Sei sulla pagina 1di 99

Manuale Utente

E 1
NOTE IMPORTANTI SULLA SICUREZZA Il simbolo in alto (una freccia racchiusa
all’interno di un triangolo equilatero), avverte
1) Leggere attentamente le modalità d’uso. l’utente della presenza di dispositivi ed
elementi non isolati elettricamente, dalla
2) Conservare i manuali d’uso.
potenza sufficiente ad indurre un shock
3) Rispettare tutte le avvertenze sulla cautela di alcune
elettrico ad animali e persone.
operazioni.
4) Seguire scrupolosamente tutte le istruzioni.
Il simbolo composto da un punto esclamativo
5) Non utilizzare il dispositivo in prossimità dell’acqua.
racchiuso in un triangolo equilatero invece,
6) Evitare di collocare oggetti contenenti liquidi (bottiglie, lattine
indica la presenza di istruzioni riguardanti
etc.) al di sopra dello strumento.
l’operatività e la manutenzione dei singoli
7) Per la pulizia dell’apparato, utilizzare soltanto un panno
componenti dello strumento.
asciutto e pulito.
8) Evitare di coprire i fori e le aperture di ventilazione dello
strumento, ed effettuarne l’installazione in base alla ATTENZIONE
procedura consigliata dal produttore. L’utilizzo di una batteria diversa da quella prevista dal
9) Non collocare l’unità vicino a fonti di calore, come per produttore potrebbe provocare un esplosione.
esempio radiatori, stufe o qualsiasi altro apparato (inclusi gli Sostituire la batteria secondo le direttive fornite, ed usare
amplificatori) che produca calore. soltanto il tipo di batteria consigliato (o equivalente).
10) Evitare di invertire o manomettere la polarità della spina di
corrente. Una spina polarizzata è composta da due Conformità alla normativa FCC (solo U.S.A.)
connettori di grandezza diversa tra loro. Una spina a tre vie Questo apparecchio è stato testato e trovato conforme alla
è invece formata da due connettori più un terzo incaricato di normativa vigente per i dispositivi digitali di Classe B, come stabilita
assicurare lo scarico a terra. Il connettore più grande della dalla Sezione 15 della normativa FCC. Tale conformità è il risultato
spina polarizzata ed il terzo connettore della spina tripolare
di controlli atti a fornire un sufficiente grado di sicurezza contro le
sono elementi che garantiscono la sicurezza in caso di corto
interferenze radio in aree residenziali. Il presente apparecchio
circuiti. Qualora la presa di corrente non consenta
genera, usa e può emettere frequenze radio e, se non installato ed
l’inserimento della spina fornita con lo strumento, contattare
un elettricista esperto per la sostituzione della presa di rete utilizzato secondo le istruzioni, potrebbe causare interferenze alle
(avvertenza valida solo per U.S.A. e Canada). comunicazioni radio e/o televisive. Non vi è, tuttavia, nessuna
11) Evitare di calpestare il cavo di alimentazione e di piegare lo garanzia che anche rispettando le avvertenze suggerite dal
stesso in maniera eccessiva, specialmente nei punti più costruttore, tali disturbi non possano verificarsi. In tale eventualità,
vicini allo strumento o alla presa di rete. che può essere accertata accendendo e spegnendo lo strumento,
12) Utilizzare esclusivamente gli accessori consigliati dal si consiglia di adottare una o più delle seguenti misure per
produttore. minimizzare l’inconveniente:
13) Disconnettere lo strumento dalla presa di corrente durante i • Spostare o riorientare l’antenna ricevente.
temporali o quando non se ne prevede l’uso per un lungo • Aumentare la distanza tra l’unità e gli altri apparecchi
periodo di tempo. elettronici.
14) Tutta la manutenzione deve essere effettuata dal personale • Collegare lo strumento ad una presa di corrente diversa da
specializzato. Gli interventi di controllo dovrebbero essere quella dove è connesso il resto degli apparecchi elettronici.
eseguiti qualora si tema un qualsiasi danneggiamento • Consultare un tecnico specializzato Radio/TV o il negozio
dell’apparecchio, dovuto per esempio ad un’anomalia del dove è stato effettuato l’acquisto.
cavo di alimentazione o della spina di corrente, ad eventuali Le modifiche apportate al presente prodotto possono invalidare la
shock da contatto con altri oggetti, alla penetrazione di garanzia e rendere nulli i diritti dell’acquirente sull’unità.
liquidi all’interno dell’unità, all’ esposizione dello strumento
alla pioggia o all’umidità e qualsiasi altra cosa che ne
impedisca il corretto funzionamento.
Marchio CE per gli Standard Europei
Il marchio CE, del quale tutti i prodotti elettrici KORG sono
15) Evitare di collocare lo strumento troppo lontano dalla presa
stati forniti fino al 31 Dicembre 1996, dimostra la conformità
di corrente elettrica.
alle direttive della Comunità Europea (89/336/EEC) ed alle
16) Non collocare lo strumento in spazi troppo ristretti, come per
direttive del marchio CE (93/68/EEC).
esempio scatole o box per il trasporto.
Inoltre, il marchio CE presente sui prodotti dopo il 1° Gennaio
17) Utilizzare soltanto stand, staffe, treppiedi o mobili consigliati
1997, ne attesta la conformità alle direttive della Comunità
dal produttore o forniti con lo strumento. Se si desidera
utilizzare un carrello o un rack mobile, prestare particolare Europea (89/336/EEC), alla direttiva del marchio CE (93/68/
attenzione allo spostamento dell’apparato per evitare EEC) ed a quelle sugli apparecchi a basso voltaggio (73/23/
incidenti e danni fisici sia allo strumento, sia alle persone. EEC).
Infine, il marchio CE, del quale tutti gli apparecchi che
operano a batterie della Korg sono forniti, dimostra la
conformità alla direttiva della Comunità Europea (89/336/
EEC) ed a quella relativa al marchio CE (93/68/EEC).

Traduzione dall'inglese a cura di Gianni Pastore

ii
Sommario
1. Introduzione .................... 7 Impostare il tempo ..................................... 20
Con la manopola Dial. ............................................. 20
Impostare il tempo con maggiore precisione .......... 20
Caratteristiche principali ............... 7 Con il tasto TAP ...................................................... 21
Funzione Auto BPM Scanning ................................ 21
Salvataggio dei dati sull’EMX-1 ................................ 8
Mantenere costante il tempo per tutti i pattern
Nota sulle valvole ...................................................... 8
(TEMPO LOCK) .............................................. 21
Cos’è la ? ................................... 8
Cos’è la ? (Multi Modeling Technology) .......... 8 Usare le Parti ................................ 22
Cos’è una Parte? .................................................... 22
— Parti Drum (1–5, 6A-B, 7A-B) ............................. 22
2. Panoramica...................... 9 — Parti Synth (1–5) ................................................
— Parti Accent (drum, synth) ..................................
22
22
Ascoltare il suono di una Parte .................. 22
Pannello superiore ........................ 9 Ascoltare il suono di una Parte Drum ..................... 22
Sezione Common ...................................... 10 Ascoltare il suono di una Parte Synth (funzione
Keyboard) ....................................................... 22
Sezione Edit .............................................. 11
Selezionare una Parte ............................... 23
Sezione Part select .................................... 12 Parti Drum ............................................................... 23
Sezione tasti Step ...................................... 12 Selezionare una Parte durante il playback senza
riprodurne il suono .......................................... 23
Sezione Arpeggiatore ................................ 13 Parti Synth ............................................................... 23
Parti Accent ............................................................. 23
Pannello posteriore ..................... 14 Porre in Mute una Parte ............................ 23
Porre in Solo una Parte ............................. 23
Pannello frontale .......................... 14 Accentare una Parte .................................. 24
Sezione Card ............................................. 14 Specificare le locazioni di accento e l’intensità ....... 24
Specificare le Parti da accentare ............................ 24

Oggetti e funzioni sul display ..... 15 Trasporre una frase (Transpose) ............... 24
Applicare lo “swing” al pattern ................... 25
Specificare la quantità di swing .............................. 25
3. Operazioni di base ........ 17 Specificare la Parte per la funzione Swing ............. 25
Applicare il Roll ad una Parte .................... 25
Selezionare la Parte ed abilitare l’effetto di Roll ..... 25
Preparativi .................................... 17 Impostare il tipo di Roll ............................................ 25
Collegamenti ............................................. 17 Assegnare le uscite audio alle Parti ........... 26
Accendere/spegnere l’EMX-1 .................... 17 Usare il circuito Valve-Force per
Accendere l’EMX-1 ................................................. 17 incrementare l’impatto sonoro ................... 26
Spegnere l’EMX-1 ................................................... 17

Usare l’Arpeggiatore .................... 27


Riprodurre le Song Demo ........... 18
Porre in pausa la riproduzione ................................ 18 Suonare con l’Arpeggiatore ....................... 27
Ripristinare la riproduzione ..................................... 18 Arpeggiare una Parte Drum .................................... 27
Interrompere la riproduzione ................................... 18 Arpeggiare una Parte Synth ................................... 27
Specificare la mota centrale ................................... 27
Elenco delle Song Demo ........................... 18 Cambiare la scala dell’Arpeggiatore ....................... 28
Elenco delle SCALE DI ARPEGGIO ....................... 28

4. Modalità Pattern ............ 19 Editing dei suoni .......................... 29


Editing del suono di una Parte Drum ......... 29
Riprodurre i pattern ..................... 19 Assegnare la forma d’onda di base ........................ 29
Cos’è un pattern? .................................................... 19 Editing dei parametri della Parte Common ............. 29
Modulation ............................................................... 30
Riprodurre un pattern ................................ 19
Avviare la riproduzione ............................................ 19 Editing del suono di una Parte Synth ......... 31
Porre in pausa la riproduzione ................................ 19 Synth oscillator ........................................................ 31
Ripristinare la riproduzione ..................................... 19 Synth filter ............................................................... 31
Arrestare la riproduzione ......................................... 19 Parametri della Parte Common ............................... 32
Modulation ............................................................... 33
Selezionare un pattern ............................... 20
Accertare quale pattern è in riproduzione ............... 20
Regolare il pitch di una Parte Synth ........... 33
Forzare il pattern a ripartire dall’inizio ..................... 20
Nota sul timing relativo al cambio dei pattern ......... 20

3
Elenco Oscillatori ........................ 34 Motion sequence.......................... 58
Cos’è la Motion Sequence? .................................... 58
Elenco Drum PCM ..................................... 39
Effetti (FX1, FX2, FX3) ........................................... 58
Elenco Synth PCM .................................... 40 Parti Drum (1–7B) ................................................... 58
Parti Synth (1–5) ..................................................... 58
Parti Accent ............................................................. 58
Effetti ............................................. 41
Registrare una Motion Sequence .............. 58
Usare gli effetti .......................................... 41
Applicare un effetto ................................................. 41 Riprodurre una Motion Sequence .............. 59
Editing di un effetto .................................... 41 Controllare gli eventi di Motion Sequence .. 59
Tipi di effetti ............................................... 42 Editing della Motion Sequence .................. 60
1. Stereo .................................................................. 42 Selezionare la Motion Sequence per l’editing ........ 60
2. Mono mix ............................................................. 42 Modificare i valori dei parametri della Motion
3. Stereo cross ........................................................ 42 Sequence ........................................................ 60
Cancellare la Motion Sequence per una
Parametri degli effetti .................. 43 Parte o un effetto ....................................... 61

Registrare una frase .................... 47 Pattern Set .................................... 62


Registrazione Realtime ........................................... 47 Cos’è un Pattern Set? ............................................. 62
Registrazione Step .................................................. 47 Suonare con il Pattern Set ......................... 62
Registrare una frase durante il playback Usare la Chain Play con il Pattern Set ....... 62
(Realtime Recording) ................................ 47
Registrare una Parte Drum ..................................... 47 Assegnare i pattern al Pattern Set ............. 63
Registrare una Parte Synth .................................... 48
Registrare durante la riproduzione .......................... 48 Salvare il pattern .......................... 64
Cancellare gli eventi di trigger non più necessari Se si decide di non salvare il pattern creato ........... 64
durante la riproduzione (Erase) ...................... 48
Salvare il pattern in sovrascrittura .............. 64
Registrazione Step .................................... 48 Sovrascrivere su un pattern differente .................... 64
Registrare una frase ritmica per una Parte Drum ... 48
Registrare una frase per una Parte Synth .............. 49 Cambiare il nome del pattern ..................... 64
Inserire una pausa o una legatura .......................... 49
Spostare il target step ............................................. 49

Editing del pattern ....................... 50


5. Modalità Song ............... 65
Cos’è una Song? ..................................................... 65
Editing di una frase (Note Edit) .................. 50 Cos’è la Position? ................................................... 65
Selezionare lo step oggetto di editing ..................... 50
Editing delle locazioni di trigger (posizione delle Riprodurre una Song ................... 66
note) ................................................................ 51
Porre in pausa la riproduzione ................................ 66
Editing del numero di nota (pitch) ........................... 51
Ripristinare la riproduzione ..................................... 66
Editing del tempo di Gate ........................................ 51
Interrompere la riproduzione ................................... 66
Specificare la lunghezza e la divisione Avanzamento veloce e riavvolgimento della Song . 66
ritmica del pattern ...................................... 52 Selezionare una Song ............................... 66
Accertare la lunghezza ed il beat ............................ 52 Cambiare Song ....................................................... 66
Impostare la lunghezza ........................................... 52 Riprodurre dall’inizio della Position o della Song .... 66
Impostare il beat ...................................................... 53 Riprodurre le Song in successione ......................... 66
Impostare il parametro Last step ............................ 53
Impostare il tempo di riproduzione ............. 67
Spostare gli eventi all’interno del pattern .... 54 Con la manopola Dial .............................................. 67
Spostare gli eventi .................................................. 54 Con il tasto Tap ....................................................... 67
Copiare i dati ripetutamente .................................... 54 Bloccare il tempo della Song .................................. 67
Copiare gli eventi in maniera casuale ..................... 55
Trasporre il pitch di una frase Synth .......... 55 Creare una Song .......................... 68
Trasporre il pitch delle note ..................................... 55
Trasporre casualmente le note di una Parte Synth 55 Specificare i pattern per ogni Position ........ 68
Riprodurre la Song completa dall’inizio ................... 68
Copiare una Parte ..................................... 56
Trasporre l’intonazione del pattern di una
Copiare solo il suono di una Parte ............. 56
specifica Position ....................................... 69
Cancellare gli eventi di una Parte .............. 56
Cancellare tutti gli eventi di una Parte .................... 56
Cancellare gli eventi di trigger durante la
Editing della Song........................ 70
registrazione o la riproduzione ........................ 57 Inserire un pattern ..................................... 70
Cancellare tutti gli eventi del pattern .......... 57 Cancellare un pattern ................................ 70
Funzione COMPARE ................................. 57 Cancellare gli eventi della Song ................. 71
Se si cancellano gli eventi della Song
accidentalmente .............................................. 71
Cambiare il pattern di una Position ............ 71

4
Mantenere le impostazioni di Mute ............ 71 Selezione dei pattern ................................. 82
Riprodurre le Song in successione ............ 71 Impostare l’intervallo di Pitch bend ............ 83
Impostare l’intervallo di Pitch bend ......................... 83
Event recording ............................ 72
Sincronizzare la riproduzione ad
Registrare gli eventi della Song ................. 72
Registrare con la Event Recording ......................... 72 un modulo MIDI esterno ........ 83
Cancellare gli eventi della Song ............................. 72 Usare l’EMX-1 come unità Master alla quale
Controllare gli eventi della Song ............................. 72 sincronizzare il modulo MIDI esterno .............. 83
Usare il modulo MIDI esterno come unità Master
alla quale sincronizzare l’EMX-1 ..................... 83
Salvare una Song ......................... 73
Salvataggio semplice di una Song .......................... 73 Sincronizzare l’EMX-1 ad altre unità
Sovrascrivere su una Song differente ................. 73 Electribe .................................................... 84
Rinominare e salvare la Song ................................. 73 Sincronizzare l’ES-1 al tempo dell’EMX-1 .............. 84
Riprodurre in sincrono lo stesso numero di pattern
sull’EMX-1 e sull’ES-1 .................................... 84
6. Modalità Global ............. 75 Messaggi MIDI usati per la
sincronizzazione ........................................ 84
Impostare il metronomo ............................. 75 Timing Clock ........................................................... 84
Intonare l’unità ad un altro strumento ........ 75 Start ......................................................................... 84
Continue, Stop ........................................................ 84
Proteggere i dati in memoria ..................... 75
Nota sulla sincronizzazione in modalità
Scambiare le funzioni dell’Arpeggiatore ..... 75 Song .......................................................... 85
Salvare le impostazioni Global ................... 76 Song Select ............................................................. 85
Song Position Pointer ............................................. 85
Usare le card SmartMedia™ ....... 76
Nota sulle Card ....................................................... 76 Editing dei suoni .......................... 85
Gestione e cura delle card ...................................... 76 Editing via NRPN ....................................... 85
Formattare le SmartMedia ......................... 77 Nota sui messaggi di Sistema Esclusivo ... 85
Salvare i dati sulla card SmartMedia Messaggi di Sistema Esclusivo Universale ............ 85
(Save All) ................................................... 77
Caricare tutti i dati della SmartMedia
sull’EMX-1 ................................................. 77 8. Appendice ...................... 87
Caricare un singolo pattern dalla card
SmartMedia (Load Pattern) ....................... 78 Risoluzione dei problemi ............ 87
Cancellare i file EMX-1 dalla card
SmartMedia (Delete File) ........................... 78 Messaggi di errore ....................... 88
Ripristinare le impostazioni di fabbrica ...... 89

7. Modalità MIDI ................. 79 Specifiche tecniche ..................... 89


Nota sui canali MIDI ................................................ 79
Usare l’EMX-1 come modulo sonoro ......... 79 Elenco dei pattern ........................ 90
Collegare un sequencer multitraccia all’EMX-1 ...... 79 Manopole/Switch - Elenco MIDI ................. 92
Impostare i canali MIDI di ogni Parte ......... 79
Indice analitico ............................. 93
Utility MIDI .................................... 80
Impostare i filtri MIDI .................................. 80
Assegnare i numeri di nota MIDI alle Parti
Drum ......................................................... 80
Nota sugli eventi di Note-on/Note-off ...................... 81
Assegnare i numeri di Control Change ...... 81

Trasmettere le impostazioni dei


suoni ed altri tipi di dati ......... 82
Trasmettere/ricevere un data dump ........... 82
Trasmissione ........................................................... 82
Ricezione ................................................................. 82

5
6
1. Introduzione
permette di simulare la classica distorsione analogica dei
1. Introduzione vecchi synth, mentre il controllo BPF+ (Band Pass Fil-
ter Plus) con picco impostabile consente di esplorare
Grazie per aver scelto l’ELECTRIBE MX (a cui d’ora territori timbrici non altrimenti raggiungibili con l’EQ
in avanti faremo riferimento come “EMX-1”). convenzionale.
La facilità d’uso dell’EMX-1 Music Production Station
è tale da consentire a tutti - dall’utente inesperto a quello 207 forme d’onda Drum
professionista - la creazione di musica originale e dal L’EMX-1 è stato dotato di ben 207 forme d’onda per-
grande impatto emotivo. cussive (Drum), tutte pre-processate al meglio per
Le manopole ed i controlli del pannello superiore facilitarne l’integrazione in qualsiasi genere musicale.
consentono un intuitivo editing dei timbri, e la creazione Editing in puro stile “synth analogico”
di pattern ritmici e melodici completi, senza dunque il Il pannello frontale è fornito di manopole e switch per
bisogno di far ricorso a strumentazione esterna. L’EMX- l’editing completo ed in tempo reale dei parametri più
1 rappresenta non solo la soluzione ideale per il importanti, una caratteristica ripresa dai sintetizzatori
musicista, il DJ, il produttore e tutti coloro alla ricerca analogici che hanno fatto la storia della musica
di un modo pratico e veloce per rendere la propria musica elettronica.
ancora più originale, ma anche il complemento ideale
per gli altri modelli della serie ELECTRIBE. Tre processori di effetti
L’EMX-1 è dotato di tre processori di effetti
indipendenti, ognuno dei quali fornito di 16 algoritmi
tra i più esclusivi ed innovativi mai creati, e di una
Caratteristiche principali funzione Chain che permette di modificare l’ordine di
collegamento interno tra loro.

Lo strumento ideale per la produzione di musica 192 pattern interni adattabili a qualsiasi genere
dance e di molti altri generi musicale
L’EMX-1 è fornito di nove Parti Drum e cinque Parti L’EMX-1 permette il salvataggio in memoria di 256
Synth, l’editing delle quali consente di organizzare al pattern, per ciascuno dei quali è possibile specificare il
meglio e con notevole velocità la struttura di ciascun timbro e la sequenza (fino ad un massimo di 128 step)
brano musicale. assegnati ad ogni singola Parte. Con l’impostazione di
fabbrica, 192 di questi pattern sono già programmati e
Sistema di generazione sonora “MMT (Multiple
Modeling Technology)” pronti all’uso per l’utilizzo nella musica dance ed altri
Il motore sonoro dell’EMX-1 sfrutta l’innovativa generi.
tecnologia di Korg — MMT (Multiple Modeling Tech- 64 Song
nology), basata sul know-how sviluppato per la Ognuna delle 64 Song permette la registrazione di pat-
tecnologia DSP usata sul Z1, l’MS2000 e la serie di tern, eventi di Mute e movimenti delle manopole per la
moduli Electribe, e che consente di creare una vastissima creazione di brani musicali originali.
gamma di variazioni timbriche con poche e semplici
operazioni. Programmazione intuitiva dei pattern
La sezione oscillatore è fornita di un totale di sedici I sedici tasti Step del pannello superiore consentono di
modelli di synth differenti, che includono non solo quelli inserire gli eventi in modo facile e veloce, sia con la
standard di Waveform, Sync, Cross Mod e Ring Mod, registrazione step, sia con quella in tempo reale.
ma anche nuovi modelli finora mai implementati, come Motion sequence
ad esempio il Chord (che consente di produrre un Con la funzione di Motion Sequence dell’EMX-1 è
accordo completo da una singola nota), l’Unison (per il possibile registrare e riprodurre in loop gli effetti causati
detune del pitch di fino a sei oscillatori e la creazione di dal movimento delle manopole, in maniera da ricreare
timbri incredibilmente corposi), ed un Waveshape (che in playback le variazioni desiderate.
permette il mix di due oscillatori per la generazione di
forme d’onda notevolmente complesse).
I parametri delle sezioni Filter e Modulation sono stati
ulteriormente migliorati per quanto riguarda il range di
controllo, la velocità e la qualità sonora complessiva.
Oltre ai quattro tipi di filtro per la gestione del suono
generato dall’oscillatore, il nuovo controllo Drive

7
Nuovo circuito valvolare VALVE FORCE Salvataggio dei dati sull’EMX-1
L’EMX-1 è stato fornito della nuovissima tecnologia Tutte le modifiche apportate ai pattern ed alle Song
VALVE FORCE di Korg, ovvero di un circuito analogico esistenti (così come quelli creati ex-novo), debbono
dotato di due vere valvole, che può essere usato come essere salvate in memoria prima della selezione di un
effetto Master per ‘spingere’ ulteriormente il livello pattern o una Song diversi da quelli correnti, o prima
sonoro complessivo. Il circuito è in grado di ricreare la dello spegnimento dell’EMX-1 (per i pattern e le Song
tipica distorsione valvolare analogica, altrimenti esistenti, l’unità ripristina sempre la condizione originale
impossibile da ottenere con l’ausilio della sola tecnologia pre-editing).
digitale. Grazie alla manopola TUBE GAIN è ora Se si desidera quindi riutilizzare in seguito le variazioni
possibile gestire il livello del segnale ruotato alle valvole, così come specificate - comprese quelle della modalità
in modo da controllare la saturazione timbrica ed il grado Global - è indispensabile effettuarne il salvataggio in
di enfatizzazione degli armonici, il tutto memoria con l’operazione Write.
indipendentemente dal volume generale di uscita. L’EMX-1 consente inoltre di ripristinare le impostazioni
di fabbrica per il ‘reset’ dell’unità allo stato originale
Elaborazione di sorgenti audio esterne
( p.89 “Ripristinare le impostazioni di fabbrica”).
Il jack Audio In permette il collegamento di una sorgente
audio esterna per la successiva elaborazione del segnale Nota sulle valvole
mediante i filtri e gli effetti interni. Evitare assolutamente di rimuovere, sostituire o

Due jack di uscita individuali scambiare le valvole del circuito VALVE FORCE. Tali
Oltre all’uscita stereo principale L/MONO ed R, l’EMX- operazioni debbono essere compiute solo dal personale
1 è dotato di altre due uscite separate alle quali è possibile qualificato dei centri di assistenza autorizzati.
ruotare qualsiasi combinazione di suoni.
Cos’è la ?
Rilevazione automatica del valore di BPM
La tecnologia audio VALVE FORCE di KORG
L’EMX-1 è in grado di rilevare automaticamente il tempo
permette di ottenere la tipica distorsione armonica e
di una sorgente audio esterna connessa al jack Audio In,
la risposta timbrica dei circuiti analogici guidati da
e di applicare il valore al pattern corrente. Il tempo può
valvole. E grazie al controllo di guadagno, con il
altresì essere impostato manualmente con la funzione
sistema VALVE FORCE è possibile produrre la
Tap, oppure sincronizzato al MIDI clock di una sorgente
classica timbrica valvolare indipendentemente dal
esterna.
volume generale in uscita.
Slot SmartMedia™
I pattern e le Song create sull’EMX-1 possono essere Cos’è la ? (Multi Modeling Technology)
salvati su una card SmartMedia™. La nuovissima ed esclusiva tecnologia MMT (Multi
Modeling Technology) di KORG è fondata sulla
Arpeggiatore
vasta esperienza acquisita dagli ingegneri Korg du-
Grazie al controller ribbon ed ai cursori, l’EMX-1
rante lo sviluppo della tecnologia DSP — il processo
consente una gestione intuitiva ed estremamente versa-
che ha generato prodotti come Prophecy, Z1,
tile degli arpeggi generati automaticamente.
MS2000, OASYS PCI e l’intera serie di unità della
Display famiglia Electribe. Questo ha permesso di dotare
L’ampio display a cristalli liquidi (LCD) retroilluminato l’EMX-1 di straordinarie capacità di manipolazione
consente di visualizzare lo status operativo corrente e timbrica senza comprometterne la facilità d’uso, per
diversi altri tipi di utili informazioni. la quale la serie Electribe è universalmente nota.

Scrittura ‘al volo’ dei pattern


Il salvataggio di pattern e riff può essere effettuato
direttamente, e senza il bisogno di dover interrompere
la performance musicale, il che risulta piuttosto utile in
tutti quei casi che richiedono la scrittura immediata degli
eventi per la ‘cattura’ dei momenti più ispirati.

8
2. Panoramica

2. Panoramica

Pannello superiore

1 2 3 6

9 7

1. MASTER VOLUME 5. Sezione Common ( p.10)


Manopola che consente l’impostazione del livello di volume Sezione contenente i tasti di trasporto relativi alla registrazio-
del segnale in uscita dai jack di linea principali (L/MONO e ne/riproduzione dei Pattern e delle Song, quelli per la selezio-
R) e dalla presa cuffie. Il controllo non influisce sul volume ne delle modalità d’uso dell’EMX-1 e per la scelta dei
del segnale in uscita dai jack INDIV. OUT 3 e 4. parametri da modificare sul display.

2. TUBE GAIN 6. Sezione Edit ( p.11)


Manopola che regola il livello del segnale inviato alle val- Serie di controlli utilizzabili per l’impostazione degli effetti e
vole. A maggior livello corrisponde un effetto di saturazione l’editing dei suoni assegnati a ciascuna Parte.
analogica più marcato. A meno di particolari esigenze,
7. Sezione Part select ( p.12)
impostare un livello minimo.
Serie di tasti che permettono la selezione delle Parti Drum e
L’effetto di saturazione valvolare è applicato al segnale
Synth.
in uscita dai jack L/MONO-R e dalla presa cuffie.
8. Sezione Tasti Step ( p.12)
3. AUDIO IN LEVEL
Tasti che consentono la visualizzazione e l’impostazione di
Controllo che gestisce il livello del segnale in ingresso nel
trigger relativa ai Pattern percussivi o melodici. I tasti Step
jack AUDIO IN.
assumono anche il compito di tastiera di un vero sintetizzatore,
4. Display ( p.15) permettendo di riprodurre le parti Synth in tempo reale.
Schermo a cristalli liquidi (LCD) che permette di visualiz-
9. Sezione Arpeggiatore ( p.13)
zare il Pattern correntemente selezionato, così come le infor-
Sezione incaricata di gestire l’Arpeggiatore.
mazioni relative ai parametri e diversi altri tipi di messaggi.

9
Sezione Common
5
1
2 6
3
4
7 8
9

10 11 12 13 14 15 16

1. Tasto AUDIO IN THRU 10. Tasto RESET, ERASE


Tasto che permette di ruotare inalterato il segnale audio in Tasto la cui pressione determina il ritorno istantaneo al punto
ingresso al jack AUDIO IN all’uscita stereo principale o alla iniziale del Pattern o della Song. Usato in combinazione con
presa cuffie . il tasto SHIFT durante la riproduzione, permette la cancel-
Il presente tasto è inefficace per le Parti Synth il cui lazione degli eventi relativi alla Parte corrente.
oscillatore è impostato su “AUDIO IN + COMB,” dato
11. Tasto REC
che l’abilitazione del tasto determina semplicemente
Tasto che permette la registrazione dei Pattern ritmici, delle
l’invio all’uscita del segnale in ingresso.
frasi musicali o degli effetti causati dal movimento delle
2. Tasto TEMPO LOCK manopole. Premuto durante la riproduzione o l’incisione degli
Tasto che permette, una volta acceso, di bloccare il valore di eventi, consente di alternare lo status on/off di registrazione.
tempo corrente, anche nel caso in cui si selezionino Pattern
12. Tasto STOP/CANCEL
diversi da quello attuale.
Consente di interrompere la riproduzione di un Pattern o di
3. Tasto AUTO BPM SCAN una Song, oppure di annullare l’esecuzione di un comando.
Tasto che consente di rilevare automaticamente il tempo della
13. Tasto PLAY/PAUSE
sorgente audio connessa al jack Audio In.
Tasto che consente, ad ogni singola pressione, l’avvio/pausa/
4. Tasto WRITE/RENAME ripristino della riproduzione del Pattern o della Song.
Tasto utilizzabile per il salvataggio in memoria delle varia-
14. Tasto TAP
zioni apportate in ciascuna modalità e dei pattern oggetto di
Tasto la cui pressione ripetuta (ad intervalli regolari di un
editing. Usato in combinazione con il tasto SHIFT, permette
quarto di nota) permette l’impostazione del Tempo.
anche di modificare il nome dei Pattern e delle Song.
15. Tasto PART MUTE, REST/TIE
5. LED BEAT
Usato in combinazione con una delle Parti, permette di
LED che lampeggia ad intervalli di un quarto di nota relati-
abilitarne lo status di Mute, escludendo il rispettivo suono
vamente al tempo corrente.
dall’ascolto. L’attivazione dello status di Mute è segnalata
6. Manopola Dial dall’accensione del presente tasto e dallo spegnimento del tasto
Controllo che consente la variazione dei valori dei parametri della Parte posta in Mute. Nella registrazione Step, il tasto
indicati sul display LCD. può essere usato per l’inserimento delle pause o delle legature.

7. / (tasti cursore) 16. Tasto SOLO, TRANSPOSE


Tasti utilizzabili per la selezione dei parametri elencati nel Usato in combinazione con una Parte permette, in
menù Matrix. Il parametro correntemente selezionato è indi- riproduzione, di abilitarne lo status di Solo, isolando il suono
cato sul display. nel monitoraggio ed escludendo tutte le altre Parti. Lo status
di Solo è segnalato dall’accensione del tasto. Per porre in Solo
8. Menù Matrix
più di una Parte, tenere premuto il tasto SOLO e premere le
Elenco di parametri disponibili in ciascuna modalità. Utiliz-
Parti che si desidera ascoltare. Per disabilitare il Solo, premere
zare i tasti cursore per selezionare il parametro che si desidera
e spegnere il tasto SOLO. Tenendo premuto il tasto SOLO ed
impostare/modificare.
usando la manopola DIAL o i tasti Step, è altresì possibile
9. Tasti Modalità trasporre il pitch della frase musicale. ( p.24 “Transpose”).
Consentono la selezione delle diverse modalità d’uso previste
per l’EMX-1 (PATTERN, PART EDIT, STEP EDIT, SONG,
GLOBAL e MIDI).
10
2. Panoramica
Sezione Edit PAN (panpot) : Controllo che stabilisce la posizione della Parte
nel panorama stereo, relativamente al se-gnale in
2 3 uscita dai jack L/MONO-R o dalle cuffie. Per il
segnale inviato al bus ausiliario (3/4) ( p.26: Out-
put bus), la manopola controlla il pan delle uscite
individuali (INDIV. OUT 3, 4).
1 LEVEL : Specifica il volume di ciascuna Parte. Per le Parti
accentate, il controllo determina l’intensità
dell’accento.
AMP EG : Tasto che consente la selezione della forma d’invi-
luppo dell’Amp di ciascuna Parte. Ad ogni pressione
del tasto, l’inviluppo è alternato tra (decay) o
(non-decay).
ROLL : Tasto che ad ogni pressione alterna lo status on/off
relativo all’effetto Roll di ogni Parte. (acceso = ON;
spento = OFF).
4 5 FX SELECT (selezione effetto) : Tasto che consente la sele-
zione del processore di effetti da usare per ciascuna
1. EFFECT
Parte. L’effetto è applicato solo quando il tasto FX
Sezione che consente la scelta del tipo di effetto da utilizzare
SEND è acceso. L’impostazione del parametro è
per l’elaborazione del segnale e l’impostazione dei parametri ignorata per il segnale inviato al bus 3/4 (INDIV.
corrispondenti. I parametri distinti dall’icona supportano OUT 3, 4) ( p.26: Output bus).
la funzione Motion Sequence. FX SEND (mandata effetti) : Tasto che permette l’elaborazione
TYPE (tipo di effetto): Consente la selezione del tipo di effetto. della Parte da parte del corrispondente processore
FX EDIT1 (edit effetto 1) : Permette l’impostazione di effetti. Lo status del tasto è alternato on/off ad
dell’effetto. Il parametro oggetto di controllo ogni singola pressione (acceso = ON; spento =
dipende dal tipo di effetto selezionato. OFF). L’impostazione del parametro è ignorata per
FX EDIT2 (edit effetto 2) : Consente l’impostazione il segnale inviato al bus 3/4 (INDIV. OUT 3, 4) (
dell’effetto. Il parametro oggetto di controllo p.26: Output bus).
dipende dal tipo di effetto selezionato.
FX CHAIN (chain effetti): Tasto la cui pressione determina la 3. MODULATION
selezione ciclica di uno status di Chain tra i diversi Sezione contenente i parametri utilizzabili per la creazione di
processori di effetti. L’EMX-1 consente di ruotare variazioni temporali (modulazione) al suono della Parte. I
il segnale in uscita da un processore all’ingresso di parametri con l’icona supportano la Motion Sequence.
un altro. Lo status utilizzato è se-gnalato SPEED : Regola la velocità di modulazione.
dall’accensione del LED corrispondente. DEPTH : Determina la profondità di modulazione.
EDIT SELECT: Determina il processore di effetti oggetto di edi- TYPE (tipo di modulazione) : Seleziona il tipo di modulazione.
ting. DEST (destinazione) : Specifica il parametro da modulare.
MOTION SEQ. (Motion Sequence): Consente la registrazione BPM SYNC : Tasto che permette, una volta acceso, di sin-
delle variazioni apportate in tempo reale alla Parte cronizzare la modulazione al valore di tempo
con le manopole FX EDIT 1 ed FX EDIT 2. Ad corrente.
ogni pressione del tasto, lo status è alternato tra
ON (acceso) ed OFF (spento). 4. SYNTH OSCILLATOR
In questa sezione è possibile stabilire la forma d’onda
2. PART COMMON principale alla base delle Parti Synth. I parametri distinti
La sezione PART COMMON contiene i parametri che sono
dall’icona supportano la Motion Sequence.
comuni alle Parti Drum e Synth. I parametri contraddistinti TYPE (tipo di oscillatore): Seleziona il modello di synth utilizzato
dall’icona. supportano la Motion Sequence. dall’oscillatore.
MOTION SEQ. (Motion Sequence): Tasto che consente la OSC EDIT1 (edit 1 oscillatore) : Permette la modifica della
registrazione delle variazioni apportate in tempo forma d’onda dell’oscillatore. Il parametro oggetto
reale alla Parte mediante l’uso delle manopole. Ad di editing dipende dal tipo di modello selezionato.
ogni pressione del tasto, lo status è alternato tra OSC EDIT2 (edit 2 oscillatore) : Consente la modifica della
ON (LED SMOOTH acceso), ON (LED TRIG forma d’onda dell’oscillatore. Il parametro oggetto
HOLD acceso) ed OFF (nessun LED acceso). di editing dipende dal tipo di modello selezionato.
PITCH/GLIDE : Manopola che permette, per le Parti Drum, I parametri di cui sopra non hanno alcun effetto sulle
l’impostazione del Pitch (intonazione). Per le Parti
Parti Drum.
Synth, il controllo specifica il tempo che impiega
l’intonazione a passare gradualmente tra due note
legate.
EG TIME : Determina il tempo d’inviluppo (cioè il tempo di
decadimento della nota) per ciascuna Parte.
11
5. SYNTH FILTER RESONANCE : Imposta la risonanza del filtro.
Parametri che consentono di modificare radicalmente il ca- DRIVE : Specifica la quantità di distorsione introdotta in

rattere timbrico della Parte Synth. I parametri contraddistinti seguito alla saturazione del filtro.
TYPE (tipo di filtro) : Seleziona il tipo di filtro.
dall’icona supportano la Motion Sequence.
CUTOFF : Regola la frequenza di taglio del filtro. I parametri di cui sopra non hanno alcun effetto sulle
EG INT (intensità EG) : Determina la profondità d’inviluppo Parti Drum.
del filtro.

