Sei sulla pagina 1di 24

I PROMESSI SPOSI ATTO I

1. OGGI COME IERI


LA MONACA DI MONZA  Le ragioni dell'amore
Amore che non posso avere Sconosciute ai prepotenti
Amore che non posso amare  
Amore La superbia, l'arroganza
  Che non ha nessun dovere
TUTTI Non conosce la vergogna
Il tempo passa, la vita si ripete La violenza del potere
Corsi e ricorsi, tornano le storie  
Fatti e misfatti, oggi come ieri DON RODRIGO
Solo i sogni, i sentimenti Tu mi scoppi nella mente
Poveracci, prepotenti Tu mi scoppi nelle vene
Ed i vigliacchi in cerca di un padrone Un amore senza leggi, senza regole e catene
Con la paura come vocazione Un amore senza leggi, senza regole e catene
E ti distrugge, ordina e protegge  Contadina senza storia
Forze oscure, spaventose Io ti insegnerò l'amore
Su ogni cosa, su ogni legge Che non sa di chiesa e incenso
Per i servi del potere Che non ha nessun pudore
Sotto i piedi di un padrone  
Senza testa, senza cuore Contadina senza storia
Senza voglia, senza onore Io t'insegnerò... l'amore
Ogni servo non ha sogni  
E nei sogni non ha niente TUTTI
E si annulla senza orgoglio Non l'avrete, non l'avrete
Nei capricci del potente Gioco perso questa volta
Oggi sempre come ieri La ragazza non vi cede
Vita nuova, vecchia, uguale Non vi guarda, non ascolta
Il piacere, la passione  
La ragione, la morale DON RODRIGO
E' nel tempo della storia Scommettiamo
Una macchina, un motore  
Quella forza senza tempo TUTTI
E' l'amore, sì, l'amore Scommettiamo
Sì  
  DON RODRIGO
RENZO Bravi, andate!
Comincia qui la storia mia con te Voi sapete come fare, cosa dire
Comincia qui ed io lo so perché  
Sei l'aria, il sole e tutto TUTTI
La vita mia Tutti debbono obbedire
  Il tempo passa la vita si ripete
LUCIA Fatti e misfatti, oggi come ieri
Perché sei tu il mondo e forse più I prepotenti, gente disarmata
La luna, tu Ed i grandi della storia
La Terra, il sole, tu Gente proba, venerata
  Oggi sempre come ieri
R+L Vita nuova, vecchia, uguale
Sei tutte le parole Il piacere, la passione
Ma questa sola basta La ragione, la morale
Amore (amore) E' nel tempo della storia
Amore (amore) Una macchina, un motore
Come dire acqua, terra, sole, luna Quella forza senza tempo
Amore, amore amore E' l'amore, sì, l'amore
Amore mio Sì
 
TUTTI
Oggi sempre come ieri
Storie, amore, i sentimenti
Io sono qui

2. TI HO CERCATO, TI HO TROVATO
3. NON S'HA DA FARE
RENZO
Ti ho cercato IL GRISO
Ti ho aspettato come il buio cerca un sogno Signor curato!
Come l'anima ha bisogno di sentirsi dentro te  
  BRAVO 2
LUCIA Signor curato!
Ti ho cercato  
Ti ho aspettato come il giorno aspetta il sole DON ABBONDIO
Come il cuore le parole che sai dirgli solo tu Sì?
   
R+L GRISO
La voce di questa notte, un giuramento Signor curato!
La vita è un attimo, un momento  
Io e te, le tue mani, la vita sei tu DON ABBONDIO
  Sì?
RENZO  
Ti ho cercato G+B
Ti ho trovato come il buio trova un sogno Dicono in giro che lei ha intensione
Come l'anima ha bisogno di sentirsi dentro te Di maritare Lucia Mondella e Renzo Tramaglino
   
LUCIA DON ABBONDIO
Ti ho cercato Sì, domani
Ti ho cercato come il giorno aspetta il sole  
Come il cuore le parole che sai dirgli solo tu G+B
  Quel matrimonio può darvi dei guai
R+L Non s'ha da fare domani né mai
La voce di questa notte, un giuramento Non s'ha mai...
La vita è l'attimo, il momento Intesi?
Io e te, le tue mani, la vita sei tu  
  DON ABBONDIO
RENZO Cioè cioè
Ti ho cercato Ma lor signori siete uomini di mondo
  Io non so come si può
LUCIA Ci sono dei doveri e perciò...
Ti ho aspettato Io, veramente...
Ti ho aspettato  
  G+B
RENZO Non s'ha da fare, non s'ha mai da fare
Ti ho trovato Non s'ha da fare, non s'ha mai da fare
Come il cuore le parole Non s'ha mai...
  Intesi?
R+L  
Che sai dirgli solo tu DON ABBONDIO
  Uno come me...
RENZO  
Ti ho cercato GRISO
  Dovrà pensare bene al meglio
LUCIA  
Sono qui DON ABBONDIO
  o devo sconsigliare...
RENZO  
Ti ho aspettato GRISO
  Ne va di mezzo la sua integrità
LUCIA  
Sono qui DON ABBONDIO
  Io non posso ostacolare...
(Insieme)  
GRISO
Non si lasci trascinare
 
DON ABBONDIO
Sono loro... ragazzacci! 4. PERPETUA, PERPETUA
Io non so che fanno
  DON ABBONDIO
GRISO Perpetua! Perpetua!
La sua esperienza la consiglia Perpetua!
   
DON ABBONDIO PERPETUA
Se si vogliono sposare... Padrone!
   
GRISO DON ABBONDIO
Ci venga incontro, sia prudente! Vengo meno...
  Presto, il seggiolone
DON ABBONDIO E un bicchiere di vino mezzo pieno...
Io non so che cosa fare... Perpetua, il seggiolone!
  Vengo meno...
G+B  
Don Rodrigo (Don Rodrigo?!) la saluta PERPETUA
Caramente Parlate e confidatevi
   
DON ABBONDIO DON ABBONDIO
Caramente?! E no, parlare a voi
Se poteste almeno voi E' come andare al pulpito e dire i fatti miei
Suggerire a me, meschino  
Un pretesto logico PERPETUA
  Che c'è?
G+B  
Non possiamo perché lei sa tutto DON ABBONDIO
Sa pure il latino Niente, niente
  E quando dico "niente"
DON ABBONDIO O è niente
Ma non si potrebbe...? O è cosa che non posso dire
   
G+B PERPETUA
No! Ooooh, ma che birbone!
Non s'ha da fare, non s'ha mai da fare Malandrino!
Non s'ha da fare, non s'ha mai da fare  
Non s'ha mai... DON ABBONDIO
  Se proprio mi va bene
DON ABBONDIO Mi ammazzano di botte
Sono un povero curato...  
  PERPETUA
G+B Terrò il segreto al massimo
Intesi?  
  DON ABBONDIO
DONNE+G+B Perpetua! Perpetua?
Poveraccio (quel matrimonio non sarà celebrato)  
Non sei nato PERPETUA
Con un cuore di leone Buonanotte!
Obbedire, sottostare e a servire  
Il padrone DON ABBONDIO
  L'orribile minaccia
DON ABBONDIO Nel cuore mi rimbomba
Io... Perpetua!
   
DONNE PERPETUA
Obbediente e rispettoso Sarò una tomba
Lui!  
DON ABBONDIO DON ABBONDIO
Appunto! Signore potentissimo, grandissimo messere
Voi siete un sogno... o un incubo?
 
