
flussimetri, sensori di pressione,
dispositivi di regolazione ecc.

Normativa EN 1074-3
Acquedottistica Normalizzazione Europea che
definisce i requisiti generali di
progettazione, prestazionali ed i
metodi di valutazione della
conformit per le valvole di
ritegno fino al DN 2000 con PFA
comprese fra 6 e 25 bar, installate
nelle reti di fornitura d'acqua

29

Normativa EN 1092-1

Glossario

Normativa EN 1092-1
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce fino al PN
100: tipologie, dimensioni e
forature per tubazioni, valvole,
pezzi speciali e accessori con
flange tonde di acciaio.
In particolare vengono definite le
tipologie:
Tab. 15 - Comparazione tra designazioni secondo norme DIN
e Normativa EN 1092-1
Tipo di flangia

Comparazione con le
norme DIN

Faccia di tenuta piana

DIN 2526 Forma A-B

B1 Faccia di tenuta a gradino

DIN 2526 Forma C-D

B2 Faccia di tenuta a gradino

DIN 2526 Forma E

Faccia con incastro doppia femmina

DIN 2512 Forma F

Faccia con incastro doppia femmina

DIN 2512 Forma N

Faccia con incastro semplice maschio-femmina DIN 2513 Forma V13

Faccia con incastro semplice maschio-femmina DIN 2513 Forma R13

Per le tipologie B1 e B2, l'altezza


del gradino di tenuta viene fissata
per tutti i DN in 2 mm; la
lavorazione della superficie di
tenuta viene riportata nella
seguente tabella.
Tab. 16 - Lavorazioni superfici di tenuta - Normativa EN 1092-1
Tipo di flangia

Finitura

Faccia di tenuta piana

Rz= 12,5 - 50

B1 Faccia di tenuta a gradino

Rz= 12,5 - 50

B2 Faccia di tenuta a gradino

Rz= 3,2 - 12,5 m

Faccia con incastro doppia femmina

Rz= 3,2 - 12,5 m

Faccia con incastro doppia femmina

Rz= 3,2 - 12,5 m

Faccia con incastro semplice maschio-femmina Rz= 12,5 - 50

Faccia con incastro semplice maschio-femmina Rz= 12,5 - 50

30

Normativa EN 1092-2
Normativa EN ISO 9001:2000

Glossario

Normativa EN 1092-2
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce in
funzione del PN: tipologie,
dimensioni e forature per
tubazioni, valvole, pezzi speciali
e accessori con flange tonde di
ghisa.
Normativa EN 1092-3
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce in
funzione del PN: tipologie,
dimensioni e forature per
tubazioni, valvole, pezzi speciali
e accessori con flange tonde di
rame.

costruzione dei corpi delle


valvole realizzate in acciai
normalizzati ISO.
Normativa EN 1503-3
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce i materiali
che vengono impiegati per la
costruzione dei corpi delle
valvole di ghisa.
Normativa EN 1503-4
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce i materiali
che vengono impiegati per la
costruzione dei corpi delle
valvole in rame e sue leghe.

Normativa EN 1092-4
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce in
funzione del PN: tipologie,
dimensioni e forature per
tubazioni, valvole, pezzi speciali
e accessori con flange tonde di
alluminio.

Normativa EN 1759-3
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce in
funzione della classe: tipologie,
dimensioni e forature per
tubazioni, valvole, pezzi speciali
e accessori con flange rotonde
di rame.

Normativa EN 1267
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce i criteri
per la misura della resistenza
elettrica delle valvole.

Normativa EN 1984
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce i requisiti
per le valvole a saracinesca
realizzate in acciaio, con
estremit flangiate, a saldare o
filettate.

Normativa EN 1349
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce le valvole
di regolazione negli impianti di
processo.
Normativa EN 1503-1
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce i materiali
che vengono impiegati per la
costruzione dei corpi delle
valvole di acciaio.
Normativa EN 1503-2
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce i materiali
che vengono impiegati per la

Normativa EN ISO 10497


Generale - Normalizzazione
Europea che definisce i collaudi
e le prove delle valvole negli
impianti antincendio.
Normativa EN ISO 9001:2000
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce i criteri
per l'assicurazione della qualit.
La norma stata pubblicata il
15 dicembre del 2000 e
sostituisce la precedente ISO
9000: 1994.

Le procedure che vengono prese


in esame sono quelle relative al
controllo dei documenti,
verifiche ispettive interne,
controllo dei documenti di
registrazione, controllo del
prodotto non conforme, azioni
correttive e preventive.
La norma composta da tre
sezioni distinte:
EN 9000:2000 - Fondamenti e
Terminologie.
EN 9001:2000 - Requisiti.
EN 9004:2000 - Linee guida per
il miglioramento delle prestazioni.
La stesura della normativa ha
tenuto inoltre conto delle
seguenti norme:
ISO 19011 - Norma integrata
dedicata agli audit sui sistemi di
gestione per la qualit e per
lambiente.
ISO 10012 - Norma dedicata
alla gestione della
strumentazione.
Per effetto dellentrata in vigore
della nuova normativa, a partire
dal 15 dicembre 2003, le
certificazioni ottenute con le
ISO 9000:1994 perderanno
ogni validit.
Le pricipali differenze tra le due
normative sono le seguenti:
le ISO 9001:2000 e 9004:2000
sono state sviluppate sulla base di
una struttura a processi,
anzich su una struttura a 20
elementi come in passato;
tuttavia i 20 elementi della
vecchia struttura sono facilmente
riconoscibili nella nuova, che
articolata in quattro capitoli
fondamentali:
1) Responsabilit della Direzione
2) Gestione delle risorse
3) Realizzazione del prodotto
4) Misura, analisi e
miglioramento.

31

Normativa EN ISO 9001:2000


Normativa EN 12266-1
La ISO 9001:2000 non specifica
per i requisiti sulla architettura
della documentazione del SGQ
(Sistema Gestione Qualit) e, in
particolare, sul modo in cui deve
essere fatto il manuale; pertanto
la documentazione non
necessario che venga articolata in
accordo con il nuovo indice, ma
solo che venga integrata per
coprire i nuovi requisiti.
I requisiti nuovi della ISO
9001:2000 riguardano
essenzialmente la visione per
processi, la soddisfazione del
cliente, il miglioramento
continuo e gli obiettivi per la
qualit, che sono aspetti di
estremo interesse per le aziende.
Normativa EN 12116
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce le
connessioni degli operatori che
vengono previsti sulle valvole.
Normativa EN 12266-1
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce le
condizioni tecniche di fornitura,
le procedure di prova e di
accettabilit delle valvole
industriali. Nelle tabelle che
seguono sono riportati i parametri
che vengono utilizzati nelle fasi di
test della tenuta primaria
(monte/valle dell'otturatore).

Glossario

Tab. 17 - Relativa a test effettuati con aria - Normativa EN 12266-1


Diametro
nominale
DN
maggiore di

fino a

Grado di
perdita 2

Zero bolle

comparsa di bolle
singole

bolle al minuto (1)

Grado di
perdita 3
formazione
continua
bolle, cm3
al minuto

Durata del
test in
minuti

40

2 (2)

25

0,25

40

100

63

100

150

94

150

200

12

125

200

250

15

157

250

300

18

188

300

350

21

220

350

400

24

252

400

500

30

314

500

600

36

376

600

700

42

440

700

800

48

502

800

900

54

565

900

1000

60

628

1000

1100

66

690

1100

1200

72

752

(1) goccia = 100 mm3

(2) durata del test = 1 minuto

Tab. 18 - Relativa a test effettuati con acqua - Normativa EN 12266-1


Diametro
nominale
DN
maggiore di

fino a

Grado di
perdita 1

Grado di
perdita 2

Zero bolle

comparsa
di gocce

bolle al minuto (1)

40

1 (2)

Grado di
perdita 3
trafilamentogocciolio
continuo, cm3
al minuto

Durata del
test in
minuti
0,25

40

100

10

100

150

15

150

200

20

200

250

25

250

300

30

300

350

35

350

400

40

400

500

50

500

600

60

600

700

70

700

800

80

800

900

90

900

1000

10

100

1000

1100

11

110

1100

1200

12

120

(1) goccia = 100

32

Grado di
perdita 1

mm3

(2) durata del test = 1 minuto

Normativa prEN 12266-2


Normativa ISO 5211

Glossario

Normativa EN 12266-2
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce i requisiti
supplementari per le prove, i
procedimenti di prova e di
accettazione delle valvole
industriali.
Normativa EN 12334
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce i requisiti
per le valvole di ritegno di ghisa.
Normativa EN 12570
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce le forze
manuali ed il metodo di calcolo e
dimensionamento dell'elemento
di manovra per tutte le valvole
industriali.
Normativa EN 12627
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce le
dimensioni delle estremit da
saldare di testa per valvole
in acciaio nelle dimensioni
comprese tra il DN 8 e il DN
1400.
Normativa EN 12760
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce le
dimensioni delle estremit ad
incastro da saldare per valvole
in acciaio nelle dimensioni
comprese tra il DN 6 e il DN 65.
Normativa EN 12982
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce gli
scartamenti delle valvole con
attacchi da saldare di testa
utilizzate in sistemi di tubazioni
designati sia in PN sia in Classe.
Normativa prEN 13289
Impianti per la lavorazione della
pasta - Bozza di Normalizzazione
Europea redatta dal comitato

tecnico del CEN (TC-Techinal


committee) 153 "Macchinari per
la lavorazione della pasta-.
Specifiche di sicurezza e igiene",
presentata all'esame dei membri
del CEN (Comitato Europeo di
Normalizzazione) per ricevere il
voto formale di approvazione.
La norma definisce i requisiti di
sicurezza degli impianti per la
lavorazione della pasta Essiccatoi e Raffreddatori. Gli
impianti idraulici e pneumatici
vengono trattati nel paragrafo
5.1.5 che di seguito viene
riportato integralmente.
5.1.5 Espulsione di liquidi
La rete di tubazione idrica, quella
ad acqua surriscaldata, quella a
vapore e quella ad olio
diatermico, insieme ai rispettivi
dispositivi di intercettazione e di
controllo, devone essere progettati
per resistere ad una pressione
equivalente a 1,5 volte la
pressione massima di lavoro.
Le valvole azionate manualmente
devono essere installate
nell'interfaccia tra la macchina e
le alimentazioni in entrata. Le
valvole devono essere dotate di
dispositivo di blocco.
Gli impianti idraulico e
pneumatico devono essere
progettati e costruiti in
conformit con le norme
EN 982 e EN 983.
Normativa EN 60534-2-1
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce le
equazioni di misurazione delle
portate nelle valvole di
regolazione che vengono
impiegate nel processo su fluidi
incomprimibili (IEC 60534-2).
Normativa ISO 5208
Generale - Normalizzazione
Internazionale che definisce i

criteri per effettuare e verificare i


test di collaudo a cui sottoporre
tutte le varie tipologie di valvole
(vedere anche prEN 12266-1).
Normativa ISO 5210
Generale - Normalizzazione
Internazionale che definisce le
tipologie e le dimensioni delle
varie connessioni tra le valvole e
gli attuatori multigiro, la norma
precisa le dimensioni della flangia
di accoppiamento, le dimensioni
di eventuali adattatori ed i valori
di coppia e di spinta.
Normativa ISO 5211
Generale - Normalizzazione
Internazionale che definisce le
tipologie e le dimensioni delle
varie connessioni tra le valvole
con movimento a frazione di giro
e la relative apparecchiature di
manovra. La normativa si
compone di tre sezioni:
Parte 1 - Dimensioni delle basi di
attacco (1 diffusione 1977).
Parte 2 - Caratteristiche dutilizzo
delle basi di attacchi e degli
accoppiamenti (1 diffusione
1979).
Parte 3 - Dimensioni degli steli di
manovra (1 diffusione 1982).
Per quanto riguarda la Parte 3, la
normativa prende in esame solo
gli steli tondi con chiavetta.
Per questo motivo la nuova
normativa europea EN 12116
avr le prime due parti identiche
alla norma ISO 5211, mentre la
terza tratter:
Steli con estremit a sezione
tonda con chiavetta.
Steli con estremit a sezione
quadra.
Steli con estremit a sezione
doppio piano.
Argomenti correlati:
Vai a Servocomando Idraulico/oleodinamico
Vai a Servocomando Pneumatico

33

Normativa ISO 5752


Normativa UNI 8061
Normativa ISO 5752
Generale - Normalizzazione
Internazionale che definisce
scartamenti e altezze per le
valvole metalliche. La normativa
prende in esame tutte le tipologie
di valvola ed stata armonizzata
con diverse normative nazionali.
All'interno della norma
riportata una tabella riepilogativa
che illustra, per ogni taglia e tipo,
la relativa normativa di base.
La norma stata sostituita dalla
EN 558-1.
Normativa ISO 7005-1
Generale - Normalizzazione
Internazionale che definisce: tipi,
dimensioni e relative tolleranze
per tutte le connessioni flangiate.
Normativa ISO 15848-1
Generale - Normalizzazione
Internazionale che definisce:
Misure e metoto dei test da
effettuarsi per le qualifiche delle
valvole nell'ambito delle
applicazioni che richiedono un
controllo contro le emissioni
fuggitive. La norma definisce
l'esatta terminologia e definizioni
dei vari componenti delle valvole,
delle prove da effettuare, e dei
gradi di perdita massima
ammissibile in funzione del tipo
di tenuta utilizzata.
Per la tipologia degli argomenti
trattati questa norma, viene di
sovente abbinata alla direttiva
VDI 2440 che alla base della
regolamentazione TA-LUFT
(Technische anleitung der Luft).
Normativa UNI 10269
Acquedottistica Normalizzazione Nazionale che
definisce materiali, esecuzioni e
dimensioni delle Valvole a
saracinesca di ghisa per la
distribuzione dell'acqua

34

Glossario

potabile e requisiti per


installazione sottosuolo a
diretto contatto con il terreno.
Dal 01-05-2004 la normativa
stata sostituita dalla UNI EN
1171.
Normativa UNI 10779
Antincendio - Normalizzazione
Nazionale che definisce i requisiti
minimi da soddisfare nella
progettazione, installazione ed
esercizio degli impianti idrici
permanentemente in pressione,
destinati all'alimentazione di
idranti e naspi antincendio.
Le valvole vengono trattate nel
paragrafo 6.3 che di seguito viene
riportato integralmente.
6.3 Valvole di intercettazione
Le valvole di intercettazione
devono essere di tipo indicante la
posizione di apertura/ chiusura;
sono ammesse valvole a stelo
uscente di tipo a saracinesca o a
globo, valvole a farfalla, valvole a
sfera.
Le valvole di intercettazione
devono essere conformi alla
UNI 6884 e, se a saracinesca,
alla UNI 7125. Nelle tubazioni
di diametro maggiore di 100
mm non sono ammesse valvole
con azionamento a leva a (90)
prive di riduttore.
Normativa UNI 2223
Generale - Normalizzazione
Nazionale che definisce la
disposizione dei fori e le
dimensioni di accoppiamento
delle flange circolari metalliche
per tubazioni.
Normativa UNI 2514
Generale - Normalizzazione
Nazionale che definisce per i
vari materiali le massime
pressioni ammissibili in
funzione della temperatura.

Normativa UNI 6884


Generale - Normalizzazione
Nazionale che definisce le
condizioni tecniche di fornitura
e collaudo per quanto riguarda:
valvole di intercettazione e
regolazione di fluidi.
Normativa UNI 7125-72
Generale - Normalizzazione
Nazionale che, per quanto
riguarda le saracinesche
flangiate per condotte d'acqua,
definisce le condizioni tecniche
di fornitura. In particolare
vengono normalizzati:
materiali, grandezze, forme
costruttive, dimensioni e relative
tolleranze, particolarit
costruttive, pressioni di
esercizio, tipi e applicabilit
delle apparecchiature di
manovra, protezioni delle
superfici, marcature, controlli di
fabbricazione, attestati di
conformit e collaudo per le
saracinesche di ghisa da
utilizzarsi per la distribuzione
dell'acqua potabile previste sia
per installazione soprassuolo
che sottosuolo.
Dal 01-05-2004 la normativa
stata sostituita dalla UNI EN
1171.
Normativa UNI 8061
Impiantistica industriale Normalizzazione Nazionale che
definisce i criteri per la
progettazione, costruzione ed
esercizio degli impianti di
riscaldamento a fluido
diatermico a vaso aperto.
In particolare per quanto
riguarda le valvole, nella norma
vengono definiti i materiali ed i
tipi di tenute; di seguito viene
riportata la sezione della
normativa che riguarda questi
due argomenti:

Normativa UNI 8061


Normativa UNI EN 10204

Glossario

Materiali - Per la costruzione


sono ammessi i seguenti
materiali: ghisa a grafite
sferoidale e acciaio in getti
fucinato. Per temperature di
progetto fino a 350C, pu essere
impiegata la ghisa a grafite
sferoidale avente un carico
unitario di rottura a trazione di
almeno 400 N/mm2. Mentre
lacciaio in getti fucinato, pu
essere impiegato senza nessun
limite di temperatura.
Tenute - Data la bassa viscosit e
l'elevata temperatura dei fluidi
termoconvettori, gli organi di
tenuta dovranno garantire una
sicura intercettazione della vena
fluida. In particolare per quanto
riguarda le tenute lungo l'asta di
manovra, sono ammesse tenute a
baderna realizzate con treccia o
anelli costruite con materiali
adatti al fluido che presentino
stabilit di caratteristiche alle
temperature massime di esercizio,
tenute a soffietto in acciaio
inossidabile realizzate in modo
da effettuare una completa
separazione della camera in cui
circola il fluido dall'ambiente
esterno.
Normativa UNI 9490
Antincendio - Normalizzazione
Nazionale che regolamenta le
Alimentazioni idriche per
impianti automatici antincendio
e relative apparecchiature.
Di seguito viene riportata la
sezione della normativa che
riguarda le valvole di
intercettazione e di ritegno.
Valvole di intercettazione Dovranno essere conformi alla
UNI 6884 e se del tipo a
saracinesca alla UNI 7125, la
pressione nominale dovr essere
compatibile con le
caratteristiche degli impianti
e la costruzione dovr
consentire una immediata

individuazione del senso di


manovra e del grado di
apertura. Per poter bloccare le
valvole nella posizione di
servizio corretta potranno essere
utilizzati diversi sistemi di
bloccaggio, quali cinghie con
piombino, catene con lucchetto
o altri sistemi equivalenti tali da
permettere l'immediata
individuazione di una eventuale
manomissione.
Valvole di ritegno - Potranno
essere sia del tipo orizzontale
che verticale ma dovranno
essere esclusivamente del tipo a
pressione differenziale.
La costruzione potr essere
realizzata in Ghisa, Bronzo o
Acciaio con sedi di tenuta in
metallo o in metallo e gomma.
Gli attacchi alla tubazione
potranno essere del tipo filettato
fino al DN 65, mentre per i DN
superiori saranno del tipo
flangiato UNI 2223. In tutte le
esecuzioni la valvola dovr essere
munita di un portello di ispezione
facilmente amovibile realizzato in
modo tale che si possa, attraverso
di esso, accedere direttamente a
tutti gli organi interni. Il portello
potr essere sostituito da un
tappo filettato se il diametro della
valvola minore di DN 65.
Sulle valvole dovranno inoltre
essere chiaramente indicati: la
Pressione Nominale (PN), il
Diametro Nominale (DN) ed una
freccia che indichi il senso del flusso.
Normativa UNI EN 10204
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce i Tipi di
documenti di controllo applicabili
ai prodotti metallici (la norma
sostituisce parzialmente la UNI
EN 21). I documenti per cui
viene fornita una designazione
convenzionale, (di seguito
vengono riportate le definizioni
inserite all'interno della

normativa per i vari documenti di


controllo):
Documenti di controllo redatti
sulla base di controlli e prove
eseguiti da personale autorizzato
dal produttore che pu far parte
dei servizi di produzione.
Attestato di conformit 2.1
Documento in cui il produttore
attesta che i prodotti sono
conformi a quanto concordato
all'ordinazione senza indicare
alcun risultato di prova.
L'attestato di conformit
all'ordinazione (2.1) un
documento redatto sulla base di
controlli non specifici.
Attestato di conformit 2.2
Documento in cui il produttore
attesta che i prodotti sono
conformi a quanto concordato
all'ordinazione ed in cui fornisce
risultati di prova sulla base di
controlli non specifici.
Attestato di conformit 2.3
Documento in cui il produttore
attesta che i prodotti sono
conformi a quanto concordato
all'ordinazione ed in cui fornisce
risultati di prova sulla base di
controlli non specifici.
L'attestato di controllo specifico
(2.3) viene utilizzato
esclusivamente dai produttori che
non dispongono di un servizio di
controllo autorizzato
gerarchicamente indipendente dai
servizi di produzione.
Se il produttore dispone di un
servizio di controllo autorizzato
gerarchicamente indipendente dai
servizi di produzione, egli deve
fornire un certificato 3.1B al
posto di un certificato 2.3.
Documenti di controllo redatti
sulla base di controlli e prove
eseguiti o coordinati da
personale autorizzato
gerarchicamente indipendente
dai servizi di produzione e basati
su controlli specifici.

35

Normativa UNI EN 10204


Normativa UNI EN 1171

Glossario

Tab. 19 - Normativa EN 10204 Designazione dei documenti


Designazione

Documento

2.1

Attestato di conformit all'ordinazione

2.2

Attestato di controllo

2.3

Attestato di controllo specifico

3.1.A

Certificato di collaudo 3.1 A

3.1.B

Certificato di collaudo 3.1 B

3.1.C
3.2

Certificato di collaudo 3.1 C


Verbale di collaudo 3.2

Certificato di collaudo
Documento rilasciato sulla base di
controlli e prove eseguiti in
conformit con le prescrizioni
tecniche dell'ordinazione o con
regolamenti ufficiali e le regole
tecniche corrispondenti. Le prove
devono essere effettuate sui
prodotti forniti o sui prodotti
dell'unit di collaudo di cui la
fornitura costituisce una parte.
L'unit di collaudo fissata dalla
norma di prodotto, dai
regolamenti ufficiali e dalle regole
tecniche corrispondenti, o viene
specificata all'ordinazione.
Secondo il caso, si distinguono i
seguenti cerificati di collaudo:
Certificato 3.1A
Viene rilasciato e convalidato da
un ispettore designato dai
regolamenti ufficiali in conformit
con gli stessi e con le regole
tecniche corrispondenti.
Certificato 3.1B
Viene rilasciato dal servizio
indipendentemente dai servizi di
produzione e convalidato da un
rappresentante autorizzato del
personale gerarchicamente
indipendente dai servizi di
produzione.
Certificato 3.1C
Viene rilasciato e convalidato da
un rappresentate qualificato
dell'acquirente, in conformit

36

con quanto previsto


nell'ordinazione.
Verbale di collaudo 3.2
Quando il certificato di collaudo
convalidato, sulla base di
accordi particolari, sia dal
rappresentante autorizzato del
produttore che dal
rappresentante autorizzato
dall'acquirente, esso assume il
nome di verbale di colaudo 3.2.
Normativa UNI EN 1171
Generale - Normalizzazione
Europea che definisce i requisiti
per le valvole a saracinesca di
ghisa con estremit flangiate, ad
incastro o imboccate.
La normativa viene utilizzata per
tutte le applicazioni industriali e
per uso generale, sia per le serie
Isobariche PN 6-10-16 e 25, sia
per le serie isomorfiche da PS 10
bar a PS 1 bar a temperatura
ambiente.
Termini e definizioni
Serie isomorfiche: Devono essere
rispettati i limiti indicati nel
prospetto 2
Serie isobariche: I rapporti
pressione/temperatura devono
essere in conformit alla EN
1092-2, per il tipo del materiale
ISO equivalente, ad eccezione
delle valvole con sedi metalliche,
le quali non devono essere
utilizzate oltre i 230C e delle
valvole con sedi morbide che non

devono essere utilizzate oltre i


70C.
Tenuta delle sedi
La perdita ammissibile per le
prove di tenuta della sede
specificate allinterno della
norma EN 12266-1 devono
essere:
Grado A (serie 1) per valvole
con sedi elastomeriche o
polimeriche
Grado B (serie 2) per valvole
con altre sedi.
La perdita ammissibile per la
prova di tenuta nella sede
posteriore,specificata nella EN
12266-2 deve essere di grado
"A".
Gamma considerata
La gamma delle dimensioni
nominali considerate : DN 40,
50, 65, 80, 100, 125, 150, 200,
250, 300, 350, 400, 450, 500,
600, 700, 800, 900, 1000.
All'interno della normativa
vengono definite le tipologie di
ghisa utilizzabile (prospetto 1) il
rating (prospetto2), gli
scartamenti (prospetto 3) e le
altre caratteristiche geometrichedimensionali.
Vengono inoltre definite le
procedure per la verifica della
coppia di resistenza, la marcatura
e le istruzioni per il trasporto e
l'immagazzinamento.
Argomenti correlati:
Vai a Saracinesca
Vai a Saracinesca cuneo gommato

Vai a Norma 10269

Vai a Norma 7125

Normativa UNI EN 1171

Glossario

Tab. 20 - Prospetto 1 - Materiali del corpo e del cappello - Normativa UNI EN 1171
Struttura di grafite

Norma europea

R m (N/mm2)

Ghisa grigia

EN 1561:1997

Ghisa grigia

EN 1561:1997

Designazione
Nome breve

Numero

200(a)

EN-GJL-200

EN-JL1030

250

EN-GJL-250

EN-JL1040

EN 1563:1997

350

EN-GJS-350-22-LT

EN-JS1015

EN 1563:1997

350

EN-GJS-350-22-RT

EN-JS1014

EN 1563:1997

400

EN-GJS-400-18-LT

EN-JS1025

Ghisa a grafite

EN 1563:1997

400

EN-GJS-400-18-RT

EN-JS1024

sferoidale

EN 1563:1997

400

EN-GJS-400-15

EN-JS1030

EN 1563:1997

500

EN-GJS-500-7

EN-JS1050

EN 1563:1997

600

EN-GJS-600-3

EN-JS1060

EN 545:2002

420-5

EN-545-420-5

Ghisa malleabile

EN 1562:1997

300

EN-GJMB-300-6

EN-JM1110

Ghisa malleabile

EN 1562:1997

350

EN-GJMB-350-10

EN-JM1130

(a)

Il tipo 200 non deve essere utilzzato per valvole con estremit flangiate PN 25

Tab. 21 - Prospetto 2 - Rapporti pressione/temperatura per le serie


isomorfiche - Normativa UNI EN 1171
DN

Pressione massima ammissibile PS(bar)a


-10C/120C

150C

180C

200C

230C

da 40 a 80
100
125
150

10,0

9,0

8,4

8,0

7,4

200
250
300

6,0

5,4

5,0

4,8

4,4

350
400
450
500

4,0

3,6

3,4

3,2

3,0

600
700

2,5

2,3

2,1

2,0

1,9

800

1,6

1,4

1,3

1,3

1,2

900
1000

1,0

0,9

0,8

0,8

0,7

Tab. 22 - Prospetto 3 - Serie di base scartamento Normativa UNI EN 1171


Serie D

Serie di base (in conformit alla EN 558-1:1995

Isomorfica

da 40 a 1000

14

PN 6, PN 10,
PN 16

da 40 a 500

14

da 40 a 1000

3, 15, 29, 30

da 40 a 600

19, 4, 15, 26

da 40 a 400

45

PN 25

37

Normativa UNI EN 1171


Normativa UNI GIG 9245
Informazioni che devono essere
fornite dallacquirente.
Le informazioni seguenti
dovrebbero essere fornite nella
richiesta di offerta e/o
nellordine:
- La norma : EN 1171.
- Le estremit del corpo:
flangiate, imboccate, o a
incastro.
- Le dimenioni nominali della
valvola.
- La designazione di pressione.
- Il materiale del corpo e del
cappello.
- Per le valvole con estremit
flangiate , il numero di serie di
base delle dimensioni dello
scartamento.
- Per le valvole con estremit
imboccate o a incastro , il tipo
delle tubazioni(diametro
interno).
Il tipo di dispositivo di manovra
- La pressione differenziale
attraverso lotturatore,nel
caso sia minore quella
massima a 20C.
per quella particolare
designazione di pressione.
- La categoria della coppia di
resistenza
Dichiarazione di conformit
Il fabbricante deve dichiarare la
conformit alla norma
marcando la valvola con UNI
EN 1171.
La normativa UNI EN
1171:2002 stata pubblicata in
Italia nel maggio 2004 e
sostituisce sia la
UNI 7125:1972 sia la UNI
10269:1995.

38

Glossario

Normativa UNI EN 29000


Generale - Normalizzazione
Europea che definisce i Criteri
per l'assicurazione (o garanzia)
della qualit.
Nella normativa vengono
elencati tre criteri di
assicurazione (o garanzia) della
qualit, alternativi l'un l'altro e
corrispondono a tre diversi tipi
di "Capacit Organizzativa".
La loro definizione fornita
dalle seguenti norme:
UNI EN 29001 Sistemi di
qualit - Criteri per
l'assicurazione (o garanzia)
della qualit nella
progettazione, sviluppo,
fabbricazione, installazione ed
assistenza.
Da utilizzare quando la
conformit ai requisiti
specificati deve essere assicurata
dal fornitore in diverse fasi che
possono includere progettazione
e sviluppo, fabbricazione,
installazione ed assistenza.
UNI EN 29002 Sistemi di
qualit - Criteri per
l'assicurazione (o garanzia)
della qualit nella fabbricazione
e nell'installazione.
Da utilizzare quando la
conformit ai requisiti
specificati deve essere assicurata
dal fornitore nelle fasi di
fabbricazione e installazione.
UNI EN 29003 Sistemi di
qualit - Criteri per
l'assicurazione (o garanzia)
della qualit nei controlli e
collaudi finali.
Da utilizzare quando la
conformit ai requisiti
specificati deve essere assicurata
dal fornitore soltanto attraverso
i controlli e collaudi finali.
Tenere presente che le
prescrizioni per i sistemi di

qualit indicati nelle norme:


UNI EN 29001- UNI EN
29002 - UNI EN 29003 sono
complementari e non alternative
ai requisiti tecnici relativi ai
prodotti o servizi interessati.
In generale queste norme sono
da utilizzare nella loro forma
originale, ma, all'occorrenza,
pu essere necessario adattarle a
particolari situazioni
contrattuali.
La UNI EN 29000 fornisce
indicazioni su come eseguire
tale adattamento e su come
scegliere, tra le UNI EN 29001,
29002 e 29003, il criterio di
assicurazione (o garanzia) della
qualit pi adatto.
Questo sistema di assicurazione
della qualit stato sostituito
dalla nuova normativa EN ISO
9001:2000, entrata in vigore il
15 dicembre 2003 (Vedere
paragrafo relativo).
Normativa UNI GIG 9245
Gas - Normalizzazione
Nazionale che definisce termini,
definizioni, caratteristiche di
costruzione e funzionamento,
prescrizioni di sicurezza e
modalit di prova delle:
Valvole a Farfalla per le reti di
distribuzione e/o trasporto del
gas combustibile.
La norma si applica a tutte le
valvole utilizzate su reti di
impianti gas funzionanti con le
tre famiglie di gas odorizzato
secondo UNI 7133 riportate
nella UNI 8275.