Sezione Part select


1 2 3 4

1. (DRUM PART) 1...5, 6A-6B, 7A-7B (tasti Parti 3. (SYNTH PART) 1...5 (tasti Parti Synth)
Drum) Permettono la selezione delle Parti Synth.
Tasti la cui pressione determina la riproduzione dei suoni
assegnati delle nove Parti DRUM.
4. (SYNTH PART) ACCENT (Tasto Parte Synth
accent)
2. (DRUM PART) ACCENT (tasto Parte Drum Consente di accentare la Parte Synth.
accent)
Tasto che consente di accentare la Parte Drum.

Sezione tasti Step


1 2 3 4 5

6
1. Tasto SHIFT 3. Tasto KEYBOARD
Utilizzabile solo in combinazione con altri tasti. Consente la Tasto che consente, quando è acceso, di utilizzare i 16 tasti
selezione della funzione secondaria assegnata a ciascun tasto. Step come la tastiera di un sintetizzatore per l’esecuzione di
SHIFT + tasto RESET: Cancellazione degli eventi da un pattern. una melodia ( p.22: Funzione Keyboard). Ogni pressione
SHIFT + tasto Step: Esecuzione della funzione indicata al di sotto del tasto alterna lo status on/off.
del corrispondente tasto Step.
SHIFT + manopola DIAL: Variazione ampia o minima del valore 4. [ ][ ] (tasti Select)
del parametro indicato sul display (in base alla Parte Tasti utilizzabili per il controllo della posizione corrente
selezionata). espressa della fila inferiore di LED (rossi). I LED segnalano
SHIFT + tasto PATTERN: Comparazione dei pattern. diversi tipi di informazione, come per esempio il gruppo Pat-
Per ulteriori dettagli sull’uso combinato del tasto SHIFT con tern Set, l’ottava di tastiera, la posizione del tasto Step etc (
altri tasti, fare riferimento a ciascun parametro.
p.13: LED Select). In modalità SONG, i tasti possono essere

2. Tasto PATTERN SET usati per il rewind o il fast-forward (riavvolgimento o avanza-

Usato in combinazione con ciascun tasto Step, permette di mento veloce) del brano musicale.

selezionare il pattern corrispondentemente assegnato ( p.62:


Pattern Set).
12
2. Panoramica
5. LED Select 6. Tasti Step 1...16
La fila superiore di LED (verdi) indica la posizione corrente Tasti utilizzabili per l’inserimento degli eventi all’interno di
all’interno del Pattern in riproduzione (da 1 ad 8). La fila un Pattern. I tasti accesi segnalano la posizione o il timing di
inferiore di LED (rossi) segnala la posizione mostrata dai tasti riproduzione delle singole Parti.
Step (da 1 ad 8). Quando la funzione Keyboard è attiva (tasto Quando il tasto KEYBOARD è acceso, i tasti possono essere
KEYBOARD acceso), i LED rossi indicano l’ottava sfruttati come la tastiera di un vero sintetizzatore per
selezionata. l’esecuzione strumentale in tempo reale.
Quando la funzione Pattern Set è abilitata (tasto PATTERN
Quando la funzione Pattern Set è abilitata, i LED indicano il
SET lampeggiante), i tasti consentono la selezione dei Pattern
gruppo Pattern Set registrato per il corrispondente tasto Step.
e l’assegnazione degli stessi ai singoli tasti Step.

Sezione Arpeggiatore

1 2

1. Controller Ribbon 2. Cursore


Controller che consente, con il semplice tocco delle dita, di Cursore che permette di modificare l’intonazione delle note
riprodurre la Parte selezionata. Utilizzato insieme ad una Parte arpeggiate. Non ha alcun effetto per le Parti Drum.
Synth, permette la riproduzione dei sedicesimi di nota, con L’impostazione “ARP CONTROL” della modalità GLO-
un tempo di Gate variabile in base al punto di contatto. Per le BAL permette di scambiare tra loro le funzioni assegnate
Parti Drum, l’area toccata influisce sulla risoluzione delle note. al controller Ribbon ed al Cursore. ( p.75)

13
Pannello posteriore
1 2 3 4 5 6 7 8

1. Presa ~AC 9V 5. Jack AUDIO IN


Presa a cui collegare l’alimentatore CA fornito di serie. Ingresso audio mono che consente di collegare una sorgente
audio esterna da sfruttare come un oscillatore . Quando
2. STANDBY, ON (switch di accensione)
l’oscillatore della Parte Synth è impostato su AUDIO
Pulsante la cui pressione alterna l’accensione alla condizione
IN+COMB, il suono in ingresso è usato alla stregua di quello
di standby dello strumento.
prodotto da un oscillatore.
3. Porte MIDI
6. Jack INDIV.OUT 3, 4 (uscite individuali)
IN Connettore che permette la ricezione dei messaggi
Uscite audio ausiliarie incaricate di inviare all’esterno il
MIDI trasmessi da un modulo esterno, ai fini del
controllo dell’EMX-1 da parte di un dispositivo segnale ruotato al bus 3 / 4.
MIDI esterno o per la ricezione di un data dump. Tutti i suoni pre-caricati da Korg sono impostati in
OUT Connettore attraverso il quale l’EMX-1 trasmette i maniera da inviare il segnale al bus principale stereo
messaggi MIDI, e per mezzo del quale è possibile (L/R).
controllare un dispositivo MIDI esterno o effettuare
un data dump. 7. Jack OUTPUT L/MONO, R (line out)
THRU Porta MIDI che ritrasmette invariati all’esterno i Uscita audio stereo principale, utilizzabile per il collegamento
messaggi MIDI ricevuti alla porta MIDI IN. Può dell’EMX-1 ad un mixer o al sistema di amplificazione
essere utilizzata per il collegamento a cascata di preferito. Se si desidera effettuare un tipo di connessione in
più moduli MIDI.
Mono, collegare il solo jack L/MONO.

4. Switch di guadagno MIC, LINE 8. Jack Headphone


Switch (interruttore) che permette l’impostazione del livello
Uscita audio utilizzabile per il collegamento di un paio di cuffie
di guadagno per il segnale in ingresso al jack AUDIO IN.
stereofoniche.
Impostare lo switch su MIC qualora si desideri collegare un
microfono, oppure su LINE nel caso in cui la sorgente esterna
in ingresso invii un segnale di linea (tastiera, CD etc.).

Pannello frontale
1

Sezione Card
1. Slot SmartMediaTM
Slot che consente l’utilizzo della Card SmartMedia per il
salvataggio e/o il caricamento dei dati relativi all’EMX-1.

14
2. Panoramica
Oggetti e funzioni sul display

4 5
1
3
2 6
7
8

1. Display Parametro 8. Indicatore Status della Parte


Area che riporta i nomi dei pattern, delle Song e dei parametri. Area del display che segnala lo status (condizione) dei seguenti
parametri di ciascuna Parte.
2. Display Valore
PLAY: Indica lo status di Mute di ciascuna Parte.
Area del display che indica il valore del parametro selezionato.
On (acceso): La Parte non è in condizioni di Mute.

3. Indicatore PATTERN, SONG, WAVE Off (spento): La Parte è in condizioni di Mute.

Area del display che segnala, quando nell’area Valore è SWING: Indica le Parti per le quali è stata abilitata la funzione

indicato il numero di un Pattern o di una Song, la modalità Swing. Per modificare o visualizzare l’impostazione, utilizzare

operativa corrente. la pagina SWING SW in modalità Part Edit.


On (acceso): Swing abilitato per la Parte.
4. Indicatore SmartMedia™ Off (spento): Swing disabilitato per la Parte.
Icona che segnala, quando accesa, la lettura/scrittura dei dati ACCENT: Segnala le Parti accentate. Per modificare o
da/su Card SmartMedia™. visualizzare l’impostazione, utilizzare la pagina ACCENT SW
Evitare di rimuovere la Card SmartMedia™ o spegnere in modalità Part Edit.
lo strumento quando l’icona è accesa. In caso contrario On (acceso): La Parte è accentata.

è possibile causare la perdita dei dati su di essa Off (spento): La Parte non è accentata.

contenuti. OUTPUT L/R: Indica il bus di uscita di ciascuna Parte. Per


modificare o visualizzare l’impostazione, utilizzare la pagina
5. Indicatore del livello audio d’ingresso OUTPUT BUS in modalità Part Edit.
Meter che segnala il livello del segnale in ingresso al jack On (acceso): La Parte è inviata all’uscita di linea stereo principale
Audio In. L’accensione dell’indicazione “CLIP” segnala un (L/MONO, R).
livello di segnale eccessivamente alto. In questo caso, Off (spento): La Parte è inviata alle uscite audio ausiliarie

utilizzare la manopola AUDIO IN LEVEL per abbassare (INDI.OUT 3,4).

leggermente il livello d’ingresso fino a far spegnere l’icona


“CLIP”.

6. Indicatore Manopola
Icona che si accende in seguito al movimento di una qualsiasi
manopola del pannello superiore. Il movimento delle manopole
determina anche la visualizzazione sul display del parametro
oggetto di editing e del rispettivo valore. Dopo qualche
secondo, il display ritorna alla schermata precedente.

7. Indicatore Original value


Indicatore che si accende quando il valore del parametro
oggetto di editing corrisponde al valore memorizzato per il
Pattern (cioè al valore originale).

15
16
3. Operazioni di base
Preparativi
Collegamenti

Effettuare tutte le connessioni audio prima


di accendere lo strumento. In caso
contrario è possibile arrecare danni
permanenti agli altoparlanti del sistema di
diffusione sonora o causare un malfunzio-
AC
namento dell’intero apparato.
MIC4 TAPE TAPE MAIN OUTS
MIC1 MIC2 MIC3 MIC5 MIC6 STEREO AUX RETURNS AUX SEND
1 1 L
INPUT OUTPUT

L MICRO SERIES 1402-VLZ


14-CHANNEL MIC/LINE MIXER
2 2 R

LEFT(1/MONO) RIGHT ALL BAL/UNBAL BAL/UNBAL


BAL BAL BAL BAL BAL BAL
OR OR OR OR OR OR MONO MONO MONO MONO
UNBAL UNBAL UNBAL UNBAL UNBAL UNBAL

L L L L
LINE IN 1 LINE IN 2 LINE IN 3 LINE IN 4 LINE IN 5 LINE IN 6
BAL BAL BAL BAL
LOW CUT LOW CUT LOW CUT LOW CUT LOW CUT LOW CUT OR OR OR OR
75Hz 75Hz 75Hz 75Hz 75Hz 75Hz UNBAL UNBAL UNBAL UNBAL
18dB/OCT 18dB/OCT 18dB/OCT 18dB/OCT 18dB/OCT 18dB/OCT

-10dGBV -10dGBV -10dGBV -10dGBV -10dGBV -10dGBV R R R R


C AIN C AIN C AIN C AIN C AIN C AIN
MI MI MI MI MI MI

U U U U U U
LEVEL LEVEL LEVEL LEVEL
+4 +4 +4 +4
10 60 10 60 10 60 10
+10dB -40dB
60 10 60 10 60 -10 -10 -10 -10 PHONES
+10dB -40dB +10dB -40dB +10dB -40dB +10dB -40dB +10dB -40dB
TRIM TRIM TRIM TRIM TRIM TRIM LINE IN 7-8 LINE IN 9-10 LINE IN 11-12 LINE IN 13-14

U U U U U U
U AUX U AUX U AUX U AUX U AUX AUX U AUX AUX AUX AUX
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
MON/ MON/ MON/ MON/ MON/ MON/ MON/ MON/ MON/ MON/
EFX EFX EFX EFX EFX EFX EFX EFX EFX EFX 1
+15 +15 +15 +15 +15 +15 +15 +15 +15 +15 +10 +20
NORMALLED
U U U U U U U U U U AUX 1 MASTER U
2
2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 PRE
EFX EFX EFX EFX EFX EFX EFX EFX EFX EFX POST
AUX 1 EFXTO AUX
+20
+15 +15 +15 +15 +15 +15 +15 +15 +15 +15 SELECT MONITOR RETURNS
U EQ U EQ U EQ U EQ U EQ U EQ U EQ U EQ U EQ U EQ SOURCE LEFT RIGHT

CUFFIE
HI HI HI HI HI HI HI HI HI HI MAIN +28 CLIP
12kHz 12kHz 12kHz 12kHz 12kHz 12kHz 12kHz 12kHz 12kHz 12kHz MIX
+10
-15 +15 -15 +15 -15 +15 -15 +15 -15 +15 -15 +15 -15 +15 -15 +15 -15 +15 -15 +15

U U U U U U U U U U +7
ALT
MID MID MID MID MID MID MID MID MID MID 3-4 +4
2.5kHz 2.5kHz 2.5kHz 2.5kHz 2.5kHz 2.5kHz 2.5kHz 2.5kHz 2.5kHz 2.5kHz
+2
-12 +12 -12 +12 -12 +12 -12 +12 -12 +12 -12 +12 -12 +12 -12 +12 -12 +12 -12 +12
U TAPE 0
U U U U U U U U U
-2
LOW LOW LOW LOW LOW LOW LOW LOW LOW LOW
80Hz 80Hz 80Hz 80Hz 80Hz 80Hz 80Hz 80Hz 80Hz 80Hz -4

-15 +15 -15 +15 -15 +15 -15 +15 -15 +15 -15 +15 -15 +15 -15 +15 -15 +15 -15 +15
-7
ASSIGN
PAN PAN PAN PAN PAN PAN PAN PAN PAN PAN TO MAIN MIX -10

-20
NORMAL(AFL)
LEVEL SET(PFL) -30
L R L R L R L R L R L R L R L R L R L R
SOLO 0dB=0dBu
MODE
1 2 3 4 5 6 7–8 9–10 11–12 13–14
MUTE MUTE MUTE MUTE MUTE MUTE MUTE MUTE MUTE MUTE
A LT 3 – 4 A LT 3 – 4 A LT 3 – 4 A LT 3 – 4 A LT 3 – 4 A LT 3 – 4 A LT 3 – 4 PHANTOM POWER RUDE SOLO LIGHT
A LT 3 – 4 A LT 3 – 4 A LT 3 – 4
CONTROL
ROOM / PHONES MAIN MIX
dB dB dB dB dB dB dB dB dB dB dB dB
10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10
SOLO SOLO SOLO SOLO SOLO SOLO SOLO SOLO SOLO SOLO
5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5

U U U U U U U U U U U U

5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5

10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10

20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20

MIXER etc.
30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30

40 40 40 40 40 40 40 40 40 40 40 40
50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50
60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60

1. Collegare il cavetto dell’alimentatore AC/AC fornito di serie alla presa AC Collegare prima l’alimentatore alla presa
9V dell’EMX-1, e quindi l’altra estremità del cavo ad una presa di corrente AC 9V dell’EMX-1, e solo succes-
elettrica. sivamente l’altra estremità alla presa di
2. Collegare l’uscita stereo principale dell’EMX-1 (L/MONO, R) ad un mixer corrente elettrica.
oppure al sistema di amplificazione adottato. Se si intende effettuare un
tipo di monitoraggio Mono, connettere il solo jack L/MONO.
3. Se si desidera ascoltare i suoni attraverso le cuffie, collegare queste all’uscita
Headphone.
L’uscita stereo L/MONO-R rimane attiva anche dopo aver inserito le cuffie
nel jack Headphone.

Accendere/spegnere l’EMX-1
Accendere l’EMX-1
1. Accertarsi di aver effettuato tutti i collegamenti audio necessari.
2. Premere l’interruttore di accensione.
3. Ruotare gradualmente verso destra la manopola MASTER VOLUME, e
premere uno dei tasti delle Parti DRUM per verificare che i collegamenti
audio siano stati correttamente effettuati.
4. Usare la manopola MASTER VOLUME dell’unità ed i controlli di volume
(manopole, cursori etc.) del mixer o del sistema di amplificazione utilizzato
per impostare il livello di ascolto desiderato.
Dal momento in cui si accende lo strumento, le valvole dell’EMX-1
impiegano circa un minuto per raggiungere la piena operatività.
Durante quest’intervallo di tempo, il suono potrebbe risultare dis-
torto anche con la manopola TUBE GAIN completamente ruotata
verso sinistra.

Spegnere l’EMX-1
1. Abbassare al minimo la manopola MASTER VOLUME e tutti i controlli
di volume sul sistema di amplificazione esterno.
2. Accertarsi che l’indicatore SmartMedia sul display sia spento.
3. Premere lo switch STANDBY/ON per porre lo strumento in Standby.
Se non si intende utilizzare l’EMX-1 per un periodo di tempo piuttosto
esteso, disconnettere il cavo dell’alimentatore dalla presa di corrente.

17
Riprodurre le Song Demo
L’EMX-1 è fornito di alcuni brani dimostrativi, che permettono di far apprezzare da subito
il suo incredibile potenziale sonoro.
1. Premere ed accendere il tasto SONG.
2. Sul display appare il titolo ed il numero della Song correntemente selezionata
per la riproduzione. Nel caso in cui ciò non accada, premere nuovamente il
tasto SONG.
3. Ruotare la manopola Dial per selezionare una Song.
4. Premere ed accendere il tasto PLAY/PAUSE per avviare la riproduzione
della Song. Il playback si interrompe automaticamente al termine della
Song (il tasto PLAY/PAUSE si spegne).

Porre in pausa la riproduzione


Premere il tasto PLAY/PAUSE (il tasto inizia a lampeggiare).

Ripristinare la riproduzione
Premere nuovamente il tasto PLAY/PAUSE (il tasto rimane acceso).

Interrompere la riproduzione
Premere il tasto STOP/CANCEL.

Elenco delle Song Demo Le Song demo pre-caricate sono state


S.01 Tales of the Epic / KORG create in modo tale da esprimere il miglior
S.02 Garage / Oliver Munyak suono con la manopola TUBE GAIN in
S.03 Knob Twister / James Bernard posizione “0”.
S.04 Smooth MX / James Sajeva
S.05 Butterflyz / Chris Petti
S.06 Jack! / Oliver Munyak

Pattern e Song — © 2003 KORG Inc. Tutti i diritti riservati.

18
4. Modalità Pattern
Riprodurre i pattern
Cos’è un pattern?
Il “Pattern” è un breve segmento musicale composto da frasi ritmiche cre- Parte ( p.22)
ate dalle Parti Drum e frasi melodiche generate dalle Parti Synth.
L’EMX-1 permette la creazione ed il salvataggio di 256 pattern, ciascuno
dei quali formato da un massimo di 16 Parti. Oltre ai suoni di ogni Parte, il
Pattern ingloba anche le impostazioni degli effetti utilizzati ed i movimenti
delle manopole registrati con la Motion Sequence.

Pattern
Nome Pattern
Part2
128 Tempo
Part1
Parte Edit
128 Arp Scale
Drum Wave
(101) ----------Dati Motion sequence ------- ---

Accent
Part2
128 Effetti
Part2
Part2 Fx1
Parte Part2
Part1
128
Fx1
Fx1
Synth Edit
Wave
(21) ----------Dati Motion sequence------- ---

Riprodurre un pattern
Avviare la riproduzione
1. Premere ed accendere il tasto PATTERN.
2. Premere il tasto cursore [ ] fino a far apparire sul display il “(nome del
pattern).”
3. Premere il tasto PLAY/PAUSE per iniziare la riproduzione del pattern (il
tasto si accende). Al termine del playback, il pattern torna all’inizio e con-
tinua la riproduzione in loop.
Durante la riproduzione del pattern è possibile utilizzare la funzione Key-
board (tasti Step) ed i tasti delle Parti Drum per suonare insieme ad esso,
così come sfruttare le manopole ed i vari controlli per modificarne il suono.
Implementando le diverse funzioni disponibili della modalità Pattern nella
performance è quindi possibile espandere ulteriormente l’espressività per
la creazione di pattern innovativi ed originali.

Porre in pausa la riproduzione


Premere il tasto PLAY/PAUSE (il tasto inizia a lampeggiare). 2
Ripristinare la riproduzione 1
Premere nuovamente il tasto PLAY/PAUSE (il tasto torna ad accendersi).
STOP/CANCEL PLAY/PAUSE

Arrestare la riproduzione
Premere il tasto STOP/CANCEL.

19
Selezionare un pattern
1. Premere ed accendere il tasto PATTERN.
2. Premere il tasto cursore [ ] fino a far apparire sul display il “(nome del
pattern)”.
3. Ruotare la manopola Dial per scegliere il pattern desiderato.
E’ possibile scegliere tra un totale di 256 pattern: A.01–A.64, B.01–B.64,
C.01–C.64, D.01–D.64.
La selezione del pattern può anche essere effettuata durante la riproduzione.

Accertare quale pattern è in riproduzione


Per visualizzare il Pattern correntemente in riproduzione, premere il tasto
PATTERN acceso. Sul display appare il “(nome del pattern”).

Forzare il pattern a ripartire dall’inizio


Durante il playback del Pattern, se si desidera far tornare la riproduzione al
punto iniziale, premere il tasto RESET.
Qualora si intenda sincronizzare il pattern ad un dispositivo audio esterno,
utilizzare il tasto TAP per impostare il tempo in base a quello sorgente, e
Pattern A.01
quindi premere il tasto RESET all’inizio della misura. Il presente metodo
rappresenta il modo manuale con il quale è possibile sincronizzare il Pat-
tern senza ricorrere all’uso del MIDI.
Pattern A.01

Nota sul timing relativo al cambio dei pattern


La selezione di un Pattern diverso da quello correntemente in riproduzione
ne determina la sostituzione, ma solo dopo la fine del Pattern corrente.
Fino ad allora, sul display appare (lampeggiando) il nome del Pattern in
attesa di subentrare a quello selezionato. Il nome cessa di lampeggiare e
rimane fisso solo a cambio avvenuto.
Il cambio del Pattern durante la riproduzione può dare luogo a rumori
indesiderati, piccoli ritardi o assenza di effetti. Ciò può essere causato
dalla diversa impostazione degli effetti o del delay tra i due Pattern.
Se due Pattern in sequenza utilizzano gli stessi effetti ma con di-
verse impostazioni, il risultato sonoro sarà del tutto identico a quello
che si otterrebbe mediante l’uso delle manopole e dei controlli della
sezione Effetti.

Impostare il tempo
TEMPO .................................................................. 20.0...300.0

Con la manopola Dial


1. Premere ed accendere il tasto PATTERN. 3
2. Usare i tasti cursore [ ]/[ ] fino a far apparire sul display l’indicazione 4
“Tempo.”
3. Ruotare la manopola Dial per specificare il tempo desiderato.
4. Se a questo punto si desidera salvare l’impostazione di tempo così come
stabilita, salvare il pattern in memoria. ( p.64 “Salvare il pattern”) 2
Il tempo del pattern ritorna al suo valore originale qualora si sele-
zioni un altro pattern senza prima effettuare la scrittura in memoria. 1
Quando il tasto TEMPO LOCK è spento, e si seleziona un pattern
diverso da quello corrente, il valore di tempo applicato corrisponderà
a quello memorizzato per il nuovo pattern selezionato.

Impostare il tempo con maggior precisione


Per specificare ancor più in dettaglio il tempo del pattern, è sufficiente
tenere premuto il tasto SHIFT e ruotare la manopola Dial. In questo caso,
la modifica avverrà in step di unità decimali rispetto al valore intero (per
es.: 120.4, 98.6 etc.).

20
4. Modalità Pattern
Con il tasto TAP
Mentre il Pattern è in riproduzione, premere ripetutamente il tasto TAP ad
intervalli di un quarto di nota ed in base al tempo desiderato. L’EMX-1 in
questo caso individua la distanza tra ogni singola pressione del tasto TAP e Due o più pressioni
regola di conseguenza il tempo. Tale opzione può essere adottata anche
quando il Pattern è fermo o in pausa.

Funzione Auto BPM Scanning


Funzione che consente di rilevare il tempo del segnale audio esterno in
ingresso al jack AUDIO IN, e di utilizzare tale valore per il Pattern riprodotto
dall’EMX-1.
1. Premere ed accendere il tasto AUTO BPM SCAN per avviare la funzione
di riconoscimento del valore di tempo. Sul display appare l’indicazione
“AutoBPM”. Il tempo rimane tuttavia invariato.

2. Una volta stabilito il valore di tempo finale, il tasto AUTO BPM SCAN
inizierà a lampeggiare, e sul display apparirà il nuovo valore di tempo
rilevato automaticamente.
Qualora la funzione non sia in grado di rilevare automaticamente il tempo
della sorgente audio esterna, sul display apparirà l’indicazione “—.-”

3. Premere nuovamente il tasto AUTO BPM SCAN per confermare il tempo


rilevato e consentirne l’applicazione per il pattern. Se tuttavia non si desidera
utilizzare tale valore, premere il tasto TAP oppure il tasto TEMPO LOCK,
e ripristinare il tempo selezionato prima dell’operazione di rilevamento
automatico. In alternativa, cancellare il tempo rilevato utilizzando i tasti
cursore [ ][ ] oppure il tasto di una modalità operativa differente.

Mantenere costante il tempo per tutti i pattern (TEMPO LOCK)


Premendo ed accendendo il tasto TEMPO LOCK è possibile mantenere
invariato il tempo impostato, a prescindere quindi dal valore di tempo
memorizzato per i Pattern (compreso quello corrente) che di volta in volta
si avvicendano in riproduzione. Quando il tasto TEMPO LOCK è spento,
la selezione di un Pattern determina sempre l’applicazione del
corrispondente valore di tempo con esso memorizzato.
Quando il tasto TEMPO LOCK è acceso, il valore di tempo rimane bloccato
anche arrestando la riproduzione. Se quindi si desidera ripristinare il tempo
salvato con il Pattern, premere e spegnere il tasto TEMPO LOCK e
selezionare nuovamente il Pattern.
Lo status (condizione) del tasto TEMPO LOCK non può essere
salvato insieme ai dati del Pattern.

21
Usare le Parti
Cos’è una Parte?
La “Parte” costituisce l’unità di base più piccola all’interno di un Pattern.
Ciascuna Parte può essere composta da un singolo suono, una frase ritmica
o melodica, impostazioni degli effetti ed eventi relativi alla Motion Se-
quence.
Ognuno di questi elementi può essere impostato e memorizzato dall’utente
secondo le proprie esigenze ( p.29 “Editing dei suoni”).

L’EMX-1 utilizza tre tipi di Parti (sedici in totale):


Parte Drum
— Parti Drum (1–5, 6A-B, 7A-B) Edit 1 2 3 4 5 6 7 8 128

Parti che riproducono un campione percussivo in modalità one-shot (un


wave
singolo passaggio). Ciascuna Parte contiene un pattern ritmico (timing delle (207) ---------------Dati Motion sequence----------------
note), eventi di Motion Sequence etc.
Parte Synth
— Parti Synth (1–5) Edit 1 2 3 4 5 6 7 8 128

Parti che riproducono suoni melodici in loop (trigger, numero di nota, tempo
di Gate). Ciascuna Parte contiene un pattern melodico, eventi di Motion C4 G4 F4
wave
Sequence etc. (76) ---------------Dati Motion sequence----------------

— Parti Accent (drum, synth)


Le Parti Accent non contengono alcun suono. Piuttosto, esse consentono di
enfatizzare (accentare) il volume di determinati beat o step all’interno di
un pattern.

Ascoltare il suono di una Parte


I diversi suoni possono essere monitorati premendo i tasti delle Parti Drum, oppure i tasti
Step quando il tasto KEYBOARD è acceso. Il suono ottenibile con la pressione di ciascun
tasto varia in base al tipo di Pattern selezionato.
La pressione di un tasto delle Parti Drum disabilita automaticamente
la funzione Keyboard per i tasti Step; tuttavia, tale funzione (ed il
relativo status) sarà ripristinata nel momento in cui si premerà nuo-
vamente uno dei tasti delle Parti Synth.

Ascoltare il suono di una Parte Drum


Per ascoltare i suoni assegnati a ciascuna delle Parti Drum, premere i tasti
1-7B della sezione corrispondente.
La pressione della Parte Drum Accent non determina la riproduzione
di alcun suono.
Le Parti Drum 6A e 6B non possono essere riprodotte contempora-
neamente. Lo stesso dicasi per le Parti 7A e 7B.

Ascoltare il suono di una Parte Synth (funzione Keyboard)


1. Premere ed accendere uno dei tasti delle Parti Synth 1–5.
2. Premere ed accendere il tasto KEYBOARD.
3. Utilizzare i tasti Step come le note di una tastiera per riprodurre la Parte.
Se necessario, usare i tasti Select per la trasposizione di ottava. L’intervallo
di pitch (pitch range) è indicato dai LED Select (fila inferiore, rossi). A-1...C1 A1...C3 A3...C5 A5...C7
Pitch Range A0...C2 A2...C4 A4...C6 A6...C8
La pressione di una Parte Synth Accent non determina la
riproduzione di alcun suono.
Inoltre, non sarà possibile accendere/spegnere il tasto KEYBOARD
se non dopo aver selezionato una delle Parti Synth 1–5.
Dato che ogni Parte Synth è costituita da un sintetizzatore mono-
fonico, non è consentito riprodurre due o più note contemporanea-
mente (cioè polifonicamente).

22
4. Modalità Pattern
Selezionare una Parte
Utilizzando i tasti delle Parti è possibile selezionare la Parte oggetto di editing.

Parti Drum
Premere ed accendere il tasto di una Parte Drum per ascoltarne il suono
assegnato. Notare inoltre come i tasti Step si accendano per segnalare la
posizione di trigger della Parte all’interno del pattern ritmico. I tasti Step si
accendono in riproduzione per indicare lo step corrente.
Il suono di una Parte Drum è sempre accentato.

Selezionare una Parte durante il playback senza


riprodurne il suono
Per selezionare una Parte durante il playback senza tuttavia riprodurre il
corrispondente suono, tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto
della Parte Drum desiderato.

Parti Synth
Premere ed accendere il tasto della Parte Synth che si desidera selezionare.
Con il tasto KEYBOARD acceso, la Parte può essere suonata premendo i
tasti Step come una vera e propria tastiera. Il modo in cui i tasti Step si
accendono dipende in questo caso dallo status del tasto KEYBOARD.
On (acceso): I tasti corripondenti a ciascun pitch si accendono in sequenza du-
rante il playback per indicare la nota in riproduzione.
Off (spento): I tasti si accendono per segnalare la posizione di trigger della frase
all’interno del pattern.

Parti Accent
La pressione e l’accensione di uno dei tasti delle Parti Accent determina la
selezione della Parte accentata. Per conoscere la locazione di accento
all’interno del pattern, controllare i tasti Step accesi.

Porre in Mute una Parte


La procedura in basso descrive come porre in Mute (cioè come escludere
temporaneamente dall’ascolto) una determinata Parte.
1. Tenere premuto il tasto PART MUTE e premere il tasto della Parte che si
desidera porre in Mute. (Il tasto PART MUTE si accende).
2. Mentre si mantiene premuto il tasto PART MUTE, l’area Status della Parte
sul display segnala la condizione di Mute di ciascuna Parte. Le Parti non PART MUTE SOLO
poste in Mute sono accese, quelle in Mute spente. E’ possibile porre in
Mute più Parti contemporaneamente.
3. Per disabilitare in blocco tutte le impostazioni di Mute, premere il tasto
SOLO. Per annullare la condizione di Mute soltanto di alcune Parti, premere
Tasti Parte
il tasto della Parte che si desidera riascoltare.

Porre in Solo una Parte


1. Tenere premuto il tasto SOLO e premere il tasto della Parte che si desidera
isolare nel monitoraggio, escludendo automaticamente tutte le altre (il tasto
SOLO e quello della Parte in Solo si accendono).
2. Se necessario, selezionare un’altra Parte da porre in Solo.
3. Per porre in Solo due o più Parti, tenere premuto il tasto SOLO e selezionare
tutte le Parti che si intende isolare nel monitoraggio. In alternativa, tenere
premuto il tasto SOLO (oppure il tasto PART MUTE) mentre è già acceso,
e premere la Parte che si desidera aggiungere nel monitoraggio.
4. Premere nuovamente il tasto SOLO per annullare lo status di Solo e Mute
(il tasto si spegne).
Tenendo premuto il tasto SHIFT e premendo uno dei tasti Parte è possibile
impostare lo status on/off dell’intera sezione (drum o synth).
23
Accentare una Parte
Specificare le locazioni di accento e l’intensità
Level (Velocity)
Le Parti Drum e Synth possono essere accentate, in maniera da enfatizzarne
il livello di volume in determinate locazioni del pattern. 127 Accent On

1. Premere uno dei due tasti ACCENT; verificare che i tasti Step segnalino le 100
locazioni all’interno del pattern per le quali è stato abilitato l’accento.
2. Per impostare lo status on/off di accento per una determinata locazione,
30 Accent Off
premere il tasto Step corrispondente.
Accent Level
3. Utilizzare la manopola LEVEL della Sezione Part Common per regolare
l’intensità dell’accento. Ruotando la manopola verso destra è possibile
ottenere una differenza più marcata tra il suono normale e quello accentato.
Ruotando invece la manopola completamente a sinistra, la differenza tra
suono accentato e quello normale sarà praticamente nulla.
La pressione del tasto della Parte Accent di per sè non produce
alcun suono. Da notare inoltre che la riproduzione del suono di una
Parte, in seguito alla pressione del corrispondente tasto, avviene
sempre con volume accentato.
Le impostazioni di accento non hanno alcun effetto per quelle Parti
per le quali il parametro ACCENT SW è disabilitato (Off).

Specificare le Parti da accentare


ACCENT SW ............................................................... On, Off
La funzione di accento può essere abilitata/disabilitata individualmente
per ciascuna Parte.
1. Premere ed accendere il tasto PART EDIT.
2. Usare i tasti cursore [ ]/[ ] fino a far apparire sul display Parametro
l’indicazione “Accent Sw.” Lo status (On/Off) di accento per ciascuna Parte
può essere verificato dalla presenza o meno del simbolo “ ” nella parte
bassa del display. Per modificare tale status, premere il tasto della Parte
desiderata e ruotare la manopola Dial per impostare secondo necessità la
condizione On (simbolo presente) oppure Off (simbolo assente).
on off
L’esecuzione della funzione Pattern Clear determina l’abilitazione
di ACCENT SW per tutte le Parti.

Trasporre una frase (Transpose)


TRANSPOSE .............................................................. -24...24
Funzione che permette di trasporre l’intonazione delle Parti Synth 1-5.
1. Mantenere premuto il tasto TRANSPOSE per visualizzare sul display il
valore corrente di trasposizione.
2. Continuando a tener premuto il tasto TRANSPOSE, ruotare la manopola
Dial per trasporre la frase in passi di un semitono per volta. Un valore di ±1
traspone le frase di un semitono, ±2 di un intero tono, ±7 di una quinta e
±12 di un’intera ottava. L’utilizzo della trasposizione è segnalata dal tasto
TRANSPOSE lampeggiante. Il tasto si spegne quando si specifica un valore
di trasposizione pari a “0”. La quantità di trasposizione può altresì essere
stabilita tenendo premuto il tasto TRANSPOSE ed utilizzando i tasti Se-
lect oppure Step. In quest’ultimo caso, al tasto Step 4 corrisponderà
l’intonazione della nota “C” (cioè Do). TRANSPOSE
Se si effettua la trasposizione di una Parte in Solo, il tasto rimarrà
acceso (e non lampeggiante). Tornerà a lampeggiare solo dopo aver
disabilitato la condizione di Solo.
L’impostazione di trasposizione non rimane in memoria. Ad ogni
accensione, lo strumento ripristina come default il valore di 0 (zero).
Quando si sceglie una wave della categoria PCM Chord Set per la
Parte Synth ( p.40), l’accordo o l’ottava potrebbero cambiare nel
caso in cui si modifichi l’impostazione di trasposizione.
24
4. Modalità Pattern
Applicare lo “swing” al pattern
Specificare la quantità di swing
SWING .......................................................................... 50...75
Lo Swing consente di sfalsare leggermente il timing di riproduzione di
determinati step. Ciò può essere utilizzato per trasformare un ritmo in 16-
beat piuttosto statico in uno con un andamento più shuffle ed imprevedibile.
L’intervallo di valori impostabile per lo Swing è compreso tra il 50 ed il 75
(%), ed influisce sul timing degli step pari. Un’impostazione pari a 50 non
produce alcuna variazione, mentre uno di 66 consente di ottenere un
andamento shuffle. Per impostare la funzione di Swing indipendentemente
per ciascuna Parte, usare la pagina SWING SW della modalità Part Edit.
1. Premere ed accendere il tasto PATTERN.
2. Usare i tasti cursore [ ]/[ ] per richiamare il parametro “Swing” sul
display, e ruotare la manopola Dial per impostare il valore desiderato.
Lo Swing è ignorato per i beat “8Tri” (e3x12) e “16Tri” (x3 x12).

Specificare la Parte per la funzione Swing


SWING SW .................................................................. On, Off
Il presente parametro permette di abilitare/disabilitare lo Swing
individualmente per ciascuna Parte.
1. Premere ed accendere il tasto PART EDIT.
2. Usare i tasti [ ]/[ ] fino a visualizzare l’indicazione “SwingSw”.
3. Lo status (On/Off) di Swing per ciascuna Parte può essere verificato dalla
presenza o meno del simbolo “ ” nella parte bassa del display. Per
modificare tale status, premere il tasto della Parte desiderata e ruotare la
manopola Dial per impostare secondo necessità la condizione On (simbolo
presente) oppure Off (simbolo assente) di Swing.
L’esecuzione della funzione Pattern Clear determina l’abilitazione di
SWING SW per tutte le Parti.