DON RODRIGO
Di più
5. PARTO, FUGGO + IL POTERE Sono il potere!
La forza senza logica
DON ABBONDIO Che ordina e non spiega
Parto, fuggo, mi nascondo... Che prende senza chiedere
Giù nell'orto, sopra il tetto La mano che ti piega
Nell'armadio, nella madia Io cammino, se lo voglio
Dietro un quadro, sotto il letto... Sulla testa della gente
No! Facciamo come faccio Sono forza, prepotenza...
Ogni volta che un tormento Tutto, tu sei niente...
Mi allontano dai pensieri Niente!
Parto, fuggo e mi addormento  
Io sono, esisto e ordino
BRAVI Sentenzio, sono tutto
Non s'ha da fare (x 10) Secondo la mia logica
  Io lascio, prendo e butto
DON ABBONDIO + BRAVI Io decido, faccio legge
Ma chi è (Non s'ha da fare) Tutto quello che mi va
Che ha parlato? (Non s'ha da fare) Sotto i piedi i tuoi bisogni...
Chi mi chiama? (Ti dovrai piegare) La tua libertà!
Che spavento! (Dovrai capire)  
Che paura! (Che non s'ha da fare) DON ABBONDIO
Che tormento! (Non s'ha da fare) Che incubo terribile...
La coscienza trema, tace (Ti dovrai piegare) Ma chi mi ci ha portato?
La mia veglia non ha pace (Dovrai capire) Io sono, sono un povero... un povero curato
Chi è?  
Chi è? DON RODRIGO
Chi è? (Signore potentissimo) Sulle mie terre, prete
Chi è che mi chiama (Don Rodrigo) Ricordalo anche a te
Chi è? Faccio, disfaccio e ordino
Chi è? Come piace a me
Chi è? (Signore potentissimo)  
Chi è che mi chiama (Don Rodrigo) DON ABBONDIO
Chi è? (Ahahahahahah) Ma è quasi tutto pronto...
  Gli sposi... c'è una festa...
Ma chi è (Non s'ha da fare)  
Che ha parlato? (Non s'ha da fare) DON RODRIGO
Chi mi chiama? (Ti dovrai piegare) Non s'ha da fare!
Che spavento! (Dovrai capire) Non s'ha da fare...
Che paura! (Che non s'ha da fare) Mai!
Che tormento! (Non s'ha da fare) La legge è questa...
La coscienza trema, tace (Ti dovrai piegare)
La mia veglia non ha pace (Dovrai capire)
Chi è? 6. LA SPOSA
Chi è?
Chi è? (Signore potentissimo)
Chi è che mi chiama (Don Rodrigo) 7. FINISCE QUI
Chi è?
Chi è? RENZO
Chi è? (Signore potentissimo) Lucia, Lucia
Chi è che mi chiama (Don Rodrigo) Sciogli i tuoi capelli
Chi è? (Don Rodrigo) La festa non è più festa
Chi è? (Don Rodrigo) Ora tutti via
Chi è? (Don Rodrigo) Lucia, Lucia
Chi è? (Don Rodrigo... Lui!) Qualcuno vuole che
  Non sia più amore, amore
L'amore mio per te Dove andare...
E canti e balli inutili
Andate via perché CORO POPOLANI
Non è più festa Noi poveri cristi
E' inutile La fatica di campare
  Loro prepotenti
Finisce qui la storia mia con te Per mestiere sopraffare
Finisce qui ed io non so perché
Però non può finire la vita mia CORO DONNE
Perché sei tu il mondo e forse più Ma c'è la giustizia
La luna, tu Il diritto che protegge
La Terra, il sole, tu Codici, sentenze giuste
Sei tutte le parole Uomini di leGge...
Ma questa sola basta
Amore, amore AGNESE
Come dire acqua, Terra, sole, luna Contro i prepotenti
Amore, amore, amore Siamo disarmate
Amore mio Senza una difesa
  Poveracce, disperate...
LUCIA
L'acqua, l'aria mia, sei solo tu AGNESE e CORO DONNE
Luce, amore mio, sei sempre tu Contro l'ingiustizia...
Stelle, vita mia, sei tutto tu Senza una speranza...
Sei vita, luce, aria, acqua, Terra, sole, stelle... Sempre alla ricerca
  di impossibile uguaglianza
RENZO
Sei tutto tu CORO UOMINI
La Terra e l'aria, tu L'uomo quando nasce
  Nasce libero ed uguale
LUCIA Tutti uguali a tutti
Sei tutto tu Per diritto naturale
Le stelle, il sole, tu
  CORO DONNE
R+L E c'è la giustizia
Sei tutte le parole Il diritto che protegge
Ma questa sola basta Codici, sentenza giuste
Amore (amore) Uomini di legge...
Amore (amore)
Come dire acqua, Terra, sole, luna CORO DONNE
Amore, amore, amore Uomini di legge
Amore mio Contro il prepotere...
Amore mio Uomini di legge...
Amore Vai...

AGNESE
8. GIUSTIZIA Vai...

CORO DONNE
Giustizia... Giustizia... 9. LA LEGGE È UGUALE PER TUTTI
Giustizia... Giustizia...
AZZECCAGARBUGLI
AGNESE "Iusta lex...
Contro l'ingiustizia Et contra li contravventori
Non possiamo niente si proceda at pena più forte...
Non sappiamo cosa dire e fare... pecuniaria... corporale...
Dove andare... relegazio, galera et morte...
Iusta lex..."
AGNESE e CORO DONNE In mezzo a tanta polvere
Contro l'ingiustizia Riempi la tua anima
Non possiamo niente Respira col pensiero...
Non sappiamo cosa dire e fare... Domanda e rispondo...
Su leggi... sul giusto...
Sul vero... AZZECCAGARBUGLI
Contestualizza...studia
RENZO L'attenuante...
Chiedo se per legge
Dicasi reato RENZO
La minaccia fatta... Un povero curato
Grave... ad un curato...
AZZECCAGARBUGLI
AZZECCAGARBUGLI Secundum ratio
Est delictum grave! Toglie l'aggravante
Caso contemplato: Adesso parla
"Prete che rifiuta Chiaro...all'avvocato.
Ciò che gli è obbligato" La legge aiuta
Ma rimaneggiando Pure chi ha sbagliato
Nel mestiere meo Racconta il vero
Non c'è un innocente... Questa è la tua parte!
E nessuno è reo... Mestiere nostro
Tutti uguali a tutti... Rivoltar le carte...
La ragion per cui
Ratio e non nequizia... RENZO
Il diritto altrui. Ma non voglio rivoltar le carte...

