Sei sulla pagina 1di 101

Appunti del Corso di

ANALISI REALE E FUNZIONALE

Vittorino Pata

Dipartimento di Matematica “F. Brioschi” Politecnico di Milano

vittorino.pata@polimi.it

http://www.mate.polimi.it/utenti/Pata

Indice

I. Teoria della misura

3

1 Spazi di misura

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

3

1.1 Spazi misurabili

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

3

1.2 Funzioni semplici .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

7

1.3 Misure

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

8

1.4 Completamento di una misura

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

10

2 La misura di Lebesgue

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

11

2.1 Misura esterna

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

11

2.2 Costruzione della misura: condizione di Carath´eodory

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

12

2.3 Insiemi non misurabili

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

15

3 Integrazione astratta

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

15

3.1 Integrazione di funzioni positive

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

15

3.2 Integrazione di funzioni reali

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

20

3.3 Cambiamento di variabili

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

23

3.4 Il ruolo degli insiemi di misura nulla

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

23

3.5 Integrazione secondo Riemann e secondo Lebesgue

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

26

3.6 Convergenza puntuale, uniforme e in L 1

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

27

4 Differenziazione e integrazione .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

29

4.1 Il Teorema di Radon-Nykodym

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

29

4.2 Il Primo Teorema Fondamentale del Calcolo

 

30

4.3 Funzioni assolutamente continue

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

31

5 Prodotto di misure

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

37

5.1 Prodotto di spazi misurabili

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

37

5.2 Il Teorema di Fubini

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

38

5.3 Completamento di misure prodotto

 

40

5.4 Cambio di variabili .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

40

II. Spazi di Banach

41

1 Geometria degli spazi di Banach

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

41

1.1 Spazi lineari .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

41

1.2 Spazi normati

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

42

1.3 Nozioni topologiche

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

43

1.4 Successioni convergenti

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

44

1.5 Separabilit`a .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

46

1.6 Completezza: spazi di Banach .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

47

1.7 Norme equivalenti

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

50

1.8 Gli spazi L p (Ω)

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

51

2 Operatori lineari

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

57

2.1 Definizioni e prime propriet`a

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

57

2.2 Iniezioni continue .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

60

2.3 Il Teorema di Baire e le sue conseguenze

 

61

1

2

3

Lo spazio duale

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

65

3.1 Definizioni e prime propriet`a

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

65

3.2 Il Teorema di Hahn-Banach

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

67

3.3 Riflessivit`a

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

69

3.4 Convergenza debole

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

71

3.5 Convergenza debole-

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

73

3.6 Operatori compatti

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

75

3.7 Sulle diverse convergenze negli spazi L p (Ω)

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

77

III. Spazi di Hilbert

 

79

1 Geometria degli spazi di Hilbert .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

79

 

1.1 Spazi con prodotto interno

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

79

1.2 Completezza: spazi di Hilbert .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

81

1.3 Proiezioni ortogonali

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

82

1.4 Il duale di uno spazio di Hilbert

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

84

1.5 Basi ortonormali

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

85

1.6 Lo spazio L 2 (Ω)

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

89

2 Teorema spettrale per gli operatori compatti simmetrici

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

91

 

2.1 Rappresentazione matriciale degli operatori limitati

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

91

2.2 Operatori simmetrici

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

92

2.3 Operatori compatti simmetrici

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

94

3 Cenni agli operatori non limitati

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

97

 

3.1 Operatori chiusi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

97

3.2 Operatori simmetrici

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

98

I. Teoria della misura

1 Spazi di misura

1.1 Spazi misurabili

Lo scopo della teoria della misura `e di fornire una procedura per misurare i sot- toinsiemi di un insieme assegnato, per poi poter sviluppare una conseguente teoria dell’integrazione. Sia dunque Ω un insieme astratto. Ci proponiamo di definire una misura positiva sui sottoinsiemi di Ω, cio`e una funzione µ : P(Ω) [0, ], dove P(Ω) `e l’insieme delle parti di Ω, che abbia certe ragionevoli propriet`a. Tuttavia, come vedremo, ci`o pu`o non essere possibile se si fanno richieste specifiche sulla µ. Dunque occorrer`a limitarsi a particolari sottoinsiemi di P(Ω).

