Sei sulla pagina 1di 1

L'OTTOCENTO Il Verismo e Giovanni Verga

Il Verismo un movimento letterario che s diffonde in Italia negli ultimi decenni delr5ttocento e nei primi anni del Novecento. HJermineJfensme-c^ rc; secondo i veristi lo scrittore ha il c o m pito di riprodurre lajjealt Ih moQ^Loggenivo e^~taT^rnergere la verit in modo impersoQ^6j-JDIlispri giudizi n manifestarealcunajartecipaziQj^^
rnere

IL QUADRO STORICO Il 1848 stato l'anno delle rivoluzioni, Panno in cui le forze democratiche e progressiste di tutta Europa hanno lottato contro i governi autoritari: in seguito al fallimento di quei moti, ovunque si assiste ad un rafforzamento dei gruppi borghesi pi conservatori. Negli ultimi decenni del secolo trionfa la borghesia industriale che consolida sempre pi il suo potere economico con l a fiducia di un'espansione s e n z a limiti e la fede in un progresso continuo della tecnica: in questi anni si fanno grandi scoperte scientifiche, si applicano nelle industrie le nuove tecnologie, per esempio la macchina a vapore, e si opera la rivoluzione dei trasporti; la fiducia borghese nel futuro trova alimento nei successi delle imprese ma anche nelle idee positiviste che si stanno diffondendo. Questa anche l'epoca, per, in cui s i sviluppa la questione sociale: le masse dei lavoratori prendono coscienza dei loro diritti e delle disuguaglianze sociali e cercano i modi per lottare contro il capitalismo: a Londra, nel 1864, si costituisce la Prima Internazionale socialista, associazione dei lavoratori di tutto il mondo. IL CLIMA CULTURALE Il Verismo ha le sue radici nel Positivismo e nel Naturalismo. Il Positivismo, il cui nome deriva dall'aggettivo positivo, un movimento filosofico: i positivisti affermano che la ricerca della ve314

rifa deve essere condotta col metodo-seiefltk, fico-sperimentaje e. che, occorre perci rifiutareJutteJejjd^astratte, come per esempio quelle della religione, che non possono essere verificate con l'esperienza. Essi credono che_sja possibile individuare non s p j o j e leggi scientifiche che riguardano i i e n o m e n i J s j c i e naturali m a anche quelle che regolano il compW'mnt^ellTTTfio^' Ja^tnjttu^della^a Da ci deriva il loro ottimismo: la s c i e n z a potr garantire il progresso dell'umanit sia in campo economico che culturale e sociale. Il Naturalismo una corrente letteraria francesejchej;! sviluppa|n_questLanni e cheTa i suoi massimi, rappresentanti, nei fratelli
G O N C O U R T , in E M I L E Z O L A e in G U Y d e M A U PASSANT,_
' d\i Rr.rfnr

, "" *

naturalisti applicano al romanzo i principi jej^Positivisrpp^-iLromanzo deve esserejujkjd^^ Perci il romanziere deve rappresentare con riqrej^ anche quelle pi umili, e tutti gli aspetti dell'sperinzaTariche^quelli pi penosi e sgradevoli; la n a r r a z i o n e ^ e v a ^ s e f e ^ x t n d o t t a in modo distaccato^teso soltanto a mettere in rilievo i fatTn!^ con la mac fedelmpossMe. IL VERISMO

Pi

Ir ! i

i' I !

m\

Il Verismo^ deriva dal Naturalismo francese ma^prsnta anche df caratteri diversi ed origina[L_Questi sono: il regionalismo - gli scrittori veristi analizzano e descrivono delle realt sociali tipiche cti una certa re^onejtaliana, e diverse dalle altre; il rapporto che lega gli scrittori a l la loro realt regionale dovuto alla situazione politica italiana, nella quale l'unit non si ancora tradotta in modi di vivere e atteggiamenti culturali comuni; il pessimismo - le opere dei veristi esprimono una concezione pessimista della vita e