CORO e AZZECCAGARBUGLI CORO


Si... Tribunali...Cancellieri...
La legge è uguale Carcerieri...
Per tutti noi... Uscieri ed avvocati...
Si...
La legge è uguale AZZECCAGARBUGLI e CORO
Per tutti... Provibiri... Inquisitori
Magistrati
AZZECCAGARBUGLI E giudici togati...
L'uomo quando nasce La bilancia è una certezza
Nasce libero ed uguale... Con dovizia e precisione
Tutti uguali a tutti Quando pesa non propende
Per diritto naturale... Non esiste prevenzione...
Nobili et mediocri...
Le medesime catene... TUTTI
Stesse decisioni Si...La legge è uguale
Sui delitti sulle pene... Per tutti noi...
Si...La legge è uguale
CORO e AZZECCAGARBUGLI Per tutti...
Si... Si...La legge è uguale
La legge è uguale Per tutti noi...
Per tutti noi... Si...La legge è uguale
Si... Per tutti...
La legge è uguale
Per tutti... AZZECCAGARBUGLI e CORO
Racconta nobis
AZZECCAGARBUGLI Torti et ragioni
La legge è scienza...studia procedure Cum ratio legis
juste soluzioni...
RENZO
Volevo sapere... RENZO
Sono innocente...
AZZECCAGARBUGLI
E garantisce AZZECCAGARBUGLI e CORO
Regole sicure... Tu non judicare...
Io! Ti consiglio!
RENZO
Se a minacciare... RENZO
Non mi so spiegare...
Chi ha minacciato
E' un nobile...riccone... 10. REGINA COELI
AZZECCAGARBUGLI e CORO
Gli chiederemo
Giusta protezione...
11. IL RUMORE DEL SILENZIO
Dell'avvocato
Ci si può fidare!
Il caso è grave AGNESE E CORO DONNE
Fatevi aiutare... Dolore solo e lacrime...
Il vuoto del silenzio...
AZZECCAGARBUGLI Ma il pianto non si sente...
Adesso dimmi... Il pianto scompare
Il nome del briccone... Si perde...
Se piange la povera gente...
RENZO
E' Don Rodrigo! AGNESE
Nessuno sa capire...
AZZECCAGARBUGLI Nessuno sa il dolore...
Eeeeeeh? Le lacrime dei poveri...
Non fanno nemmeno
RENZO rumore...
Eeeeh! Siamo sole... padre... frate...
Non ci ascolta più nessuno
AZZECCAGARBUGLI Siamo sole, disperate...
Fuori, mascalzone!
FRA' CRISTOFORO
CORO Il dolore ed il silenzio
Si...La legge è uguale Di chi piange fa rumore...
Per tutti noi... Le lacrime dell'anima
Arrivano al Signore.
RENZO
Ma la ratio legis... FRA' CRISTOFORO e CORO
C'è una legge
CORO Sopra ogni legge
Si... C'è...C'è una legge
La legge è uguale Sopra ogni legge
Per tutti
RENZO
RENZO No non c'è giustizia
E la ragion per cui... No non c'è più legge...
Non c'è più chi ascolta
CORO e UOMINI DI LEGGE Nè chi ci protegge...
Si...La legge è uguale Solo con la forza
Per tutti noi... Pieghi il prepotente...
Io lo voglio uccidere...
RENZO Legge non è niente
No...No...I polli...
Li può tenere RENZO , LUCIA e AGNESE
No non c'è giustizia...
CORO e UOMINI DI LEGGE No non c'è più legge...
Si...La legge è uguale Non c'è più chi ascolta
Per tutti Nè chi ci protegge...
Solo con la forza
RENZO Pieghi il prepotente...
I polli...li può tenere
Sono per lei... RENZO
Io lo voglio uccidere...
AZZECCAGARBUGLI
Via! Via! Via! RENZO , LUCIA e AGNESE
La legge non è niente...
Vino... vino... vino... vino
FRA' CRISTOFORO Vino gioia della vita
Tu parli e dici: Vino nettare divino...
"Uccidere!" Vino l’anima impazzita
Ma tu non puoi capire
Uccidere è DON RODRIGO e TUTTI
Distruggersi Scompaiono gli ostacoli
Uccidere è morire Finisce l’impossibile
E' una sventura Diventa vero e logico
Senza riscatto...
Offende Dio... Il coraggio più coraggio
Io so cosa vuol dire... L’incoscienza più incosciente
Io...ho ucciso un uomo... L’arroganza pi ù arrogante
Proprio io... Il potere più potente
Per quella mia tragedia Si...
Che non è mai finita... Vino vino... vino nuovo...
Mi sono fatto frate Sta arrivando la tua festa...
E pago e pagherò... Sta arrivando San Martino
Per tutta la mia vita Vino i fiumi nella testa...
Quegli occhi che si chiudono... Vino gioia della vita
Che strazio, quanto orrore... Vino l’anima impazzita
E muoio di rimorso...
Mi brucia ancora l'anima CONTE ATTILIO
Quel grido...che dolore... Che sconfitta:
Porto questo saio La ragazza si è negata
Sempre in cerca di perdono... Vi è sfuggita...
La vita è il bene massimo Solo vino solo vino
La vita è il grande dono... Sulla tavola imbandita...
A Dio non puoi nascondere
La mano insanguinata... DON RODRIGO
La vita può riprenderla... Facciamo
Soltanto chi l'ha data... Una scommessa...
Non c'è giustizia logica... La vedrete
Che paghi con la morte... Piegata a queste braccia...
Chi uccide è un assassino...
Un solo giusto giudice... CONTE ATTILIO
Dall'alto su orgni sorte. Perderete!

FRA' CRISTOFORO e CORO DON RODRIGO


C'è una legge Prima che sia san Martino
Sopra ogni legge... Quella donna
C'è! È sottomessa...
C'è una legge
Sopra ogni legge... CONTE ATTILIO
Dite quello che vi pare
FRA' CRISTOFORO Perderete la scommessa....
Io so che fare...
So dove andare... DON RODRIGO e TUTTI
So che cosa dire... Vino Vino e nuove prede
So con chi parlare... Catturare... che piacere...
C'è una legge La modestia alle fanciulle
Sopra ogni legge... Insegniamo per mestiere....
Vino vino... vino a fiumi...
Vino vino... vino è festa...
12. VINO, VINO Vino amore. Vino donne...
Vino i fumi nella testa...
I BRAVI
Vino vino... Vino a fiumi... DON RODRIGO
Vino vino... Vino... festa... Griso!
Vino donne, vino tutto... Prima di domani
Vino i fumi nella testa... Quella donna
...qui... Verrà un giorno, verrà un giorno

GRISO DON RODRIGO


Lasci fare a me! Lasci fare a me! Escimi dai piedi!

FRA’ CRISTOFORO e CORO


13. VERRÀ UN GIORNO Verrà un giorno

FRA’ CRISTOFORO DON RODRIGO


Vengo per un aiuto Villano temerario…
A una ragazza date un dolore
Vengo per una grazia FRA’ CRISTOFORO e CORO
Abbiate coscienza pensate all’onore Verrà un giorno
Siate magnanimo
Come vi ha insegnato il vostro rango DON RODRIGO
Il ruolo ed il casato Poltrone incappucciato!

DON RODRIGO FRA’ CRISTOFORO


Certo, frate, certo… Verrà…verrà!
Le consigli di venire
Sotto la mia protezione
E non avrà molestie né umiliazioni 14. LA NOTTE DEGLI IMBROGLI
FRA’ CRISTOFORO RENZO
L’arroganza contro ogni diritto Non c’è giustizia
Offende l’uomo, la sua dignità No, non c’è più legge
La vostra insensata prepotenza Non c’è chi ascolta
È un delitto contro un dono di Dio, la libertà… Né chi ci protegge
Non c’è difesa
DON RODRIGO Né più religione
Villano incappucciato… La prepotenza
Pensa a come parli Contro ogni ragione.
Tu sai chi sono io
AGNESE
FRA’ CRISTOFORO Se ci negano i diritti
Parlo come è giusti che si parli Con l’imbroglio ci aiutiamo…
Ad un uomo senza Dio, senza Dio Nella notte… Dal curato…
Verrà un giorno, verrà un giorno E così lo sorprendiamo…
Senza Dio che compassione (A Renzo) Tu gli gridi che è tua moglie…
Questa casa non è niente (A Lucia) Tu gli gridi “è mio marito”
Non è niente un aquilone
Vola vola finché il vento RENZO
Che lo spinge tira forte (A Tonio e Gervaso)
Se Lui vuole ferma il vento Voi sarete i testimoni…
Senza Dio qui c’è la morte E così compiamo il rito
Verrà un giorno, verrà un giorno
Verrà un giorno, verrà un giorno GRISO e TRE BRAVI
Verrà Con imbrogli e sotterfugi
Scivolando nella via…
F.C.+R.+L+A Zitti zitti, quatti quatti
Verrà un giorno, verrà un giorno Presto… a prendere Lucia…
Senza Dio che compassione Zitti zitti, quatti quatti
Questa casa non è niente Quatti quatti lesti e muti
Non è niente un aquilone Il padrone sarà fiero
Vola vola finché il vento Di segugi tanto astuti
Che lo spinge tira forte
Se Lui vuole ferma il vento LE PAESANE CURIOSE
Senza Dio qui c’è la morte E nella notte
Nera e silenziosa…
FRA’ CRISTOFORO Che per gli imbrogli
Verrà un giorno, verrà un giorno Sembra fatta apposta…
Pure la luna Sono falliti
Che non vuol vedere Tutti i sotterfugi
Per la paura
Ora si è nascosta… R.+L.+A
Sconsolati… Disperati…
GRISO e TRE BRAVI
Col favore della notte
Noi… segugi più fidati 15. LA PROVVIDENZA
Sotto casa della preda…
Siamo quasi già arrivati! AGNESE, LUCIA, RENZO
Padre…
RENZO - AGNESE Padre Cristoforo…
Con il buio il sotterfugio
E’ perfetto, organizzato FRA’ CRISTOFORO
Siamo pronti… tutto è pronto… Quando ogni cosa
Presto a casa del curato… Quando anche la vita
Sembra andata…
CORO POPOLANI Inutile… Finita…
Col favore della notte Sopra ogni cosa:
I segugi più fidati Legge umana… Scienza
Sotto casa della preda… Scende su di noi
Sono quasi già arrivati! La Provvidenza
(a Lucia)
Pronti, pronti per l’imbroglio Tu vai a Monza, cerca quella suora…
Quatti, quatti… Fiduciosi! Che nel convento chiamano signora
A sorprendere il curato (a Renzo)
Vanno adesso i due Promessi sposi! E tu a Milano…
Cerca questo frate…
RENZO Dio vi accompagni… Figli…
Signor Curato… Andate…
Questa donna è mia moglie…

