Sei sulla pagina 1di 49

MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO

INSTALLATION AND USER’S GUIDE

HP UC

HP KIT ECO

HP SC KIT

HP SC

HP V

HP SC DOUBLE
Gentile Cliente,

La ringraziamo per aver scelto un dissalatore HIGH PRESSURE. La qualità dei materiali e gli accorgimenti
tecnici adottati nell’equipaggiamento degli impianti ne fanno un prodotto innovativo e funzionale. Tutti gli
impianti HP sono sottoposti a scrupolosi collaudi prima di essere consegnati, e rispondono ad altissimi
standard produttivi e di controllo della qualità (ISO 9001)

Gli impianti HP delle serie Manual ed Auto sono garantiti 24 mesi, i modelli RP TRONIC ed AMCS (comple-
tamente automatici) invece per 36 mesi, sul funzionamento e la corrosione. Per rendere valida la garanzia
a tutti gli effetti, vi preghiamo di inviare la scheda di registrazione cliente presso la sede HP di Zibido San
Giacomo (MI) oppure registrando il prodotto online al sito www.hpwatermaker.it

Vi ricordiamo che per un miglior funzionamento dell’impianto si rende necessaria la collocazione del dissa-
latore sotto il livello del galleggiamento dell’imbarcazione, oppure a valle di una colonna d’acqua sufficiente.
Si rende necessaria inoltre l’installazione di una valvola di non ritorno sulla presa dell’acqua di mare per
evitare lo svuotamento del circuito di alimentazione ed il conseguente mal funzionamento dell’impianto.

Prima di mettere in funzione il vostro dissalatore, vi preghiamo di leggere attentamente e seguire le istruzioni
di installazione, onde evitare complicazioni nel funzionamento dell’impianto.

Attenzione!! Non utilizzare mai il dissalatore nei porti. L’utilizzo continuativo delle macchine nelle darsene
farà automaticamente decadere le garanzie. Nelle fasi di collaudo o assistenza tecnica a bordo è consentito
al personale autorizzato, utilizzare il dissalatore per pochi minuti, previa verifica della qualità dell’acqua.

All’interno dell’impianto è stata introdotta una soluzione per la conservazione delle membrane, prima di pro-
cedere alla messa in moto dell’impianto sarà necessario flussare con acqua dolce il sistema per 15 minuti.

Attenzione!! La macchina è dotata di un sistema diagnostico che rileva tutti gli errori di manovra e funziona-
mento, nonché la statistica degli allarmi. Vi preghiamo pertanto di seguire attentamente le istruzioni d’uso
per evitare che la garanzia decada.

HP HIGH PRESSURE SRL


GARANZIE
24 MESI (Manual – Auto Series)
36 MESI ( RP TRONIC – AMCS)

Sul Funzionamento - Sulla Corrosione


OBBLIGATORIO: RINVIARE LA CARTA DI REGISTRAZIONE CLIENTE
Per rendere effettiva la garanzia è necessario rinviare alla HP HIGH PRESSURE SRL, entro 60 giorni dalla
data di acquisto, la carta di registrazione cliente (HP INTERNATIONAL WARRANTY REGISTRATION CARD)
allegata a questo manuale della macchina. Rinviando la carta di registrazione, verrà inviato all’indirizzo del
mittente il LIBRETTO DEI TAGLIANDI da utilizzare per le manutenzioni annuali. Nel caso la stessa non ve-
nisse rinviata entro i termini stabiliti, la garanzia sarà considerata nulla.

Per attivare la registrazione dopo tale periodo sarà necessario inviare una richiesta scritta contenente i dati
della macchina al seguente indirizzo e-mail, info@hpwatermaker.it.

La garanzia copre ogni difetto dei materiali e delle lavorazioni ed è limitata alla riparazione e/o alla sostitu-
zione del pezzo difettoso, presso la sede HP di ZIBIDO SAN GIACOMO.
La garanzia è subordinata ai tagliandi annuali, effettuati dal servizio tecnico di assistenza tecnica autorizzata
(Service Point), il cui elenco si trova alla fine di questo manuale. I tagliandi di manutenzione devono essere
effettuati annualmente alla fine di ogni stagione di utilizzo, solo ed esclusivamente da personale qualificato
ed autorizzato della rete di assistenza HP SERVICE.
Le manutenzioni annuali saranno soggette al costo di intervento ed al costo dei materiali di consumo, ri-
spondenti alle tariffe in vigore in quel momento nel punto service autorizzato.
Gli impianti saranno considerati in garanzia soltanto in presenza dei timbri di una delle società autorizzate
ad effettuare la manutenzione posti annualmente su questo libretto.
Qualsiasi intervento o manomissione sulla macchina, da parte di personale non autorizzato da HP HIGH
PRESSURE SRL, farà automaticamente decadere tutte le garanzie. Nel caso non venisse effettuato uno dei
tagliandi annuali la garanzia non sarà considerata valida.
In nessun caso la garanzia dà diritto a richiesta di indennità a qualsiasi titolo. La HP SRL declina ogni re-
sponsabilità per danni materiali e corporali che venissero causati dagli impianti, sia diretti che indiretti.

La garanzia decade :
- se la macchina è stata riparata, smontata o manomessa da personale non autorizzato da HP.
- se il guasto è stato provocato da errori di collegamento elettrico, da mancata o non adeguata protezione.
- se l’ impianto o l’ installazione delle macchine non è stato eseguito correttamente, o se il guasto è stato
provocato da false manovre (contatore diagnostica)
- se la macchina è stata utilizzata nei porti o in acque inquinate.
- se la macchina è stata assoggettata a sovraccarichi oltre i limiti di targa (Voltaggio - contatore diagnosti-
ca).
- se i materiali sono stati guastati a seguito del contatto con liquidi abrasivi o corrosivi.
- se i materiali sono avariati a seguito del naturale logoramento (corrosioni galvaniche).

La macchina o il pezzo difettoso dovrà pervenire presso lo stabilimento di Zibido San Giacomo in porto
franco.
La HP HIGH PRESSURE SRL si riserva inoltre l’insindacabile giudizio, sulla causa del difetto e se lo stesso
rientra nei casi previsti dalla garanzia. A riparazione avvenuta , la macchina sarà restituita in porto assegnato
al cliente.
HP High Pressure Srl si riserva il diritto di apportare modifiche alle regole di garanzia senza alcun obbligo
di preavviso.

FORO COMPETENTE
Per eventuali controversie il Foro competente sarà quello di Milano
SINCE 1995

INDICE

Descrizione del funzionamento.........................................................................................................pag. 5÷6


Installazione.................................................................................................................................................... 7
Primo avvio................................................................................................................................................ 8÷9
Avvio ordinario.............................................................................................................................................. 10
Arresto produzione - lavaggio impianto................................................................................................ 11÷12
Manutenzione ordinaria................................................................................................................................ 13
Inconvenienti - cause e rimedi............................................................................................................... 14÷20
Modello HP UC
Schema componenti............................................................................................................................. 40
Schema installazione..................................................................................................................... 41÷42
Quadro elettrico.................................................................................................................................... 43
Modello HP KIT ECO
Schema componenti............................................................................................................................. 44
ITALIANO

