Sei sulla pagina 1di 112

Universit a degli Studi dellInsubria

Facolt a di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali


Appunti per i Corsi di Matematica III per la Laurea in Fisica
e Metodi Matematici della Fisica per la Laurea in Matematica
Italo Guarneri
Anno Accademico 2009-10
4 marzo 2010
INDICE
1. Richiami sui numeri complessi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.1 Il campo C e il piano di Gauss. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.2 La Funzione Esponenziale, e le Funzioni Circolari. . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2. Spazi Metrici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2.1 Denizioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2.2 Successioni Convergenti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.3 Completezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.4 Compattezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
2.5 Continuita. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
2.6 Funzioni Continue su un Compatto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
2.7 Il Piano Complesso Esteso. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
3. Funzioni di una variabile Complessa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
3.1 Funzioni Olomorfe. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
3.1.1 Condizioni di Cauchy-Riemann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
3.1.2 Rappresentazioni Conformi, . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
3.2 Regole di Derivazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
3.3 Funzione Inversa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
3.3.1 La Radice Quadrata. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
3.3.2 La radice nma. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
3.3.3 Il Logaritmo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
3.3.4 Derivata della Funzione Inversa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
4. LIntegrale Curvilineo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
4.1 Cammini Regolari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
4.2 Integrale Curvilineo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
4.3 Campi Conservativi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
5. Il Teorema Integrale di Cauchy, e le sue conseguenze. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
5.1 Funzioni Olomorfe, come campi vettoriali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
5.2 Primitive di una Funzione Olomorfa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
5.3 La Formula Integrale di Cauchy. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
5.3.1 Integrali del tipo di Cauchy. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
5.3.2 Formula Integrale di Cauchy. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
Indice 3
5.3.3 Funzioni Armoniche. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
5.3.4 Principio del Massimo Modulo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
5.3.5 Teorema di Liouville. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
6. Funzioni Analitiche. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
6.1 Serie di Funzioni Olomorfe. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
6.1.1 Convergenza Uniforme. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
6.1.2 Teorema di Weierstrass. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
6.2 Sviluppi in Serie di Potenze. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
6.2.1 Richiamo : il Criterio della Radice. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
6.2.2 Serie di Potenze. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
6.2.3 Sviluppi di un Integrale del tipo di Cauchy. . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
6.2.4 Sviluppo di Taylor. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
6.2.5 Serie Notevoli. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
7. Singolarita e Residui. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
7.1 Punti Singolari Isolati. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
7.1.1 Sviluppo di Laurent. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
7.1.2 Classicazione delle Singolarita Isolate. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
7.1.3 Singolarita all Innito. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
7.2 Teorema dei Residui. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
7.2.1 Calcolo del Residuo in una Singolarita Polare. . . . . . . . . . . . . . . . 71
7.2.2 Applicazioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
8. Cenni sul Prolungamento Analitico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
8.1 Il Teorema Fondamentale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
8.1.1 Ricostruzione di una funzione analitica, dal suo sviluppo di Taylor locale. 77
8.1.2 Prolungamento Analitico lungo un cammino. . . . . . . . . . . . . . . . . 78
8.2 Monodromia e Polidromia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
8.3 Funzioni Analitiche Complete. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
8.3.1 Supercie di Riemann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
8.3.2 Alcuni Integrali di Funzioni Polidrome. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
9. Equazioni Dierenziali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
9.1 Esistenza e unicita delle soluzioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
9.1.1 Nell intorno di un punto ordinario. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
9.1.2 Prolungamento analitico delle Soluzioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
9.1.3 Struttura dello spazio delle soluzioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
9.2 Punti Singolari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
9.2.1 Equazione di Eulero. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
9.2.2 Soluzioni Fondamentali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
9.2.3 Singolarita Regolari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
9.3 Equazione di Bessel. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
Indice 4
9.3.1 Funzioni di Bessel di 1a specie. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
9.3.2 Funzioni di Bessel di 2a specie. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
9.3.3 Andamento delle funzioni di Bessel di ordine reale, e argomento reale. . . 108
9.4 Equazioni della classe di Fuchs. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
9.4.1 Equazione di Gauss. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
1. RICHIAMI SUI NUMERI COMPLESSI.
1.1 Il campo C e il piano di Gauss.
Un numero complesso e una coppia ordinata di numeri reali (x, y). La notazione universalmente
adottata per indicare il generico numero complesso e z, e linsieme dei numeri complessi viene
indicato con C. Se z = (x, y) allora i numeri reali x e y vengono detti rispettivamente la parte
reale e la parte immaginaria di z; in simboli, si scrive x = '(z) e y = (z). Nellinsieme C
sono denite le seguenti operazioni di addizione e prodotto:
(x, y) + (x

, y

) = (x + x

, y +y

)
(x, y)(x

, y

) = (xx

yy

, xy

+ x

y) , (1.1)
e si verica che tali operazioni conferiscono a C la struttura algebrica di corpo commutativo. Il
sottoinsieme di C costituito da tutti e soli i numeri complessi della forma (x, 0) e in evidente
corrispondenza biunivoca con R, ed anzi risulta essere un sotto-corpo di C, algebricamente
isomorfo a R. Pertanto esso viene senzaltro identicato con R, che diviene in tal modo un
sottoinsieme dellinsieme dei numeri complessi. Si verica facilmente che
z = (x, y) = (x, 0) + (0, 1)(y, 0)
vale per ogni complesso (x, y). Dato che (x, 0) e (y, 0) sono stati identicati con i reali x e y, si
puo scrivere
z = x + iy , (1.2)
a patto di indicare con i il numero complesso (0, 1), che e chiamato la unita imaginaria. Usando
la denizione del prodotto e immediato vericare che i
2
= (1, 0) cioe i
2
= 1. La (1.2) e
la rappresentazione rettangolare del numero complesso z. Questa rappresentazione e assai
conveniente, perche permette di eseguire calcoli algebrici sui numeri complessi, servendosi delle
usuali regole del calcolo letterale, a cui basta aggiungere la regola i
2
= 1.
Si puo stabilire una corrispondenza biunivoca fra il piano Cartesiano e C, associando al punto
di ascissa x e ordinata y il numero complesso z = x + iy. Il piano Cartesiano, inteso come
immagine geometrica di C, si dice il piano complesso, o Piano di Argand-Gauss, e gli assi
prendono rispettivamente i nomi di Asse Reale, e Asse Immaginario. Di solito si usa la stessa
lettera ( p.es. z) per indicare un punto del piano complesso e il numero complesso ad esso
corrispondente . Si chiama coniugazione complessa la applicazione di C in se stesso che al
numero z = x+iy fa corrispondere il numero z

= xiy, che vien detto il complesso coniugato


di z (e viene spesso denotato anche z). Loperazione di coniugazione complessa ha le proprieta:
(z

= z , (z + z

= z

+z

, (zz

= z

.
1. Richiami sui numeri complessi. 6
z=x+iy
y
x Asse Reale
Asse Immaginario


0
Fig. 1.1: Coordinate nel piano complesso.
Nel piano complesso, la coniugazione e la riessione rispetto allasse reale. Valgono le equazioni:
'(z) = x =
1
2
(z + z

) , (z) = y =
1
2i
(z z

) . (1.3)
La rappresentazione trigonometrica dei numeri complessi si ottiene riferendo il piano complesso
a coordinate polari , (vedi la Fig.1.1). La coordinata e la distanza del punto z dallorigine.
Si chiama il modulo di z, e viene indicato con [z[. Valgono le
[z[
2
= '(z)
2
+(z)
2
= zz

,
[z + z

[ [z[ +[z

[ ,
[z z

[ [[z[ [z

[[ ,
[zz

[ = [z[[z

[ ,
[z[ = [z

[ . (1.4)
Langolo si chiama largomento del numero z, viene talvolta denotato arg(z), e si intende
espresso in radianti, e misurato positivam. nel verso antiorario, a partire dal semiasse reale
positivo. Esso non e denito per z = 0, e per z ,= 0 e denito soltanto a meno di multipli
interi di 2. Pertanto la attribuzione dellargomento a un numero complesso non e univoca.
Di solito (ma non sempre) conviene rimuovere questa ambiguita convenendo che arg(z) vada
scelto in un intervallo pressato, solitamente [0, 2) oppure (, ]. Cosi facendo, tuttavia, la
corrispondenza fra i numeri complessi e i loro argomenti non risulta continua; per es., se si decide
0 arg(z) < 2, allora punti simmetrici rispetto al semiasse reale positivo ed arbitrariamente
vicini luno allaltro hanno argomenti la cui dierenza e arbitrariamente vicina a 2. Risulta
evidentemente
'(z) = [z[ cos(arg(z)) , (z) = [z[ sin(arg(z)) , (1.5)
Servendosi di queste equazioni e facile vericare che largomento del prodotto di due numeri
complessi z,z

e eguale alla somma dei loro argomenti. Di conseguenza, largomento della


1. Richiami sui numeri complessi. 7
potenza nma di z ,= 0 e n volte largomento di z.
Mediante questa regola e immediato provare che, per ogni intero n, ogni numero z ,= 0 possiede
esattamente n radici nme distinte w
1
, w
2
, . . . w
n
, che hanno tutte modulo dato dalla radice
nma aritmetica del modulo di z, e i cui argomenti sono arg(w
j
) = arg(z)/n + 2j/n, (j =
1, 2, . . . n).
1.2 La Funzione Esponenziale, e le Funzioni Circolari.
Deniamo, per z = x +iy complesso arbitrario,
e
z
e
x
[cos(y) + i sin(y)] . (1.6)
dove e
x
e la funzione esponenziale reale. Mediante z e
z
resta denita una applicazione di
C in se, che si dice la funzione esponenziale complessa. Occorre notare che (1.6) e qui data
come una denizione, e come tale non deve essere dimostrata. E possibile denire la funzione
esponenziale complessa in altre maniere; avendo qui adottato la denizione (1.6), queste altre
denizioni verranno nel seguito dimostrate. A mo di giusticazione della denizione (1.6) si
puo (per ora) notare che:
1) ogni volta che z e un numero reale, nella (1.6) si deve porre z = x e y = 0 e cosi la denizione
(1.6) ricade nella funzione esponenziale reale;
2) per ogni coppia di complessi z, z

, dalla (1.6) e dalle formule di addizione delle funzioni


circolari segue che
e
z+z

= e
z
e
z

,
e dunque la denizione (1.6) conserva, nel campo complesso, una fondamentale proprieta del-
lesponenziale reale. La funzione esponenziale denita in (1.6) ha ulteriori importanti partico-
larita:
Teorema 1: La funzione e
z
non si annulla mai.
Dim.: Sia z = x +iy e e
z
= 0. Siccome e
x
,= 0 qualunque sia il reale x, da (1.6) segue che deve
essere cos(y) = 0 e simultaneamente sin(y) = 0, ma questo e impossibile.
Teorema 2: La funzione esponenziale e periodica, di periodo 2i; e cioe, z C, risulta
e
z+2i
= e
z
.
Dim. Se z = x + iy,
e
z+2i
= e
x
(cos(y + 2) + i sin(y + 2)) = e
x
(cos(y) + i sin(y)) = e
z
.
Teorema 3: La funzione esponenziale assume innite volte ogni valore complesso diverso da
0.
Dim. Sia z ,= 0, e denotiamo = [z[ e = arg(z). Cerchiamo soluzioni w C per lequazione:
e
w
= z . (1.7)
1. Richiami sui numeri complessi. 8
Essa richiede che
[e
w
[ = ; arg(e
w
) = + 2n , (n Z) .
La (1.6) mostra che [e
w
[ = e
(w)
e che arg(e
w
) = (w). Ne consegue che
'(w) = ln() ; (w) = + 2n , (n Z) . (1.8)
Dato che z ,= 0 per ipotesi, risulta > 0 e quindi il logaritmo di e ben denito. Ciascuno
degli inniti numeri complessi
w
n
= ln([z[) + i(z) + 2ni , (n Z) (1.9)
e dunque una soluzione di e
w
= z.
Ciascuna soluzione w di e
w
= z puo essere chiamata un logaritmo di z. Si e cosi provato che
ogni numero complesso non nullo ammette inniti logaritmi distinti.
Mettendo assieme le equazioni (1.5) e la denizione (1.6) si trova che per ogni complesso
z ,= 0 vale
z = [z[ e
i arg(z)
. (1.10)
Questo modo di scrivere i numeri complessi e noto come la rappresentazione polare .
Denizione 1: Il sottoinsieme di C costituito dai numeri di modulo 1 si chiama il cerchio
unitario, e verr a denotato S. Esso e un sottogruppo moltiplicativo di C, e si identica coi
numeri complessi della forma e
i
con R.
Le funzioni circolari possono essere denite nel campo complesso mediante:
sin(z) =
1
2i
_
e
iz
e
iz
_
,
cos(z) =
1
2
_
e
iz
+ e
iz
_
. (1.11)
A (molto) parziale giusticazione di queste denizioni, si osservi che per z reale esse ricadono
nelle funzioni trigonometriche reali, come si vede subito usando la (1.6). Ulteriori funzioni
trigonometriche, quali tangente e cotangente, si deniscono a partire da (1.2), utilizzando le
stesse relazioni che valgono nel caso reale.
Esercizio 1: Si verichi che la relazione sin
2
(z) + cos
2
(z) = 1 rimane valida nel campo complesso.
Esercizio 2: La diseguaglianza [ sin(z)[ 1, ben nota nel campo reale, rimane ancora valida nel campo
complesso?
2. SPAZI METRICI.
2.1 Denizioni.
Sia X un insieme arbitrario non vuoto, sulla natura dei cui elementi non si formula alcuna
assunzione. X si dice uno spazio metrico, se in esso e denita una distanza:
Denizione 2: Si dice distanza su X una funzione d : X X R che goda delle seguenti
proprieta:
1) x, y X, d(x, y) 0, e inoltre d(x, y) = 0 se, e solo se, x = y;
2) x, y X, d(x, y) = d(y, x) ,
3) x, y, z X, d(x, y) d(x, z) + d(y, z) (la diseguaglianza triangolare.) .
Nota 1: Su uno stesso insieme X e in generale possibile denire dierenti distanze (v. esempi
sotto), e cosi dar luogo a spazi metrici diversi.
Proposizione 1: x, y, z X vale la 2nda diseguaglianza triangolare:
d(x, y) [d(x, z) d(y, z)[ . (2.1)
Dim.: riscrivendo le diseguaglianze triangolari:
d(x, z) d(x, y) + d(y, z) , d(y, z) d(x, y) + d(x, z)
si ottiene
d(x, y) d(x, z) d(y, z) , d(x, y) d(y, z) d(x, z) , (2.2)
che sono equivalenti alla singola diseguaglianza (2.1).
Considereremo gli esempi seguenti di spazi metrici:
Esempi:
(1) X = R, d(x, y) = [x y[.
(2) X = C, d(z, z

) = [z z

[.
(3) X = C, d(z, z

) = ['(z) '(z

)[ +[(z) (z

)[.
(4) X = C, d(z, z

) = 0 se z = z

, e d(z, z

) = 1 se z ,= z

.
(5) X = R
n
, lo spazio delle nple ordinate di numeri reali x (x
1
, x
2
, . . . x
n
) con
d(x, y) =
_
n

j=1
[x
j
y
j
[
2
_
1/2
.
2. Spazi Metrici. 10
Esercizio 3: Provare che (1)(2)(3)(4) sono spazi metrici.
Nota 2: Lesempio (2) e quello direttamente rilevante a questo corso. Ogni volta che ci si riferira a
C come spazio metrico si sottintendera che la metrica e quella di questo esempio. Lo stesso vale per
lesempio (5), di cui (1) e un caso particolare. Riferendosi a R
n
con n 1 si sottintendera sempre che
la distanza sia quella euclidea sopra specicata.
Se x e un punto dello spazio metrico X con la distanza d, allora per ogni > 0 si puo denire
B

(x) y X [ d(x, y) < . (2.3)


che si chiama una sfera ( o palla, o bolla; in inglese, ball) aperta di centro x e raggio .
Esercizio 4: Cosa sono le palle aperte nei casi degli esempi (2) e (3)?
Esercizio 5: Sia X lintervallo chiuso [a, b] R, con la distanza d(x, y) = [x y[. Cosa sono le palle aperte
di centro a?
Denizione 3: Sia A un sottoinsieme di X. Si dice che un punto x X e un punto interno
di A se > 0 in modo che B

(x) A. Si dice che A X e un intorno di x X, se x e un


punto interno di A.
Si noti che ogni punto interno ad A e un punto di A; ma il viceversa non e necessariamente
vero.
Denizione 4: Si dice che A X e un sottoinsieme aperto di X se ogni punto di A e un
punto interno di A; equivalentemente, se A e un intorno di ogni suo punto.
Per A X, il complemento di A in X verra denotato con A
c
.
Denizione 5: Si dice che B X e un sottoinsieme chiuso di X, se il suo complemento B
c
e aperto.
A dierenza dal linguaggio comune, i termini aperto e chiuso non sono luno la negazione
dellaltro. Si trovano facilmente esempi di insiemi che non sono ne aperti ne chiusi; ed anche
di insiemi, che sono al tempo stesso aperti e chiusi. Per es., X stesso e un tale insieme.
Esercizio 6: Costruire esempi di sottoinsiemi di C che non sono aperti ne chiusi.
Esercizio 7: Provare che, nellesempio (4), ogni insieme costituito da un singolo punto e al tempo stesso
aperto e chiuso.
Esercizio 8: Provare che ogni palla aperta (2.3) e un insieme aperto nel senso della denizione 4.
Denizione 6: Un punto x X si dice punto di frontiera di un insieme E X, se ogni
intorno di x contiene sia elementi di E, sia elementi di E
c
. La frontiera di E e linsieme di
tutti i punti di frontiera di E.
2. Spazi Metrici. 11
2.2 Successioni Convergenti.
Si ricorda che una successione in X e una funzione s : N X.
Denizione 7: Si dice che una successione s in X converge, se s

X in modo che, > 0,


la successione s sta denitivamente in B

(s

); ossia , > 0, n

intero tale che d(s


n
, s

) <
per ogni n > n

. Il punto s

si dice il limite della successione.


Nota 3: La denizione e equivalente a:
lim
n
d(s
n
, s

) = 0 .
Nota 4: Vista la Def.4, si puo anche dire, equivalentemente, che una successione converge a un certo
limite se essa sta denitivamente in ogni intorno di quel punto.
Esercizio 9: Provare che il limite di una successione convergente e unico.
Proposizione 2: Una successione di numeri complessi z
n
= x
n
+ iy
n
converge al limite z

=
x

+ iy

se, e soltanto se,


lim
n
x
n
= x

, lim
n
y
n
= y

. (2.4)
Dim.: dal teorema di Pitagora :
d(z
n
, z

) = [z
n
z

[ =
_
(x
n
x

)
2
+ (y
n
y

)
2
,
si vede che se valgono le (2.4), allora z
n
converge a z

(v. la Nota 4). Sempre dal teorema di


Pitagora segue che i cateti non sono mai maggiori dellipotenusa:
[x
n
x

[ [z
n
z

[ , [y
n
y

[ [z
n
z

[
e quindi se z
n
converge a z

allora valgono le (2.4).


Esercizio 10: Quali sono le successioni convergenti nel caso dellesempio (4)?
Quali sottoinsiemi di X siano aperti ( o chiusi) e quali no dipende dalla metrica che si e in-
trodotta in X, cioe dalla denizione di distanza che si e scelta. Puo tuttavia accadere che
le famiglie di insiemi aperti costruite a partire da metriche (distanze) diverse risultino iden-
tiche. In quel caso gli spazi metrici, pure diversi, posseggono esattamente le stesse successioni
convergenti.
Esercizio 11: Servendosi dei risultati dellEsercizio 4, provare che ogni insieme aperto dello spazio metrico
dellEsempio (2) e anche aperto per lo spazio metrico dellEsempio (3), e viceversa.
Denizione 8: Si dice che un punto x X e un punto limite di un sottoinsieme D X, se
si puo trovare una successione di punti di D, distinti da x, che ha per limite x. Linsieme dei
punti limite di un insieme D verr a denotato Lim(D).
2. Spazi Metrici. 12
Teorema 4: Un sottoinsieme B di X e chiuso se, e solo se, contiene tutti i propri punti limite;
e cioe, se Lim(B) B.
Dim.: Mostriamo dapprima che se B non e chiuso, e dunque B
c
non e aperto, allora Lim(B)
non e vuoto, e contiene almeno un punto che non e un punto di B. Infatti B
c
non aperto implica
che almeno un punto x B
c
non e interno a B
c
, e dunque, per ogni > 0, si puo trovare in
B

(x) almeno un punto di B. In particolare, per ogni n intero si puo trovare in B


1/n
(x) un
punto x
n
B e dunque ,= x B
c
. La successione x
n
converge ad x perche d(x
n
, x) < 1/n, e
quindi x e un punto limite di B, che non appartiene a B. Ne consegue che Lim(B) B implica
che B e chiuso; in particolare, se B non ha punti limite allora e chiuso, perche B e sempre
vero.
Viceversa, mostriamo che se B ha un punto limite x

in B
c
allora B
c
non e aperto e quindi
B non e chiuso. Infatti deve esistere una successione x
n
di punti di B che converge a x

e
dunque e denitivamente in ogni intorno di x

, senza essere mai in B


c
. Dunque B
c
non e un
intorno del suo punto x

e quindi non e un insieme aperto.


Denizione 9: Dato D X si chiama chiusura di D, e si denota D, linsieme D D
Lim(D).
Esercizio 12: Provare che B X e chiuso, se e solo se B = B.
Proposizione 3: La chiusura D di D X e un insieme chiuso, ed e il pi u piccolo insieme
chiuso che contiene D, nel senso che risulta D B per ogni B X chiuso, tale che D B.
Dim.: Proviamo che D e chiuso: se x e un punto limite di D, allora per ogni intero n la palla
B
1/n
(x) contiene un punto x
n
D Lim(D). Si puo sempre assumere che questo punto sia in
D; infatti, se fosse in Lim(D) ma non in D, allora, visto che B
1/n
(x) contiene, assieme a x
n
,
tutta una palla aperta di centro x
n
(Esercizio 8), si potrebbe sempre trovare in questa palla un
punto x

n
D, e usarlo per rimpiazzare x
n
. Dunque D non ha punti limite che non siano punti
limite di D, e cosi contiene tutti i propri punti limite. Grazie al Teor.4, D e chiuso.
Sia ora D B con B chiuso, e sia x D . Se x D, allora anche x B; e se invece x e
punto limite di D, allora e anche un punto limite di B, e quindi e in B perche B e chiuso (v.
il Teorema 4).
Denizione 10: D X si dice denso se D = X; equivalentemente, se ogni punto di X che
non e un punto di D e un punto limite di D.
Un esempio classico e fornito dallinsieme Q dei razionali, che e un sottoinsieme denso di R
(esempio (1)).
Esercizio 13: Provare che la frontiera ( Def.6) di un insieme e un insieme chiuso.
2. Spazi Metrici. 13
2.3 Completezza.
Denizione 11: Una successione x
n
nello spazio metrico X si dice una successione di Cauchy
se risulta
lim
n,m
d(x
n
, x
m
) = 0 .
ossia se, per ogni > 0, si puo trovare un intero n

in modo che d(x


n
, x
m
) < risulti vero ogni
volta che n > n

e m > n

.
Proposizione 4: Ogni successione convergente e una successione di Cauchy.
Dim.: immediato, dalla diseguaglianza triangolare:
d(x
n
, x
m
) d(x
n
, x

) + d(x
m
, x

) .
Il viceversa non e necessariamente vero.
Il controesempio classico e fornito da X = Q, linsieme dei numeri razionali, con la distanza ordinaria
d(r, r

) = [r r

[. Per ogni intero n, si denisca q


n
come il pi u grande intero tale che q
2
n
< 2 10
2n
;
esso e quindi denito dalle due diseguaglianze
_
q
n
10
n
_
2
< 2 <
_
q
n
+ 1
10
n
_
2
, (2.5)
che sono ambedue strette, o altrimenti 2 sarebbe il quadrato di un numero razionale. Il numero
razionale r
n
q
n
10
n
e il miglior approssimante per difetto di

2 con n cifre decimali. La prima
di queste diseguaglianze rimane vericata se q
n
viene sostituito da 10q
n
e n viene sostituito da n + 1,
e cio signica che q
n+1
10q
n
. Cio implica che la successione degli r
n
e non decrescente. Per ogni
coppia di interi n e m vale r
2
m
< 2 < (q
n
+ 1)
2
10
2n
; dunque, se m > n, allora
r
n
r
m
< r
n
+ 10
n
. (2.6)
Dato > 0, si prenda n

in modo che 10
n
< per n > n

; la (2.6) mostra che se m > n > n

allora
[r
n
r
m
[ < , e percio la successione r
n
e di Cauchy in Q. Essa non puo avere limite in Q, perche
il suo limite e

2 / Q.
Denizione 12: Uno spazio metrico si dice completo se in esso ogni successione di Cauchy e
convergente.
Dunque lo spazio Q non e completo. Invece, come e noto,
Teorema 5: R e uno spazio metrico completo.
Nei primi corsi di calcolo questo teorema e talvolta enunciato come sucienza della condizione
di Cauchy per la convergenza di successioni reali.
Corollario 1: C ed R
n
sono spazi metrici completi.
Dim.: Sia z
n
= x
n
+iy
n
una succ. di Cauchy di numeri complessi. Siccome [x
n
x
m
[ [z
n
z
m
[
ad anche [y
n
y
m
[ [z
n
z
m
[, ne scende che le successioni x
n
e y
n
sono di Cauchy in R,
dunque ammettono limiti x

e y

. E immediato vericare che la successione z


n
converge al
limite z

= x

+ iy

. La dimostrazione per R
n
e simile.
2. Spazi Metrici. 14
2.4 Compattezza.
Ricordiamo che si dice sottosuccessione di una successione s : N X data, ogni successione
in X che possa scriversi come s j dove j : N N e una funzione strettamente crescente.
Ricordiamo anche che ogni sottosuccessione di una successione convergente e anchessa con-
vergente, allo stesso limite; ed anche che successioni non-convergenti possono nondimeno avere
sotto-successioni convergenti, lesempio pi u ovvio essendo la successione (1)
n
.
Denizione 13: Un sottoinsieme K di uno spazio metrico X si dice relativamente compatto
se ogni successione di punti di K ammette (almeno) una sottosuccessione convergente. Si dice
compatto se e chiuso ed e relativamente compatto.
Dunque in un compatto K ogni successione ammette una sottosucc. che converge, e il cui limite
e un punto di K.
Denizione 14: Un sottoinsieme D C si dice limitato, se e interamente contenuto in una
palla (2.3).
Esercizio 14: Si mostri che ogni successione convergente di punti di C e limitata.
Proposizione 5: Se K C e compatto, allora e limitato.
Dim.: Sia, per assurdo, K compatto e non limitato. Allora, per ogni n intero, si puo trovare
un punto x
n
K in modo che x
n
/ B
n
(0), e cioe che [x
n
[ n. Nessuna sottosuccessione della
successione e limitata, dunque non esistono sottosuccessioni convergenti.
Teorema 6: (Bolzano-Weierstrass) Un sottoinsieme K di C e compatto, se, e solo se, e
chiuso e limitato.
Nota 5: La denizione 14, e tutte le proposizioni seguenti, sono valide per ogni spazio metrico R
n
(n 1)
2.5 Continuit a.
In questa sezione si considerano applicazioni f : X X

fra spazi metrici X, X

con le distanze
rispettive d e d

. Queste verranno generalmente chiamate mappe salvo il caso in cui X

= R
oppure X

= C, nel qual caso verranno chiamate funzioni, a valori reali o complessi, denite
nello spazio X. Se E X, e G X

, si useranno le notazioni:
f(E) y X

[ y = f(x) per qualche x E , f


1
(G) x X [ f(x) G .
Si noti che la seconda di esse non sottintende che la mappa f possieda una mappa inversa
f
1
: Y X
Denizione 15: Si dice che il limite di f in x
0
X e y
0
X

, e si scrive y
0
= lim
xx
0
f(x), se ogni
volta che G X

e un intorno di y
0
si puo trovare > 0 in modo che B

(x
0
) x
0
f
1
(G).
2. Spazi Metrici. 15
Si verica facilmente (Esercizio!) che questa denizione e equivalente alla seguente:
Denizione 16: lim
xx
0
f(x) = y
0
se, e solo se, per ogni successione x
n
in X convergente a x
0
con x
n
,= x
0
risulta che la successione f(x
n
) e convergente in X

a y
0
.
Denizione 17: Una mappa f : X X

si dice continua in un punto x


0
X se lim
xx
0
f(x) =
f(x
0
). Si dice che la f e continua su X, se e continua in ogni punto di X.
Assieme alla Def.15, questa denizione implica:
Proposizione 6: f e continua in x
0
X se, e solo se, f
1
(G) e un intorno di x
0
, ogni volta
che G X

e un intorno di f(x
0
).
Grazie alla denizione di intorno (Def.3) questa a sua volta implica:
Teorema 7: f : X X

e continua, se, e solo se, per ogni sottoinsieme aperto A

di X

risulta
che linsieme
f
1
(A

) x X [ f(x) A

e un sottoinsieme aperto di X.
Teorema 8: Siano X, X

, X

spazi metrici, e siano f : X X

e g : X

mappe continue.
Allora la mappa g f : X X

e continua.
Dim.: esercizio.
Denizione 18: Due spazi metrici X e X

si dicono omeomor se esiste una mappa f : X


X

biettiva e continua, la cui inversa f


1
: X

X anchessa continua.
Due spazi metrici omeomor possono essere in un certo senso identicati da un punto di vista
topologico.
Esercizio 15: Provare che una sfera ed un cubo in R
3
sono omeomor, se si usa in ambedue la distanza
euclidea.
Assumiamo ora X

= C oppure X

= R, con la distanza canonica.