Glossario

Norme di sicurezza per l'Uso, la Manutenzione, l'Installazione e lo Smontaggio

Norme di sicurezza per l'Uso,


la Manutenzione,
l'Installazione e lo Smontaggio
Generale - Premesso che per un
corretto utilizzo delle varie
apparecchiature necessario
attenersi alle prescrizioni date
dai vari costruttori, di seguito
sono riportate una serie di
indicazioni che possono essere
considerate basilari.
inoltre necessario ricordare
che, in questa sezione non
vengono prese in considerazione:
casi fortuiti od avvenimenti
che potrebbero presentarsi nel
corso del montaggio, del
funzionamento e della
manutenzione.
norme di sicurezza valide
localmente per la cui
osservanza, anche da parte del
personale di montaggio,
responsabile il gestore
dell'impianto.
Nel caso di valvole motorizzate
bisogna tener conto
assolutamente dei dati per
l'alimentazione elettrica come
pure delle istruzioni di
montaggio e manutenzione
riguardanti il servocomando.
Il personale addetto alla
manovra, controllo e montaggio
deve essere informato in merito
alla interazione tra valvola ed
impianto.
Errori di governo della valvola
possono condurre a gravi
conseguenze per l'impianto ad
esempio:
Fuoriuscita di liquido
Arresto di un impianto o di
una macchina
Riduzione o aumento del
rendimento o della funzione di
un impianto o di una
macchina.
Generalit
Le valvole sono di norma
contrassegnate secondo DIN/EN
19 (ISO 5209) e precisamente:
diametro nominale (DN),

pressione nominale (PN),


materiale del corpo, sigla del
costruttore e/o del marchio di
fabbrica; se necessario, devono
essere corredate dalla freccia che
indica la direzione del flusso.
Devono inoltre essere indicate la
max. temperatura di esercizio
(C) e la max. pressione di
esercizio (bar).
Le valvole non devono essere
utilizzate oltre i valori limite
indicati sulla targhetta di
fabbrica o in condizioni
differenti da quelle precisate
nelle prescrizioni di esercizio, nei
documenti di vendita o
nelle documentazioni illustrative.
L'utilizzo delle valvole in
condizioni diverse da quelle
indicate pu causare una
sovrasollecitazione alla quale la
valvola non in grado di
resistere.
La mancata osservanza delle
presenti prescrizioni pu
condurre a danni a persone o
cose:
Lesioni a causa di liquidi
(freddi, caldi, tossici, sotto
pressione...) che potrebbero
fuoriuscire.
Pregiudizio del funzionamento
o danneggiamento della
valvola.
Sicurezza
assolutamente necessario che
tutte le indicazioni applicate
direttamente sulla valvola (come
ad esempio la pressione
nominale) vengano rispettate e
mantenute ben leggibili.
La mancata osservanza delle
indicazioni di sicurezza pu
condurre, come conseguenza, a
pericoli per le persone come pure
per l'ambiente e per le valvole
stesse.
La mancata osservanza delle
indicazioni di sicurezza
comporta inoltre la perdita di
qualsivoglia diritto a
risarcimento di danni.

La mancata osservanza delle


indicazioni pu ad esempio
comportare i pericoli seguenti:
Mancanza di importanti
funzioni della valvola o
dell'impianto.
Pericoli per le persone per
cause elettriche, meccaniche o
chimiche.
Pericoli per l'ambiente a causa
di fughe di prodotti pericolosi.
Norme di sicurezza per chi
gestisce l'impianto e per il
personale di servizio
Se parti calde o fredde delle
valvole (ad es. parti del corpo
o volantino) comportano
pericoli, il gestore deve far
proteggere queste parti per
evitare contatti con esse.
Protezioni di parti in
movimento, non devono venir
rimosse da macchine in
funzione.
Perdite (ad es. dalla tenuta
dell'albero) di liquidi pericolosi
(ad es. fluidi esplosivi, velenosi,
caldi) devono essere smaltite in
modo che non sussistano
pericoli per le persone e per
l'impianto.
Si devono osservare le
disposizioni di legge.
Si devono escludere pericoli
dovuti all'energia elettrica (per
dettagli in proposito vedere le
varie prescrizioni locali e/o
della locale societ erogatrice
di energia elettrica).
Indicazioni di sicurezza per
lavori di manutenzione,
ispezione e montaggio
Il gestore deve curare che tutti i
lavori di manutenzione,
ispezione e montaggio, vengano
eseguiti, da personale autorizzato
e specializzato, che sia informato
a sufficienza con uno studio
approfondito, dei vari manuali
Uso & Manutenzione e
comunque, in ogni caso, sono

39

Norme di sicurezza per l'Uso, la Manutenzione, l'Installazione e lo Smontaggio

valide le seguenti raccomandazioni:


per principio, lavori alla valvola
devono essere eseguiti solamente
con valvola non sotto pressione e
a freddo. A questo proposito
controllare che la temperatura
del liquido in tutte le cavit nelle
quali si trova sia inferiore a
quella di evaporazione.
Inoltre bene ricordare che,
lavori a valvole motorizzate,
devono venir eseguiti solamente
ad impianto fermo; il
procedimento per l'arresto viene
di norma riportato nel manuale
di istruzioni e deve essere
scrupolosamente osservato.
Per quelle valvole che dovessero
entrare in contatto con liquidi
nocivi per la salute, necessario
prevedere la decontaminazione.
Non appena ultimati i lavori, si
devono collegare nuovamente o
rimettere in funzione tutti i
dispositivi di sicurezza e di
protezione.
Prima di rimettere in marcia si
devono osservare i punti esposti
al cap. "Messa in Marcia".
Modalit di funzionamento non
ammissibili
La sicurezza di funzionamento
delle valvole fornite viene
garantita solamente se le stesse
vengono impiegate per l'uso
previsto dai manuali del
costruttore.
I valori limite indicati nella
documentazione tecnica non
devono in alcun caso essere
superati.
Trasporto ed immagazzinaggio
Trasporto
Le valvole dovrebbero di norma
essere spedite pronte per essere
messe in esercizio, chiuse e con
le bocche di collegamento
adeguatamente protette; questo,
per evitare che eventuali impurit
penetrando all'interno della
valvola possano deteriorare le
sedi di tenuta.
Evitare che nelle fasi di
movimentazione la valvola venga

40

sollevata dal volantino o


dall'operatore se la valvola del
tipo servocomandata.
Immagazzinaggio
Le valvole devono essere tenute a
magazzino in modo tale che
anche dopo un lungo periodo di
permanenza la loro funzionalit
non venga compromessa; a
questo proposito ricordiamo che
necessario :
Immagazzinare valvole chiuse
(per evitare danneggiamenti
delle superifici di tenuta).
Prendere provvedimenti contro
la sporcizia, il gelo e la
corrosione (ad es. utilizzando
fogli di protezione e/o
coperture).
Immagazzinando valvole a tenuta
morbida (sede e/o tenuta dell'asta
in elastomeri) necessario
osservare le prescrizioni per
l'immagazzinaggio degli
elastomeri (DIN 7716) di cui di
seguito riportiamo alcuni punti:
Il magazzino deve essere
asciutto, privo di polvere,
moderatamente aerato e la
temperatura non deve superare
+ 25C.
Eventuali scorte esistenti
devono essere esaurite; evitare
che la rotazione dei prodotti
giacenti abbia tempi
eccessivamente lunghi.
Valvole con tenute realizzate
con un elastomero di EPDM
non devono venire in contatto
con solventi, lubrificanti,
carburante o altri prodotti
chimici, che potrebbero
deteriorare l'elastomero
Le valvole devono essere
immagazzinate in modo tale
che n la luce solare n luce
"UV", proveniente da altre
sorgenti luminose, investano le
parti realizzate con l'ausilio di
elastomeri.
Come detto in precedenza le
valvole devono essere
immagazzinate, chiuse, ma non
con un serraggio eccessivo.

Glossario

Installazione - Generalit
La tubazione deve essere
installata in modo da evitare la
trasmissione al corpo delle
valvole, di sforzi che potrebbero
risultare molto dannosi.
Questo potrebbe infatti causare:
perdite, deformazioni o, in casi
estremi, la rottura del corpo
valvola. I coperchi di chiusura
delle bocche devono essere
rimossi solamente all'atto
dell'installazione.
Le superfici di tenuta delle flange
di collegamento devono essere
pulite e prive di danneggiamenti.
Le guarnizioni delle flange
devono essere centrate
accuratamente sulle zone di
contatto. Durante le operazioni
di verniciatura delle tubazioni
bisogna assicurarsi che tutte le
parti mobili e quelle realizzate in
materiali sintetici, rimangano
pulite (in caso contrario potrebbe
venire compromessa seriamente
la funzionalit). Qualora lavori
di costruzione fossero ancora in
corso, le valvole devono
essere protette da polvere, sabbia
e pezzi di materiale da
costruzione. I volantini delle
valvole non devono essere
utilizzati come pedane.
In presenza di valvole con corpo
in ghisa grafite lamellare GG-25,
evitare di colpire le stesse con
utensili o altro; questo infatti
potrebbe provocare la rottura di
alcuni componenti.
In presenza di valvole e
tubazioni, in esercizio con alte
(>50C) o con basse (< 0C)
temperature, necessario che
vengano apposti dei cartelli di
avvertimento che segnalino i
pericoli derivanti da un eventuale
contatto, anche se in generale
sarebbe comunque opportuno un
adeguato isolamento.
In caso di formazione di
condensa e/o di ghiaccio negli
impianti di condizionamento/
raffreddamento o negli impianti
frigoriferi necessario isolare

Glossario

Norme di sicurezza per l'Uso, la Manutenzione, l'Installazione e lo Smontaggio

efficacemente l'intera valvola, in


quanto una eventuale
formazione di ghiaccio potrebbe
rendere la valvola stessa non pi
manovrabile.
Se una valvola viene inserita in
una tubazione come valvola
finale, devono essere adottati
adeguati provvedimenti per
scongiurare il pericolo derivante
dalla apertura involontaria o non
autorizzata.
Istruzioni per la saldatura
Quando si saldano valvole con
estremit a saldare di testa o a
tasca oppure quando si effettuano
dei lavori di saldatura su
tubazioni nelle quali le valvole
sono gi installate, si deve fare
molta attenzione per far si che
nessuna impurit entri all'interno
della valvola o vi rimanga;
potrebbero altrimenti derivare dei
danni alle superfici di tenuta od
alla guida dell'asta.
Durante le fasi di saldatura, la
valvola deve essere aperta in
modo tale che venga evitato un
contatto tra gli elementi di tenuta.
Diversamente esiste il pericolo che
le superfici di tenuta si saldino tra
loro.
Il cavo per la saldatura (antipolo)
non deve essere attaccato a parti
funzionali della valvola, in quanto
questo potrebbe causare delle
bruciature.
Nel caso di valvole con attacchi
da saldare a tasca si deve
mantenere la profondit di
inserimento in conformit alle
regole tecniche fornite dal
costruttore.
Nel caso di lavori di saldatura in
prossimit di valvole a tenuta
morbida, si deve fare attenzione
che la valvola non si surriscaldi
ad una temperatura superiore a
quella indicata nelle relative
documentazioni tecniche.

Valvole con operatore


Al collegamento dei cavi elettrici
deve provvedere solamente
personale specializzato.
Si devono osservare le prescrizioni
secondo VDE 0100 e VDE 0165
(Protezione antideflagrante).
Tutte le apparecchiature elettriche
quali operatore di manovra,
quadro elettrico, interruttori di
fine corsa, valvole
elettromagnetiche, ecc., devono di
norma essere installate in
ambienti asciutti e non soggetti a
pericolo di allagamento.
Tensione e frequenza devono
corrispondere con i dati di targa.
Messa in marcia/Arresto
(Generalit) - Messa in marcia
Prima della messa in marcia si
devono confrontare materiale,
dati di pressione e di temperatura
della valvola con le condizioni di
esercizio della condotta, per
verificare la resistenza del
materiale
ed il carico ammesso.
Eventuali colpi d'ariete non
devono superare la pressione
massima ammissibile.
(In impianti soggetti a colpi
d'ariete generalmente viene
sconsigliato l'utilizzo della ghisa
grafite lamellare GG 25,
in quanto questo tipo di materiale
potrebbe non sopportare gli
effetti causati dal suddetto
fenomeno).
Nel caso di impianti nuovi e
specialmente dopo riparazioni, si
deve pulire l'intero sistema di
tubazioni con le valvole aperte
completamente, per rimuovere
eventuali particelle solide o scorie
di saldatura che potrebbero
danneggiare le superfici di tenuta.
Manovra
Le valvole vengono manovrate
facendo girare il volantino;
vengono chiuse facendolo girare
verso destra, viceversa girando

verso sinistra si effettua


l'apertura. In ogni caso sul
dispositivo di manovra vengono
riportate adeguate simbologie.
Non assolutamente ammissibile
usare leve supplementari per
ruotare il volantino; questo infatti
potrebbe generare sforzi eccessivi.
Le valvole di intercettazione
devono essere utilizzate
completamente aperte o
completamente chiuse, per
funzionamento continuo in
posizioni intermedie necessario
utilizzare degli otturatori di
regolazione.
Se si parzializza la normale
valvola di intercettazione, si pu
avere un aumento della
rumorosit e/o un logorio
accentuato causato dalla
cavitazione.
Controllo del funzionamento
Prima della messa in marcia si
deve controllare la funzione di
intercettazione aprendo e
chiudendo pi volte le valvole.
La tenuta della baderna deve
essere controllata non appena la
valvola viene sottoposta per la
prima volta alla piena pressione
di esercizio e/o alla massima
temperatura.
Se necessario si devono stringere
uniformemente i dadi del
premitreccia o del premistoppa.
Dopo la prima sollecitazione
sotto carico/riscaldamento delle
valvole (anche di quelle esenti da
manutenzione) si deve controllare
la tenuta della chiusura
corpo/coperchio e, se necessario,
procedere ad un ulteriore
serraggio delle viti (ricordarsi di
effettuare l'operazione serrando a
croce e in modo uniforme).
Prima di serrare, per evitare
tensioni, necessario che la
valvola venga aperta di due giri di
volantino.

41

Norme di sicurezza per l'Uso, la Manutenzione, l'Installazione e lo Smontaggio

Arresto
Durante lunghi periodi di
arresto si devono scaricare dalla
rete i liquidi che tendono a
cambiare il loro stato in seguito
a variazione della concentrazione,
polimerizzazione, cristallizzazione,
solidificazione o simili.
Se necessario, effettuare la pulizia
di tutto il sistema di tubazioni
con valvole completamente
aperte.
Manutenzione/Riparazione
Norme di sicurezza
Lavori di manutenzione e di
riparazione devono essere
eseguiti solamente da parte di
personale specializzato.
Si devono impiegare ricambi ed
utensili adeguati, anche in casi
di emergenza; diversamente
potrebbe non essere pi
garantita una perfetta
funzionalit della valvola.
Smontaggio delle valvole
Prima di rimuovere l'intera
valvola dalla tubazione o prima
di effettuare eventuali
riparazioni o lavori di
manutenzione alla valvola
stessa, necessario:
allentare la chiusura del
coperchio
svitare i dadi del premitreccia,
il premistoppa o la madrevite
rimuovere un eventuale
operatore montato
direttamente sulla valvola
svitare tappi di sfiato
assolutamente necessario
Depressurizzare la valvola e
raffreddarla al punto tale che la
temperatura in tutte le cavit a
contatto del liquido la
temperatura sia inferiore a
quella devaporazione del
liquido stesso.

42

Aprendo la valvola sotto


pressione sussiste il pericolo di
morte!
Qualora fossero stati
convogliati liquidi tossici o
facilmente infiammabili, i cui
residui, a contatto dell'umidit
atmosferica possono dar luogo
a corrosioni, opportuno lavare
e aerare la valvola.
Indossare indumenti e maschera
protettiva.
Residui di liquido,
eventualmente rimasti nella
valvola, a causa della sua
posizione di montaggio,
devono essere raccolti e smaltiti.
Prima di un eventuale trasporto
le valvole devono essere
svuotate e lavate accuratamente.
Smontaggio degli operatori
Per tutti gli operatori che
vengono alimentati da energia
esterna (elettrica, pneumatica,
idraulica) necessario, prima di
iniziare i lavori, disinserire
l'energia esterna e attenersi alle
istruzioni di servizio riguardanti
l'operatore stesso.
Per i comandi corredati da un
accumulatore a molla integrato,
necessario effettuare le
operazioni di rimozione dei
coperchi prestando la massima
attenzione in quanto le molle
potrebbero essere espulse con
notevole forza.
Manutenzione
Per motivi di sicurezza e per
ridurre le spese di riparazione,
tutte le valvole, in particolare
quelle che vengono fatte
funzionare raramente oppure
che sono difficilmente
accessibili, devono essere
controllate con regolarit. Il
gestore dell'impianto ha la
responsabilit di stabilire
adeguati intervalli di controllo e

Glossario

di manutenzione.
La durata delle valvole che non
sono esenti da manutenzione
pu essere prolungata
effettuando le seguenti
operazioni:
lubrificazione delle parti
mobili quali asta, viti del
premistoppa (questa
procedura non deve essere
effettuata su valvole installate
su linee di ossigeno)
aggiungere baderna o
ribadernare tempestivamente;
a questo proposito prima di
effettuare la ribadernatura,
pulire accuratamente la
camera del premistoppa e nel
caso che vengano utilizzati
degli anelli di baderna tagliati
occorre inserire gli stessi nella
camera stoppa in modo che le
superfici di taglio di ogni
anello siano sfalsate di 120180 rispetto a quelle
dell'anello precedente
(Nel serrare il premistoppa
fare attenzione a non
provocare un aumento
eccessivo dell'attrito sull'asta
di manovra)
sostituzione tempestiva della
guarnizione corpo/coperchio.

(*)
Argomenti
correlati:

Vai a Valvola di Intercettazione a Tappo Flusso avviato


Vai a Valvola di Intercettazione a Tappo Flusso Libero

ON-OFF Angle Valve


Paratoia

Glossario

ON-OFF Angle Valve


Vedere Valvola di
intercettazione a Squadra.

piano di
comando

(*)

1a guida
dell'asta

ON-OFF Bellow Valve Argomenti


correlati
Vedere Valvola di
intercettazione a soffietto.

ON-OFF Streamlined-Flow
Valve
Vedere Valvola di
intercettazione a flusso avviato.
Paratoia
Irrigazione, Acque di scarico
fognatura - Apparecchiatura che
viene comunemente installata
per il sezionamento di canali o
vasche.
Pu essere prevista in
esecuzione con attacchi da
murare o flangiati. La manovra
pu essere sia manuale che
automatica; per adattarle alle
esigenze di impianto possono
essere realizzate con dimensioni
considerevoli (anche di diversi
metri) e con diverse sezioni:
quadrata, rettangolare,
circolare.

ON

ON-OFF Free-Flow Valve


Vedere Valvola di
intercettazione a flusso libero.

2a guida
dell'asta

fondo carraio

Fig. 42 - Installazione di una


paratoia

Fig. 43 - Paratoie a sezione


circolare e quadrata

43

Perdite di carico

Perdite di carico
Generale - l'energia che viene
dissipata dal fluido in
movimento per effetto
dell'attrito dei filetti fluidi gli
uni contro gli altri e contro le
pareti della condotta.
Le perdite di carico vengono
comunemente suddivise in:
Perdite di carico continue: sono
ripartite lungo tutta la condotta
(attrito all'interno della
condotta) e sono proporzionali
alla lunghezza dell'elemento
preso in considerazione.
Perdite di carico localizzate:
l'energia del fluido viene
dissipata bruscamente per
effetto di una brusca variazione
dello scarico (cambio di
direzione, di sezione, di velocit
ecc.).
Quale che sia il tipo di perdita
di carico essa varia in funzione
del quadrato della velocit
media all'interno della condotta;
questa proporzionalit si pu
esprimere con l'aiuto dei
coefficienti di portata (KV-CV).
Calcolo delle perdite di carico
localizzate
Tutte le cadute di pressione
dovute alle valvole, curve, pezzi
speciali, riduzioni sono
comunemente dette perdite di
carico localizzate.
Di seguito sono riportate le
equazioni relative ai calcoli da
effettuare in funzione del tipo di
fluido:

44

Glossario

Fluidi
P = Perdita di carico in bar (P1 - P2)
= Densit del fluido in rapporto
all'acqua
Q = Portata in m3/h
Kv = Coefficiente di portata in m3/h

Gas

P = Perdita di carico in bar (P1 - P2)


= Densit del gas in rapporto
all'Aria alle condizioni normali
di temperatura e pressione
15 C 1013 millibar
Q = Portata in Nm3/h
Kv = Coefficiente di portata in m3/h
T = Temperatura assoluta del gas in
gradi Kelvin
P1 = Pressione a monte in bar assoluti

Vapore H 2 0

P = Perdita di carico in bar (P1-P2)


Q = Portata massica del Vapore in t/h
Kv = Coefficiente di portata in m3/h
P1 = Pressione a monte in bar assoluti
T = Temperatura di surriscaldamento
del Vapore (Per Vapore saturo = 0)

Plug Cocks
Portata

Glossario

Plug Cocks
Vedere Rubinetto a Maschio.

Per convertire la portata di un


fluido gassoso da m3/h a Nm3/h
viene utilizzata la formula:

PN
Generale - Pressione nominale.
Portata
Generale - Viene comunemente
definita portata la quantit di
fluido che passa in una sezione
di condotta in una determinata
unit di tempo.
possibile distinguere:
Portata Volumetrica: Il volume
in unit di tempo.
Portata Massica: La massa in
unit di tempo.

Qn = Q

P
288

T
1,013

Q = Portata in m3/h
Qn = Portata in Nm3/h
T = Temperatura in gradi Kelvin
P=

Pressione assoluta

Tab. 23 - Abaco per la determinazione grafica della portata/velocit


nelle tubazioni (Fluidi)

Equazioni di Calcolo (Valvole)


per fluidi e gas
Equazione di Base
Q = Kv p
p

Q=

Portata in m3/h

Kv = Coefficiente di portata
p = Perdita di carico in bar
po = 1 bar (grandezza di riferimento)
o = Densit dell'acqua o dell'aria
= Densit del fluido o gas in
rapporto, rispettivamente
all'acqua o all'aria

La stessa per quanto riguarda


l'aria e l'acqua pu essere
semplificata in:
Equazione Semplificata
Q = Kv

Q = Portata in m3/h
Kv = Coefficiente di portata
p = Perdita di carico in bar

45

Pressione
Pressione

Glossario

Posizionatore
Generale - Accessorio che viene
previsto per effettuare il
posizionamento del servocomando
e conseguentemente dell'otturatore
dell'apparecchiatura che viene
azionata dallo stesso. Con
l'utilizzo di questa apparecchiatura
possibile effettuare la
regolazione automatica su un
segnale di ritorno (feedback)
generato da un trasmettitore.
I segnali che vengono impiegati
possono essere di tipo
potenziometrico (100-200-5001000 o 5000 Ohm) - pneumatico
(3-15 psi) o elettronico (4-20 mA).

Pressione
Generale - La pressione la forza
esercitata su una determinata
unit di superficie; pu essere:
Statica: esercitata dal fluido
senza che vi sia movimento.
Dinamica: dovuta alla velocit
del fluido.
La pressione totale data dalla
somma della pressione statica e
della pressione dinamica.

Tab. 24 - Conversione unit di pressione


mm.c.a.

m.c.a.

psi

Pa

kPa

400
600
1000
1600
2500

4000
6000
10000
16000
25000

4
6
10
16
25

40000
8.6 60000
14 100000
23
36

40
60
100
160
250

1
1.6
2.5
4
6
10
16
25

0.6
1
1.6
2.5

0.6
1
1.6
2.5

Mpa

0.01
0.6
1
1.6
2.5

10
600
1000
1600
2500

40
60
100

46

bar

1
60
100
160
250

4000
6000
10000

Fig. 44 - Posizionatore elettro


pneumatico

Kg/cm2

4
6
10
16
25

4
6
10
16
25

57
86
143
228
357

400
600
1000
1600
2500

40
60
100
160
250

40
60
100
160
250

571
857
1248
2286
3571

4000
6000

400
600
1000
1600
2500

400
600
1000
1600
2500

5714
8571
14286
22857
35714

1
1.6
2.5
4
6
10
16
25
40
60
100
160
250

Premistoppa

Glossario

Premistoppa
Generale - Dispositivo che
effettua la tenuta lungo lo stelo
della valvola. Esistono diverse
tipologie; la selezione viene
normalmente dettata dal tipo di
fluido e dal grado di tenuta che
necessario assicurare.
Funzionamento
Comprimendo la guarnizione tra
lo stelo e il suo alloggiamento, per
mezzo di un premistoppa, si
impedisce che il fluido sotto
pressione scorra verso latmosfera
attraverso le interfaccie o per
diffusione nella guarnizione.
Per garantire una tenuta stabile e
duratura necessario che i
componenti siano realizzati in
modo che possano consentire alla
guarnizione di deformarsi. Inoltre
necessario che le superfici di
contatto delle interfaccie siano
sempre in ottimo stato.
Nel serrare il premistoppa
essenziale rispettare le istruzioni
dei costruttori, tenendo
comunque presente che la
pressione applicata non viene
trasmessa uniformememente agli
anelli di tenuta, in quanto la
pressione a causa dell'attrito
lungo le pareti diminuisce in
maniera esponenziale e lo sforzo
assiale viene convertito in sforzo
radiale. Inoltre, poich i materiali
utilizzati per realizzare la
guarnizione non sono isotropici,
lo sforzo assiale non viene
perfettamente trasformato in
sforzo radiale (PTFE=85%,

Grafite= 50%) e per effetto dei


movimenti dello stelo, la
pressione tende ad uniformarsi
all'interno della guarnizione e pu
diventare insufficiente per
garantire la tenuta stagna. Inoltre,
nei premistoppa realizzati con
molti anelli, gli ultimi vengono
serrati debolmente per cui
consigliabile non impiegarne pi
di cinque.

Fig. 45 - Particolare di una


valvola a premistoppa

Fig. 46 - Zone di possibili


perdite dal premistoppa

47

Premistoppa

Glossario

Fig. 47 - Componenti di un premistoppa


Materiali e tipi di guarnizioni
PTFE
- buon coefficiente dattrito
- resiste a T di circa 250C max
- nessuna restituzione elastica
- elevata deformazione
- coeff. di dilatazione = 10 volte
- acciaio
- notevole durata (circa 2000 cicli)
- ridotti sforzi di manovra
- pessima resistenza ai cicli termici
Pezzo fuso o
lavorato
(V-ring)

Treccia

Nastro di grafite
espanso avvolto
e compresso

Grafite espansa (densit da 1,2


a 2,2)
- coefficiente dattrito pi alto
- resiste a T di circa 500C
- restituzione elastica 10%
- bassa deformazione
- coeff. di dilatazione = simile
allacciaio
- minore durata(circa 1000 cicli)
- sforzi di manovra elevati
- poco sensibile ai cicli termici
+ La Pressione del fluido fa combaciare
il vertice con lo stelo
+ Buona resistenza alla deformazione
- minore tenuta stagna con lo stelo
+ Miglior contatto con lo stelo
- Minor resistenza alla deformazione

Fig. 48 - Tipologie di guarnizioni impiegate nei premistoppa

Monoblocco:
il pi semplice ma presuppone il
serraggio da parte di personale
qualificato

Due pezzi:
nessun rischio dinceppamento in caso
di serraggio sbilanciato

Fig. 49 - Esecuzioni e particolarit delle diverse tipologie di premistoppa

48

A serraggio elastico:
permette di applicare uno sforzo costante
anche in caso di dilatazione della
guarnizione, migliorando conseguentemente
l'adattabilit ai cicli termici

Protezione Epossidica
Punti Fissi

Glossario

Protezione Epossidica
Acquedottistica - Particolare
rivestimento che viene applicato
alle apparecchiature a contatto
con l'acqua potabile (per questo
motivo deve essere di tipo
atossico), pu essere applicato
come una normale vernice
epossidica, o con sistema "a
caldo". Questo procedimento
rende il rivestimento
particolarmente resistente.
A carattere informativo, di
seguito viene riportata la
sequenza che si effettua per
ottenere questo tipo di
rivestimento:
i pezzi da proteggere vengono
sabbiati e quindi entrano in un
forno che li scalda fino ad una
temperatura prestabilita;
raggiunta la temperatura sul
pezzo viene spruzzata la polvere
epossidica che penetrando nelle
porosit forma una superficie
omogenea. Finita questa
operazione, il pezzo viene
riportato nel forno dove viene
effettuata la cottura ed il relativo
fissaggio del rivestimento.
Protezioni di sicurezza
Generale - La classificazione
delle aree di pericolo in Italia
regolamentata dalla normativa
CEI 64-2 che definisce come
zona AD "lo spazio di
estensione determinata in luogo
pericoloso entro il quale gli
impianti elettrici ed i relativi
componenti devono essere
eseguiti a sicurezza, secondo le
prescrizioni della norma".
Di seguito viene riportata una
tabella riepilogativa delle varie
definizioni con le relative
abbreviazioni.
Vedere disposizioni relative
all'entrata in vigore della
direttiva europea ATEX 94/9/CE.

Tab. 25 - Protezioni di Sicurezza - Normativa CEI 64.2


Simbologia IEC
Ex-d
Ex-p
Ex-ia
Ex-ib

Ex-s
Ex-o
Ex-q
Ex-m

Tipo di impianto(*)
AD-PE
AD-SI
AD-I
AD-I
AD-T
AD-FE
AD-FE1
AD-FE2
AD-S
AD-S
AD-S
AD-S

Definizione
A prova di esplosione
Sovrapressione interna
A sicurezza entrinseca Cat A
A sicurezza entrinseca Cat B
A Tenuta
Funzionale contro le esplosioni
AD-FE per C1Z1
AD-FE per C1Z2
Speciale
Immersione in olio
Riempimento di sabbia
Incapsulamento in resina

(*) AD= a Sicurezza (in generale)

Punti Fissi
Generale - I compensatori o i
Giunti Antivibranti vengono
inseriti fra due punti fissi per il
dimensionamento dei quali
necessario considerare che il
carico a cui vengono sottoposti si
compone essenzialmente dalla
reazione elastica in funzione delle
corse assiali in compressione e
dalla spinta reattiva dovuta alla
pressione interna.
Nella maggior parte dei casi,
l'attrito prodotto dalle guide,
nonch la forza centrifuga prodotta
dalla velocit all'interno del giunto,
possono essere trascurati.

Argomenti correlati:

Vai a Compensatori di
dilatazione a Soffietto
Metallico
Vai a Compensatori di
dilatazione in Elastomero

Fig. 50a - Esempio di punti fissi

Fig. 50b - Esempio di punti fissi

Fig. 51 - Schema di montaggio compensatori assiali


La forza reattiva il prodotto fra
la superficie efficace del soffietto
"Q" e la pressione di prova "P".
Il valore quindi dato dalla
seguente formula:

Fr = (Q x P)
Q = espressa in cm2
P = espressa in bar
Fr = espressa Kilogrammi

Quanto sopra non valido per i


"Punti fissi secondari" in quanto
la Forza Reattiva contrastata
dai "Punti fissi principali".
Per il dimensionamento dei punti
fissi secondari sufficiente
considerare lo sforzo necessario
alla deformazione del soffietto o
canotto.

