Sei sulla pagina 1di 75

` UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE Facolt` di Ingegneria a Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Energetica e Macchine Tesi di Laurea

PROGETTAZIONE DI UN PICCOLO AEROMOTORE AD ASSE ORIZZONTALE Relatore Prof. Gianmario L. Arnul Laureando Filippo Didonna

Anno Accademico 2009/10

Coraggio! Il meglio ` passato! e Ennio Flaiano

Ai miei genitori. Alla mia ragazza Samantha. Allarma di Cavalleria dellEsercito Italiano che ha reso possibili molte cose.

Sommario
Il presente elaborato riguarda la ri-progettazione del rotore di una macchina eolica destinata a muovere un generatore elettrico di piccola potenza. Il lavoro, arontato sia sotto laspetto analitico che sperimentale, ` stato riassunto nella e presente relazione articolandolo in tre parti. Nella prima parte, di carattere bibliograco, raccolta nel secondo e terzo capitolo, si riassumono i problemi generali che spingono alla ricerca di sistemi di utilizzazione delle energie rinnovabili, i motivi per i quali lenergia eolica sembra essere la pi` promettente di queste u tecnologie ed i problemi generali da arontare quando si vuole installare un generatore eolico. Nella seconda parte (quarto capitolo) si entra nello specico della progettazione di pale a prolo aerodinamico utilizzando la teoria dei vortici di Glauert e, successivamente, si esegue la verica del progetto e la predeterminazione delle curve caratteristiche del rotore nito. Nella terza parte (quinto capitolo) si confrontano i dati delle prove sperimentali condotte sulla macchina originale con i risultati ottenuti dalla predeterminazione delle sue caratteristiche e con quelli relativi alla macchina ri-progettata.

ii

Sommario

Indice
Sommario 1 Introduzione 1.1 Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2 Obiettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.3 Metodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 Il problema energetico 2.1 Lo sviluppo sostenibile e la gestione delle risorse naturali . . . . . . . . . . 2.2 Risorse energetiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.3 Energia alternativa ed energia rinnovabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.4 Energia eolica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5 Impatto dello sfruttamento eolico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5.1 Impatto visivo, modica del paesaggio e occupazione del territorio 2.5.2 Impatto acustico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5.3 Eetti su ora e fauna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5.4 Interferenze sulle telecomunicazioni ed eetti elettromagnetici . . 2.5.5 Emissioni evitate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5.6 Interferenze locali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 Sistemi di conversione dellenergia eolica 3.1 Variazioni periodiche della velocit` del vento a 3.1.1 Dipendenza dalla quota . . . . . . . . 3.1.2 Eetti dei rilievi e scelta del sito . . . 3.2 Energia disponibile dal vento e legge di Betz 3.3 Classicazione degli aerogeneratori . . . . . . 3.4 Aerogeneratore ad asse verticale (VAWT) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . i 1 1 2 2 5 5 7 8 10 11 11 13 14 16 16 17 19 19 20 21 23 24 27 29 29 29 32 32 33 42 49 55 59

4 Il modello ITDG IT-100 4.1 Descrizione tecnica e metodologia di progetto . . . . 4.2 Descrizione del generatore elettrico . . . . . . . . . . 4.3 Progetto dellaeromotore . . . . . . . . . . . . . . . . 4.3.1 Determinazione del regime di funzionamento 4.3.2 Pale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.4 Verica e predeterminazione delle caratteristiche . . 4.5 Sistema di orientazione e di protezione . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . nominale . . . . . . . . . . . . . . . . . .

5 Confronto tra la macchina costruita e quella ri-progettata Conclusioni

iv

INDICE

Ringraziamenti Bibliograa

61 63

Elenco delle tabelle


2.1 4.1 Stime di mortalit` aviaria annua riferita al territorio degli Stati Uniti . . . . . . a 15 32 32 34 35 38 39 39 43 47 48 55

Generatore con magneti in ferrite, prova con un carico di 105 W a diverse velocit` a di rotazione (: rendimento elettrico complessivo) . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.2 Generatore con magneti in NdFeB, prova con un carico di 105 W a diverse velocit` a di rotazione (: rendimento elettrico complessivo) . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.3 Risultati alla punta della pala . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.4 Risultati su tutta la lunghezza della pala al variare della distanza dallasse di rotazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.5 Variazione dei parametri aerodinamici di un prolo NACA 4412, con langolo di incidenza (Reynolds = 300 000) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.6 Prospetto dello svergolamento ideale della pala . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.7 Prospetto dello svergolamento semplicato della pala . . . . . . . . . . . . . . . . 4.8 Foglio di calcolo per la predeterminazione delle caratteristiche di funzionamento del rotore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.9 Relazione tra velocit` del vento e potenza prodotta . . . . . . . . . . . . . . . . . a 4.10 Relazione tra velocit` del vento e potenza prodotta con indicazione della resia stenza aerodinamica assiale e della tensione corrispondente . . . . . . . . . . . . . 5.1 5.2 Pale Per NACA4412 progettate da Teodoro Snchez . . . . . . . . . . . . . . u a Relazione tra velocit` del vento e potenza prodotta, calcolata per la macchina a costruita in Per, con indicazione della resistenza aerodinamica assiale e della u tensione corrispondente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

56

vi

ELENCO DELLE TABELLE

Elenco delle gure


2.1 Previsione di sviluppo delle emissioni globali di CO2 per settore secondo lo scenario dell Energy [R]evolution (EFFICIENZA: Riduzione di CO2 comparata allo scenario di riferimento) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Scala delle percezioni del rumore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Vista esplosa del generatore a magneti permanenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . Disposizione delle bobine nello statore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Vista esterna del generatore, misure in mm . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Triangolo di velocit` alla punta della pala e forze di portanza e resistenza generate a da un prolo aerodinamico (NACA4412) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Graci dei coecienti di potenza di vari tipi di rotori al variare della velocit` a adimensionale = u v . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Layout del rotore con svergolamento ideale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Layout del rotore con svergolamento semplicato . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pala del rotore con indicazione delle sezioni di calcolo, misure in mm, prolo aerodinamico base NACA 4412. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Curve fr() per la pala progettata, per diversi valori della distanza r della sezione dallasse di rotazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Curve mr() per la pala progettata, per diversi valori della distanza r della sezione dallasse di rotazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Curve fr(r/R) per la pala progettata, dallalto verso il basso per diversi valori del parametro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Curve mr(r/R) per la pala progettata, dallalto verso il basso per diversi valori del parametro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Variazione di Cf con . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Variazione di Cm e di Cp con . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Curve di potenza e di forza assiale sviluppata in funzione della velocit` del vento a Particolare del sostegno del generatore elettrico con indicata la distanza dax tra gli assi sghembi di rotazione del piano delle pale (orizzontale) e di rotazione del complesso della macchina (verticale), e langolo (misure in mm). . . . . . . . . Vista laterale del generatore eolico completo con indicazione delle forze agenti. . Vista dallalto del generatore eolico completo con indicazione delle forze agenti. Rappresentazione graca della 4.26 che esprime la produzione elettrica in funzione della velocit` del vento per la macchina progettata. . . . . . . . . . . . . . . a

2.2 4.1 4.2 4.3 4.4 4.5 4.6 4.7 4.8 4.9 4.10 4.11 4.12 4.13 4.14 4.15 4.16

7 13 30 30 31 33 36 40 40 41 44 44 45 45 46 47 48

4.17 4.18 4.19

50 51 51 53

5.1

Confronto tra la curva di potenza teorica calcolata tramite la teoria di Glauert per laerogeneratore costruito in Per, ed i dati sperimentali delle prove sul campo. 57 u

viii

ELENCO DELLE FIGURE

5.2

5.3

Confronto tra il coeciente di potenza Cp in funzione della velocit` adimensionale a = u v calcolato per la macchina progettata (linea continua) e quello calcolato per la macchina costruita da ITDG-Per (linea tratteggiata) . . . . . . . . . . . . u Confronto tra la curva di potenza calcolata per la macchina progettata (linea continua), quella calcolata per la macchina costruita da ITDG-Per (linea u tratteggiata) ed i dati sperimentali della prova sul campo della seconda . . . . .

57

58

Capitolo 1

Introduzione
1.1 Premessa

Lenergia ` legata a tutte le attivit` umane ed allo stesso tempo, molti degli oggetti di cui e a ci serviamo nel corso della vita hanno bisogno di energia per essere utilizzati e/o ne hanno avuto bisogno per essere prodotti; lenergia ci permette di riscaldare le nostre case, come pure di illuminarle, ci permette di spostarci e di sfamarci, moltiplicando la capacit` produttiva dei a terreni. Nel corso della storia, luomo ha cercato di usarla in maniera sempre pi` eciente dal u momento che ` proprio da essa che dipende il suo benessere materiale, ma ` soprattutto nei e e tempi moderni che, con laumento della popolazione mondiale, dalluso eciente dellenergia ha cominciato a dipendere la stessa sussistenza del genere umano almeno per quanto compete la dierenza di popolazione tra il prima ed il dopo la rivoluzione industriale e soprattutto la rivoluzione del petrolio. In altre parole, luomo ` riuscito a migliorare costantemente la qualit` della propria vita in e a funzione del continuo sviluppo dellecienza di sfruttamento delle fonti energetiche, passando dallutilizzo del fuoco per arrivare a quello delluranio, e questo ha fatto s` che la popolazione terrestre aumentasse ben oltre il livello di prima del XIX secolo. Proprio a causa di ci`, questo modello di sviluppo, basato sullo sfruttamento di materiali o e delle fonti energetiche non rinnovabili, sta portando alla luce le sue grandi contraddizioni. Gli eetti prodotti dalle attivit` umane sullecosistema del nostro pianeta sono ormai evidenti a nei cambiamenti climatici in atto. Lutilizzo su larga scala di combustibili fossili, come primaria fonte di energia, causa lemissione nellatmosfera di grandi quantit` di anidride carbonica, a considerata da molti la principale causa delleetto serra. Da tutto questo e dalla limitatezza delle riserve stimate di combustibili fossili, nasce la necessit` di individuare e sfruttare fonti di a energia alternative, come le rinnovabili. Questa opzione ` giusticata, sul piano quantitativo dalla sovrabbondanza del potenziale e energetico sfruttabile, su quello qualitativo, dalla compatibilit` ambientale del ciclo di sfruttaa mento dellenergia rinnovabile o, meglio, di produzione di exergia da fonti energetiche rinnovabili. Inoltre lutilizzo di fonti energetiche rinnovabili permette di dare un accenno di risposta alla problematica della diversicazione delle fonti energetiche: la totale dipendenza dal petrolio, infatti, porta, in corrispondenza di crisi economiche mondiali, ad aumenti incontrollati del prezzo dellenergia con grosse ripercussioni sulleconomia dei paesi. Naturalmente ogni innovazione scientica presenta, allinizio, dei problemi quali, ad esempio, la dicile prevedibilit` della disponibilit` di potenza, che si ripercuote sullincognita del tempo a a di recupero dellinvestimento, dato che ` molto dicile che un impianto al energia rinnovabile e funzioni per 8 766 ore annue. Ma nuove soluzioni tecnologiche hanno permesso una notevole riduzione dei costi, favorendo la diusione di questo tipo di impianti, che occupano una porzione

Introduzione

sempre pi` grande nel bilancio elettrico di diversi Paesi, per la verit`, quasi esclusivamente u a europei. Non va per` dimenticato che, in alcuni casi, la possibilit` di sfruttare le risorse naturali o a per la produzione di energia elettrica pu` migliorare la qualit` del servizio fornito agli utenti: o a pensando infatti al caso di utenze lontane dalla rete elettrica di distribuzione e con dicolt` a di approvvigionamento di materie prime, lutilizzo di generatori a propulsione rinnovabile pu` o portare dei beneci per quanto riguarda la disponibilit` energetica. Inoltre la generazione a distribuita, che si sta diondendo negli ultimi tempi, consente di sopperire alla bassa densit` a di energia per unit` di supercie che caratterizza queste fonti, ed in particolare la risorsa eolica a e quella solare. Ed ` proprio in questo ambito che si inserisce il presente lavoro. e

1.2

Obiettivo

Il presente lavoro, si propone di ri-progettare le pale da accoppiare ad un generatore elettrico adatto per applicazioni mirate alla cooperazione internazionale per le ONG che si preggono la realizzazione di progetti basati sullelettricazione rurale di aree disagiate. Nello specico, partendo da un generatore elettrico espressamente pensato per la costruzione in loco, a basso costo, in aree rurali del Per come da Piggot [1], ci si ` proposto lo studio, u e dal punto di vista aerodinamico, dello svergolamento ottimale per le pale da accoppiarvi, tenendo conto, sia delle caratteristiche aerodinamiche desiderate, che della facilit` di costruzione, a tutto questo, per` tenendo ferma la scelta del prolo NACA 4412, fatta originariamente in o Snchez et al.[2], per motivi di resistenza meccanica alle sollecitazioni, dato che ogni singola a pala andr` costruita a partire da due gusci di vetroresina modellati in due stampi e fatti saldare a durante la polimerizzazione, in modo da formare una cavit` allinterno del manufatto. a Si tratta, naturalmente, di un processo di costruzione molto semplicato, ad esempio sarebbe molto meglio preparare la pala sempre in vetroresina, ma partendo da un nucleo di spuma di poliuretano modellato allinterno di uno stampo progettato per tener conto di uno strato di vetroresina che sia il pi` sottile possibile, dato che, come si vedr` la maggior parte degli sforzi u a che subisce la pala di un generatore eolico durante il normale esercizio, ` costituita da forze di e tipo inerziale (proporzionali al peso della pala stessa). Ancora meglio, preggendosi un processo di modellazione come quello appena descritto, si potrebbe valutare se scegliere un prolo aerodinamico pi` sottile e che opponga meno resistenza u al moto, ma che abbia le stesse caratteristiche di resistenza meccanica alle sollecitazioni, in virt` u della riduzione di peso. Non si ` entrati nel merito di queste scelte, ma non ` escluso che un successivo lavoro possa e e vertere proprio sul perfezionamento strutturale e tecnologico delle pale, oltre che del generatore elettrico, ci` nonostante si sono ottenuti risultati signicativi anche solo riprogettando lo o svergolamento della pala.

1.3

Metodo

Si premette che il generatore eolico a magneti permanenti ha una caratteristica molto particolare: ` una macchina generalmente di piccola potenza (anche se si ha notizia di aerogeneratori e di potenza medio-alta di fabbricazione francese dotati di giganteschi generatori elettrici a magneti permanenti), per cui soggetta ad un interesse per lo pi` di nicchia, il calcolo della sua u curva caratteristica risulta essere complicato dal fatto che la sua velocit` di rotazione non ` a e predeterminata dalla connessione alla una rete elettrica. In questo risulta essere simile solo ad un altro tipo di macchina realizzato in precedenza: il rotore di portanza dellautogiro.

