Sei sulla pagina 1di 137

Zerobubbole – 1/331

2/331 – Zerobubbole
Zerobubbole – 3/331

Zerobubbole
Critica tecnica
del video "Zero"

a cura del gruppo di ricerca Undicisettembre


BOZZA 2009/01/04
(L) = BUBBOLA IN LAVORAZIONE

Testo originale © 2007-2009 by Paolo Attivissimo. Copertina © 2008 by ZeusBlue. Some rights reser-
ved (alcuni diritti riservati).
Quest'opera è distribuita secondo licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5
Italia,1 con una clausola supplementare. In sintesi: chiunque è libero di riprodurre, distribuire, co-
municare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare, purché senza lucro o
profitto, quest'opera alle seguenti condizioni:
! Attribuzione. Dovete attribuire la paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore o da chi
vi ha dato l'opera in licenza e in modo tale da non suggerire che essi avallino voi o il modo
in cui voi usate l'opera.
! Non opere derivate. Non potete alterare o trasformare quest'opera, né usarla per crearne
un'altra.
! Senza lucro o profitto (clausola supplementare). Non potete vendere quest'opera o farvi
pagare per la sua stampa, duplicazione o distribuzione, ma siete liberi di stamparla, dupli-
carla o distribuirla a titolo gratuito.
Ogni volta che si usa o distribuisce quest'opera, questo va fatto secondo i termini di questa licenza,
che va comunicata con chiarezza. In ogni caso, è possibile concordare col titolare dei diritti utilizzi
di quest'opera non consentiti da questa licenza. Questa licenza lascia impregiudicati i diritti morali.
Le utilizzazioni consentite dalla legge sul diritto d'autore e gli altri diritti non sono in alcun modo
limitati da quanto sopra. E' specificamente consentita la libera citazione, anche di ampi brani, pur-
ché siano indicati fonte e autore.
La fonte da indicare, e presso la quale sono reperibili il documento originale e i suoi aggiornamen-
ti, è http://undicisettembre.info. L'autore è il gruppo Undicisettembre, rappresentato dalla persona
fisica Paolo Attivissimo esclusivamente ai fini legali e di diritto d'autore.
Quest'opera si avvale del diritto di citazione a scopo accademico e di critica previsto dall'Articolo
10 della Convenzione di Berna sul diritto d'autore.
1 I dettagli legali di questa licenza di distribuzione sono disponibili in italiano presso http://creativecommons.org/licenses/by-
nd/2.5/it/legalcode.
4/331 – Zerobubbole

Questa pagina è intenzionalmente vuota.


Zerobubbole – 5/331

Indice
Introduzione....................................................................................13
Cos'è Zero, e perché criticarlo?................................................................................15
Perché "Zerobubbole"?...................................................................................................................................16
E' proprio necessaria un'analisi così prolissa?.........................................................................................16
Cos'è il gruppo Undicisettembre?...............................................................................................................16
Ringraziamenti....................................................................................................................................................17
Note tecniche......................................................................................................................................................17
Commenti, correzioni e aggiornamenti....................................................................................................17
Avvertenza di copyright..................................................................................................................................17

La critica in sintesi...........................................................................19
Problemi di metodo in Zero....................................................................................21
La Sindrome del Cospiratore Pasticcione.................................................................................................21
Gli strani esperti di Zero.................................................................................................................................22
Mancanza di documentazione....................................................................................................................24
Due pesi, due misure.......................................................................................................................................24
Errore sistematico.............................................................................................................................................24

Analisi critica di Zero......................................................................25


Pre-sigla.....................................................................................................................27
1. La telefonata di una vittima al WTC interrotta dal crollo....................................................................29
Shock emotivo...................................................................................................................................................30
Rimontaggio ingannevole.............................................................................................................................30
Copiatura da altri video..................................................................................................................................30
Manipolazione sonora.....................................................................................................................................31
Melissa Doi dice che scotta tutto, ma Zero dirà che gli incendi erano modesti.......................31
2. Osama bin Laden non è ricercato dall'FBI per l'11/9, quindi l'FBI lo ritiene innocente............33
Testimonianze di terza mano, assenza di fonti......................................................................................33
Chi ha parlato con l'FBI?.................................................................................................................................33
Cospiratori pasticcioni.....................................................................................................................................34
La teoria cospirazionista scagiona l'FBI....................................................................................................34
I veri motivi dell'assenza di bin Laden fra i ricercati dell'FBI per l'11/9.........................................35
L'FBI dichiara senza esitazioni: "bin Laden fu responsabile dell'attacco"....................................36
Anche la giustizia spagnola non ha dubbi..............................................................................................36
La frase di Robert Fisk......................................................................................................................................37

Le Torri Gemelle e l'Edificio 7..................................................................................39


3. "Esplosioni" nelle Torri Gemelle.....................................................................................................................41
6/331 – Zerobubbole

La testimonianza imprecisa di Brian Clark...............................................................................................41


L'uso improprio del verbo "esplodere".....................................................................................................42
4. Asserita resistenza a impatti multipli..........................................................................................................43
Zero copia da un altro video complottista.............................................................................................44
Opinione informale spacciata per parere tecnico................................................................................44
Quello che Zero non dice..............................................................................................................................44
5. Steven Jones paragona il WTC a un albero..............................................................................................47
6. Il crollo improvviso della Torre Sud è prova di demolizione.............................................................49
7. Crolli troppo brevi, caduta troppo verticale..............................................................................................51
La testimonianza del pompiere Cacchioli...............................................................................................58
La citazione di Morgan Reynolds................................................................................................................59
Il rapporto del NIST..........................................................................................................................................59
8. Immagini sbagliate del crollo della Torre Nord.......................................................................................61
9. Dario Fo dileggia i progettisti del WTC e manipola le dichiarazioni..............................................63
10. Nessun grattacielo in acciaio è mai crollato a causa di un incendio............................................65
La vulnerabilità delle strutture in acciaio.................................................................................................66
Grattacieli incendiati che non crollano.....................................................................................................71
11. La torre madrilena incendiata che "rimase in piedi"............................................................................75
12. Il grattacielo di Madrid che non crollò era ancora in costruzione.................................................77
13. Fiamme cupe e fumo nero sono segno d'incendio debole.............................................................79
14. Qualcuno attraversò i piani in fiamme, quindi gli incendi erano modesti.................................83
"Versione ufficiale"?..........................................................................................................................................83
Calore immenso, fuga impossibile.............................................................................................................87
15. Una donna si affacciò dalla breccia d'impatto, dunque gli incendi non scottavano..............91
La donna affacciata...........................................................................................................................................91
Ignoranza della dinamica degli incendi...................................................................................................92
Chi è la donna?..................................................................................................................................................97
16. Paul Craig Roberts: la versione ufficiale è falsa.....................................................................................99
17. Kevin Ryan, licenziato per aver sfidato la versione ufficiale............................................................101
Kevin Ryan non è mai stato un dirigente della Underwriters Laboratories.............................101
Kevin Ryan non fu licenziato per aver messo in discussione il rapporto del NIST................102
Kevin Ryan è sì un esperto: ma in acque potabili...............................................................................102
18. Zero smonta la teoria ufficiale. Quella sbagliata................................................................................105
La scienza vera si corregge; la pseudoscienza no..............................................................................108
19. Kevin Ryan: i test d'incendio ufficiali sbugiardano la versione ufficiale....................................109
Quanti sarebbero i cospiratori del NIST?................................................................................................110
La cospirazione s'allarga................................................................................................................................112
La cospirazione s'allarga ancora.................................................................................................................113
20. Le analisi ufficiali dicono che le temperature al WTC erano "molto basse".............................115
Le temperature raggiunte da un incendio d'ufficio...........................................................................115
Le origini della teoria del fuoco tiepido..................................................................................................117
Acciaio ammorbidito per incendio al WTC: nel 1975..........................................................................119
Zerobubbole – 7/331

I complottisti si smentiscono da soli con la torre madrilena..........................................................119


21. Il NIST ha fatto tornare i conti "grazie al computer"..........................................................................121
22. NIST: 13 tonnellate di "combustibile" negli aerei. Aviazione Civile: no, soltanto sei e mezza
..........................................................................................................................................................................123
"Combustibile"?................................................................................................................................................123
Prima interpretazione: carburante d'aereo............................................................................................123
Seconda interpretazione: materiali combustibili................................................................................124
L'onere della prova.........................................................................................................................................126
L'importanza dei materiali combustibili degli aerei..........................................................................126
23. Le Torri furono esposte al fuoco per 45 e 50 minuti........................................................................127
24. Torri cadute troppo in fretta......................................................................................................................128
Alcuni pareri di veri esperti.........................................................................................................................129
I veri tempi di crollo.......................................................................................................................................130
25. Il crollo troppo veloce del WTC7..............................................................................................................131
Caposaldo complottista liquidato in novanta secondi.....................................................................132
WTC7, i fatti dietro le dicerie........................................................................................................................133
Il "pull it" di Larry Silverstein.......................................................................................................................136
La base CIA e i documenti scottanti........................................................................................................137
(L) 26. Pozze di metallo fuso trovate alla base delle torri......................................................................138
(L) 27. Presenza sospetta di zolfo nelle macerie........................................................................................140
(L) 28. I grattacieli furono demoliti con la termite....................................................................................141
L'escamotage della termite.........................................................................................................................141
Si può demolire un grattacielo con la termite?...................................................................................142
Chi è Steven Jones..........................................................................................................................................143
(L) 29. L'esperto: fu termite radiocomandata.............................................................................................144
(L) 30. Viene mostrata una colonna tagliata con la termite.................................................................145
(L) 31. Una signora viene presentata come "sopravvissuta" agli attentati.......................................147
(L) 32. Trovate misteriose goccioline di metallo........................................................................................148
(L) 33. Presenza sospetta di bario....................................................................................................................151
(L) 34. Esplosioni prima dei crolli.....................................................................................................................153
Esplosione o scoppio, differenza importante.......................................................................................153
Il curriculum di David Ray Griffin..............................................................................................................154
La serietà della ricerca di David Ray Griffin...........................................................................................155
SCENA TAGLIATA. Esplosioni nella Torre Nord istanti prima dell'impatto contro la Torre Sud157
(L) 35. Esplosioni prima dei crolli: William Rodriguez..............................................................................158
Prima intervista a Rodriguez (11/9/2001)...............................................................................................158
Seconda intervista a Rodriguez (12/9/2001).........................................................................................158
Terza intervista a Rodriguez (11/9/2002)................................................................................................159
Audizione del NIST (12/2/2004).................................................................................................................159
La denuncia di Rodriguez contro Bush (21/10/2004)........................................................................159
Il doppio rombo..............................................................................................................................................160

L'attentato al Pentagono.......................................................................................163
8/331 – Zerobubbole

Geografia dei luoghi............................................................................................................................................164


(L) 36. Crollò l'"intera struttura" del Pentagono.........................................................................................165
(L) 37. Crollò "l'intera struttura" del Pentagono.........................................................................................166
(L) 38. Uno spezzone montato a rovescio...................................................................................................167
(L) 39. Mancano i rottami sul prato................................................................................................................168
(L) 40. Il foro d'impatto misura solo "cinque metri".................................................................................170
(L) 41. Le finestre stranamente intatte...........................................................................................................172
(L) 42. Le finestre sopra il buco avrebbero dovuto essere distrutte dalle ali.................................173
(L) 43. L'aereo fu "gassificato"...........................................................................................................................174
(L) 44. La carlinga rimase integra....................................................................................................................175
(L) 45. L'aereo è entrato e uscito da tre anelli............................................................................................176
(L) 46. Mancano i fori dei motori.....................................................................................................................177
(L) 47. Mancano i segni delle ali.......................................................................................................................178
(L) 48. Le foto dei rottami comparse solo in seguito...............................................................................179
(L) 49. L'aereo ha chiuso le ali come una libellula....................................................................................181
(L) 50. Albert Stubblebine: ancora il foro troppo piccolo......................................................................182
La dichiarazione del colonnello Nelson.................................................................................................183
(L) 51. Barbara Honegger era "addetto stampa al Pentagono"............................................................184
(L) 52. Il generale Arnold mandò un pilota a vedere...............................................................................185
Il generale scagionato...................................................................................................................................185
La fonte della dichiarazione di Arnold....................................................................................................185
Fame di scoop, "rivelazioni" inesistenti...................................................................................................186
Cosa può vedere un pilota?........................................................................................................................187
La citazione del tenente colonnello Kwiatkowski e di Steve De Chiaro....................................187
(L) 53. Ottantasei filmati "totali" al Pentagono...........................................................................................188
(L) 54. Filmati rilasciati solo dopo lunga insistenza..................................................................................189
(L) 55. I filmati mostrano qualcosa che non è un Boeing 757..............................................................190
(L) 56. E' impossibile che l'aereo sia passato "fra un fotogramma e l'altro"...................................192
(L) 57. L'FBI dice che una sola telecamera ha ripreso la scena.............................................................193
(L) 58. Dario Fo: l'aereo fece una virata di 270 gradi................................................................................194
(L) 59. Dario Fo: l'aereo fece la virata a 800 km/h.....................................................................................195
(L) 60.La virata era "estremamente difficile" (40:14) ...............................................................................196
(L) 61. La virata dell'aereo viene mostrata accelerata..............................................................................197
(L) 62. Manovra difficile anche per un esperto..........................................................................................198
(L) 63. Un Boeing non può volare così..........................................................................................................199
(L) 64. Un caccia radiocomandato sarebbe stato in grado di fare quella manovra....................200
(L) 65. I controllori di volo pensarono fosse un caccia, quindi fu un caccia a colpire il
Zerobubbole – 9/331

Pentagono....................................................................................................................................................201
(L) 66. Dario Fo: l'aereo volò a sei metri dal suolo per un chilometro, scavalcando una collina
.........................................................................................................................................................................202
(L) 67. Russ Wittemberg: volo rasoterra impossibile................................................................................203
(L) 68. Nela Sagadevan: la traiettoria è aerodinamicamente impossibile.......................................204
Ma chi è Nela Sagadevan?..........................................................................................................................204
(L) 69. Dirottatori al Pentagono incapaci di pilotare...............................................................................207
SCENA TAGLIATA: Il paragone dell'automobile in curva.........................................................................210
Wittemberg e il paragone del tacchino affettato...............................................................................210
(L) 70. Il Pentagono è "lo spazio aereo più protetto del mondo"........................................................211
(L) 71. E' impossibile avvicinarsi in aereo al Pentagono e alla Casa Bianca......................................213
(L) 72. Intorno a Washington c'era una zona di 50 miglia impenetrabile ai voli..........................216
(L) 73. C'erano caccia pronti nelle basi vicine, ma non sono intervenuti.........................................217
(L) 74. C'erano missili antiaereo al Pentagono............................................................................................218
(L) 75. Il Pentagono fu colpito da un aereo militare................................................................................221
SCENA TAGLIATA. Bombe all'interno del Pentagono prima dell'impatto........................................222
SCENA TAGLIATA. Gli orologi fermi del Pentagono provano un'esplosione anticipata.............223
SCENA TAGLIATA. Cadaveri al centro del Pentagono, testimone misterioso.................................226
(L) 76. Nessuna fonte ufficiale dice esplicitamente che fu il Volo 77 a colpire il Pentagono. .228
(L) 77. I controllori di volo non chiesero ai dirottatori di farsi identificare facendo delle virate a
comando......................................................................................................................................................229
(L) 78. Volo 77 assente dai radar per 36 minuti.........................................................................................230

Le mancate intercettazioni aeree.........................................................................231


(L) 79. In caso di dirottamento o deviazione di rotta, i caccia decollano automaticamente, ma
l'11/9 non andò così.................................................................................................................................232
(L) 80. Robert Bowman: gli aerei dirottati vagarono per un'ora e mezza.......................................233
Le dichiarazioni del maggiore Guardabasso e del capitano Ghiadoni......................................233
(L) 81. Tante basi aeree, perché nessuno decollò?....................................................................................235
(L) 82. Difesa aerea avvisata in ritardo..........................................................................................................236
(L) 83. C'erano state 67 intercettazioni nel 2001.......................................................................................237
(L) 84. I piloti potevano abbattere senza chiedere permessi...............................................................238
SCENA TAGLIATA: i caccia potevano costringere a terra gli aerei dirottati...............................238
Non occorreva l'autorizzazione del Presidente per abbattere un aereo di linea...................238
(L) 85. I protocolli erano stati cambiati; passava tutto dal Pentagono.............................................239
(L) 86. Rumsfeld bloccò la catena di comando per fare l'eroe sul prato del Pentagono...........241
(L) 87. Responsabili impuniti o promossi.....................................................................................................244

I dirottatori: comportamenti strani, identità dubbie.........................................247


10/331 – Zerobubbole

(L) 88. Tre soli giorni d'indagine......................................................................................................................248


(L) 89. Zero manipola la traduzione e nasconde come fece l'FBI a dedurre le identità dei
dirottatori.....................................................................................................................................................251
(L) SCENA TAGLIATA: David Shayler confronta l'11/9 con l'attentato-bomba di Lockerbie......252
Giulietto Chiesa confronta l'11/9 con l'attentato-bomba di Lockerbie......................................252
(L) SCENA TAGLIATA: I dirottatori non figurano nell'elenco dei passeggeri...................................253
(L) SCENA TAGLIATA. Non c'è DNA arabo al Pentagono........................................................................254
(L) 90. L'FBI consegnò i nomi dei dirottatori in soli tre giorni.............................................................255
(L) 91. Il passaporto di un terrorista trovato al WTC................................................................................256
(L) 92. La testimonianza della spogliarellista..............................................................................................258
Gli "indizi" della spogliarellista...................................................................................................................258
(L) 93. Gli identikit "bizzarri" dei dirottatori................................................................................................260
(L) 95. L'aneddoto del dirottatore contadino.............................................................................................262
(L) 96. I dirottatori in gita a Portland.............................................................................................................264
(L) 97. Falso il video dei dirottatori: non li mostra salire sull'aereo che dirotteranno.................266
(L) 98. Nessuna prova della presenza dei dirottatori, che sono capri espiatori............................269
(L) 99. I dirottatori sono ancora vivi...............................................................................................................270
Abdulaziz al-Omari.........................................................................................................................................270
Waleed al-Shehri.............................................................................................................................................270
Saeed al-Ghamdi e Ahmed al-Nami........................................................................................................271
Salem al-Hazmi................................................................................................................................................272
Omonimie frequenti......................................................................................................................................273
(L) SCENA TAGLIATA: David Shayler paragona bin Laden a un cattivo da James Bond.............274
Giulietto Chiesa paragona bin Laden a un cattivo da James Bond ...........................................274

Al-Qaeda non esiste...............................................................................................275


(L) 100. I video falsi di bin Laden.....................................................................................................................276
(L) 101. Il video falso dimostrativo all'Europarlamento...........................................................................278
Il confronto dei vari Osama........................................................................................................................280
(L) 102. Ovadia: al-Qaeda fu fondata da bin Laden nel 1989. Elsässer: al-Qaeda non esiste.....281
(L) 103. "Al-Qaeda" è un termine inventato dalla CIA per indicare un database di mujaheddin
addestrati e reclutati dalla CIA stessa...............................................................................................282
(L) 104. Visti facili per i terroristi (prima parte)..........................................................................................284
(L) 105. Jürgen Elsässer: cinque dei terroristi dell'11/9 avevano lavorato per al-Qaeda in Bosnia
.........................................................................................................................................................................285
(L) SCENA TAGLIATA: La CIA offrì soldi ad al-Zawahiri............................................................................287
Le affermazioni attribuite a Bodansky....................................................................................................288
(L) SCENA TAGLIATA: Al-Zawahiri in tournée negli USA.........................................................................291
(L) 106. Visti facili per i terroristi (seconda parte).....................................................................................292
(L) 107. Terroristi dell'11/9 addestrati presso basi militari USA.............................................................293
Zerobubbole – 11/331

(L) 108. Dirottatori piloti incapaci: Atta non riuscì a far decollare un aereo a noleggio............294
(L) 109. Due dei dirottatori piloti furono definiti "scemo e più scemo" dal loro istruttore......295
Le competenze di pilotaggio dei dirottatori piloti............................................................................296

Avvisaglie insabbiate, autorità reticenti o conniventi.......................................298


(L) 110. Gli allarmi ignorati e insabbiati.........................................................................................................299
(L) 111. Zero traduce "straniero" al posto di "pagante" e falsa il testimonianza............................300
(L) 112. Il piano Bojinka prefigurava gli attentati.......................................................................................303
(L) 113. Esercitazione al Pentagono contro schianti aerei......................................................................304
(L) 114. Un anno dopo gli attentati, non si sapeva ancora quasi nulla.............................................306
(L) 115. Centomila dollari per Atta dal Pakistan.........................................................................................308
(L) 116. Rodriguez non citato nel Rapporto della Commissione..........................................................310
(L) 117. I familiari di bin Laden portati fuori dagli USA di corsa............................................................311
(L) La polemica finale di Bob McIlvaine........................................................................................................312
(L) SCENA TAGLIATA: Shayler dice che bin Laden non viene catturato per motivi politici.......315
Bin Laden non si può catturare per motivi politici.............................................................................315
Le immagini di guerra ..................................................................................................................................315
(L) 118. "Non abbiamo indagato per paura di essere linciati", ha detto il prestigioso giornalista
TV americano Dan Rather......................................................................................................................317

Appendici.......................................................................................319
Intervista a Johnelle Bryant..................................................................................320
Atta e al-Shehhi abbandonano un Piper.............................................................326
Lettera aperta di Kevin Ryan al NIST...................................................................328
Testimonianza di William Rodriguez al NIST......................................................330
12/331 – Zerobubbole

Questa pagina è intenzionalmente vuota.


Zerobubbole – 13/331

Introduzione
14/331 – Zerobubbole

Questa pagina è intenzionalmente vuota.


Zerobubbole – 15/331

Cos'è Zero, e perché criticarlo?

Zero è un video della durata di circa 104 minuti (99 se si escludono i titoli di testa e di coda), realiz-
zato dai registi Franco Fracassi e Francesco Trento su una sceneggiatura di Giulietto Chiesa e degli
stessi Fracassi e Trento.1 Fra i suoi narratori figurano Dario Fo, Lella Costa, Moni Ovadia, Gore Vidal e
il doppiatore Francesco Pannofino.
La prima versione del video ha debuttato in pubblico, con audio inglese sottotitolato in italiano,
alla Festa del Cinema di Roma il 23 ottobre 2007. Una versione modificata, doppiata in italiano, è
stata distribuita a metà aprile 2008 in DVD.
Zero è stato finanziato da una sorta di "azionariato popolare", costituito da circa 300 "azionisti",2 ed
ha un valore dichiarato di 500.000 euro.3 Il suo sito ufficiale, Zerofilm.info, dichiara che si tratta del
frutto di "due anni di preparazione, ricerche, inchieste" (Figura 1, colonna di sinistra).

Figura 1. La pagina iniziale del sito ufficiale Zerofilm.info, acquisita il 10 agosto 2008.

1 I Credit completi del video sono presso http://www.zerofilm.info/crediti/.


2 Dichiarazione di Paolo Jormi Bianchi: "E questo film noi lo abbiamo realizzato con una sorta di sistema di azionariato popolare.
200, quasi 300 persone hanno contribuito al... a finanziare questo film, e... quindi c'è anche una... una sorta di coralità popolare
dietro a questo lavoro, perché adesso ci sono 300 cittadini come voi che sono proprietari di un pezzetto di questo film"
(http://vids.myspace.com/index.cfm?fuseaction=vids.individual&videoid=28660854).
3 http://www.zerofilm.it/Diventacoproduttore/tabid/78/Default.aspx (successivamente rimosso): "1 - Il 100% del film vale 500.000
!. Tale ammontare è suddiviso in 1.000 quote da 500 !, che corrispondono ognuna allo 0,1% del totale. Per partecipare alla
produzione, essere COPRODUTTORI, bisogna versare almeno 500 ! o multipli di 500 !. I coproduttori partecipano ai guadagni
complessivi del film in proporzione alla percentuale acquistata. 2 - Chi investe tra i 100 e i 500 euro acquisterà una percentuale di
quota (ad es. 100 euro sono il 20% di una quota) 3 - Chiunque verserà meno di 100 euro lo farà a titolo di donazione a fondo
perduto."
16/331 – Zerobubbole

Perché "Zerobubbole"?
A qualcuno potrà sembrare poco rispettoso usare il termine "bubbola" nella discussione di una tra-
gedia come l'11 settembre. Ma qui non è in discussione la tragedia: è in discussione quello che
gli autori di Zero affermano intorno a quella tragedia. Sono loro a raccontarla per cartoni anima-
ti; loro a inventare prove inesistenti; loro a usare come esperti persone che dichiarano di credere
agli UFO o di parlare con l'aldilà via computer, come documentato in quest'analisi.
Per cui a nostro avviso usare il termine "bubbole" per descrivere le affermazioni di Zero è già fin
troppo blando. Al tempo stesso, qualsiasi termine più forte conferirebbe alle posizioni di Zero una
dignità che non si meritano.

E' proprio necessaria un'analisi così prolissa?


Può sembrare un po' ossessivo dedicare così tante pagine alla critica di un singolo video, ma la
lunghezza di quest'analisi è proporzionale alla quantità di errori, stupidaggini tecniche e di mani-
polazioni presenti in Zero: sono almeno 100. Uno al minuto.
Con così tanti errori da smontare, l'analisi diventa inevitabilmente un viaggio più generale nel
mondo delle ipotesi cospirazioniste, fruibile anche a prescindere dal video al quale si riferisce.
Non solo: conoscendo la mentalità cospirazionista, sappiamo che qualsiasi affermazione di cui non
dovessimo segnalare gli errori verrebbe considerata "confermata" per silenzio-assenso. Di conse-
guenza, occorre analizzare punto per punto l'intero video.
Ma soprattutto, un'analisi completa rivela che non si tratta di cercare il pelo nell'uovo: alla fine del-
l'analisi, di Zero non si salva più nulla.
Per chi ha fretta, comunque, il prossimo capitolo contiene una sintesi degli errori e delle manipola-
zioni più gravi riscontrate.

Cos'è il gruppo Undicisettembre?


Undicisettembre è un gruppo informale, non politico, di giornalisti, tecnici e ricercatori di vari settori
che sta esaminando da tempo i fatti e le ipotesi di complotto riguardanti gli attentati dell'11 set-
tembre 2001 allo scopo di liberare il campo dalle ipotesi incompatibili con i fatti accertati e con-
sentire quindi a chiunque, anche ai sostenitori di ipotesi alternative, indagini prive di false piste e
basate su dati reali.
Il sito Undicisettembre.info ospita i risultati documentati delle indagini e fornisce le fonti utilizzate,
dalle quali chiunque può partire per le proprie verifiche personali.
Il gruppo Undicisettembre è composto da:
! Paolo Attivissimo, giornalista informatico e studioso della disinformazione nei media digitali;
! John Battista, ufficiale di polizia giudiziaria con esperienza ventennale nel settore dell'intelli-
gence investigativa, laureato in diritto internazionale e autore del libro digitale Crono911;
! Gabriele Borra, chimico;
! Roberto Podestà, perito chimico e laureato in chimica, con esperienza di laboratorio nella sin-
tesi organica e nel calcolo statistico;
! Luca Poggi, laureato in traduzione e interpretazione;
! Leonardo Salvaggio, laureato in ingegneria informatica;
Zerobubbole – 17/331

! e piloti di linea italiani e stranieri, piloti istruttori, fisici, traduttori, grafici ed esperti di altri set-
tori tecnici che per esigenze personali e professionali preferiscono mantenere riservata la pro-
pria identità.
Il gruppo può essere contattato scrivendo a undicisettembre@gmail.com.

Ringraziamenti
Il gruppo Undicisettembre desidera ringraziare:
! ZeusBlue per aver contribuito massicciamente alla trascrizione dei dialoghi;
! Roberto e Sabrina per il supporto logistico;
! Gli autori di Screwloosechange e di tanti altri siti di debunking, che hanno offerto di condivi-
dere il proprio materiale liberamente;
! axlman, brain_use, giuliano47 e i tanti lettori, colleghi e amici che, spesso con preghiera di
anonimato, hanno contribuito a questo lavoro e all'intera indagine sull'11/9 e sulle teorie
cospirazioniste, animati non da un budget da mezzo milione di euro, ma dall'obbligo mora-
le di arginare il delirio di fandonie e la vendita di paccottiglia sulla pelle di coloro che sono
morti in una delle tragedie più scioccanti della storia recente.

Note tecniche
Questo documento si riferisce alla versione distribuita su DVD ad aprile 2008. Dialoghi e titoli di
Zero sono stati trascritti senza correggere gli errori presenti negli originali. Gli autori di Zero non
hanno fornito alcun supporto (si veda anzi l'Avvertenza di copyright più avanti).
Per facilitare al lettore la ricerca nel testo, questo libro usa il seguente standard:
! i nomi arabi che iniziano con il suffisso "al" sono scritti con suffisso in minuscolo unito al
nome da un trattino: al-Qaeda, Mohand al-Shehri.
! i nomi che iniziano con il suffisso "bin" sono scritti con suffisso in minuscolo separato dal
nome da uno spazio: Ramzi bin al-Shibh, Osama bin Laden.
! l'iniziale di questi suffissi diventa maiuscola a inizio frase.

Commenti, correzioni e aggiornamenti


Questa critica è un progetto in continua lavorazione. Ci vuole moltissimo tempo per controllare
tutte le affermazioni fatte in oltre un'ora e quaranta minuti di video. Se trovate errori in Zero o in
questo documento, segnalateli scrivendo all'indirizzo di e-mail undicisettembre@gmail.com.

Avvertenza di copyright
Questo documento non cita integralmente i dialoghi di Zero per ragioni di diritto d'autore. Ri-
corre invece a dei sunti e include citazioni letterali solo occasionali, strettamente nei limiti con-
cessi dal diritto di critica e di citazione.
18/331 – Zerobubbole

I produttori di Zero ci hanno infatti espresso formalmente la loro contrarietà alla pubblicazione in-
tegrale dei dialoghi contenuti nel video. Riteniamo che tale pubblicazione rientri nel diritto di criti-
ca, perché è oggettivamente difficile commentare e criticare per intero qualcosa che non si può ci-
tare per intero, ma non desideriamo alimentare questo tipo di polemica.
Comprendiamo che questa limitazione comporta un approccio meno trasparente e una lettura più
disagevole e ce ne scusiamo con i lettori, anche se chiaramente si tratta di un problema che non
dipende da noi.
Zerobubbole – 19/331

La critica in sintesi
20/331 – Zerobubbole

Questa pagina è intenzionalmente vuota.


Zerobubbole – 21/331

Problemi di metodo in Zero

Questa analisi critica di Zero documenta alcuni problemi di fondo che gettano dubbi sul rigore ge-
nerale dell'inchiesta e sulla correttezza del metodo di esposizione dei suoi autori:
! Mancano completamente gli esperti competenti: nessuno degli intervistati sostenitori di
ipotesi cospirazioniste è esperto nelle materie di cui parla.
! Le teorie esposte sono in gran parte le stesse già viste in altri video e da tempo smentite,
spesso addirittura dagli stessi complottisti.
! Molti spezzoni sono copiati da altri video complottisti, ripetendone anche gli errori.
! Alcune immagini sono state truccate accelerandole per renderle impossibili o rimontate in
modo ingannevole.
! Gli autori si sono inventati le difese antiaereo del Pentagono, ricorrendo ad un'animazione
che sembra presa di peso dai cartoni animati giapponesi.
! Sono stati omessi tutti i testimoni che confermano l'impatto del Volo 77 al Pentagono.
! Non c'è alcun riferimento al Volo 93 caduto in Pennsylvania.
! L'intera questione dell'Edificio 7 del World Trade Center, dichiarata da Giulietto Chiesa più
volte come una delle principali prove, è liquidata in pochi secondi come se fosse irrilevante.
! Dario Fo si fa beffe dei passeggeri morti a bordo degli aerei e degli ingegneri del World Tra-
de Center, uno dei quali è perito nel crollo delle Torri Gemelle.
! Il foro al Pentagono è dichiarato largo "cinque metri", eppure il video stesso mostra, per po-
chi fotogrammi, una delle immagini che presentano lo squarcio intero: quello largo 35 me-
tri.
! Il video presenta ricostruzioni degli eventi che si contraddicono a vicenda e chiede allo
spettatore di trattarle tutte come verità. Ma se si contraddicono, non possono essere tutte
vere.
! La stragrande maggioranza delle persone intervistate non è testimone diretto degli eventi
che descrive, ma riferisce cose dette da altri. Una scelta curiosa, per un'inchiesta che asseri-
sce di voler "ripartire da zero". Gli unici testimoni diretti in tutto il video sono Brian Clark,
Louie Cacchioli e William Rodriguez.

La Sindrome del Cospiratore Pasticcione


Uno dei segni classici di una teoria cospirazionista (su qualunque tema, dallo sbarco sulla Luna al-
l'omicidio Kennedy passando per la morte di Elvis Presley) è che chi la sostiene asserisce di avere
non una, non due, ma centinaia di "prove" della propria teoria. Prove lampanti, lasciate sbadata-
mente dagli organizzatori della cospirazione, e che solo il complottista ha l'acume e il coraggio di
notare, mentre tutti gli esperti di settore tacciono colpevolmente e sono quindi anch'essi parte
della cospirazione.
22/331 – Zerobubbole

L'aver lasciato tutte queste prove fa dell'organizzatore dell'azione top secret un vero Clouseau del
complotto: e chi sostiene l'esistenza di queste "prove" si trova ad affermare che gli organizzatori
della cospirazione sono al tempo stesso abilissimi geni del crimine, capaci di costruire una cospira-
zione complicatissima ed assicurarsi la perfetta, assoluta, ermetica omertà di tutti i complici, e pa-
sticcioni che sbagliano aspetti fondamentali del loro piano, lasciando così tracce vistose della pro-
pria opera.
Le teorie presentate da Zero seguono questo copione. Per esempio, secondo queste teorie, gli or-
ganizzatori del complotto avrebbero creato una complicatissima messinscena, minando di nasco-
sto, piano per piano, due torri di centodieci piani e un grattacielo di quarantasette piani, creando
identità false per i dirottatori, sostituendo un aereo di linea con un missile o un aereo militare, sba-
razzandosi dei passeggeri, truccando i tracciati radar e zittendo i controllori di volo, ma:
! avrebbero lasciato che le persone da loro identificate come i dirottatori morti negli attenta-
ti ricomparissero disinvoltamente vive poco dopo;
! per far credere che un aereo largo 38 metri ha colpito il Pentagono, avrebbero praticato
nell'edificio un foro di cinque metri usando qualcos'altro, sperando che nessuno se ne ac-
corgesse;
! avrebbero inventato, per i dirottatori, una falsa identità che li dipinge come veri cialtroni
dell'aria, invece di crearne una più plausibile nella quale sono piloti provetti;
! avrebbero fatto compiere agli aerei di linea dirottati manovre impossibili per degli aerei di
quella stazza, sperando che nessun pilota si accorgesse della cosa;
! avrebbero usato due aerei di linea al World Trade Center, un aereo di linea in Pennsylvania,
ma al Pentagono, tanto per cambiare un po', avrebbero usato un missile o un caccia, spe-
rando ovviamente che nessuno passasse di lì con una fotocamera o una telecamera e si ac-
corgesse della leggera differenza di forma e dimensioni che passa fra un missile, un aereo
di linea e un caccia.