49

Punti Fissi
Rating

Glossario

Per quanto riguarda il


posizionamento dei punti fissi
principali, viene di norma
prevista la realizzazione ad
ogni:
entrata di una derivazione
nella tubazione principale
estremit cieca di fine
tubazione
cambiamento di direzione
della tubazione.
Per evitare gli effetti derivanti
dalle spinte generate dalla forza
reattiva in presenza di pressioni
elevate, dotare i compensatori
di opportuna tiranteria
reggispinta; questa soluzione
consente un alleggerimento
della struttura dei punti fissi.

Fig. 52 - Esempi di punti fissi

Fig. 53 - Esempi di punti fissi

Fig. 54 - Esempi di punti fissi senza e con tiranti reggispinta

Rating
Generale - pressioni massime
ammissibili in funzione della
temperatura e dei materiali.
Dalla sottostante tabella
possibile rilevare i valori di
alcuni materiali.
Per ulteriori dati sui rating
secondo le norme DIN 2401,
UNI 2514 e ANSI vedere le
tabelle relative dell'appendice
tecnica.
Tab. 26 - Pressione di esercizio massima ammissibile in bar, in funzione di una temperatura espressa in C
PN

Materiale

GJL-250

10

da -10 a +20

GJL-250
1.4408

25
25
40

16
16

GJS-400-15/GJS-400-18-LT
1.4408
1.4408

13,5
25

25

C 22.8/GP 240 GH+N


C 22.8/GP 240 GH+N

8,5
16

GJS-400-15/GJS-400-18-LT
1.4408

120

10
10

GJL-250
16

100
6

21,5
25

40

34
40

200

250

300

4,8

4,2

3,6

6,5

5,5

12,8

11,2

9,6

350

400

14,7

13,9

12,8

10,5

10

8,5

23

21,8

20

17,5

16,5

15

13,5

13

12

22

20

17

16

13

27

24,5

22

20,5

19,5

35

32

28

24

21

425

450

10,5

17

13

11,2
8

Le sopra riportate pressioni massime ammissibili sono in relazione alla temperatura e ai materiali, inseriti nelle EN 1092-2
per quanto riguarda la ghisa lamellare GJL-250 e le ghise sferoidali GJS-400-18-LT, GJS-400-15.
Per quanto riguarda lacciaio C 22.8 e GP 240 GH+N, non essendo ancora disponibile la normalizzazione europea, i valori
riportati sono quelli previsti dalla normativa Tedesca DIN 2401.

50

Resistenza anticondensa
Saracinesca

Glossario

Resistenza anticondensa
Generale - Accessorio che viene
previsto nei servocomandi
elettrici per evitare che all'interno
del compartimento di controllo
elettrico si formi della condensa
che potrebbe compromettere il
buon funzionamento di tutto il
servocomando.

Fig. 56 - Rubinetto a maschio a


tre vie

Regulating Valve
Vedere valvola di regolazione.
Riduttori di pressione
Generale - Apparecchiatura che
viene utilizzata per ridurre la
pressione a valle. Sono
generalmente realizzati con un
servomeccanismo per la taratura
della pressione; possono essere
con leva e contrappeso, a molla
diretta, ecc.
Esistono diverse soluzioni sia per
acqua che per vapore.

questi fenomeni. quindi molto


importante prestare attenzione
alle velocit utilizzate, alla
conformazione del sistema di
tubazioni, ai tempi di manovra,
alle distanze tra le varie
apparecchiature e, nel caso in cui
vengano utilizzate delle valvole di
taratura, verificare che il Delta-P
sia nei limiti consentiti.
Safety Valve
Vedere Valvola di sicurezza.

Fig. 57 - Rubinetto a maschio a


due vie
Rubinetto a Maschio tipo Sicilia
Acquedottistica Apparecchiatura che viene
montata sul collare di presa per
poter effettuare il sezionamento
di una derivazione; per questo
motivo viene molto spesso
chiamato "Rubinetto di Presa".

Saracinesca
Generale - Apparecchiatura da
impiegarsi esclusivamente come
valvola di sezionamento; pu
essere realizzata a vite interna o a
vite esterna, generalmente
quest'ultima viene utilizzata in
presenza di temperature superiori
a 120C. Nell'esecuzione a vite
esterna l'asta di manovra segue il
movimento del cuneo, quindi
fornisce automaticamente
l'indicazione del grado di apertura.

Fig. 58 - Rubinetto a maschio


tipo Sicilia

Fig. 55 - Riduttore di pressione


a molla
Rubinetto a Maschio
Impiantistica Industriale Apparecchiatura da impiegarsi
esclusivamente come valvola di
sezionamento; pu essere
realizzata a 2, 3 o 4 vie; la tenuta
viene effettuata da un Maschio
con sezione a "Tronco di
Cono"dotato di una foratura
centrale attraverso il quale il
fluido defluisce. Possono essere
realizzati con maschio semplice o
lubrificato. Gli attacchi alla
condotta possono essere flangiati
o filettati.

Rumorosit
Generale - Le fonti del rumore in
una valvola possono essere le
seguenti:
La turbolenza all'interno della
condotta
La Cavitazione
Il colpo d'ariete
Lo shock (per i Gas) derivante
dal funzionamento della
valvola in condizioni di
scarico critico.
Mentre la turbolenza pu
causare un grado di rumorosit
basso, le altre tre cause possono
dar luogo ad una rumorosit
molto alta, per questo che
sarebbe opportuno dimensionare
correttamente l'impianto
cercando di evitare l'insorgere di

Fig. 59 - Componenti principali


saracinesche
Gli scartamenti (distanza tra le
due flange) sono normalizzati in
funzione delle varie forme
costruttive: Corpo Piatto, Corpo
Ovale, Corpo Cilindrico.
Le condizioni tecniche di fornitura
sono elencate nella normativa
UNI EN 1171. Per la forma
costruttiva particolarmente
favorevole questa soluzione causa
una perdita di carico contenuta.

51

Saracinesca a ghigliottina
Scaricatore di condensa

Glossario

Fig. 60 - Saracinesche forme costruttive corpo piatto, ovale e cilindrico


Saracinesca a ghigliottina
Acque di scarico e fognatura,
Cartiere - Esecuzione
particolarmente indicata per fluidi
molto densi e per acque cariche.
La tenuta viene realizzata da una
lama, generalmente in acciaio
inox, che effettua la chiusura in
una apposita sede ricavata sul
corpo della valvola.
Per la particolare realizzazione
offre ottime garanzie di chiusura,
ma non in grado di garantire un
perfetto sezionamento. Per ovviare
a questo inconveniente possibile
utilizzare dei modelli con tenuta
ad O-Ring che per sono in grado
di effettuare una buona tenuta in
un solo senso. Questo tipo di
saracinesca facilmente
servocomandabile con tutti i tipi
di servocomando.

una tenuta metallica sicura e


duratura. La dizione cuneo
flessibile deriva dalla costruzione
dello stesso in quanto anzich
realizzare il cuneo in un unico
pezzo lo si realizza con una
intercapedine tra due facce di
tenuta; per cui lo stesso in grado
di flettere e conseguentemente di
eliminare eventuali problemi di
grippaggio o trafilamento
derivanti dalla temperatura
elevata (> 100C) o da eventuali
impurit che potrebbero impedire
al cuneo un completo incastro
nella sede del corpo.

Fig. 62 - Saracinesca cuneo


flessibile

Fig. 61 - Saracinesca a ghigliottina


Saracinesca cuneo flessibile
Generale - Esecuzione
particolarmente indicata in tutte
quelle installazioni che necessitano

52

Saracinesca cuneo gommato


Acquedottistica - Esecuzione che
viene normalmente impiegata
sulle reti di acqua potabile.
Le condizioni tecniche di fornitura
sono elencate nella normativa
UNI EN 1171.
La tenuta viene realizzata
mediante compressione di un
cuneo di ghisa, completamente

rivestito di elastomero
direttamente sulla zona rettilinea
del corpo della saracinesca.
In questo modo vengono
eliminate tutte le problematiche
legate al deterioramento delle sedi
e all'intasamento dell'incavo
che, nelle esecuzioni tradizionali,
viene previsto per l'incastro del
cuneo. Non essendoci pi
zone morte la saracinesca diventa
praticamente autopulente.
Questa particolarit ne consente
l'utilizzo anche su linee che
trasportano acque cariche e
fanghi.

Fig. 63 - Saracinesca cuneo


gommato
Scaricatore di condensa
Impiantistica industriale Apparecchiature che vengono
installate per scaricare la condensa
negli impianti funzionanti con
Vapore di H2O basano il loro
funzionamento sulle differenti
propriet
fisiche del vapore e dell'acqua di
condensa. Esistono diverse
soluzioni tra le quali: tipo a
secchiello, a galleggiante,
termostatici, ad elementi
bimetallici, a capsule
termostatiche o di tipo
termodinamico.

Fig. 64 - Scaricatore di condensa

Scartamento
Servocomando idraulico / oleodinamico

Glossario

Scartamento
Generale - Per scartamento si
intende la larghezza di una
apparecchiatura; ad esempio per
le valvole con connessioni
flangiate, lo scartamento la
distanza tra flangia e flangia.
Per consentire una facile
intercambiabilit tra
apparecchiature realizzate da
diversi produttori, gli scartamenti
sono stati classificati e
normalizzati dai vari paesi;
queste normalizzazioni sono state
armonizzate nelle nuove
normative EN. Nella tabella
sottostante viene riportata una
comparazione tra
normalizzazioni precedenti e
normalizzazioni attuali.
Tab. 27 - Scartamenti comparazione tra norme DIN e EN

Valvole a flusso Avviato


Valvole a Squadra
Valvole Compatte
Valvole a Saracinesca
Valvole a Farfalla

Precedente
Standard
Scartamento
DIN 3202 part. 1
F1
DIN 3202 part. 1
F32
DIN 3202 part. 1
F4
DIN 3202 part. 1
F4/F5
DIN 3202 part. 1
K1/K5

Servocomando
Idraulico/oleodinamico
Generale - Apparecchiatura che
viene utilizzata per effettuare il
telecomando di una valvola
utilizzando come fluido motore
olio idraulico ad una pressione
variabile tra 45 e 200 bar.
Vengono utilizzati diversi sistemi:
pignone cremagliera, a glifo, a
pistone. I primi due sviluppano
un movimento angolare
(comando di valvole a farfalla,
sfera, rubinetti a maschio),
mentre gli altri sviluppano un
movimento lineare (valvole a
flusso avviato, libero, a tre vie, a
saracinesca, a membrana).
Indipendentemente dal tipo di
soluzione impiegata i
servocomandi si suddividono in
due categorie: Doppio Effetto e

Attuale
Standard
EN 558-1
EN 558-1
EN 558-1
EN 558-1
EN 558-1

Scartamento
1
8
14
14/15
20/52

Semplice Effetto. Mentre nel


primo la manovra viene
effettuata in entrambi i sensi solo
dal fluido motore, nel secondo
una manovra viene effettuata dal
fluido motore mentre l'altra
viene effettuata da una serie di
molle appositamente tarate.
Di seguito viene riportata una
tabella che riepiloga le varie
funzioni e terminologie.

Fig. 65 - Servocomando
idraulico pignone e cremagliera

53

Servocomando idraulico / oleodinamico


Servocomando Elettrico

Glossario

Tab. 28 - Tipologie e funzioni servocomandi idraulici


Tipo
Doppio effetto
Semplice effetto
Semplice effetto

Funzionamento
olio
olio + molle
olio + molle

Manovra effettuata
apertura/chiusura
olio apre molla chiude
olio chiude molla apre

Funzione sicurezza(*)
normalmente chiuso
normalmente chiuso

Sigla
DE
SE NC
SE NA

(*) viene chiamata Funzione di sicurezza in quanto, in mancanza di alimentazione elettro-idraulica, il servocomando
effettua la manovra che stata predefinita

Accessori:
Questo tipo di servocomando
pu essere corredato in modo
estremamente semplice da un
buon numero di accessori:
- Elettrovalvole pilota - fine corsa
elettrici in esecuzione stagna o
antideflagrante, fine corsa
pneumatici, di prossimit o
magnetici.
- servocomando di emergenza
disinseribile per manovra di
emergenza manuale
- posizionatore pneumatico o
elettro-pneumatico per servizio di
regolazione.
Flangiature e assemblaggi
Gli accoppiamenti
servocomando/valvola vengono
realizzati secondo standard ISO
5211, mentre gli accoppiamenti
servocomando/accessori di
controllo e/o segnalazione
vengono realizzati secondo
standard Namur.
Servocomando Elettrico
Generale - Apparecchiatura che
viene utilizzata per effettuare il
telecomando di una valvola.
generalmente composto da tre
diverse sezioni: motore elettrico,
catena cinematica, gruppo di
segnalazione e/o controllo.
possibile dividere questi
servocomandi in due tipologie di
base:
Movimento angolare (comando
di valvole a farfalla, sfera,
rubinetti a maschio). Viene
realizzato da un servocomando
angolare a corsa regolabile tra
80 e 120 che aziona
direttamente la valvola, in caso

54

di diametri considerevoli e/o


pressioni differenziali elevate, viene
realizzata una combinazione tra
un servocomando multigiro e un
riduttore a vite senza fine o a glifo.
Movimento lineare (saracinesche
a cuneo o a ghigliottina, paratoie,
valvole a flusso avviato o a flusso
libero, valvole a membrana e
valvole deviatrici a tre vie) viene
realizzato con l'ausilio di un
servocomando multigiro che
aziona direttamente la valvola.
Nel caso fosse necessario
aumentare la coppia (manovra di
valvole con diametri
considerevoli e/o pressioni
differenziali elevate) possibile
una combinazione con un
riduttore ad ingranaggi conici,
ruote elicoidali o epicicloidali.
Le soluzioni disponibili sono
numerose e dipendono dalle
scelte dei vari costruttori per cui
di seguito viene fornita una
tabella riepilogativa che
raggruppa le caratteristiche
principali che possono
essere definite standard.

Fig. 66 - Servocomando
elettrico multigiro

Fig. 67 - Servocomando
elettrico 1/4 di giro

Tab. 29 - Caratteristiche di base servocomandi elettrici


Alimentazione

Trifase 220/380-3-50 Hz - Monofase 220-50Hz

Comando emergenza

Manuale a volantino con innesto a leva e disinnesto


automatico all'avviamento del motore

Servizio

S2-15' servizio ON-OFF - S4-25% servizio di


Regolazione(vedere tabella CEI 2.3)

Gruppo di controllo

2 fine corsa per i circuiti di comando e


telesegnalazione (1 in apertura - 1 in chiusura)
2 limitatori di coppia per i circuiti di comando e
telesegnalazione(1 in apertura - 1 in chiusura)
Indicatore di posizione locale a quadrante

Classe di isolamento

Protezione Stagna

IP 67

Temperatura ambiente

compresa tra -20C e + 80C

Flangia di accoppiamento secondo standard ISO

Servocomando Elettrico
Servocomando Pneumatico

Glossario

Accessori
Questo tipo di servocomando
pu essere corredato in modo
estremamente semplice da un
buon numero di accessori; fine
corsa e/o limitatori di coppia
supplementari - Resistenza
anticondensa - Trasmettitore di
posizione potenziometrico o
elettronico.

Servocomando Manuale
Generale - Apparecchiatura che
viene utilizzata per effettuare
manualmente la manovra di
apertura e/o chiusura di una
valvola, vengono generalmente
previsti per quelle
apparecchiature
che necessitano di una elevata
coppia di manovra (diametri
considerevoli e/o pressioni
differenziali elevate), per
demoltiplicare lo sforzo,
vengono utilizzati diversi
sistemi: vite senza fine, a glifo
catena cinematica ad ingranaggi
conici, a ruote elicoidali o
epicicloidali, biella-manovella.
Indipendentemente dalla
soluzione adottata il rapporto di
riduzione, che viene di norma
impiegato, tale che, in ogni
caso, lo sforzo da applicare alla
periferia del volantino non sia
superiore al valore di 150
Newton.
Per tutti i modelli
"Irreversibili", una volta che
viene effettuata la manovra
(apertura/chiusura), il
servocomando garantisce il
mantenimento della posizione
anche sotto l'effetto della
pressione o in caso di inversione
di flusso.

Fig. 68 - Servocomando manuale


Servocomando Pneumatico
Generale - Apparecchiatura che
viene utilizzata per effettuare il
telecomando di una valvola
utilizzando come fluido motore
aria compressa ad una pressione
variabile tra 2,5 e 10 bar.
Vengono utilizzati diversi sistemi:
pignone cremagliera, a glifo, a
membrana, a pistone.
I primi due sviluppano un
movimento angolare (comando
di valvole a farfalla, sfera,
rubinetti a maschio) mentre gli
altri sviluppano un movimento
lineare (valvole a flusso avviato o
libero, a tre vie, a membrana).
Indipendentemente dal tipo di
soluzione impiegata i
servocomandi si suddividono in
due categorie: Doppio Effetto e
Semplice Effetto. Mentre nel
primo la manovra viene
effettuata in entrambi i sensi solo
dal fluido motore, nel secondo
una manovra viene effettuata dal
fluido motore mentre l'altra viene
effettuata da una serie di molle
appositamente tarate, di seguito
viene riportata un tabella che
riepiloga le varie funzioni e
terminologie.

Fig. 69 - Servocomando semplice


effetto

55

Servocomando Pneumatico
TA LUFT (Technische Anleitung der Luft)

Glossario

Tab. 30 - Tipologie e funzioni servocomandi pneumatici


Tipo
Funzionamento
Manovra effettuata
Funzione sicurezza(*)
Sigla
Doppio effetto
aria
apertura/chiusura
DE
Semplice effetto
aria + molle
aria apre molla chiude normalmente chiuso
SE NC
Semplice effetto
aria + molle
aria chiude molla apre normalmente chiuso
SE NA
(*) viene chiamata Funzione di sicurezza in quanto in mancanza di alimentazione elettro-pneumatica il servocomando
effettua la manovra che stata predefinita

Fig. 70 - Servocomando
pneumatico pignone e
cremagliera

Strettoi a Valvola
Acquedottistica - Apparecchiature
che vengono installate sulle
condotte per poter effettuare delle
prese in carico (forando
direttamente le condotte stesse).
Sono dotati di una valvola a
squadra con attacco filettato che
viene utilizzata per il sezionamento
della derivazione, in produzione ne
esistono diverse tipologie e
soluzioni realizzate in modo che
possano essere impiegate sia su
tubazioni in ghisa/ acciaio che su
tubazioni in materiale plastico.

Fig. 71 - Servocomando
pneumatico a membrana
Accessori
Questo tipo di servocomando
pu essere corredato in modo
estremamente semplice da un
buon numero di accessori:
Elettrovalvole pilota - fine corsa
elettrici in esecuzione stagna o
antideflagrante, fine corsa
pneumatici, di prossimit o
magnetici - servocomando di
emergenza disinseribile per
manovra di emergenza manuale posizionatore pneumatico o
elettro-pneumatico per servizio di
regolazione.
Flangiature e assemblaggi
Gli accoppiamenti
servocomando/valvola vengono
realizzati secondo standard ISO
5211 mentre gli accoppiamenti
servocomando/ accessori di
controllo e/o segnalazione
vengono realizzati secondo
standard Namur.
Strainers
Vedere Filtri di linea ad "Y".

56

Fig. 72 - Strettoio a valvola


Surface Box
Vedere Chiusino.
Tabella ANSI B16.5
Generale - Normalizzazione
Americana che definisce gli
attacchi flangiati, classe di
pressione e Rating.
Tabella ANSI B16.10
Generale - Normalizzazione
Americana che definisce gli
scartamenti per le valvole in
acciaio con connessioni a flangia.
TA LUFT (Technische Anleitung
der Luft)
Generale - Questa
regolamentazione impone
l'impiego di tutti i mezzi
disponibili per effettuare il
controllo dei prodotti inquinanti
nei siti chimici e petrolchimici. I

mezzi impiegati dovranno essere


quelli che offrono le maggiori
garanzie. Sono state avviate
diverse azioni di monitoraggio dei
siti industriali, ed emerso che il
70% delle "Perdite" e delle
conseguenti problematiche sono
da imputarsi alle valvole, in
particolare alla zona di tenuta
posta a livello degli steli.
risultato subito evidente che le
perdite sono da considerarsi in
realt "emissioni in atmosfera alle
condizioni normali di esercizio".
Questo tipo di valutazione ha fatto
crescere la consapevolezza che per
poter risolvere questo problema
era necessario inizialmente definire
i parametri delle varie misurazioni
ed immediatamente dopo
intervenire direttamente sulla
progettazione delle varie
apparecchiature.
A fronte di queste esigenze nel
novembre del 2000 stata
pubblicata la direttiva VDI 2440,
di cui vengono di seguito sono
riportati a titolo informativo
alcuni paragrafi relativi alle
valvole. Vista l'oggettiva
complessit della materia trattata,
raccomandiamo la consultazione
della direttiva nella sua versione
integrale.
Tecnologia
Art. 1.3.1.3 Organi di
intercettazione e di regolazione
La perfetta tenuta di aste e alberi
degli organi di intercettazione e
regolazione avviene mediante
baderna, soffietto, O-Ring e
manicotti.
Art. 1.3.1.4 Connessioni a flangia
Le connessioni a flangia vengono
usate solo nei casi in cui vengono
richieste per ragioni di processo,

TA LUFT (Technische Anleitung der Luft)

Glossario

sicurezza o manutenzione.
Lesecuzione delle connessioni pu
essere a flangia piana, con inserto
maschio / femmina, oppure con
gradino. Sono preferite le seguenti
tenute:
Tenute morbide in elastomero, in
fibre con o senza rinforzo
metallico interno, in grafite con o
senza rinforzo metallico interno
Tenute metalliche esenti da
amianto a forma di spirale
realizzate con banda in grafite
oppure con forma idonea per
incameratura
Tenute metalliche con
guarnizione ad anello (ring-joint)

ricercando punti deboli e tenendo


sempre presente le esperienze fatte
in passato. Quando si sceglie la
soluzione tecnica appropriata, le
perdite dei prodotti citate nelle
sezione da 2.3.1.1 a 2.3.1.4
possono essere usate come
riferimenti per sistemi di tenuta.
Questi sono i valori guida per la
valutazione delle perdite e
indicazioni orientativi per i vari
tipi di guarnizioni, possono essere
utilizzati per stimare le emissioni
gassose durante la progettazione e
come fonte di riferimento nella
preparazione delle dichiarazione
relative alle emissioni.

Art. 1.3.1.5 Coperchi e flangie


cieche - Le connessioni di scarico e
di drenaggio nei punti alti e bassi
del sistema di tubazione vengono
usate raramente,ad esempio in
occasione dellinterruzione
dellimpianto. Per ragioni di
sicurezza, queste connessioni,
vengono sigillate con coperchi
avvitati o flangie cieche.

Emissioni e sistemi per la


riduzione delle stesse Art. 2.3.1.3 Organi di
intercettazione e di regolazione
Per il convogliamento di oli
minerali gassosi o liquidi, vengono
generalmente impiegati i sistemi di
tenuta elencati nella tabella 6 sia
per gli organi di intercettazione che
di regolazione. Si deve tener conto
delle principali emissioni indicate
per funzionamento normale.

Art. 2.3.1 Trasporto in tubazioni


a circuito chiuso - Durante il
trasporto di fluidi gassosi o oli
minerali liquidi nella tubazione si
possono verificare delle perdite al
livello dellalbero, allo stelo del
pistone e ai perni delle pompe e dei
compressori, alle apparecchiature
di chiusura e regolazione ed alle
connessioni frangiate. Negli ultimi
anni, sono state sviluppati vari
sistemi per limitare queste perdite.
Per quanto riguarda le guarnizioni
possibile ridurre le perdite se le
stesse vengono opportunamente
realizzate, installate correttamente
e sottoposte a idonea
manutenzione. Durante lesercizio,
deve essere costantemente
monitorato il buon funzionamento
degli elementi di tenuta con
periodiche ispezioni. La frequenza
di questi interventi dipende
dallaffidabilit del prodotti e dalla
pericolosit del sito. Misure
preventive possono essere mese in
atto analizzando i danni,

Tab. 31 - VDI 2440 Tabella 6 - Principali emissioni di fluidi gassosi


per gli organi di intercettazione e di regolazione
Sistema di tenuta e tipi di tenuta

Principali emissioni gassose (*)


di prodotto in normale esercizio
riferite ad un tipo di tenuta medio
mg/(s-m)

Premistoppa con baderna

1,0

Premistoppa con manicotto, O-ring

0,1

Premistoppa con baderna,


premistoppa con manicotto
O-ring (con verifica sec. art.3.3.1.3)

0,01

Soffietto metallico, a prova di tenuta

0,01

Soffietto metallico, a prova di tenuta


(con tenuta sec. art. 3.3.1.4)

0,001

Premistoppa con baderne e fluido di


sbarramento/aspirazione soffietto
metallico, saldato in entrambi i lati

nessuna emissione
(tecnicamente a tenuta)

No.

(*) non si tratta di valori limite; vedi anche art. 2.3.1

Art. 2.3.1.4 Connessioni a


flangia - Per il convogliamento
di oli minerali gassosi o liquidi
, vengono generalmente
impiegati per le connessioni a

flangia i sistemi di tenuta


elencati nella tabella 7.
Si deve tener conto delle
principali emissioni indicate
per funzionamento normale.

57

TA LUFT (Technische Anleitung der Luft)

Glossario

Tab. 32 - VDI 2440 Tabella 7 - Principali emissioni gassose dalle connessioni flangiate

No.

Sistema di tenuta e tipi di tenuta

Tenute esenti da amianto

Tenuta esente da amianto; materiale


esente amianto/tenuta metallo; tenuta
metallo/meteriale esente amianto
(con verifica sec. Para. 3.3.1.4)

Tenuta metallica; tenuta saldata

Principali emissioni gassose (*)


di prodotti in normale esercizio
riferite ad un tipo di tenuta medio
mg/(s.m)

Note

0.01

es. lastra di fibre o lastra fatta di


grafite espansa o lastra PTFE;
allinterno tenuta grafite o in fibra
rinforzata metallo; tenuta spirale o
guarnizione ad anello o tenuta con
profilo ad incameratura con
supporto esente da amianto

0.001

es. tenuta elastomero; allinterno


lastra punzonata tenuta metallica
rinforzata con metallo; tenuta a
spirale e guarnizione ad anello o
tenuta con profilo ad incameratura
con supporto esente da amianto

nessuna emissione (tecnicamente ermetica)

(*) Questi non sono valori limite; vedi sez. 2.3.1

Controllo delle emissioni


3.3.1.3 Organi di
intercettazione e di regolazione
Un efficace provvedimento per
ridurre le emissioni limpiego
di soffietti metallici ad alta
tenuta con un premistoppa di
sicurezza o con un sistema di
tenuta analogo. Le tenute di
questi soffietti devono almeno
conformarsi alle richieste della
sezione 3.3.1.4.
I sistemi di tenuta possono
essere considerati equivalenti se
soddisfano le esigenze nella
procedura di verifica:
- lesecuzione costruttiva del
sistema di tenuta progettato
per consentire una normale
funzione a lunga durata alle
condizioni di esercizio date
- la conformit con il tasso di
perdita specifico di 10-4 mbar .
l/(s-m) per temperature sul
sistema di tenuta inferiori a
250C oppure 10-2 mbar . l/(sm) per temperature sul sistema
di tenuta maggiori o uguali a
250C viene verificata al primo
test.
Per verificare il tasso di perdita
specifico del sistema di tenuta,
vengono eseguite delle

58

misurazioni con un gas inerte di


prova per pressioni,
temperature e manovre dellasta
e dellalbero che coprono le
condizioni di esercizio, dopo il
raggiungimento dello stato
statico. I procedimenti di
misurazione sono ad esempio;
metodo delle perdite di
pressione in accordo a DIN
28090-2, test delle perdite ad
elio (vedi appendice A) e
metodo del gas di flussaggio.
La verifica viene eseguita dal
costruttore su un campione del
sistema di tenuta. Il costruttore
documenta le condizioni del
test e i risultati e li fornisce a
richiesta.
3.3.1.4 Connessioni a flangia
Un efficace provvedimento per
ridurre le emissioni limpiego
di connessioni di flange con
sistemi ad alto grado di tenuta.
Questi includono tenute
metalliche e tenute saldate
come pure i sistemi di tenute
che soddisfano le esigenze
descritte di seguito nella
procedura di verifica:
- lesecuzione costruttiva del
sistema di tenuta progettata

per consentire una funzione


normale a lungo termine alle
condizioni di esercizio date.
- I valori di tenuta caratteristici
sia per norma DIN 28 090-1,
che per norma DIN EN 1591,
devono essere rispettati quando
si scelgono e si dimensionano le
connessioni a flangia.
- La conformit con il tasso di
perdita specifico di 10-4 mbar .
l/s(s.m) viene verificata al primo
test. La procedura di prova
applicata la spectroscopia ad
elio ad una pressione
differenziale di prova di 1 bar
ed una pressione di superficie di
30 Mpa.
Prima di misurare la perdita
come da norma DIN 28 090-1,
la tenuta assemblata viene
esposta ad aria alla temperatura
max. di esercizio (VDI 2200).
Sono accettate altre valide
procedure di prova, per
esempio il metodo di perdita di
pressione sec. DIN 28 090-2
oppure il metodo di gas di
flussaggio. In questo caso
bisogna calcolare nuovamente
la sopra citata unit del tasso di
perdita.

TA LUFT (Technische Anleitung der Luft)


Tappo Parabolico

Glossario

La verifica viene eseguita dal


costruttore su un campione del
sistema di tenuta. Il costruttore
documenta le condizioni del
test e i risultati e fornendoli a
richiesta.
Se sostanze organiche liquide
della classe di rischio A1,con un
punto finale di ebollizione fino
a 200C non mostrano le
caratteristiche elencate nel
paragrafo 3.3.1, possono essere
usate guarnizioni esenti da
amianto rinforzate con metallo
su flange con gradino e/o flange
piane. A meno che vi siano
differenti richieste per motivi di
sicurezza, le guarnizioni esenti
da amianto possono essere
anche usate su flange con
gradino e/o flange piane nel
settore cisterne agricole.
Tappo di Equilibratura
Generale - Particolare forma
costruttiva che viene data
all'otturatore delle valvole a
flusso avviato quando
necessario far lavorare le stesse
ad una pressione differenziale
(Delta-P) superiore ai
sottoriportati valori:

Fig. 73 - Tappo di equilibratura


Argomenti correlati:

Vai a Valvola di Intercettazione a Tappo Flusso avviato


Vai a Valvola di Intercettazione a Tappo Flusso Libero

Tab. 33 - Valori massimi per manovra senza tappo di equilibratura


DN mm

65

80

100

125

150

200

250

300

350

p bar

110

70

44

33

21

14

4.5

Il tappo di equilibratura crea in


pratica un by-pass interno che
nelle fasi di inizio della manovra
mette in comunicazione la
sezione a monte dell'otturatore
con la sezione a valle.
In questo modo le due pressioni
si equilibrano e la manovra
risulta pi agevole.
Tappo Parabolico
Generale - Particolare forma
costruttiva che viene data
all'otturatore delle valvole a
flusso avviato quando
necessario far lavorare le stesse
come organi di regolazione o
taratura, effettuando una
parzializzazione della valvola in
modo continuativo. Questa
soluzione, oltre a rendere pi
precisa la regolazione, evita che
eventuali fenomeni, come la
laminazione del fluido, causino
un precoce deterioramento delle
sedi di tenuta.
Bisogna tenere presente per che
la riduzione della sezione di
passaggio causa un aumento
della velocit, che a sua volta
tende a far aumentare lo sforzo,
l'usura, le oscillazioni, la
rumorosit ed in alcuni casi
provoca delle erosioni causate
dalla cavitazione. quindi buona
norma non eccedere con le
pressioni differenziali (Delta-P),
restando entro i limiti indicati
nelle tabelle 33.1/2/3/4.
Le stesse tengono conto anche
della connessione tra l'asta di
manovra e l'otturatore, in
quanto, con un otturatore di tipo
snodato, i valori massimi
ammissibili diminuiscono
sensibilmente.

