Sei sulla pagina 1di 31

CORSO DI ERBORISTERIA Istituto Superiore di Sanit - Accademia di Storia dellArte Sanitaria Roma, 2 - 4 dicembre 2002 organizzato da : ISTITUTO SUPERIORE

DI SANITA MINISTERO DELLA SALUTE ACCADEMIA DI STORIA DELLARTE SANITARIA con la partecipazione di : Universit degli Studi di Roma La Sapienza - Facolt di Farmacia Universit degli Studi di Roma Torvergata - Facolta di Medicina e Chirurgia Programma del Dott.Alessandro Gelli dispensa per i Sig. dottori del Master di specializzazione post-laurea in erboristeria sostanze naturali

I fito-estratti, le droghe vegetali per lincremento della qualit della vita, per aiutare a ridurre gli effetti dello Stress e migliorare nello sport. Incremento della performance psico-fisica e della qualit della vita: tendenze alluso di prodotti vegetali ad azione adattogena, stimolativa delle produzioni ormonali, sostitutiva e di prodotti vegetali stimolanti o rilassanti agenti sul SNC.
Dott Alessandro Gelli ( alessandrogelli@libero.it)

Leffetto globale di varie droghe vegetali per lo sport ed il benessere,secondo le tradizioni dei paesi originari delle varie piante e secondo vari studiosi occidentali ,potrebbero cos riassumersi: - Effetto Tonico naturale, aiuto efficace per coadiuvare una strategia sinergica anti-stanchezza ed il mantenimento della performance psicofisica sotto stress, pu aiutare a ritrovare il brio nella vita quotidiana . Pu trovare indicazioni come utile coadiuvante per migliorare una perdita prestazionale, anche nella sfera sessuale, in quanto

rinvigorente naturale. Pu essere utile sia al sedentario stanco per aiutare a contrastare gli effetti del surmenage lavorativo, sia per latleta amatoriale, per lazione rivitalizzante-naturale e per i vari micro-nutrienti, contenuti naturalmente nelle piante del prodotto, con azione anti-catabolica.

In base alle bibliografie internazionali ed alcune preliminari esperienze condotte anche in Italia, si potrebbe ipotizzare una benefica funzione per aiutare a contrastare anche la normale e fisiologica riduzione di vitalit ed energia psico-fisica frequentemente testimoniata da soggetti intorno ai quaranta anni.

In mano al medico, a dosaggi pi elevati e personalizzati,

un prodotto

erboristico, pu essere un aiuto per gli utenti manifestanti lievi disturbi .

Si consiglia di ciclizzare lassunzione del prodotto utilizzato, per esempio, dopo lassunzione di 3 confezioni pu essere consigliabile leffettuazione di una pausa, per esempio, di 1 mese ( o del tempo indicato dal medico), per ottenere una ottimizzazione fisiologica al ciclo successivo.

Il concetto di azione ADATTOGENA:

Per adattogeno si intende un prodotto od una molecola che contribuisce a far ritrovare lequilibrio allorganismo tramite le sue normali azioni fisiologiche , NON CE UNA SPINTA VERSO, per esempio, la calma o allopposto verso leccitazione.

Alcune piante , presentano questa azione adattogena , come SUMA, la RODIOLA ROSEA,( titolata in rosavin), aiutando cos i fenomeni naturali endogeni a riequilibrarsi.

Altre piante presenti nel prodotto possono invece esplicare una azione mirata per ottenere un risultato preciso e desiderato: per esempio il ginseng RIVITALIZZANTE , e il suo sovradosaggio pu indurre irrequietezza, iper eccitazione ecc., la passiflora incarnata invece aiuta a rilassare: entrambi presentano una azione precisa ed opposta tra loro; a differenza della RODIOLA ROSEA , non sono quindi adattogeni. SONO STATE STUDIATE varie SINERGIE TRA NUMEROSE PIANTE CHE SINERGIZZANO O ANTAGONIZZANO VARI EFFETTI: lo scopo quello di ottenere , nella media dei soggetti, un azione s rivitalizzante e rinvigorente, ma non innervosente. Per esempio un soggetto affetto da precocit probabilmente potrebbe peggiorare la sua iper-velocit con alti dosaggi di un ipotetico prodotto formulato solo con muira puama, guaran, ginseng, ecc., ovvero solo con eccitanti; stesso problema in caso di nervosismo, tachicardia, tendenza allansia. La filosofia erboristica qui riportata potrebbe riassumere il concetto dellantico motto la calma la virt dei forti. E importante che il vigore e la forza siano sotto controllo consapevole del soggetto, potendo usufruire di una spinta in pi ma controllata ed al momento giusto, in ogni momento della vita quotidiana. Questo vale anche per gli usi di macho per lo sport, per contrastare la stanchezza da stress o per aumentare il tanto desiderato vigore stesso.

CONCETTI E CRITERI DI FORMULAZIONE di prodotti di nuova CONCEZIONE

( piante da tutto il globo per un azione mirata e sinergica naturale a basso ed ideale dosaggio della singola pianta per un azione sicura e per evitare inoltre anche eventuali effetti collaterali).

- Attualmente , alla luce delle pi recenti scoperte internazionali, comprese quelle chimiche che hanno identificato gran parete delle molecole presenti nelle piante pi utilizzate, si dovrebbero impiegare piante di tutto il globo, conosciute e collaudate empiricamente da molti secoli o millenni, ai fini dellincremento fisiologico-naturale delle performances psico-fisiologiche. Piante dalla Cina, dal Giappone, dalle Ande, dal sud America, dallEuropa, dal Brasile, dall India ecc. sono state inserite in questo innovativo concetto di fito-terapia per una azione globale anti-stress naturale e per aiutare un incremento di brio e vigore a 360 , ridotto, per esempio, dallo Stress della vita frenetica di tutti i giorni. Il dosaggio della singola pianta utilizzata in questo sistema , secondo la bibliografia disponibile, dosaggio ma sicuro da effetti collaterali; infatti non il singolo di tutte le piante a determinare leffetto

linsieme

RINVIGORENTE, con sicurezza per la salute, similmente a come avviene per una normale alimentazione equilibrata: bassi dosaggi sostanze equilibrati tra loro di numerosissime

con la sicurezza per la salute; tuttavia

ad alto dosaggio, alcuni studi clinici, HANNO MESSO IN EVIDENZA VARI EFFETTI MOLTO UTILI PER LA SALUTE ANCHE IN CASO DI SPECIFICA PATOLOGIA GIA MANIFESTA. Il sistema della nuova fito-terapia comunque stato concepito per persone sane in cerca di maggior vigore e brio psico-fisiologico a vari livelli, al limite con piccoli disturbi borderline e non per soggetti manifestanti gravi patologie.

I PRODOTTI ERBORISTICI DULTIMA GENERAZIONE

Concetti base derboristeria classica-tradizionale-empirica e prodotti erboristici attuali con criteri scientifici : la fusione dellesperienza pratica antica con la ricerca SCIENTIFICA, chimica e farmacologia, davanguardia doggi.