Applicare il Roll ad una Parte


Selezionare la Parte ed abilitare l’effetto di Roll
ROLL .......................................................................................
Parametro che consente di applicare l’effetto di Roll (rapida successione
di colpi o note) individualmente a ciascuna Parte. L’intervallo tra le note
del Roll dipende dal tipo di pattern, dal tipo di Roll applicato e dalla quantità
di Swing utilizzata ( “Impostare il tipo di Roll”).
1. Premere il tasto della Parte per la quale si desidera applicare il Roll.
2. Premere ed accendere il tasto ROLL per applicare l’effetto alla Parte
selezionata durante la riproduzione. E’ anche possibile monitorare l’effetto
di Roll a riproduzione ferma. In questo caso, premere ed accendere il tasto
ROLL, e tenere premuto il tasto della Parte per ascoltare l’effetto. Questo
sarà applicato fin tanto che si manterrà premuto il tasto della Parte.

Impostare il tipo di Roll


ROLL TYPE ................................................................... 2, 3, 4
Parametro che permette di specificare il numero di ripetizioni del suono
(in uno step) per ogni evento di trigger. Abilitando cioè la funzione Roll
per una Parte, il rispettivo suono sarà ripetuto per il numero di volte stabilito
con il presente parametro ad ogni step.
1. Premere ed accendere il tasto PATTERN.
2. Usare i tasti [ ]/[ ] per selezionare il parametro “RollType”.
3. Ruotare la manopola Dial per impostare il tipo di Roll.
Non è possibile applicare l’effetto di Roll agli eventi di Note-On
trasmessi da un dispositivo MIDI esterno. 25
Assegnare l’uscita audio alle Parti
OUTPUT BUS ............................................................. L/R, 3/4
Il suono di ciascuna Parte può essere ruotato all’uscita stereo principale
(L/MONO, R) o a quelle individuali (3, 4).
1. Premere ed accendere il tasto PART EDIT.
2. Utilizzare i tasti cursore [ ]/[ ] fino a far apparire sul display l’indicazione
“OutBus”. Il simbolo “ ” sulla parte bassa del display indica l’uscita au-
dio assegnata a ciascuna Parte.
3. Premere il tasto della Parte per la quale si desidera impostare l’uscita au-
dio, e ruotare la manopola Dial per scegliere tra L/R (simbolo presente) o
3/4 (simbolo assente).
L’esecuzione della funzione Clear Pattern determina l’impostazione
automatica del parametro OUTPUT BUS su “L/R” per tutte le Parti.

Usare il circuito Valve-Force per


incrementare l’impatto sonoro
TUBE GAIN .............................................................................
Parametro che permette di stabilire il livello con il quale il segnale inviato
all’uscita stereo principale debba essere ruotato alle valvole. La manopola
TUBE GAIN può essere utilizzata per aggiungere un effetto valvolare anche
nel caso in cui la manopola Master Volume sia al minimo.
Un’impostazione estrema della manopola TUBE GAIN potrebbe
danneggiare irreparabilmente il sistema di diffusione sonora.
Il parametro e la manopola TUBE GAIN non influiscono sul segnale
inviato alle uscite ausiliarie (3, 4).

26
4. Modalità Pattern

Usare l’Arpeggiatore
Suonare con l’Arpeggiatore
Arpeggiare una Parte Drum
1. Selezionare la Parte Drum che si desidera riprodurre.
2. Toccare il controller Ribbon per riprodurre automaticamente la Parte
selezionata. Il timing delle note ripetute dipenderà in questo caso dal punto
di contatto sul controller, mentre la velocità delle ripetizioni dal tempo
specificato.
Quando il parametro ARP CONTROL ( p.75) è impostato su “Revers,”
il timing delle note può essere determinato dal cursore (invece che dal con-
troller Ribbon).

Arpeggiare una Parte Synth


1. Selezionare la Parte Synth che si intende riprodurre.
2. Utilizzare i tasti Step per specificare i pitch da arpeggiare. Se per esempio
si desidera arpeggiare le note C–E–G (Do, Mi, Sol), tenere premuto il tasto
C e premere i tasti E e G.
3. Toccare il controller Ribbon per riprodurre automaticamente il suono della
Parte selezionata. Il tempo di Gate applicato dipenderà dal punto di contatto
sul controller Ribbon, mentre la velocità di riproduzione sarà relativa al
tempo impostato.
Il trigger delle note generate dall’Arpeggiatore ha luogo ogni volta che si
(rilascia e successivamente si) tocca il controller Ribbon. Tenendo premuto
il tasto SHIFT, l’Arpeggiatore non esegue il re-trigger delle note nel momento
in cui si rilascia e si tocca nuovamente il controller Ribbon.
4. Utilizzare il cursore per selezionare le diverse note che costituiscono le
scale descritte nella tabella “ELENCO DELLE SCALE DI ARPEGGIO”.
Se lo si desidera, è possibile scambiare tra loro le funzioni del controller
Ribbon ed il cursore. ( p.75 “Scambiare le funzioni dell’Arpeggiatore”)

Specificare la nota centrale


Quando si utilizza l’Arpeggiatore con una Parte Synth, è anche possibile
specificare la nota corrispondente alla posizione centrale del cursore (che
chiameremo quindi la “nota centrale”). Tale impostazione è salvata insieme
al pattern.
1. Premere il tasto di modalità Pattern.
2. Selezionare una delle Parti Synth, ed abilitare la funzione Keyboard.
3. Utilizzare i tasti Select [ ][ ] per stabilire l’intervallo di pitch, e premere
il tasto Step che si intende usare come nota centrale (premere una sola
nota).
4. Salvare il pattern in memoria.
La posizione del cursore non ha alcuna influenza sull’impostazione
del parametro.
Quando ARP CONTROL ( p.75) è impostato su “Revers”, la no-
ta centrale può essere riprodotta toccando la parte centrale del
controller Ribbon.

27
Cambiare la scala dell’Arpeggiatore
ARPEGGIO SCALE .................................... Chroma...Octave
Il presente parametro consente di selezionare o cambiare la scala utilizzata
dall’Arpeggiatore quando questo sfrutta una Parte Synth.
1. Premere ed accendere il tasto PATTERN.
2. Premere il tasto cursore [ ] fino a far apparire sul display l’indicazione
“ArpScale”.
3. Ruotare la manopola Dial per scegliere la scala desiderata.

Elenco delle SCALE DI ARPEGGIO


N° Display Scala [chiave di DO] Nome Scala
1. Chroma C, Db, D, Eb, E, F, Gb, G, Ab, A, Bb, B, C Cromatica
2. Ionian C, D, E, F, G, A, B, C Ionica
3. Dorian C, D, Eb, F, G, A, Bb, C Dorica
4. Phrygi C, Db, Eb, F, G, Ab, Bb, C Frigia
5. Lydian C, D, E, F#, G, A, B, C Lidia
6. MixLyd C, D, E, F, G, A, Bb, C Misolidia
7. Aeolia C, D, Eb, F, G, Ab, Bb, C Eolia
8. Locria C, Db, Eb, F, Gb, Ab, Bb, C Locria
9. MBlues C, Eb, E, G, A, Bb, C Blues Maggiore
10. mBlues C, Eb, F, Gb, G, Bb, C Blues Minore
11. Dim C, D, Eb, F, F#, G#, A, B, C Diminuita
12. ComDim C, Db, Eb, E, F#, G, A, Bb Diminuita Combinata
13. MPenta C, D, E, G, A, C Pentatonica Maggiore
14. mPenta C, Eb, F, G, Bb, C Pentatonica Minore
15. Raga1 C, Db, E, F, G, Ab, B, C Raga Bhairav
16. Raga2 C, Db, E, F#, G, A, B, C Raga Gamanasrama
17. Raga3 C, Db, Eb, F#, G, Ab, B, C Raga Todi
18. Spansh C, Db, Eb, E, F, G, Ab, Bb, C Scala Spagnola
19. Gypsy C, D, Eb, F#, G, Ab, B, C Scala Gypsy
20. Arabia C, D, E, F, Gb, Ab, Bb, C Scala Araba
21. Egypt C, D, F, G, Bb, C Scala Egiziana
22. Hawaii C, D, Eb, G, A, C Scala Hawaiana
23. Pelog C, Db, Eb, G, Ab, C Pelog dell’Isola di Bali
24. Japan C, Db, F, G, Ab, C Miyakobushi Giapponese
25. Ryukyu C, E, F, G, B, C Scala Ryukyu
26. Whole C, D, E, Gb, Ab, Bb, C Tono Intero
28. m3rd C, Eb, Gb, A, C Intervalli di 3a minore
27. M3rd C, E, Ab, C Intervalli di 3a Maggiore
29. 4th C, F, Bb, C Intervalli di 4a
30. 5th C, G, C Intervalli di 5a
31. Octave C, C Intervalli di Ottava

Nei pattern preset, la nota centrale ed il parametro “ARPEGGIO


SCALE” sono impostati in modo ottimale per la Parte Synth 5.

28
4. Modalità Pattern

Editing dei suoni


Ad ogni Parte Drum è possibile assegnare una certa forma d’onda o un campione, mentre
alle Parti Synth il tipo di oscillatore desiderato. Una volta specificato il suono di base, è
in seguito possibile modificare il timbro variandone l’oscillatore, il livello, il pan, gli effetti
ed utilizzando i tasti amp EG. Le variazioni possono anche essere apportate mentre il pattern
in riproduzione, così come è consentito intervenire sui valori espressi dai controlli e dai
tasti mediante i messaggi MIDI trasmessi da un modulo esterno ( p.79 “Modalità MIDI”).
Per poter riutilizzare successivamente tutte le modifiche apportate al suono, è indispensabile
eseguire il salvataggio del pattern con il tasto WRITE/RENAME ( p.64 “Salvare il pattern”).
Le manopole ed i controlli utilizzabili per le variazioni dipendono
dalla Parte selezionata. Disabilitare la Motion Sequence qualora
questa renda impossibile l’editing. ( p.58 “Motion Sequence”).

Editing del suono di una Parte Drum


Assegnare la forma d’onda di base
WAVE ............................................................................ 1...207
Per ogni Parte Drum è possibile scegliere tra 207 forme d’onda diverse.
1. Premere ed accendere il tasto PART EDIT.
2. Premere il tasto [ ] fino a far apparire sul display il “(nome dell’onda).”
L’indicatore “WAVE” si accende nella parte inferiore destra del display.
3. Premere ed accendere il tasto della Parte Drum che si desidera impostare.
2
Sul display appare il nome della forma d’onda correntemente assegnata
alla Parte selezionata. 1
4. Ruotare la manopola Dial per scegliere la forma d’onda desiderata, e premere
il tasto della Parte per ascoltarne il suono.

Editing dei parametri della Parte Common Parti Drum

PITCH ........................................................................ -63...+63


Parametro che consente di stabilire il pitch (intonazione) di riproduzione.
L’incremento ed il decremento del pitch determinano rispettivamente una
maggiore ed una minore velocità di riproduzione. L’intervallo di valori
adottabile corrisponde a ±2 ottave, come mostrato nella tabella che segue.

In alcuni casi, l’incremento del pitch potrebbe generare rumori.


Valore manopola Pitch Pitch corrisp. (rif.: C3)
+63 2 ottave C5
+41, 43...59, 61 : C#4, D4...A#4, B4
+39 1 ottava C4
+9, 12...33, 36 : D3, D#3...A#3, B3
+6 Semitono sup. C#3
0 (centro) ±0 C3
-6 Semitono inf. B2
-9, -12...-36 : A#2, A2...C#2
-39 -1 ottava C2
-41, -43...-61 : B1, A#1...C#1
-63 -2 ottave C1

EG TIME ........................................................................ 0...127


Specifica il tempo di decadimento dell’EG (Generatore d’Inviluppo).
L’impostazione di Amp EG determina il tipo di decadimento del volume.

PAN .......................................................................... L63...R63


Stabilisce la posizione del suono nel panorama stereo (Pan). La posizione
centrale della manopola colloca il suono al centro dell’immagine stereo.
Ruotando il controllo completamente a sinistra o a destra è possibile spostare
il suono rispettivamente tutto a sinistra (L) o tutto a destra (R).

29
LEVEL ...........................................................................0...127
Regola il livello di uscita audio. La rotazione della manopola verso destra
determina un graduale aumento del volume del suono.

AMP EG ........................................................................... ,
Tasto la cui pressione consente di alternare il tipo di amp EG tra un inviluppo
, che provoca il decadimento lineare del suono in base al tempo stabilito
con il parametro EG TIME, ed uno , dove invece il suono rimane costante
e si interrompe al termine del tempo impostato con il parametro EG TIME.

ROLL ........................................................................... On, Off


Tasto la cui pressione alterna lo status On (acceso) ed Off (spento) della
funzione Roll (colpi ripetuti) per ogni Parte.
La distanza tra ogni singolo colpo ripetuto dipende dal tempo del pattern,
dal tipo di Roll scelto e dal valore di Swing. ( p.25 “Impostare il tipo di
Roll”). Quando il tasto Roll è acceso, la corrispondente funzione è applicata
fin tanto che si mantiene premuto il tasto della Parte.

FX SELECT ...................................................... FX1, FX2, FX3


Tasto la cui pressione permette la selezione ciclica del processore di effetti
(tre disponibili) da utilizzare per l’elaborazione sonora.
L’effetto è applicato a condizione che il tasto FX SEND (mandata effetti)
risulti acceso. L’impostazione del parametro è ignorata per le Parti assegnate
alle uscite ausiliarie 3/4. ( p.26 “Assegnare l’uscita audio alle Parti”)

FX SEND ..................................................................... On, Off


Tasto la cui pressione determina l’utilizzo o meno del processore di effetti
selezionato con il parametro FX SELECT. Lo status è alternato tra On
(acceso) ed Off (spento) ad ogni singola pressione. L’impostazione del
parametro è ignorata per le Parti assegnate alle uscite ausiliarie 3/4.

Modulation
Serie di parametri che permettono di applicare variazioni temporali al suono
mediante un LFO o un EG.

SPEED .......................................................................... 0...127


Regola la velocità di modulazione. Abilitando il tasto BPM SYNC è
possibile sincronizzare la velocità al tempo. L’intervallo di valori è compreso
tra 8/1~1/64.

DEPTH ...................................................................... -63...+63


Determina l’intensità della modulazione.

TYPE .................................................. , , , ,
Seleziona il tipo di modulazione.
Impostazioni diverse da EG determinano l’applicazione di una modulazione
ciclica. Scegliendo EG, l’effetto sarà al massimo nel momento in cui si
verifica l’evento di note-on, e decrescerà gradualmente per le fasi succes-
sive. Con un tipo di modulazione“ ”, il reset della modulazione di fase
non ha luogo nel momento in cui avviene il trigger della nota. Per tutti gli
altri tipi, il reset della fase si verifica invece ad ogni evento di trigger.

DEST .......................................................... PITCH, AMP, PAN


Consente la selezione del parametro al quale applicare la modulazione.

BPM SYNC .................................................................. On, Off


Tasto la cui accensione permette di sincronizzare il ciclo di modulazione
al tempo corrente.
I suoni delle Parti Drum 6A-6B/7A-7B possono essere modificati
ma non riprodotti contemporaneamente.
La mancata attuazione delle variazioni apportate mediante l’uso di
tasti e manopole di editing potrebbe essere causata dalla non validità
dei suddetti controlli per la Parte, oppure dall’operatività della Mo-
tion Sequence ( p.58 “Motion sequence”).

30
4. Modalità Pattern

Editing del suono di una Parte Synth


Synth Oscillator
SYNTH OSCILLATOR TYPE ..................................................
Ruotare la manopola OSCILLATOR TYPE per scegliere l’oscillatore
desiderato (sedici algoritmi disponibili, tra i quali forme d’onda synth etc.).
Per i dettagli su ciascun tipo di oscillatore, consultare l’elenco a p.34.
Alcune combinazioni di pitch, WAVE, OSC EDIT 1 ed OSC EDIT 2
potrebbero causare rumori indesiderati.

WAVE ........................................................................... 1...(76)


Specifica la forma d’onda di base da assegnare alla Parte Synth. La selezione
è vincolata al tipo di oscillatore scelto (SYNTH OSCILLATOR TYPE).
1. Premere ed accendere il tasto PART EDIT.
2. Premere il tasto cursore [ ] fino a far apparire sul display il “(nome
dell’onda)”. (L’icona “WAVE” si accende in basso a destra nel display).
3. Premere ed accendere il tasto della Parte Synth che si desidera impostare.
Sul display appare il nome della forma d’onda che risulta già assegnata
alla Parte selezionata.
4. Accendere il tasto KEYBOARD, ruotare la manopola Dial per selezionare
la forma d’onda e premere i tasti Step per ascoltarne il suono. Le onde
selezionabili dipendono dall’impostazione di SYNTH OSCILLATOR.

OSC EDIT1 ..............................................................................


Controllo che consente l’impostazione di un parametro predeterminato per
ciascun tipo di oscillatore.

OSC EDIT2 ..............................................................................


Permette l’impostazione di un parametro predeterminato per ciascun tipo
di oscillatore.
Alcune combinazioni di pitch, WAVE, OSC EDIT 1 ed OSC EDIT 2
potrebbero causare rumori indesiderati.

Synth filter
Controlli con i quali è possibile modificare il timbro e la distorsione della
forma d’onda generata dall’oscillatore.

CUTOFF ........................................................................ 0...127


Parametro che determina la frequenza di taglio del filtro. Il risultato
ottenibile dipende dal tipo di filtro adottato.
Impostazioni estreme o inaccurate del parametro potrebbero causare
la distorsione o la totale assenza di suono.

EG INT ....................................................................... -63...+63


Parametro che permette di stabilire la profondità e la direzione con la quale
l’EG (generatore d’inviluppo) influisce sulla frequenza di taglio del filtro.
L’inviluppo ha inizio nel momento in cui si verifica l’evento di trigger
(cioè quando si preme il tasto Step). Con la manopola in posizione centrale,
l’EG non influisce in alcun modo sul suono.
Quando la durata del tempo di Gate dello step che precede si
sovrappone allo step successivo, il trigger dell’EG di quest’ultimo
non avrà luogo.

RESONANCE ................................................................ 0...127


Parametro che consente di specificare la risonanza, cioè l’enfatizzazione
dello spettro armonico intorno alla frequenza di taglio, in maniera da
aggiungere un carattere distintivo e particolare al suono. Con valori piuttosto
alti di risonanza e l’uso delle manopole CUTOFF, EG INT o EG TIME è
possibile riprodurre il "miagolio" tipico dei vecchi sintetizzatori analogici.
Con determinate frequenze di taglio o pitch, valori alti di risonanza
potrebbero causare la distorsione del suono.

31
DRIVE ............................................................................ 0...127
Controllo che gestisce la quantità di distorsione introdotta dal filtro.
L’impostazione congiunta di questo parametro e della frequenza di taglio/
risonanza del filtro permette di creare degli armonici non presenti nella
forma d’onda originale.

TYPE .................................................... LPF, HPF, BPF, BPF+


Seleziona il tipo di filtro.
LPF (Low Pass Filter / Filtro Passa-Bassi): Filtro che consente il taglio delle
frequenze al di sopra di quella selezionata. Utilizzabile per rendere
il suono più cupo o morbido.
HPF (High Pass Filter / Filtro Passa-Alti): Tipo di filtro che elimina le frequenze
al di sotto di quella selezionata, in maniera da rendere il suono più
chiaro e brillante.
BPF (Band Pass Filter / Filtro Passa-Banda): Filtro che consente di escludere
tutte le frequenze al di sotto o al di sopra della regione intorno alla
frequenza di taglio.
BPF+ (Band Pass Filter Plus / Filtro Passa-Banda Plus): Filtro che permette di
aggiungere alla forma d’onda originale la regione timbrica intorno
alla frequenza di taglio (cioè quella del filtro Passa-Banda).

Parametri della Parte Common


EG TIME ........................................................................ 0...127
Specifica il tempo di decadimento per l’EG.
Per essere efficace, AMP EG deve essere impostato su “ ”, e l’EG INT
del filtro regolato su valori diversi da 0.

GLIDE ............................................................................ 0...127


La funzione “Glide” (nota anche come “portamento”) permette di ottenere
un graduale passaggio d’intonazione da una nota all’altra (con un singolo
evento di trigger) quando la durata del tempo di Gate della nota che pre-
cede si sovrappone a quella che segue.
A maggior valore corrisponde un più lento passaggio tra le due intonazioni.
Il tempo impiegato al raggiungimento dell’intonazione di destinazione
è sincronizzato al tempo del pattern.
L’effetto Glide non è disponibile quando il tasto ROLL è acceso.

PAN .......................................................................... L63...R63


LEVEL ...........................................................................0...127
AMP EG ........................................................................... , Note on Note off
Imposta la modalità operativa dell’amp EG.
: Il volume del suono decade gradualmente fino a zero in base al
tempo specificato per “EG TIME.” Note on Note off
: Impedisce all’EG di influenzare il volume.

ROLL ........................................................................... On, Off


Funzione identica a quella delle Parti Drum ( p.30).
L’effetto di Roll è applicato fin tanto che si mantiene premuto il tasto Step
(a condizione che la funzione Keyboard risulti attivata).

FX SELECT ...................................................... FX1, FX2, FX3


FX SEND ..................................................................... On, Off
Funzioni identiche a quelle delle Parti Drum ( p.30).
La mancata attuazione delle variazioni apportate mediante l’uso di
tasti e manopole di editing potrebbe essere causata dalla non validità
dei suddetti controlli per la Parte, oppure dall’operatività della Mo-
tion Sequence ( p.58 “Motion sequence”).

32
4. Modalità Pattern
Modulation
Parametri utilizzabili per la creazione di variazioni temporali, come ad
esempio LFO ed EG.

SPEED .......................................................................... 0...127


DEPTH ...................................................................... -63...+63
TYPE .......................................................................................
DEST PITCH, AMP, PAN, OSC EDIT1, OSC EDIT2, CUTOFF
Consultare le sezioni analoghe per la Parte Drum ( p.30).

BPM SYNC .................................................................. On, Off


Abilitando questa funzione è possibile sincronizzare la velocità dell’effetto
di modulazione al tempo.
La mancata attuazione delle variazioni apportate mediante l’uso di
tasti e manopole di editing potrebbe essere causata dalla non validità
dei suddetti controlli per la Parte, oppure dall’operatività della Mo-
tion Sequence ( p.58 “Motion sequence”).

Regolare il pitch di una Parte Synth


SYNTH TUNE ............................................................ -50...+50
Con questo parametro è possibile modificare il pitch (intonazione) della
Parte Synth in unità di cent. L’impostazione può rendersi necessaria qualora
si desideri produrre un certo ‘sfalsamento’ di due suoni usati in layer (cioè
sovrapposti). Il valore standard corrisponde a +00 (A=440 Hz).
Per impostare il pitch generale dell’intera EMX-1, utilizzare il parametro
Master Tune della modalità Global.
1. Premere ed accendere il tasto PART EDIT.
2. Utilizzare i tasti cursore [ ]/[ ] fino a far apparire sul display l’indicazione
“SynTune”.
3. Premere ed accendere il tasto della Parte Synth della quale si desidera
modificare l’intonazione.
4. Accendere il tasto KEYBOARD, e premere i tasti Step per ascoltare i suoni
mentre si effettua la regolazione.

33
Elenco Oscillatori
OSC EDIT1: Waveform ................................ 0...127
Controllo che permette di modificare la forma d’onda
sonora. Le variazioni sono applicate allo stesso modo
sia all’oscillatore 1, sia al 2.
SAW
WAVE FORM (Wave form)
Algoritmo composto da due oscillatori, le cui forme d’onda possono OSC EDIT1=0 OSC EDIT1=63 OSC EDIT1=127
PULSE
essere modificate in tempo reale. Usando la manopola OSC EDIT2
è possibile regolare il pitch dell’oscillatore 2 (relativamente all’intonazione OSC EDIT1=0 OSC EDIT1=63 OSC EDIT1=126

dell’oscillatore 1), in maniera da produrre leggeri sfalsamenti di pitch TRIANGLE

o raddoppi di ottava.
OSC EDIT1=0 OSC EDIT1=63 OSC EDIT1=127
SINE

Waveform
OSC EDIT1=0 OSC EDIT1=63 OSC EDIT1=127
OSC1
OSC EDIT2: OSC2Ptch ............................ -63...+63
Regola il pitch (intonazione) dell’oscillatore 2. Con un valore
OSC2 di ±63 si ottiene una trasposizione pari a ±2 ottave, mentre con
OSC2Pitch
47 una differenza di ±1 ottava. Per valori intorno allo 0, l’unico
suono in uscita corrisponderà all’oscillatore 1.

WAVE ....................................... Saw, Pulse, Tri, Sin


Seleziona la forma d’onda di base per gli oscillatori 1 e 2. DUAL OSC (Dual oscillator)
Saw: Forma d’onda a dente di sega, riconducibile
Tipo di algoritmo fornito di due oscillatori che inviano all’uscita forme
ai synth analogici del passato. Utilizzabile per
d’onda di base. Le due onde possono essere scelte tra quelle disponibili
la creazione di sonorità di basso e lead synth.
e combinate in diversi modi.
Regolando il valore di OSC EDIT1 è possibile
modificare l’onda come illustrato nella figura
a lato. Un valore pari a 0 produce un’onda a OSC Balance
dente di sega standard; con 127 si ottiene
invece un’onda quadra.
Pulse: Tipo di onda ad impulsi, molto usata nella OSC1
musica elettronica. Il controllo OSC EDIT1
gestisce in questo caso l’ampiezza
dell’impulso. Un valore pari a 0 genera OSC2Pitch OSC2
un’onda quadra standard, mentre
incrementando l’impostazione è possibile
decrementare l’ampiezza degli impulsi e
simulare un timbro di tipo ‘clavi’. Con un WAVE .......................................................................
valore di 127 l’ampiezza degli impulsi è pari venti combinazioni di Osc1 (Saw, Squ, Tri, Sin) +
a zero (nessun suono). Selezionando un’onda Osc2 (Saw, Squ, Tri, Sin, Ns [=Noise])
triangolare come Modulation type ed
OSC EDIT1: OSCBlnce ............................... 0...127
applicando la modulazione ad OSC EDIT 1,
Imposta il bilanciamento di volume tra l’oscillatore 1 ed il 2.
si può produrre l’effetto PWM (Pulse Width
Un valore di 0 invia all’uscita il solo oscillatore 1; uno di 127 il
Modulation), e rendere il suono più profondo.
solo oscillatore 2.
Tri: Onda triangolare con una fondamentale
piuttosto forte e con meno armonici di una ad OSC EDIT2: OSC2Ptch ............................ -63...+63
impulsi o a dente di sega. Ideale per bassi Regola il pitch (intonazione) dell’oscillatore 2. Con un valore
corposi o suoni arpeggiati. Un valore pari a 0 di ±63 si ottiene una trasposizione pari a ±2 ottave, mentre con
genera un’onda triangolare standard, mentre 47 una differenza di ±1 ottava. Con un valore pari a 0, il pitch
con 127 si ottiene un’onda di un’ottava ed una dell’oscillatore 2 corrisponderà a quello dell’oscillatore 1.
quinta sopra.
Sin: Onda sinusoidale contenente la sola
fondamentale e senza armonici, capace di
generare un timbro estremamente morbido per
il quale può risultare difficile apprezzare le
variazioni apportate dal filtro. Con un valore
pari a 0 si ottiene una forma d’onda
sinusoidale di base.

34
4. Modalità Pattern
CHORD OSC (Chord oscillator) OSC EDIT1: Detune ..................................... 0...127
Consente di ‘sfalsare’ l’intonazione di ciascun oscillatore rispetto
Algoritmo fornito di ben quattro oscillatori che inviano all’uscita le
agli altri. Valori alti del parametro permettono di ottenere
forme d’onda di base, e che consente di riprodurre da una singola nota
sonorità estremamente corpose.
un accordo come specificato con il controllo OSC EDIT1.
In questo algoritmo, anche con un valore di Detune
Nome accordo
OSC1 pari a 0, il pitch dei sei oscillatori non è mai
perfettamente identico.

OSC EDIT2: OSC1 Ptch ........................... -63...+63


OSC2
Pitch Regola il pitch (intonazione) dell’oscillatore 1. Con un valore
Calculator di ±63 si ottiene una trasposizione pari a ±2 ottave, mentre con
OSC3 47 una differenza di ±1 ottava. Con un valore pari a 0, il pitch
dell’oscillatore 1 corrisponderà a quello degli altri cinque.

Voicing accordo OSC4


3 o 4 voci
RING MOD (Ring modulator)
WAVE .................................... Saw, Square, Tri, Sin Tipo di oscillatore che crea gli armonici con la somma e la differenza
Seleziona la forma d’onda di base usata da tutti e quattro gli di due forme d’onda differenti. Ideale per la produzione di effetti di
oscillatori. risonanza metallici.

OSC EDIT1: ChordNam .......................................... OSC1 Wave


Major, 6th, 7th, M7, m7 (bb5), minor, m6, m7, mMaj7,
dim, dim7, m7(bb5), aug, aug7, sus4, sus7
OSC2 Wave
Imposta il tipo di accordo.

OSC EDIT2: Voicing ..................................... -3...+3 OSC Balance


Specifica il voicing dell’accordo.

OSC1
UNISON OSC (Unison oscillator)
Algoritmo composto da sei oscillatori che inviano all’uscita forme RING
ModPitch OSC2
d’onda di base, e che consente di creare sonorità notevolmente corpose MOD
suonando una singola nota. Il controllo OSC EDIT1 in questo caso
WAVE .......................................................................
gestisce il pitch di un oscillatore indipendentemente dall’intonazione
degli altri cinque.
venti combinazioni di oscillator 1 (Saw, Squ, Tri,
Sin) + oscillator 2 (Saw, Squ, Tri, Sin, Ns [=Noise])
OSC1 Pitch OSC1 OSC EDIT1: ModDepth ............................... 0...127
Imposta il bilanciamento di volume tra l’oscillatore 1 e l’effetto
di ring modulation. Un valore pari a 0 invia all’uscita il suono
OSC2
del solo oscillatore 1; 127 il solo effetto di ring modulation.

OSC EDIT2: ModPitch .............................. -63...+63


OSC3
Imposta il pitch dell’oscillatore 2 (cioè del modulatore). Con
un valore di ±63 si ottiene una trasposizione pari a ±2 ottave,
Unison Detune OSC4 mentre con 47 una differenza di ±1 ottava. Con un valore pari a
0, il pitch dell’oscillatore 2 corrisponderà a quello dell’oscillatore
1.
OSC5

OSC6

WAVE3Saw-6Saw, 3Squ-6Squ, 3Tri-6Tri, 3Sin-6Sin


Seleziona la forma d’onda di base per i sei oscillatori
dell’algoritmo e contemporaneamente il numero di oscillatori
da riprodurre.

35
OSC SYNC (Oscillator sync) VPM OSC (VPM oscillator)
Algoritmo con il quale è possibile forzare il reset della fase della forma L’algoritmo VPM (Variable Phase Modulation) utilizza l’uscita
d’onda assegnata all’oscillatore 2 (“slave”) in base alla frequenza dell’oscillatore 2 (il “modulatore”) per modulare la fase dell’oscillatore
dell’oscillatore 1 (“master”), in maniera da produrre nuovi armonici. 1 (il “carrier”), in modo da produrre armonici dal timbro metallico.
WAVE = Tri
Mod Depth
ModPitch = 0

Mod OSC2 OSC1


VPM
Harmonic
ModPitch = 8

WAVE ......................................... Saw, Squ, Tri, Sin


ModPitch = 47 Seleziona la forma d’onda di base per l’oscillatore 1 (il “car-
rier”).

OSC EDIT1: ModDepth ............................... 0...127


OSC1 Imposta l’intensità dell’effetto VPM.

Phase OSC Edit2: ModHarm ........................ 00.25...32.00


Reset Specifica il pitch dell’oscillatore 2 (il “modulatore”) come
Waveform multiplo armonico dell’oscillatore 1.
OSC2
Mod Pitch

WS (Wave shaping)
WAVE ....................................... Saw, Pulse, Tri, Sin
La Wave shaping genera forme d’onda complesse mixando due oscillatori
Seleziona la forma d’onda di base per l’oscillatore 2.
ed inviando il risultato ad un wave shaper (trasformatore non-lineare).
OSC EDIT1: WaveForm ............................... 0...127
Permette di modificare la forma dell’onda assegnata
Waveshape
all’oscillatore 2. Le variazioni sono del tutto identiche a quelle
descritte per l’algoritmo Wave Form.
OSC1
OSC EDIT2: ModPitch ................................. 0...127
WAVESHAPE
Imposta il pitch dell’oscillatore 2 (la forma d’onda ‘slave’). Un
valore di 31 rappresenta l’ottava superiore, 63 due ottave sopra, OSC2Pitch OSC2
95 tre ottave sopra e 127 quattro ottave sopra.

CROSS MOD (Cross modulation) WAVE ................................................. Type1, Type2


Alterna il tipo di effetto wave shaping.
Tipo di algoritmo che sfrutta l’uscita dell’oscillatore 2 (il “modulatore”)
per modulare la frequenza dell’oscillatore 1 (il “carrier”), in modo OSC EDIT1: WavShape ............................... 0...127
da ottenere una struttura di armonici alquanto complessa. Determina l’intensità dell’effetto wave shaping.

Mod Depth
OSC EDIT2: OSC2Ptch ............................ -63...+63
Imposta il pitch dell’oscillatore 2. Con un valore di ±63 si
ottiene una trasposizione pari a ±2 ottave, mentre con 47 una
CROSS
Mod Pitch OSC2 OSC1 differenza di ±1 ottava. Con un valore pari a 0, il pitch
MOD
dell’oscillatore 2 corrisponderà a quello dell’oscillatore 1.

WAVE .......................................................................
venti combinazioni di oscillator 1 (Saw, Squ, Tri,
Sin) + oscillator 2 (Saw, Squ, Tri, Sin, Ns [=Noise])
OSC EDIT1: ModDepth ............................... 0...127
Regola l’intensità di cross modulation.

OSC EDIT2: ModPitch .............................. -63...+63


Imposta il pitch dell’oscillatore 2 (cioè del modulatore). Con
un valore di ±63 si ottiene una trasposizione pari a ±2 ottave,
mentre con 47 una differenza di ±1 ottava. Con un valore pari a
0, il pitch dell’oscillatore 2 corrisponderà a quello dell’oscillatore
1.

36
4. Modalità Pattern
ADDITIVE OSC (Additive oscillator) FORMANT OSC (Formant oscillator)
Algoritmo che genera la forma d’onda sommando tre oscillatori. Ideale Algoritmo con il quale è possibile riprodurre sonorità tipiche del timbro
per la creazione di suoni di organo o campana. vocale umano. Spostando l’ampiezza della frequenza formante (OSC
EDIT1) si possono alternare le varie vocali.

OSC1 Formant Width Formant


OSC
Formant Shift
OSC2
OSC2
Harmonics
WAVE .................................................. --- (nessuna)
OSC3 OSC3
Harmonics OSC EDIT1: Formant ................................... 0...127
Controlla la differenza di frequenza tra le due formanti, in
maniera da simulare il comportamento della bocca in base al
WAVE ......................................... Saw, Squ, Tri, Sin tipo di vocale emessa.
Seleziona la forma d’onda di base.
OSC EDIT2: Offset .................................... -63...+63
OSC EDIT1: OSC2Harm .................... 00.25...32.00 Sposta il pitch della frequenza formante verso i toni gravi o
Specifica il pitch dell’oscillatore 2 come multiplo armonico acuti.
dell’oscillatore 1.

OSC EDIT2: OSC3Harm .................... 00.25...32.00


Determina il pitch dell’oscillatore 3 come multiplo armonico
NOISE OSC (Noise oscillator)
dell’oscillatore 1. Algoritmo contenente un noise generator interno e dei filtri, che
permettono di riprodurre una vasta gamma di rumori. Dato che i filtri
sono in grado di interagire con la risonanza, è possibile in questo caso
COMB OSC (Comb oscillator) creare anche suoni distinti da un pitch ben definito.

Algoritmo contenente un comb filter interno (filtro ‘a pettine’) che


permette la modifica del timbro della forma d’onda di base. Utilizzando Noise Color
l’LFO per modulare la frequenza (OSC EDIT2) del filtro è possibile
ottenere un effetto simile al flanger.
LowPass
Filter
Noise
Rate
Generator
Livello N˚ Nota + Comb Pitch HighPass
Filter

Feedback
WAVE .................................................. --- (nessuna)
OSC EDIT1: Rate ......................................... 0...127
Frequenza
Imposta il carattere del rumore sorgente (cioè la velocità del
ciclo casuale). Incrementando il valore del parametro è possibile
rallentare il timing in base al quale generare il rumore.
WAVE .............................. Saw, Squ, Tri, Sin, Noise
OSC EDIT2: Color ..................................... -63...+63
Seleziona la forma d’onda di base per l’oscillatore.
Imposta il bilanciamento del mix tra il filtro LPF (Low Pass
OSC EDIT1: Feedback ................................ 0...127 Filter - filtro passa-bassi) e quello HPF (High Pass Filter - filtro
Parametro che determina la quantità del segnale di feedback da passa-alti), entrambi collocati dopo il noise generator. Con un
reintrodurre nel comb filter. Incrementando il valore, il filtro valore pari a -63 si attiva il solo filtro LPF; con +63 il solo filtro
amplifica gli armonici in base ai multipli della frequenza HPF.
specificata con il controllo OSC EDIT2.

OSC EDIT2: CombPtch ............................... 0...127


Imposta la frequenza che corrisponde all’asse del comb filter.
Un valore pari a 0 corrisponde al pitch di base; 31 all’ottava
superiore, 63 a due ottave sopra, 95 a tre ottave sopra e 127 a
quattro ottave sopra.

37
Synth 66~72). Per alcune locazioni di transizione
PCM OSC+COMB tra accordi, il pitch di queste Parti potrebbe
(PCM oscillator + comb filter) risultare discontinuo. Da notare, inoltre, che la
modifica del valore di Transpose ( p.24) o di
Con questo algoritmo è possibile utilizzare una delle 76 forme d’onda
Note Offset della modalità Song ( p.69) potrebbe
PCM campionate (strumenti acustici, accordi etc.) come oscillatore.
variare l’accordo o l’ottava rispetto a quanto
Il suono è quindi inviato all’uscita previo passaggio all’interno di un
specificato durante la creazione del pattern.
comb filter (filtro ‘a pettine’).

