Sei sulla pagina 1di 295

TERMOLOG

Manuale d'uso
Moduli PROGETTISTA, CERTIFICATORE,
LOMBARDIA, PONTI TERMICI, SOLARE
TERMICO, SOLARE FOTOVOLTAICO

non solo software


TERMOLOG – Manuale d’uso

Termolog – Moduli Progettista, Certificatore, Lombardia, Ponti Termici, Solare termico fotovoltaico
MANUALE D’USO

Copyright 2016 Logical Soft s.r.l. – Via Garibaldi, 253 – 20832 Desio (MB)
www.logical.it

Proprietà letteraria e tutti i diritti riservati a Logical Soft. La struttura e il contenuto del presente testo non possono essere riprodotti,
neppure parzialmente, salvo espressa autorizzazione della società.

Benché Logical Soft abbia curato con attenzione la stesura del volume, declina ogni responsabilità per possibili errori od omissioni,
nonché per eventuali danni riconducibili all’uso delle informazioni ivi contenute.

Ultima revisione: giovedì 9 maggio 2019

www.logical.it 2
TERMOLOG – Manuale d’uso

Indice
Introduzione
I Premessa ...............................................................................................................................................7
II Normativa di riferimento .........................................................................................................................9
III Consultazione del manuale e guida in linea .........................................................................................11

1_ Come iniziare
1.1 Installazione .........................................................................................................................................13
1.2 La schermata principale .......................................................................................................................13
1.2.1 Avvio iniziale.........................................................................................................................................13
1.3 I moduli Progettista e Certificatore .......................................................................................................16
1.3.1 Primo avvio ..........................................................................................................................................16
1.4 Logical Cloud .......................................................................................................................................21
1.5 Termolog SuperFind ............................................................................................................................25

2_ L'archivio
2.1 Archivio globale e archivio locale del programma ................................................................................27
2.2 Anagrafiche..........................................................................................................................................30
2.3 I materiali .............................................................................................................................................32
2.3.1 Archivio dei materiali ............................................................................................................................32
2.3.2 Archivio web.........................................................................................................................................35
2.4 I comuni ...............................................................................................................................................36
2.4.1 Registrare un nuovo comune ...............................................................................................................37
2.5 Le stratigrafie delle strutture disperdenti ...............................................................................................42
2.5.1 Esporta l’archivio per cad 3D ...............................................................................................................42
2.5.2 Strutture disperdenti opache ................................................................................................................43
2.5.2.1 VERIFICA DI TRASMITTANZA ...................................................................................................54
2.5.2.2 VERIFICHE TERMOIGROMETRICHE........................................................................................56
2.5.2.3 VERIFICHE DI MASSA E DI TRASMITTANZA TERMICA PERIODICA ........................................61
2.5.2.4 CALCOLI E PRIME VERIFICHE ..................................................................................................63
2.5.3 Serramenti ...........................................................................................................................................64
2.5.3.1 VERIFICHE ................................................................................................................................70
2.5.3.2 INSERIMENTO STRUTTURE AGGIUNTIVE ................................................................................71
2.5.4 Ponti termici .........................................................................................................................................73
2.5.5 Precalcolate .........................................................................................................................................75
2.5.6 Vetri .................................................................................................................................................77

www.logical.it 3
TERMOLOG – Manuale d’uso

2.6 Archivio generatori ...............................................................................................................................79


2.6.1 Inserimento e modifica di un generatore ..............................................................................................80
2.6.1.1 Da specifiche tecniche .............................................................................................................80
2.6.1.2 Da ARCHIVIO produttori ...........................................................................................................83
2.7 Combustibili .........................................................................................................................................84
2.8 Limiti .................................................................................................................................................86
2.9 Gestione archivio e backup dei file .......................................................................................................86
2.10 Pannelli ................................................................................................................................................90

3_ Menù Relazione e Menù Zone


3.1 Menù Relazione ...................................................................................................................................92
3.1.1 Dati generali .........................................................................................................................................93
3.1.2 Normativa ............................................................................................................................................94
3.1.3 Impostazioni di calcolo ........................................................................................................................95
3.1.4 Geometria ............................................................................................................................................96
3.1.5 I comandi Passa a termoautonomo e Passa a centralizzato ................................................................96
3.2 Menù Zone..............................................................................................................................................98
3.2.1 Unità immobiliari ..................................................................................................................................99
3.2.2 Le zone termiche................................................................................................................................ 100
3.2.2.1 Le zone riscaldate .................................................................................................................. 100
3.2.2.2 Le zone confinanti .................................................................................................................. 110
3.2.3 Riepilogo della struttura del progetto ................................................................................................. 113

4_ Menù Strutture e Menù Involucro


4.1 La selezione degli elementi disperdenti dall’archivio .......................................................................... 114
4.1.1 Archivio generale delle strutture ......................................................................................................... 115
4.1.2 Archivio locale delle strutture .............................................................................................................. 115
4.1.3 Pavimenti su terreno .......................................................................................................................... 116
4.1.4 Muri Trombe (solo per i possessori del Modulo Serre Solari) ............................................................. 121
4.2 Inserimento tabellare delle superfici dell’involucro .............................................................................. 123
4.2.1 Attribuzione delle strutture disperdenti a zone confinanti .................................................................... 127
4.2.2 Uso dei comandi Detrai e Non detrarre ............................................................................................. 127
4.2.3 Modifica dei dati inseriti...................................................................................................................... 128
4.2.4 Computo metrico ............................................................................................................................... 128
4.3 Inserimento grafico delle superfici dell’involucro ................................................................................. 129
4.3.1 Importazione di un file DXF/DWG ....................................................................................................... 129
4.3.1.1 IMPORTAZIONE DI UNA PIANTA ............................................................................................ 129
4.3.1.2 IMPORTAZIONE DXF/DWG CON ELEMENTI DISPERDENTI GIA’ INSERITI ............................. 131
4.3.2 Importazione di immagini ................................................................................................................... 133
4.3.3 Come definire i livelli .......................................................................................................................... 134

www.logical.it 4
TERMOLOG – Manuale d’uso

4.3.4 Inserimento delle strutture disperdenti: strutture opache, serramenti, ponti termici, pavimenti e coperture
............................................................................................................................................... 135
4.3.5 Inserimento dei locali: il concetto zona-locale .................................................................................... 141
4.3.6 Zone non riscaldate ........................................................................................................................... 143
4.3.7 Serre solari (solo per i possessori del Modulo Serre Solari) ................................................................ 143
4.3.8 Pannelli .............................................................................................................................................. 146
4.3.9 Visualizzazione 3D ............................................................................................................................. 146
4.4 Gli ostacoli ......................................................................................................................................... 147
4.4.1 Ostacoli con inserimento dell’involucro tabellare ................................................................................ 148
4.4.2 Ostacoli con inserimento dell’involucro grafico .................................................................................. 149
4.5 Tabella delle dispersioni ..................................................................................................................... 153
4.6 Riassunto risultati relativi all’involucro ................................................................................................. 154
4.7 Calcolo di progetto ............................................................................................................................ 154

5_ L'impianto
5.1 L’IMPIANTO ....................................................................................................................................... 161
5.2 Climatizzazione invernale ................................................................................................................... 161
5.3 ACS ............................................................................................................................................... 175
5.4 Generatori .......................................................................................................................................... 176
5.5 Solare TERMICO ................................................................................................................................ 199
5.6 Solare FOTOVOLTAICO ..................................................................................................................... 209

6_ Calcolo, Verifiche e Stampa


6.1 Calcolo e principali risultati................................................................................................................. 214
6.1.1 Risultati del calcolo ............................................................................................................................ 214
6.1.2 Risultati in dettaglio ............................................................................................................................ 215
6.1.3 Indici di prestazione ........................................................................................................................... 217
6.1.4 Grafici energie .................................................................................................................................... 217
6.1.5 Involucro ............................................................................................................................................ 217
6.1.6 Verifiche ............................................................................................................................................. 218
6.2 Il Dlgs n.28/2011 e la copertura delle fonti rinnovabili ......................................................................... 219
6.2.1 Dettaglio dei risultati ........................................................................................................................... 219
6.3 Lo strumento Confronta ..................................................................................................................... 219
6.4 Esportazione xml................................................................................................................................ 225
6.5 Stampe .............................................................................................................................................. 226
6.5.1 La stampa della relazione energetica ................................................................................................. 226
6.5.2 La stampa dell’Attestato di Certificazione Energetica (ACE) e dell’Attestato di Qualificazione Energetica (AQE)
............................................................................................................................................... 228
6.5.3 Informazioni aggiuntive ...................................................................................................................... 228
6.5.4 Stampe progetto ................................................................................................................................ 231
6.5.6 Organizzazione della documentazione prodotta ................................................................................ 231

www.logical.it 5
TERMOLOG – Manuale d’uso

7_ VALUTAZIONE AMBIENTALE
7.1 Alcune indicazioni generali ................................................................................................................. 232
7.2 Nuova costruzione/Ristrutturazione .................................................................................................... 232
7.3 Residenziale/Uffici .............................................................................................................................. 233
7.4 B.1: Energia primaria non rinnovabile richiesta durante il ciclo di vita dell’edificio .............................. 233
7.5 B.3: Energia da fonti rinnovabili .......................................................................................................... 233
7.6 B.4: Materiali eco-compatibili ............................................................................................................. 234
7.7 B.6: Prestazioni dell’involucro............................................................................................................. 238
7.8 C.1: Emissioni di CO2 equivalente; E.6: Mantenimento delle prestazioni in fase operativa................. 239
7.9 Stampa file .xls ................................................................................................................................... 239
7.10 Esportazione xml per Proitaca.org ..................................................................................................... 240
7.11 Protocollo VEA-ENERGIA ................................................................................................................... 241

8_ Modulo PONTI TERMICI


8.1 Alcune indicazioni generali ................................................................................................................. 242
8.2 Calcolo di un ponte termico ............................................................................................................... 243
8.3 Disegno del ponte termico ................................................................................................................. 246
8.4 Set ponti termici ................................................................................................................................. 246

www.logical.it 6
TERMOLOG – Manuale d’uso

Introduzione

I Premessa

Interfaccia iniziale di TERMOLOG

TERMOLOG

TERMOLOG è un software professionale studiato per il calcolo delle dispersioni termiche, dei fabbisogni e dei consumi
energetici degli edifici civili ed industriali, ai sensi dei decreti D.L. 192/05, D.L. 311/06, D.P.R. 59/09, D.M. 26-06-2009,
L.90/2013, D.M. 26-06-2015 (Linee Guida Nazionali per la certificazione energetica degli edifici e Decreto Requisiti Minimi)
delle più recenti norme UNI (UNI TS 11300) e di alcune normative regionali (Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Liguria,
Sicilia, Provincia di Trento, Comune di Roma, ecc…). E’ inoltre in grado di eseguire le verifiche di legge sul comportamento
termoigrometrico e di sfasamento termico delle strutture opache.
TERMOLOG è indirizzato a chiunque si occupi di calcolo per il fabbisogno energetico degli edifici: dall’ingegnere al geometra,
dall’architetto al termotecnico, dal progettista al certificatore energetico. Grazie alla sua interfaccia semplice e intuitiva
TERMOLOG è inoltre uno strumento particolarmente adatto per scopi didattici, utile pertanto a studenti di ingegneria,
architettura e istituti per geometri.
L'interfaccia del programma è stata rinnovata in questa nuova versione, con lo scopo di rendere più razionale e immediato
l’inserimento dei dati di ingresso necessari per svolgere le elaborazioni. La nuova impostazione permette di diminuire
significativamente il tempo di apprendimento per l’utilizzo del software, rendendo l’utente subito produttivo. Lo stato di
avanzamento del progetto e della relazione è sempre in primo piano. I comandi principali sono accessibili con pochi click e
diverse procedure guidate aiutano anche l’utente meno esperto.
TERMOLOG EpiX – Modulo PROGETTISTA

TERMOLOG Modulo PROGETTISTA è lo strumento adatto per svolgere il progetto energetico degli edifici: consente di
calcolare le potenze di progetto e la prestazione energetica di edifici nuovi ed esistenti e di progettare le strutture opache e
trasparenti che delimitano l’involucro disperdente, verificando la trasmittanza termica e la condensa superficiale ed interstiziale

www.logical.it 7
TERMOLOG – Manuale d’uso

in base ai limiti definiti dalla normativa. Un ricco archivio di materiali, completamente personalizzabile, agevola e supporta
queste elaborazioni.
TERMOLOG Modulo PROGETTISTA calcola il comportamento termico inerziale delle strutture nel periodo estivo in conformità
alla UNI EN ISO 13786 e valuta capacità termica, trasmittanza termica periodica, sfasamento in ore e coefficiente di
attenuazione dell’elemento.
TERMOLOG Modulo PROGETTISTA permette di calcolare i carichi di progetto e la prestazione energetica dell’edificio secondo
le UNI TS 11300 parti 1,2 e 4 e la UNI EN 12831 e viene costantemente aggiornato ad ogni variazione normativa.
TERMOLOG Modulo PROGETTISTA genera la stampa della relazione energetica (ex Legge 10) in formato DOC, con
riferimento alle normative nazionali e regionali, compatibile con tutti i più comuni word processor.
TERMOLOG EpiX – Modulo CERTIFICATORE e Modulo LOMBARDIA

TERMOLOG– Modulo CERTIFICATORE e Modulo LOMBARDIA permettono di calcolare il fabbisogno energetico degli edifici e
di redigere gli attestati di certificazione e qualificazione energetica secondo le Linee Guida Nazionali (D.M. del 26-06-2015) e i
decreti regionali.
TERMOLOG– Modulo CERTIFICATORE e Modulo LOMBARDIA permettono, per le regioni con un proprio catasto energetico,
lo scambio dati mediante l’esportazione di file d’estensione .xml: tale file di interscambio contiene tutte le informazioni inserite in
TERMOLOG relativamente all’involucro disperdente e all’impianto e può essere importato nel portale regionale (CENED+2.0,
SACERT, SACE, SIPEE, Ve.Net) per la successiva elaborazione dei dati.
TERMOLOG– Modulo CERTIFICATORE e Modulo LOMBARDIA esporta il file .csv per la pubblicazione dell'APE nel sistema
informativo ENEA dedicato alla Regione Abruzzo: il file prodotto da TERMOLOG può essere caricato direttamente sul portale
ENEA così da ottenere l'Attestato di Prestazione Energetica completo di tutte le informazioni richieste.
TERMOLOG Modulo CERTIFICATORE genera la stampa degli attestati di certificazione e qualificazione energetica in formato
DOC, con riferimento alle normative nazionali e regionali, compatibile con tutti i più comuni word processor.

MODELLAZIONE DELL’INVOLUCRO DISPERDENTE


Con TERMOLOG l’utente può scegliere di modellare l’involucro disperdente dell’edificio avvalendosi di diversi strumenti:
 MAPPE CATASTALI: è possibile importare nel programma la scansione di una pianta (file immagine o .pdf) dell’edificio in
esame ed indicare su di essa le zone riscaldate e le strutture disperdenti: mediante l’indicazione di una quota TERMOLOG
calcolerà in automatico la scala del disegno che sarà impiegata per valutare tutte le altre misure.
 CAD 2D: è possibile importare nel programma file .dxf o .dwg, su uno o più livelli, da utilizzarsi come base per riconoscere
automaticamente dai diversi layer i profili dei locali e la geometria dell’involucro disperdente.
Optando per questo tipo di inserimento il programma è in grado di restituire una visualizzazione tridimensionale dell’edificio,
utile in fase di modellazione e allegabile ai documenti in fase di stampa.

Rappresentazione 3D dell’edificio

 BIM e CAD 3D: è possibile importare nel programma il modello solido dell’edificio prodotto con un CAD 3D e riconoscere
automaticamente aree, volumi delle zone e superfici disperdenti. TERMOLOG dispone di plug-in specifici per i CAD 3D più
diffusi per stabilire un efficiente interfacciamento con i software BIM.

www.logical.it 8
TERMOLOG – Manuale d’uso

 INSERIMENTO TABELLARE: accanto ad una modalità di inserimento grafica dell’involucro disperdente, è possibile
avvalersi anche di una modalità di inserimento tradizionale, compilando una comoda tabella oppure una modalità di
inserimento misto, unendo la potenza di un inserimento grafico con la praticità di un inserimento tabellare.

Input tabellare

ARCHIVI
Il programma possiede un archivio esaustivo, contenente numerosi elementi, tra comuni, materiali, strutture opache, ponti
termici, componenti finestrati e generatori di calore e può essere ampliato a piacere dall’utente tramite agevoli comandi.
L’archivio contiene tutte le caratteristiche termiche dei materiali delle normative UNI 10351, UNI10355 e UNI EN ISO 10456 e le
adduttanze della UNI EN ISO 6946; Con questi materiali o con i materiali registrati dall’utente è possibile definire le stratigrafie
di nuove strutture disperdenti. Il programma dà inoltre la possibilità di costruire la stratigrafia di strutture disperdenti sulla base
delle recenti Raccomandazioni CTI 15:2014.
TERMOLOG consente di valutare soluzioni di involucro innovative: valuta analiticamente la trasmissione di calore attraverso
vetri basso emissivi in conformità con la UNI EN 673 e considera l'apporto energetico di chiusure costituite daisolamento
trasparente, di pareti solari (Muri Trombe) e di serre solari o spazi soleggiati eventualmente presenti nell'edificio, secondo il
metodo di calcolo descritto nella UNI 13790.
TERMOLOG è in grado inoltre di arricchire automaticamente il proprio archivio di materiali e generatori di calore, collegandosi
semplicemente ad un database on line (archivio web) che i produttori aggiornano frequentemente, fornendo direttamente i dati
tecnici relativi ai loro prodotti.

STAMPE
TERMOLOG produce delle stampe, relativamente a dati climatici, geometria dell’edificio, dispersioni delle zone termiche, in
formato DOC, compatibili con tutti i più comuni word processor.

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
TERMOLOG è in grado di confrontare due diversi scenari di calcolo. Ad esempio, in caso di riqualificazione energetica,
confronta stato di fatto e di progetto, calcola il risparmio in fabbisogno di energia ed il tempo di ritorno della spesa sostenuta per
l’intervento migliorativo. Oppure può confrontare diverse soluzioni progettuali, per poter valutare la più efficiente.

II Normativa di riferimento
TERMOLOG è stato progettato in ottemperanza a tutta la legislazione attualmente in vigore nell’ambito della progettazione
termotecnica. In particolare si è fatto riferimento alle seguenti normative:
Norme nazionali attualmente in vigore:

www.logical.it 9
TERMOLOG – Manuale d’uso

 L. n. 10 del 9/1/1991: “Norme per l’attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell’energia, di
risparmio energetico e di sviluppi delle fonti rinnovabili di energia”.
 D.P.R. n. 412 del 26/8/1993: “Regolamento recante norme per la progettazione, l’installazione, l’esercizio e la manutenzione
degli impianti termici”.
 D.P.R. n. 551 del 21/12/1999: “Aggiornamento del decreto di attuazione”.
 D.M. 27/07/2005: “Regolamento di attuazione della Legge n. 10 del 9/1/1991”.
 D.L. n. 192 del 19/08/2005: “Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell’edilizia”.
 D.L. n. 311 del 19/08/2005: “Disposizioni correttive ed integrative al D.L. 192 del 19 agosto 2005”.
 D.L. n. 115, del 30/05/2008: “Attuazione della direttiva 2006/32/CE relativa all’efficienza energetica degli usi finali di energia
e i servizi energetici e abrogazione della direttiva 93/76/CEE”.
 L. n. 296, del 27/12/06: “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Finanziaria 2007)”.
 L. n. 244, del 24/12/07: “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Finanziaria 2008)”.
 D.L. del 19/02/2007: “Disposizioni in materia di detrazioni per le spese di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio
esistente, ai sensi dell'articolo 1, comma 349, della legge 27 dicembre 2006, n. 296”.
 D.L. del 11/03/2008: “Attuazione dell'articolo 1, comma 24, lettera a), della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la
definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza termica ai fini dell'applicazione dei
commi 344 e 345 dell'articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296”.
 D.M. del 04/07/2008: “Disposizioni in materia di detrazione per le spese di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio
esistente, ai sensi dell'articolo 1, comma 349, della legge 27 dicembre 2006, n. 296”.
 D.P.R. n.59 del 02/04/2009: “Regolamento di attuazione dell'articolo 4, comma 1, lettere a) e b), del decreto legislativo 19
agosto 2005, n. 192, concernente attuazione della direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizia”.
 D.M. 26/06/2009: “Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici”.
 D.L. n. 28 del 03/03/2011: “Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili,
recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE”.
 D.L. n. 63 del 04/06/2013: “Disposizioni urgenti per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del
Consiglio del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia per la definizione delle procedure d'infrazione avviate
dalla Commissione europea, nonche' altre disposizioni in materia di coesione sociale”. D.L. convertito con modificazioni
dalla L. n. 90 del 3/08/2013.
Norme regionali attualmente in vigore:

 LOMBARDIA: D.G.R. del 26/06/2007 n° VIII/5018: “Determinazioni inerenti la certificazione energetica degli edifici, in
attuazione del d.lgs. 192/2005 e degli articoli 9 e 25 della l.r. 24/2006”.
 LOMBARDIA: D.G.R. del 31/10/2007 n° VIII/5773: “Certificazione energetica degli edifici, modifiche ed integrazioni alla DGR
n. 5018/2007”.
 LOMBARDIA: D.G.R. del 22/12/2008 n° VIII/8745: “Determinazioni in merito alle disposizioni per l’efficienza energetica in
edilizia e per la certificazione energetica degli edifici”.
 LOMBARDIA: D.G.R. del 11/06/2009 n° 5796: “Aggiornamento della procedura di calcolo per la certificazione energetica
degli edifici”.
 LOMBARDIA: DDG n.14006 del 15/12/2009: “Precisazioni in merito all’applicazione delle disposizioni vigenti in materia di
certificazione energetica degli ediifici e modifiche al DDG 5796 dell’11/06/2009”
 LOMBARDIA: D.G.R. n. 3868 del 17/07/2015: “Disposizioni in merito alla disciplina per l’efficienza energetica degli edifici ed
il relativo attestato di prestazione energetica a seguito dell’approvazione dei decreti ministeriali per l’attuazione del decreto
legislativo 192/2005, come modificato con L.90/2013”.
 LOMBARDIA: Decreto n.6480 del 30/07/2015:”Disposizioni in merito alla disciplina per l’efficienza energetica degli edifici e
per il relativo Attestato di Prestazione Energetica”
 LIGURIA: L.R. n. 22, del 29/05/2007: “Norme in materia di energia”
 LIGURIA: R.R. n. 6, dell’ 8//11/2007: “Regolamento d’attuazione dell’articolo 29 della legge regionale 29 maggio 2007 n. 22
(norme in materia di energia)“.
 LIGURIA: R.R. n. 1, del 22//01/2009: “Regolamento di attuazione articolo 29 della legge regionale 29 maggio 2007 n. 22
recante: 'Norme in materia di certificazione energetica degli edifici'. Sostituzione del regolamento regionale n. 6 del
8.11.2007 “.
 LIGURIA: R.R. n. 6, del 13//11/2012: “Regolamento di attuazione articolo 29 della legge regionale 29 maggio 2007 n. 22
recante: 'Norme in materia di energia'. Sostituzione del regolamento regionale n. 1 del 22/01/2009 “.
 EMILIA ROMAGNA: D.G.R. n. 1730 del 16/11/2007: “Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di
rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici”.
 EMILIA ROMAGNA: D.G.R. n. 156 del 04/03/2008: “Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di
rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici”.
 EMILIA ROMAGNA: D.G.R. n. 1275 del 07/09/2015: “Approvazione delle disposizioni regionali in materia di attestazione
della prestazione energetica degli edifici (certificazione energetica) (art. 25-ter L.R. 26/2004 e s.m.)”.
 EMILIA ROMAGNA: D.G.R. n. 967 del 20/07/2015: “Approvazione dell’atto di coordinamento tecnico regionale per la
definizione dei requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici (artt. 25 e 25-bis L.R. 26/2004 e s.m.)
 PIEMONTE: L.R. 28/05/2007, n. 13:”Disposizioni in materia di rendimento energetico nell’edilizia”.
 PIEMONTE: D.G.R. 11 gennaio 2007, n. 98 – 1247:” Attuazione della legge regionale 7 aprile 2000, n. 43 (Disposizioni per
la tutela dell’ambiente in materia di inquinamento atmosferico). Aggiornamento del Piano regionale per il risanamento e la

www.logical.it 10
TERMOLOG – Manuale d’uso

tutela della qualità dell’aria, ai sensi degli articoli 8 e 9 decreto legislativo 4 agosto 1999, n.351. Stralcio di Piano per il
riscaldamento ambientale e il condizionamento”.
 PIEMONTE: D.G.R. n. 43 del 04/08/2009: ” Disposizioni attuative in materia di certificazione energetica degli edifici”.
 TOSCANA: RR n.17/R del 25/02/2010: “Regolamento di attuazione dell’articolo 23 sexies della legge regionale 24 febbraio
2005, n. 39 (Disposizioni in materia di energia) Disciplina della certificazione energetica degli edifici. Attestato di
certificazione energetica.
 PUGLIA: RR n.10 del 10/02/2010: “Regolamento per la certificazione energetica degli edifici ai sensi del D.Lgs.19 agosto
2005 n.192.
 SICILIA: DD n.3 del 03/03/2011:” Disposizioni in materia di certificazione energetica degli edifici nel territorio della Regione
siciliana”.
 COMUNE DI ROMA: Deliberazione n.7, Verbale n.9 del 14/02/2011: “Variazioni ed integrazioni del Regolamento Edilizio
Comunale. Norme per il risparmio energetico, l'utilizzazione di fonti rinnovabili di energia e risparmio delle risorse idriche”
 VENETO: DGR n.121 del 08/02/2011: “Istituzione del Registro Regionale delle Attestazioni di Prestazione Energetica.

Norme UNI attualmente in vigore:

 UNI EN ISO 6946: “Componenti ed elementi per edilizia. Resistenza termica e trasmittanza – Metodi di calcolo”.
 UNI 10349: “Riscaldamento e raffrescamento degli edifici - Dati climatici”.
 UNI 10351: “Materiali da costruzione: conduttività termica e permeabilità al vapore”.
 UNI 10355: “Murature e solai. Valori della resistenza termica e metodo di calcolo”.
 UNI EN 13789 per il calcolo dei coefficienti di perdita del calore per trasmissione.
 UNI EN ISO 13790: “Prestazione termica degli edifici: calcolo del fabbisogno termico per il riscaldamento ”.
 UNI EN ISO 10077-1: “Prestazione termica di porte, finestre e chiusure. – Calcolo della trasmittanza, metodo semplificato”.
 UNI EN ISO 13370: “Trasferimento di calore attraverso il terreno – metodi di calcolo”.
 UNI EN ISO 14683: “Ponti termici nelle costruzioni edili – Trasmittanza termica linieica, metodi semplificati e valori di
progetto”.
 UNI EN 12524: “Materiali e prodotti per l’edilizia: proprietà igrometriche”.
 UNI EN 13788: “Componenti edilizi e strutture edilizie – Prestazioni igrometriche –Stima della temperatura superficiale
interna per evitare umidità critica superficiale e valutazione del rischio di condensazione interstiziale”.
 UNI EN 13786: “Prestazione termica dei componenti per edilizia - Caratteristiche termiche dinamiche - Metodi di calcolo”.
 UNI 10339: “Impianti aeraulici al fini di benessere. Generalità, classificazione e requisiti. Regole per la richiesta d'offerta,
l'offerta, l'ordine e la fornitura”.
 UNI 12831: “Impianti di riscaldamento negli edifici - Metodo di calcolo del carico termico di progetto”.
 UNI TS 11300: Prestazioni energetiche degli edifici – Parte 1: “Determinazione del fabbisogno di energia termica dell’edificio
per la climatizzazione estiva ed invernale, e successive modificazioni”.
 UNI TS 11300: Prestazioni energetiche degli edifici – Parte 2: “Determinazione dell’energia primaria e dei rendimenti per la
climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda per usi igienicosanitari, e successive modificazioni”.
 UNI TS 11300: Prestazioni energetiche degli edifici – Parte 4: “Utilizzo di energie rinnovabili e di altri metodi di generazione
per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria”.

Norme di riferimento per il calcolo secondo legislazione precedente al D.L. 115/2008:

 UNI 7357: “Calcolo del fabbisogno termico per il riscaldamento degli edifici”.
 UNI 10379 - 2005: “Riscaldamento degli edifici – Fabbisogno energetico normalizzato: metodi di calcolo e di verifica”.
 UNI 10347: “Riscaldamento e raffrescamento degli edifici - Energia termica scambiata tra una tubazione e l’ambiente
circostante: metodo di calcolo”.
 UNI 10348: “Riscaldamento degli edifici – Rendimenti dei sistemi di riscaldamento: metodi di calcolo”.
 UNI EN 832: “Calcolo del fabbisogno di energia per il riscaldamento degli edifici residenziali”.
Altre norme di riferimento:

 UNI EN ISO 13790 2008: “Prestazione termica degli edifici: calcolo del fabbisogno termico per il riscaldamento ”.
 UNI EN ISO 10077-1 2008: “Prestazione termica di porte, finestre e chiusure. – Calcolo della trasmittanza, metodo
semplificato”.
 UNI EN ISO 13370 2008: “Trasferimento di calore attraverso il terreno – metodi di calcolo”.
 UNI EN ISO 14683 2008: “Ponti termici nelle costruzioni edili – Trasmittanza termica lineica, metodi semplificati e valori di
progetto”.
 UNI EN 13786 2008: “Prestazione termica dei componenti per edilizia - Caratteristiche termiche dinamiche - Metodi di
calcolo”.
 UNI EN 673: 2005: “Vetro per edilizia – Determinazione della trasmittanza termica (U-value) – Metodo di calcolo”.

III Consultazione del manuale e guida in linea

www.logical.it 11
TERMOLOG – Manuale d’uso

TERMOLOG è stato ideato per avere un’interfaccia intuitiva, rispettando la logica che seguirebbe un professionista nella
compilazione di una relazione tecnica o di un attestato di certificazione.
Questo manuale è stato pensato sia per essere letto consecutivamente, sia per essere consultato a partire da uno specifico
argomento dell’indice. Se vuoi sapere, ad esempio, come inserire una parete o importare un DXF puoi cercare l’argomento
dall’indice analitico e consultare il paragrafo corrispondente, senza dover leggere tutte le pagine.
Il presente manuale e la guida in linea sono sempre in fase di aggiornamento, elaborazione e sviluppo per essere arricchite di
nuove sezioni o adeguate a cambiamenti normativi.
Il sistema di Autoupdate aggiorna periodicamente e gratuitamente agli utenti anche eventuali nuove copie del presente testo,
contenenti modifiche o ampliamenti. Alternativamente è possibile scaricare la versione più aggiornata del manuale dalla sezione
Download del sito www.logical.it.
CONVENZIONE DEL MANUALE

Per facilitare la lettura di questo testo si illustra un’importante convenzione di scrittura.

TESTO IMPORTANTE
Nel manuale le parti di testo più importanti sono sottolineate da uno sfondo giallo e bordo nero.

www.logical.it 12
TERMOLOG – Manuale d’uso

Come iniziare

1.1 Installazione
La procedura di installazione del programma si avvia automaticamente dopo aver inserito il disco di installazione di
TERMOLOG. La cartella di installazione predefinita è c: \ programmi \ Termolog oppure c: \ programmi (x86) \ Termolog .
Al termine dell’installazione viene creata una icona sul desktop del tuo computer.

Importante: Per avere informazioni dettagliate sulla procedura di installazione e abilitazione, consulta il libretto allegato al dvd o
le informazioni presenti sul sito www.logical.it nella sezione SUPPORTO

Per avviare il programma devi solo fare doppio clic sull’icona TERMOLOG; se il programma è già stato abilitato, compare la
schermata di avvio riportata nel paragrafo successivo, altrimenti consulta il libretto allegato al dvd per informazioni relative
all’abilitazione.

1.2 La schermata di avvio


Una volta installato il programma, facendo doppio clic sull’icona creatasi sul desktop, appare la schermata principale di
TERMOLOG, qui di seguito riportata:

TERMOLOG: Schermata di avvio

1.2.1 Avvio iniziale

La schermata iniziale di TERMOLOG è composta dai sottomenù File, Home, Archivi, Supporto, Forum e Aiuto le cui funzionalità
saranno illustrate nel prosieguo.

FILE

www.logical.it 13
TERMOLOG – Manuale d’uso

In questo menù vengono riportati dei comandi che consentono di:


 aprire un file già completo col il comando Apri
 gestire i file di recente apertura e le relative cartelle di destinazione:

 iniziare un nuovo progetto, una nuova certificazione, un nuovo impianto, ecc…:

IMPORTANTE: i moduli del programma selezionabili dall’utente dipendono dal codice di abilitazione inserito e fornito con il dvd
di installazione.

Nel presente testo verranno illustrate le funzionalità dei moduli Progettista, Certificatore, Ponti Termici e Valutazione
Ambientale; per quanto concerne i restanti moduli si rimanda alla consultazione dei manuali pertinenti.

 Aggiornare il programma all’ultima versione tramite il comando scarica pacchetto


 Aggiornare i file di esempio distribuiti tramite il comando scarica esempi

www.logical.it 14
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Accedere alle impostazioni generali del software tramite il comando opzioni

HOME

I comandi contenuti nel menù HOME

In questo barra sono contenuti i comandi che consentono l’apertura di file esistenti (comando Apri) e l’inizio di nuovi progetti
(comando Nuovo); è inoltre possibile definire le impostazioni del programma, accedere al manuale ed alle FAQ sul sito di
Logical Soft, ed avere informazioni sulla licenza d’uso e sui codici di abilitazione.
Il tasto Licenza apre una finestra che contiene i dati relativi alla licenza d’uso del programma e l’elenco dei moduli abilitati. In
questa stessa schermata è possibile inserire un nuovo codice di abilitazione oppure nel caso di licenza software, scollegare la
licenza per attivarla su un’altra macchina.
Il pulsante Opzioni consente di accedere alla impostazioni generali del software:

 Formattazione, calcolo e cartelle:


- Impostare la formattazione dei decimali per le grandezze calcolate
- Abilitare/disabilitare i salvataggi dei dettagli di calcolo
- Impostare alcune caratteristiche di utilizzo del motore Cened+2.0
- impostare le cartelle automatiche di gestione dei file di TERMOLOG
 Input grafico e wizard
 Stampa
 Cloud video corso e Proxy
 Ricerca
 Supporto

Il pulsante Informazioni mostra delle informazioni generali circa la versione del programma installata e riassume alcune
caratteristiche del proprio computer: impostazione del controllo accesso utente (UAC), indicazione del tipo di utente, ecc.. .
Queste informazioni sono estremamente utili in caso di comunicazione con il servizio assistenza in merito al funzionamento del
programma.

Il tasto Informazioni

Il comando Aggiornamenti consente di controllare se sono disponibili nuovi aggiornamenti del programma, scaricabili on-line.

www.logical.it 15
TERMOLOG – Manuale d’uso

ARCHIVI

Dal menù Archivi è possibile accedere all’archivio generale del programma, contenente tutti gli elementi necessari per
procedere al calcolo energetico ed alla stesura di relazione e certificati. Ad esempio al suo interno sono contenute le stratigrafie
delle strutture disperdenti, le finestre, le caratteristiche dei generatori di calore e di altri elementi.

A ciascuna icona corrisponde a una particolare categoria dell’archivio generale. Se ad esempio si vuole aggiungere all’archivio
la stratigrafia di una nuova struttura verticale opaca, sarà sufficiente premere il pulsante Pareti.

E’ sempre possibile accedere all’archivio anche senza aprire alcun file. Per una descrizione dettagliata di tutti i comandi della
barra si rimanda alla consultazione del successivo capitolo 2.

SUPPORTO
Dal menù supporto è possibile visualizzare da programma la pagina di supporto del sito internet www.logical.it , dove si
possono trovare tutti gli strumenti a supporto dell’utente (FAQ, video tutorial, tutorial, manuali, normative di riferimento, esempi
di stampa e Forum)

FORUM
Dal menù Forum è possibile inserire le proprie credenziali per accedere alla community del Forum Logical Soft, dove è possibile
scambiare informazioni o visualizzare domande e risposte tra gli utenti.

AIUTO
Il menù aiuto è presente in tutte le schermate di TERMOLOG e consente l’accesso rapido agli strumenti di supporto specifici
per ogni sezine del software.

1.3 I moduli Progettista e Certificatore


1.3.1 Primo avvio

Per iniziare ad inserire una relazione termica (Legge 10, modulo Progettista) oppure iniziare la stesura di un attestato di
prestazione energetica (modulo Certificatore), cliccare sull’icona corrispondente:

a questo punto apre, accanto alla schermata generale pocanzi illustrata, un’ulteriore schermata arricchita di tutti i menù
necessari per gestire il proprio file:

www.logical.it 16
TERMOLOG – Manuale d’uso

Schermata iniziale modulo Progettista e/o Certificatore

La stesura della relazione consiste nella compilazione dei dati richiesti nei vari menù (i cui contenuti saranno meglio dettagliati
in seguito) e nell’esecuzione del calcolo.
Si precisa, infine, che l’estensione del file prodotto dal programma dipende dal modulo in utilizzo, in particolare:
 .cerX nel caso di una certificazione energetica;
 .relX nel caso di una legge 10.

1.3.2 Struttura dei comandi e area di lavoro


Per produrre una relazione energetica e/o una certificazione con TERMOLOG occorre, fin da subito, comprendere la logica di
funzionamento del programma.

L’interfaccia del software è stata studiata per rispettare il processo logico che segue il progettista nella stesura di questi
documenti. Il primo approccio al programma da parte dell’utente richiede comunque un breve periodo di sperimentazione per
familiarizzare con i comandi. Si consiglia in questa fase di ricorrere agli strumenti di supporto a disposizione, come il presente
manuale, per ridurre al minimo il tempo di autoapprendimento.
Vediamo ora la struttura del programma. I menù contenenti i vari comandi possono essere suddivisi in tre blocchi principali:

 FILE
 HOME
 RELAZIONE ENERGETICA (dal menù Relazione al menù Stampa)

Sotto ciascun menù sono situati i COMANDI e L’AREA DI LAVORO del programma. Il suo aspetto varia in funzione del menù
selezionato.

FILE
Il contenuto di questo menù è assolutamente analogo a quanto già discusso per l’omonimo menù nella schermata principale; in
questo caso, dato che si tratta di funzionalità legate allo specifico modulo, sono presenti anche i seguenti comandi:
 Salva, Salva con nome: per salvare il file corrente;
 Salva come: questo comando è utilizzabile solo dai possessori di entrambi i modulo progettista e certificatore,
permette di convertire un file sviluppato come progetto (.RelX) nel formato visibile dal modulo certificatore (.Cerx)
e viceversa; in questo modo un lavoro sviluppato da un modulo (come potrebbe essere una Legge 10 dal modulo
Progettista) può essere agevolmente scambiato con un modulo diverso (per farne ad esempio un attestato di
certificazione).
 Esporta:
 Condividi: consente di condividere il file via mail, inserendolo in automatico come allegato ad una nuova mail.
 Importa: consente di importare diverse tipologie di file:
- Importazione dell’involucro da un file xml da Cened+1.2 o Cened+2.0
- Importazione dell’involucro da un file DoCEt
- Importazione di un file IFC, DXF o DWG. Questi comandi attivano in automatico la schermata di involucro
con la quale è possibile selezionare il file da importare.
 Trasforma in: consente di trasformare un file creato con il modulo CERTIFICATORE in PROGETTISTA e
viceversa. Il salvataggio prevede la creazione di un file differente da quello dipartenza, si otterranno quindi due file
con estensioni .cerx e .relx
 Note: apre un documento di testo nel quale è possibile appuntare e stampare eventuali testi aggiuntivi o note

HOME

I comandi contenuti nel menù HOME

www.logical.it 17
TERMOLOG – Manuale d’uso

Il contenuto di questi comandi è assolutamente analogo a quanto già discusso per la barra dei comandi della schermata
principale (par.1.2.1); ovviamente in questo caso, dato che si è entrati in uno specifico modulo, i comandi saranno finalizzati alla
gestione delle caratteristiche peculiari dello stesso: ad esempio, cliccando sui comandi Apri/Nuovo sarà possibile aprire/iniziare
una certificazione o una legge 10, a seconda che il modulo in questione sia Progettista.
I comandi sono organizzati in tre sezioni sezioni: File, Gestione, Supporto.
Nel menù File viene aggiunto il comando TERMOTAB, che consente di aprire i progetti salvati sul Cloud dalla App TERMOTAB.
si aprirà dunque la seguente schermata dalla quale è possibile selezionare il progetto da importare:

Nel menù Gestione, oltre a quanto già indicato nel capitolo xxx, è presente il comando Relazione, dal quale è pssibile
ripristinare l’archivio della relazione.
Infine viene aggiunta la sezione Supporto, dalla quale è possibile accedere rapidamente al manuale del modulo avviato e alle
pagine del sito www.logical.it relative alle domande frequenti (FAQ) o alle News.

LA RELAZIONE ENERGETICA/ di PROGETTO


I comandi necessari allo sviluppo di una relazione energetica sono contenuti nei menù Relazione, Zone, Strutture, Involucro,
Climatizzazione invernale, ACS, Generatori, Calcolo, Confronta e Stampa: l’ordine da sinistra a destra, con cui sono stati
disposti i menù, rispetta il percorso logico del progetto. Per accedere a questi menù occorre che sia aperto il file di una
relazione.

I menù per la relazione energetica

Per una descrizione accurata di questi comandi, si rimanda ai successivi capitoli del manuale.

1.3.3 I passi principali per la stesura di una relazione/certificazione


Come anticipato, i menù e l’interfaccia del programma ricalcano lo stesso percorso logico che seguirebbe l’utente nella stesura
di una relazione/certificazione energetica.
La procedura per compilare una relazione, dalla creazione del file fino alla stampa, può essere schematizzata secondo la figu ra
seguente. Per ogni passo del percorso logico sono indicati il menù di riferimento nel programma ed il capitolo del manuale
relativo a quell’argomento. Ad esempio, i comandi per gestire l’archivio generale del programma e per inserire nuovi materiali e
strutture disperdenti sono contenuti nel menù Archivi; il capitolo del manuale relativo a questo argomento è il capitolo 2.

www.logical.it 18
TERMOLOG – Manuale d’uso

La compilazione della relazione/certificazione avviene pertanto seguendo i passi di questo schema:

ELEMENTI IN ARCHIVIO Menù Archivi – CAPITOLO 2

APERTURA DI UN NUOVO PROGETTO Menù Home – CAPITOLO 1

I DATI DELL’EDIFICIO

Menù Relazione – CAPITOLO 3


SELEZIONE STRUTTURE
Menù Zone – CAPITOLO 3
Menù Strutture – CAPITOLO 3

CREARE LE ZONE/LOCALI

LE DISPERSIONI Menù Involucro – CAPITOLO 4

I DATI DELL’IMPIANTO

Menù Climatizzazione invernale, ACS,


Generatori – CAPITOLO 5

CALCOLO FABBISOGNO INVERNALE Menù Calcolo – CAPITOLO 6

VERIFICHE DI LEGGE (solo per Legge 10) Menù Calcolo – CAPITOLO 6

STAMPE Menù Stampa – CAPITOLO 6

La procedura per il calcolo e la stesura di una relazione/certificazione

www.logical.it 19
TERMOLOG – Manuale d’uso

www.logical.it 20
TERMOLOG – Manuale d’uso

1.4 Logical Cloud


Logical Cloud è la nuova tecnologia che permette agli utenti di TERMOLOG di caricare, scaricare e condividere uno o
più elementi di archivio o di un progetto.

E’ possibile accedere a Logical Cloud cliccando sull’icona , visibile da ogni schermata e posizionata nella parte alta del
layout dello schermo.
Ogni struttura e/o generatore caricato in Logical Cloud può essere, anche in un secondo momento, scaricato su un altro pc su
cui è installato TERMOLOG: in questo modo è agevole tenere sincronizzati e condividere gli archivi di computer differenti.
L'accesso alla CLOUD è immediato e richiede solo una connessione ad internet.

ATTENZIONE: l’accesso a Logical Cloud è permesso solo ai clienti abbonati.

1.4.1 Primo accesso a Logical Cloud


La prima volta che si accede al Logical Cloud è necessario impostare le credenziali con le quali si è già registrati per usufruire
dei servizi messi a disposizione da Logical Soft:

Per effettuare una nuova registrazione cliccare il comando Registrati ora e seguire la serie di schermate che propone il
software di registrazione.

ATTENZIONE: le credenziali da inserire per l’accesso al servizio Cloud sono le stesse che consentono di accedere agli altri
servizi LOGICAL SOFT come TERMOTAB e la documentazione scaricabile nella sezione supporto del sito internet
www.logical.it.
Al primo accesso il programma mostra i termini e le condizioni del servizio. Per poter utilizzare Logical Cloud è necessario aver
letto e accettato le condizioni e i termini d’uso.

www.logical.it 21
TERMOLOG – Manuale d’uso

1.4.2 Come inserire un elemento nella Cloud


Per inserire un elemento nel servizio cloud di Termolog selezionare nell’archivio globale l’elemento che si desidera condividere
e cliccare il comando Condividi, posto in alto nella barra delle icone:

Come caricare un elemento disperdente in Logical Cloud

Come caricare un generatore in Logical Cloud

www.logical.it 22
TERMOLOG – Manuale d’uso

A questo punto il programma richiede di specificare alcune informazioni utili per catalogare l’elemento:
- nome
- descrizione
- chiavi di ricerca: inserire le parole chiave che meglio descrivono l’elemento inserito; ad esempio, per una parete che
contiene un isolamento con lana di roccia, le chiavi di ricerca da inserire potrebbero essere “isolante” e “lana”.
Quando si inseriscono più chiavi di ricerca è necessario separarle con una virgola.

ATTENZIONE: gli elementi inseriti in questi campi verranno utilizzati dal motore di ricerca di Logical Cloud per
individuare un elemento tra tutti quelli resi pubblici dagli altri utenti.
e per personalizzare il tipo di condivisione:
- privato: è l’elemento che, una volta caricato sulla cloud, sarà visibile esclusivamente dall’utente che lo ha inserito;
- pubblico: è l’elemento che, una volta caricato sulla cloud, sarà visibile da tutti gli utenti abbonati di TERMOLOG;
- gruppo: è l’elemento che, una volta caricato sulla cloud, sarà visibile esclusivamente dagli utenti facenti parte del
gruppo indicato a lato; la creazione di un gruppo condiviso è descritta nel paragrafo successivo.

Condividere elemento in TERMOLOG: inserimento chiavi di ricerca

1.4.3 Come gestire la Cloud


Il servizio Logical Cloud è suddiviso in tre sottomenù:
- UTENTE
- TUTTI
- GRUPPI DI LAVORO

MENU’ UTENTE
In questo menù, che a video appare con lo stesso nominativo con cui l’utente si è registrato, sono elencati tutti gli elementi che
l’utente ha provveduto a caricare nella Cloud, secondo le indicazioni del par. 1.4.2.

MENU’ TUTTI

In questo menù vengono visualizzati gli elementi, contrassegnati come Pubblici, caricati sulla Cloud da tutti gli utenti che
utilizzano il servizio Logical Cloud.
E’ possibile quindi eseguire delle ricerche tematiche (ad esempio per autore, ubicazione geografica, ecc..) tra gli elementi messi
a disposizione dalla community del servizio Cloud: uno strumento molto utile per l’elaborazione di attestati di prestazione
energetica di edifici esistenti, dove è spesso necessario raccogliere informazioni su elementi disperdenti / generatori già
impiegati in lavori affini.

www.logical.it 23
TERMOLOG – Manuale d’uso

Logical Cloud: menù Tutti

MENU’ GRUPPI DI LAVORO

Nel menù Gruppi di lavoro è possibile organizzare dei gruppi di utenti con cui condividere gli elementi della Cloud.

Logical Cloud: menù Gruppi di lavoro

Per aggiungere un nuovo gruppo di lavoro selezionare il comando Aggiungi gruppo; nella finestra che si apre occorre quindi
specificare:

www.logical.it 24
TERMOLOG – Manuale d’uso

- nome: nome del gruppo;


- contatti: indicare gli indirizzi email degli utenti che si vuole includere nel gruppo di lavoro, abilitando o meno la
possibilità di modifica degli elementi condivisi. L’indirizzo email deve essere lo stesso che l’utente usa per accedere ai
servizi di www.logical.it.
- ATTENZIONE: se abiliti la ricondivisione, l’utente potrà modificare e ricondividere un qualsiasi elemento che hai creato
tu. Se l’utente non è abilitato, potrà solo scaricare l’elemento ma non ricondividerlo modificato.

Una volta selezionato il gruppo sull’area di lavoro, nella parte destra della schermata è possibile consultare l’elenco degli utenti
che ne fanno parte e le impostazioni di condivisione.
Per eliminare / aggiornare gli utenti collegati al gruppo utilizzare i comandi Aggiungi contatto ed Elimina contatto.

1.5 Termolog SuperFind


TERMOLOG fonda le proprie basi sulla presenza di un archivio di elementi con i quali è possibile progettare o redigere i
certificati di prestazione energetica. L'accesso rapido ai dati dell'archivio è pertanto un requisito essenziale.
TERMOLOG SuperFind è l’innovativo motore di ricera che permette di ricercare, sia all'interno dell'archivio che all'interno di
progetti già sviluppati:
- porzioni di testo
- elementi di archivio (generatori, caldaie, angrafiche, ecc…)
- risultati calcolati: è possibile ricercare un materiale impostando come chiave di ricerva un range di variabilità dei
parametri spessore (s), trasmittanza (U), conduttività termica (l). Ad esempio per eseguire una ricerca tra tutti i
materiali caratterizzati da una conduttività minore di 0,034, è sufficiente digitare in TERMOLOG SuperFind: l < 0,035
Il risultato della ricerca è posto in un pannello a scomparsa ed ogni elemento incluso è utilizzabile direttamente: è possibile
modificarlo, oppure trascinarlo con il mouse nel programma per poterlo incorporare nel lavoro corrente.
TERMOLOG SuperFind è accessibile da ogni schermata del programma:

TERMOLOG SuperFind

I risultati ottenuti dalla ricerca sono visualizzati nella scheramta di sinistra :

www.logical.it 25
TERMOLOG – Manuale d’uso

Le impostazioni del motore di ricerca possono essere personalizzate utilizzando il comando Opzioni presente nel menù Home:

TERMOLOG SuperFind: impostazioni

www.logical.it 26
TERMOLOG – Manuale d’uso

L’archivio

2.1 Archivio globale e archivio locale del programma


TERMOLOG prevede due tipologie di archivio: uno relativo alla singola relazione/certificazione chiamato Archivio locale, l’altro
valido per tutte le relazioni/certificazioni realizzate con il programma, chiamato Archivio globale.
All’archivio globale si può accedere in qualunque momento, anche senza aprire il file di una relazione. Un inserimento od una
modifica nell’archivio globale saranno validi per tutte le relazioni create successivamente.
L’archivio locale è invece legato al file aperto, pertanto ogni relazione/certificazione possiede un suo archivio locale.

ATTENZIONE: è possibile “spostare” le modifiche apportate all’archivio locale della relazione/certificazione corrente all’archivio
globale del programma; per eseguire la suddetta operazione è sufficiente:
- nel menù Strutture, archivio relazione corrente, selezionare la struttura da copiare nell’archivio globale;
- tasto destro del mouse e dal menù contestuale aperto selezionare: Copia nell’archivio generale:

Relazione 1
Archivio locale 1

ARCHIVIO Menù
GLOBALE Strutture

Relazione 2
Archivio locale 2

Archivio GLOBALE e archivio LOCALE

ARCHIVIO GLOBALE

permette di accedere all’archivio globale da diverse posizioni nel programma.

Un primo modo di accedere a questo tipo di archivio è cliccare sul menù Archivi, disponibile nella schermata iniziale di avvio
del programma.

Archivio GLOBALE nella schermata di avvio: barra delle icone

E’ possibile accedere all’archivio globale anche, una volta iniziata una relazione, cliccando sul menù Strutture:

www.logical.it 27
TERMOLOG – Manuale d’uso

Archivio GLOBALE nel menù strutture


L’archivio globale di TERMOLOG contiene le caratteristiche e le informazioni relative a tutti gli elementi necessari alla
compilazione di una relazione/certificazione; in particolare esso è suddiviso nelle seguenti parti:
 Anagrafica
 Comuni
 Pareti
 Porte
 Coperture
 Vetri
 Pavimenti
 Finestre
 Ponti termici
 Strutture precalcolate
 Materiali
 Generatori
 Combustibili
 Web
 Pannelli
 Limiti
 Gestione
In tutte le parti dell’archivio, ad eccezione dell’archivio web, è possibile apportare modifiche agli elementi già inseriti o
eventualmente aggiungere nuovi elementi.
Nell’archivio globale per alcune categorie, tra cui i comuni, i materiali e le strutture disperdenti, è già presente un archivio di
base, compilato in accordo con le principali norme UNI e le principali raccomandazioni tecniche sull’argomento. In ogni caso
l’utente può personalizzare a piacere l’archivio, ampliarne e modificarne il contenuto secondo la propria necessità.

ARCHIVIO LOCALE
L’archivio locale è legato alla singola relazione: l’introduzione di una struttura o di una modifica eseguita per un elemento
contenuto nell’archivio locale è quindi inerente solo al file aperto in quel momento.
Gli elementi dell’archivio locale sono contenuti nel file .relx (modulo PROGETTISTA) o .cerx (modulo CERTIFICATORE): tale
file contiene tutti gli elementi necessari a quella relazione e può essere aperto da un qualunque altro computer.
Il contenuto dell’archivio locale di una relazione viene visualizzato sull’area di lavoro nel menù Strutture.

Archivio LOCALE della relazione

COME PASSARE DALL’ARCHIVIO GLOBALE ALL’ARCHIVIO LOCALE


All’apertura di una nuova relazione è possibile selezionare gli elementi dell’archivio globale che riguardano il nuovo progetto; il
programma gestisce questa operazione nel menù Strutture.
Per modificare un elemento all’interno di in una relazione, puoi intervenire direttamente nell’archivio locale oppure operare
nell’archivio generale e poi trasferire l’elemento con il comando Seleziona.
Il comando Aggiorna i materiali della relazione, visibile dall’archivio locale della relazione nel menù Strutture, permette il
riallineamento dei contenuti tra archivio globale e archivio locale dei materiali:

COME PASSARE DALL’ARCHIVIO LOCALE ALL’ARCHIVIO GLOBALE


E’ possibile “spostare” le modifiche apportate dall’archivio locale della relazione/certificazione corrente all’archivio globale del
programma; per eseguire la suddetta operazione è sufficiente:

www.logical.it 28
TERMOLOG – Manuale d’uso

- nel menù Strutture, archivio relazione corrente, selezionare la struttura da copiare nell’archivio globale;
- tasto destro del mouse e dal menù contestuale aperto selezionare: Copia nell’archivio generale:

La figura successiva rappresenta il contenuto del menù Strutture: nella parte sinistra della finestra sono elencate, suddivise
per tipologia, tutte le strutture presenti nell’archivio globale; selezionando l’opzione Preferite, il programma visualizza
nell’elenco di sinistra solo le strutture per le quali è stata attivata la specifica “preferita” in fase di registrazione.
Puoi chiudere o aprire gli elenchi per tipologia di struttura, cliccando con il mouse sul + accanto al nome della categoria. In testa
all’elenco è inoltre presente una comoda funzione di ricerca. Per cercare un elemento all’interno dell’archivio locale basta
digitare parte del suo nome nella casella e premere il tasto Invio.
Per importare le strutture dall’archivio globale alla relazione corrente, trascina la struttura selezionata da sinistra verso destra,
tenendo premuto il tasto sinistro del mouse.
E’ consigliabile importare nella relazione solo le strutture presenti nell’edificio, poiché tutte le strutture selezionate vengono
incluse nelle stampe e considerate per le verifiche. Nel caso in cui alcune strutture non siano più necessarie, è opportuno
eliminarle dall’archivio della relazione corrente. Per individuarle facilmente puoi spuntare la casella Colora in blu le strutture
non usate, contenuta nel comando Opzioni.

Il menù Strutture

Nel menù Strutture è possibile trasmettere dall’archivio globale a quello locale strutture opache, finestre, ponti termici, strutture
precalcolate. I materiali ed il comune vengono importati in fase di creazione della relazione ma possono essere modificati
localmente. I pavimenti su terreno sono invece registrabili solo nell’archivio locale, poiché la trasmittanza dipende dalle
dimensioni geometriche.
In sintesi, per effettuare una modifica limitatamente al progetto corrente, è sufficiente premere il tasto sinistro del mouse sul
nome di una delle strutture elencate nella parte sinistra della schermata e cliccare sul comando Modifica: le modifiche
riguarderanno solo l’elemento dell’archivio locale e non saranno trasmesse all’archivio globale.
Nel caso in cui l’utente modifichi una struttura dell’archivio globale e tale struttura sia stata precedentemente trasmessa
all’archivio locale, la modifica introdotta non sarà influente nel calcolo delle dispersioni.

www.logical.it 29
TERMOLOG – Manuale d’uso

Se la struttura è già stata utilizzata nella tabella delle dispersioni, il valore della dispersione dell’elemento sarà automaticamente
aggiornato in base al nuovo valore di trasmittanza.

2.2 Anagrafiche
Nell’ archivio anagrafiche di TERMOLOG è possibile memorizzare i dati del proprio studio e di tutte quelle figure professionali
che collaborano con lo studio: progettisti, architetti, ingegneri, geometri, termotecnici, imprese, certificatori, committenti privati,
ecc…
Per accedere all’archivio delle anagrafiche è sufficiente cliccare il relativo comando:

Menù Archivi: il comando Anagrafica

Si apre la seguente schermata:

Per aggiungere una nuova anagrafica all’archivio basta premere il tasto Nuovo dalla barra delle icone: occorre quindi inserire i
dati a disposizione nella finestra che appare (vedi figura successiva), riempiendo le caselle proposte. Non è obbligatorio
riempire tutti i campi. Il tasto Ok registra i dati inseriti.

www.logical.it 30
TERMOLOG – Manuale d’uso

Archivio Anagrafiche – Dati da inserire.