Lo studio dellesperienza empirica pluri-secolare, ed in certi casi plurimillenaria, di vari popoli ha evidenziato una sorprendente conoscenza di numerose piante con effetti terapeutici e salutari.

Come sopra riportato, in vari luoghi del mondo esistono piante con numerose azioni utili per ritrovare il brio ed il vigore o anche per incrementare numerose performances; tuttavia per noi dottori occidentali, sino a pochi anni addietro le conoscenze di botanica farmaceutica, fito-terapia, farmacognosia e farmacologia dei principi attivi contenuti nei vegetali, era prevalentemente rivolta alla Medicina Tradizionale Cinese ed alla medicina Indiana ( Ayurveda). Pi recentemente, sono studiate ed analizzate anche molte piante di altre zone del Pianeta Terra, oltre alle solite indiane e cinesi, come quelle amazzoniche, per fare un esempio .

Lampliamento degli orizzonti ha permesso ai ricercatori allavanguardia di studiare e di mettere a punto formulazioni globali ottenendo un risultato superiore a quello ottenibile utilizzando solo alcune piante di un solo luogo del nostro pianeta. Il primo passo per dei prodotti erboristici dultima generazione, non solo quello di attingere consapevolmente da tutto il nostro pianeta piante ad

azione sinergica per ottenere i risultati desiderati anche con bassi dosaggi dei singoli principi attivi, ma anche di rendere pi scientifici e RIPRODUCIBILI I RISULTATI DI QUESTI PRODOTTI INNOVATIVI.

IL PRIMO PROBLEMA PER LA RIPRODUCIBILITA DEI RISULTATI: OTTENERE UNO STESSO LIVELLO QUANTITATIVO DI PRINCIPI ATTIVI IN OGNI CONFEZIONE IN VENDITA

Il contenuto di principi attivi ( p.a.), a parit di pianta, varia incredibilmente; solo per citare qualche esempio, la quantit di p.a. varia con il periodo dellanno, a seconda del terreno, a seconda dellora di raccolta, nonch dello stato e la modalit di conservazione; da qui lesigenza di standardizzare il contenuto di p.a. in ogni lotto prodotto in modo da poter conoscere il potenziale dosaggio.

I FITO-ESTRATTI STANDARDIZZATI: UNA GARANZIA CIRCA LEFFETTIVA QUANTITA DEI PRINCIPI ATTIVI.

Non difficile che in lotto di pianta a taglio non sia riportato il contenuto di principi attivi; senza questo fondamentale dato, NON E POSSIBILE SAPERE QUANTA PIANTA UTILIZZARE: potrebbero essere troppa o troppo poca. Il livello quantitativo dei p.a. stabilito tramite specifiche analisi, a queste quantitative devono essere abbinate anche altre di purezza per stabilire eventuali inquinanti e contaminazioni, muffe ecc.

Pur rispettando le antiche esperienze e testimonianze dei popoli ove le piante di nostro interesse sono originarie, non possiamo trascurare anche un empirismo che non permetteva di poter stabilire la dose pi adatta in quanto le piante ed i loro estratti, non erano certo standardizzati; certamente alcuni maestri orientali intuivano il concetto di standardizzazione, compensando le moderne apparecchiature scientifiche, con le numerose abitudini rituali, cercando cos di non ottenere troppe differenze qualitative e quantitative. Tuttavia gi solo una annata pi fredda o pi calda, pi o meno piovosa ecc. pu gi cambiare i livelli dei vari p.a. ; da quanto esposto si capisce la fondamentale importanza della struttura scientifica alle spalle delle attuali piante e prodotti erboristici, sia per avere in ogni confezione un quantitativo di p.a. paragonabile ad unaltra , sia per la sicurezza dalla contaminazione da inquinanti, muffe ecc.

OLTRE LA STANDARDIZZAZIONE: LANALISI CHIMICHE PER INDIVIDUARE I VARI PRINCIPI ATTIVI E GLI ULTERIORI CAMPI APPLICATIVI DELLA PIANTE E GLI ESTRATTI VEGETALI

La scienza ha recentemente permesso di individuare numerose molecole presenti in molte piante,comprendendo ancor pi come utilizzare queste piante a scopo salutare e/o terapeutico.. La conoscenza dei vari principi attivi e della loro azione fisiologica,

( anche se alcuni piante sono ancora sotto studio), ha permesso poi di realizzare gli ESTRATTI VEGETALI: OVVERO LA SPECIFICA CONCENTRAZIONE DEI PRINCIPI ATTIVI CHE CI INTERESSANO. La pianta in toto ha infatti strutture pi o meno inerti-non attive; LESTRATTO E IL CONCENTRATO DEI SOLI PRINCIPI ATTIVI UTILI A SCOPI SALUTARI/ TERAPEUTICI, RIDUCENDO LA QUANTITA DI RESINE , MUCILLAGINI, CELLULOSE ECC. CHE POTREBBERO INDURRE ALCUNI DISTURBI ( PER ESEMPIO GASTRO-INTESTINALI, PEGGIORANDO COLITI PRE-ESISTENTI ECC.). L estratto in polvere definito estratto secco e viene ingerito nella sua totalit; ingerendo la pianta non concentrata, si ripete ancora, non sarebbe difficile assistere a fenomeni di disturbo gastro-enterici. Lestratto secco standardizzato e chimicamente controllato da inquinanti ecc., potrebbe essere visto come un miglioramento che la scienza ha realizzato rispetto alluso di piante in toto non standardizzate e potenzialmente inquinate, mal conservate ecc; infatti le piante sono esseri viventi e come tali sono soggette ai fenomeni di decomposizione; ecco un altro vantaggio dei fito-estratti standardizzati ottenuti da piante fresche non decomposteimputridite, nel pieno rispetto della sicurezza a tutela della salute del consumatore.

SCIENZA E DOSAGGI DEI FITO-ESTRATTI STANDARDIZZATI: IL PROBLEMA DELLA DOSE

I popoli antichi, come gi accennato, applicando le numerose piante che oggi studiamo, ci hanno tramandato delle possibili indicazioni sulluso di quelle specifiche piante, ma, non avendo la standardizzazione, non ci possono aver tramandato indizi molto utili sulle dosi; infatti oltre alla diversa sensibilit e

reazione individuale, non si pu calcolare una dose di pianta quando i p.a. possono essere anche il doppio od il triplo di quella utilizzata lanno prima. Le ricerche cliniche, utilizzanti, a seconda dei casi, o le piante in toto od una parte della pianta, o lestratto standardizzato, hanno iniziato un lavoro scientifico per identificare i dosaggi medi umani pi comuni.