Fig. 74 - Tappo parabolico


Tab. 33.1 - Tappo parabolico
Delta P max per valvole PN10/40
PN
Otturatore DN (mm) Delta-P(bar)
10-40 Snodato
10-25
5
32-50
5
65
4
80
4
100
3
125
3
150
3
200
3
250
2

Tab. 33.2 - Tappo parabolico


Delta P max per valvole PN40
PN
40

Otturatore DN (mm) Delta-P(bar)


Rigido
10-25
20
32-50
15
65
10
80
10
100
6
125
6
150
6
200
5
250
4

Tab. 33.3 - Tappo parabolico


Delta P max per valvole PN160
PN
160

Otturatore DN (mm) Delta-P(bar)


Rigido
10-25
30
32-50
25
65
15
80
15
100
10
125
8
150
8
200
6

Tab. 33.4 - Tappo parabolico


Delta P max per valvole PN320
PN
320

Otturatore DN (mm) Delta-P(bar)


Rigido
10-25
30
32-50
25
65
15
80
15
100
10
125
8
Argomenti correlati:

Vai a Valvola di Intercettazione a Tappo Flusso avviato


Vai a Valvola di Intercettazione a Tappo Flusso Libero

59

Three-Way Valve
Unit di misura

Glossario

Three-Way Valve
Vedere Valvola Deviatrice.
Trasduttore (E/P Converter)
Generale - Accessorio che viene
previsto quando necessario
gestire dei segnali di posizione
di diversa natura (Es. segnale
pneumatico 3-15 psi in un
segnale elettrico 4-20 mA).

Trasmettitore di posizione
Generale - Accessorio che
viene previsto nei servocomandi
per effettuare una
telesegnalazione del grado di
apertura dell'apparecchiatura
che viene servocomandata.
Possono essere di tipo
potenziometrico con segnali di
100-200-500-1000 o 5000
Ohm o di tipo elettronico con
segnale 4-20 mA.
Unit di misura
Generale - Con il testo
coordinato del DPR 802/82 con
la legge 473/88 sono state
aggiornate le unit di misura
adeguando, di fatto, le unit
nazionali a quelle gi in uso nella
Comunit Europea.
Di seguito sono riportate le unit
che vengono normalmente
impiegate nel settore delle
valvole.
Tab. 34 - Unit di misura - DPR 802/82
Grandezza
fisica
Coppia
Densit
Forza
Lunghezza
Massa
Portata
Potenza
Pressione
Temperatura
Velocit di
rotazione
Volume

Simbolo

Unit
SI (*)

Altre unit di
misura legali

M,T

F
l
m
Q
P
p
T

Nm
Kg/m3
N (Newton)
m (metro)
Kg
m3/s
W (Watt)
Pa (Pascal)
K (Kelvin), t

Kg/dm3
kN, mN
Km, dm, cm, mm, mm
g.mg, mg, tonnellata
m3/h, l/s
MW, kW
bar (1 bar=105 Pa)
C

n
V

1/s
m3

1/min
dm3, cm3, mm3, litro

(*) SI = Sistema Internazionale delle Unit

60

Unit di misura
vietate

Unit di misura
consigliata

Kpm

Nm
Kg/m3, Kg/dm3
N
m
Kg
l3/s, m3/h
kW
bar
K, C

Kp
quintale
Cv
Kp/cm2, atm, torr

1/s
m3

Valvola a Farfalla

Glossario

Valvola a farfalla
Generale - Apparecchiatura che
pu essere impiegata sia come
valvola di sezionamento che
come valvola di regolazione. Per
effettuare la tenuta possono
essere impiegati due diversi
cinematismi a seconda che
l'esecuzione sia con disco
centrato o a doppia eccentricit:

Fig. 75 - Componenti principali


valvole a farfalla
Esecuzione con disco centrato
Asse di rotazione sullo stesso
piano dell'otturatore e centrato
in rapporto all'asse della
condotta.
Generalmente in questa versione
la tenuta viene effettuata da un
disco metallico che ruotando
effettua la compressione della
sede morbida, in elastomero o
plastomero, posta sul corpo della
Valvola Anulare. Poich in molti
casi la sede riveste completamente

il corpo questa versione viene


spesso chiamata "Manicottata".
Esecuzione con disco a doppia
eccentricit.
Asse di rotazione disassato in
rapporto al piano dell'otturatore
ed eccentrico in rapporto all'asse
della condotta.
Questo tipo di esecuzione
consente la realizzazione di
diverse soluzioni:
Disco metallico e tenuta
morbida in elastomero o
plastomero sul corpo.
Disco con guarnizione di tenuta
morbida in elastomero o
plastomero posta sulla
circonferenza del disco stesso e
sede metallica sul corpo valvola.
Questo cinematismo consente la
realizzazione di tenute morbide
e tenute metallo/metallo.
Indipendentemente dal tipo di
cinematismo utilizzato possibile
realizzare le valvole nelle seguenti

Fig. 78 - Valvola a farfalla Lug

Fig. 76 - Valvola a farfalla anulare

Fig. 79 - Valvola a farfalla flangiata

Fig. 77 - Valvola a farfalla Semi


Lug

forme costruttive: Anulare, SemiLug, Lug o Flangiata. Di seguito


vengono elencate le principali
caratteristiche delle varie soluzioni:
Anulare - La valvola viene

inserita tra due controflange


(montaggio Wafer) della
condotta e viene bloccata da un
set di tiranti. NON possibile
effettuare la rimozione della
condotta a monte o valle della
valvola senza svuotare la sezione
di condotta da rimuovere.
Semi-Lug - La valvola viene
inserita tra due controflange
(montaggio Wafer) della
condotta e viene bloccata da un
set di tiranti che vengono
ancorati su delle orecchiette poste
sul corpo della valvola.
possibile rimuovere la tubazione
a monte o a valle della valvola
senza svuotare la sezione di
condotta da rimuovere.
Lug - La valvola viene inserita tra
due controflange (montaggio
Wafer) della condotta e viene
bloccata da un set di bulloni che
vengono avvitati su delle
orecchiette filettate poste sul
corpo della valvola. possibile
rimuovere la tubazione a monte
o a valle della valvola senza
svuotare la sezione di condotta
da rimuovere.
Flangiata - La valvola viene
inserita tra due controflange della
condotta e viene ancorata alla
stessa come una normale
connessione flangiata.
possibile rimuovere la
tubazione a monte o a valle della
valvola senza svuotare la
sezione di condotta da rimuovere.
La notevole variet di materiali
utilizzabili per la costruzione,
l'economicit e la semplicit di
montaggio dell'apparecchiatura
di manovra e l'introduzione della
soluzione "Wafer", hanno reso
questo tipo di valvola una delle
pi diffuse sul mercato.
Per la sua forma costruttiva,
particolarmente favorevole,
questa soluzione causa una
perdita di carico contenuta.

61

Valvola a Galleggiante

Valvola a Galleggiante
Acquedottistica Apparecchiatura che viene posta
sull'alimentazione dei serbatoi
per poter regolare l'afflusso di
acqua negli stessi. La manovra
effettuata in modo automatico da
un galleggiante a cui collegato
un leverismo che a sua volta, al
variare del livello nel serbatoio,
aziona l'apertura o la chiusura
dell'otturatore della valvola. Per
il corretto funzionamento
necessario creare una camera di
calma, che eviti al galleggiante
sobbalzi e spostamenti dovuti
alla turbolenza che viene
generata dall'afflusso dell'acqua.

Fig. 80 - Valvola a galleggiante

Fig. 81 - Schema di installazione valvole a galleggiante

62

Glossario

Valvola a Manicotto
Valvola di Intercettazione a Sfera

Glossario

Valvola a Manicotto
Depurazione, trattamento
d'acqua - Apparecchiatura da
impiegarsi esclusivamente come
valvola di sezionamento.
La tenuta viene effettuata
comprimendo un manicotto in
elastomero che nella posizione di
apertura ha una sezione
completamente libera.
Per questo quindi
particolarmente indicata per il
sezionamento di acque cariche,
fluidi abrasivi, ecc... Per la sua
forma costruttiva
particolarmente favorevole,
questa soluzione causa una
perdita di carico contenuta.

questo tipo di valvola si


affermata in molti impianti, in
particolare in quelli di processo.
Per fluidi densi possibile
utilizzare il modello a flusso
libero che consente un deflusso
rettilineo e non ha zone dove il
fluido potrebbe depositarsi e
quindi ostruire il passaggio.
Per la sua forma costruttiva
particolarmente favorevole le due
soluzioni causano una perdita di
carico contenuta. Chiaramente il
modello a flusso libero, rispetto
al modello a flusso avviato, ha
una perdita di carico inferiore.

Fig. 82 - Valvola a manicotto


Valvola a Membrana
Impiantistica Industriale Apparecchiatura che pu essere
impiegata sia come valvola di
sezionamento che come valvola
di regolazione. La tenuta viene
effettuata mediante la
compressione di una membrana
in elastomero o plastomero
direttamente sul corpo della
valvola che pu essere realizzato
in ghisa nuda o in ghisa rivestita.
Per la sua grande versatilit,

Fig. 83 - Componenti principali


Valvole a membrana

Fig. 84 - Valvola a membrana


flusso avviato

Fig. 85 - Valvola a membrana


flusso libero
Valvola a Spillo
Generale - Apparecchi che
vengono comunemente impiegati
per il sezionamento e/o taratura
su tubazioni di piccolo diametro
(generalmente inferiori a 50 mm)
come ad esempio le alimentazioni
di piccole macchine o le
tubazioni che collegano la
strumentazione (manometri,
termometri ecc) alla condotta
principale.

Fig. 86 - Valvola a spillo


Valvola Compatta
Impiantistica civile Apparecchiatura che pu essere
impiegata sia come valvola di
sezionamento che come valvola di
regolazione. La tenuta viene
effettuata da un otturatore
opportunamente sagomato
completamente rivestito in
elastomero (tmax 120C) che
viene compresso sulla sede del
corpo. La tenuta lungo l'asta di
manovra viene realizzata da una
serie di o-ring di elastomero
"esente da manutenzione".
Per la sua costruzione compatta
(scartamento EN 558-1/14) e per
il particolare profilo idraulicamente
favorevole, questa soluzione causa
una perdita di carico contenuta.

Fig. 87 - Valvola compatta


Valvola di Intercettazione a Sfera
Generale - Apparecchiatura da
impiegarsi esclusivamente come
valvola di sezionamento. La
tenuta viene effettuata da una
sfera che ruotando comprime le
guarnizioni poste sul corpo
valvola. La produzione di questo
tipo di valvola estremamente
vasta sia come forma costruttiva
che come materiali impiegati. Di
seguito sono elencate alcune tra le
principali soluzioni disponibili:

63

Valvola di Intercettazione a Sfera


Valvola di Intercettazione a Tappo a Squadra

Glossario

Materiali

Acciaio al carbonio
Acciaio inox Aisi 304
Acciaio inox Aisi 316
Bronzo
Ottone

Esecuzione corpo

Due pezzi (Split-Body) attacchi flangiati


Monoblocco attacchi da saldare (di testa o a tasca)
Monoblocco attacchi filettati
Monoblocco attacchi flangiati Wafer
Tre pezzi attacchi da saldare (di testa o a tasca)
Tre pezzi attacchi filettati

Passaggio

Ridotto
Totale

Guarnizioni di tenuta
Esecuzione tenuta

Teflon caricato fibre di vetro


Standard o Fire-safe (*)
(*) Fire-safe In pratica le valvole vengono realizzate in modo, che in caso di distruzione delle
guarnizioni di teflon, possano garantire comunque una tenuta metallo/metallo.

Tipo di azionamento

Manuale a leva
Manuale a riduttore
Servocomando Elettrico
Servocomando Idraulico
Servocomando Pneumatico

Fig. 88 - Componenti principali


Valvole a sfera

Fig. 89 - Valvola a sfera filettata


Per la grande duttilit viene
praticamente impiegata in tutti i
rami di impiantistica sia civile che
industriale. Per la sua forma
costruttiva particolarmente
favorevole, questa soluzione
causa una perdita di carico
contenuta.
Valvola di Intercettazione a
Tappo a Squadra
Impiantistica Industriale Apparecchiatura da impiegarsi

64

Fig. 90 - Valvola a sfera split


body flangiata

Fig. 91 - Valvola a sfera


monoblocco wafer

esclusivamente come valvola di


sezionamento, per funzione di
regolazione ved. (Tappo
Parabolico) per utilizzo con
Delta-P elevati ved. (Tappo di
equilibratura) la tenuta viene
realizzata mediante compressione
di un otturatore a sede piana
sulla sede del corpo, in funzione
del tipo di utilizzo possibile
impiegare, tenute metalliche, in
elastomero (tmax 120C) o in
plastomero (tmax 200C) la
tenuta lungo l'asta pu
essere realizzata a baderna o
esente da manutenzione con
soffietto metallico
(particolarmente
indicata per fluidi che vengono
veicolati a temperature elevate,
Vapore d'acqua, olio diatermico,

acqua surriscaldata ecc....) o con


O-Ring in elastomero.
Per la sua particolare forma
costruttiva questa soluzione
causa una perdita di carico
elevata dovuta anche al fatto che
essendo la bocca di uscita
posizionata a 90 rispetto alla
bocca di ingresso, il fluido deve
effettuare un brusco
cambiamento di direzione.

Fig. 92 - Valvola a squadra

Glossario

Valvola di Intercettazione a
Tappo Flusso avviato
Impiantistica Industriale Apparecchiatura da impiegarsi
esclusivamente come valvola di
sezionamento. Per funzione di
regolazione vedere Tappo
Parabolico; per utilizzo con
Delta-P elevati vedere Tappo di
equilibratura. La tenuta viene
realizzata mediante compressione
di un otturatore a sede piana
sulla sede del corpo. In funzione
del tipo di utilizzo possibile
impiegare tenute metalliche in
elastomero (tmax 120C) o in
plastomero (tmax 200C). La
tenuta lungo l'asta pu essere
realizzata a baderna o essere
esente da manutenzione con
soffietto metallico (particolarmente
indicata per fluidi che vengono
veicolati a temperature elevate,
vapore d'acqua, olio diatermico,
acqua surriscaldata, ecc.) o con
O-Ring in elastomero.
Per la sua forma costruttiva,
questa soluzione causa una
perdita di carico elevata.

Valvola di Intercettazione a Tappo Flusso avviato


Valvola di Regolazione a Fuso
Valvola di Intercettazione a
Tappo Flusso Libero
Impiantistica Industriale Apparecchiatura da impiegarsi
esclusivamente come valvola di
sezionamento. Per funzione di
regolazione vedere Tappo
Parabolico; per utilizzo con
Delta-P elevati vedere Tappo di
equilibratura. La tenuta viene
realizzata mediante compressione
di un otturatore a sede piana
sulla sede del corpo. In funzione
del tipo di utilizzo possibile
utilizzare tenute metalliche in
elastomero (tmax 120C) o in
plastomero (tmax 200C). La
tenuta lungo l'asta pu
essere realizzata a baderna o
essere esente da manutenzione
con soffietto metallico
(particolarmente indicata per
fluidi che vengono veicolati a
temperature elevate, vapore
d'acqua, olio diatermico,
acqua surriscaldata ecc.) o con
O-Ring in elastomero.
Per la sua forma costruttiva,
questa soluzione causa una
perdita di carico contenuta.

idrauliche in grado di garantire


una progressivit ottimale del
grado di regolazione in funzione
del grado di apertura.
Per poter effettuare una
regolazione precisa, sono
corredate di indicatore di
apertura e di un apposito
dispositivo di blocco che
garantisce il mantenimento della
posizione.

Fig. 96 - Valvola di regolazione


flangiata

Fig. 97 - Valvola di regolazione


wafer
Fig. 93 - Valvola flusso avviato
con soffietto
Fig. 95 - Valvola flusso libero a
baderna

Fig. 94 - Valvola flusso avviato


a baderna

Valvola di Regolazione a
taratura fissa
Generale - Apparecchiature che
permettono la taratura della
pressione e/o della portata nelle
diverse condizioni di esercizio
dell'impianto. Queste valvole
hanno delle caratteristiche

Valvola di Regolazione a Fuso


Acquedottistica Apparecchiatura che viene
impiegata principalmente come
organo di regolazione
su condotte di diametro nominale
considerevole (Generalmente > a
400 mm)
Ne esistono diverse versioni e
soluzioni. La scelta viene effettuata
in funzione delle caratteristiche
idrauliche dell'impianto in cui la
valvola deve essere inserita.

65

Valvola di Regolazione a Fuso


Valvola di Ritegno a Clapet Gommato

Glossario

realizzato con diversi sistemi che


vengono utilizzati in funzione del
tipo di impianto.
In tutti i casi la manovra viene
effettuata dalla differenza di
pressione tra la sezione a monte e
la sezione a valle dell'otturatore.

Fig. 98 - Valvola di regolazione


a fuso
Valvola di Riduzione della
pressione
Generale - Apparecchiature che
vengono installate sulle condotte
per limitare la pressione. Il
funzionamento basato sul
controllo della pressione a valle;
la stessa infatti viene convogliata
su una membrana o uno
stantuffo che aziona l'otturatore
che a sua volta effettua la
manovra necessaria per realizzare
la riduzione.

Fig. 99 - Valvola riduttrice di


pressione
Valvola di Ritegno
Generale - Apparecchiatura
dotata di un particolare sistema
di chiusura che consente il
passaggio dei fluidi in una sola
direzione.
Viene inserita nell'impianto in
tutte quelle posizioni dove
necessario evitare un riflusso del
fluido. Il funzionamento
automatico pu essere

66

Valvola di Ritegno a Clapet


Generale - Esecuzione che pu
essere realizzata con diverse
soluzioni rendendola quindi
idonea per molti tipi di impianto
fatta eccezione per quelli soggetti
a fenomeni di colpo d'ariete.
La chiusura viene effettuata da
un battente che in mancanza di
pressione a monte scende per
gravit sulla sede del corpo. In
alcuni casi per migliorare la
funzionalit della valvola
necessario corredarla di un
contrappeso che a sua volta pu
essere dotato di un opportuno
ammortizzatore idraulico che
realizzi la funzione di freno
(evitando quindi manovre troppo
brusche).
Per la sua forma costruttiva
particolarmente favorevole,
questa soluzione causa una
perdita di carico contenuta.

Fig. 100 - Valvola di ritegno a


clapet flangiata

Fig. 101 - Valvola di ritegno a


clapet wafer

Fig. 102 - Valvola di ritegno a


clapet con leva e contrappeso

Valvola di Ritegno a Clapet


Gommato
Acque cariche, fognatura Esecuzione particolarmente
indicata negli impianti che
convogliano acque cariche in
quanto la particolare costruzione
garantisce un passaggio integrale.
La chiusura viene effettuata da un
battente rivestito in elastomero
che, in mancanza di pressione a
monte, scende per gravit sulla
sede del corpo; pu essere
installata sia in posizione
orizzontale che verticale.
Questo tipo di valvola pu essere
realizzato sia in versione
Flangiata che in versione
Wafer. Entrambe le soluzioni
per la forma particolarmente
favorevole causano una perdita di
carico contenuta.

Valvola di Ritegno a Clapet Gommato


Valvola di Ritegno a Fuso

Glossario

Fig. 103 - Valvola di ritegno a clapet gommato flangiata e wafer


Valvola di Ritegno a Clapet
Gommato con corpo rivestito
Impiantistica industriale Esecuzione particolarmente
indicata negli impianti di
processo in quanto il battente
rivestito in elastomero ed il corpo
con rivestimento in ebanite o in
elastomero offrono una adeguata
protezione contro la corrosione.
La chiusura viene effettuata da
un battente rivestito in
elastomero che in mancanza di
pressione a monte scende per
gravit sulla sede del corpo; pu
essere installata sia in posizione
orizzontale che verticale.
Per la sua forma costruttiva
particolarmente favorevole,
questa soluzione causa una
perdita di carico contenuta.

Fig. 104 - Valvola di ritegno a


clapet rivestita
Valvola di Ritegno a Disco
Impiantistica civile, industriale Esecuzione che pu essere
realizzata con diversi materiali e
soluzioni; idonea per molti tipi
di impianto. In tutte le esecuzioni
il montaggio viene comunque

realizzato inserendo la valvola tra


due controflange (montaggio
Wafer) della condotta. La
chiusura viene effettuata da un
otturatore che, in mancanza di
pressione a monte, viene
compresso da una molla sulla
sede del corpo.
Per la sua forma costruttiva
particolarmente favorevole,
questa soluzione causa una
perdita di carico molto
contenuta; pu essere installata
sia in posizione verticale che
orizzontale.

Fig. 105 - Valvola di ritegno a


disco
Valvola di Ritegno a Doppio
Battente
Impiantistica civile, industriale,
acquedottistica - Esecuzione che
pu essere realizzata con diversi
materiali e soluzioni; idonea per
molti tipi di impianto. In tutte le
esecuzioni il montaggio viene
comunque realizzato inserendo la
valvola tra due controflange
(montaggio Wafer). La chiusura
viene effettuata da un otturatore
realizzato in due pezzi che, in
mancanza di pressione a monte,
viene compresso da una serie di
molle sulla sede del corpo.

Per la sua forma costruttiva


particolarmente favorevole,
questa soluzione causa una
perdita di carico molto
contenuta; pu essere installata
sia in posizione verticale che
orizzontale. Questa costruzione,
effettuando una chiusura rapida,
interviene prima che il fluido inizi
il riflusso e quindi evita i fenomeni
di colpo d'ariete causati dalla
manovra della valvola.

Fig. 106 - Valvola di ritegno a


doppio battente
Valvola di Ritegno a Fuso
Acquedottistica - Esecuzione
particolarmente indicata nelle
stazioni di pompaggio di acqua
fredda. La chiusura viene
effettuata da un otturatore che in
mancanza di pressione a monte
viene compresso da una molla
sulla sede del corpo.
Per la sua forma costruttiva
particolarmente favorevole,
questa soluzione causa una
perdita di carico contenuta; pu
essere installata sia in posizione
verticale che orizzontale. Questa
costruzione effettuando una
chiusura rapida, interviene prima
che il fluido inizi il riflusso e
quindi evita i fenomeni di colpo
d'ariete causati dalla manovra
della valvola.

Fig. 107 - Valvola di ritegno a


fuso

67

Valvola di Ritegno a membrana


Valvola di Ritegno a Tappo Flusso Avviato
Valvola di Ritegno a
membrana
Acquedottistica - Esecuzione
particolarmente indicata per
stazioni di pompaggio di acqua
fredda. La chiusura viene
effettuata da una membrana in
elastomero che, in mancanza di
pressione a monte, si richiude su
una ogiva in materiale plastico.
Per questa particolare
costruzione la valvola molto
silenziosa ed essendo realizzata
con una forma costruttiva
particolarmente favorevole, causa
una perdita di carico contenuta.
Pu essere installata sia in
posizione verticale che
orizzontale.
Questa costruzione, effettuando
una chiusura rapida, interviene
prima che il fluido inizi il riflusso
e quindi evita i fenomeni di colpo
d'ariete causati dalla manovra
della valvola.

Fig. 108 - Valvola di ritegno a


membrana
Valvola di Ritegno a Palla
Acque cariche, fognatura Esecuzione particolarmente
indicata negli impianti che
convogliano acque cariche in
quanto la particolare costruzione
garantisce un passaggio integrale.
La chiusura viene effettuata da
una sfera in resina sintetica che in
mancanza di pressione a
monte scende per gravit sulla
sede del corpo. Pu essere

68

Glossario

installata sia in posizione


verticale che orizzontale.
Per la sua forma costruttiva
particolarmente favorevole,
questa soluzione causa una
perdita di carico contenuta.

Fig. 109 - Valvola di ritegno a


palla
Valvola di Ritegno a Sfera con
corpo rivestito
Impiantistica industriale Esecuzione particolarmente
indicata negli impianti di
processo in quanto la sfera
rivestita in elastomero ed il corpo
con rivestimento in Ebanite
offrono una adeguata protezione
contro la corrosione.
La chiusura viene effettuata da
una sfera rivestita in elastomero
che, in mancanza di pressione a
monte, scende per gravit sulla
sede del corpo; funziona solo se
installata in verticale.
Per la sua forma costruttiva
particolarmente favorevole,
questa soluzione causa una
perdita di carico contenuta.
(Se viene prevista l'esecuzione con
sfera galleggiante pu funzionare
come valvola di sfiato).

Fig. 110 - Valvola di ritegno


rivestita

Valvola di Ritegno a Tappo a


Squadra
Impiantistica industriale Esecuzione particolarmente
indicata per fluidi che vengono
veicolati a temperature elevate
(Vapore-Olio diatermico-Acqua
surriscaldata, ecc.). La chiusura
viene effettuata dall'otturatore
che in mancanza di pressione a
monte scende per gravit sulla
sede del corpo; in caso di
installazione in posizione
verticale per effettuare la tenuta
necessario inserire
una molla, che in mancanza di
pressione a monte, comprima
l'otturatore sulla sede del corpo.
Per la sua particolare forma
costruttiva questa soluzione
causa una perdita di carico
elevata dovuta anche al fatto
che essendo la bocca di uscita
posizionata a 90 rispetto alla
bocca di ingresso, il fluido deve
effettuare un brusco
cambiamento di direzione.

Fig. 111 - Valvola di ritegno a


squadra
Valvola di Ritegno a Tappo
Flusso Avviato
Impiantistica industriale Esecuzione particolarmente
indicata per fluidi che vengono
veicolati a temperature elevate
(Vapore-Olio diatermico-Acqua
surriscaldata, ecc.). La chiusura
viene effettuata dall'otturatore
che, in mancanza di pressione a
monte, scende per gravit sulla
sede del corpo; in caso di
installazione in posizione

Valvola di Ritegno a Tappo Flusso Avviato


Valvola di Ritegno Intermedia

Glossario

verticale per effettuare la tenuta


necessario inserire una molla che,
in mancanza di pressione a
monte, comprima l'otturatore
sulla sede del corpo.
Per la sua particolare forma
costruttiva questa soluzione
causa una perdita di carico
elevata.

Fig. 112 - Valvola di ritegno


flusso avviato
Valvola di Ritegno a Tappo
Flusso Libero
Impiantistica industriale Esecuzione particolarmente
indicata per fluidi che vengono
veicolati a temperature elevate
(Vapore-Olio diatermico-Acqua
surriscaldata, ecc.). La chiusura
viene effettuata dall'otturatore
che in mancanza di pressione a
monte scende per gravit sulla
sede del corpo; in caso di
installazione in posizione
verticale per effettuare la tenuta
necessario inserire
una molla che, in mancanza di
pressione a monte, comprima
l'otturatore sulla sede del corpo.
Per la sua forma costruttiva
particolarmente favorevole,
questa soluzione causa una
perdita di carico contenuta.

Fig. 113 - Valvola di ritegno


flusso libero

Valvola di Ritegno di fondo


Acquedottistica - Esecuzione
particolarmente indicata per
stazioni di pompaggio; viene
installata sulla condotta di
aspirazione. Per evitarne lo
svuotamento, la chiusura viene
effettuata da un otturatore che,
all'arresto della pompa, scende
per gravit sulla sede del corpo.
La valvola corredata di un
filtro che serve per evitare che
vengano aspirate impurit.
idonea solo per installazione
in posizione verticale.
Per la sua forma costruttiva
particolarmente favorevole,
questa soluzione causa una
perdita di carico contenuta.

Fig. 114 - Valvola di fondo


Valvola di Ritegno fine
tubazione
Irrigazione, Acque di scarico
fognatura - Apparecchiatura che
viene installata sulla parte
terminale di una condotta che
effettua uno scarico in una
vasca, canale, ecc. Per evitare
che un eventuale
innalzamento del livello
provochi un riflusso nella
condotta di scarico, viene
normalmente prevista in
esecuzione con attacchi da
murare e pu essere corredata
di un contrappeso che ne
migliori la manovrabilit. Per
adattarle alle esigenze di
impianto possono essere
previste a sezione quadrata,
rettangolare o circolare.

Fig. 115 - Valvola di ritegno


fine tubazione flangiata

Fig. 116 - Valvola di ritegno


fine tubazione da murare
Valvola di Ritegno Intercettabile
Costruzioni Navali Apparecchiatura che realizza la
doppia funzione di valvola di
ritegno e valvola di intercettazione.
In pratica una valvola di
intercettazione con un otturatore
realizzato in modo che nella
posizione di completa apertura,
per effetto della differenza di
pressione fra la sezione a monte e
la sezione a valle, effettua
automaticamente la funzione di
valvola di ritegno.

Fig. 117 - Particolare valvola di


ritegno intercettabile
Valvola di Ritegno Intermedia
Impiantistica civile - Esecuzione
indicata per l'impiantistica civile;
la chiusura viene effettuata da un
otturatore che, in mancanza di
pressione a monte, scende per

69

Valvola di Ritegno Intermedia


Valvola di Sicurezza
gravit sulla sede del corpo.
Per la sua forma costruttiva
particolarmente favorevole,
questa soluzione causa una
perdita di carico contenuta e pu
essere impiegata solo per
installazione in posizione verticale.

Fig. 118 - Valvola di ritegno


intermedia
Valvola di Sezionamento
(Intercettazione)
Generale - Apparecchiature che
permettono di interrompere il
passaggio. Queste valvole hanno di
norma le seguenti caratteristiche:
Perfetta Tenuta
Perdita di carico minima alla
piena apertura.
Valvola di Sfiato
Acquedottistica Apparecchiature che vengono
installate sulle condotte per
effettuare il degasaggio delle
stesse nelle fasi di esercizio.
Sono realizzate con galleggiante
semplice e possono avere l'attacco
alla condotta filettato (tipo
Roma) o flangiato (tipo Cotrone).
Per visualizzare le note e i relativi
consigli di installazione,
consultare la voce Valvole di
sfiato e rientrata d'aria.