Schema installazione............................................................................................................................ 45
Quadro elettricoo.................................................................................................................................. 47
Modello HP SC KIT
Schema componenti............................................................................................................................. 44
Schema installazione............................................................................................................................ 46
Quadro elettrico.................................................................................................................................... 47
Modello HP SC
Schema componenti............................................................................................................................. 48
Schema installazione..................................................................................................................... 49÷51
Quadro elettrico.................................................................................................................................... 52
Modello HP V
Schema componenti............................................................................................................................. 53
Schema installazione............................................................................................................................ 54
Quadro elettrico.................................................................................................................................... 55
Modello HP SC DOUBLE
Schema componenti............................................................................................................................. 56
Schema installazione............................................................................................................................ 57
Quadro elettrico.................................................................................................................................... 58
HP RP Tronic
Schema componenti............................................................................................................................. 59
Valvola di scambio
schema componenti............................................................................................................................. 60
Pompa WW90
schema componenti............................................................................................................................. 61
Pompa W71
schema componenti............................................................................................................................. 62
Schemi elettrici....................................................................................................................................... 63÷68
Servizio assistenza Italia........................................................................................................................ 69÷70
Servizio assistenza estero............................................................................................................................ 71

SINCE 1995

DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO


IMPIANTI MANUAL SERIES
Mediante la VALVOLA A 3 VIE (38) selezionare il fluido da utilizzatre, ACQUA MARE (22) per la fase di
produzione, ACQUA DOLCE (23) per il lavaggio dell’ impianto. La POMPA DI PREALIMENTO (8) a bassa
pressione invia il fluido selezionato alla POMPA ALTA PRESSIONE (10), facendolo passare prima attraver-
so i FILTRI A CARTUCCIA a carbone attivo e a 5 micron (13 – 14), all’interno dei quali vengono trattenute
tutte le parti in sospensione superiori a 5 micron. Dalla POMPA ALTA PRESSIONE il liquido viene spinto a
60 bar nelle MEMBRANE OSMOTICHE (32), dove avviene la dissalazione vera e propria tramite il processo
di OSMOSI INVERSA. La pressione di 60 bar, si raggiunge, dopo aver regolato la VALVOLA A SPILLO (49),
posta alla fine del circuito idraulico, all’uscita delle membrane. L’ acqua dissalata in uscita dalle membrane
viene costantemente controllata da un CONDUTTIVIMETRO (16) la cui SONDA si trova sulla tubatura di
mandata acqua dissalata. Il fluido successivamente passa attraverso una ELETTROVALVOLA A 3 VIE (27)
e inviata al FLUSSIMETRO (9). Se il contenuto di sali aumenta oltre i valori fissati, lo strumento di controllo
della salinità manda un segnale al PLC, che eccita immediatamente il solenoide della ELETTROVALVOLA
con la conseguente deviazione dell’ acqua allo scarico fuori bordo, visualizzando il messaggio WASTE sul
visualizzatore del PLC. Il FLUSSIMETRO (9) visualizza la quantità di acqua dissalata che viene prodotta al
momento della lettura. Lo scarico dell’acqua concentrata (24) , all’ uscita dalle membrane passa attraverso

ITALIANO
la VALVOLA A SPILLO (49) con regolazione manuale con la quale si regola la pressione di lavoro del
dissalatore.
Questa pressione viene rilevata grazie ad un SENSORE DI PRESSIONE (7), che invia un segnale al PLC
HP03, il quale arresta l’impianto sia nel caso di pressione insufficiente (mancanza d’acqua) che in quello
di pressione troppo elevata (mancanza d’acqua e/o probabile intasamento delle membrane). Successiva-
mente il concentrato viene inviato allo scarico fuoribordo (24).

IMPIANTI AUTO SERIES


La valvola automatica idraulica di scambio HP VAL (BREVETTATA) (12) seleziona automaticamente il
fluido da pompare, ACQUA MARE (22) per la fase di produzione, ACQUA DOLCE (23) per il lavaggio dell’
impianto, ad ogni accensione e spegnimento del dissalatore.
La POMPA DI PREALIMENTO (8) a bassa pressione invia il fluido selezionato alla POMPA ALTA PRESSIO-
NE (10), facendolo passare prima attraverso i FILTRI A CARTUCCIA a carbone attivo e a 5 micron (13 – 14),
all’interno dei quali vengono trattenute tutte le parti in sospensione superiori a 5 micron. Dalla POMPA ALTA
PRESSIONE il liquido viene spinto a 60 bar nelle MEMBRANE OSMOTICHE (32), dove avviene la dissala-
zione vera e propria tramite il processo di OSMOSI INVERSA. La pressione di 60 bar, si raggiunge, dopo
aver regolato la VALVOLA A SPILLO (49), posta alla fine del circuito idraulico, all’uscita delle membrane. L’
acqua dissalata in uscita dalle membrane viene costantemente controllata da un CONDUTTIVIMETRO (16)
la cui SONDA si trova sulla tubatura di mandata acqua dissalata. Il fluido successivamente passa attraver-
so una ELETTROVALVOLA A 3 VIE (27) e inviata al FLUSSIMETRO (9). Se il contenuto di sali aumenta oltre
i valori fissati, lo strumento di controllo della salinità manda un segnale al PLC, che eccita immediatamente
il solenoide della ELETTROVALVOLA con la conseguente deviazione dell’ acqua allo scarico fuori bordo,
visualizzando il messaggio WASTE sul visualizzatore del PLC. Il FLUSSIMETRO (9) visualizza la quantità di
acqua dissalata che viene prodotta al momento della lettura. Lo scarico dell’acqua concentrata (24) , all’
uscita dalle membrane passa attraverso la VALVOLA A SPILLO (49) con regolazione manuale che governa
la pressione di lavoro del dissalatore.
Questa pressione viene rilevata grazie ad un SENSORE DI PRESSIONE (7), che invia un segnale al PLC
HP03, il quale arresta l’impianto sia nel caso di pressione insufficiente (mancanza d’acqua) che in quello
di pressione troppo elevata (mancanza d’acqua e/o probabile intasamento delle membrane). Successiva-
mente il concentrato viene inviato allo scarico fuoribordo (24).


SINCE 1995

IMPIANTI RP TRONIC SERIES


La valvola automatica idraulica di scambio HP VAL (BREVETTATA) (12) seleziona automaticamente il fluido
da pompare, ACQUA MARE (22) per la fase di produzione, ACQUA DOLCE (23) per il lavaggio dell’ impian-
to, ad ogni accensione e spegnimento del dissalatore.
La POMPA DI PREALIMENTO (8) a bassa pressione invia il fluido selezionato alla POMPA ALTA PRESSIO-
NE (10), facendolo passare prima attraverso i FILTRI A CARTUCCIA a carbone attivo e a 5 micron (13 – 14),
all’interno dei quali vengono trattenute tutte le parti in sospensione superiori a 5 micron. Dalla POMPA ALTA
PRESSIONE il liquido viene spinto a 60 bar nelle MEMBRANE OSMOTICHE (32), dove avviene la dissala-
zione vera e propria tramite il processo di OSMOSI INVERSA. La pressione di 60 bar, viene raggiunta auto-
maticamente, dalla valvola di regolazione automatica RP TRONIC (5), posta alla fine del circuito idraulico,
all’uscita delle membrane. L’ acqua dissalata in uscita dalle membrane viene costantemente controllata
da un CONDUTTIVIMETRO (16) la cui SONDA si trova sulla tubatura di mandata acqua dissalata. Il fluido
successivamente passa attraverso una ELETTROVALVOLA A 3 VIE (27) e inviata al FLUSSIMETRO (9). Se
il contenuto di sali aumenta oltre i valori fissati, lo strumento di controllo della salinità manda un segnale al
PLC, che eccita immediatamente il solenoide della ELETTROVALVOLA con la conseguente deviazione dell’
acqua allo scarico fuori bordo, visualizzando il messaggio WASTE sul visualizzatore del PLC. Il FLUSSIME-
TRO (9) visualizza la quantità di acqua dissalata che viene prodotta al momento della lettura. Lo scarico
dell’acqua concentrata (24) , all’ uscita dalle membrane passa attraverso la valvola RP TRONIC (5) con
ITALIANO

regolazione automatica che governa la pressione di lavoro del dissalatore.