Il dosaggio un punto fondamentale. Nel 2001 si tenuto a Roma ( 30 nov-1-2 dic.), un importantissimo Congresso Internazionale che in gran parte faceva il punto della situazione sulle tematiche sopra riportate. Il Congresso EURO-CINESE DI MEDICINA TRADIZIONALE CINESE: DUE CULTURE A CONFRONTO, ha fatto testo sia per lelevatura dei relatori presenti , provenienti da tutto il mondo, sia per lalto patronato del Presidente della Repubblica Italiana, per il patrocinio del Parlamento Europeo-Ufficio per lItalia e del Ministero degli Esteri ( tale attivit si svolta presso LACCADEMIA S.A.SANITARIA). Le nostre relazioni sono state esposte di fronte a numerosi scienziati e rappresentanti dello Stato e prima selezionate da un Comitato Scientifico Internazionale. Da questo Congresso sono scaturite problematiche sui diversi punti di vista dei colleghi cinesi ed i nostri, problematiche ancor pi marcate probabilmente proprio sulle droghe vegetali, a causa di un loro tradizionale modo terapeutico-applicativo-empirico, con pochi dati clinici. Ripetutamente, come relatori occidentali, abbiamo manifestato la necessit degli studi clinici, avendo bisogno di numeri per applicare dei protocolli terapeutici. Il collega Prof. Giuseppe Salvatore ( Istituto Superiore di Sanit) , ha ben spiegato come il passaggio da salutare a terapeutico sia, per alcune droghe vegetali, una questione di dose e quindi di quantit di p.a..

Tale tematica stata ancora ripresa al congresso nazionale Master daggiornamento in integrazione naturale, fito-terapia e Vitaminologia, per lincremento della performance psico-fisica ( Accademia S.A.Sanitaria 5 maggio 2002), sia dal Prof. Salvatore e da altri docenti universitari,sia dallorganizzatore Dott.Alessandro Gelli, relatore ed anche promotore di questa attivit scientifica. Anche le Vitamine da dose salutare si passa a terapeutica , incrementando la dose stessa.( XVI Congresso Internazionale di Vitaminologia, Roma,18 maggio 2002 : le Vitamine per il sistema nervoso-ruolo protettivo delle vitamine antiossidanti e del gruppo B sul sistema nervoso, relazione di Prof.Fidanza e Dott.Alessandro Gelli). Appare chiaro quindi che la conoscenza della quantit di principi attivi sia fondamentale per stabilire il dosaggio salutare e quello terapeutico; senza estratti standardizzati non possibile conoscere le quantit dei principi vegetali presenti nelle piante o negli estratti non trattati con le procedure scientifiche qui accennate; per questi motivi si sconsiglia lutilizzo di prodotti erboristici con quantit di principi attivi non standardizzati e dichiarati e con relativi certificati di purezza richiedibili dai Sig.ri Dottori, a tutela dei loro utenti e della loro salute, in quanto molti colleghi utilizzano loro stessi prodotti erboristici.

La formulazione pluricomposta : razionale e motivazioni

La sensibilit individuale alle varie piante notevolmente soggettiva, POSSIBILE che un basso dosaggio di un estratto sia insufficiente per ottenere risultati soddisfacenti per uno specifico soggetto, che per pu essere molto sensibile ad unaltra pianta ( come fito estratto standardizzato), ottenendo cos comunque un gradevole e desiderato risultato fisiologico:

questo uno dei motivi della innovativa formulazione che si somma a quelli sopra gi riportati.

LINTEGRAZIONE NATURALE DI FITO-ESTRATTI STANDARDIZZATI DI PROVENIENZA GLOBALE CON CONCEZIONE FORMULATIVA AD AZIONE SINERGICA PER LOTTIMIZZAZIONE FISIOLOGICA. Principali fito-estratti e principi attivi

Tra le principali piante, come estratti standardizzati, si annoverano quelle pi comunemente note quali guaran, dioscorea, ginseng ma tante altre sono contenute in questa innovativa formulazione, meno note ai Dottori non specializzati in prodotti erboristici, quali ad esempio la PFAFFIA PANNICULATA, IL LEPIDIUM MEYENI-MACA, LURTICA DIOICA, IL POLIPODIUM-SAMBAIA, LA MARACUJA, LA TURNERA APHRODISIACA, LA MUIRA PUAMA, ed altre ancora. Per facilitare la comprensione dei principali fito-estratti, riportiamo qualche cenno bibliografico di recentissimi lavori clinici per invitare i Gentili colleghi a dei successivi approfondimenti. Una pi ricca e vasta bibliografia viene riportata al termine di questo lavoro, suddivisa per ogni specifica pianta per semplificare la consultazione, le ulteriori informazioni riportate sotto le specifiche e recenti ricerche cliniche, sono ricavate dalla bibliografia globale sopra citata, costituita da ricerche scientifiche e testi disponibili degli ultimi decenni.

TRIBULUS TERRESTRIS

Il tribulus terrestris, anche da alcune ricerche osservative effettuate dallautore, pu essre considerato un adattogeno-ottimizzatore ; infatti alcune ricerche effettuate su atleti bene allenati e non sovrallenati- stressati, non hanno fatto rilevare differenze nella massa corporea o nella forza: una possibile spiegazione, a cui probabilmente sarebbero giunti i ricercatori fossero stati pi specializzati nel settore erboristico-naturale, si basa sul fatto che se un soggetto gi ottimizzato , il tribulus terrestris non pu spingere ulteriormente laccrescimento corporeo o la forza, sarebbe doping! al contrario nei soggetti esauriti e stressati, il Tribulus Terrestris agisce come rivitalizzante aiutando anche l incremento della libido e della vitalit, ridotta sotto stress cronico.

Il concetto sopra riportato fondamentale poich chiarisce che quando un organismo gi massimamente ottimizzato ed in grande forma ( condizione piuttosto rara al giorno doggi visto lo stress quotidiano e le continue preoccupazioni a cui siamo sottoposti), le sostanze come la protodioscina ed altre del tribulus non possono forzare la fisiologia, a differenza di stimolanti ( anche naturali come sovra dosaggio abituale di caff per alcuni soggetti) o steroidi anabolizzanti per spinger in modo innaturale e contro-natura la sintesi proteica ecc. Gli adattogeni sono quindi degli ottimizzatori della natura e dei suoi fisiologici meccanismi che regolano lomeostasi senza operare violenze sui delicati sistemi enzimatici e bio-chimici dellorganismo.

DIOSCOREA Antioxidant activity of dioscorea and

dehydroepiandrosterone (DHEA) in older humans.


Life Sci 1996;59(11):PL147-57 (ISSN: 0024-3205) Araghiniknam M; Chung S; Nelson-White T; Eskelson C; Watson RR Arizona Prevention Center, University of Arizona, School of Medicine, Tucson 85724, USA.

Questo studio stato fatto per determinare se la supplementazione di dioscorea pu aumentare il livello sierico di dehydroepiandrosterone sulfate (DHEAS) nelluomo e modulare i livelli dei lipidi negli anziani. Tre settimane di supplementazione con dioscorea non hanno effetto sui livelli di DHEAS. Tuttavia lintroito di DHEA 85 mg/day aumentano i livelli sierici di DHEA del 100.3%. DHEA e dioscorea riducono significativamente la perossidazione

lipidica, fanno diminuire i trigliceridi e aumentano le HDL. Quindi sia il DHEA sia gli steroidi estratti dalla dioscorea, antiossidanti lipidico. sono cos significativamente come modulatori attivi come

dellassetto

Tale ricerca clinica ben riassume i dati desunti da ulteriori fonti bibliografiche.

