Sei sulla pagina 1di 6

Il Concetto di Forza in Cosmologia Il docente Sono P. Paul Mueller S.J.

Il mio posto del lavoro e di abitazione la Specola Vaticana a Castel Gandolfo. Sono un membro dello staff di ricerca della Specola, e inoltre sono il superiore religioso della comunit dei gesuiti. Sono l'unico membro dello staff che non principalmente uno scienziato. Il mio campo dello studio interdisciplinare, la storia e la filosofia della scienza, in particolare della fisica, soprattutto nel periodo moderno. Prima di venire alla Specola Vaticana, mi trovavo sulla facolt di filosofia a Loyola University of Chicago, l'universit dei Gesuiti a Chicago negli Stati Unita. In quel periodo ero anche il decano di due programmi di formazione in filosofia che sono ospitati a Loyola Univerity, l'uno per i scolastici gesuiti e l'altro per i seminaristi diocesani. Ho compiuto il dottorato presso l'Universit di Chicago, in un programma interdisciplinare sulla storia e filosofia della scienza. Nell'ambito di quel programma, ho compiuto la Laurea nella fisica. L'Universit di Chicago un posto ottimo per la ricerca. (Ma a Chicago l'inverno pu essere un po' bruto!) Il problema della lingua Io adoro insegnare, e ho fatto un sacco di insegnamento negli Stati Uniti. Ma questo corso sar la prima occasione ad insegnare in Italia, in Italiano. Ovviamente io non sono bravissimo nella lingua Italiana. Spero che sarete pazienti con me. Certo io sar paziente con voi! Devo chiedere scusa agli italiani. Spero che i miei molti errori non saranno troppo fastidiosi. Spero che tutti voi potete capirmi, pi o meno. Se non potete capirmi, o se qualcosa non chiaro, vi prego di farmi sapere subito. A seconda dei vostri desideri e capacit linguistiche, forse parleremo inglese a volte, per fare qualcosa pi chiara. Ma ovviamente io non voglio escludere coloro che non parlano inglese. La mia intenzione quella di fornire tutte le note del corso in due lingue, entrambi italiano ed inglese. Il mio metodo pedagogico abituato di essere piuttosto interattivo con gli studenti. Di solito mi piace piace gestire una conversazione tra gli studenti durante la lezione, al meno a volte. Tuttavia non so se io sono capace di tale modo di procedere, dato il stato cattivo del

mio italiano. Per questo motivo, al meno per oggi, sto leggendo la lezione a voi. Forse in futuro le lezioni potranno avere un formato che sara pi flessibile e diversificata. Spero di s. Gli argomenti del corso E' stato il lavoro di Isaac Newton che ha definito il concetto moderno della della forza, quello che dato per scontato nella mente popolare di oggi. Per 300 anni dopo Newton, durante il periodo della cosiddetta fisica classica, la forza intesa come una categoria di importanza fondamentale in fisica. In quello periodo un progetto principale della fisica diventava quello di individuare ed unificare le varie forze fondamentali. Infatti Newton stesso ha compiuto due unificazioni grandi. La Prima: Per mezzo delle famose tre leggi di moto, dopo Newton si puo dare spiegazioni dello stesso tipo per i movimenti o cambiamenti allegati a molti fenomeni diversi che in precedenza erano intesi per essere completemente diversi e scollegati. Per esempio: Vantaggio meccanico ed i fenomeni delle macchine semplici : Leva , cuneo, puleggia La Coesione di un corpo con se stesso : come il corpo si tiene insieme Il fenomeno Adesione di due corpi, cioe lAdesione di un corpo all'altro. Per esempio ladesione di due lisci piatte di vetro o di marmo) I fenomeni magnetici I fenomeni elettromagnetici Lazione o movimento capillare I movimenti debiti al vuoto La Tendenza di oggetti a cadere quando viene rilasciato / vigore del peso Il moto di un proiettile Il moto di marea di acqua La forza elastica, per esempio di un pezzo di metallo che viene deformato . Lattrito Linerzia o resistenza al moto I moti planetari (stelle , pianeti , sole, luna) .