Esercizio 16: Sia x
0
X ssato. Provare che f : X R denita da f(x) = d(x, x
0
) e una funzione continua
su X. Concluderne che la funzione su C a valori in R denita da z [z[ e continua.
Esercizio 17: Provare che le funzioni denite su C a valori in R denite da z '(z), da z (z), e da
z [z[ sono continue. Concluderne che se f : X C e continua, allora '(f) : X R, (f) : X R, e
[f[ : X R sono anchesse continue.
Teorema 9: Siano f : X C e g : X C funzioni continue, e sia a C arbitrario. Deniamo
le funzioni f + g : X C, af : X C, fg : X C:
(f + g)(x) f(x) + g(x) , (af)(x) af(x) , (fg)(x) = f(x)g(x) .
Ciascuna di esse e una funzione continua.
Dim.: esercizio.
2. Spazi Metrici. 16
2.6 Funzioni Continue su un Compatto.
Teorema 10: (Weierstrass): Sia f : X R una funzione continua sullo spazio metrico X,
e sia K X un sottoins. compatto di X. Allora f ammette massimo e minimo in K: e cioe,
esistono punti x

K e x
+
K, tali che , x K, f(x

) f(x) f(x
+
).
Dim.: dimostriamo anzitutto che f e superiormente limitata su K, cioe che esiste M R
tale che f(x) M, x K. Se cio non fosse vero, per ogni n intero si potrebbe trovare
x
n
K tale che f(x
n
) > n. Per denizione di compattezza, la successione x
n
ammetterebbe
una sottosuccessione x
j(n)
convergente a un qualche x

K. Allora, essendo f continua,


dovrebbe valere f(x

) = lim
n
f(x
j(n)
). Visto che f(x
j(n)
) > j(n) per costruzione, cio porta
allassurdo f(x

) = +. Si e cos provato che linsieme f(x) [ x K e superiormente


limitato: sia dunque M il sue estremo superiore. Per ogni n N, si potra trovare x
n
K in
modo che f(x
n
) > M 1/n. Per la compattezza di K, x
n
ha almeno una sottosuccessione
convergente x
j(n)
, e sia x
+
il suo limite. Per la continuita di f, risulta
M f(x
+
) = lim
n
f(x
j(n)
) lim
n
(M 1/j(n)) = M
dunque f(x
+
) = M, cioe x
+
e un punto di massimo. La dimostrazione per il minimo segue
osservando che il minimo di f(x) e massimo di f(x), che e anchessa una funzione continua
.
Cammini in uno Spazio Metrico.
Un qualunque sottinsieme Y di uno spazio metrico X puo essere esso stesso inteso come uno
spazio metrico, con la stessa denizione di distanza. Cio e vero in particolare per un qualunque
intervallo chiuso [a, b] R .
Denizione 19: Si chiama cammino (inglese: path) in uno spazio metrico X una mappa
continua da un intervallo chiuso [a, b] R in X. Il sottoinsieme X denito da
(t)[a t b si chiama la traccia, o sostegno, del cammino . I punti (a) X e
(b) X si dicono gli estremi del cammino .
Esercizio 18: Per t [0, 1] si ponga
1
(t) = e
2it
. Si mostri che
1
e un cammino in C, e si individui la
traccia di
1
. Si osservi poi che
2
(t) = e
4it
denisce un cammino
2
in C, che e diverso da
1
, e tuttavia ha
la stessa traccia.
Esercizio 19: Mostrare che la traccia di un cammino e un insieme compatto.
Denizione 20: Un sottoinsieme D X si dice connesso per archi se, comunque si scelgano
x
1
D e x
2
D, esiste un cammino : [a, b] X tale che (a) = x
1
, e (b) = x
2
, e inoltre,
t [a, b], (t) D.
Denizione 21: Un cammino : [a, b] C si dice chiuso se i suoi estremi coincidono, cioe se
(a) = (b). Un cammino si dice semplice se (t
1
) = (t
2
), t
1
,= t
2
e possibile solo, al pi u,
se t
1
= a e t
2
= b.
2. Spazi Metrici. 17
Denizione 22: Il cammino inverso di un cammino : [a, b] X e il cammino :
[b, a] X denito da ()(t) = (t). Se
1
: [a, b] X e
2
: [c, d] X sono
cammini tali che c = b e
2
(c) =
1
(b), il cammino somma
1
+
2
: [a, d] X e denito da
(
1
+
2
)(t) =
1
(t) per a t b, e (
1
+
2
)(t) =
2
(t) per c t d].
Denizione 23: Siano
1
: [a, b] X e
2
: [c, d] X due cammini in X. Se esiste una
funzione reale continua f : [a, b] [c, d], strettamente crescente, tale che f(a) = c e f(b) = d,
in modo che risulti
1
=
2
f, allora si dice che i cammini
1
e
2
sono equivalenti.
Due cammini equivalenti hanno la stessa traccia, e dieriscono solo per una riparametriz-
zazione. La funzione f rappresenta un cambiamento di parametro.
Esercizio 20: Si dica se i due cammini dellesercizio 18 sono equivalenti.
Esercizio 21: Mostrare che la relazione fra cammini stabilita dalla denizione 23 e eettivamente una
relazione di equivalenza.
Esercizio 22: Mostrare che ogni cammino : [a, b] X ha un cammino equivalente denito sullintervallo
[0, 1]
Denizione 24: Una curva in X e una classe di equivalenza di cammini. Una curva chiusa
(risp., semplice) e una classe di equivalenza di cammini chiusi (risp., semplici).
Nota 6: E facile vedere (Esercizio!) che: se due cammini
1
e
2
sono equivalenti; se uno dei due e
semplice (risp., chiuso) allora anche laltro e semplice (risp., chiuso); se due cammini sono equivalenti, i
loro cammini inversi (v. la Def.22) sono equivalenti; che somme (v. la Def. 22) di cammini equivalenti
sono equivalenti. Si potra pertanto parlare della curva inversa di una curva data, ed anche della curva
somma di curve date.
Denizione 25: Una curva chiusa e semplice in C si dice una curva di Jordan.
Teorema 11: (di Jordan) Sia la traccia di una curva di Jordan. Linsieme C non e
connesso per archi, ed e unione di due aperti disgiunti, uno dei quali e limitato, e laltro no.
Essi si dicono rispettivam. il dominio interno e il dominio esterno alla curva.
Nel seguito, il dominio interno a una curva di Jordan verr a sovente denotato Int().
Una curva di Jordan possiede un verso, che e quello in cui viene percorsa da tutti i cammini
semplici che la rappresentano.
Denizione 26: Una curva di Jordan si intende orientata positivamente nel verso che lascia
a sinistra la parte di piano ad essa interna.
2. Spazi Metrici. 18
Fig. 2.1: Proiezione Stereograca Polare.
2. Spazi Metrici. 19
2.7 Il Piano Complesso Esteso.
La retta reale estesa R = R , + si ottiene aggiungendo alla retta reale R due punti
allinnito. Allo stesso ordine di idee appartiene la costruzione del cosiddetto piano complesso
esteso C, che si ottiene aggiungendo a C un punto allinnito, denotato . Linsieme cosi
ottenuto viene dotato di una topologia, che lo rende omeomorfo ad una sfera. Illustriamo per
sommi capi questa costruzione.
La sfera di Riemann.
Sia la supercie sferica di raggio 1 in R
3
, centrata in (0, 0, 0). Il polo Nord di questa sfera e
il punto: ^ (0, 0, 1), e il piano equatoriale e il piano Z = 0, che identichiamo senzaltro
con il piano complesso C. Tanto la sfera, che il suo piano equatoriale, sono spazi metrici con la
distanza che ereditano, in quanto sottoinsiemi, da R
3
.
Deniamo una mappa : C come segue. Per z C, tracciamo la retta per z ed
^. Questa retta interseca , oltre che in ^, in un unico altro punto P; allora deniamo
(z) = P. I punti del piano esterni allequatore vengono mappati nellemisfero boreale,
quelli interni allequatore vengono mappati nellemisfero australe, e i punti che si trovano
sullequatore vengono mappati in se stessi. Questa mappa e iniettiva, ed anche continua.
Tuttavia non e suriettiva, perche nessun punto in C ha per immagine ^. Pertanto la
mappa
1
e denita solo su ^. La mappa
1
e nota come Proiezione Stereograca
Polare.
Ora modichiamo lordinaria distanza in C, ridenendo

d(z
1
, z
2
) = d((z
1
), (z
2
)). E
facile vericare, che con questa nuova distanza C e uno spazio metrico equivalente a C
con la vecchia distanza d, nel senso che gli insiemi aperti sono gli stessi, e dunque anche
le successioni convergenti sono le stesse.
Aggiungiamo a C un nuovo elemento , ossia passiamo a C C . Deniamo la
mappa : C mediante (z) = (z) per z C, e () = ^. E immediato vericare
che questa mappa e biettiva da C su .
Inne facciamo di C uno spazio metrico, denendovi la distanza

d(z
1
, z
2
) = d( (z
1
), (z
2
))
per ogni coppia z
1
, z
2
C; in tal modo, le distanze fra i punti di C rimangono le stesse, e
in pi u

d(z, ) = d((z), ^). Gli intorni in C di ogni punto z C sono ancora intorni di
quel punto in C; quanto al nuovo punto , per > 0 abbastanza piccolo la palla B

()
e la proiezione stereograca di una calotta polare, ed e quindi la parte di piano esterna
ad un certo cerchio. Ne scende che il dominio esterno ad una qualunque curva di Jordan
e un intorno di . Inne, e continua assieme alla sua inversa.
Lo spazio C si chiama il piano complesso esteso, ed e per costruzione omeomorfo alla sfera .
Per questa ragione, viene talvolta chiamato Sfera di Riemann.
La costruzione di C come spazio metrico comporta :
2. Spazi Metrici. 20
Proposizione 7: Una successione z
n
converge a : lim
n
z
n
= , se essa e denitiva-
mente fuori da ogni palla (e quindi da ogni insieme limitato). Il limite a di una funzione
f : C C denito in un intorno di esiste ed e eguale ad a C, se per ogni > 0 si puo
trovare R > 0 in modo che f(z) B

(a) ogni volta che [z[ > R.


Esercizio 23: Mostrare che C e compatto.
La sfera di Bloch.
Lintroduzione in C di un elemento improprio puo essere eettuata anche in un altro modo.
Consideriamo lo spazio C
2
(0, 0) delle coppie ordinate di numeri complessi (z
1
, z
2
), da cui
escludiamo (0, 0). Introduciamo una relazione:
(z
1
, z
2
) (z

1
, z

2
) se, e solo se, z
1
z

2
z
2
z

1
= 0 ,
vale a dire, se i numeri z

1
, z

2
si ottengono dai numeri z
1
, z
2
moltiplicandoli per uno stesso
fattore complesso diverso da 0. E facile vedere che questa e una relazione di equivalenza in
C
2
0, 0. Linsieme quoziente si chiama linea proiettiva complessa CP
1
. In Fisica Teorica
vien detto sfera di Bloch, e i suoi elementi qubits. Possiamo stabilire una mappa da C a CP
1
come segue; a z C associamo la classe di equivalenza di cui (z, 1) e rappresentante; a
associamo la classe di tutte le coppie del tipo (z, 0) con z ,= 0. Si puo anche dire che al punto
di CP
1
rappresentato da (z
1
, z
2
) C
2
(0, 0) corrisponde z = z
1
/z
2
C, intendendo che
z
1
/0 = . Questa corrispondenza e biunivoca, e permette di identicare, in senso topologico,
CP
1
con il piano complesso esteso e quindi con una sfera, che e appunto detta sfera di Bloch.
La corrispondenza fra la sfera e CP
1
ha aspetti importanti per la Fisica (v. Complementi).
Esercizio 24: Si consideri una trasformazione lineare non-singolare in C
2
:
z

1
= Az
1
+ Bz
2
, z

2
= Cz
1
+ Dz
2
; (AD BC ,= 0) .
Si verichi che punti equivalenti in C
2
0, 0 hanno immagini equivalenti sotto questa trasformazione. Quindi
essa denisce una trasformazione in CP
1
e di conseguenza una trasformazione in C. Si dica quale e questultima
trasformazione. ( Rispo.: v. la Sez. 9.2.3, eq.(9.37).)
Nota 7: Nel piano complesso esteso esiste un solo punto allinnito, dunque espressioni come z tende a ,
che fanno riferimento a una direzione particolare, non hanno signicato.
Esercizio 25: Provare che per ogni intero positivo n : lim
z
z
n
= , e per ogni intero n negativo lim
z
z
n
= 0.
3. FUNZIONI DI UNA VARIABILE COMPLESSA.
Loggetto principale di questo corso e costituito da funzioni f : D C, dove D C e il
dominio della funzione. Si considereranno sempre funzioni il cui dominio D soddisfa certe
condizioni minime, riassunte dalla seguente
Denizione 27: Si chiama dominio un sottoinsieme aperto e connesso per archi di C.
Se D e un dominio nel piano, specicare una funzione f : D C signica assegnare ad ogni
punto (x, y) D un numero complesso f(x + iy). Cio e equivalente a specicare due funzioni
u, v di due variabili reali x, y: u(x, y) = '(f(x + iy)), e v(x, y) = (f(x + iy)). Dopo di che,
f(z) = u(x, y) + iv(x, y) , z = x + iy D C . (3.1)
Le funzioni reali u e v si dicono la parte reale e la parte immaginaria della funzione f. Come
esempi immediati si possono considerare:
- la funzione f(z) = z
2
, per la quale un calcolo immediato mostra che u(x, y) = x
2
y
2
, e
v(x, y) = 2xy.
- la funzione esponenziale, denita in (1.6). In questo caso, u(x, y) = e
x
cos(y), e v(x, y) =
e
x
sin(y).
La tradizionale classicazione delle funzioni di una variabile reale o complessa le divide nelle
classi seguenti:
le Funzioni Algebriche: le funzioni che coinvolgono un numero nito di operazioni alge-
briche, cioe somme, prodotti, potenze, divisioni, radici. Esse includono, come sottoclasse,
le funzioni razionali, che non contemplano estrazioni di radice, e a loro volta le funzioni
razionali includono i Polinomi, che non includono divisioni, e sono quindi le funzioni della
forma
P
n
(z) = a
0
+ a
1
z + a
2
z
2
+ . . . + a
n
z
n
,
dove a
0
, . . . a
n
sono numeri complessi assegnati, e si assume a
n
,= 0. Lintero n 0 e il
grado del polinomio. Ogni polinomio ha dominio C. Ogni funzione razionale e quindi il
quoziente di due polinomi:
R(z) =
P
n
(z)
Q
m
(z)
di grado n ed m rispettivamente. Si puo sempre assumere che il numeratore e il denomi-
natore non abbiano zeri comuni e allora la funzione razionale non e denita in C ma solo
in B = C a
1
, . . . a
l
, dove l m e a
1
, . . . a
l
sono gli zeri (distinti) del denominatore.
3. Funzioni di una variabile Complessa. 22
le Funzioni Trascendenti: la denizione di questa classe e a questo punto prematura.
Essa contiene in particolarte le f. Trascendenti Elementari: la funzione Esponenziale, le
funzioni Circolari, le funzioni Iperboliche appartengono a questa sottoclasse.
Teorema 12: Una funzione f : D C denita su un dominio D C e continua in z
0
=
x
0
+ iy
0
, se, e solo se, la sua parte reale u e la sua parte immaginaria v sono continue in
(x
0
, y
0
) D R
2
.
Dim.: conseguenza immediata di Eserc. 16, Def.17, Prop.2.
Esercizio 26: Provare che f(z) = z

e una funzione continua su C.


3.1 Funzioni Olomorfe.
3.1.1 Condizioni di Cauchy-Riemann.
Denizione 28: Sia f : D C, e z
0
D. Si dice che la funzione f e olomorfa nel punto z
0
se esiste il limite
lim
h0
f(z
0
+ h) f(z
0
)
h
.
Il valore di questo lmite si dice la derivata di f nel punto z
0
e si denota f

(z
0
). La funzione f
si dice poi olomorfa nel dominio D, se e olomorfa in ogni punto di D.
In maniera pi u formale:
Denizione 29: f e olomorfa in z
0
se esiste un numero complesso, denotato f

(z
0
), tale che:
> 0, > 0 in modo che, z B

(z
0
),
f(z) f(z
0
)
z z
0
B

(f

(z
0
)) . (3.2)
Queste denizioni sono formalmente identiche alla denizione di derivata di una funzione di
una variabile reale. Cio non ostante, la condizione (3.2) e assai pi u impegnativa nel campo
complesso, di quanto non lo fosse nel campo reale. Sia, per esempio, D = C e f(z) = '(z).
Nel campo reale, questa e la funzione identica, dunque indenitamente derivabile. Nel campo
complesso, invece,
f(z) f(z
0
)
z z
0
=
'(z z
0
)
z z
0
.
Il membro destro di questa equazione vale 0 ogni volta che z z
0
e un numero immaginario, e
invece vale 1 ogni volta che z z
0
e un numero reale; pertanto, il rapporto incrementale, cioe
il membro sinistro della (3.2,) assume sia il valore 0 che il valore 1 in B

(z
0
), qualunque sia il
valore di > 0, e quindi non puo avvicinarsi a nessun limite. Dunque la funzione '(z) non e
derivabile in nessun punto.
Tuttavia una funzione f(z) descrive una mappa del piano in se, e cio suggerisce che per sua
3. Funzioni di una variabile Complessa. 23
derivata non si debba cercare un corrispettivo nel calcolo dierenziale reale per funzioni da R
in R, ma piuttosto in quello per funzioni da R
2
in R
2
.
A questo proposito, ricordiamo che una mappa M : D R
2
, assegnata mediante due funzioni reali
u(x, y) e v(x, y) di due variabili reali (x, y), denite su un dominio D R
2
, si dice dierenziabile in un
punto (x
0
, y
0
) D, se esiste una matrice 2 2, che denotiamo TM
(x
0
,y
0
)
, i cui elementi sono funzioni
di x
0
, y
0
ma non di x, y, la quale verica:

u
v

= TM
(x
0
,y
0
)

x
y

1
(x, y)

2
(x, y)

(3.3)
dove x = x x
0
, y = y y
0
, u = u(x, y) u(x
0
, y
0
), v = v(x, y) v(x
0
, y
0
), e dove
1
ed
2
, al
tendere di x e y a 0, sono innitesimi di ordine superiore a
_
x
2
+ y
2
. Si dimostra che se questo
e vero allora le funzioni funzioni u e v ammettono le derivate parziali del primo ordine, e TM
(x
0
,y
0
)
si
scrive, in termini di queste derivate, nel modo seguente:
TM
(x
0
,y
0
)
=

x
u(x
0
, y
0
)
y
u(x
0
, y
0
)

x
v(x
0
, y
0
)
y
v(x
0
, y
0
)

(3.4)
Questa matrice si chiama la matrice Jacobiana della mappa M nel punto (x
0
, y
0
). Essa denisce
una trasformazione lineare in R
2
che approssima localmente nellintorno di (x
0
, y
0
) la trasformazione
(x, y) (u, v) (che non e lineare in generale), tanto meglio, quanto pi u il punto (x, y) e vicino al
punto (x
0
, y
0
). Si dimostra anche che se, viceversa, u e v ammettono derivate parziali del primo
ordine continue, allora la mappa M e dierenziabile.
Denizione 30: f : D C si dira regolare in D, se e olomorfa in D, e se la sua derivata
f

(z) e una funzione continua in D.


Nota 8: Questa denizione riproduce quella di funzione di classe C
1
nel campo reale, dove essa
rappresenta un reale raorzamento della nozione di funzione derivabile. Anticipiamo che, nel caso
complesso, cio non e pi u vero, e la denizione 30 risultera essere equivalente alla 28. Questo fatto,
tuttaltro che evidente, rendera la denizione 30 pleonastica.
Teorema 13: Sia f : D C, e siano u : D R e v : D R la parte reale e la parte
immaginaria di f (cfr. eq. (3.1)). Condizione necessaria e suciente perche f sia regolare in
D e che le funzioni u(x, y) e v(x, y) ammettano derivate parziali del 1 ordine in ogni punto di
D, che esse siano continue in D, e che verichino le condizioni :

x
u(x, y) =
y
v(x, y) ,
y
u(x, y) =
x
v(x, y) , (3.5)
in ogni punto (x
0
, y
0
) D; e risulta:
f

(z
0
) =
x
u(x
0
, y
0
) + i
x
v(x
0
, y
0
) =
y
v(x
0
, y
0
) i
y
u(x
0
, y
0
) . (3.6)
Le condizioni (3.5) sono note come condizioni di Cauchy-Riemann, o condizioni di
olomorsmo, o condizioni di monogenita.
3. Funzioni di una variabile Complessa. 24
Dim.: se f e regolare in D, allora la (3.2) vale z D. Come al solito denotiamo u(x, y)
'(f(x + iy), v(x, y) (f(x + iy), e inoltre x '(z z
0
) e y (z z
0
); inne, u
'(f(z) f(z
0
)), e v (f(z) f(z
0
)). Siccome f(z) e olomorfa in z
0
, deve valere:
f(z) f(z
0
) = f

(z
0
)(z z
0
) + R(z, z
0
) , (3.7)
dove
lim
zz
0
R(z, z
0
)
z z
0
= 0 . (3.8)
Introducendo le parti reali e immaginarie, la (3.7) si traduce in due equazioni reali, che possono
essere scritte sotto forma di ununica equazione vettoriale:

u
v

'(f

(z
0
)) (f

(z
0
))
(f

(z
0
)) '(f

(z
0
))

x
y

'(R(z, z
0
))
(R(z, z
0
))

. (3.9)
La (3.8) assicura che le due componenti dellultimo vettore colonna sono innitesimi di ordine
superiore ripetto a
_
x
2
+ y
2
= [z z
0
[; pertanto la (3.9) dice che la mappa del piano in
se che viene denita sul dominio D da (x, y) (u(x, y), v(x, y)) e dierenziabile nel punto
(x
0
, y
0
), Come si e richiamato sopra, questo implica che le funzioni u e v ammettono le derivate
parziali prime rispetto a x e y nel punto (x
0
, y
0
). Inoltre la matrice in (3.9) deve coincidere con
la matrice Jacobiana (3.3) , e percio si vede che

x
u(x
0
, y
0
)
y
u(x
0
, y
0
)

x
v(x
0
, y
0
)
y
v(x
0
, y
0
)

'(f

(z
0
)) (f

(z
0
))
(f

(z
0
)) '(f

(z
0
))

, (3.10)
da cui discendono subito le condizioni (3.5), nonche le (3.6). Essendosi assunta f(z) regolare,
f

(z) deve essere continua, e quindi dal Teor. 12 e dalle (3.6) segue che le derivate parziali di
u e v devono essere continue.
Viceversa, viene provato nellanalisi reale che se u e v hanno derivate parziali continue allora
sono dierenziabili, e percio, se queste derivate vericano le condizioni di Cauchy-Riemann.
allora vale (3.9), e anche (3.7).
Esercizio 27: Servendosi delle condizioni di Cauchy-Riemann, mostrare che se f : D C e una funzione a
valori esclusivamente reali, oppure a valori esclusivamente immaginari, e non e costante, allora non e olomorfa.
In particolare, la funzione f(z) = [z[
2
non e olomorfa, salvo che per z = 0.
Esercizio 28: Mostrare che la funzione f(z) = z

non e olomorfa.
Esercizio 29: Trovare la pi u generale funzione olomorfa, la cui parte immaginaria e costante lungo ogni retta
parallela allasse reale.(Dic. 2008)
Denizione 31: Una funzione intera e una funzione denita su tutto C, ovunque olomorfa.
Esercizio 30: Mostrare che la funzione esponenziale, la funzione seno, e la funzione coseno sono funzioni
intere, e trovarne le derivate.
Esercizio 31: Trovare tutte le funzioni f(z), olomorfe in qualche dominio, che ivi si possono scrivere nella
forma f(z) = e
iS(x,y)
dove S(x, y) e una funzione a valori reali.
3. Funzioni di una variabile Complessa. 25
0 0.5 1 1.5 2 2.5
1
0.8
0.6
0.4
0.2
0
0.2
0.4
0.6
0.8
1
A
B
C
A
C
B
0
Fig. 3.1: Il triangolo curvilineo ABC e limmagine del triangolo ABC sotto la trasformazione
conforme z e
z
.
3.1.2 Rappresentazioni Conformi,
Le mappe del piano che sono descritte da funzioni f(z) regolari hanno caratteristiche geomet-
riche distintive. Come si e visto, nellintorno del generico punto (x
0
, y
0
) esse sono descritte, a
meno di innitesimi di ordine superiore, da una matrice Jacobiana che ha la forma particolare
(3.10). Questa puo essere riscritta nella forma seguente:

'(f

(z
0
)) (f

(z
0
))
(f

(z
0
)) '(f

(z
0
))

[f

(z
0
)[ 0
0 [f

(z
0
)[

cos(arg(f

(z
0
)) sin(arg(f

(z
0
))
sin(arg(f

(z
0
)) cos(arg(f

(z
0
))

(3.11)
che la presenta come composizione di due trasformazioni pi u semplici. Se f

(z
0
)) ,= 0, la prima
di queste (la matrice diagonale) rappresenta una omotetia, cioe una trasformazione che non
modica la direzione dei vettori ma solo le loro lunghezze, e quindi li allunga (o contrae) di un
fattore [f

(z
0
))[, indipendente dalla direzione. La seconda descrive una rotazione rigida di un
angolo arg(f

(z
0
)) nel senso antiorario. Dunque il carattere locale della mappa piana denita
da una funzione olomorfa e il seguente: in ogni punto, gli elementi di linea vengono dilatati,
in ragione indipendente dalla direzione; e vengono al contempo ruotati, di un angolo (positivo,
o negativo) indipendente dalla loro direzione. Ne consegue che langolo che due linee formano
intersecandosi in un punto z e eguale allangolo che formano le loro immagini intersecandosi
nel punto f(z) (v. Fig. 3.1). Una mappa nel piano che gode di queste proprieta si dice una
rappresentazione conforme. Dunque, una funzione olomorfa descrive una mappa conforme del
piano in se nellintorno di ogni punto il cui la sua derivata non e nulla. Non e dicile vedere
che anche il viceversa e vero.
Esercizio 32: Le funzioni f(z) = '(z) e f(z) = z

non sono olomorfe, quindi le mappe corrispon-


denti non sono conformi. Lo si verichi per via geometrica diretta.
3. Funzioni di una variabile Complessa. 26
3.2 Regole di Derivazione.
La identita formale fra la denizione di derivata di una funzione f(z) della variabile complessa
z, e la denizione di derivata di una funzione f(x) di una funzione di una variabile reale x,
garantisce che le regole di derivazione note nel campo reale, e che sono ivi stabilite servendosi
esclusivamente di proprieta dei numeri reali, che sono condivise dai complessi, rimangono for-
malmente identiche nel campo complesso. Per illustrare questo utile principio (trascrivere z
al posto di x) calcoliamo la derivata della funzione f(z) = z
n
per n N:
(z + h)
n
z
n
h
=
n1

m=0
_
n
m
_
z
m
h
nm1
e quindi
lim
h0
(z + h)
n
z
n
h
=
_
n
n 1
_
z
n1
= nz
n1
,
che e formalmente identico al risultato reale, ed e stato ricavato esattamente nello stesso modo,
grazie al fatto che il binomio di Newton rimane valido in C.
In grazia di questo principio, diamo per stabilite le regole di derivazione seguenti:
- La regola di derivazione della somma,
- La regola di derivazione del prodotto,
- La regola di derivazione del quoziente,
- La regola di derivazione della funzione composta, o chain rule: se f : D C e g : C C
sono olomorfe, allora g f e olomorfa in D f
1
(C) C, e (g f)

(z) = g

(f(z))f

(z).
Una immediata conseguenza e:
Proposizione 8: Ogni polinomio e una funzione intera. Ogni funzione razionale e una funzione
regolare nel suo dominio.
Anche la regola di derivazione della funzione inversa rimane valida, ma questa nozione e
alquanto delicata, e ne faremo oggetto di un discorso pi u particolareggiato
3.3 Funzione Inversa.
Denizione 32: Sia f : D C una funzione continua. Chiameremo inversa locale di f ogni
funzione g : C anchessa continua, tale che g() D, e f(g(z)) = z per ogni z . Se
g() = D, allora g verr a detta la funzione inversa globale di f.
Proposizione 9: Se g e una inversa locale di f, allora g e una funzione iniettiva, e f(D).
Se g e inversa globale di f, allora f e funzione inversa globale di g, e quindi e un omeomorsmo
di D su ; cioe e biettiva, continua, con inversa continua.
Dim.: g(z
1
) = g(z
2
) = z implicano z
1
= f(g(z
1
)) = f(z) = f(g(z
2
)) = z
2
quindi g e iniettiva.
Se z , allora z = f(z

) con z

= g(z) D, cioe z f(D) e quindi f(D). Se g e


inversa globale, D = g(), allora z f(D) implica z = f(z

) con z

D = g() e quindi
3. Funzioni di una variabile Complessa. 27
z

= g(z

) per qualche z

; allora z = f(g(z

)) = z

, e quindi f(D) che assieme


allinclusione opposta, gia provata, implica = f(D). Inoltre se z D allora z = g(z

), z


e f(z) = f(g(z

)) = z

; pertanto, g(f(z)) = g(z

) = z.
3.3.1 La Radice Quadrata.
Sia f : C C data da f(z) = z
2
. Se in un dominio e denita una funzione continua
g : C tale che g(z)
2
= z per ogni z , allora la funzione g(z) si chiama una branca,
o anche ramo, della radice quadrata. Per esempio, sia = C z [(z) = 0, '(z) 0.
Questo dominio e il piano complesso, privato del semiasse reale negativo. Per z deniamo:
g
1
(z) =
_
[z[ e
i arg(z)/2
, < arg(z) < .
E immediato vericare che g e una branca della radice in . Lo stesso e vero , per
g
2
(z) =
_
[z[ e
i arg(z)/2
, < arg(z) < 3 .
e le due funzioni g
1
e g
2
riproducono per ogni z i due possibili valori della radice quadrata
di un numero complesso. La natura solo locale di queste inverse risulta evidente da
g
1
() = z C [ '(z) > 0 , g
2
() = z C [ '(z) < 0 .
Non e possibile denire una inversa globale. Per convincerci di questo, notiamo che una tale
g dovrebbe avere per dominio = z
2
[ z C = C; e consideriamo il cammino chiuso
(t) = e
2it
, 0 t 1. Dovendo g essere continua, g dovrebbe essere una funzione continua
su [0, 1] ed assumere lo stesso valore in t = 0 ed in t = 1. Cio non puo accadere. Infatti
g((t))
2
= (t) richiede che, per ogni t [0, 1], g((t)) sia una delle due radici di (t), e cioe
g((t)) = e
it
, oppure g((t)) = e
it
; ossia, che
g((t)) = (t) e
it
dove (t) e una qualche funzione su [0, 1] che assume solo i valori 1, ed inoltre e continua,
perche tale ha da essere g((t)). Le uniche funzioni (t) con questi requisiti sono (t) = costante
= 1 e (t) = costante = 1. Con una scelta o con laltra, risulta lim
0
[g(()) g((1)] = 2
nonostante che lim
0
() = 1 = lim
0
(1 ) , contraddicendo la continuit a di g.
Alla radice di questa dicolta sta il noto fatto che arg(z) non puo essere denito globalmente
nel piano complesso in modo da essere continuo. In maniera non del tutto precisa ma ecace
si puo dire che non e possibile denire una branca della radice in nessun dominio , in cui sia
possibile descrivere un cammino chiuso lungo il quale lincremento di arg((t)) valga 2, cioe
in nessun dominio mantenendosi allinterno del quale sia possibile girare una volta attorno
allorigine. Si noti che ogni dominio contenente lorigine ore questa possibilita, perche, es-
sendo aperto, contiene un cerchio centrato in 0 di raggio sucientemente piccolo, sul quale e
possibile descrivere un cammino chiuso e semplice. Dunque non e possibile denire una branca
della radice in nessun dominio che contenga lorigine.
In un qualunque dominio in cui si possa denire una branca della radice, se ne possono denire
due, e non pi u di due.
3. Funzioni di una variabile Complessa. 28
3.3.2 La radice nma.
Una discussione analoga a quella svolta sopra per la radice quadrata si puo replicare per le
inverse della funzione f(z) = z
n
con n intero. Esse non possono essere denite globalmente,
ma solo in domini in cui non si possa girare attorno allorigine. Nessuno di tali domini puo
contenere lorigine. In ogni dominio in cui e denita una branca, ne sono denite esattamente
n.
3.3.3 Il Logaritmo.
Sia f(z) = e
z
, denita su tutto C. Se in un dominio e denita una funzione continua
g : C tale che e
g(z)
= z per ogni z , allora la funzione g(z) si chiama una branca, o
anche ramo, del logaritmo. Per esempio, sia = C z [(z) = 0, '(z) 0. Questo dominio
e il piano complesso, privato del semiasse reale negativo. Per z , e k Z, deniamo:
g
k
(z) = ln([z[) + i arg(z) , (2k 1) < arg(z) < (2k + 1) . (3.12)
Ricordando la discussione dei logaritmi nella Sezione 1.2, si riconosce facilmente che ciascuna
delle funzioni g
k
e una branca del logaritmo in . Esistono dunque innite branche distinte del
logaritmo.
Denizione 33: La funzione (3.12) con k = 0 si chiama la branca principale, o anche la
determinazione principale, del Logaritmo.
Questa determinazione e quella che riproduce i valori della funzione ln dellanalisi reale quando
z e un numero reale positivo.
Si riconoscera senza dicolta che la discussione svolta a proposito della nonesistenza di branche
globali, e nemmeno di branche locali laddove si possa girare attorno allorigine, svolta a
proposito della radice, puo essere ripetuta alla lettera nel caso del logaritmo.
Esercizio 33: Come deve essere scelta la funzione reale g(x, y) anche la funzione f(z) = f(x + iy) =
exp(ig(x, y)) sia olomorfa? (Apr 2002)
3.3.4 Derivata della Funzione Inversa.
Teorema 14: Sia f : D C continua e olomorfa (risp., regolare), e dotata di una inversa
locale g in C. g e olomorfa (risp., regolare) in ogni punto z in cui f

(g(z)) ,= 0, e
risulta
g

(z) =
1
f

(g(z))
. (3.13)
Dim. Sia a . Sia > 0 tale che B

(a) , e sia h ,= 0 tale che a + h B

(a), Allora
g(a + h) ,= g(a) perche g e iniettiva, e quindi si puo scrivere:
1 =
f(g(a + h)) f(g(a))
h
=
f(g(a + h)) f(g(a))
g(a + h) g(a)
g(a + h) g(a)
h
3. Funzioni di una variabile Complessa. 29
Siccome g e continua, g(a +h) g(a) tende a zero per h 0 e quindi il 1 fattore nel mombro
destro tende a f

(g(a)). Dunque anche il 2ndo fattore deve ammettere limite, quindi g e


olomorfa, e vale (3.13).
Corollario 2: Ogni branca g(z) della radice nma e regolare in ogni dominio in cui e denita,
e la sua derivata e (nz)
1
g(z).
Corollario 3: Ogni branca del logaritmo e regolare in ogni dominio in cui e denita, e la sua
derivata e 1/z.
Nota 9: Il teorema (14) e tanto semplice quanto povero. Infatti lesistenza di una inversa locale per
una funzione olomorfa f, in un intorno di ogni punto in cui f