Two new steroidal saponins from the rhizomes of Dioscorea panthaica and their cytotoxic activity.
Planta Med 2001 Dec;67(9):853-7 Dong M; Feng XZ; Wu (ISSN: 0032-0943) LJ; Wang BX; Ikejima T

Research Center of New Drugs, Changchun College of Traditional Chinese Medicine, Changchun, People's Republic of China.

Due nuove saponine steroidee, la dioscoresides C pregnadienolone 3-O-beta-gracillimatriose,

e D , insieme al 3-O-beta-

pregnadienolone

chacotrioside e pseudoprotodioscina, sono state isolate dalla Dioscorea. Questi componenti mostrano una mite citotossicit neoplastiche in maniera dose-dipendente. contro linee cellulari

GINSENG

Free radical scavenging activity of red ginseng aqueous extracts.


Toxicology 2002 Mar 20;172(2):149-56 Kim YK; (ISSN: 0300-483X) Guo Q; Packer

Department of Molecular and Cell Biology, University of California, Berkeley, CA 94720-3200, USA.

Estratti di Ginseng neutralizzano (spazzano) il 40% di radicali idrossili nella concentrazione di 0.1 mg/ml. 2 mg/ml di estratto di ginseng neutralizzano completamente i radicalli superossidi.il ginseng non neutralizza lNO.

Epidemiological study on cancer prevention by ginseng: are all kinds of cancers preventable by ginseng?
J Korean Med Sci (Korea 2001 Dec;16 Suppl:S19-27 (ISSN: 1011-8934)

La somministrazione di ginseng rosso sembra diminuisca linsorgenza di tumori nei soggetti a rischio durante il periodo di osservazione in maniera non organo specifica.

Effects of ginseng supplementation on supramaximal exercise performance and short-term recovery.

J Strength Cond Res 2001 Aug;15(3):290-5

(ISSN: 1064-8011)

La prolungata somministrazione di ginseng (rispetto al placebo) non mostra benefici ergonomici (prova da sforzo) nellesercizio prolungato

American ginseng (Panax quinquefolius L.) attenuates postprandial glycemia in a time-dependent but not dose-dependent manner in healthy individuals.
Am J Clin Nutr 2001 Apr;73(4):753-8 (ISSN: 0002-9165) Vuksan V; Sievenpiper JL; Wong J; Xu Z; Beljan-Zdravkovic U; Arnason JT; Assinewe V; Stavro MP; Jenkins AL; Leiter LA; Francis T

Il ginseng americano riduce la glicemia post-prandiale in soggetti senza diabete, in modo tempo dipendente e non dose dipendente: leffetto si verifica solo quando il ginseng somministrato 40 min prima del pasto.

Da THE AMERICAN PHARMACEUTICAL ASSOCIATION PRACTICAL GUIDE TO NATURAL MEDICINS, PIERCE A., 1999, NEW YORK E DA EXTENSION FACT SHEET, OHIO STATE UNIVERSITY ( HUMAN NUTRITION AND FOOD ADMINISTRATION): IL GINSENG pu trovare indicazioni per incrementare le capacit fisiche e mentale nonch le prestazioni sessuali. Tali pubblicazioni mettono ancora in evidenza limportanza della standardizzazione per il corretto dosaggio e differenti risposte individuali, cos come dei sintomi da sovra-dosaggio( nervosismo insonnia iper-eccitabilit), pi facilmente ottenibili se non nota la quantit di principi attivi. Contiene vari tipi di vitamine , tra cui la vit. B6 e zinco, oltre ai ginsenoidi.

MUCUNA PRURIENS Effects of Mucuna pruriens extract on activation of prothrombin by Echis carinatus venom.
J Ethnopharmacol 2001 May;75(2-3):175-80 Guerranti R; Aguiyi JC; Errico E; (ISSN: 0378-8741) Pagani R; Marinello E

Institute of Biochemistry and Enzymology, University of Siena, Via A. Moro, 53100, Siena, Italy. guerranti@unisi.it.

E stato mostrato un aumento dellattivit coagulante.

NARINGINA Hypocholesterolemic effect of naringin and rutin flavonoids] [Efeito hipolipidemico dos flavonoides
(ISSN: 0004-

naringina e rutina.]
Arch Latinoam Nutr 2001 Sep;51(3):258-64 0622) da Silva RR; de Oliveira TT; Nagem TJ; Pinto AS; Albino LF; de Almeida MR; de Moraes GH; Pinto JG

Universidade Federal de Vicosa, Minas Gerais, Brazil.

La naringina riduce significativamente i livelli del colesterolo totale; dellLDL, VLDL e trigliceridi senza ridurre le HDL.

PASSIFLORA INCARNATA Anti-anxiety


J

studies
2001

on

extracts

of
(ISSN:

Passiflora incarnata Linneaus.


Ethnopharmacol Dec;78(2-3):165-70 0378-8741) Dhawan Pharmacognosy K; Division, Kumar University S; Institute Sharma of A

Pharmaceutical

Sciences, Panjab University, 160014, Chandigarh, India.

Passionflower in the treatment of generalized anxiety: a pilot double-blind randomized controlled trial with oxazepam.
J Clin Pharm Ther 2001 Oct;26(5):363-7 (ISSN: 0269-4727) Akhondzadeh S; Naghavi HR; Vazirian M; Shayeganpour A; Rashidi H; Khani M

Roozbeh Psychiatric Hospital, Tehran University of Medical Sciences, South Kargar Avenue, Tehran, Iran. s.akhond@neda.net.

La passiflora mostra una azione rilassante, ai dosaggi salutari.

SAW PALMETTO Analytical Accuracy and Reliability of

Commonly Used Nutritional Supplements in Prostate Disease [Record Supplied By Publisher]


J Urol 2002 Jul;168(1):150-154 Feifer AH; (ISSN: 0022-5347) NE; Klotz L Fleshner

Department of Surgery, Division of Urology, Toronto Sunnybrook Regional Cancer Centre, Toronto, Ontario, Canada.

Effects of a saw palmetto herbal blend in men with symptomatic benign prostatic hyperplasia.
J Urol 2000 May;163(5):1451-6 (ISSN: 0022-5347) Marks LS; Partin AW; Epstein JI; Tyler VE; Simon I; Macairan ML; Chan TL; Dorey FJ; Garris JB; Veltri RW; Santos PB; Stonebrook KA; de Kernion JB

Department of Urology, University of California Los Angeles School of Medicine, Los Angeles, CA, USA.

C una riduzione dei sintomi e una diminuzione dellepitelio prostatico soprattutto nella zona di transizione.

Il palmetto seghettato pare abbia una effettiva capacit di poter essere daiuto nel contrastare lipertrofia prostatica e di ridurre lesagerata produzione di DHT ovvero il responsabile anche di alcuni tipi di calvizie.

MUIRA PUAMA-

DA : sunto globale delle referenze sulla muira puama riportate nella specifica bibliografia al termine di questo lavoro e da : Ghezi C. les dossier universitaries, Montpellier, 1989 possibilit de la phytotherapie dans les troubles de la sexualit, e da: Kaplan H. new sexual therapie, new york, bruner mazel ed., 1971.