Fig. 119 - Valvola di sfiato


semplice, galleggiante

70

Glossario

Valvola di Sfiato e rientrata


d'aria
Acquedottistica Apparecchiature che vengono
installate sulle condotte per
effettuare l'evacuazione
ed il reintegro dell'aria.
In pratica questo sfiato, che
pu essere realizzato con uno
o due galleggianti, effettua la
funzione di due sfiati. infatti
realizzato con due orifizi di
diversa sezione: il maggiore
effettua l'evacuazione, il
reintegro dell'aria nelle fasi di
riempimento o svuotamento
della condotta, mentre il
minore effettua il degasaggio
nella fase di esercizio.
Il buon funzionamento di
queste apparecchiature
dipende da un corretto
posizionameto della condotta.
A tal proposito, di seguito
vengono fornite una serie di
indicazioni su come effettuare
una "posa" ottimale.
La condotta dovr essere
realizzata con un tracciato "a
dente di sega" in modo che
venga favorito l'accumulo
dell'aria nei punti dove in
seguito andranno posizionate
le valvole di sfiato.
Evitare di posare una condotta
con pendenza nulla o inferiore
ai 2-3 mm per mt.
In presenza di tracciati
particolarmente altalenanti,
prevedere una pendenza di
2-3 mm nei tratti ascendenti
e 4-6 mm nei tratti
discendenti; con queste
differenze nelle due
pendenze si ottiene un
tracciato particolarmente
favorevole all'accumulo
dell'aria nei "punti alti".
Assicurarsi che la condotta sia
posata in modo che non si
verifichino cedimenti
del terreno, in quanto questo

potrebbe conseguentemente
provocare la creazione di
"punti alti" in posizioni non
previste e quindi non
corredate di valvole di sfiato
Installare le valvole di sfiato in
tutti i "punti alti".

Fig. 120 - Valvola a doppio


galleggiante con valvola di
sezionamento

Valvola di Sfioro
Generale - Apparecchiature
che vengono installate sulle
condotte per limitare la
pressione. Il funzionamento
basato sul controllo della
pressione a monte; la stessa
infatti viene convogliata su
una membrana o uno
stantuffo che a sua volta
aziona l'otturatore che realizza
la funzione di limitazione.

Fig. 121 - Valvola di sfioro

Valvola di Sicurezza
Generale - Apparecchiature
che vengono installate su
condotte o recipienti a
pressione per impedire che il
fluido veicolato superi
determinati valori, denominati
valori di taratura.

Valvola di Sicurezza
Valvole Deviatrici

Glossario

Al raggiungimento del valore di


taratura, la valvola si apre
automaticamente effettuando lo
scarico della portata necessaria
ad abbassare la pressione, fino ad
un valore inferiore a quello di
taratura.
Il funzionamento pu essere
realizzato o con delle molle
opportunamente tarate o con dei
contrappesi. In entrambe le
soluzioni, di norma viene prevista
la possibilit di azionare
manualmente la valvola per
effettuare le normali operazioni
di verifica e collaudo.
Per grosse portate di scarico,
vengono utilizzate valvole a
grande alzata; queste valvole
sono dotate di un particolare
otturatore che convoglia il fluido
in modo che lo stesso eserciti una
forza, in parte dinamica e in
parte di pressione, sull'otturatore
provocando cos una alzata
immediata dello stesso.
In funzione del tipo di scarico le
valvole vengono suddivise in
scarico convogliato o scarico
libero; mentre per la prima
soluzione, che effettua lo scarico
in appositi contenitori o
tubazioni di raccolta, non
esistono particolari restrizioni,
per la seconda, che effettua lo
scarico direttamente in atmosfera,
occorre prestare molta attenzione
al fluido convogliato che non
deve essere n pericoloso, n
aggressivo, n inquinante.

Valvola di Taratura e
bilanciamento
Generale - Apparecchiatura con
caratteristiche idonee a svolgere
un servizio di regolazione, quindi
con un otturatore
opportunamente sagomato.
Viene normalmente corredata di
un indicatore di posizione
meccanico locale in grado di
misurare il numero di giri
effettuati.
Queste valvole sono dotate di
appositi attacchi o sensori che
consentono la lettura automatica
della differenza di pressione,
temperatura e portata. La lettura
viene effettuata mediante dei
manometri differenziali o
mediante apparecchiature
elettroniche, in cui sono
memorizzati i parametri che
consentono una agevole ricerca
del punto ottimale di taratura.
Esistono due esecuzioni: una con
attacchi flangiati ed una con
attacchi filettati. I DN disponibili
sono i seguenti:
Versione con attacchi filettati
DN pollici 3/8" - 2"
Versione con attacchi flangiati
DN mm 15 - 350.

Fig. 124 - Valvola di


bilanciamento attacchi filettati
Valvole Deviatrici
Generale - Apparecchiature che
vengono inserite per effettuare
una commutazione fra tre o pi
vie. Possono essere realizzate con
otturatore a disco, a sfera o a
maschio; in particolare per queste
ultime due possibile effettuare
la commutazione in funzione del
tipo di passaggio che viene
previsto, che pu essere del tipo a
"T" o del tipo a "L".

Fig. 125 - Valvola deviatrice a


disco

Fig. 126 - Valvola deviatrice a


maschio

Fig. 122 - Valvola di sicurezza a


molla

Fig. 123 - Valvola di


bilanciamento attacchi flangiati

Fig. 127- Valvola deviatrice a


sfera

71

Valvole Termoregolatrici
Vuoto
Valvole Termoregolatrici
Impiantistica Civile, Industriale Apparecchiature che vengono
inserite nelle installazioni dove
necessario effettuare una
regolazione legata alla
temperatura. Possono essere
realizzate sia a sede semplice che
a doppia sede equilibrata.
In funzione dei diametri nominali
gli attacchi possono essere
filettati o flangiati.

Glossario

Liquidi
1 - 2 m/s
Gas
50 m/s
Vapore Saturo
20 - 40 m/s
Vapore Surriscaldato 40 - 50 m/s
Per il calcolo vengono utilizzate
le seguenti equazioni:
Liquidi e Gas

V=

Q
D2
3600
4

V = Velocit in m/s
Q = Portata in m3/h
D = Diametro in metri
= 3,14
Vapore

V=

Fig. 128 - Valvola termoregolatrice

Velocit
Generale - La velocit la
distanza percorsa da un fluido in
una determinata unit di tempo.
Viene chiamata Velocit media,
la portata volumetrica rapportata
all'unit di superficie; ne deriva
pertanto che:

Vm= Q
S
Vm =Velocit Media
Q = Portata Volumetrica
S = Sezione di passaggio
all'interno della condotta
Di seguito sono elencati i valori
orientativi che vengono
comunemente impiegati per il
dimensionamento delle tubazioni
in funzione del tipo di Fluido.

72

Q
D2
3600
4

V = Velocit in m/s
Q = Portata in t/h
D = Diametro in metri
= 3,14
= Volume del Vapore (alle
condizioni di esercizio prese in
considerazione).
Vertical Check valve
Vedere valvola di ritegno
intermedia.
Vuoto
Generale - Si parla di vuoto
quando la pressione inferiore
alla pressione atmosferica.
Esistono diverse definizioni di
vuoto:
Vuoto industriale:
da 1 a 10-6 bar
Vuoto spinto:
da 10-6 a 10-10 bar
Ultra Vuoto:
oltre 10-10 bar

Vuoto

Glossario

Tab. 35 - Comparazione valori di vuoto


Pressione assoluta

0
0,391
2,361
4,331
6,301
8,270
10,233
12,202
14,171
16,142
18,112
20,079
22,045
24,015
25,933
26,377
26,771
27,165
27,560
27,953
28,150
28,346
28,543
28,740
28,937
29,134
29,242
28,291
29,370
29,448
29,527
29,567
29,606
29,645
29,685
29,724
29,763
29,803
29,842
29,882

0
1
6
11
16
21
25
34
36
41
46
51
56
61
66
67
68
69
70
71
71,5
72
72,5
73
73,5
74
74,2
74,4
74,6
74,8
75,0
75,1
75,2
75,3
75,4
75,5
75,6
75,7
75,8
75,9

Kg/cm2

mm. di Hg.
Toor

1,033
1,0194
0,9514
0,8835
0,8155
0,7476
0,6796
0,6116
0,5437
0,4759
0,4080
0,3393
0,2718
0,2039
0,1359
0,1223
0,1087
0,0952
0,08155
0,0679
0,0611
0,0544
0,0476
0,0408
0,0339
0,0272
0,0245
0,0217
0,0190
0,0163
0,0136
0,0122
0,01087
0,00952
0,00815
0,00679
0,00544
0,00408
0,00272
0,00136

10330
10194
9514
8835
8155
7476
6796
6116
5437
4759
4080
3393
2718
2039
1359
1223
1087
952
815,5
679
611
544
476
408
339
272
245
217
190
163
136
122
108,7
95,2
81,5
67,9
54,4
40,8
27,2
13,6

760
750
700
650
600
550
500
450
400
350
300
250
200
150
100
90
80
70
60
50
45
40
35
30
25
20
18
16
14
12
10
9
8
7
6
5
4
3
2
1
0,7
0,5
0,2
0,1
0,07
0,05
0,02
0,01
0,007
0,005
0,002
0,001
0,0007
0,0005
0,0002
0,0001
0,00005
0,00001
0,000005
0,000001

Fattori di conversione di portata


1 m3/h: = 0,278 lt/sec.
1 m3h: = 0,589 c.t.m. (piedi cubici al m2)
1 lt/sec.: = 3,6 m3/h
1 lt/sec.: = 2,12 c.f.m.
1 c.f.m.: = 1,699 m3/h
1 c.f.m.: = 0,4719 lt/h
Fattori di conversione di pressione
1 atm.: = 760 mm.Hg.
1 atm.: = 14,696 p.s.i. (libbre per pollice quadro)
1 mm.Hg.: = 0,03937 in Hg. (pollici di Hg.)
1 mm.Hg.: = 1,333 dine/cm2
1 mm.Hg.: = 1,36 g/cm3
1 mm.Hg.: = 0,01934 p.s.i.
1 millibar: = 0,75 mm.Hg.
1 millibar: = 1000 dine/cm2
1 micron: = 1x103 mm.Hg.

millibar
1013,1
999,75
933,10
866,45
799,80
733,15
666,50
599,85
533,20
466,55
399,90
333,25
266,60
199,95
133,30
119,97
106,64
93,31
79,98
66,65
59,985
53,320
46,655
39,900
33,325
26,660
23,994
21,328
18,662
15,996
13,330
11,997
10,664
9,331
7,998
6,665
5,332
3,999
2,666
1,333

micron

Campo
di
vuoto

Basso vuoto

cm. Hg.

mm. di
H2O

1000
700
500
200
100
70
50
20
10
7
5
2
1
0,7
0,5
0,2
0,1
0,05
0,01
0,005
0,001

Medio vuoto

Pollici
di Hg.

Alto vuoto

Vuoto

Altissimo
vuoto

73

Wafer
Zeta

Glossario

Wafer
Generale - Esecuzione che viene
adottata per diverse
apparecchiature; previste con
attacchi flangiati per quanto
riguarda le valvole. In pratica la
costruzione prevede "solo" i
particolari che realizzano la
tenuta. L'installazione viene
effettuata inserendo questi ultimi
direttamente tra due controflange
della condotta (da cui il termine
Wafer).
Questa soluzione si rapidamente
affermata in quanto la valvola,
pur diventando pi leggera e
meno ingombrante, mantiene a
pieno le proprie caratteristiche di
funzionalit.

V = Velocit di deflusso
attraverso una sezione
"A" caratteristica per le
perdite di carico
= Densit del fluido
o gas in rapporto,
rispettivamente all'acqua
o all'aria.

11

12

10

Fig. 129 - Esempio di


installazione di una valvola di
ritegno wafer.
Zeta ()
Generale - Coefficiente di perdita
di carico. un valore
adimensionale che dipende dalla
forma costruttiva
dell'apparecchiatura. Viene
utilizzato per la determinazione
delle perdite di carico nei pezzi
speciali.
Per i fluidi il calcolo viene
effettuato utilizzando la seguente
equazione:

p = V2
2g
p = Perdita di carico in bar
g = Accelerazione di gravit
9,81 m/s2

74

16

13

17

14

18

15

19

Fig. 130 - Forme costruttive citate nella tabella 36 (pag. 75)


coefficienti di perdita di carico
La relazione che lega il Kv allo
Zeta ( ) la seguente:

Kv = 3,96 10-2 D-2

D = diametro della valvola


espresso in mm.

Valvole di ritegno

Valvole di intercettazione

Tipo della valvola

Forma Coefficiente di perdita di carico a DN =


costrut. 15
20
25
32
40
50
65
80
100 125 150 200
Saracinesca a corpo
min 1
0,1
piatto (dE = DN)
max
0,65 0,6 0,55 0,5 0,5 0,45 0,4 0,35 0,3
Saracinesca a corpo
min 2
0,25 0,24 0,23 0,22 0,21 0,19 0,18
rotondo (dE = DN)
max
0,32 0,31 0,30 0,28 0,26 0,25 0,23
Rubinetti (dE = DN)
min 3
0,10 0,10 0,09 0,09 0,08 0,08 0,07 0,07 0,06 0,05 0,05 0,04
max
0,15
min
0,90 0,59 0,38 0,26 0,20 0,14 0,12 0,09
PN 2,5 10
max
1,20 1,00 0,80 0,70 0,62 0,56 0,50 0,42
Valvole
4
min
2,04 1,80 1,55 1,30 1,08 0,84 0,75
a farfalla
PN 16 25
max
2,50* 2,30* 2,10* 1,90* 1,70* 1,50* 1,30
Valvole forgiate
min
6,0
6,0
5
max
6,8
6,8
Valvole fuse
min 6
3,0
max
6,0
Valvole Compact
min 7
0,3 0,4 0,6 0,6 1,0 1,1
1,1
max
0,3 0,9 1,9
1,9 2,2 2,2 2,3 2,5 2,5
Valvole a squadra
min 8
2,0
max
3,1
3,1 3,4 3,8 4,1 4,4 4,7 5,0 5,3 5,7
Valvole a sede inclinata min 9
1,5
max
2,6
Valvole a flusso libero
min 10
0,6
max
1,6
Valvole a membrana
min 11
0,8
0,8
max
2,7
2,7
Valvole di ritegno
min 12
3,0
3,0
a sede diritta
max
6,0
6,0
Valvole di ritegno
min 13
3,2
3,2 3,7 5,0 7,3 4,3
assiali
max
3,4 3,4 3,5 3,6 3,8 4,2 5,0 6,4 8,2 4,6
Valvole di ritegno
min 14
2,5 2,4 2,2 2,1 2,0 1,9 1,7 1,6 1,5
a sede inclinata
max
3,0
Valvole di fondo
min 15
1,0 0,9 0,8 0,7 0,6 0,5 0,4
max
3,0
Valvole di ritegno
min 16
0,5
0,5 0,4
a clapet
max
3,0
Hydrostop v = 4 m/s
17
0,9
3,0
3,0 2,5
v = 3 m/s
1,8
4,0
4,5 4,0
v = 2 m/s
5,0
6,0
8,0 7,5
Filtri
18
2,8
Crivelli
19
1,0

250 300

400

0,17 0,16 0,15


0,22 0,20 0,19
0,03 0,03 0,02
0,15
0,06
0,40 0,37 0,33
0,56 0,48 0,40
1,10 0,90 0,83

500 600

0,13
0,18

0,33
0,76

800

1000 Note
0,1
0,3
con dE <DN
vedi nota in calce 1)
0,12 0,11 0,11
0,16 0,15 0,14
con dE < DN
= 0,4 fino a 1,1
0,06
0,33 0,30 0,28
0,40
0,71 0,67* 0,63* * anche con PN 40

3,0
6,0

6,0

6,3
1,5
2,6

Glossario

Tab. 36- Coefficienti di perdita di carico nelle valvole di diversi tipi costruttivi (riferiti alla velocit del fluido nella sezione di attacco DN)

con ottimizzazione
raggiungibile = 2 fino a 3

2,0
6,6

0,6
1,6

0,4

2,5
4,0
6,5

4,3
4,6
1,5
3,0
0,4
3,0
0,4
1,2
1,8
6,0
2,8
1,0

a partire da DN 125
allargate assialmente

(7,0) (6,1) (5,5) (4,5) (4,0)


0,3

0,3
3,0

( ) con disposizione a gruppi


Clapet senza leva e
contrappeso 2)

2,2
3,4
7,0
allo stato pulito

75

1) Se il diametro pi ristretto di intercettazione dE inferiore al diametro nominale DN di attacco, i coefficienti di perdita di carico devono essere aumentati di (DN/dE)x con x = da 5 fino a 6.
2) Con apertura parziale (cio a basse velocit del liquido) i coefficienti delle perdite di carico aumentano ai valori massimi. Se la velocitdel liquido v (in m/s) aumenta, i coefficienti delle perdite di carico si riducono
secondo il rapporto 3/v Per le forme costruttive vedi Fig. 126.

Zeta

1 - Fattori Kv per valvole di intercettazione


Torna all'Indice

77

Fattori Kv per valvole di intercettazione

Tab. 37 - BOAH - Intercettazione a soffietto PN 16


Forma del corpo
DN

Kv

m3/h

Flusso avviato
DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

15

4,8

65

75,1

200

657

20

8,3

80

116,7

250

1035

25

11,9

100

172,3

300

1466

32

19,9

125

270,3

40

27,1

150

393,3

50

43,3

175

475,3

Tab. 38 - FAIT16 - Intercettazione a baderna PN 16


Forma del corpo

Flusso avviato

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

15

4,3

65

80,7

250

1193,6

20

7,6

80

122,2

300

1718,7

25

11,9

100

191,3

350

2339,4

32

19,6

125

298,4

400

3055,5

40

30,6

150

429,7

50

47,7

200

763,9

Tab. 39 - BOAH40 - Intercettazione a soffietto PN 40


Forma del corpo
DN

Kv

m3/h

Flusso avviato
DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

10

1,4

50

34

175

475

15

3,3

65

66

200

620

20

5,4

80

99

250

25

8,5

100

155

300

32

14,3

125

245

40

22,3

150

350

Tab. 40 - ZXL - Intercettazione a barderna PN 40


Forma del corpo

78

Flusso avviato

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

10

1,6

50

40

175

525

15

3,6

65

72

200

685

20

6,3

80

125

250

1055

25

9,1

100

170

300

1520

32

16,3

125

265

40

25,3

150

380

Fattori Kv per valvole di intercettazione

Tab. 41 - BOAW - Intercettazione tappo gomma PN 6/16


Forma del corpo
DN

Kv

m3/h

Flusso avviato
DN

Kv m3/h

15

4,2

65

71

20

9,1

80

122

25

10,3

100

180

32

19,3

125

290

40

27,2

150

440

50

52,2

200

674

DN

Kv m3/h

Tab. 42 - BOAC-NG - Intercettazione tappo gomma PN 6/16


Forma del corpo

Flusso libero

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

15

9,3

65

137

20

19,6

80

192

25

20,3

100

304

32

31,1

125

438

40

55,7

150

558

50

82,9

200

1008

DN

Kv m3/h

Tab. 43 - BOA-CS - Intercettazione tappo gomma PN 6/10/16


Forma del corpo
DN

Kv

m3/h

Flusso libero
Kv m3/h

DN

DN

Kv m3/h

20

20,6

50

80,6

125

428,1

25

21,4

65

132,3

150

563,8

32

29,5

80

172,5

200

1008,2

40

50,7

100

298,2

Tab. 44 - ZJL - Intercettazione a barderna PN 40


Forma del corpo

A squadra

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

10

1,8

50

45

175

605

15

4,1

65

84

200

780

20

7,3

80

130

250

1145

25

11,4

100

200

300

1760

32

18,3

125

310

40

29,2

150

440

79

Fattori Kv per valvole di intercettazione

Tab. 45 - BOAHSQ - Intercettazione a soffietto PN 16


Forma del corpo
DN

Kv

m3/h

A squadra
DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

10

1,9

50

47

200

708

15

4,2

65

79

250

1106

300

1593

20

7,5

80

119

25

11,7

100

185

32

19,1

125

290

40

30,2

150

420

Tab. 46 - BOAHSQ40 - Intercettazione a soffietto PN 40


Forma del corpo

A squadra

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

10

1,6

50

39

175

550

15

3,5

65

76

200

715

20

6,3

80

115

250

25

9,8

100

180

300

32

16,2

125

280

40

25,2

150

400

Tab. 47 - ZYL - Intercettazione a baderna PN 40


Forma del corpo

Flusso libero

m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

25

13

100

280

300

2655

32

23

125

435

40

37

150

705

50

63

175

960

65

136

200

1250

80

200

250

1730

DN

Kv

Tab. 48 - COBRA - Saracinesca corpo piatto PN 10


Forma del corpo

80

Flusso libero

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

40

119,5

100

792

250

5893

50

187

125

1316

300

8910

65

316

150

1896

80

507

200

3771

Fattori Kv per valvole di intercettazione

Tab. 49 - COVI-E - Saracinesca corpo ovale PN 16/25


Forma del corpo

Flusso libero

m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

50

206

200

3960

500

25561

65

249

250

6187

600

36808

DN

Kv

80

581

300

9202

700

50100

100

933

350

12525

800

65437

125

875

400

16359

900

77795

150

2300

450

20705

1000

96044

Tab. 50 - SGO16-SGP16 - Saracinesca cuneo gommato PN 16


Forma del corpo

Flusso libero

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

40

116

100

1047

250

11068

50

195

125

1874

300

17820

65

365

150

2970

80

618

200

6261

Tab. 51 - CCVI-E - Saracinesca corpo cilindrico PN 40


Forma del corpo

Flusso libero

m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

50

206

200

3733

500

24011

65

244

250

5833

600

34575

DN

Kv

80

540

300

8644

700

47061

100

908

350

11765

800

61468

125

908

400

15367

900

77795

150

2100

450

19448

1000

96044

Tab. 52 - CPVI-E - Saracinesca corpo piatto PN 6/10


Forma del corpo
DN

Kv m3/h

Flusso libero
DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

40

149

200

3950

600

45081

50

233

250

6614

700

61360

65

394

300

9525

800

80144

80

597

350

13454

900

106920

100

933

400

17572

1000

132000

125

1546

450

23148

1200

190080

150

2227

500

29849

81

Fattori Kv per valvole di intercettazione

Tab. 53 - BOAX / BOAX-S - Valvole a farfalla PN 10/16


Forma

Asse centrato
m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

20

80

390

300

14000

25

30

100

590

350

15900

32

35

125

1390

400

20000

40

40

150

2200

50

90

200

4475

65

200

250

9490

DN

Kv

Tab. 54 - ODBV10 - Valvole a farfalla PN 10


Forma
DN

Asse eccentrico
Kv

m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

1200

104111

150

1150,3

500

15461,2

200

2135,9

600

22540,7

250

3685,5

700

30680,4

300

5635,2

800

46271,6

350

8199,7

900

58562,5

400

11567,9

1000

72299,4

Tab. 55 - ODBV16/25 - Valvole a farfalla PN 16/25


Forma

Asse eccentrico

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

150

1150,3

400

10709,8

900

41409,9

200

2135,9

500

12780,8

1000

52613,1

250

3689,5

600

15938,7

1200

90162,9

300

5635,2

700

27441,4

350

8199,7

800

32719,2

Tab. 56 - ISORIA10 - Valvole a farfalla PN 10


Forma

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

40

53

250

7350

650

37700

50

133

300

9100

700

47500

65

240

350

11200

750

51500

80

410

400

14800

800

63500

100

655

450

19700

900

84700

125

900

500

25000

1000

108500

150

1800

550

31700

200

3550

600

36400

DN

82

Asse centrato
m3/h

Kv

Fattori Kv per valvole di intercettazione

Tab. 57 - ISORIA16 - Valvola a farfalla PN 16


Forma

Asse centrato
m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

40

53

250

7350

650

37700

50

133

300

9100

700

47500

65

240

350

8060

750

51500

80

410

400

10500

800

63500

100

655

450

13300

900

84700

125

900

500

17400

1000

108500

150

1800

550

21000

200

3550

600

25000

DN

Kv

Tab. 58 - ISORIA20 - Valvola a farfalla ANSI 150lb PN20


Forma

Asse centrato

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

32

30

125

900

400

10500

40

53

150

1800

450

13300

50

133

200

3550

500

17400

65

240

250

3890

550

21000

80

410

300

5580

600

25000

100

655

350

8060

Tab. 59 - ISORIA25 - Valvola a farfalla PN 25


Forma

Asse centrato
m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

30

150

1800

500

17400

40

53

200

3550

550

21000

50

133

250

3890

600

25000

65

240

300

5580

700

34200

80

410

350

8060

800

43000

100

655

400

10500

900

54600

125

900

450

13300

1000

69600

DN
32

Kv

83

Fattori Kv per valvole di intercettazione

Tab. 60 - MAMMOUTH - Valvola a farfalla PN 6/25


Forma

Asse centrato

DN mm

DN pollici

16 bar

20 bar

25 bar

1100

44

82800

82800

82800

1200

48

111600

111600

111600

1300

52

147600

147600

147600

1350

54

196200

196200

196200

1400

56

190800

190800

104400

1500

60

237600

133200

133200

295200

295200

169200

169200

66

327600

327600

327600

190800

190800

72

428400

428400

259200

259200

259200

78

550800

550800

338400

338400

594000

367200

367200

367200

694800

435600

435600

802800

507600

90

543600

543600

96

669600

669600

766800

766800

2000
84
2200
2400
2500
102

878400

108

940000

2800

114

1198800

3000

120

1479600

2600

10 bar

295200

1600
1800

6 bar

Tab. 61 - KE1 - Valvola a farfalla con manicotto e disco in Teflon PFA


Forma

Asse centrato

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

40

75

100

620

250

6500

50

160

125

1300

300

7900

65

260

150

2400

80

400

200

5000

Tab. 62 - KE2 - Valvola a farfalla con manicotto in Teflon PFA e disco Inox
Forma

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

40

34

100

540

250

6200

50

90

125

960

300

9000

65

150

150

1900

80

220

200

3600

DN

84

Asse centrato
m3/h

Kv

Fattori Kv per valvole di intercettazione

Tab. 63 - KE3 - Valvola a farfalla, manicotto elastomero, disco metallico


Forma

Asse centrato
m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

34

100

540

250

6200

50

90

125

960

300

9000

65

150

150

1900

80

220

200

3600

DN

Kv

40

Tab. 64 - KE4 - Valvola a farfalla, manicotto elastomero, disco in Teflon PFA


Forma

Asse centrato
m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

40

75

100

620

250

6500

50

160

125

1300

300

7900

65

260

150

2400

80

400

200

5000

DN

Kv

Tab. 65 - DANAIS150 - Farfalla DANAIS 150 PN 20/Ansi 150 lb


Forma

Asse eccentrico

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

50

70

200

1850

500

15090

65

110

250

3350

600

22410

80

190

300

4870

100

340

350

7070

125

600

400

10350

150

980

450

12500

Tab. 66 - DANAIS-MT II 150 Farfalla Danais MT-II PN 20/Ansi 150 lb


Forma

Asse eccentrico
m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

50

70

200

1850

500

15090

65

110

250

3350

600

22410

80

190

300

4870

100

340

350

7070

125

600

400

10350

150

980

450

12500

DN

Kv

85

Fattori Kv per valvole di intercettazione

Tab. 67 - DANAIS-MT II 300 - Farfalla Danais MT-II PN 50/Ansi 300 lb


Forma

Asse eccentrico
m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

50

70

200

1300

500

8600

65

110

250

1800

600

12000

DN

Kv

80

180

300

2500

100

330

350

3400

125

560

400

4500

150

910

450

6500

Tab. 68 - SISTO16 - Valvola membrana ghisa nuda PN 16


Forma del corpo
DN

Kv

m3/h

Flusso avviato
DN

Kv m3/h

15

7,7

65

141

20

11,5

80

195

25

14,5

100

304

32

35,5

125

298

40

43,5

150

601

50

72,5

200

478

DN

Kv m3/h

Tab. 69 - SISTO16RIV - Valvola membrana ghisa rivestita PN 16


Forma del corpo

Flusso avviato

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

15

8,1

65

148

20

12,1

80

205

25

14,7

100

319

32

36,8

125

313

40

45,5

150

631

50

76,5

200

502

DN

Kv m3/h

Tab. 70 - MPCI - Valvola sfera passaggio tatale PN 16


Forma
DN

86

Passaggio libero
Kv

m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

65

621

250

14703

300

19860

15

14

20

30

80

908

25

61

100

1850

32

94

125

3114

40

162

150

4002

50

340

200

7902

Fattori Kv per valvole di intercettazione

Tab. 71 - Abaco delle perdite di carico per valvole BOA-H PN 16/25 con tappo di intercettazione - Le curve sono
per acqua da 5-30 C e indicano la velocit del flusso (v) riferita ai diametri-superfici, che non deve superare 4 m/s.

