Sei sulla pagina 1di 9

Liturgia delle Ore - Lodi Mattutine

I SETTIMANA DI QUARESIMA - GIOVED LODI MATTUTINE V. O Dio, vieni a salvarmi. R. Signore, vieni presto in mio aiuto. Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Inno Nella santa assemblea, o nel segreto dell'anima, prostriamoci e imploriamo la divina clemenza. Dall'ira del giudizio liberaci, o Padre buono; non togliere ai tuoi figli il segno della tua gloria. Ricorda che ci plasmasti col soffio del tuo Spirito: siam tua vigna, tuo popolo, e opera delle tue mani. Perdona i nostri errori, sana le nostre ferite, guidaci con la tua grazia alla vittoria pasquale. Sia lode al Padre altissimo, al Figlio e al Santo Spirito com'era nel principio, ora e nei secoli eterni. Amen. 1^ Antifona Svegliatevi, arpa e cetra, voglio svegliare l'aurora. SALMO 56 Preghiera del mattino nella sofferenza Questo salmo si riferisce alla passione del Signore (sant'Agostino). Piet di me, piet di me, o Dio, * in te mi rifugio; mi rifugio all'ombra delle tue ali * finch sia passato il pericolo.

Invocher Dio, l'Altissimo, * Dio che mi fa il bene. Mandi dal cielo a salvarmi dalla mano dei miei persecutori, * Dio mandi la sua fedelt e la sua grazia. Io sono come in mezzo a leoni, * che divorano gli uomini; i loro denti sono lance e frecce, * la loro lingua spada affilata. Innlzati sopra il cielo, o Dio, * su tutta la terra la tua gloria. Hanno teso una rete ai miei piedi, * mi hanno piegato, hanno scavato davanti a me una fossa * e vi sono caduti. Saldo il mio cuore, o Dio, * saldo il mio cuore. Voglio cantare, a te voglio inneggiare: * svegliati, mio cuore, svegliatevi arpa e cetra, * voglio svegliare l'aurora. Ti loder tra i popoli, Signore, * a te canter inni tra le genti, perch la tua bont grande fino ai cieli, * e la tua fedelt fino alle nubi. Innalzati sopra il cielo, o Dio, * su tutta la terra la tua gloria. Gloria al Padre e al Figlio * e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre * nei secoli dei secoli. Amen. 1^ Antifona Svegliatevi, arpa e cetra, voglio svegliare l'aurora. 2^ Antifona Il tuo popolo, Signore, abbonda dei tuoi beni. CANTICO Ger 31, 10-14 Dio libera e raduna il suo popolo nella gioia

Ges doveva morire... per riunire i figli di Dio, che erano dispersi (Gv. 11, 51.52). Ascoltate popoli, la parola del Signore, * annunziatela alle isole lontane e dite: Chi ha disperso Israele lo raduna * e lo custodisce come un pastore il suo gregge, perch il Signore ha redento Giacobbe, * lo ha riscattato dalle mani del pi forte di lui. Verranno e canteranno inni sull'altura di Sion, * affluiranno verso i beni del Signore, verso il grano, il mosto e l'olio, * verso i nati dei greggi e degli armenti. Essi saranno come un giardino irrigato, * non languiranno mai. Allora si allieter la vergine alla danza; * i giovani e i vecchi gioiranno. Io cambier il loro lutto in gioia, * li consoler e li render felici, senza afflizioni. Sazier di delizie l'anima dei sacerdoti * e il mio popolo abbonder dei miei beni. Gloria al Padre e al Figlio * e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre * nei secoli dei secoli. Amen. 2^ Antifona Il tuo popolo, Signore, abbonda dei tuoi beni. 3^ Antifona Grande il Signore e degno di ogni lode nella citt del nostro Dio. SALMO 47 Azione di grazie per la salvezza del popolo Mi trasport in spirito su di un monte alto e mi mostr la citt santa, Gerusalemme (Ap 21, 10). Grande il Signore e degno di ogni lode * nella citt del nostro Dio. Il suo monte santo, altura stupenda, * la gioia di tutta la terra. Il monte Sion, dimora divina, * la citt del grande Sovrano. Dio nei suoi baluardi *

apparso fortezza inespugnabile. Ecco, i re si sono alleati, * sono avanzati insieme. Essi hanno visto: * attoniti e presi dal panico, sono fuggiti. L sgomento li ha colti, * doglie come di partoriente, simile al vento orientale * che squarcia le navi di Tarsis. Come avevamo udito, cos abbiamo visto nella citt del Signore degli eserciti, nella citt del nostro Dio; * Dio l'ha fondata per sempre. Ricordiamo, Dio, la tua misericordia * dentro il tuo tempio. Come il tuo nome, o Dio, cos la tua lode si estende sino ai confini della terra; * piena di giustizia la tua destra. Gioisca il monte di Sion, esultino le citt di Giuda * a motivo dei tuoi giudizi. Circondate Sion, giratele intorno, * contate le sue torri. Osservate i suoi baluardi, passate in rassegna le sue fortezze, * per narrare alla generazione futura: Questo il Signore, nostro Dio in eterno, sempre: * egli colui che ci guida. Gloria al Padre e al Figlio * e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre * nei secoli dei secoli. Amen. 3^ Antifona Grande il Signore e degno di ogni lode nella citt del nostro Dio. Lettura Breve Pro 15, 30-33 Uno sguardo luminoso allieta il cuore; una notizia lieta rianima le