La muira puama pare contenere un alcaloide non molto dissimile a quello della yohimbina, con azione vasodilatatricie specifica,per cui ha trovato tradizionalmente indicazioni per incrementare la performance sessuale e psico-fisica. Pu essere utile contro la stanchezza, lastenia in genere compresa quella con lievi complicanze le capacit erettive che potrebbero essere ottimizzate con la muira puama Da : J. NAT.MED.VOL. 1 YOHIMBINE VERSUS MUIRA PUAMA NEL TRATTAMENTO DELLA DISFUNSIONE ERETTILE,MURRAY, M., NOV1994. Sembrerebbe che la yohimbina sia meno efficace della MUIRA PUAMA , ai fini dellincremento della capacit erettile,; pare che la muira puama oltre ad una maggiore efficienza, manifesti anche meno effetti indesiderati della YOHIMBINA.

Pfaffia Panicolata o Suma :


Probabilmente una delle erbe pi efficienti contro lo stress, utile per tutti gli sport, natural body building e fitness compreso e lincremento delle performance psico-fisica e della sfera sessuale( disfunzioni, sterilit ed addirittura un miglioramento dei sintomi menopausali femminili).

Dalla discreta bibliografia ( vedi sezione bibliografica), sicuramente abbastanza ricca rispetto ad altre piante, si desume che possa essere utile in caso di squilibri della pressione arteriosa, in caso di ridotta efficienza del sistema immunitario, pare mostrare anche una azione anti-infiammatoria. Contiene numerose sostanze utili come sito-sterolo e stigmaserolo, numerose vitamine( A, B1, B2, B5 E, K,) e minerali ( zinco, magnesio cobalto ferro). Contiene inoltre il beta-ecdysone, utile, pare, come favorente lanabolismo naturale della muscolatura E LA RIDUZIONE DELLADIPE SUPERFLUO. I ricercatori che hanno pubblicato tali studi sono vari tra cui SIMAKIN B.G. FADEEV e V.SMETANIN , PUBBLICATI RISPETTIVAMENTE SU scientific sports bullettin , su natural sport research institute e relazione per il Natural sport institute. ( Simakin the combined use of ecdisten and the product bodrost during training in cyclical types of sports- scientific sports bullettin N 2, 1988) ( Fadeev comments on the results of research of ratibol in the practice of athletic training Natural sport institute)

Le indicazioni sono cos a 360 che parrebbe quasi una panacea creata dalla natura per luomo. La Suma appartiene alla categoria degli ADATTOGENI e dei rigenerantitonici

Possibili sinergie associative ai prodotti erboristici della nuova fitoterapia con altre sostanze naturali

IL medico, a seconda della specifica problematica dellutente, pu consigliare delle associazioni di prodotti per una azione complementare ed ancor pi efficace senza entrare nel settore farmacologico etico.

La base comunque una buona alimentazione, preferibilmente di tipo mediterraneo aggiornato ( ovvero con una ripartizione dei vari nutrienti pi equilibrata, senza eccessivi sbilanciamenti, per esempio, verso i carboidrati; non difficile incontrare utenti con abitudini scorrette anche di tipo alimentare riducenti a solo il 10% la frazione proteica; al contrario altri utenti sono abituati ad assumere, per esempio, il 50-60% di proteine sulla totale ripartizione calorica). Verificata una impostazione di massima sulla alimentazione, si passa allanalisi degli obiettivi da raggiungere. Riportiamo, molto in generale, alcuni brevissimi e salienti cenni di integratori alimentari potenzialmente abbinabili, in base allo specifico obiettivo; NON VENGONO RIPORTATI CENNI SUI DOSAGGI A CAUSA DELLA LORO VARIABILITA IN BASE AL BIO-TIPO MORFOLOGICO, LO STATO GENERALE LETA, IL PESO ECC.; il dosaggio compito del medico che , fatta esperienza pratica, dopo aver effettuato quella teorica, deve saper individuare il miglior dosaggio per lutente.

Le associazioni sotto riportate sono frutto di esperienze personali dellautore, comunque avvalorate da una specifica bibliografia scientifica, e non hanno valore prescrittivi, ma solo informativo per i colleghi medici o farmacisti.

Il medico , a sua discrezione, pu trarre alcune indicazioni di massima per eventualmente abbinare al prodotto erboristico , alcune molecole sotto riportate per ottimizzare i risultati sullo specifico soggetto-utente.

APATIA-STANCHEZZA-SURMENAGE PSICO FISICO: acetyl-l-carntina, creatina, ribosio, vitamine sia antiossidanti sia del gruppo B, L-carnitina.

RIDUZIONE DELLA PERFORMANCE SESSUALE INDOTTA DA STRESS CRONICO:

aminoacidi ramificati, fosfatidil-serina, le molecole sopra citate, integratori in polvere di proteine di ottima qualit e purezza in caso di carenza proteica alimentare, associando zinco, magnesio, laminoacido L-Arginina ed, eventualmente, una dose aggiuntiva di tribulus terrestris.

SPORT AMATORIALE:

miscele di carboidrati a diverso indice glicemico per mantenere costante lenergia, le molecole sopra citate secondo la necessit, L-glutammina, miscele di aminoacidi glucogenici per contrastare la disgregazione dei muscoli . Il tipo di associazione cambia notevolmente nelle ripartizione ponderali tra i vari integratori in base al tipo di sport, ovvero se pi di resistenza ( calcio, maratona ecc.) o di sviluppo della massa muscolare ( body building, fitness ecc.).

PER CONTRASTARE LAUMENTO DELLADIPE IN ECCESSO: Oltre alla alimentazione pi equilibrata, i fito-estratti prima citati possono essere associati ad altri prodotti erboristici e dietetici contenti ad esempio CITRUS AURANTIUM, GARCINIA CAMBOGIA, ACIDO LIPOICO, GUARANA, COMMIPHORA MUKUL ecc.

