Sei sulla pagina 1di 8

MENU

FRANCIA: così la “neutralità” Testimoni della Chiesa greco-


laicista ha cancellato la Ch... cattolica romena: il vescovo
Áron...
Home › Corrispondenza romana › 1585 › Se un Papa è eretico: che fare?, di Arnaldo Xavier da Silveira

Tweet

Se un Papa è eretico: che fare?, di Arnaldo Xavier da Silveira


10 Aprile 2019 - 22:37

(di Roberto de Mattei) E’ stato pubblicato in questi giorni il saggio Se un Papa è eretico: che fare? (Edizioni Fiducia, pp.
70, euro 10), di Arnaldo Xavier da Silveira. Riportiamo di seguito la prefazione del volume.

La questione del “papa eretico”, un tempo semplice caso di scuola, è divenuta oggetto di dibattito negli ultimi anni del
pontificato di papa Francesco. Chi voglia studiare seriamente questo problema non può prescindere dagli studi di Arnaldo
Xavier da Silveira (1929-2018), la cui opera può definirsi pionieristica in questo campo.

Xavier da Silveira, formatosi alla scuola di Plinio Corrêa de Oliveira, ha affrontato infatti questo delicato argomento negli
anni immediatamente successivi al Concilio Vaticano II. Esplorando la letteratura teologica e canonica sul tema, egli non si
limita ad offrirci una panoramica delle diverse posizioni teologiche, ma aderisce alla opinione di san Roberto Bellarmino
sulla possibilità che un Papa cada in eresia, arricchendo questa tesi di originali commenti.

Nel 1970 Xavier da Silveira pubblicò, in edizione limitata, leConsiderações sobre o “Ordo Missae” de Paulo VI che
includeva uno studio sulla “ipotesi teologica di un Papa eretico”. Il lavoro fu poi pubblicato in francese, con il titoloLa
Nouvelle Messe de Paul VI: Qu’en Penser? (Diffusion de la Pensée Française, Chiré-en-Montreuil, França, 1975), ma la
diffusione dell’opera fu proibita dallo stesso Paolo VI. La parte dedicata al “Papa eretico”, tradotta in italiano nel 2016, con il
titolo Ipotesi Teologica di un Papa eretico dalle Edizioni Solfanelli, è stata pubblicata nel 2018 in inglese, con un nuovo
capitolo e il titolo, Can a Pope be … a heretic? Il testo che pubblichiamo è la traduzione del capitolo VII dell’edizione
inglese, e ci sembra particolarmente utile, non solo perché è stato l’ultimo contributo di Arnaldo Vidigal Xavier da Silveira,
ma perché sintetizza la sua opinione, che egli definisce “teologicamente certa”. Una posizione equilibrata, quella
dell’autore, che ha il pregio di evitare sia le soluzioni semplicistiche del sedevacantismo sia quelle, forse più seducenti, del
conciliarismo.

Contro il sedevacantismo, da Silveira afferma il principio della visibilità della Chiesa. Il Papa non può perdere il pontificato
se la sua condizione di eretico non sia nota a tutta la Chiesa, intendendo questo termine naturalmente non in senso
numerico e quantitativo, ma riferito alla sana pars che professa la vera fede cattolica.

Da Silveira è convinto dell’esistenza di una incompatibilità giuridica tra la condizione di eretico e lo status di membro della
Chiesa. Tuttavia, tale incompatibilità non elimina ipso facto la giurisdizione di chi ricopre un ufficio. Come un albero può
rimanere in vita per un certo tempo dopo che le sue radici sono state tagliate, così, anche se in modo precario, la
condizione giuridica può rimanere in colui che la detiene e cade nell’eresia.

Da Silveira ritiene che l’eresia del Papa dovrebbe essere notoria per “tutta la Chiesa” (“tota Ecclesia”) secondo
l’espressione del teologo Pietro Ballerini (1698-1769). La notizia dell’eresia papale dovrebbe raggiungere anche i vasi
capillari dell’opinione cattolica fino al comune fedele, che l’autore paragona ad una buona e semplice madre di famiglia
cattolica. Per mostrare in che modo la pars sana della Chiesa si può rendere consapevole dell’eresia papale, Xavier da
Silveira analizza un’altra realtà, che chiama la trama dell’opinione della Chiesa.