La teoria di Newton non poteva spiegare, ogni volta, perche tali movimenti o cambiamenti accadavano. Tuttavia sotto la sua teoria era possibile di descrivere e prevedere i movimenti causati da una forza, senza sapere la natura precisa di quella forza. Quello era la prima unificazione. Newton ancora ha unificato le fisiche terrestiali e celestiali. Prima si pensava di solito che le stelle e planete sono composte di una diversa sorta della materiale, soggetta a forze diverse. I movimenti nel cielo sono circolari, regulari, e senza fine. Ma i movimenti sulla terra, non sono cosi. Galileo e Cartesia avevano cercato di unificare le fisiche celestiali e terrestriali. Ma solo Newton ha proveduto una teroria che puo dare spiegazioni dello stesso tipo per i movimenti in cielo e sulla terra. Prima del lavoro di Newton, il concetto di forza non era qualcosa ben definita, e non era di importanza fondamentale nella fisica. Dopo il lavoro di Newton, il concetto di forza era ben definite. Durante i 300 anni dopo Newton, la forza era una categoria fondemontale nella fisica. La prima domanda in fisica era sempre, Cose le forze? 150 anni dopo Newton, le forze elettriche e magnetiche sono state unificate. 250 anni dopo Newton, il progetto principale della fisca e diventato quello di unificare tutte le forze fondementali: gravitazione, e le forze elettriche, magnetiche, debole e forte nucleare. Quindi la concetto di forza era fondementale nella fisica. Tuttavia durante il novecento, il concetto di forza diventato meno importante nella fisica. L'unificazione rimane un progetto di importanza fondamentale nella fisica. Ma le forze non sono pi le cose che dovrebbe essere unificate. E' qualcos'altra. In la teoria di relativit generale, in la meccanica quantistica, e nel modello standard dell'universo, non si trova il concetto di forza presente come una categoria fondamentale. possibile parlare di forze nel contesto di quelle teorie, ma solo in un modo derivato. Quindi il primo tema principale per questo corso sar quello di seguire e capire la traiettoria storica dell'uso del concetto di forza in fisica: la sua crescita, il suo dominio, e il suo declino. Il secondo tema principale di questo corso sar quello di esplorare dei presupposti filosofici e delle conseguenze filosofiche degli usi del concetto di forza in fisica, in vari momenti della storia.

Prima dell'era di Cartesio e Newton, una serie di analogie o modelli era la fonte delle risorse per comprendere il cambiamento e movimento di cose nel mondo naturale . Ad esempio , il mondo stato spesso inteso come se fosse un organismo vivente. Di conseguenza, il movimento e il cambiamento delle cose nel mondo sono stati compresi e spiegati secondo le categorie di crescita e di cambiamento naturale di un organismo vivente. In alternativa, il movimento e il cambiamento delle cose sono stati talvolta intesi come se venissero da attrazioni e repulsioni naturali, analoghi alle attrazioni e repulsioni naturali che sono una parte della esperienza umana, per esempio l'amore ed i conflitti . A volte il movimento e il cambiamento delle cose sono state capite come se fossero in obedienza alla parola di comando che viene pronunciata da un re o governatore. A volte il movimento e il cambiamento nel mondo sono stati interpretati come se fossero il risultato del lavoro di un creatore o artigiano - cio, erano intesi come analoghi ai prodotti del lavoro umano. E infine, talvolta il movimento e cambiamento delle cose nel mondo sono stati compresi come analogo al movimento e cambiamento in un meccanismo : al inizio un meccanismo semplice (una leva o puleggia), e dopo un meccanismo pi complesso (come un orologio). Una cosa interesante, dal punto di visto filosofico, che l'uso di un modello o un'analogia tende ad imporre un criterio particolare di intelligibilit: Cosa accetabile come una spiegazione del movimento o cambiomento, e cosa non accetabile? Quali concetti, quali categorie -- il concetto di forza, o il concetto di simpatia, o d'amore, o del caso, o delle regole e legge, o del destino? O cosa? Inoltre l'un modello o un'analogia tende ad imporre un standard o criterio, per quanto riguarda quali tipi di movimento e di cambiamento devono essere spiegati, e quali non devono essere spiegati. Per esempio, se si vede il mondo come se fosse un organismo, non c' bisogno di spiegare la tendenza di un seme di crescere in una pianta matura, o la tendenza di un oggetto pesante a cadere. Questi movimenti e cambiamenti si intendono di accadere naturalmente, in accordo con la natura. E non c' bisogno di spiegare le cose