I dati del proprio studio devono essere inseriti in una scheda anagrafica specifica, a cui si accede con il tasto Dati studio.

I dati dello studio possono essere inclusi nei piè di pagina di tutte le stampe, modificando le opzioni di stampa impostabili con il
comando Imposta i parametri del programma del menù Home:

Per modificare o eliminare dei dati già inseriti è sufficiente selezionare il nominativo da aggiornare nell’elenco e premere i
pulsanti Modifica o Elimina. Il tasto Stampa produce una stampa dell’anagrafica selezionata.

www.logical.it 31
.3
TERMOLOG – Manuale d’uso

2.3 I materiali
TERMOLOG possiede un ampio archivio di materiali, suddivisi per tipologia, contenente le caratteristiche di numerosi materiali
da costruzione contenuti in alcune normative UNI. Per accedervi, basta selezionare dalla barra delle icone il comando
Materiali:

Menù Archivi: comando Materiali

Oltre ai materiali UNI, Termolog mette a disposizione dell’utente un archivio on line, contenente i parametri di materiali per
l’edilizia forniti da alcuni produttori del settore; per visualizzare i materiali disponibili da scaricare è sufficiente selezionare dalla
barra delle icone il comando Archivio Web:

Menù Archivi: comando Web


Di seguito si illustrano le prerogative e le modalità di funzionamento delle tipologie di archivio di materiali.

2.3.1 Archivio dei materiali

Accedendo all’archivio dei materiali, il programma distingue due gruppi principali, Materiali e Adduttanze.

I materiali sono raggruppati in categorie:


 Intercapedini UNI EN ISO 6946. Questa categoria dell’archivio comprende le intercapedini d’aria, debolmente o non
ventilate;
 Materiali Web. In questa sezione dell’archivio sono presenti i materiali dell’archivio web (vedi par.2.3.2) che sono già
stati utilizzati nelle stratigrafie delle strutture disperdenti, vedi par. 2.5) dell’archivio globale;
 Muri Trombe. Questa categoria dell’archivio comprende le intercapedini d’aria che possono essere utilizzare per la
creazione di un muro Trombe.
 UNI 10351. In questa categoria sono riportati tutti i materiali appartenenti alla normativa UNI 10351 con
comportamento termico isotropo ed omogeneo;
 UNI 10355. In questa categoria sono riportati tutti i materiali appartenenti alla normativa UNI 10355;
 UNI EN ISO 10456. In questa categoria sono riportati tutti i materiali appartenenti alla normativa UNI EN ISO 10456;
 Materiali utente. Questa sezione contiene tutti i materiali aggiunti dall’utente;

In ogni categoria i materiali sono raggruppati ulteriormente in diverse sottocategorie. Ad esempio, calcestruzzo, fibre minerali,
intonaci e malte, laterizi, materie plastiche cellulari, vetro, ecc… .
Per cercare un materiale in elenco è possibile digitare una parte del nome nell’apposita casella di ricerca e premere il tasto
invio.

www.logical.it 32
TERMOLOG – Manuale d’uso

Materiali - Selezione di un materiale dell’elenco.

Selezionando un materiale dall’elenco, viene visualizzata una scheda con i parametri caratteristici:

Materiali - Scheda del materiale.

www.logical.it 33
TERMOLOG – Manuale d’uso

CREARE UN NUOVO MATERIALE


Per creare un nuovo materiale, occorre premere il tasto ed indicare il valore dei parametri richiesti. Il tasto salva i
valori inseriti e conferma la registrazione del materiale in archivio. Tutti i materiali inseriti dall’utente, saranno salvati nella
categoria Materiali utente.
Dal punto di vista della certificazione, Il programma non utilizza tutti i parametri inseriti in questa finestra: i parametri utilizzati nei
calcoli sono la massa volumica del materiale, la conduttività indicativa di riferimento, la maggiorazione percentuale, la
conduttività utile di calcolo.

I parametri fisici richiesti nella finestra dei materiali sono:


 Categoria. Definisci la categoria di appartenenza del materiale, scegliendo tra quelle proposte nel menù a tendina.
Non è possibile creare categorie personalizzate.
 Nome. Una breve descrizione del materiale, ovvero il nome con cui apparirà in archivio.
 Massa volumica del materiale a secco  (Kg/m ). Densità del materiale.
3

 Conduttività termica di riferimento m (W/mK). E’ il valore della conduttività termica fornita dal produttore, misurata
in laboratorio.
 Maggiorazione percentuale m (%). Questo valore tiene conto del comportamento reale del materiale in condizioni di
esercizio, in base al contenuto percentuale di umidità, all’invecchiamento ed al costipamento dei materiali e corregge
conseguentemente la conduttività termica di riferimento m per ottenere la conduttività utile di calcolo u con la formula:
 m 
 u   m 1  
 100 
 Conduttività utile di calcolo u (W/mK). Valore della conduttività termica effettiva per il calcolo, avendo tenuto conto
della maggiorazione percentuale m.

Per quanto riguarda i dati relativi al comportamento al vapore (verifica termoigrometrica o di Glaser) il programma consente
all’utente di scegliere se inserire la Permeabilità al vapore δ o il Fattore di resistenza alla diffusione del vapore μ:

-12
Permeabilità al vapore δa e δu (Kg/msPa × 10 ). Rappresenta la caratteristica di un materiale di essere permeabile
al passaggio del vapore. ed è determinata nell’intervallo di umidità relativa tra 0 % e 50 % e tra 50 % e 95 %.
 Fattore di resistenza alla diffusione del vapore μa e μu. Per definire il comportamento igrometrico del materiale puoi
scegliere di specificare tra il valore della permeabilità al vapore e il fattore di resistenza alla diffusione del vapore. In
molti cataloghi di produttori di materiali per edilizia è riportato questo valore piuttosto che d.

Si rammenta che i due valori sono legati dalla seguente relazione:

 aria

 materiale
 Capacità termica cp (KJ/KgK). Questo dato è essenziale per il calcolo dello sfasamento.

 Spessore s (mm). Valore di default di spessore per lo strato di materiale in questione.


Se il valore dello spessore indicato è 0 l’utente dovrà specificare il valore dello spessore in fase di inserimento del
materiale in una struttura. E’ consigliabile specificare uno spessore non nullo per i materiali utilizzati sempre con
spessore prefissato (ad esempio blocchi di laterizio o simili).
 Preferito. Se selezionata, questa opzione inserisce il materiale nell’elenco delle strutture preferite per averlo
immediatamente a disposizione nella creazione della stratigrafia.
 Colore. Premi il pulsante Cambia per assegnare un nuovo colore, che rappresenterà il materiale in oggetto nella
stratigrafia.
 Riempimento. Scegli la tipologia di retino: linee, griglia o simbolo. I quest’ultimo caso è possibile scegliere il tipo di
simbolo tra quelli in elenco.
 Materiale da fonte rinnovabile e Materiale da rivestimento. Queste opzioni sono visibili solo per i possessori del
Modulo di Valutazione Ambientale; la scelta su una o su entrambe di tali opzioni consente di includere il materiale nel
computo dei materiali rinnovabili (criterio B.4.7) e/o dei materiali locali per finiture (criterio B.4.9).

www.logical.it 34
TERMOLOG – Manuale d’uso

Per quanto concerne le adduttanze:

Archivio delle adduttanze

L’adduttanza esprime il valore della trasmittanza termica dello strato d’aria che lambisce la superficie della parete, sia
nell’ambiente interno che nell’ambiente esterno. Essa deve essere inclusa in tutte le stratigrafie a contatto con aria, escluse
quindi quelle verso terreno.
Le adduttanze sono raggruppate in tre categorie:
 Adduttanze UNI EN ISO 6946. In questa sezione sono riportati i valori di adduttanza indicati dalla norma UNI EN ISO
6946 per le varie disposizione degli elementi. Ad una parete deve essere associata un’adduttanza con flusso di calore
orizzontale, ad una copertura un’adduttanza con flusso di calore ascendente, ad un pavimento un’adduttanza con
flusso di calore discendente.
 Materiali utente. In questa categoria sono contenute tutte le adduttanze aggiunte dall’utente.
Per cercare un’adduttanza tra quelle già inserite nell’archivio è possibile utilizzare la funzione di ricerca, analogamente a quanto
visto in precedenza per i materiale da costruzione.
Anche la procedura di inserimento è simile a quella descritta per i materiali da costruzione. In questo caso sono richieste solo
due informazioni:
 Descrizione. Una breve descrizione dell’adduttanza, ovvero il nome con cui apparirà in archivio.
 Adduttanza h (W/m2K). Il valore della adduttanza dello strato d’aria considerato.

REGISTRARE IL MATERIALE
Una volta terminato l’inserimento dei parametri, per memorizzare i valori inseriti premi il pulsante . Il nuovo materiale sarà
aggiunto nell’archivio globale, categoria Materiali utente e potrà essere individuato facilmente con la funzione di ricerca.

ATTENZIONE: Per fare sì che un nuovo materiale, aggiunto nell’archivio globale, possa essere utilizzato in una relazione già
esistente (archivio locale), è necessario eseguire il comando Aggiorna relazione.

STAMPA
Sia per i materiali da costruzione sia per le adduttanze premendo il pulsante , il programma produce un documento
.doc in cui sono riassunte le principali caratteristiche del materiale selezionato.

2.3.2 Archivio web

Premendo il tasto Web dalla barra delle icone, l’utente può visualizzare il contenuto dell’archivio web, nel quale alcuni tra i
principali produttori di materiali per l’edilizia hanno indicato le caratteristiche tecniche dei propri prodotti.
La schermata dell’archivio web ha la seguente struttura:

www.logical.it 35
TERMOLOG – Manuale d’uso

Archivio Web

ATTENZIONE: I contenuti dell’archivio web non sono personalizzabili dall’utente: le caratteristiche dei materiali sono introdotte
direttamente dai produttori ed il contenuto dell’archivio viene aggiornato periodicamente da Logical Soft, ogni qualvolta che un
produttore aggiunge le caratteristiche di un nuovo materiale.

Nel par.2.5 puoi trovare come utilizzare i materiali dell’archivio web per la composizione della stratigrafia di un elemento
disperdente.
Nell’archivio web, oltre ai materiali è anche presente una sezione dedicata ai generatori (vedi paragrafo dedicato ai generatori di
calore).

2.4 I comuni
Per eseguire la certificazione/relazione energetica di un edificio, occorre verificare che siano registrati i dati climatici del comune
di riferimento. Per eseguire i calcoli termici di un sistema edificio-impianto è necessario infatti conoscere alcune informazioni
preliminari, relative alle temperature esterne medie mensili ed alle irradianze solari della zona dove l’edificio è ubicato.
L'archivio dei comuni di TERMOLOG contiene i dati di tutti i comuni di Italia per latitudine e longitudine, e i dati climatici completi
per i capoluoghi di provincia con riferimento alla normativa UNI 10349 e al D.P.R. 412/93.
In particolare, si ricavano dalla normativa UNI 10349:
 Temperature esterna media giornaliera per mese per ogni provincia;
 Irradianza solare media giornaliera diretta e diffusa per mese per ogni provincia su un piano orizzontale;
 Irradianza solare media giornaliera totale per mese per ogni provincia su superfici verticali esposte a S, SO-SE, E-O,
NO-NE e N;
 Velocità del vento per provincia;
 Pressione esterna;
 Temperatura esterna estiva ed escursione termica nel giorno più caldo dell’anno;
Dal D.P.R. 412/93 si ricavano:
 I gradi giorno (GG);

www.logical.it 36
TERMOLOG – Manuale d’uso

 La zona climatica di appartenenza.


Dalla UNI 10379 o dalla UNI TS 11300 si ricavano:
 le temperature minime di progetto per il calcolo della potenza di picco stagionale per il dimensionamento del
generatore;
 la durata del periodo di riscaldamento.

Per i comuni non capoluogo di provincia i dati climatici vengono calcolati per interpolazione dai valori relativi a due province di
riferimento, secondo quanto previsto dalla normativa UNI 10349. Termolog indica già per tutti i comuni non capoluogo le due
province più vicine in linea d’aria, verificando che non siano poste sullo stesso lato. E’ comunque vivamente consigliato di
controllare le province scelte automaticamente del programma. La scelta della province non dovrebbe infatti basarsi solo sulla
distanza in linea d’aria ma anche sulla posizione, sul versante montano e su altre valutazioni non sempre riconducibili ad una
procedura automatica.

La registrazione del comune nell’archivio globale avviene una volta sola ed i dati memorizzati resteranno validi per tutte le
relazioni create da quel momento in poi. In fase di creazione di una nuova relazione, se non è stata apportata alcuna modifica
da parte dell’utente sul comune della relazione, il programma calcola i dati climatici secondo le province impostate in
automatico.
TERMOLOG calcolerà per interpolazione rispetto alla latitudine ed alla longitudine i dati necessari per il calcolo:
• Zona climatica di appartenenza
• Temperatura esterna di progetto
• Temperature medie mensili
• Irradiazioni solari medie mensili
• Velocità media del vento
• Gradi giorno
Se si dispone di dati misurati sperimentalmente o forniti dallo stesso comune per le grandezze richieste, è possibile riempire
manualmente la tabella con i valori in possesso.
Per quanto concerne la procedura di calcolo della Regione Lombardia, conformemente a quanto indicato nella procedura
regionale, TERMOLOG per i comuni non capoluogo di provincia valuta:
 la temperatura esterna media mensile a partire dalla temperatura della provincia di appartenenza, corretta in funzione
della quota del comune in analisi;
 le irradianze solari medie mensili sono assunte pari a quella della provincia di appartenenza.

2.4.1 Registrare un nuovo comune

E’ possibile accedere all’archivio dei comuni cliccando sul relativo comando:

Menù Archivi: comando Comuni

La procedura di registrazione per un comune è divisa in tre finestre successive (Anagrafica, Parametri, Dati climatici), più due
finestre per l’aggiunta di immagini e documenti collegati.

FINESTRA ANAGRAFICA

www.logical.it 37
TERMOLOG – Manuale d’uso

Inserimento di un comune in archivio: dati geografici

Nella finestra in figura è sufficiente indicare il nome del comune di riferimento. E’ anche possibile indicare parzialmente il nome
del comune e premere il tasto Cerca. Se il comune viene riconosciuto, il programma indicherà automaticamente la provincia e
la regione di appartenenza, la quota sul livello del mare del sito e le coordinate geografiche del comune (latitudine e
longitudine).

E’ anche possibile associare un’immagine come logo di riferimento per il comune. Premi sul pulsante e specifica il file
immagine da allegare. Puoi scegliere fra i più comuni formati di file immagine.
Per i comuni non capoluogo di provincia è necessario indicare:
 Primo comune di riferimento: il capoluogo di provincia più vicino in linea d’aria e sullo stesso versante geografico
(non necessariamente il capoluogo della provincia di riferimento).
 Secondo comune di riferimento: un secondo capoluogo di provincia vicino al comune in questione, per tener conto
delle differenze di altitudine.
 Zona geografica: questa informazione permette di calcolare il valore del gradiente verticale di temperatura. Gli
aggettivi Transpadana e Cispadana indicano il territorio dell’Italia settentrionale posto rispettivamente a nord e a sud
del fiume Po.
Per poter effettuare il calcolo dei dati climatici di un comune non capoluogo, seleziona l’opzione Calcolo tramite comuni di
riferimento. L’opzione non è impostabile nel caso in cui il comune sia un capoluogo di provincia.
Il programma propone, per tutti i comuni non capoluogo, i capoluoghi di provincia più vicini in linea d’aria: ad esempio nel caso
riportato in figura, dopo avere digitato Desio e selezionato Calcolo tramite comuni di riferimento, il programma suggerisce come
riferimento i capoluoghi Milano e Como, in Italia settentrionale transpadana.

FINESTRA PARAMETRI

Nelle finestra Parametri il programma mostra i dati ricavati automaticamente mediante interpolazione. Ogni dato può essere
però modificato a piacere dall’utente.

www.logical.it 38
TERMOLOG – Manuale d’uso

Parametri climatici del comune

In particolare tra le caratteristiche del sito trovi:


 Zona climatica di appartenenza del comune: A, B, C, D, E o F (D.P.R. 412/93).
 Gradi giorno del comune (D.P.R. 412/93). Questi dati sono riportati comune per comune nell’allegato A al D.P.R. 412.
 Temperatura esterna di progetto. (D.P.R. 412/93). Questo dato può essere corretto successivamente in funzione di
posizione ed altezza dell’edificio con apposito comando (vedi paragrafo dedicato).
 Periodo di riscaldamento (UNI TS 11300): giorno di inizio e giorno di fine. Dipendono dalla scelta della zona
climatica.
 Parametri della zona di vento (UNI 10349): in questa sezione vengono impostati i parametri relativi al vento. In primo
luogo deve essere definita la zona di vento. Se la conosci già, puoi impostarla manualmente (1, 2, 3 e 4). Altrimenti
puoi premere il pulsante Aiuto, mediante il quale puoi definire la zona d’Italia in cui è situato il tuo edificio, la sua
distanza dal mare e la posizione in quota sul livello del mare. Il valore indicato nella casella indica l’estremo superiore
della fascia di quota dell’edificio (se ad esempio esso è posto a 750 m di altitudine, devi scegliere il valore 800). In
base ai dati scelti il programma sceglierà automaticamente la zona di vento corretta. Oltre alle zone occorre poi dare
indicazione riguardo alla velocità e alla direzione del vento stimate. Questi dati attualmente non sono rilevanti sul
calcolo della prestazione energetica degli edifici.
 Parametri estivi (UNI 10349): in questa zona vengono impostati i parametri necessari al calcolo dello sfasamento
dell’onda termica: la temperatura massima e la variazione massima di temperatura durante la stagione estiva.

FINESTRA DATI CLIMATICI

Nella finestra Dati climatici sono riportati i valori calcolati per la temperatura esterna media mensile e le irradianze solari:

www.logical.it 39
TERMOLOG – Manuale d’uso

Dati climatici del comune: temperature e irradianze medie mensili

FINESTRA DOCUMENTI

La finestra Documenti dell’archivio Comuni

Nella finestra Documenti il programma consente di associare al comune corrente alcuni file presenti sul proprio computer, per
poterli richiamare agevolmente in fase di consultazione del comune dall’archivio: ad esempio una pianta, una foto aerea, un
foglio di calcolo con dei dati o ciò che si desidera.
Per inserire un riferimento ad un file fare click sul pulsante , Aggiungi un documento: il programma apre una finestra in
cui è richiesto all’utente di indicare dove si trova il file da associare. Una volta terminato l’inserimento, nella tabella sarà riportata
l’indicazione del nome del file associato ed il suo percorso.

www.logical.it 40
TERMOLOG – Manuale d’uso

Collegamento di un file nell’archivio Comuni

Per aprire un file dell’elenco con l’applicazione predefinita basta selezionare l’elemento e cliccare sul pulsante . Per
cancellare un file dall’elenco occorre selezionarlo e cliccare sul pulsante .

FINESTRA IMMAGINE

Nella finestra Immagine il programma consente di associare al comune in oggetto un file immagine. Tale immagine sarà inclusa
nella stampa del comune corrente.

Assegnare un’immagine al comune

REGISTRAZIONE DEL COMUNE

Per concludere la registrazione del comune in archivio o memorizzare eventuali modifiche per uno esistente, seleziona il
comando Registra.
Il tasto Stampa permette di stampare in formato .doc i dati inseriti.

www.logical.it 41
TERMOLOG – Manuale d’uso

2.5 Le stratigrafie delle strutture disperdenti

Archivio delle strutture

Nell’archivio delle strutture, gli elementi disperdenti per i quali è possibile assegnare una stratigrafia sono suddivisi per
tipologia. In particolare:
 Pareti;
 Coperture;
 Pavimenti;
 Porte;
 Finestre;
 Ponti termici;
 Precalcolate;
 Vetri.
Spostandosi sui sottomenù posti in alto, immediatamente al di sotto della barra delle icone, è possibile consultare, per tipologia,
sull’area di lavoro (pareti, coperture, pavimenti, ecc..) il contenuto dell’archivio: posso visualizzare l’archivio sotto forma di
elenco o con delle anteprime grafiche delle strutture, è sufficiente cliccare sul pulsante:

Per consultare un elemento disperdente già presente in archivio selezionare la struttura e cliccare sul pulsante:

Per inserire ex-novo una struttura disperdente fare riferimento a quanto spiegato nei successivi paragrafi.

2.5.1 Esporta l’archivio per cad 3D

Il comando:

è di fondamentale importanza nell’importazione in TERMOLOG di un modello creato con un CAD 3D: cliccando su questo
comando è possibile esportare gli archivi generali di TERMOLOG in modo che possano essere impiegati all’interno del CAD 3D

www.logical.it 42
TERMOLOG – Manuale d’uso

per compiere l’associazione delle informazioni termiche agli elementi strutturali (per maggiori informazioni si rimanda alla
consultazione del cap.6 del presente testo).
I file dell’archivio che vengono esportati si compongono di:
 Struttura.xml che contiene le stratigrafie delle pareti;
 Struttura_Def.xml che contiene pavimenti e coperture;
 Finestra.xml che contiene le strutture trasparenti;
 PontiTermici.xml che contiene l’archivio dei ponti termici.
I file dell’archivio vengono esportati nel percorso: C: / Documenti/ My Termolog 7 / Archivi.

2.5.2 Strutture disperdenti opache

Si voglia ora creare una nuova struttura disperdente opaca e registrarla nell’archivio globale del programma. Per farlo, scegli il
sottomenù corrispondente alla tipologia della struttura (pareti, coperture, pavimenti, ecc..) e premi il comando:

Si apre la schermata Dati generali:

Inserimento di una struttura opaca – Dati generali

Le informazioni da specificare sono le seguenti (presenti sia in caso di modulo CERTIFICATORE che di modulo
PROGETTISTA):
 Nome: inserisci il nome che desideri attribuire alla struttura; è possibile specificare se la struttura è da catalogare come
preferita.
 Tipo: indicare la tipologia della struttura opaca che si intende inserire, scegliendo tra Parete, Pavimento, Copertura e
Porta.

2
Area [m ], Base x Altezza [m]: indicare le dimensioni geometriche dell’elemento; si precisa che queste informazioni
sono opzionali, in quanto esplicitabili anche in fase di costruzione del modello dell’edificio.
 Verso: indicare il verso di dispersione della struttura, scegliendo tra:
- Esterno
- Terreno
- Zona non riscaldata
- Edificio confinante riscaldato
- Da zona non riscaldata verso l’esterno, da utilizzarsi nel caso il metodo di calcolo scelto per valutare le
zone confinanti sia quello puntuale e sia necessario assegnare le strutture disperdenti ad una zona non
riscaldata.

www.logical.it 43
TERMOLOG – Manuale d’uso

- Locale interno alla zona, da utilizzarsi nel caso il metodo di calcolo scelto per valutare la capacità termica
sia quello puntuale e sia necessario inserire nel modello dell’edificio anche gli elementi attraverso i quali
non c’è dispersione di calore.
Nel caso si stesse utilizzando il modulo PROGETTISTA la schermata Dati generali richiede di specificare anche altre
informazioni:
 Comune: inserisci il comune in cui è ubicato l’edificio;
 Anno: questa informazione è utilizzata per valutare i valori limite di trasmittanza con cui confrontare i valori calcolati;
 Orientamento: indicare l’orientamento della struttura;
 Limiti: specificare qual è la normativa di riferimento per valutare i valori limite di trasmittanza con cui confrontare i
valori calcolati;
 Si richiede di specificare qual è il tipo di verifica a cui si desidera sottoporre la struttura in esame tra verifica di
trasmittanza, verifica di sfasamento e massa frontale (per la quale è necessario specificare, a lato, anche il colore
della struttura) e verifica termoigrometrica. Il contenuto di ciascuna verifica verrà trattato più diffusamente nei
paragrafi successivi. Nel caso si desideri sottoporre la struttura ad una verifica termo igrometrica è necessario
specificare quali sono le condizioni al contorno a cui riferirsi.
 Percorso: il programma consente di catalogare le strutture registrate nell’archivio in cartelle; per fare questo è
sufficiente scrivere il nome della cartella in cui si vuole registrare la strutture accanto alla dicitura Percorso:

il programma creerà una nuova cartella con il nome prescelto e la visualizzerà nel menù Strutture, collocandola in
funzione del Tipo (Parete, Porte, ecc..) e del Verso di dispersione:

www.logical.it 44
TERMOLOG – Manuale d’uso

Nel caso si fosse in possesso del modulo ITACA è possibile specificare nella scheda dell’elemento se la struttura in esame è
catalogabile come struttura esistente riutilizzata.
TERMOLOG fornisce all’utente la possibilità di valutare la resistenza termica superficiale (interna o esterna) sulla base di
quanto riportato nell’Appendice A della norma UNI 6946, a cui si rimanda per la completa trattazione teorica dei dati da inserire.
Cliccando il comando Calcola la resistenza superficiale il programma apre la seguente finestra:

Cliccando su OK il programma farà in modo di impostare le resistenze superficiali appena calcolate (R si e Rse) nella stratigrafia
della struttura in esame (schermata Geometria).

Passiamo alla schermata Geometria:

www.logical.it 45
TERMOLOG – Manuale d’uso

Inserimento di una struttura opaca – Geometria

Nella parte centrale della finestra è presente una tabella, nella quale saranno inseriti riga per riga gli strati che compongono la
struttura.
In fase di creazione di una nuova struttura il programma introduce automaticamente le resistenze termiche relative ai due strati
d’aria che lambiscono internamente ed esternamente l’elemento: l’adduttanza interna ed esterna, con riferimento alla norma
UNI 6946. L’utente può comunque modificare il valore delle adduttanze. Ad esempio, per elementi verso terreno, può essere
omessa l’adduttanza esterna.
Per definire la stratigrafia della struttura è necessario indicare i materiali che costituiscono i vari strati. Vediamo i passi principali
per compiere questa operazione:
1. Scegli il materiale nella sezione Archivi o Produttori in archivio sulla parte sinistra della finestra. Questi due elenchi
contengono tutti i materiali salvati nell’archivio globale, secondo quanto indicato nei paragrafi precedenti.
IMPORTANTE: Nel caso in cui l’utente scelga un materiale web o un materiale personalizzato, per utilizzare l’elemento
in una relazione già esistente, è necessario sincronizzare l’archivio globale e quello locale, accedendo all’archivio dei
materiali e cliccando sul comando Aggiorna la relazione.
I materiali in archivio sono raggruppati per categoria, mentre i materiali web per nome del produttore. Cliccando ad
esempio sul “+” posto a fianco del nome Calcestruzzo, sarà aperto l’elenco dei calcestruzzi presenti sia nell’archivio
UNI che nell’archivio utente.
Esiste una funzione di ricerca in grado di trovare rapidamente un materiale dall’archivio materiali o dall’archivio web.
Per farlo, è sufficiente scrivere nella casella in alto a sinistra anche parzialmente il nome del materiale voluto e
premere il tasto invio. Il programma visualizzerà in elenco solo i materiali per i quali il nome contiene la stringa di testo
digitata dall’utente.
E’ possibile anche selezionare la fonte degli elementi visualizzati nell’archivio materiali: ad esempio, scegliendo UNI
10351, saranno visualizzati di seguito solo i materiali appartenenti a tale norma:

www.logical.it 46
TERMOLOG – Manuale d’uso

2. Dopo avere selezionato il materiale dall’archivio, per disporlo nella stratigrafia dell’elemento è necessario trascinarlo
dall’archivio nella posizione voluta della tabella, tenendo premuto il tasto sinistro del mouse.
ATTENZIONE: L’ordine degli strati della struttura dall’alto verso il basso corrisponde alla disposizione dall’interno
dell’ambiente riscaldato verso l’esterno.
3. Inserisci lo spessore dello strato in millimetri nella colonna della tabella corrispondente e premi Invio.
Automaticamente il programma calcolerà la resistenza del singolo strato e la trasmittanza termica totale U della
stratigrafia.
4. Ripeti i punti 2 e 3 per inserire tutti gli strati della struttura disperdente.
5. Il pulsante salva la nuova struttura in archivio

E’ possibile inserire gli strati con qualunque ordine. Il materiale viene inserito in tabella in un punto qualsivoglia, dove viene
rilasciato il pulsante sinistro del mouse.
Nell’inserimento degli strati, puoi aiutarti con i seguenti comandi posti nella barra delle icone sopra alla tabella degli strati:

 : permette di iniziare l’inserimento in archivio di una nuova struttura;

 : memorizza in archivio la stratigrafia inserita;

 : permette di effettuare una copia della struttura corrente;

 : aggiunge una riga vuota in tabella nella posizione corrente, per inserire nuovo materiale;

 : cancella la riga selezionata in tabella;

 : sposta lo strato selezionato in tabella verso l’interno (verso l’alto) di una posizione;

 : sposta lo strato selezionato in tabella verso l’esterno (verso il basso) di una posizione;

 : permette di modificare le caratteristiche del materiale selezionato in tabella;

 : cliccando su questo comando dopo avere selezionato un materiale è possibile visualizzare un elenco dei
materiali presenti in archivio con caratteristiche simili;

 : cliccando su questo comando dopo avere selezionato un materiale è possibile visualizzare il corrispondente
materiale nell’archivio posto a lato.

 : cliccando su questo tasto per stampare la scheda tecnica della struttura.

 : cliccando su questo tasto il programma visualizza le verifiche termoigrometriche relative alla


struttura in esame.

www.logical.it 47
TERMOLOG – Manuale d’uso

Passiamo alla schermata Disegno:

Disegno della stratigrafia di una nuova struttura

In questa finestra è possibile visualizzare la rappresentazione grafica della stratigrafia appena inserita.
Passiamo alla schermata Documenti:

Documenti allegati ad una struttura disperdente

In questa finestra è possibile associare alla struttura disperdente degli ulteriori documenti, che saranno allegati in fase di
stampa alla documentazione relativa alla struttura.
Passiamo infine alla schermata Acustica (visibile solo dai possessori del programma ACUSTILOG):

www.logical.it 48
TERMOLOG – Manuale d’uso

Caratteristiche acustiche di una struttura disperdente opaca verticale

Caratteristiche acustiche di una struttura disperdente opaca orizzontale


In questa schermata è possibile associare alla struttura in fase di definizione le informazioni che la caratterizzano dal punto di
vista acustico; in particolare distinguiamo tra:

www.logical.it 49
TERMOLOG – Manuale d’uso

elementi verticali:
mettendo la spunta sull’opzione Calcola le prestazioni acustiche della struttura è possibile valutare il potere fonoisolante della
struttura nel modo seguente:
 Spessore. spessore della parete, compilato automaticamente dal programma.
 Massa. massa della parete, compilata automaticamente dal programma.
 Leggera/Doppia. Indica che tipo di parete stai valutando se leggera o doppia; questa informazione è utilizzata dal
programma per stabilire quali sono le correlazioni generali più consone che correlano la massa della parete al potere
fonoisolante (si veda anche qui di seguito il calcolo di Rw con una relazione specifica).
 Rw. Indice di valutazione del potere fonoisolante della parete; cliccando sul pulsante Calcola, posto a lato, è possibile
stimare il suddetto parametro, utilizzando uno degli approcci seguenti:

Parametro noto: nel caso sia a disposizione il valore dell’indice del potere fonoisolante, puoi inserirne direttamente il
valore numerico.
Calcola con una relazione specifica: puoi stimare Rw mediante una correlazione derivata da prove eseguite in
laboratorio; il programma mette a disposizione numerose tra le correlazioni esistenti in letteratura sull’argomento, qui di
seguito se ne riporta la formulazione generale e l’ambito di validità:
2
Generale Rw = 20 log (m’) - 2 [dB], per m’ > 80 kg/m

Pareti pesanti monostrato – laboratori ITALIA


2
UNI 12354-1 Rw = 37,5 lg (m’) – 42 [dB] per m’ > 150 kg/m
2
IEN Galileo Ferraris Rw = 20 lg (m’) [dB] per 50 < m’ < 400 kg/m
2
Università di Parma per le pareti Rw = 15,4 lg (m’) +8 [dB] per 100 < m’ < 700 kg/m
2
Istituto normativo austriaco Önorm Rw = 32,4 lg (m’) – 26 [dB] per m’ > 150 kg/m
2
Laboratorio – laterizio Rw = 16,9 lg (m’) + 3,6 [dB] per m’ > 100 kg/m
2
Laboratorio – laterizio alleggerito Rw = 16 lg (m’) + 7 [dB] per 80 < m’ < 400 kg/m
2
Blocchi di argilla espansa Rw = 26 log (m’) – 11 per 115<m’<400 kg/m

Pareti pesanti monostrato – laboratori EUROPA


2
Germania Rw = 32,1 lg (m’) – 28,5 [dB] per m’ > 150 kg/m
2
Austria Rw = 32,4 lg (m’) – 26 [dB] per m’ > 150 kg/m
2
Francia Rw = 40 lg (m’) – 45 [dB] per m’ > 150 kg/m
2
Francia Rw = 13,3 lg (m’) + 12 [dB] per m’ < 150 kg/m
2
Gran Bretagna Rw = 21,6 lg (m’) – 2,3 [dB] per m’ > 100 kg/m
2
EAACA-calcestruzzo aerato autoclavato: Rw = 26,1 log (m’) – 8,4 [dB] per 80 < m’ < 100 kg/m

Pareti doppie ITALIA


Rockwool – pareti in laterizio Rw = 20 log (m’) + 20 log (d) -10 [dB], con d:intercapedine d’aria
Pareti in laterizio con intercapedine Rw = 16 log (m’) + 10, per intercapedine > 5 cm riempita con materiale poroso o
fibroso fonoassorbente
2
Blocchi di argilla espansa Rw = 26 log (m’) – 11 [dB], per 115 < m’ < 400 kg/m

Pareti doppie EUROPA


2
EAACA - calcestruzzo aerato autoclavato Rw = 26,1 log (m’) – 8,4 [dB], per 80 < m’ < 300 kg/m

Pareti leggere ITALIA


IEN Galileo Ferraris – singola struttura Rw = 20 log (m’) + 20 log (d) + e – 6 [dB]

www.logical.it 50
TERMOLOG – Manuale d’uso

IEN Galileo Ferraris – singola struttura Rw = 20 log (m’) + 10 log (d) + e + 6 [dB]
Laboratorio – struttura doppia Rw = 20 log (m’) + 10 log (d) + e + 10 [dB]

Pareti leggere EUROPA


Germania – struttura singola Rw = 20 log (m’) + 10 log (d) + e + 5 [dB]
Germania – doppia struttura Rw = 20 log (m’) + 10 log (d) + e + 12 [dB]
2
Le relazione per le pareti leggere valgono per m’ < 70-80 kg/m con:
d: intercapedine d’aria
e: spessore pannello

Data l’impossibilità di riportare nel programma la totalità delle correlazioni presenti in letteratura, ti consente di inserire
la relazione che intendi utilizzare per la stima del potere fonoisolante e di registrarla in modo da poterla utilizzare in
seguito ogni volta fosse necessario; per fare questo clicca su Archivio formule, comando Nuova:

e componi la formula:

Una volta registrata, sarà possibile richiamare la formula dal pannello Relazione della precedente schermata:

Calcola con lo spettro: puoi stimare l’indice di valutazione del potere fonoisolante a partire dai dati in frequenza,
inseriti in bande di ottava o di terzi di ottava, sulla base del metodo descritto nella norma UNI EN ISO 717-1. Con
riferimento alla medesima normativa il programma stima anche i due termini di adattamento spettrale C e C tr per
l’isolamento al rumore aereo.

www.logical.it 51
TERMOLOG – Manuale d’uso

ATTENZIONE: L’utilizzo dei termini di adattamento dello spettro (C, Ctr) è stato introdotto dalla normativa per
correggere il valore dell’indice di valutazione quando esso è riferito ad una situazione in cui è prevista una
sorgente di rumore riconducibile al rumore rosa ponderato A (C) o al rumore di traffico urbano ponderato A (Ctr).
Il programma non corregge automaticamente l’indice di valutazione con i termini di adattamento spettrale: deve
essere cura dell’utente, in base alle proprie necessità, effettuare tale operazione.
Una volta terminato l’inserimento dei dati cliccare sul pulsante OK. Nella scheda della parete sarà riportato il valore di Rw e, nel
caso, dei termini di adattamento allo spettro appena stimati:
 Analisi in frequenza. Puoi inserire i dati in frequenza del potere fonoisolante, in bande di ottava o di terzi di ottava. Il
programma riporta a lato una rappresentazione grafica dei valori in frequenza appena inseriti e della curva di
riferimento della norma UNI EN 717-1. è in grado di rielaborare tali dati e di restituire l’indice di valutazione del potere
fonoisolante: per una spiegazione più dettagliata si rimanda, qui di seguito, alla spiegazione del calcolo di R w a partire
dallo spettro di frequenze.
In alternativa all’inserimento manuale dei dati in frequenza, il programma consente di generare in automatico lo spettro
in frequenza del potere fonoisolante, è sufficiente cliccare il pulsante Rw* posto accanto alla dicitura analisi in freq.;
l’andamento del potere fonoisolante con la frequenza viene calcolato dal programma sulla base della seguente
relazione:
R = R0 – 10 log (0,23 R0) [dB]
in cui:
R0 [dB] = 20 log(m’) + 20 log(f) – 42,5
2
m' [kg/m ]: massa della parete
f [Hz]: frequenza
ATTENZIONE: La formula precedente è stata ricavata dalla principale letteratura tecnica sull’argomento che
ne suggerisce l’utilizzo nel caso di pareti omogenee.
elementi orizzontali:
mettendo la spunta sull’opzione Calcola le prestazioni acustiche della struttura è possibile valutare il potere fonoisolante della
struttura nel modo seguente:
 Analisi in frequenza. Puoi inserire i dati in frequenza del potere fonoisolante R e del livello di rumore di calpestio L n,
in bande di ottava o di terzi di ottava. Il programma riporta a lato una rappresentazione grafica dei valori in frequenza
appena inseriti e della curva di riferimento della norma UNI EN 717-1 o UNI EN 717-2. Acustilog è in grado di
rielaborare tali dati e di restituire l’indice di valutazione del potere fonoisolante e del livello di rumore di calpestio: per
una spiegazione più dettagliata si rimanda, qui di seguito, alla spiegazione del calcolo di Rw e di Ln,w a partire dallo
spettro di frequenze.
Analogamente a quanto visto per le pareti, per il solo potere fonoisolante Rw del solaio è possibile generare in
automatico lo spettro in frequenza del potere fonoisolante: si faccia riferimento allo stesso procedimento e
formulazione già spiegata per le pareti.
 Spessore. Compilato automaticamente dal programma.
 Massa. Compilato automaticamente dal programma.
 Rw. Indice di valutazione del potere fonoisolante del solaio; cliccando sul pulsante Calcola, posto a lato, è possibile
stimare il suddetto parametro, utilizzando uno degli approcci seguenti:

www.logical.it 52
TERMOLOG – Manuale d’uso

Parametro noto: nel caso sia a disposizione il valore dell’indice del potere fonoisolante, puoi inserirne
direttamente il valore numerico.
Calcola con una relazione specifica: puoi stimare Rw mediante una correlazione derivata da prove eseguite in
laboratorio; mette a disposizione numerose tra le correlazioni esistenti in letteratura sull’argomento, qui di
seguito se ne riporta la formulazione generale e l’ambito di validità:
2
Generale Rw = 20 log (m’) - 2 [dB], per m’ > 80 kg/m
Università di Parma per i solai Rw = 22,4 log (m’) – 6,5 [dB]
2
Solai in laterocemento Rw = 23 log (m’) – 8 [dB], per 250 < m’ < 500 kg/m

Per quanto concerne la possibilità di personalizzare le correlazioni il discorso è analogo a quanto già spiegato per
le pareti, a cui si rimanda.

Calcola con lo spettro: puoi stimare l’indice di valutazione del potere fonoisolante a partire dai dati in frequenza,
inseriti in bande di ottava o di terzi di ottava, sulla base del metodo descritto nella norma UNI EN ISO 717-1. Con
riferimento alla medesima normativa il programma stima anche i due termini di adattamento spettrale C e C tr per
l’isolamento al rumore aereo.

ATTENZIONE: L’utilizzo dei termini di adattamento dello spettro (C, Ctr) è stato introdotto dalla normativa per
correggere il valore dell’indice di valutazione quando esso è riferito ad una situazione in cui è prevista una
sorgente di rumore riconducibile al rumore rosa ponderato A (C) o al rumore di traffico urbano ponderato A (Ctr).
Il programma non corregge automaticamente l’indice di valutazione con i termini di adattamento spettrale: deve
essere cura dell’utente, in base alle proprie necessità, effettuare tale operazione.
Una volta terminato l’inserimento dei dati cliccare sul pulsante OK. Nella scheda del solaio sarà riportato il valore
di Rw e, nel caso, dei termini di adattamento allo spettro appena stimati.

 Ln,w. Indice di valutazione del livello di rumore di calpestio del solaio; cliccando sul pulsante Calcola, posto a lato, è
possibile stimare il suddetto parametro, utilizzando uno degli approcci seguenti:

Parametro noto: nel caso sia a disposizione il valore dell’indice del livello di isolamento di calpestio, puoi inserirne
direttamente il valore numerico.
Calcola con una relazione specifica: puoi stimare Ln,w mediante una correlazione derivata da prove eseguite in
laboratorio; 4 mette a disposizione la correlazione contenuta nelle norme UNI EN 12354-2, qui di seguito
riportata:
2
Ln,w = 164 - 35 log (m’) [dB], per 100 < m’ > 600 kg/m

Anche in questo caso il programma dà la possibilità di personalizzare le correlazioni: il discorso è analogo a


quanto già spiegato per le pareti, a cui si rimanda.

www.logical.it 53
TERMOLOG – Manuale d’uso

Calcola con lo spettro: puoi stimare l’indice di valutazione del livello di isolamento di calpestio a partire dai dati in
frequenza, inseriti in bande di ottava o di terzi di ottava, sulla base del metodo descritto nella norma UNI EN ISO
717-2. Con riferimento alla medesima normativa il programma stima anche il termine di adattamento spettrale C l
per il livello di rumore di calpestio.
ATTENZIONE: Il programma non corregge automaticamente l’indice di valutazione con il termini di adattamento
spettrale: deve essere cura dell’utente effettuare tale operazione, in base alle proprie necessità.

Nella barra delle icone è presente il comando:

esso permette di costruire una struttura disperdente secondo l’abaco presente nelle Raccomandazioni CTI 15:2013; in
particolare:

Una volta indicate le caratteristiche della struttura e lo spessore, il programma ne ricostruisce la stratigrafia completa nella
scheda Geometria.

2.5.2.1 VERIFICA DI TRASMITTANZA

Per eseguire la verifica di trasmittanza per una certa struttura il programma deve conoscere quale sia la tipologia di struttura, la
zona climatica, l’anno di riferimento e il verso di dispersione della struttura, per sapere se si tratta di struttura verso esterno,
zona fredda o altro edificio; le suddette informazioni sono richieste nella scheda dati generali:

www.logical.it 54
TERMOLOG – Manuale d’uso

Infine il riferimento normativo al quale si riferiscono i valori limite.


Nel caso in cui sia aperta una struttura dell’archivio locale di una relazione, i campi relativi al comune, all’anno e ai limiti non
sono modificabili. Questi campi sono infatti noti a partire dalle informazioni inserite dall’utente nella finestra dei dati generali. Se
invece la struttura fa parte dell’archivio globale, tali campi sono impostabili per modificare localmente le condizioni al contorno
sul singolo elemento.
Il programma riporta nelle schede successive il valore limite della trasmittanza per il caso specificato, confrontandolo con quello
calcolato per la struttura in analisi:

E’ possibile specificare al programma di elidere la verifica di trasmittanza, semplicemente togliendo la spunta nella casella
opportuna:

www.logical.it 55
TERMOLOG – Manuale d’uso

In questo modo, non solo scomparirà il simbolo relativo nella sezione delle verifiche ma questa impostazione influenzerà anche
tutte le stampe successive.

2.5.2.2 VERIFICHE TERMOIGROMETRICHE

In generale, è necessario studiare il comportamento termoigrometrico delle strutture per diversi motivi:
 per evitare la formazione di muffe che comportino condizioni antigieniche sulle pareti;
 per fare in modo che le strutture non lavorino in esercizio in condizioni di umidità, poiché in tale caso le loro
caratteristiche potrebbero peggiorare;
 per evitare la formazione di ghiaccio all’interno delle strutture;
 per evitare che l’umidità possa causare danni rilevanti agli intonaci, con conseguenti problemi di carattere estetico e
strutturale.
La norma di riferimento per le verifiche termoigrometrica è la UNI EN ISO 13788: il rispetto di tale normativa è obbligatorio sia a
livello nazionale che regionale. Tale verifica riguarderà tutte le strutture esposte verso l’esterno, verso una zona non riscaldata o
verso il terreno.
La normativa UNI 13788 prevede due tipologie di verifica:
 una verifica per prevenire la formazione di condensa superficiale, stimando che la temperatura sulla superficie interna
della parete non raggiunga un valore minimo, al di sotto del quale si ha la formazione di vapore acqueo;
 una verifica per evitare la formazione di condensa interstiziale, controllando che la quantità di vapore condensato tra
gli strati della parete non oltrepassi un determinato valore limite e che si asciughi nel periodo estivo.
Per eseguire una verifica di condensa su una struttura, occorre conoscere alcune condizioni al contorno:
 la pressione e la temperatura dell’ambiente esterno (p e e Te), da cui poi si ricaveranno la pressione di saturazione
(psat,e) e l’umidità relativa esterna (e): la UNI 10349 fornisce per provincia i valori di pressione e temperatura esterna.
 la temperatura e l’umidità relativa interna (Ti e i): la normativa nazionale impone per la verifica Ti = 20°C e i = 65 %.
La UNI 13788 prevede inoltre che l’umidità sulla superficie della parete nello strato interno (si) non superi l’80%, condizione
limite al di là del quale potrebbe presentarsi la formazione di condensa e conseguentemente di muffa.

Verifica termoigrometrica delle strutture: condizioni al contorno.

Le condizioni al contorno ora illustrate per la verifica termoigrometrica devono essere impostate nella scheda Dati generali,
cliccando sulla dicitura condizioni al contorno:

www.logical.it 56
TERMOLOG – Manuale d’uso

Si apre quindi la schermata in cui è possibile specificare le condizioni al contorno abbinate alla struttura:

Verifiche termoigrometriche: definizione delle condizioni al contorno


Per eseguire una verifica di condensa su una struttura, occorre conoscere queste informazioni: temperatura interna Ti, umidità
relativa interna in percentuale Fi int, temperatura esterna Te, umidità relativa esterna in percentuale Fi ext, numero di volumi
d’aria ricambiati in un’ora n. Questi valori devono essere presenti mese per mese nella tabella.
Termolog propone già i dati in base al comune di riferimento specificato (con riferimento alla norma UNI 10349) e alla
disposizione della struttura:

www.logical.it 57
TERMOLOG – Manuale d’uso

 se la struttura è verso esterno le temperature e l’umidità sono quelle medie mensili del comune di riferimento;
 se la struttura è verso zona non riscaldata i precedenti dati vengono moltiplicati per un coefficiente riduttivo (btrx)per
tenere conto della variazione di temperatura al suo interno;
 per esposizione verso terreno si considera per tutti i mesi la temperatura media mensile annuale come da UNI EN ISO
13788;
Alternativamente è possibile personalizzare i valori in tabella per eseguire verifiche termoigrometriche su standard differenti.
Per il calcolo della condensa superficiale è inoltre necessario specificare:
 Classe dell’edificio: la UNI 13788 suddivide gli edifici in diverse classi per valutare la classe di concentrazione di
vapore: molto bassa (magazzini), bassa (uffici, negozi), media (alloggi con basso indice di affollamento ed edifici
residenziali standard), alta (alloggi con alto indice di affollamento), molto alta (edifici speciali tipo lavanderie, distillerie,
piscine).
 Tipo di calcolo, scegliere tra le opzioni: classi di concentrazione (adatta per edifici residenziali), umidità relativa
interna costante, ricambio d’aria costante e produzione di vapore nota, ricambio d’aria variabile e produzione di vapore
nota.
 Produzione vapore G e Volume interno V: nel caso in cui si scelga una tipologia di calcolo a produzione di vapore
3
nota, occorrerà definire la quantità di vapore prodotta (G in Kg/h) ed il volume interno del locale (V in m ).

Per le ABITAZIONI la classe di edificio da impostare per eseguire la verifica termoigrometrica è quella media ed il tipo di calcolo
Classi di concentrazione.

E’ inoltre possibile visualizzare gli istogrammi mensili della umidità relativa interna in percentuale Fi int, temperatura esterna Te,
umidità relativa esterna in percentuale Fi ext,,

I diagrammi della verifica termoigrometrica sono visualizzabili premendo sul pulsante Verifica termoigrometrica, presente
nella barra delle icone, in alto.
Nella prima scheda che appare, denominata Diagrammi di Glaser, il programma visualizza per tutti i mesi dell’anno una
rappresentazione grafica della stratigrafia della struttura, sulla quale sono riportati i diagrammi di temperatura, pressione di
vapore e pressione di saturazione. Modificando la scelta del menù a tendina Grafici, puoi indicare al programma di
rappresentare i diagrammi singolarmente.
Cliccando sul grafico di un certo mese, ne viene fornita una rappresentazione dettagliata. La linea blu sottile espone
l’andamento della temperatura negli strati: se nella stratigrafia è presente uno strato isolante, la linea in questo strato sarà molto
pendente. La linea rossa indica la pressione di saturazione, che segue con relazione non lineare l’andamento della
temperatura. La linea verde rappresenta la pressione di vapore.

www.logical.it 58
TERMOLOG – Manuale d’uso

I diagrammi della verifica di condensa interstiziale

I valori delle tre grandezze possono essere letti nel dettaglio, esplorando il diagramma con il mouse:

Se la linea di pressione di vapore interseca la linea di pressione di saturazione, inizia a formarsi condensa. La quantità di
vapore condensato sarà tanto maggiore quanto è più ampia l’area di intersezione tra le due linee.

La scheda Tabelle dei diagrammi P/T nella stessa finestra riporta un riepilogo dei calcoli svolti, fornendo per ogni interfaccia
tra gli strati i valori numerici delle grandezze diagrammate.

www.logical.it 59
TERMOLOG – Manuale d’uso

I risultati numerici della verifica termoigrometrica di condensa: temperature e pressioni

I risultati numerici della verifica termoigrometrica di condensa superficiale


Nella scheda Condensa superficiale è riportata una tabella con indicato, mese per mese, i valori che determinano il fattore di
resistenza superficiale interna (fRsi).
La riga contrassegnata in giallo indica il mese più critico per la formazione di condensa superficiale, considerato come
riferimento ai fini della verifica UNI 13788.
Da sinistra verso destra le colonne della tabella riportano rispettivamente:
 la temperatura esterna di progetto Te (°C);
 l’umidità relativa esterna φest (%);
 la pressione esterna mensile pe (Pa);
 la variazione di pressione tra ambiente esterno ed interno Dp (Pa);
 la pressione interna pi (Pa);
 la pressione di saturazione interna ps (Pa);
 la temperatura superficiale della parete interna Tsi (°C);
 la temperatura dell’ambiente interno Ti (°C);
 il fattore di resistenza superficiale interna fRsi
Il fattore di resistenza superficiale interna f Rsi è dato dal rapporto della differenza tra la temperatura superficiale interna e la
temperatura esterna, e la differenza tra la temperatura interna e la temperatura esterna:
TSi  Te
fRsi 
Ti  Te
La normativa prescrive che il valore così calcolato venga confrontato con un valore limite f Rsi-ammissibile, che dipende direttamente
dalla trasmittanza della struttura e dalla resistenza dello strato d’aria che lambisce internamente la parete:

fRsi ammissibile 
U 1
 R Si 
U1
Nel caso in cui si presenti fRsi > fRsi-ammissibile, la verifica di condensa superficiale NON è superata.

Nella scheda Condensa interstiziale sono riportate, mese per mese, le quantità di vapore nelle varie interfacce tra gli strati. In
particolare per ogni interfaccia la tabella riporta rispettivamente:

2 2
la quantità GC (in kg/m ) di vapore condensato durante il mese per ogni m di parete;

2
il valore incrementale di vapore Ma (in kg/m ) contenuto tra i singoli strati, sommando algebricamente la quantità di
vapore condensato del mese corrente GC(i) al valore incrementale di vapore del mese precedente Ma(i-1);
 le lettere in testa alle colonne GC indicano lo strato a cui i riferiscono i dati riportati nella tabella. Il nome delle interfacce
tra gli strati è lo stesso che appare nei diagrammi.

www.logical.it 60
TERMOLOG – Manuale d’uso

I risultati numerici della verifica termoigrometrica di condensa interstiziale: produzione di condensa tra gli strati

La verifica della condensa interstiziale rispetta i vincoli di normativa, purché siano rispettate due requisiti:
1. la quantità di vapore condensato Gc non deve superare, mese per mese, il valore limite di 0,5 kg per metro quadro di
parete.
2. la massa di vapore accumulato mese per mese Ma deve evaporare nel periodo estivo, in modo che non sia
perennemente presente tra gli strati.
Nella colonna Gc possono essere presenti valori con segno positivo o con segno negativo, in funzione delle condizioni al
contorno specificate per quel mese: i valori con segno positivo indicano la formazione di condensa, i valori con segno negati vo
nei mesi più caldi indicano l’evaporazione dell’acqua condensata.
2
Nella scheda Condensa interstiziale è possibile visualizzare il diagramma condensa accumulata (g/m ), mese per mese, in
corrispondenza delle diverse interfacce.

I diagrammi della condensa accumulata nelle interfacce

2.5.2.3 VERIFICHE DI MASSA E DI TRASMITTANZA TERMICA PERIODICA


La verifica di massa è stata introdotta dal Decreto 311 per valutare un corretto comportamento delle strutture durante il periodo
estivo; infatti, isolare in modo efficace le strutture potrebbe peggiorare il confort abitativo all’interno di un edificio nei mesi più
caldi dell’anno.

www.logical.it 61
TERMOLOG – Manuale d’uso

Secondo la normativa nazionale sono soggette a verifica di massa o a studio di inerzia termica tutte le strutture di edifici
progettati in zone diversa dalla F, in cui l’irradianza sul piano orizzontale I m,s, nel mese di massima insolazione, superi i 290
2
W/m .
La verifica di massa vuole essenzialmente testare il comportamento di una struttura nel periodo estivo. Essa interessa
prevalentemente le province più calde dell’Italia centrale e meridionale, sebbene anche alcune regioni del nord, come il
Piemonte, ne abbiano comunque recentemente introdotto l’obbligo.
In generale, il buon comportamento di una parete nel periodo estivo può essere garantito in via preliminare dalla sua massa:
una struttura più pesante possiede infatti una maggiore inerzia termica ed è quindi tendenzialmente in grado di assicurare un
miglior confort abitativo nel periodo più caldo dell’anno.
La normativa nazionale impone a tal fine che il peso dell’elemento sia superiore ai 230 kg per metro quadro di superficie e
richiede che tale valore minimo di massa debba essere rispettato per le pareti opache verticali ad eccezione di quelle nel
quadrante Nord-ovest/Nord/Nord-Est.
Termolog nel pannello delle verifiche, riporta un simbolo che esprime il rispetto della verifica di massa, indicando il peso della
2 2
struttura in kg/m : se il valore di massa calcolato è maggiore di 230 kg/m , la verifica è soddisfatta.
Nel calcolo della massa superficiale il programma esclude gli strati di qualunque materiale per il quale il nome comprenda la
parola “intonaco” o “intonaci”. Ciò è dovuto alla definizione stessa di massa superficiale riportata nell’allegato A del DLgs
192/2005.
La normativa nazionale (D.P.R. 59/2009), per le località ad esclusione della zona F in cui il valore medio mensile dell’irradianza
2
sul piano orizzontale nel mese di massima insolazione Im,s 290 W/m prevede che:
 Per le pareti opache verticali ad eccezione di quelle nel quadrante Nord-ovest/Nord/Nord-Est:
o la massa superficiale Ms (calcolata secondo la definizione dell’All. A del Dlgs 192/05 come massa superficiale
2
della parete opaca compresa la malta dei giunti ed esclusi gli intonaci) deve essere superiore a 230 kg/m ;
2
o in alternativa il valore del modulo di trasmittanza termica periodica (YIE) inferiore a 0,12 W/m K;
 Per tutte le pareti opache orizzontali ed inclinate:
2
o che il valore del modulo della trasmittanza termica periodica (YIE) sia inferiore a 0,20 W/m K.
Con il D.P.R. 59/2009 per le pareti opache verticali la verifica della trasmittanza termica periodica Y IE ha quindi affiancato la
verifica di massa, mentre l’ha sostituita per le pareti opache orizzontali ed inclinate.
E’ possibile specificare al programma di elidere le verifiche di massa o di trasmittanza termica periodica, semplicemente
togliendo la spunta nella casella opportuna:

In questo modo, non solo scomparirà il simbolo relativo nella sezione delle verifiche, ma questa impostazione influenzerà anche
tutte le stampe successive.
La trasmittanza termica periodica (YIE) è il parametro che valuta la capacità di un elemento opaco di sfasare ed attenuare il
flusso termico che lo attraversa nell’arco delle 24 ore.
La trasmittanza termica periodica fa parte quindi dei parametri termici dinamici e la norma tecnica di riferimento per il suo
calcolo è la UNI EN ISO 13786:2008.
Le informazioni relative a questo tipo di verifica sono contenute nella scheda Sfasamento:

www.logical.it 62
TERMOLOG – Manuale d’uso

Il diagramma di sfasamento dell’onda termica

La normativa nazionale consente al progettista di fornire una valutazione sul buon comportamento della struttura durante i mesi
estivi attraverso metodi alternativi alla verifica di massa. La norma richiede che tali metodologie di calcolo dimostrino che i
materiali utilizzati garantiscano un’alta efficienza dell’elemento dal punto di vista dell’inerzia termica.
Per valutare lo sfasamento dell’onda termica occorre specificare alcune condizioni al contorno nella scheda dati generali:
 orientamento della struttura in analisi;
 colore della tinta esterna dell’elemento, scegliendo tra le gradazioni di colorazione proposte;
 comune di riferimento, dove è collocata la struttura. Se è aperta una relazione il nome del comune appare
automaticamente in base alle indicazioni fornite in precedenza dall’utente.
Termolog visualizza il grafico dello sfasamento dell’onda termica, con riferimento al giorno di massima insolazione dell’anno: la
variazione di temperatura è sull’asse delle ordinate e l’ora sull’asse delle ascisse. La linea rossa rappresenta l’andamento della
temperature esterna, la linea verde indica la temperatura superficiale esterna della struttura e la linea blu diagramma infine
l’andamento nelle 24 ore della temperatura dell’ambiente interno all’edificio.
Lo scostamento in ore tra il picco della linea rossa ed il picco della linea blu, ovvero tra il valore massimo della temperatura
esterna e il valore massimo della temperatura ambiente interna rappresenta proprio lo sfasamento termico inerziale.
Un altro parametro legato allo sfasamento temporale è il fattore di attenuazione, definito come rapporto tra il modulo della
trasmittanza termica dinamica e la trasmittanza termica in condizioni stazionarie.