ossa. L'orecchio che ascolta un rimprovero salutare avr la dimora in mezzo ai saggi. Chi rifiuta la correzione disprezza se stesso, chi ascolta il rimprovero acquista senno. Il timore di Dio una scuola di sapienza, prima della gloria c' l'umilt. Responsorio Breve R. Temete il Signore, suoi santi: * nulla manca a colui che lo teme. Temete il Signore, suoi santi: nulla manca a colui che lo teme. V. Venite, figli, ascoltatemi: nulla manca a colui che lo teme. Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito santo. Temete il Signore, suoi santi: nulla manca a colui che lo teme. Prima Lettura

Dal libro dell'Esodo 12, 1-20 La Pasqua e gli azzimi Il Signore disse a Mos e ad Aronne nel paese d'Egitto: Questo mese sar per voi l'inizio dei mesi, sar per voi il primo mese dell'anno. Parlate a tutta la comunit di Israele e dite: Il dieci di questo mese ciascuno si procuri un agnello per famiglia, un agnello per casa. Se la famiglia fosse troppo piccola per consumare un agnello, si assocer al suo vicino, al pi prossimo della casa, secondo il numero delle persone; calcolerete come dovr essere l'agnello, secondo quanto ciascuno pu mangiarne. Il vostro agnello sia senza difetto, maschio, nato nell'anno; potrete sceglierlo tra le pecore o tra le capre e lo serberete fino al quattordici di questo mese: allora tutta l'assemblea della comunit d'Israele lo immoler al tramonto. Preso un po' del suo sangue, lo porranno sui due stipiti e sull'architrave delle case, in cui lo dovranno mangiare. In quella notte ne mangeranno la carne arrostita al fuoco; la mangeranno con azzimi e con erbe amare. Non lo mangerete crudo, n bollito nell'acqua, ma solo arrostito al fuoco con la testa, le gambe e le viscere. Non ne dovete far avanzare fino al mattino: quello che al mattino sar avanzato lo brucerete nel fuoco. Ecco in qual modo lo mangerete: con i fianchi cinti, i sandali ai piedi, il bastone in mano; lo mangerete in fretta. E' la pasqua del Signore! In quella notte io passer per il paese d'Egitto e colpir ogni primogenito nel paese d'Egitto, uomo o bestia; cos far giustizia di tutti gli dei dell'Egitto. Io sono il Signore! Il sangue sulle vostre case sar il segno che voi siete dentro: io vedr il sangue e passer oltre, non vi sar per voi flagello di sterminio, quando io colpir il paese d'Egitto. Questo giorno sar per voi un memoriale; lo celebrerete

come festa del Signore: di generazione in generazione, lo celebrerete come un rito perenne. Per sette giorni voi mangerete azzimi. Gi dal primo giorno farete sparire il lievito dalle vostre case, perch chiunque manger del lievitato dal giorno primo al giorno settimo, quella persona sar eliminata da Israele. Nel primo giorno avrete una convocazione sacra; nel settimo giorno una convocazione sacra: durante questi giorni non si far alcun lavoro; potr esser preparato solo ci che deve essere mangiato da ogni persona. Osservate gli azzimi, perch in questo stesso giorno io ho fatto uscire le vostre schiere dal paese d'Egitto; osserverete questo giorno di generazione in generazione come rito perenne. Nel primo mese, il giorno quattordici del mese, alla sera, voi mangerete azzimi fino al ventuno del mese, alla sera. Per sette giorni non si trover lievito nelle vostre case, perch chiunque manger del lievito, sar eliminato dalla comunit di Israele, forestiero o nativo del paese. Non mangerete nulla di lievitato; in tutte le vostre dimore mangerete azzimi. Cfr. Ap 5, 8. 9; cfr. 1 Pt 1, 18. 19 R. Gli anziani si prostravano davanti all'Agnello e cantavano un canto nuovo: * Signore, ci hai riscattato per Dio con il tuo sangue. V. Non a prezzo di argento e di oro fummo liberati, ma con il sangue prezioso di Cristo, agnello senza macchia. R. Signore, ci hai riscattato per Dio con il tuo sangue.
Responsorio Seconda Lettura