87

Fattori Kv per valvole di intercettazione

Fattore Kv in funzione dellalzata


70

65

60

55

50

DN 50

45

Kv (m3/h)

40

35

30

DN 40

25

20

DN 32

15

10
DN 25
DN 20

DN 10/15

10

20

30

40

50

60

70

80

90

100

Alzata (%)

Alzata mm
DN
modello ZXL
modello ZXS

10
8
15

15
8
15

20
15
15

25
15
15

32
19
24

40
24
24

50
30
30

Tab. 72 - Valvole a flusso avviato flangiate (ZXL) o con attacchi da saldare (ZXS) tipo ZXL e ZXS con
tappo di intercettazione (DN 10-50) NORI 40

88

Fattori Kv per valvole di intercettazione

Kv (m3/h)

Fattore Kv in funzione dellalzata

Alzata (%)

Alzata mm
DN
Alzata

65
40

80
48

100
60

125
50

150
60

200
90

Tab. 73 - Valvole a flusso avviato flangiate (ZXL) o con attacchi da saldare (ZXS) tipo ZXL e ZXS con
tappo di intercettazione (DN 65-200) NORI 40

89

Fattori Kv per valvole di intercettazione

Fattore Kv in funzione dellalzata


60

55

50

45

40
DN 50

Kv (m3/h)

35

30

25

DN 40
DN 32

20

15

10
DN 25
DN 20

DN 15
DN 10

10

20

30

40

50

60

70

80

90

100

Alzata (%)

Alzata mm
DN
Alzata

10
11

15
11

20
11

25
11

32
17

40
17

50
22

Tab. 74 - Valvole a flusso avviato con attacchi flangiati tipo ZXL otturatore di intercettazione (DN 10-50)
NORI 160

90

Fattori Kv per valvole di intercettazione

Fattore Kv in funzione dellalzata


1000

DN 250

700

DN 200

500
400

DN 150

300
DN 125
200
DN 100
150
DN 80

100

DN 65

Kv (m3/h)

70
50
40
30

20

10
7
5
4
3

10

20

30

40

50

60

70

80

90

100

Alzata (%)

Alzata mm
DN
Alzata

65
38

80
51

100
51

125
68

150
75

200
118

Tab. 75 - Valvole a flusso avviato con attacchi flangiati tipo ZXL otturatore di intercettazione (DN 65-250)
NORI 160

91

Fattori Kv per valvole di intercettazione

Fattore Kv in funzione dellalzata


DN 50

70

65

60

55

50

DN 40

45

40

Kv (m3/h)

35

30

DN 32

25

20

15
DN 25
10
DN 20
DN 10/15

10

20

30

40

60

70

80

90

100

Alzata (%)

Alzata mm
DN
Alzata

50

10/15 20/25
10
15

32
24

40
24

50
30

Tab. 76 - Valvole a flusso libero con attacchi flangiati tipo ZYA otturatore di intercettazione (DN 10-50)
NORICHEM

92

Fattori Kv per valvole di intercettazione

Kv (m3/h)

Fattore Kv in funzione dellalzata

Alzata (%)

Alzata mm
DN
Alzata

65
40,5

80
40,5

100
48,5

125
47

150
56

200
83

Tab. 77 - Valvole a flusso libero con attacchi flangiati tipo ZYA otturatore di intercettazione (DN 65-200)
NORICHEM

93

Fattori Kv per valvole di intercettazione

Fattore Kv in funzione dellalzata


35
DN 50

30

25

DN 40

Kv (m3/h)

20

15
DN 32

10
DN 25

DN 20

DN 15

10

30

40

50

60

70

80

90

100

Alzata (%)

Alzata mm
DN
Alzata

15
4

20
6,5

25
6,5

32
8

40
10

50
12,5

Tab. 78 - Valvole a flusso avviato con soffietto attacchi flangiati. Otturatore di intercettazione (DN 10-50)
BOACHEM

94

Fattori Kv per valvole di intercettazione

Fattore Kv in funzione dellalzata


DN 100

150

DN 80
100
90
80
70
DN 65

60

Kv (m3/h)

50

40

30

20

15

10
10

20

30

40

50

60

70

80

90

100

Alzata (%)

Alzata mm
DN
Alzata

65
16,5

80
20

100
25

Tab. 79 - Valvole a flusso avviato con soffietto attacchi flangiati. Otturatore di intercettazione (DN 65-100)
BOACHEM

95

2 - Fattori Kv per valvole di ritegno


Torna all'Indice

97

Fattori Kv per valvole di ritegno

Tab. 80 - BOAR - Valvola di ritegno a tappo PN 6/16


Forma del corpo
DN

Kv

m3/h

Flusso avviato
DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

10

3,8

50

42,2

200

675,4

15

3,8

65

71,3

250

1055,3

300

1519,7

20

6,8

80

108,1

25

10,6

100

168,9

32

17,3

125

263,8

40

27,3

150

379,9

Per valvole corredate di molla aggiungere alla perdita di carico calcolata, i


seguenti valori
DN 10-50
0,40 bar
DN 65-150
0,30 bar
DN 175-300
0,25 bar

Tab. 81 - 2000 - Valvola di ritegno doppio CLAPET PN 16


Forma del corpo

Wafer

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

50

75

200

1300

500

10000

65

112

250

2300

600

12500

80

141

300

3850

700

16650

100

240

350

4600

800

25200

125

450

400

6000

900

36750

150

750

450

8500

1000

50000

Tab. 82 - RXL - Valvola di ritegno a tappo PN 25-40-63-100


Forma del corpo
DN

Kv

m3/h

Flusso avviato
DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

15

3,3

65

70,1

250

1036,7

20

5,8

80

106,2

300

1492,8

25

9,3

100

165,9

32

14,8

125

259,2

40

23,1

150

373,2

50

36,1

200

663,5

Per valvole corredate di molla aggiungere alla perdita di carico calcolata, i


seguenti valori
DN 10-50
0,40 bar
DN 65-150
0,30 bar
DN 175-300
0,25 bar

98

Fattori Kv per valvole di ritegno

Tab. 83 - RYL - Valvola di ritegno a tappo PN 25-40-63-100


Forma del corpo
DN

Kv

m3/h

Flusso libero
DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

20

9,1

65

96,6

200

914,5

25

14,3

80

146,3

250

1428,9

32

23,4

100

228,6

300

2057,7

40

36,6

125

357,2

50

57,2

150

514,4

Tab. 84 - CLAPET40 - Valvola di ritegno a clapet PN 25/40


Forma del corpo
DN

Kv

m3/h

Flusso libero
DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

800

22445,3

80

220,5

300

2656,4

100

346,3

350

3688,1

900

28828,4

125

875,3

400

4831,2

1000

36149,7

150

778,5

500

7593,3

200

1389,3

600

11341,5

250

1805,1

700

16254,9

Tab. 85 - CLAPET100 - Valvola di ritegno a clapet PN 63/100


Forma del corpo

Flusso libero

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

80

174,9

300

2585,6

800

21853,1

100

273,9

350

3586,3

900

28067,8

125

429,3

400

4709,5

1000

35278,5

150

617,8

500

7399,6

200

1101,3

600

11031,6

250

1758,9

700

15827,5

DN

Tab. 86 - ELAK - Valvola di ritegno a clapet wafer PN 16


Forma del corpo
DN

Kv

m3/h

Flusso libero
DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

300

1680,1

80

119,5

150

420,3

100

186,7

200

746,7

125

291,7

250

1166,7

99

Fattori Kv per valvole di ritegno

Tab. 87 - RSK/RSK-S - Valvola di ritegno CLAPET PN 16 gommata


Forma del corpo

Flusso libero

m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

25

16

100

230

200

1002

50

63

125

391

250

1384

80

160

150

532

300

2254

DN

Kv

Tab. 88 - KRV - Valvola di ritegno a sfera PN 10 gommata


Forma del corpo

100

Flusso libero

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

20

50

57

125

357

25

14

65

97

150

514

32

23

80

146

200

914

40

37

100

229

Fattori Kv per valvole di ritegno

0,8
0,7
con molla

0,6
0,5
0,4
0,3
0,2
p

0,1

(bar)
1,5
1

2,5
2

3,5
3

v (m/s)

0,8
0,7
0,6

senza molla

0,5
0,4
0,3
0,2

p
(bar)

0,1

1,5
1

2,5
2

3,5
4

v (m/s)

p (bar)

v (m/s)

Tab. 89 - Abaco delle perdite di carico per valvole di ritegno tipo BOA-R

101

Fattori Kv per valvole di ritegno

Tab. 90 - Abaco delle perdite di carico per valvole di ritegno a doppio battente tipo 2000

102

Fattori Kv per valvole di ritegno

Tab. 91 - Abaco delle perdite di carico espressa in metri di colonna dacqua per valvole di ritegno a fuso
tipo RFV

103

Fattori Kv per valvole di ritegno

Apertura parziale = valori instabili


1000

Apertura totale = valori stabili

100
80
65

100

50
40
32

Le curve sono relative a misure


effettuate con acqua a 20 C
con valvole installate su tubazioni
orizzontali, per installazioni
su tubazioni in verticale considerare
delle leggere variazioni nelle
posizioni di inizio apertura. Per
determinare le perdite di carico
con fluidi diversi, necessario prima
calcolare la portata dacqua
equivalente applicando la seguente
formula:

25
20

10

Vw=V

15

Vw (m3/h) Portata dacqua


equivalente
(kg/m3) Densit del fluido alle
condizioni di esercizio
V (m3/h) Portata del fluido alle
condizioni di esercizio

Portata in (m3/h)

0,1

10

20
30 40 50 60 70 80 100
Perdita di carico (mbar)

200

300 400 500 600 800 1000

Apertura parziale = valori instabili Apertura totale = valori stabili


1000

Portata acqua

(m3/h)

200
150
125
100

10

10

20

30 40 50 60 70 80 100

200

300 400 500 600 800 1000

Perdita di carico (mbar)

Tab. 92 - Abaco delle perdite di carico per valvole di ritegno tipo BOA-RVK

104

1000

Fattori Kv per valvole di ritegno

Tab. 93 - Abaco delle perdite di carico per valvole di ritegno tipo WI-C

105

Fattori Kv per valvole di ritegno

Tab. 94 - Abaco delle perdite di carico per valvole di ritegno tipo ELA

106

Fattori Kv per valvole di ritegno

Tab. 95 - Abaco delle perdite di carico per valvole di ritegno tipo verticali, complete di succheruola
(valvole di FONDO)

107

Fattori Kv per valvole di ritegno

Apertura parziale = valori instabili Apertura totale = valori stabili


1000

100
80
65
50
40
32

100

Le curve sono relative a misure


effettuate con acqua a 20 C
con valvole installate su tubazioni
orizzontali, per installazioni
su tubazioni in verticale considerare
delle leggere variazioni nelle
posizioni di inizio apertura. Per
determinare le perdite di carico
con fluidi diversi, necessario prima
calcolare la portata dacqua
equivalente applicando la seguente
formula:

25
20

10

Vw=V

15
Vw (m3/h)

(m3/h)

(kg/m3)

Portata acqua

V (m3/h)
0,1

10

20

30 40 50 60 70 80 100

200

300 400 500 600 800 1000

Perdita di carico (mbar)

Apertura parziale = valori instabili Apertura totale = valori stabili


1000
200
150
125

Portata acqua

(m3/h)

100

10

1
10

20

30 40 50 60 70 80 100

200

300 400 500 600 800 1000

Perdita di carico (mbar)

Tab. 96 - Abaco delle perdite di carico per valvole di ritegno tipo KSR

108

1000

Portata dacqua
equivalente
Densit del fluido alle
condizioni di esercizio
Portata del fluido alle
condizioni di esercizio

Fattori Kv per valvole di ritegno

Tab. 97 - Abaco delle perdite di carico per valvole di ritegno a membrana tipo HYDRO-STOP

109

3 - Fattori Kv per valvole di regolazione


Torna all'Indice

111

Valvole di regolazione

BOA-Compact
Le curve sono per acqua da 5-30 C. La velocit del flusso (v) riferita ai diametri-superfici non deve superare 4 m/s. A causa del
comportamento elastico della chiusura si raccomanda per la valvola di intercettazione BOA-Compact di provvedere alla regolazione della
rotazione dell'asta dalla posizione di apertura.

BOA-Compact
BOA
C

PN 6, 16

DN 15

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

9,3
0,9

8,4
1,1

7,5
1,4

6,0
2,2

4,5
3,9

2,7
10,5

1,3
49,3

12,6

(0)

(3,6)

(5,6)

(7,6)

(8,6)

(9,6)

(10,6)

(0) (3,6) (5,6) (7,6)


12,6 9
7
5

1,27

/ 2,00

0,64

1,00
/ 1,00

0,32

/ 0,50

0,06

(9,6)
3
(10,6)
2

/ 4,00

2,54

(8,6)
4

0,10
/ 0,10
0,001

0,01

0,1

p in bar

BOA C
BOA-Compact

PN 6, 16

DN 20

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

19,6
0,7

17,2
0,8

14,3
1,2

10,6
2,2

7,1
4,9

4,8
11,3

2,7
34,4

1,2
174

13,3

11

(0)

(2,3)

(4,3)

(6,3)

(8,3)

(9,3)

(10,3)

(11,3)

(0) (2,3) (4,3)


13,3 11
9

(8,3)
5

(9,3)
4
(10,3)
3

2,26

/ 2,00

(11,3)
2

1,13

/ 1,00
1,00

0,57

/ 0,50

/ 4,00

4,52

0,11

/ 0,10
0,10
0,001

0,01

0,1

p in bar
Q = portata in m3/h
V = velocit del flusso m/s

Tab. 98 - Valvole di regolazione BOA-Compact (DN15/DN20)

112

(6,3)
7

Valvole di regolazione

BOA-Compact

BOA C
BOA-Compact

PN 6, 16

DN 25

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

20,3
1,5

17,6
2,0

14,3
3,0

10,6
5,4

6,6
14,1

4,8
27,0

2,7
86,5

1,2
451

13,6

11

(0)

(2,6)

(4,6)

(6,6)

(8,6)

(9,6)

(10,6)

(11,6)

(0) (2,6)
13,6 11

(4,6)
9

(6,6)
7

(8,6)
5

(9,6)
4

/ 4,00

7,07

(10,6)
3
/ 2,00

3,53

(11,6)
2

/ 1,00
1,77 1,00

/ 0,50

0,88

/ 0,10
0,18 0,10
0,001

0,01

0,1

p in bar

BOA-Compact
BOA
C

PN 6, 16

DN 32

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

31,1
1,7

27,6
2,2

24,7
2,7

21,3
3,6

17,5
5,4

13,5
9,0

9,1
19,8

6,9
34,6

4,8
71,3

2,8
210

18,2

15

13

11

(0)

(3,2)

(5,2)

(7,2)

(9,2)

(11,2)

(13,2)

(14,2)

(15,2)

(16,2)

(0) (3,2) (5,2) (7,2) (9,2)


18,2 15 13 11
9
11,58

(11,2)
7

(13,2)
5

/ 4,00

(14,2)
4
(15,2)
3

5,79

/ 2,00
(16,2)
2

1,45

/ 0,50

0,29

/ 1,00
1,00

2,90

/ 0,10
0,10
0,001

0,01

p in bar

0,1

Q = portata in m3/h
V = velocit del flusso m/s

Tab. 99 - Valvole di regolazione BOA-Compact (DN25/DN32)

113

Valvole di regolazione

BOA-Compact

BOA C
BOA-Compact

PN 6, 16

DN 40

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

55,7
1,3

48,9
1,7

43,6
2,1

37,7
2,8

31,5
4,1

24,7
6,6

18,1
12,2

11,6
30,0

8,2
59,9

5,0
161

1,8
1252

20,3

17

15

13

11

(0)

(3,3)

(5,3)

(7,3)

(9,3)

(11,3) (13,3) (15,3) (16,3) (17,3) (18,3)

(0) (3,3) (5,3) (7,3) (9,3)


20,3 17
15
13
11

(11,3)
9

(13,3)
7

/ 4,00

(15,3)
5
(16,3)
4

9,05

/ 2,00

(17,3)
3

4,52

1,00
/ 1,00

18,10

(18,3)
2
/ 0,50

2,26

0,45

0,10
/ 0,10
0,001

0,01

0,1

p in bar

BOA C
BOA-Compact

PN 6, 16

DN 50

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

82,9
1,5

73,1
1,8

63,8
2,4

52,6
3,5

42,3
5,5

32,3
9,4

22,2
19,8

15,9
38,9

10,4
90,0

5,5
329

18,3

15

13

11

(0)

(3,3)

(5,3)

(7,3)

(9,3)

(11,3)

(13,3)

(14,3)

(15,3)

(16,3)

(0) (3,3) (5,3) (7,3)


18,3 15 13
11

(9,3)
9

(11,3)
7

(13,3)
5

28,27 / 4,00

(14,3)
4
(15,3)
3

14,14 / 2,00

(16,3)
2

1,00
7,07 / 1,00

3,53 / 0,50

0,10
0,71 / 0,10
0,001

0,01

0,1
p in bar

Q = portata in m3/h
V = velocit del flusso m/s

Tab. 100 - Valvole di regolazione BOA-Compact (DN40/DN50)

114

Valvole di regolazione

BOA-Compact

BOA C
BOA-Compact

PN 6, 16

DN 65

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

137
1,5

122
1,9

109
2,4

95,8
3,1

81,0
4,3

66,0
6,4

51,3
10,6

39,6
17,8

27,3
37,5

21,3
61,8

15,7
113

10,2
271

21,8

19

17

15

13

11

(0)

(2,8)

(4,8)

(6,8)

(8,8) (10,8) (12,8) (14,8) (16,8) (17,8) (18,8) (19,8)


(0) (2,8) (4,8) (6,8) (8,8) (10,8) (12,8)
21,8 19 17 15 13
11
9

47,78

/ 4,00

23,89

/ 2,00

11,95

1,00
/ 1,00

(16,8)
5
(17,8)
4
(18,8)
3
(19,8)
2

/ 0,50

5,97

(14,8)
7

1,19

0,10
/ 0,10
0,001

0,01

0,1

p in bar

BOA C
BOA-Compact

PN 6, 16

DN 80

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

192
1,8

165
2,4

128
3,9

107
5,6

88,6
8,2

71,2
12,7

54,2
21,8

39,1
42,0

30,7
68,0

22,1
132

13,4
357

23,6

19

15

13

11

(0)

(4,6)

(8,6)

(10,6) (12,6) (14,6) (16,6) (18,6) (19,6) (20,6) (21,6)


(0)
23,6

72,38

/ 4,00

36,19

/ 2,00

18,10

/ 1,00

(4,6)
19

(8,6) (10,6) (12,6) (14,6)


15
13
11
9

(16,6)
7
(18,6)
5
(19,6)
4
(20,6)
3
(21,6)
2

1,81

/ 0,50

9,05

/ 0,10
0,10
0,001

0,01

0,1

p in bar
Q = portata in m3/h
V = velocit del flusso m/s

Tab. 101 - Valvole di regolazione BOA-Compact (DN65/DN80)

115

Valvole di regolazione

BOA-Compact

BOA C
BOA-Compact

PN 6, 16

DN 100

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

304
1,7

256
2,4

192
4,3

155
6,5

122
10,6

88,4
20,0

60,9
42,2

46,8
71,7

31,4
158

16,1
602

22,2

17

13

11

(0)

(5,2)

(9,2)

(11,2)

(13,2)

(15,2)

(17,2)

(18,2)

(19,2)

(20,2)

(0) (5,2)
22,2 17
113,10

(13,2)
9

(15,2)
7

28,27

1,00
/ 1,00

14,14

/ 0,50

(17,2)
5
(18,2)
4
(19,2)
3
(20,2)
2

/ 2,00

(11,2)
11

/ 4,00

56,55

2,83

(9,2)
13

0,10
/ 0,10
0,001

0,01

0,1

p in bar

BOA C
BOA-Compact

PN 6, 16

DN 125

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

438
2,0

393
2,5

345
3,2

297
4,4

252
6,0

209
8,8

165
14,1

122
25,9

84,0
54,2

42,8
209

21,5

19

17

15

13

11

(0)

(2,5)

(4,5)

(6,5)

(8,5)

(10,5)

(12,5)

(14,5)

(16,5)

(18,5)

(0) (2,5) (4,5) (6,5) (8,5) (10,5) (12,5)


21,5 19
17
15 13
11
9
176,72

(14,5)
7

/ 4,00
(16,5)
5
/ 2,00

44,18

/ 1,00

22,09

/ 0,50

4,42

(18,5)
3

88,36

0,10
/ 0,10
0,001

0,01

0,1

p in bar
Q = portata in m3/h
V = velocit del flusso m/s

Tab. 102 - Valvole di regolazione BOA-Compact (DN100/DN125)

116

Valvole di regolazione

BOA-Compact

BOA C
BOA-Compact

PN 6, 16

DN 150

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

558
2,6

504
3,1

453
3,9

402
4,9

353
6,4

304
8,6

257
12,1

209
18,2

24,8

22

20

18

16

14

12

10

(0)

(2,8)

(4,8)

(6,8)

(8,8)

160,6 122,4
30,8
53
8

82,2
117

(10,8) (12,8) (14,8) (16,8) (18,8) (20,8)


(0) (2,8) (4,8) (6,8) (8,8) (10,8) (12,8) (14,8)
24,8 22 20 18 16 14
12
10

254,47

/ 4,00

127,23

/ 2,00

/ 1,00
1,00

31,81

/ 0,50

63,62

(16,8)
8
(18,8)
6
(20,8)
4

6,36

/ 0,10
0,10
0,001

0,01

0,1

p in bar

BOA-Compact
BOA
C

PN 6, 16

DN 200

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

1008
2,5

902
3,1

796
4,0

690
5

584
8

477
11

371,4
19

265,3
36

159,2
101

53,1
909

19

17

15

13

11

(0)

(2)

(4)

(6)

(8)

(10)

(12)

(14)

(16)

(18)

(8)
11

(10)
9

(0)
19

452,39

/ 4,00

226,20

/ 2,00

113,10

1,00
/ 1,00

11,31

(4)
15

(6)
13

(12)
7

(14)
5
(16)
3

(18)
1

/ 0,50

56,55

(2)
17

/ 0,10
0,10
0,01

0,1

p in bar
Q = portata in m3/h
V = velocit del flusso m/s

Tab. 103 - Valvole di regolazione BOA-Compact (DN150/DN200)

117

Valvole di regolazione

BOA-SuperCompact
Le curve sono per acqua da 5-30 C. La velocit del flusso (v) riferita ai diametri-superfici non deve superare 4 m/s. A causa del
comportamento elastico della chiusura si raccomanda per la valvola di intercettazione BOA-SuperCompact di provvedere alla
regolazione della rotazione dellasta dalla posizione di apertura.

BOASuperCompact

PN 6/10/16

DN 20

BOASuperCompact

PN 6/10/16

DN 25

Valore Zeta
Rotazioni dellasta dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta dalla
posizione di apertura

Valore Zeta
Rotazioni dell'asta dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dell'asta dalla
posizione di apertura

Q = portata in m3/h
V = velocit del flusso m/s

Tab. 104 - Valvole di regolazione BOA-SuperCompact (DN20/DN25)

118

Valvola
chiusa

Valvola
chiusa

Valvole di regolazione

BOA-SuperCompact
BOASuperCompact

Valore Zeta

PN 6/10/16

Rotazioni dellasta dalla


posizione di chiusura

DN 32

Rotazioni dellasta dalla


posizione di apertura

BOASuperCompact

Valore Zeta

PN 6/10/16

Rotazioni dellasta dalla


posizione di chiusura

DN 40

Rotazioni dellasta dalla


posizione di apertura

BOASuperCompact

Valvola
chiusa

Valvola
chiusa

Valore Zeta

PN 6/10/16

Rotazioni dellasta dalla


posizione di chiusura

DN 50

Rotazioni dellasta dalla


posizione di apertura

Valvola
chiusa

Q = portata in m3/h
V = velocit del flusso m/s

Tab. 105 - Valvole di regolazione BOA-SuperCompact (DN32/DN40/DN50)

119

Valvole di regolazione

BOA-SuperCompact
BOASuperCompact

Valore Zeta

PN 6/10/16

Rotazioni dellasta dalla


posizione di chiusura

DN 65

Rotazioni dellasta dalla


posizione di apertura

BOASuperCompact

Valore Zeta

PN 6/10/16

Rotazioni dellasta dalla


posizione di chiusura

DN 80

Rotazioni dellasta dalla


posizione di apertura

BOASuperCompact

Valore Zeta

PN 6/10/16

Rotazioni dell'asta dalla


posizione di chiusura

DN 100

Rotazioni dell'asta dalla


posizione di apertura

Q = portata in m3/h
V = velocit del flusso m/s

Tab. 106 - Valvole di regolazione BOA-SuperCompact (DN65/DN80/DN100)

120

Valvola
chiusa

Valvola
chiusa

Valvola
chiusa

Valvole di regolazione

BOA-SuperCompact
BOASuperCompact

Valore Zeta

PN 6/10/16

Rotazioni dellasta dalla


posizione di chiusura

DN 125

Rotazioni dellasta dalla


posizione di apertura

BOASuperCompact

Valore Zeta

PN 6, 16

Rotazioni dellasta dalla


posizione di chiusura

DN 150

BOASuperCompact

Rotazioni dellasta dalla


posizione di apertura

Valvola
chiusa

Valvola
chiusa

Valore Zeta

PN 6/10/16

Rotazioni dellasta dalla


posizione di chiusura

DN 200

Rotazioni dellasta dalla


posizione di apertura

Valvola
chiusa

Q = portata in m3/h
V = velocit del flusso m/s

Tab. 107 - Valvole di regolazione BOA-SuperCompact (DN125/DN150/DN200)

121

Valvole di regolazione

BOA -W
Le curve sono per acqua da
5-30 C. La velocit del flusso
(v) riferita ai diametri-superfici
non deve superare 4 m/s.
A causa del comportamento
elastico della chiusura si raccomanda per la valvola di intercettazione BOA -W di provvedere alla regolazione della
rotazione dell'asta dalla posizione di apertura.

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta dalla
posizione di apertura

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta dalla
posizione di apertura

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta dalla
posizione di apertura

Q = portata in m3/h
V = velocit del flusso m/s

Tab. 108 - Valvole di regolazione BOA-W (DN15/DN20/DN25)

122

Valvole di regolazione

BOA -W

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta dalla
posizione di apertura

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta dalla
posizione di apertura

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta dalla
posizione di apertura

Q = portata in m3/h
V = velocit del flusso m/s

Tab. 109 - Valvole di regolazione BOA-W (DN32/DN40/DN50)

123

Valvole di regolazione

BOA -W

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta dalla
posizione di apertura

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta dalla
posizione di apertura

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta dalla
posizione di apertura

Q = portata in m3/h
V = velocit del flusso m/s

Tab. 110 - Valvole di regolazione BOA-W (DN65/DN80/DN100)

124

Valvole di regolazione

BOA -W

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta dalla
posizione di apertura

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta dalla
posizione di apertura

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta dalla
posizione di apertura

Q = portata in m3/h

Tab. 111 - Valvole di regolazione BOA-W (DN125/DN150/DN200)

125

Valvole di regolazione

BOA -H PN 16/25 con tappo di regolazione


Le curve sono per acqua da 5-30 C e indicano la velocit del flusso (v) riferita ai diametri-superfici che non deve superare 4 m/s.
Le curve caratteristiche sono per BOA-H con tappo di regolazione.
Kv (m3/h)

4,8

4,7

4,3

4,0

3,4

2,5

1,7

1,5

1,4

0,9

PN 16/25

Valore Zeta

3,5

3,6

4,4

5,1

6,9

12,6

27,6

37,2

36,2

102,6

DN 15

Rotazioni dellasta n1
in posizione di chiusura

4,1

3,5

2,5

1,5

0,5

0,25

BOA-H

Q
m3/h

V
m/s
4,0

2,54

3,1

2,0

1,6

1,0

0,8

0,5

0,5

0,3

0,3

0,2

4,1 3,5 3

0,01

2,5

1,5

0,1

1 0,5

0,25

10

p (bar)
Kv (m3/h)

8,3

7,5

7,1

6,7

5,7

4,3

3,1

2,6

2,3

1,3

PN 16/25

Valore Zeta

3,7

4,6

5,0

5,7

7,8

13,6

26,5

37,9

50,3

153,0

DN 20

Rotazioni dellasta n1
in posizione di chiusura

4,75

3,5

2,5

1,5

0,5

0,25

BOA-H

V
m/s

Q
m3/h

4,75 3,5 3

4,0

4,5

2,7

3,0

1,8

2,0

0,9

1,0
1,00

0,4

0,5

0,3

0,3

0,2

0,2

2,5

1,5

0,5
0,25

0,10
0,01

0,1

p (bar)

Tab. 112 - Valvole di regolazione BOA-H (DN15/DN20)

126

10

Valvole di regolazione

BOA -H PN 16/25 - con tappo di regolazione


Kv (m3/h)

11,9

10,5

9,8

8,7

7,0

5,1

3,7

3,1

2,5

1,4

PN 16/25

Valore Zeta

4,4

5,7

6,5

8,2

12,7

23,9

46,6

67,0

99,9

333,7

DN 25

Rotazioni dellasta n1
in posizione di chiusura

4,75

3,5

2,5

1,5

0,5

0,25

BOA-H

Q
V
m/s m3/h
4,0

7,0

2,8

5,0

2,3

4,0

1,7

3,0

1,1

2,0

0,6

1,0

0,3

0,5

0,2

0,3

0,1

0,2

3,5

4,75

2,5

1,5

0,5

0,25

0,01

0,1

10

p (bar)
Kv (m3/h)

19,9

19,2

17,8

16,2

14,3

11,9

9,1

6,5

4,9

4,4

3,8

2,3

PN 16/25

Valore Zeta

4,3

4,6

5,3

6,4

8,2

11,9

20,4

39,9

71,3

87,4

116,9

314,5

DN 32

Rotazioni dellasta n1
in posizione di chiusura

5,4

4,5

3,5

2,5

1,5

0,5

0,25

BOA-H

V
m/s

Q
m3/h
5,4 4,5 4,0 3,5

4,0
3,5
2,8

11,5
10,0
8,0

1,7

5,0

1,0

3,0

0,7

2,0

0,35

1,0

0,2

0,5

0,1

0,2

2,5

1,5

1
0,5
0,25

0,10
0,01

0,1

10

p (bar)

Tab. 113 - Valvole di regolazione BOA-H (DN25/DN32)

127

Valvole di regolazione

BOA -H PN 16/25 - con tappo di regolazione


Kv (m3/h)

27,1

25,0

22,6

20,2

17,2

13,4

9,5

6,2

4,2

3,7

3,9

3,1

1,2

PN 16/25

Valore Zeta

5,6

6,5

8,0

10,0

13,9

22,8

45,1

104,9

229,8

306,8

267,8

427

2674

DN 40

Rotazioni dell asta n1


in posizione di chiusura

5,8

5,5

4,5

3,5

2,5

1,5

0,5

0,25

BOA-H

V
m/s

Q
m3/h
5,8

4,0
3,3
2,6

18,1
15,0
12,0

2,0
1,6

9,0
7,0

1,1

5,0

0,7

3,0

0,4

2,0

0,2

1,0

0,1

0,5

4,5

4,0

3,5

2,5
2
1
0,5

0,25

0,10
0,01

0,1

p (bar)

10

Kv (m3/h)

43,3

40,3

37,9

35,0

30,4

24,1

17,3

11,2

6,8

4,4

3,7

4,0

PN 16/25

Valore Zeta

5,3

6,1

7,0

8,2

10,8

17,2

33,4

79,8

219,4

526,6

714,9

610,1

DN 50

Rotazioni dell asta n1


in posizione di chiusura

6,8

6,5

5,5

4,5

3,5

2,5

1,5

BOA-H

V
m/s

Q
m3/h

4,0
3,5

28,3
25,0

2,1

15,0
12,0

1,7
1,3

9,0
7,0

1,0

5,0

6,8 6

5,5

4,5

4,0

4,1

3,0

1,9

584,0 1086,3 2675,2


1

0,5

0,25

3,5
3
2,5
1,5
0,5

0,7
0,3

2,0

0,1

1,0

0,07

0,5

0,10
0,01

0,1

p (bar)

Tab. 114 - Valvole di regolazione BOA-H (DN40/DN50)

128

10

Valvole di regolazione

BOA -H PN 16/25 - con tappo di regolazione


Kv (m3/h)

75,1

72,9

68,2

62,2

57,5

51,3

43,6

34,9

26,1

18,2

12,1

8,6

7,9

6,5

3,6

PN 16/25

Valore Zeta

5,1

5,4

6,1

7,4

8,6

10,9

15,0

23,4

41,8

86,5

195,2

388,0

457,7

670,3

2154,0

DN 65

Rotazioni dell asta n1


in posizione di chiusura

9,1

5,5

4,5

3,5

2,5

0,5

0,25

7,9

6,0

BOA -H

V
m/s

Q
m3/h

4,0
3,4

47,8
40,0

2,5

30,0

1,7

20,0

1,3

15,0

0,8

10,0

0,4

5,0

0,2

2,0

0,1

1,0

9,1 7

4,5

6 5,5 5

3,5

3
2,5
2
1
0,5
0,25

0,10
0,01

BOA -H

0,1

Kv (m3/h)

10

116,7

111,0

105,4

97,4

90,4

81,4

70,4

57,9

44,9

32,6

22,3

14,9

9,2

5,3

5,9

6,9

8,0

9,9

13,2

19,6

32,5

61,6

132,2

297,1

781,2

5,5

4,5

3,5

2,5

4,5

PN 16/25

Valore Zeta

4,8

DN 80

Rotazioni dell asta n1


in posizione di chiusura

9,45

V
m/s

p (bar)