Per garantire un buon livello di confort abitativo all’interno dell’edificio, si cerca di garantire uno sfasamento inerziale il più vicino
possibile alle 12 ore, per assicurare una temperatura fresca all’interno quando fuori è l’ora più calda e viceversa di notte.
Alcune normative forniscono una classificazione della qualità delle strutture ai fini del comportamento estivo, in funzione del
tempo di sfasamento e del fattore di attenuazione:
OTTIME: sfasamento ≥ 12 ore o fattore di attenuazione < 0,15;
MEDIOCRI: sfasamento < 8 ore;
NON ACCETTABILI: sfasamento < 6 ore

I valori calcolati sono riportati nella tabella Riassunto del calcolo. Qui è possibile trovare anche i valori della capacità termica
interna ed esterna della struttura, utilizzati per calcolare la costante di tempo dell’edificio. Cliccando sulla scheda a lato, il
programma riporta, ora per ora nel giorno di massima insolazione, la temperatura esterna, la quota di irradiazione solare, la
temperatura superficiale esterna, la temperatura superficiale interna e la temperatura ambiente interna.

2.5.2.4 CALCOLI E PRIME VERIFICHE


Durante la fase di composizione della stratigrafia, Termolog riporta nella sezione delle verifiche in basso a destra quattro
simboli, che rappresentano le principali verifiche di legge richieste per la struttura:

www.logical.it 63
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Verifica di trasmittanza;
 Verifica di condensa superficiale;
 Verifica della condensa interstiziale;
 Verifica di massa e di trasmittanza termica periodica;
Nel caso in cui la verifica eseguita non sia soddisfatta, ossia il valore della grandezza calcolata non rispetti il limite previsto dalla
normativa, il programma restituisce accanto alla disuguaglianza questo simbolo:

In caso di verifica soddisfatta appare invece il simbolo:

L’utente può scegliere di far eseguire o meno al programma una certa verifica sulla struttura, modificando le impostazioni nella
scheda dati generali:

2.5.3 Serramenti

Si voglia ora creare una nuova struttura disperdente trasparente e registrarla nell’archivio globale del programma. Per farlo,
scegli il sottomenù finestre e premi il comando Nuovo:

www.logical.it 64
TERMOLOG – Manuale d’uso

Inserimento di un nuovo serramento


La prima schermata che si apre è quella relativa ai dati generali:

Inserimento di un serramento – Impostazioni generali

Le informazioni da specificare sono le seguenti:

www.logical.it 65
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Descrizione: inserisci il nome che desideri attribuire alla struttura; è possibile specificare se la struttura è da
catalogare come preferita.
 Tipo di serramento: indicare se il serramento che si sta inserendo è singolo o doppio:

 Verso: indicare il verso di dispersione della struttura, scegliendo tra:


- Esterno
- Zona non riscaldata
- Da zona non riscaldata verso l’esterno, da utilizzarsi nel caso il metodo di calcolo scelto per valutare le
zone confinanti sia quello puntuale e sia necessario assegnare le strutture disperdenti ad una zona non
riscaldata.

 Imposta i valori personalizzati del serramento: selezionare questo campo nel caso si voglia inserire manualmente il
valore della trasmittanza del serramento Uw ed Uw,CORR nelle due caselle poste, nella schermata precedente, in basso
a destra;

 Imposta i valori personalizzati del vetro, telaio e ponte termico tra vetro e telaio: selezionare questo campo nel
caso si voglia inserire manualmente i valori di Ug, Ψg, Uf nella schermata Vetro e telaio:

 Schermatura: inserisci il tipo di schermatura da applicare al serramento.

www.logical.it 66
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Struttura esistente riutilizza e Telaio in materiale rinnovabile. Queste opzioni sono visibili solo dai possessori del
Modulo di Valutazione ambientale; essi sono necessari per la valutazione dei criteri B.4.1 e B.4.7 del Protocollo Itaca.

Passiamo alla schermata Geometria:

Inserimento di un serramento – Geometria

Viene richiesto di specificare:


 Dimensioni lorde: larghezza e altezza in cm della buca visibile dall’esterno per la finestra.
 Spessore del telaio: in queste caselle vanno riportati gli spessori in cm dei segmenti del telaio, nei lati superiore,
inferiore, sinistro e destro dell’elemento.
 Divisioni: spessore in cm e numero di divisioni orizzontali e verticali interne alla finestra; anche questi elementi
contribuiranno al calcolo dell’area di telaio
 In caso di serramento doppio occorrerà ripetere l’inserimento delle caratteristiche geometriche anche per il serramento
più interno, premendo l’apposito pulsante.
Una volta inseriti i dati, il programma calcolerà automaticamente le caratteristiche geometriche del componente finestrato: area
del telaio (Af), area del vetro (Ag), perimetro del ponte termico tra vetro e telaio (L g), area totale del serramento (Aw).

La norma attualmente in vigore per il calcolo delle trasmittanze dei componenti trasparenti è la UNI EN ISO 10077-1. Il calcolo
della trasmittanza di una struttura trasparente, secondo la normativa UNI, è una sorta di media, che tiene conto delle dispersioni
attraverso il telaio, il vetro ed il ponte termico tra vetro e telaio secondo questa formula:

A gUg  A f Uf   gf L gf
Uw 
Ag  Af

in cui:
Uw è la trasmittanza totale del serramento;
Ug, Ag sono la trasmittanza e l’area del vetro;
Uf, Af sono la trasmittanza e l’area del telaio;
ψgf, Lgf sono la trasmittanza lineica e la lunghezza del ponte termico tra vetrata e telaio.

www.logical.it 67
TERMOLOG – Manuale d’uso

Passiamo alla schermata Vetro e telaio:

Inserimento di un serramento – Vetro e telaio


 Superficie vetrata: il menù a tendina elenca le tipologie di vetro presenti nella sezione Vetri dell’archivio. Il valore
della trasmittanza del vetro Ug che appare è il medesimo calcolato in fase di inserimento della stratigrafia all’interno
dell’archivio strutture per il vetro.
Come già spiegato, Il dato può essere modificato manualmente dall’utente, per inserire ad esempio un valore fornito
direttamente dal produttore del serramento: per fare questo è sufficiente impostare nella schermata Impostazioni
generali l’opzione Imposta i valori personalizzati del vetro, telaio e ponte termico tra vetro e telaio.
ATTENZIONE: nel caso in cui il serramento venga inserito nell’archivio globale, nel menù compaiono tutti i vetri
precedentemente inseriti dall’utente nell’archivio globale delle strutture con categoria Elemento trasparente; se si sta
procedendo alla registrazione di un serramento nell’archivio della relazione, nel menù compaiono tutti i vetri che
l’utente ha trasmesso dall’archivio globale all’archivio locale. In caso contrario occorre creare la stratigrafia di un vetro
anche nell’archivio locale.
 Emissività del vetro;
 Orientamento: inserire l’orientamento del serramento: “0” verticale, “90” orizzontale. Questa informazione permette di
correggere la trasmittanza del vetro Ug come previsto dalla norma UNI 673.

www.logical.it 68
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Trasmittanza termica lineica del giunto tra vetro e telaio: in questa sezione deve essere specificato il valore della
trasmittanza lineica ψg del ponte termico tra vetro e telaio. In presenza di doppi e tripli vetri il distanziatore rappresenta
infatti un tipo particolare di ponte termico.
Il valore della trasmittanza lineica ψg può essere indicato dal programma in base al materiale con cui è costituito il
telaio, scegliendo tra plastica, legno, metallo con o senza taglio termico: il dato riportato è in questo caso prelevato da
tabelle della norma UNI. Il valore di ψg può essere modificato manualmente dall’utente, nel caso in cui sia stato fornito
direttamente dal produttore del serramento: è sufficiente impostare nella schermata Impostazioni generali l’opzione
Imposta i valori personalizzati del vetro, telaio e ponte termico tra vetro e telaio.
 Telaio: in questa sezione occorre inserire i parametri del telaio, indicando il materiale di cui è costituito, eventualmente
il tipo e lo spessore trasversale: sulla base dei dati inseriti il programma riporterà il valore di trasmittanza termica del
telaio Uf sulla base delle tabelle UNI.
Anche in questo caso, il dato Uf può essere modificato manualmente dall’utente, se il valore è stato fornito
direttamente dal produttore del serramento: è sufficiente impostare nella schermata Impostazioni generali l’opzione
Imposta i valori personalizzati del vetro, telaio e ponte termico tra vetro e telaio.
 In caso di serramento doppio occorrerà ripetere l’inserimento delle caratteristiche di vetro, distanziatore e telaio anche
per il serramento più interno, premendo l’apposito pulsante.
Una volta inseriti i dati, il programma aggiornerà le caratteristiche termiche dell’elemento, mostrando i valori calcolati di
resistenza e trasmittanza del serramento.
Passiamo alla schermata Apporti solari e chiusure:

Inserimento di un serramento – Coefficiente di trasmissione solare e chiusure

In questa schermata è possibile assegnare i parametri per il calcolo degli apporti solari ed indicare la presenza di eventuali
chiusure (persiane, tapparelle, …):
 Coefficiente di trasmissione solare: questo menù a tendina riporta, in base alla tipologia di vetro prescelta, il
coefficiente di trasmissione solare g secondo le specifiche della UNI 10077-1. Questo valore influisce sul calcolo
dell’apporto solare di energia fornita all’edificio attraverso il serramento.
Anche in questo caso il valore del parametro può essere modificato manualmente dall’utente, se è stato fornito
direttamente dal produttore del serramento.
 Chiusure oscuranti: il valore finale della trasmittanza del serramento può essere modificato per tener conto della
presenza di un’eventuale chiusura oscurante, come una tapparella o una persiana, secondo le specifiche delle UNI
TS 11300. Lasciando spuntata la casella Senza chiusure oscuranti, nel calcolo non si tiene in conto del parametro
DR: la trasmittanza termica del serramento UW coincide perciò in questo caso con la trasmittanza del serramento
compresa la chiusura U’W.

www.logical.it 69
TERMOLOG – Manuale d’uso

In presenza di chiusura occorre indicarne le caratteristiche: materiale e permeabilità all’aria. Tra i materiali di cui è
costituita la chiusura, è possibile scegliere tra alluminio, legno e plastica. Sulla base dei dati inseriti il programma
aggiornerà automaticamente il valore della resistenza termica aggiuntiva DR dovuta alla presenza della chiusura
oscurante, quindi il valore della trasmittanza termica del serramento compresa la chiusura (U’w).
Anche in questo caso, il dato DR può essere modificato manualmente dall’utente, se il suo valore è stato fornito
direttamente dal produttore del serramento.
 fshut è un parametro che tiene conto non solo della frazione oraria del giorno in cui la chiusura si considera utilizzata,
ma anche del fatto che, durante le ore notturne, il salto termico tra interno ed esterno è maggiore. In mancanza di dati
precisi sui profili giornalieri della temperatura, la normativa suggerisce di assumere f shut pari a 0,6.
Noto fshut, il programma calcola il valore della trasmittanza termica corretta del serramento U W,CORR, tenendo conto sia
della tipologia che delle ore di utilizzo della chiusura oscurante.
 In caso di serramento doppio occorrerà ripetere l’inserimento delle caratteristiche di trasmissione solare del vetro,
anche per il serramento più interno, premendo l’apposito pulsante. Le caratteristiche della chiusura sono invece
impostabili una volta sola per entrambi i serramenti.
Una volta inseriti i dati, il programma aggiornerà le caratteristiche termiche dell’elemento, calcolando la trasmittanza totale del
serramento al netto delle chiusure UW e la trasmittanza UW,CORR del serramento comprendendo la chiusura.

Passiamo alla schermata Documenti:


Nella finestra Documenti il programma consente di associare alla struttura corrente alcuni file presenti sul proprio computer, per
poterli richiamare agevolmente in fase di consultazione della stratigrafia dall’archivio: ad esempio una foto del serramento, un
disegno di cad, un foglio di calcolo con dei dati o ciò che si desidera.

Per inserire un riferimento ad un file fare clic sul pulsante , Aggiungi un documento: il programma apre una finestra in cui è
richiesto all’utente di indicare dove si trova il file da associare. Una volta terminato l’inserimento, nella tabella sarà riportata
l’indicazione del nome del file associato ed il suo percorso.

Per aprire un file dell’elenco con l’applicazione predefinita basta selezionare l’elemento e cliccare sul pulsante . Per
cancellare un file dall’elenco occorre selezionarlo e cliccare sul pulsante .
Una volta terminato l’inserimento dei dati premi il pulsante Salva, per registrare l’elemento in archivio.

2.5.3.1 VERIFICHE

Nel caso di utilizzo del modulo PROGETTISTA, è possibile effettuare i due tipi di verifica che la normativa nazionale e alcune
normative regionali richiedono:
 trasmittanza termica totale del serramento, considerando quindi vetro, telaio e ponte termico: Uw ≤ Uwlim
 trasmittanza del solo vetro: Ug ≤ Uglim
I valori limite per entrambe le verifiche sono specificati nell’allegato C al Dlgs 311.
Per accedere alla sezione delle verifiche è sufficiente posizionarsi sulla scheda Dati Generali:

www.logical.it 70
TERMOLOG – Manuale d’uso

Inserimento di un serramento – Verifiche

E specificare le impostazioni generali per la verifica: comune di riferimento l’anno e la normativa, rispetto alla quale si svolge
la verifica di trasmittanza riportata a lato, in alto a destra nella schermata.

ATTENZIONE: le impostazioni di verifica sono da completare solo nel caso in cui si stia lavorando nell’archivio globale del
programma. Nel caso in cui sia già aperta una relazione per una finestra dell’archivio locale, le impostazioni comune, anno e
limiti sono compilate automaticamente da programma, sulla base delle impostazioni definite dall’utente nei dati generali della
relazione. Resta solo da specificare il verso di dispersione.

Se la verifica è soddisfatta il simbolo rappresentato è verde . In caso contrario viene riportato il simbolo .

2.5.3.2 INSERIMENTO STRUTTURE AGGIUNTIVE


Con riferimento all’archivio locale della relazione in fase di esecuzione, il programma consente di associare ad un serramento
eventuali strutture disperdenti aggiuntive: ponti termici, cassonetti, sottofinestra, ecc…
Per eseguire questa operazione selezionare la struttura a cui si desidera associare delle dispersioni e fare doppio click con il
tasto sinistro del mouse:

www.logical.it 71
TERMOLOG – Manuale d’uso

Nella schermata che si apre collocarsi nel sottomenù Dispersioni associate:

Strutture disperdenti associate al serramento: ponti termici, cassonetti e sottofinestra

In questa schermata è possibile associare al serramento in analisi altre strutture, scegliendo tra quelle presenti nell’archivio
globale del programma.
Aggiungendo il serramento all’elenco delle strutture disperdenti (sia in fase di inserimento dell’edificio tabellare che grafico), le
strutture associate verranno automaticamente aggiunte all’elenco delle strutture disperdenti.
Per associare una struttura disperdente alla finestra in analisi è sufficiente, tenendo premuto il tasto sinistro del mouse,
trascinare la struttura selezionata dal menù posto lateralmente sulla tabella centrale e specificarne le caratteristiche
geometriche di lunghezza e di altezza:

www.logical.it 72
TERMOLOG – Manuale d’uso

2.5.4 Ponti termici

Per accedere alla sezione dell’archivio dedicata ai ponti termici, posizionarsi sul sottomenù Ponti termici:

Archivio dei ponti termici

Il programma visualizza l’elenco dei ponti termici registrati nell’archivio globale del programma.
La norma richiede che per edifici di nuova costruzione il calcolo delle dispersioni attraverso i ponti termici avvenga secondo
specifiche valutazioni delle loro dimensioni, sulla base di quanto indicato nella norma UNI 14683 (metodo puntuale). Per quanto
riguarda gli edifici esistenti invece, in cui è spesso impossibile utilizzare gli stessi criteri relativi ai nuovi edifici, è valido un
calcolo forfettario, attribuendo un incremento in percentuale della trasmittanza della struttura a cui il ponte termico è associato.
Il calcolo in percentuale della dispersione attraverso i ponti termici non richiede alcun inserimento in archivio. L’indicazione
dovrà essere indicata in fase di inserimento delle strutture (vedi capitolo 4).
Come per le altre tipologie di archivio anche per i ponti termici esiste una base che contiene l’atlante della norma UNI EN ISO
14683. Resta comunque all’utente la possibilità di inserire ponti termici personalizzati con caratteristiche stimate
precedentemente mediante calcoli manuali o l’uso di appositi software.

Selezionando con un doppio clic del mouse un ponte termico dall’elenco, il programma apre la seguente schermata:

www.logical.it 73
TERMOLOG – Manuale d’uso

I dati dei ponti termici

Si descrivono i contenuti della finestra:


 Categoria e Codice: indicano il tipo di ponte termico e il suo codice, con riferimento alla norma UNI EN ISO 14683;
 Descrizione: il nome del ponte termico in analisi;
 Ψ E: indica la trasmittanza lineica del ponte termico, nel caso in cui la superficie disperdente delle strutture sia stata
valutata sulle dimensioni esterne dell’edificio;
 Ψ I: è la trasmittanza lineica nel caso in cui le superfici disperdenti siano state valutate sulle dimensioni interne nette
dell’edificio, ossia non tenendo conto dello spessore dei tramezzi;
 Ψ OI: si riferisce, infine, al caso in cui le superfici disperdenti siano state valutate sulle dimensioni interne lorde, ossia
tenendo conto dello spessore dei tramezzi.
 Verso: indicare il verso di dispersione del ponte termico, scegliendo tra:
- Esterno
- Terreno
- Zona non riscaldata
- Da zona non riscaldata verso l’esterno, da utilizzarsi nel caso il metodo di calcolo scelto per valutare le
zone confinanti sia quello puntuale e sia necessario assegnare le strutture disperdenti ad una zona non
riscaldata.

Nella finestra dei ponti termici sono presenti i seguenti comandi:


 Elimina. Cancella il ponte termico corrente.
 Nuovo. Per aggiungere un nuovo ponte termico in archivio.
 Duplica. Duplica l’elemento corrente, copiandone i parametri.
 Stampa. Stampa un documento contenente tutte le caratteristiche del ponte termico.
 Salva. Per registrare l’inserimento del nuovo ponte termico o le modifiche.
L’utente può introdurre nuovi ponti termici in archivio. La valutazione del coefficiente di trasmittanza lineica Ψ può essere
effettuata mediante calcolo manuale, prelevando il valore da un atlante generico di ponti termici, oppure calcolandolo con
software ad elementi finiti.
Per definire un nuovo ponte termico è sufficiente cliccare sul pulsante Nuovo e compilare i dati richiesti: Categoria,
Trasmittanza Lineica, Descrizione, Codice.

www.logical.it 74
TERMOLOG – Manuale d’uso

2.5.5 Precalcolate

Per accedere alla sezione dell’archivio dedicata alle strutture precalcolate, scegli il sottomenù Precalcolate: è possibile
visualizzare l’elenco delle strutture già presenti in archivio o aggiungerne di nuove:

Strutture precalcolate

L’archivio delle strutture precalcolate è molto utile qualora non si conosca la disposizione degli strati di materiale all’interno di
una parete o di una soletta, come ad esempio avviene in caso di certificazione energetica degli edifici esistenti. In questo caso è
possibile creare una struttura precalcolata, indicando direttamente il valore finale di trasmittanza del componente o facendo
riferimento ai valori predefiniti dalla norma UNI.

Per inserire una nuova struttura precalcolata cliccare sul pulsante Nuovo, si apre la seguente schermata:

www.logical.it 75
TERMOLOG – Manuale d’uso

Archivio delle strutture Precalcolate – Dati generali

Per quanto concerne i contenuti delle schermate Dati generali e Documenti si rimanda a quanto già spiegato per le strutture
opache.

Per quanto riguarda la schermata Parametri della struttura:

Archivio delle strutture Precalcolate – Parametri della struttura

è sufficiente indicare nell’apposita casella il valore numerico della trasmittanza U e dello spessore della struttura. All’occorrenza
è possibile fare riferimento ai valori tabulati già presenti in archivio, pulsante Libreria.

www.logical.it 76
TERMOLOG – Manuale d’uso

Si apre la finestra:

Archivio delle strutture precalcolate: libreria con trasmittanze di strutture note

I valori di trasmittanza inseriti nella libreria del programma fanno riferimento alle indicazioni fornite dalle seguenti norme:
raccomandazione CTI 15:2013 e UNI/TS 11300-1 APPENDICE A.
Per assegnare un valore di trasmittanza basta compiere le scelte richieste dai menù a tendina e premere il tasto Ok. Il valore
della trasmittanza sarà così assegnato ad una nuova struttura precalcolata.
ATTENZIONE: Le normative consentono l’uso di valori tabellati di trasmittanza solo per gli elementi di edifici esistenti. L’uso
dell’archivio Precalcolate non sarebbe dunque a norma in fase di progetto per i nuovi edifici

2.5.6 Vetri

L’inserimento dei vetri nell’archivio è analogo a quanto già spiegato per le strutture opache; per inserire un nuovo vetro cliccare
il comando Nuovo:

Il programma apre una finestra in cui è richiesto di specificare:

www.logical.it 77
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Numero di lastre di cui è composta la vetrocamera; nel caso fossero presenti un numero di lastre di vetro maggiore
dell’unità il programma richiede di specificare le caratteristiche dell’intercapedine tra una lastra e l’altra e lo spessore
della stessa.
 Spessore delle lastre di vetro;
 Indicare se la lastra di vetro è stata trattata con degli interventi atti a ridurne le dispersioni di calore, come ad esempio
un coating basso emissivo ed indicare il valore dell’emissività normale interna (eni) da applicarsi alla suddetta lastra;
 Gas intercapedine: specificare il tipo di gas presente nell’intercapedine tra una lastra e l’altra.
 Spessore intercapedine.

Una volta inserite le precedenti informazioni 4 aprirà la scheda del vetro è imposterà la sua stratigrafia sulla base di quanto
indicato:

Nel caso si volessero applicare degli ulteriori ritocchi ai valori di spessore ed emissività della vetrocamera, è sufficiente cliccare
con il mouse sulla relativa casella ed inserire i valori modificati.

Nel menù Dati generali della scheda del vetro è necessario indicare, in aggiunta alle informazioni già discusse nei precedenti
paragrafi, l’inclinazione della vetrocamera con questa convenzione: “0” per verticale, “90” per orizzontale:

www.logical.it 78
TERMOLOG – Manuale d’uso

Questa informazione è necessaria ai fini del calcolo svolto dal programma per la stima della trasmittanza della vetrocamera
secondo il metodo di calcolo descritto nella norma UNI 673.
TERMOLOG valuterà la trasmittanza complessiva della vetrocamera (Ug) con riferimento al metodo di calcolo descritto nella
norma UNI 673.

2.6 Archivio generatori


All’apertura dell’archivio dei generatori viene visualizzata la seguente schermata:

Elenco dei generatori presenti in archivio

www.logical.it 79
TERMOLOG – Manuale d’uso

Sono presenti questi comandi:


 Importa. Per importare i dati dei generatori già salvati nell’archivio di , 2, 3 ed 4.
 Nuovo. Per aggiungere un nuovo generatore in archivio.
 Modifica. Per modificare le caratteristiche del generatore selezionato nell’elenco sottostante.
 Elimina. Per cancellare il generatore selezionato dall’archivio.
 Duplica. Per duplicare il generatore corrente, copiandone i parametri.
 Stampa. Stampa un documento contenente tutte le caratteristiche del generatore corrente.
 Chiudi. Per chiudere la finestra corrente senza effettuare modifiche.
Per cercare un generatore tra quelli presenti nell’elenco dell’archivio, è possibile digitare una parte del nome nell’apposita
casella di ricerca e premere il tasto invio.

2.6.1 Inserimento e modifica di un generatore

Per definire un nuovo generatore clicca sul tasto Nuovo: un nuovo generatore può essere inserito ex-novo, completando una
scheda con le specifiche tecniche:

oppure richiamandolo dall’archivio web del programma:

2.6.1.1 DA SPECIFICHE TECNICHE

Si apre una finestra per l’inserimento dei parametri ricavati dalla scheda tecnica del generatore. L’inserimento dei dati avvi ene
mediante la compilazione dei vari menù. Nei menù Documenti ed Immagini è possibile inserire dei riferimenti ad altri file
presenti sul computer ed un’immagine relativa al generatore in esame.

DATI GENERALI

I parametri del generatore

La prima informazione da esplicitare è il sistema di generazione, scegliendo tra:


 combustione;

www.logical.it 80
TERMOLOG – Manuale d’uso

 pompa di calore;
 teleriscaldamento;
 biomassa.

Per i generatori a combustione in questa stesa finestra è possibile indicare:


 Tipo: generatore di tipo standard o a condensazione.
 Marca
 Modello
 Descrizione: una breve descrizione il modello di generatore in oggetto
 Utilizzo: è possibile scegliere tra solo riscaldamento, solo acqua calda sanitaria oppure produzione combinata
riscaldamento ed acqua calda sanitaria.
 Posizione: murale o a basamento.
 Installazione: il luogo a cui si adatta il generatore: interno, esterno, centrale termica o sia interno che esterno.
 Peso / Materiale: indicare il peso in kg e il materiale di cui è costituita in prevalenza la camera di combustione del
generatore.
 Fluido termovettore: acqua o aria.
 Funzionamento: monostadio o multistadio / modulante.
 Tipologia: indicare se il generatore è di tipo A, B (camera aperta) o C (camera stagna); la tipologia del generatore a
gas dipende dalla modalità di prelievo dell’aria comburente e dal tipo di conduzione dei fumi di scarico:
o tipo A: sono apparecchi a camera aperta e senza canna fumaria, che la legge tollera solo se sistemati all'esterno,
o se il locale in cui si trovano è ventilato secondo precise regole.
o tipo B: sono apparecchi che hanno una camera di combustione aperta con scarico dei fumi in canna fumaria.
o tipo C: sono apparecchi che prelevano l'ossigeno per la combustione all'esterno, attraverso una apposita
tubazione, e i gas di scarico vengono scaricati all’aperto, attraverso impianto di scarico.
 Classificazione: indicare in questo campo la classe di rendimento della caldaia; nel D.P.R. 660/96, regolamento di
attuazione della direttiva 92/42/CEE, sono previste 4 classi di rendimento:1 stella, 2 stelle, 3 stelle e 4 stelle.
 Combustibile: il combustibile utilizzata dal generatore, scegliendo tra i combustibili presenti nell’archivio combustibili.
 Bruciatore: atmosferico e ad aria soffiata.
 Tipo ventilatore: questo dato è relativo ai generatori multistadio e modulanti ed è utilizzato dal programma per
valutare la potenza degli ausiliari alla potenza minima del focolare (W br,min del prospetto B.21 UNI TS 11300-2). Il
programma consente di scegliere tra: nessun ventilatore, ventilatore aria comburente ed ausiliari bruciatore a gas,
ventilatore aria comburente ed ausiliari bruciatore a gasolio, ventilatore aria comburente ed ausiliari bruciatore ad olio
combustibile senza riscaldatore, ventilatore aria comburente ed ausiliari bruciatore ad olio combustibile con
riscaldatore.
 Isolamento involucro: il tipo di isolamento del mantello del generatore è un informazione utilizzata dal programma
per valutare le perdite al mantello (prospetto B.14 delle UNI TS 11300-2). Il programma consente di scegliere tra:
generatore alto rendimento ben isolato, generatore ben isolato e mantenuto, generatore vecchio con isolamento
medio, generatore vecchio con isolamento scadente, generatore non isolato.

ATTENZIONE: I parametri tecnici dei generatori richiesti dal programma sono molteplici e spesso non facilmente reperibili dalle
schede tecniche. In realtà non è affatto obbligatorio inserirli tutti. La loro conoscenza dipende tuttavia dal metodo di calcolo
scelto delle perdite di generazione (vedi più avanti nel manuale).
Si ricorda inoltre che, in assenza di dati precisi, le norme suggeriscono quasi tutti i valori numerici necessari in fase di calcolo.
E’ pertanto consigliabile di indicare solo i dati realmente noti dalla scheda tecnica.

www.logical.it 81
TERMOLOG – Manuale d’uso

I dati tecnici nei tre casi in funzione della temperatura di funzionamento della caldaia

PARAMETI TECNICI
Nelle schede tecniche dei produttori i parametri che caratterizzano il generatore di calore sono spesso riferiti a diversi valori
delle temperature di mandata e ritorno del fluido termovettore in caldaia. Termolog consente di registrare per alcuni parametri
tecnici del generatore fino a tre possibili casi, ossia a tre possibili combinazioni di temperatura di mandata e di ritorno
corrispondenti alle colonne CASO 1, CASO 2 e CASO 3. Per ogni caso è possibile inserire:
 Temperatura di mandata di riferimento [°C]: indicare la temperatura del fluido termovettore quando viene immesso dal
generatore nel circuito di distribuzione, indicata dal produttore della caldaia.
 Temperatura di ritorno di riferimento [°C]: indicare la temperatura del fluido termovettore di ritorno nel generatore dopo
la circolazione nel circuito di distribuzione, indicata dal produttore della caldaia.
Sulla base dei dati di temperatura di mandata e di ritorno precedentemente inseriti, il programma calcola la temperatura media
di prova.
CARICO NOMINALE E CARICO INTERMEDIO
Per ognuno dei tre casi lo stesso dato può essere richiesto più volte. In questo modo, quando il generatore sarà utilizzato, sarà
considerato dal programma il valore corrispondente alla temperatura di funzionamento. Inoltre i dati vengono richiesti per diversi
valori di carico del generatore: a potenza massima (carico nominale), a potenza intermedia e a generatore spento (carico nullo).

 Potenza utile [kW]: Potenza del generatore a massimo (100%) e medio carico (solitamente 30%), riportate sulla scheda
tecnica.
 Portata [kW]: potenza al focolare del generatore.
 Rendimento al 100% o al 30%: rendimento (numero decimale e non in percentuale) alla potenza nominale ed
intermedia.

www.logical.it 82
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Perdite al camino a bruciatore acceso al 100% o al 30% [%]:le perdite di calore sensibile a bruciatore acceso in
percentuale.
 Perdite al mantello (solo a pieno carico) [%]: indicare in percentuale le perdite all’involucro del generatore.
 Contributi elettrici separati: se la casella è spuntata chiede un unico valore per definire tutti i fabbisogni elettrici
collegati al generatore. Altrimenti separa i due contributi sul circolatore e sul bruciatore. Le schede tecniche riportano più
frequentemente il valore totale delle potenze elettriche richieste.
 Potenza ausiliari prima del focolare (bruciatore, ventilatore) [W]: indicare la potenza degli ausiliari elettrici presenti
prima della camera di combustione (in particolare il ventilatore dell’aria comburente).
 Potenza ausiliari dopo il focolare (pompa primaria) [W]: indicare la potenza degli ausiliari elettrici presenti dopo la
camera di combustione (in particolare le pompe di circolazione primarie).
 Potenza elettrica ausiliaria totale [W]: potenza totale degli ausiliari elettrici.
CARICO NULLO

 Potenza persa in Stand-by [kW]: perdite a carico nullo.


 Perdite al camino a bruciatore spento [%]: in percentuale le perdite di calore sensibile al camino a bruciatore spento.
 Potenza elettrica ausiliaria totale [W]: la potenza totale degli ausiliari elettrici a potenza nulla.

CALDAIA A CONDENSAZIONE

I parametri tecnici per le caldaie a condensazione

In questo menù sono richiesti altri parametri specifici per una caldaia a condensazione, finalizzati all’utilizzo del metodo di
calcolo dell’appendice B.3 delle UNI TS 11300-2.
 Temperatura massima di scarico dei fumi a carico nominale[°C].
 Contenuto di O2 nei gas di combustione a carico nominale [%]: il tenore di ossigeno nei fumi alla potenza nominale.
 Temperatura massima di scarico dei fumi a carico ridotto [°C].
 Contenuto di O2 nei gas di combustione a carico ridotto [%]: il tenore di ossigeno nei fumi alla potenza minima.
 Tipo di modulazione: indicare il tipo di modulazione del generatore, scegliendo tra modulazione di aria e di gas e
modulazione solo di gas.

2.6.1.2 DA ARCHIVIO PRODUTTORI

www.logical.it 83
TERMOLOG – Manuale d’uso

E’ possibile includere nell’archivio del programma i generatori le cui caratteristiche sono state inserite dai principali produttori di
generatori; per includere anche tali generatori nell’archivio è necessario:
 selezionare Web;
 si apre la seguente schermata, in cui scelgo il generatore che voglio includere e clicco Seleziona:

 a questo punto il modello di generatore selezionato è aggiunto nell’archivio:

2.7 Combustibili
Per accedere alla sezione dell’archivio globale dedicata ai combustibili, scegli la voce Combustibili dalla barra delle icone:

Il comando per accedere all’archivio combustibili

La schermata che appare è riportata di seguito:

www.logical.it 84
TERMOLOG – Manuale d’uso

Archivio dei combustibili

Per visualizzare le caratteristiche di un combustibile già salvato in archivio, esegui un doppio clic sull’icona del combustibile.

Per inserire un nuovo combustibile in archivio, premere il tasto Nuovo e completare i dati richiesti:

Finestra per l’inserimento di un nuovo combustibile

 Nome combustibile: inserire il nominativo con cui sarà registrato il nuovo combustibile.
 Combustibile utilizzato nei seguenti tipi di generatori. Indicare in questa zona la tipologia di generatore per quale
sarà possibile selezionare il combustibile in analisi.
 Unità di misura: a seconda che il combustibile sia solido, liquido o gassoso.
 Potere calorifico inferiore e superiore: questi dati sono caratteristici del combustibile e possono essere reperiti
eseguendo una ricerca su Internet.

www.logical.it 85
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Produzione massima di condensa: anche questo dato è legato al tipo di combustibile ma varia in funzione della
temperatura in esercizio del fluido termovettore. Per il metano a temperature elevate (tipo di impianto a radiatori) può
3
essere indicato pari a 1,6 Kg/m .
 Fattore di emissione CO2: digitare il fattore di emissione per il calcolo della CO2 relativo al combustibile in fase di
immissione.
 Costo: indicare il costo del combustibile;

IMPORTANTE! Questo dato è utilizzato dal modulo Confronta per calcolare i benefici economici dovuti ad un risparmio di
combustibile in caso di riqualificazione energetica. Il programma stimerà inoltre conseguentemente il tempo di ritorno
dell’investimento.
Per registrare i dati appena inseriti premere il pulsante Registra.

2.8 Limiti
Per accedere alla sezione dell’archivio globale dedicata ai limiti, scegli la voce limiti dalla barra delle icone:

Il comando per accedere all’archivio dei limiti

L’archivio dei limiti dà all’utente la possibilità di personalizzare i valori limite di EPi, trasmittanze e rendimento globale, con i
quali saranno confrontati i valori calcolati dal programma:

Personalizzazione dei valori limite

2.9 Gestione archivio e backup dei file

www.logical.it 86
TERMOLOG – Manuale d’uso

Tutte le informazioni archiviate nel programma (materiali, pareti, generatori, ecc..) sono contenute in quattro file, presenti nel
percorso Documenti\My Termolog 7\Archivi:
 termolog.mdb, contenente le informazioni dell’archivio generale;
 impianti.mdb, contenente i dati registrati nel modulo Impianti;
 testi.mdb, contenente le stringhe di testo salvate per la stampa della relazione energetica;
 web.mdb, che contiene tutti i file relativi ai materiali web importati sul proprio pc.
Termolog permette all’utente di creare facilmente copie di sicurezza di questi file e delle proprie relazioni, tramite il comando
Gestione Archivio dalla barra delle icone:

Gestione dell’archivio: backup dei dati

E’ possibile eseguire queste operazioni:


 Creare e recuperare una copia di sicurezza di tutti i quattro file di archivio;
 Comprimere in un file compresso formati .zip i quattro file di archivio;
 Creare un pacchetto di sincronizzazione, utile per condividere il lavoro tra più utenti;
 Leggere un pacchetto di sincronizzazione;
 Rigenerare e ripristinare l’archivio generale;

Tutte le operazioni di backup e recupero fanno riferimento ad un percorso impostabile dall’utente attraverso la finestra
formattazione, calcolo e cartelle, a cui si può accedere dal menù Home, sottomenù opzioni:

Impostazione del percorso di salvataggio

www.logical.it 87
TERMOLOG – Manuale d’uso

Vediamo singolarmente le operazioni.


BACKUP DEGLI ARCHIVI
Scegliendo la prima voce Crea una copia di sicurezza, è possibile creare un file compresso .bak contenente i quattro file di
archivio precedentemente elencati. All’avvio del comando, il programma mostra la finestra della figura seguente. In questa
finestra Termolog chiede di impostare il percorso di salvataggio del file di backup. Scegliendo l’opzione Clicca qui per
modificare la cartella di backup, è possibile indicare un percorso di salvataggio differente da quello di default.

Copia di sicurezza degli archivi: impostazione del percorso

Premendo il pulsante Avanti, si passa alla finestra successiva, dove è possibile indicare un testo che accompagna l’operazione
di salvataggio. Appare un testo predefinito contenente data e ora del backup.

Copia di sicurezza degli archivi: testo aggiuntivo

Premendo Fine e quindi Ok termina l’operazione di salvataggio dei file di archivio.


Per ripristinare un file .bak esistente, basta semplicemente scegliere il comando Recupera una copia di sicurezza e seguire
l’operazione a ritroso. Nella seconda finestra appare un elenco dei file .bak che possono essere recuperati, con gli eventuali
commenti relativi.

Ripristino di una copia di sicurezza

www.logical.it 88
TERMOLOG – Manuale d’uso

Premendo il tasto Avanti la copia selezionata viene recuperata nel programma.


Questa funzione permette vari utilizzi: ad esempio è possibile eseguire copie periodiche dei proprio archivi; sarà possibile quindi
recuperare la copia relativa ad un certo giorno sullo stesso computer o su altra macchina. Oppure consente di scambiare dati
tra computer collegati in rete salvando i file in una cartella condivisa; e così via…
COMPRESSIONE DELL’ARCHIVIO
Scegliendo la voce Comprimi l’archivio, è possibile creare un file compresso .zip contenente i quattro file dell’archivio nel
percorso impostato dall’utente nel menù Opzioni. All’avvio del comando, il programma esegue direttamente l’operazione di
compressione e apre la cartella dove il file .zip è stato creato. Il nome del file .zip riporta di default il proprio codice cliente, per
spedire eventualmente il pacchetto al servizio Assistenza clienti di Logical Soft.
Questo comando si dimostra infatti estremamente utile per allegare il file compresso ad un messaggio di posta elettronica.
RIGENERA L’ARCHIVIO
Questo comando ripristina l’archivio alla versione proposta da Logical Soft (considerando eventuali aggiornamenti successivi on
line). Prima di compiere questa operazione Termolog esegue ad ogni modo una copia dello stato attuale dell’archivio, per
evitare la perdita involontaria dei propri file.

IMPORTANTE. Pure creando una copia di sicurezza del vostro archivio, questo comando deve essere utilizzato dall’utente con
estrema attenzione.

Per creare una copia dell’archivio il software esegue i passaggi visti al paragrafo precedente Backup degli archivi.
CREA PACCHETTO DI SINCRONIZZAZIONE
Scegliendo la voce Crea un pacchetto di sincronizzazione, è possibile creare un unico file sincronizza.trm compresso,
contenente i file degli archivi scelti ed alcune relazioni (file .relx) selezionate dall’utente. All’avvio del comando, il programma
mostra una finestra, nella quale è possibile scegliere cosa importare. La spunta permette di includere nel file compresso i vari
archivi e le relazioni selezionate ed elencate in tabella. Per aggiungere una relazione in tabella scegli la voce Aggiungi. Dopo
aver selezionato il file, premi il tasto Apri: il nome sarà riportato in elenco.

Pacchetto di sincronizzazione: scelta degli elementi

Premendo il pulsante Avanti, si passa alla finestra successiva, dove anche in questo caso è possibile indicare un testo che
accompagna l’operazione di salvataggio.

www.logical.it 89
TERMOLOG – Manuale d’uso

Copia di sicurezza degli archivi: testo aggiuntivo

Premendo Avanti e termina l’operazione di salvataggio del pacchetto.


Per ripristinare un file .bak esistente, basta semplicemente scegliere il comando Leggi un pacchetto di sincronizzazione e
specificare il percorso dove il file è situato. Il tasto Apri avvia l’operazione di sincronizzazione.
Questa funzione permette di condividere rapidamente archivi e relazioni in rete ed è stata pensata per un utilizzo multi utente
del programma.

2.10 Pannelli
Negli archivi del programma esiste una sezione apposita in cui è possibile registrare le caratteristiche tecniche di pannelli solari
termici e fotovoltaici:

Archivio Pannelli

Si apre una schermata in cui vengono riassunti tutti i pannelli già registrati nell’archivio:

Per inserire un nuovo collettore solare, collocarsi in corrispondenza del sottomenù Collettori solari e cliccare il comando
Nuovo:

www.logical.it 90
TERMOLOG – Manuale d’uso

Per quanto concerne le caratteristiche tecniche che è necessario attribuire a ciascun pannello si faccia riferimento a quanto
spiegato nel par.5.4.1, nel capitolo relativo agli impianti.

Per inserire un nuovo pannello fotovoltaico, collocarsi in corrispondenza del sottomenù Pannelli fotovoltaici e cliccare il
comando Nuovo:

Per quanto concerne le caratteristiche tecniche che è necessario attribuire a ciascun pannello si faccia riferimento a quanto
spiegato nel par.5.5.1, nel capitolo relativo agli impianti.

www.logical.it 91
TERMOLOG – Manuale d’uso

Menù Relazione e Menù Zone


Dopo avere registrato in archivio i dati del comune, i materiali e la stratigrafia degli elementi disperdenti, è possibile produrre
una nuova relazione/attestato di certificazione energetica, creando un nuovo file.
In particolare, nel presente capitolo sono illustrate le procedure per:
 creare una nuova relazione/certificazione;
 introdurre i dati generali, stabilendo la normativa di riferimento in base alla quale verranno svolti calcoli e verifiche;
 impostare per via tabellare le zone riscaldate e le zone confinanti.
 Modificare la struttura del file in modo che sia predisposto alla gestione di più impianti termoautonomi separati.

Tutte le caratteristiche qui sopra elencate sono contenute nei menù Relazione e Zone del programma

3.1 Menù Relazione


Per creare una nuova relazione/certificazione scegli il comando Nuova relazione/certificazione come illustrato nel par.1.3.1
del presente testo.
Accanto alla schermata introduttiva del programma, composta dai tre menù File, Home e Archivi, visualizzerà una nuova
schermata contenenti tutti i menù necessari per la gestione del nuovo progetto:

Schermata introduttiva di

www.logical.it 92
TERMOLOG – Manuale d’uso

Apertura di una nuova relazione

In particolare, alla prima apertura del file, visualizza i contenuti del menù Relazione che si possono sintetizzare nel seguente
elenco:
 Dati di natura generale;
 Normativa;
 Metodologie di calcolo;
 Geometria.
Vediamo in dettaglio ciascuno dei precedenti elementi.

3.1.1 Dati generali

Menù Relazione – Dati generali


 Comune. In questa casella dovrà essere indicato il comune dove è situato l’edificio, al quale corrispondono i dati
climatici utilizzati per il calcolo.
E’ anche possibile scrivere parte del nome e premere invio: verrà aperta una barra di ricerca contenenti tutti i comuni
presenti nell’archivio che corrispondono alle lettere digitate.
E’ possibile consultare i dati climatici relativi al comune in cui è ubicato l’edificio in esame cliccando il comando
Comune presente sulla barra delle icone.

www.logical.it 93
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Indirizzo/Descrizione. Inserire delle informazioni generali riguardanti il lavoro in esame.


 Anno di costruzione. Inserire l’anno di costruzione dell’edificio.
Il programma richiede di specificare inoltre:
- se l’edificio in analisi è situato in un centro storico, ai fini della valutazione della percentuale di copertura da
fonte rinnovabile del fabbisogno energetico per la produzione di acqua calda sanitaria.
- se l’edificio è pubblico o ad uso pubblico; in questo caso in fase di verifica verrà sottoposto, come da articolo 4,
comma 15 del Dpr 59/2009, a delle limitazioni più severe.
 Tipo di intervento. In questo menù a tendina è possibile indicare il tipo di intervento che si intende eseguire, come la
ristrutturazione di un fabbricato esistente o un intervento sull’impianto termico.
 Destinazione d’uso prevalente. Indica in questo campo la classificazione dell’edificio sulla base di quanto indicato nel
D.P.R. 412/1993.
 Richiesta del permesso di costruire o di presentazione della DIA. Vengono indicati in queste caselle il numero
della pratica del permesso di costruire o della DIA e la relativa data di presentazione.
In caso di riferimento alla normativa nazionale, TERMOLOG terrà conto di questa data per scelta dei limiti di
riferimento per la verifica di trasmittanza o di indice EPi (i valori limite cambiano tra gli anni 2006, 2008 e 2010 nella
normativa).
 Concessione edilizia. Indica in queste caselle il numero della pratica e la data della concessione edilizia.

 Immagine. E’ possibile caricare un’immagine/foto dell’edificio in esame cliccando sull’icona gialla in alto a sinistra:

3.1.2 Normativa

Normativa e calcolo

 Riferimento normativo. In questo menù scegli la normativa a cui fare riferimento per il calcolo del fabbisogno
energetico.
In base a questa scelta TERMOLOG seguirà una determinata procedura per il calcolo del fabbisogno energetico ed
eseguirà le verifiche opportune secondo la Legge 10/91, i Dlgs 192 e 311, le Linee Guida Nazionali e il Dpr 59/2009 o
secondo un criterio prescritto a livello regionale, ad esempio da Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna.
ATTENZIONE: una volta completati i dati della relazione, TERMOLOG mostrerà tutte le verifiche prescritte in base alla
norma selezionata nel menù Riferimento normativo ed in base al tipo di intervento scelto.

 Valori limite per la verifica. In questo campo è possibile scegliere i valori di riferimento rispetto ai quali verranno
effettuate le verifiche.
Se ad esempio l’utente sceglie i limiti relativi alla normativa nazionale, TERMOLOG considererà i valori limite di
trasmittanza e di indice di prestazione energetica secondo l’allegato C del DLgs 311 in funzione della data di richiesta
della DIA (da introdurre nel sottomenù “Comune, date, calcolo delle superficie e del volume”).
L’utente può però specificare al software, ai fini della verifica, dei valori limite personalizzati, ad esempio perché gli

www.logical.it 94
TERMOLOG – Manuale d’uso

viene prescritto a livello locale dal comune o per rientrare nelle condizioni per richiedere determinati incentivi. Per
definire i valori limite personalizzati, fai click sul pulsante Visualizza e modifica.

3.1.3 Impostazioni di calcolo

Impostazioni di calcolo – UNI TS 11300:2008

 Impostazioni generali. Indicare qual è l’approccio di calcolo con cui si desidera affrontare le seguenti tematiche:
- capacità termica
- zone confinanti
- ponti termici
- elementi verso il terreno
Si fa presente che TERMOLOG guida l’utente in questa scelta, imponendo l’utilizzo del metodo analitico quando
necessario (in base alla scelta effettuata nel campo Tipo di intervento, sulla base delle direttive delle UNI TS 11300) o
consentendo la scelta tra l’approccio analitico e quello tabellare.
 Filo di riferimento delle strutture disperdenti. Indicare con quale modalità, in fase di definizione dell’involucro
disperdente, verranno inserite le strutture disperdenti; è possibile scegliere tra:
- filo esterno;
- filo interno al netto dei tramezzi;
- filo interno al lordo dei tramezzi.

ATTENZIONE: la scelta che l’utente indica in questo campo si ripercuote anche sul tipo di trasmittanza lineica che il
programma adotterà nei calcoli: ad esempio, se la modalità di inserimento delle strutture disperdenti è secondo il filo
esterno, in caso di inserimento di un ponte termico tratto dalla norma UNI 14683, il programma farà riferimento nei
calcoli alla trasmittanza lineica psi E.

 Calcolo di progetto invernale ed estivo. Selezionando una od entrambe queste opzioni il programma modificherà i
dati di input che vengono richiesti in fase di definizione dei locali, includendo o meno le informazioni necessarie per
effettuare il calcolo di progetto invernale e/o il calcolo di progetto estivo (solo per i possessori del Modulo Estivo).

 Metodo di calcolo. In fase di apertura di un nuovo progetto, l’utente può decidere quale versione, 2008 o 2014, della
norma UNI TS 11300 parte 1 e parte 2 desidera utilizzare nell’esecuzione dei calcoli di prestazione energetica.
Si sottolinea che la scelta tra la versione 2008 e la versione 2014 è consentita solo in fase di apertura di un nuovo file.
Aprendo una relazione/certificazione preparata con le versioni precedenti di TERMOLOG il metodo di calcolo è già
preselezionato alla versione 2008; per passare dalla versione 2008 alla versione 2014 è necessario selezionare il
menù File e selezionare il comando Cambia normativa di calcolo. Non è invece possibile passare dalla versione
2014 alla versione 2008.

Nel caso in cui nel metodo di calcolo si fosse impostato l’approccio normativo UNI TS 11300:2014 la schermata
Impostazioni di calcolo si modifica richiedendo una serie di informazioni aggiuntive, funzionali alla nuova norma:

 Calcolo di riferimento. Nel caso questa opzione fosse selezionata il programma esegue il calcolo considerando solo
una ventilazione di tipo naturale. Nel caso invece l’opzione non fosse selezionata il programma esegue il calcolo nelle
condizioni effettive, considerando la presenza di un eventuale impianto di VMC.
 Albedo dell’ambiente circostante. Con questo comando si richiede di indicare le informazioni necessarie per
valutare, mensilmente, il tipo di albedo presente nell’ambiente circostante l’edificio.

www.logical.it 95
TERMOLOG – Manuale d’uso

Impostazioni di calcolo – UNI TS 11300:2014

3.1.4 Geometria

Metodi di calcolo

 Superficie e Volume. In queste caselle occorre indicare il volume lordo e la superficie disperdente dell’involucro delle
unità immobiliari individuate dall’utente nell’edificio. Secondo le definizioni delle norme, S è la superficie che delimita
verso l’esterno e verso ambienti non dotati di impianto di riscaldamento il volume lordo riscaldato V.
Spuntando l’opzione Calcolo automatico di Superficie e Volume, il programma calcolerà, autonomamente sulla
base di quanto inserito dall’utente nel menù Involucro, il volume come somma dei volumi specificati per le zone
riscaldate e come superficie dell’involucro la somma di tutte le superfici disperdenti esposte verso esterno o zone non
dotate di impianto di riscaldamento dell’edificio. Il programma quindi non considererà nel computo eventuali elementi
divisori che danno verso zone riscaldate da altro impianto o zone a temperatura costante.

3.1.5 I comandi Passa a termoautonomo e Passa a centralizzato

ATTENZIONE: i comandi riportati in questo paragrafo fanno riferimento unicamente al caso in cui sia impostato il metodo di
calcolo secondo norma UNI TS 11300:2008, selezionata in automatico quando viene impostato il riferimento normativo di
Regione Lombardia: D.G.R. 8/8745.

In Termolog è possibile gestire all’interno del medesimo file la presenza contemporanea di più sistemi impiantistici.
Un tipico esempio di questa nuova funzionalità è rappresentato da un condominio costituito da più appartamenti termoautonomi:
in non esiste più il vincolo di dover gestire ogni appartamento con un singolo file, ma è possibile modellare l’intero edificio con
un unico file.
In generale, le configurazioni impiantistiche che è in grado di gestire in un unico file sono:
1. una U.I. in un contesto impiantistico centralizzato;
2. più U.I. in un contesto impiantistico centralizzato;
3. una U.I. con impianto termoautonomo;
4. più U.I. termoautonome.

www.logical.it 96
TERMOLOG – Manuale d’uso

Qui di seguito citiamo situazioni ricorrenti nella pratica professionale che corrispondono alle opzioni sopra elencate:
1. produrre la relazione energetica e/o l’ACE di un appartamento ubicato in un condominio con impianto
centralizzato;
2. produrre la relazione energetica e/o l’ACE per tutti gli appartamenti ubicati in un condominio con impianto
centralizzato;
3. produrre la relazione energetica e/o l’ACE di un appartamento termoautonomo, di una villetta indipendente,
ecc…;
4. produrre la relazione energetica e/o l’ACE per tutti gli appartamenti termoautonomi di un condominio.

All’apertura di un nuovo file, sia esso un progetto o una certificazione, il programma assume di default che ci si trovi nella
configurazione impiantistica di tipo 1., o, aggiungendo più U.I., si passa alla configurazione impiantistica di tipo 2.: in generale è
assunto un contesto impiantistico centralizzato.
ATTENZIONE: è possibile in ogni momento verificare la configurazione impiantistica corrente andando nel Menù
Climatizzazione invernale e leggendo cosa viene indicato accanto alla dicitura Tipologia Edificio.
E’ utile anche tenere presente che:
- nel caso nel menù Relazione fosse visibile il comando Passa a termoautonomo, il file corrente si trova in una
configurazione di tipo 1. o 2.
- nel caso nel menù Relazione fosse visibile il comando Passa a centralizzato, il file corrente si trova in una configurazione
di tipo 3. o 4.

Nel caso si desiderasse cambiare questa impostazione e ricondursi ai casi 3. e 4. è sufficiente nel menù Relazione cliccare il
comando:

Il programma visualizza questo messaggio di avvertimento:

Premendo ok il programma cambia la configurazione del file rendendo possibile il calcolo di una o più unità immobiliari
termoautonome.

Supponendo invece di volere compiere il percorso inverso e passare ad una configurazione centralizzata come nei casi 1. e 2.,
è sufficiente nel menù Relazione cliccare il comando:

Il programma visualizza questo messaggio di avvertimento:

Premendo ok il programma cambia la configurazione del file rendendo possibile il calcolo di una o più unità immobiliari
appartenenti ad un edificio con impianto centralizzato.

NORMA UNI TS 11300:2014


Nel caso il metodo di calcolo selezionato fosse UNI TS 11300:2014, il programma, nel menù Relazione, mette a disposizione
una nuova funzionalità che consente di gestire in modo semplice ed immediato la produzione di ACS.
All’apertura di un nuovo file, sia esso un progetto o una certificazione, il programma assume di default che la produzione di ACS
sia centralizzata, ossia che per tutte le unità immobilari facenti parte della modellazione dell’edificio, l’ACS è prodotta dal
medesimo sistema impiantistico. Nel caso si voglia impostare una produzione di acs autonoma per ciascuna unità immobilare è
sufficiente cliccare l’icona ACS: Passa a termoutonomo: automaticamente il programma modifica la struttura del file al fine da
introdurre una produzione di acs autonoma per ciascun appartamento.
Mediante l’utilizzo simultaneo dei comandi sopra descritti è quindi possibile modellare nel programma ciascuna delle seguenti

www.logical.it 97
TERMOLOG – Manuale d’uso

configurazioni per riscaldamento e ACS:

U.I. Riscaldamento ACS

1 termoautonomo termoautonoma

>1 centralizzato centralizzata


termoautonoma per ciascuna
>1 centralizzato
U.I.
Termoautonomo per ciascuna termoautonoma per ciascuna
>1
U.I. U.I.
Termoautonomo per ciascuna
>1 centralizzata
U.I.

3.2 Menù Zone


In questo paragrafo verranno discusse le funzionalità disponibili nel menù Zone, puntualizzando le differenze tra i dati da
inserire nel caso la normativa selezionata fossero le UNI TS 11300:2008 o le UNI TS 11300:2014.

Menù Zone - UNI TS 11300:2008

www.logical.it 98
TERMOLOG – Manuale d’uso

Menù Zone - UNI TS 11300:2014

3.2.1 Unità immobiliari

La prima operazione che l’utente deve compiere è specificare al programma quanti e quali sono le unità immobiliari di cui si
compone l’edificio oggetto di analisi.
ATTENZIONE: il concetto di unità immobiliare è di fondamentale importanza nell’architettura di .
Per introdurre una nuova unità immobiliare cliccare il comando Nuova unità e compilare la seguente schermata:

Inserimento di una nuova unità immobiliare

Dopo avere premuto OK, Termolog creerà una nuova unità immobiliare che sarà inserita nella rappresentazione “ad albero”
sottostante:

www.logical.it 99
TERMOLOG – Manuale d’uso

Ogni unità immobiliare può contenere, a sua volta, una o più zone termiche riscaldate.