LUCIA
Signor curato… Questo uomo… Renzo…
16. ADDIO AI MONTI

DON ABBONDIO CORO PAESANI


Perpetua… aiuto! Anche stasera è sera... La campana...
Sagrista… le campane Anche stasera suona suona suona...
Questo è un agguato Anche stasera il sole più lontano.....
Presto sciogli il cane! Anche stasera un giorno piano piano...
…E un bicchiere di vino Finisce... si spegne...
Mezzo pieno… Lo senti già adesso...
Sagrista… le campane… Domani ritorna...
Perpetua chiama aiuto… Ma non è più lo stesso...
Perpetua… io vengo meno! Non sembra importante
Eppure è una cosa...
CORO POPOLANI La vita... ha in meno un attimo
E nella notte… La gente si riposa
Notte degli imbrogli Ed è sempre quella gente
Si corre e scappa Che di giorno grida guerra... si dispera...
Scappa, corri e fuggi… Prega, ammazza, piange, assolve
Così scoperto ognuno Mette alla gogna...
Torna indietro… Canta amore, invidia, odio...
Sono falliti Senza vergogna...
Tutti i sotterfugi Vuole capire e non crede...
E nella notte… Giudica, guarda... e non vede...
Notte degli imbrogli
Si corre e scappa CORO
Scappa, corri e fuggi… Anca stasira el sù
Così scoperto ognuno A le andà via...
Torna indietro… El s'è scundù Dedrè di so muntagn...
Anca stasira el sù
A l'è andà via... RENZO - LUCIA
El s'è scundù Dedrè di so muntagn... Monti sorgenti
Riva la nocc... Dalle acque...
Cun la sua bianca luna... Addio
El temp el s'è fermà in su la tera... Cime lontane...
E tocc i stan citu Che ho tanto amato addio...
Etocc po i possen Nella mente impresse...
I piant e anca i besti... Case sparse sul pendio...
E tocc i se indormenten... Io cresciuto tra di voi
Ritornerò...
LUCIA Addio Addio
Monti sorgenti Addio Addio Addio
Dalle acque...
Addio LUCIA
Cime Lontane... Monti sorgenti...
Che ho tanto Amato addio... Che ho tanto amato Addio...
Nella mente impresse...
Case sparse sul pendio...
Io cresciuta fra di voi... 17. PANE PANE
Ritornerò...

LUCIA - RENZO
Addio... Addio 18. LA BAMBOLA COL VELO
Addio... Addio
CORO LONTANO SUORE
RENZO Nunc dimittis servum tuum
Che dolore dire basta Domine,domine...
Dire basta e andare via... Secundum verbum tuum...
E andare via...
AGNESE
CORO Madre reverendissima
Preghen, piangeri, mazzeri, riden... grandissima signora...
Senza vergogna... Abbiamo bisogno di aiuto...
Proeuven amur odi, invidia Protezione...
Anca delpader... La nostra sapeste che storia
Robb che succeden propi sempre Quanto dolore
Robb che succeden Quanta ingiustizia...
Su la terra... Umiliazione...

LUCIA LUCIA
E mi scoppia il cuore dentro... Vivevo, pensavo
Nel petto mio... le cose di tutti...
Mentre penso piango, canto... Una vita normale...
E dico addio... Vivevo, sognavo
una storia d'amore
RENZO che c'era di male?
Ma io lo so...Tra questi monti... Ma c'è sempre qualcuno
Tra la mia gente...Ritornerò... che strappa qualcosa
alla povera gente...
CORO Amare un uomo
Anca stasira el sù e non poter amare
A l'è andà via... sognare un sogno
El s'è scundù e non si può sognare
Dedrè di so muntagn... non ha un diritto
Riva la nocc... la povera gente
Cun la sua bianca luna... niente...niente...niente...
Anca stasira el sù
A l'è andà via... GERTRUDE
Addio... Addio Io non so che cosa sia
Addio... Addio quella che voi chiamate
"Povertà"...
Eppure come te... Ti stancano, ti angosciano, ti invecchiano...
Anch'io conosco
dolori...umiliazioni... BAMBINA
La vita se vuole ti piega sempre... Questa bambola suora non mi piace...
Sempre se lo vuole...
Sempre... GERTRUDE
Ti racconto una favola vera... Quella bambola un gioco non era...
che ti spiega la vita com'è Nella favola venne un mattino....
di una bimba chiamata signora.... Le sue trecce, tagliate, umiliate.
Una bimba che bimba non è... Quella bambola era il destino...
Una bimba mai stata bambina Quella bimba ma lei non sapeva...
Non sa favole...Non sa di re... Ora grande, ora donna, ora suora...
E per gioco una bambola nera Una voce lontana cercava...
con il velo più nero che c'è Quella bimba, chiamata "Signora"...

GERTRUDE BAMBINA EGIDIO


Ho paura....ho paura.... Tu chi sei? Chi sei?
Voglio tornare a casa mia... Tu non nasconderti...
Qui non ci voglio stare.... Dimmi un nome, io
Non ci voglio stare! voglio conoscerti.
Questo posto non mi piace! Lo sai l'amore, cos'è?
Ho paura.... Lo sai l'amore cos'è?
Voglio tornare a casa mia...
Ho paura... GERTRUDE
Voglio tornare a casa mia... E quell'unico raggio di sole
Un amore, alla notte rubato...
GERTRUDE Quello straccio d'amore
Brutta quella bambola! un tormento...
Quello straccio d'amore: il peccato!
BAMBINA
Che ti hanno fatto?
19. ECCO MILANO
GERTRUDE
Il nero dei pensieri che ha... POPOLO IN RIVOLTA
Pane! Pane! Pane!
BAMBINA Quando il popolo è affamato
I tormenti ti hanno fatto Si ribella non ci sta...
Fame! Fame! Privazione!
GERTRUDE Povertà! Disperazione!
Gioco senza logica... Pane! Pane! Pane!
Quando il popolo è affamato
BAMBINA Si ribella non ci sta...
Ti hanno fatto invecchiare Fame! Fame! Privazione!
Povertà! Disperazione!
GERTRUDE Entra in scienza Renzo. Cerca invano di parlare con
Quel gioco che la vita le dà... qualcuno dei rivoltosi.
Torna come un incubo.
La bambola...La bambola...La bambola! RENZO
Scusate... conoscete la strada per il convento... del
BAMBINA padre Bonaventura...?
I tormenti ti hanno fatto!
CORO
GERTRUDE Pane! Pane! Pane! Pane!
Sembrano cent'anni....era solo ieri ma lei I rivoltosi vanno oltre. Renzo rimanre soo. Alle sue
Si è stracciata l'anima, sono finiti lì gli anni miei... spalle appare il Duomo.
BAMBINA RENZO
Lo so, lo so. Tu qui non ci vuoi stare... Insegui i pensieri...
Confusi ma tanti...
GERTRUDE Però non li vedi...
Tanti pianti inutili... Però non li senti...
Ti passano avanti. Non è reato... ecco la gente
E corri e sei fermo Che parla e dice... nelle case...
Paura del niente... Vive, sogna ed è felice
La nebbia lontana Può pensare, immaginare
La nebbia vicina... Tutto quello che gli pare...
Improvvisamente...
POPOLO
CORO Quando il popolo è in rivolta
Ecco... Ecco Milano... Con la forza... le bandiere...
La grande macchina del Duomo... Si riprende i suoi diritti...
Bianca. Grande. Ecco le torri... Riconquista il suo potere...
Ecco le case... I campanili... Quando il popol ha deciso...
La città... le strade... il pane... Oggi, sempre... come ieri...
Bella... bianca... grande... ricca... Butta giù dai piedistalli
La città... Vecchie glorie... condottieri...