Comb Pitch
AUDIO IN+COMB
(Audio in + comb filter)
PCM OSC Comb Filter Tipo di algoritmo nel quale il segnale audio esterno in ingresso nell’EMX-
1 è usato come oscillatore. Il suono è ulteriormente elaborato con un
comb filter (filtro ‘a pettine’).

Feedback
Comb Pitch

WAVE .......................................................... 001...76 Audio Input Comb Filter


Seleziona la forma d’onda PCM. Per conoscere i campioni
disponibili, consultare la tabella a p.39.

OSC EDIT1: Feedback ................................ 0...127


Feedback
Parametro che determina la quantità del segnale di feedback da
reintrodurre nel comb filter. Incrementando il valore, il filtro
amplifica gli armonici in base ai multipli della frequenza
specificata con il controllo OSC EDIT2. WAVE .................................................. --- (nessuna)

OSC EDIT2: CombPtch ............................... 0...127 OSC EDIT1: Feedback ................................ 0...127
Imposta la frequenza che corrisponde all’asse del comb filter. Parametro che determina la quantità del segnale di feedback da
Un valore pari a 0 corrisponde al pitch di base; 31 all’ottava reintrodurre nel comb filter. Incrementando il valore, il filtro
superiore, 63 a due ottave sopra, 95 a tre ottave sopra e 127 a amplifica gli armonici in base ai multipli della frequenza
quattro ottave sopra. specificata con il controllo OSC EDIT2.

OSC EDIT2: CombPtch ............................... 0...127


Imposta la frequenza che rappresenta l’asse del comb filter (filtro
PCM OSC+WS ‘a pettine’).
(PCM oscillator + wave shape)
Oscillatore che applica un effetto di wave shaping ad una forma d’onda
PCM.

Waveshape Waveshape
Depth Character

PCM OSC Waveshape

WAVE .......................................................... 001...76


Seleziona la forma d’onda PCM. Per conoscere i campioni
disponibili, consultare la tabella a p.39.

OSC EDIT1: WavShape ............................... 0...127


Regola l’intensità dell’effetto di wave shaping.

OSC EDIT2: Charactr .................................. 0...127


Determina il carattere timbrico dell’effetto di wave shaping.
Alcune Parti Synth sono costituite da accordi
campionanti. Di queste, diverse prevedono
l’arrangiamento di più accordi su tutta la tastiera
come una singola wave (“chord split”; es.:Parti

38
4. Modalità Pattern

Elenco Drum PCM


N° Nome Categoria N° Nome Categoria N° Nome Categoria
1 BD-Dark Kick 70 SD-Brk1 139 Bng-Slap
2 BD-99 1 71 SD-Brk2 140 Bng-Lo1
3 BD-99 2 72 SD-Brk3 141 Bng-Lo2
4 BD-Syn1 73 SD-Brk4 142 Cng-Hi1
5 BD-Syn2 74 SD-D&B 143 Cng-Hi2
6 BD-Syn3 75 SD-Clap1 144 Cng-HiMt
7 BD-Syn4 76 SD-Clap2 145 Cng-Lo1
8 BD-Syn5 77 SD-R&B1 146 Cng-Lo2
9 BD-Syn6 78 SD-R&B2 147 Cng-LoMt
10 BD-Syn7 79 SD-R&B3 148 Cng-LynH
11 BD-Syn8 80 SD-R&B4 149 Cng-LynL
12 BD-Syn9 81 SD-R&B5 150 Timb-Hi1
13 BD-Syn10 82 RM-Ambi1 Rim 151 Timb-Hi2
14 BD-Dist1 83 RM-Ambi2 152 Timb-Lo1
15 BD-Dist2 84 RM-Dry 153 Timb-Lo2
16 BD-Dist3 85 RM-DDD 154 Timb-Rim
17 BD-Dist4 86 RM-Lynn 155 Claves
18 BD-Dist5 87 RM-88 156 Cowbell
19 BD-Dist6 88 Clp-99 1 Clap 157 ChaChaBl
20 BD-Dist7 89 Clp-99 2 158 MamboBel
21 BD-Squas 90 Clp-88 1 159 Agogo
22 BD-88 1 91 Clp-88 2 160 Triangle
23 BD-88 2 92 Clp-Nois 161 Tambouri
24 BD-Digi 93 Clp-R&B1 162 Junk1
25 BD-DDD1 94 Clp-R&B2 163 Junk2
26 BD-DDD2 95 HH-99 1C Hi Hat 164 SleighBl
27 BD-Lynn 96 HH-99 1O 165 Shaker1
28 BD-Dry1 97 HH-99 2C 166 Shaker2
29 BD-Dry2 98 HH-99 2H 167 Cabasa1
30 BD-Dry3 99 HH-99 2O 168 Cabasa2
31 BD-Dry4 100 HH-99 3C 169 Cabasa3
32 BD-Soft 101 HH-99 3O 170 Guiro-S
33 BD-Hip 102 HH-88 C 171 Guiro-L
34 BD-R&B 103 HH-88 O 172 Wbl-DDDH
35 BD-Jazz 104 HH-Syn1C 173 Wbl-DDDL
36 BD-Break 105 HH-Syn1H 174 Whistle
37 BD-Ambi 106 HH-Syn1O 175 Baya-Ghe
38 BD-Def 107 HH-Syn2C 176 Baya-Mt1
39 BD-D&B1 108 HH-Syn2O 177 Baya-Mt2
40 BD-D&B2 109 HH-Syn3C 178 Tbla-Na
41 BigBreak 110 HH-Syn3O 179 Tbla-Tin
42 SD-99 1 Snare 111 HH-Nrm1C 180 Tbla-Mt1
43 SD-99 2 112 HH-Nrm1O 181 Tbla-Mt2
44 SD-99 3 113 HH-Nrm2C 182 Djmb-1a
45 SD-99 4 114 HH-Nrm2O 183 Djmb-1b
46 SD-99 5 115 HH-CrspC 184 Djmb-1c
47 SD-88 1 116 HH-CrspO 185 Djmb-2a
48 SD-88 2 117 HH-OldC 186 Djmb-2b
49 SD-88 3 118 HH-OldO 187 Djmb-2c
50 SD-Syn1 119 HH-LynnC 188 Udu
51 SD-Syn2 120 HH-LynnO 189 Taiko-Op
52 SD-77 121 Rid-99 1 Ride Cymbal 190 Taiko-Rm
53 SD-Lynn 122 Rid-99 2 191 Tsuzumi
54 SD-Disco 123 Rid-KPR 192 GtrWah Synth Perc
55 SD-Dry1 124 Rid-Edg1 193 Zap1
56 SD-Dry2 125 Rid-Edg2 194 Zap2
57 SD-Dry3 126 Rid-Jazz 195 SynPerc1
58 SD-Dry4 127 Crs-99 1 Crash Cymbal 196 SynPerc2
59 SD-Dry5 128 Crs-99 2 197 SynPerc3
60 SD-Dry6 129 Crs-Norm 198 SynPerc4
61 SD-Ambi1 130 Crs-Spls 199 SynPerc5
62 SD-Ambi2 131 Tom-99 Tom 200 SynPerc6
63 SD-Ambi3 132 Tom-88 201 Rev-BD Reverse
64 SD-Picl1 133 Tom-Simm 202 Rev-SD1
65 SD-Picl2 134 Tom-NrmH 203 Rev-SD2
66 SD-Picl3 135 Tom-NrmL 204 Rev-Crsh
67 SD-Bras1 136 Tom-NrmF 205 Scratch1 Scratch
68 SD-Bras2 137 Tom-Jazz 206 Scratch2
69 SD-Crckl 138 Bng-Hi Percussions 207 Scratch3

39
Elenco Synth PCM
N° Nome Categoria N° Nome Categoria
1 Piano Keyboard 66 CH-Piano Chord Set
2 E.Piano (Maj,min,Maj7,min7)
3 Clav 67 CH-M1Pia Chord Set
4 M1-Organ (Maj,min,Maj7,min7)
5 Organ 68 CH-EPian Chord Set
6 Marimba Mallet (Maj,min,Maj7,min7)
7 Vibe 69 CH-Organ Chord Set
8 Cymbell (Maj,min,Maj7,min7)
9 Flute Woodwind 70 CH-Strgs Chord Set
10 AltoSax (Maj,min,Maj7,min7)
11 M1-T.Sax 71 CH-Gtr1 Chord Set
12 Trumpet Brass (min,sus47,min7)
13 MuteTp 72 CH-Gtr2 Chord Set
14 BrassEns (min,min,sus4,Oct)
15 VoiceAh Choir 73 DR-BDs D r u m Set
16 M1-Choir (001–041)
17 VoiceWav 74 DR-SDs Drum Set
18 Violin String (042–094)
19 Strings 75 DR-CymTm Drum Set
20 Pizzicat (095–137)
21 F.Guitar Guitar 76 DR-Percs Drum Set
22 A.Guitar (138–207)
23 MuteGtr
24 FunkGtr
25 Sitar
26 A.Bass Bass
27 E.Bass
28 M1-Bass
29 PickBass
30 SlapBass
31 FMBass Synth Wave
32 88Bass
33 BoostSaw
34 SawSqMix
35 HPFSaw
36 OctBass1
37 OctBass2
38 Saw5th
39 Squ5th
40 SynSin1
41 SynSin2
42 SynSin3
43 SynSin4
44 SynSin5
45 SynWire1
46 SynWire2
47 Digi1
48 Digi2
49 Digi3
50 Digi4
51 SynVox1
52 SynVox2
53 Endless
54 Syn-FX1 Motion
55 Syn-FX2
56 OrchHit Hit
57 BandHit1
58 BandHit2
59 DiscoHit
60 RaveHit1
61 RaveHit2
62 RaveHit3
63 RaveHit4
64 RaveHit5
65 RaveHit6

40
4. Modalità Pattern

Effetti
Usare gli effetti
L’EMX-1 è provvisto di tre distinti processori di effetti. Per ciascun pattern è possibile
usare in contemporanea fino a tre tipi di effetti. Il suono di ogni Parte può essere ruotato
ad uno qualsiasi dei tre processori di effetti, quest’ultimi collegabili in serie con diverse
combinazioni per una più complessa elaborazione del segnale audio.

Applicare un effetto
1. Avviare la riproduzione oppure, nel caso in cui si stia modificando una
Parte Synth, premere ed accendere il tasto KEYBOARD in maniera da
poter riprodurre il suono.
2. Premere il tasto della Parte Drum o Synth per selezionare la Parte alla
quale si desidera applicare l’effetto.
3. Nella sezione Edit/Part common, premere il tasto FX SELECT per scegliere
il processore di effetti da usare. Premere ed accendere il tasto FX SEND
per ruotare il suono della Parte al processore di effetti scelto.
4. Nella sezione Edit, premere il tasto FX CHAIN per selezionare il tipo di
collegamento seriale tra i processori di effetti.

Lo status on/off degli effetti può essere impostato individualmente


per ciascuna Parte. Da notare tuttavia che, ruotando due o più Parti
al medesimo effetto, non sarà possibile regolare lo stesso con di-
verse impostazioni dei parametri.

Editing di un effetto
EDIT SELECT .........................................................................
Tasto che permette la selezione del processore di effetti oggetto di editing.

EFFECT TYPE ........................................................................


Manopola che consente l’assegnazione di uno dei 16 tipi di effetti al
processore di effetti selezionato.

FX EDIT1 .................................................................................
Determina il carattere dell’effetto applicato. Il risultato finale dipende dal
tipo di effetto selezionato.

FX EDIT2 .................................................................................
Specifica il carattere dell’effetto applicato. Il risultato finale dipende dal
tipo di effetto selezionato.

FX CHAIN ................................................................................
Tasto che determina la connessione seriale dei tre processori di effetti. Ad
ogni pressione corrisponde un diverso status di routing, segnalato
dall’accensione del relativo LED.
1. Nella sezione Edit, premere il tasto EDIT SELECT per selezionare il
processore di effetti che si intende utilizzare.
2. Ruotare il selettore di effetti per scegliere il tipo di effetto da usare.
3. Utilizzare i tasti e le manopole della sezione Effect per apportare le modifiche
desiderate all’effetto selezionato. L’accensione dell’icona ORIG. VALUE
sul display segnala un valore del parametro (posizione delle manopole o
status dei tasti) identico a quello salvato in memoria .
Se si desidera salvare il pattern con tutte le variazioni apportate agli effetti
assegnati, premere il tasto WRITE/RENAME ( p.64 “Salvare il pattern”).
La funzionalità dei controlli può variare in base al tipo di effetto
selezionato (p.43 “Parametri degli effetti”).

41
Se necessario, disabilitare la Motion Sequence nel caso in cui questa
impedisca il corretto editing dei parametri dell’effetto ( p.58 “Mo-
tion sequence”).

Tipi di effetti
Gli effetti dell’EMX-1 possono essere classificati in tre categorie:

1. Stereo
Gruppo che include: CHO/FLG, PHASER, RING MOD, COMPRESSOR,
DECIMATOR, EQ, LPF, HPF
Per alcuni di questi effetti è possibile impostare il livello del suono diretto.

INPUT L OUTPUT L

FX
FX

INPUT R OUTPUT R

2. Mono mix
Gruppo che include: REVERB, MOD DELAY, GRAIN SHIFTER, TALK-
ING MOD, PITCH SHIFTER, DISTORTION
Per alcuni di questi effetti è possibile impostare il livello del suono diretto.

INPUT L OUTPUT L

FX

INPUT R OUTPUT R

3. Stereo cross
Categoria che include: BPM SYNC DELAY, SHORT DELAY

INPUT L OUTPUT L

FX
FX

INPUT R OUTPUT R

42
4. Modalità Pattern

Parametri degli effetti


stiano riproducendo la stessa parte all’unisono.

FX EDIT2: Depth .......................................... 0...127


Determina l’intensità del delay e la quantità di feedback.
Ruotando la manopola verso destra è possibile incrementare la

REVERB (Reverb) profondità dell’effetto di delay ed il feedback.


Valori estremi del presente parametro, in
Effetto che simula il riverbero e l’ambiente tipici di una hall. combinazione con altre impostazioni o determi-
FX EDIT1: Time ............................................ 0...127 nate sorgenti sonore, potrebbero causare la
Specifica il tempo di riverberazione. Ruotando la manopola distorsione del segnale (Clip). Lo stesso dicasi
verso destra è possibile incrementare il senso di spazialità. per valori di Time troppo bassi.

FX EDIT2: Level ........................................... 0...127


Stabilisce il livello del riverbero. Ruotando la manopola verso MOD DELAY (Modulation delay)
destra è possibile incrementare l’intensità dell’effetto. Tipo di delay che aggiunge un effetto di chorus mediante l’utilizzo
Con tempi di riverbero lunghi, alcuni suoni in di un LFO (oscillatore a bassa frequenza) per lo sweep del tempo di
ingresso o determinate impostazioni di livello delay, quest’ultimo sincronizzato al tempo in BPM.
potrebbero causare la distorsione del segnale.
FX EDIT1: Time ........................................ 1/64...1/1
Parametro che consente l’impostazione del tempo di delay
BPM SYNC DELAY(BPM sync delay) sincronizzato alla velocità in BPM, in base a valori di nota.
Tipo di cross delay sincronizzato al BPM. Ruotando la manopola verso destra si determina un incremento
del tempo di delay. L’intervallo di valori disponibili va da 1/64
FX EDIT1: Time ........................................ 1/64...1/1 di nota ad una nota intera.
Parametro che consente l’impostazione del tempo di delay
sincronizzato alla velocità in BPM, in base a valori di nota.
FX EDIT2: Depth .......................................... 0...127
Ruotando la manopola verso destra è possibile incrementare il Regola l’intensità del delay e la quantità di feedback. Ruotando la
tempo di delay. L’intervallo di valori disponibili va da 1/64 di manopola verso destra è possibile aumentare il livello del suono
nota ad una nota intera. elaborato e contemporaneamente la quantità di feedback.
L’uso del controllo TIME o la variazione del valore
FX EDIT2: Depth .......................................... 0...127 di BPM durante la riproduzione del suono potrebbe
Regola l’intensità del delay e la quantità di feedback. Ruotando la causare la scomparsa dell’effetto di feedback.
manopola verso destra è possibile aumentare il livello del suono Per certe impostazioni di tempo, valori elevati del
elaborato e contemporaneamente la quantità di feedback. tempo di delay potrebbero non essere applicabili.
Per incrementare il senso di spazialità, ruotare il Pan di ciascuna In questo caso, il tempo di delay sarà
Parte completamente a sinistra o destra nel panorama stereo. automaticamente dimezzato (anche più volte) fino
L’uso del controllo TIME o la variazione del valore al raggiungimento di un valore compatibile.
di BPM durante la riproduzione del suono potrebbe Per certe impostazioni di tempo, alcuni valori brevi
causare la scomparsa dell’effetto di feedback. del tempo di delay potrebbero non essere
Per alcune impostazioni di tempo, valori elevati applicabili. In questo caso, il tempo di delay sarà
del tempo di delay potrebbero non essere automaticamente raddoppiato (anche più volte)
applicabili. In questo caso, il tempo di delay sarà fino al raggiungimento di un valore compatibile.
automaticamente dimezzato (anche più volte) fino
al raggiungimento di un valore compatibile.
Per certe impostazioni di tempo, alcuni valori brevi GRAIN SHIFTER (Grain shifter)
del tempo di delay potrebbero non essere Effetto che consente di campionare una breve porzione della forma
applicabili. In questo caso, il tempo di delay sarà d’onda sonora per un certo intervallo, e di riprodurre la stessa in loop.
automaticamente raddoppiato (anche più volte) Molto efficace su sorgenti audio dal segnale variabile, come per esempio
fino al raggiungimento di un valore compatibile. quello in ingresso al jack Audio In.
Valori di tempo estremamente bassi potrebbero
causare la distorsione del suono (Clip). Intervallo di campionamento

Tempo di
campionamento
SHORT DELAY (Short delay) Ingresso
Tipo di delay incrociato, distinto da un tempo relativamente breve e audio
non sincronizzato alla velocità in BPM.

FX EDIT1: Time ............................................ 0...127


Parametro che determina il tempo di delay. Uscita audio
Ruotando la manopola verso destra è possibile incrementare il
tempo di delay. Un tempo di delay breve permette di simulare
un effetto di “doubling”, cioè l’impressione che due strumenti

43
FX EDIT1: Speed .......................................... 1...127 Un’impostazione pari a 0 (zero) di Speed
Parametro che permette di stabilire l’intervallo ed il tempo di determina l’uso della corrispondente posizione
campionamento. L’intervallo è sincronizzato ai numeri degli step (fase) da parte dell’LFO. Tale posizione (fase) non
del sequencer; ciò significa che al variare della velocità in BPM può essere salvata in memoria insieme al pattern
corrisponde sempre una variazione della lunghezza degli step, o alla Song. Inoltre, l’accesso al chorus/flanger
così come l’intervallo di campionamento. da un altro tipo di effetto causa sempre il reset
La tabella che segue illustra il rapporto tra l’intervallo di della fase dell’LFO. Ciò significa che se s’imposta
campionamento e la velocità (Speed). il parametro Speed a 0 (zero), e poi si salva il
SPEED Intervallo di campion. (n° di step) pattern o la Song ai quali è stato assegnato
0–1 128 l’effetto, la successiva riproduzione degli stessi
2–5 32 potrebbe differire da quanto previsto.
6–9 16
10–13 12
14–21 8 PHASER (Phaser)
22–25 6
Tipo di effetto che consente di creare un senso di modulazione mediante
26–33 4
la variazione ciclica della fase del suono. Il segnale così ottenuto è
34–37 3
38–41 8/3 successivamente sommato a quello originale.
42–49 2 FX EDIT1: Speed .......................................... 0...127
50–53 4/3
Regola la velocità dell’LFO del phaser. Ruotando la manopola
54–83 1
verso destra si ottiene un incremento della velocità dell’LFO.
84–127 9/10 ... 1/10 (in 21 step)
FX EDIT2: Depth .......................................... 0...127
L’incremento del valore SPEED determina sempre Parametro che stabilisce l’intensità del phaser. Ruotando la
una diminuzione dell’intervallo di campionamento, manopola verso destra è possibile incrementare il senso di
anche nel caso in cui quest’ultimo ricada all’interno modulazione del segnale.
della stessa regione. Per alcuni suoni, un valore eccessivo di DEPTH
Con valori di Speed bassi e la riproduzione con- potrebbe causare la distorsione del segnale.
tinua e ripetuta dell’effetto, lo spettro delle Un’impostazione pari a 0 (zero) di Speed
frequenze acute del segnale è gradualmente determina l’uso della corrispondente posizione
attenuato man mano che l’effetto si protrae nel (fase) da parte dell’LFO. Tale posizione (fase) non
tempo. Questo determina un certo può essere salvata in memoria insieme al pattern
“ammorbidimento” del timbro. o alla Song. Inoltre, l’accesso al chorus/flanger
da un altro tipo di effetto causa sempre il reset
FX EDIT2: Balance ...................................... 0...127
della fase dell’LFO. Ciò significa che se s’imposta
Parametro che specifica il bilanciamento tra il suono elaborato
il parametro Speed a 0 (zero), e poi si salva il
(wet) e quello originale (dry). Ruotando la manopola verso destra
pattern o la Song ai quali è stato assegnato
si ottiene un incremento del segnale elaborato a discapito di
l’effetto, la successiva riproduzione degli stessi
quello originale.
potrebbe differire da quanto previsto.
Con valori di Speed bassi, l’intervallo di
campionamento aumenta. Ciò significa che se si
premono manualmente le note della tastiera etc.
nel momento in cui il campionamento è fermo,
RING MOD (Ring modulator)
non sarà possibile udire alcun suono. Effetto che modula il suono in maniera da enfatizzarne il carattere
metallico.

FX EDIT1: OSCFreq. .................................... 0...127


CHO/FLG (Chorus/flanger) Parametro che consente di specificare la frequenza utilizzata
Il chorus ed il flanger sono effetti che modulano il pitch del suono per la modulazione. Ruotando la manopola verso destra si ottiene
ritardato. Il segnale risultante è quindi sommato a quello originale per un graduale aumento della frequenza selezionata.
la creazione di un suono “rotante” oppure dall’ampia spazialità.
FX EDIT2: Balance ...................................... 0...127
FX EDIT1: Speed .......................................... 0...127 Parametro che specifica il bilanciamento tra il suono elaborato
Parametro che determina il tempo dell’LFO del chorus/flanger. (wet) e quello originale (dry). Ruotando la manopola verso destra
Ruotando la manopola verso destra è possibile aumentare la si ottiene un incremento del segnale elaborato a discapito di
velocità dell’LFO. quello originale.

FX EDIT2: Depth .......................................... 0...127


Determina l’intensità dell’effetto di chorus/flanger. Ruotando
la manopola verso destra si ottiene un graduale passaggio
dall’effetto di chorus a quello di flanger.
Per alcuni suoni, un valore eccessivo di DEPTH
potrebbe causare la distorsione del segnale.

44
4. Modalità Pattern
TALKING MOD (Talking modulator) DECIMATOR (Decimator)
Effetto che aggiunge le formanti vocali al segnale in ingresso. Tipo di effetto che permette di decrementare la frequenza di
campionamento e la risoluzione in bit, in modo da simulare il tipico
FX EDIT1: Formant ...................................... 0...127
effetto di “sgranatura” di solito associato ai campionatori di fascia
Specifica la formante.
economica.
Partendo dalla posizione 0 (zero), la rotazione della manopola
verso destra consente di variare gradualmente la formante FX EDIT1: Freq. ........................................... 0...127
secondo l’ordine [a]-[e]-[i]-[o]-[u]. (Sampling frequency)
Ruotando la manopola verso destra è possibile ottenere un deciso
FX EDIT2: Offset ....................................... -63...+63
decremento della fedeltà sonora (“lo-fi”), dovuto ad una bassa
Parametro che specifica l’intonazione (pitch) della frequenza
frequenza di campionamento. La rotazione verso sinistra pro-
formante.
duce l’effetto contrario.

FX EDIT2: Bit ............................................... 0...127


PITCH SHIFTER (Pitch shifter) (Sample bit depth)
Effetto che consente la modifica dell’intonazione (pitch). Ruotando la manopola verso destra è possibile ottenere un deciso
decremento della fedeltà sonora (“lo-fi”), dovuto ad una bassa
FX EDIT1: Pitch ................................ -2400...+2400 risoluzione in bit. La rotazione verso sinistra produce l’effetto
Parametro che determina la variazione di pitch (in unità di cent). contrario.
Con la manopola in posizione centrale, il suono in ingresso non Con segnali in ingresso dal livello particolarmente
subisce alcuna alterazione. Ruotando invece il comando verso basso potrebbe non essere possibile produrre
sinistra o destra è possibile ottenere, rispettivamente, un alcun suono.
decremento ed un incremento dell’intonazione. L’intervallo
massimo di alterazione corrisponde a ±2 ottave.

FX EDIT2: Balance ...................................... 0...127 EQ (Equalizer)


Parametro che specifica il bilanciamento tra il suono elaborato Equalizzatore che permette di tagliare/enfatizzare le frequenze gravi
(wet) e quello originale (dry). Ruotando la manopola verso destra ed acute dello spettro armonico.
si ottiene un incremento del segnale elaborato a discapito di
FX EDIT1: LowGain .................................. -63...+63
quello originale.
Parametro che permette di tagliare/enfatizzare il livello delle
frequenze gravi. A partire dalla posizione centrale (nessuna
variazione timbrica), la rotazione verso sinistra o destra causa
COMPRESSOR (Compressor) rispettivamente il taglio e l’incremento delle basse frequenze.
Il compressore è un effetto che agisce sulla dinamica del segnale,
incrementando i suoni dal livello basso ed allo stesso tempo limitando FX EDIT2: HighGain ................................. -63...+63
quelli dal livello alto, in maniera da rendere il suono più uniforme e Parametro che permette di tagliare/enfatizzare il livello delle
consistente. Il presente effetto rileva automaticamente la differenza frequenze acute. A partire dalla posizione centrale (nessuna
di dinamica tra i segnali in ingresso nei canali L ed R, ed agisce sul variazione timbrica), la rotazione verso sinistra o destra causa
canale il cui livello risulta più elevato. rispettivamente il taglio e l’incremento delle alte frequenze.
Per alcuni suoni in ingresso, valori alti di guadagno
FX EDIT1: Sens ............................................ 0...127 (Gain) potrebbero causare la distorsione del
(Sensitivity) segnale.
Parametro che determina la sensibilità del compressore.

FX EDIT2: Attack .......................................... 0...127


Parametro che permette l’impostazione della velocità di reazione
LPF (Low Pass Filter)
del compressore. Ruotando la manopola verso destra si ottiene Filtro passa-bassi con risonanza.
un valore di attacco sempre più lento.
FX EDIT1: Cutoff .......................................... 0...127
Parametro che determina la frequenza di taglio del filtro passa-
bassi. Ruotando la manopola verso destra si ottiene l’incremento
DISTORTION (Distortion) della frequenza di taglio.
Effetto che consente di incrementare notevolmente il guadagno del
livello del segnale, in maniera da distorcere il suono e creare una FX EDIT2: Resonance ................................. 0...127
complessa struttura armonica. Consente di specificare l’incremento delle frequenze intorno
alla frequenza di taglio, in maniera da ottenere un carattere
FX EDIT1: Gain ............................................ 0...127 timbrico peculiare. Ruotando la manopola verso destra si ottiene
Specifica il grado di distorsione. Ruotando la manopola verso un effetto di risonanza più marcato.
destra è possibile ottenere sonorità più sature e distorte. Valori alti di risonanza, in combinazione con de-
FX EDIT2: Level ........................................... 0...127 terminate frequenze di taglio e/o tipo di suono in
ingresso, potrebbero causare la distorsione del
Parametro che consente di controllare il livello di uscita del
segnale.
segnale.

45
HPF (High Pass Filter)
Filtro passa-alti con risonanza.

FX EDIT1: Cutoff .......................................... 0...127


Parametro che determina la frequenza di taglio del filtro passa-
alti. Ruotando la manopola verso destra si ottiene l’incremento
della frequenza di taglio.

FX EDIT2: Resonance ................................. 0...127


Parametro che consente di specificare l’incremento delle
frequenze intorno alla frequenza di taglio, in maniera da ottenere
un carattere timbrico peculiare. Ruotando la manopola verso
destra si ottiene un effetto di risonanza più marcato.
Valori alti di risonanza, in combinazione con de-
terminate frequenze di taglio e/o tipo di suono in
ingresso, potrebbero causare la distorsione del
segnale.

46
4. Modalità Pattern

Registrare una frase


L’EMX-1 rende possibile l’assegnazione di un suono synth o ritmico e la registrazione
di una frase per ciascuna Parte.
Per i dettagli su come cancellare gli eventi musicali e ritmici da ciascuna
Parte prima di creare un pattern, fare riferimento al paragrafo “Cancellare
gli eventi di una Parte” ( p.56).

Registrazione Realtime
Tipo di registrazione che consente l’uso dei pad Drum o della funzione
Keyboard per l’incisione degli eventi durante l’ascolto del pattern.

Registrazione Step
Metodo di registrazione alternativo, che permette l’uso dei tasti Step per
l’inserimento degli eventi a pattern fermo. Per ciascun evento (step) è
possibile stabilire a priori l’intonazione (pitch) e la durata.

Registrare una frase durante il


playback (Registrazione Realtime)
La registrazione degli eventi percussivi (con i tasti delle Parti Drum) o melodici (con i
tasti Step e la funzione Keyboard) può essere effettuata in tempo reale con la semplice
pressione dei relativi tasti.
Durante la registrazione è anche possibile usufruire del metronomo. (
p.75 “Impostare il metronomo”).

Registrare una Parte Drum


1. Premere ed accendere il tasto PATTERN.
2. Premere il tasto cursore [ ] fino a visualizzare sul display il “(nome del
pattern).” Ruotare la manopola Dial per selezionare il pattern che si intende WRITE/RENAME
registrare. 2
3. Premere il tasto REC per entrare in pausa di registrazione. Il tasto REC si
1
accende, mentre quello PLAY/PAUSE inizia a lampeggiare.
REC PLAY/PAUSE
4. Premere il tasto PLAY/PAUSE per iniziare la registrazione. Il tasto PLAY/
STOP/CANCEL
rimane acceso.
5. Premere i tasti delle Parti Drum per eseguirne la registrazione. I tasti Step
si accendono per segnalare gli step registrati.
Se si desidera selezionare Parti diverse senza tuttavia effettuarne la
registrazione, tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto della Parte
corrispondente.
SHIFT
6. Dato che il pattern è riprodotto in loop (cioè in modo ripetuto), è possibile
continuare ad aggiungere eventi ad ogni singolo passaggio. Questo a
condizione che il tasto REC rimanga acceso.
7. Dopo aver inciso tutti gli eventi desiderati, premere il tasto STOP/CAN-
CEL per interrompere la registrazione. I tasti REC e PLAY/PAUSE si
spengono.
In alternativa, invece di premere il tasto STOP/CANCEL, premere
nuovamente il tasto REC acceso. Ciò permetterà di interrompere la
registrazione ma di continuare la riproduzione del pattern.
8. Se si desidera nominare e salvare il pattern appena registrato, tenere premuto
il tasto SHIFT e premere il tasto Write ( p.64 “Salvare il pattern”).

47
Registrare una Parte Synth
1. Premere ed accendere il tasto PATTERN.
2. Premere il tasto cursore [ ] fino a visualizzare sul display il “(nome del
pattern)”. Ruotare la manopola Dial per scegliere il pattern che si intende
registrare.
3. Selezionare una delle Parti Synth 1–5, ed accendere il tasto KEYBOARD.
4. Premere il tasto REC per entrare in pausa di registrazione. Il tasto REC si
accende ed il tasto PLAY/PAUSE inizia a lampeggiare.
5. Premere il tasto PLAY/PAUSE per iniziare la registrazione del pattern. Il
tasto PLAY/PAUSE rimane acceso.
6. Utilizzare i tasti Step come la tastiera di un sintetizzatore per registrare la
frase musicale.
7. Dato che il pattern è riprodotto in loop (cioè in modo ripetuto), è possibile
continuare ad aggiungere eventi ad ogni singolo passaggio. Questo a
condizione che il tasto REC rimanga acceso. Dopo aver inciso tutti gli
eventi desiderati, premere il tasto STOP/CANCEL per interrompere la
registrazione. I tasti REC e PLAY/PAUSE si spengono.
In alternativa, invece di premere il tasto STOP/CANCEL, premere
nuovamente il tasto REC acceso. Ciò permetterà di interrompere la
registrazione ma di continuare la riproduzione del pattern.
8. Se si desidera nominare e salvare il pattern appena registrato, tenere premuto
il tasto SHIFT e premere il tasto WRITE/RENAME ( p.64 “Salvare il
pattern”).

Registrare durante la riproduzione


La registrazione degli eventi può anche avvenire durante la riproduzione
del pattern, senza l’obbligo quindi di interromperne il playback.
1. Avviare la riproduzione del pattern.
2. Premere ed accendere il tasto REC.
3. Per registrare una Parte Drum, premere il tasto Drum relativo al suono che
si intende incidere ed in base al timing desiderato. Per registrare una Parte
Synth, premere innanzitutto il tasto della Parte che si desidera incidere e,
con il tasto KEYBOARD acceso, utilizzare i tasti Step per inserire gli eventi
musicali come se si stesse suonando la tastiera di un sintetizzatore.
4. Per interrompere la registrazione, premere il tasto REC (il tasto si spegne).
5. Per salvare il pattern appena registrato, tenere premuto il tasto SHIFT e
premere il tasto WRITE/RENAME ( p.64 “Salvare il pattern”).

Cancellare gli eventi di trigger non più necessari durante la


riproduzione (Erase)
In riproduzione è anche possibile cancellare gli eventi di trigger non più
necessari. Per ottenere ciò, tenere premuto il tasto SHIFT e premere (o
tenere premuto) il tasto RESET/ERASE per eliminare gli eventi di trigger
relativi alla Parte selezionata (quella cioè il cui tasto risulti acceso).

Registrazione Step
La procedura per la registrazione Step differisce a seconda del tipo d’incisione degli eventi 1
richiesta (registrazione di una frase melodica con la funzione Keyboard oppure di una
frase ritmica con le Parti Drum).
La funzione Keyboard dei tasti Step è automaticamente disabilitata
nel momento in cui si preme uno dei tasti delle Parti Drum. Questa
è tuttavia ripristinata con le relative impostazioni alla successiva
pressione di una delle Parti Synth.

Registrare una frase ritmica per una Parte Drum Parti Drum
1. Premere ed accendere il tasto PATTERN.
Premere più volte il tasto cursore [ ] fino a visualizzare sul display il 3
“(nome del pattern).” Ruotare la manopola Dial per scegliere il pattern da
Tasti Step
registrare.

48
4. Modalità Pattern
2. Premere il tasto della Parte Drum che si desidera registrare (il tasto si
accende).
3. Utilizzare i tasti Select per scegliere l’area del pattern sul quale inserire gli
eventi. L’area di editing è indicata dalla fila inferiore di LED. Se per esempio
il pattern oggetto di editing ha una lunghezza pari a “2” e si intende
modificare la seconda metà del pattern, sarà necessario usare i tasti Select
per far accendere la posizione “2” della fila inferiore di LED (rossi).
4. I tasti Step si accendono a segnalare la posizione degli eventi (ritmo) del
pattern selezionato. Tali tasti possono essere abilitati (accesi) o disabilitati
(spenti) ad ogni singola pressione per consentire o meno la riproduzione
del suono corrispondente. Le variazioni possono anche essere eseguite du-
rante il playback del pattern.
Le Parti Drum 6A / 6B, e 7A / 7B non possono essere riprodotte
simultaneamente. Nel caso in cui per una determinata posizione
siano presenti entrambi gli eventi di trigger (per es.: 6A & 6B), solo
la Parte ‘B’ sarà riprodotta.

Registrare una frase per una Parte Synth


1. Se l’EMX-1 è in riproduzione, premere il tasto STOP/CANCEL per
interrompere il playback.
2. Premere ed accendere il tasto PATTERN.
Premere più volte il tasto cursore [ ] fino a visualizzare sul display il 2 5
“(nome del pattern).” Ruotare la manopola Dial per selezionare il pattern
che si desidera registrare.
3. Premere ed accendere il tasto della Parte Synth che si desidera registrare.
4. Premere ed accendere il tasto KEYBOARD.
5. Premere il tasto STEP EDIT, e quindi il tasto cursore [ ] fino a visualizzare
sul display l’indicazione “Step Rec.” Sul display appare lo step
correntemente selezionato per la registrazione (target step). 7 1
6. Ruotare la manopola Dial per selezionare lo step dal quale si desidera iniziare
la registrazione.
7. Premere il tasto REC per entrare in pausa di registrazione.
A questo punto della procedura, la riproduzione non avrà inizio neanche 4
nel caso in cui si dovesse premere il tasto PLAY.
Tasti Step
8. Utilizzare i tasti Step per inserire le note della frase musicale. La pressione
di ciascun tasto Step determina l’inserimento dell’evento e la selezione
dello step successivo per l’editing.
9. La registrazione ha termine dopo l’inserimento dell’ultimo step. Se tuttavia
si desidera interrompere la procedura d’inserimento degli eventi, premere
il tasto STOP/CANCEL (il tasto REC si spegne).

Inserire una pausa o una legatura


Per inserire una pausa, premere il tasto REST/TIE.
Per inserire una legatura, tenere premuto il tasto Step in oggetto e premere
il tasto REST/TIE.

Spostare il target step


Per spostare lo step oggetto di editing (detto “step target”), selezionare
innanzitutto lo step che si desidera riposizionare.
Durante la registrazione, lo step target può essere spostato in avanti o indietro
(di uno step per volta) utilizzando la manopola Dial. E’ anche possibile
spostarsi tra gli step tenendo premuto il tasto SHIFT ed usando i tasti Se-
lect.