che accadono in accordo con la natura. Una spiegazione necessaria solo quando le cose accadono in un modo che contrario alla natura. Dall'epoca di Galileo, Cartesio, Newton e loro contemporanei, il modello dominante o analogia nella scienza stata quella di un meccanismo. Gli altri modelli e analogie, che avevano giocato ruoli importanti per tanti secoli, sono stati in gran parte abbandonati dalla scienza. L'adozione di un unico modello, meccanismo, stata un motivo importante per cui la scienza moderna diventata molto progressista e di successo. E il concetto di forza ha svolto un ruolo di primo piano, sotto il modello di meccanismo. Ma quel modello, e il conseguente uso del concetto di forza, impone un particolare criterio di intelligibilit, e anche un criterio particolare per quanto riguarda quali tipi di movimenti e cambiamenti devono essere spiegate, e che non devono essere spiegate. E 'importante capire questi criteri, e di avere conoscenza delle limitazioni ed opportunit che loro impongono su di noi, come esseri umani e come persone di fede. Un'altra questione di interesse filosofico se il movimento o il cambiamento delle cose del mondo possono essere causati da qualcosa da lontano. Questa la questione se sia possibile per forza di agire a distanza. Ad esempio, pu il sole esercitare forza gravitazionale sulla terra da lontano, o deve esserci qualcosa intermedia, un mezzo che porta tale forza. Questa domanda stata controversa dal momento di Cartesio e Newton fino ad oggi. Noi affronteremo la questione nel contesto dei problemi della fisica relativistica e quantistica. (Tranquillo, pace, questo non sar un corso della fisica! Ma entreremo nella fisica un po', lungo la strada, a un livello ben adeguato.) Un'altra questione interesante che si pone, sotto il modello meccanicistico e il conseguente impiego del concetto di forza, quello della natura della materia. In particolare, la materia completamente passivo? O la materia possiede una certa attivit inerente? Per Cartesio, la risposta era semplice: la materia completamente passiva. Per Newton, la risposta era pi complessa. La materia passiva in risposta alle forze, ma la materia puo essere al stesso momento la fonte attiva della forza gravitazionale. La domanda diventa successivamente pi interessante e complesso. Unaltra domanda interesante e sia la spazio, in cui la forza agisce, e relativo assoluto. Per Newton, la accelerazione era il segno che ce una forza

presente. But accelerazione relative a cosa? Ai altri oggetti, allo spazio, o cosa? Se e relativio allo spazio, quindi spazio ha conseguenze fisicale quindi si dice che la spazio ha il carratere di qualcosa sostantiale. Newton e Leibniz sono entrate in questa domanda. Anche Ernst Mach, molti anni piu tardi. E la domanda diventa piu complessa nel contest della teoria di Einstein. Ancora un altra domanda: Dopo Newton si parla di un campo spaziale di forze. Il campo elletriche ci mostra la forze che sarebbe presente se ci fosse un oggetto postivo o negativo a qualsiasi punto nello spazio. La domando: Il campo e una cosa sostantiale? O solo qualcosa per aiutarci nelle calculazioni? Secondo me queste domande filosofiche sono interessanti in se. Ma ce un altro motivo per seguire le domande. A questo sara il terzo tema principale del corso. Come ho detto, la fisica moderna ha, in un senso, lasciato il concetto di forza. La forza non e ancora una categoria fondementale nella fisica. Tuttavia, tutti noi viviamo con le conseguenze del period del dominio del concetto di forza. Per molti persone, il conceptto tradizionale di forza constuice una parte importante del contesto nascosto quando entriamo nella domanda della realta della liberta umana, o la domanda della relazione tra lessere umano e il suo proprio corpo, o la domanda della modo o metodo di procedere di Dio, quando Lui fa qualcosa in questo mondo, o la domanda della natura dei miracoli. Questo non diventera un corso in teologia. Ma faremo un po di archeologia per quanto riguarda il concetto di forza, in modo che possiamo capire meglio le conseguenze nascoste di quel concetto, che possono essere ostacoli alla fede, o almeno fonti di confusione.