1.3 Metodo

Ad onor del vero anche i grossi aerogeneratori connessi alla rete di distribuzione elettrica, non hanno una velocit` di rotazione rigorosamente costante, in quanto, per lo standard danese a che si ` andato diondendo sempre pi` per la facilit` di regolazione, essi sono dotati di generatori e u a asincroni, i quali hanno si una velocit` di sincronismo determinata dal tipo di rete alla quale a sono connessi, ma generano potenza elettrica attiva solo se spinti di poco al di sopra di questa velocit` di rotazione, eliminando la necessit` di regolare la sincronizzazione con la rete e con a a lunico onere di rifasare la potenza elettrica prodotta. Ma, ad ogni modo, la velocit` di rotazione a di queste macchine varia entro dei limiti abbastanza ristretti. Cos` non ` invece per la macchina eolica accoppiata ad un generatore a magneti permanenti, e la cui velocit` di rotazione ` funzione della velocit` del vento e del momento frenante dovuto al a e a funzionamento sotto carico del generatore elettrico. Perci` ci si ` avvalsi, per la determinazione o e delle curve caratteristiche della macchina, di studi di aerodinamica del rotore, ed in particolare della teoria di Glauert, ottimamente spiegata in Le Gourieres [3]. Si ` cos` arrivati alla curva di potenza della macchina eolica e la si ` confrontata con i dati e e delle prove sul campo della macchina costruita in Per ad opera del gruppo ITDG e descritta u in Snchez-Chiroque [4] e Snchez et al.[5]. a a

Introduzione

Capitolo 2

Il problema energetico
2.1 Lo sviluppo sostenibile e la gestione delle risorse naturali

Per comprendere meglio la grave situazione attuale ed i problemi relativi alla necessit` di a aumentare la produzione denergia come le fonti rinnovabili, ` necessario esaminare, a grandi e linee, il problema della gestione delle risorse naturali. Attualmente, la crescita dei consumi energetici mondiali, la prospettiva di esaurimento del petrolio e le conseguenti emissioni di gas serra che stanno alla base della variazione del clima globale causata dallimpiego dei combustibili fossili (carbone, petrolio e gas naturale) pongono il tema della ricerca di nuove fonti di energia pulita e abbondante. Il problema della gestione delle risorse naturali fu unesigenza che si manifest`, in maniera o forte, gi` nel corso del diciannovesimo secolo. In quellepoca, si comprese limportanza di a esaminare il rapporto dellaumento demograco con la possibilit` di gestire le risorse naturali a in modo da poter soddisfare lintera popolazione mondiale. Il problema fu sentito in maniera cos` intensa che, in questo contesto, si svilupp` la teoria di Thomas Robert Malthus, un pastore o anglicano, che scrisse un saggio sul principio di popolazione. Analizzando i diversi periodi storici, allepoca della Rivoluzione Francese, vi fu una crescente necessit` di cibo e lavoro, a causa di una rilevante crescita demograca. a Dal 1650, in cui la popolazione in Europa contava circa 100 milioni di persone, si pass` al o 1800, in cui il numero delle persone era pressoch raddoppiato. La vertiginosa crescita demograe ca aveva messo in dicolt` in particolar modo lEuropa, perch la popolazione cresceva molto a e pi` rapidamente rispetto alle risorse naturali disponibili. Ogni venticinque anni la popolazione u raddoppiava, mentre le risorse crescevano in modo molto meno rapido. Gi` allepoca si cap` a che le risorse sarebbero mancate, perch insucienti alle esigenze della popolazione. Si ebbe la e sensazione che anche il cibo non sarebbe stato suciente per soddisfare tutto il genere umano. Malthus, nel 1798, pubblic` An Essay of the principle of the population as it aects the o future improvement of society (Saggio sul principio della popolazione)1 , in cui sostenne che la crescita demograca non ` ricchezza per una nazione. Le classi lavoratrici tendono a reagire a e un miglioramento del tenore di vita e, quindi, vi ` un aumento della procreazione. e In egual modo, il rendimento dei terreni tende a decrescere con la messa a coltura di terre non adatte alla coltivazione. Malthus riteneva che per contrastare la miseria fossero ecaci solo i freni preventivi (come il posticipo dellet` matrimoniale e la castit` prematrimoniale) e i a a freni repressivi (come le guerre e le carestie).
1 La prima edizione dellopera fu pubblicata in forma anonima. Furono pubblicate altre 5 edizioni tra il 1803 e il 1826, in cui lopera fu ampliata e ripubblicata con il nome dellAutore.

Il problema energetico

Di diversa posizione si dimostr` Ralph Waldo Emerson, uno dei pi` grandi esponenti del peno u siero americano, che, nel criticare il malthusianesimo, osservava che esso non poneva attenzione alla capacit` inventiva e tecnologica delluomo2 . a In eetti, pur essendo la teoria malthusiana corretta e ancora valida, analizzava il problema senza tener conto di molte variabili, e allepoca di Malthus la tecnologia salv` dal tracollo il o genere umano. Tuttavia, non si comprese che anche la capacit` inventiva delluomo pu` non avere alcuna a o incidenza positiva, se non viene diretta ad anticipare e prevenire le conseguenze catastroche dello smisurato consumo da parte delluomo e dellaumento demograco. Il vericarsi di questa situazione catastroca venne impedita, in primo luogo, dallemigrazione, perch la conquista di nuove aree del pianeta port` a decongestionare lInghilterra. Poi e o va ricordata la rivoluzione agricola, che consent` di produrre pi` abbondantemente, e dalla ri u voluzione industriale, che port` alla sostituzione delluomo con le macchine. Grazie a queste o scoperte, il prodotto nazionale inglese riusc` ad aumentare di 14 volte, scongiurando il tracollo demograco. A questo proposito, non bisogna dimenticare che la scoperta delle macchine a vapore, rese disponibile molta forza lavoro a basso costo che, in ultima analisi, permise labolizione della schiavit` legalizzata nei paesi a forte sviluppo demograco 3 , dapprima in Inghilterra nel 1807, u con conseguenti battaglie diplomatiche e non nei confronti di Francia, Spagna, Paesi Bassi e Portogallo, successivamente sancita, con risonanza mondiale, negli Stati Uniti dAmerica con la vittoria dellUnione sulla Confederazione nella guerra di secessione del 1861-65. Attualmente lutilizzo delle macchine, ` stato integrato dallutilizzo dellenergia elettrica e come vettore energetico, che, rendendo possibile un trasferimento su lunghe distanze di energia meccanica a basso costo, ` diventata indispensabile per la vita quotidiana. e Lenergia elettrica ` adesso prodotta a partire da carbone, gas naturale, derivati del petrolio, e ssione nucleare, sistemi idroelettrici e altro. Tuttavia, permangono gli stessi problemi dellepoca di Malthus, come la crescita veloce della popolazione con conseguente sovrappopolazione e laumento dei consumi. Al crescere delle esigenze pro-capite, vi `, in proporzione, una riduzione e improvvisa delle risorse di combustibili fossili, che sono attualmente gli elementi primari per soddisfare questa mole di bisogni. I governi ora devono comprendere che solo con una pianicazione razionale, in grado di anticipare e prevenire una parabola discendente, il tracollo potr` essere evitato. Solo con a limmediato ricorso alle risorse naturali inesauribili e con il controllo dei consumi si pu` evitare il o collasso della civilt`, preservando, al contempo, lecosistema terrestre e la disponibilit` di risorse a a (a cui risulta essere intimamente collegata la civilt` stessa). Infatti bench` il punto di vista e a e soprattutto le conclusioni di Malthus, risultino antiquati ed a tratti ridicoli, tuttora (assieme a buona parte della storia del XX secolo) danno una misura dei baratri di pensiero che ` in grado e di raggiungere la mente umana quando la ragione non ` in grado (anche temporaneamente) di e dare le risposte giuste. Da questo punto di vista, solo le fonti rinnovabili ed il contenimento dei consumi, possono dare un rilevante contributo nel disegnare un nuovo percorso energetico ambientale sostenibile.
2 Secondo Ralph Waldo Emerson, Malthus aermando che le bocche da sfamare si moltiplicano geometricamente e il cibo aritmeticamente, dimentic` che la mente umana era un importante fattore nelleconomia politica, o e che i crescenti bisogni delluomo sarebbero stati soddisfatti da un crescente potere dinvenzione 3 Correttamente, il primo paese a proibire la tratta degli schiavi fu la Repubblica Serenissima di Venezia nel 960 d.C., con la promissione del XXII Doge Pietro IV Candiano, ma in quellepoca non si notava un accentuato sviluppo demograco come nel XIX secolo, per cui le cause che hanno permesso questazione legiferante umanitaria vanno ricercate in altre esigenze dellepoca.

2.2 Risorse energetiche

2.2

Risorse energetiche

Nel 1956 il geosico americano Martin King Hubbert4 formul` la sua teoria riguardante levoo luzione temporale di una qualsiasi risorsa minerale e fonte fossile esauribile. La teoria permette di prevedere la data di sfruttamento massimo della risorsa. Il punto di produzione massima oltre il quale la produzione pu` soltanto diminuire, viene o detto picco di Hubbert. Secondo numerosi studiosi, lo sfruttamento del petrolio ` talmente e aumentato che sta superando il picco di Hubbert. Sarebbe a dire che il petrolio, la fonte energetica che attualmente ha il pi` basso coeciente inquinamentocosto , sta rapidamente aumentando u disponibilit` a il suo costo di estrazione mentre diminuisce la sua disponibilt`. a Secondo le attuali ipotesi sullincremento della popolazione, nel 2050 saremo, nella peggiore delle ipotesi, 9,4 miliardi; i pi` catastroci prevedono 14,5 miliardi. Dellintera popolazione u mondiale gli Stati Uniti rappresentano solo il 4,5% della popolazione mondiale, per` da soli o consumano il 25% della produzione annua di petrolio dellintero pianeta. Non utilizzando a sucienza fonti rinnovabili, si prevede il rischio dellesaurimento delle fonti attuali. Il futuro ` e ancora pi` nefasto se si considerano le previsioni daumento della popolazione. u Anche se le fonti fossero innite, lincremento demograco sarebbe, in ogni caso deleterio per linquinamento: le attuali fonti denergia, oltre a non essere rinnovabili, producono anche eetto serra e, di conseguenza, aumento del riscaldamento globale. Greenpeace ha elaborato il rapporto Energy [R]evolution [6]5 per dimostrare che dimezzare le emissioni di CO2 entro il 2050 ` possibile. Attualmente, luomo immette in atmosfera 23 e miliardi di tonnellate di CO2 lanno. Tali emissioni sono destinate a raddoppiare entro il 2050, superando quota 45 miliardi di tonnellate lanno. Secondo Energy [R]evolution [6], ` possibile e dimezzarle, arrestandosi a 11,5 miliardi di tonnellate, attraverso il ricorso adeguato alle fonti di energia rinnovabili. Per arrestare il cambiamento climatico e contenere il riscaldamento globale sotto la soglia dei 2 C, soglia oltre la quale, secondo alcuni, il processo diventerebbe irreversibile, occorre abbattere le emissioni di CO2 del 30% entro il 2020 e di almeno il 50% entro il 2050.
50 000 45 000 40 000 35 000 30 000 25 000 20 000 15 000 10 000 5 000 Milioni di tonnellate 0

"EFFICIENZA" TRASPORTI ALTRI SETTORI INDUSTRIA RETE ELETTRICA E COGENERAZIONE

2003

2010

2020

2030

2040

2050

Figura 2.1: Previsione di sviluppo delle emissioni globali di CO2 per settore secondo lo scenario dell Energy [R]evolution (EFFICIENZA: Riduzione di CO2 comparata allo scenario di riferimento)
4 Hubbert, geosico presso i laboratori di ricerca della compagnia petrolifera Shell Oil Company, osserv` o levoluzione della produzione di carbone in Pennsylvania ed elabor` una trattazione matematica generalizzata o per dimostrare landamento della produzione di qualsiasi giacimento di fonte fossile (curva di Hubbert). 5 Energy [R]evolution: a sustainable World Energy Outlook , lanciato nel gennaio 2007 in tutto il mondo da Greenpeace, e sviluppato insieme a EREC European Renewable Energy Council, ` il primo rapporto nalizzato e a fornire una strategia globale e dettagliata su come ristrutturare il sistema energetico mondiale, consentendo un taglio delle emissioni globali di CO2 di quasi il 50 per cento entro i prossimi 43 anni.

Il problema energetico

Il graco in gura 2.1, tratto da Energy [R]evolution [6], mostra landamento delle emissioni di CO2 a livello mondiale no al 2050 secondo lo scenario Energy [R]evolution. Esso riette la speranza secondo cui, tramite lecienza energetica sarebbe possibile risparmiare il 74% delle emissioni di gas serra, equivalente a circa 34 miliardi di tonnellate lanno. Le previsioni si basano, non solo sulle potenzialit` di sviluppo a livello mondiale delle tecnoloa gie rinnovabili, ma anche su quanto formulato nel rapporto Energy [R]evolution: a sustainable World Energy Outlook , che prende in considerazione tre fattori fondamentali:
Sviluppo della popolazione (il numero di persone che consumano energia) secondo le proiezioni delle Nazioni Unite si stima che la popolazione del pianeta passer` da 6,3 a 8,9 a miliardi di persone; Crescita economica (di cui il Prodotto Interno Lordo ` lindicatore pi` usato. In gee u nere un incremento di PIL provoca un aumento di domanda energetica) le proiezioni dellInternational Energy Agency IEA stimano che il PIL mondiale crescer` del 3,7% a no al 2010, e del 2,7% dal 2010 in poi; Intensit` energetica (quanta energia ` richiesta per produrre una unit` di PIL) le proa e a iezioni dellIEA stimano che lintensit` energetica decrescer` a un tasso medio annuo del a a 1,3% no al 2050. Questo dovrebbe portare ad una riduzione naturale del 45%.

Lo scenario proposto da Greenpeace si basa su cinque ipotesi iniziali:


eliminazione di tutti gli incentivi alle fonti fossili e al nucleare; denizione di obiettivi vincolanti per lo sviluppo delle fonti rinnovabili; denizione di meccanismi dincentivazione per le energie rinnovabili, tali da renderle sicure per gli investitori; priorit` daccesso alla rete elettrica per gli impianti rinnovabili; a denizione di rigidi standard che garantiscono la produzione di elettrodomestici, apparecchiature e macchinari molto ecienti.

Obiettivo di Greenpeace e di questo rapporto ` che entro il 2050 circa il 75% dellelettricit` e a potrebbe essere prodotta da fonti rinnovabili (idroelettrico, eolico e solare), mentre nel settore della fornitura di calore il contributo delle rinnovabili (biomasse, collettori solari e geotermico) potrebbe crescere no al 65%. Sar` cos` possibile ridurre le emissioni di gas serra del 50%, per a scongiurare la minaccia dei cambiamenti climatici.

2.3

Energia alternativa ed energia rinnovabile

Spesso si confonde lenergia alternativa con quella rinnovabile. Tuttavia, non tutte le fonti denergia alternative sono rinnovabili. Per fonte di energia alternativa sintende qualunque fonte di produzione denergia che non avviene mediante lutilizzo di combustibile fossile. Non esiste, invece, una denizione univoca delle fonti rinnovabili per le diverse opinioni che vi sono sullinclusione o meno di una o pi` fonti nel gruppo delle rinnovabili. Secondo il D.L. u 16 marzo 1999, n. 79 sono considerate rinnovabili:
il sole il vento

2.3 Energia alternativa ed energia rinnovabile

le risorse idriche le risorse geotermiche le maree il moto ondoso la produzione di energia elettrica da prodotti vegetali o riuti organici e inorganici.

Il vigente Decreto Legislativo 29 dicembre 2003, n. 387, propone, invece, la seguente catalogazione per le fonti energetiche rinnovabili non fossili o fonti rinnovabili: - eolica - solare - geotermica - del moto ondoso - maremotrice6 - idraulica - biomasse la parte biodegradabile dei prodotti, riuti e residui provenienti dallagricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali) e dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, nonche la parte biodegradabile dei riuti industriali e urbani - gas di discarica - gas residuati dai processi di depurazione - biogas Non sono considerate quindi rinnovabili le fonti di energia nucleare, pur essendo fonti alternative rispetto a quelle fossili, in quanto il loro utilizzo dipende da riserve limitate di materiali che non si rigenerano alla stessa velocit` con cui vengono consumate e pone seri problemi di a sicurezza e smaltimento dei prodotti di scarto. A volte non ` considerata rinnovabile lenergia geotermica, ossia lenergia elettrica provee niente dallo sfruttamento del calore del suolo (in particolare delle rocce presenti nella profondit` a della terra), mentre nellambito dei movimenti ambientalisti, spesso ` scartata lenergia prodotta e dai riuti solidi urbani. Le fonti rinnovabili sono importantissime perch sono inesauribili e contribuiscono a tenere e pulito il pianeta, ma non tutte le fonti rinnovabili sono prive dinquinamento. Nel caso di produzione di energia da biomasse, per esempio, lemissione di CO2 non ` evitabile (anche e se, mettendo nel bilancio lassorbimento di CO2 durante la crescita delle biomasse stesse, il risultato sarebbe nullo), ma ancora pi` problematica ` lemissione di N OX e di P M 10. u e La produzione di energia attraverso il sole `, invece, completamente pulita, ma presenta e problemi di occupazione del suolo. Se si vogliono produrre 3 kW con un impianto fotovoltaico, ci vogliono 30 mq e una spesa di circa 19 500 . Inoltre, questi 3 kW si riescono a produrre nelle migliori condizioni e, quindi, non si producono di notte o quando vi sono nuvole. Quindi per avere una produzione media di 3 kW occorre avere un impianto di maggiori dimensioni.
6 [sic]

10

Il problema energetico

Tuttavia il futuro ` delle energie rinnovabili: in particolare quelle totalmente pulite, come e leolico e il solare, che possono fare da apripista per una nuova era di crescita economica ed occupazionale, dinnovazione tecnologica e tutela dellambiente. La tecnologia migliorando gli impianti permetter` alla produzione di aumentare con minore impatto ambientale e minor costo. a LItalia `, tuttavia, rispetto agli altri paesi europei, in ritardo nel campo delle energie e rinnovabili in generale e delleolico in modo particolare, per le resistenze ancor oggi presenti a causa della mancata coscienza del pericolo ambientale da parte di alcuni enti preposti alla valutazione ed approvazione degli impianti.

