Sei sulla pagina 1di 9

FONETICA DELL’ITALIANO

LETTERA POSIZIONE IPA ESEMPIO TRASCRIZIONE


a a [ɑ] amare [ɑ’ mɑ re]
due/tre sillabe, dittongo [ɑ:] aere [‘ɑ ɛ re]
Paolo [‘pɑ ɔ lo]
mai [mɑ.i]
b b [b] batti [‘bɑt: ti]
bb [b: b] labbro [‘lɑb: bro]
c c + a, o, u [k] cantare [kɑn ‘tɑ re]
cc + a, o, u [k: k] classico [‘klɑs: sico]
cqu [k: k] acqua [‘ɑk: kwɑ]
c + e, i [ʧ] ciao [‘ʧɑ o]
cc + e, i [t: ʧ] Puccini [put ‘ʧi ni]
d d [d] diva [‘di vɑ]
d [d: d] addio [‘ɑd: di o]
e e chiusa [e] pena [‘pe nɑ]
e aperta [ɛ] cielo [‘ʤɛ lo]
ei [ɛ:] lei [‘lɛ: i]
f f [f] fato [‘fɑ to]
ff [f: f] affanni [ɑf: ‘fa ni]
g g + a, o, u [g] goccia [‘got: ʧɑ]
gh + e, i [g] paghi [‘pɑ gi]
gg + a, o, u [g: g] aggruppare [ɑgrup: pɑ re]
g + e, i [ʤ] giorno [‘ʤor ni]
gg + e, i [d: ʤ] raggio [‘rɑd: ʤo]
gl + i [ʎ] foglia [‘f ɔ ʎɑ]
gl + a, o, u [gl] glauco [‘glɑ:u kɑ]
gn [ɲ] ogni [‘o ɲi]
h h muta ohimé [o i ‘me]
i i [i] finire [fi ‘ni re]
dittonghi, trittonghi [j] gioia [‘ʤɔ ja]
g, c, sc + i giusto [‘ʤus to]
j in parole antiche [j] gajo [‘gɑ jo]
k in parole straniere
l l [l] libero [‘li bɛ ro]
ll [l: l] bello [‘bɛl: lo]
m m [m] mio [‘mj o]
mm [m: m] mamma [‘mɑm: mɑ]
n n [n] noi [‘no i]
nn [n: n] donna [‘don: nɑ]
k, g, + n [ɲ] sangue [‘sɑɲ gwe]
bianco [‘bjɑɲ ko]
o o chiusa [o] sospiro [sos ‘pi ro]
o aperta [ɔ] farò [fɑ ‘rɔ]
oi [ɔ:] poi [‘pɔ: i]
p p [p] palese [‘pɑt: to]
pp [p: p] cappello [kɑp: ‘pel: lo]
q qu [kw] questo [‘kwes to]
r r [r] radice [rɑ ‘di ʧe]
rr [r: r] terra [‘tɛr: rɑ]
s s- inizio parola [s] sentire [sɛn ‘ti re]
+vocale
s- + consonante sorda sforzando [sfor ‘tsɑn do]
consonante + s pensare [pɛn ‘sa re]
-s finale di parola Radamès [rɑ dɑ ‘mɛs]
parole derivate cercasi [‘ʧɛr ka si]
stasera [sta ‘se rɑ]
bisillabo [bi ‘sil: la bo]
trentasei, ecc. [tren ta ‘sɛ:i]
ss [s: s] disse [‘dis: se]
-s- tra vocali [z] tesoro [te ‘zɔ ro]
s- + consonante sorda smania [‘zma nia]
sc + e, i [ʃ] scena [‘ʃe na]
sc + a, o, u [sk] scolta [‘skol ta]
sch + e, i scherzo [‘skɛr tso]
t t [t] togliere [‘to ʎe re]
tt [t: t] tutto [‘tut: to]
u u [u] liuto [‘lju to]
dittonghi, trittonghi [w] languire [laɲ ‘gwi re]
quiete [‘kwjɛ te]
v v [v] voce [‘vo ʧe]
vv [v: v] avverso [ɑv: ‘ver so]
w in parole straniere
z z sorda [ts] zio [‘tsi ‘o]
zz sorda [t: ts] nozze [‘nɔt: tse]
z sonora [tz] bronzo [‘brɔn dzo]
zz sonora [t: tz] bizzarro [bid: ‘dzar: ro]
LE CONSONANTI

