Sei sulla pagina 1di 5

Teoria dell' attaccamento di John Bowlby

Se il fatto che i bambini piccoli non siano mai completamente o troppo a lungo
separati dai loro genitori fosse diventato parte della tradizione, allo stesso
modo in cui il sonno regolare e la spremuta darancia sono diventate
consuetudini nellallevamento dei piccoli, credo che molti casi di sviluppo
nevrotico del carattere sarebbero stati evitati. (John Bowlby)

Attaccamento
Il comportamento di attaccamento quella forma di comportamento che si
manifesta in una persona che consegue o mantiene una prossimit nei
confronti di unaltra persona, chiaramente identificata, ritenuta in grado di
affrontare il mondo in modo adeguato.
La teoria dellattaccamento nasce con un esplicito interesse verso i primi anni
di vita dellessere umano e, pi in generale, dei mammiferi.
Il pi grande sostenitore e studioso di questa teoria stato sicuramente John
Bowlby, considerato uno dei tre o quattro pi grandi psicoanalisti del ventesimo
secolo.
Egli sosteneva che lattaccamento parte integrante del comportamento
umano dalla culla alla tomba.
Allinizio della vita lessere nutriti equivale allessere amati, il bisogno biologico
legato allalimentazione presente insieme a un altro bisogno, anchesso
fondamentale, quello di essere amati, nutriti damore, di essere desiderati,
voluti, accettati per quello che si .
Gli effetti nocivi della deprivazione materna, limportanza del legame tra
genitori e figli, il bisogno di una base sicura e il sentimento di attaccamento, il
rendersi conto che il lutto ha un corso da seguire e che pu essere suddiviso in
fasi, tutti questi sono concetti familiari anche a persone molto lontane dal
mondo della psicologia e della psicoterapia. Tali concetti, in tutto o in parte,
possono essere fatti risalire allopera di John Bowlby. Egli ha avuto un notevole
influsso su un gran numero di discipline specialistiche come la pediatria, la
psicologia dello sviluppo, il servizio sociale, la psichiatria.
Allinizio della vita umana lessere nutriti equivale allessere amati, il bisogno
biologico legato allalimentazione presente insieme ad un altro bisogno,
anchesso fondamentale, quello di essere nutriti damore, di essere amati, di
essere desiderati, voluti, accettati per quello che si .
Per Bowlby prendere in braccio il proprio piccolo che piange la risposta pi
adeguata, da parte della madre, ad un segnale di disagio del bambino: esso
non si configura come un rinforzo n come un comportamento che condiziona il
piccolo rendendolo viziato come asseriscono i comportamentisti e i teorici
dellapprendimento sociale.
Bowlby, psicanalista, aveva il terrore del mondo chiuso della psicoanalisi postfreudiana e, essendo trattato con freddezza, come altri prima di lui (Jung, Adler,

Ferenczi, Reich), dopo un po abbandono la lotta e si distacc da per seguire i


propri interessi.

Origini
Le coccole, i giochi, le intimit del poppare attraverso le quali il bambino
impara la piacevolezza del corpo di sua madre, i rituali dellessere lavati e
vestiti con i quali il bambino impara il valore di se stesso, attraverso lorgoglio e
la tenerezza della madre verso le sue piccole membra, queste sono le cose che
mancano (Bowlby)
Bowlby aveva intuito che lattaccamento riveste un ruolo centrale nelle
relazioni tra gli esseri umani, dalla nascita alla morte.
Insieme a Mary Ainsworth, anchella psicanalista e sua collaboratrice,
lavorando allapplicazione di tale teoria ha contribuito a dimostrare come lo
sviluppo armonioso della personalit di un individuo dipenda principalmente da
un adeguato attaccamento alla figura materna o un suo sostituto.
Bowlby ripudia il modello di sviluppo di Freud a senso unico nel quale il
bambino avanza dalla fase orale a quella anale ed a quella genitale.
Bowlby contrasta la teoria freudiana secondo la quale il legame madrebambino si basa solo sulla necessit di nutrimento del piccolo, infatti ritiene
che il legame che unisce il bambino alla madre non una conseguenza del
soddisfacimento del bisogno di nutrizione, bens un bisogno primario,
geneticamente determinato, la cui funzione garantire la crescita e la
sopravvivenza biologica e psicologica del bambino.
Egli ritiene che la ricerca della vicinanza sia la manifestazione pi esplicita
dellattaccamento.
Gli esseri umani hanno una predisposizione innata a formare relazioni con le
figure genitoriali primarie.
Queste relazioni si formano durante il primo anno di vita del bambino ed hanno
la funzione di proteggere la persona attaccata.
A Bowlby lidea dellattaccamento venne in un lampo, dopo aver letto i lavori
etologici di Konrad Lorenz e Nikolaas Tinbergen.
Difatti, tale teoria prende spunto dagli studi etologici di Lorenz sullimprinting e
dagli esperimenti di Harlow con i macachi Rhesus fornendo a Bowlby il
fondamento scientifico che egli riteneva necessario per aggiornare la teoria
psicoanalitica.
Lorenz dimostrava come i piccoli di anatroccolo, privati della figura materna
naturale, seguivano un essere umano o qualsiasi altro oggetto, nei confronti del
quale sviluppavano un forte legame che andava oltre la semplice richiesta di
nutrizione, dato che questo tipo di animale si nutre autonomamente di insetti.
Harlow aveva dimostrato come, in una serie di esperimenti, i piccoli di scimmia
venivano messi a confronto con una madre fantoccio fatta di freddo metallo
alla quale era attaccato un biberon e con unaltra madre fantoccio senza
biberon, ma coperta di una stoffa morbida, spugnosa e pelosa. Le piccole
scimmie mostrarono una chiara preferenza per la madre pelosa passando
fino a diciotto ore al giorno attaccate ad essa (come avrebbero fatto con le loro