Gli strani esperti di Zero


Nonostante gli autori di Zero dicano di aver coinvolto "un gran numero di specialisti di provata com-
petenza nei diversi campi dell'indagine",1 fra coloro che fanno affermazioni cospirazionisticamente si-
gnificative in Zero vi sono:
! un ex militare che crede agli UFO, alla chiaroveggenza e di poter camminare attraverso i
muri con la forza del pensiero (Albert Stubblebine)2
! una signora che comunica con l'aldilà via computer (Barbara Honegger)
! un attore e autore premio Nobel, ma per la letteratura (Dario Fo)
! un professore di fisica che spaccia un blocco di cemento per "metallo fuso"3 e afferma di
avere le prove concrete di un tour di Gesù negli USA dopo la Resurrezione (Steven Jones)4
! un consulente per la potabilizzazione dell'acqua, che però parla di test antincendio e me-
tallurgia ed è spacciato per "ex manager" di un ente assai più prestigioso (Kevin Ryan)
! un fisico dell'INFN, che però parla di ingegneria strutturale (Paolo Marini)

1 http://www.megachip.info/modules.php?artid=1927&name=Sections&op=viewarticle.
2 The Men Who Stare at Goats, Jon Ronson, Channel 4 (2004); http://www.stubblebinefamily.com/content/gen_albert.html;
http://undicisettembre.blogspot.com/2008/07/albert-stubblebine-lesperto-militare-di.html.
3 http://undicisettembre.blogspot.com/2006/09/le-chicche-di-steven-jones.html.
4 Nel documento "Behold my Hands: Evidence for Christ's Visit in Ancient America".
Zerobubbole – 23/331

! un teologo, autore di libri che sostengono l'esistenza dei fenomeni paranormali (David Ray
Griffin)5
! un ex pilota di piccoli aerei, ora autore di libri mistici e ospite di programmi TV sui fenome-
ni extraterrestri (Nela Sagadevan)6
! un ex pilota di intercettori USA che è indeciso se gli alieni hanno o non hanno fornito tec-
nologia al Pentagono (Robert Bowman)
! una ex spogliarellista (Amanda Keller)
! un ex collaboratore ripudiato di Bertrand Russell,7 autore del libro "The Hidden History of
Zionism" ("La storia nascosta del sionismo")8 e sostenitore della teoria che l'uragano Katrina
è stato fabbricato per "ridurre la concentrazione dei centri abitati" (Ralph Schoenman)9
! un ricercatore di storia medievale (Marina Montesano)
! una persona che sostiene che l'attacco statunitense alla Serbia nel 1999 fu ordinato da Al
Gore (non da Clinton) per far colpo sul Principe Carlo (Webster Tarpley)10
! un ex prestigiatore e custode del WTC (William Rodriguez)
! un autoproclamato esperto in “controllo del pensiero individuale e collettivo”, che collega il
suicidio di massa dei seguaci del Tempio del Popolo in Guyana all'omicidio di Martin Luther
King, crede che entrambi gli eventi siano stati un'operazione di oscuri agenti della CIA e dei
militari, e sostiene di aver scoperto collegamenti con l'omicidio Kennedy che puntano ai re-
sponsabili dell'omicidio del leader musulmano di colore Malcolm X (John Judge)11
C'è di più: nella prima versione di Zero, quella presentata a Roma a ottobre 2007, fra gli "esperti"
c'era addirittura un ex agente dell'MI5 che dichiara di essere il Messia 12 (David Shayler). Nella ver-
sione in DVD discussa qui, Shayler è stato rimosso e sostituito da Giulietto Chiesa.
Mancano invece dichiarazioni favorevoli alle tesi cospirazioniste da parte di ingegneri strutturisti,
tecnici del controllo del traffico aereo, analisti di dati di volo, chimici, medici legali esperti in analisi
del DNA, consulenti in demolizione tramite esplosivi ed esperti in altre materie attinenti alla tema-
tica dell'11/9. Le poche persone competenti intervistate da Zero (l'esperto di metallurgia Paolo Ma-
rini, il pompiere Louie Cacchioli, i militari italiani Giuseppe Guardabassi e Morris Ghiadoni), infatti,
non dicono nulla di significativo in questo senso.
A prescindere dalle specifiche dichiarazioni fatte in Zero, l'assenza di sostegno da parte di veri
esperti pone un forte dubbio di base sulla solidità delle teorie presentate da Chiesa e Fracassi in
questo video.

5 Nel suo libro Parapsychology, Philosophy, and Spirituality: A Postmodern Exploration, SUNY Press, 1997.
6 Nel suo libro Warpaint of the Gods (http://www.warpaintofthegods.com/).
7 Russell Disavows American Ex_Aide, New York Times, 10 dicembre 1969: "Bertrand Russell issued a statement here tonight
repudiating any connection with his former secretary, Ralph Schoenman, or knowledge of his activities"; Private Memorandum
Concerning Ralph Schoenman, di Bertrand Russell, pubblicato in The Life of Bertrand Russell, di Ronald W. Clark, Alfred A. Knopf,
New York, 1976, pag. 640–651, e disponibile anche presso
http://karws.gso.uri.edu/JFK/the_critics/Russell/Private_memorandum_of_Russell.html: "...he was playing fast and loose with
funds obtained on the ground that they were to be used for my work for peace... I have found it necessary to prepare a public
statement of repudiation, since I must, if possible, dissociate myself and my wife from all Ralph’s actions in the minds of all men who
will listen...Ralph must be well established in megalomania".
8 Consultabile anche via Internet presso il sito dell'autore (http://takingaimradio.com/hhz/index.htm).
9 9/11 Conspiracy Theorists Gather in N.Y., di Ellen Barry, Los Angeles Times, 10 settembre 2006, consultabile presso
http://fairuse.100webcustomers.com/fairenough/latimes408.html: "There was radio host and activist Ralph Schoenman, who,
during the course of a dizzying two-hour speech Friday, said that "not only was Mohamed Atta monitored by Mossad and the CIA,
but he was being run by German intelligence," and that Hurricane Katrina "had been on the drawing board for years" as a way to
"de-concentrate population" in inner cities".
10 http://paulstott.typepad.com/911cultwatch/2007/11/webster-griff-1.html#more: "Whilst most people associate the 1999 US attack
on Serbia with Bill Clinton, to WTG this was ordered by Al Gore, to impress Prince Charles!" Londra, novembre 2007.
11 Panoptikum des Absurden, di Dominik Cziesche, Jürgen Dahlkamp, Ulrich Fichtner, Ulrich Jaeger, Gunther Latsch, Gisela Leske,
Max F. Ruppert, in Der Spiegel, settembre 2003 (http://wissen.spiegel.de/wissen/dokument/dokument.html?id=28530325).
12 http://www.dailymail.co.uk/pages/live/articles/news/news.html?in_article_id=474364&in_page_id=1770.
24/331 – Zerobubbole

Mancanza di documentazione
Un altro aspetto fondamentale e altamente criticabile di Zero dal punto di vista metodologico è il
fatto che il video non fornisce fonti per le proprie affermazioni, neanche quando potrebbe farlo
con estrema facilità, per esempio tramite i sottotitoli.
Zero è sostanzialmente una serie di interviste a persone di dubbia serietà e di nessuna competen-
za tecnica che riferiscono, a modo loro, quello che altri avrebbero detto, scritto o fatto. E questo av-
viene anche quando le fonti originali sarebbero facilmente presentabili, per esempio perché si trat-
ta di citazioni di articoli e libri. Perché Zero ricorre ai sunti fatti da altri, invece di mostrare le fonti
dirette e dare allo spettatore la libertà di accedervi per valutarle senza l'interposizione di filtri?

Due pesi, due misure


La critica principale a Zero è la sua disparità di trattamento. Alla "versione ufficiale" chiede di docu-
mentare ogni singola affermazione, ogni singola prova, ogni più piccolo particolare; ai sostenitori
delle teorie alternative non chiede di documentare nulla. Allo spettatore deve bastare la loro paro-
la. Trionfa il principio d'autorità, più consono ai regimi autoritari che a un'indagine giornalistica.
Ed è particolarmente ironico che l'appello all'autorità, il comando di credere senza prove, provenga
proprio da chi asserisce che non bisogna credere a chi non fornisce prove.

Errore sistematico
Sottolineare ogni errore dei complottisti può sembrare una forma di accanimento, ma è necessario
per dimostrare due concetti importanti nell'analisi del cospirazionismo di qualsiasi genere.
Infatti si può essere tentati di perdonare gli errori minori dei complottisti, perché capita a tut-
ti di sbagliare. Ma non capita a tutti di sbagliare sistematicamente a favore delle proprie tesi.
Come potrete osservare in quest'analisi di Zero e in quelle di altri libri e video che presentano ipo-
tesi alternative su vari temi, dallo sbarco sulla Luna all'omicidio Kennedy, ogni volta che i complot-
tisti citano un dato che risulta poi essere errato se lo si controlla, non sbagliano mai nel senso che
danneggerebbe la loro teoria di complotto prediletta.
Quando gli errori seguono questa tendenza sbilanciata, non si possono più attribuire a semplici in-
ciampi, ma è chiaro che c'è all'opera una distorsione metodologica di base oppure, nel peggiore
dei casi, la malafede. In ogni caso, l'attenuante dell'errore di distrazione non è invocabile.
Non solo: i complottisti non ammettono e non correggono quasi mai i propri errori, special-
mente se sono vantaggiosi, mentre il metodo scientifico d'indagine fa tesoro dei propri sbagli,
non li nasconde e ritiene indispensabile la loro correzione nell'ambito di un processo che porta
progressivamente, per selezione darwiniana, alla ricostruzione più coerente e corretta degli eventi.
Queste, al di là dei dettagli nei quali è facile perdersi, sono le principali caratteristiche che distin-
guono un'indagine rigorosa da un approccio preconcetto, nel quale si è già deciso chi è il colpevo-
le e si ritagliano i dati per farli calzare al verdetto predefinito.
Zerobubbole – 25/331

Analisi critica di Zero


26/331 – Zerobubbole

Questa pagina è intenzionalmente vuota.


Zerobubbole – 27/331

Pre-sigla

Prima che inizino i titoli, Zero presenta la telefonata di una persona condannata a morire nel rogo
delle Torri Gemelle, facendola riascoltare fino al momento della morte. O almeno così sembra: ma
un esame dei fatti rivela che la telefonata è stata manipolata.
Il risultato di questa scelta è un clima emotivamente devastante, che coinvolge visceralmente lo
spettatore e gli rende difficile ragionare sulle affermazioni successive riguardanti Osama bin Laden,
prima dei titoli, e su quanto verrà detto in seguito nel resto del video.
28/331 – Zerobubbole

Questa pagina è intenzionalmente vuota.


Zerobubbole – 29/331

1. La telefonata di una vittima al WTC


interrotta dal crollo
Il video inizia presentando, su schermo nero, dei sottotitoli che traducono l'audio di due voci fem-
minili al telefono. Dal contesto si deduce che una delle voci appartiene a una persona intrappolata
nelle Torri Gemelle e l'altra a una centralinista dei servizi d'emergenza.
Questa è la trascrizione dei sottotitoli: le evidenziazioni in grassetto sono aggiunte.

VITTIMA: Sono all'83esimo piano!... riuscite a mandare qualcuno quassù?

CENTRALINISTA: Arriviamo da voi.

VITTIMA: Qui non c'è ancora nessuno, e tutto il piano è invaso dalle fiamme. Siamo qui, e
non riusciamo a respirare... fa molto, molto, molto caldo

Questa descrizione delle terribili condizioni ai piani in fiamme delle Torri Gemelle è molto impor-
tante per quello che affermerà in seguito Zero.

CENTRALINISTA: Okay!

VITTIMA: Vedo solo fumo! Morirò... morirò, vero?

CENTRALINISTA: No no no...

VITTIMA: Sì, morirò...

CENTRALINISTA: Signora, tenga duro, chiederò a qualcuno...

In originale, come si può sentire dall'audio di Zero, la centralinista non dice affatto "tenga duro,
chiederò a qualcuno". Dice "Say your prayers", ossia "Reciti le sue preghiere".
Perché Zero si prende queste libertà gratuite con la traduzione?

VITTIMA: Morirò...

CENTRALINISTA: No, pensi positivo... deve aiutare gli altri ad andare via di lì.

VITTIMA: Fa caldisssimo [sic], sto bruciando! Ehi? Aiuto!

Figura 2. Il refuso nei sottotitoli di Zero.

CENTRALINISTA: Pronto, Signora?


30/331 – Zerobubbole

VITTIMA: Aiuto!

Il rumore di un'esplosione interrompe la registrazione.

Zero non lo specifica, ma la vittima è Melissa Doi1 (Figura 3), intrappolata all'83° piano della Torre
Sud, dove lavorava per la IQ Financial Systems, Suite 8300. Aveva 32 anni. La registrazione proviene
dagli atti del processo Moussaoui.2

Shock emotivo
Lasciando da parte per un momento la commozione che suscita que-
sta atroce rappresentazione della morte in diretta, occorre porsi una
domanda: cosa c'entra questa testimonianza con l'intento di Zero,
che è dimostrare la presunta falsità della versione comunemente accet-
tata degli eventi?
Non c'entra nulla. L'unica spiegazione plausibile per l'uso di questo
spezzone è l'intento strumentale: creare appunto un clima emotiva-
mente scioccante, per coinvolgere lo spettatore e rendergli difficile ra- Figura 3. Melissa Doi,
gionare su quanto gli verrà suggerito in seguito. vittima degli attentati al
World Trade Center.

Rimontaggio ingannevole
Se non ci facciamo distrarre dalla commozione e andiamo a cercare informazioni, scopriamo che la
telefonata è stata rimontata in modo ingannevole per aumentarne l'impatto emotivo.
La telefonata originale non è affatto interrotta drammaticamente dal crollo dell'edificio, come
invece fa sembrare Zero, ma anzi prosegue per circa 20 minuti. Le grida di aiuto di Melissa Doi, che
in Zero sembrano pronunciate mentre la Torre Sud si distrugge, sono invece rivolte ai pompieri che
le sembra di aver sentito: infatti in Zero è stata tagliata la parte in cui la Doi dice "Wait! Wait! We
hear voices! HELLO! HELP! HEEEELP!" ("Aspettate! Aspettate! Sentiamo delle voci! EHI! AIUTO! AIUTOO!").
Inoltre Melissa Doi, secondo un elenco delle vittime,3 riuscì a scendere per 40 piani, fino al 44°, dal
quale avrebbe chiamato sua madre con un cellulare, ma risulta perita nel crollo della torre.
Un quadro ben diverso dalla morte in diretta presentata crudamente da Zero, e un inizio davvero
esemplare per un video che pretende di dimostrare la falsità della versione ufficiale.

Copiatura da altri video


Questo rimontaggio della telefonata è il primo esempio della serie di pedisseque copiature di altri
video complottisti che incontreremo in Zero: infatti la medesima telefonata era già stata utilizzata
dal video Inganno Globale del regista Massimo Mazzucco, intorno al minuto 53.

1 http://news.bbc.co.uk/2/hi/americas/5259224.stm.
2 Audio disponibile presso http://llnwstatic.viacomlocalnetworks.com/wcbs/docs/911a/01_Moussaoui_Trial_Calls.mp3;
trascrizione disponibile presso http://www.answers.com/topic/9-11-dispatcher-transcript.
3 http://worldtradeaftermath.com/wta/okay/melissa_doi.asp.
Zerobubbole – 31/331

Manipolazione sonora
Dopo le parole rimontate ad arte di Melissa Doi, Zero offre subito un altro esempio di trucco di
montaggio. Il rumore che (in Zero) interrompe la telefonata è quello di un'esplosione, non di un crol-
lo. Un espediente che suggerisce in modo subliminale una delle tesi cospirazioniste che verrà pre-
sentata in seguito: la distruzione delle Torri Gemelle tramite esplosivi.

Melissa Doi dice che scotta tutto, ma Zero dirà che gli incendi erano modesti
La drammatica testimonianza di Melissa Doi stride con le successive affermazioni di Zero, secondo
le quali le temperature degli incendi non erano affatto elevate e gli incendi erano modesti. Eppure
qui ci viene presentata la terribile testimonianza di una donna che grida che si sente bruciare: "fa
molto, molto, molto caldo". E poi: "Fa caldissimo, sto bruciando".
Non solo: ascoltando la parte tagliata da Zero, si scopre inoltre che la Doi dice che non vede fiam-
me, eppure il pavimento scotta dappertutto ("It's very hot everywhere on the floor").
Riflettiamo un attimo. Ogni solaio del World Trade Center era una struttura di travi e lamiera d'ac-
ciaio, sulla quale vi era una gettata di 10 cm di calcestruzzo. Ci vuole un incendio non trascurabile
per far scottare un pavimento del genere due piani più in alto rispetto al centro dell'impatto, avvenu-
to all'81° piano.4
Inoltre la telefonata della Doi inizia alle 9:17, ossia 14 minuti dopo l'impatto, 5 e prosegue appunto
per 20 minuti, nei quali la donna descrive fumo ovunque e calore intensissimo. Dunque non si può
neppure argomentare che l'incendio si è esaurito rapidamente.
Eppure Zero sosterrà, nonostante le grida di Melissa Doi, che gli incendi avevano "temperature non
certo elevatissime" ed erano "a corto di ossigeno".
E' soltanto la prima delle tante contraddizioni che compaiono in questo video.

4 L'83° piano, dove si trovava la Doi, fu colpito dalla parte esterna dell'ala destra, priva di carburante e di scarso potere
penetrante.
5 http://www.nysun.com/article/38055.
32/331 – Zerobubbole

Questa pagina è intenzionalmente vuota.


Zerobubbole – 33/331

2. Osama bin Laden non è ricercato dall'FBI


per l'11/9, quindi l'FBI lo ritiene innocente
Dopo aver inflitto allo spettatore lo shock fasullo dell'apparente morte in diretta di Melissa Doi,
Zero passa alla prima delle tante teorie cospirazioniste che verranno presentate nell'arco del video.

Una sequenza di immagini, tratte da giornali e telegiornali, mostra Osama bin Laden e
gli attentati. Varie voci inglesi e italiane di cronisti si accavallano e parlano di bin Laden
e di al-Qaeda.

George W. Bush dice in inglese che vuole "giustizia" e cita i poster "Wanted" del Far
West.

Parla Nafeez Mosaddeq Ahmed, "Docente di relazioni internazionali – Università del Sussex".6

Nafeez Mosaddeq Ahmed dice che sul sito Web dell'FBI Osama bin Laden non è
indicato come ricercato per gli attacchi del'11 settembre, ma solo per altri attacchi.

Ahmed afferma inoltre che "diversi giornalisti" hanno contattato telefonicamente l'FBI
chiedendo chiarimenti, e la risposta ricevuta è stata "non abbiamo nessuna prova".

Testimonianze di terza mano, assenza di fonti


Si noti innanzi tutto un altro espediente ricorrente in tutto il video: l'uso della testimonianza indi-
retta (o, nel gergo, testimonianza de relato). Zero presenta Nafeez Mossadeq Ahmed, che racconta
quello che hanno raccontato degli imprecisati giornalisti, che a loro volta raccontano quello che ha
detto loro qualcuno all'FBI.
Con pochissime eccezioni, Zero non intervista i testimoni diretti, ma mostra persone che riferi-
scono quello che avrebbero detto questi testimoni. Come mai? Dove sono i testimoni originali?
In questo caso specifico, dove sono i "vari giornalisti" di cui si raccontano le parole?
Se lo scopo di Zero è arrivare all'apertura di una nuova commissione d'inchiesta, non ha molto sen-
so presentare prove "per sentito dire" come queste, il cui valore giuridico è scarsissimo o nullo. Se
fossero i debunker a presentare come prova le parole di una persona che racconta quello che a sua
volta le è stato raccontato da qualcun altro, come la prenderebbero i complottisti? Appunto.
Se non fosse che stiamo parlando di una tragedia con migliaia di morti, la tecnica giornalistica di
Zero potrebbe essere paragonata a quella di Mio Cuggino di Elio e le Storie Tese.7

Chi ha parlato con l'FBI?


Grazie a questo espediente della testimonianza indiretta, nel video non ci viene detto nulla su que-
sti fantomatici giornalisti. Non ci viene detto neppure chi, presso l'FBI, avrebbe risposto in questo
modo, né quali sono state le sue esatte parole. Eppure sarebbe stato sufficiente un sottotitolo di
pochi secondi. Invece allo spettatore viene fornito soltanto un sunto di terza mano, senza nomi.
6 http://en.wikipedia.org/wiki/Nafeez_Mosaddeq_Ahmed.
7 http://www.elioelestorietese.it/?page=disco/brano&id_brano=186.
34/331 – Zerobubbole

Solo chi conosce già in dettaglio le vicende dell'11 settembre può dedurre che Ahmed si riferisce
all'intervista telefonica del 5 giugno 2006 di Ed Haas, del Muckraker Report, con il portavoce Rex
Tomb dell'FBI.8 Questa deduzione è stata confermata da una lettera pubblica di Giulietto Chiesa
del 13 ottobre 2008.9 In quell'intervista, però, Tomb chiarisce anche che l'assenza di bin Laden nella
lista non è affatto misteriosa o scagionante: è solo una questione procedurale.10 Come mai Zero na-
sconde questa precisazione che smonta in partenza il mistero?

Cospiratori pasticcioni
Zero, come vedremo, insinua che le autorità americane si sono fatte da sole gli attentati usando
tecnologie sofisticatissime e hanno gettato la colpa su bin Laden. Ma al tempo stesso vuole farci
credere che all'FBI (che presumibilmente fa parte della Grande Cospirazione) sono così idioti da di-
menticarsi di indicare bin Laden tra i ricercati, lasciando una falla nella versione ufficiale che per-
mette di scoprire il complotto ultrasegreto.
Qui esordisce in Zero un'altra fallacia classica del cospirazionismo, che ricorrerà spesso nel seguito
del video di Chiesa e Fracassi: la Sindrome del Cospiratore Pasticcione. I complottisti, infatti, sosten-
gono che i cospiratori sono così incredibilmente sofisticati e organizzati da perpetrare sparizioni di
aerei e passeggeri, demolire grattacieli di nascosto, falsificare con perfetta coerenza montagne di
documenti, corrompere al silenzio tutti i testimoni, senza neppure una gola profonda... eppure la-
sciano, nei propri complicatissimi piani, delle lacune incredibilmente grossolane come questa, sco-
pribili dal primo dilettante che passa. Ha senso?

La teoria cospirazionista scagiona l'FBI


Portiamo alla loro logica conclusione le affermazioni di Zero:
! Se davvero l'FBI dice di non avere prove contro bin Laden e quindi bin Laden non c'entra
con l'11/9 benché Bush, Cheney e i loro seguaci strillino il contrario, allora l'FBI è onesta.
! Ma se l'FBI è onesta, non fa parte della cospirazione, e allora possiamo fidarci delle sue altre
dichiarazioni.
! Le altre dichiarazioni dell'FBI, che vedremo tra poco, smentiscono inesorabilmente le teorie
complottiste.
Si rivela così la fondamentale incoerenza dei sostenitori delle teorie alternative, pronti ad abbrac-
ciare persino gli enti governativi (proprio quelli che essi accusano di aver ordito la messinscena)
quando dicono qualcosa che fa comodo alle tesi cospirazioniste, ma altrettanto pronti a ripudiare
quegli enti quando mettono in chiaro che le teorie di complotto sono stupidaggini. Basterebbe
quest'atteggiamento, messo in luce da episodi come questo, per mettere fine alle pretese di serie-
tà del cospirazionismo undicisettembrino.

8 http://www.teamliberty.net/id267.html.
9 "Risposta alla bubbola numero 1 - Risposta al Sig. Claudio Baccianti", Megachip.info
(http://www.megachip.info/modules.php?name=Sections&op=viewarticle&artid=8066). Si noti che nello scritto di Giulietto
Chiesa è errata l'attribuzione dell'intervista a Paul V. Sheridan: non fu Sheridan a condurre l'intervista, ma Ed Haas. Sheridan si
limitò a pubblicare un e-mail nel quale si chiedeva come mai Osama bin Laden non fosse fra i ricercati dell'FBI per l'11/9.
10 http://www.teamliberty.net/id267.html: "The reason why 9/11 is not mentioned on Usama Bin Laden’s Most Wanted page is
because the FBI has no hard evidence connecting Bin Laden to 9/11.... The FBI gathers evidence. Once evidence is gathered, it is
turned over to the Department of Justice. The Department of Justice than decides whether it has enough evidence to present to a
federal grand jury. In the case of the 1998 United States Embassies being bombed, Bin Laden has been formally indicted and charged
by a grand jury. He has not been formally indicted and charged in connection with 9/11 because the FBI has no hard evidence
connected Bin Laden to 9/11."
Zerobubbole – 35/331

I veri motivi dell'assenza di bin Laden fra i ricercati dell'FBI per l'11/9
Esaminiamo ora le questioni di fatto. In realtà ci sono diverse ragioni per cui l'FBI non ha formal-
mente inserito bin Laden nell'elenco dei ricercati per l'11 settembre.
! Azione di guerra, quindi l'FBI è fuori. Gli attacchi dell'11 settembre 2001 sono stati consi-
derati azione di guerra, al punto da provocare l'attivazione, per la prima volta nella storia,
del patto di difesa atlantico (NATO). Prova ne è che non solo bin Laden, ma nessun altro
terrorista di quella lista è ricercato dall'FBI per i fatti dell'11 settembre. Ulteriore prova è
la semplice constatazione che gli organizzatori degli attacchi arrestati ed estradati in USA, a
partire da Khalid Sheikh Mohammed, sono sottoposti a processo militare presso la base di
Guantanamo. La cattura o l'eliminazione di Osama bin Laden è quindi di competenza mili-
tare, né potrebbe essere diversamente, visto che l'FBI è un organo di polizia e pertanto non
può prevedere l'opzione dell'"eliminazione" e non può essere coinvolta in questioni militari.
! Bin Laden è elencato altrove. Bin Laden è stato inserito in un altro sito web dedicato alla
ricerca dei terroristi, il sito Rewards For Justice,11 nel quale, accanto a una taglia di ben 25 mi-
lioni di dollari, è precisato che "Usama bin Ladin is wanted in connection with the September
11, 2001 attacks" (Figura 4): è ricercato in relazione agli attacchi dell'11 settembre. Rewards
For Justice è un programma gestito direttamente dal Dipartimento di Stato americano.12

Figura 4. La taglia del Dipartimento di Stato su Osama bin Laden, dal sito
Rewards For Justice.

! Questione procedurale dell'FBI. Rex Tomb, portavoce dell'FBI, ha spiegato al Washington


Post13 che l'assenza di bin Laden rispecchia semplicemente la prassi governativa, in atto
da tempo, di basarsi solo su imputazioni formali, che per ora non sono state formulate. L'ex
procuratore federale David N. Kelley, intervistato sempre dal Post, ha dichiarato di non esse-
re affatto sorpreso della situazione, dovuta a restrizioni legali e all'obbligo del giusto pro-
11 http://www.rewardsforjustice.net/index.cfm?page=Bin_Laden&language=english; in italiano,
http://www.rewardsforjustice.net/index.cfm?page=Bin_Laden&language=italian.
12 http://undicisettembre.blogspot.com/2007/09/most-wanted-la-lista-dei-ricercati.html.
13 http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/content/article/2006/08/27/AR2006082700687.html.
36/331 – Zerobubbole

cesso per qualsiasi accusato: "Può sembrare un po' strano, visto da fuori, ma dal punto di vista
legale ha senso. [...] Se fossi parte del governo, sarei perplesso se mi chiedessero di mettere un
cartello "Wanted" quando non sono state depositate accuse formali, chiunque sia l'accusato".14
Oltretutto, la pagina dei Most Wanted dell'FBI è la prima a dire che "potranno essere asse-
gnate nuove incriminazioni man mano che procedono le varie indagini relative ad altri eventi
terroristici, come per esempio gli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001".15 Non sembra pro-
prio che l'FBI voglia negare il ruolo di bin Laden: è semplicemente in attesa dell'atto formale
che lo consenta.
Ma come mai non si procede a quest'atto formale di incriminazione? Negli Stati Uniti, questo
richiede che le prove vengano presentate in tribunale, e nel caso di bin Laden tali prove include-
rebbero fonti di intelligence e prigionieri di al-Qaeda: lo stesso problema si è posto per il processo
Moussaoui. Rendere note queste fonti le comprometterebbe e forse i tempi non sono ancora ma-
turi per farlo.
Del resto, l'FBI afferma che le accuse precedenti già bastano per arrestare e condurre in tribunale
bin Laden e gli altri terroristi citati nella pagina contestata,16 per cui non c'è ragione di compromet-
tere queste fonti estremamente delicate.

L'FBI dichiara senza esitazioni: "bin Laden fu responsabile dell'attacco"


Zero sembra voler insinuare che l'FBI non crede alla colpevolezza di Osama bin Laden per l'11 set-
tembre, ma non è così: anzi, l'FBI ha ribadito a chiarissime lettere che lo ritiene colpevole e che chi
la pensa diversamente è un complottista, come ha dichiarato il portavoce Richard Kolko in occasio-
ne della diffusione di un video di rivendicazione da parte di bin Laden, a novembre del 2007:
"Come l'FBI ha detto sin dall'11 settembre, bin Laden fu responsabile dell'attacco... in quest'ultimo nastro
ha riconosciuto ancora una volta la propria responsabilità. Questo dovrebbe aiutare a chiarire, per tutti i
complottisti, ancora una volta, che l'attacco dell'11 settembre fu condotto da bin Laden e al-Qaeda."17

Anche la giustizia spagnola non ha dubbi


E c'è di più: chiunque sostenga che l'FBI non ha messo bin Laden fra i ricercati per l'11 settembre
perché non ha prove del suo coinvolgimento deve fare i conti con i tribunali spagnoli. Nel 2003, il
giudice istruttore Baltasar Garzon ha emesso un atto di incriminazione contro Osama bin Laden,
Ramzi Binalshibh e altri per il suo coinvolgimento negli attacchi dell'11 settembre.18 Sembra abba-
stanza ridicolo sostenere che anche i giudici spagnoli sono complici della Grande Cospirazione per
incastrare bin Laden.
L'affermazione di Zero è quindi non solo illogica, ma anche inveritiera, ed ha l'unico fine di insinua-
re nello spettatore dubbi del tutto infondati, secondo un copione tipico di tutti i video e libri com-
plottisti.
14 "It might seem a little strange from the outside, but it makes sense from a legal point of view," said Kelley, now in private practice. "If I
were in government, I'd be troubled if I were asked to put up a wanted picture where no formal charges had been filed, no matter
who it was."
15 "Future indictments may be handed down as various investigations proceed in connection to other terrorist incidents, for example,
the terrorist attacks on September 11, 2001."
16 "The indictments currently listed on the posters allow them to be arrested and brought to justice"
(http://www.fbi.gov/wanted/terrorists/fugitives.htm).
17 "As the FBI has said since 9/11, bin Laden was responsible for the attack,'' Kolko said in a statement. ''In this latest tape, he again
acknowledged his responsibility. This should help to clarify for all the conspiracy theorists, again - the 9/11 attack was done by bin
Laden and al-Qaeda.'' Notizia Associated Press di Maamoun Youssef, 30/11/2007. L'articolo è disponibile solo a pagamento
presso l'Associated Press (http://www.ap.org), ma è citato per esempio presso http://www.gmanews.tv/story/70837/Bin-
Laden-urges-Europeans-to-stop-aiding-US-in-Afghan-war e presso http://www.thedailystar.net/story.php?nid=13785.
18 http://news.bbc.co.uk/2/hi/europe/4472377.stm.
Zerobubbole – 37/331

La frase di Robert Fisk


Citazione su sfondo nero, in italiano:

"Osservando le immagini che giungevano da New York la scorsa settimana, mi sono


chiesto se Bin Laden non fosse stupito quanto me. Ammesso che guardi la televisione. O
che ascolti la radio. O che legga i giornali."

Robert Fisk, "The Independent"

Non viene fornita la fonte precisa che permetta di vedere in che contesto originale era calata que-
sta frase. Peraltro si tratta di una semplice considerazione ipotetica, che non aggiunge e non toglie
nulla ai fatti.

Viene di nuovo riprodotto il rumore di un'esplosione.

Ancora una volta, allo spettatore viene suggerito il concetto di esplosione tramite la colonna sono-
ra. Sembra improbabile che gli autori di Zero non potessero permettersi di acquistare e utilizzare il
rumore di un crollo.

La voce fuori campo di Nafeez Mosaddeq Ahmed dice che "questo è solo l'inizio".
38/331 – Zerobubbole

Questa pagina è intenzionalmente vuota.