49
Editing del pattern
Il presente paragrafo descrive come effettuare l’editing (modifica) dei pattern registrati
o di quelli presenti in memoria.
Se si desidera conservare tutte le modifiche apportate al pattern, è
indispensabile eseguirne il salvataggio con l’operazione Write/Re-
name prima di selezionare un pattern diverso o spegnere lo
strumento.

Editing di una frase (Note Edit)


Durante la registrazione Step, gli eventi di trigger ed i numeri di nota corrispondenti sono
incisi simultaneamente, ma non è consentito specificare il tempo di Gate. Nel caso quindi
ci sia la necessità di ottenere una maggiore precisione degli eventi che compongono la
frase melodica, è possibile sfruttare i tre parametri qui di seguito elencati per riposizionare/
rideterminare i valori espressi da ciascun step.
Trigger: consente o meno la riproduzione della Parte nello step
Note number: stabilisce l’intonazione (pitch) del suono
Gate time: determina la durata del suono

Step 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Trigger On On On On On On On On
N˚ di Nota C2 G2 F2 D2 D2 A1 E2 A2
Tempo di 1.25 2.00 0.5 0.5 4.00 1.50 2.00 1.00
Gate
(durata del
suono) Beat : 16

Selezionare lo step oggetto di editing


Per prima cosa è necessario selezionare lo step da modificare (cioè il “tar-
get step”).

STEP REC ............................................................... 1.01...8.16


1. Premere ed accendere il tasto STEP REC. Premere il tasto cursore [ ]
fino a leggere sul display l’indicazione “Step Rec” ed il target step corrente.
2. Ruotare la manopola Dial per selezionare lo step oggetto di editing (target
step). Se a questo punto della procedura il tasto KEYBOARD è spento, il
tasto Step corrispondente al target step inizia a lampeggiare.
Quando la lunghezza del pattern è pari o superiore a 2, tenere premuto il
tasto SHIFT e ruotare la manopola Dial per avanzare di una unità di
lunghezza per volta.
In alternativa, il target step può anche essere selezionato come segue:
— Tenere premuto il tasto SHIFT e premere i tasti Select per avanzare o
retrocedere di uno step per volta.
— A tasto KEYBOARD spento, premere il tasto Step per selezionare lo
step corrispondente.
Quando la lunghezza del pattern è pari o superiore a 2, è possibile usare
i tasti Select per accendere i LED rossi della fila inferiore e spostare il
target step in unità di una lunghezza per volta.
Il numero massimo di step dipende dalle impostazioni di Lenght,
Beat e Last Step.
Quando il tasto KEYBOARD è acceso, i tasti Step non indicano il
target step.

50
4. Modalità Pattern
Editing delle locazioni di trigger (posizione delle note)
1. Premere ed accendere il tasto PATTERN o PART EDIT.
2. Premere ed accendere il tasto della Parte Synth oggetto di editing.
3. Spegnere il tasto KEYBOARD.
4. I tasti Step indicano a questo punto le locazioni di trigger della Parte
selezionata nel pattern.
5. Premere il tasto o i tasti Step per modificarne lo status di trigger [On
(acceso)/Off (spento)]. Lo status è alternato On/Off ad ogni pressione.
Non è consentito modificare la locazione di trigger quando il tasto
STEP EDIT è acceso.

Editing del numero di nota (pitch)


NOTE NO. .................................................................. C-1...G9
1. Premere ed accendere il tasto STEP EDIT.
2. Utilizzare i tasti cursore [ ][ ] fino a leggere sul display “NoteNo”.
3. Premere ed accendere il tasto della Parte Synth oggetto di editing.
4. Spegnere il tasto KEYBOARD.
5. I tasti Step indicano a questo punto le locazioni di trigger della Parte
selezionata nel pattern.
6. Premere il tasto Step relativo alla locazione del pattern per la quale si
desidera modificare il numero di nota (cioè l’intonazione). Il tasto inizia a
lampeggiare.
7. Ruotare la manopola Dial per modificare il numero di nota assegnato per
lo step selezionato. In alternativa, accendere il tasto KEYBOARD, e premere
uno dei tasti Step per specificare il numero di nota desiderato. Per selezionare
un target step diverso per l’editing, spegnere temporaneamente il tasto
KEYBOARD.
Quando il display mostra l’indicazione “Note No.”, la pressione dei
tasti Step non determinerà alcuna variazione del rispettivo status
on/off di trigger.
La modifica del numero di nota di uno step per il quale lo status di
trigger è Off non è sufficiente a far riprodurre il suono corrispondente.
Per ottenere la riproduzione del suono, lo status di trigger deve
necessariamente essere impostato su On.
Se si desidera trasporre una Parte, utilizzare la funzione Shift Note.
( p.55 “Trasporre il pitch di una frase Synth”).

Editing del tempo di Gate

GATE TIME...............................................................0.25...128.0
1. Premere ed accendere il tasto STEP EDIT.
2. Usare i tasti cursore [ ][ ] fino a leggere sul display “GateTime”.
3. Premere ed accendere il tasto della Parte Synth oggetto di editing.
4. Spegnere il tasto KEYBOARD.
5. I tasti Step indicano a questo punto le locazioni di trigger della Parte
selezionata nel pattern.
6. Premere il tasto Step relativo alla locazione del pattern per la quale si
desidera modificare il tempo di Gate (cioè la durata). Il tasto inizia a
lampeggiare.
7. Ruotare la manopola Dial per modificare il tempo di Gate dello step
selezionato. Il valore mostrato sul display rappresenta la durata del tempo
di Gate in unità di step. Per esempio, un valore di “1.0” significa che il
tempo di Gate è pari esattamente ad uno step.
Quando la durata del tempo di Gate determina la sovrapposizione
della nota che precede a quella che segue, l’EMX-1 esegue un legato;
in questo caso, il trigger dell’oscillatore, dell’EG e della modulazione
non avrà luogo.
Quando il display mostra il tempo di Gate, la pressione dei tasti
Step non determinerà alcuna variazione del rispettivo status on/off
di trigger.

51
La modifica del tempo di Gate di uno step per il quale lo status di
trigger è Off non è sufficiente a far riprodurre il suono corrispondente.
Per ottenere la riproduzione del suono, lo status di trigger deve
necessariamente essere impostato su On.

Specificare la lunghezza e la
divisione ritmica del pattern
Il presente paragrafo descrive la relazione che intercorre tra i parametri Length, Beat (divisione
ritmica) e Last Step.
Convenzionalmente, il numero totale di misure (o battute) di un pattern è denominato
“Length” (lunghezza). Il numero di step (o beat) di ciascuna misura è rappresentata dal
parametro “Last step.” Infine, il tipo di nota che costituisce lo step è chiamato “Beat”.
Selezionando i valori “8Tri” o “16Tri” per “Beat”, il parametro “Last step” è automaticamente
impostato su 12, ad indicare il fatto che i tasti Step 13–16 non hanno alcuna funzione.
Scegliendo invece un Beat di “16” o “32”, il parametro “Last step” è automaticamente
regolato su un valore di 16. Tutti gli step del pattern possono essere impostati come “Last
step”.

Accertare la lunghezza ed il beat


A pattern fermo (cioè non in riproduzione), tenere premuto il tasto SHIFT.
La fila superiore di LED (verdi) indicherà la lunghezza in misure (Lenght)
del pattern corrente, mentre la fila inferiore di LED (rossi) l’impostazione
di Beat.
La figura che segue mostra la relazione che intercorre tra i tasti Step, le
note ed il numero massimo di step.

BEAT Corrispondenza tra tasti Step e note

16 (ñ x16)

32 (ê x16)

(ÉP x12) 3 3 3 3
8Tri

(ñP x12) 3 3 3 3
16Tri

Valore Nota di Lunghezza Pattern (numero di misure)


Display Beat
ciascun tasto Step =1 =2 =3 =4 =5 =6 =7 =8
16 16mi di nota 16 32 48 64 80 96 112 128

32 32mi di nota 16 32 48 64 80 96 112 128

8Tri 8vi di nota terz. 12 24 36 48 60 72 84 96

16Tri 16mi di nota terz. 12 24 36 48 60 72 84 96

Impostare la lunghezza
LENGTH ............................................................................1...8
1. Se l’EMX-1 è in riproduzione, premere il tasto STOP/CANCEL per
interrompere il playback.
2. Premere ed accendere il tasto PATTERN.
3. Usare i tasti cursore [ ]/[ ] fino a visualizzare sul display l’indicazione
“length”.
4. Ruotare la manopola Dial per specificare la lunghezza in misure del pat-
tern.
5. Se si desidera salvare in memoria la variazione apportata, premere il tasto
WRITE/RENAME. ( p.64 “Salvare il pattern”) .

52
4. Modalità Pattern
Impostare il beat
BEAT ........................................................... 16, 32, 8Tri, 16Tri
1. Se l’EMX-1 è in riproduzione, premere il tasto STOP/CANCEL per
interrompere il playback.
2. Premere ed accendere il tasto PATTERN.
3. Usare i tasti cursore [ ]/[ ] fino a visualizzare l’indicazione “beat” sul
display.
4. Ruotare la manopola Dial per specificare il beat desiderato.
5. Se si desidera salvare in memoria la variazione apportata, premere il tasto
WRITE/RENAME. ( p.64 “Salvare il pattern”)

Impostare il parametro Last step


L’impostazione del parametro “Last Step” rende possibile la creazione di
pattern dalla divisione ritmica irregolare. Se ad esempio è necessario
impostare un pattern contenente undici beat per misura, sarà sufficiente
specificare un valore di 11 per il parametro Last Step. In questo caso quindi,
ogni singola unità di lunghezza del pattern sarà costituita da 11 step.
Il valore di Last Step è sempre pari a 16 per beat da 1/16 oppure 1/32 di
nota, ed a 12 per beat terzinati, fatto salvo altri valori irregolari riscontrabili
per divisioni ritmiche peculiari (come appena descritto). I tasti Step ricadenti
al di fuori della lunghezza stabilita da Last Step sono ignorati.

LAST STEP ..................................................................... 1...16


1. Se l’EMX-1 è in riproduzione, premere il tasto STOP/CANCEL per
interrompere il playback.
2. Premere ed accendere il tasto PATTERN.
3. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 1. Il tasto Step inizia
a lampeggiare, ed il display Parametro mostra l’indicazione “LastStep”.
4. Ruotare la manopola Dial per impostare il parametro Last Step, e quindi
premere il tasto Step 1 (il tasto Step si spegne).
Se si desidera annullare l’operazione senza impostare un nuovo valore di
Last Step, premere il tasto STOP/CANCEL.
5. Per salvare in memoria la variazione apportata, premere il tasto WRITE/
RENAME. ( p.64 “Salvare il pattern”)
La modifica del beat determina automaticamente l’impostazione di
Last Step su 16 o 12.
La funzione Last Step è una caratteristica riscontrabile solo sull’EMX-
1; qualora si stia usando l’EMX-1 in sincronia con un sequencer
esterno o un modello diverso della serie Electribe, le regioni distinte
da una divisione ritmica irregolare non potranno essere sincronizzate.
Se si specifica un valore di Last Step inferiore al numero originale di
step, gli eventi di nota presenti oltre il Last step non saranno riprodotti.
Per consentirne nuovamente il playback sarà necessario quindi
ripristinare l’impostazione originale.

53
Spostare gli eventi all’interno del pattern
MOVE DATA ................................ MOVE, REPEAT, RANDOM
Funzione che permette lo spostamento delle frasi o degli eventi di Motion
Sequence in unità di uno step per volta.

Spostare gli eventi


MOVE .............................................................. (-7.15...+7.15)* La funzione Move Data agisce sugli step validi della Parte
* L’intervallo massimo di spostamento degli step dipende dalle impostazioni selezionata. Gli step validi sono determinati dall’impostazione
dei parametri Beat Length e Last Step di ciascun pattern.
di Length e Last Step.
Gli eventi ricollocati oltre lo step finale di un pattern sono
L’esempio che segue descrive come modificare la locazione di partenza del “ripiegati” sul primo step dello stesso pattern. Esempio: per un
pattern. pattern di 64 step, l’esecuzione della funzione “Move Data”
1. Se l’EMX-1 è in riproduzione, premere il tasto STOP/CANCEL per con un valore di “+5” determina lo spostamento degli eventi
interrompere il playback. degli step 60-64 sugli step 1-5.
Viceversa, lo spostamento degli eventi oltre il primo step
2. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 2 (MOVE DATA).
determina il riposizionamento degli stessi a partire dall’ultimo
3. Verificare che sul display appaia l’indicazione “Move,” e quindi premere step dello stesso pattern.
nuovamente il tasto Step 2. Con un'impostazione di 3
4. Il tasto della Parte selezionata inizia a lampeggiare. Premere tutti i tasti Gli eventi di ogni step sono spostati in avanti di tre step
verso la fine del pattern.
della Parte o della Motion Sequence che si desidera spostare Esempio: 2 5, 6 9, 10 13, 14 1
simultaneamente (i tasti selezionati iniziano a lampeggiare, ed è possibile Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16
ascoltarne i rispettivi suoni).
5. Ruotare la manopola Dial per impostare il numero di step (positivo o
negativo) da adottare per lo spostamento degli eventi. Per specificare il
Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16

valore prima del punto decimale, tenere premuto il tasto SHIFT e ruotare la
Con un'impostazione di –2
manopola Dial. Gli eventi di ogni step sono spostati indietro di due step
6. Premere il tasto Step 2 (lampeggiante) per eseguire l’operazione Move Data verso l'inizio del pattern.
Esempio: 1 15, 3 1, 6 4, 10 8, 14 12
(il tasto Step 2 si spegne al temine dell’operazione).
Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step
Per annullare invece il comando, premere il tasto STOP/CANCEL. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16

Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step Step

Copiare i dati ripetutamente


1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16

REPEAT ............................................................... 0.01...7.15*


* Il numero massimo di ripetizioni dipende dalle impostazioni di Length e
Last Step.
Tipo di operazione che consente di copiare gli eventi di un certo numero di
step dall’inizio alla fine del pattern per un determinato numero di volte.
1. Se l’EMX-1 è in riproduzione, premere il tasto STOP/CANCEL per
interrompere il playback.
2. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 2 (MOVE DATA).
3. Sul display appare l’indicazione “Move”; ruotare la manopola Dial fino a
visualizzare l’indicazione “Repeat”, e quindi premere nuovamente il tasto
Step 2.
4. Il tasto della Parte selezionata inizia a lampeggiare. Premere tutti i tasti
della Parte o della Motion Sequence che si desidera copiare simultaneamente
(i tasti selezionati iniziano a lampeggiare, ed è possibile ascoltare i suoni).
5. Ruotare la manopola Dial per specificare il numero di volte che si desidera
incollare gli eventi copiati.
6. Premere il tasto Step 2 (lampeggiante) per eseguire l’operazione Repeat
Data (il tasto Step 2 si spegne ad operazione conclusa).
Per annullare invece il comando, premere il tasto STOP/CANCEL.

54
4. Modalità Pattern
Copiare gli eventi in maniera casuale
RANDOM ................................................................................
Tipo di operazione che permette di riarrangiare in maniera casuale gli eventi
del pattern. L’esecuzione della funzione determina il ricollocamento degli
step esistenti e degli eventi di nota (nel caso delle Parti Synth) su altri step.
1. Se l’EMX-1 è in riproduzione, premere il tasto STOP/CANCEL per
interrompere il playback.
2. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 2 (MOVE DATA).
3. Sul display appare l’indicazione “Move”; ruotare la manopola Dial fino a
visualizzare l’indicazione “Random”, e quindi premere nuovamente il tasto
Step 2.
4. Il tasto della Parte selezionata inizia a lampeggiare. Premere i tasti delle Parti
o della Motion Sequence che si desidera spostare simultaneamente (i tasti
iniziano a lampeggiare, ed è possibile ascoltare il suono corrispondente).
5. Premere nuovamente il tasto Step 2 per eseguire la funzione RANDOM (il
tasto Step 2 si spegne ad operazione conclusa).
Per annullare l’operazione, premere il tasto STOP/CANCEL.

Trasporre il pitch di una frase Synth


SHIFT NOTE ............................................... SHIFT, RANDOM

Trasporre il pitch delle note


SHIFT ........................................................................ -24...+24
Operazione che consente di trasporre il pitch (intonazione) delle note di
tutti gli step per la Parte Synth selezionata.
1. Se l’EMX-1 è in riproduzione, premere il tasto STOP/CANCEL per
interrompere il playback.
2. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 3 (SHIFT NOTE).
3. Verificare che sul display appaia l’indicazione “Shift,” e premere
nuovamente il tasto Step 3.
4. I tasti delle Parti Synth iniziano a lampeggiare. Premere i tasti delle Parti
che non si desidera trasporre. (La Parte riprodurrà la nota C4.)
5. Sul display appare un numero. Ruotare la manopola Dial per specificare la
quantità di trasposizione da applicare. ±1 determina la trasposizione di un
semitono, ±2 di un tono intero, ±7 di una quinta e ±12 di un’intera ottava. 4
6. Premere il tasto Step 3 lampeggiante per eseguire l’operazione di
trasposizione (il tasto Step 3 si spegne). Se invece si desidera annullare il
comando, premere il tasto STOP/CANCEL.

Trasporre casualmente le note di una Parte Synth


RANDOM ................................................................................ 1
Con questa operazione è possibile trasporre le note di tutti gli Step della
Parte Synth selezionata. Dopo l’esecuzione, le note degli Step esistenti
vengono riassegnate casualmente sulle locazioni valide del pattern
(mantenendo la combinazione originale). 2
1. Se l’EMX-1 è in riproduzione, premere il tasto STOP/CANCEL per
interrompere il playback.
2
2. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 3 (SHIFT NOTE).
3. Sul display appare l’indicazione “Shift”; ruotare la manopola Dial per
selezionare “Random,” e premere nuovamente il tasto Step 3. Per annullare
invece il comando, premere il tasto STOP/CANCEL.
4. I tasti delle Parti Synth iniziano a lampeggiare. Premere i tasti delle Parti
che non si desidera trasporre. (La Parte riprodurrà la nota C4.)
5. Premere il tasto Step 3 lampeggiante per eseguire l’operazione di
trasposizione (il tasto Step 3 si spegne). Se invece si desidera annullare il
comando, premere il tasto STOP/CANCEL.

55
Copiare una Parte
COPY PART ............................................................................
La procedura in basso descrive come copiare la Parte selezionata
(impostazioni dei suoni ed eventi sequencer, inclusi quelli della Motion
Sequence) su un’altra Parte.
1. Se l’EMX-1 è in riproduzione, premere il tasto STOP/CANCEL.
2. Premere ed accendere il tasto della Parte sulla quale si desidera incollare
gli eventi copiati dalla Parte sorgente.
3. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 4 (Copy Part). Il
tasto inizia a lampeggiare, così come quello della Parte di destinazione).
4. Usare la manopola Dial per scegliere il pattern della Parte sorgente.
5. Premere il tasto della Parte della quale si desidera copiare gli eventi (Parte
sorgente). Il tasto della Parte sorgente inizia a lampeggiare, mentre quello
3
di destinazione si spegne. Per ascoltare il suono della Parte sorgente, premere
il corrispondente tasto (le Parti Synth riprodurranno una nota C4). 3
6. Premere nuovamente il tasto Step 4 per eseguire l’operazione Copy Part.
Per annullare il comando, premere il tasto STOP/CANCEL.
L’operazione comprende solo gli eventi di trigger.
La copia degli eventi di Motion Sequence non è eseguita qualora
l’operazione determini sulla Parte di destinazione un numero di
Motion Sequence superiore a 24.

Copiare solo il suono di una Parte


COPY SOUND .........................................................................
Operazione che permette di copiare solo le impostazioni del suono da una
Parte all’altra, escludendo gli eventi dello step e quelli di Motion Sequence.
1. Se l’EMX-1 è in riproduzione, premere il tasto STOP/CANCEL.
2. Premere ed accendere il tasto della Parte sulla quale si desidera incollare
gli eventi copiati dalla Parte sorgente.
3. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 5 (COPY SOUND)
(il tasto inizia a lampeggiare, così come quello della Parte di destinazione).
4. Usare la manopola Dial per selezionare il numero del pattern della Parte
sorgente da copiare. Utilizzare eventualmente il tasto SHIFT per visualizzare
il nome del pattern di destinazione.
5. Premere il tasto della Parte sorgente della quale si desidera copiare il suono
(il tasto inizia a lampeggiare, mentre quello di destinazione si spegne). Per
ascoltare il suono della Parte sorgente, premere il corrispondente tasto (le
Parti Synth riprodurranno una nota C4). 3
6. Premere nuovamente il tasto Step 5 per eseguire l’operazione Copy Sound.
Per annullare il comando, premere il tasto STOP/CANCEL.
3
Non è consentito eseguire la copia dei suoni tra una Parte Synth ed
una Drum (e viceversa).

Cancellare gli eventi di una Parte


La cancellazione degli eventi della Parte selezionata può essere attuata mediante la pressione
dei singoli tasti Step, in maniera da determinarne lo status on/off a seconda delle esigenze.
In alternativa, è anche possibile sfruttare le due procedure qui di seguito descritte.

Cancellare tutti gli eventi di una Parte


CLEAR PART ..........................................................................
Operazione che permette di cancellare simultaneamente tutti gli eventi di
una Parte Drum o Synth (eventi di trigger, numeri di nota e tempo di Gate),
così come quelli relativi alla Motion Sequence.

56
4. Modalità Pattern
1. Se l’EMX-1 è in riproduzione, premere il tasto STOP/CANCEL.
2. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 7 (CLEAR PART). Il
tasto Step 7 inizia a lampeggiare.
3. Premere il tasto della Parte (o delle Parti) per la quale si desidera effettuare
la cancellazione degli eventi. Il tasto della Parte (o delle Parti) inizia a
lampeggiare. Per ascoltare il suono delle Parti interessate, premere i tasti
corrispondenti (le Parti Synth riprodurranno una nota C4)
4. Premere nuovamente il tasto Step 7 per eseguire l’operazione Clear. Per
annullare il comando, premere il tasto STOP/CANCEL.
L’esecuzione della presente operazione su una Parte Synth
determina automaticamente l’impostazione di tutti gli step del pat-
tern su una nota di C4, e con un tempo di Gate pari a “0.75”.
L’esecuzione dell’operazione Clear Part non influisce sulle 2
impostazioni del suono assegnato alla Parte.
2
Cancellare gli eventi di trigger durante la registrazione o la
riproduzione
ERASE ....................................................................................
1. Premere il tasto della Parte per specificare quella per la quale si desidera
cancellare gli eventi di trigger.
2. Durante il playback o la registrazione, tenere premuto il tasto SHIFT, e
premere o mantenere premuto il tasto RESET/ERASE in corrispondenza
delle locazioni del pattern per le quali si intende cancellare gli eventi.
Per le Parti Synth, l’operazione comporta solo la cancellazione degli
eventi di trigger. Sono esclusi quindi gli eventi relativi al numero di
nota ed al tempo di Gate di ciascun step.

Cancellare tutti gli eventi del pattern


CLEAR PATTERN ...................................................................
Tipo di operazione che permette di cancellare tutti gli eventi dal pattern
correntemente selezionato. Le impostazioni del suono di ciascuna Parte,
gli eventi del sequencer (inclusa la Motion Sequence), il tempo, la lunghezza
(Lenght) ed il beat sono automaticamente reinizializzati.
1. Se l’EMX-1 è in riproduzione, premere il tasto STOP/CANCEL.
2. Selezionare il pattern per il quale si intende eseguire la cancellazione degli
eventi ( p.20: Selezionare un pattern).
3. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 8 (CLEAR PAT-
3
TERN). Il tasto Step 8 inizia a lampeggiare. Utilizzare eventualmente il
tasto SHIFT per visualizzare il nome del pattern selezionato. 3
4. Premere nuovamente il tasto Step 8 per eseguire l’operazione Clear. Premere
invece il tasto STOP/CANCEL per annullare il comando.

Funzione COMPARE
Funzione che consente di comparare il pattern correntemente oggetto di editing con lo
stesso pattern salvato in memoria. La funzione è particolarmente utile per controllare che
tutte le variazioni apportate al pattern corrispondano a quanto desiderato, e dovrebbe essere
utilizzata prima di effettuare il salvataggio del pattern stesso in memoria, dato che ciò
ne comporterebbe la sovrascrittura.
1. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto PATTERN. Il tasto PAT-
TERN inizia a lampeggiare, e l’EMX-1 entra in modalità Compare.
2. Premere il tasto PLAY/PAUSE per riprodurre il pattern con le impostazioni
originali (quello cioè presente in memoria senza le modifiche apportate).
3. Premere il tasto PATTERN. Il tasto cessa di lampeggiare e l’EMX-1
ripristina il pattern precedentemente oggetto di editing.
Mentre la funzione Compare è attiva non è consentito cambiare
modalità o registrare alcun evento.

57
Motion sequence
Cos’è la Motion Sequence?
L’EMX-1 è provvisto della funzione Motion Sequence, che consente la
registrazione e la successiva riproduzione delle variazioni apportate in tempo
reale mediante l’utilizzo delle manopole e dei tasti ( “Registrare una
Motion Sequence”). Ci sono due tipi di Motion Sequence: una per gli effetti,
ed una dedicata a ciascuna delle Parti. I controlli utilizzabili ai fini della
registrazione della Motion Sequence sono descritti più in basso. Per ciascun
pattern è possibile registrare fino ad un massimo di 24 Motion Sequence
per gli effetti e le Parti.

Effetti (FX1, FX2, FX3)


FX EDIT1, FX EDIT2

Parti Drum (1–7B)


Parametri della Parte Common: PITCH, EG TIME, PAN, LEVEL, AMP
EFFECT, ROLL, FX SEND, FX SELECT; parametri di Modulation:
SPEED, DEPTH, BPM SYNC, MOD TYPE, MOD DEST

Parti Synth (1–5)


Parametri della Parte Common: GLIDE, EG TIME, PAN, LEVEL, AMP
EG, ROLL, FX SEND, FX SELECT; parametri di Modulation: SPEED,
DEPTH, MOD TYPE, MOD DEST; parametri di Synth Oscillator: OSC
EDIT 1, OSC EDIT 2; parametri di Synth Filter: CUTOFF, EG INT,
RESONANCE, DRIVE, FILTER TYPE

Parti Accent
Parametro della Parte Common: LEVEL

Registrare una Motion Sequence


Il presente paragrafo descrive come registrare una Motion Sequence (movimento delle
manopole e pressione dei tasti) per una Parte o un effetto.
Per registrare la Motion Sequence di una Parte, selezionare innanzitutto la
Parte desiderata, e quindi premere il tasto Motion Sequence nella sezione
Part Common per scegliere una tra le opzioni SMOOTH e TRIG HOLD.
Per registrare la Motion Sequence per un effetto, premere il tasto Motion
Sequence nella sezione Effect. L’esempio che segue descrive la registrazione
di una Motion Sequence relativa alla variazione d’intonazione (pitch) di
una Parte Drum.
La registrazione di una Motion Sequence è sempre compiuta in
sovrascrittura sugli eventi esistenti. 6
1. In modalità Pattern, selezionare il pattern che si desidera modificare.
2. Premere il tasto della Parte Drum per effettuarne la selezione.
3. Premere il tasto Motion Sequence per scegliere una tra le opzioni SMOOTH 3
o TRIG HOLD.
4. Premere il tasto REC per entrare in pausa di registrazione. Il tasto REC si
accende, mentre quello PLAY/PAUSE inizia a lampeggiare.
5. Premere il tasto PLAY/PAUSE per avviare la riproduzione del pattern.
6. Ruotare la manopola Pitch per variare l’intonazione fino al completamento
di un intero ciclo del pattern.
7. Dopo un ciclo completo di riproduzione del pattern da quando si è iniziato
ad utilizzare la manopola Pitch, il tasto REC si spegne automaticamente e 1
l’EMX-1 passa dalla registrazione alla riproduzione in maniera da consentire REC
STOP/CANCEL PLAY/PAUSE
l’ascolto della Motion Sequence appena registrata.
La Motion Sequence registrata può essere modificata utilizzando il 2
tasto STEP EDIT ed i parametri MOTION DEST. e MOTION VALUE.
( p.60 “Editing della Motion Sequence”)
58
4. Modalità Pattern
La Motion Sequence registrata può essere salvata insieme al pat-
tern mediante l’operazione descritta nel paragrafo “Salvare il pat-
tern”. L’operazione può essere compiuta dopo aver interrotto la
riproduzione con la pressione del tasto STOP/CANCEL.
Per ogni pattern è consentito registrare fino a 24 Motion Sequence.

Riprodurre una Motion Sequence


La Motion Sequence registrata può essere riprodotta scegliendo tra due modalità, come
descritto in basso. La modalità di playback può essere impostata individualmente per ciascuna
Parte. Le Motion Sequence relative agli effetti sono sempre riprodotte con la modalità
SMOOTH, mentre quelle relative alle Parti Accent con la modalità TRIG HOLD.
Le Motion Sequence relative ai parametri AMP EG, ROLL, FX SE-
LECT, FX SEND, MOD TYPE, MOD DEST, BPM SYNC e SYNTH
FILTER TYPE sono sempre riprodotte con la modalità TRIG HOLD,
anche nel caso in cui si selezioni l’opzione SMOOTH.
SMOOTH: Opzione che permette di riprodurre l’effetto provocato dall’uso
delle manopole in maniera uniforme ed omogenea.
TRIG HOLD (trigger hold): Opzione che determina, ad ogni evento di nota,
l’applicazione del valore di Motion Sequence valido per la
locazione di trigger.
Playback della Motion Sequence
con la modalità Smooth

Movimento delle manopole in


registrazione
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16
On On On On On On On On

Playback della Motion Sequence


1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16
con la modalità Trig Hold
On On On On On On On On

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16
On On On On On On On On

L’impostazione è ignorata quando il LED del tasto Motion Sequence


è spento.

Controllare gli eventi di Motion


sequence
Per verificare il tipo di Motion Sequence registrata, tenere premuto il tasto SHIFT e premere
il tasto Motion Sequence nella sezione Part Common. L’operazione determina l’accensione
dei tasti Step, a segnalare il tipo di Motion Sequence incisa. L’indicazione “FreeMot” indica
il numero di Motion Sequence che è ancora possibile registrare.
Motion Sequence registrata per... Tasto acceso
Controlli della Parte Common Tasti Step 1 e 2
Sezione Synth Filter Tasto Step 3
Tasti della Parte Common Tasto Step 4
Motion Seq. Effetto 1 (eventi Fx Edit 1) Tasto Step 5
Motion Seq. Effetto 1 (eventi Fx Edit 2) Tasto Step 6
Motion Seq. Effetto 2 (eventi Fx Edit 1) Tasto Step 7
Motion Seq. Effetto 2 (eventi Fx Edit 2) Tasto Step 8
Motion Seq. Effetto 3 (eventi Fx Edit 1) Tasto Step 9
Motion Seq. Effetto 3 (eventi Fx Edit 2) Tasto Step 10
Controlli Modulation Tasto Step 11
Tasti Modulation Tasto Step 12
Synth oscillator OSC Edit 1 Tasto Step 13
Synth oscillator OSC Edit 2 Tasto Step 14

Non è consentito controllare il tipo di Motion Sequence incisa du-


rante la riproduzione o la registrazione del pattern, nè durante la
riproduzione di un Pattern set.
59
Editing della Motion Sequence
La procedura in basso descrive come modificare gli eventi della Motion Sequence per
ciascuna Parte o effetto. Le operazioni possono essere effettuate per ogni singolo step.

Selezionare la Motion Sequence per l’editing


MOTION DEST .................................................................... ***
1. Selezionare la Parte con la Motion Sequence che si desidera modificare.
2. Premere ed accendere il tasto STEP EDIT.
3. Premere il tasto [ ] per selezionare sul display “MotDest.”
4. Ruotare la manopola Dial per scegliere il parametro della Parte
correntemente selezionata per il quale è stata registrata la Motion Sequence.
Se si desidera selezionare un parametro per il quale non è stata in precedenza
registrata alcuna Motion Sequence, tenere premuto il tasto SHIFT mentre
si ruota la manopola Dial.
Durante la selezione del parametro “MotDest”, tenendo premuto il tasto
SHIFT ed usando la manopola Dial è possibile scegliere un parametro
per il quale non è stata registrata alcuna Motion Sequence, ed impostarne
i valori mediante il parametro MOTION VALUE.

Modificare i valori dei parametri della Motion Sequence


1. Premere il tasto della Parte per selezionare quella che si intende modificare.
2. Premere ed accendere il tasto STEP EDIT.
3. Usare i tasti [ ]/[ ] per selezionare “MotValue” sul display.
4. Sul display si alternano il nome del parametro selezionato (“Selezionare la
Motion Sequence per l’editing”) ed il valore corrispondente.
5. Premere il tasto Step per selezionare lo step che si intende modificare.
Qualora il pattern sia composto da due o più misure, utilizzare i tasti cursore
[ ][ ] fino a visualizzare lo step desiderato.
6. Ruotare la manopola Dial per modificare il valore del parametro dello step
selezionato. Selezionando l’opzione “Disabl”, il valore di Motion Sequence
non sarà aggiornato per quel determinato step.

MOTION DEST MOTION VALUE *solo Parti Synth


Fx1Ed1(FX1 EDIT1) Disabl, 0...127 (in base a FX TYPE)
Fx1Ed2(FX1 EDIT2) Disabl, 0...127 (in base a FX TYPE)
Fx2Ed1(FX2 EDIT1) Disabl, 0...127 (in base a FX TYPE)
Fx2Ed2(FX2 EDIT2) Disabl, 0...127 (in base a FX TYPE)
Fx3Ed1(FX3 EDIT1) Disabl, 0...127 (in base a FX TYPE)
Fx3Ed2(FX3 EDIT2) Disabl, 0...127 (in base a FX TYPE)
Pitch/Glide(PITCH/GLIDE*) Disabl, -63...+63
/Disabl, 0...127
EGTime(EG TIME) Disabl, 0...127
Pan(PAN) Disabl, L63...R63
Level(LEVEL) Disabl, 0...127
AmpEG(AMP EG) Disabl, Off, On
Roll(ROLL) Disabl, Off, On
FxSend(FX SEND) Disabl, Off, On
FxSel(FX SELECT) Disabl, Fx1, Fx2, Fx3
ModSpd(SPEED) Disabl, 0...127
ModDpt(DEPTH) Disabl, 0...127
ModTyp(TYPE) Disab, Saw, Squ, Tri, SH, Env
ModDst(DST) Disabl, Pitch, Amp, Pan(OSCEd1, OSCEd2, Cutoff)*
ModBPM(BPM SYNC) Disabl, Off, On
OscEd1(OSC EDIT1*) Disabl, (in base a OSC TYPE)
OscEd2(OSC EDIT2*) Disabl, (in base a OSC TYPE)
Cutoff(CUTOFF*) Disabl, 0...127
EgInt(EG INT*) Disabl, -63...+63
Reso(RESONANCE*) Disabl, 0...127
Drive(DRIVE*) Disabl, 0...127
FitTyp(TYPE*) Disabl, LPF, HPF, BPF, BPF+

60
4. Modalità Pattern
Per conservare le modifiche apportate alla Motion Sequence, è
necessario eseguire l’operazione WRITE ( p.64 “Salvare il pat-
tern”). In caso contrario, tutte le variazioni eseguite andranno perse
nel momento in cui si selezionerà un pattern diverso da quello
corrente.
Durante l’editing della Motion Sequence non è possibile utilizzare i
tasti Step per impostare lo status On/Off dei singoli step.
Per determinate Parti, alcuni parametri potrebbero non risultare
disponibili.
Durante l’editing della Motion Sequence, il tasto REC è disabilitato.

Dopo aver selezionato il parametro “MotDest”, tenendo premuto il tasto


SHIFT ed usando la manopola Dial è possibile scegliere un parametro
per il quale non è stata registrata alcuna Motion Sequence, ed impostarne
i valori mediante il parametro MOTION VALUE.

Cancellare la Motion Sequence per


una Parte o un effetto
CLEAR MOTION .....................................................................
Gli eventi della Motion Sequence relativi ad una Parte o un effetto possono
essere cancellati con una singola operazione.
1. Premere il tasto STOP/CANCEL per interrompere la riproduzione.
2. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 6 (CLEAR MO-
TION) (il tasto Step 6 inizia a lampeggiare).
3. Premere il tasto Motion Sequence relativo alla Parte o alle Parti (Drum,
Synth, Accent) o dell’effetto per i quali si intende cancellare la Motion
Sequence. I tasti selezionati iniziano a lampeggiare.
4. Premere nuovamente il tasto Step 6 per eseguire l’operazione Clear.
Per annullare il comando, premere invece il tasto STOP/CANCEL.
L’operazione cancella tutte le Motion Sequence della Parte/effetto.

61
Pattern Set
Cos’è un Pattern Set?
Il Pattern Set è una funzione che consente l’assegnazione dei pattern preferiti
a ciascuno dei sedici tasti Step, per la successiva selezione mediante la
semplice pressione dei suddetti tasti (funzione utile sopratutto durante
l’esibizione dal vivo). L’EMX-1 è fornito di otto Pattern Group, per ognuno
dei quali è possibile specificare fino ad un massimo di sedici pattern. E’
anche possibile integrare la funzione Chain Play per la riproduzione in
loop di determinati pattern. ( p.63 “Assegnare i pattern al Pattern Set”).
Non è consentito usare il Pattern Set in modalità Song.
La selezione di un pattern diverso durante il playback ne determina
la riproduzione solo al termine di quello corrente ( p.20 “Nota sul
timing relativo al cambio dei pattern”).

