Sei sulla pagina 1di 6

TEORIA E METODI DI PROGETTAZIONE E VALUTAZIONE

DIDDATTICA

UNITÀ DIDATTICA 1 – FONDAMENTI EPISTEMOLOGICI E RIFERIMENTI


NORMATIVI

1. Al concetto di “curricolo” è legato quello di

Progettazione

2. Da chi è stato introdotto il concetto di curricolo?

Dewey

3. Il fondatore della teoria del curricolo è

Tyler

4. L’elaborazione di tassonomie è tipica

della progettazione per obiettivi

5. Quale dei seguenti modelli è considerato particolarmente adatto alla scuola dell’infanzia?

la programmazione per sfondo integratore

6. Quale dei seguenti modelli è considerato particolarmente adatto alle scuole secondarie di

secondo grado?

la progettazione per padronanze

7. Quale modello si fonda sulla consapevolezza delle strategie cognitive attivate per risolvere un

problema?

la progettazione per padronanze


8. Cesare Scurati fa riferimento alla dimensione collegiale della progettazione col termine di

socialità

9. Secondo la Legge 477/73 e i successivi “Decreti delegati” del 1974, il compito di occuparsi della
programmazione è assunto

dal collegio dei docenti

10. Qual è il provvedimento legislativo con cui venne introdotto l’istituto della programmazione
educativa aperta alle attività integrative e agli insegnamenti speciali nella scuola dell’obbligo?

Legge n. 517 del 4 agosto 1977

11. Il concetto di “competenze chiave per l’educazione permanente” è stato introdotto

dalla Raccomandazione del 18 dicembre 2006

12. Oggi la progettazione scolastica si basa sul

PTOF (Piano Triennale dell’Offerta Formativa)

UNITÀ DIDATTICA 2 – APPROCCI METODOLOGICI E TECNOLOGICI PER LA


DIDATTICA

1. Con l’espressione “ambiente di apprendimento” si intende

il contesto di supporto all’apprendimento

2. Il Piano Editoria Digitale Scolastica è una delle iniziative previste

nel Piano Nazionale Scuola Digitale del 2007

3. Si è un “docente digitale” se si possiedono

sia abilità tecniche, sia abilità cognitive e culturali legate alla competenza digitale

4. Quali tra queste non è un’abilità tecnica che un “docente digitale” deve possedere?

conoscere la funzione e le implicazioni delle tecnologie digitali nei processi culturali e sociali
della società contemporanea

5. Dropbox è uno dei più noti

servizi di cloud computing

6. L’uso dei social network nel mondo nella scuola

può rappresentare uno strumento didattico

7. Le performance che testimoniano il possesso delle competenze vengono denominate

Evidenze

8. Il metodo della “progettazione a ritroso” è un esempio di

progettazione per competenze

9. Quale tra queste metodologie didattiche è una tecnica simulativa?

role playing

10. Quale dei seguenti metodi didattici prevede l’uso di più piattaforme mediatiche?

la narrazione transmediale

11. Quale dei seguenti metodi didattici si presta all’apprendimento individualizzato?

il Mastery learning

12. Una tappa fondamentale per la sperimentazione educativa in Italia è rappresentata

dal regolamento sull’autonomia

UNITÀ DIDATTICA 3 – LA DOCIMOLOGIA E LA SPERIMENTAZIONE


EDUCATIVA

1. La valutazione è

la fase finale di un processo di rilevazione di dati


2. Quale legge ha sancito il ritorno ai voti nella scuola di base?

la Legge n. 169 del 2008

3. La ricerca storica e comparata è una tipologia di ricerca educativa che:

indaga la genesi e sullo sviluppo delle idee e delle azioni educative avvalendosi di una

prospettiva diacronica per praticare un approccio orientato alla pedagogia interculturale e

all’educazione comparata

4. Chi pratica un approccio “quantitativo” alla valutazione sostiene

che vadano utilizzate prove strutturate e standardizzate

5. Durante l’osservazione sistematica il ricercatore:

usa degli schemi di riferimento per classificare e codificare i dati all’interno di un quadro

teorico di base

6. Qual è un esempio di sistema di osservazione chiuso?

le griglie di categorie

7. Una discussione di gruppo su un determinato argomento si definisce

focus group

8. È consigliabile adottare il metodo dello “studio di caso”

quando si ha a che fare con processi complessi

9. Quale strategia di ricerca è volta a progettare interventi con finalità trasformative?

la ricerca-azione

10. Oggi il concetto di “scuola aperta” si riferisce

a una scuola che agisce in collegamento col territorio

11. Il concetto di Digital literacy fa riferimento


alla capacità di usare in modo corretto le ICT

12. L’educazione alle dinamiche sociali online (social network)

secondo il Piano Nazionale Scuola Digitale, deve essere affrontata da tutti gli studenti italiani

13. Nel flipped classroom model

è possibile assegnare agli alunni “compiti autentici”

14. La creazione di “classi virtuali” è consentita dalle piattaforme

e-learning

UNITÀ DIDATTICA 4 – IL RUOLO CENTRALE DELLA VALUTAZIONE

15. La valutazione di sistema si riferisce

alla qualità degli istituti scolastici, alle risorse umane e finanziarie, alle politiche di sviluppo

16. Il Sistema nazionale di valutazione è stato istituito

dal DPR n. 80 del 2013

17. In base alla Direttiva ministeriale n. 11 del 2014, devono effettuare un’autovalutazione

tutte le istituzioni scolastiche

18. La funzione diagnostica della valutazione:

consiste nell’analisi delle diverse variabili che si presuppone possano incidere sull’andamento

e sui risultati del percorso formativo

19. La valutazione sommativa

fornisce una diagnosi finale dell’apprendimento verificatosi

20. L’“osservazione sistematica” è un’attività condotta

dal docente
21. L’effetto contrasto è:

un effetto di distorsione che interviene nella prassi valutativa scolastica

22. L’ottica della “valutazione autentica”

pone l’accento sulle modalità personali attivate da ciascun alunno nell’apprendimento

23. Un efficace “compito di realtà” è rappresentato

dalla stesura di un’autobiografia

24. Per l’insegnamento delle scienze, l’Accademia dei Lincei propone

la metodologia dell’Inquiry-Based Science Education (IBSE)

25. Il “Grand Challenges in Science Education” è un progetto finalizzato

a rinnovare l’insegnamento delle scienze

26. Le biografie linguistiche per parole e immagini sono una pratica didattica utilizzabile

nell’insegnamento dell’italiano come L2