Zerobubbole – 39/331

Le Torri Gemelle e l'Edificio 7

Questa parte del video ci propone testimonianze di grandi esplosioni e dichiarazioni dei progettisti
secondo le quali le Torri Gemelle erano in grado di resistere a impatti di grandi aerei di linea.
Lo scopo è indurre lo spettatore a concludere che se le Torri Gemelle erano progettate per resiste-
re e non l'hanno fatto, qualcos'altro ne ha determinato il collasso, e le testimonianze di grosse
esplosioni insinuano l'azione di una demolizione con ordigni detonanti.
In realtà, la prima considerazione da fare è che le Torri Gemelle hanno resistito agli impatti. Decine
di migliaia di persone hanno potuto salvarsi grazie alla resistenza strutturale dei due edifici.
Quello che ne ha causato il collasso è stato il calore provocato dagli incendi incontrollati, innescati
dal carburante ma alimentati dal contenuto degli edifici, che hanno indebolito l'acciaio delle strut-
ture, il cui rivestimento ignifugo era stato significativamente asportato dagli impatti.
Questo meccanismo è stato analizzato a fondo sia dal National Institute of Standards and Techno-
logy (NIST), sia da numerosi altri team ingegneristici indipendenti, anche mediante esperimenti
reali e simulazioni computerizzate.
Le inchieste tecniche hanno accertato che, al di là delle dichiarazioni dei progettisti, nei documenti
progettuali non c'è alcuna indicazione che la struttura fosse stata concepita per resistere alla com-
binazione di eventi verificatasi l'11 settembre, come descritto nel rapporto del NIST.19
Il NIST ha anche sottolineato che in ogni caso, con i sistemi di calcolo disponibili all'epoca in cui fu-
rono costruite le Torri Gemelle, era praticamente impossibile tener conto di tutte le variabili con-
nesse all'impatto di un grande aereo carico di carburante e scagliato alla massima velocità.
La circostanza ricorda da vicino quello che avvenne con il Titanic: anche in quel caso i progettisti
dichiararono che la nave era inaffondabile, ma la realtà fu ben diversa.
Quanto alle esplosioni, esse sono diretta conseguenza dell'evento. Gli aerei hanno impattato le Tor-
ri Gemelle, provocando un boato; il carburante si è nebulizzato ed è esploso, e il suono di questi
boati ed esplosioni si è trasmesso sia lungo la struttura, sia attraverso l'aria, viaggiando a velocità
differenti: nell'acciaio il suono si muove a circa 5100 metri al secondo, mentre nell'aria si muove a
circa 340 metri al secondo. Il suono di uno stesso evento, quindi, può raggiungere un osservatore
in due istanti diversi, restituendo l'impressione che si tratti di due eventi distinti.
Zero cita Frank DeMartini, manager progettuale che riponeva tanta fiducia nelle "sue" Torri, è rima-
sto ucciso nel crollo della Torre Nord. Prima di morire è riuscito a mettere in salvo decine di perso-
ne ed aveva persino comunicato via radio di aver colto i segni premonitori dell'imminente collas-
so.20 Sua moglie Nicole, ispettore strutturista, era con lui quella mattina ed è riuscita a mettersi in
salvo. Né DeMartini prima di morire, né la moglie dopo, hanno mai avanzato il minimo sospetto
che ci fossero cariche esplosive negli edifici.21 Ma questo Zero non lo dice.
Passiamo ora all'esame in dettaglio delle affermazioni di questa parte di Zero.

19 http://wtc.nist.gov/NISTNCSTAR1CollapseofTowers.pdf.
20 "De Martini was heard on a recorded radio transmission advising that the express elevators were in danger of collapse"
(http://archive.columbiatribune.com/2003/Aug/20030829News013.asp).
21 http://archive.columbiatribune.com/2003/Aug/20030829News013.asp.
40/331 – Zerobubbole

Questa pagina è intenzionalmente vuota.


Zerobubbole – 41/331

3. "Esplosioni" nelle Torri Gemelle


Zero prosegue con la presentazione di uno dei pochissimi testi-
moni diretti ed effettivi degli eventi dell'11 settembre che vedre-
mo nel corso del video, Brian Clark (Figura 5).
E' perlomeno curioso che a parte pochissimi casi come questo,
un'inchiesta che si vanta di "ripartire da zero" non vada a prendere
le fonti originali ma presenti invece, per quasi tutta la propria du-
rata, persone che raccontano quello che altri hanno (o avrebbero)
Figura 5. Brian Clark in Zero. detto e visto.

La testimonianza imprecisa di Brian Clark

Brian Clark racconta di essersi trovato al lavoro all'84° piano della Torre Sud (quella
colpita per seconda) e di aver udito un "grande 'bum'" alle 8:46.

Il narratore (il doppiatore Francesco Pannofino) racconta che alle 8:46:40 il secondo
aereo colpì l'altra torre e la squarciò dal 93° al 99° piano.

Per la precisione, la fusoliera dell'aereo impattò all'altezza del 96° piano, dove causò i danni più si-
gnificativi. I piani al di sotto e al di sopra subirono danni meno gravi. Un dettaglio che si rivelerà
non trascurabile.

Immagini degli attentati.

Brian Clark ricorda che vi fu un annuncio dell'"autorità portuale" (la Port Authority of
New York and New Jersey, PANYNJ, responsabile della gestione degli edifici del WTC),
che disse che la torre in cui lui si trovava era al sicuro e non era necessario evacuarla.
Pochi minuti dopo, mentre parlava con un suo collega che aveva iniziato a scendere e
poi era risalito, ci furono "due enormi esplosioni" e l'edificio tremò.

Questa dichiarazione di "due enormi esplosioni" va tenuta a mente, perché andrà confrontata con le
dichiarazioni di William Rodriguez citate più avanti da Zero.

Il narratore spiega che il Volo 175 colpì la Torre Sud alle 9:03:11.

Stranamente, alcune delle immagini di questa parte di Zero sono accelerate rispetto alla realtà. Non
è chiaro se si tratti di un dilettantesco errore di produzione o di un effetto mirato a rendere più
drammatici gli eventi (caso mai non lo fossero già a sufficienza): in ogni caso, è una rappresentazio-
ne scorretta della realtà.

Brian Clark racconta che tutto gli "è esploso" intorno e che in quel momento non
sapeva che l'impatto dell'aereo era avvenuto "sei piani più in basso".

In realtà l'aereo colpì la Torre Sud con la fusoliera all'altezza dell'81° piano, ma per via del proprio
assetto inclinato causò danni dal 78° all'84° piano. Il grosso dei danni si verificò all'81° piano, quindi
ancora più vicino a Clark di quanto lui stesso ricordi: un esempio eloquente del fatto che i testimo-
ni, anche quando sono in perfetta buona fede, sono spesso più imprecisi di quello che si potrebbe
comunemente pensare.
42/331 – Zerobubbole

L'uso improprio del verbo "esplodere"


Va notato, inoltre, l'uso del verbo "esplodere" ("exploded" in originale) da parte di Clark. I complotti-
sti interpretano sistematicamente questa parola come prova di esplosioni in senso stretto (detona-
zioni prodotte da esplosivo).
Da questo e molti altri casi è invece evidente che "exploded", "explosion" e derivati vengono usati
dai testimoni in senso più lato, anche per indicare boati o scoppi di altra natura (dovuti per esem-
pio al cedimento improvviso di parti della struttura). E' quindi scorretto presumere che ogni volta
che qualcuno parla di "explosion" intenda "scoppio prodotto da esplosivi".

Immagini degli attentati.

Brian Clark racconta di aver udito picchiare su un muro e gridare debolmente e di aver
soccorso una persona.

La persona salvata da Clark è Stanley Praimnath. La vicenda è ben nota sia agli inquirenti, sia ai
giornalisti, e non ha nulla di misterioso, come vedremo in seguito.22

22 http://www.crono911.net/ig/Inganno.html#52._Sopravvissuti; http://www.911myths.com/html/no_wtc2_inferno_.html.
Zerobubbole – 43/331

4. Asserita resistenza a impatti multipli

0:06. Dario Fo racconta che le torri riacquistarono "subito il loro assetto strutturale"
perché erano state "concepite proprio con questo intento".

Titolo su sfondo nero (in italiano):

Abbiamo progettato gli edifici per resistere agli impatti di uno o più aerei di linea.

Frank De Martini
Manager della costruzione
del World Trade Center

Zero presenta, come titolo sullo schermo (Figura 6), quella che secondo i suoi autori sarebbe una
citazione di Frank DeMartini, responsabile dell'esecuzione del progetto del WTC, morto negli atten-
tati.

Figura 6. La citazione attribuita a Frank DeMartini.

La citazione è falsa. De Martini non ha mai detto questa frase: non può averlo fatto, perché non
era uno dei progettisti, per cui non poteva dire "abbiamo progettato". Ha in realtà detto una frase
assai diversa, ben nota a chi segue il cospirazionismo perché già citata da altri video:
"L'edificio era stato progettato per sostenere l'impatto di un 707 a pieno carico. Era l'aereo più grande dell'epoca. Cre-
do che la struttura probabilmente potrebbe resistere a più impatti di aerei di linea, perché questa struttura è
come la rete di una zanzariera – questa griglia fitta – e il jet è semplicemente una matita che trapassa la rete. In effet-
ti non fa nulla alla rete."23
La frase proviene dal documentario Twin Towers Meraviglie Perdute di History Channel e specifica-
mente da un'intervista rilasciata da DeMartini il 25 gennaio 2001 (Figura 7).
Si nota subito la manipolazione effettuata dagli autori di Zero: è stato eliminato il contesto, per cui
lo spettatore non esperto non può sapere che la dichiarazione fu fatta prima degli attentati dell'11
settembre, dunque in una situazione decisamente informale, nella quale l'impatto di un aereo di li-
nea era una mera ipotesi.

23 "The building was designed to have a fully loaded 707 crash into it. That was the largest plane at the time. I believe that the building
probably could sustain multiple impacts of jetliners because this structure is like the mosquito netting on your screen door – this
intense grid – and the jet plane is just a pencil puncturing that screen netting. It really does nothing to the screen netting."
44/331 – Zerobubbole

Inoltre sono stati tagliati sia il "Credo che", sia il "probabil-


mente", che chiariscono che si tratta di una semplice con-
gettura personale di DeMartini. Per come la taglia e storpia
Zero, la citazione sembrerebbe invece un fatto scientifico
indiscutibile.

Zero copia da un altro video complottista


Questa citazione è un altro esempio di copiatura da altri vi-
deo cospirazionisti: era già stata scelta e presentata, a sup-
porto delle medesime teorie, dal video Inganno Globale di
Massimo Mazzucco, nel quale compare a 46 minuti circa Figura 7. Frank DeMartini, dal
documentario Twin Towers Meraviglie
dall'inizio. Perdute.
Non è la prima volta che le parole di DeMartini vengono
tagliate e distorte in questo modo: il sito complottista Patriots Question 9/11 addirittura lo cita fra i
sostenitori delle teorie alternative per questa sua frase.24 Un arruolamento decisamente forzato, vi-
sto che è postumo.

Opinione informale spacciata per parere tecnico


Invece di citare dati tecnici, Zero "documenta" la resistenza delle Torri Gemelle usando esclusiva-
mente una singola opinione personale, non supportata da calcoli, espressa oltretutto con formula
dubitativa ("Credo che la struttura probabilmente...") e in un contesto giornalistico e non tecnico.
La natura non formale delle parole di DeMartini è chiara anche dal paragone impreciso che fa: in
realtà la rete di una zanzariera non regge nulla ed è sorretta da un telaio. Le colonne del WTC, in-
vece, reggevano mezzo milione di tonnellate di grattacielo.
Come vedremo tra poco, questo parere personale informale verrà invece presentato da Dario Fo in
Zero come dato tecnico inoppugnabile.
E se DeMartini si fosse semplicemente sbagliato? La tecnologia della simulazione, negli anni
Sessanta in cui furono progettate le Torri Gemelle, era assai primitiva. E la storia è piena di tecnici
troppo fiduciosi nelle proprie strutture: anche il Titanic, come si notava prima, fu dichiarato inaffon-
dabile. E' perlomeno ipotizzabile che DeMartini abbia esagerato le doti della propria creatura, per
rassicurare i giornalisti? Purtroppo non possiamo chiedergli chiarimenti, perché è appunto perito
nel crollo dei suoi edifici.
Presentare questa frase falsa, da sola, senza fornire elementi tecnici più concreti o altre dichiarazio-
ni di esperti, è un classico esempio di inganno ai danni dello spettatore che non conosce in detta-
glio la materia.

Quello che Zero non dice


Possiamo avere un quadro più obiettivo della questione se ci informiamo presso i progettisti del
World Trade Center: cosa che Zero, chissà perché, non ha fatto, ma che è stata fatta per esempio
dalla BBC.

24 http://www.patriotsquestion911.com/engineers.html.
Zerobubbole – 45/331

L'ingegner Leslie Robertson (Figura 8), principale


responsabile della progettazione della struttura
del WTC, ha chiarito in un'intervista alla BBC del
novembre 2001 che le Torri Gemelle furono conce-
pite per sopportare l'impatto di un Boeing 707 in
atterraggio, quindi a velocità ridotta e con poco
carburante, e che non fu possibile prendere in
considerazione l'effetto del carburante.25
In altre parole, una situazione ben diversa da quel-
la delineata informalmente e prima degli attentati
da DeMartini, che parla invece di un Boeing 707 a Figura 8. Leslie Robertson, da un'intervista alla
pieno carico e non fa distinzioni di velocità, un fat- BBC.
tore importantissimo nel determinare l'energia
d'impatto. Ma Zero sceglie, guarda caso, una citazione che fa sembrare le Torri Gemelle più resi-
stenti di quanto fossero in realtà, facendo così sembrare strano che siano crollate.
L'11 settembre 2001, le Torri Gemelle furono colpite da Boeing 767, aerei di peso superiore al 707,
lanciati ad altissima velocità (stimata fra 700 e 950 km/h) e pieni di carburante.
Ecco infatti come Robertson spiega gli eventi nell'intervista alla BBC:
"Avevamo concepito il progetto per tenere conto dell'impatto dell'aereo più grande di quell'epoca, il Boeing
707. Il 767 che colpì il World Trade Center era ben diverso. Innanzi tutto, era un po' più pesante del 707; non
moltissimo, ma un po' più pesante. Ma soprattutto volava molto più veloce. E l'energia che ha introdotto nel-
l'edificio è proporzionale al quadrato della velocità: se raddoppi la velocità, l'energia si quadruplica. [...] E poi
ovviamente, con il 707, per quanto ne so, nel progetto non fu considerato il carico di carburante, e in effetti
non so in che modo sarebbe stato possibile considerarlo. Ma... e con il 767 il carico di carburante era enorme
rispetto a quello del 707, era un aereo completamente, completamente carico di carburante rispetto al 707,
che era un aereo in atterraggio. Eh, semplicemente non c'è paragone fra i due."
Perché Zero non presenta questa dichiarazione, invece di quella di DeMartini? Un progettista del
WTC non conta nulla?

25 http://www.bbc.co.uk/sn/tvradio/programmes/horizon/broadband/archive/leslie_robertson/index.shtml: "We had designed the


project for the impact of the largest airplane of its time, the Boeing 707. The 767 that actually hit the WTC was quite another matter
again. First of all it was a bit heavier than the 707, not very much heavier, but a bit heavier. But mostly it was flying a lot faster. And
the energy that it put into the building is proportional to its square of the velocity, as you double the velocity, four times the energy.
[...] And then of course with the 707 to the best of my knowledge the fuel load was not considered in the design, and indeed I don't
know how it could have been considered. But... and with the 767 the fuel load was enormous compared to that of the 707, it was a
fully, fully fuelled airplane compared to the 707 which was a landing aircraft. Uh, just absolutely no comparison between the two."
46/331 – Zerobubbole

Questa pagina è intenzionalmente vuota.


Zerobubbole – 47/331

5. Steven Jones paragona il WTC a un albero


Abbiamo visto che Zero tralascia di citare l'opinione professionale
di un progettista delle Torri Gemelle, preferendo citare (oltretutto
storpiate) le parole di un morto che non può difendersi dalla ma-
nipolazione delle sue affermazioni.
La scelta poco obiettiva dei pareri prosegue subito dopo, perché
a quanto pare per Zero contano di più le parole di Steven Jones
(Figura 9), che non è un progettista delle Torri, non è un ingegne-
Figura 9. Steven Jones.
re strutturista, ma è semplicemente un professore di fisica presso
la Brigham Young University,26 nello Utah, e quindi non sembra
particolarmente qualificato per dare un parere tecnico sul comportamento strutturale di un edifi-
cio. Le sue competenze sono nel settore della fisica delle particelle, dell'infinitamente piccolo, non
nel campo dei grattacieli, e vedremo in seguito che alcune sue idee sono decisamente bizzarre. Ep-
pure a Jones viene dato, qui e in seguito, ampio spazio per esporre le sue teorie.

0:06. Steven Jones dice che le torri erano simili ad alberi, in cui "le fibre sono
interconnesse tra loro, perciò se tenti di piegarlo, l'albero è in grado di assorbire e
assecondare la tensione."

Il paragone è quanto mai scorretto, perché omette il fatto di certo non trascurabile che molte del-
le "fibre" strutturali delle torri, ossia le colonne, furono tranciate dagli impatti degli aerei. La
struttura delle torri era quindi tutt'altro che integra e non era in grado di assorbire i carichi straor-
dinari che le sarebbero gravati addosso a causa dei cedimenti e indebolimenti indotti dagli incen-
di. Volendo insistere con il paragone arboreo, le Torri Gemelle erano semmai alberi trapassati da
un'accetta scagliata alla velocità di un proiettile.
Inoltre gli alberi sono strutture piene: le Torri Gemelle, invece, avevano un nucleo centrale e un
perimetro che reggevano la struttura, ma il resto era cavo (ovviamente, perché ci dovevano lavora-
re dentro le persone). Il 95% del volume delle Torri era spazio vuoto. Il paragone è quindi del
tutto ridicolo: immaginate di scavare un albero togliendone il 95% del legno e di trapassarlo con
un'accetta e chiedetevi come si comporterebbe.
Perché Zero perde tempo con paragoni fantasiosi e insensati, invece di darci elementi concreti e
scientifici?

26 http://www.byu.edu/.
48/331 – Zerobubbole

Questa pagina è intenzionalmente vuota.


Zerobubbole – 49/331

6. Il crollo improvviso della Torre Sud è prova


di demolizione

0:07. Il narratore segnala che la Torre Sud crollò "improvvisamente" 56 minuti dopo
essere stata colpita.

"Improvvisamente" sembra suggerire che non vi furono segni premonitori dei crolli: questa è una
tesi sostenuta da molti cospirazionisti, secondo i quali questa natura improvvisa del crollo è spie-
gabile soltanto con una demolizione intenzionale.
Ma la tesi è basata su un assunto falso, perché vi furono in realtà molte avvisaglie per entrambe
le torri. Purtroppo, a causa dell'inefficienza delle comunicazioni radio, non furono comunicate a
molti dei soccorritori:27 ben 343 vigili del fuoco perirono nei crolli delle Torri Gemelle. Ecco qualche
esempio di queste avvisaglie.
Torre Sud:
! Alle 9:37, 22 minuti prima del crollo, un civile al 106° piano della Torre Sud chiamò il numero
d'emergenza 911 dicendo che un piano sottostante stava collassando.28
! Gli elicotteristi della polizia di New York avvisarono del crollo imminente della Torre Sud
con circa dieci minuti d'anticipo29 e segnalarono che si stavano staccando "grandi pezzi"
dalla Torre Sud.30
! Le testimonianze dei soccorritori riferiscono che un messaggero trasmise alla postazione di
comando dei vigili del fuoco, in un edificio adiacente denominato World Financial Center 2,
l'allerta secondo il quale un ingegnere riteneva che entrambe le torri stavano assumendo
una condizione che ne avrebbe causato il crollo. Il messaggero stava facendo rapporto
quando crollò la Torre Sud.31
Torre Nord:
! Alle 9:32, ben mezz'ora prima di qualsiasi crollo, il vicecomandante dei vigili del fuoco Jose-
ph Callan diede l'ordine di evacuare la Torre Nord, perché "l'edificio non era più sicuro":
Circa 40 minuti dopo essere arrivato nell'ingresso, ho preso la decisione che l'edificio non era più
sicuro. E questo era sulla base delle condizioni nell'ingresso, grandi pezzi d'intonaco che cadeva-
no, si stavano rompendo tutte le lastre di vetro alte sei metri sull'esterno dell'ingresso. C'era un
evidente movimento dell'edificio e questa è stata la ragione, sulle ricetrasmittenti portatili, per la
quale ho dato l'ordine a tutte le unità del Fire Department di lasciare la Torre Nord.32
27 http://www.fireengineering.com/articles/article_display.html?id=158382.
28 "At 9:37 a.m., a civilian on the 106th floor of the South Tower reported to a 9-1-1 operator that a lower floor—“90-something
floor”—was collapsing." Staff Statement n. 13, pag. 21.
29 http://www.fireengineering.com/articles/article_display.html?id=158382: "... reports from police helicopters predicting the
imminent collapse of the South Tower 10 minutes before it occurred... Police heard the transmission; the fire department did not.".
30 "... at approximately 9:49 a.m., one of the NYPD helicopter units reported over the Special Operations Division radio channel that
"large pieces" were falling from WTC 2". NIST NCSTAR 1-8, pag. 95.
31 "emergency responders reported during their interviews that around the same time period that these radio messages were being
collected and distributed, a runner was sent from OEM to th FDNY Incident Command Post (ICP) to inform them that an engineer
believed the WTC towers were nerign conditions that would cause a collapse. The runner... was in the process of delivering the
message when WTC 2 collapsed." NIST NCSTAR 1-8, pag. 95.
32 "Approximately 40 minutes after I arrived in the lobby, I made a decision that the building was no longer safe. And that was based on
the conditions in the lobby, large pieces of plaster falling, all the 20 foot high glass panels on the exterior of the lobby were breaking.
There was obvious movement of the building, and that was the reason on the handy talky I gave the order for all Fire Department
units to leave the north tower." Trascrizione del rapporto di Joseph Callan, n. 9110195, 2/11/2001. L'orario esatto è riportato nel
Rapporto della Commissione 11/9, capitolo 9, e a pag.-12 nel documento "FINAL REPORT - The Role of the Volunteer Fire Service in
the September 11, 2001 Terrorist Attacks" pubblicato dal National Volunteer Fire Council. Il Rapporto della Commissione 11/9 è
incerto se Callan abbia dato l'ordine a causa dei danni all'edificio o a causa del falso allarme per un inesistente terzo aereo
dirottato verso New York ("At 9:32, a senior chief radioed all units in the North Tower to return to the lobby, either because of a false
report of a third plane approaching or because of his judgment about the deteriorating condition of the building").
50/331 – Zerobubbole

! Gli elicotteri della polizia segnalarono la presenza di sintomi di crollo imminente della Torre
Nord circa 20 minuti prima che avvenisse.33
I crolli non avvennero dunque affatto "improvvisamente", e le teorie di demolizione delle Torri Ge-
melle si scontrano con queste testimonianze di danni e cedimenti, che sono sintomi classici di un
collasso progressivo, dovuto al cedimento della struttura, e non sono compatibili con una demoli-
zione controllata.
Come può dell'esplosivo causare movimenti e cedimenti degli edifici, anche al piano terra, sotto gli
occhi dei vigili del fuoco, addirittura un'ora prima dell'inizio della presunta demolizione controllata?

33 http://www.fireengineering.com/articles/article_display.html?id=158382: "... reports from police helicopters predicting ... the


imminent collapse of the North Tower 21 minutes before it occurred."
Zerobubbole – 51/331

7. Crolli troppo brevi, caduta troppo verticale

0:07. Brian Clark ricorda che appena dopo essere uscito dalla torre, la vide crollare "in
soli 8-10 secondi", "su se stessa", e nota che la torre "si è polverizzata".
52/331 – Zerobubbole

La testimonianza di Clark dimostra che i ricordi, in condizioni traumatiche, sono normalmente di-
storti e conditi da osservazioni aggiunte in seguito: Clark di certo non si è fermato a cronometrare
il crollo, per cui quegli "8-10 secondi" sono un dato inserito a posteriori.
Le durate effettive dei crolli sono decisamente superiori, come si può verificare dai filmati e docu-
mentari riguardanti l'11 settembre. Per la Torre Sud, la prima a crollare, quella a cui si riferisce Clark,
si può fare riferimento sia all'audio del crollo, registrato nel documentario 11/9 dei fratelli Jules e
Gédéon Naudet dall'interno della Torre adiacente, e al video girato da Luigi Cazzaniga. 34 Entrambi
documentano una durata di almeno 16 secondi. Un dato oggettivo che sarà prezioso in seguito.

34 http://www.youtube.com/watch?v=C4BzqemGlQU.
Zerobubbole – 53/331

Inoltre numerose immagini dimostrano che la parte centrale di entrambe le Torri restò in piedi
per quasi un minuto, formando delle "guglie" alte circa 200 metri (Figure 10-13).

Figura 10. Le "guglie" della struttura centrale della Torre Nord, rimaste in
piedi dopo il crollo.

Figura 11. Le "guglie" della Torre Nord. L'edificio antistante è il WTC7, alto 174 metri, e
permette di valutare l'altezza delle "guglie".
54/331 – Zerobubbole

Figura 12. Le "guglie" della Torre Sud: la struttura verticale che si scorge dietro il fumo,
subito dopo il crollo della Torre Sud, non è un grattacielo situato dietro la Torre: è la
porzione centrale della Torre stessa. Credit: Aman Zafar.
Zerobubbole – 55/331

Figura 13: In questa foto, scattata alcuni istanti più tardi, la struttura è infatti scomparsa.
Credit: Aman Zafar.

Zero non considera e non mostra questi fatti, sfruttando le parole di Clark (che, a quanto risulta,
non è affatto sostenitore di ipotesi cospirazioniste) per insinuare nello spettatore alcuni concetti
falsi che suggeriscono una demolizione controllata:
! Le Torri Gemelle non sono affatto cadute ordinatamente in verticale, ma hanno distribuito
macerie in tutte le direzioni, fino a oltre 170 metri di distanza, con un cumulo centrale che corri-
sponde solo vagamente alla pianta degli edifici, tant'è che parte delle facciate è rimasta in pie-
di.
! Una struttura reticolare cava, alta e snella, come quella delle Torri, non collassa piegandosi di
lato, come un albero, ma perde la propria integrità strutturale ben prima di potersi inclinare in
blocco.
! Le macerie non si sono affatto polverizzate come può sembrare dalle parole di Clark. Il ce-
mento non strutturale, sbriciolandosi in frammenti di ogni dimensione, ha ovviamente genera-
to anche un'enorme quantità di polvere finissima, ma la struttura metallica si è frammentata in
grandi elementi.
Le condizioni tutt'altro che polverizzate delle macerie, la loro distribuzione tutt'altro che verticale e
l'estensione della dispersione dei frammenti sono chiaramente documentate in Figura 14.
56/331 – Zerobubbole

Figura 14: Le porzioni di facciata delle Torri Gemelle ancora in piedi e le macerie distribuite in tutta la zona
circostante dimostrano che il crollo non è stato affatto verticale e ordinato. La presenza di macerie
tutt'altro che polverizzate è evidente.
Zerobubbole – 57/331

WTC7

WTC1

WTC2

Figura 15: Le macerie metalliche delle Torri Gemelle hanno raggiunto il Winter Garden (la struttura vetrata
a volta, al centro della foto), che si trova a 170 metri dalla base della Torre più vicina, e si sono conficcate
negli edifici circostanti, sfondandoli parzialmente. Si notano gli elementi a griglia che costituivano le
facciate delle Torri.
58/331 – Zerobubbole

Del resto, la presunta polverizzazione è smentita da una dichiarazione dello stesso Steven Jones ci-
tato ampiamente da Zero:
Esaminando il campione di macerie del WTC, trovammo grandi pezzi di calcestruzzo (di forma e dimen-
sioni irregolari, uno misurava circa 5 x 3 x 3 cm) nonché frammenti di medie dimensioni di cartongesso
(con la carta legante ancora attaccata). Pertanto, la polverizzazione in realtà NON fu tale da produrre
polvere fine ed è una falsa premessa iniziare con una polverizzazione fine quasi totale... Anzi, gran
parte della massa del campione MacKinlay era chiaramente composta da pezzi consistenti di calcestruz-
zo e cartongesso, non da polvere fine.
Sembra che la comunità dei ricercatori della verità sull'11 settembre “sia stata lenta a capire” che le par-
ticelle più abbondanti di polvere del WTC sono della varietà “supergrossolana” anziché del tipo “fine”, e
che frammenti significativi di calcestruzzo sono stati trovati anche tra le macerie del WTC.35
E' piuttosto ironico che proprio Steven Jones, superteste di Giulietto Chiesa e Franco Fracassi, dia
loro del "lento a capire". Ma il cospirazionismo vive anche di queste incoerenze.

La testimonianza del pompiere Cacchioli


Zero presenta a questo punto un secondo testi-
mone diretto: Louie Cacchioli, vigile del fuoco di
New York (Figura 16), in servizio l'11 settembre
2001.
La sua testimonianza, accompagnata da immagini
delle persone che precipitano gettandosi dalle
Torri, è scioccante e coinvolgente, ma non aggiun-
ge alcun elemento di prova di ipotesi alternative.
Non è chiaro a cosa serva una testimonianza del
genere in un video che mira a dimostrare che la
Figura 16. Louie Cacchioli, da Zero. versione ufficiale degli eventi è falsa.
Anzi: ci si deve chiedere come mai Zero, una volta
tanto che ha per le mani un esperto vero d'incendi, oltre che un testimone diretto degli eventi,
non gli faccia delle domande tecniche, invece di indugiare sui sentimenti. Per esempio, perché
Chiesa e Fracassi non hanno chiesto a Cacchioli se gli incendi delle Torri Gemelle che visse insieme
ai suoi colleghi erano davvero modesti e a "temperature non certo elevatissime", come dirà Zero fra
poco?
Si può solo ipotizzare che, come la testimonianza precedente della telefonata di Melissa Doi intrap-
polata nel grattacielo in fiamme, l'intervento di Cacchioli abbia lo scopo di creare una tensione
emotiva che distragga dall'esame razionale dei dati presentati, oppure che serva a conferire a Zero
un'apparenza di maggiore rigore documentaristico.
Possiamo anche porci un'altra domanda: come mai Louie Cacchioli, vigile del fuoco di New York,
testimone diretto dei fatti, non parla di esplosioni o di altre circostanze sospette? Come mai
lui non dichiara nessuno dei dubbi e delle congetture così frequenti fra i cospirazionisti?

35 Hard Evidence Repudiates the Hypothesis that Mini-Nukes Were Used on the WTC Towers, p. 8, gennaio 2007: "As we examined the
WTC-debris sample, we found large chunks of concrete (irregular in shape and size, one was approximately 5cm X 3 cm X 3cm) as
well as medium-sized pieces of wall-board (with the binding paper still attached). Thus, the pulverization was in fact NOT to fine
dust, and it is a false premise to start with near-complete pulverization to fine powder... Indeed, much of the mass of the MacKinlay
sample was clearly in substantial pieces of concrete and wall-board rather than in fine-dust form... It seems that the 9/11 truth
community likewise “has been slow to understand” that the WTC dust particles in greatest abundance are the “supercoarse” variety
rather than “fine” particles, and that significant chunks of concrete were also found in the WTC rubble."
Zerobubbole – 59/331

La citazione di Morgan Reynolds


A questo punto Zero propone una citazione su sfondo nero, seguita ancora una volta dal rumore di
un'esplosione:

"E' difficile esagerare l'importanza di un dibattito scientifico sulle cause del crollo delle Twin
Towers".

Morgan Reynolds

Dipartimento del Lavoro USA

sotto George W. Bush

Bella scoperta: questa frase è di un'ovvietà talmente sconcertante che non si capisce per quale
motivo sia stata ritenuta così significativa da includerla in Zero. E' chiaro a chiunque che il dibattito
scientifico sulle cause del crollo delle Torri Gemelle è importante, perlomeno per capire se e come
evitare il ripetersi di disastri del genere.
Infatti il dibattito scientifico c'è stato, ma fra gli esperti di settore, non fra i teologi, parapsicologi, ex
prestigiatori e spogliarelliste che presenta Zero, e ha portato a cambiamenti importanti nelle nor-
mative edilizie, come vedremo più avanti.

Il rapporto del NIST

0:09. Il narratore descrive le conclusioni del rapporto del NIST: le Torri Gemelle sono
crollate per la combinazione degli impatti dei velivoli e degli incendi che ne sono
conseguiti.

Il rapporto del National Institute of Standards and Technology


(NIST), scaricabile da Internet36 (in Figura 17, la versione cartacea),
non è una velina governativa: è costituito da ben 43 volumi, re-
datti dai migliori tecnici di settore, per un totale di circa 10.000
pagine. Per la sua stesura sono stati spesi 24 milioni di dollari.
Zero, diversamente da molte altre produzioni complottiste, fa no-
tare giustamente che la "versione ufficiale" non si limita al solo
Rapporto della Commissione 11/9, ma include anche numerosis-
simi rapporti strettamente tecnici come quello del NIST.
Ma questo pone il problema della Grande Cospirazione: se si può
pensare arditamente che il Rapporto della Commissione sia il
parto di un manipolo di corrotti, diventa però ridicolo affermare
che un rapporto tecnico di questa stazza, prodotto da un vasto
numero di esperti, sia stato addomesticato tanto da nascondere
le prove dell'impossibilità del crollo. Il numero di persone coin-
volte nella congiura del silenzio sarebbe astronomico.
E il rapporto NIST è soltanto uno dei tanti, redatti da FEMA, ASCE,
FAA, NTSB: tutti corrotti anche loro? Neppure uno dei loro mem- Figura 17. Il rapporto NIST.
bri si lascia sfuggire una confessione in stato d'ebbrezza o in
punto di morte, o almeno un lapsus rivelatore? Nemmeno la mafia sa ottenere un'omertà così
perfetta e duratura. Secondo i complottisti, invece, gli americani ci riescono ormai da sette anni.
36 http://wtc.nist.gov.
60/331 – Zerobubbole

Questa pagina è intenzionalmente vuota.


Zerobubbole – 61/331

8. Immagini sbagliate del crollo della Torre


Nord
Siamo a 8 minuti dall'inizio del video. Il narratore parla a questo punto del crollo della Torre Nord
(la seconda a crollare), ma le immagini che Zero presenta a questo punto mostrano in realtà il
crollo della Torre Sud.
Lo si può notare nel fotogramma qui sotto (Figura 18) dal fatto piuttosto evidente che a sinistra
della nube di macerie campeggia l'altra torre, ancora in piedi.