Suonare con il Pattern Set


Per il Pattern Set, le operazioni e le impostazioni relative al Tempo, alla
funzione Reset & Play ed al timing di selezione dei pattern sono del tutto
identiche a quelle già viste per la modalità Pattern.
1. Premere il tasto PLAY/PAUSE per avviare la riproduzione.
2. Tenere premuto il tasto Pattern Set e premere uno dei tasti Step per
selezionare il corrispondente pattern assegnato.
Per cambiare il gruppo di Pattern Set, tenere premuto il tasto Pattern Set e
utilizzare i tasti Select [ ][ ]. Il gruppo di Pattern Set correntemente
selezionato è indicato dall’accensione di uno dei LED della fila inferiore
(rossi). Se si desidera “bloccare” (hold) la funzione Pattern Set, tenere
premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Pattern Set (il tasto inizia a
lampeggiare). Per disabilitare lo status “hold”, premere nuovamente il tasto
Pattern Set (il tasto si spegne). 1
Non è consentito usare la funzione Pattern Set durante la
registrazione. Quando il Pattern Set è attivo, l’accesso alla
Parti DRUM
registrazione (o alla pausa di registrazione) ne determina
automaticamente la disabilitazione. 2
Quando il tasto Pattern Set lampeggia, i tasti Step assolvono al
Tasto STEP
controllo della funzione Pattern Set; di conseguenza, la funzione
Keyboard diviene momentaneamente indisponibile.

Usare la Chain Play con il Pattern Set


La funzione Chain Play permette l’impostazione del pattern iniziale e finale del Pattern
Set per la successiva riproduzione in loop di tale intervallo. Per impostare l’intervallo,
attivare la funzione Pattern Set, e premere i due tasti Step per specificare il pattern iniziale
e finale della sequenza da riprodurre in loop. Prendendo ad esempio la tabella in basso,
che mostra l’assegnazione dei pattern ai tasti Step, descriveremo ora come impostare il
loop per l’ordine di pattern A01, A20, B03, B04 ed A51. (A01 corrisponde al tasto Step
1; A51 al tasto Step 5, entrambi appartenenti al gruppo 1).

Tasto Step
LED Select
1 2 3 4 5 14 15 16
1 A.01 A.20 B.03 B.04 A.51 A.20 B.43 B.61
2 C.21 C.23 C.56 C.64 C.28 C.21 A.07 A.08
3 B.01 B.02 B.04 B.62 A.01 A.05 A.45 A.64
4 D.01 D.02 D.03 D.04 D.05 D.07 D.08 D.09
5 A.01 A.20 B.03 B.04 A.51 A.20 B.43 B.61
6 C.21 C.23 C.56 C.64 C.28 C.21 A.07 A.08
7 B.01 B.02 B.04 B.62 A.01 A.05 A.45 A.64
8 D.01 D.02 D.03 D.04 D.05 D.07 D.08 D.09

62
4. Modalità Pattern
1. Premere il tasto Step 1 del gruppo 1 (il LED select 1 si accende).
2. Continuare a tener premuto il tasto Step 1, e premere il tasto Step 5.
L’operazione determina la selezione e l’accensione dei tasti Step 1, 2, 3, 4
e 5 per il loop della funzione Chain Play.

Durante la riproduzione della Chain Play, se si desidera riprodurre dall’inizio


il pattern correntemente in playback, premere il tasto RESET/ERASE.
Per interrompere la riproduzione della Chain Play, selezionare il tasto Pat-
tern Set, oppure disabilitare lo status “hold” della funzione Pattern Set.

Assegnare i pattern al Pattern Set


1. A riproduzione ferma, tenere premuto il tasto Pattern Set e premere il tasto
Step al quale si desidera assegnare il pattern.
2. Tenere premuto il tasto Pattern Set ed utilizzare la manopola Dial per
selezionare il pattern che si intende assegnare al tasto Step. Per completare
l’assegnazione, rilasciare il tasto Pattern Set.
3. Tenere premuto il tasto Pattern Set e premere il tasto Write (il tasto Write
inizia a lampeggiare).
4. Sul display appare il messaggio “PtSetWr?”, che richiede di specificare o
meno la scrittura in memoria. Utilizzare la manopola Dial per selezionare
“Yes” e premere il tasto Write per salvare i dati in memoria, oppure scegliere
“No” o premere il tasto STOP/CANCEL per non eseguire la scrittura.
Prima di eseguire la scrittura dei dati, è indispensabile disabilitare
la protezione della memoria in modalità Global ( p.75 “Proteggere
i dati in memoria”).
Evitare di spegnere lo strumento durante la scrittura degli eventi in
memoria. In caso contrario è possibile causare la perdita totale o
parziale dei dati.

63
Salvare il pattern
Per riutilizzare il pattern creato o modificato mantenendo tutte le variazioni apportate, è Copiare un pattern
indispensabile eseguirne il salvataggio con l’operazione Write/Rename. L’esecuzione E’ anche possibile utilizzare l’operazione Write
dell’operazione determina anche l’attuazione automatica dell’operazione descritta nel paragrafo per copiare il pattern su una locazione di memo-
“Copiare gli eventi all’interno del pattern”, in base alla lunghezza del pattern. ria diversa dalla corrente.

Se si decide di non salvare il pattern creato...


...selezionare un pattern diverso senza eseguire l’operazione Write/Rename.

Salvare il pattern in sovrascrittura


1. Premere il tasto WRITE/RENAME.
Sul display Parametro appare l’indicazione “WriteTo”, mentre su quello
Valore il “(numero di destinazione in memoria).” A questo punto è ancora
possibile premere il tasto SHIFT per cambiare il “(numero di destinazione
in memoria)” in “(sei caratteri del nome del pattern).”

Sovrascrivere su un pattern differente


Utilizzare la manopola Dial per modificare il numero del pattern di
destinazione in memoria. Accertarsi di aver selezionato un pattern non
contenente dati di importanza rilevante che si intende riutilizzare in seguito.
2. Premere ed accendere il tasto WRITE/RENAME per iniziare la scrittura.
Il tasto si spegne al completamento dell’operazione, e sul display appare il
numero del pattern di destinazione in memoria. Se si decide di annullare il
comando, premere il tasto STOP/CANCEL.
Il presente tipo di salvataggio è sempre eseguito in sovrascrittura.
Prima di eseguire la scrittura dei dati, è indispensabile disabilitare
la protezione della memoria in modalità Global ( p.75 “Proteggere
i dati in memoria”). L’impostazione originale dello strumento prevede
la protezione della memoria.
Evitare di spegnere lo strumento durante la scrittura degli eventi in
memoria (quando cioè il tasto WRITE/RENAME è acceso). In caso
contrario è possibile causare la perdita totale o parziale dei dati.

Cambiare il nome del pattern


1. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto WRITE/RENAME (il
tasto inizia a lampeggiare). Sul display Parametro appare l’indicazione
“Rename”, mentre su quello Valore i “(sei caratteri del nome del pattern)”.
2. Assegnare il nome al pattern oggetto di salvataggio.
Usare i tasti [ ]/[ ] per spostare il cursore sul display, e ruotare la manopola
Dial per modificare il nome del pattern (otto caratteri max). Una volta
assegnato il nome, premere il tasto WRITE/RENAME.
3. Scegliere il numero del pattern di destinazione per la scrittura.
Sul display Parametro appare “WriteTo,” mentre su quello Valore il “(numero 2
del pattern di destinazione).” 1, 4
4. Premere ed accendere il tasto WRITE/RENAME per iniziare la scrittura. 2
Il tasto si spegne al completamento dell’operazione, e sul display appare il
numero del pattern di destinazione in memoria. Se si decide di annullare il
comando, premere il tasto STOP/CANCEL. STOP/CANCEL
Il salvataggio eseguito durante la riproduzione non determina il
cambio del pattern correntemente in playback.
Nel caso in cui si inizi la procedura di salvataggio mentre la
riproduzione è in corso e si decida successivamente di annullare
l’operazione, la pressione del tasto STOP/CANCEL non determinerà
l’arresto della riproduzione. Ciò avverrà solo con la seconda
pressione del tasto STOP/CANCEL. 1

64
5. Modalità Song

5. Modalità Song
Ogni Song è il risultato di una serie di pattern arrangiati secondo un ordine prestabilito,
e l’EMX-1 permette la creazione ed il salvataggio di fino ad un massimo di 64 Song. Oltre
al playback dei pattern, le Song consentono la registrazione degli eventi di batteria (Drum),
frasi ritmiche (Synth) e dell’arpeggiatore, movimenti delle manopole di editing, operazioni
di Mute/Solo e cambi di tempo.
Le variazioni apportate ai suoni non possono essere salvate in una
Song, ma solo mediante l’accesso alla modalità Pattern.

Cos’è una Song?


Una Song è composta da una serie di pattern arrangiati e riprodotti secondo
un ordine prestabilito. L’EMX-1 permette la creazione e la memorizzazione
di un massimo di 64 Song, a ciascuna delle quali è possibile assegnare qualsiasi
pattern utilizzando fino a 256 Position, oltre alla registrazione di frasi ritmiche/
melodiche e gli effetti causati dall’utilizzo delle manopole di editing.

Cos’è la Position?
Sull’EMX-1, il termine “Position” fa riferimento ad una particolare
locazione all’interno della Song incaricata di accogliere il pattern scelto;
essa rappresenta cioè l’unità di misura per l’editing della Song.

Song
Pattern(A.03) Pattern(B.01) Pattern(A.01) Pattern(A.02)

End

Position 001 Position 002 Position 003 Position 050 Position 051

65
Riprodurre una Song
1. Premere ed accendere il tasto SONG.
2. Premere il tasto cursore [ ] fino a leggere sul display il “(nome della
Song).”
3. Ruotare la manopola Dial per scegliere la Song desiderata (S01–S64).
4. Premere ed accendere il tasto PLAY/PAUSE per avviare la riproduzione
della Song. Al termine del brano musicale, la riproduzione si interrompe
automaticamente ed il tasto PLAY/PAUSE si spegne.

Porre in pausa la riproduzione


Premere il tasto PLAY/PAUSE (il tasto inizia a lampeggiare).

Ripristinare la riproduzione
Premere nuovamente il tasto PLAY/PAUSE (il tasto torna ad accendersi).

Interrompere la riproduzione
Premere il tasto STOP/CANCEL.

Avanzamento veloce e riavvolgimento della Song


Mentre la Song è in riproduzione, è possibile utilizzare il tasto Select [ ] per far avanzare
velocemente la riproduzione, oppure il tasto Select [ ] per riavvolgere il brano musi-
cale all’indietro.
Quando il tasto KEYBOARD è acceso, i suddetti comandi di trasporto
debbono essere eseguiti mantenendo premuto il tasto SHIFT e
premendo il tasto Select desiderato.

Selezionare una Song


SONG ..................................................................... S.01...S.64
Premere il tasto cursore [ ] fino a visualizzare sul display il “(nome della
Song).” Ruotare la manopola Dial per scegliere una delle 64 Song disponibili
(S01-S64).
Non è consentito cambiare Song durante la riproduzione.

Cambiare Song
Anche se non è consentito cambiare Song durante la riproduzione di un
brano musicale, è tuttavia permesso effettuarne la pre-selezione.
L’operazione determina la visualizzazione sul display del numero
(lampeggiante) della Song scelta. Al termine della riproduzione della Song
corrente, tale numero rimane poi fisso. Per avviare la riproduzione della
nuova Song, premere il tasto PLAY/PAUSE.

Riprodurre dall’inizio della Position o della Song


Durante la riproduzione, se si desidera tornare al punto iniziale del pattern
assegnato alla Position corrente della Song, premere il tasto RESET.
Per riprodurre dall’inizio l’intera Song, premere innanzitutto il tasto STOP/
CANCEL o porre in pausa il playback, e quindi premere il tasto RESET.

Riprodurre le Song in successione


( p.71 “Riprodurre le Song in successione”)

66
5. Modalità Song

Impostare il tempo di riproduzione


TEMPO ................................................................ 20.0...300.00

Con la manopola DIAL


Utilizzare i tasti cursore [ ]/[ ] fino a visualizzare l’indicazione “Tempo”
sul display.
Ruotare la manopola Dial per impostare il valore di tempo desiderato. Per
specificare più in dettaglio il tempo (valori decimali), tenere premuto il
tasto SHIFT e ruotare la manopola Dial.

Con il tasto Tap


Durante la riproduzione di una Song, premere il tasto Tap due o più volte
ad intervalli regolari. La distanza tra una pressione e l’altra è rilevata
dall’EMX-1, che converte detto intervallo in un valore di tempo. Il presente
metodo può anche essere usato quando l’EMX-1 è in pausa o del tutto
fermo.

Bloccare il tempo della Song


Per riprodurre l’intera Song in base al valore di tempo per essa stabilito, ( p.73 “Salvare una Song”)
premere ed accendere il tasto TEMPO LOCK.
Lasciando invece il tasto TEMPO LOCK spento, il valore di tempo cambierà
in base all’impostazione di tempo contenuta in ogni Pattern facente parte
della Song. Ovviamente, il cambio di tempo non avrà luogo nel caso in cui
a due Position adiacenti siano stati assegnati gli stessi pattern.
Le modifiche apportate al valore di tempo della Song corrente con
la manopola Dial o il tasto Tap sono temporanee. Per consentire il
riutilizzo del nuovo valore di tempo, è necessario eseguire la scrittura
in memoria della Song. In caso contrario, la ri-selezione della Song
per la quale è stato effettuato il cambio di tempo determinerà
nuovamente l’applicazione del valore di tempo salvato
originariamente in memoria.
Il valore di tempo è altresì suscettibile di variazioni nel caso in cui si sia
utilizzata la Event Recording per la registrazione di eventi di tempo.(
p.72 “Event recording”)
La manopola Dial ed il tasto Tap possono essere usati per
l’impostazione del tempo a prescindere dallo status On/Off del tasto
Tempo Lock.
Lo status On/Off del tasto Tempo Lock può essere salvato in memo-
ria individualmente per ciascuna Song. Per salvare le modifiche
apportate al valore di tempo di una Song, eseguire l’operazione
Write. ( p.73 “Salvare una Song”)
Quando il parametro “Clock” della modalità GLOBAL è impostato
su "EXT", e l’EMX-1 è sincronizzato ai messaggi di MIDI Clock,
l’impostazione di tempo e tutti gli eventi di tempo associati alla Song
saranno ignorati.

67
Creare una Song
La creazione di una Song prevede l’arrangiamento dei pattern nell’ordine desiderato per
la successiva riproduzione.
La selezione di una Song diversa da quella per la quale si stanno
effettuando operazioni di editing comporta la perdita di tutte le
variazioni fino a quel momento apportate. Se si desidera riutilizzare
successivamente la Song così come modificata, è indispensabile
eseguirne il salvataggio mediante l’operazione Write prima di
cambiare Song o spegnere lo strumento. ( p.73 “Salvare una
Song”)

Specificare i pattern per ogni Position


POSITION .................................................................001...256
PATTERN ...................................................... A.01...D.64, End
La procedura in basso descrive come assegnare ad ogni Position il pattern
desiderato. Accertarsi innanzitutto che il tasto KEYBOARD sia spento.
1. Usare i tasti cursore [ ]/[ ] fino a leggere sul display l’indicazione “Po-
sition”. Notare come il display indichi inoltre “001.”
2. Premere il tasto cursore [ ] fino a selezionare “Pattern” sul display.
3. Utilizzare la manopola Dial per scegliere il pattern che si intende assegnare
alla Position “001.”
4. Premere il tasto Select [ ] per avanzare alla Position successiva. Verificare
che sul display appaia l’indicazione “End.”
5. Usare la manopola Dial per scegliere il pattern da assegnare alla position
“002”.
6. Dopo l’assegnazione del pattern alla Position “002,” sul display appare
nuovamente l’indicazione “End.” Ripetere i passi 4 e 5 della procedura per
completare l’inserimento di tutti i pattern desiderati.

Riprodurre la Song completa dall’inizio


Premere il tasto PLAY/PAUSE per avviare la riproduzione della Song, ed il
tasto STOP/CANCEL per interromperla. In alternativa, usare i tasti cursore
[ ]/[ ] per selezionare “Position” sul display, ruotare la manopola Dial
o premere i tasti Select fino a leggere sul display “001,” dopodichè premere
il tasto PLAY/PAUSE.
Per controllare o cambiare i pattern assegnati alle Position della Song,
richiamare l’indicazione “Pattern” sul display, ed usare i tasti Select per
spostarsi in avanti o indietro; quindi ruotare la manopola Dial per cambiare
il numero del pattern assegnato.
In alternativa, quando sul display appare “Position,” usare la manopola
Dial o i tasti Select per scegliere la Position che si intende controllare, e
quindi richiamare sul display il “(nome del pattern)” in modo da poterlo
modificare.

68
5. Modalità Song

Trasporre l’intonazione del pattern di


una specifica Position
NOTE OFFSET ........................................................... -24...24
Tipo d’impostazione che consente la trasposizione dell’intonazione di una
Parte Synth appartenente ad un pattern assegnato ad una determinata Posi-
tion nella Song.
Il parametro Note Offset determina soltanto la modifica
dell’intonazione in riproduzione delle note; in altre parole, non
influisce sul pitch delle note presenti all’interno del pattern.
1. Se la Song è in riproduzione, premere il tasto STOP/CANCEL per
interrompere il playback.
2. Usare i tasti cursore [ ]/[ ] fino a visualizzare l’indicazione “Position”
sul display.
3. Usare la manopola Dial oppure i tasti Select per scegliere la Position per la
quale si desidera modificare l’intonazione.
4. Utilizzare i tasti cursore [ ]/[ ] fino a leggere “NoteOfs” sul display.
5. Usare la manopola Dial per specificare il nuovo valore di intonazione.
Un’impostazione pari a ±1 traspone il pitch della nota di un semitono, ±2
di un tono intero, ±7 di una quinta e ±12 di un’ottava intera.
Quando sul display è presente il parametro “NoteOfs”, è possibile
selezionare una nuova Position (successiva o precedente a quella corrente)
utilizzando i tasti Select.
Se si è selezionata una wave Chord split ( p.40) per la Parte, la
modifica del parametro Note Offset potrebbe variare l’accordo o
l’ottava.

69
Editing della Song
Le modifiche che è possibile apportare alla Song sono principalmente rappresentate dalla
cancellazione o l’inserimento di nuovi pattern. E’ tuttavia consentito aggiungere anche
gli effetti provocati dall’utilizzo delle manopole durante una performance.
La selezione di una Song diversa da quella per la quale si stanno
effettuando operazioni di editing comporta la perdita di tutte le
variazioni fino a quel momento apportate. Se si desidera riutilizzare
successivamente la Song così come modificata, è indispensabile
eseguirne il salvataggio mediante l’operazione Write prima di
cambiare Song o spegnere lo strumento.

Inserire un pattern
INSERT PATTERN ..................................................................
Tipo di comando che permette l’inserimento di un pattern nella Position
desiderata. L’operazione determina anche lo spostamento in avanti (verso
la fine della Song) di tutti i pattern seguenti.
1. Se l’EMX-1 è in riproduzione, premere il tasto STOP/CANCEL per
interrompere il playback.
2. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 9 (INSERT PAT-
TERN). (Il tasto Step 9 inizia a lampeggiare).
3. Utilizzare la manopola Dial per selezionare la Position sulla quale si desidera
inserire il pattern. Se per esempio si intende inserire il pattern nella Posi-
tion 3, selezionare sul display il valore “003.”
Inserire un nuovo pattern in posizione 3
4. Premere nuovamente il tasto Step 9 per confermare l’inserimento del pat-
tern nella Position (il tasto Step si spegne). Per annullare l’operazione,
Pattern A.01 Pattern B.01 Pattern D.01 Pattern A.01 Pattern B.20 Pattern B.01
premere il tasto STOP/CANCEL. Prima (16Step)
Position
(36Step)
Position
(32Step)
Position
(16Step)
Position
(24Step)
Position
(36Step)
Position
End
Position
1 2 3 4 5 6 7
Il pattern inserito utilizza le impostazioni assegnate al pattern presente nella
Position per la quale è stato eseguito l’inserimento (incluse quelle di Note
Offset). Una volta conclusa l’operazione è possibile impostare il numero
del pattern inserito etc. secondo le proprie esigenze. Tutti gli eventi presenti Pattern A.01 Pattern B.01 Pattern D.01 Pattern D.01 Pattern A.01 Pattern B.20 Pattern B.01
Dopo (16Step) (36Step) (32Step) (32Step) (16Step) (24Step) (36Step) End
dopo il pattern inserito sono automaticamente spostati in avanti (verso la Position
1
Position
2
Position
3
Position
4
Position
5
Position
6
Position
7
Position
8

fine della Song) di una Position.

Cancellare un pattern
DELETE PATTERN .................................................................
Tipo di comando che permette la cancellazione di un pattern dalla Position
desiderata. L’operazione determina anche lo spostamento indietro (verso
l’inizio della Song) di tutti i pattern seguenti.
1. Se l’EMX-1 è in riproduzione, premere il tasto STOP/CANCEL per
interrompere il playback.
2. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 10 (DELETE PAT-
TERN). (Il tasto Step 10 inizia a lampeggiare).
3. Utilizzare la manopola Dial per selezionare la Position per la quale si
desidera cancellare il pattern. Se per esempio si intende cancellare il pat-
tern della Position 5, selezionare “005”.
4. Premere nuovamente il tasto Step 10 per cancellare il pattern (il tasto si Cancellare il pattern in posizione 5

spegne).
Se si decide di annullare l’operazione, premere il tasto STOP/CANCEL. Prima Pattern A.01 Pattern D.01 Pattern B.01 Pattern B.20 Pattern A.10 Pattern B.01 Pattern A.01
(16Step) (32Step) (36Step) (24Step) (64Step) (36Step) (16Step) End
Position Position Position Position Position Position Position Position
Tutti gli eventi successivi al pattern cancellato sono automaticamente 1 2 3 4 5 6 7 8

spostati indietro di una Position (verso l’inizio della Song).


La cancellazione di un pattern determina anche l’eliminazione di
tutti gli eventi registrati nella Position.
Pattern A.01 Pattern D.01 Pattern B.01 Pattern B.20 Pattern B.01 Pattern A.01
Dopo (16Step) (32Step) (36Step) (24Step) (36Step) (16Step) End
Position Position Position Position Position Position Position
1 2 3 4 5 6 7

70
5. Modalità Song

Cancellare gli eventi della Song


CLEAR SONG .........................................................................
1. Se l’EMX-1 è in riproduzione, premere il tasto STOP/CANCEL per
interrompere il playback.
2. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 11 (CLEAR SONG).
(Il tasto Step 10 inizia a lampeggiare).
3. Premere nuovamente il tasto Step 11 per cancellare gli eventi dalla Song.
Per annullare l’operazione, premere il tasto STOP/CANCEL.

Se si cancellano gli eventi della Song accidentalmente


Ruotare la manopola Dial per ri-selezionare la Song oggetto di editing senza
eseguire alcuna operazione di salvataggio. Ciò consentirà di ripristinare la
Song così come salvata in memoria.

Cambiare il pattern di una Position


1. Se l’EMX-1 è in riproduzione, premere il tasto STOP/CANCEL per
interrompere il playback.
2. Utilizzare i tasti cursore [ ]/[ ] fino a leggere “Position” sul display.
3. Usare la manopola Dial per selezionare la Position alla quale si desidera
assegnare un pattern differente.
4. Premere il tasto cursore [ ] fino a visualizzare “Pattern” sul display.
5. Utilizzare la manopola Dial per selezionare il pattern che si intende assegnare
alla Position. Per ascoltare il pattern prima di effettuare l’assegnazione,
premere il tasto Pattern per accedere alla modalità Pattern, ed avviare la
riproduzione. Per tornare alla modalità Song, premere il tasto STOP/CAN-
CEL per interrompere il playback, e quindi premere il tasto Song.

Mantenere le impostazioni di Mute


Funzione che permette di mantenere le impostazioni di Mute di una determinata Parte ( p.72 “Event recording”)
per tutta la Song.

MUTE HOLD ............................................................... Off, On


1. Premere il tasto cursore [ ] fino a leggere “MuteHold” sul display.
2. Ruotare la manopola Dial per effettuare l’impostazione.
Off: Consente di applicare lo status di Mute specificato individualmente
per ciascun pattern, a prescindere dalla Position.
On: Impostazione che permette di mantenere lo status di Mute per tutte
le Position. Per l’inizio della Song, le impostazioni di Mute
corrisponderanno a quelle del pattern assegnato alla Position 1.

Riprodurre le Song in successione


NEXT SONG ................................................... Off, S.01...S.64
Funzione che permette, al termine della riproduzione di una Song, di
continuare il playback utilizzando la Song successiva specificata dall’utente.
1. Premere il tasto [ ] fino a leggere “NextSong” sul display.
2. Ruotare la manopola Dial per scegliere la Song da riprodurre al termine
della Song corrente. Impostando la funzione su Off, la riproduzione si
interromperà al termine della riproduzione della Song corrente.
Il parametro NEXT SONG è ignorato quando l’EMX-1 opera in
sincronia con i messaggi di MIDI Clock trasmessi da un dispositivo
MIDI esterno. In questo caso, lo strumento risponderà ai messaggi
di Song Select [F3, ss] (ss: numero della Song) trasmessi dal modulo
esterno.

71
Event recording
Registrare gli eventi della Song
Oltre all’arrangiamento dei pattern nell’ordine desiderato per la creazione di una Song,
l’EMX-1 permette anche la registrazione di una performance in tempo reale mediante l’uso
dei pad Drum, della funzione Keyboard, dell’Arpeggiatore e degli effetti causati dal movimento
delle manopole. La registrazione di tali eventi è appunto denominata Event Recording.
L’EMX-1 consente la registrazione di sei tipi di eventi:
• Esecuzione strumentale eseguita con l’uso dei tasti delle Parti Drum
• Esecuzione strumentale effettuata con la funzione Keyboard
• Esecuzione strumentale eseguita con l’Arpeggiatore
• Movimento delle manopole e pressione dei tasti (solo della Parte selezionata)
• Impostazione degli status di Mute e Solo delle Parti
• Tempo
La registrazione con la Event Recording permette l’incisione degli eventi in un determinato
intervallo in maniera ripetuta, in maniera da consentire l’aggiunta di eventi ad ogni singolo
passaggio di registrazione. La funzione determina, a partire dal secondo passaggio e per
tutti gli altri, la sovraincisione (sostituzione) degli eventi dello stesso tipo, lasciando invece
inalterati quelli di altra natura già esistenti.

Registrare con la Event Recording


1. Selezionare la Song sulla quale si desidera effettuare la Event Recording.
2. Utilizzare i tasti cursore [ ]/[ ] fino a leggere “Position” sul display.
3. Usare la manopola Dial oppure i tasti Select per accedere alla Position a
partire dalla quale si intende iniziare la registrazione.
4. Premere il tasto REC e quindi il tasto PLAY/PAUSE per avviare la Event
Recording.
5. Utilizzare i tasti Step, le manopole etc., per registrare l’esecuzione
strumentale.
6. Premere il tasto STOP/CANCEL per interrompere la Event Recording.
Nel caso in cui i dati della Event Recording entrino in conflitto con i
dati della Song, l’EMX-1 accorda a quest’ultimi la priorità.
Il movimento delle manopole registrato in modalità Song con la Event
Recording è riprodotto utilizzando una modalità equivalente a quella
SMOOTH della Motion Sequence (e quindi non TRIG HOLD).
Se si desidera salvare in memoria i dati registrati con la Event Re-
cording, è necessario eseguire l’operazione Write.
I dati della Event Recording potrebbero non essere riprodotti
correttamente durante il riavvolgimento della Song.
Quando si usa (in riproduzione) una manopola per la quale sono
state registrate operazioni di Event Recording, gli eventi relativi al
controllo utilizzato saranno cancellati fino al raggiungimento della
Position successiva.

Cancellare gli eventi della Song


Per cancellare gli eventi dalla Song, tenere premuto il tasto SHIFT e premere
il tasto RESET/ERASE. Per cancellare un determinato intervallo, mantenere
premuto il tasto RESET/ERASE.

Controllare gli eventi della Song


Per verificare se nella Song sono presenti eventi, tenere premuto il tasto
SHIFT e premere il tasto MOTION SEQ nella sezione Part common. La
presenza di eventi è segnalata dall’accensione dei tasti Step 15 e 16, mentre
sul display appare l’indicazione “SongEvnt” ed il numero di eventi registrati
per la Song corrente.
Non è consentito utilizzare il suddetto metodo durante la riproduzione
o la registrazione.

72
5. Modalità Song

Salvare una Song


Il salvataggio della Song mediante l’operazione Write/Rename è indispensabile per consentire
il riutilizzo delle modifiche apportate con le diverse operazioni di editing. Se non si desidera
conservare le variazioni, è sufficiente selezionare una Song diversa da quella corrente senza
eseguire l’operazione Write/Rename.
Il salvataggio di una Song è sempre effettuato in sovrascrittura, per
cui l’operazione determina la cancellazione della Song che occupa
la locazione di memoria oggetto di scrittura e la sostituzione della
stessa con la nuova.

Salvataggio semplice di una Song


1. Premere il tasto WRITE/RENAME.
Sul display Parametro appare l’indicazione “WriteTo”, mentre su quello
Valore il “(numero della Song di destinazione)”.
A questo punto della procedura è ancora possibile, premendo il tasto SHIFT,
cambiare sul display il “(numero della Song di destinazione)” nel
corrispondente “(sei caratteri del nome della Song)”.

Sovrascrivere su una Song differente


Utilizzare la manopola Dial per modificare il numero di destinazione sulla
quale salvare la Song. Accertarsi che la locazione di memoria sulla quale si
intende salvare la Song non contenga dati di importante rilevanza.
2. Premere il tasto WRITE/RENAME per iniziare il salvataggio. Il tasto
WRITE/RENAME rimane acceso per tutta la durata dell’operazione, e si
spegne a scrittura conclusa. Per annullare il comando, premere il tasto STOP/
CANCEL. Al termine del salvataggio, sul display appare il numero della
Song di destinazione oggetto di scrittura.

Rinominare e salvare la Song


1. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere una volta il tasto WRITE/RE-
NAME (il tasto inizia a lampeggiare). Sul display Parametro appare
l’indicazione “Rename”, mentre su quello Valore i “(sei caratteri del nome
della Song)”.
2. Assegnare un nome alla Song. Usare i tasti cursore [ ]/[ ] per spostare il
cursore verso sinistra o destra nel display Valore, e ruotare la manopola
Dial per selezionare il carattere desiderato. E’ possibile attribuire alla Song
un nome composto da un massimo di otto caratteri, anche se solo sei possono
essere visualizzati sul display durante l’operazione di nomina. Dopo aver
assegnato il nome, premere il tasto WRITE/RENAME.
3. Selezionare il numero di destinazione in memoria sul quale si desidera
salvare la Song. Sul display Parametro appare l’indicazione “WriteTo”,
mentre su quello Valore il “(numero della Song di destinazione)”. A questo
punto della procedura è ancora possibile, premendo il tasto SHIFT, cambiare
sul display il “(numero della Song di destinazione)” nel corrispondente
“(sei caratteri del nome della Song)”. Ruotare la manopola Dial per
selezionare il numero della Song sul quale salvare il brano musicale,
accertando che lo stesso non contenga dati importanti.
4. Premere il tasto WRITE/RENAME per iniziare il salvataggio. Il tasto
WRITE/RENAME rimane acceso per tutta la durata dell’operazione, e si
spegne a scrittura conclusa. Per annullare il comando, premere il tasto STOP/
CANCEL.
L’impostazione originale dello strumento prevede la protezione della
memoria, per cui non sarà possibile effettuare alcuna operazione di
salvataggio se non dopo aver regolato il parametro PROTECT della
modalità Global su Off ( p.75 “Proteggere i dati in memoria”).
Evitare di spegnere lo strumento durante il salvataggio dei dati
(quando cioè il tasto WRITE/RENAME è acceso). In caso contrario
è possibile causare la perdita totale o parziale dei dati.

73
74
6. Modalità Global
Intonare l’unità ad un altro
6. Modalità Global
La modalità Global consente l’impostazione dei parametri che influenzano
strumento
L’intonazione generale dell’EMX-1 può essere impostata in unità di cent.
l’intero strumento, come per esempio il metronomo, l’intonazione generale,
Il valore standard è “+00” (A=440 Hz), ma può essere variato per intonare
la protezione della memoria etc. Per accedere alla modalità Global, premere
l’EMX-1 ad altri strumenti.
il tasto GLOBAL. Per uscire, premere un qualsiasi altro tasto di modalità.
Utilizzare i tasti cursore [ ]/[ ] fino a leggere “MstTune” sul display,
Le modifiche apportate ai parametri della modalità e ruotare la manopola Dial per specificare l’impostazione desiderata.
Global andranno perse qualora si spenga lo strumento
prima di averne effettuato la scrittura in memoria. Per MASTER TUNE .............................. -50...+50
evitare ciò, effettuare l’operazione Write ( p.76 Il presente parametro può essere variato dai messaggi
“Salvare le impostazioni Global”). di MIDI Master Fine Tune trasmessi da un dispositivo
esterno.

Impostare il metronomo Il parametro non influisce sul pitch delle Parti Drum.

Parametro che permette di specificare la modalità d’uso del metronomo,


funzione particolarmente conveniente per la registrazione in tempo reale
dei pattern. Proteggere i dati in memoria
Il metronomo riproduce un click ad intervalli di note da un quarto. Fatta
Parametro che consente di proteggere i dati delle Modalità Pattern e Song
eccezione per l’impostazione “On 3/4”, il suono del metronomo è sempre
contro la scrittura accidentale. Utilizzare i tasti cursore [ ]/[ ] fino a
inviato all’uscita stereo principale L/R ed all’uscita cuffie, mixato insieme
visualizzare sul display Parametro “Protect”. Ruotare la manopola Dial
ai suoni riprodotti dall’EMX-1 e a quello in ingresso dal jack Audio In.
per scegliere tra le opzioni Off oppure On.
1. Premere il tasto [ ] fino a leggere “Metronom” sul display.
PROTECT ......................................... Off, On
On Opzione che determina la disabilitazione
automatica del tasto WRITE/RENAME per
la scrittura dei dati in memoria, e
contemporaneamente impedisce la ricezione
dei data dump MIDI trasmessi da un
dispositivo esterno.
Off Impostazione che permette il salvataggio dei
2. Ruotare la manopola Dial per specificare la modalità d’uso dati in memoria e la ricezione dei data dump
del metronomo preferita. MIDI trasmessi da un modulo esterno.
L’impostazione del metronomo non può essere salvata L’impostazione originale dello strumento prevede l’uso
in memoria. Ad ogni accensione, lo strumento per dell’opzione ON (protezione attivata) per le modalità Pattern,
default seleziona sempre l’opzione “Off”. Part Edit, Step Edit e Song. Le variazioni apportate ai
parametri della modalità Global possono essere invece sempre
METRONOME [Off, Rec0, Rec1, Rec2, On, salvate in memoria, a prescindere dall’impostazione del
On 3/4] presente parametro.
Off Metronomo disabilitato.
Rec0 Metronomo abilitato solo durante la
registrazione (quando cioè i tasti REC e
PLAY/CANCEL sono accesi).
Scambiare le funzioni
Rec1 Impostazione che determina la riproduzione dell’Arpeggiatore
di un conteggio preliminare di una battuta
Questo parametro consente di invertire le funzioni assegnate al control-
prima dell’inizio dell’incisione, e l’uso del
ler Ribbon ed al cursore della sezione Arpeggiatore.
metronomo per tutta la durata della
1. Utilizzare i tasti cursore [ ] fino a visualizzare sul display
registrazione.
l’indicazione “ArpCntrl”.
Rec2 Determina la riproduzione di un conteggio
2. Ruotare la manopola Dial per scegliere tra le opzioni “Nor-
preliminare di due battute prima dell’inizio
mal” o “Revers”.
dell’incisione, e l’uso del metronomo per tutta
3. Premere il tasto Pattern o Song etc. per tornare alla modalità
la durata della registrazione.
precedente.
On Abilita il metronomo sia per la registrazione
che per la riproduzione, senza alcun conteggio ARP CONTROL .................. Normal, Revers
preliminare. Normal Cursore: Controllo Pitch (Synth)
On 3/4 Permette l’invio del suono del metronomo alle Ribbon: Tempo di Gate (Synth) / Resolution
uscite ausiliarie 3/4 (escludendo quindi (Drum) + Note-on
l’uscita L/R e le cuffie), e senza alcun Revers Cursore: Tempo di Gate (Synth) / Resolution
conteggio preliminare. (Drum)
Ribbon: Controllo Pitch (Synth) + Note-on

75
Salvare le impostazioni Usare le card SmartMedia™
Global L’EMX-1 è fornito di uno slot per l’utilizzo della card SmartMedia per
il salvataggio o il caricamento dei dati.
La procedura in basso descrive come l’operazione Write renda possibile
Le card SmartMedia utilizzabili sono del tipo a 3V (3.3V) e con una capacità
effettuare il salvataggio delle variazioni apportate ai parametri della modalità
compresa tra 4~128 MB.
Global. Le nuove impostazioni saranno applicate ad ogni accensione dello
Accertarsi innanzitutto che la card SmartMedia sia orientata in modo corretto,
strumento. Se si desidera ripristinare le impostazioni esattamente come
ed inserirla successivamente nell’apposito slot.
in atto prima delle operazioni di editing, spegnere lo strumento senza effettuare
* SmartMediaTM è un marchio registrato di Toshiba Corporation.
l’operazione Write.

1. Premere il tasto di modalità Global.


2. Premere una sola volta il tasto WRITE/RENAME (il tasto inizia
a lampeggiare). Sul display appare la richiesta “GloblWr?”
Utilizzare la manopola Dial per scegliere “Yes,” e premere
nuovamente il tasto WRITE/RENAME per confermare la scelta
e dare inizio all’operazione di salvataggio. Il tasto WRITE/
RENAME rimane acceso fino al completamento della scrittura
in memoria, e si spegne ad operazione conclusa.
Per annullare il salvataggio delle modifiche apportate,
selezionare “No” oppure premere il tasto STOP/CANCEL.
Le impostazioni della modalità Global possono sempre
essere salvate, a prescindere quindi dallo status del
parametro Memory Protect (vedere sopra).