La formazione di opinioni nella Chiesa, che è una realtà vivente, nutrita dall’azione della grazia, presuppone l’interrelazione
di un numero infinito di influenze delle anime. A proposito di quest’ultimo aspetto Xavier da Silveira ricorda l’importanza del
sensus fidei e la infallibilità passiva dei fedeli nella formazione delle convinzioni all’interno della Chiesa.

Contro il conciliarismo, egli nega che qualcuno possa mai deporre un Papa e afferma che l’unica ipotesi dei dottori della
Chiesa che non ricorre ad una pronuncia giuridica contro il Papa ancora regnante è la quinta opinione di san Roberto
Bellarmino, completata e arricchita in alcuni punti da teologi come Ballerini, Wernz-Vidal, Billot e altri.

Tutte le altre interpretazioni su come un eretico perda il pontificato presuppongono almeno un atto giurisdizionale da parte
del Concilio imperfetto (cioè il Concilio senza il Papa), del Collegio cardinalizio o di qualche altro organo ecclesiastico. Per il
santo gesuita, invece, nessuno depone il Papa, ma egli stesso lascia la Chiesa visibile manifestando la sua eresia. “La
perdita del pontificato, quindi, non sarà il risultato di una deposizione da parte di nessuno, ma di un atto del Papa stesso,
che, diventando un eretico formale e notorio, si sarà escluso da solo dalla Chiesa visibile, rinunciando perciò tacitamente al
pontificato”. (Roberto de Mattei)

Recensioni librarie

Tweet

Articoli correlati
Il destino del papa russo, di Mauro Mazza
(di Gianandrea de Antonellis) E se il prossimo papa fosse russo? Si riuscirebbe finalmente a realizzare la consacrazione della Russia al Cuore
Immacolato di Maria, passaggio essenziale per l’avvento della pace nel mondo? Il destino del papa russo, di Mauro Mazza … Continua a
leggere→
Una rivoluzione pastorale di Guido Vignelli
(di Gianandrea de Antonellis) Esiste la cosiddetta “sindrome della rana”: se si mette l’animaletto nell’acqua bollente, farà di tutto per scappare;
ma se la si mette in una pentola di acqua fredda che si porta all’ebollizione, la rana si adatterà … Continua a leggere→

«Sono Maria Cristina». La beata Regina delle Due Sicilie, nata Savoia, di Cristina Siccardi
(di Gianandrea de Antonellis) La «reginella santa» era l’appellativo più ricorrente per la Beata Maria Cristina. “Reginella” perché morta
giovanissima, ad appena 23 anni; “santa” perché pervasa da una religiosità così forte da riuscire a far passare il marito, il … Continua a
leggere→

Un libro di Giovanni Turco: Costituzione e Tradizione


(di Cristina Siccardi) Essendo l’Universo ordinato secondo criteri e principi, anche le società umane, piccole o grandi che siano, sono
obbligatoriamente tenute a stabilire criteri e principi di convivenza e di relazionalità. Quando le costituzioni umane rispettano e si ricollegano …
Continua a leggere→

Lettere a un figlio sull’educazione


(di Cristina Siccardi) A dispetto di una parte del mondo occidentale e di una parte di teologi e indegni pastori che desiderano far credere, a tutti i
costi, che la vita delle persone è regolata, in pratica, dagli istinti indominabili … Continua a leggere→

Il Diario di mons. Canovai


(di Cristina Siccardi) Era il 7 maggio 1940 quando don Giuseppe Canovai (1904-1942), sacerdote romano che diventerà diplomatico della Santa
Sede, scriveva: «Mio Dio voglio essere Sacerdote, in tutto, per tutto, in ogni attimo della vita, in ogni momento della … Continua a leggere→

La questione liturgica a 50 anni dal Concilio Vaticano II, di Maria Guarini


(di Cristina Siccardi) «Dai un dito e si prendono il braccio» recita un antico adagio della saggezza popolare. Ebbene è ciò che è accaduto con la
Costituzione Sacrosactum Concilium formulata durante il Concilio Vaticano II, quando i Padri conciliari tracciarono … Continua a leggere→

Mario Palmaro. Il buon seme fiorirà


(di Cristina Siccardi) Non c’era citazione più propizia per dare inizio ad un’antologia di testimonianze dedicate al Professor Mario Palmaro, come
quella che Alessandro Gnocchi, il suo specialissimo amico, nonché alleato inscindibile di battaglia per le verità di fede e … Continua a leggere→