3.2.2 Le zone termiche

Il passo successivo prevede la suddivisione dell’edificio in zone, riscaldate o confinanti, alle quali assegnare poi gli elementi
disperdenti.

Suddivisione in zone: schema generale

3.2.2.1 Le zone riscaldate


La normativa UNI definisce come zona riscaldata uno spazio riscaldato a temperatura uniforme: la suddivisione in zone
riscaldate dell’edificio può dipendere quindi dalla destinazione d’uso delle zone stesse. Ad esempio un edificio servito da un
unico generatore, avente una porzione ad uso residenziale con temperatura di progetto 20°C ed un’altra adibita ad attività
commerciali a 18°C, potrebbe essere suddiviso in due zone. Allo stesso modo può essere trattato un edificio residenziale
comprendente una zona giorno ed una zona notte, regolate a temperatura differente.
In realtà la normativa UNI TS 11300-1 consente di esaminare un’unica zona tra porzioni caratterizzate da temperature di
progetto con differenze fino a 4 gradi, allo scopo di considerare la presenza di aperture che mettono in comunicazione ambienti
a temperatura differente: quindi anche per gli esempi qui sopra citati, la normativa consente di identificare un’unica zona.
Un altro caso in cui è possibile individuare zone differenti è rappresentato da porzioni aventi diversi terminali di emissione, cioè
nel caso di un edificio con una parte riscaldata a radiatori ed una riscaldata a pannelli radianti.
In generale comunque il progettista può scegliere di considerare per un edificio una o più zone: in effetti i contributi di
dispersione ed apporto per ogni porzione saranno poi sommati per considerare il fabbisogno netto totale, a meno del fattore di
utilizzazione degli apporti gratuiti calcolato per ogni zona termica riscaldata.
Per ogni zona, come sarà specificato meglio in seguito, l’utente dovrà indicare al programma alcuni dati geometrici: la superficie
utile, cioè la superficie netta calpestabile, il volume lordo ed il volume netto.
Per definire una nuova zona riscaldata, è sufficiente nel menù Zone cliccare sul pulsante Nuova nel gruppo zone riscaldate:

www.logical.it 100
TERMOLOG – Manuale d’uso

Menù Zone - Comando Zone riscaldate

A questo punto sulla parte destra dell’area di lavoro compare una form di cui è richiesto l’inserimento dei dati di zona; vediamo
di analizzare in dettaglio le informazioni richieste, per una spiegazione più esaustiva si rimanda alla consultazione dei relativi
paragrafi delle UNI TS 11300.

DATI GENERALI DELLA ZONA

 Nome della zona. Inserire il nominativo che si intende attribuire alla zona termica in analisi.
 Classificazione. Indicare la classificazione del fabbricato in base al D.G.R. 412/1993.
 Sub. classificazione. Inserire la sub-classificazione della zona; questo dato permette al programma di stimare i valori
di portata di aria volumica di aria esterna nominale sulla base delle tabelle presenti nella UNI 10339:2013.
 Unità immobiliare. Indicare l’unità immobiliare a cui appartiene la zona in analisi.

GEOMETRIA DELLA ZONA

Menù Zone – Geometria della zona

 Volume lordo della zona. Il volume lordo della zona deve essere valutato sui confini lordi, considerando pertanto gli
spessori delle solette di soffitto e di copertura e di tutte le pareti perimetrali.
 Superficie utile. La superficie utile è equivalente alla superficie calpestabile; ciò significa che essa deve essere
valutata al netto di tramezzi e pareti perimetrali. Il programma consente all’utente sia l’inserimento manuale di questo
dato, sia di avvalersi della procedura guidata (cliccando sul pulsante posto a lato Calcola), implementata nel
programma sulla base delle indicazioni del §13.3 delle UNI/TS 11300-1, per ottenere la superficie netta a partire da
quella lorda e dal valore medio dello spessore delle pareti.

Zone riscaldate – Stima della superficie utile

www.logical.it 101
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Volume netto della zona. Il programma consente all’utente sia l’inserimento manuale di questo dato, sia di avvalersi
della procedura guidata (cliccando sul pulsante Calcola), implementata nel programma sulla base delle indicazioni del
§12.3 delle UNI/TS 11300-1 , per ottenere il volume netto a partire da quello lordo e dallo spessore medio delle pareti.

Zone riscaldate – Stima del volume netto della zona

 Altezza media dei locali. Indicate l’altezza dei locali al netto e al lordo dei solai.

I dati appena descritti possono essere inseriti manualmente dall’utente oppure, se si opta per una procedura di inserimento
grafica degli elementi disperdenti dell’edificio, è possibile far calcolare al programma tali informazioni; per far questo cliccare su:
Ricava le dimensioni geometriche della zona per via grafica.

Il calcolo della capacità termica interna avviene secondo i metodi riportati nel paragrafo §15.2 delle UNI TS 11300-1.
In linea con quanto previsto dalla normativa, Termolog può valutare la capacità termica interna dell’edificio secondo due
modalità:
 metodo analitico, sviluppato in accordo alla UNI EN ISO 13786;
 metodo tabellare, sulla base del prospetto 16 delle delle UNI/TS 11300-1.
La scelta dell’una o dell’altra metodologia avviene secondo quanto specificato dall’utente nel menù Relazione, nel pannello
Metodi di calcolo. Il programma consente l’utilizzo del metodo tabellare limitatamente agli edifici esistenti, nel caso in cui, come
tipologia di intervento, l’utente abbia indicato Certificazione Energetica. Il metodo analitico è invece da utilizzarsi per le nuove
costruzioni o per gli edifici esistenti, di cui siano note le stratigrafie delle pareti.
In caso di calcolo analitico della capacità termica, nel suddetto riquadro non apparirà nulla, in quanto il calcolo sarà svolto
struttura per struttura in un’altra sezione del programma.
In caso di metodo tabellare, con il comando Calcola la capacità termica sarà possibile selezionare le caratteristiche costruttive
dei componenti edilizi (intonaco, isolamento, pareti esterne e pavimenti) ed il numero di piani dell’edificio, secondo quanto
previsto dal prospetto 16 delle UNI TS 11300-1, per stimare approssimativamente il valore della capacità termica totale
dell’edificio.

SERVIZI (UNI TS 11300:2008)

www.logical.it 102
TERMOLOG – Manuale d’uso

Zone riscaldate – Servizi associati alla zona

In questa sezione è possibile indicare quali sono i servizi associati alla zona termica; in particolare:
 ACS: indicare se nella zona è presente un impianto di produzione di ACS.
In generale il calcolo del fabbisogno di acs è eseguito automaticamente dal programma sulla base delle indicazioni della
norma UNI 11300-2. Per alcune classificazioni attribuite alla zona termica comparirà a lato delle dicitura il comando Imposta
le caratteristiche per il calcolo di fabbisogno di acs: occorre completare le informazioni richieste, utilizzate dal
programma per la stima del fabbisogno di acs:

 RAFFRESCAMENTO: indicare se nella zona è presente un impianto di raffrescamento; nel caso tale opzione fosse
selezionata TERMOLOG valuterà i carichi termici estivi per la zona termica in questione (dati reperibili nel menù
Involucro).
 VENTILAZIONE: indicare se nella zona è presente un impianto di ventilazione meccanica controllata; nel caso l’impianto di
ventilazione meccanica controllata fosse presente, cliccando il comando Imposta i parametri per l’impianto di
ventilazione è possibile introdurne le caratteristiche tecniche.

Secondo le norme UNI TS 11300 il numero dei ricambi d’aria n tra la zona riscaldata e l’esterno dipende sia dal tipo di
edificio che si sta analizzando che dal tipo di ventilazione (meccanica o naturale).
Nel caso non sia presente l’impianto di ventilazione meccanica Termolog assume in automatico il numero di ricambi d’aria
naturali previsti dalla normativa in uso.
Nel caso di ventilazione meccanica cliccare sul tasto Imposta i parametri per l’impianto di ventilazione e inserire le
caratteristiche del sistema di ventilazione:

Il programma visualizza la seguente finestra:

www.logical.it 103
TERMOLOG – Manuale d’uso

In generale il parametro n dipende sia dal tipo di edificio in analisi che dal tipo di sistema di ventilazione. In caso di edifici
residenziali vale sempre n = 0.3 vol/h. Per tutti gli altri il valore di n dipende da alcune grandezze, stimabili in base alla UNI
10339.
- V0. Portata d’aria esterna, calcolata dal programma sulla base della tipologia di edificio e della tipologia della
zona, avvalendosi del prospetto III della UNI 10339.
2
- ns. Indice di affollamento per ogni m di superficie, calcolata dal programma sulla base della tipologia di edificio e
della tipologia della zona, avvalendosi del prospetto VIII della UNI 10339. Il valore di n s ricavato dal suddetto
prospetto viene moltiplicato dal programma per 0,6, per rispettare quanto indicato nel paragrafo 12.1.1 delle UNI
TS 11300-1.
I due parametri precedentemente illustrati sono calcolati dal programma ed il loro inserimento non è richiesto all’utente.
 ve è il fattore di efficienza dell’eventuale recuperatore di calore dell’aria. Il suo valore è assunto pari a 0 se esso
non è presente.
In caso di presenza del recuperatore di calore l’utente deve specificare le ore di funzionamento per giorno e il
tasso di ricambio d’aria naturale, nelle ore di spegnimento del recuperatore.
Inoltre, nel caso in cui la temperatura di mandata del flusso d’aria che entra nell’ambiente riscaldato non sia uguale alla
temperatura dell’ambiente esterno, occorre specificare:
 la temperatura di mandata del flusso d’aria nella stagione invernale (pre-riscaldamento) e nella stagione estiva
(pre-raffreddamento)
L’inserimento dei precedenti valori influisce sul calcolo del fattore di correzione della temperatura del flusso d’aria b ve,
contenuto nella formula (8) delle UNI TS 11300-1.
Il programma, sulla base delle informazioni inserite nei precedenti campi, calcola il numero dei ricambi d’aria tra la zona
riscaldata e l’esterno.
Cliccando invece su Assegna eventuali ricambi d’aria verso ambienti non riscaldati si apre una tabella in cui è possibile
indicare il numero di ricambi d’aria tra la zona riscaldata in esame e gli ambienti non riscaldati eventualmente presenti.

Zone riscaldate - Ricambi d’aria tra la zona riscaldata e ambienti non riscaldati

www.logical.it 104
TERMOLOG – Manuale d’uso

SERVIZI (UNI TS 11300:2014)

Zone riscaldate – Servizi associati alla zona (UNI TS 11300:2014)

Analogamente a quanto descritto per il metodo di calcolo UNI TS 11300:2008, anche con il nuovo metodo di calcolo è
necessario indicare quali sono i servizi associati alla zona termica in analisi.
Rimandando alla descrizione già fornita per i servizi ACS e Raffrescamento nella norma 2008, qui di seguito si riporta una
descrizione per i servizi aggiuntivi presenti nella norma 2014:
Calore latente
 IMPIANTO DI UMIDIFICAZIONE: indicare se nella zona è presente un impianto di umidificazione; nel caso sia selezionata
questa opzione il programma valuterà il fabbisogno di energia termica per umidificazione.
 IMPIANTO DI DEUMIDIFICAZIONE: indicare se nella zona è presente un impianto di deumidificazione; nel caso sia
selezionata questa opzione il programma valuterà il fabbisogno di energia termica per deumidificazione.
Selezionando una o l’altra delle opzioni precedenti, nel caso la tipologia della zona sia residenziale sull’area di lavoro
sottostante non viene richiesto di compilare nessun dato aggiuntivo.
Invece, avendo indicato una tipologia della zona diversa dalla residenziale, il programma accenderà automaticamente un
sottomenù denominato Umidificazione/Deumidificazione in cui è richiesto di indicare:
 Metodo di calcolo da utilizzarsi per la valutazione dei vari termini che concorrono alla stima dei fabbisogni di energia
termica per umidificazione e/o deumidificazione:

L’utente può scegliere se utilizzare un metodo di calcolo semplificato o un metodo di calcolo dettagliato per stimare gli
apporti interni latenti; in particolare, il metodo semplificato si riferisce a quanto indicato nel par.13.2.1 della norma, il
metodo dettagliato si riferisce invece al par.13.2.2 della norma.

 Il metodo di calcolo dettagliato richiede di indicare anche:

Zone riscaldate – Sottomenù Umidificazione/deumidificazione

- il tipo di attività degli occupanti la zona, scegliendo tra le opzioni previste dal prospetto 18 delle UNI
TS 11300-1, in funzione delle categoria di edificio
- le tipologie di apparecchi presenti nella zona, scegliendo tra le casistiche contenute nel prospetto 19
delle UNI TS 11300-1, in funzione delle destinazione d’uso edificio.
A ciascun apparecchio TERMOLOG fa corrispondere un valore prefissato di portata massica specifica
Gwv,p, in base alle indicazioni del sopracitato prospetto; l’utente è però libero di personalizzare tale
campo, nel caso sia in possesso di informazioni dettagliate.
Per effettuare il calcolo della portata massica G wv,A dovuta ad apparecchi nella zona, è necessario
specificare il numero di apparecchi presenti per tipo e il fattore di utilizzo medio giornaliero fG
dell’apparecchio.

www.logical.it 105
TERMOLOG – Manuale d’uso

VENTILAZIONE MECCANICA (UNI TS 11300:2014)

Zone riscaldate – Ventilazione meccanica della zona (UNI TS 11300:2014)

Nel caso un servizio di ventilazione meccanica fosse associato alla zona in esame, è necessario procedere alla compilazione
dei dati richiesti nel sottomenù Ventilazione meccanica:
 CLASSE DI SCHERMATURA: indicare la classe di schermatura dell’edificio; la casistica proposta si riferisce al prospetto 10
della norma UNI TS 11300-1:2014.
 TIPO DI COSTRUZIONE: indicare il tipo di costruzione in è possibile classificare l’edificio, scegliendo tra Appartamenti
unifamiliari/Altri appartamenti, come da prospetto 9 della norma UNI TS 11300-1:2014.
 PERMEABILITA’ INVOLUCRO: indicare il tipo di permeabilità dell’involucro edilizio, scegliendo tra bassa/media/alta, come
da prospetto 9 della norma UNI TS 11300-1:2014.
 ESPOSIZIONE: indicare il tipo di esposizione dell’edificio, scegliendo tra solo una facciata esposta/più di una facciata
esposta, come da prospetto 10 della norma UNI TS 11300-1:2014.
I dati richiesti nel sottomenù ventilazione meccanica sono necessari ai fini delle elaborazioni svolte dal programma solo se un
servizio di ventilazione meccanica è presente nei locali della zona; in caso contrario, non è necessario compilare questo
sottomenù.

LOCALI (solo per il modulo progettista) e PROGETTO POTENZA DI RIPRESA

Menù Zone – Calcolo di progetto

 Classe di schermatura. Indicare la classe di schermatura; questa informazione verrà utilizzata per valutare il coefficiente di
schermatura e (prospetto D.8 della UNI 12831).
 Tipo di costruzione. Indicare il tipo di costruzione; questa informazione verrà utilizzata per valutare il tasso di ventilazione
dell’edificio n50 (prospetto D.7 della UNI 12831).
Le informazioni seguenti vengono richieste per la determinazione della potenza di ripresa del generatore (vedi par.4.6 del
presente testo) attraverso il metodo di calcolo semplificato descritto nella norma UNI 12831:
 Massa dell’edificio. Indicare in quale categoria si trova la massa dell’edificio: bassa, media o alta. Per gli edifici catalogati
come residenziali non è necessario fornire alcuna indicazione in quanto si considerano di default nella categoria alta.
 Caduta di temperatura in regime di attenuazione [K]. Indicare qual è l’abbassamento previsto della temperatura interna
durante il periodo di inattività.
 Tempo di ripresa [h]. Indicare la durata del periodo di ripresa.

2
Fattore di ripresa [W/m ]. Indicare il fattore di ripresa del riscaldamento f RH. Questo valore può essere indicato
manualmente oppure è stimato in automatico dal programma sulla base dei valori inseriti in precedenza, con riferimento ai
prospetti D.10a e D.10b della norma UNI 12831.

In questa tabella è possibile indicare, se necessario, i locali in cui è divisa la zona.


ATTENZIONE: La suddivisione di una zona in locali non è richiesta obbligatoriamente dalla norma; questa operazione è
però utile se si vuole conoscere, ai fini del dimensionamento dell’impianto, la dispersione termica locale per locale .

www.logical.it 106
TERMOLOG – Manuale d’uso

Nel caso in cui non si imposti alcuna indicazione nella tabella Locali, il programma crea automaticamente un locale unico
coincidente con la zona stessa.
In alternativa, è possibile indicare, nella colonna Descrizione, il nome (per esempio soggiorno, cucina, bagno e così via) e
quindi il volume netto ed i ricambi d’aria per ogni ambiente in cui è eventualmente divisa la zona.
ATTENZIONE: I dati specificati in questa tabella non hanno influenza sul calcolo del fabbisogno stagi onale eseguito da
Termolog , mentre sono influenti sul calcolo della potenza di picco e potranno essere trasmessi al modulo Impianti per il
progetto dell’impianto termico.

Per inserire un nuovo locale clicca sul pulsante Nuovo:

Zone riscaldate – Calcolo di progetto – Dati relativi ad un locale (1)

www.logical.it 107
TERMOLOG – Manuale d’uso

Zone riscaldate – Calcolo di progetto – Dati relativi ad un locale (2)

CARICO TERMICO INVERNALE


Viene richiesto di specificare:
 Nome.
 Tipologia. Indicare la tipologia del locale.

Geometria e dati termici



2
Superficie utile netta [m ].
 Altezza netta [m].
 Volume netto [m].
 Temperatura interna di progetto [°C].

Ventilazione
 Tipo di ventilazione. Specificare il tipo di ventilazione, scegliendo tra naturale e meccanica.
 Tasso minimo di ricambi d’aria, nmin [1/h]. Indicare il tasso minimo di ricambi d’aria, in caso di ventilazione naturale.

3
Portata d’aria immessa nell’ambiente riscaldato, V’ su [m /h].
 Temperatura del flusso d’aria immesso, θsu [°C].

3
Portata d’aria estratta dall’ambiente riscaldato, V’ex [m /h].
 Grado di tenuta dell’aria nei serramenti.
 Tasso di ricambio per infiltrazione a 50 Pa, n 50 [1/h]. Il programma, sulla base del grado di tenuta dei serramenti e
del prospetto D.7 della UNI 12831, fornisce delle indicazioni sul valore di questo parametro; è possibile anche inserire
manualmente un valore.
 Aperture esposte.
 Coefficiente di schermatura, e.
 Altezza del locale riscaldato sopra il livello del terreno [m].
 Fattore di correzione per l’altezza del locale, e. Il programma, sulla base dell’altezza del locale riscaldato sopra il
livello del terreno e del prospetto D.9 della UNI 12831, fornisce delle indicazioni sul valore di questo parametro; è
possibile anche inserire manualmente un valore.
Per ulteriori delucidazioni circa i parametri richiesti si rimanda alla consultazione della norma UNI 12831.
Per registrare i dati appena inseriti cliccare su Registra. I locali relativi alla zona termica in analisi vengono elencati in una
tabella riepilogativa, per ciascun locale sono esposti i seguenti dati:

www.logical.it 108
TERMOLOG – Manuale d’uso

Zone riscaldate – Calcolo di progetto – Tabella riepilogativa dei locali


 Nome. Nome del locale.

2
Su [m ]. Superficie utile del locale.

3
Vn [m ]. Volume netto del locale.
 Tp [°C]. Temperatura di progetto.

3
V’min [m /h]. Portata d’aria minima, valutata con riferimento al par.7.2.1 della UNI 12831.

3
V’inf [m /h]. Portata d’aria per infiltrazione, valutata con riferimento al par.7.2.2 della UNI 12831.

CARICO TERMICO ESTIVO (solo per il Modulo Estivo)

Le informazioni contenute in questo menù sono visualizzabili solo dai possessori del Modulo Estivo: per una spiegazione
dettagliata dei contenuti si rimanda alla consultazione del manuale specifico di tale modulo.
PROGETTO INVERNALE (UNI TS 11300:2014)

Zone riscaldate – Progetto Invernale

LOCALI (UNI TS 11300:2014)

Per creare un nuovo locale/locali associato ad una zona riscaldata, cliccare il comando Nuovo presente nella barra delle icone,
nel sottogruppo Locali.

ATTENZIONE: La creazione dei locali associati alla zona termica è una tappa obbligatoria nella modellazione dell’edificio:
nel caso l’utente non specifichi nulla, nell’atto di creazione di una nuova zona termica TERMOLOG crea, di default, un
locale unico assiciato alla zona

Vediamo di analizzare qui di seguito le informazioni che è possibile associare ad un locale.

Locali UNI TS 11300:2014 – Sottomenù relativi al locale


Dati generali e geometria del locale

Il significato dei parametri richiesti è di semplice intuizione.

Ventilazione

www.logical.it 109
TERMOLOG – Manuale d’uso

In questo sottomenù è necessario specificare le informazioni relative al servizio di ventilazione.


In generale, le modalità di ricambio d’aria per la zona termica climatizzata potrebbero cambiare nei periodi invernale, estivo e
nelle stagioni intermedie; per tale motivo TERMOLOG dà la possibilità di gestire le portate di ricambio d’aria in tre diversi
periodi:
 Riscaldamento: stagione di riscaldamento;
 Raffrescamento: stagione di raffrescamento;
 Ventilazione: per tutti i mesi dell’anno non compresi nelle stagioni di riscaldamento e di raffreddamento.

Per ogni periodo è possibile indicare:


 il tipo di ventilazione da applicarsi alla stagione selezionata, scegliendo tra Ventilazione naturale e Ventilazione
meccanica;
 se E’ presente un flusso d’aria prelevato dall’esterno: nel caso di ventilazione meccanica è necessario specificare
ulteriori informazioni di input:

- Tipo di funzionamento: indicare il tipo di ventilazione scegliendo tra Ventilazione meccanica controllata,
Ventilazione Ibrida e Ventilazione meccanica controllata da impianto di climatizzazione
- Indicare se l’impianto è utilizzato anche per la ventilazione notturna nel periodo estivo, in caso affermativo
specificare la portata d’aria esterna per il raffrescamento notturno q ve,night
- Tipologia di diffusore: inserire la tipologia di diffusore impiegata; questa informazione sarà utilizzata per stimare
l’efficienza convenzionale del sistema di ventilazione ve,c,che compare nella formula (32) della UNI TS 11300-
1:2014.

3.2.2.2 Le zone confinanti

www.logical.it 110
TERMOLOG – Manuale d’uso

Dopo avere individuato i confini dell’edificio e i dati della zona/zone riscaldate, è importante definire tutte le tipologie di ambiente
che confinano con il volume climatizzato.
Termolog consente l’inserimento di tre tipologie di zone confinanti:
 zone confinanti non riscaldate;
 serre solari;
 zone confinanti riscaldate da un altro impianto.
Per definire una nuova zona confinante, è sufficiente nel menù Zone cliccare sul pulsante Nuova:

Menù Zone - Comando Zone confinanti.

ZONE NON RISCALDATE


Una zona non riscaldata, detta anche zona fredda, costituisce di fatto un’intercapedine, funzionante come una sorta di filtro per
la dispersione termica tra la zona riscaldata e l’esterno.
Sono tipiche zone non riscaldate: vani scale, sottotetti non areati, garage, cantine non dotate di impianto di riscaldamento.
ATTENZIONE: L’utente può scegliere di non definire una zona non riscaldata nel caso in cui essa sia in parte ape rta o
comunque contraddistinta da una temperatura vicina a quella esterna.
I dati di cui si richiede l’inserimento dipendono, ad eccezione della descrizione della zona, dal metodo di calcolo in base al quale
si è deciso di valutare le zone confinanti (vedi par.3.1.3 del presente testo), vediamo di analizzarli separatamente:

ZONA NON RISCALDATA – APPROCCIO ANALITICO

Zone non riscaldate - Inserimento dati – Metodo analitico


 In questo caso il coefficiente di scambio termico b tr,x viene calcolato dal programma sulla base delle strutture disperdenti
verso l’esterno attribuite alla zona non riscaldata nel menù Involucro (vedi cap. 4).
 Volume netto della zona. Il programma consente all’utente di inserire il dato manualmente o di utilizzare il calcolo
automatico, valutando il volume netto dall’inserimento della zona per via grafica. E’ anche possibile specificare al
programma di ricavare autonomamente il volume netto della zona dalla modellazione grafica della stessa.
 Numero ricambi. Numeri di ricambi d’aria tra la zona non riscaldata e l’esterno. Il programma consente all’utente di
inserire il dato manualmente o di assumere i dati ricavati dalla Tabella 2 della UNI ISO 13789:2007.
 Apporti solari. E’ possibile specificare se si vogliono considerare gli apporti solari nel bilancio energetico della zona non
riscaldata.

ZONA NON RISCALDATA – APPROCCIO TABELLARE

Zone non riscaldate - Inserimento dati – Metodo tabellare


 Fattore di correzione btr,x: fattore di correzione dello scambio termico tra zona riscaldata e zona non riscaldata (vedi
formula 18 del paragrafo 11.2 UNI TS 11300-1).
In caso di certificazione di edifici esistenti, il programma consente all’utente di inserire tale dato manualmente o di
assumere i dati ricavati dal prospetto 5 delle UNI/TS 11300-1.

www.logical.it 111
TERMOLOG – Manuale d’uso

SERRA SOLARE (solo per i possessori del Modulo SERRE SOLARI)


Indicando nel menù Tipologia di zona la scelta Serra solare, è possibile definire una zona confinante non riscaldata soggetta
però ad apporti solari.
Dal punto di vista della procedura di calcolo, si può definire la serra solare come una zona con comportamento analogo a quello
di una zona non riscaldata classica. Per essa tuttavia sarà possibile conteggiare anche gli apporti solari incidenti, non valutabili
per una zona non riscaldata standard.
In questo caso il programma chiede all’utente l’inserimento di dati analoghi al caso precedente.
 Volume netto della serra solare. Il programma consente all’utente di inserire il dato manualmente o di utilizzare il
calcolo automatico, valutando il volume netto dall’inserimento della zona per via grafica.
 Numero ricambi. Numeri di ricambi d’aria tra la serra solare e l’esterno.

Il coefficiente di scambio termico btr,x non può essere esplicitato con una scelta semplificata dal menù a tendina corrispondente,
ma deve essere ricavato a posteriori, in funzione delle strutture disperdenti verso esterno assegnate alla serra solare.
La valutazione delle serre solari e degli spazi soleggiati è eseguita analiticamente in conformità con la norma UNI EN ISO
13790.

Serre Solari - Finestra di inserimento dati


ZONE CONFINANTI RISCALDATE DA UN ALTRO IMPIANTO
Indicando nel menù Tipologia di zona la scelta Edificio riscaldato confinante, il programma consente di schematizzare una
qualunque zona confinante dotata di impianto di riscaldamento differente da quello installato nell’edificio oggetto dell’analisi.

www.logical.it 112
TERMOLOG – Manuale d’uso

Zona riscaldata confinante - Inserimento dati


I dati di cui è richiesto l’inserimento sono:
 Indicazione sulla tipologia di ambiente confinate
 Indicazione sul tipo di occupazione dell’appartamento: è possibile scegliere tra prevalentemente continua
(sempre abitato) o saltuaria (ad esempio per una casa vacanze);
 Trasmittanza del muro divisorio Ui,m. Indicare la trasmittanza del muro divisorio tra l’edificio riscaldato e
l’appartamento adiacente.
 Trasmittanza media delle pareti del locale adiacente verso l’esterno U e,m. Indicare la trasmittanza media
delle pareti disposte tra l’edificio riscaldato confinante e l’esterno.
 Percentuale P. Indicare per l'unità immobiliare adiacente la percentuale della superficie delle strutture
esposte verso esterno rispetto alla superficie disperdente totale dell'involucro.
Dopo aver inserito i dati il programma indica il coefficiente di posizione b.
Il coefficiente di posizione b è un parametro necessario per effettuare la valutazione delle dispersioni termiche verso
l’appartamento adiacente. Il riferimento normativo su cui si basa Termolog per la schematizzazione delle zone adiacenti
riscaldate è il § NA 6.4.2 della UNI 12831.
Nel caso in cui si fosse indicato occupazione saltuaria, il programma non richiede l’inserimento della percentuale P, in quanto
si può assumere indicativamente da normativa sempre P = 80 %.
L’inserimento dei precedenti dati è necessario per il calcolo del parametro HA, ossia il coefficiente di scambio termico per
trasmissione, tra la zona riscaldata e altre zone climatizzate a temperatura diversa.

3.2.3 Riepilogo della struttura del progetto

Una volta terminato l’inserimento delle unità immobiliari e delle relative zone riscaldate e/o zone confinanti, permette di
visualizzare uno schema esemplificativo della struttura generale del progetto nella parte sinistra dell’area di lavoro:

Menù Zone – Riepilogo dei dati inseriti

E’ rappresentato in modo chiaro ed intuitivo:


 quali sono le unità immobiliari e le zone che le compongono;
 quali sono le zone confinanti dell’edificio e a quale tipologia appartengono;
 selezionando il nome della zone è possibile visualizzarne a lato le principali caratteristiche;
 nel caso in una zona siano presenti più locali, è possibile cliccare sul tasto + accanto al nome della zona e visualizzare
i locali inseriti.

www.logical.it 113
TERMOLOG – Manuale d’uso

Menù Strutture e Menù Involucro


In questo capitolo verranno discusse tutte le informazioni che è necessario specificare al programma per definire in modo
esaustivo l’involucro disperdente dell’edificio in analisi.
In particolare, l’inserimento dell’involucro disperdente coinvolge in le funzionalità racchiuse nel menù Strutture e nel menù
Involucro.

L’inserimento dei dati si divide in una prima fase in cui vengono selezionate dall’archivio generale del programma le strutture
da utilizzare nella relazione/certificazione corrente (par.4.1) ed in una fase successiva di modellazione geometrica dell’involucro
disperdente, la quale può avvenire per via tabellare (par.4.2) e/o per via grafica (par.4.3).

4.1 La selezione degli elementi disperdenti dall’archivio

Involucro disperdente – Selezione degli elementi disperdenti

www.logical.it 114
TERMOLOG – Manuale d’uso

4.1.1 Archivio generale delle strutture

Involucro disperdente – Selezione degli elementi disperdenti (2)

Nella parte sinistra della schermata sono riportati, suddivisi per tipologia (pareti, porte, pavimenti, ponti termici, coperture e
serramenti), tutte le strutture facenti parte dell’archivio generale del programma.
Puoi chiudere o aprire gli elenchi per tipologia di struttura, cliccando con il mouse sul + accanto al nome della categoria. In testa
all’elenco è inoltre presente una comoda funzione di ricerca. Per cercare un elemento all’interno dell’archivio basta digitare
parte del suo nome nella casella di ricerca e premere il tasto Invio.
Per inserire un nuovo elemento è sufficiente cliccare sull’icona posta nella barra in alto a sinistra che corrisponde alla
tipologia di elemento che si intende inserire; successivamente viene richiesto di specificare se si vuole inserire la stratigrafia o
direttamente il valore di trasmittanza (struttura precalcolata) dell’elemento:

Per quanto concerne il contenuto delle schermate successive, si rimanda alla spiegazione già effettuata nel capitolo
dell’archivio.
Per modificare un elemento già presente nell’archivio, selezionare l’elemento dall’elenco e cliccare il comando .
Nel caso in fase di registrazione nell’archivio alcune strutture fossero state contrassegnate come Preferite, è possibile

visualizzare nell’elenco sottostante solo tali strutture, cliccando il comando .

4.1.2 Archivio locale delle strutture

Nella parte destra della finestra sono riportate le strutture facenti parte dell’archivio locale del file corrente: in pratica sono le
strutture disperdenti che saranno utilizzate per modellare l’involucro dell’edificio in analisi.

Per importare le strutture dall’archivio globale al lavoro corrente, trascina la struttura selezionata da sinistra verso destra,
tenendo premuto il tasto sinistro del mouse, oppure fai doppio clic sul nome della struttura.

www.logical.it 115
TERMOLOG – Manuale d’uso

L’opzione Copia tutti gli elementi permette di importare nel lavoro corrente in una sola volta tutte le strutture dell’archivio
globale che appaiono nell’elenco di sinistra.
E’ consigliabile importare nella relazione solo le strutture presenti nell’edificio, poiché tutte le strutture selezionate vengono
incluse nelle stampe e considerate per le verifiche. Nel caso in cui alcune strutture non siano più necessarie, è opportuno
eliminarle dall’archivio della relazione corrente. Per individuarle facilmente puoi spuntare la casella Colora in blu le strutture
non usate.
Per eliminare delle strutture dall’archivio della relazione corrente, analogamente a quanto svolto in fase di selezione, trascina la
struttura dall’elenco della relazione corrente all’elenco dell’archivio globale. L’elemento sarà in questo caso eliminato
esclusivamente dall’archivio locale.
E’ inoltre possibile modificare strutture esistenti, aggiungerne delle nuove o cancellarne, lavorando direttamente sull’archivio
locale del programma: per fare ciò è sufficiente avvalersi dei comandi :

ATTENZIONE: Una struttura creata nell’archivio locale non può essere trasmessa in nessun modo all’archivio globale e deve
essere ricreata.

4.1.3 Pavimenti su terreno

Nel caso il metodo di calcolo scelto per valutare le strutture verso terreno fosse quello analitico, è necessario procedere alla
registrazione nell’archivio locale delle informazioni relative a tali strutture.
ATTENZIONE: L’inserimento dei pavimenti su terreno è strettamente legato all’archivio locale del programma, in quanto
dipende da alcune dimensioni geometriche che variano da progetto a progetto.
Gli elementi disperdenti verso terreno richiedono una trattazione diversa rispetto alle altre strutture disperdenti, in quanto,
secondo le UNI ENI ISO 13370, norma contenente le specifiche di riferimento per questo argomento, è necessario correggere
la trasmittanza di tali elementi per tenere conto della loro interazione con il terreno o con parti di edificio interrate.
La correzione della trasmittanza di un pavimento su terreno dipende da vari elementi, tra cui:
- trasmittanza del pavimento (soletta sospesa);
- isolamento perimetrale del pavimento;
- ponte termico del giunto parete verticale/pavimento;
- conducibilità del terreno;
- presenza di eventuali intercapedini o vespai.
Per creare nell’archivio locale un nuovo pavimento su terreno, è sufficiente selezionare il comando:

Si apre la seguente schermata:

www.logical.it 116
TERMOLOG – Manuale d’uso

Inserimento dei pavimenti su terreno - schermata Elementi verso il terreno

ATTENZIONE: Prima di procedere con la registrazione del pavimento su terreno, occorre che la stratigrafia della soletta del
pavimento sia stata definita in precedenza nell’archivio globale delle strutture, come struttura opaca di tipo “pavimento” ed
importata nell’archivio locale.
L’inserimento dei dati per l’elemento su terreno si articola su tre finestre, in particolare la prima Elementi verso terreno richiede
le caratteristiche tecniche del pavimento su terreno, mentre le due rimanenti sono esclusivamente di carattere descrittivo. Nella
prima finestra si richiede di specificare:
 Descrizione. Inserire il nome con cui si vuole caratterizzare il pavimento.
 Tipo. Indicare il tipo di pavimento che si vuole inserire. Il programma, in base alle indicazioni della UNI 13370,
consente di scegliere tra:
1. pavimento appoggiato su terreno (controterra);
2. pavimento su spazio areato (intercapedine);
3. piano interrato riscaldato;
4. piano interrato non riscaldato;
5. piano interrato e ambiente riscaldato sovrastante con il solaio sotto il piano campagna;
6. piano interrato costituito da ambienti affiancati riscaldati e non riscaldati.
 Perimetro esposto. Indicare il perimetro del pavimento in metri, sul quale sono disposti elementi verticali disperdenti.

2
Area pavimento. Indicare l’area del pavimento in m .
 Conduttività terreno. Indicare la conduttività del terreno in W/(mK) su cui appoggia la soletta sospesa; per questo
dato, cliccando sul pulsante Aiuto, è anche possibile riferirsi ad una tabella, che riporta i valori di conduttività termica
per alcune categorie di terreni.

Una novità importante di Termolog è la possibilità di determinare, in aggiunta alla trasmittanza media del basamento dell’intero
edificio, la trasmittanza termica equivalente verso il terreno per singoli ambienti dell’edificio.
Per utilizzare questa funzionalità si selezioni nella precedente schermata l’opzione Ripartizione della trasmittanza termica
equivalente per singoli ambienti:

www.logical.it 117
TERMOLOG – Manuale d’uso

Il programma calcola come prima cosa la trasmittanza termica equivalente per l’intero basamento U b; successivamente
determina la trasmittanza termica equivalente Ube per i vani che hanno pareti esterne (zone perimetrali) e la trasmittanza U bi per
i vani che non hanno pareti esterne (zone centrali) sulla base delle espressioni contenute nella UNI ENI ISO 13370 e in
funzione delle seguenti grandezze richieste all’utente:
 Ae. Superficie totale del pavimento di vani in corrispondenza del perimetro dell’edificio.
 b. Larghezza media dei vani perimetrali dell’edificio.
In fase di definizione dell’involucro disperdente, una volta attribuito dall’utente un pavimento su terreno ad un locale dell’edificio,
il programma assegnerà automaticamente il corretto valore di trasmittanza termica equivalente sulla base della seguente
convenzione:
 il locale al quale è attribuito il pavimento verso terreno presenta un elemento disperdente verso l’esterno: al pavimento
sarà assegnata la trasmittanza Ube;
 nel caso non si verifichi la precedente condizione al pavimento su terreno verrà assegnata la trasmittanza Ubi.
ATTENZIONE: affinchè il programma sia in grado di attribuire il corretto valore di trasmittanza al pavimento su terreno
disegnato o inserito in tabella è necessario avere eseguito il calcolo.

Per alcuni tipi di pavimento su terreno (in particolare, considerando l’elenco numerato precedentemente riportato, le tipologie 2.,
4., 5. e 6.) accanto alla scheda Elementi verso terreno il programma ne visualizza una ulteriore denominata Elementi verso
esterno:

www.logical.it 118
TERMOLOG – Manuale d’uso

In realtà, questa schermata di inserimento dati può cambiare aspetto a seconda del tipo di elemento su terreno che si vuole
inserire. Vediamo i singoli casi:
PAVIMENTO SU INTERCAPEDINE

 Parete vs esterno sopra il livello del terreno (Uw). Indicare la parete che disperde verso l’esterno. Il
programma consente di scegliere tra le stratigrafie verticali precedentemente riportate nell’archivio locale.
 Soletta sospesa (Uf). Indicare la soletta sospesa del pavimento. Il programma consente di scegliere tra le
stratigrafie orizzontali precedentemente riportate nell’archivio locale.
 Quota del pavimento sopra il livello del terreno (h). Indicare in metri l’altezza del pavimento rispetto al
terreno esterno.
 Area della aperture di ventilazione in metri quadrati di apertura per metro di perimetro.
 Tipo di protezione dal vento. Indicare il tipo di protezione dal vento, scegliendo tra protetta, media e
esposta.
 Velocità media del vento a 10m di altezza. Si sottolinea che se il dato non è presente o è uguale a 0 verrà
utilizzata nel calcolo la velocità media relativa al comune di riferimento.

PAVIMENTO SU PIANO INTERRATO NON RISCALDATO

www.logical.it 119
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Parete vs esterno sopra il livello del terreno (Uw). Indicare la parete che disperde verso l’esterno. Il
programma consente di scegliere tra le stratigrafie verticali precedentemente riportate nell’archivio locale.
 Soletta sospesa (Uf). Indicare la soletta sospesa del pavimento. Il programma consente di scegliere tra le
stratigrafie orizzontali precedentemente riportate nell’archivio locale.
 Quota del pavimento sopra il livello del terreno (h). Indicare in metri l’altezza del pavimento rispetto al
terreno esterno.
 Portata d’aria di ventilazione del piano interrato (n).
 Volume d’aria del piano interrato (V)

PAVIMENTO SU PIANO INTERRATO E AMBIENTE RISCALDATO SOVRASTANTE CON IL SOLAIO SOTTO IL


PIANO CAMPAGNA

 Parete vs esterno sopra il livello del terreno (Uw). Indicare la parete che disperde verso l’esterno. Il
programma consente di scegliere tra le stratigrafie verticali precedentemente riportate nell’archivio locale.
 Soletta sospesa (Uf). Indicare la soletta sospesa del pavimento. Il programma consente di scegliere tra le
stratigrafie orizzontali precedentemente riportate nell’archivio locale.
 Portata d’aria di ventilazione del piano interrato (n).
 Volume d’aria del piano interrato (V)
 Profondità soletta sospesa al di sotto del piano campagna (zh).

PAVIMENTO SU PIANO INTERRATO COSTITUITO DA AMBIENTI AFFIANCATI RISCALDATI E NON


RISCALDATI

www.logical.it 120
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Parete vs esterno sopra il livello del terreno (Uw). Indicare la parete che disperde verso l’esterno. Il
programma consente di scegliere tra le stratigrafie verticali precedentemente riportate nell’archivio locale.
 Soletta sospesa (Uf). Indicare la soletta sospesa del pavimento. Il programma consente di scegliere tra le
stratigrafie orizzontali precedentemente riportate nell’archivio locale.
 Quota del pavimento sopra il livello del terreno (h). Indicare in metri l’altezza del pavimento rispetto al
terreno esterno.
 Portata d’aria di ventilazione del piano interrato (n).
 Volume d’aria del piano interrato (V).
 Area di pavimento su terreno della porzione riscaldata (Ar).

Per ulteriori informazioni sui parametri caratteristici per calcolare la trasmittanza degli elementi su terreno si rimanda alla norma
UNI EN ISO 13370.
Per ottenere un riepilogo delle elaborazioni svolte dal programma per valutare la trasmittanza equivalente del basamento
cliccare il comando Risultati.

Il tasto Salva termina l’operazione: la trasmittanza della soletta netta sarà corretta sulla base dei dati impostati, per tenere conto
della interazione con il terreno.

Riassumendo, la procedura corretta per registrare un pavimento su terreno prevede questo iter:
- creare la stratigrafia della sola soletta nell’archivio globale delle strutture;
- selezionare la soletta per trasmetterla dall’archivio globale a quello locale;
- definire il pavimento su terreno nell’archivio locale, specificando i dati geometrici;
- scegliere la soletta di pavimento precedentemente selezionata.
Il pavimento su terreno potrà quindi essere utilizzato nella tabella dispersioni come un qualunque altro elemento disperdente.

4.1.4 Muri Trombe (solo per i possessori del Modulo Serre Solari)

Esclusivamente per i possessori del Modulo Serre Solari, Termolog permette di calcolare il fattore di guadagno solare di pareti
solari ventilate (muri Trombe).
ATTENZIONE: L’inserimento di muri Trombe è strettamente legato all’archivio locale del programma e può essere eseguito solo
in tale sede.
Per inserire un muro Trombe, nel menù Strutture selezionare il comando Parete dell’archivio locale:

www.logical.it 121
TERMOLOG – Manuale d’uso

Nella schermata della parete indicare:


 che la struttura in fase di inserimento è un muro Trombe;
 la portata volumica d’aria circolante nell’intercapedine.

Costruire infine la stratigrafia del muro Trombe nel menù Geometria, utilizzando i metodi già descritti nel capitolo degli archivi.
ATTENZIONE: l’intercapedine ventilata più esterna, tipica del muro Trombe, deve essere scelta dalla categoria Muri Trombe dei
materiali presenti nell’archivio del programma:

Il programma non accetta altri tipi di intercapedine.

Una volta terminato l’inserimento della stratigrafia, cliccando il comando Risultati muro Trombe posto sulla barra delle icone in
alto è possibile visualizzare le elaborazioni svolte dal programma sulla base del metodo di calcolo descritto nell’appendice della
norma UNI 13790: la trasmittanza originaria del muro viene modificata per tenere in conto del calore accumulato
nell’intercapedine ventilata più esterna.

www.logical.it 122
TERMOLOG – Manuale d’uso

4.2 Inserimento tabellare delle superfici dell’involucro


L’inserimento geometrico dell’edificio può essere effettuato in maniera tabellare, in maniera grafica o con entrambi i metodi
seguendo delle specifiche regole.
Iniziamo a descrivere come inserire l’edificio in maniera tabellare, per accedere a questo tipo di inserimento nel menù
Involucro cliccare il pulsante:

Involucro disperdente – Comando Tabellare


L’area di lavoro sottostante e la barra delle icone si modificano nel modo seguente:

Involucro disperdente – Input Tabellare

In questa finestra sulla sinistra è riportato l’elenco (archivio locale) da cui è possibile scegliere le tipologie di strutture da inserire
(selezionate in precedenza dall’utente nel menù Strutture), suddivise per categorie (pareti, serramenti, porte, ecc..). Per aprire
un elenco puoi cliccare sul nome della tipologia strutturale.
All’interno di ciascuna tipologia, le strutture vengono ulteriormente classificate in base al verso di dispersione: questa
informazione è associata alla struttura nell’archivio, al cui capitolo si rimanda per ulteriori delucidazioni.
ATTENZIONE: il verso di dispersione è una informazione associata alla struttura in fase di registrazione nell’archivio e non può
essere cambiata durante la costruzione dell’involucro dell’edificio. I versi di dispersione tra cui è possibile scegliere sono:
- esterno;
- terreno;
- zona non riscaldata;
- edificio confinante riscaldato;
- locale interno alla zona
e per le strutture da associare ad una zona non riscaldata:
- da zona non riscaldata verso l’esterno

Per inserire un elemento disperdente in tabella, è sufficiente selezionarlo dalla finestra di sinistra e, tenendo premuto il tasto
sinistro del mouse, trascinarlo sulla tabella; a questo punto il programma apre in automatico una finestra di interfaccia in cui si
richiede:

www.logical.it 123
TERMOLOG – Manuale d’uso

Involucro disperdente – Input Tabellare - Superfici di involucro, finestra di interfaccia


 Zona: indicare la zona termica alla quale attribuire la struttura disperdente inserita.
 Locale: indicare il locale al quale attribuire la struttura disperdente inserita.

Geometria:
 Inserire il valore della superficie disperdente dell’elemento in m o, in alternativa, le dimensioni della struttura.
2

 N°. Indicare il numero degli elementi disperdenti che si desidera inserire; in base a questo valore e all’area del singolo
elemento viene calcolata l’Area totale disperdente.
 Detrai la struttura da. Questa indicazione è attivata solo se la struttura in questione è stata messa in detrazione ad
un’altra struttura, come può essere, ad esempio, per una finestra detratta ad una parete.
 Pavimento. Questa indicazione è attivata solo se la struttura in questione disperde verso il terreno e il metodo di calcolo
scelto per valutare tale quantità è tabellare: è necessario indicare il tipo di ambiente confinante, informazione da cui il
programma deduce il coefficiente btr,g, che andrà a moltiplicare la trasmittanza originaria dell’elemento.
 Orientamento della struttura.
 Maggiorazione ponte termico. Indicare la maggiorazione percentuale dovuta alla presenza di un ponte termico. Questa
opzione è disponibile solo nel caso in cui il metodo di calcolo usato per valutare i ponti termici è quello tabellare.

Apporti solari e ombreggiamenti

www.logical.it 124
TERMOLOG – Manuale d’uso

In questa finestra devono essere indicate le informazioni relative ad eventuali ostruzioni esterne e/o aggetti la cui presenza
interferisce con la stima degli apporti solari connessi all’elemento in esame. Per indicare la presenza di eventuali ostruzioni
esterne o di eventuali aggetti, è sufficiente premere il tasto Nuovo, posto in alto a sinistra. Per un’ostruzione esterna nella
schermata è possibile indicare un angolo di esposizione rispetto al centro del serramento, secondo lo schema in figura:

Apporti solari - Ostruzioni esterne

Allo stesso modo potrebbero essere definiti degli aggetti orizzontali, come ad esempio un balcone (il balcone, in certi perio di
dell’anno, potrebbe impedire l’apporto solare a seconda della sua dimensione).
Oppure degli oggetti verticali, ad esempio si immagini di avere un’apertura all’interno di un portico, oppure in presenza di
elementi schermanti introdotti per evitare un’eccessiva insolazione nel periodo estivo.

Apporti solari -Aggetti orizzontali

Una volta inseriti i dati dell’ombreggiamento, fare click sul pulsante OK: il programma riporterà il nominativo
dell’ombreggiamento appena registrato, sotto la relativa categoria di ombreggiamento, nell’elenco di sinistra:

www.logical.it 125
TERMOLOG – Manuale d’uso

Per assegnare l’ombreggiamento alla struttura basta selezionarlo dall’elenco di sinistra e, tenendo premuto il tasto sinistro
del mouse, trascinarlo nella tabella “Ostruzioni esterne e aggetti presenti”.

Una ulteriore informazione richiesta all’utente nella finestra degli apporti solari riguarda lo Schermo: Questa opzione
corrisponde a:
- per elementi opachi, è il fattore di assorbimento solare, che vale 0,3 per tinte chiare della parete, 0,6
medie e 0,9 scure.
- per elementi trasparenti è il fattore di riduzione dovuto alla presenza di eventuali tendaggi.

Dato che, gli apporti solari sono un utile contributo gratuito nel calcolo del fabbisogno invernale e possono ridurre anche di
una percentuale significativa il fabbisogno termico dovuto alle dispersioni per trasmissione e per ventilazione, TERMOLOG
dà la possibilità all’utente di includere o non includere l’apporto solare sulla struttura in esame.

Apporti solari

Impostazioni
In questa sezione è possibile indicare delle impostazioni generali da attribuire all’elemento disperdente.

Una volta inseriti tutti i dati, premendo il tasto Ok, l’elemento disperdente viene aggiunto alla tabella delle dispersioni.

www.logical.it 126
TERMOLOG – Manuale d’uso

Per aggiungere un altro elemento disperdente (opaco, trasparente o lineare) è sufficiente ripetere le operazioni descritte,
trascinando in tabella la struttura corrispondente.

4.2.1 Attribuzione delle strutture disperdenti a zone confinanti

E’ stato spiegato come è possibile associare delle strutture disperdenti alle zone riscaldate; vediamo ora di indicare come è
possibile fare le stessa operazione per le zone confinanti.
ATTENZIONE: si ricorda che l’attribuzione delle strutture alle zone confinanti è una operazione richiesta solo se il metodo di
calcolo prescelto per la valutazione di tale quantità è quello analitico.

Occorre selezionare dall’archivio a sinistra una struttura avente come verso di dispersione da zona non riscaldata verso
l’esterno e trascinarla sulla tabella:
Infine, occorre compilare le informazioni richieste nella schermata di interfaccia: tra di esse vi è l’indicazione della zona
confinante a cui si vuole associare la struttura:

4.2.2 Uso dei comandi Detrai e Non detrarre


Per quanto concerne gli elementi finestrati, consente all’utente di assegnare il serramento come superficie in detrazione
all’elemento opaco su cui è collocato. Per fare ciò è sufficiente scegliere una finestra tra quelle in elenco (archivio locale, posto
a lato) e trascinarla con il tasto sinistro del mouse sulla riga di una superficie opaca già inserita in tabella: l’area del serramento
sarà assegnata come elemento disperdente e detratta dall’area lorda della parete alla quale è stata assegnata:

www.logical.it 127
TERMOLOG – Manuale d’uso

Se la finestra viene invece rilasciata su una riga libera, si aggiungerà alle dispersioni già introdotte.

Premendo il tasto Detrai posto nella barra delle icone sopra la tabella, l’area dell’elemento viene messa in detrazione dalla
struttura opaca che lo precede, mentre il tasto Non detrai annulla la dipendenza tra i due elementi.
Utilizzando i comandi Detrai e Non detrai è possibile anche portare in detrazione strutture disperdenti opache (ad esempio
Porte).

La procedura di inserimento per via tabellare di tutte le superfici opache o trasparenti può essere ripetuta nello stesso modo per
tutti gli elementi: pareti, coperture, pavimenti, elementi su terreno, serramenti, porte, ponti termici, ecc...

4.2.3 Modifica dei dati inseriti


E’ possibile modificare i dati relativi ad un elemento disperdente, già inserito in tabella, con un doppio clic sinistro del mouse
sulla riga con il nome dell’elemento, variando quindi i valori contenuti nella finestra; oppure, dopo aver selezionato una riga della
tabella, premendo il tasto Modifica, nella barra delle icone posta sopra la tabella.
Nella stessa barra il tasto Elimina permette di cancellare un elemento disperdente selezionato.
Il tasto Duplica permette di duplicare la struttura di una riga selezionata.
Il tasto Sostituisci permette di sostituire una struttura disperdente già inserita, con un’altra, scegliendo tra quelle
precedentemente aggiunte nell’archivio locale.

4.2.4 Computo metrico


Termolog fornisce un computo metrico delle quantità di materiali e delle strutture utilizzati nella costruzione dell’involucro; per
visualizzarlo è sufficiente cliccare il comando Computo metrico sulla barra delle icone:

Computo metrico

www.logical.it 128
TERMOLOG – Manuale d’uso

4.3 Inserimento grafico delle superfici dell’involucro


Iniziamo a descrivere come inserire l’edificio in maniera grafica, per accedere a questo tipo di inserimento cliccare il pulsante:

Involucro disperdente – Comando Grafico

L’area di lavoro sottostante e la barra delle icone si modificano nel modo seguente:

Involucro disperdente – Input Grafico - Superfici di involucro, finestra di interfaccia

4.3.1 Importazione di un file DXF/DWG

4.3.1.1 IMPORTAZIONE DI UNA PIANTA


Gli elementi strutturali che compongono l’edificio possono essere disegnati direttamente sull’area di lavoro oppure, come è
conveniente nella maggior parte delle situazioni, possono essere importate una o più piante cad (estensione .dxf o .dwg) da
utilizzare come base per la composizione dell’edificio.
La prima operazione da seguire per giungere ad una corretta importazione di un file DXF/DWG è la sua preparazione all’interno
dello strumento cad che l’utente ha a disposizione.
Le principali operazioni da eseguirsi per preparare un file DXF/DWG “compatibile” con l’input grafico di TERMOLOG sono qui di
seguito elencate:
 Alleggerimento del file: è consigliabile alleggerire il più possibile la pianta architettonica da importare dagli elementi
non utili al rilievo delle misure: ad esempio, campiture, mobilio, elementi grafici, ecc... dovrebbero essere eliminati dal
file di partenza.
 Unità di misura del disegno: è preferibile che il disegno venga eseguito in metri, ovvero un’unità di misura del cad
deve corrispondere ad un metro.
 Spostamento del sistema di riferimento: per evitare problemi in fase di importazione, è consigliabile che nel CAD la
pianta del fabbricato non sia situata in una posizione qualunque dell'area di lavoro.
Quando si crea un nuovo file in un CAD, l'area di lavoro viene aperta in una posizione generica, lontana dall'origine
degli assi coordinati; per una corretta importazione, poiché TERMOLOG procede per coordinate assolute, è invece
opportuno che l’utente faccia in modo che, nel CAD, l'origine del riferimento globale sia posizionata in prossimità di uno
dei punti della pianta.
 Formato di importazione: per importare correttamente il file, esso deve essere salvato nel CAD in formato DXF o
DWG classico.

www.logical.it 129
TERMOLOG – Manuale d’uso

Passiamo poi alla fase di importazione.

ATTENZIONE: prima di importare il disegno DXF/DWG ricordati di chiudere l’applicazione CAD con cui lo hai generato:
altrimenti sia l’anteprima sia l’importazione non saranno possibili.
Cliccare sul pannello DXF/DWG posto a lato dell’area di lavoro: appaiono le anteprime dei file Dxf/Dwg contenuti in un certo
percorso impostabile dall’utente avvalendosi del comando Cambia la cartella corrente , contenuto nella barra delle icone:

Inserimento di un DXF/DWG

Per aggiungere uno sfondo DXF/DWG sull’area di lavoro:


 Seleziona il disegno nell’elenco posto a destra dell’area di disegno.
 Tenendo premuto il tasto sinistro del mouse, trascinalo nell’area di disegno e rilascia il mouse.
 Si apre quindi una finestra di interfaccia nella quale è possibile selezionare/visionare alcune impostazioni generali per
l’importazione; in questa sede segnaliamo una funzionalità estremamente utile che consente di visualizzare sull’area di
lavoro un determinato layer disegnato nel file cad:

Inserimento di un DXF/DWG – Schermata di interfaccia

E’ possibile gestire la visualizzazione dei layer del disegno cad sull’area di lavoro anche dopo avere terminato l’importazione
della pianta: per fare questo è sufficiente utilizzare il pannello Layers posto a lato:

www.logical.it 130
TERMOLOG – Manuale d’uso

Pannello Layers

4.3.1.2 IMPORTAZIONE DXF/DWG CON ELEMENTI DISPERDENTI GIA’ INSERITI


TERMOLOG permette di importare sull’area di lavoro un dxf/dwg in cui, seguendo delle apposite regole di disegno, è possibile
preimpostare muri, serramenti, porte, locali, pavimenti e soffitti che saranno quindi automaticamente riconosciuti da programma
in fase di importazione.
Le principali operazioni da eseguirsi per preparare un file DXF/DWG “compatibile” con il riconoscimento diretto delle strutture in
4 sono qui di seguito elencate:

 i muri devono essere disegnati nel cad con una polilinea chiusa;
 i muri devono essere collocati su un apposito layer (ad esempio: “pareti”, “muri”);
 eventuali testi aggiunti nello stesso layer in cui sono collocati i muri verranno importati nelle note di ogni muro
importato.
 In un altro layer deve essere disegnata una polilinea che definisce il “filo” di disegno delle pareti. Ad esempio, puoi
disegnare la polilinea all’esterno delle pareti.
 le finestre devono essere disegnate nel cad con una polilinea chiusa;
 le finestre devono essere collocate su un apposito layer, distinto dal layer su cui sono collocati i muri (ad esempio:
“finestre”);
 per le finestre il testo aggiunto sullo stesso layer può essere un numero che rappresenta l’altezza da terra in centimetri
o in alternativa può essere il nome della finestra (registrato nelle note); è anche possibile fornire entrambe queste
informazioni, separandole con un “;”, mettendo prima l’informazione del nome e poi l’altezza da terra.
 le porte devono essere disegnate nel cad con una polilinea chiusa;
 le porte devono essere collocate su un apposito layer, distinto dal layer su cui sono collocati i muri (ad esempio:
“porte”);
 i pavimenti devono essere disegnati nel cad con una polilinea chiusa;
 i pavimenti devono essere collocati su un apposito layer, distinto dal layer su cui sono collocati i muri (ad esempio:
“pavimenti”);
 i soffitti devono essere disegnati nel cad con una polilinea chiusa;
 i soffitti devono essere collocati su un apposito layer, distinto dal layer su cui sono collocati i muri (ad esempio:
“soffitti”);
 i locali devono essere disegnati nel cad con una polilinea chiusa;
 i locali devono essere collocati su un apposito layer, distinto dal layer su cui sono collocati i muri (ad esempio: “locali”);

Il programma importerà il disegno delle strutture: se hai selezionato l’opzione “Associa le strutture automaticamente”, il
programma cercherà di associare al disegno di ciascuna parete e finestra un elemento preso dall’archivio di relazione.

www.logical.it 131
TERMOLOG – Manuale d’uso

L’associazione avviene confrontando gli spessori nel caso delle pareti e confrontando le misure di altezza e larghezza nel caso
delle finestre.