2.4

Energia eolica

La fonte eolica ` dovuta al riscaldamento non uniforme da parte del sole della supercie tere restre. Nella sua rotazione intorno al sole, a causa dellasse inclinato, esistono vaste zone del pianeta che sono maggiormente irraggiate rispetto ad altre, generando condizioni di dierenza di temperatura tali da permettere lo spostamento di grandi masse daria. Le zone maggiormente irraggiate agiscono da fonte calda, mentre quelle meno irraggiate operano da fonte fredda. Generando una sorta di gigantesco motore globale, che d` origine allo spostamento di grandi a masse daria nellatmosfera terrestre. Soltanto il 2% dellenergia solare che raggiunge la Terra si trasforma in energia eolica. Questa, se pur modesta percentuale rappresenta oltre 100 volte il totale degli attuali consumi energetici mondiali. Luomo sfrutta soltanto una piccola frazione dellenergia eolica contenuta nei primi 120 metri datmosfera e con venti di velocit` in genere compresa tra i 4 ed i 30 a metri/secondo. Da almeno 4000 anni luomo ha imparato ad usare in modo vantaggioso lenergia dei venti: dapprima per la navigazione, poi per lirrigazione e la lavorazione di prodotti agricoli. Negli Stati Uniti, nellambito del Rural Electrication Program degli anni Trenta del Novecento, si diuse luso di piccoli aerogeneratori per la produzione di energia elettrica. In Italia, a partire dagli anni Trenta no alla ne degli anni Cinquanta, sono state installate macchine eoliche per il sollevamento dellacqua. Negli anni Settanta fu avviata la tecnologia eolica per la produzione di energia elettrica, quando il primo shock petrolifero spinse la ricerca sulle nuove fonti rinnovabili. Attualmente, quella eolica ` una tecnologia da considerare matura; solo in Italia, a ne 2005 e sono stati installati oltre 1 700 MW dimpianti eolici. Le macchine eoliche per la produzione elettrica (aerogeneratori) possono essere classicate in due grandi famiglie:
ad asse orizzontale, quando lasse del rotore ` parallelo alla direzione del vento e le pale e ruotano perpendicolarmente ad esso. ad asse verticale, quando il rotore ` perpendicolare alla direzione del vento. e

Le macchine ad asse verticale sono adatte a sfruttare venti di direzione variabile e richiedono sistemi di controllo meno complessi. Gli aerogeneratori ad asse orizzontale richiedono pi` complicati sistemi di controllo della u tensione, della frequenza e dellimbardata, ma presentano il vantaggio di un maggior rendimento aerodinamico. Per questo motivo, tutte le moderne macchine eoliche sono di questo tipo. Gli aerogeneratori sono macchine realizzate con materiali compositi, idonei a resistere a sollecitazioni, che, nelle macchine pi` grandi, sono confrontabili a quelle delle ali di aeroplau ni. Nessun aerogeneratore resisterebbe a tali sollecitazioni, se non fosse munito di complessi dispositivi automatici di frenatura e di messa in sicurezza delle pale.

2.5 Impatto dello sfruttamento eolico

11

Gli aerogeneratori hanno generalmente una, due o tre pale. I rotori tripala sono quelli con le migliori caratteristiche complessive di resa energetica, bassa rumorosit` e solidit`. La maggior a a parte degli aerogeneratori installati nel mondo negli ultimi anni sono del tipo a tre pale. Le dimensioni variano molto in funzione della potenza. I modelli no ad oggi pi` diusi di u aerogeneratori installati in Italia, detti di taglia media, hanno il rotore posto a circa 50 metri daltezza, con pale lunghe circa 25 metri e sono in grado di erogare una potenza di circa 800 kW. Un aerogeneratore di grande taglia, ad esempio da 1 500 kW, ` alto circa 80 metri sino e al mozzo, con diametro del rotore di circa 70 metri. Attualmente si stanno realizzando aerogeneratori pi` grandi (da 2-3 MW sulla terraferma e 3-4 MW in mare), che compensano le loro u dimensioni con una minore velocit` di rotazione e quindi con minor impatto ambientale. a ` E stata pubblicata recentemente la notizia che una societ` tedesca ha prodotto laerogenea ratore pi` grande al mondo, con pale lunghe 126 metri e in grado di produrre 7 MW, ossia 20 u milioni di kWh lanno, suciente per coprire il fabbisogno di 5000 famiglie in Europa. Questo aerogeneratore ` stato realizzato con un design modulare e materiali pi` leggeri, che e u diminuendo la resistenza dellaria, aumentano il rendimento. Inoltre, questo tipo di aerogeneratore ha minori impatti, in particolar modo per lavifauna, e grazie a questa tecnologia risultano pi` facili il trasporto e linstallazione dello stesso aerogeneratore. u Pi` aerogeneratori collegati insieme formano una centrale eolica. Nelle centrali eoliche la u distanza fra gli aerogeneratori non ` casuale, ma calcolata per evitare interferenze reciproche che e potrebbe causare cadute di produzione e generazione di turbolenze in grado di danneggiare gli aerogeneratori stessi. I fattori che determinano la distanza fra gli aerogeneratori dipendono dalle caratteristiche sia anemologiche che orograche del sito ritenuto interessante per linstallazione di una macchina.

2.5

Impatto dello sfruttamento eolico

Le moderne macchine eoliche sono macchine di grandi dimensioni in grado di generare discrete quantit` di elettricit` da una fonte di energia a bassa densit` di potenza ma rinnovabile e priva a a a di inquinamento. La turbina eolica tipo, come gi` detto nei capitoli precedenti, ` una macchina che ha una a e torre che va dai 50 agli 80 metri ed un rotore di dimensioni quasi analoghe. Volendo produrre una quantit` signicativa di energia, sar` necessario installare un discreto a a numero di aerogeneratori ed interessare una ampia supercie di territorio. Questo determina la modica di una serie di fattori ambientali, rendendo necessaria lanalisi di tutti quei problemi derivanti dallinserimento della centrale eolica in un determinato sito. In ogni caso, i possibili eetti indesiderati degli impianti hanno luogo solo su scala locale e sono:
limpatto visivo, la modica del paesaggio e loccupazione del territorio; la compatibilit` con la destinazione urbanistica del territorio; a limpatto acustico; i disturbi elettromagnetici; gli eetti su ora, fauna ed in particolare avifauna.

2.5.1

Impatto visivo, modica del paesaggio e occupazione del territorio

Limpatto visivo e territoriale ` limpatto pi` evidente delle installazioni eoliche, oltre ad essere e u una delle problematiche pi` attuali e che riscuote maggiore preoccupazione. u

12

Il problema energetico

Gli impianti eolici non possono essere nascosti e devono essere collocati in siti ad elevata ventosit`. a In Italia, ad esempio, le collocazioni in programma, nel breve periodo, avverranno prevalentemente in zone interne dellAppennino e del sub-Appennino delle regioni centro meridionali, nonch in quelle insulari; sono tutte aree in cui linteresse naturalistico e paesaggistico deve e conciliarsi con le necessit` di sviluppo delle comunit` locali. a a Capita spesso poi che in tali zone interne sia presente un decit di produzione di energia elettrica, il che d` unulteriore spinta verso lo sviluppo di tale fonte. a In ogni caso, lalterazione paesaggistica ` dovuta alle turbine e alle torri di sostegno, alle e strade e piazzole di manovra e allelettrodotto di connessione con la rete. Nel caso di aerogeneratori posti su crinali montani, limpatto visivo ` notevole ed ` necessario e e costruire gli impianti minimizzandone leetto. Alcuni accorgimenti utili per armonizzare gli aerogeneratori consistono nellutilizzare colori tenui (tranne per le macchine pericolose per il volo a bassa quota, per le quali si usano colorazioni a strisce bianche e rosse, che ne determinino la presenza di giorno, e sono dotate di luci sse di posizione per renderle visibili di notte). Una pianicazione territoriale attenta privileger` luniformit` nella scelta dei sostegni, evia a tando, in uno stesso impianto eolico, di inserire sostegni tubolari e a traliccio. Nel caso invece di centrale ad alta densit` di macchine installate in zone pianeggianti, il a corretto inserimento nel paesaggio dal punto di vista strettamente visivo ` pi` facile perch e u e limpianto non domina unintera vallata ma ` inserito allinterno di una piana con vegetazione e pi` o meno ricca che ne mitiga limpatto visivo almeno nch non si ` in prossimit` degli u e e a aerogeneratori. Lo studio per la determinazione del sito pi` consono in cui installare una centrale eolica u in modo da minimizzare il pi` possibile gli eetti indesiderati sul paesaggio, non si discosta di u molto dalle metodologie usate per determinare limpatto ambientale di insediamenti produttivi gi` esistenti o in fase di progetto. a In questo caso simposta un confronto tra limpatto sul territorio originato da un complesso eolico e leventuale impatto di un impianto che sfrutti una fonte di energia dierente. Lanalisi delle variazioni del paesaggio parte dalla denizione di una grandezza detta emergenza visiva. Questa permette di valutare la variazione locale dellaltezza media degli oggetti visibili, dal punto di stazione sul giro dorizzonte di 360 compiuto in ciascuna delle direzioni dei 4 settori cardinali e comprendenti limpianto in progetto; il tutto tenendo presente gli sfondi, lilluminazione e le condizioni meteorologiche prevalenti. Il punto di stazione coincide con un luogo scenicamente, naturalisticamente o socialmente importante dal punto di vista dellinteresse da salvaguardare. In questo modo ` possibile valutare le modiche tridimensionali provocate al paesaggio e dallinserimento di una centrale eolica cos` da minimizzarne limpatto con opportune misure che non deteriorino la funzionalit` dellimpianto ma ne migliorino la sostenibilit` paesaggistica. a a Limpatto territoriale da emissioni acustiche, chimiche ed occupazione territoriale combinate, invece, ` notevolmente minore rispetto a quello di altre fonti di energia rinnovabile e non. e Gli aerogeneratori e le opere a supporto (cabine elettriche, strade) occupano solamente il 2 3 % del territorio necessario per la costruzione dellimpianto stesso. Per cui nei parchi eolici, dierentemente dalle centrali elettriche convenzionali e dalle grandi installazioni fotovoltaiche, la parte del territorio non occupata dalle macchine pu` essere impiegata per lagricoltura e la o pastorizia senza grosse riduzioni di produttivit` rispetto al territorio non occupato. a

2.5 Impatto dello sfruttamento eolico

13

Esempi negativi di impatto ambientale/visivo Da diversi studi sulla valutazione dellimpatto visivo degli impianti eolici si deduce che la maggiore inuenza sul paesaggio ` dovuta in primo luogo al numero delle pale degli aerogeneratori e e successivamente alle dimensioni delle macchine (altezza del traliccio e diametro del rotore). Alcune raccomandazioni generali possono riguardare restrizioni sulla localizzazione, sul raggruppamento di turbine di forma simile, sullinterposizione di aree libere tra gruppi di turbine ed inne sulla realizzazione di forme particolari in aree con paesaggi dai caratteri fortemente connotati. Leetto selva, tipico di installazioni nordamericane, modica la linea dellorizzonte rendendo maggiormente avvertibile la presenza degli impianti. Esempi positivi di impatto ambientale/visivo Lobiettivo ` cercare di realizzare impianti che sappiano interagire con il territorio in modo da e valorizzarlo, innovandolo e rispettandolo allo stesso tempo. La riduzione dellimpatto visivo ha a disposizione alcuni strumenti da sfruttare in fase progettuale come forme, distanze, colori. Tuttavia le prescrizioni in tale ambito devono godere di particolare elasticit`. a In Italia il problema dellimpatto visivo degli impianti eolici viene arontato da ogni singola regione mediante le Linee Guida Regionali. Esse introducono misure di mitigazione dellimpatto paesaggistico quali la disposizione planimetrica e altimetrica degli aerogeneratori, il colore e la tipologia, le dimensioni e la densit` a delle macchine, la velocit` di rotazione della pale, le distanze (tra le macchine, dalle vie di a comunicazione e dai centri abitati), linterramento della linea elettrica, il ripristino del suolo, linserimento in aree antropizzate.

2.5.2

Impatto acustico

Figura 2.2: Scala delle percezioni del rumore.

Il rumore che si sente in prossimit` di uno o pi` aerogeneratori ha due tipologie di sorgente: a u meccanica ed aerodinamica.

14

Il problema energetico

Le apparecchiature presenti allinterno della navicella generano del rumore, in particolare il moltiplicatore di giri ed il generatore elettrico. Si tratta, per` per lo pi` di problematiche o u appartenenti al passato, quando si usavano tralicci per sostenere in quota le navicelle. Oggi per lo pi` le navicelle vengono installate su torri tubolari e grazie allutilizzo di basamenti e u smorzatori elastici ed allinsonorizzazione della navicella ` possibile diminuire notevolmente il e rumore e le vibrazioni trasmesse allesterno. In ogni caso la navicella ` posta ad una quota e che oggi, in genere, va dai 50 agli 80 metri; ci` comporta una riduzione del rumore dovuta alla o distanza che intercorre tra le apparecchiature e il terreno. Il rumore di origine aerodinamica ` invece prodotto dallinterazione della vena uida con le e pale del rotore in movimento, dal vento che agisce sullambiente circostante e dalle vibrazioni delle superci; ` il rumore di fondo che si percepisce stando in una centrale eolica. e Ma esso viene molto smorzato dallintroduzione della velocit` variabile che permette di a ridurre il numero di giri del rotore quando il vento ` pi` debole e consente velocit` periferiche e u a delle estremit` delle pale pi` contenute. a u Mentre al crescere della velocit` del vento, il rumore di fondo, generato dal vento stesso, a prevale sul rumore aerodinamico indotto dalla turbina stessa. Nella valutazione degli eventuali eetti del rumore, inoltre, ` imprescindibile considerare e anche la distanza dalle abitazioni e la loro posizione rispetto alle direzioni assunte dai venti dominanti.

2.5.3

Eetti su ora e fauna

Per quanto riguarda la ora, dalle esperienze maturate in paesi con elevata diusione delleolico non risulta alcun eetto misurabile, in condizioni di esercizio degli impianti e risulta essere limitato alle fasi di cantiere, in cui gli sbancamenti necessari per realizzare le fondazioni degli aerogeneratori, le piazzole, le vie di collegamento e i tratti di cavidotto interrato (misura questa necessaria per mitigare limpatto visivo) richiedono un intervento sulla supercie. Riguardo alla fauna, invece, occorre distinguere linterferenza con la fauna terrestre da quella con lavifauna. Per quanto concerne linterferenza con la fauna terrestre ` dimostrato dallesperienza che la e presenza di campi eolici non arreca disturbo ad animali domestici, greggi e mandrie. Nellevenienza che sia presente fauna selvatica in prossimit` del sito prescelto, sar` necessario attuare a a degli accorgimenti atti a mitigare leventuale inuenza sugli animali, come ad esempio fare in modo che le fasi di cantiere non coincidano con momenti particolari della vita degli animali (accoppiamento, gestazione o parto). Linterferenza con lavifauna stanziale e migratoria, invece, ` uno dei temi pi` controversi e u e dibattuti ai ni del posizionamento delle centrali in zone ad elevato interesse naturalistico. In Italia, ad esempio, molte specie di uccelli protette o a rischio trovano rifugio stanziale o stagionale nella zona appenninica, interessata dallo sviluppo di turbine eoliche. Sono soprattutto gli uccelli rapaci, i migratori ed i pipistrelli a poter subire eetti dovuti alla presenza delle turbine: c` infatti il rischio di collisione con le pale. e Non mancano studi approfonditi come quello fatto da Orlo-Flannery [7] (Wind turbine eects [...] della BioSystems Analysis, Inc. ), condotto in California nelle contee di Alameda e Contra Costa (Altamont Pass Wind Resource Area) nel biennio 19891991. Questo studio ha preso in considerazione 1 120 aereogeneratori sui circa 7 000 presenti in tutta la zona; Durante il primo anno, il numero di corpi ritrovati ` stato di 141 (113 sul sito e 28 in e prossimit`). Pi` del 76,6% degli uccelli colpiti erano rapaci (108). Mentre durante il secondo a u anno, il numero di carcasse ritrovate ` stato di 72 (69 sul sito e 3 in prossimit`). Di questi i e a rapaci costituivano il 59,7% degli uccelli colpiti (43). Le turbine e le linee elettriche ad esse associate sono responsabili della morte del 74% degli uccelli ritrovati.