Considerazioni su Sottomissione di Michel Houellebecq


(di Gianandrea de Antonellis) Indubbiamente la strage che ha falcidiato la redazione del settimanale “Charlie Ebdo” del 7 gennaio 2015 si è
rivelata una inattesa fonte di pubblicità per il romanzo Sottomissione di Michel Houellebecq, allora appena edito in Francia … Continua a
leggere→

Il ralliement di Leone XIII di Roberto de Mattei


(di Gianandrea de Antonellis) Leone XIII è , dal punto di vista dottrinario, uno dei più grandi pontefici della storia. Meno luminosa, invece, la sua
azione in ambito pastorale, in particolar modo per ciò che riguarda il tentato avvicinamento (ralliement) … Continua a leggere→

ULTIME NOTIZIE
FRANCIA: così la “neutralità” laicista ha cancellato la Chiesa

Testimoni della Chiesa greco-cattolica romena: il vescovo Áron Márton

Se un Papa è eretico: che fare?, di Arnaldo Xavier da Silveira

Papa, migranti, mafia e Italia: giochi di prestigio vaticani

La voluntas permissiva di Dio e il Documento di Abu Dhabi. Quando la toppa è peggio del buco.

Francescani dell’Immacolata: quando la resistenza paga

Accettare la legge 194?

Il Novus ordo cinquant’anni dopo: quale bilancio?

Perseguitato per la fede: il cardinale Beran

De Mattei: “Questa crisi viene da molto lontano”


Sostieni CR con una donazione!

ARTICOLI PIU' LETTI

Oggi

Se un Papa è eretico: che fare?, di Arnaldo Xavier da Silveira

FRANCIA: così la “neutralità” laicista ha cancellato la Chiesa

Ordine di Malta: quelle parole d’ordine politically correct

Testimoni della Chiesa greco-cattolica romena: il vescovo Áron Márton

Perseguitato per la fede: il cardinale Beran

Riflessioni sul Congresso delle Famiglie di Verona


SCIENTOLOGY: una setta inquietante e pericolosa

Un pamphlet LGBT contro la Chiesa

Sinodo sull’Amazzonia: una Chiesa che espelle Gesù Cristo?

FRANCESCANI DELL’IMMACOLATA: anch’io li conosco

Settimana

Riflessioni sul Congresso delle Famiglie di Verona

Il Novus ordo cinquant’anni dopo: quale bilancio?

Perseguitato per la fede: il cardinale Beran

Steve Bannon sulle relazioni tra Cina e Vaticano

SCIENTOLOGY: una setta inquietante e pericolosa

Veri e falsi santi del nostro tempo

Farisei e Sadducei del nostro tempo

Se un Papa è eretico: che fare?, di Arnaldo Xavier da Silveira

FRANCIA: così la “neutralità” laicista ha cancellato la Chiesa

La crisi della Chiesa alla luce del segreto di Fatima

Mese

Riflessioni sul Congresso delle Famiglie di Verona


Sulla questione di un papa eretico

Papa Francesco e il gruppo LGBT+ Catholics Westmister Pastoral Council: un’occasione persa

Il Cristo-orologio capovolto, simbolo di una Chiesa ribaltata

Sinodo sull’Amazzonia: una Chiesa che espelle Gesù Cristo?

Steve Bannon sulle relazioni tra Cina e Vaticano

Chi e perché oggi è infastidito dalla Santa Casa di Loreto

Il Novus ordo cinquant’anni dopo: quale bilancio?

Il regime comunista ora “riscrive” la Bibbia

Il terrorista rosso Cesare Battisti e i suoi protettori

Tutti

Padre Livio rimuove Roberto de Mattei da Radio Maria

Lex dubia non obligat

Francescani dell’Immacolata: imbarazzato intervento di padre Lombardi

FRANCESCANI DELL’IMMACOLATA: anch’io li conosco

Il “caso” dei Francescani dell’Immacolata. la storia è “magistra vitae”

Il “caso” dei Francescani dell’Immacolata

Inaugurato il centenario della morte di san Pio X


La giustizia pone fine alla canea contro la Santa Sede

Positivismo giuridico e positivismo teologico

Come il Grande Oriente si appropria di Papa Francesco

Corrispondenza romana

Follow @CorrispondenzaR

Corrispondenza romana - [email protected] | Privacy policy