,= 0, che in questo teorema e assunta


come ipotesi, puo essere dimostrata.
4. LINTEGRALE CURVILINEO.
4.1 Cammini Regolari.
Sia : [a, b] C un cammino nel piano complesso, nel senso della Denizione 19. Dallesercizio
16 segue che le funzioni x : [a, b] R e y : [a, b] R rispettivam. denite da x(t) = '((t))
e da y(t) = ((t)) sono continue. Viceversa, date due funzioni reali x(t), y(t) continue su un
intervallo [a, b] R, la funzione (t) x(t) + iy(t) denisce un cammino in C. Le funzioni
x(t) e y(t) sono le equazioni parametriche della curva piana . E conveniente ragurarsi un
cammino (t), (a t b) come il movimento di un punto nel piano fra gli istanti t = a e t = b.
La traccia del cammino e allora la traiettoria descritta dal punto. In modo del tutto analogo,
un cammino : [a, b] R
n
e specicato da n funzioni continue x
j
: [a, b] R (1 j n), in
modo che (t) = (x
1
(t), . . . x
n
(t)).
Nel seguito chiameremo partizione di un intervallo [a, b] una qualunque famiglia nita di
punti = t
1
, t
2
, . . . t
n
con a = t
1
< t
2
< . . . < t
n
= b. Se una partizione consiste di n punti,
lintervallo [a, b] ne risulta diviso in n 1 sotto-intervalli.
Denizione 34: Un cammino : [a, b] C si dice regolare se le funzioni reali denite
per a t b da x(t) '((t)) e y(t) ((t)) sono funzioni derivabili, con derivate
x(t), y(t) continue, e mai simultaneamente nulle (negli estremi a e b si fa riferimento alle derivate
destra e sinistra rispettivamente). Si dice regolare a tratti se si puo trovare una partizione
t
1
, t
2
, . . . t
n
in modo che ciascuno dei cammini
j
: [t
j
, t
j+1
] C deniti per 1 j n 1
da
j
(t) = (t) per t
j
t t
j+1
sia un cammino semplice e regolare.
Se e un cammino semplice e regolare, allora la sua traccia e dotata di tangente in ogni
punto, la cui direzione e quella del vettore velocita ( x(t), y(t)) . Lo stesso e vero nel caso di
un cammino regolare a tratti, con leccezione al pi u di un numero nito di punti.
Tutte queste denizioni si trasferiscono in maniera ovvia ai cammini in R
n
.
Denizione 35: Una curva regolare (risp.: regolare a tratti) e una classe di equivalenza
di cammini regolari (risp., regolari a tratti).
Dato un cammino : [a, b] C, ed una partizione = t
1
, t
2
, . . . t
n
di [a, b], si consideri la
somma
V (, )
n1

j=1
d( (t
j+1
) , (t
j
) ) .
Questa e la lunghezza della poligonale che muove in linea retta da ciascun punto (t
j
) al
punto successivo (t
j+1
). Nel denire la lunghezza di un cammino, si tiene ferma la nozione
4. LIntegrale Curvilineo. 31
elementare, che il percorso pi u breve fra due punti e quello rettilineo; pertanto la lunghezza del
cammino non potra essere minore di V (, ) , per nessuna scelta della partizione .
Denizione 36: Un cammino in C (o in R
n
) si dice retticabile se linsieme dei numeri
V (, ), al variare di nella classe di tutte le partizioni di [a, b], e superiormente limitato. In
tal caso, lestremo superiore dellinsieme si dice la lunghezza () del cammino.
E facile vedere che ogni cammino equivalente ad un cammino retticabile e esso stesso retti-
cabile, ed ha la stessa lunghezza. Cio giustica la seguente
Denizione 37: Una curva retticabile e una classe di equivalenza di cammini retticabili, e
la sua lunghezza e la lunghezza comune di tutti i cammini nella classe.
Si badi che la lunghezza di un cammino retticabile non e necessariamente la lunghezza
della traccia del cammino; si consideri ad es. il caso dellesercizio 18. Il seguente fondamentale
teorema viene enunciato senza dimostrazione.
Teorema 15: Ogni cammino in C regolare a tratti e retticabile.
() =
_
b
a
dt
_
x(t)
2
+ y(t)
2
.
dove, al solito, x(t) = '((t)) e y(t) = ((t)).
Teorema 16: Ogni cammino in R
n
regolare a tratti e retticabile, e
() =
_
b
a
dt

_
n

r=1
x
r
(t)
2
.
Corollario 4: Se
1
+
2
e il cammino somma di due cammini regolari a tratti, allora (
1
+
2
) =
(
1
) + (
2
).
Se : [a, b] C e un cammino regolare a tratti, allora per ogni t (a, b] si puo denire
un cammino
t
su [a, t]:
t
(t

) = (t

) per a t

t. Ciascuno di questi cammini e regolare


a tratti. Denotiamo s(t) = (
t
) per a < t b, e s(a) = 0 .La funzione s(t) e continua e
strettamente crescente su [a, b] ed e di classe C
1
a tratti. Grazie al Teorema Fondamentale del
Calcolo, in ogni punto in cui x e y sono continue risulta
s(t) =
d
dt
_
t
a
dt

_
x(t

)
2
+ y(t

)
2
=
_
x(t)
2
+ y(t)
2
,
che e il modulo del vettore velocita del cammino nel punto (t).
Dato che la funzione s : [a, b] [0, ()] e continua strettamente crescente, ammette linversa
s
1
: [0, ()] [a, b]. Di conseguenza, s
1
: [0, ()] C e un cammino equivalente
a . Quindi ogni curva retticabile ammette una parametrizzazione, che usa la lunghezza
dellarco come parametro. Di nuovo, queste considerazioni si trasferiscono in modo ovvio al
caso di cammini regolari a tratti su R
n
.
4. LIntegrale Curvilineo. 32
4.2 Integrale Curvilineo.
Se D R
n
e un dominio, un campo vettoriale in D e una mappa V : D R
n
, specicata
da n funzioni V
j
(x
1
, x
2
, . . . x
n
), (1 j n). I campi considerati nel seguito saranno sempre
assunti continui, cioe le funzioni V
j
verranno assunte continue. Un campo si chiamera regolare
se queste funzioni sono derivabili, con derivate parziali prime continue.
Denizione 38: Sia D R
n
un dominio, : [a, b] D un cammino in D regolare a tratti,
e V : D R
n
un campo vettoriale continuo in D. Si dice integrale curvilineo del campo
lungo il cammino , e si indica con
_

V dP , (4.1)
lintegrale
_
b
a
dt V ((t)) (t)
_
b
a
dt
n

j=1
V
j
(x
1
(t), x
2
(t), . . . x
n
(t)) x
j
(t) ,
La abbreviazione e la stessa che viene spesso usata per il prodotto scalare di vettori in R
n
:
x y =
n

j=1
x
j
y
j
.
e lintegrale (4.1) puo anche essere scritto in forma estesa :
_

[ V
1
(x
1
, . . . x
n
) dx
1
+ V
2
(x
1
, . . . x
n
) dx
2
+ . . . + V
n
(x
1
, . . . x
n
) dx
n
] .
Espressioni del tipo di quella che appare fra parentesi quadre si usano per indicare le cosiddette
1-forme dierenziali su R
n
, e non appaiono necessariamente solo sotto un segno di integrale.
Per i ni presenti la denizione puramente formale una 1-forma e una espressione tale e tale
e suciente. Dalla denizione si ricavano facilmente le proprieta seguenti. V
1
e V
2
sono campi
regolari in D R
n
,
1,2
: [a, b] D sono cammini regolari a tratti, e a
1,2
sono costanti reali
arbitrarie.
Teorema 17:
_

[a
1
V
1
+ a
2
V
2
] dP = a
1
_

V
1
dP + a
2
_

V
2
dP ;
_

1
+
2
V dP =
_

1
V dP +
_

2
V dP ,
_

V dP =
_

V dP . (4.2)
4. LIntegrale Curvilineo. 33
Denizione 39: Sia D C un dominio, : [a, b] D un cammino in D regolare a tratti, e
f : D C una funzione continua in D. Si dice integrale di f lungo il cammino , e si indica
con
_

dz f(z) , (4.3)
lintegrale
_
b
a
dt f((t)) (t) .
Dalla denizione si ricavano facilmente le proprieta seguenti, che ricalcano le proprieta elencate
per lintegrale curvilineo in R
n
. Stavolta a
1
, a
2
sono costanti complesse.
Teorema 18:
_

dz [a
1
f
1
(z) + a
2
f
2
(z)] = a
1
_

dz f
1
(z) + a
2
_

dz f
2
(z) ;
_

1
+
2
dz f(z) =
_

1
dz f(z) +
_

2
dz f(z) ,
_

dz f(z) =
_

dz f(z) . (4.4)
Sia in C che in R
n
vale inoltre:
Teorema 19:
_

1
V dP =
_

2
V dP , e
_

1
dz f(z) =
_

2
dz f(z)
ogni volta che i cammini regolari a tratti
1
,
2
sono equivalenti (in R
n
e in C rispettivamente).
Dim.: date le denizioni degli integrali curvilinei in termini di integrale elementare, cio viene
direttamente dal teorema sul cambiamento della variabile dintegrazione.
Grazie allultimo teorema, lintegrale curvilineo dipende dalla curva piuttosto che dal cammino
che la rappresenta. Pertanto, per quanto riguarda gli integrali curvilinei, nel seguito si
confonderanno le curve con i cammini che le rappresentano. Se e un cammino,
per curva si intendera lintera classe di equivalenza di cui e un rappresentante.
Dal Teor.19 discendono due diseguaglianze notevoli:
Teorema 20:

V dP


_
()
0
ds [[V ((s))[[
() max [[V (x)[[ [ x

dz f(z)


_
()
0
ds [f((s))[
() max [f(z)[ [ z . (4.5)
la seconda delle quali e nota come Lemma di Darboux.
4. LIntegrale Curvilineo. 34
Dim. Dimostriamo la seconda diseguaglianza.
_

dz f(z) =
_
b
a
dt f((t)) (t) =
_
()
0
ds f((s)) (s) ,
dove : [0, ()] D e la riparametrizzazione della curva, usando la lunghezza s. Ricordando

_
x
2
x
1
dx f(x)


_
x
2
x
1
dx [f(x)[ [x
2
x
1
[ max[f(x)[ [ x
1
x x
2
,
che e una proprieta elementare dellintegrale di Riemann per una funzione reale o complessa
continua a tratti, e usando [ (s)[ =
_
x(t)
2
+ y(t)
2
dt
ds
= 1 si ricava subito la diseguaglianza di
Darboux. La prova della diseguaglianza in R
n
e assai simile, ed usa in pi u la diseguaglianza di
Cauchy-Schwarz per vettori a, b R
n
: [a b[ [[a[[[[b[[, che permette di scrivere
[V ((s)) (s)[ [[V ((s))[[ [[ (s)[[ = [[V ((s))[[ . .
Esercizio 34: Calcolare :
_

f(z) dz per f(z) = 1/(z a), e : [0, 2] C dato da: (t) = a + Re


it
, con
a C assegnato, e R > 0 assegnato.
Soluzione: Dalla denizione:
_

dz
1
z a
=
_
2
0
dt iRe
it
1
Re
it
=
_
2
0
idt
= 2i . (4.6)
4.3 Campi Conservativi.
Denizione 40: Un campo vettoriale V : D R
n
assegnato in un dominio D R
n
si dice
conservativo in D se risulta
_

1
V dP =
_

2
V dP
ogni volta che
1
,
2
sono curve regolari in D, che hanno gli stessi estremi.
Teorema 21: V : D R
n
e conservativo in D se, e solo se, risulta
_

V dP = 0
per ogni curva chiusa e regolare contenuta in D.
Dim: Sia V conservativo. Consideriamo la curva chiusa e regolare rappresentata da un cammino
: [a, b] D con (a) = (b) e (t) D, t [a, b]. Si prenda c (a, b) in modo che
4. LIntegrale Curvilineo. 35
o
o
o
o
o
D
D
x
x

2


x
0

x
x+h
I II

Fig. 4.1: I: ad illustrazione del Teorema 21, (II): ad illustrazione del Teorema 22.
(c) ,= (a) . Si deniscano i cammini
1
(t) = (t) per a t c e
2
(t) = (t) per c t b.
Risulta
_

V dP =
_

1
V dP
_

2
V dP
_
=
_

1
V dP
_

2
V dP ; (4.7)
dove
2
il cammino inverso di
2
(v. Def.22) e quindi ha per estremi
1
(a) e
1
(c). Poiche il
campo e conservativo, gli integrali su
1
e su
2
hanno lo stesso valore; dunque (4.7) si annulla.
Viceversa, consideriamo due curve in D con gli stessi estremi, rappresentate dai cammini
1
e

2
in D. La curva
1

2

1
+ (
2
) e una curva chiusa in D . Se lintegrale del campo
lungo di essa e zero, allora
_

1
V dP =
_

2
V dP.
Denizione 41: Il campo V : D R
n
si dice campo gradiente se esiste una funzione
: D R tale che in ogni punto x D risulti V (x) = grad (x). In tal caso la funzione (x)
si dice una funzione potenziale, o semplicemente un potenziale, del campo.
Teorema 22: Ogni campo gradiente e conservativo, e viceversa.
4. LIntegrale Curvilineo. 36
Dim.: Se V =grad in D, e e un cammino in D di estremi x

e x

, allora
_

V dP =
_
b
a
dt
n

j=1
V
j
((t)) x
j
(t)
=
_
b
a
dt
n

j=1

j
(x
1
(t), x
2
(t), . . . x
n
(t)) x
j
(t)
=
_
b
a
dt
d
dt
(x
1
(t), x
2
(t), . . . x
n
(t))
= (x

) (x

) , (4.8)
dunque lintegrale dipende solo dagli estremi del cammino. Pertanto ogni campo gradiente e
conservativo.
Supponiamo ora che il campo V sia conservativo in D. Dati x
0
D, x D, ed un cammino
in D di estremi x
0
e x, lintegrale
_

V dP dipende solo dagli estremi x


0
e x e quindi,
una volta ssato x
0
, denisce una funzione (x) del secondo estremo x. Dimostreremo che
questa funzione e un potenziale del campo V in D. Dato x, consideriamo un punto x + h
tale che lintero segmento di estremi x e x + h sia contenuto in D; siccome D e aperto, cio e
sicuramente vero per [[h[[ sucientemente piccolo . Allora, si puo calcolare (x) =
_

V dP e
(x + h) =
_
+
h
V dP, dove e un arbitrario cammino in D da x
0
a x, e
h
: [0, 1] D e il
cammino rettilineo uniformein D da x a x + h denito da
h
(t) = x + th. Allora
(x + h) (x) =
_

h
V dP
=
_
1
o
dt V (x +th) h
=
_
1
0
dt V (x) h + R(x, h)
= V (x) h + R(x, h) , (4.9)
dove
R(x, h) =
_
1
0
dt [V (x + th) V (x)] h .
Usando il Teor.4.5 risulta:
[R(x, h)[ [[h[[ max[[V (x

) V (x)[[ [ x

= [[h[[ [[V (x

(h)) V (x)[[ , (4.10)


dove x

(h)
h
e un punto dove la funzione [[V (x

)V (x)[[, che e continua in x


h
, assume il
suo valore massimo. Questo punto x

(h) tende ad x quando h 0, quindi la funzione continua


[[V (x

(h)) V (x)[[ tende a 0. Quindi R(x, h), per h 0, e innitesimo di ordine superiore
ad [[h[[. La (4.9) vale per ogni vettore h purche sucientemente piccolo (in norma). Possiamo
4. LIntegrale Curvilineo. 37
dunque fare tendere h a 0 mantenendo ,= 0 solo la sua componente jma h
j
e allora la (4.9) e
la (4.10) mostrano che:
lim
h
j
0
(x
1
, x
2
, . . . x
j
+ h
j
, . . . x
n
) (x
1
, x
2
, . . . x
j
, . . . x
n
)
h
j
=
j
(x) = V
j
(x) .
Cio vale per ogni x D e per ogni 1 j n, dunque grad(x) = V (x) in D.
Proposizione 10: Se V : D R
n
e un campo gradiente, e : D R e un potenziale del
campo V , allora i potenziali del campo V sono tutte e sole le funzioni (x) + c, c R.
Dim.: Se V (x) =grad(x) allora V (x) =grad((x) +c), c R. Viceversa, se V (x) =grad(x)
e V (x) =grad(

(x) allora grad(

) = 0 in D. E noto che se una funzione reale su D, di


classe C
1
, ha derivate parziali del primo ordine nulle in D allora essa e una funzione costante
su D. .
Teorema 23: Condizione necessaria perche un campo regolare V : D R
n
sia conservativo e
che in ogni punto x D e per ogni 1 j k n valga:

j
V
k
(x) =
k
V
j
(x) . (4.11)
Dim.: siccome il campo e conservativo in D, ammette un potenziale : D R, che deve essere
una funzione di classe C
2
su D, perche il campo e supposto regolare; pertanto vale il Teorema
sulla invertibilita dellordine delle derivazioni :
j

k
=
k

j
. Questo e equivalente a (4.11).

Nota 10: Nel caso di un campo V in R


3
su un dominio D, si chiama rotore del campo il campo
denito in D da:
(rotV )
j
(x) =
k
V
l
(x)
l
V
k
(x) ,
dove j, k, l e una permutazione ciclica di 1, 2, 3. Se in D e vera la (4.11), allora rot V = 0 in D,
e il campo V si dice irrotazionale in D. Pertanto, se un campo regolare e conservativo, allora e
irrotazionale.
Una forma dierenziale
V
1
(x
1
, x
2
, . . . x
n
) dx
1
+ V
2
(x
1
, x
2
, . . . x
n
) dx
2
+ . . . V
n
(x
1
, x
2
, . . . x
n
) dx
n
si dice esatta quando il campo V e conservativo; e si dice chiusa quando sono vericate le (4.11).
La condizione (4.11) non e suciente, in generale.
Esercizio 35: In D = R
2
0 si denisca il campo
V
1
(x
1
, x
2
) =
x
2
x
2
1
+ x
2
2
; V
2
(x
1
, x
2
) =
x
1
x
2
1
+ x
2
2
.
Si verichi che le condizioni (4.11) sono vericate ovunque in D, ma il campo non e conservativo. (considerare
un cammino circolare di centro 0...)
4. LIntegrale Curvilineo. 38
o
r
||V||=1/r
0
a
1

a
2

a
1
+
1

a
2
+
2

Fig. 4.2: Sinistra: Esercizio 35. Destra: Esercizio 37.
Esercizio 36: Si denisca il campo V come nellesercizio precedente, ma stavolta sul dominio D

= R
2

(x
1
, 0) [ x
1
< 0. Si denisca (x
1
, x
2
) come langolo in (, ) formato dal vettore (x
1
, x
2
) con la direzione
positiva dellasse 0x
1
, misurato positivam. nel verso antiorario. Si mostri che e un potenziale del campo V
in D

, e quindi il campo V e conservativo in D

.
I due esercizi precedenti suggeriscono che la sucienza o meno delle condizioni (4.11) dipendano
da qualche caratteristica geometrica del dominio del campo. Una denizione informale di questa
caratteristica e la seguente.
Denizione 42: Il dominio D R
n
si dice semplicemente connesso se ogni curva chiusa
e semplice in D puo essere contratta in un punto mediante una deformazione continua, senza
uscire da D. Equivalentemente, se due arbitrarie curve semplici in D con gli stessi estremi
possono essere trasformate luna nellaltra, mediante una deformazione continua, senza uscire
mai da D,
Il dominio D dellesercizio 35 non e semplicemente connesso; curve chiuse che abbiano 0 al loro
interno non possono essere deformate in un punto senza attraversare 0, che non e un punto
di D. Invece il dominio D

dellesercizio 36 e semplicemente connesso. Una formulazione pi u


precisa della denizione 42 richiede la nozione di omotopia.
Denizione 43: Sia X uno spazio metrico. I cammini
1,2
: [a, b] X si dicono omotopi a
estremi ssi se
1
(a) =
2
(a),
1
(b) =
2
(b) ed esiste una funzione continua : [a, b] [0, 1]
X tale che (t, 0) =
1
(t) , (t, 1) =
2
(t) t [a, b], e inoltre (a, s) = (a, 0) e
(b, s) = (b, 0) s [0, 1]. Un cammino chiuso : [a, b] X si dice omotopo a una
costante se esiste una : [a, b] [0, 1] X continua, in modo che (t, 0) = (t) t [a, b],
(a, s) = (b, s) s [0, 1], e (t, 1) = x
0
= cost. per qualche x
0
X.
Queste denizioni si trasferiscono immediatamente dai cammini alle curve.
4. LIntegrale Curvilineo. 39
Denizione 44: Un dominio D X si dice semplicemente connesso se ogni coppia di curve in
D con gli stessi estremi sono omotope ad estremi ssi in D inteso come spazio metrico (con la
stessa metrica di X); o anche se ogni curva chiusa e semplice in D e omotopa ad una costante
in D.
Teorema 24: Se un campo vettoriale regolare V soddisfa le condizioni (4.11) in D R
n
, e D
e semplicemente connesso, allora V e conservativo in D.
Una versione p u precisa e:
Teorema 25: Se V soddisfa le (4.11) in D, e una curva chiusa e regolare in D e la frontiera
di un dominio D

D semplicemente connesso, allora


_

V dP = 0.
Dim. del Teor. 24: si considera solo il caso di R
2
. Il teorema e una conseguenza immediata di:
_

V dP =
_ _
D
dx
1
dx
2

1
V
2
(x
1
, x
2
)
2
V
1
(x
1
, x
2
) , (4.12)
che vale per un arbitrario campo regolare R
2
, e per ogni curva semplice e regolare orientata
positivam. rispetto al suo dominio interno D. A sua volta, la (4.12) e un caso particolare del
Teorema di Stokes.
Esercizio 37: Provare la (4.12) nel caso in cui e la curva rettangolare di Fig.4.2. Soluzione: deniamo

1
(t) = (a
1
+ t
1
, a
2
) ,

2
(t) = (a
1
+
1
, a
2
+ t
2
) ,

3
(t) = (a
1
+ t
1
, a
2
+
2
) ,

4
(t) = (a
1
, a
2
+ t
2
) (4.13)
per 0 t 1, dopo di che risulta: =
1
+
2

4
e dunque
_

V dP =
1
_
1
0
dt [V
1
(a
1
+ t
1
, a
2
) V
1
(a
1
+ t
1
, a
2
+
2
)]
+
2
_
1
0
ds [V
2
(a
1
+
1
, a
2
+ s
2
) V
2
(a
1
, a
2
+ s
2
)]
=
1

2
_
1
0
dt
_
1
0
ds
1
V
2
(a
1
+ t
1
, a
2
+ s
2
)
2
V
1
(a
1
+ t
1
, a
2
+ s
2
)] . (4.14)
Lultima espressione scritta e il membro di destra nel teor. di Stokes.
5. IL TEOREMA INTEGRALE DI CAUCHY, E LE SUE CONSEGUENZE.
5.1 Funzioni Olomorfe, come campi vettoriali.
Sia data una funzione f : D C, continua, e una curva in D. Dalla denizione 4.3, scrivendo
come al solito u(x, y) = '(f(x + iy)), v(x, y) = (f(x + iy)), (t) = x(t) + iy(t), si ottiene:
_

dz f(z) =
_
b
a
dt [u(x(t), y(t)) x(t)v(x(t), y(t)) y(t)] + i
_
b
a
dt [u(x(t), y(t)) y(t)+v(x(t), y(t)) x(t)] ,
e questa, se il cammino viene pensato come un cammino in R
2
, si puo riscrivere come:
_

dz f(z) =
_

V dP + i
_

W dP , (5.1)
dove i campi V e W sono deniti su D R
2
da:
V (x, y) = (u(x, y) , v(x, y)) , W(x, y) = (v(x, y) , u(x, y)) . (5.2)
Esercizio 38: Se V e un campo vettoriale in R
n
, si dice linea del campo ogni curva regolare, la cui tangente
e in ogni punto diretta come il vettore del campo nello stesso punto. Si traccino le linee dei campi V e W per
la funzione f(z) = z (Fig.5.1). (Le equazioni parametriche di ogni linea del campo V , x = x(t), y(y(t) devono
vericare x(t) = u(x(t), y(t)) e y(t) = v(x(t), y(t)) ...)
Se f e regolare in D (def.30), allora i campi V, W corrispondenti hanno proprieta particolari,
che sono dettate dalle condizioni di Cauchy-Riemann 3.5:

x
V
1
+
y
V
2
= 0

x
W
1
+
y
W
2
= 0

x
V
2

y
V
1
= 0

x
W
2

y
W
1
= 0 . (5.3)
Nota 11: Se i campi V e W in R
2
vengono tradotti in campi V e W in R
3
, attribuendo loro una
terza componente costante, queste condizioni diventano
div V = 0 , div W = 0 , rot V = 0 , rot W = 0 .
e cioe : ambedue i campi V e W sono al contempo solenoidali, e irrotazionali.
5. Il Teorema Integrale di Cauchy, e le sue conseguenze. 41
x
y
10 8 6 4 2 0 2 4 6 8 10
10
8
6
4
2
0
2
4
6
8
10
Fig. 5.1: Linee dei campi vettoriali V (linee piene) e W (linee punteggiate) per la funzione f(z) = z
(a sinistra) e per la funzione f(z) = 1/z ( a destra).
Teorema 26: (Teor. di Cauchy, versione debole) Sia f : D C una funzione regolare in
D. Se D e semplicemente connesso, e e una curva chiusa e regolare in D, allora
_

f(z) dz = 0 .
Dim.: come notato sopra, i campi V e W deniti in (5.2) sono irrotazionali in D e quindi la
tesi segue immediatamente da (5.1) e dal Teor.24.
Corollario 5: Nelle ipotesi del Teor.26, risulta
_

1
dz f(z) =
_

2
dz f(z) ,
per ogni coppia di cammini regolari in D con gli stessi estremi.
Teorema 27: (Teorema Integrale di Cauchy) Il teor.26 e i suoi corollari rimangono validi,
sotto lipotesi pi u debole che f sia olomorfa in D.
La dimostrazione e omessa. La si puo trovare p. es. al link:
http://www.dfm.uninsubria.it/GUARNERI/ica05-cit.pdf.
Denizione 45: Un dominio D C verr a detto un dominio standard (n+1)-volte con-
nesso se la sua frontiera e costituita da un numero nito di curve chiuse, semplici, e regolari
,
1
, . . .
n
tali che
1
, . . .
n
sono contenute nel dominio interno a , e inoltre, detto Int(
j
) il
dominio interno a
j
, risulta Int(
j
) Int(
k
) = ogni volta che j ,= k (v. la Fig.5.2) per un
esempio con n = 1.)
5. Il Teorema Integrale di Cauchy, e le sue conseguenze. 42

1


z
1

z
2

2
Fig. 5.2: Ad illustrazione della prova del Corollario 6.
Denizione 46: Se D e un dominio, una funzione f si dice olomorfa nel dominio chiuso D se
e olomorfa in un dominio D

tale che D D

.
Corollario 6: Se D e un dominio standard (n+1)-volte connesso, e f e una funzione olomorfa
in D, allora risulta:
_

dz f(z) =
n

j=1
_

j
dz f(z) .
se tutte le curve ,
j
sono orientate positivamente.
Dim.: Consideriamo il caso n = 1 illustrato in Figura 5.2; la dimostrazione e facilmente es-
tendibile al caso n > 1. f(z) e regolare nel dominio a ciambella D = Int()Int(
1
), che non
e sempl. connesso ed e un dominio standard 2 volte connesso. Pratichiamo un taglio (linea
tratteggiata in gura), vale a dire escludiamo da D i punti del segmento tratteggiato; in tal
modo otteniamo un nuovo dominio D

che e semplicem. connesso. Descriviamo due cammini


semplici
2
e
3
=
2
sul segmento escluso. In tal modo la curva regolare
1
+
2
+
3
si svolge sulla frontiera di D

spl. connesso , e quindi lintegrale di f(z) lungo questa curva si


annulla. Tenendo presente che gli integrali lungo
2
e
3
=
2
hanno valori opposti,
0 =
_

1
+
2
+
3
dz f(z) =
_

dz f(z)
_

1
dz f(z) .

5. Il Teorema Integrale di Cauchy, e le sue conseguenze. 43



Fig. 5.3: Esercizio 39.
Denizione 47: Se De un dominio standard (n+1)volte connesso, allora le curve ,
1
, . . .

n
si dicono il contorno completo di D, orientato positivam. rispetto allinterno di D, e lin-
tegrale di una funzione sul contorno completo di D e la somma degli integrali della funzione
su tutte queste curve. .
Corollario 7: Se f e olomorfa in D dove D e un dominio standard (n + 1)volte connesso,
allora lintegrale di f lungo il contorno completo di D orientato positivam. si annulla.
Dim.: e una ri-enunciazione del Corollario 6.
Esercizio 39: Calcolare
_

dz f(z) per (t) = t exp(5it/2) su 0 t (v. Fig.5.3), e f(z) = [e


z
+ e
z
]
2
.
Risposta: 2i.
Esercizio 40: Si mostri che non esiste f(z) olomorfa in [z[ 1 tale che f(e
i
) = sin() per 0 2.
(Feb. 2007)
Applicazione: Calcolo dellIntegrale di Fresnel.
Lintegrale
I =
_
+
0
dx e
ix
2
(5.4)
e noto come Integrale di Fresnel. Si tratta di un integrale improprio, che ha un ruolo importante
nellOttica. Lintegrando non tende a zero per x , eppure lintegrale converge, com e
risultera dal calcolo esplicito che segue. Consideriamo la curva
R
=
1,R
+
2,R
+
3,R
illustrata
in Fig.5.4, per R > 0, e la funzione f(z) = e
z
2
. Questa funzione e intera, percio il Teor. di
Cauchy impone
I
1,R
+ I
2,R
+ I
3,R
= 0 (5.5)
dove I
j,R
=
_

j,R
dzf(z) (j = 1, 2, 3). Se scegliamo i cammini

1,R
(t) = t 0 t R

2,R
(t) = Re
it
0 t /4

3,R
(t) = te
i/4
0 t R (5.6)
5. Il Teorema Integrale di Cauchy, e le sue conseguenze. 44
allora
I
1,R
=
_

1,R
dz f(z) =
_
R
0
dt e
t
2
,
I
3,R
=
_

3,R
dz f(z) = e
i/4
_
R
0
dte
it
2
. (5.7)
Daltra parte,
[I
2,R
[
_
/4
0
dt [f(
2,R
(t)[[
2,R
(t)[
= R
_
/4
0
dt e
R
2
cos(2t)
=
R
2
_
/2
0
dt e
R
2
cos(t)
. (5.8)
Osservando che per 0 t /2 vale cos(t) 1 2t/ (v. Fig.5.4),
[I
2,R
[
R
2
e
R
2
_
/2
0
dt e
2R
2
t/
=

4R
e
R
2
(e
R
2
1) .
Dunque,
lim
R
I
1,R
=

2
, lim
R
I
2,R
= 0 ,
Allora da (5.5) segue che
I = e
i/4
lim
R
I
3,R
=

2
4
(1 i) .
5.2 Primitive di una Funzione Olomorfa.
Denizione 48: Sia f : D C una funzione continua. Se dice primitiva di f in D ogni
funzione F : D C olomorfa, tale che F

(z) = f(z), z D.
Proposizione 11: Se f : D C ha una primitiva F : D C, allora le primitive di f sono
tutte e sole le funzioni F +c, c C.
Dim.: ricalca la dimostrazione della prop.10.
Teorema 28: (Teor. Fondamentale del Calcolo) Se f : D C ha una primitiva F : D
C, allora, per ogni curva regolare in D :
_

dz f(z) = F(z

) F(z

)
5. Il Teorema Integrale di Cauchy, e le sue conseguenze. 45
Im(z)
Re(z)
0
/4
R

3

y=12x/
/2
y=cos(x)
Fig. 5.4: Ad illustrazione del calcolo dellIntegrale di Fresnel.
dove z

e z

sono gli estremi di . In particolare,


_

dz f(z) = 0
per ogni curva chiusa e regolare in D.
Dim.: Sia : [0, 1] D e z

= (0), z

= (1).
_

dz f(z) =
_
1
0
dt F

((t)) (t) (5.9)


=
_
1
0
dt
d
dt
F((t)) = F((1)) F((0)) (5.10)
= F(z

) F(z

) , (5.11)
dove si e fatto uso del Teor. sulla derivata della funzione composta.
Teorema 29: 1. Se f : D C e dotata di primitiva, allora e olomorfa in D;
2. Se f : D C e olomorfa e D e semplicemente connesso, allora f e dotata di primitiva in D.
Dim.: (1) si vedr a in seguito che la derivata di una funzione olomorfa e a sua volta una funzione
olomorfa (cf. Corollario 9).
(2) si ssi z
0
D a piacimento. Grazie al Teor. di Cauchy, comunque si prenda z D,
lintegrale
_

dz f(z) assume lo stesso valore su qualunque cammino in D di estremi z


0
e
z. Ne segue che i campi V e W deniti in (5.2) sono conservativi, e pertanto ammettono
potenziali (x, y) e (x, y) in D. Dalle (5.2) segue immediatam. che la funzione F(x + iy) =
(x, y) + i(x, y) e olomorfa, e verica F

(z) = f(z).
Nota 12: Lipotesi che D sia sempl. connesso e cruciale: v. lesercizio che segue. Tuttavia non e una
condizione necessaria, v. leserc.42.
5. Il Teorema Integrale di Cauchy, e le sue conseguenze. 46
Esercizio 41: Si mostri che la funzione f(z) = 1/z, che e olomorfa su D = C 0, non ha primitive in D.(
Il campo W denito da questa funzione e lo stesso dellEsercizio 35...)
Vista la Proposizione 3, lultimo esercizio non fa che riasserire il fatto, gia noto, che non si puo
denire una branca del logaritmo in D. In ogni dominio in cui 1/z ammette una primitiva,
questa e, a meno di una costante addittiva, una branca del logaritmo in quel dominio (v. il
Corollario 3.).
Esercizio 42: Calcolare
I =
_

dz (z a)
n
per n Z, a C ssato, e una curva chiusa, semplice, reg. a tratti tale che a / .
Soluzione: se n ,= 1 allora F(z) = (n + 1)
1
(z a)
n+1
e una primitiva di (z a)
n
(v. Sezione 3.2) (cio e
vero anche se n < 1, anche se il dominio di (z a)
n
in quel caso non e semplicem. connesso). Dunque I = 0
grazie al Teor.28, perche gli estremi della curva chiusa coincidono. Se n = 1 , si puo trovare R > 0 in modo
che B
R
(a) Int(). Allora dallesercizio 34 e dal Corollario 6 al Teor. di Cauchy segue I = 2i se la curva e
orientata positivamente.
5.3 La Formula Integrale di Cauchy.
5.3.1 Integrali del tipo di Cauchy.
Sia una curva chiusa, semplice e regolare in C. Sia inoltre : C una funzione continua.
Per m intero positivo, e per z C , deniamo
F
m
(z) =
1
2i
_

dz

(z

)
(z

z)
m
. (5.12)
Teorema 30: F
m
(z) e olomorfa in C , e la sua derivata e:
F

m
(z) = m F
m+1
(z) ;
Dunque, m, F
m
(z) ammette derivate di tutti gli ordini.
Dim.: per prima cosa dimostreremo che F
m
(z) e una funzione continua, sia nel dominio interno,
che in quello esterno a . Siano dunque z e z + h ambedue nel dom. interno o ambedue in
quello esterno.
F
m
(z +h) F
m
(z) =
1
2i
_

dz (z

)
_
1
(z

z h)
m

1
(z

z)
m
_
. (5.13)
Ora utilizziamo un risultato di algebra elementare, a proposito della scomposizione di un
polinomio in fattori:
5. Il Teorema Integrale di Cauchy, e le sue conseguenze. 47
Esercizio 43: Si mostri che a, b C e per ogni intero n 1 vale:
a
m
b
m
= (a b)
m

k=1
a
mk
b
k1
.
( Se il membro sin. viene riguardato come un polinomio nella variabile a, allora a = b e uno zero; dunque
il polinomio si divide per a b, p. es. mediante la regola di Runi. Oppure la tesi puo essere provata per
induzione su n.)
Questo permette di scrivere, dopo una semplice manipolazione,
F
m
(z + h) F
m
(z) = h
1
2i
m

k=1
_

dz

(z

)
1
(z

z h)
mk+1
(z

z)
k
(5.14)
Siccome z C , che e un insieme aperto, per qualche > 0 risulta [z z

[ , z

.
Inoltre [z

z h[ [[z

z[ [h[[ e quindi se [h[ < /2 allora [z

z h[ > [ /2[ = /2.