Questa pressione viene rilevata grazie ad un SENSORE DI PRESSIONE (7), che invia un segnale al PLC
HP03, il quale arresta l’impianto sia nel caso di pressione insufficiente (mancanza d’acqua) che in quello
di pressione troppo elevata (mancanza d’acqua e/o probabile intasamento delle membrane). Successiva-
mente il concentrato viene inviato allo scarico fuoribordo (24).

FUNZIONE AMCS
Durante il lavaggio automatico delle membrane con la valvola HP VAL nelle serie AUTO + RP TRONIC, il
sistema AMCS, installato sulla linea dell’autoclave, dosa una quantità minima di conservante per membra-
ne per preservarle dalla proliferazione batterica, una volta terminata la fase di lavaggio il sistema AMCS si
disattiva automaticamente.

PROTOCOLLO MODBUS
Il protocollo di comunicazione MODBUS abbinato alla scheda di comunicazione MB permette ai sistemi
di domotica integrata di accedere a tutte le funzioni menu e diagnostica del dissalatore direttamente dal
monitor di controllo generale. Questa funzione è disponibile a richiesta.


SINCE 1995

INSTALLAZIONE
Posizionare il dissalatore nel luogo prescelto (si consiglia di installare la macchina possibilmente sotto il
livello di galleggiamento della barca o nel caso di installazione a terra sotto una adeguata colonna d’acqua
di mare), fissandolo mediante i quattro fori esistenti sul basamento. Per evitare che la macchina trasmetta
vibrazioni, causate dal funzionamento delle pompe, si consiglia di applicare dei SILENT BLOCK (44), che
non vengono forniti in quanto potrebbero variare a seconda del tipo di installazione.
Installare sulla presa dell’acqua di mare (43) una valvola di intercettazione (un pollice - 42), un filtro a cestel-
lo (41) ed una valvola di non ritorno (40), quest’ultima non deve mai mancare nell’installazione.
Collegare la presa a mare con l’ingresso mare della macchina (22).
Collegare l’ingresso acqua dolce (23), mezzo pollice (½”), con la linea dell’autoclave proveniente dai ser-
batoi di accumulo. La pressione di esercizio dell’autoclave non deve superare i 3 bar, in caso contrario
installare un riduttore di pressione.
Collegare lo scarico del concentrato in uscita (24), e del permeato non conforme (25) allo scarico a mare.
Prevedere due scarichi indipendenti o raccordarli in un unico scarico con una Y. In mancanza del raccordo
ad Y utilizzare un T (46) come da schema nelle pagine successive. Nell’installazione dei modelli double i
due scarichi sono già collegati internamente pertanto l’uscita a mare sarà solamente una.
Collegare la mandata dell’acqua dolce (26) al serbatoio di accumulo (47). NOTA: Evitare di raccordare il
tubo di mandata con lo sfiato del serbatoio.

ITALIANO
Collegare il cavo di alimentazione elettrica (19), utilizzando il cavo in dotazione, al quadro principale preve-
dendo un interruttore magnetotermico di adeguata potenza a seconda dei limiti di targa dei vari modelli. Col-
legare il connettore del pannello remoto (porta seriale – 20) alla presa parallela posta sul quadro elettrico.

POTENZA INTERRUTTORE MAGNETOTERMICO

HP UC 1X10A
HP KIT ECO 1X16A
HP SC KIT 1X16A
HP SC 1X16A
HP V 1X16A
HP SC DOUBLE FINO A 540 2X16A
HP SC DOUBLE FINO A 1600 2X20A

Provvedere alla messa a terra dell’impianto, mediante un collegamento tra telaio e massa generale. Provvede-
re inoltre alla messa a terra dei pressure vessel solo nel caso siano di tipo AISI 316, per evitare che le correnti
galvaniche facilitino la corrosione nei punti di maggiore pressione. E’ obbligatorio collegare ogni tappo su
entrambi i lati. Nel caso i pressure vessel fossero del tipo in vetroresina non sarà necessario metterli a terra.
Una volta connesso idraulicamente ed elettricamente sarà possibile avviare l’ impianto come descritto nei
prossimi capitoli. Per tutte le connessioni idrauiliche Polipropilene-Polipropilene raccomandiamo di utilizzare
comune teflon oppure di utilizzare il sigilla raccordi LOCTITE 5331. Per le connessioni idrauliche riguardanti
l’ acciaio inossidabile AISI 316 L consigliamo l’ utilizzo del sigilla raccordi LOCTITE 542. In caso di eventuali
perdite o danneggiamento dei materiali dovute ad un tipo di sigillante non raccomandato, la HP HIGH PRES-
SURE Srl non risponde dei danni da esso provocati.
NB: RICORDIAMO CHE EVENTUALI ERRORI DI INSTALLAZIONE E CONSEGUENTI GUASTI CAUSATI,
FARANNO DECADERE LE GARANZIE SUL FUNZIONAMENTO DELL’ IMPIANTO.
Si raccomanda agli installatori di utilizzare per ogni connessione doppie fascette in acciaio inox AISI 316,
per aumentare il grado di sicurezza dell’installazione

SINCE 1995

PRIMO AVVIAMENTO DELL’IMPIANTO


PRIMA DI AVVIARE LA MACCHINA
Assicurarsi che siano state seguite dettagliatamente le istruzioni d’installazione. Per il primo avvio assicu-
rarsi inoltre che la macchina o la pompa di bassa pressione periferica, sia stata installata correttamente
sotto il livello di galleggiamento dell’imbarcazione, o sia stata montata una valvola di non ritorno (40) che
assicuri che comunque l’impianto sia raggiunto dall’acqua di mare. ATTENZIONE:evitare di utilizzare la
pompa di bassa pressione a vuoto. La partenza a vuoto può provocare il surriscaldamento delle tenute
e relativo grippaggio dell’albero e di conseguenza il surriscaldamento del motore. Evitare inoltre di fare
partire a vuoto anche la pompa di alta pressione. La partenza senza acqua in questo caso può provocare
il surriscaldamento delle guarnizioni con conseguente grippaggio dei pistoni.
Verificare che l’acqua raggiunga l’impianto, sia dalla linea dell’acqua di mare (22) che dalla linea dell’acqua
dolce (23), e che le valvole ad esse associate siano aperte.
Alla partenza dell’impianto (si vedano le istruzioni relative all’avvio nella sezione seguente), nel caso della
installazione di macchine modulari con elementi separati, verificare che tutti i collegamenti idraulici (raccor-
di e tubi) siano perfettamente sigillati. Se si dovessero verificare perdite sui raccordi in PVC o in AISI 316,
il problema potrà essere risolto stringendo i raccordi in modo adeguato. Se si dovessero verificare delle
ITALIANO

perdite a livello di filetti GAS, verificare che i sigillanti utilizzati per la tenuta meccanica e quella idraulica
siano dello stesso tipo indicato nella sezione “INSTALLAZIONE” (Pag. 7) .
ATTENZIONE:
IMPIANTI MANUAL ED AUTO: per evitare di fare partire in pressione l’impianto, sarà necessario aprire la
valvola a spillo di regolazione pressione, ruotandola in senso antiorario.
IMPIANTI RP TRONIC: non è necessario eseguire alcun tipo di taratura ( si prega di leggere attentamente i
prossimi capitoli per capire quando è necessario un intervento sulla valvola Automatica RP TRONIC).
Verificare le tenute, le chiusure ed il buon funzionamento dell’impianto, seguire le istruzioni ed il program-
ma di manutenzione ordinaria e straordinaria descritti nelle sezioni successive.
NB.: Il mancato rispetto delle istruzioni elencate in questo manuale, la manomissione delle parti, la man-
cata manutenzione dei componenti farà AUTOMATICAMENTE DECADERE LE GARANZIE relative all’ im-
pianto ed alle parti.