RENZO RIVOLTOSI 1
Ecco... ecco Milano... È la rivolta contro chi comanda...
Dove la vita ti appartiene Grdiamo morte per l’affamatore...
Tutto è bello. C’è tutto quello A morte! A morte...
Che io sognavo. Tutto quello Morte all’impostore!
Che cercavo... che volevo...
Immaginavo... tutto vero... RIVOLTOSI 2
Tutto qua... a Milano... Morte... morte... morte al Vicario...
Milano! La nebbia
Ti parla nel cuore... FERRER
Il Duomo che grande Avrete pane... pane...
Milano la vita...
RIVOLTOSI 1
RENZO e DONNE DEL POPOLO MILANESE Viva Ferrer! Viva Ferrer!
Il Duomo... le guglie
Che toccano il cielo CORO 1
Dov’è l’orizzonte...? Pane... Pane! Pane... Pane!
Milano che grande...
Milano infinita! POPOLO
Morte... morte... morte all’affamatore...
RENZO
Ecco... ecco Milano... FERRER
Avere un sogno forse qui Sarà giudicato... si es culpable...
Non è reato... chissà la gente
Che cosa dice? Nelle case... POPOLO
Vive, sogna ed è felice A morte... a morte...
Può pensare immaginare
Tutto quello che gli pare... FERRER
Adelante, Pedro. Adelante...
Rientrano i rivoltosi con bandiere Cum judicio...

POPOLO RENZO
Questa... questa è Milano... Largo... largo...
Dove la vita ti appartiene
GENDARMI
POPOLO e RENZO Prendiamolo! È lui! È lui! Prendetelo!
Tutto è bello! C’è tutto quello
Che sognavo, tutto quello RIVOLTOSI 1 e 2
Che cercavo, che volevo... (due volte)
Immaginavo... tutto vero... Pane! Ruba! Pane! Prendi!
Tutto qua... a Milano Pane! Sali! Pane! Scendi!
Pane! Prendi! Pane! Strappa!
RENZO e POPOLO Pane! Mangia! Pane! Scappa!
Ecco... ecco Milano.
Avere un sogno adesso qui TUTTI
Oggi, sempre... come ieri... Non è reato... ecco la gente
Quando il popolo è affamato... Che parla e dice... nelle case...
Chi reprime per mestiere Vive, sogna ed è felice
Chi protesta disperato Può pensare, immaginare
Oggi, sempre... il macontento Tutto quello che gli pare...
Come ieri... se dilaga Questa... questa è Milano...
La sommossa... sfascia, rompi Dove la vita ti appartiene
E vedremo poi chi paga... Tutto è bello! C’è tutto quello
Che sognavo, tutto quello
RIVOLTOSI 1 Che cercavo, che volevo...
Chi capeggia la rivolta Immaginavo... tutto vero...
Senza averne l’ambizione... Tutto qua... a Milano...
E la folla che lo salva
Tra schiamazzi e confusione... RENZO e POPOLO
TUTTI Ecco... ecco Milano.
Oggi, sempre... come ieri... Avere un sogno adesso qui
Oggi, sempre... come ieri... Non è reato... ecco la gente
Oggi, sempre... come ieri... Che parla e dice... nelle case...
Vive, sogna ed è felice
RENZO Può pensare, immaginare
Pane! Pane! Tutto quello che gli pare...
Questa... questa è Milano...
POPOLO Dove la vita ti appartiene
Salviamolo... salviamolo! Tutto è bello! C’è tutto quello
Che sognavo, tutto quello
RENZO e POPOLO Che cercavo, che volevo...
Ecco... ecco Milano. Immaginavo... tutto vero...
Avere un sogno adesso qui Tutto qua... a Milano...
I PROMESSI SPOSI ATTO II
Io padrone del tuo corpo
1. È ARRIVATO SAN MARTINO Tu padrona sulla mia mente...
Scoprirai cos'è la forza
La potenza del potere
L'uomo, il maschio l'animale
2. CHE COS'È QUESTO FUOCO Che sa fare il suo mestiere...
Come un angelo dannato
DON RODRIGO La mia sete sazierai...
Che cos'è...
Questo fuoco Non saprai più dire basta
Che brucia la mente... Te che adesso dici mai...
E mi prende per te...? Dell'amore più sfrontato
Era un gioco Io ti spiegherò i perché...
Scommessa...non so... Io ti insegnerò l'amore...
E' diventata passione... Io ti insegnerò cos'è...
Non confesso
Nemmeno a me stesso...
E' un'assurda ossessione...
Vieni... 3. E' TORNATO IL GRISO
Io ti chiamo, ti vedo ogni notte...
Ti sento già mia... CORO BRAVI
Animale dei campi...ti bracco... Vino vino Vino a fiumu...
Tormento e pazzia... Vino vino...Vino festa
Tu mi scoppi nella mente... Vino vita...Vino tutto...
Tu mi scoppi nelle vene... Vono i fumi nella testa...
Un amore senza leggi
Senza regole e catene... ATTILIO
Queste mani come morsa... E' arrivato San Martino
Fatti prendere...serrare... La ragazza vi è scappata...
Queste labbra sono il fuoco Ed ho vinto la scommessa
E ti debbono bruciare Ho già vinto...
Contadina senza storia Che serata...
Io ti insegnerò l'amore...
Che non sa di chiese e incenso DON RODRIGO e BRAVI
Che non ha nessun pudore... Non c'è preda che resista
Scommettiamo tutto il vino
LUCIA Ecco il Griso che ritorna...
Vivevo, pensavo E' tornato è ancora San Martino!
Le cose di tutti...
Una vita normale... DON RODRIGO
Vivevo sognavo Griso!
Una storia d'amore E lucia?
Che c'era di male...
Ma c'è sempre qualcuno DON RODRIGO
Che strappa qualcosa Il signor "lasci fare a me"...
Alla povera gente...
Amare un uomo GRISO
E non potere amare... Quella donna maledetta
Sognare un sogno Con l'inganno ci ha beffato
E non si può sognare... Ma vi giuro sarà vostra
Per l'onore del casato
DON RODRIGO La proteggono ho scoperto
Nel convento di clausura
Sarà vostra promettiamo Amore
Scaleremo quelle mura
GERTRUDE
DON RODRIGO E Tu che sei lassù…
Il signor "lasci fare a me!" Tu che ci sei… Ascolta…
Se la senti, la mia voce...
Pesa. Sai che pesa
4. AMORE CHE... La mia Croce!
Tu l’hai voluta. Io no.
CORO SUORE Io questa Croce
Nunc dimittis servum tuum Che non ho capito…
Domine, Domine… No… Io questo saio..
Secundum verbum tuum… Questo mio vestito…
In pacem… Quia videbunt Io… Non l’ho voluto
Oculi mei… Salutare Tuum Lumen… Questa croce
GERTRUDE Che mi han messo
Amore che non posso dire… Addosso… Pesa
Amore che non posso dare… Non è mia…
Amore che non posso avere…
Amore che non posso amare… CORO SUORE
Amore… Quanti sogni mai sognati
Quanti amori disperati
GERTRUDE Quanti inutili peccati
Amore che
GERTRUDE
CORO SUORE Un peso che non so portare…
Amore che È mio però…
Però non posso…
GERTRUDE Porta la Tua croce…
Non posso dire… Tu sei Dio…
Ma questa croce…
CORO SUORE No… Non è un peso mio
Non posso dire…
EGIDIO
GERTRUDE Amore che non posso dire…
Amore che Amore che non posso dare…
Amore che non posso avere…
CORO SUORE Amore che non posso amare…
Amore che Amore…