Figura 18. Un fotogramma tratto da Zero dovrebbe illustrare il crollo della seconda torre, ma si riferisce in
realtà alla prima.

Un errore da veri dilettanti. Se Zero commette strafalcioni di questo genere e nessuno dei suoi au-
tori, revisori e montatori se ne accorge, quanto è affidabile e seria la ricerca che afferma di aver fat-
to per presentare le proprie tesi?
62/331 – Zerobubbole

Questa pagina è intenzionalmente vuota.


Zerobubbole – 63/331

9. Dario Fo dileggia i progettisti del WTC e


manipola le dichiarazioni
L'opinione informale di Frank DeMartini che era stata trasformata disinvoltamente in certezza vie-
ne ora usata come fondamento per una frase, pronunciata da Dario Fo, che è talmente sconcertan-
te da dover essere citata letteralmente:

0:09. DARIO FO: "Ma noi... eh... sappiamo, proprio da coloro che hanno costruito e
progettato queste torri, che avrebbero resistito anche con l'impatto di più di un aereo.
Quindi ci chiediamo: come potevano i costruttori pensare a degli aerei che arrivassero
sopra le torri senza carburante? Pensavano forse che l'aereo potesse arrivare... così per fiato
proprio?"

Colpisce innanzi tutto il dubbio gusto di dileggia-


re (come si vede anche dalla mimica nel foto-
gramma di Figura 19) e di dare dell'incompetente
a chi è morto e non può difendersi dalle accuse:
non solo a Frank DeMartini, ma soprattutto all'in-
gegnere strutturista John Skilling, il vero progetti-
sta delle Torri Gemelle (Frank DeMartini era il re-
sponsabile dell'esecuzione delle scelte strutturali
fatte da Skilling e dai suoi dipendenti). John Skil-
Figura 19. Dario Fo, da Zero. ling è infatti scomparso nel 1998 a 76 anni37 e non
può quindi replicare alle accuse d'inettitudine.
Certo, Dario Fo è un premio Nobel, ma per la letteratura, non per l'ingegneria strutturale. Ricevere
un Nobel non rende improvvisamente onniscienti e infallibili, come dimostrato per esempio dalle
recenti dichiarazioni razziste del Nobel James Watson,38 e non legittima a criticare i professionisti di
un settore che non si conosce affatto. Quanti grattacieli ha progettato Dario Fo?
Forse fidandosi infelicemente dell'imbeccata fornita dagli sceneggiatori Chiesa e Fracassi, Dario Fo
fa un'affermazione che è permeata di una sconfortante incompetenza e ignoranza dei fatti riguar-
danti la progettazione del World Trade Center e l'ingegneria strutturale in generale.
Quest'affermazione, fra l'altro, è un esempio di straw man argument, o "argomento fantoccio": un
trucco retorico nel quale si attribuiscono all'avversario affermazioni che non ha fatto e poi si proce-
de a demolirle, dando così l'impressione fasulla ma mediaticamente efficace di aver annientato la
vera tesi avversaria. E' un espediente ricorrente nella produzione cospirazionista e, come vedremo,
anche in Zero.
Infatti i progettisti del WTC non hanno mai pensato ad aerei che volassero "senza carburante".
Non sono mica scemi. Il carburante fu preso eccome in considerazione dai progettisti, ma ne-
gli anni Sessanta non c'era modo né di simularne scientificamente gli effetti, perché i calcolatori
dell'epoca erano insufficienti allo scopo, né di costruire un grattacielo in modo che potesse sop-
portare i danni di un grandissimo incendio. Quest'ultimo è un problema che esiste tuttora, come
dimostra proprio l'incendio della Windsor Tower di Madrid, che verrà citato più avanti da Zero. Al-
tro che "fiato proprio".
Sono rimaste poche tracce documentali formali delle analisi dei rischi dovuti a impatti e incendi
svolte dai progettisti: esiste copia di una sintesi dei loro risultati, ma le analisi vere e proprie non
sono state recuperate, nonostante tre anni di ricerche, secondo fonti citate da Cooperative Resear-

37 http://enr.construction.com/features/buildings/archives/030224.asp.
38 http://edition.cnn.com/2007/TECH/science/10/18/science.race/index.html.
64/331 – Zerobubbole

ch.39 Ma ci sono le parole eloquenti del già citato John Skilling (Figura 20), rilasciate al Seattle Ti-
mes40 e pubblicate il 27 febbraio 1993, poco dopo il primo attentato terroristico contro le Torri Ge-
melle e quindi in tempi chiaramente non sospetti:
"La nostra analisi indicò che il problema maggiore sarebbe stato il fatto che tutto il carburante
(dall'aereo) si sarebbe riversato dentro l'edificio. Ci sarebbe stato un incendio terrificante. Sareb-
bero morte molte persone."
John Skilling aggiunse, forse ottimisticamente, che "la struttu-
ra dell'edificio sarebbe rimasta al suo posto". Cosa che in effetti
è accaduta, almeno in parte: la Torre Nord ha retto 102 minuti,
mentre la Torre Sud è rimasta in piedi per 56 minuti, nono-
stante i danni strutturali prodotti dagli impatti degli aerei. Ma
Skilling si riferiva al poco carburante residuo di un aereo in at-
terraggio, non a un aereo strapieno di kerosene perché decol-
lato da poco. Quello che si scatenò l'11/9 fu un rogo superiore
a ogni sua immaginazione.
Skilling, a quanto risulta, non ha mai affermato che la struttura
avrebbe sopportato impatti multipli di aerei (del resto incon-
cepibili in un'epoca pre-terrorismo come gli anni Sessanta), Figura 20. John Skilling.
come cerca di suggerire Zero, né che avrebbe retto indefinita-
mente in caso d'incendio successivo a un impatto singolo.
Non solo: la resistenza dimostrata l'11 settembre, sotto gli effetti combinati di impatti e incendi, è
ritenuta già lodevole dagli addetti ai lavori. Si noti, per esempio, il parere di Jon Magnusson, ammi-
nistratore delegato della Magnusson Klemencic Associates, una grande società d’ingegneria delle
costruzioni con sede a Seattle, in un'intervista a Popular Mechanics:
"Il 99% dei grattacieli [moderni] crollerebbe immediatamente se colpito da un aereo di linea...
Non solo crollerebbe, ma crollerebbe immediatamente."41
Magnusson ribadì questo concetto molto efficacemente proprio l'11 settembre 2001, in una diretta
televisiva, quando il conduttore Peter Jennings gli chiese come mai erano crollate le torri:
"Sta facendo la domanda sbagliata. Dovrebbe chiedersi come hanno potuto restare in piedi."42
Noi ci dovremmo chiedere, invece, come mai Zero ha scelto di omettere queste dichiarazioni di
tecnici qualificati e addirittura degli stessi progettisti delle Torri Gemelle (John Skilling e il già cita-
to Leslie Robertson), preferendo quelle di persone per nulla competenti in materia.

39 http://www.cooperativeresearch.org/timeline.jsp?investigations:_a_detailed_look=wtcinvestigation&timeline=complete_911_t
imeline.
40 http://archives.seattletimes.nwsource.com/cgi-bin/texis.cgi/web/vortex/display?slug=1687698&date=19930227.
41 Debunking 9/11 Myths, Hearst Books, pag. 30; disponibile in italiano con il titolo 11 settembre: i miti da smontare, Terre di Mezzo.
42 "You're asking the wrong question. You should be asking, 'How were the buildings able to stand up?'"
Zerobubbole – 65/331

10. Nessun grattacielo in acciaio è mai crollato


a causa di un incendio
Parla Les Jamieson (Figura 21), la cui unica qualifi-
ca sembra essere, stando ai sottotitoli di Zero,
quella di appartenere al "Movimento per la verità
sull'11-9 di New York".
Ancora una volta, Zero ci presenta le parole non
documentate di persone non esperte invece di
concentrarsi sui fatti e portarci la competenza di
chi lavora nei settori tecnici coinvolti nell'incendio
e nel crollo di un edificio.
Figura 21. Les Jamieson, da Zero.

0:10. Jamieson dice che nessuna torre avente struttura in acciaio è mai crollata per un
incendio, né prima né dopo l'11 settembre 2001.

La storia che nessun altro grattacielo in acciaio è crollato per incendi viene riproposta per l'ennesi-
ma volta nel circuito delle teorie cospirazioniste. Anche in questo caso Zero non fa altro che ricicla-
re argomentazioni trite e ritrite.
Innanzitutto è completamente errato affermare che i grattacieli del WTC siano venuti giù soltanto
a causa degli incendi. Zero dimentica forse il piccolo particolare che le Twin Towers furono colpite
da due aerei di linea, ciascuno pesante oltre 100 tonnellate, scagliati ad altissima velocità?43
Lo spettatore e il lettore
non si lascino ingannare
dalla percezione di legge-
rezza che deriva dal fatto
che gli aerei si librano nel-
l'aria. Cento tonnellate
sono cento tonnellate.
La violenza enorme degli
impatti è più comprensibi-
le se si immagina di sca-
gliare un locomotore
come un proiettile di can-
none, a oltre 700 km/h,
contro le Twin Towers. Un
locomotore come quello
mostrato in Figura 22,44
che pesa appunto circa 110
tonnellate.
Che genere di danni v'im-
maginate che faccia?
Figura 22. Un locomotore E.646 del peso di 110 tonnellate, pari a quello di
ciascun Boeing 767 che colpì le Torri Gemelle. Dettaglio di una fotografia di
Stefano Paolini da Wikipedia.

43 I pesi stimati dei velivoli che colpirono il WTC sono 128 e 118 tonnellate rispettivamente per la Torre Nord e per la Torre Sud.
66/331 – Zerobubbole

Questa "dimenticanza" da parte di Zero ha l'effetto di distrarre lo spettatore dal fatto che nessun
altro grattacielo è mai stato colpito da un aereo di linea moderno; per cui non ci possono es-
sere casi precedenti. Vi sono state collisioni di aerei contro grattacieli, ma i velivoli erano sempre
molto più piccoli e leggeri di un Boeing 767.45 E anche nel caso dell'Edificio 7 (WTC7), è scorretto
parlare di incendi puri, perché il World Trade Center 7 fu gravemente lesionato dalle macerie delle
Twin Towers prima di arrendersi agli incendi.
Ogni confronto con altri eventi è quindi sbagliato in partenza, perché confronta l'incendio di strut-
ture già indebolite da questi impatti violentissimi con l'incendio di strutture assolutamente integre.
Nessun edificio era mai crollato in simili condizioni, perché simili condizioni non si erano mai verifi-
cate prima di allora.

La vulnerabilità delle strutture in acciaio


Quello che pochi sanno, al di fuori della cerchia degli addetti ai lavori, è che le strutture realizzate
esclusivamente in acciaio, come le Torri Gemelle, sono molto vulnerabili in caso d'incendio:
perdono gran parte della propria capacità di carico già a 500°C, e si deformano fortemente
per dilatazione. Proprio per questo di norma gli edifici vengono realizzati combinando cemento
armato e acciaio. Ma i progettisti del WTC non lo fecero: l'ardita struttura delle torri fu possibile
proprio perché si scelse di non utilizzare cemento armato. Il solo calcestruzzo presente era quello
non strutturale gettato sopra i solai, anch'essi in acciaio, come mostrato in Figura 23.

Figura 23. Schema dei solai del WTC. Fonte: NIST.

La vulnerabilità agli incendi di una struttura interamente in acciaio era talmente assodata e ovvia
per gli esperti di settore che l'acciaio delle Torri Gemelle era rivestito da una specifica protezio-
ne antincendio. Una protezione che non poté agire: gli impatti degli aerei la asportarono nella
zona di penetrazione, esponendo l'acciaio nudo al calore diretto degli incendi. Questa fatale vulne-
rabilità è ben documentata, per esempio, da spiegazioni dei Vigili del Fuoco italiani come questa:46
L`acciaio è un buon conduttore di calore e con il riscaldamento subisce dilatazioni e deformazioni, che oltre
300 - 350°C riducono gradualmente la resistenza alla rottura, per temperature oltre i 500 - 550°C la resistenza
della struttura si riduce ad un valore inferiore a quello ammissibile, con conseguente crollo della struttura in
acciaio. Il crollo può avvenire anche quando la struttura in acciaio viene attaccata dal fuoco non com-
pletamente, ma solo in una limitata zona quale una trave o un pilastro; è necessario anche valutare, ai
fini della stabilità dell'edificio, i fenomeni di allungamento della struttura legati alle temperature.

44 http://it.wikipedia.org/wiki/Immagine:646190-270601bolgheri.jpg.
45 In proposito si possono citare l'impatto di un bimotore militare B-25 Mitchell contro l'Empire State Building nel 1945, lo
schianto di un monomotore a elica Commander contro il grattacielo della Regione Lombardia a Milano nel 2002, o l'impatto di
un monomotore a elica Cirrus RS20 contro il grattacielo Belaire a New York nel 2006.
46 "Insediamenti industriali metalmeccanici: i criteri per una corretta progettazione della struttura e della compartimentazione", a cura
dell'Ing. Davide Lanzone (http://www.vfv.it/det_art.asp?Id=355). Le evidenziazioni sono aggiunte.
Zerobubbole – 67/331

Non per nulla le norme di sicurezza impongono da decenni l'uso di rivestimenti ignifughi su tutti
gli elementi strutturali in acciaio.
Una ricerca nella storia degli incendi, inoltre, conferma tragicamente questa vulnerabilità delle
strutture in acciaio. Anche edifici in acciaio meno ambiziosi delle Torri Gemelle sono infatti
crollati per puro incendio, senza danni da impatto.
! Nel 1967, il McCormick Center di Chicago, il più grande centro espositivo al mondo dell'epo-
ca (Figura 24), crollò per incendio in soli trenta minuti. La sua struttura, interamente in ac-
ciaio, utilizzava grandi travature per creare ampi volumi ininterrotti, proprio come il WTC
(dove gli impatti degli aerei crearono inoltre vaste cavità aggiuntive, oltretutto non previste
dal progetto e quindi destabilizzanti). Le travature d'acciaio del tetto collassarono per il ca-
lore.47
! Nel 1993, una fabbrica di giocattoli della Kader Industrial in Tailandia, un edificio di quattro
piani con struttura interamente in acciaio, prese fuoco e crollò in venti minuti, causando
188 morti e 469 feriti.48
! Nel 1997, nella cittadina di Strasburg, in Pennsylvania, prese fuoco il Sight and Sound Thea-
ter, inaugurato sette anni prima. Il suo telaio d'acciaio, che racchiudeva l'ampio spazio del-
l'auditorium, crollò per il fuoco, distruggendo completamente l'edificio e causando danni
strutturali anche a quelli adiacenti (Figura 25).49
! Nel 2005, la piattaforma petrolifera Mumbai High North, una struttura alta sette piani, inte-
ramente in acciaio, situata al largo delle coste indiane, prese fuoco dopo una collisione con
una nave. Fu completamente distrutta in meno di due ore, causando la morte di dieci per-
sone (Figure 26-28).50
! Nel 2006, una cartiera presso Malvern, nel Worcestershire (Regno Unito), subì un incendio
che la fece crollare completamente. I pompieri riferirono che il calore intenso aveva causato
il cedimento delle travi d'acciaio del tetto (Figura 29).51
! Nel giugno del 2008, i grandi capannoni metallici che ospitano le attrazioni e gli studi della
Universal Studios, a Los Angeles, furono devastati da un grande incendio e crollarono no-
nostante l'intervento massiccio dei vigili del fuoco (Figure 30 e 31).52
Si potrebbe obiettare che nessuno di questi collassi da incendio riguarda grattacieli. Ma è proprio
questo il punto: un grattacielo è assai più sollecitato, sia dai carichi verticali sia dalla spinta orizzon-
tale del vento, di quanto lo sia una struttura più bassa. Se un incendio è in grado di far collassare
una struttura in acciaio di pochi piani, a maggior ragione è in grado di farlo in una struttura più
esasperata come quella di un grattacielo.
Inoltre, quando ci si domanda come mai non ci sono casi precedenti di grattacieli interamente in
acciaio crollati per incendio, occorre considerare che esistono pochissimi grattacieli in solo ac-
ciaio, proprio in considerazione del rischio strutturale in caso d'incendio. Uno di questi gratta-
cieli è la Sears Tower di Chicago.53 E, come già detto, nessuno di essi è mai stato colpito da oltre
100 tonnellate d'aereo lanciate a oltre 700 km/h e poi riempito di circa 32.000 litri di carburante in
fiamme.

47 http://www.tadesite.com/mmm-dod_pdfs/MMM_sept2006.pdf ;
http://www.chipublib.org/004chicago/disasters/mccormick_fire.html;
http://www.iaei.org/subscriber/magazine/02_d/berhinig.htm.
48 http://www.ilo.org/public/english/protection/safework/hazardwk/fire/fir01.htm;
http://www.wsws.org/articles/2003/may2003/kade-m16.shtml.
49 http://www.interfire.org/res_file/pdf/Tr-097.pdf.
50 http://www.mace.manchester.ac.uk/project/research/structures/strucfire/CaseStudy/HistoricFires/Other/default.htm;
http://news.bbc.co.uk/2/hi/south_asia/4721933.stm.
51 http://news.bbc.co.uk/2/hi/uk_news/england/hereford/worcs/6105942.stm.
52 http://news.bbc.co.uk/2/hi/americas/7430064.stm (include video del crollo).
53 http://www.sears-tower-facts.com/; un elenco di altri grattacieli con struttura in acciaio è disponibile presso
http://www.ejse.org/Archives/Fulltext/200101/01/20010101.htm.
68/331 – Zerobubbole

All'affermazione "nessuna torre con struttura in acciaio è mai crollata a causa di un incendio, né prima
né dopo l'11 settembre" si risponde quindi con i fatti:

Tutte le strutture moderne realizzate esclusivamente in acciaio, che


hanno subito gravi danni strutturali combinati con enormi incendi in-
controllati su più piani, sono crollate.

Figura 24. Il collasso per puro incendio del McCormick Center (1967).

Figura 25. Quel che resta del Sight and Sound Theater (1997).
Zerobubbole – 69/331

Figura 26. La piattaforma Mumbai High North prima dell'incendio


del 2005.

Figura 27. L'incendio della Figura 28. Quello che rimane dopo il disastro.
piattaforma.

Figura 29. La cartiera funestata da un incendio a Malvern, nel Regno Unito (2006).
70/331 – Zerobubbole

Figura 30. Il crollo del tetto di un capannone degli Universal


Studios a Los Angeles (2008).
Zerobubbole – 71/331

Figura 31. Il capannone degli Universal Studios devastato dalle fiamme.

Grattacieli incendiati che non crollano


Spesso i sostenitori delle teorie alternative citano altri casi di grattacieli funestati da incendi che
però non hanno portato al loro crollo. Ma ci sono tre differenze importanti:
1. come già detto, nessuno dei grattacieli citati era stato indebolito dall'impatto di oltre 100
tonnellate scagliate a oltre 700 km/h;
2. nessuno degli esempi citati riguarda una struttura interamente in acciaio come quella del
WTC: gli altri grattacieli nei quali si sono verificati incendi (soltanto incendi, senza impatti)
hanno infatti una struttura portante che include elementi in cemento armato, assai più resi-
stente al fuoco che l'acciaio;
3. al WTC non fu possibile alcun intervento antincendio, mentre gli altri grattacieli furono og-
getto di azioni massicce di spegnimento.
Il confronto con altri incendi è quindi tre volte scorretto e ingannevole: niente impatti, niente ce-
mento armato, nessun intervento.
Ecco alcuni esempi citati spesso dai complottisti:
! Nel 2004, la Torre Este, uno degli edifici più alti del Venezuela (56 piani, 225 metri, situato
nel complesso Parque Central di Caracas), prese fuoco, ma non crollò (Figura 32).54 Il capo
dei pompieri di Caracas, Rodolfo Briceno, coordinò l'intervento massiccio di elicotteri milita-
ri per versare acqua sul rogo e dichiarò, d'accordo con i progettisti dell'edificio, che non vi
era pericolo di crollo, perché il grattacielo "è completamente differente [dalle Torri Gemelle] e
la sua struttura in cemento armato è esterna, cosa che riduce il surriscaldamento."55

54 http://es.wikipedia.org/wiki/Complejo_Parque_Central.
55 http://noticiero.venevision.net/index_not.asp?id_noticia=20041017000104&id_seccion=04.
72/331 – Zerobubbole

Figura 32. La Torre Este di Caracas, avendo una struttura in cemento armato e
acciaio e ricevendo interventi di spegnimento, sopportò un incendio nel 2004.

! Nel 1991, il grattacielo One Meridian Plaza di Philadelphia, alto 150 metri, bruciò per più di
19 ore senza crollare (Figura 33). Ma non aveva subito alcun impatto che ne danneggiasse
la struttura e rimuovesse le protezioni antincendio (come avvenne invece al WTC). Inoltre il
suo sistema di estintori a pioggia continuò a funzionare, diversamente da quello delle Torri
Gemelle, tranciato dagli impatti degli aerei, e da quello del WTC7, le cui condotte primarie
furono invece tranciate dal crollo delle Torri Gemelle.
Zerobubbole – 73/331

L'estensione del rogo, infine, fu minore rispetto alle Torri Gemelle: ciononostante, durante
l'incendio, i vigili del fuoco temettero il crollo, tanto da ordinare l'evacuazione dell'edificio
da parte dei soccorritori.56 Il One Meridian Plaza riportò danni così gravi da imporne lo
smantellamento.

Figura 33. Il One Meridian Plaza nell'incendio del 1991.

Come mai gli autori di Zero non parlano di tutti questi casi di strutture in acciaio crollate per puro
incendio e non evidenziano la profonda differenza, in termini di resistenza agli incendi, fra un grat-
tacielo in solo acciaio e un grattacielo in cemento armato e acciaio?
Sarebbe bastato chiedere queste cose a un vigile del fuoco, per esempio allo stesso Louie Cacchioli
che hanno intervistato prima. Cacchioli era lì, a Ground Zero, l'11 settembre. Lui sa come sono an-
date le cose. Ma gli autori di Zero non gli hanno chiesto nulla che riguardasse gli incendi, né gli
hanno chiesto se secondo lui erano modesti. Perché non lo hanno fatto?

56 http://www.interfire.org/res_file/pdf/Tr-049.pdf ; http://en.wikipedia.org/wiki/One_Meridian_Plaza_fire; "Consultation with a


structural engineer and structural damage observed by units operating in the building led to the belief that there was a possibility of
a pancake structural collapse of the fire damaged floors." (http://www.iklimnet.com/hotelfires/meridienplaza_thefire.html);
http://web.archive.org/web/20040216014121/http://www.sgh.com/expertise/hazardsconsulting/meridian/meridian.htm.
74/331 – Zerobubbole

Questa pagina è intenzionalmente vuota.


Zerobubbole – 75/331

11. La torre madrilena incendiata che "rimase


in piedi"

Dario Fo racconta che a Madrid, nel 2005, un grattacielo è bruciato come "una torcia"
per venti ore senza crollare.

Zero parla della Windsor Tower, come confermato dai titoli in sovrimpressione: un edificio alto 106
metri, quindi un quarto delle Torri Gemelle e di conseguenza molto meno sollecitato come carichi
strutturali. Un edificio con una struttura in cemento armato e acciaio, completamente differente da
quella delle Torri Gemelle, in acciaio senza cemento armato. Ma tutto questo Zero non lo dice.
Un'altra cosa che Zero non dice è che la parte in acciaio della struttura della Windsor Tower è
crollata eccome; ed è crollata senza neppure essere stata colpita da un aereo, e senza river-
sarvi dentro decine di migliaia di litri di carburante. E' rimasta in piedi la parte centrale, in ce-
mento armato, e il crollo si è interrotto soltanto quando ha raggiunto il solaio dei vani tecnici, an-
ch'esso in cemento armato.
Il WTC, invece, non aveva elementi strutturali in cemento armato. Una differenza tutt'altro che
trascurabile, come ben sa qualunque ingegnere strutturista e vigile del fuoco, ma che Zero ritiene
comodamente opportuno non menzionare.
Zero si dilunga in immagini spettacolari dell'incendio, ma non confronta la Torre Windsor prima e
dopo gli incendi per mostrare la vera entità dei danni. Lo facciamo noi, con le immagini mostrate
nelle Figure 34 e 35.

Figura 34. La Windsor Tower prima e dopo l'incendio. Si noti che il crollo si arresta
soltanto quando incontra il solaio tecnico in cemento armato, assente nelle Torri
Gemelle.
76/331 – Zerobubbole

Figura 35. Altre immagini della Torre Windsor prima della demolizione. Il cilindro verticale su un lato
è la scala antincendio, incapsulata nel cemento armato: dimostrazione eloquente della differente
resistenza al fuoco dell'acciaio e del cemento armato.

Va ribadito che i danni che si vedono in queste immagini e in quelle che seguono sono causati
soltanto da un incendio, senza alcun impatto. E per di più, come nota anche Zero, questi sono gli
effetti di un incendio in un edificio vuoto, quindi privo di tutti gli arredi combustibili che caratteriz-
zano un edificio in uso. Il paragone con il World Trade Center, insomma, non calza per nulla.
Un'altra cosa che Zero non dice è che i danni subiti dal-
la Windsor Tower furono talmente devastanti da impor-
ne la demolizione, terminata ad agosto del 2005.57
Ora che conosciamo i fatti sui quali Zero ha disinvolta-
mente glissato, possiamo quindi dire che in realtà la
Torre Windsor è proprio un esempio di ciò che i
complottisti vorrebbero negare: un collasso di strut-
ture portanti in acciaio indotto solamente da un in-
cendio.58
Anzi, guardando la Figura 36 possiamo anche aggiun-
gere una domanda: chi sostiene che nelle Torri Gemelle
gli incendi erano modesti, come spiega che persino un
grattacielo vuoto arde in questo modo?
Zero giunge dunque al paradosso di dimostrare l'esatto
contrario di quello che asserisce. Un errore che i suoi
autori avrebbero potuto evitare semplicemente consul-
tando qualunque ingegnere strutturista.
E quindi domandiamo ancora una volta: se Zero è una
ricerca della verità sull'11 settembre, come mai i suoi
autori non hanno interpellato gli esperti di settore?

Figura 36. Immagine notturna dell'incendio


della Windsor Tower.

57 http://www.elpais.com/comunes/2005/windsor/index.html.
58 http://11-settembre.blogspot.com/2007/08/effetti-dellincendio-nella-torre.html.
Zerobubbole – 77/331

12. Il grattacielo di Madrid che non crollò era


ancora in costruzione

Mentre vengono mostrate le immagini del grattacielo madrileno, Dario Fo precisa che
l'edificio è rimasto in piedi nonostante fosse ancora in costruzione. Dice testualmente:
"Questo grattacielo non è ancora terminato. E' in costruzione! Ciononostante rimane in
piedi".

Dario Fo sottolinea con enfasi queste sue parole: che la Windsor Tower fosse ancora in costruzione,
e avesse dunque una struttura ancora incompleta, è per lui un elemento che rende ancora più
straordinaria la sua resistenza all'incendio, e quindi ancor più misteriosa e sospetta la mancata resi-
stenza delle Torri Gemelle.
Ma quello che dichiara Fo è falso: basta infatti un briciolo di ricerca per scoprire che la Windsor
Tower era stata costruita fra il 1973 e il 197959 (Figura 37). Era in corso di ristrutturazione, ma la
sua struttura era già completa da più di due decenni.
Se gli autori di Zero non controllano neanche i fatti di base come questi e vi costruiscono sopra le
proprie teorie, è perlomeno lecito chiedersi se anche le loro altre teorie sono fondate su basi altret-
tanto dilettantesche e traballanti.
In effetti, come vedremo tra breve, Dario Fo inanellerà una serie impressionante di sciocchezze tec-
niche nel giro di pochi secondi.

Figura 37. La pagina di Wikipedia in spagnolo che indica la data di costruzione della Torre Windsor.

59 http://edition.cnn.com/2005/WORLD/europe/02/14/spain.block.fire/.
78/331 – Zerobubbole

Questa pagina è intenzionalmente vuota.


Zerobubbole – 79/331

13. Fiamme cupe e fumo nero sono segno


d'incendio debole

0:11. Mentre scorrono le immagini dell'incendio di Madrid (Figura 38), Dario Fo chiede
allo spettatore di fare attenzione al colore delle fiamme, che "tende al bianco". Questo,
dice, significa che "c'è molto ossigeno che brucia." Nell'incendio del World Trade Center,
invece, secondo Fo "le fiamme sono di rosso scuro".

Figura 38. Le immagini dell'incendio della Windsor Tower mostrate da Zero.

Stranamente Fo non attira l'attenzione dello spettatore su un particolare fondamentale: le imma-


gini della Windsor Tower sono notturne; quindi le fiamme risaltano molto di più, e sembrano
molto più luminose, che nelle immagini in pieno giorno delle Torri Gemelle. E' lo stesso effetto che
si ha con gli abbaglianti di un'auto: luminosissimi di notte, ma fiochi di giorno.
Per questo le fiamme sembrano chiare a Madrid e scure a New York. La quantità d'ossigeno non
c'entra assolutamente nulla, come ben sanno i pompieri e come vedremo in dettaglio tra poco.
Come mai gli autori di Zero hanno imbastito un confronto così sballato e ingannevole? E' possibile
che ignorino un concetto così ovvio come la differenza di luminosità fra il giorno e la notte?
Non è tutto: le immagini di Zero mostrano colonne e solai d'acciaio della Windsor Tower piegati,
imbarcati e crollati a causa di un semplice incendio. Un fenomeno che gli autori di questo video
dichiareranno impossibile. Eppure a Madrid è avvenuto, e per di più senza aggiungere decine di
migliaia di litri di carburante d'aereo, come è invece accaduto alle Torri Gemelle.
Come vedremo, la tesi di Zero è che gli incendi nelle Torri Gemelle furono modesti e tiepidi. Incen-
di innescati dall'equivalente di due autocisterne di kerosene e alimentati dal contenuto delle
Torri sarebbero stati, secondo loro, meno caldi, potenti e distruttivi di quello di Madrid, con-
sumatosi senza kerosene aggiunto e in un grattacielo vuoto. La tesi implica dare del bugiardo a
tutti i pompieri di New York, che hanno vissuto in prima persona le condizioni terribili di quei roghi
e li hanno descritti dettagliatamente nei loro resoconti.60
60 Le registrazioni delle loro comunicazioni radio sono pubblicate presso Firehouse.com
(http://cms.firehouse.com/content/article/article.jsp?id=44026&sectionId=46); 12.000 pagine di testimonianze di 503 fra vigili
del fuoco, soccorritori e paramedici sono pubblicate presso il New York Times
(http://graphics8.nytimes.com/packages/html/nyregion/20050812_WTC_GRAPHIC/met_WTC_histories_full_01.html).
80/331 – Zerobubbole

Dario Fo dice che al World Trade Center, diversamente dall'incendio di Madrid, "il fumo
è nero".

Ci risiamo. Il fumo di Madrid è chiaro soltanto perché è ripreso di notte e illuminato dalle
fiamme. Questo è il fumo della Windsor Tower come lo mostra Zero (Figura 39).

Figura 39. Il fumo della Windsor Tower, nelle immagini mostrate da Zero.

E questa è la Windsor Tower di giorno (Figura 40). Di che colore è il suo fumo?61

Figura 40. Il fumo della Windsor Tower di giorno è nero. Proprio come quello delle
Torri Gemelle.

E' davvero stupefacente che un premio Nobel come Dario Fo non colga questo concetto banale.

61 http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/8/87/Windsor-tower-madrid.jpg/800px-Windsor-tower-madrid.jpg.
Zerobubbole – 81/331

Steven Jones dice che gli incendi che ardevano nelle Torri Gemelle emanavano "fumo
scuro, grigio, pesante, quasi nero, grigio [sic]". Questo, dice, significa che si tratta di "un
incendio in carenza di ossigeno".

Nelle loro teorie, i complottisti affermano spesso che il fumo nero degli incendi al WTC è sintomo
di carenza d'ossigeno e quindi, a loro parere, di incendi in via di spegnimento o comunque debo-
li.62 Incendi che pertanto non possono aver causato l'indebolimento della struttura. Il concetto sot-
tinteso è che quest'indebolimento debba essere stato provocato da qualcos'altro di misterioso.
Ma i fatti tecnici dimostrano che è semplicemente ridicolo sostenere che il colore del fumo dipen-
da dall'intensità dell'incendio come fa Zero. Il colore del fumo dipende principalmente dalla na-
tura dei materiali che bruciano. Lo indicano chiaramente i Vigili del Fuoco italiani, dei quali citia-
mo la tabella dei colori assunti dal fumo in base al materiale che brucia:63

Bianco: Paglia, Fosforo


Giallo/marrone: Nitrocellulosa, Zolfo, Acido nitrico - solforico - cloridrico, Polvere da sparo
Grigio/marrone: Legno, Carta, Stoffa
Viola: Iodio
Marrone: Olio da cucina
Marrone/nero: Nafta, Diluente per vernici
Nero: Acetone, Cherosene, Benzina, Olio lubrificante, Gomma, Catrame, Carbone, Plastica

Come si può notare, il nero è associato al kerosene (di cui gli aerei trasportavano decine di mi-
gliaia di litri) e alle plastiche (estremamente diffuse negli allestimenti degli uffici). Ancora una vol-
ta, chiediamo ai complottisti e agli autori di Zero: come è possibile incappare in errori madornali
come questi? Perché non sono stati interpellati degli esperti?
Nulla da dire sul Dario Fo artista, ma presentarlo come esperto d'incendi è una scelta davvero inve-
rosimile. Anche perché gli esempi che smentiscono le sue parole abbondano e non occorre essere
vigili del fuoco per notarli e capirli.
Per esempio, la Figura 41 mostra l'in-
cendio scoppiato a Londra a novembre
2007 presso uno dei cantieri predispo-
sti per le Olimpiadi del 2012.64
Considerato che si tratta di un incen-
dio evidentemente all'aperto, è abba-
stanza difficile asserire che è affetto da
carenza d'ossigeno. Ma di che colore è
il fumo?
Qualora dovesse servire qualche ulte-
riore conferma che il fumo nero non è
per nulla sinonimo di incendio a corto
d'ossigeno, o men che meno di incen-
dio in via di spegnimento, la Figura 42
ritrae un velivolo nel quale un motore
ha preso fuoco e sta bruciando il car-
burante contenuto nei serbatoi. All'a- Figura 41. Un incendio in pieno svolgimento a Londra, a
perto, ovviamente. novembre 2007. Di che colore è il fumo?