ULTERIORI BIBLIOGRAFIE droghe vegetali meno note


NETTLES-SAW PALMETTO URTICA DIOICA Wichtl, Max, 1994. Herbal Drugs and Phytopharmaceuticals A Handbook for Practice On A Scientific Basis, CRC Press. Review of Natural Products, Feb. 1989. Nettles, Facts and Comparison Heinerman, John, 1996. Heinerman's Encyclopedia of Healing Herbs & Spices. Herb of the Month, May 1996, Urtica Dioca Monograph, Bastyr University, Department of Botanical Medicine. Tyler, Varro E., 1994. Herbs of Choice, Pharmaceutical Press. Tyler, Varro E., "Secondary Products: Physiologically Active Compounds, A Congress Review," HerbalGram 36, 60-61. Koch E. and A. Biber, 1994, "Pharmacological Effects of Saw Palmetto and Urtica Extracts for Benign Prostatic Hyperplasia," Urologe 34 (2):90-95 Hryb, D, et.al., 1995. "The Effect of Extracts of the Roots of the Stinging Nettle (Urtica dioica) on the Interaction of SHBG with its Receptor on Human Prostatic Membranes, " Planta Med 61:31-32. Gansser D, 1995 "Plant constituents interfering with human sex hormone-binding globulin. Evaluation of a test method and its application to Urtica dioica root extracts." Z Naturforsch [C] 50(1-2), 98-104. Hirano T, 1994, "Effects of stinging nettle root extracts and their steroidal components on the Na+,K(+)-ATPase of the benign prostatic hyperplasia." Planta Med 60(1), 30-33 Vahlensieck W Jr, 1996 "Drug therapy of benign prostatic hyperplasia," Fortschr Med 114(31), 407-411. MACA -LEPIDIUM MEYENII Rea, J. 1992. Raices andinas: maca. in Bermejo, H. and Leon, J.E., eds., Cultivos marginados, otra perspectiva de 1492. King, Steven, 1986. "Ancient Buried Treasure of the Andes," Garden, November/December. Report of an Ad Hoc Panel of the Advisory Committee on Technical Innovation, Board on Science and Technology for International Development, National Research Council, 1989. Lost Crops of the Incas: Little Known Plants of the Andes with Promise for Worldwide Cultivation. Johns, T. 1981. The anu and the maca. Journal of Ethnobiology, 1:208-212 Quiros, C. et al., "Physiological Studies and Determination of Chromosome Number in Maca, Lepidium Meyenii." Economic Botany 50(2) pp. 216-223. 1996 Leon, J. 1964. The "maca" (Lepidium Meyenii) a little known food plant of Peru. Economic Botany. 18:122-127 Chacon, R.C., 1961. Estudio fitoquimico de Lepidium meyenii. Dissertation, Univ., Nac. Mayo de San marcos, Peru. Dini, A., et.al., 1994., "Chemical composition of Lepidium meyenii," Food Chemistry 49: 347-349. "Plant Medicine's Importance Stressed by CSU Professor," HerbalGram Magazine, Spring 1989, p. 12.

Steinberg, P., 1995. Phil Steinberg's Cat's Claw News, Vol. 1, Issue 2, July/August. Gomez, A., "Maca, Es alternativa Nutricional para el ano 2000." Informe Ojo con su Salud No. 58 August 15, 1997, Lima Peru Chacon, G., 1990. La maca (Lepidium peruvianum) Chacon sp. Nov. Y su habitat. Revista Peruana de Biologia 3: 171-272

MUIRA PUAMA Bernardes, Antonio, 1984 A Pocketbook of Brazilian Herbs, Editora e Arta Ltda. Brazil. Schultes, R.E., and Raffauf, 1990. The Healing Forest. Medicinal and Toxic Plants of the Northwest Amazonia, R.F. Dioscorides Press, 1990. Murray, Michael T., 1995. The Healing Power of Herbs, Prima Publishing. Dias Da Silva, Rodolpho, 1925. "Medicinal plants of Brazil. Botanical and pharmacognostic studies. Muira puama," Rev. Bras. Med. Pharm. 1(1): 37-41, 1925 Penna, M. 1930. Notas Sobre Plantas Brasileriras. Araujo Penn & Cia., Rio de Janeiro, 1930 pp 258. Anselmino, Elisabeth, 1933., "Ancestral sources of muira-puama." Ach. Pharm. 271, 296-314 Mowrey, Daniel B. Ph.D., 1993. Herbal Tonic Therapies, Keats Publishing, Inc. British Herbal Pharmacopoeia, 1983. British Herbal Medicine Association, West York, England, pp. 132-133. "Muira puama, Ptychopetalum olacoides." 1956. Brazilian Pharmacopeia. Rio de Janeiro, Brazil. Youngken, H.W., 1921., "Observations on muira puama," J. Am. Pharm. Assoc., 10, 690-2 (1921) Olofsson, Erif., 1927., Action of extract of Liriosma ovata on the blood pressure, vessels and respiration of the rabbit., Compt. Rend. Soc. Biol. 97: 1639-40 (1927) Gaebler, H. 1970. Revival of the drug muira puama., Deut. Apoth. 22(3), 94-6. Iwasa, J. et.al., 1969 Constituents of muira puama. Yakungaka Zasshi (89(8), 1172-4 (Japan) Auterhoff, H., et.al., 1968 Components of muira puama. Arch Pharm Ber Dtsch Pharm Ges 301(7), 481-9 Auterhoff, H., et.al., 1969. Components of muira puama II. Arch Pharm Ber Dtsch Pharm Ges, 302(3): 209-12. 1969 March Auterhoff, H., et.al., 1971. Lipophilic constituents of Muira puama. Arch Pharm Ber Dtsch Pharm Ges., 304(3): 223-8. 1971, March Steinmetz, E., 1971. Muira puama. Quart. J. Crude Drug Res. 11(3): 1787-9. Ninomiya, Ruriko, et.al., 1979. Studies of Brazilian crude drugs. Shoyakugaku Zasshi 33(2): 57-64 (Japan) Bucek, E., et.al., 1989 Volatile constituents of Ptychopetalum olacoides root oil. Planta Med., 53(2), 231 Duke, James A. 1985. CRC Handbook of Medicinal Herbs, CRC Press, Inc. De Almeida, Edvaldo, 1993. Plantas Medicinais Brasileiras, Conhecimentos Populares E Cientificos, Hemus Editora Ltda 1993. p.247-8 Cruz, G.L. 1995. Dicionario Das Plantas Uteis Do Brasil, 5th ed., Rio de Janeiro, Brazil, Bertrand 1995. Phytochemical and Ethnobotany Database, National Germplasm Resources Laboratory, Oct 1995. Bartram, Thomas, 1995. Encyclopedia of Herbal Medicine. Grace Publishers Dorset, England. p. 299 Schwontkowski, Dr. Donna, 1993. HERBS OF THE AMAZON, Traditional and Common Uses, Science Student BrainTrust Publishing, Utah. Powerful and Unusual Herbs from the Amazon and China, 1993. The World Preservation Society, Inc. Schwontkowski, Dr. Donna 1995. "Herbal Treasures from the Amazon," Healthy & Natural Journal Vol 2 Issue 1, 1995 p. 95-6. Waynberg, J,. "Contributions to the Clinical Validation of the Traditional Use of Ptychopetalum guyanna." Presented at the First International Congress on

Ethnopharmacology, Strasbourg, France, June 5-9, 1990. Werbach, Melvyn R., M.D. & Murray, Michael, N.D., 1994. Botanical Influences on Illness, A Sourcebook of clinical research. Third Line Press, Tarzana, California p. 200. Waynberg, J. 1995., Male Sexual Asthenia - Interest in a Traditional Plant-Derived Medication. Ethnopharmacology, Mar 1995. NARINGINA-GRAPEFRUIT International Journal for Vitamin and Nutrition Research, 5/1999 Hypocholesterolemic Effect of Naringin Associated with Hepatic Cholesterol Regulating Enzyme 1 2 Changes in Rats. Yong Won Shin, Song-Hae Bok, Tae-Sook Jeong , Ki-Hwan Bae , Nam Ho Jeoung, 3 Myung-Sook Choi* , Sung-Heui Lee, Yong Bok