Il file dxf/dwg viene importato con la stessa metodologia illustrata nel paragrafo precedente:
 seleziona il disegno nell’elenco posto a destra dell’area di disegno.
 tenendo premuto il tasto sinistro del mouse, trascinalo nell’area di disegno e rilascia il mouse.
 si apre quindi una finestra di interfaccia nella quale è possibile selezionare/visionare alcune impostazioni generali per
l’importazione; è necessario specificare quali sono i layer del disegno in cui sono stati disegnati i muri e i serramenti:

 premendo su importa il programma visualizza sull’area di lavoro il disegno appena selezionato.

L’ultima informazione da fornire al programma consiste nell’indicazione della stratigrafia delle strutture utilizzate nel modello; è
necessario selezionare l’elemento disperdente (muro, finestra) sul disegno e assegnare la stratigrafia della struttura
disperdente, trascinando la stratigrafia prescelta dall’archivio delle strutture posto a lato:

www.logical.it 132
TERMOLOG – Manuale d’uso

Nella cartella Documenti\My Termolog 4\Progetti, è persente il file “Appartamento.dwg” che contiene già tutti i layer descritti in
questo paragrafo: usa il file come base di partenza per capire il funzionamento dell’importazione automatica.

4.3.2 Importazione di immagini


Accanto alla più comune importazione di file dxf/dwg, TERMOLOG consente di importare delle immagini e di usarle come
sfondo per definire le strutture disperdenti di un edificio.
Le immagini dovranno essere salvate in uno di questi formati: BMP, JPG, GIF e PNG.
Per importare una immagine si segua la stessa procedura descritta per i file DXF/DWG; l’unica differenza è che al termine
dell’importazione sarà richiesto di calibrare la scala del disegno: In pratica, occorre individuare un segmento sull’immagine
(cliccando sui due estremi) ed indicarne al programma la lunghezza reale:

Inserimento di una immagine.

In questo modo l’immagine viene calibrata e tutte le successive misurazioni svolte su di essa saranno in scala reale.

www.logical.it 133
TERMOLOG – Manuale d’uso

Puoi effettuare le operazioni di pan e zoom direttamente con il mouse:


 Zoom continuo: rotellina del mouse
 Pan: clic rotellina o clic destro + trascina.
TERMOLOG contiene un’utile funzione per importare piante catastali digitalizzate in formato pdf: all’interno di Adobe Reader è
sufficiente selezionare la pianta e copiare il contenuto della selezione; posizionandosi poi sull’area di lavoro dell’input grafico,
digitare su tastiera la combinazione ctrl+V per importare la pianta: per ottenere il fattore di scala il procedimento è analogo a
quanto illustrato qui sopra per gli altri formati.
Nel caso in cui il tuo edificio si sviluppa su più livelli, dovrai importare un disegno per ogni livello. Se i disegni dei livelli sono
diversi, il programma ti permetterà di sovrapporre al meglio le immagini con una semplice funzione presente nella finestra al
momento dell’importazione (richiamabile comunque dal menu contestuale attivato dal clic destro, tramite il comando “Sposta lo
sfondo”.
Dopo aver importato lo sfondo, il programma ti chiederà la messa in scala. Nella stessa finestra devi attivare la casella
“Visualizza sfondo del livello precedente per la calibrazione” presente in basso a sinistra.
Con il mouse sposta lo sfondo fino a che la sovrapposizione sarà perfetta. Premi OK per terminare.

Inserimento di una immagine e allineamento con il piano precedente.

4.3.3 Come definire i livelli


In TERMOLOG è possibile importare più piante dxf/dwg, al fine di rilevare le dimensioni e le misure sui diversi piani di un
fabbricato.
In generale è indifferente creare una zona termica in corrispondenza di ogni piano dell’edificio o un'unica zona termica
comprendente tutti i piani, e quindi definire più livelli con più dxf/dwg oppure un unico livello con un solo dxf/dwg.
L’obiettivo principale che si vuole perseguire introducendo un livello è quello di avere dei punti di riferimento per prendere
le misure con il mouse e quindi per, come si è detto, compilare la tabella delle dispersioni.
Supponiamo, a titolo di esempio, di volere schematizzare l’involucro disperdente di un edificio di 4 piani, importando nel
programma 4 piante dxf, da assegnare a quattro livelli differenti.
Seguendo quanto esposto nel paragrafo precedente, si comincia importando la pianta del piano interrato: l’orientamento della
pianta è impostabile ed è rappresentato dalla rosa dei punti cardinali posta sulla barra delle icone in alto:

Con il comando Cambia l’orientamento del disegno è possibile ruotare, in senso antiorario, la posizione del nord, a seconda
delle proprie esigenze.

Selezionando il comando , posto a sinistra appena sopra l’area di lavoro, si inseriscano altri 3 livelli corrispondenti al piano
terra, al piano primo ed alla copertura; il procedimento da seguire è del tutto analogo per ciascuno dei 3 nuovi livelli e in tutti e
tre i casi, subito dopo avere cliccato sul sopra citato pulsante, apparirà una finestra del tipo:

www.logical.it 134
TERMOLOG – Manuale d’uso

in cui viene richiesto di specificare:


 il nome del nuovo livello.
 la posizione del nuovo livello rispetto a quelli già presenti.
 l’altezza netta delle pareti che costituiscono il nuovo livello.
 l’altezza del soffitto.
 è possibile copiare sul nuovo livello in fase di creazione lo sfondo, le strutture e i locali del livello
corrente.
Confermata la registrazione con il tasto Ok, appare a video una nuova area di lavoro (completamente vuota) sulla quale è
possibile importare un nuovo file DXF con la procedura descritta precedentemente.
Per visualizzare le informazioni del livello corrente è sufficiente cliccare sul comando:

4.3.4 Inserimento delle strutture disperdenti: strutture opache, serramenti, ponti termici,
pavimenti e coperture
Le strutture che possono essere inserite sull’area di lavoro vengono richiamate cliccando sulle icone raccolte nel sottomenù
Elementi dell’edificio:

Elementi dell’edificio
Pavimento (su terreno e non) e soffitti

Per inserire graficamente un pavimento o un soffitto è necessario attenersi ai seguenti passaggi:

 Clic sul comando Pavimenti o Soffitti nel sottomenù Elementi dell’edificio: e


 Sul disegno DXF/DWG importato come planimetria, inserire cliccando con il tasto sinistro del mouse, in senso
orario, i punti che racchiudono il perimetro lordo della superficie disperdente.
 Terminata la selezione dei vertici che racchiudono il perimetro lordo, il programma mostra una finestra di
interfaccia, in cui l’utente può specificare la stratigrafia della struttura disperdente (accanto alla
dicitura “struttura”, scegliendo tra i pavimenti/soffitti precedentemente inclusi dall’utente nell’archivio
locale):

www.logical.it 135
TERMOLOG – Manuale d’uso

Inserimento di un elemento disperdente – Informazioni dispersioni.

 Si prema OK: il programma inserisce il nuovo elemento disperdente orizzontale nella tabella delle dispersioni
e ne dà una rappresentazione grafica sull’area di disegno.

Si sottolinea che l’area attribuita dal programma alla struttura opaca orizzontale inserita non è altro che quella misurata sul
disegno DXF, sulla base del perimetro lordo precedentemente tracciato; in alternativa è anche possibile imporre un valore
prestabilito per la superficie: comando Imponi Area/Lunghezza.

Nel caso il pavimento in questione disperdesse verso il terreno e la metodologia di calcolo prescelta per valutare questo tipo di
interazione fosse quella tabellare, nella schermata qui sopra riportata è possibile selezionare il tipo di ambiente confinante per
la stima del coefficiente btr,g.
Il fattore di esposizione è un dato specificabile solo in fase di progetto (relazione energetica).

Strutture opache (muri e partizioni)

Per inserire un muro o una partizione che si sviluppa in verticale è necessario attenersi ai seguenti passaggi:

 Clic sul pulsante Pareti/Tramezzi nel sottomenù Elementi dell’edificio: e


 Sul disegno DXF/DWG importato come planimetria, inserire cliccando con il tasto sinistro del mouse, in senso orario, i
due punti di estremità della struttura verticale in fase di inserimento: l’allineamento della parete può essere modificato in
fase di inserimento grafico, premendo la barra spaziatrice della tastiera oppure, terminato l’inserimento, dalla schermata
di interfaccia qui sotto riportata.
 Terminata la selezione dei vertici di estremità, il programma mostra una finestra di interfaccia, in cui l’utente può
specificare:
- la stratigrafia della struttura disperdente (accanto alla dicitura “struttura”, scegliendo tra le pareti precedentemente
incluse dall’utente nell’archivio locale);
- l’allineamento della parete: sinistra, destra e centro;
- è possibile specificare l’altezza dei due punti di estremità della parete: togliendo la spunta da Dimensioni
automatiche puoi inserire il valore in metri di H1 e H2 oppure, a calcolare H2 specificando l’angolo d’inclinazione
della parete in Calcola da angolo, l’inserimento di pareti inclinate risulta utile in fase di modellazione di una falda
inclinata.

Nel caso non si modifichino le altezze H1 ed H2, il programma valuterà l’altezza della parete sommando alla Hnetta del
muro (specificata in fase di creazione del livello) il valore intero o la metà dello spessore del pavimento e del soffitto (Hpav

www.logical.it 136
TERMOLOG – Manuale d’uso

e Hsoff., specificate in fase di creazione del livello), a seconda che sopra e sotto il muro in questione ci sia una zona non
riscaldata/terreno/esterno o un’altra zona riscaldata.

ATTENZIONE: Si sottolinea che l’area attribuita dal programma alla struttura opaca verticale inserita viene
calcolata considerando le informazioni sull’altezza (h1 e h2), indicate nella finestra di interfaccia dell’elemento, e la
lunghezza (L) del segmento tracciato dall’utente sul disegno DXF; in pratica:
(h + h )
Area = 1 2 × L
2
In alternativa è anche possibile imporre un valore prestabilito per la superficie: comando Imponi Area/Lunghezza.

- La maggiorazione del ponte termico associato alla parete (solo nel caso in cui i ponti termici vengano trattati con
un metodo tabellare);
- Il fattore di esposizione è un dato specificabile solo in fase di progetto (relazione energetica);
- nel menù Apporti solari la tipologia di schermatura per il calcolo degli apporti solari.

Inserimento di un elemento disperdente verticale per via grafica.

 Si prema OK: il programma inserisce il nuovo elemento disperdente verticale nella tabella delle dispersioni e ne dà una
rappresentazione grafica sull’area di disegno.

Strutture opache in detrazione

Per inserire una porta in un muro che si sviluppa in verticale è necessario attenersi ai seguenti passaggi:

 Clic sul pulsante Opaca in detrazione: ;


 Successivamente l’utente deve indicare al programma a quale struttura opaca verticale è da detrarre la struttura opaca
precedentemente definita; per far questo è sufficiente posizionarsi con il cursore sopra la struttura prescelta e fare click
con il tasto sinistro del mouse.
 Successivamente viene mostrata una finestra di interfaccia, in cui l’utente può specificare:
- la stratigrafia della struttura disperdente (accanto alla dicitura “struttura”, scegliendo tra le strutture opache
precedentemente incluse dall’utente nell’archivio locale);
- l’altezza e la larghezza della porta, in metri;
- la distanza della porta dalla base del livello, in metri;
- la distanza della porta dall’estremo del muro;
- è possibile variare la rappresentazione planimetrica della porta agendo sui comandi Rotazione, Inverti apertura X
ed Inverti apertura Y;
- La maggiorazione del ponte termico associato alla parete (solo nel caso in cui i ponti termici vengano trattati con un
metodo tabellare);

www.logical.it 137
TERMOLOG – Manuale d’uso

- Il fattore di esposizione è un dato specificabile solo in fase di progetto (relazione energetica);


- nel menù Apporti solari e ombreggiamenti la tipologia di schermatura per il calcolo degli apporti solari.

Inserimento di un elemento disperdente opaco in detrazione per via grafica.

 Si prema OK: il programma inserisce il nuovo elemento disperdente nella tabella delle dispersioni e ne dà una
rappresentazione grafica sull’area di disegno.

Finestre

Per inserire una finestra in un muro che si sviluppa in verticale è necessario attenersi ai seguenti passaggi:
 Clic sul pulsante Finestra:
 Indicare su quale struttura opaca verticale è da collocarsi la finestra precedentemente definita; per far questo è
sufficiente posizionarsi con il cursore sul disegno, sopra la struttura prescelta, e fare clic con il tasto sinistro del mouse.
 Successivamente il programma mostra una finestra di interfaccia, in cui l’utente può specificare:
- la stratigrafia dell’apertura (accanto alla dicitura “struttura”, scegliendo tra le finestre precedentemente incluse
dall’utente nell’archivio locale);
- la distanza della finestra dalla base del livello, in metri;
- la distanza della finestra dall’estremo del muro;
- l’altezza e la larghezza della finestra non sono opzionabili in quanto già definite nell’archivio del programma;
- Il fattore di esposizione è un dato specificabile solo in fase di progetto (relazione energetica);
- nel menù Apporti solari e ombreggiamenti la tipologia di schermatura per il calcolo degli apporti solari.

www.logical.it 138
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Si prema OK: il programma inserisce il nuovo elemento disperdente nella tabella delle dispersioni e ne dà una
rappresentazione grafica sull’area di disegno.

Coperture

L’inserimento e il calcolo dell’area di una copertura inclinata è intuitiva e passa per il concetto di modifica delle altezze H1 ed H2
degli estremi dei muri su cui essa viene poggiata.

Il primo passo da compiere è dunque quello di modificare le altezze dei muri su cui verrà poggiata la copertura:

 cliccare sul pulsante: e selezionare sull’area di lavoro il muro di cui voglio modificare le altezze;

 cliccare sul pulsante: Modifica;


 nella schermata che si apre togliere la spunta da Dimensioni automatiche ed inserire i valori delle altezze:

 ripetere l’operazione precedente per tutti i muri su cui poi verrà appoggiata la copertura;

Successivamente, una volta creati i punti di appoggio, è possibile inserire la copertura:

 Clic sul pulsante Copertura:


 Cliccare sui punti che descrivono il perimetro sul quale si desidera ubicare la copertura:

www.logical.it 139
TERMOLOG – Manuale d’uso

Si precisa che, affinchè l’immissione della copertura avvenga in modo corretto, il primo punto del perimetro che viene
selezionato deve coincidere con l’ultimo (si deve in pratica “chiudere” la selezione).
Cliccando sugli estremi dei muri su cui viene appoggiata la copertura, il programma riconosce l’inclinazione degli stessi ed
indica le coordinate x,y del punto sull’area di lavoro e la differenza di altezza z rispetto all’altezza base del muro (come viene
calcolata l’altezza di base è stato spiegato nel paragrafo relativo alle pareti):

ATTENZIONE: affinchè il programma sia in grado di disegnare in maniera corretta una copertura, i punti che definiscono
una struttura orientata nello spazio devono appartenere ad un piano: pertanto l’utente deve sempre suddividere la
copertura in falde e ogni falda è una struttura che appartiene ad un unico piano.

Facciamo un esempio: una copertura classica a due falde.


In questo caso, devi inserire la copertura in due tempi. La prima falda e la seconda non possono essere d efiniti come una
struttura unica. Se inserissi tutta la copertura in un colpo solo, la superficie risultante non sarebbe planare.

Ponti Termici
Nel menù relazione è stato specificato l’approccio di calcolo con cui si desidera siano trattati i ponti termici: tabellare o
analitico.
Nel caso l’approccio scelto fosse quello tabellare il ponte termico è attribuito ad un elemento mediante una maggiorazione
percentuale della trasmittanza originaria dello stesso. Per eseguire questa operazione, nella schermata di interfaccia che si
apre subito dopo avere inserito l’elemento, occorre indicare qual è la percentuale di maggiorazione dovuta alla presenza di un
ponte termico.
Nel caso l’approccio scelto fosse quello analitico, è necessario inserire il tipo di ponte termico ed indicare la geometria dello
stesso. Per procedere all’inserimento grafico fare clic sulle icone:

- per i ponti con disposizione verticale;

- per i ponti con disposizione orizzontale.


Si supponga, ad esempio, di volere inserire un ponte termico legato ad un tramezzo, con disposizione verticale rispetto alla
pianta; è sufficiente cliccare il punto in pianta in cui è collocato, automaticamente il programma assumerà come lunghezza
l’altezza di interpiano.
Per disporre un ponte termico orizzontale, ad esempio il davanzale di una finestra è necessario individuare sulla pianta non più
un singolo punto, ma un punto iniziale ed un punto finale: grazie a questa indicazione il programma calcola la lunghezza del
ponte termico orizzontale.

www.logical.it 140
TERMOLOG – Manuale d’uso

4.3.5 Inserimento dei locali: il concetto zona-locale


Terminato l’inserimento delle strutture disperdenti sull’area di lavoro è necessario procedere all’inserimento dei locali; questa
operazione può essere eseguita attraverso una duplice modalità:
 riconoscimento automatico di un locale da punto interno;
 riconoscimento automatico di un locale da layer DXF/DWG;
 disegno del locale per punti.
Per effettuare il riconoscimento automatico da punto interno di un locale è necessario cliccare, nella barra degli elementi,
sull’icona:

a questo punto cliccare con il tasto sinistro del mouse all’interno di un’area completamente racchiusa tra delle strutture
disperdenti, ad esempio, nella seguente figura la x rossa individua la posizione indicativa in cui cliccare:

A questo punto il locale viene riconosciuto in automatico e viene richiesto di assegnargli un nome, un pavimento ed un soffitto e
l’indicazione della zona termica a cui appartiene:

www.logical.it 141
TERMOLOG – Manuale d’uso

dopo avere cliccato OK, il locale viene rappresentato graficamente sull’area di lavoro:

Per effettuare il riconoscimento automatico di un locale da layer dxf/dwg è necessario cliccare, nella barra degli elementi,
sull’icona:

a questo punto cliccare su un punto generico del disegno, si apre la schermata:

In cui è possibile selezionare il layer su cui è stato disegnato il contorno del locale; il programma aggiungerà un locale in
corrispondenza del layer prima scelto.

In alternativa a questo tipo di inserimento, è possibile inserire un locale per punti, seguendo il suo perimetro. Per fare questo

cliccare, nella barra degli elementi, sull’icona: ; successivamente occorre cliccare sui vertici che delimitano il perimetro del
locale (punti blu nella figura seguente):

www.logical.it 142
TERMOLOG – Manuale d’uso

Terminata la selezione del perimetro si apre una finestra di interfaccia analoga a quanto già mostrato nel caso di
riconoscimento automatico.
ATTENZIONE: l’inserimento di un locale per punti può essere antecedente all’inserimento delle strutture disperdenti ad
esso relative: l’unica accortezza da seguire affinchè le strutture disperdenti inserite siano associate in maniera corretta al
locale è che i punti cliccati sull’area di lavoro per definire le strutture siano collocati sul contorno del locale già presente.

4.3.6 Zone non riscaldate


La creazione delle zone riscaldate e delle zone confinanti (riscaldate e/o non riscaldate) avviene utilizzando i comandi presenti
nel menù Zone ed è antecedente all’inserimento per via grafica e/o tabellare delle strutture disperdenti.
Le zone confinanti riscaldate, indipendentemente dal metodo di calcolo scelto per la valutazione delle zone confinanti nei dati
generali (vedi capitolo 3 del presente testo), non richiedono l’attribuzione tabellare/grafica delle strutture disperdenti ad esse
relative.
Le zone confinanti non riscaldate, nel caso la metodologia di calcolo prescelta per valutarle sia quella analitica, richiedono che
l’utente specifichi in fase di modellazione geometrica dell’involucro disperdente quali sono le strutture disperdenti che ad esse
afferiscono. Per fare questo è sufficiente attenersi alla seguente procedura:

 cliccare sul comando e disegnare sull’area di lavoro la pianta della zona non riscaldata;
al termine dell’inserimento si apre la seguente schermata:

Accanto alla dicitura Zona non riscaldata il programma richiede di indicare di quale zona riscaldata si sta facendo
l’inserimento grafico, scegliendo tra quelle precedentemente inserite in fase di definizione della zona (menù Zone).
 è quindi possibile assegnare alla zona non riscaldata creata le sue strutture disperdenti, usando lo stesso metodologia
ampiamente descritta per la costruzione dell’involucro riscaldato.

ATTENZIONE: le strutture disperdenti che vengono associate ad una zona non riscaldata devono essere registrate
in archivio avendo indicato come verso di dispersione: [da ZNR Vs Est].

Le zone confinanti non riscaldate, nel caso la metodologia di calcolo prescelta per valutarle sia quella tabellare, non richiedono
l’inserimento delle strutture disperdenti relative (analogamente a quanto già esposto per le zone confinanti riscaldate); è
sufficiente inserire nell’involucro disperdente riscaldato che si sta esaminando la struttura che disperde verso la ZNR, cliccando
sull’area di lavoro, indicando nella finestra di interfaccia quale tra le ZNR non riscaldate presenti è quella che si vuole utilizzare
per la struttura corrente
ATTENZIONE: Una struttura disperdente dell’involucro riscaldato che disperde verso una zona non riscaldata deve
essere stata preventivamente registrata nell’archivio con il verso di dispersione: [Vs ZNR]

4.3.7 Serre solari (solo per i possessori del Modulo PROGETTISTA)


La creazione delle serre solari, analogamente a quanto appena spiegato per le zone riscaldate e non riscaldate confinanti,
avviene utilizzando i comandi presenti nel menù Zone ed è antecedente all’inserimento per via grafica e/o tabellare delle
strutture disperdenti.

www.logical.it 143
TERMOLOG – Manuale d’uso

ATTENZIONE: La procedura di calcolo delle serre solari richiede che l’utente fornisca, in fase di definizione dell’involucro
disperdente, le strutture vetrate che delimitano la serra in analisi.
In caso di inserimento grafico di una serra solare si faccia riferimento alla seguente procedura:

 cliccare sul comando e disegnare sull’area di lavoro la pianta della serra solare;
al termine dell’inserimento si apre la seguente schermata:

Accanto alla dicitura Zona non riscaldata il programma richiede di indicare il nome della serra solare di cui si sta facendo
l’inserimento grafico, scegliendo tra quelle precedentemente inserite in fase di definizione della zona (menù Zone).
 è quindi possibile assegnare alla serra solare le sue strutture disperdenti vetrate, utilizzando i seguenti comandi:

per disegnare un elemento vetrato verticale

per disegnare un elemento vetrato orizzontale

 La tipologia di struttura vetrata viene scelta dall’utente scegliendo tra i serramenti precedentemente inseriti nell’archivio
locale del programma:

www.logical.it 144
TERMOLOG – Manuale d’uso

In caso di inserimento tabellare delle strutture disperdenti di una serra solare è sufficiente, nel menù Involucro,
selezionare dall’archivio locale della relazione il serramento che compone la serra solare e trascinarlo sulla tabella:

Una volta eseguita tale operazione indicare a quale zona (serra solare) il programma deve attribuire il serramento appena
inserito:

www.logical.it 145
TERMOLOG – Manuale d’uso

4.3.8 Pannelli
Per agevolare la creazione del modello dell’edificio, TERMOLOG mette a disposizione diversi ausili per la selezione e la modica
dei dati; in particolare verranno descritti in questo paragrafo i pannelli posti nella parte destra della schermata visibile dal menù
Involucro:

Pannelli laterali

Pannello Edificio
Questo pannello contiene il riepilogo di tutti gli elementi disperdenti e di tutte le zone/locali inseriti nel lavoro corrente.
Pannello Archivio
Cliccando sul pannello Archivio, posto a lato, è possibile ottenere un riepilogo di tutti gli elementi disperdenti facenti parte
dell’archivio locale della relazione corrente.
Pannello Proprietà
E’ possibile velocemente consultare le caratteristiche di una struttura disperdente inserita sull’area di lavoro: selezionare la
struttura ed aprire il pannello proprietà posto a lato.
Pannello Griglia e Snap
E’ possibile modificare le impostazioni generali di disegno degli elementi sull’area di lavoro: aprire il pannello Griglia e Snap e
selezionare le impostazioni desiderate.
Pannello Filtro

Cliccando il comando e poi selezionando l’elemento sull’area di lavoro è possibile selezionare i vari elementi (strutture e
locali) già inseriti; è possibile selezionare gli elementi anche utilizzando una finestra di selezione: per impostare quali sono le
strutture che si desidera includere/escludere nella selezione è sufficiente selezionare le rispettive voci nel pannello Filtro.

4.3.9 Visualizzazione 3D
L’esito della modellazione bidimensionale dell’edificio può essere visualizzato, in qualsiasi momento, mediante una vista 3D,
cliccare sul comando:

www.logical.it 146
TERMOLOG – Manuale d’uso

Il programma rappresenta tridimensionalmente l’edificio appena costruito:

Agendo sui pulsanti:

è possibile ruotare ed ingrandire il modello 3D.


E’ possibile modificare le impostazioni della rappresentazione tridimensionale agendo sul pannello Visualizzazione 3D posto a
lato:

4.4 Gli ostacoli

www.logical.it 147
TERMOLOG – Manuale d’uso

Termolog consente una semplice e veloce gestione degli ostacoli (aggetti orizzontali e verticali, ostruzioni) alla radiazione
solare incidente sulle strutture disperdenti. Vediamo come è possibile gestire questi elementi a seconda del tipo di inserimento
utilizzato per l’involucro disperdente.

4.4.1 Ostacoli con inserimento dell’involucro tabellare


Nel caso per l’inserimento dell’involucro disperdente si fosse optato per un approccio tabellare, nella barra delle icone è visibile
un gruppo di comandi che consente di gestire l’archivio degli ostacoli della relazione corrente:

Per inserire un nuovo ostacolo cliccare il comando Nuovo, il programma richiede di scegliere una delle tre tipologie di ostacolo
previste dalla normativa:

per quanto concerne le caratteristiche geometriche degli ostacoli si rimanda a quanto ampiamente descritto nel paragrafo 4.2
del presente testo.
Una volta inserito il nuovo ostacolo esso figurerà nell’archivio locale della relazione:

A questo punto, come per qualsiasi altra struttura disperdente da inserire tabellarmente nel modello dell’involucro, è sufficiente
trascinare l’ostacolo dall’archivio locale alla struttura alla quale si desidera assegnarlo: una volta assegnato, la presenza
dell’ostacolo è segnalata nella tabella delle strutture disperdenti dalla simbologia nella colonna “verso” che passa da:

a .

www.logical.it 148
TERMOLOG – Manuale d’uso

Inserimento tabellare di un ostacolo – prima del trascinamento sulla struttura

Inserimento tabellare di un ostacolo – dopo il trascinamento sulla struttura

4.4.2 Ostacoli con inserimento dell’involucro grafico


Nel caso per l’inserimento dell’involucro disperdente si fosse optato per un approccio grafico, nella barra delle icone è visibile il
comando “Ostacoli”.
Una novità di Termolog consiste nella possibilità di disegnare direttamente sulla pianta del disegno un ostacolo: il programma
valuterà poi in automatico l’influenza che la presenza di tale ostacolo esercita sulla radiazioni solari incidenti sull’involucro
disperdente.
Le tipologie di ostacolo che è possibile disegnare sono:
 Ostacolo: selezionare l’opzione ostacolo, fare clic su un punto di riferimento dell’edificio e cliccare sul disegno in
corrispondenza del punto dell’area di lavoro nel quale di desidera collocare il baricentro o uno dei vertici dell’ostacolo;
si apre la seguente finestra:

www.logical.it 149
TERMOLOG – Manuale d’uso

in tale finestra è necessario definire le caratteristiche geometriche dell’ostacolo (Larghezza, Profondità, Altezza, Angolo);
è possibile anche indicare direttamente in forma numerica le coordinate X e Y del baricentro dell’ostacolo.

 Aggetto orizzontale: selezionare l’opzione aggetto orizzontale e cliccare sul disegno i vertici che descrivono
l’aggetto orizzontale (come ad esempio un balcone); è necessario chiudere l’inserimento del poligono andando a
cliccare nuovamente sul primo punto di inserimento:

Una volta terminato il disegno del poligono rappresentante l’aggetto si apre la seguente schermata, in cui è possibile
definire alcune caratteristiche dell’aggetto:

ATTENZIONE: nella rappresentazione tridimensionale l’aggetto orizzontale viene collocato di default in


corrispondenza dell’altezza superiore del livello attivo; agendo sul parametro Delta Y è però possibile spostare
la collocazione verticale dell’aggetto.

www.logical.it 150
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Aggetto verticale: selezionare l’opzione aggetto verticale e cliccare sul disegno il punto iniziale ed il punto finale
dell’aggetto (come ad esempio un edificio confinante):

Terminato il disegno dell’aggetto si apre la seguente schermata, in cui è possibile definire alcune caratteristiche
dell’aggetto:

Una volta terminato il disegno degli aggetti, affinchè la loro presenza possa essere tenuta in conto nel calcolo degli apporti
solari delle strutture disperdenti coinvolte, è necessario cliccare nuovamente il comando Ostacoli, presente nella barra delle
icone in alto, e selezionare Calcola gli aggetti:

in questo modo il programma attribuirà gli aggetti appena disegnati alle strutture disperdenti che ne risultano essere influenzate:

www.logical.it 151
TERMOLOG – Manuale d’uso

ATTENZIONE 1: è importante tenere presente che il programma riempirà in automatico la tabella delle ostruzioni
esterne/aggetti della pertinente struttura disperdente, solo se l’utente ha selezionato in fase di inserimento dell a struttura
nel menù Apporti solari e ombreggiamenti l’opzione Calcola gli aggetti automaticamente.
ATTENZIONE 2: è importante per il calcolo delle caratteristiche geometriche delle ostruzioni esterne/aggetti che
l’inserimento grafico degli stessi avvenga con riferimento al filo esterno dell’edificio.

Per eliminare gli aggetti calcolati dal programma, clicca sul pulsante “Ostacoli”, poi seleziona il comando “Elimina gli oggetti
automatici”. Il programma eliminerà tutti gli aggetti che ha calcolato (lasciando i tuoi aggetti inalterati) e toglierà la spunta dalla
casella “Calcolo automatico aggetti” presente nel pannello “Edificio”.

Alcune note importanti sul calcolo degli aggetti:

1. Le ostruzioni sono di forma rettangolare. Se la forma del tuo ostacolo è diversa, ricordati che nel calcolo conta l’altezza
dell’ostacolo e la distanza dall’elemento ombreggiato del fronte dell’ostruzione.
2. Se hai inserito più di un edificio, il programma non calcolerà un edificio come ostruzione per un altro.
3. Gli aggetti orizzontali agiscono dal livello in cui sono stati disegnati fino al primo livello disegnato (un balcone al
secondo piano ombreggia le stutture del primo).
4. Le pareti dell’edificio possono costituire un aggetto verticale per altri elementi dello stesso edificio. Il programma ne
terrà conto.
5. Le finestre sono allineate di default sulla mezzeria del muro: ciò significa che lo spigolo del muro costituisce un aggetto
verticale. Puoi agire sulla “Distanza dal baricentro” riportata nella finestra delle proprietà delle strutture per spostare la
finestra dove ritieni (metti metà dello spessore del muro con segno positivo per allineare la finestra al filo esterno).
6. Ogni struttura può essere marcata come “Calcola aggetti automaticamente”. Puoi usare questa proprietà per escludere
dal calcolo automatico la struttura. Il programma non aggiungerà nessun aggetto su di essa.
7. Il calcolo dell’effetto degli aggetti si basa su una serie di calcoli geometrici effettuati dal programma. Ricordati di
verificare sempre la validità dei risultati ottenuti.

8. Il calcolo dell’effetto degli aggetti si basa su una serie di calcoli geometrici effettuati dal programma. Ricordati di
verificare sempre la validità dei risultati ottenuti.

www.logical.it 152
TERMOLOG – Manuale d’uso

Struttura disperdente: Distanza dal baricentro

4.5 Tabella delle dispersioni


Per visualizzare l’elenco delle strutture disperdenti inserite, suddivise per zona e locale di assegnazione, cliccare il comando
Tabellare nella barra delle icone; nella parte destra della schermata il programma visualizza 2 sottomenù:
 Tabellare;
 Tabellare + Grafico;

Nel sottomenù Tabellare sono sintetizzate le strutture disperdenti inserite nel modello per via tabellare, mentre nel sottomenù
Tabellare+Grafico sia quelle inserite tabellarmente che per via grafica.

www.logical.it 153
TERMOLOG – Manuale d’uso

4.6 Riassunto risultati relativi all’involucro


Terminata la costruzione dell’edificio, è possibile visualizzare una tabella riepilogativa contenente i coefficienti di dispersione per
trasmissione e ventilazione dell’involucro. Cliccare sul comando Fabbisogno:

Viene visualizzato un riassunto dettagliato dei coefficienti di trasmissione H tr (distinguendo tra Hd, Hu, Hg in base al verso di
dispersione) e di ventilazione HV per tutte le zone dell’edificio: consultando i risultati numerici e le rappresentazioni grafiche è
possibile ottenere delle utili informazioni per caratterizzare il comportamento dell’involucro in esame.

4.7 Calcolo di progetto


Esclusivamente nel modulo Progettista, TERMOLOG mette a disposizione dell’utente un riepilogo delle principali informazioni
necessarie per stimare il carico termico di progetto dell’edificio che il relativo impianto di riscaldamento dovrà soddisfare.
Per consultare queste informazioni cliccare il comando Invernale:

www.logical.it 154
TERMOLOG – Manuale d’uso

In particolare i dati forniti riguardano


- dispersione termica totale di progetto (trasmissione Ft e ventilazione Fv);
- potenza di ripresa (Frh per tenere in conto che in una conduzione dell’impianto di riscaldamento non continua è
necessario fornire una potenza aggiuntiva prima di raggiungere le condizioni di regime);
- carico termico di progetto (Fhl = Ft + Fv + Frh).

www.logical.it 155
TERMOLOG – Manuale d’uso

L’impianto
5.1 Compilazione dell’impianto con Wizard
Nel caso di impianti convenzionali (radiatori + caminetto, pompa di calore split, pannelli radianti + caminetto + pompa di calore
...) Termolog offre la possibilità di utilizzare il Wizard, un sistema di auto compilazione dell’impianto che permette di generare
correttamente i legami tra ZONE, SISTEMI IMPIANTISTICI e SISTEMI DI GENERAZIONE.
Il Wizard si propone di risolvere le configurazioni più comuni e non di trattare tutte le casistiche, che sono invece impostabili
manualmente nei menù Climatizzazione invernale, ACS e Climatizzazione estiva.

Selezionando uno dei menù Climatizzazione invernale, ACS o Climatizzazione estiva si può accedere al Wizard per la
compilazione guidata dell’impianto:

Riscaldamento
All’avvio del Wizard compare la schermata relativa al Riscaldamento, procedere con la generazione dell’impianto selezionando
la tipologia o le tipologie di sistema di emissione presenti:

Sistema impiantistico Idronico

www.logical.it 156
TERMOLOG – Manuale d’uso

Sistema impiantistico diretto

Sistema ad aria canalizzata

ATTENZIONE:
Per attivare un circuito ad aria canalizzata è necessario seguire i seguenti passaggi
Attivare il servizio di ventilazione nel menù Relazione:

www.logical.it 157
TERMOLOG – Manuale d’uso

Successivamente passare al menù Zone e impostare la ventilazione meccanica nei locali interessati, facendo attenzione a
selezionare la presenza di un flusso d’aria esterno:

Per completare l’inserimento dei dati selezionare il comando: apparirà la seguente schermata:

Impostare il tipo di funzionamento: ventilazione meccanica controllata da impianto di climatizzazione e impostare i valori di
rendimento e portata e concludere l’operazione.
Sarà ora possibile nella sezione Wizard impostare un circuito ad aria canalizzata.

Una volta selezionato il terminale di emissione, impostare il generatore. Nel menù a tendina corrispondente sono presenti
tipologie di generatori standard, tuttavia è possibile selezionare uno specifico generatore accedendo all’archivio interno di
Termolog:

www.logical.it 158
TERMOLOG – Manuale d’uso

Nella parte destra della schermata Wizard è possibile specificare a quali unità immobiliari e a quali zone assegnare l’impianto
selezionato:

Questa impostazione è modificabile in seguito all’interno dei menù specifici, senza dover ricorrere alla procedura Wizard.

Se si scelgono più sistemi impiantistici, ad esempio un sistema impiantistico idronico a radiatori in concomitanza con un sistema
diretto, un camino, la scelta del generatore di calore è inibita in quanto è necessario in questo caso avere due generatori distinti.
Accedendo al menù Generatori il Wizard avrà creato già due sistemi di generazione connessi ai sistemi impiantistici idronico e
diretto scelti in questo caso. Basterà

semplicemente aggiungere i generatori di calore all’interno dei sistemi di generazione per terminare l’inserimento dell’impianto.
Mettendo la spunta sulla casella Mantieni l’impianto è possibile modificare i dati relativi ai sistemi di ACS e Climatizzazione
estiva senza che le scelte relative alla climatizzazione invernale subiscano alcun cambiamento.

ACS
Per proseguire nella creazione dell’impianto accedere alla schermata di controllo dell’ACS cliccando Avanti:

www.logical.it 159
TERMOLOG – Manuale d’uso

È possibile impostare il tipo di generazione (separata o combinata) e il generatore relativo. Nel caso di generazione separata
per la selezione del generatore si procede in modo analogo a quanto previsto nella sezione Riscaldamento.

Raffrescamento
Se nel menù Relazione è stato attivato il sistema di raffrescamento, nel Wizard sarà visibile la schermata corrispondente:

La tipologia di terminale selezionato di default è lo split per raffrescamento. Deselezionando questa tipologia si può accedere al
sistema idronico o ad aria canalizzata, quest’ultimo solamente se previsto in precedenza nei menù Zone e Relazione, come
indicato nella nota superiore. Anche in questo caso è possibile selezionare un esempio di generatore o accedere all’archivio di
Termolog.

Si sottolinea infine che dopo aver utilizzato il Wizard è necessario sempre verificare e completare i dati relativi ai
sottosistemi di utilizzazione come emissione, regolazione e distribuzione agli ambienti. Se non si esegue alcuna scelta
TERMOLOG utilizzerà i dati di default che possono non essere coerenti con il tipo di edificio da progettare o certificare.

www.logical.it 160
TERMOLOG – Manuale d’uso

ATTENZIONE: i comandi riportati nei paragrafi 5.2 – 5.4 fanno riferimento unicamente al caso in cui sia stato impostato il
metodo di calcolo secondo norma UNI TS 11300:2008, che viene selezionato in automatico quando si imposta il riferimento
normativo di Regione Lombardia: D.G.R. 8/8745.

In questa sezione vengono inserite le informazioni inerenti l’impianto dell’edificio in analisi:

L’impostazione dell’impianto avviene mediante la compilazione dei dati contenuti nei seguenti menù:

 Climatizzazione invernale: definizione dei circuiti di zona per il servizio di riscaldamento e delle opzioni generali;
 ACS: definizione dei circuiti di zona per il servizio di produzione ACS;
 Generatori: definizione dei circuiti primari e dei sistemi di generazione.

5.2 Climatizzazione invernale – UNITS 11300: 2008

5.2.1 Opzioni
L’inserimento dell’impianto in Termolog deve essere realizzato seguendo il percorso logico “suggerito” nel diagramma ad
albero, posto nella parte sinistra dell’area di lavoro del menù Climatizzazione Invernale.

Le prime informazioni che è richiesto di specificare sono le Opzioni generali dell’impianto:

Climatizzazione invernale – Definizione delle impostazioni generali

Nella parte destra della schermata il programma esplicita quali sono i dati da inserire, sottoforma dei seguenti sottomenù:
 Impianto di riscaldamento
 Impianto di produzione di acqua calda sanitaria
 Caratteristiche del sistema di generazione
 Fattori di conversione in energia primaria

www.logical.it 161
TERMOLOG – Manuale d’uso

IMPIANTO DI RISCALDAMENTO

Indicare se l’edificio in esame è dotato di impianto di riscaldamento; non indicando la presenza di alcun impianto, il programma
effettuerà il calcolo “senza impianto”, sulla base di quanto previsto dalla normativa nazionale.
Indicare con quale metodo si desidera valutare le perdite del sistema di distribuzione per l’impianto di riscaldamento scegliendo
tra:
 Tabellare: le perdite di distribuzione verranno valutate con il ricorso a rendimenti di distribuzione
precalcolati, ricavati dai prospetti contenuti nella parte 2 della norma UNI TS 11300.
 Dispersioni: le perdite di distribuzione verranno valutate mediante il metodo analitico descritto
nell’appendice A della parte 2 della norma UNI TS 11300.

IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ACS

Analogamente a quanto già visto per il riscaldamento occorre indicare con quale metodo si desidera valutare le perdite del
sistema di distribuzione per l’impianto di produzione di ACS scegliendo tra:
 Tabellare: le perdite di distribuzione verranno valutate con il ricorso a rendimenti di distribuzione
precalcolati, ricavati dai prospetti contenuti nella parte 2 della norma UNI TS 11300.
 Dispersioni: le perdite di distribuzione verranno valutate mediante il metodo analitico descritto
nell’appendice A della parte 2 della norma UNI TS 11300.

CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI GENERAZIONE

Indicare il metodo di calcolo con cui verrà valutato il sistema di generazione nel caso di caldaie a combustibili fossili o caldaie a
biomassa.
I metodi di calcolo tra cui è possibile scegliere sono:
 Semplificato: le perdite di generazione verranno valutate con riferimento al par.6.8 della parte 2 della
norma UNI TS 11300.
 Analitico appendice B.2: le perdite di generazione verranno valutate con riferimento al par.B.2
dell’appendice B alla norma UNI TS 11300, parte 2. Questo metodo è utilizzabile solo per generatori di
calore conformi alla Direttiva 92/42/CEE.
 Analitico appendice B.3: le perdite di generazione verranno valutate con riferimento al par.B.3
dell’appendice B alla norma UNI TS 11300, parte 2.
L’adozione dell’approccio di calcolo più appropriato, come specificato nel §6 delle UNI EN 11300-2, dipende dal tipo di
valutazione energetica che si intende realizzare: la scelta è quindi onere dell’Utente.

In questa sezione viene indicato al programma il tipo di produzione di ACS e di riscaldamento presente nell’edificio, scegliendo
tra una produzione separata tra ACS e riscaldamento e una produzione combinata, in cui il medesimo sistema di generazione
è impiegato sia per produrre acs che riscaldamento.
Una annotazione: nel caso di file contenenti più impianti termoautonomi in questa tabella è possibile assegnare il tipo di
produzione a ciascuna delle u.i. (quindi ciascuno degli impianti termoautonomi) coinvolte nella modellazione.

www.logical.it 162
TERMOLOG – Manuale d’uso

Nell’ultima colonna viene richiesto di specificare una informazione circa l’eventuale presenza di una priorità sulla produzione di
acs, potendo scegliere tra una produzione contemporanea (senza priorità) tra acs e riscaldamento oppure attribuendo una
priorità all’acs.
E’ possibile inoltre fare valutare al programma il fabbisogno di energia primaria sulla base di un rendimento medio globale
stagionale imposto; per fare questo è sufficiente selezionare l’apposita opzione:

Indicare se il rendimento globale lo si vuole imporre al riscaldamento o alla produzione di acs (o a entrambi) e cliccare su
inserisci i dati:

È possibile imporre direttamente il valore del rendimento globale sull’intero edificio oppure indicare una percentuale per singola
zona riscaldata.
L’imposizione del rendimento globale permette di stimare a partire dal valore del fabbisogno energetico dell’edificio il relativo
fabbisogno di energia primaria: una volta imposto tale valore non sarà quindi più necessario inserire le informazioni riguardanti il
relativo impianto.

FATTORI DI CONVERSIONE IN ENERGIA PRIMARIA

Indicare il fattore di conversione in energia primaria per il vettore o i vettori energetici utilizzati nel calcolo; come è possibile
notare dalla schermata, il programma richiede tre informazioni per ogni vettore energetico:
 fp,ren. Fattore di conversione in energia primaria del vettore “fonte energetica rinnovabile” (ren).
 fp,nren. Fattore di conversione in energia primaria del vettore “fonte energetica non rinnovabile” (nren).
 fp. Fattore di conversione in energia primaria del vettore energetico.
L’energia prodotta dai vari vettori energetici è divisa nelle seguenti 3 categorie:

www.logical.it 163
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Energia fornita da vettori energetici finali “off-site”. Si tratta dell’energia fornita dal vettore energetico i-
esimo e proveniente dall’esterno del confine dell’edificio: si pensi ad esempio all’energia fornita da una
caldaia a combustione, il cui vettore energetico (metano) è fornito alla caldaia dall’esterno, non è cioè
prodotto all’interno dell’edificio.
 Energia fornita da fonti energetiche “on-site”. Si tratta della quantità di energia da fonti rinnovabili
prodotta o catturata “all’interno” (on-site) del confine del sistema edificio che viene convertita in energia
primaria in base al fattore fp,ren.
 Energia esportata. Si tratta dell’energia prodotta in sovrappiù ed esportabile all’esterno dell’edificio;
essenzialmente ci si riferisce all’energia elettrica prodotta dal fotovoltaico o dalla cogenerazione: un tipo di
energia non rinnovabile.
La suddivisione dell’ energia primaria in una aliquota rinnovabile (ren, f p,ren) e non rinnovabile (nren, fp,nren), nasce dall’esigenza
di implementare il metodo di calcolo indicato dal CTI per la valutazione della quota di rinnovabile (QR) usata per soddisfare le
esigenze di riscaldamento e di produzione di acs e la verifica del Dlgs n.28.
La tabella appena descritta è personalizzabile dall’utente; di default sono riportati i valori dei fattori di conversione suggeriti dalle
Raccomandazioni CTI.

5.2.2 Alcune precisazioni sulla modalità di produzione ACS


Nel paragrafo precedente è stato spiegato che nelle Opzioni generali dell’impianto è compito dell’utente indicare il tipo di
produzione di ACS e di riscaldamento presente nella/e unità immobiliari che compongono l’edificio, scegliendo tra una
produzione separata tra ACS e riscaldamento e una produzione combinata, in cui il medesimo sistema di generazione è
impiegato sia per produrre acs che riscaldamento.
Termolog , a seconda che il tipo di impianto realizzato sia termoautonomo e centralizzato, permette di gestire le seguenti
modalità di produzione di ACS:

ACS separata da Riscaldamento


 Autonomo a servizio di una unica unità: questo è il tipico caso in cui la produzione di acs è realizzata
con scalda-acqua autonomi di tipo istantaneo o ad accumulo; il rendimento di generazione per la
produzione di acs sarà stimato con riferimento al Prospetto 31 della parte 2 delle UNI TS 11300.
ATTENZIONE: rientra in questa scelta anche il caso di un edificio con riscaldamento centralizzato, in
cui i singoli appartamenti sono dotati di uno scalda-acqua autonomo per la produzione di acs
 Centralizzato a servizio di più unità: in questo caso rientra l’edificio con riscaldamento centralizzato in cui
la produzione di acs è realizzata mediante un generatore dedicato, distinto dal generatore che opera il
riscaldamento, che serve tutte le unità immobiliari presenti nell’edificio.

Combinata per ACS e Riscaldamento


 Autonomo a servizio di una unica unità: in questo caso un unico generatore è destinato a produrre acs e
riscaldare l’edificio.
ATTENZIONE 1: rientra in questa scelta il caso del tipico appartamento termoautonomo in cui una
singola caldaia è impiegata per soddisfare riscaldamento e acs.

ATTENZIONE 2: questa opzione presuppone l’attivazione di una priorità sulla produzione di ACS e
si calcolano le ore nel mese in cui il generatore deve funzionare per produrre il fabbisogno mensile
richiesto.

Nei mesi in cui è presente il riscaldamento, il tempo di attivazione del gene ratore è stimato in questo
modo:
- riscaldamento: t risc = [Qh,nd / (Qh,w + Qh,nd )] x 24h
- acs: tacs = [Qh,w / (Qh,w + Qh,nd)] x 24h

 Centralizzato a servizio di più unità:


- con priorità sulla produzione di acs: questo caso è analogo a quanto già spiegato in
precedenza.
- con funzionamento contemporaneo per i due servizi: in questo caso alla caldaia è
attribuito tutto il fabbisogno di energia per la produzione di ACS e riscaldamento.

www.logical.it 164
TERMOLOG – Manuale d’uso

5.2.3 Opzioni impianto

Indicare la composizione dell’impianto di riscaldamento e/o produzione di acs. Le informazioni che l’utente deve specificare
sono:
 Il programma consente all’utente di specificare il rendimento globale sia per il riscaldamento che per la
produzione di acs.
Supponiamo di volere inserire il rendimento medio stagionale dell’impianto di riscaldamento:

Cliccare su Inserisci qui i dati:

È possibile imporre direttamente il valore del rendimento globale sull’intero edificio oppure indicare una
percentuale per singola zona riscaldata.
L’imposizione del rendimento globale permette di stimare a partire dal valore del fabbisogno energetico
dell’edificio il relativo fabbisogno di energia primaria: una volta imposto tale valore non sarà quindi più
necessario inserire le informazioni riguardanti il relativo impianto.

5.2.4 Circuiti di zona

Climatizzazione invernale – Circuiti di zona


Nella figura qui sopra riportata è visibile una tipica rappresentazione di un circuito di zona associato alla zona termica; il
programma consente di inserire tanti circuiti di zona quante sono le zone riscaldate presenti all’interno di una unità immobiliare.
E’ importante sottolineare che a seconda della tipologia di edificio esame (centralizzato o termoautonomo, con una o più unità
immobiliari) il programma varierà i sottosistemi modificabili nei circuiti di zona per riscaldamento:

www.logical.it 165
TERMOLOG – Manuale d’uso

Climatizzazione invernale – Circuiti di zona – Tipologia Edificio: Termoautonomo

Climatizzazione invernale – Circuiti di zona – Tipologia Edificio: Centralizzato


Il circuito di zona riguarda da una parte il Riscaldamento, dall’altra l’ACS; nella sezione Riscaldamento del circuito di zona è
possibile accedere ai sottosistemi che compongono la parte di utilizzazione per il servizio di riscaldamento:
 Emissione;
 Regolazione;
 Distribuzione (solo con metodo di calcolo dettagliato e edificio centralizzato);
 Accumulo (solo per edificio centralizzato).
I dati di ciascun sottosistema sono relativi alla unità immobiliare e alla zona termica di pertinenza, pertanto, nel caso l’edificio in
esame fosse costituito da più unità immobiliari e da più zone termiche, è necessario specificare per ciascuna di esse i dati che
caratterizzano ogni sottosistema.
Vediamo di analizzare in dettaglio il contenuto delle finestre di inserimento per ciascun sottosistema.

www.logical.it 166
TERMOLOG – Manuale d’uso

EMISSIONE

Impianto – Riscaldamento – Circuiti di zona – Sottosistema di emissione

In questa sezione sono fornite le indicazioni per la stima del rendimento e (e quindi delle perdite Ql,e) e dei fabbisogni elettrici
Qaux,e del sottosistema di emissione dell’impianto di riscaldamento.
Per valutare il rendimento di emissione, occorre in primo luogo considerare l’altezza H del locale in cui è installato il corpo
scaldante.
Per altezze inferiori a 4m si fa riferimento al prospetto corrispondente contenuto nella norma UNI TS 11300-2. Occorre quindi
specificare:
 Terminale di erogazione. E’ possibile scegliere tra:

 Il rendimento di emissione viene inoltre corretto tenendo conto di queste ulteriori indicazioni:

Per altezze superiori a 4m si fa riferimento al prospetto corrispondente contenuto nella norma UNI TS 11300-2. Occorre quindi
specificare:
 Descrizione. Indicare il tipo di terminale di emissione scegliendo tra:

 Altezza locale. Specificare l’altezza del locale, scegliendo tra 6, 10 e 14m. Per altezze intermedie si consiglia di
specificare la più vicina.
Per valutare il fabbisogno di energia elettrica del sottosistema di emissione Q aux,e, sulla base del prospetto 37 delle UNI
TS 11300-2, è necessaria la compilazione dei seguenti dati:
 Categoria di terminali. Indicare la tipologia del terminale di emissione, è possibile scegliere tra:

www.logical.it 167
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Portata d’aria. Questo menù è visibile solo nel caso in cui sia stata scelta una tipologia di terminale con ventilatore.
 Funzionamento del ventilatore. Indicare se il ventilatore è sempre in funzione o si blocca al raggiungimento della
temperatura prefissata; anche questo menù è visibile solo nel caso di terminali con ventilatore.
 Potenza ausiliari. Indicare la potenza elettrica degli ausiliari elettrici del sottosistema di emissione. L’utente può
decidere se compilare autonomamente questo campo oppure accettare il valore proposto dal programma sulla base
del prospetto 37 delle UNI TS 11300-2.
 Dati caratteristici dei terminali di emissione. Questi dati sono necessari solo nel caso in cui si voglia calcolare con
i metodi analitici della distribuzione e della generazione (per maggiori informazioni su questo argomento si consultino
UNI TS 11300-2 appendici A e B). Cliccando sul relativo comando, il programma apre la seguente finestra:

Impianto – Riscaldamento – Circuiti di zona – Sottosistema di emissione - Parametri dei terminali di emissione

 f,des. Temperatura di mandata di progetto.


 r,des. Temperatura di ritorno di progetto.
 des. Differenza tra la temperatura media tra mandata e ritorno di progetto e la temperatura ambiente.
 Locale. Viene riportato l’elenco dei locali appartenenti alla zona. Indicare in questa sezione qual è il locale a cui si
riferiscono le caratteristiche dei corpi scaldanti inserite nelle caselle successive; terminato l’inserimento dei dati
relativi ad un locale, premere il tasto Salva locale per memorizzare le informazioni.
E’ anche possibile assegnare i dati caratteristici di un locale ad altri locali, semplicemente cliccando il comando
Copia i dati correnti dei terminali in tutti gli altri locali.
 n. Esponente della curva caratteristica del terminale scaldante: è un dato solitamente fornito dal fabbricante.
 B. Costante del corpo scaldante: è un dato solitamente fornito dal fabbricante. In alternativa è possibile ricavare
questo coefficiente a partire dalla Potenza di riferimento dell’unità terminale (Pt) e dal Salto termico di
riferimento (ref), forniti anch’essi dal produttore.
 Φ’e,des. Potenza di progetto del singolo elemento (o al m2 per i pannelli radianti) dell’unità terminale scaldante.
Questa casella viene compilata dal programma, premendo il pulsante Calcola.

2
Coefficiente moltiplicatore. Indicare il numero di elementi (o di m per i pannelli radianti) del corpo scaldante.
 Φe,des. Potenza di progetto delle unità terminali presenti nel locale, pari a: Φ’ e,des × coeff. moltiplicatore.
 La potenza totale emessa dai terminali della zona può essere calcolata, sulla base dei parametri dei terminali di
emissione oppure può essere un dato noto inserito direttamente dall’utente.
Nell’ultima casella il programma indica la potenza termica di progetto di tutti i terminali scaldanti presenti nella zona termica in
esame.

www.logical.it 168
TERMOLOG – Manuale d’uso

REGOLAZIONE

Impianto – Riscaldamento – Circuiti di zona – Sottosistema Regolazione.

In questa sezione occorre fornire le indicazioni per la stima del rendimento rg (e quindi Ql,rg) del sistema di regolazione
dell’impianto di riscaldamento.
Le UNI TS 11300-2 consentono di trascurare i consumi elettrici del sottosistema di regolazione.
 Tipo di regolazione. E’ possibile scegliere tra:

 Caratteristiche. Specificare le caratteristiche del tipo di regolazione:

Questo menù non è visibile per sistemi di regolazione di tipo Solo climatica.
 Sistemi a. Indicare se il sistema di emissione è a bassa o elevata inerzia termica.

DISTRIBUZIONE

Questo sottosistema è visibile solo se:


 nella sezione Opzioni sia stato scelto di effettuare il calcolo del sistema di distribuzione per il riscaldamento con il
metodo dettagliato:

Infatti, nel caso si opti per una distribuzione tabellare, la distribuzione viene valutata con un approccio tabellare
mediante rendimenti precalcolati e la normativa non prevede la suddivisione della rete di distribuzione in singoli circuiti
(primario e secondario): le perdite sulla rete di distribuzione vengono valutate globalmente, mediante valori tabellati del
rendimento la cui determinazione è svolta sulla base dei dati inseriti nel circuito primario (e unico) di distribuzione.
 la tipologia dell’edificio in esame è centralizzato.
Nel caso una delle due condizioni precedenti non fosse verificata, il programma non visualizza il sottosistema di distribuzione
nei circuiti di zona, ma esclusivamente nel circuito primario.
Il metodo dettagliato calcola le perdite di distribuzione per singolo tratto di tubo: è necessario quindi scomporre la rete in
sottoreti, individuando i circuiti di zona ed il circuito primario. In questa sezione del programma si può procedere alla
modellazione dei circuiti di zona (circuiti secondari), completando la seguente schermata:

Impianto – Riscaldamento – Circuiti di zona – Sottosistema Distribuzione – Metodo di calcolo dettagliato.