2.5 Impatto dello sfruttamento eolico

15

Le autrici stimano che durante il primo anno di studio i rapaci uccisi su tutto il sito, potrebbero essere pi` di 300. u Ma ci` che ` pi` interessante ` che sembra esserci un certo livello di apprendimento sia o e u e da parte dei volatili stanziali che di quelli migratori, cosa che sembra venga confermata da osservazioni fatte in Danimarca (che parlano di uccelli che deviano le rotte mantenendosi ad una distanza di sicurezza dagli aerogeneratori), e da studi condotti in Spagna su circa 1 000 turbine che parlano di una sorta di evoluzione adattativa degli uccelli stessi alle mutate condizioni ambientali, con una sensibile riduzione nel tempo del numero di esemplari danneggiati dalla presenza dei generatori. Ovviamente lo studio di Orlo-Flannery [7] risulta essere abbastanza datato, e visto che si ritiene che il rischio di collisione diminuisca con il crescere della taglia della turbina (che fa decrescere la velocit` di rotazione del rotore) si ritiene che oggi ci siano a meno pericoli provenienti dalle turbine per lavifauna rispetto agli anni 90. Tuttavia lo studio di Thelander et al. [8] (sempre della BioSystems Analysis, Inc. e sempre relativo ad Altamont Pass), in cui si riporta di 439 volatili morti nel biennio 1998-2000 di cui 372 (87%) sicuramente dovuti alla collisione con le turbine, parzialmente smentisce le precedenti conclusioni. Questi dati possono sembrare rilevanti: in realt`, se confrontati con i danni prodotti da altre a centrali di produzione di energia da altre fonti convenzionali, mostrano che limpatto dellenergia eolica sullavifauna ` molto relativo. e Ad esempio, lincidente della Exxon Valdez ha causato la morte di circa 50 000 uccelli migratori. Questo valore ` molte volte superiore alle morti dovute alla collisione di avifauna e per tutte le turbine installate in California. Invece un reale pericolo per lavifauna pu` essere il cambio climatico (che lutilizzo delleo nergia eolica aiuta a contenere) che potrebbe generare cambi devastanti, tali da far mancare la sincronia tra i periodi migratori e quelli di massima produzione di cibo. Inoltre si stima che pi` di 10 000 uccelli migratori vengano uccisi ogni anno a Toronto tra u le ore 23.00 e 05.00 per collisioni con le nestre di grattacieli molto illuminati.7 In particolare Erickson et al. [9] arriva ai risultati tradotti nella tabella 2.1. Tabella 2.1: Stime di mortalit` aviaria annua riferita al territorio degli Stati Uniti a Causa di morte Mortalit` stimata Valore percentuale a Edici 550 milioni 58,2% Linee elettriche 130 milioni 13,7% Gatti 100 milioni 10,6% Automobili 80 milioni 8,5% Pesticidi 67 milioni 7,1% Torri per telecomunicazioni 4,5 milioni 0,5% Turbine eoliche 28 500 < 0.01% Aeroplani 25 000 < 0.01% Altre cause (Fuoriuscite e perdite di petrolio, etc.) non calcolate non calcolate

Questo studio dimostra come la fonte eolica concorra solo in minima parte nellimpatto sullavifauna locale. In denitiva, la valutazione dellimpatto ambientale relativo allavifauna ` da studiare in e modo approfondito caso per caso, in modo da consentire agli operatori e alle amministrazioni locali di capire le condizioni della specica situazione.
7 Fonte:

http://www.flap.org

16

Il problema energetico

2.5.4

Interferenze sulle telecomunicazioni ed eetti elettromagnetici

I disturbi elettromagnetici dovuti alla presenza di grandi rotori sono limitati alla zona appena circostante il parco eolico e prevalentemente interferiscono con le onde radio. Inoltre la navicella viene schermata e lenergia elettrica viene prodotta a tensioni relativamente basse (minore di 1 000 V) e quindi esiste poca possibilit` di generare disturbi a elettromagnetici nellambiente. Linterferenza elettromagnetica causata dagli impianti eolici ` molto ridotta in quanto nella e maggior parte dei casi per trasportare lenergia da essi prodotta si utilizzano linee di trasmissione esistenti.

2.5.5

Emissioni evitate

Lutilizzo dellenergia eolica consente di evitare limmissione nellatmosfera delle sostanze inquinanti e dei gas serra prodotti dalle centrali convenzionali. Ogni kWh prodotto da una turbina eolica, potrebbe sostituire un kWh di elettricit` altria menti prodotto mediante lutilizzo di combustibile fossile. Il livello delle emissioni dipende, naturalmente, dal processo tecnologico utilizzato e dai controlli eseguiti sui fumi di scarico. Tuttavia ` stato stimato che gli attuali processi producono principalmente: e
860 g/kWh (3 096 kg/kJ) di CO2 (anidride carbonica) 10 g/kWh (36 kg/kJ) di SO2 (anidride solforosa) 3 g/kWh (10,8 kg/kJ) di N OX (ossidi di azoto)

Tra questi gas il pi` rilevante ` lanidride carbonica, il cui progressivo aumento contribuisce u e alleetto serra ed ` causa di drammatici cambiamenti climatici. e La riduzione di emissioni prodotta dallutilizzo di una fonte rinnovabile quale lenergia eolica, pu` essere calcolata mediante le seguenti formule: o
CO2 = (P 0, 2 8766 860) 1000 SO2 = (P 0, 2 8766 10) 1000 N OX = (P 0, 2 8766 3) 1000

dove: - P ` la potenza nominale del generatore in kW; e - 0,2 ` una costante che tiene conto dellintermittente natura del vento e delle normali e perdite energetiche degli impianti eolici; - 8 766 ` il numero di ore presenti in un anno. e Alla luce di questo, una turbina di 1 kW contribuir` alle seguenti riduzioni delle emissioni a su base annua:
1507,75 kg di CO2 17,53 kg di SO2 5,26 kg di N OX

2.5 Impatto dello sfruttamento eolico

17

2.5.6

Interferenze locali

Quelle di cui abbiamo parlato no ad ora sono le interferenze globali, riguardanti il mancato inquinamento (ambientale, elettromagnetico, etc.) per produrre energia elettrica ma esistono anche interferenze positive che agiscono a livello locale, dovute alla realizzazione e alla gestione di una centrale eolica. Ad esempio, per quanto riguarda i comuni che ospitano impianti allinterno dei loro terreni demaniali, essi generalmente ottengono una remunerazione che il pi` delle volte consente un u aumento considerevole degli introiti del comune stesso. Lo sviluppo di questa tecnologia porta un aumento dei posti di lavoro nellindustria eolica che deve produrre ed installare molte pi` macchine; a volte esiste un turismo indotto dalla presenza u degli impianti che enfatizza il mercato turistico dellagriturismo; viene data la possibilit` di a avvicinare la gente alle fonti rinnovabili di energia per permettere la nascita di una maggior consapevolezza nei problemi energetici e un maggior rispetto per la natura.

18

Il problema energetico

Capitolo 3

Sistemi di conversione dellenergia eolica


3.1 Variazioni periodiche della velocit` del vento a

Da un punto di vista regionale lenergia inviata dal sole alle terre emerse, permette ai continenti di riscaldarsi pi` rapidamente dei mari e degli oceani circostanti e questo ` dovuto alla minore u e inerzia termica delle terre rispetto ai mari, dovuta essenzialmente al fatto che uno strato minore di terreno viene coinvolto in questo ciclo a dierenza dello spessore delle acque degli oceani coinvolti e al dierente coeciente di scambio termico. La dierenza di temperatura che si crea tra laria sopra le terre emerse, che si riscalda di giorno pi` velocemente, e laria sopra gli oceani u che rimane fredda ed umida, genera una dierenza di pressione, la quale ` pi` alta sui mari e e u pi` bassa sulla terraferma. Da questa dierenza di pressione ha origine il vento. u La rotazione terrestre deforma i movimenti delle masse daria che vanno a colmare la differenza di pressione suddetta, generando i cicloni dove si verica il moto ascensionale di aria calda ed anticicloni dove esiste aria fredda e umida. A questo movimento globale, si accompagnano caratteristiche locali piuttosto peculiari, le quali creano un microclima che dierisce non poco dalla situazione generale della regione presa in esame. I fenomeni che governano i regimi locali sono esattamente come quelli che generano i movimenti globali delle masse daria, e possono essere enfatizzati dallorograa del territorio e da specici fattori da studiare di volta in volta. ` E necessario quindi portare avanti uno studio anemologico dei siti interessanti per linstallazione di centrali eoliche e che venga condotto direttamente sul luogo con osservazioni accurate che durano normalmente pi` di un anno. u Il vento pu` essere misurato in modo empirico con la scala Beaufort, che suddivide la forza o del vento in 12 gradi e ne stabilisce lentit` osservando i suoi eetti sullambiente circostante. a Inoltre, il vento pu` essere misurato in modo meno soggettivo e pi` specico, misurando la o u velocit` attraverso luso di un anemometro. a La misura della velocit` del vento ` molto importante, perch lenergia che se ne pu` estrarre a e e o dipende dal cubo della velocit` stessa a La minima variazione della velocit` del vento inuisce sulla quantit` dellenergia che si a a ottiene

20

Sistemi di conversione dellenergia eolica

3.1.1

Dipendenza dalla quota

La campagna anemologica ` tesa allanalisi delle caratteristiche dei venti che spazzano una e possibile zona di produzione di energia da fonte eolica. Lo strumento che serve per ottenere dati attendibili sono le torri anemometriche, strutture a traliccio con sezione triangolare, montanti in tubo e diagonali e traverse in tondo dacciaio. Le torri anemometriche vengono utilizzate per le veriche sul campo relative alla fattibilit` a di campi eolici di grande potenza. Le strutture sono completate da una serie di stralli in fune dacciaio ancorati al terreno in pi` punti. I proli dacciaio sono zincati a caldo. u Le torri possono essere montate con altezze variabili fra 40 m e 80 m consentendo di installare inizialmente una parte della struttura ed in un secondo tempo la soprelevazione garantendo cos` la massima essibilit` di impiego. a In sommit` viene montata unasta per il supporto di parafulmini ed alla base della torre sono a predisposti gli opportuni sistemi di messa a terra. A richiesta ` possibile dotare le torri di e sistema SOV (Segnalazione di Ostacolo al Volo a bassa quota) notturno con luce rossa ssa alimentato da pannelli fotovoltaici. Le torri sono in moduli di 3 metri dal peso contenuto, che possono essere sollevati e montati in sequenza utilizzando un accessorio di sollevamento ssato direttamente alla torre. Il modulo di base ` dotato di una cerniera sferica che appoggia sulla piastra di base a contatto con il terreno. e Gli stralli vengono ssati al suolo con sistemi di ancoraggio che variano in funzione del tipo di terreno e possono essere costituiti da ancorette a perdere da inggere nel terreno o da zavorre e picchetti in tubo dacciaio. Le strutture sono in grado di resistere a venti no a 160 km/h. La torre anemometrica permette di registrare lintensit` del vento e la sua direzione sia in a ` cima che ad altezze intermedie. E cos` possibile determinare il prolo di velocit` al variare della a quota. Spesso vengono utilizzate torri da 10 metri se le zone da monitorare sono di dicile accesso (siti montani nellAppennino centrale e meridionale) e sono caratterizzati da una lunghezza di rugosit` particolarmente bassa. Per ottenere risultati migliori, ` comunque indispensabile a e adottare torri alte tra i 30 e 50 metri con anemometri a due o tre altezze. Inoltre, alcune delle torri rimangono nel sito anche dopo la realizzazione dei parchi eolici come strumento di monitoraggio delle prestazioni degli aerogeneratori. Oltre alle torri si utilizzano banderuole per eettuare rilevazioni sulle direzioni dei venti e sensori di temperatura, che servono per identicare le condizioni con potenziale formazione di ghiaccio e conseguente alterazione delle misure. I sensori trasmettono un messaggio a un data-logger che li trasforma in grandezze siche e calcola valori statistici dei segnali da memorizzare. I dati statistici comprendono di solito velocit` media, velocit` massima, deviazione standard della velocit`, media di direzione e a a a temperatura. ` E possibile calcolare la resa energetica della zona grazie a programmi in grado di correggere le rilevazioni anemometriche eseguite in loco mediante dei set di modelli numerici predeniti, con i quali si pu` stabilire il regime della ventosit` locale intorno alla stazione anemometrica o a con una certa adabilit`. Questi modelli sono utili per determinare la resa di un parco eolico a nel momento in cui si suppone di inserire nel contesto una serie di turbine le cui caratteristiche siano ben note e implementabili. I risultati sono utilissimi per capire quale sia la congurazione ottimale che potrebbe avere la fattoria eolica per produrre pi` energia, oppure quanto inuisca una variazione nella disposizione u delle macchine sulla resa annuale dellimpianto.

3.1 Variazioni periodiche della velocit` del vento a

21

3.1.2

Eetti dei rilievi e scelta del sito

Lindividuazione delle aree di maggior interesse per linstallazione di centrali eoliche ha inizio da un macrositing (analisi preliminare del territorio in esame). Lestensione del territorio pu` o essere pari a quello di una o pi` province, ossia dove ragionevolmente si troveranno zone a u maggior ventosit`. a Il macrositing consiste nellanalisi di una carta topograca digitale sulla quale vengono inseriti i dati anemologici a grande scala rilevati dal servizio meteorologico nazionale. Obiettivo nale ` quello di individuare delle linee di isoventosit` (linee che collegano punti e a con eguale ventosit`) che permettano lindividuazione di siti maggiormente ventosi allinterno a del territorio preso in esame. Gi` nella fase preliminare del progetto, quella che prevede lo studio dei siti pi` promettenti, a u si dovrebbe avviare una consultazione con gli enti locali, volta a valutare se esistano o meno resistenze a realizzazioni di tali impianti da parte della popolazione locale. Aspetto da non sottovalutare, anche perch se esistono tali resistenze sarebbe opportuno continuare a cercare e siti migliori dove poter installare queste centrali. Successivamente ` necessario portare avanti un altro screening teso alla valutazione delle e infrastrutture. Gli aspetti da tenere in maggiore considerazione in fase preventiva sono le caratteristiche di viabilit` ed accessibilit`, con lo studio di eventuali modiche che permettano a a un accesso migliore al sito da parte dei trasporti pi` impegnativi da un punto di vista dei pesi e u delle dimensioni, cos` come la suciente vicinanza alla rete elettrica di MT (media tensione) o meglio ancora di AT (alta tensione), con studio su eventuali situazioni critiche di sovraccarico. In questa seconda fase lo studio dellanemologia specica dei luoghi, lo studio dellimpatto ambientale e paesaggistico e lo studio della realizzazione dellimpianto (distanza dagli elettrodotti, viabilit` stradale che possa permettere lingresso di trasporti lunghissimi, ecc.) devono a essere portati avanti parallelamente, permettendo di ottenere, in un periodo di tempo ragionevole, un quadro tecnico della situazione che permetta di capire se ` possibile installare una e centrale eolica e di quale entit` sar` la sua resa. a a Lo studio della viabilit` e dellaccessibilit` al sito prescelto ` di primaria importanza, in a a e quanto non ` possibile costruire nuove vie daccesso e talvolta ladeguamento delle vie esistenti e potrebbe risultare troppo oneroso, anche se spesso, in particolare nelle zone montane, si realizzano percorsi non asfaltati che possono essere riutilizzati dalla viabilit` rurale locale, oppure a riassorbiti dallambiente stesso. Attualmente in Italia le turbine eoliche di maggior diusione appartengono ai modelli con potenze da 600 a 850 kW, che vantano diametri da 44 a 55 metri, con torri tubolari divise in tronconi molto lunghi. Da questo deriva il fatto che occorre organizzare trasporti eccezionali per linvio di tali componenti in loco. Altro aspetto da non sottovalutare ` lallaccio alla rete di trasmissione di energia nazionale. e Spesso le zone di interesse per la realizzazione di centrali eoliche sono zone rurali lontane dai grandi centri abitati e dipendenti dallesterno per la fornitura di energia elettrica poich non vi e ` nelle vicinanze produzione di energia n da fonte rinnovabile n da fonte tradizionale. e e e Ne consegue che la rete a MT (15 20 kV) ` stata pensata per essere una rete passiva, ossia e una rete di distribuzione di energia elettrica senza la presenza di un generatore nella zona. Si tratta di un aspetto piuttosto importante, in quanto i parchi eolici hanno spesso delle potenze signicative. Occorre, perci` uno studio sul comportamento della rete elettrica locale soggetta o allesportazione dellenergia. Le centrali che hanno una potenza superiore a 10 MW sono normalmente collegate ad una rete di trasmissione tra 60 e 150 kV. Oltre alla maggiore capacit` di esportazione di energia, a una tale rete ` caratterizzata da maggiore stabilit` e, in modo particolare, da una minore e a ` frequenza di interruzioni. E possibile riscontrare centinaia di interruzioni annue su una rete MT mentre quelle di una linea AT sono dellordine di 10 allanno. Questo ` un aspetto da e