PRIMO AVVIO MACCHINE MANUALI


Controllare che la valvola di presa a mare sia completamente aperta ed il circuito dell’acqua dolce sia in
pressione. Ruotare la valvola (38), intercettando la linea dell’acqua di mare (22). Verificare che la valvola
di regolazione pressione (49) sia completamente aperta, ruotandola in senso anti orario. Premere quindi il
tasto PRIME ed attendere il riempimento dell’impianto per circa 5 minuti. Durante questa fase è necessario
spurgare l’aria dai pre-filtri (13 – 14), aprendo con un cacciavite le valvole di sfiato (37). Quando tutta l’aria
sarà completamente eliminata, l’acqua uscirà dal foro posto sul tappo di spurgo. Sarà quindi possibile
chiudere le valvole di sfiato. Una volta riempito l’impianto, verificando che l’acqua fuoriesca dallo scarico a
mare dell’imbarcazione, sarà possibile avviare l’impianto. Premere il tasto START senza fermare la pompa
di bassa pressione e ruotare la valvola di regolazione pressione (49) in senso orario, fino alla pressione di
50 bar. Attendere la stabilizzazione del livello di pressione per circa 2 minuti, dopo di che ruotare in senso
orario la valvola fino al raggiungimento della pressione di esercizio di 60 bar. Verificare sul display di con-
trollo la produzione oraria (lt/h) e la qualità dell’acqua (GOOD).


SINCE 1995

PRIMO AVVIO MACCHINE AUTO


Controllare che la valvola di presa a mare sia completamente aperta ed il circuito dell’acqua dolce sia in
pressione. Inserire il distanziale (17) - vedi pag 60-, sullo stelo (12-2) dell’otturatore della valvola automatica
di lavaggio (12), che in precedenza è stato manualmente estratto, intercettando in questo modo la linea
dell’acqua di mare (22). Verificare che la valvola di regolazione pressione (49) sia completamente aperta,
ruotandola in senso anti orario. Premere quindi il tasto PRIME ed attendere il riempimento dell’impianto
per circa 5 minuti. Durante questa fase è necessario spurgare l’aria dai pre-filtri (13 – 14), aprendo con un
cacciavite le valvole di sfiato (37). Quando tutta l’aria sarà completamente eliminata, l’acqua uscirà dal foro
posto sul tappo di spurgo. Sarà quindi possibile chiudere le valvole di sfiato. Una volta riempito l’impianto,
verificando che l’acqua fuoriesca dallo scarico a mare dell’imbarcazione, sarà possibile avviare l’impianto.
Premere il tasto START senza fermare la pompa di bassa pressione e ruotare la valvola di regolazione pres-
sione (49) in senso orario, fino alla pressione di 50 bar. Attendere la stabilizzazione del livello di pressione
per circa 2 minuti, dopo di che ruotare in senso orario la valvola fino al raggiungimento della pressione
di esercizio di 60 bar. Verificare sul display di controllo la produzione oraria (lt/h) e la qualità dell’acqua
(GOOD). Una volta che il dissalatore è a regime è necessario rimuovere il distanziale (17), per poter dar
luogo al lavaggio automatico in fase di spegnimento.

PRIMO AVVIO MACCHINE RP TRONIC


Controllare che la valvola di presa a mare sia completamente aperta ed il circuito dell’acqua dolce sia in

ITALIANO
pressione. Inserire il distanziale (17), sullo stelo (12-2) dell’otturatore della valvola automatica di lavaggio
(12), che in precedenza è stato manualmente estratto, intercettando in questo modo la linea dell’acqua
di mare (22). Premere quindi il tasto PRIME ed attendere il riempimento dell’impianto per circa 5 minuti.
Durante questa fase è necessario spurgare l’aria dai pre-filtri (13 – 14), aprendo con un cacciavite le valvole
di sfiato (37). Quando tutta l’aria sarà completamente eliminata, l’acqua uscirà dal foro posto sul tappo di
spurgo. Sarà quindi possibile chiudere le valvole di sfiato. Una volta riempito l’impianto, verificando che
l’acqua fuoriesca dallo scarico a mare dell’imbarcazione, sarà possibile avviare l’impianto. Premere il tasto
START senza fermare la pompa di bassa pressione e dopo qualche secondo la valvola automatica di rego-
lazione pressione RP TRONIC (5) porterà gradualmente (2 min) l’impianto a regime fino alla pressione di 60
bar. Verificare quindi sul display di controllo la produzione oraria (lt/h) e la qualità dell’acqua (GOOD). Una
volta che il dissalatore è a regime è necessario rimuovere il distanziale (17), per poter dar luogo al lavaggio
automatico in fase di spegnimento.


SINCE 1995

AVVIO IMPIANTO
Non è necessario premere il tasto PRIME ad ogni avvio.

IMPIANTI DELLA SERIE MANUAL


Intercettare la linea dell’acqua di mare (22) attraverso la valvola di scambio manuale (38) e premere il tasto
START. Per i primi 10 secondi entra in funzione soltanto la pompa di bassa pressione e successivamente quella
di alta pressione. Ruotare quindi la valvola di regolazione pressione (49) in senso orario, fino alla pressione di
50 bar. Attendere la stabilizzazione del livello di pressione per circa 2 minuti, dopo di che continuare a ruotare in
senso orario la valvola fino al raggiungimento della pressione di esercizio di 60 bar.

IMPIANTI DELLA SERIE AUTO


La valvola automatica di scambio (12) intercetta automaticamente la linea dell’acqua interessata al processo
(acqua mare per la fase di dissalazione ed acqua dolce per la fase di pre-alimento e risciacquo). Premere il tasto
START. Per i primi 10 secondi entra in funzione soltanto la pompa di bassa pressione (nel caso siano installate le
pompe Shurflo o Flowjet, queste potrebbero funzionare in modo discontinuo alla partenza, in quanto in questa
fase, l’acqua che transita nell’impianto è quella proveniente dall’autoclave in pressione, pertanto essendo que-
ste pompe dotate di pressostato lavorano soltanto sotto una determinata soglia di pressione). Successivamente
ITALIANO

al pre alimento con acqua dolce, la pompa di alta pressione comincia a funzionare. Ruotare a questo punto la
valvola di regolazione pressione (49) in senso orario, fino alla pressione di 50 bar. Attendere la stabilizzazione
del livello di pressione per circa 2 minuti, dopo di che ruotare in senso orario la valvola fino al raggiungimento
della pressione di esercizio di 60 bar.

IMPIANTI DELLA SERIE RP TRONIC


La valvola automatica di scambio (12) intercetta automaticamente la linea dell’acqua interessata al processo
(acqua mare per la fase di dissalazione ed acqua dolce per la fase di pre-alimento e risciacquo). Premere il tasto
START. Per i primi 10 secondi entra in funzione soltanto la pompa di bassa pressione (nel caso siano installate le
pompe Shurflo o Flowjet, queste potrebbero funzionare in modo discontinuo alla partenza, in quanto in questa
fase, l’acqua che transita nell’impianto è quella proveniente dall’autoclave in pressione, pertanto essendo que-
ste pompe dotate di pressostato lavorano soltanto sotto una determinata soglia di pressione). Successivamente
al pre-alimento con acqua dolce, la pompa di alta pressione comincia a funzionare. A questo punto la valvola
automatica RP TRONIC si attiva, regolando la pressione di esercizio in modo automatico, dapprima ad una
pressione intermedia per circa 2 minuti, per poi stabilizzarsi successivamente a 60 bar (± 1). Durante la fase
di regolazione della pressione i tasti (+) e (–) lampeggiano. L’operazione di accensione può essere effettuata
anche da pannello remoto di controllo.