Insomma, per [h[ abbastanza piccolo, risulta, usando la maggiorazione di Darboux (4.5),

dz

(z

)
1
(z

z h)
mk+1
(z

z)
k

()2
mk+1

1m
max[(z

)[ [ z

,
Cio mostra che ognuno degli integrali nella (5.14) si mantiene limitato quando h 0; ne
consegue che per h 0 la (5.14) tende a 0, e quindi F
m
(z) e una funzione continua.
Ora la (5.14) si puo riscrivere:
F
m
(z + h) F
m
(z)
h
=
m

k=1
1
2i
_

dz

k
(z

)
1
(z

z h)
mk+1
, (5.15)
dove

k
(z

) =
(z

)
(z

z)
k
.
Ognuna di queste funzioni
k
(z

) e continua su , e percio, se la si sostituisce alla nella (5.12),


ciascun termine nella somma nel membro destro della (5.15) e del tipo (5.12). Il risultato appena
provato mostra che esso e continuo come funzione di h, dunque ammette limite per h 0, e
questo limite e eguale al valore che si ottiene sostituendo h = 0. Ne discende che
lim
h0
F
m
(z + h) F
m
(z)
h
=
m
2i
_

dz

(z

)
(z

z)
m+1
= mF
m+1
(z) .

Denizione 49: Lintegrale (5.12) con m = 1 si dice lintegrale del tipo di Cauchy asso-
ciato alla curva e alla densita .
Esercizio 44: Si calcoli lintegrale del tipo di Cauchy associato ad una curva chiusa, semplice e regolare ,
quando = 1 su . (Risposta: F
1
(z) = 1 nel dominio interno, e F
1
(z) = 0 nel dominio esterno.)
Lesercizio precedente illustra il fatto importante che, pur essendo olomorfa sia nel dominio
interno sia in quello esterno, la funzione denita da un integrale del tipo di Cauchy e in generale
discontinua attraverso la linea .
5. Il Teorema Integrale di Cauchy, e le sue conseguenze. 48
5.3.2 Formula Integrale di Cauchy.
Teorema 31: Sia f : D C olomorfa nel dominio D semplicem. connesso, e sia una curva
chiusa, semplice e regolare in D. Per ogni z Int() risulta:
f(z) =
1
2i
_

dz

f(z

)
z

z
. (5.16)
Dim.: Fissiamo z Int(). Per abbastanza piccolo, la palla B

(z) Int(). Sia

la curva
chiusa sempl. e regolare sulla sua frontiera . Il dominio Int()Int(

) e un dominio standard 2
volte connesso, in cui la funzione (di z

) f(z

)(z

z)
1
e olomorfa; pertanto, usando il Corollario
6 del teor. di Cauchy, risulta:
1
2i
_

dz

f(z

)
z

z
=
1
2i
_

dz

f(z

)
z

z
. (5.17)
Usando il risultato dellesercizio 34,
1
2i
_

dz

f(z

)
z

z
=
1
2i
_

dz

f(z

) f(z)
z

z
+ f(z) . (5.18)
Inoltre, ricordando che per z

risulta [z

z[ = ,

dz

f(z

) f(z)
z

2
1
max[f(z

) f(z)[ [ z

= 2 [f(z

) f(z)[ , (5.19)
dove z

= z

e un punto di

in cui la funzione di z

: [f(z

) f(z)[, continua su

. assume
il valore massimo. Se 0, z

tende a z e quindi lultima espressione in (5.19) tende a 0.


Questo fatto, assieme a (5.18) e a (5.17), prova la tesi.
Corollario 8: Una funzione olomorfa allinterno di una curva chiusa, semplice e regolare e
univocamente individuata dai valori che essa assume sulla curva stessa.
Corollario 9: Se f : D C e olomorfa nel dominio D allora ivi e regolare ed anzi indenita-
mente derivabile.
Dim.: Qualunque z D e interno ad una curva chiusa, sempl. e regolare in D. Il Teorema
precedente mostra che, allinterno di ogni tale curva, f(z) coincide con lintegrale del tipo di
Cauchy F
1
(z) associato alla curva scelta, e alla densita f su questa curva. Grazie al Teor.30, f
ammette derivate di tutti gli ordini.
Grazie a questo risultato, dora in poi laggettivo regolare scompare denitivamente.
Corollario 10: Nelle stesse ipotesi del Teor.31, per ogni intero n risulta:
f
(n)
(z) =
n!
2i
_

dz

f(z

)
(z

z)
n+1
. (5.20)
5. Il Teorema Integrale di Cauchy, e le sue conseguenze. 49
La Formula di Cauchy ammette anche la seguente formulazione piu generale:
Teorema 32: Se D e un dominio standard (n+1)-volte connesso, e f(z) e una funzione olomorfa
in D, allora per ogni z D vale la formula (5.16) a patto di rimpiazzare lintegrale su con
lintegrale sul contorno completo di D (vedi la deniz.47). Ossia:
f(z) =
1
2i
__

1
. . .
_

n
_
dz

f(z

)
z

z
.
Dim. Sia D

il dominio ottenuto escludendo da D un disco centrato in z, di raggio abbastanza


piccolo da essere contenuto interamente in D. Se

denota la curva chiusa semplice e regolare


sulla frontiera del disco, allora, per la formula di Cauchy:
f(z) =
1
2i
_

dz

f(z

)
z

z
. (5.21)
Daltra parte, f(z

)/(z

z) e olomorfa, come funzione di z

, nel dominio chiuso D

, che e un
dominio standard (n +2)-volte connesso; pertanto il suo integrale sul contorno completo di D

si annulla, grazie al Teorema di Cauchy, nella versione 7. Assieme allequazione (5.21), cio
porta direttamente alla tesi.
Esercizio 45: Servendosi della formula di Cauchy, calcolare lintegrale
_

dz sin(z)(4 + z
2
)
1
, dove (t) =
i

2 + exp(2it) per 0 t 1. (Risp.:i(/4) sinh(2)).


Esercizio 46: Posto, per t [0, 1],
a
(t) = cos(t)+ia
1
sin
2
(t), si dica quali e quanti valori distinti assume
lintegrale
_

a
dz
1
1 + z
2
al variare di a in ]0, +[. (Risp.: i valori sono /2. V. la Fig. 5.5).
5.3.3 Funzioni Armoniche.
Se f e olomorfa nel dominio D, allora, grazie al corollario 9 della Formula Integrale di Cauchy,
la sua parte reale u(x, y) e la sua parte immaginaria v(x, y) ammettono derivate di tutti gli
ordini in D, cioe sono funzioni di classe C

. Allora si puo derivare la prima delle condizioni di


Cauchy-Riemann (3.5) rispetto ad x, e la seconda rispetto ad y; sommando membro a membro
le due equazioni cosi ottenute si trova

2
x
u +
2
y
u = 0.
Derivando invece la prima (3.5) rispetto ad y e la seconda rispetto ad x, e sottraendo i risultati,
si trova

2
x
v +
2
y
v = 0.
Denizione 50: Si chiama Laplaciano n-dimensionale loperatore dierenziale:

n
=

2
x
2
1
+

2
x
2
2
+ . . . +

2
x
2
n
.
5. Il Teorema Integrale di Cauchy, e le sue conseguenze. 50
Denizione 51: Una funzione u(x
1
, x
2
, . . . x
n
) denita su un dominio D in R
n
, e dotata di
derivate parziali del 2 ordine continue, si dice una funzione armonica in D se in D verica
la equazione di Laplace:

n
u(x
1
, x
2
, . . . x
n
) = 0 .
Teorema 33: (1) La parte reale u e la parte immaginaria v di una funzione f : D C olomorfa
sono funzioni armoniche in D. Se due funzioni armoniche in un dominio piano vericano le
condizioni (3.5) di Cauchy-Riemann, allora vengono dette armoniche coniugate.
(2) Se u(x, y) e una funzione armonica in un dominio D semplicem. connesso, allora esistono
funzioni v(x, y) armoniche in D che sono coniugate ad u. Esse dieriscono luna dallaltra per
una costante, e per ciascuna di esse risulta che f(z) u(x, y)+iv(x, y) e una funzione olomorfa
in D.
(3) se una funzione u(x, y) e armonica in un dominio D R
2
, allora e di classe C

.
Dim.: (1) e una immediata conseguenza delle denizioni. Quanto a (2): nota u(x, y), deniamo
il campo vettoriale in D:
V
1
(x, y) =
y
u(x, y) , V
2
(x, y) =
x
u(x, y) .
grazie al fatto che u(x, y) e armonica, questo campo e irrotazionale in D:

y
V
1
(x, y)
x
V
2
(x, y) =
2
u(x, y) = 0 .
Allora esso ammette potenziale in D perche D e sempl. connesso. Detto v(x, y) un potenziale,
risulta per denizione
V
1
(x, y) =
x
v(x, y) =
y
u(x, y) , V
2
(x, y) =
y
v(x, y) =
x
u(x, y) .
quindi u+iv e olomorfa. Di conseguenza, la sua parte immaginaria v e armonica; inoltre, tanto
u che v sono di classe C

grazie allosservazione fatta in apertura di questa sezione.


Nota 13: La proprieta (3) e vera per funzioni armoniche in dimensione n arbitraria.
Esercizio 47: Determinare i numeri , R in modo che la funzione v(x, y) = sin(xy) exp(x
2
+ y
2
) sia
la parte immaginaria di una funzione intera.
5.3.4 Principio del Massimo Modulo.
Teorema 34: Sia f olomorfa in D sempl. connesso, e una curva chiusa semplice e regolare
in D. Posto M max[f(z)[ [ z , risulta [f(z)[ M , z Int(). In altre parole, [f(z)[
assume il suo valore massimo sul contorno del dominio in cui f e olomorfa.
Dim.: per n intero arbitrario, f(z)
n
e olomorfa in D e quindi vale anche per essa la formula di
Cauchy: dato z Int(),
f(z)
n
=
1
2i
_

dz

f(z

)
n
z

z
.
5. Il Teorema Integrale di Cauchy, e le sue conseguenze. 51
Esiste > 0 tale che per ogni z

risulti [z

z[ ; pertanto, usando la maggiorazione di


Darboux nella formula appena scritta,
[f(z)[
n

()M
n
2
,
ossia
[f(z)[ M
_
()
2
_1
n
.
Cio vale per ogni intero n e quindi si puo prendere il limite per n . In tal modo il fattore
di M nellultima diseguaglianza tende a 1 e si trova il risultato cercato.
5.3.5 Teorema di Liouville.
Teorema 35: Se una funzione intera e limitata, allora e costante. Ossia: se f : C C e una
funzione intera, ed M tale che [f(z)[ < M per ogni z C, allora f(z) =cost.
Dim.: Dato z ad arbitrio, si consideri un cammino circolare
R
semplice e regolare descritto sul
cerchio di centro z e raggio R > 0. Dalla formula (5.20) con n = 1:
f

(z) =
1
2i
_

R
dz

f(z

)
(z

z)
2
.
Usiamo la maggiorazione di Darboux, tenendo presente che [z

z[ = R sul cammino, e che


[f(z

)[ < M ovunque:
[f

(z)[
(
R
)M
2R
2
=
M
R
Poiche R > 0 e arbitrario, deve essere f

(z) = 0, e poiche z e anchesso arbitrario la derivata


di f si annulla dovunque; donde la tesi.
Applicazione: il Teorema Fondamentale dellAlgebra.
Questo famoso teorema asserisce che qualunque polinomio di grado n > 0:
P
n
(z) = a
0
+ a
1
z +. . . +a
n
z
n
, (a
n
,= 0)
si annulla in almeno un punto z C. Verr a qui dimostrato per mezzo del teor. di Liouville,
al ne di illustrarne la utilita. Supponiamo, per assurdo, che P
n
(z) ,= 0, z C. Allora
Q(z) 1/P
n
(z) e una funzione intera, perche il polinomio e una funzione intera. Per z ,= 0
possiamo scrivere:
Q(z) =
1
z
n
1
a
n
+ a
n1
1
z
+. . . +
a
0
z
n
da cui, ricordando lEserc.25, si vede che lim
z
Q(z) = 0. Dunque esiste R tale che allesterno
di B
R
(0) valga [Q(z)[ < 1. Daltra parte in B
R
(0) la funzione continua [Q(z)[ ammette massimo;
sia esso M. Se M

e il maggiore fra M ed 1, allora [Q(z)[ e ovunque limitata da M

e quindi,
per il Teor. di Liouville, Q(z) =cost., che porta allassurdo P
n
(z) =cost.
5. Il Teorema Integrale di Cauchy, e le sue conseguenze. 52
Esercizio 48: Sia f(z) analitica in [z[ 1, tale che f

(0) = i. Provare che esiste un punto z


0
tale che
[z
0
[ = 1/2 e 2[f(z
0
)[ 1. (Si scriva la formula di Cauchy (10) per la derivata prima, usando un cammino sulla
circonf. [z[ = 1/2; si usi poi la maggioraz. di Darboux.) (Feb. 2008)
Esercizio 49: Sia f(z) olomorfa in B
1
(0), e tale che [f(z)[ assuma il valore minimo in z = 0. Provare che
f(0) = 0.(f(z) deve avere annullarsi in qualche punto. Altrimenti 1/f(z) sarebbe olomorfa in B
1
(0); ma il
massimo del modulo di questa funzione si registra in z = 0, contro il principio del max. modulo) (Apr 2002).
Esercizio 50: Si dica se esiste f(z) analitica in B
1
(0), tale che [f(z)[ 1, e f

(1/2) = 5.
Esercizio 51: Trovare i punti di massimo di [e
z
2
[ in B
1
(i).
Esercizio 52: Posto g(x, y) =
_
x
2
+ y
2
exp(x
2
y
2
) e z = x+iy, si dica se esiste una funzione intera tale
che [f(z)[ = g(x, y), z C.
5. Il Teorema Integrale di Cauchy, e le sue conseguenze. 53
1 1
i

3/2

2
Fig. 5.5: Cammini per lEsercizio 46.
6. FUNZIONI ANALITICHE.
6.1 Serie di Funzioni Olomorfe.
6.1.1 Convergenza Uniforme.
Sia un insieme arbitrario e per ogni intero n sia f
n
: C una funzione a valori complessi
denita su . Si dice che la successione f
n
converge alla funzione limite f

: C nel senso
puntuale (cioe, punto per punto) se, per ogni punto , risulta che la successione di numeri
complessi f
n
() data dai valori che le funzioni f
n
assumono nel punto e convergente, ed
ha per limite il valore f

() che la funzione f

assume nel punto .


Cio equivale a dire, che comunque si prenda > 0, ed un punto , si potra trovare un
intero n
,
in modo che [f
n
() f

()[ < ogni volta che n > n


,
. Conveniamo che, in ogni
caso, n
,
denoti il pi u piccolo intero con questa proprieta , e notiamo che, in generale, esso
dipendera sia da che da .
Esempio 1: Sia =]0, 1[ e sia f
n
la funzione denita da f
n
() =
n
per ogni ]0, 1[. Questa
successione di funzioni converge puntualmente, e il suo limite e la funzione identicam. nulla su ]0, 1[.
Se si vuole che [f
n
() f

()[ = f
n
() =
n
< per ogni n > n
,
, si dovra prendere n
,
almeno
maggiore di ln()/ ln(), che e un numero tanto pi u grande, quanto pi u e vicino a 1. Comunque si
ssi 0 < < 1, questo numero assume valori arbitrariamente grandi al variare di in ]0, 1[.
Denizione 52: Si dice che la successione delle f
n
converge uniformemente alla funzione
limite f

se, per ogni > 0, n


,
si mantiene limitato al variare di .
In maniera equivalente si potra dire che:
Denizione 53: La convergenza e uniforme se : denendo, per ogni n ssato,
n
sup[f
n
()
f

()[, risulta lim


n

n
= 0.
E evidente che la successione f
n
introdotta nellEsempio precedente non e uniformemente
convergente.
Se e uno spazio metrico, vale il seguente
Teorema 36: Se le funzioni f
n
: X C sono continue, e convergono uniformemente a una
funzione limite f

, allora anche questa funzione e continua.


Dim.: v. Complementi.
6. Funzioni Analitiche. 55
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9 1
0
2
4
6
8
10
12
14
16
18
20
22
Fig. 6.1: Illustrazione dellesempio 2: le funzioni f
5
(x),f
10
(x), f
20
(x).
Esempio 2: Sia = [0, 1], e si consideri la successione di funzioni illustrate nella Figura 6.1:
f
n
(x) = 0 per 0 x 1/2, 1/2 + 2/n x 1 ,
f
n
(x) = n n
2
[x 1/2 1/n[ per 1/2 x 1/2 + 2/n . (6.1)
La funzione f
n
(x) e continua, nulla ovunque, salvo nellintervallo di lunghezza 2/n che ha il primo
estremo nel punto x = 1/2. Nella prima meta di questo intervallo essa cresce linearmente da 0 ad n,
e nella seconda meta decresce linearmente da n a 0.
Questa successione converge alla funzione identicamente nulla, ma in modo vistosamente non-uniforme
(
n
= n !!).
Passaggio al limite, sotto il segno di integrale.
Si incontra molto spesso un problema che, in termini vaghi, si puo formulare cosi: e possibile
scambiare le operazioni di limite e di integrale? Rifacendoci allesempio precedente, osserviamo che,
per ogni n,
_
1
0
dxf
n
(x) = 1, e quindi
lim
n
_
1
0
dx f
n
(x) = 1 ,=
_
1
0
dx f

(x) = 0 .
Dunque la convergenza puntuale, da sola, non basta a concludere che lintegrale del limite e eguale
al limite degli integrali. Verra ora mostrato che la convergenza uniforme, invece, e una condizione
suciente (ma non necessaria: v. il primo esempio sopra). Vale infatti la seguente Proposizione, che
include anche il caso di funzioni reali integrate su un intervallo limitato della retta, ma e pi u generale:
Proposizione 12: Sia una curva regolare in C, e siano f
n
: C funzioni continue su .
Se la successione f
n
converge uniformemente in ad una funzione f

, allora:
_

dz f

(z) = lim
n
_

dz f
n
(z) .
6. Funzioni Analitiche. 56
Dim.:

dz f
n
(z)
_

dz f

(z)

dz [f
n
(z) f

(z)]

() max[f
n
(z) f

(z)[ [ z , (6.2)
e il massimo che gura allultimo membro tende a 0, per denizione di conv. uniforme.
Una serie

0
f
n
di funzioni f
n
: C su uno insieme arbitrario si dice puntualmente
(risp.: uniformemente) convergente, se la successione s
n
delle somme ridotte s
n
()

n
0
f
n
e
puntualmente (risp., uniformemente) convergente. Tutte le proprieta discusse per le successioni
di funzioni si trasferiscono immediatamente alle serie di funzioni. Vale il seguente criterio:
Teorema 37: (Il Criterio di Weierstrass) Sia data una serie

0
f
n
di funzioni f
n
: C.
Se si puo trovare una serie numerica

0
c
n
, a termini positivi, e convergente, in modo che per
ogni n risulti [f
n
()[ c
n
. , allora la serie

0
f
n
e assolutamente e uniformemente
convergente.
Dim. se vale la condizione enunciata, allora per ogni la serie

0
f
n
() converge
assolutamente, grazie al Criterio del Confronto. Sia S() la sua somma nel punto .
Allora:
[s
n
() S()[ =

k=n+1
f
k
()

k=n+1
[f
k
()[

k=n+1
c
k
. (6.3)
Lultima somma si puo rendere minore di qualunque > 0 pressato, prendendo n grande a
sucienza, indipendentemente da .
6.1.2 Teorema di Weierstrass.
Teorema 38: Se per ogni n intero f
n
: D C e una funzione olomorfa nel dominio chiuso
D , e la successione f
n
(z) converge uniformemente in D, allora la funzione limite f

(z) e
olomorfa in D. Inoltre, per ogni m e ogni z D risulta:
f
(m)

(z) = lim
n
f
(m)
n
(z) . (6.4)
Dim.: sia a D, sia > 0 tale che B

(a) D, e sia una curva chiusa semplice e regolare


tracciata sulla frontiera di B

(a). Siccome f

e limite uniforme di una successione di funzioni


continue su D, e essa stessa continua in tutto D, e in particolare su . Quindi puo essere usata
come densita su per denire in B

(a) un integrale del tipo di Cauchy:


g(z) =
1
2i
_

dz

(z

)
1
z

z
.
6. Funzioni Analitiche. 57
cosicche, per le proprieta degli integrali del tipo di Cauchy:
g
(m)
(z) =
m!
2i
_

dz

(z

)
1
(z

z)
m+1
. (6.5)
Dato che ogni f
n
e olomorfa, le si puo applicare la formula integrale di Cauchy: per ogni intero
m,
f
(m)
n
(z) =
m!
2i
_

dz

f
n
(z

)
1
(z

z)
m+1
. (6.6)
Notiamo che [z

z[ [[z

a[ [z a[[ = [ [z a[[ quando z

; quindi (z

z)
m1
e una funzione limitata su . Dunque per n lintegrando in (6.6) tende allintegrando in
(6.5) uniformemente su , e cosi si puo concludere che:
lim
n
f
(m)
n
(z) = g
(m)
(z) . (6.7)
In particolare, ponendo m = 0,
f

(z) = lim
n
f
n
(z) = g(z)
per ogni z B

(a); ma g(z), essendo denita da un integrale del tipo di Cauchy, e olomorfa in


B

(a) e in a in particolare, e quindi lo stesso e vero per f

(z), che coincide con g(z) nellintorno


di a. Siccome a e arbitrario in D, f

e olomorfa in D. Inne, sostituendo f

a g(z) in (6.7)
per m arbitrario si ottiene la (6.4).
6.2 Sviluppi in Serie di Potenze.
6.2.1 Richiamo : il Criterio della Radice.
Teorema 39: Se x
n
e una successione reale, esiste un reale M ed uno solo, (eventualmente
) tale che: x
n
e denitivamente minore di qualunque M

> M; ed e frequentemente maggiore


di qualunque M

< M. Questo numero si dice il limite superiore della successione, e si denota


lim x
n
oppure limsup x
n
.
Dim.: se un numero siatto esiste, allora deve essere unico. Infatti, se M
1
ed M
2
avessero la
proprieta enunciata, e M
1
> M
2
, allora la successione dovrebbe essere denitivam. minore di
(M
1
+M
2
)/2 > M
2
, e allo stesso tempo dovrebbe essere frequentem. maggiore di (M
1
+M
2
)/2 <
M
1
, il che e impossibile. Se la successione e superiormente illimitata, deniamo M = +. Se
invece e superiormente limitata, deniamo, per ogni n intero positivo :
s
n
= sup x
k
[ k n
Questa successione s
n
e monotona non crescente, dunque ammette limite, oppure diverge a
. Nellultimo caso si pone M = . Altrimenti, si pone
M = lim
n
s
n
.
Si verica subito che M cosi denito ha la proprieta enunciata.
6. Funzioni Analitiche. 58
Esercizio 53: Provare che se la successione x
n
converge allora limsup x
n
= limx
n
.
Denizione 54: Per z C, la serie geometrica di ragione z e la serie:

0
z
n
.
E noto, e comunque facile da provare, che essa converge se e solo se [z[ < 1, nel qual caso la
sua somma e (1 z)
1
.
Teorema 40: (Il Criterio della Radice): Sia

0
c
n
una serie numerica a termini positivi;
e sia M =limsup
n

c
n
. Se M < 1 la serie converge, e se M > 1 la serie diverge.
Dim.: Se M < 1 allora si prenda con M < < 1. Dalla denizione di limsup discende subito
che c
n
<
n
denitivamente, ed essendo
n
il termine n-mo di una serie geometrica convergente,
la serie data converge grazie al criterio del confronto. Se, viceversa, M > 1, allora, sempre
per la denizione di limsup , risulta c
n
> 1 frequentemente, e quindi la serie non converge.
6.2.2 Serie di Potenze.
Le serie di potenze sono serie di funzioni su C di un tipo particolare. Esse hanno la forma:

n=0
c
n
(z a)
n
, (6.8)
dove a e i coecienti c
n
sono numeri complessi assegnati, indipendenti dalla variabile z. Il
punto a si dice il centro della serie di potenze. Notiamo che una serie di potenze converge
sempre nel suo centro (cioe per z = a).
Lemma 1: Se una serie di potenze (6.8) converge in un punto z
0
,= a, allora converge assolu-
tamente e uniformemente in ogni cerchio chiuso B
R
(a) con 0 < R < [z
0
a[.
Dim.: la serie (6.8) con z = z
0
converge il suo termine n-mo tende a zero esiste una
costante A > 0 tale che [c
n
(z
0
a)
n
[ < A, n. Se z B
R
(a), e 0 < R < [z
0
a[, allora, per
ogni n:
[c
n
(z a)[
n
= [c
n
(z
0
a)
n
[[z a[
n
[z
0
a[
n
< A
_
R
[z
0
a[
_
n
.
Lultima espressione a destra e il termine n-mo di una serie numerica convergente; il Lemma e
quindi provato grazie al criterio di Weierstrass.
Denizione 55: Si dice raggio di convergenza della serie di potenze (6.8) il numero reale R
denito da
1
R
= limsup
n
_
[c
n
[ ,
intendendo che R = 0 se il limsup nel membro di destra e +, e che invece R = + se il
limsup vale 0.
La ragione di questa denizione e chiarita dal seguente:
6. Funzioni Analitiche. 59
Teorema 41: la serie di potenze (6.8) converge, oltre che in z = a, in ogni punto z B
R
(a), e
non converge in alcun punto z B
R
(a)
c
. Il cerchio B
R
(a) si dice il cerchio di convergenza
della serie.
Dim.: Se R > 0 allora si applichi il Criterio della Radice (Teor. 40) alla serie a termini positivi

0
[c
n
(z a)
n
[. Dato che:
limsup
n
_
[c
n
(z a)
n
[ = limsup [z a[
n
_
[c
n
[ =
[z a[
R
,
il Criterio della Radice mostra che la serie di potenze converge assolutam. se [z a[ < R
. Qualunque sia R 0, se la serie convergesse in un punto z
0
con [z
0
a[ > R allora, per
il Lemma 1 essa convergerebbe assolutamente in ogni punto z
1
con R < [z
1
a[ < [z
0
a[
; ma questo e escluso dal criterio della Radice. Infatti
n
_
[c
n
(z
1
a)
n
[ >
n
_
[c
n
[R
n
e quindi
limsup
n
_
[c
n
(z
1
a)
n
[ > Rlimsup
n
_
[c
n
[ > 1.
Teorema 42: Se R > 0, allora la somma della serie di potenze denisce una funzione S(z)
olomorfa in B
R
(a). Le derivate di S(z) si possono calcolare derivando termine a termine la
serie di potenze; p.es.,
S

(z) =

n=1
n c
n
(z a)
n1
.
Di conseguenza, per ogni n intero,
S
n
(a) = n! c
n
. (6.9)
Dim.: dato che f
n
(z) = c
n
(z a)
n
e una funzione intera per ogni n, la tesi e una immediata
conseguenza del Lemma 1, e del teorema 38.
Un corollario diretto e il Principio di Identita delle Serie di Potenze;
Teorema 43: Se le somme di due serie di potenze di centro a coincidono in un intorno di a,
allora le due serie sono la stessa serie.
Dim. il teorema precedente (eq.(6.9)) mostra che tutti i coecienti di una serie di potenze, e
dunque la serie medesima, sono univocamente determinati dalle derivate della sua somma nel
centro.
Unaltra conseguenza, di grande utilita pratica, e la seguente:
Proposizione 13: Le serie di potenze si sommano e si moltiplicano come i polinomi, vale a
dire: se due serie di potenze

0
c
n
(z a)
n
e

0
b
n
(z a)
n
di centro a convergono in un
cerchio comune di centro a alle somme rispettive S(z) e T(z), allora in quel cerchio
S(z) + T(z) =

n=0
(c
n
+ b
n
)(z a)
n
,
S(z) T(z) =

n=0
d
n
(z a)
n
d
n
=
n

m=0
c
m
b
nm
. (6.10)
6. Funzioni Analitiche. 60
Cio puo vedersi usando la (6.9), oppure sfruttando la proprieta di convergenza incondizionata,
che hanno le serie assolutam. convergenti.
6.2.3 Sviluppi di un Integrale del tipo di Cauchy.
Teorema 44: Sia una curva chiusa semplice e regolare tracciata sul cerchio di centro a e
raggio R > 0. Sia : C una funzione continua, e sia F : C C la funzione olomorfa
denita nel complemento di dallintegrale del tipo di Cauchy (v. Def.49). Allora
F(z) =

n=0
c
n
(z a)
n
per [z a[ < R
F(z) =
+

n=1
c
n
(z a)
n
per [z a[ > R , (6.11)
dove, per ogni n Z,
c
n
= sgn(n)
1
2i
_

dz

f(z

)(z

a)
n1
. (6.12)
Dim.: dalla denizione di integrale del tipo di Cauchy,
F(z) =
1
2i
_

dz

(z

)
1
z

z
. (6.13)
Sia z Int(), cosi che [z a[ < R. Allora
1
z

z
=
1
z

a (z a)
=
1
z

a
1
1
za
z

a
,
Se z

allora [z

a[ = R e dunque [(z a[/[z

a[ = [z a[/R < 1; pertanto, lultima


frazione di destra si sviluppa in serie geometrica:
1
z

z
=
1
z

a
1
1
za
z

a
, =
1
z

n=0
_
z a
z

a
_
n
(6.14)
Per z ssato, questa serie converge uniformemente al variare di z

, perche la serie dei suoi


moduli e maggiorata termine a termine dalla serie il cui termine n-mo e
n
/R. La serie che si
ottiene moltiplicandola termine a termine per (z

) converge anchessa uniformemente perche


, essendo continua, e limitata su . Allora questultima serie puo essere sostituita nella (6.13),
ed integrata termine a termine. In questo modo, denendo
c
n
=
1
2i
_

dz

(z

)
1
(z

a)
n+1
, (6.15)
si trova direttamente la prima delle (6.11).
Se invece z e nel dominio esterno a , la (6.13) vale immutata, ma in luogo di (6.14) scriviamo:
1
z

z
=
1
z a
1
1
z

a
za
, (6.16)
6. Funzioni Analitiche. 61
che viene dallo scambio di z

e z in (6.14). Ora [z

a[/[z a[ = R/[z a[ < 1 per z

, sicche
si puo sviluppare lultima frazione in serie geometrica e procedere esattamente come prima,
salvo per lo scambio fra z

e z. Cosi si arriva direttamente alla seconda delle (6.11).