22

Sistemi di conversione dellenergia eolica

non sottovalutare perch gli aerogeneratori si fermano dopo ogni interruzione con conseguente e perdita di produzione e notevole sollecitazione strutturale della turbina stessa. Durante lo sviluppo del progetto si deve valutare la compatibilit` della centrale eolica con la a rete elettrica in questione e in modo specico con il punto di interconnessione. Tale studio deve esaminare eventuali variazioni indesiderate della tensione e della frequenza dellenergia elettrica dovute dalla presenza della centrale eolica. Un eetto determinante sul usso del vento ` quello derivante dal tipo di copertura del terree no sul territorio, fattore che, oltre a condizionare la possibilit` sica di installare aerogeneratori, a inuenza in modo considerevole landamento della velocit` nello strato limite superciale. a Se prendiamo in esame il caso pi` semplice, quello di un terreno piatto, si osserva che la u velocit` del vento aumenta in generale con laltezza con un tasso di crescita che dipende dal a grado di scabrosit` del suolo. Le caratteristiche del terreno vengono rappresentate col parametro a z0 [m], detto lunghezza di rugosit`. a Il valore della lunghezza di rugosit` per una determinata supercie di territorio viene a normalmente calcolato in base allapplicazione della seguente legge logaritmica, descritta da Pirazzi et al.[10]: V (z) = dove:
u ` la velocit` dattrito, costante nello strato limite superciale; e a k ` la costante di von Karman (pari a 0,4); e z ` laltezza dal suolo. e

z u log k z0

con z >> z0

La lunghezza di rugosit` riassume in s linformazione essenziale nellambito della teoria che a e descrive la crescita della velocit` con laltezza. a Cos` ad esempio, unarea urbana sar` caratterizzata da un valore di circa 1 m, una prateria a con erba bassa e qualche cespuglio da un valore di circa 0,03 m, una supercie innevata liscia da un valore di circa 0,0005 m. Attraverso questa legge, valida in condizioni di atmosfera stabile (ipotesi accettata in condizioni di vento piuttosto sostenuto) si pu` osservare come a parit` di vento in quota la velocit` o a a del vento ad alcune decine di metri dal suolo vari sensibilmente al di sopra di aeree di diversa rugosit`, e sia in particolare maggiore al di sopra dei terreni pi` lisci. a u Un altro eetto determinante, e piuttosto importante in particolar modo in Italia, ` quello e dei rilievi montuosi. Il vento subisce unaccelerazione sulle sommit` di creste montuose o collinari, eetto che si a combina con laumento della velocit` dovuto allaltezza. a Questo aspetto va ad incidere sul prolo della velocit` del vento, che risulta, in tal modo, a alterato rispetto alla legge logaritmica indicata in precedenza. Il complesso quadro anemologico generato dalla suddetta fenomenologia ` stato oggetto di studio e fn dalle prime iniziative di sfruttamento energetico del vento in Italia. La presenza di un territorio ad orograa particolarmente complessa ha reso questo lavoro particolarmente impegnativo rispetto ai paesi pi` pianeggianti. Lobiettivo, concretizzatosi u con la preparazione di un Atlante eolico, ` stato portato avanti cercando di rappresentare le e caratteristiche interessanti a ni dello sfruttamento energetico, la velocit` media annua del a vento e la producibilit` di energia, nei diversi punti del territorio. a In conclusione, laccertamento dellidoneit` di un sito nellospitare un impianto di produzione a dellenergia da fonte eolica richieder` la verica dellesistenza di un certo numero di condizioni, a come:

3.2 Energia disponibile dal vento e legge di Betz

23

adeguata ventosit`, denita da opportuni parametri statistici, ottenuti elaborando dati a anemometrici (tipicamente velocit` e direzione del vento) che vanno riferiti ad un periodo a di tempo statisticamente signicativo e ad unaltezza dal suolo tale da rendere attendibile il loro riporto al livello del mozzo degli aerogeneratori; disponibilit` di un terreno che abbia un area adeguata ad ospitare un numero suciente di a aerogeneratori e che sia libero da vincoli ambientali e duso che ne impediscano limpiego; andamento di velocit` e direzione del vento sucientemente omogeneo sullarea di interesa se, sia sul piano orizzontale che per quanto riguarda landamento della velocit` del vento a con laltezza rispetto al terreno; terreno privo dirregolarit` e ostacoli tali da creare, da un lato, uneccessiva turbolenza a del vento (nociva in particolare per la produzione stessa di energia) e, dallaltro lato, problemi tecnici e costi troppo gravosi per linstallazione degli aerogeneratori e degli altri componenti dellimpianto; assenza di insediamenti abitativi nelle immediate vicinanze; esistenza di un sistema viario di collegamento alla rete stradale che consenta un agevole trasporto e montaggio in sito dei componenti dellimpianto; presenza di una rete elettrica, in grado di assorbire lenergia prodotta dallimpianto eolico senza richiedere la costruzione di ulteriori linee di collegamento.

Partendo dallo stadio in cui si dispone solo di una stima approssimativa della ventosit` a dellarea, il progettista individuer` i siti che orono una idonea risorsa eolica usando dati a anemologici qualicati, tenendo in considerazione che le aree pi` promettenti sono quelle con u una velocit` media al mozzo superiore a 6 m/s. Nella scelta del luogo un criterio da tenere in a considerazione ` quello di mirare a punti ubicati sulla cresta di rilievi collinare o montani, dove e ` possibile attendersi un accelerazione della vena uida. e Quando tuttavia i rilievi hanno una conformazione non regolare e piuttosto varia, come avviene nella realt` delle aree montane e collinari. Ogni situazione diventa un caso a s. Tuttavia, a e la ricerca del sito perfetto deve essere guidata da regole generali. Una delle pi` importanti ` quella di preferire punti non molto prossimi a rilievi con una u e pendenza eccessiva, per evitare eetti di turbolenza che possano essere dannosi per la regolare attivit` degli stessi aerogeneratori. a

3.2

Energia disponibile dal vento e legge di Betz

La legge di Betz riette una teoria per le macchine a uido sviluppata da Albert Betz. Essa mostra la massima energia possibile, nota come limite di Betz, che si potrebbe ricavare tramite un rotore innitamente sottile da un uido che scorre ad una certa velocit`. a Secondo la teoria di Betz, una turbina eolica ideale rallenta il vento di un fattore 2/3 rispetto alla velocit` a monte della turbina, riuscendo a convertire meno di 16/27 dellenergia cinetica a del vento in energia meccanica usando una turbina eolica. Le ipotesi alla base della teoria di Betz sono le seguenti:
Concetto di tubo di usso: il tubo di corrente che attraversa il disco attuatore non interagisce con la restante porzione di uido che lo circonda.

24

Sistemi di conversione dellenergia eolica

In ogni sezione del tubo di usso sussiste una distribuzione di velocit` permanente, unia forme e monodimensionale lungo lasse. Il rallentamento di vena sul disco attuatore ` e distribuito uniformemente sulla sezione del disco. Nelle sezioni innitamente a monte e a valle si pu` ipotizzare una situazione uidodinao mica indisturbata dalla presenza della macchina, ovvero la pressione ` uguale a quella e atmosferica dellambiente esterno, proprio come nella condizione di getto libero. Il usso eolico non incontra ostacoli oltre la turbina, n sopravvento n sottovento. e e Il vento ` stazionario e di intensit` costante con la quota. e a Non ci sono eetti di rotazione della vena a causa dellestrazione di quantit` di moto. a Si trascura la comprimibilit` dellaria, cio` la densit` ` ritenuta costante. a e ae

Quella di Betz dunque ` una teoria che richiede molte approssimazioni, ed alcune di esse e sono suscettibili di introdurre errori piuttosto importanti, in particolare lipotesi di assenza di rotazione della vena uida a valle del rotore. Il superamento di questa ipotesi esemplicativa costituisce, in linea di massima, il miglioramento apportato dalla gi` citata teoria di Glauert (che verra successivamente utilizzata in a questo lavoro) ed in particolare essa arriva alla conclusione che il limite di Betz ` solo un asine toto, al quale tende il rendimento aerodinamico di un rotore ideale (con pale innite e proli aerodinamici a resistenza nulla) quando, come si vedr` in seguito, il suo rapporto di velocit` a a alla punta della pala ` sucientemente grande (maggiore di 10). e Da ci` perviene la bassa densit` energetica dellenergia eolica per unit` di supercie, che o a a comporta la necessit` di procedere allinstallazione di pi` macchine, nel caso si voglia produrre a u quantit` rilevanti di energia elettrica, per lo sfruttamento ottimale della risorsa disponibile. Nel a caso pi` generale lo sfruttamento del vento si eettua tramite la centrale eolica, costituita dal u raggruppamento di pi` generatori disposti in modo diversicato sul territorio e collegati ad una u linea elettrica che li raccorda alla rete locale o nazionale.

3.3

Classicazione degli aerogeneratori

Gli impianti eolici possono essere suddivisi in base alle loro applicazioni:
produzione e vendita di energia elettrica - si realizza con aerogeneratori di potenza compresa tra 500-3000 kW collegati singolarmente o in pi` unit` (centrali eoliche) alla rete u a elettrica di media-alta tensione; - lo sfruttamento della risorsa ha luogo in genere in ambiente terrestre, ma sta assumendo un ruolo sempre pi` rilevante la tecnologia oshore u che prevede linstallazione delle macchine in ambiente marino; produzione di energia elettrica per utenze isolate o allacciate alla rete elettrica di bassa tensione - si eettua con aerogeneratori generalmente singoli e di piccola taglia ( 100 kW). La generazione di elettricit` pu` essere abbinata, nei sistemi ibridi, ad altre fonti di energia a o quali mini idraulica, fotovoltaico e convenzionale (diesel). Il mercato di questa tipologia di macchine ` in continua espansione in particolar modo nei paesi in via di sviluppo. e

Le macchine eoliche a loro volta, possono essere classicabili in diverse maniere:


in funzione dellenergia sfruttata:

3.3 Classicazione degli aerogeneratori

25

aeromotori: eettuano la trasformazione dellenergia meccanica del vento in energia meccanica dellasse di rotazione e tramite una catena puramente cinematica movimentano materiali (aeropompe), macinano e frantumano materiali (mulini) e azionano macchine operatrici; aerogeneratori: eettuano la conversione dellenergia del vento in energia elettrica continua o alternata; possono essere distinti in macchine ad asse orizzontale o verticale; possono essere isolati o in gruppo e ancora essere collegati ad utenze isolate, piccole reti locali (in genere in sistema integrato con motori diesel) o alle reti regionali e nazionali;
in funzione della posizione dellasse di rotazione

ad asse orizzontale HAWT (Horizontal Axis Wind Turbine);


* ad asse esattamente orizzontale; * ad asse inclinato sullorizzontale (esiste il solo rotore Poulsen);

ad asse verticale VAWT (Vertical Axis Wind Turbine)


* * * *

rotori Darrieus; rotori Savonius; rotori Giromill; macchine del tipo ad ala battente e a tapis roulant;

in funzione della potenza:

di piccola taglia (rotore con di media taglia (rotore con di grande taglia (rotore con da 3 MW);

< 20 m e potenza < 100 kW); 20 50 m e potenza 100 800 kW) 50 m, o poco pi`, e 800 1 000 kW); u > 50 m e potenza > 1 MW con esempi di macchine

di taglia intermedia (rotore con

in funzione della solidit` e velocit` del rotore: a a

lento ad elevata solidit` (multipala o mulino americano); a veloce a bassa solidit` (da 1 a 3-4 pale con proli aerodinamici); a
in funzione della regolazione di potenza:

controllo dellorientazione rispetto alla direzione del vento; controllo dellorientazione e del calettamento delle pale.

Gli aerogeneratori eolici sono, come abbiamo visto, divisibili in due gruppi distinti in funzione del modulo base adoperato denito appunto generatore eolico:
generatori eolici ad asse verticale, indipendenti dalla direzione di provenienza del vento; generatori eolici ad asse orizzontale, in cui il rotore va orientato perpendicolarmente alla direzione di provenienza del vento

26

Sistemi di conversione dellenergia eolica

I primi generatori usati nelle macchine eoliche erano dei motori elettrici convenzionali che venivano usati come generatori normalmente collegati alla rete. Uno dei principali svantaggi era rappresentato dalla curva di rendimento che aveva generalmente un massimo piuttosto pronunciato in corrispondenza della potenza nominale del motore. Quando la turbina funzionava a potenze diverse da quella nominale il rendimento crollava a valori molto pi` bassi incidendo u negativamente sulla resa energetica complessiva. I generatori eolici a partire dal 1985 hanno migliorato drasticamente il rendimento, le dimensioni e costi. Tali generatori sono riusciti a passare da una produzione di pochi kW di potenza a punte di 3 MW per i pi` ecienti e una produzione tipica del mercato di 1,5 MW, u con una velocit` del vento minima di 3-4 m/s. a Un generatore sia ad asse verticale che orizzontale richiede una velocit` minima del vento a (cut-in) di 3-5 m/s ed eroga la potenza di progetto ad una velocit` del vento di 12-14 m/s. a Ad elevate velocit` (20-25 m/s, velocit` di cut-o ) laerogeneratore viene bloccato dal sistema a a frenante per ragioni di sicurezza. Il bloccaggio pu` avvenire con freni che bloccano il rotore o o con metodi che si basano sul sistema della messa im bandiera del rotore e nascondono le pale al vento o con sistemi che agiscono sul calettamento delle pale no a metterne in stallo il prolo aerodinamico, oppure una combinazione di tutti e tre. Esistono anche generatori a pale mobili che adattano il calettamento in maniera continua tra la parte alta e quella bassa dellarea spazzata limitando cos` le variazioni di momento ettente sulle pale e quindi lentit` del ciclo di fatica e permettendo ladozione di pale pi` leggere, e a a u doppia elica controrotante, anche per raddoppiare la potenza elettrica prodotta. I generatori eolici possono essere silenziosi; il problema principale ` la dimensione delle pale che impatta e negativamente sul paesaggio. Le velocit` di rotazione dellaerogeneratore sono molto variabili, come lo ` la velocit` del a e a vento; ma la frequenza di rete deve essere costante a 50 hertz, perci` lo standard danese che o si ` andato diondendo sempre pi` per la sua facilit` di regolazione, impone che essi siano e u a dotati di generatori asincroni, i quali hanno si una velocit` di rotazione del campo magnetico a determinata dal tipo di rete alla quale sono connessi, ma generano potenza elettrica attiva solo se spinti di poco al di sopra di questa velocit` di rotazione, eliminando la necessit` di regolare a a la sincronizzazione con la rete e con lunico onere di rifasare la potenza elettrica prodotta. La cinematica del generatore eolico ` caratterizzata da bassi attriti, assenza di surriscale damento e di un sistema di refrigeranti (olio ed acqua) e un costo di manutenzione molto basso. I principali produttori mondiali di aerogeneratori sono aziende tedesche, danesi e spagnole: Vestas, Enercon, Siemens, Gamesa Eolica, GE Wind, Nordex, NedWind, Enron Wind. Sono circa 26 le aziende che producono gli aerogeneratori. Un generatore eolico ad asse orizzontale (HAWT, in inglese Horizontal Axis Wind Turbines) ` formato da una torre in acciaio di altezze tra i 60 e i 100 metri sulla cui sommit` si trova un e a involucro (gondola) che contiene un generatore elettrico azionato da un rotore a pale lunghe circa 20 metri (solitamente 2 o 3). Esso genera una potenza molto variabile, tipicamente 600 chilowatt, che equivale al fabbisogno elettrico giornaliero di 500 famiglie o di 1000 case. Gli aerogeneratori tradizionali hanno, quasi senza eccezioni, lasse di rotazione orizzontale. Questa caratteristica ` il limite principale alla realizzazione di macchine molto pi` grandi di e u quelle attualmente prodotte: i requisiti statici e dinamici che bisogna rispettare non consentono di ipotizzare rotori con diametri molto superiori a 100 metri e altezze di torre maggiori di 180 metri. Queste dimensioni riguardano macchine per esclusiva installazione o-shore. Le macchine on-shore pi` grandi hanno diametri di rotore di 70 metri e altezze di torre di 130 u metri. In una macchina cos` costruita il raggio della base supera i 20 metri. La velocit` del a vento cresce con la distanza dal suolo; questa ` la principale ragione per la quale i costruttori e di aerogeneratori tradizionali spingono le torri a quote cos` elevate. La crescita dellaltezza, insieme al diametro del rotore che essa rende possibile, sono la causa delle complicazioni statiche

3.4 Aerogeneratore ad asse verticale (VAWT)

27

dellintera macchina, che impone fondazioni complesse e costose e strategie sosticate di messa in bandiera in caso di improvvise rache di vento troppo forte.