Evitare di spegnere lo strumento durante il salvataggio


delle impostazioni in memoria (quando cioè il tasto
WRITE/RENAME è acceso). In caso contrario è possibile
causare la perdita totale o parziale dei dati.
Evitare di rimuovere la card o spegnere lo strumento
mentre è in corso l’accesso ai dati contenuti sulla card
stessa (segnalato dall’accensione dell’indicatore). In
caso contrario è possibile danneggiare
irrimediabilmente la card.

Nota sulle card


L’EMX-1 supporta card SmartMedia da 3.3V (o SmartMedia
con ID) con una capacità compresa tra 4–128 MB. Evitare
l’uso di card differenti dai formati sopra esposti; in caso
contrario l’EMX-1 potrebbe non funzionare correttamente o
affatto. Se si desidera proteggere i dati contenuti sulla card
contro la scrittura accidentale, affiggere un’etichetta adesiva
sulla card così come illustrato nella figura in basso. Rimuovere
l’etichetta qualora si intenda riutilizzare la card per il
salvataggio dei dati.

Adesivo di
protezione
anti-scrittura

Gestione e cura delle card


— Non piegare le card, nè sottoporle a forti impatti o alte tem-
perature.
— Evitare di toccare i contatti elettrici della card. L’elettricità
statica presente naturalmente nel corpo umano potrebbe
danneggiare il circuito. Conservare la card nella sua custodia
anti-statica.

76
6. Modalità Global
Formattare le SmartMedia 5. Assegnare un nome al file che ci si appresta a salvare. Sul
display Parametro appare “Rename,” mentre su quello Valore
La procedura che segue descrive come formattare la card i dati correnti. Usare i tasti [ ]/[ ] per spostare il cursore sul
SmartMedia. L’operazione è necessaria per consentirne display, e ruotare la manopola Dial per modificare i caratteri;
l’impiego sull’EMX-1. quindi premere il tasto Step 13.
Sul display Parametro appare la richiesta “Sure?”, mentre su
La formattazione determina la cancellazione totale dei quello Valore l’opzione “No.” Ruotare la manopola Dial per
dati presenti sulla card. selezionare “Yes” e premere il tasto Step 13 per effettuare il
1. Inserire la card SmartMedia nell’apposito slot. salvataggio. Il progresso dell’operazione è segnalato dai tasti
2. Premere ed accendere il tasto GLOBAL. Step. Se si decide di annullare il comando, premere il tasto
3. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 13 STOP/CANCEL.
(CARD). (Il tasto Step 16 inizia a lampeggiare). Sul display Qualora sulla card sia già presente un file con lo stesso
parametro appare l’indicazione “CardMenu”. nome di quello oggetto di scrittura, sul display apparirà
4. Ruotare la manopola Dial fino a visualizzare sul display Valore la richiesta “OverWrt?”, mentre su quello Valore l’opzione
l’indicazione “Format”, e premere il tasto Step 13. di default “No.” Se a questo punto si seleziona l’opzione
“Yes” e si preme il tasto Step 13 per salvare comunque il
file, il salvataggio determinerà la sovrascrittura del file
originale.

Se sulla card dovesse essere già presente un file o una


cartella con lo stesso nome del file oggetto di salvataggio,
sul display Parametro apparirà il messaggio“FileName”.
mentre su quello Valore “Error.” Modificare il nome del
file/cartella sulla SmartMedia, oppure cambiare il nome
5. Sul display Parametro appare la richiesta “Sure?” Ruotare la del file che si desidera salvare.
manopola Dial fino a leggere sul display Valore l’indicazione
Non è possibile salvare i dati sulle card SmartMedia sulle
“Yes”, e quindi premere il tasto Step 13 per dare inizio alla
quali è stato affisso l’adesivo che ne determina la
formattazione. Se invece si decide di annullare l’operazione,
protezione contro la scrittura. Rimuovere l’adesivo dalla
premere il tasto STOP/CANCEL.
card prima di eseguire l’operazione Save.
Lo stato di avanzamento della formattazione è indicato
dall’accensione dei tasti Step. Evitare di spegnere l’EMX-1 o rimuovere la card
6. Al termine della formattazione, o nel caso in cui al punto SmartMedia durante il salvataggio dei dati o la
precedente si sia selezionato “No” e premuto il tasto Step 13 formattazione. In caso contrario è possibile danneggiare
per annullare l’operazione, l’EMX-1 ritorna alla schermata irreprarabilmente la card SmartMedia.
precedente (il tasto Step 13 si spegne).
Per il salvataggio di un file sono necessari circa 2 mega-
Una card SmartMedia formattata su un dispositivo byte di spazio, in mancanza dei quali non è possibile
diverso dall’EMX-1 potrebbe non essere riconosciuta eseguire l’operazione di scrittura.
dallo strumento. In questo caso, eseguire nuovamente
la formattazione sull’EMX-1.

Caricare tutti i dati della


Salvare i dati sulla card SmartMedia sull’EMX-1
SmartMedia (Save All) La procedura in basso descrive come caricare tutti i dati presenti sulla
card SmartMedia (pattern, Song, global) sull’EMX-1.
L’esempio in basso descrive come eseguire il salvataggio dei dati dell’EMX- 1. Inserire la card SmartMedia nell’apposito slot.
1 (pattern, Song, global) su una card SmartMedia. 2. Premere ed accendere il tasto GLOBAL.
1. Inserire la card SmartMedia nell’apposito slot. 3. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 13
2. Premere ed accendere il tasto GLOBAL. (CARD) (il tasto Step 13 inizia a lampeggiare). Sul display
3. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 13 Parametro appare l’indicazione “CardMenu”.
(CARD) (il tasto inizia a lampeggiare). Sul display Parametro 4. Sul display Valore appare l’indicazione “Load.” Premere il tasto
appare l’indicazione “CardMenu.” Step 13.
4. Sul display Valore appare l’indicazione “Load.” Ruotare la
manopola Dial fino a visualizzare “SaveAll,” e quindi premere
il tasto Step 13.

5. Sul display Parametro appare l’indicazione “Load”, mentre su


quello Valore “All”. Premere il tasto Step 13.

77
anche possibile visualizzare il nome del pattern al posto del
numero). Ruotare la manopola Dial per scegliere il pattern
desiderato, e premere il tasto Step 13 per eseguirne il
caricamento.
Al termine del caricamento, l’EMX-1 ritorna automaticamente
alla modalità Pattern (il tasto Step 13 si spegne, mentre quello
PATTERN si accende).
Se si decide di annullare l’operazione, premere il tasto STOP/
6. Selezionare il file che si desidera caricare. Sul display Valore CANCEL.
appare l’indicazione “LdFile,” mentre su quello Parametro i L’operazione di caricamento non determina il salvataggio
“(sei caratteri del nome del file).” Ruotare la manopola Dial automatico del pattern sulla memoria interna.
per selezionare il file desiderato, e quindi premere il tasto Step
13. L’impostazione originale dello strumento prevede la
7. Sul display Parametro appare la richiesta “Sure?”, mentre su protezione delle memoria, che impedisce di fatto la
quello Valore l’indicazione di default “No.” Ruotare la scrittura dei dati in memoria. Disabilitare la protezione
manopola Dial per cambiare quest’ultima opzione in “Yes” e prima di eseguire l’operazione Write ( p.76 “Salvare le
premere il tasto Step 13 per eseguire l’operazione Load. Lo impostazioni Global”).
stato di avanzamento dell’operazione è indicato dall’accensione
dei tasti Step. Al termine del caricamento, l’EMX-1 entra
automaticamente in modalità Pattern selezionando il pattern
A01. Se si decide di annullare l’operazione, premere il tasto
Cancellare i file EMX-1
STOP/CANCEL. dalla card SmartMedia
L’impostazione originale dello strumento prevede la
protezione delle memoria, che impedisce di fatto la (Delete File)
scrittura dei dati in memoria. Disabilitare la protezione L’esempio che segue descrive come cancellare un file EMX-1 contenente
prima di eseguire l’operazione Load ( p.76 “Salvare le dati relativi a pattern, Song ed impostazioni global dalla card SmartMedia.
impostazioni Global”).
Un file cancellato non può essere recuperato.
1. Inserire la card SmartMedia nell’apposito slot.
2. Premere ed accendere il tasto GLOBAL.
Caricare un singolo pattern 3. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 13
(CARD) (il tasto Step 13 inizia a lampeggiare). Sul display
dalla card SmartMedia Parametro appare l’indicazione “CardMenu.”

(Load Pattern) 4. Sul display Valore appare l’indicazione “Load.” Ruotare la


manopola Dial per selezionare “Delete”, e quindi premere il
1. Inserire la card SmartMedia nell’apposito slot. tasto Step 13.
2. Premere ed accendere il tasto GLOBAL. 5. Selezionare il file che si desidera cancellare. Sul display Valore
3. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 13 appare l’indicazione “DelEMX”, mentre il display Parametro
(CARD) (il tasto Step 13 inizia a lampeggiare). Sul display mostra i “(sei caratteri del nome del file)”. Ruotare la manopola
Parametro appare l’indicazione “CardMenu.” Dial per scegliere il file da cancellare, e quindi premere il tasto
4. Sul display Valore appare l’indicazione “Load.” Premere il tasto Step 13.
Step 13.
5. Sul display Parametro appare l’indicazione “Load”, mentre su
quello Valore “All.” Ruotare la manopola Dial per selezionare
“1Ptrn”, e quindi premere il tasto Step 13.

6. Sul display Parametro appare la richiesta “Sure?”, mentre su


quello Valore l’indicazione di default “No.” Ruotare la
manopola Dial per selezionare “Yes” e premere il tasto Step 13
per eseguire l’operazione Delete. Lo stato di avanzamento
6. Selezionare il file (quello specificato per Save All) contenente dell’operazione è segnalato dall’accensione dei tasti Step.
il pattern che si intende caricare. Sul display Valore appare La procedura di cancellazione dall’EMX-1 può essere
l’indicazione “LdFile”, mentre su quello Parametro i “(sei effettuata solo per file proprietari EMX-1 utente.
caratteri del nome del file).” Ruotare la manopola Dial per
scegliere il file desiderato, e quindi premere il tasto Step 13.
7. Selezionare il pattern che si desidera caricare. Sul display
Parametro appare l’indicazione “Load”, mentre su quello Valore
il “(numero del pattern)” (tenendo premuto il tasto SHIFT è

78
7. Modalità MIDI
1. Premere ed accendere il tasto MIDI.

7. Modalità MIDI 2. Utilizzare i tasti cursore [ ]/[ ] fino a leggere sul display
l’indicazione “MIDI ch.”
In questa modalità è possibile impostare il canale MIDI, il clock e l’intervallo 3. Premere ed accendere il tasto della Parte per la quale si desidera
di pitch bend. impostare il canale MIDI. Per specificare il canale MIDI delle
Se si desidera salvare le impostazioni della modalità Parti Drum, premere uno qualsiasi dei 9 tasti Drum (tutti i
MIDI, eseguire l’operazione Write prevista per la modalità tasti delle Parti Drum si accendono).
Global ( p.76 “Salvare le impostazioni della modalità 4. Ruotare la manopola Dial per selezionare il canale MIDI
Global”). desiderato.
Il canale MIDI assegnato alla Parte Synth 1 è inoltre utilizzato
Nota sui canali MIDI per la trasmissione e la ricezione dei messaggi di Program
Proprio come la sintonizzazione dei canali di un televisore, Change e del Sistema Esclusivo (”Canale MIDI Global”).
che consente la ricezione dei programmi trasmessi su determi-
Parte Canale
nate frequenze, ogni dispositivo MIDI deve essere predisposto
Parte Synth 1(global) 1
in maniera tale da farne coincidere i canali di ricezione con
Parti Synth 2–5 2–5
quelli di trasmissione dell’unità esterna.
Parti Drum (1–7B) 10
Il parametro MIDI Ch della modalità Global permette
l’impostazione dei canali di trasmissione/ricezione
individualmente per ciascuna parte Synth 1–5 e globalmente
per le Parti Drum.

Usare l’EMX-1 come


modulo sonoro
Utilizzare un cavo MIDI per collegare la porta MIDI OUT di una tastiera
MIDI etc. alla porta MIDI IN dell’EMX-1.
1. Premere ed accendere il tasto MIDI.
2. Usare i tasti cursori [ ]/[ ] fino a visualizzare sul display
l’indicazione “MIDI ch”.
3. Premere il tasto della Parte Synth 1 dell’EMX-1, e quindi
ruotare la manopola Dial per specificare un numero di canale
MIDI uguale a quello utilizzato dalla tastiera esterna etc., per
la trasmissione dei messaggi MIDI ( “Impostare i canali MIDI
di ogni Parte”).
4. Suonare lo strumento esterno MIDI connesso e verificare che
l’EMX-1 riproduca i suoni della Parte Synth 1.

Collegare un sequencer multitraccia MIDI all’EMX-1


Impostare i canali MIDI per le Parti Synth 1–5 e le Parti Drum
( “Impostare i canali MIDI di ogni Parte”). Specificare i
canali in maniera da consentire la ricezione dei messaggi
trasmessi da ciascuna traccia del sequencer (per es.: canale 01
per la traccia 01 etc.). Avviare infine la riproduzione del se-
quencer e verificare che ogni Parte riproduca i messaggi
trasmessi dal sequencer.

Impostare i canali MIDI di


ogni Parte
MIDI ch ................................................ 1...16
Questo parametro permette l’assegnazione del canale MIDI
desiderato a ciascuna Parte dell’EMX-1 (Synth e Drum). Il
canale MIDI attribuito è utilizzato dall’EMX-1 sia per la
ricezione, sia per la trasmissione. La tabella che segue illustra
i canali assegnati per default.

79
Utility MIDI Assegnare i numeri di nota
Le Utility MIDI sono rappresentate da una serie di funzioni e parametri MIDI alle Parti Drum
che consentono l’impostazione dei filtri MIDI, l’assegnazione dei numeri
di Control Change e dei numeri di nota Drum, oltre ad altre funzioni relative DRUM NOTE NO. ............................ C-1...G9
alla trasmissione/ricezione dei dati. Parametro che consente l’assegnazione di un numero di nota
MIDI a ciascuna Parte Drum. L’attribuzione dello stesso numero
di nota a più Parti ne determina la riproduzione simultanea da

Impostare i filtri MIDI parte di un modulo MIDI esterno.


1. Premere il tasto MIDI.
MIDI FILTER ................................................. 2. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 12 (MIDI
UTILITY) (il tasto Step 12 inizia a lampeggiare). Sul display
Parametro che permette di stabilire a priori quali tipi di
Parametro appare l’indicazione “MIDI Util.”
messaggi l’EMX-1 debba o meno ricevere e trasmettere.
3. Il display Valore mostra l’indicazione “Filter.” Ruotare la
1. Premere il tasto MIDI.
manopola Dial fino a visualizzare “DrNote,” e quindi premere
2. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 12 (MIDI
nuovamente il tasto Step 12.
UTILITY) (il tasto Step 12 inizia a lampeggiare). Sul display
Parametro appare l’indicazione “MIDI Util.”
3. Accertarsi che sul display Valore appaia “Filter,” e quindi
premere nuovamente il tasto Step 12.

4. Premere il tasto della Parte Drum alla quale si desidera


assegnare il numero di nota MIDI.
5. Sul display Parametro appare il nome della Parte Drum
4. Sul display Parametro appare l’indicazione “PCEN.”
selezionata, mentre su quello Valore il numero corrispondente.

L’indicazione “PCEN” si riferisce a quattro tipi di messaggi, il


Ruotare la manopola Dial per selezionare il numero di nota
cui status corrispondente è indicato dalle lettere “O” oppure
desiderato. Ripetere l’operazione di selezione della Parte e del
“X” nel display Valore (figura sopra). Per abilitare la
numero per tutte le altre Parti Drum.
trasmissione/ricezione di una determinata categoria di
6. Al termine dell’impostazione, premere il tasto Step 12 per
messaggi, utilizzare la manopola Dial per selezionare lo status
tornare alla modalità MIDI (il tasto Step 12 si spegne, mentre
“O.” Viceversa, per impedirne la trasmissione/ricezione,
quello MIDI si accende). Se si decide di annullare
scegliere lo status “X”.
l’impostazione, premere il tasto STOP/CANCEL oppure un
P: Trasmissione/ricezione dei messaggi di Pro- qualsiasi altro tasto di modalità. La tabella in basso illustra i
gram change, Bank select e Song select. numeri di nota assegnati per default a ciascuna Parte Drum.
C: Trasmissione/ricezione dei messaggi di Con- Parte Nota
trol change. Drum1 C2
E: Trasmissione/ricezione dei messaggi di Drum2 D2
Sistema Esclusivo. Da notare che quando sul Drum3 E2
display è selezionata la pagina relativa al Drum4 F2
MIDI Dump, l’EMX-1 è in grado di ricevere Drum5 G2
#
Drum6A F2
i dati a prescindere dallo status specificato #
Drum6B A2
per la presente categoria di messaggi. #
Drum7A C3
N: Trasmissione/ricezione dei messaggi di Nota. #
Drum7B D3
5. Dopo aver terminato l’impostazione dei parametri, premere il L’esatta corrispondenza tra i nomi delle note ed i
tasto Step 12 per tornare alla modalità MIDI (il tasto Step 12 si rispettivi numeri può a volte venire meno, a causa delle
spegne, mentre quello MIDI si accende). Se si decide di diverse impostazioni utilizzate dalla case costruttrici.
annullare l’impostazione, premere il tasto STOP/CANCEL Consultare il manuale d’uso dei moduli esterni per
oppure un qualsiasi altro tasto di modalità. verificare eventuali anomalie o differenze.

80
7. Modalità MIDI
Ciascuna manopola delle Parti Drum può essere 5. Sul display Parametro appare l’indicazione “CCNumber,”
controllata mediante i messaggi MIDI NRPN. mentre su quello Valore il “(numero di control change).”
Ruotare la manopola Dial per selezionare il numero di Control
Nota sugli eventi di Note-on/Note-off Change desiderato, e quindi premere il tasto Step 12.
Ad ogni pressione di un tasto delle Parti Drum, l’EMX-1
trasmette sul canale MIDI specificato il relativo messaggio di
Note-on corrispondente al numero di nota MIDI assegnato.
Per le Parti Synth, la pressione dei tasti Step determina la
trasmissione dei messaggi di Note-on [9n, kk, vv] (dove n:
canale, kk: numero di nota, vv: velocity) relativi ai numeri di
nota corrispondenti a ciascun tasto Step ed in base ad un valore
di velocity pari alla forza con la quale si è premuto il tasto
stesso. 6. Premere il tasto Step 12. Sul display appare la richiesta “Con-
Sull’EMX-1, il valore di vv:velocity è regolato dal livello di tinue?”. Per proseguire con l’assegnazione di un’altra
ciascuna Parte Accent. Al rilascio del tasto, lo strumento manopola, usare la manopola Dial per selezionare “Yes” e
trasmette un messaggio di Note-off [8n, kk, vv]. Da notare premere il tasto Step 12. Ripetere quindi i punti 4 e 5 della
tuttavia che, anche se implementato, il valore di velocity procedura.
dell’evento di Note-off non è trasmesso dall’EMX-1. La Al termine dell’impostazione, usare la manopola Dial per
ricezione degli eventi di Note-on/off determina sempre la selezionare l’opzione “No” e premere il tasto Step 12 per tornare
riproduzione dei suoni assegnati ai relativi canali MIDI, tranne alla modalità MIDI.
quando si specifica lo status “X” per il filtro MIDI “N”, che Se si decide di annullare la procedura di assegnazione, premere
impedisce sia la trasmissione, sia la ricezione di tali eventi ( il tasto STOP/CANCEL o il tasto di una qualsiasi altra modalità.
p.80 “Impostare i filtri MIDI”). I numeri di Control Change (e le relative funzioni)
possono differire per ogni strumento in base agli stan-
dard adottati da ciascuna casa costruttrice. Consultare

Assegnare i numeri di sempre il manuale d’uso dello strumento esterno


connesso per accertare eventuali discrepanze o
Control Change anomalie.

#CC ASSIGN .......................... CC#000...127


Ad ogni manopola è possibile assegnare un numero di Control
Change MIDI.
1. Premere il tasto MIDI.
2. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 12 (MIDI
UTILITY) (il tasto Step 12 inizia a lampeggiare). Sul display
Parametro appare l’indicazione “MIDIUtil.”
3. Ruotare la manopola Dial per selezionare “CCAsin,” e quindi
premere nuovamente il tasto Step 12.

4. Il display Parametro mostra l’indicazione “CCAssign,” mentre


quello Valore il “(nome della manopola corrispondente).”
Ruotare la manopola Dial per selezionare la manopola alla quale
si desidera cambiare l’assegnazione della funzione, e premere
il tasto Step 12.

81
Trasmettere le impostazioni La ricezione del data dump non potrà aver luogo nel
caso in cui la protezione della memoria dell’EMX-1

dei suoni ed altri tipi di dati risulti attivata, a meno che non ci si trovi in modalità
Global.
Le impostazioni ed i dati relativi alle Song, ai pattern ed alla modalità 1. Collegare la porta MIDI OUT del dispositivo incaricato di
Global (comprese le impostazioni MIDI) possono tutte essere trasmesse trasmettere il data dump (un altro EMX-1, un data filer MIDI
dall’EMX-1 come messaggi di Sistema Esclusivo MIDI e salvate su un oppure un personal computer etc.) alla porta MIDI IN
dispositivo esterno. dell’EMX-1.
2. Impostare per entrambe le unità lo stesso numero di canale
MIDI (il canale assegnato alla Parte Synth 1 dell’EMX-1).

Trasmettere/ricevere un Qualora la trasmissione avvenga da un data filer MIDI,


utilizzare lo stesso numero di canale MIDI specificato
data dump precedentemente per il salvataggio dei dati.
3. Premere ed accendere il tasto MIDI o Global.
I Data dump sono trasmessi e ricevuti dall’EMX-1 sul canale
4. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 12 (MIDI
MIDI specificato dal parametro MIDI Ch della modalità MIDI.
UTILITY) (il tasto Step 12 si accende). Sul display Parametro
Oltre a poter essere trasmessi manualmente (come descritto
appare l’indicazione “MIDIUtil.”
nella procedura in basso), i Data dump sono trasmessi anche
5. Il display Valore mostra “Filter.” Ruotare la manopola Dial per
in risposta ai messaggi di Data Dump Request inviati da un
selezionare “Dump,” e quindi premere il tasto Step 12.
dispositivo esterno.
6. Sul display Parametro appare l’indicazione “MIDIDump.”
MIDI DUMP ....... PtBnkA...D, AllSng, Global Avviare la trasmissione dei dati dal dispositivo esterno.
Per ulteriori dettagli sui data dump, fare riferimento alla
Trasmissione Tabella d’Implementazione MIDI dell’EMX-1, oppure
L’esempio che segue mostra come eseguire con l’EMX-1 un contattare il distributore/rivenditore Korg locale.
data dump per il trasferimento dei dati (pattern, Song o
Evitare di premere qualsiasi tasto o utilizzare i controlli
impostazioni Global) ad un data filer o computer esterno.
dell’EMX-1 mentre è in corso la trasmissione dei dati. La
1. Collegare la porta MIDI OUT dell’EMX-1 alla porta MIDI IN
funzione Dump permette la trasmissione/ricezione dei
di un dispositivo MIDI esterno in grado di ricevere un data
dati di Sistema Esclusivo anche quando lo status del
dump (per es.: un altro EMX-1, un data filer MIDI oppure un
parametro “E” dei filtri MIDI è impostato su “X.”
personal computer sul quale sia stato installato un programma
di gestione dei dati MIDI). Al termine della ricezione dei dati, l’EMX-1 impiega circa
2. Impostare il dispositivo MIDI esterno e l’EMX-1 sullo stesso dieci secondi per esegurne la scrittura in memoria
canale MIDI (ciò non è generalmente indispensabile qualora si (accensione del tasto Write/Rename). Evitare di
intenda trasmettere il data dump ad un data filer). spegnere lo strumento durante tale intervallo, dato che
3. Premere ed accendere il tasto MIDI. ciò potrebbe causare la perdita totale dei dati ricevuti.
4. Tenere premuto il tasto SHIFT e premere il tasto Step 12 (MIDI Da notare inoltre che la ricezione di un data dump
UTILITY) (il tasto Step 12 si accende). Sul display Parametro impedisce la ricezione di ulteriori messaggi MIDI non
appare l’indicazione “MIDIUtil.” compresi nel data dump stesso. Se si desidera ricevere
5. Il display Valore mostra l’indicazione “Filter.” Ruotare la due o più data dump consecutivamente, lasciare
manopola Dial per selezionare “Dump,” e quindi premere abbastanza tempo tra una trasmissione e l’altra per dar
nuovamente il tasto Step 12. modo all’EMX-1 di salvare in memoria i dati ricevuti.
6. Sul display Parametro appare l’indicazione “MIDIDump”,
mentre su quello Valore i “(dati da trasmettere).” Ruotare la
manopola Dial per selezionare il tipo di dati che si desidera
trasmettere.
Selezione dei pattern
PtBnkA: pattern del banco A (A01...64) La selezione di un pattern diverso da quello corrente determina la trasmissione
PtBnkB: pattern del banco B (B01...64) di un messaggio di Program Change da parte dell’EMX-1 [Cn, pp] (e
PtBnkC: pattern del banco C (C01...64) Bank Select [Bn, 00, mm] (control change #00), [Bn, 20, bb] (control
PtBnkD: pattern del banco D (D01...64) change #32) (dove mm: upper byte del numero di banco, bb: lower byte
AllSng: tutte le Song del numero di banco).
Global: tutte le impostazioni Global La ricezione di un messaggio di Program Change sul canale MIDI appropriato
7. Premere nuovamente il tasto Step 12 per dare inizio alla determina a sua volta la selezione di un pattern diverso da quello corrente,
trasmissione dei dati. Se si decide di annullare l’operazione, ma sempre all’interno dello stesso gruppo (per es.: da A01 a A02). La
premere il tasto STOP/CANCEL. ricezione di un messaggio di Bank select consente invece di selezionare
un pattern appartenente ad un gruppo (banco) differente (per es.: da A01
Ricezione a C01). La trasmissione e la ricezione dei Program Change è tuttavia sempre
La procedura che segue descrive come ricevere sull’EMX-1 gestita dall’impostazione dei filtri MIDI dell’EMX-1.
un data dump di Sistema Esclusivo trasmesso da un dispositivo Bank select
MSB LSB Program change Numero pattern
MIDI esterno connesso alla porta MIDI IN.
00 00 0–127 A01–B64
00 01 0–127 C01–D64

82
7. Modalità MIDI
Impostare l’intervallo di Sincronizzare la riprodu-
Pitch bend zione ad un modulo MIDI
La ricezione di un messaggio di Pitch bend da parte dell’EMX-1 [En,
vv, vv] (dove vv, vv: lower ed upper byte del valore, espressione di un
esterno
intervallo pari a 16.384 step, con 8.192 [vv,vv=00H, 40H] come valore Il tempo dell’EMX-1 può essere sincronizzato al tempo di un dispositivo
centrale), determina la trasposizione dell’intonazione della Parte Synth MIDI esterno in grado di trasmettere o ricevere i messaggi di MIDI Clock.
assegnata al canale MIDI sul quale ha luogo la trasmissione. Per maggiori dettagli sulle impostazioni di sincronizzazione, fare riferimento
al manuale d’uso del modulo MIDI esterno.
Impostare l’intervallo di Pitch bend
Si consiglia di utilizzare l’EMX-1 come unità Master.
BEND RANGE .................................. -12...12
L’esempio che segue illustra come specificare la quantità di CLOCK ................................... Int, Ext, Auto
trasposizione da applicare in seguito alla ricezione di un Int: Opzione che determina l’uso dell’EMX-1
messaggio di MIDI pitch bend. come unità Master; in questo caso, il modulo
1. Premere ed accendere il tasto MIDI. esterno seguirà le impostazioni di tempo
2. Premere il tasto cursore [ ] fino a leggere “BendRnge” sul dell’EMX-1.
display.
Ext: Opzione che determina l’uso dell’EMX-1
3. Ruotare la manopola Dial per specificare l’intervallo di
come unità Slave; l’EMX-1 seguirà in questo
trasposizione. Un valore di ±1 traspone le note di un semitono,
caso i messaggi di clock trasmessi dal
±2 di un tono intero, ±7 di una quinta e ±12 di un’intera ottava.
Da notare che per alcuni tipi di suoni potrebbe non essere dispositivo esterno.
possibile applicare per intero l’intero intervallo di trasposizione Auto: Impostazione che determina la modalità Slave
impostato. (“Ext”) dell’EMX-1 in presenza di messaggi
di clock trasmessi da un dispositivo esterno,
e della modalità Master (“Int”) in assenza di
questi.

Usare l’EMX-1 come unità Master alla quale


sincronizzare il modulo MIDI esterno
1. Utilizzare un cavo MIDI per collegare la porta MIDI OUT
dell’EMX-1 alla porta MIDI IN del dispositivo MIDI esterno
(per es.: un sequencer o un generatore di tono).
2. Premere ed accendere il tasto MIDI.
3. Premere il tasto [ ] fino a leggere “Clock” sul display.
4. Ruotare la manopola Dial per selezionare “Int” (internal clock).

5. Impostare il modulo MIDI esterno (Slave) in maniera da


consentirgli la ricezione dei messaggi di MIDI Clock trasmessi
dall’EMX-1.
6. Avviare il playback della Song/pattern sull’EMX-1, e verificare
che il modulo MIDI esterno operi in sincronia con esso.
L’uso del tasto RESET/PLAY per l’avvio del playback
a partire dal punto iniziale del pattern determina la
trasmissione del solo messaggio di MIDI Start.

Usare il modulo MIDI esterno come unità Master


alla quale sincronizzare l’EMX-1
1. Utilizzare un cavo MIDI per collegare la porta MIDI IN
dell’EMX-1 alla porta MIDI OUT del modulo esterno (se-
quencer, tastiera etc.).
2. Premere ed accendere il tasto MIDI.
3. Premere il tasto [ ] fino a leggere “Clock” sul display.
4. Ruotare la manopola Dial per selezionare “Ext” (external
clock).
83
Riprodurre in sincrono lo stesso numero di pat-
tern sull’EMX-1 e sull’ES-1
1. Premere ed accendere il tasto MIDI.
2. Premere il tasto cursore [ ] fino a leggere “Clock” sul dis-
play.
3. Impostare l’EMX-1 su “Int” (master) e l’ES-1 su “Ext” (slave).
4. Specificare per la Parte Synth 1 dell’EMX-1 e per l’ES-1 lo
stesso numero di canale MIDI (es: “01”).
5. Impostare il modulo MIDI esterno (Master) in maniera da 5. Impostare il parametro “P” dei filtri MIDI dell’EMX-1 su “O”,
permettergli la trasmissione dei messaggi di MIDI Clock. ed il parametro “N” su “X”.
6. Tornare alla modalità Pattern o Song.
7. Avviare il sequencer del modulo MIDI esterno, e verificare che
l’EMX-1 si sincronizzi ad esso.
Quando l’EMX-1 riceve i messaggi di MIDI Clock dalla porta
Messaggi MIDI usati per la
MIDI IN, è anche possibile premere il tasto PLAY/PAUSE per sincronizzazione
sincronizzare la riproduzione dell’EMX-1 al tempo del modulo
I messaggi MIDI utilizzati dall’EMX-1 per la sincronizzazione (Realtime
MIDI esterno.
Messages) sono: Timing Clock [F8], Start [FA], Continue [FB] e Stop
Impostando il parametro MIDI Clock dell’EMX-1 su [FC].
“Ext” o “Auto” si determina automaticamente l’uso del In un sistema di moduli MIDI connessi in serie o in parallelo, la trasmissione
valore di tempo specificato sul sequencer esterno. In di tali messaggi è delegata ad una sola unità Master (per es.: il sequencer);
questo caso non sarà cioè possibile modificare il tempo tutti gli altri dispositivi (Slave) potranno solo riceverli.
sull’EMX-1.
Timing Clock
La ricezione di un messaggio di MIDI Start (quando
L’unità Slave calcola il tempo in base ai messaggi di Timing
l’EMX-1 opera come unità Slave) determina il ritorno
Clock trasmessi dall’unità Master. Per ogni nota da un quarto,
del pattern correntemente in riproduzione al punto
il Master trasmette 24 messaggi di Timing Clock.
iniziale (oppure, nel caso di una Song, all’inizio del
L’impostazione del parametro CLOCK dell’EMX-1 su “Auto”
pattern corrente nel momento in cui lo strumento riceve
ne determina l’uso come unità Slave solo nel caso in cui questa
il messaggio di Start).
riceva messaggi di clock da un dispositivo esterno; in mancanza
di questi, l’EMX-1 continuerà ad utilizzare il proprio clock
interno.
Sincronizzare l’EMX-1 ad Start
altre unità Electribe Il messaggio di Start segnala all’unità Slave l’inizio della
riproduzione. Il messaggio è trasmesso alla pressione del tasto
Utilizzando l’EMX-1 in sincronia con altri modelli Electribe [come per
PLAY/PAUSE. La ricezione di tale messaggio da parte
esempio l’Electribe-S (ES-1) o l’Electribe-M (EM-1)] è possibile espandere
dell’unità Slave determina l’avvio della riproduzione a partire
ulteriormente la gamma sonora a disposizione.
dal punto inziale, ed in sincronia con i messaggi di Timing
Sincronizzare l’ES-1 al tempo dell’EMX-1 Clock.
Utilizzare un cavo MIDI per collegare la porta MIDI OUT
Continue, Stop
dell’EMX-1 alla porta MIDI IN dell’ES-1. Usare cavi audio
La pressione del tasto START/PAUSE sull’unità Master
per connettere le uscite audio dell’ES-1 ad un mixer o al sistema
(quando questa è in pausa) determina la trasmissione del
di amplificazione desiderato.
messaggio Continue. La ricezione di tale messaggio da parte
1. Premere ed accendere il tasto MIDI.
2. Premere il tasto [ ] fino a leggere “Clock” sul display. di un’unità Slave comporta il ripristino della riproduzione a
3. Ruotare la manopola Dial di entrambe le unità per impostare partire dal punto in cui era stata interrotta. La pressione del
l’EMX-1 su “Int”, e l’ES-1 su “Ext.” tasto STOP durante la riproduzione causa la trasmissione (da
4. Premere ed accendere il tasto PLAY/PAUSE dell’EMX-1 per parte dell’unità Master) del messaggio Stop. La ricezione di
avviare la riproduzione del Pattern o della Song. Accertarsi tale messaggio da parte di un’unità Slave determina l’arresto
che l’ES-1 si sincronizzi al tempo dell’EMX-1. della riproduzione.

Nel caso in cui il canale MIDI assegnato ad una delle


Parti dell’EMX-1 corrisponda al canale MIDI di una
delle Parti dell’ES-1, potrebbe verificarsi una fastidiosa
duplicazione dei suoni (unisono). In tale eventualità,
modificare il canale MIDI assegnato ad una delle due
Parti in maniera da impedire il conflitto.

84
7. Modalità MIDI
Nota sulla sincronizzazio- Editing dei suoni
ne in modalità Song L’uso dei data dump di Sistema Esclusivo MIDI permette l’editing simultaneo
di tutti o di un singolo pattern. Oltre a ciò, è anche possibile utilizzare
In modalità Song, l’EMX-1 trasmette inoltre i messaggi di Song Select
i messaggi di tipo NRPN per modificare i valori espressi dalle manopole
e Song Position Pointer.
valide per ciascuna Parte.
Song Select
La selezione di una Song diversa da quella corrente comporta
la trasmissione del messaggio Song Select [F3, ss] (dove ss: Editing via NRPN
numero della song). L’EMX-1 è fornito di 64 Song. La ricezione
I messaggi NRPN (Non-Registered Parameter Number) costituiscono una
di tale messaggio da parte dell’EMX-1 (in modalità Song)
tipologia di messaggi liberamente sfruttabili da ciascun produttore ai fini
determina la selezione del numero di Song incorporato con il
del controllo di un parametro. L’ EMX-1 consente l’uso dei messaggi di
messaggio stesso.
Control Change per l’editing dei parametri relativi alle Parti Synth o alla
La trasmissione/ricezione di questo tipo di messaggi può essere
sezione Effetti, mentre per le Parti Drum è necessario ricorrere ai messaggi
abilitata o negata mediante l’impostazione dell’apposito filtro
NRPN.
MIDI.
Per modificare il parametro di una Parte Drum, utilizzare innanzitutto i
Song Position Pointer messaggi NRPN (LSB) [Bn, 62, rr] e NRPN (MSB) [Bn, 63, mm] (control
A riproduzione ferma, la modifica della posizione corrente change #98 e 99) (dove rr, mm: lower ed upper byte del numero del parametro)
all’interno della Song dell’unità Master (con il clock impostato per selezionare il parametro desiderato. Quindi usare data entry (MSB)
su “Int”) determina la trasmissione del messaggio di Song Po- [Bn, 06, mm] e data entry (LSB) [Bn, 26, vv] (control change #6 e 38)
sition Pointer [F2, pp, pp] (dove pp, pp: lower ed upper byte (dove mm, vv: upper e lower byte del valore, per un intervallo totale di
del valore; pp: numero di beat MIDI a partire dall’inizio, cioè 16.384 step) per specificare il valore.
numero di timing clock / 6).
Il messaggio di Song Position Pointer indica la posizione
corrente di stop del sequencer. Quando l’unità Slave (quella Nota sui messaggi di
cioè con il clock regolato su “Ext” o “Auto”) riceve tale
messaggio in modalità Song, seleziona immediatamente la Sistema Esclusivo
corrispondente locazione all’interno del brano stesso in maniera Dato che l’utilizzo dei messaggi di Sistema Esclusivo è lasciato
da sincronizzarsi all’unità Master. completamente a discrezione di ciascun produttore, tali messaggi sono
Dato che però sull’EMX-1 la lunghezza di ogni pattern può principalmente sfruttati per la trasmissione/ricezione dei parametri relativi
differire, l’unità Master e quella Slave potrebbero trovarsi su ai suoni, oppure per l’editing di dati appartenenti a determinati strumenti.
punti diversi della Song. Il formato utilizzato dall’EMX-1 per i messaggi di Sistema Esclusivo è
Modificando la posizione corrente sull’unità Master si [F0, 42, 3n, 69, ff, ... F7], e cioè:
determina quindi la trasmissione di un messaggio di Song Po- F0: Status Esclusivo
sition Pointer; la successiva pressione del tasto START/PAUSE 42: ID di Korg
causa invece la trasmissione di un messaggio Continue (oppure 3n: [n=0~F] Canale MIDI Global 1~16
di Start se la posizione corrisponde a 001), in maniera da 69: ID del modello EMX-1
permettere l’avvio della riproduzione della Song. ff: ID di funzione (tipo di messaggio)
La ricezione da parte dell’unità Slave di un messaggio di Con- ...
tinue provoca l’avvio della riproduzione della Song (in F7: Fine del messaggio di Sistema Esclusivo
sincronia con il Timing Clock) a partire dalla posizione indicata
Alcune interfacce USB-MIDI non sono in grado di
dal messaggio di Song Position Pointer. Ciò permette di avviare
trasmettere o ricevere i messaggi di Sistema Esclusivo
la riproduzione da un punto qualsiasi all’interno della Song,
MIDI dell’EMX-1.
esattamente come avverrebbe per il playback dall’inizio del
brano musicale.
Messaggi di Sistema Esclusivo Universale
I messaggi di Song Position Pointer non sono Tipo di messaggi il cui standard è definito, e perciò riconosciuto
trasmessi in seguito al riavvolgimento (Rewind) o da tutti gli altri strumenti. L’EMX-1 implementa i seguenti
avanzamento veloce (Fast-forward) della Song messaggi di Sistema Esclusivo Universale:
effettuato con la manopola Dial o dei tasti Select du- —Inquiry Message Request [F0, 7E, nn, 06, 01, F7]
rante il playback. —Inquiry Message [F7, 7E, nn, 06, 02, (9 bytes), F7]
L’esecuzione delle funzioni di Rewind o Fast-Forward Alla ricezione di un messaggio di Inquiry Message Request,
durante la riproduzione sincronizzata determinano l’EMX-1 risponde trasmettendo un messaggio di Inquiry Mes-
l’interruzione della sincronizzazione stessa. Inoltre, la sage che riporta: ‘Unità Korg ESX-1, sistema operativo...’.
ricezione di un messaggio di Song Position Pointer · Master Fine Tuning [F0, 7F, nn, 04, 03, vv, mm, F7]
durante il playback non provoca di per sè alcuna (dove un valore di 8.192 [mm, vv=40,00] corrisponde alla
posizione centrale, 4.096 [mm, vv=20,00] a -50 cent, e 12.288
modifica della posizione di riproduzione corrente.
[mm, vv=60,00] a +50 cent.). La ricezione da parte dell’EMX-
1 di questo messaggio determina l’impostazione di “Master
Tune” ( p.75).