Il metodo di calcolo dettagliato per le perdite di distribuzione è illustrato nei suoi contenuti nell’ Appendice A della norma
UNI TS 11300 parte 2.

www.logical.it 169
TERMOLOG – Manuale d’uso

Il programma richiede all’Utente di inserire i dati necessari per stimare le perdite di distribuzione Ql,d, in particolare è necessario
specificare la geometria e le caratteristiche delle tubazioni che compongono il circuito secondario in esame.
Per aggiungere un nuovo tubo si faccia click sul comando Aggiungi tubo, si apre una schermata costituita da 3 sottomenù:

Nel sottomenù Classificazione tubazione viene richiesto di specificare:

 Descrizione. Indicare una breve descrizione della tubazione da inserire.


 Tipo. Le tipologie di tubazione tra cui è possibile scegliere sono:

Le opzioni che il programma offre per la tipologia di tubo seguono quanto previsto dalle UNI TS 11300-2, nel §A.5.
Nel sottomenù Dati e calcolo trasmittanza lineica viene richiesto di specificare i dati di input per calcolare il parametro di
trasmittanza lineica Ui del tubo i-esimo; si sottolinea che non tutte le grandezze mostrate nella seguente finestra sono
modificabili dall’Utente: a seconda del tipo di tubo prescelto, le grandezze modificabili dall’Utente variano:

www.logical.it 170
TERMOLOG – Manuale d’uso

In particolare:
Tipo tubazione Schema grafico Grandezze da specificare

- d = diametro esterno della tubazione;


Tubazioni non isolate
- L = lunghezza netta del tubo;
correnti in aria
all’esterno dell’edificio - informazione circa eventuale
(1)
interruzione isolamento ;

- d = diametro esterno della tubazione;


- L = lunghezza netta del tubo;
Tubazioni non isolate
correnti in aria Vedi sopra - informazione circa eventuale
(1)
all’interno dell’edificio interruzione isolamento ;
- indicazione dell’ambiente interno nel
(2)
quale è collocato il tubo ;

www.logical.it 171
TERMOLOG – Manuale d’uso

- d0 = diametro esterno della tubazione;


- L = lunghezza netta del tubo;
- informazione circa eventuale
(1)
interruzione isolamento ;
Tubazioni isolate - numero j degli strati isolanti
(3)
;
correnti in aria
all’esterno dell’edificio - partendo dallo strato più interno
occorre specificare, per ciascuno
strato isolante:
- conduttività [W/ (m K);
- diametro esterno dello strato
isolante [mm].

- d0 = diametro esterno della tubazione;


- L = lunghezza netta del tubo;
- informazione circa eventuale
(1)
interruzione isolamento ;
- indicazione dell’ambiente interno nel
(2)
Tubazioni isolate quale è collocato il tubo ;
correnti in aria Vedi sopra (3)
- numero j degli strati isolanti ;
all’interno dell’edificio
- partendo dallo strato più interno
occorre specificare, per ciascuno
strato isolante:
- conduttività [W/ (m K);
- diametro esterno dello strato
isolante [mm].

- d0 = diametro esterno della tubazione;


- L = lunghezza netta del tubo;
- informazione circa eventuale
(1)
interruzione isolamento ;
- indicazione della disposizione del
(4)
muro in cui è collocato il tubo ;
(3)
- numero j degli strati isolanti ;
Tubazioni singole
incassate nella - partendo dallo strato più interno
muratura o interrate occorre specificare, per ciascuno
strato isolante:
- conduttività [W/ (m K)];
- diametro esterno dello strato
isolante [mm].
- G = conduttività del materiale attorno
alla tubazione [W/ (m K)];
- z = profondità di incasso [m].

www.logical.it 172
TERMOLOG – Manuale d’uso

- d0 = diametro esterno della tubazione;


- L = lunghezza netta del tubo;
- informazione circa eventuale
(1)
interruzione isolamento ;
- indicazione della disposizione del
(4)
muro in cui è collocato il tubo ;
(3)
- numero j degli strati isolanti ;
Tubazioni in coppia - partendo dallo strato più interno
incassate nella occorre specificare, per ciascuno
muratura o interrate strato isolante:
- conduttività [W/ (m K)];
- diametro esterno dello strato
isolante [mm].
- G = conduttività del materiale attorno
alla tubazione [W/ (m K)];
- z = profondità di incasso [m];
- E = interasse delle tubazioni [m]

- d0 = diametro esterno della tubazione


senza isolamento;
- L = lunghezza netta del tubo;
Tubazioni isolate - informazione circa eventuale
(1)
precalcolate interruzione isolamento ;
- indicazione della percentuale dello
spessore indicato nell’allegato B del
(5)
D.P.R. 412/93 .
(1)
Con riferimento a quanto riportato nel §A.5.7 delle UNI TS 11300-2, il programma, mediante un allungamento
fittizio della tubazione, permette di tenere in conto della presenza di eventuali singolarità lungo la tubazione
stessa:

(2)
L’Utente deve indicare al programma qual è l’ambiente in cui è posizionata la tubazione in esame per potere
stimare la temperatura di tale ambiente (a).
(3)
Indicare il numero degli strati isolanti di cui è composto il tubo.
(4)
Specificare se il muro in cui è collocato il tubo è:

(5)
Nel §A.5.6 delle UNI EN TS 11300-2, sono indicate delle formule semplificate (usate dal programma) che
permettono di calcolare la trasmittanza lineica della tubazione in funzione del diametro esterno della
tubazione senza isolamento, distinguendo a seconda che tra:
- tubazioni isolate secondo spessore completo indicato nell’allegato B del D.P.R. 412/93;
- tubazioni isolate secondo spessore completo indicato nell’allegato B del D.P.R. 412/93 moltiplicato per 0,5;
- tubazioni isolate secondo spessore completo indicato nell’allegato B del D.P.R. 412/93 moltiplicato per 0,3.
Una volta inseriti tutti i dati di input richiesti, il programma calcola la trasmittanza lineica della tubazione:

L’Utente può anche decidere di inserire manualmente il dato di trasmittanza lineica, non utilizzando il calcolo automatico svolto
dal programma; per far questo è sufficiente deselezionare l’opzione:

Si fa presente che in taluni casi non è possibile esprimere un singolo valore per la trasmittanza lineica, in quanto la
molteplicità dei parametri coinvolti (in particolare, la temperatura del fluido in circolazione nella tubazione e la temperatura
dell’ambiente in cui giace la tubazione) fa sì che la trasmittanza lineica della tubazione abbia una variabilità mensile; in
questi casi il programma indica genericamente “variabile” nella tabella riepilogativa degli elementi che costituiscono il
circuito:

www.logical.it 173
TERMOLOG – Manuale d’uso

Terminato il calcolo della trasmittanza lineica U per ciascun tubo e cliccando sul comando OK, il programma ritorna alla
schermata di partenza nella quale vengono elencate tutte le tubazioni che costituisco il circuito in analisi.

Nel secondo riquadro Fabbisogni ausiliari elettrici vengono richiesti i dati necessari per valutare il fabbisogno di energia elettrica
per la distribuzione sulla base di quanto indicato nelle UNI EN TS 11300-2.
 Fluido termovettore. Indicare se il fluido termovettore è acqua o aria.
 Tipo. Indicare il tipo di funzionamento della pompa; è possibile scegliere tra:
- funzionamento a velocità costante, a cui corrisponde F V = 1;
- funzionamento a velocità variabile, a cui corrisponde FV = 0,6.
 Tempo di attivazione. In questa zona devono essere fornite informazioni necessarie per valutare il tempo di
attivazione della pompa di circolazione (tPO) o del ventilatore, nel caso di impianto ad aria.
 Potenze ausiliari [W]. Indicare la potenza elettrica della pompa in condizioni di progetto (W aux,d).
L’Utente può decidere se inserire autonomamente questo dato, ricavandolo dalla scheda tecnica, oppure avvalersi
delle procedure guidate cliccando su calcola.
Le procedure guidate proposte dal programma si basano sulle formule (23),(24) e (25), (26) delle UNI EN TS 11300-
2, rispettivamente per fluido termovettore acqua e aria.
Nel caso il metodo di calcolo utilizzato per la valutare la distribuzione è quello dettagliato, nel bilancio complessivo di energia la
normativa è necessario considerare anche i recuperi di energia termica: affinchè il programma consideri il recupero nel bilancio
di energia occorre specificare che:

non selezionando questa opzione il programma assumerà nulli i recuperi anche nel caso di metodo dettagliato per la
distribuzione.

ACCUMULO

www.logical.it 174
TERMOLOG – Manuale d’uso

Impianto – Riscaldamento – Circuiti di zona – Sottosistema Accumulo.

In questa sezione è possibile inserire un eventuale accumulo al circuito di zona per riscaldamento: da notare che il sottosistema
di accumulo è inseribile solo nel caso in cui la tipologia di impianto fosse “centralizzato”.
I dati da inserire in questa zona sono finalizzati alla determinazione delle perdite del sottosistema di accumulo (Q l,s), sulla base
di quanto indicato nelle UNI EN TS 11300-2.
 kboll [W/K]. Coefficiente di dispersione termica dell’apparecchio di accumulo.
 svg,s [°C]. Temperatura media dell’accumulo.
 a [°C]. Temperatura ambiente del locale di installazione dell’accumulo.

Nel caso il valore di kboll non sia noto a priori, il programma consente di calcolarlo: si selezioni e si
inseriscano i seguenti dati:
 SS [m ]. Superficie esterna dell’apparecchio di accumulo.
2

 dS [mm]. Spessore dello strato isolante dell’apparecchio di accumulo.


 S [W/ mK]. Conduttività dello strato isolante dell’apparecchio di accumulo.
Nel caso non si volesse considerare il sottosistema di accumulo, selezionare:

Al fine di considerare nel bilancio di energia i recuperi termici del sottosistema di accumulo è necessario specificare:

5.3 ACS – UNITS 11300: 2008


Nei circuiti di zona di ciascuna unità immobiliare è possibile accedere ai sottosistemi che compongono la parte di utilizzazione
per il servizio di produzione di acs:
 Erogazione;
 Distribuzione (solo con metodo di calcolo dettagliato e edificio centralizzato);
 Accumulo (solo per edificio centralizzato).
I dati di ciascun sottosistema sono relativi alla unità immobiliare e alla zona termica di pertinenza, pertanto, nel caso l’edificio in
esame fosse costituito da più unità immobiliari e da più zone termiche, è necessario specificare per ciascuna di esse i dati che
caratterizzano ogni sottosistema.
Vediamo di analizzare in dettaglio il contenuto delle finestre di inserimento per ciascun sottosistema.

EROGAZIONE
Indicare in questa sezione il valore del rendimento di erogazione; nel programma è già inserito il valore indicato nelle UNI TS
11300-2 pari a 0,95.

DISTRIBUZIONE

Impianto – ACS – Circuiti di zona – Sottosistema di distribuzione

I dati di cui è richiesto l’inserimento sono assolutamente rispondenti alla analoga schermata, già commentata, del sottosistema
di distribuzione per il circuito secondario del riscaldamento. In questo caso la temperatura media dell’acqua calda sanitaria nelle
rete di distribuzione è impostata, come da UNI TS 11300-2, pari a 48°C; tale dato è comunque personalizzabile.

www.logical.it 175
TERMOLOG – Manuale d’uso

ACCUMULO
I dati di cui è richiesto l’inserimento sono assolutamente rispondenti alla analoga schermata, già commentata, del sottosistema
di accumulo per il circuito secondario del riscaldamento.

5.4 Generatori – UNITS 11300: 2008


E’ importante sottolineare che, analogamente a quanto già illustrato per i circuiti di zona, a seconda della tipologia di edi ficio
esame (centralizzato o termoautonomo, con una o più unità immobiliari) il programma varierà i sottosistemi modificabili nel
circuito primario per riscaldamento e acs, vediamone qui sotto una rappresentazione schematica:

Generatori – Circuito primario – Tipologia Edificio: Termoautonomo


Nel caso di edificio termoautonomo, composto da una o da più unità immobiliari, il programma consente l’inserimento di un
circuito primario per ogni unità immobiliare.

www.logical.it 176
TERMOLOG – Manuale d’uso

Generatori – Circuiti primario – Tipologia Edificio: Centralizzato


Nel caso di edificio centralizzato, composto da una o da più unità immobiliari, il programma consente l’inserimento di un unico
circuito primario per tutto l’edificio.

5.4.1 CIRCUITO PRIMARIO RISCALDAMENTO


In questo paragrafo verranno illustrati i sottosistemi facenti parte del circuito primario del riscaldamento.

DISTRIBUZIONE
Nel caso il metodo di calcolo con cui si è scelto di valutare il sottosistema di distribuzione per il riscaldamento fosse quello
dettagliato, i dati di cui è richiesto l’inserimento sono assolutamente rispondenti alla analoga schermata, già commentata, del
sottosistema di distribuzione per il circuito secondario.
Nel caso in cui il metodo di calcolo prescelto fosse quello tabellare, la schermata che si apre è la seguente:

Generatori – Riscaldamento – Circuito primario – Sottosistema di distribuzione – Metodo tabellare

 Impianto. Indicare in questa sezione il tipo di impianto; è possibile scegliere tra:

www.logical.it 177
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Tipo di distribuzione. Questo campo è visibile solo nel caso in cui come tipo di impianto si sia scelto un
impianto centralizzato con montanti di distribuzione; è possibile scegliere tra:

 Isolamento tubazioni. E’ possibile scegliere tra:

 Altezza edificio. Questo campo non è visibile solo nel caso in cui come l’impianto scelto sia di tipo
autonomo; negli altri casi è chiesto di dare una indicazione sull’altezza dell’edificio.

Sulla base dei dati precedentemente inseriti, il programma stima da prospetti contenuti nella UNI EN TS 11300-2, il rendimento
di distribuzione d nell’ipotesi di considerare una distribuzione a temperatura variabile, con temperature di mandata e di ritorno
di progetto di 80/60°C.
Nel caso le temperature di progetto siano differenti, il programma consente di correggere il rendimento d sulla base delle
indicazioni contenute nella UNI EN TS 11300-2; per fare ciò è necessario precisare la tipologia dell’impianto in analisi,
scegliendo, accanto alla dicitura Fattore di correzione d, in funzione della tipologia dell’impianto, tra:

Per quanto concerne il secondo riquadro Fabbisogni ausiliari elettrici, si rimanda alla spiegazione già esposta nel circuito
secondario.

ACCUMULO
I dati di cui è richiesto l’inserimento sono assolutamente rispondenti alla analoga schermata, già commentata, del sottosistema
di accumulo per il circuito secondario del riscaldamento.

5.4.2 CIRCUITO PRIMARIO ACS


In questa sezione viene spiegato come modellare i sottosistemi che compongono il circuito primario per la produzione di ACS.
Per quanto concerne la tipologia dei dati da inserire, si rimanda alla consultazione dell’analoga sezione relativa al circuito
primario per il riscaldamento.

5.4.3 SOTTOSISTEMA DI GENERAZIONE


A seconda del tipo di impianto (termoautonomo o centralizzato) selezionato, il programma consente:
 impianto termoautonomo: è possibile inserire un sottosistema di generazione per ciascuna delle unità immobiliari
presenti nel modello;
 impianto centralizzato: è possibile inserire un solo sottosistema di generazione che verrà applicato a tutto l’edificio;

Impianto termoautonomo – sottosistema di generazione

www.logical.it 178
TERMOLOG – Manuale d’uso

Impianto centralizzato – sottosistema di generazione

Nelle figure precedentemente riportate è anche ben rappresentato come il programma simboleggia il tipo di produzione
(combinata o separata) selezionata nelle Opzioni dell’impianto:
 produzione combinata:

 produzione separata:

5.4.3.1 RISCALDAMENTO: INSERIMENTO GENERATORE

Per inserire i dati relativi al sottosistema di generazione del riscaldamento è necessario posizionarsi nello schema ad albero in
corrispondenza della dicitura Generazione (Riscaldamento) oppure Generazione (Riscaldamento+ACS), e cliccare in alto,
sulla barra delle icone il comando NUOVO:
il programma apre una schermata che invita la scelta della categoria del generatore:

Impianto – Riscaldamento - Sottosistema di generazione: scelta della categoria del generatore

Cliccando su OK il programma richiede l’inserimento dei parametri tecnici relativi alla categoria di generatore prescelta: si
rimanda alla consultazione dei paragrafi successivi per il dettaglio dei dati da inserire.

Una volta inserite le caratteristiche tecniche del generatore esso verrà indicato dal programma in un’apposita schermata:

Impianto – Riscaldamento - Sottosistema di generazione: inserimento di uno o più generatori

www.logical.it 179
TERMOLOG – Manuale d’uso

Per inserire uno o più generatori è sufficiente cliccare nuovamente il pulsante NUOVO sulla barra delle icone ed inserire i dati
tecnici del generatore aggiuntivo; ogni volta che viene aggiunto un nuovo generatore sarà aggiornata la schermata di riepilogo:

Nel caso il numero di generatori da inserire fosse maggiore dell’unità, è necessario specificare la priorità di intervento dei
generatori, scegliendo tra:
 con priorità: in questo caso la ripartizione del carico tra i generatori viene effettuata dal programma secondo
un ordine di priorità, definito dall’utente in funzione dell’ordine di inserimento adottato. I criteri seguiti dal
programma per ripartire il carico termico tra i generatori sono descritti nella parte 4 delle norme UNI TS
11300.
 senza priorità: i generatori funzionano insieme, senza attribuire un particolare ordine di
accensione/spegnimento a ciascuno di essi.
Nel programma la scelta dell’una o dell’altra opzione è eseguita nel riquadro qui sotto evidenziato:

Nel caso la priorità di intervento prescelta fosse “Con priorità: in cascata”, è necessario specificare il tipo di funzionamento di
ciascun generatore: fare doppio clic sotto la colonna Funzionamento, accanto al generatore in esame, e selezionare la
modalità di funzionamento:

E’ possibile scegliere tra:


 contemporaneo: il generatore, anche dopo l’accensione del generatore successivo in linea di priorità, rimane
in funzione a fattore di carico unitario;
 alternato: il generatore, raggiunto il fattore di carico unitario, si spegne e si innesca il successivo in linea di
priorità.
Nel caso la priorità di intervento prescelta fosse “Senza priorità: in parallelo”, non è necessario fornire alcuna indicazione circa
la modalità di funzionamento, in quanto si presuppone che il funzionamento dei generatori sia contemporaneo.

Per modificare le caratteristiche tecniche di un generatore già inserito, selezionarlo dall’elenco e cliccare nella barra delle icone
in alto Modifica.
Per eliminare uno o più generatori già inseriti, selezionarlo/i dall’elenco e cliccare nella barra delle icone in alto Elimina.

Vediamo di analizzare le informazioni da specificare per definire un generatore.

5.4.3.2 CATEGORIA: GENERATORE A GAS O COMBUSTIBILE FOSSILE


METODO DI CALCOLO SEMPLIFICATO
Nel caso il metodo di calcolo selezionato nelle Impostazioni generali fosse quello semplificato, il flusso di calcolo implementato

www.logical.it 180
TERMOLOG – Manuale d’uso

nel programma corrisponde ai punti descritti nel §6.8 delle UNI EN TS 11300-2.
La schermata che si apre è suddivisa nei seguenti sottomenù:
- Archivio dei generatori
- Caratteristiche generali;
- Dettagli tecnici;
- Installazione

ARCHIVIO DEI GENERATORI

In questa sezione è richiesto di specificare le informazioni circa la temperatura di mandata e di ritorno di progetto: il programma
stimerà quindi in automatico la temperatura media di progetto.
E’ possibile importare dall’archivio dei generatori un modello già registrato: per fare questo cliccare il comando archivio
generatori:

Selezionare il generatore prescelto e cliccare il pulsante Seleziona: i dati del generatore verranno automaticamente inseriti
nella scheda tecnica del generatore e saranno utilizzati per i successivi calcoli.

www.logical.it 181
TERMOLOG – Manuale d’uso

MENU’ CARATTERISTICHE GENERALI

Impianto – Riscaldamento - Circuito primario – Sottosistema di generazione – Caratteristiche generali

 Nome. Inserire nome del generatore.


 Tipo di generatore. Indicare in questa zona il tipo di generatore dell’impianto; il programma propone le seguenti
scelte:

Tali alternative si rifanno ai prospetti 23 e 24 delle UNI TS 11300-2.


L’inserimento di questo dato è finalizzato al calcolo delle perdite di generazione Ql,gn.
 Tipo di combustibile. Indicare in questa zona il tipo di combustibile utilizzato dal generatore. Il programma consente
di scegliere tra i tipi di combustibile precedentemente registrati nell’archivio dei combustibile. Per registrare un nuovo
combustibile, cliccare sulla dicitura a lato.
 Marca/Modello/Descrizione/Peso/Materiale. Indicare in questi campi le informazioni che caratterizzano il generatore
e che saranno utilizzate in fase di stampa.

 Circuito ausiliario del generatore. Selezionando questo comando è possibile inserire le informazioni che riguardano
eventuali ausiliari elettrici del circuito del generatore (ad esempio un circolatore alimentato elettricamente):

Le informazioni richieste sono utilizzate per valutare il fabbisogno di energia elettrica degli ausiliari del circuito del generatore;
per una spiegazione dettagliata dei dati richiesti si rimanda alla sezione degli ausiliari di distribuzione del circuito primario.

MENU’ DETTAGLI TECNICI

www.logical.it 182
TERMOLOG – Manuale d’uso

Impianto – Riscaldamento - Circuito primario – Sottosistema di generazione – Dettagli tecnici

 gn,Pn [kW]. Potenza termica utile nominale del generatore installato. Nel caso si fosse selezionata l’opzione “E’ un
generatore modulante”, il programma richiede l’inserimento di un valore minimo e di un valore massimo di potenza.
 gn,Pn,W [kW]. Potenza termica utile nominale del generatore per la produzione di ACS. E’ necessario compilare questo
campo solo se nella sezione Opzioni impianto è stata indicata una produzione combinata. Nel caso si fosse
selezionata l’opzione “E’ un generatore modulante”, il programma richiede l’inserimento di un valore minimo e di un
valore massimo di potenza.
 30, 100. Rendimento del generatore al 30 e al 100% della potenza utile nominale, da indicare in unità.
Si fa presente che questi due valori di rendimento non vengono utilizzati in alcun modo nell’algoritmo di calcolo del
metodo semplificato; i valori inseriti in queste caselle vengono usati dal programma esclusivamente in caso di
compilazione della Relazione Energetica.
 Wgn,PO [W]. Potenza elettrica assorbita dalle pompe di circolazione.
Questo parametro è da assumersi pare a 100W, come da indicazione del prospetto B18 delle UNI TS 11300-2:
cliccando sul pulsante Calcola, posto a lato, il programma compila automaticamente nella casella tale valore.
Tuttavia, per limitare qualsiasi ingerenza da parte del programma, è anche consentito all’Utente di inserire un valore
personalizzato.
 Waux,pn [W]. Potenza elettrica assorbita dagli ausiliari del generatore.
Nel §6.8 le UNI EN TS 11300-2 indicano di calcolare questa grandezza sulla base della formula (B.18) e dei dati del
prospetto B.4: il programma svolge automaticamente questa operazione facendo click sul pulsante Calcola, posto a
lato.

PARAMETRI STRETTAMENTE NECESSARI PER L’ESECUZIONE DEL CALCOLO

Per portare a termine il calcolo il programma necessita come minimo l’inserimento da parte dell’utente dei seguenti
parametri:
- 𝛷gn,Pn [kW].
- 𝛷gn,Pn,W [kW]. Nel caso di produzione combinata.

Per quanto concerne il significato dei parametri citati, si faccia riferimento a quanto già spiegato in precedenza.

MENU’ INSTALLAZIONE
In questo sottomenù viene richiesto di compilare delle informazioni riguardanti l’installazione del generatore: tutti i dati inseriti
EN TS
11300-2.

Impianto – Riscaldamento – Sottosistema di generazione – Dettagli tecnici


 Installazione del generatore. Indicare in questa zona se il generatore è installato all’interno o all’esterno dell’ambiente
riscaldato (fattore di correzione F2 del §6.6.5.1 delle UNI EN TS 11300-2).
 Caldaia a condensazione con accumulo esterno. Selezionare questa opzione in caso di caldaia a condensazione
con accumulo esterno .
 Altezza del camino. Indicare in questa zona se l’altezza del camino è maggiore o minore di 10m (fattore di correzione
F3 del §6.6.5.1 delle UNI EN TS 11300-2).
 Temperatura di funzionamento. Indicare in questa zona se la temperatura media di caldaia è maggiore o minore di
65°C in condizioni di progetto (fattore di correzione F4 del §6.6.5.1 delle UNI EN TS 11300-2).
 Tipologia di generatore. Indicare in questa zona se il generatore è monostadio o multistadio modulante (fattore di
correzione F5 del §6.6.5.1 delle UNI EN TS 11300-2).
 Temperatura di ritorno in caldaia nel mese più freddo. Indicare in questa zona in quale intervallo di variazione si
trova la temperatura di ritorno in caldaia nel mese più freddo (fattore di correzione F7 del §6.6.5.1 delle
UNI EN TS 11300-2).
 Salto termico acqua ritorno/fumi. Questo valore è da specificare solo per caldaia a 4 stelle (prospetto 23d delle

www.logical.it 183
TERMOLOG – Manuale d’uso

UNI EN TS 11300-2).
 Generatore antecedente al 1996. Selezionare questa opzione in caso generatore antecedente al 1996 .
 Generatore classificato *(1 stella). Selezionare questa opzione in caso generatore classificato *(1 stella).
L’attivazione o meno di uno dei precedenti menù di selezione dipende dalla scelta eseguita dall’Utente nella sezione “Tipo di
generatore” del sottomenù Caratteristiche generali, precedentemente descritto.

METODO DI CALCOLO APPENDICE B.2


Nel caso il metodo di calcolo selezionato nelle Opzioni dell’impianto fosse quello analitico dell’appendice B.2, il flusso di calcolo
implementato nel programma corrisponde ai punti descritti nell’Appendice B, paragrafo B.2 delle UNI TS 11300-2.
I sottomenù descritti in precedenza si modificano nel modo seguente:
- Archivio dei generatori
- Caratteristiche generali;
- Potenza nominale;
- Potenza intermedia;
- Potenza a carico nullo;
- Dettagli tecnici.

MENU’ ARCHIVIO DEI GENERATORI


I contenuti sono assolutamente analoghi a quanto descritto in precedenza per il metodo semplificato.

MENU’ CARATTERISTICHE GENERALI


I contenuti sono assolutamente analoghi a quanto descritto in precedenza per il metodo semplificato; l’unico parametro
differente riguarda il Tipo di generatore: il programma in questo caso consente di scegliere tra le alternative proposte dalle UNI
TS 11300-2 nei prospetti B.1 e B.2.

MENU’ POTENZA NOMINALE


Nel caso il metodo di calcolo selezionato dall’utente fosse il metodo analitico appendice B.2, il flusso di calcolo implementato
nel programma corrisponde a quanto descritto nell’Appendice B, paragrafo B.2 delle UNI TS 11300-2.

Concorrono a determinare il rendimento corretto a potenza nominale gn,Pn,cor:


 𝛷gn,Pn [kW]. Potenza termica utile nominale del generatore installato.
 𝛷gn,Pn,W [kW]. Nel caso di produzione combinata, potenza termica utile nominale del generatore per la produzione di
acs.
 gn,Pn [-]. Rendimento alla potenza nominale Pn.
Questo dato è di solito fornito dal produttore della caldaia; in mancanza di tale informazione è possibile, premendo il
comando Calcola posto a lato, avvalersi del calcolo automatico proposto dal programma.
Il calcolo automatico è svolto con riferimento alla formula (B.24) delle 11300-2:
gn,Pn = A + B × log(𝛷gn,Pn)
in cui A e B sono determinati dal prospetto B.7 delle 11300-2, in funzione del tipo di generatore scelto dall’Utente.
 gn,test,Pn [°C]. Temperatura media dell’acqua nel generatore nelle condizioni di prova a potenza nominale.
Questo parametro viene calcolato automaticamente dal programma, sulla base del prospetto B.1 delle UNI EN TS
11300-2, in funzione del tipo di generatore, ma può anche essere personalizzato dall’Utente.
 fcor, Pn [1/°C]. Fattore di correzione del rendimento a carico nominale.
Questo parametro viene calcolato automaticamente dal programma, sulla base del prospetto B.1 delle UNI EN TS
11300-2, in funzione del tipo di generatore e della temperatura gn,test,Pn.

Concorre a determinare il fabbisogno di energia degli ausiliari Qaux,gn:


 Waux,Pn [W]. Potenza degli ausiliari del generatore alla potenza nominale P n.
Questo dato è di solito fornito dal produttore della caldaia; in mancanza di tale informazione è possibile, premendo il
comando Calcola posto a lato, avvalersi del calcolo automatico svolto con riferimento alla formula (B.18) delle
11300-2.

www.logical.it 184
TERMOLOG – Manuale d’uso

MENU’ POTENZA INTERMEDIA

Concorrono a determinare il rendimento corretto a potenza intermedia gn,Pint,cor:


 𝛷gn,Pint [kW]. Potenza termica utile intermedia del generatore installato.
La potenza intermedia dipende dal tipo di generatore; per generatori a combustibile liquido o gassoso si ha: 𝛷gn,Pint =
0,3 × 𝛷gn,Pn
 gn,Pint [-]. Rendimento a potenza intermedia Pint.
Questo dato è di solito fornito dal produttore della caldaia; in mancanza di tali dati è possibile, premendo il comando
Calcola posto a lato, avvalersi del calcolo automatico proposto dal programma.
Il calcolo automatico è svolto con riferimento alla formula (B.25) delle 11300-2:
 gn,Pint= C + D × log(𝛷gn,Pn)
in cui C e D sono determinati dal prospetto B.7 delle 11300-2, in funzione del tipo di generatore scelto dall’Utente.
 gn,test,Pint [°C]. Temperatura media dell’acqua nel generatore nelle condizioni di prova a potenza intermedia.
Questo parametro viene calcolato automaticamente dal programma, sulla base del prospetto B.2 delle UNI EN TS
11300-2, in funzione del tipo di generatore, ma può anche essere personalizzato dall’Utente.
 fcor, Pint [1/°C]. Fattore di correzione del rendimento a potenza intermedia.
Questo parametro viene calcolato automaticamente dal programma, sulla base del prospetto B.2 delle UNI EN TS
11300-2, in funzione del tipo di generatore e della temperatura gn,test,Pint.

Concorre a determinare il fabbisogno di energia degli ausiliari Qaux,gn:


 Waux,Pint [W]. Potenza degli ausiliari del generatore alla potenza intermedia Pint.
Questo dato è di solito fornito dal produttore della caldaia; in mancanza di tali dati è possibile, premendo il comando
Calcola posto a lato, avvalersi del calcolo automatico svolto con riferimento alla formula (B.18) delle 11300-2.

MENU’ POTENZA A CARICO NULLO

Concorrono a determinare il rendimento corretto a potenza intermedia gn,Pint,cor:


 𝛷gn,l,PO [kW]. Perdita a carico nullo.
Questo dato è di solito fornito dal produttore della caldaia; in mancanza di tali dati è possibile, premendo il comando
Calcola posto a lato, avvalersi del calcolo automatico proposto dal programma.
Il calcolo automatico è svolto con riferimento alla formula (B.23) delle 11300-2:
 Ubicazione generatore. Specificare l’ubicazione del generatore scegliendo tra:

 bgn. Fattore di riduzione della temperatura.


Il programma, sulla base dell’ubicazione del generatore, calcola automaticamente questo valore con riferimento al
prospetto B.3 delle 11300-2.
 a,gn [°C]. Temperatura interna del locale di installazione.
Il programma, sulla base dell’ubicazione del generatore, propone dei valori di default, desunti dal prospetto B.3 delle
11300-2.

www.logical.it 185
TERMOLOG – Manuale d’uso

Concorre a determinare il fabbisogno di energia degli ausiliari Q aux,gn:


 Waux,PO [W]. Potenza degli ausiliari del generatore a carico nullo.
Questo dato è di solito fornito dal produttore della caldaia; in mancanza di informazioni è possibile, premendo il
comando Calcola posto a lato, avvalersi del calcolo automatico svolto con riferimento alla formula (B.18) delle
11300-2.

Infine, per quanto concerne i parametri che compaiono nella parte bassa della schermata, essi sono tutti dati necessari per
valutare l’entità di energia recuperabile:

 Bruciatore. Indicare se il bruciatore è atmosferico o ad aria soffiata.


Questa informazione serve al programma per valutare la frazione delle perdite a carico nullo attribuite al mantello
(pgn,env).
 Quota del consumo elettrico trasmessa al fluido come energia termica [-]. La norma consiglia di assumere 0,75
(§B.2.9.2).
 Frazione delle perdite a carico nullo attribuite al mantello. Questo dato può essere inserito dall’Utente o assunto
da calcolo automatico del programma.
Il programma stima pgn,env dal prospetto B.5 della norma, in funzione del tipo di bruciatore.
Come spiegato per il metodo Semplificato, anche in questo caso è possibile fare caricare al programma i dati di un generatore
precedentemente registrato nell’archivio globale del programma o presente nell’archivio web dei generatori.

PARAMETRI STRETTAMENTE NECESSARI PER L’ESECUZIONE DEL CALCOLO

Per portare a termine il calcolo il programma necessita come minimo l’inserimento da parte dell’utente dei seguenti
parametri:
- 𝛷gn,Pn [kW].
- 𝛷gn,Pn,W [kW]. Nel caso di produzione combinata.
- gn,Pn [-].
- 𝛷gn,Pint [kW].
- 𝛷gn,Pint,W [kW]. Nel caso di produzione combinata.
- gn,Pint [-].
- 𝛷gn,l,P0 [kW].

- Kgn [-].

Per quanto concerne il significato dei parametri citati, si faccia riferimento a quanto già spiegato in precedenza.

METODO DI CALCOLO APPENDICE B.3


Nel caso il metodo di calcolo selezionato nelle Opzioni dell’impianto fosse quello analitico dell’appendice B.3, il flusso di calcolo
implementato nel programma corrisponde ai punti descritti nell’Appendice B, paragrafo B.3 delle UNI TS 11300-2.
Il metodo analitico descritto nell’Appendice B, §B.3, delle UNI TS 11300-2 richiede all’Utente per il calcolo delle perdite del
sottosistema di generazione, accanto ai valori prestazionali generalmente forniti dai produttori, anche l’inserimento di dati
generalmente forniti dalla letteratura tecnica sull’argomento; in mancanza di questi ultimi la norma prevede che si possa
ricorrere ai valori di default riportati al suo interno.
La schermata che si apre è suddivisa nei seguenti sottomenù:
- archivio dei generatori
- caratteristiche generali;
- potenze e ausiliari;
- rendimenti e parametri caldaie a condensazione;
- perdite.

MENU’ ARCHIVIO DEI GENERATORI


I contenuti sono assolutamente analoghi a quanto descritto in precedenza per il metodo semplificato.

MENU’ CARATTERISTICHE GENERALI


I contenuti sono assolutamente analoghi a quanto descritto in precedenza per il metodo semplificato; l’unico parametro
differente riguarda il Tipo di generatore: il programma in questo caso consente di scegliere tra le seguenti alternative:

www.logical.it 186
TERMOLOG – Manuale d’uso

MENU’ POTENZE E AUSILIARI

Impianto – Riscaldamento - Sottosistema di generazione – Metodo B.3 – Potenze e ausiliari

 𝛷cn [kW]. Potenza al focolare del generatore; è la potenza di riferimento per le perdite al camino a bruciatore acceso
P 'ch,on.
 𝛷ref [kW]. Potenza di riferimento per i fattori di perdita P 'ch,off e P 'gn,env. Solitamente 𝛷cn = 𝛷ref.
 𝛷cn,min [kW]. Minima potenza continua al focolare a fiamma accesa; questo dato è richiesto per generatori a stadi o
modulanti.
Ausiliari:
 Wbr [W]. Potenza elettrica degli ausiliari del generatore posti prima del focolare, con riferimento al flusso di energia.
 Wbr,min [W]. Potenza elettrica degli ausiliari a 𝛷cn,min; questo dato è richiesto per generatori a stadi o modulanti.
 kbr. Fattore di recupero di W br, da assumere pari 0,8 (§B.3.1 delle UNI TS 11300-2).
 Waf [W]. Potenza elettrica degli ausiliari del generatore posti dopo il focolare, con riferimento al flusso di energia;
questo valore può essere inserito manualmente dall’Utente oppure, cliccando sul pulsante Calcola, il programma
calcola automaticamente un valore sulla base del prospetto B.18 delle 11300-2.
 kaf. Fattore di recupero di W af, da assumere pari 0,8 (§B.3.1 delle UNI TS 11300-2).

MENU’ RENDIMENTI E CALDAIE A CONDENSAZIONE

Impianto – Riscaldamento – Sottosistema di generazione – Metodo B.3 – Rendimenti e caldaie a condensazione

 TW,fl [°C]. Differenza di temperatura fra fumi ed acqua di ritorno in caldaia a potenza nominale.
Questo valore può essere inserito manualmente dall’Utente oppure, cliccando sul pulsante Calcola, il programma
calcola automaticamente sulla base del prospetto B.22 delle 11300-2.
 O2,fl,dry [%]. Contenuto di ossigeno nei gas di combustione.
 TW,fl,min [°C]. Differenza di temperatura fra fumi ed acqua di ritorno in caldaia alla potenza minima.
Questo valore può essere inserito manualmente dall’Utente oppure, cliccando sul pulsante Calcola, il programma
calcola automaticamente sulla base del prospetto B.22 delle 11300-2.
 O2,fl,dry,min [%]. Contenuto di ossigeno nei gas di combustione alla potenza minima.
 ch [°C]. Temperatura fumi in condizioni di prova per Pch,on.

www.logical.it 187
TERMOLOG – Manuale d’uso

 HUM air [%]. Umidità relativa dell’aria di combustione: da assumersi pari al 50% con riferimento al prospetto B.22
delle 11300-2.
 HUM fl [%].Umidità relativa dei fumi: da assumersi pari al 100% con riferimento al prospetto B.22 delle 11300-2.
Rendimenti:
 30 [%]. Rendimento al 30% della potenza utile nominale.
 100 [%].Rendimento al 100% della potenza utile nominale.

MENU’ PERDITE

Impianto – Riscaldamento - Sottosistema di generazione – Metodo B.3 – Perdite

 P’ch,on [%]. Perdite al camino a bruciatore acceso in condizioni di prova.


Questo valore può essere inserito manualmente dall’Utente oppure il programma calcola automaticamente un valore
sulla base del prospetto B.12 delle 11300-2.
 P’ch,on,min [%]. Perdite al camino a bruciatore acceso in condizioni di prova, alla potenza 𝛷cn,min; questo dato è
richiesto per generatori a stadi o modulanti.
Questo valore può essere inserito manualmente dall’Utente oppure il programma lo calcola automaticamente sulla
base del prospetto B.20 delle 11300-2.
 Involucro del generatore. Indicare il tipo di generatore presente tra:

Questa scelta permette di stimare il valore dell’esponente n del fattore di carico, da assumersi nella formula (B.28) delle
UNI TS 11300-2: l’esponente n è ricavato dal programma dal prospetto B.13 delle UNI TS 11300-2, in base appunto alla
tipologia di generatore.
 P’ch,off [%]. Perdite al camino a bruciatore spento in condizioni di prova.
Questo valore può essere inserito manualmente dall’Utente oppure il programma lo calcola automaticamente sulla
base del prospetto B.17 delle 11300-2.
 Tipo di funzionamento. Questa informazione permette di stimare i valori degli esponenti m e p del fattore di carico,
da assumersi nelle formule (B.29) e (B.31) delle UNI TS 11300-2.
Gli esponenti m e p sono ricavati dal programma dal prospetto B.16 delle UNI TS 11300-2.
 P’gn,env [%]. Perdite al mantello in condizioni di prova.
Questo valore può essere inserito manualmente dall’Utente oppure, sulla base della scelta effettuata nel menù a lato,
il programma ne consente il calcolo automatico con riferimento al prospetto B.14 delle 11300-2.
 Ubicazione del generatore. L’informazione inserita in questo menù permette di stimare, sulla base del
prospetto B.15 delle UNI TS 11300-2, il parametro kgn,env, fattore di riduzione delle perdite in accordo con l’ubicazione
del generatore.
Temperature:
 w,gn,test [°C]. Temperatura media di prova del generatore per valutare P ch,on.
 a,test [°C]. Temperatura ambiente, in condizioni di test.

Come spiegato per il metodo Semplificato, anche in questo caso è possibile fare caricare al programma i dati di un generatore
precedentemente registrato nell’archivio globale del programma o presente nell’archivio web dei generatori.

PARAMETRI STRETTAMENTE NECESSARI PER L’ESECUZIONE DEL CALCOLO

Per portare a termine il calcolo il programma necessita come minimo l’inserimento da parte dell’utente dei seguenti
parametri:
- 𝛷cn [kW];
- 𝛷cn,min [kW];

www.logical.it 188
TERMOLOG – Manuale d’uso

- 𝛷cn,w [kW], nel caso di produzione combinata;


- 𝛷cn,min,w [kW], nel caso di produzione combinata;
- P’ ch,on [%].
- P’ ch,off [%].
- P’ gn,env [%].
- w,gn,test [°C].

Per quanto concerne il significato dei parametri citati, s i faccia riferimento a quanto già spiegato in precedenza.

5.4.3.3 CATEGORIA: POMPA DI CALORE A COMPRESSIONE DI VAPORE O AD ASSORBIMENTO

Nel caso il sistema di generazione prescelto fosse costituito da una pompa di calore a compressione, la schermata di
inserimento dati ha la seguente struttura:

Impianto – Riscaldamento - Sottosistema di generazione – Pompa di calore a compressione

Caratteristiche generali:
 Tipo di combustibile. Indicare il tipo di combustibile della pompa, è possibile scegliere tra le tipologie di combustibili
presenti nell’archivio.
Funzionamento:
 Sorgente fredda. Indicare la sorgente fredda, la sorgente dalla quale la pompa preleva calore; è possibile scegliere
tra:

www.logical.it 189
TERMOLOG – Manuale d’uso

Pozzo caldo. Indicare dove verrà rilasciato il calore prelevato dalla pompa, è possibile scegliere tra acqua e aria.
Funzionamento pompa. Indicare il tipo di funzionamento della pompa, scegliendo tra modulante e on/off a gradini.
Carico minimo di modulazione [-]. Per le pompe modulanti, indicare il carico minimo di modulazione (valore
compreso tra 0 e 1).
 Pompa di calore azionata da motore endotermico. Selezionando questa opzione il programma valuterà la pompa
di calore come fosse del tipo a compressione, ma avendo gas e non elettricità come combustibile. Per ulteriori
delucidazioni si faccia riferimento al par.9.1 delle UNI TS 11300-4.
Efficienza e potenze:
 COP/GUE [-]. In questa sezione è richiesta l’indicazione del COP o GUE, a seconda che la pompa di calore sia a
compressione o ad assorbimento, in condizione di pieno carico; in particolare, il programma richiede che tali
informazioni siano specificate in funzione di alcune temperature della sorgente fredda e del pozzo caldo, mediante la
compilazione della tabella seguente:
ATTENZIONE 1: le temperature della sorgente fredda e del pozzo caldo alle quali specificare il COP/GUE
variano con la tipologia di pompa; esse sono proposte dal programma in funzione dei prospetti 25 e 26 delle
UNI TS 11300-4, di cui si consiglia la consultazione.
E’ tuttavia possibile, sotto la propria responsabilità, personalizzare e aggiungere nuove temperature di sorgente
fredda e di pozzo caldo usando la barra dei comandi posta sopra la tabella.
ATTENZIONE 2: nel par.9.4.2.2 delle UNI TS 11300-4 è chiaramente specificato che ai fini del modello di
calcolo riportato nella norma, i valori di COP/GUE alle varie temperature (vedi sopra), per prestazioni a pieno
carico, devono essere fornite dal fabbricante.

 Potenza termica utile [kW]. In questa sezione è richiesta l’indicazione della potenza termica utile della pompa di
calore, in funzione delle temperature di sorgente fredda e pozzo caldo:
Per quanto concerne le temperature di pozzo caldo e sorgente fredda a cui riferirsi il discorso è analogo a quanto già
discusso nella sezione COP/GUE.
Altri dettagli tecnici:
 Assorbimento ausiliari elettrici [W]. Indicare l’assorbimento degli ausiliari elettrici della pompa.
 Temperatura operativa limite di funzionamento TOL [°C]. Indicare la temperatura limite di funzionamento della
sorgente fredda: si tratta di un dato definito dal fabbricante come limite di blocco della sorgente fredda.
 Temperatura di cut-off, ΘH,cut-off [°C]. Indicare la temperatura della sorgente fredda a cui si decide, in fase di
progetto, di disattivare la pompa per temperature inferiori.

Correzione a carico ridotto:


 Valutazione automatica [-].
Nel caso non si sia optato per la valutazione automatica del fattore di correzione Cc, il programma consente la stima
automatica di tale parametro sulla base del par.9.11 delle UNI TS 11300-4.

5.4.3.3 CATEGORIA: GENERATORE A BIOMASSA

Nel caso il sistema di generazione prescelto fosse costituito da una caldaia a biomassa, la schermata di interfaccia che si apre
è la seguente:

www.logical.it 190
TERMOLOG – Manuale d’uso

Generatore a biomassa – Inserimento dati

La finestra di inserimento dati di un generatore a biomassa è costituita dai seguenti menù:


- Archivio dei generatori;
- Caratteristiche generali;
- Dettagli tecnici;
- Accumulo inerziale.

Vediamo di illustrarne, qui di seguito, contenuti e finalità.

MENU’ CARATTERISTICHE GENERALI


In questa schermata vengono richieste delle indicazioni generali sulla caldaia a biomassa in fase di studio; tralasciando i campi
di più ovvia interpretazione, si precisa che:
 Tipo di generatore. Le tipologie di generatore tra cui è possibile scegliere sono quelle citate nei prospetti 1217 delle
UNI TS 11300-4.
 Circuito ausiliario del generatore. Inserire i dati rappresentativi del circuito ausiliario nella seguente schermata:

www.logical.it 191
TERMOLOG – Manuale d’uso

MENU’ ACCUMULO INERZIALE


Come specificato dalla norma UNI TS 11300-4, i serbatoi d’accumulo inerziali si intendono compresi nel sottosistema di
generazione a biomassa.
Nel caso non sia presente un accumulo inerziale selezionare l’opzione: Accumulo assente.

Per quanto concerne il significato degli altri parametri richiesti, si rimanda a quanto già descritto per l’accumulo dei circuiti
secondari di riscaldamento e acs.

MENU’ DETTAGLI TECNICI


Le informazioni che è richiesto compilare in questo menù variano a seconda del metodo di calcolo per la caldaia a biomassa
che è stato selezionato nelle Opzioni dell’impianto.

Qui di seguito si commenta la schermata che si presenta nel caso il metodo di calcolo prescelto fosse quello semplificato,
citando i relativi paragrafi della norma. Nel caso il metodo di calcolo fosse un B.2 o un B.3 si rimanda alla consultazione del
paragrafo del presente manuale sulla caldaia a combustione.
Nel caso il generatore sia del tipo modulante selezionare l’opzione: E’ un generatore modulante.
 Potenza utile nominale, gn,Pn [kW]. Inserire la potenza utile nominale della caldaia a biomassa. Nel caso di caldaia
modulante, il programma richiede l’inserimento di un valore massimo e di un valore minimo di potenza utile nominale.
 Potenza intermedia utile, gn,Pint [kW]. Inserire la potenza intermedia utile della caldaia a biomassa. La normativa
indica, nel caso non sia noto questo valore, di utilizzare le formule (35) e (36) della stessa, ricavando la potenza
intermedia in funzione della potenza utile nominale: il programma effettua questa elaborazione cliccando su Calcola.
 Consumo elettrico degli ausiliari del generatore a potenza nominale, W aux,Pn [W]. In caso di mancanza di dati
forniti dal produttore, la potenza elettrica può essere calcolata con la formula (37) delle UNI TS 11300-4, in funzione
di gn,Pn: il programma effettua questa elaborazione cliccando su Calcola.
 Consumo elettrico degli ausiliari del generatore a potenza intermedia, W aux,Pint [W]. In caso di mancanza di dati
forniti dal produttore, la potenza elettrica può essere calcolata con la formula (37) delle UNI TS 11300-4, in funzione
di gn,Pint: il programma effettua questa elaborazione cliccando su Calcola.
 Consumo elettrico degli ausiliari del generatore a potenza nulla, W aux,Po [W]. In caso di mancanza di dati forniti
dal produttore, la potenza elettrica può essere calcolata con la formula (37) delle UNI TS 11300-4, in funzione di
gn,P0: il programma effettua questa elaborazione cliccando su Calcola.
 Valore di base del rendimento di generazione, gn [%]. Questa informazione non è da inserire e viene stimata in
automatico dal programma nel caso si scelga di utilizzare i valori precalcolati base di rendimento, riportati nei
prospetti 1217 delle UNI TS 11300-4.
Selezionando invece l’opzione dichiarato dal fabbricante, si lascia all’utente la facoltà di inserire anche questo
dato.

www.logical.it 192
TERMOLOG – Manuale d’uso

MENU’ INSTALLAZIONE (solo con metodo semplificato)


In questo menù viene richiesto di specificare delle caratteristiche del generatore che sono necessarie per “correggere” il
rendimento base introdotto, con riferimento ai prospetti della norma prima citati.

PARAMETRI STRETTAMENTE NECESSARI PER L’ESECUZIONE DEL CALCOLO

Per portare a termine il calcolo il programma necessita come minimo l’inserimento da parte dell’utente dei seguenti
parametri:

METODO DI CALCOLO SEMPLIFICATO:


- 𝛷gn,Pn [kW]: valore massimo e minimo nel caso di generatore modulante.
- 𝛷gn,Pint [kW];
- 𝛷gn,Pn,w [kW]: valore massimo e minimo nel caso di generatore modulante e produzione combinata;
- 𝛷gn,Pint,w [kW]: nel caso di produzione combinata;

METODO DI CALCOLO B.2


- 𝛷gn,Pn [kW].
- 𝛷gn,Pn,W [kW]. Nel caso di produzione combinata.
- gn,Pn [-].
- 𝛷gn,Pint [kW].
- 𝛷gn,Pint,W [kW]. Nel caso di produzione combinata.
- gn,Pint [-].
- 𝛷gn,l,P0 [kW].
- Kgn [-].

METODO DI CALCOLO B.3


- 𝛷cn [kW];
- 𝛷cn,min [kW];
- 𝛷cn,w [kW], nel caso di produzione combinata;
- 𝛷cn,min,w [kW], nel caso di produzione combinata;
- P’ ch,on [%].
- P’ ch,off [%].
- P’ gn,env [%].
- w,gn,test [°C].

Per quanto concerne il significato dei parametri citati, si faccia riferime nto a quanto già spiegato in precedenza.

www.logical.it 193
TERMOLOG – Manuale d’uso

5.4.3.5 CATEGORIA: TELERISCALDAMENTO

Nel caso il sistema di generazione prescelto fosse costituito dal teleriscaldamento, la schermata di interfaccia che si apre è la
seguente:

Teleriscaldamento

 Tipo di combustibile.
 Impostazione Tmedia della sottostazione. In questo menù vengono sintetizzati i suggerimenti riportati nel
prospetto 34 delle UNI TS 11300-4 per la stima delle temperatura media della sottostazione: la scelta effettuata
determina un valore della temperatura media della sottostazione. Nel caso si volesse inserire autonomamente tale
dato occorre selezionare l’opzione “valore utente”.
 Temperatura media del fluido nella sottostazione, θ ss,w,avg [°C]. Temperatura media del fluido nella sottostazione,
da stimarsi in base all’impostazione precedente.
 Impostazione T installazione. In questo menù vengono sintetizzati i suggerimenti riportati nel prospetto 33 delle
UNI TS 11300-4 per la stima delle temperatura media della sottostazione: la scelta effettuata determina un valore
della temperatura dell’ambiente dove è installata la sottostazione. Nel caso si volesse inserire autonomamente tale
dato occorre selezionare l’opzione “valore utente”.
 T ambiente di installazione della sottostazione, θ a,ss [°C]. Temperatura ambiente di installazione della
sottostazione, da stimarsi in base all’impostazione precedente.
 Fattore di recupero delle perdite, Kss,env [-]. Questo fattore è stimato sulla base dell’indicazione data nel parametro
Imposta T installazione.
 Fattore di perdita della sottostazione, Kss [W/K].
 Potenza nominale della sottostazione, Fss [kW]. Potenza nominale della sottostazione da libretto di centrale.
Nel caso non fosse disponibile il dato relativo al fattore di perdita della sottostazione, la potenza termica persa nella
sottostazione in condizioni di esercizio è valutata secondo la formula (110) delle UNI TS 11300-4 ed all’utente è
richiesto di specificare:
 θss,w,rif [°C]. Temperatura media di riferimento del fluido, da ricavarsi in base al prospetto 32 della norma.
 θa,rif [°C]. Temperatura di riferimento del locale ove è installata la sottostazione, , da ricavarsi in base al prospetto 32
della norma.
 PLss,env [%]. Fattore di perdita percentuale, da ricavarsi in base al prospetto 32 della norma e formula (111).

 Circuito ausiliario del generatore. Inserire i dati rappresentativi del circuito ausiliario:

www.logical.it 194
TERMOLOG – Manuale d’uso

PARAMETRI STRETTAMENTE NECESSARI PER L’ESECUZIONE DEL CALCOLO

Per portare a termine il calcolo il programma necessita come minimo l’inserimento da parte dell’utente del seguente
parametro:
- Potenza nominale della sottostazione, F ss

5.4.3.6 CATEGORIA: COGENERAZIONE

E’ possibile modellare un sottosistema di generazione costituito da una o più unità cogenerative; per fare ciò è sufficiente
selezionare la categoria “cogenerazione” nella schermata descritta nel par.5.3.2.1 e completare il seguente pannello:

Cogenerazione – Pannello inserimento cogeneratori

- per aggiungere un nuovo cogeneratore, cliccare il comando Aggiungi;


- per modificare un cogeneratore già inserito, selezionarne il nome e cliccare il comando Modifica;
- per eliminare un cogeneratore già inserito, selezionarne il nome e cliccare il comando Elimina;
- per inserire un eventuale fabbisogno ausiliario del generatore, cliccare sulla relativa dicitura;
- Specificare la Temperatura di mandata di progetto e la Temperatura di ritorno di progetto: queste informazioni
saranno utilizzate da TERMOLOG per valutare la congruità dell’accumulo inerziale, se presente.

I dati rappresentativi di ciascun cogeneratore devono essere inseriti nella seguente schermata:

www.logical.it 195
TERMOLOG – Manuale d’uso

Cogenerazione – Dati del cogeneratore

 Tipo di combustibile. Indicare il combustibile che alimenta il cogeneratore.


 Tipo di motore. Indicare la tipologia di motore primo del cogeneratore; le tipologie tra le quali è possibile scegliere
sono:
o Turbina a gas;
o Combustione interna (ciclo Otto e ciclo Diesel);
o Combustione esterna con ciclo Stirling.
Per ciascun tipo di motore il programma richiede l’inserimento dei dati di input previsti nel metodo di calcolo descritto
nel par.11 delle UNI TS 11300-4.
 Funzionamento. Indicare la modalità di funzionamento del cogeneratore; è possibile scegliere tra:
o On-off: si tratta di un regime di funzionamento a punto fisso;
o Modulante: si tratta di un regime di funzionamento a modulazione del carico termico.
ATTENZIONE: la norma UNI TS 11300-4, nel par.11.4.1, specifica che per ciascuna delle due modalità di
funzionamento prima elencate è da utilizzarsi uno specifico un metodo di calcolo:
- metodo del contributo frazionale per funzionamento on-off;
- metodo del profilo di carico mensile per funzionamento modulante.
La modalità di funzionamento del cogeneratore influenza pertanto la tipologia di dati in ingresso che l’utente deve
specificare.
Per le unità cogenerative basate su motore Stirling si applica il metodo di calcolo descritto nell’ appendice L delle
UNI TS 11300-4.
 Tipo di accumulo. E’ possibile scegliere tra:
o Accumulo assente;
o Accumulo incluso nel cogeneratore;
o Accumulo esterno al cogeneratore.

www.logical.it 196
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Curve prestazionali. Questo campo è opzionabile solo nel caso in cui la modalità di funzionamento sia modulante: è
possibile scegliere tra curve prestazionali normalizzate e a carico variabile; solo per quest’ultimo caso il programma
richiede anche la compilazione della seguente tabella:

 Fattore di carico limite per modulazione del carico, [-].Questo campo è opzionabile solo nel caso in cui la
modalità di funzionamento sia modulante.
 Potenza degli ausiliari, [W].
 N° unità identiche. Indicare se sono presenti più unità cogenerative con le stesse caratteristiche.
 Potenza termica nominale del cogeneratore, FCG,ter,out,nom [kW].
 Potenza elettrica nominale del cogeneratore, FCG,el [kW].
 Rendimento termico nominale della sezione cogenerativa, ter,CG [-].
 Rendimento elettrico nominale della sezione cogenerativa, el,CG [-].

PARAMETRI STRETTAMENTE NECESSARI PER L’ESECUZIONE DEL CALCOLO

Per portare a termine il calcolo il programma necessita come minimo l’inserimento da parte dell’utente dei seguenti
parametri:
- Potenza elettrica nominale del cogeneratore;
- Rendimento termico nominale della sezione cogenerativa (se opzionabile);
- Rendimento elettrico nominale della sezione cogenerativa (se opzionabile).