3.4

Aerogeneratore ad asse verticale (VAWT)

Un generatore eolico ad asse verticale (VAWT, in inglese Vertical Axis Wind Turbines) ` un tipo e di macchina eolica contraddistinta da una ridotta quantit` di parti mobili nella sua struttura, a il che le conferisce unalta resistenza alle forti rache di vento, e la possibilit` di sfruttare a qualsiasi direzione del vento senza doversi riorientare continuamente. ` E una macchina molto versatile, adatta alluso domestico come alla produzione centralizzata di energia elettrica nellordine dei MW (una sola turbina soddisfa il fabbisogno elettrico mediamente di circa 1 000 case) Grandi macchine eoliche ad asse verticale sono state concepite e realizzate n dal 1920. La sostanziale minore ecienza rispetto a quelle con asse orizzontale (-30%), oltre che gli alti costi di costruzione di una macchina multi-MW, ne ha di fatto connato limpiego nei laboratori, anche se non mancano voci di dissenso, che invece auspicano che venga incrementata la ricerca in questo campo. Si ` cercato di ottimizzare molto queste macchine, rendendole molto competitive; gli ultimi e prototipi, funzionando in molte pi` ore lanno rispetto a quelle ad asse orizzontale ed hanno un u rendimento complessivo maggiore rispetto al passato. Ma lunica installazione industriale oggi esistente ` quella di Altamont Pass in California, e realizzata dalla FloWind nel 1997, la stessa che ` stata oggetto degli studi di Orlo-Flannery [7] e e di Thelander et al. [8]. Linstallazione ` in fase di smantellamento, a causa delle dicolt` e a economiche del costruttore, che ` in bancarotta. e Non bisogna dimenticare, infatti, che il parametro decisivo che guida la scelta di un sistema rispetto ad unaltro ` il tempo di ritorno dellinvestimento, e dato che per tutte le macchine e eoliche il combustibile ` gratuito, il rendimento intrinseco della macchina non inuisce sempre e positivamente sui costi di produzione e di esercizio della stessa. La turbina a vento di Savonius ` un tipo di turbina a vento ad asse verticale, utilizzata e per la conversione dellenergia del vento in coppia su di un albero rotante (principalmente per muovere pompe idrauliche). Inventata dallingegnere nlandese Sigurd J. Savonius nel 1922 e brevettata nel 1929, ` una delle turbine pi` semplici. e u Esiste in Italia un progetto che consiste in una centrale eolica ad asse di rotazione verticale. Si tratta del Kite Wind Generator o Kitegen. Questo elimina i problemi statici e dinamici che impediscono laumento della potenza (e delle dimensioni) ottenibile dagli aerogeneratori tradizionali. Il problema di catturare il vento ` risolto dallidea di impiegare proli alari e di potenza (Power Kites) solidali al perimetro della turbina. I proli alari di potenza volano secondo traiettorie prestabilite, che permettono di trasformare la forza esercitata sui cavi in una coppia complessiva concorde che mette in rotazione le braccia di una giostra ad asse verticale. In pratica, i proli alari di potenza sono le pale della turbina, che le consentono di ruotare intorno ad un asse verticale, semplicando enormemente i problemi di fondazione e di rigidezza. Nellagosto 2006 ` stato costruito un primo prototipo dal nome Mobilegen. e

28

Sistemi di conversione dellenergia eolica

Capitolo 4

Il modello ITDG IT-100


4.1 Descrizione tecnica e metodologia di progetto

Il progetto IT-100 dellIntegrate Technology Development Group (ITDG) consiste in un generatore elettrico a magneti permanenti (in ferrite o neodimio), di circa 150 W di potenza nominale, la cui costruzione ` descritta in Piggot [1], pensato per essere costruito in loco (con utilizzo di e manodopera il pi` possibile locale) dalle Organizzazioni Non Governative interessate allo sviu luppo sostenibile dei Paesi in cui operano, con attrezzature a basso costo ed in modo da ridurre il pi` possibile il costo del prodotto nito pur non prevedendo grossi volumi di produzione. Il u generatore nito, poi pu` avere i pi` svariati utilizzi tra cui, dotato di pale con prolo aerodio u namico e montato su di un sostegno con protezione per rache di vento forte, appositamente studiato, pu` funzionare da generatore eolico ad asse orizzontale, di bassa potenza. Lo scopo di o questo lavoro ` quello di dimensionare le pale ed il sistema di protezione dellaerogeneratore con e opportune approssimazioni volte a renderne pi` semplice la costruzione, per poi arrivare alla u predeterminazione teorica delle caratteristiche aerodinamiche descritte dalle curve di potenza e di spinta assiale in funzione della velocit` adimensionale = (u v) (u = velocit` periferica a a della punta della pala e v = velocit` del vento) ed arrivare inne allindicazione della curva di a potenza in funzione della velocit` del vento propria dellaerogeneratore. A questo scopo sono a state seguite le indicazioni di Le Gourieres [3] per laerodinamica del rotore e la spiegazione della teoria di Glauert, ed ` stato utilizzato il programma Xfoil di Drela [11] per la determinae zione delle curve di variazione dei coecienti di portanza e resistenza in funzione dellangolo di calettamento, tramite simulazione numerica dei proli aerodinamici bidimensionali investiti da una corrente daria.

4.2

Descrizione del generatore elettrico

Il generatore elettrico ` del tipo, poco convenzionale, a direzione del usso magnetico parallela e allasse di rotazione, costituito da 6 bobine sullo statore sottoposte al campo magnetico creato da 8 coppie di magneti permanenti disposte sul rotore in modo che i magneti di ciascuna coppia vengano a trovarsi uno davanti e laltro dietro lo statore, come mostrato nello schema di gura 4.1 tratto da Piggot [1]. Le bobine sono tenute in sede aogandole in una colata di resina di poliestere e polvere di talco rinforzata con bra di vetro, che costituisce lo statore nito, e disposte secondo la congurazione mostrata in gura 4.2.

30

Il modello ITDG IT-100

Figura 4.1: Vista esplosa del generatore a magneti permanenti

Figura 4.2: Disposizione delle bobine nello statore

4.2 Descrizione del generatore elettrico

31

Il prodotto nito ha un peso di 25 kg, dei quali 10 kg sono costituiti dai magneti del rotore, i quali hanno un costo approssimativo di 325 $, nel caso dei magneti di neodimio, e si presenta con laspetto in gura 4.3:
73 2
115 68
6

323

25

19

Figura 4.3: Vista esterna del generatore, misure in mm Le tre serie da tre fori ciascuna, servono per il ssaggio delle pale e delleventuale cono frontale, mentre dal tubo posteriore, che serve anche per il ssaggio sul supporto, fuoriescono i tre cavi elettrici utilizzati per la trasmissione della corrente trifasica di uscita eventualmente da raddrizzare facendo uso di due ponti raddrizzatori o di sei diodi. Generalmente le bobine sono connesse in tre serie da due, connesse a loro volta a triangolo ed in questa congurazione, il generatore ha dimostrato, nelle prove di laboratorio, le potenzialit` espresse dalle tabelle 4.1 e a 4.2, la prima relativa al sistema con magneti permanenti in ferrite e la seconda relativa a quello con magneti al neodimio NdFeB.

32

Il modello ITDG IT-100

Tabella 4.1: Generatore con magneti in ferrite, prova con un carico di 105 W a diverse velocit` a di rotazione (: rendimento elettrico complessivo)
[rpm] 275 370,3 457,3 513 631,7 724,8 821 910,8 Pot ac [W] 23,6 43,29 69,63 86,1 124 156,88 196,49 233,89 Pot dc [W] 20,22 40,88 64,22 80,96 115,58 148,62 187,79 225,98 % ac 43,58 46,54 48,9 49,82 51,57 52,61 53,62 54,35 % dc 37,34 43,95 45,1 46,84 48,07 49,84 51,25 52,51 I dc [A] 5,68 7,3 8,45 9,2 10,32 11,2 12,25 13,1 V dc [V] 3,56 5,6 7,6 8,8 11,2 13,27 15,33 17,25 I ac [A] 3,41 4,55 5,75 6,3 7,24 7,92 8,67 9,26 V ac [V] 4 5,5 7 7,9 9,9 11,45 13,1 14,6

Tabella 4.2: Generatore con magneti in NdFeB, prova con un carico di 105 W a diverse velocit` a di rotazione (: rendimento elettrico complessivo)
[rpm] 121,8 182 231,3 274 324 362 414 Pot ac [W] 22,76 54,67 94,62 133,28 190,9 212,01 267,36 Pot dc [W] 22,5 55,89 93,79 127,4 184,8 204,37 260,78 % ac 51 60 63 64 66 65 65 % dc 50 61 62 61 64 63 63 I dc [A] 5 6,9 8,3 9,1 10,5 10,7 11,8 V dc [V] 4,5 8,1 11,3 14 17,6 19,1 22,1 I ac [A] 3,06 4 5,31 6,42 7,61 8,17 9,31 V ac [V] 4,3 7,9 10,3 12 14,5 15 16,6

4.3
4.3.1

Progetto dellaeromotore
Determinazione del regime di funzionamento nominale

Secondo la teoria di Betz, la potenza generata da una turbina eolica `: e 1 P = Cp r 2 v 3 2 (4.1)

con Cp = 16 27 (limite di Betz) per un aeromotore ideale in regime di massima captazione, cio` e quando la componente della velocit` parallela allasse del usso daria in uscita dalla turbina ` a e 1 3 di quella del usso daria in entrata. La teoria dei vortici di Glauert, molto ben spiegata da Le Gourieres [3], poi dimostra che questo limite non ` costante al variare del rapporto di velocit` = u v ma ` uguale a zero per e a e = 0 e tende asintoticamente a 16 27 per (anche se gi` per > 10 si ha Cp 16 27) In a questo caso il massimo rendimento del generatore ` del 66% con produzione di 184,8 W a 324 e rpm, e questa potenza deve eguagliare la potenza data dalla 4.1. Essendo = 1, 24, si pu` assumere per v il valore pi` probabile della velocit` del vento in o u a un determinato luogo, ad esempio v = 9 m s, mentre per il coeciente di potenza Cp , tenendo conto che il sistema probabilmente avr` molte perdite, si pu` ipotizzare il valore 0, 4 in prima a o battuta. Con queste ipotesi si ottiene, per il raggio del rotore:

4.3 Progetto dellaeromotore

33

r= e per il valore di :

Prendmax max = 0, 647 < 0, 70[m] 1 2 Cp v 3

= (2 r 60) v = 2, 63894 che risulta essere abbastanza compatibile, secondo i graci statistici, con il Cp indicato. Ovviamente disponendo di un generatore con il massimo del rendimento ad una velocit` a di rotazione maggiore, sarebbe possibile utilizzare un pi` alto ed ipotizzare un rendimento u aerodinamico pi` alto. u

4.3.2

Pale

i
V

7. 00

W
1 4. 24

dFu

dRx

7 .24

dR

5 .59

dRz

dFv

Figura 4.4: Triangolo di velocit` alla punta della pala e forze di portanza e resistenza generate a da un prolo aerodinamico (NACA4412)

In gura 4.4 ` mostrato il generico triangolo di velocit` alla punta della pala e le forze e a generate dallazione del vettore della velocit` relativa W sul prolo aerodinamico: ` possia e bile esprimerla come somma di una componente parallela a W , detta Rx e proporzionale al coeciente di resistenza Cx caratteristico del prolo aerodinamico scelto, ed una componente perpendicolare a W , detta Rz e proporzionale al coeciente di portanza Cz del prolo. Questa forza poi, in virt` del vincolo delle pale sul rotore, si trasmette come una componente perpenu dicolare al piano di rotazione del rotore Fv , assorbita dalle reazioni vincolari, ed una, detta Fu , giacente sul piano di rotazione del rotore, che genera la coppia necessaria a mantenerlo in movimento.

34

Il modello ITDG IT-100

Nella gura inoltre si nota langolo I = arc tan e langolo i di incidenza eettiva del vettore W sul prolo, che di solito viene scelto in modo da avere, almeno alla punta della pala, il maggior rapporto Cz Cx (nezza) sul prolo considerato e quindi il minor valore di tan = Cx Cz . Conoscendo questi due angoli ` possibile determinare langolo di calettamento = I i, ed e ` possibile ripetere questo calcolo per tutte le sezioni in cui si voglia dividere la pala al variare e della distanza dal centro di rotazione r, in modo da determinarne il prolo di svergolamento. Ai ni del progetto della pala, inoltre, ` bene fare in modo che la coppia generata da tutte e le sezioni della pala al variare di r, sia il pi` possibile uguale e perci` sia il pi` possibile uguale u o u Cz p lp (con p numero delle pale ed lp lunghezza su tutta la lunghezza della pala la quantit` a r della corda del prolo). Per fare questo, al diminuire di r deve aumentare lp . La teoria di Glauert perfeziona meglio il calcolo introducendo i parametri k ed h che servono a correggere il valore del rapporto di velocit` locale r relativo alle diverse sezioni di pala, e a calcolarne quello eettivo e , dierenza, questa, dovuta al fatto che vengono usati proli reali dal punto di vista della resistenza aerodinamica, ed il valore di tan , per quanto piccolo, non sar` mai uguale a zero. a C p l In base a questa correzione si calcola langolo I e la quantit` z r p tramite le formule che a seguono. r = ur v = k= h= 1 arctan r + 3 3 2 + 1 + cos r 1+ 1 k2 2 r (4.2) (4.3) (4.4)

(4.5) (4.6) (4.7) (4.8)

Cp = 2 (1 + k)(h 1) r e = r 1+h 1+k

I = arc cot e

Cz p lp 1k = 8 (tan I)2 cos I (4.9) r 1+k In particolare per il considerato, alla punta della pala, si hanno i risultati della tabella 4.3: Tabella 4.3: Risultati alla punta della pala k h Cp e I 0,339908 1,061605 0,574843 4,060313 13,835813

2,638938

1,450056

(C z p lp )/ r 0,729227

Mentre in tabella 4.4 sono presentati i risultati al variare della distanza dallasse di rotazione.

4.3 Progetto dellaeromotore

35

Tabella 4.4: Risultati su tutta la lunghezza della pala al variare della distanza dallasse di rotazione r I (Cz p lp ) r 0,15 40,3416 5,97661 0,2 35,3229 4,62677 0,25 31,1308 3,61938 0,3 27,6553 2,87126 0,35 24,7719 2,31263 0,4 22,3668 1,89082 0,45 20,3452 1,56790 0,5 18,6311 1,31708 0,55 17,1650 1,11944 0,6 15,9001 0,96155 0,65 14,7999 0,83381 0,7 13,8358 0,72923

A questo punto ` importante scegliere il numero di pale che avr` il rotore, e per far questo e a bisogna tenere conto che la teoria di Glauert ipotizza un numero di pale innito ed in questo caso se i proli aerodinamici scelti avessero una nezza innita, ossia sviluppassero solo portanza e nessuna resistenza aerodinamica, il Cp del rotore si avvicinerebbe molto al limite di Betz per elevati (superiori a 10). Nella realt`, per` un alto numero di pale fa girare il rotore pi` lentamente e quindi riduce il a o u Cp massimo ottenibile, come mostrato nella gura 4.5, tratta da Cella [12], mentre secondo la formula di Prandtl spiegata da Le Gourieres [3] il rendimento dovuto allutilizzo di un numero nito di pale p, ` data dalla relazione: e 1, 39 sin It p dove It ` langolo di inclinazione allestremit` delle pale. e a p = 1 ` E per questo che di solito per laccoppiamento diretto a generatori elettrici si scelgono rotori tripala, ed ` anche la scelta che verr` fatta in questo caso, trattandosi di una macchina che e a deve girare a basse velocit` speciche. a Unaltra scelta importante ` quella del prolo aerodinamico e dellangolo dincidenza ottie male, dal quale ricavare il calettamento eettivo in funzione della distanza dallasse di rotazione. A questo scopo ` possibile prendere come riferimento i graci empirici delle polari di Eiel e tabulati per i diversi proli aerodinamici studiati in galleria del vento e che ` possibile trovare e anche nellopera di Le Gourieres [3], e scegliere langolo di incidenza caratterizzato dalla massima nezza, mentre il tipo particolare di prolo dipender` soprattutto dagli sforzi a cui sar` a a sottoposta la pala, dovuti:
Alla pura resistenza aerodinamica in condizioni di esercizio (di solito trascurabile come vedremo). Inerziale (proporzionale al peso della pala) dovuto alla forza centrifuga in condizioni di esercizio (di solito il pi` importante). u Inerziale dovuto ad unazione di tipo giroscopico durante gli adattamenti ai cambiamenti di direzione del vento e che porta a degli sforzi caratterizzati da un ciclo di fatica allinversione durante il cambiamento di direzione a rotore in movimento e proporzionali alla velocit` con cui avviene il suddetto cambio di direzione. a
2

36

Il modello ITDG IT-100

Coefficiente di potenza del rotore Cp

Cp ideale (teoria del momento o del disco attuatore) 0.59 (16/27)

Coefficiente di potenza teorico per un infinito numero di pale

Rotore a tre pale

Rotore a due pale


Rotore ad una pala

Rotore Darrieus

Mulino olandese Multipala americano Rotore Savonius Velocit adimensionale

Figura 4.5: Graci dei coecienti di potenza di vari tipi di rotori al variare della velocit` a adimensionale = u v

Per cui il prolo deve garantire una sezione adeguata a sopportare gli sforzi nelle sezioni pi` sollecitate (di solito vicino al baricentro della pala) mentre le tecniche costruttive devono u garantire principalmente la leggerezza del prodotto nito, volta a ridurre gli sforzi a cui ` sote toposta la pala e leconomicit` costruttiva, che costituisce il parametro pi` importante tramite a u il quale ridurre il tempo di ritorno dellinvestimento e quindi valutare la convenienza di questo tipo di macchine. Per questo, di solito, la pala viene costruita modellando, in un apposito stampo, della spuma di poliuretano e modellando su di essa degli strati di bra di vetro o bra di carbonio uniti da resina epossidica. ` E possibile anche simulare il prolo scelto per ricavarne le curve di variazione dei coecienti con langolo di incidenza, tramite il programma open source Xfoil di Drela [11] del M.I.T., di cui si presenta il tipico tabulato nale prendendo in considerazione un prolo NACA 4412 ed un numero di Reynolds di 300 000