62 Si veda per esempio Maurizio Blondet, in I grattacieli, prima, non cadevano, 6/12/2005
(http://www.effedieffe.com/rx.php?id=820).
63 http://www.vigilfuoco.it/attivita/multimedia/curiosita/colori/default.asp.
64 http://www.theregister.co.uk/2007/11/12/theres_the_fire/.
82/331 – Zerobubbole

Vi sembra che un incendio che avviene all'aria aperta possa essere a corto di ossigeno, o che abbia
l'aria di volersi spegnere?65 E guardando immagini come la Figura 43, si può seriamente asserire
senza imbarazzo che gli incendi al World Trade Center erano modesti?

Figura 42. Un Boeing 767 ha un motore in fiamme. Di che colore è il fumo?

Figura 43. Una fase degli incendi al World Trade Center.

65 Dettaglio di un'immagine scattata da Gustavo Bertran a giugno del 2006 all'aeroporto di Los Angeles e tratta da Airliners.net
(http://www.airliners.net/open.file?id=1059747).
Zerobubbole – 83/331

14. Qualcuno attraversò i piani in fiamme,


quindi gli incendi erano modesti

0:12. Dario Fo racconta che "secondo la versione ufficiale", l'acciaio strutturale delle Torri
Gemelle cedette a causa del calore e aggiunge un sonoro "Viummm!" mentre mima un
crollo rapido con le mani e le braccia.

Poi osserva che c'è una stranezza: qualcuno scese da una delle Torri Gemelle
"attraversando il punto di maggior violenza per quanto riguarda il fuoco, ed è giunto fina
[sic] in fondo. Come si [sic] è riuscito?"

Brian Clark racconta che lui ed altri scesero fino ad incontrare le fiamme che li
fermavano. Arrivati al 78° piano, trovarono che "le pareti erano ancora integre, anche se
attraversate da crepe" e che le fiamme "lambivano l'altro lato del muro"; "non era certo un
inferno di fuoco", dice.

A Clark sembrò che "le fiamme all'interno fossero a corto d'ossigeno." Racconta che
continuando la discesa, arrivarono al 74° piano, dove trovarono che "era tutto normale.
Le luci erano accese e dal basso giungeva aria pulita."

"Versione ufficiale"?
La scelta di dire "secondo la versione ufficiale" è un espediente molto comune nella letteratura co-
spirazionista: serve a dare l'impressione che la storia dell'11 settembre sia unicamente il prodotto di
una velina governativa, inventata di sana pianta e priva di qualsiasi supporto documentale indi-
pendente.
Ma specialmente nel caso delle Torri Gemelle, non è affatto così. La documentazione fotografica
del cedimento progressivo della struttura è abbondante e indiscutibile. La dinamica dei crolli e de-
gli incendi è stata misurata, documentata e studiata minuziosamente da parte degli addetti ai la-
vori di tutto il mondo, che non vi hanno trovato nulla di sospetto, ma anzi l'hanno adoperata per
aggiornare le normative di sicurezza contro gli incendi, come descritto più avanti.
Per esempio, il fatto che alcuni solai all'interno delle Torri Gemelle abbiano ceduto almeno parzial-
mente prima del crollo non è una "versione ufficiale" dispensata dal governo, da accettare a scato-
la chiusa. E' un dato documentato da immagini come quella mostrata in Figura 44 e tratta dal rap-
porto NIST. Un rapporto che, come già detto, non è una velina, ma una serie di 43 volumi redatti da
oltre 200 tecnici professionisti del settore.
Nessun professionista di settore, invece, compare in Zero.
Specificamente, la foto è la Figura 2-41 di pagina 63 del rapporto NCSTAR 1-3C del NIST, e si riferi-
sce alla facciata nord del WTC2 (Torre Sud), vale a dire la facciata opposta a quella colpita dall'ae-
reo: il Volo United 175, infatti, colpì la facciata sud. Pertanto questi cedimenti non possono essere
attribuiti all'impatto meccanico del velivolo.
Nella foto, le frecce bianche indicano i solai ceduti. Non può che trattarsi dei solai perché, ricordia-
molo, la struttura delle torri era un tubo reticolare esterno, costituito dalle facciate, con un fascio
centrale di colonne collegato al tubo esterno dai solai: non vi erano altre strutture orizzontali di
queste dimensioni e in quella posizione.
84/331 – Zerobubbole

Figura 44. Solai ceduti nella Torre Sud, dal rapporto NIST.

Anche il fatto che le colonne perimetrali delle torri si sono piegate per effetto degli incendi è do-
cumentato da immagini eloquenti. La Figura 45 rappresenta la facciata est del WTC2 (Torre Sud)
alle 9:58:55, pochi istanti prima del crollo. L'inflessione delle colonne è evidente: qualcosa le sta ti-
rando verso l'interno.

Figura 45. Inflessione delle colonne della facciata della Torre Sud.
Zerobubbole – 85/331

Secondo le perizie tecniche, quel "qualcosa" è costituito dai solai che si sono imbarcati. Questo è
quello che Zero tra poco chiamerà "inward bowing theory" (teoria dell'inflessione verso l'interno) e
presenterà ai suoi spettatori come se fosse, appunto una teoria, una congettura basata sul nulla. In-
vece si tratta di una ricostruzione basata su dati di fatto. Come mai Zero non mostra questi dati?
E ce ne sono molti altri, di questi dati. Per esempio, la Figura 46 è un'altra immagine dell'inflessione
delle colonne della facciata est del WTC2, scattata alle 9:53, quindi cinque minuti prima del crollo.
Le righe nere sono state aggiunte per offrire un riferimento visivo che consenta di cogliere più
chiaramente la deformazione.

Figura 46. Inflessione delle colonne della facciata nella Torre


Sud.

La stessa inflessione è documentata anche per la Torre Nord (WTC1) dall'immagine mostrata nella
Figura 47 e scattata alle 10:23, ossia cinque minuti prima del crollo. L'inflessione riguarda la facciata
sud, ossia ancora una volta quella opposta all'impatto dell'aereo. La rientranza delle colonne è sti-
mata dal NIST in 140 cm, con un margine d'errore di 15 cm. A sinistra si nota anche l'accartoccia-
mento dello spigolo dell'edificio.
Avete mai visto una demolizione con esplosivi prendersi il disturbo di piegare le colonne prima di
distruggere l'edificio?
E' insomma chiaro che il collasso strutturale delle Torri Gemelle ha caratteristiche documentate
che non sono compatibili con una demolizione intenzionale, ma sono coerenti con il comporta-
mento di una struttura in acciaio nella quale arde a lungo un incendio di vaste proporzioni, suffi-
ciente ad ammorbidire l'acciaio (senza fonderlo) e renderlo incapace di reggere i carichi che vi gra-
vano sopra.
86/331 – Zerobubbole

Figura 47. Inflessione delle colonne della facciata della Torre Nord. Il circolo rosso indica l'area di maggiore
inflessione.

Le teorie cospirazioniste non sono in grado di spiegare questi dati concreti. I rapporti NIST, invece,
ne forniscono una spiegazione dettagliata e coerente:
! gli incendi hanno surriscaldato i solai in acciaio, causandone l'ammorbidimento e l'insella-
mento;
! i solai, collegati alle colonne perimetrali, hanno pertanto tirato verso l'interno le colonne
stesse;
! la deformazione delle colonne perimetrali ha indotto il collasso della struttura, dato che le
colonne erano concepite per reggere carichi applicati di punta, e chiaramente una colonna
incurvata, se soggetta a un carico di punta sufficiente, tende a flettersi anziché reggere;
Zerobubbole – 87/331

! a un certo punto le connessioni fra gli elementi delle colonne hanno ceduto ed è iniziato il
crollo dell'edificio.
Il rapporto del NIST è chiaramente assai più dettagliato di queste poche righe nell'esporre la dina-
mica che ha portato al crollo delle Torri Gemelle, ma questa è, in sintesi, la serie di eventi inequivo-
cabilmente documentati.
Come mai Zero non mostra queste immagini e non racconta questi dettagli, ma preferisce presen-
tarci la descrizione colorita ma imprecisa di un premiato attore comico?

Calore immenso, fuga impossibile


Dario Fo si sorprende che qualcuno sia riuscito a passare per i piani in fiamme, e subito dopo viene
presentata la testimonianza di Brian Clark, per cui si può supporre che quel "qualcuno" sia Clark, in-
sieme agli altri sopravvissuti del suo gruppo.
Questo episodio viene presentato a supporto dell'asserzio-
ne che le temperature non fossero così alte e che gli incen-
di non fossero così immensi come li descrivono sia i pom-
pieri, sia la ricostruzione tecnica e fotografica. Ma se andia-
mo ad esaminare in dettaglio l'episodio, scopriamo alcuni
fatti interessanti.
Brian Clark non è affatto passato indenne attraverso "il
punto di maggior violenza" degli incendi, come lo chiama
Fo, ma l'ha aggirato passando per l'angolo opposto,
dentro corridoi protetti da pareti antincendio, porte ta-
gliafuoco e da vani tagliafumo a doppia porta. Quindi
non c'è nessun mistero, e usare questa narrazione come
prova di temperature basse è un errore ingannevole che si
sarebbe potuto facilmente evitare.
Chi afferma di aver svolto ""due anni di preparazione, ricer-
che, inchieste", come fanno gli autori di Zero,66 non può non
sapere questi fatti di base; o se non li sa, le sue ricerche
sono state sorprendentemente scadenti.
In dettaglio:
! Brian Clark dice, nei primi minuti di Zero, che si tro-
vava all'84° piano della Torre Sud. Questa torre fu
colpita dal Volo 175 fra il 78° e l'84° piano, con cen- Figura 48. Ricostruzione in scala
tro sul'81°. L'impatto fu inoltre asimmetrico e inte- dell'impatto al WTC2 (Torre Sud).
ressò principalmente lo spigolo sud-est della torre
anziché il nucleo centrale, come mostrato in Figura 48. Quindi non stupisce che quando ar-
rivò al 78° piano, Clark trovò che "non era un inferno di fuoco": quel piano era il limite inferio-
re della zona d'impatto, interessato soltanto dall'estremità di un'ala, e quindi non è affatto
detto che dovesse essere tutto in fiamme.
! Per lo stesso motivo, non c'è nulla di strano nel fatto che dal 74° piano in giù le condizioni
siano "normali": il limite inferiore della zona d'impatto era ben quattro piani più in alto, in
un edificio colpito di spigolo.
! Un dato tecnico importante: l'81° piano colpito dalla fusoliera dell'aereo era uno dei piani
tecnici del World Trade Center, adibito ai macchinari degli ascensori. Conteneva dodici mo-

66 Nella pagina iniziale del sito ufficiale di Zero, http://www.zerofilm.it.


88/331 – Zerobubbole

tori Otis 339HT da 24 tonnellate l'uno, larghi 4 m, profondi 2,4 m e alti 2,4 m. Questi motori
erano disposti in fila in direzione sud-nord: la medesima direzione della traiettoria del veli-
volo.
! La sala adibita a questi motori era talmente grande che dal 76° all'82° piano era stato ne-
cessario deviare due delle tre scale d'emergenza dalla loro normale posizione centrale nel-
l'edificio. Questa situazione è documentata anche nel rapporto NIST, come mostrato nella
Figura 49 (in cui la zona d'impatto dell'aereo è sulla facciata rivolta a sinistra), e persino
nell'animazione mostrata a questo punto da Zero (Figura 50).67.

Figura 49. La disposizione delle scale d'emergenza nelle Torri


Gemelle, in un grafico tratto dalla figura 1-10, pagina 16, del
documento NCSTAR1 del NIST.

Figura 50. L'animazione digitale mostrata in Zero.

67 Lo spezzone con l'animazione grafica digitale era assente nella versione di Zero presentata alla Festa del Cinema di Roma ed è
stato aggiunto per la versione in DVD.
Zerobubbole – 89/331

! Nel grafico mostrato in Figura 51, tratto da USA Today,68 le scale dell'81° piano sono indicate
in rosa e i motori degli ascensori sono indicati in verde; la freccia grigia indica la traiettoria
dell'aereo. In questo grafico si vede chiaramente che la scala A (Stairway A) era quindi
schermata dall'impatto grazie al massiccio scudo dei motori degli ascensori citati prima ed
era situata nello spigolo opposto a quello d'impatto. E' questa la scala che fu presa da
Brian Clark, che quindi girò intorno al nucleo centrale degli incendi, senza passarvi in
mezzo come invece asserisce Zero.

Figura 51. Traiettoria d'impatto (Flight Path, freccia grigia) al WTC2 rispetto ai
motori degli ascensori.

! Zero omette di dire che Clark è uno di soli sedici sopravvissuti che si trovavano ai piani
superiori alle zone d'impatto. Nell'altra torre, la Torre Nord, da sopra la zona d'impatto
non si salvò nessuno. Quindi anche ammettendo di usare il racconto di Clark per "dimostra-
re" la natura modesta degli incendi, la "dimostrazione" varrebbe soltanto per la Torre Sud e
non sminuirebbe l'entità degli incendi nell'altra torre.
Ancora una volta, insomma, la realtà documentata dei fatti viene distorta e manipolata per soste-
nere una tesi cospirazionista. Non è un approccio molto onorevole, specialmente per chi si profes-
sa ricercatore della verità sull'11 settembre.

68 Machinery saved people in WTC, di Dennis Cauchon and Martha T. Moore, USA Today, 17/5/2002
(http://www.usatoday.com/news/nation/2002/05/17/stairway.htm).
90/331 – Zerobubbole

Questa pagina è intenzionalmente vuota.


Zerobubbole – 91/331

15. Una donna si affacciò dalla breccia


d'impatto, dunque gli incendi non scottavano

0:14. Il narratore conclude, sulla base di quanto presentato fin qui, che le temperature
al World Trade Center erano "non certo elevatissime".

Quest'asserzione sarebbe confermata, dice il narratore, dalla presenza di una donna che si affaccia
dalla breccia d'impatto di uno degli aerei, mostrata a questo punto da Zero.
Pochi minuti prima, come scena d'apertura,
Zero ha presentato la registrazione angosciante
di una donna, Melissa Doi, che grida disperata
al telefono che "fa molto, molto, molto caldo".
Così caldo che teme di morire.
Così caldo che dice (nella parte guarda caso ta-
gliata da Zero) che non vede fiamme ma sente
che il pavimento scotta dappertutto.
Così caldo che circa 200 persone si suicidano
lanciandosi nel vuoto dalle Torri Gemelle pur di
evitare di morire negli incendi (Figura 52).
Ma adesso, magicamente, le temperature diven-
tano "non certo elevatissime" secondo gli autori
di Zero. Una frase che suona come uno schiaffo
alla memoria di tutte queste persone.
Persone il cui gesto disperato Zero non esita a
mostrare nelle proprie immagini quando vuole
evocare forti emozioni, ma che dimentica quan-
do si tratta di sostenere improbabili quanto of-
fensive teorie alternative.

La donna affacciata
La presenza di una donna che si affaccia dallo
squarcio prodotto dall'impatto è nota e docu-
mentata anche nei rapporti tecnici.
Infatti a pagina 160 del rapporto NIST 1-5A si
trova la fotografia mostrata in Figura 53, nella
quale si scorge la donna citata da Zero.
Figura 52. Suicidi alle Torri Gemelle. Eppure, secondo
Il rapporto NIST fornisce un dato che il video di Zero, le temperature erano "non certo elevatissime".
Chiesa e Fracassi non offre: la foto è stata scatta-
ta intorno alle 9:30. E' tristemente ironico che chi lamenta una presunta inadeguatezza delle otto
indagini tecniche formali69 svolte fin qui sugli eventi dell'11 settembre fornisca meno informazioni
delle stesse indagini che critica così aspramente.
69 Una inchiesta giudiziaria civile (processo Moussaoui); due inchieste governative (Commissione 11/9 e Joint Inquiry di Camera e
Senato USA); cinque tecniche (FAA, NTSB, NIST, FEMA, ASCE); più quelle giornalistiche e i rapporti tecnici dei soccorritori
(MCEER, Arlington After-Action Report, e altri).
92/331 – Zerobubbole

Ora che sappiamo luogo e ora, sappiamo anche quanto tempo è passato dall'impatto, e da questi
dati possiamo trarre alcune deduzioni. Il volo American Airlines 11 colpì il WTC1 alle 8:46. Questa
foto ritrae quindi la situazione ben quarantacinque minuti dopo l'impatto.
E gli incendi, per loro natura, migrano: consumano tutto quello che trovano da bruciare e poi avan-
zano e salgono verso altre zone non ancora consumate.

Figura 53. Una persona si affaccia dallo squarcio del WTC1. Fonte: NIST (evidenziazione aggiunta).

E' quindi assolutamente ingannevole sottolineare che la donna si trova "proprio nel punto dell'im-
patto con l'aereo", come se quello dovesse essere il punto più caldo: quello è invece il punto dove
l'incendio si è sviluppato inizialmente e poi si è affievolito, mentre proseguiva altrove.
In altre parole, le sue condizioni tre quarti d'ora dopo l'inizio dell'incendio non dicono nulla sullo
stato del resto dell'edificio. Questo è un concetto chiaro anche a chi non è vigile del fuoco. Ma allo-
ra si pone un problema: come mai gli autori di Zero non se ne rendono conto?

Ignoranza della dinamica degli incendi


Innanzi tutto, l'elevatissima velocità dell'impatto (fra 700 e 800 km/h) ha scagliato i frammenti del-
l'aereo e il carburante verso l'interno dell'edificio, prima che prendessero fuoco, per cui la zona
d'impatto è giocoforza una delle meno colpite da incendi.
Inoltre non tutto il carburante poteva bruciare immediatamente all'impatto, perché non vi era aria
sufficiente: in parte è rimasto allo stato di massa liquida e come tale ha proseguito la propria corsa,
allontanandosi per inerzia e per gravità dalla breccia d'entrata.
Secondo il NIST, non più del 15% del carburante può essersi incendiato subito: il resto, circa 32.000
litri, non trovando ossigeno sufficiente per la combustione, deve essere rimasto allo stato liquido o
Zerobubbole – 93/331

nebulizzato, potendo quindi fluire o colare attraverso la struttura, fino a trovare nuova aria e qual-
cosa che gli desse fuoco.70
Ma soprattutto, lo squarcio faceva da presa d'aria per gli incendi, per cui era interessato da un in-
tenso flusso d'aria fresca, richiamata dall'esterno per effetto camino dalle fiamme all'interno della
torre. Se c'era un punto ventilato in tutta l'area devastata, era dunque proprio la breccia d'im-
patto. Usare questa fotografia come "prova" di temperature basse nel resto del volume colpito da-
gli incendi denota quindi grave incompetenza nella dinamica degli incendi in generale.
L'evoluzione dell'incendio nella zona dello squarcio è documentata dalle fotografie del medesimo
rapporto NIST NCSTAR 1-5A: già pochissimi minuti dopo l'impatto, gli incendi non interessavano
più lo squarcio, come si può notare per esempio nell'immagine di Figura 54, e si sono poi propaga-
ti principalmente verso l'alto e il lato opposto, come mostrato dalle Figure 55-58.

Figura 54. Meno di un minuto dopo l'impatto, non ci sono fiamme nello squarcio dal quale è penetrato
l'aereo.

Guardate le foto nelle pagine successive: tenendo conto del fatto che ogni lato delle Torri Gemelle
misurava 64 metri (più di mezzo campo di calcio), vi sembrano indicare incendi modesti e "tempe-
rature non certo elevatissime"?

70 La questione è discussa, cifre alla mano, a pagina 79 del rapporto NIST NCSTAR 1-5A.
94/331 – Zerobubbole

Figura 55. La facciata sud (opposta a quella d'impatto) del WTC1 (Torre Nord) alle 9:19, 33 minuti dopo
l'impatto. Fonte: rapporto NIST NCSTAR 1-5A.
Zerobubbole – 95/331

Figura 56. Le facciate ovest (a sinistra) e sud (a destra, opposta a quella d'impatto) del WTC1 (Torre Nord)
alle 10:23, 97 minuti dopo l'impatto e cinque minuti prima del crollo. L'angolazione dell'immagine
nasconde gli incendi sulla facciata ovest, visibili nella foto successiva. Si nota l'inflessione delle colonne.
Fonte: New York Police Department.
96/331 – Zerobubbole

Figura 57: Le facciate ovest (a sinistra) e sud (a destra) del WTC1 alle 10:22, 96 minuti dopo l'impatto. Si noti
che è sufficiente una leggera differenza d'angolazione rispetto alla foto precedente per rivelare la
presenza e l'estensione degli incendi sulla facciata ovest. Fonte: rapporto NIST NCSTAR 1-5A.
Zerobubbole – 97/331

Figura 58. La facciata est del WTC1 alle 9:38, 52 minuti dopo l'impatto. Lo squarcio d'entrata dell'aereo è
sulla facciata nord (a destra). Fonte: rapporto NIST NCSTAR 1-5A.

Chi è la donna?
L'esatta identità della donna mostrata da Zero è data per scontata da molti siti
cospirazionisti, ma in realtà è controversa. Viene indicata sovente come Edna
Cintron, 46 anni, di New York, assistente amministrativa alla Marsh & McLennan
Cos. Inc, al 97° piano, morta nel crollo della torre (Figura 59).71
Secondo queste fonti,72 il marito, William, avrebbe identificato Edna nelle varie
foto, dai capelli e dagli indumenti, ma non con certezza.73 Non è stata reperita
finora una fonte giornalistica attendibile e di prima mano che confermi que- Figura 59. Edna
st'affermazione attribuita al marito. Cintron.
Fra le immagini delle persone che si sono suicidate gettandosi dalle Torri Ge-
melle ve n'è almeno una di una persona i cui indumenti sono compatibili con quelli della persona
che si affaccia dallo squarcio (Figura 60).74

71 http://www.cnn.com/SPECIALS/2001/memorial/people/3707.html.
72 http://www.whatreallyhappened.com/wtc1_woman.html.
73 http://www.thewebfairy.com/911/edna/index.htm.
74 http://11-settembre.blogspot.com/2007/08/le-vittime-dell11-settembre-i-suicidi.html.
98/331 – Zerobubbole

Figura 60. Un'immagine dei suicidi mostra una persona i cui indumenti richiamano quelli della persona
affacciatasi alla breccia d'impatto. Foto di Richard Drew, AP.

Le immagini sono troppo sgranate per consentire un'identificazione affidabile, per cui prevale il
principio di prudenza: ma se davvero si trattasse della stessa persona, le fandonie di Zero sulle tem-
perature degli incendi al World Trade Center troverebbero la più tragica delle smentite.
Zerobubbole – 99/331

16. Paul Craig Roberts: la versione ufficiale è


falsa
Zero presenta a questo punto la seguente citazione come titolo su sfondo nero:

"E' un fatto assodato che la versione ufficiale sul crollo degli edifici del World Trade
Center sia falsa"

Paul Craig Roberts


Assistente Segretario al Tesoro USA
sotto Ronald Reagan

Al lettore attento non sfuggirà l'ironia della situazione. Gli autori di Zero, che come
vedremo insinuano che i mandanti e gli esecutori dell'11 settembre siano l'ammi-
nistrazione repubblicana di Bush e/o i militari statunitensi e diffidano di ogni fonte
che sia vagamente ufficiale, quando fa comodo citano a proprio sostegno niente-
meno che... un ex membro di alto livello di un'amministrazione repubblicana,
quella di Ronald Reagan (Figura 61).
E non si tratta di una citazione occasionale: Giulietto Chiesa ha citato Paul Craig
Roberts più volte in televisione (per esempio a Matrix del 24 maggio 2006)75, nella
presentazione del libro di William Rodriguez "11 settembre Bush ha mentito"76 e nel- Figura 61. Paul
l'introduzione del libro Zero.77 Craig Roberts.

Non solo: Zero sfrutta la consueta fallacia logica del principio d'autorità. Siccome Paul Craig Roberts
è stato un personaggio in una posizione d'autorità in un governo, allora diamo istintivamente
maggior peso alle sue parole.
Ma se consideriamo la situazione razionalmente, ci poniamo subito una domanda: che ne sa di ae-
ronautica o ingegneria strutturale o terrorismo un assistente segretario al Tesoro? Niente. Essere
membri di un governo non conferisce automaticamente la sapienza in ogni campo dello scibile.
Per fare un esempio più vicino a noi, credete forse che Ilona Anna Staller, in arte Cicciolina ed ex
deputato nella decima legislatura del Parlamento italiano nel 1987,78 sia un'autorità in materia di
controllo del traffico aereo o di balistica d'impatto di aerei di linea contro edifici per il solo fatto di
essere stata deputato? Le chiedereste di calcolare la resistenza agli incendi della struttura del
World Trade Center? Appunto.
E allora perché Zero ricorre, qui e altrove, a citazioni di personaggi che non hanno alcuna compe-
tenza in materia, invece di rivolgersi agli esperti e fornire ai propri spettatori fatti concreti?
La domanda si fa ancora più pressante quando andiamo a vedere le basi tecniche sulle quali Ro-
berts fonda la propria affermazione, che proviene da un suo articolo, What we know and don’t
know about 9/11, pubblicato nel 2006 sul sito Information Clearinghouse.79
Roberts afferma che è "un fatto assodato che la versione ufficiale sul crollo degli edifici del World Trade
Center sia falsa" perché "sappiamo che è assolutamente impossibile per qualsiasi edificio, men che
meno edifici con colonne in acciaio, crollare a catasta a velocità di caduta libera". Ma come abbiamo

75 La trascrizione della puntata è consultabile presso http://www.attivissimo.net/11settembre/recensioni/20060524-


matrix/matrix20060524.htm.
76 http://www.giuliettochiesa.it/modules.php?name=Sections&op=viewarticle&artid=468.
77 http://www.blogger.com/www.megachip.info/fotoD/zero_introduzione_Chiesa.pdf.
78 http://it.wikipedia.org/wiki/Cicciolina.
79 http://www.informationclearinghouse.info/article14566.htm. La frase originale è "We know that it is strictly impossible for any
building, much less steel columned buildings, to “pancake” at free fall speed. Therefore, it is a non-controversial fact that the official
explanation of the collapse of the WTC buildings is false."
100/331 – Zerobubbole

visto e come vedremo, le Torri Gemelle e l'Edificio 7 non sono crollati a velocità di caduta libera. In
caduta libera, il crollo delle Torri sarebbe durato circa 9 secondi: nei filmati dura almeno 16 secondi.
L'intero assunto sul quale Roberts basa il suo "fatto assodato" è quindi una fandonia, e se si parte
da un assunto sbagliato, la conclusione non può che essere altrettanto sbagliata.
Per dare qualche ulteriore esempio delle basi traballanti e paranoiche delle affermazioni di Ro-
berts, si può notare che nello stesso articolo Roberts sostiene che "Secondo alcuni resoconti, la BBC
ha trovato sei dei presunti dirottatori suicidi ancora in vita nei propri paesi d'origine":80 una bufala chia-
rita da tempo dalla BBC stessa (ne parleremo in dettaglio in seguito).
La precisazione "Secondo alcuni resoconti" significa che Roberts non
è nemmeno andato a leggersi l'articolo della BBC (Figura 62).81 E il
suo discorso sui tempi di crollo dimostra che non ha letto neppure i
rapporti tecnici riguardanti il crollo delle Torri Gemelle.
Nel proprio articolo, Roberts fa anche affermazioni come "Oggi i me-
dia statunitensi sono di proprietà di 5 grandi società, nelle quali gli
ebrei pro-sionisti hanno un'influenza sproporzionata".82
Non dovrebbe essere necessario altro per inquadrare il personaggio
scelto come autorità da Zero, ma una semplice ricerca negli archivi Figura 62. L'articolo della BBC
rileva una perla che non si può fare a meno di citare, perché la dice che parla del ritrovamento dei
lunga sul rigore delle opinioni di Paul Craig Roberts. dirottatori ancora vivi. In realtà
si trattava di omonimi.
Nel suo articolo Gullible Americans (2006),83 critica gli americani per-
ché non hanno "verificato i fatti" o "letto i rapporti" sull'11/9: e già ci sarebbe da osservare da che
pulpito viene la predica.84 Ma nello stesso articolo, Roberts cita "la professoressa d'ingegneria della
Clemson University, Judy Woods" fra gli "scienziati ed ingegneri" che "hanno posto domande ineludibili
sulla versione ufficiale del crollo dei tre edifici del WTC". L'altro nome che cita è quello di Steven Jones,
già comparso in Zero.85
Ebbene, cosa sostiene la dottoressa Judy Wood (non Woods, come scrive Roberts)? Sostiene che le
Torri Gemelle sono state demolite con le microonde e i raggi laser.86 Che stranamente non sono stati
visti da nessuno e non hanno incenerito nessuna delle persone nella zona al momento del crollo.
E non è tutto: la Wood (Figura 63, tratta dal suo sito) afferma anche che vi
sono possibili legami fra gli attentati dell'11 settembre 2001 e l'uragano
Erin e i terremoti che si verificarono in quel periodo: tutti sarebbero effetti
di tecnologie ultrasegrete.87
Di fronte ad affermazioni come queste, non si può che condividere una
frase di Roberts, tratta dal medesimo articolo Gullible Americans: "Le prove
scientifiche sono una cosa difficile da capire per il pubblico americano".88 E
indubbiamente Paul Craig Roberts, come americano, conferma con la sua
curiosa scelta dei "fatti assodati" di essere pienamente parte di quel pub-
blico.
Figura 63. La dottoressa
Judy Wood.

80 "According to reports, the BBC has found 6 of the alleged suicide hijackers alive and well in their home countries".
81 http://news.bbc.co.uk/2/hi/middle_east/1559151.stm: Hijack 'suspects' alive and well, 23/9/2001, con aggiornamento del 2006 a
chiarire la questione delle omonimie (http://www.bbc.co.uk/blogs/theeditors/2006/10/911_conspiracy_theory_1.html).
82 "Today the US media is owned by 5 giant companies in which pro-Zionist Jews have disproportionate influence."
83 http://www.informationclearinghouse.info/article14531.htm.
84 "Americans never check any facts. Who do you know, for example, who has even read the Report of the 9/11 Commission, much less
checked the alleged facts reported in that document. I can answer for you. You don’t know anyone who has read the report or
checked the facts."
85 "Scientists and engineers, such as Clemson University Professor of Engineering Dr. Judy Woods and BYU Professor of Physics Dr.
Steven Jones, have raised compelling questions about the official account of the collapse of the three WTC buildings."
86 http://drjudywood.com/articles/short/FAQ.html.
87 http://www.drjudywood.com/articles/erin.
88 "Scientific evidence is a tough thing for the American public to handle".
Zerobubbole – 101/331

17. Kevin Ryan, licenziato per aver sfidato la


versione ufficiale

0:13. Il narratore racconta che il National Institute of Standards and Technology (NIST)
ha svolto dei test per verificare la dinamica dei crolli e il comportamento dell'acciaio e
ne ha affidati alcuni alla "Underwriters Labs".

Va chiarito innanzi tutto che la "Underwriters Labs" di cui parla Zero non è una società qualunque,
come potrebbe sembrare dal modo in cui la presenta questo video. La Underwriters Laboratories89
(questo è il suo nome corretto) è uno dei più prestigiosi enti internazionali di certificazione della
conformità e della sicurezza dei prodotti.
Il marchio "UL", così diffuso sugli apparecchi di ogni genere, è suo
(Figura 64) ed è grosso modo equivalente per importanza al mar-
chio CE europeo, con la differenza che il marchio CE è un'autocer-
tificazione di conformità alle norme, mentre il marchio UL richiede
una certificazione svolta dalla UL stessa indipendentemente. Figura 64. Il logo "UL".
Chiarita l'importanza e l'autorevolezza della UL, veniamo ai fatti ri-
guardanti l'11 settembre. Nell'agosto del 2004, la Fire Protection Division della UL svolse per conto
del NIST dei test standard di resistenza all'incendio (Standard Fire Resistance Test), a norma ASTM
E119, nei propri impianti di Northbrook, nell'Illinois, e a Toronto, in Canada. 90 A giudicare da alcune
immagini mostrate a questo punto in Zero, sono questi i test di cui parla il narratore.

Les Jamieson dice testualmente (doppiato): "Kevin Ryan, un ex dipendente della


Underwriters Labs, ha messo in dubbio il rapporto del NIST pubblicamente. Una settimana
dopo è stato licenziato."

Kevin Ryan viene descritto dai sottotitoli di Zero


come "Ex manager della Underwriters Labs" (Figura
65).91 Questo, insieme alle parole di Jamieson cita-
te qui sopra, fa sembrare che Kevin Ryan fosse un
pezzo grosso della prestigiosa Underwriters Labs e
che sia stato licenziato per aver osato dubitare
della versione ufficiale dell'11 settembre.
I fatti sono parecchio diversi. Sono fatti chiariti an-
che dal South Bend Tribune:92 una fonte giornalisti-
ca, non un'emanazione del governo statunitense.
Figura 65. Kevin Ryan, da Zero.

Kevin Ryan non è mai stato un dirigente della Underwriters Laboratories


Ryan è stato dipendente della Environmental Health Laboratories, una società con sede a South
Bend, nell'Indiana. Questa società fu poi acquisita dalla Underwriters Laboratories, prendendo il

89 http://www.ul.com/.
90 Rapporto NIST NCSTAR1-6.
91 Quest'intervista a Ryan fu trasmessa dal programma Report di Raitre il 24 settembre 2006.
92 Articolo del South Bend Tribune di John Dobberstein, archiviato presso http://www.mindfully.org/Reform/2004/Kevin-R-
Ryan22nov04.htm.
102/331 – Zerobubbole

nome di UL Drinking Water Laboratory,93 e Ryan divenne formalmente dipendente della UL: ma non
come manager della UL stessa, bensì come direttore di laboratorio della società acquisita.
Di conseguenza, spacciare Kevin Ryan per un manager della UL, come fa Zero, è come spacciare
per manager della Ferrari il direttore del laboratorio della ditta che fornisce alla Ferrari il liquido la-
vavetri. Il paragone non è affatto forzato, come vedremo tra poco, per via del particolare ramo di
attività di Kevin Ryan.