Dalle Omelie di sant'Asterio di Ammassa, vescovo (Om. 13; PG 40, 355-358. 362) Imitiamo l'esempio del buon Pastore Poich il modello, ad immagine del quale siete stati fatti, Dio, procurate di imitare il suo esempio. Siete cristiani, e col vostro stesso nome dichiarate la vostra dignit umana, perci siate imitatori dell'amore di Cristo che si fece uomo. Considerate le ricchezze della sua bont. Egli, quando stava per venire tra gli uomini mediante l'incarnazione, mand avanti Giovanni, araldo e maestro di penitenza e, prima di Giovanni, tutti i profeti, perch insegnassero agli uomini a ravvedersi, a ritornare sulla via giusta e a convertirsi a una

vita migliore. Poco dopo, quando venne egli stesso, proclam di persona e con la propria bocca: Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi e io vi ristorer (Mt 11, 28). Perci a coloro che ascoltarono la sua parola, concesse un pronto perdono dei peccati e li liber da quanto li angustiava. Il Verbo li santific, lo Spirito li rese saldi, l'uomo vecchio venne sepolto nell'acqua, e fu generato l'uomo nuovo, che fior nella grazia. Dopo che cosa segui? Colui che era stato nemico divent amico, l'estraneo divent figlio, l'empio divent santo e pio. Imitiamo l'esempio che ci ha dato il Signore, il buon Pastore. Contempliamo i Vangeli e, ammirando il modello di premura e di bont in essi rispecchiato, cerchiamo di assimilarlo bene. Nelle parabole e nelle similitudini vedo un pastore che ha cento pecore. Essendosi una di esse allontanata dal gregge e vagando sperduta, egli non rimane con quelle che pascolavano in ordine, ma messosi alla ricerca dell'altra, supera valli e foreste, scala monti grandi e scoscesi e, camminando per lunghi deserti con grande fatica, cerca e ricerca fino a che non trova la pecora smarrita. Dopo averla trovata, non la bastona, n la costringe a forza a raggiungere il gregge, ma, presala sulle spalle, e trattatala con dolcezza, la riporta al gregge, provando una gioia maggiore per quella sola ritrovata, che per la moltitudine delle altre. Consideriamo la realt velata e nascosta della parabola. Quella pecora non affatto una pecora, n quel pastore un pastore, ma significano altra cosa. Sono figure che contengono grandi realt sacre. Ci ammoniscono, infatti, che non giusto considerare gli uomini come dannati e senza speranza, e che non dobbiamo trascurare coloro che si trovano nei pericoli, n essere pigri nel portare loro il nostro aiuto, ma che nostro dovere ricondurre sulla retta via coloro che da essa si sono allontanati e che si sono smarriti. Dobbiamo rallegrarci del loro ritorno e ricongiungerli alla moltitudine di quanti vivono bene e nella piet. Cfr. Zc 7, 9; Mt 6, 14 R. Praticate la giustizia e la fedelt. * Esercitate piet e misericordia ciascuno verso il suo prossimo. V. Se voi perdonerete agli uomini le loro colpe, il Padre vostro celeste perdoner anche a voi le vostre.
Responsorio

R. Esercitate piet e misericordia ciascuno verso il suo prossimo.


Vangelo Mt 7, 7-12 Chiunque chiede, riceve. Dal vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Ges disse ai suoi discepoli: Chiedete e vi sar dato; cercate e troverete, bussate e vi sar aperto. Perch chiunque chiede riceve, e chi cerca trova, e a chi bussa sar aperto. Chi di voi, al figlio che gli chiede un pane, dar una pietra? E se gli chiede un pesce, gli dar una serpe? Se voi, dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto pi il Padre vostro che nei cieli dar cose buone a quelli che gliele chiedono! Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti la Legge e i Profeti.
Antifona al Benedictus Se voi, che siete cattivi, date cose buone ai figli, quanto pi il Padre vostro a quelli che lo invocano! Invocazioni Il Cristo, luce del mondo, venuto fra noi perch non camminiamo pi nelle tenebre, ma abbiamo la luce della vita. A lui si innalzi la nostra lode e la nostra preghiera: La tua parola, Signore, sia luce ai miei passi. Signore fa' che oggi progrediamo alla scuola della tua bont e diveniamo tuoi imitatori, - per ritrovare in te, nuovo Adamo, ci che abbiamo perduto a causa del primo Adamo. La tua parola illumini sempre il nostro cammino, - perch viviamo nella verit e nella carit, per la perfezione del tuo corpo mistico. Insegnaci a fare del bene a tutti nel tuo nome, - perch la luce della tua Chiesa risplenda sempre pi sull'umana famiglia. Donaci la grazia della conversione, perch espiamo le offese recate alla tua bont e sapienza, - e otteniamo il bene inestimabile della tua amicizia.

Padre nostro. Orazione Ispiraci, Signore, pensieri e propositi santi, e donaci il coraggio di attuarli, e poich non possiamo esistere senza di te, fa' che viviamo secondo la tua volont. Per il nostro Signore. Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna. R. Amen.