Bailey, D.G., Malcolm, J., Arnold, O. and Spence, J.D. Grapefruit Juice-Drug Interactions, Br. J. Clin. Pharmacol. 1998; 46: p. 101-110. Nemeroff, C.B., De Vane, L. C., Pollock, B.G. Newer Antidepressants and the Cytochrome P450 System, Am. J. Psychiatry 1996; 153:3: P. 311-320. Dean Elbe, B.Sc. (Pharm.) Grapefruit Juice-Drug Interaction Web Site: http://www.powernetdesign.com/grapefruit Joseph E. Huggins, M.D. Diagnostic & Treatment (D&T) Model Web Site: http://www.bitemarks.com/

GUARANA' Leung & Foster. 1996. Encyclopedia of Common Natural Ingredients James A. Duke & Rodolfo Vasquez. 1994. Amazonian Ethnobotanical Dictionary. CRC Press, Florida. Henman AR. Guaran (Paullinia cupana var. sorbilis): ecological and social perspectives on an economic plant of the central Amazon basin. J Ethnopharmacol, 1982 Nov Earl Mindell, 1992. Earl Mindell's Herb Bible. Simon & Shuster, New York. John Heinerman. 1996. Heinerman's Encyclopedia of Healing Herbs & Spices. Antonio Bernardes, 1984. Bazilian Herbs, Folklore, History & Uses. Shogun Editora e Arte Ltda. R.J. Brazil Bydlowski SP, et al. A novel property of an aqueous guaran extract (Paullinia cupana): inhibition of platelet aggregation in vitro and in vivo. Braz J Med Biol Res, 1988 Bydlowski SP, et al. An aqueous extract of guaran Paullinia cupana) decreases platelet thromboxane synthesis. Braz J Med Biol Res, 1991 Belliardo F, et al. HPLC determination of caffeine and theophylline in Paullinia cupana Kunth (guarana) and Cola spp. samples. Z Lebensm Unters Forsch, 1985 May Espinola EB, et.al., Pharmacological activity of Guarana (Paullinia cupana Mart.) in laboratory animals., J Ethnopharmacol 55 (3) 223-229 (Feb 1997) Galdurz JC , et al; Acute effects of the Paulinia cupana, "Guaran" on the cognition of normal volunteers. Rev Paul Med, 1994 Jul-Sep Galdurz JC , et al; The effects of long-term administration of guarana on the cognition of normal, elderly volunteers. Rev Paul Med, 1996 Jan-Feb Benoni H , et al; Studies on the essential oil from guarana. Z Lebensm Unters Forsch, 1996 Jul da Fonseca CA, et al. Genotoxic and mutagenic effects of guarana (Paullinia cupana) in prokaryotic organisms. Mutat Res, 1994 May Mattei R, et al. Guarana (Paullinia cupana): toxic behavioral effects in

laboratory animals and antioxidants activity in vitro. J Ethnopharmacol. 1998 Mar;60(2):111-6. Miura T, et al. Effect of guarana on exercise in normal and epinephrine-induced glycogenolytic mice. Biol Pharm Bull. 1998 Jun;21(6):646-8. Carlson M, et al. Liquid chromatographic determination of methylxanthines and catechins in herbal preparations containing guarana. J AOAC Int. 1998 Jul-Aug;81(4):691-701. HORNY GOAT WEED-EPIMEDIUM SAGITTATUM Wang J et. al. [Effects of Epimedium sagittatum on soluble IL-2 receptor and IL-6 levels in patients undergoing hemodialysis]. [Chinese] Chung Hua Nei Ko Tsa Chin 1995 Feb; 34 (2): 102-4. Shen CC et. al. New prenylflavones from leaves of Epimedium sagittatum. J Nat Prod 1996 Apr;59(4):412-4 Liao HJ et. al. [Effects of Epimedium sagittatum on quality of life and cellular immunity in patients of hodialysis maintenance]. [Chinese] Chung Kuo Chung His I Chie Ho Tsa Chin 1995 Apr; 15(4):202-4 SAMBAIA-POLYPODIUM AUREUM Grieve, Mrs. M. 1971. A MODERN HERBAL, Dover Publications: New York, NY Duke, James & Vasquez, Rudolfo, 1994 Amazonian Ethnobotanical Dictionary, CRC Press Inc.: Boca Raton, FL Denevan, W.M. and Padoch, C., 1988. Swidden-Fallow Agroforestry in the Peruvian Amazon. Advances in Econ. Bot. 5. New York Botanical Garden: NY, NY Vasquez, M. R., 1990 Useful Plants of Amazonian Peru. Second Draft. Filed with USDA's National Agricultural Library. USA Grenand, P., Moretti, C., Jacquemin, H., 1987. Pharmacopees taditionnels en Guyane: Croles, Palikur, Waypi. Editorial l-ORSTROM, Coll. Mem No. 108. Paris, France Duke, 1986 Handbook of Northeastern India medicinal plants Cruz, G.L. 1995. Dicionario Das Plantas Uteis Do Brasil, 5th ed., Bertrand: Rio de Janeiro, Brazil Coimbra, Raul, 1994. Manual de Fitoterapia 2nd Ed., Editora Cejup., Belem, Brazil. Kember Mejia and Elsa Reng, 1995. Plantas medicinales de uso popular en la Amazonia Peruana. AECI and IIAP, Lima, Peru. Schultes, R.E., and Raffauf, 1990. The Healing Forest. Medicinal and Toxic

Plants of the Northwest Amazonia, R.F. Dioscorides Press: Portland Oregon. Rayward J, 1997 An extract of the fern Polypodium leucotomos inhibits human peripheral blood mononuclear cells proliferation in vitro. Int J Immunopharmacol 19(1), 9-14 Sempere JM, 1997 Effect of Anapsos (Polypodium leucotomos extract) on in vitro production of cytokines. Br J Clin Pharmacol 43(1), 85-89 Hostettmann, K., et.al., 1995Phytochemistry of Plants Used in Traditional Medicine, Proceedings of the Phytochemical Society of Europe. Oxford University Press: Oxford, NY Pieiro Alvarez B. 1983. [2 years personal experience in anapsos treatment of psoriasis in various clinical forms] Med Cutan Ibero Lat Am Padilla HC, 1974 A new agent (hydrophilic fraction of polypodium leucotomos) for management of psoriasis. Int J Dermatol 13(5), 276-282) Tuominen M, et.al., 1992 Effects of Calaguala and an active principle, adenosine, on platelet activating factor. Planta Med 58(4), 306-310 Vasange M, et.al., 1997 A sulphonoglycolipid from the fern Polypodium decumanum and its effect on the platelet activating-factor receptor in human neutrophils J Pharm Pharmacol 49(5), 562-566 Vasange-Tuominen M, et.al. 1994 The fern Polypodium decumanum, used in the treatment of psoriasis, and its fatty acid constituents as inhibitors of leukotriene B4 formation. Prostaglandins Leukot Essent Fatty Acids 50(5), 279-284 Schwontkowski, Dr. Donna, 1993. HERBS OF THE AMAZON, Traditional and Common Uses, Science Student BrainTrust Publishing, Utah. World Perservation Society, 1993. Powerful and Unusual Herbs from the Amazon and China, The World Preservation Society, Inc., Gainesville, FL. Schwontkowski, Donna, 1996. "Herbal Treasures from the Amazon," (A series of three articles published in Healthy & Natural Journal)