85
Se si desidera ottenere maggiori informazioni
sull’implementazione MIDI relativa al formato Esclusivo,
contattare il distributore/rivenditore Korg locale.

86
8. Appendice
— Controllo di un modulo esterno con l’EMX-1
8. Appendice [ ] Accertarsi che il canale di trasmissione dell’EMX-1 corrisponda
al canale di ricezione dell’unità esterna che si intende
controllare ( p.79).
[ ] Verificare l’impostazione dei filtri MIDI ( p.80).
Risoluzione dei problemi
Impossibile salvare il pattern o la
Il display non si accende alla Song
[ ] Accertarsi di aver disabilitato la Protezione delle Memoria (
pressione del tasto POWER p.75).
[ ] Verificare di aver collegato l’alimentatore AC/AC allo
strumento.
[ ] Accertarsi che l’alimentatore AC/AC sia stato connesso alla La pressione dei tasti Step non
presa di corrente elettrica.
riproduce il suono specificato
[ ] Accertarsi di aver effettuato l’operazione Write per il
Nessun suono in uscita salvataggio delle modifiche apportate ai suoni delle Parti.
[ ] Controllare che la funzione Keyboard sia stata attivata.
[ ] Controllare che i collegamenti audio siano stati effettuati
[ ] Verificare che non ci sia alcuna Motion Sequence operante
correttamente (amplificatore, mixer, cuffie etc.).
[ ] Verificare che l’amplificatore o il mixer siano accesi, e che il ( p.58).
livello di volume sia stato regolato adeguatamente.
[ ] Accertarsi che la manopola Master Volume dell’EMX-1 non
Impossibile utilizzare la card
sia al minimo.
SmartMedia™
[ ] Accertarsi che la SmartMedia™ non sia stata formattata su un
Il suono non si interrompe dispositivo diverso dall’EMX-1.
[ ] Se per qualsiasi motivo il suono continua ad essere riprodotto
J Se la card SmartMedia™ è stata formattata su un computer o
ininterrottamente, provare a passare dalla modalità Pattern alla
una fotocamera digitale, è necessario eseguire nuovamente la
Song (o viceversa).
formattazione sull’EMX-1 ( p.77)
[ ] Qualora una nota rimanga “bloccata” quando si controlla
[ ] Controllare di aver inserito correttamente la card
l’EMX-1 da un modulo MIDI esterno, tenere premuto il tasto
SHIFT e premere il tasto STOP/CANCEL per eseguire un Re- SmartMedia™ nell’apposito slot.
set MIDI. J Spegnere lo strumento, e reinserire la card come previsto (
[ ] I pattern sono riprodotti in loop. Per interrompere la p.76)
riproduzione di un pattern, premere il tasto STOP/CANCEL
( p.19).
Il suono risulta distorto
[ ] Verificare che il livello della manopola TUBE GAIN sia al
Il suono non corrisponde alle minimo consentito.
modifiche apportate [ ] Controllare l’impostazione del controllo DRIVE. ( p.32)
[ ] Accertarsi di aver eseguito l’operazione Write per effettuare il
salvataggio delle modifiche apportate ( p.64, 73).
L’operazione deve essere eseguita prima di selezionare un pat-
tern o una Song diversi da quelli correnti, oppure prima di
spegnere lo strumento.

Impossibile controllare l’EMX-1 via


MIDI
[ ] Controllare il corretto collegamento del cavo MIDI.

— Controllo dell’EMX-1 da un modulo esterno


[ ] Accertarsi di aver impostato l’EMX-1 sullo stesso canale MIDI
di trasmissione del dispositivo esterno ( p.79).
[ ] Controllare che il parametro MIDI Channel della modalità Glo-
bal sia stato impostato sul canale MIDI che si intende utilizzare
per la trasmissione dei dati ( p.79)
[ ] Verificare l’impostazione dei filtri MIDI ( p.80).

87
Messaggi di errore MotSqFul
Non è stato possibile registrare la Motion Sequence.
Per cancellare il messaggio di errore dal display, premere il tasto STOP/ ¯ L’EMX-1 permette la registrazione di un massimo di 24 Mo-
CANCEL. tion Sequences per ciascun pattern.
Utilizzare la funzione CLEAR MOTION ( p.61) per
cancellare le Motion Sequence non più necessarie, e quindi
Card Fmt ripetere la registrazione.
Non è stato possibile leggere la card SmartMedia™.
¯ Utilizzare il computer o altro dispositivo per eseguire il
salvataggio dei dati contenuti sulla card SmartMedia™. NoFiles
Riformattare la card SmartMedia™ sull’EMX-1, ripristinare i La card SmartMedia™ non contiene file riconoscibili dall’EMX-1.
dati salvati e quindi provare ad accedere nuovamente alla card ¯ L’EMX-1 può caricare solo file in formato .EMX.
dall’EMX-1.

Protect
CardFull Si è tentato di eseguire la scrittura dei dati con la Protezione della Me-
La capacità di memoria dell’EMX-1 o della card SmartMedia™ è prossima moria attivata.
all’esaurimento o insufficiente al completamento dell’operazione richiesta. ¯ Accedere alla modalità Global e disabilitare la protezione della
¯ Cancellare i file non più necessari sulla card SmartMedia™ memoria.
per incrementare lo spazio a disposizione, e quindi ripetere Per le card SmartMedia™, rimuovere l’etichetta adesiva di
l’operazione di scrittura o salvataggio. La card SmartMedia™ protezione.
necessita di minimo 2 MB di spazio libero per poter eseguire il
salvataggio dei dati.
SongEvnt
La scrittura di una Song su una locazione di memoria differente non è
EventOvr stata portata a termine, dato che l’operazione avrebbe portato ad eccedere
E’ stato superato il limite massimo di eventi registrabili per la Song. il numero massimo di eventi registrabili.
¯ Cancellare gli eventi della Song non più necessari. ¯ Cancellare gli eventi della Song non più necessari per
incrementare la quantità di memoria a disposizione.

FileDelt
Si è verificato un errore durante la cancellazione di un file dalla card Write
SmartMedia. La scrittura dei dati non è riuscita.
¯ Provare ad eseguire nuovamente l’operazione. ¯ Provare ad eseguire nuovamente l’operazione.

FileLoad
Si è verificato un errore durante il caricamento di un file dalla card
SmartMedia.
¯ Provare ad eseguire nuovamente l’operazione.

FileName
Il salvataggio di un file sulla card SmartMedia non è andato a buon fine,
poichè sulla card esiste già una cartella/file con lo stesso nome di quello
oggetto di scrittura.
¯ Usare il computer per cancellare la cartella sulla card
SmartMedia, oppure modificare il nome del file sull’EMX-1
ed eseguire nuovamente il salvataggio.

FileSave
Si è verificato un errore durante il salvataggio del file sulla card
SmartMedia™.
¯ Provare ad eseguire nuovamente l’operazione.

88
8. Appendice
Ripristinare le impostazioni di Specifiche tecniche
fabbrica Numero di Parti: 16 (5 Synth, 9 Drum, 1 Synth Accent, 1 Drum Ac-
I pattern e le Song originariamente caricati sull’EMX-1 rappresentano
cent)
l’impostazione di fabbrica, che costituisce quindi lo status dello strumento
Capacità memoria: 256 pattern, 64 Song
all’acquisto. Tali dati possono essere ripristinati dall’utente qualora se
ne presenti la necessità. Effetti: Tre processori x 16 tipi di effetti
Dato che l’operazione determina la cancellazione di tutti i dati utente creati, Sequencer: Max. 128 step per Parte
è consigliabile eseguirne il back up su card SmartMedia prima di procedere Motion sequence: 24 assegnabili in totale
oltre. Song: Max. 256 pattern per Song
1. Tenere premuti i tasti Transpose (Solo) e Write, ed accendere Max. 20.000 eventi per la Event recording.
l’unità. Connettori**:
2. Sul display appare l’indicazione “Preload,” ed il tasto PLAY/ PHONES
PAUSE inizia a lampeggiare. Jack Phone: stereo
3. Se a questo punto si decide di proseguire con il ripristino dei Livello max di uscita: 16 mW/33-ohm o maggiore
dati originali, premere il tasto PLAY/PAUSE lampeggiante. In TUBE GAIN = min
caso contrario, premere il tasto STOP/CANCEL. Impedenza di uscita: 33 ohm
L’operazione richiede circa 30 secondi per il completamento. OUTPUT (L/MONO, R)
Al termine dell’inizializzazione, l’EMX-1 ripristina la
Jack Phone: mono x 2
condizione originale, e dopo qualche secondo entra in modalità
Livello max di uscita: 0 dBu o maggiore / TUBE
Pattern selezionando il pattern "A.01".
GAIN = min
Evitare assolutamente di spegnere lo strumento durante
Impedenza di uscita: 220-ohm (110-ohm @ MONO)
il ripristino dei dati originali.
Carico d’impedenza: 10 k-ohm o maggiore
INDV.OUT (3, 4)
Jack Phone: mono x 2
Livello max di uscita: +7 dBu o maggiore
Impedenza di uscita: 220-ohm
Carico d’impedenza: 10 k-ohm o maggiore
INPUT (AUDIO IN)
Jack Phone: stereo (sbilanciato)
Impedenza d’ingresso: 10 k-ohm (LINE) /
910-ohm (MIC)
Livello max d’ingresso
(LINE): -20dBu/ AUDIO IN LEVEL = max
(MIC): -52 dBu / AUDIO IN LEVEL = max
Impedenza sorgente: 600 ohm
MIDI (IN, OUT, THRU)
5-pin DIN
SmartMedia : TM
4–128 MB, 3V (3.3V)
Valvole: 12AX7/ECC83 x 2
Alimentazione: AC9V (adattatore AC/AC incluso)
Consumo elettrico: 23 W
Dimensioni: 358 (L) x 256 (P) x 62 (A) mm (inclusi piedini in
gomma)
Peso: 3.1 kg

** Le specifiche analogiche, come per esempio i livelli di uscita,


sono state misurate all’accensione, dopo la stabilizzazione delle
valvole. Tali valori possono tuttavia variare in base alle di-
verse temperature ambientali.

89
Elenco dei pattern * Il simbolo “O” nella colonna “Audio In” indica che l’effetto
è applicato all’ingresso audio.

N°. Nome Programmatore Audio In Tempo Length N°. Nome Programmatore Audio In Tempo Length
A01 Electro1 KORG 134 8 B01 DnB12 James Bernard O 175 8
A02 PrgHous1 KORG 136 8 B02 DnB13 James Bernard O 170 4
A03 HardHs1 Fernando Lopez 140 8 B03 DnB14 James Bernard 175 8
A04 UKHouse1 Tomoki Hirata 139 4 B04 DnB15 KORG 174 8
A05 House1 KORG 132 8 B05 DnB16 KORG O 170 8
A06 GarageH1 KORG 125 8 B06 DnB17 KORG 184 8
A07 FJazz1 KORG 130 8 B07 DnB18 KORG 173 8
A08 NuSklBr1 KORG 138 4 B08 DnB19 KORG 177 8
A09 NuSklBr2 James Bernard O 140 4 B09 DnB20 KORG 175 8
A10 DnB1 James Bernard 170 4 B10 DnB21 KORG 180 8
A11 DnB2 Chris Petti 174 8 B11 DnB22 James Bernard O 180 8
A12 DnB3 KORG 177 8 B12 DnB23 James Bernard O 175 8
A13 DnB4 Chris Petti 180 8 B13 DnB24 James Bernard O 175 8
A14 HipHop1 David Brant 72 8 B14 DnB25 KORG O 175 8
A15 HipHop2 David Brant 103 4 B15 DnB26 KORG 175 8
A16 HipHop3 David Brant O 98 4 B16 Trance4 KORG 142 8
A17 Trance1 KORG 140 8 B17 Trance5 KORG 142 8
A18 Trance2 KORG 138 8 B18 Trance6 KORG 135 8
A19 Trance3 KORG 138 8 B19 Trance7 James Bernard O 140 8
A20 HTrance1 James Sajeva 140 8 B20 Trance8 KORG 141 8
A21 PsyTrnc1 Fernando Lopez 138 8 B21 Trance9 KORG 137 8
A22 Techno1 KORG 132 8 B22 Trance10 KORG 138 8
A23 Techno2 James Bernard O 130 8 B23 Trance11 KORG 136 8
A24 Minimal1 KORG 137 8 B24 Trance12 KORG 142 8
A25 2Step1 Tomoki Hirata O 134 4 B25 Trance13 KORG 143 8
A26 2Step2 David Brant O 134 4 B26 Trance14 KORG 135 8
A27 R&B1 David Brant 104 4 B27 Trance15 KORG O 135 8
A28 R&B2 David Brant O 95 4 B28 Trance16 James Sajeva 137 8
A29 Funk1 KORG 109 8 B29 HTrance2 KORG 142 8
A30 DownTmp1 KORG 91 8 B30 HTrance3 KORG 139 8
A31 AmbiHs1 Tomoki Hirata O 123 4 B31 HTrance4 KORG 138 8
A32 IDM1 James Bernard O 112 4 B32 HTrance5 KORG 137 8
A33 Techno3 KORG O 134 8 B33 PsyTrnc2 Fernando Lopez 140 4
A34 Techno4 KORG 133 8 B34 PsyTrnc3 KORG 140 8
A35 Techno5 KORG 136 8 B35 PsyTrnc4 KORG 147 8
A36 Techno6 James Bernard O 136 8 B36 PsyTrnc5 James Bernard O 140 8
A37 Techno7 James Bernard O 133 8 B37 House2 Oliver Munyak 130 4
A38 Techno8 KORG 139 8 B38 House3 Tomoki Hirata O 128 4
A39 Techno9 KORG 137 8 B39 House4 KORG 128 8
A40 Techno10 KORG O 135 4 B40 House5 KORG O 134 8
A41 Electro2 KORG 135 8 B41 House6 James Bernard O 140 4
A42 Electro3 James Bernard 130 4 B42 House7 James Bernard O 135 8
A43 Electro4 James Bernard 130 8 B43 House8 KORG 138 8
A44 Electro5 James Bernard O 124 4 B44 House9 Tomoki Hirata O 126 4
A45 Electro6 KORG 134 8 B45 House10 Tomoki Hirata 129 4
A46 IDM2 KORG O 120 8 B46 GarageH2 KORG O 124 8
A47 IDM3 KORG 115 8 B47 GarageH3 KORG 127 8
A48 IDM4 KORG 132 8 B48 GarageH4 KORG 127 8
A49 IDM5 James Bernard O 150 8 B49 GarageH5 Oliver Munyak 126 8
A50 IDM6 James Bernard 136 4 B50 GarageH6 Tomoki Hirata 121 4
A51 IDM7 James Bernard 130 8 B51 GarageH7 Tomoki Hirata 126 4
A52 IDM8 James Bernard O 120 4 B52 GarageH8 Tomoki Hirata 125 4
A53 Minimal2 James Bernard O 140 8 B53 UKHouse2 Tomoki Hirata 135 4
A54 Minimal3 KORG 137 8 B54 UKHouse3 Tomoki Hirata O 130 4
A55 Minimal4 KORG O 135 4 B55 UKHouse4 Tomoki Hirata 131 4
A56 Minimal5 James Bernard O 132 8 B56 UKHouse5 Fernando Lopez 140 4
A57 Minimal6 KORG 135 8 B57 UKHouse6 Fernando Lopez 133 4
A58 DnB5 Chris Petti 174 8 B58 PrgHous2 Tomoki Hirata O 126 4
A59 DnB6 Chris Petti 176 8 B59 PrgHous3 KORG 135 8
A60 DnB7 KORG 173 8 B60 PrgHous4 KORG 139 8
A61 DnB8 KORG O 172 8 B61 PrgHous5 KORG 130 8
A62 DnB9 KORG 173 8 B62 HardHs2 Fernando Lopez 141 8
A63 DnB10 KORG O 176 8 B63 HardHs3 Fernando Lopez O 140 4
A64 DnB11 James Bernard 179 8 B64 HardHs4 KORG 154 8

90
8. Appendice
N°. Nome Programmatore Audio In Tempo Length N°. Nome Programmatore Audio In Tempo Length
C01 HardHs5 KORG O 157 8 D01 Demo1-1 KORG 138 8
C02 HardHs6 KORG O 150 8 D02 Demo1-2 KORG 138 8
C03 Gabba1 James Sajeva O 157 8 D03 Demo1-3 KORG 138 8
C04 2Step3 KORG 135 8 D04 Demo1-4 KORG 138 8
C05 2Step4 KORG 135 8 D05 Demo1-5 KORG 138 8
C06 2Step5 Tomoki Hirata 136 4 D06 Demo1-6 KORG 138 2
C07 2Step6 Tomoki Hirata O 134 4 D07 Demo2-1 Oliver Munyak 125 8
C08 2Step7 David Brant O 132 4 D08 Demo2-2 Oliver Munyak 125 8
C09 2Step8 David Brant O 135 4 D09 Demo2-3 Oliver Munyak 125 8
C10 2Step9 KORG 137 4 D10 Demo2-4 Oliver Munyak 125 8
C11 NuSklBr3 James Bernard O 140 8 D11 Demo3-1 James Bernard 140 8
C12 NuSklBr4 James Bernard 135 4 D12 Demo3-2 James Bernard 140 8
C13 NuSklBr5 James Bernard 133 8 D13 Demo3-3 James Bernard 140 8
C14 NuSklBr6 James Bernard 135 4 D14 Demo4-1 James Sajeva 102 8
C15 NuSklBr7 James Bernard O 135 4 D15 Demo4-2 James Sajeva 102 8
C16 NuSklBr8 James Bernard O 145 8 D16 Demo4-3 James Sajeva 102 8
C17 NuSklBr9 KORG O 137 8 D17 Demo4-4 James Sajeva 102 8
C18 NuSklB10 James Bernard O 138 4 D18 Demo4-5 James Sajeva 102 8
C19 NuSklB11 James Bernard O 136 4 D19 Demo4-6 James Sajeva 102 8
C20 NuSklB12 James Bernard O 135 4 D20 Demo4-7 James Sajeva 102 8
C21 HipHop4 David Brant O 74 4 D21 Demo4-8 James Sajeva 102 4
C22 HipHop5 David Brant O 99 4 D22 Demo5-1 Chris Petti 180 8
C23 HipHop6 David Brant 102 4 D23 Demo5-2 Chris Petti 180 8
C24 HipHop7 David Brant O 108 4 D24 Demo5-3 Chris Petti 180 8
C25 HipHop8 David Brant O 102 4 D25 Demo5-4 Chris Petti 180 8
C26 HipHop9 James Bernard O 98 4 D26 Demo5-5 Chris Petti 180 8
C27 HipHop10 James Bernard O 80 4 D27 Demo5-6 Chris Petti 180 8
C28 HipHop11 David Brant O 101 4 D28 Demo5-7 Chris Petti 180 8
C29 HipHop12 David Brant O 106 4 D29 Demo6-1 Oliver Munyak 126 8
C30 HipHop13 Ian Fisher O 140 8 D30 Demo6-2 Oliver Munyak 126 8
C31 HipHop14 Ian Fisher O 94 4 D31 Demo6-3 Oliver Munyak 126 8
C32 HipHop15 KORG 95 8 D32 Demo6-4 Oliver Munyak 126 8
C33 HipHop16 James Sajeva 93 8 D33 Init 120 1
C34 HipHop17 James Sajeva O 93 8 D34 Init 120 1
C35 HipHop18 James Sajeva 95 4 D35 Init 120 1
C36 HipHop19 David Brant O 103 8 D36 Init 120 1
C37 HipHop20 David Brant O 95 4 D37 Init 120 1
C38 HipHop21 David Brant O 90 4 D38 Init 120 1
C39 R&B3 David Brant O 85 4 D39 Init 120 1
C40 R&B4 David Brant 112 4 D40 Init 120 1
C41 R&B5 James Sajeva 125 8 D41 Init 120 1
C42 R&B6 James Sajeva 99 4 D42 Init 120 1
C43 R&B7 James Sajeva 102 8 D43 Init 120 1
C44 R&B8 KORG 104 8 D44 Init 120 1
C45 R&B9 KORG O 125 8 D45 Init 120 1
C46 Funk2 James Bernard O 110 4 D46 Init 120 1
C47 Funk3 David Brant 104 4 D47 Init 120 1
C48 Funk4 KORG 108 8 D48 Init 120 1
C49 FJazz2 KORG 105 8 D49 Init 120 1
C50 FJazz3 KORG 112 8 D50 Init 120 1
C51 FJazz4 KORG 106 8 D51 Init 120 1
C52 DownTmp2 KORG 85 8 D52 Init 120 1
C53 DownTmp3 KORG 78 8 D53 Init 120 1
C54 DownTmp4 KORG O 80 4 D54 Init 120 1
C55 DownTmp5 James Bernard O 75 4 D55 Init 120 1
C56 DownTmp6 Tomoki Hirata O 77 8 D56 Init 120 1
C57 DownTmp7 Tomoki Hirata 76 4 D57 Init 120 1
C58 AmbiHs2 Tomoki Hirata 127 8 D58 Init 120 1
C59 AmbiHs3 Tomoki Hirata 123 8 D59 Init 120 1
C60 AmbiHs4 James Bernard O 130 8 D60 Init 120 1
C61 AmbiHs5 James Bernard O 130 4 D61 Init 120 1
C62 AmbiHs6 James Bernard O 125 4 D62 Init 120 1
C63 Dub1 James Bernard O 80 4 D63 Init 120 1
C64 ER-1 KORG 132 4 D64 Init 120 1

Tutti i pattern e Song —©2003 KORG Inc. Tutti i diritti riservati. 91


Manopole/Switch - Elenco MIDI
PARTE MIDI CH(INITIAL) PARAMETRO CC(INITIAL) NRPN MOTION SEQ SONG EVENT
SYNTH1-5 1(GLOBAL)=CH1 OSC TYPE CC#70 X X
2=CH2 WAVE NRPN X X
3=CH3 SYNTH TUNE NRPN X X
4=CH4 OSC EDIT1 CC#14 O O
5=CH5 OSC EDIT2 CC#15 O O
GLIDE CC#5 O O
FILTER TYPE CC#83 O O
FILTER CUTOFF CC#74 O O
FILTER RESONANCE CC#71 O O
FILTER EG INT CC#79 O O
FILTER DRIVE CC#84 O O
LEVEL CC#7 O O
PAN CC#10 O O
EG TIME CC#75 O O
AMP EG CC#86 O O
ROLL CC#85 O O
FX SEND CC#91 O O
FX SELECT CC#81 O O
MOD TYPE CC#87 O O
MOD DEPTH CC#90 O O
MOD SPEED CC#89 O O
MOD DEST CC#88 O O
MOD BPM SYNC CC#82 O O
PART MOTION SEQ SW CC#80 - O
DRUM1-7B 1-7B=CH10 WAVE NRPN X X
PITCH NRPN O O
LEVEL NRPN O O
PAN NRPN O O
EG TIME NRPN O O
AMP EG NRPN O O
ROLL NRPN O O
FX SEND NRPN O O
FX SELECT NRPN O O
MOD TYPE NRPN O O
MOD DEPTH NRPN O O
MOD SPEED NRPN O O
MOD DEST NRPN O O
MOD BPM SYNC NRPN O O
PART MOTION SEQ SW NRPN - O
SYNTH ACCENT GLOBAL(SYNTH1)=CH1 LEVEL NRPN O O
PART MOTION SEQ SW NRPN - O
DRUM ACCENT GLOBAL(SYNTH1)=CH1 LEVEL NRPN O O
PART MOTION SEQ SW NRPN - O
FX1 GLOBAL(SYNTH1)=CH1 FX TYPE CC#12 X O
FX EDIT1 CC#92 O O
FX EDIT2 CC#93 O O
FX MOTION SEQ SW CC#20 - O
FX2 GLOBAL(SYNTH1)=CH1 FX TYPE CC#13 X O
FX EDIT1 CC#94 O O
FX EDIT2 CC#95 O O
FX MOTION SEQ SW CC#21 - O
FX3 GLOBAL(SYNTH1)=CH1 FX TYPE CC#14 X O
FX EDIT1 CC#96 O O
FX EDIT2 CC#97 O O
FX MOTION SEQ SW CC#22 - O
COMMON GLOBAL(SYNTH1)=CH1 TEMPO X O
SWING NRPN X O
ROLL TYPE NRPN X O
BEAT NRPN X X
LENGTH NRPN X X
LAST STEP NRPN X X
FX CHAIN CC#23 X O
MUTE STATUS NRPN X O
ACCENT STATUS X X
SWING STATUS X X
92 OUTPUT BUS STATUS X X
Indice analitico
E EDIT SELECT ................ 41
Editing dei dati sequence 50 M MASTER TUNE .............. 75
Metronomo ..................... 75
Editing dei suoni ............. 29 MIDI ch ........................... 79
6Tri ................................. 52 Editing della Song .......... 70 MIDI clock ...................... 83
8Tri ................................. 52 EFFECT TYPE ............... 41 MIDI Control Change
Effetti .............................. 41 MIDI DUMP .................... 82
EG INT ........................... 31 MIDI FILTER ................... 80

A ACCENT ........................ 24
ADDITIVE OSC .............. 37
EG TIME .................. 29, 32
Elenco Drum PCM .......... 39
MIDI mode ...................... 79
MOD DELAY ................... 43
AMP EG ......................... 30 Elenco Oscillatori ............ 34 Modalità Global ............... 75
ARP CONTROL ............. 75 Elenco Synth PCM ......... 40 Modalità Song ................. 65
Arpeggiatore ................... 27 EQ .................................. 45 Modulation ...................... 33
ARPEGGIO SCALE........ 27 ERASE ........................... 56 MOTION DEST .............. 60
Audio in .......................... 38 Etichetta di protezione .... 76 Motion sequence ............ 58
AUDIO IN+COMB ........... 38 Event data ...................... 72 MOTION VALUE ............ 60
Auto BPM ....................... 21 Event recording .............. 72 MOVE DATA ................... 53
Multi-traccia .................... 79
MUTE HOLD .................. 71

B BEAT .............................. 52
BEND RANGE ................ 83 F FORMANT OSC ............. 37
Formattare le
BPF ................................ 32
BPF+ .............................. 32
SmartMedia .................... 77
Funzione Keyboard ......... 22 N NEXT SONG .................. 71
NOISE OSC ................... 37
BPM SYNC ..................... 30 FX CHAIN ...................... 41 Nome del pattern ............ 19
BPM SYNC DELAY ........ 43 FX EDIT ......................... 41 NOTE NO. ...................... 51
FX SELECT .................... 30 NOTE OFFSET .............. 68
FX SEND ........................ 30 Note-on/note-off ............. 81

C Canali MIDI ..................... 79


Card ............................... 76
NRPN ............................. 85
Numero .......................... 81
Caricare tutti i dati ........... 77
Caricare un singolo G GATE TIME .................... 51
GLIDE ............................ 32
pattern ............................ 78
CHO/FLG ....................... 44
GRAIN SHIFTER ............ 43
O OSC EDIT ...................... 31
OSC SYNC ..................... 36
CHORD OSC ................. 35 OUTPUT BUS ................ 26
CLEAR PART ................. 56
CLEAR PATTERN .......... 56 H HPF ......................... 32, 45 Output bus ...................... 30

CLEAR SONG ................ 71


CLOCK ........................... 83
COMB OSC .................... 37 I INSERT PATTERN ......... 70
P PAN ................................ 29
Parametri degli effetti ...... 43
COMPRESSOR ............. 45 PART MUTE ................... 23
COPY PART ................... 55 Parte ............................... 22
COPY SOUND ............... 55 K Keyboard......................... 68
Parte Common ............... 32
Creare una Song ............ 68 Parti Accent .................... 22
CROSS MOD ................. 36 Parti Drum ...................... 29
CUTOFF ......................... 31 L LAST STEP .................... 53
LENGTH ......................... 52 Parti Synth ...................... 22
PATTERN ....................... 68
LEVEL ............................ 30
Load Pattern ................... 78 Pattern ............................ 19

D Data dump ...................... 82


DECIMATOR .................. 45
LPF .......................... 32, 45 Pattern Set ..................... 62
PCEN ............................. 80
Delete File ...................... 78 PCM OSC+COMB .......... 38
DELETE PATTERN ........ 70 PCM OSC+WS ............... 38
DEPTH ........................... 30 PHASER ......................... 44
DEST .............................. 30 PITCH ............................ 29
DISTORTION ................. 45 Pitch bend ...................... 83
DRIVE ............................ 32 PITCH SHIFTER ............ 45
DRUM NOTE NO. .......... 80 POSITION ...................... 68
DUAL OSC ..................... 34 Position ........................... 65
PROTECT ...................... 75
Pulse .............................. 34

93
R Registrare una motion
sequence ........................ 58 V VPM OSC ....................... 36

Registrazione Realtime .. 47
Registrazione Step ......... 48
REPEAT ......................... 54 W WAVE ...................... 29, 31
WAVE FORM ................. 34
RESONANCE ................. 31 WS ................................. 36
REVERB ......................... 43
RING MOD .............. 35, 44
Rinomina ........................ 73
Riprodurre la motion
sequence ........................ 59
Riprodurre la Song ......... 66
ROLL ....................... 25, 30

S Salvare i dati su
SmartMedia .................... 77
Salvare il pattern ............. 64
Salvare la Song .............. 73
Salvare le impostazioni
Global ............................. 76
Saw ................................ 34
Selezionare una Song .... 66
SHIFT NOTE .................. 54
SHORT DELAY .............. 43
Sincronizzazione ............. 84
SmartMedia™ ................ 76
SMOOTH ....................... 58
SOLO ............................. 23
Song ............................... 65
TEMPO ................ 66
SPEED ........................... 30
STEP REC ..................... 50
SWING ........................... 25
Synth filter ...................... 31
SYNTH OSCILLATOR
TYPE .............................. 31
SYNTH TUNE ................ 33

T TALKING MOD ............... 44


TAP ................................ 21
TALKING MOD ............... 44
TAP ................................ 21
tempo ............................. 20
TEMPO LOCK ......... 21, 67
Timing Clock ................... 84
Tipi di effetti .................... 42
Transpose ...................... 24
Tri ................................... 34
TRIG HOLD .................... 58
TUBE GAIN .................... 26
TYPE .............................. 30

U UNISON OSC ................. 35


Utility MIDI ...................... 80

94
Diagramma a blocchi

Synth Part 1 Output Bus = 3/4 to 3/4 Bus


Mod Type, Dest, Speed, Depth, BPM Sync

Modulation to FX1 Bus


OSC Type,
Wave, EG Time FX Select,
OSC Edit1, Filter Type, EG Int Amp EG Type to FX2 Bus
FX Send
OSC Edit2, Cutoff, EG
Glide Resonance Drive Level Pan to FX3 Bus
Audio In Level,
Synth OSC Multi Mode Driver Amp
Line/Mic Pan
Filter to L/R Bus
Audio In Audio In
Thru
Synth Part 2
Synth Part 3
Free Assignable Motion Sequence
Synth Part 4
Motion Seq x 24
Synth Part 5
Destination Part,
Destination Parameter

Drum Part 1 Output Bus = 3/4 to 3/4 Bus


Mod Type, Dest, Speed, Depth, BPM Sync

Modulation to FX1 Bus


EG Time
FX Select,
Amp EG Type to FX2 Bus
EG FX Send

Level to FX3 Bus


Wave, Pitch Pan
Drum OSC Amp Pan to L/R Bus

Drum Part 2 to L/R Bus


Metronome
Drum Part 3 to 3/4 Bus
Drum Part 4
Drum Part 5
Drum Part 6A
Exclusive
Drum Part 6B
Drum Part 7A
Exclusive
Drum Part 7B

Effect Type,
FX Edit1, FX Edit2

FX1 Bus Effect 1 FX Chain


Effect Type,
FX Edit1, FX Edit2

FX2 Bus Effect 2 FX Chain


Effect Type,
FX Edit1, FX Edit2
... ...
FX3 Bus Effect 3
VALVE FORCE Master
Tube Gain Volume
Tube Output L
L/R Bus & Headphones
Tube Output R

Indv.Output 3
3/4 Bus
Indv.Output 4

96
[Production station]
ELECTRIBE·MX (EMX-1) Tabella d'Implementazione MIDI 2003.5.8

Funzione ... Trasmesso Riconosciuto Note

Canale di Default 1 – 16 1 – 16 Memorizzato


base Cambiato 1 – 16 1 – 16

Default 3
Modalità Messaggi × ×
Alterato **************

Numero di 0– 127 0– 127


nota : True voice **************
0– 127

Note ON O 9n, v=30– 127 O 9n, v=1– 127 Velocity trasmessa in base ad Accent level *N
Velocity
Note OFF O 64 *N

After Polifonico × ×
Touch Canale × ×

Pitch Bender × O *C

0,32 O O Bank Select(MSB, LSB) *P


98, 99 O O NRPN(LSB, MSB) *C
8 O O Data Entry(MSB) *C
121 × O Reset All Controllers
35 O O Data Entry(MSB)
Control Change *C
0–95 O O Panel Control(Knob, SW) *3*C

Program O 0 – 127 O 0 – 127 Trasmesso/ricevuto in mod. Pattern *P


Change : True# ************** 0 – 127

Sempre trasmesso/ricevuto
Sistema Esclusivo O O nella pagina MIDI Dump *2 *E

: Song Pos O O Trasmesso/ricevuto in mod. Song *1


Sistema Common : Song Sel O 0 – 63 O 0 – 63 *P
: Tune × ×

Sistema Realtime : Clock O O *1


: Comandi O O *1

Messaggi Aux : Local ON/OFF × ×


: All Notes OFF × O
: Active Sense O O
: Reset × ×

Note *P, *C, *E, *N: Trasmesso e ricevuto quando MIDI Filter (P, C, E, N)
è èe' impostato su “O”
*1: Trasmesso ma non ricevuto quando Clock = “Int.”
Con clock =“Ext”, ricevuto ma non trasmesso.
*2: Risposta ai msg di Inquiry oltre ai msg di SysEx Korg.
*3: Numero di CC specificato da “#CC ASSIGN.”

Modo 1: OMNI ON, POLY Modo 2: OMNI ON, MONO O : Si


Modo 3: OMNI OFF, POLY Modo 4: OMNI OFF, MONO × : No

Per maggiori informazioni sull'Implementazione MIDI, contattare il distributore Korg locale


NOTA IMPORTANTE PER IL CONSUMATORE
Il presente dispositivo è stato assemblato in ottemperenza alle norme che rego-
lano le specifiche tecniche di sicurezza e di voltaggio richieste da ciascun paese
per il quale ne è prevista la commercializzazione. Nel caso in cui si sia acqui-
stato il prodotto via Internet oppure mediante ordine postale o telefonico, l’utente
è tenuto ad accertarne la conformità in base alle leggi vigenti del paese di
appartenenza.
ATTENZIONE: L’uso del dispositivo in paesi per i quali non ne è previsto l’uti-
lizzo e/o la vendita potrebbe rivelarsi pericoloso, ed invalidare la garanzia offerta
dal produttore/distributore. Conservare la ricevuta o lo scontrino rilasciato dal
rivenditore come prova dell’avvenuto acquisto. In caso contrario, potrebbe non
essere possibile usufruire della garanzia che accompagna il prodotto.

15-12, Shimotakaido 1-chome, Suginami-ku, Tokyo, Japan


C 2003 KORG INC. Stampato in Italia