NOTE PER TUTTI I MODELLI


Durante la fase di esercizio saranno illuminati i led dei tasti PRIME, SAND FILTER e START. Sul display è visua-
lizzata la pressione di esercizio (bar) la qualità dell’acqua (BEST W – acqua prodotta al suo massimo standard
– GOOD W acqua prodotta ad un buon standard – POOR W – acqua non conforme agli standard, che viene
scaricata fuori bordo), la quantità di acqua prodotta (lt/h) e le ore di esercizio (Wh). La quantità di acqua prodotta
dipende da tre variabili, la pressione di esercizio (60 bar), la salinità dell’acqua (32.000 ppm), la temperatura
dell’acqua (25°). I valori indicati tra parentesi indicano i valori ottimali ai quali si riferisce la capacità produttiva
nominale degli impianti. Al variare di uno solo dei tre parametri, varia la produzione dell’impianto. Quindi con
una alta salinità la produzione tendenzialmente diminuisce, cosi come con una più bassa pressione ed una più
bassa temperatura. La produzione aumenta invece quando la salinità diminuisce, la pressione aumenta e cosi
la temperatura. Vi sono dei limiti per pressione e temperatura che non devono essere mai superati per evitare
danni alla membrana (max 72 bar e 45°C) . Per quanto riguarda la temperatura ad ogni grado centigrado perso
sotto i 25°C, vi è una perdita della produzione pari al 3% rispetto alla produzione nominale.
10
SINCE 1995

ARRESTO PRODUZIONE - LAVAGGIO IMPIANTO


Per effettuare lo spegnimento dell’impianto ed il relativo lavaggio del circuito e delle membrane procedere
come segue. Terminata la fase di produzione è sempre necessario risciacquare l’impianto per evitare che il
sale contenuto nell’acqua di mare si depositi sulle membrane, cristallizzando ed intasando le membrane.

IMPIANTI DELLA SERIE MANUAL


Ruotare la valvola (49) in senso anti orario fino a raggiungere una pressione di 25 bar. Premere il tasto
STOP. In questa fase la pompa di alta pressione (10) si ferma mentre la pompa di bassa pressione (8)
continua a funzionare (nel caso in cui siano installate le pompe Shurflo o Flowjet, queste potrebbero fun-
zionare in modo discontinuo alla partenza, in quanto l’acqua che transita nell’impianto è quella proveniente
dall’autoclave in pressione, pertanto essendo queste pompe dotate di pressostato lavorano soltanto sotto
una determinata soglia di pressione). Ruotare la valvola di scambio manuale (38), per intercettare la linea
dell’acqua dolce (23), proveniente dell’autoclave in pressione ed attendere la fine del conto alla rovescia
(XXX – WASH sul display). Al termine del lavaggio è necessario ruotare la valvola di intercettazione (38) in
posizione di presa a mare (22) per evitare lo svuotamento del serbatoio. Alla fine del lavaggio la pompa di
bassa pressione si ferma e l’impianto è in fase di stand by.

IMPIANTI DELLA SERIE AUTO

ITALIANO
Il lavaggio delle membrane nelle serie AUTO è di tipo automatico, quindi ad ogni fine produzione la valvola
di scambio (12) andrà ad intercettare la linea dell’acqua dolce, sciacquando il sistema per evitare che il sale
contenuto nell’acqua di mare si depositi sulle membrane, cristallizzando ed intasando le membrane.
Ruotare la valvola (49) in senso anti orario fino a raggiungere una pressione di 25 bar. Premere il tasto
STOP. In questa fase la pompa di alta pressione (10) si ferma mentre la pompa di bassa pressione (8)
continua a funzionare (nel caso in cui siano installate le pompe Shurflo o Flowjet, queste potrebbero fun-
zionare in modo discontinuo alla partenza, in quanto l’acqua che transita nell’impianto è quella proveniente
dall’autoclave in pressione, pertanto essendo queste pompe dotate di pressostato lavorano soltanto sotto
una determinata soglia di pressione). Attendere la fine del conto alla rovescia (XXX – WASH sul display).
Alla fine del lavaggio la pompa di bassa pressione si ferma e l’impianto è in fase di stand by.

IMPIANTI DELLA SERIE RP TRONIC


Il lavaggio delle membrane nelle serie RP TRONIC è di tipo automatico, quindi ad ogni fine produzione la
valvola di scambio (12) andrà ad intercettare la linea dell’acqua dolce, sciacquando il sistema per evitare
che il sale contenuto nell’acqua di mare si depositi sulle membrane, cristallizzando ed intasando le mem-
brane. Premere il tasto STOP. In questa fase la pompa di alta pressione (10) si ferma mentre la pompa di
bassa pressione (8) continua a funzionare (nel caso in cui siano installate le pompe Shurflo o Flowjet, que-
ste potrebbero funzionare in modo discontinuo alla partenza, in quanto l’acqua che transita nell’impianto
è quella proveniente dall’autoclave in pressione, pertanto essendo queste pompe dotate di pressostato la-
vorano soltanto sotto una determinata soglia di pressione). Negli impianti della serie RP TRONIC la valvola
di regolazione (5) si apre automaticamente facilitando il deflusso dell’acqua carica di sali proveniente dal
lavaggio. In questa fase il led del tasto – è illuminato. Attendere la fine del conto alla rovescia (XXX – WASH
sul display). Alla fine del lavaggio la pompa di bassa pressione si ferma e l’impianto è in fase di stand by.
ATTENZIONE: Non fermare l’impianto dall’interruttore dedicato al dissalatore sul quadro delle utenze o
fermando il generatore, in quanto questa manovra annulla la fase di lavaggio con conseguenze gravi sulla
produttività della membrana nelle successive fasi della produzione. La diagnostica di sistema registra tutte
le manovre relative agli avvii ed agli spegnimenti. Nel caso non vi fosse corrispondenza tra il numero di
START e di STOP, la garanzia sull’impianto potrebbe essere compromessa.

11
SINCE 1995

AMCS
Durante il lavaggio automatico delle membrane con la valvola HP VAL nelle serie AUTO + RP TRONIC, il
sistema AMCS, installato sulla linea dell’autoclave, dosa una quantità minima di conservante per membra-
ne per preservarle dalla proliferazione batterica; una volta terminata la fase di lavaggio il sistema AMCS si
disattiva automaticamente. (VEDERE SCHEMA DI INSTALLAZIONE).
Il sistema AMCS è dotato di un proprio interruttore, 0-1 oppure ON-OFF (in dipendenza dei modelli instal-
lati). Per verificare se il sistema è funzionante e durante la fase di invernaggio procedere come segue. Sul
pannello di controllo del dissalatore premere il tasto MAN. VALVE seguito dal tasto PRIME (il quale darà
sia il consenso alla partenza per la pompa dosatrice AMCS che per la pompa di bassa pressione per la
circolazione dell’acqua dolce all’interno del sistema). La pompa AMCS durante il collaudo in fabbrica
viene testata e l’interruttore lasciato in posizione ON. Nel caso l’interruttore fosse in posizione OFF, sarà
necessario portarlo in posizione ON e regolare il potenziometro al 5% durante il normale esercizio, mentre
per la fase di invernaggio al 30%. Affinchè il sistema funzioni correttamente in automatico, è necessario
mantenere l’interruttore AMCS in posizione ON, la pompa verrà attivata soltanto durante la fase di lavaggio
dell’impianto.
Per terminare l’utilizzo manuale del sistema AMCS premere nuovamente il tasto PRIME, e successivamente
il tasto MAN. VALVE.
ITALIANO