madri reali) anche se erano nutrite esclusivamente dalla madre fantoccio


allattante.
La teoria dellattaccamento fornisce un valido supporto per lo studio di
fenomeni legati a storie infantili di gravi abusi e trascuratezza, correlate con lo
sviluppo di un ampio spettro di disturbi di personalit, sintomi dissociativi,
disturbi dansia, depressione e abuso di sostanze alcoliche e stupefacenti. In
questi ultimi anni la teoria dellattaccamento ha sviluppato un notevole
interesse verso un approccio che indaghi sui possibili eventi negativi nellet
evolutiva, il contesto relazionale in cui questi fatti hanno avuto luogo e gli
aspetti psicologici delladulto rispetto alle esperienze precoci.
Questo approccio postula che gli effetti a lungo termine di comportamenti
genitoriali inadeguati e, quindi, di esperienze traumatiche allinterno della
famiglia, siano in gran parte mediati dai modelli mentali sviluppati
dallindividuo rispetto alle relazioni di attaccamento.
Ci permette di acquisire importanti indizi riguardo alle caratteristiche di
personalit e di funzionamento interpersonale.
La ricerca della relazione tra stili di attaccamento e psicopatologia ancora agli
albori.

Una base sicura


Bowlby osservando il comportamento dei macachi e quello dei bambini nei
primi mesi di vita pot notare come si trovasse alla presenza degli stessi
schemi di comportamento.
In particolare verific come la madre (e la relazione con lei) fornisce al bambino
una base sicura dalla quale egli pu allontanarsi per esplorare il mondo e
farvi ritorno, intrattenendo forme di relazione con i membri della famiglia.
Il concetto di base sicura stato elaborato da Bowlby nel 1969. La persona
fidata, ossia la figura di attaccamento, quella che fornisce la sua compagnia
assieme a una base sicura da cui operare. Lo sviluppo della personalit risente
della possibilit o meno di aver sperimentato una solida base sicura, oltre
che della capacit soggettiva di riconoscere se una persona fidata pu o
vuole offrire una base sicura. La personalit sana consente di far affidamento
sulla persona giusta e, allo stesso tempo, di avere fiducia in s e dare a propria
volta sostegno.
Al momento in cui il bambino avverte qualche minaccia, cessa lesplorazione
per raggiungere prontamente la madre per poter ricevere conforto e sicurezza.
Il piccolo protesta vivacemente se vi un tentativo di separarlo dalla madre.
Per Bowlby i legami emotivamente sicuri hanno un valore fondamentale per la
sopravvivenza e per il successo riproduttivo. Egli sottolinea che il conflitto
una dimensione ordinaria della condizione umana e che la malattia psichica
data dallincapacit di affrontare efficacemente i conflitti.

Il termine base sicura da attribuirsi a Mary Ainsworth la quale ide nei tardi
anni 60 un valido strumento di indagine, la Strange Situation, per classificare
i tre pattern base di relazione in bambini di et prescolare ricongiuntisi ai
genitori dopo un lungo periodo di degenza in un sanatorio.
La Ainsworth distinse un primo gruppo di bambini che manifestava sentimenti
positivi verso la madre, un secondo che manifestava relazioni marcatamente
ambivalenti ed un terzo che intratteneva con la madre relazioni non espressive,
indifferenti o ostili.