1061,9 1820,7
0,5

0,25

Q
m3/h
9,45 7 6 5,5 5

3,5

2,5

4,0

72,4

2,8
2,2

50,0
40,0

1,7

30,0

1
0,5

1,1

20,0

0,25

0,8

15,0

0,5

10,0

0,3

5,0

0,1

2,0

0,06

1,0

0,10
0,01

0,1

p (bar)

10

Tab. 115 - Valvole di regolazione BOA-H (DN65/DN80)

129

Valvole di regolazione

BOA -H PN 16/25 - con tappo di regolazione


Kv (m3/h)

172,3

167,4

152,4

140,7

123,3

97,9

67,0

51,6

37,5

25,9

17,5

PN 16/25

Valore Zeta

5,4

5,7

6,9

8,1

10,5

16,7

35,6

60,1

113,6

238,2

523,3 1036,1 1576,9 2190,8 3195,6

DN 100

Rotazioni dell asta n1


in posizione di chiusura

10,5

9,5

3,5

2,5

BOA -H

V
m/s

Q
m3/h

4,0
3,5
2,8

113,0
100,0
80,0

1,8
1,4

50,0
40,0

1,1

30,0

0,7

20,0

0,4

10,0

0,2

5,0

0,1

2,0

10,5

12,4

10,1

1,5

8,5

0,5

7,1

0,25

3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
0,25

1,0
0,01

0,1

10

p (bar)
Kv (m3/h)

BOA -H

171,5

155,6

141,0

126,4

111,9

97,3

82,8

68,3

53,8

39,4

25,0

17,8

PN 16/25

Valore Zeta

13

16

19

24

31

40

56

82

132

246

612

1207

DN 125

Rotazioni dell asta n1


in posizione di chiusura

11,1

10

0,5

V
m/s
4,00

Q
m3/h

11,1

4
3

176,72

2
2,00

88,36

1,00

44,18

0,50

22,09

0,10

4,42
0,01

0,1

p (bar)

Tab. 116 - Valvole di regolazione BOA-H (DN100/DN125)

130

10

Valvole di regolazione

BOA -H PN 16/25 - con tappo di regolazione


204,0

181,2

152,5

137,6

122,3

106,6

90,6

74,2

57,4

40,3

22,8

13,8

PN 16/25

Valore Zeta

19

24

34

42

53

70

97

144

241

488

1526

4165

DN 150

Rotazioni dell asta n1


in posizione di chiusura

12,8

11

0,5

Kv (m3/h)

BOA -H

v /

Q
12,8 11

4,00

/ 254,47

4
3
2

2,00 / 127,23

1,00 /

1,00
63,62

0,50

31,81

6,36
0,10

0,10 /

0,01

0,1

Kv (m3/h)

BOA -H

10

457,0

424,7

384,9

340,4

291,3

237,5

179,1

148,2

116,1

82,8

48,4

30,8

14

17

22

30

44

78

114

186

366

1070

2643

15

13

11

0,5

PN 16

Valore Zeta

12

DN 200

Rotazioni dell asta n1


in posizione di chiusura

17

v /

p (bar)

Q
17 15 13 11

4,00 / 452,39
3
2,00 / 226,20
1
1,00 / 113,10

0,50 /

56,55

0,10 /

11,31
0,01

0,1

10

p (bar)

Tab. 117 - Valvole di regolazione BOA-H (DN150/DN200)

131

Valvole di regolazione

BOA -H PN 16/25 - con tappo di regolazione


BOA -H

Kv (m3/h)

PN 16

Valore Zeta

DN 250

Rotazioni dellasta n1
in posizione di chiusura

714,0

685,4

641,8

591,6

535,1

472,2

402,9

327,2

245,1

201,7

156,6

110,0

61,7

12

13

15

17

21

27

38

57

102

150

250

506

1608

21

19

17

15

13

11

v / Q
21 17

15 13 11

4,00 / 706,86
3
2,00 / 353,43

1,00 / 176,72

0,50 / 88,36

0,10 / 17,67
0,01

BOA -H

0,1

Kv (m3/h)

PN 16

Valore Zeta

DN 300

Rotazioni dellasta n1
in posizione di chiusura

p (bar)

1028,0

950,4

870,3

774,9

664,3

582,0

492,9

397,0

294,3

240,4

184,8

127,5

68,6

12

14

17

21

29

37

52

81

147

220

372

781

2697

25,7

22

19

16

13

11

v / Q

25,7 22 19 16

4,00 / 1017,9

13

11

7
5

2,00 / 508,94
3

1,00 / 254,47
1
0,50 / 127,23

0,10 / 25,45
0,01

0,1

p (bar)

Tab. 118 - Valvole di regolazione BOA-H (DN250/DN300)

132

Valvole di regolazione

BOA -H PN 16/25 - con tappo di regolazione


BOA -H

Kv (m3/h)

PN 16

Valore Zeta

DN 350

Rotazioni dell asta n1


in posizione di chiusura

1028,0

950,4

870,3

774,9

664,3

582,0

492,9

397,0

294,3

240,4

184,8

127,5

68,6

22

26

31

39

53

69

97

149

271

407

689

1446

4997

25,7

22

19

16

13

11

Q
25,7 22 19 16

13

11

4,00 / 1385,5

9
7

2,00 /

692,7

1,00 /

1,00
346,4

0,50 /

173,2

0,10 /

34,6
0,10
0,01

0,1

p (bar)

Tab. 119 - Valvole di regolazione BOA-H (DN350)

133

Valvole di regolazione

100
90
80
70
60
50
40
30

Kv (%)

20

10
9
8
7
6
5
4
3
2

1
0

10

20

30

40

50

60

70

80

90

100

Alzata (%)

Kvs in m3 (Kv con alzata=100%)


DN
Kvs

10
2,9

15
2,9

20
4,9

25
7,8

32
15

40
25

50
39

10
4

15
4

20
6,5

25
6,5

32
8

40
10

50
12,5

Alzata mm
DN
Alzata

Tab. 120 - BOA - H/HE Tipo BOA-H e BOA-HE - Otturatore di regolazione (DN 10-50)

134

Valvole di regolazione

Alzata (%)

Alzata mm
DN
Alzata

65
16,5

80
20

100
25

125
31,5

150
37,5

200
47,5

Tab. 121 - BOA - H/HE - Otturatore di regolazione (DN 65-200)

135

Valvole di regolazione

100
90
80
70
60
50
40
30

Kv (%)

20

10
9
8
7
6
5
4
3
2

1
0

10

20

30

40

50

60

70

80

90

100

Alzata (%)

Kvs in m3 (Kv con alzata=100%)


DN
Kvs

10
3,4

15
3,4

20
5,6

25
8,5

32
18

40
28

50
44

10
8
15

15
8
15

20
15
15

25
15
15

32
19
24

40
24
24

50
30
30

Alzata mm
DN
modello ZXL
modello ZXS

Tab. 122 - NORI 40 - Tipo ZXL e ZXS - Otturatore di regolazione (DN 10-50)

136

Valvole di regolazione

Alzata (%)

Alzata mm
DN
Alzata

65
40

80
48

100
60

125
50

150
60

200
90

Tab. 123 - NORI 40 - Tipo ZXL e ZXS - Otturatore di regolazione (DN 65-200)

137

Valvole di regolazione

100
90
80
70
60
50
40
30

Kv (%)

20

10
9
8
7
6
5
4
3
2

1
0

10

20

30

40

50

60

70

80

90

100

Alzata (%)

Kvs in m3 (Kv con alzata=100%)


DN
Kvs

10
2,9

15
2,6

20
4,9

25
7,8

32
15

40
25

50
39

65
68

80
93

100
145

125
220

150
320

200
540

10
4
2

15
4
2

20
6,5
3,3

25
6,5
3,3

32
8
2,7

40
10
3,3

50
12,5
4,2

65
16,5
5,5

80
20
6,7

100
25
8,3

125
31,5
10,5

150
37,5
12,5

200
47,5
15,8

Alzata mm
DN
Alzata
Giri

Tab. 124 - NORI 40 - Tipo ZXLB - Otturatore di regolazione (DN 10-200)

138

Valvole di regolazione

100
90
80
70
60
50
40
30

Kv (%)

20

10
8
7
6
5
4
3
2

1
0

10

20

30

40

50

60

70

80

90

100

Alzata (%)

Kvs in m3 (Kv con alzata=100%)


DN
Kvs

10
1,8

15
2,7

20
4,0

25
5,0

32
16

40
17

50
26

10
11

15
11

20
11

25
11

32
17

40
17

50
22

Alzata mm
DN
Alzata

Tab. 125 - NORI 160 - Tipo ZXL - Otturatore di regolazione rigido (DN 10-50)

139

Valvole di regolazione

1000
DN 250

700
500
400

DN 200

300

DN 150
DN 125

200
150

DN 100

100

DN 80

Kv (m3/h)

70

DN 65

50
40
30
20

10
7
5
4
3
2

10

20

30

40

50

60

70

80

90

100

Alzata (%)

Alzata mm
DN
Alzata

65
38

80
51

100
51

125
68

150
75

200
118

Tab. 126 - NORI 160 - Tipo ZXL - Otturatore di regolazione rigido (DN 65-250)

140

Valvole di regolazione

25,0
DN40/50

20,0

DN32

KV (m3/h)

15,0

10,0
DN25

DN20
5,0
DN15
DN10
0,0
1,0

1,5

2,0

2,5

3,0

3,5

4,0

4,5

5,0

5,5

6,0

6,5

7,0

7,5

8,0

8,5

Giri/Alzata (-)

Dati costruttivi
DN
(mm)
Diametro di passaggio
(mm)
Corpo
Diametro della sede
(mm)
Alzata
(mm)
Asta
[-]
Giri/Alzata
-Valore zeta riferito a
Passaggio 1)
[-]
Valore del
flusso
DN 1)
[-]
Kvs 1)
(m3/h)

10
9,0
13,5
9,6
3,2

15
14,0
13,5
9,6
3,2

20
19,0
22,0
18,0
6,0

25
22,0
22,0
18,0
6,0

32
30,0
35,0
25,0
8,3

40
35,0
35,0
25,0
8,3

50
35,0
35,0
25,0
8,3

5,2
8,0
1,4

7,7
10,1
2,8

5,3
6,5
6,2

3,9
6,4
9,8

4,6
6,0
16,6

4,7
7,9
22,5

4,7
19,3
22,5

1) I dati si riferiscono alla valvola in posizione di completa apertura.

Tab. 127 - NORI 320 - Tipo ZXSV/ZXLV - Otturatore di regolazione

141

KV (m3/h)

Valvole di regolazione

Giri/Alzata (-)

Dati costruttivi
DN
(mm)
Diametro di passaggio
(mm)
Corpo
Diametro della sede
(mm)
Alzata
(mm)
Asta
[-]
Giri/Alzata
-Valore zeta riferito a
Passaggio 1)
[-]
Valore del
flusso
DN 1)
[-]
Kvs 1)
(m3/h)

10
9,0
13,5
9,6
3,2

15
14,0
13,5
9,6
3,2

20
19,0
22,0
18,0
6,0

25
22,0
22,0
18,0
6,0

32
30,0
35,0
25,0
8,3

40
35,0
35,0
25,0
8,3

50
35,0
35,0
25,0
8,3

5,2
8,0
1,4

7,7
10,1
2,8

5,3
6,5
6,2

3,9
6,4
9,8

4,6
6,0
16,6

4,7
7,9
22,5

4,7
19,3
22,5

1) I dati si riferiscono alla valvola in posizione di completa apertura.

Tab. 128 - NORI 500 - Tipo ZXSV/ZXLV PN 250/320/500 - Otturatore di regolazione

142

Valvole di regolazione

100
90
80
70
60
50
40
30

Kv (%)

20

10
9
8
7
6
5
4
3
2

1
0

10

20

30

40

50

60

70

80

90

100

Alzata (%)

Kvs in m3 (Kv con alzata=100%)


DN
Kvs
*) solo PN 16

10
5,0

15
5,0

20
8,2

25
13,2

32
28

40
44,5

50
70

65
108*

80
163*

100
255*

125
400*

150
572*

200
/

10
10
5

15
10
5

20
15
7,5

25
15
7,5

32
24
8

40
24
8

50
30
10

65
40,5
13,5

80
40,5
13,5

100
48,5
16,2

125
47
9,4

150
56
11,2

200
83
13,8

Alzata mm
DN
Alzata
Giri

Tab. 129 - NORICHEM - Tipo ZYA - Otturatore di regolazione

143

Valvole di regolazione

100
80
70
50
40
30
20

10
8
6
5

Kv (%)

4
3

1
0

10

20

30

40

50

60

70

80

100

Alzata (%)

Kvs in m3 (Kv con alzata=100%)


DN
Kvs

15
2,6

20
4,5

25
7,2

32
12

40
19

50
32

65
48

80
78

100
115

15
4

20
6,5

25
6,5

32
8

40
10

50
12,5

65
16,5

80
20

100
25

Alzata mm
DN
Alzata

Tab. 130 - BOACHEM - Otturatore di regolazione

144

Valvole di regolazione

Tab. 131 - Abaco delle perdite di carico per valvole di regolazione tipo BOAX

145

4 - Fattori Kv per valvole di taratura


Torna all'Indice

147

Valvole di taratura

BOA-Control IMS
Le curve sono per acqua da 5 - 30 C e indicano la velocit del flusso (v) riferita ai diametri - superfici che non deve superare
4 m/s.
Velocit del flusso superiori a 4 m/s portano a condizioni di esercizio critiche anche a valvole in posizione di completa apertura.
Con valvole di regolazione possono gi sussistere problemi di velocit del flusso > 2 m/s per cui i 2 m/s non devono essere
superati in impianti di riscaldamento, aereazione e condizionamento.
Il computer di regolazione BOATRONIC e i sensori della valvola BOA-Control IMS si devono utilizzare con un campo di
misurazione da 0,1 - 2,0 m/s.
Il superamento dei valori di misurazione porta allo spegnimento dell'elemento elettronico di misurazione.

BOA-Control
IMS

PN 16

DN 15

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

Valvola
Chiusa

fine del campo di misura


BOATRONIC

BOA-Control
IMS

PN 16

DN 20

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

Valvola
Chiusa

fine del campo di misura


BOATRONIC

Tab. 132 - BOA-Control IMS, Tipo BOA-Compact - DN 15-20

148

Valvole di taratura

BOA-Control IMS
BOA-Control
IMS

PN 16

DN 25

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

Valvola
Chiusa

fine del campo di misura


BOATRONIC

BOA-Control
IMS

PN 16

DN 32

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

Valvola
Chiusa

fine del campo di misura


BOATRONIC

BOA-Control
IMS

PN 16

DN 40

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

Valvola
Chiusa

fine del campo di misura


BOATRONIC

Tab. 133 - BOA-Control IMS - DN 25-32-40

149

Valvole di taratura

BOA-Control IMS
BOA-Control
IMS

PN 16

DN 50

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

Valvola
Chiusa

fine del campo di misura


BOATRONIC

BOA-Control
IMS

PN 16

DN 65

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

Valvola
Chiusa

fine del campo di misura


BOATRONIC

BOA-Control
IMS

PN 16

DN 80

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

Valvola
Chiusa

fine del campo di misura


BOATRONIC

Tab. 134 - BOA-Control IMS - DN 50-65-80

150

Valvole di taratura

BOA-Control IMS
BOA-Control
IMS

PN 16

DN 100

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

Valvola
Chiusa

fine del campo di misura


BOATRONIC

BOA-Control
IMS

PN 16

DN 125

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

Valvola
Chiusa

fine del campo di misura


BOATRONIC

BOA-Control
IMS

PN 16

DN 150

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

Valvola
Chiusa

fine del campo di misura


BOATRONIC

Tab. 135 - BOA-Control IMS - DN 100-125-150

151

Valvole di taratura

BOA-Control IMS
BOA-Control
IMS

PN 16

DN 200

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n1 dalla
posizione di chiusura
Rotazioni dellasta n2 dalla
posizione di apertura

Valvola
Chiusa

fine del campo di misura


BOATRONIC

Tab. 136 - BOA-Control IMS - DN 200

152

Valvole di taratura

BOA-Control IMS
BOA-Control IMS

Kv (m3/h)

PN 16

Valore Zeta

DN 250

Rotazioni dellasta n

Valvola
Chiusa

fine del campo di misura


BOATRONIC

BOA-Control IMS

Kv (m3/h)

PN 16

Valore Zeta

DN 300

Rotazioni dellasta n

Valvola
Chiusa

fine del campo di misura


BOATRONIC

BOA-Control IMS

Kv (m3/h)

PN 16

Valore Zeta

DN 350

Rotazioni dellasta n

Valvola
Chiusa

fine del campo di misura


BOATRONIC

Q = portata in m3/h
V = velocit del flusso m/s

Tab. 137 - BOA-Control IMS - Tipo BOA-H - DN 250-350

153

Valvole di taratura

BOA-Control SAR

Le curve sono per acqua da 5-30 C. La velocit del flusso (v) riferita ai diametri-superfici non deve superare 4 m/s.
Con regolazione tramite Boa Control SAR, si deve considerare necessaria una pressione differenziale minima di p > 10 mbar.

BOA-Control SAR

Kv (m3/h)

PN 16

Valore Zeta

DN 10
da A verso B

Rotazioni dellasta n

BOA-Control SAR

Kv (m3/h)

PN 16

Valore Zeta

DN 10
da B verso A

Rotazioni dellasta n

Tab. 138 - BOA-Control SAR - DN10

154

Valvola
Chiusa

Valvola
Chiusa

Valvole di taratura

BOA-Control SAR

Le curve sono per acqua da 5-30 C. La velocit del flusso (v) riferita ai diametri-superfici non deve superare 4 m/s.
Con regolazione tramite Boa Control SAR, si deve considerare necessaria una pressione differenziale minima di p > 10 mbar.

BOA-Control SAR

PN 16

DN 15
da A verso B

BOA-Control SAR

PN 16

DN 15
da B verso A

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n

Valvola
Chiusa

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n

Valvola
Chiusa

Tab. 139 - BOA-Control SAR - DN15

155

Valvole di taratura

BOA-Control SAR

Le curve sono per acqua da 5-30 C. La velocit del flusso (v) riferita ai diametri-superfici non deve superare 4 m/s.
Con regolazione tramite Boa Control SAR, si deve considerare necessaria una pressione differenziale minima di p > 10 mbar.

BOA-Control SAR

Kv (m3/h)

PN 16

Valore Zeta

DN 20
da A verso B

BOA-Control SAR

PN 16

DN 20
da B verso A

Rotazioni dellasta n

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n

Tab. 140 - BOA-Control SAR - DN20

156

Valvola
Chiusa

Valvola
Chiusa

Valvole di taratura

BOA-Control SAR

Le curve sono per acqua da 5-30 C. La velocit del flusso (v) riferita ai diametri-superfici non deve superare 4 m/s.
Con regolazione tramite Boa Control SAR, si deve considerare necessaria una pressione differenziale minima di p > 10 mbar.
BOA-Control SAR

PN 16

DN 25

Kv (m3/h)
Valore Zeta

da A verso B

Rotazioni dellasta n

BOA-Control SAR

Kv (m3/h)

PN 16

DN 25
da B verso A

Valvola
Chiusa

Valore Zeta
Rotazioni dellasta n

Valvola
Chiusa

Tab. 141 - BOA-Control SAR - DN25

157

Valvole di taratura

BOA-Control SAR

Le curve sono per acqua da 5-30 C. La velocit del flusso (v) riferita ai diametri-superfici non deve superare 4 m/s.
Con regolazione tramite Boa Control SAR, si deve considerare necessaria una pressione differenziale minima di p > 10 mbar.

BOA-Control SAR

PN 16

DN 32
da A verso B

BOA-Control SAR

PN 16

DN 32
da B verso A

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n

Tab. 142 - BOA-Control SAR - DN32

158

Valvola
Chiusa

Valvola
Chiusa

Valvole di taratura

BOA-Control SAR

Le curve sono per acqua da 5-30 C. La velocit del flusso (v) riferita ai diametri-superfici non deve superare 4 m/s.
Con regolazione tramite Boa Control SAR, si deve considerare necessaria una pressione differenziale minima di p > 10 mbar.

BOA-Control SAR

PN 16

DN 40
da A verso B

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n

BOA-Control SAR

Kv (m3/h)

PN 16

Valore Zeta

DN 40
da B verso A

Rotazioni dellasta n

Valvola
Chiusa

Valvola
Chiusa

Tab. 143 - BOA-Control SAR - DN40

159

Valvole di taratura

BOA-Control SAR

Le curve sono per acqua da 5-30 C. La velocit del flusso (v) riferita ai diametri-superfici non deve superare 4 m/s.
Con regolazione tramite Boa Control SAR, si deve considerare necessaria una pressione differenziale minima di p > 10 mbar.

BOA-Control SAR

PN 16

DN 50
da A verso B

BOA-Control SAR

PN 16

DN 50
da B verso A

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n

Kv (m3/h)
Valore Zeta
Rotazioni dellasta n

Tab. 144 - BOA-Control SAR - DN50

160

Valvola
Chiusa

Valvola
Chiusa

5 - Fattori Kv per filtri ad Y


Torna all'Indice

161

Filtri

Tab. 145 - BOA-S - Filtri ad "Y" PN 16 in ghisa lamellare cestello in acciaio inox
Forma del corpo
DN

Kv

m3/h

Flusso libero
DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

64,7

150

480

15

5,7

50

20

10,4

65

96,3

200

853

25

16,4

80

149,3

250

1104

32

27,3

100

223,3

300

1450

40

42,3

125

347,3

Tutti i valori sotto riportati sono per cestelli PULITI

Tab. 146 - ECO-FY16 - Filtri ad "Y" PN 16 in ghisa lamellare cestello in acciaio inox
Forma del corpo

Flusso libero

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

15

5,7

65

86,9

250

1061

20

10,4

80

107,8

300

1250

25

16,4

100

217,8

350

1800

32

27,3

125

307,8

400

2200

40

46,8

150

436,7

50

64,7

200

789,2

Tutti i valori sotto riportati sono per cestelli PULITI

Tab. 147 - ECO-FYGS - Filtri ad "Y" PN 16 in ghisa sferoidale cestello in acciaio inox
Forma del corpo

Flusso libero

m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

15

5,7

40

46,8

100

217,8

20

10,4

50

64,7

125

307,8

25

16,4

65

86,9

150

436,7

32

27,3

80

107,8

200

789,2

DN

Kv

Tutti i valori sotto riportati sono per cestelli PULITI

Tab. 148 - Norichem FSA - Filtri ad "Y" PN 16 con corpo e


cestello in acciaio inox
Forma del corpo

Flusso libero

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

DN

Kv m3/h

15

5,2

40

40,9

100

232,4

20

9,6

50

61,4

125

363,2

25

16,8

65

99,4

150

514,2

32

27,3

80

148,8

200

914,2

Tutti i valori sotto riportati sono per cestelli PULITI

162

6 - Pressioni di esercizio
Torna all'Indice

163

Pressioni di esercizio

Tab. 149 - Pressioni di esercizio max ammissibili in funzione della temperatura e dei materiali
(rating) secondo EN 1092
Pressione
Nominale
PN

PN

10

Materiali
EN-GJL-250

16

6.0

EN-GJL-250
1.4408 / 1.4401

PN

Pressioni massime ammissibili in bar alle temperature in C secondo EN 1092, part. 1 e 2


10/20
100
120
150
200
250
300
350
400
425
450

10.0
9.1

EN-GJL-250

PN

25

40

63

12.2

3.6

9.0

8.0

7.0

6.0

7.2

6.5

6.1

5.6

14.4

12.8

11.7

9.6

15.5

14.7

13.9

12.8

11.2

11.5

10.5

9.7

9.0

8.5

5.3

5.1

5.0

8.2

8.1

8.0

24.3

23.0

21.8

20.0

17.5

25.0

24.5

23.8

22.5

20.0

17.5

13.8

11.3

18.0

16.3

15.2

14.1

13.3

12.8

12.6

39.0

38.0

36.0

32.0

28.0

22.0

18.0

28.8

26.1

24.4

22.6

21.3

20.4

20.2

60.0

59.5

56.2

50.0

43.8

34.5

28.2

45.4

41.0

38.4

35.3

33.4

32.1

31.8

90.8

90.5

90.0

80.0

70.0

55.0

45.0

72.0

65.0

61.0

56.0

53.0

51.0

50.5

22.8

FH 235 / G 240 H

19.7

19.0

40.0
36.4

FH 235 / G 240 H

31.5

30.4

63.0
57.3

FH 235 / G 240 H
1.4408 / 1.4401

49.8

48.0

100.0
91.0

79.0

76.2

Le pressioni indicate sono in funzione della temperatura e le sigle materiali sono secondo la EN 1092.

164

5.1

25.0

1.4408 / 1.4401
PN 100

12.6

4.2

FH 235 / G 240 H

1.4408 / 1.4401
PN

16.0
14.6

4.8

EN-GJS-400-18-LT

1.4408 / 1.4401
PN

7.6

16.0

EN-GJS-400-18-LT
1.4408 / 1.4401

7.9

5.4

12.4

19.9

31.5

50.0

Pressioni di esercizio

Tab. 150 - Pressioni di esercizio max ammissibili in funzione della temperatura e dei materiali (rating)
secondo DIN 2401

165

166

Tab. 151 - Pressioni di esercizio max ammissibili in funzione della temperatura e dei materiali (rating) secondo UNI 1284

Pressioni di esercizio

Pressioni di esercizio

Tab. 152 - Materiale: A 216 WCB(1) - (rating) secondo ASME B16.34


STANDARD CLASS
Pressure Class

Temperature
F

20 to 100

29 to 38

# 150

# 300

# 600

# 900

# 1500

# 2500

PSI

Kg/Cm2

PSI

Kg/Cm2

PSI

Kg/Cm2

PSI

Kg/Cm2

PSI

Kg/Cm2

PSI

285

20,0

740

52,0

1480

104,1

2220

156,0

3705

260,5

6170

Kg/Cm2
433,8

200

93,3

260

18,3

675

47,5

1350

94,9

2025

142,3

3375

237,3

5625

395,5

300

148,9

230

16,2

655

46,1

1315

92,5

1970

138,4

3280

230,6

5470

384,6

400

204,4

200

14,1

635

44,6

1270

89,3

1900

133,5

3170

222,9

5280

371,2

500

260,0

170

12,0

600

42,2

1200

84,4

1795

126,1

2995

210,6

4990

350,8

600

315,6

140

9,8

550

38,7

1095

77,0

1640

115,2

2735

192,3

4560

320,6

650

343,3

125

8,8

535

37,6

1075

75,6

1610

113,1

2685

188,8

4475

314,6

700

371,1

110

7,7

535

37,6

1065

74,9

1600

112,4

2665

187,4

4440

312,2

750

398,9

95

6,7

505

35,5

1010

71,0

1510

106,1

2520

177,2

4200

295,3

800

426,7

80

5,6

410

28,8

825

58,0

1235

86,8

2060

144,8

3430

241,2

850

454,4

65

4,6

270

19,0

535

37,6

805

56,6

1340

94,2

2230

156,8

900

482,2

50

3,5

170

12,0

345

24,3

515

36,2

860

60,5

1430

100,5

950

510,0

35

2,5

105

7,4

205

14,4

310

21,8

515

36,2

860

60,5

1000

537,8

20

1,4

50

3,5

105

7,4

155

10,9

260

18,3

430

30,2

Note: (1) Permesso, ma non consigliato per uso prolungato al di sopra di 800F.

Tab. 153 - Materiale: A 217 WC6(1) (2) - (rating) secondo ASME B16.34
STANDARD CLASS
Pressure Class

Temperature
F

20 to 100

29 to 38

# 150

# 300

# 600

# 900

# 1500

# 2500

PSI

Kg/Cm2

PSI

Kg/Cm2

PSI

Kg/Cm2

PSI

Kg/Cm2

PSI

Kg/Cm2

PSI

Kg/Cm2

290

20,4

750

52,7

1500

105,5

2250

158,1

3750

263,7

6250

439,4

200

93,3

260

18,3

750

52,7

1500

105,5

2250

158,1

3750

263,7

6250

439,4

300

148,9

230

16,2

720

50,6

1445

101,6

2165

152,1

3610

253,8

6015

422,9

400

204,4

200

14,1

695

48,9

1385

97,4

2080

146,2

3465

243,6

5675

399,0

500

260,0

170

12,0

665

46,8

1330

93,5

1995

140,2

3325

233,8

5540

389.5

600

315,6

140

9,8

605

42,5

1210

85,1

1815

127,5

3025

212,7

5040

354,4

650

343,3

125

8,8

590

41,5

1175

82,6

1765

124,0

2940

206,7

4905

344,9

700

371,1

110

7,7

570

40,1

1135

79,8

1705

119,8

2840

199,7

4730

332,6

750

398,9

95

6,7

530

37,3

1065

74,9

1595

112,1

2660

187,0

4430

311,5

800

426,7

80

5,6

510

35,9

1015

71,4

1525

107,2

2540

178,6

4230

297,4

850

454,4

65

4,6

485

34,1

975

68,6

1460

102,6

2435

171,2

4060

285,5

900

482,2

50

3,5

450

31,6

900

63,3

1350

94,9

2245

157,8

3745

263,3

950

510,0

35

2,5

320

22,5

640

45,0

955

67,1

1595

112,1

2655

186,7

1000

537,8

20

1,4

215

15,1

430

30,2

650

45,7

1080

75,9

1800

126,6

1050

565,6

20(3)

1,4

145

10,2

290

20,4

430

30,2

720

50,6

1200

84,4

1100

593,3

20(3)

1,4

95

6,7

190

13,4

290

20,4

480

33,7

800

56,2

1150

621,1

20(3)

1,4

60

4,2

125

8,8

185

13,0

310

21,8

515

36,2

1200

648,9

15(3)

1,1

40

2,8

75

5,3

115

8,1

190

13,4

315

22,1

Note:

(1) Usare solo materiale normalizzato e temperato.


(2) Da non usare al di sopra di 1100F.
(3) Solo per valvole a saldare. Il rating del flangiato termina a 1000F.

167

Pressioni di esercizio

Tab. 154 - Materiale: A 351 CF8M(1) - (rating) secondo ASME B16.34


STANDARD CLASS
Pressure Class

Temperature
F
20 to 100

C
29 to 38

# 150

# 300

# 600

# 900

# 1500

PSI

Kg/Cm2

PSI

Kg/Cm2

PSI

Kg/Cm2

PSI

Kg/Cm2

PSI

Kg/Cm2

275

19,3

720

50,6

1440

101,2

2160

151,9

3600

253,1

200

93,3

235

16,5

620

43,6

1240

87,2

1860

130,8

3095

217,6

300

148,9

215

15,1

560

39,4

1120

78,7

1680

118,1

2795

196,5

400

204,4

195

13,7

515

36,2

1025

72,1

1540

108,3

2570

180,7

500

260,0

170

12,0

480

33,7

955

67,1

1435

100,9

2390

168,0

600

315,6

140

9,8

450

31,6

900

63,3

1355

95,3

2255

158,5

650

343,3

125

8,8

445

31,3

890

62,6

1330

93,5

2220

156,1

700

371,1

110

7,7

430

30,2

870

61,2

1305

91,8

2170

152,6

750

398,9

95

6,7

425

29,9

855

60,1

1280

90,0

2135

150,1

800

426,7

80

5,6

420

29,5

845

59,4

1265

88,9

2110

148,4

850

454,4

65

4,6

420

29,5

835

58,7

1255

88,2

2090

146,9

900

482,2

50

3,5

415

29,2

830

58,4

1245

87,5

2075

145,9

950

510,0

35

2,5

385

27,1

775

54,5

1160

81,6

1930

135,7

1000

537,8

20

1,4

350

24,6

700

49,2

1050

73,8

1750

123,0

1050

565,6

20(2)

1,4

345

24,3

685

48,2

1030

72,4

1720

120,9

1100

593,3

20(2)

1,4

305

21,4

610

42,9

915

64,3

1525

107,2

1150

621,1

20(2)

1,4

235

16,5

475

33,4

710

49,9

1185

83,3

1200

648,9

20(2)

1,4

185

13,0

370

26,0

555

39,0

925

65,0

Note: (1) Con temperature oltre 1000F, usare solo quando il contenuto di carbonio 0.04% o superiore.
(2) Solo per valvole a saldare, il rating del flangiato termina a 1000F.