Quintanilla Almagro , et al. Pharmaceutical composition of activity in the treatment of cognitive and/or neuroimmune dysfunctions. United States Patent 5,601,829 February 11, 1997 Valetas, et.al., Method for preparing a substance having properties against collagen diseases and products obtained United States Patent 4,206,222 June 3, 1980 Pathak , et al. Polypodium extract as photoprotectant United States Patent 5,614,197 March 25, 1997

PFAFFIA PANICULATA- SUMA Berry, Paul E., Bruce K. Holst, Kay Yatskievych, 1995. Flora of the Venezuelan Guayana, Missouri Botanical Garden. Gentry, Alwyn, H., 1993. A Feild Guide to the Families and Genera of Woody Plants of Northwest South America, University of Chicago Press, Chicago IL Record number 0079-00504 Nova Genera et Species Plantarum 542 43. Pl. 140, 142. 1826 Schultes, R.E., and Raffauf, 1990. The Healing Forest. Medicinal and Toxic Plants of the Northwest Amazonia, R.F. Dioscorides Press, 1990. De Oliveira, Fernando., 1986. "Pfaffia paniculata (Martius) Kuntze - Brazilian ginseng." Rev. Bras. Farmacog. 1(1) 86-92 Schwontkowski, Dr. Donna, 1993. HERBS OF THE AMAZON, Traditional and Common Uses, Science Student BrainTrust Publishin, Utah Hobbs, Christoper, 1996. "Adaptogens - Herbal Gems to Help Us Adapt." Let's Live Magazine. Anuario Naturista, 1992. Los Productos Naturales, 5th Ed., Mundo Naturista, Quito, Ecuador Bartram, Thomas., Encyclopedia of Herbal Medicine, 1995. Ed Grace Publishers, Dorset England

Flynn, Rebecca & Roest, Mark., 1995 Your Guide to Standardized Herbal Products. One World Press, Prescott, AZ Lucas, Richard, M., 1991., Miracle Medicine Herbs, Parker Publishing, USA Heinerman, John, 1996. Heinerman's Encyclopedia of Healing Herbs & Spices. Parker Publishing Co. USA. Powerful and Unusual Herbs from the Amazon and China, 1993. The World Preservation Society, Inc. Balch J.F. & Balch, P.A., 1990, Prescription for Nutritional Healing. Avery Publishing Group, USA Dr. Donna Schwontkowski., 1994, 1995. "Herbal Treasures from the Amazon", A series of three articles published in Healthy & Natural Journal 1994, 1995. Nishimoto, N., et.al., 1988. Constituents of "Brazil ginseng" and some Pfaffia species. Tennen Yuki Kagobutsu Toronkai Keon Yoshishu 10, 17-24 (Japan) Nishimoto, N., et.al., 1988. Three ecdysteroid glycosides from Pfaffia. Phytochemistry, 27(6), 1665-8 Beta-Ecdysone from Pfaffia paniculata, Japanese patent number (84 10,600) Jan. 20, 1984 by Wakunaga Pharmaceutical Co., Ltd. De Oliveira, F.G., et.al., Contribution to the pharmacognostic study of Brazilian ginseng Pfaffia paniculata, An. Farm. Chim. 20(1-2)m 361-277 (1980), 261. Nakai, Shiro, et.al., 1984., Pfaffosides. Part 2. Pfaffosides, nortriterpenoid saponins from Pfaffia paniculata. Phytochemisty 1984, 23(8). 17-3-5 Nishimoto, N., et.al., 1984., Pfaffosides and nortriterpenoid saponins from Pfaffia paniculata., Phytochemistry 1984., 23(1), 139-42. Takemoto, T., et.al., 1983. Pfaffic acid, a novel nortriterpene from Pfaffia paniculata Kuntze., Tetrahedron Lett. 1983, 24(10), 1057-60 Bruneton, Jean. 1995., Pharmacognosy, Phytochemistry, Medicinal Plants.

Intercept Ltd., Hampshire England Antitumor pfaffosides from Brazilian carrots. Japanese Patent Number (84 184,198) Oct. 19, 1984 by Rohto Pharmaceutical Co., Ltd. Pfaffic acid and its derivatives., Japanese Patent Number (84 10,548) Jan 20, 1984 by Rohto Pharmaceutical Co., Ltd. Araujo; Joao T. Brazilian ginseng derivatives for treatment of sickle cell symptomatology U.S. Patent #5,449,516 Sept. 12, 1995 Meybeck , et al., Use of an ecdysteroid for the preparation of cosmetic or dermatological compositions intended, in particular, for strengthening the water barrier function of the skin or for the preparation of a skin cell culture medium, as well as to the compositions U.S. Patent 5,609,873 March 11, 1997 Meybeck , et al., Hydrated lipidic lamellar phases or liposomes based on ecdysteroids U.S Patent 5,198,225 March 30, 1993 Watanabe T, Effects of oral administration of Pfaffia paniculata (Brazilian ginseng) on incidence of spontaneous leukemia in AKR/J mice. Cancer Detect Prev. 2000;24(2):173-8.

ZIZYPHI FRUCTUS Volume 72, Issue 4, pp. 344-350, May, 2001 Antinociceptive activity of Zizyphus spina-christi root bark extract * * * Authors:B. Adzu, S. Amos , C. Wambebe , K. Gamaniel Department of Pharmacology & Toxicology, National Institute for Pharmaceutical Research and Development, Idu Industrial Area, P.M.B. 21, Garki, Abuja, Nigeria

MARAKUJA PASSION FRUIT Smith, Nigel, et.al., 1992, Tropical Forests and their Crops, Comstock Publishing, New York. HerbalGram No.27 1992. "Passion-Passion Pop"

Antonio Bernardes. 1984. A Pocket Book of Brazilian Herbs,, Editora e Arta Ltda, Lima Daniel B. Mowrey, Ph.D., 1993. Herbal Tonic Therapies, Keats Publishing, Inc. Kember Mejia and Elsa Reng, 1995. Plantas medicinales de uso popular en la Amazonia Peruana. AECI and IIAP, Lima, Peru. Ziga Rojas J. [Oil seeds from the American tropics] Arch Latinoam Nutr 31: 2, 1981 Jun, 350-70 Spencer KC, et al. Cyanogenesis of Passiflora edulis. J Agric Food Chem 31: 4, 1983 Jul-Aug, 794-6, 1983 Jul-Aug Lutomski J, et al. [Pharmacochemical investigations on raw materials genus passiflora. 3. Phytochemical investigations on raw materials of passiflora edulis forma flavicarpa (author's transl)] Planta Med, 27: 3, 1975 May, 222-5 Lutomski J, et al. Pharmacochemical investigations of the raw materials from passiflora genus. 2. The pharmacochemical estimation of juices from the fruits of Passiflora edulis and Passiflora edulis from a flavicarpa. Planta Med, 27: 2, 1975 Mar, 112-21