Kevin Ryan non fu licenziato per aver messo in discussione il rapporto del NIST
Fu licenziato il 16 novembre 200494 perché aveva firmato con le proprie credenziali di dipendente
("Site Manager, Environmental Health Laboratories, A Division of Underwriters Laboratories") una deli-
rante lettera aperta che aveva inviato l'11 novembre a Frank Gayle del NIST e a numerosi siti cospi-
razionisti.
La lettera aperta di Ryan attribuiva alla Underwriters Laboratories certificazioni dell'acciaio delle
Torri Gemelle che la UL non aveva svolto e asseriva che le Torri non sarebbero dovute crollare per
gli incendi. In sostanza, Ryan faceva sembrare che la UL stesse dando del bugiardo al NIST.
Ecco un brano tradotto della lettera, in cui Ryan chiede a Gayle (del NIST) di sposare la causa com-
plottista e rivelare la "verità" che emerge secondo Ryan dai risultati dei test condotti da Gayle e che
il NIST vorrebbe nascondere. L'evidenziazione è aggiunta; la lettera aperta è presentata integral-
mente nelle Appendici di Zerobubbole.
Non vi è dubbio che gli eventi del'11/9 sono la forza motrice emotiva che spinge la Guerra al Terrorismo.
E la questione del crollo del WTC è al centro della storia dell'11/9. La mia sensazione è che i suoi test me-
tallurgici siano al centro del centro del centro. O lei riesce a capire il senso di quello che è realmen-
te accaduto a quegli edifici e a comunicarlo rapidamente, o noi tutti dovremo affrontare la medesi-
ma distruzione e disperazione che derivano dalle decisioni globali basate sulla disinformazione e
le chiacchiere intercettate ["chatter" in originale, N.d.T.].
Grazie per tutti i suoi sforzi per determinare cosa è successo quel giorno. Forse lei sa che ci sono alcuni
altri dipendenti attuali ed ex dipendenti del governo che hanno rischiato molto per aiutarci a co-
noscere la verità. Ho incluso in questo messaggio, per conoscenza, una di queste persone. Ritengo
che anche il suo lavoro possa essere un nucleo di fatti intorno al quale possono ricrescere la verità
e quindi la pace e la giustizia globale. La prego di fare quello che può per eliminare rapidamente la con-
fusione riguardante la capacità degli incendi alimentati da carburante per jet di ammorbidire o fondere
l'acciaio strutturale.
Kevin Ryan, inoltre, aveva spedito questa lettera aperta dalla casella di e-mail del proprio posto di
lavoro. Tutto questo diede quindi "l'impressione ingannevole di parlare in qualità di rappresentante
della UL" e causò "danni sia alla reputazione dell'Azienda, sia al nostro rapporto con il NIST", come
scrisse la UL nella lettera di licenziamento di Ryan (Figura 66).95

Kevin Ryan è sì un esperto: ma in acque potabili


Una cosa importante che Zero non dice, inoltre, è che Kevin Ryan lavorava in un campo che non
c'entra assolutamente nulla con i test d'incendio o la resistenza degli acciai al calore. Infatti la EH
Laboratories/UL Drinking Water Laboratory, dove lavorava Ryan, è una società che certifica la
93 http://www.epa.gov/safewater/ucmr/ucmr1/labs.html; South Bend Tribune,
http://www.southbendtribune.com/apps/pbcs.dll/article?AID=/20060910/News01/609100551;
http://resipsa2006.googlepages.com/kevinryanv.ullitigation.
94 Articolo del South Bend Tribune di John Dobberstein, archiviato presso http://www.mindfully.org/Reform/2004/Kevin-R-
Ryan22nov04.htm; http://resipsa2006.googlepages.com/kevinryanv.ullitigation.
95 La lettera di licenziamento è pubblica perché tratta dagli atti del processo intentato da Ryan stesso contro la UL
(http://resipsa2006.googlepages.com/55-3ExhibitATerminationLetter.pdf ).
Zerobubbole – 103/331

potabilità dell'acqua.96 Tant'è vero che il nome UL Drinking Water Laboratory significa appunto "la-
boratorio dell'UL per l'acqua potabile".97 Gli atti del processo intentato da Ryan contro la UL98 docu-
mentano la vera qualifica dell'esperto intervistato da Zero: è un chimico che all'epoca lavorava
come "laboratory manager". Non un alto dirigente, insomma, ma un direttore di laboratorio.
Kevin Ryan, si occupava dunque di acqua, non di metalli. Non ha alcun titolo tecnico per mette-
re in discussione il rapporto del NIST; ha lasciato intendere di essere rappresentante di un ente go-
vernativo quando non lo era; e ha fatto sembrare che l'ente accusasse di cospirazione il NIST. Non
c'è troppo da stupirsi del suo licenziamento.
Ancora una volta, dunque, salta fuori che Zero ci propone le parole di una persona tecnicamente
non competente nelle materie di cui parla. Perché? E come mai non interpella i veri esperti?

Figura 66. La lettera di licenziamento inviata a Kevin Ryan.

96 "Environmental Health Laboratories (EHL) is the most certified drinking water testing laboratory in America"
(http://web.archive.org/web/20050328092216/http://www.ehl.cc/).
97 http://www.ul.com/water/waterlab/index.html.
98 http://resipsa2006.googlepages.com/5Complaint.pdf.
104/331 – Zerobubbole

Questa pagina è intenzionalmente vuota.


Zerobubbole – 105/331

18. Zero smonta la teoria ufficiale. Quella


sbagliata
Kevin Ryan parla dei test d'incendio svolti dalla Underwriters Laboratories per conto del NIST allo
scopo di capire la dinamica degli incendi che portarono al crollo delle Torri Gemelle.

0:14. Kevin Ryan (doppiato) dice testualmente: "Abbiamo effettuato dei test su alcuni
modelli in scala della struttura nell'agosto del 2004."

Perché "abbiamo"? Ryan non ha mai fatto parte della Fire Protection Division della Underwriters
Laboratories, la divisione che condusse i test: come abbiamo visto, è stato dipendente di tutt'altra
divisione della UL, quella dedicata alle acque potabili.
Parlare in questo modo, come se avesse preso parte attiva e competente ai test di cui sta per parla-
re, significa ingannare lo spettatore. Un approccio davvero sorprendente, per un documentario che
pretende di smontare i presunti inganni delle fonti ufficiali.
Ancora una volta, dunque, Zero manipola le parole e gioca sull'ambiguità irrisolta per conferire alle
proprie tesi e ai propri testimoni un'autorevolezza e una competenza tecnica che in realtà non
hanno. Infatti la non competenza di settore di Ryan viene subito al pettine:

Kevin Ryan afferma che i test in questione smentirono "la spiegazione ufficiale del crollo
delle torri", 99 denominata "pancake theory" ["teoria dell'accatastamento", NdT], secondo
la quale i solai sarebbero crollati accatastandosi "come una pila di frittelle" e le colonne
avrebbero ceduto.

Il concetto viene ribadito in inglese dai titoli: "those test [sic] disproved the pancake
theory".

Ma quella che Ryan definisce la "spiegazione ufficiale" non è affatto la teoria sostenuta e do-
cumentata dal NIST. La "pancake theory", o "teoria dell'accatastamento", fu proposta da alcuni tec-
nici inizialmente, prima che fossero disponibili i dati, le immagini e i reperti fisici delle Torri Gemelle
presentati dal rapporto NIST, e ipotizzava che avessero ceduto i raccordi fra i solai e le colonne del-
la facciata. Secondo questa prima ipotesi, i solai sarebbero così caduti l'uno sull'altro, accatastando-
si, e questo avrebbe causato il crollo dell'edificio.
Tuttavia le indagini del NIST fecero emergere nuovi fatti e dettagli che dimostrarono che questa
teoria preliminare era errata: dati, immagini e reperti documentarono che i raccordi di norma non
avevano ceduto, ma anzi avevano permesso ai solai, imbarcati dal calore, di tirare verso l'interno le
colonne della facciata, provocandone il cedimento, come già mostrato nelle Figure 45-47 e nella
sequenza di Figura 67.
La "pancake theory" fu quindi abbandonata e da tempo l'accatastamento dei solai non è più
considerato causa innescante del crollo dai tecnici.100 Per esempio, il NIST rigetta decisamente il
"pancaking" come causa del crollo nelle sue risposte alle domande più frequenti, pubblicate ad
agosto del 2006:101
99 L'audio originale ("And those tests disproved the primary theory behind the collapse of the buildings") dice una cosa diversa
rispetto al doppiaggio: parla di "teoria principale", non di "spiegazione", e non usa affatto l'aggettivo "ufficiale". Anche le parole
di Ryan sono state dunque manipolate.
100 Il pancaking non è però completamente escluso dalla ricostruzione della dinamica del disastro. Il NIST, infatti, precisa che il
pancaking a suo avviso non causò il crollo delle Torri Gemelle (come ipotizzato inizialmente), ma fu comunque presente: non
come causa, ma come effetto di questo crollo. In altre parole, i solai si accatastarono sì progressivamente, ma questo
accatastamento avvenne dopo che era iniziato il crollo e non lo innescò. E' per questo motivo che il termine "pancaking"
compare anche nei rapporti NIST (per esempio in NCSTAR 1-3C Sezione 3.5.3, pag. 481).
101 http://wtc.nist.gov/pubs/factsheets/faqs_8_2006.htm; è disponibile una traduzione in italiano presso
106/331 – Zerobubbole

I risultati del NIST non avvalorano la "pancake theory" del crollo, che si basa sul presupposto di un
cedimento progressivo dei solai nelle torri del WTC [...]. L'indagine del NIST ha invece dimostrato in
modo definitivo che il cedimento delle colonne perimetrali, incurvate verso l'interno, ha innescato il crol-
lo e che il verificarsi di quest'incurvamento esigeva che i solai insellati restassero connessi alle colonne e
applicassero una trazione alle colonne verso l'interno dell'edificio. Pertanto, i solai non hanno ceduto
progressivamente per produrre un fenomeno di pancaking.
In altre parole, Kevin Ryan ha in parte ragione: i test effettivamente dimostrarono che la congettura
iniziale dei tecnici era sbagliata. Quello che Ryan non dice è che i tecnici hanno poi elaborato
una nuova spiegazione dettagliata, che non è stata affatto smentita dai test ma anzi confer-
mata dai dati e dalle osservazioni.
Gli autori di Zero, insomma, si accaniscono contro una teoria che non è affatto la "spiegazione uffi-
ciale" risultante dalle indagini tecniche. E come vedremo, sanno benissimo che non lo è: lo dichia-
reranno tra poco. Allora perché perdono tempo a criticare una teoria che sanno essere obsoleta?
L'unica motivazione plausibile sembra essere quella di confondere lo spettatore tecnicamente non
preparato e introdurre un nuovo straw man argument: presentare in modo errato la posizione av-
versaria, mostrare contraddizioni in questa posizione fasulla, e con questo far credere allo spettato-
re di aver demolito l'argomentazione reale.

http://undicisettembre.blogspot.com/2006/09/wtc-il-nist-risponde-alle-domande.html.
Zerobubbole – 107/331

Figura 67. Inflessione della facciata della Torre Sud.


108/331 – Zerobubbole

La scienza vera si corregge; la pseudoscienza no


Al profano può parere irritante e confusionario questo cambiamento nella ricostruzione tecnica
della dinamica dei crolli delle Torri Gemelle. Ma è proprio questo il corretto procedere del metodo
scientifico: costruire ipotesi compatibili con tutti i dati disponibili e correggerle inesorabilmente se
emergono nuovi dati o si rilevano errori nei dati esistenti.
L'approccio pseudoscientifico del cospirazionismo, invece, genera ipotesi utilizzando soltanto i dati
che sceglie arbitrariamente e ignorando tutti gli altri, e non corregge queste ipotesi quando emer-
ge che si basano su dati errati o se si rendono disponibili nuovi dati: anzi, di norma dichiara che i
dati contrari alle ipotesi sono stati falsificati, oppure fa finta che quei dati non esistano (come ve-
dremo in modo particolarmente eloquente anche in Zero a proposito dell'impatto al Pentagono).
Il cospirazionismo è insomma dogmatico e non ammette la possibilità d'errore, con un processo
psicologico più affine a quello delle sette religiose che a quello razionale, mentre il buon senso e il
metodo scientifico non solo ammettono questa possibilità d'errore, ma ne fanno un perno del pro-
prio processo di miglioramento.
Zerobubbole – 109/331

19. Kevin Ryan: i test d'incendio ufficiali


sbugiardano la versione ufficiale

Ryan racconta che i modelli dei solai utilizzati nei test non collassarono pur trovandosi
all'interno di forni anche a temperature più elevate e per periodi di tempo più lunghi.

L'affermazione di Kevin Ryan è formalmente corretta, ma detta così, senza contesto, sembra sugge-
rire che la struttura del World Trade Center non possa essere collassata per l'intensità degli incendi
e che quindi ci debbano essere state all'opera forze ben più potenti e misteriose.
La realtà è che neanche la ricostruzione definitiva del NIST sostiene che i solai collassarono.
Dice che i solai si imbarcarono per il calore, ma con poche eccezioni (i solai colpiti dagli aerei) non
collassarono: anzi, resistettero tanto da deformare le colonne perimetrali, tirandole verso l'interno.
Furono quindi queste colonne perimetrali a cedere, come documentato anche fotograficamente.
I test del NIST, insomma, corrispondono a quanto osservato al World Trade Center. Gli autori di
Zero forse non se ne sono resi conto, ma Kevin Ryan sta dicendo che il NIST non ha mentito e
che la ricostruzione "ufficiale" è esatta.
Zero, infatti, presenta questa frase di Ryan come se fosse un mistero e una contraddizione rispetto
alla ricostruzione comunemente accettata: ma lo è soltanto per chi è rimasto abbarbicato alla pri-
missima ipotesi tecnica, fatta prima che si rendessero disponibili i dati e le immagini delle inchie-
ste, come descritto nelle pagine precedenti. Il collasso precrollo dei solai fu ipotizzato da alcuni
tecnici soltanto inizialmente, ma non fa parte della ricostruzione tecnica definitiva.
Ryan sembra rimasto fermo a questa versione obsoleta della ricostruzione tecnica. Il risultato è
un'argomentazione fasulla, che presenta le posizioni avversarie in modo parziale e tendenzioso per
poi farle sembrare implausibili: un altro straw man argument. E' come se in un processo per omici-
dio l'avvocato della difesa facesse notare alla giuria il fatto inquietante e misterioso che la vittima
stranamente non presenta alcuna ferita da arma da fuoco, dimenticandosi che in realtà la causa
della morte è un avvelenamento.
Non c'è dunque nulla di sospetto nei risultati dei test del NIST su modelli fisici dei solai, documen-
tati nelle 470 pagine del rapporto NIST NCSTAR 1-6B: semplicemente, e in estrema sintesi, i test
chiariscono che la struttura dei solai del World Trade Center era davvero conforme alle norme an-
tincendio vigenti (ASTM E 119) e si sarebbe imbarcata, senza cedere, in caso d'incendio senza im-
patti che ne avessero asportato la protezione antincendio. Questo è un fatto mostrato per esempio
nella Figura 68, tratta appunto dal rapporto NIST.
Si noti che l'imbarcamento mostrato in questa figura è circa la metà di quello massimo raggiunto
nel corso dei test, perché il raffreddamento della struttura ha prodotto un parziale recupero di for-
ma dopo il termine del test.102
Come già accennato, va ricordato inoltre che i modelli dei solai utilizzati nei test avevano una diffe-
renza fondamentale rispetto agli originali: la loro protezione antincendio era intatta, mentre quella
delle Torri Gemelle fu dilaniata dagli impatti degli aerei, denudando l'acciaio in un volume molto
ampio (la sezione di penetrazione degli aerei) ed esponendo il metallo direttamente al calore degli
incendi.

102 "Note that, upon cooling, the test specimen recovered at least half of the deflection achieved during the test so deflections seen in Fig.
3-11 are considerably less than the deflections at the end of the test". NIST NCSTAR 1-6, pag. 49.
110/331 – Zerobubbole

Figura 68. L'imbarcamento del modello di solaio delle Torri Gemelle, rivestito dalla protezione antincendio
a spruzzo, nei test fisici del NIST. Questo non è l'imbarcamento massimo raggiunto nel corso dei test.
Immagine tratta dalla Figura 3-11 del rapporto NIST NCSTAR 1-6.

Questa differenza è spiegata anche nella sintesi pubblicata dal NIST a dicembre 2007:103
...il NIST ha svolto una serie di quattro test d'incendio standard (Standard Fire Tests) (ASTM E 119), come
dichiarato nel documento NIST NCSTAR 1-6B. Poiché le strutture di prova per tutti e quattro gli Stan-
dard Fire Test erano state protette con materiale ignifugo applicato a spruzzo (sprayed fire-resistant
material, SFRM), non è stato possibile trarre delle conclusioni in merito alla risposta delle Torri del WTC
agli incendi dell'11 settembre 2001, perché l'impatto degli aerei causò la presenza di acciaio privo di
protezione nella zona colpita dagli incendi.

Quanti sarebbero i cospiratori del NIST?


Fermiamoci un attimo, perché il rapporto NCSTAR 1-6B del NIST citato qui sopra non solo descrive
i test, ma prende anche una posizione esplicita nei confronti delle teorie complottiste che pone a
Kevin Ryan e soci un problema piuttosto interessante:
Il NIST non ha trovato alcuna prova a sostegno delle ipotesi alternative che suggeriscono che le torri
del WTC siano state abbattute da una demolizione controllata usando esplosivi collocati prima dell'11
settembre 2001. Il NIST, inoltre, non ha trovato alcuna prova che missili siano stati lanciati verso le torri o
le abbiano colpite. Fotografie e video ripresi da varie angolazioni hanno invece mostrato chiaramente

103 http://wtc.nist.gov/pubs/factsheets/faqs_12_2007.htm; una traduzione italiana è disponibile presso


http://undicisettembre.blogspot.com/2007/12/wtc-nuovi-chiarimenti-dal-nist-prima.html.
Zerobubbole – 111/331

che il crollo è iniziato in corrispondenza dei piani degli incendi e degli impatti e che il crollo è progredito
dai piani d'inizio verso il basso, finché le nubi di polvere ne hanno coperto la vista.104
Questa negazione senza mezzi termini delle teorie complottiste da parte del NIST comporta che i
sostenitori delle teorie alternative devono accusare il NIST di mentire e quindi far parte della cospi-
razione. Ma si fa in fretta a dire "il NIST" e a dimenticarsi che dietro quella sigla e dietro il rapporto
tecnico sul World Trade Center ci sono oltre 170 persone: rendiamocene conto elencando i loro
nomi, tratti dal rapporto NIST. Tutti questi individui sarebbero omertosissimi cospiratori?
! Membri del National Construction Safety Team:
S. Shyam Sunder, Richard G. Gann, William L.
Grosshandler, H. S. Lew, Richard W. Bukowski, Fa-
him Sadek, Frank W. Gayle, John L. Gross, Therese
P. McAllister, Jason D. Averill, J. Randall Lawson,
Harold E. Nelson, Stephen A. Cauffman.
! Personale tecnico del NIST: Mohsen Altafi, Ro-
bert Anleitner, Elisa Baker, Stephen Banovic, Ho-
ward Baum, Carlos Beauchamp, Dale Bentz, Char-
les Bouldin, Paul Brand, Lori Brassell, Kathy Butler,
Nicholas Carino, Sandy Clagett, Ishmael Conteh,
Matthew Covin, Frank Davis, David Dayan, Lau-
rean DeLauter, Jonathan Demarest, Stuart Dols, Figura 69. S. Shyam Sunder, coordinatore
Michelle Donnelly, Dat Duthinh, David Evans, Ri- delle indagini del NIST sul WTC.
chard Fields, James Filliben, Tim Foecke, Jeffrey
Fong, Glenn Forney, William Fritz, Anthony Hamins, Edward Hnetkovsky, Erik Johnsson, Dave
Kelley, Mark Kile, Erica Kuligowski, Jack Lee, William Luecke, Alexander Maranghides, David
McColskey, Chris McCowan, Jay McElroy, Kevin McGrattan, Roy McLane, George Mulholland,
Lakeshia Murray, Kathy Notarianni, Joshua Novosel, Long Phan, William Pitts, Thomas Ohle-
miller, Victor Ontiveros, Richard Peacock, Max Peltz, Lisa Petersen, Rochelle Plummer, Kul-
deep Prasad, Natalia Ramirez, Ronald Rehm, Paul Reneke, Michael Riley, Lonn Rodine, Schuy-
ler Ruitberg, Jose Sanchez, Raymond Santoyo, Steven Sekellick, Michael Selepak, Thomas
Siewert, Emil Simiu, Monica Starnes, David Stroup, Laura Sugden, Robert Vettori, John Wid-
mann, Brendan Williams, Maureen Williams, Jiann Yang, Robert Zarr, Jeffrey Fong, Glenn For-
ney, William Fritz, Anthony Hamins, Edward Hnetkovsky, Erik Johnsson, Dave Kelley, Mark
Kile, Erica Kuligowski, Jack Lee, William Luecke, Alexander Maranghides, David McColskey,
Chris McCowan, Jay McElroy, Kevin McGrattan, Roy McLane, George Mulholland, Lakeshia
Murray, Kathy Notarianni, Joshua Novosel, Long Phan, William Pitts, Thomas Ohlemiller, Vic-
tor Ontiveros.
! Esperti e consulenti del NIST: Vincent Dunn, Steven Hill, John Hodgens, Kevin Malley, Va-
lentine Junker.
! Dipartimento del Commercio e supporto istituzionale al NIST: Michele Abadia-Dalmau,
Kellie Beall, Arden Bement, Jr., Audra Bingaman, Sharon Bisco, Phyllis Boyd, Marie Bravo,
Craig Burkhardt, Paul Cataldo, Virginia Covahey, Deborah Cramer, Gail Crum, Jane Dana,
Sherri Diaz, Sandra Febach, Susan Ford, James Fowler, Matthew Heyman, James Hill, Verna
Hines, Kathleen Kilmer, Kevin Kimball, Thomas Klausing, Donna Kline, Fred Kopatich, Kenne-
th Lechter, Melissa Lieberman, Darren Lowe, Mark Madsen, Ronald Meininger, Romena Moy,
Michael Newman, Gail Porter, Thomas O’Brian, Nualla O’Connor-Kelly, Norman Osinski, Ka-
ren Perry, Sharon Rinehart, Michael Rubin, Rosamond Rutledge-Burns, John Sanderson,
Hratch Semerjian, Sharon Shaffer, Elizabeth Simon, Jack Snell, Michael Szwed, Kelly Talbott,
Anita Tolliver, Joyce Waters, Teresa Vicente, Dawn Williams.
104 "NIST found no corroborating evidence for alternative hypotheses suggesting that the WTC towers were brought down by controlled
demolition using explosives planted prior to September 11, 2001. NIST also did not find any evidence that missiles were fired at or hit
the tower. Instead, photographs and videos from several angles clearly showed that the collapse initiated at the fire and impact
floors and that the collapse progressed from the initiating floors downward, until the dust clouds obscured the view." NIST NCSTAR
1-6, pag. 320.
112/331 – Zerobubbole

La cospirazione s'allarga
Non solo: ai membri del NIST sopra elencati si dovrebbero aggiungere, secondo le argomentazioni
dei complottisti, i circa 120 membri delle seguenti società, enti e università che hanno collaborato
direttamente con il NIST alle indagini e quindi devono per forza essere a conoscenza dei fatti e di
una loro eventuale falsificazione:105
! Applied Research Associates, Inc.
! American Airlines
! Baseline, Inc.
! Blanford Land Development Corporation
! Carr Futures, Inc.
! City of New York Fire Department
! Computer Aided Engineering Associates, Inc.
! DataSource, Inc.
! GeoStats, Inc.
! Gilsanz Murray Steficek LLP
! Hughes Associates, Inc.
! Isolatek International, Inc.
! John Jay College
! Laclede Steel
! Leslie E. Robertson Associates, R.L.L.P.
! Marsh & McLennan Companies
! Metal Management Northeast, Inc.
! National Fire Protection Association
! National Research Council, Canada
! NuStats, Inc.
! Rosenwasser/Grossman Consulting Engineers, P.C.
! Science Applications International Corporation
! Siemens
! Silverstein Properties
! Simpson Gumpertz & Heger Inc.
! Simpson, Thacher & Bartlett LLP
! Skidmore, Owings & Merrill, LLP
! State University of New York
! Structural Engineers Association of New York
! Teng & Associates, Inc.
! The Boeing Company
! Underwriters Laboratories, Inc.

105 L'elenco completo dei nomi è nel rapporto NIST.


Zerobubbole – 113/331

! University of Chicago
! University of Colorado
! University of Michigan
! Wachtell, Lipton, Rosen & Katz
! Williams & Connolly LLP
! Wiss, Janney, Elstner Associates, Inc.

La cospirazione s'allarga ancora

Kevin Ryan dice che alcuni mesi più tardi "il governo" pubblicò un aggiornamento al
"rapporto ufficiale". Secondo quest'aggiornamento, dice Ryan, che i solai non avevano
ceduto.

Kevin Ryan a questo punto attribuisce al governo la paternità dei rapporti tecnici. Questo è errato e
ingannevole: i rapporti sul crollo delle Torri Gemelle sono stati tutti realizzati dalle più prestigiose
autorità tecniche indipendenti degli Stati Uniti.
Dire che sono opera del "governo" è una bubbola, un tentativo di spersonalizzazione, che serve a
nascondere la loro autorevolezza tecnica e instillare diffidenza nello spettatore, suggerendo che
siano invece il parto autoritario di un politico o di un burocrate. Zero, in sostanza, vuol far credere
che i rapporti tecnici siano null'altro che una velina di governo priva di fondamento scientifico,
quando in realtà sono stati realizzati dagli specialisti del National Institute of Standards and Tech-
nologies, che è un ente indipendente costituito da circa 2800 scienziati, ingegneri e tecnici. 106
Un altro dato: l'American Society of Civil Engineers (ASCE), associazione statunitense degli inge-
gneri civili, gente dunque esperta in strutture, conta circa 140.000 iscritti.107 Nessuno di loro, a
quanto risulta, contesta la "versione ufficiale" dei crolli delle Torri Gemelle. Come mai?
Si potrebbe argomentare, magari un po' a fatica, che le autorità tecniche statunitensi sono comun-
que legate al governo USA e quindi potrebbero scrivere quello che ordina loro il governo. Ma sia-
mo nel campo della scienza, nel quale è difficile mentire senza essere prima o poi scoperti. I tecnici
di tutto il mondo leggono i rapporti del NIST: se ci fossero fandonie, le scoprirebbero. Contar frot-
tole sarebbe quindi non solo difficile, ma anche stupido.
Non solo: se si ipotizza che il NIST, la FEMA, l'ASCE, la UL e gli altri enti interessati abbiano pubblica-
to menzogne su istigazione governativa, occorre includere fra i membri perfettamente omertosi
della cospirazione non solo tutti i partecipanti all'inchiesta del NIST, ma anche quelli di tutti questi
enti, e poi anche tutti gli addetti ai lavori statunitensi e i loro colleghi in tutto il mondo. Compresi
gli ingegneri strutturisti, gli architetti e i Vigili del Fuoco italiani, nessuno dei quali contesta i dati
dei rapporti tecnici riguardanti l'11 settembre.
A questo punto, affermazioni come quelle di Giulietto Chiesa, secondo il quale "bastano alcune
centinaia" di persone108 per organizzare l'immensa, quadrupla cospirazione dell'11 settembre, assu-
mono una connotazione perlomeno surreale.
Più in generale, nessun esperto di settore, in nessun paese del mondo, che abbia studiato i
rapporti tecnici aggiornati degli eventi dell'11 settembre li ha messi in discussione.109 Anzi, la
106 http://www.nist.gov/public_affairs/general2.htm.
107 http://www.asce.org/membership/activeMembership.cfm.
108 Le Storie, Raitre, 31/1/2008. La trascrizione della trasmissione è disponibile presso
http://undicisettembre.blogspot.com/2008/01/giulietto-chiesa-le-storie-raitre.html e
http://undicisettembre.blogspot.com/2008/01/giulietto-chiesa-le-storie-raitre_31.html.
109 L'ingegnere strutturista svizzero Jörg Schneider sostiene che "Il WTC7, con grande probabilità, è stato abbattuto mediante
114/331 – Zerobubbole

letteratura di settore ha utilizzato i disastri del World Trade Center e specificamente i rapporti NIST
come base per nuove normative edilizie e nuove tecnologie di costruzione.110 Per esempio, l'Inter-
national Building Code, la principale normativa statunitense per l'edilizia, è stata riveduta e aggior-
nata proprio sulla base delle raccomandazioni del NIST derivanti dallo studio dei crolli del World
Trade Center.111
I sostenitori delle teorie alternative, e Kevin Ryan in primis, non hanno alcuna spiegazione per que-
st'assoluta omertà degli addetti ai lavori. Possiamo seriamente pensare che gli ingegneri italiani,
francesi, cinesi, cubani, nordcoreani accettino di tacere o di dire menzogne su comando del gover-
no degli Stati Uniti?

esplosivi", ma dichiara di essere arrivato alla propria conclusione soltanto "esaminando vari video disponibili su Internet che
mostrano il crollo dell'edificio" e leggendo "solo alcune parti" dei rapporti NIST e FEMA. Ha chiarito inoltre di non essere stato al
corrente di grandi incendi o di impatti di macerie, né di aver visto che le due strutture situate in cima al WTC7 collassano
diversi secondi prima del resto dell'edificio. Fonte: intervista di Schneider con Paolo Attivissimo,
http://undicisettembre.blogspot.com/2007/08/ingegneri-strutturisti-svizzeri.html.
110 Si vedano, per esempio, la Local Law 26/2004, entrata in vigore il 24/6/2004, che modifica le norme edilizie nella città di New
York (http://locallaw26.org/); la descrizione delle modifiche ai progetti in corso, in 9/11 Prompts New Caution In Design of U.S.
Skyscrapers, New York Times, 9/9/2002
(http://query.nytimes.com/gst/fullpage.html?res=9506E2DE1F3EF93AA3575AC0A9649C8B63&sec=&spon=&pagewanted=all);
le nuove tecniche utilizzate per il grattacielo che sostituisce l'Edificio 7 del WTC, in Manhattan; A Post-Sept. 11 Laboratory in
High-Rise Safety, New York Times, 29/1/2003
(http://query.nytimes.com/gst/fullpage.html?res=9C01E4DA1039F93AA15752C0A9659C8B63&sec=&spon=&pagewanted=all);
Lessons of 9/11 alter skyscraper design, Associated Press, 6/9/2006
(http://www.boston.com/news/nation/articles/2006/09/06/lessons_of_911_alter_skyscraper_design/).
111 9/11 building code changes approved, 26/6/2007 (http://www.cenews.com/article.asp?id=2199). L'IBC è emanato
dall'International Code Council (http://www.iccsafe.org).
Zerobubbole – 115/331

20. Le analisi ufficiali dicono che le


temperature al WTC erano "molto basse"
Siamo a circa 15 minuti dall'inizio di Zero e procediamo al ritmo non trascurabile di più di una bub-
bola al minuto. Kevin Ryan (che, ricordiamolo, è un consulente per le acque potabili, non un inge-
gnere strutturista o un esperto di metallurgia o di incendi) prosegue le sue affermazioni riguardan-
ti i test condotti sui resti delle Torri Gemelle.

0:15. L'aggiornamento al rapporto ufficiale, secondo Ryan, afferma che erano stati svolti
dei test su alcuni campioni di materiale recuperato sul posto dalle zone dove si erano
verificati gli incendi. Ryan dice che questi test dimostrarono che "le temperature
risultavano molto basse".

Kevin Ryan afferma poi che le temperature non erano neppure sufficienti ad
ammorbidire l'acciaio, eppure "hanno detto" [non è chiaro chi, N.d.T.] che i solai erano
crollati e l'acciaio si era ammorbidito.

Zero non mostra né indica le coordinate o gli enti autori dei rapporti e degli aggiornamenti citati
da Kevin Ryan, per cui lo spettatore viene lasciato a brancolare nel buio, senza possibilità di riscon-
tro dell'esattezza delle affermazioni fatte dal video.
Chi ha eseguito questi test? "Il governo", ha detto prima vagamente Ryan. Quando? Non lo dice.
Dove sono pubblicati i risultati? Non lo dice. Possiamo sapere da Zero cosa dicevano questi test
esattamente, senza l'intermediazione di un addetto alle acque potabili? No. E' certamente un
modo molto particolare di fare e documentare un'indagine. Queste sono dichiarazioni fumose, più
simili al pettegolezzo che a un'indagine rigorosa e documentaristica.
Prima di entrare nel merito tecnico delle affermazioni di Kevin Ryan, facciamo una riflessione di
buon senso: quello che sta dicendo Ryan è che un imprecisato ente governativo statunitense
ha pubblicato dei risultati che contraddicono la versione ufficiale. Ma allora quell'ente governa-
tivo non fa parte della grande congiura. Non ha ricevuto l'imbeccata per falsificare i risultati; anzi,
con quei risultati ha avuto il coraggio di mettersi apertamente contro la versione ufficiale. Quindi
possiamo fidarci di quello che dice, giusto?
Ebbene, l'ente governativo in questione è il NIST. Non lo sappiamo certo per merito della traspa-
renza e del rigore documentaristico di Zero, ma perché l'unico rapporto tecnico che si adatta vaga-
mente alle affermazioni di Ryan è uno dei volumi del rapporto del NIST. E il NIST dice, con la forza
di 43 dettagliatissimi volumi di dati tecnici redatti dagli esperti di settore, che le Torri Gemelle sono
crollate per la combinazione di impatti e incendi, non per demolizione controllata. Zero, invece,
parla con la forza di un pettegolezzo riferito da un addetto alla potabilità dell'acqua. Il confronto
pare leggermente sbilanciato.
Fatta questa premessa di ordine logico, passiamo alle questioni tecniche.