5.4.3.7 CATEGORIA: GENERATORE AD ENERGIA ELETTRICA

E’ possibile inserire come sistema di generazione un generatore alimentato esclusivamente da energia elettrica:

Generatore ad energia elettrica – Dati generali

Tralasciando i parametri di più semplice interpretazione, soffermiamoci in questa sede sulle scelte disponibili accanto alla
dicitura Tipo di generatore.

www.logical.it 197
TERMOLOG – Manuale d’uso

Nel caso si stia inserendo un generatore elettrico per il solo riscaldamento o un generatore elettrico per produzione combina ta
acs/riscaldamento l’unica tipologia consentita è quella del generatore elettrico generico.
Per quanto concerne i dettagli tecnici da inserire:
 n [kW]. Potenza termica utile nominale del generatore installato.
gn. Rendimento del generatore..
 Wgn,PO [W]. Potenza elettrica assorbita dalle pompe di circolazione interne al generatore.
 Waux,pn [W]. Potenza elettrica assorbita dagli ausiliari del generatore.

PARAMETRI STRETTAMENTE NECESSARI PER L’ESECUZIONE DEL CALCOLO

Per portare a termine il calcolo il programma necessita come minimo l’inserimento da parte dell’utente dei seguenti
parametri:
- 𝛷n [kW].
- gn [-].

Per quanto concerne il significato dei parametri citati, si faccia riferimento a quanto già spiegato in precedenza.

5.4.3.8 ACS: INSERIMENTO GENERATORE

Per inserire i dati relativi al sottosistema di generazione per la produzione di acs è necessario posizionarsi nello schema ad
albero in corrispondenza della dicitura Generazione (acs) cliccare in alto, sulla barra delle icone per l’acs il comando NUOVO:
il programma apre una schermata che invita alla scelta della categoria del generatore:

Impianto – acs - Sottosistema di generazione: scelta della categoria del generatore

Cliccando su OK il programma richiede l’inserimento dei parametri tecnici relativi alla categoria di generatore prescelta: si
rimanda alla consultazione dei paragrafi successivi per il dettaglio dei dati da inserire.

Per quanto concerne la modalità di inserimento e di gestione di uno o più generatori per la produzione di acs, si rimanda a
quanto già illustrato per il riscaldamento nel paragrafo 5.3.3.1.

www.logical.it 198
TERMOLOG – Manuale d’uso

5.5 Solare TERMICO


E’ possibile prevedere nel sistema edificio-impianto in fase di definizione, la presenza di pannelli solari termici per la produzione
di ACS e/o riscaldamento.
Per inserire un impianto solare termico, è necessario entrare nel menù Pannelli solari, nello schema ad albero posto sulla parte
sinistra della schermata, posizionarsi in corrispondenza della dicitura Solare Termico ed indicare a quale servizio energetico
applicare l’uso del solare termico:

Una volta effettuata tale selezione il programma richiede la compilazione di ulteriori informazioni che si differenziano per gli
utenti in possesso del modulo solare e per gli utenti che ne sono sprovvisti; nei seguenti paragrafi tratteremo questo argomento
in dettaglio.

5.5.1. Solare termico per i possessori del modulo solare


In presenza del Modulo Solare, viene richiesto all’utente innanzitutto di specificare quali sono le caratteristiche geometriche di
installazione del pannello:
 N° di pannelli e area singolo pannello. Inserisci il numero dei pannelli e l’area del singolo pannello; quest’ultimo
dato non è da inserire per collettore registrato in archivio (in quanto già specificato in quella sede).
 Inclinazione [°]. Inserisci l’inclinazione rispetto all’orizzontale del pannello.
 Azimut [°]. Inserisci l’angolo di azimut del pannello.
 Riflettanza. Inserisci la riflettanza dell’ambiente circostante il pannello. La riflettanza indica, in ottica, la proporzione
di luce incidente che una data superficie è in grado di riflettere. Cliccando sul comando Seleziona posto a lato puoi
scegliere tra i valori di riflettanza proposti nel prospetto 3 delle UNI/TR 11328-1 per diversi tipi di superficie.

www.logical.it 199
TERMOLOG – Manuale d’uso

Cliccando il comando Carta solare e ombreggiamenti:

Solare termico – Carta solare

è possibile visualizzare la carta solare, ossia lo strumento che permette di calcolare la posizione del sole in ogni istante
dell’anno.
Nella finestra che rappresenta la carta solare puoi disegnare gli ostacoli che possono ombreggiare il tuo pannello solare; per
poter riprodurre gli ostacoli che si frappongono fra i raggi solari e i pannelli che intendi calcolare, hai bisogno di una bussola e di
un clinometro professionale.
Segui questa procedura:
1. Individua un numero di punti sufficienti che descrivano l’ostacolo.
2. Per ogni punto del passo precedente, utilizza il clinometro per identificare l'angolo di elevazione di ciascuno. Con la
bussola rileva invece l'azimut.
Al termine di questa procedura avrai un insieme di coppie di numeri, tante quante sono i punti in cui idealmente hai scomposto
l’ostacolo. Nella finestra di disegno puoi inserire un poligono con i dati che hai rilevato e che riproduca l’ostacolo sulla carta
solare.

Nella finestra è possibile:


1. Disegnare degli ostacoli che si frappongono fra il percorso dei raggi solari e i pannelli.
2. Stampare ed esportare in formato DXF compatibile la carta solare con o senza gli ostacoli.
L’ambiente di disegno è corredato dei comandi comuni a questo tipo di programmi:
1. Zoom continuo con la rotella del mouse.
2. Zoom a finestra e zoom tutto.
3. Pan con clic della rotella + trascina.
4. Undo – Redo per eliminare le operazioni effettuate o ripeterle.
5. Menu contestuale attivabile con un clic destro sugli oggetti del disegno.
Vediamo come sia possibile disegnare e modificare un ostacolo.
1. Premi il pulsante “Ostacolo”
2. Sposta il mouse sulla carta solare e disegna l’ostacolo aggiungendo un vertice con il clic sinistro e concludendo con il
clic destro del mouse.
3. Se hai sbagliato, premi CTRL+Z per eliminare l’ultimo punto.
4. Premi ESC per abbandonare l’inserimento in qualsiasi momento.

www.logical.it 200
TERMOLOG – Manuale d’uso

Al termine dell’inserimento, il programma mostra una finestra che ti permette di decidere l’aspetto grafico dell’ostacolo che hai
disegnato. Puoi anche modificare le coordinate a cui hai disegnato i vertici:

Solare termico – Definizione di un ostacolo

Nella tabella:
1. la prima colonna riporta l’azimut (l’angolo rilevato tramite la bussola);
2. la seconda colonna riporta l’inclinazione apparente misurata con il clinometro.
Per modificare un ostacolo:
1. Sposta il mouse all’interno dell’ostacolo.
2. Fai un clic destro e seleziona il comando “Proprietà”
3. Effettua le modifiche e premi “Ok” per confermare.
4. In alternativa: seleziona l’ostacolo con un clic sinistro e premi il pulsante “Proprietà”.
Per eliminare un ostacolo:
1. Sposta il mouse all’interno dell’ostacolo.
2. Fai un clic destro e seleziona il comando “Elimina”
3. In alternativa: seleziona l’ostacolo con un clic sinistro e premi il pulsante “Elimina”.
L’effetto di un ostacolo è quello di eliminare la componente diretta della radiazione solare che incide sul pannello. L’unica
componente captata dal pannello sarà quella diffusa e quella riflessa dall’ambiente che circonda il tuo impianto solare.
Se vuoi stampare o esportare in formato DXF la carta solare:
1. Clicca il pulsante “Stampa”.
2. Il programma ti mostrerà l’anteprima di stampa.
3. Seleziona la stampante e il tipo di foglio.
4. Regola la scala.
5. Premi “Stampa” per stampare o “Esporta DXF” per esportare.

Per gestire il progetto dei pannelli solari termici cliccare il comando Progetta i pannelli ed il programma aprirà in automatico le
schermate del modulo SOLARE:

www.logical.it 201
TERMOLOG – Manuale d’uso

Solare termico – Dati generali

DATI GENERALI
In questo sottomenù vengono gestite le informazioni relative alla carta solare ed eventuali ostacoli alla radiazione solari
presenti, nonché è possibile consultare i dati climatici del comune di riferimento.

PANNELLO E FABBISOGNI

Solare termico – Pannello e fabbisogni


In questa schermata viene richiesto di specificare le seguenti informazioni:

www.logical.it 202
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Collettore. Inserire il tipo di collettore solare; è possibile selezionare dall’elenco una tipologia generica di collettore,
scegliendo tra:
- Collettore piano vetrato;
- Collettore piano non vetrato;
- Collettore a tubi sottovuoto con assorbitore piano;
- Collettore a tubi sottovuoto con assorbitore circolare;
- oppure un collettore registrato in archivio.
 N° di pannelli e area singolo pannello. Inserisci il numero dei pannelli e l’area del singolo pannello; quest’ultimo
dato non è da inserire per collettore registrato in archivio (in quanto già specificato in quella sede).
 Inclinazione [°]. Inserisci l’inclinazione rispetto all’orizzontale del pannello.
 Azimut [°]. Inserisci l’angolo di azimut del pannello.
 n°file. E’ possibile indicare al programma che i pannelli solare inseriti sono disposti su più file: il numero di file
corrisponde al numero di righe della tabella precedente:

In questo modo per ciascuna fila di pannelli potrà essere indicato un differente valore di azimut e di inclinazione.
 Riflettanza. Inserisci la riflettanza dell’ambiente circostante il pannello. La riflettanza indica, in ottica, la proporzione
di luce incidente che una data superficie è in grado di riflettere. Cliccando sul comando Seleziona posto a lato puoi
scegliere tra i valori di riflettanza proposti nel prospetto 3 delle UNI/TR 11328-1 per diversi tipi di superficie.

Cliccando sul pulsante Imposta i parametri del pannello e del circuito solare, il programma visualizza alcuni parametri
riguardanti il pannello solare, fondamentali per l’implementazione del metodo di calcolo:

 Coefficiente di scambio termico dello scambiatore (Ust,hx). Inserisci questo dato quando vuoi stimare il
rendimento loop attraverso la formula riportata nel par.C.2.6., nota 12) delle UNI 11300-4.

www.logical.it 203
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Rendimento del circuito solare (loop). Inserisci il rendimento del circuito comprendente i collettori, circolatore,
tubazioni e scambiatore di calore. Tale valore deve essere fornito dal produttore oppure stimato dai dati forniti dal
fabbricante con la formula riportata nel par.C.2.6., nota 12) delle UNI 11300-4; nel caso si opti per quest’ultima
possibilità è sufficiente cliccare sul comando Calcola posto a lato: si ponga attenzione al fatto che in questo caso è
necessario avere specificato il parametro Ust,hx altrimenti il programma avverte che:

in caso di mancanza di informazioni la norma stessa suggerisce di assumere 80%.


 Coefficiente globale di perdita del circuito (Uloop). Inserisci il coefficiente di perdita di energia del circuito del
collettore, comprendente il collettore stesso e le tubazioni. Cliccando sul comando Calcola posto a lato il parametro
in questione è stimato sulla base della formula (C.7), par.C.2.6.1 delle UNI 11300-4.
Per quanto concerne i dati del pannello, si rimanda alla spiegazione qui di seguito fornita per l’archivio.

Archivio Pannelli:
Cliccando il comando Archivio Pannelli si accede all’archivio completo di pannelli solari e fotovoltaici presente nel programma:

Le caratteristiche generali di un collettore solare sono organizzate nei seguenti sottomenù:


- Informazioni generali;
- Dati del collettore;
- Altro.

www.logical.it 204
TERMOLOG – Manuale d’uso

INFORMAZIONI GENERALI

 Si sottolinea l’importanza della scelta indicata accanto alla dicitura Tipo: la procedura di calcolo si differenzia infatti a
seconda del tipo di collettore indicato. E’ possibile scegliere tra:
- Collettore piano vetrato;
- Collettore a tubi sottovuoto con assorbitore piano;
- Collettore a tubi sottovuoto con assorbitore circolare;
- Collettore piano non vetrato.

2
Superficie esterna (superficie lorda) [m ]. Inserisci la superficie esterna lorda del pannello.

2
Superficie d’apertura (superficie ingresso luce) [m ].

2
Superficie assorbente (superficie netta) [m ]. Inserisci la superficie di captazione netta del pannello, in accordo con la
norma EN 12975-2. Questo dato viene utilizzato nella procedura di calcolo.
 Inclinazione min [°]. Inserire l’angolo di inclinazione minimo della superficie captante.
 Inclinazione max [°]. Inserire l’angolo di inclinazione massimo della superficie captante.
 Contenuto dell’assorbitore [litri]. Inserire il volume dell’assorbitore.

DATI DEL COLLETTORE

www.logical.it 205
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Rendimento del collettore a perdite nulle, 0 [%]. Inserisci il rendimento del collettore a perdite nulle determinato
secondo UNI EN 12975-2 e riferito all’area di apertura del collettore. Questo dato viene utilizzato nella procedura di
calcolo.
 Coefficiente di perdita globale del primo ordine, a1. Inserisci il coefficiente di perdita globale del collettore solare
2
del primo ordine, in W/ m K, determinato in accordo alla UNI EN 12975-2. Questo dato viene utilizzato nella
procedura di calcolo.
 Coefficiente di perdita globale del secondo ordine, a2. Inserisci il coefficiente di perdita globale del collettore
2
solare del secondo. ordine, in W/ m K, determinato in accordo alla UNI EN 12975-2. Questo dato viene utilizzato
nella procedura di calcolo.

2
Capacità termica, C [kJ/m K].
 Coefficiente di correzione dell’angolo di incidenza, IAM. Inserisci il modificatore dell’angolo di incidenza secondo
la UNI EN 12975-2. Questo dato viene utilizzato nella procedura di calcolo.
 Peso [Kg]. Peso del collettore.
 Max temperatura d’esercizio [°C].
 Temperatura di stagnazione [°C].
 Portata volumetrica nominale [l/h].
 Max sovrapressione d’esercizio (pressione di collaudo) [bar].

2
Stima apporto specifico annuo d’energia [kWh/m a].

Per registrare un nuovo pannello nell’archivio, cliccare il comando Nuovo pannello ed inserire i dati tecnici necessari.
Terminato l’inserimento dei dati per registrare quanto inserito cliccare sul pulsante Registra.

Caratteristiche dell’impianto solare termico:

 I fabbisogni di energia per ACS e riscaldamento applicati all’impianto solare termico vengono stimati dal
programma, sulla base dei dati già inseriti nei sottosistemi dell’impianto di riscaldamento e di produzione di ACS:
questi campi non sono quindi personalizzabili dall’utente.
 Frazione minima di copertura ACS attribuita ai pannelli solari: questa utilità è da utilizzarsi congiuntamente alla
opzione Calcola l’area minima necessaria precedentemente introdotta; è possibile specificare al programma la
frazione di copertura minima dei fabbisogni energetici che si desidera soddisfare mediante i pannelli solari, il
programma calcolerà qual è la minima area di pannelli che permette di ottenere la copertura richiesta.
 Accumulo. L’impianto solare termico è, nella maggior parte dei casi, collegato ad un serbatoio di accumulo; i dati
relativi all’accumulo del solare sono da inserirsi nell’apposito menù:

www.logical.it 206
TERMOLOG – Manuale d’uso

Le informazioni richieste dal programma hanno una duplice finalità, da un lato valutare il fattore adimensionale X, che
è utilizzato nella procedura di calcolo per stimare l’energia solare prodotta dall’impianto; dall’altro stimare le perdite di
accumulo ed i possibili recuperi.
Per quanto riguarda il primo scopo, ossia la stima del fattore adimensionale X, con riferimento alle formule (C.5) e
(C.6) del par.C.2.6 delle UNI 11300-4, il programma richiede l’inserimento di alcune informazioni per la stima del
parametro fst (coefficiente di correzione della capacità dell’accumulo):
 Configurazione impianto. Specifica se è prevista una Integrazione termica con riscaldatore ausiliario (back-up)
o un Preriscaldamento solare.

Impianti a preriscaldamento Impianti con riscaldatore ausiliario (back-up)

 Capacità nominale dell’accumulo solare (Vnom). Inserisci il volume nominale del pozzo di accumulo. Questo dato
può essere inserito manualmente oppure fatto stimare dal programma con l’opzione Calcolo automatico. In questo
ultimo caso viene usata la formula (C.11) delle UNI 11300-4, ponendo fst = 1.
 Capacità dell’accumulo assegnata al sistema di back-up (Vbu). Inserisci il volume riscaldato dal sistema di back-
up (volume contenuto tra la sommità del pozzo e il filo inferiore del riscaldatore). E’ necessario inserire questo dato
solo nel caso sia presente un sistema di back-up.
 Indica la modalità di utilizzo del sistema di back-up. Inserisci il coefficiente di controllo del sistema di back-up; la
norma 11300-4 nel par.C.2.6.3 suggerisce di assumere:
- 1: se l’integrazione è permanente;
- 0,7: se l’integrazione avviene solo durante la notte;
- 0,3: se l’integrazione è di sola emergenza.
E’ anche possibile indicare un valore diverso per tale coefficiente, mese per mese:

Come per il caso precedente, è necessario inserire questo dato solo nel caso sia presente un sistema di back-up.

Per quanto riguarda il secondo scopo, la stima delle perdite di accumulo ed i possibili recuperi, i dati richiesti sono:
 Ubicazione accumulo. Indica dov’è collocato l’accumulo, scegliendo tra:
- in ambiente riscaldato;
- in ambiente non riscaldato;
- in esterno.
 Coefficiente di dispersione termica del serbatoio (k boll). Coefficiente di dispersione termica dell’apparecchio di
accumulo.
 Temperatura media di accumulo (θs). Temperatura media dell’accumulo.
 Temperatura ambiente del locale dove è l’accumulo (θ a,s). Temperatura ambiente del locale di installazione
dell’accumulo.
Nel caso il valore di kboll non sia noto a priori, il programma consente di calcolarlo: si selezioni Ricava kboll da questi dati e si
inseriscano i seguenti dati:
 SS [m ]. Superficie esterna dell’apparecchio di accumulo.
2

 dS [mm]. Spessore dello strato isolante dell’apparecchio di accumulo.


 S [W/ mK]. Conduttività dello strato isolante dell’apparecchio di accumulo.

www.logical.it 207
TERMOLOG – Manuale d’uso

Le perdite dell’accumulo solare sono determinate dal programma in accordo al metodo di calcolo descritto nel
par.6.9.3 della UNI 11300-2.
 Ausiliari distribuzione. In questa sezione è richiesto l’inserimento dei dati relativi agli ausiliari elettrici degli impianti
termici a circolazione forzata. Nel seguito, per ciascun dato richiesto verrà anche fornita un’indicazione del suo
utilizzo nella procedura di calcolo.

Ausiliari di distribuzione dell’impianto solare termico

 Tipo di circolazione. Indica se l’impianto solare è a circolazione naturale o forzata. Nel caso la scelta ricada su
circolazione naturale, nel seguito non verrà richiesto di inserire alcun dato circa la potenza elettrica degli ausiliari.
 Potenza nominale complessiva pompe di circolazione (Waux,sol). Inserisci la potenza nominale complessiva delle
pompe di circolazioni presenti. Questo dato può essere inserito manualmente o fatto stimare dal programma
attraverso la seguente espressione:
Waux,sol = 50 + 5A [W]
2
in cui A in m è la superficie di apertura dei collettori.
 Circolatore in ambiente riscaldato. Indicare se l’ausiliario di distribuzione è collocato in un ambiente riscaldato;
questa informazione è utilizzata dal programma per valutare i recuperi termici dagli ausiliari elettrici.
 Isolamento delle tubazioni tra sistema solare e sistema di back-up. Indica se è presente l’isolamento per le
tubazioni tra sistema solare e sistema di back-up; questa informazione è utilizzata dal programma per valutare le
perdite di distribuzione tra il sistema solare termico ed il riscaldatore ausiliario (par.C.2.9.2 della UNI 11300-4).

CALCOLO
Dopo avere inserito tutti i dati descritti in precedenza, nel menù calcolo viene calcolata la producibilità dei
pannelli inseriti.

In questa schermata vengono riassunti i risultati più importanti del calcolo svolto; in particolare si sottolineano le seguenti
grandezze:

www.logical.it 208
TERMOLOG – Manuale d’uso

- Qgn,out,w e Qgn,out,H [MJ]. Fabbisogno di energia in uscita dal sistema di generazione per produzione
rispettivamente di ACS e riscaldamento.
- Qsol,out,w e Qsol,out,H [MJ]. Energia solare prodotta per la produzione di ACS e riscaldamento; questo dato è fornito
sia annualmente che mensilmente.
- fW, fH [%]. Frazione di copertura del fabbisogno per la produzione di ACS e riscaldamento.

E’ possibile stampare un report completo dei calcoli svolti cliccando il comando Relazione di calcolo.

5.5.2 Solare termico senza il modulo solare


Per gli utenti non in possesso del modulo solare, non è possibile inserire nella modellazione del sistema edificio-impianto in
analisi alcun pannello solare.

5.6 Solare FOTOVOLTAICO


E’ possibile prevedere nel sistema edificio-impianto in fase di definizione, la presenza di pannelli solari fotovoltaici per la
produzione di energia elettrica.
Per inserire un impianto solare fotovoltaico, è necessario entrare nel menù Pannelli solari, nello schema ad albero posto sulla
parte sinistra della schermata, posizionarsi in corrispondenza della dicitura Solare Fotovoltaico ed indicare che l’edificio è dotato
di pannelli solari fotovoltaici:

Una volta effettuata tale selezione il programma richiede la compilazione di ulteriori informazioni che si differenziano per gli
utenti in possesso del modulo solare e per gli utenti che ne sono sprovvisti; nei seguenti paragrafi tratteremo questo argomento
in dettaglio.

5.6.1 Fotovoltaico per i possessori del modulo solare


In presenza del Modulo Solare, viene richiesto all’utente innanzitutto di specificare quali sono le caratteristiche geometriche di
installazione del pannello:

www.logical.it 209
TERMOLOG – Manuale d’uso

Fotovoltaico – Inserimento dati – SI Modulo Solare

 Pannello fotovoltaico. Puoi selezionare dall’elenco una tipologia generica di pannello, scegliendo tra:
- Silicio monocristallino;
- Silicio policristallino;
- Film sottile di silicio amorfo;
- Altri strati di film sottile;
- Film sottile di seleniuro di indio-rame-gallio (CIGS);
- Film sottile di telluro di cadmio (CdTe).
- oppure un pannello registrato in archivio.
 N° di pannelli e area totale. Inserisci il numero dei pannelli e l’area del singolo pannello; quest’ultimo dato non è da
inserire per pannello registrato in archivio (in quanto già specificato in quella sede).
 Inclinazione [°]. Inserisci l’inclinazione rispetto all’orizzontale del pannello.
 Azimut [°]. Inserisci l’angolo di azimut del pannello.
 Riflettanza. Inserisci la riflettanza dell’ambiente circostante il pannello. La riflettanza indica, in ottica, la proporzione
di luce incidente che una data superficie è in grado di riflettere. Cliccando sul comando Seleziona posto a lato puoi
scegliere tra i valori di riflettanza proposti nel prospetto 3 delle UNI/TR 11328-1 per diversi tipi di superficie.

 Calcola l’area minima necessaria. Clicca sulla casella per lasciare al programma il calcolo dell’area di pannelli
necessaria per soddisfare i fabbisogni elettrici indicati successivamente.
 Efficienza pannello Kpv [%].Inserire l’efficienza nominale del pannello. Questo dato non è da inserire per pannello
registrato in archivio (in quanto già specificato in quella sede).

CALCOLO AUTOMATICO DELL’EFFICIENZA DEL SISTEMA FOTOVOLTAICO


il programma stima il valore di fPV, fattore di efficienza del sistema, sulla base del prospetto 10 delle UNI 11300-4:

CALCOLO GENERICO DELL’EFFICIENZA DEL SISTEMA FOTOVOLTAICO


 Variazione efficienza con Temperatura (positivo) g [%/K]. Inserire il coefficiente di variazione dell’efficienza
nominale del pannello con la temperatura. Questo dato non è da inserire per pannello registrato in archivio (in quanto
già specificato in quella sede).
 Efficienza inverter inverter [%]. Inserire l’efficienza dell’inverter, nel caso fosse assente indicare 100%.
 Temperatura operativa normale della cella NOCT [°C]. Inserire il valore della NOCT (Normal Operating Cell
Temperature).
 Altre perdite associabili all’impianto p [%]. Inserire altre perdite associabili all’impianto: nel caso di assenza di
perdite si inserisca 0.

www.logical.it 210
TERMOLOG – Manuale d’uso

Modulo SOLARE FOTOVOLTAICO stima l’energia elettrica prodotta mensilmente dal sistema fotovoltaico sulla base della
seguente espressione:
Eel,pv,out = pv x Apv x Epv

in cui:
pv: efficienza complessiva di conversione dell’impianto fotovoltaico [-]
2
Apv: area occupata dai modulo fotovoltaici [m ]
2
Epv: irradiazione solare incidente sulla superficie dei moduli fotovoltaici [MJ/m ]

L’efficienza pv può essere stimata utilizzando uno dei seguenti metodi:

CALCOLO AUTOMATICO:
pv = Kpv x fpv
in cui:
Kpv: efficienza nominale del pannello [%]
fpv: fattore di efficienza del sistema, valutato in base al prospetto 9 della norma UNI 11300-4.

CALCOLO GENERICO
pv = Kpv x Kg x inverter x (1 – p)
in cui:
Kpv: efficienza nominale del pannello [%]
inverter: efficienza dell’inverter [%]
p: altre perdite associate all’impianto [%]
Kg: coefficiente di correzione dipendente dalla temperatura a cui lavora il pannello:
Kg = [100 – g x (tc – 25)] / 100
tc = ta + [NOCT – 20] /0,8 x I

ta : temperatura ambiente [°C]


NOCT: temperatura operativa normale della cella [°C]
2
I: irradianza sulla superficie del modulo [kW /m ]
tc: temperatura delle celle [°C]
g: coefficiente di variazione dell’efficienza nominale del pannello con la temperatura [%°C]


2
Superficie lorda pianta edificio a livello terreno [m ]. Questa informazione è da specificare al programma per
effettuare la verifica richiesta dal Dlgs n.28, Allegato 3-comma 3.

Per quanto concerne il comando Carta solare e ombreggiamenti si rimanda a quanto già descritto nel capitolo del solare
termico.
Per gestire il progetto dei pannelli solari fotovoltaici cliccare il comando Progetta i pannelli ed il programma aprirà in
automatico le schermate del modulo SOLARE:

www.logical.it 211
TERMOLOG – Manuale d’uso

DATI GENERALI
Il contenuto di questo sottomenù è assolutamente analogo a quanto già spiegato per l’omonimo menù nel solare termico.

PANNELLO E FABBISOGNI

Dati del pannello


Questi dati sono già stati ampiamente commentati nella parte iniziale del presente paragrafo.

Analisi del carico elettrico: Carico elettrico mensile


 TERMOLOG riporta in una tabella, automaticamente, i fabbisogni di energia elettrica dell’impianto di riscaldamento e
di produzione di acs, ricavati sulla base dell’inserimento dati svolto precedentemente nei vari sottosistemi costituenti
l’impianto (ausiliari elettrici della distribuzione, generazione, ecc…).
Dato che l’utilizzo del comando fotovoltaico nel programma ha lo scopo di stimare qual è la quota parte di energia
primaria richiesta dall’edificio che può essere coperta dal’energia elettrica prodotta da fonte rinnovabile, il carico
elettrico riportato in queste sede non è modificabile dall’utente in quanto già rappresentativo dell’effettivo carico
elettrico dell’edificio.

Analisi del carico elettrico: Frazione minima di copertura del carico elettrico attribuito ai pannelli / % Copertura
 Questa funzione è da utilizzarsi insieme alla precedente riguardante il calcolo dell’area minima dei pannelli e
permette di indicare un livello minimo di copertura del carico elettrico che deve essere soddisfatto dai pannelli.

www.logical.it 212
TERMOLOG – Manuale d’uso

CALCOLO

Dopo avere inserito tutti i dati descritti in precedenza, nel menù Calcolo viene calcolata la producibilità dei pannelli fotovoltaici.

Il programma visualizza in una tabella i risultati numerici dei calcoli svolti; in particolare, le principali grandezze esplicitate sono:
- Eel,pv,out [MJ]. Energia elettrica prodotta dal sistema fotovoltaico; questo dato è fornito sia annualmente che
mensilmente.
- Eel,pv,rete [MJ]. Energia elettrica sovraprodotta dal sistema fotovoltaico; questo dato è fornito sia annualmente che
mensilmente.
- Eel [MJ]. Carico elettrico applicato.
Accanto alla precedente tabella è riportato un grafico in cui sono sono rappresentate le quantità energia fornita dall’impianto
fotovoltaico ed energia richiesta, con un utile raffronto mensile.

E’ inoltre possibile stampare un report completo dei calcoli svolti cliccando il comando Relazione.

5.6.2. Fotovoltaico senza il modulo solare


Per gli utenti non in possesso del modulo solare, non è possibile inserire nella modellazione del sistema edificio-impianto in
analisi alcun pannello fotovoltaico.

www.logical.it 213
TERMOLOG – Manuale d’uso

Calcolo, Verifiche e Stampa

6.1 Calcolo e principali risultati


Terminata la modellazione dell’involucro disperdente e l’inserimento dell’impianto è possibile avviare il calcolo degli indici di
prestazione energetica: nel menù Calcolo e verifica cliccare il comando Calcolo:

Il programma avvierà immediatamente le elaborazioni e aggiornerà la visualizzazione dell’area di lavoro con i risultati del
calcolo.

Calcolo del sistema edificio-impianto

Ogni volta che si accede al menù Calcolo il programma eseguirà di nuove tutti i calcoli, a meno di spostare nella barra in alto
l’opzione calcolo automatico su OFF

6.1.1 Risultati del calcolo

Una volta eseguito il calcolo il programma mostrerà nella schermata sottostante il risultato di tutte le elaborazioni svolte,
suddividendo tra:
 Fabbisogni di energia termica: vengono visualizzati i risultati dei calcoli relativi all’involucro, il fabbisogno energetico
invernale ed estivo, il fabbisogno di ACS e i relativi indici, confrontandoli con i limite previsto dalla normativa.

www.logical.it 214
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Riscaldamento: fabbisogni di energia primaria e rendimenti: vengono visualizzate l’energia primaria per il
riscaldamento, la classe energetica, l’indice di prestazione e il rendimento globale stagionale.
Vengono indicate anche l’energia primaria rinnovabile usata per il riscaldamento e la relativa percentuale di copertura
da fonte rinnovabile: per ulteriori delucidazioni sull’argomento si rimanda alla lettura del successivo paragrafo.
L’indice di prestazione EPi e il rendimento globale stagionale per il riscaldamento sono confrontati con i valori limite
previsti dalla normativa.

 Acqua calda sanitaria: fabbisogni di energia primaria e rendimenti: vengono visualizzate l’energia primaria per la
produzione di acs, la classe energetica, l’indice di prestazione e il rendimento globale stagionale.
Vengono indicate anche l’energia primaria rinnovabile usata per la produzione di acs e la relativa percentuale di
copertura da fonte rinnovabile: per ulteriori delucidazioni sull’argomento si rimanda alla lettura del successivo
paragrafo.
L’indice di prestazione EPacs e il rendimento globale stagionale per il riscaldamento sono confrontati, se previsto dalla
normativa, con i valori limite in essa indicati.

 Fabbisogno globale: energia primaria e rendimenti: Le grandezze mostrate sono le stesse già descritte nei campi
precedenti: in questo caso il riferimento è la prestazione globale, comprensiva sia del consumo per la produzione di
acs che del consumo per il riscaldamento.

6.1.2 Risultati in dettaglio

E’ possibile visualizzare il dettaglio delle elaborazioni svolte dal programma; per far questo selezionare il comando Dettagli
nella barra delle icone:

e scegliere quale tipologia di risultato si desidera visionare, scegliendo tra:


- Riassunto dei calcoli;
- Involucro;
- Impianto;
- ACS;
- Energia primaria.

INVOLUCRO
Selezionando l’opzione dettagli di nvolucro il programma permette di analizzare il dettaglio delle elaborazioni svolte
riguardanti l’involucro disperdente dell’edificio; i calcoli sono raggruppati per argomento al fine di consentire una più agevole
consultazione:

www.logical.it 215
TERMOLOG – Manuale d’uso

L’utente può decidere quali risultati visionare, selezionando il riquadro posto a lato dei vari argomenti e cliccando poi su OK.
Si ricorda che la simbologia utilizzata per indicare le varie grandezze che concorrono alla stima delle prestazioni energetic he
dell’involucro edilizio è conforme a quella assunta nella norma UNI TS 11300-1.

Nel caso nella modellazione siano presenti più unità immobiliari, il programma consente di visualizzare i risultati dell’involucro di
una specifica unità immobiliare, a scelta dell’utente:

IMPIANTO / ACS
Selezionando l’opzione impianto il programma permette di analizzare il dettaglio delle elaborazioni svolte riguardanti la parte
impiantistica per la produzione di energia per il riscaldamento e acs; i calcoli sono raggruppati per argomento, al fine di
consentire una più agevole consultazione, distinguendo tra circuiti di utenza (o di zona) e circuito primario:

ENERGIA PRIMARIA

www.logical.it 216
TERMOLOG – Manuale d’uso

Selezionando questa opzione è possibile visionare il dettaglio dei calcoli effettuati per stimare la percentuale di copertura da
fonte rinnovabile, calcolata sulla base delle Raccomandazioni CTI; per ulteriori delucidazioni si rimanda alla consultazione del
paragrafo successivo.

6.1.3 Indici di prestazione


Cliccando il sottomenù Indici di prestazione sull’area di lavoro, è possibile visualizzare la rappresentazione grafica degli indici
di prestazione calcolati dal programma:

6.1.4 Grafici energie


Posizionandosi in corrispondenza del sottomenù Grafici energie:

è possibile visualizzare un’utile diagramma dei calcoli appena svolti: dagli istogrammi rappresentati risulta semplice ed
immediato valutare se la percentuale di fonte rinnovabile raggiunta nella propria modellazione risulta conforme ai limiti di legge.

6.1.5 Involucro
Posizionandosi in corrispondenza del sottomenù Involucro:

www.logical.it 217
TERMOLOG – Manuale d’uso

È’ possibile visualizzare un riassunto dei principali risultati relativi all’involucro dell’edificio in analisi.
E’ presente anche una rappresentazione grafica dei contributi energetici che concorrono a determinare il fabbisogno energetico
dell’involucro: trasmissione, ventilazione, apporti solari ed apporti interni; la rappresentazione grafica consente di individuare in
maniera intuitiva quali sono i contributi termici preponderanti, sui quali eventualmente intervenire, che intervengono nel bilancio
energetico dell’involucro.

6.1.6 Verifiche

Nel sottomenù Verifiche di legge, è possibile visualizzare un riepilogo di tutte le verifiche svolte dal programma:

Per quanto concerne le verifiche connesse al Dlgs n.28, ritroviamo in questa sezione i punti a), b), c) e d) descritti diffusamente
nei paragrafi precedenti.

www.logical.it 218
TERMOLOG – Manuale d’uso

6.2 Il Dlgs n.28/2011 e la copertura delle fonti rinnovabili


ll D.Lgs. n° 28/2011, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 28-03-2011, recepisce la direttiva europea 2008/28/CE sulla
promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili.
Il decreto prevede per i progetti di nuovi edifici e/o di edifici sottoposti a ristrutturazioni "rilevanti" l'obbligo di coprire il
fabbisogno energetico dell'edificio con delle percentuali minime di energia derivanti da fonti rinnovabili.

Più dettagliatamente i nuovi limiti da rispettare sono:


a) Con energia proveniente da fonti rinnovabili deve essere coperta una quota non inferiore al 50% del fabbisogno per
acqua calda sanitaria (Allegato 3 del Decreto - Comma 1);
b) Con energia proveniente da fonti rinnovabili deve essere coperta una quota non inferiore al 20% del fabbisogno
energetico complessivo dell'edificio (Allegato 3 del Decreto - Comma 1).
La percentuale indicata aumenterà al 35% dal 01-01-2014, e al 50% dal 01-01-2017.
Nel caso la normativa prescelta fosse quella della Regione Emilia Romagna, D.G.R. n. 1366 del 2011, il limite del 35%
di copertura è in vigore dal 30-05-2012.
c) Nei casi in cui sussiste l’impossibilità tecnica di ottemperare agli obblighi di integrazione con fonti rinnovabili, è
necessario utilizzare nelle verifiche un EPi,lim modificato secondo le indicazioni del decreto (Allegato 3 del Decreto -
Comma 8);
d) La potenza elettrica degli impianti a fonti rinnovabili installati è calcolata, in kW, sulla base della formula riportata nell’
Allegato 3 del Decreto - Comma 3.
Termolog , con riferimento al metodo di calcolo illustrato nelle UNI TS 11300-4 e alle più recenti raccomandazioni CTI (CTI 14),
permette di eseguire tutte le verifiche di legge richieste dal sopracitato decreto.

6.2.1 Dettaglio dei risultati

Nel menù Calcolo, cliccando il comando Dettagli, Energia primaria è possibile visualizzare il dettaglio delle elaborazioni
svolte per il calcolo del parametro quota di rinnovabile:

Qui di seguito se ne riporta uno stralcio, inerente al calcolo di QR per la produzione di ACS (QRacs); ovviamente le stesse
elaborazioni sono presenti per la climatizzazione invernale e la produzione globale.

TERMOLOG riporta i dettagli del calcolo della copertura da rinnovabile per i vari servizi energetici presenti; i valori di QR sono
gli stessi riportati della tabella di riepilogo dei risultati descritta nel paragrafo precedente.

6.3 Lo strumento Confronta


Nel menù Confronta è possibile accedere ad un utile strumento che consente di analizzare, in modo semplice e rapido, gli
effetti che eventuali cambiamenti sull’involucro edilizio o sull’impianto possono avere sulle prestazioni energetiche del sistema
edificio-impianto:

www.logical.it 219
TERMOLOG – Manuale d’uso

Menù Confronta – Area di lavoro


Per inserire un nuovo scenario cliccare il comando Nuovo e completare le informazioni richieste:

Confronta – Schermata di inserimento 1


ATTENZIONE: TERMOLOG riporterà sull’attestato di prestazione energetica esclusivamente lo scenario contrassegnato

come:

Per aggiungere un intervento allo scenario in fase di inserimento cliccare il comando Nuovo:

www.logical.it 220
TERMOLOG – Manuale d’uso

Confronta – Schermata di inserimento 2


Un intervento di miglioramento può consistere in:

Vediamo di illustrare nel dettaglio ciascuno dei precedenti interventi:


SOSTITUZIONE STRUTTURA DISPERDENTE

Confronta – Schermata di inserimento 3 – Sostituzione di una struttura

www.logical.it 221
TERMOLOG – Manuale d’uso

E’ necessario indicare:
 Tipologia di struttura. Indicare la tipologia della struttura da sostituire.
 Struttura da sostituire. Indicare la struttura che si intende sostituire: il programma permette di scegliere tra le
strutture, appartenenti a quella tipologia, incluse nell’archivio locale del modello in esame. Selezionando l’opzione
Elimina la struttura dal computo delle dispersioni verrà analizzato un intervento in cui, rispetto allo stato di fatto,
la struttura indicata viene eliminata dal computo delle dispersioni.
 Sostituisci con la struttura. Indicare la struttura con la quale si intende sostituire la struttura originaria: anche in
questo caso, il programma permette di scegliere tra le strutture, appartenenti a quella tipologia, incluse nell’archivio
locale del modello in esame.

2
Costo dell’intervento. Inserire il costo dell’intervento per ogni m di struttura opaca/trasparente sostituita.
 Costo fisso aggiuntivo. Inserire un eventuale costo fisso aggiuntivo dello scenario.
Le ultime due informazioni vengono utilizzate dal programma per stimare il costo complessivo dell’intervento ed, in base al
risparmio di combustibile ottenuto ed al suo costo, il tempo di ammortamento dell’investimento.

SOSTITUZIONE GENERATORE

Confronta – Schermata di inserimento 4 – Sostituzione dei generatori di calore


E’ possibile sostituire il sistema di generazione inizialmente assegnato al sistema edificio-impianto, sia per quanto concerne il
riscaldamento che la produzione di ACS.
Per inserire il nuovo sistema di generazione cliccare il comando Nuovo. Non ci dilunghiamo in questa sede sulle caratteristiche
tecniche dei generatori di cui è richiesto l’inserimento, in quanto l’argomento è stato ampiamente trattato nel capitolo relativo
all’impianto, a cui si rimanda.
Viene infine richiesto di specificare il costo dell’intervento per calcolare poi il tempo di ritorno dell’investimento.

INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI E/O FOTOVOLTAICI

www.logical.it 222
TERMOLOG – Manuale d’uso

Confronta – Schermata di inserimento 5 – Sostituzione di una struttura


E’ possibile valutare l’influenza che l’inserimento di pannelli solari termici e/o fotovoltaici può comportare sul bilancio energetico
del sistema edificio-impianto.
Selezionare, se presenti, qual è il tipo di produzione a cui sono asserviti i pannelli solari termici:

Selezionare, se presenti, i pannelli fotovoltaici:

Per inserire le caratteristiche tecniche dei pannelli cliccare sui relativi comandi:

per una descrizione dettagliata dei parametri richiesti in questa sezione si rimanda la consultazione al capitolo relativo agli
impianti.

Viene infine richiesto di specificare il costo dell’intervento per calcolare poi il tempo di ritorno dell’investimento.

www.logical.it 223
TERMOLOG – Manuale d’uso

INSTALLAZIONE VALVOLE DI TERMOREGOLAZIONE

E’ possibile valutare l’influenza che l’installazione di valvole di termoregolazione può avere sulla performance energetica
dell’edificio.
Indicare il tipo di regolazione e le caratteristiche delle valvole, nonchè il costo dell’intervento.

INSTALLAZIONE DI IMPIANTO DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA

È possibile inserire un impianto di ventilazione meccanica in ciascuna delle zone riscaldate: selezionare l’opzione Inserisci
impianto VMC e cliccare su Imposta parametri per definirne le caratteristiche tecniche.
Per una descrizione dettagliata dei parametri tecnici della ventilazione meccanica si faccia riferimento a quanto già spiegato nel
presente testo nel paragrafo 3.2.2.1.

www.logical.it 224
TERMOLOG – Manuale d’uso

VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DELL’EDIFICIO SENZA SERRA SOLARE


In questa sezione è possibile impostare uno scenario per confrontare la prestazione energetica dell’edificio tra la situazione in
cui è presente la serra solare (stato di fatto) e la situazione ipotetica in cui la serra solare è eliminata e alle strutture disperdenti
verso la serra solare viene sostituito come verso di dispersione “esterno”.

Terminato l’inserimento degli scenari di miglioramento, cliccando il comando Calcola è possibile visualizzare il confronto
numerico tra gli indici di prestazione energetica calcolati, prima e dopo il miglioramento:

Confronta – Esecuzione del confronto


E’ possibile stampare un report riassuntivo con la sintesi dei calcoli svolti e la stima del tempo di ritorno dell’investimento:
cliccare, nella precedente schermata, il comando Stampa.

Lo strumento Confronta scenari consente inoltre di calcolare, gli interventi migliorativi incentivabili ai sensi dei D.M. 28-12-
2012 (Conto Energia Termico) per diverse tipologie di riqualificazione: sostituzione di una struttura disperdente, sostituzione del
generatore di calore con caldaia a condensazione, con pompa di calore o con caldaia a biomassa, installazione di pannelli
solari termici, installazione di valvole termostatiche.
Per valutare l’ammissibilità ai sensi del decreto degli interventi incentivanti eseguiti cliccare il comando:

Per calcolare l'incentivo ottenibile ai sensi del Conto Energia Termico cliccare il comando:

6.4 Esportazione xml


Nella barra delle icone del menù Calcolo di Termolog vengono gestiti i comandi che consentono di esportare, mediante le
creazione di un file con estensione .xml, i dati di input e i calcoli eseguiti dal programma verso i principali portali regionali adibiti
alla gestione di pratiche energetiche.
In particolare, i portali regionali in cui è possibile esportare il file .xml prodotto con TERMOLOG sono:
 SICEE, per la Regione Piemonte;
 SACE, per la Regione Emilia Romagna;
 CENED, per la Regione Lombardia;
 Ve.Net., per la Regione Veneto.
ATTENZIONE: La funzione di esportazione del file .xml è visibile solo nel caso l’analisi svolta dall’Utente sia la
certificazione di un edificio esistente, pertanto è una prerogativa del modulo CERTIFICATORE.

Nel caso tra i moduli abilitati dall’utente fosse presente anche il modulo di VALUTAZIONE AMBIENTALE, tra i pulsanti abilitati
nella barra delle icone del menù Calcolo sarà presente anche il comando ITACA: tale funzione permette di esportare tutte le
elaborazioni svolte dal programma che possono essere utilizzate per la compilazione del protocollo nazionale Itaca 2011. Per

www.logical.it 225
TERMOLOG – Manuale d’uso

maggiori informazioni circa le funzionalità di questo modulo si rimanda alla lettura del capitolo relativo.

6.5 Stampe
Terminate, se necessarie, le verifiche sulla relazione è possibile passare alla fase di stampa dei documenti, a cui si accede dal
menù Stampa:

Menù Stampa.

Tutti i documenti stampabili in questa sezione vengono compilati in formato .doc e possono essere aperti direttamente con il
Word Processor interno al programma o con quello predefinito sul computer: è possibile modificare questa impostazione dal
comando Opzioni:

Menù Home – Opzioni – Impostazioni di stampa.

ATTENZIONE: i documenti compilati dal programma vengono restituiti in formato .doc e qu indi possono essere
personalizzati dall’Utente in base alle sue esigenze.

6.5.1 La stampa della relazione energetica


La relazione energetica contiene tutti i dati ed i parametri calcolati per un certo intervento, richiesti per la compilazione del
documento da presentare in Comune, congiuntamente alla Dichiarazione d’Inizio Attività, per un edificio nuovo, una
ristrutturazione od un intervento sull'impianto, secondo l’allegato E del Dlgs 311/2006.
In essa sono riportati i parametri della località di riferimento, alcuni valori caratteristici dell'edificio, come fattori di forma,
superficie e volume, i dati relativi ai rendimenti degli impianti termici ed altri risultati dei calcoli.
Per avviare la compilazione della relazione energetica premere il tasto Relazione tecnica, nella barra degli strumenti sotto al
menù Stampa.

www.logical.it 226
TERMOLOG – Manuale d’uso

La relazione energetica può essere personalizzata compilando i sottomenù contenuti nella schermata che si apre:

Menù Stampa – Comando Compila relazione tecnica – Info relazione energetica.

ALLEGATI ALLA RELAZIONE ENERGETICA:


Indicare quali elementi si vuole includere nella relazione energetica; in particolare è possibile scegliere tra:
 Dettaglio isolamento: viene allegato alla relazione un riassunto delle trasmittanze degli elementi disperdenti
dell’involucro in esame e delle dispersione per trasmissione e ventilazione.
 Allegati relativi alle strutture opache: per ciascuna struttura opaca viene allegata alla relazione una scheda che
riassume le caratteristiche della struttura in termini di stratigrafia e di condizioni al contorno e le verifiche a cui è
soggetta: verifiche di condensa interstiziale e superficiale, verifiche di massa e inerzia termica, diagramma di
sfasamento dell’onda termica.
 Allegati relativi ai serramenti: analogo al precedente, ma riferito ai serramenti.
 Allegati relativi ai vetri: per ciascun vetro viene allegata alla relazione una scheda che riassume le caratteristiche
termiche e la verifica di trasmittanza del vetro.

FATTORI TIPOLOGICI DELL’EDIFICIO:


indicare i fattori tipologici dell’edificio che si intende aggiungere in allegato alla relazione energetica; le informazioni introdotte in
questa sezione vengono usate da Termolog per inserire nella relazione energetica uno specchietto riassuntivo sui fattori
tipologici allegati, ad esempio:

sarà poi onere dell’Utente allegare effettivamente la documentazione citata al file .doc prodotto dal programma con la relazione
energetica.

DOCUMENTAZIONE ALLEGATA:
in questa sezione è possibile riassumere i documenti aggiuntivi che l’utente ha intenzione di allegare alla relazione energetica;
le finalità di questa sezione sono analoghe alla precedente.

Per completare la compilazione della relazione energetica è necessario inserire le informazioni richieste in ciascuno dei
sottomenù inclusi nel menù Testi da inserire:

www.logical.it 227
TERMOLOG – Manuale d’uso

Menù Stampa – Comando Compila relazione tecnica – Testi da inserire.

ATTENZIONE: nel caso il modello edificio-impianto in analisi fosse costituito da più unità immobiliari termoautonome il
programma permette si stampare un’unica relazione energetica comprensiva di tutte le unità .

6.5.2 La stampa dell’Attestato di Certificazione Energetica (ACE) e dell’Attestato di


Qualificazione Energetica (AQE)

Per stampare l’attestato di certificazione energetica premere il seguente tasto, posto nella barra degli strumenti sotto al menù
Stampa:

Per stampare l’attestato di qualificazione energetica invece:

I formati degli attestati di certificazione (e qualificazione) energetica saranno congruenti a quanto previsto dalla normativa di
riferimento selezionata per lo svolgimento dei calcoli.
Nel caso il modello in analisi fosse costituito da più unità immobiliari, il programma permette di stampare l’ACE sia per l’intero
edificio che per ciascuna delle unità immobiliari presenti.

6.5.3 Informazioni aggiuntive

ATTESTATO:

www.logical.it 228
TERMOLOG – Manuale d’uso

In questa sezione è richiesto l’inserimento di alcune informazioni generali sull’edificio in esame che saranno inserite dal
programma nelle stampe della relazione energetica e dei certificati.

CATASTO:

www.logical.it 229
TERMOLOG – Manuale d’uso

IMPIANTO E NOTE:

INCARICHI:

Indicare il nome delle varie figure professionali che hanno preso parte al progetto; cliccando sul pulsante Seleziona, posto a
lato, il programma consente di attingere ai nominativi inseriti dall’Utente nell’archivio Anagrafica del menù home:

www.logical.it 230
TERMOLOG – Manuale d’uso

6.5.4 Stampe progetto

Per stampare i risultati dei calcoli di progetto svolti del programma cliccare il comando Progetto invernale e selezionare cosa si
intende visualizzare:

6.5.6 Organizzazione della documentazione prodotta

Nel menù Stampa di Termolog è possibile catalogare la documentazione prodotta dopo il calcolo di un sistema edificio-
impianto, vediamo come.
Supponiamo ad esempio di stampare l’APE di un edificio: il certificato prodotto verrà catalogato sull’area di lavoro sotto la
dicitura Attestati di certificazione energetica:

L’APE appena visualizzato può essere salvato in formato .doc mediante il comando Salva presente sulla barra delle icone.
Con lo stesso criterio è possibile catalogare e salvare gli APE relativi alla singola unità immobiliare o all’intero edificio, la
relazione energetica e le stampe di progetto.

www.logical.it 231
TERMOLOG – Manuale d’uso

Valutazione Ambientale

7.1 Alcune indicazioni generali


Questo capitolo fornisce le istruzioni per affrontare i principali passaggi per l’utilizzo del Modulo di Valutazione Ambientale di
Termolog .
Il Modulo Valutazione Ambientale è un utile ausilio per gli utenti che, a partire dal progetto energetico di un edificio, desiderano
compilare il protocollo ITACA dello stesso, ai fini di fornire un valutazione della sua sostenibilità ambientale.

ATTENZIONE
Questo calcolo è attivo in TERMOLOG EpiX7 selezionando come normativa di calcolo il DPR 59/09

Il Modulo Valutazione Ambientale consente di esportare, in modo semplice ed intuitivo, i calcoli svolti dal programma e
compilare i criteri inerenti alla valutazione energetica dell’edificio del protocollo ITACA.

L’iter logico seguito da questo tutorial sarà il seguente: illustrare per ciascun criterio del protocollo ITACA 2011 quali sono le
funzionalità che mette a disposizione il Modulo di Valutazione Ambientale per consentirne una veloce compilazione.

Il tutorial si conclude presentando le due possibilità fornite all’utente per visualizzare i parametri rappresentativi del protocollo
ITACA: un file .xls e un file .xlm di collegamento con l’applicativo Proitaca.org.

Si rammenta che l’utilizzo del Modulo Valutazione Ambientale richiede che l’utente abbia abilitato sullo stesso pc il Modulo
Progettista.

7.2 Nuova costruzione/Ristrutturazione


Il Protocollo ITACA 2011 riporta nelle sue pagini iniziali in un quadro sinottico l’appilicabilità dei singoli criteri all’analisi di edifici
di nuova costruzione o oggetto di ristrutturazione.
In particolare, nel seguente prospetto se ne riporta una rappresentazione relativa ai soli criteri trattati dal Modulo di Valutazione
Ambientale:

www.logical.it 232
TERMOLOG – Manuale d’uso

Termolog riconoscerà automaticamente un edificio come una nuova costruzione, e ne valuterà i relativi criteri, qualora nel
menù Relazione si sia indicato come Intervento:
"Nuova costruzione o ristrutturazione integrale di edifici con superficie utile superiore a 1000 m² o ampliamenti volumetrici
(deltaV>20%)".
Analogamente, per fare riconoscere al programma che l’edificio in esame è una ristrutturazione, si scelga:
"Ristrutturazione totale o parziale o manutenzione straordinaria dell'involucro di edifici con superficie utile non superiore a 1000
m²"
oppure
"Nuova installazione e ristrutturazione di impianti termici, o sostituzione di generatori di calore"

I criteri che non competono ad una tipologia di intervento non verranno compilati dal programma.

7.3 Residenziale/Uffici
Il Protocollo ITACA 2011 distingue la sua applicazione a destinazioni d’uso residenziali e destinazioni d’uso uffici.

Termolog riconoscerà automaticamente un edificio con destinazione d’uso residenziale qualora nel menù Relazione si sia
indicato come destinazione prevalente il tipo E.1.
Analogamente, per fare riconoscere al programma che l’edificio in esame è un ufficio si scelga come destinazione prevalente il
tipo E.2.

7.4 B.1: Energia primaria non rinnovabile richiesta durante il ciclo di vita
dell’edificio
Vengono qui di seguito illustrati quali sono i parametri compilati dal Modulo Valutazione Ambientale con riferimento alla sezione
B.1 del Protocollo Itaca 2011, a cui si rimanda per ulteriori delucidazioni.

CRITERIO B.1.2: Energia primaria per il riscaldamento


 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale (EPi) per l'intero edificio di cui al d.lgs 192/2005 e
ss.mm.ii e secondo la procedura descritta nella norma UNI TS 11300-2 (B) [kWh/m2 o kWh/m3]
 Valore limite dell'indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale (EPi,L) di cui al d.lgs n. 192/2005 e
ss.mm.ii (A) [kWh/m2 o kWh/m3]
CRITERIO B.1.5: Energia primaria per la produzione dell’acqua calda sanitaria
 Fabbisogno di energia primaria per ACS (EPacs) [kWh/m2 o kWh/m3]

7.5 B.3: Energia da fonti rinnovabili


Vengono qui di seguito illustrati quali sono i parametri compilati dal Modulo Valutazione Ambientale con riferimento alla sezione
B.3 del Protocollo Itaca 2011, a cui si rimanda per ulteriori delucidazioni.

www.logical.it 233
TERMOLOG – Manuale d’uso

CRITERIO B.3.2: Energia prodotta nel sito per usi termici


 Indice di prestazione energetica globale per usi termici teorico dell'edificio (EPNR) [kWh/m2 o kWh/m3]
 Indice di prestazione energetica globale per usi termici dell'edificio (EPRINN) [kWh/m2 o kWh/m3]

CRITERIO B.3.3: Energia prodotta nel sito per usi elettrici


 Energia elettrica prodotta da impianti a FER dell'edificio (B) [kWh/m2]
 Energia elettrica prodotta da impianti a FER di un edificio standard con la medesima destinazione d'uso (A) [kWh/m2]
Per il calcolo del parametro denominato B è necessario specificare al programma il valore della superficie in pianta dell’edificio
a livello del terreno (S), in m2; questo valore è inseribile nel menù Calcolo, comando ITACA, compilando la finestra che si
apre:

7.6 B.4: Materiali eco-compatibili


Vengono qui di seguito illustrati quali sono i parametri compilati dal Modulo Valutazione Ambientale con riferimento alla sezione
B.4 del Protocollo Itaca 2011, a cui si rimanda per ulteriori delucidazioni.