6.2.4 Sviluppo di Taylor.
Denizione 56: f : D C si dice analitica nel dominio D se e sviluppabile in serie di
potenze nellintorno di ogni punto a D; cioe se, comunque ssato a D, in tutto un cerchio
di centro a e raggio opportuno si puo scrivere
f(z) =

n=0
c
n
(z a)
n
(6.17)
dove i coecienti c
n
dipendono dal punto a ma non da z.
Teorema 45: f : D C e analitica in D, se, e solo se, e olomorfa in D.
Dim. Si e gia visto (Teor.42) che la somma di una serie di potenze e una funzione olomorfa
allinterno del cerchio di convergenza. Resta quindi da dimostrare che, se f e olomorfa in D,
allora e analitica in D. Se a D esiste tutta una palla di centro a e raggio R > 0, che e
contenuta in D. Allora, se chiamiamo la curva chiusa, semplice, e regolare sul cerchio di
centro a e raggio R, vale la formula Integrale di Cauchy (5.16); altrimenti detto, vale (6.13)
con f(z) in luogo di F(z) e f(z

) in luogo di (z

). Vale di conseguenza la prima delle (6.11),


il che dimostra la tesi presente, e anche la (6.15). Ricordando le equazioni (5.20), questultima
si puo anche scrivere:
c
n
=
f
(n)
(a)
n!
.
La serie (6.17) con i coecienti appena scritti si chiama la serie di Taylor della funzione
f(z) nel punto a.
Nota 14: Il cerchio in cui la serie di Taylor e stata ottenuta e assoggettato alla sola condizione di
essere contenuto in D, e cioe, che il suo raggio sia minore della distanza di a dalla frontiera del dominio
D in cui f e olomorfa, che e denita dal numero strettam. positivo d(a, D) infd(a, z) [ z D
c
.
Pertanto il raggio di convergenza della serie di Taylor di f(z) nel punto a non puo essere
minore di quella distanza.
Nota 15: Lo sviluppo (6.17) di una funzione analitica data in un punto assegnato e unico ; cio segue
per es. dal Principio di Identita per le Serie di Potenze (Teor.43) .
6.2.5 Serie Notevoli.
Sono gli sviluppi di Taylor delle cosiddette Funzioni Trascendenti Elementari:
6. Funzioni Analitiche. 62
La serie Esponenziale.
La funzione esponenziale e
z
e olomorfa ovunque,, dunque e analitica in tutto C, e pertanto il
suo sviluppo di Taylor in qualsiasi punto ha raggio di convergenza . Dato che tutte le sue
derivate sono eguali a e
z
, lo sviluppo nellorigine e :
e
z
=

n=0
1
n!
z
n
(6.18)
che e appunto nota come la serie esponenziale. Da esse si deducono, usando le denizioni
(1.2), la serie del Seno:
sin(z) =

n=0
(1)
n
(2n + 1)!
z
2n+1
(6.19)
e la serie del Coseno:
cos(z) =

n=0
(1)
n
(2n)!
z
2n
(6.20)
Tutte queste serie hanno raggio di convergenza .
La serie Logaritmica.
Nel dominio D = [z[ < 1 non e possibile girare attorno al punto z = 1, e quindi si
puo denire il logaritmo ln(1 + z) come funzione olomorfa. Ci riferiamo alla determinazione
principale, cioe alla branca che assume il valore 0 nellorigine. La derivata n-ma e (1)
n1
(n
1)!(1 + z)
n
, e quindi la serie di Taylor si scrive:
ln(1 + z) =

n=1
(1)
n+1
n
z
n
. (6.21)
Il raggio di convergenza di questa serie e 1.
Esercizio 54: Data la serie di potenze

n=1
2
n
n
(z 1)
n
,
si dica quale ne e il raggio di convergenza, e quale valore assume la sua somma nel punto z = 0. (Feb. 2007)
La serie Binomiale.
La funzione (1 + z)

e denita, per ogni complesso e per z ,= 1, da


(1 + z)

= e
ln(1+z)
,
e quindi presenta dierenti determinazioni distinte (perche tale e il comportamento del logar-
itmo), a meno che N. Nel cerchio unitario [z[ = 1 il ln(1 + z) puo essere denita come
6. Funzioni Analitiche. 63
funzione olomorfa, dunque, grazie alla regola per la derivata della funzione composta, lo stesso
e vero per questa funzione. Il calcolo diretto mostra che
d
n
dz
n
(1 + z)

[
z=0
= ( 1) . . . ( n + 1) , (6.22)
e quindi
(1 + z)

= 1 +

n=1
( 1) . . . ( n + 1)
n!
z
n
. (6.23)
Se non e un intero positivo, il raggio di convergenza e 1; infatti la funzione non e olomorfa in
z = 1. Se = m intero, tutti i coecienti a partire dall(m+1)-mo si annullano, e la serie si
riduce ad un polinomio: il Binomio di Newton. Il raggio di convergenza e in quel caso . Per
questa ragione la serie e detta serie Binomiale anche quando e un n. complesso arbitrario.
Esercizio 55: Provare (6.22) per induzione su n.
Esercizio 56: Scrivere lo sviluppo di Taylor di f(z) = 1/(z+2)
3
in z = i, e indicarne il raggio di convergenza.
(Lug. 2006)
7. SINGOLARITA E RESIDUI.
7.1 Punti Singolari Isolati.
Denizione 57: Si dice che a C e un punto singolare isolato per una funzione f(z), se essa
non e olomorfa in a, ma e olomorfa in B
R
(a) a per R > 0 opportuno.
Un esempio ovvio e il punto 0 per f(z) = 1/z. Nel seguito indichiamo il disco forato B
R
(a)
a con la notazione

B
R
(a). Il comportamento di una funzione nellintorno di un suo punto
singolare isolato viene analizzato mediante lo strumento che viene introdotto qui di seguito.
7.1.1 Sviluppo di Laurent.
Teorema 46: Siano a C, R > 0, ed f come nella Def.57. Per ogni z

B
R
(a) vale lo sviluppo
di Laurent:
f(z) =
+

n=
c
n
(z a)
n
, (7.1)
La serie a destra delleguale in (7.1) si chiama appunto serie di Laurent ed e denita come la
somma delle due serie
+

n=0
c
n
(z a)
n
,
+

n=1
c
n
1
(z a)
n
(7.2)
che si dicono rispettivamente la parte regolare e la parte singolare dello sviluppo di Laurent.
Per ogni n Z vale
c
n
=
1
2i
_

dz f(z)
1
(z a)
n+1
( n Z ) . (7.3)
dove e una qualunque curva chiusa, semplice, e regolare contenuta in

B
R
(a), orientata
positivamente, e avente il punto a nel suo dominio interno.
Dim.: sia z un arbitrario punto in

B
R
(a). Siano

e
R
cammini semplici e regolari tracciati
su due cerchi di centro a e raggi rispettivi e R

, con 0 < < [z a[ < R

< R. Le due curve


7. Singolarita e Residui. 65

,
R
delimitano un dominio standard 2 volte connesso (v. Def.46) nel quale la funzione f(z

)
e olomorfa; pertanto, grazie alla Formula di Cauchy nella versione del Teor.32,
f(z) =
1
2i
_
_

_
dz

f(z

)
z

z
.
Tutti e due gli integrali nel 2 membro sono del tipo di Cauchy. Applicando al primo di essi la
prima delle (6.11), ed al secondo la seconda delle (6.11) si ottiene:
f(z) =

n=0
c
n
(z a)
n
+
+

n=1
c
n
(z a)
n
, (7.4)
dove i coecienti c
n
sono dati dagli integrali (6.12) con il cammino di integrazione
R
quando
n 0, oppure con

quando n < 0. Ora il teor. di Cauchy assicura che tutti questi integrali
non cambiano, se queste curve vengono rimpiazzate da una qualunque curva , semplice e
regolare, interna a

B
R
(a) , e contenente a al suo interno.
Esercizio 57: Provare che lo sviluppo di Laurent e unico. Soluz.: si moltiplica (7.1) term. a term. per
(z a)
N1
con N intero scelto ad arbitrio. Si integra la serie cosi ottenuta term. a term. su (notando
la convergenza uniforme!) e in tal modo, ricordando leserc.42, si trova che i coecienti c
N
devono avere
necessariam. la forma (7.3).
7.1.2 Classicazione delle Singolarita Isolate.
Una singolarita isolata a per la funzione f(z) viene detta:
eliminabile, o apparente, se la parte singolare della serie di Laurent di f(z) e ridotta
a zero ; e cioe, se c
n
= 0, n < 0.
polare, o semplicemente un polo, se la parte singolare della serie di Laurent non e ridotta
a zero, ma consiste di un numero nito di termini; cioe, se c
n
= 0 denitivamente per
n +. Si dice ordine del polo lintero N 1 tale che c
N
,= 0 e c
n
= 0 n > N.
essenziale, se se la parte singolare della serie di Laurent consiste di un numero innito
di termini; cioe, se c
n
,= 0 frequentemente per n +.
Ciascuno dei tre tipi di singolarita e distinto da un comportamento caratteristico della funzione,
che verr a ora descritto in dettaglio.
Singolarita eliminabili.
Teorema 47: Sia a un punto singolare isolato per la funzione f(z). Le aermazioni seguenti
sono equivalenti:
(1) esiste il limite di f(z) per z a;
(2) esistono > 0 e M > 0 in modo che [f(z)[ < M, z

B

(a);
(3) a e una singolarita eliminabile.
7. Singolarita e Residui. 66
Dim.: Dimostremo che (1) (2) (3) (1).
(1) (2): se si pone l = lim
za
f(z) allora, per denizione di limite ( Def.15), si puo trovare una
palla B

(a) in modo che limmagine per f di



B

(a) sia contenuta in B


1
(l), e quindi (2) e vera
con M = 1 +[l[.
(2) (3): grazie a (7.3) per ogni n intero positivo si puo scrivere
c
n
=
1
2i
_

dz f(z) (z a)
n1
,
dove

e un cammino (chiuso, semplice , regolare) su un cerchio di centro a e raggio

arbitrario in (0, ). La maggiorazione di Darboux allora fornisce:


[c
n
[
1
2
(

) M (

)
n1
= M (

)
n
,
dunque c
n
= 0 perche n e positivo, e

e arbitrariam. piccolo.
3)(1): se la parte singolare dello sviluppo di Laurent e assente, allora, in un intorno di a, la
f(z) e data dalla somma di una serie di potenze convergente, di centro a, che e la parte regolare
dello sviluppo di Laurent. La somma di una serie convergente e una funzione olomorfa, dunque
continua, in ogni punto nel cerchio di convergenza, e pertanto ammette limite per z a.
Corollario 11: Sia a una singolarita eliminabile per f(z), olomorfa in B

a. Denendo:

f(z) = f(z) per z



B

(a), e

f(a) = l = lim
za
f(z), la funzione

f(z) risulta olomorfa in B

(a)
senza eccezioni.
Dim.: la funzione

f e precisamente la somma della parte regolare della serie di Laurent.
Esercizio 58: Provare che la funzione denita in D = z [0 < [z[ < 1 da
f(z) =
1
ln(1 + z)

1
z
con la determinazione principale del logaritmo, ha una singolarita eliminabile in z = 0. (Soluzione:
f(z) =
1
z
_
1
(z)
1
_
(7.5)
dove (z) = z
1
ln(1 + z). Ricordando la serie logaritmica,
(z) =
ln(1 + z)
z
=

n=0
(1)
n
n + 1
z
n
,
in D. Quindi (z) ha una singolarita eliminabile in z = 0, e denendo (0) = 1 risulta olomorfa anche nello
0. Dato che (0) = 1, la (7.5) assieme alla denizione di derivata mostrano che il limite di f(z) in 0 esiste, se
esiste la derivata di 1/(z) in z = 0. Essendo (z) olomorfa nellintorno di 0, e (0) = 1 ,= 0, 1/(z) e per
lappunto olomorfa in 0, e la sua derivata in 0 vale

(0)/(0)
2
= 1/2. Questo e dunque il limite di f(z) in
0.)
7. Singolarita e Residui. 67
Singolarita Polari.
Teorema 48: Sia a un punto singolare isolato di f(z). Le seguenti aermazioni sono equiv-
alenti:
(1) lim
za
f(z) = ,
(2) a e una singolarita polare,
(3) esiste un intero N > 0 tale che il limite l = lim
za
(z a)
N
f(z) esiste, diverso da 0 e da .
Questo intero e lordine del polo.
Dim.: Sia > 0 tale che f sia olomorfa in

B

(a). Se vale (1) allora si puo trovare


1
in modo
che [f(z)[ > 1 per z

B

1
(a), e quindi la funzione (z) 1/f(z) e olomorfa in z

B

1
(a);
inoltre, grazie a (1), il limite di (z) in a esiste e vale 0. Dunque, a e una singolarita eliminabile
per (z), che percio e sviluppabile in serie di Taylor nellintorno di 0:
(z) =

n=0
b
n
(z a)
n
,
per 0 [z a[ <
1
. Siccome il limite di in zero e nullo, bisogna che b
0
= 0. Sia allora N il
minimo intero per cui b
N
,= 0. Questo e un numero nito, o altrimenti sarebbe nulla in tutto
un intorno di a, contro la denizione = 1/f. Dunque, in 0 < [z a[ <
1
vale:
(z) = (z a)
N

n=0
b
n+N
(z a)
n
con b
N
,= 0. La somma della serie di potenze al secondo membro e una funzione (z) olomorfa
in 0 [z a[ <
1
, e (a) = b
N
,= 0. Dunque, dato che , essendo olomorfa, e continua, vale
(z) ,= 0 per ogni z in B

2
(a) per un opportuno
2

1
. Allora la funzione 1/(z) e olomorfa
in B

2
(a); quindi si sviluppa in serie di Taylor,
1
(z)
=

n=0
d
n
(z a)
n
e inoltre d
0
,= 0. Ne segue che, in B

2
(a),
f(z) =
1
(z)
=
1
(z a)
N

n=0
d
n
(z a)
n
=

n=0
d
n
(z a)
nN
. (7.6)
Lultima serie nel 2ndo membro e evidentemente lo sviluppo di Laurent di f(z) in a, e la sua
parte singolare contiene non pi u di N termini. Dunque, (1)(2).
Se vale (2) allora lo sviluppo di Laurent ha la forma (7.6) per un certo N > 0 con d
0
=,= 0.
Allora lim
za
(z a)
N
f(z) = d
0
. Quindi (2) (3). Inne, se vale (3), allora esiste > 0 in
modo che [(z a)
N
f(z)[ > l/2, e quindi [f(z)[ > l[z a[
N
/2, per ogni z

B

(a); e quindi
deve valere (1) perche lim
za
[z a[
N
= visto che N > 0.
7. Singolarita e Residui. 68
Singolarita Essenziali.
Se a e una sing. essenziale, allora non e ne eliminabile, ne polare, e quindi dai Teor.47 e 48
discende che una sing. isolata a e una singolarita essenziale se, e solo se, lim
za
f(z) non esiste,
ne nito, ne innito. Cio suggerisce un comportamento complicato per f(z) nellintorno di un
punto di singolarita essenziale.
Esercizio 59: Mostrare che z = 0 e una singolarita essenziale per la funzione f(z) = exp(1/z), scrivendone
la serie di Laurent.
Esercizio 60: Mostrare che, in un intorno arbitrariamente piccolo di z = 0 , la funzione f(z) = exp(1/z)
assume innite volte ogni valore complesso c ,= 0. (Risolvere direttam. leq. exp(1/z) = c, per c ,= 0 assegnato,
nellincognita z.)
Queste particolarita della funzione esponenziale sono condivise da tutte le funzioni che presen-
tano singolarita essenziali. Infatti vale il:
Teorema 49: (Teor. di Picard) Se a e una singolarita essenziale per f(z) allora in ogni
intorno di a la funzione f(z) assume innite volte ogni valore complesso, con leccezione, al pi u,
di uno solo.
Dim.: omessa.
7.1.3 Singolarita all Innito.
Per studiare il comportamento di una funzione f(z) a si osserva che nel piano complesso
esteso il cambiamento di variabile z w = 1/z scambia i punti 0 e ; pertanto, la natura della
singolarita che f(z) presenta a viene identicata con la natura della singolarita che viene
esibita in w = 0 dalla funzione g(w) = f(1/w). Percio si dice che z = e una singolarita
isolata per f(z), quando w = 0 e una sing. isolata per g(w), cioe se f(1/w) e olomorfa per
0 < [w[ < con > 0 opportuno. Cio equivale a dire, che f(z) e olomorfa per 1/ < [z[, cioe
fuori da una palla di raggio convenientem. grande. La serie di Laurent in w = 0 della funzione
g(w)):
g(w) =
+

n=
b
n
w
n
(7.7)
converge per 0 < [w[ < . Di conseguenza, per [z[ > 1/ vale
f(z) =
+

n=
c
n
z
n
, c
n
= b
n
. (7.8)
Questa serie si chiama la serie di Laurent di f(z) a . La parte singolare di questa serie
corrisponde alla singolare della serie (7.7), quindi stavolta e la parte che contiene le potenze di
z ad esponente positivo (strettamente).
7. Singolarita e Residui. 69
Stabilito cio, il tipo di singolarita a si decide nello stesso modo che per le singolarita isolate
ordinarie, e cioe: e una singolarita apparente, se la parte singolare della serie di Laurent a
e assente. E una singolarita polare, se la parte singolare consiste di un numero nito > 0 di
termini, e quindi e un polinomio nella variabile z; il grado del polinomio si chiama lordine del
polo a . E una singolarita essenziale, in tutti gli altri casi. Servendosi di questa denizione,
e facile vericare che tutte le proprieta che sono state provate per i punti singolari al nito
si trasferiscono inalterate al punto .
Proposizione 14: I coecienti della serie di Laurent (7.8) a della f(z) vericano, per ogni
m C,
c
n
=
1
2i
_

dz f(z)z
m1
, (7.9)
essendo un arbitrario cammino chiuso, sempl., e regolare, nel cui dominio esterno (chiuso)
f(z) e olomorfa.
Dim.: basta sostituire lo sviluppo (7.8) nel 2 membro di (7.9), e integrare termine a termine.

Esercizio 61: Quali sono le funzioni intere che ammettono limite (nito, o innito) per z ? (Feb. 2010)
Esercizio 62: Quanto vale il lim
z
exp(z
2
)?
Esercizio 63: Mostrare che sin(z) ha una singolarita essenziale a .
Esercizio 64: Trovare lo sviluppo di Laurent in z = 0 di exp(w(z1/z)/2), essendo w un arbitrario parametro
complesso. Soluzione: per ogni z ,= 0,
e
w(z1/z)/2
= e
wz/2
e
w/(2z)
=

k=0
_
w
2
_
k
1
k!
z
k

n=0
_
w
2
_
n
(1)
n
n!
z
n
=
+

m=
z
m
J
m
(w) (7.10)
Per ogni intero m, il coeciente J
m
(w) si trova moltiplicando il termine nmo della seconda delle due serie
esponenziali per il termine (n + m)-mo della prima, e sommando i risultati su n. Si ottiene, per m 0,
J
m
(w) =

n=0
(1)
n
n!(n + m)!
_
w
2
_
m+2n
. (7.11)
Osservando che lo scambio z 1/z accompagnato dal cambiamento di segno di w lasciano il 1 membro di
(7.10) invariato, si trova che, per m < 0,
J
m
(w) = J
m
(w) = (1)
m
J
m
(w) .
Esercizio 65: Mostrare che la serie di potenze della variabile w nel secondo membro di (7.11) ha raggio
di convergenza , e pertanto, come funzione della variabile w, ciascuna delle J
m
(w) e una funzione analitica
intera.
7. Singolarita e Residui. 70
Denizione 58: La funzione analitica intera della variabile complessa w denita dalla (7.11)
si chiama la funzione di Bessel di prima specie, e ordine intero m.
Le funzioni di Bessel verranno riprese in maggiore dettaglio nella Sezione 9.3.
Esercizio 66: Mostrare che per ogni m Z e per ogni w C vale:
J
m
(w) =
1
2
_
2
0
dt e
imt
e
iwsin(t)
.
( Si usino le eq.(7.3), scegliendo (t) = e
it
.)
7.2 Teorema dei Residui.
Denizione 59: Se a e un punto singolare isolato per la funzione f(z), si dice residuo di f in
a il coeciente c
1
dello sviluppo di Laurent di f(z) in a. Esso verr a denotato Res(f, a).
Proposizione 15: Sia > 0 tale che f sia olomorfa in

B

(a). Allora:
Res(f, a) =
1
2i
_

dz f(z) ,
dove e una qualunque curva chiusa, semplice, e regolare in B

(a), tale che a Int().


Dim.: direttamente dalla equazione (7.3).
Teorema 50: Sia D C un dominio, in cui una funzione f(z) e olomorfa, salvo per punti
singolari (poli, o singolarita essenziali) isolati. Sia una curva chiusa, semplice, e regolare in
D, tale che nessuna delle singolarita di f(z) giaccia in . Allora lintegrale di f(z) su e eguale
a 2i moltiplicato per la somma dei residui di f(z) in ciascuno dei punti singolari contenuti in
Int().
Dim.: Int() essendo un insieme limitato, contiene al pi u un numero nito di punti singolari
di f; se cosi non fosse, infatti, i punti singolari avrebbero un punto limite in Int(); e questo
sarebbe un punto singolare non-isolato di f, contro le ipotesi. Siano a
1
, . . . a
n
questi punti. Per
ogni a
j
si puo trovare un cammino circolare
j
di centro a
j
, la cui traccia e contenuta in Int().
Le curve ,
1
, . . .
n
delimitano un dominio standard (n + 1)-volte connesso e quindi:
_

dz f(z) =
n

j=1
_

j
dz f(z) = 2i
n

j=1
Res(f, a
j
) . (7.12)
La prima eguaglianza dal Corollario 6 al Teor. di Cauchy, e la seconda dalla Prop.15.
Unaltra versione del Teorema dei Residui prende in considerazione i punti singolari esterni al
cammino di integrazione:
7. Singolarita e Residui. 71
Teorema 51: Sia una curva chiusa, semplice, e regolare, e sia f una funzione olomorfa in un
dominio D, che contiene il dominio esterno a . Se e una singolarita isolata per f, allora
_

dz f(z) = 2i
n

j=1
Res(f, a
j
) + 2i Res(f, ) , . (7.13)
dove a
1
, . . . a
n
sono i punti singolari di f nel dominio esterno, e il Residuo allinnito:
Res(f, ) e dato da c
1
, essendo c
1
il coeciente di 1/z nello sviluppo di Laurent di f
all.
Dim: si tracci un cammino circolare
R
di centro 0, e raggio R tanto grande, da contenere tutti
i punti singolari al nito di f. Questo si puo fare, perche per assunzione e una singolarita
isolata. Intorno ad ognuno dei a
j
si tracci un cammino circolare
j
, di raggio tanto piccolo,
da essere interamente contenuto nel dominio 2-volte connesso delimitato da
R
e da . In tal
modo si sara costruito un dominio standard (n + 2)-volte connesso, e dal teorema di Cauchy 6
discende:
_

dz f(z) =
n

j=1
_

j
dz f(z)
_

R
dz f(z) ,
che dimostra lenunciato, perche lultimo integrale vale precisamente 2ic
1
grazie alle formula
generale (7.3) applicata, in questo caso, allo sviluppo di Laurent all (7.8).
Nota 16: La versioni esterna 51 ed interna 50 del Teorema dei Residui sono perfettamente
simmetriche e si sintetizzano in lintegrale di f sul cammino (chiuso, sempl., regolare) e eguale a 2i
moltiplicato per la somma dei residui di f nei suoi punti singolari, contenuti nel dominio piano che
viene lasciato a sinistra dal verso di ; restando inteso, che fra i punti singolari si deve annoverare
anche . Questa simmetria e pero ottenuta denendo il residuo a in modo fortemente asimmetrico
rispetto alle singolarita al nito. Infatti, mentre nel caso di un punto singolare al nito il residuo
e uno dei coecienti della parte singolare dello sviluppo di Laurent, nel caso del punto il residuo
e uno dei coecienti della parte regolare! Per cui, si puo avere un residuo non nullo a , anche in
casi in cui non e una singolarita (o meglio: e una singolarita eliminabile). Ad es., la funzione 1/z
ha una singolarita eliminabile a , ma il suo residuo a vale 1. Il residuo a di una funzione
f(z) non e dato dal residuo della funzione f(1/z) nello 0, ma bensi dal residuo nello 0 della funzione
f(1/z)/z
2
.
7.2.1 Calcolo del Residuo in una Singolarita Polare.
Se a e un polo di ordine N per la funzione f(z), allora la funzione (za)
N
f(z) ha una singolarita
eliminabile in z = a grazie al Teor.48(3). Dunque, in un intorno di z = a, essa ha lo sviluppo
di Taylor:
(z a)
N
f(z) =

n=0
c
nN
(z a)
n
dove i c
m
sono i coecienti dello sviluppo di Laurent di f(z). Ne consegue:
Res(f, a) = c
1
=
1
(N 1)!
d
N1
dz
N1
(z a)
N
f(z) [
z=a
. (7.14)
7. Singolarita e Residui. 72
In particolare, nel caso di un polo del 1 ordine,
Res(f, a) = lim
za
(z a) f(z) . (7.15)
Esercizio 67: Calcolare
_

dz(1 + z
4
)
1
dove (t) = 5e
2it
per 0 t 1, usando il Teor. dei Residui in
tutte e due le versioni 50 e 51.Risposta: 0.
Esercizio 68: Per t [0, 2] sia (t) = 1 + exp(it). Calcolare lintegrale:
_

dz
_
z
z 1
_
n
per ogni n intero positivo (Giu 2002).
7.2.2 Applicazioni.
Integrali di Funzioni Razionali di Seno e Coseno.
Per 0 < < 1 sia
I =
_
2
0
dx
1
1 + cos(x)
.
Questo integrale appartiene alla classe di integrali dichiarata nel titolo di questa sottosezione.
Questi integrali si possono calcolare con metodi di routine, p. es. utilizzando le formule
parametriche della Trigonometria. Essi si prestano tuttavia ad una svelta illustrazione dellidea
generale che sovrintende alle molteplici applicazioni del Teor. dei Residui al calcolo di integrali.
Consideriamo il cammino (x) = e
ix
per 0 x 2, che e un cammino semplice regolare
descritto sul cerchio unitario in C. Notando che (x) = i(x) e che 2 cos(x) = (x) + 1/(x),
possiamo scrivere:
I =
1
i
_
2
0
dx (x)
2
(x)
2
+ 2(x) +
=
2
i
_

dz
1
z
2
+ 2z +
. (7.16)
La funzione f(z) = (z
2
+ 2z +)
1
ha due punti singolari isolati:
z
1,2
=
1

1
2

, (7.17)
e scrivendo
f(z) =
1
(z z
1
)(z z
2
)
si riconosce che
lim
zz
1,2
(z z
1,2
) f(z) =
1
(z
1,2
z
2,1
)
,
7. Singolarita e Residui. 73
Im
Re
+R
R
+
+
+
a
1

a
2

Fig. 7.1: Cammino per il calcolo di Integrali Impropri.
che e nito, e ,= 0. Dunque z
1
e z
2
sono poli del 1 ordine, e Res(f, z
1,2
) e precisamente dato
dallultima espressione scritta. Dei due poli, si riconosce facilmente che solo z
1
(corrispondente
al segno + in (7.17)) e interno a . Allora il teor. dei Residui da :
I =
2
i
2i Res(f, z
1
) =
2

1
2
.
Esercizio 69: Servendosi del teorema dei residui, calcolare lintegrale
_
2
0
dx sin
2n
(x)
per ogni intero positivo n. (Lug 2004)
Integrali Impropri.
Il Teorema dei Residui permette il calcolo di molti integrali impropri del tipo
_
+

f(x)dx.
Il caso pi u comune si presenta quando la funzione f(x) e la restrizione allasse reale di una
funzione f(z), che in almeno uno dei due semipiani: z 0 e (z) 0 e analitica, salvo
per un numero nito di punti singolari isolati a
1
, a
2
, . . . , nessuno dei quali si trova sullasse reale.
Supponiamo, per ssare le idee, che questa situazione si presenti nel semipiano superiore; nel
caso essa si presentasse nel semipiano inferiore, il procedimento che segue andrebbe modicato
in modo del tutto ovvio. Usando il cammino illustrato in Fig.7.1, dal Teorema dei Residui si
ottiene:
_
+R
R
dx f(x) +
_

R
dz f(z) = 2i

Res(f, a
j
) , (7.18)
7. Singolarita e Residui. 74
dove
R
e la curva semicircolare di centro 0 e raggio R, e la somma e sui punti singolari contenuti
nel dominio a mezzaluna. Se avviene che:
lim
R
_

R
dz f(z) = 0, (7.19)
allora
lim
R
_
+R
R
dx f(x) = 2i

j
Res(f, a
j
) , (7.20)
dove la somma e su tutti i punti singolari nel piano superiore.
Il limite a sinistra nella (7.20) si chiama la parte principale dellintegrale, e si denota spesso
con P
_
+

dxf(x). Se f(x) e integrabile nel senso improprio, o generalizzato, fra e +,


allora
P
_
+

dx f(x) = lim
R
_
+R
R
dx f(x) =
_
+

dx f(x) ; (7.21)
Tuttavia puo accadere che una funzione f(x) non sia integrabile, e cio nonostante il limite nel
membro sin. esista. Per esempio, cio si verica per f(x) = x. Dunque (7.20) fornisce un modo
per calcolare, se non lintegrale improprio (che potrebbe non esistere), almeno la sua parte
principale.
La (7.19) e sempre vericata, quando f(z) e una funzione razionale, tale che lim
z
zf(z) = 0.
Infatti allora

r
dz f(z)

R max[f(z)[ [ z
R
0
per R . La scelta del semipiano superiore o di quello inferiore e, in questi casi, arbitraria.
Lesempio pi u facile e f(x) = (1 + x
2
)
1
. Scegliendo il semipiano superiore, ivi la funzione ha
un polo del 1 ordine nel punto z = i:
Res(f, i) = lim
zi
(z i)f(z) =
1
2i
,
che inserito nella (7.20) da il notorio risultato I = .
Una situazione meno ovvia, in cui (7.20) e vericata, e la seguente:
Teorema 52: (Lemma di Jordan): Sia f(z) = g(z) exp(itz) con t reale, e sia g(z) una
funzione, tale che: lim
R+
[g(Re
i
)[ = 0 uniformemente in 0 (cioe nel semipiano
superiore) oppure in 0 (cioe nel semipiano inferiore). Nel primo caso, (7.19) vale
con
R
tracciato nel semipiano superiore e t > 0, e nel secondo con
R
tracciato nel semipiano
inferiore, e t < 0.
Dim.: supponiamo che lipotesi sia vericata nel semipiano superiore. Allora, scrivendo
R
() =
Re
i
per 0 ,

R
dz e
itz
f(z)

= R

_

0
d f(Re
i
) e
itRcos()tRsin()

2R max[f(Re
i
)[ [ 0
_
/2
0
d e
Rt sin()
. (7.22)
7. Singolarita e Residui. 75
assumendo t > 0, e notando che sin() 2/ per 0 /2 (cfr. il calcolo dellintegrale di
Fresnel):
2R
_
/2
0
d e
Rt sin()
2R
_
/2
0
d e
2Rt/


2t
,
che rimane limitato quando R , mentre invece max[f(Re
i
)[ tende per ipotesi a 0.
Dunque (7.19) e vericata. Se lipotesi del Lemma fosse invece vericata nel semipiano inferiore,
il procedimento sarebbe simile, a patto di tracciare
R
nel semipiano inferiore, e assumere
stavolta t < 0.
Il seguente esempio e di larga applicazione:
Trasformata di Fourier della Lorenziana.
La funzione di t denita da:
I(t) =
1

2
_
+

dx
1
a
2
+ x
2
e
itx
.
e la Trasformata di Fourier della funzione Lorenziana (a
2
+ x
2
)
1
. Assumiamo a > 0. La
ipotesi del Lemma di Jordan e vericata tanto nel semipiano superiore, che in quello inferiore.
La funzione e
itz
/(a
2
+ z
2
) ha punti singolari isolati nei punti z

= ia, e
lim
zz

(z z

)
e
itz
a
2
+ z
2
=
e
itz

z
+
z

cosicche i due punti sono poli del 1 ordine, con residui rispettivi
Res(ia) =
e
ta
2ia
.
Se t > 0 si traccia
R
nel semipiano superiore, e da (7.20) segue che lintegrale vale a exp(ta).
Se t < 0 la si traccia nel semipiano inferiore; tenendo presente che stavolta la direzione positiva
del cammino percorre lasse reale nel verso negativo, si trova che lintegrale vale a exp(ta). I
due risultati per t > 0 e per t < 0 si sintetizzano in:
1

2
_
+

dx
1
a
2
+ x
2
e
itx
=
_

2
a e
a|t|
.
Esercizio 70: Calcolare lintegrale
_
+

dx
e
ix
x
2
6x + 10
.
(Feb 2005)
8. CENNI SUL PROLUNGAMENTO ANALITICO.
8.1 Il Teorema Fondamentale.
Per zero di una funzione, nel seguito si intende un punto a del suo dominio, nel quale la
funzione si annulla: f(a) = 0.
Lemma 2: Sia f : D C una funzione analitica, e sia a D uno zero di f. Allora e vera una
delle seguenti alternative: (1) a e uno zero isolato, cioe: > 0 tale che a e lunico zero di f in
B

(a), (2) f e identicamente nulla in tutto un intorno di a.