Le temperature raggiunte da un incendio d'ufficio


Chiunque si occupi professionalmente di normative di sicurezza o di lotta agli incendi ha già capi-
to che Kevin Ryan sta attribuendo ai rapporti del NIST delle affermazioni totalmente assurde.
Qualunque incendio domestico o commerciale raggiunge infatti temperature altissime, suffi-
cienti ad ammorbidire l'acciaio, se questo non è protetto.
116/331 – Zerobubbole

Questo è un concetto forse poco


intuitivo, ma talmente assodato
che esiste addirittura uno stan-
dard, l'ISO 834, che definisce le
caratteristiche di un tipico incen-
dio in ambiente domestico o d'uffi-
cio.
Qualsiasi prodotto che debba con-
formarsi alle normative antincen-
dio viene valutato in base a questo
standard e alla sua curva di tempe-
rature rispetto al tempo (Figura 70).
Come si può vedere dal grafico, le
temperature di un comune incen-
dio domestico o d'ufficio arrivano
entro pochi minuti a livelli tali da
ammorbidire l'acciaio non protetto,
che inizia a indebolirsi a circa 400°C Figura 70. La curva tempo/temperatura dello standard ISO 834.
e perde circa il 50% della propria
resistenza a 600°C. A 980°C ha meno del 10% della resistenza iniziale.112
Secondo la documentazione di ricerca pubblicata dai Vigili del Fuoco italiani, sono da ritenersi già
“critiche” temperature di 500°C per le strutture in acciaio dotate di rivestimenti protettivi.113 Nelle
zone delle Torri Gemelle investite dagli aerei, non c'erano neanche questi rivestimenti, perché era-
no stati asportati meccanicamente dall'impatto, mettendo l'acciaio a diretto contatto con le fiam-
me.
Questo è un fattore importantissimo, come spiega la rivista ufficiale dell'Associazione Nazionale Vi-
gili del Fuoco Volontari italiana:114
L'acciaio è un buon conduttore di calore e con il riscaldamento subisce dilatazioni e deformazioni, che
oltre 300 - 350°C riducono gradualmente la resistenza alla rottura, per temperature oltre i 500 - 550°C
la resistenza della struttura si riduce ad un valore inferiore a quello ammissibile, con conseguente
crollo della struttura in acciaio.
Il crollo può avvenire anche quando la struttura in acciaio viene attaccata dal fuoco non completamente,
ma solo in una limitata zona quale una trave o un pilastro; è necessario anche valutare, ai fini della stabi-
lità dell'edificio, i fenomeni di allungamento della struttura legati alle temperature.
Il tempo occorrente per raggiungere la temperatura di 550°C dipende da vari fattori, ma soprattutto dal-
la superficie e dalla massa della struttura in acciaio investita dal fuoco; il tempo è infatti proporzionale al
rapporto tra il peso della struttura e la superficie esposta al fuoco.
Quando sia necessario garantire determinati livelli di resistenza al fuoco le strutture in acciaio devono es-
sere protette con rivestimenti isolanti di tipo, per esempio, intumescente e la protezione deve essere
estesa a tutta la superficie della struttura, in quanto un difetto locale di protezione è sufficiente per
consentire il riscaldamento di tutta la struttura e quindi provocarne il cedimento.
Queste non sono teorie: sono risultanze pratiche della sperimentazione. La curva dello stan-
dard ISO 834 è una generalizzazione, ma i test dimostrano che le temperature indicate dalla curva
si verificano sempre. Perché mai le Torri Gemelle avrebbero dovuto essere un'eccezione, special-
mente considerato che vi erano stati riversati dentro circa 32.000 litri di carburante altamente in-
fiammabile?

112 Dati forniti da Farid Alfawakhiri, ingegnere capo addetto alle norme edilizie dell'American Iron and Steel Institute, in
Debunking 9/11 Myths, pag. 39.
113 La resistenza al fuoco delle strutture d'acciaio dotate di rivestimenti protettivi,
http://www.vigilfuoco.it/speciali/sicurezza/sicurezza_insieme/attivita_studio/pdf/res_fuoco.pdf.
114 http://www.vfv.it/det_art.asp?Id=355.
Zerobubbole – 117/331

A proposito di test pratici, ecco qualche esempio che sarebbe stato facilmente reperibile anche per
gli autori di Zero:
! "Un incendio domestico ti può esporre a temperature superiori ai 600°C" (depliant della Coun-
try Fire Authority australiana, disponibile anche in italiano).115
! "Sei minuti e 55 secondi dopo che aveva preso fuoco un cestino contenente normali rifiuti d'uffi-
cio, ebbe luogo il flashover e le temperature di fumo vicine al soffitto raggiunsero un picco di al-
meno 870°C. Circa 90 secondi più tardi, le fiamme riempivano l'intera stanza e alla fine consu-
marono tutto quanto vi era di combustibile" (test condotto dalla Factory Mutual Engineering
and Research (FME&R), citato nel Disaster Recovery Journal, 1999).116
! Il 26 settembre 2001 fu realizzato a Cardington, nel Regno Unito, un test d'incendio straor-
dinario: fu appiccato il fuoco in un edificio di prova in cemento armato, alto sette piani e ar-
redato come un tipico complesso d'uffici. La temperatura di fumo raggiunse i 950°C prima
di mettere fuori uso gli strumenti di rilevamento.117
! Nel 1985, presso l'Università di Stuttgart-Vaihingen, in Germania, fu condotto un test su un
edificio dimostrativo di quattro piani. Il materiale combustibile fu legno. Le temperature di
fumo superarono i 1000°C; l'acciaio della struttura arrivò a 650°C.118
Si noti che questi sono test nei quali si appicca il fuoco a una zona limitata dell'edificio e non si in-
troducono materiali diversi da quelli del normale arredo. Negli incendi dell'11 settembre 2001 furo-
no invece introdotti appunto 32.000 litri di carburante, che appiccarono il fuoco simultaneamente
su un'area vastissima.
Dunque non c'è il benché minimo motivo tecnico per cui si debbano ipotizzare temperature
"molto basse" nelle Torri Gemelle. Chiunque sostenga che un incendio di questa vastità abbia
avuto temperature molto basse sta dimostrando, nel migliore dei casi, la propria totale incompe-
tenza in materia d'incendi.
Perché Zero non ha chiesto al vigile del fuoco Louie Cacchioli, intervistato poco prima, se le tempe-
rature generate in un incendio d'ufficio sono "molto basse"? Una volta tanto che gli autori di questo
video avevano a disposizione un addetto ai lavori, come mai non ne hanno approfittato?
E di conseguenza, Cacchioli sa che la sua testimonianza è stata infilata in un video che inanella pe-
ricolose e irresponsabili assurdità in materia d'incendi?

Le origini della teoria del fuoco tiepido


Ma come mai Kevin Ryan dice che i test svolti sui campioni indicavano temperature molto basse?
Per una ragione molto semplice, che possiamo identificare con precisione, anche perché Ryan sta
semplicemente ripetendo una teoria che circola da anni fra i cospirazionisti undicisettembrini e di
cui sono note le origini.
I test condotti sui campioni di acciaio delle Torri Gemelle provenienti dalle zone colpite dagli in-
cendi sono documentati nel rapporto NIST NCSTAR 1-3, intitolato eloquentemente "Mechanical
and Metallurgical Analysis of Structural Steel" ("Analisi meccanica e metallurgica dell'acciaio struttura-
le"), e negli altri rapporti della serie 1-3.

115 http://www.cfa.vic.gov.au/residents/home/documents/Italian_Home_Fire_Safety.pdf.
116 http://www.drj.com/drworld/content/w2_089.htm: "Six minutes and 55 seconds after a fire ignited in a wastebasket containing
typical office trash, flashover occurred and near-ceiling gas temperatures reached a peak of at least 1,600 F. About 90 seconds later,
flames filled the entire room and eventually consumed all of its combustible furnishings.". Il flashover è un brusco innalzamento
della temperatura ed aumento massiccio della quantità di materiale che partecipa alla combustione.
117 Holistic behaviour of concrete buildings in fire. Professor Colin Bailey, Manchester Centre for Civil and Construction Engineering,
in Proceedings of the Institution of Civil Engineers, Structures and Buildings 152, August 2002, Issue 3, pp 199-212.
118 http://911research.wtc7.net/mirrors/guardian2/fire/cardington.htm.
118/331 – Zerobubbole

Questi rapporti coprono 236 pezzi d'acciaio delle Torri, per un peso complessivo stimato di
circa 500 tonnellate,119 con buona pace di chi parla di pochi campioni, di acciaio fatto sparire in
tutta fretta per impedire le indagini e di analisi limitate e inadeguate. L'elenco completo di questi
pezzi è nel rapporto NIST NCSTAR 1-3B, "Steel Inventory and Identification".
Fra questi pezzi, sono particolarmente importanti quelli dei quali il NIST riuscì a individuare la loca-
lizzazione esatta nell'edificio, grazie alle stampigliature e marcature individuali apposte ad ogni
componente strutturale delle Torri all'epoca della loro costruzione.
Kevin Ryan e i suoi compagni di teoria hanno letto, in questi rapporti, la frase "limited exposure if
any above 250°C", ossia "esposizione limitata o nulla a più di 250°C" (NCSTAR 1-3 sezione E.3.6, pag.
xli), e lì si sono fermati, senza capirne né il senso né il contesto.
Si sono convinti di aver trovato una prova a loro favore, perché 250°C non sono sufficienti a causa-
re un ammorbidimento significativo dell'acciaio. Così si sono fissati sul dato che sembrava sostene-
re le loro teorie di complotto e hanno ignorato tutto il resto, secondo un processo che ricorre spes-
so nella metodologia cospirazionista.
Una lettura meno superficiale del rapporto rivela
invece che quella frase si riferisce soltanto ai
campioni che avevano ancora sufficienti tracce
residue di vernice protettiva o primer (Figura 71):
non riguarda i campioni privi di vernice.
Ecco infatti la frase completa:
Risultati analoghi, ossia esposizione limitata o nulla a
più di 250°C, furono rilevati per le due colonne del
core recuperate dai piani delle torri che erano stati
colpiti da incendi e che avevano vernice sufficiente
per l'analisi. Si noti che le colonne perimetrali e del
core erano in numero molto ridotto e non possono
essere considerate rappresentative della maggior
parte delle colonne esposte all'incendio nelle torri.120
La vernice protettiva, infatti, è stata usata dal NIST
Figura 71: Screpolatura ("mud cracking") del
come indicatore molto approssimativo di tempe- primer di una colonna perimetrale della facciata
ratura: se non era screpolata, l'acciaio sicuramente est del WTC1. Figura 6-37 del rapporto NIST
non aveva superato i 250°C, mentre se era screpo- NCSTAR 1-3, pag. 97.
lata o assente, l'acciaio poteva aver raggiunto e
superato questa temperatura.121
Va precisato, per completezza, che il rapporto NIST aggiunge che l'analisi microstrutturale dell'ac-
ciaio rilevò che nessuno dei campioni che erano stati sicuramente esposti agli incendi aveva rag-
giunto temperature superiori a 600°C.122 Ma sappiamo dai Vigili del Fuoco italiani che per il crollo
di una struttura in acciaio bastano 500-550°C.
In altre parole, questi test del NIST definiscono dei limiti massimi, che sono ampiamente sufficienti
a consentire un ammorbidimento dell'acciaio che porta la struttura al collasso, ma non dicono nul-
la di preciso sulle temperature realmente raggiunte nella zona degli incendi, perché si riferiscono
soltanto ai campioni di cui è stata individuata la posizione e non alla globalità dell'acciaio investito
dai roghi. Una precisazione importante, che però i complottisti hanno evitato di segnalare.

119 NCSTAR 1-3, pag. xxxviii: "These samples represent a quarter to half a percent of the 200,000 tons of structural steel used in the
construction of the two towers". Usando prudenzialmente il valore più basso (0,25%), si ottiene un peso stimato dei campioni
pari a 500 tonnellate.
120 "Similar results, i.e., limited exposure if any above 250°C, were found for the two core columns recovered from the fire-affected floors
of the towers, which had adequate paint for analysis. Note that the perimeter and core columns were very limited in number and
cannot be considered representative of the majority of the columns exposed to fire in the towers."
121 Sezione 6.6.1 del rapporto NCSTAR1-3.
122 NCSTAR1-3, pag. 99.
Zerobubbole – 119/331

Siamo insomma di fronte a un classico espediente del cospirazionismo: estrarre dal proprio conte-
sto una dichiarazione che sembra avvalorare la propria tesi e presentarla come prova. Ma siamo
anche di fronte a un classico paradosso del cospirazionismo: utilizzare come prova i dati forniti pr-
prio da chi viene accusato dai complottisti di falsificarli perché fa parte della Grande Cospirazione.

Acciaio ammorbidito per incendio al WTC: nel 1975


C'è un ultimo esempio pratico assai ben documentato e parti-
colarmente calzante del fatto che gli incendi di edifici adibiti a
uffici raggiungono temperature tali da ammorbidire l'acciaio
e causare cedimenti strutturali importanti: le Torri Gemelle
stesse.
Ma non per gli attentati del 2001: per l'incendio del 1975. Infatti
il 14 febbraio di quell'anno si verificò nella Torre Nord un in-
cendio doloso di grandi dimensioni, che iniziò all'undicesimo
piano e si diffuse attraverso aperture nei solai presenti nei
vani di servizio, causando danni dal decimo al diciannovesimo
piano.
All'undicesimo piano furono danneggiati circa 900 metri quadri, os-
sia circa il 21% della superficie totale del piano (circa 4000 metri
quadri); le riparazioni richiesero settimane. Alcune parti delle tra-
vature dei solai (supporti dei solai) si imbarcarono a causa del
calore. Furono chiamati 132 pompieri, e poiché l'incendio era così
caldo, molti si ustionarono il collo e le orecchie. Il capitano dei
pompieri Harold Kull descrisse il lavoro di spegnimento, durato tre
ore, dicendo che era "come lottare contro una fiamma ossidrica".123
Il libro 102 Minutes124 (102 minuti nell'edizione italiana, edita Figura 72. La notizia dell'incendio del
anche da Piemme)125 descrive così l'incendio del 1975: 1975 al WTC nel New York Times.
"Peraltro, all'epoca le Torri erano già state aperte al pubblico e pic-
coli incendi provocati da un piromane nel febbraio del 1975 avevano causato la deformazione di parti
di soletta."126
Tutto questo avvenne in seguito a un incendio appiccato non da un aereo da 120 tonnellate, im-
pattante a 900 km/h, che riversò circa 32.000 litri di carburante nell'edificio, ma semplicemente da
un diciannovenne, Oswald Adorno, un custode dell'edificio, che innescò l'incendio all'interno di un
armadio tecnico dell'impianto telefonico. Fu probabilmente ispirato dal film L'Inferno di Cristallo, nel
quale l'incendio parte dal medesimo impianto, secondo quanto riportato dal sito 911 Research.127

I complottisti si smentiscono da soli con la torre madrilena


E' dunque chiaro che qualsiasi asserzione di incendi con temperature molto basse e insufficienti ad
ammorbidire l'acciaio e indurre il collasso della struttura è una sciocchezza scusabile soltanto con
l'incompetenza di chi la fa.

123 http://www.cooperativeresearch.org/context.jsp?item=a111099wtcfire#a111099wtcfire .
124 http://www.amazon.com/102-Minutes-Untold-Survive-Inside/dp/0805076824 .
125 http://www.macrolibrarsi.it/libri/__102_minuti.php.
126 Pag. 67 dell'originale, pag. 106 dell'edizione italiana. Quella citata è la traduzione adottata dall'edizione italiana, ma una
traduzione più corretta e letterale è la seguente: "A quell'epoca, le Torri erano già state aperte al pubblico e dei piccoli incendi
appiccati da un piromane a febbraio del 1975 avevano causato l'imbarcamento di alcune parti di solai". La frase originale: "By that
time, the Towers had already opened, and small fires set by an arsonist in February 1975 had caused parts of floors to buckle."
127 http://911research.wtc7.net/wtc/history/fire.html.
120/331 – Zerobubbole

Il colmo dell'ironia è che gli autori di Zero non se ne sono resi conto, ma si sono tirati la zappa sui
piedi proprio citando l'incendio della Torre Windsor di Madrid come se fosse un controesempio
utile alle loro teorie.
Invece le immagini drammaticamente spet-
tacolari di quel grattacielo che arde come
una torcia (Figura 73), in un rogo alimenta-
to esclusivamente dallo scarso contenuto
dell'edificio svuotato per la ristrutturazio-
ne, sono la chiarissima dimostrazione di
quale violenza e quali temperature si scate-
nano nell'incendio di un edificio civile. Tem-
perature così alte che ammorbidirono l'ac-
ciaio della Torre Windsor fino a farlo collas-
sare.
Esattamente quello che secondo gli autori di
Zero non può succedere.
E anche in quel caso, come per l'incendio al
World Trade Center del 1975, non c'erano
32.000 litri di carburante d'aereo a innescare
il rogo.

Figura 73. L'incendio della Torre Windsor.


Zerobubbole – 121/331

21. Il NIST ha fatto tornare i conti "grazie al


computer"

0:16. Kevin Ryan afferma che i risultati dei test furono minimizzati o ignorati, e alla fine
tutto fu messo in un computer.

Il narratore dice che "Grazie al computer, il NIST riesce a far tornare i conti": il NIST
sostituisce la teoria vecchia (la "pancake theory") con una teoria nuova, la "inward
bowing theory": i piani indeboliti dal calore avrebbero iniziato ad incurvarsi e a far
incurvare le pareti esterne, inducendo il crollo.

Paradossalmente, Zero con questa frase rivela che tutto il suo discorso sui test che smentirono la
versione ufficiale (Zerobubbole 17 e 18) è stato una perdita di tempo, perché quei test invalidarono
la "pancake theory", che però non è la teoria attualmente sostenuta dai tecnici. Ma allora perché
parlarne? L'unico effetto che si ottiene con questo approccio è confondere lo spettatore e far sem-
brare contraddittorio il lavoro dei tecnici quando non lo è.
Inoltre Zero presenta l'inflessione delle pareti (inward bowing) come una "teoria" e in questo crea
un altro effetto ingannevole: la fa sembrare una mera congettura, come se i tecnici stessero tiran-
do a indovinare pur di far quadrare i conti. Si noti, fra l'altro, la manipolazione linguistica: gli autori
di Zero riportano la ricostruzione del NIST in forma dubitativa ("avrebbero iniziato ad incurvarsi"), ma
c'è poco da menare il can per l'aia presentando questa ricostruzione come se fosse un puro volo di
fantasia. La realtà è che l'inflessione delle colonne delle facciate non è una teoria: è un dato di
fatto, documentato da immagini e filmati, disponibili ben prima che Zero uscisse. Abbiamo visto
quest'inflessione e alcune di queste immagini nelle Figure 44-47 e 67. Ricordiamone una molto elo-
quente. Vi pare che la deformazione delle facciate sia una "elaborazione al computer"?

Figura 74. Inflessione delle colonne della facciata della Torre Sud.
122/331 – Zerobubbole

In altre parole, non è affatto soltanto "grazie al computer", ma grazie soprattutto ai reperti fisici e
alle immagini che documentano l'accaduto, che le indagini tecniche sono arrivate a determinare la
reale dinamica degli eventi.

Kevin Ryan dice che la "teoria conclusiva è quasi interamente basata su elaborazioni al
computer" e che il computer non è accessibile e non gli è stato concesso di esaminarlo.

Chi si prende la briga di leggere i rapporti tecnici del NIST sa bene che le "elaborazioni al computer"
di cui parla Kevin Ryan non sono quattro calcoli in croce fatti con Microsoft Excel su un PC del su-
permercato. Sono simulazioni fisiche estremamente sofisticate che utilizzano software specialistico,
adoperato da tempo nell'ingegneria strutturale e nella simulazione degli effetti degli incendi, e gi-
rano su calcolatori ad altissime prestazioni.
Perché mai dovrebbero affidare un supercomputer a Kevin Ryan, un tecnico delle acque pota-
bili, o a un altro dei personaggi non tecnici dell'universo cospirazionista? Non saprebbero neanche
da che parte accenderlo, men che meno esaminarlo o verificarne i risultati.
Non solo: come documentato nei capitoli precedenti, il rapporto del NIST non è basato "quasi inte-
ramente... su elaborazioni al computer". Sono state svolte prove pratiche d'incendio su ricostruzioni
di elementi strutturali e uffici delle Torri Gemelle, descritte nei rapporti NIST NCSTAR 1-5C e 1-5E. Si
tratta in tutto di 758 pagine di documentazione tecnica.
Come documentato nel rapporto NIST NCSTAR 1-5C, è stata condotta una serie di prove su postazioni di
lavoro singole, allo scopo di comprendere il comportamento d'incendio libero e l'effetto generale del
carburante degli aerei. La quantità principale misurata fu il tasso di emanazione di calore. Questa quanti-
tà, combinata con la ventilazione, la dispersione termica verso le pareti, eccetera, determina le tempera-
ture che verrebbero raggiunte se la postazione di lavoro bruciasse in un incendio vero.
Il documento NIST NCSTAR 1-5C contiene le curve dei tassi di emanazione di calore per tutti gli incendi
di postazioni di lavoro singole. La serie di test d'incendio di postazioni multiple, svolta in una ricostruzio-
ne di parte di un piano del WTC, è documentata integralmente nel documento NIST NCSTAR 1-5E.128

128 FAQ del NIST pubblicate a dicembre 2007 (http://wtc.nist.gov/pubs/factsheets/faqs_12_2007.htm; una traduzione italiana è
disponibile presso http://undicisettembre.blogspot.com/2007/12/wtc-nuovi-chiarimenti-dal-nist-prima.html).
Zerobubbole – 123/331

22. NIST: 13 tonnellate di "combustibile" negli


aerei. Aviazione Civile: no, soltanto sei e mezza
A questo punto di Zero, sedici minuti dopo l'inizio del video, Kevin Ryan dice (stando perlomeno al
doppiaggio) testualmente quanto segue a proposito del NIST, l'ente responsabile per la ricostruzio-
ne tecnica delle cause dei crolli delle Torri Gemelle:

KEVIN RYAN: "Dopo aver indagato sull'argomento per un anno e mezzo, ho scoperto che
non solo hanno contraddetto i risultati dei loro stessi test, ma in più hanno anche
manipolato i parametri di quei test. Hanno raddoppiato qualcosa, hanno dimezzato
qualcos'altro... Ad esempio, la loro versione sostiene che il velivolo trasportava 13 tonnellate
di combustibile, ma l'aviazione civile sostiene che in realtà non erano più di sei tonnellate
e mezza. La metà."

"Combustibile"?
Sentendo Kevin Ryan parlare di "13 tonnellate di combustibile" a bordo, viene spontaneo pensare
che stia parlando del carburante utilizzato dai motori a getto. E in effetti quando questo brano fu
trasmesso nel 2006 dal programma Report,129 le parole di Ryan furono tradotte come segue:
Per esempio, dicono che c'erano 13 tonnellate di carburante aereo nei serbatoi. L'amministrazione fede-
rale dell'aviazione riporta che probabilmente erano sei tonnellate e mezza. Tredici è il doppio.
Ma ascoltando l'audio inglese del DVD di Zero emerge che Ryan parla in originale di "aircraft com-
bustibles".130 Mentre in italiano "combustibile" è, nell'uso corrente, sinonimo di "carburante", in ingle-
se "combustibles" significa esclusivamente "materiali in grado di bruciare"; "carburante" è invece
"fuel". Due termini ben differenti e non sovrapponibili. Sembra quindi che Ryan, in originale, parli di
"13 tonnellate di materiali combustibili" trasportati dall'aereo, ossia dica che a bordo, oltre al carbu-
rante, c'erano 13 tonnellate di materiali in grado di prendere fuoco.
Non è chiaro, quindi, cosa intendano gli autori di Zero con "combustibile": forse gli arredi interni del-
l'aereo? Dato che, tanto per cambiare, gli intervistati di Zero non forniscono fonti o documentazio-
ni delle loro affermazioni, non c'è modo di sapere con certezza a cosa si riferisca Kevin Ryan e quali
siano di preciso le fonti dei numeri che cita. Ryan dice soltanto che una delle fonti è il NIST e l'altra
è l'"aviazione civile": in originale dice "FAA", che sta per "Federal Aviation Administration". Ma in quali
documenti, o in quali occasioni, sono state date quelle cifre? Non ci viene detto, e questo rende
impossibile ogni controllo allo spettatore non esperto.

Prima interpretazione: carburante d'aereo


Se Ryan si riferisce al carburante, allora la manipolazione non la sta facendo il NIST, ma Zero. Infatti
qualunque pilota di linea può confermare che un Boeing 767 che deve attraversare gli Stati Uniti,
come quelli lanciati contro le Torri Gemelle, imbarca ben più di "sei tonnellate e mezza" di carburan-
te. Molto di più. Un volo New York-Los Angeles su un 767 consuma in media 15.982 galloni (circa
60.000 litri), secondo dati forniti dalla American Airlines e pubblicati dal Wall Street Journal.131
129 Raitre, 24 settembre 2006; lo spezzone compare a circa 90 minuti dall'inizio del programma.
130 La frase originale completa è "For example, their story says that aircraft combustibles were at 13 tons in the aircraft [cabin?]. The
FAA says it's more like an average of 6 1/2 tons, that's double. So they doubled it."
131 http://online.wsj.com/article/SB121304736426558641.html.
124/331 – Zerobubbole

Sessantamila litri. Tenendo conto del fatto che il carburante per aerei pesa circa 0,8 kg/litro,132 sono
circa 48 tonnellate. Soltanto un imbecille partirebbe con sei tonnellate e mezza di carburante
quando ne servono quarantotto. Soltanto un incompetente patentato direbbe che un volo trans-
continentale è decollato con sei tonnellate e mezza di carburante. Sarebbe come partire in auto
con la spia della riserva già accesa e sperare di fare Milano-Napoli senza rifornimento.
Forse Ryan intendeva dire che gli aerei avevano a bordo quelle sei tonnellate e mezza al momento
dell'impatto contro le Torri Gemelle, e che del carburante era stato consumato durante il tragitto?
Anche in questo caso, le cifre dette da Ryan non tornano. La American Airlines ha dichiarato che il
Volo 11 (WTC1) aveva a bordo, al momento dell'impatto, circa 66.100 libbre (29.982 kg) di carburan-
te; la United Airlines ha dichiarato che il Volo 175 aveva a bordo, sempre al momento dell'impatto,
62.000 libbre (28.122 kg) di carburante. Questi dati tengono conto del carburante consumato du-
rante il volo (46 minuti per il Volo 11 e 49 minuti per il Volo 175) e sono riportati dai documenti
NIST WTC Flammable Contents Request della United Airlines e In re September 11 Litigation C&F.133
Nel caso minore, insomma, sarebbero ventotto tonnellate; non sei e mezza. Kevin Ryan starebbe
asserendo dati quasi cinque volte inferiori alla realtà.

Seconda interpretazione: materiali combustibili


Supponiamo che Kevin Ryan si riferisca invece al contenuto combustibile dell'aereo (eccettuato
quindi il carburante): tutto ciò che sta a bordo dell'aereo e può bruciare. Arredi interni, moquette,
cuscini, materiali compositi, carta, pneumatici, valigie, fluidi idraulici, eccetera.
In questo caso, è possibile ritrovare nel rapporto NIST NCSTAR1 delle citazioni che corrispondono
grosso modo alle "13 tonnellate" citate da Ryan.
! pagina 24: "As fresh air entered the perforated facades, there began the steady burning of the
office furnishings and the 13 tons of combustibles from the aircraft that would eventually over-
whelm the building."
! pagina 38, con riferimento al Volo 175: "The cargo bay held about 9 tons of luggage, mail, elec-
trical equipment, and food. Combining this with the combustible cabin materials and luggage,
the plane brought about 14 tons of solid combustibles into the tower with it."
! pagina 176, con riferimento ugualmente sia al Volo 175, sia al Volo 11: "in addition, approxi-
mately 27,000 lb of solid combustibles from the aircraft were distributed along the debris path."
Inoltre la Tabella 3-6 del rapporto NIST NCSTAR 1-5 (Figura 75) suddivide per categoria i materiali
combustibili a bordo dei due aerei, stimandone il totale in 12.100 kg per il Volo 11 e 12.500 kg per il
Volo 175.
Per quel che riguarda le "sei tonnellate e mezza" attribuite da Ryan all'FAA, invece, l'unico documen-
to pertinente della FAA finora reperito (effettuando una ricerca del termine "combustibles" nell'ar-
chivio publico della FAA stessa) risale al 1997134 e a sua volta cita come fonte un documento del
1977,135 dal quale estrae una tabella che elenca il contenuto combustibile di una cabina di "un ae-
reo passeggeri medio"136 e ne stima il peso fra 3300 e 8400 chilogrammi, con una media di 7000 chi-
logrammi. Questo dato medio è grosso modo equivalente a quelle "sei tonnellate e e mezza" citate

132 http://en.wikipedia.org/wiki/Jet_fuel.
133 Rapporto NIST NCSTAR 1-2B, Analysis of Aircraft Impacts into the World Trade Center Towers, pagina 84.
134 Fire Resistant Materials: Research Overview, Richard E. Lyon, 1997 (http://www.tc.faa.gov/its/worldpac/techrpt/ar97-99.pdf ).
135 National Materials Advisory Board, Fire Safety Aspects of Polymeric Material, Volume 6, Aircraft: Civil and Military, Publication
NMAB 318-6, Washington, D.C., 1977, p.68.
136 "Table 1 lists combustible cabin materials and their weight range in commercial passenger aircraft cabins (6). From Table 1 we see
that there is about 7000 kg (15,000 pounds) of combustible cabin materials in an average passenger aircraft."
Zerobubbole – 125/331

da Ryan. Questo documento, oltretutto, è noto nel mondo cospirazionista137 e quindi potrebbe es-
sere la fonte dell'affermazione di Ryan.
Ma se lo è, allora l'errore di Kevin Ryan è evidente: sta confrontando un valore medio, calcolato ol-
tretutto più di trent'anni fa (quando il Boeing 767 neppure faceva parte della gamma di aerei di li-
nea commercialmente disponibili),138 con i valori specifici del Boeing 767.
Non solo: qualunque sia la fonte del dato attribuito da Ryan all'FAA, i dati riguardanti i Boeing
767 usati dai dirottatori per colpire le Torri Gemelle non sono stati inventati di sana pianta
dal NIST per far quadrare i conti. Sono stati forniti al NIST dalla Boeing, dalla United Airlines e da
altre fonti tecniche, come si può vedere nella tabella mostrata in Figura 75 e tratta dal rapporto
NIST. Asserire che quei dati sono falsi significa accusare anche la Boeing, la United Airlines e le altre
fonti di essere complici della falsificazione.

Figura 75. La tabella 3-6 del rapporto NIST NCSTAR 1-5, pagina 59, elenca il contenuto di materiali
combustibili dei due aerei che colpirono le Torri Gemelle.

137 I suoi valori sono citati da http://www.takeourworldback.com/911/911fires2.htm,


http://www.gnosticliberationfront.com/zionist%20crimes%20history.htm, http://www.opennntp.com/Politics-Misc/a-
thorough-detailed-history-of-zionist-crimesnot-including-our-killing-muslims-for-israel-in-iraq-734435414.html.
138 Il progetto Boeing 767 fu lanciato nel luglio del 1978; il primo volo del 767 avvenne nel settembre del 1981; la certificazione al
volo commerciale arrivò nel 1982 (dati Jane's All the World's Aircraft).
126/331 – Zerobubbole

L'onere della prova


Siamo costretti a fermarci alle congetture, sia pure documentate, in merito alle fonti delle afferma-
zioni di Kevin Ryan perché gli autori di Zero hanno omesso di fare quello che ogni buon ricer-
catore o investigatore sa che deve fare se vuole essere rigoroso e trasparente: indicare sem-
pre con precisione le fonti delle proprie affermazioni, in modo che chiunque possa verificarle.
Kevin Ryan, Giulietto Chiesa e Franco Fracassi avrebbero potuto evitare tutta questa confusione fra
carburanti e combustibili indicando semplicemente nome e pagina del documento NIST e del do-
cumento FAA che ne parlano. Perché non lo hanno fatto?
E' per questo che per qualsiasi teoria cospirazionista, l'onere della prova documentale spetta a
chi la sostiene: perché ha già in mano le coordinate precise dei dati sui quali si basa e può quindi
fornirle con estrema facilità, senza obbligare nessuno a estenuanti ricerche.

L'importanza dei materiali combustibili degli aerei


Per quanto possa sembrare poco intuitivo, nella dinamica degli incendi al WTC il ruolo dei materiali
combustibili a bordo degli aerei non è affatto trascurabile rispetto a quello del carburante.
Il carburante, infatti, non può alimentare un incendio di lunga durata: brucia troppo in fretta. L'in-
cendio durevole è invece alimentato dal contenuto dell'edificio, la cui combustione è semplice-
mente innescata (su scala molto vasta) dal carburante disperso dall'impatto. Secondo le stime del
NIST,139 c'era una media di 200 postazioni di lavoro per piano, ciascuna con circa 200 kg di massa
combustibile, più una cinquantina di kg di carta nei ripiani e sulle scrivanie di ciascuna postazione.
Tutto questo porta a una massa combustibile di circa 50 tonnellate per piano.
Nei due piani colpiti dalle fusoliere degli aerei, questa massa sarebbe stata aumentata di oltre 12
tonnellate dai materiali combustibili degli aerei. Inoltre gli aerei avrebbero agito come bulldozer,
trascinando e accumulando il materiale delle Torri verso il lato opposto a quello d'impatto, gene-
rando così grandi cataste di materiale in fiamme: condizioni ottimali per incendi intensissimi e pro-
lungati. Quest'effetto è particolarmente visibile nelle immagini della Torre Sud (Figura 76): l'angolo
nel quale le fiamme sono più vive è proprio quello nel quale l'aereo, nella sua corsa distruttiva at-
traverso la torre, ha accumulato il materiale combustibile dell'edificio e il proprio.

Figura 76. Lo spigolo nord-est della Torre Sud, dove l'aereo ha terminato la propria
corsa di penetrazione.
139 NIST NCSTAR 1-5, pag. 50.
Zerobubbole – 127/331

23. Le Torri furono esposte al fuoco per 45 e 50


minuti
A questo punto Zero commette un errore incredibilmente madornale: sbaglia persino un dato in-
discutibile e facilmente verificabile come la durata degli incendi alle Torri Gemelle.
Il doppiaggio di Zero attribuisce infatti questa frase a Kevin Ryan:

RYAN: "L'hanno raddoppiata, e hanno raddoppiato il tempo di esposizione dei pilastri al


fuoco: 90 minuti. Mentre sappiamo che tale esposizione è stata di 45 e 50 minuti, nei
due edifici."

