Sei sulla pagina 1di 1

SOCIETA' DELLE SENSAZIONI

Dati generali
Conosciuti come: Sensati
Factol attuale: Erin Fiammaoscura Montgomery
Classi più comuni: Qualsiasi
Razze più comuni: Qualsiasi
Allineamenti affini: Qualsiasi
Requisiti per entrare: Nessuno
Membri noti: Cuatha Da'nanin, Annali Wepspinner, Fall-From-Grace

Politica
Sede a Sigil: Sala delle Feste
Città portale: Sylvania
Piano affine: Arborea
Gerarchia: Namer, Factotum, Factor, Factol
Fazioni alleate: Fratellanza dell'Ordine, Segno dell'Uno, Ordine Trascendente
Fazioni sgradite: Harmonium, Doomguards, Trista Cabala
Fazioni nemiche: Fated, Mercykillers, Dustmen

Simboli
Citazione: "Guardalo. Ascoltalo. Toccalo. Annusalo. Assaggialo."

FILOSOFIA DI FAZIONE. Secondo questa gente, il multiverso viene conosciuto attraverso


i sensi - le uniche prove della sua esistenza. Senza esperienza, senza sensazione, una
cosa non esiste. Se una zolla non può assaggiare la zuppa, allora la zuppa non esiste.
L'unico modo per sapere qualcosa con certezza è usare i sensi. Guardate, non è così
difficile da capire. Cosa è reale, una descrizione di una rosa o la rosa stessa? Solo un
ciordo sceglierebbe la descrizione, che non è reale. Non ha odore, nè spine, nè colore.
Raccogliere una rosa è reale, e il modo in cui una zolla lo sa è sperimentarlo. I sensi sono
l'unico modo di conoscere l'universo.
Quindi alcuni ciordi chiederanno: "Cos'ha a che fare questo con la verità universale, il
significato del multiverso? "Ebbene, la cantata batte che nessuno conoscerà il grande buio
fino a quando non avrà perimentato tutto - tutti i sapori, i colori, profumi l consistenze di
tutti i mondi. Solo quando un corpo ha sperimentato il l'intero universo, il grande buio di
tutto finalmente verrà rivelato. Può sembrare un compito impossibile, ma potrebbe esserci
un modo per aggirare il problema: imbroglia il multiverso, e fingi di farlo.
Si potrebbe scoprire che il multiverso non esiste al di là di quanto un corpo può percepire.
La risposta a “cosa c'è appena oltre la prossima collina” potrebbe essere "niente".
Detto questo, il il multiverso ha dei limiti, e una zolla può provare a sperimentare tutto. Un
essere deve assaporare l'intensità, esplorare la complessità. Non solo gozzovigliare il vino
- trova tutti i sapori al suo interno. Prima di quanto creda, un ciordo, imparerà le differenze
tra il vino Arboreano e quello Ysgardiano, a distinguerli per annata, e anche a seconda
della mano del vignaiolo. Solo allora i segreti del multiverso inizieranno a farsi chiari.