Dim.: sia

0
c
n
(z a)
n
lo sviluppo di Taylor di f(z) in a. Dato che a e uno zero di f(z),
almeno il primo coeciente di Taylor c
0
e nullo. Se tutti i coecienti di Taylor si annullano,
allora f(z) = 0 in tutto un intorno di a, cioe vale la alternativa (2). Se si esclude questa
alternativa, allora esistono coecienti non nulli; sia c
N
il primo di essi. Allora lo sviluppo di
Taylor in a si puo scrivere:
f(z) = (z a)
N

n=0
c
n+N
(z a)
n
.
Sia g(z) la somma della serie a secondo membro. Essa e una funzione analitica in un intorno di
a, e g(a) = c
N
,= 0. Essendo g(z) continua, esiste > 0 tale che g(z) ,= 0 in B

(a). In questa
palla, f(z) si annulla solo nel centro a.
Questo Lemma esclude che la f(z) possa presentare una linea nodale, cioe che essa si annulli
in tutti i punti di una linea passante per a. Proprio questo sarebbe il comportamento generico
per una funzione reale, ma e escluso nel caso di una funzione olomorfa. La ragione si capisce
bene, ricordando le proprieta delle rappresentazioni conformi.
Teorema 53: (Teor. Fondamentale del Prolungamento Analitico) : Sia f analitica nel
dominio D. Se f(z) e identicam. nulla in un sottoinsieme aperto e non vuoto A di D, allora
f(z) e identicam. nulla in tutto D.
Dim.: ssiamo un punto a A e un altro punto z D A ad arbitrio. Dimostreremo
che f(z) = 0. Dato che D e un dominio, e connesso per archi, e quindi si puo trovare un
cammino : [0, 1] D tale che (0) = a e (1) = z. Supponiamo f(z) ,= 0: allora linsieme
C t [0, 1] : f((t)) ,= 0 non e vuoto. Denotiamo t
0
il suo estremo inferiore, e notiamo
che, per ragioni di continuita, (t
0
) deve essere uno zero di f. Di coseguenza, t
0
e strettamente
minore di 1. Esso e anche strettam. maggiore di 0. Infatti, e un mappa continua (per
8. Cenni sul Prolungamento Analitico. 77
denizione di cammino) e A e un insieme aperto, e quindi A


1
(A) = t [0, 1] [ (t) A
deve essere un insieme aperto in [0, 1]; percio, essendo (0) = a A, deve esistere > 0 in
modo che (t) A per 0 t < , e t
0
non puo essere minore di questo . Per denizione di
t
0
, tutti i punti (t) con t < t
0
sono zeri di f, e poiche essi sono arbitrariamente vicini a (t
0
),
questultimo non e uno zero isolato. Allora, grazie al Teorema precedente, esiste un intorno di
(t
0
), in cui f e identicamente nulla. Per la continuit a di , (t) deve appartenere a questo
intorno, anche per ogni t in un intorno destro di t
0
. Per ogni tale t > t
0
vale f((t)) = 0, contro
la denizione di t
0
.
Corollario 12: Se f : D C e g : D C sono analitiche in un dominio comune D, e se
f(z) = g(z) per ogni z in un sottoinsieme aperto di D, allora f e g coincidono in tutto il
dominio D.
Denizione 60: Sia f(z) una funzione analitica assegnata in un dominio G. Se F(z) e una
funzione analitica in un dominio D G, tale che F(z) = f(z), per ogni z G, allora si dice
che F(z) e il Prolungamento Analitico della funzione f(z) al, o nel, dominio D.
La scelta dellarticolo il nella dizione il Prolungam. Analitico... e giusticata dal Corollario
precedente, il quale assicura che se una funzione F(z) con le proprieta descritte esiste, allora
essa e unica.
Esercizio 71: Sia f(z) una funzione analitica non costante in

B
1
(0), tale che f(1/n) = 0 per ogni n > 1
intero . Provare che 0 e un punto di singolarita essenziale. (Se esistesse il limite per z 0 allora varrebbe 0 ;
ma allora non sarebbe uno zero isolato...)
Esercizio 72: Siano f(z) e g(z) analitiche in D, tali che f(z)g(z) e identicam. nulla in D. Provare che
almeno una delle due funzioni e identicam. nulla in D. (Feb. 2002)
8.1.1 Ricostruzione di una funzione analitica, dal suo sviluppo di Taylor locale.
Sia data una funzione f(z), analitica nel dominio D illustrato in Figura 8.1. Il suo sviluppo di
Taylor nel punto a
0
converge nel cerchio B
0
illustrato. Come si e visto nella sez.6.2.4,questo
raggiunge la frontiera del dominio di analiticita di f(z). Immaginiamo ora di non conoscere la
funzione f(z), ma solo il suo sviluppo di Taylor in a
0
; e proponiamoci di ricostruire la funzione
f(z) in tutto il dominio, servendosi di questa informazione. Cio ha senso grazie al Corollario
12, il quale assicura che lo sviluppo in a
0
individua univocamente la funzione f(z) in tutto il
dominio; infatti, detta f
0
(z) la somma della serie assegnata in B
0
, la funzione f(z) e il prol-
ungamento analitico in D di f
0
(z), e come tale e unica. Si puo procedere nel modo seguente.
Prendiamo un cammino con il primo estremo in a
0
e muovendoci su di esso prendiamo un punto
a
1
, interno al cerchio B
0
. In questo punto la funzione f
0
(z) e analitica e quindi si sviluppa in
serie di Taylor di potenze di z a
1
. Questa serie altro non e che lo sviluppo di Taylor di f(z)
in z = a
1
, e quindi converge in tutto il cerchio B
1
di centro a
1
illustrato; quindi converge anche
in punti esterni al cerchio di partenza B
0
, nei quali la somma f
0
(z) della serie originale non e
denita, poiche quella serie ivi non converge. La somma f
1
(z) di questa nuova serie coincide
8. Cenni sul Prolungamento Analitico. 78
con f
0
(z) nellintersezione di B
0
e B
1
, e riproduce la funzione f(z) in tutto il cerchio B
1
. Il
procedimento puo ora essere iterato, muovendosi lungo il cammino no ad un nuovo punto a
2
nel cerchio B
1
. E chiaro che con questo genere di procedimento, scegliendo opportunamente il
cammino, e i punti a
1
, a
2
, . . . su di esso, si potra raggiungere qualunque punto del dominio D,
e cosi ricostruire completamente la funzione f(z).
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9 1
0
0.1
0.2
0.3
0.4
0.5
0.6
0.7
0.8
0.9
1
D
a
3
a
0
a
2
a
1
Fig. 8.1: Catena di Sviluppi di Taylor per una funzione analitica in un dominio assegnato.
8.1.2 Prolungamento Analitico lungo un cammino.
Formalizziamo il procedimento descritto nella Sezione precedente. Chiamiamo elemento analiti-
co di centro a C una coppia c (B, s) dove s e una serie di potenze di centro a, e B e un
cerchio di centro a, nel quale la serie converge.
Sia dato un cammino : [0, 1] C, e per ogni t [0, 1] sia dato un elemento analitico
c
t
= (B
t
, s
t
) in modo che:
t [0, 1], il centro dellelemento c
t
e il punto (t);
t [0, 1], si puo trovare > 0 in modo che se t

[0, 1] e [t

t[ < allora (t

) B
t
; e
inoltre,
s
t
e lo sviluppo di Taylor della somma della serie s
t
nel punto (t

).
Si noti che la seconda condizione e sempre soddisfatta, perche ognuno dei cerchi B
t
e aperto, e
il cammino e una funzione continua da [0, 1] in C.
Denizione 61: La famiglia di elementi analitici c
t

0t1
si dice un Prolungamento Analiti-
co lungo il cammino . Si dice anche che lelemento c
1
, il cui centro e il secondo estremo
8. Cenni sul Prolungamento Analitico. 79
del cammino, e ottenuto prolungando analiticamente lungo il cammino lelemento c
0
, il cui
centro e il primo estremo del cammino. Gli elementi c
0
e c
1
si dicono rispettivamente lelemento
iniziale e lelemento nale del proulngamento lungo .
Si vericher a facilmente, usando il Teorema Fondamentale, e il suo corollario, che
Proposizione 16: Se c
t

0t1
e c

0t1
sono due prolungamenti analitici lungo lo stesso
cammino , e c
0
= c

0
, allora c
t
= c

t
, per ogni t [0, 1].
La seguente aermazione e invece data senza dimostrazione.
Proposizione 17: Sia c
t

0t1
un prolungamento analitico lungo un cammino ; e per ogni
t [0, 1] sia R(t) il raggio di B
t
. Allora R(t) e una funzione continua di t, oppure R(t) =
per ogni t [0, 1].
Denizione 62: Un elemento analitico c = (B, s) si dice incondizionatamente prolunga-
bile in un dominio D con D B, se e possibile prolungarlo analiticamente lungo qualunque
cammino in D che abbia il suo centro come primo estremo.
Se in un dominio D e denita una funzione analitica f(z), e e un cammino in D, per ogni
t [0, 1] sia c
t
lelem. analitico denito dalla palla di centro (t) e dallo sviluppo di Taylor di
f(z) nel punto (t). La famiglia c
t

0t1
e un prolungamento analitico lungo . Possiamo
dunque riassumere il contenuto della sezione 8.1.1 nel modo seguente:
Sia f(z) analitica in un dominio D, sia a D, e sia c
a
lelemento analitico assegnato dallo
sviluppo di Taylor di f(z) nel punto a. Lelemento c
a
e incondizionatamente prolungabile in D,
e il suo prolungamento analitico lungo un qualunque cammino in D che abbia primo estremo a
e secondo estremo b D e lelemento analitico c
b
che e univocamente denito dallo sviluppo di
Taylor di f(z) nel punto b.
8.2 Monodromia e Polidromia .
Sia dato un elemento analitico c = (B, s), sia a il centro di B, e sia f
0
(z) la funzione analitica
denita in B dalla somma della serie di potenze s . Ci chiediamo, se la f
0
(z) ammetta un
prolungamento analitico in un dominio D B (nel senso della def.60). Si puo pensare di
usare, a questo scopo, la tecnica descritta nella sezione precedente, basata sulla costruzione di
prolungamenti analitici lungo cammini che fuoriescono da B. Nella sez.8.1.1 lesistenza di un
tale prolungamento analitico f(z) in un dominio pi u grande D e stata assunta a priori. Questa
non e una assunzione scontata; c puo non ammettere prolungamento analitico lungo nessun
cammino uscente da B. Questo caso si presenta quando s e una serie di potenze del tipo detto
lacunario, di cui un esempio e fornito dalla serie

n
z
n!
. Escludiamo questi casi estremi, e
supponiamo che c sia incondizionatamente prolungabile in un dominio D B (def.62). Cio
non basta ad assicurare che f
0
(z) ammetta un prolungamento analitico f(z) in D, per la ragione
seguente. Siano
1
e
2
cammini in D, con primo estremo in a, e secondo estremo in b. Per
ipotesi, c puo essere prolungato sia lungo
1
, sia lungo
2
, ma non e detto che gli elementi
8. Cenni sul Prolungamento Analitico. 80
analitici nali c
1
e c
2
di centro b ottenuti in tal modo siano lo stesso elemento. Consideriamo
lesempio seguente.
Sia c lelemento analitico di centro 1, con B il cerchio di centro 1 e raggio 1, e la serie
s(z) = 1 +

n=1
1
2
_
1
2
1
_
. . .
_
1
2
n + 1
_
(z 1)
n
n!
. (8.1)
Questa e una serie binomiale (cfr. la sez.6.2.5), e la sua somma vale f
0
(z) =

z in B; la
determinazione della radice essendo quella per cui f
0
(1) = 1. Mostriamo che questo elemento
analitico e incondizionatam. prolungabile in D = C 1. Scegliamo un punto arbitrario b
fuori da B ; per convenienza, nella gura b = 1. Denotiamo r la semiretta tratta dal punto
0 attraverso il punto b = 1. Come si e discusso nella sezione 3.3.1, nel dominio D
0
= C r
e denita una funzione olomorfa f(z) che e un branca della radice quadrata di z, e coincide
con f
0
(z) in B. Essa e dunque il prolungamento analitico in D
0
di f
0
(z) e quindi ci troviamo
nella situazione discussa nella sezione 8.1.1. Ne concludiamo che c e incondizionatamente prol-
ungabile in D
0
. Osserviamo che essa e anzi incondizionatamente prolungabile lungo qualunque
cammino in D = C 1. Infatti, scelto comunque un punto c / r, il corrispondente sviluppo di
Taylor di f(z) si trova subito osservando che

z =

c
_
1 +
z c
c
,
e usando la serie binomiale per sviluppare la seconda radice al 2 membro in serie di potenze
di (z c)/(c). Poiche il raggio di convergenza della serie binomiale e 1, lo sviluppo di Taylor
di f(z) in c converge in tutto il cerchio che ha centro c e passa per 0. Percio il PA lungo
un cammino e soggetto allunica restrizione, che il punto 0 non puo mai essere attraversato.
Possiamo in particolare prolungare c lungo i due cammini illustrati, che raggiungono b = 1
lasciando il punto 0 da parti opposte. E chiaro che gli elementi nali ottenuti in b sono diversi,
perche le rispettive serie di potenze nel punto b = 1 hanno per somme i due valori opposti di

b = i.
r 1 0

1
1
B
c
Fig. 8.2: Lelemento analitico assegnato nel cerchio B dalla serie (8.1) viene prolungato analiticamente
lungo due cammini diversi
1
e
2
no al punto nale b = 1. Lelemento analitico di centro
c ha raggio [c[.
8. Cenni sul Prolungamento Analitico. 81
Nella situazione che abbiamo descritto il risultato del PA dipende dal cammino lungo il
quale esso viene eettuato. In questo caso si parla di polidromia del prolungamento analitico
nel dominio D. In caso di polidromia, nel generico punto di D prolungamenti lungo cammini
diversi producono elementi diversi, che quindi non possono essere identicati con gli sviluppi di
Taylor locali di una unica funzione ben denita in D. Si parla invece di monodromia nel caso
opposto. Condizioni sucienti per la monodromia sono fornite dai Teoremi seguenti. Il primo
viene dato senza dimostrazione, ed il secondo ne e una diretta conseguenza.
Teorema 54: Se c e incondizionatamente prolungabile in un dominio D, e
1
,
2
sono due
cammini in D, omotopi ad estremi ssi in D, (cfr. Def.43), allora i PA dei c lungo
1
e
2
producono lo stesso elemento nale.
Corollario 13: (Teorema di Monodromia:) Sia c = (B, s) un elemento analitico incon-
dizionatamente prolungabile in un dominio D semplicemente connesso. Allora esiste una ed
una sola funzione f(z), analitica in tutto D, il cui sviluppo di Taylor nel centro di B e la serie
s(z).
Nellesempio precedente di Polidromia, il dominio di incondizionata prolungabilita D = C0
non era sempl. connesso.
Esercizio 73: Sia c lelemento analitico denito da B = [z[ < 1, s(z) =

n
z
n
. Vericare che c e
incondizionatam. prolungabile in D = C 1, e che gli elementi analitici in tal modo deniti nei punti di D
sono gli sviluppi di Taylor locali di una unica funzione analitica in D.
Questo esercizio mostra che la condizione di sempl. connessione e suciente, ma non necessaria
per la monodromia.
8.3 Funzioni Analitiche Complete.
In caso di polidromia, il punto generico funge da centro ad elementi analitici diversi, e in
quel punto le serie di potenze appartenenti ad elementi diversi si sommano a valori diversi. Per
questa ragione, se di funzione si vuole ancora parlare, allora questa va intesa come una funzione
polidroma, o una funzione a pi u valori.
Denizione 63: Sia c un elemento analitico, incondizionatam. prolungabile in un dominio D.
Si dice funzione analitica completa (o anche globale) in D la collezione di tutti gli elementi
analitici che vengono prodotti per prolungamento analitico di c lungo arbitrari cammini in D.
Nel seguito ci limitiamo al caso in cui il dominio D e il piano complesso, privato di una famiglia
al pi u numerabile di punti isolati a
1
, a
2
, . . .. Se lelemento c e incondizionatam. prolungabile
in D ma non in D, cio signica che ciascuno dei punti a
1
, . . . ha la particolarita, che c non
puo essere prolungato lungo qualche cammino che lo attraversa. I punti che sono dotati di
questa caratteristica si chiamano punti singolari per la data funzione completa. Denotiamo
genericamente con a uno di questi punti. Per ipotesi, si puo trovare un cerchio B

(a) in cui
non cadono altri punti singolari. Quindi gli elementi della data funzione completa, che hanno
8. Cenni sul Prolungamento Analitico. 82
centro in punti b con [b a[ < /2, sono incondizionatam. prolungabili in

B

(a). Se questi
prolungamenti hanno carattere monodromo, allora essi deniscono una funzione olomorfa in

(a), per la quale a e un punto singolare isolato nel senso della Def.57, e quindi ricade nella
classicazione descritta nella sez.7.1.2. In questo caso si dice che il punto a e una sing. polare
(risp., essenziale) per la data funzione analitica completa. Se invece i prolungamenti in

B

(a)
hanno carattere polidromo, allora il punto a si dice un punto di diramazione (inglese: branch
point). La particolarita distintiva di un punto di diramazione e dunque questa: in un intorno
arbitrariamente piccolo del punto e possibile descrivere cicli di polidromia attorno al punto.
Un ciclo di polidromia e un cammino chiuso tale che gli elementi iniziale e nale del PA lungo
di esso non coincidono (cioe, descrivendo un tale cammino la funzione non ritorna al valore
iniziale). Equivalentemente: se uno stesso elemento in

B

viene prolungato lungo cammini


diversi in

B

(a), con gli stessi estremi, ma non omotopi a estremi ssi fra di loro, si trovano
risultati diversi.
Questi risultati diversi sono al pi u una innita numerabile. Infatti, grazie al Teor.54, cammini
diversi , ma tuttavia omotopi ad estremi ssi in

B

(a), producono lo stesso risultato; da cui


si capisce, che non si possono trovare pi u risultati diversi, di quanti non siano i cammini non-
omotopi in

B

(a)che connettono i dati estremi. E un risultato classico della topologia, che


questi sono precisamente un innita numerabile. Inne, il numero di risultati diversi (nito, o
innito) e lo stesso per tutti i punti di

B

(a).
Esercizio 74: Provare lultima aermazione, usando la Proposizione 16.
Questo numero, diminuito di 1, si dice ordine del punto di diramazione.
Lesempio pi u semplice di funzione completa polidroma e quello presentato sopra. In questo
caso la funzione analitica completa si chiama semplicemente la funzione

z. Il dominio D e
il piano privato del punto 0, e in ogni punto del dominio la funzione completa presenta due
elementi analitici distinti; nel caso del punto c in Fig.8.2, essi sono deniti nello stesso cerchio
di raggio [c[, luno dalla serie (8.1), e laltro dalla serie che si ottiene cambiando segno alla
(8.1). Lo 0 e un punto di diramazione del 1 ordine per la funzione

z. Im maniera assai
simile si introduce le funzione completa associata alla radice n-ma , che presenta un punto di
diramazione di ordine n 1 nello 0, e la funzione completa ln(z), per la quale 0 e un punto un
di diramazione di ordine innito.
8.3.1 Supercie di Riemann.
Una funzione polidroma non associa un unico valore a un punto del suo dominio, e quindi non
e una funzione nel senso stretto del termine. E possibile renderla tale, a patto di denirla,
invece che su C , su una dierente entita geometrica, nota come supercie di Riemann. Questa
costruzione verra ora descritta in maniera informale, cominciando dal caso della funzione

z.
A funzioni polidrome dierenti corrispondono, in generale, dierenti superci di Riemann.
La Supercie di Riemann di

z.
In questa descrizione ci riferiamo costantemente alla Fig.8.3. Come si e visto, questa funzione
presenta un punto di diramazione in z = 0. Pratichiamo un taglio lungo il semiasse reale neg-
8. Cenni sul Prolungamento Analitico. 83
Fig. 8.3: Il primo (sopra) e il secondo (sotto) foglio della supercie di Riemann della funzione

z.
8. Cenni sul Prolungamento Analitico. 84
ativo, al ne di impedire la possibilita di cicli di polidromia. Chiamiamo Foglio I, e denotiamo

, il piano cosi tagliato. In esso il semiasse reale negativo e il bordo superiore del taglio,
rappresentato dalla linea piena. Nel Foglio I deniamo quella branca della radice, che per z = 1
vale 1. In tutti gli altri punti, essa resta automaticamente denita dalla formula

z =
_
[z[ exp(i arg(z)/2) ,
con la convenzione che < arg(z) . Nei punti z del semiasse reale negativo, arg(z)
vale dunque , e quindi, in particolare,

1 = i. Il semiasse reale negativo e una linea


di discontinuita, perche avvicinandosi al semiasse negativo dal di sotto, arg(z) tende a .
Dunque, sul bordo inferiore del taglio (linea tratteggiata), la funzione varrebbe i nel punto
1.
Ora costruiamo una replica esatta del Foglio I, e denominiamola

= Foglio II. In essa


ospiteremo laltra determinazione, o branca , della radice quadrata. Dunque, nel Foglio II,
< arg(z) 3; in particolare, i punti del semiasse negativo hanno argomento 3, e cosi

1 = i. Deniamo ora =

. Notiamo che contiene due copie di ogni punto


del piano complesso originale , eccetto lorigine, e che a ciascuna di queste due copie e stato
attribuito uno ed uno soltanto dei due valori che la funzione radice quadrata assumeva nel
punto originale. Pertanto , su , la funzione

z e denita in maniera univoca . E ora possibile


denire la topologia di , in modo che questa funzione risulti continua. Cio vien fatto denendo
opportunamente gli intorni dei vari punti di . Ogni punto di , che non si trovi sul semiasse
reale negativo di nessuno dei due fogli, possiede, in quanto punto del piano, intorni che non
sono intersecati dal taglio. Questi intorni si trasferiscono senzaltro nel ruolo di intorni dello
stesso punto in . Non cosi per i punti che appartengono al semiasse reale negativo di

o
di

. Sia, per ssare le idee, b

un punto del semiasse in

; sia I

un intorno di b

in

, che
non contiene lo 0; e siano b

, I

le repliche di b

, I

in

. Risulta I

= I

+
I

, e I

= I

+
I

,
dove I

(rispettivam., I

) sono le due parti in cui I

(rispettivam. I

) viene diviso dal semiasse


reale negativo. Conveniamo di associare il susso + (risp., ) alla parte, che e contenuta nel
semipiano (z) 0 (risp., (z) < 0). Allora gli intorni di b

in sono gli insiemi della forma


I

+
I

, e gli intorni di b

sono quelli della forma I

+
. In Figura 8.3 e rappresentato un
intorno circolare di questo tipo, per un punto di

situato sul semiasse. I cicli di polidromia


sono stati eliminati da questa costruzione. Ogni cammino continuo che partendo su un foglio
voglia girare attorno a 0 attraversa per forza di cose il taglio, e allora viene trasferito sullaltro
foglio. Cosi, per chiudersi, un cammino in attorno a 0 deve completare due giri, uno su
ciascun foglio. La discontinuita che la funzione radice presentava in ciascuno dei due fogli in
corrispondenza del taglio e stata soppressa. Essa era dovuta al fatto, che in ciascun foglio la
funzione assume valori lontani in punti vicini, ma situati da parti opposte rispetto al taglio.
Tali punti non risultano pi u vicini in . In eetti, la topologia su riguarda come vicini punti
di solo se essi, oltre ad essere vicini nel senso ordinario, portano valori vicini della funzione

z. Si deve inne notare che (1) e una supercie nel senso che e localmente di dimensione
2, grazie al fatto che ogni suo punto ha, per costruzione, un intorno assimilabile ad un disco
del piano ordinario; (2) la scelta del semiasse reale negativo come luogo del taglio e puramente
convenzionale, perche una volta completata la costruzione, sulla supercie non rimane traccia
del taglio.
8. Cenni sul Prolungamento Analitico. 85
1
0.5
0
0.5
1
1
0.5
0
0.5
1
1
0.5
0
0.5
1
sqrt(z)
Fig. 8.4: Visualizzazione 3 dimensionale di una parte della supercie di Riemann della funzione

z.
8. Cenni sul Prolungamento Analitico. 86
La costruzione precedente viene sovente visualizzata dicendo che si ottiene incollando fra di loro
i due fogli

in modo che il bordo superiore di ciascun foglio combaci con il bordo inferiore
dellaltro (questo, perche

z assume lo stesso valore sui bordo superiore di un foglio e su quello
inferiore dellaltro). Se compiuta sicamente nello spazio ordinario, una tale operazione produrrebbe
la supercie illustrata in Fig.8.4. Essa pero non e una immagine fedele della supercie di Riemann di

z. Infatti questultima non puo essere immersa in R


n
per n < 4. La autointersezione che si vede in
Fig.8.4 e un artifatto, prodotto dalla rappresentazione 3d di un oggetto 4d.
Altre Superci di Riemann.
Le superci di Riemann per la funzione
n

z e per la funzione logaritmo si costruiscono in modo


analogo. I fogli vengono di nuovo prodotti mediante tagli lungo il semiasse reale negativo. Nel
caso di
n

z, essi sono in numero di n, e nel caso di ln(z) ve ne sono inniti. In tutti e due i casi,
ogni foglio comunica con altri due fogli dierenti. Esaminiamo un caso in cui sono presenti due

1
1
1

3
0
Fig. 8.5: Un Foglio della supercie di Riemann della funzione

1 z
2
.
punti di diramazione: la funzione

1 z
2
( Fig.8.5). Riscriviamola nella forma

1 z
2
= i

z 1

z + 1 , (8.2)
e notiamo che ciascuna delle due radici al 2 membro presenta un punto di diramazione del 1
ordine: la prima in z = 1, laltra in z = 1. Ogni cammino chiuso e semplice come
1
e
3
,
che contenga al suo interno uno e uno solo dei due punti, e quindi un ciclo di polidromia per la
funzione (8.2), perche lungo di esso una delle due radici non ritorna al valore originale.
Esercizio 75: Il cammino
2
non e un ciclo di polidromia. Perche?
Per eliminare i cicli di polidromia basta praticare un taglio lungo lasse reale, dal punto 1 al
punto +1. I due fogli della sup. di Riemann della funzione sono repliche del piano tagliato in
questo modo. Ciascuno di essi ospita una branca della funzione

1 z
2
. Per ssare una branca
in un foglio basta scegliere in un punto arbitrario del foglio uno dei due valori della funzione.
Ad esempio, si puo assumere

1 z
2
= i

3 per z = 2. In tal modo, nel punto z = 0 dello


stesso foglio (bordo superiore, linea continua) la funzione assume il valore 1. Infatti se dal
punto z = 2 si raggiunge il punto z = 0 mantenendosi nel foglio allora largomento della prima
radice in (8.2) aumenta di /2, mentre quello della seconda radice non cambia; di conseguenza,
8. Cenni sul Prolungamento Analitico. 87
anche largomento di (8.2) aumenta di /2. Dal canto suo, il modulo cambia, da

3 a 1, e in
conclusione (8.2) si moltiplica per 1/

3 exp(i/2) = i/

3. Lo stesso argomento mostra che sul


bordo inferiore (linea tratteggiata) si registra il valore 1 in z = 0 e quindi il taglio e una linea
di discontinuit a. Il secondo foglio ospita laltra branca della funzione, percio sui bordi sup e inf
si registrano i valori +1 e 1 rispettivamente in z = 0. La supercie di Riemann si costruisce
incollando i due fogli in modo che i bordi sup e inf di un foglio combacino coi bordi inf e sup
rispettivamente dellaltro.
In generale, le varie branche di una stessa funzione polidroma possono esibire, nei rispet-
tivi fogli, comportamenti assai diversi. Ad esempio, alcune di esse possono presentare punti
singolari, che sono assenti per altre.
Esercizio 76: Costruire i fogli della supercie di Riemann della funzione (1 +

z)
1
. Vericare che in uno
di essi la funzione ha un polo, ma non nellaltro.
Esercizio 77: Costruire i fogli della supercie di Riemann della funzione
_
1

z. Vericare che in alcuni


di essi z = 1 e un punto di diramazione, ma non cosi in altri.
R

2
1

R
Fig. 8.6: Cammini per il calcolo dellintegrale (8.3).
8.3.2 Alcuni Integrali di Funzioni Polidrome.
1.- Lintegrale
I =
_
+1
1
dx

1 x
2
(con la radice aritmetica) e noto elementarmente, e ore una facile introduzione allargomento.
Consideriamo uno dei due fogli della supercie di Riemann di

1 z
2
illustrati in Fig.8.5.
Denotiamo f(z) la branca della funzione denita in questo foglio e proponiamoci di calcolare
8. Cenni sul Prolungamento Analitico. 88
_

2
dzf(z).Notiamo che f(z) e olomorfa ovunque, salvo il taglio; il punto a e una singolarita
isolata. Possiamo dunque applicare il Teorema dei Residui nella versione esterna (Teor.51):
_

2
dz f(z) = 2i Res(f, ) ,
La serie di Laurent di f(z) a si calcola come segue:

1 z
2
= iz
_
1
1
z
2
= iz1
1
2z
2
+ . . .
avendo utilizzato la serie binomiale per [z[ > 1; il segno dipende da quale delle due branche
si considera. Il Residuo a vale dunque i/2, e cosi
_

2
dzf(z) = . Immaginiamo di
deformare il cammino
3
in modo da ridurlo al cammino chiuso che muove da 1 a +1 sul
bordo inferiore, e ritorna da 1 a 1 sul bordo superiore. Su questo cammino, lintegrale vale
precisamente 2I. Daltra parte, grazie al Teor. di Cauchy, questa deformazione non cambia
il valore dellintegrale, e quindi I = /2.
2.-
I =
_
+
0
dx
x
1
1 + x
. (8.3)
dove e un numero reale con 0 < < 1. Ricordando che z
1
= exp((1) ln(z)), si riconosce
che la funzione f(z) = z
1
/(1 + z) e polidroma, a causa del punto di diramazione in z = 0.
Costruiamo un foglio della supercie di Riemann, eettuando un taglio lungo il semiasse reale
positivo (linea tratteggiata), dove z = [z[ = x, e assumendo 0 arg(z) < 2. In questo
foglio scegliamo la branca del logaritmo che sul bordo superiore del taglio assume il valore reale
ln(x). Di conseguenza, sul bordo inf ln(z) = ln(x) + 2i. Consideriamo il cammino chiuso

,R
=
1
+
R
+
2
+

, dove :
1
e il cammino uniforme descritto sul bordo sup dell asse
reale , dal punto al punto R;
R
e un cammino semplice sul cerchio di centro 0 e raggio R,
nel verso positivo;
2
e il cammino uniforme descritto sul bordo inf dell asse reale , dal punto
R al punto ;

e un cammino semplice sul cerchio di centro 0 e raggio R nel verso negativo.


