Sei sulla pagina 1di 1

I

Vivere in societ

2 - Il rispetto delle regole

erch una societ possa funzionare necessario che ci siano delle regole condivise e rispettate da tutti. D'altra parte esse sono una costante dell'esistenza dell'uomo: senza regole, per esempio, neanche i l gioco pi semplice sarebbe possibile n sarebbe possibile divertirsi; senza le regole nella grammatica di una lingua, le persone non si capirebbero e pertanto non riuscirebbero a comunicare; senza le regole nessun gruppo potrebbe funzionare: pensa a una famiglia in cui ciascuno si alza e mangia quando gli pare, o a una classe i n cui gli allievi e i professori si comportino seguendo l'istinto del momento, o, ancora, a un condominio i n cui ciascuno sbatte i tappeti sulla testa degli altri, ascolta lo stereo a tutto volume anche di notte, sparge l'immondizia per le scale e cos via. Oppure pensa a quello che succederebbe al traffico cittadino se non esistessero i segnali stradali. Dunque, le regole sono fondamentali e non solo non limitano la libert degli individui, ma contribuiscono ad aumentare i l benessere di tutti: dunque i l rispetto delle regole dovrebbe costituire un modo spontaneo di comportarsi per tutti i membri di una comunit, che in questo modo sanciscono fra loro un patto, cio un accordo di convivenza: un patto sociale.

Il "patto sociale"

Norme sociali e norme giuridiche


N o n tutte le regole, per, sono uguali, poich diverse sono le conseguenze determinate dalla mancanza del loro rispetto. U n a differenza fondamentale, per esempio, esiste tra le norme sociali e le norme giuridiche. Le prime non sono scritte e la loro trasgressione non comporta pene di alcun tipo: nessuna legge impone di tenere aperto i l portone alla persona che dietro di noi, oppure di non sedersi sugli schienali delle panchine appoggiando i piedi sul sedile, o di cedere i l passo a una persona anziana o, ancora, di tenere lo stereo basso anche di giorno. Si tratta infatti di comportamenti che sono frutto delle consuetudini di un popolo, della sua cultura e, i n generale, della sua sensibilit civica. N o n rispettarle significa venir meno al patto sociale, non rispettare gli altri, peggiorando la "qualit" della vita dell'intera collettivit, e ci fa etichettare come maleducati, incivili e i n taluni casi ci emargina. Esistono poi norme la cui trasgressione comporta sanzioni di vario tipo: chi non rispetta il codice della strada pu essere multato; l'allievo che non si attiene al regolamento di istituto pu essere punito anche con la sospensione dalle lezioni. C i sono inoltre le norme cosiddette giuridiche, ovvero le leggi scritte, fissate dagli appositi organi statali: chi le infrange va incontro a sanzioni proporzionate alla gravit del comportamento (per esempio la condanna al carcere). Esse infatti sono generali e obbligatorie, perch tutti (governati e governanti) sono tenuti a rispettarle nello stesso modo, e coattive, poich lo Stato ha i l compito di i m porne l'osservanza, punendo i trasgressori.

stradali sono segni convenzionali utilizzati per regolare il traffico.