4.3 Progetto dellaeromotore

37

XFOIL

Version 6.94

Calculated polar for: NACA 4412 1 1 Reynolds number fixed xtrf = Mach = 1.000 (top) 0.000 Re = Mach number fixed 1.000 (bottom) 0.300 e 6 Ncrit =

9.000

alpha CL CD CDp CM Top_Xtr Bot_Xtr ------- -------- --------- --------- -------- ------- ------0.000 0.4888 0.00814 0.00314 -0.1069 0.7251 1.0000 0.500 0.5394 0.00834 0.00308 -0.1056 0.6976 1.0000 1.000 0.5907 0.00860 0.00308 -0.1045 0.6716 1.0000 1.500 0.6423 0.00887 0.00317 -0.1035 0.6460 1.0000 2.000 0.6944 0.00919 0.00330 -0.1027 0.6229 1.0000 2.500 0.7468 0.00954 0.00349 -0.1019 0.6019 1.0000 3.000 0.7994 0.00990 0.00372 -0.1013 0.5825 1.0000 3.500 0.8521 0.01027 0.00401 -0.1006 0.5642 1.0000 4.000 0.9046 0.01065 0.00433 -0.1000 0.5467 1.0000 4.500 0.9568 0.01103 0.00470 -0.0993 0.5295 1.0000 5.000 1.0085 0.01144 0.00509 -0.0985 0.5122 1.0000 5.500 1.0593 0.01185 0.00550 -0.0976 0.4936 1.0000 6.000 1.1084 0.01228 0.00590 -0.0964 0.4720 1.0000 6.500 1.1562 0.01270 0.00634 -0.0949 0.4484 1.0000 7.000 1.2030 0.01313 0.00683 -0.0933 0.4232 1.0000 7.500 1.2475 0.01367 0.00735 -0.0914 0.3954 1.0000 8.000 1.2892 0.01430 0.00797 -0.0890 0.3603 1.0000 8.500 1.3261 0.01519 0.00877 -0.0859 0.3138 1.0000 9.000 1.3532 0.01660 0.00993 -0.0814 0.2553 1.0000 9.500 1.3681 0.01853 0.01153 -0.0752 0.1891 1.0000 10.000 1.3779 0.02104 0.01370 -0.0690 0.1286 1.0000 10.500 1.3864 0.02383 0.01630 -0.0632 0.0919 1.0000 11.000 1.3960 0.02677 0.01920 -0.0583 0.0726 1.0000 11.500 1.4046 0.03003 0.02254 -0.0541 0.0616 1.0000 12.000 1.4096 0.03390 0.02652 -0.0503 0.0542 1.0000 12.500 1.4112 0.03837 0.03108 -0.0472 0.0487 1.0000 13.000 1.4156 0.04289 0.03580 -0.0449 0.0447 1.0000 13.500 1.4184 0.04781 0.04085 -0.0431 0.0414 1.0000 14.000 1.4143 0.05358 0.04675 -0.0413 0.0387 1.0000 14.500 1.4200 0.05868 0.05206 -0.0405 0.0361 1.0000 15.000 1.4222 0.06425 0.05776 -0.0399 0.0340 1.0000 [...] dove CL sta per lift coecient (coeciente di portanza Cz ) e CD per drag coecient (coeciente di resistenza Cx ). I dati risultanti sono stati sintetizzati nella tabella 4.5 con lindicazione anche della f inezza = Cz Cx e della tan = Cx Cz .

38

Il modello ITDG IT-100

Tabella 4.5: Variazione dei parametri aerodinamici di un prolo NACA 4412, con langolo di incidenza (Reynolds = 300 000) i Cz Cx Finezza tan 0 0,48880 0,00814 60,05 0,01665 0,5 0,53940 0,00834 64,68 0,01546 1 0,59070 0,00860 68,69 0,01456 1,5 0,64230 0,00887 72,41 0,01381 2 0,69440 0,00919 75,56 0,01323 2,5 0,74680 0,00954 78,28 0,01277 3 0,79940 0,00990 80,75 0,01238 3,5 0,85210 0,01027 82,97 0,01205 4 0,90460 0,01065 84,94 0,01177 4,5 0,95680 0,01103 86,75 0,01153 5 1,00850 0,01144 88,16 0,01134 5,5 1,05930 0,01185 89,39 0,01119 6 1,10840 0,01228 90,26 0,01108 6,5 1,15620 0,01270 91,04 0,01098 7 1,20300 0,01313 91,62 0,01091 7,5 1,24750 0,01367 91,26 0,01096 8 1,28920 0,01430 90,15 0,01109 8,5 1,32610 0,01519 87,3 0,01145 9 1,35320 0,01660 81,52 0,01227 9,5 1,36810 0,01853 73,83 0,01354 10 1,37790 0,02104 65,49 0,01527 10,5 1,38640 0,02383 58,18 0,01719 11 1,39600 0,02677 52,15 0,01918 11,5 1,40460 0,03003 46,77 0,02138 12 1,40960 0,03390 41,58 0,02405 12,5 1,41120 0,03837 36,78 0,02719 13 1,41560 0,04289 33,01 0,03030 13,5 1,41840 0,04781 29,67 0,03371 14 1,41430 0,05358 26,4 0,03788 14,5 1,42000 0,05868 24,2 0,04132 15 1,42220 0,06425 22,14 0,04518 15,5 1,42230 0,06970 20,41 0,04901

In base a ci`, sul prolo scelto, si nota come ottimale (nezza massima) un angolo di incio denza di 7 caratterizzato da un Cz = 1, 20300, per cui in ogni sezione sar`, considerando un a rotore tripala: = I 7 Cz p l p 1, 20300 3 lp (1 k) = 8 (tan I)2 cos I = r (1 + k) r

da cui ` possibile ricavare langolo di calettamento eettivo e la lunghezza di corda lp di e ogni sezione come fatto in tabella 4.6: A questo punto, proprio per economizzare il processo di costruzione della pala, dopo aver vericato che la larghezza di corda al mozzo non sia proibitiva, si possono scegliere delle leggi lineari di variazione di calettamento e lunghezza di corda tra la punta ed il mozzo:

4.3 Progetto dellaeromotore

39

Tabella 4.6: Prospetto dello svergolamento ideale della pala r Corda lp Calettamento 0,15 0,25 33,34 0,2 0,26 28,32 0,25 0,25 24,13 0,3 0,24 20,66 0,35 0,22 17,77 0,4 0,21 15,37 0,45 0,2 13,35 0,5 0,18 11,63 0,55 0,17 10,16 0,6 0,16 8,9 0,65 0,15 7,8 0,7 0,14 6,84

lp = 0, 277576 0, 19448r = 40, 5705 48, 1924r che portano alla tabella 4.7: Tabella 4.7: Prospetto dello svergolamento semplicato della pala r Corda lp Calettamento 0,15 0,25 33,34 0,2 0,24 30,93 0,25 0,23 28,52 0,3 0,22 26,11 0,35 0,21 23,7 0,4 0,2 21,29 0,45 0,19 18,88 0,5 0,18 16,47 0,55 0,17 14,06 0,6 0,16 11,66 0,65 0,15 9,25 0,7 0,14 6,84

40

Il modello ITDG IT-100

Figura 4.6: Layout del rotore con svergolamento ideale

Figura 4.7: Layout del rotore con svergolamento semplicato

4.3 Progetto dellaeromotore

41

Figura 4.8: Pala del rotore con indicazione delle sezioni di calcolo, misure in mm, prolo aerodinamico base NACA 4412.

42

Il modello ITDG IT-100

4.4

Verica e predeterminazione delle caratteristiche

Come indicato in Le Gourieres [3], ` possibile predeterminare le curve caratteristiche del roe tore progettato prima di costruirlo, dividendo la pala nelle diverse sezioni, per ognuna di esse ipotizzando diversi angoli di incidenza e riportando i rispettivi valori di Cz . Poi con gli stessi dati ` possibile calcolare e I =i G= (1 k) cos(I ) = Cz p l p (1 + k) (8 r cos (sin I)2 ) k= E= (1 G) (1 + G) (4.10) (4.11) (4.12) (4.13) (4.14) (4.15) (4.16) r R
2

sin(I ) (h 1) = Cz p l p (h + 1) 4 r cos sin(2 I) h= = (1 + E) (1 E)

R (1 + k) cot I r (1 + h) r R

f r = (1 k 2 )

mr = (1 + k)2 E cot I dove:

(4.17)

- f r ` il coeciente di resistenza (coeciente della forza in direzione ortogonale allarea e spazzata dal rotore) di ciascuna sezione di pala - mr ` il coeciente di momento (rispetto allasse di rotazione del rotore) di ciascuna sezione e di pala In tabella 4.8 vengono riportati i calcoli relativi alle prime due sezioni (r = 0,15 e r = 0,2) della pala progettata:

3 0,1500 1,0000 0,2143 33,3416 0,2484 1,9000 0,5088 0,0664 3,7961 35,2416 0,1500 1,0000 0,2143 33,3416 0,2484 4,7000 0,7764 0,0547 3,1310 38,0416 0,1500 1,0000 0,2143 33,3416 0,2484 7,9000 1,0087 0,0557 3,1856 41,2416 0,1500 1,0000 0,2143 33,3416 0,2484 9,9000 1,3602 0,0264 1,5123 43,2416 0,2000 2,0000 0,2857 30,9320 0,2387 0,0000 0,2636 0,1139 6,4993 30,9320 0,2000 2,0000 0,2857 30,9320 0,2387 1,9000 0,5088 0,0664 3,7961 32,8320 0,2000 2,0000 0,2857 30,9320 0,2387 4,7000 0,7764 0,0547 3,1310 35,6320 0,2000 2,0000 0,2857 30,9320 0,2387 7,9000 1,0087 0,0557 3,1856 38,8320 0,2000 2,0000 0,2857 30,9320 0,2387 9,9000 1,3602 0,0264 1,5123 40,8320

0,2583 0,5895

0,3319 0,5016

0,3618 0,4686

0,4277 0,4009

0,1302 0,7696

0,2160 0,6447

0,2752 0,5683

0,2974 0,5415

0,3508 0,4807

4.4 Verica e predeterminazione delle caratteristiche

0,1116 1,2512 4,6637 0,1398 0,0183 fr 5,82500 4,66371 3,66624 2,93797 2,22885 0,09954 0,13982 0,16037 0,16723 0,17985 0,01079 0,01832 0,02398 0,02805 0,03437 mr 0,28571 0,28571 0,28571 0,28571 0,28571 4,98447 4,11538 3,34777 2,77588 2,25407 0,0240 0,0281 0,0344 0,0151 3,6662 0,1604 2,9380 0,1672 2,2289 0,1799 4,9845 0,1165 4,1154 0,1670 0,0265

0,1812 1,4427

0,2483 1,6608

0,3587 2,1188

0,0355 1,0735

0,0774 1,1678

0,1257 1,2875 3,3478 0,1934 0,0352 0,11651 0,16697 0,19343 0,20194 0,21971

0,1717 1,4146 2,7759 0,2019 0,0414 0,01512 0,02648 0,03521 0,04138 0,05142

0,2483 1,6605 2,2541 0,2197 0,0514

pale Lunghezza totale Sezioni 0,7000 0,1500 1,0000 r/R 0,2143 alfa 33,3416 lp 0,2484 i 0,0000 Cz 0,2636 tg epsilon 0,1139 epsilon 6,4993 I = alfa + i 33,3416 G = (1 k)/(1 + k) = Cz p lp cos(Iepsilon)/(8 Pi r cos epsilon (sin I)^2 ) 0,1549 k = (1 G)/(1 + G) 0,7318 E = (h 1)/(h + 1) = Cz p lp sin(I epsilon)/(4 Pi r cos epsilon sin (2 I)) 0,0516 h = (1 + E)/(1 E) 1,1088 = R/r (1 + k)/(1 + 5,8250 h) cotg I fr = (1 k^2)r/R 0,0995 mr = (1 + k)^2 E cotg I (r/R)^2 0,0108 Risultati r/R 0,21429 0,21429 0,21429 0,21429 0,21429

Tabella 4.8: Foglio di calcolo per la predeterminazione delle caratteristiche di funzionamento del rotore

Con i risultati ottenuti possibile riportare in un grafico, per ogni valore del parametro r/R le curve di variazione dei coefficienti fr ed mr in funzione di e:

0.75
0.15

0.5

43

0.25 6 8 10

0.1

-0.25

0.05

44

Il modello ITDG IT-100

Dimensionamento2_2.nb

Con i risultati ottenuti ` possibile riportare in un graco, per ogni valore del parametro r/R e le curve di variazione dei coecienti fr ed mr in funzione di come nelle gure 4.9 e 4.10:
nn

0.75 0.7 0.5 0.65 0.6 0.55 0.5 0.45 0.4 0.35 0.3 0.25 0.2 r=0.15

0.25

10

-0.25

-0.5

-0.75

Figura 4.9: Curve fr() per la pala progettata, per diversi valori della distanza r della sezione dallasse di rotazione
Dimensionamento2_2.nb 9

0.2

0.5 0.55 0.6 0.7 0.65 0.45 0.4

0.15 0.35

0.3

0.1 0.25

0.2 0.05 r=0.15

10

Figura 4.10: Curve mr() per la pala progettata, per diversi valori della distanza r della sezione dallasse di rotazione

4.4 Verica e predeterminazione delle caratteristiche

45

da queste due serie da 12 curve, interpolando i valori di fr ed mr per, ad esempio, 7 valori di , si possono tracciare i graci di variazione di fr ed mr con il parametro r/R per gli assegnati Dimensionamento2_2.nb valori di , come nelle gure 4.11 e 4.12.

0.8

0.6

0.4 =1 2 3 0.2 4

5 0.2 0.4 0.6 0.8

-0.2

-0.4 7

Figura 4.11: Curve fr(r/R) per la pala progettata, dallalto verso il basso per diversi valori del parametro
Dimensionamento2_2.nb 10

0.35

0.3

0.25

0.2

=1 0.15

2 0.1

3 0.05 4

5 0.2 0.4 6 7 0.6 0.8

Figura 4.12: Curve mr(r/R) per la pala progettata, dallalto verso il basso per diversi valori del parametro

46

Il modello ITDG IT-100

A questo punto valgono, per il coeciente di forza assiale e di coppia, le relazioni: Cf ( = n) = 2 Cm ( = n) = 2


0 1 0 1

r R r mr R fr

r R l=n r d R l=n d

(4.18) (4.19)

e dai valori ricavati si pu` eettuare una regressione quadratica, usando un programma di o manipolazione algebrica 1 , ed ottenere le espressioni approssimate: Cf = 0, 47417203802316904 + 0, 24800361344653363 0, 05250127498402179 2

Cm = 0, 492089958973321 0, 14342400338658076 + 0, 010150456367243212 2

Cf
0,6

0,4

0,2

-0,2

Figura 4.13: Variazione di Cf con

1E `

stato usato il MATEMATHICA della Wolfram Research

4.4 Verica e predeterminazione delle caratteristiche

47

e quindi sar` per il coeciente di potenza Cp = Cm a

0,5 0,4 0,3 0,2 0,1 6 1 -0,1 2 3 4 5

Cm

Cp

Figura 4.14: Variazione di Cm e di Cp con

A questo punto, tenendo conto che: = u v = (2 R 60) v ` possibile confrontare, sempre tramite un programma di manipolazione algebrica, il come portamento del rotore con quello del generatore elettrico: per degli assegnati valori di si interpola la potenza fornita dal generatore elettrico ed il relativo rendimento, dalla tabella 4.2, poi tramite la risoluzione, in funzione di v, per gli stessi valori di , dellequazione 4.20: 1 1 P otdc 100 P = Cp () R2 v 3 = Cp (, v) R2 v 3 = 2 2 dc (4.20)

` possibile riportare su un graco i valori di potenza prodotta e rendimento con la corrie spondente della velocit` del vento come in tabella 4.9: a Tabella 4.9: Relazione tra velocit` del vento e potenza prodotta a [rpm] Potenza in Velocit` del a uscita[W] vento [m/s] 100 15,45 4,1 150 35,48 5,15 200 68,98 6,26 250 111,77 7,26 300 159,64 8,16 350 208,4 8,98 400 253,86 9,74 450 291,81 10,47 500 318,07 11,16

48

Il modello ITDG IT-100

per gli stessi valori di e v ` possibile ricavare anche il valore della forza assiale sviluppata e tramite lequazione 4.21 come nella tabella 4.10: 1 1 F = Cf () v 2 = Cf (, v) v 2 2 2 (4.21)

Tabella 4.10: Relazione tra velocit` del vento e potenza prodotta con indicazione della resistenza a aerodinamica assiale e della tensione corrispondente Velocit` del Potenza in Tensione [V] Forza assiale [rpm] a vento [m/s] uscita [W] [N] 4,10 15,45 2,86 12,03 100 5,15 35,48 6,22 19,36 150 5,26 38,29 6,55 20,25 155 6,26 68,98 9,46 28,72 200 7,26 111,77 12,61 38,52 250 8,16 159,64 15,65 48,32 300 8,98 208,40 18,58 58,00 350 9,74 253,86 21,41 67,52 400 10,47 291,81 24,14 76,84 450 11,16 318,07 26,76 85,96 500