Tab. 155 - Materiale: A 105(1) - A 182-F11(2) - A 182-F316 - (rating) secondo API 602
STANDARD CLASS
Pressure Class 800

Temperature
F
20 to 100
200

A 105

A 182 F11

A 182 F316

PSI

Kg/Cm2

PSI

Kg/Cm2

PSI

Kg/Cm2

29 to 38

1975

136,2

2000

137,9

1920

132,4

93,5

1800

124,1

1900

131,0

1655

114,1

300

149

1750

120,7

1795

123,8

1495

103,1

400

205

1690

116,6

1755

121,0

1370

94,5

500

260

1595

110,0

1710

117,9

1275

87,9

600

316

1460

100,7

1615

113,4

1205

83,1

650

344

1430

98,6

1570

108,3

1185

81,7

700

371

1420

97,9

1515

104,5

1150

79,3

750

399

1345

92,7

1420

97,9

1130

77,9

800

427

1100

75,9

1355

93,4

1105

76,2

850

455

715

49,3

1300

89,7

1080

74,5

900

482

460

31,7

1200

82,8

1050

72,4

950

510

275

19,0

1005

69,3

1030

71,0

1000

538

140

9,7

595

41,0

970

66,9

1050

566

365

25,2

960

66,2

1100

594

255

17,6

860

59,3

1150

621

140

9,7

735

50,7

1200

649

95

6,6

550

37,9

Note: (1) Permesso, ma non consigliato per uso prolungato al di sopra di 800F.
(2) Permesso, ma non consigliato per uso prolungato al di sopra di 1100F.

168

Pressioni di esercizio

Tab. 156 - Pressioni di esercizio massime ammissibili per valvole con flange secondo DIN 2401 e ANSI B
16.5 - 1968 per acciaio C 22 (1.0402 o 1.0460) rispettivamente ASTM 105 Gr. II oppure acciaio fuso
GS-C 25 (1.0619) rispettivamente ASTM A 216 WCB.

169

7 - Caratteristiche fisiche vapore dacqua


Torna all'Indice

171

Caratteristiche fisiche vapore dacqua

Tab. 157 - Pressione di saturazione p e peso specifico dellacqua

172

Caratteristiche fisiche vapore dacqua

Tab. 158 - Vapore dacqua saturo

173

Caratteristiche fisiche vapore dacqua

Tab. 159 - Vapore dacqua saturo

174

Caratteristiche fisiche vapore dacqua

Tab. 160 - Vapore dacqua surriscaldato

175

Caratteristiche fisiche vapore dacqua

Tab. 161 - Vapore dacqua surriscaldato

176

Caratteristiche fisiche vapore dacqua

Tab. 162 - Diagramma di Mollier (h - s) per il vapore dacqua

177

178

Tab. 163 - Portate consigliate per vapore saturo


DN mm
Pressione bar
0,1
0,2
0,5
1,0
1,5
2
3
4
5
6
8
10
12
14
15
16
18
20
25
30
40
50
60
80
100

15
7
8
10
14
18
22
30
38
48
55
70
90
110
130
140
150
170
190
250
300
410
520
700
1000
1350

20
12
14
18
25
32
40
55
70
90
100
130
160
195
230
250
265
300
350
440
530
770
930
1250
1820
2450

25
20
22
28
40
53
62
85
110
130
155
200
250
310
360
400
420
480
550
700
850
1150
1460
1960
2870
3850

32
30
35
45
60
80
100
130
160
200
230
300
380
460
530
570
620
700
800
1000
1220
1700
2200
2900
4200
5600

40

50

65

80

100

Tubazioni Vapore Saturo - Portata (consigliate) in Kg/h


53
85
155
220
355
58
95
190
250
400
75
120
240
320
530
105
165
330
435
700
135
200
420
560
900
165
260
525
700
1100
230
350
710
950
1500
285
450
910
1200
1920
350
550
1100
1450
2400
410
640
1300
1700
2730
530
840
1700
2250
3600
660
1050
2100
2800
4500
830
1300
2600
3500
5600
950
1500
3000
4000
6400
1025
1650
3300
4300
6900
1100
1740
3500
4600
7400
1250
2000
4000
5300
8400
1450
2300
4600
6000
9700
1800
2900
5800
7700
12300
2200
3500
7000
9300
14750
3050
4770
9700
12800
20400
3830
6000
12200
16200
25800
5200
8200
16300
21700
34500
7500
12000
24300
32200
51400
10000
16000
32000
43000
68500

125
560
620
800
1100
1400
1750
2400
2920
3500
4300
5700
7100
8800
10000
10800
11700
13300
15300
19300
23300
32000
41800
54600
81300
108000

150
810
910
1160
1600
2050
2520
3500
4420
5500
6250
8200
10300
12500
14650
15800
17000
19300
22200
28000
34000
46700
58300
79400
118500
158000

200
1480
1650
2100
2900
3700
4600
6300
8000
9800
11350
15000
18600
22500
26600
28700
31000
35000
40200
58800
61600
84600
107500
144000
215500
287000

250
2350
2600
3350
4600
5860
7300
9900
12800
15000
18200
23700
29500
38000
42300
45600
49000
55600
64200
81000
98000
135000
172000
229000
344000

300
3500
3900
5000
6800
8700
10800
14700
18800
23000
26600
35000
43600
54500
62200
67000
72000
82000
94300
120000
145000
200000
252000
336000

DN mm
Pressione bar
0,1
0,2
0,5
1,0
1,5
2
3
4
5
6
8
10
12
14
15
16
18
20
25
30
40
50
60
80
100

Caratteristiche fisiche vapore dacqua

8 - Tabelle dimensionali: controflange,


bulloni e guarnizioni
Torna all'Indice

179

Tabelle dimensionali: controflange, bulloni e guarnizioni

Tab. 164 - FLANGE DI ACCIAIO A COLLARINO da saldare di testa

UNI 2280-67 PN 6 - DIN 2631

Le flange vengono fornite per


tubi della serie ISO; per DN
con due dimensioni, il tipo
ISO indicato con

UNI 2281-67 PN 10 - DIN 2632

UNI 2280/67 - PN 6 con gradino di tenuta UNI 2229/67


indicazioni per la designazione
DN
diametro esterno tubo
13,5
10
17,2
20
15
21,3
25
20
26,9
30
25
33,7
38
32
42,4
44,5
40
48,3
57
50
60,3
65
76,1
80
88,9
108
100
114,3
133
125
139,7
159
150
168,3
175
193,7
200
219,1
267
250
273
300
323,9
355,6
350
368
406,4
400
419
450
457,2
500
508
600
609,6
700
711,2
800
812,8
900
914,4
1.000
1.018

d1

14,5
50
18,5
21,5
55
22,5
26,5
65
28,5
31,5
75
34,5
39,5
90
43,5
45,5
100
49,5
58,5
110
61,5
77,5
130
90,5
150
109,5
170
115,5
134,5
200
141,5
161,5
225
170,5
195,5
255
221,5
280
269,5
335
275,5
326,5
395
357,5
445
370,5
408,5
495
421,5
459,5
550
510,5
600
611,5
705
715,5
810
817,5
920
918,5 1.020
1.020,5 1.120

h1

n fori

2,3

2,5

2,5

2,8

3,0

3,0

peso
 kg
0,39
0,39
0,45
0,45
0,66
0,66
0,83
0,82
1,18
1,18
1,40
1,38
1,58
1,56
1,95
3,07
3,68
3,58
5,04
4,80
5,75
5,52
7,22
8,16
11,44
11,14
14,80
19,53
17,74
22,53
20,34
25,00
30,40
38,00
45,90
55,00
64,70
70,60

22

375

18

60

15

22

440

22

62

15

22
26
28
30
35
38
40
42
50
55
58
62
70
74
88
102
122
130
148
155
172
184
208
236
282
290
342

22

490

22

62

15

385

12

6,5

12

22

540

22

65

15

438

12

7,5

16

22
24
24
24
24
26
26

595
645
755
860
975
1.075
1.175

22
22
25
25
30
30
30

65
68
70
70
70
70
70

15
15
16
16
16
16
16

476
538
640
740
842
942
1.045

12
12
12
12
12
12
16

7,3
7,3
7,3
9,5
9,5
9,5
9,5

16
20
20
24
24
24
28

n fori

105

3,7

4,20

10

5,3

12

5,5

12

11,43
15,64
15,24
18,04
24,54
22,54
30,24
27,84
32,34
40,44
50,04
66,44
89,34
104,24
121,24

12

75

11

28

12

80

11

30

14

90

11

32

14

100

11

35

14

120

14

35

14

130

14

38

14

140

14

38

14
16

160
190

14
18

38
42

9
10

16

210

18

45

10

18

240

18

48

10

18

265

18

48

12

20
20

295
320

18
18

52
55

12
15

3,5

6
8

3,5
3,7

4
4

3,7

4,0

10

5,0

10
10

5,0
5,5

8
8

12

5,5

12

12

6,5

12

UNI 2281/67 - PN 10 con gradino di tenuta UNI 2229/67


indicazioni per la designazione
DN
diametro esterno tubo
10 65
80
88,9
100 175
200
219,1
267
250
273
300
323,9
355,6
350
368
406,4
400
419
450
457,2
500
508
600
609,6
700
711,2
800
812,8
900
914,4
1.000
1.016

180

d1

90,5

h2

per questi DN impiegare PN 16 UNI 2282/67


160
20
200
18
50
10
per questi DN impiegare PN 16 UNI 2282/67
295
24
340
22
62
16

221,5
269,5
350
275,5
326,5
400
357,5
460
370,5
408,5
515
421,5
459,5
565
510,5
620
611,5
725
715,5
840
817,5
950
918,5 1.050
1.020,5 1.160

26

395

22

68

16

26

445

22

63

16

235
285
292
344

12

6,5

12

26

505

22

68

16

385

12

6,4

16

26

565

25

72

16

440

12

7,5

16

26
28
28
30
32
34
34

615
670
780
895
1.015
1.115
1.230

25
25
30
30
33
33
36

72
75
80
80
90
95
95

16
16
18
18
18
20
20

478
542
642
745
850
950
1.052

12
12
12
12
12
12
16

7,3
7,3
7,3
9,5
9,5
9,5
9,5

20
20
20
24
24
28
28

peso
 kg

Tabelle dimensionali: controflange, bulloni e guarnizioni

Tab. 165 - FLANGE DI ACCIAIO A COLLARINO da saldare di testa

UNI 2282-67 PN 16 - DIN 2633

Le flange vengono fornite per


tubi della serie ISO; per DN
con due dimensioni, il tipo ISO
indicato con

UNI 2283-67 PN 25 - DIN 2634

UNI 2282/67 - PN 16 con gradino di tenuta UNI 2229/67


indicazioni per la designazione
DN
diametro esterno tubo
13,5
10
17,2
20
15
21,3
25
20
26,9
30
25
33,7
38
32
42,4
44,5
40
48,3
57
50
60,3
65
76,1
80
88,9
108
100
114,3
133
125
139,7
159
150
168,3
175
193,7
200
219,1
267
250
273
300
323,9
355,6
350
368
406,4
400
419
450
457,2
500
508
600
609,6
700
711,2
800
812,8
900
914,4
1.000
1.016

d1

14,5
60
18,5
21,5
65
22,5
26,5
75
28,5
31,5
85
34,5
39,5
100
43,5
45,5
110
49,5
58,5
125
61,5
77,5
145
90,5
160
109,5
180
115,5
134,5
210
141,5
161,5
240
170,5
195,5
270
221,5
295
269,5
355
275,5
326,5
410
357,5
470
370,5
408,5
525
421,5
459,5
585
510,5
650
611,5
770
715,5
840
817,5
950
918,5 1.050
1.020,5 1.170

h1

n fori

2,3

2,5

2,5

2,8

3,0

3,0

26

405

25

070

16

28

460

25

078

16

25
28
30
32
38
40
42
45
52
56
60
64
72
75
90
105
125
131
150
156
175
184
210
235
285
292
344

30

520

25

082

16

390

12

6,4

16

14

90

14

035

14

95

14

035

16

105

14

038

16

115

14

038

16

140

18

040

16

150

18

042

18

165

18

045

18
20

185
200

18
18

045
050

10
10

20

220

18

052

12

22

250

18

055

12

22

285

22

055

12

24
24

315
340

22
22

060
062

12
16

3,5

6
8

3,5
3,7

4
8

3,7

4,0

10

5,0

10
10

5,0
5,5

8
12

12

5,5

12

12

6,5

12

32

580

30

085

16

445

12

7,5

16

32
34
36
36
38
40
42

640
715
840
910
1.025
1.125
1.255

30
33
36
36
39
39
42

085
090
095
100
105
110
120

16
16
18
18
20
20
22

485
548
652
755
855
955
1.058

12
12
12
12
12
12
16

7,3
7,3
7,3
9,5
9,5
100,5
120,5

20
20
20
24
24
28
28

n fori

10
10

5,3
5,3

12
12

12

5,5

12

peso
 kg
0,65
0,65
0,73
0,73
1,03
1,03
1,24
1,23
1,82
1,80
2,10
2,08
2,81
2,78
3,40
4,20
4,90
4,75
6,70
6,45
8,30
8,00
10,30
11,10
16,74
16,34
21,80
31,73
29,24
38,33
37,04
45,40
61,10
84,60
87,40
109,000
129,000
175,000

UNI 2283/67 - PN 25 con gradino di tenuta UNI 2229/67


indicazioni per la designazione
DN
diametro esterno tubo
10 150
175
193,7
200
219,1
267
250
273
300
323,9
355,6
350
368
406,4
400
419
450
457,2
500
508
600
609,6
700
711,2
800
812,8
900
914,4
1.000
1.016

d1

h1

per questi DN impiegare flange PN 40 UNI 2284/67


280
28
330
25
75
15
218
244
310
30
360
25
80
16
292
370
32
425
30
88
18
298
352
430
34
485
30
92
18

195,5
221,0
269,5
275,0
326,0
357,6
490
370,5
408,5
550
421,5
459,0
600
510,5
660
611,5
770
715,0
875
817,0
990
918,5 1.090
1.020,5 1.210

38

555

12

6,0

16

33

100

20

398

12

6,4

16

40

620

36

110

20

452

12

7,3

16

40
44
46
46
50
54
58

670
730
845
960
1.085
1.185
1.320

36
36
39
42
48
48
56

115
125
125
125
135
145
155

20
20
20
20
22
24
24

492
558
660
760
865
968
1.070

12
12
12
12
12
12
16

8,0
8,0
8,0
10,5
11,5
12 5
13,5

20
20
20
24
24
28
28

peso
 kg
13,6
16,83
23,84
23,34
30,54
47,64
44,54
62,14
58,34
67,84
83,84
114,0
138,0
185,0
224,0
293,2

dimensioni in mm

181

Tabelle dimensionali: controflange, bulloni e guarnizioni

Tab. 166 - FLANGE DI ACCIAIO A COLLARINO da saldare di testa

UNI 2284-67 PN 40

Le flange vengono fornite per


tubi della serie ISO; per DN
con due dimensioni, il tipo ISO
indicato con

UNI 2285-67 PN 63 - DIN 2336

UNI 2284/67 - PN 40 con gradino di tenuta UNI 2229/67


indicazioni per la designazione
DN
diametro esterno tubo
13,5
10
17,2
20
15
21,3
25
20
26,9
30
25
33,7
38
32
42,4
44,5
40
48,3
57
50
60,3
65
76,1
80
88,9
108
100
114,3
133
125
139,7
159
150
168,3
175
193,7
200
219,1
267
250
273
300
323,9
355,6
350
368
406,4
400
419
450
457,2
500
508

d1
14,5
18,5
21,5
22,5
26,5
28,5
31,5
34,5
39,5
43,5
45,5
49,5
58,5
61,5
77,5
90,5
109,5
115,5
134,5
141,5
161,5
170,5
195,5
221,5
269,5
275,5
326,5
357,5
370,5
408,5
421,5
459,5
510,5

h1

n fori

2,3

2,5

2,5

2,8

3,0

3,0

385

38

450

33

105

18

450

42

515

33

115

18

25
28
30
32
38
40
42
46
52
56
60
64
72
75
90
105
128
134
155
162
182
192
218
244
298
306
362

510

46

580

36

125

20

408

12

8,0

16

462

12

9,0

16

500
562

12
12

9,0
10,0

20
20

n fori

3,5

3,5
3,7

8
8

4,0

5,0

60

16

90

14

35

65

16

95

14

38

75

18

105

14

40

85

18

115

14

40

100

18

140

18

42

110

18

150

18

45

125

20

165

18

48

145
160

22
24

185
200

18
18

52
58

10
12

190

24

235

22

65

12

220

26

270

25

68

12

250

28

300

25

75

12

295
320

32
34

350
375

30
30

82
88

15
16

585

50

660

39

135

20

610
670

50
52

685
755

39
42

135
140

20
20

3,5

6
8

3,5
3,7

8
8

3,7

4,0

10

5,0

10
10

5,5
5,5

12
12

12

6,5

12

12

7,3

16

peso
 kg
0,74
0,74
0,83
0,83
1,15
1,15
1,39
1,38
2,03
2,01
2,35
2,33
3,11
3,08
3,95
4,98
6,85
6,70
9,42
9,20
12,40
12,00
17,60
20,80
34,30
33,80
47,40
69,00
65,00
96,50
91,604
91,600
117,000

UNI 2285/67 - PN 63 con gradino di tenuta UNI 2229/67


indicazioni per la designazione
DN
diametro esterno tubo
10 40
57,0
50
60,3
65
76,1
80
88,9
108
100
114,3,0
133
125
139,7
159
150
168,3
175
193,7
200
219,1
267
250
273
300
323,9
355,6
350
368
406,4
400
419

d1

peso
 kg

per questi DN impiegare flange PN 100 UNI 2286/67


58,0
61,5
77,0
90,0
109,0
115,5
134,0
141,0
161,0
170,5
195,5
221,0
269,0
275,0
326,0
357,5
370,0
408,5
421,0

400

46

325

470

36

125

460

52

375

530

36

140

78
82
98
112
132
138
162
168
192
202
228
256
310
316
372

525

56

435

600

39

150

420

11,0

16

585

60

485

670

42

160

475

12,5

16

135

26

95

180

22

62

160
170

26
28

120
130

205
215

3
3

22
22

68
72

200

30

160

250

25

78

240

34

185

295

30

88

280

36

215

345

33

95

310
345

40
42

245
270

375
415

3
3

33
36

105
110

6,0

6,5
7,3

12
12

8,0

12

9,8

16

4,45
4,41
5,50
6,43
9,25
9,05
14,64
14,24
21,34
20,84
26,04
33,24
46,7
46,0
63,9
93,0
88,5
122,2
116,2

dimensioni in mm

182

Tabelle dimensionali: controflange, bulloni e guarnizioni

Tab. 167 - FLANGE DI ACCIAIO A COLLARINO da saldare di testa

UNI 2286-67 PN 100 - DIN 2637

Le flange vengono fornite per


tubi della serie ISO; per DN
con due dimensioni, il tipo ISO
indicato con

UNI 6085-67 PN 160

UNI 2286/67 - PN 100 con gradino di tenuta UNI 2229/67


indicazioni per la designazione
DN
diametro esterno tubo
13,5
10
17,2
20
15
21,3
25
20
26,9
30
25
33,7
38
32
42,4
44,5
40
48,3
57
50
60,3
65
76,1
80
88,9
108
100
114,3
133
125
139,7
159
150
168,3
175
193,7
200
219,1
267
250
273
300
323,9
355,6
350
368

d
14,5
18,5
21,5
22,5
26,5
28,5
31,5
34,5
39,5
43,5
45,5
49,5
58,5
61,5
77,5
90,5
109,5
115,5
134,5
141,5
161,5
170,5
195,5
221,5
269,5
275,5
326,5
357,5
370,5

70

20

40

100

14

45

75

20

45

105

14

45

90

22

58

130

18

52

100

24

65

140

18

58

110

24

75

155

22

60

125

26

85

170

22

62

145

28

95

195

25

68

170
180

30
32

120
130

220
230

3
3

25
25

76
78

210

36

160

265

30

90

250

40

185

315

33

105

290

44

215

355

33

320
360

48
52

245
270

385
430

3
3

430

60

325

505

500

68

375

585

560

74

435

655

n fori

2,3

2,5

2,8

2,8

3,0

3,5

4,0

4,5
5,0

8
8

6,0

180

6,8

115

210

7,0

12

33
36

127
130

245
278

9,0
9,8

12
12

39

157

340

12,0

12

42

170

400

13,5

16

48

189

460

15,2

16

n fori

02,8

02,8

3,0

3,7

4,0

4,5

5,0

6,5
6,8

8
8

8,5

9,3

28
32
32
34
42
44
48
52
58
62
65
70
86
90
108
120
145
150

peso
 kg
1,08
1,08
1,19
1,19
2,02
2,02
2,60
2,60
3,15
3,12
4,01
3,99
5,77
5,75
7,57
8,72
13,20
12,90
21,30
20,70
28,60
27,40
36,60
48,70
80,40
78,80
114,00
163,00
156,00

UNI 6085/67 - PN 160 con gradino di tenuta UNI 2229/67


indicazioni per la designazione
DN
diametro esterno tubo
13,5
10
17,2
20
15
21,3
25
20
26,9
30
25
33,7
38
32
42,4
44,5
40
48,3
57
50
60,3
65
76,1
80
88,9
108
100
114,3
133
125
139,7
159
150
168,3
175
193,7
200
219,1
267
250
273
300
323,9

d1
014,5
018,0
021,0
022,5
026,0
028,0
031,0
034,5
039,0
043,5
045,5
049,5
058,0
061,5
077,0
090,0
109,0
115,5
134,0
141,0
161,0
170,5
195,5
221,0
269,0
275,0
326,0

70

20

40

100

14

45

75

20

45

105

14

45

90

22

58

130

18

52

100

24

65

140

18

58

110

26

75

155

22

62

125

28

85

170

22

64

145

30

95

195

25

75

170
180

34
36

120
130

220
230

3
3

25
25

82
86

210

40

160

265

30

100

250

44

185

315

33

115

28
32
32
34
42
44
48
52
58
62
65
70
86
90
108
120
145
150
180

290

50

215

355

33

128

210

12,5

12

320
360

54
60

250
280

390
430

3
3

36
36

138
140

245
278

13,5
15,2

12
12

430

68

325

515

42

155

340

17,5

12

500

78

375

585

42

175

400

21,5

16

peso
 kg
001,08
001,08
001,19
001,19
002,03
002,03
002,63
002,67
003,45
003,42
004,40
004,37
006,35
006,34
008,82
010,20
015,30
015,10
024,30
023,70
034,70
033,50
044,10
059,00
094,80
093,00
136,00

dimensioni in mm

183

Tabelle dimensionali: controflange, bulloni e guarnizioni

Tab. 168 - FLANGE PIANE

UNI 6082-67 PN 2,5

Le flange vengono fornite per


tubi della serie ISO; per DN
con due dimensioni, il tipo ISO
indicato con

UNI 2276-67 PN 6 - DIN 2575

UNI 6082/67 - PN 2,5


indicazioni per la designazione
DN
diametro esterno tubo
10 175
200
219,1
267
250
273
300
323,9
355,6
350
368
406,4
400
419
450
457,2
500
508
600
609,6
700
711,2
800
812,8
900
914,4
1.000
1.016

d1

221,5
269,5
275,5
326,5
358,5
370,5
409,5
422,5

per questi DN impiegare PN 6 UNI 2276-67


280
16
320

n fori

18

335

20

375

18

12

395

22

440

22

12

445

22

490

22

12

495

22

540

22

16

550
600
705
810
920
1.020
1.120

22
22
24
26
30
32
34

595
645
755
860
975
1.075
1.175

22
22
25
25
30
30
30

16
20
20
24
24
24
28

n fori

peso
 kg
5,03
7,94
7,54
11,14
14,44
13,24
15,84
14,44
20,24
22,09
30,39
39,09
55,59
66,39
77,49

UNI 2276/67 - PN 6
indicazioni per la designazione
DN
diametro esterno tubo
13,5
10
17,2
20
15
21,3
25
20
26,9
30
25
33,7
38
32
42,4
44,5
40
48,3
57
50
60,3
65
76,1
80
88,9
108
100
114,3
133
125
139,7
159
150
168,3
175
193,7
200
219,1
267
250
273
300
323,9
355,6
350
368
406,4
400
419
450
457,2
500
508
600
609,6
700
711,2
800
812,8
900
914,4
1.000
1.016

d1
14,5
17,5,5
20,5
22,5
25,5
27,5
30,5
34,5
38,5
43,5
45,5
49,5
58,5
61,5
77,5
90,5
109,5
115,5
134,5
141,5
160,5
170,5
195,5
221,5
269,5
275,5
326,5
358,5
370,5,5
409,5
422,5,5

50

10

75

11

55

10

80

11

65

12

90

11

75

12

100

11

90

14

120

14

100

14

130

14

110

14

140

14

130
150

14
16

160
190

14
18

4
4

170

16

210

18

200

18

240

18

225

20

265

18

255
280

22
22

295
320

18
18

8
8

335

24

375

18

12

395

24

440

22

12

445

26

490

22

12

495

28

540

22

16

550
600
705
810
920
1.020
1.120

28
30
30
32
34
36
36

595
645
755
860
975
1.075
1.175

22
22
25
25
30
30
30

16
20
20
24
24
24
28

peso
 kg
0,30
0,29
0,34
0,33
0,51
0,50
0,63
0,61
1,09
1,05
1,26
1,23
1,38
1,35
1,68
2,63
3,05
2,92
4,11
3,90
5,16
4,78
6,27
6,91
9,53
9,04
12,10
17,03
15,64
20,13
18,84
25,80
30,00
37,90
47,90
62,90
74,60
81,90
dimensioni in mm

184

Tabelle dimensionali: controflange, bulloni e guarnizioni

Tab. 169 - FLANGE PIANE

UNI 2277-67 PN 10 - DIN 2576

Le flange vengono fornite per


tubi della serie ISO; per DN
con due dimensioni, il tipo ISO
indicato con

UNI 2278-67 PN 16 - DIN 2577

UNI 2277/67 - PN 10
indicazioni per la designazione
DN
diametro esterno tubo
10 65
80
88,9
100 175
200
219,1
267,9
250
273
300
323,9
355,6
350
368
406,4
400
419
450
457,2
500
508
600
609,6

d1

90,5
221,5
269,5
275,5
326,5
358,5
370,5
409,5
422,5

per questi DN impiegare PN 16 UNI 2278-67


160
20
200
per questi DN impiegare PN 16 UNI 2278-67
295
26
340
350

28

395

peso

n fori

16

3,61

22

22

12

10,13
13,45
12,94
14,84
22,04
20,44
28,04
25,94
33,34
40,39
53,09

400

28

445

22

12

460

30

505

22

16

515

32

565

25

16

565
620
725

32
34
36

615
670
780

25
25
30

20
20
20

 kg

UNI 2278/67 - PN 16
indicazioni per la designazione
DN
diametro esterno tubo
13,5
10
17,2
20
15
21,3
25
20
26,9
30
25
33,7
38
32
42,4
44,5
40
48,3
57
50
60,3
65
76,1
80
88,9
108
100
114,3
133
125
139,7
159
150
168,3
175
193,7
200
219,1
267
250
273
300
323,9
355,6
350
368
406,4
400
419

d1
14,5
17,5
20,5
22,5
25,5
27,5
30,5
34,5
38,5
43,5
45,5
49,5
58,5
61,5
77,5
90,5
109,5
115,5
134,5
141,5
160,5
170,5
195,5
221,5
269,5
275,5
326,5
358,5
370,5,5
409,5
422,5,5

n fori

60

12

90

14

65

12

95

14

75

14

105

14

85

14

115

14

100

16

140

18

110

16

150

18

125

18

165

18

145
160

18
20

185
200

18
18

4
8

180

22

220

18

210

24

250

18

240

24

285

22

270
295

26
26

315
340

22
22

8
12

355

32

405

25

12

410

32

460

25

12

470

36

520

25

16

525

38

580

30

16

peso
 kg
0,53
0,52
0,67
0,66
0,83
0,82
1,03
1.01
1,66
1,63
1,89
1,85
2,51
2,46
3,00
3,61
4,60
4,40
6,19
5,92
7,63
7,17
9,16
9,77
16,66
16,04
19,80
29,43
27,34
36,53
33,94
dimensioni in mm

185

Tabelle dimensionali: controflange, bulloni e guarnizioni

Fig. 131 - Flange ANSI tipi di accoppiamento (per le dimensioni consultare la tab. 170)

186

Tabelle dimensionali: controflange, bulloni e guarnizioni

Tab. 170 - Flange ANSI tipi di accoppiamento (dimensioni relative alle tipologie riportate nella figura 131)

187

Tabelle dimensionali: controflange, bulloni e guarnizioni

Tab. 171 - Flange ANSI 150

188

Tabelle dimensionali: controflange, bulloni e guarnizioni

Tab. 172 - Bulloneria per flange ANSI 150

189

Tabelle dimensionali: controflange, bulloni e guarnizioni

Tab. 173 - Flange ANSI 300

190

Tabelle dimensionali: controflange, bulloni e guarnizioni

Tab. 174 - Bulloneria per flange ANSI 300

191

Tabelle dimensionali: controflange, bulloni e guarnizioni

Tab. 175 - Flange ANSI 600

192

Tabelle dimensionali: controflange, bulloni e guarnizioni

Tab. 176 - Bulloneria per flange ANSI 600

193

Tabelle dimensionali: controflange, bulloni e guarnizioni

Tab. 177 - Bulloni e guarnizioni PN 6/25

194

Tabelle dimensionali: controflange, bulloni e guarnizioni

Tab. 178 - Bulloni e guarnizioni PN 40/160

195

9 - Simbologia
Torna all'Indice

197

Simbologia

Tab. 179 - Simbologia secondo norme DIN 2481 - Valvole

198

Release 3.6
Con riserva di modifica
Manuale Valvole - 01-2005

KSB Italia S.p.A.


Via Massimo DAzeglio, 32 - 20049 Concorezzo (MI)
Tel. 039 6048.1 - Fax 039 6048.153/154 - www.ksb.com