CRITERIO B.4.1: Riutilizzo delle strutture esistenti


 Superficie complessiva dell'involucro opaco (chiusura verticale, orizzontale e inclinata) e dei solai interpiano degli
edifici esistenti (A) [m2]
 Superficie complessiva dell'involucro opaco (chiusura verticale, orizzontale e inclinata) e dei solai interpiano degli
edifici esistenti riutilizzata in progetto senza il ricorso ad interventi di demolizione (B) [m2]
Per indicare al programma che una struttura opaca impiegata nella modellazione dell’involucro opaco è stata riutilizzata è
necessario selezionare l’apposita opzione nella scheda generale della struttura:

www.logical.it 234
TERMOLOG – Manuale d’uso

CRITERIO B.4.6: Materiali riciclati/recuperati


 Volume complessivo dei materiali e dei componenti che costituiscono l'involucro opaco, l'involucro trasparente
(chiusure verticali ed orizzontali/inclinate) e i solai interpiano dell'edificio in esame (A) [m3]
 Volume complessivo dei materiali che costituiscono l'involucro opaco, l'involucro trasparente (chiusure verticali ed
orizzontali/inclinate) e i solai interpiano dell'edificio in esame che appartengono alla categoria "materiali riciclati e/o di
recupero" (B) [m3]
Per indicare al programma che uno o più materiali utilizzati per la costruzione della stratigrafia di una struttura sono da
conteggiarsi come materiali riciclati/recuperati, è necessario selezionare l’apposita opzione nella scheda generale della
struttura:

Per indicare che un serramento è composto di materiali riciclati/recuperati è necessario aprire la scheda del serramento e
selezionare:

www.logical.it 235
TERMOLOG – Manuale d’uso

CRITERIO B.4.7: Materiali da fonti rinnovabili


 Volume complessivo dei materiali e dei componenti che costituiscono l'involucro opaco, l'involucro trasparente
(chiusure verticali ed orizzontali/inclinate) e i solai interpiano dell'edificio in esame (A) [m3]
 Volume complessivo dei materiali che costituiscono l'involucro opaco, l'involucro trasparente (chiusure verticali ed
orizzontali/inclinate) e i solai interpiano dell'edificio in esame che appartengono alla categoria "materiali provenienti
da fonte rinnovabile" (B) [m3]
Per indicare al programma che uno o più materiali utilizzati per la costruzione della stratigrafia di una struttura sono da
conteggiarsi come materiali da fonti rinnovabili, è necessario selezionare l’apposita opzione nella scheda generale della
struttura:

CRITERIO B.4.9: Materiali locali per finiture


 Peso complessivo dei materiali di finitura utilizzati nei rivestimenti delle facciate esterne, della copertura e dei locali
comuni dell'edificio in esame (A) [kg]
 Peso complessivo dei materiali di finitura prodotti entro una distanza di 150 Km dal sito di intervento [kg]

www.logical.it 236
TERMOLOG – Manuale d’uso

 Peso complessivo dei materiali di finitura prodotti ad una distanza compresa tra i 150 e i 250 Km dal sito di intervento
[kg]
 Peso complessivo dei materiali di finitura prodotti ad una distanza compresa tra i 250 e i 300 Km dal sito di intervento
[kg]
Per indicare al programma che un materiale è di finitura aprire la scheda della struttura e selezionare l’opzione:

In questo modo il materiale e/o i materiali in questione verranno conteggiati nel calcolo del parametro prima denominato A come
di materiali di finitura.

Per il calcolo dei parametri che richiedono di specificare la distanza dal sito di intervento entro la quale è stato prodotto il
materiale di finitura, è necessario specificare questo dato nelle scheda della struttura:

CRITERIO B.4.10: Materiali riciclabili o smontabili


Per il calcolo dell’indicatore di prestazione relativo a questo criterio il Protocollo Itaca prevede la compilazione da parte
dell’utente della seguente tabella:

www.logical.it 237
TERMOLOG – Manuale d’uso

a cui si accede nel menù Calcolo di Termolog , cliccando il comando denominato ITACA.
 Stotale: superficie complessiva attribuibile alla corrispondente area di applicazione
 Sriciclata: superficie complessiva attribuibile alla corrispondente area di applicazione che può essere soggetta al
riuso o al riciclo dei suoi componenti

E’ utile osservare che il programma con il comando Calcola superfici permette di calcolare in automatico con un algoritmo
interno la Stotale per alcune delle aree di applicazione qui sopra indicate.
La compilazione delle restanti aree di applicazione (o anche la modifica di quelle compilate in automatico dal programma) e
delle Sriciclata è onere esclusivo dell’utente.

7.7 B.6: Prestazioni dell’involucro


Vengono qui di seguito illustrati quali sono i parametri compilati dal Modulo Valutazione Ambientale con riferimento alla sezione
B.6 del Protocollo Itaca 2011, a cui si rimanda per ulteriori delucidazioni.

CRITERIO B.6.2: Energia netta per il raffrescamento


 Indice di prestazione energetica per il raffrescamento estivo dell'involucro edilizio (EPe,invol) (B) [kWh/m2 o kWh/m3]
 Indice di prestazione energetica per il raffrescamento estivo dell'involucro edilizio limite (EPe,invol,lim) (A) [kWh/m2 o
kWh/m3]

CRITERIO B.6.3: Trasmittanza termica dell’involucro edilizio


 Trasmittanza termica media degli elementi di involucro Um (B) [W/m2K]
 Trasmittanza termica media degli elementi di involucro corrispondente ai valori limite di legge (Um,lim) (A) [W/m2K]

CRITERIO B.6.4: Controllo della radiazione solare


Il programma compilerà per il caso in esame la seguente tabella:

in cui:

www.logical.it 238
TERMOLOG – Manuale d’uso

 gf,esp: trasmittanza effettiva media per l’esposizione indicata a lato


 peso,esp:peso da attribuire alla esposizione indicata a lato
 At,esp:superficie trasparente totale di ciascuna esposizione

CRITERIO B.6.5: Inerzia termica dell’edificio


 Trasmittanza termica periodica media di progetto degli elementi di involucro Yiem (B) [W/m2K]
 Trasmittanza termica periodica media degli elementi di involucro corrispondente ai valori limite di legge Yiem,lim (A)
[W/m2K]

7.8 C.1: Emissioni di CO2 equivalente; E.6: Mantenimento delle prestazioni in


fase operativa
Vengono qui di seguito illustrati quali sono i parametri compilati dal Modulo Valutazione Ambientale con riferimento alla sezione
C.1 del Protocollo Itaca 2011, a cui si rimanda per ulteriori delucidazioni.

CRITERIO C.1.2: Emissioni previste in fase operativa


 Quantità di emissioni di CO2 equivalente annua prodotta per l'esercizio dell'edificio (B) [KgCO2/m2]
 Quantità di emissioni di CO2 equivalente annua prodotta per l'esercizio di un edificio standard con la medesima
destinazione d'uso (A) [KgCO2/m2]

Vengono qui di seguito illustrati quali sono i parametri compilati dal Modulo Valutazione Ambientale con riferimento alla sezione
E.6 del Protocollo Itaca 2011, a cui si rimanda per ulteriori delucidazioni.

CRITERIO E.6.1: Mantenimento delle prestazioni dell’involucro edilizio


 Superficie totale di involucro dell'edificio (A) [m2]
 Superficie di involucro riscaldato caratterizzata dall'assenza totale di condensa interstiziale secondo la norma UNI
13788 (B) [m2]

Affinchè il programma includa una struttura nel calcolo del parametro B è necessario che siano rispettate due condizioni:
 che nella schede della struttura in questione sia stata selezionata la verifica termoigormetrica:

 che la struttura in questione non presenti condensa interstiziale:

7.9 Stampa file .xls


Una volta terminata la modellazione del sistema edificio-impianto in analisi è possibile stampare un documento in formato xls
che sintetizza i parametri rientranti nei criteri del Protocollo Itaca 2011, stimabili a partire dalle informazioni inserite in Termolog
.
Per stampare il file .xls riassuntivo è sufficiente nel menù Calcolo, cliccare il comando ITACA, presente nelle barra delle icone:

Nella finestra che si apre compilare le informazioni aggiuntive richieste per i criteri B.3.3 e B.4.10:

www.logical.it 239
TERMOLOG – Manuale d’uso

e infine cliccare il pulsante Esporta XLS; a questo punto il programma visualizzerà il file xls con compilate le informazioni
discusse nelle pagine precedenti.

7.10 Esportazione xml per Proitaca.org


Il Modulo Valutazione Ambientale di Termolog è stato studiato, da una parte, per fornire all’utente, in modo semplice e veloce,
tutti i parametri necessari per la compilazione dei criteri energetici del Protocollo ITACA Nazionale 2011; dall’altra per
interfacciarsi con un applicativo gratuito come Proitaca.org che permette, a partire dalle quantità fornitegli da Termolog, di
stimare gli indicatori di prestazione dei criteri energetici e calcolarne i relativi punteggi.

La comunicazione tra Termolog e Proitaca.org avviene attraverso un file di interscambio di estensione xml.
Per creare il suddetto file è sufficiente nel menù Calcolo, cliccare il comando ITACA, presente nelle barra delle icone:

Nella finestra che si apre compilare le informazioni aggiuntive richieste per i criteri B.3.3 e B.4.10:

www.logical.it 240
TERMOLOG – Manuale d’uso

e infine cliccare il pulsante Esporta XML: il programma richiederà quindi all’utente di specificare in quale cartella salvare il file
xml appena creato.

Per accedere al sito Proitaca.org (www.Proitaca.org) al termine dell’esportazione xml è sufficiente selezionare la relativa
opzione.

7.11 Protocollo VEA-ENERGIA


Il Modulo Valutazione Ambientale di Termolog è in grado di produrre la documentazione richiesta dal Protocollo VEA-
ENERGIA, obbligatorio nella Regione Friuli Venezia Giulia per la redazione dell’attestato di certificazione di sostenibilità
energetico-ambientale.

Una volta terminata la modellazione del sistema edificio impianto, per accedere alla stampa della documentazione connessa al
Protocollo VEA-ENERGIA è sufficiente nel menù Stampa, cliccare il relativo comando presente sulla barra delle icone:

Il programma consentirà quindi la stampa della seguente documentazione:

Per ulteriori delucidazioni si rimanda alla consultazione del Protocollo VEA, disponibile sul sito della Regione Friuli Venezia
Giulia.

www.logical.it 241
TERMOLOG – Manuale d’uso

Modulo PONTI TERMICI

8.1 Alcune indicazioni generali


Questo capitolo fornisce le istruzioni per affrontare i principali passaggi per l’utilizzo del Modulo PONTI TERMICI di
TERMOLOG .
Il Modulo PONTI TERMICI è un ausilio per gli utenti che vogliano calcolare la trasmittanza lineica dei ponti termici presenti in un
edificio.

Il Modulo PONTI TERMICI consente di costruire un ponte termico e valutarne la trasmittanza lineica scegliendo tra due abachi
conformi:
 abaco pubblicato da CESTEC (ora Finlombarda), in cui i ponti termici analizzati, calcolati e modellati con equazioni
sono oltre 90 La lettura e la comprensione del documento originale sono passaggi necessari per l’uso corretto
del modulo.
 abaco ponti termici Suiss énergie

Questo è l’indirizzo per scaricare l’abaco di Regione Lombardia: http://www.cened.it/06_10_11.


Questo è l’indirizzo per scaricare l’abaco SuisseEnergie: http://www.lesosai.com/download/warmebruckenkatalog_f.pdf

Con il modulo PONTI TERMICI è possibile calcolare le seguenti tipologie o archetipi:

1. Parete con pilastro.


2. Angolo sporgente.
3. Angolo rientrante.
4. Angolo sporgente con pilastro.
5. Angolo rientrante con pilastro.
6. Parete solaio.

www.logical.it 242
TERMOLOG – Manuale d’uso

7. Parete esterna con parete interna.


8. Balcone
9. Parete con copertura piana.
10. Parete con serramento.
11. Compluvi e displuvi.

8.2 Calcolo di un ponte termico


Dopo aver avviato il modulo (nel capitolo precedente sono state presentate le diverse alternative possibili), la finestra che si
presenta ti permette di calcolare subito un ponte termico. Esaminiamone l’organizzazione.

I pulsanti della barra superiore ti permettono di:


1. Nuovo: creare un nuovo ponte termico, ripartendo dall’inizio.
2. Salva: salvare nell’archivio il ponte termico corrente.
3. Elimina: eliminare il ponte termico dall’archivio.
4. Duplica: duplicare il ponte termico corrente.
5. Stampa: stampare la relazione di calcolo con i dati essenziali.

Al di sotto della barra trovano posto tre cartelle:


1. Dati generali: in cui selezioni il tipo di ponte, puoi assegnare il nome, una descrizione e selezionare l’immagine
associata.
2. Calcolo: in cui effettui il calcolo del ponte.
3. Documenti: in cui puoi gestire i documenti associati al ponte termico corrente.

Creazione di un ponte termico.


I passaggi essenziali sono:
1. Seleziona dall’elenco ad albero la tipologia di ponte termico. In risposta alla selezione, il programma compilerà il
campo “Nome” e il campo della descrizione.
2. Imposta il verso di dispersione, scegliendo fra quelli disponibili.
3. L’immagine del ponte sarà generata automaticamente dal programma. L’immagine generata non rappresenta un
dettaglio costruttivo, ma rappresenta il modello di calcolo. Se possiedi un’immagine più dettagliata, puoi selezionarla e
assegnarla tramite i pulsanti di gestione dell’immagine.
4. Passa alla cartella “Parametri”.

www.logical.it 243
TERMOLOG – Manuale d’uso

Impostazione dei parametri generali


Nella cartella Calcolo segui questa procedura:
1. Seleziona la struttura principale dall’elenco a tendina “Struttura”.
2. Se la struttura è isolata, il programma ti aiuterà preselezionando lo strato di isolante per te. Vedi la tendina “Strato
isolante”.
3. Imposta i parametri richiesti. Il calcolo è automatico.

www.logical.it 244
TERMOLOG – Manuale d’uso

Calcolo del ponte termico

Le strutture elencate nella tendina “Struttura” sono selezionate dal programma in base ad una serie di regole.
1. Dall’archivio vengono estratte le pareti, pavimenti o coperture in accordo al tipo di ponte termico che si intende
calcolare. Ad esempio, se è stato selezionato il tipo di ponte “ASP.001 ANGOLO SPORGENTE ISOLATO
DALL'ESTERNO CON PILASTRO”, il programma selezionerà tutte le pareti presenti nell’archivio che siano isolate
all’esterno.
2.
e inferiore ad un valore impostabile dall’utente (preimpostato a 0.4 W/mK). Se lo strato individuato è posizionato nel
primo terzo della struttura è considerato “Interno”, se è posizionato nel secondo terzo è considerato “Centrale”,
altrimenti è “Esterno”.
3. Lo strato isolante identificato è preselezionato nela tendina “Strato isolante”.

Impostazione della conduttività per la ricerca dello strato isolante

ATTENZIONE: Per poter calcolare un qualsiasi ponte termico è necessario che nell’archivio (sia esso generale che
locale), siano presenti le strutture principali (pareti, coperture, pavimenti). Se l’archivio è vuoto (ad esempio nel caso di
una relazione o certificazione appena creata), il modulo non potrà calcolare nessun ponte termico.

I parametri richiesti dipendono dal tipo di ponte termico da calcolare. Per la conduttività del calcestruzzo è presente un link che
imposta tale valore a 2 W/mK.

Il calcolo del ponte termico da luogo ad alcuni risultati intermedi che sono visibili nella sezione inferiore della finestra.

www.logical.it 245
TERMOLOG – Manuale d’uso

Risultati di calcolo

I modelli di calcolo utilizzati dal programma hanno dei campi di validità, superati i quali i modelli non garantiscono un intervallo
di confidenza del 95%. Il programma avvisa l’utente se il calcolo porta a risultati intermedi che sono al di fuori del campo di
validità con un messaggio nel pannello dei risultati.

Per concludere e salvare il ponte termico premi il pulsante “Salva”.


Per stampare la piccola relazione di calcolo, premi il pulsante “Stampa”.

8.3 Disegno del ponte termico


Il modulo PONTI TERMICI è in grado di generare automaticamente un disegno in formato DXF del ponte termico.

Il disegno generato non è un disegno esecutivo, quindi non contiene tutti i dettagli necessari, ma è un disegno che rappresenta il modello
di calcolo utilizzato.

Il disegno è visualizzabile all’interno di un CAD cliccando sul collegamento “Apri il file DXF nel CAD”.

8.4 Set Ponti Termici


In assenza del modulo PONTI TERMICI, all’interno dei moduli PROGETTISTA e CERTIFICATORE di Termolog viene fornito
un set predefinito di Ponti Termici analitici calcolati mediante l’abaco parametrico dei ponti termici in riferimento alle strutture
della norma UNI/TR 11552.

Questo capitolo contiene le schede tecniche di ogni ponte termico fornito nel Set e delle strutture utilizzate per il calcolo.

SET PONTI TERMICI: SCHEDE TECNICHE

Ogni scheda tecnica contiene le seguenti informazioni:


 Dati: nei dati vengono indicati il nome e la descrizione generale del ponte termico, la categoria (angoli, pilastri ecc.), il
verso di dispersione e la trasmittanza lineica.
 Sezione: contiene il disegno della sezione e gli spessori degli elementi.
 Caratteristiche generali: vengono fornite le caratteristiche termiche e geometriche degli elementi che costituiscono il
ponte termico.
 Trasmittanza Termica elementi strutturali
 Trasmittanza Lineare del Ponte Termico

www.logical.it 246
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Muratura blocchi forati ca non isolato - angolo

DATI

Nome dell’elemento:
Muratura blocchi forati ca- angolo

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna non isolata con
angolo sporgente ricavata in riferimento a muratura in blocchi forati
di calcestruzzo da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MCO03

Categoria: ANGOLI

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: -0,442 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 0,399 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 0,399 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO DA ABACO: Angolo sporgente MCO03- ASP.004

SEZIONE

www.logical.it 247
TERMOLOG – Manuale d’uso

Nome:
Angolo sporgente MCO03- ASP.004

Codice:
ASP.004

Descrizione:
ASP.004 ANGOLO SPORGENTE
NON ISOLATO CON PILASTRO

Categoria:
Angolo sporgente con e senza
pilastro

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,130 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PILASTRO
Conducibilità termica del pilastro, PIL: 0,000 W/(m·K) Lunghezza in diagonale del pilastro, LPIL: 0,34 m
Spessore in diagonale dello strato di isolante del pilastro, L ISO,PIL: 0,000 m

PARETE
Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,532 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,24 m
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,00 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,000 W/(m·K)

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza del pilastro, UPIL: 2,943 W/(m2·K) Trasmittanza adimensionale, U*: 1,827 W/(m2·K)
Trasmittanza della parete, UPAR: 1,611 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: -0,442 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 0,399 W/(m·K)

www.logical.it 248
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Muratura mattoni pieni non isolato- angolo

DATI

Nome dell’elemento:
Muratura mattoni pieni non isolato- angolo

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna non isolata con
angolo sporgente ricavata in riferimento a muratura in mattoni pieni
da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MLP01

Categoria: ANGOLI

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: -0,657 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 0,421 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 0,421 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO: Angolo sporgente parete MLP01- ASP.004

SEZIONE

Nome:
Angolo sporgente parete MLP01-
ASP.004

Codice:
ASP.004

Descrizione:
ASP.004 ANGOLO SPORGENTE
NON ISOLATO CON PILASTRO

Categoria:
Angolo sporgente con e senza
pilastro

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,130 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PILASTRO
Conducibilità termica del pilastro, PIL: 0,000 W/(m·K) Lunghezza in diagonale del pilastro, LPIL: 0,41 m
Spessore in diagonale dello strato di isolante del pilastro, L ISO,PIL: 0,000 m

PARETE
Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,729 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,29 m
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,00 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,000 W/(m·K)

www.logical.it 249
TERMOLOG – Manuale d’uso

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza del pilastro, UPIL: 2,666 W/(m2·K) Trasmittanza adimensionale, U*: 1,514 W/(m2·K)
Trasmittanza della parete, UPAR: 1,760 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: -0,657 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 0,421 W/(m·K)

www.logical.it 250
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Muratura cassa vuota isolata- angolo

DATI

Nome dell’elemento:
Muratura cassa vuota- angolo

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna isolata all'interno con
angolo sporgente ricavata in riferimento a muratura a cassa vuota in
laterizio forato da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MCV02 -
lambda=2W/mK

Categoria: ANGOLI

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: -0,254 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 0,087 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 0,087 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO: Angolo sporgente parete MCV02- pilastro ASP.002

SEZIONE

Nome:
Angolo sporgente parete MCV02-
pilastro ASP.002

Codice:
ASP.002

Descrizione:
ASP.002 ANGOLO SPORGENTE
ISOLATO ALL'INTERNO CON
PILASTRO

Categoria:
Angolo sporgente con e senza
pilastro

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,130 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PILASTRO
Conducibilità termica del pilastro, PIL: 2,000 W/(m·K) Lunghezza in diagonale del pilastro, LPIL: 0,55 m
Spessore in diagonale dello strato di isolante del pilastro, L ISO,PIL: 0,000 m

PARETE
Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,422 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,39 m

www.logical.it 251
TERMOLOG – Manuale d’uso

Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,02 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,045 W/(m·K)

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza del pilastro, UPIL: 2,243 W/(m2·K) Trasmittanza adimensionale, U*: 3,343 W/(m2·K)
Trasmittanza della parete, UPAR: 0,671 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: -0,254 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 0,087 W/(m·K)

www.logical.it 252
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Muratura laterizio+pannello prefabbricato - angolo

DATI

Nome dell’elemento:
Muratura laterizio+pannello prefabbricato- angolo

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna isolata all'interno con
angolo sporgente ricavata in riferimento a parete in laterizio +
pannello prefabbricato da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MPF02 -
lambda=2W/mK

Categoria: ANGOLI

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: -0,209 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 0,098 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 0,098 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO: Angolo sporgente parete MPF02+angolo ASP.002

SEZIONE

Nome:
Angolo sporgente parete
MPF02+angolo ASP.002

Codice:
ASP.002

Descrizione:
ASP.002 ANGOLO SPORGENTE
ISOLATO ALL'INTERNO CON
PILASTRO

Categoria:
Angolo sporgente con e senza
pilastro

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,130 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PILASTRO
Conducibilità termica del pilastro, PIL: 0,000 W/(m·K) Lunghezza in diagonale del pilastro, LPIL: 0,45 m
Spessore in diagonale dello strato di isolante del pilastro, L ISO,PIL: 0,000 m

PARETE
Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,375 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,32 m

www.logical.it 253
TERMOLOG – Manuale d’uso

Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,04 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,040 W/(m·K)

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza del pilastro, UPIL: 2,523 W/(m2·K) Trasmittanza adimensionale, U*: 4,838 W/(m2·K)
Trasmittanza della parete, UPAR: 0,522 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: -0,209 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 0,098 W/(m·K)

www.logical.it 254
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Muratura mattoni pieni- angolo

DATI

Nome dell’elemento:
Muratura mattoni pieni- angolo

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna isolata all'interno con
angolo sporgente ricavata in riferimento a muratura in mattoni pieni
con intercapedine da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MCV04 -
lambda=2W/mK

Categoria: ANGOLI

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: -0,26 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 0,086 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 0,086 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO: Angolo sporgente muartura MCV04 - ASP.002

SEZIONE

Nome:
Angolo sporgente muartura MCV04
- ASP.002

Codice:
ASP.002

Descrizione:
ASP.002 ANGOLO SPORGENTE
ISOLATO ALL'INTERNO CON
PILASTRO

Categoria:
Angolo sporgente con e senza
pilastro

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,130 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PILASTRO
Conducibilità termica del pilastro, PIL: 0,000 W/(m·K) Lunghezza in diagonale del pilastro, LPIL: 0,58 m
Spessore in diagonale dello strato di isolante del pilastro, L ISO,PIL: 0,000 m

PARETE
Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,619 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,41 m
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,04 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,045 W/(m·K)

www.logical.it 255
TERMOLOG – Manuale d’uso

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza del pilastro, UPIL: 2,174 W/(m2·K) Trasmittanza adimensionale, U*: 3,602 W/(m2·K)
Trasmittanza della parete, UPAR: 0,604 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: -0,260 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 0,086 W/(m·K)

www.logical.it 256
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Muratura cassa vuota isolata- pilastro

DATI

Nome dell’elemento:
Muratura cassa vuota- pilastro

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna isolata all'interno con
pilastro non isolato ricavata in riferimento a muratura a cassa vuota
in laterizio forato da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MCV02 -
lambda=2W/mK - Pil.0,4 m

Categoria: PILASTRI

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: 1,135 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 1,135 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 1,135 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO: Parete MCV02 con pilastro PIL.002

SEZIONE

Nome:
Parete MCV02 con pilastro PIL.002

Codice:
PIL.002

Descrizione:
PIL.002 PARETE ESTERNA
ISOLATA ALL'INTERNO CON
PILASTRO NON ISOLATO

Categoria:
Parete con pilastro

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,130 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PILASTRO
Conducibilità termica del pilastro, PIL: 2,000 W/(m·K) Spessore del pilastro, SPIL: 0,40 m
Altezza del pilastro, LPIL: 0,39 m

PARETE
Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,422 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,39 m
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,02 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,045 W/(m·K)

www.logical.it 257
TERMOLOG – Manuale d’uso

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza del pilastro, UPIL: 2,739 W/(m2·K) Trasmittanza adimensionale, U*: 4,083 W/(m2·K)
Trasmittanza della parete, UPAR: 0,671 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: 1,135 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 1,135 W/(m·K)

www.logical.it 258
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Muratura mattoni pieni isolata- pilastro

DATI

Nome dell’elemento:
Muratura mattoni pieni- pilastro

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna isolata all'interno con
pilastro non isolato ricavata in riferimento a muratura in mattoni pieni
con intercapedine da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MCV04 -
lambda=2W/mK - Pil.0,4 m

Categoria: PILASTRI

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: 1,119 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 1,119 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 1,119 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO: Parete MCV04 con pilastro PIL.002

SEZIONE

Nome:
Parete MCV04 con pilastro PIL.002

Codice:
PIL.002

Descrizione:
PIL.002 PARETE ESTERNA
ISOLATA ALL'INTERNO CON
PILASTRO NON ISOLATO

Categoria:
Parete con pilastro

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,130 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PILASTRO
Conducibilità termica del pilastro, PIL: 2,000 W/(m·K) Spessore del pilastro, SPIL: 0,40 m
Altezza del pilastro, LPIL: 0,41 m

PARETE
Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,619 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,41 m
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,04 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,045 W/(m·K)

www.logical.it 259
TERMOLOG – Manuale d’uso

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza del pilastro, UPIL: 2,666 W/(m2·K) Trasmittanza adimensionale, U*: 4,418 W/(m2·K)
Trasmittanza della parete, UPAR: 0,604 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: 1,119 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 1,119 W/(m·K)

www.logical.it 260
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Parete isolata in laterizio e pannello prefabbricato - pilastro

DATI

Nome dell’elemento:
Parete in laterizio e pannello prefabbricato- pilastro

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna isolata all'interno con
pilastro non isolato ricavata in riferimento a parete in laterizio e
pannello prefabbricato da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MPF02 -
lambda=2W/mK - Pil.0,4 m

Categoria: PILASTRI

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: 1,054 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 1,054 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 1,054 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO: Parete MPF02 con pilastro PIL.002

SEZIONE

Nome:
Parete MPF02 con pilastro PIL.002

Codice:
PIL.002

Descrizione:
PIL.002 PARETE ESTERNA
ISOLATA ALL'INTERNO CON
PILASTRO NON ISOLATO

Categoria:
Parete con pilastro

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,130 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PILASTRO
Conducibilità termica del pilastro, PIL: 2,000 W/(m·K) Spessore del pilastro, SPIL: 0,40 m
Altezza del pilastro, LPIL: 0,32 m

PARETE
Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,375 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,32 m

www.logical.it 261
TERMOLOG – Manuale d’uso

Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,04 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,040 W/(m·K)

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza del pilastro, UPIL: 3,030 W/(m2·K) Trasmittanza adimensionale, U*: 5,809 W/(m2·K)
Trasmittanza della parete, UPAR: 0,522 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: 1,054 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 1,054 W/(m·K)

www.logical.it 262
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Muratura in blocchi di cls- pilastro

DATI

Nome dell’elemento:
Muratura in blocchi di cls- pilastro

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna non isolata con
pilastro non isolato ricavata in riferimento a muratura in blocchi forati
di calcestruzo da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MCO03 -
lambda=2W/mK - Pil.0,4 m

Categoria: PILASTRI

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: 0,689 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 0,689 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 0,689 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO: Parete MCO03 con pilastro PIL.004

SEZIONE

Nome:
Parete MCO03 con pilastro PIL.004

Codice:
PIL.004

Descrizione:
PIL.004 PARETE ESTERNA NON
ISOLATA CON PILASTRO NON
ISOLATO

Categoria:
Parete con pilastro

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,130 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PILASTRO
Conducibilità termica del pilastro, PIL: 2,000 W/(m·K) Spessore del pilastro, SPIL: 0,40 m
Altezza del pilastro, LPIL: 0,24 m

PARETE
Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,532 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,24 m

www.logical.it 263
TERMOLOG – Manuale d’uso

Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,00 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,000 W/(m·K)

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza del pilastro, UPIL: 3,448 W/(m2·K) Trasmittanza adimensionale, U*: 2,141 W/(m2·K)
Trasmittanza della parete, UPAR: 1,611 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: 0,689 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 0,689 W/(m·K)

www.logical.it 264
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Muratura in mattoni pieni con intercapedine- pilastro

DATI

Nome dell’elemento:
Muratura in mattoni pieni con intercapedine- pilastro

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna non isolata con
pilastro non isolato ricavata in riferimento a muratura in mattoni
pienio con intercapedine da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MCV03
- lambda=2W/mK - Pil.0,4 m

Categoria: PILASTRI

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: 0,708 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 0,708 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 0,708 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO: Parete MCV03 con pilastro PIL.004

SEZIONE

Nome:
Parete MCV03 con pilastro PIL.004

Codice:
PIL.004

Descrizione:
PIL.004 PARETE ESTERNA NON
ISOLATA CON PILASTRO NON
ISOLATO

Categoria:
Parete con pilastro

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,130 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PILASTRO
Conducibilità termica del pilastro, PIL: 0,000 W/(m·K) Spessore del pilastro, SPIL: 0,00 m
Altezza del pilastro, LPIL: 0,40 m

PARETE
Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,508 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,40 m

www.logical.it 265
TERMOLOG – Manuale d’uso

Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,00 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,000 W/(m·K)

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza del pilastro, UPIL: 2,721 W/(m2·K) Trasmittanza adimensionale, U*: 2,579 W/(m2·K)
Trasmittanza della parete, UPAR: 1,055 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: 0,708 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 0,708 W/(m·K)

www.logical.it 266
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Muratura mattoni semipieni- pilastro

DATI

Nome dell’elemento:
Muratura mattoni semipieni- pilastro

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna non isolata con
pilastro non isolato ricavata in riferimento a muratura in laterizio
semipieni da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MLP03 -
lambda=2W/mK - Pil.0,4 m

Categoria: PILASTRI

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: 0,768 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 0,768 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 0,768 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO: Parete MLP03- pilastro PIL.004

SEZIONE

Nome:
Parete MLP03- pilastro PIL.004

Codice:
PIL.004

Descrizione:
PIL.004 PARETE ESTERNA NON
ISOLATA CON PILASTRO NON
ISOLATO

Categoria:
Parete con pilastro

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,130 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PILASTRO
Conducibilità termica del pilastro, PIL: 0,000 W/(m·K) Spessore del pilastro, SPIL: 0,00 m
Altezza del pilastro, LPIL: 0,29 m

PARETE

www.logical.it 267
TERMOLOG – Manuale d’uso

Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,429 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,29 m
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,00 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,000 W/(m·K)

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza del pilastro, UPIL: 3,174 W/(m2·K) Trasmittanza adimensionale, U*: 2,685 W/(m2·K)
Trasmittanza della parete, UPAR: 1,182 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: 0,768 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 0,768 W/(m·K)

www.logical.it 268
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Muratura cassa vuota- copertura

DATI

Nome dell’elemento:
Muratura cassa vuota- copertura

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna isolata all'interno con
copertura non isolata ricavata in riferimento a muratura a cassa
vuota in laterizio forato da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MCV02 -
lambda=2W/mK

Categoria: COPERTURE

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: 0,446 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 0,939 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 0,939 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO: Parete MCV02 con copertura COP.002

SEZIONE

Nome:
Parete MCV02 con copertura
COP.002

Codice:
COP.002

Descrizione:
COP.002 PARETE ISOLATA
ALL'INTERNO CON COPERTURA
NON ISOLATA E TRAVE NON
ISOLATA

Categoria:
Parete con copertura piana

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,100 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PARETE
Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,422 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,39 m
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,02 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,045 W/(m·K)

TRAVE
Conducibilità termica della trave, TR: 2,000 W/(m·K)
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,000 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,045 W/(m·K)

www.logical.it 269
TERMOLOG – Manuale d’uso

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza della trave, UTR: 0,00 W/(m2·K)


Trasmittanza della parete, UPAR: 0,685 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: 0,446 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 0,939 W/(m·K)

www.logical.it 270
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Muratura cassa vuota non isolata- copertura

DATI

Nome dell’elemento:
Muratura cassa vuota non isolata- copertura

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna non isolata con
copertura non isolata ricavata in riferimento a muratura a cassa
vuota in laterizio forato da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MCV01

Categoria: COPERTURE

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: -0,179 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 0,945 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 0,945 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO: Parete MCV01 con copertura piana COP.004

SEZIONE

Nome:
Parete MCV01 con copertura piana
COP.004

Codice:
COP.004

Descrizione:
COP.004 PARETE NON ISOLATA
CON COPERTURA NON ISOLATA
E TRAVE NON ISOLATA

Categoria:
Parete con copertura piana

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,100 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PARETE
Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,304 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,44 m
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,00 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,000 W/(m·K)

TRAVE
Conducibilità termica della trave, TR: 2,000 W/(m·K)
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,000 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,000 W/(m·K)

www.logical.it 271
TERMOLOG – Manuale d’uso

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza della trave, UTR: 0,00 W/(m2·K)


Trasmittanza della parete, UPAR: 0,637 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: -0,179 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 0,945 W/(m·K)

www.logical.it 272
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Muratura cassa vuota faccia vista non isolata -parete interna

DATI

Nome dell’elemento:
Muratura cassa vuota faccia vista-parete interna

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna isolata all'interno con
parete interna ricavata in riferimento a muratura a cassa vuota in
laterizio forato da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MCV05 - spessore
parete interna 25cm

Categoria: PARETI INTERNE

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: 0 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 0,25 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 0,25 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO: Parete MCV05 con parete interna PIN.004

SEZIONE

Nome:
Parete MCV05 con parete interna
PIN.004

Codice:
PIN.004

Descrizione:
PIN.004 PARETE ESTERNA NON
ISOLATA CON PARETE INTERNA

Categoria:
Parete esterna con parete interna

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,130 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PARETE
Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,344 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,29 m
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,00 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,000 W/(m·K)

PARETE INTERNA
Spessore della parete interna, LPIN: 0,25m

www.logical.it 273
TERMOLOG – Manuale d’uso

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza della parete, UPAR: 1,001 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: 0,000 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 0,250 W/(m·K)

www.logical.it 274
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Muratura cassa vuota isolata-parete interna

DATI

Nome dell’elemento:
Muratura cassa vuota-parete interna

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna isolata all'interno con
parete interna ricavata in riferimento a muratura a cassa vuota in
laterizio forato da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MCV02 - spessore
parete interna 25cm

Categoria: PARETI INTERNE

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: 0,137 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 0,305 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 0,305 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO: Parete esterna con parete interna MCV02- PIN.002

SEZIONE

Nome:
Parete esterna con parete interna
MCV02- PIN.002

Codice:
PIN.002

Descrizione:
PIN.002 PARETE ESTERNA
ISOLATA ALL'INTERNO CON
PARETE INTERNA

Categoria:
Parete esterna con parete interna

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,130 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PARETE
Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,422 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,39 m
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,02 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,045 W/(m·K)

PARETE INTERNA
Spessore della parete interna, LPIN: 0,25m

www.logical.it 275
TERMOLOG – Manuale d’uso

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza della parete, UPAR: 0,671 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: 0,137 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 0,305 W/(m·K)

www.logical.it 276
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Muratura cassa vuota non isolata- solaio

DATI

Nome dell’elemento:
Muratura cassa vuota non isolata- solaio

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna non isolata con
solaio e trave non isolati ricavata in riferimento a muratura a cassa
vuota in laterizio forato da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MCV03

Categoria: PAVIMENTI

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: 0,439 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 0,805 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 0,805 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO: Parete verticale con solaio MCV03- SOL.004

SEZIONE

Nome:
Parete verticale con solaio MCV03-
SOL.004

Codice:
SOL.004

Descrizione:
SOL.004 PARETE NON ISOLATA
CON SOLAIO E TRAVE NON
ISOLATA

Categoria:
Parete verticale con solaio

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,100 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PARETE
Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,508 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,40 m
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,00 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,000 W/(m·K)

TRAVE
Conducibilità termica della trave, TR: 2,000 W/(m·K)
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,000 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,000 W/(m·K)

www.logical.it 277
TERMOLOG – Manuale d’uso

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza della trave, UTR: 2,96 W/(m2·K)


Trasmittanza della parete, UPAR: 1,089 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: 0,439 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 0,805 W/(m·K)

www.logical.it 278
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Muratura cassa vuota isolata-solaio

DATI

Nome dell’elemento:
Muratura cassa vuota-solaio

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna isolata all'interno con
solaio e trave non isolati ricavata in riferimento a muratura a cassa
vuota in laterizio forato da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MCV02

Categoria: PAVIMENTI

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: 0,815 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 1,03 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 1,03 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO: Parete verticale con solaio MCV02-SOL.002

SEZIONE

Nome:
Parete verticale con solaio MCV02-
SOL.002

Codice:
SOL.002

Descrizione:
SOL.002 PARETE ISOLATA
ALL'INTERNO CON SOLAIO E
TRAVE NON ISOLATA

Categoria:
Parete verticale con solaio

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,100 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PARETE
Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,422 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,39 m
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,02 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,045 W/(m·K)

TRAVE
Conducibilità termica della trave, TR: 2,000 W/(m·K)
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,000 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,000 W/(m·K)

www.logical.it 279
TERMOLOG – Manuale d’uso

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza della trave, UTR: 2,99 W/(m2·K)


Trasmittanza della parete, UPAR: 0,685 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: 0,815 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 1,030 W/(m·K)

www.logical.it 280
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Muratura laterizio+pannello prefabbricato-solaio

DATI

Nome dell’elemento:
Muratura laterizio+pannello prefabbricato-solaio

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna isolata all'interno con
solaio e trave non isolati ricavata in riferimento a parete in laterizio +
pannello prefabbricato da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MPF02

Categoria: PAVIMENTI

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: 0,762 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 0,95 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 0,95 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO: Parete MPF02 con solaio SOL.002

SEZIONE

Nome:
Parete MPF02 con solaio SOL.002

Codice:
SOL.002

Descrizione:
SOL.002 PARETE ISOLATA
ALL'INTERNO CON SOLAIO E
TRAVE NON ISOLATA

Categoria:
Parete verticale con solaio

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,100 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PARETE
Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,485 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,35 m
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,04 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,040 W/(m·K)

TRAVE
Conducibilità termica della trave, TR: 2,000 W/(m·K)
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,000 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,000 W/(m·K)

www.logical.it 281
TERMOLOG – Manuale d’uso

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza della trave, UTR: 3,20 W/(m2·K)


Trasmittanza della parete, UPAR: 0,565 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: 0,762 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 0,950 W/(m·K)

www.logical.it 282
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Muratura cassa vuota-serramento

DATI

Nome dell’elemento:
Muratura cassa vuota-serramento

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna isolata all'interno con
serramento filo interno ricavata in riferimento a muratura a cassa
vuota in laterizio forato da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MCV02

Categoria: SERRAMENTI

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: 0,206 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 0,206 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 0,206 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO: Parete con serramento MCV02- SER.014

SEZIONE

Nome:
Parete con serramento MCV02-
SER.014

Codice:
SER.014

Descrizione:
SER.014 SERRAMENTO A FILO
INTERNO SU PARETE ISOLATA
ALL'INTERNO

Categoria:
Parete con serramento

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,130 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PARETE
Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,422 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,39 m
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,02 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,045 W/(m·K)

TELAIO FINESTRA
Spessore del telaio, LTEL: 0,10m
Conducibilità termica telaio del serramento, EQ,TEL: 2,00 W/(m·K)

www.logical.it 283
TERMOLOG – Manuale d’uso

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza della parete, UPAR: 0,671 W/(m2·K)


Trasmittanza del telaio, UPAR: 4,545 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: 0,206 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 0,206 W/(m·K)

www.logical.it 284
TERMOLOG – Manuale d’uso

PONTE TERMICO: Muratura mattoni pieni non isolata-serramento

DATI

Nome dell’elemento:
Muratura mattoni pieni non isolata-serramento

Descrizione:
Trasmittanza termica lineaica di parete esterna non isolata con
serramento filo interno ricavata in riferimento a muratura in mattoni
pieni da UNI/TR 11552:2014 - Tipologia MLP01

Categoria: SERRAMENTI

Disperde verso: Esterno

Trasmittanza lineica ψe: 0,226 W/(mK)


Trasmittanza lineica ψoi: 0,226 W/(mK)
Trasmittanza lineica ψi: 0,226 W/(mK)

Valore di trasmittanza lineica ricavato da: Abaco parametrico dei ponti termici - Regione Lombardia

STRUTTURA PONTE TERMICO: Parete con serramento MLP01-SER.018

SEZIONE

Nome:
Parete con serramento MLP01-
SER.018

Codice:
SER.018

Descrizione:
SER.018 SERRAMENTO A FILO
INTERNO SU PARETE NON
ISOLATA

Categoria:
Parete con serramento

Disperde verso:
Esterno

CARATTERISTICHE GENERALI

Resistenza termica superficiale interna, Rsi: 0,130 m2K/W


Resistenza termica superficiale esterna, Rse: 0,040 m2K/W

PARETE
Conducibilità termica equivalente della parete, EQ: 0,729 W/(m·K) Spessore della parete, LPAR: 0,29 m
Spessore dello strato di isolante della parete, LISO: 0,00 m Conducibilità termica dell'isolante, ISO: 0,000 W/(m·K)

TELAIO FINESTRA
Spessore del telaio, LTEL: 0,10m
Conducibilità termica telaio del serramento, EQ,TEL: 2,00 W/(m·K)

www.logical.it 285
TERMOLOG – Manuale d’uso

TRASMITTANZA TERMICA ELEMENTI STRUTTURALI

Trasmittanza della parete, UPAR: 1,760 W/(m2·K)


Trasmittanza del telaio, UPAR: 4,545 W/(m2·K)

TRASMITTANZA TERMICA LINEARE DEL PONTE TERMICO

Riferita alle dimensioni esterne, E: 0,226 W/(m·K)


Riferita alle dimensioni interne, I: 0,226 W/(m·K)

www.logical.it 286
TERMOLOG – Manuale d’uso

STRUTTURE CONSIDERATE PER IL CALCOLO

Di seguito vengono riportate le schede tecniche delle strutture considerate per il calcolo dei ponti termici in conformità alla
norma UNI/TR 11552.

MCV01 (2-12-2,5-25-2)

Le proprietà termiche dell’elemento opaco sono valutate in base alla UNI EN ISO 6946.

DATI DELLA STRUTTURA OPACA


Nome: MCV01 (2-12-2,5-25-2)
Note: UNI/TR 11552 - Muratura a cassa vuota in laterizio forato, esempio 1- [1]

Tipologia: Parete Disposizione: Verticale


Verso: Esterno Spessore: 435,0 mm
Trasmittanza U: 0,625 W/(m2K) Resistenza R: 1,601 (m2K)/W
Massa superf.: 296 Kg/m2 Colore: Chiaro
Area: - m2

STRATIGRAFIA
Spessore Conduttività Resistenza Densità Capacità term. Fattore Fattore
Strato
s λ R ρ C μa μu
[mm] [W/(mK)] [(m2K)/W] [Kg/m3] [kJ/(kgK)] [-] [-]
Adduttanza interna (flusso orizzontale) - - 0,130 - - - -
A Intonaco interno 20,0 0,700 0,029 1.400 1,00 11,1 11,1
B Mattoni forati (R=0,310m2k/W) 120,0 0,387 0,310 800 1,00 10,0 5,0
C Intercapedine d´aria_1 25,0 0,139 0,180 1 1,00 1,0 1,0
D Mattoni forati (R=0,890m2k/W) 250,0 0,281 0,890 800 1,00 10,0 5,0
E Intonaco esterno 20,0 0,900 0,022 1.800 1,00 16,7 16,7
Adduttanza esterna (flusso orizzontale) - - 0,040 - - - -
TOTALE 435,0 1,601

Conduttanza unitaria superficiale interna: 7,690 W/(m2K) Resistenza unitaria superficiale interna: 0,130 (m2K)/W
Conduttanza unitaria superficiale esterna: 25,000 W/(m2K) Resistenza unitaria superficiale esterna: 0,040 (m2K)/W

www.logical.it 287
TERMOLOG – Manuale d’uso

MCV02 (2-8-2-25-2)

Le proprietà termiche dell’elemento opaco sono valutate in base alla UNI EN ISO 6946.

DATI DELLA STRUTTURA OPACA


Nome: MCV02 (2-8-2-25-2)
Note: UNI/TR 11552 - Muratura a cassa vuota in laterizio forato, esempio 2- [1]

Tipologia: Parete Disposizione: Verticale


Verso: Esterno Spessore: 390,0 mm
Trasmittanza U: 0,671 W/(m2K) Resistenza R: 1,490 (m2K)/W
Massa superf.: 315 Kg/m2 Colore: Chiaro
Area: - m2

STRATIGRAFIA
Spessore Conduttività Resistenza Densità Capacità term. Fattore Fattore
Strato
s λ R ρ C μa μu
[mm] [W/(mK)] [(m2K)/W] [Kg/m3] [kJ/(kgK)] [-] [-]
Adduttanza interna (flusso orizzontale) - - 0,130 - - - -
A Intonaco interno 20,0 0,700 0,029 1.400 1,00 11,1 11,1
B Mattoni forati (R=0,2m2k/W) 80,0 0,400 0,200 800 1,00 10,0 5,0
C Intercapedine con isolante 20,0 0,045 0,444 30 1,00 150,0 150,0
D Mattoni semipieni (R=0,625 m2K/W) 250,0 0,400 0,625 1.000 1,00 5,6 5,6
E Intonaco esterno 20,0 0,900 0,022 1.800 1,00 16,7 16,7
Adduttanza esterna (flusso orizzontale) - - 0,040 - - - -
TOTALE 390,0 1,490

Conduttanza unitaria superficiale interna: 7,690 W/(m2K) Resistenza unitaria superficiale interna: 0,130 (m2K)/W
Conduttanza unitaria superficiale esterna: 25,000 W/(m2K) Resistenza unitaria superficiale esterna: 0,040 (m2K)/W

www.logical.it 288
TERMOLOG – Manuale d’uso

MCV03 (2-8-2,5-25-2)

Le proprietà termiche dell’elemento opaco sono valutate in base alla UNI EN ISO 6946.

DATI DELLA STRUTTURA OPACA


Nome: MCV03 (2-8-2,5-25-2)
Note: UNI/TR 11552 - Muratura in mattoni pieni con intercapedine o isolamento leggero, esempio 1- [2]

Tipologia: Parete Disposizione: Verticale


Verso: Esterno Spessore: 395,0 mm
Trasmittanza U: 1,055 W/(m2K) Resistenza R: 0,948 (m2K)/W
Massa superf.: 514 Kg/m2 Colore: Chiaro
Area: - m2

STRATIGRAFIA
Spessore Conduttività Resistenza Densità Capacità term. Fattore Fattore
Strato
s λ R ρ C μa μu
[mm] [W/(mK)] [(m2K)/W] [Kg/m3] [kJ/(kgK)] [-] [-]
Adduttanza interna (flusso orizzontale) - - 0,130 - - - -
A Intonaco interno 20,0 0,700 0,029 1.400 1,00 11,1 11,1
B Mattoni forati (R=0,2m2k/W) 80,0 0,400 0,200 800 1,00 10,0 5,0
C Intercapedine d´aria_1 25,0 0,139 0,180 1 1,00 1,0 1,0
D Mattoni pieni 250,0 0,720 0,347 1.800 1,00 10,0 5,0
E Intonaco esterno 20,0 0,900 0,022 1.800 1,00 16,7 16,7
Adduttanza esterna (flusso orizzontale) - - 0,040 - - - -
TOTALE 395,0 0,948

Conduttanza unitaria superficiale interna: 7,690 W/(m2K) Resistenza unitaria superficiale interna: 0,130 (m2K)/W
Conduttanza unitaria superficiale esterna: 25,000 W/(m2K) Resistenza unitaria superficiale esterna: 0,040 (m2K)/W

www.logical.it 289
TERMOLOG – Manuale d’uso

MCV04 (2-8-4-25-2)

Le proprietà termiche dell’elemento opaco sono valutate in base alla UNI EN ISO 6946.

DATI DELLA STRUTTURA OPACA


Nome: MCV04 (2-8-4-25-2)
Note: UNI/TR 11552 - Muratura in mattoni pieni con intercapedine o isolamento leggero, esempio 2- [2]

Tipologia: Parete Disposizione: Verticale


Verso: Esterno Spessore: 410,0 mm
Trasmittanza U: 0,604 W/(m2K) Resistenza R: 1,657 (m2K)/W
Massa superf.: 515 Kg/m2 Colore: Chiaro
Area: - m2

STRATIGRAFIA
Spessore Conduttività Resistenza Densità Capacità term. Fattore Fattore
Strato
s λ R ρ C μa μu
[mm] [W/(mK)] [(m2K)/W] [Kg/m3] [kJ/(kgK)] [-] [-]
Adduttanza interna (flusso orizzontale) - - 0,130 - - - -
A Intonaco interno 20,0 0,700 0,029 1.400 1,00 11,1 11,1
B Mattoni forati (R=0,2m2k/W) 80,0 0,400 0,200 800 1,00 10,0 5,0
C Intercapedine con polistirolo 40,0 0,045 0,889 15 1,22 50,0 50,0
D Mattoni pieni 250,0 0,720 0,347 1.800 1,00 10,0 5,0
E Intonaco esterno 20,0 0,900 0,022 1.800 1,00 16,7 16,7
Adduttanza esterna (flusso orizzontale) - - 0,040 - - - -
TOTALE 410,0 1,657

Conduttanza unitaria superficiale interna: 7,690 W/(m2K) Resistenza unitaria superficiale interna: 0,130 (m2K)/W
Conduttanza unitaria superficiale esterna: 25,000 W/(m2K) Resistenza unitaria superficiale esterna: 0,040 (m2K)/W

www.logical.it 290
TERMOLOG – Manuale d’uso

MCV05 (2-12-2,5-12)

Le proprietà termiche dell’elemento opaco sono valutate in base alla UNI EN ISO 6946.

DATI DELLA STRUTTURA OPACA


Nome: MCV05 (2-12-2,5-12)
Note: UNI/TR 11552 - Muratura a cassa vuota in laterizio forato e mattoni faccia a vista forati

Tipologia: Parete Disposizione: Verticale


Verso: Esterno Spessore: 285,0 mm
Trasmittanza U: 1,001 W/(m2K) Resistenza R: 0,999 (m2K)/W
Massa superf.: 192 Kg/m2 Colore: Chiaro
Area: - m2

STRATIGRAFIA
Spessore Conduttività Resistenza Densità Capacità term. Fattore Fattore
Strato
s λ R ρ C μa μu
[mm] [W/(mK)] [(m2K)/W] [Kg/m3] [kJ/(kgK)] [-] [-]
Adduttanza interna (flusso orizzontale) - - 0,130 - - - -
A Intonaco interno 20,0 0,700 0,029 1.400 1,00 11,1 11,1
B Mattoni forati (R=0,310m2k/W) 120,0 0,387 0,310 800 1,00 10,0 5,0
C Intercapedine d´aria_1 25,0 0,139 0,180 1 1,00 1,0 1,0
D Mattoni forati (R=0,310m2k/W) 120,0 0,387 0,310 800 1,00 10,0 5,0
Adduttanza esterna (flusso orizzontale) - - 0,040 - - - -
TOTALE 285,0 0,999

Conduttanza unitaria superficiale interna: 7,690 W/(m2K) Resistenza unitaria superficiale interna: 0,130 (m2K)/W
Conduttanza unitaria superficiale esterna: 25,000 W/(m2K) Resistenza unitaria superficiale esterna: 0,040 (m2K)/W

www.logical.it 291
TERMOLOG – Manuale d’uso

MLP01 (2-25-2)

Le proprietà termiche dell’elemento opaco sono valutate in base alla UNI EN ISO 6946.

DATI DELLA STRUTTURA OPACA


Nome: MLP01 (2-25-2)
Note: UNI/TR 11552 - Muratura in mattoni pieni

Tipologia: Parete Disposizione: Verticale


Verso: Esterno Spessore: 290,0 mm
Trasmittanza U: 1,760 W/(m2K) Resistenza R: 0,568 (m2K)/W
Massa superf.: 450 Kg/m2 Colore: Chiaro
Area: - m2

STRATIGRAFIA
Spessore Conduttività Resistenza Densità Capacità term. Fattore Fattore
Strato
s λ R ρ C μa μu
[mm] [W/(mK)] [(m2K)/W] [Kg/m3] [kJ/(kgK)] [-] [-]
Adduttanza interna (flusso orizzontale) - - 0,130 - - - -
A Intonaco interno 20,0 0,700 0,029 1.400 1,00 11,1 11,1
B Mattoni pieni 250,0 0,720 0,347 1.800 1,00 10,0 5,0
C Intonaco esterno 20,0 0,900 0,022 1.800 1,00 16,7 16,7
Adduttanza esterna (flusso orizzontale) - - 0,040 - - - -
TOTALE 290,0 0,568

Conduttanza unitaria superficiale interna: 7,690 W/(m2K) Resistenza unitaria superficiale interna: 0,130 (m2K)/W
Conduttanza unitaria superficiale esterna: 25,000 W/(m2K) Resistenza unitaria superficiale esterna: 0,040 (m2K)/W

www.logical.it 292
TERMOLOG – Manuale d’uso

MLP03 (2-25-2)

Le proprietà termiche dell’elemento opaco sono valutate in base alla UNI EN ISO 6946.

DATI DELLA STRUTTURA OPACA


Nome: MLP03 (2-25-2)
Note: UNI/TR 11552 - Muratura in laterizio semipieno

Tipologia: Parete Disposizione: Verticale


Verso: Esterno Spessore: 290,0 mm
Trasmittanza U: 1,182 W/(m2K) Resistenza R: 0,846 (m2K)/W
Massa superf.: 250 Kg/m2 Colore: Chiaro
Area: - m2

STRATIGRAFIA
Spessore Conduttività Resistenza Densità Capacità term. Fattore Fattore
Strato
s λ R ρ C μa μu
[mm] [W/(mK)] [(m2K)/W] [Kg/m3] [kJ/(kgK)] [-] [-]
Adduttanza interna (flusso orizzontale) - - 0,130 - - - -
A Intonaco interno 20,0 0,700 0,029 1.400 1,00 11,1 11,1
B Blocchi in laterizio (25 cm) 250,0 0,400 0,625 1.000 1,00 5,6 5,6
C Intonaco esterno 20,0 0,900 0,022 1.800 1,00 16,7 16,7
Adduttanza esterna (flusso orizzontale) - - 0,040 - - - -
TOTALE 290,0 0,846

www.logical.it 293
TERMOLOG – Manuale d’uso

MPF02 (1-4-25-2)

Le proprietà termiche dell’elemento opaco sono valutate in base alla UNI EN ISO 6946.

DATI DELLA STRUTTURA OPACA


Nome: MPF02 (1-4-25-2)
Note: UNI/TR 11552 - Parete in laterizio+ pannello prefabbricato

Tipologia: Parete Disposizione: Verticale


Verso: Esterno Spessore: 320,0 mm
Trasmittanza U: 0,522 W/(m2K) Resistenza R: 1,917 (m2K)/W
Massa superf.: 251 Kg/m2 Colore: Chiaro
Area: - m2

STRATIGRAFIA
Spessore Conduttività Resistenza Densità Capacità term. Fattore Fattore
Strato
s λ R ρ C μa μu
[mm] [W/(mK)] [(m2K)/W] [Kg/m3] [kJ/(kgK)] [-] [-]
Adduttanza interna (flusso orizzontale) - - 0,130 - - - -
A Intonaco interno (pannello legno compensato) 10,0 0,100 0,100 450 1,38 444,4 55,6
B Pannello isolante in fibra di vetro 40,0 0,040 1,000 30 0,67 150,0 150,0
C Mattoni semipieni (R=0,625 m2K/W) 250,0 0,400 0,625 1.000 1,00 5,6 5,6
D Intonaco esterno 20,0 0,900 0,022 1.800 1,00 16,7 16,7
Adduttanza esterna (flusso orizzontale) - - 0,040 - - - -
TOTALE 320,0 1,917

Conduttanza unitaria superficiale interna: 7,690 W/(m2K) Resistenza unitaria superficiale interna: 0,130 (m2K)/W
Conduttanza unitaria superficiale esterna: 25,000 W/(m2K) Resistenza unitaria superficiale esterna: 0,040 (m2K)/W

www.logical.it 294
TERMOLOG – Manuale d’uso

MCO03 (2-20-2)

Le proprietà termiche dell’elemento opaco sono valutate in base alla UNI EN ISO 6946.

DATI DELLA STRUTTURA OPACA


Nome: MCO03 (2-20-2)
Note: UNI/TR 11552 - Muratura in blocchi forati di calcestruzzo

Tipologia: Parete Disposizione: Verticale


Verso: Esterno Spessore: 240,0 mm
Trasmittanza U: 1,611 W/(m2K) Resistenza R: 0,621 (m2K)/W
Massa superf.: 280 Kg/m2 Colore: Chiaro
Area: - m2

STRATIGRAFIA
Spessore Conduttività Resistenza Densità Capacità term. Fattore Fattore
Strato
s λ R ρ C μa μu
[mm] [W/(mK)] [(m2K)/W] [Kg/m3] [kJ/(kgK)] [-] [-]
Adduttanza interna (flusso orizzontale) - - 0,130 - - - -
A Intonaco interno 20,0 0,700 0,029 1.400 1,00 11,1 11,1
B Blocchi in calcestruzzo 200,0 0,500 0,400 1.400 0,92 100,0 66,7
C Intonaco esterno 20,0 0,900 0,022 1.800 1,00 16,7 16,7
Adduttanza esterna (flusso orizzontale) - - 0,040 - - - -
TOTALE 240,0 0,621

Conduttanza unitaria superficiale interna: 7,690 W/(m2K) Resistenza unitaria superficiale interna: 0,130 (m2K)/W
Conduttanza unitaria superficiale esterna: 25,000 W/(m2K) Resistenza unitaria superficiale esterna: 0,040 (m2K)/W

www.logical.it 295

Potrebbero piacerti anche