GERTRUDE CORO SUORE


Non posso dare… E Tu che sei lassù…
Tu che ci sei… Ascolta…
CORO SUORE Se la senti, la sua voce...
Non posso dare… Pesa. Sai che pesa
La sua Croce!
GERTRUDE Tu l’hai voluta. Lei no.
Amore che
GERTRUDE
CORO SUORE Domine…
Amore che Domine…
Perdona...
GERTRUDE Non sum
Non posso avere… Dignus…

CORO SUORE CORO SUORE


Non posso avere… Lei questa Croce
Che non ha capito…
GERTRUDE e CORO SUORE No… Lei questo saio..
Amore che Questo suo vestito…
Non posso amare… Lei… Non l’ha voluto
Questa croce Amore che io voglio dire
Che le han messo addosso Amore che… Amore…
Pesa… Non è sua… Io voglio dare
Amore che io voglio avere
GERTRUDE Amore che io voglio amare
Domine… Domine…
RENZO
LUCIA Amore che io voglio avere
Amore che non posso dire… Amore che io voglio amare
Amore che non posso dare… Amore…
Amore che non posso dire
RENZO Amore che non posso dare
Amore che non posso avere… Amore che io voglio dare
Amore che io voglio amare
LUCIA e RENZO Amore…
Amore che non posso amare… Amore che io voglio dire
Amore… Amore… Amore che io voglio dare
Amore che io voglio avere
GERTRUDE Amore che io voglio amare…
Amore che non posso dire…
Amore che non posso dare… MONACA, EGIDIO, LUCIA, RENZO
Amore che non posso dire… Amore…
Amore che non posso dare…
Amore che non posso avere… 5. EFFETTO TAMBURI
Amore che non posso amare…
Amore…
Un peso che non so portare…
È mio però… Però non posso… 6. VIOLIAMO LA CLAUSURA
Porta la Tua croce, Tu sei Dio…
Ma questa croce… Non è un peso mio… CORO BRAVI
Sì…
EGIDIO Sfondiamo quelle porte…
Amore che non posso dire… Sì…
Amore che non posso dare… Scaliamo quelle mura…
Amore… Amore… Amore… Presto… Tutti, tutti andiamo…
Che non posso amare… E violiamo la clausura!
Amore che non posso dare…
Amore che non posso avere… DON RODRIGO
Amore che non posso amare… No, io lo so che fare…
Amore… Io so dove andare…
So che cosa dire…
EGIDIO So con chi parlare…
E l’unico raggio di sole…
Uno straccio d’amore… C’è un signore che protegge…
Uno straccio d’amore.. Quelli che non hanno legge
Alla notte rubato…
Uno straccio d’amore… Non c’è niente che non si pieghi a lui
Uno straccio d’amore… I pensieri suoi spaventosi… bui…
Il mio inconfessabile tormento…
Il mio imperdonabile peccato… Il suo nome mai chiamato…
Impalpabile entità
LUCIA Fa paura la sua forza
Amore che io voglio avere Non conosce la pietà…
Amore che… Amore che…
Io voglio amare CORO
Amore… Amore che… È… lui… lui…
Non posso dire L’innominato…
Amore che non posso dare
Amore che io voglio avere
Amore che io voglio amare 7. L’INNOMINATO
Amore… Amore…
INNOMINATO Siete il mio tormento...
Morte vita, vita morte, morte amica mia La risposta è solo un "no"...
contro tutti contro tutto grande compagnia Contro una innocente...
vita morte cosa importa se una legge esiste Io non posso...No...però...
se c’è un Dio, tu soltanto Dio
noi sopra il potere, morte vita mia EGIDIO
Questo è il mio godere Dite a quella donna
io lo so perché Dite una bugia...
sono tutto quando sei con me Fuori dal convento
Fatela andar via...
Morte vita morte, morte amica mia Non posso dirvi perchè...
Morte, morte grande compagnia Fatelo...amore...per me...
Io soltanto io, io sopra il poteri
io soltanto io, io senza doveri GERTRUDE
senza legge e dio Dammi aiuto donna...
io soltanto io, tutto solo io Ho bisogno...devi andare...
Torna da quel frate...
DON RODRIGO Ho un messaggio da mandare..
È una grazia che vi chiedo
per l’onore del casato LUCIA
una donna senza storia Madre nobilissima
mi è sfuggita mia ha beffato Signora venerata..
l’ha mandata un frate a Monza Ho paura...è notte
nel convento adesso è là Io non...Forse sono ingrata...
una suora la nasconde contro la mia libertà
GERTRUDE
L’INNOMINATO Portami quel frate...
Quel convento non ha porte Qui...tra queste mura...
né portone non ha grate Torna e ti proteggerà
Quella donna come cagna Di nuovo la clausura...
ai tuoi piedi latrerà Esci...vai sicura...
sarà data al tuo piacere Esci...c'è la luna...
Nibbio và! Porta questa lettera...

LUCIA
8. FATELA USCIRE Ci andrò...

EGIDIO GERTRUDE
Nobile signora... ...buona fortuna...
Amore...sono io... Esci...vai sicura...
Una grazia ancora Tornerai tra noi...
E per sempre, dopo, addio... Prega se hai paura...
E...Perdonami se puoi...
GERTRUDE
Io non posso...Io non posso...
Io vi ho cancellato... 9. IL BUIO NELLA NOTTE
EGIDIO LUCIA
Cerco quella donna... Chi siete voi?
Quella donna... Ditemi chi siete..
Perchè sono vostra prigioniera?
GERTRUDE Ditemi perchè? Io non ho fatto niente..
Siete il mio peccato...
INNOMINATO
EGIDIO Taci !Taci!
L'ordine è già dato...
Io devo obbedire... LUCIA
L'uomo è il più potente... Dio perdona tante cose..
La dovete fare uscire... Per un'opera di misericordia

GERTRUDE INNOMINATO
Taci Mai conosciuto, mai provato

LUCIA LUCIA
Madre di Dio perchè? Ora ve lo giuro
Io povera innocente..
Madre di Dio perchè? INNOMINATO
Io no ho fatto niente.. La pietà
Niente..
Il buio nella notte è dentro al cuore.. LUCIA
Amore dove sei?? Dov’è l'amore? Non mi avrà nessuno
Il cielo, il sole, i fiori.. la mia gente
Vita dove sei?? Qui non c'è più niente! INNOMINATO
Niente... niente.. La pietà
I miei sogni lontani
Quell'aria pulita.. LUCIA
Era niente, era tanto... era quella la vita Io vi prometto
Ed il vento leggero, la luna se c'era..
Era quella la vita.. ora è tardi INNOMINATO
Ed 'è scesa la sera.. Non ha senso questa vita mia
Il buio nella notte è dentro al cuore..
Amore dove sei?? Dov’è l'amore? LUCIA
La luna fugge via.. A voi consacrerò
Con i sogni miei...la notte, il buio
Vita dove sei? Dove sei??Dove?? INNOMINATO
La mia vita negata, i miei sogni lontani.. Io così potente, un uomo niente
Il mio oggi rubato e non so se domani..
La paura, il silenzio, il mio pianto, il dolore.. LUCIA
Non è vita, nè morte.. La mia verginità
Questo buio.. questo buio nel cuore..
l buio nella notte è dentro al cuore.. INNOMINATO
Amore dove sei?? Dov’è l'amore? Niente
La luna fugge via.. con i sogni miei..
La notte, il buio.. vita dove sei?? LUCIA
Dove sei? A voi chiedo pietà
Dove sei? Io faccio un voto, Madre, la mia verginità
Dove?