BILABIALI LABIODENTALI ALVEOLARI PREPALATALI PALATALI VELARI


SONORITÀ sorda sonora sorda sonora sorda sonora sorda sonora sorda sonora sorda sonora
OCCLUSIVE p b t d k g
FRICATIVE f v s z ʃ
AFFRICATE ʦ ʣ ʧ ʤ
NASALI m [ɱ] n ɲ [ɲ]
LATERALI l l ʎ
VIBRANTI r
APPROSSIMANTI j w
AFFRICATA DENTALE SORDA [ʦ] E SONORA [ʣ]

Esistono molte regole e non sempre i criteri indicati valgono per tutta l'Italia. Nel
settentrione è più diffusa la sorda; nel meriodione e nelle isole la sonora. Ciò vuol dire
che quando si hanno dei dubbi conviene consultare un buon dizionari che, oltre alla
definizione delle parole, porti anche la pronuncia.
Nell'italiano contemporaneo si tende a pronunciare con la sonora ogni z all'inizio di
parola.

 SORDA [ʦ]

o preceduta da l: alzare, calzolaio


 eccezioni: elzeviro, bezebù
o z- iniziale di un vocabolo e la seconda sillaba inizia con [k], [f], [p] o [t]:
zampa, zoccolo, zattera, zucchero, zitto
 eccezioni: zaffiro, zefiro, zeta, safferano
o seguita dalla vocale [ia] [io] [ie]: zio, agenzia, grazia, silenzio, vizio
 eccezioni: azienda, romanziere (che deriva da romanzo)
o vocaboli con terminazioni in –anza, -azione, -azza, -azzo, -enza, -izia, -
ezza, -ezzo, -ozzo, -uzzo, -uzza, -onzolo, -inzola: speranza, nazione,
terrazza, schiamazzo, incompetenza, amicizia, carezza, pozzo, spruzzo,
mediconzolo, scondinzola
 eccezioni: brezza, rozza, razzo, fronzolo, ribrezzo, pettegolezzo
 mezzo con [ds] vuol dire marcio, mezzo con [ts]metà.
 alcune parole si pronunciano sonore e sorde: gazza
 ma non –anzo che, di solito, si pronuncia sonoro: pranzo, romanzo,
manzo

 SONORA [ʣ]

o z- iniziale in parole dotte, d’origine straniera o neologismi, perlopiù


quando la seconda sillaba comincia con [k, b, d, d, ʤ, v, m, n, l , r]: zebra,
zodiaco, zombie, zonzo, zero, zeta, zona, zimarra
 eccezioni: zanna, zolfo, zampogna, zimbello, zingaro, zinne,
zompo
o z- iniziale più due vocali: zaino, Zeus, zoo
 eccezione: zoom, zio si prionuncia sorda e sonora. Oggi giorno,
soprattutto al nord, si sonorizza la z-
o z- iniziale quando la seconda sillaba inizia anche per z-: zanzara, zizzaniz
 eccezione: zazzera
o tra due vocali: azalea, bizantino, ozono
 eccezione: nazismo, bazuca
o nelle desinenze -ezzare, -izzare: battezzare, ammortizzare
RAFFORZAMENTO SINTATTICO

"Già tornato", "non è vero", "andrò via", "è tard”i: è così che si scrivono queste frasi in
italiano. Ma, speciamente in Toscana e nel centro, la pronuncia non è fedele alla grafia.
Si dovrebbe leggere: "già ttornato", "non è vvero", "andrò vvia", "è ttardi". Il
rafforzamento consonantico o radoppiamento sintattico a vviene tra una parola che
abbia intrinsicamente “forza cogeminante” e che sia strattamente legata, dal punto di vista
semántico, morfo-sinttatico e prosódico, con la parola seguente che cominci per
consonante semplice geminabile. Una pausa, anche breve, può benissimo bloccare la
geminazione.
Provo/cano il rafforzamento sintattico:

o Preposizioni: a, da, di,su, tra, fra.