12
SINCE 1995

MANUTENZIONE ORDINARIA
Si ricorda agli utilizzatori degli impianti HP che un controllo dello stato dell’ impianto ed una buona ma-
nutenzione si rendono necessarie, per evitare degli spiacevoli inconvenieti in fase di utilizzo e delle inutili
spese per il ripristino delle funzioni dell’ impianto. Ciò non deve soltanto essere interpretato come racco-
mandazione ma come obbligo per la validità della garanzia (vedere nelle prime pagine di questo manuale).
In ogni caso la garanzia dell’impianto è considerata valida solo se vengono effettuati tutti gli interventi
annuali di manutenzione soltanto da centri tecnici autorizzati (Lista a fondo manuale).
SOSTITUZIONE FILTRI
La frequenza della sostituzione dei due FILTRI di ingresso (carbone attivo (13) e 5 micron (14)) è stretta-
mente correlata alla qualità dell’ acqua pompata nell’ impianto ed è quindi variabile di caso in caso. In ogni
caso i filtri sono installati in contenitori trasparenti allo scopo di controllarne lo stato di intasamento, nel
caso in cui i filtri siano intasati, la macchina segnalerà l’allarme LOW PRESSURE – NO WATER IN CIRCUIT,
pertanto se ne renderà necessaria la sostituzione.
SOSTITUZIONE OLIO DELLA POMPA A PISTONI DI ALTA PRESSIONE
Dopo le prime 500 ore di lavoro il display segnalerà all’utente di cambiare l’olio mostrando il messaggio
CHANGE OIL. Sarà quindi necessario cambiare l’olio (SAE 20-30) procedendo come segue. Estrarre dal

ITALIANO
tappo (52) della pompa di alta pressione l’olio contenuto all’interno del corpo pompa con l’ausilio di una si-
ringa estrattrice e successivamente riempirlo con olio SAE 20-30, fino al raggiungimento del livello posto sulla
sonda del tappo. Una volta effettuata la sostituzione dell’olio sara necessario premere il tasto RESET.
SOSTITUZIONE GUARNIZIONI PISTONI POMPA AD ALTA PRESSIONE
L’ usura delle guarnizioni di tenuta sui pistoni è anch’ essa estremamente variabile, normalmente la durata è
di circa 500 ore di lavoro, esse comunque devono essere sostituite nel caso si riscontri un gocciolamento di
una certa importanza dalla testata. Per sostituire le guarnizioni, richiedere il KIT di sostituzione (COD.10 per
modelli HP UC MAN – HP UC RP TRONIC - COD.12 per tutti i modelli MANUAL da 70 fino a 540 lt/h – COD.13
per tutti i modelli RP TRONIC da 70 fino a 540 lt/h).
VALVOLA AUTOMATICA (LAVAGGIO AUTOMATICO)
La valvola automatica, essendo a contatto con l’ acqua di mare nella camera interna, può essere soggetta ad
un intasamento dovuto al deposito dei sali provenienti dalla presa acqua mare. Per evitare spiacevoli blocchi del
cassetto di scambio della presa dell’acqua sarà necessario ad ogni fine stagione provvedere alla pulizia della
camera interna. Procedere disconnettendo sulla valvola i raccordi di presa acqua mare e serbatoio. Aprire la
Valvola Automatica, svitando le quattro brugole del coperchio e le quattro della base. Estrarre quindi l’otturatore
interno, e pulirlo con acqua calda e detergente sgrassante. EVITARE di raschiare le pareti interne con utensili
abrasivi, in quanto verrebbe compromessa l’efficacia della valvola stessa. Una volta pulite le componenti, con-
trollare che la sede cilindrica della valvola sia intatta, e che le guarnizioni non siano rovinate, nel caso fossero
danneggiate, contattare la nostra sede operativa per il riferimento (vedi schema pag 60). Procedere quindi all’
ingrassaggio delle guarnizioni con un grasso specifico (raccomandiamo il grasso siliconico HVG) e reintrodurre
l’otturatore nel corpo della valvola rimontando i due fondelli. Se dovesse risultare difficile l’estrazione dell’ottu-
ratore dalla valvola, a causa di un eccessivo intasamento, contattare la HP HIGH PRESSURE Srl per valutare
l’entità dell’intasamento ed una eventuale pulizia della valvola presso la nostra sede. Il mancato rispetto di queste
raccomandazioni può provocare danni sia alla Valvola Automatica che al funzionamento dell’impianto e quindi il
decadimento delle garanzie ad esso relative.

CINGHIE (solo modelli UC)


Dopo le prime 30 ore di lavoro è necessario regolare le cinghie di accoppiamento motore-pompa, utilizzan-
do le viti poste sulla parte posteriore dell’impianto e mantenerle controllate periodicamente ogni 50 ore.
13
SINCE 1995

INCONVENIENTI - CAUSE E RIMEDI - MESSAGGI DI ERRORE

INCONVENIENTE:
Messaggio sul PLC: ALARM LOW PRESSURE NO WATER IN CIRCUIT
Premere reset per ripristinare gli allarmi.

CAUSA RIMEDIO
1) Mancanza di acqua in aspirazione Aprire la valvola di presa a mare.
Sfiatare i pre filtri

2) Serbatoio acqua dolce vuoto Mancanza di acqua nei serbatoi per pre-alimento – Accensio-
Valvola di presa a mare chiusa ne di emergenza con distanziale sulla valvola automatica di
scambio. Inserire il distanziale (17) - vedi pag. 60 -, sullo stelo
(12-2) dell’otturatore della valvola automatica di lavaggio (12),
che in precedenza è stato manualmente estratto, intercettan-
do in questo modo direttamente la linea dell’acqua di mare
(22) e premere il tasto PRIME lasciando riempire la macchina
ITALIANO

per circa 2 minuti, Durante questa fase è necessario spurga-


re l’aria dai pre-filtri (13 – 14), aprendo con un cacciavite le
valvole di sfiato (37). Quando tutta l’aria sarà completamente
eliminata, l’acqua uscirà dal foro posto sul tappo di spurgo.
Sarà quindi possibile chiudere le valvole di sfiato. Succes-
sivamente premere il tasto START per mettere in funzione il
sistema. Il distanziale (17) può essere in questa fase rimosso
dalla posizione di emergenza.

3) Valvola dell’auotclave chiusa Aprire la valvola dell’autoclave

4) Filtri intasati Sostituzione filtri intasati

5) Sensore di pressione difettoso Sostituire sensore di pressione. E’ possibile lavorare in emer-


(pressione in lettura sul display 0, in genza disattivando dal PLC il sensore di pressione (PRESSU-
lettura sul manometro es. 30 bar) RE SENSOR - OFF), accedendo al menu di parametrizzazio-
ne. Nel caso in cui il sensore di pressione fosse difettoso è
necessario inoltre posizionare la lettura sul display sarà di 0
bar, il che comporterà una non partenza della valvola di rego-
lazione di pressione, la cui pressione minima di azionamento
è di 2 bar. Sarà perciò in questo necessario utilizzare la valvo-
la di regolazione pressione in modo manuale.

6) Mancanza improvvisa di tensione Controllare che il generatore non abbia cali di tensione du-
rante l’utilizzo contemporaneo di altri equipaggiamenti, per
esempio alla partenza dei compressori dell’aria condizionata.
Per verificare il voltaggio in arrivo alla macchina premere una
volta il tasto +.

7) Valvole della pompa di alta pressio- Aprire i sei tappi delle valvole di alta pressione (10.8), estrar-
ne sporche (vedi tabella pompa di alta re le valvole (10.9) da ciascuna sede e controllare che ogni

14
SINCE 1995

pressione) (10.9 - pag 62) valvola sia libera da granelli o da sedimenti. Pulire bene e
reintrodurre le valvole nella loro sede chiudendo i tappi. Se il
problema persiste contattare il servizio tecnico HP.
L’eventuale sporcamento di una di queste valvole può essere
causa della mancanza di pressione.