Se 0 < < 1 < R allora , per il Teorema dei residui,
_

,R
dz f(z) = 2iRes(f, 1) = 2i lim
z1
(z + 1)f(z) = 2i z
1
[
z=1
= 2i e
i
.
E importante rilevare che nel calcolo del residuo si e dovuta usare la particolare branca di f(z)
che si e scelta nel foglio, cioe quella per cui arg(1) = . Notiamo che
__

1
+
_

2
_
dz f(z) =
_
1 e
2i
_
_
R

dx
x
1
1 + x
.
perche la branca della funzione che si e scelta vale f(z) = x
1
/(1 + x) sul bordo superiore, e
f(z) = exp(2i)x
1
/(1+x) sul bordo inferiore. Ora si prenderanno i limiti 0, R +.
8. Cenni sul Prolungamento Analitico. 89
Esercizio 78: Provare, servendosi della maggiorazione di Darboux (Teor.4.5), e della condizione 0 < < 1,
che
lim
0
_

dz f(z) = 0 , lim
R+
_

R
dz f(z) = 0 .
Da tutti questi risultati segue che:
I = 2i
e
i
1 e
2i
=

sin()
.
Esercizio 79: Calcolare lintegrale
_
+
0
dx ln(x)(1 + x
2
)
1
. (Integrare la funzione ln
2
(z)(1 + z
2
)
1
sullo
stesso cammino illustrato in Figura 8.6)
9. EQUAZIONI DIFFERENZIALI.
In questo capitolo si tratta delle equazioni dierenziali della forma:
u

(z) + p(z)u

(z) + q(z)u(z) = 0 . (9.1)


Esse sono le equazioni alle derivate ordinarie, del secondo ordine, lineari. Si assume che le
funzioni p(z) e q(z) siano analitiche in un dominio D C e si aronta il problema di trovare
una soluzione u(z) della eq.(9.1), analitica nello stesso dominio, che in un punto z
0
assegnato
verichi le condizioni iniziali (o condizioni di Cauchy):
u(z
0
) = , u

(z
0
) = ,
dove e sono numeri complessi assegnati. Nel seguito si denotera L loperatore dierenziale
L =
d
2
dz
2
+ p(z)
d
dz
+ q(z) ,
in termini del quale la equazione (9.1) si scrive: (Lu)(z) = 0.
9.1 Esistenza e unicita delle soluzioni.
Si mostrera che il problema enunciato sopra ammette sempre una ed una sola soluzione locale,
cioe limitatam. ad un intorno del punto z
0
(Teor.55). Lesistenza di una soluzione globale, cioe
in tutto il dominio D di analiticita della equazione, potra essere stabilita solo nel caso in cui D
e semplicemente connesso (Teor.56).
9.1.1 Nell intorno di un punto ordinario.
Ogni punto z del dominio di analiticita delle funzioni p(z) e q(z) si chiamera un punto ordinario
per la equazione (9.1).
Teorema 55: Sia z
0
un punto ordinario per la equazione (9.1). Se p(z) e q(z) sono analitiche in
B
R
(z
0
), allora, comunque si scelgano i numeri complessi e , esiste una ed una sola funzione
u(z), analitica in B
R
(z
0
), che in B
R
(z
0
) soddisfa la (9.1), e inoltre verica le condizioni
u(z
0
) = , u

(z
0
) = . (9.2)
9. Equazioni Dierenziali. 91
Dim. : Per semplicita di notazione, e senza limitazione di generalita, assumiamo z
0
= 0.
Essendo p(z) e q(z) analitiche in B
R
(0), ivi si sviluppano in serie di Taylor:
p(z) =

n=0
a
n
z
n
, q(z) =

n=0
b
n
z
n
. (9.3)
Se la soluzione u(z) esiste in B
R
(0), deve essere olomorfa, quindi analitica e sviluppabile in serie
di Taylor in 0. Percio la cercheremo sotto forma di serie di potenze di centro 0, convergente in
B
R
(0):
u(z) =

n=0
c
n
z
n
, (9.4)
I coecienti c
n
sono incogniti; ma i primi due, c
0
e c
1
, si trovano immediatamente dalle con-
dizioni (9.2): infatti u(0) = c
0
e u

(0) = c
1
, quindi c
0
= e c
1
= . Per trovare gli altri
coecienti, imponiamo che Lu = 0. Ammesso che la serie (9.4) converga in B
R
(0), essa puo
essere derivata termine a termine (v. Teor.42) un numero arbitrario di volte: in particolare le
derivate prima e seconda sono date da:
u

(z) =

n=0
(n + 1)c
n+1
z
n
, u

(z) =

n=0
(n + 2)(n + 1)c
n+2
z
n
. (9.5)
Dato che p(z) e q(z) sono analitiche in B
R
(0) per ipotesi, (Lu)(z) e essa stessa una funzione
analitica in B
R
(0). Pertanto, se si vuole che (Lu)(z) sia nulla in B
R
(0), bisogna che tutti
i coecienti del suo sviluppo di Taylor in 0 siano nulli. Questi coecienti si determinano
sostituendo le serie (9.3) e (9.4) nella (9.1), e usando le regole di somma e moltiplicazione delle
serie (Teor.13). Imponendo che ciascuno di essi si annulli, si trova che n deve valere:
0 = (n + 1)(n + 2)c
n+2
+
n

k=0
a
nk
(k + 1)c
k+1
+
n

k=0
b
nk
c
k
(9.6)
Ponendo n = 0, c
0
= , c
1
= , questa equazione determina univocamente c
2
. Essendo in tal
modo noti c
0
, c
1
, c
2
, riscrivendo (9.6) con n = 1 si ricava c
3
. Continuando in questo modo, le
equazioni (9.6) determinano in modo univoco tutti i coecienti c
n
. Cio dimostra che, se una
soluzione u(z) analitica in B
R
(0) esiste, che soddisfa le condizioni (9.2), allora essa e unica.
Non resta quindi che mostrare che la serie (9.4), con i coecienti c
n
(calcolati nel modo che si
e detto) converge eettivamente in B
R
(0).
A questo scopo, mostreremo che il raggio di convergenza della serie (9.4), con i coecienti c
n
de-
terminati nel modo che si e detto, non e minore di R. Il raggio di convergenza e determinato dal
comportamento asintotico per n dei coecienti c
n
(v. (41). Questo comportamento e determi-
nato, attraverso la (9.6), dal comportamento asintotico dei coecienti a
n
e b
n
, e a questo riguardo
sappiamo che, essendo p(z) e q(z) analitiche in B
r
(0), per ogni R

< R e per ogni n deve valere


[a
n
[ < AR
n
, [b
n
[ < BR
n
9. Equazioni Dierenziali. 92
grazie al Corollario ??; dove i numeri A 0, B 0 non dipendono da n. Sostituendo nella (9.6)
otteniamo :
(n + 1)(n + 2)[c
n+2
[ (n + 1)AR
1
n

k=0
R
n+k+1
[c
k+1
[ + B
n

k=0
R
n+k
[c
k
[ , (9.7)
e quindi, denotando con C il pi u grande dei due numeri AR
1
e B,
(n + 1)(n + 2)[c
n+2
[ (n + 1)C
n+1

k=0
R
n+k
[c
k
[ + C
n+1

k=0
R
n+k
[c
k
[ (9.8)
= (n + 2)CR
n
n+1

k=0
[c
k
[R
k
. (9.9)
Poniamo ora
x
k
= [c
k
[R
k
, (9.10)
e in tal modo troviamo che
x
n+2

D
n + 1
n+1

k=0
x
k
(9.11)
deve valere per ogni n 1, dove D = CR
2
. Quindi se scriviamo, per ogni m, S
m
=

m
0
x
k
, possiamo
concludere che
S
n+2
= S
n+1
+ x
n+2

_
1 +
D
n + 1
_
S
n+1
,
da cui, prendendo i logaritmi:
ln(S
n+2
) ln(S
1
) +
n

k=0
ln(1 + D(k + 1)
1
) < ln(S
1
) + D
n

k=0
1
k + 1
,
dove si e usata la diseguaglianza ln(1 + x) < x, valida per ogni x > 0 (Esercizio 80). Grazie alla
ulteriore diseguaglianza (Esercizio 81):
n

k=0
1
k + 1
< 1 + ln(n + 1) , (9.12)
otteniamo :
ln(x
n+1
) ln(S
n+2
) < ln(S
1
) + D + Dln(n + 1) ,
e quindi, usando (9.11), e rimpiazzando N = n + 1:
[c
N
[ < S
1
e
D
N
D
1
R
N
,
e inne
N
_
[c
N
[ <
_
S
1
e
D
N
D

1
N
1
R


1
R

per N +.
Cio mostra che
N
_
[c
N
[ e denitivamente minore di qualunque numero maggiore di 1/R

, e quindi
denotando con R il raggio di convergenza della serie (9.4):
1
R
= limsup
N
_
[c
N
[
1
R

9. Equazioni Dierenziali. 93
grazie alla eq.(??) nel teor.41. Poiche R

e arbitrario con R

< R, segue che R R e quindi la serie


(9.4) converge in B
R
(0).
Nel seguito, il Teorema appena provato verr a denominato, per semplicita, Teorema Locale.
Esercizio 80: Mostrare che ln(1 + x) < x, x > 0.
Esercizio 81: Provare che per ogni k 1 vale la diseguaglianza
_
k+1
k
dx x
1
> (k + 1)
1
. Servendosi di
questo risultato, provare la diseguaglianza (9.12).
Esercizio 82: Servendosi della tecnica usata per costruire la soluzione nel teorema precedente, determinare
la soluzione della equazione u

(z) + u(z) = 0 che verica u(0) = 1 e u

(0) = 0.
9.1.2 Prolungamento analitico delle Soluzioni.
Lemma 3: Siano p(z) e q(z) analitiche nel dominio D. Sia u
0
(z) una soluzione di (9.1) nel
dominio D
0
D. Se u
0
(z) ammette prolungamento analitico u(z) nel dominio D, allora u(z)
e una soluzione di (9.1) in D.
Dim : Lu e il prolungam. analitico in D di Lu
0
. Dato che questultima e identicam. nulla in
D
0
, la tesi segue dal Teor. Fondamentale del PA (teor.53).
Sia in particolare B
0
una palla di centro z
0
D. Lesistenza di soluzioni della (9.1) in B
0
e
garantita dal Teorema 55; sia dunque u
0
(z) una qualunque di esse. Il suo sviluppo di Taylor in
z
0
converge in B
0
e identica un elemento analitico c
0
di centro z
0
.
Lemma 4: Lelemento c
0
e incondizionatamente prolungabile in D.
Dim : Sia : [0, 1] D un arbitrario cammino in D, di primo estremo (0) = z
0
. Si puo
trovare > 0 in modo che nessun punto di disti meno di dalla frontiera di D (Esercizio
83), e per ogni t [0, 1] sia B
t
= B

((t)). Se il cammino non esce da B


0
, deniamo t
1
= 1. Se
invece il cammino esce da B
0
, deniamo t
1
> 0 in modo che (t) B
0
per 0 t t
1
, e inoltre
[(t
1
) (0)[ /2. Per 0 < t t
1
poniamo = u
0
((t)) e = u

0
((t)). Il Teorema 55
stabilisce che in tutta la palla B
t
esiste ed e unica la soluzione analitica u
t
(z) della (9.1), tale
che u
t
((t)) = e u

t
((t)) = . Per sucientemente piccolo, la palla B

((t)) e contenuta
in B
0
B
t
. In essa, sia u
0
che u
t
risolvono la equazione, e soddisfano le stesse condizioni
(9.2) nel suo centro (t) ; pertanto, in questa palla esse coincidono, e di conseguenza hanno
lo stesso sviluppo di Taylor in (t) (Principio di Identita, Teor.43). Chiamiamo c
t
lelemento
analitico denito da B
t
e da questo sviluppo di Taylor. Se il cammino non esce da B
t
1
per t > t
1
,
prendiamo t
2
= 1. In caso contrario, prendiamo t
2
> t
1
in modo che (t) B
t
1
per t
1
t t
2
, e
[(t
2
)(t
1
)[ /2. Servendoci dello stesso procedimento col quale abbiamo costruito elementi
analitici c
t
per 0 t t
1
, adesso deniamo elementi analitici c
t
per t
1
t t
2
. Cio fatto,
ripetiamo tutto il procedimento, denendo t
3
, . . ., nche non troveremo t
n
= 1. Questo deve
succedere prima o poi; infatti, se cosi non fosse, avremmo una successione monotona crescente,
e quindi convergente, di istanti t
n
< 1: ma allora anche la successione dei punti (t
n
) dovrebbe
convergere, e quindi avere la proprieta di Cauchy; e cio non e possibile, perche per costruzione
9. Equazioni Dierenziali. 94
[(t
k+1
) (t
k
)[ /2. Lintera costruzione avra alla ne assegnato ad ogni t [0, 1] un
elemento analitico c
t
. La famiglia di elementi analitici c
t

0t1
e un Prolungamento Analitico
lungo (cfr. Def.61). In eetti, se t
k
t

< t

t
k+1
allora le serie di potenze assegnate
rispettivamente a c
t
e a c
t
sono, per costruzione, gli sviluppi di Taylor nei punti rispettivi
(t

) e (t

) della stessa funzione u


t
k
(z); e lo stesso e vero se invece t
k1
< t

t
k
t

< t
k+1
.
Quindi, ciascuna di esse e lo svil. di Taylor della somma dellaltra, e cio verica le proprieta
stabilite nella Def.61. .
Esercizio 83: Sia : [0, 1] D un cammino in un dominio D C. Provare che > 0 tale che, z ,
B

(z) non contiene punti di frontiera di D.


I due Lemmi portano al Teorema di Esistenza e Unicita di soluzioni analitiche globali nel caso
di dominio semplicem. connesso:
Teorema 56: Sia D un dominio semplicemente connesso in cui p(z) e q(z) sono analitiche; sia
z
0
D; e siano , due arbitrari numeri complessi. Esiste una ed una sola soluzione u(z) della
(9.1) in D, che verica u(z
0
) = e u

(z
0
) = .
Dim. : grazie al teorema di Monodromia (Cor.13), e al Lemma 4, la soluzione che viene
univocamente individuata in un cerchio di centro z
0
dalle condizioni assegnate nel punto z
0
(Teorema Locale) ammette prolungamento analitico u(z) in tutto D; e grazie al Lemma 3
questa funzione, oltre a vericare le condizioni in z
0
, risolve la equazione in tutto D. Ogni
funzione con le stesse proprieta deve coincidere, grazie alla unicita sancita dal teorema locale,
con la u(z) nellintorno di z
0
e pertanto, grazie al teorema fondamentale del PA (Teor.53), deve
coincidere con u(z) in tutto D. .
9.1.3 Struttura dello spazio delle soluzioni.
Se D C e un dominio arbitrario (non vuoto), denotiamo /(D) linsieme delle funzioni
f : D C, analitiche in D. In /(D) deniamo le operazioni seguenti:
prodotto per un numero complesso: se c C e f /(D), questa operazione e denita
da (cf)(z) := cf(z)
somma: se f /(D) e g /(D), allora la loro somma e denita da (f + g)(z) :=
f(z) + g(z) .
E di immediata verica, che /(D) dotato di queste operazioni diviene uno spazio vettoriale
complesso.
Siano p(z) e q(z) due funzioni assegnate in /(D). Per ogni f /(D), la funzione Lf e ancora
in /(D); inoltre, se e sono due numeri complessi arbitrari, e f(z), g(z) /(D), allora
L(f + g) = Lf + Lg , (9.13)
e quindi la mappa f Lf denisce l operatore lineare L nello spazio vettoriale /(D). Sia
o(D) il sottoinsieme di /(D), costituito dalle funzioni che risolvono la equazione (9.1) in D,
9. Equazioni Dierenziali. 95
e quindi vericano Lf = 0. Dalla (9.13) segue che se f e g sono due soluzioni della equazione
(9.1), allora anche f +g lo e. Cio signica, che o(D) e un sottospazio vettoriale di /(D). Il
teorema di esistenza globale (Teor.56) ha un corollario pressoche immediato:
Teorema 57: Se D e un dominio semplicemente connesso, in cui p(z) e q(z) sono analitiche,
allora o(D) e uno spazio vettoriale complesso di dimensione 2.
Dim. : ssiamo ad arbitrio un punto z
0
D e deniamo una mappa
z
0
di C
2
in o(D) come
segue: per ccc = (c
0
, c
1
) C
2
,
z
0
(ccc) o(D) e la soluzione della (9.1) in D, tale che u(z
0
) = c
0
e u

(z
0
) = c
1
. Che questa mappa sia ben denita e assicurato dal Teorema 56. Mostriamo che

z
0
e un isomorsmo di spazi vettoriali; la tesi ne risultera automaticamente dimostrata.

z
0
e suriettiva: se u(z) e una soluzione arbitraria in D, allora essa e limmagine per
z
0
del vettore che ha c
0
= u(z
0
) e c
1
= u

(z
0
);

z
0
e lineare: se ccc = (c
0
, c
1
), ddd = (d
0
, d
1
), , C, e u =
z
0
(ccc), v =
z
0
(ddd), allora u+v
e ancora una soluzione, e verica
(u +v)(z
0
) = c
0
+ d
0
,
e anche:
(u + v)

(z
0
) = c
1
+ d
1
,
e quindi, grazie al teorema di unicita,

z
0
(ccc +ddd) =
z
0
(ccc) +
z
0
(ddd) ;

z
0
e iniettiva; dato che e lineare, basta provare che
z
0
(ccc) = 0 implica ccc = 0, e questo
segue subito dal Teorema di unicita.

Denizione 64: Per u e v funzioni in /(D), si dice Wronskiano di u e v la funzione denita


in D da:
W
u,v
(z) = det
_
u(z) v(z)
u

(z) v

(z)
_
= u(z)v

(z) u

(z)v(z) .
Teorema 58: Sotto le ipotesi del Teor.56, siano u(z), v(z) elementi di o(D). Allora W
u,v
(z) ,=
0, z D, oppure W
u,v
(z) = 0, z D. Il primo caso si verica se, e solo se, u e v sono vettori
linearmente indipendenti in o(D), e cioe costituiscono una base vettoriale per o(D).
Dim. : Sfruttiamo lisomorsmo
z
0
introdotto nella prova del Teorema 57. Poniamo ccc =
1
z
0
(u)
e ddd =
1
z
0
(v). Trattandosi di isomorsmo, u e v sono linearmente indipendenti in o(D) se, e
solo se, ccc e ddd sono linearmente indipendenti in C
2
. Daltra parte, e noto dalla Algebra Lineare
che ccc = (c
0
, c
1
) e ddd = (d
0
, d
1
) sono vettori linearmente indipendenti in C
2
se, e solo se,
det
_
c
0
d
0
c
1
d
1
_
,= 0 .
9. Equazioni Dierenziali. 96
Questo determinante coincide con il Wronskiano di u e v nel punto z
0
, quindi u e v sono linearm.
indip. se, e solo se, il loro Wronskiano non si annulla in z
0
. In questo argomento, la scelta
di z
0
e del tutto arbitraria, quindi la conclusione e vera, comunque si sia scelto z
0
D; e cio
dimostra la tesi .
Il Wronskiano di due soluzioni u(z) e v(z) verica una equazione notevole. Si scriva la (9.1)
per la funzione u(z), e per la funzione v(z); si moltiplichi la prima per v(z), e la seconda per
u(z). Sottraendo m. a m. le due equazioni cosi ottenute, si trova:
v(z)u

(z) u(z)v

(z) = p(z)v

(z)u(z) u

(z)v(z) ,
che si puo riscrivere nella forma:
W

u,v
(z) = p(z)W
u,v
(z) , (9.14)
che e nota come la equazione del Wronskiano. Servendosi di questa equazione, i coecienti
p(z) e q(z) della equazione (9.1) possono sempre essere ricostruiti, se sono note due soluzioni
u(z) e v(z) linearm. indipendenti. Si calcola il Wronskiano di u e v: sostituendolo in (9.14), si
determina p(z); inne, q(z) si ricava direttamente dalla (9.1).
Nota 17: La eq. del primo ordine (9.14) si integra direttamente. Scelto ad arbitrio z
0
D se D e semplicem.
connesso allora per ogni altro punto z D
W
u,v
(z) = W
u,v
(z
0
)e

R
z
dz

p(z

)
,
dove lintegrale e calcolato lungo qualunque cammino in D di estremi z
0
e z.
In conclusione: nel caso in cui il dominio di analiticita D della equazione e sempl. connesso,
ogni soluzione in D si puo scrivere nella forma
Au(z) + Bv(z) , (9.15)
dove A e B sono costanti complesse arbitrarie, e u e v sono due soluzioni analitiche linearm
indipendenti della equazione. Esse possono essere determinate, ad es., risolvendo la equazione
sotto due diverse condizioni (9.2) in un punto arbitrario z
0
D, specicate da due vettori ccc e
ddd linearmente indipendenti.
9.2 Punti Singolari.
Nel Teor.56 lipotesi che il dominio D di analiticita di p(z) e q(z) sia semplicem. connesso e
cruciale. Essa e certamente violata quando una o tutte e due le funzioni p(z) e q(z) presentano
dei punti singolari isolati. In questi casi possono non esistere soluzioni analitiche globali. Le
singolarita isolate di p(z) e/o q(z) si chiamano punti singolari della equazione. In questa sezione
ci occupiamo del comportamento delle soluzioni nellintorno di un punto singolare. Gli aspetti
generali di questo comportamento sono bene illustrati dallesempio elementare seguente:
9. Equazioni Dierenziali. 97
9.2.1 Equazione di Eulero.
Se nelleq.(9.1) si pone p(z) = /z e q(z) = /z
2
, con e parametri complessi, si ottiene la
cosiddetta equazione di Eulero. Il dominio di analiticita D = C0 non e semplicem. connesso.
Lequazione e tuttavia risolubile elementarmente, mediante il cambiamento di variabile t =
ln(z). Un calcolo immediato (Esercizio 84) mostra che, dette
1,2
le radici della equazione agli
indici

2
+ ( 1) + = 0 . (9.16)
la soluzione generale della equazione e combinazione lineare di due soluzioni particolari u
1
(z) e
u
2
(z) , linearmente indipendenti, che hanno la forma
u
1,2
(z) = z

1,2
; (9.17)
se
1
,=
2
, oppure la forma:
u
1
(z) = z

1
, u
2
(z) = z

1
ln(z) , (9.18)
se
1
=
2
. Se
1,2
non sono numeri interi, nessuna di queste soluzioni e analitica in D,
perche non e monodroma. Esse sono tuttavia soluz. locali dellequazione, nel senso che, in un
qualunque dominio sempl. connesso D

D, sono analitiche, e linearm. indipendenti, come


previsto dal teor.56. Tuttavia la eq. non ha soluz. analitiche globali in D ( eccetto u 0).
Esercizio 84: Scrivere la soluzione generale della eq. di Eulero. (Posto t = ln(z), w(t) = u(z) = u(e
t
), la
funzione w soddisfa una equazione a coecienti costanti, che si risolve in modo standard.)
9.2.2 Soluzioni Fondamentali.
Sia a un punto singolare isolato per la equazione (9.1), e sia R > 0 tale che p(z), q(z) sono
analitiche nel disco forato

B
R
(a) := B
R
(a) a. Ricaviamo da questo disco un dominio
B

R
(a) semplicemente connesso, escludendone un raggio scelto ad arbitrio; per es., questo raggio
potrebbe essere quello denito da rrr = a x [0 x < R, e allora B

R
(a) = z

B
R
(a) :
< arg(z a) < +. Nel dominio sempl. connesso B

R
(a) vale il Teor.57; sia dunque
u(z) una soluzione della equazione in B

R
(a), non identicam. nulla . In generale, il taglio rrr
e una linea di discontinuit a per u(z), poiche i valori che essa assume sui due bordi del taglio
sono diversi (cfr. lesempio della eq. di Eulero). Essa e analiticam. prolungabile attraverso il
taglio (Lemma 4), tuttavia il prolungamento analitico attraverso il taglio produce in generale
una nuova funzione u
+
(z), che e ancora una soluzione grazie al Lemma 3. Siano allora u
1
(z)
ed u
2
(z) due soluzioni analitiche linearm. indipendenti in B

R
(a), cioe una base vettoriale in
o(B

R
(a)). Ciascuna di esse puo essere prolungata analiticamente attraverso il taglio, dando
luogo ad una nuova soluzione della equazione in B

R
(a) (grazie al Lemma 3). Siano u
+
1
(z) e u
+
2
(z)
le due nuove soluzioni cosi ottenute. Ciascuna di esse deve potersi scrivere come combinazione
delle funzioni u
1
(z) ed u
2
(z), perche esse sono una base nello spazio delle soluzioni in B

R
(a); e
quindi, deve valere
u
+
1
(z) = a
11
u
1
(z) + a
12
u
2
(z)
u
+
2
(z) = a
21
u
1
(z) + a
22
u
2
(z) . (9.19)
9. Equazioni Dierenziali. 98
La matrice
AAA =
_
a
11
a
12
a
21
a
22
_
(9.20)
si chiama matrice circuitale (circuit matrix). In termini vettoriali: loperazione S denita in
o(B

R
(a)) dal prolungam. analitico, ossia: (Su)(z) = u
+
(z) e lineare. La matrice AAA e la matrice
che rappresenta loperatore lineare S sulla base prescelta u
1
, u
2
.
Esercizio 85: Scrivere la matrice circuitale per la equazione di Eulero, sulla base specicata in (9.17) oppure
in (9.18).
Proposizione 18: u(z) o(B

R
(a)) e un autovettore delloperatore S corrispondente ad un
certo autovalore ( ossia: u(z) non e identicam. nulla, e u
+
(z) = u(z)) se, e solo se, de-
terminando le costanti b
1
e b
2
in modo che u(z) = b
1
u
1
(z) + b
2
u
2
(z), risulta che il vettore
bbb := (b
1
, b
2
) C
2
e autovettore della matrice AAA

, trasposta della matrice AAA, corrispondente allo


stesso autovalore . Ossia,
a
11
b
1
+ a
21
b
2
= b
1
, (9.21)
a
12
b
2
+ a
22
b
2
= b
2
. (9.22)
Dim. : (b
1
u
1
(z) +b
2
u
2
(z))
+
= b
1
u
+
1
(z) +b
2
u
+
2
(z) = (b
1
a
11
+b
2
a
21
)u
1
(z) + (b
1
a
12
+b
2
a
22
)u
2
(z),
e la tesi segue da (b
1
u
1
(z) + b
2
u
2
(z))
+
= (b
1
u
1
(z) + b
2
u
2
(z)).
Proposizione 19: La matrice circuitale non e singolare, cioe det(AAA) , = 0.
Dim. : Se la matrice fosse singolare, allora u
+
1,2
sarebbero linearmente dipendenti e quindi il
loro Wronskiano (Def.64) sarebbe identicam. nullo in B

R
(a) (Teor58). Il Wronskiano di u
+
1,2
(z)
e il prolungam. analitico del Wronskiano di u
1,2
(z), che non e mai nullo in B

R
(a) (Teor.58);
pertanto non puo essere identicam. nullo, per il Teor. Fondam. del PA.
Ricordiamo dall Algebra Lineare, che una matrice quadrata, come la AAA, puo essere sempre
posta nella forma normale di Jordan, scegliendo una base appropriata.
Denizione 65: Si dicono soluzioni fondamentali per la equazione (9.1) nellintorno del
punto singolare isolato a, due soluzioni (generalmente polidrome) u
1
(z) e u
2
(z) tali che la
matrice circuitale costruita usando come base queste soluzioni si presenta nella forma normale
di Jordan.
Analizziamo queste soluzioni fondamentali. Per trovare la forma normale occorre anzitutto
risolvere lequazione secolare:
det(AAA 111) = 0
nellincognita ; 111 e la matrice identica. Questa e una equazione del 2 grado, e possiede due
radici
1,2
. Distinguiamo due casi:
I.
1
,=
2
. In questo caso la matrice AAA

possiede due autovettori linearm. indipendenti, bbb


(1)
e
bbb
(2)
. Dalla Proposizione (18) segue che esistono due soluzioni u
(1,2)
(z) linearmente indipendenti,
che vericano u
(1,2)+
(z) =
1,2
u
(1,2)
(z). La matrice circuitale associata a questa base e diagonale.
9. Equazioni Dierenziali. 99
II.
1
=
2
. Soltanto un autovettore di A

e garantito. Prendiamo come funzione di base u


1
il
corrispondente autovettore di S; come seconda funzione di base u
2
, prendiamo una arbitraria
soluzione linearm. indipendente da u
1
. Su questa particolare base, la matrice circuitale ha la
forma
_

1
0
a
21

1
_
(9.23)
(leguaglianza degli elementi diagonali e richiesta dal fatto che gli zeri del determ. secolare de-
vono coincidere). Queste considerazioni portano alla seguente caratterizzazione delle soluzioni
fondamentali.
Teorema 59: Una delle soluzioni fondamentali in

B
R
(a) per la equazione (9.1) si presenta nella
forma:
u
1
(z) = (z a)

1
f
1
(z) . (9.24)
Laltra puo presentarsi anchessa nella stessa forma:
u
2
(z) = (z a)

2
f
2
(z) , (9.25)
oppure puo avere la forma
u
2
(z) = u
1
(z)f
2
(z) + ln(z a) , (9.26)
dove
1,2
sono costanti complesse, denite a meno di una arbitraria costante addittiva intera, e
le f
1,2
(z) sono funzioni analitiche (monodrome) in

B
R
(a). La forma (9.26) della 2nda soluzione
puo presentarsi solo nel caso II della matrice circuitale.
Dim. : Sia u(z) o(B

R
(a)) una funzione con la proprieta u
+
(z) = u(z); ,= 0 grazie alla
Prop.19, percio , se poniamo = ln()/(2i), allora la funzione
(z a)

= e
1
2i
ln() ln(za)
ha la stessa proprieta della u(z) , perche il PA attraverso il taglio cambia ln(z a) in ln(z a)+
2i. Di conseguenza, la funzione f(z) := u(z)/(z a)

rimane inalterata dal PA, ed e quindi


monodroma e analitica in

B
R
(a). Nel caso I, tutte e due le soluzioni fondam. hanno quindi la
forma (9.24). Nel caso II, una ha ancora la stessa forma: laltra, invece, non e necessariamente
un autovettore di S (cfr. la 2a riga della matrice (9.23)); invece ha la proprieta che :
u
+
2
(z) = a
21
u
1
(z) +
1
u
2
(z) ,
Se a
21
= 0, allora anche la u
2
(z) e un autovettore, e quindi ha la forma (9.24). Non cosi e
invece a
21
,= 0. In quel caso, (u
2
/u
1
)
+
= u
2
/u
1
+ a
21
/
1
; cioe, il rapporto u
2
/u
1
cambia per un
fattore addittivo costante in seguito al PA. La funzione a
21
ln(z a)/(2i
1
) ha esattamente lo
stesso comportamento, e quindi, posto c = a
21
/(2i
1
), la funzione g(z) = u
2
/u
1
c ln(z a)
resta inalterata dal PA ed e quindi monodroma e analitica. Dato che c ,= 0, possiamo ridenire
u
2
moltiplicandola per linessenziale fattore c
1
e allora u
2
prende la forma (9.26) con f
2
(z) =
c
1
g(z)f
1
(z).
9. Equazioni Dierenziali. 100
9.2.3 Singolarita Regolari.
Le funzioni f
1,2
(z) che compaiono nella forma generale delle soluzioni fondamentali hanno, a
priori, una singolarita isolata in z = a, e quindi possono essere sviluppate in serie di Laurent in

B
R
(a). Pertanto, almeno una delle due soluzioni fondamentali puo essere sempre scritta nella
forma:
u
1
(z) = (z a)