o Congiunzioni: e, o, ma, né, se, che, ché
o Verbi monosillabici: dà, fa, sta, è, ecc.
o Avverbi: là, lì, qua, qui, già, più, sì, no
o Pronomi: chi, che tu, sé, me, te, ci
o Monosillabi: tre, sci, blu, gru, piè, re, Po, Bra, ecc.
o Articoli, pronomi, particelle pronominale e avverbiali (ci, ne) e dimostrativi
(sta, ste, sto, sti).
o Esclamazioni, onomatopee, reduplicazioni, imperativi, forme apostrofate:
bah, oh, ah, gluglú, lì lì, no non, va’, sta’, fa’, di’, da’, va’, ecc.
o Lettere dell’alfabeto, note musicali: i lunga [il:’lunga], pi greco [pig: ’grɛko],
mi bemolle [mib: be ’mɔl: le]
o Pollisillabi tronchi: città, partirò, ecc.
o Bisillabi piani cogeminanti: come, qualche, sopra, dove, ogni, contra, infra,
intra, ove, sovra.
o Come: nella pronuncia moderna depende più dall’enfasi.
PROBLEMI DI PRONUNCIA DEGLI SPAGNOLI

 palatal [ʎ]
 le occlusive in spagnolo sono occlusive solo in inizio di frase e dopo diventano
fricative, ma in italiano sono occlusive sempre
 In italiano è viva la distinzione de labiale sorda [f] e sonora [v] e dentale sorda [s]
e sonora [z]
 fricativa palatale sorda [ʃ]
 dentale sorda [ts] e sonora [dz]
 affricata palatale sonora [ʤ] e sorda [ʧ]
 le consonanti doppie o geminate. Pronuncia:
o suono lungo (ss, ff, vv, rr)
o suono lungo e tenuto (ll, mm, nn)
o vocale più breve (pp, tt,, kk, bb, dd, gg)

ESEMPIO DI TRASCRIZIONE FONETICA

Se il padre perdei, [se:’il ‘pɑdre pɛr’de:i /


la patria, il riposo lɑ ‘pɑtrja / il ri’pɔzo /
tu padre mi sei. ‘tu ‘pɑdre mi ‘sɛ:i //
Soggiorno amoroso sod: ‘ʤorno amo’rozo /
è Creta per me. ‘ɛk:’kreta pɛr ‘me //
Or più non rammento or ‘pju ‘non ram:‘mento /
le angosce, gli affanni. leɑn’gɔʃe / ʎjaf:’fan:ni //
Or gioia e contento or ‘ʤojaek:kon’tento /
compenso ai miei danni kom’pensoɑ:i’mjɛ:i ‘dan:ni /
il cielo mi diè. il ‘ʦɛlo mi ‘djɛ //]

Zeffiretti lusinghieri, [ʣef:fi’ret:ti luzin’gjeri /


deh, volate al mio tesoro de / vo’lateɑl m’i o te’zoro /
e gli dite ch’io l’adoro, e’ʎi ‘dite k’i olɑ’dɔro /
che mi serbi il cor fedel. ke mi ‘serbi:l kɔr fe’del /
E voi piante e fior sincere ev:’vo:i ‘pjɑnte: ‘fjor sin’ʦɛre /
che ora innaffia il pianto amaro, keorain:’naf:fjɑil ‘pjɑntoa’maro /
dite a lui che amor più raro ‘diteal:’lu:i kea’mor ‘pju ‘raro
mai vedeste sotto il ciel. ‘mɑ:i ve’desti ‘sot:toil ‘djɛ //]
LE VOCALI

VOCALI LUNGHE vocale tra due consonanti fame [‘fɑ me]


cara [‘kɑ rɑ]
rosa [‘rɔ zɑ]
VOCALI BREVI vocale più doppia fatto [‘fɑt: to]
piazza [‘pjɑt: tsɑ]
rotto [‘rot: to]
vocale più due consonanti veste [‘vɛs te]
volgo [‘vol go]

VOCALI APERTE E CHIUSE: [e] [ɛ] [o] [ɔ]

Il timbro aperto o chiuso della pronuncia toscana risale all'etimo e si osserva soltanto
quando sono toniche. Quando sono atone hanno di solito un suono piuttosto breve e
chiuso. Ma purtroppo assai spesso la pronuncia toscana appare incerta per una stessa
parola.
L'italiano medio che non sente viva questa distinzione (o perché non la trova nel suo
dialetto o perché non l'avverte chiaramente nella parola degli altri) si vale di un timbro
medio.
Guardiamo quali norme ci possono dire, con eccezioni più o meno numerose, per il suono
aperto o chiuso delle vocali:

Si pronunciano con è [ɛ]


o e + l, m, n, r + consonante bèltade, tèmpèsta, èntrare,
gèntile, vèrsare, mèrcè, vènti
 eccezioni: vérdé, Vérdi. vénti (20)
 e + doppia consonante: conviene guardare il dizionario
o stèlla, ècco, èlla, prèsso, bèlla MA béllézza
o parole sdrucciole tènero, gèlida
o e + s + consonante funèsto, prèsto
o iè / uè quèllo, pièno
o iato lèi, rèo, idèa
o i verbi che terminain in -èi, -èbbe, -èbbero verrèi, verrèbbero
o i nomi che terminano in -èma problèma, poèma
o gli infiniti dei verbi in -èndere vèndere
o il participio presente in -ènte accogliènte
o i nomi e gli aggettivi in -èrio, -èria sèrio
o i nomi e gli aggettivi in -èstro, -èstra palèstra
o i numerali in -èsimo tredicèsimo
o le parole con il dittongo -iè chièsa, liève
o doppia consonate –tt- aspètto, lètto, dilètto

Si pronunciano con é [e]


o i monosillabi re, me, te che tre, ecc.
o le parole tronche perché, finché, ventitré
o l'infinito dei verbi in -ére bére, potére
o i nomi in -ésa offésa, sorprésa
o i nomi in -éssa professoréssa
o i verbi che terminano in -éte potréte, sapéte
o gli avverbi in -ménte certaménte
o i nomi in -ménto fidanzaménto
o i nomi in –evole piacévolé
o i diminutivi in –etto/a Musétta

Si pronunciano con ò [ɔ]


o parole sdrucciole pòvero, òpera, pòpólo
o dittonghi piòve, scuòla
o iato [ɔ:i] pòi
o trittongo [wɔ:i] suòi
o con il suono [ʎ] fòglio, scòglio
o i monosillabi do, no, so, ecc.
o le parole tronche darò, farò, però
o o + consonante con dittongo glòria, stòria
o il participio passato in -òsso commòsso
o i nomi in -òzzo, -òzza abbozzò, ròzza
o le parole che terminano in –sòrio, -oro tesòro, Lindòro, illusòrio
o ò+r fòrza, sòrte, mòrte
 MA: giórno, fórma, fórse

Si pronunciano ó [o]
o o + c, f, g, m, p, t ascólta, ómbra, móndo
 MA: vòlta
o gli aggettivi in -óso coraggióso
o i nomi in -óre attóre
o i verbi che terminano in -óno sóno
o i nomi che terminano in -óne selezióne
o i nomi che terminano in -óio accappatóio
o le parole che terminano in -óce cróce
o le parole in -ónda, -óndo biónda, móndo
o i nomi in -ógno, -ógna menzógna
DITTONGO, TRITTONGO, IATO

IATO ai [ɑ:i] mai [mɑ:i]


ei [e:i] poco frequente pei [pe:i]
ei [ɛ:i] sei [sɛ:i]
oi [o:i] voi [vo:i]
oi [ɔ:i] poi [pɔ:i]
eu [e:u] Euridice [e:u ri ‘di ʧe]
eu [ɛ:u] euro [ɛ:u ro]
au [ɑ:u] cauto [‘kɑ:u to]
io [i:o] mio [mi:o]
DITTONGO ia [jɑ] chiamare [kjɑ ‘mɑ re]
ie [je] poco frequente cavaliere [ka va ‘lje re]
ie [jɛ] vieni [‘vjɛ ni]
io [jo] poco frequente piombo [‘pjom bo]
io [jɔ] chiodo [‘kjɔ do]
iu [ju] fiume [‘fju mr]
ua [wa] quando [‘kwan do]
ue [we] questo [‘kwe sto]
ue [wɛ] querra [‘gwɛr: rɑ]
ui [wi] qui [kwi]
uo [wo] poco frequente quotalizio [kwo tɑ ‘li
tsio]
uo [wɔ] uomo [‘wɔ mo]
TRITTONGO iài [jɑ:i] soffiai [sof: ‘fjɑ:i]
ièi [jɛ:i] miei [mjɛ:i]
uài [wɑi] guai [gwɑi]
uiè [wiɛ] quieto [‘kwjɛ to]
uòi [wɔ:i] tuoi [twɔ:i]
iuò [jwɔ] aiuola [ɑ ‘jwɔ la]
uià [wjɑ] languiate [lan ‘gwjɑ te]