8) Valvola di sicurezza SR (ottone), Stringere la vite nella parte alta della valvola SR e provare a
troppo aperta solo su impianti MANUAL fare funzionare l’impianto.
(della serie SC – V – SC KIT - SCD)

INCONVENIENTE:
Alla partenza:
POMPA HP RUMOROSA - FILTRI SEMIVUOTI - ALLARME DI BASSA PRESSIONE

CAUSA RIMEDIO
Mancanza di acqua in aspirazione Aprire la valvola di presa a mare e controllare che la valvola
Valvola di presa a mare o valvola del- EV2 si apra all’accensione.
l’autoclave chiusa Premere reset per ripristinare gli allarmi.

ITALIANO
Sfiatare i pre filtri
Ripristinare solo se segnalato la termica LP sul teleruttore del-
la pompa di bassa pressione.

INCONVENIENTE:
Messaggio sul PLC: MAX PRESSURE ALARM
Premere reset per ripristinare gli allarmi.

CAUSA RIMEDIO
1) Mancanza improvvisa di acqua Aprire la valvola di presa a mare.
Sfiatare i pre filtri
Mancanza di acqua nei serbatoi per pre-alimento
Sostituzione filtri intasati

2) Valvole chiuse sugli scarichi Aprire tutte le valvole di scarico.

3) Membrane intasate Procedere al lavaggio chimico delle membrane oppure so-


stituire le membrane nel caso siano inquinate da idrocarburi
o oli.

4) Mancanza improvvisa di tensione La mancanza improvvisa di tensione (sbalzi di corrente) nor-


malmente dovuta a sovraccarichi sul generatore (ad esempio
causata dalla partenza dei compressori dell’aria condiziona-
ta) può influenzare il funzionamento della valvola RP TRONIC.
La mancanza di elettricità, causa un minore numero di giri del
motore elettrico che a sua volta causa una perdita di pres-
sione, la quale viene rilevata dal sensore di pressione. Que-
st’ultimo analizza una pressione inferiore rispetto a quella di
esercizio programmata ed invia questo dato al PLC, che a sua

15
SINCE 1995

volta comanda alla valvola RP TRONIC di chiudersi per poter


riportare la pressione a livello ottimale. Nel momento in cui la
tensione ritorna stabile, anche il numero di giri del motore tor-
na a regime, e con esso anche la quantità di acqua pompata
(trattandosi di una pompa volumetrica), ma in questa fase la
valvola di regolazione pressione su comando del PLC, è stata
chiusa senza tenere in considerazione la reale portata del si-
stema e quindi all’arrivo dell’acqua, la macchina si potrebbe
fermare per sovra pressione. Premere quindi il tasto RESET e
procedere con il riavvio della macchina.

INCONVENIENTE:
Messaggio sul PLC: WASTE

CAUSA RIMEDIO
Il dissalatore sta scaricando tutta Attendere che i valori rientrino. Se i valori non rientrano en-
ITALIANO

l’acqua prodotta fuori bordo. tro 5 minuti dall’accenzione verrà visualizzato il messaggio
ALARM HIGH SALINITY CHECK MEMBRANES.

INCONVENIENTE:
Messaggio sul PLC: ALARM HIGH SALINITY CHECK MEMBRANES
Premere reset per ripristinare gli allarmi.

CAUSA RIMEDIO
E’ stata superata la soglia massima di Controllare la qualità dell’acqua prodotta
conducibilità accettata dalla mac- Premere RESET e riavviare l’impianto. Se il problema persi-
china ste, procedere come segue.

AUMENTO SOGLIA ALLARME (pagina CONDUCTIVITY SET


HIGH): Per accedere al menu di programmazione, premere i
tasti + e – ed inserire la password. Procedere premendo il ta-
sto + fino alla pagina CONDUCTIVITY SET HIGH e verificare
il valore che compare a destra del display (valore di condu-
cibilità attuale). Premere il tasto ENTER per poter modificare
il valore di soglia (1500 di default). Con il tasto + è possibile
modificare il valore. E’ necessario aumentare il valore di de-
fault fino ad oltre 100 punti, rispetto al valore attuale in lettura
sulla destra del display. Premere ENTER per fissare il nuovo
valore di default e tornare al menu principale premendo i tasti
+ e – insieme.

DISATTIVAZIONE SENSORE DI SALINITA’ (solo in caso di


emergenza): Nel caso il valore conducibilità attuale (letto sul-
la destra del display) fosse superiore a 2000 (acqua di scarsa
qualità, utilizzabile per le utenze di servizio, es. toilettes) ma
si dovesse rendere necessario l’utilizzo dell’acqua prodotta

16
SINCE 1995

dal dissalatore, è necessario disattivare elettronicamente la


sonda di conducibilità. Per accedere al menu di programma-
zione, premere i tasti + e – ed inserire la password. Proce-
dere premendo il tasto + fino alla pagina CONDUCTIVITY
SENSOR (ON). Premere il tasto ENTER per poter modificarne
lo stato e premere il tasto + per escluderlo dal sistema (OFF).
Premere ENTER per fissare il nuovo valore e tornare al menu
principale premendo i tasti + e – insieme

INCONVENIENTE:
Messaggio sul PLC: LOW PRESSURE PUMP THERMAL PROTECTION
Premere reset per ripristinare gli allarmi.

CAUSA RIMEDIO
ATTENZIONE: E’ stata superata la Sbloccare la pompa di bassa pressione, ruotando l’albero del
soglia massima di assorbimento per motore elettrico (parte posteriore – copri ventola), utilizzando
il teleruttore di bassa pressione. Nor- un cacciavite a taglio. Aprire il quadro elettrico ed all’interno
malmente ciò accade se la pompa premere il tasto blu (reset) sul relè di protezione termica di si-

ITALIANO
di bassa pressione è bloccata. (MO- nistra. Chiudere lo sportello e premere RESET sulla pulsantie-
DELLI SC – V – SCK – DOUBLE fino a ra e premere il tasto START, per la ripartenza. Se il problema
dicembre 2007). Una tensione bassa persiste contattare il servizio tecnico HP.
può provocare l’attivazione della ter-
mica

INCONVENIENTE:
Messaggio sul PLC: HIGH PRESSURE PUMP THERMAL PROTECTION
Premere reset per ripristinare gli allarmi.

CAUSA RIMEDIO
E’ stata superata la soglia massima di Aprire il quadro elettrico ed all’interno premere il tasto blu
assorbimento per il teleruttore di alta (reset) sul relè di protezione termica di destra. Chiudere lo
pressione. La maggior parte dei casi sportello e premere RESET sulla pulsantiera e premere il ta-
dipende dal basso voltaggio in arrivo sto START, per la ripartenza. Se il problema persiste contatta-
alla macchina, che significa diretta- re il servizio tecnico HP.
mente un assorbimento di corrente
superiore e quindi l’intervento di pro-
tezione termica.

Il motore della pompa di alta pressio- Sbloccare il motore della pompa di alta pressione e verificare
ne può essere bloccato che i condensatori siano intatti e funzionino correttamente.

La pompa di alta pressione può esse- Nel caso in cui la pompa risulti bloccata è necessario smonta-
re bloccata. re la pompa di alta pressione e la testata della pompa stessa,
per verificare la rotazione dell’albero.

17
SINCE 1995

INCONVENIENTE:
Messaggio sul PLC: UNDER VOLTAGE (lampeggiante)

CAUSA RIMEDIO
L’allarme UNDER VOLTAGE corri- ATTENZIONE: Verificare che la tensione in arrivo all’impianto
sponde ad una mancanza di corretta (morsetti interni del selettore 0 - 1 ) sia corretta in relazione ai
alimentazione elettrica alla macchina. valori di targa della macchina. In caso contrario verificare il
(potrebbero danneggiarsi gli strumen- funzionamento del generatore o della linea di alimentazione
ti di controllo e i motori) elettrica.