1
+

n=
c
n
(z a)
n
. (9.27)
Dato che
1
e denito a meno di un intero arbitrario, possiamo sempre assumere che la sin-
golarita di f
1
(z) nel punto a sia eliminabile oppure essenziale. Infatti, se la serie in (9.27)
contiene solo un numero nito di termini di indice negativo, ossia esiste N > 0 intero in modo
che c
N
,= 0 e c
n
= 0 per n > N, allora basta ridenire
1
come
1
N per eliminare la parte
singolare della serie di Laurent.
Denizione 66: Il punto singolare a si dice un punto singolare regolare, se le funzioni
f
1,2
(z) nelle soluzioni fondamentali (9.24) oppure (9.26) non presentano singolarita essenziali
in a, e quindi possono essere assunte analitiche anche nel punto a.
Teorema 60: Il punto a e una singolarita regolare, se, e solo se, e al massimo un polo del 1
ordine per p(z), e un polo del 2 ordine per q(z).
Di questo Teorema non diamo la dimostrazione completa. A grandi linee, la necessita della
condizione viene provata ricostruendo il comportamento di p(z) e q(z) da quello delle soluzioni,
secondo quanto si e detto subito dopo la eq. (9.14). Per provare la sucienza, si sostituisce lo
sviluppo (9.27) nella equazione. In questo modo si determinano gli esponenti
1,2
e i coecienti
dello sviluppo di Taylor almeno della f
1
(z), che viene quindi calcolata esplicitamente. Almeno
nel caso in cui la dierenza degli esponenti calcolati non e un numero intero, anche i coecienti
della f
2
(z) possono essere calcolati in questo modo. Questo procedimento ha grande impor-
tanza pratica, perche e quello che viene concretamente utilizzato per risolvere la equazione
dierenziale, e quindi verr a subito descritto qui di seguito. Una volta calcolati i coecienti del-
lo sviluppo, per completare la prova della sucienza occorre mostrare che gli sviluppi calcolati
sono convergenti, ma questa parte verr a omessa.
Per semplicita di scrittura, assumiamo a = 0. La condizione enunciata su p(z) e q(z) permette
di scrivere:
p(z) =
p
0
(z)
z
, q(z) =
q
0
(z)
z
2
, (9.28)
dove p
0
(z) e q
0
(z) sono analitiche senza eccezioni in B
R
(0), e dunque ammettono gli sviluppi
di Taylor
p
0
(z) =
+

n=0
a
n
z
n
, q
0
(z) =
+

n=0
b
n
z
n
. (9.29)
Cerchiamo la soluzione nella forma:
u(z) = z

n=0
c
n
z
n
; (9.30)
9. Equazioni Dierenziali. 101
Per prima cosa, sostituiamo le (9.28) nella equazione dierenziale, e liberiamo dai denominatori.
Cosi la equazione prende la forma:
z
2
u

(z) + zp
0
(z)u

(z) + q
0
(z)u(z) = 0. (9.31)
Ora scriviamo
zu

(z) =

n=0
(n + )c
n
z
n+
, z
2
u

(z) =

n=0
(n + )(n + 1)c
n
z
n+
, (9.32)
e sostituiamo i vari sviluppi in serie nella equazione (9.31). In tal modo, lintero membro
sinistro della equazione si trova sviluppato in serie di potenze z
n+
; per ogni n, eguagliamo a 0
il corrispondente coeciente . Possiamo sempre assumere c
0
= 1, perche la soluzione e data a
meno di un arbitrario fattore moltiplicativo costante. Allora per n = 0 troviamo lequazione
F
0
() := ( 1) + a
0
+ b
0
= 0 , (9.33)
che si chiama la equazione agli indici per la data equazione dierenziale, nel dato punto
singolare. Essa e una equazione algebrica di secondo grado, e fornisce due radici, o indici, o
esponenti caratteristici
1,2
. Per n = 1,
[( + 1) + a
0
( + 1) + b
0
]c
1
+ a
1
+ b
1
= F
0
( + 1)c
1
+ a
1
+ b
1
= 0.
e per n = 2:
F
0
( + 2)c
2
+ [a
1
( + 1) + b
1
]c
1
+ a
2
+ b
2
= 0 .
E ora facile vedere che, denendo F
k
(x) = a
k
x + b
k
per k 1, lequazione che si ottiene
annullando il coe. di z
n+
si scrive:
c
n
F
0
( +n) + c
n1
F
1
( + n 1) + . . . + c
1
F
n1
( + 1) + F
n
() = 0 . (9.34)
Si puo quindi procedere ricorsivamente. Prima di tutto, si sceglie una radice
1
della equazione
agli indici (n = 0), e la si sostituisce nella equazione per (n = 1). In tal modo si calcola c
1
.
Sostituendo il valore trovato per c
1
nella equazione per n = 3, si calcola c
2
- e cosi di seguito.
Questo processo puo, tuttavia , arrestarsi: infatti la equazione n-ma (9.34) puo essere risolta
per c
n
, solo a patto che il coeciente di c
n
non sia nullo; cioe, a patto che F
0
(
1
+ n) ,= 0,
cioe che
1
+ n ,=
2
. Questo inconveniente non puo mai vericarsi per se la dierenza dei
due indici
1
e
2
non e un numero intero, e allora tutti i coecienti c
n
sono calcolabili per
ricorrenza. Dopo avere cosi determinato una delle soluzioni fondamentali, si ripete daccapo
la procedura, impostando laltro indice
2
, e cosi si determina anche la seconda soluzione
fondamentale. Le due soluzioni hanno quindi la forma (9.24),(9.25). Linconveniente non si
presenta nemmeno quando la dierenza degli indici e un numero intero n, a patto che lindice
scelto
1
sia, dei due, quello con la parte reale maggiore. Allora e ancora possibile calcolare la
prima sol. fondamentale per ricorrenza . Pero quando si reimposta laltro indice per calcolare
la seconda soluz. fondamentale, alln-mo passo si trova che il coeciente di c
n
vale zero. A
quel punto puo accadere che, per un caso fortuito, anche gli altri termini in (9.34) si annullino;
9. Equazioni Dierenziali. 102
allora si puo scegliere c
n
ad arbitrio, e passare oltre senza dicolta. Se invece questa favorevole
coincidenza non si verica la 2nda soluz. fondamentale non puo essere trovata con questo
procedimento. Questo caso evidentemente corrisponde alla forma (9.26) della 2nda soluzione
canonica, che non puo essere trovata sotto forma di una serie di potenze, perche include anche
un termine logaritmico.
Esercizio 86: Trovare R 0 in modo che la equazione dierenziale:
u

(z) +

z
2
u(z) = 0
abbia una soluzione analitica intera.
Comportamento delle soluzioni a .
Se il punto e una singolarita isolata per le funzioni p(z) e q(z), allora, per studiare il
comportamento a delle soluzioni della equazione (9.1), si eettua il cambiamento di variabili
t = 1/z, w(t) = u(z) = u(1/t). Se la u(z) risolve (9.1) in un intorno di , p.es. in [z[ > R,
allora un facile calcolo mostra che la w(t) risolve lequazione:
w

(t) + w

(t)
_
2
t

1
t
2
p
_
1
t
__
+
1
t
4
q
_
1
t
_
w(t) = 0 (9.35)
in un intorno di 0. Il problema si riconduce quindi allo studio delle soluzioni di (9.35) nellintorno
del punto singolare t = 0, e si possono applicare i risultati precedentemente stabiliti. In
particolare, si dira una singolarita regolare per la (9.1), se tale e t = 0 per la (9.35). Visto
il Teor.60, cio accade quando:
1.
_
2
t

1
t
2
p
_
1
t
_
ha al pi u un polo del 1 ordine in t = 0. Cio richiede che p(1/t) si annulli
per t 0, e quindi che lim
z
p(z) = 0.
2.
1
t
4
q
_
1
t
_
ha al pi u un polo di ordine non superiore a 2 in t = 0. Cio richiede lim
z
zq(z) =
0.
Riassumendo:
Proposizione 20: Il punto e una singolarita regolare per la equazione (9.1) se, e solo se, e
uno zero per la funzione p(z), e uno zero almeno del 2 ordine per la funzione q(z).
La equazione agli indici nel punto per la equazione (9.1) e la equaz. agli indici per la (9.35)
in t = 0, cioe :

2
+ (a
0
1) + b
0
= 0
a
0
= lim
t0
t
_
2
t

1
t
2
p
_
1
t
__
= 2 lim
z
zp(z) , b
0
= lim
t0
t
2
1
t
4
q = lim
z
z
2
q(z) . (9.36)
Possiamo ora rifrasare i risultati delle sezioni precedenti, per adattarli al caso della singolarita
a :
9. Equazioni Dierenziali. 103
Teorema 61: Sia una singolarita regolare per lequazione (9.1), e siano
1,2
le radici della
equazione agli indici (9.2.3). In un intorno di lequazione possiede una coppia di soluzioni
linearmente indipendenti. Queste hanno la forma:
u
1,2
(z) = z

1,2

n=0
c
(1,2)
n
z
n
in tutti i casi in cui
1

2
/ Z; altrimenti, una di esse puo avere la forma
u
2
(z) = u
1
(z)
_
ln(z) +
+

n=0
b
n
z
n
_
.
Cambiamenti di Variabile.
Nella soluzione delle equazioni dotate di singolarita regolari si utilizzano frequentemente certi
cambiamenti di variabili, che sono descritti in questa sezione. Consideriamo la mappa del piano
esteso : C C in se stesso denita da
(z) =
Az + B
Cz + D
; (AD BC ,= 0) . (9.37)
Essa si dice una Trasformazione Omograca, o anche Trasformazione di Mobius. La condizione
sui coecienti A, B, C, D assicura che la mappa e biettiva. Questa classe di trasformazioni
include in particolare le trasformazioni del tipo
z Az ; z
1
z
; z z + B (9.38)
e anzi si verica facilmente che ogni trasformazione (9.37) puo essere ottenuta componendo
trasformazioni dei tipi (9.38).
Proposizione 21: Se si eettua un cambiamento omograco di variabile z t = (z), v(t) =
u(z), allora la equazione (9.1) per la funzione u(z) si trasforma in una equazione dello stesso
tipo per la funzione v(t) ; e se z = a e una singolarita regolare per la (9.1), con indici
1,2
,
allora t = (a) e una singolarita regolare per la nuova equazione, con gli stessi indici.
Esercizio 87: Dimostrare la Prop.21. (Basta provarla per le trasformazioni (9.38).)
Proposizione 22: Sia z = a una singolarita regolare per (9.1) con indici
1,2
. Se si pone
u(z) = (z a)

v(z) allora la funzione v(z) soddisfa ancora una equazione del tipo (9.1) con
una singolarita regolare in z = a, con gli indici
1,2
. Se e una singolarita regolare per
la prima equazione, con gli indici
1,2
, allora e una singolarita isolata anche per la 2nda
equazione, e gli indici sono
1,2
+ .
Dim. : per calcolo diretto.
9. Equazioni Dierenziali. 104
9.3 Equazione di Bessel.
u

(z) +
1
z
u

(z) +
_
1

2
z
2
_
u(z) = 0 (9.39)
Questa equazione ricorre frequentemente in vari campi della matematica applicata. In queste
applicazioni il parametro e sovente un numero intero, e comunque e di solito reale, ma
qui potra assumere valori complessi arbitrari. Per ssare le idee conveniamo che '() 0.
Lequazione ha punti singolari in 0 e ; di questi, 0 e una singolarita regolare, ma non lo
e. Applichiamo il procedimento descritto in precedenza nella sez.9.2.3 per calcolare le soluzioni
fondamentali relative al punto 0. Secondo la teoria generale, queste soluzioni saranno analitiche
nel piano, tagliato lungo una semiretta. Possiamo ad es. scegliere il semiasse reale negativo.
Notiamo che p
0
(z) = 1 e q
0
(z) = z
2

2
. Quindi la equazione agli indici in 0 si scrive:
( 1) +a
0
+b
0
, dove a
0
= p
0
(0) = 1 e b
0
= q
0
(0) =
2
. Lequazione agli indici e dunque

2
= 0, con le radici . Dei due indici in 0 scegliamo quello con la parte reale pi u grande,
che e , e cerchiamo la soluzione nella forma:
u(z) = z

n=0
c
n
z
n
, (9.40)
Riscriviamo la equazione nella forma
z
2
u

(z) + zu

(z) + (z
2

2
)u(z) = 0 ,
e inseriamoci la (9.40), nonche le
zu

(z) =
+

n=0
c
n
(n + )z
n+
, z
2
u

(z) =
+

n=0
c
n
(n +)(n + 1)z
n+
.
Annullando il coeciente di z
n+
si trova, per n 2, la equazione:
n(2 + n)c
n
= c
n2
, (9.41)
Lasciando c
0
indeterminato per il momento, questa equazione fornisce:
c
2
=
1
2.2( + 1)
c
0
,
c
4
=
1
2.2
4
( + 1)( + 2)
c
0
,
. . .
c
2k
= (1)
k
1
2
2k
k!( + 1)( + 2) . . . ( + k)
c
0
(9.42)
. . . (9.43)
9. Equazioni Dierenziali. 105
e quindi tutti i coecienti di indice pari vengono determinati senza problemi, grazie al fatto
che nessuno dei denominatori puo annullarsi, grazie a '() 0. Scegliendo c
1
= 0, tutti i
coecienti dispari risultano nulli. Si usa ora scegliere
c
0
=
1
2

( + 1)
. (9.44)
siccome z(z) = (z +1) ogni volta che '(z) 0, risulta ( +k)( +k 1) . . . ( +1)( +1) =
( +k+1), e quindi, sostituendo in (9.42) e quindi in (9.40), si trova la soluzione fondamentale
cercata nella forma
u(z) =
+

k=0
_
z
2
_
2k+
(1)
k
k!
1
( +k + 1)
. (9.45)
Per ogni valore del parametro , la serie a destra delleguale denisce una funzione J

(z) che
si chiama la Funzione di Bessel, di 1a specie, e ordine . Abbiamo dunque trovato che: la
equazione di Bessel (9.39) possiede sempre una soluzione fondamentale data dalla funzione di
Bessel di 1a specie e ordine , con '() 0.
9.3.1 Funzioni di Bessel di 1a specie.
Per ogni valore del parametro complesso , la funzione di Bessel di 1a specie, e ordine , e
denita da:
J

(z) =
+

k=0
_
z
2
_
2k+
(1)
k
k!
1
( + k + 1)
. (9.46)
Nel caso che sia intero negativo, ( = n con n un intero naturale) i termini con k 1 +n
contengono al denominatore la funzione Gamma calcolata nei suoi poli, e si intendono nulli.
Pertanto,
J
n
(z) =

k=n
_
z
2
_
2kn
(1)
k
1
(k n + 1)
che, introducendo lindice m = k n, diventa:
J
n
(z) =

m=0
_
z
2
_
2m+n
(1)
m+n
1
(m + 1)(m + n)!
= (1)
n
J
n
(z) . (9.47)
Se non e intero, J

(z) e una funzione polidroma, e possiede una branca che ha valori reali sul
semiasse reale positivo. Quando e intero e monodroma, e dunque analitica in tutto il piano.
Scrivendo (n + k + 1) = (n + k)!, si riconosce nella J
n
(z) la funzione analitica intera a suo
tempo introdotta (Esercizio 64).
Le proprieta delle funzioni di Bessel riempiono un considerevole capitolo della Analisi. Nelle
seguenti sezioni se ne citano pochissime fra le pi u semplici. Un repertorio abbastanza vasto e
accessibile in rete, p. es. a:
http://mathworld.wolfram.com/topics/BesselFunctions.html
9. Equazioni Dierenziali. 106
Ordine intero.
Le funzioni di Bessel di 1a specie e ordine intero sono funzioni intere, e assumono valori reali
sullasse reale. Esse posseggono la rappresentazione integrale:
J
n
(z) =
1
2
_
2
0
dt e
int
e
iz sin(t)
(9.48)
che e stata ricavata nell Esercizio 64. Utilizzando questa rappresentazione, si ottengono varie
proprieta notevoli. Per esempio: utilizzando la regola di Integrazione per Parti (sfruttando
e
int
= in
1
d/dte
int
):
J
n
(z) =
1
2
z
2n
_
2
0
dt cos(t)e
int
e
iz sin(t)
,
da cui, sostituendo cos(t) = (e
it
+ e
it
)/2, e usando ancora (9.48),
2n
z
J
n
(z) = J
n+1
(z) + J
n1
(z) . (9.49)
In modo analogo, da:
J

n
(z) =
i
2
_
2
0
dt sin(t)e
int
e
iz sin(t)
si ricava
2J

n
(z) = J
n1
(z) J
n+1
(z) . (9.50)
Le (9.49), (9.50) sono esempi di cosiddette Relazioni di Ricorrenza per le funzioni di Bessel.
Qui sono state derivate per le funzioni di ordine intero, ma sono in realta valide per funzioni di
ordine arbitrario, come si potrebbe vericare a partire dalla denizione (9.45).
Ordine semidispari.
Quando = n +
1
2
con n intero, e solo allora, la funzione J

(z) si puo esprimere in termini di


funzioni trascendenti elementari. Per esempio, per =
1
2
, nella (9.45) gura (k + 3/2) per k
intero; allora

_
k +
3
2
_
=
_
k +
1
2
_

_
k +
1
2
_
=
_
k +
1
2
__
k
1
2
_

_
k
1
2
_
=
_
k +
1
2
__
k
1
2
_
. . .
1
2

_
1
2
_
=
(2k + 1)(2k 1) . . . 3 1
2
k+1

, (9.51)
dove si e usato
(1/2) =
_
+
0
dt e
t
t
1/2
= 2
_

0
dx e
x
2
=

.
9. Equazioni Dierenziali. 107
Sostituendo in (9.45),
J
1/2
(z) =
+

k=0
(1)
k
k!2
k
1 3 . . . (2k + 1)

z
2(k+1/2)
2
1/2
=
_
2
z
+

k=0
(1)
k
z
2k+1
(2k + 1)!
,
ossia:
J
1/2
(z) =
_
2
z
sin(z) .
Usando questa equazione assieme alle relazioni di ricorrenza (9.49),(9.50), e possibile esprimere
le funzioni di ordine semidispari qualsiasi in termini di trascendenti elementari.
9.3.2 Funzioni di Bessel di 2a specie.
La dierenza degli indici della equazione di Bessel e eguale a 2. Secondo la teoria generale,
se 2 non e intero, il procedimento col quale abbiamo determinato la prima soluz. fondam. a
partire dallindice puo essere ripetuto usando laltro indice , e cosi la seconda soluzione
fondamentale e la funzione J

(z). Occupiamoci della seconda soluzione nel caso in cui invece


la dierenza degli indici 2 e un numero intero, cioe e un numero semi-intero. Usando nella
ricorrenza (9.41) lindice , il coeciente di c
n
nella (9.41) si annulla quando n = 2. Allora
si presentano due casi:
e un numero semidispari. La costruzione non si arresta, perche qui si verica la cir-
costanza eccezionale menzionata nella sez.9.2.3. Infatti n e dispari, e quindi e dispari
anche n2; perci c
n2
= 0, e quindi anche il 2 membro della relazione di ricorrenza per
n = 2 si annulla. Basta dunque porre c
2
= 0, e procedere oltre. La seconda soluzione
fondamentale costruita in questo modo e quindi ancora la J

(z), ed e indipendente dalla


prima .
e un numero intero. Occorre che c
22
= 0 = . . . = c
0
, e quindi si deve cominciare la
ricorrenza da c
2
, che rimane a priori indeterminato. Conviene porlo eguale al valore di
c
0
che si era scelto in precedenza. In questo modo (cf. le eqs. (9.47), e precedente ) si
costruisce precisamente la funzione J

(z). Questa soluzione non e indipendente dalla


prima soluz. fondamentale, perche per intero J

(z) = (1)

(z).
Dunque per = n intero la seconda soluz. fondamentale non puo essere la funzione J
n
(z).
Invece deve avere la forma generale (9.26). Esistono varie scelte possibili per questa seconda
soluzione; esse costituiscono la famiglia piuttosto vasta delle funzioni di Bessel di 2a specie,
e ordine . Come le loro sorelle di prima specie, esse sono denite anche per non intero;
pero, quelle di ordine intero presentano una singolarita logaritmica nellorigine, come previsto
da (9.26) . Qui ne presentiamo un solo tipo.
Per illustrare lidea che sovrintende alla denizione di questa soluzione, ricordiamo come il problema
della 2a soluzione viene risolto nel caso elementare della equazione a coecienti costanti:
u

(z) 2u

(z) + (1 +
2
)u(z) = 0 .
9. Equazioni Dierenziali. 108
Per ,= 0 essa possiede le soluz. linearm. indipendenti : u
()
1,2
(z) = e
t
1,2
z
dove t
1,2
= 1 i. Pensati
come vettori nello spazio vettoriale di dimensione 2 delle soluzioni, essi tendono a diventare collineari
nel limite 0, e quindi per = 0 non costituiscono pi u una base. Tuttavia, per questa stessa
ragione il vettore u
()
1
u
()
2
non tende ad allinearsi con u
()
1
. Anzi, se lo riscaliamo mediante un fattore

1
per impedirgli di annullarsi nel limite 0, esso tende al vettore v(z) = 2ize
z
, che e ( a parte
linessenziale fattore 2i) la seconda soluzione linearm. indipendente usualm. utilizzata nel caso = 0.
Per non intero, J

(z) e J

(z) sono linearm. indipendenti; quindi, la funzione cos()J

(z)
J

(z) e linearm. indipendente dalla J

(z). Quando tende a un intero qualunque n, questa


funzione tende a 0. Allora la rinormalizziamo, denendo, per non intero,
Y

(z) =
cos()J

(z) J

(z)
sin()
(9.52)
e sottintendendo che se invece = n intero si deve prendere il limite n del secondo
membro. Questa funzione si chiama la funzione di Weber di ordine , ed e un particolare
tipo di funzione di Bessel di 2a specie.
In conclusione: la soluzione generale della equazione di Bessel (9.39) si puo sempre scrivere
nella forma
AJ

(z) + BY

(z) ,
con A, B costanti arbitrarie . Nel caso in cui non e un numero intero, la si puo anche scrivere
nella forma
CJ

(z) + DJ

(z) .
9.3.3 Andamento delle funzioni di Bessel di ordine reale, e argomento reale.
Per reale, e z reale positivo, il comportam. di J

(x), Y

(x) si puo rozzamente riassumere come


segue:
Il comportam. asintotico per x 0 ( ,= 1, 2, . . .) segue direttamente dalle denizioni
1
J

(x)
1
( + 1)
_
x
2
_

,
Y
0
(x)
2

ln(z) ,
Y

(z)
()

_
z
2
_

, ( > 0 ) . (9.53)
Come funzione di x, a grandi valori di x le funzioni J

(x) e Y

(x) hanno la forma di una


oscillazione smorzata (v.Fig.9.1).
1
queste formule riportano solo i termini dominanti per x 0. Per questa ragione da esse non appare la
singolarita logaritmica di Y

quando > 0.
9. Equazioni Dierenziali. 109
Cio si puo intuire notando che per x la equazione di Bessel tende a diventare identica
alla equazione u

(z) + u(z) = 0. Questo suggerisce di cercarne la soluzione nella forma u(x) =


w(x) sin(x + c). Per sostituzione diretta, con un facile calcolo si trova che deve essere w(x)
x
1/2
.
Mediante metodi esatti di approssimazione asintotica si prova che, per x e ssato:
J

(x)
_
2
x
_1
2
cos(x /2 /4) ,
Y

(x)
_
2
x
_1
2
sin(x /2 /4) . (9.54)
Fig. 9.1: Funzioni di Bessel di prima specie e ordine 20.
9.4 Equazioni della classe di Fuchs.
Le singolarita regolari sono note anche come singolarita Fuchsiane. Le equazioni (9.1) che
hanno un numero nito di singolarita isolate, tutte quante Fuchsiane, si chiamano equazioni
totalmente Fuchsiane, oppure equazioni della classe di Fuchs. Dati due n-ple di punti distinti in
C, z
1
, . . . , z
n
e a
1
, . . . , a
n
, con n 3, e sempre possibile trovare una trasformazione omograca
(9.37) in modo che (z
1
) = a
1
, . . . , (z
n
) = a
n
. Pertanto, sfruttando la Prop.21, nello studio
delle equazioni della classe di Fuchs con n 3 singolarita ci si puo sempre ricondurre a casi in
cui queste singolarita si trovano in punti decisi a priori.
Per n = 1, conviene assumere a
1
= . Le funzioni p(z) e q(z) devono essere intere, e nulle
9. Equazioni Dierenziali. 110
allinnito; quindi sono identicam. nulle. Lunica eq. della classe di Fuchs con 1 singolarita e
la equazione u

(z) = 0.
Per n = 2, conviene assumere a
1
= 0 e a
2
= . Allora la funzione p
0
(z) := zp(z) deve
essere intera, con una singolarita eliminabile a : dunque p
0
(z) =cost.= . Analogamente,
si trova q
0
(z) := z
2
q(z) =cost.= . Si trova cosi che qualunque eq. della classe di Fuchs con
2 singolarita puo essere ridotta, con un cambiamento omograco di variabile, alla equazione
di Eulero. Le equazioni totalm. Fuchsiane con 3 singolarita sono considerate nella prossima
sezione.
9.4.1 Equazione di Gauss.
La Equazione Ipergeometrica, o Equazione di Gauss:
z(z 1)u

(z) + [( + + 1)z ]u

(z) + u(z) = 0 (9.55)


e una equazione della classe di Fuchs con tre singolarita situate in 0,1,. In un certo senso e
anche lunica equazione di questo tipo; infatti,
Proposizione 23: Una equazione della classe di Fuchs con tre singolarita puo sempre essere
ricondotta alla Equazione Ipergeometrica, servendosi di opportuni cambiamenti di varibile.
Dim. : supponiamo che (9.1) sia nella classe di Fuchs, con tre singolarita. Come si e detto
sopra, queste singolarita possono essere trasferite in 0, 1, con una opportuna trasformazione
omograca. Per avere le proprieta richieste (teor.60, prop.20) la funzione p(z) deve avere la
forma:
p(z) =
a
z
+
b
z 1
+ p
1
(z)
dove p
1
(z) e intera, e deve annullarsi a , perche p(z) deve annullarsi a . Per il teor. di
Liouville (Teor.35), p
1
(z) 0. Invece la funzione q(z) deve avere la forma:
q(z) =
r
z
+
r

z 1
+
s
z
2
+
t
(z 1)
2
+ q
1
(z) ,
con q
1
(z) intera; la condizione a richiede, come prima , q
1
(z) = 0. In pi u, anche zq(z)
deve annullarsi a , e cio richiede r

= r. Le funzioni p(z) e q(z) trovate in tal modo


individuano una equazione dierenziale nota come equazione di Riemann, che quindi dipende
da 5 parametri a, b, r, s, t. Scriviamo le equazioni agli indici della equazione di Riemann nei
punti 0, 1, . Nellordine:

2
+ (a 1) + s = 0 ,

2
+ (b 1) + t = 0 ,

2
+ (1 a b) +s + t = 0 . (9.56)
Denotiamo
1
,
2
gli indici nello 0;
1
,
2
gli indici in 1; e
1
,
2
gli indici a . Allora, per note
proprieta delle equazioni di 2ndo grado,

1
+
2
+
1
+
2
+
1
+
2
= 1 a + 1 b + a + b 1 = 1 ,
9. Equazioni Dierenziali. 111
Questa relazione di Riemann fra gli indici riduce a 5 il numero di indici indipendenti - tanti
quanti sono i parametri necessari a specicare la equazione. Ne scende che una equazione della
classe di Fuchs con singolarita in 0, 1, e univocamente individuata, quando ne sono noti gli
indici nei tre punti. Grazie alla Prop.22, mediante il cambiamento di variabile:
u(z) = z

1
(z 1)

1
v(z)
possiamo sempre ridurci al caso in cui gli indici
1
e
1
sono nulli. La equazione di Riemann che
viene risolta da v(z) e facile da individuare: prima di tutto, dalle radici (0,
2
), (0,
2
), (
1
,
2
)
delle equazioni quadratiche (9.4.1) si risale in maniera elementare ai coecienti delle medesime
equazioni; poi da questi coecienti si ricavano i parametri a, b, r, s, t, u, e quindi le funzioni p(z)
e q(z). I 4 indici rimasti devono vericare la relazione di Riemann, quindi possono essere espressi
in funzione di 3 parametri, e cio vien fatto come segue:
2
= 1 ,
2
= ,
1
= ,

2
= . Grazie a questa particolare scelta dei 3 parametri indipendenti , , le soluzioni della
equazione nale si scriveranno, com esi vedra, in una forma relativamente semplice. In questo
modo si ricava direttamente la equazione (9.55).
Esercizio 88: Ricondurre la equazione di Legendre:
[(1 z
2
)u

(z)]

+ n(n + 1)u(z) = 0
ad una equazione Ipergeometrica.
Funzioni Ipergeometriche.
Applichiamo il procedimento generale descritto nel seguito del Teor.60 alla risoluzione della
equazione di Gauss nellintorno di 0. Uno degli indici in 0 e nullo; cio signica che una delle
soluzioni fondamentali e sempre analitica in B
1
(0) (il cerchio unitario), inclusa lorigine. Sos-
tituendo nella equazione la serie a coecienti indeterminati

n=0
c
n
z
n
, e assumendo c
0
= 1,
si trova facilmente, per n 1:
c
n
=
( + 1) . . . ( + n 1)( + 1) . . . ( + n 1)
( + 1) . . . ( + n 1)
1
n!
. (9.57)
La serie di potenze che ha questi coecienti si chiama la serie Ipergeometrica. Se oppure e
un intero negativo, la serie e in realta un polinomio. Altrimenti, la serie ha raggio di convergenza
1 (perche il punto 1 e laltra singolarita della equazione). Dalla teoria generale sappiamo, che
la somma della serie e incondizionatam. prolungabile in C1. Il prolungamento produce una
funzione (o meglio, una famiglia a 3 parametri (, , ) di funzioni), in generale polidrome:
Denizione 67: La Funzione Ipergeometrica F(, , ; z) e la funzione analitica completa
in C 1 ottenuta dalla serie Ipergeometrica per prolungamento analitico.
9. Equazioni Dierenziali. 112
Esercizio 89: Vericare che:
F(, , ; z) = (1 z)

,
zF
_
1
2
,
1
2
,
3
2
; z
2
_
= arcsin(z) ,
zF(1, 1, 2 ; z) = log(1 z) . (9.58)
Denizione 68: Ln-mo polinomio di Legendre e ln-mo polinomio di

Cebysev sono rispet-
tivamente deniti da:
L
n
(z) = F(n, n + 1, 1 ; (1 z)/2) , P
n
(z) :=
(2n)!
2
2n
n!
F
_
n, n,
1
2
; (1 z)/2
_
.
Cerchiamo una seconda soluz. fondamentale della eq. di Gauss. Qui e nel resto di questa
sezione ci limitiamo al caso in cui la dierenza degli indici non e intera. In B
1
(0), questa
soluzione deve avere la forma z
1
f(z), dove f(z) e analitica nellintorno di 0, e - vista la Prop.
22 - e soluzione della eq. di Gauss con gli indici 0 1 + , 0 in 0, e + 1 , + 1 a
. Ne consegue, che f(z) e la soluzione analitica nellintorno di 0 della Eq. Ipergeometrica di
parametri

legati ad , , da 1

= 1,

= + 1 ,

= + 1 . Quindi,
la soluzione cercata e z
1
F( + 1 , + 1 , 2 ; z).
Le soluzioni fondam. negli intorni di 1 e di possono essere trovate a partire da quelle trovate
nellintorno di 0, sfruttando trasformazioni omograche che permutano i tre punti, e le Prop.21
e 22. In particolare:
nellintorno di z = 1, leq. di Gauss ha un indice zero, e quindi una soluzione fondam.
analitica. La trasformazione z 1 z scambia i punti 0 e 1, conservandone gli indici.
Pertanto la soluzione cercata e la funzione ipergeometrica di 1 z con parametri

= ,

= , 1

= ; quindi e la funzione F( , , 1 + + ; 1 z).


La 2nda soluz. fondamentale si ottiene in modo analogo dalla 2nd sol. fondam. trovata
in 0, quindi e data da: (1 z)

F(, , + 1 ; 1 z).
la trasformazione z 1/z scambia i punti 0 e , conservandone gli indici. Pertanto se
u(z) e la soluz. della equazione che corrisponde allindice a , allora z

u(1/z) risolve
la eq. di Gauss con un indice 0 nellorigine, e parametri 1

= ,

= 1 +, 1

=
+ . La prima soluzione cercata e quindi z

F(, 1 + , 1 + ; ; 1/z). La
seconda si trova dalla prima scambiando e .