Definizione. Una famiglia M ⊂ P(Ω) `e detta σ-algebra (su Ω) se verifica le seguenti propriet`a:

(i)

M;

(ii)

Se E

M allora E C = Ω E M;

(iii)

Se E = nN E n e E n M per ogni n N, allora E M.

Gli elementi di M sono detti insiemi misurabili, e la coppia (Ω, M) `e detta spazio misurabile.

Osservazione. L’assioma (i) serve ad evitare che M sia vuota. L’assioma (ii) ci dice che M `e chiusa rispetto alla complementazione. Se l’assioma (iii) `e sostituito dall’analogo con unioni e somme finite, allora si parla di algebra. Il prefisso “σ” in Analisi viene generalmente utilizzato per indicare la chiusura rispetto a un insieme numerabile di operazioni.

Propriet`a immediate.

Sia (Ω, M) uno spazio misurabile.

-

Poich´e = Ω C , segue che ∅ ∈ M.

3

4

- Prendendo E n+1 = E n+2 = · · · = in (iii), si evince immediatamente che M `e in particolare un’algebra.

- Usando la relazione nN E n = nN E all’intersezione numerabile (e finita).

- Poich´e E F = E F C , abbiamo che E F M se E M e F M.

C C , si vede che M `e chiusa rispetto

n

Osservazione.

Se Ω 0 M, allora la restrizione di M su Ω 0 , ovvero

M| 0 = E M : E 0 ,

`e una σ-algebra su Ω 0 .

Proposizione 1.1. Se E `e una collezione di sottoinsiemi di , allora esiste la pi`u piccola σ-algebra M su tale che E ⊂ M .

dimostrazione. Si noti che P(Ω) `e una σ-algebra su Ω. Dunque l’insieme

delle σ-algebre contenenti E `e non vuoto. Sia dunque M l’intersezione di tutte

a sua volta

contenuta in ogni σ-algebra che contiene E. Per completare la dimostrazione si

deve provare che M `e una σ-algebra. Se E n M , e M M `e una qualsiasi σ-algebra, allora n E n M, da cui n E n M . Analogamente, si dimostra

le σ-algebre contenenti E.

`

E evidente che E

M ,

e

che M

`e

la validit`a degli assiomi (i) e (ii).

La σ-algebra M `e detta generata da E.

Esercizio 1.

Ω = k E k . Trovare la σ-algebra su Ω generata dagli E k e stabilirne la cardinalit`a.

Siano E 1 ,

, E n n insiemi non vuoti a due a due disgiunti tali che

Insiemi di Borel. Se Ω `e uno spazio topologico, la σ-algebra generata dagli aperti di Ω `e detta σ-algebra di Borel (su Ω), e viene indicata con B(Ω). Gli elementi di B(Ω) sono detti insiemi di Borel o Boreliani. Sono dunque Boreliani gli insiemi aperti e chiusi, gli insiemi G δ (intersezioni numerabili di aperti), e gli insiemi F σ (unioni numerabili di chiusi). 1

Si noti che un insieme G δ `e il complementare di un insieme F σ ,

Osservazione.

e viceversa.

Definizione. Sia (Ω, M) uno spazio misurabile, e sia X uno spazio topologico. Una funzione f : Ω X `e detta misurabile (rispetto alla σ-algebra M) se f 1 (A) M per ogni aperto A X.

Se Ω `e uno spazio topologico ed f : Ω X `e continua, allora

Osservazione.

evidentemente f `e Borel misurabile, cio`e misurabile rispetto a B(Ω).

1 La terminologia `e dovuta ad Hausdorff; σ si riferisce all’unione (Summe) e δ all’intersezione (Durchschnitt).

5

Esercizio 2. Sia (Ω, M) uno spazio misurabile, e sia E ∈ P(Ω). Definiamo la funzione caratteristica di E nel seguente modo:

χ E (t) =

1,

0,

t E,

t

E.

Mostrare che E M se e solo se χ E `e misurabile.

Teorema 1.2. Sia (Ω, M) uno spazio misurabile, e siano X e Y spazi topologici.

Se f : Ω X `e misurabile e g : X Y misurabile.

`e continua, allora h = g f : Ω Y

`e

dimostrazione.

Sia A Y un aperto. Allora

 

(g

f) 1 (A) = f <