INCONVENIENTE:
Messaggio sul PLC: OVER VOLTAGE (lampeggiante)

CAUSA RIMEDIO
L’allarme OVER VOLTAGE corrispon- ATTENZIONE: Verificare che la tensione in arrivo all’impianto
de ad una mancanza di corretta ali- (morsetti interni del selettore 0 - 1 ) sia corretta in relazione ai
mentazione elettrica alla macchina. valori di targa della macchina. In caso contrario verificare il
ITALIANO

(potrebbero danneggiarsi gli strumen- funzionamento del generatore o della linea di alimentazione
ti di controllo e i motori) elettrica.

INCONVENIENTE:
Messaggio sul PLC: CHANGE OIL
Premere reset per ripristinare gli allarmi.

CAUSA RIMEDIO
E’ stato raggiunto il limite massimo di Cambiare l’olio e premere il tasto RESET.
utilizzo dell’olio della pompa di alta
pressione.

INCONVENIENTE:
PERDITE DI ACQUA DA POMPA DI PRESSIONE PRESENZA DI ACQUA NELL’ OLIO DELLA POMPA

CAUSA RIMEDIO
Guarnizioni usurate Sostituire le guarnizione (vedi esploso pompa di alta pressio-
ne PUMP KIT W90 - PUMP KIT W99 a pag 62)

INCONVENIENTE:
DISATTIVAZIONE AUTOMATICA MAGNETO TERMICO QUADRO GENERALE

CAUSA RIMEDIO
1) Magnetotermico generale sotto di- Installare un magnetotermico (salva vita) adeguato all’assor-
mensionato. bimento della macchina, verificare i limiti di targa.

2) Corto circuito sulla linea di alimen- Verificare che non vi siano corto circuiti sulla linea di alimen-
tazione del dissalatore tazione della macchina.

18
SINCE 1995

3) Corto circuito all’interno del dissa- Verificare che non vi siano corto circuiti all’interno della mac-
latore china.

INCONVENIENTE:
I FUSIBILI LINEA GENERALE SI BRUCIANO ALLA PARTENZA

CAUSA RIMEDIO
La causa principale di questo inconve- Nel caso di impianti MANUAL o AUTO è necessario aprire la
niente è dovuta alla totale strozzatura valvola manuale di regolazione pressione (49), ruotandola in
della valvola di regolazione di pressio- senso anti orario.
ne. Nel momento dell’accensione il
circuito è completamente chiuso e la Nel caso di macchine RP TRONIC, premere il tasto MAN.
pompa non riesce a spuntare in par- VALVE e tenere premuto il tasto – per almeno 10 secondi,
tenza bruciando il fusibile. in modo da aprire completamente la valvola di regolazione
pressione e dare la possibilità alla pompa di poter partire nel
modo giusto.

ITALIANO
INCONVENIENTE:
IL FUSIBILE DELLA LINEA 24V SI BRUCIA

CAUSA RIMEDIO
1) Le cause principali di questo in- Verificare ad una ad una le sonde SD, MN, FL, disconnetten-
conveniente, derivano da un corto su do i connettori ad attacco rapido, ed inserirli uno ad uno per
una delle sonde di controllo. individuare la sonda difettosa.

2) Funzionamento difettoso del tra- Sostituzione M-BOARD


sformatore nella M-BOARD.

INCONVENIENTE:
PRODUZIONE D’ACQUA TROPPO ELEVATA ED ALTA SALINITA’

CAUSA RIMEDIO
Una o più membrane sono danneggiate E’ necessario controllare ad una ad una le membrane per ca-
pire quale di queste è difettosa ed eventualmente sostituirla.

INCONVENIENTE:
EPROM ERROR

CAUSA RIMEDIO
Errore interno alla memorizzazione dei Sostituire il microchip.
parametri all’interno del microchip.

19
SINCE 1995

INCONVENIENTE:
SECURITY BLOCK CODE (XXXX)

CAUSA RIMEDIO
Blocco di sicurezza. La macchina è Sostituire il microchip. Contattare la HP HIGH PRESSURE per
stata impostata per lavorare entro un ottenere il codice di sblocco.
determinato periodo di tempo, dopo il
quale automaticamente si spegne ge-
nerando l’allarme di blocco e visualiz-
zando una serie di quattro numeri.

INCONVENIENTE:
EMERGENCY KEY

CAUSA RIMEDIO
1) Il tasto di emergenza è premuto. Disarmare il tasto di emergenza ruotandolo in senso anti orario.
ITALIANO

2) Un componente della scheda PLC Sostituire la scheda PLC.


è bruciato.

MESSAGGIO:
BEST W.

Nel funzionamento normale la sali-


nità dell’acqua è inferiore alla soglia
minima. Pertanto l’acqua è di ottima
qualità.

MESSAGGIO:
GOOD W.

Nel funzionamento normale la salinità


dell’acqua è compresa tra la soglia
minima e quella massima consentita
quindi l’acqua e di buona qualità.

MESSAGGIO:
POOR W.

Nel funzionamento normale la salinità


è superiore alla soglia massima con-
sentita.

20
40
HP UC
Schema Componenti / Components Outline
SINCE 1995
HP UC RP tronic
Schema Installazione / Installation
SINCE 1995

41
42
HP UC Manual
Schema Installazione / Installation
SINCE 1995
HP UC
Quadro Elettrico / Switchboard
SINCE 1995

43
44
HP SC KIT - KIT ECO
Schema Componenti / Components Outline

MANUAL MANUAL - AUTO KIT ECO


SINCE 1995

RP Tronic
HP KIT ECO
Schema Installazione / Installation
SINCE 1995

45
46
HP SC KIT
Schema Installazione / Installation
SINCE 1995
HP SC KIT
Quadro Elettrico / Switchboard
SINCE 1995

47
48
HP SC Manual- Auto - RP Tronic
Schema Componenti / Components Outline
SINCE 1995
HP SC Manual
Schema Installazione / Installation
SINCE 1995

49
50
HP SC Auto
Schema Installazione / Installation
SINCE 1995
HP SC RP Tronic
Schema Installazione / Installation
SINCE 1995

51
52
HP SC Manual- Auto - RP Tronic
Quadro Elettrico / Switchboard
SINCE 1995
HP V
Schema Componenti / Components Outline
SINCE 1995

53
54
HP V
Schema Installazione / Installation
SINCE 1995
HP V
Quadro Elettrico / Switchboard
SINCE 1995

55
56
HP SC DOUBLE
Schema Componenti / Components Outline
SINCE 1995
HP SC DOUBLE
Schema Installazione / Installation
SINCE 1995

57
58
HP SC DOUBLE
Quadro Elettrico / Switchboard
SINCE 1995

REAR VIEW
HP RP Tronic
Schema Componenti / Components Outline
SINCE 1995

59
60
Valvola di scambio - Flushing valve
Schema Componenti / Components Outline
SINCE 1995
Pompa WW90 - WW90 Pump
Schema Componenti / Components Outline
SINCE 1995

61
62
Pompa W71 - W71 Pump
Schema Componenti / Components Outline
SINCE 1995
HP UC 35 12 V
M. BOARD
SINCE 1995

63
64
HP UC 35 - 70 24 V
M. BOARD
SINCE 1995
HP UC 230 V
M. BOARD
SINCE 1995

65
66
HP SC - V - SC KIT - DOUBLE
M. BOARD
SINCE 1995
HP SC - V - SC KIT - DOUBLE
M. BOARD - 230 V
SINCE 1995

67
68
HP SC - V - SC KIT - DOUBLE
M. BOARD - 380 V
SINCE 1995