350 300 250

Potenza Forza assiale

200 150 100 50 0 4 6 8 10 12

m s

Figura 4.15: Curve di potenza e di forza assiale sviluppata in funzione della velocit` del vento a

4.5 Sistema di orientazione e di protezione

49

ed eettuare una regressione cubica dei punti ricavati per il graco della curva di potenza in funzione della velocit` del vento con lequazione approssimata 4.22: a P (v) = 263, 46730916690285136, 0886427596813 v+21, 98953741186957 v 2 0, 836636894191527 v 3 (4.22) ed una regressione quadratica per la curva di forza assiale con lequazione approssimata 4.23: F (v) = 7, 855916184038649 + 2, 648269560841487 v + 0, 5185943889563787 v 2 Ambedue sono rappresentate in gura 4.15 (4.23)

4.5

Sistema di orientazione e di protezione

Il sistema di orientazione e protezione dellaerogeneratore descritto in Chiroque-Dvila [13], deve a sostanzialmente sostenere il generatore elettrico in maniera da orientare il piano di rotazione delle pale, perpendicolarmente alla direzione del vento, ma se il vento supera una certa velocit` a deve progressivamente ridurre langolo di incidenza del vento sul disco attuatore. Esistono diverse maniere per implementare una protezione atta allo scopo, ed in questo caso viene scelto un sistema meccanico integrato con il supporto di rotazione dellaeromotore e limpennaggio di orientazione, che ponga progressivamente in bandiera laeromotore, ossia tenda a disporre il piano di rotazione delle pale parallelamente alla direzione del vento, ruotandolo attorno allasse verticale. Questa scelta ` dovuta al fatto che le masse in gioco non e sono eccessive per cui la stessa resistenza aerodinamica pu` eettuare sia lorientazione che la o regolazione. ` E costituito sostanzialmente dal pezzo rappresentato in gura 4.16. Tramite esso lasse di rotazione delle pale risulta sghembo rispetto a quello di rotazione dellintero aerogeneratore, mentre limpennaggio di coda che serve ad orientarlo ` imperniato e a 5 rispetto alla direzione verticale. Questo fa si che il peso proprio dellimpennaggio tenda a mantenerlo in posizione, ma se si applica al rotore una forza assiale eccessiva, mentre lo stesso vento mantiene limpennaggio in direzione parallela alla sua direzione, langolo relativo tra lasse di rotazione delle pale e limpennaggio tende ad aumentare come mostrato nelle gure 4.17 e 4.18.

50

Il modello ITDG IT-100

Figura 4.16: Particolare del sostegno del generatore elettrico con indicata la distanza dax tra gli assi sghembi di rotazione del piano delle pale (orizzontale) e di rotazione del complesso della macchina (verticale), e langolo (misure in mm).

4.5 Sistema di orientazione e di protezione

51

Figura 4.17: Vista laterale del generatore eolico completo con indicazione delle forze agenti.

Figura 4.18: Vista dallalto del generatore eolico completo con indicazione delle forze agenti.

52

Il modello ITDG IT-100

Abbiamo che la forza che agisce longitudinalmente allimpennaggio `: e flong = m g sin con angolo del asse del perno di rotazione dellimpennaggio rispetto alla direzione verticale, mentre la forza tangenziale al cerchio spazzato dallimpennaggio `: e ftang = sin flong e quella normale: fnorm = cos flong Tenendo conto che la forza assiale ` data dal usso della 4.23 attraverso la supercie spazzata e dalle pale, inclinata dellangolo rispetto alla direzione del vento, il bilancio dei momenti fornisce: ftang dbr + fnorm dperno cos 90 = dax fax = dax F (v) cos Ora trascurando, per semplicit`, la forza normale al braccio dellimpennaggio a causa della a ridotta lunghezza del braccio su cui agisce abbiamo: dax F (v) cos = sin flong dbr che fornisce: tan = dax F (v) m g sin dbr dax F (v) m g sin dbr (4.24)

= arctan

Quindi il sistema meccanico di regolazione agir` aumentando langolo e riducendo la a proiezione della supercie spazzata dalle pale, normale al usso daria, per cui la potenza nale in uscita sar`: a Pf = P (v) cos() = P (v) cos arctan dax F (v) m g sin dbr (4.25)

In questo caso i dati numerici sono: m = 5, 5 kg (massa dellimpennaggio) dax = 0, 0234 m (distanza tra gli assi sghembi di rotazione delle pale e di rotazione del tutto) dbr = 0, 935 m (distanza del baricentro dellimpennaggio dal suo perno di rotazione) = 5 (angolo dellasse di rotazione del perno rispetto alla verticale) g = 9, 8 m s2 (accellerazione di gravit`) a quindi se P(v) ` approssimata dalla 4.22 ed F(v) dalla 4.23, abbiamo come approssimazione e della curva di potenza nale in uscita, lequazione 4.26: Pf in (v) = 263, 467 136, 089 v + 21, 9895 v 2 0, 836637 v 3 1 + 0, 0000283817 (7, 85592 + 2, 64827 v + 0, 518594 v 2 )
2

(4.26)

4.5 Sistema di orientazione e di protezione

53

W
30 0

25 0

20 0

15 0

10 0

50

10

12

14

16

18

m/s

Figura 4.19: Rappresentazione graca della 4.26 che esprime la produzione elettrica in funzione della velocit` del vento per la macchina progettata. a

54

Il modello ITDG IT-100

Capitolo 5

Confronto tra la macchina costruita e quella ri-progettata


A questo punto, dato che il presente lavoro si propone il miglioramento di una macchina gi` a esistente, ed avendo a disposizione i dati sperimentali delle prove sul campo eseguite sulla macchina in oggetto (fornite da Snchez et al.[5].), si ` ripetuto per essa, il calcolo eseguito ai a e paragra 4.4 e 4.5. Laerogeneratore costruito in Per dal gruppo ITDG, presenta lo stesso tipo di generatore u elettrico, ma delle pale progettate in maniera diversa, come descritto in Snchez et al.[2], il cui a svergolamento ` descritto in tabella 5.1, mentre langolo di gura 4.16, relativa al sostegno e centrale che fa anche da sistema di protezione per le rache di vento forte, ` di 4 anzich` 5 , e e determinando un maggiore intervento del sistema di protezione. Infatti la macchina costruita in Per, presenta molte problematiche quanto a durata delle u pale, quasi tutte imputabili allalta velocit` di rotazione del rotore. a Dalla tabella 5.1, inoltre si evince che il diametro del rotore in questultimo caso ` di 1, 70 m, e quindi sensibilmente pi` grande rispetto alla macchina progettata nel presente lavoro (1, 40 m). u Tabella 5.1: Pale Per NACA4412 progettate da Teodoro Snchez u a Sezione Raggio Lunghezza Angolo di di pala locale [m] di corda [m] calettamento 1 0,15 0,17 14,5 2 0,2 0,16 13,6 3 0,25 0,15 12,7 4 0,3 0,15 11,8 5 0,35 0,14 10,9 6 0,4 0,13 9,9 7 0,45 0,13 9,1 8 0,5 0,12 8,2 9 0,55 0,11 7,3 10 0,6 0,1 6,3 11 0,65 0,1 5,4 12 0,7 0,09 4,5 13 0,75 0,08 3,6 14 0,8 0,08 2,7 15 0,85 0,07 1,8

56

Confronto tra la macchina costruita e quella ri-progettata

Si ` ottenuta, per lespressione del coeciente di potenza, lequazione 5.1: e Cpperu = 0, 31714 0, 0571611 + 0, 00233242 2 Quindi si ` ottenuta la tabella 5.2 e lequazione 5.2: e Tabella 5.2: Relazione tra velocit` del vento e potenza prodotta, calcolata per la macchia na costruita in Per, con indicazione della resistenza aerodinamica assiale e della tensione u corrispondente Velocit` del Potenza in Tensione [V] Forza assiale [rpm] a vento [m/s] uscita [W] [N] 3,63 15,45 2,86 23,08 100 4,52 35,48 6,22 37,54 150 5,46 68,98 9,46 56,36 200 6,30 111,77 12,61 76,64 250 7,05 159,64 15,65 97,73 300 7,72 208,40 18,58 119,45 350 8,35 253,86 21,41 141,78 400 8,94 291,81 24,14 164,73 450 9,51 318,07 26,76 188,30 500 (5.1)

Pperu (v) =

297, 265 174, 106 v + 31, 7811 v 2 1, 38888 v 3 1 + 0, 0000443059 (9, 04439 5, 21178 v + 2, 52908 v 2 )
2

(5.2)

Che confrontata con i dati sperimentali come in gura 5.1, dimostra la validit` della teoria a di Glauert nel prevedere il funzionamento di questo tipo di macchine. A questo punto nelle gure 5.2 e 5.3 ` stato eettuato il confronto tra i due progetti, moe strando che il progetto di un aerogeneratore con il metodo mostrato al paragrafo 4.3, ancorch e approssimato da una legge lineare di variazione del calettamento tra il mozzo e la punta della pala (per motivi di semplicit` costruttiva del manufatto nale), ` in grado di aumentare a e sensibilmente il rendimento complessivo dellaerogeneratore, rispetto alla potenza teoricamente ottenibile dal limite di Betz (PBetz = 1 16 r2 v 3 ). 2 27 Non bisogna dimenticare infatti, che il raggio del rotore progettato nel presente lavoro ` pi` e u corto del 17,65% rispetto a quello della macchina originale. Inoltre dalla gura 5.2 e soprattutto dal confronto tra le tabelle 5.2 e 4.10, ci si rende conto che la macchina qu` progettata ruota a delle velocit` speciche molto pi` basse: con 9 m/s di a u velocit` del vento (condizioni di progetto) essa ruota a circa 350 rpm mentre il rotore progettato a da Snchez et al.[2] ruota a circa 450 rpm. a Tutto ci` si traduce in una molto minore entit` delle forze di tipo inerziale agenti sulle pale, o a e in minori perdite aerodinamiche. ` E inoltre ragionevole pensare che una macchina con meno perdite aerodinamiche risulter` a anche molto pi` silenziosa ed in generale molto meno impattante nei confronti dellambiente u circostante.

57

W
200

150

100

50

10

12

14

16

m/s

Figura 5.1: Confronto tra la curva di potenza teorica calcolata tramite la teoria di Glauert per laerogeneratore costruito in Per, ed i dati sperimentali delle prove sul campo. u
Cp 0,5

0,4

0,3

0,2

0,1

=u/v

Figura 5.2: Confronto tra il coeciente di potenza Cp in funzione della velocit` adimensionale a = u v calcolato per la macchina progettata (linea continua) e quello calcolato per la macchina costruita da ITDG-Per (linea tratteggiata) u

58

Confronto tra la macchina costruita e quella ri-progettata

W
30 0

25 0

20 0

15 0

10 0

50

10

12

14

16

18

m/s

Figura 5.3: Confronto tra la curva di potenza calcolata per la macchina progettata (linea continua), quella calcolata per la macchina costruita da ITDG-Per (linea tratteggiata) ed i u dati sperimentali della prova sul campo della seconda

Conclusioni
Gli obiettivi preposti dalle speciche di progetto sono stati raggiunti nel complesso. La ri-progettazione, tramite la teoria di Glauert, del rotore della macchina eolica considerata, ha permesso di ottenere le stesse prestazioni con un diametro inferiore del 17,65%. La riduzione di lunghezza delle pale si traduce in un notevole alleggerimento delle stesse rispetto a quelle utilizzate in origine ed ad una notevole riduzione delle forze di tipo inerziale a cui sono sottoposte durante lesercizio. Il rotore eolico cos` realizzato riesce a funzionare, per le velocit` del vento espresse in specica a (4, 5 m s - 10 m s raggiungendo il massimo a circa 13 m s), ad un regime di rotazione inferiore rispetto a quello di aerogeneratori di simili prestazioni (dellordine di circa 500 giri min a 13 m s), pur mantenendosi a livelli di rendimenti, rispetto alla potenza teoricamente disponibile dal limite di Betz, inferiori rispetto a quelli di questi ultimi. Ci` riduce drasticamente lentit` delle forze di tipo inerziale e garantisce un basso livello di o a rumore emesso, date le basse velocit` in gioco, assicurando il comfort uditivo, pur risentendo a di un sistema di frenatura non ottimale. Uno dei punti di forza di questo lavoro, ` lestrema economicit` del progetto, cosa che e a viene generalmente giudicata essenziale nel progetto di una macchina eolica, dato che la forza motrice ` gratuita e le uniche voci che entrano nel bilancio per ricavare il tempo di ritorno e dellinvestimento, sono quelle relative allinstallazione ed alla manutenzione.

60

Conclusioni

Ringraziamenti
Desidero ringraziare sentitamente: Il prof. Josep Ramon Gonzlez Castro della Escola Polit`cnica Superior dellUniversia e tat de Girona per i preziosi consigli, lutilizzo libero del laboratorio di uidodinamica computazionale, e lenorme raccolta di dati sperimentali. I ragazzi di Enginyeria Sense Fronteres per laiuto ricevuto contro la burocrazia, sia interna che esterna.

62

Ringraziamenti

Bibliograa
[1] Piggot Hugh, PMG construction manual, Scoraig Wind Electric, 2001, http://www. itdg.org.pe/td/pdf/pmg_manual.pdf, vericato luned` 13 settembre 2010. [2] Snchez Campos Teodoro, Sunith Fernando, Piggott Hugh, Wind rotor blade construca tion - Small Wind Systems for Battery Charging - Contract R 7105, ITDG, Lima 2001, http://practicalaction.org/docs/energy/blades_manual.pdf, vericato gioved` 30 settembre 2010. [3] Le Gourieres Dsir, Energia Eolica. Teoria, progetto e calcolo pratico degli impianti, e e Masson Italia Editori, Milano 1985. [4] Snchez Campos Teodoro, Chiroque B. Jos E., Evaluacin y mejoras del aerogenerador a e o ITDG modelo IT-PE-100, ITDG-CONCYTEC-UNI, Lima 2006, http://www.itdg.com. [5] Snchez Campos Teodoro, Chiroque B. Jos E., Ram a e rez Sal, Evaluacin y cau o racterizacion de un aerogenerador de 100W, ITDG, Lima 2006, http://www. solucionespracticas.org.pe/td/pdf/aero.pdf, vericato gioved` 30 settembre 2010. [6] AA.VV., Energy [R]evolution: a sustainable World Energy Outlook, http://www. greenpeace.org/raw/content/italy/ufficiostampa/rapporti/energia2050.pdf, Greenpeace, 25 Gennaio 2007, vericato mercoled` 20 ottobre 2010. [7] Orlo Susan, Flannery Anne, Wind turbine eects on the activities, habitat, and death rate of birds. Prepared for Almeda, Contra Costa Counties, California., BioSystems Analysis, Inc., California USA 1992. http://www.energy.ca.gov/windguidelines/ documents/2006-12-06_1992_FINAL_REPORT_1989-1991.PDF, vericato gioved` 21 otto bre 2010. [8] Thelander C.G., Smallwood K.S., Rugge L., (BioResource Consultants Ojai, California), Bird Risk Behaviors and Fatalities at the Altamont Pass Wind Resource Area, Period of Performance: March 1998 December 2000, National Renewable Energy Laboratory NREL/SR-500-33829, Golden Colorado December 2003, http://www.nrel.gov/wind/ pdfs/33829.pdf vericato gioved` 21 ottobre 2010. [9] Erickson Wallace P., Johnson Gregory D., Young David P. Jr., A Summary and Comparison of Bird Mortality from Anthropogenic Causes with an Emphasis on Collisions, USDA Forest Service Gen. Tech. Rep. PSW-GTR-191, 2005, http://www.fs.fed.us/psw/ publications/documents/psw_gtr191/psw_gtr191_1029-1042_erickson.pdf, vericato gioved` 21 ottobre 2010. [10] Pirazzi Luciano, Vigotti Roberto, Garribba Sergio, Le vie del vento - Tecnica economia e prospettive del mercato dellenergia eolica, Franco Muzzio Editore, Roma 2004.

64

Bibliograa

[11] Drela Mark, XFOIL, Massachusetts Institute of Technologies, http://web.mit.edu/ drela/Public/web/xfoil/, vericato luned` 13 settembre 2010. [12] Cella Paolo, LEnergia Eolica, Longanesi & C., Milano 1979. [13] Chiroque B. Jos E., Dvila C., Microaerogenerador IT-PE-100 para electricacin rural, e a o Soluciones Prcticas - ITDG, Lima 2008, http://www.solucionespracticas.org.pe/ a publicacionessp/descarga.php?id=MzEw, vericato gioved` 30 settembre 2010. [14] Aloisio Luigi, Energie rinnovabili - Tutti gli incentivi e come ottenerli, Edizioni FAG, Milano 2009.