12. UN UOMO NIENTE


11. LA MIA VERGINITÀ
INNOMINATO
LUCIA Morte, morte, vieni morte
Madre di Dio, io povera innocente… Fammi compagnia…è finita…morte vieni
Madre di Dio, perché? Questa volta è la volta mia
Io non ho fatto niente Quest’uomo che ti chiama
Che si è creduto Dio
INNOMINATO Lo hai visto cento volte
Voce…voce…maledetta! Ma non così…eppure sono io
Mi tormenti ed è finita
La paura di capire ora Un uomo niente, un uomo disperato, un niente io…
Non ha senso la mia vita Che annega dentro al fango
Quanto fango ho seminato…
LUCIA E si credeva Te…potente…Dio!
Madre salvatemi… Ed era, ed era, ed era niente
Quello lì ero io, pazzo di potere
INNOMINATO Che ammazza, strazia e schiaccia
Che tormento, ora, un sentimento… E pensa di godere…e vive disgraziato

LUCIA Un uomo niente, un uomo disperato…


Io non ho fatto niente… Un uomo niente, un uomo disperato…
Un niente io…
INNOMINATO Vieni morte…sii leggera…fammi compagnia
Quante volte ti ho chiamata contro gli altri Cos’è questa festa? Lo voglio capire…
Ed ora sono io che ti sto pregando
Prendimi per mano, portami lontano CARDINALE
Io lo so perché…ora so perché…portami con te E la consolazione…

LUCIA CORO
Dio perdona tante cose per un’opera di misericordia… Arriva il pastore tra noi

INNOMINATO INNOMINATO
Un uomo niente, un uomo disperato… Chi sei tu che parli di consolazione e pace…
Un uomo niente, un uomo disperato…
Un niente io… CORO
Vieni morte…sii leggera…fammi compagnia Suonate, campane, suonate…
Quante volte ti ho chiamata contro gli altri
Ed ora sono io che ti sto pregando INNOMINATO
Prendimi per mano, portami lontano Perché tu parli di perdono?

Io lo so perché…ora so perché… CORO


Ora! Morte! Vieni! Ora! Arriva il pastore per noi
Portami…con te…
INNOMINATO
Chi sei tu che parli? Perché parli? Cosa dici?
13. SUONATE CAMPANE SUONATE
CORO
CORO Correte, correte, correte
Suonate campane suonate Correte…
Campane suonate con noi
Correte, correte, correte INNOMINATO
Correte…è festa per noi Chi sei tu che parli? E benedici…

Dalle valli più lontane fate festa insieme a noi CORO


Dalle torri le campane È festa per noi..
Suonate, suonate campane, suonate per lui!
CORO 1
Suonate campane suonate Suonate campane suonate
Arriva il pastore tra noi Arriva il pastore tra noi
Correte, correte, correte Correte, correte, correte
Correte…è festa per noi Correte…è festa per noi
Suonate campane suonate
CARDINALE Arriva il pastore tra noi
Figli..figli miei Correte, correte, correte
La pace su di voi Correte…è festa per noi
La pace del Signore Suonate campane suonate
E la consolazione… Campane suonate, suonate…

CORO CORO 2
Suonate campane suonate Corrano i meschini, corrano i potenti, corrano…
Arriva il pastore per noi Corrano i meschini, corrano i potenti, corrano…
Correte, correte, correte Corrano i meschini…da contrade…da montagne…
Correte…è festa per noi Da colline…da pianure…corrano…
Corrano i meschini, corrano i potenti, corrano…
INNOMINATO Corrano i meschini, corrano i potenti, corrano…
Cos’ha questa gente? Cos’ha da gioire?
CARDINALE
CARDINALE Figli, figli miei…
La pace su di voi… La pace su di voi
E la benedizione…
CORO Il bene della vita…
Suonate, campane, suonate… La pace del Signore…
E la consolazione...
INNOMINATO
INNOMINATO
Che cosa puoi dire?
Chi puoi consolare?
Che cosa puoi dare?
16. VIENI BESTIA
Ti voglio capire..ti voglio vedere…
Toccare…capire… SEGRETARIO (parlato)
Ti voglio parlare…parlare…parlare… Tranquillo... Tranquillo... E' la mula del segretario...
Che è un letterato....

DON ABBONDIO
14. SOLO IL SILENZIO Vieni bestia. Bestia andiamo...
Bella bestia... Ma perché...
CARDINALE Io che so poco di tutto
Solo il silenzio ora può parlare Dico bestia e parlo a te ?
Solo il silenzio ora ci può dire Scusa bestia... Te lo dico
Solo il silenzio ora può spiegare Io ragiono a modo mio...
Solo il silenzio ora può parlare Senza offesa: tra noi due
Se c'è una bestia... Quella sono io
INNOMINATO
Solo il silenzio può dire il tormento Sessant'anni e più... passati
L'inferno che ho nel cuore Al servizio della gente
Solo il silenzio... E alla fine poi capire
Che non ho capito niente...
CARDINALE
Un uomo, no, non può pregare un altro uomo Una bestia... Quando è bestia
Ora son io che prego, che piango e imploro Dio Non capisce che lo è...
Io che ho sbagliato…avrei dovuto io… E nel caso lo capisse
Cercare voi che ho tanto amato e pianto… Lo capisce troppo tardi
Figlio lontano… Ed allora resta bestia
Come me!
INNOMINATO Sono bravi questi santi
Io Figlio disperato… Così buoni con briganti
Assassini, sciagurati...
CARDINALE Si commuovono... "Te absolvooooo..."
Dio che chiama Perdonati !
È lui che vi ha portato…Dio… Beata te... Che non capisci...
Tiri calci quando vuoi...
INNOMINATO Non ti chiedono ragioni
Dio…Dio…Dio… Sono solo fatti tuoi...
Se lo vedessi…se lo sentissi
Dov’è questo Dio? DON ABBONDIO
CARDINALE Di quei calci mai nessuno
Dio che cercate vi ha toccato il cuore Verrà a chiederti il perché
Lui che vi chiama, Lui vi fa parlare Lo puoi fare in quanto bestia...
Lui dà speranza, Lui consolazione Tiri calci senza rischi...
Lui…Lui…Lui… Non ti danno punizioni...
Non ti chiedono ragioni... Beata te!
CARDINALE
Solo il silenzio ora può spiegare
Solo il silenzio ora può parlare
17. TI DO' LA LIBERTÀ
INNOMINATO
Solo il silenzio ora può spiegare LUCIA
Solo il silenzio ora può parlare Madre di Dio
Io povera innocente
INNOMINATO e CARDINALE Chi siete voi?
Dio! Io non ho fatto niente