Come testimoniato dai network di tutto il mondo e dalle decine di migliaia di persone che affolla-
vano l'area degli attentati a New York, l'impatto del Volo 11 contro il WTC1 avvenne alle 8:46 e l'edi-
ficio prese fuoco subito, continuando a bruciare fino al suo crollo, avvenuto alle 10:28; l'impatto del
Volo 175 contro il WTC2 avvenne alle 9:03, e l'incendio durò fino al crollo, avvenuto alle 9:59. Sono
dati a disposizione di chiunque e che nessuno seriamente mette in dubbio.
Basta un calcolo elementare per capire che dalle 9:03 alle 9:59 ci sono 56 minuti, e che soprattutto
dalle 8:46 alle 10:28 ci sono 102 minuti. Non 45. Non 50.
Dunque Ryan sta dichiarando dati falsi, e in un caso addirittura dimezza la durata dell'incendio, fa-
cendo così sembrare artefatti i test del NIST.
Insomma, è Zero che manipola i dati, proprio mentre accusa gli altri di farlo. Questo sarebbe il
modo di procedere di chi vuole arrivare alla verità?
128/331 – Zerobubbole

24. Torri cadute troppo in fretta


Parlano Paolo Marini, presentato come "Esperto di
metalli - Centro Italiano Sviluppo Materiali" (Figura
77), e il già visto Brian Clark.

0:17. Marini dice di essere stato colpito


particolarmente dalla "incredibile velocità con
cui le torri sono precipitate". Definisce questa
velocità "veramente innaturale."

Marini dice che lasciando cadere un peso da


un'altezza pari a quella delle torri, ci
vorrebbero "circa 9 secondi" perché arrivasse Figura 77. Paolo Marini, da Zero.
a terra.

Brian Clark dice che l'intera torre crollò "in soli 8-10 secondi".

Marini dice che un crollo come quello delle Torri Gemelle "non può avvenire con
questa rapidità, quasi come se sotto non ci fosse niente".

Innanzi tutto vale la pena di segnalare un partico-


lare interessante, che ci permette di conoscere
meglio l'esperto citato da Zero.
L'intervista presentata da Zero non è materiale
inedito: fu in parte trasmessa già nel 2006 dal
programma Report di Raitre.140 In quell'occasione,
Marini fu presentato come "Fisico Istituto Nazionale
Fisica Nucleare" (Figura 78), dicendo che lavorava
"presso l'acceleratore nucleare di Frascati come
esperto di metalli".
E' una qualifica professionale di tutto rispetto, ma
la competenza in metalli è poco rilevante se l'ar-
gomento è l'ingegneria strutturale. E' infatti l'inge-
gneria strutturale, non la metallurgia, a determina- Figura 78. Paolo Marini, da Report (Raitre, 2006).
re le modalità e la velocità di crollo di un gratta-
cielo in fiamme.
Perché Zero chiama a parlare di come crolla un grattacielo un esperto di metalli, e non un
esperto di crolli di edifici?
Forse perché non c'è nessun esperto di crolli di edifici che sostenga le tesi di Zero. Anzi, sfo-
gliando la letteratura tecnica si trovano numerosi lavori di tecnici di settore (ingegneri strutturisti)
che hanno studiato specificamente il crollo delle Torri Gemelle e non vi hanno trovato alcunché di
sospetto, perché crolli improvvisi e rapidi di questo genere sono tristemente noti agli addetti
ai lavori.
Basta citare a uno strutturista gli incidenti di Ronan Point, nel Regno Unito, o di Bridgeport negli
Stati Uniti, o della Torre Civica di Pavia o del campanile di San Marco a Venezia, per esempio, per
evocare i peggiori incubi di questa professione.

140 Raitre, 24 settembre 2006, a circa 91 minuti dall'inizio.


Zerobubbole – 129/331

Alcuni pareri di veri esperti


Gli ingegneri strutturisti che hanno studiato il crollo delle Torri Gemelle lo descrivono senza alcuna
perplessità o ipotesi di cospirazione nella letteratura specialistica. Ecco alcune citazioni.
Il peso dei piani al di sopra della zona d'impatto causò poi il cedimento delle colonne, facendo cadere la
struttura sovrastante, non danneggiata, su quella sottostante. Questa forza d'impatto, stimata in trenta
volte il peso della struttura sovrastante, causò il cedimento dei solai sottostanti in rapida sequenza, fa-
cendo cadere la torre verticalmente (come avvenuto al L'Ambiance Plaza).141
– Matthys Levy, ingegnere architettonico, direttore della Weidlinger Associates,
una delle principali società d'ingegneria strutturale degli Stati Uniti142

Nell'ambiente dell'ingegneria civile è abbastanza chiaro che le Torri sono crollate per una concomitanza
di fattori sfavorevoli... Sicuramente non è stata una demolizione controllata... quando ho sentito che era-
no crollate... non immaginavo che con un evento di questo tipo, con l'incendio che si è creato, potessero
resistere un'ora... Io non ho nessun segnale che mi dica che sono state demolite in altri modi.
– Cristina Zanini Barzaghi, ingegnere civile diplomata ETH al Politecnico di Zurigo143

il collasso può essere totale o assente, e se totale ha un andamento che tende all'accelerazione uniforme,
non dipendente dalla capacità residua dell'edificio. Queste osservazioni confermano le somiglianze fra le
sequenze di collasso di entrambe le torri del WTC nonostante le loro condizioni iniziali molto differenti. E
si nota che il collasso progressivo, quando si verifica, è molto ordinario e regolare e non è dovuto a in-
flussi straordinari eventualmente cospirativi.
– Keith Seffen. ingegnere, Senior Lecturer nel Gruppo Strutture del Dipartimento
d'Ingegneria dell'Università di Cambridge (Regno Unito)144

Una volta che più di metà delle colonne sul piano critico maggiormente riscaldato ha subìto un cedi-
mento a flessione... il peso della parte superiore della struttura sopra questo piano non è più sopportabi-
le e quindi la parte superiore inizia a cadere... acquistando velocità fino a quando colpisce la parte infe-
riore... L'impatto verticale della massa della parte superiore su quella inferiore applica un enorme carico
dinamico verticale alla struttura sottostante, superandone di gran lunga la capacità di carico, anche se
non è riscaldata. Questo causa il cedimento di un segmento multipiano sottostante... La parte di edificio
sottostante viene poi colpita ancora da una massa ancora più grande in caduta a velocità ancora più ele-
vata, e la serie degli impatti e cedimenti prosegue fino a terra.
– Zdenek Bazant, professore d'ingegneria civile e scienza dei materiali
alla Northwestern University in Illinois145
Questi sono soltanto alcuni brevi esempi, ai quali si aggiunge l'enorme lavoro degli ingegneri che
hanno redatto il rapporto del NIST sull'11 settembre. Si noti, inoltre, che l'articolo del professor Ba-
zant è stato pubblicato anche dal Giornale dell'Ingegnere e dal Politecnico di Milano146 e pertanto
ha subìto il vaglio e ricevuto l'approvazione dei suoi revisori e lettori, che includono una frazione
non trascurabile degli ingegneri italiani.
Pertanto, o ipotizziamo che tutti gli ingegneri stranieri e italiani si siano accordati (come, non si sa)
per mentire perfettamente, oppure accettiamo il fatto che il crollo delle Torri Gemelle non ha al-
cunché di sospetto per chi sa come avvengono questi disastri.

141 Il L'ambiance Plaza era un edificio alto 16 piani, composto da due torri adiacenti, che crollò completamente durante la sua
costruzione a Bridgeport, nel Connecticut, il 23 aprile 1987, uccidendo 28 persone.
142 In Why Buildings Fall Down, di Matthys Levy e Mario Salvadori, edito da W.W. Norton, ISBN 0-393-31152-X. La citazione è tratta da
pag. 266. Le evidenziazioni sono state aggiunte.
143 Atti del convegno 11/9 La cospirazione impossibile, Lugano 2008.
144 K A Seffen,"Progressive Collapse of the World Trade Centre: Simple Analysis", (2008) ASCE Journal of Engineering Mechanics,
134(2), pp. 125-132.
145 Bazant, Zdenek P.; Yong Zhou (2002-01-01). "Why Did the World Trade Center Collapse?—Simple Analysis". J. Engrg. Mech. 128 (1):
p. 2–6. Bazant ha anche pubblicato un altro lavoro sull'argomento insieme a Mathieu Verdure a marzo del 2007: "Mechanics of
Progressive Collapse: Learning from World Trade Center and Building Demolitions". ASCE Journal of Engineering Mechanics, 133 (3):
p. 308–319.
146 Bazant, Z.P., e Zhou, Y. (2001). “New York e World Trade Center: Analisi del crollo.” Il Giornale dell’Ingegnere n. 20/21, dicembre
2001, pp. III–VI; Studies and Researches, Politecnico di Milano, 22, 229–242.
130/331 – Zerobubbole

I veri tempi di crollo


Ma allora perché Paolo Marini, che per quanto non sia specialista di settore è comunque uomo di
scienza, pensa che sia "incredibile" la velocità di crollo delle torri e addirittura afferma che "non può
avvenire con questa rapidità"?
La spiegazione più probabile è che gli autori di Zero gli abbiano fornito dati errati sui tempi di crol-
lo. Ragionando sulla base di questa premessa sbagliata, Marini sarebbe quindi arrivato a conclusio-
ni altrettanto sbagliate.
In effetti le parole di Marini sono interrotte dalla frase di Brian Clark che parla di "soli 8-10 secondi";
Se fosse questo il dato di partenza del fisico dell'INFN, il suo stupore sarebbe giustificato, dato che
8-10 secondi sono paragonabili al tempo di caduta libera di un oggetto dalla cima delle Torri. Que-
sto spiegherebbe anche la sua osservazione perplessa: "quasi come se sotto non ci fosse niente".
Ma i tempi di crollo effettivi delle Torri Gemelle sono decisamente più lunghi di 8-10 secondi,
come abbiamo già visto nella Zerobubbola numero 7. I video dei crolli e i dati sismografici, infatti,
documentano crolli durati almeno 16 secondi. Quasi il doppio del tempo citato da Zero. Questo
vuol dire che la struttura sottostante non aveva una robustezza tale da bloccare la caduta, ma suffi-
ciente a rallentarla. Altro che "quasi come se sotto non ci fosse niente".
Va chiarito che i rapporti tecnici del NIST parlano di tempi fra 9 e 12 secondi, ma si riferiscono al-
l'arrivo a terra delle prime macerie, che sono appunto in caduta libera ai lati della struttura, non al
crollo completo dell'edificio.
Foto e video documentano inoltre che il
crollo ebbe due fasi: dopo quella iniziale di
circa 16 secondi, in cui il fronte di crollo visi-
bile scese fino a terra, le colonne centrali ri-
masero in piedi, come si vede nella Figura
79 e come abbiamo visto nelle Figure 10-13,
crollando qualche istante dopo. Zero non
mostra questo fenomeno e fornisce quindi
allo spettatore una percezione alterata degli
eventi.
In conclusione, le parole di Marini sembrano
essere dettate da una conoscenza errata dei
fatti. Il fisico sembra essersi fidato dei dati
sbagliati fornitigli, senza aver compiuto veri-
fiche autonome, ed è quindi arrivato a con-
clusioni fasulle perché basate su premesse
fasulle. Figura 79. Un fascio di colonne centrali alto circa 200
metri è ancora in piedi dopo il crollo della Torre Nord.
Nonostante ripetuti tentativi, finora non è
stato possibile contattare Paolo Marini per avere conferma di queste ipotesi.
Zerobubbole – 131/331

25. Il crollo troppo veloce del WTC7


Zero passa ad occuparsi dell'Edificio 7, o WTC7: un grat-
tacielo alto 174 metri, situato nelle adiacenze delle Torri
Gemelle e crollato anch'esso l'11 settembre 2001 (Figura
80).

0:18. Dario Fo descrive un edificio vicino alle Torri


Gemelle, "un'altra torre, abbastanza grande, la quale
è stata colpita dai detriti di questa torre, che... eh... è
crollata."

Steven Jones (doppiato) aggiunge che si trattava di


un edificio enorme, alto 47 piani, che non fu colpito
da un aereo eppure cadde l'11 settembre, sette ore
dopo il secondo crollo delle Torri. Dice di aver
misurato il tempo di caduta e che "è
praticamente il tempo di caduta libera."

Vengono mostrate immagini del crollo del WTC7.

Il narratore nota che il crollo del WTC1, o Torre


Nord, produsse "gravi danni all'edificio 7, nel quale
scoppiano numerosi incendi; sono quei danni e il
fuoco, secondo la versione ufficiale, a far collassare la
struttura. Ma perché il crollo avviene a velocità di
caduta libera?"

Steven Jones dice che nel vedere il crollo Figura 80. Il WTC7 (l'edificio marrone dietro
dell'Edificio 7 si rese conto subito che la cosa la torre gemella centrale) in una foto
doveva essere studiata e che non poteva essere scattata prima degli attentati.
ignorata.

In realtà il crollo dell'Edificio 7 non avvenne affatto a velocità di caduta libera. Le formule di fi-
sica elementare permettono di calcolare che a velocità di caduta libera, un oggetto situato in cima
all'edificio (alto 174 metri) avrebbe raggiunto il suolo in 5,96 secondi.
Ma i dati sismografici del Lamont-Doherty Earth Observatory della Columbia University a Palisades,
circa 30 km a nord del World Trade Center, indicano invece che il crollo durò complessivamente
18 secondi,147 quindi tre volte di più del tempo di caduta libera.
Non è possibile cronometrare direttamente la durata del crollo sulla base dei video, perché tutte le
riprese del crollo sinora rese pubbliche mostrano soltanto una parte dell'evento: la visuale era osta-
colata dagli alti edifici circostanti e dalla nube di polvere prodotta dal crollo stesso: infatti anche
Zero mostra video che presentano una brevissima frazione del crollo dell'Edificio 7.
Tuttavia si possono calcolare i tempi complessivi di crollo sulla base di questa frazione visibile. E'
quello che hanno fatto i tecnici del NIST,148 rilevando dai vari video (ve ne sono molti altri oltre a
quelli mostrati da Zero) che l'edificio crollò per 18 piani in 5,4 secondi. Se l'edificio fosse stato
in caduta libera, questo avrebbe richiesto soltanto 3,9 secondi.
In altre parole, i dati concreti dimostrano che la premessa di Zero è falsa. Il professor Jones affer-
ma di aver misurato il tempo di caduta, ma non spiega come ha fatto. E nonostante dica di aver ca-
147 "Collapse 3, Building 7 – origin time (EDT) 17:20:33±1 – Magnitude 0.6 – Duration 18 seconds", da Seismological Observation of
Impacts and Collapses at World Trade Center (http://www.ldeo.columbia.edu/LCSN/Eq/20010911_WTC/fact_sheet.htm); i grafici
delle registrazioni sono presso http://www.ldeo.columbia.edu/LCSN/Eq/WTC_20010911.html.
148 http://www.nist.gov/public_affairs/factsheet/wtc_qa_082108.html, tradotto in italiano presso
http://undicisettembre.blogspot.com/2008/08/wtc7-le-faq-del-nist.html.
132/331 – Zerobubbole

pito subito che il crollo dell'Edificio 7 andava studiato e non poteva essere ignorato, in realtà non
sembra aver svolto alcuno studio rigoroso in merito, né sembrano averlo fatto gli autori di Zero.
A differenza dei cospirazionisti, i tecnici del NIST hanno invece condotto uno studio dei video
estremamente dettagliato e hanno pubblicato le loro metodologie (ripetibili da chiunque) nella
Sezione 12.5.3 del rapporto NIST NCSTAR 1-9.149 Questo studio ha permesso di rilevare che la parte
visibile del crollo si articolò in tre fasi distinte:
! Fase 1 (da 0 a 1,75 secondi): accelerazione inferiore a quella di gravità (ossia più lenta della ca-
duta libera).
! Fase 2 (da 1,75 a 4,0 secondi): accelerazione gravitazionale (caduta libera)
! Fase 3 (da 4,0 a 5,4 secondi): accelerazione ridotta, di nuovo inferiore a quella gravitazionale
Quest'analisi ha dimostrato che il tempo di discesa maggiorato del 40% rispetto ai 3,9 secondi di tempo
di caduta libera fu causato principalmente dalla Fase 1, che corrispose al cedimento delle colonne ester-
ne ai piani inferiori della facciata nord. Durante la Fase 1, la facciata nord scese sostanzialmente in caduta
libera, e questo indica che la struttura sottostante offrì un sostegno trascurabile: questo è coerente con il
modello di analisi strutturale in cui le colonne esterne si fletterono e persero la capacità di reggere i cari-
chi provenienti dalla struttura sovrastante. Nella Fase 3, l'accelerazione diminuì man mano che la porzio-
ne superiore della facciata nord incontrava maggiore resistenza da parte della struttura collassata e della
catasta di macerie sottostante.150

Caposaldo complottista liquidato in novanta secondi


Sorprendentemente, la discussione di Zero dell'Edificio 7 del World Trade Center finisce qui. In un
minuto e mezzo scarso, gli autori liquidano uno degli elementi chiave del cospirazionismo undici-
settembrino. In Zero non c'è alcuna menzione delle altre presunte prove di complotto riguardanti
quest'edificio: prove che pure Chiesa e Fracassi avevano segnalato ripetutamente nei mesi prece-
denti l'uscita del video. Eccone alcune:

... Ma c'è il settimo edificio, il famoso settimo edificio, che -- guarda che sorpresa -- non è stato colpito da
nessun aereo, ed era un palazzo -- che sia chiaro -- non una casupola. Era un palazzo di 47 piani, che con-
teneva, tra le altre cose, gli archivi della Central Intelligence Agency e gli uffici... uhm... del... eh... sindaco
di... eh... New York, Giuliani. Tra le altre cose... perché ne conteneva molte. Questo edificio non è stato col-
pito da nessun aereo. Abbiamo le fotografie e i filmati che dimostrano che c'erano due soli incendi,
uno al 15° piano e l'altro a circa, al settimo piano; incendi che tutti gli esperti dicono avrebbero po-
tuto essere spenti da un normale sistema antincendio in un palazzo così importante. Bene, questo
palazzo, non crolla l'11 settembre la mattina, ma crolla alle ore 17.30 del pomeriggio, non essendo stato
colpito da nessuno. Ma ci sono le registrazioni in cui il capo della sicurezza di questo edificio dice: "A
questo punto lo facciamo venire giù."
– Giulietto Chiesa a Matrix, Canale 5, 24 maggio 2006.

Ci sono alcune cose che non tornano. Eh... la prima. Si parla di eh squar... di grandi squarci. Innanzitutto
io... ho avuto modo di visionare tante fotografie di quell'edificio, da tutte quante le angolazioni: questi
grandi squarci non li ho visti. Poi, un grande squarcio è un grande squarcio non è un buco, quindi si,
dalle fotografie si sarebbe dovuto mostrarli. Si parla di grandi incendi e non si sono visti.
Eh... altra cosa... Si dice... eh... Larry Silverstein avrebbe ordinato ai pompieri di minare in quattro e
quattr'otto l'edificio. Eh... se si parla con un qualsiasi demolitore -- serio -- eh... come quelli di... di Bari o
che so io, insomma, non c'è bisogno di attraversare il pianeta, eh... si sa che ci vuole molto tempo per mi-
nare un edificio, quindi, nel caso fosse stato minato, sarebbe stato minato con molto anticipo.

149 http://wtc.nist.gov/NCSTAR1/PDF/NCSTAR%201-9%20Vol%202.pdf.
150 http://www.nist.gov/public_affairs/factsheet/wtc_qa_082108.html, tradotto in italiano presso
http://undicisettembre.blogspot.com/2008/08/wtc7-le-faq-del-nist.html.
Zerobubbole – 133/331

Ma prendiamo anche l... la teoria che c'erano gli uffici delle CIA, con dei... degli elementi, con dei docu-
menti sensibili, non è assolutamente una cosa strana doverlo... dover fare... eliminare... questi docu-
menti.
– Franco Fracassi a Matrix, Canale 5, 31 maggio 2006.

Come mai Chiesa e Fracassi hanno omesso in Zero prove così apparentemente schiaccianti? Se
davvero esiste una dichiarazione registrata in cui il capo della sicurezza dell'edificio dice "A questo
punto lo facciamo venire giù", se davvero Larry Silverstein (l'imprenditore locatario dell'edificio) ha
"ordinato ai pompieri di minare in quattro e quattr'otto" il World Trade Center 7, ma la versione uffi-
ciale dice che l'edificio è invece crollato per un grande incendio (la cui esistenza sarebbe oltretutto
smentita da filmati e fotografie), queste prove dovrebbero essere il perno dell'intero impianto ac-
cusatorio. E invece niente.
Forse gli autori di Zero hanno cambiato idea e non sono più convinti di quello che asserivano così
categoricamente. In effetti il loro silenzio sul WTC7 è un'omissione che suona molto come un'am-
missione. Ma se hanno ritirato alla chetichella quelle che prima presentavano come prove schiac-
cianti a proposito dell'Edificio 7, viene spontaneo chiedersi se per caso anche le loro altre presunte
conferme di complotto sono altrettanto traballanti e suscettibili di analoghe ritirate.

WTC7, i fatti dietro le dicerie


La ricostruzione tecnica del crollo del WTC7 è sta-
ta effettuata da specialisti indipendenti, sulla base
di testimonianze e rilevamenti dei pompieri, di im-
magini fotografiche e video, e di sofisticate simu-
lazioni computerizzate della fisica di un edificio in
fiamme, ed è presentata nel rapporto del National
Institute of Standards and Technology (NIST).151
Nessun esperto di settore, di nessun paese al
mondo, la contesta in modo documentato.
Secondo questa documentazione, il WTC7 fu col-
pito da grandi macerie della Torre Nord (Figura
81).
La valanga di macerie danneggiò la struttura, pro-
ducendo un ampio squarcio sulla facciata rivolta
verso le Torri e asportando la base di uno spigolo
dell'edificio fino al 18° piano (Figure 82-83).
Il comandante dei pompieri Chris Boyle, per esem-
pio, descrive così i danni esterni:
...sulle facciate nord ed est del 7 non sembrava che ci
fosse assolutamente alcun danno, ma poi guardavi la
facciata sud del 7 e c'era un buco alto probabilmen-
te venti piani nell'edificio, con incendi a vari piani.152
E' quindi falsa l'asserzione di Fracassi "ho avuto
modo di visionare tante fotografie di quell'edificio,
da tutte quante le angolazioni: questi grandi squarci
non li ho visti". Evidentemente non ha guardato Figura 81. Le macerie della Torre Nord investono il
molto bene e non si è documentato. WTC7.

151 http://wtc.nist.gov/.
152 http://www.firehouse.com/terrorist/911/magazine/gz/boyle.html.
134/331 – Zerobubbole

Le macerie in fiamme provenienti dalla


Torre Nord innescarono incendi su al-
meno dieci piani, presso i lati sud e
ovest del WTC7.
Gli incendi furono alimentati dal con-
tenuto dell'edificio (arredi, carta, mo-
quette), come avviene in qualsiasi in-
cendio in ambiente domestico o d'uffi-
cio, cosa che ogni vigile del fuoco può
confermare.
Il tenente dei vigili del fuoco di New
York Frank Papalia, intervistato dalla
BBC per il documentario The Third To-
wer, era a Ground Zero l'11 settembre e
ricorda così il WTC7.
Vedemmo gli incendi e il fumo sul lato
sud dell'Edificio 7. C'erano danni, tanti
danni. E il fumo... una quantità enorme
di fumo. Non riuscivo a capire a che
piano finisse.
Dice Papalia del lato est del WTC7:
Figura 82. La facciata squarciata del WTC7 in un collage di
Le finestre dal decimo al quindicesimo fotogrammi dalla diretta televisiva.
piano circa dell'Edificio 7 iniziarono a
cedere per l'intensità dell'incendio in-
terno. Lo guardammo e ci dicemmo
"C'è così tanto fuoco dentro questo
edificio, nessuno riuscirà mai a spe-
gnerlo".
I vigili del fuoco dunque smentiscono
le teorie di incendi piccoli e localizzati
presentate da Giulietto Chiesa ("c'era-
no due soli incendi, uno al 15° piano e
l'altro a circa, al settimo piano").
Non solo: le testimonianze dei pom-
pieri sbugiardano anche l'altra asser-
zione televisiva di Chiesa, secondo la
quale gli incendi "avrebbero potuto es-
sere spenti da un normale sistema an-
tincendio in un palazzo così
importante".
Infatti ai piani dal 7 al 9 e dall'11 al 13
questi incendi bruciarono incontrollati,
per la semplice ragione che il sistema
antincendio era privo d'acqua: le
condotte di alimentazione erano
state danneggiate dal crollo delle
Torri Gemelle.
Ne parla il già citato comandante Chris
Boyle: Figura 83. Lo spigolo del WTC7 asportato dall'impatto delle
macerie. La freccia indica il 18° piano. Lo squarcio è
Avevo intuito che i sistemi d'alimenta- parzialmente coperto dall'edificio antistante.
zione degli idranti erano fuori uso. Non
c'era pressione per gli idranti.
Zerobubbole – 135/331

Questi danni, e soprattutto gli incendi vasti e incontrol-


lati che durarono sette ore (Figura 84), causarono il cedi-
mento della struttura e il conseguente crollo. Il calore
non fu sufficiente a fondere l'acciaio strutturale, ma ba-
stò a indebolirlo e a dilatarlo, deformando e rompendo
uno dei giunti che collegavano alcune travi alle colonne.
Questa rottura causò un crollo localizzato del solaio del
tredicesimo piano, la cui caduta innescò crolli a catena
dei solai sottostanti, fino al quinto piano.
Una colonna primaria centrale si trovò così priva di con-
tenimento laterale per ben nove piani e si piegò (Figura
85), togliendo il sostegno a tutti i solai sovrastanti, che a
loro volta crollarono.
Il crollo si propagò quindi verso l'alto, fino al tetto, e
coinvolse altre due colonne; poi si estese da est verso
ovest, sovraccaricando in cascata le altre colonne della
struttura, e a quel punto crollò l'intera facciata.
In altre parole, non vi è nulla di misterioso e non occorre
invocare improbabili demolizioni controllate per spiega-
re il crollo dell'edificio. Il WTC7 crollò secondo un cosid-
detto collasso progressivo: un fenomeno tristemente
noto agli addetti ai lavori, che si verifica quando un ele-
mento vitale della struttura viene a mancare e gli ele-
menti restanti non sono in grado di reggere il sovracca-
rico che ne consegue, per cui cedono anch'essi a catena.
Il cedimento si propaga rapidamente all'intera struttura,
che crolla in modo apparentemente sproporzionato al Figura 84. Incendi nel WTC7, sul lato est, in
una fotografia del reporter Steve Spak.
danno iniziale.
Il WTC7 fu il primo grande edificio a subire un col-
lasso progressivo totale dovuto a incendi. Ma la
cosa non deve stupire: fu anche il primo grande edi-
ficio ad essere colpito e squarciato dalle macerie in-
fuocate del crollo di un grattacielo alto più del dop-
pio. E' logico che un evento anomalo produca effetti
anomali.
Proprio per questo, il disastro del WTC7 non deve
far pensare che tutti i grattacieli siano a rischio di
crollo improvviso in caso d'incendio. Innanzi tutto
occorre considerare che l'edificio aveva una struttu-
ra atipica, interamente in acciaio (che non si usa più
da tempo proprio per la sua vulnerabilità agli incen-
di) e configurata a fascio di colonne centrali e pareti
portanti, secondo un modello utilizzato in pochissi-
me realizzazioni (per esempio, la Sears Tower di Chi-
cago e le Torri Gemelle stesse).
In secondo luogo, di norma gli incendi che funesta-
no un edificio non vengono appiccati simultanea-
mente su più piani mentre la struttura viene con- Figura 85. La ricostruzione del collasso mostra i
temporaneamente colpita da migliaia di tonnellate cedimenti iniziali e le colonne prive di sostegno
di macerie. laterale che si flettono.
136/331 – Zerobubbole

Inoltre solitamente l'impianto antincendio è in grado di intervenire, cosa che al WTC7 non avvenne
a causa del tranciamento delle condotte per via del crollo delle Torri Gemelle.
Infine, va notato che nonostante i danni, gli incendi vasti e l'assenza d'acqua per spegnerli, la strut-
tura del WTC7 resse sette ore: un tempo più che sufficiente ad evacuare tutti gli occupanti.

Il "pull it" di Larry Silverstein


In Zero manca ogni riferimento a una delle teorie cospirazioniste
più diffuse a proposito del WTC7: quella che Giulietto Chiesa e Fran-
co Fracassi hanno raccontato imprecisamente nelle loro citate
apparizioni televisive. Anche se non fa parte delle affermazioni di
Zero, va almeno accennata qui per completezza, perché chi legge
questo testo probabilmente la incontrerà prima o poi.
La teoria vuole che Larry Silverstein (Figura 86), il miliardario statu-
nitense locatario del WTC7 (non "capo della sicurezza", come dice
Chiesa), abbia ammesso in un programma televisivo di aver dato ai
Figura 86. Larry Silverstein in
pompieri l'ordine di demolire l'Edificio 7 con l'esplosivo. Quest'am- un fotogramma del
missione è in diretto contrasto con la "versione ufficiale" ed è quindi documentario che contiene la
considerata una prova cardine del complotto. frase incriminata.
La frase incriminata originale è questa:
I remember getting a call from the, er, fire department commander, telling me that they were not sure
they were gonna be able to contain the fire, and I said, 'You know, we've had such terrible loss of life,
maybe the smartest thing to do is – is pull it.' And they made that decision to pull and then we watched
the building collapse.
In traduzione:
Ricordo di aver ricevuto una chiamata dal comandante dei pompieri, che mi diceva che non erano sicuri
che sarebbero riusciti a contenere l'incendio, e io dissi 'Sai, abbiamo subìto una perdita così terribile di
vite umane, forse la cosa più intelligente è... è pull it'. E hanno preso la decisione di pull, e poi abbiamo
assistito al crollo dell'edificio.
La teoria afferma che nel gergo tecnico dei demolitori, "pull" significa "demolire con esplosivi". Per
questo Fracassi dice che "Larry Silverstein avrebbe ordinato ai pompieri di minare in quattro e quat-
tr'otto l'edificio".
I fatti sono ben diversi:
! Nel gergo dei demolitori, "pull" non significa affatto "demolire con esplosivi", ma "far
crollare tirando con dei cavi"; pertanto, la teoria è sbagliata in partenza, a meno che si vo-
glia credere che è possibile abbattere un grattacielo di 174 metri semplicemente tirandolo
giù con dei cavi.
! La frase incriminata non fu detta in diretta TV, ma in un documentario preregistrato,153
per cui Silverstein avrebbe potuto farla tagliare, se davvero fosse stata una rivelazione com-
promettente.
! Silverstein ha chiarito successivamente che disse "pull it" nel senso di "ritirarlo", riferito
al contingente dei pompieri di cui stava parlando.154

153 America Rebuilds: A Year at Ground Zero (PBS, 2003), a circa 70 minuti dall'inizio.
154 http://web.archive.org/web/20051206060234/http://usinfo.state.gov/media/Archive/2005/Sep/16-241966.html: "On September
9, 2005, Mr. Dara McQuillan, a spokesman for Silverstein Properties, issued the following statement on this issue: '[...] In the afternoon
of September 11, Mr. Silverstein spoke to the Fire Department Commander on site at Seven World Trade Center. The Commander told
Mr. Silverstein that there were several firefighters in the building working to contain the fires. Mr. Silverstein expressed his view that
the most important thing was to protect the safety of those firefighters, including, if necessary, to have them withdraw from the
building. Later in the day, the Fire Commander ordered his firefighters out of the building and at 5:20 p.m. the building collapsed. No
Zerobubbole – 137/331

! I pompieri non sono demolitori, per cui non ha alcun senso pensare che Silverstein abbia
dato loro l'ordine di minare l'edificio.
! Silverstein, nella frase in questione, non diede alcun ordine: disse che la decisione fu
presa dai pompieri ("they made that decision to pull").
! Ma soprattutto, perché mai Silverstein avrebbe dovuto confessare disinvoltamente in
TV una demolizione che doveva restare supersegreta?
L'interpretazione cospirazionista è quindi priva di ogni senso logico e di ogni fondamento tecnico.

La base CIA e i documenti scottanti


Una delle domande più frequenti riguardanti il crollo del WTC7 riguarda il movente: perché mai sa-
rebbe stato necessario distruggere un intero edificio in una maniera così vistosamente insolita e
quindi rischiare di attirare l'attenzione?
La spiegazione fornita dai cospirazionisti (compreso Fracassi, nella citazione televisiva riportata pri-
ma) è che il WTC7 ospitava una base segreta della CIA e quindi sarebbe stato distrutto per far spa-
rire documenti scottanti.
Ma questa spiegazione è senza senso: il modo migliore per far sparire dei documenti non è certo
far saltare in aria l'intero edificio che li contiene. E se qualche foglio svolazza fuori? Non sarebbe
stato meno stupido e più discreto usare un distruggidocumenti?
In realtà la CIA aveva sì una sede segreta nel WTC7 (è un ente federale, da qualche parte deve sta-
re). Ma come riferisce il New York Times,155 dovette mandare una squadra speciale per cercare fra le
rovine i documenti segreti e i rapporti di spionaggio, per evitare che finissero nelle mani sbagliate.
Proprio il contrario di quello che asseriscono i complottisti.

lives were lost at Seven World Trade Center on September 11, 2001.' [...] Mr. McQuillan has stated that by 'it,' Mr. Silverstein meant
the contingent of firefighters remaining in the building."
155 A Nation Challenged: the Intelligence Agency; Secret C.I.A. Site in New York Was Destroyed on Sept. 11, di James Risen, 4/11/2001,
http://query.nytimes.com/gst/fullpage.html?res=9F0DE0D71739F937A35752C1A9679C8B63.