INNOMINATO
Un uomo…un uomo niente
15. IL CURATO IL CURATO Un uomo che non sa che fare
Io cerco pace e prego
E voglio farmi perdonare Ora sei grande come il mio dolore…
Per tutto il male fatto Cecilia…bambina mia…
Imploro Dio… Cecilia…bambina mia…
Ed ora sono… Figlia…portami via…
Un altro uomo Figlia…portami via…
Questo sono io…
Che vi sto pregando CORO
Che vi sto implorando Questa, questa è Milano
Questo sono io Ecco le case, i campanili
Ora so chi sono Ecco il dolore, Milano muore…
Vi do la libertà Milano muore…
Vi do la libertà
Cerco perdono… MADRE DI CECILIA
Cecilia…bambina mia…bambina mia!
AGNESE
Lucia…Lucia…

18. I LANZICHENECCHI E LA 20. IL TRADIMENTO


LETTERA
DON RODRIGO
RENZO Griso... Griso
Sono stanco sto scappando dentro i campi devastati Il vino questa notte ha fatto il pazzo
nei villaggi sta passando il flagello dei soldati è stato il vino
questa lettera per dirvi quante chiese hanno bruciato corri chiama un medico
quante case hanno distrutto ma prima del mattino
quanto lutto hanno portato non è peste questa ma
è la guerra vai t’affido la mia sorte
e fuggi dai monatti gli sciacalli
LUCIA E AGNESE e la morte
Noi ci siamo ritrovate finalmente siamo insieme
questa lettera per dirti siamo vive stiamo bene F.C.+R.+L.+A.
siamo sole spaventate vieni cerca di tornare Verrà un giorno, verrà un giorno
hanno detto sanno tutti che ti vogliono arrestare Senza Dio che compassione
Questa casa non è niente
RENZO Non è niente un aquilone
Qui la gente è disperata quante donne hanno violato Vola, vola finché il vento
fumo e fiamme contro il cielo anche il sole hanno Che lo spinge tira forte
rubato Se Lui vuole ferma il vento
con la guerra un’altra morte sta arrivando da lontano Senza Dio qui c’è la morte
è il flagello della peste il flagello su Milano
la peste la peste la peste la peste GRISO
Guardami

19. LA MADRE DI CECILIA DON RODRIGO


Traditore... maledetto
MADRE DI CECILIA
Cecilia…i tuoi capelli GRISO
Oro e dolore… Cosa fate lasciatemi
Cecilia…le tue vesti
La tua vita DON RODRIGO
Io porto ai piedi di una croce Traditore... maledetto
Cecilia…bambina mia…
Cecilia…una parola…
Cecilia…bambina mia… 21. IL LAZZARETTO
Cecilia…la tua voce…
È mia…è mia…è mia… RENZO
Cecilia…non aver paura Padre..
Domani vengo da te Frate Cristoforo..
Torniamo insieme… Voi qui? Ch fate?
Cecilia… Cecilia…amore…
Sei figlia e madre FRA' CRISTOFORO
Alla fine del cammino...
Dopo tanti giorni bui DON RODRIGO
Accompagno i figli al Padre.. E' finita...E' finita
E insieme a loro anch'io ritorno a lui! Ora è tardi...
E di te? E di Lucia? E di voi? Ed è scesa la sera
Che cosa è stato?
RENZO
RENZO Comincia qui
Quell'uomo...Maledetto La storia mia con te...
Sia dannato! Comincia qui...
Ha vinto lui... Ed io lo so perchè
Io voglio la sua morte.. Perchè non può finire...
Io la vendetta...La sua malasorte... L'amore mio...
Io la sua peste...La sua malasorte!
Perchè sei tu...
FRA' CRISTOFORO Il mondo e forse più...
Tu parli di vendetta La luna tu...
Non sana le ferite! La terra, il sole tu...
La forza non è odiare... Sei tutte le parole...
Un uomo è uomo Ma questa sola basta...
se sa perdonare... Amore...Amore...
Prendi questo pane Come dire acqua
E' il pane del perdono Terra, sole, luna
Il pane che mi handato Amore...Amore...Amore...
I fratelli di quell'uomo... Amore mio!
L'uomo che ho ammazzato!
Lo conservo da quel giorno LUCIA
Ha un odore sano e forte... Ti ho cercato...
Ha la forza della vita... Ti ho aspettato...
E' più grande della morte! Ma una notte
Questo pane del perdono Una promessa
Te lo dò..lo devi dare Io non sono più la stessa
A quell'uomo contro il quale Io non posso amarti più...
Ti vorresti vendicare...
RENZO
RENZO Lucia, io ti grido il tuo nome
No...No!! La voce che senti è la mia...
Lucia...
FRA' CRISTOFORO
Ecco.. Ecco l'uomo! LUCIA
Io lo so che ci sei
DON RODRIGO E che ancora mi vuoi
Il buio nella notte E però io e te
E dentro al cuore Nè domani, nè mai
Amore dove sei?
Dov'è l'amore..? RENZO
La vita fugge via Lucia...
Con i sogni miei...
La notte...Il buio... FRA' CRISTOFORO
Via dove sei... La tua vita negata
Vita... I tuoi sogni lontani...
Dove sei... Il tuo oggi rubato...
Ma è quasi domani...
LUCIA La paura...Il silenzio...
I miei sogni lontani Il tuo pianto...Il dolore...
Quell'aria pulita Io ti sciolgo dal voto...
Era niente...Era tanto... Vi protegga il Signore!
Era quella la vita
Ed il vento leggero DON RODRIGO
La luna...Se c'era... Il buio nella notte
Era quella la vita... E dentro al cuore
Vita dove sei...? Panem nostrum
Dov'è l'amore...? Cotidianum...
Panem nostrum da Nobis hódie
La vita fugge via... Pater noster, qui es in coelis
Con i sogni miei...
La notte è il buio TUTTI
Vita dove sei... Padre che sei lassù...
Scendi tra noi...
Io ti prego Padre
22. PADRE NOSTRO Siamo figli Tuoi
Nel regno Tuo
CORO Pace ed amore
Pater Noster, qui es in caelis: E pane per la vita
Sanctifìcétur Nomen Tuum Perdona
Advéniat Regnum Tuum Chi è che vive
Fiat voluntas Tua Nell'errore...
Sicut in caelo, et in terra
Panem nostrum Cotidianum... CARDINALE
Panem nostrum da nobis hódie Conforta
Et dimìtte nobis debita nostra Nel dolore
Sicut et nos E salva
Dimìttimus debitòribus nostris La Tua gente
Et ne nos indùcas in tentatiònem Da ogni tentazione
Sed lìbera non a Malo...
DON ABBONDIO - CORO
CARDINALE E nei tormenti
Padre Scendi
Che sei lassù... tra di noi...
Scendi tra di noi... Ti prego Padre
Io ti prego Padre Per questi figli Tuoi
Siamo figli Tuoi
Nel regno Tuo APPESTATI
Pace ed amore Pater noster,
E pane per la vita Qui es in caelis
Perdona Sanctificétur
Chi è Nomen Tuum
Che vive nell'errore... Advéniat Regnum Tuum
Conforta nel dolore Fiat voluntas Tua
E salva Sicut in caelo, et in terra
La Tua gente Panem nostrum Cotidianum...
Da ogni tentazione Da Nobis hódie

CARDINALE - CORO TUTTA LA COMPAGNIA


E nei tormenti Padre che sei lassù
Scendi Scendi tra di noi
Tra di noi... Scendi a consolare
Ti prego Padre Questi figli Tuoi
Per questi figli Tuoi Venga il Tuo Regno
La Tua volontà
CORO Ci liberi dal male
Pater noster Io Ti prego... Padre
Pater noster
CARDINALE
APPESTATI Padre! Padre! Padre!
Pater noster
Qui es in caelis: TUTTI
Sanctificétur Padre!
Nomen Tuum:
Advéniat Regnum Tuum:
Fiat voluntas Tua
Sicut in cado, et in terra